Sei sulla pagina 1di 4

Presentati ad ASCO dati sui primi pazienti affetti da leucemia acuta e

trattati nello studio registrativo di Fase III TK008: la sopravvivenza


osservata supera ampiamente lo!iettivo dello studio
MolMed S.p.A. (MLM.MI) ha presentato al 50 congresso annuale di ASCO nuovi dati dello studio
randomiato registrativo di !ase III attualmente in corso sulla propria terapia cellulare "# in
paienti a$$etti da leucemie acute ad alto rischio di ricaduta trapiantati da donatore parialmente
compati%ile (aplo&identico).
Lanalisi dei primi 24 pazienti trattati con TK indica una sopravvivenza libera da malattia, a 1 anno
dal trattamento (lobiettivo primario dello studio), pari al 74%: uesto risultato supera lar!amente
lobiettivo prestabilito al "2% nel braccio TK contro il #$% previsto per il braccio di controllo%
&a sottolineare inoltre c'e l()% dei pazienti trattati con TK erano vivi a un anno dal trattamento
(sopravvivenza !lobale, obiettivo secondario dello studio) e c'e tali parametri salivano al ("% per
la sopravvivenza libera da malattia e al 1$$% per la sopravvivenza !lobale nei pazienti c'e avevano
ra!!iunto limmunoricostituzione%
Le**etto delle cellule TK sullesito del trapianto + stato con*ermato da un bassissimo tasso di
recidiva leucemica a 1 anno dal trattamento (1)% , c'e scende a zero nei pazienti c'e 'anno
ricevuto dosi di TK ma!!iori) e da una bassissima mortalit- non le!ata a recidiva leucemica (1$% ,
c'e va a zero nei pazienti c'e 'anno ra!!iunto limmunoricostituzione)%
.laudio /ordi!non, 0residente e 1mministratore &ele!ato di 2ol2ed, commenta: 'Siamo
particolarmente orgogliosi dei risultati dello studio registrativo di !ase III su paienti a$$etti da
leucemie acute ad alto rischio trattati con la nostra terapia "# in associaione al trapianto di
midollo da donatore parialmente compati%ile presentati oggi ad ASCO. (uando a%%iamo avviato
)uesto studio il nostro o%iettivo era )uello di poter o$$rire a tutti i paienti a$$etti dalle $orme pi*
aggressive di leucemia l+opportunit, di ricevere un trapianto- di gran lunga la miglior possi%ilit, di
cura per )uesti paienti. A tal $ine a%%iamo sviluppato la terapia "# che consente ai soggetti che
non dispongano di un donatore pienamente compati%ile di accedere a un trapianto con elevato
pro$ilo di sicurea anche da un $amiliare solo parialmente compati%ile- disponi%ile per la )uasi
totalit, dei paienti. La terapia "# . %asata sull+ingegneriaione del sistema immunitario del
donatore che- a dispetto della disparit, genetica con il ricevente- permette di o$$rire a )uesti
paienti un trapianto sena immunosoppressione post&trapianto e una veloce e completa
ricostituione del sistema immunitario. /na strategia terapeutica in grado di o$$rire a )uesti
paienti un trapianto con minor rischio in$ettivo- minor pro%a%ilit, di ricaduta leucemica e- di
conseguena- una pi* alta pro%a%ilit, di guarigione. Oggi registriamo i risultati sui primi paienti
arruolati in )uesto studio che superano ampiamente l+o%iettivo previsto dal disegno sperimentale e
che rappresentano la %ase dell+ impegno a completare )uesto ampio studio registrativo di !ase III.
Inoltre la rilevana dei dati presentati ad ASCO . un0importante con$erma della validit, della nostra
decisione strategica di perseguire una Conditional Mar1eting Authoriation per "# in 2uropa'
2ol2ed 'a investito da tempo sulla terapia cellulare TK, c'e rappresenta ad o!!i la pi3 !rande
esperienza clinica di immuno&gene&therap3 dei tumori a livello mondiale, realizzata attraverso una
centralizzazione della produzione in un unica $acilit3 per una distribuzione !lobale% 4uesta
esperienza e le strutture create da 2ol2ed costituiscono o!!i la piatta*orma ideale per tutte le
diverse strate!ie di in!e!nerizzazione del sistema immunitario per l immune&gene&therap3 dei
tumori%
La 5ociet- desidera rin!raziare i pazienti c'e 'anno creduto in uesta nuova tecnolo!ia e le loro
*ami!lie, e tutti i ricercatori clinici dei centri di trapianto c'e partecipano allo studio di 6ase 777 e c'e
'anno contribuito a!li studi precedenti%
TK$$( + coordinato dal &r% 6abio .iceri dell7stituto 5cienti*ico 5an 8a**aele, principal investi!ator
dello studio, c'e ne 'a illustrato ad 15.9 i risultati e c'e commenta: 4I primi risultati dello studio
di !ase III indicano che nei paienti trapiantati da donatori aploidentici la terapia cellulare "#
riduce sensi%ilmente il tasso di recidive leucemiche e la mortalit, da trapianto- permettendo un
rapido recupero immunitario che . inoltre proporionale alla dose di cellule "# ricevute. Il
meccanismo del gene suicida 5S6&"# agisce in maniera e$$icace e tempestiva nel controllo della
7v58 (la reaione del trapianto contro l+ospite) nel 900: dei paienti colpiti da tale complicaione-
sena necessit, di trattamenti immuno&soppressivi a lungo termine. I risultati ottenuti $inora
sem%rano ampiamente superiori a )uanto riportato dalle grandi indagini svolte dall+2uropean
;one Marro< "ransplantaiton =egistr3 per le due opioni di trattamento del %raccio di controllo di
"#00>? "&cell depleted e "&cell replete seguiti da alte dosi di ciclo$os$amide. (uesti risultati sono poi
di particolare rilievo alla luce dell+elevata accessi%ilit, che caratteria il trapianto da donatore
aploidentico@.
TK
TK + una terapia cellulare, basata sullimpie!o di lin*ociti T !eneticamente modi*icati in cui + stato
inserito un :!ene suicida;% 4ueste cellule ven!ono utilizzate in associazione al trapianto di cellule
staminali ematopoietic'e per il trattamento di leucemie ad alto risc'io% La terapia TK permette cos<
di eliminare limmunosoppressione post trapianto, accelerando la ricostituzione immunitaria e
controllando le conse!uenze immunolo!ic'e della disparit- !enetica con il donatore, de*inite come
malattia del trapianto contro lospite (=v>&)%
=razie a uesto approccio il trapianto da donatore parzialmente compatibile + pi3 sicuro ed
e**icace, permettendo potenzialmente di aumentare in modo rilevante il numero di pazienti
candidati al trapianto%
5ulla base dei dati di e**icacia e sicurezza e in virt3 della desi!nazione di 6armaco 9r*ano, la 5ociet-
'a sottomesso a 2arzo 2$14 una ric'iesta .onditional 2ar?etin! 1ut'orisation per TK presso
l1!enzia @uropea dei 2edicinali%
"o studio di Fase III TK008
TK$$( + uno studio re!istrativo randomizzato di 6ase 777 su pazienti adulti a**etti da leucemie ad
alto risc'io sottoposti a trapianto di cellule staminali emopoietic'e da donatore *amiliare
parzialmente compatibile (aploidentico)% Lo studio con*ronta i risultati ottenuti dallaplo,trapianto
associato o meno allimpie!o di TK, con un rapporto di randomizzazione di # a 1 a *avore
dellimpie!o di TK%
7l dise!no dello studio 'a come obiettivo primario la sopravvivenza libera da malattia , c'e include
sia la mortalit- dovuta al trapianto, sia le recidive leucemic'e , valutata su una popolazione
complessiva di 17$ pazienti% Lo studio + dise!nato per evidenziare un aumento della sopravvivenza
libera da malattia a 1 anno dal #$% del braccio controllo al "2% del braccio sperimentale% =li
obiettivi secondari includono la sopravvivenza !lobale, la riduzione della mortalit- dovuta allaplo,
trapianto, il pro*ilo di sicurezza e la ualit- della vita dei pazienti%
AellBottica di o**rire un ulteriore bene*icio clinico ai pazienti e di aumentare sensibilmente il
potenziale di adesione dei centri allo studio, la 5ociet- 'a apportato nel 2$12 due importanti
modi*ic'e nel dise!no sperimentale del protocollo dello studio di 6ase 777% La prima consiste
nellallar!amento dellindicazione ai pazienti con recidiva leucemica, c'e si a!!iun!ono a uelli con
remissione di malattiaC la seconda prevede linserimento nel braccio di controllo di unulteriore
opzione terapeutica, basata sullimpie!o del trapianto non manipolato se!uito dalla
somministrazione di ciclo*os*amide nel periodo post,trapianto%
7l presente comunicato + stato redatto in ottemperanza a!li obbli!'i in*ormativi verso il pubblico
previsti dalla delibera .9A59/ n% 11D71 del 14 ma!!io 1DDD e successive modi*ic'e%
#ol#ed
2ol2ed 5%p%1% + unazienda biotecnolo!ica *ocalizzata su ricerca, sviluppo e validazione clinica di
terapie innovative per la cura del cancro% 7l porta*o!lio,prodotti di 2ol2ed comprende due
terapeutici antitumorali in sperimentazione clinica: TK, una terapia cellulare c'e consente il
trapianto di midollo osseo da donatori parzialmente compatibili con il paziente, in assenza di
immunosoppressione post,trapianto, in 6ase 777 per la cura delle leucemie ad alto risc'ioC A=8,
'TA6, un nuovo a!ente mirato ai vasi san!ui!ni tumorali, in 6ase 777 nel mesotelioma pleurico
mali!no e in 6ase 77 in altre sei indicazioni: carcinomi del colon,retto, del *e!ato, del polmone a
piccole cellule, del polmone non microcitico e dellovaio, e nei sarcomi dei tessuti molli% 2ol2ed
o**re anc'e competenze di alto livello in terapia !enica e cellulare per sviluppo, realizzazione e
validazione di pro!etti conto terziC tali competenze spaziano da!li studi preclinici alla
sperimentazione clinica di 6ase 777, inclusa la produzione a uso clinico secondo le =20 correnti di
vettori virali e di cellule !eneticamente modi*icate speci*ic'e per il paziente% La 5ociet- 'a sede a
2ilano, presso il 0arco 5cienti*ico /iomedico 5an 8a**aele% Le azioni di 2ol2ed sono uotate al
2T1 !estito da /orsa 7taliana% (Tic?er 8euters: 2L2&%27)
FO$T%: #ol#ed&com