Sei sulla pagina 1di 16

La guida definitiva su cosa fare se hai subito un reato

1 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Note legali Le informazioni riportate in questo documento sono riportate a mero scopo informativo. Lautore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne il contenuto, in base a nuovi aggiornamenti legislativi. Questo documento ha solo ed esclusivamente scopo informativo, e lautore non si assume nessuna responsabilit delluso improprio di queste informazioni. Se hai specifici problemi contatta lautore al sito www.avvocatopetrillo.it

Tutti i diritti riservati Tutti i diritti dellopera rimangono di propriet dellautore anche se lopera pu essere divulgata.

2 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Tutto ci che devi sapere se hai subito un reato.

Naturalmente il crimine paga, o non ci sarebbe crimine. George Gordon Battle Liddy

3 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Ciao. Sono Oreste Maria Petrillo, avvocato penalista specializzato in processi dove presente la costituzione di parte civile. Ci significa che aiuto le persone ad ottenere il giusto risarcimento danni dallautore del reato. So come ti senti. So come ci si sente quando si subisce un reato. Sembra che il mondo ti cada addosso. Ti senti vulnerabile e violato. E come se sentissi crollare tutte le tue certezze. E come se visualizzassi il tuo castello, la tua fortezza, crollare immediatamente. Spesso le vittime del reato hanno bisogno di un aiuto psicologico per riuscire a riacquistare sicurezza in s e nella collettivit. Senza ombra di dubbio aver subito un crimine in prima persona levento pi spaventoso che una persona pu sperimentare nella sua vita. Nel mondo, su 181 Paesi noi siamo al 156esimo posto se si parla di efficienza nella giustizia. Nella classifica, intorno a noi abbiamo solo Paesi dove vigono fame e miseria. Meglio di noi anche Angola e Gabon Guinea!
4 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Immagino tu voglia ottenere il giusto risarcimento morale e materiale dallautore del reato: quanto tempo dovrai aspettare prima di essere risarcito? Quante udienze dovranno esserci prima di ascoltare la sentenza? Quanto tempo prima di vedere il colpevole avere la giusta punizione? Un processo penale, prima di essere definito in tutte e tre i suoi gradi di giudizio (primo grado, appello e cassazione), pu anche durare pi di 10 anni. Non un caso che lItalia stata condannata dalla Corte europea dei diritti delluomo gi ben 276 volte per la lentezza dei processi penali. Come mai questa lentezza prima di arrivare ad una conclusione processuale definitiva? Un processo penale un compito estremamente delicato,

soprattutto quando occorre portare avanti indagini complesse, anche perch non sempre, imboccata una via, si arriva subito alla certa individuazione del vero colpevole. Il passare del tempo rende sempre pi difficoltosa la ricerca delle fonti di prova. Tu non devi rimanere inerte di fronte ad unoffesa cos grave.

5 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Non devi. Quindi, se hai subito unoffesa e/o sei stato danneggiato dal verificarsi di un reato, devi avere chi pu spingere per portare il processo ad una veloce definizione. Spesso, infatti, si dice proprio che giustizia ritardata, giustizia negata. Non c niente di pi vero! Quindi, che cosa rappresentano questi dati per te? Tu devi avere un professionista che ti aiuti anche nel caso tu stia gi affrontando una detenzione carceraria. Devi avere l avvocato che curi i tuoi processi senza delegarli al suo praticante; Devi avere lavvocato che ti dia il preventivo di prezzo in modo tale da sapere quanto andrai a spendere; Devi avere lavvocato appassionato del penale in modo tale da non stancarsi mai di aggiornarsi e continuare a studiare; Deve, soprattutto, avere riservatezza della tua privacy e dei tuoi processi;

6 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Devi, infine, avere lavvocato che rispetti te e le tue esigenze e che non ti faccia fare due ore di anticamera senza fregarsene delle tue esigenze. Insomma, lavvocato che sceglierai deve essere la persona di cui puoi fidarti pi di chiunque altra, deve essere il tuo consigliere di fiducia. Domandati: il mio avvocato mi ha fatto raggiungere i miei obiettivi? Le attivit che sono state svolte, sono state svolte nel modo migliore? Ma la domanda principale che dovresti farti : Che cosa cerco nel rapporto col mio avvocato? So bene che adesso ti sentirai insicura e vorrai solo essere lasciata in pace, ma ogni minuto che passa pu solo ritardare ancora pi a lungo il tempo del tuo giusto risarcimento. Se sbaglierai adesso, ci si ripercuoter per il resto della vita processuale del tuo caso. Vuoi conoscere come muoverti al meglio? Allora continua a leggere, se non sei esperto delle dinamiche penali e sei stata vittima del reato, questa sar la lettura pi importante della tua vita

7 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

In quanto avvocato rispetto al massimo i clienti che si rivolgono a me. La parola cliente deriva dalla parola latina colens, participio presente di colere, rispettare, ossequiare. Quante volte i clienti sono visti solamente come un salvadanaio da cui prelevare soldi? Quante volte il rispetto e lossequio vanno a farsi friggere? Prima di recarti presso un avvocato ci sono alcune cose che dovresti conoscere. Partiamo con alcune prime notizie di base: Chi la vittima del reato? Chiunque pu diventare una vittima di un reato. In poche parole, la vittima del reato il soggetto che viene direttamente leso dalla commissione di un reato, ossia ne subisce le conseguenze in termini di danni fisici, economici o psicologici; la vittima del reato coincide con la persona offesa dal reato. Con la persona offesa non va confusa quella danneggiata dal reato, la quale ha sofferto un danno, patrimoniale o morale, per il cui risarcimento ha diritto di azione e, quindi, di costituirsi parte civile.
8 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Il danneggiato, quindi, il soggetto che subisce un danno risarcibile in conseguenza dell'illecito altrui. Normalmente le due figure coincidono nella stessa persona fisica, ma possono essere anche persone diverse. Ad esempio, nel reato di omicidio, persona offesa dal reato il deceduto; danneggiati, invece, sono i congiunti superstiti (i quali, pertanto, potranno costituirsi parte civile per le pretese risarcitorie contro lautore del reato). A questo punto, identificata la vittima del reato, cosa si deve fare se si vittima di un reato? La prima cosa da fare in assoluto rivolgersi alle autorit competente (Pubblico Ministero, Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Urbana, Capitaneria di porto) denunciando il fatto. Se hai un avvocato, provveder a tutto lui risparmiandoti ulteriori stress emotivi ed evitando errori nella redazione della denuncia o della querela. La querela si estende di diritto a tutti gli eventuali autori del reato. Quando, invece, le vittime sono pi di una, si procede anche se la querela stata presentata da una sola. Se la vittima minorenne, invece, chi deve sporgere querela?
9 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Se il minore ha meno di 14 anni la querela deve essere sporta dal genitore o dal tutore; se sono stati compiuti i 14 anni e non ancora i 18 la querela potr essere sporta sia dai genitori che dallo stesso minore, indifferentemente. Se la persona minore degli anni 14 non ha chi la rappresenti, o nel caso in cui il rappresentante si trovi in conflitto di interessi col rappresentato, il diritto di querela sar esercitato da un curatore speciale nominato dal tribunale. Il diritto di querela o denuncia spetta solamente alle persone fisiche? No, anche le persone giuridiche, come societ, enti pubblici o privati e associazioni possono esercitare il diritto di denuncia o querela. Tale potere esercitato attraverso il legale rappresentante che dovr indicare la fonte dei propri poteri di rappresentanza nella procura speciale. Una volta che ho presentato querela, la posso ritirare? S. La querela pu essere rimessa in qualunque momento, ma il querelato deve dichiarare di accettare la remissione. Nei reati di violenza sessuale ed atti sessuali con minorenne, per, la querela una volta presentata non pu pi essere ritirata. Ci fatto per
10 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

tutelare la proprio la parte pi debole che potrebbe essere costretta a ritirare la querela allesito di eventuali minacce subite. Sarai sentito come testimone dopo la querela? Di solito s in quanto una fonte di prova importante. Quanto tempo hai per denunciare un reato? Se si tratta di un reato procedibile a querela, hai 3 mesi di tempo dalla notizia del fatto che costituisce reato. Tale tempo non vale per i reati procedibili di ufficio. Nel caso dei reati di violenza sessuale ed atti sessuali con minorenne, il termine di sei mesi. Posso fare una denuncia anonima? S, ma delle denunce anonime non pu essere fatto alcun uso, salvo che costituiscano corpo del reato o provengano comunque dallimputato. Se il querelante muore cosa accade? Bisogna fare una distinzione: il diritto di querela si estingue con la morte del querelante, ma se la querela stata presentata prima della sua morte, levento non cancella il reato.
11 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Se vi stata costituzione di parte civile nel processo penale, il potere di chiedere i risarcimento danni si estende agli eredi diretti del danneggiato defunto. Quanto dura un processo penale? La durata quanto mai variabile, dipendendo non solo dalla complessit delle indagini, ma anche dal rito con cui viene celebrato e dalla difficolt di notificare gli atti alle parti. Non insolita una durata di 7-8 anni o pi, fino al passaggio in giudicato della sentenza. Per tale ragione i reati possono prescriversi. Lavvocato pu tentare di accorciare la durata processuale solo in parte opponendosi ad inutili azioni dilatorie della controparte. Quando si prescrive un reato? Il termine varia a seconda della gravit del reato. Di solito il termine di prescrizione coincide con il massimo della pena edittale, cio il massimo della pena prevista per quel reato. In ogni caso, il termine non pu essere inferiore a sei anni per i delitti ed a quattro anni per le contravvenzioni.

12 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Tali termini possono essere aumentati fino a un quarto qualora vengano notificati atti interruttivi. Aumenti maggiori possono esservi nei casi di recidiva. Cosa succede dopo la querela? Una volta ricevuta la segnalazione del reato il Pubblico Ministero (cio, la Procura della Repubblica) e la Polizia Giudiziaria iniziano le indagini. A tali fini, possono ascoltare la persona offesa perch racconti i fatti. La convocazione implica lobbligo di presentarsi secondo quanto richiesto, nonch quello di dire la verit, pena leventuale configurabilit di reati a proprio carico. Al termine delle indagini, il P.M. decide se proseguire ed esercitare lazione penale oppure presentare richiesta di archiviazione quando ritenga di non disporre di sufficienti elementi per sostenere laccusa in giudizio, quando il reato sia estinto od il fatto irrilevante per la legge (non previsto dalla legge come reato), oppure quando non sia stato possibile identificarne lautore. Una volta concluse le indagini, la persona offesa, pu ricevere (a seconda dellesito delle indagini):

13 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

- lavviso del giorno, dellora e del luogo in cui si terr ludienza preliminare, insieme alla richiesta di rinvio a giudizio formulata dal P.M.; - il decreto di citazione diretta a giudizio emesso dal P.M., con lindicazione del giorno, dellora e del luogo in cui si terr ludienza dibattimentale; - il decreto che dispone il giudizio immediato, con lindicazione del giorno, dellora e del luogo in cui si terr ludienza dibattimentale (questo rito viene scelto dal P.M. nei casi di evidenza della prove a carico); - la citazione per il giudizio direttissimo (questo rito viene scelto dal P.M. quando limputato sia stato arrestato in flagranza oppure quando abbia reso confessione); - lavviso della richiesta di archiviazione. Cosa posso fare contro la richiesta di archiviazione avanzata dal Pubblico Ministero? Puoi certamente fare opposizione alla richiesta di archiviazione. Allesito della richiesta di opposizione, il giudice per le indagini preliminari pu:

14 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

- accogliere la richiesta del P.M. e pronunciare decreto di archiviazione; - non accogliere la richiesta e fissare ludienza in camera di consiglio per la discussione. La persona offesa ne riceve avviso ed ha diritto di parteciparvi. Allesito di questa udienza, il G.I.P. pu ordinare al P.M. di svolgere ulteriori indagini, oppure di esercitare lazione penale, formulando limputazione; quando, invece, ritenga di condividere la scelta di archiviazione archiviazione; Se si arriva al processo cosa posso fare io? Puoi fare molte cose. Puoi stare a guardare lesito del processo inerte. Puoi seguire il processo facendoti aiutare da un avvocato ma fatta dal P.M., il G.I.P. disporr lordinanza di

senza costituirti parte civile. Puoi costituirti parte civile e chiedere il risarcimento

allimputato.

15 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014

Questultima proprio la scelta consigliata e che ti dar maggiori soddisfazioni processuali. Dopo questa breve analisi dei tuoi diritti e doveri processuali, ti starai chiedendo cosa fare adesso. Io ti dico cosa non devi fare. Non evi rimanere inerte di fronte ad unoffesa cos grave. Non devi perdere tempo trascurando i tuoi interessi. Non devi lasciar passare troppo tempo dopo aver subito il fatto illecito. Se sei alla ricerca di chi pu veramente aiutarti tenendo in debita considerazione la tua privacy e riservatezza, di chi si avvale di un equipe di legali, civilisti e penalisti, di chi cerca il massimo del tuo soddisfacimento e riesce a farti ottenere il risarcimento danni pi sostanzioso e pi celermente, contattami subito compilando il form che trovi in questa pagina e verrai ricontattato al pi presto:

http://avvocatopetrillo.it/contatti/ Fai le tue scelte giuste! Avv. Oreste Maria Petrillo


16 Avv. Oreste Maria Petrillo Copyright gennaio 2014