Sei sulla pagina 1di 19

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

3 La Roma tenta la fuga; battuto il Napoli 2 a 0; 4 SuperSfida.; Gervinho VS Callejon 5 Aspettando l8 giornata di Serie A; 6 Inter, Moratti e Thohir, ecco le firme; 7 Fatto di Calciomercato 8 Fatto di Nazionale; gli azzurri pareggiano con lArmenia; 10 Qualificazioni Brasile 2014, i verdetti;

13 Uefa Youth League; bene Milan e Juve, male il


Napoli; 15 Football Mundial e Circoletto Rosso;

16 Fatto di Pallanuoto; 19 Sport e Cinema, avete mai visto Space Jam?

Il 18 ottobre andato di scena allo stadio Olimpico di Roma il primo anticipo valevole per lottava giornata di campionato tra la capolista Roma e la seconda Napoli. I padroni di casa recuperano Maicon, Totti e Gervinho, per il primo cera stato un lungo stop, mentre per gli altri 2 cerano stati dei problemi fisici. Il Napoli si presenta con il recuperato Albiol a difesa e Mesto al posto di Zuniga, e con Higuain in panchina. La partita ha inizio e le squadre sono molto tese e cercano di sbagliare poco, e si deve aspettare il minuto 16 per vedere la prima occasione importante con Pjanic, che serve Gervinho, il quale colpisce lesterno della rete. Minuto 33 Esce Totti per infortunio e entra al suo posto Borriello. Si ritorna ad una fase di studio fino al 35 quando Pandev si trova a tu per tu con De Sanctis, ma sceglie la soluzione peggiore, infatti cerca di piazzare il pallone, che per colpisce la mano di De Sanctis e successivamente De Rossi evita la rete sulla linea. Esce Britos per infortunio e entra Cannavaro al suo posto. Minuto 45 ancora occasione per i partenopei, Pandev serve Insigne, che conclude colpendo il palo esterno. Ma nel miglior momento per gli azzurri ecco il vantaggio romano con Pjanic, che su punizione trafigge Reina. Il primo tempo termina cosi con la Roma in vantaggio per 1 rete a 0. Il secondo tempo inizia e gli azzurri tentano di pareggiare e assediano la Roma nella propria met campo fino al minuto 70, infatti Cannavaro trattiene la maglia di Borriello ed calcio di rigore e secondo cartellino giallo per lazzurro, che lascia il Napoli in 10 uomini, sul dischetto si presenta Pjanic, che raddoppia. Il Napoli con orgoglio tenta a rientrare in partita, ma invano e la partita termina sul risultato di Roma 2 Napoli 0. Gli azzurri non avranno molto tempo per poter recuperare infatti marted c un altro match impegnativo di Champions contro il Marsiglia in Francia, mentre i giallorossi ora dovranno tentare di recuperare Totti e Gervinho per il prossimo impegno di campionato. Stefano Limongelli

Quando tutti se ne sono andati, lui rimasto. Un avvio di Campionato che tutti avrebbero invidiato, forza, grinta, tenacia era partito con lidea di essere il protagonista di questa stagione ma pi di ogni altra cosa il Leader di un gruppo, il Capitano di una squadra, lidolo dei tifosi ma soprattutto il figlio adottato e amato di una citt come Napoli. Marek Hamsikaveva aperto con una doppietta contro il Bologna, cos aveva iniziato a far sognare tutti. Poi la certezza era arrivata la seconda di Campionato contro il Chievo, altra doppietta sempre lui, sempre pi trascinatore. Unica nota dolente per Marek quella di non venir fuori nei grandi appuntamenti, cos con Il Borussia al San Paolo, i tifosi lo omaggiano con uno striscione commovente: Pi della provenienza conta il senso d'appartenenza, non ha mai mostrato avidit, incoroniamo Hamsik figlio di questa citt!. Questo non bastato per dare la carica giusta al campione la prima notte Champions, dove rimasto a digiuno di goal. Cos il giorno dopo si fatto perdonare o ha semplicemente voluto ringraziare facendosi tatuare: NAPOLI. Parole di elogio da tutti, le parole di stima di Benitez: Hamsik non ha prezzo!. Poi lassenza completa del nostro punto di forza, la luce della squadra, fino alla delusione del match contro lArsenal. Un capitano spaesato, senza voglia di reagire, sei partite di assenza di un capitano spento e con lui sembra affievolirsi anche la squadra. Marek metti la cresta a posto abbiamo bisogno della nostra bandiera. KARINA ORNELLA PALOMBA

FOTO PIETRO MOSCA

SUPERSFIDA una rubrica che mette a confronto i big che si affronteranno nella prossima giornata di campionato. Nel prossimo turno andr in scena, nellinsolito anticipo del venerd sera, Roma-Napoli. I giallorossi vogliono continuare a vincere per aumentare il proprio record di vittorie e per mantenere la testa della classifica. I partenopei, invece, cercheranno il colpaccio allOlimpico per agganciare la stessa Roma e fermare la sua inarrestabile corsa. Una sfida che arriva nel momento migliore, da gustare fino in fondo. Ad animare la gara ci penseranno due calciatori stranieri arrivati da poco in Italia, ma che gi hanno lasciato il segno. Gervinho e Callejon, tre gol per il primo, quattro per il secondo. Due attaccanti velocissimi e cinici, incubo per le difese avversarie. Andiamo a scoprire chi avr vinto la nostra SUPERSFIDA!

SUPERSFIDA

GERVINHO
8.5 7 8.5 8 9.5 9 TIRO COLPO DI TESTA SENSO DEL GOL TECNICA VELOCITA GIOCO DI SQUADRA TOTALE 50.5

CALLEJON
8.5 7.5 9 8.5 8 8.5

50

4 A cura di Dario Mainieri

Ebbene, ritorna il campionato di Serie A. E come ritorna, con un big match dalta quota. Ad aprire le danze in questo week end ci hanno pensato Roma e Napoli in un insolito anticipo del venerd sera. AllOlimpico andata in scena la partita del momento, la gara che tutti gli sportivi aspettavano. caduta a pennello in un momento clou, proprio quando la Roma inarrestabilmente e il Napoli era alle calcagna dei giallorossi, a soli due punti. Insomma stato un venerd che ha promesso scintille.

Laltra partita di cartello si giocher domenica pomeriggio al Franchi di Firenze, quando i viola di Montella ospiteranno leterna rivale, la Juventus di Conte. I gigliati sono carichi e vogliono regalare unulteriore grande prestazione al pubblico della Fiesole, ma i bianconeri non voglio cedere, per nulla al mondo, il passo a Roma e Napoli. Sar un altro match da non perdere.
Due anticipi al sabato: alle 18:00 Cagliari-Catania, mentre alle 20:45 Milan-Udinese. A Trieste le due isolane non vogliono perdere punti salvezza, a San Siro invece, i rossoneri devono dare una scossa davanti al proprio pubblico, in caso contrario sarebbe crisi nera. Si apre la domenica calcistica allo stadio Atleti Azzurri dItalia di Bergamo, dove scenderanno in campo Atalanta e Lazio per il match di mezzogiorno. I bergamaschi giocano per continuare il loro momento positivo, mentre i capitolini per rimanere aggrappati alla zona Europa. Oltre a Fiorentina-Juventus, domenica pomeriggio scenderanno in campo Genoa-Chievo, Hellas Verona-Parma, Livorno-Sampdoria e SassuoloBologna. Tutte sfide delicate, soprattutto per quanto riguarda i punti salvezza. Il week end calcistico si chiuder allOlimpico di Torino, nel posticipo domenicale che vedr impegnati Torino e Inter. La squadra di Ventura cercher di mettere in cassa i punti persi per strada nelle ultime gare, mentre lInter mazzarriana deve vincere per mantenere lo stato di grande ma fondamentalmente per rimanere sulla scia di Juventus, Napoli e Roma. Insomma sar una lunga giornata da gustare fino infondo, con big match da non perdere e scontri salvezza da giocare con il coltello tra i denti. Questo turno promette emozioni a non finire da regalare a tutti gli sportivi. Buon campionato a tutti! 5

Dario Mainieri

La telenovela finita, dopo un estenuante tira e molla l'Inter cambia ufficialmente proprietario. E' un momento storico per tanti motivi ma quello che ha il risvolto pi triste quello di una fine di un'era. I Moratti e l'Inter stato da sempre un legame indissolubile fatto di gioie e dolori, sconfitte(poche) e grandi vittorie, un amore viscerale che ha da sempre creato un unione affettiva dai valori incredibili. E' un Moratti visibilente commosso quello che all'uscita dei suoi uffici comunica il cambio di consegne appena avvenuto. Anche in questo momento di forte emotivit l'imprenditore non perde la sua signorilit dichiarando prontamente che l'Inter finita in mano a gente per bene. Erick Thohir adesso il possesore del 70% delle quote della societ diventando il patron. Nella nuova Inter per la presenza dei Moratti non in discussione:" La mia famiglia e io continueremo a vivere questa meravigliosa storia insieme a Erick, Rosan e Handy, garantendo lattaccamento e laffetto che ci lega al Club e ai suoi tifosi" ha infatti dichiarato il petroliere. Il magnate indonesiano sembra avere gi le idee chiare sul futuro prossimo. Quotare la societ in borsa e assicurarsi i miglior giovani in circolazione per costruire un grande avvenire, sono queste le priorit assolute. Antonio Greco

Juventus, a caccia di una punta per Gennaio: spunta Benteke dell Aston Villa. La Juventus continua a lavorare sul fronte offensivo, vista la scarsa vena realizzativa dei vari Vucinic e Giovinco e il mancato adattamento di LLorente in serie A, Marotta avrebbe individuato lattaccante scelto da Conte. Potente, tecnico e con un gran fiuto del gol: Christian Benteke, colosso dellAston Villa che sta segnando con gran continuit in Premier league. Il nazionale belga classe 90 valutato dal club inglese 20 milioni di sterline, soldi che potrebbero arrivare grazie alla qualificazione agli ottavi di Champions. In questo inizio di stagione Benteke ha messo a segno 5 gol in 6 partite di Premier e 1 gol in una partita di Europa league. Le alternative sarebbero Ibarbo del Cagliari e Traor dellAnzhi. Inter, occhi puntati sempre su Isla. Le priorit in casa Inter sono sempre le fasce, fondamentali per il gioco di Mazzarri. Nonostante il buon avvio di Jonathan, il brasiliano non sembra convincere del tutto il tecnico livornese. Ecco quindi che torna di attualit la pista Isla, anche se la Juventus non sembrerebbe pronta a cederlo cos facilmente. La quotazione del cileno di 7/8 milioni di euro, lInter per arrivare a quella cifra dovrebbe cedere Pereira che ha pi o meno la stessa valutazione di mercato. Le alternative al cileno sono Vrsaljko del genoa e DAmbrosio del Torino.

Napoli, settimana chiave per Mascherano.


Il Napoli fa sul serio per Javier Mascherano, centrocampista tuttofare del Barcellona. Largentino lamenta lo scarso utilizzo da parte del tecnico Martino e il rinnovo contrattuale datato lo scorso luglio che non ha del tutto soddisfatto il giocatore. Il Napoli per prenderlo pronto a spendere almeno 20 milioni di euro. Benitez corteggia da mesi Mascherano e largentino sembra stuzzicato dallidea di tornare a lavorare con il suo ex tecnico ai tempi del Liverpool. Il Napoli avrebbe anche un asso nella amnica: si tratta di Zuniga che piace moltissimo al club blaugrana e non detto che non possa esserci uno scambio alla pari tra i club.

7
Giuseppe Memoli

Per la prima volta nella storia gli azzurri si qualificano al mondiale non da testa di serie. La bella figura fatta nel girone B, chiuso con 6 vittorie, 4 pareggi, 0 sconfitte e relativo primato a 22 punti ottenendo la qualificazione con tre turni danticipo, stata resa vana nellultimo doppio impegnocollezionando due pareggi consecutivi, entrambi per 2 a 2 contro la Danimarca a Copenaghen e lultimo, inspiegabile, contro lArmenia al S.Paolo di Napoli, ormai diventato tab per la nostra Nazionale in quanto manca al successo dal 1997, perdendo la testa di serie a favore dellOlanda e dellUruguay che con le loro vittorie hanno sorpassato lItalia nel ranking Uefa, condannandola ad un possibile girone di ferro lanno prossimo in Brasile. Siamo partiti male, malissimo. I primi 20 minuti sono stati imbarazzanti. Da li in poi abbiamo reagito facendo a tratti una buona partita. Queste le parole del nostro C.T. al termine del match, che continua dicendo: avevo chiesto ai ragazzi di fare buon calcio e non labbiamo fatto per lunghi tratti. Devo dare giudizi, il calcio spietato ed io dopo questa partita dar i miei pensando ai 23 da portare in Brasile. Questa maglia a qualcuno pesa. Il gruppo per il mondiale non c ancora. E proprio questultima affermazione che fa pensare che qualcosa a Prandelli non sia andato gi nellatteggiamento di qualche giocatore ritenuto ora non adeguato per la spedizione in terra carioca, in quanto sia con la Danimarca che contro lArmenia, lItalia ha giocato con poca convinzione, costretta sempre ad inseguire contro avversari non irresistibili. Nonostante questa delusione, il nostro C.T. non disdegna elogi per Mario Balotelli dandogli ufficialmente i suoi complimenti per come ha cambiato la partita in positivo, rimanendo ottimista sia per il cammino della Nazionale, affermando che non tutto va buttato conservando la voglia di ribaltare il risultato, che per la mancata testa di serie, in quanto nemmeno allo scorso Europeo lo eravamo ed il cammino si concluso solamente in finale. LA PARTITA Dopo il mezzo passo falso contro la Danimarca di Bendtner, lunico obiettivo per lItalia al San Paolo era vincere per qualificarsi come testa di serie. Per una squadra di questo calibro, lobiettivo sembrava quasi una formalit, ma a Napoli gli azzurri non vanno oltre il 2 a 2 costretti per ben due volte ad inseguire, esorcizzando la figuraccia grazie alla classe di Pirlo e Balotelli. Prandelli manda in campo unItalia diversa da quella vista a Copenaghen con le sole conferme diMontolivo, Aquilani ed Osvaldo disegnando un nuovo sistema di gioco adatto alle forze fresche in campo. Il primi venti minuti per sono da dimenticare in quanto gli azzurri, completamente nel pallone, incappano in un errore dopo laltro fino a quando Movsisyan sfrutta un brutto disimpegno di Aquilani fuori area per poi superare facilmente Astori e trafiggere con un tiro non irresistibileMarchetti. LItalia accusa il colpo e sbanda, fino a quando Insigne, da uomo di casa, prende inmano le redini del gioco trascinando la squadra alla reazione prendendo un palo al 21 per poi confezionare sulla testa di Florenzi la palla dell1 a 1 al 24. Agguantato il pari, gli azzurri trascinati da Lorenzo il magnifico provano a ribaltare il risultato senza la giusta cattiveria per poi andare negli spogliatoi. Nella ripresa Prandelli butta dentro sia Candreva che Balotelli per assestare il colpo del K.O. ma il talento del Borussia Dortmund, Mkhitaryan sugli sviluppi di un calcio dangolo regalato daMarchetti, ad affondare di testa, non il suo colpo forte data laltezza, gli azzurri condannati per la quarta volta i pochi giorni a rincorrere gli avversari. La risposta italiana di tutta rabbia, capitanata proprio da SuperMario, che prima pareggia i conti con uno splendido gol facilitato da un assist al bacio di Pirlo al 76 per poi provare a vincere da solo con una rete da cineteca partendo dalla propria met campo palla al piede, seminando il panico fino allarea di rigore avversaria per poi calciare, ma solo i millimetri hanno negato un gol storico al nostro eroe ribelle. LItalia con questo pareggio conserva limbattibilit ma vola in Brasile senza essere privilegiata.8 Ferruccio Montesarchio

Arrivo a Napoli in Alta Velocit, stazione centrale di Napoli Piazza Garibaldi, scendono i passeggeri e cos fanno anche i giocatori della Nazionale Italiana. Obiettivo? Gara con lArmenia in programma Marted 15 Ottobre allo Stadio San Paolo del capoluogo partenopeo. Tra i giocatori c anche Mario Balotelli, in forse fino allultimo, ma desideroso di esserci. Lo si sa, Napoli una citt legata al calcio, non vengono sommersi daffetto solo i propri beniamini, ma anche gli ospiti. Si proprio cos, a Napoli lospite sacro, e va rispettato. Quindi? Arrivo turbolento, tanta gente che spinge per una foto, unautografo, ma il cordone per lordine ben saldo. Tutto ok tranne che per il centravanti del Milan che allimprovviso strattona la cinghia della telecamera e fa cadere il cameraman rompendo il microfono, questo quanto dichiarato dal diretto interessato, intento a filmare la passerella dei giocatori verso il bus in direzione albergo. Insomma, siamo alle solite, tanto nervosismo, reazioni, e poi scuse ufficiali. E il protagonista? Sempre lui, sempre Mario Balotelli! Ma si pu continuare cos? Adriano Scala

Il c.t. della Nazionale italiana, Cesare Prandelli, pensa allennesimo comma del regolamento interno alla squadra: in vista della rassegna mondiale ormai alle porte, i giocatori non potranno pi utilizzare i social network per comunicazioni riguardanti il loro lavoro. Tale annuncio stato dato in conferenza stampa da Prandelli stesso; dopo lennesima bufera verificatasi in seguito al comportamento dellattaccante del Milan, Mario Balotelli. Il bomber, dopo lultimo litigio con alcuni giornalisti che gli chiedevano considerazioni sulla presenza della squadra su un campo sequestrato alla camorra, ha sbottato via Twitter cinguettando di non sentirsi un esempio anticamorra. Altra dichiarazione che ha scosso lambiente azzurro, in giorni buoni per dare lesempio giusto ai giovani accorsi al campo per osannare i loro idoli, e, per festeggiare la qualificazione mondiale al San Paolo di Napoli. Ma probabilmente Mario Balotelli non cambier mai e Prandelli lo s; meglio tentare di limitarlo allora, almeno fuori dal campo, in area di rigore poi ci penseranno gli avversari, ma noi speriamo di no!

9
Fabio La Nave

Tra il 15 ed il 16 ottobre si conclusa la fase a gironi delle qualificazioni ai Mondiali del 2014 in Europa, Centro Nord America e Sudamerica, mentre per lAfrica bisogner attendere met novembre per il ritorno degli spareggi quando scenderanno in campo anche le seconde della zona europea per gli ultimi 4 biglietti per il Brasile. In terra asiatica , invece, il discorso qualificazione si concluso lo scorso settembre. In Europa passano come prime dei propri gironi Belgio, Italia, Germania, Olanda, Svizzera, Russia, Bosnia, Inghilterra e Spagna mentre sono condannate agli spareggi la mina vagante Francia assieme alla Croazia, Svezia, Romania, Islanda, Portogallo, Grecia ed Ucraina. In Sudamerica passano Argentina, Colombia, Cile ed Ecuador che grazie ad una superiore differenza reti costringe lUruguay, vincente per 3 a 2 contro lArgentina, agli spareggi contro la Giordania, giunta 5 nel girone asiatico. Nel Centro Nord America il Messico sorprende tutti in negativo posizionandosi al quarto posto nel girone e di conseguenza giocarsi il Mondiale nello spareggio contro la Nuova Zelanda. Con le giqualificate USA e Costa Rica la vera sorpresa lHonduras che grazie al pareggio contro la Giamaica disputer il suo secondo mondiale consecutivo. In Asia stato gi tutto deciso lo scorso settembre. Staccano il biglietto per il mondiale il Giappone di Zaccheroni assieme allIran, lAustralia e la Corea del Sud. La Giordania si giocher il difficile accesso in Brasile con lUruguay. Per le africane bisogner attendere il ritorno degli spareggi qualificazione a met novembre, con Ghana e Costa dAvorio gi con un piede in Brasile grazie alle nette vittorie delle partite dandata. Ferruccio Montesarchio

10

Di Antonio Greco

Il cammino era per lo pi gi definito ma ora c' l'ufficialit. Passano tutte le big ad eccezione di Francia e Portogallo che un beffardo destino potrebbe mettere contro in un eventuale play-off da brivido. In tal caso uno tra Cristiano Ronaldo e Frank Ribery guarder il Mondiale da casa. Sofferenza per l'Inghilterra che comunque tiene il passo. Momento storico invece per la piccola Bosnia che per la prima volta nella sua storia ottiene la qualificazione a scapito di una Grecia piegata solo dalla differenza reti. L'Italia nonostante non riesce a conquistare nemmeno una vittoria nelle ultime due partite e ci vuol dire che non si andr a Rio come testa di serie. Nello stesso girone beffa per la Danimarca che risulta la peggiore seconda e per questo motivo l'unica nazionale arrivata sul secondo gradino del podio a non potersi giocare gli spareggi. Le qualificate sono: Belgio(g.A), Italia(g.B), Germania(g.C), Olanda(g.D), Svizzera(g.E), Russia(g.F), Bosnia E.(g.G), Inghilterra(g.H) e Spagna(g.i). Ai play-off vanno: Croazia, Grecia, Portogallo e Svezia come teste di serie, che verranno sorteggiate con: Francia, Islanda, Romania e Ucraina. Ecco i gironi:

11

Ben poco da dire, si era deciso praticamente tutto nell'ultimo turno: Argentina, Colombia, Cile ed Equador vanno in Brasile mentre l'Uruguay di Cavani dovr passare dallo spareggio che per sembra una formalit contro la Giordania. Ecco la classifica:

La sorpresa il Messico, questa volta per in negativo. In un modesto girone non riesce ad andare oltre la quarta piazza con Honduras e CostaRica che hanno la meglio in un girone in cui gli USA la fanno da padrone. Ora per i messicani uno spareggio non impossibile contro la Nuova Zelanda.

L'andata degli scontri diretti ha gi detto che Nigeria, Costa d'Avorio e Ghana sono con un piede e mezzo sull'aereo per il Brasile. Pi equilibrio nei restanti due incontri:

Zona Asia: Verdetti gi definitivi da un pezzo, vanno al Mondiale Corea Del Sud, Australia, Giappone e Iran. La Giordania invece vincitrice dello spareggio ai danni dell'Uzbekistan avr l'impossibile compito di battere l'Uraguay per accedere alla fase finale.

Tolta di mezzo l'Australia che per manifesta superiorit ormai per consuetudine spostata nel girone asiatico non c' niente di pi facile per la Nuova Zelanda che ottenere il pass. Il pass per non vale i Mondiali ma vuol dire sfidare il Messico.

12

Sembrava un film gi visto, calcio d'angolo schema azzurro e stacco di testa del piccolo Battocchio. Era la partita d'esordio della nuova era dell'Under21 targata Gigi Di Biagio ed stato anche l'inizio della pronta risalita italiana. Era Settembre, a Rieti dopo questo gol gli azzurrini vengono travolti dai baby fenomeni del Belgio che s'impongono per 1-3. Ora a poco pi di un mese la rivalsa, questo gol adesso significa la vendetta azzurra che nell'incontro di ritorno fanno capire ai loro pari et che la qualificazione non sar pi una passeggiata.Ora la strada per Euro 2015 tornata in pari per l'Italia che ha dovuto cimentarsi sin da subito in una pronta risalta. Che impresa dunque per Bardi e compagni che hanno dominato il match sfiorando pi volte il raddoppio soprattutto con Belotti. Una difesa ermetiche guidata da un ottimo Bianchetti e un centrocampo dinamico orchestrato da Fossati Viviani e Baselli sono state le chiavi del successo. Sofferenza soltanto nell'ultimo quarto d'ora per i nostri quando si fa evidente la mancanza del ritmo partita. Infatti i nostri hanno messo in evidenza la mancanza di minutaggio nelle gambe dovuta alle tante panchine a differenza dei belgi che vantano addirittura gi molte presenze in campo internazionale. Belgio-Italia 0-1 4' Battocchio

Belgio (4-2-3-1) Coosemans; Vermijl, Arslanagic (46' Mechele), de Bock, Lukaku; Ciss (46' Tielemans), Malanda, Hazard; Bruno (71' Vetokele), Batshuani, Mpoku. CT: Walem
Italia (4-3-1-2) Bardi; Zappacosta, Bianchetti, Antei, Biraghi; Baselli, Viviani, Battocchio (81' Improta); Fossati; Rozzi (53' Molina), Belotti (74' Longo). CT: Di Biagio Arbitro: Dias (Portogallo) Ammoniti: Lukaku, Vermijl (B), Antei (I)

Settimana impegnativa, quella ormai passata agli annali, per la nazionale Under 19. Scesa tre volte il campo, la formazione del ct Pane, non riuscita ad agguantare la qualificazione ad Euro 2014 dalla porta principale. A poco sono servite le vittorie contro Danimarca (2-0; reti di Crecco, centrocampista laziale e Petagna, attaccante della Sampdoria) e il Liechtenstein, superata di netta misura, per 5 a 0, fatale infatti stata la sconfitta contro Israele, per 2 a 0. Seppur primi in classifica, insieme ai danesi e agli israeliti, gli azzurrini pagano per la differenza reti subite, piazzandosi, cos, terzi in classifica. Anche se, solo, le prime due del girone, staccano il pass per gli Europei, c una piccola speranza per la formazione italiana, che potr essere ripescata come migliore terza. Con trepidazione si attender la conclusione della prima fase di qualificazione (il 19 Ottobre) per conoscere il destino europeo della piccola nazionale In campo, anche la nazionale Under 20, impegnata con il torneo delle quattro nazioni. Primi in classifica, a pari merito con la Svizzera; lItalia di Evani, dovr vedersela, proprio, contro gli elvetici, per ottenere il primato in solitaria. Buone le prestazioni, viste finora da Beltrame e compagni, che nella gara desordio hanno battuto, con netta facilit i pari et della Palonia, per 3 a 0. Carrellata di goal, anche, nel precedente, tra Italia e Svizzera, terminata sul risultato di 3 a 3. Quarta squadra in gara, la Germania, che ha conquistato una sola vittoria, contro la Polonia, ancora a quota zero.

13
Annalisa Moccia

E un secondo turno dal sapore agrodolce; Juventus e Milan sorridono meno, invece, il Napoli. Dopo la beffa con il Copenaghen, pareggiando allultimo minuto, i bianconeri conquistano i primi tre punti, nella rassegna europea. Per la prima volta ad Ivrea, al Pistoni, impianto professionistico, la Juventus batte per 3 a 1 i turchi del Galatasaray. I bianconeri partono subito forte; una mezzora di gioco tutta a strisce bianche e nere, ma i ragazzi di Zanchetta, non riescono a trovare la via del gol. Gol, che arriva, solo, ad inizio ripresa, al quarto minuto, Marzouk sfrutta lassist di Soumah e, fulmina Cipe. 1 a 0, bianconeri meritatamente in vantaggio. Venti minuti pi tardi, il tabellino si aggiorna, di nuovo, a favore dei bianconeri; Marzouk, che si veste da uomo assist e serveGerbaudo. Il numero 10 bianconero, non pu che mandare la palla in rete e, Cipe battuto, nuovamente. Doppio vantaggio bianconero. Al 28, i turchi di Inceefe trovano il varco giusto e, accorciano le distanze con Orhan. Il gol subito, non frena i bianconeri che, per niente intimoriti, cinque minuti pi tardi, trovano il goal che chiude, definitivamente, la pratica Galatasaray. Soumah il terzo marcatore bianconero. Tre punti, fondamentali, per i ragazzi di Zanchetta, che si portano primi in classifica, approfittando anche del pareggio del Real Madrid a Copenaghen; 1-1. Il Milan anella la seconda vittoria consecutiva. Dopo il Celtic, infatti, i ragazzi di Inzaghi espugnano, anche, il campo dellAjax; 2 a 3, in un risultato rocambolesco. Il primo tempo di stampo olandese, infatti, al 7, i lancieri passano in vantaggio grazie alla rete realizzata da Vissers. Dopo il gol, i rossoneri tentano di reagire, ma tutte le conclusioni, non impensieriscono Mous. Nel secondo tempo, il Milan subisce una metamorfosi: prima Pinnato a prendere un clamoroso palo e, pochi minuti pi tardi, al 7, Mastalli non sbaglia e sigla il gol del pareggio. Dieci minuti pi tardi, sugli sviluppi di un calcio dangolo, battuto da Di Molfetta, Iotti insacca di testa. Vantaggio rossonero, che tiene fino al 32. Van der Bommen, appena entrato, trova il gol del vantaggio. La felicit per i padroni di casa, per, dura solo un minuto; Rondanini lascia partire un siluro dalla lunga distanza che non lascia scampo il portiere olandese. I ragazzi di Inzaghi non perdono la scia del Barcellona, che, anche, in questo turno vincono facilmente in terra scozzese; Celtic battuto 1-2. Lottima prestazione contro il Borussia Dortmund, viene oscurata dalla sconfitta contro lArsenal. A Londra, i partenopei vengono battuti 4 a 1. Primi 45 minuti di vera sofferenza, per i napoletani, che al 38 subiscono il primo gol. Calcio di rigore trasformato da Akpom. Nella ripresa, invece, quando sarebbe possibile la rimonta, i ragazzi di Saurini subiscono, nellarco di un minuto, prima il doppio vantaggio e, poi, il gol che spezza le gambe agli azzurrini. Due gol siglati da Lipman. Napoli in bambola, concede un ulteriore penalty ai gunners, ma Contini riesce ad intercettare. Il rigore parato d linfa ai partenopei, che, al 22 trovano il gol con Rubino, grazie ad un colpo di testa, preciso quanto forte, batte Ilev. Il Napoli ci crede e, al 33, sfiora, con Mancini, il gol del possibile 3-2. Per la regola goal fallito-goal subito, arriva, prontamente, la risposta dellArsenal. E di nuovoAkpom a mettere in ginocchio gli azzurrini. Arsenal, solitario, in classifica. Il Borussia Dortmund riscatta la sconfitta di Napoli e si impone con il Marsiglia 5 a 2. Francesi ultimi nel girone, ancora, a zero punti. Tedeschi, invece, che raggiungo i partenopei.

14

Annalisa Moccia

Conoscete Federico Melchiorri? Attaccante del Padova, classe 87, che lo scorso turno ha messo a segno il suo primo gol in serie B trascinando i bianco-scudati al primo successo stagionale. La favola dellattaccante marchigiano, dalla serie D alla cadetteria, passando per linferno di un letto dospedale. Il 25 aprile del 2010, in Giulianova-Cavese, Melchiorri riceve una tacchettata in pieno volto e i dottori gli consigliano una tac di controllo. La diagnosi sconcertante: un angioma cavernoso al cervello che costringe la punta marchigiana ad un lungo calvario e a lottare tra la vita e la morte. Poi loperazione a Verona e la rinascita. Dopo 7 mesi, grazie anche allamore della famiglia e della fidanzata Camilla, Federico pronto per ritornare in campo: il calcio mi mancava, dice. Ho ripreso a giocare con gli amici e ad allenarmi con una squadra di Seconda categoria. Con umilt e sacrificio comincia a segnare prima in Eccellenza con il Tolentino e poi tra i dilettanti della Maceratese.Melchiorri non si ferma pi e al termine della stagione mette a segno ben 26 reti in 34 partite guadagnandosi la chiamata del Padova.

Football Mundial vi porta in provincia di Napoli, a Mugnano, dove un arbitro si rende protagonista di un incredibile vicenda. Si tratta del signor Marco Di Nosse della sezione di Nocera Inferiore, il quale espelle un calciatore punto da una vespa. Al Vallefuoco si scontrano Mugnano City e Campania Ponticelli, gara valida per il quinto turno del girone B di Promozione campana. Al 65 Germano del Mugnano viene punto da una vespa e si accascia al suolo per il dolore. Soggetto allergico, Germano chiede subito il cambio al mister ma larbitro non acconsente la sostituzione per supposizione di perdita di tempo. Il calciatore si alza di scatto, si avvicina alla giacchetta nera esclamando: Ma che devo fare per essere sostituito, sto male. Di Nosse risponde estraendo il cartellino rosso. La partita va avanti ma i cambi a favore del Mugnano erano gi terminati. Nella confusione generale, dopo lespulsione anche di capitan Feniello, la squadra di casa rimane incredibilmente con sei giocatori in campo. Larbitro come da regolamento costretto a sospendere la partita sul 2 a 1 per il Ponticelli a tre minuti dalla fine, scatenando lira di entrambe le compagini. Nel post gara immediato lattacco del Mugnano alla Federazione arbitri: Vogliamo che siano rispettati i nostri sacrifici e vogliamo essere tutelati dalla Federazione.
Valerio Castorelli

E' ancora il serbo Novak Djokovic a trionfare a Shanghai dopo la vittoria dell'anno passato. Il serbo vince e convince e, se pur parso un po' nervoso, pronto a riprendersi la prima posizione del ranking, soffiatagli da Nadal. Djokovic ha eliminato ai quarti Gael Monfils, il quale aveva sconfitto a sua volta Federer al turno precedente, in tre set (6-7; 6-2; 6-4), in un incontro che si mostrato pi difficile del previsto. Ancora un francese in semifinale per il tennista serbo, JoWilfried Tsonga. Dopo una sfuriata con l'arbitro, Djoko vince in due set e vola in finale. Dall' altro lato del tabellone c' l'attuale numero 1 Rafa Nadal; lo spagnolo ha incrociato e battuto lo svizzero Wawrinka (7-6 ; 6-1) ai quarti, prima di affrontare uno straordinario Martin Del Potro che gli ha offerto una pura lezione di tennis imponendosi in due set (6-2 ; 6-4).E' quindi l'argentino a raggiungere in finale il fuoriclasse serbo. Il serbo che inizia subito bene, anzi benissimo, vincendo il primo set 6-1; Nel secondo per Delpo reagisce e s'impone su Djoko con un 3-6. Il terzo ed ultimo set il pi combattuto, finisce al tie-break; a questo punto il numero 2 del mondo da il massimo e vince il match e il Master 1000 di Shanghai per il secondo anno consecutivo.

15 Roberto Napolitano

Anche la prima giornata di trasferta, e seconda di campionato, si conclude con una vittoria, in questo caso netta, per la squadra del Circolo Canottieri Napoli che batte l'Albaro Nervi con ben quattro reti di vantaggio. Seppur nel primo tempo le squadre si siano tenute testa con un parziale di 2-2, con le reti di Pesenti e Giordano per la squadra di casa, quelle di Baraldi ed Esposito per gli ospiti del Molosiglio, la partita comincia a prendere piega gi dal secondo tempo, quello decisivo, che si chiude con un parziale di 3-6. Baraldi si fa autore di una tripletta imponente, accompagnata dalle reti di Velotto , Primorac e Brguljan, lasciando poco spazio agli avversari nello stargli dietro che vanno a segno solo con una doppietta di Oneto e una rete di Giordano. Ma nn abbastanza. Dopo il 5-8 del secondo tempo, nel terzo tempo si ripete la parzialit del primo tempo con due goal per squadra ritornando a rete Pesenti e Oneto gi protagonisti del Nervi e ancora una volta Baraldi, seguito da Borrelli. La partita si conclusa con un parziale di 3-4 nell'ultimo tempo con doppietta del vice capitano Parisi e andando ancora a segno sia Velotto che Primorac, alternandosi alle reti di Colombo, Giordano e Oneto. Ci sar pur stata qualche pecca in difesa, come afferma Mr. Zizza, tuttavia la squadra ha saputo rimediare sicuramente con l'attacco, delineandosi quale migliore in campo con ben cinque reti il numero 11 della squadra giallorossa, Fabio Baraldi. Sono dunque due vittorie su due per il Circolo Canottieri Napoli che punta al tre su tre nella terza giornata di campionato contro il Lazio Nuoto, mirando magari ad un riscatto per la mancata vittoria in Coppa Italia. Nunzia Casolaro

Nonostante il grande sprint della Dooa Posillipo nel primo tempo, chiusosi con un parziale di 4-2, la partita che sembrava gi definita prende tutt'altra piega, concludendosi con il pi 3 in classifica dell'Acquachiara. Infatti dopo le due reti di Renzuto e Gallo, e la doppietta di Radovic da parte dei rossoverdi e quelle di Sadovyy e Di Costanzo per i biancoazzurri, il Posillipo sembra spegnersi soprattutto nel secondo tempo in cui non va mai a segno, anzi, permette agli avversari di raggiungere la parit grazie ai goal questa volta di Mattiello e Luongo. Tuttavia dopo questa fase di stand by sembra che i ragazzi del Circolo Nautico nel terzo tempo ritornino in pista, chiudendo un parziale di 2-1 per le reti di Rossi e Gallo che, nonostante il goal di Di Costanzo, riportano la squadra in vantaggio seppur di un solo punto. E proprio quando sembrava che i rossoverdi avevano la vittoria in pugno, ecco che succede l'improbabile ma possibile. L'Acquachiara ritorna in parit con Luongo che apre il quarto tempo; parit che dura poco, giusto quei venti secondi che permettono a Bertoli di riportare il Posillipo in vantaggio. Vantaggiato per minacciato da un cocktail di eventi, tutti a sfavore dei ragazzi del Nautico: l'arbitro che erroneamente espelle Bertoli, una pecca in difesa ed cos che con le reti di Gambacorta e Petkovic l'Acquachiara prende e porta a casa una partita che, anche per voler del caso, non ha adempiuto le aspettative iniziali del Dooa.

16
Nunzia Casolaro

Luned 14 ottobre il calcio incontra la pallanuoto. Il tutto accade allo stadio San Paolo dove alcuni giocatori, in rappresentanza della squadra Dooa Posillipo, stringono la mano alla Nazionale di Prandelli, offrendo ai calciatori dell'Italia gadgets della propria squadra. Cos ai colori azzurri del calcio nazionale si mescolano quelli rossoverdi di una fazione della pallanuoto campana. Nunzia Casolaro

Amaurys Perez, difensore dell'Acquachiara nonch uno del "sette bello" della nostra nazionale, si fa onore non solo in vasca ma anche in pista da ballo. In solo due puntate di uno dei palinsesti del sabato sera, "Ballando con le stelle", infatti riuscito a conquistare il pubblico, nella fattispecie femminile come ovvio che sia, e a stupire con delle performance molto buone per essere un pallanuotista e per di pi cos alto. Saranno forse le sue origini cubane a facilitargli quei movimenti che lo hanno reso, come lui stesso dice, un "sex symbol per caso". Eppure prima del programma solo pochi appassionati della pallanuoto erano a conoscenza di questo nome e lui stesso afferma di aver avuto pi visibilit in due minuti di trasmissione che in una vita intera di sport. Questo forse uno dei pregi-difetti della tv. Dare spazio e visibilit in misura maggiore al calcio oscurando tutti gli altri sport che, per questo motivo, sono poco conosciuti e quindi praticati. Allora, forse, grazie ad Amaurys la pallanuoto pu entrare, non solo in casa delle persone, ma anche nella loro vita, seppur questo per lui voglia dire sacrificare delle partite, come successo l'ultima volta per il fuori casa in Croazia. Cos come Amaurys, altri esponenti rappresentanti di sport pi nell'ombra, possono dar lustro alla loro disciplina. Tra questi Gigi Mastrangelo per la pallavolo ed Elisa di Francisca campionessa di scherma che ha seguito le orme della Vezzali anche nel ballo. Novit del programma l'inserimento della cultura afrocubana rappresentata a pieni titoli dal ballerino cubano Maykel Fonts, professionista non solo nella danza afrocubana ma anche in quella contemporanea, jazz, hip hop, flamenco e acrobazie. Curriculum di tutto rispetto per Maykel con una carriera altrettanto rispettabile nelle vesti di ballerino, coreografo ma anche cantante e autore a quattro mani di un brano con Maikel Blanco, uno dei pi grandi esponenti della musica caraibica. La casa del sabato sera di Milly Carlucci abbraccia anche altre tematiche e realt come quella della diversit e trasformazione sessuale, ospitando tra i concorrenti Lea T., una delle modelle pi apprezzate e glamour del mondo della moda; nata come Leandro Cerezo e figlia del calciatore brasiliano Toninho, accolto per un anno dalla Roma. Lea rappresenta quello che ha sempre sentito d'essere, dopo aver affrontato un percorso non facile ma con l'ausilio della famiglia che l'ha sempre appoggiata, cos come la appoggia nel progetto di "Ballando...". Tutto ci pu essere visto come semplice intrattenimento, ma se si guarda con uno sguardo pi profondo forse tutto questo vorrebbe inviare un messaggio: il ballo aperto a tutti e non chiude le porte in faccia a nessuno; non c' colore, non c' sesso, non c' razza...c' solo PASSIONE! Nunzia Casolaro

17

Esplode la festa al PalaTrento. LaItas Diatec Trentino batte con un netto 3-0 la Lube Macerata (25-23, 25-23, 25-21) e si aggiudica laSupercoppa italiana, la seconda della sua storia, vendicando cos la sconfitta dello scorso anno. Prima di questa gara Macerata partiva sicuramente favorita,visto anche la quota di 1.50 contro i 2.30 di Trento,ma non sono bastate le molte partenze dei giocatori del Trento a Macerata per avere la meglio. Macerata parte molto bene nel primo set,portandosi addirittura in vantaggio per 11-5 ma si fa clamorosamente rimontare sul 14 pari e cade 25-23,identico stato il punteggio del secondo set da parte di Trento, mentre nell ultimo set Macerata sembra non avere pi le forze per una rimonta, e Sokolov fa quello che vuole: lo schiacciatore bulgaro, miglior realizzatore del match con 17 punti, trascina i compagni al successo fino all'ace di chiusura che vede Trento trionfare con il parziale di 25-21. Tutte le altre squadre sono avvisate,Trento gi si prenota per la vittoria del prossimo campionato! Luigi Bruno

Siamo a Gricignano dAversa, un paese in provincia di Aversa, e seguiamo una gara di corsa su strada. Sono terminate le gare su pista e dato che per questa maratona era previsto un compenso in denaro, partecipando abbiamo deciso di tenerci allenati e tentare la fortuna. Queste le parole di tre atleti di origine Marocchina, ABDELHADI BEN KHADIR, ABDERRAFII ROTI e Sahid El Otmani. Inizialmente, appena sono arrivati gli organizzatori, gli atleti si sono visti negare la possibilt di partecipare alla gara su strada a causa del loro essere extracomunitari. Si, nel 2013 la parola extracomunitario ancora segno di discriminazione e razzismo; anche nel mondo dello sport. Portata alle strette dai tre atleti marocchini, ormai al limite della sopportazione umana, lorganizzazione cambia versione e arriva a dire: Vincete sempre voi, ecco perch abbiamo deciso, al massimo, di darvi un premio . A questaaffermazione no sense risponde Said, ovviamente, ferito nella dignit: Abbiamo gli stessi diritti degli altri e soprattutto non siamo qui a chiedere lelemosina, semplicemente, di poter gareggiare. Tutto ci accade davanti agli occhi di numerosi spettatori che, ignari del regolamento della competizione sportiva, prendono per buone le fandonie arrabattate dagli organizzatori. Nonostante la lotta contro la discriminazione, due di loro, sentendosi troppo amareggiati, pur avendo avuto il permesso a partecipare decidono di non gareggiare. Lunico dei tre che prende parte alla maratona ABDELHADI BEN KHADIR, classe 1983. Abdelhadi decide di allenarsi e di utilizzare la rabbia che ha dentro come fonte di energia per correre al meglio delle sue forze. Latleta sa che la sua passione per la corsa pi forte di ogni critica, atto discriminatorio o dellessere umiliati per un capriccio umano. La sua passione tanto forte da permettergli di vincere su tutti e superare il traguardo per primo. Non si fa abbattere dal trauma subito da lui e dai suoi connazionali, carico di stress, non tensione pre-gara, gli hanno detto che diverso. Diverso da chi? Esiste ancora qualcuno che si senta Onnipotente sulla Terra? Qualcuno che ci reputa differenti? Io sono convinta che quel qualcuno non conosce nemmeno le sue di origini. Discrimina una cultura diversa dalla sua e poi la sera, magari, mangia il cuscus. Purtroppo resta un grande dubbio : Questi ragazzi per cosa si dovevano difendere?.

18
Emanuela Palo

Benvenuti amici al consueto appuntamento con la nostra rubrica.Oggi vi parleremo di uno di quei film che stato visto almeno 2-3 volte nella vita. Rappresenta un classico per coloro nati negli anni 80 e 90. Amato da chi adora il basket, lo sport e i cartoni animati. E pi difficile trovare qualcuno che non labbia visto. Ora dopo questa piccola introduzione se nella stessa frase sentite dire Michael Jordan e Looney Tunes cosa vi viene in mente? Indubbiamente Space Jam, pellicola del 1996, e di cui tratteremo oggi. Nel linguaggio tecnico si parla di un film misto, ovvero che riesce a unire, mettere insieme sullo stesso schermo realt e finzione, attori in carne ed ossa e personaggi animati. Tante le star del mondo cestistico presenti oltre sua altezza MJ: da ShawnBradley a Charles Barkley, da Larry Johnson a Patrick Ewing,Muggsy Bogues e tanti altri ancora. Ad affiancarli c BugsBunny, Daffy Duck, Silvestro, Titti e tutte le altre stelline della Warner Bros. Oltre questa schiera, troviamo anche 2 bravissimi attori americani. Il primo Bill Murray (nei panni di se stesso)presente in Ghostbusters nei panni del dottor Peter Venkman. Il secondo Wayne Knight che interpreta Dennis Nedry, un brillante tecnico di computer, in Jurassic Park. Indimenticabile la schiacciata finale di Michael Jordan, quando lex stella del NBA allunga il braccio in maniera spropositata da centrocampo al canestro avversario, diventando anche lui un cartone animato. Space Jam ha inizio con Swackhammer, un malvagio proprietario di un Luna Park in decadenza sul pianeta alieno di Nerdlucks, alla ricerca di nuove attrattive per risollevare i suoi affari. Il paffuto padrone in maniera fortuita si imbatte in un video dei LooneyTunes, e decide di inviare alcuni suoi scagnozzi sulla Terra con il compito di catturare le star della Warner per farli lavorare nel suo parco giochi. Giunti sul nostro pianeta i mostriciattoli sembrano avere la meglio ma a Bugs Bunny si accende la lampadina: sfidare i bassissimi alieni(il pi alto di loro non arriva al ginocchio di Bugs) ad un incontro di pallacanestro. Gli alieni accettano subito la sfida ma essendo minuscoli si rendono conto di non poter competere. Vengono a conoscenza che in America ci sono i migliori professionisti del mondo cestistico e cos, con le loro capacit, assorbono la loro energia e si impadroniscono delle loro capacit tecniche e atletiche. Gli extraterrestri diventano giganti e muscolosi; per questo Bugs Bunny, capendo la gravit della situazione, decide di puntare su Michael Jordan. MJ, ritirato dal basket, si dedicato al baseball. In questa nuova veste non ottiene grandi risultati ma fortunatamente sfugge alle grinfie degli alieni e viene arruolato da Bugs e co. Sua altezza, nonostante uniniziale incredulit per essere finito nel mondo animato, si immerge in questa nuova sfida. Nonostante avesse lasciato il basket dimostra di non essere arrugginito, ma gli extraterrestri, nelle loro nuove sembianze, hanno la meglio su Jordan e compagni. I buoni sono messi malissimo e MJ per salvare il destino dei suoi nuovi amici animati decidere di stipulare un nuovo patto con Swackhammer:se dovessero perdere sar lui a salire sulla nave spaziale, lasciando liberi i Looney Tunes, e diventare la nuova stella del lontano parco giochi. Il malvagio proprietario accetta e gi assapora la vittoria dato che la squadra degli alieni sta dominando nettamente il match. Jordan negli spogliatoi tiene un discorso per motivare i suoi ma non sortisce nessuno effetto e la svolta arriva quando Bug Bunny riempie una boraccia dacqua facendo credere che si tratti di una pozione magica. I Looney Tunes rietrano dallintervallo pi carichi che mai e sembrano risollevare la situazione. Purtroppo i buoni ricadono nel baratro quando la squadra, a causa di gioco violento, rischia di perdere lincontro a tavolino rimanendo solo in quattro ad essere disponibili. A salvare la situazione e ad essere accolto come un eroe per ci pensa il comico e attore Bill Murray (nel ruolo di stesso). Mancano 10 secondi alla fine e gli alieni sono in vantaggio di 1 punto. MJ, Bill Murray, Bug Bunny, Lola Bunny e Daffy Duck gli atleti rimasti in campo per la squadra dei Looney Tunes. Quei pochi secondi rimasti in scorrono velocemente, la palla arriva a Jordan posizionato a centrocampo. Solo 2 secondi alla fine ma Ma per scoprire chi vincer mettetevi sul divano e con del buon pop-corn gustatevi questa pellicola in ottima compagnia. Buona Visione! Vincenzo Vitale

Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Editing Grafica: Giuseppe Vecchione e Silvana Ventriglia Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo 2013 - Universit Parthenope di Napoli - Facolt di Scienze Motorie Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Seguici anche su Facebook sulla nostra pagina FATTO DI SPORT per rimanere sempre aggiornato.

19