Sei sulla pagina 1di 3

La mia trib La mia Trib: storie autentiche di Indiani d'America" di Raffaella Milandri (edito da Polaris, 2013) ricco di bellissime

e immagini e di storie incredibili ma vere. E conferma, dopo solo un anno e mezzo dalla uscita de "Io e i Pigmei" (Polaris, 2011), la Milandri come valida autrice di opere sui popoli indigeni, e acuta testimone di violazioni dei diritti umani di questi popoli , che sono molto spesso specchio e conseguenza della nostra civilt occidentale. La mia Trib, presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino 2013, raccoglie incontri e interviste della autrice, che svelano importanti testimonianze sulle condizioni di vita attuali dei Nativi Americani ; ma anche rivelazioni sul passato attraverso lo studio di 10.000 pagine degli archivi statunitensi e del BIA. Dal Dawes Act, alla Legge dei Quarti di Sangue, alla sterilizzazione forzata delle donne Native Americane negli anni '70, raccontata alla autrice da testimoni viventi. Le lettere degli agenti indiani bianchi che gestirono le riserve rivelano la loro corruzione, il loro razzismo e le loro opinioni sul "problema indiano". Raffaella Milandri ha modo di scoprire i grandi problemi di oggi nelle riserve indiane: suicidi, alcolismo, disoccupazione e discriminazione ma anche "perch nelle riserve indiane non ci sono banche n Mac Donalds". Attraverso cerimonie, rituali normalmente esclusi ai Bianchi, e amicizie profonde, Raffaella Milandri viene adottata nella stessa famiglia Crow, i Black Eagle, dove il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama fu adottato nel 2008. Sister di Obama, sorella di Obama come la chiamano nella riserva Crow e su alcuni giornali statunitensi. Un libro avvincente, imperdibile e rivelatore sui Nativi Americani che ne racconta anche leggende, tradizioni e folklore. "Un sentimento dominante nel libro il senso di colpa per il peccato di essere bianchi", dice Raffaella Milandri, donna bianca e membro adottivo della trib Crow. Le chiediamo il perch del suo smisurato amore per i Popoli indigeni. "Tutto iniziato quando ero bambina e leggevo i fumetti di Tex Willer, dalla parte degli Indiani. Tra l'altro ho avuto la fortuna di avere una amicizia proprio con il compianto editore di Tex, Zagor, Mister No: Sergio Bonelli, da cui ho appreso lo spirito per l'avventura, ma anche il senso di responsabilit di essere cittadina del mondo e la volont di lottare contro le ingiustizie. I miei contatti con i popoli indigeni ai confini del mondo mi hanno arricchito tantissimo, loro s che hanno lo spirito e le caratteristiche dell'Uomo, e hanno una nobilt che ancora il denaro e l'avidit occidentale non sono riusciti ad intaccare. Vanno protetti e salvati, come ultimo patrimonio dell'Umanit." Ecco il commento al libro La mia Trib di Dario Celli, giornalista Rai del TG2 : Ci sono molte cose che colpiscono il lettore leggendo queste pagine. Ma quella che mi ha colpito di pi la capacit di Raffaella Milandri di immergere chi legge in una realt - quella dei Nativi americani- che mal conosciamo. Ma non solo. Ci sono pagine - e sono molte - che commuovono. Termine che letteralmente significa mettere in movimento. Sono pagine che toccano cuore e mente. Bene ha fatto, fra le righe (ma nemmeno poi tanto) Raffaella Milandri, a ricordare che la lotta di sopravvivenza dei Nativi americani non fu semplicemente fra coloro che abitavano quelle terre da millenni, e gli americani, ma che nella realt stata semplicemente una guerra fra i Nativi americani e l'uomo bianco. E cio noi. La mia Trib: storie autentiche di Indiani d'America aiuta a capire, a conoscere, ad immergersi

in un mondo che l'uomo bianco (e cio noi) ha cercato di annientare e sottomettere. Ma descrive anche l'orgoglio e la speranza di un popolo che riesce a conservare e tramandare la propria umanit e le proprie tradizioni, in nome della convivenza e della pace. Al punto di adottare, di accettare in famiglia, una donna entrata nella loro vita in punta di piedi. Messaggera venuta da un Paese lontano. Ecco l'opinione al libro di Raffaella Milandri sui Nativi Americani del giornalista e scrittore Fabrizio Buratto: La mia trib tante cose insieme: un punto di vista sul mondo, su se stessi e sul senso di appartenenza. Tu da quale parte stai? Sembra domandare Raffaella Milandri al lettore. La sua una scelta chiara e consapevole, storicamente documentata: lei ha scelto gli indiani, come fece de Andr nell'album che aveva in copertina la immagine di un indiano d'America. E gli indiani hanno scelto lei, accogliendola nella loro trib. Se, con l'11 settembre, siamo stati tutti americani, questo libro pu aiutarci a capire perch siamo tutti indiani. Dice Irene Cabiati nella sua recensione su La Stampa: Ecco la nuova inchiesta della viaggiatrice solitaria , dopo quella condotta in Camerun fra i pigmei, etnia umiliata dalla popolazione bant, pi numerosa e potente. Anche in quelloccasione aveva condiviso la vita degli indigeni di 14 villaggi, seguendo il filo della ricerca che la porta ad avvicinare i pi deboli per documentare le discriminazioni razziali e dar voce ai popoli in via destinzione. Questa volta racconta storie autentiche di Indiani dAmerica: ha vissuto con la trib dei Crow, condividendo la quotidianit, le cerimonie, le riflessioni. Ha indagato sulla loro storia ( e su quella dolorosa e ancora attuale, purtroppo, di altre trib) secondo lo stile con cui ha deciso di viaggiare. Non soltanto per osservare ma per approfondire e raccontare. E diventata cos popolare che gli indiani lhanno adottata : Sono diventata Raffy Black Eagle dice - Poco prima era successo a Barack Obama (Barack Black Eagle). Dunque ora io e Barack siamo fratelli. Si legge nella recensione di Qlibri: Il lavoro di Raffaella Milandri e' imponente. Una parte del libro consiste in un approfondito resoconto storico delle vicende dei Native Americans, con la narrazione delle tradizioni indiane: dalla spiritualita' alle medicina, dalle feste rituali alla famiglia, l'importanza dei nomi, la sacra pipa, il potere delle erbe, il tipi, il rodeo e le leggende. E poi segue la viva testimonianza di Raffaella che racconta il suo viaggio nelle riserve indiane e la sua peculiare adozione nella trib dei Crow. Ricchissimo il testo di splendide fotografie, alcune scattate dall'obiettivo dell'autrice, alcune altre d'archivio, segnaliamo inoltre che le note di chiusura riportano un folto inventario dei documenti alla fonte delle notizie riportate. Riteniamo l'opera molto approfondita, interessante ed esaustiva, nonch un notevole lavoro di denuncia. E ancora una nota della scrittrice e giornalista Antonella Roncarolo: E' doloroso constatare quanto patrimonio umano, culturale e spirituale sia andato quasi del tutto perduto attraverso il genocidio dei Nativi americani perpetrato nei secoli scorsi. Nel suo ultimo libro, Raffaella Milandri - Baa kuuxsheesh, "Aiuta gli altri", - con rigore storico, passione e umanita' ci mostra, senza censure, ci che resta di questo patrimonio culturale e ce ne fa dono perche' esso non vada perduto per sempre.

NOTE BIOGRAFICHE DI RAFFAELLA MILANDRI Fotografa umanitaria e scrittrice(Io e i Pigmei, Polaris 2011 e La mia Trib, Polaris 2013), attivista per i diritti umani dei popoli indigeni, viaggiatrice solitaria, usa le sue foto, libri e filmati come strumento di sensibilizzazione e mezzo di denuncia di ingiustizie e violazioni dei diritti umani. Per i diritti umani dei popoli indigeni, porta avanti campagne e petizioni in favore di boscimani, pigmei e altri popoli vittime di ingiustizie e a rischio di estinzione , divulgando scottanti inchieste . Attualmente Raffaella Milandri sta portando avanti una petizione per la Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni con il supporto di diversi Lions Club. Si impegna in campagne informative sul turismo responsabile nei Paesi in via di sviluppo. I suoi viaggi sono sempre spartani ed estremamente avventurosiVarie le sue partecipazioni televisive e radiofoniche : con Maurizio Costanzo sia su Rai Uno che su Rai Due , su Rai Tre a Alle falde del Kilimangiaro e telegiornale , su Rai Due a TG2 Insieme , su Radio Uno, Radio Due, etc etc . Numerosi gli articoli sui suoi viaggi, su quotidiani e riviste . I suoi viaggi in solitaria la hanno portata a vivere con gli Innuit sui ghiacci, cercare acqua con i Boscimani nel Deserto del Kalahari , esplorare la foresta pluviale con i Pigmei ed, infine, a essere adottata in una trib di Nativi Americani. Il nuovo viaggio della viaggiatrice in solitaria Raffaella Milandri si preannuncia estremamente periglioso: meta, la Papua Nuova Guinea, ad agosto 2013. Sar possibile seguire il viaggio della Milandri in diretta su facebook a questo link: https://www.facebook.com/groups/viaggioindiretta/?fref=ts