Sei sulla pagina 1di 4

Saturno- Crono: il signore del libero arbitrio, del karma e del tempo

di Anna Maria Piantanida

Crono, figlio di Urano e di Gea; Saturno il nome che assunse nel passaggio dalla fase greca a quella romana. La mitologia ci narra che Urano, dio del cielo, ogni notte si univa alla sua sposa Gea, la terra e la fecondava. Urano per non accettava i suoi figli e li nascondeva in grotte e caverne impedendo loro di vedere la luce. Gea, molto addolorata da tale comportamento, non tollerava pi di vedere i suoi figli ricacciati nel suo interiore pietroso. Cos decise di vendicarsi e ne parl con i suoi stessi figli. Il pi giovane tra questi, Crono, promise che avrebbe punito il padre. Fu cos che una notte, quando Urano si avvicin a Gea per unirsi a lei, Crono usc dal nascondiglio e lo evir con la falce donatagli dalla madre. Dal sangue caduto a terra nacquero le Erinni, i Giganti e le Ninfe, che dettero inizio ad una stirpe umana. Dal membro reciso e gettato nel mare nacque Afrodite, fu cos che Crono divenne il nuovo signore del cielo, si spos con la sorella Rea, una divinit della terra come la madre e dalla loro unione nacque la prima generazione degli dei dellOlimpo: Estia, Demetra, Era, Ade, Poseidone e Zeus. Un giorno per un oracolo gli predisse che avrebbe subito la stessa sorte del padre, da lui detronizzato. Crono per paura che ci si avverasse decise allora di ingoiare tutti i suoi figli, divorandoli. Ma Rea, prima di partorire Zeus, chiese aiuto ai suoi genitori, Urano e Gea, per salvare questo figlio e ricevette un suggerimento. Avvolse una pietra con delle fasce e la diede a Crono lasciandogli credere che al suo interno vi fosse il neonato Zeus. Crono lo divor ignaro, e cos Zeus fu salvo. Quando poi Zeus crebbe, riusc a far risputare al padre tutti i figli che aveva trangugiato, e insieme a loro gli mosse guerra. Dopo dieci anni, Zeus aiutato da fratelli, dai Giganti e dagli Ecatonchiri, vinse; quindi Crono e tutti i suoi fratelli Titani che lo avevano aiutato nella guerra furono incatenati nel Tartaro, mentre Zeus prese il posto del padre. Dopo una sofferenza durata tre generazioni, Zeus fu il figlio che interruppe lo schema anzich uccidere o ferire il padre, si limit ad allontanarlo. Crono trascorse un lungo periodo di isolamento e di dolore, al termine del quale, secondo unantichissima tradizione orfica, padre e figlio si riconciliarono e Crono pose la sua sede nellisola dei Beati. Qui si trasform in un re buono, dedito alla prosperit del suo regno, un dio dellagricoltura che governava con saggezza ed equilibrio. Per la tradizione latina Crono, dopo essere stato cacciato dal cielo da Zeus, trov asilo presso il re Giano e qui diede leggi alle genti, giustizia e pace. Ebbe la sua dimora in Campidoglio e cera un tempio in cui la statua di Saturno era addirittura impastoiata nelle catene, perch i Romani non volevano che lasciasse mai Roma, oppure perch si ricordava cos il periodo in cui Zeus lo aveva imprigionato. Il suo regno coincise con la cosiddetta et delloro. Dal suo nome lItalia fu detta Saturnia Tellus e la gente d Italia Saturnia Gens; feste in suo onore erano i Saturnali che venivano celebrate dal 17 al 24 dicembre di ogni anno. Saturno il secondo pianeta per grandezza dopo Giove ed il sesto per distanza dal Sole, lultimo dei pianeti utilizzati dallastrologia antica e quindi visibile ad occhio nudo. Astrologicamente i cicli di Saturno scandiscono le tappe pi importanti nella vita delluomo, quei passaggi cruciali in cui si fatalmente spinti a conquistare maggiore autonomia ed a svincolarsi dai legami famigliari. Per questa ragione il pianeta viene definito il Grande Signore del Tempo. Allet di 7 anni esso si trova per la prima volta quadrato a s stesso ed infatti a questa et coincide lincontro con le prime regole sociali e si chiude una prima fase dellinfanzia. Tra i 14 e 15 anni Saturno per la prima volta opposto a s stesso e questo coincide con ladolescenza, un periodo di forti contrasti, che prelude ad una trasformazione, una crisi di identit ed una spinta alla ribellione. A 21 anni nuovamente quadrato a s stesso, e questo coincide con il primo ingresso nel mondo adulto, nuove responsabilit, nuove prospettive. A 29 30 anni si verifica il primo ritorno di Saturno e si chiude il primo ciclo. Il bisogno di autonomia e di autorealizzazione diventa 1

impellente, come per molti il bisogno di avere una discendenza o di avere una carriera importante. In questa fase si possono verificare vere e proprie crisi esistenziali. Il secondo ciclo si concluder a 59 anni, con il secondo ritorno di Saturno, da come andr questo delicato passaggio dipender principalmente da come si lavorato durante lintero ciclo, e di come si affrontata la crisi che solitamente si presenta intorno ai 45 anni, con la seconda opposizione si Saturno a s stesso. Questo il tempo che segno la fase pi matura della vita, o terzo ciclo di Saturno, questa let del raccolto, dove possibile rinascere a una nuova vita, con tutta la ricchezza che deriva dallesperienza. Saturno il signore del Capricorno e la sua stagione linverno, quando uno strato di gelo riveste il seme apparentemente privo di vita, con il solo scopo di proteggerlo ed aiutarlo a superare la durezza della stagione, in attesa che giunga la primavera e risvegli la vita che era solo sopita. Saturno non un pianeta facile. La luna provvede al nutrimento,Giove corrobora, Nettuno ci fa sognare, Saturno, nel tema natale, ha la funzione di dare una struttura allio, sul piano fisico, psicologico e morale. Il nostro scheletro e le ossa sono sotto il dominio di Saturno, poich senza le ossa il nostro corpo non sarebbe in grado di rimanere unito n di muoversi, possiamo dedurre che Saturno , rappresenta un'energia che solidifica e consolida. Anche l'autorit sotto il dominio di Saturno e molte persone odiano la disciplina imposta da altri. Perch questa disciplina? E` importante capire che essa non punitiva - senza ordine non potremmo funzionare come societ. Cos come i bambini fino ad et maggiore hanno bisogno di disciplina per capire cosa lecito e cosa va evitato, noi abbiamo bisogno di capire che il vero scopo dell'autorit e della disciplina esteriori incoraggiare ognuno di noi a sviluppare autorit e disciplina INTERIORI. In altre parole, dobbiamo imparare a disciplinare noi stessi ed proprio questo il compito principale di Saturno. Saturno anche il pianeta che contribuisce a forgiare il sistema morale personale, in modo che, dopo aver interiorizzato il concetto di autorit, ognuno sia chiamato a finalmente assumersi la piena responsabilit delle proprie scelte e del proprio agire, secondo coscienza. Questo pianeta condiziona quel grado di sviluppo che porta l'essere umano, col suo libero arbitrio al rifiuto o alla scelta, all'accettazione cosciente dell'occasione. Il Signore del Karma scatena la CRISI dell'esistenza e la REALIZZAZIONE dei DOVERI sull'UMANITA'. "offre l'occasione di decidere i mutamenti necessari e demolisce ci che vincola la libera espressione dell' anima". Saturno d forma alla nostra realt e la cristallizza. E` interessante notare che i cristalli in natura cadono sotto il dominio di Saturno. Molte delle nostre angosce spesso nascono dalla paura di cambiare, di mettere in pericolo lo status quo e di perdere qualcuno o qualcosa a noi caro. Volere una realt solida per noi stessi umano, ma rifiutare il cambiamento tentando di cristallizzare la nostra vita assurdo! Anzitutto non possibile perdere per sempre ci che veramente ci appartiene. In secondo luogo, quando lasciamo questa incarnazione, l'unica cosa che portiamo con noi la nostra consapevolezza. Dunque, Saturno il Signore del Tempo ed il Signore del Karma. e contrariamente alle definizioni popolari, il concetto di Karma va oltre la punizione - solo un'energia impersonale che si occupa di restituire ci che abbiamo seminato. Quindi, se abbiamo seminato con integrit e disciplina, non avremo nulla da temere. Al contrario, Saturno non quindi un malefico - semplicemente un grande maestro della realt terrena e ci insegna come gestirla al meglio. Se ignoriamo i nostri doveri e le nostre responsabilit, se crediamo di fare i furbi fregando il prossimo e facendola franca, stiamo solo facendo i conti senza l'oste. Ecco che Saturno viene concepito come un'energia malefica perch agisce da famoso "oste" che fa i conti per noi. Ne consegue che solo chi ha paura della disciplina e delle responsabilit e tenta di evitarle ad ogni costo ha motivo di temere Saturno. Con qualsiasi pianeta personale esso venga in contatto, si far 2

sentire in termini di freddezza, carenza, frustrazione, rinuncia. Le caratteristiche di cui portatore sono infatti autocontrollo, prudenza, razionalit, paura, blocco delle emozioni ed anche i suoi lati pi piacevoli hanno in s una pesantezza poich fanno riferimento a concetti quali lautodisciplina, il senso del dovere ecc La sua posizione per segno e per casa indica quei settori della vita nei quali lindividuo tende a sentirsi limitato nella sua libert di esprimersi, tende ad essere inspiegabilmente frustrato o a dover affrontare delle difficolt. Saturno legato alle grandi prove, a quelle circostanze che spesso non risultano dipendere da debolezze o colpe del soggetto in esame, ma che inspiegabilmente si verificano anche per questo viene chiamato il signore del Karma. Il fato fondamentale rimane che gli esseri umani non conseguono il libero arbitrio se non attraverso la coperta di s stessi e non conseguono questa scoperta finch le cose non diventano cos dolorose da non lasciar altra scelta che crescere. In altre parole lessere umano pu guadagnarsi la libert solo se prima disposto a conoscere s stesso, e pare non esserci nulla al mondo che stimoli questa esplorazione interiore pi di quanto la frustrazione, di cui Saturno grande conduttore. Spesso le lezioni possono essere faticose, sicuramente molto impegnative, a volte Saturno opera attraverso malattie, lutti o perdite di vario tipo. Ma se si riesce a leggere la lezione evolutiva, il messaggio cifrato che queste esperienze vogliono insegnarci, ci renderemo conto che ad esse sono legati i pi importanti momenti della nostra maturazione, crescita personale e raggiungimento di traguardi importanti, in termini della nostra auto- individuazione, luomo fa ancora molta fatica ad accettare la responsabilit del proprio destino, ossia il vero concetto di libero arbitrio. Eppure la libert qualcosa che possiamo apprezzare solo se abbiamo prima introiettato una vera struttura, una solidit ed un senso morale, che solo Saturno con le sue prove pu donarci. Questo pianeta si incarica di creare quelle solide basi da cui possibile elevarsi nel viaggio verso la propria indipendenza, autonomia ed autorealizzazione. Il suo glifo la rappresentazione di una falce che sovrasta la croce della materia, la stessa falce con cui evir il padre Urano. Ci pone laccento su concetti di perdita e separazione, che gli valgono ben la fama di grande potatore dello zodiaco, per egli elimina soltanto ci che non pi necessario allevoluzione ed alla crescita dellindividuo. Le sue sedi sono Capricorno, dove ha il domicilio primario, e Acquario dove ha il domicilio secondario. Entrambi i segni ospitano Saturno e Urano insieme, anche se il loro ordine di priorit invertito. Questo ci suggerisce che per quanto diversi, questi due pianeti possono e devono funzionare insieme, in quanto non possibile raggiungere la libert di cui Acquario si fa promotore, se prima non si introiettata una solida struttura. Viceversa non possibile raggiungere una piena autonomia e autorealizzazione (che sono i progetti del sole in Capricorno) se prima non si sono tagliati i ponti con il passato e con tutte le dipendenze, come vuole Urano. Saturno perci ci ricorda che tutti gli ostacoli apparenti sul nostro sentiero sono opportunit per una crescita psichica. Essi devono essere ben accetti dalla nostra volont e benedetti dal nostro cuore. Pur indicando successi o fallimenti passati i nostri schemi planetari mostrano che tipo di risorse sono disponibili o hanno bisogno di sviluppo, sia in questa vita che in quella prossima, per mezzo dellapplicazione della nostra volont. La nostra carta natale o oroscopo che contiene questi schemi planetari non perci una causa per un fallimento o successo futuro pi di quanto il nostro diploma della scuola superiore sia una causa per il nostro fallimento o successo nella vita. Sia la nostra carta natale che nostro diploma di scuola indicano lallenamento mentale da esperienze di apprendimento di diversi tipi e su vari livelli. Tutti sono soggetti al cambiamento attraverso lapplicazione del nostro libero arbitrio. Di conseguenza i nostri ideali e attivit liberamente scelti in questo sistema stellare possono esaudire o rovinare lo scopo della nostra anima. Al bisogno speciale o alla nicchia unica che Dio ci ha assegnato da riempire potr e sar -- alla fine -- fatto fronte. Di questo ne possiamo essere certi. 3

Per possiamo ritornare alla Luce adesso o possiamo prendere tempo e andare via a mani vuote (anche se non per sempre). Se usiamo i nostri ostacoli o opportunit per ritornare dallUno molto presto o molto pi tardi, la scelta sempre nostra e solo nostra. Perci, come anime, sebbene separati per un certo periodo, noi siamo destinati a ritornare dal nostro Fattore. La nostra VOLONT il fattore, insieme alla Grazia divina, che possiamo usare, specialmente con laiuto di preghiera e meditazione in una vita di servizio per gli altri, per riportarci a Dio, alla Prima Causa. Allora possiamo identificarci come degni di essere UNO CON il Tutto eppure consci della nostra unicit come parte del Tutto. Tutte le anime condividono questo destino e questo scopo.