Sei sulla pagina 1di 12

n

A Maria

Non treccia d'oro, non d'occhi vaghezza,


non costume reai, non leggiadria,
non giovanetta et, non melodia,
non angelico aspetto n bellezza
pot tirar dalla sovrana altezza
il re del cielo in questa vita ria,
ad incarnare in te, dolce Maria,
madre di grazia e specchio d'allegrezza:
ma l'umilt tua, la qual fu tanta,
che pot romper ogni antico sdegno
tra Dio e noi, e fare il cielo aprire.
Quella ne presta dunque, Madre santa,
sicch possiamo al tuo beato regno,
seguendo Lei devoti, ancor salire.
Giovanni Boccaccio

Esoterismo moderno
M assimo Scaligero

L opera e il pensiero di Rn Gunon


Prendere contatto con lopera di Rn Gunon come entrare in
un mondo di ordine, di chiarezza, talora di trasparenza: nellindagine
verso lo spirituale vi richiamato un metodo che ricorda quello mate
matico e che procura allAutore lassenso dei pi seri ricercatori, venen
do egli peraltro considerato in taluni ambienti della pura cultura il
pi grande orientatore verso la scienza della Tradizione.
A chi non abbia una qualche esperienza del conoscere metafisi
co , questopera d subito lidea di una sfera in cui gli sarebbe dato
incontrare il proprio principio cosciente; mentre chi una simile esperienza
possa in un certo modo cominciare ad avere, vi trova proiettato in di
stinzioni concettuali singolarmente precise il valore allusivo della co
noscenza: trova che Gunon ha una particolare capacit di discriminare
il metafisico dal fisico, lInfinito dallindefinito, lUniversale dallindi
viduale; ci, tuttavia in sede puramente dialettica, ossia mediante rap
presentazioni che possono essere preliminarmente utili, ma che da un
punto di vista pratico metodologico non fanno certo avanzare dun pas-*
* Pubblicato in due parti nei numeri 1 e 2 della rivista lmperium, maggio-giugno,
1950, pp. 13-14, 31-32, larticolo di M.S., qui riproposto nella sua interezza, si segnala,
oltre che per i contenuti una serena critica al tradizionalismo guenoniano ed evo
cano per il particolare contesto in cui vide la luce. In quegli stessi fascicoli del mensi
le diretto da E. Erra trovavano infatti spazio orientamenti spirituali diversi, se non
antitetici, aventi in Evola e Scaligero i punti di riferimento pi rappresentativi. La pa
cifica convivenza di tali polarit traeva evidentemente origine dal terreno comune della
stima e del fine conoscitivo perseguito con disinteressata lealt. Non difficile ravvisa
re a fondamento di tale lealt lassenza di intellettualismo, di personalismo e quindi la
dimensione verticale dellautentica ricerca interiore. (N.d.R.).

17

so oltre il mondo delle parole, verso quelluniversale, verso quel meta


fisico.
*

In tale direzione, leggendo la sua opera Considerazioni sulla via ini


ziatica (recentemente edita in Italia a cura dei fratelli Bocca di Milano,
grazie allottima traduzione di Corrado Rocco, cui si deve altres la in
troduzione) troviamo questa sintesi che pu veramente considerarsi il
nucleo della sua esperienza interiore: Finch la conoscenza si limita
al mentale, non che una semplice conoscenza per riflesso, come quella
delle ombre che vedono i prigionieri della caverna simbolica di Platone,
dunque una conoscenza indiretta e del tutto esteriore; passare dallom
bra alla realt, colta direttamente in se stessa, passare proprio dall este
riore all interiore, ed anche, dal punto di vista in cui pi particolar
mente ci poniamo qui, dalliniziazione virtuale alliniziazione effettiva.
Questo passaggio implica la rinunzia al mentale... .
Ora, se limmagine della irrealt della conoscenza riflessa rispetto
alla realt della conoscenza diretta effettivamente giusta, non tutta
via possibile dedurre da essa quella del passaggio dalla iniziazione vir
tuale alla iniziazione effettiva: questo passaggio da simile conoscenza
semplicemente cominciato, non realizzato; n veramente si tratta di
rinunzia al mentale, bens di un possesso immediato, originario, della
forza che si esprime nel mentale e che luomo profano coglie soltanto
nella fase ultima del suo processo, allorch si pu dire de-realizzato .
Chi rinunzia al mentale, si svincola da una forza che, ai fini dellinte
grazione della personalit andrebbe posseduta alla radice.
Il Gunon invero scambia lesperienza del mentale liberato, o di
sincantato, con quella che prelude, in condizioni di ineffabilit, alla iden
tit con lAssoluto: vi dal punto di vista dellessere che compie il
ritorno qualcosa come una distanza tra due gradi, e la confusione tra
essi possibile proprio per i caratteri di grandiosit e di auto-afferma
zione interiore che si sperimentano al livello del primo allorch non se
ne conoscono a sufficienza il senso, la portata, il limite: per cui si ri
schia di credersi gi iniziati e di mostrare di esserlo, essendo presenti
soltanto taluni requisiti intellettuali fondamentali. Lacquisizione della
conoscenza metafisica pura non certo liniziazione, ma solo un primo

18

grado: allorch si realizza, si ha una condizione iniziale per lidentifica


zione con lAssoluto: esperienza che esige ben altri sviluppi in linea eso
terica (mentre pu darsi una identit, per cos dire parziale, sotto forma
di intellettualit posseduta come pura funzione ).
Ma proprio in rapporto alla comprensione del valore di tale intel
lettualit, percepibile il senso ultimo dellopera del Gunon: il vertice
della sua ascesa una trasparenza mentale non riconosciuta come tale,
ossia con limiti ancora umani , che si vedono funzionare allorch egli
scambia questa trasparenza con liniziazione effettiva e allorch, nella
sua opera, sentendosi necessitato a rimandare a un metodo, addita di
continuo una trascendenza e simultaneamente la Tradizione, anzi
una organizzazione tradizionale, dimenticando lindividuo in s tende
a ritrovare la scaturigine prima.
Utile la lettura di due opere del Gunon, Les tats multiples de
Vtre e Les princpes du calcul infnitsimal, per conoscerne la mirabile
sottilit di pensiero, ma anche il limite. Il contenuto essenziale la insi
stente allusione al senso dellInfinito che esige un modo di conoscere
diverso da quello ordinario; e riguardo a ci non si pu non essere con
cordi; ma riguardo al cosmo spazio-temporale che in verit un finito
indefinitamente misurabile, strano che il G. non riesca a rendersi con
to come ogni ulteriorit della serie indefinita non altro che il movi
mento concettuale del nostro pensiero applicato alla rappresentazione
di essa. Solo il nostro normale pensiero, infatti, pu concepire una uni
t di pi del pi alto numero raggiunto, ed esso solo giunge a un limite
che semplicemente pensato e che supera soltanto dialetticamente, os
sia con ulteriori pensieri.
*

Ora sembra che non diversamente il G. giunga allidea dellInfini


to, il quale, cos mentalmente raggiunto, rimane sempre unastrazione:
la logica acuta dellAutore al massimo giunge alla trasparente purezza
di una simile astrazione, rimanendo nella sfera delle concezioni mentali
e trasferendo lInfinito a una trascendenza pensata non diversamente
da come ha pensato il finito: simultaneamente per un incompleto pos
sesso della genesi metafisica del pensare chiamato in causa egli mo
stra la irrilevanza della originaria appartenenza di questo pensare alla

19

stessa universalit che con vocazione metafisica ricerca e che concettual


mente esclude dalla sfera delle proprie possibilit.
E tentiamo spiegarci: allorch si giunge a una trasparente astrazio
ne circa un oggetto, si rivela inequivocabilmente il limite della propria
conoscenza, se non si mostra di intendere che latto conoscitivo, ossia
la percezione sovrasensibile delloggetto^ si compie non certo mediante
un pensato (che la conoscenza per riflesso di Gunon) ma me
diante lessenza e il moto medesimo del pensare che, posseduto nella
fase pre-dialettica, reca in s la stessa intima vita delloggetto e, a pre
scindere da questo, rivela la sua immediata conformit allUniversale e
allInfinito da cui trae direttamente la sua legge (cui luomo normale in
consapevolmente contravviene di continuo prevaricando con la sua li
mitata egoit). Il Gunon alla luce di una vera conoscenza
effettivamente rivela la incompiutezza della sua visione sopra-mentale
allorch distingue da una parte un pensare limitato e dallaltra un tra
scendente accessibile per una via che elimina il pensare, per il fatto che
non ne sa rimuovere i limiti; mentre la distinzione egli la opera proprio
mediante un tale pensare.
Nelle due opere citate evidente che egli concepisce la molteplici
t il finito, il movimento, come qualcosa a s stante, in s circoscritto,
in quanto si trova nel suo ordine , che per illusorio se non riferi
to a un principio superiore, trascendente (quale il motore immobile
di Aristotile). Ora, chiediamo: quale trascendenza, quale principio su
periore? La questione in effetto sembra impostata non da un esoterista,
ma da un filosofo della dialettica esoterista, ossia come se la trascenden
za e la realt cosidetta esteriore si stessero di fronte separate luna dal
laltra e luomo fosse un terzo termine in atteggiamento di acquiescenza
o di denegazione.
Come fa il Gunon a dare direzioni circa lortodossia iniziatica, quan
do non si*rende conto del senso ultimo che ha lagnosticismo delluomo
moderno e quando pone la questione della trascendenza con un modo
di pensare che si dice esoterico ma che parte da una basilarit incoscien
temente tessuta di tale agnosticismo? Perch la questione della trascen
denza posta solo dalluomo che non ha pi conoscenza; la molteplicit
tale solo per luomo, la separazione un fatto che riguarda solo il per
cepire e il pensare delluomo; per cui la risoluzione di ogni dualit pos
sibile soltanto per chi tale dualit sperimenta e unicamente nella sede

20

in cui la sperimenta. Tale dualit non potr mai essere risolta lungo la
direzione di una dialettica filosofica o esoterica che la ritenga vera al
difuori deiruomo, n per la via interposta di un altro elemento dualizzatore, o scienza tradizionale, o rito, o yoga, o magia.
*

una via troppo facile questo esoterismo che non fa un passo oltre
il limite teologico-mistico, mentre pretende superarlo con una conoscenza
che da un lato allude discorsivamente a una via dellintellettualit pura
{e il G. vi insiste in ogni sua opera) e dallaltro mostra la sua insufficien
za, ossia il non aver afferrato veramente la intellettualit pura, col ri
mandare a una organizzazione tradizionale a una tradizione ossia
ad una nuova esteriore autorit. Come si vede, cambia la forma del li
mite, ma questo rimane identico. Il semplicismo di una tale direzione
spiega degli odierni spiritualisti che hanno bisogno di pretesti dialettici,
o tradizionali o rituali, per eludere il problema della libert metafisica,
e non affrontare radicalmente se stessi: la serie di quelli che giusta
mente un pensatore che non scrive chiama i chiacchieroni dello spiri
to , la cui funzione far ritardare se stessi e gli altri, mediante la
indefinit delle parole
Gunon mostra di non aver forze sufficienti per comprendere co
me il processo mentale che lo ha condotto alla chiara ideazione dellIn
finito, distolto dal suo oggetto, considerato in s, percepito in s, sia
la direzione stessa verso lInfinito. (E questa una chiave molto
rara, che pure si pu porgere senza atteggiarsi a maestri). Ma allorch
egli, non rendendosi conto di questa possibile direzione, per lasciare la
serie delle parole e passare allazione, si rivolge a una nuova mediazio
ne, del tutto esterna allideare puro messo in atto, in sostanza egli con
traddice le migliori acquisizioni del suo processo pensante, chiedendo
a una cosa tra le cose , a una esteriorit, ci che avrebbe dovuto chie
dere sino in fondo a tale pensare creativo.
Nella sua recente opera critica Maschera e volto dello Spiritualismo
contemporaneo (editore Laterza, Bari) J. Evola attribuisce al Gunon lidea
di una tradizione primordiale metafisica, di carattere non umano, i
cui elementi possono trovarsi attraverso tutto ci che negli insegnamen
ti, nei simboli, nei riti, nei dogmi o miti delle tradizioni storiche parti

21

colari suscettibile di essere elevato ad un significato di oggettivit e


di universalit . Ma anche riconoscendo la positivit di questa idea, a
J. Evola come a R. Gunon deve essere ricordato che nella costituzione
interiore delluomo moderno presente la frattura che gli fa apparire
la Tradizione come un esteriore corpus dottrinario-rituale e non come
una corrente di vita superumana nella quale gli sia dato immergersi per
re-vivere: neUuomo moderno vive Terrore che separa il trascendente
dal mondo dei sensi, cos che egli percepisca questo come privo di Divi
no; onde la ricongiunzione, la reintegrazione, non pu avvenire mediante
una forma di iniziazione che precede lepoca in cui tale errore divenu
to un fatto compiuto. Ogni tipo di iniziazione di altra epoca e ogni via
tradizionale che non siano assunte per riconoscere in s un individuo
antico , veramente psichico, depositario di tutto ci che in noi come
istinto veramente va superato e rettificato, contenendo in s le radici
di ogni misticismo senziente, di ogni ascetismo senza libert, o di ogni
pragmatismo magico, potenziano questo individuo antico ed escludono
il suo autonomo conoscitore, ossia il redentore , il principio cosciente
che per ora ha vita solo nelle ombre dei pensieri.
Ipnotizzare gli uomini col miraggio della tradizione e della orga
nizzazione ortodossa a trasmettere iniziazione, significa paralizzare
quella possibilit di liberazione e anche di conquista della libert che
per luomo attuale insita proprio nellessere egli giunto allultimo gra
dino della conoscenza, nellessere egli divenuto cosciente appunto l dove
gli Di, gli oracoli, i miti, le trasmissioni iniziatiche, non agiscono pi.
Un tale motivo da J. Evola effettivamente sentito: laspetto pi con
vincente della sua opera invero lesigenza della libert che invece manca
nel cosmo di R. Gunon, per il quale esiste un ordinamento trascenden
te del mondo e liniziazione la via perch luomo realizzi la conformit
a tale trascendenza, onde egli d uno schema iniziatico secondo tra
dizione recuperata dialetticamente, e senza dubbio nella forma pi or
todossa .
L'opera di Julius Evola e lAntroposofia di Rudolf Steiner
Nella concezione di J. Evola, rilevabile, sia pure in altra forma,
la dualit metafisica che si nota nel sistema guenoniano, allorch egli,

22

dopo aver mirabilmente costruito la teoria delT individuo assoluto


e chiarito lesigenza della libert metafisica, evoca, non col recare a fon
do il moto interiore iniziale (quello che gli permette di costruire dialet
ticamente e che in ci ancora non interiorit vivente ma soltanto riflessa)
bens per via di analogia e come tecnica per la realizzazione, un me
todo induistico quale quello dello yoga tantrico, che non ha nessuna
vera relazione con quel moto iniziale, anzi ne in un certo senso una
negazione .
Profonde sono le divergenze tra i due maggiori rappresentanti del
lesoterismo contemporaneo, Evola e Gunon. Dal nostro punto di vi
sta, tuttavia, pur riconoscendo in Gunon il grande ordinatore dottrinario
della Tradizione, troviamo che, riguardo al senso della greve atmosfera
tellurica in cui calato luomo moderno, il messaggio di Evola ha un
significato di estremo coraggio e di decisione, recando la possibilit di
un respiro pi vasto e pi puro: la sua rivolta, pur essendo conforme
in partenza alla predilezione delle forme antiche dello spirituale, pre
senta quella intensit e quellesclusivismo che soli possono valere per
luomo veramente moderno, privo ormai di provvidenze , di appog
gi, di consolazioni trascendenti, portato perci ad appoggiarsi unicamente
in se stesso e in se stesso a ritrovare il principio divino.
V peraltro tra Evola e Gunon qualche identit di posizione che
pu giovare a meglio comprendere il senso della dualit cui si accenna
to: per esempio, la critica giustamente rivolta da essi, rispettivamente
dal punto di vista della loro dottrina, contro aberranti forme dello spiri
tualismo contemporaneo, coinvolge anche lAntroposofia di Rudolf Stei
ner mediante argomentazioni che, per chi tale scienza spirituale ha
veramente inteso conoscere, non possono ritenersi decisive. LAntro
posofia infatti si presenta, a chi abbia termini precisi di paragone su
tale piano, come una via di interiore esperienza che conduce alla libert
senza salti in trascendenze pensate o in atti magici esterni al principio
cosciente, ignorando perci quella contraddizione ed esigendo che la sin
tesi di polo interiore e di polo esteriore della vita si attui entro lanima
delluomo, per sua intensiva volont e sua graduale dedizione, senza me
diazioni estranee e riconfermanti la dualit pi o meno consapevole.
Sembra che n ad Evola n a Gunon sia stato possibile considera
re in se stessa lopera di Rudolf Steiner: vi hanno proiettato il senso
da essi connesso a una terminologia effettivamente svisata dalla Teoso

23

fia moderna e che lo Steiner riusc a rettificare con un diverso uso di


essa: non hanno avuto difficolt ad accomunare lAntroposofia alla Teo
sofia, rivolgendosi ad identificare i luoghi in cui la serie delle parole
e perci delle rappresentazioni venisse meno alla ortodossia tradiziona
le, il che dire alla forma esteriore della tradizione, rinunciando cos
a rendersi conto se veramente in parole, per cos dire, inaspettate, non
fluisse la vivente essenza della Tradizione.
Non questa la sede adatta per dare di ci una dimostrazione. Pos
siamo soltanto rilevare che in nessuna delle opere dei due autori si fa
cenno alla funzione sottile di quella percezione dei sensi che fon
damentalmente connessa con tutto il sistema di vita e di pensiero del
luomo moderno. Rudolf Steiner chiarisce anche il senso di tale funzione
cos che sia dato, a chi vuole, per sua indagine diretta, scoprirne in s
il segreto. La percezione dei sensi non nulla di mayico o di illusorio:
essi agiscono giustamente, luomo ne fa un uso sensuale : non sono
un veicolo a cui occorra rinunciare, perch tale veicolo pu veramente
cogliere il Divino nella sua manifestazione: il modello esteriore ha una
ricchezza interiore che sottende infinitamente la finit di esso e luomo
ne ad esso il rivelatore.
LAntroposofia, fondando il suo metodo unicamente in vista di uno
svincolamento del principio cosciente centrale dalla necessit del corpo
e della coscienza ad esso relativa, cos che tale principio operi secondo
la sua libert, contempla luomo nelle condizioni in cui si trova in que
sto tempo, comprendendo tali condizioni come ultimo prodotto di una
storia cosmica la cui percezione sovrasensibile il contenuto stesso di
ci che nella Tradizione ha la sua immediata proiezione in forma rifles
sa; in pari tempo ha come obiettivo loperare su tali condizioni, sulla
base di quella percezione e della relativa conoscenza, cos da rimuoverle
e da togliere ad esse il carattere di limite: con ci essa la via delluomo
che riassuma in s tutte le esperienze, tutte le vie, tutte le tradizioni,
la via del figlio del tempo .
La Magia opera invece mediante unimmagine di ci che si vorreb
be essere secondo una conoscenza che nulla ha fatto per superare la co
scienza ordinaria, ossia con luso di contro-immagini prodotte da quello
stesso modo attuale di concepire e di pensare oltre il quale ci si vorreb
be portare. La mediazione che il tradizionalista chiede alla regola
del passato e il mistico alla sfera del sentire, il magista la chiede alla vo

24

lont, allo stato in cui , e pu, tuttavia, in simile direzione operare con
un certo vigore e con risultati tangibili. Ma quale che sia il risultato,
non si consegue al centro quello che essenzialmente importa; la libera
zione interiore.
Un titanismo in tal senso inevitabile. Si d un metodo in virt
del quale si dovrebbero cogliere le radici della individualit ma che, per
il fatto che salta a pie pari la percezione essenziale, la sostanza presente
dellessere umano, ossia la conoscenza di s, si allontana sempre pi dal
la possibilit di giungere a quelle radici.
La magia non pi Magia, lo yoga non pi Yoga a meno di
non riconnettersi con linsegnamento di uno Shri Aurobindo o di un
Ramana Maharshi, o compiere una conversione di tipo antroposofico la tradizione non pi Tradizione. Proprio per essere nella Tra
dizione, occorrerebbe essere liberi dalla tentazione che essa rappresenta
come attitudine a guardarla solo nella dimensione del tempo, e in quan
to retaggio dialettico-rituale, o come suggestione relativa allacquisizio
ne di una compiutezza che ormai, dopo questa ulteriore contaminazione
con il dominio della quantit e lultimo rovesciamento del rapporto
anima-spirito, si attuata come possibilit dormente (che chi vuole pu
destare) di immanenza assoluta, di spirituale solitudine, di essenziale
ritrovamento di s e, per usare un termine evoliano, di individualit
assoluta .
Si pu far rivivere la Tradizione se si capaci di contenerla come
valore, di non dogmatizzarla, di non volgersi indietro per vederla, di
non farsi medusare da essa. Ma la realt che E vola e Gunon han
no avuto lo specific compito di presentare alluomo moderno il volto
della sua caduta, e riguardo a simile impegno non esistono altri pensato
ri nel mondo attuale capaci di raggiungere una eguale potenza plastica
di rappresentazione e di evidenza ricordiamo la magistrali opere Le
Rgne de la Quantit di Rn Gunon e Rivolta contro il mondo moderno
di J. E vola ma sembra che n luno n laltro siano riusciti a presenti
re il mistero adombrato dalla espressione di questo volto, la sua cosmica
significazione, il senso impenetrabile della sua finale volont. Nel suo
Il Mistero del Graal, Evola, compiendo una mirabile evocazione di sim
boli e di miti intorno allenigma della pietra sacra, non giunse ad essa,
cos come Gunon si mostra assai lontano dallAgartha, pur compiendo
su esso lindagine pi sottile, nellopera II re del Mondo.
25

Fuori della via che eluda il pensare delluomo come funzione della
coscienza non pi posseduta riflessamente, ma in se stessa, la conoscen
za veramente ancora una lancia spezzata . N una immobilit tra
dizionale, n una esangue contemplazione, n un attivismo magico sono
sufficienti a saldare i due pezzi: sempre come impugnare un troncone,
credendo di disporre di tutto il potere dellarma.
In fondo la posizione di Gunon analoga a quella di Fichte:
il polo esteriore della vita, il dato, per Fichte idealmente riassorbito
nella funzione semplicemente ideale della libert autocosciente: per
Gunon Maya. La posizione identica: ambedue lasciano immutate
le condizioni dellesistere: per essi lUniverso rimane essenzialmente spez
zato in due, sia che lunit venga ricercata esclusivamente nella intro
flessione idealistica, sia in una mediazione esterna non diversamente
pensata.
La frattura profonda permane. Mentre Evola cerca di ricostituire
la lancia spezzata, lasciando il puro slancio iniziale del suo chiaramente
pensato individuo assoluto per passare, con brusca divergenza, al
lazione magica, ossia affidando il compito alla volont inconosciuta;
Gunon, che sente di non poter giungere a una effettiva realizzazione
con la sua intellettualit pura mancante della dimensione della liber
t, va da anni in cerca di una regolarit tradizionale, ossia di qualco
sa che sia una sorta di surrogato della sintesi con laltro polo della vita,
quello senza il quale nellesperienza terrestre il polo interiore stesso ri
mane senza vita, quello che egli non ha saputo vedere se non sotto
laspetto di Maya, quantitativo, finito, come peso del Kali-Yuga e del
mondo moderno.
Ma ogni contemporaneo ricercatore dello spirituale, ogni animato
dalla volont di ritrovarsi, non pu non conoscere lopera di questi due
grandi indicatori: la loro funzione sulla soglia della esperienza metafisi
ca necessaria e tanto pi creativa quanto meglio riesca ad essere preparatrice di un autentico passaggio oltre il limite che tale soglia costituisce.
Non a caso Evola ha presentato al mondo occidentale, in una sintesi
compiuta, la dottrina dei Tantra, che oggi nel mondo ascetico orientale
viene considerata lunica capace di condurre innanzi luomo oltre la te
nebra di questo tempo: ma anche dei Tantra la chiave una chiave per
duta, loccidentale pu ritrovarla soltanto mediante la conversione della
conoscenza con i mezzi stessi della sua conoscenza.

26

La concezione religiosa medievale


nel Poema dantesco
R udolf Steiner

Riteniamo doveroso presentare al pubblico italiano questa conferenza sinora


inedita di Rudolf Steiner, dedicata a Dante e alla sua concezione del mondo. Si
tratta di una delle numerose conferenze che Rudolf Steiner tenne nei primi tempi
della sua attivit all'interno della Societ Teosofica e che fu trascritta, come spesso
avveniva allora, solamente in forma di appunti, non nell'interezza del suo dettato.
Nella scarna semplicit dell'esposizione il lettore potr ravvisare l'intento di
ricondurre lo sguardo a quella sfera donde pot scaturire l'ispirazione del poema
dantesco, affinch nella libert dellindagine interiore se ne possa ripercorrere la ge
nesi, rivivendone il processo nell'attualizzarne i contenuti.
L interesse per la figura e l'opera di Dante rappresenta una sorta di termome
tro della vita spirituale italiana. A i momenti di maggior consapevolezza di s corri
sponde sempre un accresciuto interesse ed un pi fervido sentimento nei riguardi
dei tesori danima e di sapienza riposti nella creazione dantesca. Questo perch la
coscienza italiana riconosce in Dante, con una certa ovviet, il momento originario
del suo autonomo affermarsi, come spirito di libert, di fronte alluniversalit an
cora indistinta propria del mondo latino medievale.
Giovanni Gentile ci descrve in tratti marcati e con vibrante sentire questo
carattere peculiare del genio dantesco:
Tutta la poesia, tutta lattivit fantastica di Dante pu dirsi pretta
mente italiana. Come la lingua acquista in lui una potenza espressiva
prima ignota, tutti i luoghi e le memorie, la storia e le aspirazioni,
e le tradizioni e le speranze e i dolori d Italia sadunano nella luce
della poesia dantesca a formare l'immagine del bel paese, che parler
poi sempre alle anime delle future generazioni, del giardin dellimpe
rio ora diserto, e a rinverdire il quale Dante indirizza pi propria
mente la sua poesia, cio la sua filosofia. Nel suo pensiero la latinit
diventa italianit, e conscia del suo assoluto valore storico, si rivendi
ca e si afferma di contro alla Chiesa, che allora e poi sempre per secoli
avrebbe avversato tra noi, piantata nel cuore stesso d Italia, ogni rego
lare sviluppo delle nostra costituzione politica, ogni naturale espan
sione della nostra libert interiore L
1 G. Gentile, Storia della filosofia italiana fino a Lorenzo Valla, cap. IV.

27

Potrebbero piacerti anche