Sei sulla pagina 1di 12

N O R M A

Norma Italiana

I T A L I A N A

CEI

CEI EN 60034-16-1
Data Pubblicazione Edizione

1997-09
Classificazione

Prima
Fascicolo

2-21
Titolo

3388 R

Macchine elettriche rotanti

Parte 16: Sistemi di eccitazione per macchine sincrone


Capitolo 1: Denizioni
Title

Rotating electrical machines

Part 16: Excitation Systems for synchronous machines


Chapter 1: Denitions

APPARECCHIATURE ELETTRICHE PER SISTEMI DI ENERGIA E PER TRAZIONE

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AEI ASSOCIAZIONE ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

NORMA TECNICA

SOMMARIO
La presente Norma denisce i termini relativi ai sistemi di eccitazione di macchine elettriche rotanti sincrone. La presente Norma costituisce la ristampa senza modiche, secondo il nuovo progetto di veste editoriale, della Norma pari numero ed edizione (Fascicolo 1862).

DESCRITTORI
macchine elettriche rotanti; macchine sincrone; sistemi di eccitazione; denizioni;

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI


Nazionali Europei Internazionali Legislativi

(IDT) EN 60034-16-1:1995; (IDT) IEC 34-16-1:1991-02;

INFORMAZIONI EDITORIALI
Norma Italiana Stato Edizione Varianti Ed. Prec. Fasc. Comitato Tecnico Approvata dal

CEI EN 60034-16-1 In vigore Nessuna Nessuna 2-Macchine rotanti Presidente del CEI

Pubblicazione Data validit

Norma Tecnica 1992-9-1

Carattere Doc. Ambito validit

Europeo

in Data in Data

1992-7-8

Sottoposta a Gruppo Abb. ICS CDU

inchiesta pubblica come Documento originale 3


Sezioni Abb.

Chiusa in data

1991-9-30

LEGENDA

(IDT) La Norma in oggetto identica alle Norme indicate dopo il riferimento (IDT)

CEI - Milano 1997. Riproduzione vietata.


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente Documento pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi senza il consenso scritto del CEI. Le Norme CEI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione sia di nuove edizioni sia di varianti. importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione o variante.

INDICE GENERALE
Rif. Argomento Pag.

1 2 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 2.9 2.10 2.11 2.12 2.13 2.14 2.15 2.16 2.17 2.18 3 3.1 3.2 4 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6
Fig. 1 Fig. 2

OGGETTO GENERALIT Sistema di eccitazione .......................................................................................................................................................... Eccitatrice ...................................................................................................................................................................................... Regolazione delleccitazione ........................................................................................................................................... Terminali dellavvolgimento di campo .................................................................................................................... Terminali di uscita del sistema di eccitazione .................................................................................................... Corrente di campo nominale IfN .................................................................................................................................. Tensione di campo nominale UfN ............................................................................................................................... Corrente di campo a vuoto Ifo ....................................................................................................................................... Tensione di eccitazione a vuoto Ufo .......................................................................................................................... Corrente di campo di traferro Ifg .................................................................................................................................. Tensione di campo di traferro Ufg ............................................................................................................................... Corrente nominale del sistema di eccitazione IEN ........................................................................................... Tensione nominale del sistema di eccitazione UEN ........................................................................................ Corrente massima (o di ceiling) del sistema di eccitazione Ip ............................................................... Tensione massima (o di ceiling) del sistema di eccitazione Up ............................................................ Tensione massima (o di ceiling) a vuoto del sistema di eccitazione UPO ..................................... Tensione massima (o di ceiling) a carico del sistema di eccitazione UPL ...................................... Risposta nominale del sistema di eccitazione VE ............................................................................................. CATEGORIE DI ECCITATRICI Eccitatrice rotante .................................................................................................................................................................... Eccitatrice statica ...................................................................................................................................................................... FUNZIONI DI REGOLAZIONE Regolatore di tensione ......................................................................................................................................................... Compensatore della corrente di carico .................................................................................................................... Limitatore in sovraeccitazione ........................................................................................................................................ Limitatore in sottoeccitazione ......................................................................................................................................... Limitatore del rapporto tensione/frequenza o limitatore di flusso ...................................................... Smorzatore delle oscillazioni elettromeccaniche .............................................................................................. Determinazione della corrente di eccitazione a vuoto Ifo e della corrente di eccitazione di traferro Ifg ....................................................................................................... Determinazione della risposta nominale del sistema di eccitazione VE ..........................................

1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 5 5 5 5 5 5 5 6 7

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina iii

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina iv

OGGETTO
Questa Norma denisce i termini relativi ai sistemi di eccitazione di macchine elettriche rotanti sincrone.

GENERALIT Sistema di eccitazione


Apparecchiatura che fornisce la corrente di campo di una macchina inclusi tutti gli elementi di regolazione e controllo come pure gli apparecchi di diseccitazione o scarica del campo ed i dispositivi di protezione.

2.1

2.2

Eccitatrice
Sorgente di potenza elettrica che fornisce la corrente di campo alla macchina sincrona.
Nota Tale sorgente pu essere costituita, ad esempio, da:

una macchina rotante a corrente continua o a corrente alternata con i relativi raddrizzatori; uno o pi trasformatori con i relativi raddrizzatori.

2.3

Regolazione delleccitazione
Regolazione che modica la potenza di eccitazione in risposta a segnali caratteristici dello stato del sistema che comprende la macchina sincrona, la sua eccitatrice e la rete alla quale la macchina collegata.
Nota La grandezza regolata principalmente la tensione della macchina sincrona.

2.4

Terminali dellavvolgimento di campo


Ubicazione dellingresso dellavvolgimento di campo della macchina.
Note: 1 2

Se vi sono spazzole ed anelli collettori questi sono considerati come facenti parte dellavvolgimento di campo. In una macchina senza spazzole ed anelli collettori (brushless) i punti di collegamento tra il raddrizzatore rotante e le estremit dellavvolgimento di campo sono i terminali dellavvolgimento di campo.

2.5

Terminali di uscita del sistema di eccitazione


Ubicazione delluscita dellapparecchiatura costituente il sistema di eccitazione. Questi terminali possono risultare distinti rispetto ai terminali dellavvolgimento di campo.

2.6

Corrente di campo nominale IfN


Corrente continua nellavvolgimento di campo della macchina quandessa funziona ai valori nominali di tensione, corrente, fattore di potenza e velocit.

CEI EN 60034-16-1:1997-09 12

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 1 di 8

2.7

Tensione di campo nominale UfN


Tensione continua ai terminali dellavvolgimento di campo della macchina necessaria per far circolare la corrente di campo nominale con lavvolgimento di campo a temperatura corrispondente al carico e alle condizioni nominali e con il uido refrigerante primario alla sua massima temperatura.
Nota Se alla macchina assegnato un ciclo di servizio tale che non si possa raggiungere una tempe-

ratura di regime dellavvolgimento di campo, allora UfN basata sulla temperatura massima che lavvolgimento di campo raggiunge nel ciclo di servizio.

2.8

Corrente di campo a vuoto Ifo


Corrente continua nellavvolgimento di campo della macchina necessaria per ottenere la tensione nominale a vuoto e alla velocit nominale (Fig. 1).

2.9

Tensione di eccitazione a vuoto Ufo


Tensione continua ai terminali dellavvolgimento di campo della macchina necessaria per far circolare la corrente di campo a vuoto con lavvolgimento di campo a 25 C.

2.10

Corrente di campo di traferro Ifg


Corrente nellavvolgimento di campo della macchina sincrona teoricamente necessaria per ottenere a vuoto la tensione nominale sulla caratteristica di traferro (Fig. 1).
Nota La corrente di campo di traferro il valore di riferimento per lutilizzo nei modelli matematici

di simulazione del sistema di eccitazione al calcolatore.

2.11

Tensione di campo di traferro Ufg


Tensione continua ai terminali dellavvolgimento di campo della macchina sincrona necessaria per far circolare la corrente di campo di traferro quando la resistenza dellavvolgimento di campo uguale a UfN/IfN.
Nota La tensione di campo di traferro il valore di riferimento per lutilizzo nei modelli matematici

di simulazione del sistema di eccitazione al calcolatore.

2.12

Corrente nominale del sistema di eccitazione IEN


Corrente continua ai terminali di uscita del sistema di eccitazione che il sistema stesso pu fornire in condizioni di funzionamento denite, tenute presenti le pi gravose esigenze di eccitazione della macchina (derivanti generalmente da variazioni della tensione e della frequenza di macchina).

2.13

Tensione nominale del sistema di eccitazione UEN


Tensione continua ai terminali di uscita del sistema di eccitazione che il sistema stesso pu fornire quando eroga la corrente nominale di eccitazione in condizioni di funzionamento denite. Questa tensione ha almeno il valore richiesto dal campo della macchina nelle pi gravose condizioni di eccitazione (derivanti generalmente da variazioni della tensione e della frequenza della macchina).

2.14

Corrente massima (o di ceiling) del sistema di eccitazione Ip


Massima corrente continua che il sistema di eccitazione pu erogare ai suoi terminali per un tempo specicato.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 2 di 8

2.15

Tensione massima (o di ceiling) del sistema di eccitazione Up


Massima tensione continua che il sistema di eccitazione pu fornire ai suoi terminali in condizioni denite.
Note: 1

Nei sistemi di eccitazione la cui alimentazione dipende dalla tensione e (se pertinente) dalla corrente di macchina, la natura della perturbazione della rete e gli specici parametri di progetto del sistema di eccitazione e della macchina sincrona inuenzano le grandezze di uscita del sistema di eccitazione. Per tali sistemi la tensione massima del sistema di eccitazione viene determinata considerando una caduta della tensione e (se pertinente) un incremento della corrente appropriati. Per sistemi di eccitazione che utilizzano una eccitatrice rotante, la tensione di ceiling denita alla velocit nominale.

2.16

Tensione massima (o di ceiling) a vuoto del sistema di eccitazione UPO


Massima tensione continua che il sistema di eccitazione pu fornire ai suoi terminali quando non caricato.

2.17

Tensione massima (o di ceiling) a carico del sistema di eccitazione UPL


Massima tensione continua che il sistema di eccitazione pu fornire ai suoi terminali quando esso eroga la corrente massima (o di ceiling) del sistema di eccitazione.

2.18

Risposta nominale del sistema di eccitazione VE


Tasso di incremento della tensione di uscita del sistema di eccitazione determinato in base alla curva di risposta del sistema di eccitazione, diviso per la tensione di eccitazione nominale (Fig. 2). Questo tasso di incremento, se rimanesse costante nel tempo, darebbe luogo alla stessa area tensione-tempo della curva reale durante il primo intervallo di tempo di mezzo secondo (o un diverso intervallo di tempo se specicato) D UE - S 1 V E = ---------------0 ,5 U fN
Note: 1

La risposta nominale del sistema di eccitazione denita con il sistema di eccitazione caricato su una resistenza uguale a UfN/IfN e su una sufciente induttanza in modo da tener ragionevolmente conto degli effetti della caduta di tensione e delle forme donda della tensione e della corrente. La risposta nominale del sistema di eccitazione denita con la tensione del sistema di eccitazione inizialmente uguale alla tensione di eccitazione nominale della macchina sincrona, dopo di che la tensione massima (o di ceiling) del sistema di eccitazione viene raggiunta rapidamente introducendo un segnale di errore di tensione a gradino di valore specicato. In sistemi di eccitazione la cui alimentazione dipende dalla tensione della macchina sincrona e (se pertinente) dalla corrente, la natura della perturbazione della rete, gli specici parametri di progetto del sistema di eccitazione e della macchina sincrona inuenzano le grandezze di uscita del sistema di eccitazione. Per tali sistemi la risposta nominale viene denita considerando una caduta di tensione e (se pertinente) un incremento della corrente appropriati. In sistemi di eccitazione che impiegano una eccitatrice rotante, la risposta nominale del sistema di eccitazione denita alla velocit nominale.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 3 di 8

CATEGORIE DI ECCITATRICI Eccitatrice rotante


Macchina rotante che riceve la potenza meccanica da un albero. Lalbero pu essere azionato dalla macchina sincrona o da unaltra macchina.

3.1

3.1.1

Eccitatrice a corrente continua


Eccitatrice rotante che impiega un commutatore e delle spazzole per erogare corrente continua.

3.1.2

Eccitatrice a corrente alternata


Eccitatrice rotante che impiega raddrizzatori per erogare corrente continua. I raddrizzatori possono essere controllati o non controllati.

3.1.2.1

Eccitatrice a corrente alternata con raddrizzatore statico Eccitatrice a corrente alternata con raddrizzatori la cui uscita collegata alle spazzole degli anelli collettori dellavvolgimento di campo della macchina sincrona. Eccitatrice a corrente alternata a raddrizzatore rotante (eccitatrice senza spazzole ed anelli collettori o eccitatrice brushless) Eccitatrice a corrente alternata con raddrizzatore che ruota sullalbero comune alla macchina sincrona e alleccitatrice, la cui uscita collegata direttamente, senza spazzole n anelli collettori, allavvolgimento di campo della macchina sincrona.

3.1.2.2

3.2

Eccitatrice statica
Eccitatrice che riceve la potenza da una o pi sorgenti elettriche prive di parti mobili e che impiega raddrizzatori statici per erogare la corrente continua.

3.2.1

Eccitatrice statica alimentata in tensione


Eccitatrice statica che riceve la potenza solamente da una sorgente di tensione (che pu essere costituita dai terminali della macchina sincrona) e impiega raddrizzatori controllati.

3.2.2

Eccitatrice statica di tipo misto (o compound)


Eccitatrice statica che riceve la sua potenza contemporaneamente da sorgenti di corrente e di tensione (dipendenti dalle grandezze ai terminali della macchina sincrona). La somma degli apporti delle due sorgenti pu essere effettuata lato corrente alternata o lato corrente continua dei raddrizzatori e pu essere fatta in serie o in parallelo. I raddrizzatori possono essere controllati oppure non controllati, a seconda del progetto.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 4 di 8

FUNZIONI DI REGOLAZIONE Regolatore di tensione


Apparecchio che confronta la tensione reale della macchina sincrona con il valore di riferimento e comanda, con mezzi idonei, la tensione duscita delleccitatrice in dipendenza dello scarto.

4.1

4.2

Compensatore della corrente di carico


Apparecchio o funzione che inuenza lazione del regolatore di tensione per controllare la tensione in un punto diverso da quello ove misurata la tensione della macchina sincrona. Quale applicazione si pu citare la compensazione parziale della caduta di tensione su una impedenza esterna. Invertendo i collegamenti, il circuito compensatore pu essere usato, nel caso di generatori collegati in parallelo senza impedenze tra di essi, per permettere la ripartizione della potenza reattiva tra i generatori.

4.3

Limitatore in sovraeccitazione
Apparecchio che neutralizza lazione del regolatore di tensione allo scopo di limitare le correnti della macchina sincrona e dellapparecchiatura di eccitazione a valori ammissibili. Abitualmente le grandezze di ingresso sono la corrente di campo e/o quella di statore della macchina sincrona. Lazione del limitatore pu essere istantanea o ritardata.

4.4

Limitatore in sottoeccitazione
Apparecchio che neutralizza lazione del regolatore di tensione allo scopo di impedire che leccitazione venga ridotta oltre i limiti di stabilit o, per macchine a rotore liscio, al di sotto del limite termico di carico dovuto al riscaldamento delle estremit del pacco statore. Abitualmente le grandezze di ingresso sono la componente attiva della corrente, la componente reattiva della corrente e la tensione ai morsetti della macchina sincrona o langolo di carico o la corrente di campo (eventualmente in combinazione con altre variabili).

4.5

Limitatore del rapporto tensione/frequenza o limitatore di usso


Apparecchio che opera in modo che la tensione regolata venga ridotta in proporzione alla riduzione di frequenza, se questa scende al di sotto di un valore predeterminato. Lo scopo di impedire un usso magnetico eccessivo nella macchina sincrona o nei trasformatori.

4.6

Smorzatore delle oscillazioni elettromeccaniche


Apparecchio che controlla luscita delleccitatrice attraverso il regolatore di tensione in modo da smorzare le oscillazioni di potenza attiva della macchina sincrona. Le grandezze di ingresso possono essere la velocit, la frequenza o la potenza (o una combinazione di variabili).

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 5 di 8

Fig. 1

Determinazione della corrente di eccitazione a vuoto Ifo e della corrente di eccitazione di traferro Ifg

Caratteristica di traferro

U Tensione ai terminali Caratteristica a vuoto

UN

Ifg

Ifo

If Corrente di campo

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 6 di 8

Fig. 2

Determinazione della risposta nominale del sistema di eccitazione VE

UE

Tensione del sistema di eccitazione

C Curva reale di incremento della tensione

DUE

Pendenza VfN A B

area ABC = ABD

0,5

t (s)

Fine Documento

NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Pagina 7 di 8

La presente Norma stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano e benecia del riconoscimento di cui alla legge 1 Marzo 1968, n. 186. Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano - Stampa in proprio
Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 luglio 1956 Responsabile: Ing. E. Camagni

Lire NORMA TECNICA CEI EN 60034-16-1:1997-09 Totale Pagine 12

33.000

Sede del Punto di Vendita e di Consultazione 20126 Milano - Viale Monza, 261 tel. 02/25773.1 fax 02/25773.222 E-MAIL cei@ceiuni.it