Sei sulla pagina 1di 4

I

IL RESTAURO
Il restauro, inteso Prevalenteurente come intervento conservativo,deve essere preceduto, sempre quando possibile, clauna accurata conoscenza deiletecniche usate nel manufatto su cui si deveinteruenire. Ma prescindento dagli aspettitecnicidell' oggetto,esiste un procedimento che deve essere assoluamente seguitoe chef-orrna il quadroin cui ci si deverruovereneli' opera di salvaguardia del manufattoI punti del procedrlento sonoi seguenti: a) Qualsiasi interventoche noi effettuiarno deve essere reversibile nel tempo in modo da non pregiudicare un nuovorestauro da eseguire in futuro: b) Qrralsiasimaferiale utilizzato ( collanti, consolidantisupporti, ecc.) deve essere chinricamente e fisicamente neutro rispetto al nraterialedi ccui e formato l' oggetto sottoposto al lavoro, c) Gli interventi integrativi debbono essere il minirno indispensabie ed applicati principalmente per assicurare la stabilit dell' oggetro Questidebbonoessere princilmante di tipo consen'ativo irr tnodo da pennettere alla rnateriacli cui compostoil reperto,di mantenersi inalterata e stabile ii piu possibile, dal momentoin cui ne siamo venuti in possesso.

In carnpoarcheologico l' attivitdi restauro inizianel lnomerntodel recuperodell' oggetto stesso e qtlestopercheclacomevene prima scavato e poi conservato, da comevieneposto rn nagazzino,printa di arrivareal laboratorioed al personale specializzato, si avr una buonao cattivaconservaziotte e ricomposizione del repefio.L' idealesarebbe che sullo scavoci fossesempre un restauratore in modo che possaseguiretutte le fasi dello scavo, ma dato che questonella grandemaggioranza dei casi non e possibile, si deve cercaredi facilitargli il lavorofonnendoli piu dati possibili, qualidisegni, fotografie. Il reperto sia proveniente dallo scavoche dalla ricognizione, sempreun oggetto difficile da trattare, che quasi sernpreha subito una degradazione in rapporto alle caratteristiche dell' arnlriente checontiene molto spesso elernenti negativi per l'esistenzadel reperto stesso,qvali. trmicia,.scunthirl chimica ra maferiali diversi con ctti venuto a corttctlto,alterazroni ruia"obiologichee chimiche, radici dei vegetal1.Con tutto cio il materialeha raggiuntoun suo equilibrioambientale, che viene sconvoltoed alteratoal momentodelh:scavo.
ARCHEOLOGICR OO M A N O GRUPPO V i a d e g l i S c i p i o n i ,3 0 / A - 0 0 1 9 2R O M A

Tel.39734087

/'

2
/

e dell' in modo fifferenteal cambio della temperatura Ogni materialeregagisce tendonoa restringersi ,a variarela organiciad un rapido essiccamento urnidit;i rnateriali cornpletamente. sinoa decomporsi loro forma,in seguitosi screpolano rapidadell' per l' evaporazione o a frantumarsi stessa tendea sfaldarsi La ceramica il loro tendonoa ricominciare acqua,mentrei rnetallicon il nuo\/o apporto di ossigeno, al riparo sia cercaredi scavare si dovrebbe Nei limiti clelpossibile processo di corrosione. del terrenoche troppo rapidoasciugamento ur. del soleche del vento,in rnododa impedire i reperti piu che a loro volta flatturattoin modo irreversibile crea delle crepe profoncle delicatie fragili. varu1o messiin ombrae al fresco, gli oggettiin vetro o in ceramica Dopo il recupero organici (legni' avori, i materiali leutamente, nrailasciatial sole.rn modr:che si asciughino mentrei lentamente, loro di asciugarsi che pennettano posti in arrrbienri essere e;c) devono un contenenti tolto ii grossodellaterrae postiin bustedi plastica vannoasciugati, rnetalli ( clorurrt di calcirt,gel rli silice, ecc) . clisidratante prelevabili dal terrenopercho troppo Quasisempregli oggetti sorrodiffcilmente in modo da delirnitarne utile allorafarneuna puiiziasuperficiaie Sarebbe fragili o disgregati. con disegnie lo statoe la posizione poi documentarne le condizioni, i confinie constatarne e incollarvisopradellegarzeleggere foto, consolidarepoi ii tgtto nel limite del possibile di paraloid irnpregante facendopero con fascieingessate ailttarsi e pesanti, dirnensioni Per oggettidi grancli ma I' inglobicon a contattocon il reper-to a che il gessonon venga clirettamente artenzione partedel terrenocircostante,

in uno scavoarcheologico. rinvenire Materialiche si possono conrplicatiche possono essere risolti quasi Il Legno ,rffre problemi particolarmente molto fragile,al momento un materiale in laborarorio. esclusivamente Questo,pur essendo io di forma perchl' acquache essocontiene in ottirneconclizioni dello scavosi presenta nellaforma,ma non deveaver subitotraumi di altro tipo. Bisogna quasiinalterato mantiene e lo pezzosenza chelaperditadell' acqualo distorca graduaieCel all' ascitrgamento arrivare statlca. in modo da ridargliuna statlilit consolidarlo bisogna alteri,in seguito

ROII4ANO GRUPPOANCHEOLOGlCO - 0 0 1 9 2B O M A 3 0 i A S c i p i o n i , Via degli

Tel- 3973408?

7
/

e consolidamento Tra i sistemi piu utilizzati vi e quello in cui asciugamento il all' acqua, del consolidante sostituzione con la graduale contemporaneamente, avvengono dellaformadell' oggetto. alterazione unaminitna cheasscura nel legno con un solventeche ne occupatutti gli spazi t' acquacontenuta Si sostituisce ed il solventesi elilninaper In questo solventepoi viene sciolto un consolidante r,.uoti. ambiente. a ternperatura evaporazione perchreptatamateria anchese in generetrattata con superficialit La ceramica, viene deiframmenti chenormalmente puo crearedei seriproblemi.Il lavoggict resistente, sia all' argillastellache agli eventuali r'nolto dannoso, al frarnrnenio, puo risultare effettuato colori applicati i[ seguente, essere dovrebbe Il trattamento ottimale in lasciatiasciugare essere clebbono I frammentiprelevatidallo scavo,o dallaricognizione, a lungo l' che mantenendo mai posti in bustedi plastica un luogo asciuttoed in ornbra, sviluppodi muffe, poi con conseguente I' attaccodi rnrcroorganisrni urniditfavoriscono che il colore quello dell' argillae llon applicatoa secco,vengono spazzolatt accertatosi per pulire Molte volte bastaquest'operazione cii setola. con piccolipenneil delicatamente bagnaticon di terra. essidebbonoessere un pezzo,dove invececi sono degli agglomerati di legnoed altro alcooi( percheporta con una spatolina eti aspor-tali dell' alcooldenaturato ii franrmento). ulterionnente e disidrata facilrnente via la terra,evapora Per le incrostazionidure e compatte, non usare mai acidi o basi perche le di silicatianchela terracotta e composta di naturasilicea, sonoprobablmente incrostazioni in superficie. porosa e disgregarsi puo divenire quelle sostanze ccln chea contatto delle con brsturi a secondadello spessore Vanno invece asportatenieccanicarnente incrostazionisino a che queste non diventanotrasparenti A pulitura ultimata bisogna lra nella ceratnica un potere che il consolidante Ricordiarno pensareal consolidante. la superfcie dell' oggetto. a fissare niininro.e serveprincipahnente penetrante e I' Qunado la materia componentela ceramicalo consente,per la ricomposizione utile e comodoirsaredel nastroadesivodi carta per tenerevicino i incoilaggiopuo essere la loro posizione. e provarne frarnmenti solo ad e si puo consolidare Si puo incollaresolo dopo il consolidamento qamentoar.nrenuto. asciu

GHUPPOAFir.,rJ)-;iC; ill'.i'. 3 V i a d e g l i S c i p i o n i ,3 0 / A .- 0 0 1 S 2R O M A

Tel.39734087

7
/

Nel campodei rnetalli piu allargato, e dellepitturemuraliil discorso ma non deveessere questa la sedeidonea, si trattadi lavorialtamente speciaiizzati, irischi per l'oggetto sono hannodanneggiato troppi e interventiempiricispesso I' o-egetto pregiudicando in maniera definitiva il restauro rn laboratorio. Per il metallo, sernpre beneeffettuare dei precisirilievi grafici dopo aver messoin poi il tutto con Lrna lucela superficie, corredando seriedi foto fatte in varieangolazioni. In qualche il repertoa s staneperchesi rornperebbe casoe impossibile asportare seguendo preesisterrti prelevare fratture il tutto con la terrachel' ingioba, e invisibiliBisogna dunque quest' operazione rna essendo complessa, bisognerebbe che ad effettuare un operazione sia del personale aclatto. Per i piccoli oggettia strutturaomogenea e integrabisogna a.sciugarli bene,toglierela terra meccanicamente e metterli in un sacchettodi plasticacon un disidratante E' molto

del reperto per nrpedirne poi una grave irnportarrte assicurare una totale disidratazione degradazione chimica Un sisterna e il segr"rente: poi Io si mette a bagnoin alcool per IL reperto si lava ripetr:tarrente con acquadistillata, po ancorauna seriedi bagniin acetone. unamezzora, I' acqua,e I' acetone L' alcool ha la capacit di assorbire rapidamente mischiandosi con l' lasciandoil reperto alcool perta via il residuo dell' acqua ed evaporanorapidamente perfettamente ascir"rtto.. Dopo questeoperazioni il repertovienesottoposto ( circa 50oC)in una a riscaldamento stiufaterrnostata.

3 "')),.r')l At0i'1;:Ul-tu,i.:tr GRUPPo ROMA ,0/A" 00192 V i a d e g l iS c i p i o n i3 Tel.39734087