Sei sulla pagina 1di 19
IL METODO DEGLI ELEMENTI FINITI PER L’ANALISI DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Politecnico di Milano Dipartimento di
IL METODO DEGLI ELEMENTI FINITI PER
L’ANALISI DEI PRODOTTI INDUSTRIALI
Politecnico di Milano
Dipartimento di
Meccanica
INTRODUZIONE AL CORSO
Mario Guagliano
Teaching Staff
Teaching Staff

Docente: Prof. Mario Guagliano Dip.to Meccanica, Politecnico di Milano Via Durando, 10 – Edificio G, 3 ° piano- 20157 MILANO Tel: 02-23998206 @mail: mario.guagliano@polimi.it

Esercitazioni: Ing. Davide Crivelli Dip.to Meccanica, Politecnico di Milano Via Durando, 10 – Edificio G, 3 ° piano- 20157 MILANO Tel: 02-23998206 @mail: davide.crivelli@mecc.polimi.it

Orario
Orario

Lezioni ed esercitazioni:

Martedì, 9.15 – 1.15 pm, aula CS1.2, CT 62

Progetto d’anno Durante le esercitazioni e autonomamente a casa.

Descrizione e obiettivi
Descrizione e obiettivi

Il corso intende:

Introdurre lo studente alle analisi a elementi finiti

Rendere lo studente capace di svilupare autonomamente unanalisi a elementi finiti finalizzata lla verfiica di resistenza di un prodotto industriale

Rendere lo studente capace di operare autonomamente su un software FEM commerciale

Analizzare criticamente i risultati di unanalisi FEM

Descrizione
Descrizione

Principali argomenti:

Introduzione all’analisi strutturale

Definizione dei concetti di sforzo e di deformazione

Proprietà meccaniche dei materiali

Analisi a elementi finiti: tipologie di elementi e loro principali caratteristiche.

Analisi

processing.

a

elementi

finiti:

pre-processing,

analisi

e

post-

Applicazione del FEM a esempi di prodotti industriali.

Descrizione
Descrizione

Progetto d’anno:

E’ previsto lo sviluppo di un progetto relativo ad un prodotto industriale, da svolgersi autonoamamente

Software utilizzati:

Autodesk Inventor • Abaqus

Esame
Esame

L’esame consiste in una prova orale e nella discussione del progetto d’anno.

Report del progetto d’anno: presentazione al termine del corso e consegna report stampato.

Libri
Libri

LE slides proiettate nel corso saranno caricate sul sito web del corso.

Tra I libri si segnalano

R. D. Cook

“Finite Element Modelling for Stress Analysis”, John Wiley & Sons, Inc.

O. C. Zienkiewicz, R. L. Taylor, J. Z. Zhu

“The Finite Element Method: Its Basis and Fundamentals”, 6 th Ed., Butterworth- Heinemann

O. C. Zienkiewicz, R. L. Taylor

“The Finite Element Method for Solid and Structural Mechanics”, 6 th Ed., Butterworth-Heinemann

Tuttavia, date un’occhiata sul web. E’ possibile trovare numerosi siti relativi al FEM, con programmi free.

Il FEM
Il FEM
Il FEM Alcune figure M. Guagliano – Introduction

Alcune figure

Il FEM
Il FEM
Il FEM M. Guagliano – Introduction
Il FEM M. Guagliano – Introduction
Il FEM M. Guagliano – Introduction
Il FEM
Il FEM
Il FEM M. Guagliano – Introduction
Il FEM
Il FEM
Il FEM M. Guagliano – Introduction 12
Il FEM
Il FEM
Il FEM M. Guagliano – Introduction 13
Il FEM
Il FEM

Un’analisi sbagliata!

The Slepner A platform produces oil and gas in the North Sea.

It is supported on the seabed at the water bed at 82m. It is a Condeep type platform with a

concrete gravity base structure consisting of 24 cells and with a total base area of 16000m 2 .

The first base structure for Sleipner A sprang a leak and sank under a controlled ballasting operation during preparation for deck mating in Norway

a controlled ballasting operation during preparation for deck mating in Norway … M. Guagliano – Introduction
a controlled ballasting operation during preparation for deck mating in Norway … M. Guagliano – Introduction
a controlled ballasting operation during preparation for deck mating in Norway … M. Guagliano – Introduction
Il FEM
Il FEM

The investigation into the accident is described in 16 reports

…… The conclusion of the investigation was that the loss was caused by a failure in a cell wall, resulting in a serious crack and a leakage that pumps were not able to cope with.

The wall failed as a result of a combination of a serious error in the finite

element analysis and insufficient anchorage of the reinforcement in a critical zone.

element analysis and insufficient anchorage of the reinforcement in a critical zone. M. Guagliano – Introduction
The Finite Element Method (FEM)
The Finite Element Method (FEM)

In particular the post accident investigation traced the error to inaccurate finite element approximation of the linear elastic model of the tricel (using a popular FEM code). The shear stresses were underestimated by 47%, leading to insufficient design. In particular, some concrete walls were not thick enough. …… More careful FE analysis, after the accident, predicted that failure would occur with this design at a depth of 62m, which matches very well with the actual occurrence at 65 m.

design at a depth of 62m, which matches very well with the actual occurrence at 65
Il FEM
Il FEM

Non

In sintesi

è meglio .

farsi ammaliare dalle belle immagini!

E analizzare criticamente i risultati ottenuti.

Differenti approcci di progettazione meccanica
Differenti approcci di progettazione
meccanica

Analitico

Esatto

Applicabile e pochi casi

Valido per classi di problemi Sperimentale

legato alla realtà

costoso

non estrapolabile ad altri casi

•   costoso •   non estrapolabile ad altri casi σ = P A ε→σ =
•   costoso •   non estrapolabile ad altri casi σ = P A ε→σ =

σ =

P

A

ε→σ = Eε

Numerico

versatile

approssimato

Non estrapolabile a casi simili.

− 1 { } u = [ KF ] { }
1
{ }
u
=
[
KF
]
{ }

{ }

{ }

→ε→σ

Il FEM
Il FEM

E’ un approccio computazionale che permette di risolvere problemi descritti da equazioni differenziali.

Campi di applicazione: aerospace, automotive, industrial design,Le origini risalgono agli anni ‘40 del XX secolo. Il metodo è divenuto popolare a partire dagli anni ‘70, grazie al parallelo sviluppo di software e hardware.

Il metodo è applicabile anche in ambiti differenti dalla verifica di resistenza e dai problemi strutturali.

Grazie alla diffusione di software commericali user-friendly può oggi essere correttamente utilizzato anche da analisti non esperti matematici.