Sei sulla pagina 1di 238

Università degli Studi di Napoli Federico II

Facoltà di Ingegneria

Giovanni Cuomo

L'EFFETTO DI CARICHI VERTICALI ELEVATI SUL


PROGETTO DEI DISPOSITIVI DI ISOLAMENTO
SISMICO

Tesi di Dottorato
XX Ciclo

Il Coordinatore
Prof. Ing. Federico M. MAZZOLANI

I Tutors
Prof. Ing. Antonio DE LUCA
Prof. Ing. Elena MELE

Dottorato di Ricerca in Ingegneria delle Costruzioni


Questo lavoro riassume l’attività di ricerca sul comportamento ed il progetto
di dispositivi elastomerici per isolamento sismico, svolta in questi anni al
Dipartimento di Ingegneria Strutturale dell’Università degli Studi di Napoli.
Mi sento di ringraziare Antonello De Luca ed Elena Mele, Professori di
Tecnica delle Costruzioni dell’Università di Napoli, che con entusiasmo mi
hanno guidato e stimolato nel corso dell’attività di studio e ricerca.
Vorrei inoltre ringraziare con stima e affetto il Dipartimento di Ingegneria
Strutturale che ha contribuito alla mia formazione attraverso la continua
ricerca del sapere e del capire.
Un sincero ringraziamento alla mia famiglia e a Caterina per il continuo
sostegno.
i

L'EFFETTO DI CARICHI VERTICALI ELEVATI SUL


PROGETTO DEI DISPOSITIVI DI ISOLAMENTO
SISMICO

INDICE
INTRODUZIONE....................................................................................................................1

ARTICOLAZIONE DELLA TESI ...........................................................................................3

L’ISOLAMENTO SISMICO ..................................................................................................5

2.1 PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO....................................................................5


2.1.1 Basi teoriche .............................................................................................9
2.2 PRIME APPLICAZIONI ...............................................................................14
2.3 NUOVE TENDENZE ...................................................................................23
2.4 TIPOLOGIE DI ISOLATORI .........................................................................33
2.4.1 Isolatori elastomerici..............................................................................34
2.4.2 Isolatori a scorrimento ...........................................................................39
2.4.3 Altri sistemi di isolamento ......................................................................42
2.4.4 Vantaggi e svantaggi dei singoli dispositivi di isolamento .....................43

LO STATO TENSIO-DEFORMATIVO NEI DISPOSITIVI ELASTOMERICI ...........45

3.1 CARATTERISTICHE GEOMETRICHE E MECCANICHE ..................................45


3.2 MECCANICA DEL COMPORTAMENTO .......................................................47
3.2.1 Tensioni e deformazioni..........................................................................47
3.2.2 Tensioni e deformazioni nello strato di elastomero confinato soggetto a
carico verticale.......................................................................................48
3.2.3 Tensioni e deformazioni nello strato di elastomero soggetto alla
combinazione dei carichi verticali ed orizzontali...................................57
3.2.4 Strato di elastomero soggetto a solo carico orizzontale.........................59
3.2.5 Strato di elastomero soggetto a flessione ...............................................60
3.3 RIGIDEZZA VERTICALE ED ORIZZONTALE ................................................61
3.4 DISSIPAZIONE DI ENERGIA - SMORZAMENTO ...........................................67
ii

VERIFICHE ED ABACHI DI PROGETTO PER DISPOSITIVI ELASTOMERICI ... 71

4.1 VERIFICHE DI SICUREZZA DEI DISPOSITIVI HDRB .................................. 71


4.1.1 Verifica della deformazione di taglio massima negli isolatori .............. 71
4.1.2 Verifica delle tensioni nelle piastre di acciaio....................................... 73
4.1.3 Verifica del carico critico ...................................................................... 73
4.1.4 Verifica globale - rollout ....................................................................... 75
4.2 ABACHI DI PROGETTO ............................................................................ 77
4.3 ESEMPIO DI PROGETTO ........................................................................... 81
4.3.1 Caratteristiche dell’edificio ................................................................... 81
4.3.2 Scelta dei parametri iniziali................................................................... 82
4.3.3 Calcolo del diametro dei dispositivi dalla tensione verticale per carichi
gravitazionali ........................................................................................ 83
4.3.4 Calcolo del diametro dei dispositivi dalla deformazione di taglio dovuta
al carico verticale per carichi gravitazionali........................................ 83
4.3.5 Calcolo del diametro effettivo dei dispositivi......................................... 84
4.3.6 Calcolo degli spessori di gomma ........................................................... 85
4.3.7 Calcolo della rigidezza orizzontale e del periodo del sistema di
isolamento ............................................................................................. 86
4.3.8 Caratteristiche di dettaglio del sistema di isolamento e degli isolatori
progettati ............................................................................................... 87
4.3.9 Verifica degli isolatori progettati .......................................................... 89

ANALISI TENSIO DEFORMATIVA AGLI ELEMENTI FINITI: ASPETTI TEORICI


E CALIBRAZIONE DEL MODELLO ............................................................................... 93

5.1 STATO DELL’ARTE.................................................................................. 93


5.2 MATERIALI ............................................................................................. 98
5.2.1 Il materiale elastomerico ....................................................................... 98
5.2.1.1 Comportamento non lineare del materiale gomma ............................. 101
5.2.1.2 Caratterizzazione del comportamento meccanico di un elastomero.... 104
5.2.1.3 Modelli dell’energia di deformazione (teoria fenomenologia) ............ 106
5.2.1.4 Determinazione dello stato tensionale................................................. 110
5.2.2 L’acciaio .............................................................................................. 112
5.2.3 Adesione gomma - acciaio ................................................................... 113
5.2.4 Prove per la caratterizzazione della mescola ...................................... 114
5.2.5 Caratterizzazione della mescola .......................................................... 120
iii

5.3 MODELLAZIONE .....................................................................................123


5.3.1 Elementi finiti per la modellazione di dispositivi HDRB ......................123
5.3.2 Modellazione dei dispositivi HDRB per la calibrazione del modello ...126
5.3.2.1 Elementi finiti per la calibrazione del modello.....................................127
5.3.2.2 Input del legame costitutivo del materiale elastomerico ......................127
5.3.2.3 Condizioni di carico e condizioni vincolari..........................................127
5.4 CALIBRAZIONE DEL MODELLO ..............................................................128
5.4.1 Prove sperimentali di riferimento.........................................................128
5.4.2 Modello assialsimmetrico dell’isolatore Ø300.....................................133
5.4.3 Modello tridimensionale dell’isolatore Ø300.......................................134
5.4.4 Comportamento del dispositivo – risultati delle analisi .......................136

ANALISI PARAMETRICA AGLI ELEMENTI FINITI.................................................143

6.1 DISPOSITIVI ELASTOMERICI UTILIZZATI NELLE ANALISI PARAMETRICHE


..............................................................................................................143
6.2 INFLUENZA DEL FATTORE DI FORMA PRIMARIO S1 SULLO STATO TENSIO
DEFORMATIVO NEI DISPOSITIVI ELASTOMERICI (S1=6-30).....................157
6.2.1 Distribuzione delle tensioni per carichi verticali..................................157
6.2.2 Distribuzione delle deformazioni di taglio per carichi verticali...........166
6.2.3 Effetto dei carichi orizzontali ...............................................................166
6.2.4 Combinazione carichi verticali e orizzontali ........................................171
6.3 INFLUENZA DELLA COMPRESSIBILITÀ DELLA GOMMA SULLO STATO
TENSO-DEFORMATIVO DEI DISPOSITIVI ELASTOMERICI ..........................174
6.4 INFLUENZA DEL FATTORE DI FORMA SECONDARIO S2 SULLO STATO TENSIO
DEFORMATIVO NEI DISPOSITIVI ELASTOMERICI (S2=1.51-6.15).............178

DISCUSSIONE DEI RISULTATI E IMPLICAZIONI PROGETTUALI .....................187

7.1 DISCUSSIONE DEI RISULTATI RELATIVI ALL’INFLUENZA DEL FATTORE DI


FORMA PRIMARIO (S1=6-30)..................................................................187
7.2 DISCUSSIONE DEI RISULTATI RELATIVI ALL’INFLUENZA DEL FATTORE DI
FORMA SECONDARIO (S2=1.51-6.15).....................................................193

CONCLUSIONI ...................................................................................................................201

BIBLIOGRAFIA..................................................................................................................205

APPENDICE
iv
1

Capitolo 1
Introduzione

L'isolamento sismico è da tempo uscito dalla fase di sperimentazione iniziata


negli anni ‘80 ed è divenuto un sistema di impiego corrente per la protezione
sismica degli edifici civili. Dopo i terremoti di Northridge del 1994 e di Kobe
del 1995, durante i quali alcune strutture monitorate hanno dimostrato, sul
campo, l’efficacia dell’isolamento sismico, si è avuta una grande diffusione di
questa tecnologia, specialmente in Giappone dove attualmente si contano circa
tremila applicazioni ad edifici. Questa grande diffusione ha portato ad un
utilizzo dell’isolamento sismico a volte azzardato “sempre e comunque”, e
quindi anche in campi ai quali questa tecnologia non era stata mai applicata.
Le più recenti tendenze nel progetto degli edifici isolati prevedono
applicazioni agli edifici alti, ad edifici leggeri, ad edifici su suoli soffici e
all’adeguamento degli edifici esistenti. In tali applicazioni si adottano periodi
di isolamento molto lunghi, 4s ed oltre. Tale scelta progettuale, nel caso degli
edifici alti, si rende necessaria per ottenere un rapporto di isolamento adeguato
e nel caso di edifici su suoli soffici, per evitare le elevate accelerazioni che in
genere si riscontrano a periodi medio alti. Per le strutture esistenti, si
ottengono elevati periodi di isolamento quando si vuole ottenere una elevata
efficacia dell’isolamento sismico.
Pertanto il periodo di isolamento delle strutture si è spostato gradualmente
da 2-3s, tipico delle applicazioni dei primi anni ‘90, a 3-4s (e più), nelle
applicazioni più recenti.
Diretta conseguenza dell’incremento del periodo di isolamento sono gli
elevati spostamenti orizzontali e gli elevati carichi verticali sui dispositivi.
2 C ap it olo 1

Infatti, per gli isolatori elastomerici HDRB il periodo di isolamento può essere
ottenuto dalla relazione (1),

pm ⋅ te
TI = 2π (1)
G⋅g

dove pm rappresenta la pressione media di progetto sul dispositivo, te lo


spessore totale di gomma, G il modulo di rigidezza a taglio della gomma e g
l’accelerazione di gravità. Da questa relazione risulta evidente che possono
essere utilizzati due principali approcci per aumentare il periodo di
isolamento: il primo è la riduzione del modulo di taglio G della gomma,
mentre il secondo è l’incremento della pressione media verticale pm. Anche se
oggi continuano le ricerche industriali orientate ad ottenere elastomeri sempre
più soffici, una gomma con modulo di taglio inferiore a 0.35 MPa non sarebbe
nella pratica utilizzabile, a causa delle basse proprietà meccaniche che essa
presenta [Higashino et al., 2003]. Per questo motivo la strada piu’ spesso
utilizzata per ottenere periodi di isolamento elevati è l’adozione di notevoli
carichi verticali di progetto sui dispositivi.
Nelle prime applicazioni la tensione verticale di progetto per carichi di
lunga durata (carichi gravitazionali) era convenzionalmente assunta tra 3 e
8MPa [Pan et al., 2005; Murota et al., 1995]; una pressione di 6MPa è tuttora
assunta implicitamente come valore rappresentativo delle condizioni di
esercizio dalle normative, che infatti prescrivono prove di taglio dei dispositivi
con tale valore di carico verticale [LLGG98, 1998; OPCM 3431, 2005]. Nelle
applicazioni più recenti, invece, gli isolatori elastomerici vengono spesso
progettati assumendo carichi verticali a lungo termine pari a 10-15MPa e
carichi a breve termine, dovuti alla condizione sismica, pari a 20-30 MPa [Pan
et al., 2005]. Inoltre, se si considerano anche gli spostamenti orizzontali d, si
nota, dalle relazioni (2) e (3), che sia l’incremento della pressione verticale
media pm sul dispositivo che l’incremento del detto spostamento, inducono
maggiori deformazioni di taglio nella gomma.

pm A d
γc = ; γs = (2)
S1G Ar te
In trodu zio ne 3

γt = γc + γs (3)

Quindi, anche se l’isolamento alla base è attualmente una tecnica ormai


matura, le nuove tendenze progettuali e l’ampliamento del campo delle
applicazioni conducono a condizioni di lavoro per i dispositivi particolarmente
gravose.
Si evidenzia, quindi, la necessità di valutare accuratamente gli effetti del
carico verticale sulle prestazioni e modalità di collasso degli isolatori
elastomerici, argomento che merita attenzione anche perché le relazioni di
progetto e verifica presenti attualmente in bibliografia e nelle normative
derivano da studi, analisi e sperimentazioni effettuate considerando un livello
di carico verticale sugli isolatori pari a 6MPa, molto inferiore a quello adottato
nelle nuove applicazioni.
A tal proposito, il metodo degli elementi finiti (FEM) costituisce un potente
strumento per esaminare il comportamento dei dispositivi elastomerici in
termini di parametri di risposta locale, ovvero tensioni e deformazioni negli
strati elastomerici, nelle lamine metalliche ed all’interfaccia elastomero-
acciaio. La modellazione agli elementi finiti permette di cogliere tutti gli
aspetti della risposta di un dispositivo: il comportamento non lineare del
materiale; il vincolo di incompressibilità non lineare; le concentrazioni di
tensione che si generano ai bordi del dispositivo dall’accoppiamento dei due
materiali (elastomero e acciaio) caratterizzati da una significativa differenza
nel valore della rigidezza; la dipendenza della distribuzione delle tensioni e
delle deformazioni dalla morfologia e geometria del dispositivo (fattori di
forma S1 primario e secondario S2 che saranno in seguito definiti).
In questo lavoro sono state pertanto sviluppate analisi FEM non lineari su
dispositivi elastomerici al variare dei suddetti fattori di forma primario e
secondario che caratterizzano la morfologia dei dispositivi. Nelle analisi sono
state considerate pressioni verticali medie fino a 15MPa e deformazioni
orizzontali applicate fino al 300%.

ARTICOLAZIONE DELLA TESI

Il lavoro si articola in otto capitoli. Nel capitolo 2 sono descritti i principi di


funzionamento dell’isolamento sismico e l’evoluzione che ha interessato
4 C ap it olo 1

questa tecnologia negli ultimi decenni. Sono illustrati i nuovi campi di


applicazione, anche con l’ausilio di alcuni esempi di realizzazioni, e le diverse
problematiche che alcuni di essi comportano nel progetto e nella verifica dei
sistemi di isolamento. Si riporta inoltre la descrizione dei diversi sistemi di
isolamento sismico esistenti, con particolare attenzione ai sistemi di
isolamento che impiegano dispositivi elastomerici HDRB.
Nel capitolo 3, per la tipologia di dispositivi HDRB, si descrive lo stato
tensio deformativo per carichi verticali e orizzontali con particolare
riferimento alla soluzione analitica “pressure solution”, soluzione
comunemente utilizzata nella derivazione delle formule di verifica per gli
isolatori elastomerici.
Nel capitolo 4 vengono illustrate le verifiche dei dispositivi elastomerici e
vengono forniti degli abachi di progetto che consentono l’agevole
dimensionamento dei dispositivi del sistema di isolamento. Viene inoltre
illustrato il processo di dimensionamento e verifica attraverso un esempio di
progetto.
I capitoli 5, 6 e 7, riguardano l’analisi agli elementi finiti (FEM) dei
dispositivi di isolamento HDRB. Nel capitolo 5 si riportata lo stato dell’arte
sull’analisi FEM di questa tipologia di isolatori e si illustra la calibrazione del
modello, eseguita attraverso diverse analisi di sensibilità, con particolare
attenzione alla scelta del modello iperelastico da utilizzare per la gomma. Nel
capitolo 6 vengono forniti i risultati delle analisi parametriche FEM orientate
ad approfondire l’effetto dei fattori di forma primario S1 e secondario S2, che
controllano rispettivamente la stabilità locale e globale dei dispositivi, sul
comportamento meccanico, stato tensionale e regime deformativo dei
dispositivi elastomerici. Nel capitolo 7, infine, si riporta la discussione dei
risultati delle analisi parametriche ed alcune implicazioni progettuali.
5

Capitolo 2
L’isolamento sismico

In questo capitolo si illustrano i principi di funzionamento dell’isolamento


sismico e l’evoluzione che ha interessato le applicazioni ed i criteri progettuali
per questa tecnologia negli ultimi decenni. Si illustrano inoltre i nuovi campi
di applicazione, anche con l’ausilio di alcuni esempi di realizzazioni, e le
diverse problematiche che ognuno di questi campi comporta nel progetto e
nella verifica dei sistemi di isolamento.

2.1 PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO

Il principio alla base dell'isolamento sismico consiste nell'evitare il terremoto,


piuttosto che resistervi, e viene applicato disaccoppiando la risposta dinamica
dell'edificio dal moto del suolo. Il disaccoppiamento si ottiene mediante
l'interposizione di dispositivi dotati di bassa rigidezza orizzontale e alte
capacità dissipative, tra la struttura e le fondazioni, in grado di fornire alla
struttura una frequenza fondamentale molto più bassa sia della frequenza della
struttura non isolata che delle frequenze principali del suolo, e di incrementare
lo smorzamento complessivo della struttura.
In altre parole, la benefica riduzione dell'energia in ingresso trasmessa alla
struttura in elevazione viene ottenuta attraverso il filtraggio delle componenti
a più elevata frequenza del moto sismico, generalmente caratterizzate da un
maggiore contenuto energetico, e l'aumento dello smorzamento complessivo si
persegue concentrando la dissipazione di energia all'esterno della struttura
stessa, in corrispondenza dei dispositivi di isolamento.
6 C ap it olo 2

I sistemi concepiti per isolare la struttura in elevazione dal complesso


fondazione-terreno sono molteplici, ma sicuramente il sistema che ha riscosso
un maggiore successo, sia per la semplicità di impiego e realizzazione che per
l'affidabilità, è quello che prevede l'utilizzo di appoggi elastomerici con
lamiere d'acciaio interne; la gomma conferisce al sistema un elevata
flessibilità in direzione orizzontale, molto maggiore di quella della struttura in
elevazione, mentre l'interposizione delle lamine d'acciaio tra gli strati di
gomma consente di ottenere una elevata rigidezza verticale, impedendo al
materiale di espandersi lateralmente sotto i carichi verticali di esercizio.
L'edificio risulta così isolato in direzione orizzontale, mentre la componente
verticale del moto viene trasmessa inalterata alla struttura.
Il comportamento dinamico degli edifici isolati, è particolarmente
vantaggioso per i seguenti motivi:

- il primo modo è configurato quasi come quello di un corpo rigido


che si muove lentamente sopra un letto di dispositivi deformabili,
con accelerazioni molto basse, con scorrimenti di piano modesti e
con una partecipazione delle masse superiore al 90%. Questo modo
identifica in maniera quasi totale la risposta della struttura in fase di
sisma (figura 2);

- la partecipazione dei modi superiori, che maggiormente


solleciterebbero la sovrastruttura, è molto ridotta e poco efficace per
quanto riguarda sia le deformazioni interne che le accelerazioni
trasmesse.

Queste proprietà dinamiche rendono gli edifici isolati alla base molto
efficienti, ed inoltre rendono più affidabili le analisi numeriche sulle quali si
basa il progetto delle strutture.
Infatti, poiché il primo modo riproduce quasi totalmente la risposta della
costruzione, i modelli numerici usati in fase di progetto, basati sull’analisi
modale con spettri di risposta, sono più aderenti alla realtà di quanto non lo
siano nel caso di strutture convenzionali, in cui andrebbero combinati i modi
più significativi secondo criteri aleatori (SRSS, CQC). La presenza di un
primo modo quasi rigido rende anche più significativa la valutazione degli
L’isolamento sis mico 7

effetti dissipativi da attribuire ai vari modi, risultando questi attribuibili, quasi


per intero, alla capacità dissipativa dei dispositivi posti alla base del
fabbricato.

figura 1. Riduzione delle accelerazioni per periodi alti.

figura 2. Esempio di prima forma modale di un edificio multipiano a base fissa (a sinistra) e isolata.

Inoltre, la risposta delle strutture isolate è più precisamente determinabile in


quanto gli isolatori sono prodotti industriali, sottoposti a test, a prove di
qualificazione e di accettazione molto severe.
Oltre alla riduzione delle sollecitazioni sismiche negli elementi resistenti,
esistono altri aspetti dell'isolamento sismico che lo rendono particolarmente
8 C ap it olo 2

vantaggioso ed efficace; uno di questi è che l’isolamento alla base risulta la


maniera più semplice per ridurre le accelerazioni ai piani e quindi sugli
elementi non strutturali e sui contenuti dell’edificio. Questo aspetto è molto
importante, soprattutto nell’ottica del “Performance based design”, ma in
genere non si considera nella pratica progettuale, anche perché le norme
attuali non richiedono esplicitamente il controllo di accelerazioni.
Per quanto riguarda la sicurezza delle strutture isolate, si può affermare,
che l’isolamento alla base è l’unico sistema che evita i danni strutturali e non
strutturali in caso di forti terremoti. Infatti, come riportato nella norma
Americana FEMA 274 [FEMA, 1997], le strutture isolate riescono nell’intento
di evitare danni sia alla struttura che agli elementi non strutturali.
Quanto detto è evidente nella tabella 1, dove si riportano i livelli di rischio
che, sia la struttura isolata indicata con “I” che la struttura a base fissa
indicata con “F”, sono in grado di assicurare.

tabella 1. Rischio di danneggiamento per strutture isolate (I) ed a base fissa (F) [FEMA, 1997].
L’isolamento sis mico 9

I livelli di rischio risultano:

Il livello di rischio Life safety, per la quale non ci si aspetta il crollo della
struttura;

Il livello di rischio Structural Damage, per la quale non si aspettano danni


nelle strutture;

Il livello di rischio Nonstructural Damage, per la quale non si aspettano


danni non strutturali.

Si nota che per forti terremoti (Major earthquake) solamente le strutture


isolate riescono ad assicurare i livelli di rischio che permettono di evitare
danni agli elementi strutturali e non strutturali.

2.1.1 Basi teoriche


La teoria lineare dell’isolamento sismico è fornita in dettaglio in [Kelly, 1993]
cui si farà riferimento nel seguito.
Analogamente a quanto avviene per le strutture a base fissa, in cui lo studio
del comportamento dinamico parte dallo studio dell’oscillatore semplice, gli
aspetti caratteristici del comportamento dinamico delle strutture isolate alla
base sono derivabili dall’analisi di un modello semplificato, a due soli gradi di
libertà, in cui i due gradi di libertà sono l’uno rappresentativo del sistema di
isolamento, l’altro della struttura in elevazione.
Lo studio del semplice sistema a due gradi di libertà (2DOF), con molle
lineari e smorzamento lineare viscoso, è sviluppato con la tecnica dell’ analisi
modale che consente di individuare le modifiche delle caratteristiche
dinamiche, delle frequenze di vibrazione e delle forme modali determinate dal
sistema di isolamento sulla struttura in elevazione.
I parametri meccanici e cinematici che caratterizzano il moto assoluto di un
sistema a due gradi di libertà sono (figura 3):

m: massa della sovrastruttura;


k, c: rigidezza e smorzamento della sovrastruttura;
mb: massa dell’impalcato al di sopra del sistema di isolamento;
10 C ap it olo 2

kb, cb: rigidezza e smorzamento del sistema di isolamento.


ug: spostamento al suolo;
u’: spostamento assoluto del sistema d’isolamento;
u: spostamento assoluto della sovrastruttura.

u
u-u'
m

k/2 k/2
Asse di riferimento

u'-ug c

u'

mb
k b/2 cb k b/2
ug
figura 3. Parametri del sistema a due gradi

Dall’equilibrio dinamico (4) e (5), si ottengono le equazioni del moto in


spostamenti assoluti del sistema a 2GDL.

mu = −c( u − u')


 − k( u − u')
(4)

mu + mb u'
 = − cb ( u'
 − u g ) − k b ( u' − u g )
(5)

Come osservato in [Kelly, 1993], i parametri di spostamento con i quali è però


più conveniente lavorare sono gli spostamenti relativi, ovvero lo spostamento
relativo della massa della struttura rispetto alla base us (6) e lo spostamento
relativo della base della struttura rispetto al terreno ub (7).

u s = u − u' (6)

ub = u' − u g
(7)
L’isolamento sis mico 11

Operando questo cambio di coordinate, le equazioni del moto in termini di


spostamenti relativi diventano le (8) e (9).

mub + mus + cus + kus = − mug


(8)

( m + mb )ub + mus + cb ub + kb ub = −( m + mb )ug


(9)

Questo sistema di due equazioni può essere risolto tramite la decomposizione


modale che fornisce una chiara visione della risposta.
Per valutare i modi di vibrazione, i fattori di partecipazione modale e le
frequenze del sistema, riscriviamo le precedenti equazioni in forma matriciale
(10),

 + Cu + Ku = −Mrug
Mu
(10)

dove M rappresenta la matrice delle masse, C quella dello smorzamento, K


quella delle rigidezze ed u rappresenta il vettore degli spostamenti relativi:

⎡m m⎤ ⎡0 c⎤ ⎡0 k⎤ ⎧u ⎫ ⎧1 ⎫
M=⎢ ;C = ⎢ ⎥ ;K = ⎢ u = ⎨ b ⎬ ;r = ⎨ ⎬
⎣M

m⎦ ⎣ cb 0⎦ ⎣ kb 0 ⎥⎦ ⎩u s ⎭ ⎩0 ⎭

Definendo:

ωs = ( k m )
1/ 2
- come la frequenza della struttura a base fissa;

ωb = ( kb M )
1/ 2
- come la frequenza del sistema di isolamento di
rigidezza kb. La massa M è pari alla massa totale del sistema di
isolamento più edificio in elevazione;
c
- ξs = come lo smorzamento della struttura in elevazione;
2mω s

cb
- ξb = come lo smorzamento del sistema di isolamento;
2 Mω b
12 C ap it olo 2

ed assumendo:

• mb < m , entrambe dello stesso ordine di grandezza, quindi:


m
γ = < 1;
(m + mb )
1/ 2 1/ 2 2
⎛k⎞ ⎛k ⎞ ⎛ω ⎞
• ωs = ⎜ ⎟ >> ω b = ⎜ b ⎟ e definendo ε = ⎜⎜ b ⎟⎟ , il quale avrà
⎝m⎠ ⎝M ⎠ ⎝ ωs ⎠
-2
un ordine di grandezza di 10 ;

• i fattori di smorzamento per la struttura ed il sistema di isolamento,


c cb
rispettivamente ξs e ξb, dove ξ s = e ξb = , sono dello
2mω s 2 Mω b
stesso ordine di grandezza di ε (unità percentuali).

le frequenze proprie del sistema e le deformate modali si ottengono risolvendo


il problema agli autovalori. Dalla soluzione si possono ottenere la frequenza
del sistema d’isolamento modificata dalla deformabilità della struttura (11), e
la frequenza della struttura in elevazione modificata dalla presenza della
massa alla base (12).

ω12 = ωb*2 = ωb2 (1 − γε )


(11)

ωs2
ω22 = ω*s 2 = (1 + γε )
1− γ (12)

In molti casi si ottengono risultati sufficientemente accurati assumendo come


valori di ωb* e di ωs* i primi termini (13 e 14)

ωb* = ωb (13)

ωs
ω*s =
(1 − γ )1 / 2 (14)
L’isolamento sis mico 13

Tali espressioni di ωb* e di ωs* consentono di osservare che la frequenza del


sistema d’isolamento (ωb) è modificata solo leggermente (in particolare è
ridotta di una quantità dell’ordine di grandezza di ε) dalla deformabilità della
struttura, mentre la frequenza della struttura in elevazione (ωs) risulta
sensibilmente incrementata dalla presenza della massa alla base. La differenza
iniziale tra la frequenza della struttura a base fissa e la frequenza
dell’isolamento è aumentata dalla combinazione dei due elementi.
La prima forma modale, φ1={φb1,φs1}T, posto φb1 = 1, è data dalla (15), e la
seconda forma modale dalla (16).

⎧1 ⎫
φ1 = ⎨ ⎬
⎩ε ⎭ (15)

⎧ 1 ⎫
⎪ ⎪
φ =⎨ 1
2

⎪ − γ (1 − (1 − γ ) ε ) ⎪
⎩ ⎭ (16)

Il primo modo di vibrazione del sistema a 2GDL, φ1, è approssimativamente


un modo di struttura rigida, dando luogo a deformazioni nella parte in
elevazione di ampiezza dell’ordine di ε (10-2), mentre il secondo modo φ2,
determina deformazioni sia nel sistema di isolamento che nella struttura in
elevazione. Lo spostamento in sommità della struttura è dello stesso ordine di
grandezza di quello alla base (all’incirca pari a 1/γ), ma di segno opposto
(figura 4).
I fattori di partecipazione modale, indicati con L1 e L2, rispettivamente per il
primo e secondo modo, sono riportati nelle (17 e 18).

L1 = (1 − γε )
(17)

L2 = γε (18)
14 C ap it olo 2

ε 1−(1−γ)ε/γ

φ¹ φ²
figura 4. Forme modali del sistema a due gradi di libertà.

Il fattore di partecipazione del secondo modo, che è il modo che coinvolge la


deformazione della struttura, è dell’ordine di ε, e se le frequenze originali, ωb
e ωs, sono ben separate, risulta essere molto piccolo. Pertanto, anche se il
terremoto ha un elevato contenuto energetico a tale frequenza, il moto del
suolo viene trasmesso alla struttura in elevazione in misura drasticamente
ridotta.
Infine, poiché il fattore di partecipazione del primo modo è dell’ordine
dell’unità, non c’è amplificazione delle accelerazioni di input nella struttura.

2.2 PRIME APPLICAZIONI

L'isolamento sismico è ormai uscito dalla fase di sperimentazione che è


iniziata negli anni ‘80 ed è divenuto un sistema di impiego corrente per la
protezione sismica degli edifici civili. La sua efficacia è stata chiaramente
dimostrata dalla risposta osservata in costruzioni isolate che hanno subito
terremoti violenti (tabella 2), e dal confronto con le analoghe prestazioni degli
edifici non isolati.
L’isolamento sis mico 15

Sistema di PGA Accelerazioni


Edificio Paese Sovrastruttura Sisma
Isolamento (g) in sommità (g)
Struttura in acciaio a
USC Hospital US LRB+NRB Northridge, 1994 0,36 0,2
controventi
Struttura in acciaio a
LA Fire Command US HDRB Northridge, 1994 0,22 0,32
controventi
Rockwell Computer US LRB Calcestruzzo armato Northridge, 1994 0,08 0,15
Struttura in acciaio a
Foothhill Justice Center US HDRB Northridge, 1994 0,05 0,1
controventi
Mid Niigata Prefecture,
Nursing Home Building JAP HDRB+SD Calcestruzzo armato 0,8 0,2 (1st floor)
2004
Government Building of
JAP NRB+Smorz. Calcestruzzo armato Tokachi-Oki, 2003 0,26 0,12
Kushiro
Office building of JAP LRB Calcestruzzo armato Tokachi-Oki, 2003 0,29 0,23
Hospital building (Sakai) JAP HDRB Calcestruzzo armato Tokachi-Oki, 2003 0,21 0,15
Computer Center of JAP HDRB Calcestruzzo armato Miyagi-Ken-Oki, 2003 0,19 0,07
Office Building of Calcestruzzo armato
JAP HDRB+SD Miyagi-Ken-Oki, 2003 0,07 0,1
Sendai >60m (18 piani)
Office Building of Kobe JAP HDRB Calcestruzzo armato Kobe, 1995 0,27 0,2

tabella 2. Riduzione delle accelerazioni sismiche in alcune strutture isolate negli USA ed in Giappone

Dopo la prima fase, quindi, di sperimentazione durata per l’intero decennio


degli anni ‘80 ed una fase di applicazione consapevole ed abbastanza diffusa
degli anni ’90, oggi l’isolamento sismico si trova in una terza fase
caratterizzata da nuovi campi d’applicazione.
Il concetto di isolamento alla base, sia in termini di dinamica della struttura
isolata sia in termini di meccanica dei dispositivi isolatori, è riportato in molti
testi e pubblicazioni. Questi studi teorici, pubblicati su riviste di ingegneria
strutturale e sismica o raccolti in testi dedicati all’argomento, sono stati di
supporto alla stesura delle norme tecniche per il progetto delle strutture isolate
e dei dispositivi d’isolamento in molti Paesi. Tra i molti testi che trattano
l’argomento vale la pena di ricordare quelli di James M. Kelly, uno dei
maggiori esperti di isolamento sismico al mondo, dal titolo: “Earthquake-
Resistant Design with Rubber” [Kelly, 1993] e “Design of Seismic Isolated
Structures – From theory to practice” [Naeim e Kelly, 1999].
Il primo approccio normativo al problema è datato 1986 e porta il nome di
“Tentative Seismic Isolation Design Requirements” [SEAONC, 1986]
sviluppato dalla SEAONC (Structural Engineers Association of Northern
California) negli USA e basato su una procedura di progetto ststica
equivalente (semplice per incoraggiare l’uso di questa tecnologia). Queste
linee guida sono state considerevolmente modificate dalla UBC 1991
“Earthquake Regulation for Seismic-Isolated Structures” [UBC, 1991], dalle
16 C ap it olo 2

UBC 1994 e 1997 [UBC, 1994; UBC 1997] e dall’IBC 2000, basate su metodi
di progetto dinamici [IBC, 2000].
Per gli edifici, il processo di sperimentazione sul campo è iniziato nel 1983
negli USA con il “Foothill Communities Law and justice Center” nella contea
di San Bernardino, città di Rancho Cucamonga in California (21 km dalla
faglia di S. Andrea), ed è continuato in Giappone nel 1987 quando è stata
rilevata la risposta degli edifici della Tohoku University a Sendai, costruiti
dalla Shimizu Corporation, durante il terremoto di Off Fukushima.
Questi ultimi due edifici, costruiti in adiacenza, uno isolato (a destra in
figura 5) ed uno a base fissa, hanno una configurazione strutturale
praticamente identica. La risposta rilevata in termini di accelerazioni è
riportata in tabella 3 [Shimizu Corporation, 1991]. Si fa notare che laddove
l’azione sismica risulti essere di bassa intensità (direzione Y), l’isolamento
sismico non è molto efficace in quanto la gomma che costituisce i dispositivi
presenta una grossa rigidezza per basse sollecitazioni (piccoli spostamenti).

figura 5. Edifici della Tohoku University a Sendai, Giappone [Shimizu Corporation, 1991].
L’isolamento sis mico 17

BASE ISOLATA BASE FISSA


x y x y
Suolo 0.042g 0.027g 0.042g 0.027g
Piano sopra gli isolatori 0.020g 0.014g --- ---
Copertura 0.022g 0.013g 0.211g 0.063g
Fattore di amplificazione
0.52 0.48 5.02 2.33
(copertura / suolo)
Amplificazione in copertura
--- --- 9.65 4.8
(base fissa / base isolata)
tabella 3. Confronto delle accelerazioni ai piani negli edifici della Tohoku University a Sendai, Giappone – terremoto
di Off- Fukushima, 1987 [Shimizu Corporation, 1991].

In Italia, la prima struttura isolata si trova a Napoli ed è stata realizzata nel


1981 dal Prof. Federico M. Mazzolani (figura 6). L’edificio, che serve il
centro operativo dei Vigili del Fuoco di Napoli, presenta una struttura sospesa
in acciaio con nuclei portanti in cemento armato. La struttura, originariamente
progettata per soli carichi verticali, dopo il terremoto Campano Lucano del
1980, venne isolata in corso d’opera.

figura 6. Primo edificio isolato in Italia, Centro operativo dei Vigili del Fuoco di Napoli, 1981.
18 C ap it olo 2

Il sistema di isolamento risulta composto da isolatori elastomerici abbinati a


dissipatori di energia elastoplastici (figura 7). Il sistema di isolamento è
disposto alla sommità delle torri in cemento armato che sostengono la struttura
reticolare di sospensione dell’edificio.

figura 7. isolatori elastomerici abbinati a dissipatori utilizzati nel Centro operativo dei Vigili del Fuoco di Napoli.

In occasione dei terremoti di Northridge del 1994 e di Kobe del 1995, strutture
monitorate, situate negli USA e in Giappone, hanno dimostrato sul campo
l’efficacia dell’isolamento sismico. Tra queste strutture si sono distinte:

- l’USC Hospital di Los Angeles, il quale ha superato senza danni il


terremoto di Northridge, California, del 1994 (tabella 4).
- il Ministero delle Poste e Telecomunicazione di Sanda City (vicino
Kobe), edificio isolato più grande del mondo, il quale ha superato
indenne il sisma del 1995 (tabella 4).

Dopo questi eventi, grazie alle dimostrazioni di grande affidabilità ed efficacia


dell’isolamento, si è avuto, in tutto il mondo, ma soprattutto in Giappone (con
oggi circa 1000 applicazioni all’anno), un esplosione delle realizzazioni di
L’isolamento sis mico 19

strutture isolate, come si evince dalla figura 8 e dalla figura 9. In questa fase si
è avuta un applicazione consapevole e diffusa della tecnologia.

Northridge Earthquake 1994 BASE ISOLATA


USC Hospital - Los Angeles NS EW
Suolo 0.37g 0.17g
Piano sopra gli isolatori 0.13g 0.14g
4°piano 0.10g 0.16g
6° piano 0.11g 0.15g
Copertura 0.21g 0.19g
Fattore di amplificazione
0.56 1.11
(copertura / suolo)

Kobe Earthquake 1995 BASE ISOLATA BASE FISSA


Ministero delle Poste – Sanda City X Y X Y
Suolo 0.30g 0.26g 0.27g 0.26g
Piano sopra gli isolatori 0.11g 0.06g --- ---
Copertura 0.10g 0.07g 0.97g 0.67g
Fattore di amplificazione
0.33 0.28 3.6 2.6
(copertura / suolo)
Amplificazione in copertura
--- --- 9.7 9.6
(base fissa / base isolata)

tabella 4. Confronto delle accelerazioni ai piani del Ministero delle Poste e Telecomunicazione di Sanda City con
quelle degli edifici adiacenti a base fissa.
20 C ap it olo 2

Taiwan; 24; 1% Armenia; 19; 0%


Italy; 31; 1%
New Zealand
USA; 100; 3% 11; 0%

China; 490
12%

Russia; 550;
14%
Japan; 2700; 69%

figura 8. Isolamento sismico nel mondo – stima al 2005.

1800

1600

1400

1200

1000

800

600

400

200

0
1983 1985 1987 1989 1991 1993 1995 1997 1999 2001 2003

figura 9. Isolamento sismico in Giappone – stima al 2003


L’isolamento sis mico 21

In Giappone, prima del 2000, cioè fino alla revisione delle normative Building
Standard Law, per la costruzione di edifici isolati era necessaria
l’approvazione del Ministero delle Costruzioni, rilasciata a seguito di
revisione del progetto da parte del “Building Centre of Japan”.
Per la verifica delle strutture isolate erano previste analisi di tipo time
history per i seguenti livelli di input [Katigawa e Midorikawa, 1998]:

- Livello 1-limitazione del danno-velocità 25cm/s: le tensioni


rimangono nei limiti ammissibili, e i dispositivi rimangono in
deformazione stabile (γ<100%).
- Livello 2-salvataggio delle vite umane-50 cm/s: è il massimo
evento atteso; la struttura risulta leggermente plasticizzata; agli
isolatori rimane un certo grado di sicurezza (γ<200%).
- Livello 3-50-75 cm/s: per confermare le prestazioni già dimostrate
al livello 2; dispositivi con γ<300%.

Per le analisi, venivano utilizzate registrazioni reali (El Centro del 1940, di
Taft del 1952 e di Hachinhoe del 1968), e accelerogrammi sintetici, scalati in
relazione alle diverse velocità di ogni livello di input sismico.
La Building Standard Law of Japan del 2000 [BCJ, 2000] introduce una serie
di importanti novità nella progettazione sismica: oltre ai concetti di
Performance based design, per le strutture isolate alla base consente di evitare
la revisione del BCJ e l’approvazione del Ministero per i progetti di
isolamento sismico relativi a edifici medio-alti che soddisfano le specifiche
condizioni contenute nella “Notification 2009 del 2000” [Notification 2009,
2000], ossia:

- H<60m;
- sistema di isolamento disposto alla base dell’edificio;
- massima eccentricità pari al 3%;
- assenza di trazione nei dispositivi.

Insieme alle specifiche contenure nella “Notification 2009”, va utilizzata


anche la “Notification 1446 del 2000 - Standard for specifications and test
methods for seismic isolation devices” [Notification 1446, 2000].
22 C ap it olo 2

Gli edifici che non soddisfano i requisiti richiesti dalla “Notification” hanno
oggi bisogno di analisi time history e della revisione da parte di una agenzia di
valutazione delle prestazioni.
Si fa notare che dopo il 2001 quando si è abolita l’autorizzazione speciale
per i progetti con isolamento sismico, la tendenza alla crescita sembra
inarrestabile.
Per quanto riguarda le principali caratteristiche degli edifici isolati in
Giappone negli anni novanta, si rileva quanto segue [Okamoto et al., 2002]:

- I 3/4 degli edifici isolati presentano un taglio alla base minore del
15% del peso sismico;
- L’80% degli edifici è stato progettato con i due livelli di prestazione
precedentemente descritti;
- Il rapporto di isolamento (Tis/Tbf) per il 90% degli edifici è
compreso tra 3 e 20; per il 40% di essi è compreso tra 3 e 5.
- Per quanto riguarda i dispositivi di isolamento si impiegano per il
40% gli NRB, per il 20% gli HDR, per il 30% gli LRB, per il 10%
gli SB & RBB (sliding bearing e rotation ball bearing);
- Quasi tutti chi edifici mostrano eccentricità minori del 5%; il 90%
di essi, minore del 3%.
- Lo spostamento alla base medio è dell’ordine dei 0.25m per il
livello di input 2; l’ampiezza media del giunto è pari a circa 0.50m.

L’isolamento sismico in Giappone è oggi molto applicato anche a gli edifici


residenziali e agli ospedali. Nel 2005 si contavano circa 1100 edifici
residenziali e circa 140 ospedali isolati come mostrato in figura 10
[Hamaguchi et al., 2006].
Vale la pena di citare una grossa realizzazione a Tokyo riguardante una
vasta area di 12349 m2 (chiamata artificial ground) isolata alla base, su cui si
individuano 21 edifici residenziali alti dai 6 ai 14 piani. L’enorme soletta di
calcestruzzo, sotto cui è ricavato un grande parcheggio, è sostenuta da 242
isolatori che danno alla sovrastruttura di 111600t un periodo di 6.7 s ed uno
spostamento di progetto di 800 mm.
L’isolamento sis mico 23

2% Centri informatici

Ospedali, uffici
pubblici e scuole Edifici
residenziali

5%
Laboratori

Uffici
5% case isolate

figura 10. Isolamento sismico in Giappone – stima al 2005 [Hamaguchi et al., 2006].

2.3 NUOVE TENDENZE

Come già accennato in precedenza, oggi l’isolamento sismico si trova in una


terza fase caratterizzata da nuovi campi d’applicazione quali:

- edifici alti;
- edifici leggeri;
- edifici su suoli soffici;
- adeguamento sismico di edifici esistenti;
- edifici in “near fault”.

L’esempio emblematico dell’avanguardia nell’applicazione di questa


tecnologia è sicuramente il Giappone, dove sono state realizzate applicazioni
ad edifici alti, e già nel 2000, circa 1/3 degli edifici alti costruiti vaniva dotato
di un sistema di isolamento sismico, come mostrato in figura 11 [Otani, 2004].
Per questi edifici, il cui periodo di isolamento è di circa 4 s, sono ammessi
anche sforzi di trazione sugli isolatori. Questo dimostra l’estrema affidabilità
raggiunta da questi sistemi. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare,
24 C ap it olo 2

isolare un edificio alto è conveniente in quanto un periodo di 4s a base fissa è


diverso da un 4s isolato poiché nel secondo caso la struttura è progettata per
rimanere sostanzialmente in campo elastico.

figura 11. Edifici alti con isolamento sismico in Giappone – stima al 2000 [Otani, 2004].

Per quanto riguarda gli edifici alti c’è da far rilevare che essi sono in genere
già dotati di periodi di oscillazione abbastanza lunghi. Per raggiungere quindi
un rapporto di isolamento adeguato, tale da garantire l’efficienza di questa
tecnologia, bisogna raggiungere periodi di isolamento Tis molto elevati (4-6s).
Negli edifici alti, oltre alle principali problematiche legate all’elevato periodo
di isolamento (grossi carichi verticali sui dispositivi ed elevati spostamenti
sismici), c’è la possibilità avere elevati sforzi di trazione sui dispositivi
elastomerici, a causa del considerevole momento ribaltante indotto dalle
azioni sismiche alla base dell’edificio. Data la presenza di queste
problematiche, sono in genere richiesti, per l’isolamento sismico degli edifici
alti, dispositivi elastomerici di grosso diametro, a volte anche con
caratteristiche particolari.
In Giappone, dove l’isolamento sismico è stato introdotto per gli edifici alti
nel 1997, esistono diversi esempi di applicazione ad edifici con rapporto di
snellezza H/b tra 3 e 5, e con altezza fino a 120m. Le soluzioni maggiormente
adottate per far fronte alle diverse problematiche descritte sono:
L’isolamento sis mico 25

- l’impiego di Sistemi misti per incrementare il periodo di isolamento,


ad esempio il “Tass System” (Taisei Shake Suppression System)
introdotto negli anni ’90;
- l’impiego di Isolatori High Strength Rubber Bearing (HSRB) per far
fronte alle elevate sollecitazioni di trazione dovute al ∆N sismico;
- l’impiego di isolamento intermedio.

I sistemi misti, formati in genere da isolatori elastomerici e scivolatori in


acciaio-PTFE (teflon), sono stati introdotti essenzialmente per far fronte a due
esigenze: la prima esigenza è quella di avere, in condizioni sismiche, un
sistema di isolamento molto deformabile in orizzontale e quindi con un basso
numero di isolatori elastomerici (di piccolo diametro in quanto aventi soltanto
funzione rientrante e non portante) ed un alto numero di dispositivi di
scivolamento che non introducono rigidezza orizzontale ma hanno la funzione
di sostegno dei carichi verticali; la seconda esigenza è rappresentata dalla
necessità di una elevata rigidezza iniziale in condizioni non sismiche per
evitare fastidiosi movimenti dell’edificio in condizioni di vento forte. In
pratica, il “Tass System” presenta un comportamento bilineare con rigidezza
iniziale molto elevata: si può inoltre settare una forza allo snervamento
maggiore di quella della massima azione da vento attesa cosicché, in questa
condizione, l’edificio si comporti quasi come fisso alla base (figura 12).
Superato lo snervamento (in fase di sisma) la rigidezza del sistema si abbatte
moltissimo consentendo alla struttura di oscillare con un elevato periodo
[Komuro et al., 2005].
Per l’isolamento sismico degli edifici alti con rapporto H/b tra 3 e 5 ed
altezza tra 60 e 120m, come precedentemente accennato, si sono impiegati
anche speciali isolatori HSRB (High Strength Rubber Bearings) ad alta
resistenza a trazione per far fronte alle elevate sollecitazioni di trazione dovute
al ∆N sismico causato dal momento ribaltante alla base dell’edificio. Questi
isolatori sono realizzati con una speciale mescola elastomerica ottenuta
attraverso l’utilizzo del carbonio, e sono stati utilizzati in molti edifici alti
costruiti dopo il 2000 dalla Takenaka Corporation in diverse città del
Giappone.
26 C ap it olo 2

figura 12. Comportamento bilineare del Tass System [Komuro et al., 2005].

L’isolamento tra i piani è un’altra soluzione che si adotta per l’isolamento


sismico degli edifici con elevata altezza. Anche con questo tipo di isolamento
si ottengono elevati incrementi del periodo di vibrazione dell’edificio e quindi
una riduzione della risposta sismica rispetto alle strutture a base fissa. A
differenza dell’isolamento alla base in cui il moto della struttura durante il
sisma risulta caratterizzato quasi interamente dal primo modo di vibrare, con
l’isolamento tra i piani il moto della struttura risulta caratterizzato dai primi
tre modi di vibrare: il primo modo, che è essenzialmente il modo di vibrare
dell’intera struttura, il secondo ed il terzo che sono i modi di vibrare delle due
parti in cui l’isolamento divide la struttura. Quanto detto porta sicuramente ad
una maggiore complessità del problema. Si fa rilevare che in genere, in
strutture con questo tipo di isolamento, la massima accelerazione si rileva al
piano sottostante il sistema di isolamento. Importante è considerare
l’adattabilità degli impianti tecnologici in corrispondenza del piano di
isolamento durante il sisma.
Al fine di illustrare le diverse soluzioni utilizzate per l’isolamento degli
edifici alti, si riporta in seguito la descrizione di alcuni esempi di
realizzazioni.
Il Sendai MT High Rise Building (figura 13) è stato realizzato nel 1997
dalla Taisei Corporation nella città di Sendai [Komuro et al., 2005]. Al fine di
ottenere un elevato periodo di isolamento (Tis=5s) e nel contempo di ottenere
una elevata rigidezza iniziale per evitare vibrazioni dell’edificio per azioni da
vento, si è utilizzato il sistema di isolamento TASS System con sforzo di
L’isolamento sis mico 27

snervamento pari al 3.7% del peso sismico. L’edificio in questione risulta il


primo edificio alto isolato in Giappone; esso presenta 18 piani ad uso uffici ed
un altezza pari ad 84.9m. La struttura è di tipo composto acciaio-calcestruzzo
con travi di luce 15m (sezione 65x105cm) e pilastri 85x85cm. Gli scivolatori
sono stati installati sotto i pilastri interni dove la variazione dell’azione
verticale per effetto del sisma risulta sicuramente ridotta e quindi risulteranno
ridotte le variazioni delle caratteristiche meccaniche dei detti dispositivi
durante il sisma.
La Thousand Tower (figura 13), edificio residenziale isolato più alto del
mondo, è stata realizzata nel 2001 [Komuro et al., 2005]. Anch’essa utilizza il
sistema di isolamento TASS System con coefficiente di snervamento 3.5% del
peso sismico. La struttura, in c.a. di 41 piani, ha un’altezza pari a 135m ed un
aspect ratio H/bmin pari a 3.83. L’isolamento sismico ha consentito luci libere
di circa 12m.
Il Park City Suginami, a differenza degli edifici precedenti, utilizza un
sistema di isolamento alla base con 5 tipi di isolatori HSRB (1100-1550mm)
posti sul perimetro esterno, ed isolatori NRB nella parte interna (16 HSRB +
14 NRB). Inoltre sono stati impiegati 99 smorzatori in piombo. La struttura,
realizzata nel 2000 dalla Takenaka corporation [Takenaka corporation, 2006],
è costituita da 28 piani ed ha un altezza pari a 93.1m. Con un input di 0.4g-
0.6g si sono ottenute riduzioni delle accelerazioni sismiche dell’ordine di 1/2 -
1/3 (0.2g – 0.15g).
L’Umeda DT Project, costruito nel 2002 dalla Takenaka corporation nella
città di Osaka [Takenaka corporation, 2006], utilizza un'altra soluzione per
l’isolamento di edifici alti, vale a dire l’isolamento intermedio. L’edificio, ad
uso uffici, è costituito da 27 piani fuori terra e da 4 piani interrati, con
un’altezza pari a 130m. Per l’isolamento sono stati utilizzati 12 scivolatori
lineari (slitte), 6 LRB, e 6 smorzatori; il sistema è installato al terzo livello.
Uno dei problemi più grandi degli edifici isolati a piani intermedi sono gli
elevati spostamenti che devono essere assorbiti dagli impianti tecnologici. In
particolare in quest’edificio si è impiegato un sistema di ascensori sviluppato
appositamente dalla Mitsubishi Electronic Corporation capace di assorbire
spostamenti laterali di circa 25cm sotto sisma.
Il Shiodome Sumitomo Building [Sueoka et al., 2004] è il più alto edificio
isolato con isolamento intermedio del mondo. E’ alto 126m ed è costituito da
28 C ap it olo 2

25 piani fuori terra e 3 interrati. La struttura è in acciaio, con luci libere 12.8m
x 22.95m; i pilastri di base in acciaio sono circolari Ø1100 x 36mm di
spessore. L’isolamento si trova al 12° piano ed impiega 41 NRB, 100
dissipatori in piombo e 14 dissipatori in acciaio. Gli isolatori elastomerici
utilizzati risultano i seguenti: 13Ø1300, 19Ø1100, 9Ø1000. La pressione
verticale massima sui dispositivi è pari a 15 MPa. Il periodo di isolamento
risulta Tis=5s considerando la rigidezza secante (Tis=3,26s iniziale, 5.95s in
condizioni sismiche). Il 2° e 3° modo hanno un periodo di circa 1s. Il massimo
spostamento di progetto per gli elementi non strutturali è stato assunto pari a
50cm.

figura 13. Sendai MT Building (a sinistra), Thousand Tower Building (a destra)

Un altro esempio di nuova applicazione dell’isolamento sismico è


rappresentato dagli edifici leggeri. Il principale problema che si riscontra
nell’isolamento sismico degli edifici di altezza limitata è il raggiungimento di
un adeguato periodo di isolamento a causa della limitata massa che in genere
contraddistingue questa tipologia di edifici. Infatti, come si nota dalla
L’isolamento sis mico 29

relazione che lega il periodo di isolamento alla massa della struttura (19), ad
una massa piccola corrisponde un periodo di isolamento piccolo.

M tot
TIS = 2π (19)
K isol

Per aumentare il periodo di isolamento, una prima soluzione sarebbe quella di


ridurre la rigidezza tagliante del sistema di isolamento. Tale riduzione
potrebbe essere ottenuta, nel caso di impiego di isolatori elastomerici,
riducendo le dimensioni in pianta dei dispositivi. Ma gli elevati spostamenti
sismici e l’instabilità dei dispositivi stessi, limita la possibilità di utilizzare
dispositivi troppo piccoli.
Quindi in genere si utilizzano sistemi di isolamento misti in cui vengono
introdotti dispositivi di scivolamento che supportano i carichi verticali e non
introducono rigidezze taglianti nel sistema.
Per quanto riguarda questi dispositivi di scivolamento, essi dovranno
presentare una forza d’attrito quanto più bassa possibile; per questo motivo si
possono adottare alcuni accorgimenti, quali:

- posizione dei dispositivi di scivolamento nella parte interna del


sistema per evitare grosse variazioni di carico verticale dovute al
sisma e quindi grosse variazioni della forza di richiamo da attrito;
- adottare PTFE montato su un isolatore in gomma e acciaio per
attutire la velocità e quindi abbassare il valore del coefficiente
d’attrito;
- utilizzare dispositivi che prevedono strati alternati di acciaio-PTFE
in modo tale da distribuire le velocità e quindi abbassare il
coefficiente d’attrito.

Una seconda soluzione è quella di rendere il periodo di isolamento quasi


indipendente dalla massa della struttura utilizzando dispositivi innovativi quali
gli FPS (Friction Pendulum System - figura 14).
Gli FPS sono stati sviluppati nel 1986 ed utilizzati per la prima volta per
l’adeguamento di un edificio di 5 piani a San Francisco, in California,
danneggiato dal terremoto di Loma Prieta del 1989. Questi dispositivi sono
30 C ap it olo 2

stati utilizzati anche per adeguamento dell’edificio della “U.S. Court of


Appeals”, struttura in acciaio con murature in granito e mattoni; in questo caso
gli isolatori sono stati installati sotto le singole colonne di acciaio. Altri
esempi di edifici isolati con FPS più recenti sono il “Hayward City Hall”,
“l’aeroporto Internazionale di San Francisco” in California e “l’aeroporto di
Ataturk” ad Istanbul in Turchia.

figura 14. Dispositivo FPS ad unica superficie curva.

Questi dispositivi hanno un comportamento che deriva sostanzialmente da


quello del pendolo [De Luca e Serino, 1989; Zayas et al., 1987].
Nelle ipotesi di attrito nullo e di piccoli spostamenti, la forza di richiamo
orizzontale del singolo dispositivo, da semplici considerazioni geometriche, è
data dalla relazione (20)

d W
F = K ⋅d =W ⋅ = ⋅d (20)
R R

con K rigidezza tagliante del dispositivo, W carico sul singolo dispositivo, d


spostamento sismico e R raggio di curvatura del dispositivo.
Dalla relazione (20) si nota quindi che la rigidezza del dispositivo, nelle
ipotesi citate, è pari al rapporto tra il carico supportato W e il raggio di
curvatura del dispositivo (21).

W
K= (21)
R
L’isolamento sis mico 31

figura 15. Dispositivo FPS ad unica superficie curva – schema variato sotto sisma.

Definita la rigidezza del dispositivo, il periodo di isolamento risulta fornito


dalla relazione (22).

M W R R
Tis = 2π = 2π = 2π ⇒ Tis ( R ) (22)
K g W g

Dalla relazione (22) si evince che, nelle ipotesi suddette, il periodo di


isolamento dipende soltanto dal raggio di curvatura R del dispositivo di
isolamento, e non dipende dalla massa della struttura.
In realtà, i dispositivi FPS presentano un certo attrito e quindi la rigidezza
effettiva del dispositivo è data dalla (23), dove µ rappresenta proprio il
coefficiente d’attrito.

W µW
K eff = + (23)
R d
32 C ap it olo 2

E’ da notare inoltre che oggi la tecnologia dei materiali permette di realizzare


dispositivi con attrito molto basso, in modo da rendere il secondo termine
della (23) praticamente nullo e quindi in modo da rendere il periodo di
isolamento di una struttura isolata con FPS praticamente indipendente dalla
massa della struttura.
Il “near fault” è sicuramente la maggiore problematica che l’isolamento
sismico si trova oggi ad affrontare negli Stati Uniti, dove le restrizioni
normative la rendono praticamente improponibile. Gli edifici isolati soggetti a
terremoti near fault (terremoti che presentano alte velocità a frequenze basse),
sono soggetti in genere ad elevati spostamenti alla base che a volte causano
l’insufficienza del giunto laterale, che permette il movimento dell’edificio
sotto sisma, e l’instabilità dei dispositivi. Per questo motivo, in queste
condizioni, è consigliabile avere i carichi concentrati in pochi punti di
appoggio, con luci più ampie, e quindi con dispositivi di dimensioni più
grandi e quindi più stabili se soggetti ad elevati spostamenti.
I terremoti near fault sono caratterizzati da un moto perpendicolare ed uno
parallelo alla faglia. Il moto perpendicolare alla faglia è molto più ricco,
rispetto al moto parallelo alla faglia, di componenti spettrali di lungo periodo.
Il moto parallelo alla faglia mostra accelerazioni più alte in corrispondenza di
bassi periodi. Il massimo spostamento corrispondente all’azione normale, si
verifica in un momento diverso da quello corrispondente all’azione parallela,
quindi, le due componenti di moto non dovrebbero in genere sommarsi. E’ da
notare comunque che, in molti casi, il sisma parallelo alla faglia, risultando di
bassa intensità, può addirittura essere trascurato.
Il terremoto in near fault presenta pulsazioni di lunga durata con velocità di
picco di circa 0.5m/s e durata 1-3s (accelerazione all’incirca costante che
determina la costanza nel tempo delle forze sulla struttura, senza inversione di
segno, con la conseguente crescita dello spostamento alla base). Questo porta
quindi a grandi deformazioni dei dispositivi di isolamento per le strutture con
periodo in questo intervallo (1-3s), quindi all’uso di isolatori con diametri
molto grandi. L’utilizzo della strategia della concentrazione degli sforzi con
l’utilizzo di dispositivi di grande diametro è molto sviluppato in Giappone,
dove, molti edifici di 10-14 piani utilizzano isolatori di grande diametro,
anche Ø1500mm. Negli USA questa strategia non è molto sviluppata; ad essa
L’isolamento sis mico 33

viene preferito l’utilizzo di dispositivi con alto smorzamento, viscoso o


isteretico (per ridurre gli spostamenti).

2.4 TIPOLOGIE DI ISOLATORI

I sistemi di isolamento sono classificati in base alle modalità con cui si ottiene
l’elevata deformabilità in direzione orizzontale al piede della struttura; si
individuano tre tipi di isolatori, ossia: isolatori in materiale elastomerico ed
acciaio, isolatori elastoplastici ed isolatori a rotolamento o scorrimento.
I primi in genere sono costruiti in gomma naturale o elastomero di sintesi o
neoprene mentre gli ultimi costituiscono sostegni scorrevoli di acciaio-PTFE
(acciaio-Teflon). Sono stati proposti anche sistemi che integrano elastomero
ed acciaio-Teflon per lo scorrimento.
Gli isolatori in materiale elastomerico ed acciaio sono costituiti da strati
alternati di gomma ed acciaio solidarizzati mediante vulcanizzazione a caldo.
Gli strati di acciaio svolgono la funzione di confinamento della gomma,
riducendone la deformabilità per carichi ortogonali alla giacitura degli strati,
lasciandoli invece liberi di deformarsi per carichi paralleli sfruttando l’elevata
deformabilità tangenziale della gomma (deformazioni maggiori del 300%).
Gli isolatori elasto-plastici sono invece costituiti da elementi metallici che
restano in campo elastico per carichi verticali e per piccoli carichi orizzontali
entrando in campo plastico solo quando si superano determinati valori delle
azioni orizzontali.
Gli isolatori a scorrimento o rotolamento sono costituiti rispettivamente da
appoggi a scorrimento (acciaio-Teflon) o a rotolamento (slitte a rulli oppure a
sfere) caratterizzati tutti da bassi valori di resistenza per attrito in modo da
trasmettere alla struttura il minor carico sismico possibile.
Per assicurare una adeguata dissipazione energetica e per limitare i grossi
spostamenti alla base, è necessario che il sistema di isolamento abbia un
adeguato smorzamento. Questo nel caso degli isolatori in materiale
elastomerico ed in quelli elastoplastici è garantito dal comportamento
fortemente isteretico dei materiali che compongono tali dispositivi. Gli
isolatori elastomerici, infatti, sono realizzabili utilizzando mescole speciali di
gomma ad alta dissipazione (HDRB - High Damping Rubber Bearings),
ottenendo dispositivi con smorzamento viscoso equivalente che supera il 10%.
34 C ap it olo 2

La dissipazione può essere ottenuta disponendo all’interno dell’isolatore un


cilindro di piombo (LRB Lead Rubber Bearings), che consentoni di
raggiungere valori di smorzamento superiori al 20%. Nel caso dei dispositivi a
scorrimento o rotolamento è necessario disporre in parallelo dei dissipatori di
energia e dispositivi di controllo degli spostamenti e di ricentraggio.
In genere i dispositivi di isolamento costituiscono una discontinuità lungo
l’altezza della struttura. Essi vengono interposti tra le fondazioni e la struttura
in modo da permettere grossi spostamenti in orizzontale e, data la loro elevata
rigidezza ortogonale agli strati, consentono anche il trasferimento dei carichi
verticali alle fondazioni.

2.4.1 Isolatori elastomerici


Isolatori elastomerici non armati (senza piastre di acciaio interne vulcanizzate
alla gomma) sono stati utilizzati per la prima volta in un edificio scolastico a
Scopje, Macedonia, nel 1969.
Questi isolatori hanno una rigidezza verticale poco più grande della
rigidezza orizzontale ed hanno basso smorzamento. Per questo motivo, in
questi sistemi, il moto orizzontale è accoppiato al moto verticale. Questi
isolatori sono dotati di dispositivi che bloccano il fabbricato per azioni
orizzontali di piccola entità, corrispondenti a carichi di esercizio, quali: il
vento e il transito degli autoveicoli.
Dopo tale pionieristica applicazione della gomma, sono stati utilizzati solo
isolatori elastomerici rinforzati, con strati di acciaio interni inseriti per
confinare la gomma, aumentandone la rigidezza verticale senza modificarne
quella orizzontale. All’inizio essi erano impiegati nella protezione sismica di
ospedali e ferrovie, ma oggi sono utilizzati anche per l’edilizia residenziale.
Gli isolatori elastomerici di dividono in
- isolatori a basso smorzamento (LDRB);
- isolatori ad alto smorzamento (HDRB);
- isolatori con dissipatore al piombo (LRB).

Isolatori LDRB
Sono utilizzati prevalentemente in Giappone dove si dispongono in parallelo
ad altri dispositivi, quali: smorzatori viscosi, smorzatori in acciaio, smorzatori
in piombo e sistemi ad attrito.
L’isolamento sis mico 35

Per la produzione di questi isolatori si usa la gomma naturale, vulcanizzata


alle piastre di acciaio interne. Gli spessori dei singoli strati non influiscono
sulla rigidezza orizzontale, che è controllata dal modulo di rigidezza a taglio
della gomma e dall’altezza totale della gomma stessa; il comportamento a
taglio dei dispositivi è sensibilmente lineare per deformazioni a taglio fino al
100%-150%, con smorzamento dell’ordine del 2-3%. Il materiale non è
soggetto a fenomeni di CREEP ed ha una buona stabilità delle caratteristiche
meccaniche a lungo termine.

Isolatori LRB
Gli isolatori LRB sono stati ideati, brevettati ed impiegati per la prima volta in
Nuova Zelanda a metà degli anni ’70, da Robinson [Robinson e Tucker,
1977]. La morfologia è del tutto simile agli isolatori elastomerici; l’elemento
che li contraddistingue è la presenza di uno o più cilindri di piombo collegati
alle piastre terminali di acciaio (figura 16); queste ultime sotto sisma
sollecitano lo smorzatore di piombo a taglio, il quale inizia a deformarsi a
circa 10 Mpa, con risposta di tipo bilineare.

Dissipatore in piombo

Piastre di acciaio

Strati di gomma

figura 16. Isolatore LRB con dissipatore in piombo.

Il piombo deve adattarsi ed incastrarsi nella gomma e per questo si pratica un


foro di poco più piccolo dal cilindro dissipativo. Questi dispositivi, sono
36 C ap it olo 2

caratterizzati, come accennato, da un comportamento forza-spostamento


bilineare, che garantisce una dissipazione di energia superiore a quella degli
altri isolatori elastomerici, con smorzamento viscoso equivalente che può
raggiungere il 30%. La buona capacità dissipativa li rende particolarmente
adatti all’isolamento sia di ponti di medie dimensioni che di edifici, in
quest’ultimo caso spesso accoppiati ad isolatori elastomerici HDRB.

Isolatori HDRB
Gli isolatori HDRB sono comparsi sulla scena dell’isolamento sismico nel
1982. Essi hanno uno smorzamento tale da eliminare l’esigenza di smorzatori
supplementari, il che si ottiene utilizzando mescole “caricate”, ovvero
additivate con nerofumo, oli e resine.
Lo smorzamento viscoso equivalente arriva fino al 8-12% (figura 17). Per
questi isolatori sono disponibili mescole con diversa durezza e modulo a
taglio:

Mescola morbida: Bassa durezza (50-55 ShA)


Basso modulo a taglio G (0,4 MPa)
Mescola intermedia: Media durezza (55-70 ShA)
Medio modulo a taglio G (0,8 MPa)
Mescola dura: Alta durezza (70-75 ShA)
Alto modulo a taglio G (1,4 MPa)

I metodi di fabbricazione sono gli stessi degli isolatori LDRB.


In generale il dispositivo esibisce una risposta non lineare, con elevata
rigidezza per deformazioni di taglio inferiori al 20%. Questo tende a
minimizzare la risposta sotto l’azione del vento e di piccoli sismi. Per
deformazioni a taglio comprese tra il 100% e il 150-200%, il modulo di taglio
tende a ridursi e a mantenersi costante, assumendo il valore nominale.
A deformazioni maggiori del 150-200%, il modulo si incrementa per
effetto della cristallizzazione della gomma e questo è accompagnato da un
incremento di dissipazione energetica.
L’isolamento sis mico 37

figura 17. Modulo di taglio e smorzamento equivalente al variare della deformazione di taglio [Kelly, 2001].

400

320

240

160
Forza orizzontale [kN]

80

0
-180 -140 -100 -60 -20 20 60 100 140 180
-80

-160

-240

-320

-400
Spostamento orizzontale [mm]

figura 18. Ciclo d’isteresi di un isolatore HDRB.


38 C ap it olo 2

Lo smorzamento in tali dispositivi risulta essere una combinazione tra


smorzamento viscoso e smorzamento isteretico [Kelly, 1991]. In un puro
elemento viscoso la dissipazione è quadratica nello spostamento mentre in un
sistema isteretico puro essa tende ad essere lineare con lo spostamento. In
figura 18 è riportato un esempio di comportamento ciclico di un isolatore
elastomerico HDRB.

Aderenza tra i materiali nei dispositivi HDRB


Per quanto riguarda l’aderenza gomma-acciaio, in genere si richiede che la
resistenza del collegamento tra gomma e acciaio deve essere almeno pari a
7kg/cm nella prova ASTM D429 a 90° - Metodo B [Kelly, 2001]. In genere,
per le gomme utilizzate negli isolatori elastomerici, questa prova risulta
sempre soddisfatta.

CREEP
Per quanto riguarda la deformazione sotto carico costante, il Creep, essa è
definita come la differenza tra la deformazione per carichi di lunga e di breve
durata. Le deformazioni per Creep nella gomma sono costituite da due
aliquote:
- deformazioni dovute allo scorrimento (slippage) delle catene
molecolari che rappresenta l’aliquota maggiore;
- deformazioni dovute alla rottura delle catene molecolari, ad esempio
per ossidazione (piccola aliquota perché la gomma all’interno risulta
protetta dalla gomma esterna);
La gomma naturale è meno sensibile a questi fenomeni che dipendono dalla
quantità di filler aggiunto e dal sistema di vulcanizzazione. In genere in Creep
non eccede il 20% della deformazione iniziale nelle prime settimane e il 10%
dopo molti anni.

Resistenza alle azioni di trazione


Per quanto riguarda gli sforzi di trazione nei dispositivi elastomerici, c’è da
dire che essi in passato non erano ammessi. Questa regola era dettata dalla
scarsa conoscenza che si aveva delle proprietà dei dispositivi elastomerici.
Oggi le norme hanno incrementato molto le azioni, tanto che non avere
trazioni sui dispositivi risulta veramente difficile. Da prove sperimentali su
L’isolamento sis mico 39

dispositivi elastomerici con G pari a 1MPa si è notato che la deformazione di


rottura a trazione dei dispositivi risulta essere circa pari al 150%. La rigidezza
a trazione risulta essere elastica fino ad una tensione di trazione pari a circa
40MPa e deformazione circa pari al 15% (la quale dipende dalla dimensione
dei dispositivi e dalle proprietà della gomma). Dopo il campo elastico la
rigidezza si riduce per cavitazione della gomma.
Oggi si ammette una tensione di trazione pari a 3G [Kelly, 2001] oppure al
min(2G, 1MPa) per la nuova proposta di normativa italiana [OPCM 3431,
2005].

2.4.2 Isolatori a scorrimento


Il primo rudimentale sistema di isolamento per scorrimento fu realizzato nel
1909 da un medico in Inghilterra (sistema Calantarientes). L’isolamento era
stato realizzato mediante uno strato di talco. Egli capì che i sistemi di
isolamento riducono le accelerazioni nei fabbricati isolati a spese di grossi
spostamenti relativi tra fabbricato e fondazioni [Naeim e Kelly, 1999].
Il sistema di Calantarientes incorporava tutti gli elementi che ora sono ancora
necessari per un sistema di questo tipo e per tutti i sistemi di isolamento alla
base e cioè:
- separazione del fabbricato dal suolo;
- adeguato giunto per permettere i grossi spostamenti del fabbricato
in orizzontale;
- sistema di vincolo per piccole azioni orizzontali tipo il vento.
L’isolamento è stato considerato come strategia di protezione sismica in Italia
per la prima volta nel 1908, dopo il terremoto di Messina che uccise 160.000
persone in edifici in muratura, i quali crollarono quasi tutti. Dopo questa
catastrofe il governo emanò norme per la ricostruzione sicura ed economica ed
incaricò una commissione di designare le zone più adatte per la ricostruzione
degli abitati colpiti dal sisma.
La commissione, nella relazione pubblicata dall’Accademia dei Lincei nel
1909 [Naeim e Kelly, 1999], considera due approcci progettuali per gli edifici
da ricostruire: un primo approccio fu quello di isolare l’edificio da terra
tramite uno strato di sabbia in fondazione, usando rulli sotto le colonne per
permettere al fabbricato di muoversi in orizzontale; il secondo approccio fu
40 C ap it olo 2

quello di progettare la struttura molto resistente, capace di resistere ad elevate


forze orizzontali.
Questo ultimo approccio fu raccomandato ed il primo non fu preso in
considerazione dagli operatori.
I più grandi edifici costruiti con il primo sistema suggerito sono di 4 piani: i
dormitori per l’osservatorio dei terremoti violenti a Beijing, nei quali la
superficie scorrevole è costituita da uno strato di sabbia speciale frapposto tra
fondazioni e muri portanti.
Per studiare il funzionamento di questi sistemi sotto forze orizzontali, si fa
riferimento, per la sabbia, alla Teoria di Coulomb, anche se è molto distante
dalla realtà.
In molti casi viene utilizzato il Teflon per lo scorrimento, tenendo in conto
che le caratteristiche di attrito di questo materiale dipendono dalla temperatura
e dalla velocità di scorrimento.
Il sistema di isolamento a scorrimento per edifici più conosciuto è sicuramente
il Friction Pendulum System (FPS) che è stato descritto già al §2.3. Altri
sistemi utilizzati in passato sono: l’Electricitè de France System, l’EERC
Combined System, il Tass System (come già mostrato, oggi molto utilizzato in
giappone per l’isolamento di edifici alti), il Resilient Friction Base Isolation
(R-FBI). Le principali caratteristiche del sistema FPS sono lo smorzamento
per attrito da scorrimento e il ricentraggio per geometria. Questi dispositivi
sono formati da una superficie articolata che scorre su una calotta sferica di
acciaio inox. La superficie articolata è rivestita da materiale composito a basso
attrito ed ad alta resistenza. Il movimento del sistema causa la nascita di forze
di ricentraggio per geometria. L’interfaccia di scorrimento gioca un ruolo
cruciale nella risposta di questi isolatori in quanto la resistenza per attrito
dell’interfaccia è funzione del diametro della calotta sferica (effetto del
confinamento del composito), dalla pressione di contatto, dalla velocità di
scorrimento e della temperatura ed invecchiamento.
Il concetto fondamentale su cui si basa il sistema FPS è quello di moto
pendolare (figura 19) che sfruttando la superficie concava del basamento ed il
peso scaricato tende a ricentrare il sistema [De Luca e Serino, 1989].
Il sistema “Electricitè de France System” è stato sviluppato in Francia nel
1970 per applicazioni nucleari. Questo sistema semplificò molto la
progettazione della pianta delle centrali nucleari.
L’isolamento sis mico 41

figura 19. Friction Pendulum System.

In zona sismica queste furono isolate per mantenere le accelerazioni delle


apparecchiature sotto un determinato livello. Questo sistema combina
cuscinetti di neoprene contenenti smorzatori in piombo con superfici di
scorrimento realizzate sopra di questi. Al neoprene è consentito di spostarsi di
circa 5cm; oltre questo spostamento entra in azione lo scorrimento. Il sistema
non è autoricentrante, quindi gli spostamenti possono essere permanenti.
L’EERC Combined System consiste in un sistema di isolamento in cui i
pilastri interni sono sostenuti da appoggi in acciaio teflon mentre i pilastri
esterni sono sostenuti da isolatori in gomma. Questi ultimi provvedono al
ricentraggio ed ad abbassare la torsione, mentre il sistema ad attrito smorza le
vibrazioni.
Nel Tass System, invece, l’intero carico è portato da piastre in acciaio
teflon. In aggiunta vi sono cuscinetti di neoprene che non portano nulla ma
assolvono solo la funzione di ricentraggio. La superficie dell’appoggio è a
10Mpa con un coefficiente di attrito pari a 0,05-0,15 rispettivamente a basse e
ad alte velocità. Questo sistema è stato ed è prevalentemente utilizzato in
Giappone.
Il sistema di isolamento Resilient Friction (R-FBI) è stato proposto per
superare i problemi creati dagli alti coefficienti di attrito del teflon alle alte
velocità. Questo è stato realizzato usando molte superfici di scorrimento che
interfacciano con i cuscinetti, di modo che la velocità si divide tra le varie
superfici di teflon che avranno basso coefficiente di attrito. Il ricentraggio è
garantito da elementi in acciaio e gomma costituenti parte integrante dello
stesso dispositivo. La gomma ha la funzione di ricentraggio mentre l’acciaio
quella di distribuire uniformemente la velocità [Naeim e Kelly, 1999].
42 C ap it olo 2

2.4.3 Altri sistemi di isolamento


Sono essenzialmente lo Spring Type System e lo Sleeved-Pile Isolation
System. Il primo è usato quando c’è bisogno di isolare nelle 3 dimensioni.
Il GERB System, in Germania, all’inizio nato per attenuare le vibrazioni di
turbine, è utilizzato assieme a visco-smorzatori. Come tutti i sistemi di
isolamento tridimensionale c’è l’accoppiamento tra moto orizzontale e
oscillazioni verticali perché il centro di gravità della struttura isolata è sopra il
centro del sistema di isolamento. Questo sistema è quindi applicabile quando
il baricentro delle masse è sullo stesso livello di quello delle rigidezze.
Il secondo, invece, smorza le oscillazioni del sisma tramite pali di fondazione.
In situazioni dove è indispensabile adottare pali di fondazione, ad esempio per
edifici su suolo soffice, si può usare questo tipo di isolamento che comunque
da una certa deformabilità in orizzontale. I pali saranno intubati per permettere
il movimento. Una interessante conseguenza della meccanica delle colonne, è
che la rigidezza orizzontale è proporzionale ad (EI/l3), mentre il carico
flessionale è proporzionale à (EI/l2). Se il carico portato dai pali è W ed il
periodo del sistema è T, quindi:

αEI/l3=(W/g)·(2π/T)2 (24)

dove:
α dipende dai vincoli, E è il modulo elastico del materiale che costituisce il
palo ed I è l’inerzia della sezione del palo.
Il carico a flessione del palo, con β dipendente dai vincoli, risulta:

Pcrit=β(EI/l2) (25)

Il coefficiente di sicurezza per flessione è dato da:

S.F.=Pcrit/W=(a/b)(l/(gT2)) (26)

Si nota che fissato il carico verticale e il periodo della struttura, il fattore di


sicurezza cresce al crescere della lunghezza del palo.
Un esempio di questa tecnica di protezione si trova a Nuova Zelanda, ad
Auckland (1983), in cui si sono istallati pali di 10m, 15cm di franco intorno al
palo, sotto una struttura di 12 piani avente periodo di oscillazione di circa 4s.
L’isolamento sis mico 43

2.4.4 Vantaggi e svantaggi dei singoli dispositivi di isolamento


Di seguito, in tabella 5, si riportano i vantaggi e gli svantaggi riguardanti
l’utilizzo dei singoli dispositivi di isolamento considerati nei precedenti
paragrafi.

Vantaggi Svantaggi
LDRB Basse accelerazioni nella sovrastruttura Grossi spostamenti
Basso costo Basso smorzamento
Bassa resistenza ai carichi di
servizio
Effetti di instabilità
HDRB Moderate accelerazioni nella Rigidezza e smorzamento
sovrastruttura dipendenti dalle deformazioni
Resistenza ai carichi di servizio di taglio
Moderato smorzamento Limitata scelta di rigidezza e
smorzamento
Effetti di instabilità
LRB Moderate accelerazioni nella Variazione ciclica delle
sovrastruttura proprietà
Vasta scelta di rigidezze e smorzamenti Effetti di instabilità
SD Resistenza ai carichi di servizio Accelerazioni strutturali alte
Alto smorzamento Proprietà funzione di velocità
Stabilità e carico applicato
Effetti sotto carico costante
No ricentraggio
FPS Resistenza ai carichi di servizio Accelerazioni strutturali alte
Moderato smorzamento Proprietà funzione di velocità
Stabilità e carico applicato
Riduzione nella risposta torsionale Effetti sotto carico costante
Smorzatori Conrollo degli spostamento Aggiungono rigidezza al
isteretici Economici sistema
Smorzatori Conrollo degli spostamento Costi elevati
viscosi Aggiungono poca rigidezza e adeguato Gamma Limitata
smorzamento
tabella 5. Vantaggi e svantaggi dei diversi sistemi di isolamento considerati [Kelly, 2001].
44 C ap it olo 2
45

Capitolo 3
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi
elastomerici

In questo capitolo si descrive lo stato tensio deformativo nei dispositivi


elastomerici per isolamento sismico con particolare riferimento alla soluzione
analitica “pressure solution”, soluzione comunemente utilizzata nella
derivazione delle formule di verifica per gli isolatori elastomerici. Viene data
inoltre una descrizione della morfologia di tali dispositivi di isolamento.

3.1 CARATTERISTICHE GEOMETRICHE E MECCANICHE

Di seguito sono riportate le caratteristiche dei dispositivi di isolamento in


gomma ed acciaio HDRB di maggior interesse nella progettazione delle
strutture isolate.

Principali caratteristiche geometriche


D: diametro o dimensione di lato (per isolatore circolare o quadrato
rispettivamente);
te: altezza totale della gomma;
t: spessore dell’i-esimo strato di gomma (tra 5 e 10mm);
ts: spessore dei piatti di acciaio interni vulcanizzati alla gomma (spessore
minimo 2mm);
H: altezza totale dell’isolatore;
n: numero di strati di gomma;
46 C ap it olo 3

s: spessore dei piatti terminali.

ts
H
h

ti
D
figura 20. Isolatore in elastomero ed acciaio HDRB.

Si possono inoltre definire due fattori geometrici che caratterizzano il


comportamento dei dispositivi, ossia:

S1 = A’/L = D/4t il fattore di forma primario (in genere assunto > 20), con
A’ area caricata e con L superficie laterale scarica del singolo strato;

S2 = D/te il fattore di forma secondario (in genere assunto >3).

I fattori di forma primario e secondario (S1 e S2), controllano rispettivamente


la rigidezza verticale (controllando il confinamento della gomma) e la stabilità
del dispositivo (controllando il rapporto di forma).

t
t S1 alto
S1 basso

D D
figura 21. Influenza del fattore di forma primario S1 sulla geometria dei dispositivi HDRB.
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 47

te te S2 alto
S2 basso
D

D
figura 22. Influenza del fattore di forma primario S2 sulla geometria dei dispositivi HDRB.

Principali caratteristiche meccaniche


- Gdin modulo di taglio della gomma; tale caratteristica per
deformazioni di taglio γ comprese tra il 100% e il 150-200% risulta
essere quasi costante e, sempre in questo campo di deformazioni,
assume valori (identificati come i valori nominali) tra 0.4 e 1.4 MPa
a seconda del tipo di gomma utilizzato (morbida, media, dura). A
piccole deformazioni di taglio, il modulo G risulta in genere elevato
(anche il triplo del valore assunto per deformazioni di taglio
comprese tra il 150% ed il 200%). Anche a grandi deformazioni di
taglio (γ>200%), per la cristallizzazione della gomma, si osserva un
incremento del modulo di taglio.
- ξ lo smorzamento viscoso equivalente, anch’esso costante per
deformazioni di taglio γ circa 150-200%, generalmente pari al 10%
dello smorzamento critico.
- γ la deformazione di taglio di del dispositivo che in fase di progetto
è in genere assunta pari a 100÷150%;
- pm la tensione di compressione media che in fase di progetto è in
genere assunta variabile tra 3 e 9 MPa;

3.2 MECCANICA DEL COMPORTAMENTO

3.2.1 Tensioni e deformazioni


Molto importanti, per comprendere quale sia il comportamento di un
dispositivo isolatore, sono le tensioni che nascono nella gomma quando il
48 C ap it olo 3

dispositivo è soggetto a carico verticale ed orizzontale. Di seguito si riportano


considerazioni sugli stati tensionali e deformativi che nascono in uno strato di
elastomero confinato da piastre rigide d’acciaio. In particolare si studiano:
- lo stato tensionale nell’elastomero (sotto carico verticale, orizzontale e
flessionale);
- le tensioni nelle piastre d’acciaio;
- le deformazioni di taglio nell’elastomero γt = γc+γs+γa ,dove:
γt è la deformazione totale a taglio;
γc è la deformazione a taglio per carico verticale;
γs è la deformazione a taglio per carico orizzontale;
γa è la deformazione a taglio per carico flessionale.

3.2.2 Tensioni e deformazioni nello strato di elastomero confinato soggetto


a carico verticale

Z N
Y

t εc t
t

a X

figura 23. Strato di gomma uniformemente compresso tra due piastre rigide N≠0 ; d=0 ; γc≠0.

La modellazione analitica della risposta di uno strato di gomma, confinato da


piastre rigide, soggetto a carico verticale presenta delle difficoltà a causa della
forte non-linearità del fenomeno e della non omogeneità dello stato
deformativo. Sono state comunque proposte delle soluzioni nell’ambito di
ipotesi semplificative. Le modellazioni analitiche proposte in passato, che
utilizzano approcci elastici lineari, sono state confermate dalle recenti analisi
agli elementi finiti.
Un approccio elastico lineare in presenza di piccole deformazioni è stato
proposto in [Gent e Lindley, 1959], successivamente rielaborato in [Gent e
Meinecke, 1970] e in [Kelly, 1993]. L’assunzione di base considera il campo
di spostamenti totali derivanti dalla sovrapposizione del campo di spostamenti
provenienti dalla compressione omogenea dello strato di gomma libera e da
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 49

quello distorsionale necessario a ristabilire la condizione di confinamento e di


incompressibilità media. La sovrapposizione è applicata anche alle forze
corrispondenti a tali campi di spostamenti in modo da ottenere il carico totale.
Introducendo alcune ipotesi semplificative il problema dell’equilibrio elastico
si può risolvere agevolmente come mostrato in [Gent e Lindley, 1959] e in
[Kelly, 1993]. Questa soluzione prende il nome di pressure solution.

Nelle seguenti ipotesi:

- le sezioni orizzontali rimangono piane dopo la deformazione;


- le superfici cilindriche, inizialmente verticali, diventano
paraboliche;
- elastomero incompressibile, cioè εxx+εyy+εzz=0;

si assume un campo di spostamenti di tipo parabolico per u e per v (27).

⎧ ⎛ 4z 2 ⎞
⎪u ( x , y , z ) = u 0 ( x , y ) ⎜ 1 − ⎟ ⇒ parabolico
⎪ ⎝ t2 ⎠

⎪ ⎛ 4z 2 ⎞
⎨v ( x, y , z ) = v 0 ( x, y ) ⎜ 1 − ⎟ ⇒ parabolico (27)
⎪ ⎝ t2 ⎠
⎪w ( x, y , z ) = w ( z ) ⇒ costante


figura 24. Deformazione dello strato di gomma confinato.


50 C ap it olo 3

figura 25. Campo di spostamenti in uno strato di gomma confinato da piastre rigide.

Il campo di spostamenti (27), mostrato nella figura 24 e nella figura 25,


soddisfa la condizione vincolare imposta alla gomma dalle piastre terminali
rigide, infatti per z=t/2 → u=v=0. Trascurando la parte deviatorica delle
tensioni normali e la tensione tangenziale τxy perché di ordine superiore
rispetto alla tensione normale (assunzione quanto mai legittima poiché il
comportamento della gomma è quasi paragonabile a quello di un fluido
incomprimibile in cui la componente tensionale prevalente è quella associata
alla deformazione di tipo volumetrico), si perviene al seguente stato
tensionale:
Z

τ
p(x,y)
w
X
u

Z
τxz(z+dz)

⎧ p(x)

⎪σ xx = σ yy = σ zz = p
p(x+dx)

⎪ τxz(z+dz)
⎨τ xy = 0 X


⎪⎩τ xz ≠ 0 τ yz ≠ 0

dove p è la pressione idrostatica e τxz e τyz le tensioni tangenziali generate,


all’estremità del blocco, dal confinamento della gomma da parte delle piastre
rigide. Assumendo un legame lineare tra deformazioni a taglio e tensioni
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 51

tangenziali (τij=Gγij ), le τxz e τyz sono ottenute dalle relazioni geometriche


seguenti.

8Gu 0 z
τ xz = −
t2
t
x
8Gv 0 z t/2
τ yz = −
t2 u0 u0
(28)

Queste relazioni derivano dal campo di spostamenti assegnato, dove la


tangente alla parabola in ogni punto, che rappresenta la deformazione angolare
γ, vale [-2z/(t/2)2].
Le equazioni di equilibrio del concio elementare in condizione deformata
rappresentato in figura, sono le (29).

τ
τ

∂p
dx (dy ⋅ t ) + 2τ xz dxdy = 0
∂x

∂p
dy ( dx ⋅ t ) + 2τ yz dxdy = 0
∂y
τ
τ
(29)

Sostituendo le (28) nelle (29) si ottengono le relazioni (30),

∂p 8u G ∂p 8v G
= − 02 = − 02 (30)
∂x t ∂y t
52 C ap it olo 3

e da equazioni di equilibrio locali, trascurando le τxy, si ottengono le (31).

∂τ xx ∂τ xz ∂τ xz ∂p 8u G
+ =0 = = − 02
∂x ∂z ∂z ∂x t

∂τ yy ∂τ yz
+ =0 ∂τ yz ∂p 8v G
∂y ∂z = = − 02
∂z ∂y t (31)

Dalla relazione di incompressibilità volumetrica (32),

∂u ∂v ∂ w
ε xx + ε yy + ε zz = + + =
∂x ∂y ∂z
(32)
⎛ ∂u ∂v ⎞⎛ 4 z 2 ⎞ ∂w
=⎜ 0 + 0 ⎟ ⎜ 1 − ⎟+ =0
⎝ ∂x ∂y ⎠⎝ t 2 ⎠ ∂z

integrata sullo spessore t dello strato confinato come in (33),

2t ⎛ ∂ u 0 ∂ v 0 ⎞ ⎛t⎞ ⎛ t⎞
⎜ + ⎟ +w ⎜ ⎟ −w ⎜− ⎟ = 0 (33)
3 ⎝ ∂x ∂y ⎠ 2
⎝ ⎠ ⎝ 2⎠

ponendo

εc = − ⎨
⎪ 2 ( )
⎧w t − w − t ⎫
2 ⎪

( )
⎪ t ⎪
⎩ ⎭

si ottiene la relazione (34).

∂ u 0 ∂v 0 3
+ = εc (34)
∂x ∂y 2

Sostituendo le (31) nella (34) si ottiene la relazione (35),

t 2 ⎛ ∂ 2τ xx ∂ τ yy ⎞ 3
2
⎜ + ⎟ = εc (35)
8G ⎜⎝ ∂x 2 ∂y 2 ⎟ 2

Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 53

o analogamente la (36).

∂2p ∂2p 12Gε c


2
+ 2
= ∇2p = (36)
∂x ∂y t2

Nel caso particolare di uno strato di elastomero circolare risulta comodo


riferirsi al raggio, quindi effettuando un cambiamento di variabili ponendo:

( )
1/ 2
p( x , y ) = p( r ) ⇒ r = x 2 + y 2

l’equazione (37) diventa la (38),

∂ 2 p 1 ∂p 12Gε c
+ =− (37)
∂r 2
r ∂r t2

ossia

∂ 2 p 1 ∂p 12 G ε c 1 d ⎡ dp ⎤
∇ p=2
+ =− = r
∂r 2
r ∂r t2 r dr ⎢⎣ dr ⎥⎦

integrando

dp 12 Gε c r A
=− +
dr t2 2 r

integrando ancora

12Gε c r
p=− + A ln r + B .
t2 4

Imponendo le condizioni al contorno: r=R J p=0 e r=0 J p≠∞ si ottiene la


relazione (38) che fornisce la pressione idrostatica,

p=
E0
t 2( ) 3G
(
R 2 − r 2 εc = 2 R 2 − r 2 εc
t
) (38)

dove si è assunto ν=0,5 per materiale incompressibile; quindi,


54 C ap it olo 3

E0 E0 E
G= = = 0 ⇒ E 0 = 3G .
2 (1 + ν ) 2 (1 + 0, 5 ) 3

Esprimendo la deformazione a compressione come segue:

∆ p 1 pm
εc = = m =
t EC t EC
t

La (38) che esprime la tensione idrostatica p nell’elastomero (figura 26)


diventa la (39).

p=
3G
t 2 ( p
R2 − r 2 m
EC
) (39)

figura 26. Variazione della pressione idrostatica nel singolo strato di gomma confinato – andamento parabolico.

Derivando la (38) sia rispetto ad x che ad y, si ottengono le tensioni


tangenziali τxz e τyz fornite nelle (40),

6G 6G
τ xz = − xzε c τ yz = − yzε c (40)
t2 t2

che possono scriversi come indicato in (41), (figura 27 e figura 28):

6 pm G 3 p Gr
τ xy = τ zy = 2
xz = m (41)
Ec t Ec t
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 55

figura 27. Tensioni tangenziali nel singolo strato di elastomero elastomero – andamento lineare nello spessore.

figura 28. Tensioni tangenziali nel singolo strato di elastomero elastomero – andamento lineare lungo lo strato..

La tensione tangenziale massima τmax si ha per z=t/2, cioè al contatto con le


piastre rigide è fornita dalla relazione (42).

6G t 6G t
τ max = − 2
x εc = − 2 R εc =
t 2 t 2
(42)
3GR 3GR pm
=− εc = −
t t EC

Nelle piastre di acciaio interne si determinano tensioni orizzontali la cui entità


può essere ricavata da una semplice condizione di equilibrio (43),

Te
σ s As = pAe ⇒ σ sTs = pTe σs = pm (43)
Ts

in cui Te è la somma dello spessore dei due strati di gomma adiacenti alla
piastra d’acciaio di spessore Ts e pm è la pressione media.
56 C ap it olo 3

Per ottenere la deformazione a taglio γc dovuta alla compressione semplice si


introduce il fattore di forma S1=R/2t nella (42), ottenendo la (44).

τ = 6GS1ε c ⇒ γc = τ = 6S1ε c (44)


G

Integrando inoltre la (39) sull’intero raggio R dell’isolatore, si ottiene la (45),

3Gπ R 4
R
pm ⋅ A = 2π p ( r ) r dr =
∫ εc (45)
0
2t 2

con εc deformazione verticale, esprimibile come:

εc = ∆
te

nella quale ∆ è lo spostamento verticale dell’isolatore che vale (∆=F/k):

pm pm
∆= =
Ec 6GS12
te te

con Ec modulo di rigidezza apparente di cui si dirà nel seguito.


Da queste semplici considerazioni si ricava il contributo γc, come (figura 27 e
figura 28):

pm pm
γ c = 6S1ε c = 6S1 ∆ = 6S1 =
te te S1G
6GS12
te

L’espressione fornita dalle normative è in genere:

1,5pm
γc =
S1G

In cui il termine 1.5 scaturisce dal fatto che in questi semplici passaggi si è
trascurata la compressibilità volumetrica della gomma.
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 57

3.2.3 Tensioni e deformazioni nello strato di elastomero soggetto alla


combinazione dei carichi verticali ed orizzontali

figura 29. Strato di gomma deformato uniformemente compresso tra due piastre rigide pm≠0 ; d≠0 ; γc≠0.

Per lo studio del comportamento degli isolatori elastomerici soggetti alla


combinazione dei carichi verticali ed orizzontali, è importante considerare
l’area ridotta.
L’area ridotta per l’isolatore quadrato è definita come segue (figura 30):

Ar = a × (a-d)

con d spostamento relativo tra le facce, superiore e inferiore, dell’isolatore.

figura 30. Area ridotta relativa all’isolatore quadrato (a sinistra) ed all’isolatore circolare (a destra).
58 C ap it olo 3

Nel caso di isolatore circolare, si ha (figura 30):


Ar = (φ - sin φ) D2/4, area ridotta efficace dell’isolatore;
φ = 2 arccos(dEd/D) per isolatori circolari di diametro D.

L’area ridotta, nel caso di isolatore circolare, assume il seguente significato:

1
φ = 90 ° − θ = π − θ
2
d Ed
d Ed = 2 R cos θ = cos θ
2R

d Ed
θ = arccos
D

Ar = 2 R 2 ( θ − sen θ cos θ )
φ
θ

visto che

1
sen 2θ = sen θ cos θ
2
figura 31. Area ridotta.

si ha

1 D2
Ar = 2R 2 (θ − sen 2θ ) = ( 2θ − sen 2θ )
2 4

ponendo ancora
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 59

d Ed
ϕ = 2θ = 2 arccos
D

si ottiene la relazione (46) che nella pratica si utilizza per il computo di


questa grandezza nel caso di isolatore circolare.

D2
Ar = ⋅ (ϕ − senϕ ) 46
4

3.2.4 Strato di elastomero soggetto a solo carico orizzontale

te

figura 32. Strato di gomma soggetto a forze orizzontali F≠0 ; d≠0 ; γs≠0.

In condizioni statiche di equilibrio, la forza orizzontale F generata dalla


reazione elastica del dispositivo deformato dallo spostamento d in figura 32
induce nell’elastomero tensioni tangenziali τxz e τyz . Il campo delle tensioni τyz
avrà risultante nullo, mentre la risultante delle τxz sarà uguale in modulo ma di
verso contrario alla F. Nelle ipotesi che le sezioni orizzontali rimangano piane
e di gomma incompressibile, le tensioni normali risultano essere nulle essendo
nulla la pressione media verticale pm.
La deformazione a taglio γs, costante in tutta la gomma, è data dalla
espressione (47),

d
γs = (47)
te

dove “d” rappresenta lo spostamento orizzontale imposto al dispositivo.


60 C ap it olo 3

3.2.5 Strato di elastomero soggetto a flessione

α/2
∆t/2
α/2

α/2
figura 33. Strato di gomma tra due piatti rigidi in flessione pura.

La deformazione di taglio dovuta alla flessione si ricava attraverso la (48),

γ α = 6S1ε α (48)

dove εα (figura 33) è la deformazione a taglio ai bordi dovuta alla flessione,


data dalla seguente espressione:

α ∆t 1 ∆ t Rα
= ⇒ ∆t = α R εα = =
2 2 R te te

Sostituendo S1 e εα si ottiene la (49).

2R R Rα 6R 2α 3D 2α
γα = 6 εα = 6 = = (49)
4t 2t t e 2t t e 4t t e

La deformazione a taglio media per flessione è fornita dalla (50).

2 D 2α
γ α ,med = 2S 2α = (50)
8 4t t e

La relazione fornita dalle normative è in genere la (51).

a2 D 2α 3D 2α
γα = =3 = (51)
2t t e 4 ( 2 t t e ) 2( 4 t t e )
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 61

Dove:
a2=3αD2/4 è la dimensione equivalente utilizzata per valutare la
deformazione di taglio per rotazione di un isolatore circolare:
α = (αx 2 + αy2)1/2 è la media di αx , αy rotazioni relative tra le facce
superiore e inferiore di un isolatore elastomerico rispettivamente
intorno alle direzioni x ed y.

Queste rotazioni si ricavano tramite l’analogia con la teoria della trave.


Dalla relazione che lega l’angolo tra le due piastre terminali, cioè α, con il
raggio di curvatura ρ, e dalla teoria della trave, si ricava la relazione (52) tra il
momento flettente M agente sul dispositivo con l’angolo α:

1 α Ec I
= ; M=
ρ r ρ

α 3α G π R 6
M = Ec I = (52)
t 2t 3 12

da cui si ricavano le (53).

24M x t i 3 24M y t i 3
αx = αy = (53)
3π GR 6 3π GR 6

3.3 RIGIDEZZA VERTICALE ED ORIZZONTALE

La rigidezza verticale del singolo strato elastomerico è data dalla (54):

Ec × A
Kv i = (54)
t

La rigidezza verticale Kv dell’isolatore e dell’intero sistema di isolamento è


data rispettivamente dalla (55) e dalla (56). La rigidezza verticale
dell’isolatore data dalla (55), è ricavata considerando in serie i singoli strati
che compongono il dispositivo.
62 C ap it olo 3

1
Kv = (55)
1
∑i K vi

K v ,tot = ∑K v (56)

La teoria utilizzata per valutare il modulo di rigidezza apparente a


compressione Ec degli isolatori, il quale compare nella (54), è fornita in [Gent
e Lindley, 1959; Kelly, 1993], ed è una semplificazione dell’approccio
energetico introdotto da Rocard nel 1937. Questa caratteristica meccanica è
influenzata dal tipo di gomma (modulo G) e dal fattore di forma primario S1.
Quest’ultimo, come già precedentemente accennato, è definito come rapporto
tra l’area caricata e la superficie laterale libera di espandersi dello strato di
gomma, e vale:
π R2 R
per isolatore circolare pieno S1 = =
2π Rt 2t

π aa πa
per isolatore quadrato S1 = =
4 at 4t

π ab
per isolatore rettangolare S1 =
2( a + b )t

In [Gent e Lindley, 1959; ; Kelly, 1993] il modulo Ec dell’isolatore circolare è


ricavato nelle ipotesi sopra citate e nell’ipotesi che il campo di forze sia
fornito dalla sovrapposizione di due campi di forze semplici:

- la forza F1 associata allo stato di deformazione verticale ε applicato


al blocco di gomma considerato libero di deformarsi (ovvero in
assenza del confinamento determinato dalla presenza dei piatti
metallici);

F1 = E 0 Aε (57)
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 63

dove:
E0 è il modulo di Young della gomma;
A è l’area della sezione dell’appoggio;
ε è pari a ∆t/t e rappresenta la deformazione verticale della gomma;

- la forza F2 associata allo spostamento radiale che si deve imporre


per ristabilire la congruenza tra blocco elastomerico e piatti
metallici, cioè per annullare gli spostamenti orizzontali dei punti
appartenenti alle superfici di attacco gomma-acciaio. Il massimo
spostamento radiale u in una qualunque sezione individuata da r
può essere ricavato imponendo che il volume in essa contenuto
rimanga invariato (ipotesi di incompressibilità):

v 0 = π r 2t

⎛2 ⎞
v ' = π r 2 ( t − δ ) + ⎜ ut ⎟ ( 2π r )
⎝3 ⎠

v0 = v '

3r δ
u= (58)
4t

Lo stato tensionale associato a tale campo di spostamenti è di tipo idrostatico,


e vale:

p=
(
E0 R 2 − r 2 ∆ )
3
t

come ricavato nel precedente paragrafo.


64 C ap it olo 3

La forza F2, che, applicata su ciascuno dei due piatti metallici, produrrebbe un
tale stato tensionale, ottenuta come: F2=∫pdA, nel caso di appoggio circolare è
data dalla relazione:

π E 0δ R 4
F2 = = pm ⋅ A
2t 3

Il valore apparente del modulo di Young per il blocco di gomma-acciaio è


quindi dato dalla (59),

Ec =
( F1 + F2 ) (59)

e, nel caso di appoggio circolare, dalla (60),

⎛ R2 ⎞
Ec = E0 ⎜1 + 2 ⎟ (60)
⎝ 2t ⎠

e cioè:

(
E c = E 0 1 + 2S 2 ) (61)

Per materiali incompressibili, come ipotizzato in questa trattazione, essendo


ν=0,5, risulta E0=3G (visto che G=E0/[2(1+ ν)]).
Nel caso in cui si introduce anche la compressibilità del materiale, i
precedenti risultati si modificano come riportato nella (62).

⎛ 8GS12 ⎞
E c = 6GS12 ⎜⎜ 1 − ⎟ (62)
⎝ K ⎟⎠

La (62) è ottenuta dalla (61) introducendo K, modulo di compressibilità


volumetrica della gomma. Essa mostra che rispetto al caso in cui viene assunta
l’ipotesi di incompressibilità, la rigidezza si riduce di un fattore pari a 8GS2/K
per effetto della compressibilità volumetrica. Esprimendo l’equazione (62)
nella forma (63),
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 65

1 1
= =
Ec ⎛ 8 × G × S12 ⎞
6 × G × S12 ⎜ 1 − ⎟
⎝ K ⎠ (63)
1 ⎛ 8 × G × S1 ⎞
2
= 2 ⎜
⎜ 1+ ⎟⎟
6 × G × S1 ⎝ K ⎠

si ricava l’espressione (64) generalmente adottata nella pratica progettuale.


−1
⎛ 1 4 ⎞
E c = ⎜⎜ + ⎟⎟ (64)
⎝ 6 × G × S1
2
3 × Eb ⎠

La compressibilità volumetrica K dipende dal tipo di gomma utilizzata, e si


assume in genere pari a 2000Mpa.
La (54) può essere posta nella forma (65),

1 1 1
= + (65)
Ec Ec ' K

dove Ec’ è il modulo a compressione assumendo nulla la compressibilità


volumetrica della gomma, e vale

E c' = 6 × G × S12 per isolatori circolari (66)

E c' = 6, 73 × G × S12 per isolatori quadrati (67)

Questo modulo di compressione è semplicemente ricavabile anche per


isolatori con fori interni. La trattazione completa è fornita da [Kelly, 1993].
Si fa notare, ritornando alla rigidezza verticale, che la risposta di un
dispositivo elastomerico sotto carichi verticali è altamente non lineare e
dipende da numerosi fattori. L’iniziale run-in che si osserva sperimentalmente
prima che si sviluppi la piena rigidezza, influenzato dall’ allineamento delle
piastre d’acciaio e da altri aspetti legati alla manodopera e alle modalità del
processo produttivo, è difficilmente prevedibile, ma è di rilievo trascurabile ai
fini della previsione della risposta del dispositivo [Mele, 1994].
66 C ap it olo 3

La rigidezza orizzontale del singolo isolatore si ottiene molto più


semplicemente dalla relazione (68),

GA
KH = (68)
te

dove:
G è il modulo dinamico di taglio dell’elastomero;
A è l’area caricata;
te è lo spessore totale della gomma.

Dalla (68) si nota che le piastre di acciaio vulcanizzate alla gomma non
influiscono nella rigidezza orizzontale.
In generale però dovrebbe considerarsi, oltre che quella a taglio, anche la
rigidezza flessionale data dalla relazione (69).

12E c I
Kf = (69)
t e3

Questa permette di ricavare una rigidezza orizzontale (70) meno approssimata


della precedente.

1
K H* = (70)
(1 K H ) + (1 K f )

Solitamente, però, il secondo termine al denominatore della (70) è


trascurabile, pertanto nella pratica si assume come rigidezza orizzontale quella
data dalla (68). La figura 34 mostra che le deformazioni flessionali dipendono
soprattutto dalla geometria del dispositivo, e in particolare dal fattore di forma
primario e dalla snellezza del dispositivo H/D (pari all’inverso di S2), quindi
se si progettano isolatori con fattore di forma S1 abbastanza alto e non troppo
snelli, la deformabilità flessionale risulta essere di fatto trascurabile.
Negli istogrammi sono forniti i rapporti KH*/KH per diversi valori del
fattore di forma S1 rispettivamente pari a 5,10,30, e per diversi valori di H/D
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 67

(snellezza globale) rispettivamente pari a 1, 0.5, 0.1. Sono altresì forniti


diversi valori di diametro del dispositivo per tenere conto, a parità di H/D,
dell’influenza percentuale delle piastre metalliche assunte di spessore pari a 3
mm. Dall’esame della figura si evince come solo nel caso di accoppiamento
tra elevata snellezza locale (S1 bassi) e globale (rapporti H/D elevati)
l’influenza della rigidezza flessionale non sia trascurabile.
Calcolata la rigidezza KH del singolo isolatore è possibile ottenere quella
totale del sistema di isolamento (71) sommando i singoli contributi (rigidezze
in parallelo).

K H ,tot = ∑K H (71)

figura 34. Rapporto tra rigidezza orizzontale reale e approssimata di isolatori circolari con diversi S1, snellezze
globali H/D e diametri D [Mele, 1994].

3.4 DISSIPAZIONE DI ENERGIA - SMORZAMENTO

La capacità dissipativa dei dispositivi elastomerici HDRB viene caratterizzata


tramite il parametro “rapporto di smorzamento viscoso equivalente”, dato
dalla relazione (72), definito come il rapporto tra lo smorzamento C del
dispositivo e il valore dello smorzamento critico Cc, ovvero:

c c
ξ= = (72)
c c 2mω
68 C ap it olo 3

Lo smorzamento critico può essere definito come il minimo valore di


smorzamento per il quale non si verificano oscillazioni intorno alla posizione
di quiete nel caso di vibrazioni libere del sistema. L'introduzione dello
smorzamento critico, e quindi del rapporto di smorzamento ξ consente
notevoli semplificazioni dal punto di vista teorico nella espressione delle
equazioni che reggono il moto di vibrazione (sia libero che forzato) di un
sistema elastico smorzato. Peraltro non è generalmente immediato determinare
il valore del rapporto di smorzamento tramite le espressioni generali ad esso
corrispondenti. Per tale motivo il rapporto di smorzamento ξ viene valutato
direttamente tramite metodi sperimentali. Ad esempio, attraverso la
valutazione dell'energia dissipata per ciclo dal dispositivo, wD, e l'energia
vibrazionale immagazzinata dal sistema durante un ciclo wS, il rapporto ξ è
fornito da:

wD
ξ= (73)
4πwS

Riguardo all'applicazione di tale formula occorre che la prova ciclica a cui


sottoporre il campione per la determinazione delle quantità wD e wS sia
opportunamente definita. A tale proposito esistono procedure standardizzate
dalla diverse normative. Con riferimento alle normative italiane è possibile
riferirsi alle indicazioni della normativa OPCM 3431 del 2005. Negli stati
uniti ci si riferisce alla "Tentative general requirements for the design and
construction of seismic-isolated structures", pubblicata dalla SEAOC nel
1990, ed inserita nelle UBC.
La normativa italiana impone la determinazione dinamica, sotto
compressione costante e pari a 6 MPa, e anche a 12 MPa se il valore della
tensione di compressione di progetto supera i 9 MPa, dello smorzamento ξ
mediante prove cicliche sinusoidali alla frequenza di 0,5 Hz ed in
corrispondenza del 3° ciclo. Tali prove saranno tese alla determinazione delle
curve ξ-γ per valori di γ pari a 0.05, 0.3, 0.5, 0.7, 1.0 e 2.0, effettuando almeno
5 cicli per ciascuna ampiezza.
La normativa americana prevede che per definire lo smorzamento di
dispositivi elastomerici si eseguano tre prove cicliche sul dispositivo stesso
fino ad uno spostamento pari allo spostamento di progetto e sotto un carico
Lo stato tensio-deformativo nei dispositivi elasto merici 69

verticale pari al carico gravante su ciascun isolatore in condizioni di esercizio.


Le prove vanno eseguite dinamicamente a tre differenti frequenze di
applicazione del carico, pari rispettivamente a 1/2, 1 e 2 volte l'inverso del
periodo della struttura isolata. L'energia dissipata wD viene quindi valutata
come la minima area del ciclo ottenuto in ciascuna delle tre prove, mentre
l'energia elastica di deformazione wS viene assunta pari alla massima area
sottesa dalla curva media forza - spostamento ottenuta per ciascun ciclo.
Calcolando il valore del rapporto di smorzamento in corrispondenza di
diversi livelli di deformazione orizzontale γ, si osserva una sensibile
variabilità come già mostrato nella figura 17.
70 C ap it olo 3
71

Capitolo 4
Verifiche ed abachi di progetto per
dispositivi elastomerici

In questo capitolo vengono illustrate le verifiche di sicurezza per i dispositivi


elastomerici e vengono forniti degli abachi di progetto che consentono il più
agevole dimensionamento di dispositivi HDRB per isolamento sismico. Viene
inoltre illustrato il dimensionamento e la verifica dei dispositivi attraverso un
esempio di progetto.

4.1 VERIFICHE DI SICUREZZA DEI DISPOSITIVI HDRB

Le verifiche allo stato limite ultimo illustrate in questa sezione, oltre a


consentirci di controllare la deformazione di taglio massima degli isolatori e di
porci in sicurezza nei confronti dei fenomeni di instabilità, ci permettono di
verificare che la tensione massima nelle piastre di acciaio sia inferiore ai
valori di snervamento del materiale.

4.1.1 Verifica della deformazione di taglio massima negli isolatori

Per gli isolatori in elastomero e acciaio, la deformazione di taglio totale di


progetto γt (74) è data dalla somma delle aliquote dovute alla compressione
(variabile lungo la dimensione dell’isolatore), allo spostamento sismico totale
inclusi gli effetti torsionali (costante su tutta la gomma) ed alla rotazione
angolare.
72 C ap it olo 4

1,5N d a2
γt = γc + γs + γα = + E + (74)
S1GA r t e 2ti t e

Questa deformazione in genere è limitata dalle normative nella misura del


500% circa.
Per la verifica dell’aderenza elastomero-acciaio si utilizza una relazione del
tipo mostrato nella (75):

γ*
γs ≤ (75)
1, 5

dove γ* è il valore massimo della deformazione di taglio raggiunto nelle prove


di qualificazione relative all’efficacia dell’aderenza elastomero acciaio senza
segni di rottura (l’attuale normativa italiana fissa questo valore nella quantità
minima di 2,5).
In condizioni di esercizio è importante controllare che la deformazione di
taglio degli isolatori, dovuta allo spostamento di progetto al periodo di
isolamento scelto, sia minore di 2 ed in genere che si attesti intorno a 1-1,5.
Infatti, in questo intervallo di deformazione, i dispositivi utilizzati presentano
uno buono smorzamento equivalente ξ (~10% di quello critico, vedi punto
successivo) ed inoltre il modulo di taglio G si mantiene quasi costante.
Si fa notare che gli isolatori progettati a questi livelli di deformazione
orizzontale hanno un sufficiente margine di sicurezza rispetto alle condizioni
ultime. Infatti molti test statici su vari isolatori elastomerici mostrano che
questi non presentano rotture per deformazioni a taglio inferiori a 6 volte
quelle di progetto [Ishida et al., 1992] (i risultati ottenuti stimando la rottura
dinamica degli isolatori con prove statiche sono sicuramente a vantaggio di
sicurezza). In generale si nota che la deformazione a taglio ultima per gli
isolatori elastomerici ad alto smorzamento si attesta intorno al 500%
[Kawamata e Nagai, 1992]. Inoltre, da test effettuati su isolatori con diversi
fattori di forma secondari, emerge che per piccoli valori di essi la capacità di
deformazione a taglio sotto grossi carichi verticali è drasticamente ridotta. In
particolare si è notato che per dispositivi con fattore di forma secondario S2=2
il comportamento risulta essere molto instabile rispetto ad isolatori con S2=4 il
cui comportamento è analogo a quelli con fattore di forma superiore
[Mizikoshi et al. 1992].
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 73

4.1.2 Verifica delle tensioni nelle piastre di acciaio


La tensione massima σs agente nella generica piastra d’acciaio deve risultare
inferiore alla tensione di snervamento dell’acciaio fyk, ossia:

N ( t1 + t 2 )
σs = < fyk (76)
( Ar ts )

dove t1 e t2 sono gli spessori dei due strati di elastomero direttamente a


contatto con la piastra e ts è lo spessore della piastra (ts>2mm).
La relazione fornita dalle attuali normative per questo tipo di verifica è:

1, 3N ( t1 + t 2 )
σs = < fyk (77)
( Ar ts )

4.1.3 Verifica del carico critico


In questa sezione si approfondisce il carico critico dei dispositivi elastomerici
già accennato in precedenza. I dispositivi di isolamento sono suscettibili di
fenomeni di instabilità determinata dalla bassa rigidezza a taglio, e la stima del
carico critico Ncr richiederebbe una impostazione non lineare a causa dei
grandi spostamenti in gioco (comportamento in regime di grandi spostamenti
sotto elevati carichi assiali). Per l’analisi di buckling di un isolatore
elastomerico si procede in analogia con la teoria della trave, assumendo che le
sezioni orizzontali rimangono piane. La teoria illustrata in seguito, deriva
dagli studi di Haringx del 1947 applicati da Gent e Lindley [Gent e Lindley,
1958] al problema dell’instabilità di dispositivi in gomma-acciaio, e da [Kelly,
1993]. In [Kelly, 1993] sono riportate le basi di questa teoria derivante dalla
trattazione euleriana dell’instabilità delle colonne. Per modellare l’isolatore
come una trave, è necessario fare le seguenti assunzioni:

si considera il blocco di gomma-acciaio come una colonna di altezza h e


sezione di area A con una rigidezza a taglio per unità di lunghezza pari a
VS=GAS dove AS è l’area effettiva a taglio data da:
74 C ap it olo 4

h
AS = A (78)
te

dove h/te, rapporto tra l’altezza del dispositivo e l’altezza totale della gomma,
è un fattore maggiore dell’unità, e quindi determina un incremento di A,
dovuto al fatto che l’acciaio non si deforma. Il pedice “s” sta a significare
“shear”ossia taglio.

In termini di queste quantità, la rigidezza orizzontale KH=GA/te diventa:

GAS
KH = (79)
te

ed il carico critico d’Eulero in assenza di deformazione a taglio risulta:

π 2 EIS
NE = (80)
h2

L’equazione del carico critico Ncr risulta essere la seguente:

−NS + NS2 + 4NS N E


N + NNS + NS N E = 0 Î Ncr =
2
(81)
2

e nelle seguenti ipotesi semplificative:

6GS12Iπ 2 ⎛ 2S 2Iπ 2 ⎞
NS ≈ GA; NE ≈ 1 2
≈ GA ⎜⎜ 1 ⎟⎟ ; NE >> NS
3 h ⎝ A ⎠

il carico critico può essere approssimato dalla:

Ncr = ( NS N E )
1/ 2
=

1/ 2 1/ 2
⎛ h⎞ ⎛π2 1 2 2 h ⎞ 2π GAS1r
Ncr = ⎜ GA ⎟ ⎜ 2 6GS1 A ⋅ r ⎟ = (82)
⎝ te ⎠ ⎝h 3 te ⎠ te
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 75

in cui il giratore d’inerzia, indicato con r, per isolatori circolari vale D/4.
Da questa trattazione viene fuori la relazione suggerita in genere dalle
norme, in condizioni di deformazione orizzontale, per la valutazione
approssimata del carico critico Ncr :

GAr S1D
Ncr = = GS1S2 Ar > α ⋅ N (83)
te

dove N è il carico massimo agente sul singolo isolatore ed α è il coefficiente


di sicurezza (nelle norme assunto tra 2 e 3).

4.1.4 Verifica globale - rollout


Una ulteriore verifica che può effettuarsi sugli isolatori elastomerici è la
verifica di rolluot [Naeim e Kelly, 1999]. Un blocco di elastomero e acciaio,
anche se non è soggetto a fenomeni di buckling, può essere soggetto ad
un'altra forma di instabilità se esso è connesso alle piastre terminali attraverso
collegamenti che non resistono a sforzi di trazione. Inizialmente i progettisti di
isolamento imponevano che l’isolatore non andasse in trazione e quindi
progettavano una connessione solo a taglio (“ad incasso”) e non bullonata
(cioè capace di assorbire anche gli sforzi di trazione). Gli isolatori “incassati”
erano soggetti all’instabilità da rollout, fenomeno causato da uno spostamento
laterale più grande di quello sopportabile dal dispositivo. Il blocco
elastomerico è instabile nel senso che al di la di questo spostamento la curva
F-d ha un andamento decrescente.
Dato che l’isolatore non resiste a trazione, il movimento sopra e sotto il
blocco è prodotto dallo spostamento della retta d’azione della risultante dei
carichi verticali, come mostrato in figura 35. Il limite dello spostamento della
retta d’azione è tanto più esteso quanto più la risultante si trova vicino al
bordo del dispositivo, e l’equilibrio tra il momento generato dalla forza
orizzontale F e quello generato dal carico verticale N è dato dalla seguente
espressione:

N ( D − d max ) = hF (84)
76 C ap it olo 4

dove D è il diametro del blocco elastomerico se si tratta di isolatore circolare


mentre è il lato se si tratta di isolatore quadrato. La relazione tra la forza
laterale F e lo spostamento d è mostrata nel diagramma F-d in figura 35.
Assumendo F=KH d si ha:

d max N
= (85)
D N + KH h

dato che KH=GA/te e pm=N/A, si ottiene che:

dmax 1
= (86)
D
1 + ⎛⎜ G ⎞⎛ h ⎞
⎟⎜ t ⎟
⎝ pm ⎠⎝ e ⎠

figura 35. Meccanica del rollout [Naeim e Kelly, 1999].

Il rapporto dmax/D rappresenta lo spostamento massimo per l’isolatore come


percentuale della dimensione in pianta; quindi se lo spostamento supera
questo limite possono verificarsi fenomeni instabili di rollout.
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 77

Una regola che deriva dall’esperienza assume per ogni dispositivo, un’area
ridotta Ar almeno pari al 20% dell’area A in corrispondenza del massimo
spostamento; questo, per dispositivi di forma quadrata varrebbe a dire che il
rapporto dmax/D non dovrebbe mai scendere al di sotto di 0.2.
Infine c’è da dire che anche se il dispositivo è bullonato, questa formula
fornisce un criterio per limitare la trazione localmente indotta dallo
spostamento orizzontale, e, sebbene in alcune prove si è osservato che il
massimo spostamento può benissimo superare il valore del diametro, è
certamente buona pratica progettuale limitare lo spostamento al valore definito
dalla verifica di roll-out anche quando il collegamento con la parte in
elevazione ed di fondazione è bullonato.

4.2 ABACHI DI PROGETTO

Sembra utile proporre, nello spirito di rendere più agevole il dimensionamento


e la verifica del sistema di isolamento, alcuni abachi di progetto che
forniscono la massima tensione verticale per carichi gravitazionali che può
essere assunta nel dimensionamento dei dispositivi elastomerici affinché sia
soddisfatta la verifica del carico critico.
La tensione da carico critico è calcolata in condizioni sismiche (assumendo un
incremento del carico gravitazionale pari al 30%) ed è ridotta da un opportuno
coefficiente di sicurezza pari a 2 [OPCM 3431, 2005]. Essendo il carico
critico in condizioni sismiche pari a (87):

N cr = G ⋅ S1 ⋅ S 2 ⋅ Ar (87)

dove
2
Ar = (ϕ − sin ϕ ) ⋅ D
4
ϕ = 2 ⋅ arccos⋅ d D
e (88)

la tensione da carico critico (che tiene conto del ∆N sismico) da confrontare


con la tensione indotta dai carichi gravitazionali sull’isolatore in condizioni
non sismiche sarà pari alla (89).
78 C ap it olo 4

N cr G ⋅ S1 ⋅ S 2 Ar
σ cr = = ⋅ (89)
1.3 ⋅ s ⋅ A 1.3 ⋅ 2 A

La verifica risulterà quindi la (90).

NG
σG = ≤ σ cr (90)
A

Diagrammando la relazione (89) per diverse geometrie dei dispositivi, è


possibile ottenere i detti abachi, i quali, come detto, consentono di effettuare la
verifica preliminare del carico critico controllando la tensione verticale di
progetto per carichi gravitazionali (σd) sul il singolo dispositivo.

20
G: 0.4 MPa Soil type A
σd [MPa]

18 S1 = 20
G: 0.6 MPa 1.0
S2 = 3
G: 0.8 MPa
16
G: 1.0 MPa
14

12

10

8
0.4
6

2
D [mm]

0
300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300

figura 36. Pressioni verticali di progetto limiti – OPCM 3431, 2005, ag=0.35g, tipo di suolo A.

Diagrammi di questo tipo sono ricavati facendo riferimento alla proposta di


normativa sismica italiana [OPCM 3431, 2005] per zona sismica di prima
categoria (0.35g). Essi, oltre a consentire la suddetta verifica preliminare,
mostrano l’influenza che, sia i parametri meccanici e geometrici dei
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 79

dispositivi, sia la tipologia di suolo, hanno sulla verifica del carico critico per
gli isolatori elastomerici.

12

σd [MPa]
Soil
Soiltype
typeAA
G:G:0.4MPa
4MPa S1=30
10 S2S=3
2= 3

S1=25
8
S1=20
a)
6
S1=15

4
S1=10

D [mm]
0
300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300

14
σd [MPa]

Soiltype
Soil typeAA
12 G:0.4MPa
G: 4MPa
S2=5
1 = 20
SS1=20
10
S2=4

b) S2=3
6

S2=2
4

D [mm]
0
300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300

figura 37. Pressioni verticali di progetto limiti – OPCM 2005, ag=0.35g, tipo di suolo A – Effetto di S1 (a) e S2 (b)
80 C ap it olo 4

18
G: 0.4 MPa Soil type B-C-E
σd [MPa]

G: 0.6 MPa S1 = 20
16 S2 = 3
G: 0.8 MPa
14 G: 1.0 MPa 1.0

12

10

a)
8

6 0.4

2
D [mm]

0
300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300

12
σd [MPa]

G: 0.4 MPa Soil type D


S1 = 20
G: 0.6 MPa
S2 =3
10 G: 0.8 MPa
G: 1.0 MPa

8 1.0

b)
6

4
0.4

D [mm]
0
300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300

figura 38. Pressioni verticali di progetto limiti – OPCM 2005, ag=0.35g, (a) tipo di suolo BCE (b) tipo di suolo D
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 81

Nella figura 36, fissati per i dispositivi i due parametri geometrici S1 ed S2


(S1=20 ed S2=3), si riporta la pressione verticale di progetto limite per carico
critico al variare del modulo di taglio G. Si nota che adottando una gomma
con modulo di taglio G paria 0.4MPa, non possono essere adottati carichi
gravitazionali di progetto maggiori di circa 6-7MPa. La tensione da carico
critico si incrementa notevolmente sia aumentando il modulo di taglio, sia
aumentando il diametro del dispositivo.
I diagrammi di figura 37 hanno la stessa logica del precedente. In questo
caso, fissato il modulo di taglio G pari a 0.4MPa e uno dei due fattori di forma
(primario o secondario), si riportano le curve al variare del fattore di forma
non fissato. In particolare, nel primo diagramma in figura si riportano le curve
limiti per carico critico al variare del fattore di forma S1 (compreso tra 10 e
30), mentre nel secondo diagramma le curve limiti per carico critico al variare
del fattore di forma S2 (compreso tra 2 e 5).
Dai diagrammi di figura 38, che sono simili al diagramma di figura 36, con
l’unica differenza nel tipo di suolo, si nota che al crescere dello spostamento
sismico (tipi di suolo BCE e D), ci sono alcuni diametri (i più piccoli) che, per
instabilità, non possono proprio essere presi in considerazione nel progetto del
sistema di isolamento.
Si ritiene, per concludere, che abachi di questo tipo, oltre ad assicurare la
verifica di instabilità dei dispositivi elastomerici, sono molto utili in fase di
dimensionamento del sistema in quanto mostrano in maniera chiara le
condizioni di lavoro limiti di ciascun dispositivo.

4.3 ESEMPIO DI PROGETTO

Al fine di illustrare il processo di dimensionamento e verifica dei dispositivi di


isolamento HDRB, si riporta in seguito un esempio di progetto relativo ad un
sistema di isolamento per un edificio.

4.3.1 Caratteristiche dell’edificio


Si consideri l’edificio rappresentato in figura 39, situato in zona sismica di
prima categoria secondo quanto specificato dalla attuale zonazione sismica
italiana [OPCM 3431, 2005], su suolo di tipo B (ag=0.35g; S=1.25). Nella
82 C ap it olo 4

figura è individuata la posizione, nonché il carico verticale che ogni singolo


dispositivo dovrà sostenere.

150 t 200 t 200 t 200 t 150 t

10
300 t 300 t 300 t

200 t 200 t

10 m
150 t 200 t 200 t 200 t 150 t

10 m 10 10 10

figura 39. pianta dell’edificio per l’esempio di progetto

I carichi verticali alla base delle colonne risultano i seguenti:


quattro colonne d’angolo 150t/cad 4·150t = 600t (5886kN)
otto colonne perimetrali 200t/cad 8·200t = 1600t (15696kN)
tre colonne interne 300t/cad 3·300t = 900t (8829kN)
W: 3100 t (30411kN)
M: 316 t·s2/m (3100 kN·s2/m)

in cui M è la massa totale, somma della massa della struttura (MS) e della
massa del sistema di isolamento (MIS), quindi M=MS+MIS.
Essendo le masse distribuite in maniera simmetrica rispetto ai due assi di
simmetria della struttura considerata, il baricentro delle masse Gmass si trova in
corrispondenza del baricentro geometrico della struttura in pianta.

4.3.2 Scelta dei parametri iniziali


Sarà assunto un periodo di isolamento target, Tis, pari a 3s ed una tensione
verticale di progetto dei dispositivi, σ’G, di primo tentativo pari a 6MPa.
La rigidezza target del sistema di isolamento Ktot è ottenuta dalla relazione
(91):
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 83

2 2
⎛ 2π ⎞ ⎛ 2π ⎞
K tot =⎜ ⎟ ⋅M = ⎜ ⎟ ⋅ 3100 = 13584 kN / m (91)
⎝ Tis ⎠ ⎝ 3 ⎠

4.3.3 Calcolo del diametro dei dispositivi dalla tensione verticale per
carichi gravitazionali
In funzione della tensione verticale di primo tentativo assunta per il progetto,
σ’G, è possibile calcolare un primo valore del diametro, D1, per ogni valore
dello scarico alla base, come indicato nelle (92).

N G150 1500000
Isolatori 150t D 150
=2 =2 = 564mm
1
π ⋅ σ 'G π ⋅6

N G200 2000000
Isolatori 200t D 200
=2 =2 = 651mm (92)
1
π ⋅ σ 'G π ⋅6

N G300 3000000
Isolatori 300t D 300
=2 =2 = 798mm
1
π ⋅ σ 'G π ⋅6

4.3.4 Calcolo del diametro dei dispositivi dalla deformazione di taglio


dovuta al carico verticale per carichi gravitazionali
Fissando i valori minimi ammessi per il fattore di forma primario S1 ed il
fattore di forma secondario S2, rispettivamente pari a 20 e 3, è possibile
calcolare il diametro D2 del singolo isolatore in maniera tale da limitare le
deformazioni di taglio indotte dai carichi verticali gravitazionali nel
dispositivo.
In base della limitazione imposta dalla normativa statunitense [AASHTO,
1999] sulle deformazioni di taglio indotte dai carichi verticali, assumendo γc,G
pari proprio a 2.5, si può ricavare il diametro minimo D2 (93).
84 C ap it olo 4

N G150 1500000
Isolatori 150t D2150 = = = 250mm
2 ⋅ G ⋅ S1 2 ⋅ 0.6 ⋅ 20

N G200 2000000
Isolatori 200t D2200 = = = 288mm (93)
2 ⋅ G ⋅ S1 2 ⋅ 0.6 ⋅ 20

N G300 3000000
Isolatori 300t D2300 = = = 353mm
2 ⋅ G ⋅ S1 2 ⋅ 0.6 ⋅ 20

Il sistema di isolamento sarà costituito da dispositivi in gomma ed acciaio del


tipo HDRB caratterizzati da un coefficiente di smorzamento equivalente al
critico, ξ, pari al 10% ed un modulo di taglio della gomma, G, pari a 0.6MPa
(gomma di media rigidezza media).

4.3.5 Calcolo del diametro effettivo dei dispositivi


Il diametro di progetto, D, risulterà il massimo tra i due valori computati, D1 e
D2, ed è riportato nelle (94)

Isolatori 150t D150 = 564mm → 650mm

Isolatori 200t D 200 = 651mm → 650mm (94)

Isolatori 300t D 300 = 798mm → 800mm

Si fa notare che in pratica, viste le esigue dimensioni dell’edificio, al fine di


contenere i costi del sistema di isolamento e di semplificare il processo
costruttivo, sarà comunque necessario omogeneizzare i diametri nel caso degli
isolatori da 150t e da 200t.
Le tensioni di lavoro effettive per carichi gravitazionali sui dispositivi sono
riportate nelle relazioni (95).
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 85

N G150 1500000
Isolatori 150t σ G150 = = = 4.5MPa
A150 331662.5

2000000
Isolatori 200t σ G200 = = 6MPa (95)
331662.5

3000000
Isolatori 300t σ G200 = = 6MPa
502400

4.3.6 Calcolo degli spessori di gomma


Dimensionato il diametro dei singoli dispositivi, lo spessore del singolo strato
di gomma, t, e lo spessore totale della gomma, te, per i diversi dispositivi, sono
ottenuti con l’ausilio dei valori minimi assunti per il fattore di forma primario
S1 e secondario S2. In particolare, limitando per il calcolo di te al 200% la
deformazione di taglio (γd=d/te) per effetto dello spostamento elastico di
progetto d amplificato del 20%, si ottengono i seguenti spessori interni:

D150,200 650
Isolatori 150t e 200t t150,200 = = = 8.125mm
4 ⋅ S1 80

D 300 800
Isolatori 300t t 300 = = = 10mm (96)
4 ⋅ S1 80

D150,200 650
Isolatori 150t e 200t te150,200 = = = 216.6mm
S2 3

D 300 800
Isolatori 300t te300 = = = 266.6mm (97)
S2 3
86 C ap it olo 4

Anche in questo caso al fine di contenere i costi del sistema di isolamento e di


semplificare il processo costruttivo, sarà necessario omogeneizzare gli
spessori di gomma quindi le altezze dei dispositivi. Si assumeranno gli
spessori relativi all’isolatore di diametro inferiore per il rispetto delle
limitazioni sui fattori di forma S1 e S2 (S1≥20; S2≥3).
Tenendo conto che te=n·t, con n il numero degli strati di gomma del
dispositivo, si ottengono gli spessori di gomma specificati dalle relazioni (98).

d
te = 224mm ≥ = 166.5mm
2

t = 8mm (98)

4.3.7 Calcolo della rigidezza orizzontale e del periodo del sistema di


isolamento
La rigidezza orizzontale del singolo isolatore potrà essere valutata attraverso
le relazioni (99),

150,200 G ⋅ A150,200 0.6 ⋅ π ⋅ 3252 kN


Kisol = = = 888
te 224 m

300 G ⋅ A300 0.6 ⋅ π ⋅ 4002 kN


Kisol = = = 1346 (99)
te 224 m

con A area della sezione trasversale di gomma del dispositivo; la rigidezza


totale del sistema di isolamento è data dalla relazione (100),

kN
K 'tot = 12 ⋅ K i50,100 + 3 ⋅ K i200 = 12 ⋅ 888 + 3 ⋅1346 = 14694 (100)
m
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 87

da confrontare con il valore target dato dall’equazione (91).


La procedura illustrata potrebbe a questo punto iterarsi più volte
apportando variazioni ai parametri di progetto (G, σ’G, S2) nell’intento di
ottenere valori della rigidezza quanto più vicini a quello fissato. Ma
considerato che il valore ottenuto risulta essere abbastanza vicino al valore
target e considerato inoltre che la deformabilità della sovrastruttura che
interviene nel modello a più gradi di libertà (M-DOF) renderà il sistema
sicuramente più deformabile con conseguente incremento del periodo di
oscillazione, si può sicuramente terminare a questo punto per passare alla
verifica dei dispositivi
Il periodo di isolamento ottenuto è riportato nella relazione (101).

M 3100
Tis = 2π '
= 2π = 2.9 s (101)
K tot 14694

4.3.8 Caratteristiche di dettaglio del sistema di isolamento e degli isolatori


progettati
Il sistema di isolamento ha le caratteristiche di dettaglio esplicitate nel seguito.

Periodo di isolamento Tis=2.9s

n. 15 isolatori elastomerici HDRB di cui:


n. 12 isolatori Ø650mm con le seguenti caratteristiche:
Spessore degli strati interni di gomma, t: 8mm
Numero degli strati interni di gomma, n: 28
Altezza totale della gomma, te: 224mm
Spessore delle piastre interne di acciaio, ts: 2mm
Spessore delle piastre terminali di acciaio: 20mm
Area a taglio della gomma, A: 331662.5mm2
Diametro delle piastre di acciaio interne, D’: 645mm
Area delle piastre di acciaio interne, A’: 326579.5mm2
Altezza totale del dispositivo: 318mm
Fattore di forma primario S1: 20
88 C ap it olo 4

Fattore di forma secondario S2: 2.9


Rigidezza orizzontale, Kh: 888 kN/m
Rigidezza verticale, Kv: 1087145 kN/m
Valore del rapporto Kv/Kh: 1225

20
2
318

8
20
645
650 mm

figura 40. Dettaglio dell’isolatore Ø650mm

n. 3 isolatori Ø800mm con le seguenti caratteristiche:


Spessore degli strati interni di gomma, t: 8mm
Numero degli strati interni di gomma, n: 28
Altezza totale della gomma, te: 224mm
Spessore delle piastre interne di acciaio, ts: 2mm
Spessore delle piastre terminali di acciaio: 20mm
Area a taglio della gomma, A: 502400mm2
Diametro delle piastre di acciaio interne, D’: 795mm
Area delle piastre di acciaio interne, A’: 496139.5mm2
Altezza totale del dispositivo: 318mm
Fattore di forma primario S1: 25
Fattore di forma secondario S2: 3.57
Rigidezza orizzontale, Kh: 1345 kN/m
Rigidezza verticale, Kv: 2017329 kN/m
Valore del rapporto Kv/Kh: 1500
Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 89

20
2
318

8
20
795
800 mm

figura 41. Dettaglio dell’isolatore Ø800mm

4.3.9 Verifica degli isolatori progettati


Le verifiche dei dispositivi elastomerici per isolamento sismico faranno
riferimento ad azioni derivanti dall’utilizzo degli spettri elastici, incrementate
del 20%. In questa sede si assume che il ∆N sismico sui dispositivi sia pari al
30%.
Una delle verifiche prescritte dalle attuali normative riguarda le
deformazioni di taglio nella gomma. Per semplicità di esposizione si
trascurano le deformazioni di taglio per flessione che sono in genere molto
piccole per dispositivi con fattori di forma dell’ordine di quelli utilizzati
nell’esempio. Per procedere alla verifica è necessario calcolare l’area ridotta
(88) relativa ai diversi dispositivi:

Ar∅ 650 = 163200mm 2 Ar∅800 = 219200mm 2

Per i dispositivi progettati, considerato uno spostamento orizzontale


d=333mm, si ottengono le seguenti deformazioni di taglio totali:

1,5 (N ⋅ 1,3 ) dE
Ø650 γ t150 = γ c + γ s = + = 1, 48 + 1, 48 = 2, 96 < 5
S1GA r te
90 C ap it olo 4

1,5 (N ⋅ 1,3 ) dE
Ø650 γ t200 = γ c + γ s = + = 1, 97 + 1, 48 = 3, 45 < 5
S1GA r te

1,5 (N ⋅ 1,3 ) dE
Ø800 γ t300 = γ c + γ s = + = 1, 78 + 1, 48 = 3, 26 < 5
S1GA r te

Per quanto riguarda la verifica della deformazione di taglio dovuta al solo


spostamento sismico, essa risulta soddisfatta in quanto:

dE
γs = = 1, 48 < 2
te

Le tensioni nelle piastre interne d’acciaio, in relazione ai diversi dispositivi e


carichi verticali, risultano:

1, 3 (1, 3N )( t1 + t 2 ) 1, 3 (1, 3 ⋅ 1500000 )( 8 + 8 )


Ø650 σ s150 = = = 124MPa
( Ar ts ) (163200 ⋅ 2 )

1, 3 (1, 3N )( t1 + t 2 ) 1, 3 (1, 3 ⋅ 2000000 )( 8 + 8 )


Ø650 σ s200 = = = 165MPa
( Ar ts ) (163200 ⋅ 2 )

1, 3 (1, 3N )( t1 + t 2 ) 1, 3 (1, 3 ⋅ 3000000 )( 8 + 8 )


Ø800 σ s300 = = = 184MPa
( Ar ts ) ( 219200 ⋅ 2 )
Tali tensioni risultano minori della tensione di snervamento di un acciaio
Fe430 ossia fyk=275MPa.

La verifica del carico critico, riportata in seguito, risulta soddisfatta:

NG=150 2 ⋅ (1.3 ⋅ N G ) = 3900kN < N cr∅ 650 = G ⋅ S1 ⋅ S 2 ⋅ Ar = 5680kN

NG=200 2 ⋅ (1.3 ⋅ N G ) = 5200kN < N cr∅ 650 = G ⋅ S1 ⋅ S 2 ⋅ Ar = 5680kN


Verifich e ed abachi di progetto per dispositivi elasto merici 91

NG=300 2 ⋅ (1.3 ⋅ N G ) = 7800kN < N cr∅800 = G ⋅ S1 ⋅ S2 ⋅ Ar = 11742kN

Nelle precedenti verifiche si sono considerati i valori effettivi dei fattori di


forma (S1=20 e S2=2.9 per gli isolatori con diametro D=650mm, S1=25 e
S2=3.57 per gli isolatori con diametro D=800mm), e valori dell’area ridotta
Ar, corrispondenti allo spostamento amplificato d=333mm, pari a 163221mm2
e 219277mm2 rispettivamente per gli isolatori con diametro D=650mm e
diametro D=800mm.
92 C ap it olo 4
93

Capitolo 5
Analisi tensio deformativa agli elementi
finiti: aspetti teorici e calibrazione del
modello

5.1 STATO DELL’ARTE

Il BIS è ormai una tecnica matura ed attualmente la pratica progettuale si


spinge verso nuove applicazioni, in cui, come illustrato nel capitolo 2, i
dispositivi elastomerici sono impiegati in condizioni particolarmente onerose:
elevati sforzi di compressione per carichi gravitazionali e grandi spostamenti
orizzontali imposti dal moto sismico, che peraltro possono dare luogo ad
ulteriori incrementi di compressione e/o eccessiva decompressione e comparsa
di stati di trazione nel materiale elastomerico.
Si rileva peraltro la necessità di approfondire la risposta dei dispositivi
elastomerici nelle condizioni attualmente previste nella pratica progettuale più
spinta.
Per ottenere informazioni più dettagliate sul comportamento del
dispositivo, soprattutto in termini di risposta locale, è necessario affiancare
all’analisi sperimentale, spesso economicamente onerosa, l’analisi numerica
agli elementi finiti che può costituire un prezioso strumento sia in grado di
definire una progettazione ottimale che di identificare le diverse modalità di
collasso del dispositivo.
94 C ap it olo 5

La modellazione numerica agli elementi finiti di dispositivi elastomerici è


nella realtà piuttosto complessa; per tali motivi le analisi agli elementi finiti
esistenti a tutt’oggi sono piuttosto limitate e non possono considerarsi come
uno strumento progettuale utilizzabile per una definizione delle modalità di
collasso poiché si rieriscono generalmente a condizioni di esercizio lontane da
quelle limite; d’altronde sono ancora scarse le indicazioni sui criteri di
collasso di tipo locale.
In seguito si fornirà una breve rassegna dei contributi esistenti in letteratura
riguardanti l’analisi FEM dello stato tenso-deformativo in dispositivi
elastomerici.
In Seky et al. [1987] gli autori studiano la distribuzione delle deformazioni
principali in un appoggio elastomerico ed identificano, nell’interfaccia acciaio
gomma, la regione che presenta le maggiori deformazioni e quindi il maggiore
rischio di rottura. Sono stati analizzati agli elementi finiti due modelli di
dispositivi HDRB, caratterizzati da stesse dimensioni globali e diverso
spessore delle piastre di acciaio interne, caratterizzati cioè da due diversi
valori del fattore di forma primario S1 (approssimativamente pari a 4 ed a 2
per i due diversi dispositivi). La condizione di carico consiste
nell’applicazione di un carico verticale e di uno spostamento orizzontale. Dai
risultati, forniti in termini di configurazione deformata e di distribuzione delle
deformazioni principali, si rilavano le seguenti principali conclusioni: (1) lo
spessore delle piastre di acciaio interne influenza la deformazione flessionale
dovuta all’applicazione carichi verticali ed orizzontali; (2) la deformazione
massima locale nella gomma dovuta alla combinazione dei carichi verticali ed
orizzontali risulta essere di trazione o di compressione in funzione del valore
del carico verticale applicato. Sfortunatamente nel lavoro è indicata soltanto la
deformazione orizzontale di taglio applicata (massimo 120%) e nessun cenno
esplicito è fatto al valore del carico verticale utilizzato.
Takayama et al. [1992, 2000, 2004] ha condotto una intensa attività di
ricerca sullo studio dello stato tenso-deformativo all’interno di dispositivi
HDRB per isolamento sismico modellati agli elementi finiti. Il primo lavoro
citato, Takayama et al., 1992, rappresenta un dettagliato report sulla
distribuzione delle tensioni e delle deformazioni, sia negli strati di gomma che
nelle piastre di acciaio interne, per un modello di dispositivo HDRB
caratterizzato da fattori di forma primario S1 e secondario S2 rispettivamente
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 95

pari a 18 e 5. Nelle analisi sono state considerate diverse condizioni di carico:


(1) soli carichi verticali, corrispondente a diverse pressioni medie verticali,
variabili tra valori che vengono generalmente assunti per le condizioni di
esercizio per i dispositivi HDRB (pm=5, 15 MPa) e valori estremamente alti
(pm=100 MPa); (2) carico verticale più spostamento orizzontale, con
deformazioni di taglio maggiori del 375% (massima deformazione di taglio
raggiunta dall’isolatore considerato durante le prove sperimentali a rottura,
eseguite con pressione verticale applicata pari a 6MPa). Il modello utilizzato
non porta in conto la compressibilità della gomma e la plasticità delle piastre
metalliche interne; la risposta del modello in termini di relazione tra carico e
spostamento è riportata per pressioni verticali medie maggiori di 75MPa e per
deformazioni di taglio maggiori del 250%. Il lavoro fornisce inoltre
interessanti risultati in termini di distribuzione di reazioni vincolari, tensioni e
deformazioni principali, evidenziando le zone di concentrazione degli sforzi,
le zone caratterizzate da elevate deformazioni, e fornisce i massimi valori
delle tensioni e delle deformazioni per le diverse condizioni di carico.
In un lavoro più recente [Takayama e Morita, 2000], gli autori descrivono
l’analisi agli elementi finiti condotta per 6 modelli di isolatori sismici HDRB,
caratterizzati da valori del fattore di forma primario S1 compresi tra 18 e 36, e
da valori del fattore di forma secondario S2 compresi tra 3 e 5. Le analisi, che
considerano la gomma compressibile e considerano la possibilità di
plasticizzazione delle piastre di acciaio interne, sono state orientate a valutare
l’effetto dello spessore delle piastre interne e del valore del modulo di
compressibilità (modulo di Bulk) della gomma sullo sforzo assiale nei bulloni
delle flange di collegamento superiore ed inferiore del dispositivo. E’ stata
considerata sia la condizione di soli carichi verticali che la condizione di
carichi verticali più spostamenti orizzontali, con pressione media applicata
superiore a 50 MPa e spostamenti orizzontali pari al 250% e al 400%. Alcuni
dei principali risultati mostrano che il valore del modulo di Bulk non influisce
nella risposta globale a taglio dei dispositivi, mentre ha una grande influenza
sulla deformazione verticale; inoltre, lo spessore delle piastre d’acciaio interne
non influenza la rigidezza verticale ed orizzontale, ma influenza il
comportamento ultimo a taglio dei dispositivi (la deformazione di taglio
ultima si riduce se si riduce lo spessore delle piastre d’acciaio interne).
96 C ap it olo 5

Infine, nel lavoro [Takayama e Morita, 2004], attraverso una analisi agli
elementi finiti di un modello di isolatore HDRB, si è studiato l’effetto dello
spessore delle piastre d’acciaio interne e l’effetto delle proprietà della gomma,
in particolare dell’incrudimento, sul comportamento del dispositivo. Il
modello considerato presenta un fattore di forma primario S1 pari a 33, un
valore del fattore di forma secondario S2 pari a 5, pressioni medie verticali
comprese tra 15 e 80 MPa e spostamenti orizzontali pari al 100, 200 e 300%. I
risultati delle analisi mostrano la forte dipendenza della rigidezza orizzontale
dalla pressione verticale, nonché la ridotta tendenza all’instabilità per gomme
con elevato comportamento incrudente e per dispositivi con piastre di acciaio
interne di piccolo spessore; gli Autori quindi affermano che per stimare la
stabilità degli isolatori dovrebbero essere sempre portate in conto le proprietà
incrudenti e lo spessore delle piastre di acciaio interne al dispositivo, al
contrario di quanto si fa attualmente con la relazione Ncr=GS1S2Ar.
Matsuda et al. [2001] esaminano la possibilità di stimare le proprietà
verticali ed orizzontali di un isolatore elastomerico HDRB mediante un analisi
agli elementi finiti sotto carichi verticali e carichi verticali più spostamenti
orizzontali; i modelli si riferiscono ad isolatori HDRB con foro centrale,
caratterizzati da un fattore di forma primario S1 compreso tra 10 e 40, e da un
fattore di forma secondario S2 compreso tra 5 e 7. Dopo un analisi di
sensibilità alla mesh, è mostrato che la risposta verticale dei dispositivi risulta
fortemente influenzata dalla compressibilità della gomma; tale compressibilità
non ha influenza sul comportamento dei dispositivi per carichi orizzontali.
Altri contributi preziosi, anche se non corrispondono esattamente ai temi
trattati in questo lavoro, sono forniti da [Papoulia, 1992; Yoshida et al., 2004;
Masato et al., 2004; Kelly e Takhirov, 2004]
De Luca et al. [1994, 1997] e Imbimbo [1995] hanno effettuato analisi
FEM di dispositivi elastomerici HDRB soggetti a carichi verticali.
In [De Luca et al., 1994] sono state eseguite analisi FEM di dispositivi
elastomerici circolari soggetti a carichi verticali. I risultati, espressi in termini
di distribuzioni di tensioni normali e tensioni tangenziali, sono stati
confrontati con i risultati della soluzione analitica “pressure solution”. Il
confronto mostra una buona corrispondenza tra i risultati numerici e i risultati
analitici, sia per quanto riguarda le piastre d’acciaio che per quanto riguarda la
mezzeria degli strati di gomma; all’interfaccia acciaio gomma questa
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 97

corrispondenza risulta ancora soddisfacente, eccetto che per le regioni di


bordo, dove si nota che la soluzione analitica non è capace di modellare le
concentrazioni di sforzi.
[Imbimbo, 1995] fornisce i risultati di una analisi indirizzata allo studio
delle concentrazioni di sforzi nelle zone di bordo dei dispositivi elastomerici.
Le analisi sono state eseguite per diversi livelli di pressione media verticale e
con diverse tipologie di discretizzazione dei modelli. I risultati indicano che,
all’interfaccia gomma-acciaio, la distribuzione degli sforzi risulta ben
approssimata dalla soluzione analitica (pressure solution) per bassi valori della
pressione media verticale; per alti valori della pressione media verticale, la
soluzione analitica fornisce valori che approssimano i risultati numerici
soltanto nella parte centrale del dispositivo e non ai bordi, dove si notano
sostanziali differenze. Ai bordi dei dispositivi le concentrazioni di sforzi
possono essere modellate soltanto adottando una discretizzazione molto fitta,
mentre nella parte centrale del dispositivo l’effetto della discretizzazione sulla
distribuzione delle tensioni risulta trascurabile, per tutti i valori della pressione
verticale media.
I risultati della precedente analisi si riferiscono a dispositivi con basso
valore del fattore di forma primario (S1=6.25); siccome il fattore di forma
primario è uno dei parametri più importanti nel comportamento degli isolatori
elastomerici, in [De Luca e Imbimbo, 1997] viene analizzata la risposta di
questi dispositivi, caratterizzati da diversi fattori di forma S1, ai carichi
verticali. L’analisi parametrica conduce all’importante conclusione che il
fattore di forma è il parametro meccanico che governa il comportamento dei
dispositivi sotto carico verticale, e che gli effetti delle concentrazioni di
tensioni ai bordi sono strettamente correlati ai valori assunti da questo fattore
di forma. Le analisi agli elementi finiti permettono di identificare un valore di
soglia del fattore di forma (S1=20), oltre il quale la pressure solution fornisce
una soddisfacente stima della distribuzione delle tensioni all'interno del
dispositivo. In questo lavoro sono stati considerati isolatori elastomerici con
differenti fattori di forma primari (S1 pari a 6.25, 12.5, 20, 30) soggetti ad una
pressione verticale media pari a 30 MPa.
In generale quindi, a valle della rassegna effettuata, si è notato che esistono
pochi studi che approfondiscono il problema dello studio dello stato tenso-
deformativo all’interno di dispositivi elastomerici sotto carico (verticale ed
98 C ap it olo 5

orizzontale). I contributi sono essenzialmente mirati allo studio del


comportamento globale dei dispositivi elastomerici in termini di curva carico-
spostamento. Emerge quindi il bisogno di approfondire il discorso dell’analisi
agli elementi finiti dei dispositivi elastomerici viste anche le elevate richieste a
cui questi dispositivi sono soggetti nelle odierne applicazioni.
In questo spirito, questo lavoro di tesi è orientato allo studio agli elementi
finiti dell’effetto degli elevati carichi verticali, fino a 15MPa, combinati ad
elevati carichi orizzontali, deformazioni di taglio fino al 300%, sul
comportamento degli isolatori elastomerici.
Di seguito, in particolare, è descritta la calibrazione dei modelli agli
elementi finiti utilizzati per analizzare il comportamento degli isolatori
HDRB. Sono descritte le proprietà dei materiali elastomerici e la loro
modellazione, le prove sperimentali a sostegno della modellazione, la
geometria dei modelli analizzati e le analisi di sensibilità.

5.2 MATERIALI

I dispositivi HDRB sono costituiti da due materiali: la gomma e l’acciaio. La


gomma si presenta come materiale quasi incompressibile a comportamento
non lineare iperelastico. L’acciaio, che costituisce il rinforzo interno della
gomma, può presentare escursioni in campo plastico negli isolatori sotto
carico, ragion per cui deve in genere essere considerata la sua non linearità.

5.2.1 Il materiale elastomerico


La gomma è un materiale elastomerico, classe di materiali organici che, in
virtù di una determinata struttura molecolare, sono caratterizzati da un
comportamento meccanico notevolmente deformabile e reversibile (elastico).
Essa possiede notevoli proprietà smorzanti, grande capacità di assorbimento di
energia, sostiene grandi deformazioni elastiche risultando molto flessibile e
resistente agli urti; è contraddistinta da tipiche proprietà meccaniche che
possono essere riassunte come segue:
- grandi deformazioni elastiche;
- comportamento non lineare evidenziato dalle curve carico-
spostamento (iperelasticità);
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 99

- capacità smorzanti;
- quasi o totale incompressibilità.

Le curve carico-deformazione forniscono sia il modulo di Young all’origine


E0 (circa 1 MN/m2) sia il modulo di elasticità tangenziale G; prove condotte su
mescole di differente composizione hanno mostrato che G=(1/3÷1/4)E0. In
particolare, il valore di E0 viene ricavato sul tratto iniziale delle curve, che per
deformazioni dell’ordine di alcune unità percentuali è approssimativamente
lineare; in maniera analoga può essere ottenuto il modulo G in prove di taglio.
Il modulo di elasticità cubica della gomma K (modulo di compressibilità o
modulo di Bulk) vale circa 1000÷2000 MN/m2, molto maggiore del modulo di
Young, pertanto il modulo di Poisson può teoricamente essere assunto pari a
0.5.
In tabella 6 sono riportati i valori del modulo di Young E0, del modulo di
taglio G e del modulo di compressibilità K per gomme con diversa durezza.

Modulo di Young Modulo di Taglio Modulo di Bulk


Durezza
E0 G K
IRHD±2
MN/m2 MN/m2 MN/m2
30 0,92 0,30 1000
35 1,18 0,37 1000
40 1,50 0,45 1000
45 1,80 0,54 1000
50 2,20 0,64 1030
55 3,25 0,81 1090
60 4,45 1,06 1150
65 5,85 1,37 1210
70 7,35 1,73 1270
75 9,40 2,22 1330
tabella 6. Caratteristiche dei materiali elastomerici per isolatori sismici

L’elevato valore del modulo di Bulk indica che la deformabilità volumetrica


della gomma è molto piccola anche sotto carichi elevati, sempre che le
variazioni di forma siano adeguatamente consentite. Teoricamente con un
modulo di Poisson pari a 0.5, E0 dovrebbe essere pari a 3G; ciò è verificato
100 C ap it olo 5

per basse durezze in gomma naturale, ma per gomme più dure il valore di E0
aumenta a circa 4G.
A fronte di un modulo elastico all’origine relativamente basso, la gomma
mostra invece allungamenti percentuali a rottura estremamente elevati (fino a
500÷800%), e ciò ne differenzia notevolmente il comportamento dagli altri
materiali solidi. Per ciò che concerne la resistenza meccanica, il carico di
rottura della gomma in trazione è di circa 14÷28 MN/m2 se calcolato rispetto
all’area della sezione iniziale del provino mentre può raggiungere i 200
MN/m2 se calcolato rispetto alla sezione reale; tale valore è di circa 5 volte
inferiore al valore corrispondente per l’acciaio. Viceversa la rottura a
compressione avviene per carichi ben superiori a 160 MN/m2.
Si denota inoltre un aumento di rigidezza per grandi deformazioni
(iperelasticità), causato dalla formazione di una struttura cristallina per effetto
dello stiramento delle catene polimeriche che tendono a disporsi
parallelamente alla direzione in cui avviene l’estensione. Questo tipo di
cristallizzazione differisce da quella dovuta al congelamento non solo per il
diverso orientamento delle molecole ma anche per la notevole rapidità con cui
essa avviene. La formazione di questa struttura cristallina, conseguente ad
un’azione di “stretching”, dà origine all’alta resistenza a trazione, alla lunga
durata sotto sollecitazioni di fatica ed alla resistenza alla lacerazione delle
gomme; ad essa è attribuito un ruolo fondamentale nella determinazione delle
proprietà elastiche del materiale. In ogni caso, i cristalli formatisi scompaiono
nel momento in cui cessa la causa deformante.
Per ciò che riguarda la “durezza”, essa è data sostanzialmente dalla misura
della deformazione elastica, reversibile, prodotta da un penetratore a forma
speciale, sotto un carico determinato. Essa è perciò collegata al modulo di
Young della gomma (a differenza di ciò che avviene per la durezza dei metalli
che è la misura di una penetrazione plastica irreversibile). Le misurazioni
della durezza sono generalmente usate per caratterizzare le gomme
vulcanizzate. La durezza della gomma, misurata in diverse scale (gradi Shore,
gradi IRHD), va però considerata con una certa approssimazione per tener
conto del grado di errore che si può commettere all’atto della misurazione. Per
questa ragione nella tabella 6.1 è data la tolleranza di ± 2 gradi.
Quando la gomma vulcanizzata è mantenuta ad una deformazione costante,
le forze iniziali diminuiscono gradualmente; questo fenomeno viene chiamato
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 101

“rilassamento del carico sotto deformazione”. In maniera analoga la gomma


soggetta ad un carico costante nel tempo continua a deformarsi lentamente
secondo un classico fenomeno di “scorrimento viscoso (Creep)”. E’ stato
osservato che sia il rilassamento del carico sotto deformazione, sia il creep,
variano approssimativamente in modo lineare con il logaritmo del tempo.
La gomma, come i metalli, può rompersi per “fatica” se sottoposta a
deformazioni ripetute, anche se queste sono molto inferiori all’allungamento a
rottura. La rottura per fatica è causata dalla crescita di tagli attraverso tutta la
sezione del provino che si innescano preferenzialmente in zone che presentano
imperfezioni e dove si hanno forti concentrazioni di stati tensionali. La
propagazione della rottura (cut growth) è relativamente rapida ed aumenta
all’aumentare dell’ampiezza del taglio, per cui, quando lo sforzo alle estremità
della screpolatura è molto grande, si verifica un collasso istantaneo simile alla
rottura fragile che si riscontra in materiali poco duttili.

5.2.1.1 Comportamento non lineare del materiale gomma


L'equazione di equilibrio di una struttura discretizzata col metodo degli
elementi finiti è data in generale da una relazione matriciale del tipo:

⎨F⎬ =[K] ⎨∆⎬

essendo [K] la matrice di rigidezza, ⎨∆⎬ il vettore degli spostamenti ed ⎨F⎬ il


vettore dei carichi esterni. Tale relazione è di tipo lineare se aumentando il
carico di un fattore α si verifica che anche lo spostamento e quindi le tensioni
aumentano dello stesso fattore α. Quando non è verificata tale condizione,
allora il problema è non lineare. Quando si calcolano [K] e ⎨F⎬, occorre
effettuare l’integrazione sul volume dell'elemento; se gli spostamenti sono
piccoli, il volume dell'elemento rimane costante e se anche le deformazioni
sono piccole, la relazione tra le deformazioni e gli spostamenti, espressa dalla
matrice [B], non dipende dagli spostamenti stessi:

⎨ε ⎬ =[B] ⎨∆⎬

essendo [B] funzione delle coordinate nodali costanti, oltre che delle variabili
indipendenti x,y,z. Questa è la prima linearità che si ipotizza, che è di tipo
geometrico o cinematico.
102 C ap it olo 5

Successivamente quando si calcola la matrice di rigidezza, si suppone che


la matrice del materiale [D] sia elastica, e quindi costante ed indipendente
dagli spostamenti:

⎨σ ⎬ =[D] ⎨ε⎬

Questa è la seconda linearità, che è del materiale.


I problemi in cui la legge tra tensione e deformazione non è lineare, ma gli
spostamenti e le deformazioni sono piccoli, sono detti di sola non linearità del
materiale. Quando invece la relazione deformazione-spostamento non è di tipo
lineare, allora il problema è di non linearità geometrica o cinematica. In
questo caso si suole distinguere tra i problemi con piccole deformazioni e
grandi spostamenti e i problemi con grandi deformazioni e spostamenti.
Nel primo caso il materiale può avere un comportamento elastico oppure
non, mentre nel secondo caso anche il comportamento del materiale è
generalmente non lineare. Nei problemi di non linearità geometrica (a grandi
spostamenti), si incontrano grosse difficoltà analitiche ed in certe condizioni
non esiste un unica soluzione del problema. Ecco perchè in questi casi si
utilizzano i metodi incrementali in quanto con piccoli incrementi di carico si
può seguire passo passo un percorso che non salti improvvisamente ad una
posizione di equilibrio poco interessante. L'approccio utilizzato nei problemi
di grandi spostamenti è quello di separare il moto totale in un moto di puro
corpo rigido (traslazione e rotazione) e in una deformazione. Mentre la
deformazione infinitesima ha una unica definizione, la deformazione finita
può essere descritta in molti modi. Ecco allora che nel caso di deformazioni
finite, ovvero quando la relazione deformazione-spostamento contiene termini
almeno del 2°ordine, non esiste una unica scelta per misurare le deformazioni;
la descrizione del moto deve essere fatta con una formulazione tale che la
misura delle deformazioni e tensioni sia non solo conveniente numericamente,
ma soprattutto appropriata alla descrizione del comportamento del materiale.
Ciò spiega perchè per gli elastomeri la descrizione viene fatta in funzione
degli invarianti delle deformazioni; le tensioni come tali non vengono
introdotte, se non come definizione di variazione di energia potenziale rispetto
a tali invarianti. Quindi in questo caso sia in presenza della linearità del
materiale che non, bisogna considerare che:
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 103

- l'equilibrio della struttura deve essere calcolato rispetto al corpo


deformato;
- la relazione deformazione-spostamento deve contenere termini
anche del 2°ordine.

Nei problemi di non linearità del materiale, la difficoltà è determinare le leggi


costitutive del materiale che rappresentino il più possibile la situazione reale.
Per lo studio del comportamento non lineare del materiale, è necessario
considerare le proprietà fisiche che vengono poi espresse analiticamente
attraverso la leggi costitutive. Le equazioni costitutive dei materiali
descrivono il comportamento macroscopico che deriva dalla natura del
materiale stesso per effetto dei carichi applicati. Il comportamento reale è
estremamente complesso, per cui si formulano equazioni che descrivono la
risposta di un materiale ideale. Ciascuna risposta è una formulazione
matematica che approssima osservazioni fisiche di una risposta reale in un
campo di validità ben definito.
La gomma vulcanizzata presenta caratteristiche peculiari che dipendono non
solo dall’ampiezza di deformazione ma anche dalla velocità di deformazione.
Comunemente si parla di comportamento iperelastico in ambito statico e
viscoelastico in ambito dinamico. I dati sperimentali suggeriscono che il
legame sforzi-deformazioni possa essere approssimato come una
sovrapposizione di una parte indipendente dal tempo-frequenza (definita long
term) e una parte dipendente dal tempo-frequenza (definita short term). E’
quindi possibile modellare il comportamento della gomma vulcanizzata
sovrapponendo due modelli distinti, uno iperelastico (long term) e uno
viscoelastico (short term), che lavorano in parallelo:

- Il modello iperelastico, nel quale viene rappresentata la non linearità e


la capacità di subire grandi deformazioni della gomma, è un modello
tempo indipendente, per cui non si riesce a valutare alcun fenomeno
dissipativo. Si ottengono buoni risultati in campo statico, dove questi
ultimi effetti sono meno importanti. Non si considera in alcun modo
l’effetto della temperatura.
- Il modello viscoelastico, di tipo tempo-dipendente permette di
rappresentare la dissipazione di energia e quindi fenomeni quali
104 C ap it olo 5

l’isteresi, il creep e il rilassamento. Si ha la possibilità di simulare più


realisticamente il comportamento dinamico della gomma. I modelli più
comuni sono lineari.

Per i materiali iperelastici si può definire, come vedremo meglio in seguito,


una funzione U potenziale di energia di deformazione, la quale, derivata
rispetto ad una componente di deformazione, determina la corrispondente
componente di tensione:

∂U
σ ij =
∂ε ij

5.2.1.2 Caratterizzazione del comportamento meccanico di un elastomero


Tra le metodologie finalizzate alla caratterizzazione teorica del
comportamento meccanico di un elastomero se ne possono individuare
essenzialmente due:

- l’approccio molecolare tipico della teoria cinetica dei gas;


- l’approccio fenomenologico della meccanica del continuo.

Sebbene l’approccio cui si farà in seguito riferimento è di natura


fenomenologia, è doveroso dedicare un piccolo cenno alla teoria statistica che
ha rappresentato l’inizio della discussione sistematica sulla elasticità della
gomma.

Teoria Statistica
Nell’ambito di tale teoria numerosi sono i contributi offerti da vari autori,
soprattutto nella prima metà del secolo; essa si sviluppa sulla base del
postulato secondo il quale l’elasticità dei materiali elastomerici è dovuta ad un
effetto intramolecolare: la variazione di entropia. Ogni interazione di tipo
intermolecolare è indipendente dalla configurazione e conseguentemente non
gioca alcun ruolo nello stato di deformazione del materiale. La teoria fornisce
la seguente espressione per la densità di energia di deformazione U (energia
elastica immagazzinata nell’unità di volume):
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 105

1 1
( )
U = G λ12 + λ22 + λ32 - 3 = G ( I1 - 3)
2 2

essendo:
- λ1, λ2, λ3 le dilatazioni principali di deformazione;
- I1 = λ12 + λ22 + λ32 il primo invariante del tensore deviatorico della
deformazione;
- G=NkT dove N è il numero delle molecole presenti nell’unità di
volume, T la temperatura assoluta e k la costante di Boltzmann.
Tale formula presenta l’indubbio vantaggio di essere definita dal solo
parametro fisico G dipendente dalla struttura del materiale, ma la sua risposta
in termini di legame tensione-deformazione presenta dei rilevanti scostamenti
dal comportamento sperimentale.

Teoria fenomenologica
La teoria fenomenologia fornisce una rappresentazione matematica del
comportamento meccanico del materiale elastomerico attraverso una semplice
osservazione del risultato sperimentale; il materiale è pertanto trattato con gli
strumenti della meccanica del continuo senza che venga fornita alcuna
correlazione con la struttura molecolare. Scopo primario della teoria
fenomenologica è quello di fornire un mezzo per calcolare le relazioni tra lo
stato di deformazione e quello di tensione nella maniera più generale possibile
analogamente alla classica teoria dell’elasticità, con la differenza che in tal
caso deve essere rimossa l’ipotesi di piccole deformazione. In tale approccio
la formulazione matematica delle proprietà meccaniche del continuo elastico
si estrinseca nella determinazione di opportune forme per la funzione densità
dell’energia di deformazione. In ogni caso, le forme di energia di
deformazione definite teoricamente devono essere verificate
sperimentalmente; tale verifica comporta l’introduzione di opportune
restrizioni matematiche alla formulazione della funzione U. In letteratura
troviamo numerosi modelli proposti per la funzione densità energia di
deformazione per i materiali elastomerici, raggruppabili in due grandi
categorie a seconda che siano espressi in funzione degli invarianti di
deformazione o in funzione esplicita delle dilatazioni principali di
106 C ap it olo 5

deformazione; questa suddivisione resta valida sia per materiale ritenuto


totalmente incompressibile, sia per materiale ritenuto quasi incompressibile.

5.2.1.3 Modelli dell’energia di deformazione (teoria fenomenologia)


La maggior parte dei modelli per materiale iperelastico è di tipo
fenomenologico e tutti i parametri caratteristici non sono direttamente legati
alle caratteristiche chimiche della gomma. Tutte le leggi si basano
sull’assunzione di materiale elastico ed isotropo. L’iperelasticità del materiale
è descritta in termini di potenziale di energia di deformazione U che definisce
la quantità di energia di deformazione accumulata nel materiale per unità di
volume di riferimento (volume nella configurazione iniziale) tramite una
funzione della deformazione istantanea del materiale.
Prima di procedere all’illustrazione delle diverse formulazioni del
potenziale di energia di deformazione, si devono fornire le seguenti
definizioni:

- λi = L/Lo = L+∆u = 1+εnom rapporto di allungamento (stretch)


lungo la direzione principale i-esima di deformazione, di un sistema
di tre assi mutuamente ortogonali con origine nel punto considerato
dove εnom rappresenta la deformazione nominale;
1

- λi = J 3 λi allungamento deviatorico (o stretch deviatorico);
- J = Jel =λ1λ2λ3 = V/Vo variazione di volume, ossia rapporto tra
volume a deformazione avvenuta e volume iniziale;
- I1 , I 2 , I 3 invarianti del tensore deviatorico della deformazione
definiti come segue:

I1 = λ12 + λ22 + λ32 I 2 = λ12 λ22 + λ22 λ32 + λ32 λ12 I 3 = λ12 λ22 λ32

Con l’ipotesi di incompressibilità volumetrica si ha che:


I 3 = λ12 λ22 λ32 = 1 , cosicché l’invariante terzo non è funzione dello
stato deformativo e conseguentemente, la funzione U può essere
espressa unicamente come funzione dei primi due invarianti.
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 107

Esistono, in letteratura, diverse forme di potenziale di energia di deformazione


per la modellazione di un elastomero, che dividono la funzione U in un
termine deviatorico (Ud) ed uno volumetrico (Uv), funzione degli invarianti
del tensore deviatorico della deformazione o funzione esplicita dello stretch
deviatorico.
In figura 42 sono riportate diverse forme della funzione potenziale di
energia di deformazione, suddivise nei due gruppi descritti in precedenza.
Tutte le forme consentono di portare in conto la compressibilità della gomma
in funzione della variazione volumetrica Jel. In tutte le forme, il primo termine
Ud è funzione degli invarianti deviatorici del tensore delle deformazioni.

Dividono U in un termine deviatorico ed uno volumetrico


Polinomiale di ordine N Î U = Ud ( I1, I2 ) + Uv ( J el )
N=1 Î Mooney-Rivlin a 2 parametri
N=2 Î Mooney-Rivlin a 5 parametri
N=3 Î Mooney-Rivlin a 9 parametri

Polinomiale ridotta Î
Yeoh (3 parametri) Î
U = Ud ( I1 ) + Uv ( J el )
Neo-Hookean (1 param.) Î
Arruda - Boyce Î
Van der Waals Î U = Ud ( I1, I2 ) + Uv ( J el )

U funzione esplicita dello stretch deviatorico λ


Ogden Î U = Ud ( λ1, λ2 , λ3 ) + Uv ( J el )

figura 42. Forme della funzione potenziale di energia di deformazione U.

a. Potenziale Polinomiale

N N
1
∑ C ij ( I 1 - 3 ) (I - 3) + ∑ ( J el - 1)
i j 2i
U = 2
i + j =1 i =1 Di
dove D è un parametro dipendente dalla temperatura, I1 l’invariante primo
del tensore deviatorico delle deformazioni definito come in precedenza e I 2
108 C ap it olo 5

l’invariante secondo del tensore deviatorico delle deformazioni definito in


precedenza. λi è l’allungamento deviatorico e J è definito come:

J = det ( F )

dove F è il gradiente di deformazione

⎡ λ1 0 0⎤
. F = ⎢⎢ 0 λ2 0 ⎥⎥
⎢⎣ 0 0 λ3 ⎥⎦

Se viene assunta l’ipotesi di incompressibilità del materiale, si può assumere


J=1 e di conseguenza l’invariante primo del tensore delle deformazioni
diventa il primo invariante del tensore deviatorico delle deformazioni.

- Jel è definita come la parte elastica di J;


- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ = 2 ( C10 + C01 ) ;
- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D1 : se D è zero il materiale risulta
perfettamente incompressibile.

b. Potenziale polinomiale ridotto

N N
1
∑ C i 0 ( I1 - 3 ) + ∑ ( J el - 1)
i 2i
U =
i =1 i =1 Di

Il modulo di taglio iniziale e il modulo di compressibilità volumetrica sono


definiti come segue:

- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ = 2C10 ;


- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D1 .
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 109

c. Potenziale di Yeoh

U = C10 ( I1 - 3 ) + C 20 ( I1 - 3 ) + C 30 ( I1 - 3 ) +
2 3

1 1 1
( J el - 1 ) + ( J el - 1) + ( J el - 1 )
2 4 6
+
D1 D2 D3

Il modulo di taglio iniziale e il modulo di compressibilità volumetrica sono


definiti come segue:

- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ = 2C10 ;


- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D1 .

d. Potenziale Neo-Hooke

1
U = C10 ( I1 - 3 ) + ( J el - 1 )
2

D1

Il modulo di taglio iniziale e il modulo di compressibilità volumetrica sono


definiti come segue:

- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ = 2C10 ;


- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D1 .

e. Potenziale di Arruda-Boyce
⎧1 ⎫
1
( 11
)
⎪ 2 ( I1 − 3) + 20λ 2 I1 − 9 + 1050λ 4 I1 − 27 + ⎪

2 3
( )
⎪ 1 ⎛ J el − 1
2

m m
U =µ⎨ ⎬ + ⎜⎜ − ln J el ⎟⎟
⎪+ 19
⎪⎩ 7000λm 6 (
I14 − 81 + )
519
673750λm
8
I15 − 243 ( ⎪ D⎝ 2
⎪⎭
) ⎠

dove µ, λm, sono parametri dipendenti dalla temperatura.


110 C ap it olo 5

- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ;


- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D .

f. Potenziale di Van der Waals

⎧ 3

⎪ 2 ⎛ I − 3 ⎞ 2 ⎪ 1 ⎛ J el2 − 1 ⎞
U = µ ⎨− ( λm − 3) ⎡⎣ln (1 − η ) + η ⎤⎦ − a ⎜ ⎟ ⎬ + ⎜⎜ − ln J el ⎟⎟ con
⎪ 3 ⎝ 2 ⎠ ⎪ D⎝ 2 ⎠
⎩ ⎭

I − 3
I = (1 − β ) I1 + β I 2 e η=
λm2 − 3

a viene detto il parametro di interazione globale e b viene detto parametro


invariante. Inoltre

I 2 = λ1( −2 ) + λ2( −2 ) + λ3( −2 )

- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ;


- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D .

g. Potenziale di Ogden

2 µi

N
i =1
α 2 (λ1
αi
) ∑
+ λ2α i + λ3α i − 3 +
N
i =1
1
Di
( J el − 1)2i
i

- Il modulo di taglio iniziale è dato da µ;


- Il modulo di comprimibilità volumetrica è in relazione con D
attraverso l’espressione K 0 = 2 / D .

5.2.1.4 Determinazione dello stato tensionale


Lo stato tensionale associato ad una particolare forma della funzione densità
energia deformazione U è ricavato dalle equazioni di Cauchy. Il tensore delle
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 111

tensioni di Cauchy (true stress) espresso con riferimento alla configurazione


deformata corrente è fornito da:

σ = ( A1 + A2 I1 ) B - A2 BB + pI

dove:

⎛ 2 ⎞ ∂U ⎛ 2 ⎞ ∂U
- A1 = ⎜ ⎟ ; A2 = ⎜ ⎟
⎝ J ⎠ ∂I1 ⎝ J ⎠ ∂I 2

- B=F(F)T;

∂U
- p=- ;
∂J

- I è la matrice identica e F è il tensore gradiente di deformazione


contenente informazioni circa la configurazione deformata attuale
rispetto a quella indeformata.

La generica componente σij del tensore di tensione di Cauchy σ rappresenta la


componente secondo l’asse i della forza per unità di area nel punto generico,
su un elemento di superficie di normale j nella configurazione corrente. Essa
rappresenta quindi una misura euleriana di tensione. Le componenti principali
sono indicate con σi. La precedente relazione di carattere del tutto generale, si
presta ad essere particolarizzata come descritto in seguito.
Se si considera uno stato di deformazione equibiassiale, le tensioni
principali espresse in funzione di U sono date dalle relazioni:

2⎛ 2 1 ⎞ ⎛ ∂U ∂U ⎞ 2⎛ 2 1 ⎞ ⎛ ∂U ∂U ⎞
σ1 = ⎜ λ1 - 2 2 ⎟ ⎜ + λ22 ⎟ σ2 = ⎜ λ2 - 2 2 ⎟ ⎜ + λ22 ⎟
λ1 ⎝ λ1 λ2 ⎠ ⎝ ∂I1 ∂I 2 ⎠ λ2 ⎝ λ1 λ2 ⎠ ⎝ ∂I1 ∂I 2 ⎠

esplicitando queste due equazioni rispetto alle incognite ∂U ∂I1 e ∂U ∂I 2 , è


possibile ottenere due equazioni alle derivate parziali in cui i due termini
112 C ap it olo 5

∂U ∂I1 e ∂U ∂I 2 sono espressi in funzione delle due tensioni principali σ1 e


σ2 e delle due dilatazioni principali λ1 e λ2.
In maniera analoga, se si considera uno stato di estensione uniassiale, ad
esempio lungo la direzione 1, si ha:

⎛ ∂U ∂U ⎞
σ 1 = 2λ1 (1 - λ1-3 ) ⎜ λ1 + ⎟
⎝ ∂I1 ∂I 2 ⎠

infine, per il caso di taglio puro è possibile scrivere:

⎛ ∂U ∂U ⎞
σ = 2λ ( λ - λ -3 ) ⎜ + ⎟
⎝ 1 ∂I 2 ⎠
∂I

5.2.2 L’acciaio
Per ciò che concerne le piastre di acciaio interne ai dispositivi, è stato
considerato un acciaio tipo Fe 430 con le conseguenti caratteristiche
meccaniche elencate in seguito:

tensione di snervamento fy=275 N/mm2


tensione ultima fu=430 N/mm2
deformazione allo snervamento εy=0,13%
deformazione ultima εu=20%
modulo elastico E = 206000 N/mm2

L’acciaio, per la calibrazione dei modelli, è stato considerato elasto-plastico.


Per la definizione del modello plastico si sono inserite, nel codice di calcolo,
le tensioni e le deformazioni “true”, ossia vere, ottenute dalle tensioni e
deformazioni “nominali” tramite le seguenti relazioni:

σ true = σ nom (1 + ε nom ) ; ε true = ln (1 + ε nom )

In figura 43 è riportato il legame costitutivo considerato espresso in termini


“nominali” e “true”.
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 113

600

[N /m m 2 ]
500

σ
400

300 valori nominali

valori true
200

100
ε (%)
0
0% 5% 10% 15% 20%

figura 43. Diagramma teorico σ-ε dell’acciaio Fe 430 utilizzato per le piastre interne

5.2.3 Adesione gomma - acciaio


In tutti i dispositivi che utilizzano la gomma in compressione, è necessaria
anche la presenza di parti metalliche sia allo scopo di consentirne il fissaggio
sia per aumentarne la rigidezza verticale (come avviene negli isolatori sismici
e nei supporti per le travate da ponte). In tal caso, infatti, vi sono strati di
gomma che sono intervallati da piastre orizzontali di acciaio di modo che i due
materiali risultino incollati all’interfaccia; questo vincolo esercita un’azione di
confinamento per la deformazione laterale degli strati di gomma quando il
dispositivo è sottoposto a carichi verticali.
In genere il collegamento tra gomma e acciaio viene eseguito col metodo
della ottonatura, con l’uso di speciali adesivi. L’acciaio viene prima rivestito
da uno strato di ottone, viene poi verniciato con degli appositi adesivi e,
successivamente, aderisce alla gomma durante il processo di vulcanizzazione.
Il metodo consente di ottenere elevate forze di adesione; il più delle volte la
resistenza dell’adesione supera quella della gomma stessa. In ogni caso, nella
progettazione di parti in gomma aderenti ad altri materiali, l’importanza di
evitare spigoli vivi e concentrazioni di sforzo è notevole; infatti, per quanto
114 C ap it olo 5

possibile è consigliabile adottare dei raccordi aventi raggi pari ad almeno il


10÷20% della minima dimensione totale del componente.

5.2.4 Prove per la caratterizzazione della mescola


In questa sezione saranno descritte le prove sperimentali statiche che possono
essere eseguite per la caratterizzazione del comportamento del materiale
gomma. Le prove eseguite su campioni sono le seguenti: prova a trazione,
trazione piana (taglio puro), trazione equibiassiale, comprimibilità.
Saranno inoltre forniti i risultati in termini di legame tensioni-deformazioni
di prove su due diverse mescole utilizzate per la realizzazione di isolatori
elastomerici (gomma naturale UNI 60 ShA).

a. Prova di trazione
La norma usata come riferimento per questo tipo di prova è la UNI 6065 [UNI
6065, 1981]. La prova di trazione permette di determinare il legame tensioni-
deformazioni ed è realizzata mediante un dinamometro opportunamente
attrezzato a seconda del tipo di provino.

figura 44. Provino alla Dumbell soggetto a trazione

L 1
Stato di deformazione : λ1 = λu = = 1+ εu ; λ2 = λ3 =
Lo λu

P
Stato di tensione : σ1 = σ = ; σ2 = σ3 = 0
Ao
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 115

Il provino alla Dumbell (figura 44) è descritto nella norma e può presentarsi in
quattro diverse dimensioni. E’ necessario misurare l’allungamento del
campione nel tratto utile, ad esempio mediante estensimetri, poiché tale
allungamento non è direttamente proporzionale allo spostamento della
traversa mobile della macchina di prova a causa della deformabilità delle altre
parti del provino. I punti caratteristici della prova di trazione sono i seguenti
(figura 45):

- Ca05: sforzo corrispondente ad una deformazione pari al 50%(MPa)


- Ca1: sforzo corrispondente ad una deformazione pari al 100%(MPa)
- Ca3: sforzo corrispondente ad una deformazione pari al 300%(MPa)
- CR: sforzo alla rottura (MPa)
- AR: deformazione alla rottura (%)

σ [MPa]

ε [%]
figura 45. Prova di trazione su gomma: σ è la tensione vera e ε la deformazione media del tratto centrale del provino.

Il modulo di Young non viene generalmente determinato perché, in


corrispondenza del tratto iniziale della curva di trazione, vi possono essere
116 C ap it olo 5

brusche variazioni di pendenza che rendono incerto il suo calcolo. Inoltre,


come si può vedere in figura 45, il modulo di Young varia da punto a punto e
quindi, più che un solo valore, sarebbe necessario determinare il legame tra il
modulo di Young e, ad esempio, la deformazione. Molte volte vengono
calcolati i moduli secanti tra due livelli di deformazione caratteristica.
Un problema tipico della prova di trazione per materiali elastomerici è la
determinazione della effettiva sezione resistente. Nel caso di provini Dumbell
lo spessore del provino viene misurato in tre diversi punti del tratto utile, si
calcola il valor medio, e lo si moltiplica per la larghezza del provino, la cui
variazione viene anch’essa misurata.

b. Prova di compressione
Oltre a poter caratterizzare staticamente la mescola con prove di trazione è
possibile ricorrere a prove di compressione monoassiali. Per la realizzazione
di tale prova è utilizzato un provino cilindrico (∅29 mm, h=13mm ). In tal
caso, i provini sono di forma tozza per evitare problemi di instabilità.
Tale prova (figura 46) è più semplice di quella di trazione sia per quanto
concerne le modalità di afferraggio del provino sia per quanto concerne la
modalità di misura delle deformazioni (lo spostamento della piastra è
direttamente proporzionale alla deformazione del tassello). Tuttavia, durante
tale prova, l’attrito che si genera tra il provino e le piastre della pressa
potrebbe inficiare il risultato. Si cerca di annullare tale problema lubrificando
le piastre della pressa. La prova ha esecuzione con l’applicazione del carico di
compressione e la registrazione del diagramma di carico-deformazione. La
macchina utilizzata è la stessa della prova di trazione. Le prove di
compressione monoassiali, anche se le superfici di contatto vengono
lubrificate, non possono a rigore essere considerate “monoassiali” in quanto
un effetto di bordo, soprattutto a grosse deformazioni, è pur sempre presente;
questo crea problemi ai codici di calcolo, i quali, interpretando i risultati
sperimentali come derivanti da prove perfettamente monoassiali, le riproduce
comunque, falsando in tal modo le caratteristiche fisiche del materiale in
esame. In particolare il materiale sarà considerato più rigido di quanto non lo
sia in realtà. Infatti, se non vi fosse nessun attrito fra le superfici del provino e
i piatti della machina di prova, a parità di deformazione imposta si avrebbe
una reazione inferiore.
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 117

figura 46. Prova di compressione uniassiale – attrezzatura tipica di prova e stato di sollecitazione

h 1
Stato di deformazione : λ1 = λu = = 1+ εu ; λ2 = λ3 =
ho λu

P
Stato di tensione : σ1 = σ = ; σ2 = σ3 = 0
Ao

c. Prova a trazione piana (o di taglio)


Per la prova di taglio è realizzato un provino rettangolare con dimensioni mm
500x80x5. La scelta delle dimensioni del provino, permette di trascurare gli
effetti di bordo quando esso viene sottoposto a trazione in direzione
trasversale. In queste particolari condizioni, si può assumere che la
deformazione avvenga solo lungo due direzioni e ciò permette di correlare lo
sforzo di trazione applicato al provino a quello di taglio, che viene a
determinarsi nella parte centrale del provino stesso. Il provino (figura 47) è
fissato, per i suoi lati più lunghi, alle morse di carico per trasmettere la
118 C ap it olo 5

trazione. La prova ha esecuzione con l’applicazione del carico di trazione e


con la registrazione del diagramma di carico-deformazione.

figura 47. Prova di trazione piana – attrezzatura tipica di prova e stato di sollecitazione

1
Stato di deformazione : λ1 = λs = 1 + ε s ; λ2 = 1 ; λ3 =
λs

Stato di tensione : σ1 = σ ; σ2 ≠ 0 ; σ3 = 0

d. Prova di trazione biassiale


La prova di trazione biassiale (figura 48) per materiali elastomerici permette
di minimizzare i problemi che nascono nelle prove precedenti. Risulta essere
molto complessa sia per quanto concerne la macchina di prova, sia per quanto
riguarda il provino. Il provino utilizzato è di forma quadrata (mm 500x500x5)
o circolare e presenta dei fori lungo il bordo che consentono di vincolare il
provino alla macchina di prova. La forza viene applicata nelle due direzioni da
piccoli attuatori vincolati al telaio della macchina.
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 119

figura 48. Prova di trazione biassiale – attrezzatura tipica di prova e stato di sollecitazione

1
Stato di deformazione : λ1 = λ2 = λ b = 1 + ε b ; λ3 =
λb2

P
Stato di tensione : σ1 = σ 2 = σ = ; σ3 = 0
Ao

e. Prova di compressibilità
La prova di compressibilità è realizzata similmente a quella di compressione
monoassiale con la differenza che il provino è vincolato a non deformarsi
lateralmente mediante apposita attrezzatura. Per la realizzazione della prova è
utilizzato un provino cilindrico ( ∅=30 mm, h=30 mm) più alto di quello
utilizzato per la compressione monoassiale dato il basso valore di
compressibilità della gomma. Il provino è inserito nella sede dell’attrezzatura,
dando luogo all’esecuzione della prova mediante l’applicazione di un carico di
compressione e leggendo il relativo diagramma carico-deformazione.
120 C ap it olo 5

V
Stato di deformazione : λ1 = λ2 = λ3 = λv ; λv3 =
Vo

Stato di tensione : σ1 = σ 2 = σ 3 = − p

figura 49. Prova di compressibilità – attrezzatura tipica di prova e stato di sollecitazione

5.2.5 Caratterizzazione della mescola


Per la gomma presa a riferimento, UNI 60 Sha, sono disponibili, su differenti
campioni di mescola, due serie di prove. La prima serie è stata caratterizzata
dai seguenti test: uniassiale di compressione, uniassiale di trazione, taglio,
compressibilità.
La seconda serie ha compreso: una prova uniassiale di trazione, una di taglio,
una di trazione biassiale ed una di compressibilità. La differenza sostanziale
tra le due serie di prove è che la seconda è stata portata a livelli di
deformazioni maggiori. Inoltre, sempre per la seconda serie, la prova di
trazione biassiale restituisce risultati più attendibili poiché risente meno degli
effetti di bordo (figura 50-figura 53)
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 121

Attraverso le prove statiche è evidente il comportamento iperelastico del


materiale, ossia come il modulo elastico aumenta all’aumentare della
deformazione, conferendo maggiore rigidezza al materiale.

3,00

σ (N/mm2)
Prima serie
2,00 Seconda serie

1,00

0,00
ε
-0,4 0,0 0,4 0,8 1,2 1,6
-1,00

-2,00

-3,00

figura 50. Prove uniassiale sul materiale elastomerico

7,00
σ (N/mm2)

Prima serie
6,00

5,00 Seconda serie

4,00

3,00

2,00

1,00
ε
0,00
0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0
figura 51. Prove di taglio sul materiale elastomerico
122 C ap it olo 5

1,02

1,00
Prima serie
0,98
Seconda serie
Rapporto di volume

0,96

0,94

0,92

0,90
σ (N/mm2)
0,88
0 50 100 150 200 250 300

figura 52. Prove di compressibilità sul materiale elastomerico

3,00
σ (N/mm2)

2,50 Seconda serie

2,00

1,50

1,00

0,50
ε
0,00
0,0 0,3 0,5 0,8 1,0 1,3 1,5
figura 53. Prove a trazione biassiale sul materiale elastomerico
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 123

5.3 MODELLAZIONE

In questo paragrafo si descrive la modellazione agli elementi finiti degli


isolatori HDRB effettuata con l’ausilio del codice di calcolo Abaqus [Hibbitt
et al., 2003], descrivendo le tipologie di modelli, materiali e carichi che
possono essere adottati.

5.3.1 Elementi finiti per la modellazione di dispositivi HDRB


Nel codice di calcolo Abaqus [Hibbitt et al., 2003] che si utilizzerà in seguito,
sono disponibili molti elementi finiti che possono essere impiegati nella
modellazione delle strutture e degli elementi strutturali. Ogni elemento è
caratterizzato da cinque aspetti:
− famiglie di appartenenza;
− numero di gradi di libertà;
− numero di nodi;
− formulazione;
− tipo di integrazione.

Ogni elemento è definito da un nome capace di identificare i cinque aspetti


menzionati. I gradi di libertà di ciascun elemento vengono computati nei nodi
dell’elemento stesso. Nei problemi tridimensionali i gradi di libertà di un nodo
sono pari a 6 (i tre spostamenti e le tre rotazioni). In ogni punto all’interno
dell’elemento, gli spostamenti sono ottenuti interpolando gli spostamenti
nodali; generalmente, l’ordine dell’interpolazione è determinato dal numero di
nodi utilizzato nell’elemento. Elementi che hanno nodi disposti
esclusivamente ai loro vertici utilizzano un’interpolazione lineare e sono
pertanto detti elementi lineari o del primo ordine, mentre quelli che presentano
nodi anche lungo i bordi utilizzano un’interpolazione quadratica e sono perciò
detti elementi quadratici o del secondo ordine.
Alcune famiglie di elementi hanno una formulazione standard mentre altre
hanno anche una formulazione ibrida (o mista). E’ proprio in tali famiglie che
noi andiamo ad attingere gli elementi necessari alla descrizione del
comportamento del materiale gomma caratterizzato da una quasi completa
incompressibilità. Infatti il vincolo cinematico di incompressibilità rende la
parte volumetrica del campo delle tensioni, la pressione idrostatica,
124 C ap it olo 5

disaccoppiata dal campo di spostamenti e conseguentemente indeterminata; il


campo di tensioni resta così definito a meno di una costante. Inoltre,
l’esistenza di una singolarità nelle equazioni di equilibrio rende il problema
difficile da risolvere. Nella soluzione agli elementi finiti ciò si traduce in
problemi numerici e conseguentemente a valutazioni incorrette dello stato
tensionale.
Considerando il materiale quasi incompressibile, le considerazioni
precedenti sono meno ovvie dal momento che in questo caso la condizione di
quasi-incompressibilità è un problema solo del modello numerico e non di
quello meccanico. Le difficoltà che si incontrano sono, pertanto,
esclusivamente di natura numerica e riguardano malcondizionamenti della
matrice di rigidezza, fenomeni di bloccaggio (locking) e presenza di risultati
incorretti.
Negli scorsi decenni un grande interesse nello studio del problema ha
consentito lo sviluppo delle metodologie in grado di trattare il vincolo di
incompressibilità nelle formulazioni agli elementi finiti.
Nelle formulazioni miste le incognite del problema sono costituite
simultaneamente da variabili statiche e cinematiche e conseguentemente le
condizioni di equilibrio e di congruenza sono approssimate
indipendentemente. Un applicazione di questa formulazione è quella a due
campi di variabili u/p nella quale i campi di variabili sono costituiti dagli
spostamenti u e dalla pressione idrostatica p.
Una interessante alternativa ai metodi misti è costituita dalla tecnica
dell’integrazione ridotta. Il metodo, che utilizza quadrature differenti per
valutare la parte deviatorica e la parte volumetrica della matrice di rigidezza,
consente di trattare il problema dell’incompressibilità con ottimi risultati
evitando l’onere computazionale di introdurre il nuovo campo di variabili
richiesto nelle formulazioni miste. Inoltre si può mostrare l’equivalenza del
metodo ai metodi misti [Malkus, 1978]
Abaqus utilizza tecniche numeriche per integrare varie quantità sul volume
di ogni elemento. Per la maggior parte degli elementi esso utilizza il metodo
della quadratura Gaussiana, cosicché viene valutata la risposta del materiale in
un numero finito di punti di integrazione all’interno dell’elemento.
In particolare per la modellazione degli isolatori HDRB sono disponibili le
seguenti tipologie di elementi:
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 125

Elementi piani a deformazione piana


Elementi di questo tipo sono utilizzati quando si prevede per la gomma uno
stato deformativo piano con deformazione fuori dal piano nulla. Questi
elementi vengono utilizzati in genere per modellare isolatori con
comportamento simile alla striscia infinita. Per la modellazione della gomma
possono utilizzarsi elementi finiti quadrilateri a 4 nodi CPE4H (a
deformazione piana a formulazione ibrida); per le piastre d’acciaio elementi
CPE4.

Elementi assialsimmetrici
Gli elementi assialsimmetrici vengono utilizzati per la modellazione dei solidi
continui di rivoluzione sotto condizioni di carico che verificano la condizione
di simmetria radiale. Gli elementi assialsimmetrici possono essere utilizzati
per analizzare il problema attraverso la discretizzazione di una sezione
traversale. Il volume del materiale, associato con l’elemento, è quello di un
solido di rivoluzione. Il valore delle forze assegnate o delle reazioni nei nodi
sono integrate sull’intera circonferenza.
Nella libreria di elementi bidimensionali di questo tipo sono disponibili
elementi del primo e del secondo ordine; in relazione a quelli utilizzabili nelle
elaborazioni eseguite si possono menzionare:
- CAX4 elemento assialsimmetrico a 4 nodi con funzioni di
interpolazione bilineare;
- CAX4H elemento assialsimmetrico ibrido a 4 nodi con funzioni di
interpolazione bilineare per gli spostamenti e costante per la pressione;
- CAX8 elemento assialsimmetrico ad 8 nodi con funzioni di
interpolazione biquadratica;
- CAX8H elemento assialsimmetrico ibrido ad 8 nodi con funzioni di
interpolazione biquadratica per gli spostamenti e lineare per la
pressione.

Elementi tridimensionali
Gli elementi disponibili nel codice di calcolo sono di primo e di secondo
ordine. Gli elementi del primo ordine sono “elementi brick” ad otto nodi; le
funzioni di interpolazione sono classiche funzioni trilineari per elementi
isoparametrici. Gli elementi del secondo ordine sono parallelepipedi a venti
126 C ap it olo 5

nodi, le cui funzioni di interpolazione sono classiche funzioni triquadratiche


per elementi isoparametrici. Gli elementi utilizzabili nelle elaborazioni
possono essere:

- C3D8 elemento bick ad 8 nodi con funzione di interpolazione


trilineare;
- C3D8H elemento brick ibrido ad 8 nodi con funzione di interpolazione
trilineare per gli spostamenti e costante per la pressione;
- C3D20 elemento brick a 20 nodi con funzione di interpolazione
triquadratica;
- C3D20H elemento brick ibrido a 20 nodi con funzione di
interpolazione triquadratica per gli spostamenti e costante per la
pressione.

5.3.2 Modellazione dei dispositivi HDRB per la calibrazione del modello


Per la modellazione numerica del dispositivo elastomerico si devono
affrontare i seguenti problemi:

1. scelta del tipo di elemento finito;


2. scelta della legge costitutiva del materiale;
3. studio delle condizioni di carico e di quelle al contorno;
4. discretizzazione del dispositivo;
5. scelta della tipologia di analisi.

Per quanto riguarda i punti 1. e 4., si vuole evidenziare che sia la scelta
dell’ordine dell’elemento che il tipo di discretizzazione è subordinata alla
qualità della soluzione e all’onere computazionale. Infatti, utilizzare elementi
di ordine superiore nonché discretizzazioni più fitte migliora certamente la
qualità della soluzione, ma innalza inevitabilmente l’onere computazionale
espresso come tempo impiegato dal calcolatore per condurre a termine le
analisi. In generale, per i vari modelli, si è adottata una discretizzazione con
infittimento in prossimità dei bordi esterni in modo da ottenere, per queste
zone, risultati più precisi.
Per quanto riguarda il tipo di analisi, sono condotte analisi in regime statico
introducendo condizioni di non-linearità geometrica del modello dal momento
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 127

che il problema investe il campo dei grandi spostamenti e delle grandi


deformazioni.

5.3.2.1 Elementi finiti per la calibrazione del modello


Per ciò che concerne la scelta del tipo di elemento finito per la condizione di
carico verticale, visto che essa, unitamente alla geometria del dispositivo,
soddisfa la condizione di assialsimmetria, è possibile adottare un modello
assialsimmetrico. In tale modello saranno utilizzati gli elementi del tipo CAX8
per le piastre di acciaio e CAX8H per gli strati di gomma.
Per la condizione di carico orizzontale, non essendo possibile utilizzare il
modello assialsimmetrico, si è reso necessario il modello tridimensionale
(comunque adatto anche alla simulazione delle condizioni di carico verticale)
nel quale saranno utilizzati gli elementi C3D8 per le piastre di acciaio e
C3D8H per gli strati di gomma. Con questa scelta di elementi si possono
superare le difficoltà teorico-numeriche che presentano le analisi agli elementi
finiti dei materiali incompressibili o quasi incompressibili.

5.3.2.2 Input del legame costitutivo del materiale elastomerico


Per il comportamento meccanico del materiale elastomerico, il codice di
calcolo utilizzato, Abaqus v6.4 [Hibbitt et al., 2003], dispone di diverse
formulazioni dell’iperelasticità ben note in letteratura, ovvero diverse
espressioni della funzione densità di energia di deformazione U. Le forme del
potenziale di energia di deformazione adottate per modellare il materiale
elastomerico sono tutte quelle elencate e descritte al §5.2.1.3.
Per la caratterizzazione del materiale elastomerico, e cioè per la definizione
dei coefficienti caratteristici di ogni singolo modello iperelastico, si
forniscono al codice di calcolo i dati delle prove sperimentali eseguite sulla
gomma; il codice di calcolo, tramite un algoritmo dedicato, determina
automaticamente i valori dei coefficienti caratteristici del modello iperelastico
considerato. Per ciò che concerne le piastre di acciaio, si è già detto al §5.2.2.

5.3.2.3 Condizioni di carico e condizioni vincolari


I modelli sono sottoposti a carico verticale ed orizzontale. Il carico orizzontale
è applicato sottoforma di spostamento laterale per step successivi in maniera
128 C ap it olo 5

tale da poter analizzare il comportamento dei dispositivi a diversi livelli di


deformazione imposta. Per quanto riguarda i vincoli, si sono imposte le
condizioni in cui in genere il dispositivo di isolamento si trova a lavorare,
impedendo alla piastra metallica inferiore di spostarsi e consentendo a quella
superiore di muoversi liberamente mantenendosi parallela a quella inferiore.
Per questi motivi i nodi di base della piastra metallica inferiore sono stati
incastrati, mentre tutti i nodi appartenenti alla piastra superiore sono stati
vincolati ad avere gli stessi spostamenti verticali.
Nel caso di modello tridimensionale è stato possibile effettuare la
modellazione di mezzo dispositivo, ottenendo in tal modo una considerevole
riduzione del numero complessivo dei gradi di libertà. Infatti, sia nella
condizione di carico verticale che orizzontale, il modello di metà dispositivo
verifica delle particolari condizioni di simmetria rispetto al piano diametrale
parallelo alla direzione dello spostamento orizzontale imposto. In questo
modello a tutti i punti del piano simmetrico saranno impediti gli spostamenti
in direzione ortogonale al piano di simmetria e le rotazioni intorno all’asse di
riferimento parallelo al piano di simmetria.

5.4 CALIBRAZIONE DEL MODELLO

L’obbiettivo fondamentale della calibrazione è riprodurre numericamente i


risultati sperimentali disponibili per un isolatore HDRB di diametro 300mm
realizzato con i materiali di cui è disponibile la caratterizzazione. Viene
inoltre valutata l’influenza di diversi parametri sulla risposta globale del
dispositivo.
Sono confrontati i modelli assialsimmetrico e tridimensionale, ognuno
accoppiato a diversi modelli costitutivi iperelastici, con le curve globali
sperimentali forza-spostamento del dispositivo reale e sono effettuate analisi
per la definizione della tipologia di discretizzazione più conveniente.

5.4.1 Prove sperimentali di riferimento


In questa sezione sono descritti i risultati delle prove sperimentali in
laboratorio, su dispositivi di isolamento reali, prese a riferimento per la
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 129

calibrazione del modello agli elementi finiti utilizzato per le analisi eseguite in
questo lavoro.

Prove statiche di riferimento


Rigidezza verticale 22,5MPa
Orizzontale a γ=125% 6MPa 15MPa
Orizzontale a γ=180% 22,5MPa
Orizzontale a γ=250% 6MPa 22,5MPa
tabella 7. Prove statiche effettuate sull’isolatore di riferimento Ø300

Dalla figura 55 alla figura 60 sono riportate le curve sperimentali carico-


spostamento relative alle prove indicate in tabella 7.

CARATTERISTICHE DELL’ISOLATORE Ø300


diametro esterno D mm 300
2
area lorda A mm 70686
rigidezza K kN/m 785
diametro piastre d'acciaio D mm 295
2
Area delle piastre d’acciaio A' mm 68349
no. strati interni gomma n 15
spessore strati gomma t mm 4,8
spessore piastre interne d'acciaio ts mm 2
spessore piastra acciaio inferiore ts1 mm 25
spessore piastra acciaio superiore ts2 mm 25
spessore totale dell'isolatore h mm 150
spessore totale dell'elastomero te mm 72
fattore di forma primario S1 15,36
fattore di forma secondario S2 4,10
CARATTERISTICHE DELL'ELASTOMERO
modulo elastico di taglio G MPa 0,8
modulo di compressibilità volumetrica (Modulo di Bulk) K MPa 2000
tabella 8. Caratteristiche geometriche e meccaniche dell’isolatore Ø300 provato in laboratorio
130 C ap it olo 5

Isolatore C300
S1=15,36 S2=4,10
ni=15 te=72 mm

D'=295mm

ts1= 25

ti= 4,8

h=150
ts=2

ts2= 25

figura 54. Isolatore provato in laboratorio

Le prove di interesse per la calibrazione del modello sono essenzialmente


prove statiche (tabella 7), effettuate a diversi valori della pressione verticale
media ed a diversi valori della deformazione orizzontale di taglio. Le
caratteristiche geometriche e meccaniche dell’isolatore considerato sono
riportate in figura 54 ed in tabella 8.

1600
Forza verticale [kN]

1200

800

400

Spostamento
verticale [mm]
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4

figura 55. Prova statica a carichi verticali pm=22,5MPa


Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 131

90

Forza orizzontale [kN]


70

50

30

Spostamento
10
orizzontale [mm]
Spostamento [mm]

-10 0 25 50 75 100

figura 56. Prova statica a taglio pm=6MPa - γmax=125%

85
Forza orizzontale [kN]

65

45

25

Spostamento
5 orizzontale [mm]

0 20 40 60 80 100

-15

figura 57. Prova statica a taglio pm=15MPa - γmax=125%


132 C ap it olo 5

150 Forza orizzontale [kN]

120

90

60

30

Spostamento
orizzontale [mm]
0
0 20 40 60 80 100 120 140

-30

figura 58. Prova statica a taglio pm=22,5MPa - γmax=180%

260
Forza orizzontale [kN]

210

160

110

60

Spostamento
10
orizzontale [mm]

0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

-40

figura 59. Prova statica a taglio pm=6MPa - γmax=250%


Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 133

250

Forza orizzontale [kN]


200 Prova 1

Prova 2

150

100

50
Spostamento
orizzontale [mm]
0
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

-50

figura 60. Prova statica a taglio pm=22,5MPa - γmax=250%

5.4.2 Modello assialsimmetrico dell’isolatore Ø300


Il modello assialsimmertico è adeguato all’analisi della sola condizione di
carico verticale.

14,75
132,75

ts1= 25 5 elem.

ti= 4,8
6 elem.
ts=2
1 elem.

ts2= 25 5 elem.

r'=147,5mm
15 elem. 66 elem.

figura 61. Geometria e discretizzazione del modello assialsimmetrico – isolatore Ø300


134 C ap it olo 5

Per la modellazione è stata definita un’unica discretizzazione bidimensionale


della sezione radiale del dispositivo, caratterizzata da un infittimento
all’estremità. La schematizzazione geometrica del modello è mostrata in
figura 61. La parte interna della discretizzazione presenta, per le piastre di
acciaio, elementi di dimensioni 2 x 2 mm con un fattore di forma pari ad 1, e,
per gli strati di gomma, elementi di dimensioni 2 x 0,8 mm con un fattore di
forma pari a 2,5. La parte esterna della discretizzazione presenta, per le piastre
di acciaio, elementi di dimensioni 2 x 1 mm con fattore di forma pari a 2, e,
per gli strati di gomma, elementi 1 x 0,8 con fattore di forma pari a 1,25.

5.4.3 Modello tridimensionale dell’isolatore Ø300


Questo modello è adeguato all’analisi del dispositivo sia per condizione di
carico verticale che di carico orizzontale. Per entrambe le condizioni di carico
è sufficiente la modellazione di mezzo dispositivo grazie alle condizioni di
simmetria che, sia nel caso di forza orizzontale che di forza verticale,
l’isolatore presenta. Per verificare la sensibilità del modello al variare del tipo
di discretizzazione, sono analizzati 6 diversi modelli. Il modello 1 è stato
utilizzato per definire la legge costitutiva del materiale elastomerico da
utilizzare, mentre gli altri cinque modelli per definire la discretizzazione “più
adatta” a modellare il comportamento reale del dispositivo figura 62-figura 64.

Isolatore C300 Isolatore C300


Modello 1 Modello 2
D'=295mm D'=295mm

1 elem. 1 elem.

6 elem. 6 elem.

1 elem. 1 elem.

8 elem. 20 elem.

10 elem. 15 elem.

18°
12°

8 elem. 20 elem.

figura 62. Discretizzazione dei modelli 1 e 2 – isolatore Ø300


Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 135

Isolatore C300 Isolatore C300


Modello 4
Modello 3 14,75 14,75
265,5
D'=295mm
1 elem.
1 elem.

6 elem.
6 elem.
elem.
1 elem.

20 elem.
30 elem.
6 elem. 6 elem.
10 elem.
20 elem.

18°


20 elem.
30 elem. 6 elem. 6 elem.

figura 63. Discretizzazione dei modelli 3 e 4 – isolatore Ø300

Isolatore C300 Isolatore C300


Modello 5 Modello 6
14,75 14,75 14,75 14,75
265,5 265,5

1 elem. 1 elem.

6 elem. 6 elem.

1 elem. 1 elem.

24 elem. 24 elem.
8 elem. 8 elem. 6 elem. 6 elem.
12 elem. 12 elem.

15° 15°

24 elem. 24 elem.
6 elem. 6 elem.

figura 64. Discretizzazione dei modelli 5 e 6 – isolatore Ø300


136 C ap it olo 5

5.4.4 Comportamento del dispositivo – risultati delle analisi


Per quanto riguarda il comportamento degli isolatori modellati attraverso i
modelli precedentemente descritti, non si è notata alcuna differenza, per
quanto riguarda i soli carichi verticali, tra i risultati del modello
assialsimmetrico e dei modelli solidi 3D. Nessuna particolare differenza, per
quanto riguarda il comportamento globale, si è notata anche per i modelli al
variare della tipologia di discretizzazione (modelli da 1 a 6 mostrati dalla
figura 62 alla figura 64) ed al variare del legame costitutivo delle piastre di
acciaio interne (elastiche o elastoplastiche). Infatti, sia l’infittimento della
discretizzazione ai bordi che l’introduzione della plasticità delle piastre
interne, conducono prevalentemente a risultati più precisi in ai biordi del
dispositivo e poco influiscono sul comportamento globale.
Prima di descrivere le analisi comparative sui diversi tipi di formulazioni
iperelastiche, si ricorda che per la gomma si fa riferimento alla mescola UNI
60 caratterizzata dalla seconda serie di prove, la quale è stata portata a
deformazioni maggiori e per la quale si è effettuata anche la prova di trazione
biassiale.
Per quanto riguarda il comportamento a soli carichi verticali (figura 65-
figura 67), dalle analisi emerge che non si riesce, con nessuna formulazione
iperelastica, a cogliere l’iniziale run-in che si osserva prima dello sviluppo
della piena rigidezza verticale nelle prove sperimentali (fenomeno dovuto
all’allineamento delle piastre d’acciaio e da altri aspetti legati al processo
produttivo del dispositivo). Dalle figure si nota inoltre che tutti i modelli
presentano un comportamento più rigido di quello reale. Si nota che le
formulazioni di Arruda-Boyce e di Van Der Waals hanno un comportamento
molto simile. Le formulazioni di Ogden, polinomiale ridotta e polinomiale,
forniscono sempre una rigidezza maggiore rispetto a quella sperimentale, che
però tende a ridursi quando aumenta il grado della formula polinomiale.
Per quanto riguarda il comportamento per carichi orizzontali, i risultati
ottenuti dal modello 1 sono stati confrontati con le prove sperimentali statiche,
realizzate per diversi carichi verticali e diversi spostamenti orizzontali (figura
68-figura 73). Il confronto delle analisi numeriche con le prove sperimentali
più significative, evidenzia che tutte le formulazioni disponibili non riescono a
cogliere il tratto iniziale a maggiore rigidezza. Come si nota dai diagrammi, la
formulazione polinomiale con N=2 risulta quella che meglio approssima i
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 137

risultati sperimentali. Dalla figura 65, dove si riportano le curve carico


verticale-spostamento verticale, relative alla prova sperimentale e ai risultati
FEM considerando i modelli iperelastici polinomiali, si nota che le
formulazioni polinomiali con N=1 sovrastimano la rigidezza reale (misurata
sperimentalmente) mentre tutte le altre risultano quasi tutte parallele alla curva
sperimentale. Nella figura 66 si riportano ancora curve, carico verticale-
spostamento verticale, relative alla prova sperimentale e ai risultati FEM,
questa volta considerando i modelli iperelastici di Ogden, Arruda-Boyce, Van
Der Wals, Neo-Hooke e Yeoh: si nota che la rigidezza sperimentale è ben
approssimata dai modelli di Ogden con N alto (N=4, 5, 6) e dal modello di
Yeoh; i modelli di Ogden con N pari a 1 e 2 ed il modello Neo-Hooke
sovrastimano la rigidezza mentre i modelli di Arruda Boyce e Van Der Wals
la sottostimano. Nalla figura 67 è riportato il confronto tra la curva
polimoniale con N=2 e la curva sperimentale.
Dalla figura 68 e dalla figura 71, che riportano le curve, carico orizzontale-
spostamento orizzontale, relative alla prova sperimentale e ai risultati FEM, si
nota che i modelli polinomiali con N=1 non riescono a cogliere il
comportamento iperelastico della gomma, mentre i modelli polinomiali con
N>1 presentano una buona stabilità della soluzione permettendo quasi sempre
il raggiungimento della massima deformazione della prova. Si nota ancora che
la formulazione polinomiale con N=2 è quella che approssima in maniera
migliore la condizione finale della prova. La figura 69 e la figura 72, per lo
stesso tipo di prova, si riferiscono ai modelli di Ogden, Arruda-Boyce, Van
Der Wals, Neo-Hooke e Yeoh; si nota che pochi modelli colgono il
comportamento iperelastico della gomma per deformazioni fino al 180%
(figura 69), mentre molti lo esibiscono a deformazioni fino al 250% (figura
72). Dalla figura 69 si nota che i detti modelli sono sostanzialmente
equivalenti, tranne i modelli di Ogden con N=1 e Neo-Hooke; si nota inoltre,
rispetto ai modelli polinomiali, una minore stabilità della soluzione, in quanto
in alcuni casi non è stato possibile raggiungere la deformazione massima
registrata nella prova.
Nella figura 70 e nella figura 73 sono riportati a confronto i risultati delle
prove sperimentali (rispettivamente al 180% ed al 250% di deformazione
orizzontale) e dei risultati FEM con la gomma modellata attraverso la
formulazione polinomiale con N=2.
138 C ap it olo 5

1600
Forza verticale [kN]
1400

1200 Curva sperimentale


Mooney-Rivlin n=1
1000 Polinomiale n=1
Polinomiale n=2
800 Polinomiale ridotta n=1
Polinomiale ridotta n=2
600 Polinomiale ridotta n=3
Polinomiale ridotta n=4
400
Polinomiale ridotta n=5
Polinomiale ridotta n=6
200
Spostamento verticale [mm]
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4

figura 65. Prova statica a carichi verticali pm=22,5MPa - curva sperimentale vs risultati numerici

1600
Forza verticale [kN]

1400

1200 Curva sperimentale


Ogden n=1
1000 Ogden n=2
Ogden n=3
800 Ogden n=4
Ogden n=5
600 Ogden n=6
Arruda-Boyce
400 Van Der Waals
Neo-Hooke
Yeoh
200
Spostamento verticale [mm]
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4

figura 66. Prova statica a carichi verticali pm=22,5MPa - curva sperimentale vs risultati numerici
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 139

1600

Forza verticale [kN]


1400

1200

1000
Curva sperimentale
800
Polinomiale n=2
600

400

200
Spostamento verticale [mm]
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4

figura 67. Prova statica a carichi verticali pm=22,5MPa - curva sperimentale vs risultati numerici ottenuti con la
formulazione iperelastica Polinomiale con N=2

150
Forza orizzontale [kN]

Curva sperimentale
Polinomiale N=1
125 Polinomiale N=2
Mooney-Rivlin 2 coeff.
Polinomiale ridotta N=1
100
Polinomiale ridotta N=2
Polinomiale ridotta N=3
75 Polinomiale ridotta N=4
Polinomiale ridotta N=5
Polinomiale ridotta N=6
50

25

Spostamento orizzontale [mm]


0
0 20 40 60 80 100 120 140

figura 68. Prova statica a taglio pm=22,5MPa - γ=180% - curva sperimentale vs risultati numerici
140 C ap it olo 5

150
Forza orizzontale [kN]
Curva sperimentale
Ogden N=1
125 Ogden N=2
Ogden N=3
Ogden N=4
100
Ogden N=5
Ogden N=6
75 Arruda-Boyce
Neo-Hooke
Van deer Waals
50 Yeoh

25

Spostamento orizzontale [mm]


0
0 20 40 60 80 100 120 140

figura 69. Prova statica a taglio pm=22,5MPa - γ=180% - curva sperimentale vs risultati numerici

150
Forza orizzontale [kN]

125
Curva sperimentale

100
Polinomiale N=2

75

50

25

Spostamento orizzontale [mm]


0
0 20 40 60 80 100 120 140

figura 70. Prova statica a taglio pm=22,5MPa - γ=180% - curva sperimentale vs risultati numerici ottenuti con la
formulazione iperelastica Polinomiale con N=2
Analisi tensio deformativa agli elementi finiti: aspetti teorici e calibrazione del modello 141

260

Forza orizzontale [kN]


Curva sperimentale
240
Polinomiale N=1
220
Polinomiale N=2
200 Mooney-Rivlin 2 coeff.
180 Polinomiale ridotta N=1
160 Polinomiale ridotta N=2
Polinomiale ridotta N=3
140
Polinomiale ridotta N=4
120
Polinomiale ridotta N=5
100 Polinomiale ridotta N=6
80
60
40
20 Spostamento orizzontale [mm]
0
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

figura 71. Prova statica a taglio pm=6MPa - γ=250% - curva sperimentale vs risultati numerici

260
Forza orizzontale [kN]

Curva sperimentale
240
Ogden N=1
220
Ogden N=2
200 Ogden N=3
180 Ogden N=4
Ogden N=5
160
Ogden N=6
140 Arruda-Boyce
120 Neo-Hooke
100 Van deer Waals
Yeoh
80
60
40
20
Spostamento orizzontale [mm]
0
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

figura 72. Prova statica a taglio pm=6MPa - γ=250% - curva sperimentale vs risultati numerici
142 C ap it olo 5

260
Forza orizzontale [kN]
240
220
200
180 Curva sperimentale
160
Polinomiale N=2
140
120
100
80
60
40
20
Spostamento orizzontale [mm]
0
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200

figura 73. Prova statica a taglio pm=6MPa - γ=250% - curva sperimentale vs risultati numerici ottenuti con la
formulazione iperelastica Polinomiale con N=2.
143

Capitolo 6
Analisi parametrica agli elementi finiti

Nel capitolo 2 è stato sottolineato come l’affermazione del bis quale tecnica di
protezione sismica ormai matura, conduce oggi ad applicazioni molto spinte,
in cui ai dispositivi elastomerici vengono richieste elevate prestazioni in
termini di pressioni verticali medie e spostamenti orizzontali. Nasce pertanto
l’esigenza di analizzare il comportamento dei dispositivi elastomerici in tali
condizioni, e di confermare la validità delle relazioni di verifica della
sicurezza fornite dalla bibliografia e dalle normative, che in genere fanno
implicitamente riferimento a pressioni verticali medie di lavoro basse, ad
esempio 6MPa. A tal fine sono condotte analisi non lineari agli elementi finiti
nell’intento di studiare l’effetto dei due fattori di forma, primario S1 e
secondario S2, sullo stato tensio-deformativo dei dispositivi elastomerici. I
risultati di tali analisi, che esaminano una notevole variabilità di
configurazioni geometriche, sono anche mirate alla valutazione delle
morfologie di dispositivi per le quali si esaltano i problemi legati agli effetti di
bordo, alle concentrazioni di sforzo ed alla plasticizzazione delle piastre
metalliche.

6.1 DISPOSITIVI ELASTOMERICI UTILIZZATI NELLE


ANALISI PARAMETRICHE

Per le analisi sono stati considerati dispositivi al variare del fattore di forma
primario S1 e del fattore di forma secondario S2 per studiare l’effetto che
ognuno di essi ha sul comportamento dei dispositivi elastomerici. I primi
144 C ap it olo 6

dispositivi sono cinque, rappresentativi di isolatori elastomerici con fattori di


forma S1 pari a 6, 12, 18, 24 e 30. La corrispondenza tra il nome del modello
(da 1-1 a 5-1) e il fattore di forma, insieme alle principali dimensioni
geometriche, sono forniti nella tabella 9.

t strati te ts a
Modelli S1 S2
(mm) gomma (mm) (mm) (mm)
Modello 1-1 6 4 10 6 60 2 240
Modello 2-1 12 4.8 6.25 10 62.5 2 300
Modello 3-1 18 8 5 9 45 2 360
Modello 4-1 24 8 3.75 12 45 2 360
Modello 5-1 30 10 3.75 12 45 2 450
tabella 9. Geometria e fattori di forma della prima serie di dispositivi (S1)

I modelli sono rappresentativi di isolatori spesso utilizzati nelle pratiche


applicazioni: gli isolatori con fattore di forma basso (S1=6) sono largamente
impiegati nei ponti, mentre gli isolatori con alto fattore di forma (S1=30) sono
utilizzati per applicazioni in cui sono richieste elevate prestazioni (ad es. per
l’isolamento di edifici alti o strutture esistenti con bassa resistenza sismica). I
valori del fattore di forma secondario, riportati anch’essi in tabella 9, rientrano
nel campo di quelli generalmente impiegati nelle applicazioni reali (S2 > 3).
Dalla figura 74 alla figura 78 sono riportati i cinque modelli, con le piastre
d’acciaio in bianco e gli strati di gomma in grigio. In questa fase sono stati
impiegati modelli abbastanza semplici, a deformazione piana, rappresentativi
della sezione trasversale del dispositivo. Per la modellazione e l’analisi del
comportamento meccanico degli isolatori è stato utilizzato il codice di calcolo
Abaqus v6.4 [Hibbitt et al., 2003]. Si è adottato per la gomma un modello
iperelastico, Polinomiale con N=1, ossia il modello costitutivo di Mooney-
Rivlin a 2 parametri [Mooney, 1940; Rivlin e Saunders, 1951] di cui si è
discusso nel capitolo 5. In questa fase si è adottata l’ipotesi di
incompressibilità della gomma.
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 145

Per lo sviluppo delle analisi si è fatto riferimento alla gomma naturale UNI60
ShA (G=0,8MPa), per la quale i coefficienti di Mooney-Rivlin, C10 e C01,
valutati dai dati sperimentali sul materiale si riportano nella (102).

C10 = 0.29999, C01 = 0.05413 (102)

Per questa serie per le piastre di acciaio si è assunto un comportamento lineare


elastico, con modulo di Young Es e modulo di Poisson ν forniti nella (103).

a= 240m m
t s= 2
70
t i= 10

1,8 0,98m m

1
S 1 =6 2
8 1,25
N o. of elem ents
12 120 12
figura 74. Modello 1-1, S1=6, S2=4 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi (misure in mm)

a=300
t s =2
80,5
t i=6.25

1,93 1mm

1 2
S 1 =12
6 1,04

No. of elements
15 140 15

figura 75. Modello 2-1, S1=12, S2=4.8 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi (misure in mm)
146 C ap it olo 6

a=360
t s =2
61
t i=5

2,02 1mm

1
6 S 1=18 2
0,83
No. of elements
18 160 18

figura 76. Modello 3-1, S1=18, S2=8 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi (misure in mm)

a=360
ts=2
61
ti=3.75

2,02 1mm

1
S 1=24 2
4
0,81
No. of elements
18 160 18

figura 77. Modello 4-1, S1=24, S2=8 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi (misure in mm)

a=450
ts=2
67
ti=3.75
2,02 1mm

1 2
S1=30
4
0,94
No. of elements
23 200 23

figura 78. Modello 5-1, S1=30, S2=10 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi (misure in mm)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 147

Es = 2.1⋅105 MPa, ν s = 0.3 (103)

Per la modellazione della gomma sono stati utilizzati elementi finiti


quadrilateri a 4 nodi CPE4H (ibridi a deformazione piana); per le piastre
d’acciaio elementi CPE4.
La discretizzazione dei cinque modelli è descritta in tabella 10, nella quale
sono riportati il numero e la dimensione degli elementi finiti.
Come si può notare anche dalla figura 74 alla figura 78, per una migliore
valutazione degli effetti locali nella gomma non confinata, le mesh sono state
predisposte con un sensibile infittimento in prossimità di entrambi i bordi
laterali (per una lunghezza pari al 5% della larghezza del dispositivo).

Modello Elementi Elementi Aspect Elementi di Elementi


nello nello ratio degli mesh nella di mesh ai
spessore spessore elementi parte bordi
delle dello strato nella centrale (2 x 5% a)
piastre di gomma gomma (90% a)
Modello 1-1 1 8 1.41 – 0.78 120 12
Modello 2-1 1 6 1.82 – 0.94 140 15
Modello 3-1 1 6 2.39 – 1.18 160 18
Modello 4-1 1 4 2.13 – 1.05 160 18
Modello 5-1 1 4 2.13 – 1.03 200 23
tabella 10. Dettaglio della discretizzazione dei modelli

La piastra terminale inferiore del dispositivo è stata considerata fissa, mentre


le superfici laterali libere di espandersi. La piastra superiore, alla quale sono
stati applicati i carichi verticali, è stata considerata rigida e vincolata a
rimanere orizzontale.
In figura 79 è rappresentato il sistema di coordinate cartesiane di
riferimento, con l’asse orizzontale x coincidente con la direzione trasversale
del dispositivo, diretto da sinistra verso destra, e l’asse verticale z ortogonale
agli strati, diretto dal basso verso l’alto.
148 C ap it olo 6

Per ogni isolatore le analisi sono state eseguite sotto differenti condizioni di
carico: solo carichi verticali, solo carichi orizzontali e combinazione di carichi
verticali e orizzontali.
Ogni modello è stato sottoposto a cinque valori del carico verticale,
corrispondenti a pressioni medie pm rispettivamente pari a 3, 6, 9, 12, 15 MPa.
Per le condizioni di carico in cui è presente l’azione orizzontale, sono stati
assunti tre diversi valori dello spostamento laterale, rispettivamente
corrispondenti a deformazioni di taglio globali γd pari a 100, 200 e 300%. Tutti
gli isolatori sono stati analizzati sotto carichi verticali e orizzontali, agenti sia
separatamente che contemporaneamente.

z
γ d Pm

t
x
a'
figura 79. Sistema di riferimento e condizioni di carico

E’ stata effettuata una analisi statica incrementale con controllo automatico


degli incrementi, tenendo conto di tutte le non linearità geometriche e
meccaniche presenti nei modelli.
I risultati delle analisi, riportati nei seguenti paragrafi, sono espressi in
termini di tensioni e deformazioni. In particolare si riportano le distribuzioni
di tensioni e deformazioni lungo la semilarghezza (a/2) del singolo strato di
gomma, sia all’interfaccia gomma acciaio che al centro del singolo strato di
gomma. Per tutti i modelli sono anche diagrammati: il valore massimo (γmax),
medio aritmetico (γarit) e medio pesato (γw) delle deformazioni.
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 149

Sono riportati inoltre i risultati in termini di distribuzione di tensioni e


deformazioni lungo lo spessore degli strati di gomma a varie ascisse x/a’, (con
a’=a/2); generalmente i risultati sono forniti ad una sufficiente distanza delle
zone critiche situate in prossimità dei bordi (x/a’ pari a 0.45), anche se, per
esaminare gli effetti di bordo, alcuni risultati sono diagrammati a x/a’ pari a
0.5 (al bordo).
Frequentemente, nei diagrammi, è utilizzata una rappresentazione
adimensionale dei risultati, con i valori di tensione e deformazione
rispettivamente normalizzati alla pressione media verticale applicata ed alla
deformazione orizzontale applicata.
I modelli utilizzati per approfondire l’effetto del fattore di forma
secondario S2 sullo stato tensio-deformativo nei dispositivi elastomerici sono
6, rappresentativi di isolatori con fattori di forma S2 pari a 6.15, 5, 4, 2.96, 2,
1,51. La corrispondenza tra il nome del modello (da 1-2 a 6-2) e il fattore di
forma, insieme alle principali dimensioni geometriche, sono forniti nella
tabella 11.

t strati te ts D
Modelli S2 S1
(mm) gomma (mm) (mm) (mm)
Modello 1-2 6,15 13 65 2
Modello 2-2 5,00 16 80 2
Modello 3-2 4,00 20 100 2
20 5 400
Modello 4-2 2,96 27 135 2
Modello 5-2 2,00 40 200 2
Modello 6-2 1,51 53 265 2
tabella 11. Geometria e fattori di forma della seconda serie di dispositivi (S2)

Come si può notare dalla tabella, i sei isolatori hanno lo stesso fattore di forma
primario S1 (pari a 20), stesso dimetro D, ma diverso fattore di forma
secondario S2. Ciò consente di definire un’unica discretizzazione della mesh
per tutti gli isolatori. In particolare la mesh presenta un infittimento lungo il
bordo per indagare in maniera più precisa il comportamento in tale zona
critica. Nella parte centrale si hanno 12 elementi lungo il raggio
150 C ap it olo 6

(circonferenze concentriche) mentre, in corrispondenza del bordo, a partire da


0.9(D’/2) vi sono 8 elementi (circonferenze concentriche). Lungo lo spessore,
gli strati di gomma, sono suddivisi in 6 elementi mentre le piastre di acciaio,
sia quelle interne che quella inferiore e superiore, in un solo elemento. Lungo
la circonferenza sono stati considerati 12 elementi (fette radiali).
In figura 80 e sono riportati i 6 dispositivi. Dalla figura 81 alla figura 86 sono
riportati i 6 modelli agli elementi finiti. Per l’analisi di questo set di dispositivi
si è adottato un modello 3D parziale (metà isolatore per evitare l’inutile onere
computazionale che una modellazione completa del dispositivo avrebbe
comportato). Tale modello è stato ampiamente descritto all’interno del
capitolo 5. Per la modellazione del comportamento della gomma è stato
adottato il modello iperelastico Polinomiale con N=2, ossia il modello di
Mooney-Rivlin a 5 parametri. Anche per quanto riguarda il modello del
materiale in questione, si è discusso ampiamente nel capitolo 5 nel quale sono
stati forniti tutti i dati relativi alla caratterizzazione della gomma attraverso il
modello iperelastico considerato (caratteristiche sperimentali relativi alle
prove sulla mescola considerata orientate all’implementazione del modello
iperelastico). Per l’analisi di questi dispositivi si è introdotta la compressibilità
della gomma (attraverso i risultati della prova di compressibilità sul materiale)
e la non-linearità del materiale acciaio.

S2=6,15 S2=5,00 S2=4,00

S2=1,51
S2=2,00
S2=2,96

figura 80. Dispositivi di isolamento per l’analisi parametrica: S1=20 – S2=6.15, 5, 4, 2.96, 2, 1.51
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 151

Per la modellazione sono stati utilizzati gli elementi C3D8 per le piastre di
acciaio e C3D8H per gli strati di gomma.
Ogni modello è stato sottoposto a tre valori del carico verticale,
corrispondenti a pressioni medie pm rispettivamente pari a 6, 10, 15 MPa. Per
le condizioni di carico in cui è presente l’azione orizzontale, sono stati assunti
tre diversi valori dello spostamento laterale, rispettivamente corrispondenti a
deformazioni di taglio globali γd pari a 100, 200 e 300%.

D'=395mm

ts1=20

ti= 5

h=129
ts=2

ts2=20

19,75mm 19,75mm
355,5mm
2,469
1 elem. 15,177

6 elem.
2mm

1 elem. 0,833mm

24 elem.
8 elem. 8 elem.
12 elem.
2,469mm

51,
553
mm

15°

24 elem.

figura 81. Modello 1-2, S1=20, S2=6.15 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi
152 C ap it olo 6

Tutti gli isolatori sono stati analizzati sotto carichi verticali e orizzontali,
agenti sia separatamente che contemporaneamente. E’ stata effettuata una
analisi statica incrementale con controllo automatico degli incrementi, tenendo
conto di tutte le non linearità geometriche e meccaniche presenti nei modelli.

D'=395mm

ts1=20

ti = 5

h=150
ts=2

ts2=20

19,75mm 19,75mm
355,5mm
2,469
1 elem. 15,177

6 elem.
2mm

1 elem. 0,833mm

24 elem.
8 elem. 8 elem.
12 elem.
2,469mm
51,
553
mm

15°

24 elem.
8 elem. 8 elem.

figura 82. Modello 2-2, S1=20, S2=5 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 153

D'=395mm

ts1=20

ti= 5

ts=2

h=178
ts2=20

19,75mm 19,75mm
355,5mm
2,469
1 elem. 15,177

6 elem.
2mm

1 elem. 0,833mm

24 elem.
8 elem. 8 elem.
12 elem.
2,469mm

51,
553
mm
15°

24 elem.
8 elem. 8 elem.

figura 83. Modello 3-2, S1=20, S2=4 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi
154 C ap it olo 6

D'=395mm

ts1=20

t i= 5

ts=2

h=227
ts2=20

19,75mm 19,75mm
355,5mm
2,469
1 elem. 15,177

6 elem.
2mm

1 elem. 0,833mm

24 elem.
8 elem. 8 elem.
12 elem.
2,469mm
51,
553
mm

15°

24 elem.
8 elem. 8 elem.

figura 84. Modello 4-2, S1=20, S2=2.96 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 155

D'=395mm

ts1=20

ti = 5

ts=2

h=318
ts2=20

19,75mm 19,75mm
355,5mm
2,469
1 elem. 15,177

6 elem.
2mm

1 elem. 0,833mm

24 elem.
8 elem. 8 elem.
12 elem.
2,469mm

51,
553
mm

15°

24 elem.
8 elem. 8 elem.

figura 85. Modello 5-2, S1=20, S2=2 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi
156 C ap it olo 6

D'=395mm

ts1=20

ti= 5

ts=2

h=409
ts2=20

19,75mm 19,75mm
355,5mm
2,469
1 elem. 15,177

6 elem.
2mm

1 elem. 0,833mm

24 elem.
8 elem. 8 elem.
12 elem.

2,469mm
51,5
53m
m

15°

24 elem.
8 elem. 8 elem.

figura 86. Modello 6-2, S1=20, S2=1.51 – Geometria e discretizzazione, infittimento ai bordi
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 157

6.2 INFLUENZA DEL FATTORE DI FORMA PRIMARIO S 1


SULLO STATO TENSIO DEFORMATIVO NEI DISPOSITIVI
ELASTOMERICI (S 1 =6-30)

6.2.1 Distribuzione delle tensioni per carichi verticali


In questo paragrafo è descritta la distribuzione delle tensioni negli strati di
gomma dei dispositivi analizzati sotto l’effetto dei soli carichi verticali.
In figura 87 e in figura 88 sono riportati i risultati delle analisi per carico
verticale, con pm pari a 3 e 15 MPa, eseguite sul Modello 1-1 (S1=6) e 5-1
(S1=30). In particolare nei quattro diagrammi è fornita la distribuzione delle
tre tensioni normali (σxx, σyy, σzz,) lungo la semilarghezza del dispositivo
(a’=a/2), valutate all’interfaccia tra gomma e acciaio ed adimensionalizzate
rispetto alla pressione verticale applicata. Nei grafici sono anche fornite le
analoghe distribuzioni tensionali ottenute mediante la cosiddetta “pressure
solution”, soluzione analitica del problema dell’equilibrio elastico di un
blocco elastomerico confinato da piastre rigide, proposta da diversi studiosi
[ad es., Gent e Lindley, 1959], e poi rielaborata da [Kelly, 1993].
Le tre tensioni normali hanno un andamento parabolico e la soluzione FEM
fornisce valori diversi da zero ai bordi, specialmente per dispositivi con bassi
fattori di forma ed elevati carichi verticali. Per alti fattori di forma, i valori
delle tre tensioni normali sono praticamente coincidenti tra loro e con la
soluzione teorica, e non si osservano effetti di bordo, anche per elevate
pressioni applicate (pm=15 MPa). Questo trend nei risultati dell’analisi si
verifica per i Modelli 3-1, 4-1, e 5-1, quindi per fattori di forma S1>18.
La distribuzione delle tensioni è parabolica anche al centro dello strato di
gomma (i diagrammi non sono qui riportati per motivi di spazio); per i
Modelli 3-1, 4-1 e 5-1, con fattori di forma pari a 18, 24 e 30, rispettivamente,
la distribuzione è praticamente coincidente con quella teorica; per il Modello
1-1, con il fattore di forma più basso (S1=6), si registrano valori delle tensioni
ai bordi diversi da zero.
Tali risultati sono confermati anche nei diagrammi di figura 89 e di figura
90, dove, con riferimento ai Modelli 1-1 e 5-1 (S1=6 e S1=30), sono riportate
le tensioni orizzontali e verticali, σxx e σzz, lungo lo spessore del singolo strato
di gomma; i valori si riferiscono all’ascissa x/a’ pari a 0.45 (vicino al bordo),
158 C ap it olo 6

ed anche in questo caso i valori sono normalizzati rispetto alla pm. In ogni
diagramma, le singole curve si riferiscono alla pressione verticale applicata
(pm=3,6, 9, 12, 15MPa).

1.6
S1=6
1.4 pm=3 MPa
σ/pm

1.2 pressure solution

1.0 soluzione FEM


σxx σyy σzz
0.8
0.6
Pm Interfaccia gomma-acciaio
0.4 z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
0.2 x
-0.5
a' a'

0.0
1.6
S1=30
1.4 pm=3 MPa
σ/pm

1.2
1.0
0.8
0.6
0.4
0.2
0.0
figura 87. Distribuzione delle tensioni normali all’interfaccia gomma-acciaio - carichi verticali (pm=3 MPa; S1=6, 30).
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 159

1.6
S1=6
1.4 pm=15 MPa

σ/pm
1.2
1.0
0.8
0.6
0.4
0.2
0.0
1.6
S1=30
1.4 pm=15 MPa
σ/pm

1.2
1.0
0.8
0.6
0.4
0.2
0.0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 x/a'
0.5
figura 88. Distribuzione delle tensioni normali all’interfaccia gomma-acciaio - carichi verticali (pm=15 MPa; S1=6,
30).
160 C ap it olo 6

0.5
z/ti S1=6
pm=3MPa
pm=6MPa
pm=9MPa
0.25
pm=12MPa
15MPa 3MPa
pm=15MPa

0
0 -0.1 -0.2 -0.3 σzz/p
-0.4
m

-0.25
Pm Nello spessore della gomma
z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
-0.5
a' a'
-0.5
0.5
S1=30
z/ti

0.25

0
0 -0.1 -0.2 -0.3 σzz/p
-0.4
m

-0.25

-0.5
figura 89. Distribuzione delle tensioni normali nello spessore del singolo strato di gomma a x/a’=0.45 sotto carichi
verticali; pm=3, 6, 9, 12, 15MPa (σzz; S1=6, 30)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 161

0.5
z/ti S1=6
3MPa

0.25
15MPa

0
0 -0.1 -0.2 -0.3 σxx/p
-0.4
m

-0.25

-0.5
0.5
z/ti S1=30

0.25

0
σxx/pm
0 -0.1 -0.2 -0.3 -0.4

-0.25

-0.5
figura 90. Distribuzione delle tensioni normali nello spessore del singolo strato di gomma a x/a’=0.45 sotto carichi
verticali; pm=3, 6, 9, 12, 15MPa (σxx; S1=6, 30)
162 C ap it olo 6

Le tensioni verticali e orizzontali nel Modello 1-1 mostrano un andamento


parabolico, con differenze significative tra i valori assunti nella mezzeria ed
all’interfaccia gomma-acciaio, dove si riscontra il valore massimo.
Per il Modello 5-1, e in generale per fattori di forma alti, non si registrano
concentrazioni di tensioni all’interfaccia; inoltre, non si ha una significativa
dipendenza della distribuzione delle tensioni dal valore di pm.
Con formato analogo a quello dei diagrammi precedenti, in figura 91,
figura 92, e figura 93, è riportata la distribuzione delle tensioni tangenziali τxz,
lungo la semilarghezza del dispositivo (all’interfaccia tra gomma e acciaio), e
lungo lo spessore della gomma. Come già mostrato per le tensioni normali, i
quattro diagrammi di figura 91 e figura 92 sono riferiti ai Modelli 1-1 e 5-1
(S1=6 e S1=30), soggetti a pressioni verticali pm=3 MPa e pm=15 MPa.
In accordo alla soluzione teorica, le tensioni tangenziali hanno un
andamento lineare, con valore nullo al centro del dispositivo e massimo ai
bordi.
Anche per le tensioni tangenziali nascono importanti concentrazioni di
tensione ai bordi, specialmente in isolatori con bassi fattori di forma; in
particolare, per dispositivi con S1 pari a 6 e pressioni verticali pm maggiori di
9MPa, questi effetti risultano marcati, mentre per dispositivi con S1 pari o
maggiore di 18, gli effetti di bordo risultano trascurabili (anche per elevati
carichi verticali), e vi è una eccellente corrispondenza tra i risultati numerici e
analitici.
Nei due diagrammi di figura 93 si riporta la distribuzione di tensioni
tangenziali τxz lungo lo spessore dello strato di gomma per diverse pressioni
verticali, ancora una volta per S1=6 e S1=30; come nei diagrammi delle
tensioni normali, i valori sono riportati per un ascissa x/a’ pari a 0.45.
Si può osservare che le tensioni tangenziali nello spessore della gomma
hanno una distribuzione lineare, con valore nullo nella mezzeria dello strato e
valore massimo all’interfaccia tra gomma e acciaio. Il valore massimo
aumenta con la pressione media e si riduce all’aumentare del fattore di forma
primario. Peraltro la dipendenza dal fattore di forma si attenua per S1>18;
infatti, la massima tensione tangenziale τxz nel Modello 3-1 (S1=18) è
approssimativamente 1/3 di quella registrata nel Modello 1-1 (S1=6), mentre è
praticamente coincidente con quella registrata nei Modelli 4-1 e 5-1 (S1= 24 e
30).
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 163

2
Pm Interfaccia gomma-acciaio
S1=6
pm=3 MPa

τxz [MPa]
z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
1.5 x
-0.5
a' a'

1
Pressure solution

F.E.M.
0.5

0
2
S1=30
τxz [MPa]

pm=3 MPa

1.5

0.5

0
figura 91. Distribuzione delle tensioni tangenziali all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi verticali (pm=3 MPa;
S1=6, 30)
164 C ap it olo 6

2
τxz [MPa]

1.5

1
S1=6
pm=15 MPa

0.5

0
2
S1=30
τxz [MPa]

pm=15 MPa
1.5

0.5

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 x/a'
0.5
figura 92. Distribuzione delle tensioni tangenziali all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi verticali (pm=15MPa;
S1=6, 30)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 165

0.5 z/ti S1=6

Nello spessore dello


Pm strato di gomma
z
0.25 ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
-0.5
a' a'

0 τxz (MPa)
-1.8 -1.2 -0.6 0 0.6 1.2 1.8
pm=3MPa
pm=6MPa -0.25
pm=9MPa
pm=12MPa
3MPa 15MPa
pm=15MPa
-0.5
0.5 z/ti S1=30

0.25

0 τxz (MPa)
-1.8 -1.2 -0.6 0 0.6 1.2 1.8

-0.25

-0.5
figura 93. Distribuzione delle tensioni tangenziali nello spessore del singolo strato di gomma a x/a’=0.45 sotto
carichi verticali; pm=3, 6, 9, 12, 15MPa (S1=6, 30)
166 C ap it olo 6

6.2.2 Distribuzione delle deformazioni di taglio per carichi verticali


In figura 94 è mostrata la distribuzione delle deformazioni di taglio γxz lungo
la semilarghezza del dispositivo all’interfaccia gomma e acciaio.
I due diagrammi si riferiscono rispettivamente al minimo e al massimo
valore della pressione media (pm pari a 3 e 15 MPa), e contengono i risultati
ottenuti per tutti i modelli studiati (S1 pari a 6, 12, 18, 24, 30). La
distribuzione delle deformazioni di taglio segue lo stesso andamento delle
tensioni tangenziali (sebbene si presenti marcatamente non lineare), crescendo
dal centro del dispositivo verso il bordo, dove si notano alcune discontinuità.
Tali discontinuità divengono trascurabili per dispositivi con S1>18.
Anche per la distribuzione delle γxz nello spessore dello strato di gomma
(figura 95), possono essere ripetute le stesse considerazioni fatte per le
tensioni tangenziali. La distribuzione risulta non lineare e mostra valori
massimi all’interfaccia gomma metallo; tali massimi si riducono nei modelli
con alto fattore di forma e quando la pressione media verticale decresce.
Anche per le deformazioni, la dipendenza dal fattore di forma S1 si attenua per
S1>18 (figura 96): la deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio nel
Modello 3-1 (S1=18) è circa 1/2 di quella registrata nel Modello 1-1 (S1=6), ed
è praticamente coincidente con quella dei Modelli 4-1 e 5-1 (S1=24, 30).

6.2.3 Effetto dei carichi orizzontali


Dopo aver esaminato le distribuzioni ed i valori di tensioni e deformazioni
dovute ai carichi verticali, i cinque modelli sono stati esaminati sotto carichi
orizzontali e sotto la combinazione di carichi verticali e orizzontali. In
particolare sono stati applicati spostamenti orizzontali d corrispondenti a tre
livelli di deformazione globale del dispositivo γd (γd =d/te, dove te è l’altezza
totale dell’elastomero), rispettivamente pari a 100, 200 e 300%. Nella
condizione di carico orizzontale, gli spostamenti laterali sono stati applicati al
modello a partire dalla configurazione indeformata, mentre nella condizione
che prevede la combinazione dei carichi verticali e orizzontali, lo spostamento
laterale è applicato al modello già deformato dai carichi verticali.
Anche se la condizione di soli carichi orizzontali non è una condizione di
carico realistica (i carichi gravitazionali insistono sull’isolatore quando viene
imposto lo spostamento laterale dovuto al sisma), essa è stata considerata per
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 167

comprendere il suo effetto sulla distribuzione delle deformazioni nel


dispositivo.
Si può inoltre notare che, anche se la non linearità del problema non
permette la sovrapposizione degli effetti dovuti ai carichi verticali e
orizzontali, le relazioni e le procedure di verifica fornite nelle normative
[LLGG98, 1998; AASHTO, 2000; EC8, 2003; OPCM 3431, 2005] sono di
solito basate su una stima separata degli effetti della pressione verticale e della
deformazione laterale, e prevedono la semplice somma di tali singoli effetti.
Nella figura 97 rispettivamente per gli isolatori con S1 pari a 6, 18, 30, si
riportano le distribuzioni delle deformazioni di taglio γxz lungo la larghezza
del dispositivo all’interfaccia gomma-acciaio per soli carichi orizzontali. In
ogni diagramma si riportano i risultati in termini di distribuzioni della
deformazione di taglio, per γd pari a 100, 200, 300%. Il primo diagramma di
figura 97 mostra che le deformazioni di taglio all’interfaccia, dovute
all’applicazione dello spostamento laterale, non sono uniformemente
distribuite come di solito è assunto nelle formule di progetto degli isolatori.
Inoltre, anche per questa condizione di carico si notano concentrazioni ai
bordi del dispositivo. Sia la disuniformità nella distribuzione che le
concentrazioni di deformazione crescono all’aumentare della deformazione
applicata. Partendo dal Modello 3-1, con S1=18 (il secondo diagramma in
figura 97), la distribuzione si presenta più regolare, così come gli effetti di
bordo diventano meno importanti; per S1=30 (il terzo diagramma in figura 97)
si osserva una distribuzione pressoché costante lungo la larghezza del
dispositivo. Inoltre, l’estensione della regione interessata dagli effetti di bordo
si riduce notevolmente dal Modello 1-1 (primo diagramma di figura 97) al
Modello 5-1 (il terzo diagramma in figura 97), cioè da S1= 6 a S1= 30: nel
Modello 1-1 gli effetti di bordo possono essere osservati a partire da ascisse
x/a’ pari a 0.45, mentre nel Modello 5-1 tali effetti si verificano solo in una
zona molto prossima al bordo, per ascisse maggiori di x/a’=0.49.
168 C ap it olo 6

2 γxz pm=3 MPa

1.5 S6
S12
S18
Pm Interfaccia gomma-acciaio S24
1 z S30
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
-0.5
a' a'

0.5

0
2 γxz pm=15 MPa

1.5 S6 S6
S12
S18
S24
1 S30

0.5 S30

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 x/a'
0.5
figura 94. Distribuzione delle deformazioni all’interfaccia gomma acciaio per carichi verticali; S1=6,12,18,24,30
(pm=3,15 MPa)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 169

0.5 z/ti
pm=3 MPa
Nello spessore dello
Pm strato di gomma
0.25 z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
-0.5
a' a'

γxz
0
-1.6 -1.2 -0.8 -0.4 0 0.4 0.8 1.2 1.6

-0.25 S6 S12
S18 S24
S30

-0.5

0.5 z/ti
pm=15 MPa

0.25

0
γxz
-1.6 -1.2 -0.8 -0.4 0 0.4 0.8 1.2 1.6

S6 S12 -0.25
S18 S24 S30 S6
S30

-0.5
figura 95. Distribuzione delle deformazioni nello strato di gomma per carichi verticali, x/a’=0.45; S1=6,12,18,24,30
(pm=3, 15 MPa)
170 C ap it olo 6

2
γxz pm=6 MPa

1.5
Pm Interfaccia al bordo
z
ti
1 ti -0.5 +0.5
+0.5
x
-0.5
a' a'

0.5

0 S1
6 12 18 24 30
-0.5 x/a' 0.5 x/a' 0.49
x/a' 0.47 x/a' 0.45
-1
2
γxz pm=15 MPa

1.5

0.5
x/a' 0.5

0 S1
6 12 18 24 30
-0.5 x/a'=0.5 x/a'=0.49
x/a'=0.47 x/a'=0.45
-1
figura 96. Valori della deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio in funzione di S1; x/a’=0.5, 0.49, 0.47,
0.45 (pm=6 e 15 MPa)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 171

6.2.4 Combinazione carichi verticali e orizzontali


Nella figura 98 sono mostrate le soluzioni in termini di deformazioni di taglio
γxz all’interfaccia gomma-acciaio lungo la larghezza del dispositivo. I tre
diagrammi si riferiscono a fattori di forma S1 rispettivamente pari a 6, 18, e
30, e ad una pressione media verticale pari a 6MPa, che è un valore di
riferimento per le condizioni ordinarie di esercizio [LLGG98, 1998; OPCM
3431, 2005].
Confrontando i tre diagrammi con gli analoghi di figura 97 si può osservare
che la combinazione dei carichi verticali e orizzontali comporta maggiori
disuniformità nella distribuzione delle deformazioni di taglio e maggiori
concentrazioni ai bordi, in particolare per gli isolatori con fattori di forma
bassi. L’incremento del fattore di forma porta ad una riduzione di entrambi
questi aspetti. Per elevati valori della pressione verticale (pm≥9MPa), la
distribuzione delle deformazioni di taglio non è uniforme per tutti i modelli,
sebbene tende a regolarizzarsi nel caso di S1=30.
Anche per questa condizione di carico, la regione interessata dalle
concentrazioni di deformazione si riduce al crescere di S1 e al diminuire della
pressione media verticale, e/o dello spostamento orizzontale applicato.
La contemporanea applicazione dei carichi verticali e orizzontali produce
problemi di convergenza nella soluzione numerica per l’insorgenza di grandi
deformazioni. In termini generali, la soluzione è assicurata per modelli con
alto fattore di forma e basse pressioni verticali medie come mostrato nella
figura 99, dove, per ciascuno dei cinque modelli, e per i cinque valori di pm
applicata, si riporta il massimo valore della deformazione di taglio applicata
(γd) per la quale si è ottenuta la soluzione numerica. In particolare, per il
Modello 1-1, con S1 pari a 6, non è stato possibile completare le analisi, anche
con pressioni medie basse (3 MPa), per γd pari a 200% e 300%. Al contrario,
non sono stati riscontrati particolari problemi nella risoluzione del Modello 5-
1, con S1 pari a 30, per il quale la soluzione è stata ottenuta per tutte le
combinazioni di carico verticale e orizzontale.
172 C ap it olo 6

5
S1=6
γxz γd Interfaccia gomma- acciaio
z
ti
+0.5
4 ti -0.5
-0.5
+0.5
x
a' a'

3 γd=300%

γd=200%
2

γd=100%
1

0 x/a'
-0.5 -0.25 0 0.25 0.5
5
S1=18
γxz
4

γd=300%
3

γd=200%
2

γd=100%
1

0 x/a'
-0.5 -0.25 0 0.25 0.5
5
S1=30
γxz
4

γd=300%
3

γd=200%
2

γd=100%
1

0 x/a'
-0.5 -0.25 0 0.25 0.5
figura 97. Deformazioni di taglio all’interfaccia gomma-acciaio per soli carichi orizzontali; γd=100, 200, 300%,
(S1=6, 18, 30)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 173

5
γd Pm
S1=6 γxz Interfaccia
z
pm=6 MPa ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
4 -0.5
x
a' a'

2 γd=128%

γd=100%
1

0 x/a'
5
S1=18 γxz
pm=6 MPa
4
γd=300%

γd=200%
2

1 γd=100%

0 x/a'
5
S1=30 γxz
pm=6 MPa
4

γd=300%

γd=200%

γd=100%
1

0 x/a'
-0.5 -0.25 0 0.25 0.5
figura 98. Distribuzione della deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi verticali+orizzontali;
pm=6 MPa; γd=100, 200% (S1 6, 18, 30)
174 C ap it olo 6

5
γd γd Pm

S=30
3
S=18 S=24

2
S=12

1
S=6

0 pm
3 6 9 12 15

figura 99. Massimo valore della deformazione di taglio applicata (γd, max) per il quale si è ottenuta la soluzione sotto la
combinazione dei carichi verticali e orizzontali, in funzione della pressione media verticale applicata pm

6.3 INFLUENZA DELLA COMPRESSIBILITÀ DELLA GOMMA


SULLO STATO TENSO-DEFORMATIVO DEI DISPOSITIVI
ELASTOMERICI

Prima dell’esposizione e del commento dei risultati ottenuti dall’analisi del


secondo set di isolatori, nella quale si è introdotta la compressibilità della
gomma, è importante fare alcune considerazioni sull’influenza della
compressibilità stessa sullo stato tenso-deformativo all’interno dei dispositivi
elastomerici.
Al fine di comprendere il comportamento della gomma confinata al variare
della compressibilità, sono state effettuate delle analisi FEM considerando i
Modelli 1-1 e 5-1 del primo set di isolatori (S1 pari rispettivamente a 6 e 30).
Sono stati considerati diversi valori della compressibilità per il materiale
elastomerico, corrispondenti a cinque diversi valori del coefficiente di Poisson
ν compresi tra 0.49995 e 0.495, come riportato in tabella 12. Nella tabella si è
indicato con ν il coefficiente di Poisson, con D1 l’indice di compressibilità da
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 175

utilizzare per la modellazione della gomma attraverso le forme polinomiali


della funzione densità di energia di deformazione, e con K il modulo di Bulk.

ν D1 K/G K

Indice di [MPa]
Poisson compressibilità Modulo di Bulk
0.49995 0.0002824 10000 7082
0.49990 0.000564818 5000 3541
0.49986 0.00077821 3629 2570
0.4995 0.002824843 1000 708
0.495 0.02833346 100 71
tabella 12. Caratteristiche di compressibilità della gomma considerate nelle analisi.

Nei confronti successivi sono anche riportati i risultati ottenuti nell’ipotesi di


completa incompressibilità (ν=0.5).
Per quanto riguarda la distribuzione delle tensioni normali nel singolo
strato di gomma, in figura 100 è fornita tale distribuzione all’interfaccia
gomma-acciaio per soli carichi verticali. La figura mostra che all’aumentare
della compressibilità, le tensioni nella gomma tendono ed eguagliare la
pressione media applicata tranne che in prossimità dei bordi, dove le gomma è
meno confinata. Questo trend è molto evidente nell’isolatore con S1=30 che è
caratterizzato da strati di gomma più confinati; la gomma che si trova nella
parte interna dell’isolatore risulta essere più confinata è vincolata a non
deformarsi lateralmente di quella che si trova ai bordi e quindi, nel caso di
elevata compressibilità (ν=0.495), subisce forti variazioni volumetriche e
basse deformazioni distorsionali.
In figura 101 sono mostrate le distribuzioni delle deformazioni di taglio
all’interfaccia gomma-acciaio per carichi verticali al variare della
compressibilità (S1=6 e 30 e pm=15 MPa). Dalla figura si nota che anche le
deformazioni di taglio sono influenzate fortemente dalla compressibilità
soltanto nella mezzeria del dispositivo e poco ai bordi. Una certa influenza ai
bordi si nota soltanto per gli isolatori con alto fattore di forma dove la gomma
è effettivamente molto confinata anche in queste zone.
176 C ap it olo 6

1.6
S1=6
1.4 pm=15 MPa
σ/pm

1.2

1.0

0.8
ν
0.6 0.5
0.49995
0.4 0.49990
0.4995
0.2 0.495

x/a'
0.0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5

1.6
S1=30
1.4 pm=15 MPa
σ/pm

1.2

1.0

0.8 ν
0.5
0.6 0.49995
0.49990
0.4 0.4995
0.495
0.2
x/a'
0.0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5

figura 100. Distribuzione delle tensioni normali all’interfaccia acciaio-gomma al variare della compressibilità -
carichi verticali (pm=15 MPa; S1=6 e 30).
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 177

2.0
γxz S1=6
ν
pm=15 MPa
0.5
1.5 0.49995
0.49990
0.4995
0.495
1.0

0.5

x/a'
0.0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5

2.0
γxz S1=30
ν pm=15 MPa
0.5
1.5 0.49995
0.49990
0.4995
0.495
1.0

0.5

0.0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
x/a'

figura 101. Distribuzione delle deformazioni all’interfaccia gomma-acciaio per carichi verticali al variare della
compressibilità; S1=6 e 30 (pm=15 MPa)
178 C ap it olo 6

Dai diagrammi di figura 101 si nota, inoltre, che gli effetti della
compressibilità sono in genere più evidenti nella mezzeria del dispositivo,
dove la gomma risulta più confinata: infatti si nota che all’aumentare della
compressibilità, si ha una forte riduzione delle deformazioni di taglio nella
mezzeria dei dispositivi in quanto la gomma tende a deformarsi solo
volumetricamente; ai bordi tali effetti vanno scemando perché la gomma
risulta meno confinata.
Si capisce quindi che per lo studio delle deformazioni in un isolatore
elastomerico la compressibilità risulta essere relativamente importante; infatti,
se si vogliono studiare le distribuzioni di tensioni e deformazioni in parti del
dispositivo dove la gomma non risulta essere molto confinata (ad esempio ai
bordi in dispositivi con fattore di forma primario S1 non esageratamente alto),
la compressibilità può assumere un ruolo marginale.

6.4 INFLUENZA DEL FATTORE DI FORMA SECONDARIO S 2


SULLO STATO TENSIO DEFORMATIVO NEI DISPOSITIVI
ELASTOMERICI (S 2 =1.51-6.15)

In figura 102 sono riportati i risultati delle analisi per carico verticale, con pm
pari a 6, 10 e 15 MPa, eseguite sui 6 modelli considerati (S1 pari a 20 ed S2
pari a 6.15, 5, 4, 2.96, 2, 1.51). In particolare nel diagramma è fornita la
distribuzione delle tre tensioni normali (σxx, σyy, σzz,) lungo la semilarghezza
del dispositivo (a’=a/2), valutate all’interfaccia tra gomma e acciaio ed
adimensionalizzate rispetto alla pressione verticale applicata. Nel grafico è
anche fornita l’analoga distribuzione tensionale ottenuta mediante la soluzione
analitica “pressure solution”.
E’ importante innanzitutto far notare che il fattore di forma secondario S2
non influenza il comportamento per carico verticale dei dispositivi, quindi è
stato possibile fornire i risultati ottenuti per i diversi modelli attraverso un solo
diagramma.
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 179

2.0
S2=6,15-1,51
pm=6-15 MPa

σ/pm
1.6
pressure solution

soluzione FEM
1.2 σxx σyy σzz

0.8
Pm Interfaccia gomma-acciaio
z
ti
0.4 -0.5 +0.5
ti +0.5
x
-0.5
a' a'
x/a'
0.0
0.00 0.10 0.20 0.30 0.40 0.50

figura 102. Distribuzione delle tensioni normali all’interfaccia gomma-acciaio per carichi verticali (pm=6, 10, 15
MPa; S2=6.15, 5, 4, 2.96, 2, 1.51).

1
τxy (Mpa)

Pm Interfaccia gomma-acciaio S2=6,15-1,51


z
ti
0.8 ti -0.5 +0.5
+0.5
x
-0.5
a' a'

0.6 Pressure solution

FEM
pm=15 MPa
0.4

pm=6 MPa
0.2

x/a'
0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5

figura 103. Distribuzione delle tensioni tangenziali all’interfaccia gomma-acciaio per carichi verticali (pm=6 e 15
MPa; S2=6.15, 5, 4, 2.96, 2, 1.51).
180 C ap it olo 6

Con formato analogo a quello dei diagrammi precedenti, in figura 103 è


riportata la distribuzione delle tensioni tangenziali τxz lungo la semilarghezza
del dispositivo (all’interfaccia tra gomma e acciaio). Il diagramma è riferito ai
sei modelli con vari S2, con pressioni verticali pm pari a 6 e 15 MPa. Le
tensioni tangenziali hanno un andamento che si discosta dalla soluzione
analitica per l’introduzione della compressibilità della gomma, come visto nel
§6.3; le maggiori differenze si notano nelle parti interne del dispositivo, dove
la gomma risulta più confinata. Ai bordi, i risultati numerici vengono ben
approssimati dalla soluzione analitica che considera l’incompressibilità della
gomma.
In figura 104 è riportata la distribuzione delle deformazioni di taglio
all’interfaccia gomma-acciaio per soli carichi verticali (pm=6, 10 e 15 MPa;
S2=6.15, 5, 4, 2.96, 2, 1.51). La distribuzione delle deformazioni di taglio
segue l’andamento delle tensioni tangenziali e si presenta marcatamente non
lineare, crescendo dal centro del dispositivo verso il bordo. L’andamento
lungo la semidimensione del dispositivo rispecchia il tipico andamento delle
deformazioni di taglio in strati di gomma compressibile confinati, come si è
visto nel §6.3, in particolare nella figura 101.
0.80
γxy Pm Interfaccia gomma-acciaio S2=6,15-1,51
z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
0.60 a'
-0.5
a'

6MPa
0.40
10MPa

15MPa
0.20

x/a'
0.00
0.0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
figura 104. Distribuzione delle deformazioni di taglio all’interfaccia gomma-acciaio per carichi verticali (pm=6, 10 e
15 MPa; S2=6.15, 5, 4, 2.96, 2, 1.51).
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 181

5
γd Pm Interfaccia γx S2=6,15
z pm=6MPa
ti
+0.5
ti -0.5
-0.5
+0.5
x 4
a' a'

γd=300%
3

γd=200%
2

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy S2=6,15
pm=10MPa
4

γd=300%
3

γd=200%
2

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy S2=6,15
pm=15MPa
4

γd=300%
3

γd=200%
2

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50

figura 105. Distribuzione della deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi
verticali+orizzontali; pm=6, 10, 15 MPa; γd=100, 200, 300% (S2 =6.15)
182 C ap it olo 6

5 γxy
γd Pm Interfaccia S2=4,00
z
ti pm=6MPa
+0.5
-0.5
ti +0.5
x 4
-0.5
a' a'

γd=300%
3

γd=200%
2

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γd Pm Interfaccia γxy
S2=4,00
z
ti pm=10MPa
+0.5
ti -0.5 +0.5

-0.5
x 4
a' a'

3 γd=267%

γd=200%
2

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy S2=4,00
pm=15MPa
4

2
γd=151%

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
figura 106. Distribuzione della deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi
verticali+orizzontali; pm=6, 10, 15 MPa; γd=100, 200, 300% (S2 =4)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 183

5
γd Pm Interfaccia γxy S2=2,96
z
ti pm=6MPa
+0.5
ti -0.5 +0.5

-0.5
x 4
a' a'

2 γd=186%

γd=100%
1

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy
S2=2,96
pm=10MPa
4

2
γd=144%

1
γd=100%

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy S2=2,96
pm=15MPa
4

γd=121%

1
γd=100%

x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
figura 107. Distribuzione della deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi
verticali+orizzontali; pm=6, 10, 15 MPa; γd=100, 200% (S2 =2.96)
184 C ap it olo 6

5
γd Pm Interfaccia γxy
z S2=1,51
ti
-0.5 +0.5 pm=6MPa
ti +0.5
x 4
-0.5
a' a'

γd=115%
1
γd=100%
x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy S2=1,51
pm=10MPa
4

γd=103% 1
γd=100%
x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
5
γxy S2=1,51
4 pm=15MPa

1
γd=91%
x/a'
0
-0.50 -0.25 0.00 0.25 0.50
-1

figura 108. Distribuzione della deformazione di taglio all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi
verticali+orizzontali; pm=6, 10, 15 MPa; γd=100, 200% (S2 =1.51)
An alisi parame trica ag li eleme n ti f initi 185

Dalla figura 105 alla figura 108 sono mostrati i risultati in termini di
deformazioni di taglio γxz all’interfaccia gomma-acciaio (valori sull’asse delle
ordinate) lungo la larghezza del dispositivo (valori sull’asse delle ascisse). I
diagrammi delle quattro figure si riferiscono a quattro fattori di forma S2
rispettivamente pari a 6.15, 4, 2.96, e 1.51, e a pressioni medie verticali pari a
6, 10 e 15MPa (ogni diagramma della singola figura si riferisce ad un singolo
valore della pressione media applicata pm). Si può osservare che, come già
fatto notare nell’analisi del primo set di isolatori, la combinazione dei carichi
verticali e orizzontali comporta maggiori disuniformità nella distribuzione
delle deformazioni di taglio e maggiori concentrazioni ai bordi, in particolar
modo per gli isolatori con fattori di forma bassi. Si notano elevate
deformazioni di taglio al bordo compresso che, per l’isolatore più instabile,
(S2=1.51) raggiungono valori superiori a quattro volte la deformazione
orizzontale applicata. Per isolatori con fattore di forma alto, le deformazioni
massime risultano molto vicine alla deformazione applicata.
Si fa notare inoltre che, sempre nel caso dell’isolatore più instabile
(S2=1.51), a γd=100% e per alte pressioni verticali medie (pm=15MPa) si ha
l’inversione del segno delle deformazioni dovuto essenzialmente alla perdita
del confinamento all’interno degli strati di gomma nelle zone in cui vi sono
elevati sforzi di compressione (figura 108 - terzo diagramma).
Infine, nell’intento di fornire una più chiara descrizione del comportamento
dei dispositivi elastomerici al variare del fattore di forma secondario, in
appendice si riportano le deformate più significative dei dispositivi analizzati
soggetti a carichi verticali e a carichi verticali + orizzontali. Per ogni
dispositivo si riporta la deformata globale e 4 particolari relativi ai 4 vertici
del dispositivo. La maggior parte dei dispositivi soggetti a carichi orizzontali
presenta una deformata shear type; alcuni dispositivi (ad esempio quello
riportato al punto 11) una deformata di tipo instabile. Per la condizione di
carico che tiene conto anche dello spostamento orizzontale, si è indicato, in
corrispondenza di ogni deformata, il rapporto d/D (spostamento sismico su
diametro del dispositivo).
Dalle deformate relative alla condizione di carico verticale + orizzontale, si
nota l’inflessione che presentano le piastre d’acciaio interne in prossimità dei
bordi. Tale inflessione, assieme plasticizzazione delle piastre stesse, può
essere causa di variazioni nell’entità delle deformazioni locali nella gomma.
186 C ap it olo 6
187

Capitolo 7
Discussione dei risultati e implicazioni
progettuali

7.1 DISCUSSIONE DEI RISULTATI RELATIVI


ALL’INFLUENZA DEL FATTORE DI FORMA PRIMARIO
(S 1 =6-30)

Con riferimento ai risultati dell’analisi tensionale sotto carichi verticali dei


dispositivi con S1 variabile (S1=6-30), è possibile osservare che la differenza
tra le tensioni verticali e orizzontali decresce al crescere del fattore di forma
(S1>18), in maniera tale da approssimare lo stato tensionale idrostatico
ipotizzato dalla “pressure solution”; inoltre, gli effetti di bordo si riducono al
crescere del fattore di forma, diventando trascurabili per S1≥18; infine, anche
l’estensione delle zone interessate da concentrazioni in prossimità dei bordi, si
riducono al crescere del fattore di forma.
Riguardo alle deformazioni derivanti dall’applicazione dei carichi verticali,
nella figura 109, nella figura 110 e nella figura 111, sono riportate alcune
rappresentazioni sintetiche dei risultati delle analisi FEM relativi alla prima
serie di dispositivi.
In particolare, nel diagramma di figura 109 sono rappresentati i valori della
deformazione massima, media aritmetica e media pesata, all’interfaccia
gomma-acciaio, indotte da una pressione media verticale pari a 6MPa, al
188 C ap it olo 7

variare del fattore di forma S1. I valori della deformazione media aritmetica
γarit e della deformazione media pesata γw, sono definiti nelle (104) e (105),

γ max + γ min
γ arit = (104)
2

∑γ ⋅l i i
γw = n
(105)
∑l n
i

dove γi è la deformazione tagliante dell’i-esimo elemento della mesh, li è la


lunghezza dell’i-esimo elemento della mehs, ed n è il numero degli elementi
lungo la larghezza del modello in cui il singolo strato di gomma è stato
suddiviso.
2
γxz Pm Interfaccia gomma-acciaio
pm=6 MPa
z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
1.5 a'
-0.5
a'

γxz=δm /hm

1
ti x
γmax a'
hm
0.5 γw δm
γarit

0 S1
6 12 18 24 30
figura 109. Dispositivi con S1=6-30: valore massimo, medio aritmetico, e medio pesato della deformazione di taglio
all’interfaccia gomma-acciaio sotto carico verticale in funzione di S1; pm=6 MPa

In figura 110 si riporta la massima deformazione di taglio registrata nei cinque


modelli (S1= 6, 12, 15, 24, 30) in funzione della pressione media verticale pm,
mentre in figura 111 è rappresentata la differenza ∆γ tra il valore massimo e il
Discussione dei risu ltati e imp licazion i progettu ali 189

valore medio aritmetico della deformazione di taglio (γmax-γarit), nello stesso


formato del precedente diagramma.
Dai risultati riportati in questi diagrammi sintetici si può affermare che
negli isolatori con basso fattore di forma si verificano elevati picchi di
tensione e deformazione, anche in condizioni di carico verticale ordinario
(pm=6 MPa).
Una riduzione sostanziale di tali valori massimi si ottiene se si utilizzano
isolatori con S1≥18. Inoltre, le differenze tra i valori massimi e medi
decrescono fortemente al crescere di S1: come mostrato in figura 111, per
S1>18 i valori di ∆γ risultano minori del 15% sotto carichi verticali ordinari
(pm=6MPa) e minori del 35% sotto carichi verticali elevati (pm=15 MPa); gli
analoghi valori di ∆γ per S1=6 variano tra il 50% (per pm=6 MPa) e l’80% (per
pm=15 MPa).
In figura 112 e figura 113, sono sinteticamente mostrati i principali risultati
dell’analisi sotto carichi orizzontali e sotto la combinazione di carichi verticali
e orizzontali. In figura 112 sono riportati i valori massimi, medi aritmetici e
medi pesati della deformazione di taglio all’interfaccia, in funzione del fattore
di forma S1; i valori della deformazione di taglio γmax, γarit, γw, sono
adimensionalizzati rispetto alla deformazione globale applicata all’isolatore, γd
pari a 100, 200 e 300%.
Piuttosto banalmente si può osservare che il valore medio pesato γw risulta
prossimo al valore della deformazione applicata, indipendentemente dalla sua
entità e dal fattore di forma. Inoltre si può notare che il valore della
deformazione massima adimensionale (γmax/γd) si trova tra il 175% ed il 200%
per deformazioni γd pari al 100%, mentre è dell’ordine del 150% per γd pari al
200% e 300%, indipendentemente dal fattore di forma.
Infine, la figura 113 sintetizza i principali risultati ottenuti dall’analisi sotto
la combinazione di carichi verticali ed orizzontali. Il diagramma fornisce
nuovamente i valori massimi, medio aritmetico e medio pesato della
deformazione di taglio, adimensionalizzata rispetto alla deformazione di taglio
applicata, pari al 100%; i valori sono riportati in funzione del fattore di forma
primario per tre pressioni verticali di riferimento, pm pari a 3, 9 e 15 MPa.
Dai grafici si deduce che il valore medio pesato della deformazione
all’interfaccia è prossimo al valore della deformazione applicata,
indipendentemente dal fattore di forma e dalla pressione verticale,
190 C ap it olo 7

congruentemente a quanto ottenuto per i soli carichi orizzontali. Al contrario, i


valori massimi seguono il trend osservato per soli carichi verticali, dipendendo
fortemente dal fattore di forma e dal carico verticale applicato. Ad esempio,
per S1=12 e pm=3 MPa, la massima deformazione di taglio è
approssimativamente il doppio di quella applicata, mentre per il modello con
S1=12 e pm=15 MPa, la massima deformazione di taglio risulta essere circa
quattro volte la deformazione applicata.
γmax (%)

150%
S1=6

125%

100%

75% S1=12
S1=18

50%
S1=24 S1=30
25%
pm (MPa)
0%
3 6 9 12 15
figura 110. Dispositivi con S1=6-30: massima deformazione di taglio all’interfaccia sotto carichi verticali, per I
cinque modelli soggetti a varie pressioni verticali pm; S1=6, 12, 18, 24, 30

1
∆γ=γmax−γarit

0.8 S1=6

0.6 S1=12

0.4 S1=18
S1=24

0.2 S1=30

pm (MPa)
0
3 6 9 12 15
figura 111. Dispositivi con S1=6-30: differenza tra in valore massimo e medio aritmetico della deformazione di taglio
sotto carico verticale, in funzione di pm; S1=6, 12, 18, 24, 30
Discussione dei risu ltati e imp licazion i progettu ali 191

2.5
γd=100%

γxz/γd
2
γmax

1.5 γarit

γw
1
γd Interfaccia gomma- acciaio
z
0.5 ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
x
-0.5
a' a'
0 S1
2.5
γd=200%

γxz/γd
2

γmax
1.5
γarit

1 γw

0.5

0 S1
2.5
γd=300%
γxz/γd

1.5
γmax
γarit

1 γw

0.5

0 S1
6 12 18 24 30
figura 112. Dispositivi con S1=6-30: valore massimo, medio aritmetico, e medio pesato (γmax, γarit, γw) della
deformazione all’interfaccia gomma-acciaio sotto carichi orizzontali per i 5 fattori di forma S1 (γd=100, 200, 300%,)
192 C ap it olo 7

4 γd=100%
γd Pm Interfaccia pm=3 MPa
3.5

γxz/γd
z
ti
+0.5
ti -0.5 +0.5
3 x
-0.5
a' a'
2.5
γmax
2

1.5 γarit

1 γw

0.5

0 S1
4 γd=100%
pm=9 MPa
γxz/γd

3.5

3
γmax
2.5

2
γarit
1.5

1 γw

0.5

0
S1
4 γd=100%
pm=15 MPa
γmax
γxz/γd

3.5

2.5

2 γarit

1.5

1 γw

0.5

0 S1
6 12 18 24 30
figura 113. Dispositivi con S1=6-30: valore massimo, medio aritmetico, e medio pesato della deformazione di taglio
adimensionalizzate alla deformazione applicata (γmax/γd, γarit/γd, γw/γd) all’interfaccia gomma-acciaio sotto la
combinazione dei carichi verticali e orizzontali, in funzione del fattore di forma S1; γd=100% (pm=3, 9, 15 MPa)
Discussione dei risu ltati e imp licazion i progettu ali 193

7.2 DISCUSSIONE DEI RISULTATI RELATIVI


ALL’INFLUENZA DEL FATTORE DI FORMA
SECONDARIO (S 2 =1.51-6.15)

Per quanto riguarda i risultati ottenuti dall’analisi della seconda serie di


isolatori elastomerici, cioè a fattore di forma secondario S2 variabile tra 1.51 e
6.15, di seguito si riportano i diagrammi riepilogativi delle condizioni
deformative e delle condizioni di snervamento delle piastre interne di acciaio
sotto carichi verticali e orizzontali.
400%

γmax (%)
γd =100%
S2=1.51
350%
S2=2

300% S2=2.96

S2=4
250%
S2=5
S2=6.1
200% 5

pm (MPa)
150%
6 10 15

figura 114. Dispositivi con S2=1.51-6.15: massima deformazione di taglio all’interfaccia acciaio-gomma sotto carichi
verticali+orizzontali, per i sei modelli pm (6, 10, 15MPa) ; γd=100% ; S2=6.15-1.15

400%
γmax (%)

γd =200%

S2=4
350%
S2=5

S2=6.15
300%

pm (MPa)
250%
6 10 15

figura 115. Dispositivi con S2=1.51-6.15: massima deformazione di taglio all’interfaccia acciaio-gomma sotto carichi
verticali+orizzontali, per i sei modelli pm (6, 10, 15MPa) ; γd=200% ; S2=6.15-1.15
194 C ap it olo 7

In figura 114 sono riportate le massime deformazioni di taglio che si sono


rilevate nella gomma dei dispositivi analizzati sotto l’azione dei carichi
verticali ed orizzontali. In particolare si riporta la massima deformazione di
taglio all’interfaccia acciaio-gomma sotto carichi verticali ed orizzontali, per i
sei modelli (S2=6.15-1.15) a diverse pressioni medie verticali pm (6, 10,
15MPa) ed ad una deformazione di taglio applicata γd pari al 100%. Si nota
che, per la combinazione dei carichi verticali ed orizzontali, la deformazione
massima può assumere valori molto più alti della deformazione orizzontale
applicata. Ad esempio al 100% di deformazione applicata, per l’isolatore più
stabile (S2=6.15; S1=20) la deformazione massima risulta pari a circa 1.7 volte
la deformazione applicata con 6MPa di pressione verticale, e pari a circa 2.4
volte la deformazione applicata con 15MPa di pressione verticale. Per
l’isolatore più instabile (S2=1.51; S1=20), con la stessa deformazione
orizzontale applicata, la deformazione massima risulta pari a circa 3.3 volte la
deformazione applicata con 6MPa di pressione verticale, e pari a circa 3.7
volte la deformazione applicata con 10MPa di pressione verticale; il dato a
15MPa non risulta disponibile dalle analisi per problemi di convergenza.
Anche nel caso in cui la deformazione di taglio applicata aumenta (figura
115), si nota una riduzione della differenza tra essa e la deformazione
massima. Ad esempio, al 200% di deformazione applicata, per l’isolatore più
stabile (S2=6.15; S1=20) la deformazione massima risulta pari a circa 1.35
volte la deformazione applicata con 6MPa di pressione verticale, e pari a circa
1.7 volte la deformazione applicata con 15MPa di pressione verticale media.
Dal diagramma si nota inoltre la grande difficoltà nell’ottenere i risultati FEM
già a deformazioni orizzontali applicate pari al 200% per isolatori con S2<4.
In figura 116 si riporta il rapporto tra la massima deformazione di taglio
all’interfaccia acciaio-gomma riscontrata nelle analisi sotto carichi
verticali+orizzontali ed il massimo valore del γd applicato, a pressioni verticali
medie pm pari a 6, 10 e 15MPa. Si nota che ad una pressione verticale media
di 10MPa, la deformazione massima risulta pari a circa 4 volte la
deformazione applicata per l’isolatore più instabile (S2=1.51; S1=20), pari a
circa 2.3 volte la deformazione applicata per l’isolatore con S2=2.96; e pari a
circa 1.3 volte la deformazione applicata per l’isolatore più stabile (S2=6.15;
S1=20).
Discussione dei risu ltati e imp licazion i progettu ali 195

4.00
∆γ=γmax/γd S2=1.51
3.50
S2=2
3.00
S2=2.96
2.50

S2=4
2.00
S2=5
1.50 S2=6.15
pm (MPa)
1.00
6 10 15
figura 116. Dispositivi con S2=1.51-6.15: massima deformazione di taglio all’interfaccia acciaio-gomma sotto carichi
verticali+orizzontali adimensionalizzata al massimo γd applicato; pm (6, 10, 15MPa); S2=6.15-1.15

In figura 117 ed in figura 118 è raffigurata la condizione di incipiente


plasticizzazione delle piastre di acciaio interne ai dispositivi analizzati. Nella
figura 117 i diagrammi riportano sull’asse delle ascisse il valore dello
spostamento orizzontale in mm; nella figura 118 i diagrammi riportano
sull’asse delle ascisse il valore dello spostamento orizzontale
adimensionalizzato al valore del diametro del dispositivo (d/D). Nei
diagrammi, sono riportate le curve globali forza-spostamento, o forza-
spostamento adimensionalizzato, per la combinazione dei carichi verticali ed
orizzontali dei sei dispositivi della seconda serie (S2=1.51-6.15) a due diversi
livelli di pressione media verticale pm (6 e 15MPa). Con un punto di colore
nero si è indicata la incipiente plasticizzazione delle piastre di acciaio interne.
Si nota che ad una pressione media di 6MPa, lo snervamento delle piastre
interne si verifica al 200% (d/D circa 30%) di deformazione orizzontale nel
caso dell’isolatore con S2=6.15, ed al 100% (d/D circa 65%) di deformazione
orizzontale nel caso dell’isolatore con S2=1.51. Per gli isolatori con S2 pari a
196 C ap it olo 7

5, 4 e 3 si osserva che la plasticizzazione delle piastre si verifica in


corrispondenza di uno spostamento molto simile, pari a 150mm,
corrispondente ad un d/D pari al 38% e a γd pari a 187%, 150% e 110%,
rispettivamente.
Ad una pressione media di 15MPa, lo snervamento delle piastre interne si
verifica al 100% (d/D circa 20%) di deformazione orizzontale nel caso
dell’isolatore con S2=6.15, ed al 75% (d/D circa 50%) di deformazione
orizzontale nel caso dell’isolatore con S2=1.51.
Aspetti molto importanti che riguardano il comportamento degli isolatori
elastomerici sono sicuramente l’aderenza tra acciaio e gomma, e la
cavitazione per trazione in quest’ultima. Sono importanti quindi, oltre che le
tensioni tangenziali, le tensioni di trazione nella gomma dovute all’azione
della combinazione dei carichi verticali ed orizzontali.
In figura 119 sono riportati i modelli dei dispositivi analizzati con
l’indicazione delle pressioni nella gomma sottoforma di mappe tensionali. I
dispositivi raffigurati sono soggetti ad una deformazione di taglio applicata
pari a γd=100%, corrispondente a valori dello spostamento diversi in quanto
risulta essere diversa, per ognuno dei sei dispositivi considerati, l’altezza
totale della gomma te. Si nota dalla figura che nelle zone in cui si individuano
le trazioni, nell’isolatore più stabile con S2=6.15, si verificano tensioni di
trazione nella gomma pari a 1MPa al 100% di deformazione laterale applicata,
pari a 3.3MPa al 200% di deformazione laterale applicata, e pari a 7.3MPa al
300% di deformazione laterale applicata.
Nell’isolatore più instabile con S2 pari a 1.51, si verificano tensioni di
trazione nella gomma pari a 7.3MPa già al 100% di deformazione laterale
applicata.
In figura 120 sono stati diagrammati i risultati relativi alle tensioni di
trazione nella gomma, sia per pressione verticale media pari a 6MPa, sia per
pressione verticale media pari a 15MPa. I risultati si riferiscono al 100, 200 e
300% di deformazione orizzontale applicata. Dai diagrammi si evidenzia che
le tensioni di trazione nella gomma, potenziali causa di rottura del dispositivo
per perdita di aderenza o per cavitazione, aumentano al ridursi del fattore di
forma secondario S2, e per S2>3 non dipendono dalla pressione media
verticale applicata.
Discussione dei risu ltati e imp licazion i progettu ali 197

500

Forza orizzontale (KN)


pm = 6MPa
S2 = 6,15
400 S2 = 5.00
S2 = 4,00
S2 = 2,96
300 S2 = 2,00
S2 = 1,51

Snervamento 185%
200 delle piastre
interne

130%
100
115%

Spostamento orizzontale (mm)


0
0 50 100 150 200 250 300 350
500
Forza orizzontale (KN)

pm = 15MPa
S2 = 6,15
400 S2 = 5.00
Snervamento S2 = 4,00
delle piastre S2 = 2,96
300 interne
S2 = 2,00
S2 = 1,51

200

100
Spostamento
orizzontale (mm)
0
0 50 100 150 200 250 300 350
figura 117. Dispositivi con S2=1.51-6.15: curve globali F-d dei sei dispositivi con indicazione del primo snervamento
delle piastre di acciaio interne sotto carichi verticali+orizzontali pm (6, 15MPa) ; S2=6.15-1.15
198 C ap it olo 7

500 Forza orizzontale (KN)


pm = 6MPa
S2 = 6,15
400 S2 = 5.00
S2 = 4,00 S2: 6.15
S2 = 2,96
300 S2 = 2,00
S2 = 1,51

Snervamento
200 delle piastre 185%
interne

130%
100 115%

S2: 1.51
d/D
0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8

500
Forza orizzontale (KN)

pm = 15MPa
S2 = 6,15
400 S2 = 5.00
S2: 6.15 S2 = 4,00
Snervamento
delle piastre S2 = 2,96
300 interne
S2 = 2,00
S2 = 1,51

200

100

S2: 1.51 d/D


0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7

figura 118. Dispositivi con S2=1.51-6.15: curve globali F-(d/D) relativi ai sei dispositivi con indicazione del primo
snervamento delle piastre di acciaio interne sotto carichi verticali+orizzontali pm (6, 15MPa) ; S2=6.15-1.15
Trazione S2=6,15 Compressione
S2=5,00 S2=4,00
1 MPa – 100% 25 MPa – 100%
3,3 MPa – 200% 28 MPa – 200%
7,3 MPa – 300% 38 MPa – 300%
Discussione dei risu ltati e imp licazion i progettu ali

Trazione S2=2,96 S2=2,00


Compressione Trazione S2=1,51 Compressione
1,43 MPa – 100% 30 MPa – 100% 7,3 MPa – 100% 50 MPa – 100%
3,2 MPa – 150% 41 MPa – 150%

figura 119. Dispositivi con S2=1.51-6.15: tensione idrostatica di trazione e di compressione nella comma dei sei
dispositivi considerati. per carichi verticali+orizzontali pm (10MPa) ; S2=6.15-1.15; γd=100%
199
200 C ap it olo 7

10 σt [MPa]
6MPa - 100%
6MPa - 200%
8 6MPa - 300%
15MPa - 100%
15MPa - 200%
6 15MPa - 300%

S2
0
1.51 2 2.96 4 5 6.15

figura 120. Dispositivi con S2=1.51-6.15: Tensione massima di trazione nella gomma per i sei dispositivi per carichi
verticali+orizzontali pm (6, 15MPa) ; S2=6.15-1.15 ; γd=100, 200, 300%.
201

Capitolo 8
Conclusioni

La tesi tratta l’effetto dei carichi verticali elevati sul comportamento dei
dispositivi elastomerici di isolamento sismico e le conseguenti implicazioni
progettuali.
Per l’analisi del problema si è partiti dagli studi teorici sull’elasticità della
gomma che adottano il classico approccio fenomenologico per la
caratterizzazione dei materiali elastomerici (iperelastici) attraverso la
definizione di opportune rappresentazioni matematiche della funzione densità
di energia di deformazione. Si sono studiati i diversi modelli iperelastici
presenti in bibliografia per la caratterizzazione del comportamento delle
gomme, con particolare attenzione ai diversi parametri che caratterizzano le
diverse forme della funzione densità di energia di deformazione.
Successivamente si è affrontato il problema relativo al vincolo di
incompressibilità o quasi incompressibilità della gomma, che crea non pochi
problemi nelle soluzioni di tipo numerico; tale vincolo in una soluzione
numerica si traduce in genere in valutazioni incorrette dello stato tensionale.
L’introduzione del vincolo cinematico di incompressibilità rende la parte
volumetrica del campo delle tensioni, la pressione idrostatica, disaccoppiata
dal campo di spostamenti e conseguentemente indeterminata; il campo di
tensioni resta così definito a meno di una costante. Inoltre, l’esistenza di una
singolarità nelle equazioni di equilibrio rende il problema difficile da
risolvere. Considerando il materiale quasi incompressibile, queste
considerazioni risultano meno ovvie dal momento che in questo caso la
condizione di quasi-incompressibilità è un problema solo del modello
202 C ap it olo 8

numerico e non di quello meccanico; le difficoltà che si incontrano sono,


pertanto, esclusivamente di natura numerica e riguardano malcondizionamenti
della matrice di rigidezza, fenomeni di bloccaggio (locking) e presenza di
risultati incorretti. Il problema si è affrontato attraverso lo studio della
formulazione mista nella quale le incognite del problema sono costituite
simultaneamente da variabili statiche e cinematiche e conseguentemente le
condizioni di equilibrio e di congruenza sono approssimate
indipendentemente; l’applicazione di questa formulazione che si è considerata,
è quella a due campi di variabili u/p nella quale i campi di variabili sono
costituiti dagli spostamenti u e dalla pressione idrostatica p. Tale formulazione
consente di scegliere il grado di interpolazione della variabile p, che determina
l’accuratezza e la convergenza dei modelli agli elementi finiti (FEM) in cui
essa viene utilizzata.
Si comprende quindi che il comportamento della gomma è sicuramente
molto complesso e anche se in letteratura esistono molti lavori che trattano il
materiale elastomerico, pochi contributi riguardano l’analisi FEM dello stato
tensio deformativo in dispositivi elastomerici confinati come gli isolatori
HDRB.
Per studiare lo stato tensio deformativo in dispositivi elastomerici confinati,
e per valutare l’influenza di diversi parametri (geometrici e meccanici) sulla
loro risposta locale e globale, sono stati studiati modelli di calcolo analitici e
numerici, con particolare attenzione alla modellazione FEM attraverso
l’utilizzo del codice di calcolo Abaqus descritto nel capitolo 5, ed è stata
condotta una analisi parametrica.
L’analisi parametrica FEM è stata realizzata attraverso la modellazione dei
dispositivi elastomerici e la calibrazione del modello sulla base di risultati
sperimentali su dispositivo reale; in particolare, la modellazione dei dispositivi
in gomma risulta essere molto complessa date le elevate deformazioni in gioco
e il comportamento non lineare iperelastico, quasi del tutto incompressibile,
del materiale elastomerico. Nella calibrazione del modello sono stati
considerati, per la gomma, diversi modelli iperelastici attualmente disponibili
in bibliografia e sono state considerate diverse tipologie di modellazione
(piana, assialsimmetrica e solida).
Dallo studio della meccanica dei dispositivi elastomerici sono stati
identificati nei fattori di forma primario S1 e secondario S2 i due parametri che
Conclu sion i 203

governano il comportamento sotto l’azione dei carichi verticali ed orizzontali.


Questi fattori, che controllano rispettivamente l’instabilità locale e globale del
dispositivo, sono stati assunti quali principali parametri nell’ambito
dell’analisi parametrica condotta.
Sono state effettuate circa 200 analisi, nelle quali sono stati considerati
valori del fattore di forma primario S1 pari a 6, 12, 18, 24, 30, valori del
fattore di forma secondario S2 pari a 1.51, 2, 2.96, 4, 5, 6.15, pressioni
verticali fino a 15MPa e deformazioni orizzontali fino al 300%. I dispositivi
sono stati analizzati sotto differenti condizioni di carico: solo carichi verticali,
solo carichi orizzontali e combinazione di carichi verticali e orizzontali.
I risultati delle analisi FEM mostrano che il fattore di forma primario è il
parametro che governa il comportamento meccanico dell’isolatore
elastomerico sotto carichi verticali. Per dispositivi caratterizzati da fattori di
forma bassi (minori di 18), si osservano infatti sensibili concentrazioni
tensionali e valori molto elevati delle deformazioni di taglio in corrispondenza
delle zone di bordo, all’interfaccia tra elastomero e acciaio.
Si è osservato che i valori massimi locali delle tensioni e delle
deformazioni si discostano in maniera non trascurabile da quelli deducibili da
formule di verifica e progetto correntemente fornite dalle normative, e
possono pertanto essere causa di rotture locali, per trazione nella gomma o per
distacco all’interfaccia gomma-acciaio. Questi effetti risultano particolarmente
accentuati quando il dispositivo è soggetto a carichi verticali notevoli, a
partire da pressioni medie dell’ordine di 9 MPa.
Con riferimento all’influenza del fattore di forma secondario S2, le analisi
hanno mostrato che negli isolatori con basso fattore di forma (S2<3), la
gomma presenta elevate deformazioni locali e concentrazioni di sforzo sotto
l’azione combinata dei carichi verticali ed orizzontali (deformazioni pari
anche a 4 volte la deformazione orizzontale applicata, corrispondente circa al
doppio dei valori riscontrati negli isolatori con S2>3).
Per quanto riguarda le piastre di acciaio interne si è osservato che lo
snervamento risulta fortemente anticipato negli isolatori con S2 molto basso,
mentre per tutti i dispositivi con S2>3 tale condizione si verifica all’incirca in
corrispondenza dello stesso spostamento orizzontale imposto, pari a circa
150mm (d/D pari al 38%) e circa 80mm (d/D pari al 20%) rispettivamente per
pressioni verticali medie pari a 6 e 15MPa.
204 C ap it olo 8

Dalle analisi risulta che le tensioni di trazione nella gomma, potenziali causa
di rottura del dispositivo per perdita di aderenza o per cavitazione, aumentano
al ridursi del fattore di forma secondario S2, e per S2>3 non dipendono dalla
pressione media verticale applicata.
Il lavoro ha inoltre evidenziato la necessità di conferme sperimentali a
supporto e integrazione delle analisi nei casi di problemi di convergenza
numerica, e per l’approfondimento delle modalità di collasso (locali e globali)
dei dispositivi elastomerici sotto carichi verticali elevati.
Da quanto detto, appare evidente che le condizioni di lavoro sotto sisma di
isolatori caratterizzati da basso valore dei fattori di forma S1 e S2 e progettati
per elevate pressioni verticali, possono essere molto gravose in termini di
risposta locale.
Sembra quindi conveniente che le attuali normative per gli isolatori in
gomma, che derivano da studi, analisi e sperimentazioni effettuate
considerando livelli di carico verticale sugli isolatori molto bassi (intorno a
6MPa), tengano conto di questi risultati, seppure in forma semplificata,
attraverso la esplicita definizione di valori limite della tensione a breve e a
lungo termine in funzione dei fattori di forma primario S1 e secondario S2. In
maniera ancora più immediata, sarebbe almeno opportuno suggerire l’utilizzo
di isolatori con fattori di forma S1 ≥ 18 ed S2 ≥ 3 in presenza di elevati carichi
verticali (maggiori di 6 MPa).
Questi risultati sembrano molto importanti visto che oggi l’isolamento
sismico si trova in una fase caratterizzata da nuovi campi di applicazione che
conducono a condizioni di lavoro per i dispositivi elastomerici particolarmente
gravose; infatti, in queste applicazioni gli isolatori sono soggetti ad elevate
pressioni verticali medie (fino a 15MPa) e a grandi spostamenti orizzontali
(fino a γ=300%).
205

Bibliografia

AASHTO [1999] Guide Specifications for Seismic Isolation Design, American Association of
State Highway and Transportation Officials, Washington D.C., USA.
Aiken I. D., Kelly J. M., Clark P. W., Tamura K.,. Kikuchi M, Itoh T., [1992] “Experimental
studies of the mechanical characteristics of three types of seismic isolation bearings”,
Tenth World Conference on Earthquake Engineering, Madrid, Spain.
BCJ [2000] “The Building Standard Law of Japan” Building Center of Japan, Japan.
EC8 [2003] "Eurocode 8 - Design Provisions for Earthquake Resistance of Structures", CEN
European Committee for Standardisation, Part 1.1 prEN1998-1., Draft January 2003,
Brussels.
Clark P. W., Aiken I. D., Nakashima M., Miyazaki M., Midorikawa M. [1999] “The 1995
Kobe (Hyogo-ken Nanbu), earthquake as a trigger for implementing new seismic design
technologies in Japan”, Lessons learned over time, learning from earthquakes, Volume
III, Earthquake Engineering Research Institute, Japan.
de Borst R., van de Bogert P.A.J., Zeilmaker j.[1988], “Modelling and analysis of rubberlike
materials,” Heron 33: 1-57.
De Luca A., Serino G. [1988] “L’approccio energetico nella progettazione sismica” –
Ingegneria sismica 3/1988.
De Luca A., Serino G. [1989] “Nuovi sistemi strutturali per la difesa dal rischi sismico” –
Ingegneria sismica 1: 3-18.
De Luca A., Imbimbo M., Mele E. [1994], “analisi tensionale agli elementi finiti di un
dispositivo elastomerico soggetto a carico assiale,” In: Proceedings of the XXII Convegno
A.I.A.S., Rende, Italy.
De Luca A., Imbimbo M. [1997] “F.E. stress analysis of rubber bearings under axial loads,”
Computers and Structures 68: 31-39.
Dolce M., Forni M. and Martelli A [2006]. World report - Italy, in Response Control and
Seismic Isolation of Buildings, Taylor & Francis, NY, USA, schede allegate.
206 C ap it olo 8

FEMA 274 [1997] “NEHRP Commentary on the NEHRP Guidelines for the seismic
Rehabilitation of Building”, Washington, DC.
Gent A. N., Lindley P. G., [1958] “Internal rupture of bonded rubber. cylinders in tension”
Proceeding Royal Society London”, Ser. A. 249(95).
Gent A.N., Lindley P.B. [1959] “The compression of bonded rubber blocks,” Proc Instn Mech
Engrs 173(3):111-17.
Gent A. N., Meinecke E. A. [1970] “Compression, bending and shear of bonded rubber
blocks,” Polymer Engineering and Science 10(2): 48–53.
Hamaguchi H., Higashino M., Iiba M., Kani N., Kasai K. and Midorikawa M. [2006]. World
report - Japan, in Response Control and Seismic Isolation of Buildings, Taylor & Francis,
NY, USA, chap. 5.3.
Hibbitt, Karlsson and Sorenson [2003] “Abaqus theory manual v. 6.4” U.S.A.
Higashino, M., Hamaguchi, H., Minewaki, S., Aizawa, S. [2003] “Basic characteristics and
durability of low-friction sliding bearing for base isolation,” Earthquake Engineering and
Engineering Seismology, Vol. 4, No. 1, pp. 95−105.
IBC [2000] “Seismically isolated structures”, International Code Council, chapter 16.
Imbimbo M. [1995], “Stress concentrations and edge effects of laminated rubber bearings,”
In: Proceedings of Abaqus Users’ Conference, Newport RI, Usa, 459-72.
Ishida K., Shiojiri H., Yoneda G., Matsuda A. [1992] “Shaking table test on ultimate behavior
of seismic isolation system – Part 2: Response behavior of rubber bearings” Proceedings
of the Tenth World Conference on Earthquake Engineering; Madrid, 19-24.
Katigawa Y., Midorikawa M. [1998] “Seismic isolation and passive response-control
buildings in Japan”, Smart Mater. Struct. 7: 581-587
Kawamata S., Nagai K. [1992] “Ultimate deformation capacity of isolators”, Tokyo, Japan.
Kawamura S., Sugisaki R., Ogura K., Maezawa S., Tanaka S., Yajima A. [2000]. „Seismic
isolation retrofit in Japan”, 12th World Conference on Earthquake Engineering,
Vancouver, Canada
Kelly J.M. [1991] “Dynamic and failure characteristics of Bridgestone isolation bearings”
EERC Report no. 1991-04, College of Engineering, University of California, Berkeley.
Kelly J.M. [1993] “Earthquake resistant design with rubber,” Springer-Verlag, London.
Kelly T. [2001] “Base Isolation of Structures – Design Guidelines” Holmes Consulting Group
ltd, Wellington, New Zealand.
Kelly J.M., Takhirov S.M. [2004] “Analytical and numerical study on buckling of elastomeric
bearings with various shape factors” EERC Report no. 2004-03, College of Engineering,
University of California, Berkeley.
Komuro T., Nishikawa Y., Kimura Y. and Isshiki Y. [2005] „Development and realization of
base isolation system for high-rise buildings”, Journal of Advanced Concrete Technology
3 (2): 233-239
Conclu sion i 207

LLGG98 [1998] “Linee guida per il progetto di edifici con isolamento sismico”, Servizio
Sismico Nazionale, Italy.
Mayes R. [2006], “State of the Art Technologies Base Isolation and Energy Dissipators
Protection of Nonstructural Elements and Contents”, 100th Anniversary Earthquake
Conference Commemorating the 1906 S. Francisco Earthquake, Tutorial.
Malkus D.S., Hughes T.J.R. [1978], “Mixed finite element methods-reduced and selective
integration techniques: a unification of concepts,” Computer Meth Appl Mech Engng
11:63-81.
Masato A., Yoshida J., Fujino Y. [2004] “Multiaxial behaviors of laminated rubber bearings
and their modeling. II: Modeling” Journal of Struct Engng 130/8:1133-1144.
Matsuda A et al 2001, “Numerical simulation of the loading tests of laminated rubber
bearings” JSME Int. J. Ser. A 44:160–6.
Mele. E, Ciampoli M. [1989] “I dispositivi riduttori delle forze: una nuova strada per la
progettazione sismoresistante” Costruzioni Metalliche 1/1989.
Mele E. [1994] “Modellazione e Comportamento di Strutture Isolate alla Base” Tesi di
Dottorato, Napoli.
Miyake H., Ohtani K., Fujimura M., Higashino M., Kibayashi M. [2004]. “Base isolation
retrofit work can be done while a building is being occupied and subsequent large-scale
addition constructed inside the building”, 13th World Conference on Earthquake
Engineering, Vancouver, Canada
Mizukoshi K., Yasaka A., Iizuka M., Takabayashi K., [1992] “Failure test of laminated rubber
bearings with various shapes”, Tenth World Conference on Earthquake Engineering,
Balkema, Rotterdam.
Mooney M. [1940] “A theory of large elastic deformation,” J. Appl. Phis. 11: 582–597.
Murota N., Ishizuka H., Yoshizawa T. [1995] “Dynamic and failure properties of high
damping rubber bearing under high axial stress”, International Rubber Conference (IRC
95) Kobe, Japan 15-18.
Naeim, F., Kelly, J. M. [1999]. Design of seismic isolated structures - From Theory to
Practice. J. Wiley & Sons, New York.
Nagtegaal J.C., Parks D.M., Rice J.R. [1974], “On numerically accurate finite element
solutions in the fully plastic range,” Computer Meth Appl Mech Engng 4:153-77.
Notification 2009 [2000] “Structural calculation procedure for buildings with seismic
isolation”, Ministry of Construction, Japan.
Notification 1446 [2000] “Standard for specifications and test methods for seismic isolation
devices”, Ministry of Construction, Japan.
Okamoto S:, Kani N., Higashino M., Koshika N., Kimizuka M., Midorikawa M. and Iiba M.,
[2002]. “Recent developments in sismically isolated buildings in Japan”, Earthquake
Engineering and Engineering Vibration, 1 (2): 213-225
OPCM 3431 [2005] “Norme tecniche per il progetto la valutazione e l’adeguamento sismico
degli edifici”. Presidenza del Consiglio dei Ministri, Italy.
208 C ap it olo 8

Otani S. [2004]. “Japanese seismic design of high-rise reinforced concrete buildings – an


example of performance-based design code and state of practices”, 13th World Conference
on Earthquake Engineering, Vancouver, Canada
Pan P., Zamfirescu D., Nakashima M., Nakayasu N., Kashiwa H. [2005], “Base-Isolation
design practice in Japan: introduction to the post-Kobe approach”, Journal of Earthquake
Engineering, Vol. 9, No. 1, 147–71.
Papoulia K.D.P. [1992], “Aspects of the non-linear analysis of elastomeric seismic isolators”,
Ph.D. thesis Department of Civil Engineering, University of California, Berkeley.
Rivlin R.S., Saunders D.W. [1951] “Large elastic deformation of isotropic materials,” VII
Experiments on the deformation of rubber, Philos Trans Royal Soc Lond Ser A 865,
243:251-288.
Robinson W.H., Tucker A.G. [1977] “A lead rubber shear damper” Bulletin of the New
Zealand National Society for Earthquake Engineering (10) 3:151-153.
SEAONC [1986] “Tentative Seismic Isolation Design Requirements”, The Base Isolation
Subcommittee of the SEAONC Seismology Committee, USA.
Seky W., Fukahory Y., Iseda Y., Matsunaga T. [1987], “A large deformation finite element
analysis for multilayer elastomeric bearings,” Rubber Chem Technol 60:856-69.
Shimizu Corporation [1991], “Base Isolation and Vibration Control System”, Seismic
Isolation and Response Control for Nuclear and non-Nuclear Structures, Special issue for
the exhibition of 11th international conference on structural mechanics in reactor
technology, Tokyo, Japan.
Sueoka T., Torii S., Tsuneki Y. [2004]. “The application of response control design using
middle-story isolation system to high-rise building”, 13th World Conference on
Earthquake Engineering, Vancouver, Canada.
Sussman T., Bathe K.J. [1987], “A finite element formulation for nonlinear incompressible
elastic and inelastic analysis” Computer Struct 16:1/2.
Takayama M., Tada H., Tanaka R. [1992], “Finite element analysis of laminated rubber
bearings used in base-isolation system.,” Rubber Chem Technol 65:46-62.
Takayama M., Morita A.K. [2000], “Finite element analysis focused on the flange plates and
connecting bolts of rubber bearings” 12WCEE 1295.
Takayama M., Morita K. [2004], “Finite element analysis of natural rubber isolator”, JSSI
10th Anniversary Symposium on Performance Response Controlled Buildings, 2004.
Takenaka corporation [2006]. Takenaka corporation website: www.takenaka.co.jp.
UBC [1991] “Earthquake regulations for seismic isolated structures” International
Conference of Building Officials, chapter 23.
UBC [1994] “Earthquake regulations for seismic isolated structures” International
Conference of Building Officials, appendix chapter 16.
UBC [1997] “Earthquake regulations for seismic isolated structures” International
Conference of Building Officials, appendix chapter 16.
Conclu sion i 209

UNI 6065 [1981] “Elastomeri. Prove su vulcanizzati. Prova di trazione su provini normali e
ridotti”, Ente nazionale italiano di unificazione.
Yoshida J., Masato A., Yozo F., Hiroshi W. [2004] “Three-dimensional finite-element
analysis of high damping rubber bearings” J. Eng. Mech. 130/5:607-620.
Zayas V. A., Low S. S. Mahin S. A. [1987] “The FPS earthquake resisting system:
experimental report”, UCB/EERC-87/01, Berkeley, California, USA.
I

Appendice

Deformate significative dei dispositivi elastomerici


Ø400 con S2 variabile tra 1.51 e 6.15
Elenco delle deformate significative
Deformate per carichi verticali
1. S2=6.15 ; pm=6MPa
2. S2=6.15 ; pm=15MPa
Deformate per carichi verticali + spostamento orizzontale (γd=100%)
3. S2=6.15 ; pm=6MPa
4. S2=6.15 ; pm=10MPa
5. S2=6.15 ; pm=15MPa
6. S2=2.96 ; pm=6MPa
7. S2=2.96 ; pm=10MPa
8. S2=2.96 ; pm=15MPa
9. S2=1.51 ; pm=6MPa
10. S2=1.51 ; pm=10MPa
11. S2=1.51 ; pm=15MPa ; γd=91% (instabile)
Deformate per carichi verticali + spostamento orizzontale (γd=200%)
12. S2=6.15 ; pm=6MPa
13. S2=6.15 ; pm=10MPa
14. S2=6.15 ; pm=15MPa
15. S2=4 ; pm=6MPa
16. S2=4 ; pm=10MPa
Deformate per carichi verticali + spostamento orizzontale (γd=300%)
17. S2=6.15 ; pm=6MPa
18. S2=6.15 ; pm=10MPa
19. S2=6.15 ; pm=15MPa
II Appendice

1. Deformata per CV - S2=6.15 ; pm=6MPa


a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice III

2. Deformata per CV - S2=6.15 ; pm=15MPa


a b

c d

a. b.

c. d.
IV Appendice

3. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=6MPa ; γd=100%


d/D: 16%

a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice V

4. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=10MPa ; γd=100%


d/D: 16%

a b

c d

a. b.

c. d.
VI Appendice

5. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=15MPa ; γd=100%


d/D: 16%

a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice VII

6. Deformata per CV+CO - S2=2.96 ; pm=6MPa ; γd=100%


d/D: 34%

a b

c d

a. b.

c. d.
VIII Appendice

7. Deformata per CV+CO - S2=2.96 ; pm=10MPa ; γd=100%


d/D: 34%
a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice IX

8. Deformata per CV+CO - S2=2.96 ; pm=15MPa ; γd=100%


d/D: 34%
a b

c d

a. b.

c. d.
X Appendice

9. Deformata per CV+CO - S2=1.51 ; pm=6MPa ; γd=100%


d/D: 66%
a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice XI

10. Deformata per CV+CO - S2=1.51 ; pm=10MPa ; γd=100%


d/D: 66%
a b

c d

a. b.

c. d.
XII Appendice

11. Deformata per CV+CO - S2=1.51 ; pm=15MPa ; γd=91%


d/D: 60% (instabilità globale: curva F-d in figura 117)
a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice XIII

12. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=6MPa ; γd=200%


d/D: 33%

a b

c d

a. b.

c. d.
XIV Appendice

13. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=10MPa ; γd=200%


d/D: 33%

a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice XV

14. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=15MPa ; γd=200%


d/D: 33%

a b

c d

a. b.

c. d.
XVI Appendice

15. Deformata per CV+CO - S2=4 ; pm=6MPa ; γd=200%


d/D: 50%

a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice XVII

16. Deformata per CV+CO - S2=4 ; pm=10MPa ; γd=200%


d/D: 50%

a b

c d

a. b.

c. d.
XVIII Appendice

17. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=6MPa ; γd=300%


d/D: 49%

a b

c d

a. b.

c. d.
Appendice XIX

18. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=10MPa ; γd=300%


d/D: 49%

a b

c d

a. b.

c. d.
XX Appendice

19. Deformata per CV+CO - S2=6.15 ; pm=15MPa ; γd=300%


d/D: 49%

a b

c d

a. b.

c. d.