Sei sulla pagina 1di 49

Berchina Aliona

- Frammenti -

Quest'opera stata rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione - Non


opere derivate 4.0 Internazionale. Per leggere una copia della licenza visita il sito web
http://creativecommons.org/licenses/by-nd/4.0/.

A mamma che stata la mia prima fan,


ai ragazzi dell'Essecieffe per avermi ridato la voglia
di scrivere,
a Walter per il coraggio
e ad Ale per esserci stato quando ne avevo bisogno,
Grazie

Indice generale
Prezioso................................................................................................................................................5
Stagioni.................................................................................................................................................6
Piove.....................................................................................................................................................7
O Luna..................................................................................................................................................8
Notturno................................................................................................................................................9
Insonnia..............................................................................................................................................10
Addormentandoci...............................................................................................................................11
Cielo...................................................................................................................................................12
Mattina................................................................................................................................................13
Sole.....................................................................................................................................................14
Calura Estiva......................................................................................................................................15
Mare....................................................................................................................................................16
Neve fuori stagione.............................................................................................................................17
Bianche sponde...................................................................................................................................18
Domenica Mattina..............................................................................................................................19
Interrogazione.....................................................................................................................................20
Frustrazione........................................................................................................................................21
Nebbia a Venezia................................................................................................................................22
Colpo di fulmine.................................................................................................................................23
Tramonto artigiano.............................................................................................................................24
Ricordo Nostalgico.............................................................................................................................25
Carnevale............................................................................................................................................26
Memorie di un colpo di fulmine.........................................................................................................27
Rivoluzione.........................................................................................................................................28
Pensiero..............................................................................................................................................29
Consiglio.............................................................................................................................................30
Ricordo...............................................................................................................................................31
O Musa...............................................................................................................................................33
Processo Creativo...............................................................................................................................34
Poesia..................................................................................................................................................35
Nostalgia.............................................................................................................................................36
Pace.....................................................................................................................................................37
Senso d'Oblio......................................................................................................................................38
Sentimento..........................................................................................................................................39
Vetro...................................................................................................................................................40
Vita.....................................................................................................................................................41
Chi mai dovremmo ringraziare?.........................................................................................................42
Scoprirsi..............................................................................................................................................43
Basterebbe poco..................................................................................................................................44
Addio..................................................................................................................................................45
Ansia...................................................................................................................................................46
Naufragio............................................................................................................................................47
Ispirazione..........................................................................................................................................48
Discesa................................................................................................................................................49

Prezioso
Vorrei donarvi il mio amato cielo:
quel chiaro ed infinito velo,
le luci, le ombre ed i colori
ed ogni cosa chio vedo fuori.
Vorrei lasciarvi i miei occhi per guardare
ed il mio cuore mentre impara ad amare
ed ogni cosa chio abbia mai avuto
ed il ricordo dogni cosa che ho vissuto.
Condividendo tutto questo bene,
vorrei sentiste quanto provo adesso
chho ritrovato me stessa nelle stelle:
il mondo scorre come vita nelle vene.
E so che nulla pi sarebbe stesso
Se voi provaste questo sulla vostra pelle.

Stagioni
Frusciano fragili foglie dorate
scosse da un gelido vento autunnale,
ecco, ora scendono come a spirale,
danzano in aria di vita private.
E nei miei occhi si schiude un sorriso,
quando si posan su tanta bellezza
e sulla pelle, del vento la brezza,
poggia bianchi fiocchi di paradiso.
Sembra cader nelleterno riposo
ci che dapprima pareva s vivo:
dolce illusione, o tempo gioioso!
tu che diffondi il calor decisivo,
perch in futuro rinasca cos:
sotto le luci di un sole estivo.

Piove
Cade leggiadra dal cielo una goccia,
poi, come un fiore, un fulmine sboccia,
squarcia il blu cupo il rombo di un tuono,
poi per i tetti rimbomba tal suono.
Cade funesta da strati stremati,
batte la pioggia su vetri appannati,
lalbero sembra piegarsi dal vento
che ulula forte con fare scontento.
Ora che inizia a placarsi... rallenta
scioglie la presa dal tronco del faggio
e mentre lira di prima s spenta
sapre il cielo e, come un ostaggio,
a cui agire permesso non era,
spunta di sole un timido raggio
a cancellare la tetra atmosfera.

O Luna
Fulgido astro che appari in cielo
quando discende la notte oscura,
e delle nubi discosti il velo
con la tua luce candida e pura.
Tu che sei simbol di grandi passioni
dalluomo vissute, tra gioie e dolori.
Dolci inezie, romantiche illusioni
tante emozioni dovute agli amori.
Anche se la tua luce rubata
perch del Sole modesto riflesso,
la tua bellezza come incantata
dalla magia del tempo concesso
a chi, sognante, ti ha osservata
e in cuor suo non pi lo stesso.

Notturno
Luce, frusta che laria ferma strazia
e straccia la certezza. Squarcia la tela
degli stabili orrori poi si svela:
un istante freddo, la mente sazia,
stracolma dangosce e paure. Vano,
il tentativo di prendere calma.
Vano il respiro, che il petto spalma.
Gli occhi socchiusi, trema la mano.
Luce funesta, maggior timore umano,
lorrore, lingombro che hai lascito:
dubbio, tensione allignoto e allo strano,
Sciocco terrore dindeterminato.
Perso in avanti, lo sguardo lontano
Quando arriva il nero boato?

Insonnia
Giro e rigiro la testa nel letto,
ma di pensare ancora non smetto.
Sento stanchezza invader le braccia,
ciononostante, comunque io faccia
proprio non riesco a prender congedo
e allontanarmi dal mondo che vedo.
Mentre il silenzio alle orecchie mi urla,
quel ticchettante orologio si burla
di questi sforzi che devo fare
solo e soltanto per riposare.

10

Addormentandoci
Il buio riecheggia dentro al cuore,
un manto spesso, ricopre ogni rumore
il vento stesso, sembra acquietarsi
fondersi con lombre, addormentarsi
scandite da lancette, rimbombano le ore.
Sprofonda nel cuscino, del giorno il dolore
stremata dalla vita non vuol che riposarsi
la stanca mente, ed il pensiero, cancellarsi
nascondere, deluse aspettative.
Lasciar fuggire, diurne occupazioni.
Ricaricarsi, sognando bianche rive
e scorgere, lontane, le azioni
in questo tempo, di significato prive
che pochinnanzi sembravano attrazioni.

11

Cielo
Un manto cos chiaro e accecante
che copre i pi tetri orizzonti,
ignaro della vita sottostante:
vi scorre come un fiume sotto i ponti.
Avvolge il globo dolcemente,
il pallido frammento dinfinito,
e lo difende come pu, costantemente,
come un padre il bimbo impaurito.

12

Mattina
Lento, il buio, sincrespa,
Lanima stanca, ancora riposa,
lunica sveglia, una vespa,
sagita senza sapere per cosa.
Sode lontana la vita,
canto daugelli in crescendo,
porta una notte finita,
lattimo vuoto svanendo.

13

Sole
Tu che doni energia e calore,
tu che dai luce ai nostri occhi,
tu che per noi rappresenti la vita,
tu che ci guardi amorevole,
tu che scomparirai,
lasciandoci al buio

14

Calura Estiva
Si rompe fragile, il Sole sulle dita
e lerba fresca, tagliata solo un poco,
dodore acre, e pesante, come la vita,
sadagia, esalando un grido roco.
E mentre, il calore, sembra scioglier ogni cosa,
nellaria sodono schiamazzi di cicale,
solo quellerba non ne sente pi il male.
Come ogni estate secca e polverosa,
cos la vita che dalle mani fugge
e vien riarsa, e sotto al Sole strugge.

15

Mare
Quando lo sguardo si posa
su quellinfinita distesa,
sembra svanire ogni suono,
il silenzio lambisce le orecchie,
ogni cosa si spegne
affondando nella sabbia
e la salsedine pervade le narici,
ecco che un grido ti giunge,
con la schiuma, sinfrange sugli scogli.
Porta un messaggio: libert.

16

Neve fuori stagione


Volgendo verso lalto uno sguardo,
notando, dispiaciuti, un cielo nuvoloso;
arriver, con la rapidit dun dardo,
lidea di un prodigio favoloso.
Dapprima una strana sensazione:
sembrava solo una giornata storta.
Adesso se ne intende la ragione:
la nuvola rivalutata, candore porta.
DallAlto semina questacqua congelata.
Come un miracolo, si posa sul terreno.
Questa mattina sembrava non aver del buono
e vede sciogliersi le nubi che lavevan ruinata:
riversan gi, da un cielo cos pieno
un tanto dolce, quantinatteso dono.

17

Bianche sponde
Cos quel canto che si leva da lontano?
Cos la melodia che laccompagna?
Dimmi cos che mi fa tremar la mano
e che scrivendo, dellemozion le gote bagna.
Maccorgo ora che viene dallinterno,
dallanima, che vuol farsi sentire:
vuol dirmi, cosa prospetta lavvenire
del lungo tempo, laddove sempre inverno.

18

Domenica Mattina
La luce scorre flebile, filtrando entro la grata,
eppure dolorosa agli occhi
sar perch mi sento ancora addormentata.
Loscurit vien diradata a fiocchi.
Mi alzo a fatica, mi sento rintronata,
son dodici i rintocchi
perch ho passato in piedi la nottata
ed ora non son pi balocchi,
le conseguenze tutte le risento,
ciononostante, di pena ne valsa.
Seppure apro gli occhi a stento.

19

Interrogazione
Lascia tremare i cor l'occhio solenne,
ignaro delle nostre riflessioni
che mai comora ci mosse ad emozioni
verso Ci che lalma fia perenne.
E ci che a cor dolea, penna ottenne.
Sostando alletichetta a gravi toni.
Pronunzi giudice, sue decisioni:
sicch il tristo al mietitore avvenne.
E tardi gi nasconder lignoranza,
tardi ad espiazione e pentimento.
Inutile mostrar cos baldanza,
inutile commover sentimento:
buio volto il carnefice e creanza,
a maschera del tenero intento.

20

Frustrazione
S agita come un mare in petto,
sembra schiacciare il povero cuore,
in pi saccresce durante le ore,
stanca e confonde ogni intelletto.
Se non si libera questo malore,
non se ne lascia uscire il concetto,
se ne dovr subire leffetto,
di cancellare la forza e il valore.

21

Nebbia a Venezia
Infranto locchio su di quel muro bianco
che dun candore infinito e accecante
dipinto ha la mente e laria ansante,
svuotando il dolore damor stanco

22

Colpo di fulmine
O quale arte, o quale luogo,
memoria ne conservi atto:
che di lontano nasca il rogo,
ma bruci a fondo il cuore matto!

23

Tramonto artigiano
Ancor tra li sperduti colli sona,
poi scende rimbombando nella piana
ma leco che trasporta cosa vana:
chormai svanisce ne lamenti la persona.
E di quellarte non rimane che licona,
lo stereotipo di vita un po lontana,
sconfitta e consunta dalla mondana:
coi suoi costumi a coesister stona.
Cos si estingue in un tramonto doro
il suono e il simulacro a tempi andati
che tosto laria impregnava di lavoro
e attardava lopra ad ingressi illuminati
di botteghe scosse dagli arnesi in coro
e che ancor risuonan, gi passati.

24

Ricordo Nostalgico
Laddove il grido del silenzio laria frange
e immoto e immutato il tempo langue,
sincentra il senso di ci chesangue:
di quelle ombre che la mente ancora tange.
Il suono dun qualcosa di sincero,
il vuoto lamentoso del dolore
serbato in fondo ad uno sciocco cuore
che niente mai dimentica davvero.
Quel luogo nella mente e nelladdio,
il luogo della fuga e del rimpianto,
laddove troppo spesso vivo anchio.

25

Carnevale
Vedo raggianti colori brillare
Vedo sfarzosi costumi sfilare
Vedo bambini dai volti gioiosi
Vedo paesaggi meravigliosi
Vedo i carri di fiori ornati
Vedo il divertimento dei mascherati
Vedo il tutto con sguardo passivo,
perch ancora non lho visto dal vivo.

26

Memorie di un colpo di fulmine


Sconosciuto, ignoto, altero:
un mare che sommerse il pensiero.
Con le fredde e fosche acque
ricopr la mente e tacque
Cosa accadde poi? Sgomento.
Non ritorna quel momento
quando, sperso, il cuore attese,
prima ancor che mente apprese.

27

Rivoluzione
Di quella madre devastata
che storna gli occhi dalla culla
con lanima sgranata
nel nulla e innanzi al nulla

28

Pensiero
Condotto per un filo intangibile,
un mare incontrastabile
lintimo estratto dello scibile.
Ora feroce ora labile.
Qui c la liberta di scegliere,
barriere e limiti abbattere:
Non son che scogli su cui frangere
I nobili ideali delluman vivere.

29

Consiglio
Quando il bisogno stringe e attanaglia
il cuore, che loco di battaglia
tra dubbi futili e pi speranza:
verso innocenza, tentazione avanza.
Quandogni voce nota sbaglia
e lago ritrovare nella paglia
impossibile, per mera ignoranza.
Di ci che pare iniquo, lincuranza,
non pi sufficiente. Cosa fare?
Dagli occhi incantati togli il velo,
non trapelar lamenti e grida.
Dallapprensione non lasciarti consumare,
ma volgi sguardo stanco verso il cielo:
fatti cullare da Colui che guida.

30

Ricordo
La penna accarezza i miei pensieri,
linchiostro bagna gli occhi lentamente
quel giorno che osservo, sembra ieri.
Eppure esiste solo nella mente.
Miravo lorizzonte con amore,
quei giorni in cui speranza e fantasia
lavvolsero con tenero torpore,
ed ogni cosa ignota era magia.
E quel confine tanto sospirato?
Gli anni me ne han dato occasione,
la soglia finalmente ho varcato:
vi ho visto paura e delusione.
E mi nascondo dietro le incertezze
vo chiudendo gli occhi allazione,
per non cadere nelle proprie debolezze:
per non scordar quellillusione
di mondi nuovi e dimpavide imprese
che mi vedevo a fare di lontano
e verso cui andavo a mani tese,
e di cui ora ho solo un ricordo vano.
Lingenuit in cui prima barcollavo,
ora certezza in cui sto ferma e tremo:
un mondo sporco che ignoravo,
un mondo sporco chora vivo e temo.

31

Ma devo andare avanti a dispetto


di tutte quelle cose che volevo
e che ora vivo col terrore in petto.
Ricordo quando ancora non sapevo.
Ma dentro il cuore ancora stringe
un tempo che ormai non vive pi,
ma che ad andare avanti spinge:
a non lasciarsi andare gi.
Milludo sia un sogno, sperando
di svegliarmi nel mondo buono:
quel mondo che guardavo ammirando,
che dietro lorizzonte, come un tuono,
mi sorprendeva nelle notti di bambina.
La speranza di avere quel che verr
e il raggio di luce per me ogni mattina
che spezzava le tenebre, non torner.

32

O Musa
Come un selvaggio augello ti presenti,
se ti concedi e ti posi sulla mano,
serrarla non conviene, o volerai lontano,
lontano, disperdendoti tra i venti.
Eppur non ti presenti mai invano:
i pochi fortunati renderai contenti,
ch delle grazie tue son molti i contendenti
ma per averle occorre un che di strano.
Non basta, infatti, la sola bramosia,
per te non mai sufficiente
occorre anche dolore e, perch no? Follia,
un sentimento s ambiguo e s possente
da render raggiungibile la tua magia
che del crear il solo ingrediente.

33

Processo Creativo
Sospeso in aria sta il mio pensiero
E nella mente il vuoto si diffonde,
la vista si offusca e si confonde:
raggiunge finalmente lestro vero.

34

Poesia
Donare lonore di vita a s stessi,
sapere e credere di non essere persi
vedere e sentire lessenza dei versi
scavare il fondo di sensi dismessi
e scorrere lalma a fiotti dal cuore,
stillando ogni goccia dinchiostro su carta:
lasciare che viva da sola e parta,
andando laddove la porti lamore:
la fonte ispirata, ignota ai molti.

35

Nostalgia
Ed io attendo trepidante,
e non sto pi in me,
e col pensiero ripercorro quelle giornate afose
e quegli istanti che precedono lalba,
in cui il mondo spento
ed tutto per me,
e non posso che sospirare
e sperare, che il tempo mi sia amico
e mi riporti a quei momenti
quando mi sentivo ancora libera

36

Pace
Sedendoti tranquillo presso un fiume,
invece di gettare in giro i sassi,
prova a goderti le bianche schiume,
lasciandogli sciacquare tutti i passi,
e al Solo abbagliarti in pieno viso
Se in questa occasione tu pensassi:
sicuramente ti spunterebbe un sorriso.
Non solo agli angeli qualcuno ha dato piume,
non solo, ai defunti, il paradiso.

37

Senso d'Oblio
Si spegne, lentamente, la ragione,
lasciando spazio a battiti remoti
che liberano vita in lievi moti,
spezzando le catene dellazione.
E passa attraverso li occhi voti,
fluendo, lenergia di stagione:
la Primavera. N comalluvione
che strugge dighe a vaghi vizi noti.
E lanimo afflitto si risana,
creando nuovo scopo a esistenza
cancella li bisogni ormai passati.
Quandogni cosa innanzi a tanto cosa vana
inutile tentar di porvi resistenza:
inarrestabili i dardi che ha scagliati.

Sentimento
Lascia bruciare logica e ragione,
lascia che siano coperte dalloblio,
non sia pensiero o singola azione
a contrastarne lultimo addio.
Lascia vagare libero quel senso,
lascia che lanima sussurri all'orecchio:
ti dica quanto ho in core e quanto penso,
lo capirai prima che il d sia fatto vecchio

Vetro
Se alla finestra, a volte, mi siedo,
mi meraviglio di quello che vedo:
vedo ideali, forza, valore
in quella Natura che canta al cuore,
cos insistente che pur nolente, io cedo
a tanta belt e virt e potenza, quasi non credo.
E in mezzo alla grazia di tutto il colore,
so che potrei passare limmensit delle ore.
Poi mi riscuoto e, guardando lontano,
sento estranea la vita mondana,
come se essere un essere umano
rendesse ogni sorta d aspirazione, vana.
Poso lo sguardo sul vetro e: che strano!
La vita non pu esser vista da questa membrana

40

Vita
Se per un istante il mondo rallentasse,
se la quotidianit prendesse una piega imprevista,
se ogni persona si soffermasse a gurdare il cielo,
se crollasse lindifferenza,
se il primo pensiero fosse rivolto agli altri,
se fossero abbattute le discriminazioni,
se fossero rotti gli schemi,
se si ascoltasse davvero col cuore
solo allora sfioreremmo la felicit.

41

Chi mai dovremmo ringraziare?


Se sosservasse la tavolozza dun pittore,
si noterebbe che tutto quel colore
preso a prestito dalla Natura stessa:
la sua bellezza a dotte mani ha concessa.
Se sosservasse il ritmo dun attore
Si accorgerebbe qualunque spettatore,
chogni movenza, che egli abbia espressa
sia stata la Natura ad avergliela permessa.
In modo analogo, rivalutando ogni arte,
se solo fosse semplice da fare,
ed osservandola in ogni sua parte,
per quelle qualit s rare,
che cuciono la vita come sarte,
chi mai dovremmo ringraziare?

42

Scoprirsi
Come un vecchio e logoro panno,
che si sgualcisce o si rompe al lavaggio:
cos lanima stanca in affanno,
quando deve intraprendere Il viaggio.
Sia questo viaggio in un luogo lontano,
il pi remoto che abbia mai visto,
Sia questo luogo il Mondo umano,
quello interiore, colmo, ma tristo.

43

Basterebbe poco
Taci, o Mondo sfrontato,
fermati per un momento.
Siedi lontano su un prato,
guardati attorno pi attento.
Senti il silenzio creato?
Odi, adesso, il vento?
E derba il germoglio ch nato?
Anche se in mezzo ai cento?
Provaci almeno per un secondo
e potresti esser diverso, caro il mio Mondo.

44

Addio
E mentre abbandona le sue spoglie vecchie,
guardando da lass, non sente nostalgia.
E come se un ricordo, frustasse le orecchie,
perci non prova alcun dolore andandosene via.

45

Ansia
Il cuore batte allimpazzata,
la carta: unica alleata,
consola quei pensieri storti
che giaccion ora come morti.
E scorron le parole a fiumi,
concrete quanto ombre sotto i lumi,
con locchi volti al cielo oscuro,
le nubi innanzi il sol: un muro
Tutto si stringe vorticando,
opprime, lidea di ogni sorte.
Vaghe speranze, ricordando
non sono che parole morte.
Nuove paure vo creando:
vedere solo chiuse porte.

46

Naufragio
Nulla pi, dun grido che si cela
e affonda in core.
Nulla pi lo spento riso vela,
traspare il dolore.
Di vana speme, tanto accesa,
ormai relitto giace,
e quella luce si arresa.
Morendo si dispiace
di ideali stanchi,
su rive disperate
daguzzi e granitici giganti.
Di cosa vi fidate?
di scogli i sensi ingannati
le vele ammaestrate?

Ispirazione
Silenzio: impassibile mi guarda.
Beffardo, mentre provo ad ascoltare.
Oscura figura dell'ora tarda,
solo compagno di un vano cercare.
Il desiderio verso Lei proteso,
dal canto obnubilante che trascende
la mente. Buio, pensiero sospeso:
la strazia dall'interno. Poi l'accende.
Sacrificato il sonno, al tiranno
del Silenzio, compare la Signora
delle solinghe notti e dell'affanno.
Finalmente, la carta si colora
d'inchiostro che solo placa la sete.
Ti prego, o musa, parlami ancora.

Discesa
Sospinti dal vento, nel buio dispersi,
da fuori uguali, ma dentro diversi
girando gridando lottando soffrendo,
ognuno si spegne, calore togliendo.
Granelli di luce, che muore cadendo,
soffrendo lottando gridando girando
si aggrappano a s stessi per sostenersi,
spezzati dal gelo, i sentimenti detersi
E dopo la bufera, che cosa lo aspetta?
Al singolo fiocco di neve cascato,
allessere umano che ha perso ogni vetta?
Ai caduti alla cieca, guidati dal Fato,
un fragile corpo che si scioglie in fretta
e Oltre? Nulla pi che un passaggio di stato.