Sei sulla pagina 1di 64

GUARDIA DONORE

C/0553/2011

Registrazione del Tribunale di Roma n 300/86 del 10/06/1986

LItalia sia rispettata. I soldati italiani siano rispettati. LItalia sia rispettata. I soldati italiani siano rispettati. LItalia sia rispettata. I soldati italiani siano rispettati.

maggio / giugno 2012

SOMMARIO
pag.

MAGGIO

- GIUGNO 2012

Quote sociali Avvisi Cronaca delle Delegazioni Prossimi eventi Cultura Note liete Nuovi iscritti Ore di Servizio Oggettistica Modulo di domanda di ammisione

1 2 6 51 54 55 56 57 58 60

Rivista bimestrale dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon

Direzione: 00186 Roma - Via della Minerva, 20 Tel. 06.67.93.430 Fax. 06.69.92.54.84 Indirizzo Internet: www.guardiadonorealpantheon.it

E-mail dellIstituto: guardiadonore@tiscali.it

Direttore Responsabile: Ugo dAtri


Le lettere e gli articoli esprimono unicamente le opinioni degli autori. Propriet letteraria, artistica e scientifica riservata. per le riproduzioni anche se parziali, fatto abbligo di chiederne preventiva autorizzazione, citarne la fonte, inviando allIstituto una copia.
La collaborazione del Direttore e dei soci da sempre gratuita e mai pu assumere la forma di lavoro dipendente o di collaborazione autonoma perch incompatibile con la natura volontaristica dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle reali Tombe del Pantheon, di cui la Rivista organo. Fermo quanto precede, la direzione si riserva di ospitare, in attuazione allart. 21 della Costituzione, interventi anche di non soci a titolo gratuito, riservandosi sempre e comunque il diritto di apportare tagli e modifiche ritenute necessarie. Ogni collaborazione implica accettazione integrale e senza riserve di quanto precede.

Hanno collaborato a questo numero: Gianluigi Chiaserotti Ugo dAtri

Registrazione del Tribunale di Roma n. 300/86 del 10-06-1986

Spedizione in abbonamento postale Del presente numero di 60 pagine sono state stampate 4500 copie Finito di stampare il 2-5-2012 Impaginazione e stampa: Co.Art s.r.l. www.co-art.it Prevista consegna alle poste il il 4-5-2012

SOMMARIO

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

QUOTE SOCIALI
AMMISSIONE .............................................................50 Euro (senza fascia e cravatta/foulard) .....................................................................................100 Euro (con fascia e cravatta/foulard) RINNOVI ANNUALI ...................................................30 Euro SOCI SOSTENITORI ..................................................50 Euro (fino a 100) SOCI BENEMERITI ....................................................100 Euro (oppure oltre) DIPLOMI DI GUARDIA DONORE, GUARDIA DONORE SCELTA, MERITO DI SERVIZIO.....50 Euro I versamenti possono essere eseguiti sul C.C.P. 59325001: INTESTATO A ISTITUTO NAZIONALE PER LA GUARDIA DONORE ALLE REALI TOMBE DEL PANTHEON Le coordinate bancarie dellIstituto sono le seguenti:

numero conto: 000000092139 IBAN (coordinate bancarie internazionali) IT84R 05390 03201 000000092139 BIC: ARBAIT 33042 Banca Etruria, via Uffici del Vicario n 45/48, 00186 Roma, tel 06/69768340

Continuano a pervenire bollettini di conto corrente postale di "ignoti" che hanno dimenticato di scrivere le proprie generalit . Al fme di evitare la mancata attribuzione dell'avvenuto pagamento, si pregano le Guardie d'Onore che avessero erroneamente compilato questi bollettini, di prendere contatto con la segreteria della presidenza, per poter cos evitare di essere considerati morosi. E le poste accrescono i problemi. U. dA.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

AVVISI

LE MONETE DEL REGNO Privato vende collezione delle monete del Regno dItalia quasi completa (mancano unicamente il 20 centesimi stemma del 1863, il 50 lire stemma ed il 100 lire stemma del 1864 di Re Vittorio Emanuele II, il 5 lire aquila sabauda del 1901, il 5 lire quadriga briosa del 1914, il 100 lire impero del 1936 ed il 100 lire littore del 1937 di Vittorio Emanuele III) composta da 82 monete, certificate tranne quelle di minimo valore nella loro autenticit e livello qualitativo, come da documento che si allega a puro titolo indicativo. Il valore attuale della collezione di 275 mila euro, somma sulla quale il venditore disponibile ad effettuare uno sconto. Per maggiori informazioni, rivolgersi allIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon.

LA CRAVATTA SOCIALE La presidenza dellIstituto vorrebbe far realizzare alla sartoria Marinella di Napoli un nuovo lotto di cravatte con lo stemma dellIstituto, come gi fatto negli scorsi anni. Gli iscritti interessati allacquisto sono pregati di prenotarsi mettendosi in contatto con la segreteria della presidenza, ai recapiti: 06/6793430, fax 06/69925484, e-mail:guardiadonore@tiscali.it. ****** VERSAMENTI Continuiamo la pubblicazione dei nomi delle Guardie dOnore che versano allIstituto una quota superiore a trenta euro. La lista comprende i seguenti nomi: Acampora Roberto 50 euro Cremonte Pastorello di Cornour Alessandro50 euro Crepaldi Luigi 50 euro Ferrari Giancarlo 50 euro Frau Marcello 50 euro Lembo Alberto 50 euro Marinaro Mario 50 euro Martinelli Valeria 70 euro Mehrlein Adalberto 100 euro Piazzini Roberto 50 euro Pizza Pier Paolo 50 euro Pugliese Francesco 50 euro Taglioretti Franco 50 euro Vignoli Virginio Agostino 50 euro ****** MASSIMILIANO LATORRE E SALVATORE GIRONE I nostri mar non hanno n televisione n giornali

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

italiani ed hanno chiesto di poter ricevere lettere e cartoline per non sentirsi troppo lontani dallItalia: chiunque volesse scriver loro, ecco di seguito lindirizzo: CONSOLATO GENERALE D ITALIA MUMBAI Kanchanjunga Building 1st Floor 72, G. Deshmukh Road 400026 (Former Pedder Road); e-mail: consulgeneral.mumbai@esteri.it; consolare.mumbai@esteri.it ****** ISTITUTO NAZIONALE PER LA GUARDIA DONORE ALLE REALI TOMBE DEL PANTHEON DELEGAZIONE PROVINCIALE DI ENNA ASSOCIAZIONE AMICI DEL MONTENEGRO ONLUS DELEGAZIONE I.N.G.O.R.R.T.T.P DELLAUSTRALIA CONCORSO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI - I CORTI DELLUNIT DITALIA IL RISORGIMENTO E LE FIGURE CHE CONTRIBUIRONO ALLUNIT DITALIA La Delegazione Provinciale di Enna dellINGORTP in collaborazione con la Delegazione dellINGO- RRTTP dellAustralia, unitamente allAssociazione Amici del Montenegro ONLUS indice un concorso Nazionale ed Internazionale di cortometraggi dedicato a S.M. la Regina Elena, Principessa del Montenegro. Il concorso si propone lobiettivo di raccontare il Risorgimento e lUnit dItalia attraverso i suoi luoghi ed i suoi personaggi. I partecipanti dovranno raccontare storie significative le cui vicende possono essere considerate rappresentative di tale tematica. REGOLAMENTO 1) Requisiti di partecipazione Il Concorso rivolto ai film maker italiani e stranieri ed alle associazioni. La durata massima del cortometraggio dovr essere di 15 minuti. Dalla competizione sono esclusi filmati pubblicitari o contenenti messaggi promozionali e che non rientrano in quanto specificato precedentemente. 2) tema del concorso : Il Risorgimento e lunit dItalia attraverso i suoi luoghi ed i suoi personaggi. 3) Iscrizione Ogni partecipante pu proporre al massimo due opere, anche se sono state gi presentate ad altri con-

corsi. La quota discrizione al concorso di 10,00 da versare sul conto Poste pay n. 4023 6006 1285 2816 intestato a Giuseppe Restifo, oppure per i partecipanti esteri, tramite vaglia postale allindirizzo indicato allart. 4 di questo regolamento. Tale quota istituita per coprire le spese di segreteria. Le spese di spedizione sono a carico dei partecipanti. 4) Invio delle opere. Per la partecipazione al concorso necessario inviare il seguente materiale: a) n.2 copie DVD per ogni opera iscritta al concorso, in file video di alta qualit, su supporto DVD DATI, in uno dei seguenti formati digitali: MPEG-4, AVI, MOV, WMV; b) n. 1 scheda di partecipazione, allegata in fac-simile in calce al bando, per ogni opera presentata; c) copia ricevuta di versamento poste pay o vaglia. Il materiale dovr essere inviato tramite posta prioritaria o raccomandata, oppure possibile consegnarlo a mano alla Segreteria del concorso, entro e non oltre il 31 Agosto 2012 (far fede la data del timbro postale di partenza) al seguente indirizzo: CONCORSO I CORTI DELLUNIT DITALIA I.N.G.O.R.R.T.T.P.DELEGAZIONE PROVINCIALE DI ENNA C/O INS. GIUSEPPE RESTIFOVIA LOMBARDIA 394100 ENNA 5) Il comitato organizzatore declina ogni responsabilit per eventuali danni alle opere durante il viaggio ed il trasporto. 6) La Commissione esaminatrice del Concorso sar composta dal Presidente dellI.N.G.O.RR.TT.P. Capitano di Vascello(Ris) Dott. Ugo dAtri, dal Delegato Provinciale Ins. Giuseppe Restifo e da esperti della Comunicazione, delle Arti e della Musica. Fa parte di diritto della commissione la segretaria del concorso sig.ra Patrizia Fundrisi. 7) Selezione e Premi Tutti i cortometraggi pervenuti affronteranno una prima selezione, che preparer una short list di 6 finalisti.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Ai finalisti sar comunicata con congruo anticipo via telefono ed e-mail la data della serata della Premiazione, durante la quale, verranno proiettati i cortometraggi finalisti ed eventuali altri cortometraggi ritenuti di particolare menzione. Al termine delle proiezioni sar resa nota la classifica e verranno consegnati i premi ai vincitori. La data della serata di premiazione sar comunicata tramite pubblicazione sul periodico GUARDIA DONORE, sulla pagina di facebook della Delegazione di Enna delle G.dO., a mezzo stampa locale e su siti web. PREMI I CORTI DELLUNITA DITALIA 1 Classificato 300 Targa e Diploma 2 Classificato 200 Targa e Diploma 3 Classificato 100 Targa e Diploma Premio Speciale Migliore Colonna Sonora 200 Targa e Diploma 8) Le opere inviate non verranno restituite e il comitato organizzatore si riserva di utilizzare a titolo gratuito per la durata di un anno, le opere vincitrici per gli usi sociali, comunicandone agli autori le date ed i luoghi di utilizzo. 9) Diritti dellopera Lautore dichiara di essere titolare di tutti i diritti di utilizzazione dellopera, nessuno escluso, che i contenuti della stessa non violano le leggi vigenti n i diritti di alcuno e che lopera non presenta contenuti a carattere diffamatorio. In ogni caso, lautore esenta lorganizzazione da ogni responsabilit per il contenuto del corto proiettato in pubblico 10) I vincitori dovranno essere presenti di persona

durante la cerimonia di premiazione. In caso di assenza decadranno dal premio che sar assegnato alla posizione successiva in graduatoria. Il giudizio della Commissione insindacabile. 11) Lesito completo del concorso verr reso noto tramite pubblicazione sul periodico GUARDIA DONORE, sulla pagina di facebook della Delegazione di Enna delle G.dO., nonch a mezzo stampa locale e sui siti web www.guardiadonorealpantheon.it www.dedalomultimedia.it - www.ennapress.it. 12) Organizzatore del premio: IL Delegato provinciale di Enna dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon, Ins. Giuseppe Restifo. 13) Accettazione del regolamento La partecipazione al concorso comporta laccettazione incondizionata del presente regolamento da parte degli autori. 14) A tutti i partecipanti sar consegnato un attestato di partecipazione. 15) Norme generali Il Comitato organizzatore si riserva il diritto di apportare tute le modifiche necessarie alla migliore riuscita del Concorso. IL DELEGATO PROVINCIALE ASSOCIAZIONE DELLINGORRTTP (Ins.Giuseppe Restifo) ASS. AMICI DEL MONTENEGRO (Dott. Roberto Iacovoni) IL PRESIDENTE NAZIONALE DELLINGORRTTP (Cap.di Vasc.(ris)Dott.Ugo dAtri

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

SCHEDA DI ISCRIZIONE I CORTI DELLUNITA DITALIA

1. Referente iscrizione COGNOME E NOME:______________________________________________ RUOLO:_________________________________________________________ EMAIL:___________________________TEL ___________________________ 2.Informazioni generali sullopera: TITOLO:_________________________________________________________ REGIA.__________________________________________________________ ANNO DI PRODUZIONE:___________________________________________ DURATA:________________________________________________________ FORMATO DI RIPRESA:___________________________________________ SCENEGGIATURA:________________________________________________ FOTOGRAFIA:____________________________________________________ MONTAGGIO:____________________________________________________ MUSICA:_________________________________________________________ SCENOGRAFIA:___________________________________________________ INTERPRETI:______________________________________________________ __________________________________________________________________ SINOSSI:__________________________________________________________ _______________________________________________________________________________________________________ _______________________________________________________________________________________________________ _______________________________________________________________________________________________________ _______________________________________________________________________________________ 3.Informazioni sulla produzione: NOME E SOCIETA DI PRODUZIONE/PRODUTTORE:(indicare se autoprodotto) __________________________________________________________________ INDIRIZZO E CITTA:______________________________________________ E-MAIL:_________________________________________________________ TEL:______________________________________________________________ SITO WEB:________________________________________________________ 4.Autorizzazioni: Il sottoscritto__________________________________dichiara di avere la disponibilit legale del cortometraggio sopra indicato, di autorizzare in caso di selezione la proiezione pubblica del cortometraggio senza alcun compenso, durante la serata della premiazione, e di aver preso visione ed accettato incondizionatamente il Regolamento del concorso, in tutti i suoi punti. Autorizza inoltre la proiezione per la durata di un anno a titolo gratuito del cortometraggio, a partire dalla serata della Premiazione, per gli usi sociali dellIstituto. Il comitato organizzatore del concorso, in conformit con le regole stabilite in materia di copyright, considera le opere ricevute esente da qualsiasi diritto di propriet artistica o dai diritti che potrebbero appartenere a terzi. Proprio in quanto partecipanti al concorso, gli autori simpegnano a garantire gli organizzatori contro qualsiasi azione che potrebbe essere esercitata contro di loro dagli aventi diritto. Gli organizzatori del concorso non potranno in alcun modo essere ritenuti responsabili in caso di contestazioni. Gli autori delle opere sono responsabili dei contenuti delle rispettive opere inviate e della diffusione per mezzo di esse di musica non originale protetta da diritti dautore e di musica e/o sulla immagini originali. In accordo con la Legge 196/03 (Legge sulla Privacy), i dati qui riportati saranno trattati e utilizzati unicamente per lorganizzazione del concorso e di iniziative ad esso collegate. Luogo e data:__________________Firma:_______________________________ Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Delegato Provinciale dellINGORRTTP ENNA Giuseppe Restifo cell. 339 31 22 929 e-mail restifogiuseppe@hotmail.it Segretaria del Concorso Patrizia Fundrisi e-mail: icortiunitaditalia@yahoo.it

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

CRONACA DELLE DELEGAZIONI

FORLI-CESENA

Sabato 5 Novembre u. s., a Cesena, presso la Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana, la Delegazione Provinciale I. N. G. O. R. T. P. di ForlCesena ha organizzato insieme allAmministrazione del Comune di Cesena, che ne ha concesso il Patrocinio, una Conferenza introduttiva allAraldica, scienza accessoria della storia sconosciuta ai pi, ma i cui simboli sono tuttoggi presenti nel nostro quotidiano negli Stemmi sia di enti che di privati. La conferenza iniziata dopo il saluto agli intervenuti da parte del Delegato Provinciale I. N. G. O. R. T. P. per Forl-Cesena, cav. rag. Giancarlo Flamigni e lintervento della dr.ssa Rita Ricci, Presidente del Consiglio Comunale, che ha motivato lassenza del Sindaco del quale ha portato i saluti, ringraziato la Delegazione I. N. G. O. R. T. P. per lo spunto e la collaborazione a realizzare un incontro storicodidattico sulla materia, dato il benvenuto ai Relatori ed al numeroso pubblico presente, intervenuto anche da fuori-regione, ringraziandoli per la loro partecipazione. Si inoltre rivolto un pensiero di solidariet alle

popolazioni colpite, in pi parti del nostro Paese, dalle tragiche inondazioni. Nella Sala Lignea: la dr.ssa Ricci, il dr. Zanfini ed il prof. Borgia Si ceduta poi la parola ai Relatori che sono stati il dr. Roberto Vittorio Favero il quale ha introdotto largomento con Araldica, come interpretare segni e simboli degli stemmi. Brevi note esplicative e successivamente il prof. Luigi Borgia, Delegato I. N. G. O. R. T. P. per la Provincia di Arezzo e pi grande Araldista italiano vivente, che ha presentato una relazione su: Sviluppo degli stemmi e segni di dignit, con richiami allo Stemma della Citt di Cesena . Entrambe le relazioni sono state presentate in Power Point in modo da poter esporre al meglio questa materia che necessita di avere una continua illustrazione dellargomento. Il dr Roberto Vittorio Favero ha enunciato una esposizione di carattere tecnico-propedeutico allintervento del prof. Luigi Borgia, mostrando in sintesi quella che potrebbe essere definita come la grammatica di questa Scienza, dando anche, attraverso le immagini, la chiave di lettura degli stemmi con due interventi che hanno coinvolto il pubblico presente permettendo di applicare immediatamente ci che aveva test illustrato. Ha preso poi la parola il prof. Luigi Borgia, che ha spiegato alcuni aspetti tipici della Scienza Araldica con dei precisi richiami storici, facendo quindi un compendio ad uso immediato per permettere di capire al folto pubblico intervenuto, quelli che sono stati dei legami storico parentelari personali e non, con avvenimenti di carattere storico generale che hanno interessato le singole regioni trattate: al fine stata una lectio per sintesi di vari argomenti tutti finemente correlati fra loro. Ha riscosso particolare interesse e stupore come da

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

uno stemma araldico si potesse scientificamente risalire alla datazione temporale del documento in assenza di altri specifici richiami. stata particolarmente apprezzata la complementariet degli interventi dei relatori che, in sintesi, hanno dato luno un cenno alla grammatica dellaraldica, laltro alla letteratura. Lincontro avvenuto presso la Biblioteca Malatestiana, splendida cornice ideale per il tema trattato, stato anche unoccasione unica che ha permesso fra laltro di avere in Romagna un Borgia dopo oltre 500 anni, pensando al famigerato Cesare Borgia che tanto entrato nella nostra memoria collettiva, nel bene e nel male: infatti il prof. Borgia, che discende da Alessandro Borgia, uno dei fratelli di Cesare e Lucrezia, sapendone lesistenza, ha voluto vedere in Forl, sita nella Rocca di Ravaldino, la lapide che ricorda la breccia fatta aprire dal Duca Valentino per poter espugnare la fortezza di Caterina Sforza. Detta lapide (quella conservata meglio in Italia) fu voluta dal condottiero ad imperituro ricordo dellimpresa, riporta la data del 12 gennaio 1500. Da sottolineare lospitalit e laccoglienza dellAmministrazione del Comune di Cesena in occasione di questa seconda collaborazione che, nella persona della dr.ssa Rita Ricci, ci ha: - in primis ospitato nella Sede cittadina pi prestigiosa, concedendo di tenere la Conferenza nella suggestiva Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana, di particolare importanza storica: La Biblioteca Malatestiana fu fondata alla met del XV secolo da Domenico dei Malatesti (detto Malatesta Novello), Signore di Cesena, su richiesta dei frati francescani che custodivano gi nel loro convento una biblioteca e detiene due primati assoluti: stata la prima biblioteca civica, cio di propriet del Comune, quindi visitabile da tutti i cittadini, d'Italia e d'Europa (tuttoggi di propriet del Comune) ed lunica biblioteca di tipo umanistico - conventuale al mondo ad aver mantenuto intatti struttura, arredo e codici fin dalla sua apertura, cio per pi di cinquecento anni. L'Unesco ha riconosciuto l'importanza culturale della Malatestiana inserendola nel 2005, prima in Italia, nel Registro della Memoria del Mondo. -in secundis per aver concesso lapertura straordinaria il sabato pomeriggio dei locali, mettendo a disposizione degli intervenuti, prima della Conferenza, il

dr.Zanfini, archivista e storico dellarte, per una visita della Sala del Nuti Essa prende il nome dallarchitetto, discepolo di Leon Battista Alberti, che la progett, prendendo spunto dal Michelozzo che aveva in quegli anni ultimato, per ordine di Cosimo de Medici, la biblioteca presso il convento domenicano di S. Marco a Firenze (oggi in stato di assoluto degrado), introducendo elementi innovativi rispetto alle precedenti o coeve Biblioteche, anticipando alcuni canoni dellarchitettura confluiti poi in quella rinascimentale) ed la Biblioteca originaria, perfettamente conservata in tutti i suoi apparati e mai alterata, tanto da essere visitabile solo con la luce naturale perch mantenuta priva di impianto elettrico, nella quale si conservano ancor oggi i plutei (banchi con leggio) originali contenenti i codici pi antichi (manoscritti dal IX fino al XV secolo, libri a stampa del XV sec.), di questa enciclopedica raccolta di trattati di tutte le Scienze umanistiche del tempo. Non descrivibile la suggestione che si prova nellaccedere a questa Sala che rimanda il visitatore indietro nel tempo per pi di 500 anni, perch dal pavimento al soffitto rispecchia autenticamente la sua origine. Alla Conferenza sono gentilmente intervenute alcune Guardie dOnore della Delegazione di Forl-Cesena come il cav. p. i. Bruno Padovano, il cav. Euristeo

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Ceraolo, il sig.Romano Giovannini ecc.; in rappresentanza dellIspettore Regionale cav. dr. Paolo Arfilli (impegnato a Roma per importanti impegni istituzionali) la Sua gentile Consorte, sig.ra Antonella; la dama dr.ssa Amedea Montanari Favero; il Cerimoniere Regionale avv. cav. Adolfo Legnani Annichini; il Delegato I. N. G. O. R. T. P. di Rimini, m.llo Gianni Ruzzier; il cav. Giammarco Zannetti e Signora, dama avv. Nice Zauli, in rappresentanza della Delegazione di Ravenna. Erano presenti una sessantina di persone. La serata si degnamente conclusa, ospiti del Comune di Cesena, con una cena allantica Osteria Michiletta, rinomato locale di Cesena, con la presenza della dr.ssa Ricci, Persona di grande sostanza, dotata di curiosit intellettuale e molto affabile nei modi, dei Relatori, del Delegato Giancarlo Flamigni ed un ristretto numero di ospiti.

Orsi e il ten. col. Michele Longo del Comando Militare Regione Abruzzo. Durante la Cerimonia, dalle Guardie d'Onore dell'Abruzzo stata donata al Battaglione Alpini di L'Aquila una lapide bronzea rappresentante San Maurizio.

LECCE
IV NOVEMBRE FESTA DELLUNITA DITALIA Il 4 novembre richiama alla memoria eventi lontani ma incancellabili, perch sono parte della nostra storia e della nostra identit di italiani. Ma non dimentichiamo che il 4 novembre anche la giornata del ricordo, del coraggio, del valore dei nostri soldati, che sacrificarono la loro vita per tramandarci una Patria, che seppure ancora giovane e non ancora del tutto unita, aveva tutti i presupposti per entrare a testa alta nel novero delle grandi nazioni europee. Nellanno delle celebrazioni del 150 anniversario dellUnit dItalia, il 4 novembre assume poi un maggiore significato, che non possiamo far trascorrere senza solennizzarlo come conviene. La nostra Delegazione Provinciale ha ricevuto inviti a rappresentare il nostro Istituto in numerosi Comuni della Provincia, come Lecce, Cursi, Porto Cesareo, Castrignano del Capo, Corigliano dOtranto, Collepasso, Pat e tanti altri. E ovvio che non possibile partecipare dappertutto, per cui in quei Comuni ove non stato possibile partecipare, stata inviata una lettera di ringraziamento dellinvito con le motivazioni della mancata partecipazione, mentre nei seguenti altri Comuni la Delegazione ha partecipato come segue: Lecce, 4 novembre 2011 Anche questanno la nostra Delegazione Provinciale stata invitata a presenziare alle celebrazioni del 4 novembre, festa dellUnit Nazionale e Giornata delle Forze Armate, nel capoluogo provinciale, unitamente alle altre Associazioni Combattentistiche e dArma. La manifestazione iniziata alle 9,30 con la deposizione della corona di alloro presso il Sacrario dei Caduti esistente presso il Cimitero di Lecce e successiva S. Messa con la preghiera dei Caduti. Alle 11,30 presso il Monumento ai Caduti esistente

LAQUILA
Si svolta una celebrazione eucaristica organizzata dalla Delegazione di L'Aquila dell'Istituto in collaborazione con l'Ispettorato d'Abruzzo, in suffragio dei sovrani Vittorio Emanuele II, la Regina Margherita e la Venerabile Maria Cristina di Savoia, Regina del Regno delle Due Sicilie. Alla Cerimonia, celebrata da don Luigi Abid Sid, erano presenti, tra le numerose Guardie d'Onore intervenute, il delegato per L'Aquila Giuseppe Del Zoppo, l'Ispettore per l'Abruzzo e Delegato Vicario degli Ordini Dinastici di Casa Savoia Fabrizio Mechi e l'Ispettore per il Molise Christian del Pinto. Tra gli invitati, sono intervenuti il Delegato per la provincia di L'Aquila dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro Adriano Rovo, il Comandante del Battaglione Alpini di L'Aquila ten. col. Marcello

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

in Piazza Italia, venivano deposte le corone di alloro fatte allestire da parte della Provincia di Lecce e del medesimo Comune. Il Tenente in congedo dei Carristi Pino Leo, come di consueto dava lettura del Bollettino della Vittoria. Seguivano gli interventi del Gen. Carmelo Cutropia, Comandante della Scuola di Cavalleria di Lecce, del dr. Paolo Perrone, Sindaco di Lecce, del dr. Antonio Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce e della d.ssa Giuliana Perrotta, Prefetto della Provincia di Lecce. Alle 17,00 dello stesso giorno, presso il Multisala Massimo, con unintroduzione del Prefetto veniva proiettato il filmato Le Unit degli italiani, predisposto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, nellambito delle celebrazioni per i 150 anni dellUnit dItalia. Seguivano le allocuzioni di diversi oratori e delle massime autorit presenti, intervallati dalla lettura di alcuni brani e da intermezzi musicali. Oltre ai rappresentanti delle quattro Forze Armate ed ai Corpi armati dello Stato e di Polizia, erano presenti il Sen. Giorgio Costa e il Sen. Lorenzo Ria. Questa Delegazione Provinciale era rappresentata dal Vice Delegato Provinciale Antonio Neglia e dalle Guardie dOnore Antonio Zizzi, Christian Tarantino e Carlo Pinnar. Corigliano dOtranto, 6 novembre 2011 Il Comune di Corigliano dOtranto, attraverso la locale Sezione dellAssociazione Nazionale Sottufficiali dItalia, ha invitato questa Delegazione Provinciale, a partecipare alla cerimonia del IV Novembre, che stata celebrata la mattina di domenica 6 novembre. Alle ore 10,15 la manifestazione aveva inizio, con il raduno davanti al Palazzo Comunale. Subito dopo il corteo, con le Autorit, il Gonfalone del Comune, le Bandiere e Labari delle Associazioni

Combattentistiche e dArma, partiva alla volta della Chiesa Madre, dove veniva celebrata la S. Messa in suffragio dei Caduti di tutte le guerre e successivamente, in Piazza Vittoria, dove venivano resi gli onori, con lalza bandiera e con la deposizione di una corona di alloro al monumento ai Caduti, alla presenza del gonfalone del Comune, delle rappresentanze delle varie Forze Armate e delle Forze di Polizia, di numerosissime Associazioni Combattentistiche e dArma, con le proprie Bandiere e Labari, nonch di numerosissimi bambini e ragazzi dei locali Istituti Scolastici, accompagnati dai rispettivi insegnanti, gente comune e perfino alcuni turisti, che pure hanno assistito alla manifestazione, abilmente condotta dalla Guardia dOnore Antonio Neglia, chiamato anche questanno dal sindaco in persona, ad occuparsi del cerimoniale. La nostra Delegazione Provinciale ha partecipato con il proprio Labaro, con il Delegato Provinciale Luigi Mazza e con le Guardie dOnore, Antonio Sarcinella, Rocco Zappatore, Antonio Neglia, Paolo De Santis, Christian Tarantino, Stefano Biagio Murciano, Giuseppe Plantera e Valerio Nocco. FESTA DI SAN MARTINO Corigliano dOtranto, 13 novembre 2011 Previo invito della Sezione di Corigliano dOtranto dellAssociazione Nazionale Sottufficiali dItalia (A.N.S.I.), la nostra Delegazione Provinciale, unitamente alle altre Associazioni Combattentistiche e dArma, ha partecipato ai festeggiamenti in onore di San Martino di Tours, Santo Patrono dei Sottufficiali. Dopo la S. Messa, officiata allinterno dellIstituto Salesiani, di Corigliano dOtranto, in suffragio di tutti i Sottufficiali deceduti, dove, don Giorgio Micaletto, gi direttore della Casa Salesiana ed attualmente appartenente alla Comunit Salesiana di Lecce, ha messo in evidenza la figura di San Martino, sottolineando laltruismo dimostrato dal Santo quando, ad un mendicante che gli chiedeva la carit, aveva donato met del proprio mantello. Una cerimonia molto partecipata anche dalla locale comunit Salesiana e da un bel coro composto da giovani del luogo, che hanno accompagnato la sacra liturgia. La Sezione ANSI di Corigliano dOtranto ha poi offerto ai partecipanti un sobrio rinfresco nei salo-

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

nella Chiesa Parrocchiale della Santa Famiglia dal Parroco don Maurizio Pasanisi, dove partecipavano Autorit Provinciali, Comunali e rappresentanti delle Forze Armate e di Polizia della Provincia, come nei decorsi anni, come tradizione, veniva offerto lassaggio del vino novello e un frugale rinfresco. INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO DELLUNIVERSITA DEL SALENTO Lecce, 16 novembre 2011 Il Magnifico Rettore, prof. Domenico Laforgia, ha invitato questa Delegazione Provinciale e partecipare alla Cerimonia di inaugurazione dellanno accademico 2011-2012, che ha avuto luogo mercoled 16 novembre 2011, presso il Centro Congresso Ecotekne di Lecce. La cerimonia cominciava con un preludio musicale, eseguito dal Coro dellUniversit del Salento, per poi proseguire con gli interventi del dott. Pier Paolo Miglietta, di Francesco Mazzotta, Coordinatore della Consulta del Personale Tecnico Amministrativo e del Presidente del Consiglio degli studenti. Seguiva la relazione del Magnifico Rettore ed il conferimento della Laurea Honoris Causa in Dinamiche Interculturali e Mediazione Linguistica allArcivescovo di Cracovia Stanislaw Dziwisz, Cardinale Polacco, membro della Prefettura della Casa Pontificia, gi segretario particolare di Giovanni Paolo II. La prof.ssa Alizia Romanovic, Preside della Facolt di Lingue e Letterature Straniere, leggeva la motivazione della concessione, seguita dal Laudatio del prof. Marko Jakov della stessa Facolt. Seguiva la consegna della Laura Honoris Causa, con la successiva Lectio Magistralis da parte del medesimo

ni dellIstituto. Oltre alle Autorit locali e ad altre Associazioni Combattentistiche e dArma, hanno partecipato le vedove ed i familiari dei Sottufficiali scomparsi, era presente il Labaro della nostra Delegazione Provinciale, con il Delegato Luigi Mazza e le Guardie dOnore Giuseppe Plantera, Antonio Sarcinella, Valerio Nocco, Paolo De Santis e Salvatore Marcian. Matino, 13 novembre 2011 Altra cerimonia in onore di San Martino di Tours e in memoria di tutti i militari e civili caduti nelle missioni internazionali di pace, veniva svolta nel pomeriggio del medesimo 13 novembre in Matino, organizzata dalla locale Sezione ANSI, ove questa Delegazione Provinciale partecipava, sempre munita del proprio Labaro e con il Delegato Provinciale Luigi Mazza, accompagnato delle Guardie dOnore Venere Miastkowski, Rocco Zappatore, Paolo De Santis, Antonio Sarcinella, Leonardo Maggiulli, Maria Grazia Maggiulli, Giancarlo De Donno, Giorgio Corsano e Francesco Brienza. Anche qui, al termine della S. Messa, celebrata

10

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Cardinale Stanislaw Dziwisz, Metropolita di Cracovia. Una stupenda cerimonia, ricca di contenuti culturali, in cui questa Delegazione Provinciale stata rappresentata dal Vice Delegato Provinciale Cav. Uff. Antonio Neglia. CERIMONIA COMMEMORATIVA DEL 150 ANNIVERSARIO DELLUNITA DITALIA A BARI Bari, 25 novembre 2011

La Delegazione Provinciale di Bari, la mattina del 25 novembre 2011, ha organizzato una cerimonia al Sacrario Militare dei Caduti dOltremare di Bari, per commemorare il 150 anniversario dellUnit dItalia. Il Sacrario Militare dei Caduti dOltremare di Bari, inaugurato il 10 dicembre 1967, un monumento particolare, che incide ancora profondamente nella memoria degli anziani pugliesi. Trattasi di un semplice complesso funerario, al cui ingresso, sono riprodotti otto archi di un acquedotto romano e altrettanti di un edificio coloniale, che simboleggiano le otto guerre italiane combattute in Africa. Il visitatore viene accolto da un grande parco della Rimembranza, ove sono raccolti numerosi pezzi di artiglieria e mezzi cingolati, nonch da una serie di lapidi e cippi commemorativi delle varie Armi e Corpi del nostro Esercito. Il Sacrario stato progettato dal Colonnello del Guastatori Alpini Paracadutisti Paolo Caccia Dominioni di Sillavengo (lo stesso che edific il Sacrario di El Alamein ed altri cimiteri militari in terra stranie-

ra). Il Sacrario custodisce le spoglie di 74.850 Caduti italiani della 1^ e 2^ Guerra Mondiale in terra straniera (di cui oltre 45.000 rimasti ignoti), per la maggior parte provenienti dai cimiteri di guerra stranieri dismessi, prima costruiti nei territori doltremare, in cui operarono le Unit italiane durante le due guerre mondiali. Vi sono raccolti anche i resti di 140 Ascari eritrei e libici, provenienti dal dismesso cimitero di guerra di Tripoli, i resti mortali di militari deceduti nei campi di concentramento nazisti e 42 dei 61 uomini che componevano lequipaggio del sommergibile Scir, affondato il 10 agosto 1942, nella baia di Haifa, recuperate nei primi anni 80. Allinterno del Sacrario presente anche un museo storico, diviso in diverse salette commemorative, ove sono raccolti numerosi documenti storici, fotografie, schizzi, uniformi, armi e vari cimeli di notevole importanza ed effetti personali appartenuti ai soldati, raccolti nei luoghi delle varie battaglie. Allinterno quattro armadi in bronzo, uno dei quali contiene i volumi su cui sono riportati i nomi dei Caduti e negli altri tre i tabulati dei Caduti e dispersi in Russia. Secondo solo al Sacrario Militare di Redipuglia, singolare la grande campana nel parco della terrazza, donata dalle Associazioni Combattentistiche e dArma della Puglia, sulla quale inciso: Victi vivimus, che al tramonto di tutti i giorni, suona nove rintocchi, per ricordare ai vivi i Caduti di tutte le guerre. Dopo il raduno allingresso del Sacrario, il corteo, composto dalle Guardie dOnore, dal Gonfalone del Comune, dalle Associazioni Combattentistiche e dArma, nonch delle rappresentanze militari, si predisponevano per lingresso nel Sacrario e per la cerimonia dellAlza Bandiera e della deposizione di una corona di alloro, nonch per la S. Messa eucaristica, celebrata nella Cappella del Sacrario, dallAssistente Ecclesiastico delle Guardie dOnore di Bari, don Luciano Cassano, Parroco della Chiesa di San Nicola del quartiere Catino di Bari. Numerosi i rappresentanti delle Autorit locali, delle quattro Forze Armate e delle diverse Associazioni Combattentistiche e dArma presenti, tra cui le Sezioni Provinciali dellAssociazione Nazionale Marinai dItalia (A.N.M.I.), dellUnione Nazionale Mutilati per Servizio (U.N.M.S.), dellAssociazione Eredi della Storia di Molfetta e

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

11

della Croce Rossa Italiana e diverse Guardie dOnore appartenenti alla Delegazione Provinciale di Bari. Era infine presente il Labaro Nazionale del nostro Istituto, decorato di 40 Medaglie dOro al Valor Militare ed una Medaglia dOro al Valor Civile, scortata da due Guardie dOnore venute apposta da Roma, oltre al Labaro della Delegazione Provinciale di Bari. La Guardia dOnore Domenico Tiberio Violi, rappresentava la Delegazione Provinciale di Taranto, mentre la nostra Delegazione Provinciale era rappresentata dal nostro Labaro e dal Delegato Provinciale Luigi Mazza, insieme alle Guardie dOnore Antonio Neglia, Christian Tarantino, Rocco Zappatore e Giuseppe De Lum, che partecipavano al successivo pranzo, nel caratteristico ristorante La Barcaccia di Santo Spirito, dove venivano accolti nella Delegazione alcune nuove Guardie dOnore, alle quali venivano consegnate le tessere di iscrizione. Una bellissima cerimonia, diretta abilmente dal Delegato Provinciale Cav. Giuseppe Abbattista, che ha avuto lo scopo di richiamare lattenzione sul Sacrario Militare dei Caduti dOltremare e per valorizzare e tenere vive le nostre antiche e nobili tradizioni patriottiche, oltre che cercare di stimolare ed inculcare nei giovani quei valori di fierezza legati alla Patria.

LECCO
Roma, 15 gennaio 2011 Si svolto durante tutto larco della giornata lAnnuale Consiglio Generale dellIstituto. Il Commissario di Lecco N. Vigan intervenuto su di un argomento da molti sentito e discusso: LUNIFORMITA della divisa e del relativo copricapo delle G.d.O. durante i turni di guardia volontaria alle Reali Tombe del Pantheon e nelle varie manifestazioni alle quali siamo invitati a presenziare. Si evidenziata la vibrante e sentita necessit di poter avere maggiore visibilit e di poter essere immediatamente riconoscibili come Guardie dOnore. Questo, purtroppo, non sempre accade; infatti la maggior parte dei Soci indossa, con giusto orgoglio, il copricapo ricevuto durante il servizio militare per cui, di logica conseguenza, ognuno diverso dal-

laltro o, in alternativa, (come previsto dallart.5 del regolamento in vigore) il basco blu con stemma sociale. Durante i servizi di Guardia alle RR.TT. il problema della riconoscibilit non si pone. Il posizionamento nel Sacro luogo fa s che venga ad essere automatico il collegamento con le G.d.O. presenti che portano i simboli che ci contraddistinguono: distintivo, spilla , fascia da braccio e cravatta sociali, foulard per le gentili signore e dalluso facoltativo del mantello. Il problema serio e si pone durante le manifestazioni nei vari luoghi della nostra bella Italia! E qui la dolente nota: la presenza delle G.d.O. quasi sempre in un numero limitato in molte di tali manifestazioni perch richiedono fatica e dedizione allIstituto ed alla Casa Reale e, temo che, agli occhi di qualcuno, questi valori non mettono abbastanza in luce i partecipanti. Valori, a mio avviso, ormai perduti nella stragrande maggioranza della gente. A tal proposito mi sento in dovere di esortare ad una maggiore responsabilit e partecipazione a chi di solito diserta, consigliando di rivalutare e mettere in pratica il vero spirito che fondamento dellIstituto. E torniamo ai copricapi delle varie armi a cui gli aderenti hanno appartenuto o appartengono: Alpini, Artiglieri, Autieri, Bersaglieri, Carabinieri, Carristi, Fanti, Marinai (e qui mi scuso con i Soci delle altre Armi che non nomino per non essere troppo prolisso) i quali sono di varie fogge e colore, ma che non fanno veramente riconoscere lappartenenza all Istituto che si va a rappresentare. So che per molti di noi questo discorso decisamente ostico e al limite dellinaccettabile, io stesso avrei enormi difficolt a lasciare il mio Cappello da Alpino per indossarne un altro di foggia diversa, ma..in dette occasioni siamo GUARDIE DONORE prima di tutto e se vogliamo che il Nostro Glorioso e Centenario Istituto cresca e continui nella sua opera di divulgazione dei nostri ideali, ritengo sarebbe il caso di iniziare un serio e sereno confronto per valutare un possibile aggiustamento del regolamento in corso . Il servizio di leva obbligatorio stato abolito e le nuove leve di iscritti sono sempre pi rare: quanto tempo abbiamo ancora davanti prima che anche gli ex militari finiscano? Non mi sembra di avere udito urla di orgogli feriti

12

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

o granitici rifiuti allordine dettato dalle nuove esigenze politiche di avere, oltre alle Nostre Amate Bandiere Stemmate, i nuovi Labari. Labari che sempre di pi sono presenti alle varie manifestazioni e che non sollevano pi quel velo di malcelato ostracismo che molte volte ha accompagnato la nostra presenza. Ribadisco e rimarco la necessit di un SERIO E SERENO confronto in quanto, a volte, alcune persone si lasciano travolgere da una eccessiva foga nel dibattere determinati argomenti; foga che li porta a travalicare i confini di una normale discussione tra persone civili per addentrarsi in situazioni disdicevoli e poco o per nulla rappresentative per lIstituto stesso. Lappellarsi allinviolabilit del regolamento in corso, secondo il mio modesto parere, non ha ragione dessere e mi fa ricordare (e riflettere) che se negli anni passati non vi fossero state, di volta in volta, apportate SIGNIFICATIVE variazioni, oggi molti di noi (forse tutti) non sarebbero qui a rappresentare con virile orgoglio un qualcosa di unico al mondo. I tempi evolvono e noi dobbiamo obtorto collo se non proprio cambiare con loro, almeno adeguarci. Un tempo si scriveva con le tavolette di argilla, si passati al papiro e poi alla carta, oggi abbiamo internet, si fa molta fatica a seguire levolversi del mondo maCHI SI FERMA E PERDUTO !! parliamone !!! Ora il tempo gioca a nostro favore, domani potrebbe essere gi tardi. Milano, 29 gennaio 2011 Il Commissario di Lecco N. Vigan ha partecipato, insieme allalfiere G.d.O. A. Panizza, allultima S. Messa officiata dal Rev. Prof. Don Maurizio Ormas (prima del Suo prossimo trasferimento ad altra sede) presso il Tempio Civico di San Sebastiano di cui il Rettore. 17 marzo 2011 Lierna (LC) 150 anniversario della Proclamazione del Regno dItalia . Nello splendido scenario del lago di Como, nel suo ramo orientale di Lecco contornato dai Manzoniani monti sorgenti dall'acque, ed elevati al cielo , si sono svolte alla presenza del sig. Sindaco Dr. Vito Zotti e delle Autorit Civili e Religiose presenti sul territorio, le manifestazioni per la ricorrenza del

150 anniversario dellItalia unita. Un picchetto di Alpini in armi della Brigata Taurinense insieme alle numerose Associazioni dArma, fra cui spiccava un folto gruppo di Paracadutisti, ai festosi alunni delle Scuole Elementari e ai Volontari della Protezione Civile hanno reso gli onori allalza bandiera svoltasi con il coinvolgimento emotivo e la fiera e viva partecipazione di moltissimi abitanti del luogo. Erano presenti in rappresentanza dellIstituto delle Guardie dOnore alle Reali Tombe del Pantheon, il Commissario di Lecco N. Vigan e la G.d.O. A. Panizza. 17 marzo 2011 Mandello del Lario ( LC) 150 anniversario della Proclamazione del Regno dItalia . Si sono svolti nel cortile della Sede del Gruppo Alpini di Mandello d. Lario, una parte delle manifestazioni organizzate per la ricorrenza del 150 anniversario dellUnit Nazionale. Il Commissario N. Vigan ha partecipato alla manifestazione dellalza bandiera, ricevuto con fraterna accoglienza da parte del Capo gruppo Sig. Aldo Zucchi e di tutti gli Alpini presenti associati nella comunanza dellamor di Patria. 19 marzo 2011 Milano Il Commissario di Lecco N. Vigan ha partecipato alla manifestazione organizzata dal Consultore Sig. Di Martino, Vice Presidente del Consiglio Comunale di Milano, presso la Sala Alessi di Palazzo Marino ove si tenuto il Convegno dal titolo: 150 dellUnit dItalia dal Risorgimento alle Missioni di Pace alla quale ha partecipato, in rappresentanza del Governo, Sua Eccellenza il Ministro Ignazio La Russa. Al termine del Convegno si tenuta la cerimonia di deposizione di tre corone dalloro alle lapidi sulla facciata di Palazzo Marino. Al termine della deposizione alle lapidi si formato il Corteo guidato dalla Banda Musicale di Valbrona che, percorrendo in formazione di parata la Galleria Vittorio Emanuele II, al suono della marcia militare Principe Eugenio , ha raggiunto Piazza del Duomo per la deposizione di una corona dalloro al Monumento equestre eretto a perenne riconoscenza dai cittadini milanesi al Padre della Patria. 20 marzo 2011 Como Su gentile invito della Delegazione I.N.G.O.R.T.P.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

13

di Como il Commissario di Lecco N. Vigan e la G.d.O A. Panizza, in qualit di alfiere, hanno preso parte ad una suggestiva giornata piena di eventi commemorativi organizzata in modo esemplare dal Delegato di Como Dr. Gaetano Pichierri . Erano presenti in questa fausta giornata irradiata dal sole , il nostro amatissimo Presidente Cap. Vascello Gr. Uff. Dr. Ugo M. dAtri al cui fianco, in rappresentanza del Comune di Como, era presente il Consigliere comunale Dr. Arturo Arcellaschi, lIspettore per la Lombardia Cav. Dr. Luigi Mastroianni oltre a S.E. il Cav. Gr. Cr. Dr. G. Pierato. Numerosissime Bandiere stemmate, provenienti da varie province lombarde, garrivano al vento sorrette dagli alfieri in alta uniforme in rappresentanza delle folte Delegazioni presenti sul territorio oltre che a testimoniare la comunanza di Fede negli Ideali Patriottici , al fianco di esse erano posizionate le Bandiere ed i Labari delle numerose rappresentanze presenti delle Associazioni dArma comasche. Le cerimonie si sono aperte con la deposizione di una corona dalloro allinterno del monumento ai Caduti e, di seguito, alla statua raffigurante la Principessa Mafalda di Savoia. Entrambe le deposizioni sono state seguite da un rispettoso e commovente minuto di raccoglimento. Al termine della cerimonia delle deposizioni delle corone dalloro si formato il Corteo che, aperto dalla Banda Musicale di Valbrona che suonando splendidamente varie marce militari, ha percorso il suggestivo Lungolago di Como dispiegando un meraviglioso Tricolore lungo ben 120 metri sorretto orgogliosamente da decine di Guardie dOnore. Il Corteo, cos inquadrato, ha raggiunto il Teatro Sociale di Como, ubicato nel centro della citt al fianco del Duomo , destando ammirazione e simpatia al suo passaggio per le vie del centro Lariano da parte della gente del luogo e dei numerosi turisti esteri presenti. Dopo il dispiegamento del maestoso Tricolore nella adiacente piazza del Teatro Sociale, in un abbraccio simbolico a tutta la citt di Como, si proseguito allinterno del Teatro dove, nella sala Bianca, si tenuta una conferenza riguardante i Valori patriottici, oggi come allora ben presenti negli animi di molte persone e che portarono allUnit Nazionale da parte di Casa Savoia: conferenza presieduta dal nostro Presidente Dr. Ugo M.

dAtri molto applaudito dai presenti al termine della Sua magistrale ed eloquente esposizione. Al termine vi stato un momento musicale di vivo interesse e molto partecipato, al quale seguito un graditissimo rinfresco. 23 aprile 2011 Golasecca (Varese) La Delegazione di Lecco ha partecipato al commovente rito funebre del Cav. Dr. Giordano Manenti, Delegato per Varese del nostro Istituto, che ci ha prematuramente lasciati dopo una breve, ma fatale malattia. Lecco, 7 maggio 2011 Carosello a cavallo e lancio di Paracadutisti a Lecco per la cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria al Reggimento Artiglieria a Cavallo. Alla presenza del Sindaco Dr. Virginio Brivio e del Prefetto Dr. Marco Valentini, il Comune di Lecco ha consegnato il riconoscimento al Col. Valentino De Simone, 76 Comandante di questo leggendario Reggimento che fu costituito a Milano nel novembre 1887. Durante la cerimonia , alla quale era presente il Commissario di Lecco N. Vigan con Bandiera Stemmata, sono stati resi gli onori militari al Gonfalone della Provincia e della Citt di Lecco, questo decorato con Medaglia dargento al Valor Militare, e allo stendardo del Reggimento decorato con una Medaglia d'Oro , cinque Medaglie d'Argento, una Medaglia di Bronzo al Valor Militare e una Medaglia d'Oro al Merito della Sanit Pubblica. Sul campo hanno sfilato anche le rappresentanze della Croce Rossa militare, dellUNUCI e dei Paracadutisti e Artiglieri in congedo. La manifestazione stata accompagnata dalle note del Corpo musicale Santa Cecilia di Valbrona. La Preghiera dellArtigliere, letta dalla Medaglia dArgento Giuseppe Faccinetto classe 1918 e decorato sul fronte Nord Africano nella Seconda guerra mondiale, ha commosso per le sue parole toccanti e la particolare enfasi del lettore i presenti alla manifestazione Lecco, 4 giugno 2011 Nel solco delle Celebrazioni del 150 dellUnit Nazionale, presso lAuditorium di Lecco, alla presenza delle massime Autorit Civili, Militari e

14

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Religiose, si svolto il concerto Il Risorgimento Concerto nel quale sono stati eseguiti da parte del Coro Alpino Lecchese (Maestro Francesco Sacchi) e del Coro Grigna (Maestro Giuseppe Scaioli) moltissimi canti Patriottici risalenti sia al periodo Risorgimentale che al primo Conflitto Mondiale. La manifestazione musicale stata splendidamente presentata da Aloisio Bonfanti, giornalista e redattore di un noto giornale. Era presente in rappresentanza dell Istituto il Commissario di Lecco N. Vigan. Monza, 23 luglio 2011 Nel triste 111 anniversario del regicidio di S.M. Umberto I si sono svolte nel capoluogo Brianzolo le manifestazioni in ricordo di quella infausta giornata. Manifestazione organizzata con esemplare maestria e competenza dalla Delegazione di Milano, Monza e Lodi. I dettagli di questa manifestazione sono stati riportati sul numero di Settembre Ottobre del nostro bimestrale. Erano presenti in rappresentanza della Delegazione di Lecco, il Commissario N. Vigan e la GDO A. Panizza ( alfiere ). Lecco, 4 novembre 2011 Nella ricorrenza del giorno della Vittoria nella Prima Guerra Mondiale e della giornata delle Forze Armate, si sono svolte nel capoluogo Lariano molte manifestazioni a cui ha preso parte, in rappresentanza dellI.N.G.O.R.T.P. il Commissario Provinciale N. Vigan. Dopo la S. Messa nel Santuario della Vittoria in ricordo di tutti i Caduti in guerra e per servizio, officiata da Monsignor Franco Cecchin, Prevosto di Lecco, si proceduto alla deposizione di un cuscino di fiori allinterno della cripta dedicata ai Caduti. Alla presenza delle massime Autorit Civili Militari e Religiose, oltre che delle moltissime Associazioni dArma presenti sul territorio, si proseguito in sfilata verso il monumento ai Caduti prospiciente il lungolago accompagnati dal suono della Fanfara della Associazione Alpini di Lecco. Dopo il partecipato alza Bandiera, al suono dellInno Nazionale e cantato da una foltissima rappresentanza di fanciulli delle Scuole Elementari, stata deposta una corona di alloro a ricordo di coloro che donarono la vita per il com-

pletamento allUnit della Patria . Sono seguiti i discorsi ufficiali tenuti dalle Autorit presenti aperti con la lettura del Bollettino della Vittoria ( A. Diaz 1918 ) da parte del Sotto Tenente Giuseppe Faccinetto, decorato con Medaglia d'argento al Valor Militare durante l'avanzata di El Alamein nel 1942. Nella serata si svolto presso il medesimo Santuario, con la magistrale organizzazione, perizia ed esperienza del Coordinatore del Comitato Assoarma di Lecco Comm. Filippo Di Lelio, un concerto di canti eseguiti da: Coro Nives di Primaluna ( LC ) , Coro Alpino Lecchese e Coro Amici del Castello di Vertemate ( LC ). A conclusione della magnifica serata ha avuto luogo un rinfresco offerto dallo stesso Comm. F. Di Lelio al quale vanno i pi sentiti ringraziamenti. 27 novembre Lecco Sotto legida dellAssociazione Nazionale Artiglieri si sono svolte in quel di Belledo (LC) le manifestazioni in onore della loro Patrona Santa Barbara organizzate, con operosa bravura, dallArtigliere e G.d.O. Gabriele Esposito segretario della suddetta Associazione. Lorganizzazione e lo svolgimento della manifestazione sono state come sempre perfette e vi hanno partecipato numerose rappresentanze delle varie Associazioni dArma presenti sul territorio lecchese oltre ad un gran numero di residenti del luogo. La manifestazione ha avuto il suo culmine nella S. Messa in onore della Santa Patrona degli Artiglieri e in ricordo di tutti i caduti di tutte le Armi. Al termine della cerimonia si tenuto un graditissimo vin d' honneur al quale sia il Commissario N. Vigan che lalfiere G.d.O. A. Panizza hanno piacevolmente partecipato. Si ringrazia sentitamente il Presidente della Sezione di Lecco dell A.N.Art. Gen. G. Campa della cordiale e molto apprezzata ospitalit. 29 novembre Lecco Nella sala riunioni del Palazzo del Commercio di Lecco, presente in rappresentanza dellIstituto il Commissario N. Vigan, organizzata dalla Consulta Femminile citt di Lecco, si svolta la conferenza sullargomento Donne del Risorgimento Italiano . La Dr.sa Arianna Censi ( studiosa di Storia del Risorgimento e gi Presidente Nazionale della Consulta Pari Opportunit dellU.P.I. ) ha tenuto una seguitissima relazione su

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

15

due donne che hanno lasciato un solco indelebile nei Moti Risorgimentali : Cristina di Belgioioso e Teresa Stampa Manzoni. Donne che hanno, in modo personale e diverso una dallaltra, contribuito allunita della Nazione. La relazione ha portato una nuova e pi approfondita visione dellimportantissimo ruolo svolto dalle donne in generale di quel travagliato periodo storico e ampliato la conoscenza su queste due donne in particolare cos ingiustamente trascurate dalla Storia Nazionale . 8 dicembre Lecco Si sono svolte organizzate dalla Sezione di Lecco dellAssociazione Nazionale Marinai dItalia, presieduta con grande impegno e perizia dal Comm. Gr. Uff. Giuseppe Crippa e dal Consiglio Direttivo in carica, le cerimonie per i festeggiamenti di S. Barbara. Dopo la deposizione di una corona dalloro alla memoria di tutti i Caduti del mare ai piedi del Monumento ad essi dedicato posto sullo splendido lungolago di Lecco, si proseguito con lalza bandiera e ad osservare un minuto di silenzioso e commosso raccoglimento . Ci si ritrovati quindi presso lIstituto Don Guanella dove, alla presenza delle massime Autorit Governative e Cittadine, di numerose Associazioni dArma e di una folta schiera di cittadini, al Commissario I.N.G.O.R.T.P. di Lecco N. Vigan e dalla G.d.O. A. Panizza in veste di alfiere, stata celebrata la S. Messa alla Memoria di tutti i Caduti del Mare . La Sacra funzione stata accompagnata dal Coro Polifonico e dal gruppo dArchi Mons. Delfino Nava del decanato di Lecco. Al termine della suddetta funzione i presenti si sono trasferiti presso la sede di un noto ristorante del capoluogo Lariano ove, fra cameratesche cordialit, si svolto lannuale e splendido pranzo di gala. Pranzo a cui ha fatto seguito un gioioso momento nel quale, durante la pesca ad estrazione , si fraternamente socializzato fra tutti i presenti in un clima di fervida comunanza di ideali patriottici. Il Commissario I.N.G.O.R.T.P. N.Vigan e lalfiere G.d.O. A.Panizza vogliono rinnovare al Presidente A.N.M. dItalia della sezione di Lecco Comm. Gr. Uff. G. Crippa, al Consiglio Direttivo e a tutti i

Marinai e alle loro gentili famiglie incontrate i pi cordiali e sentiti ringraziamenti per linaspettata e, per questo ancor di pi gradita, fraterna e amichevole ospitalit che ci ha accomunato in un solo spirito rendendo indimenticabile questa lietissima giornata . Lecco, 14 dicembre 2011 In occasione dei festeggiamenti per il 150 Anniversario dellUnit Nazionale lAssociazione Nazionale Bersaglieri Sezione di Lecco, presieduta con impareggiabile bravura e competenza da Piergiuseppe Mapelli, ha organizzato allinterno del Teatro della Societ del capoluogo Lariano un entusiasmante Concerto della Fanfara dei Bersaglieri di Lecco, splendidamente diretta dal Capo Fanfara Luca Losa, al quale hanno collaborato, con letture e canti, gli alunni della Scuola Secondaria di I grado Palma il Vecchio di Serina (BG) magistralmente diretti dalla prof.ssa Myriam Pesenti. Alla coinvolgente manifestazione erano presenti, oltre ad un foltissimo e affascinato pubblico, le massime Autorit Governative, Cittadine e Religiose del Capoluogo Lariano e moltissimi rappresentanti delle numerose Associazioni dArma presenti sul territorio. I bravissimi Fanti piumati sono riusciti nellintento di coinvolgere emotivamente tutti i presenti con la loro irruente bravura e maschia simpatia. Il concerto si svolto in un clima di festosa gaiezza, difficile riuscire a restare fermi costretti nelle poltrone, mentre nellaria rimbombavano le note di conosciutissime marce. Impossibile resistere al dirompente fervore Patriottico che avvolgeva gli astanti mentre gli ottoni, tirati a lucido, rilasciavano con veemente sicurezza e impareggiabile bravura, suoni cos cari a noi tutti. Le ore sono volate come in un battito di ciglia. Mano a mano che il concerto proseguiva cresceva in ognuno di noi lorgoglio di appartenere ad una Nazione che poteva vantare un Corpo Militare di questa caratura e spessore. Le note della Fanfara hanno ridestato immagini che nella mente di ciascuno sono legate al Glorioso passato dei Bersaglieri; in un solo attimo siamo stati trasportati dalla fantasia sui campi di battaglia della Crimea, eravamo presenti in quel XX di settembre

16

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

alla Breccia di Porta Pia, udivamo il cigolio delle ruote mentre, in sella alla bicicletta pieghevole, si pedalava con aitante e spensierata giovinezza (in quel lontano 1915) verso il fronte della Ia Guerra Mondiale posto al confine della Nazione a difesa del Sacro Suolo della Patria. Abbiamo sentito riecheggiare lurlo di gioia delle Genti Triestine e Giuliane tutte mentre Trieste ritornava libera e, finalmente, di nuovo italiana dopo la feroce occupazione da parte delle truppe Titine che tanto immenso e atroce dolore hanno lasciato alle loro spalle. Grazie Presidente Mapelli di questo magnifico fuoco dartificio che hai fatto esplodere nei nostri cuori, grazie per le forti emozioni che ci hai regalato alla chiusura dei festeggiamenti per lUnit dItalia, grazie per aver ridestato in tutti noi, al suono della Tua impareggiabile e splendida Fanfara, lOrgoglio di sentirci e di essere Italiani.

LUCCA
Nella splendida cornice dellantico Teatro Accademico di Bagni di Lucca risalente al 1789 il giorno 15 Dicembre 2011 si e svolto il concerto conclusivo dei festeggiamenti per il 150 anniversario dellunita DItalia del comune di Bagni di Lucca, organizzato dal comune di Bagni di Lucca, dallI . N. G. O. R. T. P. e dal gruppo alpini di Bagni di Lucca. La serata ha visto protagonisti la Fanfara dei Bersaglieri della Provincia di Lucca e il coro alpino Monte Prana di Camiore. Il concerto ha avuto un discreto pubblico che ha seguito con interesse e attenzione le esibizioni, sottolineando la bravura nellesecuzione dei vari brani. Gli ospiti hanno presentato brani della tradizione popolare italiana che riportavano, per la bravura nella scelta dei programmi eseguiti, ad una risorgimentale memoria. Dopo il saluto del sindaco Giancarlo Donati, che ha ricordato limportanza della memoria storica e del trascorso anno che ha visto tutto il territorio nazionale pieno di manifestazioni per ricordare limportanza dellunit nazionale, il concerto si aperto con l esecuzione da parte della fanfara dellinno italiano. Questa manifestazione di Bagni di Lucca la conclusione di un percorso che ha visto molte iniziative sul territorio comunale per i 150 anni e che ha avuto inizio con il convegno svoltosi a Bagni di Lucca nelle sale del Circolo dei Forestieri a Maggio, anchesso organizzato dallI. N. G. O. R. T. P. Un anno, quello trascorso, pieno di tricolore che speriamo non sia lunico, ma che possa vedere altri periodi altrettanto importanti per la nostra amata bandiera, simbolo della nostra patria e del nostro amore per essa .

MASSA CARRARA
Un breve riassunto dellattivit della delegazione:

GUARDIA DONORE N. 3 - 2011

17

- 16.01.2011: Roma Pantheon 133 Anniversario Fondazione dell'Istituto; - 29.01.2001: Camaiore (LU) Serata di Gala Ordine S. Sepolcro; - 16.02.2011: Carrara riunione conviviale presso ristorante "Capoton"; - 21.05.2011: Bagni di Lucca (LU) Convegno sul Risorgimento; - 13.07.2011: Carrara riunione conviviale presso ristorante "Lo Storno"; - 11.12.2011: Firenze S. Messa Chiesa S. Maria Maggiore e riunione conviviale (Ordini Dinastici di casa Savoia); - 21.12.2011: Carrara riunione conviviale presso ristorante "La Torre".

Cappellano Don Simone Rolandi. Presenti il Consultore Di Martino, Gli Ispettori Pierato, Di Maria, Garosci, Il Delegato Mastroianni, il Cappellano, Don Simone Rolandi, le Guardie dOnore Staino (alfiere) Antoniuzzi, Dalla Chiara, DellOlio, Finizio, Gelsi, Grosso, Guadalupi, Marco, Panza, Piccinelli Cassata, Pirovano, Porretti, Ricotti (Del. Verona), Ruggiero, Tamburello Careddu. Milano 12 febbraio 2012 La Delegazione ha partecipato in mattinata, presso il Sacrario dei Caduti Milanesi per la Patria, alla cerimonia per il 100 anniversario dell'Associazione Marinara Italiana di Milano. Alla cerimonia per la deposizione di una corona dalloro era presente il Delegato Mastroianni con la Bandiera di Delegazione. Successivamente presso la sede di Via Gorizia si e tenuto l'Alzabandiera e un ricevimento con premiazioni ai reduci della seconda guerra mondiale Altacomba - Francia, 16 - 17 marzo 2012 La Delegazione, come di consueto ha partecipato alla Cerimonia per il 29 Anniversario della Scomparsa di S.M. il Re Umberto II, tenutasi presso la Reale Abbazia di Altacomba. La nostra Delegazione ha avuto l'onore di ospitare per il viaggio, coordinato dall'Uff. Luigi Mastroianni, Delegato per Milano, il Presidente del Sodalizio, Cap. Vasc. Gr. Uff. Dott. Ugo d'Atri. Si ringrazia particolarmente le Guardie d'Onore che hanno preso parte al servizio di sicurezza, in particolare le GG. d'OO appartenenti alla nostra Delegazione Cav. Claudio Antolini, Cav. Fulvio Comazzi, M.llo Maurizio Guadalupi, Isp. Reg. Cav. Dott. Eugenio Longo, Cap. Raffaello Marco, M.llo Enzo Marinaro, M.llo Luca Olmari. Come di

MILANO
21 novembre 2011 La Delegazione ha partecipato, presso la chiesa di SantAngelo, alla Cerimonia in onore della Virgo Fidelis, Organizzata dal Comando Interregionale Carabinieri Pastrengo, nel settantesimo anniversario della battaglia di Culqualber. Presenti il Delegato Mastroianni e lAlfiere Staino Roma, 21-22 gennaio 2012 Come di consueto la Delegazione ha partecipato alle cerimonie per lanniversario, questanno il 134, del Nostro sodalizio. Il 21 gennaio, si tenuto il Consiglio Nazionale con la presenza di quasi 100 tra Delegati e Ispettori, durante i lavori e stato presentato il modello definitivo del Labaro di cui si dovranno munire tutte le Delegazioni. Al termine del Consiglio il Presidente Cap. di Vasc. Dott. Ugo d'Atri ha consegnato la medaglia di benemerenza dell'Istituto allIspettore Cav. di Gr. Cr. Sandro Pierato elogiandone l'encomiabile operato. Presenti da Milano il Consultore Di Martino, gli Ispettori Longo, Pierato e il Delegato Mastroianni. Il 22 gennaio, dopo la consueta deposizione di una corona dalloro al sacello del Milite Ignoto all'Altare della Patria, si tenuto un corteo che, sfilando per le vie del centro di Roma ha raggiunto il Pantheon dove stata celebrata la consueta S. Messa per lanniversario della fondazione del Nostro Istituto ed in suffragio delle LL. MM.. I riti di benedizione presso le Tombe Reali sono stati presieduti dal nostro

18

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

consueto, impeccabile alfiere stata la G.d'O. Cav. David Giuseppe Staino. Durante il viaggio, il Delegato per la Lombardia degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, Cav. Gr. Cr. Principe don Alberto Giovanelli, ha dato lettura delle nomine riguardanti nostre Guardie d'Onore, segnalate grazie alla collaborazione della Presidenza di Roma e dell'Ispettore Naz. le per le Benemerenze Cav. Gr. Cr. Nob. Sandro Pierato: il Dott. Mario Finizio a Cavaliere OMS; Fulvio Comazzi a Cavaliere OMS; Paolo Cazzaniga, Cavaliere OMS; Pietro Sanfelice, Cavaliere OMS (Del. Como); Paolo Sanfelice, Cavaliere OMS (Del. Como); Giuseppe Reina, Gr. Uff. OMS e l'Avv. Marilena Guglielmana a Dama OSSML. Erano presenti alla cerimonia: il Presidente Nazionale d'Atri, il Consultore Di Martino, gli Ispettori Nazionali Pierato, Di Maria, Pizzi, il Cappellano della Delegazione Rev. Don Simone Rolandi, l'Ispettore Regionale per la Lombardia Longo, per l'Emilia Romagna Arfilli, il Delegato per Milano Mastroianni, il Delegato di Siracusa Atanasio e le GG. d'O. Alessio, Antoniuzzi, Mario Barbieri, Buelli, Centis, Comazzi, Dalla Chiara, De Blasiis, Ervas, Ficara, Finizio, Fiolini, Gelsi, Giardino, Giraudo, Grosso, Guadalupi, Leone, Maffioli Torriani, Marinaro, Masciocchi, Marco, Micheli, Navone, Panza, Piccinelli Cassata, Pirovano, Poggi (Del. Como) Pugliese, Ricotti (Del. Verona) Ruggiero, Sagramoso, Spinardi (Del. Pavia), Staino, Tamburello Careddu, Trentin (Del. Treviso), Trevisan (Del. Verona). Milano, 24 marzo 2012, Arco della Pace La Delegazione ha partecipato alla cerimonia del Giuramento di 54 allievi della Scuola Militare Teuli svoltasi alla presenza del Capo di Stato Maggiore dellEsercito, Generale Claudio Graziano, presso lArco della Pace. Ai giurandi il Generale Graziano ha ricordato che, nel corso del triennio che li attende, "sar necessario fare riferimento ai valori del giuramento odierno ed ai tre imperativi: disciplina, impegno e preparazione culturale". Al termine della cerimonia, il Comandante della Scuola Militare Teuli, Colonnello Maurizio Patan, ha riconsegnato al Vice Presidente del Consiglio Comunale di Milano, Andrea Fanzago, il primo Tricolore che sventol durante le Cinque

giornate di Milano e che, secondo tradizione, stato custodito presso la Scuola per cinque giorni, dal 19 al 24 marzo 2012. La Delegazione era rappresentata dalla Bandiera, dal Delegato Mastroianni e dalle GGdO Piccinelli Cassata e Dalla Chiara Milano, 24 marzo 2012, Basilica di SantAmbrogio. La Delegazione ha partecipato con la presenza della GdO Comm. Emilio Giani alla cerimonia in ricordo del 69 anniversario della battaglia del Don organizzata dallUNIRR. Monza, 24 marzo 2012 Chiesa di San Carlo. La delegazione, rappresentata dallIsp. Naz. Di Maria e dalle G. dO. Guadalupi, Piccinelli Cassata e Ruggiero ha presenziato alle esequie della GdO Giuseppe Strano Alonzo. Durante il sacro rito, per desiderio della famiglia stato prestato servizio dOnore al feretro ed stata letta la Preghiera della Guardia dOnore. Milano, 30 marzo 2012 Palazzo Cusani. La Delegazione ha partecipato, presso la sede del Comando Militare Esercito Lombardia, alla cerimonia per lavvicendamento al vertice dellEnte territoriale dellEsercito Italiano. Al Generale Camillo de Milato, cedente, subentrato il Generale Antonio Pennino. Alla cerimonia era presente, oltre al Comandante della Regione Militare Nord, Generale Claudio Berto, il Comandante del Corpo dArmata di Reazione Rapida della NATO in Italia, Generale Giorgio Battisti. Per lIstituto erano presenti l'Ispettore Nazionale Perato e il Delegato Mastroianni e la G. dO. Guidobono Cavalchini.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

19

MODENA
3 marzo 2012 Nel settantesimo anniversario della morte in prigionia, in Kenia, di S. A. R. il principe Amedeo di Savoia, duca dAosta, vicer dEtiopia, medaglia doro al valor militare, stata officiata una Santa Messa, organizzata dalla delegazione modenese dellIstituto e dal circolo Raimondo Montecuccoli, nel Tempio Monumentale dei Caduti. Erano presenti S. A. I. R. lArciduca martino dAsburgo, nipote del Duca dAosta, i labari, il presidente dellIstituto, capitano di vascello (r.) dAtri, lispettore regionale dellEmilia-Romagna, dr. Arfilli, i delegati provinciali di Modena, Massimo Nardi, di Bologna, dr. Ruggeri, di Reggio Emilia, prof. Scaravelli, intervenuto con fascia tricolore in rappresentanza del sindaco di Reggiolo, di Piacenza, prof. Tizzoni, il dr. Ceccarelli, le Guardie dOnore Nelloccasione stata consegnata dallArciduca Martino la tessera alla Guardia dOnore Bompani. Ha fatto seguito una visita alla cripta del Tempio, ove sono i nomi dei Caduti modenesi nella Prima Guerra Mondiale. La serata si conclusa con una riunione conviviale.

MOLISE
Le Delegazioni Provinciali di Campobasso e Isernia dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon, guidate dai rispettivi Delegati avv. Fabio Fontana e dr. Lorenzo Orrino, coordinate dallIspettore Regionale per il Molise dr. Christian del Pinto, hanno organizzato, lo scorso 15 dicembre 2011, una Messa in Suffragio per i caduti dellUnit dItalia nellambito delle attivit svolte per il suo 150 anniversario, Tale evento, che ormai viene considerato un appuntamento fisso annuale, ha seguito esattamente di un anno quello organizzato dalle Guardie dOnore del Molise il 15 dicembre 2010 (che ha visto la presenza dellIspettore Nazionale alla Cultura dellIstituto, il prof. Ciro Romano) e, come nel caso precedente, stato celebrarlo presso il Santuario dellAddolorata di Castelpetroso (IS), Patrona del Molise. Tra i numerosi presenti, sono intervenute le Guardie dOnore Pasquale Venditti, Paolo Zaccaro e Alessio Simigliani.

La scelta del Santuario non affatto casuale, in quanto non mera retorica affermare che la guerra - di qualsiasi epoca, natura o particolarit storica - crea soprattutto dolore, sia per chi la combatte che per chi attende nelle proprie case il suo esito. Gli occhi colmi di lacrime dellAddolorata sono gli occhi delle madri che non hanno visto tornare i propri figli, senza distinzione di eserciti o bandiere, caduti per la propria Patria. Per tale motivo, i caduti per lUnit dItalia ai quali stata celebrata la Messa in suffragio, sono da intendersi di entrambi gli schieramenti e non unicamente di una delle fazioni, al di l degli sterili campanilismi che dopo un secolo e mezzo non hanno davvero pi motivo di esistere, in quanto lUnit dItalia stata unesigenza storica che ha dato, ad una serie di frammentate realt di stampo feudale, la dignit di Stato al pari delle altre grandi Nazioni dEuropa. Le Guardie dOnore del Molise hanno voluto anche ricordare, nel corso della medesima Celebrazione Liturgica, il soldato del Regio Esercito Italiano Alfredo Notte, nato nel 1918 a Macchiagodena e deceduto nel 1941 presso Ostreni Vogel sul Fronte Greco, insignito della Medalgla dOro al Valor Militare alla memoria, di cui, nel 2011, ricorso il 70 anniversario della morte. Tale eroica figura, partito per il fronte con il 3 Squadrone del 6 Gruppo dei Lancieri di Milano, stata direttamente suggerita allIspettore Regionale per il Molise dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon dal prof. Filippo Ungaro, nativo del Molise e residente in Puglia, lettore dellEco dellAddolorata (sul quale fu pubblicato lo scorso anno un ampio articolo sulla Celebrazione in suffragio dei Caduti dellUnit

20

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

dItalia organizzata dalle Guardie dOnore molisane il 15 dicembre 2010) ed attento studioso di patrie memorie, che ha dedicato proprio ad Alfredo Notte un suo dettagliato lavoro. Come testualmente riportato nella motivazione del conferimento della Medaglia dOro al Valor Militare alla memoria, il soldato Alfredo Notte in due giornate di aspri combattimenti, primo tra i lancieri appiedati, si lanciava pi volte allassalto contro munite posizioni. Colpito a morte, continuava ad incitare i compagni nel proseguire nella lotta ad oltranza. Prima di spirare, con uno sforzo sovrumano, riusciva a vergare il suo testamento spirituale, scrivendo col suo sangue su di una cartolina del Reggimento caduto per la Patria. Riaffermava col suo gesto leroismo e la dedizione del soldato italiano alla Patria.. Riprendendo i pensieri del prof. Ungaro nel suo scritto dedicato ad Alfredo Notte (per il quale si recentemente espresso anche il Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica), il lanciere con il suo singolare gesto, forse lunico nel suo genere, scrisse una grande pagina di storia e, al contempo, pur umile pastore non ancora ventitreenne, raggiunse i pi alti fastigi dellitalico valore. Il suo ricordo anche simbolica e riconoscente memoria di tutti i soldati del Molise, nonch dellItalia intera, i quali, vitam pro Patria profundentes in ogni luogo e tempo, hanno rivelato, eximia virtute praediti, animo intrepido e luminosa consapevolezza dellAmor verso il sacro Suolo natio.. Leroica vicenda del soldato Alfredo Notte fa parte di quelle storie che la maggior parte degli stessi molisani ignora, e che invece costituiscono il fondamentale basamento della grandezza di una Regione che troppo spesso, anche da parte di chi stabilmente vi dimora, viene consegnata alloblio delle frenetiche e superficiali quotidiane contingenze. Il principale intento delle Guardie dOnore del Molise alle Reali Tombe del Pantheon proprio quello di contribuire a recuperare la dignit storica di una Regione, che ha saputo generare nel tempo importanti esempi di virt e dedizione agli Ideali.

NAPOLI
In occasione dei festeggiamenti del 4 novembre 2011, anche questanno, a Napoli nella prestigiosa

Piazza Carit, davanti al monumento che ricorda leroico sacrificio del vice-brigadiere Salvo DAcquisto, sono state deposte corone da parte del Comune, della Regione, della Provincia di Napoli,

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

21

Garbo, Gargiulo, Bellitto, Mazzeo, Monda, Bonaiuto, DIorio, Tuccillo. Alla manifestazione erano presenti, tra gli altri, il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito Generale di Corpo d'Armata Giuseppe Valotto; monsignor Vincenzo Pelvi, ordinario Militare per l'Italia; il Comandante dell'Accademia Militare di Modena, Generale di Divisione Massimiliano Del Casale; il Sindaco della Citt di Napoli, il Prefetto di Napoli e numerose autorit civili, militari e religiose. intervenuti con gonfaloni, e dellArma dei Carabinieri, che per loccasione schierava un drappello armato con trombettista. Alla cerimonia sono intervenute, oltre ad un numeroso pubblico in religioso silenzio, associazioni combattentistiche con labari ed una rappresentanza del nostro Istituto con bandiera. La cerimonia si conclusa con un caloroso e spontaneo applauso, alle ore 12. Sabato 19 novembre 2011, su invito del Colonnello Bernardo Barbarotto, comandante della Scuola Militare Nunziatella di Napoli, alle 10,30, in piazza del Plebiscito, una rappresentanza delle Guardie dOnore ha partecipato alla celebrazione del 224 giuramento degli allievi. Erano presenti le GG. dO.: Riva (alfiere), Caputo e Cucca (scorta), 31 gennaio 2012 Nel 176 anniversario della morte della Serva di Dio, Venerabile Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie, la delegazione provinciale di Napoli dellIstituto ha fatto celebrare una Santa Messa, officiata dalla Guardia dOnore don Luigi Abid Sid nella Basilica Maggiore di Santa Chiara. Al termine, il delegato provinciale di Napoli, conte avv. Gerardo Mariano Rocco dei principi di Torrepadula, ha consegnato la tessera discrizione allIstituto ad otto nuove Guardie dOnore. Circa cento i presenti, fra i quali il principe prof. Giovanbattista de Medici di Ottajano, il presidente dellIstituto, capitano di vascello (ris.) Ugo dAtri, il consultore avv. Pierfrancesco del Mercato, lispettore Luigi Garbo, con un gruppo di otto

22

GUARDIA DONORE N. 3 - 2011

Guardie dOnore di Sorrento, i delegati provinciali di Avellino, Augusto Genovese, e di Caserta, prof. Aldo Anzevino, il prof. Angelo Scognamiglio. Prima della funzione religiosa, aperitivo a Palazzo Spinelli, nellabitazione della Guardia dOnore Ettore Araimo. La serata si conclusa con una riunione conviviale cui hanno partecipato pi di cinquanta persone. La Ven. Serva di Dio MARIA CRISTINA DI SAVOIA, nacque a Cagliari il 14 novembre 1812, da Vittorio Emanuele I, re di Sardegna, e da Maria Teresa dAsburgo. Dai suoi pii genitori ricevette una solida formazione cristiana. Il 21 novembre 1832 spos Ferdinando II, re delle Due Sicilie, giungendo a Napoli il 30 dello stesso mese. Nel duplice stato di sposa e di regina, fu modello luminoso di ogni virt, vera madre dei poveri e degli ultimi, seppe farsi carico delle sofferenze del suo popolo, per la cui promozione ide ardite opere sociali. Il 31 gennaio 1836, dopo aver dato alla luce Francesco, latteso erede al trono, Maria Cristina concluse la sua breve esistenza terrena, tra lunanime compianto della Famiglia Reale e del popolo napoletano. Il 6 maggio 1937 papa Pio IX dichiar eroiche le sue virt. La Ven. sepolta nella basilica di S. Chiara in Napoli.

NOVARA
Durante la decima tappa del viaggio a cavallo nei luoghi storici del Risorgimento, svoltosi il 23 Settembre 2011, il drappello di cavalieri ha reso omaggio ai caduti allOssario della Bicocca (NO) presente Ugo dAtri, Presidente dellIstituto, con i rappresentanti delle Associazioni dArma, Combattenti e Reduci. Lo storico Paolo Cirri ha ricordato gli eventi cruciali della battaglia. La battaglia di Novara avvenne il 23 Marzo 1849 e segn la fine della Prima guerra di indipendenza italiana. E nota anche come la battaglia della Bicocca, dal nome del sobborgo sud-est di Novara, che vide gli scontri pi aspri. Fu combattuta e vinta da circa 70.000 soldati austriaci, comandati dal maresciallo Radetzky contro 100.000 soldati del regno Sardo guidati dal re Carlo Alberto. Questultimo rifiut le umilianti pretese degli austriaci di firmare una tregua e abdic nella notte, in favore del figlio Vittorio Emanuele II.

Sabato 24 Ottobre Si tenuta la giornata conclusiva dei festeggiamenti per il 150 anniversario della proclamazione del Regno dItali. Importante la partecipazione delle Guardie dOnore, dei rappresentanti delle Istituzioni e degli Ordini Dinastici della Real casa di Savoia. Alle ore 15, dopo lammassamento, stata deposta una corona dalloro al monumento ai caduti; si quindi formato il corteo, guidato dalla banda della Guardia Nazionale di Confienza e dalla fanfara dei Alpini di Pralongo, che si recato al monumento al Padre della Patria dove il Presidente, Cap. Vascello Gr. Uff. Ugo dAtri, ha deposto la seconda corona dalloro. Il corteo si poi recato al monumento a Carlo Emanuele III e di l al Broletto presso il monumento ai caduti per la resistenza, dove sono state deposte, dai rappresentanti degli Ordini Dinastici prima e di rappresentanti delle Istituzioni poi, due corone dalloro. Giunti quindi alla Basilica Antonelliana di San Gaudenzio, Tempio Civico della Citt, stata celebrata la Santa Messa. Celebranti il Rev.mo Mons. Can. Mario Perotti, prefetto del Capitolo della Cattedrale; don Natale Allegra, Arciprete della Insigne Basilica; e Don Andrea Aldovini, Cappellano Militare. Hanno altres assistito al Sacro Rito il Rev.mo Mons. Uff. Gianluca Gonzino, Canonico della Cattedrale di Vercelli; il Rev.mo Uff. Don Simone Rolandi, Priore di Lombardia degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia; il Re.mo Cav. Don Giampaolo Civillini. Ha accompagnato allorgano la celebrazione il Maestro Luca di Donato. Al termine della sacra funzione stata consegnata alle autorit presenti una medaglia commemorativa; stata poi concessa, in via del tutto straordinaria, la visita allo scurolo del Santo Vescovo Gaudenzio. Presenti, oltre al Comandante dAtri, gli ispettori di Maria (cerimoniale), Gadaleta (Italia meridionale), Pierato (Benemerenze), Pizzi (Giovane Guardia), i Delegati Mastroianni (Milano), Triberti (Asti), numerose Guardie dOnore e bandiere di delegazione. Una particolare menzione infine agli insigniti degli Ordini Dinastici di casa Savoia presenti, in particolare il Delegato del Piemonte S.E. il Cav. Gr. Cr. Nob. Carlo Buffa dei Conti di Perrero, che non potendo essere presente personalmente ha inviato la Bandiera di Delegazione con Alfiere e scorta; il Delegato di Lombardia S.E. il Cav. Gr. Cr. Principe

GUARDIA DONORE N. 3 - 2011

23

don Alberto Giovanelli, il Delegato per la Provincia autonoma di Bolzano Cav. Avv. Peter Linser; il Delegato della Sicilia Orientale Gr. Uff. Dr. Alfio Pennisi.

PADOVA
Piove di Sacco Domenica 30 ottobre il Comune di Piove di Sacco ( Padova ) ha svolto una apprezzata e grande rievocazione storica cittadina, dal Medioevo alla Unificazione del Veneto all Italia del 1866. In particolare, come ultimo quadro, stato rievocato con figuranti che rappresentavano personaggi dell epoca ivi compreso Re Vittorio Emanuele II, larrivo in citt del Padre della Patria il 14 luglio di quellanno. La Delegazione di Padova e quella di Venezia, invitate a prendere parte, hanno partecipato in gran numero con due Gruppi Bandiera con stemma sabaudo, alfieri e scorte con mantello e basco. Sul palco allestito sulla piazza del Comune le Guardie d Onore sono state presentate alla popolazione non come figuranti ma come Guardie vere e sono stati spiegati gli scopi e il ruolo del nostro Istituto. Per quellevento del 1866 il pittore Alessio Valerio dipinse su un grande velario (mt. 5 x 8) la scena dellarrivo del Sovrano, attorniato dal popolo e dal Sindaco Enrico Breda ed altri personaggi del luogo tra cui, a sinistra, Giovanna Fontana che diventer la madre del noto poeta Diego Valeri. Tale velario fu realizzato come sipario del teatro filarmonico della citt, tra i pi belli dellOttocento, ora restaurato. Con i Delegati Gen. Pietro Grassi e Gennaro Belladonna hanno partecipato alla originale rievocazione le Guardie dOnore Sergio Scimeca, Pietro Benvegnu Pasini, Flora Coin Dionisio, Maurizia Ortolan, Giuseppe Fornasiero, Agnese Bano, Emanuela Belladonna e Vasilli Cavalletto. Redipuglia Il 4 novembre, Festa delle Forze Armate e dell Unit Nazionale, il Delegato Gen. Pietro Grassi, su delega del Presidente Nazionale Ugo dAtri, ha partecipato alla cerimonia ufficiale al cimitero monumentale di Redipuglia, accompagnato dalle Guardie dOnore Sergio Scimeca e Flora Coin. La rappresentanza stata accolta con grande cortesia

e simpatia ed stata accompagnata da un Ufficiale dell Arma dei Carabinieri fino al palco riservato alle Associazioni Combattentistiche e dArma; pur senza Bandiera e mantelli, ma con il solo bracciale di Guardia dOnore, grandi sono state le manifestazioni di simpatia nei confronti dei suddetti. La cerimonia, come sempre solenne e suggestiva, stata funestata da pioggia fitta ed insistente che non ha tuttavia influito sulla vasta partecipazione di Autorit e cittadini. Alla presenza del Presidente del Senato Renato Schifani, il discorso ufficiale stato tenuto dallOn. Carlo Giovanardi. Per i prossimi anni, allorquando si potr partecipare con il previsto labaro, la partecipazione delle Guardie d Onore sar certamente molto pi numerosa, coinvolgendo le pi vicine Delegazioni, in particolare quelle del Veneto. KOS Una tragedia dimenticata: il titolo del libro del Col. Pietro Giovanni Liuzzi che il 16 marzo stato presentato dal Delegato Gen. Pietro Grassi al Circolo dell Esercito di Padova con vasta adesione delle Guardie d Onore di Padova, Venezia e Vicenza; presenti anche il Gen. D. Paolo Zacchi Comandante Logistico dellArea Nord dellEsercito, il Prof. Giuliano Pisani presidente della Commissione Cultura della Citt, il Direttore del Circolo Col. Carlo Libanori, il Presidente dellAssoarma Gen. Giovanni Angileri e molti cittadini padovani. La tragedia si consum dal 22 settembre ai primi di ottobre 1943 con il massacro di 103 ufficiali da parte della 22^ divisione del Gen. Muller perch traditori badogliani. Sessantasei corpi furono trovati e di questi 42 riconosciuti; degli altri, a tuttoggi, non si trovata traccia. Per tale eccidio lisola di Kos, che conserva tuttora testimonianze architettoniche della presenza italiana, viene chiamata la piccola Cefalonia. La presentazione del volume stata preceduta da una conferenza del Gen. Grassi che ha dissertato con aderenza alla realt storica sulla cos detta, dimenticata Resistenza in grigioverde. Dall8 settembre 1943 al 25 luglio 1945 morirono 87.000 soldati in divisa agli ordini del Luogotenente Principe Umberto, 299 furono le Medaglie dOro al V. M. e 690.000 gli internati in Germania per aver tenuto fede al giuramento di fedelt al Re. Lampio excursus ha riguardato i vari fronti operativi dopo larmistizio in cui i soldati italiani brillarono per eroi-

24

GUARDIA DONORE N. 3 - 2011

smo e, tra questi, molti padovani della Divisione Piave per la difesa della Capitale, dall8 al 22 settembre, data del loro internamento. E poi: fronte francese, Sardegna e Corsica, Grecia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Egeo: tappe gloriose che la resistenza politica di parte ha oscurato con colpevole dimenticanza. Un bellincontro, conclusosi con la cena sociale nelle sale del Circolo. 18 marzo 2012 Si svolta presso lhotel Beatrice dEste di Este (PD) una cerimonia commemorativa della Guardia dOnore e Cavaliere dellOrdine al Merito di Savoia, Giorgio Mattiello. Alla cerimonia, cui hanno partecipato circa 80 persone, erano presenti le Guardie dOnore Scimeca, Franceschini, Mattiello S. e Dal Toso.

brante mons. don Gino Lo Galbo, ha avuto luogo la cerimonia in ricordo di S.M. il Re Umberto II nel 29 anniversario della scomparsa. Con la Bandiera della Delegazione, alfiere Marcian Fabio, scorta: Giuseppe Cravotta; Loreto Galbo e Salvatore Muscaglione, erano presenti con il Delegato D'Appolito numerosissimi soci per l'occasione accompagnati dai propri familiari. Successivamente presso il circolo Ufficiali ha avuto luogo la conviviale pasquale nel corso della quale il Delegato, consegnando loro la tessera personale, ha presentato le nuove Guardie d'Onore: ALBANESE Leone; MESSINEO Salvatore; PAVONE Gaetano; e VENTIMIGLIA Gaspare.

PAVIA
Sabato 3 marzo 2012 una rappresentanza della delegazione di Pavia ha partecipato a Novara alla cerimonia in ricordo del settantesimo anniversario della morte del Duca Amedeo di Savoia Aosta Eroe dellAmba Alagi con la bandiera della Delegazione. La cerimonia, organizzata dallA. N. R. R. A. e dalla Delegazione di Novara dellIstituto ha avuto luogo presso la Abbazia di San Nazzaro della Costa sul Colle della Vittoria in Novara. Sabato 10 marzo 2012 una rappresentanza della Delegazione con relativa bandiera ha presenziato alla cerimonia di ringraziamento ai Reduci di Guerra che ha avuto luogo a Vigevano presso la Cavallerizza del Castello alla presenza delle Autorit Civili, delle Rappresentanze Militari e delle Associazioni Combattentistiche e dArma, a chiusura del centocinquantesimo dellUnit Nazionale. Nelloccasione il Sindaco, arch. Sala, ha distribuito degli attestati ai reduci della II guerra mondiale.

PALERMO
Venerd 4 Novembre 2011 la Delegazione di Palermo ha partecipato, su invito del Sindaco di Marsala, alla Giornata delle forze Armate e dellUnit Nazionale. La cerimonia, cui hanno partecipato Autorit civili e militari nonch rappresentanze di Associazioni Combattentistiche e dArma, si svolta nel cimitero monumentale ove ubicato il Sacrario dei Caduti nella Prima guerra mondiale. Da Palermo, con la bandiera della delegazione ed il Delegato Francesco dAppolito, si sono trasferite a Marsala le Guardie dOnore Andronico, Aversano, Abate, Bono, Duca, Genova, Giordano, Giordano, Gentile, Lo Jacono, Muscagione, Navarra, Puleio, Ruggeri, Segreto, Todaro Butera e Velardi. Resi gli onori militari ai Caduti, mentre un trombettiere suonava le note del silenzio, il Sindaco, unitamente alle Autorit ed ai presidenti delle Associazioni dArma ha deposto una corona dalloro al Sacrario che ne ricorda il sacrificio. Nel pomeriggio, dopo il pranzo, una guida turistica messa a disposizione dallamministrazione comunale, ha accompagnato gli ospiti in una interessante visita della citt e dei suoi siti storicamente ed archeologicamente pi importanti. In serata, rientro a Palermo. Nell'ambito delle manifestazioni promosse per l'anno in corso, sabato 17 marzo 2012 a Palermo, nella Basilica della SS Trinit alla Magione, cele-

PERUGIA
17 settembre 2011 Listituto ha partecipato al convegno LUnit lItalia - 150 anni di scuola pubblica, tenutosi presso la sala consiliare Falcone e Borsellino della Provincia di Perugia e organizzato dal locale club Kiwanis. Sono intervenuti il presidente della

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

25

provincia di Perugia, due assessori provinciali, il vice-sindaco di Perugia e il presidente del Istituto, Capitano di Vascello dAtri. Fra i relatori, la prof.ssa Guglielmina Pierro dAtri che ha ricordato le varie riforme della scuola italiana promosse durante il Regno dItalia con il risultato di una quasi completa alfabetizzazione del Paese, che al momento della sua unit statuale contava l87 % di analfabeti. Fra i presenti, lispettore regionale dellUmbria, dott.ssa Romano, e le Guardie dOnore, il delegato provinciale di Perugia Ardissone, le P.sse Luciana e Mahera Hassan dellAfghanistan, la prof.ssa da Busti, il gen. Filipponi, il Comandante Micheli Vincenti, la dr.ssa Capece Minutolo Vaccari, il dott. Rutili, i conti Pietro e Gabriela Niccolini. Assisi, 26 febbraio 2012 Nel dodicesimo anniversario della scomparsa di S. M. Giovanna di Savoia, Zarina dei Bulgari, la Sovrana, sorella di S. M. il Re Umberto II, stata ricordata nel corso di una cerimonia svoltasi nel cimitero di Assisi, ove Ella, terziaria francescana, sepolta. Dopo la Santa Messa, officiata nella cappella del cimitero, stata benedetta, la tomba della Regina. Erano presenti Alexandr Tontchev e Luben Stoyanov, monarchici bulgari, il primo gi combattente nellEsercito Reale Bulgaro, di cui ha portato la Bandiera, e gi condannato a morte dal governo comunista del suo Paese. Presenti il presidente dellIstituto, capitano di vascello (ris.) Ugo dAtri e consorte, le principesse Luciana e Mahera Hassan dellAfghanistan, il conte Pietro Niccolini, il ten. col. vet. dr. Stefano Barlozzari, larch. Franco Borrini, organizzatore della cerimonia, da anni custode della memoria della Sovrana, la prof.ssa Maria Grazia da Busti, la Guardia dOnore Lauro Mortolini e consorte, la Guardia dOnore Giancarlo Aiudi e la Guardia dOnore Michele Viscardi.

fascia tricolore, il sindaco di Cadeo e le Guardie dOnore prof. Gaetano Scaravelli, delegato provinciale di Reggio Emilia, in rappresentanza del sindaco di Reggiolo, e m.llo CC Piero Sasso, in rappresentanza del sindaco di Sarmato (PC), il presidente dellIstituto, comandante dAtri, lispettore regionale dellEmilia Romagna, dr. Paolo Arfilli, la segretaria regionale, sig.ra Serena Savorani, i delegati provinciali di Piacenza, prof. Daniele Tizzoni, do Forl-Cesena, rag. Giancarlo Flamigni, e di Parma, dr. Umberto Carlevarini, le Guardie dOnore sig.ra Adalisa Cavuti, sig.ra Antonella Bergamaschi , cap. Corrado Passioni, ing. Federico Francia, sig.ra Tiziana Peron, dr. Arturo Menghi Sertorio e consorte, sig. Luigi Scaravelli. Presenti le Bandiere delle delegazioni provinciali di ForlCesena, Parma e Piacenza. seguita una riunione conviviale. Organizzatrici dellincontro le signore Bergamaschi e Cavuti. Luned 19 marzo il quotidiano di Piacenza e provincia, Libert, ha pubblicato un bellarticolo con foto sulla Cerimonia. La giornalista, presente alla Funzione, ha riportato testualmente le parti salienti del discorso del Presidente e stilato un accurato elenco dei partecipanti, con nomi e cariche, con un approccio corretto di quanto visto ed ascoltato.

PISA PIACENZA
Cadeo, 18 marzo 2012 La delegazione provinciale di Piacenza ha ricordato il 29 anniversario della scomparsa di S. M. il Re Umberto II con una Santa Messa celebrata nella Chiesa di San Pietro Apostolo a Saliceto di Cadeo. Erano presenti ventuno persone, fra le quali, con Si celebrata la santa Messa in suffragio di S. M. Umberto II di Savoia e degli augusti defunti della Reale Casa, organizzata dalla delegazione di Pisa dell'Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali tombe del Pantheon, nella chiesa abbaziale di San Michele in Borgo. Ha celebrato la Santa Messa mons. Franco Baggiani che ha ricordato i reali scomparsi ed hanno prestato servizio donore al tri-

26

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

colore con lo stemma sabaudo le GG. dO. Francesco Lapucci, Corrado Coscetti, Bruno Dinelli e Giovanni Merola. Il Delegato di Pisa, Umberto Moschini, ha letto la preghiera in suffragio del Re Umberto II ricordando i caduti per la Patria e tutti i reali defunti. Numerosi i presenti ai quali il delegato ha fatto giungere il ringraziamento pi cordiale.

PORDENONE
Nella giornata del 18 dicembre 2011 una rappresentanza costituita da 8 Guardie d'Onore della Delegazione provinciale di Pordenone, su iniziativa del delegato, S. Tenente CC (r.) Franco SCIARRINO, hanno partecipato di diritto al Convivio Natalizio dell'Associazione Internazionale di Polizia (I. P. A.), di cui il delegato dellIstituto Presidente per Pordenone e Provincia. La stessa Associazione, si configura per: Organo SocioEconomico dell'ONU, del Consiglio d'Europa e dell'Unesco, di cui fanno parte, nella qualit di Associati, tutti i Corpi di Polizia a livello mondiale, e per l'Italia, Personale in Servizio ed in Quiescenza, questi ultimi con una provata anzianit di Servizio trascorsa nei seguenti Corpi: Carabinieri; Guardia di Finanza; Polizia di Stato; Polizia Penitenziaria; Guardia Forestale; Vigili Urbani; Vigili del Fuoco e Guardia Costiera.

del Comune di Ragusa; lon. Roberto Ammatuna, deputato alla Regione Siciliana; rappresentanze: dellArma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Capitaneria di porto; i gonfaloni delle citt di Pozzallo, Comiso e Vittoria; lAssociazione Combattenti e Reduci, lAssociazione del Nastro Azzurro, nonch una folta partecipazione di anziani combattenti, reduci e militati in congedo, in una chiesa gremita di fedeli. In rappresentanza dellI. N. G. O. RR. TT. P. erano presenti le GG. dO. Vincenzo Piccitto, delegato, e Giuseppe Gaggia. Ispica, 29 Dicembre 2011 La delegazione Provinciale di Ragusa, giorno 29 Dicembre u.s., ha voluto ricordare ed onorare S. M: VITTORIO EMANUELE III IL RE SOLDATO nel 64 anniversario della sua Scomparsa, con la celebrazione di una S. Messa presso la Basilica della SS. Annunziata in Ispica. Per lI. N. G. O. RR. TT. P. erano presenti le GG. dO.: Vincenzo Piccitto (delegato), Francesco Garofalo, Salvatore Donzello, Riccardo Terranova e Bruno Gulino. Per loccasione ai piedi dellaltare era deposto cuscino di fiori a formare lo scudo Sabaudo ed era ESPOSTO IL Tricolore Sabaudo. Di detta celebrazione ne ha dato notizia il quotidiano regionale Il Giornale di Sicilia. Relazione annuale dellattivit della Delegazione: 11 Gennaio: ricorrendo il 318 anniversario del Terremoto del 1693, che distrusse la Val di Noto, una rappresentanza dellIstituto ha partecipato alla cerimonia religiosa e civile, commemorativa, presso la Chiesa di S. Antonio Abate; 16-17 Marzo- in occasione delle celebrazioni del 150 Anniversario dellUnit dItalia, le GG. dO. di Ispica hanno partecipato attivamente; 24 Marzo: festeggiata la SS. ANNUNZIATA, Patrona dellIstituto, con la celebrazione di una S. Messa presso la Basilica della S. Annunziata, in Ispica; 21 Maggio: Scicli. Il delegato T. Col. Vincenzo Piccitto, invitato stato presente alla Festa della Polizia di Stato. 8 Ottobre: Avola, Siracusa. Il delegato T. Col. Vincenzo Piccitto, ha partecipato al Convegno e Mostra sul 150 dellUnit dItalia, organizzato dallAssociazione Avolesi del Mondo.

RAGUSA
Pozzallo, 17 Dicembre 2011 La sezione di Pozzallo dellAssociazione Nazionale Carabinieri giorno 17 Dicembre u.s. ha organizzato e celebrato il XII Natale del Militare e del Carabiniere. Dopo la deposizione di una corona di alloro ai piedi del Monumento ai Caduti, la consegna da parte del Sindaco dr. Sulsenti di attestati ad alcuni reduci del 2 conflitto mondiale, si formato il corteo ha raggiunto la chiesa Madonna del Rosario, ove stata officiata la S. Messa in suffragio e memoria di tutti i militari caduti nei vari fronti o in servizio. A conclusione della cerimonia, presso laula magna dellIstituto Statale Nautico, vi stato un rinfresco con lo scambio dei voti augurali per le imminenti festivit natalizie. Erano presenti: il Sindaco del comune di Pozzallo; il Delegato

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

27

2 Giugno: Roma. Il delegato, T. Col. Vincenzo Piccitto, ha partecipato alla cerimonia della deposizione di una corona dalloro al monumento a G. Garibaldi, al Gianicolo. Inoltre, questanno, ad Ispica, a seguito di lavori di riqualificazione e riunificazione delle Piazze Regina Margherita e Piazza P.ssa Maria Jos, lo scrivente, quale delegato e personalmente, stante lintendimento da parte dellAmministrazione Comunale di intitolare tali pubblici spazi con altro nome, intervenuto il Sindaco, con il colto ed autorevole intervento della G. dO. Avv. Francesco Garofalo, cercando di scongiurare tale infelice ed inopportuna idea; in tale azione stato anche supportato da interviste, sondaggi ed articoli di stampa contrari alla scomparsa dei nomi delle due REGINE, ma nulla servito contro la volont degli attuali Amministratori Comunali, e dire che la popolazione ispicese nel 1946 si espresse a grande maggioranza in favore della Monarchia!

REGGIO EMILIA
Il giorno 23/10/11, su invito del Delegato delle GG. dO. di Asti Comm. Triberti, il delegato di Reggio Emilia Gaetano Scaravelli ha partecipato con fascia tricolore e con la Guardia Anna Volta alla cerimonia di restituzione del Manto della Madonna di Crea presso lomonimo Santuario. Il giorno 07/11/11 su invito del Vescovo di Reggio Emilia il delegato delle Guardie dOnore ha partecipato alla S. Messa con rito ambrosiano presso la Concattedrale dei Santi Pietro e Paolo di Guastalla per la ricorrenza di San Carlo Borromeo. Alla cerimonia erano presenti S. E. Rev.ma il Vescovo di Reggio Emilia Mons. Adriano Caprioli, le autorit civili e militari, il Sindaco di Guastalla con il gonfalone della citt e i cavalieri dellOrdine Costantiniano di San Giorgio. Presenti le G. dO. Dama Anna Volta e Scaravelli Luigi. Il giorno 12/11/11 in rappresentanza delle Guardie dOnore di Reggio Emilia il delegato Gaetano Scaravelli ha partecipato con fascia tricolore al corteo che si tenuto a Milano per la cerimonia del 93 anniversario della vittoria e per il rientro delle salme ancora in esilio dei Re e delle Regine dItalia per la tumulazione al Pantheon di Roma. Presenti le guardie Cav. Prof. Bruno Dominelli che ha retto

la corona dalloro e lAvv. Gianluca Vinci Consigliere Comunale e Vice Presidente del Consiglio Comunale di Reggio Emilia. Il giorno 27 dicembre 2011, su invito del Sindaco di Guastalla (RE) Giorgio Benaglia, il delegato Gaetano Scaravelli, in rappresentanza delle G.dO. di Reggio Emilia, ha partecipato con la bandiera dellIstituto al 68 anniversario del sacrifico di Quarto Camurri, martire della Resistenza, presso il cimitero di Guastalla dove sepolto. Alla cerimonia erano presenti le associazioni Anpi, Alpi, Apc, Anppia con i relativi labari e bandiere, i nipoti dellEroe della Resistenza giunti da Reggio e da Reggiolo, il Sindaco di Guastlalla con il gonfalone della citt, lassessore provinciale Marco Fantini con il gonfalone della Provincia, lOn. Emerenzio Barbieri e la Senatrice Albertina Soliani. Nella sala consiliare del Municipio poi seguito un convengo sulla figura di Quarto Camurri con gli studiosi e storici dellIstoreco e dellIstituto Alcide Cervi. Il delegato delle Guardie dOnore di Reggio Emilia, Gaetano Scaravelli, ha partecipato il giorno 17/03/2012 alla commemorazione in onore del Re Umberto II e della Regina Maria Jos allAbbazia di Altacomba con la delegazione di Asti. Presente la G. dO Dama Anna Volta. Il giorno 18 marzo Gaetano Scaravelli ha partecipato, in rappresentanza della delegazione di Reggio Emilia, alla Santa Messa per S.M. Umberto II a Pieve di Cadeo organizzata dalla delegazione di Piacenza.

RIMINI
3 novembre 2011 AllHotel Napoleon di Rimini il Delegato Giovanni Ruzzier ha presenziato alla presentazione del libro Risorimento senza retorica. Rimini e la Romagna da Napoleone a Garibaldi (1815-1861), il cui autore la Guardia dOnore Arturo Menghi Sartorio. 4 novembre 2011 Il Delegato Giovanni Ruzzier, con le insegne dellIstituto, ha partecipato alla cerimonia commemorativa inquadrato con la delegazione dellIstituto del Nastro Azzurro. Alla cerimonia hanno preso parte anche le Guardie dOnore Fiordelisi, Zio e Cingolani.

28

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

26 novembre 2011 Il Delegato Giovanni Ruzzier, al seguito delle LL. AA. RR. i Principi Amedeo di Savoia Duca dAosta, Maria Gabriella di Savoia e Aimone di Savoia Aosta Duca delle Puglie ha partecipato alla chiusura delle celebrazioni per il 150 anniversario della proclamazione del Regno dItalia, alla Protomoteca, in Campidoglio, organizzata dallUnione Monarchica Italiana. 5 dicembre 2011 Il Delegato Giovanni Ruzzier e le Guardie dOnore Cingolani e Fiordelisi hanno partecipato alla Santa Messa in occasione della Festivit di Santa Barbara. La cerimonia religiosa, officiata dal Vescovo Emerito di Rimini, San Marino e Montefeltro Mons. Mariano De Nicol, ha visto la presenza congiunta degli Artiglieri, dei Marinai e dei Vigili del Fuoco. Alla fine del rito religioso sono state lette le preghiere delle rispettive specialit. seguito un vin dhonneur presso la Caserma Giulio Cesare sede del 2/121 Reggimento Artiglieria C. A. Ravenna. 8 dicembre 2011 Il Delegato Giovanni Ruzzier, a Castiglion Fibocchi (AR), ha partecipato al pranzo per lo scambio degli auguri natalizi con le LL. AA. RR. i Principi Amedeo e Silvia di Savoia Duchi dAosta. 8 febbraio 2012 Il Delegato Giovanni Ruzzier, che anche Delegato dell'Unione degli Istriani - Libera Provincia dell'Istria in Esilio, ha organizzato la cerimonia per la "Giornata del Ricordo", che ricorre il 10 febbraio di ogni anno, per ricordare i Martiri delle Foibe e l'Esodo dei 350.000 istriani, fiumani e dalmati che hanno dovuto abbandonare la loro terra usurpata dal regime comunista di Tito, complice anche il P.C.I.. Per la prima volta il Sindaco della Citt, in persona, affiancato dai rappresentanti della Prefettura, della Provincia, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e dai Rappresentanti delle Associazioni degli Esuli: Unione degli Istriani, A. N. V. G. D. ed A. R. I. E. S. ha deposto una corona di alloro al Monumento ai Caduti in ricordo dei Martiri delle Foibe, presenti autorit Civili e Militari e le Associazioni Combattentistiche e d'Arma con i rispettivi Labari.

E' seguita la S. Messa celebrata da S. E. Rev.ma Mons. Francesco Lambiasi Vescovo di Rimini. Alle cerimonie erano presenti le GG. d'O. Aleardo M.Cingolani, Francesco Fiordelisi ed il Delegato Ruzzier. 3 marzo 2012 Nella ricorrenza del 70 anniversario della morte in prigionia, in Kenia, di S.A.R. il Principe Amedeo di Savoia - Duca d'Aosta - Medaglia d'Oro al Valor Militare, il Delegato Ruzzier supportato anche dall'Istituto del Nastro Azzurro e dal Movimento culturale "Rinnovamento nella Tradizione" ha ricordato l'Eroe dell'Amba Alagi con la celebrazione di una Santa Messa che stata celebrata dal Vicario Generale dell'Ordinariato Militare d'Italia Mons.Ludovico Allegretti. All'inizio della cerimonia religiosa stato benedetto il Labaro delle GG.d'OO di Rimini che, per la prima volta si presentava in pubblico. Alla cerimonia erano presenti Il Vice Prefetto Vicario dott.ssa Rita Riccio, Ufficiali dell'Esercito, della Marina, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e le Associazioni Combattentistiche e d'Arma. Al termine della S.Messa Ruzzier ha dato lettura del messaggio pervenuto da S.A.R. il Principe Amedeo di Savoia Duca d'Aosta, nipote dello scomparso ed infine un rappresentante dell'Associazione Arma Aeronautica ha dato lettura della Preghiera dell'Aviatore. Presenti alla cerimonia, inizialmente, il Presidente Nazionale C.V. Ugo M.d'Atri, accompagnato dall'Ispettore cav.uff.Paolo Arfilli e le GG.d'OO.Francesco Fiordelisi, Arturo Menghi Sartorio, Aleardo M. Cingolani, Giosu Tumminello e Maurizio Brandi e, da Imola, Roberto Vittorio Favero e Signora. 18 marzo 2012 Il Delegato Giovanni Ruzzier stato invitato ed ha preso parte alla cerimonia di intitolazione di una piazzetta a "Vittorio Emanuele II": All'evento hanno partecipato numerose GG. d'O. di Bologna e di altre localit, in un tripudio di Bandiere sabaude. Presenti Autorit Civili e Militari e le Associazioni Combattentistiche e d'Arma. Testimone d'eccezione la dott.ssa Anita Garibaldi, pronipote dell'Eroe dei Due Mondi. Gli interventi della dott.ssa Ilaria Giorgetti per il Comune di Bologna, della dott.ssa Anita Garibaldi, del dott.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

29

Roberto Vittorio Favero che ha portato il saluto della Real Casa e del Delegato di Bologna dott. Dionigi Ruggeri hanno scandito la celebrazione che stata un vero successo.

ROMA
ESTATE 2011

dOstiani, il com.te m.se Coda Nunziante, lamm. nob. Bembo, lamm. Alberini, l.amm. Manzani, il col. Cardinale, lamm. Moro, lavv. Ranzini, la c.ssa Blanchi di Roascio, lamb. Bosco, lamb. Sbutega, il gen. Filipponi, la nob. prof.ssa Coccanari d Fornari, la dott.sa Angrisani, il dott. Chianale, la m.sa Dragonetti de Torres, la dott.ssa Rutili, il dott. Rutili, lavv. Morganti, il nob. Avv. Giuseppe Marini dettina, il nob. Avv. Domenico Marini Dettina, il nob. Alfonso Marini Dettina, il principe Giovanelli Marconi, il dr. Quadrani, il prof. Petri, il dott. Adern, il ten. Col. Caruso, il dott. Ottaviani, il m.se Malaspina, la c.ssa Teodorani, ling. Giglio, lavv. Panariti, il nob. Dr. Mattoli, il dr. Cassandri, il dr. Mei, ling. Falcioni, il dr. Bellerio, il duca Hardouin di Gallese, Sig. Massimo da Cepparello, il dr. Pietroni, lavv. Pazzaglia, il dr. Oliveri, il dr. Grossi, il Generale Canarile, il dr. Gianfranco Covelli, il dr. Cavaleri, lavv. Ferrari Angelo Comneno, il dr. Alicicco, don Fabrizio Turriziani Colonna, fra Marco Galdini de Galda, m.sa Coda Nunziante, lamm. Gulisano, ling. Piazzini. 3 novembre 2011 Alla Guardia dOnore solenne del 3 settembre 2011 erano presenti: Ametrano, Buonfiglio, Coltellacci (Frosinone), Fatucci, Garofalo, James, Micheli (Perugia), Pagliaro, Pierangeli, Riu (La Spezia), Rocchi, Sinibaldi, Spada, Testini. Mentana 15 Ottobre 2011 si svolta una cerimonia patriottica organizzata dal Comune di Mentana, dal Museo Nazionale della Campagna dellAgro Romano per la liberazione di Roma di Mentana e dal nostro Istituto. In mattinata il delegato provinciale di Bologna dellIstituto dott. Dionigi Ruggeri, ed il presidente dellAssociazione Nazionale Turismo equestre hanno raggiunto a cavallo lara ossario ove sono sepolti trecento volontari garibaldini caduti nella campagna Risorgimentale dellAgro Romano del 1867. Ivi listituto ha deposto una corona dalloro in onore dei caduti. Sono seguiti gli interventi commemorativi dei vice sindaci dei comuni di Mentana e Fontenuova e del presidente dellIstituto, comandante dAtri. Successivamente si svolta una visita guidata del Museo Storico della Battaglia di Mentana, di cui Presidente la Guardia dOnore Professor Francesco

Il presidente dellIstituto ha ricevuto una delegazione dellUnione della Nobilt Russa, rappresentata da Dimitri Shebalin e Margaret Volkova, accompagnati dal Nob. Salvatore Olivari de la Moneda. 17 settembre 2011 Alla Guardia dOnore solenne del 17 settembre 2011 erano presenti: Bianchi, Bilotti, Buonfiglio, Cipriano, Mastrosanti, Nicolosi, Otta, Saldicco, Sinibaldi, Testaverde. 7 ottobre 2011 Nel quattrocentoquarantesimo anniversario della battaglia di Lepanto, la fondazione Lepanto e lIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon hanno ricordato lo storico evento con un convegno che stato tenuto alla Residenza di Ripetta. Relazioni del prof. Massimo de Leonardis (Universit Cattolica di Milano) della prof.ssa Maria Grazia Siliato, storica e archeologa, del b.ne prof. Roberto de Mattei, presidente della fondazione Lepanto, e dell amm. Ezio Ferrante, storico navale, coordinatore del convegno il Capitano di Vascello Ugo dAtri. Circa trecento gli intervenuti, fra i quali il principe Carlo Massimo, lamm. conte F

30

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Guidotti, il quale ha poi commemorato le battaglie e lintera campagna per la liberazione di Roma, soffermandosi in particolare sulla componente monarchica allinterno del movimento garibaldino. Fra i presenti, il dott. Pietroni, Presidente del Consiglio dei Revisori dei Conti, il tenente colonello Paolo Caruso, Delegato Provinciale di Roma il capitano Martinelli, Comandante nella locale compagnia Carabinieri, la Guardia dOnore James, e il Signor Fef. Hanno partecipato inoltre il Dott. Reggiani Viani e cinque cavalieri dellassociazione Nazionale Turismo Equestre. Un ringraziamento al dott. Pietroni, che ha validamente collaborato allorganizzazione della manifestazione. Sabato 5 Novembre 2011 una sfilata partita dalla Presidenza dellIstituto, aperta dal Gruppo Garibaldini dItalia sez. di Villalba di Guidonia con due tamburi, un trombettiere e una ventina di Garibaldini in divisa storica. A seguire la Bandiera Nazionale dellIstituto, il Labaro decorato con quaranta Medaglie doro e la bandiera della Delegazione di Roma, dietro un bel gruppo di Guardie dOnore con Mantelli, basco e guanti bianchi. Il corteo ha raggiunto il pronao del Pantheon tra gli applausi del pubblico presente e gli innumerevoli scatti dei flash per entrare in chiesa inquadrato in fila. Nella Basilica il corteo, con preciso ordine militare, si diviso ai due lati delle Reali Tombe. Dopo il posizionamento delle GG. dO. e dei Garibaldini c stata la resa degli Onori ed infine stato suonato il silenzio. Il pubblico ha seguito con religioso silenzio le varie fasi della Cerimonia, scattando centinaia di foto. La Cerimonia si conclusa con il defilamento ed il rientro in Sede del Corteo aperto dai tamburi dei Garibaldini. In Presidenza stato riconosciuto ai Garibaldini un attestato di partecipazione consegnato al responsabile del Gruppo Garibaldini, Amedeo Maria Lo Iacono. Al servizio di guardia donore solenne del 19 novembre erano presenti: Bilotti, Buonfiglio, Caruso (delegato provinciale), Deiana, Dongiovanni, Mastrosanti (cerimoniere della delegazione), Nicolosi, Otta, Salvini, Sinibaldi, Stifano. 28 novembre 2011 Nel 59 anniversario della scomparsa di S. M. la

Regina Elena, una Santa Messa stata officiata al Pantheon dalla Guardia dOnore fra Marco Galdini de Galda, concelebrante la Guardia dOnore don Simone Lupi. Erano presenti circa cinquanta Guardie dOnore, fra le quali il principe Maurizio Gonzaga, marchese del Vodice, il capitano di vascello (ris.) Ugo dAtri, presidente dellIstituto, il dottor Armando Pietroni, presidente del collegio dei revisori dei conti, il delegato provinciale di Terni, cap. Mauro De Angelis, Sergio Boschiero, segretario nazionale dellUnione Monarchica Italiana, Maria Coculo Satta, segretaria dellAssociazione Amici del Montenegro, il ten. col. dr. Stefano Barlozzari, il nob. dr. Patrizio Imperato, il dr. Bruno Grossi, il gen. ing. Carmelo Antonazzo, la dr.ssa Antonietta Amicarelli Scalisi, Carmine Passalacqua, con fascia tricolore, in rappresentanza del sindaco di Alessandria, la dr.ssa Rita F. Lorenzoni. 12 novembre 2011 Una appassionata, suggestiva e commovente cerimonia si svolta ad Artena, in provincia di Roma, lo scorso 12 Novembre, in memoria dei caduti per la Patria. Ad organizzare la manifestazione stato il Comune di Artena che si avvalso della costruttiva collaborazione dell'Istituto Nazionale delle Guardie D'Onore alle Reali Tombe del Pantheon, che era rappresentato dal suo presidente, il Capitano di Vascello Ugo d'Atri; dell'associazione Nazionale Combattenti e Reduci, rappresentata da consigliere nazionale Cav. Uff. Giuseppe Bucci; e dell'associazione nazionale Bersaglieri, presenti molti ex di Artena e delle sezioni delle citt limitrofe; oltrech del giornale locale l'Altrartena. All'evento hanno partecipato tutti gli amministratori locali guidati dal sindaco Mario Petrichella e dall'assessore alla Cultura Alberto Riccitelli, con la presenza anche del comune di Santa Marinella, rappresentato dall'assessore Galletti, della Federazione di Roma dell'Istituto del Nastro Azzurro, della Sezione di Valmontone dell'Associazione Nazionale dei Marinai d'Italia, dell'Associazione Culturale Arboreto, degli alunni della classe 5 C della Scuola Elementare "Alcide De Gasperi", accompagnati dalla loro insegnante Piera Donnini, della delegazione della Confraternita "Maria SS.ma delle Grazie", con il proprio Stendardo portato dalle donne. Lo Stendardo della Confraternita, dedicato alla Madonna delle Grazie

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

31

di Artena, si unito al defilamento dei labari e delle bandiere delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma intervenute, per commemorare tutte le donne vittime delle guerre e dell'atroce sofferenza per la perdita dei loro cari. I Partecipanti si sono ritrovati in Piazza Ginepro Cocchi. La manifestazione e la Santa Messa sono stati animati dalla Banda Musicale del Comune di Artena, che ha suonato bellissimi brani Patriottici e Risorgimentali, nei percorsi esterni, e brani sacri nel corso della celebrazione Liturgica. La cerimonia si svolta in due fasi. Al mattino i partecipanti si sono recati in piazza della Vittoria, di fronte al Monumento ai Caduti, dove stata deposta una corona d'alloro e dove si sono svolti i discorsi delle istituzioni locali e delle Autorit presenti. Successivamente l'intero corteo si recato all'interno della chiesa di Santo Stefano, appena restaurata, nel pieno dell'antico centro storico di Artena, dove stata officiata una Santa Messa in memoria di tutti i Caduti. A officiarla stato il Vescovo della Diocesi suburbicaria Velletri-Segni mons. Vincenzo Apicella, con don Paolo Latini, parroco della parrocchia Santo Stefano, che ha concelebrato il rito. Nel pomeriggio tutti i presenti si sono trasferiti nell'ex Granaio Borghese, edificio del XVIII secolo, di propriet del Comune, dove si svolto il convegno I giovani di ieri e di oggi: generazioni a confronto. Dopo il saluto delle Autorit, vi sono stati i due interventi pi attesi, quello del ricercatore Dottor Cosimo Papa; e l'accorato monito del Dottor Ugo d'Atri, che ha richiamato a un maggiore sentimento verso la Patria. Hanno salutato il pubblico il segretario nazionale dell'associazione amici del Montenegro Maria Coculo Satta, anche lei attivissima nell'organizzazione della giornata, e i due rappresentati artenesi delle Guardie d'Onore, Alberto Talone e Massimo Pomponi. Durante il convegno, molto applaudito stato l'intervento del coro polifonico Teofilo De Angelis di Artena, diretto dal Maestro Massimiliano Ciafrei, che ha eseguito l'Inno degli Italiani; l'Inno Sardo, il primo Inno d'Italia, del 1844, Va Pensiero e l'Inno di Garibaldi. Sabato 3 dicembre 2011 si svolto il turno di Guardia Solenne per Onorare i Sovrani tumulati alle Reali Tombe del Pantheon e per i Sovrani che in esilio attendono di essere sepolti allinterno della

Basilica pi conosciuta ed imitata al mondo. La Cerimonia stata arricchita dalla presenza del gruppo Garibaldini dItalia della Sezione di Villalba di Guidonia. Limponente corteo formato dai tamburi e dalla bandiera dei Garibaldini uscito dal vicolo della Minerva seguito dalla Bandiera Nazionale dellIstituto, dal Labaro e dalla Bandiera della Delegazione di Roma. La presenza di numerose Guardie col mantello, basco e guanti bianchi che con fierezza ed orgoglio sfilavano dietro alle Gloriose e centenarie Insegne del Nostro Istituto, hanno completato lo schieramento. Questo ordinato ed impeccabile corteo non passato inosservato ai numerosi turisti presenti, i quali hanno immortalato lavvenimento con centinaia di foto e commenti favorevoli. Arrivati nel pronao della Basilica i Garibaldini si sono schierati ai lati, presentando simbolicamente le armi, mentre le Bandiere ed il Labaro dellIstituto entravano in chiesa. Le Guardie dopo il saluto allaltare maggiore, con precisione militare, si sono schierate ai lati delle Reali Tombe. Alla presenza del Presidente dopo alcuni minuti di religioso raccoglimento, il trombettiere ha suonato il silenzio seguito da tutti i presenti in chiesa con particolare attenzione e compostezza. La cerimonia si conclusa con il defilamento del drappello, che, con ordine militaresco, uscito dal Pantheon, ha attraversato la piazza ed rientrato in sede, seguito dai Garibaldini al ritmo dei tamburi. Erano presenti: Bianchi, Bilotti, Buonfiglio, Cesaretti, Coltellacci (della delegazione di Frosinone), Deiana, Didiano (Brescia), Dongiovanni, Fef, James, Marcello (Chieti), Mastrosanti (cerimoniere della delegazione), Miceli (Perugia), Murano, Otta, Palumbo, Pazzaglia, Petrilli, Rocchi, Saldicco, Salvini, Savarese, Sinibaldi, Spada (Brescia), Spaziani (Grosseto), Stifano, Fatucci. 9 dicembre 2011 Le Guardie dOnore di Roma si sono scambiati gli augur per il Santo Natale ed il nuovo anno 2012 nel corso di una serata alla Caserma Pio IX, ove ha sede il Circolo Ufficiali dello Stato Maggiore dellEsercito. Alla cena, preceduta dalla Marcia Reale e dalla presentazione del calendario 2012 dellIstituto, opera della Guardia dOnore Gen. Ernesto Bonelli, ha fatto seguito un trattenimento danzante. Erano presenti novantotto Guardie dOnore, fra le quali il presiden-

32

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

te dellIstituto, capitano di vascello (ris.) dAtri, il col. Cardinale, il gen. Bennato, il col. Mancinelli, il ten. col. Cipriani, il capitano di vascello Guinzio, la dr.ssa Antonelli e il dr. De Pasquale, revisori dei conti, il dr. Mechi, ispettore dellAbruzzo, il prof. dr. Giovanni Duvina, ispettore della Toscana, la principessa Josephine Borghese, le principesse Luciana e Mahera Hassan dellAfghanistan, la contessa Teodorani, larch. Bolzan Mariotti Posocco, il dr. Gian Piero Covelli, i conti Emilio, Carla e Beatrice Harrach, leditore Luciano Lucarini, lavv. Murano, lavv. Ranzini, lavv. Pazzaglia, la dr.ssa Torri, cui il presidente dellIstituto ha consegnato la tessera, il dr. Papa, ling. Piazzini, la dr.ssa Isolina Rossi, la contessa Weilenmann von Hofstetten. 17 dicembre 2011 Al turno di guardia donore solenne hanno partecipato: Alicicco, Bianchi, Bilotti, Deiana, Garofalo, James, Mastrosanti, Militano, Nicolosi, Previero (Firenze), Rutili, Salvini, Savarese, Sinibaldi, Stifano. 28 dicembre 2011 Nel 64 anniversario della morte in esilio di S. M. il Re Vittorio Emanuele III, stata officiata al Pantheon una Santa Messa di suffragio; celebrante Mons. Daniele Micheletti, arciprete della Basilica di Santa Maria ad Martyres (Pantheon), concelebranti mons. Augusto Piccoli e fra Marco Galdini de Galda. Erano presenti le Guardie dOnore: Savarese, Mastrosanti (cerimoniere della delegazione di Roma), Bilotti, Errico, Sinibaldi, Nicolosi, Ortenzi, Buonfiglio, Scuderi, Deiana, Staino, Di Cagno, Ciavarella, Ametrano, Barlozzari, De Angelis M., Salvini, Gagliani Caputo F., Grassi, Maddalena, Caruso, James, Di Carlo, De Nardo, Bianchi, Mottola, Otta, Mereu, Marini Dettina, Pietroni, Murano, Porro Papa, Furlan, Scognamiglio, Rocco, de Angelis L. M. R., Gagliani Caputo D., dAtri, Coculo Satta, Rutili, Martino, Bruno, Amicarelli Scalisi, Perciballi, Grossi, Vaccarella, Giglio, Caraffa, Glorioso. 4 gennaio 2012 Alla Santa Messa in suffragio della Regina Margherita, in occasione dell85 anniversario della sua dipartita, erano presenti le Guardie dOnore: Bianchi, Caruso (delegato di Roma),

dAtri (presidente dellIstituto), De Angelis (delegato di Terni), Deiana, Dongiovanni, Errico, Furlan, Grossi (della delegazione di Latina), James, Mastrosanti (cerimoniere della delegazione di Roma), Mottola, Murano, Oliveri, Otta, Petrocchi (della delegazione di Chieti), Porro Papa, Salvini, Sciuto. 7 gennaio 2012 Al turno di guardia donore solenne hanno partecipato: Ametrano, Bianchi, Bilotti, Caruso (delegato provinciale di Roma), Deiana, Dongiovanni, James, Mastrosanti (cerimoniere della delegazione di Roma), Micheli, Nicolosi, Nutricati (Lecce), Oliveri, Pagliaro, Rocchi, Saldicco, Savarese, Sinibaldi, Spaziani, Stifano, Venditti. 9 gennaio 2012 Alla Santa Messa in suffragio di Sua Maest il Re Vittorio Emanuele II, nel 134 anniversario della sua dipartita, erano presenti le Guardie dOnore: Antonelli, Bilotti, Buonfiglio, Caruso, Cerrone, Coccia, dAtri, Deiana, Dongiovanni, Errico, Furlan, Gonzaga, Imperato, James, Marini Dettina, Mereu, Motolone, Oliveri, Perciballi, Piazzini, Porro Papa, Rocchi, Salvini, Satta, Savarese, Stifano, Vaccari, Venditti. 21 gennaio 2012 Alla guardia donore solenne hanno partecipato: Alicicco, Ametrano, Arancio, Barrale (della delegazione di Catania), Bianchi, Bilotti, Bonaccorsi (Catania), Bonanno G. (Taranto), Bonanno L. (Taranto), Caruso P. (delegato di Roma), Caruso L. (Catania), Cesaretti, Coltellacci (Frosinone), De Angelis (Napoli), Deiana, Di Stefano (Catania), Dongiovanni, Fatucci, Fazzino (Siracusa), Franco (Siracusa), Frazzetta (Catania), Gargiulo A. (Napoli), Gargiulo M. (Napoli), Granata (Catania), Grancagnolo (Siracusa), Grosso (Crotone), Guarino (Catania), James, La Lota di Blasi (Catania), Liguori (Catania), Marino Bat (Messina), Mastrosanti (responsabile del cerimoniale della delegazione di Roma), Miccoli (Taranto), Militano, Missorici (Catania), Montalto (Taranto), Murano, Nicolosi, Nisi (Taranto), Novara (Catania), Orlando (Taranto), Pagliaro (Frosinone), Palumbo, Paturzo (Crotone), Perrini (Taranto), Piccinelli Cassata (Milano), Pinnola,

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

33

Previero (Firenze), Riu (La Spezia), Rocchi, Russo (Catania), Salvini, Schinocca (Catania), Scuderi, Servidio, Sinibaldi, Spadavecchia (Taranto), Spina (Taranto), Stifano, Suriano di Ramursura (Catania), Vella Cannella (Agrigento), Venditti. 27 gennaio 2012 Lundicesimo anniversario della morte di S. M. la Regina Maria Jos stato ricordato con una Santa Messa officiata al Pantheon da fra Marco Galdini de Galda, Guardia dOnore, concelebrante don Nunzio Lavoce. Erano presenti circa trenta Guardie dOnore, fra le quali il presidente dellIstituto, capitano di vascello (ris.) Ugo dAtri, il consultore nob. avv. Alfonso Marini Dettina, i revisori dei conti dr. Armando Pietroni e dr.ssa Clelia Antonelli, il delegato provinciale di Roma, col. pil. (aus.) Paolo Caruso, lispettore nob. dr. Antonino Lazzarino de Lorenzo. stato letto il messaggio fatto pervenire per loccasione da parte di S. A. R. il Principe Vittorio Emanuele di Savoia. Al termine della Santa Messa tre dei presenti hanno aderito allIstituto. Per la delegazione di Roma erano inoltre presenti: Coculo Satta, Coltellacci (Frosinone), Deiana, Dongiovanni, La Longa Mancini, Mereu, Ravanelli (Foggia), Salvini, Sciuto, Tura (Vicenza). 9 febbraio 2012 Nel 163 anniversario della fondazione della Repubblica Romana, lAssociazione Nazionale Giuseppe Garibaldi, di cui presidente la Guardia dOnore dr.ssa Anita Garibaldi, ha organizzato al Gianicolo una cerimonia commemorativa. Dopo la deposizione di corone dalloro al Mausoleo-Ossario Garibaldino, stato formato un corteo che ha raggiunto prima il monumento a Giuseppe Garibaldi, poi quello ad Anita Garibaldi. Erano presenti rappresentanti di Enti Locali (per il Comune di Roma lon. Quarzo), il gonfalone del Comune di Bellona, un picchetto dei Granatieri di Sardegna, un gruppo dellAssociazione Nazionale Bersaglieri. Con il labaro dellIstituto, le Guardie dOnore dAtri, Boschiero, Caruso, Monescalchi F., Monescalchi T., Diani, Iannaccone, James, Rovere. 18 febbraio 2012 Al turno di guardia solenne erano presenti: Bianchi, Bilotti, Caruso (delegato di Roma),

Iannaccone, La Longa Mancini, Lovison (Novara), Mastrosanti (cerimoniere della delegazione di Roma), Militano, Monescalchi, Mortolini (Perugia), Nicolosi, Saldicco, Salvini, Sinibaldi, Venditti. 1 marzo 2012 stato presentato allAntica Biblioteca Valle il volume Il federalismo tricolore, di cui autore la Guardia dOnore dr. Fabio Torriero ed editore la Guardia dOnore dr. Luciano Lucarini. Erano presenti circa trentacinque Guardie dOnore, fra le quali il capitano di vascello (ris.) Ugo dAtri, il dr. Giampiero Covelli, il gen. Sergio Filipponi, lavv. Benito Panariti, lavv. Franco Gagliani Caputo, il dr. Armando Pietroni, il capitano di vascello Fabrizio Guinzio, il col. Alfonso Cardinale, la c.ssa Anna Teodorani, ling. Roberto Piazzini, ling. Gemma Cardinale. 3 marzo 2012 Al turno di guardia solenne erano presenti: Baldini, Bianchi, Bilotti, Buonfiglio, Cesaretti, Coltellacci (Frosinone), Didiano, Dongiovanni, Iannaccone, La Longa Mancini, Luzi, Mastrosanti (cerimoniere della delegazione di Roma), Monescalchi, Mortolini (Perugia), Nicolosi, Pagliaro, Pierangeli, Previero (Firenze), Rocchi, Saldicco, Salvini, Sinibaldi, Stifano. 5 marzo 2012 Nel trigesimo della morte della Guardia dOnore dr. Mohamed Abdirizzak, una Santa Messa stata officiata al Pantheon dallarciprete della basilica, mons. Daniele Micheletti, concelebranti le Guardie dOnore don Luigi Abid Sid e don Simone Lupi. Erano presenti, con la moglie dellestinto, Guardia dOnore Gerardina Cuomo e con la figlia Tania, circa cinquanta persone, fra le quali il presidente dellIstituto, capitano di vascello (ris.) Ugo dAtri, il consultore nob. avv. Alfonso Marini Dettina, il delegato provinciale di Roma, col. pil. Paolo Caruso, S. A. R. la principessa Luciana Hassan dellAfghanistan, la c.ssa Anna Teodorani, le Guardie dOnore magg. Giancarlo Vichi, Maria Letizia Giovannini, Sergio Boschiero, segretario nazionale dellUnione Monarchica Italiana, ten. col. vet. dr. Stefano Barlozzari, Federica Fef, dr. Giancarlo Oliveri, Maria Augusta Testa, dr. Teodoro Monescalchi,

34

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Enrico Bilotti, Benito Mereu, dr.ssa Clelia Antonelli, dr.ssa Rita F. Lorenzoni, Davide Colombo, Cesira Furlan, Emma Porro Papa, Giuseppe Buonfiglio, dr. Paolo Tripepi. 17 marzo 2012 Al servizio di guardia donore solenne, organizzato dalla delegazione di Roma per festeggiare il 151 anniversario della proclamazione del Regno dItalia, erano presenti: Baldini, Bianchi, Bilotti, Caruso (delegato di Roma), Cesaretti N., Crisafulli, Deiana, Fef, Iannaccone, James, La Longa Mancini, Mastrosanti (responsabile del cerimoniale), Militano, Monescalchi F. (Forl-Cesena), Monescalchi T., Mortolini (Perugia), Oliva (Taranto), Rana, Salvini, Sciacca, Scuderi, Stifano, Tomaino, Tripepi, Venditti. 18 marzo 2012 Domenica 18, nel 29 anniversario della scomparsa in esilio del quarto sovrano dItalia, Sua Maest il Re Umberto II, stata celebrata una Santa Messa di suffragio al Pantheon. Alla sacra funzione sono intervenuti meno soci degli scorsi anni, a causa di un evento sportivo concomitante, che ha comportato la chiusura di parecchie strade, la deviazione del percorso di numerose linee del trasporto pubblico, limitando di molto la possibilit di partecipazione. Tra i presenti si contavano comunque: Baldini, Bonomi (Trento), Buonfiglio, Caruso (delegato di Roma), Castellani, Iannaccone, James, Luzi, Mastrosanti (responsabile del cerimoniale), Monescalchi F. (Forl-Cesena), Monescalchi T., Motolone, Pasqua, Porro Papa, Ruzzier (delegato di Rimini), Savarese. 21 Marzo 2012 Listituto ha preso parte alla presentazione del Panorama Garibaldi, narrazione visiva della vita di Garibaldi raffigurata in pannelli dipinti ad olio realizzati in Gran Bretagna nel 1884. La presentazione avvenuta nella sala Capitolina della Biblioteca del Senato della Repubblica a conclusione delle manifestazioni per il 150 anniversario della fondazione dello Stato italiano e ad iniziativa della dott.ssa Anita Garibaldi, presidente dellAssociazione Nazionale Giuseppe Garibaldi e Guardia dOnore. LIstituto era presente con il proprio labaro ed era rappresentato dalle Guardie dOnore

dAtri, Mastrosanti, Pietroni, T. Monescalchi, A. Marini Dettina, M. Bianchi, F. Bianchi, dIorio, DAngelo, Sinibaldi, Nicolosi, Caruso, F. Monescalchi, Diani, Piazzini, Filipponi, Jannacone. 31 marzo 2012

Ad iniziativa dellAssociazione Nazionale dei Combattenti Italiani in Spagna (ANCIS), stato celebrato il 73 anniversario della vittoria nella Guerra di Spagna, con la partecipazione dellIstituto. Dopo la deposizione di una corona dalloro al Sacello del Milite Ignoto, allAltare della Patria, presente il labaro dellIstituto, stata celebrata una S. Messa in suffragio dei caduti nella Basilica di S. Marco. Circa sessantacinque le persone presenti, fra le quali le Guardie dOnore dAtri, Costa, Monescalchi, Jannaccone, Fef, Rutili, Baldini, DOvidio, Caruso, Panariti, Pietrangeli, Nicolosi, Sinibaldi, Bilotti, Buonfiglio, Deiana, Porretti, Ametrano e Fattucci. Allorch un tale, commemorando dallaltare i Caduti, ha osato affermare che il Re non fu un buon esempio, il presidente e la Guardia dOnore Costa hanno espresso il proprio sdegno lasciando la chiesa.

ROVIGO
6 ottobre 2011 Alla Caserma Silvestri si svolto il passaggio di consegne del comando 5 reggimento artiglieria contraerei Pescara. Alla cerimonia erano presenti le GG. dO. Bonfiglio, Grillo e Ladogana.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

35

SALERNO
Il 15 settembre 2011 in Eboli (SA), nel Santuario dei SS. Cosma e Damiano gremito di fedeli, presenti Guardie dOnore della provincia di Salerno con leffigie di S. M. Umberto II e la Bandiera della Delegazione, il Rettore, Mons. Enzo Caponigro, ha celebrato un S. Messa in suffragio di S. M. Umberto II. Nel corso dellomelia il celebrante ha delineato con nobili e toccanti espressioni la figura di Re Umberto II ed ha auspicato il rientro in Patria dei resti mortali dei Regnanti di Casa Savoia e delle loro Consorti che da lungo tempo trovano ancora ingiusta sepoltura in lontane terre straniere.

SAVONA
Con la conferenza su L Unificazione Italiana e lEuropa 1848-1870, protagonista il prof. Aldo Alessandro Mola, che si svolta venerd 18 novembre a Palazzo Doria si sono concluse, con un notevole successo di pubblico, le Celebrazioni per il 150 Anniversario della proclamazione del Regno d Italia per lUnit Nazionale, evento organizzato e promosso dalla Delegazione Provinciale di Savona dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon con il patrocinio dellAssessorato alla Cultura del Comune di Loano e dellAmministrazione Provinciale di Savona. La ricorrenza iniziata domenica 30 ottobre con il Viaggio a cavallo nei luoghi storici del Risorgimento per rievocare la Battaglia di Napoleone del 1795 a cui hanno partecipato i cavalieri della Guardia d Onore fra i quali Dionigi Ruggeri Delegato Provinciale di Bologna, Riccardo Balzarotti Commissario Provinciale di La Spezia e

Claudio Cavallini, Delegato Provinciale di Torino oltre ad appartenenti alle Forze di Polizia. Nel drappello vi era anche Miriam Protino, Miss Liguria 2011 la quale ha accolto con simpatia l invito, a cavallo del suo destriero. I cavalieri hanno percorso tra due ali di folla il caruggio per poi dirigersi sulla passeggiata a mare. Dopo aver sostato al Caff Gelmo per il tradizionale bicchiere della staffa, hanno deposto una artistica corona di garofani con al centro un cuscino raffigurante lo stemma sabaudo al Monumento ai Caduti. La cerimonia stata accompagnata dall esecuzione del Silenzio e dalla lettura della Preghiera del Soldato, alla presenza delle Autorit civili e militari della provincia e delle Guardie dOnore del territorio. Al termine del viaggio, presso il ristorante Il Sestante, nel porto turistico, si svolta una presentazione-conferenza relativa agli avvenimenti occorsi nei luoghi raggiunti dai cavalieri per portare a conoscenza fatti e uomini della nostra storia. I festeggiamenti sono culminate sabato 5 novembre con linaugurazione della Galleria Sabauda nella prestigiosa Sala del Mosaico di Palazzo Doria grazie alla preziosa collaborazione della G. d O. Vincenzo Panza e dei colleghi dell Arma dei Carabinieri Fabrizio Bava e Roberto Di Tanno, titolari e curatori di una magnifica collezione di cimeli, quadri e uniformi storiche dei Carabinieri Reali; la Mostra iconografica sulla Storia e il Ruolo della Guardia dOnore stata sapientemente seguita dalle GG. d O. della Delegazione Provinciale delle Alessandria. La cena di gala al Grand Hotel Garden Lido insieme alle Autorit locali, stata loccasione per linvestitura a Guardia dOnore di Marco Melgrati, Consigliere Regionale, gi Sindaco di Alassio, mentre alla Cena Sabauda organizzata al ristorante Lab35 venerd 18 novembre per salutare l evento, hanno partecipato i rappresentanti delle Delegazioni Provinciali della Guardia dOnore di Genova, Alessandria e Milano, Autorit, tanti amici e una rappresentanza del Lions Loano Doria. Sono veramente soddisfatto per la riuscita delle Celebrazioni con le quali abbiamo ricordato i 150 anni della proclamazione del Regno dItalia per lUnit Nazionale sia per linteresse che hanno riscosso fra i cittadini e i turisti, soprattutto fra i giovani, sia per lattenzione che lAmministrazione Comunale loanese ha dimostrato fin da subito per

36

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

questo progetto. Ritengo sia doveroso un particolare ringraziamento al nostro Delegato Provinciale Lorenzo B. Pastorino e allIspettore Nazionale Stefano Emanuele Monti Bragadin per la fiducia che hanno riposto su questa iniziativa. Non ultimo, ringrazio il Presidente Nazionale dellIstituto Cap. V. dott. Ugo dAtri il quale ha incoraggiato e sostenuto liniziativa con molto entusiasmo. Esprimo vivo compiacimento per il messaggio inviato da S. A. R. il Principe Amedeo di Savoia, Duca dAosta nel quale rivolge linvito di perseverare nel nostro ruolo di custodi della memoria storica e di continuare a sostenere il benemerito Istituto della Guardia dOnore, simbolo di Unit tra tutti gli Italiani monarchici e non. Altri eventi, in programmazione nel 2012, si svolgeranno il 9 gennaio a Villanova dAlbenga con una conferenza dal titolo Vittorio Emanuele II, Primo Re d Italia e Padre della Patria e il 21 ottobre, probabilmente ad Alassio, con un simposio su Amedeo di Savoia, III Duca dAosta eroe dellAmba Alagi. Le Celebrazioni del 150 dell Unit Nazionale, anche se ufficialmente si concluderanno con la fine dellanno 2011, dovranno essere a mio parere il punto di partenza e non di arrivo per proseguire nella divulgazione della gloriosa Storia della nostra Patria e degli avvenimenti di cui si sono resi protagonisti i Savoia, coinvolgendo soprattutto i giovani che rappresentano la nostra vera e unica risorsa. La Delegazione Provinciale di Savona dellIstituto ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione di una piazza intitolata a Vittorio Emanuele II, Padre della Patria e Re Galantuomo che si svolta gioved 8 dicembre a Pietra Ligure (SV) alla presenza delle Autorit civili e militari della provincia e dellIspettore Nazionale della Guardie dOnore il Conte Prof. Stefano Emanuele Monti Bragadin, illustre cittadino della citt rivierasca. In occasione dellevento, il Vice Delegato Provinciale dellIstituto il Cav. Fabrizio Marabello ha letto un messaggio di S. A. R. il Principe Amedeo di Savoia, Duca dAosta indirizzato al Sindaco Luigi De Vincenzi. Sabato 10 dicembre 2011 si svolta nel Teatro del Casino di Sanremo la conferenza storica dal titolo I Carabinieri nell Unit dItalia a conclusione delle Celebrazioni per il 150 Anniversario della proclamazione del Regno d Italia per l Unit Nazionale. Allevento, organizzato e promosso dall

Unione Monarchica Italiana con il patrocinio dellAmministrazione Comunale, della Provincia di Imperia in collaborazione con lArma dei Carabinieri, ha partecipato la Delegazione Provinciale di Savona dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon rappresentata dal Vice Delegato Fabrizio Marabello e dalla G. d O. Basilio Sangiorgi. Durante la conferenza il Generale di Divisione dell Arma dei Carabinieri Umberto Rocca, e Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon, ha presentato un interessante e appassionata relazione sui Carabinieri Reali dalle Regie Patenti del 1814 a prima Arma del Regio Esercito nel 1861. Giova ricordare che il Generale Rocca noto per essere stato il primo militare italiano ad essere decorato, in vita e in tempo di pace, della Medaglia d Oro al Valor Militare. E stato Direttore del Museo Storico dellArma ed Presidente del Gruppo Medaglie d Oro al Valor Militare dItalia. Sempre a Sanremo, la Guardia dOnore di Savona incontrer marted 13 dicembre S. A. R. la Principessa Maria Gabriella di Savoia in occasione dei volumi scritti dallo storico Aldo A. Mola dal titolo Italia. Un Paese speciale. Storia del Risorgimento e dell Unit, Edizioni del Capricorno Torino, opera gi presentata il 18 novembre scorso a Palazzo Doria di Loano. Con il professor Mola e non ultimo con il professor Stefano Monti Bragadin, nostro Ispettore Nazionale, nata unottima collaborazione afferma Marabello infatti, stiamo gi lavorando per proporre in provincia di Savona come Istituto una serie di incontri culturali riguardanti sia il Risorgimento, sia il ruolo che hanno svolto alcuni personaggi illustri di Casa Savoia nella storia italiana. Le Celebrazioni del 150 dell Unit Nazionale conclude Marabello anche se ufficialmente si concluderanno con la fine del 2011, dovranno essere il punto di partenza e non di arrivo per proseguire a divulgare la gloriosa Storia della Patria, coinvolgendo soprattutto i giovani che rappresentano la nostra vera e unica risorsa. Luned 9 gennaio 2012 a Villanova dAlbenga (SV), lIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon, Delegazione Provinciale di Savona, ha ricordato, con una conferenza, il 134 anniversario della scomparsa del Re Vittorio Emanuele II. Levento, realizzato con il patrocinio del Comune, si svolto nella Sala

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

37

Polivalente in Via Roma nel centro storico allinterno della quale stata allestita una Galleria Sabauda curata da Vincenzo Panza, Fabrizio Bava e Roberto Di Tanno, tre collezionisti, i quali hanno creato un interessante percorso storico con lesposizione di quadri, cimeli, sculture e documenti di valore riguardanti la Dinastia Sabauda. Dopo lesecuzione dellInno Nazionale e della Marcia Reale, il Vice Delegato Provinciale di Savona della Guardia dOnore Cav. Fabrizio Marabello ha introdotto liniziativa ed ha indirizzato un appello alle Istituzioni per il rientro delle salme dei Sovrani dItalia sepolti allestero. Dopo il caloroso saluto del Sindaco Domenico Cassiano seguita la relazione del Prof. Stefano Emanuele Monti Bragadin, dellUniversit di Genova nonch Ispettore Nazionale dellIstituto, il quale ha appassionato il pubblico con una interessante e approfondita lezione sul Risorgimento e ha illustrato la figura di Re Vittorio Emanuele II sotto il profilo, militare, politico e umano. Al termine del convegno, nella Chiesa di S. Maria del Soccorso, stata celebrata la liturgia della S. Messa e il De Profundis in suffragio del Re Galantuomo alla presenza delle Autorit civili e militari, degli Ordini Dinastici di Casa Savoia e della Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon. Levento si concluso con una cena sabauda alla quale, fra gli altri, hanno partecipato il Presidente del Centro Pannunzio Prof. Pierfranco Quaglieni e il Console di Norvegia Roberto Tar. Alassio, 22 marzo 2012 A conclusione delle manifestazioni per il centocinquantesimo anniversario della proclamazione del Regno dItalia, stata inaugurata allhotel Aida di Alassio una mostra di cimeli riguardanti Casa Savoia tratti dalla collezione personale della Guardia dOnore dr. Vincenzo Panza. Ha fatto seguito la presentazione del volume Amori e selvaggina. Vita privata di Vittorio Emanuele II del dr. Dino Ramella, tenuta dal prof. Stefano Emanuele Monti Bragadin, ispettore dellIstituto. A rappresentare il Comune di Alassio, lAssessore al Turismo Rinaldo Agostini. Ha concluso la serata una cena di gala, durante la quale sono state consegnate le tessere a dieci Guardie dOnore delle delegazioni provinciali di Savona, Genova ed Alessandria. Oltre ottanta i presenti alla presenta-

zione del libro e settantacinque alla cena, fra i quali il presidente dellIstituto, comandante dAtri, il delegato provinciale di Imperia, Pietro Chersola, il consigliere regionale arch. Melgrati, lex sindaco di Alassio, il ten. col. Trentin, il vice-questore dr. Abbate, il proprietario dellAida, Guardia dOnore Galtieri, larch. Milanese. Colonna sonora della serata larpa della musicista Caterina Bergo. Organizzatore della serata la Guardia dOnore Fabrizio Marabello, che ha letto il seguente messaggio fatto pervenire per loccasione da S. A. R. il Principe Vittorio Emanuele di Savoia: Autorit civili, Militari e Religiose, Guardie dOnore, Carissimi Convenuti, in occasione delle cerimonie programmate dalla Delegazione di Savona dellIstituto Nazionale per la Guardia dOnore alle Reali Tombe del Pantheon, desidero inviare a Voi tutti il mio grato e memore saluto. Il ricordo che Voi custodite non nostalgia fine a se stessa: qualcosa di ben pi profondo, che travalica i confini del tempo e contribuisce a fondare quei Valori su cui dobbiamo costruire la societ di oggi e del domani, unItalia pi giusta, pi unita e pi forte, nel solco dellindimenticabile esempio di mio padre, S. M. il Re Umberto II, che ci ha lasciato come motto per la nostra azione comune lefficace ed impegnativa proposizione lItalia innanzitutto. In particolare, desidero ringraziare il Delegato per Savona dellIstituto, Cav. Fabrizio Marabello, il Presidente Nazionale Cap. Vasc. Ugo dAtri e tutti coloro che hanno contribuito allorganizzazione di questa significativa manifestazione. A Voi tutti invio il mio pi sincero e caloroso saluto.

SIRACUSA

38

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Nastro Azzurro, lUNUCI e lANAC, il Vicario OO.DD.SS. G.dO. Maiore ha rimesso al prelato il diploma di cavaliere O.SS.MM.LL.

TARANTO
Nel 150 anniversario della Proclamazione dello Stato Italiano, ovvero del Regno dItalia, vera chiave di lettura della storia dItalia dal 1861 al 2011 , in una delle storiche strade che attraversano la citt Taranto da est ad ovest, Via Dante Alighieri, ad una finestra di un edificio, residenza di privati cittadini ed ubicazione di Studi ed Uffici Pubblici fa bella mostra di s, da ormai dieci mesi, il Tricolore arricchito nel suo Cuore Bianco da un lo Stemma, lo Stemma Sabaudo. Gioiosa ricorrenza Mercoled, 10 agosto 2011 che ha visto una rappresentanza della Delegazione di Taranto, composta dal Delegato Francesco CAL e dalle Guardie Giuseppe MONTALTO,Tommaso DE LUCA e Angelo OLIVA, partecipare con il pap, G. dO. Aldo, con la sorella, G. dO. Alessia e con una nutrita schiera di parenti ed amici, ai festeggiamenti per il genetliaco della G. dO. Angela LEO. 2 ottobre 2011 Convegno " Gli anni dell'Unit Taranto e la Marina Militare". Alla presenza delle massime Autorit civili della Provincia e del Comandante in Capo del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale d'Otranto, Domenica,2 ottobre c.a., presso il Circolo Ufficiali della M.M. di TARANTO, una rappresentanza delle Guardie della Delegazione di Taranto intervenuto al Convegno: "Gli anni dell'Unit - Taranto e la

Lentini Il 26 novembre 2011 ha avuto luogo in Lentini la cerimonia di inaugurazione del nuovo Monumento ai Caduti, la cui realizzazione - frutto della collaborazione fra il nostro Istituto e lIstituto del Nastro Azzurro stata resa possibile dallazione delle GG. dO. Ivan Grancagnolo e Luca Fazzino. Nella zona del famedio del cimitero comunale stato eretto un elegante cippo, sormontato da unartistica decorazione in ferro realizzata dallartista G. dO. G. Pisasale, decorato di M. A. V. C., affiancato da un pennone e impreziosito da una lapide celebrativa, che riporta gli emblemi araldici dei due Istituti. Laustero rito, avvenuto alla presenza delle massime Autorit Militari della Regione Sicilia, del Sindaco di Lentini Alfio Mangiameli, dalle rappresentanze delle Ass. Combattentistiche e dArma, e di un picchetto in armi del 62 Reggimento Fanteria Sicilia, ha avuto come madrine le congiunte delle MM. OO. VV. MM. Guttadauro e Briganti. Alla solenne cerimonia militare seguita nel Palazzo Municipale quella di consegna del Premio Briganti e del Premio Aparo, giunta alla sua seconda edizione e onorato del patrocinio dei due Istituti, organizzata sempre dalle GG. dO. Grancagnolo e Fazzino. Noto Il 27 novembre il Vicario Generale della Diocesi di Noto, mons. Angelo Giurdanella, ha celebrato nel Duomo di Noto la Santa Messa in suffragio delle LL.MM. il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena. Al termine della cerimonia, alla quale hanno aderito con le Autorit comunali lIstituto del

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

39

Marina Militare". Erano presenti: Il Delegato Francesco CALO ed una rappresentanza delle Guardie della Delegazione di Taranto: Domenico VIOLI, Tommaso DE LUCA, Aldo LEO, Guglielmo BONANNO, GIANNICO Antonio Alessia LEO ,RUSSO Giuseppe, RICCI Angelo, NOTARISTEFANO Imma, PERRINI Andrea, Santa Messa in Memoria di S. A. R. la principessa Mafalda di Savoia e di quanti caddero nei Campi di Concentramento - Cerimonia Giuramento ed ingresso nuove Guardie. Venerd 18 nov.2011, preceduta da una Assemblea delle Guardie, nella ormai familiare Chiesa del Sacro Cuore di Ges il Cappellano della Delegazione di Taranto, G. dO. don Luigi LARIZZA, alla presenza della Bandiera della Delegazione, delle Guardie dOnore della Delegazione, di familiari, di numerosi invitati, di Associazioni Combattentistiche e di una moltitudine di fedeli della Comunit parrocchiale ha officiato, la Santa Messa in memoria di S.A.R. la Principessa Mafalda di Savoia e di tutti gli Ufficiali, i Sottufficiali ed i Militari di truppa, che condivisero, come Lei, lo stesso triste destino di morire in Campi di Concentramento, nel corso del 2 Conflitto Mondiale. Non mancato inoltre il ricordo delle Guardie della provincia che hanno raggiunto la casa del Padre in tempi pi remoti ed in tempi pi recenti. A conclusione del Sacro Rito il Cappellano ha invitato individualmente gli Aspiranti Guardie, a cui in precedenza era stata donata una pergamena a ricordo, a formulare il Giuramento di Fedelt allIstituto. Al termine del Giuramento il Delegato, coadiuvato dalle GG. dO. Montalto e Nisi, ha accolto nella nostra Delegazione le nuove Guardie, imponendo loro il Mantello. Hanno prestato giuramento, il Capo

1^Cl. Scelto Cong. Luigi BONANNO, il Maresciallo Capo C.C. Guglielmo BONANNO, la Sig.ra Cosima FIUSCO e la Sig.na Alessia LEO. Alla Cerimonia hanno occupato il posto donore la Bandiera della Delegazione di Taranto, la Bandiera dellUNUCI e quella dellAssociazione della Polizia di Stato. Come sempre tra gli invitati: una delegazione di ex appartenenti alla Polizia di Stato con il loro Presidente, il Gen. Div. DELLI NOCI, i rappresentanti dei Cavalieri del Capitolo di Puglia del Sacro Ordine Imperiale Nemagnico Angelico Costantiniano di San Giorgio e Santo Stefano di Rito Orientale, i rappresentanti della Croce Rossa Italiana Comitato di Taranto, della Croce Rossa Internazionale, una rappresentanza dellAssociazione Bersaglieri con Labaro ed una rappresentanza dei VV. F. Alla Cerimonia era presente, sempre con la fierezza di esserci, la Delegazione Provinciale delle Guardie dOnore alle Reali Tombe del Pantheon della Provincia Jonica. Al termine della Cerimonia ha avuto luogo anche una simpatica riunione conviviale presso il Ristorante Colucci in Taranto. Convegno dal titolo Italiani dIstria , Testimoni di civilt. La Nostra Delegazione di Taranto, unitamente allAssociazione Culturale La Durlindana di Massafra, nellambito del 150 Anniversario dellUnit dItalia, ha organizzato in Massafra un Convegno, dal titolo Italiani dIstria, Testimoni di civilt, che ha avuto luogo Marted 22 Novembre, presso il Teatro Comunale di Massafra. Il convegno ha avuto per argomento la presentazione del libro, magistralmente presentato dal Dott. Antonio DELLISANTI, Giornalista ed Editore Massafrese, ed incontro con lautore, Nato in un Rifugio (La tragedia Istriana sconosciuta), del Prof. Giuseppe DICUONZO, esule istriano , testimone del miracolo della vita, nato dalle macerie della morte. Nel corso dellincontro, lautore, quale studioso della tragedia giuliano-dalmata, si soffermato sulla partecipazione degli istriani fiumani e dalmati al processo risorgimentale italiano ed al termine della presentazione stato proiettato il breve documentario Pola Addio, sullesodo giuliano- dalmata. Erano presenti al Convegno tra gli altri il Contrammiraglio Giuseppe MARASCIULO Vice Comandante del Dipartimento Militare Marittimo

40

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

dello Ionio e del Canale d'Otranto in rappresentanza del Comandante, Amm. di Sq. Andrea TOSCANO, al quale va la nostra profonda gratitudine per il tempo e per lattenzione in ogni circostanza accordata alla nostra Delegazione; lAssessore alla Cultura del Comune di Massafra, Dott. Antonio CERBINO; il Presidente della Consulta delle Associazioni del Comune di Massafra, Sig.LA TANZA Emanuele; il Consigliere, con Delega alla Protezione Civile, G. dO. Sig. Rinaldo ORLANDO in rappresentanza del Sindaco del Comune di Palagiano; la prof.ssa Anna Serio in rappresentanza del Presidente del Comitato Provinciale della C.R.I. di Taranto; una rappresentanza del Corpo Militare della C.R.I. e di Volontari del Soccorso delle sedi locali di Palagiano e Massafra. LAssociazione Culturale La Durlindana, con il suo Presidente, Sig.Vincenzo COPERTINO, accompagnato dai Soci del Sodalizio e la Delegazione di Taranto con il Delegato Francesco CAL0 le GG. dO. Giuseppe MONTALTO, Nicola NISI, Franco MONTANARIELLO, Domenico VIOLI, Antonio GIANNICO, Vito TITO, Luigi BONANNO, Guglielmo BONANNO, Emilio DAMATO, Aldo LEO, Gianni FESTA, Giuseppe RUSSO, Immacolata NOTARISTEFANO, Alessia LEO, Andrea PERRINI hanno costituito la cornice entro la quale ha avuto luogo lEvento denso di patos che, vissuto con lintento di mantenere vivo il culto della Patria e del senso dell'Onore, e sar sempre lo sprono per esaltare, custodire, non dimenticare e tramandare le glorie e le nostre tradizioni alle nuove generazioni. 4 dic. 2011 S. Barbara a bordo di Nave CAVOUR La nostra Delegazione anche questanno, in una primaverile giornata di Dicembre, a bordo di Nave

CAVOUR , Nave Ammiraglia della Flotta Italiana, ancorata nella Base Navale di Chiapparo - Taranto, ha preso parte all affascinante Cerimonia Celebrativa della Festa della S. Patrona della Marina Militare, alla presenza dellAmmiraglio Comandante in Capo della Squadra Navale e delle pi alte Autorit Militari, Civili, Religiose e Politiche di Taranto e Provincia. La Delegazione, salutata dal tipico saluto quattro alla banda attraverso il fischietto da nocchiero del Nostromo e dallattenti della guardia schierata, stata ricevuta a bordo di questa splendida Unit dal Comandante della Squadra Navale, Amm. di Sq. Luigi Binelli Mantelli. La S. Messa stata officiata dallArcivescovo di Taranto, Mons. Benigno Papa e, quasi al termine del Rito Religioso, dopo i discorsi ufficiali ed un pensiero doveroso a quanti scomparvero in mare in pace ed in guerra, un affettuoso pensiero stato rivolto a quanti in questo momento servono la Patria in mari e terre lontane, con laugurio di un felice rapido ritorno. Una giovane Guardiamarina, ha scandito con voce vibrante ed ardente la solenne Preghiera del Marinaio con la quale si conclusa la sempre toccante Cerimonia. Al termine della Cerimonia il Delegato Provinciale ha formulato, anche a nome delle Guardie della Delegazione, gli Auguri, com consuetudine, al Comandante in Capo della Squadra Navale Amm. di Sq. Luigi Binelli Mantelli ed al Comandante in Capo del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale d'Otranto Amm. di Sq. Andrea TOSCANO e, tramite Loro, al Personale tutto della Marina Militare. Infine visita alla Superba Unit, che non a caso porta il nome di uno degli Artefici dellUnit dItalia: Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour, di Cellarengo e di Isolabella, noto semplicemente come Conte di Cavour. Alla Cerimonia ha partecipato, oltre al Delegato, Cav. Uff. Francesco CAL, una rappresentanza delle GG. dO. della Delegazione di Taranto, composta dalle Guardie dOnore Cav. Giuseppe MONTALTO, Cav. Nicola NISI, Cav. Tommaso DE LUCA, G. dO. Guglielmo BONANNO. 8 dic. 2011 VISITA AI PRESEPI DI MASSAFRA (TA) Una consistente rappresentanza della nostra Delegazione questanno, in una fredda giornata di

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

41

Dicembre, ha visitato per la prima volta i Presepi allestiti nella ridente cittadina dellentroterra Jonico, la caratteristica Massafra, non a caso soprannominata la "Tebaide d'Italia". Il gruppo della Delegazione si radunato al centro della bellissima piazza Garibaldi, dove faceva anche bella mostra di s, in uno scenario natalizio suggestivo, anche una vecchissima giostra degli anni 50 60 funzionante e scintillante nei suoi colori e nel suo lento ruotare che ha affascinando tutti e non poco. Di poi il Gruppo ha dato vita ad un lento ma emozionante cammino lungo la tortuosa stradina che dalla gravina va verso la parte alta della cittadina: la "Via dei Presepi", allestita nei vicini quartieri di San Lorenzo e di San Toma, con le originali ricostruzioni della nativit dei maestri presepari. La Delegazione, in una festosa successione di visite agli originali manufatti artigianali che riproducono gli scenari della Nativit, ha percorso tutta la via dei presepi rimanendo entusiasta e coinvolta da tanta maestria e tanta bellezza. Erano presenti, con i familiari il Delegato Cav. Uff. Francesco CAL, il Cav. Giuseppe MONTALTO, il Cav. Nicola NISI, il Cav. Graziano DIVELLA, Cav. ZANFRAMUNDO Vito, G. dO. Aldo LEO, G. dO. Guglielmo BONANNO, G. dO. Antonio GIANNICO, G. dO. PERRINI Andrea, G. dO. RUSSO Giuseppe, G. dO. Immacolata NOTARISTEFANO, G. dO. Alessia LEO. Erano inoltre presenti il Dr. Giuseppe MAGLIARI ed il Presidente della Durlindana Vincenzo COPERTINO, che sono ormai continuamente con noi, avendo gi espresso la volont di aderire al Nostro Istituto e presentato domanda di ammissione. Al termine della serata lAssociazione Culturale La Durlindana e le GG. dO. di Massafra a ricordo della serata hanno offerto alla Delegazione un caratteristico crest approntato da un Maestro Ceramista Massafrese.

ASPETTANDO IL NATALE Al termine delle iniziative finalizzate ad evidenziare il valore sociale e morale nonch gli scopi volti a tramandare le tradizioni delle genti del nostro territorio, il Vice Delegato della Delegazione Provinciale di Taranto Cav. Giuseppe MONTALTO alla presenza di una rappresentanza dellIstituto, a nome del Delegato Provinciale e della Delegazione, consegna al Presidente dellAssociazione Culturale Durlindana, a ricordo della comunione dintenti che ci ha visti operare in sinergia e con eccellenti risultati, il crest dellIstituto, con la certezza di una futura sempre pi fattiva collaborazione fra la Delegazione e lAssociazione. Levento, durante il quale sono stati premiati i vincitori del Concorso di Poesia, organizzato tra gli alunni delle scuole massafresi, ha avuto luogo nella mattinata del 17 dicembre 2011 nel Palazzetto dello Sport di Massafra alla presenza dellAssessore Antonio CERBINO, in rappresentanza del Sindaco, di Autorit ed Associazioni del territorio. SANTA MESSA PER LE FESTIVITA NATALIZIE Sabato 17 Dicembre 2011, magistralmente organizzata dal Vice Delegato Prov.le G. dO. Dott. Giuseppe M. R. MONTALTO ha avuto luogo la Cerimonia per lo scambio dauguri tra le Guardie della Delegazione ed i loro familiari. Lincontro stato preceduto dalla Santa Messa officiata nella Chiesa del Sacro Cuore di Ges, dal Parroco, G. dO. Don Luigi Larizza, Cappellano della Delegazione Provinciale di Taranto. Al termine della funzione religiosa, lincontro ha avuto la sua conclusione con una riunione conviviale, presso la Trattoria Ges Cristo, durante la quale alle gentili signore, quale augurio di gioioso Natale e festoso Anno Nuovo, stato dato in dono un simpatico pupazzo raffigurante un elfo beneaugurante. CAMBIO AL VERTICE DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELLO JONIO E DEL CANALE DOTRANTO Una Rappresentanza della Delegazione di Taranto ha presenziato al Cambio del Vertice del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale dOtranto. Esattamente venerd 20 gennaio 2012 ha avuto luogo infatti la Cerimonia del passaggio di consegne tra lAmmiraglio di Squadra Andrea Toscano, cedente, e lAmmiraglio di

42

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Squadra Ermenegildo Ugazzi, subentrante. La Cerimonia ha avuto luogo, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Ammiraglio di Squadra Bruno Branciforte, in un prestigioso scenario offerto dalla Piazza dArmi del Castello Aragonese. AllAmmiraglio Toscano, nellesprimere la nostra profonda gratitudine per il tempo e per lattenzione concessa al nostro Istituto, ci sentiamo di formulare con immensa stima, oltre allaugurio di sempre maggiori soddisfazioni nel nuovo prestigioso Incarico a cui chiamato, anche il nostro ringraziamento per aver con cos accorta ed oculata attenzione di Comandante garantito sempre la presenza della nostra Delegazione a tutte le Cerimonie del Territorio ed a tutti quegli Eventi avvenuti nellambito della Forza Armata ed a cui ci ha onorato di presenziare. AllAmmiraglio di Squadra Ugazzi, sicuri di un identico percorso di collaborazione e stima, come quello che ha caratterizzato il cammino della nostra Delegazione con il Suo Predecessore, a nome di tutte le Guardie laugurio di un proficuo ed esaltante Periodo di Comando. La Delegazione di Taranto stata rappresentata dal Vice Delegato G. dO. Giuseppe MONTALTO, dalla G. dO. Nicola NISI e dalla G. dO. Tommaso DE LUCA. PRESENTAZIONE DEL LIBRO Memoria e fedelt La Delegazione di Taranto rappresentata dalla G. dO. DAmbrosio Avv. Giuseppe, Consigliere e Responsabile dei rapporti con le Istituzioni ed i mass media, incaricato dal Delegato Provinciale intervenuta, Venerd 20 gennaio 2012, a Talsano, borgata di Taranto, alla presentazione, fatta dallAutore, del libro Memoria e Fedelt. nella

sala congressuale dellIstituto Giuseppe Nigro. Allevento, tenacemente voluto, sostenuto ed organizzato dalla G. dO. Cosimo ANNOSCIA, Assistente Capo della Polizia di Stato, hanno preso parte rappresentanti delle Forze Armate e delle Forze dellOrdine in rappresentanza dei Comandi del Territorio oltre ad un centinaio di talsanesi e tra loro, non potevano certo mancare, i numerosi familiari dei caduti in guerre, ormai lontane, nati in questa Terra, ma sepolti in terre lontane: i loro corpi riposano altrove, ma il loro ricordo vivo nella nostra memoria.Memoria e Fedelt. Cerimonia semplice, ma ricca di sentimenti, allinterno della quale lautore del libro Angelo dellAglia ne ha descritto s il contenuto, sottolineando che liniziativa vuole contribuire ad aggiungere un altro tassello di conoscenza del periodo storico che va dalla Campagna DAfrica Orientale del 1896 fino al II conflitto mondiale del secolo scorso, ma vuol concorrere innanzi tutto alla costruzione di quella memoria storica e di quella coscienza, che in questa borgata deve avere una sua doverosa collocazione nel ricordo di tutti quei talsanesi che, partiti per i vari Fronti, non hanno pi fatto ritorno, ma che devono vivere nel ricordo di tutti. Una doverosa menzione ed un ringraziamento per la collaborazione fornita nella raccolta di materiale prezioso reperito a Roma, presso gli Uffici preposti del Ministero della Difesa, che gli ha permesso di fornire documentazioni utili per la stesura del libro va al Priore della Confraternita della Chiesa del Rosario di Talsano, Pasquale Quaranta. Un ringraziamento speciale, a nome della Delegazione, formulo alla G. dO. Annoscia, per limpegno profuso, per la collaborazione fornita nella stesura del Libro e per la riuscita dellevento, ma particolarmente per il servizio reso allIstituto. Erano inoltre presenti per la Delegazione la Dott.ssa Carola De Liquori, Fiduciaria per Talsano ed il Cav. Tommaso De Luca, M.llo della P.S. in congedo, talsanese doc. GUARDIA SOLENNE ALLE TOMBE DEI SOVRANI DITALIA NEL PANTHEON Sabato 21 gennaio 2012, a Roma nellapprossimarsi del 134 Anniversario della Fondazione dellIstituto, all'interno del Pantheon, ha avuto luogo, alla presenza della Sua Bandiera la Guardia Solenne effettuata alle Reali Tombe da una rap-

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

43

presentanza della Delegazione di Taranto. La nostra Bandiera, unitamente a quella della Delegazione di Roma e di altre rappresentanze, ha fatto ingresso in corteo al Pantheon scortata dalle nostre Guardie e, resi gli Onori di Rito, si schierata al lato del Sacello ove sono custodite le Spoglie Mortali di S.M. il Re Umberto I. La Delegazione di Taranto era rappresentata dal Vice Delegato G. dO. Giuseppe MONTALTO, e dalle GG. dO. Nicola NISI, Donato ORLANDO, Giovanbattista MICCOLI, Adolfo SPADAVECCHIA, Graziano DIVELLA, Luigi BONANNO, Guglielmo BONANNO ed Andrea PERRINI. 134 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLISTITUTO Domenica 22 gennaio 2012, ha avuto luogo a Roma la Cerimonia per il 134 Anniversario della Fondazione dellIstituto. Sicuramente un Anniversario storico, celebrato allo scadere dei festeggiamenti per il 150 anno della Proclamazione del Regno dItalia. La giornata ha avuto inizio con il raduno in Piazza Venezia ove ha avuto luogo la tradizionale deposizione di una corona dalloro sullAltare della Patria, nel cui sacello, sono tumulate le Spoglie del Milite Ignoto. La Bandiera della Delegazione, ancora una volta era schierata con quella dellIstituto e delle altre Delegazioni ai piedi della scalinata, inchinandosi nel momento pi ricco di pathos: la deposizione della corona dalloro ed il successivo silenzio dordinanza, mentre i Granatieri in servizio di guardia rendevano gli onori militari. In un momento cos denso di emozione la mente si lascia andare ad unamara constatazione: quella dellIstituto lunica Bandiera che ancora non pu accedere al Sacrario, al cospetto del Milite Ignoto, che per uno stesso identico Drappo, il TRICOLORE, ha lasciato la sua vita sui cambi di battaglia cari alla Patria. Strana disposizione, ma nettamente in contrasto con la norma che vuole nel Sacrario dellAltare della Patria, a lato del Sacello, quasi a rendere gli onori dovuti alle spoglie del Milite Ignoto, le Bandiere di tutti i Reparti delle FF.AA. disciolti, molte delle quali sono quella che furono la Bandiera italiana sino al 1946. Molte di esse sono logore e macchiate dal sangue di chi non tornato ed a cui noi dobbiamo eterna gratitudine.In quel luogo Sacro della Patria la Delegazione di Taranto

era presente con la sua Bandiera, con il suo Delegato e con una congrua rappresentanza di Guardie della Terra Jonica.Di poi da questo sacro luogo si proceduto al trasferimento in corteo delle Delegazioni che hanno raggiunto laltro spazio caro a migliaia e migliaia di italiani: questultimo consacrato invece alle Sepolture dei Reali dItalia. Dopo poche centinaia di metri ecco apparire in lontananza, alto e maestoso il Pantheon, ove riposano come notorio solo alcuni dei Reali dItalia, in attesa della traslazione di Quelli che ancora riposano in terra straniera.Ed in questo luogo storico che la Delegazione di Taranto ha partecipato, con tutte le Delegazioni dItalia e di quelle sparse nel mondo alla Cerimonia ufficiale per il 134^ dalla Costituzione dellIstituto.Grande emozione, per tutto il perdurare della Cerimonia Sacra, ma anche per la lettura dei messaggi pervenuti. Cerimonia che raggiunge il suo culmine, in questo scorcio del Centocinquantesimo anniversario della Proclamazione del Regno dItalia, per la testimonianza di affetto indiscusso che si percepisce ai piedi del Sarcofago di Sua Maest il Re Vittorio Emanuele II, il Padre della Patria, durante la deposizione della Corona floreale e per la benedizione della Tomba.La Delegazione di Taranto era rappresentata dal Delegato Francesco CAL, dal Vice Delegato Giuseppe Montaldo, e dalle GG.dO. Nicola NISI, Donato ORLANDO, Giovanbattista MICCOLI, Adolfo SPADAVECCHIA, Graziano DIVELLA, Aldo LEO, Luigi BONANNO, Guglielmo BONANNO, Renato INGENITO, Angela LEO Andrea PERRINI. INAUGURAZIONE DELLA NUOVA SEDE DELLASSOCIAZIONE BERSAGLIERI DI LEPORANO Domenica 19 febbraio ha avuto luogo in Leporano (TA) la cerimonia per la inaugurazione della locale Sezione dellAssociazione Nazionale Bersaglieri intitolata al Bers. Francesco Fornaro.La Delegazione di Taranto ha partecipato allevento, assistendo inizialmente allinaugurazione dei locali destinati ad ospitare la neonata sezione e di poi ha partecipato alla sfilata per le vie del centro cittadino per raggiungere la piazza ove situato il Monumento ai Caduti, per la deposizione di una corona dalloro. Cerimonia semplice, ma estremamente sentita e che per la prima volta in questa cittadina dellen-

44

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

troterra tarantino ha visto sfilare lungo le sue vie una rappresentanza della Delegazione della Guardia dOnore di Taranto preceduta dalla Nostra Bandiera.Il corteo si snodato lungo le vie principali e tra unala di folla plaudente ed anche incuriosita la Nostra Bandiera, anticipata dai Labari delle Sezioni Bersaglieri del territorio e seguita dal Gonfalone della Citt con il suo Sindaco, attorniato e seguito dalla Giunta Comunale, ha raggiunto larea della cerimonia.Per la prima volta ad una cerimonia sul territorio cittadino fa bella mostra di s un nucleo di Persone, le Guardie della Delegazione di Taranto, poche, ma che sfilano fieramente e con determinazione, avvolti nei loro mantelli e preceduti da una Bandiera che molti riconoscono per quella non pi in uso, ma che guardano tutti inizialmente con curiosit, ma di poi con simpatia e gli anziani, palesemente, con nostalgia. lunica Bandiera Tricolore presente nel corteo, quella che nel centro ha il Cuore Sabaudo, le altre insegne sono Labari.Anche sulla piazza la sola bandiera presente nello schieramento, unica eccezione quella che sventola sul Monumento ai Caduti I gruppi assumono lo schieramento di fronte al Monumento ai caduti, poi il momento in cui tutto cede il passo ad una grande commozione. Gli onori, la deposizione della corona dalloro, e le note del silenzio ed il momento del ricordo pi intenso seguito alla fine da uno scrosciante applauso liberatorio che richiama tutti alla realt. Erano presenti alla Cerimonia il Delegato, Francesco CALO, il Vice Delegato Giuseppe MONTALTO e le GG.dO. Nicola NISI, Adolfo SPADAVECCHIA, Domenico VIOLI, Tommaso DE LUCA, Cosimo ANNOSCIA, Maria Grazia MARAGLINO. PRIMO ANNIVERSARIO DELLA COSTITUZIONE DELLA SEZIONE DELLA. N. B. ODIGITRIA IN CRISPIANO. E TERZO ANNIVERSARIO DELLINTRONIZZAZIONE DELLA MADONNA DEL CAMMINO Domenica 18 marzo 2012 Crispiano, ridente cittadina dellentroterra Jonico, si tinta di cremisi ed in una splendida cornice bersaglieresca ha avuto luogo la Celebrazione del Primo Anniversario della Odigitria e del 3 Anniversario dellintronizzazione della Madonna del Cammino.Alla Cerimonia ha partecipato con la sua Bandiera storica una folta Rappresentanza della Delegazione di Taranto che,

per loccasione ha indossato anche il Mantello.Essa stata destinataria da prima di grande curiosit da parte della cittadinanza crispianese in quanto, per la 1^ volta, sfilavamo con la Bandiera e con il Mantello indossato, di poi, riconosciutici, di crescente ammirazione e plauso.La manifestazione ha avuto inizio alle ore 09.00 col Raduno dei partecipanti sul piazzale della Chiesa Vecchia di Crispiano.Di l si snodato un corteo che, attraverso le principali vie di Crispiano ha raggiunto Piazza Madonna della Neve dove alle ore 11,00 nella Chiesa Madre Madonna della Neve, stata celebrata la Santa Messa. Il nome di tale chiesa ci richiama alla memoria un culto molto diffuso mediante il quale si invoca la protezione divina sulle "neviere": profonde cisterne scavate nel suolo tufaceo per conservare la neve invernale, utilizzata successivamente nella buona stagione per tenere al fresco e conservare le derrate alimentari.Al termine della Santa Messa, dopo la preghiera del Bersagliere, schieramento finale in Piazza "Madonna della Neve", per la deposizione delle corone di alloro alle lapidi dei Caduti in guerra poste nella stessa Piazza e per gli onori finali. A seguire, le allocuzioni delle Autorit presenti e del Presidente della locale sezione.Levento ha visto la partecipazione del Sindaco Dott. Giuseppe LADDOMADA, del Consigliere Regionale Avv. Francesco LADDOMADA, delle varie Autorit cittadine presenti sul territorio, dei Dirigenti provinciali, regionali e nazionali dellAssociazione Bersaglieri, oltre che di tantissimi bersaglieri provenienti da ogni parte della regione, tra i quali faceva bella mostra di s la Fanfara dei Bersaglieri di Altamura ed una formazione in uniforme storica.Infine il gruppo Bersaglieri Ciclisti "Carlo Regina" di Bari, anchesso in uniforme storica.Ovviamente, al posto donore, i Bersaglieri della sezione ODIGITRIA con il suo presidente il bersagliere Leonardo LADDOMADA in una Crispiano che per tutto il giorno si tinta di cremisi e che ha visto la partecipazione di tutta la cittadinanza.Al termine della Cerimonia, la Delegazione, con Bandiera in testa, ha lasciato lo schieramento accompagnata dalle note di una marcia bersaglieresca, suonata dalla fanfara, ed uno scroscio di applausi rivoltole dalla cittadinanza. Applausi che lhanno seguita lungo tutto il tragitto predisposto per il deflusso dalla zona della

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

45

Cerimonia. La manifestazione proseguita con il pranzo sociale presso il Ristorante Villa Maria di Crispiano dove ha avuto luogo anche uno scambio di doni tra le Guardie della Delegazione ed i Bersaglieri della Sezione ODIGITRIA.La nostra Delegazione era rappresentata dal Delegato, G. dO. Francesco CAL, dal Vice Delegato G. dO. Giuseppe MONTALTO e dalle GG. dO. Nicola NISI, Tommaso DE LUCA, Adolfo SPADAVECCHIA, Donato ORLANDO, Gianni FESTA, Vito ZANFRAMUNDO, VIOLI Domenico, Luigi BONANNO, Guglielmo BONANNO, Franco MASTRANGELO, Rinaldo ORLANDO, Vito TITO, Antonio GIANNICO, Andrea PERRINI, Domenico NARDIELLO, Marcello SPORTELLI, Marcello PALERMO, Antonio COPERTINO, Arcangelo SPAGNULO. Con le Guardie della Delegazione le sempre presenti e graditissime consorti. CERIMONIA DI GIURAMENTO DEI VOLONTARI IN FERMA PREFISSATA DI UN ANNO DEL 1^BLOCCO 1^INCORPORAMENTO -Anno 2012 Il 30 marzo 2012 una Rappresentanza della Delegazione della Provincia Jonica ha partecipato alla Cerimonia di Giuramento dei Volontari in ferma Prefissata di un Anno del 1^ Blocco 1^ Incorporamento presso il Centro di Selezione, Addestramento e Formazione del Personale Volontario della Marina. Allevento, a cui ha preso parte il Comandante del Dipartimento Marina Militare dello Ionio e del Canale dOtranto, Ammiraglio di Squadra Ermenegildo UGAZZI, hanno partecipato anche numerose autorit civili e militari, nonch familiari, accorsi numerosi per lemozionante cerimonia, durante la quale i giovani hanno pronunciato il giuramento di fronte alla Bandiera. Dopo la particolarmente toccante allocuzione del Comandante dellIstituto di Formazione che ha sottolineato limportanza delle Forze Armate ed il loro impegno nellambito degli attuali interventi oltreconfine, conclusosi con laugurio che i nostri due Fucilieri del San Marco facciano presto ritorno in Patria, seguita la lettura della motivazione della Medaglia dOro alla Memoria concessa al "C. V. Ignazio Castrogiovanni" cui intitolata la Caserma, la Preghiera del Marinaio ed infine latteso e sempre coinvolgente LO GIURO

che ha visto i giovani marinai assumersi cos limpegno di difendere la Patria e le Libere Istituzioni. LInno Nazionale cantato in coro da tutti i presenti ha suggellato limpegno assunto e per finire il tipico ammassamento per lattesa sfilata in parata delle Compagnie Allievi che ha concluso la Cerimonia. La nostra Delegazione era rappresentata dal Delegato, G. dO. Francesco CALO, e dalle GG. dO. Tommaso DE LUCA e Guglielmo BONANNO.

TORINO
13 ottobre 2011 Serata azzurra alla Limonaia de la Torre, locale di propriet del dr. Maurizio Grandi di Mordano. La serata iniziata con un concerto di musica Verdiana per pianoforte e flauto traverso tenuto dai musicisti Marco Crosetto e Valentina Nebolone, che hanno eseguito musiche risorgimentali. Successivamente il conte Mola di Nomaglio e il dott. Augusto Grandi hanno presentato il volume Amori e Selvaggina. Vita privata di Vittorio Emanuele II, presente lautore Dino Ramella. La presentazione stata seguita da un filmato. La serata si conclusa con una cena sabauda, tenuta negli stessi locali. Erano presenti circa quaranta persone, fra le quali il dott. De Biasi, che ha portato il saluto dellassessore alla cultura del comune di Torino, il comandante dAtri, il prof. Dott. Claudio Cardellini, delegato provinciale di Torino dellIstituto con la consorte, i conti Maurizio e Laura Grandi di Mordano, il conte avv. Roberto Vittucci Righini di SantAlbino, Presidente di Alleanza Monarchica, il conte dott. Andrea di Gropello, il dott. Cardellini, il dott. Ugo Berutti, Monsignor Gianluca Gonzino, il comm. Marco Lovison, delegato provinciale di Novara, lavv. Andrea Rosso, ling. Mannini, i coniugi Mannini e Ferraresi, le GG. dO. Marabello, Laura Bombonato, Grancagnolo, Crivelli. Nel pomeriggio, il comandante dAtri accompagnato dal prof. Cardellini, era stato ricevuto dal sindaco del Comune di Levone. 3 dicembre 2011 Alla Santa Messa degli auguri natalizi promossa dallIstituto del Nastro Azzurro e celebrata nella

46

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Provinciale di Trapani, Damiano Bonventre, ha ricordato la figura della Regina in presenza di Franco Orlando, Assessore del Comune di Alcamo presente in rappresentanza del Sindaco. Il delegato Bonventre ha prima letto il messaggio del Presidente dell'Istituto, passando poi alla lettura di un lungo excursus storico. Capitano di Vascello, dottor Ugo d' Atri. Alla messa, celebrata dal Rev. Padre Stefano Smedile, Cappellano della Delegazione, hanno partecipato insieme ad oltre duecentocinquanta fedeli, le Guardie d'Onore Damiano Bonventre, Giuseppe Meo, padre Stefano Smedile, Antonino Camuto ed Antonino Spin.

chiesa del Santo Sudario erano presenti le Guardie dOnore torinesi: Berutti, Cacioli, Cardellini (delegato), Commisso, Cresta, DAmico, Gamarra, Mauro (alfiere), Mollicone, Settimini, Volpi. 28 dicembre 2011 Si celebrata una S. Messa celebrata presso la bella e storica chiesa di Santa Cristina sita nel "Salotto di Torino", la celebre Piazza San Carlo, organizzata dal "Gruppo Croce Bianca", presenti con le rispettive insegne, gli appartenenti dello stesso "Gruppo Croce Bianca", le nostre Guardie d'Onore e rappresentanze di alcune Associazioni d'Arma come i Granatieri, i Bersaglieri e gli Autieri.

TRIESTE

TRAPANI
Domenica 20 novembre 2011, in occasione della ricorrenza di Cristo Re e del 59 anniversario del pio transito di Elena di Savoia, il Delegato La Zona Sacra di San Giusto un patrimonio di Trieste e dellItalia, la cui salvaguardia un dovere civico e morale. In questa ottica, deve essere salutata volentieri, assieme alle altre, lopera di recupe-

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

47

ro del Cippo dedicato ai Ragazzi del Novantanove culminata nella scopertura del suggestivo Monumento in pietra che ha avuto luogo il 3 novembre 2011 a conclusione delle manifestazioni per la celebrazione del 150 anniversario di costituzione del Regno d Italia, su iniziativa dell'A. N. Artiglieri dItalia, Sezione Trieste, Istria, Fiume, Dalmazia e della Delegazione di Trieste dellIstituto. Con brevi parole, il Gen. Riccardo Basile ha ricordato il sacrificio di quei diciottenni che alla fine del 1917, dopo Caporetto, furono chiamati alla difesa della Patria e scrissero pagine di alto valore assieme ai Veterani, sul Piave, sul Montello e sul Grappa, portando un rilevante contributo alla vittoria di Vittorio Veneto che suggellava per lItalia lagognato raggiungimento dei confini naturali. Proprio sul Piave lesercito austroungarico, pur superiore per numero e per mezzi, venne fermato quando sembrava che tutto fosse perduto ed i Ragazzi del Novantanove meritarono un solenne encomio da parte del Comandante Supremo, Gen. Armando Diaz. Alla sobria e toccante cerimonia, che ha visto la benedizione del Cippo da parte di Monsignor Don Ettore Malnati e che si conclusa, grazie alla Fanfara dei Bersaglieri di Trieste con le struggenti note del Silenzio, sono intervenute Autorit civili e militari e un folto pubblico attento e commosso. 17 Marzo, 2012 Anche questanno la delegazione di Trieste ha festeggiato il 17 Marzo (Finalmente riconosciuta data emblematica della fondazione dello stato italiano unitario): Nellaccogliente salone delle conferenze del circolo ufficiali in cui campeggiavano in segno di solidariet le fotografie dei due Mar illegalmente trattenuti in India e di fronte a numeroso pubblico il delegato Triestino dellIstituto Gen. Riccardo Basile ha dato lannuncio della consegna del nuovo labaro della delegazione. Con il pubblico in piedi e plaudente i due giovani ultimi iscritti allIstituto hanno fatto ingresso nel salone con il nuovo vessillo. Il gen. Basile ha brevemente illustrato scopi e finalit dellIstituto sorto nel 1878 auspicando la sepoltura in Italia degli ultimi sovrani che terre straniere ancora ospitano. E stato messo in risalto come, su proposta della delegazione Triestina (accettata allunanimit durante lultima assemblea nazionale del gennaio 2012) sul

labaro campeggi ora la nuova denominazione: Delegazione di Trieste Istria Fiume e Dalmazia dando visibilit alla reale situazione venutasi a creare dopo la seconda Guerra Mondiale e altres dando visibilit al mondo degli esuli che hanno saputo dimostrare cosa significhi anche a costo di enormi sacrifici essere e sentirsi italiani.

VENEZIA
Domenica 2 Ottobre 2011 si tenuto a Venezia, presso il circolo ufficiali comando presidio territoriale caserma Cornoldi, in riva degli Schiavoni, la prima conferenza organizzata dal nuovo delegato provinciale. Nellanno dei festeggiamenti del 150 anniversario dellUnit dItalia, anche le G.d.O. della delegazione di Venezia hanno dato il loro contributo, con una conferenza di grande significato risorgimentale per la citt di Venezia. Tema trattato La repubblica Veneta di Daniele Manin 18481849. Oratore Il dott. Vasoin de Prosperi insigne storico padovano, recentemente nominato Cavaliere dellordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. Apre i lavori il neoeletto delegato Belladonna Gennaro, che esordisce affermando: Il giorno della mia elezione a delegato, ho promesso che avrei fatto una serie di conferenze-conviviali ed ho mantenuto la promessa. E mia intenzione farne almeno due lanno e sto gi programmando una conferenza di grande interesse per la prossima primavera. Purtroppo oggi assente lamico Carlo Antonio Romanelli, al quale va la mia stima per il valido aiuto datomi, per la buona riuscita dellevento. Purtroppo assente per un incidente all estero successo al figlio, per fortuna senza gravi conseguenze prosegue augurando a nome dellintera assemblea un sincero augurio di pronta guarigione.

48

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

Un sincero ringraziamento al te. Col. Raffale Barcone, per averci dato ospitalit in questa magnifica sala conferenze. Un saluto anche alle delegazioni di Padova e Venezia per essere presenti molto numerose e al dott. Giulio de Renoche, presidente del prestigioso circolo culturale padovano Alberto Cavalletto. Il delegato provinciale continua la relazione spiegando ai presenti quali sono i doveri di una G. dO. ed auspicano che il numero delle ore di guardia al Pantheon aumentino. Conclude affermando: Siamo lassociazione darma combattentistica pi antica tuttora esistente e dobbiamo essere orgogliosi del nostro passato. Prende la parola dott. Vasoin de Prosperi che inizia con dati anagrafici: Daniele Manin nasce nel 1804, suo padre, un ebreo convertitosi al cristianesimo. Lo chiam Manin in onore del padrino di battesimo, il fratello del ultimo doge di Venezia. Nel 1848 la notizia dei miti della rivoluzione parigina (Re Filippo deve scappare) e poi di quella viennese, fa scattare linsurrezione in tutto il lombardo-veneto. I Veneziani danno lassalto al arsenale e liberano dal carcere Daniele Manin e Tommaseo. Manin il 17 Marzo proclama la nuova repubblica Veneta di San Marco. Si liberano anche altre citt venete: Padova, Vicenza e Belluno. Carlo Alberto Re di Sardegna, approfittando degli stessi moti scatenatisi aa Milano (le Cinque Giornate, 18-22 Marzo), da Torino dichiara guerra agli austriaci. Sconfitto a Novara passa lo scettro al figlio Vittorio Emanuele II. I Veneziani assaltano la guarnigione di Mestre e si impossessano di sette cannoni. Radetsky dopo Milano concentra 3000 soldati davanti Marghera. Manin rifiuta le sue condizioni di resa e i veneziani vengono massacrati a forte Marghera. Subentra poi il generale Gorzkowski che bombarda la citt. Cadono altre citt venete e il 29 Agosto vengono occupate Chioggia e Burano(Chioggia aveva portato alimenti ai veneziani assediati). Venezia resiste eroicamente (il generale Guglielmo Pepe rifiuta di ritirare il suo esercito) ma dopo cinque mesi, per fame e per colera, deve arrendersi. Il dott. Vasoin conclude declamando versi della poesia di Arnaldo Fusinato Lultima ora di Venezia. Dopo la conferenza tutti i partecipanti si sono recati a pranzo alla mensa del circolo ufficiali. Chioggia La delegazione di Venezia dellIstituto ed il

Laboratorio di Storia Patria "Mafalda di Savoia"di Chioggia hanno organizzato lo scorso 27 gennaio una conferenza-conviviale presso il ristorante Bella Venezia, relatore il giornalista, scrittore vaticanista dott. Andrea Tornielli sul tema: I Cattolici ed il Risorgimento". Sin dall'inizio Tornielli ha inteso sfatare il luogo comune che presenta le forze politiche cattoliche come antirisorgimentali, asserendo che anche il voltafaccia di Papa Pio IX, inizialmente osannato come "Papa italiano" per non aver assunto un atteggiamento oltranzista di chiusura verso i moti patriottici, fosse in realt inerente al suo ruolo di guida della cristianit, precisando che il rifiuto di Pio IX di concedere i contingenti vaticani alle forze italiane era dovuto al fatto che anche l'impero austro-ungarico era cattolico. Tornielli ha poi parlato del "Non expedit", sottolineando che intendeva non coinvolgere direttamente le forze cattoliche nella politica, poich quelle umanitarie, assistenziali e culturali erano assai influenti in campo sociale. Non tutte le sconfitte sono deleterie: in realt dopo la presa di Roma per il Papato, nonostante le restrizioni del territorio vaticano, inizi un periodo che vide aumentare l'autorit ed il prestigio morale, proprio perch privato del pesante ed ingombrante fardello del potere temporale, come ebbe poi ad esprimersi in tal senso papa Pio IX. Il rapporto tra Chiesa e Stato dopo la presa di Roma, nel 1871 fu disciplinato dalla "Legge delle Guarentigie", che tuttavia non fu mai riconosciuta dai Pontefici, da Pio IX in poi: il mutuo riconoscimento tra Regno d'Italia e Santa Sede, infatti, fu sottoscritto solo nel 1929 con i Patti Lateranensi. Nel dopoguerra il ministro Togliatti, uno dei redattori della nuova Costituzione Italiana, nonostante si guard bene, naturalmente per opportunit politica, dal toccare il Concordato, e nel 1948 i Patti furono riconosciuti costituzionalmente, nellarticolo 7. Grande interesse e partecipazione dei presenti per la lectio magistralis dell'oratore. Tra i presenti, il Sindaco di Chioggia.

VITERBO
11 dicembre 2011 Pranzo per gli augur di Natale della delegazione

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

49

SAVOIA
Altacomba, 17 marzo 2012 Il 29 anniversario della scomparsa di S. M. il Re Umberto II stato ricordato con una Santa Messa nellAbbazia di Altacomba, ove il Sovrano ancora sepolto. Alla presenza delle LL. AA. RR. il Principe Vittorio Emanuele e la Principessa Marina di Savoia. La Santa Messa stata concelebrata dalle Guardie dOnore mons. Gianluca Gonzino, don Simone Rolandi e don Giampaolo Civillini. Circa cinquecento le persone convenute, quasi tutte le Guardie dOnore, fra le quali il presidente dellIstituto, il consultore Di Martino, il presidente della Consulta dei Senatori del Regno, prof. P. L. Duvina e buona parte delle cariche sociali dellItalia Settentrionale e di Roma; cinque fasce tricolori dei sindaci, fra le quali quelle indossate dalle Guardie dOnore Passalacqua (Alessandria), Scaravelli (Reggiolo) e Meda (Asti). Particolarmente nutrite le rappresentanze delle delegazioni di Torino, Asti, Milano, Alessandria e Como.

provinciale di Viterbo dellIstituto. Ventisette le persone presenti, fra le quali il presidente dellIstituto, comandante dAtri, lispettore regionale del Lazio, dr. Quadrani, il delegato provinciale, prof. Petri, lavv. Ranzini, il duca Hardouin di Gallese. Sabato 18 febbraio la delegazione provinciale di Viterbo ha partecipato alla cerimonia di commemorazione della "Giornata del Ricordo". Alla presenza del Sindaco della Citt, on. Giulio Marini, e del Presidente della Provincia, dott.Marcello Meroi, e delle Associazioni d'Arma e Combattentistiche stato deposto un cuscino di fiori al cippo che ricorda i Martiri dell'odio comunista titino uccisi nelle foibe e in particolare del concittadino, Carlo Celestini, infoibato a Djiakovo nel maggio 1945. Il presidente dell'Associazione "10 febbraio, Maurizio Federici ha ripercorso quei tragici eventi in cui i nostri connazionali furono massacrati e deportati con l'unico colpa di essere "Italiani". Il Delegato Provinciale, prof. Ferdinando Petri, con Bandiera Sabauda era accompagnato dalle GG. dO. Appolloni, Fracassini, Mochi, Quadrani F. e A.

W VERDI
50 GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

PROSSIMI EVENTI
Venerd 4 maggio 2012 Cremona, Museo civivo, via Ugolani Dati n 4, sala Puerari, ore 17, nellambito del ciclo LItalia coloniale da Vittorio Bottego alla Libia, il comitato provinciale di Cremona dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano organizza la conferenza La Bassa Padana dalle guerre dindipendenza allepopea coloniale Convegno in collaborazione con gli ISRI di Brescia, Mantova, Piacenza Relatori: dott. Luciano Faverzani, avv. Aleardo Fario, dottor Cesare Zilocchi Sabato 5 maggio 2012 Roma, Pantheon, ore 11, Santa Messa in suffragio dellon. Alfredo Covelli. Prima della celebrazione verr deposta una corona d'alloro alla tomba del Re Vittorio Emanuele II Domenica 6 maggio 2012 Venezia, caserma Cornoldi, circolo ufficiali interforze, riva degli Schiavoni n 2122, ore 11, conferenza-conviviale sul tema: "L'opera di salvataggio degli ebrei ungheresi ad opera di Giorgio Perlasca". Relatore Franco Perlasca. Dopo la conferenza, per chi lo desidera, si potr pranzare al circolo ufficiali. Per prenotazioni rivolgersi alle Guardie d'Onore: Gennaro Belladonna (delegato) 347/6400001 - e-mail: gennaro.bdonna@libero.it; Carlantonio Romanelli 348/7007683; Fedinando Dabal 328/2413860. Il sito internet della delegazione di Venezia www.gdovenezia.blogspot.com Gioved 10 maggio 2012 Torino, La Limonaia, via M. Ponzio n 10, evento Kosovo: conoscere il passato per vivere il presente e costruire il futuro. Dialogo per la Pace come elemento per il rispetto della Vita, per il sostegno al Monastero Visoki a Decani, Kosovo. Accendiamo la speranza per garantire lautosufficienza. Programma: ore 18.30 Irini Pasi Ensemble Canto Bizantino; ore 19 Tavola rotonda con la partecipazione di Fabio Franceschini Associazione Love, Padre Iossif Restagno Presbitero Chiesa Ortodossa di Costantinopoli; Padre Ambrogio Cassinasco Presbitero Chiesa Ortodossa Russa; Padre George Vasilescu Presbitero Chiesa Ortodossa Romena; Padre Lucian Rosu Presbitero Chiesa Ortodossa Romena; Prof. Avv. Riccardo Scarpa vicepresidente L. I. D. U.; ore 20.30 cena con specialit dei Balcani e vino del Monastero Visoki a Decani; ore 22.30 asta a beneficio del Monastero Visoki a Decani. Invitato donore S. A. R. Principe Sergio di Jugoslavia Domenica 13 maggio 2012 Roma, Pantheon, ore 12, Santa Messa in suffragio dei Caduti di Russia organizzata dalla Guardia dOnore signora Alina Mancini Martano, dama patronessa dellUnione Nazionale Italiana Reduci di Russia, con la collaborazione dellAssociazione Nazionale del Fante e dellIstituto Luned 14 maggio 2012 Roma, Campidoglio, presentazione dellopera Alexandros et Nero della Guardia dOnore, marchesa prof.ssa Alessandra dEpiro Dusmet de Beaulieu Gioved 31 maggio 2012 Napoli, Basilica maggiore di Santa Chiara, ore 19, Santa Messa in onore della Serva di Dio, Ven. Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie Domenica 3 giugno 2012 La delegazione provinciale di Forl, in accordo col presidente dAtri e lispettore regionale Arfilli, ha fissato per questa data lannuale GUARDIA CON-

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

51

GIUNTA al Pantheon. Seguir quanto prima un programma dettagliato Domenica 3 giugno 2012 Delegazioni di Padova, Rovigo e Venezia: tradizionale incontro a Vanzo di San Pietro Viminario (PD) presso la residenza del Conte G. dO. Nicol Giustiniani. Ore 10 circa: conferenza del Delegato di Padova, gen. Pietro Grassi, sul tema: Da Carlo Emanuele I di Savoia alla reggenza di Madama Reale. Seguir la Santa Messa celebrata dal rev. don Alberto Celeghin e alle 13 pranzo (euro 25 circa) Mercoled 13 giugno 2012 Roma, Pantheon, ore 18, Santa Messa in suffragio dei Martiri di via Medina Sabato 30 giugno 2012 Napoli, Basilica maggiore di Santa Chiara, ore 19, Santa Messa in onore della Serva di Dio, Ven. Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie Domenica 1 luglio 2012 Piazza Armerina (EN), monumentale chiesa medievale del Cenobio di SantAndrea, ore 10, celebrazione eucaristica solenne, organizzata dalla delegazione di Catania, in suffragio della Veneranda Serva di Dio S. A. R. la principessa Maria Clotilde di Savoia ed in suffragio del primo Gran Priore dei cenobi di SantAndrea, SantElia e Val di Noto, duce dei gerosolimitani, don Giovanni Suriano. La Santa Messa sar officiata da Sua Eccellenza Reverendissima il Vescovo di Piazza Armerina, monsignor Michele Pennisi e concelebrata dal Rettore del Cenobio, reverendo don Salvatore Giuliana Venerd 6 Luglio - Marted 10 Luglio 2012 VIAGGIO NEI LUOGHI DELLA MEMORIA DELLA REGINA ELENA E DEL DOMINIO VENEZIANO (BOCCHE DI CATTARO), Podgorica, Cetinje, Kotor e Perast. Programma: Venerd 6 Luglio incontro allaeroporto di Roma Fiumicino e imbarco su volo Montenegro Airlines per Podgorica. Arrivo a Podgorica e trasferimento in hotel a Cetinje. Nel pomeriggio, incontro con il Patriarca.

In serata Gal dinner e pernottamento a Cetinje. Sabato 7 Luglio Colazione in hotel. Nella mattina visita di Cetinje con particolare attenzione ai luoghi della Regina Elena. Deposizione di un omaggio floreale sul sito della memoria . Trasferimento da Cetinje a Kotor con pranzo in ristorante. Arrivo in hotel e tempo libero. Cena in ristorante e pernottamento. Domenica 8 luglio Colazione in hotel. Messa nella splendida cattedrale di Kotor. Pranzo tipico in ristorante locale. Nel pomeriggio visita di Kotor, con particolare attenzione agli aspetti della dominazione Veneziana. Cena in ristorante e pernottamento in hotel. Luned 9 luglio Colazione in Hotel. Visita di Perast e pranzo. Trasferimento in hotel a Podgorica. Cena in ristorante e pernottamento. Marted 10 Luglio Colazione e trasferimento in Aeroporto. Rientro a Roma con volo di linea Montenegro Airlines. Quota per persona 790,00 Euro; supplemento singola 100,00 Euro.La quota comprende: pernottamento e colazione in hotel secondo disponibilit, trasferimenti in pullman GT come da programma, pranzi e cene come da programma, guida parlante italiano dove indicato. La quota non comprende: mance, spese personali, quanto non esplicitamente indicato in La quota comprende. Ove fosse necessario Roman Feelings pu organizzare trasferimenti da Roma centro citt a Roma Aeroporto: Trasferimento in Mercedes Classe E 42,00 Euro (max 3 pax). Per informazioni e prenotazioni, prendere contatto con la Segreteria della Presidenza dellIstituto (066793430) o con la Guardia dOnore dott. Armando Pietroni, chiamando il numero 3275904924. Ci si pu anche rivolgere direttamente al Tour Operator attraverso i seguenti contatti: Roman Feelings by I Viaggi delle Meraviglie s.r.l. - Circonvallazione Gianicolense, 305 00152 Roma - e-mail: info@iviaggidellemeraviglie.com - tel. 06.58237096 cell. 3807153000. Modalit di pagamento delle quote: - allatto della prenotazione ( da effettuarsi entro il 15 aprile 2012 , via e-mail o per telefono) andr versato un anticipo

52

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

di 250 a persona a mezzo bonifico su c/c bancario intestato a I Viaggi delle Meraviglie s.r.l. IBAN: IT27X0303203222010000000227; dellavvenuto pagamento andr data conferma attraverso una e-mail indirizzata al Tour Operator contenente il CRO delloperazione; - un mese prima della partenza (entro il 6 giugno) andr versato il saldo osservando le medesime modalit operative (bonifico bancario e conferma operazione). Domenica 29 luglio 2012 Roma, Pantheon, ore 10.30, Santa Messa in suffragio del Re Umberto I Domenica 9 settembre 2012 Castelfidardo e Loreto (AN), 6 raduno interregionale delle Guardie dOnore, organizzato dalla delegazione di Pesaro-Urbino. Programma in via di definizione Sabato 15 settembre e Domenica 16 settembre 2012 Palmanova (UD), raduno delle truppe da montagna di Carinzia (alpenjger), Slovenia (fanteria di montagna) e Friuli-Venezia Giulia (corpo degli alpini) Venerd 28 settembre 2012 Cremona, Museo civico, via Ugolani Dati n 4, sala Puerari, ore 17, nellambito del ciclo LItalia coloniale da Vittorio Bottego alla Libia, il comitato provinciale di Cremona dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano organizza la conferenza La letteratura coloniale Relatori: prof. Vincenzo Montuori, prof.ssa Rossana Saccani, prof. Angelo Rescaglio (convegno in collaborazione con la Dante Alighieri) Domenica 30 settembre 2012 Napoli, Basilica maggiore di Santa Chiara, ore 19, Santa Messa in onore della Serva di Dio, Ven. Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie Venerd 12 ottobre 2012 Cremona, Museo civico, via Ugolani Dati n 4, sala Puerari, ore 17, nellambito del ciclo LItalia coloniale da Vittorio Bottego alla Libia, il comitato provinciale di Cremona dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano organizza la conferenza La Croce Rossa nella battaglia di Adua

Relatore: prof. Paolo Vanni (Delegato Nazionale alla Storia della Croce Rossa Direttore dellUfficio Storico della CRI) Venerd 26 ottobre 2012 Cremona, Museo civico, via Ugolani Dati n 4, sala Puerari, ore 17, nellambito del ciclo LItalia coloniale da Vittorio Bottego alla Libia, il comitato provinciale di Cremona dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano organizza la conferenza Lesercito italiano nella guerra di Libia: il generale Felice De Chaurand - Relatore: dott. Leonardo Malatesta (Vice Direttore Museo Storico del Nastro Azzurro) Venerd 16 novembre 2012 Cremona, Museo civico, via Ugolani Dati n 4, sala Puerari, ore 17, nellambito del ciclo LItalia coloniale da Vittorio Bottego alla Libia, il comitato provinciale di Cremona dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano organizza la conferenza Le ex colonie italiane da territori occupati a interlocutori commerciali e culturali privilegiati (Eritrea, Etiopia) - Incontro con i corpi diplomatici delle ex-colonie Mercoled 28 novembre 2012 Roma, Pantheon, ore 17, Santa Messa in suffragio della Regina Elena Venerd 30 novembre 2012 Napoli, Basilica maggiore di Santa Chiara, ore 19, Santa Messa in onore della Serva di Dio, Ven. Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie Gioved 6 dicembre 2012 Cremona, Museo civico, via Ugolani Dati n 4, sala Puerari, ore 17, nellambito del ciclo LItalia coloniale da Vittorio Bottego alla Libia, il comitato provinciale di Cremona dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano organizza la conferenza Raimondo Franchetti: esplorazioni e misteri nel Corno dAfrica Relatrice: prof.ssa Valeria Isacchini (conferenza in collaborazione con lAssociazione Gli ex dellAselli) Venerd 28 dicembre 2012 Roma, Pantheon, ore 17, Santa Messa in suffragio del Re Vittorio Emanuele III

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

53

CULTURA

GIOACCHINO VOLPE (1876-1971) di Gianluigi Chiaserotti Cade questanno, e precisamente il giorno 1 ottobre, il quarantesimo anniversario della scomparsa di Gioacchino Volpe, uno storico innovatore del Secolo XX, sicuramente, da ricordare nel CL Anniversario della proclamazione del Regno dItalia. Il Volpe nacque a Paganica, in provincia de LAquila, il 16 febbraio 1876; si trasfer con la famiglia prima ad Aquilea, e poi a Santarcangelo di Romagna. Nel 1895 si iscrisse allUniversit Normale di Pisa, laureandosi in Lettere. Gioacchino Volpe fu allievo dello storico Amedeo Crivellucci (1850-1914) e pubblic sulla rivista Studi storici i suoi primi lavori dedicati alla Pisa Mediovale. Il Volpe, dal 1906 al 1940 fu professore di Storia Moderna, prima (1906-1924) allAccademia scientifica di Milano, eppoi (1924-1940) allUniversit di Roma. Diresse la Scuola di Storia moderna e contemporanea (dal 1906 al 1943), ed anche (dal 1935) la Rivista Storica Italiana. Di indirizzo politico nazional-liberale, fu interventista e, quale Ufficiale del Regio Esercito, prese parte alla I Guerra Mondiale, svolgendo attivit di propaganda per i soldati della VIII Armata, ricevendo, tra laltro, una Medaglia dArgento al Valor Militare. Quindi, da nazionalista e monarchico, si avvicin al Fascismo entrando a far parte della Camera dei Deputati dal 1924 al 1929, poi si iscrisse nel 1925 al Manifesto degli intellettuali fascisti. Fu quindi un apprezzato membro della speciale commissione [presieduta da Giovanni Gentile (1875-1944), tra laltro, suo compagno di studi alla Normale di Pisa] insediata dal regime fascista per lo studio delle riforme costituzionali. Il nostro fu Accademico dItalia dal marzo 1929, della quale fu anche segretario generale fino al 1934. Fu uno dei fondatori dellEnciclopedia Italiana (poi Treccani), di cui fu responsabile della sezione di

storia mediovale e moderna. Negli anni del regime fascista il nostro assolse il ruolo di importante organizzatore culturale, riuscendo, per, a conservare equilibrio e capacit di giudizio, non avendo mai a che fare con il fascismo corrotto, n con lantisemitismo dei razzisti. Gioacchino Volpe aiut con il passaporto ex allievi Sabatino detto Nello Rosselli (1900-1937) ed alcuni suoi amici. Per questo suo atteggiamento, il grande intellettuale, fu osteggiato fortemente e quindi privato della cattedra allUniversit, ma con alta dignit e fierezza riprese a lavorare ed a dedicarsi agli studi storici. Diresse, quindi, fino al 1943 la scuola di storia moderna e contemporanea. Nellimminenza delle elezioni politiche del 18 aprile 1948, il nostro ader al Partito Nazionale Monarchico. Dal 1963 fu il primo presidente ed animatore incomparabile della rinata Associazione Nazionale Italia Irredenta, fermo e tenace nel denunciare lavvilente dettato di pace e di ingiustizie patite nei territori sottratti allItalia prima e dopo linfamia del trattato di Osimo. Scrisse, al riguardo, in occasione del suo 95 compleanno (1971) di sentirsi esule morale in patria. Come abbiamo visto, le prime ricerche storiche del Volpe riguardano let mediovale e, in particolare, la civilt dei comuni, eppoi, dopo la I Guerra Mondiale, saturo di Medio Evo e di Et Comunale, si volse agli studi di storia moderna e contemporanea, con lintento prevalente di cogliere ed illuminare lo sviluppo della nostra Nazione in Europa, con un animus, come abbiamo pocanzi detto, nazionalista. La produzione storiografica del Volpe pu comodamente essere inquadrata in quel fertile filone metodologico che Benedetto Croce (1866-1952), abbruzzese di nascita come il nostro, defin scuola economicogiuridica. Il realismo storiografico emerse nelle ricerche sul-

54

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

l'et medievale, da cui Volpe trasse spunti fondamentali per i suoi studi successivi sul Risorgimento italiano e l'Italia liberale, con aperture di metodo che sottolineavano gli aspetti creativi dell'esperienza umana. Della produzione storiografica di Gioacchino Volpe ricordiamo, tra laltro: Medio Evo Italiano (1923), LItalia in cammino (1927), Caporetto (1928), Vittorio Emanuele III (dalla nascita alla Corona dAlbania, 1939) (ristampato, con lintroduzione di Domenico Fisichella, per la Marco Editore nel 2000), Italia Moderna (in tre volumi, 1949-1955). A cura della casa editrice di Giovanni Volpe (19061984), figlio dellinsigne storico, particolare lantologia Scritti su Casa Savoia (1983), con presentazione di Emilio Bussi (1904-1997). Al riguardo interessante Il Millennio di una Dinastia [estratto dal volume: Un Secolo di Regno. LUnit Nazionale (1959), ristampato con la prefazione di Francesco Perfetti, per la Luni Editrice nel 2000] e Il Centenario del Regno dItalia (1961), in cui, tra laltro scrisse: [] La Monarchia, quella Monarchia rappresentata da quel Casato di antica origine, che nel 700 rimase lunico Casato in certo senso nazionale della Penisola, cominci ad operare, anche senza proporselo, per lunit, sin da quando, nel 600 e 700, essa, per difendere il suo Stato o per guadagnare qualche provincia o citt della Lombardia, ebbe a fron-

teggiare stranieri e soltanto stranieri, Spagna o Austria o Francia, richiamando su di s lattenzione, la simpatia e qualche speranza di Italiani di ogni paese, stanchi di tanta sarabanda di conquistatori e predoni, e diventando il punto di convergenza loro. []. Il Re Umberto II (1904-1983) insign Gioacchino Volpe dell'Ordine Civile di Savoia il 15 settembre 1961, e lo cre conte il 16 febbraio 1967. In occasione del novantesimo compleanno (16 febbraio 1966), il Re, tramite il Ministro Falcone Lucifero (18981997), gli invi il seguente telegramma: Sovrano desidera Le giungano vive felicitazioni particolarmente affettuose ricorrenza Suo novantesimo genetliaco ricordando eminenti servigi resi da Vostra Eccellenza alla patria in una nobile vita di studio e di lavoro et formula fervidi voti perch Ella continui per lunghi anni ancora a servire et onorare lItalia.. Il nostro fu anche membro della Consulta dei Senatori del Regno dal 12 maggio 1960 e Presidente Onorario del Circolo di Cultura e di Educazione Politica Rex dal novembre 1968 fino alla morte, circolo dove fu un ricercato conferenziere su svariati argomenti. Gioacchino Volpe fu, senza dubbio, uno storico di ampi interessi e di tempra notevolissima. Qualit codeste che fanno di lui uno dei maggiori rappresentanti della cultura italiana del secolo XX.

NOTE LIETE
Lo scorso 26 marzo ha visto la luce Tioutan Berod, figlio della Guardia dOnore Yannick Berod, della delegazione francese.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

55

NUOVI ISCRITTI
NUMERO COGNOME E NOME GRADO MILITARE PROFESSIONE CITT NASC.

22.281 22.435 22.436 22.437 22.438 22.439 22.440 22.441 22.442 22.443 22.444 22.445 22.446 22.447 22.448 22.449 22.450 22.451 22.452 22.453 22.454 22.455 22.456 22.457 22.458 22.459 22.460 22.461 22.462 22.463 22.464 22.465 22.466 22.467

TORRI Giulia PACELLO Pietro DEL SORDO Rosario BATTISTA Antonio GRANDI Cesare FICARA Fortunato SCIACCA Maria Luisa RICCIO Bruno PERATA Oriano BOLOGNESI GALATI Umberta BAVA Fabrizio SCRIMA Grazia FASOLINO Vincenzo NOBILI Giuseppe LIGATO Pietro ARDOVINI Enzo GREGUOL Gilberto VENDITTI Moreno ALLEGRINI Giosu VISCONTI Salvatore LUBRANO Francesco PASCARELLA Vincenzo LOMBARDI Giovanni GALEONE Marco FONTE IOZZINO Riccardo ZACHEO Antonio BARONE Leonardo PISANIELLO MANO Natalino MARRA Francesco PASQUALI Egle CHIODINI Gualtiero INNOCENTI DUCCI Lorenza MASSARO Tommaso RUSSO Fabio Brigadiere Soldato semplice Caporal Maggiore Capitano di Fregata Maggiore G.I. Sergente Magg. Serg. Magg. 1 Maresciallo Carabiniere scelto Maresciallo capo Maggiore E.I. Assis. Capo della Polizia Carabiniere scelto Sergente fanteria Appuntato Scelto Carabin. Alpino

Libera Professionista Appuntato carabinieri Militare FF.AA. Appuntato carabinieri Carabiniere Appuntato carabinieri Carabiniere Imprenditore Imprenditore Commerciante Imprenditore Medico Chirurgo Libera Professionista Carabiniere Operatore Socio-ass./Imprend. Imprenditore Carabiniere Artigiano Architetto Pensionato Militare E.I. Ufciale Marina Militare Ufciale E.I.

Roma Bonito (AV) Ariano Irpino Gesualdo (AV) Torino Milano Roma Roma Savona Loano (SV) Bagnasco (CN) Castellalfero (AT) Castellalfero (AT) Valfenera Asti (AT) Formia (LT) Azzano Decimo (Pordenone) Ceprano (FR) Lungavilla (PV) Marano di Napoli (NA) S. Tammaro (CE) 1954 1981 1960 1952 1942 1987 1966 1972 1974 1968 1967 1982 1971 1935 1966 1958 1952 1970 1951 1959 1971 1976 1972 1988 1975

Infermiere professionale

Maddaloni

Diploma di operatore ristor. Rieti Carabiniere S.P. Ispettore Guardia di Finanza Pensionato Polizia di Stato Avvocato Farmacista Valpellia (AO) Morgex (AO) Casalecchio di Reno(BO) Ragusa (RG) Cervinara (AV) S.Alessio in Aspromonte Roma Professore universitario Medico Pensionato Carabiniere Asti (AT) Asti (AT) Napoli Pomezia

1943

1944 1968

56

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

22.468 22.469 22.470 22.471 22.472 22.473 22.474 22.475 22.476 22.477 22.478 22.479 22.480 22.481 22.482 22.483 22.484 22.485

PAOLILLO Anna Mirella SCIACCA Vito ROD Giuseppe CARINI Maddalena BURANI Rossana BELLINZONA Giuseppina BLAIS Valerio VANNETTI Simone CONTE Paolo LEONE Antonella VELLA CANNELLA Salvatore GORETTI Carlo CAMPISI Giuseppe FRAGNOLI Alfonso CAVALIERE Emilio Oreste SCOLA Mario GRAVINA Filippo CARRABS Lorenzo J. Caporal Maggiore Scelto Maresciallo aiutante Brigadiere capo Disegnatore edile Coordinatore UNAAT Imprenditrice Studente Marinaio scelto

Pensionata Impiegato Ist. Vigilanza Impiegato/La Sapienza Imprenditore Impiegata Direttore museo Generale di Cavalleria

Torre del Greco (NA) Valderice (TP) Latina (LT) Montebello della Battaglia(PV) Verrua Po (PV) Voghera (PV) Roma Sesto Fiorentino (FI) 1940 1991 1966 1972 1983

Luogotenente dei Carabinieri

Campagnatico (GR) Torino Canicatt (AG)

1998 1935 1980 1966 1959 1943 1955 1954

Pensionato Impiegato nella P. A. Ispettore Guardia di Finanza

Roma Naro (AG) Pelago (FI)

Sottufciale dei Carabinieri Rende (CS) Ingegnere elettronico Insegnante scolastico Postino Toronto (CANADA) Tornhill, Ontario (CANADA) Loretto, Ontario (CANADA)

ORE DI SERVIZIO
Si pregano le Guardie dOnore di comunicare entro la data del 30 aprile 2012 in qualunque modo alla presidenza le ore di servizio prestate nel corso del 2011. Come negli ultimi anni si fatto ricorso allautocertificazione per economia di personale; si fa peraltro riserva di effettuare controlli a campione. Il numero delle ore tiene anche conto dei servizi prestati presso le Tombe Reali provvisoriamente allestro, per le quali sono state attribuite 4 ore per ciascun servizio, cos come per le cerimonie di Roma (anniversario dellIstituto, gennaio), e di Altacomba (marzo). Per le messe ufficiali al Pantheon sono state attribuite 2 ore di servizio. Si ricorda che i servizi di guardia sono esclusivamente quelli espletati presso le Tombe dei Re e delle Regine dItalia (Pantheon, Alessandria dEgitto, Montpellier, Altacomba), non altri. stato quindi eliminato dal conteggio (e quindi dal totale) ogni altro tipo di servizio.

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

57

OGGETTISTICA

Fascia da braccio

Foulard pura seta

Cravatta

Sciarpa

20,00

30,00

30,00

30,00

DISTINTIVI GdO Corona Ag Gdo Scelta Ispettore Sc. Isp.

10,00

10,00

20,00

20,00

20,00

Crest

Fregio da basco

Adesivo tricolore

Fermacarte Umberto II

Fregio (plastica)

35,00

15,00

2,00

30,00

5,00

Medaglie Regina Elena

Calendario 2012

Piatto Battaglia di Montebello

20,00

10,00

15,00

58

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

DISTINTIVI COMMEMORATIVI Centenario morte V.E. II Trentennale morte R.E. Quarantennale morte V.E. III Quarantennale morte V.E. III

CD

AUDIO

Alle radici di Casa Savoia

20,00

30,00

30,00

30,00

10,00

Bandiera Regno dItalia da tavolo con supporto (23x16 cm)

Piatto Vittorio Emanuele II

12,00

15,00

Sotto ciascun oggetto sono indicate le offerte minime per la cessione dei gadget sopraelencati. La cessione pu essere effettuata soltanto ai soci. Gli oggetti sono disponibili presso l'Istituto; in caso di spedizione occorrer aggiungere 5 per le spese postali. Per verificare leffettiva disponibilit dei singoli articoli, consultare la sezione Oggettistica del nostro sito internet www.guardiadonorealpantheon.it
Alfonso Marini Dettina Storia e Ruolo delle GG.dO. 30,00 Ministero della Guerra Venetennale della Vittoria ristampa anastatica 1938 - 10,00 Edizioni INGORTP La Real Casa di Savoia 10,00

La Guardia dOnore Angelo Bergamini di Luisago (CO) ha realizzato una serie di cartoline dedicate al 150 dellUnit dItalia. Le opere di Bergamini sono state scelte nel 2007 dalle poste brasiliane per la decorazione dei loro francobolli. Chi fosse interessato allacquisto delle immagini qui presentate, pu mettersi in contatto direttamente con lautore, al numero: 338-3855902

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

59

60

GUARDIA DONORE N. 3 - 2012

INNO DEI SOMMERGIBILISTI


Sfiorano l'onde nere nella fitta oscurit, dalle torrette fiere ogni sguardo attento sta! Taciti ed invisibili, partono i sommergibili! Cuori e motori d'assaltatori contro l'immensit! Andar pel vaso mar ridendo in faccia a Monna Morte ed al destino! Colpir e seppellir Ogni nemico che s'incontra sul cammino! cos che vive il marinar nel profondo cuor del sonante mar! Del nemico e dell'avversit se ne infischia perch sa che vincer! Gi sotto l'onda grigia di foschia nell'albeggiar una torretta bigia spia la preda al suo passar! Scatta dal sommergibile rapido ed infallibile diritto e sicuro batte il siluro schianta, sconvolge il mar! Andar pel vaso mar ridendo in faccia a Monna Morte ed al destino! Colpir e seppellir Ogni nemico che s'incontra sul cammino! cos che vive il marinar nel profondo cuor del sonante mar! Del nemico e dell'avversit se ne infischia perch sa che vincer! Ora sull'onda azzurra nella luce mattinal ogni motor sussurra come un canto trionfal! Ai porti inaccessibili tornano i sommergibili: ogni bandiera che batte fiera una vittoria val! Andar pel vaso mar ridendo in faccia a Monna Morte ed al destino! Colpir e seppellir Ogni nemico che s'incontra sul cammino! E' cos che vive il marinar nel profondo cuor del sonante mar! Del nemico e dell'avversit se ne infischia perch sa che vincer!

Vittorio Amedeo II, il primo Re di Casa Savoia