Sei sulla pagina 1di 5

R E I A Z I O N E S T O R 1 C A

S alta invasiose
N E L
0301 1 0I l ir.011.1&lial0
arrenul it 1 3Febbrare 1 8 61
per O pera
Ordd
Rea :4(0,16e deir a Regocii N opult
C O I VI LA T A GA L &I Vistet l C A N E-i001 T O
BA LMS /LI A R E N il 1
A VVE R T E N Z A
L0present* rolatione P I O !' S i putula it:Hybl:ore pri-
me liens ptsblicagione del procedimento n:denivo even&
,eUtere 51 .1 0sir) I N quell() laworD di doctunenli r ic-
colti legions Gindied inquireste
a
me-ri 1 865
' delta T irografin T rincA i
NAUgge44 MiggeirtatAA
REIAZIONE STORICA{ /
Sa l l y i m - a s i a l l e d e l
COMUNE DI COLLALTO
a vve nuta i t 13 Fe bbra i o 1861
Pe. Pa m 4 : 1
Od e Rta z i c i re i k Rc g uDd i
c a rte i ha d a i a l i k e d i CEME1114 3n0
BALDASSARRE CENN1
AVVERTENT. A.
La e e ri e i thwri one l 101106. e p c a ra & a wa re
p i m a d e l l a p a tti c a Ei ori e d e l p rc c e d i m orti re tti va a N' e ri d o
l'FRIPLIFIE IMOLL EI p l e StO l a Wre fi l d oc a m e a l i ra rc d a i .
COMEG ra d m e ni Eri ra te .
RNLI 1g6S
chstinTOogn-gfici Trtrlu
RELAZ ION E
Dop o i note Fa tty d i Ta g l i a c oz z o e d i Sc urg ol a , l e Ba nd e re a z i ona ne i ns e g ui te
d a l Sol d a ti d e l Re g no Ita i ui o, s i d i s p e rs e r p e r que l l e m onta g ue , e d op y
qua l e l i e g i . orno s i ra g g ra ne l l a rono i n p a rte ne l l a c l i s g ra Aa ta te rra d i Ca rs ol i ,
ove p os e ro l ord qua rti e r g e ne ra l e . Ra s s i c ura te , c i te que s to c ovi l e
s a re bbe i n. ol e s ta to [p e r i l ve rg og nos o Si bbs ui s i ono c i te d i que s ta p a rte d e g l i
Abruz z i a vc i Fa tty i t Re g g e nte d e l l a Provni c i a c ond otti c ri
i nc om i nc i a rono l e l ord op e ra z i oni d i a rm ohni e nto, e d i t fa m os o G i a c om o
1-1Thatertizioat r itraWrele Frargese &di ongluale sraterprAp
G i org i 1101 5i Os te tte c a l l a s tri a s ol i ta i m p ud e uz a p e rtorre re l e vi ti ne
te rn e s p a c c i a nd os i s tra od i na ri o Inte nd e nte d i Re Fra nc e s c o II, c hi g uona va
que i p op ol i a l l e a rm i , c on nun . a c c i a d i fuc i l a z i one ui c a s o d i ri fi uto; e d
i m a m () m e ti e va a tortura l e p oc hi s s i m e Fa s l ug l i e one s te e l i be ra l i c on
e s orbi ta nti i rnp os i z i oni , c he c onve tti va a l s uo p rofi tto.
Le p op ol a z i oni d i Ca rs ol i , Pog g i o Ci nol fo, Oti c ol a , Roc c a d i Botte , Pe re to,
Vi l l a Rom a na , Monte Sa bi ne s e , Pi e tra s e c c a , Tufo, Tonni c od a , Sa nta Luc i a ,
G runt' , e Al i m ol ti a l tri p a e s i p roc l i vi p e r l a l oc o i n . d ol e , c p e r l a c a tti va
e d uc a z i one a l furto, 11011 e g i tl f01. 10 un' i s ta nte a d obbe d i re a l l a c hi a i na ta , e s i
a n. d a va no c onc e ntra nd o a Ca rs ol i . NO' l e op e ra z i oni d e l G i org i s i re s tri l s e ro
ne i m ono e ne l l a Va l l e Ca e s ol a na , ni a s p e s s o c orre nd o a Rom a , ove a ve a
p i e s i s s i m a re l a z i one e c orri s p ond e nz a c on l a Ca s ta Cl e ri c a l e , a s s ol c a va
p ubbl i c a ni e nte , a s s oc i a to c on ,. - k g e nti Pa p a l i , ne l l e OSte ri e d i Pi a z z a
Monta na ra , p e z z e nti ve ri uti d a l l e Ma rc he e d a l l a Ci oc e ri a p e r oc c up a rs i at
l a von c a ni p e s ta . Inta nto l a Corte Rorri a na s p e d i va uorni ni , a trni , e
m uni z i Oni a t c onfi ne Na p ol e ta no, e c ol l a s rua s ol i ta i p oc ri s i a vol e va fa r
c re d e re the nul l a s a p e s s e d i ta l i m e rl e . a l l e Tub E5521 d i va i t p i ll Forte
a p p og g i o_ Il g i uc c o d uro p e r qua l c he te m p o, e d a Ca rs ol i d a g l om i n
g i om o a um e nta va no que s ti d i fe ns on d e l from e d e l l ' a l ta re , c he g runs e ro
ve rso i pcii-nidi Fe bbta ro a l i va rne to d i c i rc a 1200. que s ti Ca rup i orc i
d i va l ore i nc om i nc i a rono a p ors i i n a tte g g i a m e nto d i p e rm , e be nc he non
s i c outa s s e ro c i te s ol i 800 a ona ti m i l i ta rm e nte [Ira i qua l i tts ol ti s vi z z e ti e d
a l c uni offi c i a l i a l s e i vi z i o d e l l a S. Se d e ] e g l i a i m c on ord e g ni rura l i ; rnos s e ro
p e r i vi c i s ti p a e s i e p orta rono i t qua rti e re i n Onc oi a , p os i z i one forte a
COi l e ri l e d e l l a Ce l l t4 f01, ove p ote va no ri c ove ra rs i i re c a s o d i a g g-re s s i one e
d ove a s p e tra va no c onta tna m e nte d a Rom a ri nforz i d i Am u e d i e m i a ti .
Que s ta c ol onna d i Eroi e ra c om a nd a ta d a un G e ne ra l e Fra nc e s c o Sa . ve ri o
Luva ri , d a tut Col onne l l o Ca uta ud on, d a a l tro Col onne l l o Roc c he tti c i te s i
d i c e va Ira te Roc c he tti no, DTIS s i c re d e fos s e ta l p re te Ce c c a re l l i be n
c onos c i uto a Rom a p e r l e s ue ne fa ud i ti d d a un Ma g g i ore Ra ffa e l e G ue ni e ti ,
d a ri ft Corna nd a nte d i Pi a z z a G i us e p p e Ba l d a ni , d a d ue Ca p i ta ni Ra ffa e l e c
Vi nc e nz o Fus c o, e d a m ol d a l tri uffi c i a l i , non c he d a l c a p i - m a s s a Chi a vone ,
De - G i rol a m i , e De l uc a , re d uc i d one g a l e re Na p ol e ta ne . Era i t p orne ri g g i o
d e l 12Fe bburo d e l 1861, qua nd o h Col ori na d a Oti c oi a m a s s e p e r Pol i o
G i nol fo s e nz a s p e ra re d i ri re ve re d a Rom a Ri ni s oc c ors i , s ta nte c l ue
COTO d i oc c ti p a z i one fra l l c e 5e essendosi accorto del traiellc,, nveq
intercenate le COMILIni CAZi Oni .
La frtaltilia d e l 13 Fe bbra ro s te s s o, i t norm i na to G e ne ra l e Luva ri s ta l l
Pi a z z a d i Pog g i o G i nol fo, ove e ra n ra c c ol ti i s uoi p rod i , e la i nte ra
p op ol a z i one d i g l ue ' l ti og o, a nnunc i o a d a l ta voc e e s s e r vol e c e s up re m o d e l
Ca p o delk Cl ue " 5a Sa rni- no Pontefice Pa p a no Na no, c i te a d og ni c os ta in
g i oni i a ta s i oc c up a s s e l a i m p orta nte p os i z i one d i Col l a l to [Com m i e s og g e tto
a l Ma nd a ni e nto d i Orvi ni o Provi nc i a d e l l ' Urnbri a ] e c i te p e rc i a bi s og i i a va
a nna l s ,. d i c om m a , ri p rornm e tte nd o a c l a s c uno l a l i be rty d e l s a c c he g g i o, i n
'rasp d i re . s i s te uz a . Ec l i e g g i t' i l a p i a z a . d i fra g oros i e vtri va Pi o Nori o - e vvi va
Francesco Second, e gh abitanti di cruel covile di lash corsero festosi
prepararsi per seguir la inasnacla nella certezza di ritoniar col bpi-till. Ne
lord voti e le speranze fallirono!
Morse quindi 13 &Amnia ells velta di Collate, e quanituique non slimpieghi
per la vicinanza it caminino di un'ora e mezzo, pure quei brava assoldati
impiegarono moltissime orenel ViaggiO, percher ad ogni piccolo colic die
ascendevano, sottostante a CoBalt, si ferrnavano timtdi ed incerti, se
dovessero 0 no proseguire. A rriezz'ota di distanza da CoHalt merlesimo,
dopo lunga fermata, si fecero CUCIte, e clividendosi in tre Coiodine, si
avvictnarono alle nuira del Paese, occupando all'intorno ii grandi casali che
son fuon e a poca distanza delle MUM stesse.
Gh abitomti di CoHalm ben vedevano le mosse del itemise perche tin dal
inattino anti risoluti di difender le loco case, si era= inessi sulk mura e sui
baluarch del Castello, annati di soli 27 fucili mihtari, ed altrettanti alirincirca
des cassia, rnancanti peth di rnunizioni, che per incuria e neghgenza di chi
area la cura di provvedeive non exam state ritirate a Orvinio, ove da multi
giorni isx suffieiente quantitii le ave.'. spedite it Reg. Intendente di Rieti.
Solo in quel inateino di pericolo, it Municipio di Collitho man& a titirade,
ilia non era pit.' hi tempo
Tosto Is eipetuta CoLonna prese it forte dei Casali, spedi a CoIlalio un
rnessaggiere che giungeva ala porta del Paese alle 3 Vi pomeridiane, e hi dei
paesani cortesemente cicevuto_ Era questi porthole di un foglio finnato dal
Generale Luvari Comandante le truppe Regie Napoletane, e diretto al Capp
della Guardia Nazionale di CollaIto, nel (Fade si leggevano sei articoh,
portanti le itriposizioni di stranissime coudizioni.
1. Che nel teanine irnprorogabile di uut quarto dora si depositassero armi
da fuoco e da tag*.
2. Che si facesse deposit all che delle rminiZi0111. c1a guerra.
3. ale piacend di addivenire bonananiente a tali condizioni, si spedissero
in ostapgio Bartolomeo Lal2illi, Alessandro Latini, Domenico Macchia, e
Filippo Giorgi., da ritenersi 51110 affultirnazione del dish:ma.
4. Che illorquanclo fossero state consegnate le armi, si sarebbero restinuti
gli ostaggi, quail peth avrebher dovuto service di guide per &nitrate ad
occupare 1 Paese bonariaitiente.
5. Che s'intendeva it deposit delle arnu fosse esteso a ciascun cittadino e
villico, perche in c.330 perquisizione si sarebbero pi/114i i conttaventori
come per Legge di guerre_
6. ate finahriente alfinftion di queste basi si sarebbe occupato it Paese
calla foi za. ed iin case di resistenza, si sarebbero adoperati i mezzi che
erano in sno potere, per devenire a]l'assalto
Quale impressione facesse la lettura di quest foglie dei
collaltesi, ciascuno pub immaginare. Non si pen:tette pero di coraggio, e sul
utinburo scrissero una risposta die per ivaucanza di ininuta iron si is patina
raccogliere. Sta rsn fatty the era scritta in buoni temuni per la circostanza,
poiche diceva, che Collalto non avea mar potato che divide.re coi Domini di
Franceicu Secondo di Napoli, delle cui truppe Egli, it Generale Luvai-k si
diceva condottiere; che se Collalto in passato era soggetto ai Dominj
Pontifice ora come tutti sanno, faceva parte del gran Regno Costituzionale
di Re Vittorio Emanuele II, e the perci,b, se esso Generale avesse dovuta
trattare coi Comunisti qualche interesse, avesse destinato il tempo ed it
luogo per uniabb-occamento, a mezzo del pale speravano dr accomodar
tutto.
Non appena rinviato dal Collaltesi it messaggiere, e rich-0.15a la porta del
Paese, hi. 031011.11a neinica si trovava di gia avanzata in ogni pane sotto le
mura, e lanciava una scarica di fucilate sugli uomini che ice stavano ally
Mesa. Da b a poco Ulla se-conda scarica fece intendere ai Collaltesi, che la
10M proposta non fosse stata accettata, ed UNOE1111 . 1Cia10110 a nspondere alle
fucilate. Dur6 la difesa circa un'ora, MA pochi essendo i defensoci per
mancanza d'anni e di munizioni dovetter cedere; tanto pill che alcuni
B-orbonici - Papal avevano in tin purity scalate le nuita, ed erarto eutrati in
Neese, e correvano act aprire la porta
A5icka-ano i difenson cite moltissimi gs5aiikori 'adder pet colpi cli
SA.S6latiCiati daile mum, ma sta in facto die non si rinvenne alcun cadavere,
si crede che la proibizione aI paesani di _sortire hi porta fino a] mezzo
gir)Elio del 14, fosse per op craze it t MVO LIO dei morti e dei fedti. Erin."
batrute le 4 '12 pometidiane quando si vide apcire la porta di Collalto ale
orde Borboitiche -Papali, e Lost tin drappello correva funbondo al
Castello, e sotto al voltone d'ingresso s'in Hcontro con Bartolomeo Proizi
guardian del Castello metlesimi, che fuggrva con la moglie Serafina avente
in. braccin un bambolo di dieciotto nte6 di ,tome Gio. Domenico. QUeSii
miserabili non poterono isfu.ggge alla crudelth di quei sicarj, e Bartolomeo
cadde per un colpo di rustle, cite gli to saltare it crania.; la moglie per un
colpo cli baionetta che dalla gola gli sorti in testa [nitre una papa Bella COSal
sinistri ed altro colpo di bajonetta 11E1 gniecthio sinistro], e l'Untocente
bambolo cite sopravvisse qualche ore avea una fetita di bajonetta neI Banco
sinistro, cd Lin colpo cii postola nel des= dall'avanti in addietro. Un quack
assai pail doloroso presentb questo fatty per gli altri due filet del Frain. . cioe.
Filemena di anni Bette, e Lingi di mini cmque, die sopragttuiti sulk saline
dei genitori ripieni di spavento e di orrore, cercawiio nascondersi, e si
poser a cere fra li genitori ineclesimi nell'aitervallo die esiste-va Era la
caduta rehire ed it mum, coricandosi soppi rah, riiplieviclo epic'si a
form il tenpin), e formanti, si pub dire tin inedesimo gruppo cola estinta
rnadre, stettero ivi acquattati sino a the videro risertire quei reanigoldi; per
lo che fattisi ammo l'uno garaltro si alzarono e fuggirono a tiascondersi in
casa Natiano quests Innocenti creature, che it piccolo Gio Domenico non
&Celia coi geniton, - petthe it feeitere o Blocs Therm lo avea preso per un
braccio e lo eves consegnato ad una dolma abitante ur quei luoghi, e che
mori none.
Il furibondo drappello cite sorti da quel luogo sr diresse per le vie del Paese,
e giunto sulla piazzetla della. Chiesa Parrocchiale, troves it Dottor
P5of
Bartolomeo Lanni che sortiva dalla niedesitna, gridando -pace, pace . La
pace dei sgherri pato stave t3el facile, ed una compatta scants fu la risposta.
Cadde e la sorella Bernardino! the era in Chiesa accotse
soccorcedo, e tiell'abhassarsi stand voila col deretano agli offensori
piegata al davann sull'esanime spoglia del fratello, una fucliata la Ike cadere
sul medesimo, che la colpi nel terzo superiore della regione posteriore della
coscia destra, e la Falls sotti al davanti netla redone pubica. For matamente
5opravvis$e!
Chi volesse citare le devastazioni dei Vandali e dei Goti pei quali soffri rand
guasli la rostra bells Italia, non farebbe che un cattivo abbozzo ui
confront di cid che operarono a Collalto i sedicenti difensori del Trona di
Francesco Secondo di Napoli, e del Papaw. l asti it dire che non vi fu porta
chiusa aiiche di un porcile, die non fosse spezzata della scure dei inanigoldir
che sognavano trovar resort in ogni luogo. Dopo l'entrata iii Paese di quelle
Orde, ciascun cittarlino perde ogni diritto alle sue case, divenute assoluta
proptieta dei Lwow padroni, che senza scrupolo spogliavano qualunque
benchel trisero niguno . protinando anche it Tempio Santo di Dio rice
perquisirono per ben warm yoke, porrando rempie e sac tileghe mani sul
Forite Battesirnale, sulla conserva degli Obi Sarni, e pertino sul Sacrosanto
Ciborio, da clti le ritrassero per la n-uniaccia di atiaterna prominciata dal
ministro di Did
11 inalincuore di quei poveri Terrazzani eaccrebbe nel vedere accorrere
genie di tutu i stumomthati paesi della marina del 14 al 17 Febbraro con
bestie da soma e con altri inezzi, a pa* arli delle masserizie mute, die gli
occupanti avevano onorevolmente predate, e le spedivano eon pan onore
mezzo dei loco parenti e fanukari, ivi accorsi, alle tom case; non essendo
state bastarite a rimuoverli dall'opera incominciara il divieto di ulteriore
sicdieggio proclarnato dal Generale Luvari dopo quarantotro ore
dalroccupa2ione. 1 pin accaiuti sacclieggiatori 5i mostrarono i vicini abitanti
dl Poggio Ginolfo, che tutu vi elan accorsi, a risetva di poche
Lc operazioni della Colonna occupatrice non si testrinsero al solo Collalto,
col ass assimo, col furto, col saccheggio, e col disarrno. Ai vicini paesi era
par necessano fax gu.stare le dolcezze dli una ideata restaurazione! E perci6
due coinpviie di quei bravi assoldati, ed altiettaziti sactliediaton
capiranate dei Fusco su1 pornerimo del 14 scesero a Petescia [Provincia e
Maridarnento suddetto] ed imposer a quell Municipio it disarm() e lo
sborso di scudi 200, oltre le saline esto.r2ioni di viveri. Non si poterono
arcozzare sull'istante die soli scudi 134 da vatj pasticolari,, e earono bastanti
a saziare le ingorde came di quei che tremavano della bra
condotta, e troppo gti tardava Fora di ritirarsi a Collalto La martina del 15
pot, . aria Compagnia scese at Nespolo [slim Corrnine della Provincial. e
Mandamento] ed impose it disarm e to sborso di scudi 300_ Paese piccolo
e povero non pole accozzare pet momenta the scudi 64 soltanto, calla
promessa di dare alrindomani it residua Quegh abitann debbono esser grati
al lore Sindaco, the con molts, welter s strinse la man con scuirli quindici
al Cormuidante it dislaccluiento, e gli. Reline dal Generale 1111 ribasso di
scudi 100, come riievasi dalLa letters del generale stesso, datata Collalto 15
Febbraro 1861 the per la skia singolarira "in consiclerazione
dell'obbedieiiza. inosizata da codesta pupolazione e dei rapporti avuti dal
Capitan Comandante d Distaccamento venuto costa per eseguire it disarino,
atmuisco alla dimmuzione della trissa impost/ a codesta Commie in scudi
cento iuguisa eke potranno iiivece di nMettere scudi 236, limitarsi a scudi
1.36".
E" un fano die nun() a Petescia che a Nespolo, questi grand; eroi di una
chitnerica restaurazione trernavano nell'ombra loco SL ritiene come cosa
positiva che ii timore fosse fondato per la notizia ricevuta della resa di
Gaeta. Da buona toile si ha che la sera del 14 Febbraro gA. ungesse iri un
legno a gran costa da. Roma all'ostena della Spiaggia presso Riot-red&
un'officiale delle Truppe Papali, e che spedisse immediatamente a Collalto
la notizia della caduta delinincno baluardo della tiranrude Borbonica
Clericale; e che perch 6 Colcama affrettasse le operazioni di furti
comandate dall'ex Re di Napoli e dada S. Sedgy. Che sia cio certo lo
addimostro l'improvvisa partenza del Generale Luvari da Collalto nel terzo
giomo della occiipazione, menrre la truppa Nino feroce, divenura pill
mansueta, abbaiidonava quella posizione la sera del 17 Febbraro,
scendendo a Poggio Ginolfo, e inarciando nella stessa notte per Oricela.
Intanto i Volontarj pidgin dal Colonnello Masi, ed Battaglione Umbra
comandato dal Maggior Vincentini giungevano a OITMio per inseguire e
clisperdere le orde reazionatie. In very era troppo tordi, perche da molts
tempo le Autoriti di quel Maudamento chiedevano soccorsi e non
vemvano spediti, Pur "lordi non futon mar grade Divine" Ie truppe
sudderte marciatono arditamente iu swarth., e la lord presenza ridon6 la
tranguilliri die popolazioni di sum. luoglii
Sarebbe pregio delropera it lurEare dettagiiatamente le mosse e le
operazioni seguire clalle nostre Tnippe, ma lo scopo a cal e diretto it
pre_sente 'avow, e la brcviti the ci siamo pretissi, not consentono. Direrno
solo delraudacia . rnostrata dei Borbonicl-Papali ells vigilia della loco
dispersione, e del coraggio dei nostri a rintuzzad.a_
La sera del 19 Febbraro giungevano a Poggio Ginolfo i Volontarj giudati
dal Masi, ed it secondo Bartagiione mobilizzato Umbro cornanckto dal
Vincentini_ Questa Truppa open) l'arrearo di titeram SAcche.ggiatori rli
Collalto, the it Colonnello Masi con troppa buona fede fete tradurre alle
Carted di Carsoll mill soh scorta dei Finautzieri in minter di 58. Questi
bravi soldati presero ogni precauzione, essendosi pur troppo avveduti
trovarsi ui terra nernica, cd anziche cercare d iposo di cut avevano estremo
bisogno, si posero a guardia iii diversi punti, for picchetti in avanzata
anche verso Oricola. Intanto it Giudice Taranto [eletto dal regime
reazionaric] pose ogni studio a conceltare nella notte una reazione, e spedi
per Mdaretta via uomiui del 5110 partito in Oncola, chiedendo soccorso per
liherare i prigioniefi, the in caso contrRno, cliceva, sarehhero stati
7 of 8
all'indimani
Era Falba del giorno 20 ed i Borboutici-Papali comandati da Liu Colonnello
De-Christen, a traverso di um folta nebbia, piornbavano a Carsob
improvvisamente sal poveri Finanzieri, i gunk con eruko coraggio da
principio si difesero, ma SOVVertiti dal numero, dovertero dividersi e battere
in ritirata; perla.c116 vetiti ne resultant prigionicri, ed it povero Commissaria
Cricca umcarnente cadde combattendo. Avvertito ben presto di cite, it ?rode
Colonsiello raduw? s suet Ut un'istarite, a oorrcndo in men dt un'ora
eiunse a Carsoli, e con tutto valoce e maestria militare, ricaorio Bad)onici
Papali, the fuggendo pei coll. di Villa Rantoul, ripiegarono pel piano del
Cavaliere e si ritirarono is rice* portsuido secs bra li prigionien
firomzien, e gli altri di Poizio Gino . Ifo, the wean salvato mediante lo
sfascio Belle carceri.
Chime questa grande Carnpagna le gesta der difenson del Troiio e
dell"Altare, perk-Tie loro nialgrado furon costretti Ia mattina del 2.2 scendre rn
paese dr Con2arck e depositare le arrni ad tun corpo di soldati
frasicesi, the episi ivi per 1'011qt recato, e cosi la Comarilla di N2poli c la
Costa Clencale. "Vuota stringendo la terribil unghia",
Bestenuniando e nuledicendo ally Francia ed all'Italia, the colic lobere
istirti4tani catigiurarono a &vino despoti e de' tititurii, e perdendo
speranza crulteriare soccorso per pater ribadire ai popoli le catene,
restarono ur faccia all'Europa calla svetgognata frame scoperta, ove
grandi ed incancellabili carattert, ciascun legge la ternbil sentenza... Dice a
Regi the seal si comp la cvi delitti it Tronot
B. CENNI Giud.