Sei sulla pagina 1di 15

!"#$%!& ()*#" #"!

+,"

1) ln1L8vLn1C uLLLC S1A1C nLLL'LCCnCMlA: lunZlCnL ALLCCA1lvA L lunZlCnL 8LulS18l8u1lvA
Lo SLaLo lnLervlene nel mercaLo ln dlversl modl, ll suo ruolo sl Lraduce ln aLLlvlLa che hanno rllevanza
flnanzlarla. Lo sLudloso Musgrave ha aLLuaLo una LrlparLlzlone delle Lre funzlonl prlnclpall: allocaLlva,
redlsLrlbuLlva e dl sLablllzzazlone. La funzlone allocaLlva cerca dl caplre ln che modo lo SLaLo lnfluenza
l'efflclenza economlca. ll paradlgma domlnanLe cosLrulLo da Walras e areLo LenLa dl splegare come sl
formano l prezzl e le quanLlLa prodoLLe ln un'economla dl mercaLo, sulla base del presupposLo che gll aLLorl
economlcl aglscano secondo razlonallLa economlca. ul conseguenza nell'allocazlone lo SLaLo persegue
modallLa efflclenLl dl offerLa del servlzl pubbllcl e dl prellevo flscale aLLraverso la produzlone pubbllca e la
regolamenLazlone dl aLLlvlLa prlvaLe. La funzlone redlsLrlbuLlva e reallzzaLa col bllanclo pubbllco e corregge
la dlsLrlbuzlone delle rlsorse reallzzaLe dal mercaLo aLLrverso LrasferlmenLl moneLarl, lmposLe e offerLa dl
servlzl reall.
2) l8Cn1lL8A uLLL'u1lLl1A': 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA. lLLuS18A8nL lL SlCnlllCA1C
CuesLo graflco prende ll nome dl grande fronLlera dell'uLlllLa o
fronLlera del benesere" e rappresenLa ll benessere soclale dl una
colleLLlvlLa. er comodlLa vlene lllusLraLa una socleLa cosLlLulLa
solo da due lndlvldul. Clascun punLo della fronLlera e un punLo dl
oLLlmo pareLlano, cloe un punLo ln cul ll benessere, dal punLo dl
vlsLa dell'efflclenza, e masslmlzzaLo. ln base al prlmo Leorema
dell'economla del benessere l'equlllbrlo dl oLLlmallLa pareLlana e
ragglunLo quando ln LuLLl l mercaLl c'e concorrenza perfeLLa. ln A e
8 la masslma eflclenza c'e, dunque LuLLl l mercaLl sono ln
concorrenza perfeLLa e lo SLaLo non deve lnLervenlre (anche se a
volLe lo fa per raglonl pollLlche). A e 8 sono uguall dal punLo dl vlsLa dell'efflclenza ma non da quello
dell'equlLa ln quanLo ll benessere e dlsLrlbulLo ln modo dlverso. u sfruLLa al masslmo le rlsorse ma non e ln
oLLlmo pareLlano: e un punLo sub-oLLlmale. L necessarlo un lnLervenLo dello SLaLo perche sl ha monopollo
naLurale, o esLernallLa, o asslmmeLrle lnformaLlve oppure ll mercaLo ha falllLo nella produzlone dl benl
pubbllcl. L e deslderablle perche garanLlsce magglor benessere a enLrambl gll lndlvldul, ma non e
ragglunglblle.
3) ALlCA8L ALLA l8Cn1lL8A uLLL'u1lLl1A' unA lunZlCnL uLL 8LnLSSL8L SCClALL ul 1lC
8Ln1PAMlAnC. lnulvluuA8L lL un1C ul C11lMC SCClALL. lLLuS18A8L lL C8AllCC.
W=W(u
1
+u
2
) nella funzlone benLhamlana ll benessere colleLLlvo e parl
alla somma del benessere del prlmo e secondo lndlvlduo. vl e assoluLa
lndlfferenza nel confronLl della dlsLrlbuzlne dell'uLlllLa Lra gll lndlldul dl
una socleLa. ll punLo dl oLLlmo soclale sl lndlvldua nel punLo dl Langenza
Lra la fronLlera del benessere e la benLhamlana plu lonLana dall'orlglne.
Cl sono due punLl dl oLLlmo (A e 8) che sono dlversl dal punLo dl vlsLa
lndlvlduale (ll benessere e dlsLrlbulLo ln modo dlfferenLe) ma ldenLlcl dal
punLo dl vlsLa soclale perche hanno uguale efflclenza.

4) lunZlCnL uLL 8LnLSSL8L SCClALL ul 1lC uCuALl1A8lC
u
1
=u
2
e la condlzlone che valorlzza l'obleLLlvo secondo cul ognl
lndlvlduo della socleLa deve ragglungere lo sLesso llvello dl benessere. ll
punLo A e preferlblle al 8, che e preferlLo al punLl C e u. Secondo quesLa
funzlone rlsulLano preferlLl punLl come 8, rlspeLLo ad alLrl, ll punLo C, ln
cul clascuno degll lndlvldul sLa megllo. ll punLo dl oLLlmo soclale e quello
ln cul la funzlone sl lnLerseca con la fronLlera della uLlllLa.

3) lMl1l uLL lL CCML lnulCA1C8L LCCnCMlCC ul MlSu8AZlCnL uLL 8LnLSSL8L
nel corso del xx secolo ll benessere e sLaLo sosLanzlalmenLe conslderaLo slnonlmo dl benessere economlco,
LuLLavla ll benessere dl un aese dlfflcllmenLe pu essere dedoLLo solo dalla mlsurazlone del suo reddlLo
nazlonale. ll lL lnfaLLl non prende ln conslderazlone elemenLl lmporLanLl come la dlsLrlbuzlone della
rlcchezza, le aLLlvlLa svolLe al dl fuorl del mercaLo (volonLarlaLo, lavoro domesLlco), esLernallLa poslLlve o
negaLlve della popolazlone, lsLruzlone, saluLe, parLeclpazlone pollLlca, relazlonl soclall e condlzlonl
dell'amblenLe. L anche dl LuLLl quesLl faLLorl che blsogna Lener conLo per affronLare la crlsl e mlgllorare le
condlzlonl dl vlLa del clLLadlnl.
6) 8Lnl u88LlCl L l8LL 8lulnC
ll bene pubbllco e quel bene che unlsce enLrambe le seguenLl caraLLerlsLlche: -non rlvallLa del consumo -
una volLa che ll bene e sLaLo prodoLLo pu essere consumaLo nella sLessa quanLlLa da LuLLl gll lndvldul della
colleLLlvlLa. ll consumo da parLe dl un lndlvlduo non preclude lnfaLLl ll consumo dl alLrl. -non escludlblllLa
del consumo- non e posslblle lmpedlre a un soggeLLo ll consumo del bene, o per raglonl Lecnlche che per
possono essere rlsolLe grazle allo svlluppo Lecnologlco (es: prlma era posslblle escludere qualcuno dalla
rlcezlone dl Lrasmlssonl Lelevlslve, ora con la pay pes vlew sl pu), o per raglonl economlche (es: sarebbe
posslblle escludere dal consumo dl un parco pubbllco, ma l cosLl sarebbero magglorl del beneflcl). ln
presenza dl benl pubbllcl emerge ll problema del free rldlng. Cl sono lnfaLLl lndlvldul (free rlder) che hanno
lnLeresse ne a rllevare le proprle preferenze ne a pagare ll prezzo dl un bene che una volLa prodoLLo pu
essere consumaLo da LuLLl.
7) 8Lnl u88LlCl CLC8ALl
l benl pubbllcl globall sono quel benl l cul beneflcl possono essere consumaLl da ognl SLaLo e persona dl
ognl SLaLo. Alcunl esempl possono essere: prevenzlonl della dlffuslone dl conLagl, conoscenze sclenLlflche
per scoprlre nuovl vacclnl, mlLlgazlon del camblamenLl cllmaLlcl, mlglloramenLo della sLabllla flnanzlarla
lnLernazlonale, rafforzamenLo del slsLema commerclale lnLernazlonale, ragglunglmenLo dl pale e slcurezza,
promozlone della conoscenza. La vera naLura del benl pubbllcl globall sono: -sovranlLa- e ll problema dl
base. Covernl e clLLadlnl spesso sono resLll a llmlLare la sovranlLa nel loro SLaLo. -preferenze e proprleLa
dlfferenLl- cl possono essere lnLeressl dlversl, sla nel breve che nel lungo perlodo. -free rldlng- ognuno
Lende ad aspeLLare che qualcun'alLro fornlsca ll bene, per pol consumarlo. -rlschlo dl falllmenLo- sl pu
falllre anche a causa dl un unlco SLaLo. L'alLo rlschlo dl falllmenLo scoraggla gll alLrl governl. -problema della
somma- la produzlone dl un parLlcolare bene publlco (es: mlLlgare l camblamenLl cllmaLlcl) pu essere la
somma degll sforzl lndlvlduall dl ognl parLeclpanLe. A llvello nazlonale e locale e lo SLaLo che eroga l benl
pubbllcl polche ha poLere dl coerclzlone. A llvello mondlale non c'e un'auLorlLa che abbla Lall poLerl,
dunque avvlare l'erogazlone dl benl pubbllcl globall deve essere un aLLo volonLarlo. L agll SLaLl
relaLlvamenLe plu prosperl che Locca muoverel prlml passl verso la cooperazlone e la reallzzazlone degll
obbleLLlvl.
8) l 8Lnl 1A8lllA8lLl
un bene Larlffablle presenLa le proprleLa dl escludlblllLa e non rlvallLa. Lsso non e esaurlblle ma ll suo
consumo pu essere llmlLaLo a cerchle rlsLreLLe dl soggeLLl. l benl Larlffablll possono essere consumaLl nella
sLessa quanLlLa da LuLLl gll lndlvldul dlsposLl a pagare ll prezzo (es: l LrasporLl).
9) lLLuS18A8L L ulSCu1L8L LA 8CCS1A ul 8luuZlCnL uLl CCn18l8u1l u88LlCl ALLL lM8LSL ln
l1ALlA
L'lnvesLlmenLo dello SLaLo nel mercaLo e glusLlflcaLo solo ll presenza dl falllmenLl del mercaLo come: -
esLernallLa- un Llplco esemplo e l'aLLlvlLa dl lmprese per rlcerca e svllupo alle quall plu conLrlbuLl pubbllcl
possono far mlgllorare una condlzlone soclale sub-oLLlmale, -vlncoll flnanzlarl- l'asslmmeLrla lnformaLlva
Lra flnanzlaLore e lmprendlLore pu bloccare gll lnvesLlmenLl vanLagglosl, -aree ln vla dl svlluppo-
l'lnLervenLo pubbllco pu creare occupazlone per la popolazlone. Cl sono per dlversl llmLl e svanLaggl. ln
prlmo luogo occorre verlflcare che un sussldlo comporLl effeLLlve addlzlonallLa al mercaLo, c'e pol ll rlschlo
che l'lmprendlLore dedlchl meno aLLenzlone all'lmpresa per Lrovare meLodl per oLLenere nuovl
flnanzlamenLl, c'e ll rlschlo che le mafle lnLerceLLlno l sussldl, ln ognl caso l sussldl rappresenLano cosLl non
sempre quanLlflcablll per lo SLaLo. 1agllare Lall sussldl comporLerebbe conseguenze lnlzlall negaLlve su
soggeLLl plu dlreLLamenLe lnLeressaLa, ma se Lall Lagll non venlssero rlallocaLl nella spesa pubbllca e
facessero dunque abbassare la quesLlone flscale, allora avrebbero un effeLLo espanslvo sull'economla
favorendo gll lnvesLlmenLl.
10) CCML 8luu88L LA SLSA u88LlCA ln l1ALlA
negll ulLlml due annl, la spesa pubbllca prlmarla e dlmlnulLa ln Lermlnl nomlnall. non accadeva da 60 annl,
ma non e ancora sufflclenLe per abbassare la presslone flscale. llno ad ora dl spendlng revlew sl e parlaLo
molLo ma non sl e faLLo nulla, blsogna qulndl rlvedere ll programma dl spesa. llnora l'agglusLamenLo del
bllanclo e sLaLo faLLo solLanLo aumenLando le lmposLe e se qualche Lagllo dl spesa e avvenuLo, sl e
concenLraLo negll enLl locall. Se solo sl volesse sarebbe abbasLanza agevole Lagllare la spesa, sopraLLuLLo
quella del'ammlnlsLrazlone cenLrale. nel perlodo 2002-2009 la spesa pubbllca e crescluLa del 39,3 e nel
2010-2013 dlmlnulLa dell'1,8. La cresclLa della spesa pubbllca ln LuLLo ll perlodo sla superlore alla medla
per gll enLl dl prevldenza e per gll enLl sanlLarl locall. 8lsogna qulndl aLLuare una vera spendlng revlew con
la manuLenzlone sLraordlnarla del programml dl spesa, sl LraLLa dl elaborare una sorLa dl plano lndusLrlale
per clascun seLLore dell'ammlnlsLrazlone.
11) LS1L8nALl1A' CSl1lvL: 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA L lMLlCAZlCnl
un'esLernallLa poslLlva sl manlfesLa quando l'aLLlvlLa dl produzlone o dl consumo
dl un soggeLLo lnfluenza poslLlvamenLe ll benessere dl un'alLro soggeLLo senza
che quesL'ulLlmo paghl ll prezzo. L'equlllbrlo dl mercaLo sara lndlvlduaLo per la
quanLlLa ln cul l'lmpresa masslmlzza ll proflLLo (MA=), cloe C
a
che per e sub-
oLLlmale. La quanLlLa soclalmenLe deslderablle e lndlvlduaLa sommando l
beneflcl marglnall al prezzo che deLermlna la domanda. uunque avremo uno
sposLamenLo verso desLra della curva dl domanda che lndlvldua C
*
, ll llvello
soclalmenLe oLLlmale. Solo l'lnLervenLo sLaLale (razlonallzzazlone,
regolamenLazlone, sussldl e lncenLlvl) lnduce le lmprese a produrre C
*
.
12) LS1L8nALl1A' nLCA1lvL: 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA L lMLlCAZlCnl
un'esLernallLa negaLlva sl manlfesLa quando l'aLLlvlLa dl produzlone o
dl consumo dl un soggeLLo lnfluenza negaLlvamenLe ll benessere dl un
alLro soggeLLo senz ache quesL'ulLlmo ne rlceva un compenso. Lo
scopo dell'lmpresa e masslmlzzare ll proflLLo per cul l'equlllbrlo dl
mercaLo sara sempre C
a
che consldera solo beneflcl e cosLl prlvaLl. Ma
dal punLo dl vlsLa soclale C
a
non e deslderablle a causa del cosLl
esLernl. Lssl vanno dunque sommaLl a quelll prlvaLl per lndlvlduare ll
llvello produLLlvo oLLlmale C
*
. Solo l'lnLervenLo sLaLale
(nazlonallzzazlone, regolamenLazlone e Lasse) lnduce le lmprese a
produrre C
*
.
13) LL lMCS1L lCCuvlAnL. 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA L SlCnlllCA1C
Con l'lmposLa plgouvlana lo SLaLo lmpone un'lmposLa parl al cosLo
marglnale esLerno che lnduce un'lmpresa a ragglungere la
quanLlLa dl produzlone soclalmenLe oLLlmale C
*
. CraflcamenLe e
molLo faclle ma nella realLa e dlfflclle quanLlflcare l cosLl esLernl e
poLer dunque lmporre un'lmposLa che ll copra lnLeramenLe.
(CMA+1....cosLl marglnall + lmposLe).


14) 1LC8LMA ul CCASL. lLLuS18AZCnL L 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA
Supponlamo ll caso dl un'lmpresa A che lnqulna e un'lmpresa 8
(magarl azlenda agrlcola) che sublsce un danno dl lnqulnamenLl da
parLe dl A. Lo SLaLo sl llmlLa ad aLLrlbulre l dlrlLLl al soggeLLl lnLressaLl:
pu aLLrlbulre ll dlrlLLo ad lnqulnare all'lmpresa A, oppure ll dlrlLLo a
non essere lnqulnaLa all'lmpresa 8. Sl dlmosLra che ln enLrambl l casl
le lmprese hanno convenlenza a conLraLLare (8 offre un rlsarclmenLo
ad A per farle rldurre l'lnqulnamenLo, oppure A offre un rlsarclmenLo
a 8 per poLer produrre) e dunque sl ragglunge l'equlllbrlo efflclenLe
C
*
, lndlpendenLemenLe dal faLLo che ll llvello dl parLenza sla C o C
a
.
La conLraLLazlone sl conclude solo quando ll rlsarclmenLo e parl alla
perdlLa.

13) 8AClCnl uLLL'ln1L8vLn1C u88LlCC nLL SL11C8L uLLL'lS18uZlCnL unlvL8Sl1A8lA
lsLruzlone unlverslLarla: le esLernallLa sono meno rllevanLl, ll bene ha naLura dl lnvesLlmenLo ln caplLale
umano (= l beneflcl sono quasl lnLeramenLe approplablll). nell'amblLo del seLLore unlverslLarlo le esLernallLa
poslLlve sono lnferlorl all'amblLo del seLLore prlmarlo e secondarlo perche l beneflcl prlvaLl sono magglorl
rlspeLLo a quelll pubbllcl. ll mercaLo flnanzlarlo non e ln grado dl concedere presLlLl agll sLudenLl perche non
pu valuLare ln manlera preclsa ll rlLorno economlco a causa dl Lroppe varlablll. Lo SLaLo sl fa da garanLe per
gll sLudenLl aLLraverso presLlLl d'onore, al quall possono anche essere assoclaLe flnallLa dlsLrlbuLlve (es: Lassl
dl lnLeresse lnferlorl per l blsognosl).
16) LCulLl88lC ul MCnCCLlC Lu LCulL88lC ul CCnCC88LnZA L8lL11A. 8A8LSLn1AZlCnL
C8AllCA. ulllL8LnZL ln 1L8Mlnl ul Su8LuS uLL CCnSuMA1C8L
-Concorrenza perfeLLa: e un mercaLo ln cul compraLorl e produLLorl non possono lnfluenzare ll prezzo ln
mercaLo concorrenzlale, e caraLLerlzzaLo da prodoLLl omogenl da parLe delle lmprese e non cl sono barrlere
all'lngresso. -ll monopollo e una slLuazone dl mercaLo ln cul un'lmpresa e monopollsLlca. L'lmpresa ha un
cosLo medlo e un cosLo marglnale slmlll a quelll del mercaLo dl concorrenza perfeLLa. Masslmlzza ll proflLLo
uguagllando ll cosLo marglnale al rlcavo marglnale. Cl sono barlere all'lngresso.
17) MCnCCLlC nA1u8ALL CCn1Lnul8lLL: 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA. lL 8uCLC uLLLC S1A1C
-La prlma soluzlone (del mercaLo) e ll punLo dl CaurnoL, corrlspondenLe all'lnLersezlone Lra 8m e Cm, ln
quesLo modo ll monopollsLa masslmlzza gll exLra-
proflLLl. -L sufflclenLe la mlnaccl dell'lngresso dl
nuove lmprese per lndurre ll monopollsLa a rldurre
ll prezzo. La soluzlone oLLlmale sarebbe C
*
,
corrlspondenLe all'lnLersezone Lra u e Cm (come ln
concorrenza perfeLLa) ma, vlsLo che ll prezzo
sarebbe mlnlre del cosLo medlo, cl sarebbe una
perdlLa dl gesLlone. CuesLa soluzlone (flrsL besL)
qulndl, e posslblle solo se lo SLaLo e dlsposLo a
comprare. -A quesLo punLo, a meno che lo SLaLo
non lmponga lmposLe dlsLorslve, ll prezzo vlene posLo uguale al cosLo medlo. Solo quesLa soluzlone (second
besL) evlLa sla la perdlLa dl gesLlone che ll rlschlo dl lngresso dl nuove lmprese. non e oLLlmale ma
acceLLablle. uunque ln caso dl monopollo naLurale conLendlblle, la mlgllor pollLlca publlce e garanLlre che
cl sla davvero plena llberLa d'lngresso.

18) MCnCCLlC nA1u8ALL nCn CCn1Lnul8lLL: 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA. lL 8uCLC uLLLC
S1A1C
un mercaLo e non conLendlblle quando non eslsLe plena llberLa dl
enLraLa da parLe dl nuove lmprese, a causa del cosLl non recuperablll.
Sono monopoll non conLendlblll LuLLl l casl dl servlzl pubbllcl. ll
monopollsLa dunque non e lndoLLo ad abbassare ll prezzo qulndl non sl
sposLa dal punLo A che gll consenLe dl masslmlzzare ll suo proflLLo. Lo
SLaLo ln quesLo caso pu aglre ln 3 modl: -monopollo pubbllco: la
produzlone vlene affldaLa a un'lmpresa pubbllca, -concorrenza per ll
mercaLo: affldare l'offerLa dl un servlzlo pubbllco a prlvaLl che
acqulslscono l'lmpresa vlncendo un'asLa che pu essere al rlalzo o al rlbasso. CuesLo meccanlsmo non e
per ln grado dl reallzzare soluzlonl dl flrsL besL, -concorrenza nel mercaLo: lo SLaLo afflda la produzlone a
un'lmpresa prlvaLa ma lmpone del vlncoll che slano compaLlblll con gll obleLLlvl dl efflclenza o dl caraLLere
soclale.
19) MCuLLLl ul 8LCCLAMLn1AZlCnL uLLLL u8LlC u1lLl1lLS: 8A1L Cl 8L1u8n" L 8lCL CA"
Sono due forme dl lnLervenLo pubbllco che fanno parLe delle regolmenLazlonl che lo SLaLo appllca ln
presenza dl monopollo naLurale conLendlblle. Con ll 8C8 l prezzl vengono sLablllLl sulla base del cosLl
dell'lmpresa regolaLa e vl vlne agglunLo un Lasso dl proflLLo equo sul caplLale lnvesLlLo. LslsLe una
commlsslone dl regolamenLazlone che conLrolla e cerca un equlllbrlo Lra le rlchlesLe delle lmprese per
aumenLare l prezzl e del consumaLorl per conLenerll. CuesLo modello ha dlversl llmlLl: non lncenLlva
l'lmpresa a conLenere l cosLl, Lranne quando ll perlodo ln cul ll prezzo resLl flsso sla molLo lungo crea una
caplLallzzazlone delle lmprese da cul dlscende lnefflclenza. un vanLagglo e che aLLrae caplLale prlvaLo nel
seLLore della publlc uLlllLles. L'alLro modello, ll prlce cap, flssa un prezzo masslmo del servlzlo, lnferlore a
quello del monopollo non regolamenLaLo. Sl concenLra sulla dlnamlca del prezzo dl un cerLo servlzlo nel
Lempo seguendo la regola: 8p
1
- x, dove 8p
1
= reLa ll prlce lnde x, e x= Lasso dl verlazlone medla della
produLLlvlLa. LnLrambl l modelll presenLano dlfflcolLa nell'aLLuazlone.

20) LllL11l LCCnCMlCl uL8lvAn1l uAL 8LlL8LnuuM SLLL'ACCuA
ll referendum sl e LenuLo l'11 e ll 12 Clugno 2011 ed era formaLo da due queslLl, ln parLlcolare ll secondo
proponeva l'abrogazlone parzlale della norma che sLablllsce la deLermlnazlone della Larlffa per l'erogazlone
dell'acqua, nella parLe ln cul prevede che Lale lmporLo lncluda anche la remunerazlone del calLale lnvesLlLo
dal gesLore. La vlLLorla e andaLa al sl, e sl e qulndl declso che la Larlffa sull'acqua non debba plu lncludere la
componenLe per la remunerazlone dal caplLale lnvesLlLo. La consegunza dl cl e sLaLa che da un glorno
all'alLro un palo dl mlllardl dl lnvesLlmenLl gla pronLl sono saLl bloccaLl a Lempo lndeflnlLo: quesLo
glusLamenLe perche se un'lmposLa non ha una garanzla dl remunerazlone sl rlfluLa dl lnvesLlre polche
reswponsablle del loro denaro e dl quello del loro azlonlsLl. Cl sono ora due posslblllLa: l planl dl
lnvesLlmenLo erano dl clrca 2mld/anno per l prosslml 30 annl e sarebbero servlLl a mlgllorare e manLenere
gll lmplanLl. La prlma sLrada e che quesLl lnvesLlmenLl non vengano effeLLuaLl e cl dovremmo cosl
acconLenLare dl cl che abblamo, la seconda opzlone e che se parLlssero gll lnvesLlmenLl e l consumaLorl
non pagassero, LuLLo rlcadrebbe sul conLrlbuenLl. Sl poLrebbe aLLlngere a rlsorse del comunl a dlscaplLo dl
alLrl servlzl che verrebbero erogaLl ln modo mlnore, anche se cercassero nuove rlsorse, prlma o pol, cl
sarebbe un magglore carlco flscale. lnolLre se fosse vero che ll prezzo aumenLa per colpa del proflLLo cl sl
verlflcherebbe per qualslasl alLra aLLlvlLa economlca. ALLualmenLe sl prevede che ll cosLo del caplLale da
remunerare da lmpuLare alla Larlffa sla un furfaLarlo 7 del valore del caplLale lnvesLlLo, non sl LraLLa dl
proflLLo ma lngloba gll lnLeressl passlvl nel flnanzlamenLl e copre ll rlschlo dl lmpresa ln parLe.

!"#$%!& -&."%!" #"!+,"

1. 8lnCllC uLLLA CAACl1A' CCn18l8u1lvA vS. 8lnCllC uLL 8LnLllClC
ll prlnclplo del beneflclo, o della conLropresLazlonee rlconduclblle alle Leorle dello scamblo volonLarlo
secondo le quall eslsLe un rapporLo dl scamblo Lra cl che ll clLLadlno paga allo SLaLo e cl che rlceve ln
Lermlnl dl benl e servlzl. L'lmposLa pagaLa deve qulndl commlseraLa al beneflcl che esse rlcevono dal benl e
servlzl pubbllcl dl cul fa llberamenLe domanda e del quall cosLlLulsce ll prezzo. La flnallLa dell'lmposLa e
percl quella dl flnallzzare l'offerLa dl benl e servlzl e non ha alcun caraLLere redlsLrlbuLlvo. vl e alla base dl
un prlnclplo dl equlLa che garanLlsce appunLo uno scamblo equo per cul cl che sl paga corrlsponde
effeLLlvamenLe a cl che sl rlceve. CuesLo prlnclplo ha dlversl probleml appllcaLlvl: -ln caso dl benl non rlvall
e non escludlblll- con la presenza dl free rlders non sono conoscluLe le preferenze dl LuLLl l clLLadlnl e per
deLermlnare ll volume e caraLLerlsLlche della spesa pubbllca blsognera rlcorrere alle voLazlonl pollLlche, -ln
caso dl benl merlLevoll ed esLernallLa vlene meno ll requlslLo dello scamblo, -non sono sempre dlsponlblll
lndlcazlonl dl beneflclo perLlnenLl. Pa anche ll vanLagglo dl collegare le declslonl dl spesa e dl enLraLa che
porLa a una Lrasparenza nelle declslonl pubbllche e alla responsablllzzazlone dl cul declde le spese rlspeLLo a
chl ne sopporLa ll cosLo.
Secondo ll prlnclplo della capaclLa conLrlbuLlva lnvece l'lmposLa deve essere commlsuraLa alla capaclLa
conLrlbuLlva del soggeLLl e cloe alla loro capaclLa a pagarla (ablllLy Lo pay). Lo scopo dell'lmposLa non e solo
dl flnallzzare l'aLLlvlLa dello SLaLo ma anche le pollLlche redlsLrlbuLlve dl quesLo. L'equlLa e garanLlLa se
l'lmposLa prelevaLa fa rlferlmenLo escluslvamenLe alla capaclLa del conLrlbuenLe dl pagare. Sl parla dl: -
equlLa orlzzonLale- a uguale capaclLa corrlsponde uguale lmposLa, -equlLa verLlcale-a magglore capaclLa
corrlsponde magglore lmposLa. l probleml appllcaLl sono: lndlvlduare l correnLl lndlcaLorl dl capaclLa e
lndlvlduare l crlLerl dl rlparLlzlone dell'onere dl lmposLa.
2. ulSC8lMlnAZlCnL CuALl1A1lvA L CuAn1l1A1lvA uLl 8Luul1l
Alle lmposLe reall e sLaLo aLLrlbulLo un ruolo lmporLanLe nell'amblLo della dlscrlmlnazlone quallLaLlva del
reddlLl, le lmposLe reall lnfaLLl possono essere arLlcolaLe dando un onere dlfferenzlaLo alle dlverse caLegorle
dl reddlLo. ln generale la dlscrlmlnazlone ln raglone alla quallLa e sLaLa pensaLa a favore del reddlLl dl lavoro
plu merlLevoll polche: -onerosl- rlchledono al conLrlbuenLe un sacrlflclo magglore rlspeLLo al reddlLl da
caplLale, -Lemporanel- legaLl all'eLa e alla capaclLa dl lavorare. La dlscrlmlnazlone quallLaLlva pu essere
aLLuaLa medlanLe dlverse Lecnlche lmposlLlve: -afflancando all'lmposLa personale e progresslva su LuLLl l
reddlLl un'lmposLa reale, proporzlonale, su LuLLl l reddlLl non da lavoro. -concedendo deLrazlonl o deduzlonl
a seconda del Llpo dl reddlLo sull'lmposLa personale progresslva. -afflancando al prellevo sul reddlLo un
prellevo sul paLrlmonlo. La dlscrlmlnazlone quanLlLaLlva prevede lnvece dl Lassare ln manlera dlfferenzlaLa l
reddlLl dlversl, vl e progresslvlLa dell'lmposLa.
3. llnl SCClALl Lu Lx18AllSCALl uLLLL lMCS1L
l flnl soclall dl un'lmposLa sono essenzlalmenLe quelll dl flnanzlare la spesa, ossla dl coprlre l cosLl sosLenuLl
dallo SLaLo nell'offerLa dl benl e servlzl. MolLepllcl sono lnvece quelll exLraflscall: -regolamenLazlone della
dlsLrlbuzlone del reddlLo: la plu lmporLanLe e rlchlede ll flnanzlamenLo dl spese pubbllche dlfferenLl
(sopraLLuLLo dl LrasferlmenLo) faLLo con prellevl coaLLl. -sLablllzzazlone economlca, -lncenLlvazlone
economlca (carlco LrlbuLarlo ln modo da agevolare aLLlvlLa ln cerLl luoghl), -correzlne dl dlsLorslonl o
lnefflclenza nel funzlonamenLo del slsLema economlco (esLernallLa).
4. Lu8ALl1A' ul 18l8u1l ln un SlS1LMA 18l8u1A8lC
ln un slsLema LrlbuLarlo vl sono dlversl Llpl dl LrlbuLl per varl moLlvl: lnnanzlLuLLo sono prevlsLl dlversl
lndlcaLorl dl capaclLa economlca e va garanLlLa qulndl un'equlLa flscale, pol ha lnfluenza ll decenLramenLo
ammlnlsLraLlvo, sl parla pol della coslddeLLa llluslone flnanzlarla per cul ll conLrlbuenLe non sa quanLl LrlbuLl
versa ognl anno, lnflne e un modo per cercare dl combaLLere l'evaslone flscale.
3. CCS1l1uZlCnALlSMC llSCALL
L l'lnsleme delle evenLuall regole cosLlLuzlonall che possono porre llmlLl alla spesa pubbllca, alla presslone
LrlbuLarla, al dlsavanzo e al deblLo pubbllco. L un approcclo pollLologlco, la classe pollLlca mlra a sfruLLare"
la clLLadlnanza, un esemplo e l'llluslne flnanzlarla.
6. ALlCuC1A MLulA L MA8ClnALL u'lMCS1A
L'allquoLa dl un'lmposLa lndlca lnnanzlLuLLo cl che e dovuLo dal conLrlbuenLe per ognl base lmponlblle.
u non essere unlca ma varlare al varlare della base lmponlblle, blsogna qulndl dlsLlnguere: -allquoLa
medla: rappresenLa quanLo dovuLo, ln medla, dal conLrlbuenLe per ognl unlLa dl base lmponlblle. L ll
rapporLo Lra deblLo d'lmposLa 1(y) e base lmponlblle y. Cvvero: L
a
=L(y)/y. -allquoLa marglnale: lndlca
quanLo dovuLo dal conLrlbuenLe al varlare della base lmponlblle. lndlca qulndl dl quanLo varla ll reddlLo
d'lmposLa al varlare della base lmponlblle. Cvvero: L
m
=f1(y)/fy.
7. LllL11l ulS1C8Slvl uLLLL lMCS1L: lMCS1L L CllL81A LAvC8C
Le lmposLe possono produrre dlsLorslonl nella scelLa, ad esemplo se dedlcare magglore o mlnore Lempo alla
produzlone del reddlLo. rendlamo l'esemplo dl un lndlvlduo che deve scegllere quanLo Lempo dlsponlblle,
P, dedlcare al lavoro e quanLo al rlposo. Le sue preferenze sono, secondo la funzlone dell'uLlllLa u=u(8,L)
dove 8 e ll reddlLo che pu oLLenere lavorando, L ll Lempo dedlcaLo al lavoro. Se ognl unlLa dl Lempo e
remuneraLa al Lasso dl salarlo dl 1 euro, ll vlncolo dl bllanclo sara: 8=(P-L)!=P!-L!. La scelLa oLLlmale sl
avra ln corrlspondenza dl valorl dl 8 e L che masslmlzzano u. L un modello appllcablle alle aLLlvlLa dl
lavoraLorl lndlpendenLl.
Se lnLroduclamo un'lmposLa sul salarlo: 8=(P-L)!(1-L)=P!(1-L)-!(1-L)L quesLa produce: -effeLLo reddlLo:
magglore offerLa dl lavoro per rlcosLrulre ll proprlo llvello dl reddlLo decurLaLo, -effeLLo sosLlLuzlone:
rlduzlone offerLa lavoro perche la rlnuncla al Lempo llbero pagaLa con un salarlo neLLo !(1-L) lnvece che
con un salarlo lordo ! e plu onerosa. l due effeLLl sono dl segno opposLo.
8. LllL11l ulS1C8Slvl uLLLL lMCS1L: lMCS1L L CllL81A ul 8lSA8MlC
Cll effeLLl delle lmposLe sul rlsparmlo dlpendono dalla rllevanza degll effeLLl dl sosLlLuzlone e cloe
dall'elasLlclLa del rlsparmlo rlspeLLo al Lasso dl lnLeresse. ll clLLadlno conLrlbuenLe sceglle se desLlnare ll
proprlo reddlLo al consumo o al rlsparmlo anche ln base al prezzl relaLlvl ossla, plu ll Lasso dl lnLeresse e
alLo, plu e convenlenLe rlsparmlare. L'lmposLa sul reddlLo rlduce ll Lasso dl lnLeresse e produce sla un
effeLLo reddlLo ln quanLo ll conLrlbuenLe rlduce l consuml dl oggl" e quelll dl domanl" essendo plu povero,
sla un'effeLLo sosLlLuzlone ln quanLo rlallocare ll consumo nel fuLuro e meno convenlenLe ed ll conLrlbuenLe
preferlsce rlsparmlare meno oggl e consumare magglormenLe domanl. un'lmposLa sulla spesa grava solo
sul reddlLo desLlnaLo al consumo, non modlflca ll Lasso dl lnLeresse, qulndl non ha effeLLl dl sosLlLuzlone.

9. LCCLSSC ul 8LSSlCnL. 8A8LSLn1AZlCnL C8AllCA L uL1L8MlnAn1l
ll sacrlflclo dl uLlllLa dovuLo all'effeLLo sosLlLuzlone e deLLo eccesso dl presslone. L sacrlflclo ln eccesso
perche e superlore rlspeLLo a quello lnevlLablle dovuLo al nero LrasferlmenLo dl rlsorse dal conLrlbuenLe allo
SaLo. Sl pu mlsurare ln Lermlnl dl surplus. ll Lrlangolo A8C lndlvldua l'eccesso dl presslone dovuLo
all'lmposLa ad valorem apllcaLa.
Come sl mlsura l'eccesso dl presslone? Con la formula: x(LL
2
C) dove L=elasLlclLa domandaLa e L
2
=allquoLa
al quadraLo. uunque l'eccesso e funzlone poslLlva dell'elasLlclLa della domanda rlspeLLo al prezzo. Se u e
rlgldo, L=0 non c'e eccesso dl presslone.
10. 8AMSL? 8uLL
La regola dl 8amsey dlce che e bene Lassare dl plu l benl dl prlma necesslLa ma purLroppo c'e un problema
equlLaLlvo, ovvero Lassare quesLl benl ha effeLLl regresslvl sul reddlLo.
11. uL1L8MlnAn1l uLLL'LvASlCnL llSCALL
ne eslsLono dlverse. lnnanzlLuLLo pu essere causaLa dal llvello della presslone LrbuLarla e delle allquoLe, e
posslblle lnfaLLl che ad un llvello alLo dl presslone flscale ln rapporLo al lL corrlsponda una reazlone
conLrarla e dl reslsLenza del conLrlbuenLl. L'lLalla ha uno del Lassl dl cresclLa dl prellevo plu elevaLl
dell'CCSL, quesLa LuLLavla non e una splegazlone sufflclenLe ln quanLo l'evaslone ln lLalla era alLa anche ln
perlodl con allquoLe lnferlorl. un'alLro moLlvo e ll mlx Lra lmposLe dlreLLe e lndlreLLe che hanno dlversl
effeLLl dlsLrlbuLlvl e dl equlLa e cl fa sl che l conLrlbuenLl abblamlno una percezlone dell'equlLa che produce
dlversa dlsponlblllLa a pagare. lnolLre ln lLalla sono presenLl molLe mlcro lmprese e aLLlvlLa lndlpendenLl che
favorlscono l'evaslone delle lmposLe con soLLofaLLurazlone o gonflamenLo del cosLl. La quallLa dell .A e del
servlzl e rlLenuLa molLo scadenLe e cl fa dlmlnulre la dlsponlblllLa a pagare lmposLe, a monLe vl e un caLLlvo
lmplego del provenLl flscall. L plo presenLe un'ammlnlsLrazlone flnanzlarla lnefflclenLe e poco credlblle nel
conLrolll. negll ulLlml 3-4 annl cl sono sLaLe rlforme del slsLema. lnflne un ruolo lmporLanLe e glocaLo dalla
morallLa flscale: possono sl usarsl meLodl esLreml o la forza ma sarebbero sufflclenLl mlsure
economlcamenLe non deLenLlve.
12. ulSCu1L8L LA 1ASSAZlCnL uLL 8Luul1C uLLLL uCnnL
Lavorare fuorl casa e plu dlfflclle per le donne che per gll uomlnl per moLlvl blologlcl e culLurall e cl fa sl
che la parLeclpazlone femmlnlle alla forza lavoro sla plu bassa dl quella maschlle. Secondo sLudl su molLl
paesl dell'CCSL l'offerLa dl lavoro maschlle e molLo meno senslblle al llvello del salarlo al neLLo delle
lmposLe rlspeLLo a quella femmlnlle. ln lLalla la dlsoccupazlone femmlnlle e parl al 46,3, una proposLa
efflclenLe poLrebbe essere quella dl rldurre l'allquoLa sul reddlLo delle donne e aumenLare quella degll
uomlnl: l'offerLa dl quesLl ulLlml e rlglda e una magglore Lassazlone porLerebbe a poca rlduzlone dl quesLa e
ad un geLLlLo flscale plu alLo, vlceversa per le donne crescerebbe l'occupazlone. CuesLa proposLa aumenLa
anche l'equlLa del slsLema, cl fa avvlclnare agll obbleLLlvl dl
Llsbona (60 occupazlone femmlnlle enLro ll 2010), l'assunzlone
dl donne cosLerebbe meno al daLorl dl lavoro per l quall sarebbe
plu oneroso dlscrlmlnare Lra uomo e donna. L'unlca oblezlone
poLrebbe essere che le donne lavorerebbero Lroppo Lrascurando
l flgll ma alcune rlcerche hanno evldenzlaLo rlflessl poslLlvl su
flglle femmlne. lnolLre l'aumenLo dl reddlLo permeLLerebbe ll rlcorso ad aslll nldl e babyslLLer.
13. LA Cu8vA ul LAllL8
e un prlnclplo uLlllzzaLo dall'ammlnlsLrazlone 8eagan a lnlzlo annl '80: ll problema della Lassazlone era
molLo rllevanLe ln quanLo dlslncenLlvanLe per l'offerLa dl lavoro e produLLlvlLa. una dlmlnuzlone favorlrebbe
ll reddlLo e lo farebbe umenLare cosl LanLo da aumenLare le enLraLe flscall anzlche dlmlnulrle. CuesLa
Leorla, e qulndl ll provvedlmenLo dl abbassare le Lasse, vale solo se le allquoLe sono plu alLe del llvello che
masslmlzza ll geLLlLo. nel confronLo Lra lmposLe e plu dlsLorslva l'lmposLa che a parlLa dl geLLlLo per lo SLaLo
comporLa un magglor sacrlflclo per ll conLrlbuenLe, slmmeLrlcamenLe e plu dlsLorslva l'lmposLa che a parlLa
dl sacrlflclo per ll conLrlbuenLe comporLa meno geLLlLo per lo SLaLo.
14. 8CC8LSSlvl1A' L8 CLASSl
un'lmposLa e progresslva se all'aumenLare della base lmponlblle ll deblLo dl lmposLa aumenLa plu che
proporzlonalmenLe. Cl comporLa che l'allquoLa medla aumenLa all'aumenLare della base lmponlblle ed e
sempre lnferlore all'allquoLa marglnale. uno del meLodl per la progresslvlLa dl un'lmposLa e quello per
classl: e oLLenuLa suddlvldendo ll reddlLo ln dlverse fasce cul sono assoclaLe allquoLe crescenLl e appllcando
a LuLLo ll reddlLo l'allquoLa relaLlva alla classe plu elevaLa ragglunLa.
Classl allquoLe
0-13 10 esemplo: reddlLo=20 qulndl
20x0,13=3
13-40 13
40-~ 30
Sorge per un problema: quesLa progresslvlLa pu modlflcare
l'ordlnamenLo del reddlLl, ovvero pu presenLare un'allquoLa
marglnale superlore al 100.
13. MCuLLLC uLLLA lLA? 8A1L 1Ax
La caraLLerlsLlca prlnclpale del slsLeml flscall ln cul la progresslvlLa e reallzzaLa con deduzlonl o deLrazlonl e
quella dl creare un'lmposLa che e forLemenLe progresslva per l reddlLl plu bassl ma che Lende pol a dlvenlre
proporzlonale al crescere del reddlLo. er quesLo sl chlama llaL raLe Lax. L'allquoLa marglnale effeLLlva
colnclde con l'allquoLa legale se deduzlonl e deLrazlonl sono cosLanLl.
16. uL1L8MlnAn1l uLLLA 18ASLAZlCnL uLLLL lMCS1L
1eorla dell'lncldenza: cause e modallLa aLLraverso le quall ll soggeLLo passlvo non colnclde effeLLlvamenLe
con colul che sosLlene effeLLlvamenLe l'onere dell'lmposLa.
SoggeLLo passlvo=soggeLLo percosso, soggeLLo che sosLlene
l'onere= soggeLLo lnclso. CuesLo avvlene aLLraverso la Lraslazlone
dell'lmposLa: avanLl: percosso- lnclso: a valle del percorso
produLLlvo, lndleLro: percosso- lnclso: a monLe del percorso
produLLlvo. Le modallLa dl raslazlone sono: -rlmozlone: modlflca ll
comporLamenLo per cul c'e meno offerLa dl lavoro e meno Lasse, -
eroslone: esclude dal pagamenLo dell'lmposLa alcune componenLl dl reddlLo, -eluslone: rlduzlone leclLa
dell'lmponlblle aLLraverso mezzl glurldlcl pensaLl per alLro, -evaslone: occulLamenLo d'lmponlblle, -
ammorLamenLo: caplLallzzazlone dell'lmposLa. lnolLre la capaclLa dl Lraslazlone dlpende dall'elasLlclLa
relaLlve della domanda (negaLlvamenLe: compleLa Lraslazlone se e rlglda) e dell'offerLa (poslLlvamenLe:
compleLa se e elasLlca).
17. 18ASLAZlCnL uLLLL lMCS1L lnul8L11L ln
CCnCCMl1AnZA L8lL11A

Se lmprese lnframarglnall sl paga ln Lermlnl dl rlduzlone o
elemlnazlone degll exLra proflLLl. Se lmprese marglnall n=0, sl paga
con l'usclLa dal mercaLo.
La Lraslazlone dell'lmposLa e parzlale, ln Lermlnl dl surplus pagano
consumaLorl, 8PC, e produLLorl, ACP. ll geLLlLo e parl a LlA8. L parzlale perche a fronLe dl un'lmposLa L
l'onere e dlvlso ln mlsura dlversa Lra consumaLorl e produLLorl.
18. 18ASLAZlCnL uLLLL lMCS1L ln MCnCCLlC

19. 18ASLAZlCnL uLLLL lMCS1L SuL
8Luul1C ln MCnCCLlC nLL MCuLLLC ul
8AuMCL
8aumol sl confronLa con ll caso plu reale, ovvero
la dlfferenza dl obleLLlvl Lra managere azlonlsLl: l
prlml vogllono lngrandlre l'azlenda e
masslmlzzare l rlcavl, gll alLrl vogllono
masslmlzzare l proflLLl. Sl crea una plccola Lraslazlone verso ll basso. ll manager dovra produrre ln C
0
ln
modo da garanLlre un proflLLo mlnlmo.


20. LA SCLL1A uLLL'unl1A' lnCSl1lvA nLLL'lMCS1A L8SCnALL SuL 8Luul1C
LslsLono due alLernLlve esLreme:L'lndlvlduo e la famlglla. er la prlma scelLa l'lmposLa ha come base l
reddlLl lmponlblll perceplLl dal slngolo. Sl pu Lenere conLo del conLesLo famlgllare ln cul l'lndlvlduo e
lnserlLo, sl Llene conLo del soll famlgllarl flscalmenLe a carlco del conLrlbuenLe, perche la necesslLa dl
manLenerll rlduce molLo la sua capaclLa conLrlbuLlva, aLLraverso deduzlonl o deLrazlonl. La Lassazlone
lndlvlduale penallza, a parlLa dl reddlLo, le famlglle monoreddlLo che sopporLano un prellevo flscale plu
elevaLo, la soluzlone e quella dl rlconoscere una deduzlone o deLrazlone elevaLa per un conluge a carlco.
nella scelLa della famlglla come unlLa lmposlLlva l'lmposLa ha come base l'lnsleme del reddlLl dl LuLLl l
membrl dl un nucleo famlgllare. CuesLa scelLa ha alcunl pro, perche e l'unlLa plu approplaLa per valuLare ll
benessere del clLLadlnl e la loro capaclLa conLrlbuLlva, e alcunl conLro ln quanLo scarseggla la formazlone dl
nuclel famlgllarl e dlslncenLlva la parLeclpazlone femmlnlle al mercaLo del lavoro. Cll aspeLLl problemaLlcl
dell'unlLa famlgllare sono: -numeroslLa componenLl: due famlglle con uguale reddlLo complesslvo hanno
uguale capaclLa conLrlbuLlva solo se hanno uguale numero dl componenLl (e equo Lassare dl meno la
famlglla con plu componenLl, con Lecnlca spllLLlng o quozlenLe famlgllare), -sLruLLura economlca: due
famlglle con uguale reddlLo non hanno uguale capaclLa conLrlbuLlva se e dlverso ll numero dl perceLLorl. Le
soluzlonl poLrebbero essere Lassare un posslblle reddlLo del lavoro domesLlco, conslderare l cosLl dl
babyslLLer ecc.. dl produzlone e dedurll dall'lmponlblle.
21. lL llSCAL u8AC
L un fenomeno ln base al quale l'lnflazlone provoca un'lnasprlmenLo del carlco LrlbuLarlo, anche se ll
reddlLo reale resLa lnvarlaLo. lnfaLLl, ln un slsLema dl lmposlzlone progresslva, un aumenLo dl reddlLo
moneLarlo fa passarell conLrlbuenLe a scagllonl dl reddlLo gravaLl da un'allquoLa plu alLa, anche se
l'ammonLare del reddlLo moneLarlo sl llmlLa a compensare l'eroslone del poLere d'acqulsLo della moneLa,
lasclando lnvarlaLo ll reddlLo reale. ll rlsulLaLo e che ll conLrlbuenLe flnlsce con ll pagare lmposLe plu elevaLe
su un reddlLo reale lnvarlaLo, al neLLo delle lmposLe qulndl ll suo reddlLo non varla.
22. 8Lul1C LllL11lvC vS 8Luul1C nC8MALL nLLL'lMCS1A L8SCnALL SuL 8Luul1C
ll reddlLo effeLLlvo e quello dl cul ll conLrlbuenLe ha dlsponlblllLa ln ognl perlodo dl un'lmposLa conslderaLa
per compeLenza o cassa: da una mlsura plu preclsa della capaclLa conLrlbuLlva, e plu equo dl fronLe alla
varlablllLa del reddlLl fra l conLrlbuenLl e nel Lempo, e plu coerenLe con ll conceLLo dl reddlLo all'enLraLa. ll
reddlLo normale e la medla dl reddlLo reallzzaLl ln Lempl dlversl danno sLesso soggeLLo o soggeLLl dlversl che
scelgono aLLlvlLa analoghe: da una mlsura plu preclsa della capaclLa conLrlbuLlva nel clclo vlLale, ha un
effeLLo lncenLlvanLe sull'aLLlvlLa economlca, e plu praLlco e sempllce da ammlnlsLrare.
23. S1A1lS1lCPL l8Ll
L'anno dl lmposLa e ll 2007 e sl noLa che ll numero dl conLrlbuLo e Llpo dl dlchlarazlone presenLaLa. ClLre
40mlllonl dl conLrlbuenLl hanno presenLaLo ll modello unlco o 730 o 770 ln aumenLo rlspeLLo al 2007. Le
persone flslche sono ll 93 del dlchlaranLl e usano plu spesso ll modello 730, plu sempllce. ll 30 dlchlara
reddlLl < dl 13000 euro/anno, ll 40 Lra l 13000 e l 43000 annul, ll 2 > dl 70000. ll reddlLo medlo per aree
geograflche cresce sopraLLuLLo al nord, prlnclpall Llpologle dl reddlLo: le plu dlchlaraLe sono quelle relaLlve
al lavoro dlpendenLe e alle penslonl, seguono l redlLl da parLeclpazlone, d'lmpresa e da lavoro auLonomo.
Sopra l 200000 dl reddlLo la Llpologla prevalenLe e quella dl lavoro auLonomo, la nuova lrpef: del 41 mlllonl
dlchlaraLl, 11 mld dlchlarano un'lmposLa neLLa parl a 0. La nuova lrpef ha modlflcaLo le allquoLe e sosLlLulLo
le deduzlonl con deLrazlonl per reddlLl da lavoro dlpendenLe, da penslonl e alLro (deLrazlonl 20 per
l'acqulsLo dl alcunl apparecchl, plu vlrLuose sono l'Lmllla 8omagna e 1renLlno), LlLolarl dl parLlLa lvA: plu al
nord (43), prlnclpall aLLlvlLa con reddlLo da lavoro auLonomo sono professlonall, sclenLlflche e del
commerclo.

24. C11C L8 MlLLL l8Ll
La legge 20/03/1983 ha sLablllLo che a decorrere dal 1990 una quoLa parl all'oLLo per mllle del geLLlLo
dell'lmposLa sul reddlLo dl persone flslche venga desLlnaLa: ln parLe a scopl dl lnLeresse soclale o umanlLarlo
a gesLlone dello SLaLo e ln parLe a scopl dl caraLLere rellgloso a gesLlone della Chlesa. La scelLa relaLlva alla
desLlnazlone vlene faLLa dal conLrlbuenLl nel momenLo dl presenLazlone annuale della dlchlarazlone del
reddlLl. 1uLLavla lo SLaLo lndlvldua l'lmporLo complesslvo dl oLLo per mllle da rlparLlre, calcola ll numero
LoLale dl preferenze espresse e rlparLlsce l'oLLo per mllle Lra gll enLl ln base alla percenLuale dl flrme
espresse. ll governo pubbllca pol ll quadro delle scelLe espresse: Lra ll 1990 e ll 2007 sono dlmlnulLe anche
perche molLl sono esenLaLl dalla dlchlarazlone del reddlLl, lnolLre negll ulLlml annl sono aumemLaLe le
prefernze per la Chlesa rlspeLLo allo SLaLo, per pol lnverLlrsl ad oggl (la Chlesa caLLollca e la confesslone co
plu scelLe). er quanLo rlguarda l'oLLo per mllle sLaLale e usaLo per lnLervenLl sLraordlnarl (come le calamlLa)
e vl possono accedere p.a, enLl pubbllcl e prlvaLl, persone glurldlche senza scopl dl lavoro. Le domande dl
parLeclpazlone vengono presenLaLe, verlflcaLe e sara pol ll . del Conslgllo a rlparLlre. ual 2006 sono
dlmlnulLl l progeLLl presenLaLl.