Sei sulla pagina 1di 7

Cielo dAlcamo

Contrasto

Op. Grande biblioteca della letteratura italiana ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli

Edizioni di riferimento elettroniche F. Bonomi, Duecento: la poesia italiana dalle origini a Dante a stampa Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Milano-Napoli, Ricciardi, 1960 Design Graphiti, Firenze Impaginazione Thsis, Firenze-Milano

Cielo dAlcamo

Contrasto

Contrasto

Rosa fresca aulentis[s]ima chapari inver la state, le donne ti disiano, pulzell e maritate: trgemi deste focora, se teste a bolontate; per te non ajo abento notte e dia, penzando pur di voi, madonna mia. Se di meve trabgliti, follia lo ti fa fare. Lo mar potresti arompere, a venti asemenare, labere desto secolo tut[t]o quanto asembrare: avere me non pteri a esto monno; avanti li cavelli maritonno. Se li cavelli artn[n]iti, avanti fossio morto, can is[s]i [s] mi prdera lo solacc[i]o e l diporto. Quando ci passo e vjoti, rosa fresca de lorto, bono conforto dnimi tut[t]ore: poniamo che sajunga il nostro amore. Ke l nostro amore ajngasi, non boglio matalenti: se ci ti trova premo cogli altri miei parenti, guarda non tar[i]golgano questi forti cor[r]enti. Como ti seppe bona la venuta, consiglio che ti guardi a la partuta. Se i tuoi parenti trova[n]mi, e che mi pozzon fare? Una difensa mt[t]oci di dumili agostari: non mi toc[c]ara pdreto per quanto avere han Bari. Viva lo mperadore, graz[i] a Deo! Intendi, bella, quel che ti dico eo? Tu me no lasci vivere n sera n maitino. Donna mi so di prperi, dauro massamotino. Se tanto aver donssemi quanto ha lo Saladino, e per ajunta quantha lo soldano, toc[c]are me non pteri a la mano. Molte sono le femine e lomo con parabole tanto intorno proczzala, channo dura la testa, ladimina e amonesta: fin che?ll ha in sua podesta.

10

15

20

25

30

Op. Grande biblioteca della letteratura italiana ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli

Cielo dAlcamo

Contrasto

35

Femina domo non si pu tenere: gurdati, bella, pur de ripentere. Keo ne [pur ri]pentsseme? davanti fossio aucisa ca nulla bona femina per me fosse ripresa! [A]ersera passstici, cor[r]enno a la distesa. Aqustati riposa, canzoneri: le tue parole a me non piac[c]ion gueri. Quante sono le schiantora che mha mise a lo core, e solo purpenznnome la dia quanno vo fore! Femina desto secolo tanto non amai ancore quantamo teve, rosa invidata: ben credo che mi fosti distinata. Se distinata fsseti, caderia de laltezze, ch male messe frano in teve mie bellezze. Se tut[t]o adivenssemi, taglirami le trezze, e consore marenno a una magione, avanti che martoc[c]hi n la persone. Se tu consore arnneti, donna col viso cleri, a lo mostero vnoci e rnnomi confleri: per tanta prova vencerti fralo volonteri. Conteco stao la sera e lo maitino: besogn chio ti tenga al meo dimino. Boim tapina misera, comao reo distinato! Geso Cristo laltissimo del tut[t]o m airato: concepstimi a abttare in omo blestiemato. Cerca la terra cheste gran[n]e assai, chi bella donna di me troverai. Cercatajo Calabr[]a, Toscana e Lombardia, Puglia, Costantinopoli, Genoa, Pisa e Soria, Lamagna e Babilona [e] tut[t]a Barberia: donna non [ci] trovai tanto cortese, per che sovrana di meve te prese.

40

45

50

55

60

65

Op. Grande biblioteca della letteratura italiana ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli

Cielo dAlcamo

Contrasto

70

Poi tanto trabaglisti[ti], fac[c]ioti meo pregheri che tu vadi adomn[n]imi a mia mare e a mon peri. Se dare mi ti degnano, menami a lo mosteri, e sposami davanti da la jente; e poi far le tuo comannamente. Di ci che dici, vtama, neiente non ti bale, ca de le tuo parabole fatto nho ponti e scale. Penne penzasti met[t]ere, sonti cadute lale; e dato tajo la bolta sot[t]ana. Dunque, se po[t]i, tniti villana. En paura non met[t]ermi di nullo manganiello: istmi n esta grora desto forte castiello; prezzo le tuo parabole meno che dun zitello. Se tu no levi e vatine di quaci, se tu ci fosse morto, ben mi chiaci. Dunque vor[r]esti, vtama, ca per te fosse strutto? Se morto essere db[b]oci od intagliato tut[t]o, di quaci non mi ms[s]era se non ai de lo frutto lo quale sto ne lo tuo jardino: disolo la sera e lo matino. Di quel frutto non b[b]ero conti n cabalieri; molto lo disa[ro]no marchesi e justizieri, avere nonde pttero: gronde molto feri. Intendi bene ci che bol[io] dire? Meneste di millonze lo tuo abere. Molti so li garofani, ma non che salma ndi: bella, non dispregiremi savanti non massai. Se vento in proda e grasi e giungeti a le prai, arimembrare tao [e]ste parole, ca de[n]tra sta animella assai mi dole. Macara se dols[s]eti la gente ci cor[r]es[s]oro tut[t]a meve dicessono: che cadesse angosciato: da traverso e da?llato; Acor[r]i esto malnato!

75

80

85

90

95

Op. Grande biblioteca della letteratura italiana ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli

Cielo dAlcamo

Contrasto

100

Non ti degnara porgere la mano per quanto avere ha l papa e lo soldano.

Deo lo volesse, vtama, te fosse morto in casa! Larma nanderia cnsola, ca d e notte pantasa. La jente ti chiamrano: Oi perjura malvasa, cha morto lomo in csata, trata! 105 Sanzon[n]i colpo lvimi la vita. Se tu no levi e vatine co la maladizione, li frati miei ti trovano dentro chissa magione. [...] be?llo mi sof[f ]ero prdici la persone, ca meve se venuto a sormonare; 110 parente nd amico non tha aitare. A meve non atano amici n parenti: istrani mi so, crama, enfra esta bona jente. Or fa un anno, vtama, che ntrata mi se [n] mente. Di canno ti vististi lo maiuto, 115 bella, da quello jorno so feruto. Di tanno namorstiti, [tu] Iuda lo trato, como se fosse porpore, iscarlato o sciamito? Sa le Va[n]gele jrimi che mi s a marito, avere me non ptera esto monno: 120 avanti in mare [j]t[t]omi al perfonno. Se tu nel mare gt[t]iti, donna cortese e fina, decreto mi ti msera per tut[t]a la marina, [e da] poi canegs[s]eti, trobrati a la rena solo per questa cosa adimpretare: 125 conteco majo a[g]giungere a pec[c]are. Segnomi in Patre e n Filo ed i[n] santo Mat[t]eo: so ca non se tu retico [o] figlio di giudeo, e cotale parabole non udi dire ancheo. Morta si [] la femina a lo ntutto, 130 prdeci lo saboro e lo disdotto.

Op. Grande biblioteca della letteratura italiana ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli

Cielo dAlcamo

Contrasto

Bene lo saccio, crama: altro non pozzo fare. Se quisso non arcmplimi, lssone lo cantare. Fallo, mia donna, plzzati, ch bene lo puoi fare. Ancora tu no mami, molto tamo, 135 s mhai preso come lo pesce a lamo. Sazzo che mami, [e] moti di core paladino. Lvati suso e vatene, tornaci a lo matino. Se ci che dico fcemi, di bon cor tamo e fino. Quisso t[ad]imprometto sanza faglia: 140 te la mia fede che mhai in tua baglia. Per zo che dici, crama, neiente non mi movo. Inanti pren[n]i e scnnami: tolli esto cortel novo. Esto fatto far ptesi inanti scalfi un uovo. Arcompli mi talento, [a]mica bella, 145 ch larma co lo core mi si nfella. Ben sazzo, larma dleti, Esto fatto non ptesi comomo chave arsura. per nullaltra misura:

se non ha le Vangel[]e, che mo ti dico Jura, avere me non puoi in tua podesta; 150 inanti pren[n]i e tagliami la testa. Le Vangel[]e, crama? chio le porto in seno: a lo mostero prsile (non ci era lo patrino). Sovresto libro jroti mai non ti vegno meno. Arcompli mi talento in caritate, 155 ch 1arma me ne sta in sut[t]ilitate. Meo sire, poi jurstimi, eo tut[t]a quanta incenno. Sono a tua presenz[]a, da voi non mi difenno. Seo minespreso joti, merz, a voi marenno. A lo letto ne gimo a la bonora, 160 ch chissa cosa n data in ventura.

Op. Grande biblioteca della letteratura italiana ACTA G. DAnna Thsis Zanichelli