Sei sulla pagina 1di 18

Dagli eteri alle ammine

Eteri
Gli eteri sono caratterizzati da un atomo di ossigeno che lega due gruppi alchilici.
Hanno formula generale degli eteri è R—O—R’.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 2


2. Alcoli, fenoli ed eteri
La nomenclatura degli eteri si basa sul nome, in ordine alfabetico, delle catene
alchiliche presenti nella molecola, a cui segue il nome etere.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 3


4. Acidi carbossilici e loro derivati
Gli acidi carbossilici sono caratterizzati dal gruppo funzionale
—COOH, chiamato gruppo carbossile.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 4


Proprietà fisiche

• I primi termini della serie sono liquidi incolori con


odori pungenti o sgradevoli.

• Composti polari e, come gli alcoli, formano legami


idrogeno con se stessi o con altre molecole.

• Di conseguenza: punti di ebollizione elevati, più


elevati degli alcoli di pari peso molecolare.
[es. l'acido acetico e l'alcol propilico hanno lo stesso
peso formula (60) e bollono rispettivamente a 118°C
e 97°C].
Ossidazione di aldeidi
• L’ossidazione delle aldeidi produce un
acido carbossilico, anche con ossidanti
deboli (Ag+, Cu2+)

H OH
ox
R C R C

O O
4. Acidi carbossilici e loro derivati
La nomenclatura degli acidi carbossilici prevede l’aggiunta del
suffisso -oico al nome dell’alcano corrispondente.
Alla nomenclatura IUPAC ne è affiancata una corrente tutt’ora
in uso.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 7


4. Acidi carbossilici e loro derivati
Gli acidi carbossilici tendono a formare legami a idrogeno
intermolecolari; pertanto presentano punti di ebollizione
abbastanza alti.
In acqua sono solubili solo gli acidi formico, acetico e
propionico.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 8


4. Acidi carbossilici e loro derivati
Gli acidi carbossilici sono acidi deboli, ma sono più forti dei
fenoli e degli alcoli.
Reagiscono con basi forti formando dei sali.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 9


4. Acidi carbossilici e loro derivati
Gli esteri si ottengono per reazione fra un acido carbossilico e
alcol ad alta temperatura.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 10


4. Acidi carbossilici e loro derivati
Esteri naturali ad alto peso molecolare sono le cere, i grassi e
gli oli.
Le cere sono esteri di un acido carbossilico e di un alcol
entrambi a lunga catena.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 11


4. Acidi carbossilici e loro derivati
I grassi (solidi e saturi) e gli oli (liquidi e insaturi) sono esteri
del glicerolo (trigliceridi) con acidi carbossilici a lunga catena
sia saturi sia insaturi.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 12


4. Acidi carbossilici e loro derivati
Le ammidi sono derivati degli acidi carbossilici molto diffuse
in natura (per esempio nelle proteine).

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 13


Ammidi
Le ammidi, fra i derivati degli acidi carbossilici, sono quelli meno
reattivi e sono largamente diffuse in natura.
Le ammidi più importanti sono le proteine.
4. Acidi carbossilici e loro derivati
La nomenclatura delle ammidi prevede la sostituzione del
suffisso -ammide al nome dell’acido corrispondente

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 15


5. Ammine
Le ammine derivano dall’ammoniaca (NH3) per sostituzione di
uno, due o tutti gli atomi di idrogeno con altrettanti gruppi
alchilici.

Il gruppo funzionale delle ammine è il gruppo amminico.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 16


5. Ammine
La nomenclatura delle ammine prevede che si indichino i
nome dei gruppi alchilici legati all’azoto con la desinenza
-ammina.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 17


5. Ammine
Le ammine con pochi atomi di carbonio sono solubili in
acqua.

Le ammine sono composti basici (deboli) in virtù del


doppietto elettronico libero dell’azoto.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 18