Sei sulla pagina 1di 2

Memoria nelle varie forme di demenza: ALZHEIMER: la fase iniziale costituita da deficit di apprendimento, il paziente avr un disturbo del

el ongoing memory, ovvero incapacit di registrare ci che viene intorno a lui, non ricorda le sue prospettive per il futuro (disturbo di memoria prospettica) ma conserva invece i ricordi di eventi passati e la memoria semantica. Fase intermedia costituita da un impoverimento dei magazzini di memoria episodica e semantica, dove avverr una perdita della memoria episodica (storica e autobiografica), impoverimento dei magazzini semantici con relativo impoverimento dei significati delle parole, e perdita delle procedure fase avanzata invece costituita da amnesia globale, caratterizzata da un deficit retrogrado, e un deficit anterogrado

il deficit di memoria semantica si manifesta con difficolt nei compiti di denominazione (anomia) e comprensione. I primi elementi della memoria semantica che peggiorano nei soggetti affetti da Alzheimer, sono le caratteristiche distintive di un concetto come, appunto, le strisce di una zebra o il lungo collo di una giraffa. La perdita di questo tipo di memoria causa un offuscamento di concetti strettamente collegati demenze fronto temporali: ne fanno parte la: sindrome disesecutiva: il danno prefrontale che si esprime con un deficit esecutivo sull'efficienza del retrievel. Il disturbo di memoria nella demenza frontale per lo meno in parte riflesso del disturbo disesecutivo sulla funzione mnestica. l'afasia primaria progressiva: oltre alla componente frontale-disesecutiva
emergeranno difficolt con i compiti mnesici che richiedono lelaborazione di materiale verbale con relativo risparmio dei compiti mnesici che richiedono elaborazione di materiale non verbale

e la demenza semantica: caratterizzata da una degradazione selettiva e progressiva dei magazzini di memoria semantica , con un risparmio di quelli episodici e delle componenti dinamiche

MALATTIA DA CORPI DI LEWY: disturbo visuopercettivo che pu tradursi in deficit mnestico per materiale visivo DEMENZA VASCOLARE: Demenza vascolare sottocorticale demenza sottocorticale da infarto strategico

La demenza semantica, caratterizzata dalla perdita del significato delle parole e dal deterioramento nel riconoscimento di volti e oggetti, una delle manifestazioni cliniche della degenerazione lobare frontotemporale ed associata ad atrofia del giro temporale inferiore e medio. Le DFT sono forme degenerative focali, che colpiscono in modo selettivo e spesso asimmetrico le porzioni anteriori dei lobi frontali e temporali, che danno luogo a disturbi comportamentali e neuropsicologici tipici della corrispondente localizzazione lesionale. Altre forme degenerative focali possono colpire in modo altrettanto selettivo ed asimmetrico porzioni del mantello corticale, dando luogo a sindromi lesionali egualmente specifiche. Cos, quando le lesioni degenerative colpiscono

selettivamente le aree peri-silviane dell'emisfero sinistro, osserviamo la forma non-fluente di afasia progressiva primaria isolata da Mesulam ( ) e descritta gi nel lavoro pionieristico di Pick (44). Quando , invece, selettivamente colpito il lobo temporale sinistro, con un preferenziale interessamento della corteccia temporo-polare ed infero-temporale, abbiamo il quadro clinico della demenza semantica ( ), vale a dire una forma fluente di afasia, caratterizzata soprattutto dallano mia e da un severo deficit nella comprensione delle parole. La demensa semantica (SD) fa parte delle demenze fronto-temporali. - perdita progressiva dei concetti (incapacit di comprendere il significato delle parole, delle facce, dei suoni ambientali, odori, sapori e stimoli tattili) -eloquio fluente ma privo di contenuto (uso di parole pass-partout, repertorio conversazionale ridotto) - per una diagnosi corretta devono essere presenti: prosopoagnosia agnosia associativa (queste due sono dettate da compromissioni alle aree parietali) parafasie semantiche deficit di denominazione e comprensione - elementi che supportano la diagnosi: LINGUAGGIO assenti parafasie fonemiche parole idiosincratiche dislessia e disgrafia superficiale capacit di calcolo preservate COMPORTAMENTO persimonia, perdita delle emozioni sociali, scarsa preoccupazione per il futuro ASPETTI CLINICI perdita riflessi primari acinesia rigidit tremore Non esistono farmaci specifici; fondamentale agire sull'ambiente, soprattutto sui caregivers che risentono principalmente dei cambiamenti di personalit e di comportamento.