Sei sulla pagina 1di 4

IL passato prossimo

(I) Trasforma la frase dal presente al passato


Esempio: Lavoro fino a tardi → Ho lavorato fino a tardi.

1. Fate una visita di controllo. _____________________________________


2. Cambio la fasciatura alla ferita? _____________________________________
3. Il bambino dorme fino alle 8. _____________________________________
4. Il dottore sale al 4° piano. _____________________________________
5. Giorgia rimane per il turno di notte. _____________________________________
6. Davide e Clara tolgono i punti. _____________________________________
7. Sistemo tutte le siringhe per le iniezioni. _____________________________________
8. Laura sterilizza gli strumenti. _____________________________________
9. Cado giocando a calcio. _____________________________________
10.L’infermiere misura la temperatura. _____________________________________
11.I pazienti non scendono dalle scale. _____________________________________
12.Fai la cartella clinica. _____________________________________

(II) Rispondi alle domande:

1. Quando avete finito di lavorare? _____________________________________


2. A che ora sei uscita di casa? _____________________________________
3. Dove hai messo il pappagallo? _____________________________________
4. Quando hai cambiato la biancheria? _____________________________________
5. A che ora è arrivato il medico di guardia? _____________________________________
6. Cosa ha messo sulla scottatura? _____________________________________
7. A che ora è deceduto il paziente? _____________________________________
8. Chi ha chiamato l’infermiera? _____________________________________
9. Con chi sei venuto in ospedale? _____________________________________
10. Chi ha preso i contenitori sterili? _____________________________________
11. Dove hai messo le spugne? _____________________________________
12. Avete mangiato tutto? _____________________________________

(III) Trasforma le frasi dal presente al passato:

FACCIAMO UN’ INIEZIONE

1. Inserisco l’ago in vena. _____________________________________


2. L’infermiera controlla il riflusso del sangue. _____________________________________
3. Disinfettiamo il sito di iniezione. _____________________________________
4. Le ragazze mettono i guanti. _____________________________________
5. Giriamo verso l’alto la smussatura dell’ago. _____________________________________
6. Diluisci il farmaco prescritto. _____________________________________
7. Sciolgo il laccio emostatico. _____________________________________
8. Sara rimuove l’ago rapidamente. _____________________________________
9. Controlliamo che nella zona non ci sia rossore. _____________________________________
10. Premo rapidamente con un batuffolo. _____________________________________
11. Tieni pressato sul punto della puntura. _____________________________________
12. Disinfettate. _____________________________________
IL passato prossimo di POTERE, DOVERE, VOLERE

Esempio: Di solito posso mangiare tutto.


Anche ieri ho potuto mangiare tutto.

1. Di solito posso fare colazione a casa,


Anche ieri ___________________

2. Oggi possiamo alzarci dal letto da soli.


Anche ieri____________________

3. Di solito vuole mangiare da solo.


Anche ieri ___________________

4. Tutti i giorni possono comunicare bene.


Anche ieri ___________________

5. La mattina devi cambiare la biancheria.


Anche ieri ___________________

6. Di solito devo scendere in giardino alle sei.


Anche ieri ___________________

7. Adesso posso somministrargli la terapia senza problemi.


Anche ieri ___________________

8. Di solito puoi andare in bagno da solo?


Anche ieri ___________________

9. Di solito Signora, può mangiare tutto?


Anche ieri Signora, _________________

10. Oggi volete mangiare la pastina?


Anche ieri _________________________

11. Di solito i parenti devono restare fuori.


Anche ieri _________________________

12. Sempre le mamme vogliono vedere subito il neonato.


Anche ieri _________________________

13. Tutti i giorni i dottori devono fare il giro di visita.


Anche ieri _________________________

14. Questa mattina l’infermiera deve fare la medicazione.


Anche ieri _________________________
Giovedì 13 giugno…ore 7:30 circa…un giorno in ospedale
Reparto Ortopedia, stanza n° 16,
la paziente si chiama Carla…

Carla si sveglia, come sempre, alle 7:00. Prima si gira un pò nel letto…ascolta il suo corpo: si sente
bene. Apre gli occhi: la signora Rita, del letto accanto al suo, si sveglia e la saluta. Carla ricambia il
saluto; poi si solleva a sedere e si guarda intorno. Alza le coperte e muove un pò i piedi: la gamba
operata cinque giorni prima non fa male. Bene! Scende dal letto, infila le ciabatte, prende la
vestaglia da sopra la poltrona e spegne la lampada. Si avvicina alla finestra e apre le tende. Nella
stanza tutte le pazienti si svegliano, così lei le saluta e a tutte dice due parole. Piano piano va in
bagno, chiude la porta, si guarda allo specchio: “Quando torno a casa vado subito dal parrucchiere !
Guarda qui che capelli !” Pensa. Prende lo spazzolino da denti, il dentifricio, l’asciugamano e,
mentre con una mano si appoggia al lavandino, si lava i denti e la faccia. Poi decide di cambiare la
camicia da notte. Esce dal bagno e apre lo sportello del suo armadietto: sceglie la camicia azzurra a
maniche corte e la prende dalla valigia. Torna in bagno e si cambia. Si guarda per l’ultima volta allo
specchio, si sistema i capelli. Quando torna in camera, l’infermiera mette la sua colazione sul
carrellino da letto. Carla e l’infermiera si salutano con un sorriso come sempre. Si rimette a letto
seduta e fa colazione. Mangia e beve il caffelatte e dice “Domani sono a casa…e mi mangerò due
pizze !!” Le altre pazienti si mettono a ridere. Dopo la colazione, si stende, cerca il telecomando sul
comodino e accende la t.v. ai piedi del letto. Un altro giorno in ospedale…ma l’ultimo !
Trasforma il racconto di Carla al Passato Prossimo:

Ieri Carla…
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________