Sei sulla pagina 1di 96

Marco Giaquinto

Come dirlo in italiano


Parole e frasi utili per comunicare in italiano
nella vita di tutti i giorni
A te che stai imparando la mia lingua.
“Ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo,
noi stessi diventiamo qualcosa di nuovo”
- Leo Buscaglia
INTRODUZIONE

Ciao! Mi chiamo Marco (dopo mi presenterò meglio) e questo libro è il mio


regalo per te che stai imparando l’italiano.

Imparare una nuova lingua è una delle cose più interessanti e utili che
noi esseri umani possiamo fare. È anche un percorso che richiede sforzo, ma non
preoccuparti! Io sono qui per aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo:
imparare la mia bella lingua!

Spesso abbiamo difficoltà a comunicare in una lingua straniera perché non


conosciamo abbastanza parole e frasi in quella lingua e quando è il
momento di parlare non sappiamo cosa dire.

Imparare parole e frasi è un metodo semplice, ma molto efficace per riuscire


a comunicare in una nuova lingua in breve tempo. Ed è anche un ottimo modo
per assorbire naturalmente la grammatica di una lingua.

Con questo libro imparerai moltissime parole e frasi che noi italiani usiamo
ogni giorno e che potrai usare anche tu!

Imparerai a salutare, a presentarti, a ringraziare, a chiedere


informazioni, a esprimere la tua opinione, a fare acquisti, a chiedere
aiuto e molto altro ancora.

Questo libro si compone di 11 parti: ogni parte ha degli obiettivi specifici da


raggiungere. Vedremo prima due conversazioni (una informale e una
formale) e poi una serie di parole e frasi raccolte per argomento.

A volte troverai alcune brevi spiegazioni o note grammaticali: ti aiuteranno


a capire meglio il significato di alcune espressioni della lingua italiana. Ti dirò
anche se una parola o una frase si deve usare in un contesto informale o in
un contesto formale.

Alla fine di ogni parte troverai un semplice esercizio per praticare quello che
hai imparato.
4
A conclusione del libro ho aggiunto anche una lista di espressioni
idiomatiche, colloquiali e gergali molto usate in italiano e alcuni proverbi
fra i più noti.

Troverai anche una lista dei verbi italiani più comuni che sono irregolari
al presente indicativo e al participio passato.

Tieni questo libro sempre con te e consultalo ogni volta che vuoi.

Sarà la tua piccola guida per essere preparato/a a comunicare in italiano nella
vita di tutti i giorni!

Ora è arrivato il momento di presentarmi!

5
CHI SONO

Se ancora non mi conosci, mi chiamo Marco Giaquinto, sono nato e vivo


in Italia (in Puglia, una regione del sud Italia).

Sono laureato in Traduzione e Interpretariato e in Comunicazione Linguistica


Interculturale.

Oltre alla mia lingua materna parlo l’inglese e lo spagnolo a un livello avanzato.
Riesco a comunicare anche in francese, giapponese e portoghese brasiliano.

Sono il fondatore del progetto “FUN AND EASY ITALIAN”, che ha lo scopo
di aiutare le persone a imparare l’italiano e a conoscerne la cultura con un
metodo di apprendimento pratico, facile da seguire e divertente.

Ho già aiutato moltissime persone a imparare la mia lingua e a conoscere meglio


la mia cultura e sono felice di poter aiutare anche te!

Il mio obiettivo è aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo.

Condivido regolarmente contenuti utili di lingua e cultura italiana sui miei canali
social e sul mio sito internet (www.funandeasyitalian.it).

6
INDICE

● Introduzione ……………………………………………………………………………………………………………… 4
● Chi sono ………………………………………………………………………………………………………………………… 6
● Parte 1: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 11
○ Dialoghi …………………………………………………………………………………………………………… 12
○ Salutare all’inizio di un incontro ……………………………………………………………… 13
○ Salutare alla fine di un incontro ……………………………………………………………… 13
○ Presentarsi ……………………………………………………………………………………………………… 14
○ Dire la professione ………………………………………………………………………………………… 14
○ Se non lavori …………………………………………………………………………………………………… 14
○ Se sei studente ……………………………………………………………………………………………… 15
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 16
● Parte 2: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 17
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 18
○ Chiedere e dire la nazionalità …………………………………………………………………… 19
○ Chiedere e dire la città di provenienza ………………………………………………… 19
○ Dire dove vivi ………………………………………………………………………………………………… 20
○ Dire l’età …………………………………………………………………………………………………………… 20
○ Dire la data di nascita ………………………………………………………………………………… 20
○ I mesi dell’anno ……………………………………………………………………………………………… 21
○ I numeri cardinali ………………………………………………………………………………………… 22
○ I numeri ordinali …………………………………………………………………………………………… 24
○ Alcune note sui numeri ………………………………………………………………………………… 25
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 26
● Parte 3: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 27
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 28
○ Ringraziare ……………………………………………………………………………………………………… 29
○ Rispondere a un ringraziamento ……………………………………………………………… 29
○ Chiedere scusa ……………………………………………………………………………………………… 30
○ Rispondere alle scuse …………………………………………………………………………………… 30
○ Esprimere la frequenza ……………………………………………………………………………… 30
7
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 31
● Parte 4: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 32
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 33
○ Chiedere a una persona come sta …………………………………………………………… 34
○ Dire come stai ………………………………………………………………………………………………… 34
○ Chiedere l’opinione ………………………………………………………………………………………… 34
○ Dire la tua opinione ……………………………………………………………………………………… 35
○ Essere d’accordo …………………………………………………………………………………………… 35
○ Non essere d’accordo …………………………………………………………………………………… 36
○ Dire di non aver capito ………………………………………………………………………………… 36
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 37
● Parte 5: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 38
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 39
○ Chiedere e dire la data ……………………………………………………………………………… 40
○ Chiedere e dare consigli ……………………………………………………………………………… 40
○ Chiedere a una persona di fare qualcosa ……………………………………………… 41
○ I giorni della settimana ……………………………………………………………………………… 42
○ I colori ……………………………………………………………………………………………………………… 43
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 44
● Parte 6: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 45
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 46
○ Fare un invito ………………………………………………………………………………………………… 47
○ Accettare un invito ……………………………………………………………………………………… 47
○ Rifiutare un invito ………………………………………………………………………………………… 48
○ Riflettere prima di accettare o rifiutare …………………………………………… 48
○ Augurare buona fortuna ……………………………………………………………………………… 49
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 50
● Parte 7: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 51
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 52
○ Parlare al telefono ………………………………………………………………………………………… 53
○ Parlare del tempo atmosferico ………………………………………………………………… 54
○ Incoraggiare una persona …………………………………………………………………………… 55
8
○ Le stagioni ………………………………………………………………………………………………………… 56
○ Quando? …………………………………………………………………………………………………………… 56
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 57
● Parte 8: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 58
○ Dialoghi …………………………………………………………………………………………………………… 59
○ Parlare del cibo ……………………………………………………………………………………………… 60
○ Dire cosa ti piace …………………………………………………………………………………………… 60
○ Dire cosa non ti piace …………………………………………………………………………………… 61
○ Al ristorante …………………………………………………………………………………………………… 61
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 63
● Parte 9: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 64
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 65
○ Chiedere informazioni ………………………………………………………………………………… 66
○ Dare informazioni ………………………………………………………………………………………… 67
○ Quando non possiamo essere d’aiuto ……………………………………………………… 67
○ Chiedere e dire l’ora …………………………………………………………………………………… 68
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 69
● Parte 10: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 70
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 71
○ Esprimere affetto ………………………………………………………………………………………… 72
○ Esprimere felicità ………………………………………………………………………………………… 72
○ Fare acquisti …………………………………………………………………………………………………… 73
○ Parlare del prezzo ………………………………………………………………………………………… 74
○ Pagare ………………………………………………………………………………………………………………… 74
○ Ora tocca a te! ……………………………………………………………………………………………… 75
● Parte 11: obiettivi ……………………………………………………………………………………………………… 76
○ Dialoghi ……………………………………………………………………………………………………………… 77
○ Se non ti senti bene ……………………………………………………………………………………… 78
○ Da quanto tempo? ………………………………………………………………………………………… 78
○ Esprimere preoccupazione e paura ………………………………………………………… 79
○ Chiedere aiuto ………………………………………………………………………………………………… 79
○ Offrire aiuto …………………………………………………………………………………………………… 80
9
● Avvertire qualcuno di un pericolo ………………………………………………………………………… 80
● Ora tocca a te! …………………………………………………………………………………………………… 81
● Appendice I ………………………………………………………………………………………………………………… 82
○ Alcuni modi di dire o espressioni idiomatiche …………………………………… 83
○ Alcune parole ed espressioni colloquiali ……………………………………………… 84
○ Alcune parole ed espressioni del gergo giovanile ……………………………… 85
● Appendice II ……………………………………………………………………………………………………………… 86
○ Proverbi italiani ……………………………………………………………………………………... 87
● Appendice III ……………………………………………………………………………………………………. 89
○ I verbi più usati con il presente indicativo irregolare ……………………… 90
○ I verbi più usati con il participio passato irregolare ………………………… 92
● Conclusioni …………………………………………………………………………………………………………………… 94

10
PARTE 1

OBIETTIVI

● Salutare in modo informale e formale


● Presentarti
● Dire cosa fai nella vita

11
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Ciao, mi chiamo Marco. Piacere di conoscerti!

B: Piacere, io sono Elena.

A: Cosa fai nella vita Elena?

B: Sono studentessa di lingue straniere. Studio all’università di Perugia.


E tu?
A: Sono insegnante di italiano e faccio anche il traduttore.

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Buongiorno, mi chiamo Marco. Piacere di conoscerLa!

B: Piacere, io sono Elena.

A: Lei cosa fa nella vita?

B: Sono studentessa di lingue straniere. Studio all’università di Perugia.


E Lei?
A: Sono insegnante di italiano e faccio anche il traduttore.

12
SALUTARE ALL’INIZIO DI UN INCONTRO

● Ciao! (informale)
● Buongiorno! (di giorno fino al pomeriggio)
● Buondì! (= Buongiorno) (molto informale)
● Buon pomeriggio!*
● Buonasera! (di sera)
● Salve! (tra informale e formale)

⟶ *”BUON POMERIGGIO” è un saluto usato poco. È usato soprattutto in TV o in radio da


chi presenta un programma per salutare i telespettatori.

SALUTARE ALLA FINE DI UN INCONTRO

● Ciao! (informale)
● Buongiorno! (formale)
● Buonasera! (formale)
● Buona giornata!* (= augurio di una buona continuazione, di giorno)
● Buona serata!* (= augurio di una buona continuazione, di sera)
● Ci vediamo!
● Ci sentiamo! (soprattutto se contatteremo la persona per telefono,
via e-mail o sui social)
● Arrivederci/ ArrivederLa! (formale)
● A presto!/ A dopo!/ A più tardi!/ A domani!/ A lunedì/ …
● È stato un piacere averti incontrato (informale)
● È stato un piacere averLa incontrata (formale)
● Mi ha fatto piacere parlare con te (informale)
● Mi ha fatto piacere parlare con Lei (formale)
● Buonanotte! (prima di andare a dormire)
● Notte! (= Buonanotte) (informale)
● Addio (indica una separazione definitiva)

⟶ *Possiamo rispondere: ”GRAZIE, ANCHE A TE/ A LEI!” o “GRAZIE, ALTRETTANTO!”.

13
PRESENTARSI

● Mi chiamo…
● Sono…
● Piacere (di conoscerti)! (informale)
● Piacere (di conoscerLa*)! (formale)
● (Tu) come ti chiami? (informale)
● Lei come si chiama? (formale)

⟶ *Non è obbligatorio scrivere i pronomi di cortesia con la lettera maiuscola. Possiamo


scriverli anche con la lettera minuscola.

- Piacere di conoscerLa
- Piacere di conoscerla

⟶ Se non conosciamo la persona ma vogliamo usare il registro informale (TU) al posto del
registro formale (LEI) possiamo chiedere: “POSSIAMO DARCI DEL TU?/ CI POSSIAMO
DARE DEL TU?”.

DIRE LA PROFESSIONE

● Lavoro… [in un ristorante/ in un negozio/ in un ospedale/ …]


● Sono… [(un) operaio/ (una) segretaria/ (un’) infermiera/ …]
● Faccio… [l’operaio/ il barista/ la segretaria/ l’infermiera/ …]
● Sono il proprietario/la proprietaria di… [un ristorante/ un negozio
di abbigliamento/ …]

SE NON LAVORI

● Sono pensionato/a (= persona che ha finito la carriera lavorativa)


● Sono casalinga (= donna che si occupa della sua casa e della sua
famiglia)
● Sono disoccupato/a (= sono senza lavoro)
● Sono in cerca di lavoro (= sono senza lavoro e lo sto cercando)
14
SE SEI STUDENTE

● Sono studente/studentessa di… [lingue straniere/ informatica/ ...]


all’università di… [Roma]
● Studio… [medicina/ lingue straniere/ …] all’università di…
[Buenos Aires/ Roma/ …]
● Sono studente di scuole superiori. Sono al… [primo/ secondo/… ]
anno

15
ORA TOCCA A TE!

PRESENTATI IN MODO INFORMALE

A: Ciao, mi chiamo _____. Piacere di conoscerti!

B: Piacere, io sono Marco.

A: Cosa fai nella vita Marco?

B: Sono insegnante di italiano. E tu?


A: Sono/ Faccio _____.

PRESENTATI IN MODO FORMALE

A: Buongiorno, mi chiamo _____. Piacere di conoscerLa!

B: Piacere, io sono Marco.

A: Lei cosa fa nella vita?

B: Sono insegnante di italiano. E Lei?


A: Sono/ Faccio _____.

16
PARTE 2

OBIETTIVI

● Dire la tua nazionalità


● Dire la tua provenienza
● Dire dove vivi
● Dire la tua età
● Dire la tua data di nascita

17
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Io sono italiano. Tu di dove sei?

B: Sono brasiliana. Ma vivo qui a Roma perché studio all’università.

A: Quindi tu vieni dal Brasile. Che bello! Di quale città del Brasile sei?

B: Sono di Rio de Janeiro. Tu sei di Roma?

A: No, io sono di Milano. Sono qui a Roma per lavoro. Quanti anni hai?

B: Ho 23 anni. E tu?

A: Ho 39 anni.

B: 39 anni? Sembri più giovane.

A: Grazie, mi fa piacere.

B: Sto scherzando!

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Io sono italiano. Lei di dov’è?

B: Sono brasiliana. Ma vivo qui a Roma perché studio all’università.

A: Quindi Lei viene dal Brasile. Che bello! Di quale città del Brasile è?

B: Sono di Rio de Janeiro. Lei è di Roma?

A: No, io sono di Milano. Sono qui a Roma per lavoro. Lei quanti anni ha?

B: Maleducato! Non si chiede l’età a una donna!

18
CHIEDERE E DIRE LA NAZIONALITÀ

● (Tu) di dove sei? (informale)


● Lei di dov’è? (formale)
● (Tu) da dove vieni? (informale)
● Lei da dove viene? (formale)
● Sono…* [italiano/a - brasiliano/a - iraniano-a/ cinese/…]
● Vengo da…** [dall’Italia/ dal Brasile/ dall’Iran/ dagli Stati Uniti/…]

⟶ *Non si dice “SONO DI + NAZIONE”.

- Sono di Brasile/ Argentina/ Russia/ … X (sbagliato)

⟶ **La preposizione “DA” si unisce all’articolo che precede il nome della nazione e
diventa articolata (DAL/ DALLA/ DALL’/ DAGLI/ DAI/ DALLE).

Se la nazione non ha l’articolo usiamo la preposizione semplice “DA”.

- Vengo da + il Brasile = Vengo dal Brasile


- Vengo da + la Germania = Vengo dalla Germania
- Vengo da + l’Italia = Vengo dall’Italia
- Vengo da + gli Stati Uniti = Vengo dagli Stati Uniti
- Vengo da + i Paesi Bassi = Vengo dai Paesi Bassi
- Vengo da + le Filippine = Vengo dalle Filippine
- Vengo da + Cuba = Vengo da Cuba

CHIEDERE E DIRE LA CITTÀ DI PROVENIENZA

● (Tu) di quale città sei? (informale)


● Lei di quale città è? (formale)
● (Tu) da quale città vieni? (informale)
● Lei da quale città viene? (formale)
● Sono di… (+ città) [Roma/ Rio de Janeiro/ Buenos Aires/ …]
● Vengo da… (+ città) [Roma/ Rio de Janeiro/ Buenos Aires/ …]
● Sono di… / Vengo da… [Pomezia] in provincia di… [Roma]

19
DIRE DOVE VIVI

● Vivo in…* (+ nazione) [Italia/ Brasile/ Argentina/ …]


● Vivo/ Abito a… (+ città) [Roma/ Rio de Janeiro/ Buenos Aires/ …]

⟶ *Con “IL REGNO UNITO” e le nazioni plurali usiamo le preposizioni articolate


“NEL/NEI/ NEGLI/ NELLE”.

- Vivo nel Regno Unito


- Vivo negli Stati Uniti
- Vivo nei Paesi Bassi
- Vivo nelle Isole Canarie

⟶ *Con alcune isole (in genere piccole) e alcuni piccoli Stati usiamo la preposizione
“A”.

- Vivo a Cuba
- Vivo a Malta
- Vivo a Creta
- Vivo a Monaco
- Vivo a San Marino

DIRE L’ETÀ

● Ho… [13/ 24/ 52/ …] anni

DIRE LA DATA DI NASCITA

● Sono nato/a il…* [5 agosto 1990]

⟶ *L’articolo ”IL” si apostrofa davanti a “OTTO” e “UNDICI” perché iniziano


con vocale.

- Sono nato l’8 (l’otto) dicembre 1997


- Sono nata l’11 (l’undici) aprile 1982

20
I MESI DELL’ANNO*

● Gennaio
● Febbraio
● Marzo
● Aprile
● Maggio
● Giugno
● Luglio
● Agosto
● Settembre
● Ottobre
● Novembre
● Dicembre

⟶ *I mesi dell’anno si scrivono con la lettera iniziale minuscola quando non sono a
inizio frase. Con i mesi dell’anno usiamo la preposizione “A” o “IN”.

- Siamo a/in gennaio


- Siamo a/in ottobre

⟶ *Con i mesi dell’anno che iniziano con “A” (APRILE e AGOSTO) in genere
la preposizione “A” diventa “AD” per facilitare la pronuncia.

- Siamo ad agosto
- Sono nato ad aprile

21
I NUMERI CARDINALI

● 0 = zero
● 1 = uno
● 2 = due
● 3 = tre
● 4 = quattro
● 5 = cinque
● 6 = sei
● 7 = sette
● 8 = otto
● 9 = nove
● 10 = dieci
● 11 = undici
● 12 = dodici
● 13 = tredici
● 14 = quattordici
● 15 = quindici
● 16 = sedici
● 17 = diciassette
● 18 = diciotto
● 19 = diciannove
● 20 = venti
● 21 = ventuno
● 22 = ventidue
● 23 = ventitré
● 24 = ventiquattro
● 25 = venticinque
● 26 = ventisei
● 27 = ventisette
● 28 = ventotto
● 29 = ventinove
22
● 30 = trenta
● 40 = quaranta
● 41 = quarantuno
● 50 = cinquanta
● 51 = cinquantuno
● 60 = sessanta
● 61 = sessantuno
● 70 = settanta
● 71 = settantuno
● 80 = ottanta
● 81 = ottantuno
● 90 = novanta
● 91 = novantuno
● 100 = cento
● 101 = centouno/ cento e uno
● 1.000 = mille
● 10.000 = diecimila
● 100.000 = centomila
● 1.000.000 = un milione
● 1.000.000.000 = un miliardo

23
I NUMERI ORDINALI*

● 1º = primo
● 2º = secondo
● 3º= terzo
● 4º = quarto
● 5º = quinto
● 6º = sesto
● 7º = settimo
● 8º = ottavo
● 9º = nono
● 10º = decimo
● 11º = undicesimo**
● …

⟶ *Tutti i numeri ordinali hanno la forma maschile, femminile, singolare e plurale


(primo, prima, primi, prime/ secondo, seconda, secondi, seconde/ terzo, terza, terzi,
terze/…).

⟶ **Dal numero 11 in poi, il numero ordinale si forma eliminando l’ultima vocale e


aggiungendo il suffisso “-ESIMO”.

- DODICI > DODIC + ESIMO > DODICESIMO (12º)


- TREDICI > TREDIC + ESIMO > TREDICESIMO (13º)
- QUATTORDICI > QUATTORDIC + ESIMO > QUATTORDICESIMO (14º)

Ma quando “TRE” e “SEI” sono alla fine di un numero composto non perdono le vocali
finali.

- VENTITRÉ > VENTITRE + ESIMO > VENTITREESIMO (23°)


- TRENTATRÉ > TRENTATRE + ESIMO > TRENTATREESIMO (33°)
- VENTISEI > VENTISEI + ESIMO > VENTISEIESIMO (26°)

24
ALCUNE NOTE SUI NUMERI

● ⟶ Si dice “LO ZERO” non “IL ZERO”.

● ⟶ Il numero 1 cambia in base alla parola che segue (un cane, uno scoiattolo,
una palla, un’ape).

● ⟶ Il numero 3 si scrive senza accento quando è da solo (Ho tre figli), ma si


scrive con accento acuto quando si trova alla fine di numeri composti
(ventitré, trentatré, quarantatré, centotré, …).

● ⟶ Le decine (20, 30, 40, …) perdono la vocale finale dopo 1 e 8 (ventuno,


ventotto, trentuno, trentotto, …).

● ⟶ Il numero 100 perde la vocale “O” solo dopo il numero 80 (centottanta).


Non perde la “O” con gli altri numeri che iniziano per vocale (centouno,
centootto, centoundici).

● ⟶ I numeri 100 e 1000 quando sono combinati con altri numeri possono
essere pronunciati in forma unica (centouno, centocinque, milledieci,
milletrecento, …) oppure in forma separata (cento e uno, cento e cinque,
mille e dieci, mille e trecento, …).

25
ORA TOCCA A TE!

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Io sono italiano. Tu di dove sei?

B: Sono _____.

A: Di quale città sei?

B: Sono di _____. E tu?

A: Io sono di Lecce. Quanti anni hai?

B: Ho _____ anni. E tu?

A: Io ho 37 anni.

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Io sono italiano. Lei di dov’è?

B: Sono _____.

A: Di quale città è?

B: Sono di _____. E Lei?

A: Io sono di Lecce. Lei quanti anni ha?

B: Ho _____ anni. E Lei?

A: Io ho 37 anni.

26
PARTE 3

OBIETTIVI

● Ringraziare
● Rispondere a “GRAZIE!”
● Scusarsi
● Rispondere alle scuse
● Esprimere la frequenza

27
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Questo telefono è tuo? Era qui per terra.

B: Sì, grazie!

A: Prego! Vieni spesso in questo parco?

B: Sì, vengo in questo parco molto spesso. E tu?

A: Io vengo qui raramente perché ho poco tempo. Guarda che brutto quel cane
che sta venendo verso di noi.
B: Quello è il mio cane…

A: Scusa, non lo sapevo. Ora che lo vedo più da vicino devo dire che è un bel cane.

B: Non ti preoccupare. I bulldog sono cani che non piacciono a tutti.

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Questo telefono è Suo? Era qui per terra.

B: Sì, grazie!

A: Prego! Lei viene spesso in questo parco?

B: Sì, vengo qui molto spesso. E Lei?

A: Io vengo qui raramente perché ho poco tempo. Guardi che brutto quel cane
che sta venendo verso di noi.
B: Quello è il mio cane…

A: Scusi, non lo sapevo. Ora che lo vedo più da vicino devo dire che è un bel cane.

B: Non si preoccupi. I bulldog sono cani che non piacciono a tutti.

28
RINGRAZIARE

● Grazie!
● Grazie mille!
● Grazie tante!
● Grazie di cuore!
● Grazie per l’aiuto/ dell’aiuto!
● Grazie per il tuo aiuto! (informale)
● Grazie per il Suo aiuto! (formale)
● Ti ringrazio (informale)
● La ringrazio (formale)
● Ti sono riconoscente! (informale)
● Le sono riconoscente! (formale)
● Non so come ringraziarti! (informale)
● Non so come ringraziarLa (formale)

RISPONDERE A UN RINGRAZIAMENTO

● Prego!
● Di nulla/niente!
● Non c’è di che!
● E di che?
● È stato un piacere!
● Figurati! (= di nulla, non c’è bisogno di ringraziare) (informale)
● Si figuri! (= di nulla, non c’è bisogno di ringraziare) (formale)
● Ci mancherebbe (altro)! (= è stato un piacere, non c’è bisogno di
ringraziare)

⟶ A volte si usano più espressioni insieme per enfatizzare:

- Prego, figurati!
- È stato un piacere, ci mancherebbe altro!
- Si figuri, è stato un piacere!

29
CHIEDERE SCUSA

● Scusa/ Scusami (informale)


● Scusi/ Mi scusi (formale)
● Chiedo scusa
● Mi dispiace
● È colpa mia
● Non l’ho fatto apposta (= non volevo farlo)
● Non era mia intenzione (= non volevo dire o fare questo)
● Perdonami (= se abbiamo fatto qualcosa di grave) (informale)
● Mi perdoni (= se abbiamo fatto qualcosa di grave) (formale)

RISPONDERE ALLE SCUSE

● Non ti preoccupare/ Non preoccuparti (informale)


● Non si preoccupi (formale)
● Non fa niente (= non importa, non è una cosa grave)
● Non è un problema/ Nessun problema
● Ti perdono (informale, in situazioni serie)
● La perdono (formale, in situazioni serie)

ESPRIMERE LA FREQUENZA

● Sempre
● Di solito
● Spesso
● A volte/ Qualche volta
● Ogni tanto/ Di tanto in tanto/ Occasionalmente
● Raramente/ Di rado
● Quasi mai
● Mai

30
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: Questo regalo è per te!

B: _____!

A: Prego!

A: Ho rotto il bicchiere! _____

B: Non ti preoccupare. Prendo un altro bicchiere.

A: Io vado spesso al ristorante. Tu?

B: _____

A: Ho macchiato la tovaglia di vino. Chiedo scusa.

B: _____

A: Grazie mille per l’aiuto!

B: _____

31
PARTE 4

OBIETTIVI

● Chiedere a una persona come sta


● Dire come stai
● Chiedere l’opinione
● Dire la tua opinione
● Essere d’accordo
● Non essere d’accordo
● Dire di non aver capito

32
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Ciao Elena, come stai?

B: Bene, e tu Marco?

A: Anch’io, grazie. Hai sentito la notizia? Nella nostra città vogliono costruire
un aeroporto.
B: Scusa, non ho capito. Cosa vogliono costruire?
A: Un aeroporto. Tu che ne pensi?
B: Penso che sia un’ottima idea! Per noi sarà più facile viaggiare. E poi ci
saranno nuovi posti di lavoro. Io potrei trovare lavoro come hostess!
Sarebbe bellissimo!
A: Io non sono d’accordo. C’è già un aeroporto a 20 chilometri da qui.

A che serve un altro aeroporto?

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Buongiorno Elena, come sta?

B: Bene grazie, e Lei signor Rossi?

A: Abbastanza bene, grazie. Ha sentito la notizia? Nella nostra città vogliono


costruire un aeroporto.
B: Scusi, non ho capito. Cosa vogliono costruire?
A: Un aeroporto. Lei che ne pensa?
B: Penso che sia un’ottima idea! Per noi sarà più facile viaggiare. E poi ci
saranno nuovi posti di lavoro. Io potrei trovare lavoro come hostess!
Sarebbe bellissimo!
A: Io non sono d’accordo. C’è già un aeroporto a 20 chilometri da qui.
A che serve un altro aeroporto?

33
CHIEDERE A UNA PERSONA COME STA

● Come stai? (informale)


● Come te la passi? (informale)
● Come sta? (formale)
● Come va?
● Tutto bene?
● Tutto a posto?
● Che si dice?
● Come butta? (molto informale, tra giovani)

DIRE COME STAI

● (Sto) bene, grazie


● (Sto) benissimo, grazie
● Tutto bene, grazie
● Tutto ok, grazie
● Abbastanza bene, grazie
● Non male/ Non c’è male
● Così così (= né bene né male, potrebbe andare meglio)
● Insomma (= così così/ né bene né male)
● Potrebbe andare meglio
● Male purtroppo (= non bene sfortunatamente)

CHIEDERE L’OPINIONE

● (Tu) che/cosa ne* pensi? (informale)


● Lei che/cosa ne* pensa? (formale)
● (Tu) che/cosa ne* dici? (informale)
● Lei che/cosa ne* dice? (formale)

⟶ *NE = di questo, di questa cosa (qualcosa che è stato detto in precedenza).


34
DIRE LA TUA OPINIONE

● Penso che…* [sia giusto/ sia sbagliato/ sarebbe bello/ …]


● Credo che…* [sia giusto/ sia sbagliato/ sarà divertente/ …]
● Secondo me… [è giusto/ è sbagliato/ sarebbe bello/ …]
● A mio parere… [è giusto/ è sbagliato/ dovremmo/ …]
● Dal mio punto di vista… [è giusto/ sarebbe meglio/…]
● Per come la penso/vedo io… [è giusto/ sarebbe sbagliato/ …]
● Sono sicuro/a che… [non è stato lui/ lui verrà/ …]
● Sono convinto/a che… [non è stato lui/ lui verrà/ …]
● A mio avviso… [è giusto/ è sbagliato/ …] (formale)
● Ritengo che…* [ sia giusto/ sarebbe un errore/ …] (formale)

⟶ *Il verbo che segue è al congiuntivo, al condizionale o al futuro (non al presente


indicativo).

ESSERE D’ACCORDO

● Sono d’accordo con te (informale)


● Sono d’accordo con Lei (formale)
● Sono pienamente d’accordo (con te/ con Lei)
● Sono d’accordo solo in parte (= sono d’accordo ma non
completamente)
● Anch’io la penso così
● È vero
● Giusto
● È proprio/ esattamente/ assolutamente così
● Certo/ Certamente
● (Tu) hai ragione (informale)
● (Lei) ha ragione (formale)
● Condivido la tua opinione/ il tuo punto di vista (informale)
● Condivido la Sua opinione/ il Suo punto di vista (formale)

35
NON ESSERE D’ACCORDO

● Non sono d’accordo con te (informale)


● Non sono d’accordo con Lei (formale)
● Ti sbagli/ Ti stai sbagliando (informale)
● Si sbaglia/ Si sta sbagliando (formale)
● (Tu) hai torto (informale) (= tu ti sbagli)
● Lei ha torto (formale) (= Lei si sbaglia)
● Io la penso diversamente
● Abbiamo idee diverse
● Abbiamo punti di vista diversi
● Non è vero
● Non è così
● Non sono proprio/ affatto d’accordo (disaccordo forte)
● Non sono d’accordo per niente (disaccordo forte)
● Balle! (= sono cose non vere) (molto informale)

DIRE DI NON AVER CAPITO

● Non ho capito (bene)


● Cos’hai detto?/ Come hai detto? (informale)
● Cos’ha detto?/ Come ha detto? (formale)
● Scusa, puoi ripetere? (informale)
● Scusi, può ripetere? (formale)
● Puoi/ Potresti parlare più lentamente, per favore? (informale)
● Può/ Potrebbe parlare più lentamente, per favore? (formale)
● Puoi/ Potresti usare parole più semplici, per favore? (informale)
● Può/ Potrebbe usare parole più semplici, per favore? (formale)
● Prego? (= non ho capito) (formale)

36
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: Ciao, come stai!

B: _____! E tu?

A: Tutto bene!

A: Buongiorno signor Rossi, _____?

B: Abbastanza bene, grazie.

A: Cosa ne pensi del nuovo insegnante di italiano?

B: _____ sia un bravo insegnante.

A: Credo che l’Italia sia un bellissimo Paese!

B: _____ con Lei.

A: Secondo me bisogna usare solo le auto elettriche.

B: _____ con te.

37
PARTE 5

OBIETTIVI

● Chiedere e dire la data


● Chiedere e dare consigli
● Chiedere a una persona di fare qualcosa
● I colori

38
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Mamma, che giorno è oggi?

B: Oggi è il 3 febbraio.

A: Oh no! Sono due mesi che io e Anna ci siamo fidanzati! Devo farle un regalo.

B: Ti consiglio di farlo al più presto. A noi donne fa piacere ricevere


regali in queste belle occasioni.
A: Cosa mi consigli di regalare ad Anna?

B: Potresti regalarle un bel mazzo di rose rosse.

A: Ottima idea i fiori! Mamma, puoi andare tu dal fioraio? Io non ho tempo.
Ma non comprare le rose, costano troppo. Compra alcune margherite.

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Signor Rossi, che giorno è oggi?

B: Oggi è il 3 febbraio.

A: Oh no! Sono due mesi che io e Anna ci siamo fidanzati! Devo farle un regalo.

B: Le consiglio di farlo al più presto. Alle donne fa piacere ricevere


regali in queste belle occasioni.
A: Lei cosa mi consiglia di regalare ad Anna?

B: Potrebbe regalarle un bel mazzo di rose rosse.

A: Ottima idea i fiori! Signor Rossi, potrebbe andare Lei dal fioraio? Io non ho
tempo. Ma non compri le rose, costano troppo. Compri alcune margherite.

39
CHIEDERE E DIRE LA DATA

● Che giorno è oggi?


● Oggi è… [lunedì/ martedì/ mercoledì/…]
● Quanti ne abbiamo oggi? (= quale giorno del mese è oggi?)
● Oggi è il…* [1º/ 2/ 3/…] [gennaio/ febbraio/ marzo/…]
● Oggi è un giorno festivo/ di vacanza/ non lavorativo
● Oggi è un giorno lavorativo/ feriale (“feriale” significa “lavorativo”)
● Quando sei nato/a?
● Sono nato/a il…* [10 marzo 1990/ 15 agosto 2001/…]

⟶ *Usiamo il numero ordinale 1º (primo) solo per il primo giorno del mese. Con tutti gli
altri giorni usiamo i numeri cardinali (2, 3, 4, 5, …).

⟶ *“IL” si apostrofa quando il giorno del mese inizia per vocale.

- Oggi è l’8 (l’otto) marzo


- Sono nato l’11 (l’undici) novembre

CHIEDERE E DARE CONSIGLI

● Cosa mi consigli di fare? (informale)


● Cosa mi consiglia di fare? (formale)
● Che cosa pensi che dovrei fare? (informale)
● Che cosa pensa che dovrei fare? (formale)
● Tu cosa faresti al mio posto? (informale)
● Lei cosa farebbe al mio posto? (formale)
● Secondo me dovresti… [parlare con lui/ …] (informale)
● Secondo me dovrebbe… [ parlare con lui/ …] (formale)
● Ti consiglio di… [leggere questo libro/ …] (informale)
● Le consiglio di… [leggere questo libro/ …] (formale)
● Ti suggerisco di… [consultare un medico/ …] (informale)
● Le suggerisco di… [consultare un medico/ …] (formale)
● Se fossi in te… [andrei da un medico/ …] (informale)
40
● Se fossi in Lei… [andrei da un medico/ …] (formale)
● Al tuo posto... [direi tutto alla polizia/ …] (informale)
● Al Suo posto… [direi tutto alla polizia/ …] (formale)
● Prova a [usare questo prodotto/ …] (informale)
● Provi a [usare questo prodotto/ …] (formale)
● Potresti… [venire in Italia/ …] (informale)
● Potrebbe… [venire in Italia/ …] (formale)
● Perché non…? [leggi questo libro/ legge questo libro/ …]
● Posso darti un consiglio?/ Ti posso dare un consiglio? (informale)
● Posso darLe un consiglio?/ Le posso dare un consiglio? (formale)

CHIEDERE A UNA PERSONA DI FARE QUALCOSA

● Potresti farmi/ Mi potresti fare un favore? (informale)


● Potrebbe farmi/ Mi potrebbe fare un favore? (formale)
● Mi fai/faresti un favore? (informale)
● Mi fa/farebbe un favore? (formale)
● Potresti…, (per favore*)? [chiudere la finestra/ …] (informale)
● Potrebbe…, (per favore*)? [chiudere la finestra/ …] (formale)
● Ti dispiace/dispiacerebbe…, (per favore*)? [aprire la finestra/
chiudere la porta/ …] (informale)
● Le dispiace/dispiacerebbe…, (per favore*)? [aprire la finestra/
chiudere la porta/ …] (formale)
● Permesso! (per chiedere a qualcuno di spostarsi quando
dobbiamo passare)

⟶ *Al posto di “PER FAVORE” possiamo usare anche le espressioni: “PER


CORTESIA” o “PER PIACERE”.

41
I GIORNI DELLA SETTIMANA*

● Lunedì
● Martedì
● Mercoledì
● Giovedì
● Venerdì
● Sabato
● Domenica

⟶ *I giorni della settimana sono tutti maschili a parte “DOMENICA”.

⟶ *Solo “SABATO” e “DOMENICA” cambiano al plurale.

- Vado in pizzeria tutti i sabati


- Vado a trovare la nonna tutte le domeniche
- Vado in palestra tutti i giovedì

⟶ *Usiamo l’articolo determinativo (IL/LA) davanti ai giorni della settimana solo


quando vogliamo dire che una cosa si ripete regolarmente in quel giorno.

- Il sabato vado in pizzeria (= vado in pizzeria ogni sabato)


- La domenica non vado a scuola (= tutte le domeniche non vado a scuola)

⟶ *I giorni della settimana si scrivono con la lettera iniziale minuscola quando non
sono a inizio frase.

- Oggi è lunedì
- Ieri era domenica

⟶ *I giorni in cui si lavora si chiamano “GIORNI LAVORATIVI” o “GIORNI


FERIALI”. I giorni in cui non si lavora si chiamano “GIORNI FESTIVI”.

42
I COLORI

● Bianco/ Bianca/ Bianchi/ Bianche


● Nero/ Nera/ Neri/ Nere
● Grigio/ Grigia/ Grigi/ Grigie
● Azzurro/ Azzurra/ Azzurri/ Azzurre
● Giallo/ Gialla/ Gialli/ Gialle
● Rosso/ Rossa/ Rossi/ Rosse
● Verde/ Verdi
● Arancione/ Arancioni
● Marrone/ Marroni
● Blu*
● Rosa*
● Viola*
● Fucsia*
● Lilla*
● Beige*

⟶ *Questi colori sono invariabili (non cambiano al femminile e al plurale).

- Un vestito blu > Due vestiti blu


- Una camicia rosa > Tre camicie rosa

⟶ Per indicare l’intensità di un colore aggiungiamo le parole “CHIARO” e “SCURO”


dopo il colore (in questo caso il colore rimane al singolare maschile).

- Una maglietta grigio scuro


- Dei fiori giallo chiaro

⟶ Per chiedere il colore diciamo: “DI CHE COLORE È/ SONO…?”

- Di che colore è la tua macchina?


- Di che colore sono i tuoi occhi?

43
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: _____?

B: Oggi è il 2 gennaio.

A: Tu quando sei nato/a?

B: Sono nato/a _____.

A: Cosa mi consigli di fare per risparmiare soldi?

B: _____ comprare i prodotti che sono in offerta.

A: Il mio colore preferito è il blu. E il tuo?

B: _____ è il rosso.

A: Di che colore sono i tuoi occhi?

B: I miei occhi sono _____.

44
PARTE 6

OBIETTIVI

● Fare un invito
● Accettare un invito
● Rifiutare un invito
● Augurare buona fortuna

45
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Marco, domani pomeriggio vuoi venire al mare?

B: Certo! Accetto volentieri il tuo invito Carlo.

A: Ok, allora passo a prenderti domani verso le tre.

B: Aspetta! Forse domani ho l’esame della patente di guida. Fammi controllare…


Sì, l’esame è alle 4:00. Mi dispiace, ma non posso venire al mare domani.
A: Che ne dici se ci organizziamo per la prossima settimana?

B: Sì, va bene.

A: In bocca al lupo per l’esame!

B: Crepi il lupo!

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Signor Rossi, domani sera vuole venire a cena da me?

B: Volentieri!

A: Bene, allora ci vediamo a casa mia verso le 7:00.

B: Aspetti! Forse domani devo andare dal dentista. Mi faccia controllare…


Sì, ho appuntamento alle 18:30. Mi dispiace, ma non posso venire a cena
da Lei domani.
A: Che ne dice se facciamo sabato prossimo alla stessa ora?

B: Sì, per me va bene!

A: Buona fortuna per la Sua visita dal dentista!

B: Grazie! In realtà devo solo ritirare la mia nuova dentiera.

46
FARE UN INVITO

● Vuoi/ Vorresti…? [venire con noi al mare/ un gelato/…]


(informale)
● Vuole/ Vorrebbe…? [venire con noi al mare/ un gelato/…]
(formale)
● Ti va/andrebbe…?* [andare in pizzeria/ un gelato/ …] (informale)
● Le va/andrebbe…?* [andare in pizzeria/ un gelato/ …] (formale)
● Che ne pensi di…? [bere un caffè/ fare un viaggio/…] (informale)
● Che ne pensa di…? [bere un caffè/ fare un viaggio/…] (formale)
● È libero/a…? [domani mattina/ sabato sera/ …] (formale)
● Che ne pensi se…? [andiamo in pizzeria/ …] (informale)
● Che ne dici se…? [andiamo al mare/ …] (informale)
● Che ne pensa se…? [andiamo in pizzeria/ …] (formale)
● Che ne dice se…? [andiamo al mare/ …] (formale)
● Sei libero/a…? [domani mattina/ sabato sera/ …] (informale)

⟶ *Queste espressioni sono seguite dalla preposizione “DI” se dopo c’è un verbo
all’infinito.

ACCETTARE UN INVITO

● Sì, (va bene)


● Per me va bene
● Con piacere
● Volentieri (= con piacere)
● (È una) buona idea!
● Che bella idea!/ Che bell’idea
● Perché no!
● Certo!
● Ok
● Ci sto (= per me va bene)

47
RIFIUTARE UN INVITO

● No, grazie
● Ti ringrazio ma non posso (informale)
● La ringrazio ma non posso (formale)
● Mi dispiace, ma non posso
● Purtroppo non posso (= mi dispiace ma non posso)
● Vorrei ma non posso
● Mi piacerebbe ma non posso
● (Mi dispiace), sono già impegnato/a
● (Mi dispiace), ho già un impegno
● (Mi dispiace), sarà per un’altra volta (= questa volta no, ma
un’altra volta sì)
● Non mi va (= non voglio)
● Non ne ho voglia (= non voglio)
● Preferisco di no
● Magari un’altra volta (= questa volta no, ma un’altra volta
forse sì)
● Ho detto di no. Non insistere! (= non continuare a chiedermi
questa cosa) (informale)
● Ho detto di no. Non insista! (= non continui a chiedermi questa
cosa) (formale)

RIFLETTERE PRIMA DI ACCETTARE O RIFIUTARE

● Ci penso
● Ci devo pensare
● Voglio/ Vorrei pensarci un po’
● Ci penso e poi ti faccio sapere (informale)
● Ci penso e poi Le faccio sapere (formale)
● Dammi un po’ di tempo (per pensarci) (informale)
● Mi dia un po’ di tempo (per pensarci) (formale)
48
AUGURARE BUONA FORTUNA

● Buona fortuna!
● In bocca al lupo!*
● Spero che vada tutto bene!
● Ti auguro il meglio! (informale)
● Le auguro il meglio! (formale)

⟶ *A questo augurio c’è chi risponde “GRAZIE!” e chi risponde “CREPI (IL LUPO)!”
(dipende dalla zona d’Italia).

49
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: Vuoi venire con me in pizzeria?

B: _____.

A: Ti va un gelato?

B: _____, ho il diabete

A: Mi dai la tua carta di credito?

B: _____!

A: _____ per l’esame di domani!

B: Grazie!

A: Domani è il mio primo giorno di lavoro.

B: _____.

50
PARTE 7

OBIETTIVI

● Parlare al telefono
● Parlare del tempo atmosferico
● Incoraggiare una persona

51
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Pronto?

B: Ciao nonna sono Marco! Come stai?

A: Ciao Marco. Sto male.

B: Come mai? È successo qualcosa nonna?

A: Oggi qui da me piove. E la pioggia mi fa diventare triste.

B: Coraggio nonna, non ti abbattere! Vedrai che presto smetterà di piovere!

A: Ma le previsioni dicono che pioverà per altri cinque giorni! E da te che


tempo fa?
B: È una bellissima giornata di sole!

A: Ora mi sento ancora più triste…

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Pronto?

B: Buongiorno signor Rossi! Sono Marco. Come sta?

A: Sto male.

B: Mi dispiace. È successo qualcosa?

A: Oggi qui da me piove. E la pioggia mi fa diventare triste.

B: Coraggio, non si abbatta! Vedrà che presto smetterà di piovere!

A: Ma le previsioni dicono che pioverà per altri cinque giorni! E da Lei che
tempo fa?
B: È una bellissima giornata di sole!

A: Ora mi sento ancora più triste…

52
PARLARE AL TELEFONO

● Pronto, (chi è/parla)? (per rispondere a una chiamata)


● Sì, chi è/parla? (per rispondere a una chiamata)
● Chi è che parla? (per sapere chi sta parlando)
● (Pronto,) sono…/ mi chiamo… [Marco/ Elena/ …]
● Posso parlare con…? [Marco/ Anna/ il signor Rossi/…]
● C’è…? [Marco/ il signor Rossi/ …]
● Aspetta in linea (informale)
● Aspetti/ Attenda in linea, per favore (formale)
● Ora non posso parlare al telefono
● Ti richiamo dopo/più tardi (informale)
● La richiamo dopo/più tardi (formale)
● Ti sento male (quando la comunicazione è disturbata) (informale)
● La sento male (quando la comunicazione è disturbata) (formale)
● Ti sento male, puoi parlare più forte? (informale)
● La sento male, può parlare più forte? (formale)
● Il mio cellulare non prende/ Qui non c’è campo (= ho problemi di
comunicazione perché non c’è segnale)
● Posso lasciare un messaggio?
● Ho visto la chiamata e ho richiamato (quando non abbiamo
risposto a una chiamata e richiamiamo la persona)
● Chiamo per l’annuncio che ho visto [in TV/ sul giornale/ su
internet/ …] (quando contattiamo una persona per un
annuncio)
● Mi scusi, ho sbagliato numero (quando sbagliamo numero)
● Ha sbagliato numero/ Guardi che ha sbagliato numero (quando
riceviamo una chiamata da qualcuno che ha sbagliato numero)
● Ti devo lasciare (per interrompere la telefonata) (informale)
● La devo lasciare (per interrompere la telefonata) (formale)
● Il credito sta per finire (= i soldi stanno finendo)
● Ho la batteria scarica (= il telefono ha bisogno di essere
ricaricato) 53
PARLARE DEL TEMPO ATMOSFERICO

● Che tempo fa?


● Com’è il tempo (lì) da te (informale)
● Com’è il tempo (lì) da Lei? (formale)
● Oggi è una bella giornata
● Oggi il tempo è bello
● Oggi fa bel tempo
● Che bella giornata!
● Oggi si sta bene (quando il tempo è gradevole)
● Oggi il tempo è brutto
● Che brutto tempo!
● Che tempaccio! (= il tempo è molto brutto)
● Che caldo (che fa)!
● Fa un caldo che si muore (= fa molto caldo)
● Oggi è afoso/ c’è afa (= c’è un caldo umido)
● Fa freschetto (= fa un po’ freddo)
● Fa freddo
● Si gela (= fa molto freddo)
● Fa un freddo cane (= fa molto freddo)
● Copriti bene! (per dire a una persona di indossare indumenti per
proteggersi dal freddo) (informale)
● Si copra bene (per dire a una persona di indossare indumenti per
proteggersi dal freddo) (formale)
● Piove/ Sta piovendo
● Pioviggina/ Sta piovigginando (= una pioggia leggera)
● C’è un temporale (quando ci sono fulmini e tuoni)
● Grandina/ Sta grandinando
● Nevica/ Sta nevicando
● C’è vento/ Fa vento/ Tira vento
● C’è nebbia
● C’è una nebbia che si taglia con il coltello (= una nebbia molto fitta)
54
INCORAGGIARE UNA PERSONA

● Benissimo!/ Molto bene!


● Ben fatto!
● Ottimo lavoro!
● Bravo/a!
● Bravissimo/a!
● Forza!
● Coraggio!
● Continua così! (informale)
● Continui così! (formale)
● Non mollare! (informale)
● Non molli! (formale)
● Non arrenderti!/ Non ti arrendere! (informale)
● Non si arrenda! (formale)
● Resisti! (informale)
● Resista! (formale)
● Puoi farcela!/ Ce la puoi fare! (= puoi riuscire a fare questa cosa)
(informale)
● Può farcela!/ Ce la può fare! (= può riuscire a fare questa cosa)
(formale)
● La prossima volta andrà meglio!*
● Non ti demoralizzare!* (informale)
● Non si demoralizzi!* (formale)
● Su col morale!/ Su con la vita!*
● Vedrai che le cose si aggiusteranno* (informale) (= le cose
miglioreranno)
● Vedrà che le cose si aggiusteranno* (formale) (= le cose
miglioreranno)
● Non è la fine del mondo!* (= non è così grave)

⟶ *Usiamo queste espressioni per incoraggiare una persona che non è riuscita a
raggiungere il suo obiettivo.
55
LE STAGIONI*

● La primavera
● L’estate**
● L’autunno
● L’inverno

⟶ *Con le stagioni possiamo usare la preposizione “IN” o la preposizione “DI”.

- In primavera/ Di primavera
- In estate/ D’estate
- In autunno/ D’autunno
- In inverno/ D’inverno

Con “PRIMAVERA” possiamo usare anche la preposizione “A”.

- In primavera/ Di primavera/ A primavera

⟶ **“ESTATE” è femminile.

- L’estate è bella

QUANDO?

● Oggi
● Ieri (= il giorno prima di oggi)
● L’altro ieri (= il giorno prima di ieri)
● Due giorni fa/ Tre giorni fa/ … (= sono passati due giorni/ tre
giorni/ …)
● Domani (= il giorno che segue oggi)
● Dopodomani (= il giorno che segue domani)
● Il mese scorso/ Lo scorso mese (= il mese che è passato)
● Il mese prossimo (= il mese successivo a quello attuale)
● Fra (o “Tra”) due giorni/ tre giorni/ … (= nei due giorni/ tre
giorni/ … che verranno)

56
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: Pronto, chi parla?

B: Sono _____.

A: Che tempo fa oggi?

B: Oggi _____.

A: Com’è il tempo da te?

B: Qui da me _____.

A: Non ho superato l’esame d’italiano.

B: _____!

A: Non riuscirò mai a imparare l’italiano!

B: _____!

57
PARTE 8

OBIETTIVI

● Parlare del cibo


● Dire cosa ti piace
● Dire cosa non ti piace
● Cosa dire al ristorante

58
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Questa pasta con le cozze è buonissima! Devo fare i complimenti allo chef!
Elena vuoi assaggiarla?
B: No, grazie. Non mi piacciono le cozze, Marco.

A: Com’è il tuo riso ai funghi?

B: È buonissimo! Ne vuoi un po’?

A: Sì, grazie. Sono curioso di assaggiarlo. Ma prima voglio bere qualcosa, ho sete.

B: Vuoi dell’acqua frizzante?

A: No, non mi piace l’acqua frizzante. Bevo un altro po’ di vino.

B: So che ti piace il vino, ma non esagerare. Dopo devi guidare!

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Questa pasta con le cozze è buonissima! Devo fare i complimenti allo chef!
Elena vuole assaggiarla?
B: No, grazie signor Rossi. Non mi piacciono le cozze.

A: Com’è il Suo riso ai funghi?

B: È buonissimo! Ne vuole un po’?

A: Sì, grazie. Sono curioso di assaggiarlo. Ma prima voglio bere qualcosa, ho sete.

B: Vuole dell’acqua frizzante?

A: No, non mi piace l’acqua frizzante. Bevo un altro po’ di vino.

B: So che Le piace il vino, ma non esageri. Dopo deve guidare!

59
PARLARE DEL CIBO

● Ho fame/ Voglio mangiare


● Sono affamato/a (= ho molta fame)
● Ho sete/ Voglio bere
● Sono assetato/a (= ho molta sete)
● Ho una fame da lupi (= ho molta fame)
● Sto morendo di fame/ sete (= ho molta fame/ sete)
● Buon appetito! (prima di iniziare a mangiare, generalmente
quando abbiamo ospiti o siamo invitati)
● Grazie, altrettanto/ anche a te! (risposta a “Buon appetito!”)
● Sono pieno/a (= non voglio più mangiare perché ho lo stomaco
pieno)
● Sono sazio/a (= non voglio più mangiare perché ho lo stomaco
pieno)
● Ho mangiato tantissimo!
● Era tutto buonissimo/ squisito/ ottimo! (dopo aver mangiato)
● Complimenti al cuoco/ alla cuoca/ allo chef!

DIRE COSA TI PIACE

● Mi piace…* [leggere/ la pasta/…]


● Mi piacciono…** [i gelati/ le canzoni italiane/ …]
● Adoro… [leggere/ i film romantici/…]
● Amo… [leggere/ gli animali/…]
● Vado matto/a per… [i libri d’amore/ gli animali/…] (= mi piace/
mi piacciono tantissimo)
● Sono appassionato/a di… [calcio/ cucina/…]

⟶ *“MI PIACE” è seguito da un verbo all’infinito o un nome singolare.

⟶ **“MI PIACCIONO” è seguito da un nome plurale.

60
DIRE COSA NON TI PIACE

● Non mi piace…* [leggere/ la pasta/…]


● Non mi piacciono…** [i gelati/ le canzoni italiane/…]
● Non sopporto… [leggere/ i film romantici/…]
● Detesto… [leggere/ la musica italiana/…] (repulsione forte)
● Odio… [leggere/ gli insetti/…] (repulsione forte)

⟶ *“NON MI PIACE” è seguito da un verbo all’infinito o un nome singolare.

⟶ **“NON MI PIACCIONO” è seguito da un nome plurale.

AL RISTORANTE

● Vorrei prenotare un tavolo per… [una persona/ due persone/ …]


per [le otto di stasera/ …]
● Avete un tavolo libero per…? [una persona/ due persone/ …]
● Ho/ Abbiamo prenotato un tavolo a nome di… [Rossi/ …]
● È possibile cambiare tavolo?
● Posso avere il menù?
● Non ho/abbiamo ancora deciso cosa ordinare. Mi/Ci dia ancora
qualche minuto, per favore
● (Io) prendo… [gli spaghetti al pomodoro/ …] (per ordinare)
● Per me… [una pizza margherita/ …] (per ordinare)
● Posso avere [la pizza/ gli spaghetti/ …] senza [olio/ pomodoro/ …]?
● Avete dei piatti fuori menù? (= piatti che non sono scritti sul menù)
● Quali sono gli ingredienti di questo piatto?
● Qual è la specialità della casa? (= il piatto tipico del ristorante)
● Lei cosa mi consiglia?
● Posso avere…? [un altro piatto/ un’altra forchetta/ del sale/ …]
● [Il piatto/ Il bicchiere/ La forchetta] è sporco/a, posso averne un
altro/un’altra?
● Avete piatti per vegetariani/vegani?
61
● Per favore, che la carne sia… [poco cotta/ media/ ben cotta]
● Sono allergico/a… [al peperoncino/ al latte/ alla cipolla/ …]
● Per dessert vorrei… [una fetta di torta/ del gelato…]
● Complimenti allo chef, era tutto buonissimo!
● Posso avere il conto, per favore?
● Tenga il resto! (= non voglio il resto, lascio il resto a Lei)
● Credo che ci sia un errore nel conto
● Offro io! (= pago io, quando vogliamo pagare per altre persone)
● Dov’è il bagno/ la toilette?

62
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: Mamma, _____. Cosa c’è da mangiare?

B: Ho preparato una buonissima insalata.

A: Iniziamo a mangiare. _____!

B: Grazie, altrettanto!

A: Vuoi un altro po’ di pasta?

B: No, _____.

A: Ti piace cucinare?

B: _____.

A: Vorrei prenotare _____ per le 9:00 di stasera.

B: Per quante persone ha detto?

63
PARTE 9

OBIETTIVI

● Chiedere informazioni
● Dare indicazioni
● Chiedere e dire l’ora

64
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Scusa, sai dirmi dov’è il Colosseo?

B: Forse devi andare dritto e poi dopo il semaforo girare a destra o a sinistra.
Non ricordo bene.
A: Ma tu sei del posto?

B: No, non sono di Roma. Cercavo anch’io il Colosseo ma poi mi sono perso.

A: Ho capito. Grazie lo stesso. Chiederò a qualcun altro.

B: Sai dirmi che ore sono?

A: Sono le dieci.

B: Benissimo, vengo con te. Andiamo a cercare il Colosseo! Io ho tempo fino a


mezzogiorno, poi devo tornare in hotel.

CONVERSAZIONE FORMALE

A: Scusi, sa dirmi dov’è il Colosseo?

B: Forse deve andare dritto e poi dopo il semaforo girare a destra o a sinistra.
Non ricordo bene.
A: Ma Lei è del posto?

B: No, non sono di Roma. Cercavo anch’io il Colosseo ma poi mi sono perso.

A: Ho capito. Grazie lo stesso. Chiederò a qualcun altro.

B: Sa dirmi che ore sono?

A: Sono le dieci.

B: Benissimo, vengo con Lei. Andiamo a cercare il Colosseo! Io ho tempo fino a


mezzogiorno, poi devo tornare in hotel.

65
CHIEDERE INFORMAZIONI

● Sai/Sapresti dirmi…? [dov’è via Roma/ …] (informale)


● Sa/Saprebbe dirmi…? [dov’è via Roma/ …] (formale)
● Puoi/Potresti dirmi…? [dov’è il Comune/ …] (informale)
● Può/Potrebbe dirmi…? [dov’è il Comune/ …] (formale)
● Per caso sai (dirmi)…? [dov’è la stazione/ …] (informale)
● Per caso sa (dirmi)…? [dov’è la stazione/ …] (formale)
● Sai indicarmi la strada per…?/ Mi sai indicare la strada per…?
[l’università/ la stazione/ …] (informale)
● Sa indicarmi la strada per…?/ Mi sa indicare la strada per…?
[l’università/ la stazione/ …] (formale)
● Sei del posto? (prima di chiedere informazioni) (informale)
● Lei è del posto? (prima di chiedere informazioni) (formale)
● Mi sono perso/a, sai dirmi…? [dov’è l’ospedale/…] (informale)
● Mi sono perso/a, sa dirmi…? [dov’è l’ospedale?/ …] (formale)
● Da questa parte vado bene per…? [la stazione/ l’ospedale/ …]
● Chiamo/ Sto chiamando per sapere… [a che ora chiudete/ …]
(quando parliamo al telefono)

⟶ Per attirare l’attenzione di una persona per chiedere informazioni diciamo:


“SCUSA” (informale) - “SCUSI” (formale).

- Scusa, sai dirmi dov’è la stazione?


- Scusi, sa dirmi dov’è la stazione?

⟶ All’inizio o alla fine della richiesta diciamo: “PER FAVORE”, “PER CORTESIA” o
“PER PIACERE”.

- Per favore, può dirmi dov’è la stazione?


- Può dirmi dov’è la stazione, per favore?
- Per cortesia, può dirmi dov’è l’ufficio postale?
- Può dirmi dov’è l’ufficio postale, per cortesia?
- Per piacere, sa dirmi dove posso trovare uno sportello bancomat?
- Può dirmi dove posso trovare uno sportello bancomat, per piacere?

66
DARE INFORMAZIONI*

● Giri/ Svolti a destra - Deve girare/svoltare a destra


● Giri/ Svolti a sinistra - Deve girare/svoltare a sinistra
● Vada (sempre) dritto - Deve andare (sempre) dritto
● Prenda/ Deve prendere... [la prima/ la seconda/ …] a destra/ a
sinistra
● Prenda l’uscita per/ Deve prendere l’uscita per… [lo stadio/
l’aeroporto/ …]
● Torni indietro/ Deve tornare indietro
● Dopo [l’incrocio/ il semaforo/ la rotatoria/ …] giri [a destra/ a
sinistra]
● Oltrepassi/ Deve oltrepassare… [il semaforo/ l’incrocio/ …]
● Segua/ Deve seguire le indicazioni (= segua i segnali)
● [La farmacia/ Lo stadio/ Il Comune/ …] si trova [dopo il semaforo/
laggiù/ qui vicino/ …]

⟶ *Queste frasi sono tutte in forma formale perché generalmente non conosciamo
la persona che ci dà le indicazioni e quindi usiamo il “LEI” di cortesia. Ma se la persona
è molto più giovane di noi possiamo usare anche il “TU”.

QUANDO NON POSSIAMO ESSERE D’AIUTO

● Mi dispiace, non lo so
● Mi dispiace, non so/saprei come aiutarLa
● Mi dispiace, non ne ho idea (= non lo so)
● Mi dispiace, non sono di qui/ del posto (se non siamo del luogo)
● Purtroppo non posso esserLe d’aiuto/ non Le posso essere d’aiuto

67
CHIEDERE E DIRE L’ORA*

● Che ora è/ Che ore sono? (possiamo usare una o l’altra forma)
● È… [l’una/ mezzogiorno/ mezzanotte]
● Sono le… [due, tre, quattro, cinque/…]
● È l’una in punto/ precisa/ esatta
● Sono le due in punto/ precise/ esatte
● È [l’una/ mezzogiorno/ mezzanotte] e mezza/ e mezzo (= e trenta
minuti)
● Sono [le due/ le tre/ le quattro/ le cinque/…] e mezza/ e mezzo
(= e trenta minuti)
● È… [l’una/ mezzogiorno/ mezzanotte] e un quarto (= e quindici
minuti)
● Sono… [le due/ le tre/ le quattro/ le cinque/ …] e mezza/ e mezzo
(= e trenta minuti)
● È… [l’una/ mezzogiorno/ mezzanotte] e [cinque (minuti)/ dieci
(minuti)/ …]
● Sono… [le due/ le tre/ le quattro/ le cinque/ …] e [cinque
(minuti)/ dieci (minuti)/ …]
● È quasi… [l’una/ mezzogiorno/ mezzanotte]
● Sono quasi… [le due/ le tre/ le quattro/ le cinque/ …]
● Mancano pochi minuti… [all’una/ a mezzogiorno/ a mezzanotte/
alle due/ alle tre/ …]
● Ho un appuntamento… [all’una/ alle due/ alle tre e mezza/ …]
● Il film inizia tra/fra… [dieci minuti/ mezz’ora/ un’ora/ …]

⟶ *In italia si usa sia il sistema a 12 ore (1-12) sia il sistema a 24 ore (1-24). Il
sistema a 24 ore si usa solo in alcuni casi (orari dei treni, degli aerei, degli uffici, dei
programmi televisivi). Se usiamo il sistema a 12 ore aggiungiamo “di mattina”, “di
pomeriggio” o “di sera” quando è necessario specificare.

68
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: Scusi, _____ l’università?

B: Dopo il supermercato deve girare a destra e poi andare sempre dritto.

A: Scusi, sa indicarmi la strada per arrivare alla stazione?

B: Mi dispiace, _____.

A: Scusi, c’è un supermercato qui vicino?

B: Sì, dopo il semaforo _____ a sinistra.

A: _____?

B: È l’una e mezza.

69
PARTE 10

OBIETTIVI

● Esprimere affetto
● Esprimere felicità
● Fare acquisti

70
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Caro mi ami?

B: Ma certo che ti amo tesoro! Farei qualsiasi cosa per te!

A: Andiamo al negozio di abbigliamento?

B: Oh, no! Al negozio di abbigliamento no!

A: Ma hai detto che faresti qualsiasi cosa per me!

B: Va bene, andiamo al negozio di abbigliamento.

A: Sono felicissima! Grazie! Non dimenticare di portare la tua carta di credito.

CONVERSAZIONE FORMALE

(Al negozio di abbigliamento)

A: Scusi, c’è un vestito come questo ma di colore blu e di una taglia


più piccola?
B: Sì, c’è. Eccolo qua.

A: Grazie! Vorrei anche provare questo costume da bagno.

B: Da quella parte ci sono i camerini.

A: Grazie, vado a provarlo.

.....

A: Secondo Lei come mi sta questo costume?

B: Le sta benissimo signora!

A: Vorrei prendere anche queste scarpe ma mi sembrano un po’ care…

B: Sono scarpe in vera pelle.

A: Va bene, le prendo. Posso pagare con carta di credito?

B: Certo!

A: Caro, vieni!
71
ESPRIMERE AFFETTO

● Ti voglio (tanto) bene (informale)


● Le voglio (tanto) bene (formale)
● Ti amo (tanto/tantissimo) (informale)
● La amo (tanto/tantissimo) (formale)
● Ci tengo (molto) a te (= per me tu sei molto importante)
(informale)
● Ci tengo (molto) a Lei (= per me Lei è molto importante) (formale)
● (Tu) mi manchi (= soffro perché tu non sei qui con me) (informale)
● (Lei) mi manca (= soffro perché Lei non è qui con me) (formale)

⟶ In genere usiamo il verbo “AMARE” solo con la persona con la quale


abbiamo (o vogliamo avere) una relazione amorosa. Usiamo l’espressione
“VOLERE BENE” per esprimere il nostro affetto a familiari, parenti, amici, …

ESPRIMERE FELICITÀ

● Sono contento/a!
● Sono felice!
● Sono contentissimo/a - felicissimo/a!
● Sono felice - contento/a…* [di essere qui/ che tu sia qui/…]
● Che bello!
● Sono emozionato/a!
● Sono molto soddisfatto/a!
● È fantastico!
● Non vedo l’ora…* [di rivederti/ che tu torni/ che voi arriviate/ …]
(= sono impaziente di…)
● Sono al settimo cielo! (= sono felicissimo/a)
● Non sto più nella pelle! (= sono felicissimo/a e impaziente)

⟶ *Se il soggetto della frase è lo stesso usiamo “DI + INFINITO”. Se il soggetto


della frase è diverso usiamo “CHE + CONGIUNTIVO”.
72
FARE ACQUISTI

● Quanto costa…?* [questa maglietta/ quel cappello/ …]


● Quanto costano…?** [questi pantaloni/ i calzini/ …]
● Posso provare…? [questo vestito/ questa gonna/ …]
● Do un’occhiata (in giro) (= guardo quello che c’è in negozio)
● Quali sono i nuovi arrivi? (= i capi di abbigliamento arrivati di
recente)
● Posso provare una taglia più grande/piccola?
● Quali altri colori ci sono…? [di questo vestito/ di questa camicia/…]
● C’è uno sconto su…? [questo prodotto/ questa camicia/ …]
● È/ Sono in sconto? [Questo vestito è in sconto?/ Le mutande sono in
sconto?]
● Mi può fare un po’ di sconto?/ Può farmi un po’ di sconto?
● Come mi sta…?* [questo cappello/ questa camicia/ …] (per sapere
l’opinione di qualcuno quando indossiamo qualcosa)
● Come mi stanno…?** [questi pantaloni/ queste scarpe/ …] (per sapere
l’opinione di qualcuno quando indossiamo qualcosa)
● Ti calza/calzano a pennello (= ti sta/ stanno benissimo) (informale)
● Le calza/calzano a pennello (= Le sta/ stanno benissimo) (formale)
● È troppo…* [largo/larga, stretto/stretta, lungo/lunga,corto/corta, …]
● Sono troppo…** [larghi/ larghe, stretti/strette, lunghi/lunghe,
corti/corte, …]
● Sono iniziati i saldi? (= periodo in cui i prezzi sono scontati)
● Lo/La/Li/Le prendo - Lo/La/Li/Le compro
● Vorrei cambiare… [questi pantaloni/ questa camicia/ …]
● Accettate la carta (di credito)?/ Posso pagare con carta (di credito)?
● Permesso! (per chiedere a qualcuno di farci passare)
● Prego! (per dire a qualcuno di passare)

⟶ *Seguito da una parola singolare.

⟶ **Seguito da parole plurali.

73
PARLARE DEL PREZZO

● È/ Sono un (vero) affare (= il prezzo è molto più basso di quanto


dovrebbe essere)
● È troppo caro/a (= il prezzo è alto)
● Sono troppo cari/e (= il prezzo è alto)
● Costa/ Costano un occhio della testa! (= è/ sono molto cari)
● Costa/ Costano una fortuna! (= costa/ costano molto)
● È un furto! (= il prezzo è molto più alto di quanto dovrebbe essere)
● Non posso permettermelo/ permettermela/ permettermeli/
permettermele (= non ho i soldi sufficienti per comprare quello che
voglio)
● Non me lo/ la/ li/ le posso permettere (= non ho i soldi sufficienti
per comprare quello che voglio)
● Sono al verde (= non ho più soldi)
● Posso pagare a rate?/ Fate pagamenti rateali? (= dividere l’intera
somma in piccole parti da pagare a scadenza regolare)

PAGARE

● Posso pagare con (la) carta (di credito)?


● Posso pagare con (il) bancomat?
● Posso pagare in contanti?
● Posso avere un sacchetto, per favore?
● Digiti il codice della carta, per favore
● Ecco il resto
● Vuole/ Ha bisogno di/ Le serve un sacchetto?
● Sì, grazie!
● No, grazie
● Arrivederci e grazie!
● Prego! (per rispondere a “Grazie”)
● Grazie a Lei! (= quando il negoziante ci ringrazia)
74
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: _____!

B: Anch’io ti voglio bene!

A: Come ti senti dopo aver superato l’esame di italiano?

B: Sono _____!

A: Scusi, _____ questo cappello?

B: _____ 25 euro.

A: _____ questo vestito?

B: Ti sta benissimo!

A: Le serve un sacchetto?

B: _____!

75
PARTE 11

OBIETTIVI

● Dire che non ti senti bene


● Indicare un periodo di tempo
● Esprimere preoccupazione e paura
● Chiedere e offrire aiuto
● Avvertire qualcuno di un pericolo

76
DIALOGHI

CONVERSAZIONE INFORMALE

A: Non mi sento bene, ho mal di pancia.

B: Da quanto tempo cara?

A: Da stamattina, dopo aver fatto colazione mi è venuto un forte mal


di pancia.
B: Sono preoccupato. Speriamo che non sia nulla di grave. Cos’hai mangiato
a colazione?
A: Le solite cose: cereali con il latte.

B: Vediamo la data di scadenza di questo latte… Ma è scaduto da più di un mese!


Fai attenzione! Dove l’hai comprato?
A: Non l’ho comprato, me lo ha regalato ieri tua madre.

B: Chiamo subito un’ambulanza!

CONVERSAZIONE FORMALE

(Al telefono)

A: Pronto, ho bisogno d’aiuto! Mia moglie sta male. Mandate subito


un’ambulanza!
B: Che cos’ha Sua moglie?

A: Ha bevuto del latte scaduto e ora ha mal di pancia. Sono molto


preoccupato!
B: E perché Sua moglie non ha letto la data di scadenza prima di bere il latte?

A: Ma non faccia domande stupide! Mandi subito un’ambulanza!

B: Mi dispiace ma non posso aiutarLa.

A: Io La farò licenziare! Mi dica il Suo nome!

B: Mi chiamo Lucia e sono una casalinga curiosa. Lei ha sbagliato numero.

77
SE NON TI SENTI BENE

● Non mi sento bene


● Mi fa male qui
● Mi fa male…* [la testa/ il braccio/ la gamba/…]
● Mi fanno male…** [le gambe/ i piedi/ le ossa/…]
● Mi fa male quando… [muovo il braccio/ cammino/…]
● Ho mal [di testa/ di stomaco/ di pancia/ di gola/ d’orecchio/
di schiena/ di denti]
● Non ho appetito (= non ho fame)
● Mi gira la testa
● Ho la pressione (del sangue) alta/ bassa
● Ho il raffreddore
● Ho i brividi
● Ho la febbre
● Ho [37/ 38/ …] di febbre
● Ho difficoltà a respirare
● Ho la tosse
● Ho la diarrea
● Soffro di stitichezza/ stipsi (= difficoltà a defecare)
● Non vado di corpo da… [due giorni/ tre giorni/…] (= non faccio la
cacca da…)

⟶ *Seguito da una parola singolare.

⟶ **Seguito da parole plurali.

DA QUANTO TEMPO?

● È da… [stamattina/ ieri/ due giorni/ …] che… [sto male/ …]


● Sono [due giorni/ tre mesi/ …] che… [sto male/ non mangio/ …]
● [Sto male/ Non mangio/ Studio l’italiano/ …] da … [una settimana/
due mesi/ …]
78
ESPRIMERE PREOCCUPAZIONE E PAURA

● Sono (un po’/molto) preoccupato/a


● Sono preoccupato per [l’esame/ te/ …]
● Sono in ansia per [l’esame/ l’operazione/ …]
● Sto in pensiero per [te/ voi/ …] (= sono preoccupato/a per...)
● Ho paura
● Sono spaventato/a (= ho paura)
● Sono terrorizzato/a (= ho moltissima paura)
● Me la sto facendo sotto (= ho moltissima paura)
● Mi sto cagando addosso (dalla paura) (= ho moltissima paura)
(molto informale)
● Sto per svenire (= sto per perdere conoscenza)
● Sto tremando dalla paura
● Ho le gambe che mi tremano dalla paura

CHIEDERE AIUTO

● Aiuto!
● Aiutami! (informale)
● Mi aiuti! (formale)
● Aiutatemi! (informale/formale, rivolto a più persone)
● Ho bisogno di aiuto!
● Che qualcuno mi aiuti!
● Mi puoi aiutare/ Puoi aiutarmi, per favore? (informale)
● Mi può aiutare/ Può aiutarmi, per favore? (formale)
● Ti dispiace aiutarmi, per favore? (informale)
● Le dispiace aiutarmi, per favore? (formale)
● Mi potresti dare una mano/ Potresti darmi una mano, per favore?
(informale)
● Mi potrebbe dare una mano/ Potrebbe darmi una mano, per favore?
(formale)
79
OFFRIRE AIUTO

● Ti posso aiutare?/ Posso aiutarti? (informale)


● La posso aiutare?/ Posso aiutarLa? (formale)
● Posso fare qualcosa per te? (informale)
● Posso fare qualcosa per Lei? (formale)
● Ti posso essere d’aiuto?/ Posso esserti d’aiuto? (informale)
● Le posso essere d’aiuto?/ Posso esserLe d’aiuto? (formale)
● Ti serve aiuto? (informale)
● Le serve aiuto? (formale)
● Hai bisogno di aiuto? (informale)
● Ha bisogno di aiuto? (formale)
● Vuoi una mano? (informale)
● Vuole una mano? (formale)
● C’è qualcosa che non va?
● Se hai bisogno di qualcosa fammelo sapere (informale)
● Se ha bisogno di qualcosa me lo faccia sapere (formale)

AVVERTIRE QUALCUNO DI UN PERICOLO

● Fai/Fa’ attenzione! (informale)


● Faccia attenzione! (formale)
● Fate attenzione! (plurale)
● Attenzione!
● Stai attento/a! (informale)
● Stia attento/a! (formale)
● State attenti/e! (plurale)
● Non farlo! (informale)
● Non lo faccia! (formale)
● Non fatelo! (plurale)
● Occhio! (= attenzione!)

80
ORA TOCCA A TE!

Completa i dialoghi

A: _____ la testa.

B: Forse sei stato troppo tempo al computer. Fai una pausa.

A: _____ i piedi. Sediamoci un po’.

B: Hai ragione, è da un’ora che stiamo camminando.

A: _____! C’è un uomo che mi segue!

B: Signora, si calmi. Qui è al sicuro.

A: _____, per favore?

B: Certo, ti aiuto con piacere!

A: Signora, ha bisogno di una _____?

B: No, grazie!

81
APPENDICE I

ALCUNE ESPRESSIONI

IDIOMATICHE, COLLOQUIALI

E GERGALI

82
ALCUNI MODI DI DIRE O ESPRESSIONI IDIOMATICHE

● Andare a ruba = si dice di un prodotto molto richiesto, che si vende molto


● Bere come una spugna = bere bevande alcoliche in grande quantità
● Avere l’acquolina in bocca = desiderare molto mangiare una cosa
● Fare d’ogni erba un fascio = generalizzare, non distinguere tra buono e
cattivo
● Calzare a pennello = di cosa che è perfetta sulla persona che la indossa
● Dare buca a qualcuno = non presentarsi a un appuntamento
● Cercare il pelo nell’uovo = essere troppo precisi, cercare le minime
imperfezioni (ha un significato negativo)
● Dare i numeri = dire cose senza una logica
● Essere al verde = non avere più soldi
● Essere in gamba = essere molto bravo in qualcosa, avere ottime capacità
● Essere in quattro gatti = essere in pochissime persone
● Essere un ficcanaso = essere una persona che si intromette negli affari
degli altri
● Mettere il dito nella piaga = parlare di un argomento che per una
persona è delicato o imbarazzante
● Non avere peli sulla lingua = parlare con sincerità, senza paura di
esprimere il proprio pensiero
● Non vedere l’ora = essere impaziente, desiderare molto che qualcosa si
realizzi
● Avere le braccine corte/ il braccino corto = essere avaro, non voler
spendere i propri soldi (specialmente quando si è in compagnia di amici)
● A ogni morte di papa = molto raramente
● Prendere in giro qualcuno = deridere qualcuno, insultare qualcuno
● Rompere le scatole a qualcuno = infastidire qualcuno, creare disturbo a
qualcuno
● Sentirsi come un pesce fuor d’acqua = sentirsi a disagio
● Fare il finto tonto/la finta tonta = fare finta di non capire o di non
sapere qualcosa
83
ALCUNE PAROLE ED ESPRESSIONI COLLOQUIALI*

● Figo!/ Che figata! = è una cosa molto bella/ interessante/ divertente


● Che figo/a! = che bellissima persona
● Che culo! = che fortuna!
● Un sacco = molto
● Un casino/ Un bordello = molto rumore o molta confusione
● Che macello! = che confusione!
● Forte! = molto simpatico o divertente
● Rimorchiare qualcuno = corteggiare qualcuno con successo, convincere
qualcuno ad accettare un invito amoroso, sedurre qualcuno
● Palloso = noioso, insopportabile
● Sfottere qualcuno = deridere qualcuno, insultare qualcuno, prendere in
giro qualcuno
● Bidonare = non presentarsi a un appuntamento oppure imbrogliare,
truffare
● Scroccone/a = persona che riesce a ottenere qualcosa gratis dagli altri o
che ha l’abitudine di far pagare sempre gli altri
● Gnocco/a = persona molto bella o stupida
● Sgamare qualcuno = scoprire qualcuno che fa qualcosa di nascosto
● Sgarrare = sbagliare, comportarsi in modo scorretto, non fare il proprio
dovere
● Una bufala = una notizia falsa
● Sbirro = poliziotto o carabiniere
● Sbronza = forte ubriacatura, sbornia
● Sclerare = impazzire, arrabbiarsi molto
● Rosicare = provare invidia o gelosia
● Dire/ Fare una cazzata = dire/ fare una cosa stupida, dire o fare un grave
errore
● Una cavolata = una cosa stupida, una sciocchezza
● Boh = non lo so

⟶ *Sono espressioni usate soprattutto nel parlato in contesti informali.


84
● Essere incasinato/a = essere molto impegnato/a, avere molte cose da
fare
● Chi se ne frega! = non mi importa per niente
● Fare cagare = fare schifo (riferito a cose o persone molto brutte, a cose
fatte male che non ci piacciono per niente)
● Fare le corna a qualcuno = tradire il proprio partner/ la propria partner

ALCUNE PAROLE ED ESPRESSIONI DEL GERGO GIOVANILE*

● Bro = amico (dall’inglese “BROTHER”, fratello)


● Fra’/ Frate = amico (dalla parola “FRATELLO”)
● Come butta? = come va?
● (Una) crush = un innamoramento improvviso, una cotta o la persona di
cui si è innamorati
● Cagare qualcuno = dare attenzione, non ignorare
● Non cagare qualcuno = non considerare qualcuno, non dare attenzione
a qualcuno
● Cazzeggiare = perdere tempo, dire o fare cose di poca importanza per
passare il tempo
● Un botto/ Una cifra = molto
● Bomber = persona che ha successo in amore (riferito a un uomo), un Don
Giovanni, un latin lover
● Beccarsi = incontrarsi, vedersi con qualcuno
● Limonare = baciare qualcuno con la lingua, baciare alla francese

⟶ *Sono espressioni usate soprattutto dai giovani quando parlano tra di loro.

85
APPENDICE II

ALCUNI PROVERBI ITALIANI


MOLTO COMUNI

86
PROVERBI ITALIANI

● Le bugie hanno le gambe corte = le bugie non durano a lungo, prima o


poi la verità si scopre
● Chi troppo vuole nulla stringe = la persona che vuole avere troppe cose
finisce per non avere nulla, è meglio accontentarsi di ciò che si ha per
evitare il rischio di perdere tutto
● Tra moglie e marito non mettere il dito = non bisogna intromettersi
nelle questioni che riguardano marito e moglie
● A caval donato non si guarda in bocca= non si deve criticare un regalo
ricevuto, bisogna essere sempre grati per i regali che riceviamo
● L’erba del vicino è sempre più verde = gli invidiosi pensano che le cose
degli altri siano sempre migliori delle loro
● Chi fa da sé fa per tre = è meglio fare una cosa da soli anziché aspettare
che qualcuno la faccia al posto nostro
● Chi dorme non piglia pesci = per avere risultati bisogna agire, senza
fatica o senza impegno non si ottiene nulla
● Vivi e lascia vivere = bisogna essere tolleranti, non si devono criticare le
scelte che gli altri fanno
● Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare = tra dire di fare una cosa e
farla veramente c’è una grande differenza, non è facile passare dalle parole
ai fatti
● Chi si accontenta gode = per essere felici bisogna accontentarsi
● Paese che vai usanza che trovi = ogni Paese ha le sue tradizioni
● Quando il gatto non c’è i topi ballano = quando chi dovrebbe
controllare non è presente ognuno fa quello che vuole
● Meglio tardi che mai = è meglio che una cosa succeda in ritardo che mai
● Quando c’è la salute c’è tutto = la salute è la cosa più importante
● Chi va piano va sano e va lontano = gli obiettivi si raggiungono con
calma, senza fretta
● Chi trova un amico trova un tesoro = un vero amico è prezioso come
un tesoro
87
● Sbagliando s’impara = gli errori ci aiutano a imparare cose nuove e a
migliorare
● L’abito non fa il monaco = le apparenze ingannano
● Non è tutto oro quello che luccica = l’apparenza può ingannare
● Non tutte le ciambelle escono/riescono col buco = le cose non vanno
sempre come vorremmo
● Ride bene chi ride ultimo = prima di esultare per un successo è bene
aspettare che la vicenda sia conclusa definitivamente (fino all’ultimo
momento le cose potrebbero cambiare)
● Il lupo perde il pelo ma non il vizio = una cattiva abitudine è molto
difficile o impossibile da eliminare

88
APPENDICE III

IL PRESENTE INDICATIVO

E IL PARTICIPIO PASSATO

DEI VERBI IRREGOLARI

PIÙ COMUNI

89
I VERBI PIÙ USATI CON IL PRESENTE INDICATIVO IRREGOLARE

ANDARE io VADO, tu VAI, lui/lei VA, noi ANDIAMO, voi ANDATE, loro VANNO

AVERE io HO, tu HAI, lui/lei HA, noi ABBIAMO, voi AVETE, loro HANNO

BERE io BEVO, tu BEVI, lui/lei BEVE, noi BEVIAMO, voi BEVETE, loro BEVONO

CERCARE io CERCO, tu CERCHI, lui/lei CERCA, noi CERCHIAMO, voi CERCATE,


loro CERCANO

CUOCERE io CUOCIO, tu CUOCI, lui/lei CUOCE, noi CUOCIAMO, voi CUOCETE,


loro CUOCIONO

DARE io DO, tu DAI, lui/lei DÀ, noi DIAMO, voi DATE, loro DANNO

DIRE io DICO, tu DICI, lui/lei DICE, noi DICIAMO, voi DITE, loro DICONO

DOVERE io DEVO, tu DEVI, lui/lei DEVE, noi DOBBIAMO, voi DOVETE,


loro DEVONO

ESSERE io SONO, tu SEI, lui/lei È, noi SIAMO, voi SIETE, loro SONO

FARE io FACCIO, tu FAI, lui/lei FA, noi FACCIAMO, voi FATE, loro FANNO

FINIRE io FINISCO, tu FINISCI, lui/lei FINISCE, noi FINIAMO, voi FINITE,


loro FINISCONO

GIOCARE io GIOCO, tu GIOCHI, lui/lei GIOCA, noi GIOCHIAMO, voi GIOCATE,


loro GIOCANO

MORIRE io MUOIO, tu MUORI, lui/lei MUORE, noi MORIAMO, voi MORITE,


loro MUOIONO

PAGARE io PAGO, tu PAGHI, lui/lei PAGA, noi PAGHIAMO, voi PAGATE,


loro PAGANO

PIACERE io PIACCIO, tu PIACI, lui/lei PIACE, noi PIACCIAMO, voi PIACETE,


loro PIACCIONO (usato soprattutto nella forma “MI PIACE/PIACCIONO”,
“TI PIACE/PIACCIONO”, …)

90
POTERE io POSSO, tu PUOI, lui/lei PUÒ, noi POSSIAMO, voi POTETE,
loro POSSONO

RIMANERE io RIMANGO, tu RIMANI, lui/lei RIMANE, noi RIMANIAMO,


voi RIMANETE, loro RIMANGONO

SALIRE io SALGO, tu SALI, lui/lei SALE, noi SALIAMO, voi SALITE, loro SALGONO

SAPERE io SO, tu SAI, lui/lei SA, noi SAPPIAMO, voi SAPETE, loro SANNO

SCEGLIERE io SCELGO, tu SCEGLI, lui/lei SCEGLIE, noi SCEGLIAMO, voi SCEGLIETE,


loro SCELGONO

SPEGNERE io SPENGO, tu SPEGNI, lui/lei SPEGNE, noi SPEGNIAMO, voi SPEGNETE,


loro SPENGONO

STARE io STO, tu STAI, lui/lei STA, noi STIAMO, voi STATE, loro STANNO

TRADURRE io TRADUCO, tu TRADUCI, lui/lei TRADUCE, noi TRADUCIAMO,


voi TRADUCETE, loro TRADUCONO

USCIRE io ESCO, tu ESCI, lui/lei ESCE, noi USCIAMO, voi USCITE, loro ESCONO

VENIRE io VENGO, tu VIENI, lui/lei VIENE, noi VENIAMO, voi VENITE, loro
VENGONO

VOLERE io VOGLIO, tu VUOI, lui/lei VUOLE, noi VOGLIAMO, voi VOLETE,


loro VOGLIONO

91
I VERBI PIÙ USATI CON IL PARTICIPIO PASSATO IRREGOLARE

ACCENDERE (avere) ACCESO

APRIRE (avere) APERTO

CHIEDERE (avere) CHIESTO

CHIUDERE (avere) CHIUSO

CONOSCERE (avere) CONOSCIUTO

CORRERE (avere/essere) CORSO

CUOCERE (avere) COTTO

DARE (avere) DATO

DIRE (avere) DETTO

DOVERE (avere) DOVUTO

ESISTERE (essere) ESISTITO

ESSERE (essere) STATO

FARE (avere) FATTO

LEGGERE (avere) LETTO

METTERE (avere) MESSO

MORIRE (essere) MORTO

NASCERE (essere) NATO

PERDERE (avere) PERSO

92
PIACERE (essere) PIACIUTO

PRENDERE (avere) PRESO

RIDERE (avere) RISO

RIMANERE (essere) RIMASTO

RISPONDERE (avere) RISPOSTO

SCEGLIERE (avere) SCELTO

SCENDERE (essere) SCESO

SCRIVERE (avere) SCRITTO

SPEGNERE (avere) SPENTO

SPENDERE (avere) SPESO

STARE (essere) STATO

SUCCEDERE (essere) SUCCESSO

TRADURRE (avere) TRADOTTO

UCCIDERE (avere) UCCISO

VEDERE (avere) VISTO

VENIRE (essere) VENUTO

VIVERE (avere/essere) VISSUTO

93
CONCLUSIONI

Siamo arrivati alla fine di questo libro. Hai imparato molte parole e frasi per
comunicare in italiano e capire meglio gli italiani.

Ma non voglio che tu conosca solo alcune parole e frasi in lingua italiana. Voglio
che tu riesca a comunicare in italiano come un italiano (e anche meglio di
alcuni italiani!). Questo è un obiettivo ambizioso, lo so. Ma non è impossibile
da raggiungere.

Ricorda che puoi contare sul mio aiuto! Continuerò ad aiutarti con piacere nel
tuo percorso che ti porterà a conoscere sempre meglio la bellissima lingua italiana.

Restiamo in contatto sul mio sito internet: www.funandeasyitalian.it e sui


miei altri canali ufficiali:

● Youtube: FUN AND EASY ITALIAN


● Instagram: FUN AND EASY ITALIAN
● Telegram: FUN AND EASY ITALIAN
● Facebook: FUN AND EASY ITALIAN
● E-mail: infofunandeasyitalian@gmail.com

Un forte abbraccio!

Marco

94
Published by Marco Giaquinto

Copyright © 2021 Italy. All rights reserved.

No part of this book may be reproduced or modified in any form,


including photocopying, recording, or by any information storage
and retrieval system, without permission.

95