Sei sulla pagina 1di 3

© Casa delle Lingue

Difusión 2020

Più camomilla e meno champagne. Il virus


DI COSA PARLIAMO

ridisegna la tavola degli italiani.


1. Leggi il titolo dell’articolo.
Di cosa parla, secondo te?
2. Quali sono, secondo te, i
ETTORE LIVINI – 11 APRILE 2020 cibi e i beni di consumo
più comprati dagli italiani
in questi giorni? Prova
Meno pane nei supermarket fare delle ipotesi.
Tramontano – almeno per il momento –
alcuni alimenti come gli stuzzichini salati LEGGIAMO L’ARTICOLO
(-13%) e le gomme da masticare (-19%), 1. Leggi l’articolo e rispondi
40 inutili quando non si deve ammortizzare alle seguenti domande.
lo stress da lavoro. Non solo: nella -- Quali caratteristiche
comuni hanno gli
distribuzione organizzata scendono le alimenti più comprati?
vendite del pane (-13,9%). Non perché se -- In quale tipo di negozi si
ne consumi di meno, ma perché in queste compra di più e perché?
-- Dopo la pandemia, cosa
45 settimane sono tornati di moda i negozi potrebbe cambiare per i
di vicinato come panettieri e fruttivendoli. piccoli negozi?
1 Il coronavirus ridisegna la tavola degli Dove c’è meno coda, più sicurezza (si 2. Nell’articolo ci sono
italiani e riporta la spesa delle famiglie entra una persona alla volta) e dove la informazioni che ti
indietro di qualche anno, quando si qualità è spesso superiore a quella di un stupiscono? Quali?
passavano più ore ai fornelli. La vita 50 supermercato. La prova? Nelle ultime
LAVORIAMO SUL TESTO
5 nell’era del lockdown è cambiata, ristoranti settimane i punti vendita di dimensioni
e bar sono chiusi, c’è più tempo per più piccole e di vicinato hanno registrato 1. Nell’articolo, i seguenti
verbi sono usati in senso
cucinare. E la lista della spesa fotografa un aumento del giro d’affari triplo rispetto figurato. Aiutati con il
un mondo ribaltato: dove la gente ha più ai grandi supermercati & C. e sei volte testo per spiegarne il
bisogno di relax (+ 83% la camomilla, non 55 maggiore rispetto ai discount. “Un trend significato in questo
contesto.
10 serve un sociologo per capire perché) che che potrebbe sopravvivere all’emergenza -- ridisegnare
di far festa (-36% lo champagne). Dove Covid – dice Nicola De Carne, partner per -- fotografare
i cibi “veloci” non tirano più (-59% i kit la vendita al dettaglio di Nielsen – anche -- tirare
perché molti piccoli commercianti hanno -- volare
salati fuori pasto come tramezzini e & C.) -- salire
mentre volano gli ingredienti base della 60 conquistato nuova clientela puntando -- tramontare
15 gastronomia di una volta come la farina sulle consegne a domicilio e a volte sulle -- crollare
(+154%), i fagioli secchi (+107%) e il vendite online”. Questo potrebbe dare 2. Trova nel testo le
lievito (+ 104%). una nuova vita a molti piccoli negozi di espressioni che
corrispondono alle
Il ritorno all’essenziale quartiere che fino a poco tempo fa erano seguenti definizioni:
Il filo rosso è abbastanza chiaro: si torna 65 considerati in via d’estinzione. -- caratteristica comune
20 all’essenzialità. La classifica dei prodotti Più sani, meno curati che unisce più cose
Analizzando il carrello della spesa non -- che si vende molto
alimentari che si vendono di più in questi rapidamente
giorni sembra l’elenco degli ingredienti alimentare, la situazione non cambia. -- che sta per scomparire
di una ricetta della nonna: salgono burro, Dall’inizio della pandemia, a giudicare 3. Fai una breve ricerca per
zucchero e sale, con progressi tra il 40 e 70 dalle cose che compriamo, siamo più sani spiegare se e come sono
25 il 50%. Vanno a ruba le uova (+35%), il e igienisti ma un po’ meno curati. Sarà cambiati i consumi nel
tuo Paese.
riso e la passata di pomodoro che segnano che la priorità è prevenire il contagio. Sarà
un balzo del 51%. Un salto in avanti che la sera non si esce e non serve farsi DISCUTIAMONE INSIEME
di proporzioni simili l’ha fatto la pancetta belli. Il risultato economico è però chiaro:
1. In questo periodo compri
a cubetti – la base di qualsiasi sugo che 75 crescono molto le vendite di disinfettanti prodotti diversi, o con
30 si rispetti – mentre in dispensa ci sono (+ 354%), termometri (+208%) e alcol diverse modalità (acquisti
sempre più cibi a lunga conservazione, (+168%) mentre crollano – in attesa della online, consegne a
fase 3 – i deodoranti (-12%), i profumi domicilio...)?
come la carne in scatola, balzata del 63%, e
il latte a lunga conservazione (+31%), che uomo e donna (-45%) e il rossetto (- 50%). 2. Secondo te, prodotti
e modalità di acquisto
resiste in dispensa per qualche mese, non 80 Sperando arrivi presto il momento di cambieranno a lungo
35 si sa mai. tornare a usarli. ternine, anche dopo
la fine dell’attuale
emergenza sanitaria? In
che modo?
Testo adattato da: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/04/11/news/piu_camomilla_e_pancetta_e_meno_champagne_il_virus_
rivoluziona_la_tavola_degli_italiani-253755268/
Immagini: Lazy_Bear_iStock
© Casa delle Lingue
Difusión 2020

Più camomilla e meno champagne. Il virus ridisegna


la tavola degli italiani
ETTORE LIVINI – 11 APRILE 2020

Il coronavirus ridisegna la tavola degli italiani le vendite del pane (-13,9%). Non perché se ne
e riporta la spesa delle famiglie indietro di consumi di meno, ma perché in queste settimane
qualche anno, quando si passavano più ore ai sono tornati di moda i negozi di vicinato come
fornelli. La vita nell’era del lockdown è cambiata, panettieri e fruttivendoli. Dove c’è meno coda,
ristoranti e bar sono chiusi, c’è più tempo per più sicurezza (si entra una persona alla volta) e
cucinare. E la lista della spesa fotografa un mondo dove la qualità è spesso superiore a quella di un
ribaltato: dove la gente ha più bisogno di relax supermercato. La prova? Nelle ultime settimane
(+ 83% la camomilla, non serve un sociologo per i punti vendita di dimensioni più piccole e di
capire perché) che di far festa (-36% quelle di vicinato hanno registrato un aumento del giro
champagne). Dove i cibi “veloci” non tirano più d’affari triplo rispetto ai grandi supermercati &
(-59% i kit salati fuori pasto come tramezzini e C. e sei volte maggiore rispetto ai discount. “Un
& C.) mentre volano gli ingredienti base della trend che potrebbe sopravvivere all’emergenza
gastronomia di una volta come la farina (+154%), Covid – dice Nicola De Carne, partner per la
i fagioli secchi (+107%) e il lievito (+ 104%). vendita al dettaglio di Nielsen – anche perché
Il ritorno all’essenziale molti piccoli commercianti hanno conquistato
Il filo rosso è abbastanza chiaro: si torna nuova clientela puntando sulle consegne a
all’essenzialità. La classifica dei prodotti alimentari domicilio e a volte sulle vendite online”. Questo
che si vendono di più in questi giorni sembra potrebbe dare una nuova vita a molti piccoli
l’elenco degli ingredienti di una ricetta della negozi di quartiere che fino a poco tempo fa erano
nonna: salgono burro, zucchero e sale, con considerati in via d’estinzione.
progressi tra il 40 e il 50%. Vanno a ruba le uova Più sani, meno curati
(+35%), il riso e la passata di pomodoro che Analizzando il carrello della spesa non alimentare,
segnano un balzo del 51%. Un salto in avanti la situazione non cambia. Dall’inizio della
di proporzioni simili l’ha fatto la pancetta a pandemia, a giudicare dalle cose che compriamo,
cubetti – la base di qualsiasi sugo che si rispetti siamo più sani e igienisti ma un po’ meno curati.
– mentre in dispensa ci sono sempre più cibi a Sarà che la priorità è prevenire il contagio. Sarà
lunga conservazione, come la carne in scatola, che la sera non si esce e non serve farsi belli. Il
balzata del 63%, e il latte a lunga conservazione risultato economico è però chiaro: crescono molto
(+31%), che resiste in dispensa per qualche mese, le vendite di disinfettanti (+ 354%), termometri
non si sa mai. (+208%) e alcol (+168%) mentre crollano – in
Meno pane nei supermarket attesa della fase 3 – i deodoranti (-12%), i profumi
Tramontano – almeno per il momento – alcuni uomo e donna (-45%) e il rossetto (- 50%).
alimenti come gli stuzzichini salati (-13%) e le Sperando arrivi presto il momento di tornare a
gomme da masticare (-19%), inutili quando non usarli.
si deve ammortizzare lo stress da lavoro. Non
solo: nella distribuzione organizzata scendono

Legenda colori del testo mappato:

verde: verbi ed espressioni con preposizioni


rosso: combinazioni frequenti e collocazioni

Testo adattato da: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/04/11/news/piu_camomilla_e_pancetta_e_meno_champagne_il_virus_rivoluziona_la_tavola_


degli_italiani-253755268/
Immagini: Lazy_Bear_iStock
© Casa delle Lingue
Difusión 2020

ATTIVITÀ E RISORSE EXTRA

Informazioni didattiche

Tema: Più camomilla e meno champagne. Il virus ridisegna la tavola degli italiani
Livello: B2/C1
Lunghezza: 534 parole
Tag: coronavirus, spesa, alimentazione, abitudini di consumo

Soluzioni
LEGGIAMO L’ARTICOLO
1. Gli alimenti più comprati sono tutti cibi base della gastronomia tradizionale (farina, fagioli secchi, lievito, uova... ) o cibi che si possono
conservare a lungo (carne in scatola, latte a lunga conservazione). I negozi che hanno avuto una maggiore crescita delle vendite sono
quelli più piccoli perché c’è meno coda, più sicurezza e maggiore qualità. Dopo la pandemia, i piccoli negozi potrebbero migliorare il
giro d’affari grazie alla nuova clientela acquisita in questo periodo anche grazie a iniziative come la consegna a domicilio e la vendita
online.
LAVORIAMO SUL TESTO
1. Ridisegnare: modificare rispetto al passato (riga 1); fotografare: mostrare, rappresentare (riga 7); tirare: attrarre (riga 12); volare: salire
rapidamente e molto in alto rispetto alla posizione iniziale (riga 14); salire: aumentare (riga 23); tramontare: ridursi, finire (riga 37);
crollare: scendere in modo veloce e improvviso (riga 77)
2. Caratteristica comune che unisce più cose: filo rosso (riga 19); vendere molto rapidamente: andare a ruba (riga 25); che sta per
scomparire: in via d’estinzione (riga 65)

© Casa delle Lingue


Difusión 2020