Sei sulla pagina 1di 2

C.R.P.R.-in/forma - rivista semestrale del Centro Regionale Progettazione e Restauro (Palermo). Anno 2005.

nº 0

SOMM ARIO
PROGETTI INTERNAZIONALE

3 I luoghi del mito e della memoria 36 Una diversa filosofia a tutela del patrimonio
Tracce di un viaggio nell’identità siciliana culturale nell’Area del Mediterraneo
7 Progetto didattico 37 La dichiarazione di Palermo
Itinerari della storia 39 Conservazione programmata e fruizione
8 Costruire la Carta del Rischio regionale sostenibile delle strutture teatrali antiche
Tappe della ricerca nell’Area del Mediterraneo
10 Carte del rischio tematiche
11 Superfici pavimentali di età antica: DIVULGAZIONE SCIENTIFICA
ripari e sistemi di copertura
12 Le architetture teatrali di età antica 40 Gli incontri di Palazzo Montalbo
13 Ripensare il Waterfront a Palermo 41 La fisica applicata allo studio dei beni culturali
14 La riconoscibilità del paesaggio festivo siciliano Ricerca, Formazione, Impresa
Le attività di ricerca audiovisuale del Folkstudio e APPUNTI
del Dipartimento dei Beni Culturali
15 Studio e proposte d’intervento per la tutela, 43 Il teatro rappresentato
la conservazione e la valorizzazione del patrimonio 43 Un museo scientifico per il liceo classico
festivo siciliano statale Giuseppe Garibaldi di Palermo
16 Dal Satiro ai mosaici di Piazza Armerina 44 Pubblicazioni
18 Per una mappa del patrimomio tessile
Progetto Intreccio
19 Il contrabbasso di Vincenzo Trusiani

RICERCA

20 Torna a risplendere il Baldacchino dell’Immacolata


21 Il cipresso di San Benedetto il Moro
Credits
22 Rilevamenti microclimatici
La villa imperiale del Casale Direttore Guido Meli
24 Chiesa di Santa Maria della Grotta e Complesso
Comitato di redazione del Notiziario
Monumentale dei Niccolini a Marsala Antonio Casano
25 Monitoraggio microclimatico delle Gallerie regionali Maria Di Ferro
della Sicilia Agostino Ingrassia
Elena Lentini
26 Nuovi orizzonti a protezione del Patrimonio geologico Gioacchino Mangano
Siciliano Silvana Milici
27 La ricerca iconografica sui teatri antichi siciliani
Fotografie
28 Ricerche bibliografiche sui teatri antichi di Sicilia Giuseppe Minervini, Ugo Nizza,
29 Paesaggi e modelli socio-produttivi lungo le coste siciliane Fabiola Saitta, Licia Settineri
Il sistema delle tonnare siciliane
grafica ed impaginazione
31 Linee di ricerca sul processo di trasformazione del Gioacchino Mangano
paesaggio costiero siciliano
Alcuni cenni storico-sociologici sulle comunità Stampa
marinare Grafistampa s.r.l.
34 Anche i monumenti respirano. Aiutiamoli a vivere
35 Stesura di una carta del del rischio per la conservazio-
ne dei Beni culturali negli ambienti confinati
Carte tematiche PROGETTI

carta del rischio


Superfici pavimentali di età antica:
ripari e sistemi di copertura
di Lucia Ventura Bordenca

L'attività di rilevamento del patrimonio musivo pa-


vimentale di età antica, dei ripari e dei sistemi di coper-
tura, ha preso l'avvio da una prima raccolta di materiale,
fornito dalle Soprintendenze siciliane, costituito dai
principali dati identificativi, le cartografie catastali e la
relativa documentazione vincolistica.
Dall'interpolazione di questi dati con quelli desunti
dalla Guida Rossa Touring e dalla Guida Archeologica
Laterza si è realizzata una banca dati informatizzata sulla
consistenza e localizzazione di tali realtà archeologiche;
questo si correla allo studio che comprende una ricerca
bibliografica ragionata essenziale e la raccolta di scheda-
ture, testi a stampa, documentazioni iconografiche.
Per il completamento di questi momenti propedeutici
sono in corso, a cura del Centro ed in collaborazione con
Istituti Regionali preposti, le procedure tecnico-ammini-
strative, per l'acquisizione delle cartografie tematiche a
scala territoriale, utili a leggere le principali tipologie,
dati di pericolosità, ed individuare le aree di maggiore
criticità.
La successiva fase progettuale ha previsto le indagini
sul campo per accertare pericolosità e vulnerabilità dei
siti archeologici oggetto dello studio, consentendo, nel
rilevamento puntuale condotto attraverso una specifica
campagna di schedatura, la verifica dell'effettiva consi-
stenza del patrimonio musivo ed il riconoscimento ma- zione di interventi di mitigazione e la definizione di pro-
croscopico delle principali tipologie di danno. La cam- tocolli manutentivi specifici, anche di pronto intervento,
pagna di ricognizione, attualmente in corso nelle aree ar- che possano garantire la conservazione del Bene.
cheologiche con mosaici conservati in situ del territorio Contestualmente l'attività di rilevamento contempla, at-
regionale, vede l'applicazione sul campo, del modulo traverso la scheda "Copertura di protezione", sia l'ade-
schedografico di Carta del Rischio. guatezza che la funzionalità dei sistemi di protezione,
La schedatura dei singoli rivestimenti musivi, consente dei ripari e dell'impiantistica eventualmente presenti,
di ottenere dati di vulnerabilità correlati a: quali fattori di mitigazione.
· tipo di materiale costitutivo; Nell'accertamento delle specifiche vulnerabilità si
· tecniche esecutive; sono evidenziate, quali aree di maggiore criticità, le su-
· percentuale di estensione dei danni; perfici musive esposte direttamente agli agenti atmosfe-
· grado d'urgenza; rici in ambiente non confinato, ma allo stesso modo an-
· analisi effettiva del degrado individuato. che quelle che subiscono gli effetti dannosi in condizioni
I sopralluoghi, e una approfondita documentazione foto- microclimatiche non idonee, anche se ubicate in contesti
grafica, permettono di verificare dati metrici e formali di confinati ma non adeguatamente progettati.
rilievi grafici in scala, utili a costituire supporto di base La definitiva stesura di una mappa regionale tematica
per la stesura di tavole tematiche relative ai materiali co- dei siti archeologici con presenza di superfici pavimen-
stitutivi, le tecniche esecutive, la localizzazione ed tali musive, ripari e sistemi di copertura permetterà di in-
estensione delle tipologie di danno riscontrate tramite il dividuare le priorità nell'ambito di una pianificazione ur-
rilevamento visivo e tattile nel corso della ricognizione. banistica, mirati di interventi di tutela e conservazione,
Nel riconoscimento dei fattori di degrado presenti sa- ovvero programmi di manutenzione, gestione e monito-
ranno evidenziati quei siti per i quali è urgente l'attua- raggio dei siti.

11