Sei sulla pagina 1di 65

CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LO
STAZIONAMENTO

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI

• Nell’ambito della circolazione vanno distinti due


momenti
momenti:
- dinamico, costituito dalla marcia dei veicoli
stessi;
- statico, costituito dal loro stazionamento in spazi
che
h possono ffar partet o no d della
ll sede
d stradale.
t d l

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LE SITUAZIONI DI CONGESTIONE

• La Direttiva per la redazione, adozione ed attuazione


dei piano urbani del traffico individua come principale
causa dell’attuale situazione di congestione
del traffico urbano, anzitutto, è la promiscuità
d’uso delle sedi viarie

• carenze organizzative della circolazione e ad


insufficienze infrastrutturali;
• occupazione della sede stradale permanente e
temporanea.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LO STAZIONAMENTO

• Riferimenti “normativi”
• Schemi geometrici
• Principi progettuali
• Politiche della sosta

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI
• D.Lgs.
g 30 Aprile
p 1992, n. 285 e successive
modifiche “Nuovo Codice della Strada”;

• DPR n. 495 del 16.12.1992 “Regolamento di


Esecuzione ed Attuazione del Nuovo Codice della
Strada”;

• CNR B
B.U.
U 60/1978 “Norma
“N sulle
ll caratteristiche
tt t h
geometriche delle strade urbane”

• D.M. 5.11.2001 “Norme funzionali e geometriche


per la costruzione delle strade
strade”
LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI
D.M. 5.11.2001 “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade”

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI
Art. 149 (Art. 40 Cod. str.)

St
Strisce d
di delimitazione
d l t d
deglil stalli
t ll ddi sosta
t o per lla sosta
t
riservata

La delimitazione degli stalli di sosta e'


e effettuata mediante
il tracciamento sulla pavimentazione di strisce della
larghezza di 12 cm formanti un rettangolo, oppure con
strisce di delimitazione ad L o a TT, indicanti ll'inizio
inizio, la fine
o la suddivisione degli stalli entro i quali dovra' essere
parcheggiato il veicolo.

La delimitazione degli stalli di sosta mediante strisce (fig.


II.444) e' obbligatoria ovunque gli stalli siano disposti a
spina (con inclinazione di 4545°° rispetto all'asse
all asse della corsia
adiacente agli stalli) ed a pettine (con inclinazione di 90°
90°
rispetto all'asse della corsia adiacente agli stalli); e'
consigliata quando gli stalli sono disposti
longitudinalmente (parallelamente all'asse della corsia
LO STAZIONAMENTO adiacente agli stalli).
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI
Art. 149 (Art. 40 Cod. str.)

I colori delle strisce di delimitazione degli stalli di sosta sono:

•bianco per gli stalli di sosta non a pagamento;

•azzurro per gli stalli di sosta a pagamento;

•giallo per gli stalli di sosta riservati.

Gli stalli di sosta riservati devono portare l'indicazione, mediante iscrizione o


simbolo,
b l della
ll categoria di veicolo
l cui llo stallo
ll e'' riservato.

Gli stalli di sosta riservati alle persone invalide devono essere delimitati da strisce
gialle
ll e contrassegnati
t t sulla
ll pavimentazione
t dall'apposito
d ll' t simbolo;
b l ddevono, inoltre,
lt
essere affiancati da uno spazio libero necessario per consentire l'apertura dello
sportello del veicolo nonche' la manovra di entrata e di uscita dal veicolo, ovvero
per consentire
t l'accesso
l' all marciapiede
d (figure
(f II
II.445/a,
445/ IIII.445/b,
445/b II
II.445/c).
445/ )

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI
Art. 151 (Art. 40 Cod. str.)

Strisce di delimitazione della fermata dei veicoli in servizio di trasporto pubblico


collettivo di linea

Le strisce di delimitazione della fermata dei veicoli in servizio di trasporto pubblico


collettivo di linea sono costituite da una striscia longitudinale gialla discontinua,
posta ad una distanza minima di 2,70
2 70 m dal marciapiede o dalla striscia di margine
continua, e da due strisce trasversali gialle continue che si raccordano
perpendicolarmente alle precedenti; nel caso di golfi di fermata le strisce trasversali
possono non essere tracciate
tracciate. La larghezza delle strisce e'e di 12 cm
cm.

La zona di fermata e' suddivisa in tre parti: la prima e l'ultima di lunghezza pari a 12
m,, necessarie p
per l'effettuazione ddelle manovre ddi accostamento al marciapiede
p d e did
reinserimento nel flusso di traffico da parte del veicolo; la zona centrale deve avere
una lunghezza minima pari alla lunghezza, maggiorata di 2 m, del veicolo piu' lungo che
effettua la fermata.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

RIFERIMENTI “NORMATIVI”
NORMATIVI
Art. 151 (Art. 40 Cod. str.)

La prima e l'ultima parte possono essere evidenziate mediante


tracciamento di una striscia gialla a zig zag (fig. II.447).

Sulla pavimentazione all'interno della zona di fermata deve


essere apposta l'iscrizione BUS.

Nelle zone di fermata e' vietata la sosta dei veicoli.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

SCHEMI GEOMETRICI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

GLI STALLI

• Considerate le misure di un veicolo “tipo” (1,80


m circa di larghezza
g e 4,50 m di lunghezza),
g le
dimensioni trasversali di uno stallo possono variare
tra 2,00 m e 2,50 m, ottenendo uno spazio p
laterale abbastanza ampio per l’apertura delle
portiere, mentre la lunghezza
p g è compresa
p tra
4,50 m e 6,00 m.
• La dimensione usualmente adottata in Italia per lo
stallo è pari a 2,50 m x 5,00 m, riducibile in
larghezza a 2,3 m per parcheggi di lunga durata.
LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

GLI STALLI

• Orientando differentemente rispetto alla


corsia di accesso la disposizione
p degli
g stalli,
partendo dall'angolo a 00°° per arrivare a 90
90°°,
si ottiene una serie di combinazioni che
incrementano l'ottimizzazione del rapporto fra
metri qquadrati occupati
p e numero p posti auto

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

DISPOSIZIONE DEGLI STALLI

la disposizione inclinata
resta la p
più facilmente
praticabile dagli utenti,
in q
quanto riduce al
minimo la complessità
delle manovre per
p
entrare ed uscire dal
posto auto
p

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

DISPOSIZIONE DEGLI STALLI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

DISPOSIZIONE DEGLI STALLI

Area per auto


A
(mq)
90° 22,5
60° 26,6
45°
45 31 3
31,3
30° 37,0
0° 12,5

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

STALLI PER VEICOLI NON STANDARD

Stallo a 90°
Frequentazione SUV Microvetture
Larghezza Lunghezza Larghezza Lunghezza
Alta 274 244
457
Media 267 533 267
Bassa 259

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

STALLI PER MOTO


• Per i motocicli si possono prevedere stalli con dimensioni
da 0,6 m a 1 m di larghezza e 2 m di lunghezza.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CORSIE DI MANOVRA

• la corsia adiacente a quella di sosta, utilizzata


per la manovra
p
– delimitata con specifica segnaletica orizzontale e/o
con una pavimentazione ben distinta,
– deve avere una larghezza funzione della posizione e
dell’angolazione dello stallo,con i valori più elevati
per la sosta a 90°
90° rispetto al bordo della
carreggiata.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CORSIE DI MANOVRA
• Le corsie di manovra devono avere una
l h
larghezza, misurata tra glil assi d
delle
ll strisce
che le delimitano, almeno pari a 2,75 m per la
sosta a 30
30°° e fino a 6
6,00
00 m per la sosta
perpendicolare al bordo della carreggiata,
con valori intermedi per le altre inclinazioni.
inclinazioni

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CORSIE DI MANOVRA

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CORSIE DI MANOVRA

• La necessità di spazi da destinare alla sosta,


ben oltre lo spazio
p fisico occupato
p dai veicoli,
ne limita certamente l’applicazione ai contesti
urbani g
già edificati.
• Una possibile soluzione consiste nell’utilizzo
promiscuo della corsia con altre tipologie di
veicoli, realizzando, ad esempio, piste ciclabili
con diritto di precedenza

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PRINCIPI PROGETTUALI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LA SOSTA

generalmente, è opportuno trasferire nei


parcheggi la massima quantità possibile di
sosta presente llungo lle strade
le zone residue lungo le strade saranno
regolamentate
l in modo
d d da consentire solo
l
soste brevi e a pagamento

• Strade parcheggio
• Sosta
S t su strada
t d
• Sosta fuori strada

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

STRADE PARCHEGGIO

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LA SOSTA SU STRADA

Lo stazionamento sulla sede stradale si effettua


• lungo i marciapiedi che fiancheggiano la strada
e separate fisicamente dalla carreggiata da un
elemento divisorio o da apposita segnaletica
• in punti particolari della rete viaria

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

LA SOSTA SU STRADA

• Nella gestione delle aree di sosta su strada è


necessario tenere ppresente alcuni fattori che ne
influenzano direttamente l'efficacia:
– la larghezza
g della carreggiata
gg e qquindi della capacità
p
della sezione;
– l'importanza gerarchica delle strade e il tipo e l'entità
del flusso che le percorre;
– l'accesso agli edifici adiacenti la strada ed in particolare
modo la presenza di attività dove per motivi di
sicurezza è necessario evitare l'ostruzione delle uscite.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

ACCESSO ALLE AREE DI SOSTA

• La possibilità di sosta è, pure, vincolata dalla


circolazione sulle strade di accesso e dalle portate
p
possibili.
• Esiste uno stretto rapporto fra portata delle strade
di accesso e capacità dei luoghi di stazionamento.
• Il valore di tale rapporto viene generalmente
assunto pari a 1:1,5

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

EFFETTI SUL DEFLUSSO

• La manovra di parcheggio genera una


pperturbazione alla circolazione.

• Cause
– Manovra di ingresso/uscita
– Presenza
P di veicoli
i li in
i attesa
tt di uno stallo
t ll libero
lib

Di i
Diminuzione
i llarghezza
h carreggiata
i t

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Sosta in prossimità di attraversamenti


pedonali

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Sosta in pprossimità di attraversamenti


pedonali

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI PER DISABILI


• Trasversalmente più ampi (3,20 m)
• In prossimità di rampe di accesso
• Segnaletica orizzontale

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI PER DISABILI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI PER DISABILI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI PER DISABILI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI PER DISABILI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI PER DISABILI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

FERMATE DEGLI AUTOBUS IN


SERVIZIO PUBBLICO DI LINEA
• Il Codice della Strada il divieto di sosta in
prossimità delle fermate del trasporto pubblico per
favorire la manovra di accostamento e di
reinserimento nel traffico da parte del veicolo.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGIO ALLE FERMATE

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGIO ALLE FERMATE

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGIO ALLE FERMATE

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI FUORI STRADA

• SOSTITUZIONE SOSTA SU STRADA


• INTERSCAMBIO TRASPORTO COLLETTIVO
• IN PROSSIMITA’ DI ZTL
• RIQUALIFICAZIONE URBANA

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CAPACITA’ DINAMICA

• Condizionata dalla percentuale di manovre


• Disposizione degli stalli
• Durata media della sosta

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI FUORI STRADA

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI FUORI STRADA

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI FUORI STRADA

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGI FUORI STRADA

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

PARCHEGGIO DI SCAMBIO

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CARICO E SCARICO DELLE MERCI


Occorrerà individuare e realizzare spazi di sosta
(piazzole) in modo che ogni singola piazzola
(piazzole),
riesca ad essere utile al maggior numero possibile
di esercizi ed attività circostanti.
circostanti

Non dovrebbero essere soggette a tariffazione della


sosta per i veicoli merci durante i previsti orari di
servizio.
i i

In Z.T.L. deve essere fissata una limitazione di


orario da apposita ordinanza sindacale.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

CARICO E SCARICO DELLE MERCI

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Elementi per la localizzazione

1. facile individuazione dell'area di sosta


2. esistenza di sistemi d'informazione sull'occupazione del
parcheggio e sistemi di instradamento
3. sicurezza nell'esecuzione delle manovre d'ingresso ed
uscita dagli stalli e dalle aree di sosta
4. caratteristiche funzionali del parcheggio
5. vicinanza del parcheggio alle destinazioni finali
6. possibilità di interscambio con altri modi di trasporto

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Gestione aree di parcheggio

Fattori fondamentali:
• l'importanza gerarchica
delle strade su cui si
interviene e il tipo e
l' tità del
l'entità d l flusso
fl che
h le
l
percorre;

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Progettazione delle aree di parcheggio

• valutare il numero di ingressi e di uscite necessari,


• studiare la compatibilità dell'infrastruttura con la viabilità
di accesso in modo da minimizzare le possibili interferenze
tra il flusso connesso all'uso del parcheggio e quello di
scorrimento.
i t
• Nel caso della progettazione delle corsie di ingresso ed
uscita dai parcheggi è necessario tenere conto della
larghezza della strada di accesso, del raggio della curva
d'ingresso,
g , della direzione della corrente di traffico e della
distanza dall'intersezione più vicina

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Progettazione delle aree di parcheggio

• Va evidenziata, al fine di minimizzare le


interferenze tra le diverse correnti veicolari,, la
convenienza ad immissioni e diversioni dal flusso
di scorrimento delle autovetture in uscita ed
ingresso dal parcheggio mediante manovre di
svolta a destra.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

• Nel caso di parcheggi a pagamento il grado


d'interferenza del flusso ggenerato-attratto dal
parcheggio con il traffico di scorrimento varia in
relazione alla modalità di ggestione del ritiro del
biglietto d'ingresso e del successivo pagamento.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Sono possibili le seguenti modalità di gestione del


p
parcheggio:
gg
• pagamento all'ingresso/ uscita libera: può produrre
code sulle strade adiacenti;
• ingresso libero/pagamento prima dell'uscita;
maggior efficienza
• ingresso libero/pagamento all'uscita;
• all'ingresso e paga in prossimità dell'uscita.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

Politica della sosta

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

POLITICA DELLA SOSTA E


TARIFFAZIONE
• tariffazione differenziata su base territoriale (intensità
crescente, passando dalle zone periferiche a quelle
centrali);
li)
• la sosta oraria e tariffata, dove viene controllata
efficacemente,
ffi t stat producendo
d d risultati
i lt ti funzionalmente
f i l t più

efficaci rispetto alle tradizionali ZTL per fasce orarie;
• nei nodi di scambio periferici dovrebbe essere consentita la
“lunga sosta” a prezzi relativamente contenuti;
• nei parcheggi di destinazione a ridosso dei centri storici
dovrebbe essere adottata una tariffa più elevata, per
stazionamenti limitati nel tempo.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

COSTO GENERALIZZATO DI SOSTA

Quattro aliquote:
• il costo monetario dovuto alla tariffa di sosta
• il costo medio di multa in caso di sosta illegale od
oltre i limiti temporali massimi consentiti
• il tempo impiegato nella ricerca di un posto di
sosta
t disponibile
di ibil
• il tempo pedonale necessario per raggiungere la
destinazione finale dello spostamento una volta
parcheggiato in una data infrastruttura

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

POLITICA DELLA SOSTA E


TARIFFAZIONE
• cruciale un’efficace attività di vigilanza sugli illeciti e di
controllo sui permessi ai residenti;
• è importante
i t t cheh tali
t li misure
i rappresentino
ti un'occasione
' i per
il reperimento di risorse per l'autofinanziamento di servizi
e di infrastrutture pper la mobilità urbana (p
(politica tariffaria
"dedicata").

Rispetto alle città europee di pari dimensioni, la situazione


delle città italiane risulta aggravata da una più elevata
domanda di sosta,
sosta dovuta ad un più diffuso impiego
dell’automobile, conseguente alla generale insufficienza
delle reti di trasporto pubblico su impianto fisso urbane ed
extraurbane
b
LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

DOCUMENTI DI
PROGRAMMAZIONE
• In fase di attuazione alla specifica realtà, il
Regolamento
g Viario dovrebbe essere supportato
pp
da altri documenti di pianificazione della mobilità
urbana,
• deve essere basato su tipologie differenziate di
impianto, in grado di soddisfare sia le diverse
fasce di utenza, sia le diverse caratteristiche
insediative delle zone servite

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

DOCUMENTI
OCU N DI
PROGRAMMAZIONE
• una politica di regolazione della domanda di
mobilità è possibile soltanto in presenza di una
efficiente
ffi i rete di trasportii pubblici
bbli i e dopo
d la
l
realizzazione di un sistema di parcheggi in grado
di assicurare i livelli di offerta programmati nelle
diverse zone della città;
• gli impianti di parcheggio vengono utilizzati
soltanto se la sosta su strada è regolamentata in
modo chiaro e le disposizioni vengono fatte
rigorosamente osservare.

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

I RISULTATI

• gli interventi di regolazione e tariffazione della


sosta hanno avuto una crescente e simultanea
diffusione nel corso degli ultimi anni;
• la gestione della sosta ha incrementato in modo
evidente il turn-over negli stalli regolati;

LO STAZIONAMENTO
CORSO DI PROGETTO DI INFRASTRUTTURE STRADALI

I RISULTATI

• ancora allo stato iniziale risulta l'organizzazione di


strutture tariffarie integrate
g con i servizi pubblici
p e
differenziate in base alle localizzazioni delle aree
di sosta
• in alcuni casi, gli indici di utilizzazione degli stalli
non sono ottimizzati a causa di sistemi di esazione
tariffaria inefficaci e di difficile utilizzazione

LO STAZIONAMENTO