Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIII n. 49 (46.293) Città del Vaticano giovedì 28 febbraio 2013
.

Durante l’ultima udienza generale Benedetto XVI abbraccia la Chiesa sparsa nel mondo

Non mi sono mai sentito solo


E il Papa spiega che resta in modo nuovo presso il Signore Crocifisso nel recinto di san Pietro

Non un ritorno alla vita privata né un glie la grazia di Dio nella verità e nella ca- essere cristiano. In una bella preghiera da A questo punto vorrei ringraziare di vero re, e lo sperimento precisamente ora, che
abbandono della Croce di Cristo, ma un rità. Questa è la mia fiducia, questa è la recitarsi quotidianamente al mattino si dice: cuore anche tutte le numerose persone in uno riceve la vita proprio quando la dona.
servizio di preghiera svolto sempre «nel recinto mia gioia. «Ti adoro, mio Dio, e ti amo con tutto il tutto il mondo, che nelle ultime settimane Prima ho detto che molte persone che ama-
di san Pietro». Così Benedetto XVI ha Quando, il 19 aprile di quasi otto anni cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto mi hanno inviato segni commoventi di at- no il Signore amano anche il Successore di
spiegato il significato della sua rinuncia al fa, ho accettato di assumere il ministero pe- cristiano...». Sì, siamo contenti per il dono tenzione, di amicizia e di preghiera. Sì, il san Pietro e sono affezionate a lui; che il
papato alla grandissima folla di fedeli che ha trino, ho avuto la ferma certezza che mi ha della fede; è il bene più prezioso, che nes- Papa non è mai solo, ora lo sperimento an- Papa ha veramente fratelli e sorelle, figli e
sempre accompagnato: questa certezza del- suno ci può togliere! Ringraziamo il Signo- cora una volta in un modo così grande che figlie in tutto il mondo, e che si sente al si-
gremito piazza San Pietro mercoledì mattina,
la vita della Chiesa dalla Parola di Dio. In re di questo ogni giorno, con la preghiera e tocca il cuore. Il Papa appartiene a tutti e curo nell’abbraccio della vostra comunione;
27 febbraio, per l’ultima udienza generale del
quel momento, come ho già espresso più con una vita cristiana coerente. Dio ci ama, tantissime persone si sentono molto vicine perché non appartiene più a se stesso, ap-
pontificato. ma attende che anche noi lo amiamo! partiene a tutti e tutti appartengono a lui.
volte, le parole che sono risuonate nel mio a lui. È vero che ricevo lettere dai grandi
cuore sono state: Signore, perché mi chiedi Ma non è solamente Dio che voglio rin- del mondo — dai Capi di Stato, dai Capi Il “sempre” è anche un “per sempre” —
Venerati Fratelli nell’Episcopato e nel questo e che cosa mi chiedi? È un peso graziare in questo momento. Un Papa non religiosi, dai rappresentanti del mondo del- non c’è più un ritornare nel privato. La mia
Presbiterato! grande quello che mi poni sulle spalle, ma è solo nella guida della barca di Pietro, an- la cultura eccetera. Ma ricevo anche moltis- decisione di rinunciare all’esercizio attivo
Distinte Autorità! se Tu me lo chiedi, sulla tua parola getterò che se è la sua prima responsabilità. Io non sime lettere da persone semplici che mi del ministero, non revoca questo. Non ri-
Cari fratelli e sorelle! le reti, sicuro che Tu mi guiderai, anche mi sono mai sentito solo nel portare la scrivono semplicemente dal loro cuore e mi torno alla vita privata, a una vita di viaggi,
con tutte le mie debolezze. E otto anni do- gioia e il peso del ministero petrino; il Si- fanno sentire il loro affetto, che nasce incontri, ricevimenti, conferenze eccetera.
Vi ringrazio di essere venuti così numerosi
po posso dire che il Signore mi ha guidato, gnore mi ha messo accanto tante persone dall’essere insieme con Cristo Gesù, nella Non abbandono la croce, ma resto in mo-
a questa mia ultima Udienza generale. Chiesa. Queste persone non mi scrivono
mi è stato vicino, ho potuto percepire quo- che, con generosità e amore a Dio e alla do nuovo presso il Signore Crocifisso. Non
Grazie di cuore! Sono veramente com- tidianamente la sua presenza. È stato un Chiesa, mi hanno aiutato e mi sono state come si scrive ad esempio ad un principe o porto più la potestà dell’officio per il go-
mosso! E vedo la Chiesa viva! E penso che tratto di cammino della Chiesa che ha avu- vicine. Anzitutto voi, cari Fratelli Cardinali: ad un grande che non si conosce. Mi scri- verno della Chiesa, ma nel servizio della
dobbiamo anche dire un grazie al Creatore to momenti di gioia e di luce, ma anche la vostra saggezza, i vostri consigli, la vo- vono come fratelli e sorelle o come figli e preghiera resto, per così dire, nel recinto di

per il tempo bello che ci dona adesso anco- momenti non facili; mi sono sentito come stra amicizia sono stati per me preziosi; i figlie, con il senso di un legame familiare san Pietro. San Benedetto, il cui nome por-
ra nell’inverno. san Pietro con gli Apostoli nella barca sul miei Collaboratori, ad iniziare dal mio Se- molto affettuoso. Qui si può toccare con to da Papa, mi sarà di grande esempio in
Come l’apostolo Paolo nel testo biblico lago di Galilea: il Signore ci ha donato tan- gretario di Stato che mi ha accompagnato mano che cosa sia Chiesa — non un’orga- questo. Egli ci ha mostrato la via per una
che abbiamo ascoltato, anch’io sento nel ti giorni di sole e di brezza leggera, giorni con fedeltà in questi anni; la Segreteria di nizzazione, un’associazione per fini religiosi vita, che, attiva o passiva, appartiene total-
mio cuore di dover soprattutto ringraziare in cui la pesca è stata abbondante; vi sono Stato e l’intera Curia Romana, come pure o umanitari, ma un corpo vivo, una comu- mente all’opera di Dio.
Dio, che guida e fa crescere la Chiesa, che stati anche momenti in cui le acque erano tutti coloro che, nei vari settori, prestano il nione di fratelli e sorelle nel Corpo di Gesù Ringrazio tutti e ciascuno anche per il ri-
semina la sua Parola e così alimenta la fede agitate ed il vento contrario, come in tutta loro servizio alla Santa Sede: sono tanti Cristo, che ci unisce tutti. Sperimentare la spetto e la comprensione con cui avete ac-
nel suo Popolo. In questo momento il mio la storia della Chiesa, e il Signore sembrava volti che non emergono, rimangono Chiesa in questo modo e poter quasi tocca- colto questa decisione così importante. Io
animo si allarga ed abbraccia tutta la Chie- dormire. Ma ho sempre saputo che in quel- nell’ombra, ma proprio nel silenzio, nella re con le mani la forza della sua verità e continuerò ad accompagnare il cammino
sa sparsa nel mondo; e rendo grazie a Dio la barca c’è il Signore e ho sempre saputo dedizione quotidiana, con spirito di fede e del suo amore, è motivo di gioia, in un della Chiesa con la preghiera e la riflessio-
per le «notizie» che in questi anni del mi- che la barca della Chiesa non è mia, non è umiltà sono stati per me un sostegno sicuro tempo in cui tanti parlano del suo declino. ne, con quella dedizione al Signore e alla
nistero petrino ho potuto ricevere circa la nostra, ma è sua. E il Signore non la lascia e affidabile. Un pensiero speciale alla Chie- Ma vediamo come la Chiesa è viva oggi! sua Sposa che ho cercato di vivere fino ad
fede nel Signore Gesù Cristo, e della carità affondare; è Lui che la conduce, certamente sa di Roma, la mia Diocesi! Non posso di- In questi ultimi mesi, ho sentito che le ora ogni giorno e che vorrei vivere sempre.
che circola realmente nel Corpo della Chie- anche attraverso gli uomini che ha scelto, menticare i Fratelli nell’Episcopato e nel mie forze erano diminuite, e ho chiesto a Vi chiedo di ricordarmi davanti a Dio, e so-
sa e lo fa vivere nell’amore, e della speran- perché così ha voluto. Questa è stata ed è Presbiterato, le persone consacrate e l’inte- Dio con insistenza, nella preghiera, di illu- prattutto di pregare per i Cardinali, chia-
za che ci apre e ci orienta verso la vita in una certezza, che nulla può offuscare. Ed è ro Popolo di Dio: nelle visite pastorali, ne- minarmi con la sua luce per farmi prendere mati ad un compito così rilevante, e per il
pienezza, verso la patria del Cielo. per questo che oggi il mio cuore è colmo di gli incontri, nelle udienze, nei viaggi, ho la decisione più giusta non per il mio bene, nuovo Successore dell’Apostolo Pietro: il
Sento di portare tutti nella preghiera, in ringraziamento a Dio perché non ha fatto sempre percepito grande attenzione e pro- ma per il bene della Chiesa. Ho fatto que- Signore lo accompagni con la luce e la for-
un presente che è quello di Dio, dove rac- mai mancare a tutta la Chiesa e anche a me fondo affetto; ma anch’io ho voluto bene a sto passo nella piena consapevolezza della za del suo Spirito.
colgo ogni incontro, ogni viaggio, ogni vi- la sua consolazione, la sua luce, il suo tutti e a ciascuno, senza distinzioni, con sua gravità e anche novità, ma con una Invochiamo la materna intercessione del-
sita pastorale. Tutto e tutti raccolgo nella amore. quella carità pastorale che è il cuore di ogni profonda serenità d’animo. Amare la Chie- la Vergine Maria Madre di Dio e della
preghiera per affidarli al Signore: perché Siamo nell’Anno della fede, che ho voluto Pastore, soprattutto del Vescovo di Roma, sa significa anche avere il coraggio di fare Chiesa perché accompagni ciascuno di noi
abbiamo piena conoscenza della sua volon- per rafforzare proprio la nostra fede in Dio del Successore dell’Apostolo Pietro. Ogni scelte difficili, sofferte, avendo sempre da- e l’intera comunità ecclesiale; a Lei ci affi-
tà, con ogni sapienza e intelligenza spiri- in un contesto che sembra metterlo sempre giorno ho portato ciascuno di voi nella pre- vanti il bene della Chiesa e non se stessi. diamo, con profonda fiducia.
tuale, e perché possiamo comportarci in più in secondo piano. Vorrei invitare tutti a ghiera, con il cuore di padre. Qui permettetemi di tornare ancora una Cari amici! Dio guida la sua Chiesa, la
y(7HA3J1*QSSKKM( +%!z!$!?!:

maniera degna di Lui, del suo amore, por- rinnovare la ferma fiducia nel Signore, ad Vorrei che il mio saluto e il mio ringra- volta al 19 aprile 2005. La gravità della de- sorregge sempre anche e soprattutto nei
tando frutto in ogni opera buona (cfr. Col affidarci come bambini nelle braccia di ziamento giungesse poi a tutti: il cuore di cisione è stata proprio anche nel fatto che momenti difficili. Non perdiamo mai que-
1, 9-10). Dio, certi che quelle braccia ci sostengono un Papa si allarga al mondo intero. E vor- da quel momento in poi ero impegnato sta visione di fede, che è l’unica vera visio-
In questo momento, c’è in me una gran- sempre e sono ciò che ci permette di cam- rei esprimere la mia gratitudine al Corpo sempre e per sempre dal Signore. Sempre ne del cammino della Chiesa e del mondo.
de fiducia, perché so, sappiamo tutti noi, minare ogni giorno, anche nella fatica. Vor- diplomatico presso la Santa Sede, che ren- — chi assume il ministero petrino non ha Nel nostro cuore, nel cuore di ciascuno di
che la Parola di verità del Vangelo è la for- rei che ognuno si sentisse amato da quel de presente la grande famiglia delle Nazio- più alcuna privacy. Appartiene sempre e to- voi, ci sia sempre la gioiosa certezza che il
za della Chiesa, è la sua vita. Il Vangelo Dio che ha donato il suo Figlio per noi e ni. Qui penso anche a tutti coloro che lavo- talmente a tutti, a tutta la Chiesa. Alla sua Signore ci è accanto, non ci abbandona, ci
purifica e rinnova, porta frutto, dovunque che ci ha mostrato il suo amore senza con- rano per una buona comunicazione e che vita viene, per così dire, totalmente tolta la è vicino e ci avvolge con il suo amore.
la comunità dei credenti lo ascolta e acco- fini. Vorrei che ognuno sentisse la gioia di ringrazio per il loro importante servizio. dimensione privata. Ho potuto sperimenta- Grazie!
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 28 febbraio 2013

Intervento dell’arcivescovo Dominique Mamberti a Ginevra

A tutela della dignità


della persona umana
Dal 24 al 26 febbraio 2013, S.E. Mons. Dominique Mamberti, Segretario per i fondamentali, dove la natura e la di-
Rapporti con gli Stati, si è recato a Ginevra, accompagnato da Mons. Christophe gnità innata della persona umana
Zakhia El-Kassis, Officiale della Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segre- costituiscono elementi chiave. Nella
teria di Stato, per partecipare al Segmento ad Alto Livello del Consiglio dei Di- sua Lettera Enciclica Caritas in veri-
ritti dell’Uomo, al Palais des Nations delle Nazioni Unite. Durante il suo sog- tate del 2009, Papa Benedetto XVI ha
giorno, l’Arcivescovo Mamberti ha avuto incontri con diverse personalità, tra le giustamente osservato: “Si è spesso
quali il Sig. Vuk Jeremi, Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, e notata una relazione tra la rivendica-
i Sig.ri William Lacy Swing, Direttore generale dell’Organizzazione Internazionale zione del diritto al superfluo o addi-
per la Migrazione (Oim/Iom); Francis Gurry, Direttore generale dell’Organizza- rittura alla trasgressione e al vizio,
zione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (Ompi/Wipo); Pascal Lamy, Diret- nelle società opulente, e la mancan-
tore generale dell’Organizzazione Mondiale per il Commercio (Omc/Wto); Kas- za di cibo, di acqua potabile, di
sym-Jomart Tokayev, Direttore generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra istruzione di base o di cure sanitarie
(Unug/Unog). elementari in certe regioni del mon-
do del sottosviluppo e anche nelle
Pubblichiamo qui di seguito una nostra traduzione dell’intervento che S.E. Mons.
periferie di grandi metropoli. La re-
Mamberti ha pronunciato, il giorno 26, al menzionato Segmento ad Alto Livello lazione sta nel fatto che i diritti indi-
del Consiglio dei Diritti dell’Uomo: viduali, svincolati da un quadro di
doveri che conferisca loro un senso
Introduzione Il Consiglio per i Diritti dell’Uo- compiuto, impazziscono e alimenta- gione non stanno diminuendo, ma battito, esercizio che è parte e XVI, Lettera Enciclica Caritas in veri-
Signor Presidente, mo, attraverso le sue attività, deve no una spirale di richieste pratica- che, di fatto, nell’ultimo decennio tutt’uno della vita democratica. tate, n. 28 (29 giugno 2009); AAS 101
La necessità di prevenire, in futu- promuovere il rispetto internazionale dei mente illimitata e priva di criteri” sono aumentate. Oltre il settanta per Tra le molte preoccupazioni legate (2009)].
ro, le immense tragedie della secon- diritti umani, sostenendo allo stesso [Lettera Enciclica Caritas in veritate, cento della popolazione mondiale alla libertà di religione ha un parti-
da guerra mondiale, quando la di- tempo sia i doveri, sia i diritti, e in- n. 43 (29 giugno 2009); AAS 101 vive in luoghi in cui la libertà di re- colare rilievo il destino delle mino- Il contributo della Chiesa cattolica
gnità della persona umana fu pro- coraggiando le libertà e le responsa- (2009)]. ligione non viene pienamente garan- ranze religiose, comprese le comuni- ai diritti umani
fondamente violata e intere popola- bilità concrete degli esseri umani in Pertanto, la tutela della dignità di tita, con forti restrizioni alle creden- tà cristiane che subiscono violenze e Signor Presidente,
zioni vennero distrutte, suscitò nella tutto il mondo. ogni persona umana da un lato, e la ze e alle pratiche religiose, e in cui crudeltà. Come mostra l’ultimo Rap- Il riconoscimento della legittimità
comunità internazionale una conver- Il Consiglio per i Diritti dell’Uo- piena attuazione e il rispetto delle ri- le minoranze religiose pagano il porto del Relatore Speciale sulla li- dei diritti umani da parte della Chie-
genza di idee sui valori fondamentali mo è cresciuto sostenendo la concreta soluzioni di questo Consiglio dall’al- prezzo più alto. Sembra dunque che, bertà di religione, si può e si deve sa cattolica non è solo un dovere
che portò, da un lato, all’istituzione, universalità e indivisibilità dei diritti tro, esortano tutti gli Stati a lavorare malgrado tutti gli strumenti legali fare di più per tutelare la libertà di morale o politico. Ha radici profon-
nel 1946, della Commissione dei di- umani, e deve proteggere, promuove- insieme, in uno spirito di dialogo e disponibili, in molti Paesi non sia religione delle minoranze religiose. de nelle sue convinzioni e nelle sue
ritti umani delle Nazioni Unite — re e aderire a questi principi al fine di apertura, per adottare le risoluzio- stato ancora raggiunto nemmeno un Signor Presidente, credenze. Questo è legato al modo
sostituita, nel 2006, da questo Con- di evitare che i diritti umani scivolino ni in modo consensuale. Di fatto, il livello minimo di tutela della libertà Dovendosi confrontare con con- in cui la Chiesa vede la persona
siglio per i Diritti dell’Uomo — e in un vuoto retorico, in una ideologia o numero delle risoluzioni è meno im- flitti nelle diverse regioni del mon- umana e la sua dignità. Cin-
di religione (The Pew Forum on Re-
culminò, due anni più tardi, con la diventino uno strumento di potere per portante della loro efficacia, l’impo- do, e con il rischio costante di nuovi quant’anni fa il beato Papa Giovanni
ligion, Analysis, 21 novembre 2012).
Dichiarazione Universale dei Diritti imporre agende politiche. sizione di nuovi diritti e principi do- scoppi di violenza, la comunità in- XXIII scrisse: “In una convivenza or-
Tra le ragioni di ciò vi sono una
dell’Uomo (Udhr) e con le Conven- vrebbe essere rimpiazzata dal rispet- ternazionale sta cercando di trovare dinata e feconda va posto come fon-
Signor Presidente, legislazione statale carente, la man-
zioni correlate. to e dal rafforzamento di quelli già nuove vie per assicurare la pacifica damento il principio che ogni essere
Attraverso i suoi meccanismi e le canza di volontà politica, il pregiu-
approvati. In tal modo, si ricercherà coesistenza, come esige la Carta del- umano è persona cioè una natura
sue procedure, specialmente l’Esame dizio culturale, l’odio e l’intolleran-
Le sfide per la protezione il bene comune, si rafforzerà la coo- le Nazioni Unite, e come sostiene in dotata di intelligenza e di volontà li-
Periodico Universale, il Consiglio za. Questi fattori spesso accompa-
della dignità della persona umana per i Diritti dell’Uomo è una forza perazione tra le nazioni e si rispette- modo convincente l’attuale dibattito bera; e quindi è soggetto di diritti e
rà pienamente il principio di sussi- gnano le violazioni della libertà di
Signor Presidente, motrice centrale per lo sviluppo sul diritto alla pace. di doveri che scaturiscono immedia-
diarietà. religione. Tuttavia, la chiave per pro-
Vent’anni fa, la Conferenza Mon- umano, e un servizio positivo per gli muovere la libertà di religione è ri- tamente e simultaneamente dalla sua
diale di Vienna sui diritti dell’uomo Stati membri, che possono migliora- In tale contesto, la Santa Sede La pace come condizione stessa natura: diritti e doveri che so-
continuerà a dare il suo contributo conoscerla come radicata nella di- per i diritti umani
del 1993 proclamò l’indivisibilità e re in modo progressivo l’attuazione no perciò universali, inviolabili, ina-
ai dibattiti di questo Consiglio, per mensione trascendente della dignità
l’universalità di tutti i diritti umani. di tutti i diritti umani, a beneficio di Non si può ottenere una pace du- lienabili. Che se poi si considera la
proporre una riflessione essenzial- umana. La libertà che viene tutelata
Tuttavia, gli sforzi per dare sostanza tutti i cittadini e delle altre persone ratura senza il riconoscimento auten- dignità della persona umana alla lu-
mente etica al suo processo decisio- nella libertà di religione non può es-
alla dichiarata pari importanza e in- che si trovano nel loro territorio. tico della dignità di ogni persona ce della rivelazione divina, allora es-
nale, e per aiutare a tutelare la di- sere ridotta semplicemente alla sua
terdipendenza dei diritti civili e poli- Tuttavia, il modo in cui i cosid- umana. La pace non si raggiunge sa apparirà incomparabilmente più
gnità della persona umana. dimensione politica o addirittura ci- grande, poiché gli uomini sono stati
tici e dei diritti economici, sociali e detti “nuovi diritti” vengono discussi solo quando termina il conflitto ar-
Signor Presidente, vile. È una libertà che pone un limi- redenti dal sangue di Gesù Cristo, e
culturali incontrano ancora grossi e riconosciuti dal Consiglio per i Di- mato, per quanto questo possa esse-
Mi consenta di parlare di alcune te allo Stato e una protezione della re un passo importante; la pace vie- con la grazia sono divenuti figli e
ostacoli sul cammino che conduce al ritti dell’Uomo mette a rischio l’uni-
preoccupazioni specifiche che oggi coscienza dell’individuo contro il ne conquistata dalla società a lungo amici di Dio e costituiti eredi della
loro compimento. Il divario che ne versalità e l’indivisibilità dei diritti
appaiono particolarmente urgenti, e potere statale. Per questo, quando termine solo se lo stato di diritto tra- gloria eterna” [Lettera Enciclica Pa-
risulta mostra l’alto costo che un va- umani e, di conseguenza, la credibi-
lità del Consiglio quale promotore e che darebbero maggiore credibilità e uno Stato la tutela in modo adegua- duce in azione gli standard dei dirit- cem in terris, n. 5 (11 aprile 1963); AAS
sto segmento della popolazione
mondiale deve pagare, come dimo- difensore dei principi della Udhr. status al Consiglio. to, la libertà di religione diventa una ti umani, così come riconosciuti dal- 55 (1963)].
strano la cattiva salute e la mancan- Dobbiamo porci sempre una do- delle fonti della sua legittimità, e un la Udhr e dalle Convenzioni inter- Per questo, milioni di persone e
za di accesso ai medicinali necessari, manda essenziale: i diritti umani so- La libertà di religione indicatore primario di democrazia. nazionali sui diritti umani, un im- migliaia di comunità e Ong cattoli-
la mancanza di una educazione ade- no fondamentali perché vengono ri- Tra le sfide che la comunità inter- Il pieno riconoscimento della li- pegno che la Santa Sede continua a che in tutto il mondo si sono assun-
guata, in particolare per le ragazze, conosciuti da una maggioranza di nazionale ha dovuto affrontare negli bertà religiosa esige pertanto uno sostenere nelle circostanze più di- te come propria responsabilità il
la mancanza di acqua potabile, di ci- Paesi, o sono universali per una pre- ultimi anni c’è il diritto alla libertà Stato che riconosca la dimensione verse. compito di promuovere il rispetto
bo a sufficienza, la costante esclusio- tesa etica, che è precedente al rico- di religione. Il diritto internazionale trascendente della dignità umana. La La chiave per questa ricerca di per la dignità della persona umana e
ne politica di milioni di persone, la noscimento da parte degli Stati e è piuttosto sostanzioso a questo ri- questione in causa è quindi il rico- una pace internazionale nel mondo dei suoi diritti umani inerenti, e so-
mancanza di sicurezza nei conflitti che nasce dalla dignità di ogni per- guardo. Allora perché continua a es- noscimento della dimensione positi- globalizzato è la preservazione e la no di fatto impegnate in azioni pra-
armati, la mancanza di assistenza ai sona? La Santa Sede crede ferma- sere uno dei diritti più frequente- va delle religioni nella pubblica promozione dell’universalità e della tiche per sostenere e promuovere la
migranti e ai rifugiati, nonché la mente che i diritti umani debbano mente e più diffusamente negati e li- piazza quale forza di pace e di liber- indivisibilità dei diritti umani. Nel consapevolezza dell’importanza fon-
mancanza di libertà di espressione e essere giudicati in base al loro riferi- mitati nel mondo? Di recente alcuni tà. Questo è accompagnato dal cor- contesto attuale di un’interconnes- damentale dei diritti umani.
di libertà religiosa. C’è ancora molto mento ai principi fondanti e agli studi autorevoli hanno dimostrato rispondente dovere da parte delle re- sione sempre crescente tra le società,
da fare per rendere l’indivisibilità dei obiettivi contenuti nei documenti che le violazioni alla libertà di reli- ligioni di partecipare al pubblico di- l’adesione allo standard dei diritti Conclusione
diritti umani una realtà. umani diventa sempre più importan- Per concludere, Signor Presidente,
Inoltre, i recenti tentativi di rein- te, e allo stesso tempo anche un pre- la Santa Sede collabora con tutte le
terpretare il significato di alcuni ter- supposto per l’armonia sociale e la persone di buona volontà che opera-
mini cruciali in documenti fonda- pace. Ciò esige una difesa della vita no per assicurare che la Carta e i
mentali, come l’Udhr e le Conven-
zioni correlate, attraverso l’introdu-
Per sostenere l’economia statunitense
Lombardia della persona umana dal concepi-
mento fino alla morte naturale; la
principi delle Nazioni Unite non
vengano solo proclamati, ma anche
zione di espressioni ambigue e posi-
zioni ideologiche, sembrano ignorare La Fed al centrodestra protezione dei diritti del fanciullo, riconosciuti nella loro formulazione,
specialmente il diritto ad avere una nel loro significato e nella loro ap-
le solide fondamenta dei diritti uma- Lazio e Molise famiglia, fondata sul matrimonio tra plicazione autentici. Diversi decenni
ni, indebolire i successi già ottenuti
e minare l’universalità dei diritti
umani.
rilancia gli incentivi al centrosinistra un uomo e una donna, alla quale
spetta la responsabilità primaria
dell’educazione dei figli; la tutela dei
fa, Papa Paolo VI, di venerata memo-
ria, ha lanciato un appello affinché il
mondo s’impegnasse a colmare il di-
Mentre per troppe persone i dirit- WASHINGTON, 27. La Federal Re- sti, una mannaia sull’economia. ROMA, 27. Il centrosinistra si af- diritti delle persone disabili, dei mi- vario tra l’ideale e la realtà. Scrisse:
ti umani fondamentali costituiscono serve continuerà ad aiutare l’eco- Questi tagli sarebbero — ha avver- ferma nelle elezioni regionali del granti e dei rifugiati; la tutela della “La vastità e l’urgenza dell’azione
ancora un’aspirazione praticamente nomia americana fino a quando tito Obama — una ferita autoinflit- Lazio e del Molise, mentre il libertà di religione, della libertà di che deve essere svolta esigono il
inarrivabile, i meccanismi di cui di- non ci sarà un significativo miglio- ta» che rischia di far passare l’eco- centrodestra vince in Lombar- espressione, della libertà di associa- contributo congiunto di tutti. Che
spone il concerto delle nazioni per ramento del mercato del lavoro. nomia americana da una crisi a dia. È questo il risultato delle zione, e così via; la lotta alla discri- cosa possiamo fare per assicurare
proteggere e per promuovere tali di- Ben Bernanke, presidente della un’altra. Per risanare i conti pub- consultazioni amministrative te- minazione basata su sesso, religione, che le risoluzioni internazionali ven-
ritti soffrono a causa di serie con- Banca centrale americana, rassicu- blici serve un «approccio bilancia- nute contemporaneamente alle razza e colore; e la lotta alla violen- gano applicate tra tutti i popoli?
traddizioni, duplicazioni di strutture ra e smorza i timori sugli effetti to», che includa anche un mag- politiche ma il cui spoglio è sta- za contro le donne. Come possiamo assicurare i diritti
e una capacità limitata di attuare in negativi della politica monetaria e gior contributo da parte dei ricchi. to fatto martedì. In Lombardia Nel contesto del dibattito sui di- fondamentali dell’uomo laddove
modo efficace il proprio mandato, delle misure straordinarie adottate E con l’incertezza degli effetti che è stato dunque eletto alla presi- ritti dell’uomo, e su come si debba vengono derisi? Come possiamo, in
poiché non vengono fornite le risor- dal suo istituto. denza della Regione Roberto dar loro concreta e pratica applica- poche parole, intervenire per salvare
i tagli avranno sull’economia, Ber-
se necessarie, stanno crescendo i «I mercati reagiscono all’incer- Maroni, candidato del centrode- zione, una particolare attenzione de- una persona umana ovunque sia mi-
nanke rassicura: la Fed non farà
conflitti di idee tra i gruppi e vengo- tezza» ha detto Bernanke nel cor- stra, che ha ottenuto il 42,8 per ve essere prestata al diritto alla vita, nacciata? Come possiamo far capire
mancare il proprio appoggio.
no perseguiti interessi privati piutto- so di un’audizione al Congresso, cento dei voti. Il suo avversario, alla sua promozione e all’approfon- ai responsabili che è una questione
sto che il bene comune. «La politica monetaria della
riferendosi alla situazione europea. Umberto Ambrosoli, si è ferma- dimento della nostra comprensione che riguarda un’eredità fondamenta-
Fed sta offrendo un importante
«La Bce ha preso importanti mi- to al 38,2 per cento. Nel Lazio a di esso. Non può esserci pace senza le dell’uomo il fatto che nessuno
Il ruolo del Consiglio sostegno alla ripresa; mantenere i
sure; ce ne sono state anche altre e vincere è stato Nicola Zingaretti, il riconoscimento autentico del valo- può nuocere impunemente, con
per i Diritti dell’Uomo tassi di lungo termine bassi ha
lo stress finanziario è ormai mino- che ha ottenuto il 40,6 per cen- re della vita umana. Il rispetto del qualsiasi pretesto, senza attentare a
aiutato il miglioramento del mer- valore della vita non è affatto un li-
Signor Presidente, re rispetto a due anni fa». Bernan- to dei voti contro il 29,4 del ciò che vi è di più sacro per l’essere
ke ha comunque messo in eviden- cato immobiliare e si è tradotto in candidato del centrodestra Fran- mite o una contraddizione alle umano, rovinando in tal modo le
Queste sfide certamente spingono
la comunità internazionale a ricorda- za come la recessione che sta spe- un aumento delle vendite e della cesco Storace. In Molise ha avu- espressioni di libertà. Al contrario, la fondamenta stesse della vita sociale?
re il ruolo importante che il Consi- rimentando il vecchio continente produzione di auto e di altri beni to la meglio Paolo Di Laura libertà di scelta prospera dove il va- Tutti questi sono problemi gravi e
glio per i Diritti dell’Uomo deve possa avere effetti sull’economia durevoli» ha spiegato Bernanke, Frattura, candidato del centrosi- lore più profondo e prioritario della non possiamo farne mistero: sarebbe
svolgere in tre ambiti principali: statunitense, sulla quale già in- difendendo l’acquisto di asset da nistra, che ha ottenuto il 43,7 vita umana viene riconosciuto e tute- inutile proclamare diritti se, al tem-
Il Consiglio per il Diritti dell’Uo- combe lo spettro dei tagli automa- parte della Banca centrale. Tutta- per cento dei consensi a fronte lato. Di fatto, “L’apertura alla vita è po stesso, non facessimo tutto quan-
mo ha il mandato e la capacità di tici alla spesa che scatteranno il via — ha affermato Bernanke — del 26,7 per cento di Angelo al centro del vero sviluppo [...]. Colti- to è in nostro potere per assicurare il
monitorare il rispetto dei diritti umani primo marzo in mancanza di un «anche se la politica monetaria ac- Michele Iorio. In tutte e tre le vando l’apertura alla vita, i popoli dovere di rispettarli, da parte di tut-
in modo permanente e di assicurare accordo in Congresso. «Sarebbero comodante può aumentare alcuni regioni si registra la buona affer- ricchi possono [...] promuovere, in- ti, ovunque, nei confronti di ognu-
che diventino uno standard uni- una zavorra sulla ripresa» afferma tipi di presa di rischio, nelle circo- mazione dei candidati del Movi- vece, azioni virtuose nella prospetti- no” (cfr. Papa Paolo VI, Messaggio
versale da raggiungere per tutti i po- Bernanke. stanze attuali aiuta a ridurre il ri- mento 5 Stelle, che raccolgono il va di una produzione moralmente indirizzato al Presidente della Con-
poli e le nazioni, e un’importante E sui tagli è intervenuto anche schio nel sistema in generale, e so- 13,6 per cento dei voti in Lom- sana e solidale, nel rispetto del dirit- ferenza sui diritti dell’uomo convo-
pietra miliare per il bene comune il presidente Barack Obama, ricor- prattutto rafforza l’economia nel bardia, il 20,3 nel Lazio e il 16,6 to fondamentale di ogni popolo e di cata dalle Nazioni Unite a Teheran
universale. dando che «sono sbagliati, ingiu- suo complesso». per cento in Molise. ogni persona alla vita” [Benedetto dal 22 aprile al 13 maggio 1968).

GIOVANNI MARIA VIAN TIPO GRAFIA VATICANA Aziende promotrici della diffusione de
L’OSSERVATORE ROMANO direttore responsabile EDITRICE L’OSSERVATORE ROMANO
Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Concessionaria di pubblicità
«L’Osservatore Romano»
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va Il Sole 24 Ore S.p.A
Europa: € 410; $ 605 System Comunicazione Pubblicitaria
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Carlo Di Cicco don Sergio Pellini S.D.B. Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Intesa San Paolo
vicedirettore direttore generale Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Alfonso Dell’Erario, direttore generale
Unicuique suum Non praevalebunt Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Romano Ruosi, vicedirettore generale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Ufficio diffusione: telefono 06 698 99470, fax 06 698 82818,
00120 Città del Vaticano Segreteria di redazione ufficiodiffusione@ossrom.va Sede legale Banca Carige
caporedattore Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Ufficio abbonamenti (dalle 8 alle 15.30): telefono 06 698 99480, Società Cattolica di Assicurazione
fax 06 698 85164, info@ossrom.va telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini fax 06 698 83675 Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998
http://www.osservatoreromano.va segretario di redazione segreteria@ossrom.va photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
giovedì 28 febbraio 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Costruttivi Oltre 900.000 persone in fuga dai combattimenti


Critiche
colloqui europee
sul nucleare S’aggrava l’emergenza umanitaria in Siria agli insediamenti
iraniano israeliani
ASTANA, 27. Il prossimo round di TEL AVIV, 27. L’Unione europea
negoziati sul nucleare iraniano tra invita gli Stati membri a ostacola-
Teheran e il gruppo cinque più re le transazioni finanziarie che
uno (i membri permanenti del favoriscono la costruzione degli
Consiglio di sicurezza dell’O nu: insediamenti israeliani nei Territo-
Stati Uniti, Gran Bretagna, Fran-
ri palestinesi in Cisgiordania. È
cia, Russia e Cina; più la Germa-
questa la raccomandazione che
nia) si terrà il 5-6 aprile nella città
arriva dai capi della recente mis-
kazaka di Almaty, dove ieri e oggi
si sono svolti i colloqui: lo ha re- sione Ue a Gerusalemme Est, in
so noto il segretario del consiglio un rapporto pubblicato ieri. Il te-
supremo per la Sicurezza nazio- sto sottolinea che «ci si deve in-
nale Saeed Jalili, capo della dele- formare sulle conseguenze proble-
gazione iraniana, come riferisce matiche, compresa quella che
l’agenzia Itar-Tass. Un incontro a concerne gli investimenti stranieri
livello di esperti si svolgerà il 17 e diretti in favore di attività e servi-
18 marzo a Istanbul. zi» presenti negli insediamenti.
Jalili ha definito «utili» i collo- Nel rapporto stilato dagli esperti
qui svoltisi ad Almaty con il se- della missione si sottolineano le
stetto di mediatori sul programma difficoltà attuali nel processo di
nucleare iraniano. Colloqui che, a pace tra israeliani e palestinesi,
suo avviso, possono portare ad soprattutto in vista della soluzio-
un risultato tangibile. Alcuni ne dei due Stati per due popoli —
punti della risposta del sestetto la soluzione sostenuta dalle Na-
alle proposte iraniane, ha osserva- zioni Unite e dalla comunità in-
to Jalili, sono risultati più realisti- ternazionale.
ci rispetto a quanto accaduto nei Quello degli insediamenti rap-
round precedenti. presenta ancora uno dei nodi cen-
Teheran ha parzialmente preso trali del contenzioso israelo-pale-
in considerazione le proposte del stinese. Più volte nei mesi scorsi il
gruppo cinque più uno sul nu- presidente dell’Autorità palestine-
cleare iraniano. «L’Iran ha pre- se, Abu Mazen, è tornato a chie-
Bambini nel campo profughi di Al Zaatri in Giordania (Reuters)
sentato oggi il proprio approccio dere l’immediata e totale cessazio-
al problema nucleare, nel quale
ne delle attività edilizie israeliane
ha preso in considerazione alcuni DAMASCO, 27. Emergenza umanitaria in Siria. Il raggiungono quota due milioni, mentre oltre della città di Hama. Attivisti hanno denunciato nei Territori in Cisgiordania.
punti delle proposte fatte ieri dal numero delle persone in fuga dai combattimenti quattro milioni hanno bisogno di assistenza. numerosi lanci di colpi di mortaio dall’aeroporto Questa, infatti, è considerata da
sestetto», ha detto il negoziatore in corso nel Paese ha toccato quota 900.000. La Intanto, violenti scontri tra oppositori e forze militare in direzione dei sobborghi a Nord e a
russo, il viceministro degli Esteri Abu Mazen una condizione im-
stima — diffusa ieri dal capo degli affari politici armate si registrano nei pressi della Grande Mo- Sud di Hama. Nei mesi scorsi gli oppositori han- prescindibile per l’avvio dei nego-
Serghiei Riabkov, citato dall’agen- schea di Aleppo, nella Siria settentrionale. Lo ri- no preso il controllo di alcune località lungo l’au-
dell’Onu, Jeffrey Feltman, in una riunione del ziati diretti in vista del raggiungi-
zia Interfax. I colloqui in feriscono fonti degli attivisti. Già ad ottobre dello tostrada Damasco-Hama (Sud) e Hama-Aleppo
Kazakhstan si sono svolti in Consiglio di Sicurezza sul Medio Oriente — con- mento di un’intesa finale. E il te-
scorso anno, la Grande Moschea della seconda (Nord).
un’atmosfera «sincera e costrutti- ferma dunque la gravità della situazione siriana: ma non potrà non essere al centro
città del Paese era stata gravemente danneggiata Sul piano diplomatico, domani, giovedì, si apre
va», secondo il portavoce del Go- soltanto nell’ultimo mese hanno lasciato il Paese della prima visita in Israele e in
dai combattimenti. a Roma la conferenza ministeriale sulla crisi si-
verno cinese Hua Chunying. Si circa 150.000 persone. «Purtroppo — ha spiegato Ostilità sono in corso anche nella provincia di riana. È attesa anche la partecipazione del segre- Cisgiordania del presidente degli
tratta di un problema «complica- Feltman — le parti rimangono concentrate soltan- Hama, nella Siria centrale. Come riferisce l’O sser- tario di Stato americano, John Kerry. È previsto Stati Uniti, Barack Obama, che
to e delicato», che non può essere to su una logica militare che non può fare altro vatorio siriano per i diritti umani, scambi di arti- anche un incontro con i rappresentanti della Coa- inzierà il 20 marzo. Obama do-
risolto «con una o due discussio- che creare ancora morte e distruzione». Feltman glieria sono stati avvertiti vicino al villaggio di lizione dell’opposizione, guidata da Moaz Al vrebbe incontrare tutti i vertici
ni», ha sottolineato, parlando in ha ricordato che dall’inizio del conflitto sono Kafar Nabuda. Secondo l’ong, è stata rafforzata Khatib, che proprio ieri ha accolto l’invito di Ker- del Governo israeliano e dell’Au-
una conferenza stampa a Pechino. morte circa 70.000 persone; gli sfollati nel Paese la presenza delle forze del regime in vari quartieri ry al dialogo. torità palestinese.

Visita di una delegazione di giocatori statunitensi


Il Senato Combattimenti e attentati nel nord e rinnovate tensioni a Bamako

Diplomazia del basket americano Nessun freno alle violenze nel Mali
ratifica la nomina
nella Corea del Nord di Hagel BAMAKO, 27. Nessun freno sembra
porsi alle violenze nel Mali. Le re-
della Difesa francese, Jean-Yves Le
Drian, ha ammesso che questa fase
Toumani Touré, hanno sostenuto
che lo stesso Sanogo sarebbe sfuggi-
gioni settentrionali del Paese restano dell’intervento «è più complicata, bi- to a un progetto per ucciderlo, fi-
PYONGYANG, 27. Dopo il ping Citato dall’agenzia Nuova Cina, WASHINGTON, 27. L’ex senatore teatro di combattimenti e attentati. sogna esaminare sul terreno, minu- nanziato da alcuni deputati dell’op-
pong e il calcio, questa volta tocca Rodman ha affermato: «Tutti i gio- repubblicano del Nebraska, Al tempo stesso, nuove tensioni si ziosamente, lentamente, metro dopo posizione. Sanogo, dopo il golpe, fu
al basket tessere la tela della diplo- catori sono molto contenti di poter Chuck Hagel, dopo settimane di segnalano nella capitale Bamako, metro», in un territorio vastissimo. costretto ad accettare una transizione
mazia. Una delegazione di giocato- visitare questo Paese, e sarà molto travagliato iter parlamentare ha confermando le difficoltà della tran- Il ministro Le Drian ha quindi con- imposta dalla comunità internazio-
ri statunitensi tra cui ex stelle divertente per loro poter interagire ottenuto dal Senato la ratifica sizione destinata a portare il Mali a fermato che l’intervento militare nale, ma di fatto ha mantenuto
dell’Nba, è arrivata ieri nella capi- con il popolo coreano». La Corea della nomina a segretario alla Di- elezioni generali in luglio. francese proseguirà fino a quando grande potere a Bamako.
tale nordcoreana per una visita di del Nord è la centoventiduesima fesa. I voti a favore sono stati 57, Un attentato suicida è stato com- «l’insieme di questo settore non sarà
una settimana. Lo ha riferito fermata di un tour effettuato dal quelli contrari 41. Hagel succede piuto ieri sera con un’autobomba vi- liberato completamente», il che si-
l’agenzia Nuova Cina. I tredici a Leon Panetta. L’ex senatore del cino a una base delle forze francesi a gnifica con ogni probabilità tempi
team in una serie di Paesi e regio-
membri della delegazione, guidata Nebraska è stato sottoposto al Kidal. Fonti militari di Parigi hanno molto più lunghi del previsto.
ni. Uno dei giocatori, Bull Bullard,
da Dennis Rodman, star in pensio-
ne del basket americano, è stata ac- ha detto che la squadra ha ricevuto fuoco di fila di domande dei suoi
ex colleghi di partito, i repubbli-
riferito che vi sono stati almeno
quattro morti, senza peraltro indicar-
Questo scenario di guerra peggio-
ra le condizioni di una popolazione
Disordini
l’invito a recarsi in Corea del Nord
colta da diversi funzionari sportivi
del regime di Pyongyang. circa un mese fa. Bullard ha poi
cani, che, rilevano gli osservatori,
sono stati i più duri con lui. Nel
ne la nazionalità. È stato comunque
precisato che l’attentato è stato com-
che doveva fare già i conti con la
siccità e la carenza di beni di prima
dopo le elezioni
aggiunto: «Per quanto possiamo,
mostreremo le nostre capacità e la
corso delle audizioni per la ratifi- piuto contro il check-point della zo- necessità. La vita di almeno 430.000 a Gibuti
ca della sua nomina, Hagel ha ri- na orientale di Kidal, controllata dai maliani costretti alla fuga dipende
magia del basket. Ci aspettiamo un sposto alle critiche di chi è con- tuareg del Movimento nazionale di da aiuti immediati della comunità GIBUTI, 27. Scontri tra poliziotti e
grande scambio con la gente corea- vinto che egli voglia indebolire liberazione dell’Azawad. internazionale, secondo quanto ha
I talebani na, specie con le famiglie e con i
ragazzi». Da segnalare che oltre a
gli Stati Uniti. Al contrario Hagel Nel frattempo, la battaglia nell’al- detto John Ging, dirigente dell’Uffi-
dimostranti si sono verificati negli
ultimi due giorni a Gibuti, dopo
ha ribadito il proposito di rilan- topiano degli Ifoghas, dove hanno cio dell’Onu per il coordinamento l’ufficializzazione della vittoria
uccidono partecipare ad avvenimenti sportivi
i giocatori, prima di ripartire, il 5
ciare il ruolo degli Stati Uniti nel riparato gran parte dei miliziani jiha- degli aiuti umanitari da poco rien- nelle legislative di venerdì scorso
panorama internazionale. L’ex se- disti, conferma le perplessità di que- trato a New York dal Mali. dell’Unione per la maggioranza
diciotto poliziotti marzo, si recheranno in visita al natore, ricorda l’Ansa, aveva rotto gli osservatori che avevano ritenuto Notizie che giungono da Bamako, presidenziale (Ump), il partito
villaggio di Panmunjeom, sul con- con i repubblicani in merito alla improbabile un successo in tempi intanto, anche se prive di verifiche del presidente Ismael Omar
afghani fine tra la Corea del Nord e la Co- guerra in Iraq. Hagel ha garanti- brevi dell’intervento delle truppe indipendenti, confermano tensioni Guelleh, al potere dal 1999. Nel
rea del Sud, dove il 27 luglio del to che tra gli obiettivi figura quel- francesi affiancate dall’esercito ma- fortissime. I sostenitori del capitano denunciare le violenze un porta-
KABUL, 27. Non si fermano le 1953 venne firmato l’armistizio che lo di mantenere alta la pressione liano e dalla Misma, la missione del- Amadou Haya Sanogo, che lo scor- voce del partito di opposizione
violenze sia in Afghanistan sia interruppe la sanguinosa guerra di sui gruppi terroristici, in partico- la Comunità economica degli Stati so anno guidò il golpe militare che Unione per la salvezza nazionale,
in Pakistan. Oggi si è appreso Corea scoppiata tre anni prima. lare nello Yemen e in Somalia. dell’Africa occidentale. Il ministro spodestò il presidente Amadou ha ripetuto le accuse di brogli
che un commando talebano ha nelle elezioni. Secondo la rico-
attaccato una base della polizia struzione del portavoce dell’op-
locale: diciotto agenti sono ri- posizione, priva di conferme indi-
masti uccisi. Il fatto è avvenuto pendenti, la polizia ha utilizzato
nella provincia centrale di Ghaz- Secondo il Fronte di salvezza nazionale non ci sono garanzie per la trasparenza a più riprese gas lacrimogeni per
ni. Lo scorso anno alcuni poli- disperdere i manifestanti. Il por-
ziotti di questa base avevano ap-
poggiato una rivolta contro i
miliziani talebani nel distretto di
L’opposizione boicotta il voto in Egitto tavoce ha parlato di tensione par-
ticolarmente alta nel quartiere su-
doccidentale di Balbala.
Andar. Più in generale va rileva- IL CAIRO, 27. Il Fronte di salvezza richieste sono state respinte», ha af- Secondo i risultati annunciati
to che negli ultimi tempi più nazionale delle opposizioni egiziane fermato un altro esponente del Fron- nel fine settimana, l’Upm ha otte-
volte poliziotti afghani sono fi- stabilirà un piano d’azione per met- te, Sameh Ashour, annunciando che nuto l’80 per cento dei seggi del
niti nel mirino dei miliziani, tere in atto il boicottaggio delle ele- il Fronte non sarebbe andato nem- Parlamento, 52 seggi su 65, cioè il
nel’ambito di un’azione destabi- massimo, dato che una nuova leg-
zioni di aprile e «fornire delle alter- meno alla riunione convocata ieri dal
lizzante che punta a colpire tutti ge elettorale garantisce all’opposi-
native». Lo ha detto oggi il coordi- presidente, Mohammed Mursi, per
coloro che, a vario titolo, sono zione almeno un quinto dei seggi.
natore Mohamed ElBaradei aggiun- discutere della trasparenza del voto.
chiamati a garantire la sicurezza Nel Parlamento uscente l’Upm
gendo: «Non inganneremo il popolo Il Fronte ha bocciato l’iniziativa aveva la totalità dei seggi. All’in-
del territorio. E in Pakistan si
sono registrati nuovi attacchi con una partecipazione a una falsa del presidente sostenendo che non ci domani del voto, il ministro degli
contro i volontari impegnati nel democrazia qualsiasi siano le pressio- sono garanzie per la trasparenza e Interni, Hassan Darar Houffaneh,
programma antipolio. Scono- ni interne o esterne». È dunque an- accusando i Fratelli musulmani di aveva detto che l’Ump ha ottenu-
sciuti a bordo di una motoci- cora crisi politica in Egitto. Il Fronte voler controllare tutto il potere. In to il 49,39 per cento delle prefe-
cletta hanno compiuto ieri un di salvezza nazionale al termine di apertura della riunione sulle regole renze, contro il 47,61 dell’opposi-
attacco a Mardan, nella provin- una riunione ha deciso, all’unanimi- elettorali, trasmessa in diretta televi- zione, nella capitale Gibuti, dove
cia nordoccidentale di Khyber tà, di boicottare le elezioni legislative siva, Mursi ha fatto appello alle op- vivono i tre quarti dei circa otto-
Pakhtunkhwa: l’agente che scor- che inizieranno il 22 aprile. posizioni a partecipare a questo tavo- centomila abitanti del Paese, e un
tava il team dei volontari è ri- La scelta di boicottare il voto in lo e ha assicurato che sarà sua re- margine di vantaggio ancora più
masto ucciso. Negli ultimi mesi Egitto era già stata presa dall’ex can- sponsabilità assicurare la trasparenza ampio nelle altre cinque circoscri-
diciannove volontari sono stati didato nasseriano alla presidenza del voto che dal 22 aprile si svolgerà zioni elettorali, meno popolose.
uccisi da militanti armati, i quali Hamdin Sabbahi, che aveva deciso in quattro tappe, divise per aree geo- Collocato all’ingresso del Mar
ritengono che la campagna anti- da giorni di non partecipare alle ele- grafiche, per eleggere la Camera bas- Rosso, Gibuti ha una forte im-
polio faccia parte di una strate- zioni. «Abbiamo chiesto un dialogo sa del Parlamento. L’Assemblea del portanza strategica, ospita l’unica
gia per raccogliere informazioni fra le forze politiche serio, le dimis- popolo è stata sciolta lo scorso giu- base militare statunitense perma-
utili alle forze di sicurezza nelle sioni del Governo incapace e del gno dopo la sentenza di incostituzio- nente e la più importante di quel-
zone più remote del Paese. procuratore generale, ma tutte queste nalità della legge elettorale. Mohamed ElBaradei uno dei leader dell’opposizione egiziana (Afp) le francesi in Africa.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 28 febbraio 2013

L’eugenetica nata a fine Ottocento è divenuta trama culturale ancora viva nelle nostre società

Brodo di coltura
di tante ideologie di successo
di LUCETTA SCARAFFIA scorsi totalmente accettabili — anzi neare quanto la rivoluzione sessuale, tiguità viene inoltre confermata dalla
accettati — dalla cultura occidentale in particolare dei comportamenti inquietante simultaneità fra l’intro-
econdo la cultura eugeni- contemporanea. Ma è interessante femminili, debba alla cultura euge- duzione della prassi eugenetica e la

S sta, la debolezza del desi- scoprire quanto sia stata proprio la netica. legalizzazione dell’aborto e della
derio e la fragilità umana «scienza eugenetica» a contribuire a Ancora una volta dobbiamo ricor- contraccezione in quasi tutti i Paesi
erano all’origine della sof- renderli opinione comune, quanto dare come l’eugenetica fosse caratte- in cui l’eugenetica è stata applicata.
ferenza, della sterilità e una autorità scientifica — che oggi rizzata da un’ambizione utopica, e L’esempio più evidente, anche su
della morte. Il matrimonio e la ses- sappiamo basata in realtà su presup- ammantata della pretesa di fare il questo fronte, è quello scandinavo
sualità divenivano quindi questioni posti falsi — abbia contribuito a tra- bene dell’umanità: la sua brutalità dove, sottolinea Colla, si è verificata
cruciali nella battaglia per migliorare sformare i comportamenti morali era sempre giustificata, infatti, dalla una «continuità inquietante e nega-
l’umanità e pertanto i teorici della ta» fra questi due fenomeni.
della nostra società. pretesa di ricercare il benessere uni-
biologia erano interessati a smuovere L’eugenetica, d’altra parte, si pre-
Non si vuole qui certo negare che versale. Essa presentava, quindi, una
tutti i tabù che si opponevano al di- senta sempre come ideologia scienti-
le radici dei movimenti femministi, palese assonanza con tutte le utopie fica rivoluzionaria, perché riesce a
scorso sulla sessualità: se c’era una
speranza di salvare l’umanità, era so- di emancipazione e di liberazione politiche del Novecento, e in parti- far passare la sua inquietante spre-
lo stabilendo comportamenti fondati delle donne, abbiano le loro origini colare con quella che più da vicino giudicatezza morale come altruismo
sulle necessità dell’evoluzione, solo nella cultura politica liberale e de- aveva a che fare con la procreazione, a fin di bene, come estensione
operando una rivoluzione culturale mocratica, ma è necessario sottoli- cioè con il femminismo. Questa con- dell’amore per il prossimo alle gene-
finalizzata a diffondere la «raziona- razioni future. Questo quadro mora-
lizzazione della sessualità». le ha dato frutti recenti nella campa-
Nei discorsi di questi eugenisti gna per la limitazione delle nascite
troviamo elementi di grande moder- nel Terzo mondo, campagna a cui
nità, vere e proprie anticipazioni di Il pericolo delle buone intenzioni gli svedesi hanno partecipato con
quella che sarà la rivoluzione sessua- competenza ed entusiasmo.
le degli anni Sessanta del Novecen- La particolarità del volume Per una storia dell’eugenetica. Il pericolo delle Anche dopo la scoperta della
to, nonché della liberazione della buone intenzioni (Brescia, Morcelliana, 2012, pagine 320, euro 25), da quantità delle sterilizzazioni e del
donna e dei movimenti femministi cui sono tratti i due contributi pubblicati in questa pagina, è quella di lungo periodo in cui esse sono state
degli anni Settanta. Principi vera- indagare l’impatto che l’eugenetica ha avuto nella cultura dei Paesi do- effettuate in Svezia, alcuni storici —
mente rivoluzionari, quindi, che po- ve si è affermata, portando — come si legge nell’introduzione — «a un come Broberg e Tydén — hanno cer-
tevano trovare orecchie attente, in inedito successo la divulgazione scientifica», grazie alla «affermazione cato di difendere l’operato del Go-
quei primi decenni del Novecento, di nuove élites politico-intellettuali, composte da scienziati o da abili verno svedese dipingendo come no-
solo perché essi venivano presentati divulgatori che riuscivano a farsi considerare veri scienziati. Ha provo- bile se non la prassi, almeno il moti-
come frutto di un sapere scientifico, cato, in sostanza, una sorta di terremoto culturale, dal quale non è ri- vo che aveva ispirato questa politica.
quale per l’appunto si presentava masta indenne neppure la letteratura». Tra le nuove ideologie favorite Gli eugenisti avrebbero agito come
l’eugenetica. E ancora oggi, se to- dall’eugenetica, vi è stato anche il femminismo, «in quanto fondato sul agirono perché ispirati dalla visione
gliamo da quei libri e da quei di- controllo della procreazione e sulla sua separazione dalla sessualità». Il utopica della famiglia ideale, preoc-
scorsi le frasi a favore della rigenera- risultato è travolgente: «l’eugenetica fa passare, in modo quasi imper- cupati per il benessere della madre e
zione della razza, del miglioramento cettibile, una nuova concezione di essere umano, non più considerato del nucleo familiare. Per effetto del
Salvador Dalí, «Baby mappa del mondo» (1939) della specie da favorire con ogni essere privilegiato rispetto agli animali, e una idea di umanità non più loro tentativo di giustificazione, il
dalla copertina del libro «Per una storia dell’eugenetica. Il pericolo delle buone intenzioni» mezzo, ci troviamo di fronte a di- composta da esseri uguali». controllo sociale della riproduzione,
liberato dall’ipoteca razzista,
appare come proporzionale
all’investimento utopico nel
miglioramento delle condi-

Mi sono perso qualche cosa? zioni di vita, se non addirit-


tura come progetto di eman-
cipazione dell’individuo.
Si tratta di un’ottica che
presente che, allora, l’ormone femminile Devi curare la loro brava permette di interpretare co-
di ODD ONE CAMERANA
dell’affettività non avrebbe ragione di esistere, immagine, avere l’uomo del- me vittorie della libertà indi-
Arrivati a questo punto una domanda s’impo- e quanto alla controversia, anch’essa in corso, le pierre. È la legge del viduale — la sterilizzazione è
ne: che ne è della fiction? Il riferimento, ovvia- sulla genetica che va bene quando si tratta branding. diventata nel secondo dopo-
mente, è alla narrativa ispirata all’ingegneria della fecondazione assistita, in vitro e eterolo- A scanso di equivoci, lo guerra prevalentemente, ma
ga, ma non va più bene quando si tratta di diciamo ancora una volta: a non del tutto, pratica volon-
genetica. Nel secondo capitolo di questo testo
verificare la paternità biologica perché quella noi va bene così. Siamo per taria — anche una serie di ri-
si è parlato del sospetto con cui la letteratura che conta è la paternità culturale, va tenuto
la medicina che rigenera e forme precedenti come, nella
ha accolto l’avvento delle macchine fin dalle presente che il risultato di queste, come di al- Svezia del 1933, la nascita
non vogliamo finire come
origini, la trasformazione del mondo in forma tre diatribe dello stesso genere, è che ogni co- quelli che a un certo punto del primo ente nazionale per
tecnologica e i primi passi compiuti dalla bio- mune mortale sia portato a dire: be’, si metta- della vita si trovano a dover la promozione dell’educazio-
logia nel segreto dei laboratori verso la crea- no d’accordo, a noi va bene così. Noi, come dire: «Scusate, ci siamo per- ne sessuale. Nel 1936 poi fu
zione della vita. Ma ora che, tra- si qualcosa?» No, nel modo soppresso il divieto di vendi-
scorsi circa duecento anni, il bio- più assoluto, noi diciamo ta dei mezzi contraccettivi, e
logo Craig Venter, padre dei mi- Sottoposto al bombardamento dei media anche: «Non siamo nati per nel 1938 venne legalizzato
crobi artificiali, ha annunciato di il comune mortale impara invecchiare». l’aborto per motivi eugeneti-
essere vicino al traguardo, la lette- Il fatto è che tra di noi ci, come era avvenuto in
ratura che dice? che se è obeso è colpa di un virus non c’è più nessuno che si Germania.
Marlon Brando nel film «The Island of Dr. Moreau» (1996)
Poco alla volta e a mano a ma- E che per trovare la verità chiede: dove sono finiti Ma- Sembrano solo applicazio-
no che tecnica, biologia, medicina ry Shelley, Stevenson e G. ni dello slogan «razionaliz-
e ingegneria genetica, insieme ai
deve rivolgersi alla biologia
H. Wells? O che alzi la voce per dire: ridateci più di uno, noi diciamo: cari signori, avete zare la sessualità» caro agli eugeni-
traguardi raggiunti, consolidano il il Dr. Moreau! Questi era uno scienziato paz- forse intenzione di tornare al Cottolengo? sti, che però non avevano certo lo
loro potere e allargano la loro influenza, sem- gruppo, siamo per il concetto del zero difetti zo, un criminale e tale rimane, anche se a Guardate che, oggi come oggi, quelli sono ec- scopo di favorire indiscriminatamen-
bra che la fiction in grado fino a ieri di oppor- (per i nascituri) e del no limits (per la qualcuno è parso che abbia mostrato quello cessi di carità che si possono e si debbono as- te l’autodeterminazione del singolo.
si con tanto successo sia oggi capace più che scienza). che poteva succedere in un laboratorio. Per solutamente evitare. Bisogna osservare che, ovunque è
altro di agitarsi, ma non di formulare un’in- Ogni problema, ha la sua soluzione. Siamo questo noi non diciamo: dateci qualcuno che stata applicata la sterilizzazione, il
Passando a un argomento parallelo, non ci
terpretazione indipendente, così come aveva o no nell’epoca della tecnica? «Ciò che puo’ ci mostri l’altra faccia della medaglia. A noi va per niente bene che si dica che dietro gli controllo delle nascite si è posto in
fatto nei secoli precedenti. essere fatto, lo sarà», ha detto Jacques Ellul e va bene così. primo luogo come suo complemen-
I romanzi Ricambi di M. M. Smith e Next noi lo ripetiamo: a noi va bene che la vita, la studi sul cervello, alla ricerca di dove stiano la to, dal momento che la sterilizzazio-
Noi amiamo la natura, compriamo la vedu-
di M. Crichton, per quanto diffusi e celebri, nostra vita, oggi come oggi, non sia più un memoria, i sentimenti, l’eros, la violenza, le ne non era certo proposta come l’ul-
ra al negozio del biologico, ma non siamo co-
non hanno la presa che hanno avuto i raccon- mistero o un dono, ma una cosa, un bene, un emozioni o quello che volete, si nasconda la tima possibilità per coppie che non
sì stupidi da non capire che c’è artificiale e ar-
ti di Mary Shelley, di Stevenson e di G.H. oggetto, un po’ come un prodotto, una confe- pretesa delle neuroscienze di avere mano libe- dovevano procreare. È evidente che
tificiale, e che di questi ce n’è uno di fronte al
Wells. Assuefazione? Adattamento? Altri inte- zione. Uno va al supermercato, si guarda in- quale bisogna inchinarsi dicendo: quando ci ra per darci dentro con la biochimica, con i il progetto di «razionalizzare la ses-
ressi, come ad esempio l’ambientalismo? Tut- torno, cammina lungo gli scaffali e sceglie. vuole, ci vuole. Sappiamo bene che c’è chi si medicinali e la farmaceutica. sualità» non poteva essere realizzato
to è possibile, senza escludere il sospetto che Prende e porta via, purché paghi. Tutto ha un chiede se è proprio vero che l’eugenetica è co- Ma vogliamo scherzare? Dire che siamo se non in un clima favorevole alla
l’atteggiamento, diciamo rilassato, della fiction prezzo. gestione della propria fecondità: ri-
sa del passato e che mette in dubbio il fatto tutti un po’ malati e un po’ disturbati e per-
nei riguardi della biologia sia dovuto alla for- Anche per la scienza non è più come una ciò tutti bisognosi di cure non vuol dire che il sulta evidente, allora, il legame ideo-
che «siamo quello che dicono i nostri geni».
za del bombardamento scientifico a cui è sot- volta. Oggi la scienza, tutte le scienze, dalla logico fra eugenetica e femminismo,
Sappiamo anche che c’è più di uno che non è mondo sia stato trasformato in una specie di
toposto attraverso i media ogni comune mor- medicina alla biologia, ubbidiscono alle leggi si spiega bene la loro inevitabile col-
d’accordo sul fatto che la verità che conta sia vivaio o in una sorta di allevamento o in «un
tale. del mercato. Fai una scoperta? Fabbrichi un laborazione.
quella biologica e che non c’era bisogno di gigantesco pronto soccorso» come invece so-
Oggi come oggi, ogni comune mortale sot- virus? Trovi una nuova medicina? Bene, sappi L’eugenetica si è presentata infatti
toposto al bombardamento dei media di cui che sono cose che non valgono niente se poi creare tutta l’aspettativa che si è
come una sorta di «passione colletti-
sopra sa alcune cose che ieri, per limitarsi alla non le sostieni con il tuo bravo marketing. creata intorno a essa. E che c’è più
Oggi la vita non è più considerata va», portatrice di altre possibilità di
materia scientifica, non sapeva. Sa che l’euge- di uno che si chiede se non stiamo sviluppo ideologico, che ricevono
netica dei popoli è un capitolo chiuso. Alme- creando una razza di spostati, di fa- un mistero o un dono dalla sua pretesa di scientificità una
no così gli è stato detto. Sa che c’è il Dna. natici di nuovo tipo, come quelli che aureola giustificativa in grado di fa-
ripetono tutti insieme: a noi va bene ma una cosa, un bene, un oggetto
Che oltre a essere documento identitario, pa- cilitare l’accettazione di novità rivo-
tente, certificato, una specie di codice fiscale, così. Sapete cosa rispondiamo loro? Vai al supermercato, paghi e porti via luzionarie che essa implicava per la
di numero di partita Iva, di password e di Che, anche così, a noi va bene. struttura sociale base della società, la
pin, il Dna è la sua cartella clinica, il suo oro- Come ci va bene che si parli di famiglia.
scopo, se non la sua anima. Sa che se vuole una nuova religione della vita che promette stiene minacciosamente qualcuno. A lui dicia- Non dobbiamo sottovalutare, pe-
controllare la propria paternità biologica oggi che i desideri siano diritti. Ci mancherebbe mo: non esagerare. rò, il fatto inoppugnabile che prati-
è possibile. Il Dna dice o cerca di dire chi sei, altro. Leggendo i giornali abbiamo appreso di E siamo così tornati al tema della fiction in che oggi ormai universalmente accet-
da dove vieni, dove vai, quanto durerai e di una ricerca, varata dalla National Geographic materia di ingegneria genetica, tema d’avvio tate, e considerate sintomo di mo-
cosa morirai. Society, sulle origini geografiche dei venezia- del capitolo presente. A questo proposito ci dernità e rispetto dei diritti dell’indi-
Sfamare il mondo? Con gli organismi gene- ni, ricerca fatta allo scopo di salvarne il codi- limitiamo a dire quanto segue: che si tratti di viduo, come la contraccezione e
ticamente modificati oggi si può. Creare la vi- ce genetico. E allora? Non c’è niente da ride- questo o di quest’altro autore, ci teniamo a far l’aborto, siano nate e si siano diffuse
ta? Oggi è possibile. Meno infezioni. Meno re. Come non c’è da scandalizzarsi se c’è stato sapere che non abbiamo mai dato loro peso nell’ambito della pratica eugenetica
inquinamento. La felicità? È un gene. La ma- qualcuno che, in occasione della vicenda della più di tanto. Leggendoli, ci siamo divertiti, e per motivi eugenetici che si voleva-
ternità? Più che un istinto, è «una pulsione minorenne stuprata nel parco della Caffarella certo, anche se dobiamo ammettere che il te- no scientifici, ma che poi sono stati
del Dna». a Roma, ha parlato del Dna rumeno a propo- sto di Mary Shelley sul Dr. Frankestein è più scoperti come privi di ogni giustifi-
Sottoposto al bombardamento dei media di sito dei due sospettati, chiamati uno «il bion- cazione medica.
suggestivo di quello un po’ farraginoso di
cui sopra, lo stesso comune mortale ha appre- dino», l’altro «faccia da pugile», poi scagio- Non si può considerare indifferen-
Michael Crichton, popolato di mezze calzette
so inoltre che il test genetico ha salvato dalla nati dal test del Dna. Non è sucesso niente. E te né moralmente né culturalmente il
prese dal turbine della genetica. Ma il punto
sedia elettrica più di un innocente imputato allora? C’era bisogno di tirare fuori la storia modo in cui una nuova pratica, co-
di stupro. E ha letto che, colpevole di aver dell’habeas vultus e dell’habeas corpus come se che ci sta più a cuore riguarda la faccenda me la contraccezione, o l’eliminazio-
ucciso un boliviano reo di avergli dato del i due avessero corso il rischio di essere linciati dell’eredità genetica da cui saremmo o no de- ne di un millenario divieto, come
gay, un algerino ha ottenuto una riduzione di per il loro aspetto fisico? E ancora: tutto que- terminati, questione che tanto anima le di- quello concernente l’aborto, si sono
pena dal giudice che ha accolto la perizia sul- sto allarme intorno al culto del Dna, come si scussioni tra deterministi e progressisti. diffuse in una società: la vicinanza
la sua predisposizione genetica. Sei obeso? trattasse di una divinità, e tutte queste riserve Il fatto è che in materia di libero arbitrio fra femminismo ed eugenetica, che si
Colpa di un virus. La verità? Rivolgersi alla nei riguardi dei controlli prenatali dietro i noi la pensiamo come Hume per il quale «la spiega proprio con l’appoggio che
biologia. quali si nasconderebbe un ritorno al passato, volontà è una sensazione». Cosa che dice tut- l’eugenetica ha dato al controllo del-
Quanto alle discussioni in corso tra chi so- se a qualcuno fanno venire in mente l’eugene- to e niente, l’ideale per gente come noi a cui la fecondità, costituisce un tratto ori-
stiene che le differenze sessuali non esistono Illustrazione dall’edizione del 1831 tica di una volta e i programmi di igiene di va bene tutto, salvo l’idea di essersi persi ginario inquietante sul quale è dove-
(siamo solo stati educati a crederlo) e chi fa di «Frankenstein» di Mary Shelley un tempo, a questi qualcuno, che sono certo qualcosa. roso riflettere.
giovedì 28 febbraio 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

La scelta di Benedetto XVI e l’esercizio dell’umiltà

Sulle orme di Gregorio Magno


di PIETRO MELONI* troppo grande» (Regola pastorale, II, nuto per disposizione divina» (Lette- riecheggiano la voce di Gregorio ad avere una «auto-
6). Benedetto XVI rinunciando al Pa- re al vescovo Leandro, 1, 1 e 1, 41). Magno: «La Chiesa soffre di più per rità umile» e i fede-
l Papa è «il servo dei servi di pato ha manifestato la sua sincera Egli si accorgeva che «le cure as- i cattivi esempi dei suoi, che non per li ad avere una

I Dio». San Gregorio Magno umiltà e ricevendo sul capo le ceneri sunte con il governo delle anime di- i colpi che riceve dagli estranei» «umiltà libera»
scelse questo “stemma episco- all’inizio del cammino quaresimale sperdono il cuore in varie direzioni», (Moralia, 31, 37). (Omelie su Ezechiele,
pale” perché si sentiva chia- ha detto che Gesù non gradisce «il ma obbediva alla volontà di Dio e Papa Ratzinger ha sentito la no- I, 9, 12), mostrando
mato a essere il più umile tra comportamento di chi vuole appari- incoraggiava ogni ministro del Van- stalgia del deserto e ha esperimenta- che nell’umiltà e
i servitori di Dio e degli uomini. re, gli atteggiamenti che cercano gelo, mostrando che i carismi «non to la fatica di conciliare la vita attiva nella carità del mi-
L’umiltà è per lui la carta d’identità l’applauso». li ha ricevuti soltanto per sé, ma an- con la vita contemplativa, ma ha im- nistro dell’altare,
del sacerdote, del vescovo, del Papa. Il Papa è stato chiamato a guidare che per gli altri» (Regola pastorale, I, parato da Gregorio Magno che la Dio svela la «mi-
L’umiltà deve essere l’atteggiamento la “barca di Pietro” dallo Spirito 4-5). vera umiltà è «stare alla guida degli tezza del suo ani-
del ministro di Dio prima della chia- Santo e forse ha un po’ provato lo Benedetto XVI ha umilmente in- altri seguendo la decisione della vo- mo» (Regola pasto-
mata al servizio, perché chi non è smarrimento di Gregorio Magno, carnato l’ideale che san Gregorio lontà divina» (Regola pastorale, I, 6). rale, II, 5).
stato umile nella sua vita precedente che appena elevato alla Cattedra di Magno proponeva al ministro di Sulle orme del suo antico predeces- Gli artisti hanno
«non è in grado di apprendere Dio: «sia puro nel sore è ricorso «alla penitenza dentro dipinto san Grego-
l’umiltà quando sia salito al luogo pensiero, esemplare di sé per ottenere il perdono degli rio nell’immagine
più alto» (Regola pastorale, I, 9). A Come il grande Padre della Chiesa nell’azione, discreto altri con il suo pianto» e ha abitato della “colomba”.
me sembra di vedere in queste paro- Papa Ratzinger sa che la guida dei fedeli nel suo silenzio, nella sua oasi interiore sapendo che Benedetto XVI è ap-
le di Gregorio Magno il ritratto di utile con la sua pa- «chi veglia all’ufficio della predica- parso a noi come
Papa Benedetto XVI, che fin dal è «l’arte delle arti» rola: sia vicino a zione non deve cessare dall’amoroso una “colomba”.
giorno della sua elezione si presentò e che «il cuore degli ascoltatori ogni persona con la studio della lectio divina» (ibidem, II, Il gesto inatteso
al mondo come «un umile lavorato- sua condivisione e 10-11). Sapeva che la guida dei fedeli della sua “rinuncia”
re nella vigna del Signore». è penetrato più facilmente dalle parole sia, più di tutti gli è «l’arte delle arti» e che «il cuore al pontificato ha
Il Papa è immagine di Cristo, che che trovano conferma nella vita di chi parla» altri, dedito alla degli ascoltatori è penetrato più fa- gettato nello stupo-
è venuto sulla terra «per servire e contemplazione; sia cilmente dalle parole che trovano re e nel pianto mol-
dare la sua vita» e ha raccomandato umile alleato di chi conferma nella vita di chi parla» ti sacerdoti e fedeli, Carlo Saraceni, «Papa Gregorio Magno» (1610)
agli apostoli: «il più grande tra voi Pietro confidava: «Con la veste va- fa il bene, ma per il suo zelo a favo- (ibidem, I, 1 e II, 3). E da bravo mu- ma ha contempora-
sia il servo di tutti» (Luca, 22, 27). riopinta dell’episcopato io debbo ri- re della giustizia sia inflessibile con- sicista ha valorizzato il fascino della neamente manife-
Maria di Nazaret nel Magnificat rin- tuffarmi nel mondo» (Lettera, 1, 5). tro i vizi dei peccatori; non attenui preghiera nel canto: «Quando ele- stato la sua umiltà, infondendo la sibile richiede piene energie del cor-
grazia Dio perché «ha guardato Il santo vescovo non nascondeva la cura della vita interiore nelle oc- viamo a Dio il nostro canto, noi gli certezza che «la Chiesa è di Cristo» po e dello spirito. E ora domanda ai
l’umiltà della sua serva» (Luca, 1, agli amici la sua preoccupazione, di- cupazioni esterne e non tralasci di apriamo la strada affinché venga nel (Discorso all’udienza generale, 13 suoi figli, come san Gregorio Ma-
48). Gregorio Magno domandò al cendo: «all’improvviso, a causa provvedere alle necessità esteriori nostro cuore e vi accenda il fuoco febbraio). Nell’armonia tra fides et gno, di essere sostenuto dalla carità
Signore l’umiltà dell’apostolo Pietro dell’ordine sacro, mi sono trovato per la sollecitudine del bene interio- del suo amore» (Omelie su Ezechiele, ratio, vivamente raccomandata da della preghiera, perché «desidera
dinanzi al centurione di Cesarea, che nel pelago degli affari secolari» e re» (ibidem, II, 1). Al nostro Papa I, 1, 15). Giovanni Paolo II, Benedetto XVI è
trovarsi già dove spera di godere
lo aveva accolto nella sua casa con «sono talmente sbattuto dalle onde non è avvenuto che, «temendo di «Dio è umile!», esclamava Grego- giunto serenamente alla decisione di
grande onore: «Pietro, che pure te- del mondo che dispero di poter con- perdere il favore degli uomini», ab- rio Magno (Moralia, 34, 54). Egli si servire la Chiesa nel silenzio e nella l’eterna felicità» (Omelie sul Vangelo,
neva il primato della Chiesa di Ro- durre in porto questa nave»; ma se- bia avuto «paura di dire liberamente domandava: «Che cosa c’è di più preghiera, ascoltando la voce di Dio, II, 37, 1).
ma per volontà di Dio, rifiutò di ac- renamente riponeva la sua fiducia in la verità» (ibidem, II, 4). Lui ha pro- sublime dell’umiltà?» (Regola pasto- che gli ha svelato il tempo per rico-
cogliere i segni di una venerazione Dio, riconoscendo che tutto «è avve- nunziato con franchezza parole che rale, III, 17, 2). E invitava i sacerdoti noscere che la guida della Chiesa vi- *Vescovo emerito di Nuoro

Una mostra a Gerusalemme in occasione dell’inaugurazione della nuova sede della Biblioteca e dell’Archivio della Custodia di Terra Santa

Granai di libri contro l’inverno dello spirito


della, si specifica, si abbellisce di svariati nell’ineluttabile cammino che lo vedrà sop- due modi di essere vivi invece che uno esisteva una biblioteca francescana a Gerusa-
di MARCELLO BADALAMENTI “sottotitoli” che diventano la riprova della piantato dal digitale; c’è chi ribadisce che le solo». lemme. Tra l’altro, com’era tradizione dei
«Fondare biblioteche è un po’ come costrui- vincolante peculiarità che è insita in essa; stesse biblioteche ormai sono l’anticamera di Se da una parte all’inizio del cammino frati, la presenza dei francescani al Sion è at-
re ancora granai pubblici: ammassare riserve una peculiarità non solo relativa allo studio musei che, con riconoscenza, celebrano l’era dell’Ordine ci si interrogò sull’opportunità o testata con riferimento «al culto, allo studio
contro l’inverno dello spirito che da molti e dunque alla formazione della persona, ma della stampa ormai posta nella storia del meno di usare e dunque possedere i libri, bi- e all’assistenza dei pellegrini»: siamo dun-
indizi, mio malgrado, vedo venire». Le paro- che specifica la stessa cultura e la trasmette, passato. sogna pur dire che nella Regola di san Fran- que in linea con la necessità di libri e di una
le dell’intramontabile Marguerite Yourcenar attraverso il patrimonio librario, ai posteri. Se ne deduce che siamo dinanzi alla com- cesco, quando si parla della necessità di pre- biblioteca in loco. Dopo la forzata uscita dal
nel magistrale romanzo Memorie di Adriano, Sono eloquenti, e allo stesso modo esigenti, memorazione del libro, considerazioni che pararsi alla predicazione per annunziare Monte Sion, i francescani si insediarono
ci pongono dinanzi quasi una definizione le espressioni di Edmondo De Amicis che non possiamo che rifiutare, anche se il libro l’Evangelo, questa evenienza diventa sconta- presso il nuovo convento di San Salvatore
della biblioteca, una descrizione oculata e afferma: «Il destino di molti uomini dipese ta e necessaria. «Che l’Ordine dovesse impe- (allora chiamato della Colonna, in arabo deir
elettronico non può di certo essere conside-
intelligente che ci ricorda quanto essa sia in- dall’esserci o non esserci stata una biblioteca gnarsi in una preparazione intellettuale soli- el-’Amud) dove ancora oggi si trova il centro
nella loro casa paterna». rato una parentesi tecnologica; lo chiamerei
dispensabile per la crescita in umanità. La da e seria non costituiva un dubbio, come della vita della Custodia. Con molta cura
Oggi non possiamo non confrontarci con invece, nonostante tutto, una ricchezza in-
cultura non è un concetto astratto. Quando non lo era il dovere-diritto di recitare l’uffi- durante gli anni 1560/61 fu trasferita la bi-
si entra in una biblioteca si può ben dire che le conquiste dell’era digitale, che pongono il formatica, che aiuterà anche a comprendere
meglio ciò che significa avere un libro in cio divino, due attività che allora rendevano blioteca al nuovo sito: da allora i libri non si
la nozione di cultura prende forma e si mo- libro in quanto tale, e dunque la biblioteca, necessario e, dunque, legittimo, l’utilizzo dei sono più mossi dalle mura del convento e
in rapporto con le nuove tecnologie infor- mano. Non per nulla, come scrive Ursula Le
Guin: «La vita del libro è come quella dei libri». sono lì, ancora oggi, a testimoniare una plu-
matiche e tra queste l’ormai affermato e- Lo stesso Poverello d’Assisi, accogliendo risecolare tradizione culturale, teologica, reli-
book. cavalli, o degli esseri umani. Per questo può
tra le sue fila l’umile e dotto Antonio da Pa- giosa e di vita vissuta. Abbiamo a proposito,
C’è chi canta litanie funebri per il carta- essere una buona idea, invece di annunciar-
dova e investendolo di quello che sarà il ti- un testimone d’eccezione, Elzearius Horn, il
Una storia cominciata ceo, ormai, si dice, in via di estinzione ne la morte, pensare che oggi i libri hanno tolo che ne modellerà il culto e ne presente- quale, in una mappa della prima metà del
rà lo spessore spirituale e culturale, chiaman- Settecento, che compare nel suo testo di ico-
nel Cinquecento dolo appunto “mio vescovo”, gli permetterà nografia dei luoghi di Terra Santa, evidenzia
di insegnare ai frati teologia, purché in que- chiaramente l’ubicazione della biblioteca.
Giovedì 28 febbraio, nel Convento di San sta occupazione non estinguesse lo spirito «Quanto più lungamente — scriveva uno dei
Salvatore a Gerusalemme, viene dell’orazione e della devozione. più grandi teologi del secolo scorso, Roma-
inaugurata la nuova sede della Biblioteca Uno dei segreti di ogni istituzione cultu- no Guardini — ho riflettuto sulla sua natura,
generale e dell’Archivio della Custodia di rale, in relazione alla possibilità della ricerca tanto più chiaro mi è apparso che il libro co-
Terra Santa. In rete si trova e dunque dell’approfondimento e della stes- stituisce un argomento inesauribile. In esso
il nuovo sito della biblioteca sa storia a essa relativa, è la biblioteca. si ritrova assolutamente tutto ciò che l’uomo
dal quale si accede al catalogo Da una parte possiamo vantare a Gerusa- ha creato. In esso si esprime il suo proprio
(www.bibliothecaterraesanctae.org). lemme una biblioteca di prim’ordine specia- essere. Anzi, posso parlare così in quanto
Il giorno dell’inaugurazione viene anche lizzata in scienze bibliche e archeologiche ogni panegirico si basa su una sorta di entu-
presso lo Studium Biblicum, fondata nel siasmo, al quale è concesso dire cose che al-
presentata la mostra «Libri di Terra
1929 tramite un fondo proveniente dal Con- trimenti sembrerebbero esagerate, il libro pa-
Santa. Un viaggio tra i libri antichi della
vento di San Salvatore, che in questi ultimi re essere addirittura un simbolo in assoluto
Biblioteca generale della Custodia di anni ha visto una sempre maggiore attenzio- della nostra esistenza, tanto ampia è la sua
Terra Santa a Gerusalemme» curata da ne, aggiornamento e modernizzazione, sia natura e al tempo stesso tanto complessa,
Alessandro Tedesco. Dal catalogo per i sussidi che per la sistemazione delle tanto mutevole e d’altra parte tanto maneg-
(Pienza, Società Bibliografica Toscana in strutture, al fine di essere un valido e mo- gevole nel senso proprio della parola».
collaborazione con Ats pro Terra Sancta, derno aiuto, come si diceva, per la ricerca e
2013, pagine 159) pubblichiamo due lo studio, per uomini e donne che la fre-
stralci relativi alla storia della biblioteca — quentano da tutto il mondo. Dall’altra, biso-
che risale al XVI secolo — e alla figura del gna ricordare e parlare della Biblioteca Ge-
padre bibliotecario Agustín Arce. Il convento di San Salvatore a Gerusalemme (1725-1744) nerale della Custodia di Terra Santa, adesso Ritanna Armeni su «Il Foglio»
sita nel convento di San Salvatore a Gerusa-
lemme, ma che ebbe i suoi natali con gli ini-
zi stessi della presenza dei frati minori in
Quel che le suore
Terra Santa. hanno
Il bibliotecario che difendeva il suo regno Dopo l’affidamento dei Luoghi Santi da
parte di Papa Clemente VI nel 1342, ai frati
minori, la Custodia ebbe nel convento del
da dire alla Chiesa
quasi inaccessibile. Lui è lì, vicino alla por- come una statua. Buenos dias, Padre! Ebbe Cenacolo, del Monte Sion appunto, il suo «È una bella scoperta per un laico,
di ROD OLFO CETOLONI* centro propulsore e la sua sede principale e
ta della sua biblioteca, difensore del suo re- come un sussulto, si voltò quasi scusandosi, o meglio per una laica, il mondo
Gerusalemme, inverno 1973. Quando qual- gno. L’immagine è netta: entrava e usciva come un bimbo colto colle dita nella mar- ciò fino al 1551 quando, per forza maggiore, i delle monache. Perché viene fuori
cuno mi parla della Biblioteca del Conven- di là a orari precisi, era un orologio, potevi mellata. Si mosse veloce verso la sua stan- frati dovettero abbandonare la loro casa ma- che è del tutto diverso da quello
to di San Salvatore a Gerusalemme, padre prenderlo come appuntamento. Piccolo pic- za: Así me gusta! Así me gusta! cantarellò dre. È proprio qui che si hanno le tracce si-
che possiamo supporre, che ci han-
Agustín Arce mi riemerge dinanzi subito. colo e di poche parole. Se gli dicevi Buenos scendendo i tre gradini di slancio. Gli pia- cure di una prima biblioteca francescana: le
no fatto capire e che la nostra pigri-
Nitida, piccola, stagliata nella memoria con dias, Padre! ti rispondeva sì, gentile, al salu- ceva la sua città; Gerusalemme era il suo note di possesso, risalenti alla prima metà
zia intellettuale ha accettato». Così
l’incisività delle caratteristiche della sua fi- to, ma ti dava l’impressione che avesse da amore. In essa era a casa e ne custodiva co- del Cinquecento, che si rinvengono su alcu-
scrive Ritanna Armeni nel lungo ar-
gura, di come si muoveva o lavorava. Ogni pensare a qualcosa di più importante. Non se antiche e preziose. Le metteva e teneva ni antichi libri ancora oggi appartenenti alla
Custodia, rimandano esplicitamente alla col- ticolo L’altra metà della Chiesa, pub-
giorno calpestavamo le bianche lastre delle si tratteneva mai, sembrava non voler mai in ordine per tutti. Della storia della Custo- blicato su «Il Foglio» del 27 feb-
sue stradine, levigate dalla storia, godeva- perdere tempo. Poi era lui a offrirti un bi- dia e della Città Santa sapeva tutto, ma locazione di questi volumi nel convento del
Monte Sion e attestano l’esistenza di una or- braio. Un viaggio sorprendente e
mo di possibilità e strutture spirituali e cul- scotto, dei salatini o un bicchierino di arak quella novità bianca, quella veste da sposa
lo aveva sorpreso, rapito, incantato. La sua ganica biblioteca a uso dei frati che lì abita- ammirato nel monachesimo femmi-
turali costate lacrime e sangue, sudore e (una bevanda alcoolica a base di anice).
Amata gli era apparsa ancora più bella: Así vano. nile, «un mondo vivo, tormentato,
santità, studio e lavoro. Ma, superficiali, ce Credo che proprio lui mi abbia spiegato
me gusta! Ora chi si rende conto del suo la- Anzi, si può andare ancora più indietro. intellettualmente vivace, come inse-
ne rendevamo appena conto. Lui invece ne l’origine dell’abitudine che hanno i frati
della Custodia di Terra Santa di bere un voro — e questo libro ne è un bel frutto — è La prima attestazione si trova nell’edizione gna l’esempio delle cabriniane».
custodiva, raccoglieva, difendeva la storia,
zitto zitto e meticoloso, maneggiando carte, po’ di arak dopo i pasti: quando a Gerusa- meravigliato di quanto padre Agustín abbia delle Opere di sant’Agostino, pubblicata a Certo, nota la giornalista laica ita-
libri, incunaboli, pergamene. Come succede lemme arrivò la peste, erano i francescani potuto raccogliere e custodire. Anch’io am- Basilea, dai celebri editori Johann Amer- liana, un problema c’è: quello dello
da giovani, ci credevamo più intelligenti e ad andare a raccattare morti e raccogliere i miro e comprendo un po’ di più la sua ac- bach, Johann Petri e Johann Froben, nel spazio che le religiose hanno oggi
forse un po’ superiori nell’occuparci d’altro. malati. Indeboliti anche loro dal morbo curatezza, la sua mente e il suo cuore, il 1506. Si tratta di un’edizione in undici volu- nella Chiesa. «Abbiamo l’impressio-
Ora che guardo anch’io con altri occhi, pa- non ce l’avrebbero fatta e così il padre metodo e l’attenzione costante. Ma pensan- mi, di cui attualmente la biblioteca conserva ne — conclude Armeni dopo aver
dre Agustín mi pare farmi compagnia men- Guardiano dava loro un bicchiere di arak do a lui ho sempre davanti a me quegli oc- solo il primo, il IV, il VI e il X . Ebbene, su “dialogato” con tante religiose attra-
tre capito a San Salvatore: come mi piace- che desse loro uno scatto di forza. Un mat- chietti pieni di luce del candore della neve, tutti e quattro questi libri compare una nota verso diari, saggi, cinema e televi-
rebbe rivederlo, ogni volta che vado a Ge- tino d’inverno del 1973 lo vidi fermo al fine- brillanti di meraviglia e di gioia, come quel- manoscritta datata 1521 del teologo Johann sione — che sarebbe utile, anzi in-
rusalemme. Il contorno del ricordo è incer- strone che dà verso Porta di Damasco. Du- li di un bambino. Hennigk de Haynis, che donò l’opera ai fra- dispensabile per la Chiesa, che le
to: la biblioteca non la frequentavo gran- rante la notte, inattesa, era caduta tanta ne- ti del Monte Sion affinché pregassero per monache dicessero a voce più alta
ché, anzi mi pare che per noi studenti fosse ve e lui stava lì, in contemplazione, fermo *Vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza lui. Certamente, dunque, in quegli anni già quel che pensano e vogliono».
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 28 febbraio 2013

Islam e cristianesimo religioni per l’uomo Commenti di cardinali alla rinuncia al pontificato

Con Benedetto XVI compagni Non è


sul cammino verso Dio un abbandono
di MOUHANAD KHORCHIDE* Dobbiamo credere alla totale since- dete al Vangelo. Benedetto XVI ha
rità del Papa quando dice che «non voluto scegliere questo tempo per-
Nell’ottobre 2007, centotrentotto ri- è un abbandono». Lo ha detto il ché è in questi giorni dell’anno più
nomati studiosi musulmani scrissero cardinale segretario di Stato Tarci- che in altri che la Chiesa può riflet-
la lettera aperta Una parola comune sio Bertone, rispondendo a un’in- tere su se stessa, pregare in silenzio
tra Noi e Voi, lunga ventinove pagine tervista di Fabrizio Ferragni manda- e in coscienza davanti a Dio».
e indirizzata a tutti i capi religiosi ta in onda dal tg 1 alle ore 20 di Il cardinale Walter Kasper, presi-
cristiani, nella quale invitavano al martedì 26 febbraio. «Nell’intervi- dente emerito del Pontificio Consi-
dialogo sugli aspetti comuni delle sta a Peter Seewald — ha ricordato glio per la promozione dell’Unità
due religioni. Papa Benedetto accet- il porporato — il Papa aveva detto: dei Cristiani, in una intervista rila-
tò questa proposta di dialogo. Nac- “la Chiesa può avere momenti mol- sciata a Raffaele Luise e mandata in
que così in Vaticano un Forum cat- ti difficili, momenti di grande diffi- onda durante il giornale radio della
tolico-musulmano. coltà; il Papa non abbandona la prima rete Rai, trasmesso alle 8 di
Da allora ci sono stati importanti barca di Pietro, ma, quando sente questa mattina, mercoledì 27, si è
incontri tra studiosi cristiani e mu- che mancano le forze e in un mo- riferito al momento attuale della
sulmani, durante i quali è stato evi- mento di ponderazione davanti a Chiesa e ha detto che «la sfida
denziato soprattutto l’amore di Dio Dio e davanti anche alla Chiesa principale oggi è la trasmissione
e del prossimo come colonna por- stessa, può decidere di rinunciare al della fede. Dobbiamo realizzare la
tante comune delle due religioni. ministero petrino”; e così ha fatto. percezione del concilio Vaticano II;
Durante la sua visita in Turchia nel E mi sembra che nelle motivazioni non abbiamo compiuto questo la-
2006, Papa Benedetto XVI pregò che egli ha espresso si intuisca che voro. È molto importante poi rea-
“l’unico Dio” dei cristiani, degli egli si sente mancare le forze. Me lizzare pienamente la collegialità».
ebrei e dei musulmani. In occasione lo ha ripetuto anche in questi gior- E ancora a proposito del futuro ha
dell’incontro, nel 2011, con i rappre- ni». Quindi ha precisato che il detto che c’è bisogno di «una Chie-
sentanti musulmani nel corso della Pontefice ha sentito di dover fare sa modesta, non autoreferenziale,
sua visita in Germania, invitò i mu- questo passo «specialmente pensan- povera forse no, ma modesta e an-
sulmani e i cristiani a una collabora- do ai viaggi, alla responsabilità del- che umile».
zione feconda. Come persone di fe- la Chiesa universale». Tuttavia lo Infine in un’intervista alla Radio
de potevano, secondo il Papa, dare ha fatto «senza fuggire dalle re- Vaticana il cardinale Agostino Valli-
un’importante testimonianza, per sponsabilità e senza abbandonare la ni ha ammesso che la rinuncia del
esempio nell’ambito della tutela del Chiesa». Papa all’inizio «ha lasciato un po’
matrimonio e della famiglia. Per Nel rispondere poi a una doman- sgomenti», ma poi «riflettendo si è
questo era necessario «crescere nel da sui rapporti con l’Italia, il segre- capita la grande portata di questa
dialogo e nella stima reciproca». Il tario di Stato ha ricordato che il scelta, dettata certo da rettitudine e
discorso di Ratisbona del Papa, che Il 23 settembre 2011, durante il viaggio apostolico in Germania, Benedetto XVI incontrò i rappresentanti della comunità musulmana nella sede della Pontefice «conosce bene l’Italia. dalla grande fede di Benedetto che,
aveva dato adito a fraintendimenti, e nunziatura apostolica a Berlino. In quell’occasione fu proprio il professor Mouhanad Khorchide a porgere i saluti al Papa e a svolgere un’approfondita Conosce la mappa delle diocesi ita- con il crescere dell’età e guardando
le sue affermazioni sul tema riflessione sul clima di rispetto e di fiducia esistente in Germania tra la Chiesa cattolica e le comunità musulmane liane. Ha visitato tante diocesi, è alle esigenze della Chiesa, ha rite-
dell’islam e della violenza, come an- stato vicino a tanti vescovi, per i nuto di prendere una decisione as-
che l’ondata d’indignazione che, problemi dottrinali, per i problemi solutamente nuova. Lui, però, non
nella sua scia, aveva attraversato il visita; se lo avessi fatto, mi avresti Le religioni, però, non possono de per raggiungerlo. Dio ci invita su pastorali» ed «è sempre stato molto va via dalla Chiesa, rimane, prega e
mondo musulmano, sono stati supe- trovato presso di lui. Un giorno, un essere ridotte alla loro funzione, poi- diversi cammini. vicino alla Conferenza episcopale continua a esercitare la sua funzio-
rati ormai da molto tempo. Con il tuo conoscente aveva fame, e non ché hanno una dimensione spirituale «Troverai che i più prossimi italiana». Del resto, ha ricorfdato ne di pastore orante». Sul rapporto
senno di poi si potrebbe perfino di- gli hai dato da mangiare; un giorno, importante, che vuole legarci a Dio. all’amore per i credenti sono coloro ancora è «il vescovo di Roma e pri- con la diocesi e con la città di Ro-
re che il discorso di Ratisbona del un tuo conoscente aveva sete e non Sia che siamo musulmani, sia che che dicono “In verità siamo nazare- mate d’Italia». Quindi si è soffer- ma il cardinale ha riconosciuto che
Papa ha dato spunto alla promozio- gli hai dato da bere”» (come tra- siamo cristiani, tutti aneliamo la co- ni”, perché tra loro ci sono uomini mato sul rapporto particolare e per- «la presenza del Papa ha ravvivato
ne del dialogo tra cristiani e musul- mandato da Muslim, hadith n. munione con Dio. Ed è proprio dediti allo studio e monaci che non sonale stretto con il presidente della il cammino spirituale e anche gli
mani. 2569). Questo racconto ricorda il questo anelito a unirci. Siamo com- hanno alcuna superbia» (Corano, repubblica Giorgio Napolitano, con aspetti talvolta aggregativi dei quar-
In occasione dell’incontro tra il vangelo di Matteo, al capitolo 25, pagni sul cammino verso Dio. 5, 82). il quale «è cresciuta un’affinità — tieri». E, raccontando della sua
Papa e i rappresentanti della comu- che riporta un racconto analogo e L’umiltà del Papa, che ho potuto ha aggiunto il cardinale — una con- esperienza personale, ha assicurato
nità musulmana del 2011 in Germa- alla fine sottolinea: «Ogni volta che vedere e sperimentare incontrando- *Docente di pedagogia religiosa vergenza, una capacità di confronto che il legame con i romani è stato
nia ho tenuto un discorso a nome non avete fatto queste cose a uno di lo, ancora oggi suscita in me la con- islamica presso il Centro di studi non solo sui problemi dell’Italia, intenso e si è manifestato esterior-
dei musulmani. Nel mio intervento questi miei fratelli più piccoli, non vinzione che Dio, nella sua miseri- religiosi della Westfälische ma dell’Europa». Anche nell’acqui- mente ogni qualvolta il Papa si re-
ho evidenziato l’amore e la miseri- l’avete fatto a me». cordia, ha lasciato aperte molte stra- Wilhelms-Universität di Münster sita dimestichezza con la lingua ita- cava in una realtà cittadina.
cordia di Dio quali criteri comuni liana il cardinale ha voluto vedere
dell’islam e del cristianesimo; il Pa- un segno d’amore in più per l’Italia
pa sottolineò che, in molti ambiti «e questo vuol dire — ha aggiunto
della vita sociale, cristiani e musul- — che ha assimilato bene anche la
mani devono dare un’importante te- Voci di presuli di Terra Santa cultura italiana».
stimonianza della loro fede. Tra Riferendosi poi all’incontro che †
questi menzionò la tutela della fami-
glia fondata sul matrimonio, il ri-
spetto della vita in ogni fase del suo
Il Papa che ha dato coraggio ci sarà domani, giovedì 28, con i
cardinali, il segretario di Stato ha
detto che si tratta di «un segno di
Sergio Marini presidente della Coldiret-
ti, Vincenzo Gesmundo segretario na-
zionale, monsignor Paolo Bonetti consi-
naturale decorso e la promozione di
una più ampia giustizia sociale. Il
Papa evidenziò così la necessità di
ai cristiani d’O riente ringraziamento per il consiglio, per
la vicinanza con cui i cardinali
l’hanno accompagnato in questi ot-
gliere ecclesiastico nazionale, la Giunta
esecutiva, il Consiglio nazionale, i diri-
genti e il personale tutto della Confede-
creare un riferimento alla vita della to anni. È un segno reciproco; è un
GERUSALEMME, 27. Il Papa che ha rilasciata a Terrasanta.net — il ricor- egli vegliasse su di loro, volesse far- razione esprimono sentimenti di profon-
religione. dare a loro la possibilità di salutarlo do dolore per scomparsa di
ha dato coraggio ai cristiani do più vivo di Papa Ratzinger è si prossimo e cooperare al supera-
Sia l’islam sia il cristianesimo si personalmente, di vederlo faccia a
d’Oriente e ne ha riconosciuto e appunto legato alla convocazione mento delle difficoltà alle quali de-
trovano oggi dinanzi alla sfida di di- faccia. Un po’ come i discepoli di S.E. Rev. Mons.
apprezzato la diversità. La Chiesa del Sinodo per il Medio Oriente. vono far fronte». Anche per monsi-
mostrare il riferimento alla vita dei Paolo hanno salutato Paolo a Mi-
di Terra Santa rinnova, anche in «Un fatto che ha messo in luce la gnor Joseph Kelekian, esarca per
loro messaggi. Proprio i giovani si queste ore, l’affetto e la stima a Be- sollecitudine del Papa per le Chiese Gerusalemme e Amman del Patriar-
leto». GIOVANNI D’ASCENZI
interrogano sull’importanza dei con- Il cardinale Georges Cottier, il
nedetto XVI, del quale ricordano orientali. Aveva a cuore la loro te- cato di Cilicia degli Armeni, «il si- che dal 1952 al 1975 è stato apprezzato
tenuti religiosi per il loro progetto nodo per il Medio Oriente è stato domenicano svizzero teologo emeri- consigliere ecclesiastico nazionale della
con gratitudine soprattutto la con- stimonianza spirituale e non voleva
un’apertura grandissima verso le to della Casa Pontificia, nell’intervi- Coldiretti e si è sempre prodigato con
di vita. Se le religioni si limitano vocazione, nell’ottobre 2010, vederle subire le conseguenze di
Chiese orientali. Giovanni Paolo II sta rilasciata a Paolo Rodari per «la intenso zelo pastorale e impegno diu-
soltanto ai dogmi e ad affermazioni dell’assemblea speciale del Sinodo quell’instabilità politica che com-
aveva inaugurato questo movimen- Repubblica», in edicola mercoledì turno per la crescita e la promozione
distanti dalla vita, rischiano di far sì dei vescovi per il Medio Oriente e porta anche l’emigrazione dei cri-
to ricordando che la Chiesa deve 27 febbraio, ha messo l’accento sul- sociale ed economica della gente dei
che le persone si allontanino sempre l’esortazione apostolica post-sino- stiani che cercano di sottrarsi alle
respirare con i suoi due polmoni la data scelta dal Papa per annun- campi in Italia e nel mondo.
più da esse. Invece di domandare dale Ecclesia in Medio Oriente, fir- pressioni che sono costretti a subi-
d’Oriente e d’Occidente. Ma si ciare la sua rinuncia, quando man-
«che cosa vogliono le religioni mata solo pochi mesi fa, il 14 set- re». Una sollecitudine espressa an-
può dire che Benedetto XVI abbia cavano cioè «due gi0rni all’inizio
dall’uomo?», esse dovrebbero chie- tembre 2012, in Libano. che in altre circostanze: «Invitando
messo in opera una vera riflessione della Quaresima. È evidente il Papa
dere «che cosa vogliono le religioni Per il vescovo Grégoire Pierre alcune Chiese a tenere il proprio si-
sull’operato delle Chiese orientali, ha scelto in coscienza di rinunciare
per l’uomo?». La religiosità, infatti, Melki, esarca patriarcale per Geru- nodo a Roma, come è recentemen-
sulle loro tradizioni, sul loro ruolo anche per richiamare tutta la Chie-
non viene trasmessa dall’esterno, ma salemme del Patriarcato di Antio- te avvenuto con la Chiesa di rito
oggi. Ha anche voluto, per quanto sa alla penitenza». Egli vuole «una
è una cosa di cui ci si appropria, e chia dei Siri — in una dichiarazione caldeo, il Papa ha mostrato come
possibile, aiutarle a restare in Me- presa di coscienza — ha proseguito
lo si fa attraverso un processo aper-
dio Oriente non solo resistendo al- — che siamo peccatori e che è ne-
to. Questo discorso sul processo di
le agitazioni in corso, ma anche at- cessario, di qui in avanti, un cam-
appropriazione evidenzia due aspetti
traversandole testimoniando la fe- mino di conversione. Tutti i testi li-
fondamentali: in primo luogo, al
de». Ancora più immediato è il ri- turgici di questi giorni gridano que-
centro c’è la persona stessa. L’uomo
cordo dell’arcivescovo di Haifa e sta conversione: convertitevi e cre-
non viene considerato come oggetto
delle religioni, bensì come soggetto, Terra Santa dei Maroniti, Moussa
che contribuisce con le proprie espe- El-Hage. «I maroniti ricordano con
rienze, attese, desideri e speranze. In emozione e gratitudine il recente
secondo luogo, la religiosità è un viaggio del Papa in Libano. Egli ha
processo. Tale processo accompagna fatto molto per noi e per il nostro
Paese. Mentre i media non fanno
l’uomo per tutta la vita.
che parlare dei problemi che lo agi-
La grande importanza della fami-
tano, il Papa gli ha offerto l’oppor-
glia, della vita e della giustizia so-
tunità di mostrare il suo vero volto,
ciale, sottolineata dal Papa, vale tan-
il suo senso di accoglienza e la sua
to per l’islam quanto per il cristiane-
unità al di là di tutto. Come frutto
simo. Nessuna delle due religioni di quella visita, il Santo Padre ha
può chiudersi alla realtà di vita delle anche voluto creare cardinale il no-
persone. Entrambe nascondono in stro patriarca Béchara Boutros Raï.
sé un grande potenziale per arricchi- È più che un onore, è un segno
re la società, ricordandoci valori co- della sua attenzione verso di noi e
me l’amore del prossimo, il volonta- verso i cristiani d’Oriente più in
riato, l’amore incondizionato e la generale». L’arcivescovo Joseph Ju-
bontà. Sia i cristiani sia i musulmani les Zerey, vicario patriarcale greco-
credono che Dio cerchi persone ca- melkita di Gerusalemme, ha appe-
paci d’amare, che rendano il suo na ricevuto una lettera che il Pa-
amore e la sua misericordia una real- triarca Gregorio III Laham ha indi-
tà vissuta ed esperibile. Il profeta rizzato al suo clero, nel quale si
Maometto raccontava: «Nell’aldilà rammentano tutti gli eventi che
Dio chiederà all’uomo: “Ero malato hanno segnato il pontificato di Be-
e non mi hai visitato, avevo fame e nedetto XVI nei confronti degli
non mi hai dato da mangiare, avevo orientali. Il Papa «ha veramente ac-
sete e non mi hai dato da bere”. Al- compagnato tutte le crisi del Medio
lora l’uomo domanderà sorpreso: Oriente e nello stesso tempo si è
“Ma tu sei Dio, come puoi essere fatto infaticabile difensore del dia-
malato, avere sete o avere fame?”. logo e della giustizia. Ha mostrato
Allora Dio gli risponderà: “In un uno spirito aperto a tutte le religio-
certo giorno, un tuo conoscente era ni, a partire dall’ebraismo e
malato e tu non sei andato a fargli dall’islam».
giovedì 28 febbraio 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Tra la folla accorsa per l’ultima udienza del pontificato

Sotto un cielo perfetto


di CRISTIAN MARTINI GRIMALDI mando. «All’inizio — risponde — Non perché la dottrina in sé non sia può essere spesso un cammino tor-
c’era un vento molto forte, c’era importante, ma perché, una volta tuoso e nascosto».
Non poteva essere una giornata mi- pioggia, c’erano cose che volavano scoperto Gesù in noi, riusciamo an- Stephany sembra molto emoziona-
gliore oggi. Il cielo così limpido ovunque. Poi tutto a un tratto la che a comprendere meglio le ragioni ta. Si nasconde quasi dietro l’amica,
sembra il perfetto invito a tutti co- gente ha iniziato a pregare, tutti noi della dottrina. La gente non va per- «Non saprei esprimere un pensiero
loro che si trovano a Roma — pelle- abbiamo cominciato a pregare. C’è suasa con ragionamenti morali; piut- su questo Papa con la stessa profon-
grini, turisti e residenti — per radu- stato un grande silenzio. E come per tosto convincendola che se ti apri al- dità di Olivia» dice. E aggiunge:
narsi in piazza San Pietro per l’ulti- incantesimo anche il tempo ha co- la fede, allora anche la morale segui- «So di aver visto per l’ultima volta il
ma udienza generale di Papa Bene- minciato a cambiare. Immagina l’ef- successore di Pietro nelle sembianze
rà. E sarà l’unica via possibile. Fac-
detto XVI. fetto. Credo ci fossero un milione di di Benedetto XVI. E quando ha det-
persone quel giorno». cio un esempio pratico. Io amo mia
Mia è una studentessa filippina. to: vorrei che ognuno sentisse la
Olivia viene da Hong Kong. madre e per questa ragione riesco a
Porta con sé un cartello sul quale, in gioia di essere cristiano, mi sono
«Quello che mi resta di questo Papa ubbidirle anche quando le nostre
tagalog, ha scritto il suo grazie al emozionata molto. Perché è davvero
— confida — è la sua capacità di gui- opinioni divergono. Perché so che quello che sento!».
Papa per questi otto anni di pontifi-
cato. «Abbiamo avuto — dice — la dare la Chiesa in situazioni molto che dice certe cose per il mio bene. Alina viene dalla provincia di Pa-
fortuna di essere a Roma in questi impegnative, da diversi punti di vi- Questo non è in contrasto con la rigi. Ha 67 anni ed è qui con la fi-
giorni. Mi ricorderò sempre del suo sta. Per esempio ha detto molto mia felicità personale; anzi, è la stra- glia di 30 anni. Sono venute apposi-
insegnamento sul perdono: devi farti chiaramente che la fede ha sia una da giusta alla felicità. Che, tuttavia, tamente per questo abbraccio finale
avanti per primo se vuoi che qualco- dimensione personale sia una dimen- non è sempre un binario chiaro e li- con Benedetto XVI. «Questo Papa è
sa di bello ti succeda. Stamattina ha sione ecclesiale. Significa che per ap- neare, come spesso si immagina, ma incredibilmente intelligente. E umile.
detto una cosa bellissima: si riceve la profondire la propria fede un cristia- Due doti che non è facile veder con-
vita proprio quando la si dona. Un no deve cercare di entrare in una re- vivere in una stessa persona», sorri-
altro insegnamento che ho appreso lazione personale con Dio. È solo de. «Direi che in lui — prosegue —
da questo Papa è che quando dico così che può arrivare agli altri. Que- c’è qualcosa di profetico. Leggevo
di sì a un altra persona, è un sì che sto per me è un invito a migliorare i già i suoi pensieri quando ancora
dico anche a me stessa. E questo ti rapporti personali. In uno dei suoi non era Papa. Ma sicuramente la sua
fa sentire migliore. Un pensiero sem- libri su Gesù di Nazaret il Pontefice prima enciclica è stata quella che ri-
plice ma di efficacia eccezionale». ha scritto che la fede non è credere cordo con maggior emozione. La re-
Dorothy è vietnamita. «Ero — rac- in leggi specifiche, in dottrine parti- lazione con Dio, prima di tutto. È
conta — alla Giornata della gioventù colari da seguire come degli impera- questo che mi resta di lui. La cosa
a Madrid nel 2011. Ricordo che quel tivi categorici, ma è un rapporto principale non è tanto la morale ma
giorno si scatenò una vera e propria personale con la figura di Gesù. la vicinanza personale a Dio. Un
tempesta. Mi dicevo: ecco, sarà un messaggio semplice, in fondo, ma
disastro. C’era anche gente che pro- dentro c’è tutto. Nonostante in
testava per la mancanza di occupa- Francia la situazione morale generale il pensiero cattolico è l’unico vero no ortodosso ma dopo la sua elezio-
zione, per la crisi economica. Insom- non non sia delle migliori, ho una
ma, il clima era un po’ effervescente. Due speciali grande speranza nelle giovani gene-
pensiero controcorrente. Per questo
è ancora più prezioso. Oggi esiste
ne al pontificato mi sono avvicinato
molto al cattolicesimo. Sono arrivato
Ero molto lontana dal luogo in cui il razioni. Son ragazzi molto forti. La
Pontefice doveva parlare, ma quan- per Benedetto XVI Francia è un Paese dalla forte con-
un pensiero unico: da una parte c’è
il secolarismo, con tutti i suoi corol-
a Roma e sono stato accolto come
un fratello. Sono certo che tutta
do ho sentito quella voce mi sono ri- notazione ideologica; e di solito so- lari di liberalismo esasperato; e poi questa solidarietà sia dovuta al forte
maste impresse le sue parole: ha det- L’edizione del nostro giornale che no proprio i cattolici che passano c’è il pensiero cattolico, roccaforte di tessuto umano e sociale ispirato a
to che pensava molto a noi e che uscirà con la data del 1° marzo per essere persone con una visione tutta una sapienza che per quanto una fede ancora molto sentita qui.
avevamo vissuto un’avventura insie- 2013, al prezzo di 2 euro, sarà del mondo poco flessibile. Ma è minoritaria ha radici fortissime. E i Vedo moltissime opere di carità e di
me. Infatti ho proprio la sensazione arricchita da un inserto speciale l’esatto contrario: solo chi non ha giovani lo capiscono e lo apprezza- volontariato cattolico qui in Italia.
di aver vissuto un’avventura con lui. di quattro pagine, interamente a mai approfondito il pensiero cattoli- no. Ho anche la sensazione che oggi
Per essere una buona cattolica ho colori, dedicate a Benedetto XVI. papato al termine del concistoro co, e quello di Benedetto XVI in par- Qui a Roma mi sento parte di una
dirsi cattolico per un giovane sia an-
dovuto superare difficoltà. Che an- Corredato da immagini dell’11 febbraio 2013. Anche ticolare, può credere a questi luoghi che motivo di originalità. Per esem- grande famiglia. E questo lo devo
che a Benedetto XVI non sono man- fotografiche e da una cronologia l’edizione settimanale in lingua comuni, alimentati spesso dai media pio, sono stati proprio i giovani a alla forte connotazione religiosa e in
cate, come ha ricordato oggi quando essenziale del pontificato, tedesca del nostro giornale che troppa superficialità. Però credo capire meglio il gesto di questo particolare a questo Pontefice, che
ha detto di aver vissuto momenti in l’inserto ripropone alcuni testi pubblicherà, nel numero del 1° che questa nuova generazione sia Papa». ha saputo nutrirla e ravvivarla nei
cui le acque erano agitate e il vento del magistero di Papa Ratzinger: marzo, un inserto speciale a molto forte: non ha complessi, è Mariam è un operaio rumeno di cuori e nelle menti anche di quelli
contrario; ma nonostante ciò è riu- l’omelia del 24 aprile 2005 per colori di otto pagine, che molto aperta, le manca forse un po’ 40 anni. Vive a Roma dal 1998. che come me non sono cattolici.
scito a superarle nel migliore dei l’inizio del ministero petrino, ripercorrerà il pontificato di di cultura. Mia figlia è giornalista di «Ammiro Ratzinger — dice — perché Credo che il messaggio di congedo
modi». l’omelia del 29 giugno 2012 per la Benedetto XVI attraverso un importante giornale francese di non ha avuto timore di affrontare di Benedetto XVI sia un invito e un
«Mi dicevi di quella tempesta: co- solennità dei santi Pietro e Paolo immagini e testi di omelie e sinistra, ma è cattolica, ed è molto questioni delicate: per esempio, auspicio alla riunificazione di tutti i
me è andata a finire poi?» le do- e l’annuncio della rinuncia al discorsi. apprezzata anche per questo. Perché quella dell’unità dei cristiani. Io so- cristiani».

Udienze del Papa Gruppi di fedeli in piazza San Pietro


nella Sala Clementina All’udienza generale di mercoledì 27
febbraio, in piazza San Pietro, erano
Campo Santo der Deutschen und
Flamen; Römisches Institut der
presenti i seguenti gruppi: Görres-Gesellschaft.
Intorno a mezzogiorno di mercoledì 27 febbraio, al termine dell’udienza
generale, Benedetto XVI ha ricevuto in udienza nella Sala Clementina alcu- Dal Vaticano: Cardinali, Vescovi, Aus der Bundesrepublik Deutsch-
ne personalità politiche — tra le quali il sindaco di Roma Gianni Aleman- Prelati della Curia Romana, Officia- land: Pilgergruppen aus den Pfarr-
no — e religiose giunte in Vaticano per salutarlo. li e Dipendenti di numerosi Organi- gemeinden St. Quirinus, Bengel; St.
smi della Santa Sede; Cantori della Nikolaus und St. Josef, Bensberg;
Cappella Musicale Pontificia-Sisti- St. Ägidius, Dietfurt; St. Clemens,
na; Fedeli della Parrocchia di Drolshagen; St. Matthias, Euskir-
Sant’Anna. chen; Pastoraler Raum Hadamar;
St. Martin, Hanhofen; St. Josef, St.
Dalla Diocesi di Roma: Prelati e Ingbert; Propstei des Heiligen Bi-
Officiali del Vicariato; Giovani della schofs Benno, Leipzig; St. Martinus,
Pastorale giovanile; Fedeli di nume- Nottuln; Hl. Maria, München; De-
rose Parrocchie. kanat Offenburg-Kinzigtal-Lahr; St.
Joseph, Öhringen; St. Kilian,
Da Roma: Docenti e Studenti di Scheßlitz; Maria Himmelfahrt,
Università Pontificie, di Collegi, e Steinau; Maria Himmelfahrt, Spey-
di Seminari; Sacerdoti, Religiosi e er; St. Laurentius, Waldstetten; Pil-
Laici in servizio presso la Conferen- gergruppen aus dem Erzbistum
za Episcopale Italiana. Freiburg; Bistum Hildesheim; Erz-
Con il Presidente bistum München Bistum Passau;
della Repubblica Slovacca, Dall’Italia: Diaconi dell’Arcidioce- Bistum Speyer; Pilgergruppen aus
Sua Eccellenza si di Milano; Seminaristi da diverse Chiem- und Repertigau; Kevelaer;
il Signor Ivan Gasparovic Diocesi; Membri di Comunità reli-
Pielgrzym Warszawski; pielgrzymi Catholic academics from the Uni- München; Erzbischöfliches Studien-
giose maschili e femminili, e di Isti-
indywidualni. versity of Birmingham. seminar St. Michael, Traunstein;
tuti secolari; Gruppi di Fedeli dalle
Katholischer Familienbund Espel-
Diocesi di Firenze, Massa Carrara -
De France: Pèlerinage de la Curie From Finland: A group of pil- kamp; Katholischer Familienbund
Pontremoli, Torino, Brescia, Geno-
diocésaine du diocèse de Grenoble grims. Randen; Journalistenkonferenz des
va, Loreto, Pinerolo, Sabina - Pog-
avec S.Exc. Mgr. Guy de Kerimel; Vatikan-Magazins; Bund der bayeri-
gio Mirteto, Concordia-Pordenone, From Japan: Pilgrims from Tyo
Groupe de prêtres du diocèse de schen Gebirgsschützen; Delegation
Piacenza, Bergamo, Como; guidati His Sendai Shirayuri Women’s Col-
dai rispettivi Pastori e Sacerdoti; Dijon, avec S.Exc. Mgr. Roland des TSV 1860 München; K.B.St.V.
Minnerath; Prêtres et Seminaristes lege; A group of pilgrims. Rhaetia, München; Studenten und
Pellegrinaggio della Piccola Opera
della Divina Provvidenza di San du diocèse de Nice; groupes de pè- Dozenten der Uni Potsdam; Leser-
lerins des diocèses d’Avreux, Frèjus- From the United States of America: reise Traunsteiner Tagblatt; Stadtka-
Luigi Orione; Pellegrinaggio delle Knights and Ladies of the Holy
Minime Suore del Sacro Cuore; Pel- Toulon, Puy-en-Velay, Sens-Auxerre; pelle der Stadt Traunstein; Schüle-
Paroisse Saint-Joseph, de Castries; Sepulchre of Jerusalem, and pil- rinnen, Schüler und Lehrer aus dem
legrinaggio dei Lions Club e grims from the Diocese of Arling-
dell’Associazione Carabinieri in con- Paroisse Notre-Dame, de Thieren- Chiemgau-Gymnasium, Traunstein;
Con i capitani reggenti bach; Pastorale des Jeunes du diocè- ton, Virginia, accompanied by Bish- Jugendgruppe aus dem Bistum
gedo, da Caserta; Pellegrinaggio op Paul Loverde; Pilgrims from the
della Repubblica se d’Orléans, avec S.Exc. Mgr. Jac- Fulda.
dell’Unitalsi; Pellegrinaggio delle Cathedral of the Holy Spirit, Bis-
di San Marino, ques Blaquart; Etudiants du diocèse
Piccole Figlie di San Giuseppe; As- marck, North Dakota; Members of
le Loro Eccellenze i Signori de Tours, avec S.Exc. Mgr. Bernard- Aus der Republik Österreich: Pilger-
sociazione culturale cristiana italo- the General Council of the Con-
Teodoro Lonferini Nicolas Aubertin; Lycée Saint-Jac- gruppen aus den Pfarrgemeinden
ucraina; Comunità Africana presente gregation of the Holy Cross; Priests,
e Denise Bronzetti ques de Compostelle, de Le-Puy-en- Johannes Paul II., Gallneukirchen;
in Roma; Movimento di Comunione deacons and seminarians from the
e Liberazione; Movimento dei Foco- Velay; Lycée Ozanam, de Châlons- Pontifical North American College, St. Rochus, Wien; Pilger aus ver-
lari; Gruppi di fedeli da numerose en-Champagne; Collège Notre-Da- Rome; Students and faculty from: schieden en Diözesen Österreichs.
Parrocchie italiane; Gruppi di Stu- me de Sion, de Paris; Collège No- University of Birmingham,
denti di Licei, Istituti e Scuole; tre-Dame de France, de Paris; Collè- Alabama, Rome Campus; University Aus der Schweizerischen Eidgenos-
Gruppo dell’Azienda Stanhome ge Stanislas, de Paris; Collège Saint- of St Thomas, Saint Paul, Min- senschaft: Pilger der Vietnamesischen
World; Cavalieri e Dame dell’O rdi- Gabriel, de Valréas; Collège Blomet, nesota; University of Steubenville, Mission; Pilger aus verschiedenen
ne Equestre del Santo Sepolcro di de Paris; Institut Saint-Joseph, de Ohio, Austrian Study Abroad Cam- Diözesen der Schweiz; Firmlinge
Gerusalemme. Draguignan; Institut Notre-Dame, pus; University of Dallas, Texas, aus der Pfarrei HI. Antonius der
de Saint-Germain-en-Laye; Associa- Rome Campus; Assumption Col- Grosse, Hirzel.
Coppie di sposi novelli tion Saint-Joseph Père des Pauvres, lege, Worcester, Massachusetts,
de Nimes; La Mission de Notre-Da- Rome Campus; Christendom Col- De España: Sacerdotes de la Ar-
Gruppi di fedeli da: Pellegrinag- me de Fatima, de Marseille. lege, Front Royal, Virginia; Institute chidiócesis de Sevilla, con S.E.
Con il presidente gio dalla Repubblica Ceca; Pellegri- for the International Education of Mons. Juan José Asenjo; Colegio
dello Stato libero naggio dalla Repubblica Slovacca; De Belgique: Amicale des Mineurs Students, Rome Campus. Mater Salvatoris, de Madrid; Cole-
di Baviera, Croazia; Romania. des Charbonnages de Wallonie. gio Nuestra Señora del Pilar, de
Sua Eccellenza l’Onorevole Aus verschiedenen Ländern: Päpstli- Madrid.
Horst Seehofer, I polacchi: Pielgrzymi z parafii From England: Pilgrims from the ches Kolleg Teutonicum am Campo
accompagnato św. Mikołaja z Rychwałdu; Biuro Personal Ordinariate of Our Lady Santo; Erzbruderschaft zur Do Brasil: Paróquia Santa Rita de
dalla Consorte Pielgrzymkowe PAX z Białegostoku i of Walsingham, London; A group of Schmerzhaften Mutter Gottes beim Cássia, de Lorena.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 28 febbraio 2013

Benedetto XVI al termine dell’udienza generale

Grazie per l’amore e l’affetto


«Grazie per il vostro affetto e amore!». Wir dürfen stets gewiß sein, der Witam serdecznie wszystkich Po- tom Majke Marije, ostanimo poveza-
Così Benedetto XVI si è rivolto ai Herr ist uns nahe und umfängt uns laków. Ostatnia audiencja generalna ni u molitvi i vjeri u Krista Uskr-
tantissimi fedeli presenti in piazza San mit seiner Liebe. Im Gebet bleiben jest okazją, by podziękować Bogu za slog. Rado blagoslivljam vas i vaše
Pietro mercoledì 27 febbraio, per wir, liebe Freunde, einander nahe, nasze wspólne spotkania. Dziękuję obitelji. Hvaljen Isus i Marija!
l’ultima udienza del pontificato. Dopo und im Gebet ist der Herr uns nahe. za waszą obecność tu, w Rzymie, w
il discorso pronunciato in italiano — il [Cordialmente saluto tutti i pelle-
So grüße ich euch alle von ganzem minionych latach, za wspólną mo-
testo integrale è pubblicato in prima grini croati! Cari amici, vi ringrazio
Herzen. Der Herr segne euch und dlitwę, za wszelkie dowody bliskości, per il vostro affetto e la vicinanza.
pagina — il Pontefice ha rivolto die Kirche in unseren Landen. sympatii i pamięci. Dziękuję Bogu
espressioni di saluto in diverse lingue Sotto la protezione della Madre ce-
za pielgrzymkę do Polski na leste, rimaniamo uniti nella preghie-
ai gruppi presenti. początku mojego pontyfikatu i ser-
Saludo cordialmente a los peregri- ra e nella fede in Cristo Risorto. Vo-
nos de lengua española, en particu- deczne przyjęcie, jakiego doznałem. lentieri benedico tutti voi e le vostre
Je vous salue cordialement chers pè- lar a los grupos provenientes de Es- Mając wielkiego orędownika przed famiglie. Siano lodati Gesù e Ma-
lerins de langue française, en parti- paña y de los países latinoamerica- Bogiem, błogosławionego Jana ria!]
culier les personnes venant de Fran- nos, que hoy han querido acompa- Pawła II, «trwajcie mocni w wierze!»
ce, de Belgique et des pays franco- ñarme. Os suplico que os acordéis (por. 1 Kor 16, 13). Proszę was nadal S láskou zdravím poutníky z
phones qui ont voulu m’accompa- de mí en vuestra o modlitwę w mojej intencji i w in- České republiky. Děkuji vám za vaši
gner en étant présentes ici ou par la oración y que sigáis přítomnost a zvu vás, abyste ve světě
radio et la télévision. Je vous de- pidiendo por los věrně svědčili o radostné zvěsti spá-
mande de vous souvenir de moi de- Señores Cardena- Vorrei che ognuno sentisse sy. Rád žehnám vám a vašim rodi-
vant Dieu et de prier pour les Cardi- les, llamados a la nám. Chvála Kristu!
naux appelés à élire un nouveau delicada tarea de
la gioia di essere cristiano,
Successeur de l’Apôtre Pierre. Priez elegir a un nuevo di essere amato da Dio [Saluto con affetto i pellegrini
aussi pour que le Seigneur l’accom- Sucesor en la Cáte- provenienti dalla Repubblica Ceca e,
pagne de la lumière et de la force de che ha dato suo Figlio per noi nel ringraziarli per la loro presenza
dra del apóstol Pe-
son Esprit! Que Dieu vous bénisse! dro. Imploremos li invito ad essere nel mondo testi-
Merci. (@Pontifex_it) moni fedeli della Buona Novella
todos la amorosa
della salvezza. Volentieri benedico
protección de la
I offer a warm and affectionate voi e le vostre famiglie. Sia lodato
Santísima Virgen María, Madre de tencjach Kościoła. Niech będzie po-
greeting to the English-speaking pil- Gesù Cristo!]
la Iglesia. Muchas gracias. Que Dios chwalony Jezus Chrystus.
grims and visitors who have joined os bendiga.
me for this, my last General Audi- [Saluto cordialmente tutti i Polac- S láskou vítam pútnikov zo Slo-
ence. chi. L’ultima l’udienza generale è venskej republiky.
Amados peregrinos de língua por-
I commend all of you, with great tuguesa, agradeço-vos o respeito e a l’occasione per esprimere gratitudine Bratia a sestry, ďakujem vám za
affection, to his loving care, asking compreensão com que acolhestes a a Dio per questi momenti di incon- modlitby a pozornosť, ktorými ste
him to strengthen you in the hope minha decisão. Continuarei a acom- tro. Vi ringrazio per la vostra costan- sprevádzali moju službu Nástupcu
which opens our hearts to the full- panhar o caminho da Igreja, na ora- te presenza qui a Roma negli anni svätého Petra a zo srdca žehnám vás
ness of life that he alone can give. ção e na reflexão, com a mesma de- trascorsi, per ogni espressione di vi- ivaše rodiny vo vlasti.
To you and your families, I impart dicação ao Senhor e à sua Esposa cinanza, di simpatia e di ricordo. Pochválený buď Ježiš Kristus!
my blessing. Thank you! que vivi até agora e quero viver sem- Rendo grazie a Dio per il mio pelle-
grinaggio in Polonia all’inizio del [Con affetto do un benvenuto ai limba română, mai ales celor de la ed alle vostre comunità. Di cuore vi
pre. Peço que vos recordeis de mim Oradea! Vă primesc cu bucurie şi vă benedico!]
diante de Deus e sobretudo que re- mio pontificato e per la calorosa ac- pellegrini provenienti dalla Repub-
Ein herzliches »Vergelt’s Gott« sa- blica Slovacca. doresc ca pelerinajul vostru să aducă
ge ich allen Brüdern und Schwe- zeis pelos Cardeais chamados a es- coglienza che ho sperimentato in
colher o novo Sucessor do Apóstolo quella occasione. Avendo un grande Fratelli e sorelle, vi ringrazio per roade bune pentru voi şi comu- Rivolgo un cordiale benvenuto a
stern deutscher Sprache — euch, lie-
Pedro. Confio-vos ao Senhor, e a to- intercessore presso Dio, il Beato le preghiere e per l’attenzione con le nităţile voastre. Vă binecuvântez din tutti i pellegrini di lingua italiana.
be Freunde, die ihr zu dieser letzten
dos concedo a Bênção Apostólica. Giovanni Paolo II, “state saldi nella quali avete accompagnato il mio ser- toată inima! Grazie per il vostro affetto e amore.
Generalaudienz meines Pontifikats
fede!” (cfr. 1Cor 16, 13). Vi chiedo di vizio di Successore di San Pietro e Grazie! Cari amici, grazie per questi
gekommen seid, und allen zu Hau-
continuare a pregare per me e per la cordialmente benedico voi e le vo- [Sia lodato Gesù Cristo! Rivolgo otto anni tra di voi e vi ringrazio per
se. Und ich danke der Traunsteiner
Blaskapelle, daß sie uns die Bayern- Chiesa. Sia lodato Gesù Cristo.] stre famiglie in Patria. un cordiale saluto ai fedeli di lingua la vostra partecipazione così nume-
hymne so schön gespielt hat. Der Sia lodato Gesù Cristo!] rumena, specialmente a quelli prove- rosa a questo incontro, come pure
Herr trägt die Kirche immer, er lei- Srdačno pozdravljam sve hrvatske nienti da Oradea. Vi accolgo volen- per il vostro affetto e per la gioia
tet sie auch in schwierigen Zeiten. [Il Papa prega per tutte le persone hodočasnike! Dragi prijatelji, hvala Lăudat să fie Isus Cristos! Adre- tieri ed auspico che il vostro pelle- della vostra fede. Sono sentimenti
Diese Sicht dürfen wir nie verlieren. di lingua araba. Dio vi benedica tutti.] na vašoj ljubavi i blizini. Pod zašti- sez un salut cordial credincioşilor de grinaggio apporti frutti di bene a voi che ricambio cordialmente, assicu-
rando la mia preghiera per voi qui
presenti, per le vostre famiglie, e per
le persone a voi care, per la cara Ita-
lia e Roma.

Un abbraccio lungo otto anni Il mio pensiero si rivolge, infine,


ai giovani, ai malati e agli sposi no-
velli. Il Signore riempia del suo
«Con semplicità e umiltà». Alla fine si interminabili — diciassette a ri- Sembrava quasi di essere tornati al C’era il corpo diplomatico accre- forte che mai. «È vero, è stato un amore il cuore di ciascuno di voi, ca-
ha vinto lui, il Papa. Benedetto XVI marcare i punti salienti della cate- 27 aprile 2005, giorno della prima ditato presso la Santa Sede. Con lo- legame intenso» conferma il cardi- ri giovani, perché siate pronti a se-
ha trasformato l’ultima udienza del chesi — un nome scandito ritmica- udienza del mercoledì del Pontifica- ro gli arcivescovi Becciu, sostituto nale vicario. guirlo con entusiasmo; sostenga voi,
suo Pontificato in una travolgente mente a ricordare quanto di tanto to. Forse anche per la stessa, splen- della Segreteria di Stato, e Mamber- E con l’affetto dei romani stamani cari malati, perché accettiate con se-
esperienza di gioia cristiana. Pur nel simile è accaduto in ogni dove da dida, giornata di sole. Nel frattem- ti, segretario per i Rapporti con gli il Papa ha potuto sentire anche l’ab- renità il peso della sofferenza; e gui-
momento del distacco. L’udienza otto anni a questa parte, fin dal 19 po Papa Ratzinger ha tenuto 348 Stati, e i monsignor Wells, assesso- braccio caloroso della sua Baviera. di voi, cari sposi novelli, perché fac-
generale di mercoledì 27 febbraio è aprile 2005: «Benedetto!». A volte è udienze generali — otto nel 2013 — re, Camilleri, nuovo sotto-segretario La banda musicale di Traunstein — ciate crescere le vostre famiglie nella
stata innanzitutto l’incontro di una sembrata un’invocazione sottolinea- incontrando 5.116.600 persone, se- per i Rapporti con gli Stati, e Bet- il paese dove Joseph Ratzinger è santità.
grande famiglia unita. Centocin- ta dallo sventolìo delle bandiere na- condo i dati ufficiali della Prefettura tencourt, capo del Protocollo. Tra le vissuto da ragazzo con la sua fami-
quantamila persone, forse di più, zionali. Compreso il vessillo cinese. della Casa Pontificia. numerose autorità presenti, anche il glia — è venuta apposta per suonare
riunite per stare, ancora una volta, Erano presenti le più alte autorità E con la gioia, è stata la gratitu- granduca Guillaume di Lussembur- un motivo tradizionale che sanno
insieme a un padre che da domani e i più poveri rappresentati, come dine il sentimento più forte. «Sono go, Renato Balduzzi, ministro italia- essergli caro. E un gruppo di pelle-
si celerà al mondo ma, come li ha
rassicurati egli stesso, non «scende
meglio forse non è possibile, dalle
persone assistite dalle suore di ma-
qui per esprimere la mia gratitudine
al Papa» dice fratel Alois, priore di
no della Salute, Jorge Fernández
Díaz, ministro spagnolo degli Inter-
grini ha sventolato per tutta l’udien-
za la bandiera bavarese, a scacchi
NOSTRE
dalla Croce» e resterà a pregare ai
piedi del Crocifisso «per sempre».
dre Teresa nella casa Dono di Maria
in Vaticano. Tutti insieme, i grandi
Taizé. Accanto, Maria Voce, respon-
sabile del movimento focolarino
ni, Viola Onwuliri, ministro nigeria-
no degli Esteri, e il direttore del no-
bianco e azzurra, con disegnato al
centro un grande cuore rosso.
INFORMAZIONI
Nessun velo di tristezza dunque. della terra e i più umili, sono venuti non nasconde «una grande emozio- stro giornale. Il gruppo più numeroso presente Il Santo Padre ha ricevuto questa
Anzi proprio cogliendo il senso del- per un saluto e un ringraziamento ne e una spinta interiore a dover es- Particolarmente folta la rappre-
le parole del Papa, della sua sereni- sere qui, oggi, con il Papa». E di sentanza della diocesi di Roma, con
è venuto dalla Slovacchia: settecen- mattina in udienza le Loro Ec-
spontaneo e non formale a un Papa to fedeli con cento sacerdoti e venti
tà, stamani un grande popolo ha «spinta interiore per rilanciare in testa il cardinale vicario Agostino cellenze:
che ha testimoniato al mondo la ve- vescovi. «Il 5 luglio — spiega l’arci-
dato corpo a quella gioia della qua- rità di Dio sull’uomo. l’evangelizzazione a tutto campo» Vallini. «Essere qui con il Papa — — il Signor Ivan Gasparovic,
le egli parlava, capace di cancellare parla anche Kiko Argüello, iniziato- dice il porporato — è per Roma vescovo di Bratislava, monsignor
Quando il Pontefice è passato tra Stanislav Zvolenský, presidente del-
Presidente della Repubblica Slo-
paure e disorientamenti. Una folla la folla con la vettura scoperta, re del cammino neocatecumenale. un’esigenza del cuore e della fede». vacca;
straripante da piazza San Pietro, a E c’erano accanto ai fedeli, set- Tutte la parrocchie, spiega, hanno la Conferenza episcopale slovacca —
compiendo un giro un po’ più am-
piazza Pio XII e a via della Conci- tanta cardinali, a cominciare dal car- risposto di slancio all’invito di par- abbiamo aperto l’anno giubilare dei — i Signori Teodoro Lonferni-
pio del consueto, in pochi sono riu-
liazione fino quasi a Castel dinale Tarcisio Bertone, segretario tecipare e ciascuna ha preso l’inizia- santi Cirillo e Metodio che termine- ni, e Denise Bronzetti, Capitani
sciti a trattenere le lacrime. È un
Sant’Angelo. Posti occupati sin dal- di Stato, tantissimi arcivescovi e ve- tiva di coinvolgere i fedeli. «Non rà il prossimo 31 dicembre. Ricorde- Reggenti della Repubblica di
padre quello che si è venuti a salu-
le prime ore del mattino. Un trionfo scovi, prelati della Curia Romana, dimentichiamo che è giornata lavo- remo così i 1150 anni dell’arrivo nel San Marino;
tare in questo incontro di famiglia.
di cartelli, coloratissimi alcuni: «Be- officiali e dipendenti degli Organi- rativa ma molti sono venuti lo stes- nostro territorio dei due santi fratel-
nedetto XVI di nuovo Papa», «Ci li apostoli degli slavi. Vogliamo ren- — l’Onorevole Horst Seehofer,
smi della Santa Sede. Ad accompa- so». E quando, nella catechesi, Be-
manchi già», «Ci mancherai» (con gnare il Papa erano l’arcivescovo nedetto XVI ha ricordato il suo lega- dere attuale la loro testimonianza, Presidente dello Stato Libero di
tanto di faccina triste tipica del lin- Gänswein, prefetto della Casa Pon- me particolare con la sua diocesi ravvivare la loro eredità culturale e Baviera, con la Consorte.
guaggio emoticon), «Sempre con il tificia, i monsignori Xuereb, della l’applauso dei romani è stato più spirituale e dare così più forza alla
Papa», «Benedetto, nascondici con Segreteria particolare, e Sapienza, presenza dei cattolici nella vita pub-
te in Cristo», «Resta qui con noi»,
Il Santo Padre ha nominato
reggente della Prefettura, e il medi- blica».
«Grazie». co personale Polisca. l’Eminentissimo Cardinale Sta-
L’incontro è stato per tanti aspet- nisłav Dziwisz, Arcivescovo di
ti una festa. Una festa vera. Applau- Cracovia, Suo Inviato Speciale
alla celebrazione del VI centena-
rio della Cattedrale di Kaunas
(Lituania), che avrà luogo il 5
maggio 2013.

In data 27 febbraio, il Santo


Padre ha accettato la rinuncia al
governo pastorale dell’Arcidioce-
si di Liverpool (Inghilterra), pre-
sentata da Sua Eccellenza Reve-
rendissima Monsignor Patrick
Altham Kelly, in conformità al
canone 401 § 2 del Codice di Di-
ritto Canonico.

In data 27 febbraio, il Santo


Padre ha accettato la rinuncia ad
Ausiliare dell’Arcidiocesi di Ar-
magh (Irlanda), presentata da
Sua Eccellenza Reverendissima
Monsignor Gerard Clifford, Ve-
scovo titolare di Geron, in con-
formità ai canoni 411 e 401 § 2
del Codice di Diritto Canonico.