Sei sulla pagina 1di 48

Carta Geologico-Tecnica

alla scala 1:5.000

Glossario e legende
Carta Geologico-Tecnica alla scala 1:5.000

Glossario e legende
Aggiornamento maggio 2013

Responsabile di progetto: dott. geol. GIORGIO LIZZI


GLOSSARIO

Premessa
Questo glossario dev’essere considerato come un mero strumento di lettura per la Carta Geologico-Tecnica alla
scala 1:5.000. In esso è contenuta una minima descrizione degli elementi cartografati, del criterio di rilevamento
degli stessi e, se del caso, il nome della scheda ad essi collegata.

Carta punti di indagine


La CARTA PUNTI DI INDAGINE rappresenta nel progetto CGT l’elemento di contatto tra i grafismi e le nozioni ad essi
collegati (schede), infatti deve riportare i punti di osservazione del rilevatore e tutti quei dati puntuali da
bibliografia inerenti le caratteristiche geomeccaniche delle rocce, le caratteristiche geotecniche dei terreni, le
stratigrafie di pozzi e sondaggi ed altri dati desunti dai diversi tipi di indagine, nonché i siti archeologici e geologici
di varia importanza (tra i quali i siti di interesse paleontologico e sedimentologico).
La terminologia identificativa degli elementi presenti nella CARTA PUNTI DI INDAGINE è riportata di seguito.
Briglia: con tale termine si intendono sia le briglie di trattenuta per il controllo del trasporto solido sia le briglie di
consolidamento per la difesa dall’erosione fluviale. Ad essa è collegata la scheda Opera idraulica trasversale.
Cava: in ogni areale di cava viene inserito il relativo elemento grafico (cava_attiva, cava_inattiva, cava_discarica) il
cui numero fa riferimento alla scheda Cava. Se l’area di cava ricade su due elementi cartografici viene riportato il
simbolo cava su entrambi gli elementi, a cui è collegata un’unica scheda.
Cava adibita a discarica: area con attività estrattiva cessata ed ora utilizzata come discarica. Nella CARTA
GEOMORFOLOGICA APPLICATA viene sovrasegnato il retino discarica con l’elemento grafico puntuale cava_discarica.

Cava attiva: area con attività estrattiva in corso alla data del rilevamento. All’interno dell’area di cava non sono
riportati i gradoni, le scarpate, i piazzali e le altre forme antropiche.
Cava inattiva: area con attività estrattiva alla data del rilevamento. All’interno dell’area di cava non sono riportati i
gradoni, le scarpate, i piazzali e le altre forme antropiche.
Cavità: sono divise in due gruppi, ovvero cavità naturali e cavità artificiali. Le cavità naturali comprendono i simboli
specifici: cavità orizzontale, cavità verticale, cavità verticale con acqua, cavità complessa, cavità complessa con acqua
e cavità di risorgiva. Le cavità naturali sono ubicate identificando l’ingresso principale (anche nel caso di più
ingressi per la stessa grotta) sulla base dei rilevamenti di campagna e secondariamente in base all’ubicazione su
CTRN ed alla descrizione dell’accesso depositate presso il Catasto Regionale delle Grotte del FVG. La distinzione
fra grotte ubicate direttamente e grotte ubicate da bibliografia si ha consultando la voce “affidabilità delle
coordinate” riportata nella scheda Grotta. Nel caso in cui la grotta sia anche considerata sito archeologico viene
utilizzato un punto multiplo.
Cavità artificiale: si rappresentano cavità, quali gallerie o pozzi o cisterne di dimensioni significative, costruite a
scopi civili o militari. Le cavità artificiali attualmente inserite sono solo quelle reperite dalla Sezione Cavità
Artificiali (CAT) del CAI di Trieste.
Cavità complessa: cavità del Catasto Regionale delle Grotte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia o da
rilevamento composta da gallerie, sale e pozzi variamente distribuiti nello spazio.
Cavità complessa con acqua: cavità del Catasto Regionale delle Grotte della Regione Autonoma Friuli Venezia
Giulia o da rilevamento composta da gallerie, sale e pozzi variamente distribuiti nello spazio e interessata, anche
occasionalmente, dalle acque di fondo carsiche.
Cavità di risorgiva: cavità del Catasto Regionale delle Grotte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia o da
rilevamento, con funzione di sorgente.
Cavità orizzontale: cavità del Catasto Regionale delle Grotte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia o da
rilevamento, ad andamento prevalentemente suborizzontale.

-1-
Cavità verticale: cavità del Catasto Regionale delle Grotte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia o da
rilevamento, ad andamento prevalentemente verticale.
Cavità verticale con acqua: cavità del Catasto Regionale delle Grotte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
o da rilevamento, ad andamento prevalentemente verticale ed interessata, anche occasionalmente, dalle acque
di fondo carsiche.
Chiusa: tutti gli sbarramenti artificiali fluviali. È collegata alla scheda Opera idraulica trasversale.
Evento franoso di modeste dimensioni: evento franoso in roccia, in detrito od in terra, di piccola entità (estensione
lineare della nicchia di distacco inferiore a 50 metri). L’elemento grafico può essere inserito anche all’interno delle
aree ad instabilità diffusa, in ogni caso è collegato alla scheda Dissesti generici.
Fontanazzo: zampillamento di acqua da fiume o da canale artificialmente arginati per infiltrazione attraverso il
corpo dell’argine o risorgenza ad una certa distanza dall’argine attraverso il terreno posto sotto l’argine.
Indagine georadar: identifica il punto dove è stata eseguita una prospezione mediante metodologia GPR. Nel caso
in cui non sia nota l’orientazione dell’indagine, l’elemento grafico viene inserito con un angolo di rotazione pari a 0
(zero) e viene specificato, all’interno della relativa scheda, nel campo Orientazione dello stendimento il valore “non
reperita”.
Indagine gravimetrica: identifica il punto dove è stata eseguita una misurazione delle variazioni locali del campo
gravitazionale. Nel caso in cui non sia nota l’orientazione dell’indagine, l’elemento grafico viene inserito con un
angolo di rotazione pari a 0 (zero) e viene specificato, all’interno della relativa scheda, nel campo Orientazione
dello stendimento il valore “non reperita”.
Indagine magnetometrica: identifica il punto dove è stata eseguita una misurazione delle anomalie locali del
campo magnetico. Nel caso in cui non sia nota l’orientazione dell’indagine, l’elemento grafico viene inserito con
un angolo di rotazione pari a 0 (zero) e viene specificato, all’interno della relativa scheda, nel campo Orientazione
dello stendimento il valore “non reperita”.
Indagine sismica a riflessione: : identifica il punto dove è stata eseguita una prospezione mediante metodologia
sismica a riflessione, comprese le indagini a mare. Nel caso in cui non sia nota l’orientazione dell’indagine,
l’elemento grafico viene inserito con un angolo di rotazione pari a 0 (zero) e viene specificato, all’interno della
relativa scheda, nel campo Orientazione dello stendimento il valore “non reperita”.
Indagine sismica a rifrazione: identifica il punto dove è stata eseguita una prospezione mediante metodologia
sismica a rifrazione, comprese anche le indagini a mare. Nel caso in cui non sia nota l’orientazione dell’indagine,
l’elemento grafico viene inserito con un angolo di rotazione pari a 0 (zero) e viene specificato, all’interno della
relativa scheda, nel campo Orientazione dello stendimento il valore “non reperita”.
Misure inclinometriche: si utilizza per tutte le misure di monitoraggio versanti, ossia inclinometri, assestimetri,
estensimetri, cavi TDR, celle di carico, clinometri, dilatometri, solo nel caso in cui non si disponga di dati sufficienti
per la compilazione delle schede Sondaggio meccanico o Pozzo, che implicano l’inserimento del punto multiplo
(pto_multiplo).
Profilo a mare: profilo batimetrico eseguito a mare.
Profilo geoelettrico: segnala campagne di rilievo elettrico o tomografia elettrica. Nel caso in cui non sia nota
l’orientazione dell’indagine, l’elemento grafico viene inserito con un angolo di rotazione pari a 0 (zero) e viene
specificato, all’interno della relativa scheda, nel campo Orientazione dello stendimento il valore “non reperita”.
Prova in situ o pozzetto geognostico o trincea: si utilizza per tutti i tipi di scavo, come gallerie e pozzetti
geognostici, trincee, trivellate, scavi. La stessa scheda collegata viene utilizzata anche nel caso di infiltrometrie
superficiali.
Prova penetrometrica: l’attributo D identifica una prova penetrometrica dinamica mentre S quella statica,
comunque l’elemento grafico è collegato alla scheda Prova penetrometrica.
Punto di analisi acque: utilizzato solo nel caso in cui non vi sia coincidenza con pozzi, sorgenti o sondaggi, è
collegato alla scheda Analisi chimiche e/o ambientali acqua. Per le analisi chimiche relative alla pubblicazione della
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Direzione generale dell'ambiente, Servizio della tutela dagli inquinamenti

-2-
e delle infrastrutture civili (1992): "Piano generale per il risanamento delle acque - Allegato 5 - Caratteristiche
chimico-fisiche e biologiche dei corpi idrici superficiali e profondi della Ragione" l’ubicazione è basata sulla carta
allegata e nel caso in cui i campioni provengano da un pozzo si utilizza il punto multiplo.
Punto di campionamento: punto dove sono stati prelevati campioni di sedimento in terraferma, sia da rilevamento
che da bibliografia. A seconda del tipo di analisi effettuate sul campione viene collegato alla scheda Prove
geotecniche e/o geomeccaniche di laboratorio o alla scheda Analisi chimiche e/o ambientali terra.
Punto di campionamento a mare: punto di campionamento in ambiente marino e transizionale.
Punto di osservazione: punto rilevato e/o di compilazione scheda e/o di osservazione. In particolare viene
utilizzato per:
• per riportare note non cartografabili attraverso la simbologia adottata e riconducibili alla scheda
Punto di osservazione;
• in mancanza di simbologie specifiche, per riportare in carta il numero relativo ad una scheda che non
è collegata ad un elemento grafico, ovvero:
o Area allagata
o Argine
o Cava-discarica (in caso di discarica)
o Costa bassa
o Dissesti generici
o Dissesti particolari
o Foglio supplementare
o Litologia
o Litologia pianura
o Opera di difesa spondale
o Opera idraulica trasversale (in caso di diga)
o Opere di protezione dei versanti
o Punto di osservazione
o Tettonica
• per riconoscere andamenti delle isopiezometriche o delle isofreatiche specificando nella scheda
Punto di osservazione la fonte bibliografica ed il periodo a cui risalgono i dati.
• per alcuni deflussi sotterranei principali e/o secondari (almeno quelli posti vicino alle
isopiezometriche o isofreatiche tratte dal medesimo lavoro e/o quelle di dubbia interpretazione),
specificando nella scheda Punto di osservazione la fonte bibliografica.
• per specificare le giaciture, le faglie e/o altri elementi strutturali tratti da bibliografia, compilando la
scheda Punto di osservazione.
Punto multiplo: con tale terminologia si identificano i casi in cui su un medesimo punto si hanno diverse
informazioni che richiedono la compilazione di più schede. Il punto multiplo viene utilizzato fondamentalmente
quando ci si trova di fronte ad una qualsiasi prospezione corredata con più tipologie di prove e/o misure. Inoltre il
punto multiplo viene utilizzato sempre quando si ha:
• pozzo per acqua,
• prove di portata,
• misure piezometriche,
• prove penetrometriche in pozzo.
Punto quotato: punto noto, punto fiduciale, vertice trigonometrico o caposaldo.
Risorgiva: per i fiumi di risorgiva viene utilizzato l’elemento grafico risorgiva solo alla sorgente, collegato alla
scheda Sorgente.
Sito archeologico: aree di dispersione o depositi stratificati di materiali archeologici o di interesse storico. Nel caso
di sito in grotta viene utilizzato un punto multiplo.
Sito di interesse geologico – geomorfologico – paleontologico – sedimentologico – stratigrafico – strutturale
(geosito): elementi che costituiscono valenze di tipo scientifico, manifestando anche attributi di richiamo per la
loro componente “scenica” e che possono associarsi, in taluni casi, a beni di carattere storico, culturale, educativo,

-3-
ricreativo, socio-economico, ecc. Nel caso del sito di interesse strutturale la tematica può esser stata
approfondita tramite collegamento con la scheda Tettonica.
Soglia: soglia fluviale, collegata alla scheda Opera idraulica trasversale.
Sondaggio elettrico verticale: nel caso in cui non sia nota l’orientazione dell’indagine, viene inserito l’elemento
grafico con un angolo di rotazione 0 (zero) e specificato, all’interno della relativa scheda, nel campo Orientazione
dello stendimento il valore “non reperita”.
Sondaggio geotermico: indica la presenza di un sondaggio eseguito per ricerca/sfruttamento geotermico. Tale
sondaggio può avere una stratigrafia associata.
Sondaggio idrocarburi: indica la presenza di un sondaggio effettuato a scopo di ricerca/sfruttamento di giacimenti
di idrocarburi. Tale sondaggio può avere una stratigrafia associata.
Sondaggio meccanico: si utilizza solo in caso di sondaggio senza eventuali prove e/o misure.
Sorgente minerale/termale: viene utilizzato l’elemento grafico sorgente_minerale/termale collegato alla scheda
Sorgente dove viene specificato nelle note se la sorgente è minerale o termale.
Sorgente permanente: viene utilizzato l’elemento grafico omonimo collegato alla scheda Sorgente e come
attributo al elemento grafico si inserisce una C se la sorgente è captata o NC se non lo è.
Sorgente permanente con analisi: viene utilizzato l’elemento grafico omonimo (con attributo C se captata, NC se
non captata), a cui sono collegate due schede tramite sottonumerazione: la scheda Sorgente (es. 15/1) e la
scheda Analisi chimiche e/o ambientali Acqua (es. 15/2).
Sorgente temporanea: nel caso in cui la venuta d’acqua non sia permanente viene utilizzato l’elemento grafico
omonimo con le modalità uguali a quanto descritto per la sorgente permanente.
Sorgente temporanea con analisi: nel caso in cui la venuta d’acqua non sia permanente viene utilizzato l’elemento
grafico omonimo con le modalità uguali a quanto descritto per la sorgente permanente, per cui sono collegate
due schede tramite sottonumerazione: la scheda Sorgente (es. 15/1) e la scheda Analisi chimiche e/o ambientali
Acqua (es. 15/2).
Sottopasso allagato storicamente: qualsiasi sottopasso stradale interessato da fenomeni di
infiltrazione/inondazione di acqua.
Stazione geomeccanica: punto di rilevamento geomeccanico a cui è collegata l’omonima scheda.
Stazione idrometrica: centralina o punto di misura idrometrico.
Stazione meteorologica: centralina o punto di misura metereologico.
Stazione sismica: stazioni sismografiche permanenti.
Stazione strutturale: punto di rilevamento strutturale a cui è collegata la scheda Tettonica.

-4-
Carta litologica superficiale
La CARTA LITOLOGICA SUPERFICIALE rappresenta la distribuzione delle principali unità litologiche e sedimentologiche.
I limiti fra le diverse unità vengono tracciati sulla base dei rilevamenti in campagna, dei dati desunti da
bibliografia e dei lavori svolti nei territori indagati. Nella rappresentazione cartografica non si tiene conto della
parte superficiale alterata e/o antropizzata (suolo).
La terminologia identificativa delle varie unità è di seguito riportata in ordine alfabetico, con la distinzione tra le
litologie ricollegabili alle sequenze clastiche, le litologie ricollegabili alle sequenze carbonatiche e le litologie dei
materiali sciolti.
Per quanto riguarda le rocce, queste sono divise in tre gruppi (sequenze clastiche, carbonatiche ed evaporitiche)
sulla base delle caratteristiche reologiche della roccia e non sulla base dell’appartenenza o meno alle diverse
Formazioni o Unità geologiche.
Per quanto concerne i materiali sciolti (in genere i sedimenti non litificati) si descrivono le unità litologiche
rappresentative del primo metro di sottosuolo, ove esso sia indicativo. I limiti fra le unità sono tracciati sulla base
delle analisi granulometriche effettuate sui campioni prelevati in campagna o desunti da fonti bibliografiche.
Tra i materiali sciolti sono da annoverare anche le terre rosse, in qualità di sedimenti dalle specifiche
caratteristiche geotecniche, ed i riporti definiti come accumulo artificiale di materiale detritico e/o inerte.

Sequenze sedimentarie clastiche

Alternanze calcarenitico – calcilutitiche: intercalazioni calcarenitico – calcilutitiche con subordinati banchi


carbonatici, intercalazioni calcarenitico – calcisiltitico – arenacee con netta prevalenza della componente
carbonatica su quella silicoclastica.
Alternanze pelitico – arenacee: alternanze di peliti e areniti con un rapporto arenite/pelite compreso tra 30/70 e
70/30 ( o una percentuale di arenite variabile da 30% a 70%).
Areniti prevalenti: areniti (da arenarie fini sino a calcareniti con componente terrigena variabile), intercalazioni
pelitiche, arenaceo - conglomeratiche con netta prevalenza di areniti. Rocce sedimentarie clastiche costituite da
materiale detritico con granulometria prevalente compresa tra 1/16 e 2 mm.

0% 30% 70% (arenite) 100%


peliti prevalenti alternanze pelitico – arenacee arenite prevalente

100% (pelite) 70% 30% 0%

Conglomerati (Prequaternario): conglomerati, brecce, intercalazioni di brecce o di conglomerati e di areniti


grossolane, dove non è possibile cartografare le diverse litologie.
Conglomerati (Quaternario): ghiaie cementate, conglomerati, brecce. Rocce sedimentarie clastiche costituite da
materiale detritico con granulometria prevalente maggiore di 2 mm.
Megabanchi carbonatici prevalenti: megabanchi carbonatici prevalenti con subordinati orizzonti di torbiditi
silicoclastiche, carbonatiche e ibride, calcareniti massicce e conglomerati frequentemente con spessore metrico o
plurimetrico. I megabanchi sono caratterizzati dalla presenza di megabrecce alla base e da megatorbiditi al tetto.
Le megabrecce risultano poco organizzate, costituite da elementi prevalentemente calcarei (che possono
raggiungere dimensioni eccezionali tanto da essere definiti olistoliti) con matrice variabile da marnosa a
sabbioso-ghiaiosa. La porzione rappresentata dalla megatorbidite è caratterizzata da calcirudite, da calcarenite e
da marna.

-5-
Peliti prevalenti: peliti (siltiti, argilliti e/o marne), intercalazioni pelitico – arenaceo - conglomeratiche con netta
prevalenza di peliti. Rocce sedimentarie clastiche costituite da materiale detritico con granulometria prevalente
compresa tra 1/16 e 1/256 mm (siltiti) o minore di 1/256 mm (argilliti e marne).
Sequenze sedimentarie carbonatiche
Alternanze di calcari e dolomie: calcari dolomitici, dolomie calcaree, ecc.
Calcari: rocce prevalentemente calcaree, comprese le calcilutiti e le calcareniti, con potenza della stratificazione
maggiore di 1 decimetro.
Calcari fittamente stratificati: rocce prevalentemente calcaree, comprese le calcilutiti e le calcareniti, con potenza
della stratificazione minore di 1 decimetro.
Calcari selciferi: calcari e calcari fittamente stratificati che presentano letti, lenti o noduli di selce.
Dolomie: rocce prevalentemente dolomitiche, comprese le dololutiti e le doloareniti.
Sequenze sedimentarie evaporitiche
Evaporiti: unità litologica costituita da rocce prevalentemente gessose, anidritiche e/o ialine.
Materiali sciolti
Deposito con componente organica/torbosa: deposito con componente organica e/o torbosa prevalente.
Detrito di falda: utilizzato per detriti di falda, depositi di versante e accumuli di grossi blocchi.

Fig.1 - Grafico ternario per i sedimenti sciolti con la distribuzione


percentuale delle diverse granulometrie e la relativa nomenclatura.

G: sedimenti prevalentemente ghiaiosi (fig.1).


GM: sedimenti prevalentemente ghaiosi con limi e argille, ghiaiosi e limoso-argillosi (fig.1).
GS: sedimenti prevalentemente ghiaiosi con sabbia, ghiaiosi-sabbiosi (fig.1).
GSM = GMS: sedimenti prevalentemente ghiaiosi con limi, argille e sabbia (fig.1).
M: sedimenti prevalentemente limoso-argillosi (fig.1).
MG: sedimenti prevalentemente limoso-argillosi con ghiaia, limoso-argillosi e ghiaiosi (fig.1).

-6-
MS: sedimenti prevalentemente limoso-argillosi con sabbia, limoso-argillosi e sabbiosi (fig.1).
MSG = MGS: sedimenti prevalentemente limoso-argillosi con ghiaia e sabbia (fig.1).
Riporto: accumulo artificiale di materiale detritico e/o inerte, in particolare:
• gli accumuli di scarti di cava con area maggiore di 10.000 m² (100x100m). Si applica per cave di
pietra ornamentale o di calcari o quando la litologia data dai detriti della lavorazione condiziona la
permeabilità della zona;
• le discariche;
• i rilevati stradali e ferroviari con un’altezza maggiore di 2 metri o con una larghezza maggiore di 20
metri e con una lunghezza minima di 100 metri;
• altri casi di riporto con area maggiore di 10.000 m² (100x100m) o con aree comunque significative.
S: sedimenti prevalentemente sabbiosi (fig.1).
SG: sedimenti prevalentemente sabbiosi con ghiaie, sabbiosi e limoso-argillosi (fig.1).
SM: sedimenti prevalentemente sabbiosi con limi e argille, sabbiosi e limoso-argillosi (fig.1).
SMG = SGM: sedimenti prevalentemente sabbiosi con limi, argille e ghiaia (fig.1).
Speleotema: concrezione ipogea
Terre rosse: paleosuoli carsici in senso lato, anche se giacenti in terreni misti a riporto delle aree coltivate e in
depositi colluviali.

-7-
Carta litologica del sottosuolo
La CARTA LITOLOGICA DEL SOTTOSUOLO rappresenta la distribuzione delle principali unità litologiche o geotecniche
dei primi 10 metri dal piano campagna.
I limiti fra le diverse unità geotecniche derivano per lo più dall’interpolazione delle indagini dirette ed indirette
rinvenute tenendo conto del numero e dell’affidabilità dei dati a disposizione.
L’elaborazione della carta viene realizzata considerando la litologia mediata dei primi 10 metri, per cui si
riconoscono due casistiche:
1. presenza dominante di depositi sciolti con potenza maggiore di 5 metri o comunque presenza di depositi
colluviali a 5 m dal p.c.
2. presenza dominante di substrato roccioso con potenza maggiore e/o uguale a 5 metri.
Presenza dominante di depositi sciolti
Vengono individuate quattro classi geotecniche sulla base del contenuto percentuale mediato di limo e/o argilla
presente nei primi 10 metri dal p.c. In particolare si individuano:
• terre con strati di limo e/o argilla inferiori o uguali al 10%;
• terre con strati di limo e/o argilla maggiori al 10% ed inferiori o uguali al 30%;
• terre con strati di limo e/o argilla maggiori al 30% ed inferiori o uguali al 70%;
• terre con strati di limo e/o argilla maggiori al 70% ed inferiori o uguali al 100%.

Nei casi in cui dalle indagini emerga che la massa rocciosa è presente dopo i 5 metri dal p.c., la percentuale degli
strati di limo e/o argilla presenti è calcolata rapportando lo spessore utile di depositi sciolti al 100%.
Vi sono, inoltre, due sovrassegni:
Deposito con componente torbosa: utilizzato quando si hanno almeno 1,5 m di deposito torboso, considerando la
sommatoria nei primi 10 metri dal piano campagna dei livelli di torba riscontrati negli allegati delle indagini;
Lenti di ghiaie cementate e/o conglomerati: utilizzato quando si hanno da 3 a 5 m di lenti di ghiaie cementate e/o
conglomerati nei primi 10 metri dal piano campagna. Lo spessore va calcolato sulla base della sommatoria dei
livelli di ghiaie cementate e/o conglomerati riscontrati negli allegati delle indagini. Il sovrassegno è tratteggiato in
corrispondenza delle indagini che le evidenziano senza lasciare spazio ad eccessive interpretazioni. Se l’indagine è
isolata, e quindi non si conosce l’estensione della lente, la cementazione viene evidenziata simbolicamente con
un cerchio di raggio di 50 m. Quando lo spessore delle ghiaie cementate e/o di conglomerati, calcolato sulla base
della sommatoria dei livelli di ghiaie cementate e/o di conglomerati riscontrati nelle indagini, è
complessivamente maggiore di 5 m si utilizza il retino Conglomerati (Quaternario).
Presenza dominante di substrato roccioso
Per quanto riguarda la CARTA LITOLOGICA DEL SOTTOSUOLO relativa alle aree in cui il substrato è costituito da massa
rocciosa, si individuano i seguenti casi:
• i limiti tra le formazioni rocciose rimangono invariati, ovvero le unità litologiche della massa rocciosa e le
loro geometrie rimangono uguali a quelle della CARTA LITOLOGICA SUPERFICIALE (sequenze clastiche e
carbonatiche);
• i limiti tra massa rocciosa e terreni vengono proiettati alla profondità di 5 metri dal piano campagna
(isobata dei 5m) in maniera ragionata, a meno di dati contrari;
• le isobate del substrato vengono riportate fino ai 15 metri di profondità solamente in base
all’interpretazione di indagini o a lavori specifici.

-8-
Isobata del substrato: le isobate vengono tracciate nei pressi di aree dove sono state eseguite delle indagini nel
sottosuolo o tratte da bibliografia. Vengono segnate le isobate fino a 15 m dal p.c.
Riporto: generalmente i riporti segnati sulla CARTA LITOLOGICA SUPERFICIALE vengono riportati fedelmente nella
CARTA LITOLOGICA DEL SOTTOSUOLO. Però in presenza di indagini dirette (quali pozzi con stratigrafia e/o sondaggi
meccanici, pozzetti geognostici) interne all’area di riporto si segna in carta quanto emerge nelle stratigrafie. Si
riportano di seguito i possibili casi:
• CASO 1: il sondaggio segnala nei primi 2 m riporto e nei sottostanti 8 m ghiaie e ghiaie sabbiose. In carta si
segnano terre con strati di limo e/o argilla inferiori o uguali al 10% e non riporto;
• CASO 2: qualora il substrato roccioso si trovi entro i primi 5 m si rappresenta in carta la roccia e non riporto;
• CASO 3: qualora si evidenzi il substrato roccioso dopo i 5 m si segna in carta un’isobata relativa alla
profondità in cui si trova il substrato roccioso ma si mantiene il retino riporto;
• CASO 4: il sondaggio segnala che ci sono almeno 6 m di riporto e poi depositi sciolti o roccia. In carta si
lascia il riporto con eventualmente le isobate.
Traccia di scavo geognostico: viene utilizzato per segnare una linea di scavo geognostico maggiore di 50 metri di
cui il rilevatore è riuscito durante l'apertura dello scavo a raccogliere campioni, a fare osservazioni oppure è
venuto in possesso della documentazione pertinente allo stesso. Un punto di osservazione sulla linea di traccia di
scavo geognostico segnata la collega alla scheda Prove in sito/pozzetto geognostico/trincea.
Detrito di falda: depositi di versante potenti più di 5-6 metri.

Sequenze sedimentarie clastiche

Alternanze calcarenitico – calcilutitiche: intercalazioni calcarenitico – calcilutitiche con subordinati banchi


carbonatici, intercalazioni calcarenitico – calcisiltitico – arenacee con netta prevalenza della componente
carbonatica su quella silicoclastica.
Alternanze pelitico – arenacee: alternanze di peliti e areniti con un rapporto arenite/pelite compreso tra 30/70 e
70/30 ( o una percentuale di arenite variabile da 30% a 70%).
Areniti prevalenti: areniti (da arenarie fini sino a calcareniti con componente terrigena variabile), intercalazioni
pelitiche, arenaceo - conglomeratiche con netta prevalenza di areniti. Rocce sedimentarie clastiche costituite da
materiale detritico con granulometria prevalente compresa tra 1/16 e 2 mm.
Conglomerati (Prequaternario): conglomerati, brecce, intercalazioni di brecce o di conglomerati e di areniti
grossolane, dove non è possibile cartografate le diverse litologie.
Conglomerati (Quaternario): ghiaie cementate, conglomerati, brecce. Rocce sedimentarie clastiche costituite da
materiale detritico con granulometria prevalente maggiore di 2 mm.
Megabanchi carbonatici prevalenti: megabanchi carbonatici prevalenti con subordinati orizzonti di torbiditi
silicoclastiche, carbonatiche e ibride, calcareniti massicce e conglomerati frequentemente con spessore metrico o
plurimetrico. I megabanchi sono caratterizzati dalla presenza di megabrecce alla base e da megatorbiditi al tetto.
Le megabrecce risultano poco organizzate, costituite da elementi prevalentemente calcarei (che possono
raggiungere dimensioni eccezionali tanto da essere definiti olistoliti) con matrice variabile da marnosa a sabbioso
- ghiaiosa. La porzione rappresentata dalla megatorbidite è caratterizzata da calcirudite, da calcarenite e da
marna.
Peliti prevalenti: peliti (siltiti, argilliti e/o marne), intercalazioni pelitico – arenaceo - conglomeratiche con netta
prevalenza di peliti. Rocce sedimentarie clastiche costituite da materiale detritico con granulometria prevalente
compresa tra 1/16 e 1/256 mm (siltiti) o minore di 1/256 mm (argilliti e marne).
Sequenze sedimentarie carbonatiche
Alternanze di calcari e dolomie: calcari dolomitici, dolomie calcaree, ecc

-9-
Calcari: rocce prevalentemente calcaree, comprese le calcilutiti e le calcareniti, con potenza della stratificazione
maggiore di 1 decimetro.
Calcari fittamente stratificati: rocce prevalentemente calcaree, comprese le calcilutiti e le calcareniti, con potenza
della stratificazione minore di 1 decimetro.
Calcari selciferi: calcari e calcari fittamente stratificati che presentano letti, lenti o noduli di selce.
Dolomie: rocce prevalentemente dolomitiche, comprese le dololutiti e le doloareniti.
Sequenze sedimentarie evaporitiche
Evaporiti: unità litologica costituita da rocce prevalentemente gessose, anidritiche e/o ialine.

- 10 -
Carta strutturale
La CARTA STRUTTURALE rappresenta la distribuzione dei principali elementi tettonici.
La carta riporta l’assetto della stratificazione e gli elementi strutturali in funzione della tipologia di movimento (ad
esempio faglia trascorrente destra). Gli elementi strutturali vengono cartografati partendo dai dati raccolti in
campagna, dalle informazioni desunte da lavori specifici e dall’analisi delle foto aeree disponibili.
Vengono sempre specificate, con l’ausilio di un punto di osservazione, le giaciture, le faglie e/o altri elementi
strutturali tratti da bibliografia. Le scheda di riferimento sono la scheda Tettonica e la scheda Punto di
osservazione.
La terminologia identificativa degli elementi presenti nella CARTA STRUTTURALE è riportata di seguito.
Gli attributi “sepolto-a/presunto-a” vengono utilizzati per indicare un prolungamento sepolto e/o supposto e/o
presunto della faglia affiorante.
Asse antiforme: traccia di piano assiale di piega volgente la concavità verso il basso.
Asse sinforme: traccia di piano assiale di piega volgente la concavità verso l’alto.
Faglie: le faglie vengono cartografate tenendo conto della seguente classificazione:
• faglia diretta
• faglia diretta sepolta/presunta
• faglia inversa
• faglia inversa sepolta/presunta
• faglia trascorrente destra
• faglia trascorrente destra sepolta/presunta
• faglia trascorrente sinistra
• faglia trascorrente sinistra sepolta/presunta
• faglia verticale (o subverticale)
• faglia verticale sepolta/presunta
• faglia indeterminata
• faglia indeterminata sepolta/presunta
Faglia indeterminata: faglia con tipologia di movimento non riconoscibile o faglia da bibliografia.
Giacitura della stratificazione: orientazione delle superfici di strato, è descritta da:
• direzione: angolo azimutale (valori compresi tra 0° - 360°) della retta orizzontale che giace sul piano
tangente alla superficie dello strato;
• inclinazione: angolo formato dall'intersezione tra il piano orizzontale e lo strato (valori compresi tra
0° e 90°);
• verso: vettore di immersione della massima pendenza.
Giunto: frattura senza scorrimento condizionante la morfologia (master joint).
Slumping: fenomeno di scivolamento gravitativo diagenetico.
Sovrascorrimento: faglia inversa con rigetto non misurabile e con piani ad inclinazioni minori di 30° o movimenti
lungo superfici di stratificazione, anche diverse, raccordati da rampe con qualunque inclinazione.
Stratificazione orizzontale: piani di strato ad inclinazione nulla o tendente a 0°.
Stratificazione rovesciata: piani di strato basculati di un angolo maggiore di 90° (con polarità evidente).
Stratificazione verticale: piani di strato ad inclinazione pari o tendente a 90° (con polarità evidente).

- 11 -
Carta dell’intensità di suddivisione della massa rocciosa
La suddivisione della massa rocciosa prevede l’identificazione di una delle quattro classi definite in funzione
differente volume unitario rappresentativo (volume unitario <1 cm³; volume unitario tra 1 cm³ e 1 dm³, volume
unitario tra 1 dm³ e 1 m³ e volume unitario >1 m³) sia per le litologie superficiali che per quelle del sottosuolo,
anche se di fatto nel sottosuolo la suddivisione della massa rocciosa differisce d a quella superficiale per
l’assenza di limiti degli areali retinati a significare che sono dedotti da estrapolazione dei dati a disposizione e da
proiezioni strutturali.
La terminologia identificativa degli elementi presenti nella CARTA DELL’INTENSITÀ DI SUDDIVISIONE DELLE MASSE
ROCCIOSE è di seguito riportata:

Volume unitario <1 cm³: areali in cui l'unità di volume della massa rocciosa ha solitamente dimensione inferiore a
1 centimetro cubo.
Volume unitario 1 cm³ - 1 dm³: areali in cui l'unità di volume della massa rocciosa ha solitamente dimensione
compresa fra 1 decimetro cubo e 1 centimetro cubo.
Volume unitario 1 dm³ - 1 m³: areali in cui l'unità di volume della massa rocciosa ha solitamente dimensione
compresa fra 1 metro cubo e un 1 decimetro cubo.
Volume unitario >1 m³: areali in cui l'unità di volume della massa rocciosa ha solitamente dimensione maggiore di
1 metro cubo.

- 12 -
Carta geomorfologia applicata
Nella CARTA GEOMORFOLOGICA APPLICATA vengono cartografati gli elementi geomorfologici significativi,
distinguendone, ove possibile, lo stato di attività.
Nella rappresentazione di dossi e paleodossi fluviali, di tracce di percorsi fluviali estinti, di meandri abbandonati,
di aree spianate o rimodellate artificialmente, di aree asfaltate, di aree a pastini e altro, si sono dimostrati
particolarmente utili:
• i fotopiani 1:10.000 messi a disposizione dal Servizio Geologico Regionale (sia quelli del 1999 che
quelli più recenti del 2004),
• la cartografia storica relativa alle aree di studio (ad esempio la cartografia del Ducato di Venezia von
Zach del 1804 in scala 1:28.800),
• le carte IGM nelle varie edizioni disponibili,
• l’elaborazione della Carta del microrilievo.
Per quanto concerne gli elementi morfologici collegati a fenomeni carsici, durante la fase di rilevamento vengono
distinte le superfici a carso “coperto”, da quelle “a denti”, “a blocchi”, “a testate” e gli areali significativi con “terra
rossa” o “grize”, campindo a parte i “campi solcati”. In fase di elaborazione della cartografia queste tipologie
vengono raggruppate in tre classi, identificando areali a copertura di suolo più spessa ed omogenea (terre rosse),
areali a scarsa copertura di suolo (carso a denti o a blocchi), areali ad affioramenti rocciosi prevalenti (carso a
strati, a testate, grize e campi solcati).
Nella CARTA GEOMORFOLOGICA APPLICATA figurano i termini di seguito riportati:
Alto morfologico: area in rilievo, in zone di pianura, la cui genesi non è chiaramente definibile.
Area a meandri abbandonati: area in prossimità di un corso d’acqua con presenza di eventuali tracce di percorsi
fluviali estinti, individuati principalmente sul telerilevamento.
Area a pastini: pendii rimodellati artificialmente a terrazzi (es. sistemazioni a terrazzamento nelle zone collinari).
All’interno delle aree a pastini non vengono segnate le scarpate antropiche. Possono essere tracciate le scarpate
antropiche ai limiti delle aree a pastini qualora esse siano significative rispetto a quelle dei terrazzamenti.
Area asfaltata: area maggiore di 10.000 metri quadrati (100100 m) con copertura per asfalto o simile. Gli edifici
non vengono tenuti in considerazione nel calcolo dell’area asfaltata, ma possono essere campiti. Se
precedentemente l’areale era stato spianato (intendendo con questo termine che c’è stata un’evidente modifica
della topografia) viene cartografato sia come area spianata artificialmente sia come area asfaltata.
Area di cava: l’ubicazione viene individuata dai dati messi a disposizione dal Servizio Geologico Regionale,
fondamentali sono comunque i rilevamenti di campagna. All’interno dell’area di cava, sia attiva che inattiva, non
sono riportati i gradoni, le scarpate, i piazzali e le altre forme antropiche. Viene utilizzato l’elemento grafico cava
attiva o cava inattiva collegato alla scheda Cava – Discarica.
Area spianata / rimodellata artificialmente: area maggiore di 10.000 metri quadrati, degradata da attività
antropiche quali spianamenti, modellamenti, modificazioni della superficie topografica, ecc. Gli edifici vengono
considerati parte dell’area spianata. Non viene utilizzata all’interno dei centri abitati.
Argine di conterminazione: sono cartografati gli argini di conterminazione lagunare e a mare a seconda della
tipologia (tipo A, B, C e K – secondo MAROCCO R. & PESSINA M., 1995 - Il rischio litorale nell'area
circumlagunare del Friuli-Venezia Giulia. Gortania - Atti del Museo Friulano di Storia Naturale, 17: 5-35). Si
continua a segnare l’argine di conterminazione, in base alla tipologia, anche nell’interno dell’entroterra qualora
esso sia stato rilevato in corrispondenza delle zone limitrofe alla laguna o alla costa. Per la descrizione viene
utilizzato un punto di osservazione collegato alla scheda Argine.
Argine di conterminazione di tipo A: argine le cui scarpate esterne (lato laguna o mare) ed interne sono
rispettivamente contraddistinte da un rivestimento di pietrame con prolungamento di una banchina verso mare e
dalla presenza di una banca verso terra di 4 m circa.

- 13 -
Argine di conterminazione di tipo B: argine con caratteristiche costruttive simili a quelli di tipo A, tranne che per
l’assenza della banchina verso la laguna o il mare.
Argine di conterminazione di tipo C: simili a quelli di tipo B, ma privi del rivestimento e della scogliera in pietrame.
Argine di conterminazione di tipo K: argine le cui scarpate sono costituite da un cordolo murario e da una palificata.
Argine fluviale <2m / >2m: argine artificiale con altezza minore di 2 metri / maggiore di 2 metri. L’altezza
dell’argine viene calcolato rispetto al p.c. esterno all’argine non considerando la quota di un eventuale rilevato
posto a lato dell’argine stesso. Per la descrizione viene utilizzato un punto di osservazione collegato alla
medesima scheda.
Bacino portuale (= area portuale): zone a mare o aree lungo canali navigabili con superficie maggiore di 10.000 m².
Viene utilizzato anche per gli argini delle valli da pesca.
Barena artificiale: rilievo in ambiente lagunare con quote comprese fra l’alta e la bassa marea, costituito da
materiale riportato o simile. Viene evidenziato il limite delle barene.
Barena naturale: rilievo in ambiente lagunare con quote comprese fra l’alta e la bassa marea, costituito da
sedimenti. Viene evidenziato il limite delle barene.
Bocca lagunare: bocca lagunare attiva.
Carso a testate/grize/campi solcati: morfologie carsiche superficiali per lo più non coperte da vegetazione.
Carso coperto/ a blocchi / a denti: morfologie carsiche superficiali per lo più coperte da vegetazione.
Conoide: conoide alluvionale, conoide alluvionale da microrilievo, paleoconoide.
Cordoni litorali / accumuli eolici / dune: morfologie di formazione marino/eolica. In presenza di informazioni viene
inserito un punto di osservazione all’interno dell’area cartografata collegato alla scheda Costa bassa.
Detrito di falda: detriti di rocce al piede di pareti rocciose, detrito di falda, deposito di versante e accumulo di
grossi blocchi. Data l’estensione e l’entità degli spessori di questi depositi, si è optato per estendere questa voce
anche alla CARTA LITOLOGICA SUPERFICIALE oltre che alla CARTA LITOLOGICA DEL SOTTOSUOLO.
Difesa spondale: muro di ripa fluviale o muro di difesa costiera. Quando vi è un canale artificiale rivestito (letto e
sponde sono in calcestruzzo o in cemento armato) non viene usato questo simbolo. Per quanto riguarda le zone a
mare, le dighe foranee non vanno rappresentate con simboli speciali. Nel caso in cui ci siano informazioni rilevanti
viene utilizzato il punto osservazione e la relativa scheda.
Discarica: l’ubicazione ed i relativi areali vengono individuati sulla base della consultazione dei dati messi a
disposizione dal Servizio Geologico Regionale, dai Comuni e dalle Province. Fondamentali sono comunque i
rilevamenti di campagna. Viene cartografato l’areale, all’interno del quale non vengono segnate le scarpate
antropiche, viene utilizzato un punto di osservazione o l’elemento grafico cava – discarica (in caso di cava chiusa
ridestinata) collegati alla scheda Cava – Discarica.
Doline: sono distinte sulla base delle osservazioni di campagna:
• le doline con diametro maggiore di 100 metri vengono segnate delimitando il perimetro, a seconda
del tipo di layer sotto specificato:
a) doline con pareti verticali (o di crollo) (layer: Doline_verticali)
b) doline con pareti a gradoni (layer: Doline_gradoni)
c) doline con diametro maggiore di 100 metri che non rientrano nei due casi precedenti (layer:
Doline)
• le doline con diametro inferiore a 100 metri vengono segnate inserendo solo l’elemento grafico
doline_min100m (layer doline_min100m). Non viene assegnato un numero di scheda o altro.
Dosso / paleodosso fluviale: morfologia allungata e leggermente elevata rispetto le quote circostanti che
rappresenta l’apparato fluviale comprensivo di canale, argini, barre di meandro e depositi di crevasse. Viene
cartografata la sommità del dosso fluviale attuale e/o i paleodossi fluviali rilevati da microrilievo o da rilevamento
in campagna o da bibliografia. Il dosso viene segnato anche in presenza di un’incisione fluviale.
Flesso morfologico: rottura di pendenza a basso angolo con orlo addolcito.

- 14 -
Gabbionata: sono cartografate solo le gabbionate intese come opera di difesa spondale. Nel caso in cui ci siano
informazioni rilevanti viene utilizzato il punto osservazione e la relativa scheda.
Isobata del fondo marino: isolinea di profondità del fondo marino espressa in metri dal l.m.m.
Margine di area in rapida e vistosa sedimentazione: sono delimitate le aree in rapida e vistosa sedimentazione
lungo un corso d’acqua, nei canali lagunari e/o in zona di costa.
Margine di area in rapida e vistosa erosione: sono delimitate le aree in rapida e vistosa erosione lungo un corso
d’acqua, lungo i canali lagunari o i canali artificiali delle zone di bassa pianura e in zona di costa.
Moli guardiani: opera di difesa costiera in muratura, trasversale alla linea di costa e posta all’imboccatura dell’area
portuale.
Muro / limite di spiaggia: limite del retro spiaggia sabbioso (sia morfologia costiera che antropica). In presenza di
informazioni viene inserito un punto osservazione in corrispondenza della linea cartografata e collegato alla
scheda Costa bassa.
Opere di protezione dei versanti: elemento grafico lineare che designa un’opera o un insieme di opere di difesa o di
protezione su un versante qualora l’intervento sia cartografabile, altrimenti viene utilizzato solo un Punto di
osservazione collegato alla Scheda opere di protezione dei versanti.
Orlo di gradino morfologico/di falesia <2m / >2m: forma di incisione (orli di scarpata carsica, incisioni carsico-
fluviali, orli di falesia e gradini morfologici dovuta a brusche rotture di pendenza per erosione selettiva) con
altezza maggiore o minore di 2 metri comunque significative e cartografabili.
Orlo di scarpata antropica <2m / >2m: forma di incisione (bordo di scarpata, gradino, ecc) dovuta all'azione diretta
dell'uomo, con altezza maggiore o minore di 2 metri significative e cartografabili. In generale gli orli di scarpata
antropica non sono segnati in corrispondenza dei canali artificiali, all’interno delle aree di cava, nelle aree a pastini
e nelle discariche.
Orlo di scarpata fluviale o torrentizia / ripa in erosione <2m / >2m: orlo di scarpata fluviale o torrentizia in erosione
laterale o orlo di scarpata (anche di canale artificiale) in erosione presente in corrispondenza degli impluvi
impostati su rilievi rocciosi con altezza minore di 2 metri / maggiore di 2 metri.
Orlo di terrazzo fluviale/ di scarpata fluviale o torrentizia <2m / >2m: orlo di terrazzo fluviale e/o di scarpata fluviale
o torrentizia non attiva con altezza minore di 2 metri / maggiore di 2 metri. Il simbolo viene usato anche lungo
impluvi impostati su rilievi rocciosi.
Palificata: opera di difesa di tipo spondale relativo ad un corso d’acqua o a canali lagunari con estensione
maggiore a 100 metri.
Pennello: opera di difesa marittima, vengono distinti: pennello permeabile, pennello impermeabile e pennello
generico.
Pontile su pali: è cartografato come areale ed utilizzato solo per cartografare strutture balneari e terrazzi a mare
sempre su pali.
Profilo a mare: profilo sismico e/o batimetrico a mare.
Punto di assorbimento: utilizzato in zone carsiche se significativo, indica un punto o un’area limitata a drenaggio
centripeto nel sottosuolo.
Rilievo isolato in pianura: rilievo isolato in substrato roccioso.
Scogliera artificiale: è collegata alla scheda Opera di difesa spondale.
Speleotema: roccia composta principalmente da carbonato di calcio per concrezionamento da sovrasaturazione.
Superficie di erosione (glacis): superficie di spianamento risultato di processi di erosione indifferenziati.
Terrapieno / tombamento / ripascimento: sono cartografati come terrapieni i rilevati stradali, ferroviari, ecc. che
possono influire sul deflusso delle acque e comunque sono segnati terrapieni, tombamenti, interrimenti o

- 15 -
ripascimenti con altezza maggiore di 0,5 metri dal p.c. indipendentemente dalla larghezza. Nello specifico i
terrapieni:
• terminano in corrispondenza della base delle eventuali scarpate minori o maggiori di 2 m;
• sono tracciati coincidenti al limite delle aree in depressione assoluta, ove presenti;
• non sono segnati in corrispondenza o a lato degli argini fluviali o di conterminazione.
Se il terrapieno ha un’altezza maggiore di 2 metri viene segnata anche la scarpata antropica.
Terre rosse: paleosuoli in senso lato, compresi i terreni misti a riporto delle aree coltivate e i depositi colluviali.
Traccia di bocca lagunare: evidenza morfologica o segnalazione storica di una bocca lagunare estinta.
Traccia di percorsi fluviali estinti (traccia di canali estinti, idrografia superficiale estinta): traccia di vecchi canali
abbandonati, sia di origine fluviale che lagunare, osservabili per differenze tessiturali o di umidità o cromatiche
(da foto aeree, da microrilievi, da foto storiche, da morfologia, ecc).
Tratto di alveo in forra: incisione fluviale attiva, con roccia sul fondo spesso accompagnata da marmitte di
erosione, o con depositi alluvionali di potenza minima, caratterizzata da fianchi subverticali alti almeno 5 metri.
Valle da pesca: area lagunare delimitata artificialmente e deputata alla coltivazione di pesce o molluschi eduli. Il
limite della valle da pesca è tracciato alla base delle eventuali scarpate e/o argini presenti.
Varco arginale: cedimento strutturale riferibile ad un abbassamento di quota dell’argine o all’erosione dello stesso
(rottura arginale). Il simbolo non viene utilizzato nel caso ci sia una strada, un percorso naturalistico, un sentiero
che interrompa l’argine.
Zona di delta attivo: area deltizia indistinta (piana deltizia superiore, inferiore, ecc.) occupata dal corso d’acqua
attuale. All’interno delle zone di delta non sono segnate né le aree umide né le aree golenali.
Zona di delta inattivo: area deltizia indistinta anticamente occupata da un corso d’acqua (es. vecchia foce
dell’Isonzo). All’interno delle zone di delta non sono segnate né le aree umide né le aree golenali.
Zona in depressione assoluta: depressione assoluta, riferita al l.m.m. Il limite è unico, ma esistono diversi tipi di
retini a seconda del range di depressione considerato (da 0 a 0.5 m, da 0.5 a 1 m, da 1 a 1.5 m, da 1.5 a 2 m, da 2 a
2.5 m). Le aree in depressione assoluta si interrompono in corrispondenza dei limiti dei terrapieni con quote
superiori al l.m.m.. Nel caso in cui un terrapieno ricada nella zona di depressione assoluta vanno riportati entrambi
i retini.
Zona in depressione relativa: area in depressione relativa, ovvero posta a quota inferiore rispetto alle quote
circostanti, escluse le doline.

- 16 -
Carta idrogeologica
Nella CARTA IDROGEOLOGICA sono riportati il reticolo idrografico naturale ed artificiale, le isopieze, i deflussi
sotterranei, le sorgenti permanenti e temporanee, le risorgive, le aree inondate e allagate, le aree golenali e di
letto ordinario, le rotte arginali, i solchi di ruscellamento isolati o diffusi, le aree umide, gli specchi d’acqua e
l’ubicazione di briglie, chiuse e soglie. Le rotte arginali sono generalmente inserite specificando anno e fonte delle
informazioni acquisite.
Per quanto riguarda le opere idrauliche trasversali e le opere di difesa spondale, nella zona dei rilievi è stato
acquisito il Catasto delle Opere Idraulico - Forestali (Catasto SIF) della Direzione centrale risorse rurali,
agroalimentari e forestali. Di questo sono inserite solo le opere con lunghezza uguale o maggiore a 100 m.
Le aree inondate sono state suddivise in “aree inondate storicamente” ed “aree inondate”. Le prime fanno
riferimento ai lavori “Studio per la definizione dei pericoli naturali nella regione Friuli-Venezia Giulia (alluvioni,
mareggiate, frane e valanghe)”, Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, Assessorato all’Agricoltura, Foreste,
Economia montana, Direzione Regionale delle Foreste, Relazione interna generale a cura di Stefanini S., Gerdol S.
e Stefanelli A. (1979) e alla “Carta di sintesi delle pericolosità naturali” allegata al volume “Elementi e metodologie
per gli strumenti di pianificazione” (Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, Direzione Regionale della
Pianificazione territoriale, 1996). Le seconde fanno riferimento ad esondazioni più recenti e vengono tracciate nei
casi in cui la fonte bibliografica (ad esempio i P.R.G.C.) è attendibile e specifica, riportando nelle note della scheda
“area allagata” i dati sul tipo di allagamento, sull’anno o sul periodo di allagamento o di esondazione, sulle
testimonianze orali.
L’area umida / ristagno d’acqua corrisponde a terreni ad evidente saturazione o con emergenza e/o ristagno di
acqua, così come desunta da rilevamenti e/o da foto aeree, e talora sottolineata dalla presenza di vegetazione
tipica di ambienti igrofili. Le aree umide non vengono rappresentate all’interno di aree golenali tranne eccezioni
stabilite dal Responsabile di tematica o di Foglio.
Nella CARTA IDROGEOLOGICA particolare attenzione viene posta nella rappresentazione dei canali artificiali e dei
corsi d’acqua secondari antropizzati. Sono rappresentati come canali artificiali le rogge, i canali di irrigazione, i
canali navigabili, i canali di bonifica o quant’altro sulle CTRN sia definito genericamente “canale”. In generale
devono essere cartografati i canali con larghezza maggiore di 2 metri rilevati in campagna o già evidenziati sulla
CTRN con un doppio tratto. Tuttavia in alcune zone devono essere cartografati canali artificiali anche se di
dimensioni minori, importanti per la definizione delle linee di drenaggio delle acque superficiali.
I corsi d’acqua secondari che sono stati rettificati o hanno subito modifiche artificiali sono rappresentati come
corsi temporanei o come corsi permanenti.
Talora nella carta sono state inserite linee isopiezometriche con colori diversi (diverse gradazioni di celeste e blu)
per evidenziare le isofreatiche elaborate nelle stesse aree, ma basate su campagne di misura eseguite in periodi
diversi.
I termini riportati di seguito figurano nella CARTA IDROGEOLOGICA.
Area golenale / di letto ordinario: area golenale e/o di letto ordinario, pertinente al corso d'acqua e delimitata da
argini o da orli di terrazzi. L’area, riferita al corso d'acqua principale e secondario, viene segnata solo se è
cartografabile (almeno 25-30 m da limite a limite dell’area golenale). L’area golenale, in presenza dell’argine, è
cartografata dalla sommità dell’argine. Inoltre se l’area viene delimitata da un orlo di terrazzo fluviale essa può
essere terminata al piede di quest’ultimo.
Area inondata: area recentemente soggetta alle invasioni delle acque marine per effetto delle mareggiate o
dell’acqua alta, o soggetta ad esondazione fluviale, o allagata per innalzamento della falda o per bassa
permeabilità dei terreni superficiali, da rilevamento e/o da bibliografia diversa da quella riportata per le aree
inondate storicamente. All’interno dell’area viene inserito l’elemento grafico Pto_osservazione, che deve essere
unico anche nel caso di aree ricadenti in più elementi, ed ad esso è collegata la scheda Area allagata.
Area inondata storicamente: area inondata tratta da: “Studio per la definizione dei pericoli naturali nella regione
Friuli-Venezia Giulia (alluvioni, mareggiate, frane e valanghe)”, Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, Relazione

- 17 -
interna generale a cura di S. Stefanini, S. Gerdol e A. Stefanelli (1979) e dalla “Carta di sintesi delle pericolosità
naturali” allegata al volume “Elementi e metodologie per gli strumenti di pianificazione” (Regione Autonoma
Friuli-Venezia Giulia, Direzione Regionale della Pianificazione territoriale, 1996). All’interno dell’area viene inserito
l’elemento grafico Pto_osservazione, che deve essere unico anche nel caso di aree ricadenti in più elementi, ed ad
esso è collegata la scheda Area allagata.
Area umida / ristagno d’acqua: terreni ad evidente saturazione o con emergenza e/o ristagno di acqua, desunta
da rilevamenti o da foto aeree, talora sottolineata dalla presenza di vegetazione tipica di ambienti igrofili.
All’interno delle zone di delta non vengono segnate aree umide. In generale non sono segnate aree umide
all’interno dell’area golenale. L’areale può essere ripreso anche da bibliografia, come ad esempio in caso di aree
riconosciute biotopi dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
Canale artificiale: canali artificiali, rogge, canali di irrigazione, canali navigabili, canali di bonifica. In generale sono
cartografati i canali con larghezza maggiore di 2 metri (sulla CTRN questi canali sono segnati a doppio tratto),
specie nella pianura, e tutti quei canali che nel corso del rilevamento sono risultati importanti per il drenaggio
delle acque. Non sono segnate le scarpate antropiche ad essi connesse.
Canale artificiale tombato: sono cartografati i canali artificiali intubati o tombinati, di lunghezza di superiore ai 200
m in centri abitati il cui andamento è noto anche da bibliografia (es. allegati geologici a PRGC). Viene citata la
fonte bibliografica con l’inserimento del elemento grafico Pto_osservazione e la compilazione della relativa
scheda.
Corsi d’acqua: per la classificazione dei corsi d’acqua in principali e secondari si è fatto riferimento alla
classificazione del Servizio Idraulica, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia al tempo del rilevamento.
I corsi d’acqua secondari sono distinti inoltre in:
• permanente;
• temporaneo.
Per i fiumi di risorgiva si è inserito l’elemento grafico risorgiva alla sorgente e poi segnato il corso d’acqua come
principale o secondario permanente o secondario temporaneo.
I corsi d’acqua che sono stati rettificati o artificializzati sono comunque rappresentati come corso d’acqua
principale o secondario permanente o secondario temporaneo.
Deflusso sotterraneo: i deflussi sotterranei sono distinti in:
• principale: andamento generale delle acque sotterranee, comunque ortogonale all’andamento delle
principali linee isopiezometriche;
• secondario: variazione locale al deflusso sotterraneo principale, comunque ortogonale all’andamento
delle linee isopiezometriche.
Su ogni elemento grafico di deflusso sotterraneo, se tratto da bibliografia, vi è sovrapposto un punto di
osservazione a cui è collegata l’omonima scheda. Altrimenti è inserito un elemento grafico di deflusso su ogni
isopieza per caratterizzare le linee principali di drenaggio.
Isopiezometrica: deve esser espressa in metri sul livello medio del mare. Si inseriscono tutte le isopieze e
isofreatiche tratte da bibliografia. In particolare se nella medesima area sussistono andamenti diversi delle
isofreatiche, riferite a campagne significative, sono segnate in ciano le isofreatiche più recenti (layer: isofreatica) e
in blu (layer: isofreatica non recente) le isofreatiche più antiche. Inoltre viene inseriro un punto di osservazione in
corrispondenza della linea più a monte di ogni elemento e viene citata la bibliografia nella scheda Punto di
osservazione.
Rotta spondale o arginale: punto di straripamento e/o di rottura dell’argine. Ad essa è collegata la scheda argine,
previo l’inserimento di un punto di osservazione vicino al elemento grafico rotta arginale.
Ruscellamento: solchi di ruscellamento isolati o diffusi con erosione dovuta allo scorrimento planare o incanalato
delle acque piovane in superficie.
Solco di ruscellamento carsico: è utilizzato in zone carsiche dove si evidenziano ruscellamenti associati a fenomeni
di corrosione.
Specchio d'acqua: deposito d'acqua permanente sotto forma di stagno o lago o falda affiorante o forme artificiali,
quali allevamenti ittici o fondi cava allagati.

- 18 -
Stagno carsico: è utilizzato come deposito occasionale d’acqua in piccole depressioni, spesso di origine antropica
(in area carsica).

- 19 -
Aree dissestate
Nella CARTA DELLE AREE DISSESTATE vengono rappresentati i fenomeni franosi suddivisi in:
• evento franoso di modeste dimensioni,
• nicchia di frana,
• accumulo di frana,
• colata detritica,
• aree ad instabilità diffusa su coltri detritiche o su pareti rocciose subverticali,
• tutte le forme di erosione in atto rilevate in campagna.
L’elaborazione della CARTA DELLE AREE DISSESTATE e delle relative schede è basata sui rilevamenti di campagna,
utilizzando come cartografia bibliografica gli allegati geologici ai PRGC, gli areali e le schede elaborate dal
Servizio Geologico Regionale per il Catasto Regionale delle Frane e redatte secondo lo standard del Progetto IFFI
(Inventario dei Fenomeni Franosi Italiani). La CARTA DELLE AREE DISSESTATE prevede la rappresentazione
planimetrica, lineare e puntuale degli elementi geologici e geomorfologici caratterizzanti il dissesto o l’areale
dissestato così come rilevato (es. elemento puntuale cartografato come evento di moderate dimensioni, o
elemento lineare cartografato come nicchia di frana). Se il dissesto rilevato è riferibile al Catasto Regionale delle
Frane all’interno delle scheda dissesti generici o dissesti particolari è compilato il campo specifico che riporta il
codice della scheda IFFI, ovvero la sigla del Catasto stesso, alla data del rilevamento.
Quindi nella CARTA DELLE AREE DISSESTATE sono inseriti tutti i fenomeni franosi evidenziati durante la fase di
rilevamento in campagna e dalla ricerca bibliografica, definendo per ogni evento, in funzione delle dimensioni
cartografabili, una scheda dissesti generici o una scheda dissesti particolari.
Viste le problematiche emerse relativamente alle aree soggette a crolli e/o ribaltamenti diffusi lungo pareti
verticali in rocce carbonatiche si è deciso di suddividere l’area ad instabilità diffusa introducendo due significati
diversi: area ad instabilità diffusa su coltri detritiche ed area ad instabilità diffusa su pareti rocciose subverticali.
I termini riportati di seguito figurano nella CARTA DELLE AREE DISSESTATE, per una migliore comprensione viene
descritto anche l’elemento grafico evento franoso di modeste dimensioni che, in quanto elemento grafico
collegato a scheda, appartiene tuttavia alla CARTA PUNTI DI INDAGINE.
Accumulo di frana: l’areale è cartografabile se di dimensione (lunghezza o larghezza) maggiore di 50 m.
Area ad instabilità diffusa su coltri detritiche: versanti su coltri detritiche soggetti ad instabilità superficiale diffusa
(con indizi di movimenti), anche con movimenti tipo creep e/o soliflusso. Viene inserito nell’area un punto di
osservazione a cui è collegata la scheda dissesti generici o la scheda dissesti particolari. La scheda dissesti generici
viene compilata quando l’area è minore di 10.000 m², mentre se l’area è maggiore di 10.000 m² si utilizza la
scheda dissesti particolari. All’interno di tali aree ci possono essere simbologie puntuali e/o lineari (es. elemento
grafico evento franoso di modeste dimensioni e nicchie di frana). Per le aree che ricadono in più elementi viene
compilata un’unica scheda.
Area ad instabilità diffusa su pareti rocciose subverticali: pareti rocciose subverticali soggette a crolli e/o a
ribaltamenti diffusi (con indizi di movimenti). Viene inserito nell’area un punto di osservazione a cui è collegata la
scheda dissesti generici o la scheda dissesti particolari. La scheda dissesti generici deve essere compilata quando
l’area è minore di 10.000 m², mentre se l’area è maggiore di 10.000 m² si utilizza la scheda dissesti particolari.
All’interno di tali aree ci possono essere simbologie puntuali e/o lineari (es. elemento grafico evento franoso di
modeste dimensioni e nicchia di frana). Per le aree che ricadono in più elementi viene compilata un’unica scheda.
Evento franoso di modeste dimensioni (essendo elemento grafico appartiene alla CARTA PUNTI DI INDAGINE): evento
franoso in roccia o in detrito o in terra di piccola entità (estensione lineare della nicchia di distacco inferiore a 50
metri). Viene inserito l’elemento grafico il cui numero fa riferimento alla scheda dissesti generici, tale elemento
grafico può essere inserito anche all’interno delle aree ad instabilità diffusa.
Nicchia di frana: orlo di scarpata di frana con lunghezza maggiore di 50 metri. Viene inserito sulla nicchia di frana
un punto di osservazione a cui è collegata la scheda dissesti generici (se la nicchia ha lunghezza tra 50 e 100 m) o
la scheda dissesti particolari (se la nicchia è maggiore di 100 m). Dove possibile è stata cartografata l’area di
accumulo di frana. Per le nicchie che ricadono in più elementi viene compilata un’unica scheda.

- 20 -
SCHEDA DISSESTI SCHEDA DISSESTI
NOTE
GENERICI PARTICOLARI
Accumulo di frana Dimensione maggiore di 50 m

Area ad instabilità diffusa su <10.000 m² >10.000 m² La scheda è collegata al punto di


coltri detritiche osservazione
X X
Area ad instabilità diffusa su <10.000 m² >10.000 m² La scheda è collegata al punto di
pareti rocciose subverticali X X osservazione.
L’elemento grafico appartiene alla
Evento franoso di modeste CARTA PUNTI DI INDAGINE.
dimensioni X Il simbolo evento può essere inserito
(nicchia <50m) all’interno di un’area ad instabilità
diffusa.
La scheda è collegata al punto di
osservazione che va inserito sulla
nicchia.
Nicchia di frana 50 - 100 m > 100 m
Il simbolo nicchia può essere inserito
all’interno di un’area ad instabilità
diffusa.

- 21 -
LEGENDA CARTA GEOLOGICO-TECNICA SUDDIVISA PER CARTE TEMATICHE

Legenda dalle Carta litostratigrafica strutturale

- 22 -
- 23 -
- 24 -
Legenda della Carta litostratigrafica del sottosuolo

- 25 -
- 26 -
Legenda della Carta geomorfologica applicata

- 27 -
- 28 -
- 29 -
- 30 -
Legenda della Carta idrogeologica

- 31 -
- 32 -
- 33 -
Legenda della Carta delle aree dissestate

- 34 -
Legende delle carte tematiche SIT-CGT
Carta litostratigrafica superficiale

- 35 -
Carta litostratigrafica sottosuolo

- 36 -
Carta geomorfologica applicata

- 37 -
- 38 -
Carta idrogeologica

- 39 -
Carta delle aree dissestate

- 40 -
Carta punti d’indagine

- 41 -
Direzione centrale ambiente energia e politiche per la montagna
Servizio geologico
Via Giulia 75/1, 34126 Trieste
tel. 040 377 4148 fax 040 377 4513
servizio.geologico@regione.fvg.it