Sei sulla pagina 1di 51

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio

CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

PROVEDILABORATORIOPERLADETERMINAZIONEDELLE
PROPRIETIDRAULICHEEMECCANICHEDEITERRENI

Sommario
2

Premessa....................................................................................................................................2

Identificazioneedescrizionediuncampioneindisturbato.......................................................2

Provedipermeabilit.................................................................................................................3
4.1

Modalitdiesecuzione......................................................................................................3

4.1.1

Interpretazionediunaprovainpermeametro..........................................................4

4.1.2

Elaboratoriassuntivo..................................................................................................6

Provadicompressioneedometrica............................................................................................7
5.1

Modalitdiesecuzione......................................................................................................7

5.2

Analisidellacurvadiconsolidazionesperimentale............................................................9

5.2.1

Caratteristichedicompressibilit.............................................................................10

5.3

Ricostruzionedellastoriatensionaledaunaprovaedometrica......................................14

5.4

Elaboratoriassuntivodiunaprovaedometrica...............................................................16

Resistenzaatagliodeiterreni..................................................................................................18

Provaditagliodiretto...............................................................................................................21

7.1

Modalitdiesecuzione....................................................................................................21

7.2

Interpretazionedellaprova..............................................................................................24

7.3

Meccanismidiresistenzaaltaglioefattoriinfluenti.......................................................26

7.4

Elaboratoriassuntivodiunaprovaditagliodiretto........................................................29

Provadicompressionetriassiale..............................................................................................31
8.1

Provetriassialiconsolidate:modalitdiesecuzione........................................................31

8.1.1

Saturazione...............................................................................................................33

8.1.2

Consolidazione.........................................................................................................34

8.1.3

Rottura.....................................................................................................................34

8.2

Provetriassialiconsolidate:interpretazione....................................................................35

8.3

Dipendenzadelcomportamentodadensitecondizionididrenaggio..........................41

8.4

Elaboratoriassuntivodiunaprovadicompressionetriassialeconsolidata....................42

8.5

Provanonconsolidatanondrenata.................................................................................44

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Premessa

In questo contributo si inteso fornire gli elementi conoscitivi essenziali per la corretta
esecuzione ed interpretazione delle prove di laboratorio pi frequentemente adottate per la
determinazione delle propriet idrauliche (caratteristiche di permeabilit e di consolidazione) e
meccaniche(compressibiliteresistenzaarottura)deiterreninaturali.Sifattoriferimentoda
un lato alla prassi vigente nella comunit tecnicoscientifica nazionale, in gran parte
regolamentata dalle Raccomandazioni AGI, in corso di aggiornamento, e dallaltro alle
RaccomandazioniEuropeedellETC5aseguitodelladozionedellEC7.
Come in gran parte delle indicazioni previste dalle suddette Raccomandazioni tecniche, la
trattazione qui spesso necessariamente limitata ai terreni fini saturi prelevabili sotto forma di
campioni indisturbati, cio di classe Q5 secondo AGI, o di classe A secondo EC7Pt2. Ci non
pregiudicatuttavialapossibilitdiestenderepartediquesteindicazioniallasperimentazionesu
terreni a grana grossa e/o parzialmente saturi, anche sotto forma di campioni ricostituiti per
deposizione, sedimentazione o previo costipamento, con le dovute limitazioni operative ed
applicativedavalutarecasopercaso.
Per ciascuna delle prove trattate, verranno sintetizzate le principali indicazioni sulle tecniche
esecutive e di elaborazione dei dati, rinviando ai contributi di altri Autori per tutto ci che
riguarda i fondamenti teorici del comportamento idraulico e meccanico, i criteri di
programmazionedelleindagini,elusoprogettualedeiparametri.

Identificazioneedescrizionediuncampioneindisturbato

Per lidentificazione e la descrizione di un campione indisturbato, non esistono procedure


standardriconosciute,siaincampoeuropeocheinternazionale.Esistonoinvecealcunetradizioni
noncodificate,comeglielementiessenzialiperladescrizionediunterrenoadottatidanumerosi
studiosietecnicidellascuoladiCambridge,chequisiriportano:

Condizionidiumidit
Colore
Consistenza(terrenicoesivi),compattezza(terreniincoerenti)
Struttura(giaciture,fratture,tessitura,traccediscorrimenti)
Tipoditerreno(riconoscimentodellagranulometria)
Altrepeculiarit(traccedisostanzeorganiche,inclusilapidei)
Origine(necessitdiinterpretazione)
Condizionidifalda(necessitdiosservazioniinsito)

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Provedipermeabilit

Inlaboratorio,possibilemisurareilcoefficientedipermeabilitkdiunterrenosaturoattraverso
provemeccanicheeproveadhocinapparecchiaturechiamatepermeametri.
Tra le prove meccaniche, quelle pi adatte allo scopo sono la compressione triassiale e quella
edometrica(cfr.4).Verrannoquidiseguito,comunque,riassuntelemodalitdiesecuzioneed
interpretazionedelleproveinpermeametro;questepossonoesserecondotte,comeleprovedi
permeabilitinsito,acaricoidraulicocostante(procedurapiadattaperterreniagranagrossa)o
variabile(applicabileaterreniagranafina).
Il principio alla base della prova consiste nellapplicare un gradiente idraulico (i=h/l) ad un
provino cilindrico di lunghezza l (Figura 3.1), misurare la velocit di flusso v (portata filtrante Q
rapportataallareaA),ericavareilcoefficientedipermeabilitkinbaseallanotaleggediDarcy:

Q
h

v ki k
A
l

(3.1)

Figura3.1.Schemadiesecuzionediunaprovadipermeabilit.

3.1 Modalitdiesecuzione
Il campione di terreno deve essere almeno di qualit Q2 (AGI) o B (EC7), e prima della misura
occorrecheabbianoavutocompletamentecorsoiprocessidiconsolidazioneodirigonfiamentoa
cuipuesserestatoeventualmentesottoposto.
Se il terreno non completamente saturo, in alcune configurazioni sperimentali pu essere
assoggettatoadunacontropressioneu0controllataemantenutacostantedurantelinteraprova
(cfr.7.1.1).Intalcaso,necessarialapresenzadicarichiesternistaticipergarantirelequilibrio
e la stabilit del provino. Lapplicazione di carichi esterni pu risultare dinteresse nel caso tra
laltrosivogliaesplorareladipendenzadikdallostato(indicedeivuotietensioneeffettiva)del
terreno.

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Immissioneacqua
deaerata
2 Rubinetto
3 Serbatoiodicarico
4 Serbatoiodiscarico
5 Elementofiltrante
6 Piastraforata
7 Provino
8 Tubipiezometrici
9 Scalagraduata
10 Burettagraduata
11 Cella

Figura3.2.Provainpermeametroacaricocostante.

Il gradiente idraulico deve essere tale da rientrare nei limiti di applicabilit della legge di Darcy
(relazionelinearetravei),elatemperaturadurantelaprovadeverisultarevariabileentro2,
altrimentisononecessarieappositecorrezionideirisultati.
IlrapportotradiametrodelprovinoDedimensionemassimadelleparticelledmaxdeverisultare
pariadalmeno5perterreniassortiti,10perterreniuniformi.Lasezionetrasversaledelprovino
deverisultarenoninferiorea10cm2perterrenifini,a20cm2perterreniagranagrossa.
LoschemasperimentaletipicoperunaprovaacaricocostanteillustratoinFigura3.2Ilcarico
idraulicovienemisuratoinsottilitubipiezometrici(=34mm)posizionatiadalmeno1.5cmda
entrambeleestremitdelprovino.Laportataeffluentevieneregolatadaldislivellotralequote
piezometricheneidueserbatoidicaricoediscarico,emisurataadintervalliditemporegolariin
corrispondenzadelserbatoiodiscarico,adesempioutilizzandounaburettagraduata.
Nella prova a carico variabile (Figura 3.3), il gradiente idraulico variabile dovuto
allabbassamentoprogressivodellivelloidricohneltubodicarico;laportataeffluente,anchessa
variabileneltempo,nonrichiedemisuradiretta,poichdefinitadallavariazioneneltempodel
volumedacquanellostessotubo,ilcuilivellolettoadintervalliditemporegolari.
3.1.1

Interpretazionediunaprovainpermeametro

Perinterpretarelaprovaacaricocostante,sufficientediagrammarelandamentoneltempodel
volume dacqua V raccolto nella buretta, ottenendo una pendenza media (o locale)
rappresentativadellaportataeffluenteQ:

(3.2)

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

Immissioneacquadeaerata
Tubopiezometricoasportabile
Raccordoatrevie
Guarnizionedigomma
Elementifiltranti
Supportoprovino
Provino
Piastradicarico
Sistemaapplicazionecarichiverticali
Contenitoreconsfioro

Figura3.3.Provainpermeametroacaricovariabile.

Ricordandola(3.1):

Ql

A h

(3.3)

dove h la differenza tra le quote piezometriche dei due tubicini, l la distanza tra i punti di
misura,Alasezionetrasversaledelprovino.
Perinterpretarelaprovaacaricovariabile,occorreinvecediagrammarelandamentoneltempo
dellavariazionerelativadiquotapiezometricah,espressanellaforma ln h1 h2 ,essendoh1eh2
leletturedi hallinizioedallafinediogniintervalloditempot.Lapendenzainciascuntratto
lineare (o, in alternativa, la pendenza media relativa a tutta la durata della prova), fornisce il
valoredik:

a l ln h1 h2

A
t

(3.4)

dovealasezionetrasversaledeltubo,llalunghezzadelprovino,Alasuasezionetrasversale.

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

3.1.2

Elaboratoriassuntivo

Leinformazionidariportareinunrapportostandarddiunaprovadipermeabilitsono,secondo
lETC5,quelleriassunteinTabella3.1.
Tabella3.1.Informazionidariportarenelrapportodiunaprovainpermeametro.
1) modalitdiprova
2) identificazionedelcampione(origine,sitodiprelievo,numerodicampione,profondit,etc.)
3) descrizionedelterreno,includendoladimensionemassimadelleparticellenelcasoditerrenia
granagrossa
4) dimensionidelprovino
5) metododipreparazionedelprovino(indisturbato,ricostituito,costipato)
6) densitoindicedeivuotidelprovino
7) contenutodacquaprimaedopolaprova
8) gradienteidraulico(provaacaricocostante),omassimaeminimaquotapiezometrica(provaa
caricovariabile)
9) contropressioneogradodisaturazioneallinizioedallafinedellaprova
10) temperaturadiesecuzionedellaprova
11) temperaturadiriferimento
12) direzionedelflusso
13) coefficientedipermeabilitallatemperaturadiriferimento
14) valoredelcaricoesterno(seapplicato)
15) qualunquedeviazionedallaprocedurastandardpresaariferimento
16) osservazionisultipodiprovae/oapparecchiatura

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Provadicompressioneedometrica

Laprovadicompressioneedometrica,afrontediunanotevolesemplicitesecutiva,permetteil
conseguimentodimoltepliciobiettivi;essaconsenteinfattidi:
1. determinare la relazione tensionedeformazione che caratterizza le propriet di
compressibilitedirigonfiamentopereffettodivariazionidistatotensionaleeffettivoin
condizionimonodimensionali(edometriche,odideformazionetrasversaleimpedita);
2. determinarelecaratteristichechegovernanolavariabilitditalideformazionineltempo,
pereffettodeifenomenidiconsolidazioneprimariaesecondaria;
3. ricostruirelastoriatensionaledeldepositonaturaledacuistatoprelevatoilcampione.

4.1 Modalitdiesecuzione
Nellecelleedometrichetradizionali,unprovinocilindricoditerreno,confinatolateralmenteentro
leparetirigidediunanellometallico(Figura4.1a),vienesottopostoadunasollecitazioneverticale
in modo da trovarsi in condizioni di compressione di tipo K0, cio di deformazione trasversale
1
impedita .
IlrapportotraaltezzaHediametroDdelprovinocontenuto,perfavorirelamassimauniformit
delletensioniverticali v.LaltezzaHdeveessereconvenientementeridotta,perminimizzaresia
gliattrititralasuperficielateraleelanello,siaitempidiconsolidazione.IlrapportotralaltezzaH
ed il diametro nominale massimo delle particelle, dmax, deve infine risultare sufficientemente
elevatodaridurrealminimoglieffettidiscaladovutialladimensionefinitadeigrani.

Figura4.1.Cellaedometrica(a)esistemadicarico(b).

IlparametroK0(oppurek0dettocoefficientedispintaariposo)definisce,comenoto,ilrapportotrala
tensioneeffettivaorizzontalehequellaverticalevincondizionidideformazionetrasversaleimpedita.

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

IrequisitidimensionalideiprovinidarispettaresecondoRaccomandazioninazionaliedeuropee
sono in definitiva riassunti in Tabella 4.1. Prima della prova, occorre registrare le dimensioni
dellanelloedilpesoumidodelprovino.
Laprocedurasperimentalepitradizionalequellaagradinidicarico,realizzatasottoponendoil
provino, in genere mediante un sistema di pesi (Figura 4.1b), ad incrementi/decrementi di
tensione verticale v,variabili secondo una progressione geometrica (cfr. Tabella 4.2). La fase di
scaricovadinormaeffettuataconunnumerodigradinipariadalmenolametdiquellirelativi
agli incrementi di carico effettuati. Le condizioni di drenaggio libero in direzione verticale sono
consentite dalla presenza di carta da filtro e pietre porose sulle basi inferiore e superiore del
provino.
Durante ciascun incremento di carico, i cedimenti verticali w della piastra di applicazione del
carico sono misurati mediante un micrometro o un trasduttore di spostamento (Figura 4.1b),
registrandoneltempoilvaloredelcedimentocumulato(curvadiconsolidazione)w(t).Laletturae
memorizzazione dei cedimenti va effettuata ad intervalli di tempo prefissati, ancora una volta
secondounaprogressionegeometrica(ti/ti1=costante),articolataadesempiocomeriportato in
Tabella 4.3. Ogni incremento di carico va mantenuto costante nel tempo finch non si sviluppa
completamente la consolidazione primaria, e vengano cos garantiti la dissipazione delle
sovrappressioni neutre u (u(t) 0) ed il trasferimento dellincremento di tensioni totali in
tensionieffettive(vv).Perleabitualicaratteristichediconsolidazionedeiterreninaturali
fini, allo scopo in genere sufficiente una durata di 24h dellapplicazione del carico; prima di
procedere ad un ulteriore incremento, per comunque necessario controllare che il decorso
della consolidazione primaria si sia esaurito, mediante lanalisi della curva cedimentitempi
registrata(cfr.4.2).Alterminedellaprova,ilprovinovasmontatoconcura,pesato,epoifatto
essiccareinstufaa105110peralmeno24h,dopodichnevieneregistratoilpesosecco.
Tabella4.1.Requisitidimensionalideiproviniperproveedometriche.
RaccomandazioniAGI

RaccomandazioniETC5

Hmin
(mm)

Dmin
(mm)

D/H
minmax

Hmin/dmax

13

50

2.56

Dimensionitipicheprovino Massaminimaditerreno
Wmin(g)
DH(mm)
5020
7520
10020

90
200
350

Tabella4.2.Sequenzedicarichi:raccomandazionitecnicheeprassinazionale.
RaccomandazioniAGI&ETC5
Prassinazionale

6 12 25 50 100
10 20 40 80 150

200
300

400
600

800 1600 3200


1200 2500 5000

kPa
kPa

Tabella4.3.Possibilisequenzetemporalidiregistrazionedellacurvadiconsolidazionesperimentale.

AGI

6
8

15
15

30 1 2 4 8
30 1 2 5 10

15
20

30
45

1h
2h 4h 8h 16h 24h
1h30 3h 6h 12h 24h

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

4.2 Analisidellacurvadiconsolidazionesperimentale
Pereffettodiciascunincrementodicarico,lacurvacedimentitempisperimentale(Figura4.2)
caratterizzatadallapresenzaditrediversefenomenologiedicedimento:

un cedimento immediato, w0, dovuto a svariate concause sperimentali (deformabilit


finita del sistema di applicazione dei carichi, non perfetta saturazione di provino ed
2
elementidrenanti,etc.) ;

un cedimento da consolidazione primaria, wc, cio dovuto al processo idrodinamico,


descrittodallateoriadiTerzaghi(1923),incuideformazionidivolumeecedimentisono
associatiadissipazionidisovrappressionineutreu(secondoloschemadiFigura4.2a);

uncedimentodaconsolidazionesecondaria,ws,cioassociatoadeformazionidivolume
cheavvengonoindipendentementedallavariazioneneltempodellapressioneneutra(cfr.
Figura 4.2b); queste possono essere dovute, tipicamente, a deformazioni viscose (o da
creep) dei granuli (p.es. nei terreni ricchi di sostanze organiche) o dei contatti
interparticellari(nelcasoditerrenifinimoltoplastici),oancoraarotturaprogressivadegli
elementi (nel caso dei terreni a grana grossa con particelle fragili, come p.es. le
piroclastiti, le sabbie calcaree organogene, i terreni prodotti da rocce metamorfiche
alterate).

Poich la curva di consolidazione sperimentale caratterizzata dalla coesistenza di questi tre


fenomenideformativi,perdedurneilcoefficientediconsolidazioneverticalecv(checaratterizza
3
il decorso della consolidazione primaria ), necessario anzitutto depurarla dellassestamento
iniziale, w0, e poi dellaliquota di cedimento variabile nel tempo dovuta agli effetti secondari.
Questi si manifestano quando u 0, conferendo alla curva di consolidazione sperimentale la
classicacodaconunasintotoobliquo(cfr.Figura4.2c).
LapidiffusaproceduradiinterpretazionedellacurvacedimentitempisideveaCasagrandeed
riassunta in Figura 4.3a. Da questo metodo possibile dedurre, oltre il coefficiente cv, anche
laliquotawcdelcedimentototaledovutaalsolofenomenodiconsolidazioneidrodinamicoedil
coefficientediconsolidazionesecondaria,c;questultimononinvecededucibileapplicandola
procedurasuggeritadaTaylor,riassuntainFigura4.3b.

Questaaliquotadicedimentodovrebbeessereinteorianulla,inquantoincondizioniedometrichevz
edincondizioninondrenate(t=0)v=0.

Siricordachelaclassicaformulazionedellequazionedellaconsolidazionemonodimensionale:

k Eed
u
2u
cv 2 cv
t
z
w

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

4.2.1

Caratteristichedicompressibilit

A meno che non si misurino h e u (il che possibile solo in apparecchiature avanzate), il
percorsodelletensionieffettiveinquestaprovanondeterminabile.
(a)

(b)

(c)

Figura4.2.Consolidazioneprimaria(a)esecondaria(b),ecurvasperimentalerisultante(c).

10

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

t
w0

(U=0%)
w1

w4

(U=50%)

w3

(U=100%)

w
(a)

4t

log t
w
w

w2
wc

t50

(b)

Figura4.3.CriteridiCasagrande(a)eTaylor(b)perl'interpretazionediunacurvadiconsolidazione
sperimentale.

11

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

La relazione costitutiva tra tensione effettiva v e deformazione verticale z deducibile


esprimendo questultima in funzione dei cedimenti cumulati (z=w/H con w=iwi) ad ogni
incremento di carico. Se rappresentata nel piano v:z (Figura 4.4a), la relazione costitutiva
evidenzia un comportamento tensiodeformativo del terreno di tipo non reversibile, cio con
deformazionitotali caratterizzatedaunaliquotaplasticanonrecuperabile, p,edaunaelastica,
e,viceversarecuperabilealloscarico.
Ilmodulodicompressioneedometricasecante:

Eed

(4.1)

si presenta crescente con v (Figura 4.4b), salvo un breve tratto iniziale in cui ha di solito un
andamentononmonotono.
(a)
tensione verticale, 'v (kPa)

5000

4000

3000

2000

1000

0
0

(b)

10

15

20

deformazione verticale, z (% )

25

30

Modulo edometrico, Eed (MPa)

50

40

30

20

10

0
10

tensione verticale, 'v (kPa)

10000

Figura4.4.Relazionetensionedeformazione(a)emoduloedometricoinfunzionedellivello
tensionale(b).

12

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Per ottenere una rappresentazione pi conveniente ai fini dellanalisi della storia tensionale del
deposito e del calcolo dei cedimenti, la relazione di compressibilit si diagramma
tradizionalmenteanchenelpiano(e:v),inscalasemilogaritmica,sfruttandolesistenzadiuna
relazionelinearetradeformazioniedindicedeivuoti:

e e
h
wi
z 0
e e0 z (1 e0 ) e0 1 hss 0
1 e0
1 e0
hss

(4.2)

essendoe0eh0,rispettivamente,indicedeivuotiedaltezzadelprovinoprimadellaprova.
A seguito della trasformazione di scala, la curva di compressibilit (Figura 4.5) si presenta in
generecaratterizzatada:

un primo tratto di ricompressione (o di ricarico iniziale), con pendenza relativamente


modestafinoalraggiungimentodiunatensionedisnervamento,vy;seilprovinoviene
sottoposto ad uno scarico tensionale in questo tratto, le deformazioni risultano
praticamentequasideltuttoreversibili(elastiche);

unsecondotratto,oltre vy,incuilapendenzaincrementasensibilmente,asegnalarela
presenza di deformazioni plastiche prevalenti su quelle elastiche; il tratto lineare con
pendenza massima (da individuare con almeno tre punti allineati della curva) prende il
nomedicurvadinormalconsolidazione;

un terzo tratto di rigonfiamento (o di scarico), con pendenza prossima a quella del


trattodiricompressione; ancheinquestotratto,le deformazionirisultanopraticamente
reversibili(comepotrebbeessereverificatosottoponendoilprovinoadunulterioreciclo
diricarico).
0.900

CR
indice dei vuoti, e

0.800
0.700
0.600

CC

0.500

CS

0.400
0.300
1

10

100

1000

10000

tensione verticale,
'v (kPa)

Figura4.5.CurvadicompressibilitedefinizionedegliindiciCR,CC,CS.

13

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Questa formulazione del legame costitutivo pu essere quindi sintetizzata attraverso tre diversi
parametri di compressibilit, esprimenti la pendenza e log10 v nei tre diversi tratti,
opportunamentelinearizzati,incuipossibileschematizzarelacurva:

lindicediricompressioneCR(lungoilramodiricaricoiniziale)

lindicedicompressibilitCC(lungolarettadinormalconsolidazione)

lindicedirigonfiamentoCS(lungoiramidiscaricoedeventualericarico)

I parametri appena definiti risultano di notevole utilit nel calcolo dei cedimenti di un deposito
naturale.

4.3 Ricostruzionedellastoriatensionaledaunaprovaedometrica.
Quasinessundepositonaturaleconservaindefinitamenteneltempolecaratteristichediporosit
elostatotensionalegeostaticocheassumeallattodellasuaformazione.
Lo schema in Figura 4.6 mostra che processi di sedimentazione e successiva erosione (che
avvengono con tempi molto lenti, quindi in condizioni sempre drenate), sono associati a
comportamentitensiodeformatividicaratterediverso.
Inparticolare,durantelafasedisedimentazionesiverificacheilterrenopicompressibileche
in durante una fase di erosione (Figura 4.6a). Daltro canto, le tensioni orizzontali non vengono
scaricate in misura proporzionale a quelle verticali (Figura 4.6b), e pertanto il coefficiente di
spintaariposoK0(costanteinfasedisedimentazione),inerosionevariaconlostatotensionale,
aumentandoprogressivamenteinrelazioneallentitdellariduzionedelletensionigeostatiche.
(a)

(b)

Sedimentazione

Erosione

v
vp

K 0,nc

K 0,oc

Figura4.6.Storiatensionalediundepositointerminidicompressibilit(a)etensionigeostatiche(b).

14

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Sidefiniscetensionedisovraconsolidazione, vplamassimatensionegeostaticaverticaleacuiun
elemento di terreno stato sottoposto nella sua storia tensionale, e grado di
sovraconsolidazioneOCRilrapporto:

OCR

vp
1
v0

(4.3)

In tale spirito, un terreno normalmente consolidato (brevemente, n.c.) non mai stato
sottoposto a stati tensionali superiori a quello geostatico attuale, per cui risulta vp=v0 e
OCR=1.Inrealt,adispettodeltermine,questatuttaltrochelanorma.
Un terreno si dice invece sovraconsolidato (o.c.) quando accade viceversa che vp>v0 e
OCR>1.
Laprovadicompressioneedometricaconsenteinqualchemododiricostruirelastoriatensionale
del campione su cui viene effettuata, e da questa trarre utili indicazioni per le previsioni delle
deformazionideldepositosottocarichidiesercizio.
La procedura pi diffusa si deve ancora una volta a Casagrande, ed sintetizzata in Figura 4.7;
questo metodo a rigore conduce alla determinazione della tensione di snervamento vy, che
viene anche indicata come tensione di apparente sovraconsolidazione, e non coincide
necessariamenteconvp.
0,900

o
indice dei vuoti, e

0,800

0,700

b
t

0,600

0,500

LNC

0,400

0,300
10

100

vy,min vy

1000

vy,max

10000

tensione verticale, 'v (kPa)

Figura4.7.DeterminazionedellatensionedisovraconsolidazioneapparenteconilmetododiCasagrande.

15

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Indice dei vuoti,e

S
D
R
vp <vy
Tensione verticale, v

Figura4.8.Tensionidisovraconsolidazione(vp)edisnervamento(vy)perdepositinaturalisottopostia
'ageing'.

Un terreno naturale, infatti, se dopo la sua sedimentazione sottoposto ad un processo di


ageing (processo di invecchiamento del terreno dovuto a fenomeni di creep e/o diagenesi)
conformazionedilegamidicementazione,pupresentare,ancheinassenzadifenomenierosivi
durantelasuastoria,unatensionedisnervamentovybensuperioreaquellamassimageostatica
vpacuistatosottoposto(Figura4.8).
Intalcaso,ilmetododiCasagrandeconducealladeterminazionedellatensionedisnervamento,e
non a quella di sovraconsolidazione vera; questa in tal caso ricostruibile solo a partire
dallanalisidellastoriageologicadeldeposito.

4.4 Elaboratoriassuntivodiunaprovaedometrica
Come gi detto, le informazioni estraibili da una prova di compressione edometrica sono
molteplici: esse vengono riassunte in Tabella 4.4, mentre le procedure di elaborazione
corrispondentisonosintetizzateneimodulidiprovaallegatiinAppendice.
Sinotichedaquestaprovavienericavatoinmanierapressochimmediataancheilcoefficientedi
permeabilit k, che risulta dal confronto tra il coefficiente di consolidazione verticale cv ed il
modulodicompressioneedometricaEed.
Il rapporto di prova non deve necessariamente fornire tutte queste informazioni, anche perch
alcunediquestesonodipendentidallasceltadiunmodellointerpretativoche,infindeiconti,
compitodelprogettista(odelconsulentegeotecnico),enondellaboratoriodiprova.InTabella
4.5 si riportano, a titolo di esempio, le informazioni considerate obbligatorie e quelle opzionali
secondoETC5,fermarestandoperilprogettista(oconsulentegeotecnico)lafacoltdirichiedere
allaboratoriotuttiidatiacquisitidurantelaprova.
Lasuddivisionetraleduecategoriediinformazionituttoraunaquestionemoltodibattutaed
aperta, poich, ad esempio, stupisce che non vengano considerati tra le informazioni
obbligatorie dati come le curve cedimentitempi. Queste ultime, infatti, oltre ad essere
necessarie per linterpretazione della prova in termini di coefficienti di consolidazione, sono
quantomenoessenzialiperilcontrollodellasuacorrettaesecuzione.

16

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Tabella4.4.Leinformazionipotenzialmenteestraibilidaunaprovaedometrica.
Parametro
coefficienteconsolidazioneprimaria,
cv(cm2/s)
coeff.consolidazionesecondaria,
c(%/min)

ricavatoda

mediante

curvediconsolidazione
(w:logt)

moduloedometrico,
Eed(MPa)

curvatensionedeformazione
(v:z)

coefficientedipermeabilit,
k(cm/s)

cveEed

tensionedisnervamento*,
vy(kPa)
indicediricompressione,
CR
indicedicompressibilit,
CC

cv

Tx H 2

4t x

log t
v

E ed
z
c

cv w

Eed
metodivari
(p.es.Casagrande)
e
CR
( v vy )
log v
k

curvadicompressibilit
(e:logv)

indicedirigonfiamento,
CS

CC

e
log v

( v vy )

CS

e
log v

(inscarico)

Tabella4.5.CategoriediinformazioniobbligatorieoopzionalisecondoETC5.
Informazioniobbligatorie

Informazioniopzionali

1) identificazionedelcampione(origine,sitodi
prelievo,numerodicampione,profondit,etc.)
2) descrizionedelcampione
3) profondit,posizioneeorientamentodelprovino
allinternodelcampione
4) identificazionedellapparecchiatura(anello
fisso/flottante,drenaggiodoppio/singolo,usodi
cartadafiltro,lubrificazionedellanello,taratura
delladeformabilitdelsistema)
5) dimensioniinizialidelprovino
6) contenutodacquainiziale,pesodivolumeumidoe
secco
7) pressionedirigonfiamento(semisurata)
8) graficodellacurvadicompressibilit,
rappresentandoinscalalineareologaritmicala
tensioneapplicatainfunzionedellavariabile
presceltaperladeformazione(eoz),inclusi
eventualiramidiscaricoericarico
9) temperaturadiesecuzionedellaprova

Engineerneltestooriginale.

17

1) commentisullecondizionidelcampione(disturbo,
statodiconservazione,tessituradelmateriale,ed
altro)
2) metododipreparazionedelprovino
3) indicedeivuotiegradodisaturazioneiniziali,se
misurati
4) pesospecificodelsolidoemetododideterminazione
(oseilvalorestatoassunto)
5) curvediconsolidazione(cedimentiinfunzionedel
logaritmoodellaradicequadratadeltempo)perogni
incrementodicarico
6) parametridicompressibiliterigonfiamentocome
specificatidalprogettistaoconsulente4,insiemeal
metododicalcolo
7) coefficientediconsolidazionecvemetodousatoper
ladeterminazione
8) temperaturadicorrezionedelcoefficientecv(se
opportuno)
9) coefficientedicompressionesecondariacemetodo
usatoperladeterminazione
10) tensionedisovraconsolidazioneapparentevy

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Resistenzaatagliodeiterreni

Laleggediresistenzaarotturadiognimaterialedefinibileattraversounasuperficielimitedi
stato,cioilluogogeometricocheseparaglistati(tensionalienon)possibilidaquelliimpossibili.
Ilmodellodiriferimentoperimezzidiscontinuiquellodibloccorigidoscabroacontattoconun
piano(Figura5.1a).Peresso,lasuperficielimitedistatolacurvacheesprime,perognivalore
dello sforzo normale N, il valore dello sforzo trasversale F necessario per produrre scorrimento
allinterfaccia.
Per analogia, il comportamento di un elemento di volume di un mezzo particellare (semplice o
complesso,cfr.Figura5.1b,c),sevistocomecontinuo,esprimibileinterminidirelazionelimite
tralatensionetangenzialeelosforzonormale,cionelpianodiMohr(Figura5.1d).
Il criterio di resistenza si pu dunque formulare mediante la curva limite (o curva intrinseca)
osservabile nel piano (:). Per un mezzo granulare monofase, la curva indipendente dalla
giacituradellelementoecaratterizzatadaunandamentolineare(Figura5.2):

c tan

(5.1)

(a)

(b)

(c)

(d)

(stati impossibili)

l i mi
curva

te

(stati possibili)

N
Figura5.1.Modelloelementaredibloccoscorrevoleperattrito(a),mezzogranularesemplice(b)e
complesso(c);superficielimitedistato(d).

18

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

(a)

tan

= c + tan

(b)

tan

= tan

(c)
c

=c

Figura5.2.CriteriodiresistenzadiMohrCoulomb(a):terrenoincoerente(b)eterrenocoesivo(c).

19

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Intaliipotesi,siparladicriteriodiresistenzaallaMohrCoulomb(Figura5.2a):cvienedefinita
coesione,erappresentalaresistenzaalloscorrimentoinassenzaditensioninormali;langolo
dattrito,etanrappresentalincrementodellaresistenzaconlaumentodellatensione.
Neiterrenisonopossibiliduecasilimiteopposti:
il materiale puramente attritivo (Figura 5.2b), caratterizzato da c=0, 0 (il cos detto
(c.d.)mezzo di Coulomb), che rappresenta il comportamento tipicamente associato ai
5
materriali a grana grossa (sabbie e ghiaie) ed a quelli a grana fine (limi ed argille), in
condizionidrenate;
ilmaterialepuramentecoesivo(Figura5.2c),caratterizzatodac>0,=0(ilc.d.mezzodi
6
Tresca),cherappresentailcomportamentotipicamenteassociatoaiterreniagranafine
incondizioninondrenate.

Per estendere con legittimit il criterio di MohrCoulomb ai terreni visti come mezzi particellari
multifase,varicordatochelesperienzamostrachelaresistenzadiessigovernatadalPrincipio
delleTensioniEffettive,invirtdelqualelacurvalimitevaespressaoggettivamenteinterminidi
tensionieffettive:

c tan

(5.2)

Come verr illustrato nel 7, uno stesso terreno (p.es. a grana fine) pu mostrare inviluppi di
rottura dipendenti dalle condizioni di drenaggio, se espressi in tensioni totali (:), ma
indipendentidaesse,seespressiintensionieffettive(:).
SenotolostatotensionaleattraversoilcerchiodiMohr,lacondizionedirotturaidentificata
dallatangenzatrailcerchioelinviluppo,eilpuntoditangenzapermettedilocalizzarelagiacitura
dirottura.
LarelazionediMohrCoulombaltresesprimibileinterminiequivalentimediante:
larelazione(ancoralineare)traletensioniprincipali1e3(criteriodiRankine):

1 K p 3 2c K p

3 Ka 1 2c Ka

(5.3)

dove:

Kp

1 sen
coefficientedispintapassiva
1 sen

Cheperlassenzadicoesionevengonospessodettiterreniincoerenti.

Cheperlapresenzadicoesionevengonospessodettiterrenicoesivi.

20

(5.4)

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Ka

1 sen
coefficientedispintaattiva
1 sen

(5.5)

larelazione(semprelineare)tragliinvariantipeq:

q p qc

(5.6)

dove:

6sen

3 sen

qc 2c K a

(5.7)

3 2 Ka

1 2K a

(5.8)

Nei capitoli che seguono verranno illustrate le modalit di determinazione della resistenza al
tagliodeiterrenimedianteleproveditagliodiretto(6)equelledicompressionetriassiale(7).

Provaditagliodiretto

Obiettivodi questaprovadeterminarelecaratteristichediresistenzaa tagliodiunterrenoin


condizionidrenate,medianteinterpretazionedellarelazione:nelpianodiMohr.
Gli strumenti sperimentali convenzionalmente adoperati allo scopo sono lattrezzatura di taglio
direttopiano(lac.d.scatoladiCasagrande,Figura6.1a)equelladitaglioanulare(apparecchiodi
Bromhead,Figura6.2b).Questultimapresenta,rispettoallaprima,ilvantaggiodipermettereuna
distribuzione pi uniforme delle tensioni tangenziali, e di consentire una pi agevole
determinazione della resistenza residua (cfr. 6.2); per meno diffusa nella pratica
sperimentale, a seguito della maggiore complessit operativa e per la difficoltosa preparazione
deiprovini.
Nella trattazione che segue, verranno pertanto fornite le indicazioni essenziali relative alla sola
provaditagliodirettopiano.

6.1 Modalitdiesecuzione
Unaprovacompletavieneeseguitasualmenotreproviniconsolidatiatensionivdiverse.
Iproviniadoperatisonoingenereprismaticiasezionequadrata(mataloraanchecilindrici)e,per
ragionianalogheaquelleespostenel4.1,devonosoddisfarerequisitidimensionali(Tabella6.1)
similiaquellidelleproveedometriche.

21

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Tabella6.1.Requisitidimensionalideiproviniperproveditagliodirettopiano.
RaccomandazioniAGI

RaccomandazioniETC5

Hmin
(mm)

Lmin
(mm)

(L/H)min

Hmin/dmax

Dimensioni
tipicheprovino
LLH(mm)

Massaminima
diterreno
Wmin(g)

12.5

50

10

606020
10010020
300300150

150
450
30000

(a)

(b)

Figura6.1.Apparecchiditagliodiretto(a)editaglioanulare(b).

22

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Primadellaprova,occorreregistrareledimensioniedilpesoumidodiciascunprovino.Questo,
unavoltaintrodottonellapparecchiatura(Figura6.3)traleduesemiscatoleinferiore(mobile)e
superiore(fissaesolidaleconilsistemadicaricoverticale),vienepoisottopostoacondizionidi
compressione di tipo K0, mediante lapplicazione di una forza verticale, N, generata da un
sistemadileveepesianalogoaquellodelledometro.
Latensioneeffettivadiconsolidazione, v(=N/A,conA=areadelprovino),nondevedinorma
risultareinferioreaquellageostaticaallaprofonditdiprelievodelcampione.
Nella fase di consolidazione, si registra la relazione cedimentitempi, che viene poi interpretata
nelpiano w : t ,ottenendoilvaloredit100comeindicatoinFigura6.3a.
Nellafasedirottura,vieneazionatounmotorepassopassocheproduceunoscorrimentorelativo
traleduesemiscatole,agendosuquellainferiore(Figura6.3b).
(a)

(b)

Figura6.2.Schemadimontaggio(a)edinserimentodelprovino(b)nellascatoladitaglio.
(a)

(b)

Figura6.3.Curvadiconsolidazione(a)eschemadicontrollodellesollecitazioninellafaseditaglio(b).

23

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Per garantire condizioni di drenaggio libero, la velocit di scorrimento viene mantenuta non
superiorealvalore:

f
F t100

(6.1)

essendofloscorrimentoprevedibilearottura(Tabella6.2);Funacostantecheassumeilvalore
10secondoleRaccomandazioniAGI,12.7secondoETC5.
Tabella6.2.ValoriorientatividelloscorrimentoarotturafsecondoAGI(2).

Terreno
argilletenere
argillesovraconsolidate
argillemarnose
sabbie

Scorrimentof(mm)
8
25
12
15

In questa fase, vengono registrati nel tempo lo scorrimento (letto da un micrometro o da un


trasduttoredispostamento),laforzaditaglioorizzontaleT(misuratadaunanellodinamometrico
ounacelladicarico)elospostamentoverticalew(rilevatoconunsistemaanalogoa).
Il sistema di carico verticale deve quindi rendere possibili anche gli spostamenti verticali e, per
evitare il disassamento di N e T, si adottano a volte sistemi di controllo del parallelismo (p. es.
cuscinettiasferalungolastachetrasmetteilcaricoverticale,Figura6.3b).
Leletturesimultaneedispostamentiorizzontalieverticali,nonchdelcaricoorizzontale,vanno
condottefinoallevidenzadelraggiungimentodellaresistenzadelmateriale.
Al termine della prova, il provino va smontato con cura, pesato, e poi fatto essiccare in stufa a
105110peralmeno24h,dopodichnevieneregistratoilpesosecco.

6.2 Interpretazionedellaprova
Come accennato, per limpossibilit di prevenire o comunque di controllare il drenaggio questa
provasempreconsolidatadrenata.
Lemodalitdiinterpretazionerisentonodialcunelimitazioniintrinsechedellapparecchiatura,e
cio:

lasuperficiedirotturapredeterminata;
letensioniorizzontalialcontornononsonomisurabili,pertantosiaicerchidiMohrchei
percorsitensionalisonoignotifinoallarottura;
ledeformazionitangenziali(concentrateintornoallasuperficiedirottura)nonsono
deducibilidaglispostamentiorizzontalimisurati.

24

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Ne deriva che la prova di taglio diretto interpretabile solo in termini di relazione : in


condizionidirottura.
Malgrado la disuniforme distribuzione di tensioni tangenziali lungo la sezione trasversale del
provino,nellinterpretazioneilrapportoT/Avieneindicatocomevalorenominaledi .Irisultati
sonoquindirappresentabiliattraversocurve:ew:associabiliaciascunvaloredellatensione
diconsolidazionevapplicata(Figura6.4a,b).
Per ciascun provino, sono in linea di principio determinabili tre distinti valori della tensione
tangenzialedirotturaf:

laresistenzadipiccop(corrispondentealvaloremassimomax);
laresistenzadistatostazionario cv(corrispondenteallecondizionidistazionarietdiw,
cioavolumecostante);
laresistenzaresiduar(corrispondenteascorrimentielevati).

Riportandolerelativecoppiedivalori(,)sulpianodiMohr,sonodiconseguenzadeterminabili
(p. es. mediante regressione lineare) tre diversi inviluppi ed altrettante coppie di parametri di
resistenzaarottura(Figura6.4c).Risultaingenerep>cv>r,nonchccvcr=0.
Lusoprogettualedeidiversiinviluppidiresistenzacosdeterminabiliquestionemoltodibattuta;
inquestasede,atitolodiorientamento,siricordanoleregolegeneraliriassunteinTabella6.3.

(a)

T
A

(c)
Picco

Picco
Stato
Stazionario

Residuo

Stato
Stazionario

dw

d min

(scorrimenti elevati)

II

Residuo

III

(b)

Figura6.4.Risultatidiunaprovaditagliointerminidirelazionitensionescorrimento(a),cedimento
scorrimento(b)etensionilimitenelpianodiMohr(c).

25

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Tabella6.3.Usodeidiversiparametridiresistenza.
Resistenza

Significato

Esempi

Picco

Resistenzadicalcoloperproblemiincuiil
terrenononsoggettoafenomenidi
scorrimentoinatto
Statostazionario
Stimacautelativadellaresistenzadicalcolo
(oavolumecostante) perterreniastabilitincerta
Residua

Resistenzadicalcoloperproblemiincuiil
terrenostatosoggettoascorrimenti
elevati

Fondazionisuterrenistabili
Pendiistabili
Operedisostegnoditerreniin
sede
Pendiidistabilitincerta
Pendiigiinstabilizzati

6.3 Meccanismidiresistenzaaltaglioefattoriinfluenti.
Il meccanismo primario alla base della resistenza al taglio dei terreni granulari lattrito tra le
particelle, il che ha come immediata conseguenza la proporzionalit della resistenza f alle
tensioninormaliintergranulari,cioletensionieffettive.
Ilmeccanismosecondarioinvecelac.d.dilatanza,termineusatoperdefinireinsensolatola
propensione diunaggregatodiparticelleamostrare,pereffettodisforzidi taglio,variazionidi
volume. Un mezzo granulare addensato (Figura 6.5a) tende a dilatare, opponendo maggiore
resistenzaalloscorrimento,rispettoallostessoaggregatocaratterizzatodaminoredensit(Figura
6.5c),cheviceversatendeacontrarsimostrandoresistenzaminore.

(a)

(b)

(c)

Figura6.5.Comportamentodiunterrenogranulareaddensato(a),adensitcritica(b)esciolto(c).

26

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Figura6.6.Risultatidiproveditagliosusabbiadensa,mediaescioltainterminidirelazionitensione
scorrimento.

Figura6.7.Risultatidiproveditagliosusabbiadensa,mediaescioltainterminiditensionilimitenel
pianodiMohr.

NellaFigura6.6enellaFigura6.7sonoconfrontatiirisultatidiproveditagliodirettocondottesu
provini di una stessa sabbia, ma preparati a valori di densit relativa sciolta, media e densa. E
evidenteche,allaumentaredelladensit,laresistenzadipiccoaumenta,mentrelaresistenzadi
statostazionario(cv)nondipendedalladensit,madallasolatensionenormaleeffettiva.

27

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

(a)

(b)

Figura6.8.Dipendenzadell'angolodiresistenzaatagliodadensit(a)egranulometria(b).

Piingenerale,langolodattritodipiccoprisultadallasommadeicontributiditremeccanismi,
tuttidipendentiinmisuradiversadalladensit(Figura6.8a):

lattritomaterialetraigrani(angolo),indipendentedalladensit;
ladilatanza(angolo),crescenteconladensit;
ilriassestamentodeigrani(angolo),decrescenteconladensit.

Irisultatisperimentaliraccoltisuiterreniagranagrossamostranoche,aparitdidensitrelativa,
sia la resistenza di picco che quella di stato stazionario crescono con la dimensione dei grani
(Figura6.8b).
Ancheperiterrenifinisiampiamentericonosciutaladipendenzadellaresistenzadrenatadalla
combinazione di meccanismi di attrito e dilatanza (cfr. p.es. Scarpelli, 1991), e la possibilit che
unostessomateriale,asecondadelsuostatonaturale,presenticomportamento:

contraente(p=cv): tipicodiargilledamolliapococonsistenti;
dilatante(p>cv): tipicodiargillemoltoconsistenti.

In definitiva, solo cv e r sono quindi propriet meccaniche intrinseche di un terreno fine;


lesperienza mostra che entrambi decrescono con la frazione argillosa e la plasticit, come ad
esempiomostranolenotecorrelazionidiFigura6.9.

28

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Figura6.9.Correlazionitraangolodiresistenzaresiduaefrazioneargillosa(a)eindicediplasticit(b).

6.4 Elaboratoriassuntivodiunaprovaditagliodiretto
Ilrapportodiprovadevefornire,secondoETC5,idatiriportatiinTabella6.4.
Comesipuonotare,adifferenzadellaprovaedometrica,inquestocasononstataintrodotta
alcuna distinzione tra informazioni obbligatorie e opzionali; ci malgrado alcuni parametri da
riportare, come quelli di resistenza a taglio, in realt comportano ladozione di un modello
costitutivobenpreciso(ancheseuniversalmentediffuso),comeilcriteriodiresistenzadiMohr
Coulomb.
Apareredimoltiesponentidellacomunitgeotecnicaeuropea,sarebbequantomenoopportuno
che vengano perlomeno prescritti i criteri di interpretazione statistica dei punti sperimentali
(:),perlottenimentodeiparametridiattritoecoesioneneivaricasi.Adesempio,cisichiede:

quando si effettua una regressione lineare dei punti sperimentali per la determinazione
dellaresistenzaresidua,deveimporsiilvincolodiintercettanulla?

29

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

come regolarsi quando lapplicazione automatica di algoritmi di regressione lineare


7
fornisceintercettadicoesionenegativa ?

Tabella6.4.InformazionidariportarenelrapportodiprovasecondoETC5.
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)
9)
10)
11)
12)
13)
14)

15)
16)

17)

identificazionedelcampione(origine,sitodiprelievo,numerodicampione,profondit,etc.)
posizioneeorientamentodelprovinoallinternodelcampione
metododipreparazionedelprovino(indisturbato,ricostituito,costipato)
modalitdiprova(tipodiapparecchiatura,eventualeapplicazionedipiciclidiscorrimento)
dimensioniinizialidelprovino
contenutodacquainiziale,pesodivolumeumidoesecco
pesospecificodelsolidoemetododideterminazione(oseilvalorestatoassunto)
indicedeivuotiegradodisaturazioneiniziali,semisurati
perogniprovino,tensionenormaleapplicata,massimatensionetangenziale,espostamento
orizzontalecorrispondente
tensionetangenzialeresidua(sedeterminata),numerodiciclidiscorrimento,ecorsaeffettuata
perogniciclo
velocitdiscorrimentoapplicatanellafasedirottura
condizionidiumiditdelprovino(seacontenutonaturaledacquaoimmerso)
curvediconsolidazione(cedimentiinfunzionedellaradicequadratadeltempo)
tensionetangenzialee,serichiesto,variazionidialtezzadiciascunprovinoinfunzionedello
spostamentoorizzontaleperladeterminazionedellaresistenzadipiccoe,eventualmente,di
quellaresidua
diagrammadeivalorimassimidellatensionetangenziale(p)edeventualmenteanchedeivalore
residui(r),infunzionedellatensionenormaleapplicata,pertuttiiprovini
parametridiresistenzadipicco,interminidiangolodattritop(conlapprossimazionedi0.5)e
coesionecp(conduecifresignificative)
langolodiresistenzaresidua,r,sedeterminato

Esuccesso...

30

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Provadicompressionetriassiale

Scopodellaprovadicompressionetriassialedeterminarelecaratteristichediresistenzaataglio
e deformabilit di un terreno, possibilmente descrivendone lo stato tensionale effettivo
nellinterocorsodellaprova.
Laprovasiarticolainduefasi:
1) una fase di presollecitazione, in genere di compressione isotropa, con drenaggio libero
(provaconsolidata)oimpedito(nonconsolidata);
2) unafasedirottura,effettuatatramitecompressioneassiale,adrenaggiolibero(drenata)
oimpedito(nondrenata).
A seconda della modalit di esecuzione delle varie fasi, la prova viene contrassegnata con un
acronimoditrelettere,cherispettivamenterappresentano:

le condizioni di drenaggio nella fase di presollecitazione, distinguendo le prove


consolidate(C)daquellenonconsolidate(U);
il tipo di stato tensionale applicato in fase di presollecitazione, distinguendo la
compressioneisotropa(I),quellaanisotropa(A),equellaedometrica(K0);
lecondizionididrenaggionellafasedirottura,distinguendolaprovadrenata(D)daquella
nondrenata(U).

Nella trattazione che segue, sar considerato il solo caso di presollecitazione in compressione
isotropa, e verranno distinte le prove consolidate (drenata, CID, e non drenata, CIU) da quella
nonconsolidataenondrenata(UIUo,pisemplicemente,UU).Ciperchquestultimaprova
non pu essere interpretata in termini di tensioni effettive, ed pertanto stata anche
recentementedeclassataalrangodiprovaindicediresistenzasianellecitateRaccomandazioni
ETC5,chenellEC7Pt2.

7.1 Provetriassialiconsolidate:modalitdiesecuzione
UnoschemageneralediapparecchiaturaperprovetriassialimostratoinFigura7.1.Comeperla
prova di taglio, una prova completa viene eseguita su almeno tre provini consolidati a tensioni
diverse.Dinorma,latensioneeffettivaisotropadiconsolidazione,c,nondeverisultareinferiore
allatensionegeostaticamedia,p0,allaprofonditdiprelievodelcampione.
I provini adoperati sono cilindrici e devono avere diametro D contenuto (per facilitarne la
preparazioneeridurreitempidiconsolidazione),marapportoH/Dsufficientementeelevatoda
ridurrelaconcentrazionedisforziedeformazionialleestremit.Irequisitidimensionaliprescritti
daAGIeETC5sonoriassuntiinTabella7.1.

31

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Figura7.1.Schemadicellatriassiale.
Tabella7.1.Requisitidimensionalideiproviniperprovedicompressionetriassiale.
RaccomandazioniAGI

RaccomandazioniETC5

Dmin
(mm)

H/D
minmax

Hmin/dmax

35

22.5

Dimensioni
tipicheprovino
DH(mm)
3570
3876
50100
70140
100200
150300

Massaminima
diterreno
Wmin(g)
150
200
450
1200
3500
12000

(a)

(b)

Figura7.2.Montaggiodelprovino(a)econtattopistonetestadicarico(b).

32

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Prima della prova, occorre registrare le dimensioni ed il peso umido di ciascun provino. La
saturazione delle linee dacqua deve essere controllata accuratamente prima di procedere al
montaggio; alle basi del provino vengono apposte pietre porose (preventivamente saturate) e
dischetti di carta filtro, ed eventualmente anche una carta filtro laterale (Figura 7.2a), prima di
rivestirlo con una membrana impermeabile di lattice. La cella viene poi riempita e richiusa, e si
procedepoiallesuccessivefasidisaturazione,consolidazione,erottura.
7.1.1

Saturazione

I sistemi di controllo della pressione di cella (cio la tensione totale isotropa c applicata
esternamentealprovino)edellacontropressione(pressioneneutrau0,internaalprovino)sono
in genere realizzati mediante linee di fluido in pressione (interfacce aria compressaacqua, o
mercurioacqua). Si applicano alternativamente incrementi c (a drenaggio impedito) e u0 (a
drenaggio libero e c costante). In ogni fase di incremento di pressione di cella, si misura il
corrispondente incremento, u, indotto sulla pressione neutra, registrando il valore del
coefficienteB:

(7.1)

La saturazione si considera raggiunta quando risulta B0.95. Finch non si raggiunge tale
condizione, opportuno di volta in volta incrementare la contropressione u0, che pu essere
calibratainrelazionealgradodisaturazionedelprovinosecondoleindicazionidiTabella7.2.
Tabella7.2.RelazionetragradodisaturazionedelprovinoecontropressioneapplicabilesecondoAGI.

Sr
u0(kPa)

1.00
0

0.98
100

0.96
200

0.95
300

0.90
600

Silasciainfinesaturareallau0raggiunta,facendoinmodochesatc,essendoclatensione
effettivadiconsolidazioneprogrammataperlaprova.

Figura7.3.Curvadiconsolidazionenellafasedicompressioneisotropa.

33

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

7.1.2

Consolidazione

Dopo aver portato la pressione di cella al valore c+u0, aprendo i rubinetti di drenaggio viene
avviatalaconsolidazione.Inquestafase,siregistralarelazionetravariazionidivolumeV(lette
da una buretta o con un apposito trasduttore) e tempi; questa viene poi interpretata nel piano
(V:t),ottenendoilvaloredeltempodiconsolidazione,t100,edellavariazionedivolumefinale,
Vc,comeindicatoinFigura7.3.
Ladeformazionedivolumefinale,vc,risultaquindi:

vc

Vc

V0

(7.2)

Inipotesidideformatacilindricadelprovino,ledimensionifinali(altezzaearea)sono:

7.1.3


Hc H0 1 vc
3

V0 (1 vc )

; Ac
Hc

(7.3)

Rottura

Terminata la consolidazione, nella versione tradizionale dellapparecchiatura la cella viene


posizionata su una pressa meccanica, dove un motore passopasso produce uno spostamento
verticaleavelocitcostante.PergarantirecondizionididrenaggioliberonellaprovaCID,oper
consentire lequalizzazione (quindi unaffidabile misura) delle pressioni neutre, la velocit di
avanzamento vienemantenutanonsuperiorealvalore:

f Hc
F50 t50

(7.4)

doveilcoefficienteF50funzionedellecondizionididrenaggioedelrapportoH/D(Tabella7.3)e
fladeformazioneprevistaarottura(Tabella7.4).
Tabella7.3.Coefficientedainserirenellespressione(7.4)secondoETC5.
(H/D=2)
drenaggio
unabase
duebasi
radiale+1base
radiale+2basi

fattoreF50
proveCD
proveCU
34
2.1
34
8.4
56
7.2
64
9.2

34

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Tabella7.4.Valoritipicidelledeformazioniarottura

f(%)
2025
1520
415
46
1015
57
1520

terreno(saturo)
argillarimaneggiata
argillapococonsistente
argillaconsistente
argillamoltoconsistente
limosabbioso
sabbiadensa
sabbiasciolta

Inquestafase,vengonoregistratineltempolospostamentoverticale(lettodaunmicrometroo
dauntrasduttoredispostamento)elaforzaassialeF(misuratadaunanellodinamometricoouna
celladicarico).
Nella prova CID, i rubinetti di drenaggio vengono mantenuti aperti e si registrano anche le
variazionidivolumeV.
LaprovaCIUinvececondottaconirubinettididrenaggiochiusi;alloscopodiconoscerelostato
tensionale effettivo fino a rottura, opportuno misurare la sovrappressione neutra u con un
trasduttore.LaprovainquestocasocontrassegnataconlacronimoCI.
Le letture simultanee delle grandezze di interesse vanno condotte fino allevidenza del
raggiungimentodellaresistenzadelmateriale.Alterminedellaprova,ilprovinovasmontatocon
cura, pesato, e poi fatto essiccare in stufa a 105110 per almeno 24h, dopodich ne viene
registratoilpesosecco.

7.2 Provetriassialiconsolidate:interpretazione
Dalledimensionidelprovinoafine consolidazione (Hc,Ac,cfr.eq.(7.3))edallemisureinfasedi
rottura(,piVperlaprovaCID),siottengono,nellipotesidideformatacilindrica,legrandezze
indicateinTabella7.5.
Tabella7.5.Geometriaedeformazionidelprovinoinfasedirottura.
Grandezza
altezzacorrente,H

ProvaCID

ProvaCIU

H Hc

deformazioneassiale,a
areacorrente,A
deformazionedivolume,v
deformazioneradiale,r

V Ac Hc V

H
H
V V
v

Vc Ac Hc

v a
2

35

Hc

V Ac Hc

H
H

v 0
r

a
2

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Lo stato tensionale nel provino invece deducibile con semplici considerazioni di equilibrio. La
tensioneorizzontale,h,ugualealla pressionedicellac,ecoincideingenereconlatensione
principaleminima3.Latensioneverticale,v,ingenerecorrispondenteallatensioneprincipale
massima1,datadallespressione:

F h ( A Ap ) v A

(7.5)

incuiAplareadelcontattotrapistoneetestadicarico.Nellacellaconvenzionale,ilcontatto
praticamente puntuale, perch realizzato tramite una sfera metallica (cfr. Figura 7.2b), quindi
risulta:

Ap A

F
v h
A

(7.6)

Nelleprovepicomuni(compressionepercarico),latensioneverticalevienemantenutasempre
maggiorediquellaorizzontale,epertantopossibileesprimerelatensionedeviatoricaqcome:

q 1 3

(7.7)

Ildiagrammaq:aconsentelindividuazionedellatensionedeviatoricadirotturaqfinterminidi
resistenzadipicco(qf=qmax)odistatostazionario(qf=qss),inquestultimocasodeterminabilein
corrispondenza della stazionariet della relazione v:a (prove CID) o u:a (prove CI), come
illustratodallaFigura7.4a,b.
La conoscenza di tensioni principali 1 e 3, e della pressione neutra (pari a u0 nella prova CID,
u0+unellaprovaCI)permettedidescriverelevoluzionedeglistatiedeipercorsitensionaliin
terminiditensionieffettive(Figura7.5a).Laproceduradicalcolodituttelevariabilitensionalie
deformativeriassuntaneimodulidiprovaallegatiinAppendice.
Si osservi che la classica rappresentazione sul piano di Mohr permette di descrivere le sole
condizioni di rottura, mediante i corrispondenti cerchi (Figura 7.5b). Ricavarne i parametri di
8
resistenzaataglio(dipiccooinstatostazionario )mediantelaricercadiunatangentecomuneai
cerchistessi,unoperazionenonfacilmenteassoggettabileallusodicriteriobiettivi.
Lerappresentazionimedianteipercorsidelletensionieffettivenelpianodegliinvarianti(p,q)o
9
inquello(s:t)[ ]permettonounapicompletadescrizionedellevoluzionedellostatotensionale
effettivodurantelaprova,econduconoadunapidirettaedoggettivavalutazionedeiparametri
di resistenza a taglio, per esempio mediante regressioni lineari dei punti rappresentanti le

NellaprovaTXimpossibile,perlimitazionioperative,misurarelaresistenzaresiduadiunterreno.

[9]

Siricordaches=ascissadelcentro,t=raggiodelcerchiodiMohrintensionieffettive.

36

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

condizionidirottura(cfr.Figura7.5a).Unaltraefficacerappresentazioneatalfinecostituitadal
diagramma q/p:a. In Figura 7.6 sono rappresentati alcuni esempi di rappresentazione dei
risultatiancheinterminidiparametridirigidezzaepressioneneutra.

tensione deviatorica, q (MPa)

2.5
0.20 MPa

0.39 MPa

0.78 MPa

1.57 MPa

1.5

0.5

(a)
0
0

10

15

20

deformazione assiale, a (%)

Figura7.4.Curvesperimentalitensionedeformazioneassiale(a)esovrappressioneneutra
deformazioneassiale(b)inunaprovaCIU(cineritidiNacaome,Honduras).

37

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

tensione tangenziale, (MPa)

3
0.20 MPa

(b)

0.39 MPa
0.78 MPa

' max

1.57 MPa

' min

0
0

tensione normale, ' (MPa)

2.5

tensione deviatorica, q (MPa)

(a)
2.0

1.5

1.0

0.20 MPa
0.39 MPa
0.5

0.78 MPa
1.57 MPa

0.0
0.0

0.5

1.0

1.5

2.0

2.5

3.0

tensione media, p' (MPa)


Figura7.5.Percorsiditensionieffettive(a)ecerchidiMohrarottura(b)inunaprovaCIU(cineritidi
Nacaome,Honduras).

38

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

modulo di Young non drenato, Eu (MPa)

300

(a)
250
0.20 MPa

200

0.39 MPa
0.78 MPa

150

1.57 MPa
100
50
0
0

10

100

coefficiente di pressione neutra, A

deformazione assiale, a (%)

1.00

(b)

0.20 MPa
0.80

0.39 MPa
0.78 MPa

0.60

1.57 MPa

0.40
0.20
0.00
-0.20
-0.40
0

10

15

20

deformazione assiale, a (%)


Figura7.6.ModulodiYoungnondrenatoEu(a)ecoefficientedipressioneneutraA(b)infunzionedella
deformazioneassialeinunaprovaCIU(cineritidiNacaome,Honduras).

39

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

La Tabella 7.6 riporta le espressioni degli inviluppi di rottura in tali sistemi di coordinate ed i
corrispondentivaloridiecdaessiricavabili.
Laconoscenzaditensioniedeformazioniprimadellarotturapermetteinvecedirappresentare:

larelazionetensionedeviatoricadeformazioneassiale(q:a);
lecurvevariazionedivolumedeformazioneassiale(v:a),perleproveCID;
le curve pressione neutradeformazione assiale (u:a), nonch le curve coefficiente di
pressioneneutradeformazioneassiale(A:a),perleproveCI.

Da queste rappresentazioni si ricavano, provino per provino, e per ciascun valore della
deformazione assiale a (o della resistenza mobilitata q/qf), i valori dei parametri riportati in
Tabella7.7.
Tabella7.6.Inviluppieparametridiresistenzaneipiani(p,q)e(s,t).
Piano(p : q)

p'

ascissa
ordinata
inviluppo
attrito

coesione

q
u 'c u
3
3
F
q 1 3
A
q p ' q c

6 sen '
3 sen '

qc c '

Piano(s:t)

1 2 3

6 Ka
1 2K a

' arc sen


c ' qc

s'

6 Ka

u 'c t u

1 3

2
2A
t m s ' n

1 2K a

1 3

m sen ' ' arc sen(m)

1 sen '
Ka

1 sen '

n c 'cos ' c '

cos '

Tabella7.7.Altriparametriestraibilidalleprovetriassialiconsolidate.
Parametro

ProveCID
(parametriintensionieffettive)

E'

modulodiYoung
coefficientediPoisson
moduloditaglio
coefficientedipressioneneutra

'

r 1 v
1
a 2 a

G'

q
E'

3 s 2(1 ')

40

ProveCI
(parametriintensionitotali)

Eu

u 0.50
G

q Eu

3 s 3

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

7.3 Dipendenzadelcomportamentodadensitecondizionididrenaggio
Coscomenellaprovaditagliodiretto,ladensitdiunterrenoinfluenzaprofondamentelaspetto
dellarelazionetensiodeformativamisurabilenelleprovetriassialie,diconseguenza,levoluzione
delpercorsotensionalefinoarottura.
In particolare, si ricorda che i terreni poco addensati (sabbie sciolte, argille n.c.), mostrano un
comportamento tensiodeformativo duttile e contraente. Nelle prove CID, i percorsi (p:q)
raggiungono direttamente linviluppo di rottura (che sia di picco che di stato stazionario) dal
bassoesecondouninclinazione3:1;mentreinproveCIU,risultandou>0,ipercorsideviano
progressivamente verso sinistra prima di raggiungere linviluppo stesso. Di conseguenza, questi
terreni mostrano in genere resistenza non drenata minore di quella drenata. I terreni molto
addensati(sabbiedense,argilleo.c.),mostranoinvece,comesivisto,uncomportamentotensio
deformativo fragile e dilatante. Nelle prove CID, i percorsi (p:q) raggiungono linviluppo di
rottura in stato stazionario dopo uneventuale escursione al di sopra di esso, corrispondente
allattingimentodellaresistenzadipicco.InproveCIU,quandoilmaterialefortementedilatante
erisultau<0,ipercorsidevianoprogressivamenteversodestra,attraversandoilpercorsodelle
tensionitotaliprimadiraggiungerelinviluppo.Diconseguenza,inquestiterrenipuaccadereche
laresistenzanondrenatasiamaggiorediquelladrenata.
Confrontandoipercorsidellevariabilitensionali(q:p)edistato(e:p)ottenutidaproveCIDe
CIUeseguitesuunostessoterreno,siverificache,incondizionidistatostazionario(ciovolume
costante),linviluppodirotturainterminiditensionieffettiveunico,eiparametridiresistenza
(c,)nondipendonodallecondizionididrenaggio(Figura7.7).

Figura7.7.Indipendenzadallecondizionididrenaggiodellaresistenzainterminiditensionieffettive
(proveCIDeCIsuargillan.c.delFucino).

41

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

7.4 Elaboratoriassuntivodiunaprovadicompressionetriassialeconsolidata
NeimoduliallegatiinAppendiceriportata,atitolodiesempio,laproceduradielaborazionedi
unaprovaCIU.Ilrapportodiprovadevefornire,secondoETC5,idatiriportatiinTabella7.8egli
elaboratigraficiindicatinellaTabella7.9.
Come si pu notare, la classica rappresentazione delle condizioni di rottura con cerchi ed
inviluppodirotturanelpianononprevistatraglielaboratidelrapportodiprovasecondo
ETC5. Essa pu, secondo EC7, essere restituita in aggiunta ai percorsi di tensioni effettive nel
piano p:q, ma non va considerata sostitutiva di questi. Si ribadisce quindi il principio
uniformemente applicato nelle Raccomandazioni europee dellETC5: il rapporto di prova non
dovrebbecontenereinterpretazionibasatesullassunzionediunparticolaremodellocostitutivo.E
pertanto, mentreipercorsitensionali devonofarneparte,iparametridi Mohrsonoconsiderati
allastreguadiindicazioniopzionali.
Tabella7.8.InformazionidariportarenelrapportodiprovasecondoETC5.
Tabulatodiprova
1) modalitdiprova
2) identificazionedelcampione(origine,sitodiprelievo,numerodicampione,profondit,etc.)
3) descrizionedelmaterialediprova,inclusi(sedeterminati)limitidiconsistenzaefrazionidisabbia
edargilla
4) metododipreparazionedeiprovini
5) dimensioniinizialidelprovino
6) contenutodacquainizialeefinale(doposmontaggio)
7) pesodivolumeumidoeseccoiniziali
8) indicedeivuotiiniziale,semisurato
9) datirelativiallafasedipresollecitazione:
10) tensionidiconsolidazioneapplicate;
11) tempototalediconsolidazione,ecriteriousatopervalutarnelavvenutodecorso;
12) deformazionivolumetricaeverticaledopoconsolidazione;
13) valorediB,semisurato
14) datirelativiallafasedirottura:
15) ilcriteriodirotturaadoperato;
16) ilvaloreditfoqf;
17) ilvaloredi3f,osfopf;
18) ilvalorediaf
19) ilvaloredivf(perproveCID)odiuf(perproveCIU);
20) ilgradientedideformazioneassiale(possibilmentein%/h);
21) iparametridiresistenzainterminiditensionieffettive;
22) schizzo o foto che mostra il tipo di meccanismo di rottura (imbozzamento, piani di scorrimento
dominanti,etc.)
23) ilmodulosecanteE50,serichiesto
24) iltipodiapparecchiaturausato(inclusocondizionididrenaggio,tipodiconnessionepistonetestadi
carico,possibilicinematismidiquestultima,etc.)

42

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Tabella7.9.ElaboratigraficidariportarenelrapportodiprovasecondoETC5.
Elaboratigrafici
1) curvediconsolidazione(variazionidivolumeinfunzionedellaradicequadratadeltempo)
2) tensionedeviatorica(toq)infunzionedelladeformazioneassiale(a)
3) deformazione di volume (prove CID) o sovrappressione neutra (prove CIU) in funzione della
deformazioneassiale(a)
4) percorsoditensionieffettiveinunodeipiani:
5) (3,1)
6) (3,t)
7) (s,t)
8) (p,q)

Sia nel piano di Mohr, che in quello degli invarianti, linterpretazione dei risultati con relazioni
linearipufornireindicazionierroneesuiparametridiresistenzaspecialmenteabassetensioni,
perch linviluppo di rottura non in genere rettilineo. Si suggerisce quindi di indicare nel
rapporto di prova il campo tensionale in cui i parametri di resistenza in tensioni effettive sono
statideterminati.
Permangono quindi alcuni nodi da sciogliere, in merito alla completezza minima richiesta al
rapportodiprova,ilcherinviaalproblemadellaseparazionedeiruolidilaboratorioeprogettista
inmeritoallinterpretazionedelleprovestesse.

43

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

7.5 Provanonconsolidatanondrenata
Viene eseguita nella stessa apparecchiatura usata per le prove triassiali consolidate, ma con le
seguentidifferenzenellemodalitoperative:

nonsieseguonolefasidisaturazionendiconsolidazione,mavieneapplicataunapre
sollecitazione isotropa, portando il fluido di cella ad una pressione c in ununica fase,
mentre il drenaggio impedito impiegando piastre impermeabili sulle basi, in luogo di
cartadafiltroepietreporose;
ledimensionidelprovino(altezzaediametro)alterminedellapresollecitazionesonoin
genereignote;
lavelocitdirotturapuesseremaggiorediquellaindicataperleproveCIU;
durantelafasedirotturavengonomisurateisolispostamentiassiali(dacuia/h)ed
ilcaricoassialeF(dacuiqF/A).

In questa prova, mentre le tensioni totali (1, 3) sono note, la pressione neutra incognita, e
quindi i risultati sono interpretabili solo in termini di cerchi di Mohr e, al limite, di percorsi in
termini di tensioni totali. Poich lapplicazione di una presollecitazione isotropa non drenata
(pc=c)nonmodificalatensioneeffettivaresiduadacampionamento(pc=ur),infasedirottura
levoluzione dello stato tensionale effettivo, e quindi delle deformazioni, sono indipendenti dal
valoredellatensionedipresollecitazionecfinoalraggiungimentodellarottura(Figura7.8).
(a)

(b)

Figura7.8.Curvesperimentalitensionedeformazioneassiale(a)ecerchidiMohrarottura(b)inuna
provaUIU.

44

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Linviluppo di rottura, esprimibile solo in termini tensioni totali, presenta quindi andamento
orizzontale. Il materiale obbedisce al c.d. criterio di Tresca, ed caratterizzabile quindi con un
valore di u=0 ed un valore di c=cu, utile per i problemi di analisi limite in termini di tensioni
totali.
Il valore di cu (pari al raggio medio dei cerchi di rottura) detto resistenza non drenata ed
indipendente da c. Questa grandezza non un parametro di resistenza in senso stretto, ma
operativamente utile per le analisi in termini di tensioni totali, purch venga associata alla
10
profonditdiprelievodelcampione .
In definitiva, per limpossibilit di conoscere le tensioni effettive, la prova UU stata oramai
declassata a prova indice di resistenza, cos come la grandezza cu non viene pi chiamata
coesione non drenata (in quanto dipende dallo stato), ma si tratta solo di una coesione
apparentedelterreno.
Il rapporto di prova deve fornire, secondo ETC5, i dati riportati in Tabella 7.10. Come si pu
notare, non sono richieste elaborazioni grafiche, n indicazioni intermini di parametri di
deformabilit.
Tabella7.10.InformazionidariportarenelrapportodiprovasecondoETC5.

Tabulatodiprova
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)
9)
10)
11)
12)
13)
14)

15)

identificazionedelcampione(origine,sitodiprelievo,numerodicampione,profondit,etc.)
descrizionedelmaterialediprova,inclusi(sedeterminati)limitidiconsistenzaefrazionidisabbia
edargilla
metododipreparazionedeiprovini
contenutodacquainizialeefinale(doposmontaggio)
pesodivolumeumidoeseccoiniziali
indicedeivuotiiniziale,semisurato
datirelativiallafasedipresollecitazione:
pressionidicellaapplicate;
deformazioneverticaledopoconsolidazione,semisurata;
datirelativiallafasedirottura:
ilcriteriodirotturaadoperato;
ilvaloreditfoqf;
ilgradientedideformazioneassiale(possibilmentein%/h);
schizzoofotochemostrailtipodimeccanismodirottura(imbozzamento,pianidiscorrimento
dominanti,etc.)
il tipo di apparecchiatura usato (incluso tipo di connessione pistonetesta di carico, possibili
cinematismidiquestultima,etc.)

10

La dipendenza di cu dalla tensione effettiva di consolidazione in un deposito naturale litologicamente


omogeneo,ecaratterizzatodaunvaloreunicodi,moltopiadeguatamentedescrittadairisultatidi
unaprovaCIU.

45

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Bibliografia
A.G.I.(1977).Raccomandazionisullaprogrammazioneedesecuzionedelleindaginigeotecniche,
pp.96.AGI,Roma.
A.G.I.(1994).Raccomandazionisulleprovegeotecnichedilaboratorio,pp.56.SGE,Padova.
CasagrandeA.(1936).Thedeterminationofthepreconsolidationloadanditspractical
significance,Proc.1stICSMFE,Cambridge(USA),vol.III,pp.6064.
EC7PT2(1997).Geotechnicaldesignassistedbytesting:laboratorytesting,CEN/TC250/SC7/PT2
N166.EuropeanCommitteeofStandardisation.
ETC5ISSMGE(1998).RecommendationsoftheISSMGEforgeotechnicallaboratorytesting,pp.
110.BeuthVerlagGmbH,Berlin.
ScarpelliG.(1991).Resistenzaedilatanzadeiterreninaturali.AttidelConvegnoDeformazioniin
prossimitdellarotturaeresistenzadeiterreninaturaliedellerocce,vol.II,pp.733.
SilvestriF.&RippaR.(2000).Requisitidiqualitdelleindaginigeotecnichedilaboratorio.Atti
dellagiornatadistudiosullaqualitdelleindaginigeotecniche.ConvegnoGeofluidPiacenza.
Patron,Bologna.
Taylor,D.W.(1948).Fundamentalsofsoilmechanics.JohnWileyandsons.

46

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

AppendiceA:Esempioditabulatodiprovaedometrica

Prova di Compressione Edometrica n.


Edometro
n.

Laboratorio di Geotecnica

Altezza, h0

mm

Diametro, D

mm

Peso anello, Pa

Committente:
Indagine:
Sondaggio:
Campione:
Profondit:

56.00

81.47

Provino + anello, Pu+P

176.35

Pesafiltro n _____ , Pf

24.40

Pesafiltro + prov. Umido, Pu+Pf

Pesafiltro + prov.secco, Pd+Pf


Peso specifico, S

g
kN/m3

97.03
26.38

Cedimenti (mm) misurati nella sequenza carichi (kPa)

tempi
(min)

10

20

40

80

150

300

600

1200

2500

5000

0.000
0.009

0.000
0.009

0.000
0.014

0.000
0.025

0.000
0.036

0.000
0.070

0.000
0.093

0.000
0.117

0.000
0.137

0.000
0.115

0.011
0.011
0.012

0.010
0.011
0.012

0.016
0.019
0.023

0.035
0.044
0.056

0.048
0.056
0.071

0.089
0.105
0.131

0.119
0.139
0.174

0.150
0.176
0.220

0.175
0.205
0.257

0.149
0.179
0.226

0.014

0.016

0.030

0.074

0.092

0.180

0.238

0.301

0.351

0.314

0.016

0.020

0.038

0.096

0.125

0.248

0.329

0.415

0.485

0.435

10
20

0.019
0.021
0.022
0.023
0.023
0.024
0.025
0.025

0.027
0.032
0.036
0.041
0.043
0.046
0.049
0.050

0.054
0.066
0.074
0.081
0.085
0.089
0.091
0.095

0.138
0.173
0.197
0.217
0.229
0.240
0.246
0.252

0.178
0.221
0.253
0.272
0.288
0.294
0.301
0.310

0.365
0.439
0.490
0.528
0.552
0.571
0.584
0.598

0.485
0.582
0.650
0.700
0.732
0.757
0.774
0.793

0.612
0.734
0.820
0.884
0.924
0.955
0.978
1.001

0.715
0.858
0.959
1.033
1.080
1.117
1.143
1.170

0.637
0.787
0.897
0.976
1.016
1.051
1.084
1.105

0
0.2
0.4
0.6

40
100
200
400
800
1440

Rigonfiamenti (mm) misurati nella sequenza scarichi (kPa)

tempi
(min)

5000

2500

1200

600

300

150

80

40

20

0.000
-0.072
-0.078
-0.083
-0.089
-0.096
-0.108

0.000
-0.042
-0.047
-0.051
-0.059
-0.071
-0.094

0.000
-0.015
-0.019
-0.023
-0.028
-0.035
-0.048

0.000
-0.008
-0.010
-0.011
-0.013
-0.018
-0.025

20

-0.122
-0.133

-0.121
-0.152

-0.072
-0.104

-0.042
-0.064

40

-0.139

-0.186

-0.145

-0.085

100

-0.145

-0.226

-0.213

-0.142

200

-0.145

-0.237

-0.253

-0.196

400

-0.147

-0.245

-0.279

-0.245

800

-0.149

-0.249

-0.289

-0.276

1440

-0.150

-0.253

-0.300

-0.300

0
0.2
0.4
0.6
1
2
4
10

20.00

47

10

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Committente:
Indagine:
Sondaggio:
Campione:
Profondit:

Laboratorio di Geotecnica

D 2
4

V A h0

h0

h0
1 e0

Dimensioni del provino


hss
Area, A Volume, V
cmq
24.63

cmc
49.26

mm
10.97

P
d d
V
d
kN/mc
14.46

P Pd
w u
Pd

Pu
V

wi

iwi

(kPa)

(mm)

(mm)

10
20
40
80
150
300
600
1200
2500
5000
2500
1200
600
300
150
80
40
20
10

(%)

(MPa)

(cm2/s)

0.025
0.075
0.170
0.422
0.732
1.330
2.123
3.124
4.294
5.399

0.13
0.38
0.85
2.11
3.66
6.65
10.62
15.62
21.47
27.00

0.822
0.817
0.808
0.785
0.757
0.703
0.630
0.539
0.432
0.332

4.0
4.2
3.2
4.5
5.0
7.6
12.0
22.2
45.2

-0.150

5.399
5.249

26.25

0.345

173.3

24.98

0.368

23.7

23.48

0.396

4.7

21.98

0.423

1.3

-0.253
-0.300
-0.300

w
h0

e e0

w
h ss

Tensione di apparente sovraconsolidazione, 'vy (kPa)


Tensione geostatica, 'v0 (kPa)
Grado di sovraconsolidazione, OCR
Indice di ricompressione, Cr
Indice di compressibilit, Cc
Indice di rigonfiamento, Cs

Eed

prim.
cv

E edom.

0.025
0.050
0.095
0.252
0.310
0.598
0.793
1.001
1.170
1.105

5.249
4.996
4.996
4.696
4.696
4.396

n
1 n

Coeff. consolidazione

Cedim. parz. Cedim. tot. Deformazione Indice vuoti

'v

Caratteristiche iniziali del provino

e0
w
n
kN/mc
0.306
18.90
0.452
0.824

Compressibilit
Tensione

n 1 d
s

48

E ed

' v

second.
c

Sr G s

w
e

Sr
1.000
Coeff.
perm.

k
(cm/s)

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

AppendiceB:Esempioditabulatodiprovatriassiale

Prova Compressione Triassiale n.

Celle n.

Prova tipo:
Committente:
Indagine:
Sondaggio:
Campione:
Profondit:

Laboratorio di Geotecnica

Provino 1
Condizioni inizio prova

Provino 2
Condizioni inizio prova

altezza
diametro
peso umido iniziale
Peso specifico s

mm
mm
g
kN/m3

Peso secco dell'udv d


Contenuto d'acqua w
Peso umido dell'udv

72.00
35.70
138.00
26.18

altezza
diametro
peso umido iniziale
Peso specifico s

mm
mm
g
kN/m3

kN/m3

Peso secco dell'udv d

kN/m3

Contenuto d'acqua w
Peso umido dell'udv

Indice dei vuoti e


Grado di saturazione Sr

Contenuto d'acqua w
Peso umido dell'udv

kN/m3
kN/m3

Contenuto d'acqua w
Peso umido dell'udv

g
g

mm
72.00
mm
35.70
g
140.10
kN/m3 26.18

kN/m3

Peso secco dell'udv d

kN/m3

kN/m3

Contenuto d'acqua w
Peso umido dell'udv

kN/m3

Indice dei vuoti e


Grado di saturazione Sr

Condizioni fine prova

kN/m3

22.20 Pesafiltro n __
155.2 Pf + prov. umido
128.80 Pf + prov.secco
Peso secco dell'udv d

kN/m3

kN/m3

Contenuto d'acqua w
Peso umido dell'udv

kN/m3

g
g
g

Indice dei vuoti e


Grado di saturazione Sr

Consolidazione
Contropressione u0
Tensione effettiva 'c

altezza
diametro
peso umido iniziale
Peso specifico s

Condizioni fine prova


22.30 Pesafiltro n __
157.4 Pf + prov. umido
128.30 Pf + prov.secco
Peso secco dell'udv d

Indice dei vuoti e


Grado di saturazione Sr

Pressione di cella c

294.21
196.14

Pressione di cella c
Contropressione u0
Tensione effettiva 'c

g
g

21.10
153.9
128.80

Indice dei vuoti e


Grado di saturazione Sr

Consolidazione
kPa
kPa
kPa

Consolidazione
kPa
kPa
kPa

490.35
196.14

Pressione di cella c
Contropressione u0
Tensione effettiva 'c

kPa
kPa
kPa

686.49
196.14

Data & ora

Data & ora

Data & ora

(gg-hh-min)

(min)

(cmc)

(gg-hh-min)

(min)

(cmc)

(gg-hh-min)

(min)

(cmc)

1.06
Volume finale

72.00
35.70
138.50
26.18

Indice dei vuoti e


Grado di saturazione Sr

Condizioni fine prova


Pesafiltro n __
Pf + prov. umido
Pf + prov.secco
Peso secco dell'udv d

Provino 3
Condizioni inizio prova

1.54

(cmc)

Volume finale

Altezza finale

(mm)

Area finale

(cmq)

t100

(min)

1.94

(cmc)

Volume finale

Altezza finale

(mm)

Altezza finale

(mm)

Area finale

(cmq)

Area finale

(cmq)

t100

(min)

t100

(min)

49

(cmc)

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Laboratorio di Geotecnica
Prova Compressione Triassiale n.

Celle n.

Prova tipo:
Provino 1

Provino 2

Provino 3

Velocit di prova (mm/min)

0.05 Velocit di prova (mm/min)

0.05 Velocit di prova (mm/min)

0.05

Costante dinamom. (kg/div)

0.0468 Costante dinamom. (kg/div)

0.126561 Costante dinamom. (kg/div)

0.081

Micrometro

Anello

Micrometro

Anello

Micrometro

Anello

(mm)

(div)

(kPa)

(mm)

(div)

(kPa)

(mm)

(div)

(kPa)

0.00
0.05
0.10
0.20

0.0
57.0
95.0
122.0

196.26
211.27
220.45
226.45

0.00
0.05
0.10
0.20

0.0
45.0
64.0
84.0

196.20
261.93
281.55
299.21

0.00
0.05
0.10
0.20

0.0
67.0
120.0
170.0

196.20
245.25
273.70
312.94

0.44

165.0

236.17

0.40

109.0

319.81

0.40

230.0

359.05

0.60

181.0

239.70

0.60

125.0

333.54

0.60

262.0

389.46

0.84

198.0

242.70

0.80

134.0

343.35

0.80

283.0

413.00

1.08

212.0

245.52

1.00

143.0

354.14

1.07

306.0

437.53

1.50

230.0

248.00

1.50

156.0

366.89

1.50

330.0

464.01

2.00
2.50

248.0
260.0

249.06
249.23

2.00
2.50

166.0
173.0

375.72
381.61

2.00
3.00

349.0
377.0

482.65
490.50

3.74
4.00
4.50

287.0
292.0
299.0

248.00
248.00
248.00

3.69
4.00
4.60

186.0
189.0
193.0

385.53
387.50
385.53

3.60
4.10
4.50

389.0
398.0
405.0

499.33
501.29
503.25

5.00

307.0

246.94

5.10

196.0

385.53

5.00

413.0

506.20

5.50

314.0

246.23

5.50

198.0

385.53

5.60

421.0

506.20

6.00

320.0

245.88

6.00

200.0

384.55

6.00

427.0

507.18

6.50
7.00

327.0
333.0

244.29
243.41

6.50
7.00

202.0
204.0

382.59
381.61

6.50
7.00

433.0
438.0

505.22
504.23

7.67
8.00

340.0
344.8

242.35
241.82

7.50
8.00

206.0
208.0

380.63
378.67

7.50
8.20

444.0
453.0

504.23
502.27

8.50
9.00
9.50

349.0
353.8
357.7

241.82
240.93
240.23

8.50
9.00
9.50

208.5
208.5
208.5

377.69
375.72
374.74

8.50
9.00
9.69

456.0
462.0
469.0

502.27
502.27
502.27

10.00

362.0

239.87

10.00

209.5

374.74

10.00

472.0

502.27

10.20
10.50

364.0
366.0

239.52
239.17

10.50
11.00

210.0
210.0

374.74
373.76

10.60
11.00

478.0
481.7

502.27
502.27

11.00

371.0

238.64

12.00

491.0

502.27

11.75

375.0

237.93

12.50

495.0

502.27

12.25

378.0

237.40

13.00

499.1

502.27

12.50

380.5

236.87

13.50

503.5

501.29

13.00

382.1

236.52

14.00

506.1

501.29

13.50

384.0

235.99

14.00

385.7

235.64

50

CorsodiLaureainIngegneriaperlAmbienteeTerritorio
CorsodiIntegratodiSismicaApplicataeGeotecnicaModulodiGeotecnica

Docente:ing.GiuseppeTropeano

Laboratorio di Geotecnica
Prova Compressione Triassiale n.
Prova tipo:

H (mm)
71.65
71.60
71.55
71.45
71.21
71.05
70.81
70.57
70.15
69.65
69.15
67.91
67.65
67.15
66.65
66.15
65.65
65.15
64.65
63.98
63.65
63.15
62.65
62.15
61.65
61.45
61.15
60.65
59.90
59.40
59.15
58.65
58.15
57.65

a %
0.00
0.07
0.14
0.28
0.61
0.84
1.17
1.51
2.09
2.79
3.49
5.22
5.58
6.28
6.98
7.68
8.37
9.07
9.77
10.71
11.17
11.86
12.56
13.26
13.96
14.24
14.66
15.35
16.40
17.10
17.45
18.14
18.84
19.54

Area (cmq)
9.91
9.92
9.93
9.94
9.97
9.99
10.03
10.06
10.12
10.20
10.27
10.46
10.50
10.58
10.65
10.74
10.82
10.90
10.98
11.10
11.16
11.25
11.34
11.43
11.52
11.56
11.61
11.71
11.86
11.96
12.01
12.11
12.21
12.32

Celle n.

F (kg)
0.00
2.67
4.45
5.71
7.72
8.47
9.27
9.92
10.76
11.61
12.17
13.43
13.67
13.99
14.37
14.70
14.98
15.30
15.58
15.91
16.14
16.33
16.56
16.74
16.94
17.04
17.13
17.36
17.55
17.69
17.81
17.88
17.97
18.05

q (kPa)
0
26
44
56
76
83
91
97
104
112
116
126
128
130
132
134
136
138
139
141
142
142
143
144
144
145
145
145
145
145
146
145
144
144

provino
p'c (kPa)
u0 (kPa)
Ao (cmq)
Vo (cmc)
Vc (cmc)
vc (%)
ac (%)

51

u (kPa)
0
15
24
30
40
44
47
49
52
53
53
52
52
52
51
50
50
48
47
46
46
46
45
44
44
43
43
42
42
41
41
40
40
39

p' (kPa)
98
92
88
87
83
82
82
81
81
82
84
88
89
89
91
93
94
96
97
99
100
100
101
102
102
103
103
104
105
105
106
106
106
106

hc (mm)
Ac (cmq)
A
0.57
0.55
0.54
0.53
0.52
0.51
0.51
0.50
0.47
0.46
0.41
0.41
0.40
0.38
0.37
0.37
0.35
0.34
0.33
0.32
0.32
0.31
0.31
0.30
0.30
0.30
0.29
0.29
0.28
0.28
0.28
0.28
0.27

1
98
196
10.01
72.071
71.011
1.471
0.490
71.65
9.91
Eu (MPa)
37.8
31.5
20.2
12.4
9.9
7.7
6.4
5.0
4.0
3.3
2.4
2.3
2.1
1.9
1.7
1.6
1.5
1.4
1.3
1.3
1.2
1.1
1.1
1.0
1.0
1.0
0.9
0.9
0.8
0.8
0.8
0.8
0.7

q/qmax
0.00
0.18
0.30
0.39
0.52
0.57
0.62
0.66
0.72
0.77
0.80
0.87
0.88
0.89
0.91
0.92
0.93
0.95
0.96
0.97
0.98
0.98
0.98
0.99
0.99
0.99
0.99
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
0.99
0.99