Sei sulla pagina 1di 61

TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing.

Franco Bontempi
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
;
I

I
l,
, :
:: . l ,i
'l.'--.--:"-_.'''-.

, ,,
:::
::
,:
:

tI
I

:l
-- --.'--"--_-: ---_.''--'.
: i

t:
i

:.
:: ---''i''-'t-
.

,::
:: :

:l

li
"t I

I
I .l : : , . I I I I
.--.,,..,.
:

i
\l
,\ : : I :. I I I I
l

ll

:
:

@
-E
[

TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
276 F. Bontempi e P.G Malerba

8,0
t.-----..i

J
ril
I

a {
.l
:I
6l
"I
I
.l
't
3l

I
'l I
.l
1 I
I I
sl
+ I
3l
IL
MESH
c

.t
+ Y

b
SEZIONE SINGOLO SETTO

Fig.l5 - Risposta di una pila da ponte precompressa a forze o spostamenti orizzontali


gpressi (a) Geometria, carichi agenti sulia pila, suddivisone in elementi. (b) Sezione (c)
Generica deformata e (d) parzializzzzione delle sezioni della pila.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
ldetodi generaii per I'anaiisi di strutture intelaiate 277

LX

x 10
5
sola armatura ordinaria
9) armatura
1) ordinaria e cavi
Tiro su Sforzo Deformazion"
ciascuna iniziale i"i;i;t;--"
lama
(kry) (kN/cmq)
'46'.7 1'
? - zqg0
gl 1?ggo 80. o 2I .-2078_03
so8;_ 03
z
t) lzggo 113 . o 5 :;io;_ 03
! 6) 26000 L73.3 e.3ie;-;3
4
(D
(U
c
o
N
N
'-a
Ol
G'
N

spostamento orizzontale h (crn)

Fig l6 - Risposta di una pila da ponte precompressa


tmpressi (a) Curve (Forza orizzontale H _ a forze o spostantenti orizzontali
Spostamento..h) per diversi valori Jelia
precompressione (b) Influenza degli elferti fbrza di
geometrici sulla rispostastrutturale
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
IOU}\ABit-NR,

Aia* "t Y(- ?^ (ru. f."L\


)
u/

6(")'
L

z t1T + PF a T1 r rf ilTI + 0,r, PlA.


-" Y1-
[-i' HI * Y(-Ur
EL
ru ftr" f,

Yy
'...\. \-

TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
\,.
.

tr-\ 9* "\
-'? foN/L \
\
--tt'
**-=> \
\/\L \-,
.#fut,,"'
A,I ,Is{f*)
l-To( 7
I-{ --r--
F
I- r-
Es.,t \;"ar;[i-' J'*
^j .4
As ..\.
A.(r 4 r
b F.sc 2K
A nYw
+-- ,L-A C,ZE.\.
fn,Arool ,*S rS 4+Vgo
- I v\

"-\*Llr-(W T(o ,,*#)o04'

(kn,a'\
I-
@
"kdv {u"
a.a
I o*=
$-,
0 D'3)
( rR-\ i) Dr
4*
. f ii-li:,: *_:A,ii -,4€f;*t
:e-',:r;:ll
.\
\?c-or ?,v 1?..\)'3G\F j
\
Lf : r *.;+* ,,.,l,'r[* L rlgyp€)i lo &\Ae z o 2ooo
Ds*i{ A€,rvolig!fl T€Ftfst
% Stg *i*it -:-rr GE,*-1EUTD - AR!'n AT':-

a--- - GAr.c"sL+ 6 A+C,e :-'-r,*4*,

I f ri-ASrr?,t z _Ce14.F",F..n HFuTTt


-'--
gs€LLL-
-luqq\*LLJtA)-- --EL€{s
ra-il a !€-= - -BeJ = - ?lr* !t-:t=e
L.atetit)6__,
---J,r

"-tfr..-,
- 'zb"
re*.G-E
[v. 5*iF-;.r,i s*EFAJ-atr
o-*-jti Ggffi- ?ER--
-w*-r:rgJteer-'-'ds- Ferucrft&u-,-€-- -tsr:- -

6 Ng, i{ cB€
--a-4-s-I<- *f;f.**'-++
rr-:-iu.&Le-- er4stoe;;E|L,\- €+i '-bl
6n
=-
,p-Euesrra-J-e-- -A-
-co-r{
-ry
'b'-.r-**-6sr{-
E!.1f.?.\- fGPVe-e.e

-psu -P1A'no- ep€ st-

--ai]-lqrs';.;3$Jl,a:! :iTt;-'va
1gT i' "E'*J *
-r.rlEFL&€-eLilu ztrrtE D€r,tr: Cl fAcf6 ;,oen Deru-' A'S'A A co't,Fft*'g2
- iOrgg.i---U='r1- - - -"€
::#'.'.
Flettei.r'il
-)er- T -e- oEu -Tagrrxe)
--:i'&-__l----plrl;:"-;;-* ,*"t"Ero-u{ -}i
- -:if
__ C*:--etritl ---,L?l'E:fe Foii tsuLa- Dt -- 15ffip.A?-re2$G
- c,l.tC" t"- O tja-ful++ ffi-tr & r'-' frarUe:ti -BasArr=- -,tu-
- -
eNL - Aoo,{,1- 8's .Ln{ Al }
I { - .rN . 4
Asre ?R"r sjo 't'ttrLF.isg
/\,\ ., E !

v : 'rt? \"'' -i*ui,'*urr-


Nu"= 6*. A ''-, ^.,,-..6or,_ TErr-Sr${E .n,i-,}^
ce,!-nqA CALc{'LAT} c^M L4 p!?q}4ucA g4Fu,H-.,
"rrl. \"(' ANcie rti e"6ufl.x ?ulfir!:,P€& LA siJFL(€-??'A R€LAT;'IA
AL P rA:f il ilr FLE t!r-; v* -
(zoro)
/ a , t-lI, ? r uA il€-t Sl,l FLt{ ut Osrlsvrc Aav a"ia :' le {e4l-:s4,1.
?Rn seerdE DrL t+ lz {444 T-z ,l ,til dt.t,y.x.2
Ya' rotj

L _v,AlreltrUL_ D+ {4)
f--_--

__ _ lA __v,E&aeA____*__{€.E_s_srqrtE--E{'ertrl!.a---gL-€JEcd,e-*-l4au-r
. t - \l - lll

tailo Drt FLESSIo$B T VLLU E_


-

LA i Pugira
-eattfr,iltg_
bt lMe-eza* Deua .SFz:roNe i^oNsjle€e1:a T
'i ---ue=
4o 9i Reco $1,.t='rr4lDo A 6rtr sTtrfl ffi
E:.f<.suDE t cAfttc-t
scPI verrD.; I $r t Pofl z?aR.€ irr ;r-+,lU Cago--lzUA-g=geEffi-
La, i Lu$&f
ein r r'/4v .rwalNtnrr=.AtaP-€'A 2:u-'."!:"',''
_*!.H- _*'_lllaha__p2trz-* T +5t"3-L g!l4uutr-..-_6lu.6rflg"-
.use )-o- EL-g Q:raDIuLe.- Mn-*-tA lagrraprt-L .tf-a{s$
D

ber-- ltr - o+qry* - Lt,--, lv*$r $, cvr --f, -s) "fiq ,r (v, 42,_-1|!"t)-
f:jtl-5r- ","i"&PITt-
- -
'---_:-:----.-
--
____ r ElA _ 3 e.2_4r_uE_ _c_E rn S
=--Lf_vEarE_rJa lr*;lr.lgn..
^#-1,ff3* -FfNr.*#.+e* -
#ffif
ItiFJfta '7 o tt+ntet

7,c-T,
llj lt o/*?+*!f, beira g -zc"c ru e DEt4 \
I P il' I i(: ' Dr4--gltrefP
R L iiarst r:i .
322 12 Problemi di instabilitd
r'

6.=E
/t
6oL I
H
I
t
\!.
\

q
Ftg, tf,l Jrn

awiene chg o-"* = fy, In altri termtni questa condi4ione, .che ha I'apparenza
ai verificiti resistenla, b assrrnta corne indicatrice {ellfautentico feno'
""a p.ticoloso, che d quello della instabilitb senza biforcazione,
*"rro
pertanto la veiificu di si",roezza prende la forma (pag, !7,9 del volune
sulle Costruzioni di acciaio)
vN
-+.+ /
VN"
vN\
(ft
A
w\l N" /

in cu! vN d laforzanormalg di calcolo, pari a v volte q-uella di esercizio, e vN.


b it momento di ialcolo apl I ording'
fi coefficiente di arnplificazione 1(1 -.vN/NB) trasforma il momelto
fiett.e.qlg del t ordi"u, yil"iitg iispetto alla linea drasse re.ttllinea.non de{or-
*utu, *"*"nto dgl II ordine valutato rispetto alla configuragione defor-
""t
matal
M-vN(e*y*)

I2.3 L?INSTAEIIITA DELLE ASTE SNELLE DI CEMENTO AR!4A-TO

differenga deug costrqzioni di a.ccialo, il mepdo dpi coefficienti or b


I
rtat" +r"giessi"a;ente abbandonato dallg norna4tive tecniche pul cernento
a.rmato.
aa tgpdenza g guella di pscludere il c?so.{ella cor-nPfessiQne centrata,
ilttponu"ao ai uiru,petu uxa eccpntglgitb pinimq, non intenzioqale, di v.a{o,;
;l;;;g;ito- aulia b quindi sempre presente un mornento del I
ordine.
"otmiliva;
12.3 L'instabilitd delle aste snelle di cemento ormato 323

ASTA TO4A, ROTTURA DEI-LA SEZIONE

nsTlsturA s$,lzA

Nu Ne
J4n

In questo modo si b ricondotti sistematicamente al cago della sollecita-


zione composti di pressione eccentrica, pel la quale si richied.e di valutare
il momentb rispetto alla configurazione deformata (rnorqento del II ordine)'
A questo p.rnt" la crisi pud rnanifestarsi in uno dei due modi seguenti {v, fig.
122):
a) pef fottura della sezione (punto B)
b) ber inqtabilitb senza bifalcazione (punto C).
La crisi nef punto B b segnalata dalla cpndiziong 6c,mar :6c,ulrf -iR clti 8",,111
b compreso nplltintervallo 26/eo.=3,5Voo, cos! come ayieSe per qualsiasi pgn'
io deiia fronliera del dominio resistente cornpreso fra la comp-r'essione cen'
tiata e |i rottura bilanciata,La differenzacon il caso delle aste tozze-(punto
A1 consiite nel fatto che il momento Me b forlito dalla somrna Ne * Ny",_tl
cui yn E lo spostarnento massimo y- della deformata dell'asta,La gurva OB
oriene costrnitu per punti dal basso, facendo,crescere la N e deteg$nando
per ogni valore di N la configurazione equilibrata coqrispondente dellfinte.
ra asta:
Si ricava il valore dello spostamento a metb altezza y* ed il momento
massirno associato M - N(e * Y*)-
I valori della coppia, IVI,N folniscono le coordinate di un punto della
curva OB.
Il procedimento si conclude quandg. t.t] bordo piu compresgo della
sezi6ne piq sollecitatala deformaziome dgl calcestruzzo e. raggiunge il valo-
re di rottura e",u.
It caliolo b molto laborioso per il gran nurnero di -tentativi richiesti
nelli definiiione di ciascuno dei punti (M,N): occorre infatti conseryare lo
stesso valore di N in ciascuno dei conci, !n cui b div. isa I'asta, r-nentre si
*odifi.i progr"rrivamente la cutva,tgra al variare dei mogenti, Inoltre
occorre conseryare la eccentricith del primo ordine delle farze norr,nali
agenti alle estremitb dellfasta.
324 12 Problemi di instabilitd
u

N
INSTABILITA DELL'EOU ILIBRIO

N"z

Fig. 12.3

La crisi nel punto C b segnalata dalla esistenza di un valore di picco


della forza N a cui fb seguito un ramo cadente.
Per descrivere il fenomeno vengono utilizzati anche i diagrammi ,, forza
normale-spostamento massimo,r, momenti flettenti interno ed esterno-
<<

spostamento massimo'r, " lunghezza critica dell'asta-spostamento massi-


moo (v. figg. 12.3, 12.4, 12.5):
Nella figura 12.3 sono date Ia Lunghezza dell'asta e la eccentricith della
f.orzanormale N; per diversi valori della N la deformata y(x) viene determi-
nata per iterazione accertando che siano soddisfatte le equazioni di equili-
brio:
N",t : Ni.,ti M".t(x) : N [e + y(x)] : M(x)

valore critico della forza normale d rappresentato dalla ordinata


Il
massima del diagramma'
Nella figura 12.4 sono date Ia lunghezza I dell'asta,Iaforza normale N,
ma non il valore della eccentricite. Il momento esterno b rappresentato

,t=
M;b

Fig.l2.4
12.4 La relaz.ione M-N-I/r 325

Fig. 12.5
9-
dalla retta M""t: N(e * y,"); il momento interno dal diagramma curvilineo.
Se la retta del momento esterno interseca la curva del momento interno nei
punti I e 2, il punto 1 rappresenta una condizione di equilibrio stabile,
perchb aumentando y- risulta M.r, ( M1',1, rn€fltre il punto 2 rappresenta una
condizione di equilibrio instabile, perch6, aumentando y-, risulta
Mi,,t ) M".,. Se aumenta l'eccentricitb i punti I e 2 si awicinano, fino ad
incontrarsi nel punto 3, in corrispondenza del quale viene meno la possibi-
lith di avere una configurazione di equilibrio stabile, perch6, comunque si
faccia variare y-, risulta M""t ) Mir,r.
Nella figura 12.5 sono note la forzanormale N e la eccentricith e si vuole
determinare la lwnghezza critica I.. dell'asta.
Le tre rappresentazioni corrispondono a modi diversi di descrivere lo
stesso fenomeno e conducono agli stessi risultati.

I2.4 LA RELAZIONE M-N-l/r

Nella figura 12.6 sono riportati alcuni diagrammi .,momenti interni-


curvature>> in corrispondenza di assegnateforze normali esterne N"r,: Ni't.

Esr. N{

4
Fig. 12.6 E
326 12 Problemi di instabtlitd
/

Si nota l'influenza,dellla intensitb della f.orianorrnale N sull'atrdamento


deir diagram'mi Mi,,t - Ilf. -
peivalori rnoderati di N solo visibili i tre gtldl.che.caratter\zzana ll
comportamento della sezione infleSsa: il'punto A indica i:l pasrsaggio dal I
stadio (sezione di calces truzzo integralmente reagente) al II stadio (calce-
*ttrr'ot teso'fessufato); itr:punto B indiCa che I'acciaio teSo ha raggiunto la
tens,ione di snervamen,to. Al'l'aumentare di N iI IE stadio scompare; per
ua.loni ancora piii elevati di N' la rottura si verifica nel: I stadio:
- -ns"egnate la sezione b X E, l" armature A, ed: AJ :,la'for,za normalg
esterna 5i..r. vuole costruire itr corielati'vo _diagrarnrna
si, Mi,'r.-. 1/r. Sono nOti
ii.gu*i costitutivi del calcestruzzo (parabola-r€ttangolo) e dell'acciaio (dia
gruit*u bi-lineare elastico-perfettamente plastllo)'- . .:
"---i1-
fo"cedimento di calcblo si articolai in cicli' di tre fasi, con
eventuale
iterazione:
= nella prima fase si assume un valore iniziale per la curvatura I[r e per la
deforrnazione,e* sull'asse rispetto al: quale si valutano i momenti. Si
divide la sezione in stris ce oitizzontali, si determinano per ciasctrna stri-
Scia le e e Ie O correlative netr:calcestrdzzs e:hell:'acciaio (v. fi:g' l2'7);
- ;;ti" seconda fase si valutano la risultante Ni,,1ed il momento risultante
Mi,,,
- Ni,rs : Eo"AA. f EorA.
Mi.,1:Eo.zAA.*Eo.zA,

- nella terzafase si confronta N1n1 cor N.., per controllare se d soddisfatta


I'equazione di equilibrio N".t_: \i"r. In caso affermativo si d tiovato un
prnta del diagra-*u M,,,, - 1/r; in caso contrario odcorre'modificare ill
di e. aSiunto nella pfima fase, conservando'il'valore della curvatu-
"ulor.
ra, Si ottiene:un nuovo diagramma di deformazioni e nuove tensioni e si:
,if"aotto tutte Ie operazionl successive, fino a che risulta N",r: Ni.,t'
A questo punto si inizia un secondo ciclo assumendo nuovi valori di 1/r
e di s,",. in base ai quali si determina un altro punto del' diagramma'

4,1L, =G^ - 4lz


Fig.l2.7
P5 n mebd.o della colonna modello 327

Si ripete il procedimgnfo in modo da descrivere I'andamento completo


della curva fino'alla crisi della sezione. Si ottiene cosi,il diagramms Mi.,r - llr
- N : cost, cheche,
per descrivE la funzione Milr l (1/r)- f(y").
in.ca,qi{po,elastico vale la relazione:molto'piri sempl:ice
Rico:rdiar,no
Mir,,: -EJ'lr- -EJyu',",'-e,li9 pefmette di sc-rivereI'equaiiOne di equilibrio
fra il momento, esterno e ci,uello interno'nella'forrna:
N:(e * y),= - Efy' ,

da cui:
,i
NN
+-v+-
.EJ, e:0
Y,,"
EJ

Invece, in'carnpo non liheare,r si ha,' iflr corrispondenZa;

N(e + Y):: Min,(Y ")

Lfintegrazione della equazione differenziale della' deforrnata diventa


quindi noievolmente pii cornplessa, come abbiamo'visto: in precedenza a
proposito, dell'analisi-non lineare svolta {a rpn'(a1man per Id aste sulle
preisoinfl€sse,diiacc,iaio, E dunque'naturaLe ihd anche nel easo'del cemento
ur*uto si sia cercato di adottaie formUlazioni sernplificate, sullo spirito
i"lte:proposte avanzate da Westergaard, Osgood: e JeZeki assegnando una
ragionevole'funzione atta a descfivere Ia deformata- dell'asta'
Nel: campo del: celnehto armato questo procedimento semplificato E
noto, cor,ne rnetodo' della, colonna modello,

I2..5 IL METODO DELI,A COLONNA MODELLO

Con, rif erirr,rento alla' f i gur a' ll 2 .8 s i' adot-


ta l'ipotesi' semplificata di' descrivere la
configurazione deformata dell''asta con' la
I
funzlon€

y ='a'sinfn x/l)

fi
Pef# =ll2'si ha Y= a sin
-2'
Per x: l, risulta'y: a sin 7Cn - 0
Valutiamo ora lA curvatura:

y' - a(nll)'cos (nxll)'


y": -a(nl\)2 sin(nxll)
(1lr) - - t" Fig, 12.8
328
12 Problemi di instabilitd
/

Per x :112, si ha (1/r) - a(nll)2 sin (n/2) : a(nll)2


da cui:
u - 112I n2)x (1/r) = 02/10) x (1/r)

Ponendo l:2s,risulta a:0,4 s2 x (1/r)'


Viene definita ., colonna modello,, la colonna AC, libera in A ed incastra-
a dell'estremo
ta in C, per la quale vale la relazione, che lega lo spostamento
A alla curvatura della sezione C, di base,

a - 02/10) x (1/r) - 0,4(1/r)s2

I1 momento totale alla base risulta pari a:

M:Mr*Mz
in cui Mr b il momento del I ordine ed M2 b il momento aggiuntivo Y?: \u'
Note Ie caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione
di base e
nota la relazlone M - 11 - 1/r correlativa, il massimo momento del r ordine
che la colonna Pud soPPortare vale:

Mr:M-0,4N(1/r)s2

in cui M ed (1/r) si riferiscono alla sezione di base (sezione c).


La relaziorr" p."."dente dh luogo alla seguente interpretazione grafica
(v. fig. t2.9).
' 6rulora non esista la tangente alla curva Mi,r1 par"llela alla retta di M2
al piede (v. fig.
la crisi b dovuta al superamento della resistenza della sezione
12.10).
per quanto riguarda l'influerrza dello scorrimento viscoso, va osservato
che l,ECj, nella A'ppendice 3: .. Supplementary information on
the ultimate
iir"il ,tut"r inducli by structural deformations o, al puntg (9) di A.3.4 con-
parte di
sente di trascurarne gli effetti nel caso in cui le colonne facciano
t/
lv1;r^f ROTTURA
DELLA SEZIONE

,1
,,/ (Nat = Nnot)

TANGENTE
ALLA CURVA
,/ lna2 /
'tA
^t"t./'
|tz= a.4 N (rlq*
PARALLELA
ALLA RETTA

Mz

Fig.l2.9
12.6 Metodi apProssimati 329

POTTUTEA DELLA
SEZroN E

,l
Fig. 12.10 tr
edificisenza spostamenti orizzontali dei piani e siano vincolati in maniera
monolitica alle travi o alle solette in corrispondenza di entrambe le estremi-
ta.

12.6 METODI APPROSSIMATI


Alcune norme tecniche consentono di valutare i momenti della teoria
del II ordine con procedimenti approssimati diretti, che non richiedono la
conoscenza della relazione M, N, (1/r).
a) Impiego del coefficiente di amplificazione 1,1(l - P/PE).
Viene applicato al momento del I ordine per ottenere il momento totale

M: Mr(1/1 - P/PE),

tn cul:
PE- nzF,Jll2.

Una questione delicata b quella della valutazione del prodotto EJ: in


genere le stesse norme forniscono indicazioni orientative. Questo metodo d

(g= €c -€s \ (+ =
ruru /o uhJ'*-
-T-t 4,5%.

3.57
/oo
sto#
Fig. l2.ll
330 12 Problemi di instabititd

plur:ll"- sulle lrorme nordamer,icane(ACI Code) ed in quelle sovietiche.


-"'v' r\vLr
Noti
M ed N la verifica si esegue con l'uso delle ai i"tri.ri;";.
&,) Impiego del r-nomento additivo Mz: Nu con
".r*.
eurvatura assegnata.
E un metodo approssimato, derivato da quello della.olorrrru
modello, in
cui si prefissa il valolg della curvaturu ruilu u"zione di base. g;"rionato
in-diverse edizioni delle ia."o*undazioni d"f CEitl-J"".rr""'".1i=,"ir;';
volte d suggerita la curvatura associata alla r""i,"iu ui;;;;;;'i#i6:,;
volte la cunratura cggrispoadente al simultaneo ,""rua*""i" llff"
re tesa e compressa (2er4l0,9h). Nella figura rz.rr sono riportati ";;;":
i did.;;;
delle e corrispondenti.
Noto Mz = Nl2/lq x (l/r),-si determina il mornento totale M: Mr
A questo punto si procede alla verifiCa come
* Mz.
.ur" pi.."a""ru,
zando le curve di interazione. ""r ";iii;,

T2,7 ECCENTRICITA. NON INTENZIONALI

Come si d detto in l2-3,1a tenden za dellanormativa d quella


di conside,
rare in ogni caso una eccentrigita non intenzionale, dovuta il;i;;blii
ir-nperfezioni geometriche, "e:'
secondo Ie Norme italiane M-odel code l9z8 lfeccentr.icita non
intenzionale d assunta pari a e,, "d,it^
lo/300 (1. espresso in crn)
= ----/ e- co*rrrq,re non
inferiore a 2 crn.
Fer esempio, nel-caso della colonna modello della figura 12,g,
incastrata
in c e libera ir {,_ la eccentricitir d9l I ordine ,r.lla"s.rt;; C;;;';
€r : €n * Hs/N; se N ayesse la eccentriciti eo, si u.r."bb"
:

€1 -€r*9"*Hs/N.
o-n CAPITOLO 5
')lz

5.2.1.4.1 Metodo a
Quando il calcolo delle strutture b svolto con il umetodo delle tensioni am-
missibili, le N.I. suggeriscono I'uso del cosidetto metodo o, che nato ori$inaria-
mente per le strutture metalliche b stato esteso a quelle in cemento armato.

5.2.L4.LL Pressione centrata


Con il metodo rrl la verifica delle sezioni viene eseguita con la formula della
pressione semplice considerando uno sforzo normale incrementato:
Itr:ttN
e quindi: N"N
6^: t5.e)
'AiA;
-

--1-
I
lrt
F=1
I
---+
I

Fig. 5.7 - Lunshezza libera d'inflessione per pilastri diversamente vincolati.


o-o
ELEMENTI STRUTTURALI o/o

Il coefficiente o di amplificazione dei carichi, b funzione del coefficiente di


snellezza:
^h
^: L
. (5.10)
ln CUll
h:9t' Ianshezza libera d'inflessione del pilastro, pari alla distanza tra
due flessi consecutivi della deformata dovuta all'inflessione late-
rale; il suo valore dipende dai vincoli d'estremith del pilastro;
nella fig.5.7 sono riportati i valori di $ per diversi casi di vincolo.

Ji
raggio d'inerzia della sezione trasversale nel piano d'instabili-
Ai' .it6,con
,
J, e Al momento d'ineruia ed area della sezione omoge-
neizzata.
Nell'e strutture in c.a. il fAggio d'inerzia non d necessariarnente quello mini-
mo della,sezione, perch6 spbsso I'instabilith, secondo tale piano b impedita da al-
tri elementi strutturali (fig. 5.8).

T-
I

'i'"
I

t=r/a, I

_L_
*

Fig. 5.8 - Inlluotrza dci vittc<-rli sul pialo d'instabilita.

Le'noffie italiane danno per to i valori riportati neLla tabella (5.I):

Tannlm 5.1

50 1,00
70 1,08
B5 r,32
100 L,62
t20 2,28
r40 3,00

dalla quale si vede come la verifica d'instabiliti interessa per valori di ir > 50.
374 CAPITOI,O 5

Con snellezzaX maggiore di 100 occorre particolare cautela e quindi proce-


dere alla verifica con i metodi pir) approssimati riportati nella bibliografia [221.
La verifica deve essere fatta nel piano di massima snellezza come indicato
in fig. 5.8.
Negli edifici in c.a. il problema b la scelta di p. Non b prudente scendere al
disotto di 0,8, valore che si pub adottare solo nel caso di vincoli d'estremitA mol-
to rigidi, come ad esempio quello di un blocco di fondazione.
Se si prevedono degli spostamenti orizzontali, $ b compreso tra 1 e 2, con
valori tanto piu vicini ad 1 quanto pir'r i vincoli d'estremita sono rigidi (fig. 5.9).

.ITJJ]I'JIIITJ]IN [I1]I]TTTJT]]NT

JIIIIffiTTT]TI-TI JIIIITJFTITNTTN

loo 2I
F-2

Fig. 5.9 - Lunghezza libera d'inflessione per i pilastri di un [claio.

5.2.7.4.L.2 Pressione eccentrica


lo sforzo normale b eccentrico si verifica l'instaloilith progressiva. Per te-
Se
nere conto della curvatura del pilastro e quindi dello spostamento laterale delle
sezioni, Ie nornre italiane impongorlo di fare la verifica con Ie formule della pres-
sione e flessione considerando uno sforzo normale ed un momento flettente in"
crementati:
N" = e'N [5,11 q,)
M, = C'M (5.11 b)
I

I,EMENT] STRUTTURALI 375

N N

A A b)

B Mb

t.-
Fig. 5.19 - Diagrammi dei momenti in un pilastro sollecitato alle estremith.

in cui co b valutato come per la pressione centrata e:

1
(5.r2)
N
llrt
dove: xf .
Eo J
", t5.13)
":T
b il carico critico di Eulero per la snellezza relativa al piano di flessione, nel qua-
le si assume un modulo di elasticitd del con$lomerato ridotto:
E* 0'4 E,
":
p€f ctrr:
N;: 3.94 !+ L;
(5.14)

Per pilastri vincolati solo alla base (fig. 5.10 a), ad esempio una pila da pon-
te incastrata al blocco di fondazione e libera in cima, M b il momento massimo;
per i pilastri vincolati alle due estremitd, se iI momento varia linearmente tra i
valori estremi Moe M,, (fig.5.10 b), come awiene nei pilastri di un telaio (fig.
5.11), iI calcolo va fatto per il momento:
M_ (5.15)
376 cAPrrol,o t
.
Nella verifica a pressoflessione, in luogo di N. va considerato tr{, se piri sfavo-
revole.

Fig. 5.11 - Diagrammi dei momenti e defbrmata di un telaio.

5.2.L4.I.3 Ese,m,pio.

Si debba verificare la pila da ponte la cui sezione b riportata nella fig. 5.I2;lapila in-
castrata alla base e libera in cima, b alta L: 47,00 m; b sollecitata da uno sfbrzo normale N
: 1729 t e da due momenti, non contemporanei M,,,: 5871 t'm ed Mr: 5BB7 t'm.
lru
r 460 l. I

l,,

'r8o
x
,r-p
l+-
-r

lsol sz5 I zss r.sz5 t.3ol.

Fig.5.12 - Esempio cti pila daponte soggetLa al carico di punta.


ELEMENTI STRUTTURALI 377

Caratteristiche dalla sola sezione di con$lomerato:


A: 8,53 m2
J*: 9,7816 ma p..: 1,0708 m
Ju :18,733 ma p,: L,4Bl9 m
Assumendo una htnghezza libera d'inflessione lo : 2 l, i coefficienti di snellezza se-
condo neyvalgono:

x': ]*:
1,0708
87'78

x,,: ff-:68,48
1,4819

essendo ambedue i i' > 50 va ese$uita la verifica al carico di punta.


0

VeriJica ttnl piano d;i flession'e y. lW *'1'""L nw e


Per la (5.11) la verifica andri eseguita considerando le sollecitazionit
N.:
M":
ot N
c Mu l'{. " 5.q\
E4'
Dalla tab. 5.1, per L. si ricava:
a*
a:1,3757 -, 3.qq
Dalla (5.12): (t. l+0,)'
1
_N
a, -

1-
Nt Aj nolu
k
Assunto E": 300 000 kglcmz, risulta per la (5.14):

Nu(il: 13 098 t
e quindi:
c: L,l522B A,ASztq
Le sollecitazioni critiche con cui va verificata la sezione valgono pertanto:

N,:2378,7 t
M,.:6764,5t/m 5g?t 115 , Ll 65tw
VeriJica sul piano diflessione r.
tr\
In tale caso:
a
c
:1,05372
:1,07403
,5 3,aq"i?'q
--- - l.P| ? ll
ed
N" :
1822,0
M,.: 6323,5
t
t.m !t, , 'loo'6rDc
q._'-
lore

tt'qloo'\"
, 75051 k
s88T \olql 611 \1,,,-
(2,{,o?qt
D-O
Lrt() CAPITOLO 5

5.2cI.4.2 Stato Limi,te ul?imo di instabili,ta


Secondo il metodo agli stati limite la verifica di un elemento monodimensio-
nale (snello, consiste nel controllare che:

. o.(*)
colt: ",
F,7: sollecitanioni e/o deformazioni prodotte dalle azioni esterne di calcolo
tenuto conto degli effetti del secondo ordine.

*,,
/r\ e deformazioni ultime delle sezioni.
I * /,resistenza
Gli elementi monodimensionali a sezione costante vengono considerati
"snelliu quando la snellezza massima risulta maggiore della snellezza limite l,*:
L

r:+>?rt!"
n''ri*
Per le Norme Italiane:
+ 15
r* - 60.1 P,
l Nd/Aj
p: percentuale geometrica di armatura
A": area del con$lomerato
N4: forza normale di calcolo.
rispetto al metodo at compaiono come elementi carattefizzantila snellezza,Iare-
sistenza della sezione W,J e la percentuale di armatura.
SnelIezze l" > 3 l.o sono da considerare pericolose e la valutazione della sicu-
rezzavafatta cqn metodi di verifica pii sofisticati di quelli di seguito illustrati.
Ven$ono di se$uito illustrati dei metodi semplificati di facile uso.

5.2.I.4.2.1 Metodo della colonna modello


Si consideri la colonna rappresentata in fig. 5.13 a, sollecitata in cima dalle
forze r{ ed N, per I'azione delle quali si avrd la deformata di fig. 5.13 a.

-hr
-J
H

EM2
Fig. 5.13 a - Schema di oolonna.modello.
ELEMENTI STRUTTURALI 379

Nella sezione A di massima sollecitazione:


Mo: M, + t\r'6 (5.15 a)
II primo termine:
Mt": M * H'Lt rappresenta il momento del 1o ordine;
il secondo termine:
Mz: N' E: rappresenta iI momento del 2'ordine'
Se fosse noto il valore massimo (limite) di 6, al di la del quale non b garanti-
to I'equilibrio, con la (5.15 a) sarebbe immediatamente calcolabile il momento
massimo delle azioni esterne'
Si definisce "Colonna Modello" I'elemento compresso in cui il le$ame tra
freccia massima e curvatura massima b definito dall'assumere come configura-
zione deformata una sinussoide. Ne se$ue che:

(5.r5 b)
':(+)'+
in cui ! c tu curvatura massima in A.
R
Si pone n2: 9,86 = 10 ed essendo
Lo:2 L

si ha:
"1
6:0,4.r8
La deformata effettiva della colonna pub esprimersi mediante una serie di
Fourier: la (5.15 b) allora rappresenta il primo termine dello sviluppo in serie.
Cib pub fare intendere, nei vari casi, il grado di approssimazione della (5.15 b) e
del metodo della "Colonna Modello".
per una data sezione, percentuale di armatura, caratteristiche del conglome-
rato e dell'acciaio, mediante i procedimenti di cui al cap. 4, b possibile ricavare,
per un valore noto di N, Ia funzione M - } ,tt* 5.13 b); nella stessa figura b dise-
gnato (retta tratteggiata) la funzione:
1
M,--
.R
La (5.15 a), tenuto conto della (5.15 b), pub scriversi nella forma

Mr:Mn-0,4**" (5.15 c)

se Mo 0 uguale aI momento ultimo M, della sezione, Mr rappresenta il massimo


momento-esterno del 1o ordine corrispondente alla data curvatura ultima.
Ricavato dallo (5.15 c) il massimo valore di Mr (Mr ''u,) la verifica dello stato
timite di instabilite b soddisfatta se il momento esterno di calcolo Mrdgli risulta
inferiore: (
Mro M,
^u*
CAPITOLO 5

MI tn"*
./

Fig. 5.13 b - Dia$ramma momento-curvatura.

Se M, -u" si ha per una curvatura minore di quella ultima (corrispondente


ad M,,),la rottura si raggiunge per instabiliti, altrimenti vorrd dire che la rottura
si ha per raggiun$imento della resistenza della sezione.

5.2.1.4.2.2 Metodo diretto dello stato di equilibrio


Dalla (5.15 tr,) si deduce che Io stato di equilibrio b verificato se esiste una
curvatura tale che:
M _M_ 0,412+ t
ed inoltre:
N.'
--b {, #
lr, > Nto

5.2.L.4.2.3 Verifica degli elementi strutturali


Il metodo della "Colonna Modello" pud applicarsi anche ad aste vincolate e
sollecitate diversamente da quella di fig. 5.13 4,. Anche in questo caso il proble-
ma b quello di definire una forma di deformata limite che permetta di calcolare
le sollecitazioni del 1o ed 2o ordine nella sezione di massima sollecitaziote.
Nel caso di fig. 5.13 dla sezione di massima sollecitazione b quella dimezze-
ria dove si ha:
M: Mt * Mz: N'a +N'6
Ipotizzando una deformata sinusoidale dalla (5.15 b) si ricava 0, in fun-
zione della curvatura I O.,tu sezione di mezzeri.a e della langhezzalibera di in-
R
flessiotte lo: I: if\
"
, t't-l
E:0.1
\R/
Definito cosi Mr, il procedimento b uguale al caso della colonna incastrata.
ELEMENTI STRUTTURALI

Fig. 5.13 c - Esempio di Colonna Modello per asta incernierata a$li estremi.

+
cf

I +
Fig. 5.13 cl - Esempio di pilastro sogge[to al carico tli punta.

5.2.1.4.2.3 Es;e'mPio

Si verifichi la colonna singola, riportata in fi$ura 5.13 d, dalle se$uenti caratteristi-


che:
I :5,50m
b :60 cm
h :40 cm
c :3 cm
A,,: A',,: 6 A20 : ]B,B4 cmz

sottoposta alle seguenti sollecitazioni:


N:75t
M:10tm
ooo
JOZ CAPITOLO 5

e realizzata con i seguenti materiali:


cls: R.,, > 350
acciaio: Fe B 38 K
Le sollecitazioni di calcolo, considerando una eccentricith non intensionale
: ---=.
L,
va[{ono:
Pr)
3oo " lr,, : 1.5 trr : rl2,s t
M,t: I,5 M + eo N,t: L2,I2 tm -- lqlftl
^*
La lunghezzalibera di inflessione dell'asta, per il vincolo presente b data cla:
h,: 2 L: 11,00 m
Pertanto il giratore di inerzia vale:

t : VA
l+:r1,b2cm
e la snellezza clell'asta si ottiene quincli dal rapporto:

r: -L- : 1,
sb,b

Poiche risulta:
84 : l"+ < l. < B l"* : 102
necessita verifica ad instabilith della colonna.
A tal fine vengono ipotizzati i se$uenti legami costitutivi di calcolo dei materiali (li-
gura 5.13 e).

Cott'glomerct'fo: dia$ramma parabola rettangolo con tangente orizzontale nel punto:


E,.o : 2,0o/oo
o.,, : 0,85 -f,.a
: 0,85x0,83x.R./1,6
e deformazione ultima
Er',, :3r5o/oo

Acciaio: Diagramma elasto perf'ettamente plastico con ordinata massima


an : Jaa: f.,,n/1,I5
modulo elastico
8,, :2,lxl0-6 kg/cm2
e deformazione ultima
€,,,, : 10o/oo

Tramite un programma di calcolo automatico vengono valutate, per assegnate curva-


ture, le grandezze adimensionali pl e v cosi definite
N M
N, ,MO
con:
t
N:lo".dA+lA,,i.c,ri
J^' ;
I
M : I o". y. dA *LA,,i. Uui. otti
t,
Nu:A.'f"d:370t
M,,: N,, . h: l4B t,m
ELEMENTI STRUTTURALI 383

6*.0.85fcd

Fig.5.13 e -Legami costitu-


gco tu E

tivi di calcolo per il conglo-


merato e per I'acciaio.

fvd

t.y

fvd

c la curvatura atlimcn sionalizzaLa,

* :(+)/,
In lig. 5.13 f b rapprcscntato il cliagramma p-X per il definito valore di:
N,,
": ff: 0,303

Nella stessa ligura b tracciata la retta F:z-X, in cui p, momento clel II ordine adimensio-
nalizzat"o. Essendo:
M,:N(+)'+
*z.Mo_vN,, (*)' + +
F: :v.1,1 1 4,\, .x
[;,l
Risulta dal grafico che il massimo momento del I ordine disponibile si ha per una
curvatura:
: 1 0,0035ti
e vale
p, - 0,154
384 CAPITOLO 5

Rimane quindi soddisfatta la verifica:


M,(disp) : 0,154 x l4B : 22,8 tm ) M,,: 1.9,12 tm

o
-Ftd
0.2

N
.!
-rO

I o.rs
'a
c
0)
E
T o.t
o
-P
cqt

$ o.os
E

o o.oo1 o.oo2 o.@3 0.004 0.005 0.006 0.007 0.008 0.oo9 0.ol x
cunvatuna adimensionalizzata

Fig. 5.f3I - Diagramma adimensionale momento-curvatura.

Pro e" (x103) e ,, (x 103) (+),,,, (x 103) p Ftlisp

1 0,000 -0,000 0,000 0,000 0,000


2 O,B2B -0,256, 1,170 0,109 0,082
3 0,911 -0,361 1,380 0,\22 0,090
4 1,006 -0,486 1,610 0,135 0,098
5 1,115 -0,635 1,890 0,151 0,107
6 1.242 -0,811 2,220 0,168 0,117
7 1,389 -1,018 2,600 O,18B 0,128
O
o 1,563 -1,26r 3,050 0,210 0,140
9 1,769 -L,542 3,580 0,236 0,154
10 L,942 -1,942 4,200 0,242 0,145
11 2,163 -2,393 4,930, 0,243 0,130 "

t2 2,422 -r) 0t9 5,780 0,245 0,112


13 2,725 -3,543 6,780 0,246 0,090
1,4 3,082 -4,27I 7,950 0,246 0,046
15 3.500
,500 -5.t25 9,330 0,247 0,033
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
Capitolo 6 Stato limite ultimo di instabflitd

Notazioni
6,0 Nel presente capitolo sono state usate le notazioni seguenti:
a :
inflessione laterale
Oest :
inflessione laterale assunta
b :larghezza di una sezione
C : fattore di sezione per la rigidezza a torsione
co : valore di C basato sulla teoria dell'elasticiti e sezione omogenea
d : altezza utile della sezione
ei e1i €2 : eccentricite
E,i E, : moduli di elasticitd
E.I :rigidezza a flessione
G : modulo di taglio
i : raggio giratorio
h : altezza totale della sezione
I : rrlorl€oto quadratico di superficie
L : luce
L" : luce libera d'inflessione
M : momento flettente
Mo : rrlofil€oto flettente del 1o ordine
M"s, Miry: Irlofilellto flettente esterno e interno
Mj : momento di nodo
N : sforzo assiale
N" : carico di svergolamento
N",, : carico critico
l/16 : curvatura di una trave, di un traverso
l/r"6 : curvatura di un pilastro, di un piedritto
sb : rigidezza di una trave
'a s"or : rigidezza di un pilastro
n : angolo
T : momento torcente
6 : deformazione angolare di torsione
L+o
: rnolll€flto flettente ridotto di calcolo, riferito ad ft
Vg : sforzo assiale ridotto di calcolo, riferito ad ft
9e : modulo effettivo di fluage
,1., : deformazione di torsione di Saint Venant.

6,I Forme diverse del fenomeno dell'instabilitlr


Come noto per un pilastro compresso centricamente, inizialmente rettilineo,
linearmente elastico, si pud parlare diun carico di svergolamento N". $ejt c4ric,o
{i dgtto,valore.rl;ptl4slrg. risulta" stibiildr.ffi
4{.4-Sl.*il+pt1o,:,riman9 ,al,:di:sot1o,,
un'inflessione laterale del pilastro, causata da un qualche carico trasversale di
disturbo, scompare completamente dopo .h" q*rt';hirno d stato rimosso. Se il
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALISI DELLE STRUTTURE

r
/
d;gnaggie;a,.di,N" il carico di disturbo dir luogo-a una grande inflessionechg
quad;,,,non provochi la rottura, scompare .Solo parzialmente.guan$g +ttffi
di equilibrio- Il''
J"rA"i.ti" iiiiosso-"tllpilastro,rimanein una posizione inflessa :un
iiiffiil.jiitgo Me;i ;idit o in c qrrisp ondenza del quale' e siste a tale p o si zi one
infldssa di equilibrio b il carico di Svergolamento l/" '
preve-
Xet quaAro del metodo di calcolo-secondo la teoria dell'elasticitir, che
de piCcole.inflesSioni-iateiali, quando N d pit di N"
grande dette inflessior$
,ir"fi""", a"iponto di vista del ialcolo, infinitamente grandi e si usa dire che il,;r

;|ffi;;; ir"ioOitr.Ilquale carico di svergolamento d con cid quel carico-critico in


ioitirpo"aenza del lo stato di equilibrio del pilastro passa dall'essere
stabile a risultare instabile. La forma della curva d'inflessione in corrispondenza
dello svergolamento e I'entitir del carico critico dipendono dalla geometria
del
pilastro e laile condizioni di vincolo. La figura 6.1 illustra i ben noti quattro casi
di carico critico di Eulero.

Figura 6.1 Carichi criti-


ci e forme d'inflessione
laterale nei quattro casi
di Eulero.
RigidezzaE'Idelle
oste : costunte.

tMl-
pud
Il fenomeno di instabilitir appena descritto d solo un esempio fra tanti. Si
infatti con tutta generalitir ali..*are che la brusca variazione nel carattere della
loro deformazione, che caratterizzalarisposta di molte strutture quando vengo-
no assoggettate a un processo di carico gradualmente crescente, non d dovuta
n6
al collaiJo dei materiali n6 ad altre alterazioni delle loro proprietir meccaniche.
La ragione va ricercata nel fatto che al crescere del carico, per un valore di
qu.rtJ, detto carico di svergolamento (o carico critico) della struttura, il modo
ji d.fo.*ursi di quest'ultima diventa instabile ed essa cerca allora un altro tipo
di deformata stabile. Il carico critico non d necessariamente il massimo carico che
la struttura pud sopportare, quantunque in molti casi i due carichi risultino
pressoch6 identici.
,Se,,it,brusco passaggio nel regime "iiiiioiitisi verifica
di deformazioni della struttura
qu4ndA itslptglialq'i,: egg elastico siij'arla di ,in'ti*d.
!'or4.'{ir1.-e.g.r

Figura 6.2
Svergolamento di un Por-
tule.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instabilitd

Figura 6.3
-
Svergolamento spaziale di
un fabbricato a piit piani.

f--
Figura 6.4
Sv ergo I a men t o
sionole di una trave.
fl
s

esso- t o r -
:^:i:T:'11:,:.ltrj:.rificare
portanti j?li.tllr:

:ln11
da pilastri

jilr?
5 aT,rqa
anche.nei telai piani (tis. 6.2)e in tutte
e torri stabilizz^anii A". o.li
Per quest'ultimo tipo di strutture l,irnstabilitd
mazio,nidi'u..eo-t-u-.'t;i;?;;;'#;iil"r#",iJ:[".i'.:ili
di in:tab itir a c ti,
* ii ii,iu t fl
le strutrure

spaziale si verifica con defor-


ra di rotazione.
i e s s o t o rs i o n a r e
_
trai'i,
d elte
,
"u_,i che comport sia trasrazione,iu .oturi o#fffu "#; i;iffi ??[: "{ .7;

6.2 Imperfezioni e fessurazione


In'realtd,gogp.$i$t,o.{l-o..Pt
e1!{i a,{Iayi n-erfe,1tarne,4!9 ---*eometriche
re1,ti{igei e caricati centrie-
Nella piatica ii
verifibano i_plii.ij
T.nt. sem-pi"
cssv4lur€i;'e'scentrigirade!'93rie$'i ils,*+..g.rri"+*uup in forma di
igp gsistealcun mareria.
ffi:'H:fi
in tina,,t,uttuiJln- A;:*;;" ";;;; ;il;;;;#;
"'i!lli;#,ine.
La presa in considerazip-4E..4elle iarpel,-f,.e..gi.94r,e della fessurazione
a'un.Yalore della capacite por{ente st,g+ptlA,t conduce
carico basato sulra ieoria ii"."i.-oJi'erasticitJ $; fiaizuffi oiiaiV_il o"r,
..ruirii.rione omogenea.
La figura 6.5 mostra la relazione calcolata fru
laterale di mezzeria di un pilastro che ha
ii;;;;" assiale e l,inflessione
una .uruuiuru'iniziale parabolica e un
valore di vertice e variabile.
8' ' si vede come il.gpr!co.di,p.!4,ta
ideal.._9 ,pulgro j)oss-a,gq$qre raggiunto
nelcaio,puramenre't'di.o,tdimm;initiare' ii; pilastro:
solo
illustrata risurta ben documentata arrch. rp.rir*ntur^iJrrr.. Larelazione
va notato che re curve di figura 6.5 moitra""
In corrispondenza di detto il;;t.;;ipilastro
.i.;;; un punto di massimo.
p"r;il;il" r,uuin,a ail,instabiliti.
Normalmente n6 la resistenza aerlcarieslrffi
sfruttate in corrispona."tu oJ a.tio oJu*i*",
ff#iiu o.tt,u..iaio risultano
si prolrinli purtu.. di rottura per
instabilitd anche nel.caso.di un pilastro caricatb
eccent.icamente, ma in corri-
spondenza di un carico diverso dal carico
oi r".rg"i"-.nto basato sulla teoria
elementare dell, elasticith.
,Nell'esempio citato si,d tenuto conto ,glo,.gi
precisamente la curvatura.'Nelle,strutture
un tipo di imperfezione, e )

reali:sihannri;. tipi alirio"ri"ri."i c


da considerare e ciod le imp.trerioni ;il;;rt*;fi #fi; a dersistema portante e
come comptesso, de'/' ere men to a i
mento'verrd ripreso
stiiiii;iJiiti; rriil e tasversa r e. L, ar go_
ti
purugiufo 6.ib.
".t
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALISI DELLE STRUTTURE

- Figura 6.5 Relozione fra


carico del pilastro e in-
flessione laterqle in un pi-
lastro inizialmente curvo.

Vengono qui di seguito esposti quattro <livelli I + 4>> di calcolo semplificati,


divisi secondo il grado di precisione, tutti basati sulle medesime assunzioni ri-
guardo alle imperfezioni e alle proprietir dei materiali e con strutture
a telaio
come esempi illustrativi.

Calcolo a <<livello 1>


6.3
Questo livello d il massimo che si pud raggiungere nell'ambito delle assunzioni
previste dalle norme dal punto di vista delle imperfezioni e delle ptopii.tu
O"i
materiali. Il procedimento di calcolo per una struttura a telaio p,to .ir.i. descrit-
to nel modo seguente.
u)
k.:t{"ttuge vieq-e-$_yjsa in Ja.l. gpqo:t}no,,nqmero di elemenri. Sulla base dei
diagrammi u -'e di calcestruzzo e armatura si stabilisce, per ciascuna;ri;
:p..:..11.djs11osiziong
di a-rlnatura a,ttuale, la relazione esi-stente fra momento
lleffehte M'E curvatira 7lr, avendo lo sforzo normale A/ come parametro.
Detta relazione acquista I'andamento di principio visibile nella figura 6.6.
La relazione che si calcola sulla base dei diagrammi stilizzati tensi,one-defor-
mazione proposti dalle norme risulta pero un po' approssimativa.
o"Joru qi
d.e."fl,id9r{pra:*T.4,qgio.t
Pleiigg.1: bisgenl fut {iqtqg-u aiugr4ry1t-ri tediione-a;l
formazione reali, ricavati mediante prcive sui materiali impiegati:'
Figura 6.6 Relazione
di principio esistente fra
momento flettente M
e curvatura I/r in una
sezione compressa per
diversi valori dello sfor-
zo assiale N.

I
l
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instqbilitd

b) Si sceglie un andamento dei momenti


e un andamento degli sforzi nella
tura che soddisfino le condizioni di equilibri; strut-
le imperfezioni geometriche in questi,on. ;;; l; ,]tuurion. di carico e per
i,,.JJriJrrd.rrru
mato or,, della deformazione della struttura. di un valore sti-

c) usando la figura 6'6 si calcola l'andamento della


curvatura lungo la struttura
e da qui, mediante integrazione numerica, unu nulua deforma zione
risulra ocat = eesr gri andimenti scelti p.;i a"o1. se
;;;;il;';..
corretti, diversamente si ripetono le fasi di calcoio-i"
gli sforzi scelti sono
mostrano una sufficiente conve r genza. rfino a che a,,,e o,o1
La condizione affinch6 la struttura possa
sopportare il carico esterno attuale d
che I' infl essione assunta e quella ."rc"i"i:,""iJi""i;;';
In alternativa si invertono le fasi di
;;r.idere.
a. assume un andamen-
to della cirrvatura che fornisce la configu.arion.-o.rrr-u,u
"ut.oio ",li"i^ri
integrazione' Dalla figura 6.6 si ottengono mediante doppia
a fronte dell,andamento della curva-
tura gli andamenti del momento fletGnte
e dello sforzo assiale, dopo di che
controlla se le condizioni di equilibrio sono si
soddisfatte.
E facilmente intuibile.o.n.;;;i. metodo
risurti raborioso, specie nel caso
delle strutture staticamente indeterminate,
in quanto la ,..rtu degli andamenti di
sforzo e momento neila fase ai calcoil
a oeue .omp;;;;r. le quantitd statica_
mente indeterminate X.
Inoltre bisogna controllare le condizioni di
di struttura' In tal modo si determinuno continuitd fra i diversi elementi
0". p"r.oirill.iati"i; uno che fa conver-
gere ecat e sesl per le quantitd staticamente
indeterminate x scelte, e uno che
Figura 6.7 Schema di
calcolo al <<livello I>> per
una struttura a telaio sta_ Scelta delle quantitd X staticamente indeterminate
ticamente indeter minato -

Scelta di a est per la parte di struttura

Calcolo degli sforzi di sezione N, M e T

Determinazione della curvatura j/r dallafig. 6.6

Calcolo di a s51 ed a,r51

ocal= Sest?

STOP
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIY DELLE STRUTTURE

controlla le quantit?r X affinchd risultino soddisfatte le condizioni di continuitd.


/ Schematicamente le due procedure iterative possono essere descritte con un loop
interno riguardante la configurazione inflessionale a e un loop esterno concer-
nente le quantitdr staticamente indeterminate X (fig. 6.7).
t
Anche strutture decisamente semplici possono talvolta arrivare a richiedere
un numero di iterazioni molto alto specialmente se vengono a frapporsi difficoltd
nell'ottenimento della convergenza nel procedimento iterativo. Inoltre la relazio-
ne di figura 6.6 viene a modificarsi nei casi, non infrequenti, in cui una parte
della struttura viene scaricata lasciando caricata la parte restante.
I metodi sistematici necessitano dei calcolatori e sfruttano metodologie ma-
triciali e caricamenti a gradini, in corrispondenza dei quali le matrici dirigid,ezza
vengono modificate per ogni gradino di carico per tener conto delle relazioni non
lineari. Un metodo molto completo d stato proposto da Ersvik [1].
.1 Il lcalcolo alivello l>>, tenendo conto dell'impegno che prevede, viene in,
genete,..fi rvaloslle:etr.,utture destinate a.una prqduzione in serie (ad esempiou
pilastriof6bi prefabbricati); Essolpud.es.tpadoperato anchr.o-.-Uut. p.i fu
stesura di tabelle di dimensionamento.
La possibiliti di trattare nel modo sopra descritto la capacitir portante delle
strutture tridimensionali risulta a tutt'oggi alquanto limitata, specialmente a
causa del fatto che la relazione fra momento torcente e deformazione di torsione
non d completamente nota per quanto riguarda gli elementi di struttura fessurati.

Calcolo a <livello 2>


6.4 A questo livello esistono metodi che contengono determinate semplificazioni
rispetto al <livello 1>, specialmente riguardo al calcolo delle deformazioni. Fra
detti metodi c'd quello di von Karnnan!.'hepqf,te,,$++q,
+ry9 ppm: Oueffe $i"
figyr16.6 perla lslazisns framomento M e curyaturi !/t:g,iunqs€zrofle,.€or&tr
teristica dell'elemento di struttura considerato. La deformazione si calcola mJ-
diante l'assunzione di un andamento semplice della curvatura (ad esempio co- {
tit#iit€i#tHd#bmilie tinuioidale),'e si u0, allora scrivere
f :

r2
TJ
Q:ak- ; (l)
dove:
r
l,, e _zza dell' elemento di strgltg1p,
i toefficiente che dipende:dall'andamento della curvatura.
k =..Flgh
Il metodo risulta di uso agevole per pilastri semplici a sezione costante. Per un
pilastro incernierato ad entrambi gli estremi, con inflessione laterale assunta
come sinusoidale (il che d accettabile nel caso di armatura costante) risulta
k : l/12 e la deformazione laterale in mezzeria:
:.,,r , L2 L2
= i!
4an (2)
=,Jn;,
F m !il momento di 1n9zz-eria,che si verifica, senza tener conto delf inflessione,
il momento esterno totale di mezzeria si puo scrivere:

M"rt:M+N. a:Mo* !#, (3)

L'equq,zione (3) rappresenta una relazione lineare fra il momento esterno e la


curval-ura: La relazione in parola si lascia facilmente combinare graficamente
ccjnlti:relaZione'fra'diomeno i?tiiriio"Min,e curvatura illustrata nella figura6.6.

l. Detto anche metodo deilq.slq|a.di.,9quilib1io, deriva da quello della colonna modello [2] di cui
mantiene le ipotesi di base: deformata sinusoidale, asta a mensola, sezione costante lungo I'aitizza..,
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instobilitd

Figura 6.8 Controllo


della capacitd portante di
un pila*ro con il metodo
di ion Karman.

Mext:=, Mo f. N',,L211 0 r

1/r
se la linea retta che rappresenta I'equazione (3)
taglia la curva convessa che
rappresenta la capacite portante di momento -sezione
della in corrispondenza
dello sforzo normare in questione, risurra M;,-2
tagliato (fig' 6'8)' cio comporta I'esistenza
i;: n.l ,.g-.nto di curva
di una poririon. di equilibrio stabile
in corrispondenza della curvatura che corrisponde
sinistra nella figura.
al punto di intersezione di
Il caso in cui ra linea retta risulta
il'ffiastro passa'dalr"rr.t lsladirel#ris.qJ!lanqente:r-app{esenta il caso limite in cui
punti di massimo discussi u proporiio
e.,irist ile, in ibrriibondenzi,dei
aerte curue il"riiura o.s.
Il metodo di von Karman si puo adottare;;.-h;;;?utture
come i telai' ma allora I'andarnento della piir complicate
degli elementi facenti parte della struttura
.utuut*Ileu. ,iguaraare ciascuno
e deve essere stabilito in modo che le
condizioni di continuitd risultino soddisfatte.
Il ."i;;j;.i-un. iterativo, ma per
strutture particolarmente semplici eseguibile
anche ;;;;..

r.,,:,r;:*r,r:::r:.li.:i:i:;;0e
quindi
;;;;lliii :qf b1i"3ir;i&3iE$$l?ffi
1l.r*1 2ro, Lo gtorz-o normale nel
l" r?l=j9!l =
cteile esrremftd degti"etementTi
ot
;r1r.,,,ir,..;..1$,1':.:..:tt:J.?..p!J.NgJrr11E.!,iSgnsldqrgcomg,,,tifi:$eiie6'tt

fvat!.rya.,p.()€itilaj
:J

TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIY DELLE STRUTTURE

: Fii*i6 6;;g,'
.'
(ti,EiAm: .

/ pio di portale. (b) In-


flessione e carvatura.
,''
1c)'! Lw d tugn 14 in so;7 1i;.

( spondenza del piede del


piedritto si ottiene con-
siderando imperfezione

lniol=.N{.€t.!,]a1)

,.i1.'{5)

Calcolo a <<livello 3>


6.5 A questo livello sono fino ad oggi disponibili metodi di calcolo per telai e simi-
li, in cui, dipendentemente dal metodo di soluzione, si tiene conto delle inflessio-
ni mediante espressioni delle rotazioni e delle rigidezze basate sulla teoria del-
I'elasticitir. Si pud tener conto dell'influenza della fessurazione sulla rigidezza
E.I a flessione mediante le seguenti formule approssimate dove e": e(t, to)
: coefficiente effettivo di fluage.
E' I: o'48"' I"
(6)
l*p,
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instabilitd
359

oppure:

E . I: Er, rr+ o,zEr' I,


l*e, (7)

Queste formule valgono per un contenuto di armatur a Ar/4")-0,01.


formula che fornisce il valore piir grande. va usata la
o A, :0 la rigidezza si pone uguale a quella
deila zona compressa e
.iod,Quund

(, 2:-\'
EI : 1,35 E" . I" \ - hl
(t+%) (8)

Nel caso di valori di -4" compresi fra 0 e 0,01 _4"


si interpora linearmente fra la
formula (8) e la (6). Lle_quazione (8) d valida net
aominio t/6<(e/h)<t/2.
Quando risulta e/h<l/6 vale I'equaiione (6).
^ Anche peril che
fessurazione,
le parti irrigidentf la rigidizza si calcola tenendo
pud essere fatto secbndo re equazioni (6)
conto della
quella che fornisce il valore piir grande, e (7), scegliendo
oppure secondo l,equazione (s).
Per le travi facenti parte di un telaio nut"tui-""iJ
d anche consentito di
calcolare rarigid,ezzaner modo solito, avendo
come punto di partenza la sezione
fessurata costituita da calcestruzzo eacciaio, il
golare ad armatura semplice fornisce:
che;"i;;. della sezione rettan-

E.I:E,.A,(d-x)
Q-+) (e)

ll calcolo di 1d facilitato dar diagramma 3.2, parte


vIII.
d,armarura variabili si pud aJottare per A,,
T:1.:::jt:::Tlll:
f:l':.=::::*tL:lLl;;il;-.;pJffiT:'L"::'il?:?T'ffi'#''l'#.:i:
fra armatura di campata e armaturi-d'appoggioj.
vale. p., uiroii di (e/h) compresi fra
t"1,1?l:f:l_* l'_eo,Ya3ton3.(8)
minimo di E . r d zer o e l valore *ur ri* o
t/6 e
;,,o;;il"t""r,lTo'J,,:.1
"!!::*
quazione (6).
Dopo che si sono calcolate le distribuzioni di momenti
e sforzi secondo la
teoria dell'elasticitd sulla base delle rigidezzeu
sionano le sezioni per la sollecitazione composta
n.sion. upp"nu citate, si dimen-
di pressoflessione sfruttando il
metodo allo stato limite di rottura.
Qui esiste u".it* di principio, poich6 la
distribuzione di tensioni e deformazioni r.iruirioti.,-adottate
per il calcolo
'"delle deformazioni, non coincidono con quelle urrunl.'p.r
stenza. Il calcolo conduce ad ogni modo.apioamenl. 'ut
il calcolo della resi-
trug.rardo limitando
I'iterazione alla previsione del contenuto d'irmatura,-it
solo un dimensionamento ' .tr. in genere richiede
introduttivo di massim a.
Le equazioni (6) + (8) proposte forniscono valori
delle rigide zze tali che le
inflessioni e i conseguenti momenti risultano
,oururti-uti.
Invece di un completo calcolo di un telaio porroro
,i in molti casi calcolare
le sollecitazioni facendo inizialmente astrazio".
oirlelrrnessioni e aumentare poi
i momenti mediante moltipricazione per un fattore
di
va anche osservato che per la miggior purt. a.i.*lamplificazione.
oi t.i"i si puo
trascurare I'influenza delle inflessioni addizionali. per "".mari a uno
i"ierai traslazionali
o piir piani si pud assumere che le inflessioni
uoJirio"url abbiano un,influenza
trascurabile sulla precisione del calcolo qualora
i carichi ciiti.i iir,rrtin" ,rplri"ri
a l0 volte i carichi di calcolo. cid d spesso dimostrabile
mediante un semplice
calcolo di massima.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALISI DELLE STRUTTURE

/ 6,6 Calcolo a <<livello 4>>


A questo livello si collocano quei metodi di calcolo destinati
al dimensionamento
del singolo pilastro, principalmente nelle strutture
non irustariorrali. La lunghez-
za lib er a d' infl essione :

L":7r^fEr
V N- (lo)
si calcola con la teoriadell'elasticitir, ad esempio
con l,ausilio di un diagramma
contenuto in un manuale specifico, dopo ai cne I pitastio
il metodo esposto nel paragrafo j.3, parte vI, ; con unviene dimensionato con
qualche altro metodo
semplificato dal lato della sicurezza.
^ uno
fatto
di questi metodi semplificati si basa sul metodo di von
che I'accorciamento limiti del calcestr uiro-ri;;li;;;".ento
Karman e sul
ciaio risultano completamente sfruttati nette sezioni limite dell,ac-
plJ.i:*.", ate. Lacurvatura
si calcola in questo caso con I'espressione:

I _ 3,5 x l0-3 (l + ,p") + era


r d (11)

!9ve era d I'allungamento corrispondente al limite di snervamento dell,acciaio


d'armatura, con la limitazione ,ro<2,5V00.
Il momento esteJno, amplificato per tener conto den,inflessione,
a (vedi equazione (3)): si pone pari

M"r,:Mn* N'L?
" 10r (12)
La sezione del pilastro si dimensiona quindi a pressoflessione
parte VI).
(N e M,",; cap. 3,
Questo modo di trattazione presenta il vantaggio di non richiedere
iterazione ma anche lo svantaggio di sottostimare, alcuna
liiuortu la capa-
citlr portante. Il metodo d perd ut tlizzablle per "otevolmente,
un amenrionamento di massima,
come introduzione a un calcolo pii sofisticato
a <livello-i, oppure a <livello 2>.

6.7 Raccomandazioni per Ia scerta der metodo di carcoro


I complicati metodi di calcolo ai <livelli I e 2> richiedono
normalmente l,uso del
uvr
cio, satvo .ari ....ri,onuii, n,oito i"U"ri"ri *_
:::r:,_.:.:,1t1*T: lonostante
yl1l. riservati.ai casi.speciari, uJ.r-.*piJ;;Gr""d#;#?;l;
::.-i,o,::.1
per il dimensionamento di elementi prodotti in serie.
+>risuliuno'pir,
**:ly::_'^T::,1, "i::riv:lli:.e adatti au,uso pratico, in
f retabeueediagra;miill#;;;b;.:#.;;#
.t":11,?3g,jf *:i]::1*of
complessitd dei metodi ai <livelti I ; i> orri.
li,Tlggl_"1 ,p.rro ln
,c..?:lrq,,t{,gpart'lfasglo,uniappqrente
maooinrn"enioi^-o
SOIO Un'aDDafente mag$ior precisione, se ^i +i^-
-^ si tien r ,, ',.
A"if"i*it"i;
ga[p]sep$za.clelle proprieti di deformazione
9O[psee$za.delle proprietd deformazi.ir.,e rteoti rr "o"t"
dio fessurato. ^i;^-;; di
degli elementi ^+---*---- ;.il";;"_
struttura --,rr

Infine va perd detto che determinate strutture si lasciano


trattare ai livelli piir
alti di precisione con relativa facilith, il che pro .*arlt.
a non trascurabili otti-
mizzazioni. Per illustrare questi concetti
velli> di precisione un semplice pilastro a"i;;
q;i;irilrir" studiato ai vari <li-
mensola caricato in sommitir.

6.9 Esempio di calcolo ai <livelli l+4>>


Assunzioni
Un serbatoio industriale grava tramite un'orditura in
acciaio su quattro pilastri
in calcestruzzo lunghi 7 m econ sezione b x h: I x I
m2. I pidil";;;Jlil..i
di spostarsi in sommitd e incastrati alla base su roccia.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stqto limite ultimo di instabilitd

Figura 6.10
Imperkzione iniziale ed
inflessione a.

Il carico centrico di calcolo previsto per ciascun pilastro arriva a 6 MN


e si pud
ritenere abbia nella sua totalitd caratteristictre oitunga
aurata; il che comporta
9": 3 nell'ambiente in questione. Si vuole indagare irediante calcolo ai <livelli
di precisione I + 4>> se i pilastri si possono realiziare non
armati. prove prelimi-
nari hanno evidenziato che per- il calcestru zzo d,a util-izzare pud
si assumere
f,u: 13,9 MPa e E":21,5 x 103 Mpa.
Imperfezione strutturale, inclinazione iniziale (equazione (22):

\max7,oo = (0,, *-*) o,ol5 x 7,oo : 0,063 m


curvatura (parabolica) con il valore di vertice in mezzeria del pilastro

7
eo:100 :0,023 m

Lo sforzo assiale ridotto di calcolo risulta:

6
Y0:
b.h..f"u 1xlxl3,9 - 0,432
Indagine mediante calcolo a <<livello 1>>
Si assume che l'inflessione laterale del pilastro varii rettilineamente
da zero alla
base fino al valore di sommitd

omux:0r10 m
Nella sezione d'incastro si ha:
M^*:Mo+N.omax:
:6,0 x 0,063 + 6,0 x 0,10:0,3g + 0,60:0,9g MNm
Il momento flettente ridotto di calcolo risulta:

Fo: b.hr..f"u _
=
0,gg _:
T;1, x 13,9 o'071
Entrando con questo valore nel diagramma di figura 6.17
si ricava:

L:0,57 x l0r l+3 :2,28 x l0-3m-r


TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALISI DELLE STRUTTURE

A metd altezza del pilastro si ottiene:


/ M:Mo+l/.
:u(gF+0,023) *u+:
:0,33 + 0,30:0,63 MNm
0,63
1x12x13,9
: 0,045

che fornisce A: 0,33 x l0-3 x 4,0: 1,33 x I0-3 m-l


r
sfuttando la relazione l/r: - s" si pud calcolare una nuova inflessione q con
un'integrazione numerica dalla prima assunta, e una nuova da quella cosi calco-
lata e cosi via, fino a raggiungere una soddisfacente conver genza.
Il calcolo viene riportato in forma tabellare. Leintegrazioni numeriche sono
eseguite secondo la regola del trapezio. La lunghezza dil pilastro d stata divisa
in quattro elementi uguali.
Nella tabella d riportata nella prima colonna la coordinata longitudinale x
calcolata dalla sommitd del pilastro. poi, in ordine, sono riportati:
- M0: rnoflleflto senza I'influenza dell'inflessione,
- o"*t: inflessione assunta (variabile in modo rettilineo),
- M : momento tenuto conto dell'inflessione assunta.
Dal valore di M siottiene la curvatura l/r:
figura 6.17.
- a" per mezzodel diagramma di
L'integrazione numerica di a" si effettua dal basso verso I'alto in quanto
s' :0 per x:7,0. L'integrazione di a' si effettua dall'alto verso il baiso, in
quantoda:0perx:0.
Calcolo a) a' Qt
-d ?1
0 0 0 0 0 0 4,98 0 0
1,75 0,20 0,025 0,35 0,0025 0,74 4,24 4,98 15
3,5 0,33 0,050 0,63 0,045 1,33 2,91 9,22 28
5,25 0,39 0,075 0,84 0,060 1,77 1,14 12,13 37
7,0 0,38 0,100 0,98 0,071 2,28 0 13,27 41

Moltiplicatori 10 -3 1'75 1,752


10 -3
1 000 1000

Calcolo b) -d d Qz
0 0 3,65 0 0
0,29 0,62 3,03 3,65 11
0,50 1,06 1,97 6,68 20
0,61 1,30 0,67 8,65 26
0,63 1,33 0 9,32 29
1;75 1,752
Moltiplicatori 10-3 10 -3
1000 1000

Calcolo c) -a a'
0 0 3,28 0 0
0,27 0,57 2,71 3,28 10
0,45 0,95 1,76 5,99 18
0,55 1,17 0,59 7,75 24
0,55 1,17 0 8,34 26
Moltiplicatori 10-3 :!2
1000
14 '1000 10-
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instqbititd

come risulta dai calcoli successivi la prima assunzione dell'inflessione


era sfavo-
revole' I calcoli convergono rapidamente verso una massima
inflessione di circa
25 mm.
In effetti sarebbe bastato per il caso in esame effettuare il primo
quanto da questo si vede chiaramente che la a calcolatu
calcolo, in
.orru.rgi ;;;;";;ripit
b.assi di quello assunto, il che indica che il pilastro
t-siuuil. per r/:6MN. La
sicurezza alla rottura d pertanto soddisfacenta.

Indagine mediante calcolo a <livello 2>


Se si assume che la curvatura varii in forma sinusoidale
sommitd del pilastro, ciod
da 0 ad I/ r apartire dalla

11Tx
rxr2L - at'
-:--SIII
risulta
_1^4Lz
umax--
r I 4x72 19,96
r'r12
2
r
In corrispondenza della base del pilastro si ottiene:

:
+qq : 0,3g . +
Msn Mo * N . o^*: 6 x 0,063 * 6

I * 3,0 loooft
Fext:
b.h'.f"u M: --:-
1xt2xt3,9/0,r, * l 19 1000 4l+d):\
:0,027 + 0,034 :L900h
r(l + ,p")
se si inserisce questa linea retta nel diagramma di figura
6.17 che rappresenta p;,,
si vede che essa taglia la curva. La sicurezza alla
,oituru d quindi soddisfacente,
per quanto esposto nel paragrafo 6.4.

Indagine mediante calcolo a <<livello 3>>


Se I'eccentricitir risultante dello sforzo normale
fosse 0,15 m<(h/6): 0,17 m,
si avrebbe, secondo I'equazione (6), la rigid,ezza u n.rriorr.,

E . I:0,4 x 21,5 x 103


*trr'
,/ : 1-,
179 MNm2
I + 3^o
N.,: o' -!2-: 9,0 MN (1o caso di Eulero)

Con il metodo dell,amplificazione si ottiene:

M:Mo_f__=__:6xc ^,- -
)'063
I
: l,l3 MNm
, 1y ao
t-l,o-
'- N-
t: M
N
1,13 o'19
: -z-: t t ;:h o'17 m
Con questo valore vale I'equazione (g) che fornisce:
)
(, o'le
E. Iz: 1,35 x2t,5x xf -r \3
l-:t44MNm2
)
lo3 r x r,
,i
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIY DELLE STRUTTURE

-\ Larigtdezza a flessione nei pilastri varia, in funzione dell'eccentricith, fra 109 e


205 MNm2. Inserendo di massima il valore medio (109 + 205)/2:157 MNm2
risulta N". : 7,91 MN che dd M:2,39 MNm ed e:0,40 m. Un rinnovato cal-
colo fornisce
(I -2 x 0,40)3 :5,5
E . Ir: 1,35 x21,5 x 103 MNmz da cui
12 x 3,5

Ar -
(6 +
'
205) 12
l\cr:
2 4x72 -'
Senza armatura la sicurezza a rottura non risulta quindi, secondo questo calcolo,
soddisfacente.

Indagine mediante calcolo a <livello 4>


Lunghezza libera d'inflessionet L,:2 x 7,0: 14 m. Con il metodo di von Kar-
man, utilizzando le equazioni (11) e (12) nell'assunzione che sia d : 0,9 h si ha:
I r" .r' r r\ r 1 (r lo'
[3,5(1 + 3) + 2,51 q* : x
7: - ,p 18,3 10-3m-r

Mgyy:6,0 x0,096+6,0 xl42x 18,3 x l0-3/10:2,1MNm


Effettuando la verifica a pressoflessione si ricava che la capacitir portante di
momento della sezione del pilastro per A/:6,0 MN d Mna- l,llMNm. La
sezione quindi non regge il momento agente calcolato con questo metodo, che
pertanto penalizza le capacith portanti.
Questo esempio d stato volutamente semplificato con l'esclusione dell'arma-
tura. E perd logico che nella pratica i quattro pilastri sarebbero dotati di un
minimo di armatura per tener conto degli sforzi che potrebbero verificarsi duran-
te il montaggio del serbatoio che sono destinati a sopportare.

Assunzioni di calcolo
6.9 Proprieti di deformazione del calcesttazzo
Nel calcolo ai <livelli di precisione 3 e 4> secondo quanto esposto in precedenza,
ciod nell'usare la teoria dell'elasticitA, le proprietir di deformazione del calce-
struzzo sono descritte dal modulo di elasticitd E", dal modulo di taglio G" e dal
coefficiente di contrazione trasversale (Poisson) z.
Il modulo di Young.E" si ricava dalla tabella 1.1, parte VI di questo manuale.
G. si pone uguale a0,4E" il che si pud ritenere sufficientemente preciso a meno
che in speciali casi non si giudichi piir giusto qualche altro valore. Si tien conto
del carico di lunga durata mediante divisione per (l -t p,\. Vedi inoltre paragrafo
3.6, parte II.
Nel calcolo ai <livelli I e 2>> le proprietir di deformazione del calcestruzzo
sono definite dall'intera curva tensione-deformazion€ (o" - e"), perd prendendo
in conto solo il lato della compressione, in quanto non d ammesso utilizzare
alcuna trazione nel caso dell'instabilitd. Si propongono2 2 curve oc-t, tra le
quali scegliere, una che d bilineare (fig. 6.1 1); unu .hr consiste in due linee rette
con una curva tangente interposta (fig. 6.12).
La curva bilineare ha il vantaggio di essere semplice da trattare numerica-
mente, anche nel caso di sezioni irregolari, ma non pud essere usata nel caso di
grandi sforzi normali con piccole eccentricitd, quando la tensione media di com-

2. Per una valutazione precisa delle deformazioni si potrdr impiegare qualsiasi diagramma tensione-defor-
mazione del calcestruzzo che corrisponda sufficientemente con le condizioni particolari del caso in studio,
purch6 se ne giustifichi I'uso.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instabilitd

Figura 6.11 Diagramma


tensione-defo rmazione b i-
lineare per il calcestruzzo.

1.25t"u /E"

pressione supera il varore 0,6.f,,. Il motivo


risiede nel fatto che in tal caso il
calcolo della curvatura viene a cidere dal lato
oeil;inri.urirza. unaltro svantag-
gio del diagramma bilineare sta nel fatto
che .rro poriu a una sottostima della
capacith portante dei pilastri snelli, in quanto
it moauto ai .r*ii.iii"Jr^r'Jriii".
d ridotto al valore 0,8E"
Il diagramma bilineare con curva di raccordo riportato
pud usare indiscriminatam€nte. La penden nella figur a 6.12 si
za dellirii* ..ttu che parte dall,ori-
gine d determinata dal modulo di elasticitit
E,.-u";o;;;;na curva di raccordo,
fra i valori della deformazione €g1 : 0,6fgyii"
,"0 : 2Voo, ha l,equazio_
;:l.uot. "

t: I -0,4 (-so-.)- (13)


con

k:1,5/:*_r\
\ e.r 'l 04)
dove o" : tensione corrispondente all,accorciamento
e".
Si osservi che i diagrammi di figura 6,1 l
e 6. rt;G;ro per il carico di breve
durata' Si tien conto'dell'influenza-della lunga au*i":a"i
con E"/(l * p") e sostituendo inoltre €cr,
carico sostituendo -8"
€c0 JO,OO:S .on u", (I + p"),
e 0,0035 (l + p"). e"s(l + 9")

Figura 6.12 Curvo ten-


sione-deformazione
del colcestruzzo bilineqre
con curva di raccordo.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIY DELLE STRUTTURE

Proprietir di deformazione dell,armatura


Nel calcolo ai <livelli 3 e 4>> le proprietd di deformazione dell'armatura vengono
determinate univocamente dal suo modulo di elasticita E" :200 Gpa.
Nel calcolo ai <livelli di precisione I e 2> si prende in considerazione tutta
la forma della curva tensione-deformazione. oetta forma pud essere assunta
qgme bilineare per gli acciai laminati a caldo e lineare dall'oiigine fino al limite
di proporzionalitir e da qui in poi curva per gli acciai deformiti a ireaJo
lueOi
figg. 3.3 e 3.4, parte IV).

Proprieth di deformazione della lamella di sezione


Avendo come punto di partenza le proprietd di deformazione dei materiali
si
possono calcolare le espressioni della deformazione come I'allungamento
e la
curvatura da una lamella elementare compresa fra due sezioni piine, situaie
a
una distanza infinitesimale. Nel calcolo ai <livelli di precisioni : e.4> cid si
effettua ricavando la deformazione come
N
E.A
e la curvatura come
M
;: E.r
utilizzandoivaloriidealizzatidiE.AeE.lespostinelparagrafo6.5parlando
del calcolo a <livello 3>.
Analogamente si calcola la deformazione di torsione ry' basata sulla torsione
di Saint-venant, secondo la teoria dell'elasticitd dall'equazione
T
,!,: G.C
dove G . C d la rigidezzaa torsione idealizzata.
Se con Cs si indica il fattore di sezione per la rigid,ezzaa torsione
basato sulla
teoria dell'elasticith e sulla sezione omogenea, valgono per G . c i valori
seguen_
ti:

- Gr'Cn
calcestruzzo non fessurato: G ^
. (-.:+
(l + p")
- (l + 0,3'
- cls. fessurato senza fessure di taglio o di torsione: G . C 0,3 G. C0
9")
- (l?'l+ 0,3'
- cls. fessuraJo con fessure di taglio o di torsione: G . C G" Co
9,)
Confronta con il paragrafo 3.7, parte VIII.
I dati della sezione concernenti lo svergolamento flessotorsionale si scelgono
convenientemente secondo i medesimi principi descritti per l,effetto
di sfirzo
normale e momento.
Nel calcolo ai livelli di precisione I e 2 d necessario che le proprietd di
deformazione siano descritte con curve del tipo esemplificato in figura
6.6. per
ottenere dette curve si parte dal postulato che le sezioni piane pe.mingono piane
dopo la flessione. Nella figura 6.13 d riportata urru.oitu lamella Ailitastro
ai
lunghezza 1 e dalla similitudine geometrica si vede direttamente che la
curvatura
risulta
1-: jo
rx (15)

dove: €k: accorciamento di bordo del calcestrrrzzo,


x : altezza della zona compressa.
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instabilitd
367

Figura 6.13 Lqmello


cttrva di un elemento
di struttura compresso.

Per calcolare i valori del momento Me


della curvatura r,/r corrispondenti
dato sforzo normale N, si sceglie un certo a un
numero di varori e6 ( 0,0035 (r + p").
valore tn si passa al corrispondente
:;Jrrtfrt:tn uuror. oi x dallacondizione di

N": . u . dz
-ZoA, . o,
J*oo" (16)
intorno al baricentro della sezione si ottiene
:1rTi*tt'o dall,equazione (fig.

Mc:frt" b . y . az-Zoe" .os../s


(17)
Neile equazioni (16) e (17) sono:
oc : tensione del carcestruzzo (positiva
se di compressione) alla distan
I'asse neutro, za z dar_
b = larghezza della zona compressa nello stesso punto,
o": tensione dell'acciaio (positiva se di.trarion"i;;ii;r.u
distanza y" dall'asse baricentrico della
*" d,armatura A, aya
r.rio.r..---^
iigura 6.14 Base per il
tlcolo della relazione fra
Ie I/r=ek/xperun deformazioni
Vo sforzo noimate N.

o
J
o
c
o
u,
o
o

tens ioni

4
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIST DELLE STRUTTURE

Le tensioni ac e os si determinano immediatamente dalla distribuzione piana delle


/ deformazioni determinate da ep E x e dai diagrammi o - e valevoli per il calce-
struzzo e per I'armatura (fig.6.la).
Nel caso della zona compressa rettangolare (ciod quando b risulta costante)
il lavoro di passaggio si semplifica notevolmente qualora si utilizzi la tabella 6.1
che fornisce il valore della risultante N" delle tensioni di compressione nel calce-
struzzo e la sua distanza 0 - x dal bordo compresso secondo le equazioni.

*: J;
o". b. dz: a..f"u. b. x (18)

F,(l -B;x: o" b.z.dz (1e)


J'
La tabella 6. I d basata sulla curva o, - (" di figura 6.12 e sulla curva di raccordo
espressa dall'equazione (13) con:
I l€k
a:-
omu' Ek
I o,' de,
.l o
(20\

I
l-0: o^u*' t-k
)
.1, "" " 'de" (2r)

A"k 16 R"k20 R"k25 R"k30 Bck35 R.k4O Rck45 Rck50


'103.*
Q
11p" a B u B a 0 a B a B a I t 1.%
"
0,2 0,277 0,333 0,333 0,198 0,333
0,233 0,174 0,333 0,155 0,333 0,140 0,333 0,129 0,333 0,120 0,333 0,2
0,4 0,519 0,348 0,453
0,340 0,393 0,335 0,348 0,334 0,3'10 0,333 0,280 0,333 0,258 0,333 0,239 0,333 0,4
0,6 0,662 0,374 0,604
0,361 0,546 0,351 0,498 0,345 0,453 0,340 0,416 0,337 0,385 0,335 0,358 0,334 0,6
0,8 0,744 0,395 0,697
0,382 0,648 0,370 0,605 0,361 0,563 0,353 0,526 0,348 0,494 0,343 0,465 0,340 0,8
1,0 0,795 0,412 0,757
0,399 0,716 0,387 0,680 0,377 0,643 0,368 0,609 0,361 0,579 0,355 0,552 0,351 1,0
1,2 0,829 0,424 0,412 0,763 0,400
0,797 0,732 0,391 0,700 0,381 0,671 0,374 0,644 0,367 0,619 0,362 1,2
1,4 0,854 0,434 0,423 0,797 0,412
0,826 0,770 o,402 0,743 0,393 0,717 0,386 0,694 0,379 o,672 0,373 1,4
1,6 0,872 0,441 0,431 0,822 0,421
0,848 0,799 0,412 0,775 0,404 0,753 0,396 0,732 0,389 o,712 0,383 1,6
,8
'1
0,886 0,447 0,438 0,842 o,429
0,865 0,821 o,421 0,800 0,412 0,780 0,405 0,762 0,399 o,744 0,393 1,8
2,0 0,898 0,452 0,444 0,858 0,435
0,878 0,839 0,427 0,820 0,420 0,802 0,4'13 0,785 0,407 0,770 0,401 2,0
2,2 0,907 0,456 0,449 0,871 0,440
0,889 0,854 0,433 0,836 0,426 0,820 0,420 0,805 0,414 0,791 0,408 2,2
2,4 0,915 0,460 0,453 0,882 0,445
0,898 0,866 0,438 0,850 0,432 0,859 o,425 0,821 0,420 0,808 0,415 2,4
2,6 0,922 0,463 0,456 0,891 0,449
0,906 0,876 0,442 0,862 0,436 0,848 0,431 0,835 0,425 0,823 o,420 2,6
2,8 0,927 0,465 0,459 0,899 0,452
0,913 0,885 0,446 0,871 0,441 0,859 0,435 0,847 0,430 0,836 o,425 2,8
3,0 0,932 0,467 0,919
0,461 0,905 0,455 0,893 0,449 0,880 0,444 0,868 0,439 0,857 0,434 0,847 0,430 3,0
3,2 0,936 0,469 0,924 o,464 0,911 0,458 0,899 0,452 0,888 0,447 0,876 0,442 0,866 0,438 0,856 0,434 3,2
3,5 0,942 0,472 0,930 0,467 0,919 0,461 0,908 0,456 0,897 0,452 0,887 0,447 0,877 0,443 0,869 0,439 3,5

Tabella 6.1 Valori del La tabella si pud adoperare anche per sezioni diverse dalla rettangolare, che
coefficiente di riempi- risultino composte da rettangoli (ad esempio le sezioni a T, L, 1) mediante
mento a. essendo
(F,: a'f*' sovrapposizione. Pud essere utrlizzata anche quando I'asse neutro cade fuori
b ' x) e
della posizione p . x della dalla sezione, come nel caso in cui lo sforzo normale ha piccola eccentricitd,
risultante delle tensioni di anche in questo caso mediante sovrapposizione.
compressione per le di- Per carichi di durata estremamente corta si pud aumentare eventualmentef",
verse classi di calcestruz- del 1090. La tabella 6.1 si adopera, entrandovi con il valore attuale di R.k
zo e per I'ollungamento
massimo er/l + pr. moltiplicato per 1,1.

eiEMitO,,O*;.','..,Sezione i6ttangotarg {b,X,'.trl.6ll.accorciamenti::in cOf.ftFpondq.nladei,bordi sono ez = O,8%oo

c=,2' r"l' olt - at' fcu' b+ = fu ' b+(4qz- ..l) =


h
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instqbilitd
369

Figura 6.15 Esempio


di calcolo di F" e Ms
quando tutta la sezione
i compresso. €2=4e1

4.;;

ii,

,"lii*G
i.i[f 1,"u,1.8,,;"ffifl :l,nu,
u, = 0,370,;p1:= g,sss ricaviti danalabeua.e
.r. it momenio
t.
.. .,

'

llmomentointorno.ait'assebaricentrico.risulta:....'

\T* Z/ =f*'b 'h2(0,2i1-0f7g8 x o;ass)


=0;046t",,b.h2..

ESEMPTO'6.3

.'Soluziahe:
rettansofaie:non'armatadjil;i;he;;-i'if*=z{n,.si;,iir"*?ir
siccorne'manca'rrarmatura
ffi
rssoro;," i:,, .: e---w11
.

h4. ,: .,. . ,.,::,,


nqqr d neceSsaria q,rcuna. iteraziof e, poiche,si
'. ' u:..f"o:''b;.'x'=F;=0,432bi .,h.f", .,,.'..-.' , ,. .. ,. -,..,,,..,

'X'-.0,432 r . ', ' ''


"'
,:,..-,'....i'.....,,. : yr.=;-.:.| ":''
..' r.. .,... :.,,:.,
t.'
'con,'ndto si oltiene't momento'intorno alfasse,baricentiiio
deila sezione corne:
*\-'" h
ll calcolo si effettua ooi in folma )
tabellare, ricavando
rrudvitnoo i necessari'vatori
t necessari
6.1. La curvatura si dttiene d;ii;
;;ir;i;'lv' valori di qc eg B
0 daila iabelra
tabet

Nella tabella d uo = T.++j: = 0,432(o,u - f:)


Quando tutra ta ."rio,i"'ii'.urij'"orp,"..! /
,.,.u,?"
"

5i ha:
ffi<+*'=ffi,=.o,ssz"o
M90(1 +'a. i:.b',. 6z'' ,, 1 + a"t12
-,..,wF,l i,;)
'.'129h ,:'

ciod la,relazione M -'tIr:c;eic;aIa,O


unalretazione non lineare,
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALISI DELLE STRUTTURE

Figura 6.16, Relazione


fra momento torcente T
/ e deformazione di tor-
sione 0 in una trave di
calcestruzzo
b.h:175x200mm
priva di armalura di 2x 12OO
torsione e caricola ec-
centricamente [3].

T, .,
kNm

v12,
//vrii,
:/ i )'.:"'
i':

v
i/z

0. io2rao/m
,',:,,.,,.,,,.O o;25 o15o Or75

' :'. ' . t,.. ,' ,

:''::':' :"':' ::'


Figura::6;::17:., Relniiahie
fra momento
M:w.-f*.b.h' ^

e curystura I/r per una 'Q12


sezione di larghezzo b
e altezza h.
Fr=0,432fru'b'h
Calcestruzzo R"*35.

OiOS

qo4

n'rosf r'fti@
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instsbititd

,:' 1ff,ei .'


.(1,'+.ae, 'h
,t' 10'
f {1 + e;",
.3,5 0,897 .0,482 7,26
,3,0 '0;880 0,4!52 0,122
0,491 6,11 o,444
2;6 .4,862 a;122
',0,501 5,19 0,436
212 i0,836 0;122
0,517 4,26 '0,426
,1.;g .0;800 or540 3,33 '0;121
0,412 o,120
'1,a' 0,743 0,581 2,41
1r0 0;393 0;117
0,643 0,672 1;49 0,368 'o;1og
rq;8 0;563 0,767, 1;a4
0,6.' 0;353 0,099
0;453. O;954 0;63 0;340 0,076
'talelazig n9 ;!r a'la,: h! rc, i1po rtiia:in iio
d.d' u ri :o" r z.

Per studiare il fenomeno dello svergolamento


flessotorsionale ai <livelli I e 2> si
dovrebbe stabilire la relazione fra riom.nr"i*..ni.;l;io.-uzione
per diversi valori del momento flettente di torsione
e dello sro.ro aiiaglio agenti contempo-
raneamente' Con le cognizioni attuali non possibiG
una qualche'garanziadi precisione. La figur
d J.ttu determinazione Jo"n
uZJreeriutu ri.uvata da un rapporto
di esperimento e mostra come la rigidezzaa torsione
diminuisce sotto l,effetto
della sollecitazione composta di fleJsione,
torsione e
varia con le diverse combinazioni delle sotlecltazioni euesta dipendenza ;;i;".
nello sviluppo della fessurazione con carico
r?nr.gu.nti a variazioni
...r..nr., ,ii".tirion. del carico, ecc.

6.10 Imperfezioni geometriche


si pud.. assumere che fe imperfezioni geometriche
siano di tre tipi:
l:i1!9"tlu Tir.yru-di sezione indicata nel disegno.
scostamento'dalra foima indicata
#u Etientricitd dei caiicu.-,lr --- ner disegno (Juruuturu, pendenza
iniziare).

Per quanto concerne lo scarto dalla misura


indicata nel disegno vale in genere il
concetto che le dimensioni della sezione devono
sottostare alle tolleranze stabilite
dalle norme o dalle specifiche. Gli scostamenti
dalle dimensioni di base contro
dette tollerenze sono itati presi in conto
nel determi";-i valori di calcolo della
resi.pfg4ga' ne.ll'asqunzigne chg,!g,
a!ry.sn ,wrygptiniiiiticrltu,..rionerisu-lli
gior-ruuguiile i'zso mm quando la rottuid;ai:iriiauir-ita rnas.
dimensione principale si intend e altezza e larghezzadi e:determinanre. per
pilastri e travi a sezione
rettangolare, diametro di una sezione .it.otarJ,1a-rgh
travi e pilastri con sezion" u J{i
aayunima e altezza dj
T, r oppure spesso-re I
di sorette e pareti.
Qualora la dimensione principaie sia inieii";;;O
Lm te tolleranze stabi-
lite vanno tenute in conto diminuendo detta aimensione
della detrazione limite
attuale.
Si osservi che gri scarti dimensionari possono
avere importanza anche per
quel che riguarda i carichi. Infatti in
strutturg gome gli archi, re vorte e i gusci,
in quelle strutture ciod dove la distribuzio"; j*i;;;;;;;;ri"
risulta particolar_
mente importante in sede di dimensionamento
in combinazione con i fenomeni
di instabiliti, d opportuno calcorare il;"'fi;;;i",i.
carico libero.
o.t peso proprio come
Per quanto riguarda lo scostamento daila forma
detto che indicata nel disegno va
disegno sono indicate le conformazioni
-nel
forma di linee ideali delle strutture in
rette (orizzontali o verticali) , i' ioi-u-ii
coordinate di volte, ecc.). Inoltre sono inai.",.^r'. .uru. (come cerchi,
(punti di intersezione fra le linee della
p"rltni dei punti di nodo
struttura). La realtd si scosta perd sempre
!:)l-:o::]::-!_gngortuno aistingu; rla imperfezione dettq struttura e imncrrp-
zione del segmenlo. e-
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIY DELLE STRUTTURE

!$mysrfeligne de.l!g,f!!uit,,,': cggsiste lnel,'qlqd.g ig cui,,il,sistema oppure la


srfuttura gi,sco.stang dalla previsione, a causa degli spostamenti dei punti di nodo *
dalle,posizioni stabilite, determinati da errori di montaggio, cedimenti nelle
*.

4
cassgfglmg, ecc. Quindi per gli elementi di struttura come pilastri e torri, prwisti
verticali, r iaregcglS"^
n: (0,2. #) o,or5 (22)

sforzo normale orizzonta


e qelormavlonl ntrro e allavariazione di temperatu-
ra possono dar luogo a effetti analoghi,'hnche se collaborano raramente
con le
imperfezioni strutturali quando si tratta di generare sforzi nella struttura come
insieme.
Come imperfezione della struttura si pud calcolare anche I'eccentricitir,
che
si verifica a causa di un errore di montaggio dell'appoggio.
L?irlwrf%ione (e_l s9gment9, ciod I'imperfezi-one del singolo elemento di
t-l*lft"".afft:?ntu:i,fra,ipunri"dinododiquesto, sipuo riteneie consista in utd.S-
carvatura iniTiale", che si pud assumere conformata a parabola con valore massl-
ino almeno:
',.L.
eo +,,1;U-. ,, (23)
Per L)24 m si pone eo : 80 mm; Z d la lunghezza del segmento.-l
L'eccentricitd di un carico o di uno sforzo d stata presentata in precedenza
come una consegtenza dell'imperfezione della struttura, ma puo nair.ulmente
anche rappresentare il risultato di un'applicazione del caiico in un punto
oppure
secondo una linea diversi dal previsto.
L'eccentricitit di carico e di sforzo possono quindi essere considerate
vv'u'svrslv wv'
come
casi speciali dell'imperfezione della strutturu.--

6.1I Semplificazioni
Pud apparire complicato il fatto di essere obbligati a calcolare ciascun pilastro
e ciascuna trave tenendo conto delle imperfeziorii. In molti casi d p.to piiritl.
usare delle semplificazioni.

(24)
eqqgndp; Z, ; luce.libeladiilfle.{lione$,e1,1plf4stro;{vpdi par. 5.2, parre VI),
f *.raggro giratorio.rletia,seZfbfi€i$eaitiff,1 . 1, parte V).

P-er una sezione rettangolare I'equazione (24) equivale a:

L^
;<'6,4 Qaa)
Per una sezione circolare la condizione diventa:

(24b)
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stqto limite ultimo di instsbilitd
373

cossone quadrat^ con spessori delle pareti


:,ff#ifffjin#a piccori e interasse

--L^ ( 9ro
Qac)
In casi come questi rimane solo da addizionare
al momento esterno quello dovu-
to alle imperfezioni' Nel quadro della
normale precisiorr. oi.ut.olo pud

ffi;il?ftT;'ltil;#"mento,
quarora .;;i." ;i,.,.noi si trascu-
aia ruoeo- a un
Per"tener''conto nel p-al-colo
dgua_ curvatura,pua nsultare comodo,,special.
mente ne'e strutture sraticamente ina.i.r1t{;d.;t;
quando ra curvaturir
{ev6:essere c_6rrrbinata,on il *l*
rl'r,r,rro t$;;;ffi;;n
il:carico del venro),
ffixrlu{iitr;:iXi#,:X',::"';o*Jp;;;Loiica e'i,,i.oa"'"1. ri.".il; ,"ii.mffi:#'

(2s)
dove:
,I := $ngqezza. .deJsegmento fra i punti di nodo.
./6 rnisstma ordinata della curvatura.

lgrry"O.,,.4eSo,,Xsidglare,lacurvaturacomeaff i ne alla curva


rii ;:fiet quCr:taso it mo*ento i;rd ;ffi;ffi ;ft".l
Mr f,p'N .,
i/'
I- _ _-__
(26)
ly'",
Travi
Nelle travi non controventate lateralmente
per
no a causa delle imp'erfezioni il momento tutta la loro lungh ezza siverifica-
flettente taterate M, e irmomento
torcente z' Detti momenti si possono
esprimere in iunrio.re della
usando la massima ordinatafsdi questa. curvatura
I.ier caso aer s#price appoggio
luce L si pud, dal lato a.na si..,rerra, su una
scrivere:
M1
__-
.fo
--
G'C
M,: (27)
r-|tur"\'
\M-)
T- oM*'.fo
,&
,b-w)1 (28)

dove: M,: momento massimo dovuto al carico


verticale di calcolo,
Mr, = momento critico dovuto ar carico
verticale, .t., ,r.f.url'di rro.-ur.
estensione del carico.e di appricarione
distanza 0,lZ sopra it centio di;;;li;
di questo ar massimo a una
de'a sezione si pud porre:

M",: * '[E 7;*


L
i
(2e)

con: E' . ft = rigidezza a flessione (par.


6.9),
G. C:
rigidezza a torsione
tnui. O.l;.
In analogia a quanto vale per i.pilastri,
il momento aggiuntivo dovuto al rischio
di svergolamento flessiolorsibnare'puo
essere tiiscurato qualora risulti
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V. ANALIil DELLE STRUTTURE

(M",/M)2 > 10, il che per una sezione rettangorare con momento M": M6o1,
corrispondente all'armatura bilanciata, fornis& la regola:
Il momento addizionale relativo al rischio di svergolamento flessotorsionale si
pud trascurare in una trave in calcestruzzo armsto qualoro risulti:

!:! <0.t2 E' I


b' .f,* l+0,6,p, (30)

Se la sezione viene utilizzata fino a un momento M,minore


di Mbotl'equazione
(30) pud essere rimpiazzata con la seguente:

h
_'_, <0-12
E" Mut 1

b" .f,* M, I + 0,69" (3 1)

Nei casi usuali in cui una trave non risulta sollecitata da carico laterale
il momen-
to torcente espresso dall'equazione (28) diventa determinante per la capacitd
portante. Se la trave d dotata di armatura al taglio in forma
di staffe chiuse e
staticamente collaboranti, si pud tollerare una-tensione di torsione
<-o,ir",o.
Nell'assunzione che I'equazione (30) oppure (31) sia soddisfatta,
insereniola
nell'equazione si pud far astrazione dallteffetto dell'imperfezione
in una trave
qualora risulti:
h-17 Mm,
b- "tn M (32)

E€EMPlO.,6:4 Trave ,in,calcesiruro.,iimato,.lealZ4at!,,eon.Catceit


iizi:Al;aA;,:.i,;,*,p ,,yr.=,O,5Mo;i.
:,t :, f;ir,.=,0,,83,iXt,+O ;, gg,2,M,pa

Parti di struttura irrigidenti


6.12 Pilastri e sistemi di pilastri
L'introduzione delle imperfezioni nelle assunzioni di calcolo rende possibile
un
conseguente dimensionamento degli elementi di struttura irrigidenti.
d costituifg dai fabbricati multipiani c-he hanno partico-
,,^_, J_I.::.mqig usuale
rarl strutture ch controventamento in forma di torri oppure pareti.
Nel dimensio-
'narnpnto di detre:sJrutrure,si,a$sume che il;iJ;;a-;#il*rir;;;;1il#d1,";-,
golo4,1'fornilQ dall'equa{o19 (22). Nel,dimerrsionamento
delle piastre di solaio
si assume che it sistema di piraitri abbia unu ioi-u ""' ;;;;;;;id;]i.iri.
Una volta che nel dimensionamento dei pilastri sisono previsti incastri,
bisogna dimensionare l'elemento di struttura in cui i pilastri sono
i.rcastraii p..
i momenti d'incastro provocati dalle imperfezioni.
- E 'importante notirq come la strutlura irrigidente debba possedere sia rigi-
dezza sia resistenza. Nel calcolo clella rigidezza"dieli ilementi
di struttura irriEi-
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instqbititd
375

Figura 6.18
Imperfezioni assunte in 7l
sede di dimensionamento
(o) di un corpo scolo di
un fabbricato.
(b) di una soletta di sola-
io. l
a)
b)

'{enti''questi vanno considerati come fessurati. Se la loro elasticitd influenza la


tut.'ur. per meno del l0eo, derta innuenza
::::::1fftj:J;:""amento pud

a)
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
V, ANALISI DELLE STRUTTURE

Travi
Se una trave d libera fra.due punti di appoggio
distanti L,le partidi struttura che
la irrigidiscono alla torsione deuono
dettato dall'equazione (28). "*... dimensionate per il momento torcente
Se una trave d irrigidita con continuite
dalle piastre adiacenti, queste ultime
devono potere insieme sopportare il momento
che deriva dalla curvatura (eccen-
tricitd del carico.l.

Irrigidimenti continui
Gli irrigidimenti continui si utilizzano in determinati
casi. per calcolare la rigi-
dezzae la resistenza necessarie per ilmezzoirrigidente
compressa d la piastra stessa in direzione tcrre ner caso di una piastra
tiasversar.l ri o.uono assumere le
TECNICA DELLE COSTRUZIONI - FACOLTA' DI INGEGNERIA - UNIVERSITA' SAPIENZA - Prof. Ing. Franco Bontempi
6. Stato limite ultimo di instabilitd
377

ffi?::t:3?lli,i:""ii*:-::r,.^ il risultato piir sfavorevole. Normal_


forniscano
f T,l::i:::iy:?^i':*'^1Tli:l'*"t";;/;;;;;Y.iiiliil"':::::,ilTff:;
H:f #';#1:f :"'1"**f l.-".::::""iiri,iliilil;ffi ;?jffi lJiil:?,ff l
J;il'""': # l':'i :l*: ::'::
solaio r"J . ffi 1. l;
llr:o 9it " ;;ffi;";.
per i pati.r;l;;;.""
;i#ff
if ;:#i Xffi
:T^::: lltl'-"r:
nitf
ffj;:;:f .i#'iiii'i"ft l;il?[:::'ffix1T:X":J#: j*?::::ii:t:
::::,:X{,,11r91911i.-;;;';,"**o.,,',u,unerasuasituazione
3r[*1riji;;;ff
jlr,r,:*?::T::"y1:1.1:_,l1,direzionea.'",i-,J;il;i.;T';.TJ;:
:ff T risulti compressa trasversarmente su tutta
:!|3r1"""
esterne. ra r.ri;".';TT;.xJr,il*i:lii

6.13 Bibliografia

"' "T#;3::#::::::;T:'{::,.:{"?#f;;o.'u*'structures and inrruence or imperrec-

tzt o" Die Knickung der Eisenbeton stiulen,Genossenschafts


,n;lyann' Drucker ei, zirich
[3] peterson, T., shear and torsion in reinforced
beams,SlB_Document D.10, Stockholm

[4] cEB-FIp, Buckting and Instab,ity, <Bunetin


d,Information> n. r23 (rgi,).
I'M'' Lone Reinro'""a con"n;;;;;;;',AscE
"'fii,:,Tl?;viest' rransrations, vor.

[6] Ni['Gregor, J- p'dra4s,


f,11en,..E;q ,E;i;:'fiss,ng .of;gre4der concrete corumns, <<ACr
journai>, i#. tgzo.
[7] Habel' A" Ndherungsberechnung der Knicksicherheit
oder Beton mit dem Ersatzstabve=rfahren, von Bogentrdgen aus Stahlbeton
<<Die Bantecknik>, g, 1962.
[8] Edwards, T'e', Fergugon,' p -M., Design curves
,,ulurnii,'<<ACI
Journal>, Iug.,1,965' I :-
for Lon:g Reinforced concrete co_
[9] Iori, I., Zandonini, R., Anorisi di erementi
sTe,i orexoinflessi in c.a.: influenzs
diversi parametriin giocs dei
ecqryQaen1e;l?-, <<Studi e Riqsqqls>r, vol.
,rur11o1.i 1iii,""1r,irly,.
?iri:"::r{rPe'fezniamenio'per
Ie Cosiiruztinr ii'i.i-.,"il.ni pesenti, poritecnico
di
uOl CEB-FIP, Mqnuql of Buckling and rnstqbilirT,
<Bulletin d,Informatio n>> n. 123, 197g.
Il l] Iori' r" stato timite di instabititd. strutture
monodimensionali,Atti del corso
namento su: Progetto delle strutture di Aggior_
in c.A.
A. Migliacci e F. Mola), pag.2g9_3,09, Ctup, "", it i'"ioii'iegti stoti timite (acura di
Milano 19g3.
f,l21 Mola, F., stoto limite di instabilitd. Effetti deila viscositd,
i.c.s.pag. 3r1_357.