Sei sulla pagina 1di 4

Fra i pochi edifici moderni che appaiono quali

immagini paradigmatiche tanto agli occhi


degli architetti che del grande pubblico, due
sono sicuramente di F.L. Wright: la Robie
House (1908-10) e la Casa sulla cascata
(1934-37). Nel 1958, quando si parl di
demolire la Robie House, la rivista americana
House and Home pubblic un articolo
definendola la casa del secolo
(1)
.
Il successivo dibattito e la conseguente
scelta di conservazione dellopera del grande
Maestro confermano il suo ampio
riconoscimento, che va probabilmente
ascritto al fatto di presentarsi come una
vigorosa affermazione architettonica in grado
di esaltare le qualit ambientali. La capacit
di sintonizzarsi con lo scenario naturale
rivela, tuttavia, solo uno degli aspetti della
complessa creazione di Wright. I progetti
delle sue case fanno, infatti, parte di un pi
ampio scenario culturale, fatto di elementi
morfologici e prospettive sociali che
impegnarono il Maestro durante tutta la sua
carriera.
I principi della progettazione, che lui stesso
chiam organici, costituiscono il legame
fondamentale tra Wright e gli altri architetti
moderni e stabiliscono i riferimenti principali
del suo lavoro di ricerca: funzionalismo,
tecnologia, metafisica, intento sociale e un
linguaggio delle forme architettoniche in
costante evoluzione. Il repertorio delle opere
costruite fino al 1909 divenne una pietra
miliare nella storia dellarchitettura moderna
in quanto rappresenta una sintesi teorica per
alcuni dei grandi contributi che Wright
consegn allarchitettura stessa: planimetrie
aperte, accentuazione della dimensione
orizzontale, magistrale gioco di composizioni
plastiche, integrazioni di struttura, topografia
e materiali in una rappresentazione simbolica
dellabitare, un nuovo senso dello spazio in
funzione dei nuovi profili della committenza.
Il fabbricante e mercante di biciclette
Frederick C. Robie rappresenta a pieno
questa committenza derivata dalla nuova
classe media non conformista americana
che Wright defin come dotata di istinti sani
e ideali corrotti
(2)
. Assimilando le lezioni
architettoniche del tardo stile vittoriano,
Wright ne afferr soprattutto i motivi culturali
impliciti, che riguardavano il rapporto
armonico con la natura e la realizzazione di
un rifugio per la vita familiare. Allo stesso
tempo, riusc a trasformare radicalmente i
mezzi espressivi e a trovare nuove forme per
rappresentare i valori domestici tradizionali.
Cos i progetti per le Prairie House davano
nuovi spazi e forma allintimit familiare. Una
privacy ottenuta grazie a un tetto sporgente
che si avvicina al suolo e allentrata principale
rientrante, quasi nascosta alla vista dei
passanti. Anche le finestre, pur essendo
numerose, sono posizionate sotto profondi
aggetti, mentre lintelaiatura in piombo di
ogni vetrata rendeva praticamente
impossibile lintrospezione dallesterno.
La Robie House, come diverse altre di quel
periodo, eleva larea del soggiorno a una
sorta di piano nobile.
Per Frederick C. Robie con questa soluzione
era possibile guardar fuori, e gi nella
62 C I L 1 1 4
G
r
a
n
d
i

M
a
e
s
t
r
i
Frederick C. Robie
House, Chicago
(1908-10)
Testo Maria De Santis Foto Andrea Quilici
Frank
Lloyd Wright
G R A N D I M A E S T R I 63
Schema dellimpalcato strutturale
della copertura del soggiorno.
Nella pagina a fianco:
particolare dellingresso.
Assonometria.
64 C I L 1 1 4
strada, verso i vicini senza permettergli di
invadere la mia intimit
(3)
.
Wright raramente utilizza lacciaio e il
calcestruzzo in una casa: infatti, la maggior
parte delle Prairie House erano in acciaio e
legno. Il sistema strutturale della Robie
House in sostanza una combinazione di
murature portanti in mattoni e il platform-
frame, fortemente modificato
dallintroduzione di elementi in acciaio per
ottenere risultati pi performanti rispetto
agli aggetti e ai carichi. Il costante desiderio
che i suoi edifici sembrassero sfidare la
gravit port Wright a flirtare tutta la vita con
forti sbalzi strutturali, che spesso
eccedevano rispetto a quanto consigliasse la
buona pratica meccanica. Anche se si
vantava di saperne pi degli ingegneri in
questo campo, e anche se effettivamente i
casi di cedimenti furono pochi, le deflessioni,
anche gravi, si sono verificate di frequente
nelle sue opere. In particolare, la complessit
del sistema strutturale della Robie House
parte dallassenza di corrispondenza tra
struttura e forma, contrariamente ai suoi
principi e alla ricerca portata avanti in lavori
pari al Larkin Building. Il posizionamento degli
elementi strutturali principali risulta, infatti,
confuso e nascosto alla vista. Come nella
Willets House, realizza una copertura con
travicelli appoggiati su tre punti, prevedendo
il sostegno principale mediante una trave in
acciaio. I pilastri in muratura, che supportano
questei appoggi, sono quasi completamente
dentro ledificio, mentre i grandi pilastri visibili
esternamente hanno una funzione strutturale
di importanza secondaria.
Anche il supporto sporgente del balcone
realizzato in acciaio, con lutilizzo di una trave
a sbalzo appoggiata a met della campata
sulla struttura in muratura del camino: di
questo non c neanche una traccia
nellimmagine restituita dalledificio finito.
Molto pi disordinata la struttura del terzo
piano, che propone una posizione
inopportuna rispetto alle strutture sottostanti
e viene, nella maggior parte, realizzata con
pareti in mattoni su una intelaiatura di legno.
Laudacia di queste soluzioni stata la causa
del cedimento di diversi centimetri della
struttura del tetto.
Per Wright nessun materiale da costruzione
fu pi evocativo della pietra calcarea; un
materiale che faceva posare secondo una
formula volutamente irregolare, in modo che
le pareti imitassero gli strati originali delle
cave da cui proveniva. Questo effetto lo
affascinava al punto da fargli tentare lo
stesso risultato forzando anche altri
materiali. A questo riguardo, si ricorda
lespediente favorito di Wright nella
costruzione delle pareti in muratura per
imitare le stratificazioni della roccia e
esaltare lorizzontalit delle forme: lutilizzo di
malta color mattone per dissimulare le
giunzioni verticali e lincisione delle fughe
orizzontali
(4)
. Uno dei pi sensazionali
particolari esterni della Robie House la
gronda in rame della copertura.
Le variazioni che caratterizzano la gronda e il
cornicione sono tra gli aspetti che
maggiormente connotano i diversi progetti
delle Prairie House, mostrando lincessante
ricerca del Maestro di un dettaglio, simile al
filo di un coltello, in grado di restituire
limmagine della leggerezza del tetto. La
tipologia sviluppata per la Robie House
sicuramente tra le pi riuscite: una semplice
ala rivestita di rame che segna i profondi
aggetti della copertura con un sottile profilo.
Una sorta di versione geometrica astratta di
una gronda convenzionale che, con un taglio
improvviso nella parte terminale, riduce al
minimo la sua sezione e raggiunge leffetto di
riportare un piano che sembra galleggiare
sui piastri di muratura. Il controllo climatico
era ottenuto in parte con il riscaldamento
radiante (a finestra e a pavimento) e in parte
mediante un sistema di ventilazione naturale
servito da un pozzo dareazione integrato
nella struttura del camino, collegato a un
sistema di aperture, poste sotto le falde del
tetto, che vengono facilmente chiuse in
inverno.
Limportanza dimensionale del camino
assume quindi anche un significato
tecnologico per facilitare la ventilazione
naturale nel periodo estivo, insufficiente per
le ridotte intercapedini dei tetti dolcemente
inclinati. Wright era molto attento a incassare
e incorporare dispositivi impiantistici; cos i
radiatori erano inseriti nelle partiture verticali
o in quelle orizzontali e coperti da griglie di
ottone. Su ogni lato, le finestre erano
sormontate da cornici in legno traforato che
coprivano un sistema di illuminazione diffusa.
La Robie house deve la sua fama anche al
fatto che fu denominata dagli europei come
un battello a vapore, in quanto
corrispondeva alla moderna suggestione
della casa che combinava leffetto delle
masse orizzontali parallele con un insieme di
soluzioni tecnologiche avanzate e integrate
con ledificio.
Wright, nei sessantadue anni di prodigiosa
carriera, proiett sempre la sua opera in un
orizzonte complessivo di immagini
suggestive, sperando di influire su ci che
doveva essere ancora ideato e costruito da
lui e da altri.
Note
1. 100 Years of the American House, in House
and Home, XI, maggio 1957, p. 120.
2. Eaton, Two Chicago Architects, p. 61.
3. Fred C. Robie e Fred C. Robie Sr., Mr Robie
Knew What He Wanted, in Architectural Forum,
CIX, ottobre 1958, p. 126.
4. La Heurtley house (1902) un esempio
particolarmente suggestivo di questo effetto.
Vista della facciata ovest e particolare della
facciata sud.
Bibliografia
T. Riley e P. Reed (a cura di), Frank Lloyd Wri-
ght, Electa, Milano, 1994.
T. Riley e P. Reed (a cura di), Frank Lloyd Wri-
ght. Gli anni della formazione, Jaca Book, Milano,
1998.
E. R. Ford, The details of Modern Architecture,
Volume 1, The MIT Press Cambridge, Massachu-
setts, London, England, 2003.
R. Weston, Materials, Form and Architecture,
Laurence King Publishing Ltd, London, 2003.
Le opere
House Remodeling per P.A. Beachy, Oak Park, IL
House per K.C. De Rhodes, South Bend, IN
House per Grace Fuller, Glencoe, IL (demolita)
House per A.W. Gridley, Batavia, IL
House per E.R. Hills, Oak Park, IL
House per P.D. Hoyt, Geneva, IL
House per George Madison Millard, Highland
Park, IL
House per Frederick Nicholas, Flossmoor, IL
Pettit Mortuary Chapel, Belvidere, IL
River Forest Tennis Club, River Forest, IL
House for Frederick C. Robie, Chicago, IL
Sezione assonometria.
Legenda:
1. trave in acciaio (sostegno principale dei travetti
del tetto in legno) appoggiata su pilastri di mattoni
e sulla struttura che definisce il caminetto in
muratura
2. travetti di legno (sostegno secondario dei travetti
del tetto) appoggiati sui pilastri in muratura che
realizzano la partizione delle aperture in facciata
3. infisso in legno
4. gronda di profilato in acciaio rivestita in rame
5. trave in acciaio
6. pilastro di mattoni
7. balcone
8. davanzale in pietra calcarea
9. muro a intercapedine in mattoni
10. profilato in acciaio con angolare per appoggio
dei travetti in legno
11. pietra calcarea sostenuto dalla trave in acciaio
Il disegno una restituzione grafica dei disegni
originali di progetto e non tengono conto delle
varianti in corso dopera.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
G R A N D I M A E S T R I 65