Sei sulla pagina 1di 7

I punti che seguono rappresentano il mio piano per incrementare la mia sicurezza e

prepararmi in anticipo per possibili future violenze. Sebbene io non possa avere il
controllo sulla violenza del mio ex-compagno, posso scegliere come rispondere alle sue
violenze e come proteggere me e i miei figli il più possibile.
PASSO 1
Sicurezza durante un possibile episodio di violenza.
Le donne non sempre possono evitare un episodio di violenza. Per incrementare la
sicurezza le donne maltrattate possono usare varie strategie.
Posso usare alcune di queste strategie:
• Se decido di uscire velocemente di casa in una situazione di pericolo lo farò
__________________________________________________ (indicare come
uscire in sicurezza, quali porte, finestre, ascensori, scale, uscite di sicurezza e’
opportuno utilizzare).
• Posso tenere la mia borsa e le chiavi di casa e della macchina pronte e tenerle
_____________________ (dove?) in modo da poterle prendere velocemente e
posso lasciarne una copia _____________________ (dove?) in modo da
recuperarle se non dovessi riuscire a prendere gli originali. L'importante e' potersi
allontanare il più velocemente possibile se dovesse essere necessario.
• Posso raccontare a ________________________________________ della
situazione violenta e chiederle/gli di chiamare la polizia/carabinieri se lei/lui
sentisse rumori sospetti provenire da casa mia.
• Posso insegnare ai miei figli come utilizzare il telefono per chiamare la
polizia/carabinieri, i pompieri o l’ambulanza e cosa dire loro in caso di
emergenza.
• Posso usare
_________________________________________________________________
________ (indicare una frase) come codice per i miei figli o per gli amici per
indicargli di chiamare aiuto (polizia/carabinieri). Posso concordare con un’amica
o un/a conoscente telefonate regolari per monitorare la situazione e richiedere
aiuto se ci sono problemi.
• Se devo uscire di casa andrò
__________________________________________________ (dove? È
importante deciderlo prima, anche se pensi che non succederà più/mai di essere
picchiata).
• Posso insegnare alcune di queste strategie ad alcuni o a tutti i miei figli.
• Se mi aspetto che stia per scoppiare una discussione posso cercare di spostarmi in
un luogo meno rischioso della casa come
______________________________________________________________
(cercare di evitare discussioni in bagno, in garage, in cucina, vicino a delle armi
o in stanze senza un accesso ad una porta esterna, se possibile evitare di andare
su un balcone).
• Userò il mio intuito ed il mio giudizio. Se la situazione è seria posso dare al mio
compagno ciò che vuole per calmarlo. Per prima cosa devo proteggermi.

PASSO 2
La sicurezza quando mi preparo a lasciarlo.
Ricorda che questo può essere un momento molto pericoloso, perché molti
maltrattanti contrattaccano quando credono che la donna li stia lasciando. È
importante che non comunichi in nessun modo l'intenzione di andartene. Non usarla
mai come minaccia con la speranza di provocare un cambiamento nei
comportamenti del tuo partner.
Posso usare alcune o tutte le seguenti strategie:
• Posso lasciare dei soldi e delle chiavi di riserva a
_______________________________________ così posso andarmene
velocemente.
• Posso fare delle copie dei documenti importanti
(_________________________________________________________________
_________________) e lasciarli a
_______________________________________ .
• Posso aprire un conto corrente personale su cui cominciare a risparmiare dei soldi
che possono aiutarmi a rendermi indipendente (consigliabile poste pay evolution
da lasciare in un luogo sicuro).
• Per incrementare la mia indipendenza posso:
• iscrivermi al centro per l'impiego se sono disoccupata
• fare la patente o il patentino se non ho già provveduto
• cercare di frequentare un corso, una palestra o una scuola (se questo non
incrementa troppo il rischio) in modo da avere delle “scuse” regolari per
uscire di casa e organizzarmi.
• Tenere una seconda sim card nascosta in un luogo sicuro da portare sempre con
me per poter fare telefonate non tracciabili quando sono sola (verificare l'abilità
del maltrattante con il controllo tecnologico e dei tabulati telefonici).
• Posso informarmi per capire chi potrebbe ospitarmi e/o prestarmi dei soldi.
• Posso preparare una valigia con dei vestiti e le cose che possono servirmi se
decido di lasciare velocemente la mia casa.
• Posso cominciare a pensare a dove andare se decido di andarmene di casa, come
ad esempio da un'amica o parente (solo se si esclude che il maltrattante possa
sapere subito dove si va), in un albergo oppure organizzandomi prima con
un'associazione che si occupa di violenza sulle donne (se è un’emergenza
collegata ad uno specifico episodio di violenza recandomi al pronto soccorso o
dalle forze dell'ordine posso ottenere protezione). In questo caso andrò da
____________________________ e informerò immediatamente
_________________________________ per ricevere aiuto.
• Se decido di andarmene in modo programmato lo farò (indicare giorno, orario o
occasione in cui e' possibile andare in sicurezza per te e per eventuali figli)
_________________________________________________________________
__________________

PUNTO 3
Sicurezza nella mia abitazione.
Ci sono molte cose che una donna può fare per aumentare la propria sicurezza dentro
casa. Potrebbe essere impossibile fare tutto in una volta, ma le misure di sicurezza
possono essere aggiunte gradualmente.
Le misure di sicurezza che posso usare sono:
• Posso cambiare le serrature delle porte e delle finestre il prima possibile.
• Posso sostituire le porte di legno in porte di metallo/acciaio (blindate).
• Posso installare sistemi di sicurezza che includano serrature aggiuntive, barre alle
finestre, pali/barre da affrancare alle porte, un sistema elettronico di allarme,
videosorveglianza …
• Posso acquistare una scala di corda da utilizzare per scappare dal secondo piano
(mai da un piano superiore al secondo).
• Posso installare sensori per il fumo ed estintori dentro casa.
• Posso installare un sistema di illuminazione esterna che si attiva quando una
persona si avvicina alla casa (/all’entrata).
• Posso insegnare ai miei figli come fare una telefonata contemporanea a me e a
____________________________________________________ (nome della/e
persona/e) nel caso in cui il mio partner prendesse i bambini.
• Posso dire alle persone che si prendono cura dei miei figli quali persone hanno il
permesso di prendere i miei bambini e che il mio partner non ha il permesso di
farlo. le persone che hanno il permesso sono:
• ______________________________________________________________
__________________
• ______________________________________________________________
__________________
• ______________________________________________________________
__________________
• ______________________________________________________________
__________________
• ______________________________________________________________
__________________
• Posso informare
_________________________________________________________________
_____ (vicini di casa, amici,…) che il mio partner non vive più con me e che loro
devono chiamare le ff.oo. se lo vedono avvicinarsi a casa mia.

PUNTO 4
Sicurezza con un ordine di protezione.
Molti maltrattanti ottemperano a ordini di protezione, ma non si può mai esserne del
tutto certe/i.
Riconosco che potrei dover chiedere alle FF.OO. e al giudice di rinforzare la mia
protezione. I seguenti punti sono quelli che posso rinforzare per proteggermi:
• Posso mantenere la mia protezione
_______________________________________________________ (dove?
L’indirizzo di questo luogo deve sempre essere vicino a me: se cambio borsa,
deve essere la prima cosa che devo spostare)
• Comunicherò il mio ordine di protezione alle FF.OO. del paese in cui lavoro, in
cui vivono amici e parenti, e del paese in cui vivo io.
• Ci dovrebbero essere degli elenchi degli ordini di protezione che le FF.OO. di vari
stati e paesi possono consultare per confermare un ordine di protezione. io posso
accertarmi che il mio sia registrato; i numeri di telefono per risalire ai registri di
paese e stato sono:
• ______________________________________________________________
__________________
• ______________________________________________________________
__________________
• Informo il mio datore di lavoro, il mio riferimento religioso (prete, rabbino…), i
miei più cari amici, e
_________________________________________________________________
__________________ che ho in atto un ordine di protezione.
• Se il mio partner distrugge il documento del mio ordine di protezione, ne tengo
una copia
_________________________________________________________________
__________________ (dove?)
• Se le FF.OO. non mi forniscono aiuto, posso contattare un/a avvocato/a o un
procuratore e sporgere una denuncia presso il capo della polizia.
• Se il mio partner viola l’ordine di protezione, posso contattare le FF.OO. e
segnalare la violazione; i numeri di telefono sono:
• ______________________________________________________________
______ (caserma cc)
• ______________________________________________________________
____________ (vigili)
• ______________________________________________________________
______ (polizia locale)
PUNTO 5
Sicurezza al lavoro e in pubblico (nei luoghi pubblici).
Ogni donna vittima di violenza deve poter decidere se e quando vuole dire agli altri che
il proprio partner l’ha maltrattata e che sta continuando a correre dei rischi. Amici,
famigliari e colleghi/e possono collaborare nell’aiutare la donna. ogni donna dovrebbe
considerare attentamente a quali persone chiedere di incrementare la propria sicurezza.
Dovrei fare una o tutte le seguenti cose:
• Posso informare il mio capo, il responsabile della sicurezza e
__________________________________ al lavoro.
• Posso chiedere a
_________________________________________________________________
____ di aiutarmi a controllare/filtrare le mie telefonate al lavoro.
• Quando esco dal lavoro, posso
__________________________________________________________
• Se ho un problema mentre sono alla guida, posso
___________________________________________
• Se uso mezzi pubblici, posso
____________________________________________________________
• Andrò in altri negozi e centri commerciali per fare commissioni in orari diversi
rispetto a quelli a cui ero abituata quando vivevo con il mio partner.
• Posso cambiare banca e andarci in orari diversi rispetto a quelli a cui ero abituata
quando vivevo con il mio partner.

PUNTO 6
Sicurezza e uso di droghe e alcool.
Molte persone utilizzano alcool, molte utilizzano sostanze psicotrope, molte di queste
sono illegali sebbene altre non lo siano. Il modo legale di utilizzare alcune sostanze
illegali potrebbe mettere in difficoltà le donne maltrattate, le loro relazioni con i figli e
possono metterle in una posizione di svantaggio nelle azioni legali nei confronti dei loro
partner maltrattanti. Perciò le donne dovrebbero considerare attentamente il rischio
dell’utilizzo di sostanze illegali. Al di là di questo, l’uso di alcool e/o droghe può ridurre
consapevolezza e capacità delle donne di agire velocemente per proteggersi dal partner
maltrattante. Inoltre, l’uso di sostanze da parte del maltrattante potrebbe fornirgli una
scusa per usare violenza. Piani di sicurezza specifici dovranno essere fatti sulla base
anche dell’utilizzo di sostanze.
Se droghe o alcool hanno fatto parte della relazione con il mio partner maltrattante, posso
intensificare la mia sicurezza attraverso alcuni o tutti i seguenti punti:
• Se sto usando (/voglio usare), posso farlo in un posto sicuro e con persone che
capiscono il rischio della violenza e che sono impegnate per tutelare la mia
sicurezza.
• Se il mio partner fa uso, posso
__________________________________________________________
• Per salvaguardare i miei bambini dovrei/potrei
______________________________________________

PUNTO 7
Sicurezza e la mia salute mentale.
L’esperienza di essere maltrattata, anche verbalmente, dal partner rende esauste: il
processo di costruzione di una nuova vita richiede molto coraggio ed energie.
Per mantenere le mie energie e risorse emotive e per evitare altri sovraccarichi emotivi,
posso fare qualcuna o tutte le seguenti cose:
• Se mi sento demoralizzata e sto rischiando di tornare in una situazione di
potenziale violenza/abuso, posso
_________________________________________________________________
_____________
• Quando devo comunicare col mio partner personalmente o per telefono, posso
_________________________________________________________________
__________________
• Devo provare a valutare cosa e come “io posso…” ed essere assertiva con gli altri.
• posso dirmi/ricordarmi
“______________________________________________________________”
ogni qualvolta sento che gli altri provano a controllarmi o usarmi qualsiasi forma
di violenza.
• Posso leggere
_________________________________________________________________
_______ per aiutarmi a sentirmi più forte.
• Posso chiamare
_________________________________________________________________
_____ per un supporto.
• Posso frequentare laboratori e gruppi di supporto con programmi per vittime di
violenza domestica (per esempio:
_________________________________________________________________
__________) per migliorare e rafforzare le relazioni.

PUNTO 8
Elementi da prendere con sé quando lascio il partner e l’abitazione.
Quando le donne lasciano il partner è importante che portino via con sé alcune cose. Al
di là di questo, è importante che tengano una copia dei documenti importanti e una
piccola quantità di vestiti presso un/a amico/a in caso dovessero lasciare la propria
abitazione velocemente.
• Le cose importanti da prendere e portare via con me sono:
• documenti d’identità
• certificato di nascita
• libretti scolastici e delle vaccinazioni
• libretto degli assegni
• chiavi (casa, ufficio, macchina)
• medicinali
• contratti di lavoro
• certificati di nascita dei/delle figli/e
• tessere sanitarie
• soldi (anche se non ho mai lavorato, posso prelevare del denaro da risparmi
comuni e conti; se non prendo questi soldi, lui può legalmente tenersi i soldi e
chiudere i conti) e carte di credito
• patente
• ordine di protezione.
• Tutte le altre cose possono essere prese se c’è tempo; oppure possono essere
collocate in un posto che posso raggiungere in un secondo momento, dopo
essermene andata velocemente:
• passaporti
• documenti del divorzio
• documentazione medica dei/delle figli/e
• documentazione della banca, rispetto alla casa…
• oggetti (di valore anche sentimentale), gioielli, giochi…
• I numeri di telefono che devo sapere sono:
• ____________________________________________________
• ____________________________________________________
• ____________________________________________________
• ____________________________________________________
• ____________________________________________________

TERRO’ QUESTO DOCUMENTO IN UN POSTO SICURO E FUORI DALL


APORTATA DEL MIO PARTNER.

Data Firma