Sei sulla pagina 1di 1

Si conoscevano da molti anni, lei vecchia psichiatra acida e arrogante e lui

paziente depresso in cerca di amore. Aveva fatto molte cose per lui tra ricoveri e
terapie.
Ma c'era di pi�: il paziente aveva timore di lei, non capiva mai come prenderla ed
era in qualche modo soggiogato. La psichiatra usava al massimo la sua autorit� su
di lui...
Il paziente aveva sempre avuto problemi con le ragazze, per anni cercava una
compagna finch� pens� di aver trovato quella giusta. Ma purtroppo si sbagliava e
cadde in una depressione opprimente e dolorosa.
Piangeva tutto il giorno per terra, si lavava ogni volta che fosse possibile e
aspettava quella ragazza.
Gli amici fecero di tutto per tenerlo tranquillo, ma lui desiderava solo essere
amato e avere una compagna. Stanco di tutto ci�, and� in lacrime all'ambulatorio e
decise di farsi ricoverare.
Non fu facile stare tra tanta gente piena di problemi.
Le sue uniche consolazioni erano le telefonate di tre amiche lontane e gli amici
che lo venivano a trovare.
Tra tante persone conobbe un ragazzo straordinario con cui era vicino di stanza.
Ogni volta che era triste non mancava mai di offrigli una semplice sigaretta o
parlargli delle sue letture.
Ma la cosa pi� bella e che a volte i due si trovano seduti alla panchina senza
dirsi niente rispettando i dolori che entrambi portavano nel cuore. Pass� del tempo
e lui venne dimesso mentre il suo nuovo amico no. Tornare a casa fu bello per l'ex
paziente, ma non manc� mai di passare a trovare il suo nuovo amico alla casa di
cura. Poi per un po' non si sentirono pi� e lui era di nuovo in una nuova e
maledetta casa di cura. Stava ancora malissimo e la psichiatra lo rinchiuse in
posto orribile dove per muoversi tra i piani doveva prendere un ascensore assieme
ad altri psichiatrici.
La notte non riusciva a prendere sonno, le terapie venivano distribuite nel caos e
allora desider� avere quel caro amico al suo fianco. Passarono i mesi e si decise a
chiamarlo.
Lui aveva sopportato l'inferno ed era preoccupato per il suo nuovo amico, si
sentirono e si raccontarono i loro problemi come facevano di solito. Ma qualcosa
era cambiato nel loro rapporto: lui era finalmente a casa mentre il suo amico
ancora nella stessa casa di cura.
E allora con rabbia si rivolse alla sua psichiatra: perch� lui libero e il suo
amico no, gli chiese.
La psichiatra non si cur� della sua rabbia, era sempre acida e arrogante come
ricordava.
Gli disse che erano casi diversi, e lei si occupava solo di lui.
Stanco per quella situazione, and� a trovare il suo amico: non era pi� ricoverato e
allora chiese se fosse tornato a casa. La risposta fu terribile e lui cap� di aver
perso un amico molto importante...

Roberto Sahih