Sei sulla pagina 1di 41

abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Le fasi di progettazione

Pianificazione

determinare l’aspetto

gerarchizzare le varie parti

controllo finale
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Pianificazione

Per definire gli obiettivi di un progetto grafico occorre chiedersi qual’è lo
scopo della pubblicazione.

A quale pubblico si rivolge?


Qual’è il concetto principale da trasmettere?
Qual’è la forma più adatta per attirare l’attenzione del lettore?

può essere utile cercare il confronto con pubblicazioni simili


abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

DETERMINARE L’aspetto

Gli elementi del progetto (grandezza dei titoli, elementi ricorrenti,
disposizione dei numeri di pagina, delle foto, dei titolo correnti, delle
didascalie ecc) sono delle costanti che determinano l’aspetto generale
della pubblicazione, ne determinano la fisionomia e il carattere.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

gerarchizzare le varie parti



Il primo passo da compiere è capire quali sono gli elementi del libro
(lunghezza dei testi, foto, didascalie ecc.) e successivamente determinare
quali sono gli elementi a cui va dato risalto.

I programmi d’impaginazione come Indesign consentono di calcolare la


lunghezza del testo direttamente, attraverso il pannello informazioni.
In questo modo si può avere un controllo totale sul testo da trattare.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Una volta determinata la struttura della pagina (la gabbia, i margini e il


posizionamento dei vari elementi) si può procedere con l’impaginazione e
poi con la realizzazione di un modello (menabò) del prodotto finito.

I programmi d’impaginazione consentono di stampare una serie di pagine


in miniatura, per avere un quadro complessivo del progetto.

La progettazione della pagina

Formato della pagina > 13x18, 20x20...


Posizione del testo > la pagina va considerata come parte del campo
“libro aperto”. La diagonale delle pagine a fronte determina la posizione
occupata dal testo e quindi i margini
Font da utilizzare > con grazie o senza grazie
Dimensioni del carattere > libro economico? per adulti o per bambini?
Allineamento del testo > bandiera o blocchetto (giustificato)
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Impaginare

Organizzare gli elementi utili al progetto in modo armonico e funzionale.

— Il Visual.
— I blocchi di testo, titoli e sottotitoli,
— Le illustrazioni e tutto il complesso delle immagini.
— Gli elementi decorativi, quali filetti, trame retinate, fondini.
— Aria… spazio bianco
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Dobbiamo rendere viva una pagina attraverso segni grafici e stile.


Con l’obiettivo di trasferire

Informazioni
(come in un giornale, o in una brochure esplicativa).
E’ prioritaria:
la chiarezza (percezione),
la sintesi (espressione),
l’ordine (pulizia grafica)
e sempre la
gradevolezza (armonia).

Emozioni
(come in una campagna pubblicitaria)
E’ prioritario:
l’impatto visivo (sorpresa),
l’immediatezza della comprensione (semiologia),
il coinvolgimento (conoscenza del target e dei trend),
spesso affidato a segnali di stile (seduzione).
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

{
• visual (immagini) Visione estetica d’insieme.
Danno i contenuti e l’emozione.
• testi (titoli e altro) Contenuti e forma (caratteri).
• proporzioni
{
Danno il “tono di voce” Armonia e ordine
e influenzano lo stato d’animo
della lettura. • tensioni dinamiche Movimento percepito, ritmo…

• filetti Indirizzano e bilanciano i pesi,


danno forza e colore.
• altri segni grafici Fregi, e spazi bianchi come figure.
• sfondi Si indirizza la lettura e la si
- fondi dell’impaginato interrompe per dare ritmo.
- interlinee Pieni e vuoti.
- spaziature E’ importante che l’occhio
- margini percepisca struttura e priorità.
Spaziatura corretta.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

La lettura parte dal focus


che più colpisce.

Segue il tragitto della scrittura,


nei paesi occidentali
da sinistra a destra
e dall’alto in basso.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

CHIARIRSI LE IDEE PRIMA DI INIZIARE

• Chiarite le esigenze: armonia, impatto, originalità, rappresentazione?


Dipende dal committente (dal brief se è scritto ed esaustivo).
• Partire dalla gabbia più adatta che avete scelto
(con idee chiare sulla composizione delle masse e sul ruolo dinamico
che, eventualmente, volete assegnare).
• Selezionare le immagini disponibili e fare un piano di ricerca.
• Colori.
Scegliere i toni prima ancora delle sfumature (quanto chiaro… quanto scuro).

Regole:
• Usare meno colori possibili
• Mantenerli nella stessa saturazione.
• Contrasti all’interno dello stesso colore (più o meno scuro).
• Semplificare per non sbagliare (o sbagliare di meno).
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Contrasti / Fondo chiaro / Fondo scuro

Meno Più
leggibile leggibile

Caratteri Caratteri
• Repertorio senza
con grazie
ile caratteri più leggibili da vicino; più leggibili grazie
da lontano.
Caratteri Caratteri Caratteri
con grazie senza senza
grazie grazie

• I caratteri maiuscolo minuscolo sono più leggibili, a


parità di corpo, dei caratteri solamente maiuscoli.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Le immagini possono essere al vivo e ciò è più dinamico e coinvolgente.


abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Oppure cercare un effetto cornice che trasmette enfasi


(come per un quadro), ma anche, e soprattutto leggerezza.

Un margine solo laterale dà più dinamismo.


abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

La gabbia è lo strumento fondamentale


del grafico a meno che
l’efficienza sia soverchiante sull’estetica
come in un manuale di istruzioni.

Perché una gabbia grafica?


Serve per creare utilità e armonia

Utilità perché il lettore trova i riferimenti


al medesimo posto
con maggior usability.

Armonia perché l’occhio ritrova lo stesso


stile, pagina dopo pagina,
come nella poesia, uguale metrica e
medesima rima, conferiscono eleganza.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Eliminare gli elementi della pagina mastro dalle prime pagine,


titolo corrente
dalle pagine bianche, dal colophon, dall’indice... titolo corrente titolo corrente

Nome e numero collana


oppure titolo
oppure pagina bianca

COLLANA Autore Autore


38
Pagina bianca
Titolo del volume

Eliminare i numeri di pagina dalle prime pagine, 1


dalle pagine bianche, dal colophon, dall’indice... 2 3

titolo corrente titolo corrente titolo corrente titolo corrente

Titolo capitolo Etiam laoreet varius convallis. Praesent congue est vitae odio fermentum ligula ut hendrerit. Praesent sit amet dictum dui. Maecenas massa nibh, blandit
blandit. Morbi facilisis faucibus adipiscing. Donec sed massa in neque biben- eu consequat ut, convallis nec urna. Nam eleifend quam risus, laoreet egestas
dum ultrices nec et orci. Nullam in molestie erat. Sed ipsum eros, bibendum lacus. Donec quis turpis nulla, vel sagittis dui. Nunc et magna purus, a convallis
vitae bibendum vitae, dapibus vehicula felis. Nam in erat eget sem iaculis porta. ante. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur
Sed dignissim placerat nunc, ut imperdiet justo aliquet a. Duis dignissim enim ridiculus mus. Nam pulvinar magna quis urna sagittis congue. Fusce ullamcor-
Inizio capitolo, introduzione, prefazione...
at risus aliquam nec scelerisque magna vulputate. Duis at dapibus quam. Nunc per tincidunt diam sed egestas. Etiam tortor elit, auctor in volutpat ut, egestas
eu ipsum sit amet ante tempus luctus. Etiam rhoncus lobortis enim id molestie. sed nibh. Nulla facilisi.
Morbi consectetur sapien tristique tellus viverra rutrum dignissim turpis biben- Sed non nibh libero, id scelerisque dolor. Nullam a metus eu ante dictum

L
Inizio del testo a circa un terzo dell’altezza della pagina dum. Nam ullamcorper massa eget dui semper aliquam. Nulla volutpat nunc consectetur ac vitae metus. In hac habitasse platea dictumst. Ut congue, ligula
eget risus varius volutpat in non lacus. Mauris fringilla semper elit. Vestibulum a fringilla eleifend, ipsum odio tincidunt justo, eu adipiscing urna magna sed
eros mi, tincidunt ac posuere id, ullamcorper sed mauris. turpis. Nullam vel sapien ut arcu feugiat aliquam ut eu nunc. Aenean conval-
Pagina bianca orem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In iaculis ju- Pellentesque sit amet velit erat, quis rutrum nunc. Aliquam et ligula libero. lis volutpat justo nec viverra. Morbi eget justo eu nibh convallis ullamcorper.
o colophon sto at turpis bibendum tristique. Nunc fringilla, lectus eu vestibulum Sed et magna erat. Cras porta purus vitae nisl egestas in tempus lectus tempus. Nunc suscipit adipiscing malesuada. Pellentesque quam tortor, consectetur vel
sodales, tortor quam ultrices tortor, et dignissim risus lectus at ma- Ut blandit eros quis lacus viverra eu auctor libero iaculis. Sed tincidunt sodales condimentum molestie, semper et eros. Sed nibh quam, sagittis quis pellente-
gna. Sed fringilla aliquam molestie. Curabitur fermentum tincidunt sapien ut eleifend. Pellentesque nibh nulla, sodales quis accumsan ullamcorper, sque sit amet, congue vel purus. Integer ultricies metus quis eros fermentum
tincidunt. Donec lacinia mi ac orci dapibus feugiat. Donec vitae ip- blandit quis tellus. Nunc id arcu mi, at elementum ipsum. Cras magna ante, porttitor. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada
sum at tortor pulvinar fringilla. Pellentesque ornare vulputate ipsum, a semper elementum in pretium sed, imperdiet sed metus. Maecenas eu nibh et quam fames ac turpis egestas. Ut ut nisl quam. Curabitur posuere dignissim portti-
tortor porttitor sit amet. Sed a augue sem. Quisque a lectus ut orci tincidunt euismod iaculis at at dolor. Etiam ante orci, vulputate sit amet consectetur nec, tor. Integer ac nulla erat. Maecenas non mauris magna, vel malesuada tortor.
aliquam a id nulla. Mauris dapibus egestas ligula ut hendrerit. Praesent sit amet placerat quis felis. In scelerisque sapien mi, eget lacinia leo. Aenean sapien Curabitur tristique purus eget purus tristique at imperdiet metus tempus. Sed
dictum dui. Maecenas massa nibh, blandit eu consequat ut, convallis nec urna. diam, placerat in semper eget, interdum ut mauris. Suspendisse potenti. Etiam volutpat tortor vitae erat accumsan et viverra velit pulvinar. In lacinia, turpis vel
Nam eleifend quam risus, laoreet egestas lacus. Donec quis turpis nulla, vel sa- libero augue, elementum ac pharetra id, aliquam tristique nibh. Ut iaculis mi fermentum faucibus, quam nisl consequat sapien, et lacinia tellus dui vitae nisl.
gittis dui. Nunc et magna purus, a convallis ante. Cum sociis natoque penatibus congue sem elementum placerat. Nullam vehicula sollicitudin vulputate. Proin eu malesuada diam.
et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Nam pulvinar magna Vestibulum ante ipsum primis in faucibus orci luctus et ultrices posuere cu- Etiam laoreet varius convallis. Praesent congue est vitae odio fermentum
quis urna sagittis congue. Fusce ullamcorper tincidunt diam sed egestas. Etiam bilia Curae; Ut nulla metus, mattis ut feugiat quis, ornare sit amet leo. Integer blandit. Morbi facilisis faucibus adipiscing. Donec sed massa in neque biben-
tortor elit, auctor in volutpat ut, egestas sed nibh. Nulla facilisi. posuere commodo dui ut euismod. Phasellus sagittis nibh quis diam convallis dum ultrices nec et orci. Nullam in molestie erat. Sed ipsum eros, bibendum
Sed non nibh libero, id scelerisque dolor. Nullam a metus eu ante dictum vitae aliquet nibh tempor. Donec eu dui id mauris bibendum posuere eget po- vitae bibendum vitae, dapibus vehicula felis. Nam in erat eget sem iaculis porta.

Rientro
consectetur ac vitae metus. In hac habitasse platea dictumst. Ut congue, ligula
a fringilla eleifend, ipsum odio tincidunt justo, eu adipiscing urna magna sed
turpis. Nullam vel sapien ut arcu feugiat aliquam ut eu nunc. Aenean conval-
suere ligula. Nam id mauris mi, eget vestibulum magna. Maecenas et cursus
erat. Aenean sollicitudin tortor eget purus vestibulum blandit. Integer male-
suada, felis sed luctus placerat, erat dui fringilla lectus, blandit aliquam urna
Sed dignissim placerat nunc, ut imperdiet justo aliquet a. Duis dignissim enim
at risus aliquam nec scelerisque magna vulputate. Duis at dapibus quam. Nunc
eu ipsum sit amet ante tempus luctus. Etiam rhoncus lobortis enim id molestie.
lis volutpat justo nec viverra. Morbi eget justo eu nibh convallis ullamcorper. arcu volutpat sapien. Integer vel tortor est. Cras ut orci in sem mollis gravida ut Morbi consectetur sapien tristique tellus viverra rutrum dignissim turpis biben-
Nunc suscipit adipiscing malesuada. Pellentesque quam tortor, consectetur vel quis nisl. Pellentesque sit amet faucibus metus. Maecenas id velit risus, sit amet dum. Nam ullamcorper massa eget dui semper aliquam. Nulla volutpat nunc
condimentum molestie, semper et eros. Sed nibh quam, sagittis quis pellente- tincidunt leo. In placerat porta arcu, a pretium sem tincidunt non. Maecenas eget risus varius volutpat in non lacus. Mauris fringilla semper elit. Vestibulum
sque sit amet, congue vel purus. Integer ultricies metus quis eros fermentum euismod tempor volutpat. Cras gravida ultricies pretium. eros mi, tincidunt ac posuere id, ullamcorper sed mauris.
porttitor. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In iaculis justo at Pellentesque sit amet velit erat, quis rutrum nunc. Aliquam et ligula libero.
fames ac turpis egestas. Ut ut nisl quam. Curabitur posuere dignissim portti- turpis bibendum tristique. Nunc fringilla, lectus eu vestibulum sodales, tortor Sed et magna erat. Cras porta purus vitae nisl egestas in tempus lectus tempus.
tor. Integer ac nulla erat. Maecenas non mauris magna, vel malesuada tortor. quam ultrices tortor, et dignissim risus lectus at magna. Sed fringilla aliquam Ut blandit eros quis lacus viverra eu auctor libero iaculis. Sed tincidunt sodales
Curabitur tristique purus eget purus tristique at imperdiet metus tempus. Sed molestie. Curabitur fermentum tincidunt tincidunt. Donec lacinia mi ac orci sapien ut eleifend. Pellentesque nibh nulla, sodales quis accumsan ullamcorper,
volutpat tortor vitae erat accumsan et viverra velit pulvinar. In lacinia, turpis vel dapibus feugiat. Donec vitae ipsum at tortor pulvinar fringilla. Pellentesque blandit quis tellus. Nunc id arcu mi, at elementum ipsum. Cras magna ante,
fermentum faucibus, quam nisl consequat sapien, et lacinia tellus dui vitae nisl. ornare vulputate ipsum, a semper tortor porttitor sit amet. Sed a augue sem. elementum in pretium sed, imperdiet sed metus. Maecenas eu nibh et quam
Proin eu malesuada diam. Quisque a lectus ut orci tincidunt aliquam a id nulla. Mauris dapibus egestas euismod iaculis at at dolor. Etiam ante orci, vulputate sit amet consectetur nec,
5
4 6 16
I numeri di pagina pari sono sempre a i numeri di pagina dispari sono sempre
sinistra a destra
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Diversa è la situazione se si deve progettare un volume con molti elementi,


come ad esempio un catalogo d’arte.

stabilire
1 Il numero di pagine complessive (64, 80...)
2 la sequenza dei testi/saggi introduttivi
3 il numero di foto e di schede delle opere
4 la presenza o meno di bottelli di separazione fra le sezioni
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

E’ utile creare un TIMONE


per la visualizzazione
grafica del percorso
progettuale del libro/
rivista che mostra lo
sviluppo delle pagine in
sequenza logica, dalle
prime pagine fino alle
finali.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Le parti del libro


abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Internamente il libro è
suddiviso nel seguente modo
> occhiello con titolo
(bottello)
> frontespizio con titolo,
nome dell’autore, editore
> colophon con copyright,
nome dell’editore, anno di
pubblicazione
> indice
> introduzioni e prefazioni
> testo
> note a piè di pagina, a fine
capitolo, o in fondo al libro
> didascalie delle immagini,
intestazioni delle tabelle
> titoli correnti
> indice delle immagini
> bibliografia
> appendici
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Strutturare l’area di lavoro su una serie di pagine o di superfici, in modo


da ottenere la massima flessibilità senza compromettere la continuità è
importante per trattenere l’attenzione del lettore.

Agnitate nditis dolut eium solessi


nctur? Osame omnihil imus pero
vellatur? Quiamus, od magnim ratur,
inciissint quam eaquiditium id quiatae.
Ectaspe esed ex eariorem

Agnitate nditis dolut eium solessi


nctur? Osame omnihil imus pero
vellatur? Quiamus, od magnim ratur,
inciissint quam eaquiditium id quiatae.
Ectaspe esed ex eariorem
Agnitate nditis dolut eium solessi
nctur? Osame omnihil imus pero
vellatur? Quiamus, od magnim ratur,
inciissint quam eaquiditium id quiatae.
Ectaspe esed ex eariorem
Agnitate nditis dolut eium solessi
nctur? Osame omnihil imus pero
vellatur? Quiamus, od magnim ratur,
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

la presenza di numerosi
elementi diversi per
dimensione e proporzione
comporta la necessità di
coordinare l’area di lavoro.
In questi esempi vi sono vari
tipi di allineamento: sospeso,
appoggiato, verticali e centrali.
In questo modo si possono
raggruppare elementi diversi in
modo coesivo.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

La copertina del libro


La copertina del libro è considerata come la “confezione del libro”.
Il suo compito principale è quello di attrarre l’attenzione di potenziali
lettori e spingerli all’acquisto.

In generale, può essere definita come un mezzo di comunicazione in cui


i vari elementi, opportunamente combinati graficamente, favoriscono la
leggibilità del titolo, suggeriscono il contenuto e identificano l’editore.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

In primis, si stila un brief e si conduce una ricerca sui dati tecnico-estetici di


stampati dello stesso genere.
Questa ricerca è fondamentale per confrontare i vari prodotti e rendersi
conto degli elementi progettuali necessari alla realizzazione del progetto:
l’utilizzo o l’assenza di fotografie e illustrazioni, lo studio della prima e della
quarta di copertina, l’inserimento di elementi coordinati in collane.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Il supporto va scelto in base al tipo di utilizzo del libro


> edizioni economiche > copertina incollata, rilegatura con colla a caldo
> edizioni di pregio > copertina cartonata con sovraccoperta

Spesso si ricorre ad artifici grafici e tecnici, come inchiostri speciali (oro,


argento), stampe a secco, fustelle, carte particolari per impreziosire il
prodotto.

I formati più comuni per i tascabili sono 11x18, 12x18, 13x18

Il dorso rende visibile e riconoscibile il volume in uno scaffale.


Su di esso compaiono il nome dell’autore, il titolo e il logo dell’editore.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Stampate e piegate, le segnature vengono tenute insieme a seconda


del tipo di allestimento, o rilegatura, scelto: se si prevede il punto
metallico le segnature sono raccolte l’una dentro l’altra (a incarto),
se si prevede la legatura le segnature sono raccolte di seguito, una
dopo l’altra (brossura).

La brossura può essere a filo refe, se le segnature sono cucite,


all’americana, se le segnature sono tagliate e incollate.

L’operazione di assemblaggio di uno stampato si chiama confezione


o, nel caso di un volume, legatura o rilegatura.

Le segnature, una volta raccolte e cucite, possono essere legate


in brossura o rilegate con copertina cartonata.
La legatura in brossura si effettua incollando al dorso una copertina
in cartoncino; la rilegatura può essere effettuata montando sui fogli
piegati e cuciti una copertina costituita da cartone pesante rivestito
di materiali quali carta, pelle o tela.

spillato / filo refe / brossura incollata (all’americana) / cartonato / brossura olandese


abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

rilegatura bodoniana / giapponese / svedese / svizzera / singer / con viti


abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

• Stabilire il formato in relazione alla tipologia dello stampato



• Scegliere uno stile

• Creare un segno distintivo

• Predisporre un percorso visivo

• Assegnare gerarchie

• Il “bianco” è estetica

• Scegliere i caratteri

• Le immagini hanno precedenza sui testi

• Sorprendere!!!!!!!!!
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Comporre

Rompere gli schemi

Una pagina strutturata ha una


cadenza, un ritmo, un ordine,
ma se l’impostazione rimane
costante su molte pagine,
senza un minimo di rottura
dell’ordine, si produce ripetitività
e noia.

Il segreto consiste nell’introdurre


violazioni dell’ordine per rendere
più piacevole il design della pagina.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Formato della pagina

Riguarda la forma e l’orientamento


e può dipendere dalle misure della
carta da stampa, dall’esistenza
di un progetto precedente,
dalla convenienza (es. spedizione
postale).

La posizione del testo sulla pagina


La pagina non va considerata come
una superficie a sè stante, ma come
parte del campo “libro aperto”:
quando si osservano due pagine
affiancate in un libro, una rivista,
sono da valutare come un unico
campo visivo.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Il font da utilizzare
Deve essere in armonia con la funzione del prodotto grafico.
Se il lettore deve scorrere una serie di dati o di numeri si dovrà usare un
carattere “trasparente”, che non si fa notare, che faciliti la lettura.

> il testo è unitario o composto da varie parti?


> ci sono discorsi indiretti, domande e relative risposte?
> contiene molte figure che richiedono didascalie?
> ci sono note a piè di pagina?
> ci sono titoli e sottotitoli ricorrenti?

Le dimensioni del carattere


Sono in funzione dell’economia richiesta alla pubblicazione: occorre
risparmiare carta o si può essere generosi?
Il lettore appartiene ad una categoria con difficoltà di lettura?
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Il colore del carattere


L’utilizzo del colore varia in funzione dell’economia della pubblicazione.
Va usato in funzione comunicativa, per comporre titoli, per ricavare box di
testo, per uniformare la grafica delle pagine con elementi grafici comuni.

Ricordare che il testo in negativo stanca e può dare problemi di stampa,


soprattutto con corpi piccoli.

La spaziatura orizzontale, la lunghezza della riga


Quando si legge l’occhio non coglie le singole parole,
ma gruppi di tre-cinque parole.

Tre fattori sono importanti per la leggibilità:


le dimensioni del carattere
la generosa spaziatura fra le lettere
la larghezza della riga (2 alfabeti e mezzo, 21x2,5)
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

La spaziatura tra le righe, l’interlinea


E’ l’elemento che crea il grigio tipografico.
Variazioni di interlinea, in relazione alla larghezza delle colonne,
creano variazioni nella leggibilità dei testi.

Sarebbe opportuno mantenere le righe allineate fra le colonne,


il che può risultare difficile se si hanno insieme testi di un corpo
e titoli di un altro.
Un espediente è usare multipli di una misura base: per esempio, tenendo
come base 5 il testo sarà 10 pt, i titoli 20 pt, gli spazi prima o dopo 5 pt.

Allineamento del testo


A bandiera, o giustificato, dipende dal tipo di progetto,
ma anche dal gusto personale.
Non si fanno testi lunghi centrati o a bandiera a destra.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

L’articolazione dei paragrafi


I capoversi possono essere allineati al vivo della giustezza della colonna o
rientrati con un rientro equivalente a due-tre battute.
In alternativa si usa una spaziatura fra paragrafi.

U
Umquat officiet voluptius eos abo. Musdam, solupta voloritat. mquat officiet voluptius eos abo. Musdam, solupta
Tatur aut alit optas nim exere laboris eicider spedips aperore voloritat.
stionsequam, untintiur sercilia natati tet laboribus sape vo- Tatur aut alit optas nim exere laboris eicider spedips
lorestota dolupta turit, tem ea nis ut ullorer spienditate apid aperore stionsequam, untintiur sercilia natati tet laboribus
es intibus cidebis cipienisque acestias mo verundebit platur sape volorestota dolupta turit, tem ea nis ut ullorer spiendita-
sequodi ut quo qui inciis inctum eum sam aut experib earibus te apid es intibus cidebis cipienisque acestias mo verundebit
etur a preperum nesequiatur, quias ratem re nossequis de ven- platur sequodi ut quo qui inciis inctum eum sam aut experib
dita dus abo. Nam debitem explign ihitem fuga. Icabo. Sanditi earibus etur a preperum nesequiatur, quias ratem re nossequis
squaecae. Itaturitas dis sit lis es dem vel ipsa eium susam es et de vendita dus abo. Nam debitem explign ihitem fuga. Icabo.
eum natectur? Sanditi squaecae. Itaturitas dis sit lis es dem vel ipsa eium su-
Equas et aut ma sim quia illuptur? sam es et eum natectur?
Pudae. Et voluptatata dolorem. Itate nimperferrum hariasp Equas et aut ma sim quia illuptur?
eriae. Icid utaturiae sit, secture preriore comni ommolorae nus
sit in nisinis doluptatis nobitatem eat alit, et lab ipidit volo- Pudae. Et voluptatata dolorem. Itate nimperferrum hariasp
rehent eaqui necabo. Nemqui alibus volores totae. Nem ute- eriae. Icid utaturiae sit, secture preriore comni ommolorae nus
molu picata volo ipsam ventios maio bla et estrum quaepratat sit in nisinis doluptatis nobitatem eat alit, et lab ipidit volo-
et molum qui dolori bera cor aliasin umendunt vendiciam rehent eaqui necabo. Nemqui alibus volores totae. Nem ute-
verae provit aut in parum alia quam cume volentur, venestrum molu picata volo ipsam ventios maio bla et estrum quaepratat
nihic tota simus illit volo explaborem il eate cus, soluptum et molum qui dolori bera cor aliasin umendunt vendiciam
experempe verit, officia ima quost ipid et, tet assinis natinti verae provit aut in parum alia quam cume volentur, venestrum
que vid ea venis que veliquam reniass equatem eossit re qui nihic tota simus illit volo explaborem il eate cus, soluptum
consedi ipid qui rae eatur? experempe verit, officia ima quost ipid et, tet assinis natinti
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Non esistono delle regole per impaginare buone per ogni occasione,
ma solo concetti di base adattabili alle diverse situazioni.

Essi offrono una traccia su cui sviluppare un approccio corretto


con la forma e la modalità di costruzione del messaggio attraverso
la progettazione.

La pagina equilibrata si basa sulla relazione tra gli elementi che la


compongono, pieni e vuoti: si deve scegliere una disposizione che si adatti
al contesto e agli obiettivi del lavoro.

Ricercare le costanti > il motivo costante di ogni pagina deve essere


la coerenza della forma espressiva degli elementi che la compongono.
Ovviamente, se si utilizza una certa marginatura, dovremo ritrovarla nelle
pagine successive.
Non cambiare carattere, dimensione e posizione dei titoli sulle pagine
successive.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

L’equilibrio >
equilibrio e simmetria esasperati portano alla
noia e spingono il lettore ad interropemere
i movimenti di ricerca dell’occhio.
L’interruzione avviene dove si trova
omogeneità, mancanza di contrasto.

La tensione e la ricerca di elementi dal Classico

Jazz
Emilia Zamuner / Voce
Riccardo Zamuner / Violino
Maria Sbeglia / Pianoforte

disomogenei aggiungono interesse alla al

pagina: sbilanciamenti degli spazi, elementi Via F. De Sanctis, 19/21 Martedì 18 dicembre 2012 – ore 20.00
InVIto
L’invito è strettamente personale
e va esibito all’ingresso

contrapposti alto/basso, sinistra/destra,


creano tensione, dinamicità.

L’interesse viene creato anche con spazi


bianchi intorno ai caratteri, ai testi,
alle illustrazioni.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Stabilire un punto focale


di attrazione > Individuare un
elemento e giocare su quel punto per
attrarre l’attenzione del lettore.
Un elemento dominante può essere
un titolo, una foto, o un’illustrazione
ingrandita, un blocco di testo a
caratteri grandi, una serie compatta di
illustrazioni di interesse visivo.

Le pagine a fronte > devono essere


progettate come appartenenti ad un
unico campo visivo, considerandole
come un’unica unità.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

La realizzazione di uno stampato

Progetto > formato > impostazione gabbia, calcolo dell’ingombro dei testi
e delle immagini

Esecutivo > timone e menabò, impaginazione, trattamento del testo e


delle immagini

Stampa > files e menabò corredato da opportuni chiarimenti >


formato chiuso e aperto,
qualità e peso della carta,
colori per la stampa,
numero di copie,
indicazioni dei colori e della carta per la copertina,
finiture, rilegatura, confezione.
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Preventivazione costi di stampa

Quando si progetta uno stampato è necessario avere una conoscenza delle


problematiche legate ai costi di realizzazione.

Natura del prodotto, lavorazioni particolari e materiali:


Dimensioni
Numero di pagine e colori necessari
Carta
Finitura di stampa (plastificazione, verniciatura...)
Legatura ed imballaggio
Tiratura > quantità di copie da stampare

Costi di prestampa, impaginazione, produzione delle lastre e avvio delle macchine di stampa, sono
fissi nel caso in cui si stampino poche o tante copie, perciò vengono ripartiti su ogni copia prodotta
Tipo di azienda grafica > attrezzature
Alcune aziende forniscono il prodotto finito, altre si affidano all’esterno per alcune fasi della
lavorazione.
Esigenze di distribuzione > chi consegna il prodotto al cliente, come viene collocato nei magazzini e
in che forma
abanapoli / elementi di grafica editoriale / impaginazione

Schema di preventivazione

Tipo di prodotto
Titolo/cliente
Numero di copie
Formato aperto formato chiuso

La prestampa, elaborazione dei testi, impaginazione, viene fornita


o è a carico del fornitore?

Numero di pagine stampate a colori in bianca/volta


su carta da gr/mq
copertina stampata a colori in bianca/volta
su carta da gr/mq

Plastificazione
Legatura
Imballo
Trasporto