Sei sulla pagina 1di 6

Obiettivi e metodo

Obiettivi, metodo, Nel marketing si usa presentare un


risultati attesi progetto di ricerca – ad esempio per
persuadere un committente a finanziarlo –
del corso esplicitandone innanzi tutto gli obiettivi, il
Semiotica II metodo, i risultati attesi.

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 1  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 2

Obiettivi del corso Obiettivi del corso


Gli strumenti semiotici FONDAMENTALI: non
sono tutti, ma sono stati selezionati per voi.
ALCUNE forme di comunicazione: anche queste
Approfondire gli STRUMENTI SEMIOTICI sono state selezionate.
fondamentali (concetti e metodo) per In questo corso: testi pubblicitari (annunci stampa),
analizzare e comprendere alcune forme di articoli di giornale, discorsi politici, oggetti di
consumo.
comunicazione contemporanea e Altri corsi: Semiotica delle arti, Analisi dei linguaggi
IMPARARE AD APPLICARLI. musicali giovanili, Analisi dei testi pubblicitari, Analisi
del linguaggio giornalistico e telegiornalistico,
Semiotica dei nuovi media

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 3  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 4

Metodo Oggetti di senso

La semiotica si occupa di tutto ciò che è dotato


Ogni fenomeno, ogni forma di comunicazione, di senso e scommette sulla sua intelligibilità.
ogni oggetto dotato di senso possono essere Ciò che è dotato di senso è individuato e
studiati con metodologie molteplici e diverse. studiato dalla semiotica in quanto TESTO.
Non c’è posto in semiotica per l’ineffabile = il
Fra le metodologie che si insegnano a Scienze
“non so che”, il “fascino sottile”, ecc.
della Comunicazione, oltre a quella semiotica,
Questo non vuol dire che la semiotica non
ci sono quella psicologica e sociologica. analizzi la vaghezza e ambiguità intrinseca (e
strategica) di certi testi.

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 5  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 6

1
Testo

Etimologia:
Testo viene dal latino textum, participio
Che cos’è un testo? passato del verbo texere.

La nozione di testo contiene in sé, per


etimologia, i concetti di tessuto, trama,
ordito, intreccio.

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 7  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 8

Testo Testo

“Per ‘testo’ si intende sia una catena di La definizioni richiama l’idea di qualcosa che:
enunciati legati da vincoli di coerenza, sia
(1) Sta al di là della frase;
gruppi di enunciati emessi
contemporaneamente sulla base di più (2) Comprende elementi non verbali;
sistemi semiotici.”
(3) Riguarda i processi di significazione e non i
(Umberto Eco, Semiotica e filosofia del linguaggio, sistemi.
Torino, Einaudi, 1984: 64)

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 9  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 10

Testo Testo

Testo è tutto ciò che è Tre condizioni perché ci sia testo:


“…circoscritto da limiti che lo definiscono come (1) definizione chiara dei limiti, per cui si riesce a
una totalità relativamente autonoma e opporre il testo a ciò che sta fuori dal testo;
rendono possibile la sua organizzazione
(2) scomponibilità del testo in unità discrete;
strutturale.”
(3) articolazione e organizzazione di queste unità
(Jean-Marie Floch, Sémiotique, marketing et
secondo criteri oggettivabili.
communication, 1990, trad. it.: 61)
Jurij Lotman, Testo e contesto. Semiotica dell’arte
e della cultura, Roma-Bari, Laterza, 1980.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 11  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 12

2
Testo Quanti e quali testi?

 Miti, racconti di folclore… (cap. 3 del manuale)


“… qualsiasi porzione di realtà significante che può  Testi scritti di genere vario, letterario e non: fiabe,
racconti, novelle, romanzi, poesie, articoli, sceneggiature…
venir studiata dalla metodologia semiotica,
 Testi visivi: dipinti, stampe, pubblicità a stampa, foto,
acquisendo quei tratti formali di chiusura, manifesti, dépliant… (capp. 16-17).
coerenza, coesione, articolazione narrativa,  Testi audio: brani musicali, canzoni, trasmissioni
molteplicità di livelli ecc., che si riscontrano radiofoniche, radiocomunicati…
con maggiore facilità nei testi propriamente detti  Testi multisensoriali: lungometraggi, cortometraggi,
(ma che, a ben guardare, li eccedono).” spot, trasmissioni tv, videoclip…
 Testi multimediali: DVD multimediali, siti Web…
Fabbri e Marrone (2000, pp. 8-9)  Testi sociali: ambiti istituzionali, rituali, interazioni fra
individui, pratiche sociali (capp. 18-19).

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 13  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 14

Il testo non è un dato oggettivo Metodo del corso


 In rapporto al senso comune, alcune cose ci appaiono
più testi di altre cose.
 Però, contrariamente al senso comune, in semiotica
NESSUN TESTO È UNA REALTÀ ONTOLOGICA, un
oggetto che si vede, si tocca e si tiene in libreria: un
volume, ma anche un annuncio pubblicitario, una canzone, Cosa vuol dire analizzare i testi
un quadro, un videoclip, un balletto, un sito web. con metodo semiotico?
 Il testo NON È UNA REALTÀ DATA OGGETTIVAMENTE,
qualcosa i cui confini si percepiscono nettamente (si
vedono, toccano…) e per questo sono indiscutibili.
 Il testo è COSTRUITO dall’analisi semiotica MENTRE
si fa. Problema della definizione CORPUS.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 15  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 16

Che cos’è l’analisi del testo? Cosa si cerca? (1) Le relazioni

Si cercano le regole che il testo segue e il sistema


 È un’operazione di SMONTAGGIO, di entro cui le regole sono inserite.
SCOMPOSIZIONE di un testo in Lo strutturalismo ci ha insegnato che le regole non
elementi pertinenti più piccoli del stanno mai da sole, ma sono sempre inserite in un
testo e più generali. sistema di relazioni.
Queste relazioni si risolvono spesso in relazioni di
opposizione: contrari e contraddittori.
Ma cosa si cerca quando si fa
Dunque si cercano i sistemi di relazioni di
questo lavoro di smontaggio?
cui il testo è intessuto.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 17  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 18

3
Cosa si cerca? (2) I livelli Cosa si cerca? (2) I livelli

Si cercano i diversi livelli, i diversi strati in cui le A livello superficiale abbiamo la manifestazione
regole che il testo segue e i sistemi di regole sono del testo, il discorso, nella sua particolarità e
organizzati. individualità.
Lo strutturalismo ci ha insegnato che i sistemi di È a livello superficiale che ogni testo è diverso da ogni
regole non si articolano mai a un solo livello, come altro (e, al limite, non comparabile con nessun altro).
sistemi di corrispondenze fra un piano dell’espressione
A livello profondo abbiamo le strutture semio-
e un piano del contenuto, ma
narrative e la semantica del testo (con i suoi
a diversi livelli gerarchici, sistemi di valori relativi).
da un livello profondo a uno superficiale. I concetti che si individuano a livello profondo sono
progressivamente sempre più astratti e generali.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 19  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 20

In sintesi… Risultati attesi del corso…

1. Si scompone il testo in unità componenti 1. Mettervi in grado di svolgere l’esame in due ore,
più piccole e più generali del testo. rispondendo correttamente sia alle domande chiuse
che a quelle aperte e possibilmente prendendo da
2. Si cercano i sistemi di regole e di 28 a 30 e lode... ☺
opposizioni che danno significato alle unità 2. Mettervi nelle condizioni, una volta laureati in
componenti. Scienze della comunicazione, di analizzare con
sguardo semiotico (se non proprio con rigorosa
3. Si cercano le gerarchie di profondità in metodologia semiotica) i vari testi che
cui i sistemi di regole e opposizioni sono incontrerete nelle vostre future realtà
articolati. professionali.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 21  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 22

Rischi del metodo Rischi del metodo

“Si dice che a forza di ascesi certi buddisti arrivino La conoscete la barzelletta dell’ubriaco che
a vedere tutto un paesaggio in una fava. È proprio cerca la chiave sotto un lampione?
quello che avrebbero voluto i primi analisti del
racconto: vedere tutti i racconti del mondo (ve ne Cerca, cerca, ma non trova, impreca, impreca, ma
sono stati tanti e tanti) in una sola struttura: noi, continua a non trovare…
pensavano, estrarremo da ogni racconto il suo modello,
Un passante lo osserva cercare e a un certo punto
poi da questi modelli faremo una grande struttura
gli chiede: “Ma è sicuro che le sia caduta proprio
narrativa che riporteremo (per verifica) su qualunque
racconto: compito estenuante […] e infine qua sotto la chiave?”
indesiderabile, giacché il testo vi perde la propria “Non sono affatto sicuro, ma perlomeno qui
differenza.” (Roland Barthes, S/Z, trad. it. p. 9) c’è luce!”
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 23  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 24

4
Rischi del metodo Rischi del metodo

Questa storiella vale per tutte le ricerche che Inoltre, non dobbiamo finire per dar ragione a Tiziano
antepongono la COLLAUDATA PRECISIONE del Scarpa, quando nel romanzo Occhi sulla graticola,
metodo (e il compiacimento per la precisione e il definisce la narratologia, che è una parte della
rigore del metodo) all’interesse per l’oggetto di ricerca. semiotica,
Pazienza se quello che si trova è irrilevante, “la disciplina universitaria più asettica e disumana
pazienza se, peggio ancora, non si trova nulla, escogitata dal cinismo di questo secolo.”
l’importante è che si applichi il metodo…
(Tiziano Scarpa, Occhi sulla graticola, Einaudi, p. 5)

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 25  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 26

Che cos’è un testo sincretico?

 Per Greimas e Courtés (1986, voce Syncrétiques,


sémiotiques - ), è sincretico un testo in cui lo
stesso soggetto di enunciazione mette in gioco
«una pluralità di linguaggi di manifestazione»,
Che cos’è un testo sincretico? cioè più sistemi semiotici «eterogenei» nel
senso che possono coinvolgere, per usare i
termini di Hjelmslev (1943), sia sostanze
dell’espressione diverse sia sistemi
semiotici diversi, a seconda di cosa si intende
per «linguaggio».

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 27  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 28

Che cos’è un testo sincretico? Che cos’è un testo sincretico?

 La somma di un testo verbale scritto e della  Sono testi sincretici, ad esempio, i fumetti, le
registrazione audio della sua lettura ad alta riviste, gli annunci pubblicitari a stampa, che
voce non è un testo sincretico, mentre lo è la applicano alla stessa sostanza dell’espressione (la
pagina in bianco e nero o a colori del giornale o
loro combinazione specificamente progettata per
della rivista), da un lato, le forme dell’espressione
comunicare significati ulteriori rispetto a quelli e del contenuto di diversi linguaggi visivi
espressi dal solo testo scritto o dalla sola (l’illustrazione, la fotografia di reportage, di moda,
registrazione audio. l’immagine pubblicitaria), dall’altro, le regole
sintattiche, semantiche e pragmatiche delle
lingue verbali scritte affiancate alle immagini.

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 29  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 30

5
Che cos’è un testo sincretico? Che cos’è un testo sincretico?

 Sono testi sincretici di complessità ulteriore gli  Sono testi sincretici ancora più complessi i testi
audiovisivi (film, programmi televisivi, spot), che
combinano linguaggi basati su sostanze multimediali contemporanei, nei diversi
dell’espressione visive con linguaggi basati su significati che oggi si attribuiscono a questo
sostanze sonore: musica (sigle, basi musicali, colonne termine.
sonore), effetti audio, e tutto ciò che le lingue verbali
possono comunicare sul canale fonico-acustico: variazioni  Eventi sons et lumières, performance
di tono, energia, pause, ecc. multimediali, ma anche siti web, CD multimediali,
 Questi sono testi multisensoriali, che cioè coinvolgono videogiochi, ecc.
più canali sensoriali.
Multimediale: multisensoriale + molti media +
 Più sostanze espressive = più canali sensoriali.
 Se si aggiunge il tatto: videogiochi ma anche qualunque
combinati in maniera nuova.
programma per PC.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 31  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 32