Sei sulla pagina 1di 2

La pubblicità sui diversi media Gli annunci-stampa

 Più pubblicità su diversi media (TV, radio, affissioni, Internet,


ecc.) che sviluppano lo stesso discorso fanno una campagna. Gli elementi principali sono:
 Annuncio stampa: la pubblicità che compare sulla stampa
periodica o quotidiana.
 Il visual = l’immagine.
 Radiocomunicato se la pubblicità è trasmessa per radio.  La headline (titolo) = è la scritta più grossa,
 Telecomunicato o spot o commercial se è trasmessa in Tv più visibile di tutte, quella che i non addetti ai
o al cinema.
lavori chiamano spesso slogan.
Affissioni
 Manifesto se sta sui muri e ha formato verticale. Visual e headline assieme sono i principali
 Poster se sta sui muri o lungo le strade e autostrade, ha responsabili del significato complessivo di un
formato orizzontale ed è grande (6m x 3m).
annuncio e della sua efficacia comunicativa.
 Affissione dinamica è quella che viaggia su treni, autobus e
tram.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 1  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 2

Gli annunci-stampa Gli annunci-stampa

 Il bodycopy è un testo più lungo, che può accompagnare il visual e  Il packshot è la foto (l’istantanea) del packaging di un prodotto.
la headline.  Il testimonial è un personaggio celebre, pubblico (attore,
 Logotipo o logo = nome dell’azienda graficizzato, cioè scritto con cantante, presentatore, modella famosa, uomo politico, ecc.) che,
caratteri particolari (lettering) e graficamente studiato. affiancato alla marca o prodotto, ne garantisce e “testimonia” la
 Marchio = la componente grafica di una marca (spesso bontà (utilità, convenienza, ecc.) e trasferisce sulla marca o
un’immagine), riconoscibile ma non pronunciabile (ma anche la prodotto i significati e valori che l’enciclopedia comune gli associa.
somma di logotipo e componente grafica). ATTENZIONE!
 Baseline = breve affermazione scritta in corpo minore della headline Non si dice testimonial qualunque figura umana che si noti per
ma maggiore del body copy: sviluppa, conclude e razionalizza la bellezza ed eleganza (se così fosse, sarebbero testimonial tutti i
headline, e spesso è comune nei diversi pezzi di una campagna. modelli e le modelle che compaiono in pubblicità).
 Pay-off = breve affermazione scritta in corpo minore della headline Perché si tratti di un testimonial bisogna che sia riconoscibile
ma maggiore del body copy, che definisce l’azienda. chiaramente nella figura umana un personaggio celebre.

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 3  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 4

Format di un annuncio stampa Headline

VISUAL
HEADLINE
Visual
BODYCOPY

(PACKSHOT)
LOGO
(BASELINE)
Bodycopy LogoTIpo
(PAY-OFF) Aaaaaaaaa ddddddd gggggg lllllllllllll oooooo
Bbbbbbbbb eeeeeeee hhhhhh mmmm pppppp
Ccccccccccc ffffffffffff iiiiiiiiiiiii nnnnnn qqqqqq baseline o pay-off
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 5  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 6

1
Il format Una campagna stampa

Alcuni elementi possono mancare (bodycopy,


baseline, packshot, headline).
Non possono mancare una struttura grafica e
il logotipo.
La struttura grafica stabilisce gerarchie di senso
tra immagini e parole: “Permette di costruire
comunicazioni seriali e identificabili attraverso la
presenza di elementi ricorrenti” (Testa 2004).

 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 7  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 8

Una campagna stampa Il lettering

 Un elemento molto importante di una


campagna stampa o affissioni è la scelta
del carattere = lettering.
 Nell’esempio di CONAD la headline è in un
corsivo che imita la grafia manuale.
 Si vuole probabilmente suggerire, in
coerenza con il contenuto, una certa
affinità tra marchio e destinatario.
 Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 9  Giovanna Cosenza 2007/2008 - Semiotica II 10