Sei sulla pagina 1di 552

ilDeposito.

org - Canti di protesta politica e sociale

Canti di protesta politica e sociale

Canzoniere alfabetico completo dei canti


con accordi
Aggiornato il 09/01/2020

pagina 1
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

ilDeposito.org è un sito internet che si pone l'obiettivo di essere un archivio di testi e musica
di canti di protesta politica e sociale, canti che hanno sempre accompagnato la lotta delle
classi oppresse e del movimento operaio, che rappresentano un patrimonio politico e
culturale di valore fondamentale, da preservare e fare rivivere.

In questi canti è racchiusa e raccolta la tradizione, la memoria delle lotte politiche e sociali
che hanno caratterizzato la storia, in Italia ma non solo, con tutte le contraddizioni tipiche
dello sviluppo storico, politico e culturale di un società.

Dalla rivoluzione francese al risorgimento, passando per i canti antipiemontesi. Dagli inni
anarchici e socialisti dei primi anni del '900 ai canti della Grande Guerra. Dal primo
dopoguerra, ai canti della Resistenza, passando per i canti antifascisti. E poi il secondo
dopoguerra, la ricostruzione, il 'boom economico', le lotte studentesche e operaie di fine anni
'60 e degli anni '70. Il periodo del reflusso e infine il mondo attuale e la "globalizzazione".
Ogni periodo ha avuto i suoi canti, che sono più di semplici colonne sonore: sono veri e propri
documenti storici che ci permettono di entrare nel cuore degli avvenimenti, passando per
canali non tradizionali.

La presentazione completa del progetto è presente al seguente indirizzo:


https://www.ildeposito.org/presentazione/il-progetto.

------------------------------------

Questo canzoniere è pubblicato cura de ilDeposito.org


PDF generato automaticamente dai contenuti del sito ilDeposito.org.
I diritti dei testi e degli accordi sono dei rispettivi proprietari.
Questo canzoniere può essere stampato e distribuito come meglio si crede.
CopyLeft - www.ildeposito.org

pagina 2
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

'A Flobert
(1976)
di Gruppo Operaio 'E Zezi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: napoletano
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale, morti sul lavoro
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/flobert

Lam povera mamma scunzulata.


Viernarì unnice aprile
Do Re Rem Sò arrivat' 'e tavule
'a Sant'Anastasia e 'a chiesa simmo jute
Mi7 p'ò l'urdemo saluto
nu tratto nu rummore p'e cumpagne sfurtunate.
Lam
sentiett' 'e ch' paura. P'e mmane nuje pigliammo
tutti sti telegrammi
Je ascevo 'a faticà sò lettere 'e condoglianze
manc'a forza 'e cammenà mannate pè crianza.
p'à via addumandà
sta botta che sarrà. Atterrà l'ajmm' accumpagnat'
cu arraggiar'a 'ncuorpo
'A Massaria 'e Rumano e 'ncopp' 'a chisti muort'
na fabbrica è scuppiata giurammo ll'ata pavà...
e 'a ggente ca fujeva
e ll'ate ca chiagneva. E chi và 'a faticà
pur' 'a morte addà affruntà
Chi jeva e chi turnava murimm' 'a uno 'a uno
p'à paura e ll'ati botte p'e colpa 'e 'sti padrune.
ma arrivato nnanz' 'o canciello
maronn' e ch' maciello! A chi ajmma aspettà
sti padrune a' cundannà
Din't vuliette trasì ca ce fanno faticà
me sentiette ' e svenì cu 'o pericolo 'e schiattà.
'nterr' na capa steva
e 'o cuorpo n' 'o teneva. Sta ggente senza core
cu 'a bandiera tricolore
Cammino e ch' tristezza cerca d'arriparà
m'avoto e ncopp' 'a rezza tutt' 'e sbagli ca fà.
dduje pover' operaje
cu 'e carne tutt'abbruciat'. Ma vuje nun'ò sapite
qual'è 'o dolore nuosto
Quann' arrivano 'e pariente cummigliate cu 'o tricolore
'e chilli puverielle sti durici lavoratori.
chiagnevano disperati
pè 'lloro figlie perdute. Ma nuje l'ajmm' capito
cagnamm' sti culuri
«'O figlio mio addò stà pigliammo a sti padrune
aiutateme a cercà e mannammel' 'affanculo.
facitelo pè pietà
pè fforza ccà adda stà». E cu 'a disperazion'
sti fascisti e sti padrune
«Signò nun alluccate facimmo un ' muntone
ca forse s'è salvato» nu grand' fucarone.
e 'a mamma se và avvutà
sott' 'a terra ' o vede piglià. Cert' chisto è 'o mumento
e 'o mumento 'e cagnà
Sò state duricie ' e muorte e 'a guida nostra è grossa
p'è famiglie e ch' scunfuorto è 'a bandiera rossa.
ma uno nun s'è trovato

pagina 3
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Compagni pè luttà me chesta è 'a verità


nun s'adda avè pietà 'o comunismo è 'a libertà.

Informazioni

Venerdì 11 aprile 1975, alle 13,25, una terribile esplosione distrugge la Flobert, una fabbrica che produce proiettili
d’arma giocattolo e fuochi d’artificio, situata alla contrada Romani a Sant’Anastasia, alle pendici del Monte Somma,
nel vesuviano.

Altre informazioni

pagina 4
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A la mina no voy
(1969)
di Quilapayun
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: lavoro/capitale, miniera
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-mina-no-voy

Rem La Rem
El blanco vive en su casa en un socavón.
de madera con balcón. Do Sib
El negro en rancho de paja yo no quiero morirme
en un solo paredón. La Rem
en un socavón.
Fa Solm
Y aunque mi amo me mate Rem
La Rem En la mina brilla el oro
a la mina no voy al fondo del socavón
Do Sib el blanco se lleva todo
yo no quiero morirme y al negro deja el dolor.
La Rem
en un socavón.
Do Sib Y aunque mi amo me mate...
yo no quiero morirme
La Rem Solm Rem
en un socavón. Cuándo vuelvo de la mina
Solm Fa
Rem Fa cansado del carretón
Don Pedro es tu amo, él te compró Rem La
Rem Fa encuentro a mi negra triste
se compran las cosas, a los hombres no. La7 Rem
abandonada de Dios
Fa Solm Lam Rem
Y aunque mi amo me mate y a mis negritos con hambre
La Rem Lam Rem
a la mina no voy ¿por qué esto, pregunto yo?
Do Sib
yo no quiero morirme Y aunque mi amo me mate...

Informazioni

A la mina no voy è un canto tradizionale colombiano del XII secolo

pagina 5
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A las barricadas
(1933)
di Valeriano Orobón Fernández
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/las-barricadas

Rem que del triunfo sin cesar


Negras tormentas agitan los aires, La7
La7 Rem La7 nos lleva en pos.
nubes oscuras nos impiden ver, Rem
Rem Alta la bandera revolucionaria
aunque nos espere el dolor y la muerte, La7 Rem7 La7
La7 Rem La7 Rem que del triunfo sin cesar nos lleva
contra el enemigo nos manda el deber. Rem
Fa Do en pos.
El bien más preciado es la libertad.
Rem La7 ¡En pie pueblo obrero, a la batalla!
Hay que defenderla con fe y con valor. ¡Hay que derrocar a la reacción!

Rem ¡A las barricadas! ¡A las barricadas


Alta la bandera revolucionaria por el triunfo de la Confederación!
La7 Rem ¡A las barricadas! ¡A las barricadas
por el triunfo de la Confederación!

Informazioni

Inno della Confederacion Nacional del Trabajo (CNT). Uno dei più famosi canti anarchici spagnoli, scritto in
occasione della guerra civile del 1936.
Questo inno anarchico ha una gloriosa storia rivoluzionaria e al tempo stesso è una delle canzoni più popolari delle
classi operaie della Polonia, dell'Unione Sovietica e della Germania antifascista, dove è conosciuta con il titolo
"Warsavianka".
La versione spagnola, con arrangiamento per coro misto di Angel Miret e testo spagnolo di Valeriano Orobón
Fernández, è stata pubblicata nel 1933, con il nome "Marcia trionfale" e il sottotitolo "A las barricadas", nel
supplemento della rivista "Tierra y Libertad" di Barcellona.

Vedi anche La Varsovienne

In :Carlos Palacio, Colección de Canciones de Lucha, Ediciones Pacific, Madrid, 1980 , facsimile della edizione della
Tipografía Moderna, Valencia Febbraio 1939

pagina 6
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A lavorar la terra
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: risaia/mondine
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lavorar-la-terra

La Mi7 vogliam la libertà


A lavorar la terra ci vuol le contadine,
La
noi siamo le mondine, noi siamo le mondine. Se non ci conoscete, guardateci
Mi7 all’occhiello,
A lavorar la terra ci vuol le contadine, portiam falce e martello,
La portiam falce e martello
noi siamo le mondine, siamo lavorator. Se non ci conoscete, guardateci
Mi7 La all’occhiello,
Vogliam la libertà portiam falce e martello, simbolo del lavor.
Mi7 La Vogliam la libertà
Noi siamo le mondine, siamo lavorator, Portiam falce e martello, simbolo del lavor.
Mi7 La vogliam la libertà

Informazioni

Dal repertorio delle Mondine di Opera Registrazione dal vivo del 23 novembre 2002 al Centro Sociale Leoncavallo
di Milano durante la rassegna "Politicanto"

pagina 7
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A le case minime
(1965)
di Gualtiero Bertelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: veneto
Tags: lotta per la casa
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/le-case-minime

Dom Sol7 de romper la porta e ocupar la casa.


L'altro giorno a le case minime
Dom I le ciama case co un bel coragio
i ga lassà libera 'na casa perchè de le case decenti e ga poco
Do7 Fam la xe 'na stansa de quattro metri
e fin dale sinque de la matina co un gabineto de quei a la turca.
Sol7 Dom
ghe gera gente che aspetava. I le ciama case quei disgrassiai
che ga vissuo per ani da bestie,
Ghe gera un pare de famegia che ga ciamà case e sofite,
co quatro fioi da mantenir, i magaseni, i sotoscala.
che da trent'ani vive in sofita
pien de sorsi, de aqua e de sporco. I ga spetà chieti fin e nove
dopo a l'assalto, come pirati,
Do7 Fam su par e finestre e dentro per le scale,
Ghe ne gera un'altra infinità sa massa enorme di disperai.
Mib
co e careghe e i tavoini Dopo do mesi de 'sta facenda
Fam Dom Fam Dom za lo savemo par esperienza,
che i spetava el momento bon vien senza ciacole la questura,
Lab Sol Lab7 Sol7 che li ciapa tuti e li sbate fora.

Informazioni

Le "case minime": erano così dette quelle costruzioni edificate degli anni '50 all'isola Giudecca (e in molti comuni
italiani) da destinare ai baraccati che vivevano nell'isola, costruite con materiali di risulta, laterizi e pietrame, non
protetti da risalite di umidità; "minime" perchè composte da un'unica stanza di "4 metri" e un gabinetto alla turca.
In queste abitazioni vivevano fino a 10 persone. Saranno utilizzate fino agli anni 70. Ancora in piedi fino a
pochissimi anni fa, sono state oggi demolite.

pagina 8
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A morte la casa Savoia


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/morte-la-casa-savoia

Re Sol Re
A morte la Casa Savoia noi siamo le schiere ribelli,
La7 Sol La7 Re
bagnata da un'onda di sangue, sorgiamo che giunta è la fin!
si sveglia il popol che langue, Sol La7 Re
Sol Re sorgiamo che giunta è la fin!
si sveglia il popol che langue!
La7
A morte il Re e il principin,
O ladri del nostro sudore Re
La7 a morte il Re e il principin!
nel mondo siam tutti fratelli,

Informazioni

Questa canzone venne cantata in Romagna, a Brisighella (Forlì) nel 1944, dai soldati della Divisione Friuli di
Badoglio, tutti ex partigiani della Brigata Bianconcini delle Marche ma anche dai partigiani della "Spartaco
Lavagnini" di Firenze.
Fonte: G. Lanotte, "Cantalo forte. La Resistenza raccontata dalle canzoni", Nuovi Equilibri Stampa Alternativa 2006.

pagina 9
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A quel omm
(1965)
di Ivan Della Mea
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: milanese
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/quel-omm

Do Sol7 Do Sol7
A quel omm, che incuntravi de nott quater strasc, on po' d'ombra,
Sol7 Do
in vial Gorizia, là sul Navili, [nient'alter,
Rem Sol7 Do Fa Sol7
quand i viv dormen, sognen tranquili no Giusepp, no Gioann, gnanca Walter
Lam Sol7 Do Lam Rem Do
e per i strad giren quei ch'inn mort. e gnanca adess mi cognossi el to no - o - om.

A quel omm, ma te seret 'na magia Lam Fa Do Fa


che vegniva su l'asfalt de la strada A quel omm, a quel tocc de silenzi
cont la facia on po' gialda e stranida, Sib
cont i oeucc on po' stracc, un po' a la nott e anca a lu voeuri dii:
[smort. Do7 Fa
in vial Gorizia ghe sont mi de per mi
Fa Do Rem Sol7 Do
A quel omm, ma te seret on omm, e so no se 'sti robb g'hann on sens.

pagina 10
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A Silvia [Silvia Baraldini]


(1992)
di Alfredo Bandelli
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: carcere, comunisti/socialisti, femministi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/silvia-silvia-baraldini

Re Ascoltate la coscienza,
Silvia è chiusa nella cella democratici e cristiani,
La7 che sedete ad ogni mensa
per un sogno, un'ideale che stringete mille mani.

nell'America sorella, Date a Silvia un po' di fiato,


Re date a Silvia un po' di vento,
progressita e liberale. perchè possa liberare
le sue ali dal cemento!
Condannata a lenta morte
dentro il carcere speciale No, non si fermerà...
dal padrone bianco e forte
con il giusto tribunale! E voi muti alberi stanchi
sollevate le radici
La7 Re proprio voi compagni avanti
No, non si fermerà, senza ipocriti sorrisi.
La7 Re
questa lotta non si fermerà! Via le sbarre, via il gendarme
La7 Re che sia libertà o sia fiamme!
No, non si fermerà Che ogni Silvia sia raccolta
La Re che sia libertà o rivolta!
uguagliana, pace e libertà!
No, non si fermerà...

Informazioni

Per questo testo dedicato a Silvia Baraldini l'autore adoperò la melodia della sua canzone Bella bimba

pagina 11
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

A tocchi a tocchi
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: romanesco
Tags: carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/tocchi-tocchi

Lam Mi7 me lo dicesse "Lassa annà chi t'ama"


A tocchi a tocchi la campana sona, me lo dicesse "lassa annà chi t'ama"
Lam io je direi de no, sagra corona.
li turchi so' arivati a la marina.
Mi7 Come te posso amà...
Chi c'ha le scarpe rotte le risola,
Lam Come te possò amà,che c'ho marito?
io già l'ho risolate stamatina. sposete mi sorella,me sei cognato
Sposete mi sorella,me sei cognato
Lam Mi7 e da cognato me diventi amico.
Come te posso amà
Lam Come te posso amà...
come te posso amà
Rem Mi7 Amore amore manneme un saluto
si scappo da sti cancelli che sto qui a San Micchele carcerato.
LAm Mi7 Lam So addiventato n'arbero caduto,
quarcuno l'ha da pagà. da amici e da parenti abbandonato.

All'erta all'erta la campana sona, Come te posso amà...


li turchi so arivati a la marina.
Viva li monticiani e viva Roma Amore amore manneme un saluto
viva la gioventù trasteverina. che so a Reggina Celi carcerato,
e da nessuno più so' conosciuto
Come te posso amà... da amici e parenti abbandonato.

Se il papa me donasse tutta Roma, Come te posso amà...

Informazioni

Canto di carcere romano,conosciuto anche con il titolo "Alla Renella" (via diTrastevere), presente in molte raccolte
ottocentesche, ed è diffusa in tutta l'area centro-meridionale.

pagina 12
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Addio Bologna bella


di Alberto Marzoli
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/addio-bologna-bella

La La
Addio Bologna bella, con la speranza sul cuor
Mi7
o dolce terra pia, E tu che ci discacci
con una vil menzogna,
per una vil menzogna repubblica fascista,
La un dì ne avrai vergogna
i partigiani van via.
Il partigiano errante
Mi7 ha la sua fede nel cuor.
Vanno sulle montagne

Informazioni

Sull'aria di "Addio a Lugano"

pagina 13
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Addio Lugano bella


di Pietro Gori
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/addio-lugano-bella

La un dì ne avrai vergogna
Addio Lugano bella noi oggi ti accusiamo
Mi7 in faccia all'avvenir.
o dolce terra mia Noi oggi ti accusiamo
cacciati senza colpa in faccia all'avvenir.
La
gli anarchici van via Cacciati senza tregua
Mi7 andrem di terra in terra
e partono cantando a predicar la pace
La ed a bandir la guerra
con la speranza in cuor. la pace tra gli oppressi,
Mi7 la guerra agli oppressor.
E partono cantando La pace tra gli oppressi
La la guerra agli oppressor.
con la speranza in cuor.
Elvezia il tuo governo
Ed è per voi sfruttati schiavo d'altrui si rende
per voi lavoratori d'un popolo gagliardo
che siamo incatenati le tradizioni offende
al par dei malfattori e insulta la leggenda
eppur la nostra idea del tuo Guglielmo Tell.
è solo idea d'amor. E insulta la leggenda
Eppur la nostra idea del tuo Guglielmo Tell.
è solo idea d'amor.
Addio cari compagni
Anonimi compagni, amici luganesi
amici che restate addio bianche di neve
le verità sociali montagne ticinesi
da forti propagate i cavalieri erranti
è questa la vendetta son trascinati al nord.
che noi vi domandiam. I cavalieri erranti
E questa la vendetta son trascinati al nord.
che noi vi domandiam.
[Vittorio Emanuele,
Ma tu che ci discacci figlio di un assassino
con una vil menzogna Evviva Gaetano Bresci
repubblica borghese che uccise Umberto I]

Informazioni

Canto scritto in carcere da Pietro Gori, quando fu costretto, insieme ad altri dodici fuoriusciti italiani, a lasciare la
Svizzera per motivi politici.

La data si riferisce all'arresto di Pietro Gori.

La musica è di origine popolare toscana.

pagina 14
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Addio mammina addio


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/addio-mammina-addio

Sol anche se infurian vento e tempesta


Addio mammina addio noi siamo fieri coraggiosi e baldi
Re7 le gesta seguirem di Garibaldi.
cantava il partigiano nel partire
pregando in alto Iddio Se tu sapessi o bella
Sol per la bandiera che piantai lassù
per questo figlio che non vuol tradir ci sto di sentinella
Re7 e dei fascisti non la 'forcan più
la causa santa della riscossa moschetto pronto mitragliatrice
Sol prendi la vita schiere felici
di Garibaldi camicia rossa la bomba sempre pronta nella mano
Re il distintivo gli è del partigiano.
sono orgoglioso d'esser coi ribelli
Sol Tremate o maledetti
prima d'andare contro i miei fratelli. questo è il destino della gioventù
che irrompe in tutti i petti
Se tu sapessi o mamma e il desiderio non si ferma più
quanti compagni che trovai lassù di liberar la patria nostra
lassù sulla montagna da questa setta schifosa e tosta
che è presidiata dalla gioventù con tutti i pianti che c'hai fatto fare
pien di gioia come una festa con la lor pelle la dovran pagare.

Informazioni

Con lievi varianti questo canto l'ho ascoltato dalla voce del partigiano Volpe (nome di battaglia) della XXIII Brigata
Garibaldi "Guido Boscaglia" nel luglio 2003, all'annuale raduno dei reduci della Brigata sui monti delle Carline tra
Siena e Grosseto (Pardo Fornaciari).

All'indirizzo http://www.memoria.provincia.arezzo.it/canti/canti_partigiani.asp si può ascoltare questo canto con


lievissime variazioni; un po' diverso (ma con spartito e qualche informazione) è stato pubblicato anche da M.
Gatteschi "Il canto popolare aretino. La ricerca di Diego Carpitella", Le Balze, Arezzo, 2004. (Francesca Prato)

pagina 15
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Addio padre e madre addio


Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/addio-padre-e-madre-addio

Do Sol7 E fui ferito, ma una palla al petto,


Addio padre e madre addio, e i miei compagni li vedo a fuggir
Do ed io per terra rimasi costretto
che per la guerra mi tocca di partir, mentre quel chiodo lo vedo a venir.
Fa Do
ma che fu triste il mio destino, "Fermati o chiodo, che sto per morire,
Sol7 Do pensa a una moglie che piange per me",
che per l'Italia mi tocca morir. ma quell'infame col cuore crudele
col suo pugnale morire mi fé.
Quando fui stato in terra austriaca
subito l'ordine a me l'arrivò, Sian maledetti quei giovani studenti
si dà l'assalto la baionetta in canna, che hanno studiato e la guerra voluto,
addirittura un macello diventò. hanno gettato l'Italia nel lutto,
per cento anni dolor sentirà

Informazioni

Canto militare, Lombardia. Canzone su modulo di cantastorie, anche se manca il riscontro del "foglio volante".
Troviamo questo canto in gran parte dell'Italia settemtrionale, in numerose versioni. La versione della Prima Guerra
Mondiale pare essere tra le più conosciute, anche se probabilmente è antecedente. Da R. Leydi "I canti popolari
italiani".

pagina 16
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Addio, bella, addio!


di Andrea Costa
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/addio-bella-addio

Re tanto fatto ci hanno soffrir,


Addio, bella, addio, che morire di fame o di piombo
La7 di piombo o di fame, è tutt'un morir.
alla morte incontro si va;
Re La bandiera è già spiegata,
e se non partissi anch'io, né mai più la ripiegherem;
Mim La7 Re o con essa otterem la vittoria,
sarebbe una vil - tà! o intorno ad essa noi morirem.
La7 Re
E se non partissi anch'io, Non pianger, mio tesoro,
Mim-La7 Re se alla morte incontro si va:
sarebbe una vil - tà! non moriamo per nuovi padroni,
moriamo invece per l'umanità!
Ci hanno tanto martoriato,

Informazioni

"Parodia" socialista della canzone risorgimentale di Carlo Bosi Addio mia bella addio, che si può ascoltare qui

http://www.youtube.com/watch?v=3_abCVrLiNw

pagina 17
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Al compagno presidente
(1974)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/al-compagno-presidente

Lam per chi ti vuol vendicare.


Niente bandiere esposte a mezz'asta Chi ci ha la forza ma non la ragione
Re#dim Mi-Sol La+ La Rem Re-7 si affida solo al cannone.
a Valpara - i- so, Santiago e Antofaga - sta
Fa5m Mi Fa Do Rem Re#dim Mi4 Mi Ma a mille a mille si sono mosse
per Salvador A - ll - e - n - de: in tutto il mondo le bandiere rosse
per te compagno Allende:
hanno paura di ricordare
che un vero presidente popolare si sono mosse per ricordare
muore ma non s'arrende. che solo un Presidente popolare
muore ma non s'arrende.
Lam Fa Do Rem Sim7 Mi La- E' stato il popolo a darti in omaggio
Per chi è vissuto e morì con coraggio questo tuo grande coraggio :
Fa Do Rem Re#dim Mi4 Mi Lam questo coraggio che tu ora, da morto,
non ci si attende un oma - g - gio rendi al tuo popolo insorto.

da quelli che son vissuti e, più tardi, Chi ti ha voluto render gli onori
dovran morir da codardi. sono milioni di lavoratori,
di rivoluzionari,
Niente uniformi, nè generali,
nè nobildonne, nè autorità ufficiali perchè è un esempio ormai leggendario
di fianco al tuo sudario: che un Presidente muoia proletario
tra gli altri proletari.
per chi t'ha ucciso non conta niente
la morte d'un compagno Presidente Ma dietro ad un proletario ammazzato
morto da proletario. c'è tutto il proletariato,
c'è tutto il proletariato che aspetta
I traditori si sono già accorti di compier la sua vendetta.
d'esser più morti dei morti:
anche da vivi a costoro è concesso E quei fucili che hanno voluto
d'esser carogne lo stesso. renderti ancora l'ultimo saluto
entrando al cimitero
Nessun cannone ti ha tributato,
sparando a salve, l'ultimo commiato son stati i primi che hanno indicato
entrando al cimitero: come seguir l'esempio che tu hai dato,
compagno guerrillero.
Nixon non spreca inutilmente
le munizioni per un Presidente Ora la forza ce l'ha un traditore
morto da guerrillero. ma il socialismo non muore :
esso è ben vivo e continua a lottare
Ogni suo colpo lo deve serbare con Unità Popolare.

Informazioni

Canzone dedicata a Salvador Allende, ucciso l'11 settembre 1973.

pagina 18
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Al poeta compagno Vinh Long


(1972)
di Canzoniere delle Lame
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/al-poeta-compagno-vinh-long

Lam Ma nella terra del tuo Vietnam


Là nella terra del tuo Vietnam spunterà un fiore compagno Vinh Long
Rem Lam la vita è un fiore
la pioggia è sangue compagno Vinh Long che tu hai piantato
Mi domani sboccerà.
il sole è nero
Laj Siamo a migliaia compagno Vinh Long
il cielo è morte siamo venuti per il tuo Vietnam
Mi Mi7 Lam dacci la mano
ma tu combatti ancor. andiamo insieme
la vita fiorirà.

pagina 19
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Al referendum rispondiamo "NO"


(1974)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: anticlericali, femministi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/al-referendum-rispondiamo-no

Re La7 Re La7 Re I petrolieri li hanno già corrotti,


E al referendum rispondiamo “NO!” agli Andreotti rispondiamo “NO!”
Re La7 Re La7 Re I petrolieri li hanno già corrotti,
E al referendum rispondiamo “NO!” agli andreotti rispondiamo “NO!”
Sol Re
Voglion dividere i lavoratori, Gabrio Lombardi rispondiamo “NO!”
La7 Re Re7 Gabrio Lombardi rispondiamo “NO!”
son truffatori a cui diremo “NO!” è troppo amico di chi ci ha i miliardi,
Sol Re Gabrio Lombardi rispondiamo “NO!”
Voglion dividere i lavoratori, è troppo amico di chi ci ha i miliardi,
La7 Re Gabrio Lombardi rispondiamo “NO!”
son truffatori a cui diremo “NO!”
A Luigi Gedda rispondiamo “NO!”
E al referendum rispondiamo “NO!” A Luigi Gedda rispondiamo “NO!”
E al referendum rispondiamo “NO!” è un vecchio amante della guerra fredda,
Voglion portarci indietro di vent’anni, a Luigi Gedda rispondiamo “NO!”
ma ai loro inganni rispondiamo “NO!” è un vecchio amante della guerra fredda,
Voglion portarci indietro di vent’anni, a Luigi Gedda rispondiamo “NO!”
ma ai loro inganni rispondiamo “NO!”
E ad Almirante rispondiamo “NO!”
E al referendum rispondiamo “NO!” E ad Almirante rispondiamo “NO!”
E al referendum rispondiamo “NO!” Ieri era il boia ed oggi è il mandante,
Son cose vecchie sanno un po' di muffa, ad Almirante rispondiamo “NO!”
ed è una truffa a cui diremo “NO!” Ieri era il boia ed oggi è il mandante,
Son cose vecchie sanno un po' di muffa, ad Almirante rispondiamo “NO!”
ed è una truffa a cui diremo “NO!”
Su quella scheda scriveremo “NO”
E al referendum rispondiamo “NO!” Su quella scheda scriveremo “NO”
E al referendum rispondiamo “NO!” Contro le bombe di Ventura e Freda,
Sono i fascisti che ce l’han proposto, su quella scheda scriveremo “NO”
ma ad ogni costo rispondiamo “NO!” Contro le bombe di Ventura e Freda,
Sono i fascisti che ce l’han proposto, su quella scheda scriveremo “NO”
ma ad ogni costo rispondiamo “NO!”
12 maggio noi diremo “NO!”
E al referendum rispondiamo “NO!” 12 maggio noi diremo “NO!”
E al referendum rispondiamo “NO!” Basta buon senso e un poco di coraggio,
Contro chi vuole farci andare a destra, al 12 maggio per risponder “NO”
la via maestra è risponder “NO!” Basta buon senso e un poco di coraggio,
Contro chi vuole farci andare a destra, al 12 maggio per risponder “NO”
la via maestra è risponder “NO!” Basta buon senso e un poco di coraggio,
al 12 maggio per risponder “NO”
E agli Andreotti rispondiamo “NO!” Basta buon senso e un poco di coraggio,
E agli Andreotti rispondiamo “NO!” al 12 maggio per risponder “NO”

Informazioni

Canzone facente parte dell'album "L'ultima crociata", scritto in occasione del referendum abrogativo della legge
sul divorzio, tenutosi il 12 e 13 maggio 1974, per fare propaganda al "NO" e per svelare tutti gli interessi, e i
personaggi che tali interessi rappresentavano, che si celavano dietro il fronte del "SI".

pagina 20
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Al referendum rispondiamo "NO" [versione 2016]


(2016)
di Fulvio Boris Tallarico
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: referendum
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/al-referendum-rispondiamo-no-versione-2016

Re Sol Re Ed alla Boschi noi diremo “NO!”


Al referendum rispondiamo “NO!” Parli di Banca Etruria e affari loschi
Re Sol Re ma alla Boschi noi diremo “NO!”
Al referendum rispondiamo “NO!”
Sol Re Ed a Verdini noi diremo “NO!”
A chi ha sconvolto la Costituzione Ed a Verdini noi diremo “NO!”
La Re Ci avranno forse preso per cretini
noi senza eccezione rispondiamo “NO!” ma a Verdini noi diremo “NO!”

Al referendum noi diremo “NO!” E alla Madia noi diremo “NO!”


Al referendum noi diremo “NO!” E alla Madia noi diremo “NO!”
L’hanno sconvolta l’hanno scardinata, Questa riforma è una gran porcheria
è un’altra porcata a cui va detto “NO!” e alla Madia noi diremo “NO!”
E al referendum noi diremo "NO!"
E al referendum noi diremo "NO!" Al referendum rispondiamo “NO!”
E’ Matteo Renzi che ce l'ha proposta, Al referendum rispondiamo “NO!”
e come risposta noi diremo "NO!" Noi siamo tutti partigiani veri
ed oggi come ieri rispondiamo “NO!”
E al referendum rispondiamo "NO!"
E al referendum rispondiamo "NO!"
Vuole disfarla e fare molti danni, Votiamo tutti rispondendo “NO!”
ma ai suoi inganni rispondiamo "NO!" Votiamo tutti rispondendo “NO!”
Questa riforma brutta e autoritaria
Ed alla Boschi noi diremo “NO!” manderemo all’aria rispondendo “NO!”

Informazioni

Testo scritto nei mesi antecedenti la consultazione referendaria del 4 dicembre 2016 in merito alla riforma
costituzionale. E' un contraffactum della canzone Al referendum rispondiamo "NO" di Fausto Amodei, eseguito la
prima volta il 4 giugno 2016 a Carpi (MO) dal gruppo "I Violenti Piovaschi", in occasione della campagna di raccolta
firme per il referendum.

L'abbiamo ascoltata per la prima volta dall'autore del testo e dal gruppo "I Violenti Piovasci" durante la IX edizione
di CorAzone - Internazionale di canto sociale, il 24 settembre a Bologna, presso la scuola di musica popolare Ivan
Illich

pagina 21
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Alcide Cervi
(1975)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/alcide-cervi

Re Mi7
E' un vecchio bimbo di questa morta
La7
senza i suoi figli civiltà.
La7
pieno d'amore Re
Re Ha visto madri
fatto di terra
gettare figli
là nel suo campo La7
Sim senza speranze
c'è sette croci Re
Mi7 e senza niente
il suo calvario
La7 e poi la scienza
di libertà. Sim
scartare l'uomo
Re Mi7
Lui l'alzerà ma come se
La7
questa bandiera cavasse un dente
La7
per una voglia Re
Re e poi la scienza
ma dolce e antica
scartare l'uomo
sudata sangue Sol7
Sim ma come se
sotto all'ulivo Re
cavasse un dente.

Informazioni

tratto dal lavoro "Compagno ti conosco" (FIABA GRANDE).

pagina 22
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

All'armi siam digiuni


(1975)
di Canzoniere delle Lame
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/allarmi-siam-digiuni

Re La7 È Almirante si sparge la voce


Era giugno e faceva un gran caldo È arrivato con i suoi camerati
Re Essi aspettan di essere serviti
Almirante affamato sbuffava Oggi in bianco dovranno restar
Re7 Sol Basta un cenno e tutti i compagni
A Bologna di mangiare sperava Dal self service ai distributori
Re Mi7 La7 Per i fascisti e i fucilatori
E al suo autista ordinò di frenar Gli gridavan qui posto non c'è
Re La7 Marzabotto è ancor troppo vicina
Fermo al Motta di Cantagallo Faccia presto ad alzare le suole
Re Nelle fogne può dir ciò che vuole
Per pranzare e per fare benzina Ma a Bologna non deve parlar.
Re7 Sol Ma a Bologna non deve parlar.
Ma il gran caldo di quella mattina
Re La7 Re Fu così che schiumante di rabbia
Per un pezzo dovrà ricordar Se ne andò la squadraccia missina
Pancia vuota e senza benzina
Sol Re Cantagallo dovette lascià
Con i suo bravi sedette era stanco Era giugno e sull'autostrada
La7 Re Ma che caldo che caldo faceva
Poi si alzò per andare nel bagno Almirante affamato spingeva
Sol Re Nelle fogne a piedi tornò
Ma lo vide un barista compagno Ed adesso come naturale
La7 Il Carlino offeso si lagna
E la lotta improvvisa scattò “Poc da fèr mo’ què a Bulagna
Re pr’i fasesta an’gn’è gnanc
E la lotta improvvisa scattò. un panein."t.

Informazioni

Il racconto di una "mobilitazione spontanea" contro il fascista Almirante e i suoi squadristi.

La data è indicativa, le informazioni recuperate parlano dei "primi di giugno del 1971".

pagina 23
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Amore mio non piangere


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, femministi, risaia/mondine
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/amore-mio-non-piangere

Re che sveglia la mattina


Amore mio non piangere Ma là nella casetta
La7 mi sveglia la mammina
se me ne vado via
Io lascio la risaia Vedo laggiù tra gli alberi
Re la bianca mia casetta
ritorno a casa mia E vedo laggiù la mamma
che ansiosa lei m'aspetta
Amore mio non piangere
se me ne vò lontano Mamma papà non piangere
Ti scriverò da casa se sono consumata
per dirti che io t'amo E' stata la risaia
che mi ha rovinata
Non sarà più la capa

Informazioni

Dal repertorio di Giovanna Daffini, è tra i più noti canti di risaia. Esistono versiono partigiane(ALLO SPUNTAR
DELL'ALBA), politiche (MAMMA MIA NON PIANGERE SE SON SCOMUNICATA...), militari(SENTO LE RUOTE CHE
GIRANO) e di fabbrica.

In alcune versioni il canto si concludeva con i seguenti versi:

"Ama chi ti ama,


non amare chi ti vuol male
specialmente il caporale
e i padroni che sfruttano te".

(maria rollero)

pagina 24
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Amore ribelle
di Pietro Gori
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/amore-ribelle

Re Ci han chiamati malfattori


All'amor tuo fanciulla Ma noi siam lavoratori
La7 Re Che padroni non vogliam.
Altro amor io preferìa
E' un ideal l'amante mia Dei ribelli sventoliamo
La7 Re Le bandiere insanguinate
A cui detti braccio e cor. E innalziam le barricate
Per la vera libertà.
La7 Re
Il mio cuore aborre e sfida Se tu vuoi fanciulla cara
La7 Re Noi lassù combatteremo
I potenti della terra E nel dì che vinceremo
La7 Re Braccio e cor ti donerò.
Il mio braccio muove guerra
La7 Re Se tu vuoi fanciulla cara
Al codardo e all'oppressor. Noi lassù combatteremo
E nel dì che vinceremo
Perché amiamo l'uguaglianza Braccio e cor ti donerò.

Informazioni

Sull’aria de “L’inno dei nichilisti”. Di “Amore ribelle”, che è pure conosciuta come “Canzonetta del libero amore”,
esistono altre incisioni pubblicate su melodie differenti.

pagina 25
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Anche per quest'anno


Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, femministi, risaia/mondine
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/anche-questanno

Do lo voglion le file dritte


Anche per quest'anno, anche se siamo in duecento;
Sol7 Do se c'è una povera donna
ragazza, ci han fregato, che la si sente mal
con tutte le sue chiacchere vanno col rallentamento
Sol7 Do per portarla all'ospedal.
in risaia ci han mandato
C'è poi un'altra cosa
Fa da fare ben presente:
e noi povere donne con pane, riso e vitto
Do non si capisce niente;
ci tocca lavorar e riso e sempre riso,
Sol7 con acqua in quantità,
per mantenere i ricchi e Scelba è al governo
Do coi signori a consolar.
al suo paese a passeggiar.
E tutto quel sudore
Ci sono dei padroni che noi quaggiù prendiamo
che sono un po' impazienti, saranno poi le lacrime
comandano, bestemmiano, dei figli che abbiamo;
con la bava fra i denti, e grideranno "mamma,
dicendo: "Queste donne vogliamo da mangiar!"
lavor non lo san far. allora lotteremo
Dovrebbero far presto per lavoro e libertà.
come il treno a camminar".
E grideranno "mamma,
Se si parla del trapianto vogliamo da mangiar!"
l'è una cosa da spavento, e lotteremo allora
per lavoro e libertà.

Informazioni

Canto tratto dal repertorio di Giovanna Daffini, databile per il riferimento a Scelba. La melodia richiama, almeno
nella prima parte della strofa, Il general Cadorna

pagina 26
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

And the band played Waltzing Mathilda


(1972)
di Eric Bogle
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: inglese
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/and-band-played-waltzing-mathilda

Re La And the band played Waltzing Matilda,


When I was a young man, I carried my pack. As we stopped to bury our slain.
Mi La And we buried ours
And I lived the free life, of a rover. and the Turks buried theirs,
Mi Re And it started all over again.
From the Murray's green basin,
La Now those who were living, Did their best to
To the dusty outback, survive,
Mi La In that mad world of guts, blood, and fire.
I waltzed my matilda all over. And for seven long weeks,
Mi Re La I kept myself alive,
Then in 1915, my country said "son" As the corpses around me piled higher.
Mi Re Then a big Turkish shell, Knocked me arse
"It's time to stop rambling," over tit.
La And when I awoke
"Cos there's work to be done." in my hospital bed,
Re And saw what it had done,
So they gave me a tin hat, Christ I wished I was dead.
La Never knew there were worse things than
And they gave me a gun, dying.
Mi La
And they sent me away to the war. And no more I'll go Waltzing Matilda,
To the green bushes so far and near.
For to hang tent and pegs
Re La A man needs two legs.
And the band played Waltzing Matilda, No more Waltzing Matilda for me.
Re Mi
As we sailed away from the quay. So they collected the crippled, The wounded
Re and maimed,
And amidst all the cheers, And they sent us back home to Australia.
La The legless, the armless,
And the shouts and the tears, the blind and insane.
Mi La Those proud wounded heroes of Souvla
We sailed off for Galipoli And as our ship pulled into Circular Quay
I looked at the place
where my legs used to be.
How well I remember that terrible day, And thank Christ, there was nobody
when the blood stained the sand and the waiting for me,
water. To grieve and to mourn and to pity.
And how in that hell
that they called Souvla Bay And the band played Waltzing Matilda,
We were butchered like lambs at the As they carried us down the gangway.
slaughter. But nobody cheered,
Johnny Turkey was ready, He'd primed himself They just stood and stared,
well. And they turned their faces away.
He showered us with bullets,
And he rained us with shells. And now every April, I sit on my porch,
And in five minutes flat, And I watch the parades pass before me.
he'd blown us all to hell. I see my old comrades,
Nearly blew us right back to Australia. How proudly they march.
Reliving the dreams of past glory.
I see the old men, all twisted and torn.

pagina 27
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

The forgotten heroes And the band plays Waltzing Matilda,


of a forgotten war. And the old men still answer the call.
And the young people ask me, But year after year,
What are they marching for? Their numbers get fewer,
And I ask my self the same question. Someday no-one will march there at all.
Waltzing Matilda, Waltzing Matilda
Who'll come a waltzing matilda with me?

Informazioni

Una ballata antimilitarista sullo sbarco delle truppe australiane nella baia di Suvla nella campagna dei Dardanelli,
durante la prima guerra mondiale. Il brano è stato ripreso da molti artisti, tra i quali i Pogues (in Rum, Sodomy, and
the Lash - 1985). Giulietta Beltrame

La canzone originale "Waltzing Matilda", di cui si parla nel testo, si riferisce probabilmente ad un episodio avvenuto
durante i giorni del violento sciopero dei tosatori nell'Australia occidentale del 1894.(Canzoni contro la guerra)

pagina 28
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Andiamo Compagni
(1976)
di Mimmo Boninelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/andiamo-compagni

Sim Sol Sim Domandano alle masse di esser vendicati,


Compagno cittadino, fratello partigiano, le mani delle belve rimangono per sempre
Re Sim Sol Mim La macchiate da quel sangue come maledizione
dobbiamo ancora unire la mano nella mano, Re Sol La Re
Sol La Re Andiamo compagni, la nostra risposta
contro quella violenza che da piazza Fontana Sol La Re La
Sol La Re
Re son poche parole che abbiam da lungo in
continua senza tregua per Brescia e per testa.
Bologna. Son nostri i Consigli, uniamoci in massa,
Da un treno e dalle piazze dei corpi la sola risposta è lotta di classe.
martoriati

Informazioni

Canzone di lotta scritta da Mimmo Boninelli nel 1976 durante l'occupazione della Filati Lastex di Redona di
Bergamo.

pagina 29
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Aprile 74
(2007)
di Alessio Lega
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/aprile-74

La Mi portate dal mio amore


Re questo canto che muore
Compagni che sapete dove dorme la luna bianca e un fiore rosso rosso
Sim Se si vincerà..
anch'io vorrei vederla
Mi Compagni che al mattino col sole dell'aurora
ma devo stare qui
La Compagni che volete liberare la primavera
la lotta non è stanca. con voi combatterò
prendendo le armi solo
Compagni che al mattino col sole dell'aurora sotto quella bandiera.
sentite le sirene
vorrei sentirle anch'io E se un triste destino mi chiuderà in un
ma qui si lotta ancora. fosso
portate dal mio amore
E se un triste destino mi chiuderà in un questo canto che muore
fosso e un fiore rosso rosso
Se si vincerà..

Informazioni

La suggestiva versione in italiano di Alessio Lega, della canzone di Lluis Llac Abril 74, omaggio alla "Rivoluzione dei
garofani" portoghese.

pagina 30
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Armata Rossa
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/armata-rossa

Mim Si7 Mim dei battaglioni del lavor. 2 volte


Armata Rossa torrente d'acciaio
Si7 Mim Si7 Mim Nelle officine sui campi e sui mar,
Nelle tue file si vince o si muor; son gli sfruttati decisi a lottar.
Si7 Mim Stride la macchina, romba il motore,
Armata Rossa torrente d'ardore tuona il cannone, lo sterminator.
Si7 Mim Si7
L'imperialismo saprai schiacciar. Avanti avanti rosse falangi, ecc.

Mim Alzatevi in piedi proletari del mondo,


Avanti avanti, rosse falangi, per il comunismo venite a lottar,
Si7 Mim guai a chi tocca la Russia dei Sovieti (!)
spezziam le reni dell'oppressor; contro di noi dovrà cozzar.
Lam Mim
al sole brillano le baionette Avanti avanti ecc.
Si7 Mim

Informazioni

Da Romano-Solza, Canti della Resistenza italiana, Milano, Ed. Avanti, 1960: "Questa canzone è di origine russa e fu
cantata dalle Brigate garibaldine". Effettivamente la melodia è quella di Belaja armija, čërnyj baron

pagina 31
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ascoltate o popolo ignorante


Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ascoltate-o-popolo-ignorante

Fa Do7 che di nessuno non hanno pietà


Ascoltate o popolo ignorante
Fa (Parlato)
che della guerra notizia vi darò Attenzione!
Sib Fa Sentirete chi sono
se tutti quanti attenzione farete i vigliacchi colpevoli
Do Fa di questa guerra
io tutti quanti a pianger vi farò
Ma l’è la colpa dei vigliacchi studenti
Il ventinove dell’anno novello che per capriccio la guerra han voluta
Il primo sangue italiano fu sparso e hanno messo l’Italia nel lutto
Ma il Novantotto nell’ordine sparso per cento anni nel lutto sarà
diede l’assalto con gioia e valor
E compatite una povera mamma
Ci furon morti e molti feriti che ha perso il figlio
dalle granate sdrappam nemici sul fior dell'età
e un fuoco inferno delle mitragliatrici e compatite il vecchio suo padre
e il Novantotto in trincea restò che anche ai turchi farebbero pietà

Ma e chi piangeva per non avere colpa


e chi gridava implorando soccorso L'informatore ha cantato
ma le granate facevano il suo corso in altra occasione anche
e sfracellando chi tardi fuggì questa strofa
(quale seconda):
E chi in trincea e chi dietro le rocce Quando il foglio ci giunse in chiamata
riparandosi per non essere colpiti sotto l'armi ben noi si tornò
da quei vigliacchi crudeli austriaci per l'Italia da noi tanto amata
di combattere il cuore giurò

Informazioni

Di anonimo, portatore: Vittorio Renoldi (Belochio). Ricerca e registrazione di Gianni Bosio. Acquanegra sul Chiese
(Mantova), 11 dicembre 1965. Depositato all'Istituto Ernesto De Martino, note tratte da "Ci ragiono e canto" (maria
rollero)

Sull'aria di Addio padre

pagina 32
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Attraverso valli e monti


(1944)
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/attraverso-valli-e-monti

Mim Si7 Mim tinte nel sangue del partigian;


Attraverso valli e monti giù dai monti a balde schiere
Re Sol Re Sol sotto il fuoco avanti van
eroico avanza il partigian
Lam I tedeschi e i traditori
per scacciare l'invasore saran scacciati con l'acciar
Mim Si7 Mim e il clamor della vittoria
all'istante e non doman. varcherà le Alpi e il mar.
Lam Mim
Per scacciare l'invasore Combattiam per vendicare
Si7 Mim tanta infamia e atrocità
all'istante e non doman. combattiam perchè l'Italia
viva in pace e libertà
E si arrossan le bandiere

Informazioni

Versione italiana della nota canzone partigiana russa Po dolinam i po vzgoriam (Per colline e per montagne), parole
di Piotr Parfenov rielaborate nel 1929 dal poeta Serghei Alimov, nota in Italia perché trasmessa ogni giorno da
Radio Mosca. Essa fu ripresa dal fuoruscitismo antifascista negli anni '43-'44 ed era diffusa soprattutto tra i
partigiani del Friuli-Venezia Giulia.

pagina 33
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Avola, 2 dicembre 1968


di Canzoniere di Rimini
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/avola-2-dicembre-1968

Re loro vengon coi fucili,


Due dicembre, giorno bianco Re
La loro vengono coi mitra,
per la gente in ufficio La7
loro vengono in cento,
e che si vede passare Re
Re mai che siano da soli.
solite carte e fatture.
Loro vengon coi fucili,
loro vengono coi mitra,
Due dicembre, giorno bianco loro vengono in cento,
per mia madre in cucina, mai che siano da soli.
che cantando prepara
il pranzo e la cena. Due dicembre, giorno bianco
per mio padre, che è sereno:
Due dicembre, giorno nero oramai è assicurato,
per la gente che è stanca ogni mese paga lo Stato.
e che scende nelle strade Due dicembre, giorno bianco
perchè vuole un po' di pane. per la gente che è tranquilla
e che approva con la testa
Re La7 quello che scrive la stampa.
Due dicembre, giorno nero,
Re Due dicembre, giorno nero
da finire al cimitero, per chi cerca una risposta,
La7 per chi agisce e più non parla
da finirci, assassinati e si difende come può.
Re
da quei servi mal pagati. Due dicembre, giorno nero
per chi chiede un aumento
Sol6 Re e la risposta è solo una,
Ma si sa, si sa che, la risposta è di violenza.
Sol6 Re
ma si sa, si sa che Due dicembre, giorno nero,
da finire al cimitero,
La7 da finirci, assassinati
da quei servi mal pagati.

Informazioni

Sull'eccidio di Avola, dove la polizia fece fuoco su un gruppo di braccianti e ne uccide due.

pagina 34
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata ai dittatori
(1963)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-ai-dittatori

Mim la libertà soppressa,


Tiranni e generali, l'onore calpestato:
Lam6 Si7 Mim
marescialli e imperatori, la sua carogna, è cosa certa,
la lasceranno all'aria aperta,
uomini del destino, e il suo valore andrà stimato
Lam6 Si7 Mim meno di un bue scannato.
colonnelli e dittatori,
Do Sol Quanti di voi ci credono
voi che credete d'essere un gregge di montoni
Mim Si7 che solo col bastone
diversi da noi altri, si può far stare buoni
Do Sol e pensan che si scusino
voi che credete d'essere le loro bastonate
Lam6 Si7 perché non perdon Messa
più forti, saggi e scaltri: le feste comandate:

Mim avranno la soddisfazione di recitare


ora, finché ne avete il tempo, un'orazione per affidare,
Re a malincuore,
su, date agli altri il buon esempio, l'anima al Creatore.
Mim
e scomparite ai nostri sguardi Mi
Lam Re Mim Tiranni e generali,
prima che sia già tardi. La6 Si7 Mi
marescialli e imperatori,
Quanti di voi non sentono
timori ed apprensioni, uomini del destino,
solo perché posseggono La6 Si7 Mi
le bombe ed i cannoni, colonnelli e dittatori,
quanti di voi non temon Do Sol
nemici e congiurati voi che credete d'essere
perché son ben sicuri Mim Si7
di averli già ammazzati: diversi da noi altri,
Do Sol
faran la parte, prima o dopo, voi che credete d'essere
non più del gatto, ma del topo, Lam6 Si7
con una corda al collo stretta, più forti, saggi e scaltri:
come una marionetta.
Mi
Quel che di voi si sente tutti gli oppressi di 'sto mondo
potente ed importante, Re
solo perché è pagato un dì faranno un girotondo
dal ricco e dal mercante, Mi
e pensa di comprare, e suoneran tamburi e trombe
persino a buon mercato, La Re Mi La Mi
sopra le vostre tombe.

pagina 35
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata autocritica
(1972)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-autocritica

Rem Sol Sono dieci anni che canto le lotte


Sono dieci anni suonati che suono e i mille scioperi e la strategia
Rem Sol per far la rivoluzione;
questa chitarra e che canto di cuore ma son dieci anni che canto le botte
Fa Mi e i caroselli della polizia
canti di vario modello; e le condanne in prigione;
Lam Re c'è il canto triste se siamo battuti
già mille volte ho cambiato di tono c'è il canto allegro se mille operai
Lam Re scendono in piazza a lottare;
dal do maggiore al do diesis minore ma dopo tanti gorgheggi ed acuti
Do Si7 mi sono accorto che forse oramai
dal valzer allo stornello; non c'è più gusto a cantare.
Mim Re7
colla ciaccona colla marcia turca Il padrone ci ha
Do Sim uno stomaco da mille lire
col madrigale la giga il flamenco e per quanta merda mangi
Do Si7 la sa digerire;
la ciarda la controdanza lui aumenta i prezzi
Mi, Re segli strappi più salari
col tango col samba e con la mazurka poi ti taglia i tempi
Do Si, e ti fa far più straordinari ;
dei vari ritmi ho esaurito l'elenco figurarsi se i miei canti,
La, Fa# Si7 lui che ingoia tutto,
ma ho mai cambiato sostanza. non ci riesce a digerirli
e a farci sopra un rutto.
Mi La Si
Ho cantato sempre in base Per quanti acuti abbia emesso di testa
Mi La Fa# Si7 nessun padrone ha perduto un quattrino
ad una convinzio - ne di rendita o di profitto;
Mi La Si non basta un canto sia pur di protesta
che la cosa più importante perché succeda che qualche inquilino
Mi La Si La abbia ridotto l'affitto;
è battere il padrone; un ritornello non serve per niente
non c'è ballata che serva a qualcosa
Mi La Si né un ritmo di monferrina
ogni canto l'ho composto per render soffice uno sfollagente
Mi La Fa# Si7 per affrettare la morte gloriosa
perché ci aiuta - sse di un yankee nell'Indocina.
Mi La Si
a portare fino in fondo Forse occorre che
Mi La Si Do questa chitarra a ciondoloni
la lotta di classe; si trasformi in mitra
e possa emettere altri suoni;
Fa Si Do e che le sei corde
ho sperato che ogni strofa per produrre altri rumori
Fa Sib Sol Do si trasformino di colpo
quando l'ho canta - ta in sei caricatori;
Fa Sib Do
ci aiutasse a battere Fa Sib Do
Fa Sib Do Fa e che queste dita per
la proprietà privata. Fa Do Sol Do
produrre qualche effetto

pagina 36
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Fa Sib La forse può servire solo


anziché grattare arpeggi Fa Sib Fa# Si7
Rem Re7 Sol Do più la passaca - glia
premano un grilletto; Fa Sib Do
che con la sua voce sa
Fa Sib Do Fa Sib Do Fa
intonare la mitraglia.

pagina 37
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata del piccolo An


(1974)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-del-piccolo

Do Lam Rem che scappa e grida « c'è la polizia ».


O Cheu io vorrei che tu fossi qui
Sol7 Do O piccolo An sei scaltro e veloce
con me a gioire degli ilang in fiore assai più veloce di quei mercenari
Lam Sol Mim il branco s'affanna t'insegue feroce
con me a sentire cantar le campane cosi tu ci salvi da quei sanguinari.
Rem Sol Do
ma tu sei lontano nel Nord Vietnam. E un giorno il viale dei fiori di ilang
avrà nome viale del piccolo An.
È marzo a Kam-Tho ed è poesia
la nostra poesia ma io non ho pace Tu piccolo An sei in un vicolo cieco
la nostra Kam-Tho dai viali di sao e l'occhio riluce nel viso un po' bianco
è stretta tra maglie di ferro nemico. tu prendi una bomba sorridi sereno
e quindi la lanci nel mezzo del branco.
Fa Sol Do Lam
Ma un giorno il viale dei fiori di ilang Lo scoppio il silenzio e poi l'altra bomba
Rem Sol Do sui volti assassini c'è solo il terrore
avrà nome viale del piccolo An. terrore e sgomento negli occhi velati
tu fissi quegli occhi con freddo furore.
O Cheu anche noi nel Sud si combatte
e nel nostro cuore c'è un solo Vietnam E un giorno il viale...
il nostro Vietnam per lui si resiste
per lui è morto il piccolo An. Il piccolo An ci ha dato la vita
è morto gridando « viva lo zio Ho »
Due salti un sorriso è pieno di vita siam pazzi di rabbia di puro dolore
è ricco di gioia il piccolo An e il fuoco più rosso ci brucia nel cuore.
sul braccio la giacca e due bombe a mano
è già un partigiano il piccolo An. O Cheu verrà marzo una primavera
la nostra poesia allora sarà
Ma un giorno il viale... Kam-Tho liberata cogli alberi in fiore
col dolce profumo dei fiori di ilang.
Ma ecco il nemico rastrella la strada
e se ci sorprende per noi è finita Da oggi il viale dei fiori di ilang
ma in fondo alla via c'è il piccolo An ha il nome di viale del piccolo An.
Da oggi il viale dei fiori di ilang
ha il nome di viale del piccolo An.

pagina 38
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata del Pinelli


(1969)
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-del-pinelli

Ballata del Pinelli «Stiamo attenti, indiziato Pinelli,


questa stanza è già piena di fumo;
se tu insisti apriam la finestra
Sol Do Sol quattro piani son duri da far».
Quella sera a Milano era caldo
Re7 Sol Quella sera a Milano era caldo
ma che caldo, che caldo faceva. ma che caldo, che caldo faceva.
Do Sol «Brigadiere, apra un po' la finestra»
«Brigadiere, apra un po' la finestra» ad un tratto Pinelli cascò.
Re7 Sol
ad un tratto Pinelli cascò. L'hanno ucciso perchè era un compagno
non importa se era innocento;
«era anarchico e questo ci basta».
«Signor questore, io gliel'ho già detto, disse Guida, il feroce questor.
lo ripeto che sono innocente:
anarchia non vuoI dire bombe, C'è una bara e tremila compagni
ma giustizia, amor, libertà». stringevamo le nostre bandiere
in quel giorno l'abbiamo giurato
«Poche storie, confessa Pinelli, «non finisce di certo così».
il tuo amico Valpreda ha parlato:
è l'autore del vile attentato Calabresi e tu Guida assassini
e il suo socio, sappiamo, sei tu». che un compagno ci avete ammazzato
l'anarchia non avete fermato
«Impossibile - grida Pinelli - ed il popolo alfin vincerà .
un compagno non può averlo fatto Quella sera a Milano era caldo
e l'autore di questo misfatto ma che caldo, che caldo faceva.
tra i padroni bisogna cercar». «Brigadiere, apra un po' la finestra»
ad un tratto Pinelli cascò.

Informazioni

Giuseppe Pinelli fu assassinato il 15 dicembre del 1969, "caduto" dalla finestra della questura dove era sotto
interrogatorio, accusato ingiustamente di avere messo le bombe per la strage di piazza Fontana.

Questa è la versione scritta immediatamente dopo i funerali di Pinelli, sull'aria del canto "Il feroce monarchico
Bava", a cui seguirono diverse altre con minime varianti. Fu composta da quattro anarchici, la sera del 21
dicembre 1969, presso il Circolo Gaetano Bresci di Mantova.

Fonte: Catanuto S., Schirone F., Il canto anarchco in Italia nell'Ottocento e nel Novecento.Zero in condotta edizioni,
209, Milano

pagina 39
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata dell'alcolizzato
(1972)
di Gianni Nebbiosi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: disagio mentale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-dellalcolizzato

Chissà se l’infermiere che sta qui e quel che è peggio è che c’ha il coraggio
[di notte di provocare uno strano contagio
s’è mai chiesto perché guardano lei come babbei”
siamo finiti qui al reparto tre.
“Dica Proietti deve piantarla
Re tutte le notti lei grida e parla
“Vieni qui Mario prendi un bicchiere” in questa casa c’è tanta gente
lavoratori… lei non fa niente
“Ma cosa fai? Stai sempre a bere…” e si permette di disturbare
chi il giorno dopo va a lavorare
“Sentimi Mario non fare il cretino quindi lo sfratto è affare fatto”
e
io ci sto bene con il mio vino Chissà se l’infermiere che sta qui
La7 Re [di notte
e non invidio chi si accontenta s’è mai chiesto perché
La7 Re siamo finiti qui al reparto tre.
dopo otto ore da quasi animale
Fa# Re Chissà se ha mai pensato che i nostri
di un po’ di tele primo canale”. [cervelli
di alcol imbottiti
“Dica Proietti fra un paio d’ore hanno il coraggio d’essere impazziti
venga di sopra dal direttore”.
Giunge il momento va dal padrone Chissà cosa ne pensa di questa pazzia
“Lei rende poco, lei è un ubriacone lui ch’è quasi un signore
con il cervello che impazzisce a ore.

pagina 40
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata dell'emigrazione
(1970)
di Alberto D'Amico
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-dellemigrazione

Lam Rem Lam se vado in centro a fare quattro passi


Quel giorno che so' andato al settentrione le strade sono piene, piene d'odio
Rem Sol Do
l'hai maledetto tanto moglie mia Lo sfruttamento è calcolato bene
Rem Sol Lam ci carica fatica ogni minuto
peggio però la disoccupazione è un orologio di gran precisione
Rem Mi7 Lam la svizzera cammina col nostro fiato
che dalla nostra terra non va via.
Sono ritornato al maggio per il voto
falce e martello ho messo all'elezione
La svizzera ci accoglie a braccia chiuse noi comunisti abbiamo guadagnato
ci mette il pane duro dentro in bacco ma ha vinto la ruffiana del padrone
tre anni l'ho inghiottito a 'sto paese
tre anni carcerato alle barecche Padroni sulla terra ci volete
per far la fame e per tirarne conto
Alla periferia in mezzo ai fossi ma verrà il giorno che la pagherete
siamo 40 uomini e una radio e che non partirà neanche um emigrante

pagina 41
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata di Ustica
(1999)
di Giovanna Marini
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: strategia della tensione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-di-ustica

Rem Solm Rem Re un conflitto tra stati scoppiò.


Era il dì 27 di giugno
Solm Do Fa La C'era in mare una nave da guerra
anno 80 del secolo scorso che portava bandiera americana
Rem Lam Rem Re7 e nel cielo tre caccia mortali
e un aereo in civile percorso nella scia dell'aereo a lottar.
Solm La7 Solm
d'improvviso nel mare cascò. Più di un missile venne sparato
e da scudo l'aereo civile
Trascinò gli 81 sul fondo ne ebbe a un tratto ferita mortale
tra equipaggio, adulti e bambini presso Ustica s'inabissò.
da Bologna a Palermo vicini
al tramonto in un cielo seren. Da 20 anni tremiamo al pensiero
al terrore di quegli innocenti
Alle grida di quegli innocenti non esiste ragione attenuante
al pensiero di cosi grande orrore al delitto di stato che fu.
le richieste di tutti parenti
fino ad oggi risposta non c'è. Che credete voialtri militari,
che la guerra giustifichi tutto?
Un'inchiesta che dura 20 anni Voi ci avete strappato il diritto
tra suicidi e scomparse improvvise a fiducia ed umana pietà.
gli italiani han capito l'avviso
chi sapeva non voleva dir. E allora non vi resta che dichiarare il vero
ai parenti ed alla nazione
Quell'arereo volava sicuro e scontare la pena in prigione
su una rotta del tutto ufficiale per la strage di umanità
ma nell'ombra di quelle sue ali e scontare la pena in prigione
per la strage di umanità.

Informazioni

Composizione per quartetto scritta per lo spettacolo I-TIGI, Canto per Ustica di Marco Paolini, chiesto
dell'associazione Familiari delle vittime di Ustica, prod. Comune di Bologna, Comune di Palermo e Romagna Teatri.

Sulla melodia di O Gorizia

pagina 42
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata per Ciriaco Saldutto


(1972)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-ciriaco-saldutto

Re La lui plasma i servi di ogni officina


Lui ha quindici anni,
Re La La tua cultura e del tuo paese,
cognome Saldutto, sia chiaro, "terrone", va buttata via;
Re Sol la scuola ti dà un'altra cultura,
alunno alle medie, quella dei padroni, della borghesia
Re La
scuola Pacinotti, E tu puoi scordare
Re La Re Sol l'azzurro del cielo
venuto di Puglia, "terrone" immigrato: di Puglia e il dialetto
Re Sol La Re della tua terra:
Torino lo boccia e lui s'è impiccato tuo cielo è la FIAT, tua terra è Torino,
la scuola, Saldutto, è il campo di guerra.
Sol Re La
Per essere chiari diciamo: è un delitto, Ma non c'è battaglia, non c'è condizioni,
Re Sol Re La "terrone", ti adegui oppure accadrà
un altro delitto della repressione, che la repressione di tutti i padroni
Re La Re Sol con l'arma del voto ti escluderà
che usa la legge, il fucile, la scuola
Re Sol La Re Così a quindici anni
per farci più servi del nostro padrone ti han tolto anche il cielo
e in cambio ti han dato
Si sa che il padrone un vuoto di niente,
le sue maestranze e l'ultimo gioco che ti han lasciato
le vuole istruite è un pezzo di corda: ti sei impiccato.
e ben educate; Per fare chiarezze diciamo: è un delitto,
con la sua cultura, la sua disciplina un altro delitto della repressione,
che usa la legge, il fucile, la scuola
per farci più servi del nostro padrone

pagina 43
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata per Franco Serantini


(1972)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-franco-serantini

Re La7 te l'han strappata via.


Di nome avevi Franco, Ridi, Democrazia
Re fascista e non Cristiana.
cognome Serantini;
Mim E tu, Scudo Crociato,
i nazi-celerini bestemmi anche al Cristo:
La sei scudo del fascismo
ti han fatto morir di ieri e oggi, ancor.
La7 Re
ti han fatto morir. Contro questo fascismo
che ha il segno della morte,
Ti hanno preso in piazza, Franco, la tua sorte
gridavi "No al fascismo!", ci chiede l'unità!
ma un figlio di nessuno
questo non lo può gridar. Una unità di classe,
sopra gruppi e partiti,
Avevi solo vent'anni, una unità in coscienza
vivevi l'anarchia, di nuova resistenza.
ti han coperto d'odio,
di botte e sangue. Sì! "Tenetemi nel cuore!"
ci grida Serantini,
Chiuso nella tua cella, "Tenete questo amore,
cercavi invano aiuto, è amore per lottar.
ma a un figlio di nessuno
l'aiuto non si da! Tenetemi nel cuore,
compagni e cristiani!
Così, la tua vita Tornate, partigiani,
ed io non morirò!"

Informazioni

La canzone è eseguita sull'aria di "Canto per la morte di Felice Cavallotti", nota anche col titolo di "Povero
Cavallotti". Da sottolineare l'ottava stanza "Una unità di classe\ sopra gruppi e partiti,\una unità in coscienza\ di
nuova resistenza!", per il significato e il peso che questi versi potrbbero avere in un momento come quello attuale,
in cui il popolo sembra afflitto da una malafede enorme nei confronti dei partiti e da un disfattismo insormontabile
nei riguardi della politica. Forse, servirebbe ancora un Ivan che, passando per le radio dei poveri lavoratori italiani,
uccisi dalla borghesia come Serantini dai fascisti, sbraitasse ancora di simili parole! (Salvo Lo Galbo)

pagina 44
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata per l'Ardizzone


(1962)
di Ivan Della Mea
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: milanese
Tags: comunisti/socialisti, repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-lardizzone

Mim Lam e lü 'l vusava:


M'han dit che incö la pulisia «Si alla pace e no alla guerra!»
Si7 Mim e cun la pace in buca a l'è mort.
a l'ha cupà un giuvin ne la via;
Lam In via Grossi i pulé cui manganell,
sarà stà, m'han dit, vers i sett ur vegnü da Padova, specialisà in dimustrasiun,
Si7 Mim han tacà cunt i gipp un carusel
a un cumisi dei lauradur. e cunt i röd han schiscià l'Ardissun.

Mim Si7 Mim A la gent gh'è andà inséma la vista,


Giovanni Ardizzone l'era el so nom, per la mort del giuvin stüdent
Mi7 Lam e pien de rabia: «Pulé fascista -
de mesté stüdent üniversitari, vusaven - mascalsun e delinquent».
Si7 Mim
comunista, amis dei proletari: E i giurnai de l'ultima edisiun
Si7 Mim Si7 Mim a disen tücc: «Un giovane studente,
a l'han cupà visin al noster Domm. e incö una gran dimustrasiun,
è morto per fatale incidente,
E i giurnai de tüta la tera è morto per fatale incidente,
diseven: Castro, Kennedy e Krusciòv; è morto per fatale incidente».

Informazioni

Sulla morte di Giovanni Ardizzone vedi la scheda di Gianfranco Ginestri (Canzoniere delle
Lame):http://www.reti-invisibili.net/giovanniardizzone/

Vedi anche le canzoni:Dopo Ardisun e Quatr'asüs par l'Ardizôn

pagina 45
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ballata per Vik


(2012)
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ballata-vik

lam capitano jalla jalla!


Mi hanno ucciso Questo mare è troppo grande
mi7 lam per scommetterei la vita.
senza spegnermi il sorriso questo cuore non va a tempo
rem lam e ti sfugge tra le dita
e domani ritornerò
lam Hanno fuso piombo e sangue
Mi hanno ucciso nella sabbia hanno spento le fontane
mi7 lam Queste guerre fatte in nome della pace
senza spegnermi il sorriso sono luride puttane
rem lam Cristo a piedi nudi
così domani ritornerò cammina in Palestina,
ma una stella con sei punte
la7 rem gli ha spento la mattina.
Con la pipa e col cappello
sol lam Se rimarremo umani domani domani
e col mio sogno più bello Se rimarremo umani io domani tornerò
la7 rem Ora giochi con un bimbo fra le stelle
Con la pipa e col cappello e dall'alto guardi giù.
mi7 lam Ora balli col tuo angelo ribelle
io domani ritornerò bevi vodka con Gesù
Guadalupe sei un campione
La mia vela vola e canta l'utopia di parole clandestine,
su nel cielo e sopra il mare clandestino partigiano
Da qui vedo la mia terra liberata sognatore fino alla fine.
né confini né bandiere
Il mio cuore batte ancora Capitano con l'ulivo fra i capelli
in milioni d'altri cuori fiore di prato non di serra,
Siamo vivi vivi ancora la tua anima un tre alberi di pace
sognatori e vincitori che cerca la sua terra,
questa notte alla finestra
Se rimarremo umani domani domani c'è una luce fine fine,
Se rimarremo umani io domani tornerò noi sappiamo che sei vivo
e ripasserai il confine.
C'è una stella che ti guida
nel cammino capitano jallajalla! Se rimarremo umani domani domani
Un aquilone con due occhi da bambino Se rimarremo umani io domani tornerò.

pagina 46
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Banane e Coca Cola


di Franco Trincale
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti, antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/banane-e-coca-cola

Re per ammazzare i bimbi del Vietnam.


Per ogni Coca Cola che tu bevi
La7 Piccolo uomo che leggi il corriere,
un proiettile all'america hai pagato. metti un dito in bocca per vomitare
l'oppio che ti dà la borghesia,
E se il marine la mira non fallisce, e vieni nelle file dei proletari.
Re
un compagno vietnamita assassinato. Contro la Nato e contro i padroni,
per l'eguaglianza e per la libertà,
Per ogni banana Ciquita che tu mangi, non ber più Coca, non mangiar banane,
ancora soldi per gli americani e grida "Via le basi americane!".
ancora tonnellate di napalm

pagina 47
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Bandiera rossa
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/bandiera-rossa

Re Rivoluzione noi vogliamo far


Avanti o popolo alla riscossa Rivoluzione noi vogliamo far
La7 Re Evviva il comunismo e la libertà
Bandiera rossa, bandiera rossa
Re Degli sfruttati, l'immensa schiera
Avanti o popolo alla riscossa La pura innalzi rossa bandiera,
La7 Re La7 Re O proletari, alla riscossa
Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa trionferà

Re La7 Bandiera rossa la trionferà ...


Bandiera rossa la trionferà
Re Dai campi al mare, alla miniera,
Bandiera rossa la trionferà All' officina, chi soffre e spera,
Sol Sia pronto, è l'ora della riscossa.
Bandiera rossa la trionferà Bandiera rossa trionferà
Re La7 Re
Evviva il comunismo e la libertà Bandiera rossa la trionferà ...

Avanti popolo tuona il cannone Non più nemici, non più frontiere,
rivoluzione rivoluzione Lungo i confini rosse bandiere.
avanti popolo tuona il cannone O comunisti alla riscossa
rivoluzione vogliamo far Bandiera rossa trionferà

Rivoluzione noi vogliamo far Bandiera rossa la trionferà ...

Informazioni

"...Bandiera rossa è l'unico inno della classe operaia che possa considerarsi come un vero canto popolare di
tradizione orale" (Cesare Bermani) Trae infatti origine dalle linee melodiche di due canzoni popolari lombarde,
usate anche per altri canti di protesta (Povre filandere), risalendo, anche per il testo, sino ai canti garibaldini e
repubblicani.

pagina 48
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Battan l'otto
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/battan-lotto

Fam Do7 Fam rosse son le bandiere


Battan l'otto ma saranno le nove, ma verrà qui' giorno della rivoluzione
Do7 Fam infame società, dovrai pagare.
i miei figlioli ma son digiuni ancora
Sibm Verrà qui' giorno della rivoluzione,
ma viva il coraggio, verrà qui' giorno che la dovrai pagare
Fam ma verrà qui' giorno
ma chi lo sa portare della rossa bandiera
Do7 Fam infame società, dovrai pagare.
infame società, dacci mangiare.
Bella è la vita, più bello gli è l'onore
Viva il coraggio, ma chi lo sa portare amo mia moglie e la famiglia mia
l'anarchia la lo difenderebbe ma viva i' coraggio,
ma viva il coraggio, ma chi lo sa portar
ma chi lo sa portare infame società, dacci mangiare.
i miei bambini han fame, chiedono pane.
Dei socialisti è pieno le galere,
Anch'io da socialista mi voglio vestire bada governo, infame maltrattore
bello gli è i' rosso, ma verrà qui' giorno della rivoluzione
infame società, dovrai pagare.

Informazioni

Questo canto si riferisce probabilmente agli scioperi del 1907 delle acciaierie di Terni.

pagina 49
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Bella ciao
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/bella-ciao

Lam e se muoio da partigiano


Una mattina mi sono alzato tu mi devi seppellir.

o bella ciao bella ciao Seppellire lassù in montagna


La7 o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao bella ciao ciao ciao
Rem Lam seppellire lassù in montagna
una mattina mi sono alzato sotto l"ombra di un bel fior.
Mi7 Lam
e ci ho trovato l'invasor. E le genti che passeranno
o bella ciao bella ciao
O partigiano, portami via bella ciao ciao ciao
o bella ciao bella ciao e le genti che passeranno
bella ciao ciao ciao e diranno: o che bel fior!.
o partigiano, portami via
che mi sento di morir. E" questo il fiore del partigiano
o bella ciao bella ciao
E se muoio da partigiano bella ciao ciao ciao
o bella ciao bella ciao è questo il fiore del partigiano
bella ciao ciao ciao morto per la libertà

Informazioni

Roberto Leydi fa risalire il testo alla nota ballata popolare Fior di tomba, e la musica ad una filastrocca infantile
derivata dall'altra nota ballata popolare Bevanda sonnifera.

Posteriore alla versione partigiana è un canto di risaia, dal repertorio di Giovanna Daffini, ma la musica di Bella
Ciao è stata anche più volte utilizzata per canzoni nate in occasione di lotte di fabbrica.

pagina 50
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Berlusconeide...e lui rideva


(2004)
di Ezio Cuppone
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/berlusconeidee-lui-rideva

Sol Sim ma per dire a Martin Schulz ”Lei ha la faccia


Sì, vabbè, ci sei cascato come tanti e anche da kapò”
di più. Mentre in Italia la gente soffriva
Lam e l’evasore con l’euro arricchiva,
“Ecco l’unto del Signore” l’hai pensato pure ogni famiglia la cinghia stringeva:
tu. e lui rideva, e lui rideva.
Re Sim
Così quando scese in campo dagli spalti si Quando la democrazia nasce dalla Resistenza
levò è un fatto intollerabile che dà i nervi a sua
Re Re7 Sol eccellenza:
l’ululato della plebe che agli altari lo “Mussolini fu frainteso, fu frainteso come
menò. me!
La7 Re La7 Non ha mai fatto del male, fu fedele al
Re fascio e al Re (come me)
Lo troviamo tra i potenti in Europa a I partigiani fucilati sono morti di spagnola,
festeggiar, si riscriva un’altra storia, si riformi anche
La7 Re La7 Re la scuola”
esibisce le sue corna sulla testa di Aznar. Se il maccartimo cacciò via Charlot,
Sol Sim Mim Lam questo fascismo censura Raiot.
Ai ben pensanti andò insieme la vista, A Saxa Rubra Mediaset cresceva
Sol Sim Mim Lam e lui rideva, e lui rideva.
ma il ben pensante, si sa, è comunista
Re7 Sol E’ arrivato il triste giorno che l’Iraq viene
e se qualcuno il naso storceva occupato
Lam Re7 Lam Sol e noi siamo del texano il fedele suo alleato:
lui no, rideva, lui no, rideva. il cow boy si dà da fare, l’obiettivo è il
monopolio
Venne il tempo dei processi e la legge si così Italia regge il sacco e zio Sam ruba il
cambiò, petrolio.
via al falso di bilancio, rogatorie grazie, “Siamo forza ma di pace, urla l’unto ai
no! quattro venti,
Così tutto depennato la vendetta partorì, siamo forza, ma di pace, bene armati fino ai
il togato ostile all’unto il ministro denti!
trasferì. Non torturiamo, noi non ammazziamo,
Ritornò in Europa ancora presidente per un se altri lo fanno noi “nenti sappiamo””
po’, per tutto il giorno ce lo ripeteva
e poi rideva, e poi rideva.

Informazioni

Sull'aria di "Come pioveva" di A. Gill- A. Testa

pagina 51
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Bevi bevi compagno [La canzone che ammazza li preti]


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: romanesco
Tags: anarchici, anticlericali
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/bevi-bevi-compagno-la-canzone-che-ammazza-li-preti

Do Do
"Bevi, bevi compagno Se nasce l'anarchia
Sol7 Do Sol7
sennò t'ammazzerò" un bel pranzo s'ha da fa

"Nun m'ammazza compagno tutto vitella e manzo


Sol7 Do Do Sol7 Do
che adesso beverò" se duimo da magnà (duimo da magnà)

Mentre il compagno beve E fritarelle di monache


la canteremo, la canteremo. preti e frati spezzati
Mentre il compagno beve l'ossa de 'sti maiali
la cantaremo larillerà ai cani s'ha da dà

Fa Do E le chiese son botteghe


La la la la Li preti son mercanti
Sol7 Do Vendono madonne e santi
La canzone che ammazza li preti e a noi ce credono vecchi poveri e ignoranti
Fa Do vecchi poveri e ignoranti
La la la la
Sol7 Do La la la la
'mazza monache, preti e fra'! La canzone che ammazza li preti
La la la la
La la la la 'mazza monache, preti e fra'!
La canzone che ammazza li preti
La la la la La la la la
'mazza monache, preti e fra'! La canzone che ammazza li preti
La la la la
'mazza monache, preti e fra'!

Informazioni

Si trova in "Quando nascesti tune", del Canzoniere del Lazio, 1974

pagina 52
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Bojorno
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: veneto
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/bojorno

Do ne ciapa de note
E se i tedeschi madona che bote
ne ciapa de giorno madona che bote.
Sol7
allora bojorno, Ma se i tedeschi
Do te ciapan tel treno
allora bojorno. vedemo, spetemo
vedemo, spetemo.
E se i tedeschi

Informazioni

Sull'aria di "Là sul Cervino"

pagina 53
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Borghesia
(1972)
di Claudio Lolli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/borghesia

Sim Sol La7 Re Mi- Sim Fa#7 Sim chiuderesti in un manicomio


tutti gli zingari e intellettuali.
Sim Sol Ami ordine e disciplina,
Vecchia piccola borghesia adori la tua Polizia
La7 Re tranne quando deve indagare
per piccina che tu sia su di un bilancio fallimentare.
Mim Sim
non so dire se fai più rabbia, Sai rubare con discrezione
Fa#7 Sim meschinità e moderazione
pena, schifo o malinconia. alterando bilanci e conti
fatture e bolle di commissione.
Sim Sol Sai mentire con cortesia
Sei contenta se un ladro muore con cinismo e vigliaccheria
La7 Re hai fatto dell'ipocrisia
se si arresta una puttana la tua formula di poesia.
Mim Sim
se la parrocchia del Sacro Cuore Vecchia piccola borghesia
Do#7 Fa#7 per piccina che tu sia
acquista una nuova campana. non so dire se fai più rabbia,
Mim7 La7 Re pena, schifo o malinconia.
Sei soddisfatta dei danni altrui
La7 Re Non sopporti chi fa l'amore
ti tieni stretti i denari tuoi più di una volta alla settimana
Si7 Mim chi lo fa per più di due ore,
assillata dal gran tormento chi lo fa in maniera strana.
La7 Re Fa#7 Di disgrazie puoi averne tante,
che un giorno se li riprenda il vento. per esempio una figlia artista
oppure un figlio non commerciante,
E la domenica vestita a festa o peggio ancora uno comunista.
con i capi famiglia in testa
ti raduni nelle tue Chiese Sempre pronta a spettegolare
in ogni città, in ogni paese. in nome del civile rispetto
Presti ascolto all'omelia sempre lì fissa a scrutare
rinunciando all'osteria un orizzonte che si ferma al tetto.
cosi grigia così per bene, Sempre pronta a pestar le mani
ti porti a spasso le tue catene. a chi arranca dentro a una fossa
sempre pronta a leccar le ossa
Vecchia piccola borghesia al più ricco ed ai suoi cani.
per piccina che tu sia
non so dire se fai più rabbia, Vecchia piccola borghesia,
pena, schifo o malinconia. vecchia gente di casa mia
per piccina che tu sia
Godi quando gli anormali il vento un giorno
son trattati da criminali ti spazzerà via.

pagina 54
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Boves [Non ti ricordi il trentun di dicembre]


(1944)
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/boves-non-ti-ricordi-il-trentun-di-dicembre

Re La7 Dopo tre giorni di lotta accanita


Non ti ricordi il trentun di dicembre, fra tanti incendi e vittime borghesi
Re non son riusciti coi barbari sistemi
quella colonna di camion per Boves noi partigiani poterci scacciar.
Sol La Re
che trasportava migliaia di ``Tuder'' Povere mamme che han perso i suoi figli,
La7 Re povere spose che han perso i mariti,
contro sol cento di noi partigian. povera Boves che e` tutta distrutta
per la barbarie del vile invasor.
E tra San Giacomo e la Rivoira
e Castellar e Madonna dei Boschi, Ma dopo un anno di vita montana
la` infuriava la grande battaglia tra fame e freddo e dure fatiche
contro i tedeschi e i fascisti traditor. e` giunta l'ora della nostra riscossa,
noi partigiani sapremo vendicar.

Informazioni

Sull'aria di "Non ti ricordi quel mese d'aprile" o "Addio padre". Raccolta da Coggiola e Deichman da un grupppo di
donne di Boves (CN). Cronaca partigiana della battaglia e delle rappresaglie naziste a Boves, nell'inverno tra 1943
e 1944, cha costarono la vita a 132 civili e l'incendio e la distruzionedi più di 700 case di Boves (CN)

vedi anche: http://www.storia900bivc.it/pagine/boves.html

pagina 55
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Brigata partigiana
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/brigata-partigiana

LA MI Sono imberbi giovanetti


Mentre il popolo languiva e qualcuno è un uomo già;
LA hanno il fuoco nei lor petti,
triste e stanco nel dolor vogliono pace e libertà
RE LA hanno il fuoco nei lor petti,
con le armi si partiva vogliono pace e libertà
MI LA
per la PAtria e per l'onor Senza tema nè paura
RE LA la Brigata innanzi va
con le armi si partiva sulla strada lunga e dura,
MI LA ed il sogno arriverà.
per la Patria e per l'onor sulla strada lunga e dura,
ed il sogno arriverà
Verso i monti, sulle vette,
nelle valli, lungo il pian, Pace eterna gloria a voi!
son per fare le vendette Mai nessuno scorderà
i soldati partigian tutti i nomi degli eroi
son per fare le vendette morti per la libertà
i soldati partigian tutti i nomi degli eroi
morti per la libertà

Informazioni

Esiste una versione di questo canto intitolata "Brigata Caio", che non prevede la terza strofa, e che modifica la
quarta così:

Senza tregua ne paura


la brigata Caio va
sulla strada lunga e dura
ed il sole arriderà

e tra la quarta e la quinta inserisce la seguente:

Non ci scorderemo mai


dell'esempio nel dover
il suo motto fu "dai dai"
Caio è il primo nel cader

La brigata Caio operava sull'Appennino Ligure, al confine tra la provincia di Alessandria e la Liguria

pagina 56
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Buone feste compagno lavoratore


(1974)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/buone-feste-compagno-lavoratore

Lam l'azienda la ritiene


Buone feste compagno lavoratore a cassa integrazione".
Mi
l'azienda ci dà il pacco di Natale Buone feste, suonano le campane
Rem Lam il prete ci dà la benedizione
la bottiglia di spumante e il panettone tutti insieme operai con il padrone
Rem Mi7 e tanti auguri per la produzione.
e tanti auguri di Buon Natale.
Ma compagno ti ricordi tempo fa
Ma compagno ti ricordi tempo fa il rinnovo del contratto di lavoro
che veniva il ruffiano del padrone le battaglie ai picchetti la mattina
con le multe e con le sospensioni la polizia ci dava legnate...
per farci fare più produzione.
Il nostro sor padrone
La dobbiamo festeggiare
Il nostro sor padrone quello che ci ha sfruttato
Mi7 e ci vuoi licenziare.
è buono come il pane
Abbiamo appeso al muro
ci dà una letterina la corda da impiccato
La con scritto "Al sor padrone
di auguri di Natale. il posto è riservato!"

C'è scritto "ad anno nuovo Abbiamo appeso al muro


per ristrutturazione la corda da impiccato...

pagina 57
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Calamandrei
(2013)
di Francesco De Francisco, Francesco "Ciccio" Giuffrida
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/calamandrei

Rem La7 E' lì che dovrai andare


Se vuoi andare in pellegrinaggio tu giovane speranza
Rem col cuore e la ragione
lì dove è nata la Costituzione lì dove è nata la Costituzione.
La7
dovrai avere molto coraggio E allora andiamo in pellegrinaggio
Rem dove infuriava bufera e vento
per arrivare a destinazione dove chi cadde ha lasciato scritto
Solm con il suo amore un testamento
per salire sulle montagne Parole scritte che sono vive
Rem se sono vive nelle tue mani
dove caddero i partigiani per spalancare le galere
La7 in cui siamo imprigionati
e vedere le galere e ripulire strade e piazze
Rem liberate dai Partigiani.
dove furono imprigionati
La7
e campi strade piazze E lì dove è morto un Resistente
Rem per conquistare la libertà
dove furono impiccati un compagno una compagna
noi impariamo la dignità.
Lì dove è morto un italiano E lì che dovremo andare
per riscattare la libertà difensori della speranza
un compagno una compagna col cuore e la ragione
veri maestri di dignità lì dove è nata la Costituzione

Informazioni

Dal discorso agli studenti milanesi sulla Costituzione di Piero Calamandrei del 1955

pagina 58
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Camicia rossa
di R. Traversa
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/camicia-rossa

Mim Si7 Mim E porti l'impronta di mia ferita


Quando all'appello di Garibaldi sei tutta lacera tutta scucita
Si7 Mim per questo appunto mi sei più cara
tutti i suoi figli suoi figli baldi camicia rossa camicia rara
Mi7 Lam Mim per questo appunto mi sei più cara
daranno uniti fuoco alla mina camicia rossa camicia rara.
Si7
camicia rossa garibaldina Fin dall'istante che ti indossai
Mi7 Lam Re7 Sol le braccia d'oro ti ricamai
daranno uniti fuoco alla mina quando a Milazzo passai sergente
Mim Si7 Mim camicia rossa camicia ardente
camicia rossa garibaldina. quando a Milazzo passai sergente
camicia rossa camicia ardente.
E tu ti svegliasti col sol d'aprile
e dimostravi che non sei vile Odi la gloria dell'ardimento
per questo appunto mi sei più cara il tuo colore mette spavento
camicia rossa camicia rara Venezia e Roma poi nella fossa
e poi per questo appunto mi sei più cara cadremo assieme camicia rossa
camicia rossa camicia rara. Venezia e Roma poi nella fossa
cadremo assieme camicia rossa.

Informazioni

Diffusissima già nei giorni seguenti l'impresa di Garibaldi in Sicilia e nel Meridione, la prima edizione conosciuta è
del 1860, ma passando su fogli volanti subì numerosi rimaneggiamenti e altre quartine furono aggiunte. Il canto ha
continuato ad avere diffusione anche ufficiale in periodo fascista, ma fu anche cantata durante la Resistenza dalle
formazioni garibaldine.

Fonte: note al CD "Camicia rossa. Antologia della canzone giacobina e garibaldina", a cura di Cesare Bermani.
(Francesca)

pagina 59
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canción del poder popular


di Inti Illimani
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/cancion-del-poder-popular

Lam es para todo el que quiera.


Si nuestra tierra nos pide
Fa Echaremos fuera al yanqui
tenemos que ser nosotros y su lenguaje siniestro.
Sol Con la Unidad Popular
los que levantemos Chile, ahora somos gobierno.
Do Mi
así es que a poner el hombro. Porque esta vez no se trata
de cambiar un presidente,
Vamos a llevar las riendas será el pueblo quien construya
de todos nuestros asuntos un Chile bien diferente.
y que de una vez entiendan
hombre y mujer todos juntos. Porque esta vez no se trata...

La7 Re La patria se verá grande


Porque esta vez no se trata con su tierra liberada,
Sol7 Do por que tenemos la llave
de cambiar un presidente, ahora la cosa marcha.
Fa Sib
será el pueblo quien construya Ya nadie puede quitarnos
Mi7 Lam el derecho de ser libres
un Chile bien diferente. y como seres humanos
podremos vivir en Chile
Porque esta vez no se trata...
Porque esta vez no se trata
Todos vénganse a juntar, de cambiar un presidente,
tenemos la puerta abierta, será el pueblo quien construya
y la Unidad Popular un Chile bien diferente.

Porque esta vez no se trata...

pagina 60
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canta di Matteotti
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canta-di-matteotti

Lam Mi7 Dopo che Matteotti avean trovato,


Or, se ascoltar mi state, mentre che stava andando al Parlamento,
Lam venne su di una macchina caricato
canto il delitto di quei galeotti da quegl'ignobil della banda nera.
Lam Mi7
che con gran rabbia vollero trucidare In mezzo a un bosco
Lam fu trasportato là
il deputato Giacomo Matteotti, e quei vili aguzzini
gli disser con furor:
Rem
Erano tanti: " Perché tu il fascismo hai sempre odiato,
Lam ora dovrai morì qui sull'istante "
Viola Rossi e Dumin, e dopo averlo a torto bastonato
Mi7 di pugnalate gliene dieder tante.
il capo della banda
Lam Così, per mano
Benito Mussolin. di quei vili traditor,
moriva Matteotti,
capo dei lavorator.

Informazioni

Sull'aria de "Il Maschio di Volterra".

pagina 61
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canto degli esuli piemontesi [Numi voi siete spietati]


(1921)
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canto-degli-esuli-piemontesi-numi-voi-siete-spietati

Sol Re7 di Boyer, Chantel, Junod


Numi voi siete spietati e dan fiato a mille trombe
Sol li due Bruti, Azari, Arò.
noi chiamammo libertà;
Re7 Di marmotte in mille pezzi
ma i prieghi sono andati vada il trono di un tal Re;
Sol la corona si disprezzi
dove manca la pietà. e si franga sotto i piè.

Re di Alpi Tiberino Chi sarà che a questi accenti


Re7 non andrà con gran valor
contro noi tutti s'armò; e tra fuochi e tra tormenti
Sol e tra pene e tra dolor?
vince, vince l'assassino
Re7 Sol Van dicendo: noi siam morti
e più d'uno al ciel mandò. sol per man di crudeltà
vendicate i nostri torti
S'odon voci dalle tombe figli voi di Libertà!

Informazioni

Torino, 11 gennaio 1821: quattro studenti vengono arrestati perché ostentano il berretto frigio, rosso ornato di un
fiocco nero (i colori della Carboneria). Intervengono i carabinieri (corpo fondato nel 1813 da Vittorio Emanuele I),
che avevano funzione di polizia politica. Il giorno dopo l’università viene occupata, si chiede la liberazione degli
arrestati. Divelte le pietre del cortile, costruiscono delle barricate. Il re decide di mandare i soldati che fanno
irruzione nell’università e la sgomberano. Al tiro di pietre degli studenti, il tamburo suona la carica, si menano
sciabolate, l’esercito ferisce 34 persone, anche gravemente. Si mormora che vi siano stati anche dei morti,
nascosti e portati via nottetempo dalle forze dell’ordine. L’ episodio scatena tutta una serie di moti insurrezionali. A
marzo dappertutto si vedono coccarde con i colori della carboneria, per le strade si sente gridare: “Guerra
all’Austria!”. Cominciano gli arresti di nobili liberali, molti giovani, ufficiali e studenti carbonari, vengono inviati in
esilio. E’ una repressione che durerà per oltre dieci anni.
Questo il canto, su schemi musicali settecenteschi e di autore anonimo, nato dal cuore di quegli esuli che
racchiude tutto l’odio verso la tirannia che ora li priva non solo della Patria amata ma anche degli affetti e dei
luoghi familiari. Ma dentro questo canto vive e palpita anche la speranza per le generazioni future ed un
incitamento a non scordare mai gli ideali di libertà.

I nomi citati nel testo sono quelli di vari oppositori dei governi reazionari e militaristi di Vittorio Amedeo III e del suo
successore Carlo Emanuele IV; il medico Giuseppe Chantel e l'ufficiale Francesco Junod, impiccati nel 1794, a
seguito di una congiura a Torino; il giovane avvocato Antonio "Giunio" Azari, tra gli organizzatori di un moto
rivoluzionario in Piemonte che avrebbe dovuto avere il suo centro a Pallanza, impiccato nel 1796; il medico Ignazio
Boyer, uno dei capi di un tentativo di rivoluzione repubblicana a Torino nel 1797, fucilato il 7 settembre; l'avvocato
Secondo Arò, eletto presidente della repubblica autonoma di Asti, costituitasi nell'ambito della sollevazione
generale in Piemonte che vide i "giacobini" alleati alle masse rurali esasperate dalla mancanza di grano e dal caro
prezzi, fucilato il 2 agosto.

La quarta strofa fa riferimento al soprannome di "marmotte" attribuito dai francesi ai piemontesi per la loro
sudditanza nei confronti del re, chiamato a sua volta "re delle marmotte".

Fonte

pagina 62
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canto dei deportati


(1933)
di Johann Esser, Wolfgang Langhoff
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, carcere, campi di concentramento
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canto-dei-deportati

Lam Mi7 Lam non un trillo in cielo udiam


Fosco il cielo sul lividore
Rem Lam Mi Lam Sul suolo ...
di paludi senza fin
Do Sol7 Do Suon di passi di spari e schianti
tutto intorno è già morto o muore sentinelle notte e dì
Rem Lam Mi Lam colpi grida lamenti e pianti
per dar vita agli aguzzin(o dar 'gloria') e la morte a chi fuggì ( o la forca )

Do Sol7 Sul suolo ...


Sul suolo desolato
Lam Mi Pure un giorno la sospirata
con ritmo disperato primavera tornerà
Lam libertà libertà dorata
zappiam nessun più ci toglierà

Una rete spinosa serra Dai campi del dolore


il deserto in cui viviam ( o moriam) risorgerà l'amore
non un fiore su questa terra doman

Informazioni

Noto anche come Die moorsoldaten (I soldati della palude)ed anche Borgemoorlied (Canzone di Borgemoor)fu
composto nel lager di Borgemoor/Esterwegen dai deportati comunisti Johann Esser e Wolfgang Langhoff per il testo
e Rudi Goguel per la musica.
Dal '33 al '45 venne tradotto nei campi nazisti in tutte le lingue dei deportati. In italiano venne tradotto dal
francese nel lager di Ravensbruck.

pagina 63
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canto dei lavoratori [Inno dei lavoratori]


(1886)
di Filippo Turati
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canto-dei-lavoratori-inno-dei-lavoratori

La Mi7 La Lo strumento del lavoro


Su fratelli, su compagne, nelle mani dei redenti
Mi7 spenga gli odii e fra le genti
su, venite in fitta schiera: chiami il dritto a trionfar.
La Mi7 La
sulla libera bandiera Il riscatto del lavoro...
Mi Si Mi
splende il sol dell'avvenir. Se divisi siam canaglia,
Re La stretti in fascio siam potenti;
Nelle pene e nell'insulto sono il nerbo delle genti
Re Do#7 quei che han braccio e che han cor.
ci stringemmo in mutuo patto,
Sim Mi La Ogni cosa è sudor nostro,
la gran causa del riscatto noi disfar, rifar possiamo;
Sim Mi La la consegna sia: sorgiamo
niun di noi vorrà tradir. troppo lungo fu il dolor.

Re La7 Re Il riscatto del lavoro...


Il riscatto del lavoro
La Maledetto chi gavazza
dei suoi figli opra sarà: nell'ebbrezza dei festini,
Sol Re fin che i giorni un uom trascini
o vivremo del lavoro senza pane e senza amor.
La 7 Re
o pugnando si morrà. Maledetto chi non geme
dello scempio dei fratelli,
Sim Fa#7 chi di pace ne favelli
o vivremo del lavoro sotto il pie dell'oppressor.
Sim Fa#7
o pugnando si morrà. Il riscatto del lavoro...
Mim La Re
o vivremo del lavoro I confini scellerati
La Re cancelliam dagli emisferi;
o pugnando si morrà. i nemici, gli stranieri
non son lungi ma son qui.
La risaia e la miniera
ci han fiaccati ad ogni stento Guerra al regno della Guerra,
come i bruti d'un armento morte al regno della morte;
siam sfruttati dai signor. contro il dritto del del più forte,
forza amici, è giunto il dì.
I signor per cui pugnammo
ci han rubato il nostro pane, Il riscatto del lavoro...
ci han promessa una dimane:
la dima si aspetta ancor. O sorelle di fatica
o consorti negli affanni
Il riscatto del lavoro... che ai negrieri, che ai tiranni
deste il sangue e la beltà.
L'esecrato capitale
nelle macchine ci schiaccia, Agli imbelli, ai proni al giogo
l'altrui solco queste braccia mai non splenda il vostro riso:
son dannate a fecondar. un esercito diviso
la vittoria non corrà.

pagina 64
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il riscatto del lavoro... Su fratelli, su compagne,


tutti i poveri son servi:
Se eguaglianza non è frode, cogli ignavi e coi protervi
fratellanza un'ironia, il transigere è viltà.
se pugnar non fu follia
per la santa libertà; Il riscatto del lavoro...

Informazioni

La musica fu composta dal maestro Amintore Galli e la prima esecuzione pubblica avvenne a Milano il 27 marzo
1886 nel salone del Consolato operaio in via Campo Lodigiano ad opera della Corale Donizetti.
L'inno ebbe subito una grandissima diffusione e fu tra i più amati dai lavoratori italiani.(Riccardo Venturi)

pagina 65
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canzone alla mia chitarra


(1963)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canzone-alla-mia-chitarra

La Re Mi La le rende un poco tristi


Ho trovato la vera amica mia Do#m Fa#m
Fa#m Sim7 Mi La proprio come è la vita
che quando mi si chiude l'uscio in faccia Si7 Mi Sol#m
Rem7 Sol Do Mi di noi poveri cristi
Resta a lungo a farmi compagnia Do#7 Fa#m
Lam Rem7 Sol Do Mi proprio come per noi
e fa l'amore qui tra le mie braccia Fa#7 Si7 Mi7
poveri cri - sti
La Re Mi La
E quando l'altra gente a me vicina La mia chitarra lei non se l'ha a male
Fa#m Sim7 Mi La se il potente o il mercante di cannoni
Non posso amarla più perchè m'inganna non la paga a cantar nelle fanfare
Rem7 Sol Do le sue glorie con pifferi e tromboni
Mi viene in braccio come una bambina
Mi Lam Fa#7 Si7 Lei sa, la mia chitarra forte e scaltra
e si lascia cantar la ninna nanna che un giorno canterà canti felici
per gente amica nostra, mentre l'altra
Mi La le rape guarderà dalle radici
La mia chitarra canta
Fa#m Si7 Mi La mia chitarra allora
senza darsi importanza si darà un po' importanza
Do#m La Fa#m e canterà soltanto
se canta cose tristi la gioia e la speranza
Si7 Mi Sol#7 quando le cose allegre
lascia un po' di speranza saran più delle tristi
Do#7 Fa#m quando non ci saranno
se canta cose allegre mai più poveri cristi
Si7 Mi Sol#7 non ci saranno più
poveri cristi

pagina 66
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canzone del popolo algerino


(1959)
di Fausto Amodei
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canzone-del-popolo-algerino

Rem Solm Rem a ferire lontano?


Chi ti ha mandato, solda - to,
La7 Rem La terra che ti brucia sotto i piedi
col fucile alla mano? ci costa tanti morti:
chi ti ha mandato, ragazzo, fermati e pensa a tutto ciò che vedi,
a sparare lontano? al grido degl’insorti.

Rem Solm Rem Dal tuo paese un giorno, dalla Francia,


Tu vieni con la rabbia nella voce, venne una luce immensa:
Fa Rem La7 dicevano "uguaglianza, fratellanza"
vieni con l’odio in faccia: ora fermati e pensa:
Rem
è tuo dovere d’essere feroce, Chi ti ha mandato, soldato,
Mi La7 col fucile alla mano?
sangue lasci per traccia. chi ti ha mandato,
ragazzo, a morire lontano?
Non senti ribellarsi nelle vene
il grido della gente, Rem Solm Rem
non sai più cosa sono il male e il bene Ritorna a casa, racc -o - nta,
quando gridi "presente!". La7 Rem
tutto quello che vedi:
Chi ti ha mandato, soldato, Re7 Solm Do Fa La7
col fucile alla mano? offesa, invasa, sconvo - o - lta,
chi ti ha mandato, ragazzo, Rem Lam Fa Mim Rem Fa La7 Sol
Re+
la terra d’Algeria ri - mane in pi - e - di!

pagina 67
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canzone di viaggio
di Cantacronache, Emilio Jona
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canzone-di-viaggio

Lam Mi7 Lam Redim Ladim Mi7 Lam


Io traverso a primavera ogni sera un vecchio treno.
Mi7
lunghi campi d'erba nuova Io traverso nell'estate
Do greti bianchi ed acque scarse
e ritrovo verde schiera siamo tutti scamiciati
Sol ed il verde è impallidito.
d'alti pioppi e le stazioni C'è chi spera nella pace
La7 c'è chi vuole ancora guerra
mentre incontro visi noti c’è chi solo guarda e tace
Rem mentre corre cielo e terra.
ferrovieri, professori,
Fa E nell'alba in vecchio treno ..
e commessi viaggiatori
Fadim Mi7 Io traverso nell'autunno
con degli occhi insonnoliti. la pianura già appassita
con la meliga finita ai balconi delle case
Lam Mi7 Lam mentre gridano i giornali
E nell'alba in vecchio treno di chi muore in ogni ora
La7 Re- per le strade, tra i fucili
mi sparisce la tua mano di violenza che divora.
Sol7 Do Do#dim Rem E nell'alba in vecchio treno..
ed un figlio, un quinto piano
Mi7 Lam Redim Ladim Mi7 Poi l'inverno al finestrino
ogni alba in vecchio treno. con il sonno della neve
e la spalla del vicino
che la sera ha addormentato
Nella sera un vecchio treno guardo questa nostra vita
dove passa in altalena
mi riporta la tua mano ora un giorno buono
appena ora di malinconia.
ed un figlio, un quinto piano
E nell'alba in vecchio treno..

pagina 68
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Canzone triste
(1958)
di Italo Calvino, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/canzone-triste

Do Sol7 Il nostro letto serba il tuo tepor.


Erano sposi. Lei s'alzava all'alba
Do Dopo il lavoro lei faceva spesa
prendeva il tram, correva al suo lavoro. -buio era già - le scale risaliva.
Sol7 Lui in cucina con la stufa accesa,
Lui aveva il turno che finisce all'alba fanno da cena e poi già lui partiva.
Do
entrava in letto e lei n'era già fuori. Soltanto un bacio ...

Do Re7 Sol Mattina e sera i tram degli operai


Soltanto un bacio in fretta posso darti portano gente dagli sguardi tetri;
Re7 Sol fissar la nebbia non si stancan mai
bere un caffè tenendoti per mano. cercando invano il sol,fuori dai vetri.
Mi7 Lam Re7 SolMi7
Il tuo cappotto è umido di nebbia. Soltanto un bacio ...
Lam Re7 Sol

Informazioni

Nel disco Cantacronache sperimentale EP Italia Canta 45 CS, del 1958, primo in assoluto dei Cantacronache

pagina 69
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Caporetto '17
(1972)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: milanese
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/caporetto-17

Mi e lù 'l m'ha vardà


So 'ndato in guera so 'ndato in guera
Si7 "In paradiso non entri mica
mi ci han mandato in paradiso
Mi con quel beretto che male ti sta
mandato al fronte contro al nemi' che male ti sta
Si7 Mi
contro al nemi' Tu non lo sai ma quel beretto
tu non lo sai
So 'ndato all'assalto so 'andato all'assalto che l'ha perduto chi che t'ha copà
mi ci han mandato che che t'ha copà"
e i miei compagni li ho visti a fuggir
li ho visti a fuggir Oé ti San Pietro tu dimmi il vero
oé ti San Pietro
Prima il maggiore poi il capitano tu devi dirmi che l'è che m'ha copà
prima il maggiore chi l'è che m'ha copà
e poi il tenente e dietro mi
e dietro mi "L'è stà 'l Badoglio te disi Tonio
l'è stà 'l Badoglio
Dice il maggiore al capitano che a Caporetto 'l s'è imboscà
dice il maggiore el s'è imboscà"
"Sior capitano resista qui
resista qui" Oé ti San Pietro tu dimmi il vero
oé ti San Pietro
E il capitano dice al tenente tu devi dirmi se l'han condannà
il capitano se l'han condannà
"Sior tenentino resista qui
resista qui" "Lui l'han promosso, povero Tonio
lui l'han promosso
El sior tenente mi dice "Tonio" l'han nominato primo general
el sior tenente primo general"
mi dice "Tonio tu spèta 'l nemi'
tu spèta 'l nemi'" È questa guerra, o santo Pietro
la santa guerra
Io ci ho risposto "Sissior tenente ma dei padroni e dei general
io ci ho risposto e dei general
quand'ecco una palla mi viene a colpir
mi viene a colpir "È questo il mondo, povero Tonio
è questo il mondo
E giù in terra c'era un beretto e arriva in cielo chi sa pazientar
lì giù per terra chi sa perdonar
sì un bel beretto ma da general
ma da general Pazienza un'ostia, o santo Pietro
pazienza un'ostia
Tant per crepà me lo son messo mi vo all'inferno per non pazientar
tant per crepà per non pazientar
e poi son morto ma da general
ma da general Pazienza un'ostia, o santo Pietro
pazienza un'ostia
'Rivato in cielo press'a San Pietro l'è mèj l'inferno ma che pazientar
'rivato in cielo ma che perdonar
press'a San Pietro e lù 'l m'ha vardà

pagina 70
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

pagina 71
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Carabina 30-30
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/carabina-30-30

Re La7 Re
Carabina 30-30 por los habitantes de nuestra naciòn.
Re
que los rebeldes portaban Gritaba Francisco Villa,
La7 "¿dònde te hallas, Argumedo?
y decàan los maderistas Ven, parate aquà adelante,
Re tຠque nunca tienes miedo".
que con ellas no mataban. Con mi 30-30 me voy a marchar...

La7 Ya nos vamos pa' Chihuahua,


Con mi 30-30 me voy a marchar ya se va tu negro santo,
Re si me quebra alguna bala
a engrosar las filas de la rebeliòn, ve a llorarme al camposanto.
La7 Con mi 30-30 me voy a marchar...
si mi sangre piden, mi sangre les doy

pagina 72
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Carcire ca mi tiniti carciratu


Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: pugliese
Tags: carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/carcire-ca-mi-tiniti-carciratu

Lam Mi7 Lam O, quando sentu li cancelli sbattere


Carceri ca me teniti carceratu m'ene lu chiantu e pensu a casa mia,
Rem Sol7 Do Lam Mi7 Lam le mei sorelle an brazze me pjara
pe contentezza de li mei nemici, e me minara su la mamma mia.
Rem Sol7 Do Lam Mi7 Lam
cacciame fore ca a cqua intra patu O mamma, se sapessi le galere
Rem Lam Mi7 Lam dici poi, fiju miu, commu hai campatu,
quantu te cuntu l'error ca fici. de fore ntorniciatu de bandiere
de intra c'è l'infernu naturale.
De quindici anni ca stau carceratu
nessuno m'ha mandatu nu salutu, O mamma ce su brutte le galere
mancu de li cancelli su chiamatu ci le vidi spaventu ni rimane
credu lu nome miu ca s'ha perdutu. nu senti né orologi né campane
sulu rumori de ferri e catene.

Informazioni

Questo canto di carcere (o di rimpianto) è stato tramandato grazie all'informatrice Niceta (Teta) Petrachi detta "la
Simpatichina" alla fine degli anni Settanta (http://www.archiviosonoro.org).

pagina 73
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Caviam caviam
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: miniera
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/caviam-caviam

Re La7 Re
Caviam cantando, caviam la fossa marciran forse sotto le frane
La7 Re Sol Re
dove c’è un nero tozzo di pane Pei ricchi il biondo oro cerchiam
La7 Re La7 Re
qui dove un giorno, le nostre ossa caviam cantando, caviam, caviam

Informazioni

Di questo canto sembra che non esistano pubblicazioni e tanto meno registrazioni precedenti all'attuale. Il canto
l'ho appreso da Franco Coggiola, ricercatore dell'Istituto Ernesto De Martino. Amava cantarlo in auto quando lo
accompagnavo, dopo le prove, nella sua abitazione di viale Monza. Di certo è un documento frutto della sua ricerca
in una delle regioni in cui si estraeva un tempo il prezioso metallo.

In Italia esiste una zona aurifera attorno al Monte Rosa con miniere un tempo sfruttate a Pestarena e Vanzone in
Valle Anzasca; ad Alagna, Rimella e Fobello in Valsesia e perfino appena sotto i ghiacciai del Monte Rosa in località
"Le Pisse".
Ora le miniere italiane, sono tutte chiuse. L’ultima a cessare è stata quella di Pestarena, nel 1961.

Sono presenti miniere d'oro anche nella Valle Antrona, anche se gli ingressi ora sono chiusi, esiste ancora il vecchio
villaggio di minatore a 1700 metri e a valle c'è la fabbrica dove veniva lavorato il materiale estrattivo.

pagina 74
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Certo che se non fosse


(1972)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti, comunisti/socialisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/certo-che-se-non-fosse

Do Midim Sol7 dovremmo starcene sotto il giogo


Certo che, se non fosse dei comunisti, e mai più potremo
Do Lam Rem Sol Do trovare un alto, nobile sfogo,
per i Marines che combattono nel Vietnam, nei testi e musiche di Sanremo.
Do7 Fa Do Fa Diciamo allora un “Grazie!”
saremmo schiavi, senza eccezione, a tutti i Marines che combattono nel Vietnam.
Re Sol Re Sol
dei sovversivi, razza dannata, Questi ragazzi muoiono
Mi Lam Mi Lam per difendere la nostra libertà,
costretti a stare senza padrone la libertà ch’è il dono più bello,
La7 Re7 Sol Do la libertà più grande e più vera,
e senza la proprietà privata; quella di assistere a Carosello
Do7 Fa Re Sol alle otto e mezza di ogni sera,
dovremmo starcene tutti zitti, quella di leggere informazioni
Mi Lam Sol Do di prima mano, sopra i giornali,
col capo chino, la morte in cuore, su gravidanze e su mestruazioni
Si7 Mim La Rem di principesse di sangue reale.
senza godere più dei profitti Poveri noi, se non ci fossero
Sol7 Do Re7 Sol7 tanti Marines laggiù nel Vietnam!
né della legge del plusvalore.
Do Midim Sol7 Do Senza quei baldi giovani
Questo se non ci fossero che difendono la nostra civiltà
Lam Rem Sol Do noi non saremmo più spensierati,
quei Marines che combattono nel Vietnam. ma tutti quanti, malvolentieri,
la smetteremmo d’esser neonati
Senza quei cinquecentomila perché dovremmo diventar seri.
Marines che combattono nel Vietnam Ci resterebbe l’idea molesta
per non parlare d’altri disastri che un conto è scrivere una canzone
noi non potremmo mai più godere con testi e musiche di protesta
Giulio Andreotti che taglia nastri e un conto è far la rivoluzione.
quando s’inaugurano le fiere; Questo accadrà se lo zio Sam verrà un giorno
scacciato via dal Vietnam

pagina 75
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Certo i padroni morranno


(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/certo-i-padroni-morranno

Sim per la sua situazione


Certo i padroni morranno La7
ci chiederà di far
morranno davvero Re Re7
Si7 rivoluzione
nell'aspettar che aspettiamo
Mim Sol
che muoiano loro con lui la Confindustria
Re Re
pensa un pò quanto pesa tremante di paura
La7
morire nell'attesa noi non farem nemmeno
La7 Re Re
e per questo morire riforme di struttura.
La7 Re
senza colpo ferire. Certo i padroni morranno
che arma sottile
Certo i padroni morranno che abbiam trovato compagni
che arma sottile per farli morire
che abbiamo trovato
compagni per farli morire e l'attesa sarà
e il sol dell'avvenire più lunga certo
sarà più luminoso cosicché moriran
perché morranno stanchi tutti d'infarto.
dopo tanto riposo.
Ma noi duri di pietra
Sol in questa crudeltà
Piangerà certo Agnelli morite pur da soli
Re noi non avrem pietà.

pagina 76
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Che cosa vogliamo


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/che-cosa-vogliamo

La La grande famiglia dell'umanità


Noi siamo da secoli calpesti e derisi Re La
Mi7 Non più vagabondi che sfrutta con loro
perchè siam pecore, perchè siam divisi Re Mi7 La
La la razza dei ladri dispersa sarà
ma un giorno, sia presto, faremo l'unione
Mi7
allora i padroni avran da pensar Vogliamo che la terra sia patria di tutti
che chi lavora raccolga i suoi frutti
Re Mi7 La E noi dai signori siam sempre sfruttati
Giuriam giuriam, padron non ne vogliamo ci han sempre rubato il nostro sudor
Re La
Vogliamo la pace, la scienza, il lavoro Giuriam giuriam...
Re Mi7 La

Informazioni

Nel "Canzoniere sociale illustrato di vari autori" di A. Frizzi, Edizioni popolari, 1908, questo canto è attribuito a
Eusebio Bordel Marchetti (Desana Vercellese, 1871-?), membro della direzione del Partito Socialista e fondatore,
nel 1901, della Federazione dei lavoratori del legno.
A commento di una versione raccolta nel 1960 da Jona e Liberovici, l'informatore Camillo Cerrati dichiarato di aver
ascoltato per la prima volta questa canzone nel 1901.

Viene anche cantata sull'aria dell'Inno di Mameli, come parodia dello stesso.

Fonte: E. Jona, S. Liberovici, F. Castelli, A. Lovatto, "Le ciminiere non fanno più fumo - Canti e memorie degli operai
torinesi, Donzelli 2008.

pagina 77
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Chi è più ricco


(1974)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/chi-e-piu-ricco

Sim Do Fa#7 basta che ci sian presenti


tanti bei disoccupati.
Sim Fa#
Chi ha più soldi ha convenienza Chi è più ricco e più potente..
Sim
che chi ha invece poche lire Lui che, contro ai mali estremi,
Si7 Mim La Re oramai si dà d'attorno
creda giusto aver pazienza per risolvere i problemi
Sol7 Fa# Sim anche al nostro Mezzogiorno,
e sperar nell'avvenire
lui che, insieme ad altri in gruppo,
e a fidar che il meccanismo vuol trovar la soluzione
che arricchisce il ricco adesso, per estender lo sviluppo
anche senza il socialismo anche al nostro Meridione.
faccia poi con lui lo stesso.
Coll'industria e col turismo
La Re lui promette in quelle zone
Chi è più ricco e più potente quello stesso meccanismo
La Re che sviluppa il Settentrione;
sa che cresce il suo potere
Re7 Sol Fa# Sim fa convegni e fa promesse
quando a chi non ha un bel niente parchè le opinioni altrui
Mim La Re siano sempre quelle stesse
le sue balle sembran vere che fanno arricchire lui.
Re7 Sol Midim Sim
e non sta più nella pelle Ma anche qui resta il problema
Re6 Fa Sol Do di quel certo presupposto
quando le opinioni altrui sopra cui tutto il sistema
Do7 Fa#ø Sim si sorregge ad ogni costo:
sono sempre eguali a quelle
Do Sim Fa# Sim quello ormai sperimentato
che fanno arricchire lui. che chi è ricco lo diviene
grazie a quello che ha rubato
Chi è più ricco ci ha il problema da chi in fondo lo mantiene.
di tenere ben nascosto
il principio che il sistema Sia nel Sud che al Settentrione
segue un certo presupposto : chi è più ricco lo diventa
sulla pelle del terrone
chi conosce la materia come del mangiapolenta.
sa che ricco si diviene
solo grazie alla miseria
di chi in fondo ci mantiene. Gran problema il Meridione
ma non può aspettare che
Chi è più ricco e più potente.. a affrontarlo sia il padrone
Si- Fa# Sol
Chi è più ricco è interessato col suo branco di lacchè.
che ogni suo lavoratore
pensi, anche se è sfruttato, Sol7 Do Fa Sib
di ricevere un favore. Non cediamolo in appalto
Sib7 Do# Mib7+ Sol#
Perchè sian riconoscenti al padrone e ai servi suoi,
tutti quanti gli sfruttati Sol#7 Re Solm

pagina 78
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

prepariamoci al gran salto e a risolverlo da noi.


Sol# Solm Re7 Solm

pagina 79
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Chi non sgobba non magna


di Raffaele Mario Offidani
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/chi-non-sgobba-non-magna

Sol Sim Che scellerati, che spudorati


Il macello scellerato
Questa banda di briganti,
falciò vittime a milion di assassini e di ladron,
Lam di quattrin ne ha fatti tanti
e può aver per risultato con la carne da cannon,
il trionfo del succhion ma temendo le nostre ire
Re ci vorrebbe ancor schiacciar,
che gridando “Duce! Duce!” ma italiano non dormire,
Sim non lasciarti più fregar!
nelle bische e nei caffè La reazione sta in agguato
Re7 e ci vuole incatenar,
alla morte ci conduce ma dovrà morì ammazzato
Sol chi ci fece massacrar
per il fascio e per il re! O proletario rammentati i morti
La7 Re che dalla tomba oggi sono risorti,
Oggi siamo compensati per maledire chi li fece perire.
La7 Non li tradire, non t’addormire!
Re Contro l’Unno disumano
con la fame e lo squallor, e il fascista traditor,
La7 Re marcia insieme al partigiano
ma i gerarchi snaturati o fratel lavorator!
La7 Non ci dia più la tortura
Re7 che l’Italia rovinò,
fanno ancora i gran signor! ma rendiamogli ad usura
Sol Sim Mim Lam tutto il mal che ci arrecò!
Ed ora che il popolo soffre la fame Per la Falce ed il Martello
Sol Sim Mim Lam sarà fulgido il destin:
di quegl’infami non cessan le brame splenderà sole novello
Re7 la gran Legge di Lenin.
Sol Disse Lenin: Chi nun sgobba nun magna!
sempre ai lor piedi ci voglion legati Sta per finire l’infame cuccagna.
Lam Re7 Lam Voi che del popolo il sangue succhiate:
Sol se non sgobbate, manco magnate!

Informazioni

Sull’aria di “Come pioveva” (A.Gill-A.Testa)

pagina 80
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Chi non vuol chinar la testa è comunista


(1971)
di Canzoniere delle Lame
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/chi-non-vuol-chinar-la-testa-e-comunista

Re Sol Re
Scrive la Gazzetta "Non c'è pace sociale" non si può chinar la testa
La Re La Re
e che gli operai son sempre a scioperare chi non vuol chinar la testa è comunista.
Sol
"Fabbriche occupate, scuole picchettate Ordine vuol dire combattere i fascisti
La Re ordine vuol dire no alla violenza
qui non si produce più" ordine vuol dire la lotta di classe
e alla destra dire no.
Sol
I giornali dei padroni E se non vuoi chinar la testa
Re fatti aggiungere alla lista
gridan "rossi sovversivi" chi non vuol chinar la testa è comunista.
La
ci vuol ordine Ordine vuol dire poter lavorare
Re ordine vuol dire non dovere emigrare
c'è troppa libertà. ordine vuol dire aver la dignità
di non partire e di star qua.

"Ci vuole repressione, ordine sociale E se non vuoi chinar la testa...


bisogna eliminare la lotta sindacale"
"Ci vuole l'uomo forte con la dittatura Ordine vuol dire combattere la mafia
e il manganel bisogna usar". ordine vuol dire no allo sfruttamento
ordine vuol dire lotta per la terra
Sol e agli agrari dire no.
Ma questo è l'ordine fascista E se non vuoi chinar la testa...

pagina 81
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Chiarezza chiarezza
(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/chiarezza-chiarezza

Do ora la prendo a schiaffi


Chiarezza chiarezza sta ridendo di me.
Fa Sol7 Do
mi punge vaghezza di te hiarezza chiarezza..
chiarezza chiarezza
Fa Sol7 Do L'ho presa già più volte
mi punge vaghezza di te. ma m'è sfuggita ancora
stavolta sarà doma
Rem Do lo giuro sul mio onore
Il mondo è sempre pieno
Rem Do anche se Cutrufona
di boschi e selve nere si mette ancora in mezzo
Dodim Do Lam stavolta la conosco
perdercisi è un piacere non può contro di me.
Rem Spò7 Do
ma solo per un po'. Chiarezza chiarezza--

Chiarezza chiarezza Chiarezza è la mia donna


mi punge vaghezza di te ma non vuol dire niente
chiarezza chiarezza che muoia Cutrufona
mi punge vaghezza di te. le prenda un accidente
e chiari noi sarem
Ride la Cutrufona e chiari noi sarem.
sotto i suoi sporchi baffi
Chiarezza chiarezza..

pagina 82
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Cime nevose
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/cime-nevose

Do Fa
Là sulle cime nevose L'è un partigian, l'é un partigian
Sol7 Do Do
una croce l'è piantà. che il nemico uccise
Non vi son fiori né rose Fa
Sol7 Do l'è un partigian
l'è la tomba di un soldà. Do
che nel fuoco morì.
Fa
L'è un partigian, l'é un partigian Vi vedo e penso ancora
Do Rem Sol7 Do
che il nemico uccise nell'ora dei tramonti
Sol7 Sol7
l'è un partigian al sorger dell'aurora
Do Do
che nel fuoco morì. montagne del mio cuor.
Do Fa
Pensando alle alte vette Questo dolce ricordo
Rem Sol7 Do Do
fra i dolci acuti canti mi fa sognare, mi fa cantare
Sol7 Lam
fra i rivoli fruscianti tutta la melodia
Do Rem Sol7
snodati verso il pian che riempie il cuore di nostalgia.
la mamma più non piange
Rem Sol7 Do Do
il figlio suo perduto: Vi vedo e penso ancora
Sol7 Rem Sol7 Do
sull'alpe sconosciuto nell'ora dei tramonti
Do Sol7
un altro eroe sta. al sorger dell'aurora
Do
montagne del mio cuor.

Informazioni

La melodia è quella del noto canto friulano "Ai preà le biele stele e le sant del Paradis"

pagina 83
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Col parabello in spalla


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/col-parabello-spalla

Fa E allora il capobanda
Col parabello in spalla giunta la pattuglia
mi vuol salutare
caricato a palla e poi mi disse
e poi mi disse
sempre bene armato
Do7 e allora il capobanda
paura non ho giunta la pattuglia
mi strinse la mano
quando avrò vinto e poi mi disse
Fa «I fascisti son là».
quando avrò vinto
E a colpi disperati
mezzi massacrati
col parabello in spalla dalle bombe scippe
i fascisti sparivano
caricato a palla gridando «Ribelli»
gridando «Ribelli»
sempre bene armato
Do7 e a colpi disperati
paura non ho mezzi massacrati
dalle bombe scippe
quando avrò vinto i fascisti sparivano
Fa gridando «Ribelli
ritornerò. abbiale pietà!»

Informazioni

Derivato dal canto degli alpini "Col fucile sulle spalle", fu cantata soprattutto in Veneto, Liguria e Piemonte.
Le "bombe scippe" erano ordigni in uso nella prima guerra mondiale, prodotte dalla SIPPE (Società Italiana Per
Prodott iEsplosivi).
La melodia è quella di una nota canzonetta a doppio senso dell'epoca.

pagina 84
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Compagni avanti andiamo


(1975)
di Canzoniere delle Lame
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/compagni-avanti-andiamo

Sol7 Do se Karl Liebknekht ci hanno assassinato


Auf, auf zum Kampf, zum Kampf, con Rosa Luxemburg marcia fra di noi
Sol
uniti nella lotta un altro uomo è qui
Do compagno partigiano
compagni avanti andiam, e tante lotte ormai passaron su di lui
Sol7 e se domani egli sarà colpito
noi pronti siamo già in altri mille al suo posto siamo già.
Fa Do
di Karl Liebknekht seguiamo gli ideali Auf, auf zum Kampf, zum Kampf,
Sol7 Do uniti nella lotta
a Rosa Luxemburg noi darem la man. compagni avanti andiam,
noi pronti siamo già
Noi non temiamo no di Karl Liebknekht seguiamo gli ideali
il tuono del cannone a Rosa Luxemburg noi darem la man.
e non ci fermerà la nera repressione di Karl Liebknekht seguiamo gli ideali
a Rosa Luxemburg noi darem la man.

Informazioni

Versione italiana della canzone tedesca "Auf, auf zum Kampf", testo originale di Bertolt Brecht musica di Hanns
Eisler.

pagina 85
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Compagni fratelli Cervi


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/compagni-fratelli-cervi

Sol Mim Sol Re7


Metti la giubba di battaglia, vogliam pace e libertà, e libertà.
Re7 Sol
mitra, fucile e bombe a mano, Sol
per la libertà lottiamo, Compagni, fratelli Cervi,
Re7 Sol Lam
per il tuo popolo fedel. cosa importa se si muore
Lam Re Sol
Re per la libertà e l'onore
E' giunta l'ora Lam Re7 Sol
Sol al tuo popolo fedel.
dell'assalto,
Re Sol E' giunta l'ora dell'assalto...
il vessillo tricolore,
Do Sol Compagni, fratelli Cervi...
e noi dei Cervi l'abbiam giurato

pagina 86
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Compagno Saltarelli noi ti vendicheremo


(1971)
di Canzoniere Pisano / del Proletariato
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/compagno-saltarelli-noi-ti-vendicheremo

La cartelli delle riforme.


Il dodici dicembre
Mi7 Poi tutti quanti insieme,
un anno era passato tremilacinquecento,
sono entrati alla Siemens
dal giorno delle bombe con le bandiere al vento.
La E per tornare al centro
della strage di Stato non han fatto il biglietto:
e in uno scontro in piazza, «Noi viaggiamo gratis,
con una bomba al cuore paga Colombo», han detto.
ammazzan Saltarelli
gli sbirri del questore. Compagno Saltarelli, noi ti vendicheremo,
burocrati e padroni tutti li impiccheremo.
Se cambiano i governi,
i mezzi, sono uguali: Restivo e Berlinguer
padroni e riformisti si sono accalorati
ammazzan proletari. nel dir che gli estremisti
Restivo e Berlinguer, vanno perseguitati;
con le stesse parole
dicono: «Sì, è morto, Restivo e Berlinguer
gli si è fermato il cuore». vanno proprio d'accordo,
le loro istituzioni
Ma la gente dei quartieri valgono bene un morto!
dice: «Ieri Pinelli Sei morto sulla strada
ce l'hanno assassinato, che porta al Comunismo,
ed oggi Saltarelli». ucciso dai padroni e dal revisionismo.

Compagno Saltarelli, noi ti vendicheremo, Compagno Saltarelli, noi ti vendicheremo,


burocrati e padroni tutti li impiccheremo. burocrati e padroni tutti li impiccheremo.

Studenti del Feltrinelli, Le bombe e le riforme


nella nebbia del mattino, son armi del padrone,
vanno tutti alla O.M. la nostra sola arma
dal compagno Martino; è la rivoluzione;
e lì Martino piange,
non crede nel vedere ed oggi nelle piazze,
quando entrano in fabbrica senz'esser stabilito,
con le rosse bandiere. abbiamo visto nascere
nei fatti un gran partito;
E poi con gli operai contro tutti i padroni,
sono tornati in piazza: contro il revisionismo,
«Basta con i padroni, uniti nella lotta
con questa brutta razza!». per il Comunismo!
Operai della Pirelli,
una gran folla enorme Compagno Saltarelli, noi ti vendicheremo,
hanno bruciato in piazza burocrati e padroni tutti li impiccheremo.

Informazioni

Canzone che racconta l'uccisione, da parte della polizia, di Saverio Saltarelli, durante una manifestazione.

pagina 87
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Con De Gasperi non se magna


Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/con-de-gasperi-non-se-magna

Re ce sta Umberto Tupini:


Qui comincia la rassegna farà la vita facile
La7 a Vaselli e Manzolini.
dei ministri democristiani,
Ole olè olè...
attaccati ah portafogli,
Re All'istruzione pubblica
affamati come cani c'è san Guido Gonella,
occupato tutto il giorno
Re a istruire la cappella.
Ole ole olè, con De Gasperi
La7 Ole olè olè...
non se magna
Il ministro dell'industria
ole ole ole, il cancelliere ci vien da Pontedera:
Re egli è Giuseppe Togni,
arrivòle il re. amico di Scalera.

Ministro dei trasporti Ole olè olè...


è Guido Corbellinì:
se magna li binari Il feudatario Segni
co tutti i traversini. Resta all'agricoltura:
nelle nostre saccocce
Olè olè... vuoi far la trebbiatura.

A commerciar con l'estero Ole olè olè...


han messo Merzagòra:
lui sta in Brasile e ingrassa A bordo di un naviglio
e noi restamo fora, gridava Paolo Cappa:
" Merlin, rnettici il bollo,
Olè olè... che qui tutti si pappa ".

Poi viene Mario Scelba, Ole olè olè..,


ministro per l'interno:
prima spara sul prossimo Einaudi, Sforza e Grassi
poi prega il Padreterno. fanno gli indipendenti,
ma senza averne l'aria
Olè olè... s'arrotano già i denti,

Ministro del lavoro Ole olè olè...


è Amintore Fanfani:
vorra porta in Italia Guida la processione,
i sistemi americani. con il messale in mano,
Alcide von De Ga peri,
Ole olè olè... il cancelliere americano,

Per i lavori ppubblici Ole olè olè...

Informazioni

Strofette satiriche su musica tipica da osteria, riferite ai vari governi che De Gasperi presiedette dopo l'esclusione
del PCI e del PSI. L'autore è anonimo. Ne sono state registrate diverse lezioni, una delle quali da Cesare Bermani a
Milano, nel 1964. Il ritornello era molto diffuso anche nell'Italia centrale.

pagina 88
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Con la guerriglia
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/con-la-guerriglia

La Mi Il nostro grido è libertà o morte


E noi farem del mondo un baluardo Sull'aspro monte ci siam fatti lupi
La Al piano scenderem per la battaglia
Sapremo rider e disprezzar la vita Per la vittoria
Sim Al piano scenderem per la battaglia
Per noi risorgerà la nuova Italia Per la vittoria
Mi7 La7
Con la guerriglia Famelici di pace e di giustizia
La7 Re Sim Annienterem il fascismo ed i tiranni
Per noi risorgerà la nuova Italia Rossi di sangue e carichi di gloria
Mi7 La Nel fior degli anni
Con la guerriglia Rossi di sangue e carichi di gloria
Per tutte le vittime nostre invendicate Nel fior degli anni
Per liberar l'oppressa nostra gente
Ritorna sempre invitto nella lotta Ai nostri morti scaverem la fossa
Il patriota Sulle rupestri cime sarà posta
Ritorna sempre invitto nella lotta Per noi risorgerà la nuova Italia
Il patriota Con la guerriglia
Per noi risorgerà la nuova Italia
Con la guerriglia

Informazioni

Canto di battaglia della Brigata Garibaldina Cichero e di altre formazioni partigiane combattenti sull 'appennino
ligure. Nell 'immediato dopoguerra il brano verrà poi rielaborato in differenti versioni, diffuse prevalentemente
nell\'Italia Centrale, Lazio in particolare, come la nota Orsù Compagni di Civitavecchia. In realtà Con la Guerriglia
ha genesi ben più lontane nel tempo, traendo le sue antiche e nobili origini dall\'Inno della Rivolta, canto anarchico
il cui testo ricalcava fedelmente la poesia Dies Irae, scritta nel 1893 da Luigi Molinari, pubblicata l 'anno seguente
sull 'Almanacco della Favilla, periodico bimestrale di propaganda libertaria edito a Mantova, e successivamente
musicata nel 1904.

pagina 89
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Con la lettera del prete


(1965)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: milanese
Tags: anticlericali, lavoro/capitale, emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/con-la-lettera-del-prete

Mi7 La col lavoro e la carità.


Con la lettera del prete
Mi7 La Dai lavora sei un terrone...
l'è vegnùu chì a Milan
Do#7 Fa#m L'è cascàa l'alter dì
l'è vegnùu per laurà l'è borlàa dal campanil
Sim6 Do#7 l'è restàa lì inciodàa
per fà su quatter danèe cont i gamb paralisàa

Gira gira e on alter pret Con la lettera del prete


g'ha truàa on bel laur l'è tornàa al sò paés
l'è andàa a fà el murador l'è andàa via da Milan
per fà su quatter danèe l'è andàa a vivv de carità

Sim Fa#m Non lavori sei un terrone


Dai lavora sei un terrone con le gambe rotte e morte
Do#7 Fa#m con i soldi dati a Dio
dai lavora che tu sei forte hai comprato il tuo aldilà.
Sim Fa#m
dai a Dio qualche soldo Mi7 La
Do#7 Fa#m Quando suona la santa messa
per comprarti il tuo aldilà. Mi7 La
giù al paese o il mattutino
Il padrone gli disse Sim Fa#m
"Per accordo con il prete lui è lì su di un gradino
ti trattengo un tanto al mese Do#7 Fa#m
per la chiesa e la carità". a cercar la sua carità
Sim Fa#m
L'è andàa innanz a streng i dent lui è lì su di un gradino
per tri ann e quatter mes Do#7 Fa#m
l'ha fàa su on bel poo de ges a cercar la sua carità

La la la la...

pagina 90
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Contessa
(1966)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/contessa

Mi Do vogliamo la guerra,
"Che roba contessa, vogliamo vedervi
Si7 Mi finir sotto terra,
all'industria di Aldo ma se questo è il prezzo
han fatto uno sciopero lo abbiamo pagato,
quei quattro ignoranti; nessuno piu al mondo
volevano avere dev'essere sfruttato.
i salari aumentati,
gridavano, pensi, "Sapesse, mia cara
di esser sfruttati. che cosa mi ha detto
un caro parente,
dell'occupazione
E quando è arrivata che quella gentaglia
la polizia rinchiusa lì dentro
quei pazzi straccioni di libero amore
han gridato più forte, facea professione...
di sangue han sporcato
il cortile e le porte, Del resto, mia cara,
chissa quanto tempo di che si stupisce?
ci vorrà per pulire...". anche l'operaio
vuole il figlio dottore
Do#m Mi e pensi che ambiente
Compagni, dai campi e dalle officine che può venir fuori:
Do#m Mi non c'è più morale,
prendete la falce, portate il martello, contessa..."
Fa#m Si7
scendete giù in piazza, Se il vento fischiava
Mi ora fischia più forte
picchiate con quello, le idee di rivolta
Fa#m Si7 non sono mai morte;
scendete giù in piazza, se c'è chi lo afferma
Mi non state a sentire,
affossate il sistema. è uno che vuole
soltanto tradire;
Voi gente per bene se c'è chi lo afferma
che pace cercate, sputategli addosso,
la pace per far la bandiera rossa
quello che voi volete, ha gettato in un fosso.
ma se questo è il prezzo
Voi gente per bene che pace cercate...

Informazioni

Scritta in occasione della prima occupazione studentesca dell'università a Roma, in seguito all'assassinio da parte
fascista di Paolo Rossi. la canzone divenne tra le più eseguite durante il Maggio del '68.

pagina 91
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Cosa importa se ci chiaman banditi?


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/cosa-importa-se-ci-chiaman-banditi

Mim Lam A morte il fascio repubblican...


Portiamo l'Italia nel cuore,
Si7 Mim Onore a chi cade in cammino,
abbiamo il moschetto alla mano, esempio per chi resta a lottare;
Lam da forti accettiamo il destino,
a morte il tedesco invasore, nel sacro nome della libertà!
Mim Si7 Mim
ché noi vogliamo la libertà. A morte il fascio repubblican...

Si7 Mim In piedi, ché il giorno è vicino;


A morte il fascio repubblican, avanti, Seconda Brigata!
a morte il fascio, siam partigian. Compagni, già sorge il mattino,
A morte il fascio repubblichin, l'alba serena di libertà.
a morte Hitler, viva Stalin.
A morte il fascio repubblican...
Cosa importa se ci chiaman banditi?
Ma il popolo conosce i suoi figli. Nel segno di falce e martello
Vedremo i fascisti finiti, lottiamo per il popolo nostro,
conquisteremo la libertà. domani sarà il giorno più bello,
che noi vivremo in libertà!

A morte il fascio repubblican...

Informazioni

Sull'aria dell'"Inno a Oberdan"

pagina 92
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Cosa rimiri mio bel partigiano


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/cosa-rimiri-mio-bel-partigiano

Fa La mia banda l'è forte e armata


Cosa rimiri mio bel partigiano? dei tedeschi paura non ho
Do7 con la mia banda li vincerò
Io rimiro la figlia tua
Fa Do7 Fa Partigiano, indov'è la tua banda?
è la più bella della città La mia banda l'è qui e l'è là
sugli alti monti a guerreggiar
La mia figlia l'è giovine e bella,
ai partigiani non ce la do Partigiano se vuoi la mia figlia
in camerella la chiuderò di un giuramento tu devi far
di star sett'anni senza baciar
In camerella chiudetela pure
verrò di notte la ruberò Mamma mia che mal giuramento
sugli alti monti la porterò aver l'amante così vicin
e star sett'anni senza bacin
Sugli alti monti portatela pure,
verran i tedeschi a rastrellar Quando fu stato sulle alte montagne
e la biondina l'ammazzeran una bufera si scatenò
e la biondina in braccio andò.

Informazioni

Sull'aria del canto deglla prima guerra mondiale Cosa rimiri mio bell'alpino.
La particolarità di questo canto sta nella struttura, che è tipicamente quella del canto epico-lirico dell'Italia
settentrionale.

pagina 93
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Cosa rimiri ragazzo padano?


(2003)
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/cosa-rimiri-ragazzo-padano

Sol Re7 Sol Re 7Sol Costituzione è il nome che ha


Cosa rimiri ragazzo pada - a - no? e sta di casa in via Libertà.
Cosa rimiri ragazzo padano? Costituzione è il nome che ha
Re7 Sol Re7 Sol e sta di casa in via Libertà.
Io rimiro la donna tua che così bel - la
Re7 Sol Dimmi dove tu l’hai incontrata?
l’ho vista mai Dimmi dove tu l’hai incontrata?
Io rimiro la donna tua che così bella Sulle montagne e nelle città
l’ho vista mai coi partigiani io l’ho incontrà.
Sulle montagne e nelle città
La mia donna è giovane e bella. oi partigiani io l’ho incontrà
La mia donna è giovane e bella

Informazioni

Contraffactum del canto partigiano Cosa rimiri mio bel partigiano.

Comunicata da Ezio Cuppone, che ringraziamo, il 9 ottobre 2014

pagina 94
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Creare due tre molti Vietnam


(1968)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/creare-due-tre-molti-vietnam

Mi La Si Mi è solo fare la rivoluzione


A chi mi aspetta in buona o mala fede e sola via è la lotta armata
La Si Mi è la guerriglia nel Vietnam
a chi mi chiede «A Cuba cos'hai visto?» come in Bolivia come nel Vietnam.

risponderò A chi aspetta in sola malafede


La Si e ancora chiede «Fidel ti ha parlato»
«La rivoluzione». io urlerò
«Cuba mi ha parlato»
Si Fa# Mi io urlerò
Amico ho visto la rivoluzione «Cuba mi ha parlato».
Fa# Si
da L'Avana a Santiago nella gente Creare due tre molti Vietnam
Fa# Mi Creare due tre molti Vietnam
giorno per giorno la rivoluzione Creare due tre molti Vietnam.
Fa# Si Anche di te Cuba mi ha parlato
uomo per uomo la rivoluzione anche per te Cuba mi ha parlato
Fa# Mi contro di te Cuba mi ha parlato
come lotta continua nel presente. è nella tua fabbrica il tuo Vietnam
nel tuo padrone il tuo Vietnam
A chi mi aspetta in buona o mala fede nella tua scuola il tuo Vietnam
a chi mi chiede «Fidel tu l'hai visto?» nella carica della polizia il tuo Vietnam.
risponderò
«Amico si l'ho visto Creare due tre molti Vietnam
sette milioni ho visto di Fidel Creare due tre molti Vietnam
da L'Avana a Santiago nella gente Creare due tre molti Vietnam.
giorno per giorno sempre con Fidel
uomo per uomo sempre con Fidel Giorno per giorno sei nel Vietnam
nella lotta continua col presente» ora per ora sei nel Vietnam
contro di te Cuba mi ha parlato
A chi mi aspetta in buona o mala fede contro di te Cuba mi ha parlato
a chi mi chiede «Fidel ti ha parlato» contro di te Cuba mi ha parlato.
io urlerò
«Cuba mi ha parlato». Creare due tre molti Vietnam
Creare due tre molti Vietnam
Il dovere del rivoluzionario Creare due tre molti Vietnam.

pagina 95
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Cunfessada
(1991)
di Franco Madau
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: sardo
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/cunfessada

Do deu si d’ollu cantai


Deu si du ollu nai immoi,
no si du ollu negai, deu no istimu s’istadu
no si du ollu cuai Sol
a suta de frassa bandieras antzi si ollu cunfessai
Sol Fa
no mi praxit s’Italia no mi intendu italianu
Fa Do
deu no istimu su stadu mi at praxi africanu
no provu sentimentu
Do
po custa bandiera. Deu si d'ollu nai..

Lam Ca funt spudoraus


Deu nu istimu sa genti totus a faci a pari
ki ddu est setzia de annus faint s’aferra aferra
Sol no s’accuntent mai
in cadiras de prata E innui est dignidadi?
Fa
Po is leis ki ant fatu Ca propriu in custu periudu
su dinai ki ndi ant pigau si obiant aumentai su stipendiu
Do ki est prus de sa pensioni
sa gistitzia ki ant portau ki pigat mama mia
E innui est dignidati?
Sol E innui est s’onestadi?
Deu si d’ollu nai E innui est ki ei papau?
no mi praxit s’Italia Ca funt scherzus de para
Do in totus custus annus
nc’est ki at scritu cantzonis
e ki est setziu a cadira

pagina 96
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Da quando son partito militare


(1971)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/da-quando-son-partito-militare

Do Sol7 La Un anno e mezzo, non lamentarti,


Da quando son partito militare devi imparare ad arrangiarti;
Sol7 cos'è il lavoro, cos'è la fame?
sapessi tutto quello che ho passato... Devi imparare a non lamnentarti.
Do Fa Do
con gli ufficiali sempre a comandare, Quando esci fuori devi stare attento
Sol7 Do e in ogni caso niente discussioni;
è peggio che se fossi carcerato. han fatto apposta quel regolamento
per mantener le loro divisioni;
Ed i sottufficiali di carriera
devono mantenere la disciplina, Con la paura quando siamo fuori
proprio come quel boia d'un caporale ed i favoritismi se siam dentro;
quand'ero a lavorare nell' officina. perché se siamo uniti hanno paura
che noi si possa usare la nostra forza.
Quando non c'è la marcia c'è la guardia,
oppure otto ore da sgobbare, Ma noi ci s'organizza per lottare
e quello schifo che ci fan mangiare nella caserma come in officina;
è roba che ti fa solo crepare. a noi ci tocca sempre di obbedire
e a loro tocca sempre comandare.
E non ti venga in mente di parlare;
o sei contento oppure la galera; La nostra lotta è la lotta di classe
proprio come faceva la questura ed è di tutti quanti gli sfruttati;
quando si andava in piazza a protestare. perciò la lotta dura, tutti uniti
nelle caserme, in fabbrica e quartiere.

Informazioni

Una composizione di Alfredo Bandelli dedicata ai Proletari in divisa, organizzazione creata da Lotta Continua, per il
lavoro politico fra i militari di leva.

pagina 97
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dai monti di Sarzana


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dai-monti-di-sarzana

Sol Il battaglion Lucetti


Momenti di dolore, Do
Do Re son libertari e nulla più
giornate di passione, Sol
Sol coraggio e sempre avanti
ti scrivo cara mamma, Do Re Sol
La7 Re la morte e nulla più.
domani c'è l'azione Dom Sol
Sol Coraggio e sempre avanti
e la brigata nera, Do Re Sol
La Re7 la morte e nulla più.
noi la farem morire.
Bombardano i cannoni
Sol dai monti sarzanesi
Dai monti di Sarzana all'erta partigiani
Re del battaglion Lucetti
un dì discenderemo più forte sarà il grido
che salirà lassù
all'erta partigiani fedeli a Pietro Gori
Sol noi scenderemo giù.
del battaglion Lucetti. Fedeli a Pietro Gori
noi scenderemo giù.

Informazioni

Canzone dei partigiani anarchici del “Battaglione Gino Lucetti” che operò nel Carrarese e attorno a Sarzana. Il
canto è stato riferito in modo frammentario nel 1962 a Roberto Leydi da due partigiani di Carrara. Gino Lucetti è
l’anarchico che nel 1926 fece un attentato a Mussolini lanciandogli una bomba nei pressi di Porta Pia a Roma.
Arrestato, venne condannato l’anno successivo dal Tribunale Speciale a 30 anni. Nel 1943 viene mandato al
confino ad Ischia dove muore sotto un bombardamento “alleato”.

Da acrataz.oziosi.org (non più online).

pagina 98
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dalle belle città


di Emilio Casalini
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dalle-belle-citta

Lam viviam di stenti e di patimenti,


Dalle belle città date al nemico La
Rem Lam ma quella fede che ci accompagna
fuggimmo un dì su per l'aride montagne, Mi7 La
Mi7 Lam sarà la legge dell'avvenir
cercando libertà tra rupe e rupe, Mi7 La
Si7 Mi7 ma quella fede che ci accompagna
contro la schiavitù del suol tradito. Mi7 Re
Lam sarà la legge dell'avvenir.
Lasciammo case, scuole ed officine,
Rem Lam
mutammo in caserme le vecchie cascine, Di giustizia è la nostra disciplina,
Rem Lam libertà è l'idea che ci avvicina,
armammo le mani di bombe e mitraglia, rosso sangue è il color della bandiera
Si7 Mi7 partigian della folta e ardente schiera.
temprammo i muscoli ed i cuori in
battaglia. Sulle strade dal nemico assediate
lasciammo talvolta le carni straziate.
La sentimmo l'ardor per la grande riscossa,
Siamo i ribelli della montagna, sentimmo l'amor per la patria nostra.
Mi7
Siamo i ribelli della montagna...

Informazioni

E' l'inno della III Brigata garibaldina Liguria.L'autore delle parole è Emilio Casalini "Cini", assieme ai partigiani della
Brigata; l'autore della musica- una tra le poche completamente originali - è Luciano Rossi " Lanfranco " che la
compose durante i turni di guardia.

pagina 99
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dante Di Nanni
(1975)
di Stormy Six
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dante-di-nanni

Mim Mi7 ci si son messi in cento ad ammazzarlo


Nel traffico del centro
La La7 E cento volte l'hanno ucciso,
pedala sopra il suo triciclo ma tu lo puoi vedere:
Mim gira per la città, Dante di Nanni.
e fischia forte alla garibaldina.
L'ho visto una mattina
Il carico che piega sulla metropolitana
le sue gambe è l'ingiustizia, E sanguinava forte, e sorrideva.
la vita è dura per Dante di Nanni.
Su molte facce intorno
L'alba prende il treno c'era il dubbio
e c'è odore di porcile e la stanchezza.
sui marciapiedi della sua pazienza, Ma non su quella di Dante di Nanni.

e nella testa pesano Trent'anni son passati,


volumi di bugie. da quel giorno che i fascisti
La sera studierà, Dante di Nanni. Ci si son messi in cento ad ammazzarlo

Trent'anni son passati, E ancora non si sentono


da quel giorno che i fascisti tranquilli, perché sanno
che gira per la città, Dante di Nanni.

Informazioni

Dante Di Nanni fu un giovane gappista del gruppo torinese, comandato in quel periodo da Giovanni Pesce.La notte
del 17 maggio 1944, dopo l'attentato ad un'antenna radio, Di Nanni, ferito, si nascose nel rifugio collocato in
questa vecchia casa di Borgo San Paolo. Nel corso della giornata successiva però, probabilmente in seguito alla
confessione estorta sotto tortura ad uno dei due compagni feriti e catturati nell'azione della notte precedente, la
polizia fascista lo individuò e la mattina del 18 maggio tentò di arrestarlo. Il giovane si barricò in casa e per oltre
tre ore si difese coraggiosamente con il lancio di bombe, ma alla fine, circondato dai nemici accorsi in forze,
dovette soccombere.

pagina 100
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dato che [Risoluzione dei Comunardi]


(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dato-che-risoluzione-dei-comunardi

La Mi7 dato che laggiù ci sono case


Dato che, noi deboli, le vostre mentre senza tetto ci lasciate
La decretiamo: c'entreremo e subito!
leggi avete fatto, e servi noi stare nelle tane non ci garba più.
Re La
quelle leggi non le obbediremo dato che voi ora...
Mi7 La
dato che servire non vogliamo più. dato che non può riuscirvi mai
un salario buono di pagarcelo
La Mi7 d'ora in poi le fabbriche noi le guideremo
dato che voi ora minacciate dato che a noi basta mentre con voi no
La
con cannoni e con fucili, noi dato che voi ora...
Fa#7 Sim
decretiamo d'ora in poi da bestie vivere dato che ai governi che promettono
Mi7 La sempre tanto non si crede più
peggio che morire è. verificheremo che con queste mani
una vita vera ci si costruirà.
dato che noialtri avremo fame
se ci lasceremo derubare dato che voi ora...
verificheremo che tra il pane buono
che ci manca e noi solo un vetro sta. dato che il cannone lo intendete
e che a ogni altro lingua siete sordi
dato che voi ora... si contro di voi ora quei cannoni
noi si volterà

Informazioni

La canzone fa parte del dramma " I giorni della Comune" di Bertolt Brecht ( anni '40). Il testo è quello pubblicato
nel 1961 da Einaudi nel libro ' B.Brecht, Poesie e canzoni' a cura di Ruth Leiser e Franco Fortini. Nel dramma le
musiche erano di Hanns Eisler. Altra traduzione è quella di Giulio Gatti presente nel Teatro di Brecht - sempre
Einaudi- ma nessuna delle due è una traduzione ritmica. Pietrangeli ha musicato il testo italiano di R.Leiser e
F.Fortini in modo autonomo e originale rispetto alla musica di Eisler.

Testo originale tedesco

pagina 101
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Delle vostre galere un giorno


(1974)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: carcere, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/delle-vostre-galere-un-giorno

Rem Solm vi metteremo tutti là


Botte su botte poi l'isolamento La7
Rem il tribunale del proletariato
spesso finisce cosi Re
Solm Rem i vostri delitti dovrà giudicar.
quei brutti boia, figli di troia
La7 Siamo saliti tutti sul tetto
non fanno che pestare. gridando "porci nazisti
Rem Solm vogliamo avere i nostri diritti
Non ci si può neanche lamentare o la dovrete pagare"
Rem Ci ha risposto il direttore
non si può neanche parlare con mille poliziotti
Solm Rem ed ai giornali è andato a dire
basta un lamento per il carcerato ch'era disposto a trattare.
La7
per essere massacrato. Delle vostre galere un giorno
un buon uso sapremo far...
La7
Delle vostre galere un giorno E se per caso voi sentirete
Re ch'è morto un carcerato
un buon uso sapremo far, certo è possibile che quel disgraziato
La7 sia stato massacrato
prima apriremo le porte agli schiavi Ma se vi parlano di rivolte
Re di lotte nelle prigioni,
li accoglieremo nell'umanità è perché cresce la lotta di classe
La7 contro tutti i padroni...
e dopo in fila uno per uno
Re Delle vostre galere un giorno
un buon uso sapremo far...

pagina 102
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dì at a benni
di Franco Madau
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: sardo
Tags: emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/di-benni

Do Sol7 Do Sol7 Do
De su ki potzu raccontai no du sciu, Dì at a benni, dì at a benni,
Sol7 Sol Do Sol7 Do
su ki si potzu nai 'eu est pagu meda, ki sempri innoi eus a abarrai
Fa Do
si potzu nai fetti su ki apu biu, La7 Re La7 Re
Sol7 Do E custa bidda, e custa terra
mi seu acatau mannu, ken'e passai pippiu. La7 Re La7 Re
Fa Do totu giardinu at a diventai.
Si potzu nai fettu su ki apu biu,
Sol7 Do Si7 Mi Si7 Mi
mi seu acatau mannu, ken'e passai pippiu. Terras aradas, logu pulliu,
Si7 Mi Si7 Mi
In bidda mia dui e' feti sa speranza, totu su logu at a essi froriu
e ti da imparanta a iscola de piticcheddu,
e ti nci oganta pighendidì a s'ingannu, Nudda a furai, nudda a furai
ma fendidì crei ka sesi diventau giai mannu. nudda a furai po podi pappai
E ki est venida po tui s'ora 'e traballai
Tenis cuindici annusu, toccat a emigrai. Ora arriccusu, e nudda poburu,
totus ugualis in sa sociedadi
Custa est sa vida, custa est sa vida nosta,
aici eus connotu, aicci esti sighendi a De custas tancas, ki eis serrau
andai, foras is murusu e foras is stàulus
toccada a nosu, a nosu fetti a si sforzai ca is cuaddus, ki funti in Giara
a nai "Bastada, est ora 'e cambiai!". teninti bisongiu de sa libertadi.

Sol7 Do Sol7 Do Dì at a benni, dì at a benni,


Dì at a benni, dì at a benni, ki sempri innoi eus a abarrai
Sol7 Do Sol7 Do
ki no si nd'eusu mai prusu a andai Dì at a benni, dì at a benni,
ki no si nd'eusu mai prusu a andai

pagina 103
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Die moorsoldaten [I soldati della palude]


(1933)
di Johann Esser, Rudi Goguel, Wolfgang Langhoff
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: tedesco
Tags: carcere, campi di concentramento
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/die-moorsoldaten-i-soldati-della-palude

Lam Mi7 Lam Hier in dieser oeden Heide


Wohin hauch das Auge blichet ist das lager aufgebaut
Rem Lam Mi Lam wo wir fern von jeder Freude
Moor und Heide nur ringsum hinter Stacheldracht verstaut
Do Sol7 Do
vogelsang uns nicht erquicket Wir sind de Moorsoldaten
Rem Lam Mi Lam und ziehen mit dem spaten
eichen stehen kahl und kruum ins Moor!

Do Sol7 Morgen ziehen die Kolonnen


Wir sind de Moorsoldaten in das Moor zur Arbeit hin
Lam Mi Graben bei dem Brand der Sonne
und ziehen mit dem spaten doch zur Heimat steht der Sinn
Lam
ins Moor! Wir sind de Moorsoldaten
und ziehen mit dem spaten
ins Moor!

Informazioni

Canto del lager di Esterwegen/Borgemoor, scritto nel 1933 da alcuni prigionieri (un sindacalista, un regista e un
musicista, tutti comunisti) con lo scopo di ritmare la marcia dei prigionieri verso il lavoro nelle paludi di Börger ma
anche come sfida alle SS , che dopo una prima violenta reazione, alla fine lo permisero. Può sorprendere il suo tono
quasi trionfale, che costituiva una risposta alle vessazioni e la fiducia nella vittoria contro il nazismo. Diffuso
all'estero, esso diventò infatti simbolo della resistenza al regime hitleriano. La versione qui riportata è incompleta,
in origine erano 6 strofe.
Anni dopo, a Ravensbruck ne venne fatta una versione italiana, cantata però clandestiname, vedi Il canto dei
deportati

pagina 104
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dime donde vas morena


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dime-donde-vas-morena

Do Sol7 Dime por qué vas llorando,


Dime dónde vas, morena, dime por qué ya no cantas.
Do
dime dónde vas, alada. Yo lloro por mis hermanos,
Sol7 yo lloro por mis valientes
Dime dónde vas, morena, que los tienen prisioneros
Do en jaulas de fierro ardiente.
a las tres de la mañana.
Si te quieres casar
Sol7 con la chica de aquí
Voy a la cárcel de Oviedo tienes que ir a Madrid
Do a empuñar un fusil.
a ver a los pacifistas
Sol7 Dime qué llevas, morena,
que los tienen prisioneros en esa jarra cerrada.
Do Dime qué llevas, morena,
esa canalla fascista. a las tres de la mañana.

Si te quieres casar Llevo la sangre que corre


Sol7 por las llanuras de Soria
con la chica de aquí pa' tirarla a los fascistas
tienes que ir a Madrid para que tengan memoria.
Do
a empuñar un fusil. Si te quieres casar
con la chica de aquí
Dime por qué vas llorando tienes que ir a Madrid
cuando recién te levantas. a empuñar un fusil.

Informazioni

Adattamento antifranchista della canzone popolare della Cantabria intitolata La Fuente de Cacho, attribuito
all'anarchico spagnolo Emilio Carral, leader del Movimento Obrero. Nacque nelle Asturie in seguito all' insurrezione
dei minatori asturiani del 1934 ferocemente repressa dopo la quale il carcere di Oviedo, si riempì di prigionieri
politici repubblicani. Il ritornello non ricorre in tutte le versioni, ed è anch'esso la parodia di una canzone spagnola
per l'infanzia.

pagina 105
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dimmi bel giovane


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dimmi-bel-giovane

Re La7 il tempo è dei filosofi


Dimmi bel giovane
Re La casa è di chi l'abita
onesto e biondo La7
La7 è un vile chi lo ignora
dimmi la patria
Re il tempo è dei filosofi
tua qual'è Re
La7 Re la terrà è di chi la lavora.
tua qual'è

Adoro il popolo Addio mia bella


la mia patria è il mondo casetta addio
il pensier libero madre amatissima
è la mia fe' e genitor
è la mia fe' e genitor

Re Io pugno intrepido
La casa è di chi l'abita per la comune
La7 come Leonida
è un vile chi lo ignora saprò morir
saprò morir
il tempo è dei filosofi
Re La casa è di chi l'abita...

La casa è di chi l'abita...

Informazioni

L. Settimelli ha avuto il pregio di raccogliere questo canto a Lastra Signa (Fi) attraverso Donato Settimelli il quale
ricorda di averlo conosciuto dopo la guerra del 1915-18. In effetti il brano non è riportato in alcuna stampa di
canzonieri anarchici o socialisti d’inizio secolo consultati; né lo riporta il Canzoniere Sociale che dal secondo
dopoguerra è forse il canzoniere anarchico più completo. Nella discografia degli anni ’70 è riportato, come autore
del testo, un “anonimo”; altri ancora fanno risalire, erroneamente, il testo a Pietro Gori. Per fare finalmente e
definitivamente chiarezza sulla vera origine del canto bisognerà attendere lo studio di Franco Bertolucci
(“Anarchismo e lotte sociali a Pisa. 1871-1901”, Pisa, BFS, 1988) che riporta alla luce alcuni fatti storici di indubbio
interesse. Fra questi il canto che oggi è noto col titolo “Dimmi bel giovane” che altro non è se non una poesia
dell’internazionalista pisano Francesco Bertelli, stampata nel 1873 presso la tipografia Citi, dal titolo “Dimmi buon
giovine. Esame d’ammissione del volontario alla Comune di Parigi”. Dunque il testo è stato scritto in ricordo della
Comune di Parigi del 1871 e solo successivamente è stato stampato. Il testo della poesia è molto più lungo e
articolato (ventidue strofe) rispetto a quello tramandato (di sole quattro strofe), con il ritornello (“La casa è di chi
l’abita un ladro chi l’ignora. La terra pei filosofi è di chi la lavora”) un po’ modificato ma profondamente diverso nel
significato politico che è l’incipit della poesia del Bertelli.

Da acrataz.oziosi.org (non più online).

pagina 106
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dio del cielo se fossi una rondinella


(1930)
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dio-del-cielo-se-fossi-una-rondinella

La Mi7 Là c’è il tuo amore che alla fontana aspetta


Dio del cielo se fossi una rondinella
La Mi7 Prendi il fucile e vattene alla frontiera
Dio del cielo se fossi una rondinella Prendi il fucile e vattene alla frontiera.
La Là c’è il nemico, là c’è il nemico
Vorrei volare, vorrei volare, Là c’è il nemico che alla frontiera aspetta.
Mi7 La
vorrei volare in braccio alla mia bella Prendi il fucile e gettalo giù per terra
Prendi il fucile e gettalo giù per terra.
Prendi quel secchio e vattene alla fontana. Vogliam la pace, vogliam la pace
Prendi quel secchio e vattene alla fontana. Vogliam la pace e non mai più la guerra
Là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore Vogliam la pace, vogliam la pace
Vogliam la pace e non mai più la guerra.

Informazioni

Ci sono due versioni, dal punto di vista musicale: O Dio del cielo (canto militare nato forse durante la Prima Grande
Guerra) e "Guarda la luna come la cammina" tipico canto del repertorio degli alpini

O Dio del cielo s’io fossi una rondinella o Dio del cielo s’io fossi una rondinella vorrei volare (3 volte) n braccio alla
mia bella Prendi la secchia e corri alla fontana c’è là il tuo amore (3 volte) che alla fontana aspetta

Prendi il fucile e innesta la baionetta c’è là il nemico (3 volte) che alla frontiera aspetta.

________________________________

Guarda la luna come la cammina e la scavalca i monti come noialtri alpin Ohi sì sì cara mamma, no! senza alpin
come farò

Guarda le stelle, come sono belle: somiglian le sorelle di noialtri alpin: Ohi sì sì cara mamma, no! senza alpin come
farò

Guarda il sole, come splende in cielo: la lunga penna nera si riscalderà: Ohi sì sì cara mamma, no! senza alpin
come farò

Guarda la neve, come scende lieve: la lunga penna nera la si imbiancherà: Ohi sì sì cara mamma, no! senza alpin
come farò

La versione pubblicata è stata invece cantata dalle Mondine di Opera ed è contenuta nel cd “Canti e ricordi delle
risaie” a cura dell’associazione Cantaia e Coro Ingrato. E’ un canto di pace; invita non a prendere il fucile ed
innestare la baionetta, ma a prendere il fucile e buttarlo per terra perchè “Vogliam la pace e non mai più la
guerra”.

pagina 107
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dongo
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dongo

Mim un terribilim mortal terror.


Del fu Duce i giornali han narrato
Lam Mim Il tiranno portava un berretto
la sua ultima disavventura della fu guardia repubblichina,
Lam Mim un cappotto color nocciolina,
che seguì alla fatal sua cattura era un uomo finito di già.
Si7
e il destin che su lui si compì. Mussolini ascese al potere
colla forza in quel di già lontano,
Come fu Mussolini arrestato, ma la forza di ogni italiano
custodito insieme a Claretta, annientò quel crudele oppressor.
messo in una colora stanzetta
dove stette all'incirca tre dì. Nel vedere il patriota gli ha detto:
"Cosa c'è che venite a fare"?
Buia e tetra era quella stanzetta, "Ambedue vogliam liberare,
ben guardata da due Partigiani sì davver questa è la libertà".
che la sorte avean nelle mani
di chi fu la cagion d'ogni mal. Mussolini da buon cavaliere,
ora quel luogo lui sta per lasciare,
Lui fu messo insieme a Claretta precedenza alle donne vuol dare
per goder tutto quel che doveva, ma precederlo lei non vuol.
per goder tutto quel che voleva
dall'Italia il fratel suo carnal. Detto ciò il giustiziere decide
di colpire il tiranno e Claretta.
In quel luogo entrò il giustiziere. Sui tiranni alfin la vendetta
Mussolini vicino era al letto, sarà sempre tremenda quaggiù.
fuor dall'orbita gli occhi e nel petto Sui tiranni alfin la vendetta
sarà sempre tremenda quaggiù.

pagina 108
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dopo tre giorni di strada asfaltata


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dopo-tre-giorni-di-strada-asfaltata

Re La e per le pene il sangue ribelle,


Dopo tre giorni di strada asfaltata:
e dei fascisti vogliamo la pelle
La7 Re
dopo tre giorni di lungo cammino, perchè già troppo c'han fatto soffrir!

Sol La Re
l'ardita banda di Mario Gordini
Farem la pelle a quel boia di Hitler
La7 Re
raggiunse il fronte per fare il suo dover. e a quel vigliacco di Mussolini

perchè per colpa di quegli assassini

Nel bel paese della Romagna già troppa gente ha dovuto morir.

ogni mamma con ansia vi aspetta,

ma i nostri morti che gridan vendetta Voi tedeschi che siete i più forti

nostro dovere è andarli a vendicar. venite avanti se avete il coraggio:

e se gli inglesi vi danno il passaggio

Abbiam la fiamma che brucia nel petto noi partigiani fermarvi saprem!

pagina 109
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Dove vola l'avvoltoio?


(1958)
di Italo Calvino, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/dove-vola-lavvoltoio

Lam avvoltoio vola via.


Un giorno nel mondo Sono canti che io porto
Sol Do La7 sono i tonfi delle zappe,
finita fu l'ultima guerra, girotondi e ninnenanne,
Rem Sol non più il rombo del cannon".
il cupo cannone si tacque
Do Dove vola l'avvoltoio...
e più non sparò,
L'avvoltoio andò ai tedeschi
e privo del tristo suo cibo e i tedeschi disse: "No
dall'arida terra, avvoltoio vola via,
un branco di neri avvoltoi avvoltoio vola via.
si levò. Non vogliam mangiar più fango,
Mi Lam odio e piombo nelle guerre,
Dove vola l'avvoltoio? pane e case in terra altrui
Mi Lam non vogliamo più rubar".
avvoltoio vola via,
Mi Lam Dove vola l'avvoltoio...
vola via dalla terra mia,
Mi Lam L'avvoltoio andò alla madre
che è la terra dell'amor. e la madre disse: "No
avvoltoio vola via,
Lam avvoltoio vola via.
L'avvoltoio andò dal fiume I miei figli li dò solo
Sol Do a una bella fidanzata
ed il fiume disse: "No, che li porti nel suo letto
La7 Rem non li mando più a ammazzar"
avvoltoio vola via,
Sol Do Dove vola l'avvoltoio...
avvoltoio vola via.
L'avvoltoio andò all'uranio
Nella limpida corrente e l'uranio disse: "No,
ora scendon carpe e trote avvoltoio vola via,
non più i corpi dei soldati avvoltoio vola via.
che la fanno insanguinar". La mia forza nucleare
farà andare sulla Luna,
Dove vola l'avvoltoio... non deflagrerà infuocata
distruggendo le città".
L'avvoltoio andò dal bosco
ed il bosco disse: "No Dove vola l'avvoltoio...
avvoltoio vola via,
avvoltoio vola via. Ma chi delle guerre quel giorno
Tra le foglie in mezzo ai rami aveva il rimpianto
passan sol raggi di sole, in un luogo deserto a complotto
gli scoiattoli e le rane si radunò
non più i colpi del fucil". e vide nel cielo arrivare
girando quel branco
Dove vola l'avvoltoio... e scendere scendere finché
qualcuno gridò:
L'avvoltoio andò dall'eco
e anche l'eco disse "No Dove vola l'avvoltoio?
avvoltoio vola via, avvoltoio vola via,

pagina 110
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

vola via dalla testa mia... ma il rapace li sbranò.

pagina 111
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E a Roma a Roma
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: italiano
Tags: anticlericali
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-roma-roma

Fa Do Lo butteremo,,,
E a Roma a Roma
Solm Chi siete voi?
ci sta un papa Noi siamo piemontesi
Fa Do Voi siete vili
che di soprannome barbari e assassini
Fa Sì
si chiama Pio Nono No!

Do7 Siam valorosi garibaldini


lo butteremo giù dal trono che anche Roma
dei papa in Roma vogliamo liberar
Fa
non ne vogliamo più Siam valorosi...

Lo butteremo... Re
E sulle mura
Prima in San Pietro di quei conventi
e poi in San Paolo La7
e le lor teste piazzeremo piazzeremo
vogliamo far saltar Re
i nostri cannoni
e in piazza d'armi la ghigliottina
e le lor teste e ai preti e ai frati
vogliamo far saltar
quei birbantoni
E in piazza d'armi... Mi-
il buon giorno
E a Roma a Roma La7 Re
suonavan le campane lor lo daremo noi
piangevan le puttane La7
gh'è mort al puttanè E ai preti e ai frati
Re
lo butteremo in una pignatta quei bi-quei birbantoni
o brutta vacca Mi-
buon brodo ci darà il buon giorno
La7 Re
lor lo daremo noi

Informazioni

Registrazione di C. Bermani a Omegna (NO) nel 1963. E' un canto composito, formato da strofe di diversa origine,
non databile con precisione ma intorno al 1867-69. Nell'alto novarese divenne quasi l'inno ufficiale delle
celebrazioni del XX settembre da parte di repubblicani, socialisti e liberali fino ai primi anni del Noveceno. Ma
anche successivasmente mantenne una certa popolarità, testimoniata dal fatto che entrò a far parte del repertorio
resistenziale delle formazioni garibaldine della zona.

Fonte: note al CD "Camicia rossa. Antologia della canzone giacobina e garibaldina", a cura di Cesare Bermani.
(Francesca)

pagina 112
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E anche al mi' marito


(1917)
Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: toscano
Tags: antimilitaristi, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-anche-al-mi-marito

Do E a te, Cadorna, 'un mancan l'accidenti,


E anche al mi' marito tocca andare ché a Caporetto n'hai ammazzati tanti;
Rem noi si patisce tutti questi pianti
a fa' barriera contro l'invasore, e te, nato d'un cane, non li senti,
Sol7 Do
ma se va a fa' la guerra e po' ci more E 'un me ne 'mporta della tu' vittoria,
Sol7 Do perché ci sputo sopra alla bandiera;
rimango sola con quattro creature. sputo sopra l'Italia tutta 'ntera
e vado 'n culo al re con la su' boria,
E avevano ragione i socialisti:
ne more tanti e 'un semo ancora lesti; E quando si farà rivoluzione
ma s'anco 'r prete dice che dovresti, ti voglio ammazzà io, nato d'un cane,
a morì te 'un ci vai, 'un ci hanno cristi. e a' generali figli di puttane
gli voglio sparà a tutti cor cannone.

Informazioni

Canzone popolare toscana di contenuto fortemente protestatario, che va bene al di là del semplice lamento,
individuando chiaramente i veri nemici e la prospettiva della rivolta armata. Raccolta a Pisa, nel 1966 dal
Canzoniere Pisano e da Pino Masi nel 1970.

pagina 113
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E io ero Sandokan
(1974)
di Armando Trovajoli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-io-ero-sandokan

Lam Mi7 Lam Lam Mi Lam


Marciavamo con l'anima in spalla Eravam tutti pronti a morire
Rem Sol7 Do Fa Sol Do
nelle tenebre lassù ma della morte noi mai parlavam
Rem Sol Mi Lam Fa Sol Lam
ma la lotta per la nostra libertà parlavamo del futuro
Rem Sol Mi Mi Lam
il cammino ci illuminerà se il destino ci allontana
Fa Sol Lam
Lam Mi7 Lam il ricordo di quei giorni
Non sapevo qual'era il tuo nome Rem Sol Lam
Rem Sol7 Do sempre uniti ci terrà
neanche il mio potevo dir
Rem Sol Mi Lam Mi ricordo che poi venne l'alba
il tuo nome di battaglia era Pinin e poi qualche cosa di colpo cambiò
Rem Sol Lam il domani era venuto e la notte era passata
ed io ero Sandokan. c'era il sole su nel cielo
sorto nella libertà.

Informazioni

Dalla colonna sonora del film "C'eravamo tanto amati", di Ettore Scola

pagina 114
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E la mi' mamma
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: toscano
Tags: femministi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-la-mi-mamma

Lam Mi Lam Lam


E la mi' mamma la me lo diceva: cuna.
Mi Lam
piglià marito e nun sarà ma'bene; Quando ti credi d'andartene a dormire,
Rem Sol Do piglialo l'ago e mettiti a cucire,
andare a letto al lume della luna quando ti credi di andartene a letto
Lam Mi piglia il bambino e mettetelo al petto.
il piatto in grembio e il piede sulla

Informazioni

Ninna nanna raccolta da Caterina Bueno nel Senese, che ripropone la rabbia e la fatica per la condizione femminile
espressa soltanto nel privato e nell'intimità del rapporto con i figli piccoli.

pagina 115
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E lui ballava
di Rudi Assuntino
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-lui-ballava

Mi Fa#m che è un modo corretto


Ho visto un ragazzo dai lunghi capelli di stare al presente
Mi Fa#m lanciava anche grida, le piccole grida,
uno di quelli che han scelto la strada se un camion passava, ritmava e ballava
Mi Fa#m
lui stava ballando, la testa chinata, E lui ballava...
Do#m Si
tra note lontane, le gambe stregate. A traffico intenso nessuno poteva
fermarsi un momento, poi non importava;
io credo che fosse lì lì per finire
Mi LaMi qualcuno ha paura, lo va ad investire.
E lui ballava
Do#m Re E lui ballava...
tra i fanali delle auto
Mi LaMi E' un fatto accaduto: ho visto un ragazzo
e lui ballava morire di notte, tra i fari, per strada;
Do#m Re#m lui stava ballando, la testa chinata,
tra i fanali delle auto. tra note lontane, le gambe stregate.

Ballava una danza di moda nel mondo E lui ballava...

pagina 116
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E per la strada
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-la-strada

Do Sol7 Essi non fuggono, forti del loro ardir;


E per la strada gridavan i scioperanti; i figli del lavoro son pronti anche a
Do morir,
Non più vogliam da voi esser sfruttati;
Sol7 Eppur convien restar senza dolore,
siam liberi, siam forti e siamo tanti pronti a soffrir la fame e ogni tormento;
Do bisogna far tacer pur anche il cuore,
e viver non vogliam di carcerati. di madre il puro affetto e il sentimento.

Fa Do Sebbene oppressi e torturati ancor,


E nelle stalle più non vogliam morir; noi combattiamo sempre, combatteremo
Sol7 Do ognor.
è giunta l'ora, siam stanchi di soffrir.
E presto il dì verrà che, vittoriosi,
Ma da lontano giungono i soldati vedrem la redenzion nell'albeggiare;
avanti tutti assieme coi padroni muti staran crumìri e paurosi
e contro gli scioperantì disarmati vedendo l'idea nostra trionfare.
s'avanzan sguainando gli squadroni.
Così il lavoro redento alfin sarà
e il sol del socialismo su noi splendera

Informazioni

Nel 1908 la provincia di Parma fu oggetto di grandi scioperi di contadini e braccianti, che furono costretti a
mandare i figli ospiti presso famiglie di compagni di altre città. Il testo è ricavato da un foglio volante dell'epoca, la
musica è di anonimo.

pagina 117
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E qualcuno poi disse


(1972)
di Gianni Nebbiosi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: disagio mentale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-qualcuno-poi-disse

Sim Fa#7 la mia malattia mentale.


Fu l'idea di vedere i tuoi occhi
Lam Sim E un bel giorno venisti
di abbracciare la nostra creatura col tuo abito a fiori
Fa#7 mi prendesti la mano
che mi diede la forza e il coraggio mi portasti di fuori.
Lam Sim
di andar contro la natura Ma di fuori la voglia di uscire
Do# si trasforma in voglia di pane
di sorridere agli infermieri ma il discorso era sempre lo stesso:
Mim Fa# « Torni fra due settimane »
di pesare ogni parola Imparai a riconoscere presto
Sim Fa# dietro a quello strano impaccio
e alla notte ogni grido che usciva una legge senza parole
Lam Sim fredda e dura come il ghiaccio.
ricacciarmelo dentro in gola.
Quella sera, ricordo,
Do tu dormivi al mio fianco
E qualcuno poi disse ma la stanza girava
Lam Sim e di colpo fui stanco.
« Guarda lì l'agitato:
Do Furon sempre le stesse facce
son passati otto mesi, a legare questo mio male
Lam Sim Fa# e la stessa iniezione nel braccio
sembra un po' migliora - to». a condurmi all'ospedale
con lo stesso soffitto imbiancato
Fu l'idea di vedere i tuoi occhi con gli stessi scarabocchi
di giocare con la bambina dove ormai le paure e il silenzio
che mi fece ingoiare in silenzio nascondevano i tuoi occhi.
ogni loro medicina
e mi diede la forza e il coraggio E qualcuno poi disse:
di rispondere senza urlare «Guarda lì l'agitato:
al dottore che aveva schedato son passati otto giorni
e c'è già ricascato».

pagina 118
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E quand la sira
(1981)
di Fiorenzo Gualandris
Periodo: Dal riflusso alla fine della guerra fredda (1980 - 1989)
Lingua: lombardo
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-quand-la-sira

Do Sol7 Do tüt al paes cunt i fioeu in prima fila


E quand la sira l'è straca vusaven par fas sintì.
Sol7 Do Sol7 Do Sol7
da föra la porta a vidè i fioeu giugà, “Mort ai sciuri e ai padrun
Do Sol7 Do e per la giurtnà a vörum un franc”.
turni cul co ad una 'völta “Basta pendisi da püi
Sol7 Do Sol7 Do e g'han da sbasà anca al ficc da la cà”!
Sol7
quand gh'era al Ginetu e anca mi s'ei un “Che da la fam i nost giuin
fioeu. 'in gnanca pü bon d'an dà a fa al suldà”.
“E i sciuri cun la panscia lüstra
I so barbis giald de füm al firon da la shcena a g'han da sbasà”!
e la sua mania de fa sü i sturgitt
nonu da tüta la curta “Vusè donn, vusè tusan”
nüm fioeu in su la porta e lü drè a cüntà. e giò a shcepà vedar
“Calderar e Dal Verme in lì in quela cà,
Fa Sol Do Lam andemigala a brüsà”!
Da quand lü a steva ad Arlün
Rem Mi Lam La7 E al ridea al Ginetu, al ridea cume un matt
fioeu da paisan e nüm fioeu püsè che lü,
Rem Sol7 Do Lam a pinsà a quei sciuri cücià in un canton
da quela sira da Magg trimag al cüracion.
Rem Mi Lam Sol7
che i sciuri han fai strimì Ma la storia urmai l'è finida
la röda la gira e la turna indrè pü
L'aria giamò còlda la sira i fioeu cun la crapa grisa
da quel dì da festa dal vutantanov paisan d'una 'ölta e uperari d'in coeu.
fioeu, donn e oman in piasa a
vidè i giupitt a fa i so virsasc. Ma l'è no cambiada la vida
ghè semper chi süda e chi mangia püsè.
Ecu una vus la sa sinta Ginetu me vegn al magon
“Adess che i giupitt han finì al so mistè, i nost fioeu sculten pü ti, ma la television.
cumincium nüm al spetacul
uèe paisan, vignì föra d'in cà”! Ma al ridea al Ginetu, al ridea cume un matt
e nüm fioeu püsè che lü,
Cume furmig in dala tola dal sücar a pinsà a quei sciuri cücià in un canton
la strà la se impienì trimag al cüracion.

Informazioni

Canto che narra le vicende salienti dei moti contatini dell' Alto Milanese di fine '800 così come le ripoirta la stampa
dell' epoca.
Nel testo si immagina un ricordo da bambino quando nella vita sociale di cortile un ipotetico "Ginetu" nonno di tutti
che tenedo accanto a se lo stuolo di bambini narra quelle vicende per il loro divertimento.

pagina 119
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E quando alfine
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: anticlericali, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-quando-alfine

Re Andremo in chiesa a pregar Lenin


E quando alfine sarà la resa Re
La7 Re andremo in chiesa a pregar Lenin
andremo in chiesa andremo in chiesa Re7 Sol
e quando alfine sarà la resa andremo in chiesa a pregar Lenin
La7 Re Re
andremo in chiesa a pregar Lenin con la camicia rossa
La7 Re
Re La7 e 'l bottiglion del vin.

Informazioni

Sull'aria di "Bandiera rossa"

pagina 120
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E verrà il dì che innalzerem le barricate


(1926)
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-verra-il-di-che-innalzerem-le-barricate

Sol E verrà il dì che innalzerem le barricate


Prona la fronte sotto il peso del lavoro e tu borghese salirai alla ghigliottina
Re7 per quanto fosti sordo alle stremate
piegato a corda è lo scudiscio del potente grida di chi morìa nell'officina

purchè la gioia dia a chi vive nell'oro Pei nostri figli fino all'ultimo momento
Sol contro te vile borghesia combatteremo
senza dimani il lavorator morente. su da forti pugnam
per la lotta final
Siam nel dolore di un schiavitù tiranna l'Anarchia salutiam.
uniti insieme da sacramental promessa
sulla terra del duol, tutti pronti a morir In questa notte...
alla luce del sol.
E redentrice...
Sol
In questa notte E verrà il dì che innalzerem le barricate
Re7 e tu borghese salirai alla ghigliottina
di tenebre secolari per quanto fosti sordo alle stremate
grida di chi morìa nell'officina
il nero drappo
Sol Pei nostri figli fino all'ultimo momento
sventola su un carro di fuoco contro te vile borghesia combatteremo
su da forti pugnam
E redentrice per la lotta final
Re7 l'Anarchia salutiam.
una marcia, sian proletari
Do Sol
l'anarchica gloria In questa notte...
Re7 Sol
alla nuova umanità. E redentrice...

Informazioni

Noto anche come Inno dei giovani libertari, Inno delle barricate o Marcia proletaria.
(S. Catanuto e F. Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Milano, zeroincondotta,
2009.)

pagina 121
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E' festa d'aprile


(1948)
di Franco Antonicelli
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-festa-daprile

La ti sei ritirata;
E' già da qualche tempo si sa, la moda cambia
Mi7 quasi ogni mese,
che i nostri fascisti ora per il fascista
s'addice il borghese.
si fan vedere poco
La Forza che è giunta l'ora...
e sempre più tristi,
La Quando un repubblichino
hanno capito forse, omaggia un germano
Mi7 alza il braccio destro
se non son proprio tonti, al saluto romano.
ma se per caso incontra
che sta arrivare noi altri partigiani
La per salutare alza
la resa dei conti. entrambe le mani.

Re Forza che è giunta l'ora...


Forza che è giunta l'ora, In queste settimane,
La7 miei cari tedeschi,
infuria la battaglia maturano le nespole
persino sui peschi;
per conquistare la pace, l'amato Duce e il Fuhrer
Re ci davano per morti
per liberare l'Italia; ma noi partigiani
siam sempre risorti.
scendiamo giù dai monti
La7 Forza che è giunta l'ora...
a colpi di fucile;
Ma è già da qualche tempo
evviva i partigiani! che i nostri fascisti
Re si fan vedere spesso,
è festa d'Aprile. e non certo tristi;
forse non han capito,
e sono proprio tonti,
Nera camicia nera, che sta per arrivare
che noi abbiam lavata, la resa dei conti.
non sei di marca buona,
Forza che è giunta l'ora...

Informazioni

Brano nato dall'elaborazione degli stornelli trasmessi da Radio Libertà, la sola emittente radiofonica rivolta al
pubblico (quindi non esclusivamente militare) gestita dai partigiani. Trasmise nel Biellese dall'autunno '44 al 19
aprile 1945.
Le trasmissioni comprendevano anche una parte musicale eseguita da una piccola orchestra e da un coro stabili
che elaboravano stornelli, utilizzati come intermezzo nella lettura dei bollettini di guerra partigiani, delle notizie su
avvenimenti locali e nazionali di rilievo, di lettere e saluti a casa ecc.

Fonte: G. Lanotte, "Cantalo forte. La Resistenza raccontata dalle canzoni", Nuovi Equilibri Stampa Alternativa 2006.

pagina 122
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

(Saluti, Francesca)

pagina 123
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E' finito il '68


(1974)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-finito-il-68

Mi Ed il re della foresta
È finito il sessantotto Celebrando la sua festa
Ha voluto per coppieri
È finito con un botto Quei ben noti corvi neri
Un'altra volta
Tutti a casa siam tornati Un'altra volta

Gli ideali ripiegati Son ben labili ricordi


Si7 Di questi suddetti corvi
In tasca Cui non molto tempo addietro
Mi Demmo il nome di Loreto
In tasca In un piazzale
In un piazzale
E poi tutte quelle piazze
Che sembravano ragazze Ora questa filastrocca
Tutte quante infiocchettate Che m'è uscita dalla bocca
Le bandiere rosse alzate Io vorrei che fosse intesa
Dappertutto Come vituperio offesa
Ora è più brutto Da coloro

Fa#m Si7 Da coloro che al potere


Son bastati pochi mesi Sopra canottiere nere
Do#7 Fa#m
Qualche po' di Calabresi Si7 Mi
Si7 Mi Vestono abiti azzurrini
Una Guida non sicura E son pieni di santini
Fa#m Si7 Con i quali compran tutto
Poco allegra è la ventura Le coscienze ed il prosciutto
Mi Credon che democrazia
Mentre Sia la serva della zia
Della zia di quel questore
Fa#m Si7 Che ti può fermar se vuole
Chi di solito Restivo Solo perché porti addosso
Do#7 Fa#m Un bel fazzoletto rosso
Se ne stava tutto schivo Fan governi sulle bombe
Si7 Mi E dischiudono le tombe
Ha suonato le sue trombe Se non bastan prece e motti
Fa#m Si7 Volan bassi i candelotti
Per far rosse quelle bombe La
Mi Che fan rima
Con Rumor Si Mi
Che fan rima con Andreotti

pagina 124
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

E' mezzanotte
(1974)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: satirici, repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/e-mezzanotte

Mi Si7 dove vengono fatte le scritte


È mezzanotte e cominciano gli appostamenti
E al comando c'è chi urla e chi si incazza
ma chi ci sarà su quella 500 “Questa volta basta, siete incapaci,
Mi io vaccio trasferir”...
che scorrazza per la città?
La polizia dello stato italiano...
Sono le due, la centrale si è mobilitata
“a tutte le auto, è stato segnalato E sul giornale abbiamo letto
movimento in corso Italia”... questa mattina
sui muri della questura
Mi Si7 c'era scritto in rosso
La polizia dello stato italiano “il potere a chi lavora”
Mi
ci garantisce la tranquillità Un poliziotto, inseguendo
Si7 un gruppo di ribelli
che sempre l'ordine sia rispettato per caso è scivolato
Mi con la pistola in mano
che si lavori in serenità due colpi son partiti,
ci sono 3 feriti denunciati....
Tutte le notti si ripete la stessa storia
sorveglianza stretta dei centri focali La polizia dello stato italiano...

pagina 125
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ecco s'avanza uno strano soldato


(1970)
di Dario Fo
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ecco-savanza-uno-strano-soldato

La La
Ecco s'avanza uno strano soldato uno straccio rosso è la sua bandiera
Mi
porta il fucile come una vanga Ieri ne ho visto un altro impiccato
non l'hanno preso è arrivato da solo
come la vanga di un contadino e ai tedeschi si è consegnato
La sono i tedeschi che l'hanno avvisato
ha la mantella del birocciaio
«Se non si presenta
La ne ammazziamo altri trenta».
ha gli stivali del fiocinino
Re Ora quei trenta lo stanno a guardare
va in bicicletta lungo le strade guardano in piazza lo strano soldato
Mi Re Mi che al loro posto s'è fatto impiccare
va con le barche dentro i canali sotto che piange c'è un ragazzino.
La
suo portaordini è un ragazzino C'è la sua donna che continua a chiamare
e c'è una vecchia con un pacchettino
La un pacchettino con dentro il mangiare.
e la sua donna gli fa da staffetta E sopra i tetti ci sono nascosti
Mi strani soldati che stanno a guardare.
e la sua mamma gli fa sempre avere
La Portan fucili come le vanghe
un pacchettino con dentro il mangiare. come le vanghe dei contadini
Mi han le mantelle dei birocciai
Uno straccio rosso è il fazzoletto han gli stivali dei fiocinini
e son venuti per vendicare...

Informazioni

Dallo spettacolo "Vorrei morire anche stasera se dovessi pensare che non è servito a niente", 1970.

pagina 126
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

El mayor de los dorados


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/el-mayor-de-los-dorados

Do ayaaay,
Fui soldado de Francisco Villa hoy recuerdo los tiempos pasados
de aquel hombre de fama inmortal de aquellos dorados que yo fui mayor.
Fa
que aunque estuvo sentado en la silla Mi caballo que tanto montaba
no envidiara la presidencial. en Jiménez la muerte alcanzó
Sol una bala que a mí me tocaba
Ahora vivo allá por la orilla a su cuerpo se le atravesó.
recordando aquel tiempo inmortal, Al morir de dolor relinchaba
Sol7 por la patria la vida entregó
ayaaay, ayaaay,
Do al morir de dolor relinchaba
ahora vivo allá por la orilla cómo le lloraba cuando se murió.
Sol DO
recordando a Villa allá por Parral. Pancho Villa te llevo grabado
en mi mente y en mi corazón
Yo fui uno de aquellos dorados y aunque a veces me vi derrotado
que con tiempo llegó a ser mayor por las fuerzas de Álvaro Obregón
en la lucha quedamos lisiados siempre anduve como fiel soldado
defendiendo la patria y honor. hasta el fin de la revolución
Hoy recuerdo los tiempos pasados ayaaay,
que peleamos con el invasor siempre anduve como fiel soldado
que tanto ha luchado al pie del cañón.

pagina 127
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

El me gatt
(1962)
di Ivan Della Mea
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: milanese
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/el-me-gatt

Rem La7 Rem vedella in gir fa propi péna


A l'han trovàa distes in mezz a i orti e tucc i fioeu ghe dann adoss.
Re7 Solm
i oeucc a eren ross e un poo sversàa Incoeu a l'hoo spetada in via Savona
Rem dopo mezzdì, quand lee la torna a cà
me piasaria savè chi l'è quel ostia ghe sont rivàa adrée a la barbona
La7 Rem e su la gamba giusta giò legnàa.
che al me gatt la panscia al g'ha sbusàa.
Ho sentù on crach de ossa rott
Solm Rem l'è 'ndada in terra come on fagott
L'era insci bell, insci simpatich lee la vosava «oi mamma mia»
La7 Rem me sont stremì, sont scapàa via
negher e bianch, propri on belée
Solm Rem Stasera voo a dormì al riformatóri
se ciapi quel che l'ha copàa in quel di Filangieri al numer duu
La7 Rem m'han dàa del teddy-boy, del brutt demoni
mi a pesciàa ghe s'ceppi 'l dedrée. mi sont convint istess d'avegh reson.

I amis m'han dit «L'è stada la Ninetta Se g'hoo de divv, o brava gent
quella cont la gambetta sifolina de la Ninetta me frega niént
l'emm vista in mezz a i orti ier matina l'è la giustissia che me fa tort
che la lumava 'l gatt cont on cortel». Ninetta è viva, ma el gatt l'è mort,

L'è malmostosa, de bruta cera, l'è la giustissia che me fa tort


e l'ha g'ha on nas svisser e gross Ninetta è viva, ma el gatt l'è mort.

pagina 128
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

El pover Luisin
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: lombardo
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/el-pover-luisin

La E mi per sta cuntrada


Un dì per sta cuntrada Lu pü vedü a pasà.
Re La
pasava un bel fiö Un dì piuveva, ver sira
Re La S’ciupavi del magun,
e un masulin del ros quand m’è rivà ‘na jetera
Mi La cul bord de cundiziun.
la trà in sul mè pugiö.
Scriveva la surela
E per tre mes de fila, Del pover Luisin
e squasi tüti i dì, Che l’era mort in guera
el pasegiava semper De fianc al Castelin.
dumà per vedem mi.
Hin già pasà tri an,
Vegnü el cinquantanöv, le mort, el vedi pü,
che guera desperada! epür stu pover cör
le chi ancamò per lü.

Informazioni

La guerra, seconda guerra d’indipendenza, 1859, infrange il tenero sogno di una ragazza, corteggiata da un “bel
fiö”, poi morto in guerra.

pagina 129
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

El pueblo unido jamás será vencido


(1970)
di Quilapayun
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/el-pueblo-unido-jamas-sera-vencido

El pueblo unido jamás será vencido![solo] con decisión la Patria vencerá


El pueblo unido jamás será vencido![coro]
Rem Si7
Y ahora el pueblo que se alza en la lucha
Lam Do Rem Mi7 Lam Mi7
El pueblo unido jamás será vencido! con voz de gigante gritando: adelante!
Lam Do Rem Mi7
El pueblo unido jamás será vencido! Lam Do Rem Mi7
El pueblo unido jamás será vencido!
Lam Do Rem Mi7 Lam Do Rem Mi7
De pie cantar que vamos a triunfar El pueblo unido jamás será vencido!
Lam Do Rem Mi7
avanzan ya banderas de unidad La Patria está forjandola unidad,
Rem Sol7 de norte a sur se movilizará
y tu vendrás desde el salar ardiente y mineral
Do Lam Re- Mi7 al bosque austral,
marchando junto a mi y asi verás unidos en la luche y el trabajo irán
Lam La7 Re- la Patria cubrirán, su paso ya
tu canto y tu bandera florecer anuncia el porvenir
Sol7 Do Lam
la luz de un rojo amanacer De pie cantar que el pueblo va a triunfar
Rem Mi7 Lam Mi7 miliones ya imponen la verdad,
annuncia ya la vida que vendrá de acero son, ardiente batallón
sus manos van llevando
De pie marciar la justicia y la razón mujer
que el pueblo va a triunfar con fuego y con valor
será mejor la vida que vendrá, ya estás aquí junto al trabajador
a conquistar nuestra felicidad
y en un clamor mil voces Y ahora el pueblo que se alza en la lucha
de combate se alzarán con voz de gigante gritando: adelante!
dirán canción de libertad,
El pueblo unido jamás será vencido...

pagina 130
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

El Quinto Regimiento
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/el-quinto-regimiento

mi lam con el comandante Carlos


El dieciocho de julio no hay miliciano con miedo.
sol fa mi
en el patio de un convento Venga jaleo, jaleo
fa mi suena la ametralladora
el partido comunista y Franco se va a paseo.
lam sol fa mi
fundó el Quinto Regimiento. Con los cuatro batallones
que Madrid están defendiendo
Venga jaleo, jaleo se va lo mejor de España
lam sol la flor más roja del pueblo.
suena la ametralladora
mi lam fa mi Venga jaleo, jaleo
y Franco se va a paseo.
Con el quinto, quinto, quinto,
Con Líster, el Campesino, con el Quinto Regimiento
con Galán y con Modesto madre yo me voy al frente
para las lineas de fuego.

Informazioni

Il canto utilizza due temi popolari, la musica di "El Vito" nel testo e nel ritornello di "Los contrabandistas de Ronda
(Anda Jaleo)"

La 5 ^ milizia popolare conosciuta come Quinto Reggimento è stato un corpo militare di volontari della Seconda
repubblica spagnola durante i primi mesi del guerra civile spagnola, e divenne il fiore all'occhiello dell'esercito
popolare repubblicano .

pagina 131
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

El tren blindado
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/el-tren-blindado

mi lam y Mola se va a paseo


Yo me subí a un pino verde y Mola se va a paseo.
sol fa mi
por ver si Franco llegaba Yo me fui en el tren blindado
fa mi camino de Andalucía
y sólo vi un tren blindado y vi que Queipo de Llano
lam sol fa mi al verlo retrocedía.
lo bien que tiroteaba
Anda jaleo, jaleo, jaleo,
Anda jaleo, jaleo, jaleo, silba la locomodora
lam sol y Queipo se va a paseo
ssilba la locomodora y Queipo se va a paseo.
mi lam
y Franco se va a paseo El dieciocho dia de Julio
fa mi en el patio de un convento
y Franco se va a paseo el partido comunista
fundò el quinto regimiento
Por tierras altas de Burgos el partido comunista
anda Mola sublevado, fundò el quinto regimiento
ya veremos cómo corre
cuando llegue el tren blindado. Anda jaleo, jaleo, jaleo,
silba la locomodora
Anda jaleo, jaleo, jaleo, y Franco se va a paseo
silba la locomodora y Franco se va a paseo.

Informazioni

Questo testo è un adattamento di una canzone popolare, "Los Contrabandistas de Ronda" .


Durante la guerra di Spagna, come per tutti gli adattamenti di canti popolari, se ne abbero diverse versioni. In
questa si parla di un treno blindato, come quelli della rivoluzione russa, da cui sparare ai tre generali più odiosi.

Fonte

pagina 132
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Emigrato su in Germania
(1972)
di Gianni Nebbiosi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: emigrazione, disagio mentale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/emigrato-su-germania

Rem La7 Io gli parlo di cantieri


Emigrato su in Germania e dei miei troppi mestieri
Rem Solm di sudore e di fatica
sento il cuore che mi smania cose che non le sa mica.
Rem Solm
sento estranee cose e gente Ma ci stiamo ad ascoltare
Sib La e ci sembra di imparare
e alla fine anche la mente. il perché siam stati esclusi
il perché ci hanno rinchiusi.
E finito in ospedale
per 'sta malattia mentale E così l'altra mattina
ci ho trovato, con stupore, quando han fatto la strozzina
un che parla da signore. e picchiato a più non posso
un che s'è pisciato addosso
E racconta certi fatti
di romanzi e di ritratti noi ci siam guardati in viso
di poeti e di persone e poi dopo all'improvviso
di cui non conosco il nome. non più servi né stranieri
fummo addosso agli infermieri.

pagina 133
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

En el Pozo Maria Luísa


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antifascisti, lavoro/capitale, miniera, anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/en-el-pozo-maria-luisa

Lam Mi Lam mira como vengo yo.


En el pozo María Luisa, Que me la rompió un barreno,
Mi Lam mira, mira Maruxina mira,
tranlaralará, tranlará, mira como vengo yo.
Do Sol
murieron cuatro mineros, Me cago en los capataces
Fa ranlaralará, tranlará,
mira, mira Maruxina mira, accionistas y esquiroles,
Mi mira, mira Maruxina, mira,
mira como vengo yo. Mira como vengo yo!
Do Sol Accionistas y esquiroles,
Murieron cuatro mineros, mira, mira Maruxina, mira,
Fa Mira como vengo yo.
mira, mira Maruxina mira,
Mi Mañana son los entierros,
mira como vengo yo tranlaralará, tranlará, tranlará,
de esos pobres compañeros,
Traigo la camisa roja mira, mira Maruxina mira,
tranlaralará, tranlará, mira como vengo yo.
del sangre de un compañero, De esos pobres compañeros,
mira,mira Maruxina mira, mira, mira Maruxina mira,
mira como vengo yo. mira como vengo yo.
Del sangre de un compañero,
mira,mira Maruxina mira, En el pozo María Luisa,
mira como vengo yo. tranlaralará, tranlará,
murieron cuatro mineros,
Traigo la cabeza rota, mira, mira Maruxina mira,
tranlaralará, tranlará, mira como vengo yo.
que me la rompió un barreno, Murieron cuatro mineros,
mira, mira Maruxina mira, mira, mira Maruxina mira,
mira como vengo yo

Informazioni

Un minatore ferito torna a casa e racconta alla moglie dell'incidente in miniera in cui sono morti 4 suoi compagni.
Si fa riferimento al Pozo Maria Luisa, una miniera di Langreo, nelle Asturie, tutt'ora attiva, in cui, nel 1949, 17
minatori motitono per una esplosione di grisù.
Anche se spesso viene catalogata nel repertorio dei canti anarchici della guerra civile spagnola, questo canto ha
una genesi complessa ed articolata nel tempo: canzone di miniera dagli antichi natali (e che iniziava con
l'invocazione a Santa Barbara), divenne anche un inno del movimento indipendetista asturiano nato nel 1934: i
lavoratori asturiani crearono la prima Armata Rossa e fondarono la Repubblica Socialista delle Asturie a Oviedo. Fu
poi ripreso durante la guerra civile spagnola. Ancora oggi vivida colonna sonora e fedele compagna dei minatori
spagnoli durante la lunga Marcha Negra verso la capitale, coinvolgendo nella loro giusta lotta milioni di persone.
Viene cantata anche durante cerimonie ufficiali, in quanto è fortemente radicata nella cultura popolare spagnola.

pagina 134
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Era sui quarant'anni


(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/era-sui-quarantanni

Sim "Vale la pena


Era sui quarant'anni vale la pena"
Si7 Mim gli altri dicevan no
e non se n'era accorto "vale la pena
Sim vale la pena"
tutta la vita lui stava a pensar e intanto lui ci andò.
Fa# Sim
cosa dovesse far Era sui quarant'anni
e non se n'era accorto
Re non ebbe il tempo di fiatar
"Vale la pena che si ritrovò morto.
La7
vale la pena E tutti i suoi compagni
Re Sol La ch'eran sempre sicuri
vale la pena o no ora gli fanno omaggi
Re La e lapidi sui muri.
ora lo chiedo a qualcheduno Gran rivoluzionario
Re Sol La tempra di combattente
e poi deciderò". il suo dovere ebbe
sempre presente e in mente
Si camminava in tre e si sacrificò.
restava sempre indietro
meglio la pasta od il bignè "Vale la pena
perdeva sempre il treno. vale la pena
vale la pena o no
No che non era fesso vale la pena
le cose le capiva vale la pena"
e se ne dispiaceva e intanto lui ci andò.
e se ne dispiaceva
ma non serviva più. "Vale la pena
vale la pena"
Era sui quarant'anni gli altri dicevan no
e si trovò lì in mezzo "vale la pena
oh che gran colpi, che confusione vale la pena"
era la rivoluzione. e intanto lui ci andò.

pagina 135
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ero un consumatore
(1960)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ero-un-consumatore

Do Sol7 Do La7 e mosaico rosso e verde dentro il cesso;


Ero un bravo cittadino senza ubbie il mobilio, per mio gusto personale,
Rem La7 Rem era in stile barocchetto e chippendale,
e badavo solamente a cose mie: ma convenni, poi, con grossa delusione,
Sol Do che l'alloggio era di speculazione.
davo il voto a chi sedeva già al potere
Sol Do Si7 L'impresa, per ridurre un po' la spesa,
per timor d'avere qualche dispiacere; ha messo, anziché cemento, gesso;
Mim Si7 Mim con cura ha ridotto l'armatura
concordavo col padrone e la Questura e così l'appartamento
Si7 Do Re7 con struttura di cemento
su un progresso senza l'ombra d'avventura. una notte sulla testa mi crollò.
Sol Re7 Sol
La mia pace fu, però, pregiudicata, *
Re7 Sol Sol7
per il fatto che mi piace l'insalata. E così, per questa storia sfortunata,
Do Sol7 mi trovai colla salute rovinata,
La condivo con genuino olio d'olivo; e mia moglie mi privò del proprio affetto
Do e restai senza famiglia e senza tetto;
ero ignaro ch'era olio di somaro, immerso in una gran disperazione,
Mim Si7 Mim Re7 cercai conforto nella religione,
messo insieme a carogne di balene; sperando di ottener consolazione
Sol in atti di profonda devozione.
l'olio è sterilizzato,
Re7 Sol Ma, pensate!
contraffatto e adulterato, Le candele eran truccate:
Do Sol7 Do dopo un poco non facevano più fuoco.
reni, fegato e budella mi schiantò. Che disdetta! Anche l'acqua benedetta
era stata mescolata
Per escludere del tutto dai miei pasti con dell'acqua sconsacrata
il pericolo di condimenti guasti, che, per sempre, la mia anima dannò.
fui costretto a eliminar dalla cucina
burro, lardo, grasso, strutto e margarina.
Ed a forza di pensare, infine volli *
far la prova di mangiare solo polli: Fui convinto d'aver perso la partita,
polli lessi, fatti in pentola, alla buona, non cercai più alcun conforto, dalla vita;
con dell'acqua, sale, pepe e qualche aroma. mi decisi, lì per lì, di farle corte,
e cercare quel conforto dalla morte.
Ma i pollastri son più grassi se li castri, Sono andato in farmacia una mattina,
e i capponi son castrati con gli ormoni, ho comprato mezzo chilo di stricnina,
che son cose sempre un po' pericolose, poi mi son nascosto, presso il Cimitero,
tant'è vero che io, adesso, e ho mangiato il mezzo chilo, tutto intero.
sono lì per cambiar sesso
e una femmina tra un po' diventerò. Or saprete come mai qui mi vedete,
ben vivo, sano, trullare e giulivo:
Abitavo in un moderno appartamento per dire come tutto andò a finire
con struttura "a faccia vista" di cemento, la stricnina ingurgitata
marmo rosa nel soggiorno e nell'ingresso era stata adulterata
e soltanto una diarrea mi procurò.

pagina 136
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Figli dell'officina
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/figli-dellofficina

Do di pace e di lavor.
Figli dell'officina
Rem Dai monti e dalle valli
o figli della terra, giù giù scendiamo in fretta,
Sol Lam Mi7 con queste man dai calli
già l'ora s'avvici-na noi la farem vendetta;
Lam Re7 Fa Sol7
della più giusta guerra, del popolo gli arditi,
Do noi siamo i fior più puri,
la guerra proletaria, fiori non appassiti
Rem dal lezzo dei tuguri.
guerra senza frontiere,
Sol Lam Mi7 Avanti, siam ribelli...
innalzeremo al ven-to
Lam Re7 Fa Sol Noi salutiam la morte,
bandiere rosse e nere, bella vendicatrice,
noi schiuderem le porte
Do Fa Do a un'era più felice;
Avanti, siam ribelli,
Fa ai morti ci stringiamo
fiori vendicator e senza impallidire
Do per l'anarchia pugnamo;
un mondo di fratelli o vincere o morire,
Sol7 Do
Avanti, siam ribelli...

Informazioni

Legato all’epopea degli “Arditi del Popolo”, il canto, molto noto, è stato ideato da Giuseppe Raffaelli e scritto da
Giuseppe Del Freo su una musica probabilmente cantata in artiglieria.
Questo canto è tra i più diffusi nel movimento dei lavoratori ed ha subito diverse varianti a seconda
dell’organizzazione politica che lo ha utilizzato durante la lotta partigiana (ad esempio “libere bandiere” al posto di
“bandiere rosse e nere”).

Da acrataz.oziosi.org (non più online).

pagina 137
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Figli della plebe


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/figli-della-plebe

La Si7 Al grido di rivoluzion social


O figli oppressi di plebe in catena
Mi7 La La
Tanta ingiustizia dovrà ben finir Vendetta ognor dobbiam voler
Sim Do#7 Fa#m
Se nostra vita è un calvario di pena solo l'union la potrà ottenere
La Mi7 La Sim Mi7 La
Anziché schiavi è più fiero morir vessillo ner trionferà
Fa#m Sim Fa#m Re Mi7 La
Gli eroi borghesi ai superbi agli avari e il vil borghese morrà morrà
Do#7 Fa#m
Che mal dispregian l'umanità Se in petto un cuor all'unisono batte
Sim Fa#m per una causa d'amore e di ben
Saran dispersi da noi libertari se con ardore e con fe' si combatte
Sol#7 Do# Mi7 della vittoria la palma otterrem
All'alto grido di libertà
O proletario la vil borghesia
La dovrai sfidar con dignità
Vessillo ner non più soffrir dovrai dei ricchi troncar m
Sim la lor malvagia avidità
Lo sfruttamento si danni a perir
La
Popolo in piè per l'ideal Vessillo ner....
Mi7 La
La
Vendetta ognor dobbiam....

Informazioni

Vedi l'originale spagnolo:

Hijos del pueblo

pagina 138
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Figli di nessuno
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/figli-di-nessuno

Do Sol7 figli di nessuno


Noi siam nati chissà quando chissà dove Sol7 Do
DO anche il digiuno saprem lottar.
allevati dalla pubblica carità
Sol7 Noi viviam fra i boschi
senza padre senza madre senza un nome e sulle alte cime
Fa Sol7 Do e dagli aquilotti
e noi viviam come gli uccelli in libertà. ci facciam comandar
ma il nemico nostro
Do dai confini scaccerem - e scaccerem
Figli di nessuno e l'Italia bella
Sol7 noi la saprem - noi la sapremo liberar.
per i boschi noi viviam
Rem Sol7 Figli di nessuno
ci disprezza ognuno per i monti noi viviam
Do ci disprezza ognuno
perché laceri noi siam perché laceri noi siam
ma se c'è qualcuno ma se c'è qualcuno
Fa che ci sappia ben guidar - e ben guidar
che ci sappia ben guidar - e ben guidar figli di nessuno
Rem Do anche il digiuno saprem lottare.

Informazioni

I "Figli di nessuno" erano nel genovese le squadre d'azione che avevano l'incarico di contrapporre alla violenza
fascista azioni di rappresaglia; nel luglio 1921 confluirono negli Arditi del Popolo.

V'è una lezione del ritornello leggermente diversa:

"Figli di nessuno
per i monti noi andiam
ci disprezza ognuno
perché laceri noi siam
ma se troviam qualcuno
che ci sappia che ci sappia dominar e comandar
figli di nessuno - anche a digiuno saprem sparar"
(Pardo Fornaciari)

Da "La musica dell'altra Italia", sito non più online.

pagina 139
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Fischia il vento
(1943)
di Felice Cascione
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/fischia-il-vento

Lam Mi7 forte il cuor e il braccio nel colpir.


Fischia il vento e infuria la bufera, Nella notte...
Lam
scarpe rotte e pur bisogna andar Se ci coglie la crudele morte,
Rem Lam dura vendetta verrà dal partigian;
a conquistare la rossa primavera ormai sicura è già la dura sorte
Rem Lam Mi7 Lam del fascista vile e traditor.
dove sorge il sol dell'avvenir. Ormai sicura...

A conquistare... Cessa il vento, calma è la bufera,


torna a casa il fiero partigian,
Ogni contrada è patria del ribelle, sventolando la rossa sua bandiera;
ogni donna a lui dona un sospir, vittoriosi, al fin liberi siam!
nella notte lo guidano le stelle, Sventolando...

Informazioni

Sull'aria della canzone russa "Katiuscia". di Michail Isakovski.

Cantata un po' ovunque dalle varie brigate, è stato forse il canto più eseguito durante la Resistenza.

L'autore del testo, Felice Cascione, comandante della II Divisione d'assalto garibaldina di Imperia, è morto nelle
montagne della provincia di Cuneo nel 1944 in uno scontro a fuoco con i fascisti. Solo pochi giorni prima aveva
composto questo canto che poi, in modo spontaneo, ha iniziato a diffondersi tanto da diventare un vero e proprio
inno dei partigiani.

Beppe Fenoglio, nel celebre romanzo "Il partigiano Johnny" scrive: "Fischia il vento è una vera e propria arma
contro i fascisti. Li fa impazzire, mi dicono, al solo sentirla".

pagina 140
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Fra il '19 fra l'anno 20


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/fra-il-19-fra-lanno-20

Re Sim Re Sim Basta e basta


Fra il diciannove fra l'anno venti Massacratori dell'umanità.
Re Sim Re La Basta e basta,
Gran cambiamenti gloriosi si dan Lenin vi pagherà.
Sol La Sol La
Con l'elezioni con le comunali Maledizione la guerra e il cannone
Sol La Re La munizione che USA vi dà
Scaccià i clericali l'agrario e il pipì O santo giusto verrà quell'ora
Che chi non lavora non deve mangiar
Re Sim Re Sim
Via e via Basta e basta
Re Sim Re La Massacratori dell'umanità...
La borghesia l'agrario e il pipì
Sol Re Le guardie regie figura più brutta
Via e via La carne venduta che uccide ogni dì
Sol La Re Rubare ammazzare pipì e clericali
Fai i conti con Lenin Le cose bestiali non è santità

Affittuari rimasti e mezzadri Basta e basta


È morto l'agrario e sta male il pipì Massacratori dell'umanità...
Fan compassione soltanto a vederli
Quei poveri merli che in gabbia restan Dal '19 ormai giunti al '20
Via e via dei gran cambiamenti si doveva far:
La borghesia... bandiere rosse son tutti i comuni,
ormai più nessuno strappar li potrà.
Siam comunisti artisti e valenti Questo gran fascio vigliacco e imprudente
Intelligenti e per lavorar maltratta la gente che colpa non ha:
Per minor ansa c'è qualce pipì le guardie regie, gli agrari e i borghesi
Ma poverino più forza non ha son tre corpi intesi per fà massacra.

Via e via...

Informazioni

Parodia politica diffusa nel ferrarese sull'aria della nota canzone dell'epoca Donna, donna. "Pipì" è l'abbreviazione
di di Partito Popolare Italiano.

pagina 141
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Fucile e bisaccia
(1974)
di Alberto Cesa, Franco Lucà
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/fucile-e-bisaccia

Do e i tedeschi e i fascisti a guerreggiar.


Con il fucile, con la bisaccia in spalla,
Fa Mia casa il bosco, mio tetto la bufera,
col casolare e la mamma dentro il cuore, mio letto un sacco, mio cibo pane duro,
Do Sol sporco fascista ma stattene sicuro,
addio Ninetta devo lasciarti sola, che anche questo te lo farem pagar.
Do
suona l'ora mi tocca di partir. E se io muoio compagni sulla fossa
non voglio fiori per il mio funerale,
Queste montagne che m'han visto bambino mi basta avere la bandiera rossa
oggi mi vedono fare il partigiano, chè socialismo sarà la libertà.
l'abbiam giurato con il pugnale in mano

Informazioni

Testo ispirato ad un racconto partigiano, la musica è di matrice popolare mantovana. La prima versione fu
pubblicata nell'MC Musica Contro del Cantovivo, nel 1977.

pagina 142
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Fuoco e mitragliatrici
(1917)
Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/fuoco-e-mitragliatrici

Lam Trincea di raggi, maledizioni,


Non ne parliamo di questa guerra quanti fratelli son morti lassù!
La7 Finirà dunque 'sta flagellazione?
che sarà lunga un'eternità; di questa guerra non se ne parli più.
Rem Lam
per conquistare un palmo di terra O monte San Michele,
Rem Mi7 Lam bagnato di sangue italiano!
quanti fratelli son morti di già! Tentato più volte, ma invano
Gorizia pigliar.
Mi7
Fuoco e mitragliatrici, Da monte Nero a monte Cappuccio
Lam fino all'altura di Doberdò,
si sente il cannone che spara; un reggimento più volte distrutto:
Mi7 alfine indietro nessuno tornò.
per conquistar la trincea:
Lam Fuoco e mitragliatrici,
Savoia! - si va. si sente il cannone che spara;
per conquistar la trincea:
Savoia! - si va.

Informazioni

Raccolto da Roberto Leidy ad Alfonsine da reduci della prima Guerra Mondiale(RA), il canto è anonimo. Dal
repertorio di Leonello Rambelli e Spartaco Pagani. Fu scritto probabilmente tra il 16/12/1915 (episodio della
"Trincea dei raggi" o "dei razzi", che gli eroici fanti della Brigata Sassari riuscirono a conquistare con un assalto alla
baionetta), ed il 29/3/1916 (quinta battaglia dell'Isonzo).
Alle pendici di Monte San Michele era allora situato un trincerone italiano, che verso valle andava al bosco
Cappuccio (qui chiamato "monte Cappuccio"). La melodia del canto, di cui sono state raccolte versioni più
esplicitamente protestatarie, è quella di una canzonetta napoletana di Libero Bovio ed Ernesto De Curtis,
pubblicata nel 1913 col titolo di Sona chitarra

pagina 143
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Garibaldi
(1972)
di Stormy Six
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/garibaldi

Re Sol Porterà giustizia e libertà”.


E parliamo di Garibaldi
Re Sol E’ arrivato Garibaldi
E dei suoi garibaldini E i Borboni son scappati
Re Sol Son scappati nella notte
Venuti per far giustizia Per non essere ammazzati.
La Re Ma il 14 di maggio
A noi poveri contadini. Il barone gli fa omaggio
E il notaro Rosolino
Arriva Garibaldi Già lo chiama Don Peppino
E i baroni fa tremare
La gente per le strade “Garibaldi, ma chi è?...
Si sente già cantare:
Se ne è andato Garibaldi
Sol Mi Con i suoi garibaldini
“Garibaldi, ma chi è? Se ne è andato con il pane
La7 Re Sol Re Di noi poveri contadini.
E’ più forte e bello dello Re! E ilnotaro Rosolino
Sol Mi All’uscita del paese
Garibaldi, cosa fa? Ha brindato a Garibaldi
La7 Re Do Re Sol Col buon vino piemontese

“Garibaldi, ma chi è?...

pagina 144
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Garibaldi, Brigate d'assalto


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/garibaldi-brigate-dassalto

Lam cosa importa se tuona il cannone


Garibaldi, brigate d'assalto, partigiano, glorioso leone
Mi7 la vittoria più bella sarà.
tu che sorgi dall'italo cuore,
Fa Lam Partigiani levate i vessilli
per la patria, la fede e l'onore che bagnaron di sangue i Bandiera
Fa Sol7 Lam con Battisti e del Piave la schiera
contro chi maledetto tradì. l'invasore scacciato sarà!

Partigiano di tutte le valli, Garibaldi, brigate d'assalto...


pronto il mitra, le bombe e cammina
la tua patria travolta rovina, Non pennacchi, galloni dorati
la tua patria non deve morir. segno ambito ferita vermiglia
nostro motto la santa guerriglia
Giù dai monti discendi alle valli la divisa del nostro guerrier.
se il nemico distrugge il tuo tetto
partigiano, impugna il moschetto Libertà nel lavoro vogliamo
partigiano non devi morir. sia per tutti il pane che sfama
partigiano la patria ti chiama
Garibaldi, brigate d'assalto… col tuo braccio, il tuo sangue, il tuo cuor!

* Se la morte ci sfiora o ci coglie Garibaldi, brigate d'assalto...

pagina 145
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gelato in Febbraio
(1996)
di Giubbonsky
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gelato-febbraio

Do#m Labm Re#7 Labm Fa#7 Labm Sibm7 Lab Reà Labm
quante giovani vite vedremo stroncare

Labm MI Si Fa# Labm Mi Si Fa#


23 di febbraio, piazzale Lugano, Labm
da chi porta pistole sotto la sua divisa
Labm MI Si Fa# Labm
una rissa tra pusher e il Digos Policino Mi Si Fa#
Labm
Mi Si e sa che la giustizia non è proprio precisa
Fa# Labm Corre lenta la giustizia siamo nell'89
alza il braccio, mira e spara e un proiettile alla sbarra lo sbirro è la prova del 9
vagante è un processo o una farsa, con la deposizione
scopri che la verità è soltanto un illusione.
Mi Si Fa
Labm Hanno ucciso un'altra volta la nostra
Lascia steso li per terra un fratello speranza
sanguinante. e nell'animo stretto c'è angoscia che avanza
non crediamo più a niente, non è
Labm MI Si un'impressione
Fa# Labm resta solo amarezza mista a desolazione
Nebbia fitta dentro gli occhi, freddo intenso
nelle ossa, Quanti altri gelati dovremo ingoiare

MI Si Fa# Non è stato un gelato a fermare il coraggio


Labm di un fratello dolcissimo, un cuore di saggio
lacrime, dolore e rabbia siamo ancora tutti questo senso di vuoto che riempie qui intorno
scossi conserviamo il ricordo, giorno dopo giorno.

Mi Si Una storia italiana non proprio finita


Fa# Labm perché in fondo a troppi cuori ancora aperta
e costretti a berci un calice dove olezza la è la ferita
fandonia ferrea e lucida memoria la vogliamo colorare
e anche chi non sa di Luca non potrà
Mi Si dimenticare.
Fa# Labm
che un gelato in febbraio abbia ucciso Luca Quanti altri gelati dovremo ingoiare
Rossi.
Quanti altri gelati dovremo ingoiare
Re# Labm quante vite innocenti vedremo stroncare
Quanti altri gelati dovremo ingoiare da chi spara nascosto da una divisa
e sa che la giustizia non condanna divisa

pagina 146
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Già allo sguardo [Il ritorno dell'esiliato]


di Carlo Vita
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gia-allo-sguardo-il-ritorno-dellesiliato

Lam Mi di vederlo il mio popol redento,


già allo sguardo mi apparve la terra e nel mio petto l'amore albergavo,
Lam non dell'odio il terribil tormento.
tra gli albori di un sole nascente

Nel vederla Dell'amore


Mi dell'amore la colpa espiai
nel vederla il mio cuore si serra e dall'isola infame ritorno
Lam ma la fede
nel mio petto mi balza fremente. ma la fede che ho sempre nel cuore
la riservo in un triste soggiorno.
Do Sol7 Do
Tra le nebbie lontane lontane Fra un istante avrò il piede posato
Mim Lam nella terra ove nacqui ed amai
già discorgo del porto i fanali e ove il duolo e la gioia provai
Solm Do dove tante memorie lasciai.
non più lungi dal bel suolo toscano
Solm Do Potrò alfine
che fu patria di tanti immortali. potrò alfine ristringere al seno
la mia sposa e i miei figli adorati
Perché mai ma l'amplesso
perché mai da te sto lontano ma l'amplesso più puro e sereno
fui esiliato, qual colpa commisi? gioirò tra questi esseri amati.
Perché mai
perché mai sì potente la mano Ma per sempre la fede e il cuore
mi strappò dai più dolci sorrisi? serberò per chi soffre e chi geme
ma l'ideale di pace e d'amore
Tra il lavoro e l'amore sognavo sarà sempre la sola mia speme.

Informazioni

Attribuito da alcuni (erroneamente) a Pietro Gori, Il canto è noto anche con il titolo "Il ritorno dell'esiliato", anche se
probabilmente si tratta del ritorno di un carcerato politico in qualche isola dell'arcipelago toscano. (Riccardo
Venturi)

pagina 147
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gino della Pignone


(1967)
di Canzoniere Pisano, Pino Masi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: romanesco
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gino-della-pignone

Mi7 Lam Gino affronta chi è deluso:


Gino è 'r nome der Mafredi "Se lo sciopero è fallito
Mi7 Lam il conflitto non è chiuso:
che lavora alla Pignone;
Mi7 Lam Sabotar la produzione:
alle cinque egli è già 'n piedi non c'è altra soluzione!"
Mi7 Lam Sabotar la produzione...
per quer porco der padrone.
Una notte l'han trovato
Rem Lam che scriveva "W Mao!
Dai, pedala, vai più in fretta, Socialisti col padrone!":
Mi7 Lam dal partito l'han radiato.
la sirena non ti aspetta.
Sabotar...
Rem Lam
Dai, pedala, vai più in fretta, Una volta era il partito
Mi7 Lam La che ci dava gli obiettivi;
la sirena non ti aspetta.. ora anch'esso ci ha tradito,
ma noi siamo sempre vivi.
Una sera, giù ar partito,
Sabotar...

pagina 148
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gira la ruota [La ruota del tempo]


(1981)
di Alfredo Bandelli
Periodo: Dal riflusso alla fine della guerra fredda (1980 - 1989)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gira-la-ruota-la-ruota-del-tempo

mim si7 Gira la ruota del tempo che ci dà


Nasce una stella nella notte un'occasione per sognare ancora
mim un altro mondo un'altra realtà
è un altro giorno che va via di pace di lavoro e libertà.
si7
si spenge piano ogni colore Nel cielo limpido del giorno
mim mi nasce una nuova poesia
ogni rumore ogni passione un'altra rabbia un altro amore
un altro grido di dolore
lam mim
Gira la ruota del tempo che ci dà Gira la ruota del tempo che ci dà
si7 mim mi un'occasione per sognare ancora
un'occasione per sognare ancora un altro mondo un'altra realtà
lam mim di pace di lavoro e libertà.
un altro mondo un'altra realtà
si7 mim Suona una marcia la fanfara
di pace di lavoro e libertà. sventolano mille bandiere
cantano i lavoratori
Sorge dai monti un altro sole si spengono le ciminiere
è un'altra notte che va via
spenge la luna il suo candore Gira la ruota del tempo che ci dà
e si risvegliano le ore un'occasione per sognare ancora
un altro mondo un'altra realtà
di pace di lavoro e libertà.

Informazioni

Questa canzone faceva parte di “Il vecchio e la sua ombra”, uno spettacolo di canzoni e poesie, presentato da Ivan
Della Mea, tenuto da Alfredo Bandelli insieme a Luigi Cunsolo nel 1981 presso il circolo ”La Cereria” a Pisa.

Questa canzone è anche cantata nel documentario di Giuseppe Favilli, Alfredo Bandelli - Un cantautore di lotte e di
speranze, NEOKI FILM, 2008 Pisa, NEOKI 2008, minuto 34

pagina 149
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Giudeca
(1973)
di Alberto D'Amico
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: veneto
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/giudeca

La Mi7 La E chi lavora se consuma


Giudecca nostra abandonada, da Eriunx a Iunga sui cantieri,
Mi7 La La7 e i ghebi te fa i oci neri
vint'anni de fame e sfrutamento se ti te meti a scioperà.
Re La
e adesso s'è rivà el momento 'E contesse faseva el doposcuola
Mi7 La co 'a cipria e coi cioccolatini
de dirghe basta e de cambià. e el Pro-Giudecca dei paroni
ai giudecchini i g'ha embrogià.

'E scole co le pantegane, Studenti, donne, operari,


'e case sensa gabineto avemo ocupà el doposcuola;
e quando ti te buti in leto che vegna el prefeto co i ghebi;
te sogni sempre de lavorà. no se movemo, restemo qua!

E i fioj se ciàman l'epatite Giudecca nostra abandonada,


in mes' ai pantan de la Giudecca; vint'anni de fame e sfrutamento,
Cipriani se magna la bisteca e adesso s'è rivà el momento
e da le case ne vò sfratà. de dirghe basta e de cambià.

pagina 150
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gli anarchici noi siamo di Milano


(1920)
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gli-anarchici-noi-siamo-di-milano

Re La7 Per la bandiera nostra in ogni terra


Gli anarchici noi siamo di Milano Noi lotteremo con nuova energia
Re Abbiam da rinnovar la nostra guerra
E dei borghesi non abbiam paura E vincerla nel nome dell'anarchia
LA7
Fanno gli arditi con le bombe a mano Urlerà la dinamite
Re Getterem le nostre vite
Carabinieri e guardie di questura Farem sul serio
L'esempio ce lo dan Bresci e Caserio
La7 Re
Ma noi abbiamo forze unite La nostra storia è storia di vendetta
La7 Re Contro una classe rea di ogni delitto
Il pensier la dinamite Contro una società ch'è maledetta
La7 Alla vita ha negato ogni diritto
Ed il pugnale
Re Seminando la tempesta
La fiamma agitiam di un'ideale Rugge già sulla sua testa
Il gran ciclone
Gli anarchici non hanno guerreggiato Che si chiama sociale rivoluzione
Per gli interessi della borghesia
Oltre i confini abbiamo disertato Hanno versato il sangue a fiotti a rivi
Sfidando la più atroce tirannia Per questa infame guerra della morte
Molti soldati son restati vivi
Troppi estranei in un conflitto Di ribellione la massa più forte
Tra la forza ed il diritto Bomba a mano dinamite
E le frontiere Banclastite balistite
Vogliamo unire tutte le bandiere Farem la festa
Che ad ogni mal taglierà la testa

Informazioni

Il canto viene fatto risalire al periodo subito dopo la Prima Guerra Mondiale per i riferimenti al conflitto presenti nel
testo (e anche alla diserzione); ma potrebbe essere plausibile anche farla risalire al 1921, nel corso del conflitto
degli Arditi del popolo e gli Arditi d'Italia ("Fanno gli arditi con le bombe a mano Carabinieri e guardie di questura
").

Cesare Bermani attribuisce a questo canto la melodia popolare romanesca del "Sor Capanna", mentre Santo
Catanuto ritiene più plausibile la melodia di "Porta Romana bella", con i ritornelli sulla melodia di quelli di "Stornelli
d'esilio".

Fonte: S. Catanuto e F. Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Milano, zeroincondotta,
2009.

pagina 151
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gli ingranaggi
(1977)
di Gualtiero Bertelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gli-ingranaggi

Lam 'na macchina moderna


Mama, mia cara mama, 'sta fabbrica m'ha formà.
Mi7
il peggio non è morto Un sogno ad occhi aperti
Rem Lam che adesso mi si sfoga
ma io non mi ricordo e gìà mi secca in gola
Mi7 quel poco che ho gustà.
di aver mai così penà.
Ho scioperato anch'io,
Lam erano i miei diritti,
Tre anni di galera erano i miei interessi;
Mi7 m'han detto che ho sbaglià.
o viver da animali
Rem Lam Che io non ho diritti,
è meglio della pena che non sei tu mia madre,
Mi7 Lam la fabbrica m'ha fatto,
che dentro mi son trovà. il padrone mi ha creà.

Avevo sedici anni Prima non ero un uomo,


che sono stato assunto, ora sono una vite,
ero un derelitto se sciopero mi fermo,
e m'hanno sistemà. mi devono cambià.
Siamo degli ingranaggi
In poco m'hanno fatto pagati a poco prezzo,
tutta una vita nova, che con questo ricatto
sono un qualificato ci possono buttà.
come chi che ha studià.
Spremuti come schiavi,
lo mi sentivo un altro, servi del suo sistema,
dritto per la mia strada, se vieni licenziato
non trovi da lavorà.

pagina 152
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gli scariolanti
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gli-scariolanti

Do che vanno a lavorar.


A mezzanotte in punto
Sol7 A mezzanotte in punto
si sente un grande rumor si sente una tromba suonar
sono gli scariolanti lerì lerà
sono gli scariolanti lerì lerà che vanno a lavorar.
Do
che vengono al lavor. Volta, rivolta...

Do Gli scariolanti belli


Volta, rivolta son tutti ingannator
Sol7 vanno a ingannar la bionda lerì lerà
e torna a rivoltar. per un bacin d'amor.

noi siam gli scariolanti lerì lerà Volta, rivolta...


Do

Informazioni

La canzone si riferisce al reclutamento della manovalanza per i lavori della bonifica della Romagna (1880): la
mezzanotte della domenica il caporale suonava il corno e i braccianti correvano con le carriole verso il podere. I
primi ad arrivare venivano assunti per tutta la settimana, gli altri dovevano aspettare disoccupati sino alla
domenica successiva.

pagina 153
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Gli sfruttati
di Franco Rusnati
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/gli-sfruttati

Re La7 Della Breda noi siamo i coglioni,


L’autunno caldo ormai se n’è andato che tra polvere, fumo e rumori
Re siam sfruttati dai nostri padroni
e molti frutti a noi ha lasciato. or giustizia noi vogliamo far.
La7
Quell’unità da tempo cercata Operai della Breda di Sesto,
Re la salute è la cosa più bella,
è il dono di una lotta consumata: non ti far rovinare anche quella
La7 Re per la faccia del tuo padron.
or gli sfruttati, giorno per giorno,
La7 Re Operai della Breda di Sesto
meditan, studian quei che sta attorno. fai suonar la campana a martello,
Sol La7 Re chiama tu gli operai all’appello
Lottano in fabbrica e in ogni rione. in battaglia bisogna tornar.
Mim La7
Ci siamo tutti, tutti contro il padrone! Operai tutti insiem scioperiamo
Re contro chi ci vuol male e ci sfrutta,
Gli sfruttati son scesi in battaglia contro chi di noi tutti si infischia
La7 intascandosi tanti milion.
cambierà il corso della sua storia,
tutti uniti siam forza e ricchezza Operai della Breda di Sesto
Re fai suonar la campana a martello,
e i padroni noi non li vogliam. chiama tu gli operai all’appello,
in battaglia bisogna tornar.

Informazioni

Canzone scritta da Franco Rusnati di Bussero, operaio della Breda Siderurgica di Sesto San Giovanni e pubblicata
nel 1979 a cura del Sindacato Unitario Metalmeccanico FIM-FIOM.UILM su disco 45 giri

pagina 154
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Guantanamera
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: spagnolo/castigliano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/guantanamera

La Re Mi7 en julio come en enero


Yo soy un hombre sincero Cultivo la rosa blanca,
La Re Mi7 en julio come en enero
de donde crece la palma para el amigo sincero
La Re Mi7 que me da su mano franca
Yo soy un hombre sincero
La Re Mi7 Guantanamera, guajira guantanamera..
de donde crece la palma
La Re Mi7 Y para el cruel que me arranca
y antes morir me quiero el corazón con que vivo,
La Re Mi7 Y para el cruel que me arranca
echar mi versos del alma. el corazón con que vivo,
cardos ni ortigas cultivo:
Re Mi7 cultivo la rosa blanca
Guantanamera,
La Re Mi7 Guantanamera, guajira guantanamera..
guajira guantanamera
La Re Mi7 Yo sé de un pensar profundo
Guantaname - ra, entres la pena sin nombre:
La Re Mi7 Yo sé de un pensar profundo
guajira guantaname - ra entres la pena sin nombre:
la esclavitud de los hombres
My verso es de un verde claro es la gran pena del mundo
y de un carmín encendido, Guantanamera, guajira guantanamera..
My verso es de un verde claro
y de un carmín encendido, Con los pobres de la tierra
my verso es un cervo herido Quiero yo mi suerte echar.
que busca en el monte amparo Con los pobres de la tierra
Quiero yo mi suerte echar,
Guantanamera, guajira guantanamera.. El arroyo de la sierra
Me complace más que el mar.
Cultivo la rosa blanca,
Guantanamera, guajira guantanamera..

pagina 155
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Guarda giù dalla pianura


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/guarda-giu-dalla-pianura

Do Facce nere mani callose


Guarda giù dalla pianura son gli stemma degli operai
Sol Do Nelle miniere scaviamo l'oro
le ciminiere non fanno più fumo nelle soffitte ci manca il pan

I padroni dalla paura E fate presto rivoluzione


Sol Re7 Sol che noi siam stanchi ma di soffrir
son compagnati dai carabinier

Fa Do Avanti popolo alla riscossa


A centinaia ne sono usciti Sol7
Sol Re7 Sol Bandiera rossa trionferà
gli operai dal loro lavor Fa Do
Fa Do Bandiera rossa trionferà
E hanno ingaggiato una gran battaglia Sol7 Do
Sol7 Do Evviva il socialismo e la libertà
ma per distruggere il capital Fa Do Sol7 Do
Evviva il socialismo e la libertà

pagina 156
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Guarda là 'n cula pianura


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: piemontese
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/guarda-la-n-cula-pianura

La Re La
Guarda là 'n cula pianura, sa l'è 'na cosa straurdinaria
Mi Mi La
le ciminéie fan pì nèn füm i lavurié i lavurié i la fan tüt l'an
La tüt l'an i la fan
fan pì nèn füm Re La
La sa l'è 'na cosa straurdinaria
Guarda là 'n cula pianura, Mi La
Mi i lavurié i lavurié i la fan tüt l'an
le ciminéie fan pì nèn füm
La tüt l'an i la fan
fan pì nèn füm

Informazioni

Una delle molte versioni di questa canzone, attribuita per altro a diversi autori, con diverse datazioni, e riferita a
svariati contesti di lotte operaie a cavallo tra '800 e '900.

Questa versione è stata raccolta da Roberto Leydi e Amerigo Vigliermo, nel 1972 a Perosa Canavese (TO).

Per ulteriori approfondimenti e altre versioni:

Gustavo Buratti
Le canzoni ed un poeta della protesta operaia in piemontese
"l'impegno", a. VIII, n. 3, dicembre 1988© Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea
nelle province di Biella e Vercelli.

Cesare Bermani
Guarda giù an cola pianura
Un canto sociale di non facile razionalizzazione
"l'impegno", a. IX, n. 1, aprile 1989© Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle
province di Biella e Vercelli.

Gustavo Buratti
A Bermani rispondo che...
"l'impegno", a. IX, n. 2, agosto 1989© Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle
province di Biella e Vercelli.

(Violadelpensiero)

pagina 157
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ha detto De Gasperi a tutti i divoti


di De Marco
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: calabrese
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ha-detto-de-gasperi-tutti-i-divoti

Do brutte ignorante ch' 'un capisciti


Ha detto De Gàspere a tutti i divoti chi mi parrati quannu 'un sapete.
Sol Do Quannu 'un sapete chillu chi fazzu
dàtemi u voto e non ci pinzate. m'avete a dire ca signu pazzu.

Lu voto chi vua mi date Nun signu pazzu né testa di rapa


Sol Do ca pazzu è chillu chi volu lu papa.
lu paradiso vi l'accattate. Lu papa ha ditto pòari pizzienti
Fa Do salvaci l'anima e tìraci i dienti.
Vi l'accattate ppe vitam aeternam Tìraci i dienti ppe non mangiari
Sol Do tàppaci 'a vucca ppe non fumà.
jennu raminghi ccu na linterna.
Io né li dienti l'aiu tirate
A ppe dispietto dei comunisti e né la vucca m'aiu tappatu.
chi vonno a morte dei capitalisti. Mi l'aiu lassata ppi cc'incantà
I capitalisti nui a ci vulemo avanzi di ziti ppe 'unn'accattà
si no a sso munnu cume suffremo? ppe 'unn'accattare nemmenu na sarda
'Bbiato chi soffre, a dissi Piu, ppe penitenza rrobba si guarda.
di fare soffrire ci pienzo io.
Quannu si guarda c'è l'abbundanza
Vi fazzu fare na cura sto vierno ca pu sperare e t'inchi la panza.
ma se murite nun gghiate a lu infìerno. T'inchi la panza asciutta
A lu infierno arrasusìa. si ti lamienti ssi farabuttu.
meglio murire di checchisìa. Si farabuttu senza cuscienza
Di checchisìa nun mora a nissuno a nnomu du papa ti bbenedicu.
supa na lunga cura e dijuno.
Ti bbenedicu gran populuni
Co'u dijunare sun fatti li santi ca si legatu ccu su curdunu.
no co 'u mangiari brutt'ignorante Sii cristiane e statti cuntientu
ti salvi l'anima e campi di viento.

pagina 158
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Hanging On The Old Barbed Wire


(1916)
Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: inglese
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/hanging-old-barbed-wire

la gut
If you want to find the general
I know where he is I saw him, I saw him
mi7 Sitting in comfort stuffing his bloody gut
I know where he is Sitting in comfort stuffing his bloody gut
la
I know where he is If you want to find the seargent
If you want to find the general I know where he is
I know where he is I know where he is
re mi7 la I know where he is
He's pinning another medal on his chest If you want to find the seargent
I know where he is
re la He's drinking all the company rum
I saw him, I saw him
mi7 I saw him, I saw him
Pinning another medal on his chest Drinking all the company rum
la mi7 la Drinking all the company rum
Pinning another medal on his chest
If you want to find the private
If you want to find the colonel I know where he is
I know where he is I know where he is
I know where he is I know where he is
I know where he is If you want to find the private
If you want to find the colonel I know where he is
I know where he is He's hanging on the old barbed wire
He's sitting in comfort stuffing his bloody I saw him, I saw him

Informazioni

Canto antimilitarista inglese della prima guerra mondiale, scritta in trincea dagli stessi soldati

pagina 159
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Hasta siempre comandante


(1965)
di Carlos Puebla
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/hasta-siempre-comandante

Lam Rem Mi7 se despierta para verte.


Aprendimos a quererte
Lam Rem Mi7 Aqui ...
desde la historica altura
Lam Rem Mi7 Vienes quemando la brisa
donde el sol de tu bravura con soles de primavera
Lak Rem Mi7 para plantar la bandera
le puso cerco a la muerte. con la luz de tu sonrisa.

Lam Rem Mi7 Aqui ...


Aqui se queda la clara,
Lam Rem Mi7 Tu amor revolucionario
la entrañable transparencia te conduce a nueva empresa,
Lam Sol donde esperan la firmeza
de tu querida presencia, de tu brazo libertario.
Fa Mi7
comandante Che Guevara. Aqui ...
Seguiremos adelante
Tu mano gloriosa y fuerte como junto a ti seguimos
sobre la historia dispara, y con Fidel te decimos:
cuando todo Santa Clara "Hasta siempre, Comandante!"

Aqui ...

Informazioni

Scrita alla viglilia della partenza di Ernesto Che Guevara per la Bolivia

pagina 160
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Here's to you Nicola and Bart


(1972)
di Joan Baez
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: inglese
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/heres-you-nicola-and-bart

Sol Re Mim Sim Sim Lam Re7 Sol


Here's to you Nicola and Bart The last and final moment is your
Sol Re Mim Re Re Si7 Mim
Rest forever here in our hearts That agony is your triumph!

Informazioni

Musica di Ennio Moricone, parole di Joan Baez Colonna sonora del film di Giuliano Montaldo "Sacco e Vanzetti"

pagina 161
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Herminda de la victoria
(1972)
di Victor Jara
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/herminda-de-la-victoria

Sol Do Hermanos se hicieron todos


Herminda de la victoria hermanos en la desgracia
Sol Do peleando contra los lobos
muriò sin haber luchado paleando por una casa.
La Re
derecho se fue a la gloria Herminda de la victoria
La Do naciò en el medio del barro
con el pecho atraversado. muriò como mariposa
en un terreno tomado.
Las balas de los mandados
mataron a la inocente Hicimos la poblaciòn
lloraban madres y hermanos han llovido tres inviernos
en el medio de la gente. Herminda en el corazòn
guarderemos tu recuerdo

pagina 162
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I Felsari
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-felsari

SOL RE
Son partigiani di tutti i traditor
quelli che avanzano SOL
RE che rinnegano l’Italia e gl’italian
con passo rapido partigian.
SOL
e man sicura Diciam presente
dalla montagna per i compagni
alla pianura che qui perirono
RE nelle battaglie
finché arrivano gridiamo forte
SOL e combattiamo
i vincitor. finché arrivano
SOL i vincitor.
Se troviamo i felsari Se troviamo i felsari
RE a combatter contro a noi
a combatter contro a noi li mettrem fuori d’uso
li mettrem fuori d’uso con tutto il nostro ardor
SOL siam leoni per forza
con tutto il nostro ardor di tutti i traditor
siam leoni per forza che rinnegano l’Italia e gl’italian
partigian.

Informazioni

Per “Felsari” si possono intendere sia le spie e i delatori ma anche in senso generico tutti i fascisti, in quanto falsi
italiani che hanno rinnegato l’Italia.

La registrazione di questo canto è del maggio 1975 e si trova nel Centro Etnografico del Comune di Carpi.
Nella testimonianza, che raccoglie canti di un gruppo di muratori di Carpi e Novi di Modena, un muratore afferma
che era un canto che cantava, da bambino, subito dopo la guerra, mentre tornava a casa da scuola.

Il primo verso “Son partigiani” è un aggiunta dei Violenti Piovaschi per questioni metriche, la registrazione originale
è priva del primo verso.

pagina 163
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I ne g'ha messo de la Todt


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: veneto
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-ne-gha-messo-de-la-todt

Do E la sera, za se sa,
I ne g’ha messo de la Todt Sol7
Sol7 I i ne da’ quel fià de boba,
tuti noi de la “legera” do patate e tre fasoi:
co’ la pala e col picon Do
Do tuta quela xe la roba.
de matina fin la sera.

Informazioni

Nel settembre 1944 vi fu a Trieste, occupata e governata direttamente dai tedeschi, la prima chiamata al servizio
del lavoro (Arbeitsdienst) degli uomini delle classi 1923 e 1924. Dopo sei mesi furono chiamati gli uomini delle
classi 1916-1922. Successivamente la chiamata fu generale, per tutti gli uomini abili. I chiamati del primo
scaglione furono assegnati alla organizzazione Todt, gli altri furono invece portati in Germania. L'Organizzazione
Todt (OT) fu una grande impresa di costruzioni che operò, dapprima nella Germania nazista, e poi in tutti i paesi
occupati dalla Wehrmacht impiegando il lavoro coatto di più di 1.500.000 uomini e ragazzi. Il principale ruolo
dell'impresa era la costruzione di strade, ponti e altre opere di comunicazione, vitali per le armate tedesche e per
le linee di approvvigionamento, così come della costruzione di opere difensive. Il canto “I ne g’ha messo de la
Todt” è stato registrato a Trieste

pagina 164
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I padroni posson perdere la testa


(1972)
di Movimento Studentesco Milanese
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-padroni-posson-perdere-la-testa

La sta chiuso in casa, non si sa mai,


L'abbiamo letto sul "Corriere" intanto i lupi stan mangiando mezzo gregge
Re La col distintivo da pecorai!
chi è l'assassino si sa già,
Re La E la D.C. mostra il suo cuore popolare,
la "belva umana" "quel ballerino!" un cuore d'oro, grande così,
Mi7 La è così grande che ci stanno anche i
E per le prove poi si vedrà. [fascisti
per dare i voti sappiamo a chi!
Quando il "Corriere" parla state pur
[sicuri: Mancava ancora il finale della storia
niente di buono succederà, e un uomo morto non può parlar,
e come al lampo segue sempre il tuono e come in Grecia il finale è americano,
cominceranno a bastonar! però in Italia non funzionerà.

Così la penna sposa sempre il manganello Per le elezioni Andreotti ha messo in


e il celebrante è la D.C., [piedi
ora il padrone si aspetta il lieto fine la dittatura della D.C.:
però non è finita lì. monocolore del grigio-verde
e non è ancora finita lì.
Chi lavora le conosce queste storie, Perchè i padroni posson perdere la testa
sa quante volte c'han provato già, e provocare, ed ammazzar,
e sulle piazze migliaia di compagni questo vuol dire soltanto che han paura
vanno a gridare la verità. d'aver finito di comandar!

Però qualcuno dice "Giunti a questo punto E inventeranno mille trucchi criminali
chi è l'assassino anch'io lo so, per accusare, per ammazzar,
ma a far giustizia ci pensa la Giustizia: ma i comunisti non staranno lì a guardare
solo aspettare ormai si può. " e con la lotta il socialismo vincerà!
Ma i comunisti non staranno lì a guardare
E mentre aspetta che i padroni dican tutto e con la lotta il socialismo vincerà!

pagina 165
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I partigiani di Castellino
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-partigiani-di-castellino

Re Mi7 La7
Al comando di Granzino, allora noi cantiam!
La7
dalle Langhe noi veniam Re
Re Tra boschi e macchie nelle tane
partigiani di Castellino Mim
Mi7 La7 come lupi noi viviam
che la patria difendiam.
aspra guerriglia
Re Re
Barbe lunghe e scarpe rotte che da giorni e da mesi conduciam!
La7 La nostra fede
un fucile nella man Mim
La7 Re sarà quella che sui vili vincerà
noi pugnamo sempre giorno e notte Sol Re
La7 Re c'è una voce che dirà:
e l'onor ti vendichiam. La
«Viva i baldi, viva i veci
La Re
Quando il cammin si fa più duro partigian di Castellin!»
Mi7 La
noi resistiam e non ci arrestiam C'è una voce che dirà:
quando il ciel si fa più scuro «Viva i baldi, viva i veci
partigian di Castellin!»

Informazioni

Sull'aria dell'"Inno degli studenti universitari fascisti".

pagina 166
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I persuasori occulti
(1975)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-persuasori-occulti

Re Re#dim La Mi5+ Mim Fa# Si7 Fa7 Mi7 Mangiava formaggini, mangiava caramelle,
biscotto ,cioccolato e dolci a crepapelle,
La Mim Sol Re beveva aperitivi, per quanto fosse astemio,
Conosco un tipo strano, convinto che la legge soltanto per raccogliere dei punti premio.
La Mim Sol Re
che più ci serve, ci difende e ci protegge, Coi punti ebbe in regalo duecento
Fa#- Do#m Re La tostapane,
la legge che ci rende autori della storia sessantatre servizi in false porcellane,
Sim Fa#m Re Mi quaranta frullatori, ottanta girarrosto,
4Mi e cambiò casa perché non c'era più posto.
sia la pubblicità, che Iddio ce l'abbia in
gloria! Venuto grandicello giurò un amore eterno
per tutto ciò che fosse giovane e moderno,
Do Sol Sib Fa convinto di dovere raggiungere uno stile
Lo apprese appena nato ché, per sorte che lo aiutasse ad essere virile.
nefanda,
Do Sol Sib Fa Per dar soddisfazione alla propria consorte
lui nacque a causa di un'errata propaganda, si dedicò alla bibita per l'uomo forte
Lam Mim Fa Do ma, dato l'insuccesso di questa strategia,
poiché, per una norma fascista e clericale, si consolò col drink che tiene compagnia;
Rem La- Rem6 Mi7
non c'era propaganda anticoncezionale. un altro manifesto lo spinse a trangugiare
la bibita che stimola senza eccitare
La Re#dim La poi quella ch'è prevista per gli uomini più
Re#dim in vista
Convinto della norma che ciò che c'è di e infine quella che ti rende un ottimista.
buono
La Re#dim La LA7 Poi, contro il logorio della vita moderna,
senza pubblicità finisce in abbandono d'un certo aperitivo bevve una cisterna ;
Re Redim La Redim per non restarci secco e conservarsi vivo
raggiunse di lì a poco la salda dovette poi ricorrere ad un digestivo.
convinzione,
Re Fa# Re Mi Poi, col passar degli anni - e vale ancora
che la pubblicità non può che aver ragione. adesso -
subì la propaganda che si appella al sesso
La Re#dim La puntando a ogni prodotto che, per
Re#dim reclamizzarsi,
Trascorse la sua infanzia e i primi dieci usasse donne con vestiti scarsi.
mesi
La Re#dim La La7 Sedotto da un ritratto di bionda platinata
usando pannolini solo se svedesi mangiò per sette mesi carne surgelata
Re Do#7 Fa#7 ma poi ne vide un’altra, ritratta tutta nuda
Si7 e prese a mangiar solo più la carne cruda.
perché solo con quelli si può evitare il
dramma Usava i suoi prodotti da bagno e da toeletta
Mi Fa7 Mi La in base alle ragazze esposte in etichetta;
di chi si sente privo della mamma. di fronte ad una busta con su una bella mora
comprò un quintale di assorbenti per
Per l'alimentazione di bimbo ben curato signora.
si diede in esclusiva all'omogeneizzato :
non è da masticare, si mangia tutto quanto Adesso è vecchio e stanco, con una
e poi si digerisce col ruttino santo. dispepsia,

pagina 167
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

colla cirrosi epatica e l'uricemia, Si7


e - come non bastassero tutti questi mali - per ricordar da morto di quando, ancora
ha da pagare ancora un mucchio di cambiali. vivo,
Mi Fa7 LaSol#SolFa#
La Re#dim La l'aveva vinto comperando un detersivo.
Re#dim Si7 Mi5+ La Midim fa#
Ha messo in testamento che, dentro il E questa è l'ultima sua volontà o yeah
proprio avello, Si7 Mi5+ La Midim fa#
La Re#dim La La7 E questa è l'ultima sua volontà o yeah
gli mettano un rasoio ultimo modello Si7 Mi5+ La Sol# La
Re Do#7 Fa#7 E questa è l'ultima sua volontà.

pagina 168
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I tre porcellini
(2005)
di Fausto Amodei
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-tre-porcellini

La Re La Mi7 Bossi e Fini con il Berluscone


Berlusconi con Bossi e con Fini stanno in bande alla Sergio Leone
La Re La Mi7 fanno il bello il brutto il cattivo
fan la banda dei tre porcellini un Western spaghetti girato dal vivo.
Fa#m Do#m Re
alle prese col lupo cattivo E' un film in cui fa il fuorilegge
La Re Si7 Mi7 Mi5+ chi è già ladro o chi ladri protegge
che tende gli agguati da dietro l'ulivo. dove chi sul set ruba gli armenti
poi vive in privato pigliando tangenti.
Lam Rem6 Lam Mi7
E così quando c'è il lieto fine Dove chi sul set fa il pistolero
Lam Rem6 Lam Do nella vita poi spara davvero
come accade di solito al cine o pallottole o un mucchio di balle
Fa Do Rem che spara comunque soltanto alle spalle.
superati i tranelli imprevisti Ma attenzione benchè beneficino
Lam Rem Dodim Mi7 del prestigio che dà una pistola
e mille altre trappole dei comunisti. puzzan forte di olio di ricino
Fini e Bossi col Berluscaiola.
La Fa
Evitati con abili mosse Berlusconi con Fini e con Bossi
La Fa Sol nei circuiti a lumi rossi
gli attentati delle toghe rosse, si esibiscono in film che oggigiorno
Do Fa Re- da noi normalmente son detti film porno.
si allontanano i tre poco a poco
Mi7 Lam Re- Mi7 Fan sequenze oscene e volgari
stagliandosi su un orizzonte di fuoco. mescolando politica e affari
il reato d'oltraggio al pudore
La Re senz'altro è la loro perfomance migliore.
Ma attenzione benché s'incornicino
La Redim Sim7 Mi5+ Puoi vedere ripreso dal vivo
in un quadro di eroi disneyani uno stupro in più collettivo
La Re Dodim fatto in sfregio alla costituzione
hanno un puzzo di olio di ricino in prima serata alla televisione.
La Fa#m Redim Sim7 Mi7
La Ma attenzione benchè si vernicino
da far schifo o, a dir me - glio, Schi - fa di ceroni, cosmetici e unguenti
- ni. puzzan tutti di olio di ricino
vi ripeto perciò state attenti.

Informazioni

Presente nell'album “Per fortuna c’è il cavaliere”. Boriz

pagina 169
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I treni per Reggio Calabria


(1975)
di Giovanna Marini
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-treni-reggio-calabria

Mi funzionari responsabili sindacalisti


Andavano col treno giù nel meridione sdraiati sulle reti dei bagagli
La6 per scrutare meglio la massicciata
per fare una grande manifestazione si sono tutti addormentati
Si7 Mi
il ventidue d'ottobre del settantadue dormono dormono profondamente
sopra le bombe non sentono più niente
Mi l'importante adesso è di essere partiti
in curva il treno che pareva un balcone ma i giovani hanno gli occhi spalancati
La6
quei balconi con la coperta per la vanno in giro tutti eccitati
processione mentre i vecchi sono stremati
Si7 dormono dormono profondamente
il treno era coperto di bandiere rosse sopra le bombe non sentono più niente
Mi
slogans, cartelli e scritte a mano famiglie intere a tre generazioni
son venute tutte insieme da Torino
da Roma Ostiense mille e duecento operai vanno dai parenti fanno una dimostrazione
vecchi, giovani e donne dal treno non è sceso nessuno
con i bastoni e le bandierearrotolati
portati tutti a mazzo sulle spalle la vecchia e la figlia alle rifiniture
il marito alla verniciatura
Sol# la figlia della figlia alle tappezzerie
Il treno parte e pare un incrociatore stanno in viaggio ormai da più di venti
[ore
tutti cantano bandiera rossa
Sol#7 aspettano seduti sereni e contenti
dopo venti minuti che siamo in cammino sopra le bombe non gliene importa niente
Si7 aspettano che è tutta una vita
si ferma e non vuole più partire che stanno ad aspettare

si parla di una bomba sulla ferrovia per un certificato mattinate intere


il treno torna alla stazione anni e anni per due soldi di pensione
tutti corrono coi megafoni in mano erano venti treni più forti del tritolo
richiamano "andiamo via Cassino guardare quelle facce bastava solo

compagni da qui a Reggio è tutto un campo con la notte le stelle e con la luna
[minato, i binari stanno luccicanti
chi vuole si rimetta in cammino" mai guardati con tanta attenzione
dopo un'ora quel treno che pareva un e camminato sulle traversine
[balcone
ha ripreso la sua processione mai individuata una regione
dai sassi della massicciata
anche a Cassino la linea è saltata dalle chine di erba sulla vallata
siamo tutti attaccati al finestrino dai buchi che fanno entrare il mare
Roma ostiense Cisterna Roma termini
[Cassino piano piano a passo d'uomo
adesso siamo a Roma tiburtino pareva che il treno si facesse portare
tirato per le briglie come un cavallo
Il treno di Bologna è saltato a Priverno tirato dal suo padrone
è una notte una notte d'inferno
i feriti tutti sono ripartiti a Napoli la galleria illuminata
caricati sopra un altro treno bassa e sfasciata con la fermata

pagina 170
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

il treno che pareva un balcone e il corteo non riusciva a partire


qualcuno vuol salire attenzione ma gli operai di Reggio sono andati in
[testa
non fate salire nessuno e il corteo si è mosso improvvisamente
può essere una provocazione
si sporgono coi megafoni in mano è partito a punta come un grosso serpente
e un piede sullo scalino con la testa corazzata
i cartelli schierati lateralmente
e gridano gridano quello che hanno in l'avevano tutto fasciato
[mente
solo comizi la gente sente volavano sassi e provocazioni
ora passa la notte e con la luce ma nessuno s'è neppure voltato
la ferrovia è tutta popolata gli operai dell'Emilia-Romagna
guardavano con occhi stupiti
contadini e pastori che l'hanno
[sorvegliata i metalmeccanici di Torino e Milano
col gregge sparpagliato puntavano in avanti tenendosi per mano
la Calabria ci passa sotto i piedi ci le voci rompevano il silenzio
[passa e nelle pause si sentiva il mare
dal tetto di una casa una signora grassa
il silenzio di qulli fermi
fa le corna e alza una mano che stavano a guardare
e un gruppo di bambini e ogni tanto dalle vie laerali
ci guardano passare si vedevano sassi volare
e fanno il saluto romano
e alla sera Reggio era trasformata
Ormai siamo a Reggio e la stazione pareva una giornata di mercato
è tutta nera di gente quanti abbracci e quanta commozione
domani chiuso tutto in segno di lutto il nord è arrivato nel meridione
ha detto Ciccio Franco "a sbarre" e alla sera Reggio era trasformata
pareva una giornata di mercato
e alla mattina c'era la paura quanti abbracci e quanta commozione
gli operai hanno dato una dimostrazione

Informazioni

Gli accordi sono molto "abbozzati", il minimo per fornire un accompagnamento con la chitarra, per niente simile
all'originale.

pagina 171
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I vietnamiti son piccolini


di Leoncarlo Settimelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-vietnamiti-son-piccolini

Do I vietnamiti son piccolini...


Lo yankee è come un bestione
Sol7 I vietnamiti son piccolini...
somiglia ad un elefante
Lo yankee ha più di un cannone
sta in alto come un gigante aerei, fucili e bombe
Do però ****************
però ha la testa come un coglione. perchè in guerra è solo un coglione.

I vietnamiti son piccolini I vietnamiti son piccolini...


son piccolini sì
ma con un cuore così grande I vietnamiti son piccolini...
la fanno in barba sì sì
a quel gigante sì sì. Lo yankee parte in missione
ma a terra cade di schianto
I vietnamiti son piccolini... "Ohi Mamma" urla nel pianto
"perchè m' hai fatto così coglione?"
Lo yankee fa da padrone
conquista pure la luna I vietnamiti son piccolini...
ritorna, ma che fortuna,
dal Vietnam scappa come un coglione. I vietnamiti son piccolini...

I vietnamiti son piccolini...

Informazioni

Traduzione de "Los vietnamitas son pequeñitos" parole e musica di Carlos Puebla. (Pardo Fornaciari)

pagina 172
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

I volontari di Bogside
(1972)
di Canzoniere Pisano / del Proletariato
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/i-volontari-di-bogside

Do ci trovai il finimondo
Venite tutti attorno eravam tutti decisi
Fa Do ad andare fino in fondo
che vi voglio raccontar se non c'era chi scappava,
la storia di quel giorno tutti sanno il perchè
Fa Sol perchè non hanno paura
che m'andai ad arruolar i Bogside Volunteers,
Do perchè non hanno paura
era il dodici di Agosto i Bogside Volunteers.
Fa Do
e Bogside era il quartier La polizia sparava
Fa Do bombe a gas in quantità
così fu che m'arruolai sperava di distruggerci
Sol7 Do ma invece eccoci qua
nei Bogside Volunteers, con le bombe di benzina
noi gli abbiam fatto saper
così fu che m'arruolai che han trovato un osso duro
nei Bogside Volunteers. nei Bogside Volunteers,

Stavo in giro sfaccendato han trovato un osso duro


con Mac Gilly e con O' Tool nei Bogside Volunteers.
ero ormai disoccupato
da due anni e forse più I soldati han visto adesso
non c'è più il lavoro a Derry, che non c'è più da scherzar
tutti sanno il perchè chi di loro è meno fesso
e così ero proprio il tipo ha pensato di scappar
pei Bogside Volunteers, quando son fuggiti tutti
qui la gente del quartier
così ero proprio il tip ha lanciato un grande "Evviva!"
pei Bogside Volunteers. pei Bogside Volunteers,

Arriva eccitato Paddy Murphy ha lanciato un grande "Evviva!"


e dice a noi: pei Bogside Volunteers.
"I soldati hanno attaccato,
c'è bisogno anche di voi." Or che la storia è finita
abbiam fatto barricate la chitarra poserò
tutto intorno al quartier ma per tutta la mia vita
e si sta cercando gente mai mi dimenticherò
pei Bogside Volunteers, di quei tre giorni a Derry
quando con grande piacer
si sta cercando gente ho lottato per noi tutti
pei Bogside Volunteers. nei Bogside Volunteers,

Giunto alle barricate ho lottato per noi tutti


nei Bogside Volunteers.

Informazioni

A Derry, il 12 di Agosto del 1969 una parata di Orangisti filoinglesi promossa dalla loggia massonica britannica
degli Apprendice Boys viene interrotta da un nutrito gruppo di manifestanti proveniente dal quartiere/ghetto del

pagina 173
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Bogside, dove risiedono le famiglie operaie irlandesi. Nel Bogside si riversano ondate di soldati inglesi, ma le strade
d'accesso vengono barricate e il rione rimane per tre giorni sotto il controllo dei compagni che respingono ogni
attacco. Per far ammainare le bandiere rosse i tricolori irlandesi fu necessario un intervento congiunto della R.U.C.
(polizia dell'Ulster) e dell'esercito inglese coi carri armati.

(Marco)

pagina 174
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ignoranti senza scuole


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, femministi, risaia/mondine
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ignoranti-senza-scuole

Do e i padroni dovranno star.


Ignoranti senza scuole,
Sol Ma un bel giorno ci abbiam risposto
calpestate dal padron, voi siete servi del padron
Do e se lottiamo avremo più giustizia,
noi eravam la plebe della terra più diritto di pane e di lavoro.
Sol
ma in risaia come in prigion. Ma i padroni hanno armi
di menzogna e corruzion
Lam hanno i giornali il cinema la radio
E ci hanno detto ma questa vita che difendono i profitti del padron.
la dovrete sempre far
Rem Sol Do Ma “noi donne” è gran faro
e i padroni ci son sempre stati che ci illumina il cammin
Sol Mi7 Lam e per noi donne è un’arma di progresso
e di giustizia per tutte noi mondin.

Informazioni

Canto del repertorio del Coro delle mondine della cooperativa dei Cappuccini di Vercelli ed eseguito durante il
primo folk-festival di Torino (1965).

pagina 175
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il bersagliere ha cento penne [Il partigiano]


Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-bersagliere-ha-cento-penne-il-partigiano

Sol Re7 Sol la bufera dell'inverno,


Il bersagliere ha cento penne ma se venisse anche l'inferno
Re7 il partigiano riman lassù.
e l'alpino ne ha una sola,
Sol Quando viene la notte scura
il partigiano ne ha nessuna tutti dormono alla pieve,
Re Sol ma camminando sopra la neve
e sta sui monti a guerreggiar. il partigiano scende in azion.
il partigiano ne ha nessuna
e sta sui monti a guerreggiar. Quando poi ferito cade
non piangetelo dentro al cuore,
perchè se libero un uomo muore
Là sui monti vien giù la neve, che cosa importa di morir.

Informazioni

Adattamento partigiano di un canto militare risalente alla prima guerra mondiale.

(maria rollero)

pagina 176
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il cafone sanguinario
di Raffaele Mario Offidani
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-cafone-sanguinario

Do gli sgherri del cafon


Fra tutti i traditori e gli assassini fecero vittime a milion.
Sol Do
nati quaggiù Il truce e sanguinario Mussolini
Sol Do non è un leon,
nati quaggiù, non è un leon
e quelle sue squadracce d’assassini
un delinquente come Mussolini neppure lor,
Sol Do neppure lor!
giammai vi fu, Ma in venti contro due sono spietati
Sol Do pieni d’ardor,
giammai vi fu. pieni d’ardor,
Mi Si7 Mi Si7 Mi se i due furono prima disarmati
Con la feccia peggior della nazione dal pattuglion,
Si7 Mi dal pattuglion.
che organizzò, Se protetti (che baldi guerrier)
Si7 Mi dai tedeschi ed altri masnadier,
che organizzò, nel saccheggiar, nell’incendiar,
Sol Re Sol Re Sol nel trucidar, nel torturar,
il ceffo suo bestiale di cafone gli sgherri del cafon
Re Sol hanno un coraggio da leon.
terrorizzò
Re Sol Ma un dì di redenzione e di letizia
terrorizzò, sta per spuntar,
Sol7 sta per spuntar,
“Duce! Duce!” così urlava in cor in cui nessun fascista alla Giustizia
Do potrà scampar,
la ciurmaglia ch’egli sobillò. potrà scampar.
Mi Lam Il popolo che da trent’anni geme
Col saccheggiar, con l’incendiar, vendetta avrà,
Mi Lam vendetta avrà,
col trucidar, col torturar chè Mussolini e la sua banda insieme
Fa Do vedrà impiccar,
gli sgherri del cafon vedrà impiccar.
Sol Do Lieti e insieme danzeremo allor
fecero vittime a milion. Tutti intorno a quei bei lampion,
dove gli eroi del saccheggiar,
Un uom più maledetto e più esecrato del trucidar, del torturar,
giammai vi fu, vedrem con voluttà
giammai vi fu giù dalla forca penzolar.
di questo masnadiero scellerato
no, non vi fu, Da quei lampioni molto festeggiato
no, non vi fu! certo sarà,
Il boia, il megalomane e il buffone certo sarà,
egli incarnò, quello da cui il brigante più esecrato
egli incarnò! penzolerà,
Fin la sinistra fama di Nerone penzolerà.
egli eclissò, La folla sotto un lieto girotondo
egli eclissò. vi danzerà,
“Duce! Duce!” gli gridava in cor vi danzerà
la ciurmaglia ch’egli organizzò. e un grido solo dal suo cor giocondo
Col torturar, con l’incendiar, proromperà,
col saccheggiar, col trucidar proromperà.

pagina 177
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

“Truce! truce! Tu non mordi più! da quel suo eterno trucidar,


Truce! Truce! Torna a Belzebù!” nemmeno Belzebù
Ma nel sentirsi nausear giù nell’inferno lo vuol più...

Informazioni

Sull’aria di Funiculì Funiculà (Turco-Denza)

pagina 178
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il canto della prigione


(1890)
di Pietro Gori
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: carcere, anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-canto-della-prigione

Rem Noi soffrimmo, e niun ci volse


Quando muore triste il giorno, un conforto, o porse aita
La7 niuno il cor ci ritemprava
e ne l'ombra è la prigione a le pugne de la vita.
de' reietti e de' perduti
Rem Noi cademmo, e giù sospinti
intuoniamo la canzone. rotolammo per la china,
supplicammo, e de li sdegni
La canzone maledetta ci travolse la ruina.
che ne' fieri petti rugge,
affocata da la rabbia Or, crucciosi e senza speme
che c'infiamma e che ci strugge. qui da tutti abbandonati,
maledetto abbiamo l'ora
La canzon che di bestemmie ed il giorno in cui siam nati.
e di lacrime è contesta;
la canzone disperata Ma su voi, che luce e pane
de l'uman dolore è questa. a noi miseri negaste,
e caduti sotto il peso
Noi nascemmo e fanciullini de la croce c'insultaste;
per il pane abbiam lottato,
senza gioia di sorrisi Sopra voi di questo canto
sotto un tetto sconsolato. che ne l'aura morta trema,
come strale di vendetta
si rovescia l'anatema.

Informazioni

Il canto è ripreso dalle opere di Pietro Gori, che ne ha scritto i versi nel penitenziario di S.Giorgio [a Lucca, ndr] il 20
settembre 1890. È lo stesso Gori che ci fornisce alcune note:
'Coteste strofe mi furono suggerite da una serie di stornelli improvvisati, sul far di una sera, da un recluso, e dei
quali giungeanmi le imprecazioni roventi sulle cadenze strascicate di una melodia popolare volgarissima, che
avevo tante volte udita per le vie e sulle piazze delle città di Toscana. Il triste cantore era stato condannato, pochi
dì innanzi, all'ergastolo per omicidio premeditato."
Con buona probabilità la melodia utilizzata dal carcerato citato da Pietro Gori è la stessa del tradizionale stornello
toscano Bolli, bolli pentolino, una ninna nanna presa spesso a modello per canzoni scurrili. Sotto tale veste
melodica il brano è stato ascoltato negli anni settanta dalla voce di Silvano Secchiari, e in tale veste è inserito nel
repertorio di S. Catanuto.
Il penitenziario di S.Giorgio, a sistema cellulare con l'obbligo del lavoro, raccoglie diverse centinaia di detenuti e il
lavoro riguarda prevalentemente i tessuti.

(S. Catanuto, F. Schirone - "Il canto Anarchico in Italia" - 2001 ed. Zero in condotta)

pagina 179
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il censore
(1963)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: carcere, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-censore

La Sol# Mi7 La Ed ancora lui leggeva Il Vittorioso


La Sol# Mi7 La nell'età che l'altra gente, anche se
[austera,
La Sol# Si7 Mi7 legge almeno già Il Corriere della sera
Non so dirvi se sia nato sotto un cavolo quando non arriva a legger L'Unità.
La Sol# Si7 Mi7
o se l'abbia trasportato una cicogna, Fu boy-scout fino all'età di quarant'anni
Rem7 Sol Do6 Lam e divenne, nel frattempo, un vero mago
ma per lui sarebbe stata una vergogna a far nodi d'ogni specie con lo spago
Fa7 Rem6 Mi7 e ad accender degli splendidi falò.
esser nato come siete nati voi.
Era un tutore ecc.
Solamente colle pappe artificiali Mise un giorno un bell'annuncio su un
lo poterono allattare da neonato [giornale:
perché, certo, non avrebbe mai succhiato « Illibato, con ingente patrimonio
Fa7 Mi7 Lam relazionerebbe scopo matrimonio
qualche cosa che non fosse il biberon. con fanciulla d'incrollabile onestà ».

La7 Re Prese in moglie una distinta signorina


Era un tutore religiosa, possidente e molto brutta,
Fa#7 Sim Si7 ma la signorina ce la mise tutta
della pubblica morale e d'un colpo nove figli gli sfornò.
Sidim Do#m Fa#m
che vede il ma - le Era un tutore ecc.
Si7 Mi7 La La Sol# Sim7 Mi7
anche dove non ce n'è. L'evidenza lo costrinse a rinnegare
l'esperienza di quell'unico atto impuro
All'età di sette anni e quattro mesi e a promettere a se stesso che in futuro
vide un giorno per la strada, con orrore, non l'avrebbe ripetuto proprio più.
due formiche che facevano all'amore
ed allora, detto fatto, le schiacciò. E scoperto finalmente il suo nemico
intraprese una carriera di successo:
A trent'anni, divenuto adolescente, dàgli e dàgli a far la guerra contro il
non sofferse né di crisi né di dramma: [sesso
gli bastava la sottana della mamma diventò procuratore generale
per godersi la sua bella gioventù.
ed è un tutore della pubblica morale
Era un tutore ecc. che vede il male
anche dove non ce n'è.

pagina 180
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il Cile è già un altro Vietnam (Morto Allende)


(1973)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-cile-e-gia-un-altro-vietnam-morto-allende

Dom Morto Allende, l’ideale


Morto Allende, socialista, è la via nazionale,
Fam morto Allende, la missione
morto Allende, assassinato è la socializzazione
no, non si può contrattare
dall’esercito fascista il potere popolare.
Dom
preparato ed addestrato E le fabbriche occupate
Sol7 sono state bombardate,
a difendere la patria, gli operai massacrati,
Dom i compagni fucilati
a difendere lo Stato. dall’esercito statale
certo costituzionale...
E le strade di Santiago
son bagnate rosse sangue. Combatir a los patrones...
E le strade a Valparaiso
son bagnate rosso sangue Morto Allende alla Moneda,
di migliaia di proletari, simbolo della nazione,
di migliaia di comunisti... no, non serve la ragione
contro un colpo di cannone:
Do il potere deve uscire
Combatir a los patrones dalla canna del fucile.
Fa Con il sangue proletario
donde sea y como sea s’è pagato la lezione:
Do perde sempre il riformismo,
es la unica ley qui vince la rivoluzione
Sol7 Do ed il Cile è un altro Vietnam,
tenemos nos explotados. ed il Cile è un altro Vietnam...

Combatir a los patrones...

pagina 181
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il comandante della mia banda


(1970)
di Dario Fo
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-comandante-della-mia-banda

Lam uno coi sandali di gomma


Il comandante della mia banda
lui con scarpe di vernice
ex ufficiale al servizio del re Sol
con le ghette da lifrock
c'ha le madonne, fa suonar la tromba
Dio che banda di scombinati
e tutti quanti ci manda a chiamar siete banditi non siete soldà
comandar voi l'è un disonore
Voi mi parete un pò strapenati non puo scacciare così l'invasor
Sol Do trenta divise in grigioverde
parete zingari e non dei solda' sono arrivate mettetele su

Sol Niente divise l'è la risposta


C'è chi ha il berretto, e chi ha il purillo siamo banditi non siam soldà
noi combattiamo ma senza paga
c'è chi ha il panizza, chi non ce l'ha e scombinati vogliam restar

la giacca a vento ce l'hanno in quattro noi combattiamo anche per quel


Do contro il tedesco contro il regime
due col giaccotto tre col paltò borghese militare contro i preti
e contro il re

lui coi calzoni alla zuava contro sua legge e regolamento


e ogni divisa noi combattiam
di velluto a coste larghe noi combattiamo per l'ugualianza
Sol noi combattiamo per la libertà
tipo quelli dei magut
per l'ugualianza non è il caso
lui coi bragoni cavallerizza che i vestiti siano uguali
tutti verdi di color
lui quelli corti lui non ce li ha
Siamo banditi di questo Stato
tre con le scarpe da militare siamo banditi non siam soldà
Do noi combattiamo ma senza paga
due coi scarponi da montagnan' non abbiam regole e non vogliam padron

Siamo banditi di questo Stato


siamo banditi non siam soldà
siamo banditi non siam soldà..

Informazioni

Dallo spettacolo "Vorrei morire anche stasera se dovessi pensare che non è servito a niente", 1970.

pagina 182
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il crak delle banche


(1896)
di Ulisse Barbieri
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-crak-delle-banche

Re La7 erano tutti quanti malfattori; -- crak!


S'affondano le mani nelle casse -- crak! gli onesti sono loro: i Cuciniello,
Re Pelboux, Giolitti, Crispi e Lazzaroni.
si trovano sacchetti pieni d'oro -- crak!
La7 I nostri governator...
e per governare, come fare? Noi siam tre, ladri tutti e tre,
Re che per aver rubato
Rubar, rubar, rubar, sempre rubare! ci han fatto cugini del re.
La7 Re
I nostri governator son tutti malfattor, Se rubi una pagnotta a un cascherino
La7 Re [-- crak
ci rubano tutto quanto per farci da tutor. te ne vai dritto iii cella senza onore
La7 Re [-- crak!
Noi siam tre celebri ladron se rubi invece qualche milioncìno
La7 Re ti senti nominar comnìendatorc.
che per aver rubato ci han fatto senator.
I nostri governator...
Mazzini, Garibaldi e Masaniello -- crak! Noi sìam tre celebri ladron
che per aver rubato ci han fatto senator.

Informazioni

Il canto si riferisce allo scandalo della Banca Romana del 1893 e venne pubblicato nel 1896 sulla rivista L'Asino.

pagina 183
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il diciotto aprile
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, femministi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-diciotto-aprile

Sol guardi al due giugno


Il diciotto aprile Re
Re7 che qualche cosa
a votare noi andrem Sol
lui capirà.
per il Fronte uniti
Sol Re
tutti quanti voterem Senza pane senza paga senza lavoro
Sol
e se c'è qualcuno vivon oggi gli operai in quantità
Do manganello sfollagente la prigione
che capito ancor non ha sono i doni che De Gasperi ci dà.

ancor non ha Il diciotto aprile...


Re Sol

Informazioni

Canzone sulle elezioni politiche del 1948, vinte dalla Democrazia Cristiana contro il Fronte popolare delle sinistre.

pagina 184
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il disertore
(1954)
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-disertore

do mim Ho avuto solo guai


In piena facoltà da quando sono nato
la rem e i figli che ho allevato
egregio Presidente han pianto insieme a me
mi lam mia mamma e mio papà
le scrivo la presente ormai son sotto terra
rem sol7 e a loro della guerra
che spero leggerà non gliene frega più
do mim Quand'ero in prigionia
la cartolina qui qualcuno mi ha rubato
la rem la moglie il mio passato
mi dice terra terra la mia migliore età
mi lam domani mi alzerò
di andare a far la guerra e chiuderò la porta
rem sol7 do sulla stagione morta
quest'altro lunedì e m'incamminerò
fa
Ma io non sono qui Vivrò di carità
mim per strade di campagna
egregio Presidente d'Alsazia e di Bretagna
rem e a tutti griderò
per ammazzar la gente di non partire più
sol7 e di non obbedire
più o meno come me uccidere e morire
do mim per non importa chi
io non ce l'ho con lei Per cui se servirà
la rem del sangue ad ogni costo
sia detto per inciso andate a dare il vostro
mi lam se vi divertirà
ma sento che ho deciso e dica pure ai suoi
rem sol7 do se vengono a cercarmi
e che diserterò che possono spararmi
io armi non ne ho.

Informazioni

Canzone di Boris Vian e Harold Berg.La traduzione è di Giorgio Calabrese, con lievi modifiche.Tradotta in tutte le
lingue del mondo è diventata la canzone simbolo dei Refusnik israeliani.

pagina 185
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il dodici dicembre a mattina


(1953)
di Dante Bartolini
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-dodici-dicembre-mattina

Do Sol7 Il sette giugno andremo a votare


Il dodici dicembre a mattina Le settecento famiglie affamate
Do Le urne tutte saranno affollate
Brutta sorpresa la nostra famiglia Per condannare chi ha tolto il lavor.
Fa Sol Do
Piange la mamma, la sposa e la figlia Hanno ammazzato Luigi Trastulli
Sol7 Do Lavoratore giovane e forte
Che più nessuno gli porta i denar. Nel fior degli anni ha trovato la morte
Ma non è morto il grande ideal.
Settecento famiglie affamate
Abbandonate nel cuor dell’inverno Maria Margotti e Giuditta Lovato
Questo regalo ci ha fatto il governo Furono uccisi dai stessi assassini
I bisognosi ha voluto colpir. I seguaci del fu Mussolini
Di chi lavora non hanno pietà.
Tutti uniti, uniti sul posto
Con la speranza riprender lavoro Finchè avremo una stilla di sangue
Noi vinceremo con questo decoro Non cederemo il passo in avanti
La Cgil ci ha detto così. Fermiamo il piede di questi birbanti
Che ci hanno dato miseria e dolor.
Non ci piega la Terni e il governo
Con la minestra e un tozzo di pane Il socialismo è la nostra speranza
Sopporteremo la vita da cane Di chi lavora è questa la storia
Finchè un giorno riavremo il lavor. Non è lontano la grande vittoria
Lavoratori avanti così.

Informazioni

Sull'aria di "Addio padre", il canto racconta dei licenziamenti di massa avvenuti nel 1953 alle Acciaierie di Terni.
Nella memoria e nella canzone, tali eventi si intrecciano con la morte del giovane operaio Luigi Trastulli, ucciso
dalla polizia il 17 marzo 1949 nel corso di una manifestazione contro l'adesione dell'Italia alla Nato, e sono ricordati
i nomi della mondina Maria Margotti e di Giuditta Lovato, uccise dalla celere durante manifestazioni di piazza nel
1949.

pagina 186
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il fazzoletto rosso
(1962)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-fazzoletto-rosso

Do Sol Do Do Fadim Rem Sol il suo fazzoletto restò pulito


perchè il sangue, è naturale,
Do ha un colore eguale!
C'era una volta un soldato
Re7 Il fazzoletto sbiadì
un piccolo soldato del nostro paese per il sole ed il sudore di tanta fatica
Sol e si colorò di mirtilli, di more,
mandato alla guerra sul fronte albanese del sangue di gente amica.
Do Fadim Rem Sol
con tanta paura addo - sso. Ma venne un giorno diverso
Do un giorno ben diverso dai giorni passati
La fidanzata quel giorno, in cui quel soldato con gli altri soldati
Re7 capì cosa aveva perso.
che lui saliva sulla tradotta a vapore,
Sol Avevo perso per niente degli anni
gli annodò al collo, in pegno d'amore, di lavoro, degli anni felici
Do Sol# Sol Do per fare la guerra alla povera gente
un gran fazzoletto rosso. per far la guerra degli amici.

Fa A dei contadini, dei muratori


Per darsi un po' di speranza a degli operai, a dei pastori
Sol senza avere proprio niente
fu cura di quel piccolo bravo soldato contro quella gente!
Re7
tener sempre quel fazzoletto annodato Ed il soldato partì
Sol Si7 La Re tutto solo e senza fretta
sull'uniforme d'ordi - na - nza portandosi addosso
la vecchia divisa, la vecchia gavetta
Sol Mi La Re ed il fazzoletto rosso.
Era più prezioso quel fazzoletto,
Sol Mi La- Re Ed un mattino di sole
delle scarpe rotte o del moschetto dai monti e giù dai prati,
Sol Si7 Mim Fa Do Fadim Rem Sol a rotta di collo,
e valeva tutto intero il romano impe - ro! gli vennero incontro degli uomini armati
con un fazzoletto al collo.
Ma quel colore violento
che non era per niente regolamentare E il fazzoletto era rosso
lo fece in principio un po' tribolare era rosso come quello del bravo soldato
per via del regolamento. ma in più c'era sopra
una falce e un martello
Poi quando col 91 chissà in che modo ricamato!
aveva da mirare e schiacciare il grilletto
lui stava a guardare il suo fazzoletto Sol Mi La Re
e non colpì mai nessuno. Ogni contadino e muratore
Sol Mi La Re
Il fazzoletto servì di nascosto ogni operaio e ogni pastore
a metter dentro i lamponi e le more Sol Si7 Mim Fa Do Mim
ma non si sporcò perchè i frutti del di quel fazzoletto si era fatta una
bosco La7 Re
avevano un egual colore. bandiera!
Era una bandiera fatta di stracci
E se qualche volta fasciò un ferito come si conviene ai poveracci

pagina 187
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

che han deciso, per protesta, su tutti i paralleli ed i meridiani


con la propria testa Fa
la povera gente di tutto 'sto mondo
Do Sol Do Fa
Che han deciso che in fondo è fatta di paesani...
Re7 Sol Do Fa
di paesani...

pagina 188
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il feroce monarchico Bava


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-feroce-monarchico-bava

Sol Do Sol Deh, non rider, sabauda marmaglia:


Alle grida strazianti e dolenti Se il fucile ha domato i ribelli,
Re7 Sol Se i fratelli hanno ucciso i fratelli,
Di una folla che pan domandava, Sul tuo capo quel sangue cadrà.
Do Sol
Il feroce monarchico Bava La panciuta caterva dei ladri,
Re7 Sol Dopo avervi ogni bene usurpato,
Gli affamati col piombo sfamò. La lor sete ha di sangue saziato
In quel giorno nefasto e feral.
Furon mille i caduti innocenti
Sotto il fuoco degli armati caini Su, piangete mestissime madri,
E al furor dei soldati assassini: Quando scura discende la sera,
"Morte ai vili!", la plebe gridò. Per i figli gettati in galera,
Per gli uccisi dal piombo fatal.

Informazioni

Canzone nata in occasione dei tumulti di Milano del 6, 7, 8, 9, maggio1898 e della spietata repressione
dell'esercito.Bava Beccaris, generale dell'esercito, in occasione dei "moti del pane" sparò sui dimostranti con il
cannone. Alcuni parlarono di 127 morti, altri, tra cui i giornali, contarono 500 vittime.

Il generale fu premiato dal re Umberto I (re "buono") con la croce di Grand Uffciale dell'ordine militare dei Savoia.
(maria rollero)

pagina 189
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il figlio del poliziotto


(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-figlio-del-poliziotto

Mim Si7 non se ne poteva più.


«Vedi sono più importante
Mim Eran mille scalmanati
ho tre maglie e tu una sola; noi duecento baschi blu
Si7 son bastati due o tre morti
vedi sono più importante: non si son sentiti più.
Mim
ho il papà con la pistola Tira un colpo o due per aria
Mi7 Lam poi ti vedo quel barbon:
e combatte contro tutti gli ho sparato in mezzo agli occhi
Re7 Mim e non se ne parli più».
assassini, farabutti;
Re7 «Vedi sono il bambino
e la sera torna a casa più importante della scuola:
Si7 Mim ho il papà con la pistola;
con la sua divisa blu e m'ha detto che ha sparato
Mi7 Lam contro certi esseri strani
e si siede sul mio letto che gridavan per le piazze
Re7 Mim che gridavan come cani;
mi racconta quel che ha fatto e m'ha detto che'eran brutti
Re7 e cattivi e sporchi e storti
fino a che non m'addormento e che non se ne stan buoni
Si7 Mi fino a che non sono morti».
e son contento».
«Quando il nostro commissario
«Quando il nostro commissario con la fascia tricolor
Sol#7 Do#m lui ci ha detto di sparare
con la fascia tricolor non se ne poteva più.
L am Mi Eran mille scalmanati
lui m'ha detto di sparare noi duecento baschi blu:
Si7 Mi son bastati due o tre morti
non si son sentiti più»

pagina 190
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il Fronte Popolare
di Raffaele Mario Offidani
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-fronte-popolare

Lam Mi7 Negator di Dio della famiglia


Le elezioni le preparò Scarpìa distruttore della civiltà
Lam tali accuse dall'Alpe alla Sicilia
per schiacciare il Fronte Popolar son piovute sul Fronte Popolar
La7 Rem Lam
Viva il Ministro della Polizia Han tiratofuori il Padre Eterno
Rem Lam Mi7 Lam fame guerra e bombe a volontà
che Mussolini volle superar han promesso le fiamme dell'infernoo
La7 Rem Lam a chi vota per Fronte Popolar
Viva il Ministro della Polizia
Rem Lam Mi7 Lam Ci han dipinti peggio di una peste
che Mussolini volle superar che l'Italia vuole rovinar
ci han promesso subito Trieste
La calunnia non è un venticello se non vince il Fronte Popolar
quando vuole i rossi diffamar
ma un ciclone un orrido flagello Non è ver che Cristo stia con voi
che solo i preti sanno scatenar traditori della libertà
foste sempre gli aguzzini suoi
Preti e frati ladri e stampa gialla ma lui sta col Fronte Popolar
pescicani giunti da oltremar
moribondi defunti a Santa Galla Stretti intorno al Fronte Popolare
tutti contro il Fronte Popolar per l'Italia noi si vincerà
Viva sempre il Fronte Popolare
Viva il fronte della libertà

Informazioni

Sull'aria di "Fischia il vento".


Il "Fronte Popolare" era la coalizione delle sinistre che partecipò alle elezioni del 18 aprile del 1948, quando vinse
la Democrazia Cristiana.

pagina 191
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il galeone
(1974)
di Paola Nicolazzi, Belgrado Pedrini
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-galeone

Lam spezziam queste catene


Siamo la ciurma anemica o chini a remar morremo!
Mi7 Lam
d'una galera infame
Rem Lam Cos'è gementi schiavi
su cui ratta la morte questo remar remare?
Mi7 Lam Meglio morir tra i flutti
miete per lenta fame. sul biancheggiar del mare.
Remiam finché la nave
Mai orizzonti limpidi si schianti sui frangenti
schiude la nostra aurora alte le rossonere
e sulla tolda squallida fra il sibilar dei venti!
urla la scolta ognora.
I nostri dì si involano E sia pietosa coltrice
fra fetide carene l'onda spumosa e ria
siam magri smunti schiavi ma sorga un dì sui martiri
stretti in ferro catene. il sol dell'anarchia.
Lam Mi7
Sorge sul mar la luna Su schiavi all'armi all'armi!
Lam L'onda gorgoglia e sale
ruotan le stelle in cielo tuoni baleni e fulmini
Rem Lam sul galeon fatale.
ma sulle nostre luci
Mi7 Lam Su schiavi all'armi all'armi!
steso è un funereo velo. Pugnam col braccio forte!
Giuriam giuriam giustizia!
Torme di schiavi adusti O libertà o morte!
chini a gemer sul remo Giuriam giuriam giustizia!
O libertà o morte!

Informazioni

E' l'adattamento musicale di Paola Nicolazzi (sulla melodia della canzone popolare Se tu ti fai monaca) di una
poesia di Belgrado Pedrini, scritta nel carcere di Fossombrone nel 1967.

Da acrataz.oziosi.org (non più online).

pagina 192
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il gallo
(1963)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-gallo

Lam Sotto il ventennio non persi di vista


Son nato maschio al duecento per cento di usare il mito del maschio fascista
Mi7 duci, gerarchi milizie ufficiali
sono fornito di un grande talento incrementarono i miei capitali

tutte le donne a cui faccio la corte Con questi soldi, che male c'è in fondo
Lam mi fu permesso di entrar nel gran mondo
sono il mio debole e pure il mio forte e proseguire i miei studi pratici
sopra le mogli di quei diplomatici

Aspiro al titolo di professore Finchè sposai con un colpo di mano


Mi7 la ricca figlia di un conte romano
nell'arte nobile di far l'amore
L'amor non è soltanto
e le mie leggi teoriche e pratiche l'effimero diletto...
La
son più precise di molte grammatiche Dopo la guerra di liberazione
per evitare di andare in prigione
Rem Lam ebbi l'idea, in fondo assai savia,
Poichè sottratte alla rozza esperienza di rifugiarmi lassù in scandinavia
Si7 Mi7
si son portate al livello di scienza ed in quel tempo fra genti stranieri
ebbi da assolvere al grande dovere
La Mi7 di dimostrar che la patria lontana
L'amor non è soltanto era pur sempre virile italiana
La
l'effimero diletto Feci ritorno perchè là oltre al resto
Mi7 nessuna donna pagava per questo
che provi andando a letto
La L'amor non è soltanto
con una che ci sta l'effimero diletto...

L'amore è soprattutto Feci ritorno perchè al mio passato


l'orgoglio ed il prestigio tutto il mio merito fu addebitato
di chi sa d'esser ligio ma in quel frattempo con leggi inaudite
a un mito nazional le case chiuse eran state proibite

Fino da giovane avevo intenzione Riorganizzai per innata missione


di sviluppare la mia vocazione qualche altra forma di prostituzione
contro il giudizio piuttosto antiquato trovai appoggi con mossa maestra
di chi voleva che fossi avvocato presso taluni partiti di destra

Feci le prime esperienza amorose Per la difesa che è sacra ed umana


con delle donne non molto virtuose della potenza sessuale italiana
ma mi convinsi che era umiliante
comprar l'amore e pagarlo in contante L'amor non è soltanto
l'effimero diletto
Finchè mi venne a portata di mano che provi andando a letto
un'occasione per fare il ruffiano con una che ci sta
L'amore è soprattutto
L'amor non è soltanto La Fa#7
l'effimero diletto... di chi sa d'esser ligio

pagina 193
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Si7 Mi7 La Mi7 La a un mito nazional.

pagina 194
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il giorno dell'eguaglianza
(1963)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-giorno-delleguaglianza

Lam6 Fa7 d'essere, in fondo, degli ottimi


Ci sveglieremo un mattino stinchi di santi,
Mi Lam6 Fa7 Mi e, nello stesso momento,
diverso da tanti dei bei farabutti.
Lam6 Fa7
e sentiremo un silenzio Non ci sarà più nessuno
Mi Lam6 Fa7 La5 che spinga la gente
mai prima ascoltato, ad "obbedire, combattere e
Rem6 Sib7 credere" in lui,
spalancheremo finestre e che prometta un Impero
La7 Rem6 Sib7 Mi5 a chi fa l'obbediente
e persiane, esitanti, ed un Inferno a chi, invece,
Lam6 Fa7 gli dice di no.
ci accorgeremo che il mondo,
Mi Lam6 Fa7 Mi Così, d'allora in poi,
quel giorno, è cambiato. non sarem più costretti
a giocare agli eroi,
E sentiremo che quella ai reprobi e agli eletti.
mattina è venuta,
che porterà sulla terra 'Sto mondo, che ora è pieno
una vita migliore, di oppressi e di oppressori,
Rem Fam6 'sto mondo farà a meno
che il giorno prima si è chiuso, di vinti e vincitori.
Mi5 Mi
a nostra insaputa, Non ci saranno più martiri,
Lam Fa Sib boia e tiranni,
un tempo triste che non saremo tutti un po' santi
Rem6 Mi7 ed un po' peccatori;
rivedremo mai più. non ci sarà più, per molte
migliaia di anni,
Lam Rem6 gente che voglia atteggiarsi
Da quel mattino in poi a nostri tutori.
Sol Sol6 Do+7
sapremo finalmente Scompariranno i soldati
Lam Rem6 ed i generali,
che ciascuno di noi scompariranno scomuniche,
Mi7 Lam preti e censori,
è uguale all'altra gente. diventeremo un pianeta
di esseri uguali
Ladim Mi7 dove ciascuno ha rispetto
Ciascuno, tutt'a un tratto, degli altri e di sé.
Rem6 Mi7 Lam4 Lam
sarà così capace Per essere beati,
Fa Ladim Mi7 per vivere contenti,
di dirsi soddisfatto non saremo obbligati
Lam6 Fa Mi a sentirci potenti.
e viversene in pace.
Saremo alfine onesti
Sapremo tutti, da quella senza essere scaltri,
mattina in avanti, La- Re-7 Re-6Sol7
e penseremo lo stesso senza che si calpesti
di noi e di tutti, Sl Sol6 Do+7

pagina 195
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

la libertà degli altri. faremo un girotondo


Lam Fa Sib Fadim
Lam Rem6 per le piazze del mondo,
Quel giorno, non lontano, Mi7 Rem Ladim Mi7 Lam6
Mi7 Lam tenendoci per mano.

pagina 196
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il lunedì dei parrucchieri


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-lunedi-dei-parrucchieri

La Mi7 pa.
Lunedì dei parrucchieri, oggi non si lavora:
La Giovedì degli scolari, oggi si fa vacanza:
non si fa barba e capelli, nemmeno per fra le mura famigliari, oggi si fa la danza.
un'ora.
Operai che tutti siete fate così:
La7 Re Per solidarietà è doloroso per chi lavora
Operai che tutti siete fate così: Per solidarietà, gnanca al giobia travaio
La Mi7 La pa.
Per solidarietà è doloroso per chi lavora
Re La Mi7 La Venerdì giorno di Venere, giorno per far
Per solidarietà, gnanca al lunes travaio pa. l'amore:
cala giù dio flip Carmela, che ti trafiggo il
cuore.
Martedì giorno di Marte, giorno di iettatura
non si arriva e non si parte, non si va in Operai che tutti siete fate così:
villeggiatura Per solidarietà è doloroso per chi lavora
Per solidarietà, gnanca al venner travaio
Operai che tutti siete fate così: pa.
Per solidarietà è doloroso per chi lavora
Per solidarietà, gnanca al martes travaio È arrivato anche il sabato, giorno di gran
pa. battaglia:
alla moda torinese, oggi non si travaglia.
Mercoledì giorno dei ladri, compagni state Operai che tutti siete fate così:
all'erta: Per solidarietà è doloroso per chi lavora
fate i sogni più leggiadri, non date mai Per solidarietà, gnanca al saba travaio pa.
sospetto.
La domenica la gente, santifica la festa:
Operai che tutti siete fate così: chi lavora onestamente, oggi riposa onesta.
Per solidarietà è doloroso per chi lavora
Per solidarietà, gnanca al mercul travaio Operai che tutti siete fate così:
Per solidarietà è doloroso per chi lavora
Per solidarietà, gnanca 'd festa travaia pa.

Informazioni

Registrato da L' Estorio Drolo nel disco "Che ti trafiggo il cuore", 2003

pagina 197
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il maschio di Volterra
(1900)
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-maschio-di-volterra

lam mi7 io son rinchiuso qui da ventun anno,


E me ne stavo mesto a lavorare, non vo' mori' co i' marchio d'assassino.
lam
rinchiuso là ni' maschio di Volterra Se gli innocenti li voglion qui serrar,
mi7 e i nostri patimenti
e un secondin mi viene a salutare chi li compenserà?
lam
e nella sua la mia destra mi serra. L'hanno riconosciuta la mia innocenza
rem or che lo vedi il mio capello è grigio
E mi disse: " Allegro, grazia la fanno viva l'adorno cavalier di scienza
lam mi7 che ha convertito il bianco con il bigio.
a te, tutti i giornali parlano,
lam Mondo crudele, che desti luce a me,
combattono per te ". fui vittima di agenti di rinnegata fe'.
E addio compagni, viva la libertà
"La grazia l'accetterò se me la danno, e se ne va il Batacchi,
coi miei diritti di buon cittadino: ma non vi scorderà.

Informazioni

Il canto fa riferimento alla vicenda di Cesare Batacchi, anarchico condannato (innocente) per un attentato a Firenze
il 18 novembre 1878 avvenuto durante un corteo monarchico di solidarietà a Umberto I.

(Pardo Fornaciari)

pagina 198
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il mio partito saluta Mosca


(1968)
di Alberto D'Amico
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: anticlericali, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-mio-partito-saluta-mosca

Do però la vera occupazione


Il mio partito saluta Mosca l'ha fatta il papa a Bogotà.
Sol7 Do Do7
e va cercando nuove città Tutto di bianco come colomba
Fa Do ai contadini ha predicà:
il Parlamento lo vuole in tasca fate la rumba fate la samba
Sol7 Do ma la guerriglia a Dio non va.
come una copia dell'Unità.
Avanti Praga col nuovo corso
E voi compagni quando fa sera che l'occidente trionferà
fate l'amore con la TV avanti papa che bel discorso
fate la tessera a primavera il mio partito l'ascolterà.
il socialismo la fa Gesù.
Il socialismo nel mio paese
E poi piangete per la questione ma chissà quando che si farà
che a Praga i carri hanno mandà sarà la colpa di troppe chiese
di troppe feste dell'Unità.

Informazioni

pagina 199
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il numero d'appello
(1972)
di Gianni Nebbiosi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: disagio mentale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-numero-dappello

Rem «Rivoglio i miei vestiti, la libertà»;


Quando, nel cercare di farsi capire,
Fa Sol Rem lui s'accorse tutt'a un tratto
vide la gente voltarsi che significa esser matto:
Sib Solm La7 Rem sentì chiudere un cancello
come se non dovesse capirlo più; ed insieme il suo cervello.

quando lo legarono alla barella, Quando cominciaron le prime botte


ch'era caduto in catena perché provava a scappare,
gridando: «Basta, basta, per carità!»; per la paura e il dolore non provò più:

Solm Rem quando sistemarono il suo cervello


lui s'accorse, tutt'a un tratto, come una vecchia rotella
La7 Rem buona per obbedire e dire sì;
d'esser diventato matto,
Solm Rem lui sentì che la sua rabbia
che una porta gli si apriva s'annegava nella sabbia,
La7 Rem perché al posto del cervello
e la mente gli fuggiva. c'era un numero d'appello.

Quando vide le facce dei dottori Oggi oramai non piange, né sorride,
chinate a fargli domande né pensa, né può pensare,
ch'eran parole vuote d'un'altra realtà; è ormai un bravo internato sterilizzato

quando lo calmarono con le scosse e s'accorge solamente


perché gridava e piangeva: d'esser privo della mente
perché al posto del cervello
ci sta un numero d'appello.

pagina 200
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il parroco di Cinaglio
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, anticlericali
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-parroco-di-cinaglio

Sol Re7 sul paiùn sul paiùn sul paiùn.


E il parroco di Cinaglio - sul paiùn
Sol E una della più belle - sul paiùn
l'ha predicato in chiesa - sul paiùn gli ha dato una risposta - sul paiùn
Re7 se il partigian ci frega - sul paiùn
attente ragazzine - sul paiùn l'è tuta roba nostra
Sol sul paiùn dela caserma...
che il partigian vi frega
sul paiùn dela caserma E una della più brutte - sul paiùn
requiem aeternam e così sia ha scritto sopra i muri - sul paiùn
va' a ramengo ti, to pari, to mari e to zia se il partigian ci frega
Re7 saranno cazzi duri
e la Muti in compagnia sul paiùn dela caserma...

Informazioni

Versione partigiana di una canzone satirica degli alpini. Ne esistono tante versioni locali, con innumerevoli
strofette.

pagina 201
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il partigiano di Pozzaglio
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-partigiano-di-pozzaglio

Do nazifascisti ti stavan cercando


La giusta pace è giunta alle porte erano in troppi e dovevi andar via.
Sol7
bandiera rossa ormai vittoriosa Ora è giunto finalmente il gran momento
troppi eroi han raccolto la morte che i Tedeschi e i fascisti van come il
Do vento.
ognun di loro avrà la sua rosa.
Dalla sua mamma ritorna il partigiano
Sol7 dalla sua mamma oppur dalla morosa
E gli eroi che son caduti per la vittoria per tanti giorni gli è stato lontano
Do ma per la fede ormai vittoriosa.
passeran nel libro sacro di questa storia.
Partigiano son due anni che soffri tanto
Belle bambine venite ad abbracciare ma il soffrire per la patria è sempre un
chi colla fede e speranza nel cuore vanto.
l'Italia nostra seppe liberare
col proprio, sangue e il proprio onore. Il primo ucciso è stato a Pozzaglio
era innocente e chiamava la mamma
Partigian son due anni che soffri tanto pietà invocava lor l'han fucilato
ma il soffrire per la patria è sempre un lo sdegno in tutti accese la fiamma.
vanto.
Mai pietà di quelle bestie ma bestie vili
Mille tormenti hai sfidato cantando donne e vecchi han picchiato coi loro fucili
col tuo bel mitra fedele in compagnia assassini vi daremo ciò che vi aspetta
siam milioni d'Italiani vogliam vendetta.

Informazioni

Sull'aria di "Ho detto al sole".

pagina 202
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il Ponte Morandi
(2018)
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-ponte-morandi

Re La7 la loro vita sconvolta e addolorata,


Ascoltate o popolo ignorante si riunirono insieme a Certosa
Re e resistenti si scoprirono ancor.
che del Ponte notizia vi darò
Sol La Re (parlato) Attenzione, sentirete chi sono
se tutti quanti attenzione farete i colpevoli di questa tragedia!
La7 Re
a tutti quanti a pianger vi farà. Nonostante gli enormi profitti
e i vari allarmi sul POnte Morandi,
Successe a Genova il 14 agosto, i Benetton han voluto risparmiare,
che pioveva, pioveva assai forte, perchè i padroni ragionan così.
all'improvviso un grande fragore,
Ponte Morandi sul fiume crollò. E quei politici vigliacchi e corrotti,
che senza scrupolo l'hanno permesso,
42 furon vittime innocenti, sono soltanto spregevoli servi,
precipitate o schiacciate dal Ponte, sono alla fine assassini anche lor.
uomini, donne, bambini, ragazzi,
la loro vita qual giorno finì. Maledetti saranno quei signori
a capo di Società Autostrade
Tanta gente divenne sfollata, e maledetto per sempre il profitto
che ha procurato mai tanto dolor.

Informazioni

Parodia di Ascoltate o popolo ignorante, scritta dal coro Le vie del Canto di Genova in seguito al crollo parziale dee
Ponte Morandi, il 14 agosto 2018, che ha provocato 43 morti e 566 sfollati.
Ci è stato comunicato durante la festa dello stesso coro, il 18 maggio 2019, a Genova.

pagina 203
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il popolo è forte
(1976)
di Claudio Bernieri, Yu Kung
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-popolo-e-forte

Lam Mi7 Lam Do Sol Lam


Dalle mie parti se si ammazza un uomo anche in Italia quel giorno è vicino
Mi7 Lam Mi7 Lam
viene un grand'uomo e promesse ci fa. il popolo è forte e vincerà!
Do Sol Lam
Resta un bambino a guardare quel treno E verrà il giorno che tutta la terra
Mi7 Lam il popolo unito combatterà
e(') un odio che mai si fermerà. contro chi ancora ci sfrutta e ci inganna
il popolo è forte e vincerà!
La mia finestra dà sulla strada
un campo e una porta e un certo cortile. Tutta la gente si è affacciata
Domani parto per qualunque strada per veder quell'uomo che non ha più età,
ed in città si può anche morir. e la speranza non si è più fermata
dai campi, al mare, fino in città
Dalle mie parti un uomo si è fermato,
ha detto che è un uomo senza età. Che cosa mai canta chi emigra sul treno,
Alle mie domande lui mi ha cantato che cosa mai canta chi lavora in città.
una canzone che mai si fermerà. Fino alle spose aspettare quel treno
e un canto che mai si fermerà.
Lam Mi7 Lam
Canta ogni popolo il suo destino Canta ogni popolo il suo destino...
Mi7 Lam
giorno per giorno combatterà E verrà il giorno che tutta la terra...

Informazioni

La canzone è stata incisa dell'album "Pietre della mia gente" dai Yu Kung, i diritti SIAE sono di Claudio Bernieri.

pagina 204
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il povero Elia
(1959)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-povero-elia

Mi, Re gli poteva importar poco o niente


Lo chiamavano il povero Elia questa vita da cani gli dava
Do Sim da rimpiangere un bell'accidente
un campione di nullatenente
Mi7 Lam7 Re7 non sapeva a che serve l'argento
all'anagrafe sanno chi sia né i pollastri degli altri e così
Sol Do Si7 Mim La7 anche al settimo comandamento
ma del resto nessuno sa niente si tramanda che non trasgredì

Re Fa#7 E le donne, persin le puttane,


fin dal giorno che al mondo egli venne che di solito son generose
Sim Fa#m si curavan men che di un cane
non si sa che mammella succhiò delle sue prestazioni amorose
Sol#7 Do#m
il suo padre era un certo N. N. ma l'Elia anche senza l'amore
Fa#7 Si non sentì né provo delusione
chi sa mai come Elia non crepò ne si appese dal grande dolore
ad un laccio ed un po' di sapone
Si7 Mi Lam6
Poveraccio! Se anche crepava Poveraccio! Se anche crepava
Fa#7 Si7 Mim gli poteva importar poco o niente
gli poteva importar poco o niente questa vita da cani gli dava
Sol Sib da rimpiangere un bell'accidente
questa vita da cani gli dava
Fa Do Si7 Lam7 Non sapendone il significato
da rimpiangere un bell'accidente dell'amor non sentì la mancanza
e per questo non fece peccato
Si7 Mim Lam Si7 di lussuria, né d'intemperanza
non sapeva neppure poppare
Mim Lam7 Re7 Sol Quando in guerra ebbe a fare il soldato
né giocare un bel gioco sul serio a nessuno potè far del male
Si7 Do Re7 Sol Perché di diserzione accusato
non potè fin da allora peccare lo spedirono in corte marziale
Si7 Do Re Sol Re7 Sol Si7 Mim
né di gola né di desid - e - rio Quando uscì per la fucilazione
- Così almeno la storia ci dice, -
Non aveva una faccia da furbo solo un tale da dentro il plotone
e nessuno si volle fidare gli sorrise con aria infelice
a pigliarsi l'ingrato disturbo
d'insegnargli a che serva rubare Poveraccio! Di fronte alla morte
non avrà certo fatto buon viso
non fu mai molestato da un cane proprio quando gli dava la sorte
nessun colpo su lui fu sparato da rimpiangere un triste sorriso
Questo è vero, moriva di fame
ma passava per tipo fidato ed adesso ch'è ben sotterrato
non avrà da temere l'inferno
Poveraccio! Se anche crepava non aveva mai fatto peccato
lo terrà ben con sé il Padreterno

pagina 205
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il prezzo del mondo


(1965)
di Fausto Amodei
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-prezzo-del-mondo

Dom Solm Re7 Sol Ci han rubato l'abbondanza


per rivendercela adesso
La Re La Re sotto forma
Tutto quanto ha un'etichetta di conquista del successo.
Sol Mi La Re
con un prezzo di mercato; L'uomo ormai riesce a trovare
La Re La RE qualcheduno che gli crede
tutto quanto è lì che aspetta non per quello che sa fare
Solm Dom Do#dim Re7 ma per quello che possiede.
solo d'essere comprato.
Ci han rubato poco a poco
Solm Dom Solm i cervelli ed anche i cuori
C'era un mondo tutto nostro ci han persuasi a stare al gioco
Dom Solm in veste di consumatori.
destinato a tutti quanti
Dom Solm Ci permettono soltanto
ed adesso lo dobbiamo di acquistare i loro doni
La7 Re7 concedendoci uno sconto
comperare dai mercanti. se stiam buoni.

Solm Dom Solm Ricordiamoci che il mondo


Ci han rubato tutto il mondo siamo noi che lo facciamo
Dom Solm ogni giorno dando fondo
ch'era nostro di diritto alla forza che vendiamo
Dom
per rivendercelo che il denaro guadagnato
Solm Re7 Solm per produrre il mondo tutto
e trarne del profitto. ci permette di comprarne
solo un pezzo ch'è il più brutto.
Affittiamo il mondo ad ore
da chi l'ha ridotto in pezzi: Questo vecchio mondo d'oggi
nessun pezzo ha più valore riponiamolo da un canto
ma soltanto più dei prezzi. chè non merita
il più piccolo rimpianto
Eravamo tutti eguali;
l'eguaglianza è andata in fumo, Dom
ci han persuasi a ricomprarla e che il mondo
come bene di consumo. Solm La7 Re7 Solm
torni nostro tutto qua - n - to.

pagina 206
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il ratto della chitarra


di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-ratto-della-chitarra

Rem Solm Do7 Mi vorrei proprio sbagliare


La mia povera chitarra ma so già che il rapitore
Fa7 Sib7 Solm6 La porterà la mia chitarra
ha subito un inci - dente sulla via del disonore
Rem Solm Do7 prostituta e svergognata
l'altro giorno fu rapita un bel dì la sentiremo
Fa7 Sib7 Solm6 La a suonar sui marciapiedi
da un ignoto malvi - vente le canzoni di Sanremo
Re7 Solm
era una chitarra vecchia, Cantava senza timore,
Do7 Fa7 senza badare agli offesi
senza classe, un po' ridicola anche argomenti d'amore,
Sib7 Solm6 ma senza far sottointesi
non aveva sangue illustre Si era una coppia ideale,
La7 Rem c'era una splendida intesa
nè una cifra di matricola si stava insieme anche se non
eravamo sposati in chiesa
Non so proprio la ragione
che me l'han portata via Non mi han detto fino ad ora
e no ho neppur pensato qual'è il prezzo del riscatto
d'avvertir la polizia ma ci sono altre maniere
perchè so che alla questura per far ben fruttare un ratto
era in fondo un po' mal vista per esempio legalmente
Sib7 Redim non c'è manco un codicillo
l'han schedata sotto il nome che consideri reato
Mi7 La lo sfruttar chitarre squillo
di "chitarra comunista"
Istruiranno la chitarra
Re a sedurre gli italiani
Cantava senza paura miagolando e dando baci
Dom6 Si7 su dei ritmi afro-cubani
dei versi un poco insolen - ti prenderanno loro i soldi
Mim Lam6 ed a mo' di conclusione
in barba alla censura, la faranno anche cantare
Mi- Mi#dim La7 alla Rai Televisione
contro i padroni e i poten - ti.
Re La mia chitarra perduta
Era alle volte estremista, era chitarra d'onore
Fa# non si sarebbe venduta
e la sua grande ambizione neppure per un milione
Sim Mi La7 poichè era molto espansiva
era di accompagnare la musica non era certo illibata
Re Sim Mi La7 Re Solm La7 Sim Mi La7
della rivo - lu - zio - ne ma concedeva i propri favori
Re Sim Mim6 Fa#
La chitarra ripulita soltanto se innamora - ta
ben lavata ed elegante Sim Mi La7
sarà spinta a far la parte ma concedeva i propri favori
di chitarra benpensante Re Sim Mim6 Fa#
per seguire la corrente, soltanto se innamora - ta
per salvarsi un po' la faccia Sim Mi La7
d'ora in poi dovrà evitare ma concedeva i propri favori
di dir qualche parolaccia Re Sim Mi La7 Re6

pagina 207
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

soltanto se inna - mo - ra - ta...

pagina 208
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il rosso è diventato giallo


(1969)
di Ivan Della Mea
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-rosso-e-diventato-giallo

Re che qui da noi si chiama intellettuale,


Compagno, prova ogni giorno la rivoluzione
Sol Re con il martello, la falce, il fucile
quando il partito, finalmente, sbaglia e a tutto questo la sua penna è uguale,
Sol Re allora, credi, si vincerà.
e a tutti è dato scrivere sui muri
Sol Re Compagno,
la libertà d'interpretare il mondo questa è la voglia di un comunismo
Sol Re senza dogmi, papi e frontiere,
di criticare i propri dirigenti un comunismo da costruire
Sol La sulle rovine del riformismo,
senza i tabù del 'glorioso passato', dell'unità nella diversità
Re Sol La allora, credi, si vincerà.
allora, credi, si vincerà.
La
Compagno, Compagno,
quando il soldato non ha generali Re La
e il fucile è come un compagno, questa è la fede in un comunismo
quando il soldato è popolo che lotta Re La
ora per ora, così nella scuola, tutto da vivere, tutto da fare,
così in fabbrica, in casa e nel campo, Re La
allora, credi, si vincerà. un comunismo da costruire
Re La
Compagno, sulle rovine del riformismo,
quando il tuo soldo di nullatenente Re La
che Agnelli chiama fame comunista è una rivoluzione culturale.
diventa, o per amore o per forza, Re La
uguale a quello d'ogni dirigente Io chiedo a voi se oggi vedo giusto:
oggi al partito, domani al potere, Re La
allora, credi, si vincerà. nel mondo il rosso è diventato giallo,
nel mondo il rosso è diventato giallo,
Compagno, nel mondo il rosso è diventato giallo,
quando chi fa l'idea con la penna, nel mondo il rosso è diventato giallo,
nel mondo il rosso è diventato giallo.

pagina 209
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il tarlo
(1963)
di Fausto Amodei, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-tarlo

Do Per legge di mercato,


In una vecchia casa, assunse poi, per via,
Sol# un certo personale,
piena di cianfrusaglie, con contratto di mezzadria:
Do# di quel che era scavato,
di storici cimeli, grazie al lavoro altrui,
Sol7 Do una metà se la mangiava lui.
pezzi autentici ed anticaglie,
Avanzare, per mangiare
c'era una volta un tarlo, qualche piccolo boccone,
Lam che dia forza di scavare
di discendenza nobile, per il padrone.
Fa Mi7 L'altra parte del raccolto
che cominciò a mangiare ch'è mangiato dal signore
Lam Mi7 Lam prende il nome di "maltolto"
un vecchio mobile. o plusvalore.

Mi7 Poi, col passar degli anni,


Avanzare con i denti venne la concorrenza
Lam da parte d'altri tarli,
per avere da mangiare colla stessa intraprendenza:
Re7 Sol il tarlo proprietario
e mangiare a due palmenti ristrutturò i salari
Sol7 Do e organizzò dei turni
per avanzare. straordinari.
Rem Lam
Il proverbio che il lavoro Lavorare a perdifiato,
Fa Do accorciare ancora i tempi,
ti nobilita, nel farlo, perché aumenti il fatturato
Sib Fa e i dividendi.
non riguarda solo l'uomo, Ci si accorse poi ch'è bene,
Rem6 Mi Sol7 anziché restare soli,
ma pure il tarlo. far d'accordo, tutti insieme,
La7
Il tarlo, in breve tempo, dei monopoli.
grazie alla sua ambizione,
riuscì ad accelerare Re
il proprio ritmo di produzione: Si sa com'è la vita:
andando sempre avanti, La#
senza voltarsi indietro, ormai giunto al traguardo,
riuscì così a avanzar Re#
di qualche metro. per i trascorsi affanni
La7 Re
Farsi strada con i denti il nostro tarlo crepò d'infarto.
per mangiare, mal che vada,
e mangiare a due palmenti Sulla sua tomba è scritto:
per farsi strada. Sim
Quel che resta dietro a noi "per l'ideale nobile
non importa che si perda: Sol Fa# Sim
ci si accorge, prima o poi, di divorarsi tutto quanto un mobile".
ch'è solo merda. Mi7 La Re7 Sol
Chiaro monito per i posteri

pagina 210
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Do7 Fa Fa#7 Sim questo tarlo visse e morì.

pagina 211
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il teleconcorrente
(2005)
di Fausto Amodei
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-teleconcorrente

La Sol Re La Questa prospettiva, anche se eventuale,


no, non la si deve perder mai di vista :
La Re Mi7 La quindi occorre non cultura generale
A chi mi chiedeva "Che farai da grande?" ma bensì da specialista.
Re Do Sol Re
rispondevo sempre ed invariabilmente: Chi si è fatto esperto in cibi brasiliani,
Fa#m Sim Mi7 La chi sa proprio tutto sui celenterati,
"Voglio dar risposte giuste alle domande chi ha prescelto la sessualità dei cani,
Re Do La7 Re7 chi la vita dei beati,
come un teleconcorre - nte!"
chi si è fatto esperto in caccia ai
Sol Mim La7 Re7 coccodrilli
Davo una risposta pronta ed esauriente e chi nei proverbi della Val di Fiemme,
Sol Fa Do Sol chi ha imparato tutto sui guardasigilli
ad ogni domanda che mi fosse fatta e chi su Matusalemme.
Sim Mi7 La7 Re
quasi Mike Buongiorno fosse lì presente Di comune accordo noi andiamo apposta
La Sol Re La tutti a confessarci quasi ogni mattina
per veder che fosse esatta. perché ci si alleni a dare una risposta
chiusi dentro una cabina.
Anche al catechismo davo le risposte
ai misteri sacri e ai mistici problemi Ma verrà un bel giorno ed una buona volta
solo quando le domande mi eran poste la famosa lettera che ci confermi
come in un concorso a premi. che alla fine la domanda è stata accolta
d'apparir sui teleschermi.
Per risponder "Si'" durante il matrimonio
onde garantirmi la risposta giusta Attendiamo quindi, sempre in esercizio,
io l'avevo già, di fronte a un testimonio, a che la domanda svolga il suo decorso,
chiusa dentro ad una busta. e ci resta in fondo il Giorno del Giudizio
ch'è pur sempre un bel concorso.
E la mia signora, ch'era abituata
a risponder sempre come a Silvio Gigli Non c'è Mike Buongiorno, bensì il
sopra Ogino-Knauss non era preparata Padreterno,
e mi diede tanti figli. non gettoni d'oro ma anni in Paradiso;
non si rischian soldi ma solo l'inferno:
Diedi nome "LASCIA" alla prima figlia tutto il bando è ben preciso.
e la successiva la chiamai "RADDOPPIA":
che soddisfazione per la mia famiglia Quindi attendo solo che venga la morte
presentarle sempre in coppia! che, contrariamente a quella ch'è l'usanza,
non avrà presente, nell'estrarmi a sorte,
Io mi sforzo di dar loro una cultura l'Intendenza di Finanza.
perché ognun di loro possa trarne frutto
casomai venisse, per buona ventura, E vedrà il buon Dio se siam preparati
accettata a Rischiatutto. su Matusalemme, sui guardasigilli,
sul sesso dei cani, sui celenterati,
sulla caccia ai coccodrilli.

Informazioni

Presente nell'album “Per fortuna c’è il cavaliere”. Boriz

pagina 212
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il testamento di Orso
(2019)
di Pardo Fornaciari
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-testamento-di-orso

Era Lorenzo Orsetti da Firenze La vita che mi han tolto


Tekosher lottatore in lingua curda Il mondo cambierà - il mondo cambierà
Morto in un'imboscata jihadista
Da partigiano contro il nazifascismo Quando tutto precipita
Questo il suo testamento Ci devono guidare
L'impegno e la speranza
DO Sol7 L'indifferenza no - l'indifferenza, no
Ciao, se state leggendo
Do Ogni tempesta nasce
Questo messaggio è segno Con una sola goccia
Rem Tu non ti rassegnare
Che non sono più al mondo Quella goccia sei tu - Quella goccia sei tu
Sol Sol7 Do
Che non ci sono più - che non ci sono più V'auguro tutto il bene
Spero anche voi un bel giorno
Però non rattristatevi All'individualismo
ho fatto quello che è giusto Vi saprete ribellar - saprete ribellar
difendere i più deboli
rimpianti non ne ho - rimpianti non ne ho Tenetemi nel cuore
Dice Orso il Lottatore
Io me ne sono andato In alto le sue idee
Con il sorriso sul volto Giustizia e libertà - Giustizia e libertà

Informazioni

Una ballata di Pardo Fornaciari sul testamento di Lorenzo Orsetti, detto Orso a Firenze e Tekoçer (il Lottatore) in
curdo, caduto nella valle della Rojava, nel Kurdistan siriano, in un'imboscata dei fascioislamisti del Daesh, che era
andato a combattere per la libertà dei Curdi, per la sicurezza nostra contro i terroristi islamisti, per la giustizia
sociale.
Sull'aria della Ballata per Franco Serantini di Ivan della Mea

pagina 213
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il tragico affondamento del Sirio


(1906)
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-tragico-affondamento-del-sirio

Do Sol7 di tanta gente la mi-la misera fin:


E da Genova i Sirio partivano padri e madri abbracciava i suoi figli
Do che sparivano tra le onde, tra le onde del
per l’America varcare, varcare i confin mar.
Sol7
e da bordo cantar si sentivano Più di centocinquanta annegati,
Do che trovarli nessu-nessuno potrà;
tutti allegri del suo, del suo destin. e fra loro un vescovo c’era
dando a tutti la sua be-la sua benedizion.
Urtò il Sirio un terribile scoglio,

Informazioni

La ballata fa riferimento al naufragio del piroscafo Sirio, carico di emigranti italiani, verso l'America.

pagina 214
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il valzer del disertore


Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-valzer-del-disertore

Lam Mi7 Tuona cannone tuona, tuona sugli altipiani


Lam e noi da bravi italiani dobbiamo avanzar
Fuoco e mitragliatrice senti il cannone che
tuona Voi altri disertori forse l’avrete capita
Mi7 Lam prima che guetta è finita dovete morir
per conquistar la trincea Savoia si va.

Informazioni

Stefano Valla, pifferaio di Cegni, frazione di Santa Margherita di Staffora (PV) ha raccolto musica e testo da vecchi
suonatori dell'appennino

pagina 215
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Il vestito di Rossini
(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: repressione, carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/il-vestito-di-rossini

Do Rem forse Giovanna il vestito vedeva


"Come ti chiami?". "Ve l'ho già detto". in quella folla fra tanto colore.
Sol Do
"Ripeti ancora, non ho capito". "Ti han visto tutti, tu sei finito,
Rem Do c'è anche del sangue sul tuo vestito:
"Sono Rossini, iscritto al partito, quei cinque uomini che sono morti
Sol Do sulla coscienza li hai anche tu".
sor commissario, mi conoscete".
"Sor commissario voi lo sapete
"Confessa allora, tu l'hai colpito, quali che sono i veri assassini,
non mi costringere a farti del male, quelli al servizio degli aguzzini
tu sai benissimo, conosco dei mezzi che questa vita ci fanno fare.
che anche le tombe fanno parlare".
E questo sangue che ho sul vestito
"Sor commissario, i vostri mezzi è solo il sangue degli innocenti
sono due ore che li sopporto che protestavano perchè fra i denti
e se volete vedermi morto solo ingiustizia hanno ingoiato".
continuate pure così". Aveva solo un vestito da festa,
se lo metteva alle grandi occasioni;
Do Sol a lui gli dissero: domani ai padroni
Aveva solo un vestito da festa, gliela faremo, faremo pagar.
Do Sol
se lo metteva alle grandi occasioni; Ma l'hanno visto con un sasso in mano
Da Do che difendeva un ragazzo già morto,
a lui gli dissero: domani ai padroni ma quel che conta è che a uno di loro
Sol Do un sampietrino la testa sfasciò.
gliela faremo, faremo pagar.
Ed ha scontato vent'anni in prigione
E l'indomani, quando era già l'alba, perchè un gendarme s'è rotto la testa;
apri l'armadio e il vestito si mise, ormai Giovanna ha tre figli,
guardo allo specchio e la faccia sorrise, è in pensione,
guardo allo specchio e si disse di sì. chissà se ha visto il vestito da festa
ormai Giovanna ha tre figli,
E andò alla fabbrica ed erano in mille, è in pensione,
tutti gridavano l'odio e il furore; chissà se ha visto il vestito da festa.

pagina 216
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

In tutto il mondo uniamoci


(1974)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, antimperialisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/tutto-il-mondo-uniamoci

Re In una sola lotta


Su ogni popolo che lotta Re
La7 La lotta proletaria
Per un mondo socialista La7 Re
Che il comunismo conquisterà
Sempre arriva micidiale
Re
Il potere imperialista Ogni stato è da comprare
Capitale da investire
La violenza unica legge Sono masse da sfruttare
Sol Fino a quando servirà
La ragione è del cannone Il gendarme americano
Re Garantisce il colonnello
Il potere è del padrone Se non basta il suo controllo
La7 Re Democratico dc
Questa è la legalità
In tutto il mondo...
Re
In tutto il mondo uniamoci Ma nei conti c'è qualcosa
La7 Che non potrà mai tornare
Perchè il nostro avvenire à la guerra popolare
Dall'America al Vietnam
Possiamo conquistarcelo à la guerra proletaria
Re Dichiarata in tutto il mondo
Solo con il fucile Per poterci conquistare
Una nuova società
In tutto il mondo uniamoci
Sol In tutto il mondo...

pagina 217
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

In un anno e più d'amore


(1972)
di Gianni Nebbiosi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/un-anno-e-piu-damore

Do In un anno e più di lotte


In un anno e più d’amore quante volte ci si fotte
Mi7 Lam per paura di sbagliare
c’è per forza qualche errore stiamo sempre ada spettare
Do ma non è la perfezione
ma la cosa che interessa che concima l’invenzione.
Do7 Fa
è che tu non sei la stessa Benvenuto sia l’errore
Mi7 Lam quando attesta il nostro amore
sei cambiata piano piano se trattassimo la piazza
Mi7 Lam Sol7 come fosse una ragazza
per venirmi più vici - no. di rapporti puri e belli
ce ne abbiam sopra i capelli.
In un anno e più di fatti
c’è da correr come matti In un anno e più d’amore
cambiano in continuazione può venire un malumore
prospettiva ed occasione però proprio quando sbagli
ed è triste dire poi sento che mi rassomigli
chi non cambia siamo noi. cosa vuoi che me ne importi
di saperti senza torti.

pagina 218
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno a Oberdan
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-oberdan

Lam Vogliamo formare una lapide


Morte a Franz, viva Oberdan! di pietra garibaldina;
Mi7 a morte l'austriaca gallina,
Morte a Franz, viva Oberdan! noi vogliamo la libertà.

Lam Rem Morte a Franz, viva Oberdan!


Le bome, le bombe all'Orsini, Morte a Franz, viva Oberdan!
Mi7 Lam
il pugnale, il pugnale alla mano; Vogliamo spezzar sotto i piedi
Rem l'austriaca odiata catena;
a morte l'austriaco sovrano, a morte gli Asburgo Lorena,
Mi7 Lam noi vogliamo la libertà.
noi vogliamo la libertà.
Morte a Franz, viva Oberdan!
Morte a Franz, viva Oberdan! Morte a Franz, viva Oberdan!
Morte a Franz, viva Oberdan! Morte a Franz, viva Oberdan!

Informazioni

Guglielmo Oberdan attentò, senza successo, alla vita di Francesco Giuseppe (Franz) e per questo venne impiccato
http://it.wikipedia.org/wiki/Guglielmo_Oberdan

pagina 219
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno abissino
di Ulisse Barbieri
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-abissino

La Mi7 La
In nome d'un dritto che a noi si contende va fuori stranier
La
ognun le sue leggi la patria difende Dei nostri deserti son vaste le arene,
Sim ruggisce il leone vi urlan le iene
i martiri nostri li chiaman spioni e noi del leone più forte il ruggito
La ReMi La mandiam per l'immenso deserto infinito
con forti e cannoni ci voglion domar.
Ruggito di liberi che ai vostri moschetti
Mi Si7 baluardo invincibile oppongono i petti
Le tende dei nostri son fatte per noi Son cupe le gole dei nostri burroni,
Mi saremo legioni la patria a salvar!
son là oltremare le case dei tuoi!
Va fuori dall'Africa...
Su armiamoci a battaglia!
Si7 Son pochi mandati! Più ancor ne vogliamo
Su armiamoci a legioni migliaia e migliaia mandatene ancora
Mi più bella la festa sarà se aspettiamo
le forche e i cannoni sapremo sfidar! più grande la strage che anela ogni cuor!

La Mi7 Intorno alle teste recise danzando


Va fuori dall'Africa le membra dei corpi col fuoco bruciando
La Mi7 troncato col ferro l'anelito estremo
Non siamo predoni ancora urleremo "Va fuori stranier"!
Coll'odio nell'anima
va fuori dall'Africa ancora urleremo
va fuor dall'Africa
va fuori dall'Africa va fuor dall'Africa
va fuori stranier!

Informazioni

Sulla musica del canto risorgimentale "Inno di Garibaldi" (Jac)

pagina 220
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno dei lavoratori del mare


di Pietro Gori
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-dei-lavoratori-del-mare

Do sollevi al patto di redenzion


Lavoratori del mar s'intoni quanti sudano solcando l'onda
Fa Do per questa al pane sacra tenzon
l'inno che il mare con noi cantò
mentre marosi gonfi di fronde
da che fatiche stenti e cicloni e irose attardan forze il cammin
Si Mim noi da la nave scorgiam le prode
la nostra errante vita affrontò dove le genti van col destin.

Sol7 Do Su canta o mare l'opra e gli eroi


quando con baci d'oro ai velieri tempeste e calme gioia e dolor
Mi Lam o mare canta canta con noi
l'ultimo raggio di sol morì l'inno di sdegno, l'inno d'amor.
Rem Do
e giù tra i gorghi de' flutti neri Già da ogni prora che il corso affretta
Sol7 Do la evocatrice diana squillò
qualcun de' nostri cadde e sparì. e all'alba il grido della vendetta
la verde terra già salutò
Fa Do Fa Do
Su canta o mare l'opra e gli ero - i terra ideale dell'alleanza
Solm Do Fa tra menti e braccia giustizia e cor
tempeste e calme gioia e dolor salute o porto de la speranza
Re Solm Do Fa Do che invoca il mesto navigator.
o mare canta canta con no - i
Re- Do Fa Su canta o mare l'opra e gli eroi
l'inno di sdegno, l'inno d'amor. tempeste e calme gioia e dolor
o mare canta canta con noi
Canto d'aurore di rabbie atroci l'inno di sdegno, l'inno d'amor.
sogni e singhiozzi del marinar
raccogli e irradia tutte le voci Noi sugli abissi tra le nazioni
che il nembo porta da mare a mar di fratellanza ponti gettiam
coi nostri corpi su dai pennoni
e soffia dentro le vele forti dell'uomo i nuovi diritti dettiam
che al sole sciolse la nostra fè
e chiama e chiama da tutti i porti ciò che dai mille muscoli spreme
tutta la gente che al mar si die'. con torchi immani la civiltà
portiam pel mondo gettando il seme
Su canta o mare l'opra e gli eroi che un dì per tutti germoglierà.
tempeste e calme gioia e dolor
o mare canta canta con noi Su canta o mare l'opra e gli eroi
l'inno di sdegno, l'inno d'amor. tempeste e calme gioia e dolor
o mare canta canta con noi
Solo una voce da sponda a sponda l'inno di sdegno, l'inno d'amor.

Informazioni

Questo inno era stampato nella penultima di copertina del libretto di navigazione dei marittimi del primo
Novecento, e vi rimase per un certo tempo anche sotto il fascismo, informazione di Mario Landini, 1906 -1999,
vicesindaco della Liberazione a Livorno sino al 1955, comunicata nel 1997 a Pardo Fornaciari

pagina 221
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno dei malfattori


(1892)
di Attilio Panizza
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-dei-malfattori

La ch'abbiam noi malfattori!


Ai gridi ed ai lamenti
Mi7 Deh t'affretta a sorgere...
di noi plebe tradita,
Chi sparge l'impostura
la lega dei potenti avvolto in nera veste,
La chi nega la natura
si scosse impaurita; sfuggiam come la peste;
sprezziam gli dei del cielo
e prenci e magistrati e i falsi lor cultori,
La7 Re del ver squarciamo il velo,
gridaron coi signori perciò siam malfattori!
Mi7
che siam degli arrabbiati, Amor ritiene uniti
La gli affetti naturali,
dei rudi malfattori! e non domanda riti
né lacci coniugali;
noi dai profan mercati
Folli non siam né tristi distor vogliam gli amori,
né bruti né birbanti, e sindaci e curati
ma siam degli anarchisti ci chiaman malfattori!
pel bene militanti;
al giusto, al ver mirando Deh t'affretta a sorgere...
strugger cerchiam gli errori,
perciò ci han messo la bando Divise hanno con frodi
col dirci malfattori! città, popoli e terre,
da ciò gli ingiusti odi
La che generan le guerre;
Deh t'affretta a sorgere noi, che seguendo il vero,
Re gridiamo a tutti i cori
o sol dell'avvenir: che patria è il mondo intero,
La ci chiaman malfattori!
vivere vogliam liberi,
Mi7 La Leggi dannose e grame
non vogliam più servir. di frodi alti strumenti
secondan sol le brame
Noi del lavor siam figli dei ricchi prepotenti;
e col lavor concordi, dàn pene a chi lavora,
sfuggir vogliam gli artigli onor a sfruttatori,
dei vil padroni ingordi, conferman poscia ancora
che il pane han trafugato che siam dei malfattori!
a noi lavoratori,
e poscia han proclamato Deh t'affretta a sorgere...
che siam dei malfattori!
La chiesa e lo stato,
Natura, comun madre, l'ingorda borghesia
a niun nega i suoi frutti, contendono al creato
e caste ingorde e ladre di libertà la via;
ruban quel ch'è di tutti. ma presto i dì verranno
Che in comun si viva, che papa, re e signori
si goda e si lavori! coi birri lor cadranno
tal è l'aspettativa per man dei malfattori!

pagina 222
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Allor vedremo sorgere in pace potrem vivere


il sol dell'avvenir, e in libertà gioir!

Informazioni

Si tratta di uno dei canti anarchici più conosciuti ed eseguiti, un vero "manifesto" dell'anarchismo.
Conosciuto semplicemente anche come l' "Inno di Panizza", è senz'altro uno dei più conosciuti canti anarchici in
lingua italiana. Vi è presente ovviamente anche una componente antimilitarista.

(maria rollero)

pagina 223
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno del primo maggio


(1892)
di Pietro Gori
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-del-primo-maggio

Fa Do7 Do7 Fam Do


Vieni o Maggio t'aspettan le genti Innalziamo le mani incallite

Fa Sol7 Do Do7 Fam Do


ti salutano i liberi cuori e sian fascio di forze fecondo

Fa Do7 Fa Do7
dolce Pasqua dei lavoratori noi vogliamo redimere il mondo

Fa Solm Fa Do Fa Fa Solm Fa Do Fa
vieni e splendi alla gloria del sol dai tiranni de l'ozio e de l'or
Do Sol7 Do
Giovinezze dolori ideali

Do Sol7 Do Sol7 Do
Squilli un inno di alate speranze primavere dal fascino arcano

Fa Do Sol Do7 Sol7 Do


al gran verde che il frutto matura verde maggio del genere umano

Fa Do7 Sol7 Do
a la vasta ideal fioritura date ai petti il coraggio e la fè

Fa Sol-FaDoFa
in cui freme il lucente avvenir
Do7 Fam Do
Do Sol7 Do Date fiori ai ribelli caduti
Disertate o falangi di schiavi
Do7 Fam Do
Sol7 collo sguardo rivolto all'aurora
Do
dai cantieri da l'arse officine Fa Do7
al gagliardo che lotta e lavora
Sol7 Do
via dai campi su da le marine Fa Do7
al veggente poeta che muor!
Sol7 Do
tregua tregua all'eterno sudor!

Informazioni

L'Inno del Primo Maggio fu scritto da Pietro Gori sulla base della melodia del Va’ pensiero, il coro del Nabucco
verdiano, nel 1892, nel carcere milanese di San Vittore dove era stato rinchiuso preventivamente

pagina 224
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno dell'albero
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-dellalbero

Re La7 Re Sol La7 Un dolce amor di patria...


Or che innalzato è l'albe - e - ro,
Re Sol Re La7 Re Reso uguale e libero,
s'abbassino i tira - a - nni ma suddito alla legge,
La7 Re Sol La7 è il popolo che regge
dai suoi superbi sca - a - nni sovrano ei sol sarà.
Re Sol La7 Re
scenda la no - o - biltà. Un dolce amor di patria...

Si Mi4 Mim Duri implacabili odio


Un dolce amor di patria ai feudi, alle corone
Sol Solm La7 Solm Re e sempre la Nazione
s'accenda in questi li- i - di libera resterà.
La7 Re Sol La7
formiam comuni i gri - i - di: Un dolce amor di patria...
Re Sol La Re
viva la libe - e - rtà! Sul torbido Danubio
penda l'austriaca spada
L'indegno aristocratico nell'itala contrada
Non osi alzar la testa mai più Iampeggerà.
se l'alza, allor la festa
tragica si farà. Un dolce amor di patria...

pagina 225
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno dell'internazionale [Inno della pace]


(1874)
di Stanislao Alberici Giannini
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-dellinternazionale-inno-della-pace

Mi La6 Mi Ma un sol grido: morte ai ladri


Su leviamo alta la fronte sia dal campo all'officina
Fa#m Si7 Mi non più leggi di rapina
o curvati dal lavoro non più l'onta del servir.
Si7
già sul culmine del monte Pace pace al tugurio del povero...
Mi
splende il sol dell'avvenir. Sotto vel di patrio amore
Si7 gittan l'odio tra fratelli
Splende il sol dell'avvenir. ma dovunque è un oppressore
Mi un fratello oppresso sta.
I superbi eroi dell'oro
Do#m Fa#m un fratello oppresso sta.
i pastori d'ogni greggia Nostro è il mondo e di novelli
Do Si a noi sacri un patto adduce
sia nel tempio o nella reggia e quel patto e vita e luce
Do Si fratellanza e libertà.
fa quell'astro impallidir. Pace pace al tugurio del povero...

Mi Si O giustizia nostra speme


Pace pace al tugurio del povero il tuo regno affretta affretta
Mi Si è da secoli che geme
guerra guerra ai palagi e alle chiese la percossa umanità.
Mi
non sia scampo all'odiato borghese la percossa umanità.
Si7 Mi Ma nel dì della vendetta
che alla fame agli stracci insultò. questa plebe ognor tradita
come belva inferocita
I signori ci han rubato da ogni lato insorgerà.
il sudor dei nostri padri
le sorelle ci han stuprato Pace pace al tugurio del povero
ogni gioia ci rapir. guerra guerra ai palagi e alle chiese
non sia scampo all'odiato borghese
ogni gioia ci rapir. che alla fame agli stracci insultò.

Informazioni

Il brano risale al 1874-75, anni in cui in varie regioni d'Italia si svilupparono moti indipendentisti e anticlericali. Pier
Carlo Masini ha potuto risalire alla genesi dell’inno: al congresso di Mirandola-Bologna della Federazione Italiana
dell’Internazionale (15-18 marzo 1873), Tito Zanardelli chiese “un inno del Lavoro, una Marsigliese del Proletariato
sublime per musica, concetto e poetica forma, che ravvivi il fuoco dell’entusiasmo nei combattenti della grande
lotta, distragga, lenisca per oggi l’operaio nelle sue fatiche, domani lo accompagni di vittoria in vittoria.” Il brano è
stato scritto da Stanislao Alberici Giannini sull'aria della Marsigliese e pubblicato per la prima volta sul numero 10
del "Bollettino del movimento sociale" del 1877. Un foglio volante su cui è riportato anche il nome dell'autore è
conservato nell'incartamento del processo del 1879 contro 18 internazionalisti imolesi, come capo d'accusa.
(KGgB)

pagina 226
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno della libertà


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-della-liberta

Do Do Sol7
Le plebi sotto il giogo del borghese Di pace e libertà glorioso il Sol
Sol7 Do Do
Languendo stan (x2) risplenderà
Fa Do Sol7
Da fame stenti da pellagra offese Di pace e libertà glorioso il Sol
Do
Morendo van (x2) risplenderà

Mim Si7 Mim Si7 Mim Ci succhian senza posa quei signori
Ma delle smorte plebi unite a un patto Sangue e sudor
Si7 Mi#m Chi più non ha nè sangue nè sudori
Il dì verrà (x2) Non fa per lor
Sol Re7 Sol Re7 Sol Ma delle smorti plebi unite a un patto
Ma il dì solenne e grande del riscatto Il dì verrà
Re7 Sol Ma il dì solenne e grande del riscatto
Presto verrà (x2) Presto verrà

Sol Re7 Sol Su compagni liberi sorgiam


Su compagni liberi sorgiam Su compagni su la fronte alziam
Re7 Do Già splende il Sol dell'avvenir
Su compagni su la fronte alziam Già splende il Sol dell'avvenir
Mim Lam Di pace e libertà glorioso
Già splende il Sol dell'avvenir il Sol risplenderà
Mim Fa Di pace e libertà glorioso
Già splende il Sol dell'avvenir il Sol risplenderà

Informazioni

Parole di anonimo operaio bresciano, riviste da Camillo Prampolini. Sull' aria della canzone napoletana (1880)
"Funiculì funiculà"

pagina 227
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno della rivolta


(1893)
di Luigi Molinari
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-della-rivolta

Fa Do7 Siam pronti e dal selciato d'ogni via,


Nel fosco fin del secolo morente, spettri macàbri del momento estremo,
Fa sul labbro il nome santo d'Anarchia,
sull'orizzonte cupo e desolato, Insorgeremo.
Do7
già spunta l'alba minacciosamente Per le vittime tutte invendicate,
Fa là nel fragor dell'epico rimbombo,
del dì fatato. compenseremo sulle barricate
piombo con piombo.
Urlan l'odio, la fame ed il dolore
da mille e mille facce ischeletrit E noi cadrem in un fulgor di gloria,
ed urla col suo schianto redentore schiudendo all'avvenir novella via:
la dinamite. dal sangue spunterà la nuova istoria
de l'Anarchia

Informazioni

Conosciuto anche come Inno del Molinari, fu cantato nel corso dei moti della Lunigiana del gennaio 1894, tanto da
essere utilizzato come prova a carico nel processo che ne seguì.

Da: S. Catanuto e F. Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Milano, zeroincondotta,
2009.

pagina 228
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno della Tricontinentale


(1975)
di Canzoniere delle Lame
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-della-tricontinentale

Do vive nel cuore della rivoluzion,


America, Africa ed Asia Fa Do
Sol viva nell'anima del popolo che lotta,
tre continenti uniti per unire Sol Do
vive la Tricontinental!
tre popoli che stanno conquistando
Do America, Africa ed Asia
con una lotta la libertà. tre continenti uniti per unire
ovunque nasce la speranza
L'America latina che si sveglia, che farà strada alla liberazion!
Do7 Fa Marxismo e antimperialsmo
Cile, Bolivia, San Domingo e Panama, sono le armi e le idee che noi abbiam
Do per vincere oppressione e sfruttamento
di Cuba il grande esempio che s'avanza, nell'unità vive la Tricontinental.
Sol Do
nell'unità vive la Tricontinental. Vive in Asia e vive in Indocina,
vive nel Vietnam col popolo che lotta.
Fa Do Per la pace, per il socialismo,
Vive in Africa e vive in Mozambico, per la pace, per il socialismo
Sol Do Do7 vive la tricontinental!

pagina 229
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Inno individualista
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/inno-individualista

Lam Rem Lam La


Pria di morir sul fango della via, s'affili il pugnal.
Rem Mi7 Lam Mi7 La
imiteremo Bresci e Ravachol; È l'azione l'ideal!

chi stende a te la mano, o borghesia,


Francia all'erta, sulla ghigliottina,
è un uomo indegno di guardare il sol. tronca il capo a chi punirla vuol;
Spagna vil garrotta ed assassina;
La fucila Italia chi tremar non suol.
Le macchine stridenti
dilaniano i pezzenti In America impiccati, in Africa sgozzati,
Re La in Spagna torturati a Montjuich ognor;
e pallide e piangenti ma la razza trista del signor teppista
Mi7 LA l'individualista sa colpir ancor.
stan le spose ognor,
E a chi non soccombe...
restano i campi incolti
e i minator sepolti Finché siam gregge, è giusto che ci sia
e gli operai travolti cricca social per leggi decretar;
da omicidio ognor. finché non splende il sol dell'anarchia
vedremo sempre il popol trucidar.
La
E a chi non soccombe Sbirri, inorridite, se la dinamite
si schiudan le tombe, voi scrosciare udite contro l'oppressor;
Mi7 abbiamo contro tutti, sbirri e farabutti,
s'apprestin le bombe, e uno contro tutti noi li sperderem.
E a chi non soccombe...

pagina 230
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Insorgete!
di Giovanni Serbandini
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/insorgete

Lam Mi7 I nostri migliori


Lasciate le fabbriche, finito han la lotta,
Lam colpiti, accoppati,
le scuole, le case, inchiodati alla gogna.
Sol7 Noi non paventiam
correte correte la tortura e la morte;
Do avanti fratelli,
uniti all'attacco. siam pronti, siam forti.
Lam A noi la vittoria.
Brigate d'assalto Sorgete, Italiani!
Mi7 Lam
le armi impugnate Il sangue dei nostri
e contro i fascisti ci grida vendetta;
Mi7 nulla può arrestare
e i tedeschi sparate. il furor delle masse.
Rem Lam A Genova, Spezia,
Compagni insorgete! Torino e Milano,
Rem Lam scacciate i nazisti
Son qui i partigian. con l'arma alla mano.
Scacciate i nazisti.
Avanti, Italiani!

Informazioni

Sull'aria dell'"Inno del Komintern".

pagina 231
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Invano Johnson si opporrà


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/invano-johnson-si-opporra

Re Mim Sol la dottrina del nostro gran Lenin


La7 può trasformar dei popoli il destin.
Tutta la storia da quando esiste il sol Invano Johnson si opporrà
Re perché dovunque trionferà
è lotta degli oppressi contro gli oppressor. la legge di Lenin, la legge di LeninRe
Sol La Mim La7 Finchè arrivò Lenin, finchè arrivò Lenin
Ogni sovrano , duce o re
Mim La7 Re Per dei millenni la plebe si piegò
schiacciò la plebe sotto i piè sotto il bastone dello sfruttator,
La7 Re La7 Re ma dallo stato di terror
Finchè arrivò Lenin, finchè arrivò Lenin e dall'iniquo suo torpor
la risvegliò Lenin, la risvegliò Lenin
Per dei millenni la plebe si piegò
sotto il bastone dello sfruttator, Contro il riscatto del lavorator
ma dallo stato di terror sorse il fascismo boia e traditor
e dall'iniquo suo torpor e un Presidente d'oltremar
la risvegliò Lenin, la risvegliò Lenin ora il gendarme vuole far
per arrestar Lenin, per arrestar Lenin
Contro il riscatto del lavorator
sorse il fascismo boia e traditor Come il fascismo le corna si spezzò
e un Presidente d'oltremar si spezzeran quelle dei re dell'or.
ora il gendarme vuole far Dollari e bomba nuclear
per arrestar Lenin, per arrestar Lenin non perverranno ad arrestar
la marcia di Lenin, la marcia di Lenin
Come il fascismo le corna si spezzò Sol la dottrina del nostro gran Lenin
si spezzeran quelle dei re dell'or. può trasformar dei popoli il destin.
Dollari e bomba nuclear Invano Johnson si opporrà
non perverranno ad arrestar perché dovunque trionferà
la marcia di Lenin, la marcia di Lenin la legge di Lenin, la legge di Lenin

pagina 232
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Io so che un giorno
(1966)
di Ivan Della Mea
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: disagio mentale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/io-so-che-un-giorno

Re La
Io so che un giorno come se fosse
La7
verrà da me la realtà.

un uomo bianco Li guarderò


con occhi calmi
vestito di bianco e dirò loro
Sol di libertà;
e mi dirà: verrà quell’uomo
La Re con tanti altri forti e bianchi
«Mio caro amico tu sei stanco» e al mio letto
Sol stretto con cinghie mi legherà.
e la sua mano «La libertà
La7 Re - dirò - è un fatto,
con un sorriso mi darà. voi mi legate
ma essa resiste».
Mi porterà Sorrideranno:
tra bianche case «Mio caro amico tu sei matto,
di bianche mura la libertà,
in bianchi cieli la libertà più non esiste».
mi vestirà
di tela greggia dura e bianca Io riderò
e avrò una stanza il mondo è bello
un letto bianco anche per me. tutto ha un prezzo
anche il cervello
Re «Vendilo, amico,
Vedrò il giorno con la tua libertà
e un posto avrai
e tanta gente in questa società».

anche ragazzi Viva la vita


pagata a rate
di bianco vestiti con la Seicento
Sol la lavatrice
mi parleranno viva il sistema
Mi che rende uguale e fa felice
dei loro sogni chi ha il potere
e chi invece non ce l'ha.

pagina 233
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Io vi parlo di Milano
(1972)
di Diego De Palma
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/io-vi-parlo-di-milano

Re Sol La alla larga da Milano.


Io vi parlo di Milano
Ero lì in Largo Augusto
che da un po' è un posto insano e la pula sparava
Re Sol poi insieme ai fascisti
tu respiri solo metano continuava a picchiar.
La Re
alla larga da Milano. Diamo una mano per fare Milano pulita
perché con questo lerciume
Sim Fa# non ci si può star
Ero lì in via dei Mille pula, fascisti, padroni e giornali
Sim Fa# di destra
e la pioggia cadeva Dovremmo proprio pulire la nostra città.
Mim Sim
anche l'acqua era sporca Tutti in lotta compagni
Mi7 La7 operai e studenti
era sporca di smog. non saremo contenti
se non ci riuscirà
Re Sol Re
Diamo una mano per fare Milano pulita di far venire Milano e l'Italia pulite
Re La7 perché con questo lerciume
perché con questo lerciume non ci si può star.
Re Se sai che son tuoi nemici
non ci si può star non devi star zitto
Mim Sol Re ma dirlo forte e scendere
fumo, carbone, metano e puzza di nafta in piazza a lottar.
Mi- Sol La7 Re
tutte quante le strade dovremmo lavar. Diamo una mano per fare Milano pulita
diamo una mano per farla pulita perché
Io vi parlo di Milano se fino adesso una classe
che da un po' è un posto insano ci ha oppresso la vita
prendi botta a tutto spiano è giunta l'ora che
gliela facciamo pagar!

pagina 234
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Io vorrei che a Metternicche


(1847)
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: toscano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/io-vorrei-che-metternicche

Do pel carretto del su’ re


io vorrei che a Metternicche
Sol7 Do io vorrei che a Metternicche
gli tagliasser le basette gli tagliasser le budelle
vorrei farne le spazzette vorrei farci le bretelle
Sol7 Do pel vestito del su’ re
per le scarpe del su’ re
io vorrei che a Metternicche
io vorrei che a Metternicche gli tagliassero i coglioni
gli tagliassero la testa vorrei farne du’ bottoni
vorrei farne una gran festa per la giubba del su’ re
nel giardino del su’ re
io vorrei che a Metternicche
io vorrei che a Metternicche gli tagliassero l’uccello
gli tagliassero le gambe pe’ infilallo sur cappello
vorrei farcene du’ stanghe coi pennacchi del su’ re.

Informazioni

Io vorrei che a Metternicche... dove Metternicche sta per Klemens Wanzel Lothar, principe di Metternich-
Winneburg, uomo politico austriaco di origine tedesca, uomo simbolo della Restaurazione, della Santa Alleanza,
della reazione europea e dell'oppressione austriaca sull'Italia.
A partire dal 1847, si inventarono sempre nuove quartine, sempre più beffarde e cruente, che accompagneranno e
scandiranno, di lì a breve, le marce dei volontari verso i campi di battaglia della prima guerra d'indipendenza.

(http://recensione.blogspot.com/2010/11/parole-e-musica-del-risorgimento-di.html)

pagina 235
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Is chiudendas noas
di Franco Madau
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: sardo
Tags: antimperialisti, antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/chiudendas-noas

Mi La Mi schiavus de su servilismu.
Funti serrendi totu a filu spinau Sol La
La Mi Trint'annus de autonomia,
probeis e pastoris si anti bogau La Si7
po bivi in neocolonialismu!
Do#m Si
funti distrugendi totu Mi La Mi
La Mi Fora, fora de domu s'americanu
no esistit prus natura La Mi
La Mi Si7 torraisindi is terras ki nd'eis serrau
fetti carrus armausu in sa pastura.... Re La
De Teulada e Perdasdefogu
E totu custu in nom'e sa libertadi Re La
frimmendi su progressu e sa sociedadi de Maddalena e Decimomannu
anzichè ghettai concimi Re Mi
ghettanta bombas a manu fora de domu is americanus!
gioghendi a guerra finta, ki bincinti
[sempri... Fora, fora de domu s'americanu
torraisindi is terras ki nd'eis serrau
Mi La
Is unicus ki perdeus seus nosu, ca sa Sardegna est arroscia e prena
Fa# Si de-i custa prepotenzia allena
fora de domu s'americanu

Informazioni

Canzone contro le basi militari americane in Sardegna.

pagina 236
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Italia bella mostrati gentile


Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: toscano
Tags: emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/italia-bella-mostrati-gentile

La Mi7 là dov'è la raccolta del caffè.


Italia bella, mostrati gentile
Ragazze che cercavano marito
e i figli tuoi non li abbandonare, vedan partire il loro fidanzato,
vedan partire il loro fidanzato
sennò ne vanno tutti ni' Brasile e loro restan qui co' i' sor curato.
e 'un si ricordan più di ritornare.
Verrà un dì che anche loro dovran partì
Ancor qua ci sarebbe da lavorà là dov'è la raccolta del caffè.
senza stà in America a emigrà.
Le case restan tutte spigionate,
Il secolo presente qui ci lascia, l'affittuari perdano l'affitto,
il millenovecento s'avvicina; e i topi fanno lunghe passeggiate,
la fame ci han dipinto sulla faccia vivan tranquilli con tutti i diritti.
e per guarilla 'un c'è la medicina.
Ogni po' noi si sente dire: «E vo Verrà un dì che anche loro dovran partì
Là dov'è la raccolta del caffè». là dov'è la raccolta del caffè.

Nun ci rimane più che preti e frati, L'operaio non lavora


moniche di convento e cappuccini, e la fame lo divora
e certi commercianti disperati e qui' braccianti
di tasse non conoscono i confini. 'un san come si fare a andare avanti.
Spererem ni' novecento,
Verrà un dì che anche loro dovran partì finirà questo tormento,
ma questo è il guaio:
il peggio tocca sempre all'operaio.

Informazioni

Stornelli satirici databili (dal testo) alla fine dell'800, raccolti da Caterina Bueno nella zona di Arezzo.

pagina 237
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Italia combatte
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/italia-combatte

Mi Si7
Va fuori d'Italia, si lotta, si vince, si muor
va fuori che è l'ora, Mi
Si7 siamo gli Italiani e abbiamo una fede nel
va fuori d'Italia, cuor
Mi La
va fuori che è l'ora. per l'Italia bella tutto daremo ancor
Mi
Sinigaglia, Lanciotto, Rosselli contro i barbari nazifascisti
Si7 Mi Si7 Mi
son brigate di garibaldini l'inesorabile nostro valor.
che guidate dagli inni più belli
Fa#7 Si7 Va fuori d'Italia...
combattiam per migliori destini
La Mi Fanciullacci, Caiani, "Potente"
d'una patria tradita vilmente son tre nomi coperti di gloria
La Mi trucidati così barbaramente
da un ventennio di lutti ed orror dai nemici di tutta la storia
La Mi ma sapranno che i martiri nostri
liberata sarà finalmente son con noi sempre in piedi così
Fa#7 Si7 e gridando che: "Noi non siam morti"
dal tiranno tedesco invasor. marceremo con voi un dì.

Mi Siamo i partigiani...
Siamo i partigiani
Va fuori d'Italia...

Informazioni

Inno dei partigiani fiorentini delle Brigate Garibaldi Sinigaglia, Lavagnini ed Arno, poi intitolata a Potente (Aligi
Barducci) dopo la sua morte in seguito ad un colpo di mortaio, che lo colpì presso Piazza S.Spirito, in azione nella
battaglia d'Oltrarno, nella prima decade di agosto 1944. Questo inno, come la maggior parte dei canti partigiani, fu
cantato dopo la liberazione (come testimoniato da vari vecchi partigiani).

pagina 238
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Juan sin tierra


di Victor Jara
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: spagnolo/castigliano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/juan-sin-tierra

La Re les vamos a dar parcelas


Yo voy a cantar el corrido cuando haja reparticion".
Mi7 La
De un hombre que fue a la guerra, Mi padre fu peon de hacienda,
Mi7 y yo un revolucionario:
que anduvo en la sierra herido mis hijos pusieron tienda
La y mi nieto es funcionario.
para conquistar su tierra.
Gritò Emiliano Zapata
Lo conoci en la batalla "Quiero tierra y Libertad!
Y entre tanta balacera, el gobierno se reia
el que es revolucionario cuando lo iban a enterrrar.
puede morir donde quiera.
Vuela vuela palomita,
El general no decia: parate en aquella higuera,
"Peelen co mucho valor, que aqui se acaba el corrido
del mentado Juan sin Tierra.

pagina 239
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

KarlMarxStrasse [La lallera]


(1974)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/karlmarxstrasse-la-lallera

La Mi7 La Rem La Rem


Se le strade cambiassero di nome, Vorrei trovar la Lallera, ma non solo per
Mi7 La La
un bel giorno: tutt'a un tratto, me,
Mi7 La RE La Mi7 La
ci sarebbe in un caso la ragione e avendola trovata...piantarla nel bidet.
Mi7 La
di girare soddisfatto, Ci fosse un po' di Lallera:
quest'erba delicata,
Re tutti vedrebber chiaro
se per esempio "Corso Umberto" si mangiandola insalata
La e avendo l'accortezza
chiamasse: di mangiarla con l'uovo,
Mi7 La niente più confusione:
"Karl Marx Strasse"! avresti l'uomo nouvo!
E una strada che più grande non ce n'è:
"Lenin Alé"! Se le strade cambiasseo...

La Non sarebbero davvero sufficenti


Vorrei trovar la Lallera: due picconi e uno scalpello,
Mi7 ci vorrebbe un'altra sorta di strumenti,
quest'erba prodigiosa, che so io, falce e martello!

qualunque cosa incontri Ed allora in tutta quanta la città,


La crescerà la Lallera!
la fa meravigliosa. Ed allora in tutta quanta la città,
crescerà la Lallera!

pagina 240
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Katanga
(1971)
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/katanga

Lam e Vittoria non si perde l'occasione.


Primo anniversario della strage,
Mi7 Era proprio quello che voleva,
fatta con le bombe dei padroni; con la scusa dell'inseguimento,
in via Larga coi caramba arriva
loro l'hanno calcolata bene e si getta sullo sbarramento.
Lam
per fregarci con la repressione. Rit.: Kata-, Kata, Katanga, -nga x 4

Carcere, denunce, rappresaglie; Tanti hanno paura, scappan via


hanno stipendiato le canaglie, Restano a combattere i Katanga:
i fascisti, facce da carogne, sulle ossa della polizia,
li hanno ripescati dalle fogne. picchiano col ferro della spranga.

Dodici dicembre a Milano, La questura spara col fucile


manifestazione per la Spagna, E coi sassi noi ci difendiamo;
passa un corteo partigiano ne mandiamo tanti all'ospedale,
coi carabinieri alle calcagna. ma stavolta cara la paghiamo.

Poi si scioglie, alcuni vanno via, Rit. x4


altri restan lì coi pugni alzati,
a gridare "Viva l'Anarchia, Noi ti abbiamo visto lì per terra,
Guida, Calabresi fucilati!" con la bocca aperta e gli occhi gialli,
eri morto come in una guerra,
Vittoria vicequestore con la radio, circondato, ucciso da sciacalli.
chiama autoblindo e camionette,
con la bocca secca sputa odio Primo anniversario della strage,
e ordina la carica e le botte. fatta col le bombe dei padroni;
loro l'hanno calcolata bene
Scoppiano dovunque candelotti, per fregarci con la repressione.
bruciano i polmoni da star male.
C'è chi cade sotto i poliziotti Rit. x4
e chi corre verso la Statale.
Ma vi fregherà il Proletariato,
In via Torino non ci sono santi, quando, e sarà forse anche domani,
San Babila i fascisti sono a messa, non si parlerà di sindacato,
in via Larga ci son gli studenti ma di Comunismo e munizioni!
con il casco e la bandiera rossa.
E allora tu ci lascerai la pelle,
Urlano feroci le sirene, tu, Marzotto! E tu, Giovanni Agnelli!
arrivano gli anarchici di corsa; Perché ce ne saranno altri mille,
i compagni danno protezione per ogni Saverio Saltarelli! (x2)

Informazioni

Canzone che racconta l'uccisione, da parte della polizia, di Saverio Saltarelli, durante la manifestazione per il primo
anniversario della strage di piazza Fontana a Milano...nonchè "inno" dei Katanga, servizio d'ordine dell' MS.
Questa canzone faceva parte di una rappresentazione popolare in due tempi del Collettivo Teatrale di Parma. Il
titolo del 'disco' è: " Le canzoni della grande paura. Settembre 1920, l'occupazione delle fabbriche". Le note
specificano che: " I testi delle canzoni, con note critiche, sono pubblicati all'interno del testo completo dello
spettacolo in Il Nuovo Canzoniere Italiano, nov.- dic. 1070, Milano.

pagina 241
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Questo disco è stato prodotto dal Collettivo Teatrale di Parma, vicolo Grossardi 4, Parma. Gennaio 1971 ".

pagina 242
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Ke a sos bascos ke a sos irlandesos


di Angelo Caria
Periodo: Dal riflusso alla fine della guerra fredda (1980 - 1989)
Lingua: sardo
Tags: comunisti/socialisti, antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/ke-sos-bascos-ke-sos-irlandesos

Lam Mi Lam si l'aiant serradu puru


Oh Sardigna custa est d'ora
Do Sol Do A sos meres coloniales
ke ti deppes iskidare aperrieli trumba e fogu
Rem Sol ca non paret prus su logu
e nos Sardos totu umpare pro su ki nos ant fattu heris
Do Lam
si ki pesent in bon'ora Como a Cuba tandho in Vietnam
sos Irlandesos kin sos Bascos
Sa rikesa sunt furande moviebos omines sardos
in d'una manera indigna bos deppiene iskidare
e sas costas de Sardigna
de zimentu cuccuzzande Non prus voto
non prus listas
Oh Sardigna patria nostra non prus truffas de eletziones
de sa limba t'ant privau solu bandas comunistas
e 'sistoria ant cubau pro sa sarda rivolutzione
pro sikire in custa zostra
In su monte et in su pianu
Una tanca fatta a muru un su pianu et in su monte
fatta a s'afferra afferra e kin s'istendardu in manos
si su kelu fit in terra ki est'istadu de su sardu in fronte

pagina 243
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'allegria di Scaletta
(1944)
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lallegria-di-scaletta

Sol Si riscalda con gran foga,


Qui comincia la strofetta non gli manca che la toga,
Re7 ma per farla un po' più bella
degli allegri di Scaletta ti presenta la parcella.
che la tira a tutti quanti,
Sol Sotto quest'altra, sotto quest'altra...
partigiani e comandanti.
Il comandante di vallata
Sotto quest'altra, sotto quest'altra, ha con sé la fidanzata,
Re7 per noialtri partigiani
ed insieme la cantiam, se ne parlerà domani.
sotto quest'altra, sotto quest'altra,
Sol Sotto quest'altra, sotto quest'altra...
buon umor di partigian.
Abbiam Piero il gran dottore,
Noi quassù sempre parliamo se tu accusi mal di cuore
di Ettorre il capitano, ti prescrive senza falli
ma da quando è generale la pomata per i calli.
non ci viene più a trovare.
Sotto quest'altra, sotto quest'altra...
Sotto quest'altra, sotto quest'altra...
In amore il nostro Nello
Te lo vedi pel paese è alquanto timidello
con a spalla l'arma inglese, e s'occulta con la bella
la pancetta ed il bastone sul roccion di Rocca Stella.
e la boccetta di Migone.
Sotto quest'altra, sotto quest'altra...
Sotto quest'altra, sotto quest'altra...
All'albergo di Tre Verghe
C'è poi Livio il commissario non c'è posto per chi è al verde
che val quanto il signor Mario: ma se hai dei bigliettoni
se ti fa una discussione ti puliscono i bottoni.
ti dimostra che ha ragione.
Viva la banda, viva la banda,
Sotto quest'altra, sotto quest'altra... viva la banda di Monte Bram.
Viva la banda, viva la banda,
viva la banda di Monte Bram.

Informazioni

Sull'aria di "La cucaracha"

pagina 244
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'amarezza delle mondine


Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, risaia/mondine
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lamarezza-delle-mondine

La dimmi un po' come la va


Quando saremo a Reggio Emilia
Mi Di salute la mi va bene
al mè murùs al sarà in piassa le borsette quasi vuote
e di cuor siam malcontente
Bella mia sei arrivata d'aver tanto lavorà
La
bella mia sei arrivata Quando saremo a Reggio Emilia
i creditùr i v'gnarà incuntra
quando saremo a Reggio Emilia Mundarìs föra la bursa
al mè murùs al sarà in piassa ca vuruma a ves pagà
Bella mia sei arrivata

pagina 245
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'amore è un brutto vizio


(2005)
di Fausto Amodei
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lamore-e-un-brutto-vizio

Sol Mi Lam Fa# Chi per la patria muore


Rinunciare all'amor tuo Sol Rem Sol
Sim Do Lam Re trova morte gloriosa
mi risulta più nefasto Dom7 Fa7 Sib
Si7 Mim La7 Re7 però morir d'amore
che piantar di colpo il vizio La7 Re7 Sol
Sol7 Do Fa7 Re7 per me è un'altra cosa.
di un caffè dopo ogni pasto;
Conservare o no il tuo amore
non amar più te ma un'altra è un dilemma già risolto
più posata e più tranquilla come scegliere tra un vino
equivale a non sorbire in bottiglia ed uno sciolto;
più caffè, ma camomilla.
rinunciare all'amor tuo
Sol Do è una scelta senza premio
Il caffè che io ritrovo come quella di volere
Re Sim diventar di colpo astemio.
nel tuo amore appassionato
Mim Lam A un amore così vecchio
è un espresso d'anteguerra, come il nostro mi affeziono
Re7 SolDoRe perchè, proprio come il vino,
non decaffeinizzato più vien vecchio più vien buono.

che ti dà l'assuefazione, Poi, così come farei


per il cuore è un bel veleno, col Barolo e col Reciotto
ma non so che cosa farci, io considero l'annata:
non so proprio farne a meno. è un amor del Cinquantotto.

Sol Cinquantotto! L'anno Santo,


Mi fa perdere anche il sonno un'annata strepitosa
Re#7 ed il vino e il nostro amore
ma che cosa vuole dire? son per me la stessa cosa.
Sib Sol#
Dato che con te, di notte, L'amore è un brutto vizio
Re Re7 Sol come l'alcool di vigna :
non ho voglia di dormire. ti può segnar l'inizio
d'una sorte maligna,
Sol Rem
L'amore è un brutto vizio d'una gran brutta sorte
Sol Rem Sol che in forma ben drammatica
come la caffeina, ti può condurre a morte
Do Lam Rem colla cirrosi epatica.
ti porta a precipizio
Sol Do Re7 Chi senza vizi muore
verso una brutta china. in cielo avrà il risveglio
però morir d'amore
Non è mica una storia! per me è molto meglio.
Ci avrò una malattia
cardiocircolatoria Rinunciare all'amor tuo,
e la tachicardia. sai, mi costerebbe un fracco,
quasi più che rinunciare
Sol Re- al mio vizio del tabacco !

pagina 246
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Fosti tu il mio primo amore, diventavo più nervoso,


quella notte benedetta diventavo troppo grasso.
in cui io fumai, tra l'altro,
la mia prima sigaretta. L'amore è un brutto vizio
come la nicotina :
Vi ricordo tutt'e due, piantarlo è un bel supplizio
ma poi dopo all'indomani anche se ti rovina,
cambiai donna e fumai solo
più dei sigari toscani. anche se ti fa male
e, se non l'abbandoni,
Ho capito solo adesso dà un'alta percentuale
quant'è bello amar soltanto di cancro nei polmoni.
sette pipe ben conciate
e colei che ti sta accanto. Chi di vecchiaia muore
trova morte serena
Ho cercato di piantarti, però morir d'amore
ma compiuto questo passo val ben più la pena.

pagina 247
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'appartamento
(1964)
di Franco Trincale
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lotta per la casa, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lappartamento

La e a fine mese lui detrarrà.


E se l'Italia è una repubblica È quasi quasi un beneficio
fondata sul lavoro il mio trasporto al cementificio.
e se per lavorare bisogna riposare
e se per riposare vuol dire anche dormire, Ho reclamato con il mio padrone
Re La "Non c'è negozio nel quartierato,
un letto, un dormitorio A far la spesa si va in città
Mi7 La e questa cosa non può durar".
il padron te lo darà.
E lui, sensibile e molto umano,
La un supermarket ha messo in piano
Appena fuori dalla città è molto pratico ed elegante
Mi7 le mattonelle son come quelle,
i dormitori han fabbrica',
son come quelle, son come quelle
e il mio padrone tutto contenuto son come quelle che io fo.
La
mi ha da' le chiavi dell'appartamento. E piano piano io sto prendendo
un bel colore bianco cemento.
Oh come è bello l'appartamento, Anche la mutua se n'è accorta
come son lucide le mattonelle, ma al mio padrone non gliene importa.
che bella camera dove dormiamo,
una piazza e mezza e ben ci stiamo. La busta paga è già prenotata,
non ci son soldi per la salute
Re La ma in fondo fondo sono contento,
Io e mia moglie nel comodino fo sacrifici per l'appartamento.
Mi7 La
possiamo metterci anche il bambino. E se Dio vuole tra venti anni
avrò la casa di proprietà.
E il mio padrone ora mi dà
la busta paga meno metà Ma Dio non volle perchè una sera
perchè trattiene ogni fine mese sbiancò il suo viso come la cera.
cinquantamila in più le spese. È morto in fabbrica e gli han trovato
dentro i polmoni cemento armato.
A dire il vero me ne risento, E quanto è comodo il pagamento
ma è molto comodo il pagamento per il trasporto al camposanto,
e il mio padrone mi ha detto "Dai, un metro e mezzo d'appartamento,
mettiti sotto che se ce la fai e lui soltanto se lo godrà.

fra venti anni potrai avere Tutto gratuito e a fine mese


l'appartamento di proprietà". la trattenuta più non avrà.

Ho reclamato con il mio padrone La


"Non c'è trasporto, come si fa?". E se l'Italia è una repubblica
E lui ha messo il collegamento fondata sul lavoro
sin dalla fabbrica all'appartamento. e se per lavorare bisogna riposare
e se per riposare vuol dire anche dormire,
E quanto è comodo il pagamento Re La
per il trasporto di ogni giorno. allora dico che, signori della borghesia
Parto al mattino la sera torno Mi7
La
l'affitto non lo pago perchè la casa è mia!

pagina 248
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'attentato a Togliatti
di Marino Piazza
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lattentato-togliatti

Re appartengo a nessun partito,


Alle ore undici del quattordici luglio è uno scopo mio personal"».
La7
dalla Camera usciva Togliatti, Rita Montagnana, che è al Senato,
coi dottori e tutto il personale,
quattro colpi gli furono sparati han condotto il marito all'ospedale
Re sottoposto alla operazion.
da uno studente vile e senza cuor.
L'onorato chirurgo Valdoni,
L'onorevole, a terra colpito, con i ferri che sa adoperare,
soccorso venne immediatamente, ha saputo la pallottola levare
grida e lutto ovunque si sente, e la vita potergli serbare.
corron subito deputati e dottor.
Il gesto insano, brutale e crudele
L'assassino è stato arrestato al deputato dei lavoratori,
dai carabinieri di Montecitorio protestino contro gli attentatori
e davanti all'interrogatorio della pace e della libertà .
ha confessato dicendo così:
L'onorevole Togliatti auguriamo
"«Già da tempo io meditavo che ben presto ritorni al suo posto,
di riuscire a questo delitto, a difendere il paese nostro,
l'interesse di noi lavorator.

Informazioni

Canzone del cantastorie Marini Piazza, scritta in occasione del grave attentato compiuto da Antonio Pallante
(giovane siciliano, studente fuori corso di Giurisprudenza), il 14 luglio 1948.

pagina 249
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'ecatombe
di Carlo Ferrari, Georges Brassens
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: satirici, repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lecatombe

Do E dal lato del mio abbaino


Al mercato ieri mattina le mie grida univo al clamore
Do7 incoraggiando il plotoncino
per un mazzo di qualche ortaggio come fosse la squadra del cuore!
Fa Do
di massaie una dozzina Attaccandosi una comare
Rem Sol7 a un maresciallo di polizia
si esibiva in un bel pestaggio. "Morte alla legge!" lo fa gridare
ed inneggiare all'anarchia.
Do
A piedi, a cavallo, in vettura Una delle più forsennate
Do7 stringe il cranio di un questurino
intervenne l'autorità tra le chiappe sue smisurate
Fa Do come macine d'un mulino!
a provarsi nell'avventura
Rem Sol7 Do La più grassa del gruppetto
di fermare le ostilità! con due tette che fanno per sei,
sbottonato il reggipetto,
mena sberle alla Cassius Clai.
Senza dubbio sapete tutti Il fioccare di tali bombe
di una ben radicata usanza è il sigillo della vittoria,
se per dar contro ai poliziotti è la fine di un ecatombe
tutti quanti fanno alleanza. da citare nei libri di scuola!

Sui gendarmi furiosamente Non contente del consuntivo


si gettarono le matrone e di quella bella razione
dando vita in quel frangente come oltraggio definitivo
ad un numero d'eccezione! prima di lasciar la tenzone.

Nei confronti dei piedipiatti Le comari a quel nemico,


sono pervaso da tanto amore perdonatemi l'indecenza,
che nel vederli sopraffatti certe cose volevan tagliare,
io tifavo per le signore. per fortuna ne eran già senza!

Informazioni

Traduzione di Carlo Ferrari.

pagina 250
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'emigrato
(1976)
di Yu Kung
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lemigrato

La Re La il tempo dell'amor.
Son dieci anni che sono partito
Mi Ripenso ogni tanto al vecchio paese
dal mio paese nel sud alla casa, agli amici del bar
Fa#m Do#m Re La ripenso a Tommaso il mio vecchio cane
son dieci anni che giro il mondo ormai sarà morto anche lui.
Mi La
cercando un lavoro per vivere. Ricordi confusi velati di pianto
non voglio tornare laggiù
Ricordo la sera che sono partito è meglio pensarti vestita di bianco
c'era la luna in ciel come quel giorno sul fiume.
sono passato sotto al balcone
t'ho sentito piangevi per me. Mai mai più ti rivedrò vado via
è appassito come un fior
Fa#m Do#m Re La Re Mi Fa# il tempo dell'amor.
Mai mai più ti rivedrò va - do via
Fa#m Do#m Re La Son dieci anni che sono partito
è appa - ssito come un fior dal mio paese nel sud
Re Mi7 son dieci anni che giro il mondo
con dentro il ricordo di te.

pagina 251
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'esercito rosso verrà


di Raffaele Mario Offidani
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lesercito-rosso-verra

Rem Verrà Stalin verrà Stalin


Sangue ed orror Re Fa#m Sim
Si vieni o glorioso Stalin
Fame e terror Sol Re Mi La7
La7 E impicca il fascista assassin
Regnano sopra le campagne e le città Re La
Vederlo impiccar
L'umanità Re La
Qual voluttà
In altre età Re La7 Re-
Rem Che importa poi morir
Mai non conobbe sì feroci iniquità
Fa Do Verrà Stalin
Così il fascismo maledetto e scellerato Il gran Stalin
La7 Per giustiziare chi gli innocenti torturò
Ha rovinato Incatenò
Rem E trucidò
L'umanità E la terra in mar di sangue tramutò
Solm La7 Or tutti i morti in coro chiedono vendetta
Dal cuore affranto di dolore di chi Una vendetta
Rem Senza pietà
sussiste ancor Nessun fascista sfugge al giusto suo destino
Solm La7 Re L'inesorabile giustizia di Stalin
Si leva un grido di speranza e di passion
L'esercito rosso verrà
La7 Re Ci porterà la libertà
L'esercito rosso verrà L'esercito rosso è in cammin
La7 Re Verrà Stalin verrà Stalin
Ci porterà la libertà Si vieni o glorioso Stalin
La7 Re E impicca il fascista assassin
L'esercito rosso è in cammin Vederlo impiccar
Mi7 La Qual voluttà
Che importa poi morir

pagina 252
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'indipendente
(1971)
di Ilario Da Costa, Gildo dei Fantardi
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lindipendente

lam un quarto di latte scremato


E' facile sognare re+ la+
sol7 do risparmio un decino a bottiglia
girandosi nel letto mi7 la+
lo compro al supermercato
sol7 re+ la+
quando l'amico sole ma so che c'è gente diversa
do mi7 la+
ha già scaldato il tetto assai diversa da me
mi7 lam re+ la+
così è fin troppo facile spesso ci penso ed allora
lam si7 mi7
certo deve esser comodo mi viene in mente che..
sol7 do
il fare l'anfitrione
so7 Lam sal7 do mi7 lam
ed aspettare in camera
do lam
la prima colazione E' facile sognare
mi7 lam sol7 do
così è davvero facile girandosi nel letto
lam sol7
sapere che dabbasso quando l'amico sole
sol7 do do
abbiamo un cameriere ha già scaldato il tetto
sol7 mi7 lam
un maggiordomo e un cuoco così è fin troppo facile
do lam
bravissimo e fedele certo deve esser comodo
mi7 lam sol7 do
questa è la vita facile il fare l'anfitrione
mi7 lam sol7
questa è la vita facile ed aspettare in camera
do
la+ mi7 la prima colazione
ma per me la cosa è diversa mi7 lam
la+ così è davvero facile
non sono molto esigente lam
re+ la+ sapere che dabbasso
abito solo da tempo sol7 do
mi7 la+ abbiamo un cameriere
sono perciò indipendente sol7
la+ mi7 un maggiordomo un cuoco
mi alzo alle sei del mattino do
la+ bravissimo e fedele
il tempo corre ed ho fretta mi7 lam
re+ la+ questa è la vita facile
e mentre mi allaccio le scarpe mi7 lam
mi7 la+ questa è la vita facile
mastico pane e pancetta mi7 lam mi7 lam
re+ la+ questa è la vita fa - ci - le
e dopo dulcis in fundo
mi7 la+

pagina 253
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

lam sol7 do mi7 lam

Informazioni

Composto nel periodo post '68 sull'onda delle contestazioni studentesche e della riorganizzazione sindacale e del
lavoro. Tanti discorsi per migliorare la vita del lavoratore dipendente, ma alla fine i risultati sfociano in un misero
riconoscimento per chi si dedica al lavoro quotidiano alle dipendenze del padrone o dello stato o degli enti locali. Il
tema predominante è quello del lavorare che per vivere deve svegliarsi presto al mattino, vestirsi in tutta fretta
mentre si consuma una fugace colazione e poi via di volata a timbrare il cartellino e nel frattempo fare il paragone
con chi questi problemi non ce li ha perchè tanto c'è chi produce per loro e invece di alzarsi per andare a lavorare
si può rigirare tranquillamente nel letto e aspettare il caldo sole che riscalda il tetto, tanto al servizio ci sono
maggiordomi, cuochi e camerieri.Già però il lavoratore che abita da solo si può definire indipendente.....

pagina 254
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'internazionale
(1901)
di E. Bergeret
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/linternazionale

La Sim Mi7 Un gran stendardo al sol fiammante


Compagni, avanti! Il gran Parti - to innanzi a noi glorioso va,
Sim Mi7 La noi vogliamo per esso giù infrante
noi siamo dei lavorator. le catene alla libertà!
Sim Che giustizia venga, noi vogliamo
Rosso un fiore in noi è fiorito non più servi, non più signor!
Mi7 La Fratelli tutti esser vogliamo
e una fede ci è nata in cuor. nella famiglia del lavor.
Do#m
Noi non siamo più nell'officina, Su lottiam...
Si7 Mi
entro terra, nei campi, al mar, Lottiam, lottiam, la terra sia
Sol#m Fa#m di tutti eguale proprietà,
la plebe sempre all'opra china più nessuno nei campi dia
Si7 Mi l'opra ad altri che in ozio sta.
senza ideale in cui sperar. E la macchina sia alleata
non nemica ai lavorator;
Mi7 La così la vita rinnovata
Su lottiam! all'uom darà pace ed amor!
Sim Mi7 La
L'Ideale nostro alfine sarà, Su lottiam...
Sim Mi7 Re Si Avanti, avanti, la vittoria
l'Internaziona - le, futura umanità! è nostra e nostro è l'avvenir;
Mi7 La più civile e giusta, la storia
Su lottiam! un'altra era sta per aprir.
Sim Mi7 La Largo a noi, all'alta battaglia
L'Ideale nostro alfine sarà, noi corriamo per l'Ideal:
Do#m Sim La Mi7 La via, largo, noi siam la canaglia
l'Internazionale, futura umanità! che lotta pel suo Germinal!

Su lottiam...

Informazioni

La traduzione in italiano del testo originale francese di Eugèn Pottier non fu molto fedele e nacque da un concorso
indetto dal giornale satirico L'Asino nel 1901. Risultò vincitore la versione firmata con lo pseudonimo "E. Bergeret"
e che è ancora cantata oggi (con piccole variazioni secondo le fonti).

Fonte

pagina 255
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'internazionale di Fortini
di Franco Fortini
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/linternazionale-di-fortini

Re Sol Fu vinta e vincerà.


Noi siamo gli ultimi del mondo.
La Re Noi siamo gli ultimi di un tempo
Ma questo mondo non ci avrà. che nel suo male sparirà.
Sol Qui l'avvenire è già presente
Noi lo distruggeremo a fondo. chi ha compagni non morirà.
La Re Al profitto e al suo volere
Spezzeremo la società. tutto l'uomo si tradì,
La Mi7 ma la Comune avrà il potere.
Nelle fabbriche il capitale Dov'era il no faremo il sì.
Mi La
come macchine ci usò. Questo pugno che sale...
La7 Re
Nelle scuole la morale E tra di noi divideremo
La Mi La lavoro, amore, libertà.
di chi comanda ci insegnò. E insieme ci riprenderemo
la parola e la verità.
Re Sol Guarda in viso, tienili a memoria
Questo pugno che sale chi ci uccise, chi mentì.
La Re Compagni, porta la tua storia
questo canto che va alla certezza che ci unì.
Re7 Fa#7 Sim Questo pugno che sale...
è l'Internazionale
Mi La Noi non vogliam sperare niente.
un'altra umanità. il nostro sogno è la realtà.
Re Sol Da continente a continente
Questa lotta che uguale questa terra ci basterà.
La Re Classi e secoli ci han straziato
l'uomo all'uomo farà, fra chi sfruttava e chi servì:
Re7 Sol compagno, esci dal passato
è l'Internazionale. verso il compagno che ne uscì.
Re La7 Re
Questo pugno che sale...

pagina 256
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

L'ora del fucile


(1971)
di Canzoniere Pisano / del Proletariato
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antimperialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/lora-del-fucile

Sol Do Re la coesistenza è truffa per farci stare


Tutto il mondo sta esplodendo buoni.
Sol Do Re
dall'Angola alla Palestina, E quindi: cosa vuoi di più...
Sol Do Re
l'America Latina sta combattendo, In Spagna ed in Polonia gli operai
Sol Do Re dimostran che la lotta non si è fermata
la lotta armata vince in Indocina; mai
Sol contro i padroni uniti, contro il
in tutto il mondo i popoli capitalismo,
Do Re anche se mascherato da un falso
acquistano coscienza socialismo.
Sol Gli operai polacchi che hanno scioperato
e nelle piazze scendono gridavano in corteo: Polizia Gestapo!
Do Re Gridavano: Gomulka, per te finisce male!
con la giusta violenza. Marciavano cantando l'Internazionale.

Sol Do Re Sol E quindi: cosa vuoi di più...


E quindi: cosa vuoi di più, compagno,
Mi- Le masse, anche in Europa, non stanno più
per capire a guardare,
Do Re Sol la lotta esplode ovunque e non si può
che è suonata l'ora del fucile? fermare:
ovunque barricate: da Burgos a Stettino,
L'America dei Nixon, degli Agnew e ed anche qui da noi, da Avola a Torino,
Mac Namara da Orgosolo a Marghera, da Battipaglia a
dalle Pantere Nere una lezione impara; Reggio,
la civiltà del napalm ai popoli non piace, la lotta dura avanza, i padroni avran la
finché ci son padroni non ci sarà mai peggio.
pace;
la pace dei padroni fa comodo ai padroni, E quindi: cosa vuoi di più...

pagina 257
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La badoglieide
di Nuto Revelli
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-badoglieide

Re ed allor, per domare il subbuglio,


O Badoglio, o Pietro Badoglio ti mettevi a fare il dittator.
La7
ingrassato dal Fascio Littorio, Gli squadristi li hai richiamati,
gli antifascisti li hai messi in galera,
col tuo degno compare Vittorio la camicia non era più nera
Re ma il fascismo restava il padron.
ci hai già rotto abbastanza i coglion.
Era tuo quell'Adami Rossi
T' l'as mai dit parei, che a Torino sparava ai borghesi;
t' l'as mail dit parei, se durava ancora due mesi
t' l'as mai dit, t' l'as mai fait, tutti quanti facevi ammazzar.
t' l'as mai dit parei,
t' l'as mai dilu: sì sì Mentre tu sull'amor di Petacci
t' l'as falu: no no t'affannavi a dar fiato alle trombe,
tutto questo salvarti non può. sull'Italia calavan le bombe
e Vittorio calava i calzon.
Ti ricordi quand'eri fascista
e facevi il saluto romano I calzoni li hai calati
ed al Duce stringevi la mano? anche tu nello stesso momento,
sei davvero un gran porcaccion. ti credevi di fare un portento
ed invece facevi pietà .
Ti ricordi l'impresa d'Etiopia
e il ducato di Addis Abeba? Ti ricordi la fuga ingloriosa
meritavi di prendere l'ameba con il re, verso terre sicure?
ed invece facevi i milion. Siete proprio due sporche figure
meritate la fucilazion.
Ti ricordi la guerra di Francia
che l'Italia copriva d'infamia? Noi crepiamo sui monti d'Italia
ma tu intanto prendevi la mancia mentre voi ve ne state tranquilli,
e col Duce facevi ispezion. ma non crederci tanto imbecilli
di lasciarci di nuovo fregar.
Ti ricordi la guerra di Grecia
e i soldati mandati al macello, No, per quante moine facciate
e tu allora per farti più bello state certi, più non vi vogliamo,
rassegnavi le tue dimission? dillo pure a quel gran ciarlatano
che sul trono vorrebbe restar.
A Grazzano giocavi alle bocce
mentre in Russia crepavan gli alpini, Se Benito ci ha rotto le tasche
ma che importa ci sono i quattrini tu, Badoglio, ci hai rotto i coglioni;
e si aspetta la grande occasion. pei fascisti e pei vecchi cialtroni
in Italia più posto non c'è.
L'occasione è arrivata
è arrivata alla fine di luglio T' l'as mai dit parei,...

Informazioni

Sull'aria di "E non vedi che son toscano". Testo improvvisato da un gruppo di partigiani il 25 aprile 1944*. Grazzano
è il paese natale di Badoglio.

* "Alle Grangie di Narbona ci siamo sistemati in alto, aspettando gli eventi. E lì, tra il 25 e il 26 aprile, nasce La

pagina 258
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Badoglieide, una canzone partigiana che se la prende con Badoglio e il re Vittorio. La Badoglieide è nata su
suggerimento di Livio. L'abbiamo combinata assieme, in gruppo, nella notte tra il 25 e il 26."
(tratto da Nuto Revelli, Le due guerre, Einaudi ,2005, pag.160)

pagina 259
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La ballata dell'ex
(1966)
di Sergio Endrigo
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-ballata-dellex

Rem Lam Mi7 Lam E scese dai suoi monti per i boschi fino al
piano
Passava tra la gente che applaudiva gli
Lam Mi7 alleati
Lam Andava a consegnare mitra barba e bombe a
Andava per i monti con due mitra e tre bombe mano
a mano Ormai l’artiglieria non serve più
Do Rem Mi Un mondo tutto nuovo sorgerà
La notte solo il vento gli faceva compagnia Per tutti l’uguaglianza e la libertà (x2)
Fa Do
Laggiù nella vallata è già pronta l’imboscata E torna al suo paese che è rimasto sempre
Rem Lam quello
Nell’alba senza sole eccoci qua Con qualche casa in meno ed un campanile in
Fa Mi7 più
Qualcuno il conto oggi pagherà C’è il vecchio maresciallo che lo vuole
Lam Mi7 interrogare
Lam Così per niente per formalità
Andava per i monti con due mitra e tre bombe Mi chiamano Danilo e sono qua
a mano
Do Rem Mi E vogliono sapere perché come quando e dove
Il mondo è un mondo cane ma stavolta cambierà Soltanto per vedere se ha diritto alla
Fa Do pensione
Tra poco finiranno i giorni neri di paura Gli chiedono per caso come è andata quella
Rem Lam sera
Un mondo tutto nuovo sorgerà Che son partiti il conte e il podestà
Mi7 Lam E chi li ha fatti fuori non si sa (x2)
Per tutti l’uguaglianza e la libertà (x2)
Se il tempo è galantuomo io son figlio di
In soli cinque anni questa guerra è già nessuno
finita Vent’anni son passati e il nemico è sempre là
È libera l’Italia l’oppressore non c’è più Ma i tuoi compagni ormai non ci son più
Si canta per i campi dove il grano ride al Son tutti al ministero o all’aldilà
sole Ci fosse un cane a ricordare che
La gente è ritornata giù in città
Ci son nell’aria grandi novità Andavi per i monti con due mitra e tre bombe
a mano..

Informazioni

L'abbiamo ascoltata la prima volta da "Il canzoniere della rivolta-Mucchio selvaggio", Fosdinovo (MC), 7 agosto
2012, durante il festival "Fino al cuore della rivolta"

pagina 260
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La ballata della Fiat


(1970)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-ballata-della-fiat

La con le invenzioni, coi sindacati,


Signor padrone questa volta i tuoi progetti sono sfumati
Mi7 e noi si lotta contro di te.
per te è andata proprio male E le qualifiche, le categorie,
noi le vogliamo tutte abolite
siamo stanchi di aspettare Le divisioni sono finite:
La alla catena siam tutti uguali.
che tu ci faccia ammazzare.
Signor padrone questa volta
Noi si continua a lavorare noi a lottare s'è imparato,
e i sindacati vengono a dire a Mirafiori s'è dimostrato
Che bisogna ragionare, e in tutta Italia si dimostrerà .
di lottare non si parla più. E quando siamo scesi in piazza
tu ti aspettavi un funerale,
Signor padrone ci siam svegliati, ma è andata proprio male
e questa volta si dà battaglia, per chi voleva farci addormentare.
e questa volta come lottare
lo decidiamo soltanto noi. Ne abbiamo visti davvero tanti
Vedi il crumiro che se la squaglia, di manganelli e scudi romani,
senti il silenzio nelle officine, però s'è visto anche tante mani
forse domani solo il rumore che a sampietrino cominciano a andar.
della mitraglia tu sentirai. Tutta Torino proletaria
alla violenza della questura
Signor padrone questa volta risponde ora, senza paura:
per te è andata proprio male, la lotta dura bisogna far.
d'ora in poi se vuoi trattare
dovrai rivolgerti soltanto a noi. E no ai burocrati e ai padroni!
E questa volta non ci compri Cosa vogliamo? Vogliamo tutto!
con le cinque lire dell'aumento, Lotta continua a Mirafiori
se offri dieci vogliamo cento, e il comunismo trionferà .
se offri cento mille noi vogliam. E no ai burocrati e ai padroni!
Cosa vogliamo? Vogliamo tutto!
Signor padrone non ci hai fregati Lotta continua in fabbrica e fuor
e il comunismo trionferà !

pagina 261
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La ballata della RWM


(2018)
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-ballata-della-rwm

La di sangue ha le mani sporche


Son bombardata, sono sfruttata fermeremo la sua collaborazion
Mi7
son la yemenita che giammai tremò Ed alla guerra farem la guerra
tutti uniti insieme noi la vincerem
Mi hanno uccisa e incatenata Non più sfruttate sulla terra
La ma più forti dei cannoni noi sarem
carcere e violenza nulla mi fermò
In questa lotta gloriosa e bella
I nostri corpi sotto le bombe la RWM noi saboterem
e germoglia rabbia contro l'oppressor Dal Medio Oriente alla Sardegna
Qua nello Yemen c'è tanto sangue fino a Domusnovas noi combatterem
porta morte eccome il frutto del lavor
Contro la fabbrica di bombe
E chi fa soldi con la morte contro i militari e per la libertà
che sia l'operaio o il suo padron noi costruiremo un mondo nuovo
metteremo fine a ogni autorità.

Informazioni

"La prima bozza del canto nasce nell'aprile del 2018 da una manciata di componenti dell’Indecoro ubriachi al
bancone di Nello, sulle note di "son la mondina son la sfruttata", poi rivisitata da tutto il coro. Dal testo traspare la
presa di posizione netta contro la fabbrica di morte di Domusnovas, la RWM, spesso citata nella cronaca per la
vendita di bombe all’Arabia Saudita che le sgancia nello Yemen compiendo innumerevoli atrocità.

È quindi un canto contro chi vive di guerra, e ne abbiamo tanti esempi qui in Sardegna, ma che dichiara guerra ai
padroni di tutta la terra, con la volontà di lottare per un mondo libero".

pagina 262
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La boje
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: emiliano-romagnolo
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-boje

La L'Italia l'è malada


L'Italia l'è malada Sartori l'è il dutur
Mi Per far guarì l'Italia
Sartori l'è il dutur La
Per far guarì l'Italia Tajem la testa ai sciur
Per far guarì l'Italia

Informazioni

Canto politico legato al movimento contadino la boje, che nel 1885 mobilitò 40000 braccianti tra Mantova e
Rovigo.
Anche nota col titolo L'italia l'è malada
C'è una versione che dice: Lenin l'è 'l dutur. E altre che vedononello stesso ruolo ora Togliatti, Ora Garibaldi, come
pure Malatesta, eccetera.

Segnalata da francescomaura@gmail.com

pagina 263
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La Breda
di Gualtiero Bertelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-breda

Lam Mi7 Lam


Sul muro di casa mia c'è scritto sul muro ed è dentro di me.
Mi7
una pece nera non vuole sparir Eri tra i centocinquanta
che la direzione voleva cacciar
scrive la traccia sicura centocinquanta compagni
Lam decisi a lottare che son da fermare.
di un grido strozzato che non sa morire.
Ma gli operai al tuo posto
Sol il giorno dopo t'hanno fatto entrare:
Con mano ferma e decisa «Questo cantiere è nostro
Fa l'abbiamo difeso e c'eri anche tu».
è scolpito da anni "Padrone assassino"
Lam Andaste per cinque mesi
la tua forza è l'inganno cercando da tutti solidarietà,
Mi7 La. avete occupato la fabbrica,
la Breda ci insegna che deve finir. è per la vita, è per la libertà.

Ha resistito agli anni Questa parola è costata


al vento, alla pioggia la forza che tu tanti anni di lotta in montagna e tu
compagno hai segnato sul muro eri sicuro che avresti
hai gridato sul viso solo contro un fucile. deposto il tuo fucile quando mai più

Sol sbirri e padroni assassini


E tre colpi, quattro, dieci a prenderti il pane potevi trovar
Fa Sol ma con la morte 'sta volta
cade un compagno, un altro e anche tu la tua rivolta devi pagar.
Fam Solm
hai sentito la morte Sul muro di casa mia
Sol#m Sibm una pece nera non vuole sparir
a due dita dal collo, sei corso al riparo ha segnato per tutti il momento
finché che abbiamo capito chi era il padrone.

Lam Ci hanno portato in corteo


una pallottola sola a piazza San Marco a protestare
Mi7 mentre cadeva in un giorno
sparata decisa, ha colpito anche te, ogni illusione di nuova realtà.
Rem Lam
"padrone sporco assassino" Mentre cadeva in un giorno
ogni illusione di nuova realtà.

Informazioni

A Porto Marghera (Venezia) nel corso di una manifestazione di protesta contro i licenziamenti degli operai della
Breda, le forze di polizia aprono il fuoco uccidendo Nerone Piccolo di 25 anni e Virgilio Scala di 33 e ferendo altri 5
lavoratori. I lavoratori di Venezia organizzano una manifestazione di protesta aperta dai parenti delle vittime che
recano gli indumenti degli operai uccisi, insanguinati e forati dalle pallottole. Rinvenuti sul luogo della sparatoria 1
Kg di bossoli di armi automatiche di grosso calibro. 14 marzo 1950.

pagina 264
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La Brigata Garibaldi
Periodo: La seconda guerra mondiale e la Resistenza (1939 -1945)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-brigata-garibaldi

Re La stella rossa in fronte


Fate largo che passa La libertà portiamo
La7 Ai popolo oppressi
La Brigata Garibaldi La libertà noi porterem

La più bella la più forte Fate largo che passa


Re La Brigata Garibaldi
La più forte che ci sia La più bella la più forte
La più ardita che ci sia
Fate largo quando passa Fate largo quando passa
Sol Il nemico fugge allor
Il nemico fugge allor Siam fieri siam forti
Re Per cacciare l'invasor
Siam fieri siam forti
La7 Re Col mitra e col fucile
Per cacciare l'invasor Siam pronti per scattare
Ai trditori fascisti
Re Gliela la faremo pagare
Abbiam la giovinezza in cor Con la mitraglia fissa
La7 E con le bombe a mano
Simbolo di vittoria Ai traditor e ai fascisti
Gliela farem pagar
Marciamo sempre forte
Re Noi lottiam per l'Italia
E siamo pieni di gloria Per il popolo ideale
Per il popolo italiano
Noi sempre lotterem

Informazioni

Composto collettivamente da un gruppo di partigiani a Castagneto di Ramisèto nella primavera del 1944 sull'aria di
una vecchia marcia fascista cantata durante anche la guerra di Spagna (ma la cui origine più antica potrebbe
essere ottocentesca e garibaldina), è considerato l'inno quasi ufficiale delle brigate garibaldine della provincia di
Reggio Emilia.

pagina 265
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La canzone delle reggiane [R60]


(1951)
di Rivetti
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-canzone-delle-reggiane-r60

Sol Do Sol Do Sol7 Do


Schiere d'eroi umili ed offesi Di strazi e di pene
Fa Do Re7 Sol7 Fa Do
Affratellati da un ideal Bandiera di pace e di liberta'
Re- Fa Do Sol7 Do
Marciano uniti contro i borghesi Trattore passa e va
Sol7 Rem Re7 Sol7 Fa Do Lam
Pronti a sferrare l'attacco fatal Bandiera di pace e di liberta'
Sol7 Do
Do Trattore passa e va
All'erta compagni
Rem Sol7 Do Grande e gloriosa
Io giogo si schianta E' la classe operaia
Fa Rem Alle Reggiane lotta con valor
Alziamo il vessillo Dalla miniera alla risaia
Sull'erre sessanta S'ode il fragore del nuovo tarttor
Do
Sul nostro cammino All'erta compagni...

Informazioni

Rivetti è l'autore delle parole; la musica fu composta da un operaio appassionato di musica e di opera che dopo il
licenziamento mise su un'orchestrina; si chiamava Isernia ed è deceduto; Rivetti è vivo e sta in Piemonte.

L' "R60" è un potente trattore prodotto dalle OMI-Officine Meccaniche Reggiane di Reggio Emilia, nel corso di uno
dei primi esperimenti di autogestione operaia di una fabbrica in Italia. Tra il 1950 e il 1951 le Officine Reggiane
vennero occupate dai lavoratori in sciopero contro la direzione della fabbrica, impegnata da sempre nelle
costruzioni di automezzi e componenti per uso militare; nel corso dell'occupazione, per dimostrare la capacità
gestionale delle maestranze in lotta, fu decisa la progettazione e la realizzazione di un trattore, di uno strumento di
lavoro e di pace. Un episodio straordinario che fu celebrato con questo canto popolare.(da Canzoni contro la guerra
)

pagina 266
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La casa sui bastioni


(2015)
di Polenta Violenta - Canzoniere Popolare, Giusy Battaglia
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-casa-sui-bastioni

Ma il 25 Aprile io stavo in galera io stavo in galera


Pensavo ai fatti miei
Re La Mi F#m Alla mia portineria
Pensavo ai fatti miei Mi aprivano le gambe
Re La Mi sputavano sul viso
Alla mia portineria Pensavo al mio giardino
Si7 Mi Pensavo al paradiso
Mi aprivano le gambe Arrivano che fa notte
Re La La Mi
Mi sputavano sul viso i compagni partigiani
Mi Fa#m Re La
Pensavo al mio giardino Arrivano pedalando
Re La Re La
Pensavo al paradiso Le bici tutte rotte
Mi La Si7 Mi
Non vedo le loro facce
Re La
Era un palazzo bello Non conosco i lori nomi
La Mi Mi Fa#m
Pieno di bella gente Arrivano fischiando
Re La Re La
Alla fine dei bastioni Ii aspetto sul portone
Re La Mi Fa#m
Non si sentiva niente Aspetto i volantini
Si7 Mi Re La
I ricchi son discreti della liberazione
Re La Mi La
Non fanno sceneggiate
Mi Fa#m Io son la portinaia
urlano in silenzio Di questo di bel palazzo
Re La La guerra la combatto
In silenzio fanno le porcate Nel giardino sui i bastioni
Mi La Pulisco i loro cessi
La merda dei padroni
Io son la portinaia Ma dietro lo sciacquone
Di questo bel palazzo Nascondo i volantini
Ma io li frego tutti della liberazione.
Sti fascisti assassini
Pulisco i loro cessi Ma il 25 aprile
La merda del padrone io stavo in galera
Ma dietro lo sciacquone pensavo ai fatti miei
nascondo i volantini alla mia portineria.
Della liberazione. Mi aprivano le gambe
Mi sputavano sul viso
Ma il 25 Aprile Pensavo al mio giardino
Pensavo al paradiso

Informazioni

Canto dedicato a quelle figure spesso anonime che nel silenzio del loro coraggio, senza eroismi ostentati od

pagina 267
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

evidenti hanno comunque con la loro abnegazione contribuito fattivamente alla lotta di resistenza antifascista.

pagina 268
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La cassa integrazione
(1974)
di Alfredo Bandelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti, lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-cassa-integrazione

La Mi7 senza assicurazione,


La cassa integrazione i furti sulle ore
La tutto si può accettare
e poi il licenziamento, dalla disperazione.
Mi7 La
la disoccupazione arriva a tradimento. Ora il contratto ti hanno firmato
Mi7 non lamentarti se ti han fregato.
E giorni e giorni in giro Attento a te in ogni momento
La ti può arrivare un licenziamento.
non c'è niente da fare
Mi7 Ci voglion licenziare
se non ti sai arrangiare per farci impaurire
non potrai più campare... poterci ricattare
e non farci lottare,
Sol Do Sol Do ma la nostra risposta
La produzione si deve salvare per non farci fregare
Re Sol Re Sol è "Col lavoro o senza
ristrutturare e licenziare. noi si vuole campare".
Sol Do Sol Do
Tutti d'accordo, patto sociale Cresce la crisi la svalutazione
Re Sol Re Sol La ma che ci frega della produzione.
e riprendiamo a lavorare. Vogliamo avere il diritto alla vita
a organizzarci per farla finita.
"Prego signor padrone
mi faccia lavorare, Lotta compagno, crepa padrone
un mese di cantiere l'ora è vicina, rivoluzione
o un giorno a scaricare" la la la la la la la la la ...

pagina 269
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La colonia Cecilia [Il canto della foresta]


(1906)
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, carcere
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-colonia-cecilia-il-canto-della-foresta

Re Re
L'eco delle foreste Ti lascio Italia, terra di ladri
La7 La7 Re
dalle città insorte al nostro grido coi miei compagni vado in esilio

Or di vendetta sì, ora di morte e tutti uniti, a lavorare


Re La7 Re
liberiamoci dal nemico. e formeremo una colonia sociale.

Sol Re E tu borghese, ne paghi il fio


All'erta compagni dall'animo forte tutto precipita, re patria e dio
Sol Re e l'Anarchia forte e gloriosa
più non ci turbino il dolore e la morte e vittoriosa trionferà,
Sol Re
All'erta compagni, formiamo l'unione sì sì trionferà la nostra causa
La7 Re e noi godremo dei diritti sociali
evviva evviva la rivoluzione. saremo liberi, saremo uguali
la nostra idea trionferà.

Informazioni

Noto anche come Il canto della Foresta e Coro dei ribelli (che partivano per la Colonia Cecilia).
La Colonia Cecilia era una comunità anarchica fondata nel 1891 da Giovanni Rossi “Cardias” (Montescudaio (Pisa)
1857 - 1943) ed altri esuli italiani nei pressi di Palmeira, nello stato di Paranà in Brasile. La prima pubblicazione del
canto risale al 1906

pagina 270
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La Comune di Parigi
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-comune-di-parigi

Rem Sol7 Rem Do Vogliam la libertà,


che tu, borghese, schiacciasti nel sangue; Rem Sol7
Fa pace, lavoro e pane,
non più gruppi isolati e divisi vogliamo alfine redimere
Do Sol7 Do Fa Do7
ma la gran classe dei lavorator tutta l'umanità.
Lam Mi7 Lam Vogliamo che sulla terra
che uniti e compatti marciamo Do7 Fa
Rem Mi7 Lam sia pace e lavoro,
sotto il rosso vessillo dei Soviet, Do
Sol7 Do vogliamo che sulla terra
di Lenin i soldati noi siamo, Sol7 Do
Sol7 Do non regni più il dolor,
siam la forza del lavor, non regni più il dolor.
Sol7 Do
siam la forza del lavor. Non siam più la Comune di Parigi...

In piedi, o proletari, Do
Sol7 Doman nelle officine
giunto è il dì della riscossa, Rem Sol7
in alto la bandiera rossa non si faran cannoni
Rem Sol7 ma si faranno macchine
simbolo di libertà! Rem Sol7
Do solo per lavorar:
In piedi, o proletari, Do
Do7 Fa per lavorare il ferro
giunto è il gran momento Fa
Do la pietra con la terra.
di dire alfin chi siamo, Do
Sol7 Do Questa sarà la guerra,
di dire cosa vogliam, Sol7 Do
Sol7 Do la guerra che vogliam
di dire cosa vogliam. Sol7 Do
la guerra che vogliam!
Lam
Non siam più la Comune di Parigi...

pagina 271
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La fabbrica
(1975)
di Stormy Six
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-fabbrica

Mim Do Mim La Si Mim


altre braccia vanno in croce.
Mim Sol Mim Re
Il cinque di marzo del quarantatre Mim
Mim Sol Mim Lam E squillano ostinati
nel fango le armate del duce e del re Sol Re
Re i telefoni in questura
gli alpini che muoiono Fa Lam
Do Mim Do Mim La un gerarca fa l'impavido
traditi lungo il Don. Mi Lam
ma comincia a aver paura.
Mim Sol Mim Re
Cento operai in ogni officina Lam Re Lam Re Mim Do Mim La
Mim Sol Mim Lam Grandi promesse la patria e l'impero
aspettano il suono della sirena sempre più donne vestite di nero
Re allarmi che suonano
rimbomba la fabbrica in macerie le città .
Do Sol
di macchine e motori Il dieci marzo il giornale è a Milano
Mi rilancia l'appello il PCI clandestino
più forte è il silenzio gli sbirri controllano
Lam Sol La fan finta di sapere
di mille lavoratori. si accende la boria
delle camicie nere
Re
E poi quando è l'ora Ma poi quando è l'ora
Do Sol si spengono gli ardori
depongono gli arnesi perchè scendono in sciopero
Mi centomila lavoratori
comincia il primo sciopero
Lam Sol Re Si Arriva una squadraccia
nelle fabbriche torinesi. armata di bastone
Mim fa dietro-front subito
E corre qua e la sotto i colpi del mattone
Sol Re e come a Stalingrado
un ragazzo a der la voce i nazisti son scappati
Fa Lam alla Breda rossa in sciopero
si ferma un'altra fabbrica i fascisti son crollati.

Informazioni

Canzone che racconta degli scioperi, nel nord Italia, poco prima della caduta del regime fascista.

pagina 272
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La famigliola
(1966)
di Francesco "Ciccio" Giuffrida
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-famigliola

La Re Mi7 La Ed il nonno del mio padrone


Oh che bella famigliola si chiama fascismo
Mi7 La è sordo e non ragiona
che mi vuole tanto bene però può ancor parlar 2 v.
Re Mi7 La
se mi fermo e non lavoro Il fratello del mio padrone
Re Mi7 La si chiama plusvalore
non sa più che cosa far 2 volte è alto grasso e grosso
è unto dal Signore 2 v.

Alla testa c'è il padrone Il nipote del mio padrone


si chiama liberismo
che mi dà da lavorare incanta a destra e a manca
chi mai lo arresterà 2 v.
e perciò gli voglio bene
devo solo collaborare 2 v. L'altra figlia del mio padrone
la globalizzazione
Il figliolo del mio padrone riduce alla miseria
si chiama salario chi è povero di già 2 v.
è nato piccolino Oh che bella famigliola
chissà se crescerà 2 v. alla testa c'è il padrone
il figliolo del mio padrone
La figliola del mio padrone l'altro figlio del mio padrone
si chiama polizia e la figlia del mio padrone
e vuol la sicurezza l'altra figlia del mioo padrone
la sua e non la mia 2 v. il nipote delmio padrone
il fratello del mio padrone
L'altro figlio del mio padrone ed il nonno del mio padrone
si chiama profitto sono tutti da ammazzare
è nato già affamato sono tutti da ammazzare
da solo mangia tutto 2 v. sono tutti da ammazzar

Informazioni

Musicata da Gianni Famoso (un bellissimo minuetto); le ultime due strofe (il nipote e l'altra figlia) sono state
aggiunte nel 2005. E' stata incisa dal Canzoniere Internazionale nel disco "Il bastone e la carota".

pagina 273
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La Fanfaneide
(1972)
di Fausto Amodei
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti, anticlericali, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-fanfaneide

Re serrati in un sol rango


All'armi all'armi balliamo il fanfandango.

all'armi fanfascisti Il presidente che noi fanfaremo


La7 per cui noi lotterem fino alla morte
non solo democristi. sarà sicuramente l'uomo forte
che il fato, anzi il fanfato, ci ha indicato.
Re
A noi ci fan fanfare un presidente L'ordine nuovo che avrem domani
Mim quando faremo il nuovo « Opus Dei »
e noi lo fanfaremo a tutti i costi ce lo garantirà Fanfani
La7 Re con il Girotti e il Bernabei.
colle teorie degli estremisti opposti
Mi7 La7 All'armi all'armi
o della maggioranza silenziosa. con note forti e chiare
suoniamo le fanfare.
Re
O fanfalangi di fanfaniani Per la prossima notte di Natale
Mim Re al vecchio posto di Gesù Bambino
formiamo uniti il nuovo «Opus Dei» avremo un fanfanciullo piccolino
Mim La7 Re assiso in mezzo a un asino e ad un bue.
se perderem muoia Fanfani
Mim La7 Re Noi siamo arditi, siamo fanfanti
assieme a tutti i filistei. Montecitorio è il nostro Pordoi
di posti all'ENI ce n'è tanti
All'armi all'armi se ne vuoi uno vien con noi.

pagina 274
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La fornasa
(1977)
di Gualtiero Bertelli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: veneto
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-fornasa

La Mi7 dièse ore al giorno in mexo al fogo


La fornasa xe peso de 'na galera condanài a supiàr dentro una cana
La el paròn che ghe spiega ai foresti
se se consumaa lento, come bestie che se lavora come mille anni fa
Mi
se se brusa la carne e i polmoni La fornasa xe peso de la galera
La dentro se brusa dei pari de famegia
come aneme danàe de l'inferno mi ghe so' andà che gavevo diese ani
ghe ne go vinti e no ghe ne posso più!

Informazioni

Le “fornase” a Venezia sono i luoghi di produzione dei vetri artistici, tipici e famosi, dell’isola di Murano.

pagina 275
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La G.A.P.
(1970)
di Dario Fo
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-gap

Lam e addosso si mette a sparar.


La G.A.P. quand'è che arriva
Mi Pesce Giovanni spara
non manda lettere né bigliettin però prima gli grida:
Rem Lam "È in nome del mio popolo
e non bussa giù alla porta ingegnere che ti ammazzo
Mi7 con le tue guardie d'onor!"
sei già persona morta In fabbrica fanno retate
Lam torturano gente non parla nessun
che il popolo ti ha condannà. e trenta operai deportati
li chiudono nei vagoni
L'ingegner della Caproni piombati diretti a Dachau.
il due gennaio arriva in tassì
tornava con due della Muti "E il 23 di aprile i tedeschi
sue guardie personali vanno a minare la fabbrica,
La vogliono farla
e noi lo si va a giustiziar. saltare prima di ritirarsi
piuttosto che lasciarla
La in mano ai liberatori..."
Quel traditor d'accordo
Rem Ma gli operai sparano,
con i tedeschi stava difendono la fabbrica
Sol e salvano le macchine
a smantellar la fabbrica, che sono il loro pane
Fa e molti si fanno ammazzar.
le macchine spediva
Mi7 Lam Adesso siamo liberi,
tutte in Germania dai Krupp. nella fabbrica torna il padron,
arriva un altro ingegnere
E per salvar le macchine stavolta però è partigiano:
han fatto sciopero general Brigata Battisti, Partito d'Azion.
il capo reparto Trezzini
e altri sette operai Ma ecco al primo sciopero
li han messi a San Vittore. c'è un gran licenziamento
è stato l'ingegnere a
È stato l'ingegnere cacciare via quei rossi
a fare la spia ma la pagherà che la fabbrica avevan salvà.
ci tiene tutti sott'occhio
il povero Trezzini 'Sta guerra di liberazione
e gli altri li han fucilà. domando di cosa ci ha liberà:
ingegnere padroni e capi
Adesso tocca a lui, son tutti democratici
la GAP lo aspetta sotto ma noi ci han licenziato
sotto ad un semaforo addosso ci hanno sparato
che segna proprio rosso in galera ci hanno sbattuto
ma allora per noi operai
la liberazione l'è ancora da far...

pagina 276
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Informazioni

Dallo spettacolo teatrale di Dario Fo e Franca Rame "Vorrei morire stsera se dovessi pensare che non è servito a
niente". La canzone parla del leggendario Giovanni Pesce alias "Visone" Comandante della 3° GAP "Rubini" dei
Gruppi di Azione Patriottica operante a Torino e Milano, insignito di medaglia d'oro e proclamato "eroe nazionale"
dal comando delle Brigate Garibaldi.(Guido)

pagina 277
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La guardia rossa
di Raffaele Mario Offidani
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-guardia-rossa

Re Sol La7 Re Sbrana furente il succhion coronato


Quel che si avanza è uno strano soldato spoglia il nababbo dell'or che rubò
Mi7 La7 danna per fame al lavoro forzato
viene da Oriente e non monta destrier chi mai non lavorò
Re Sol non lavorò.
la man callosa ed il viso abbronzato
Sol Re La7 Re È la guardia rossa...
è il più glorioso fra tutti i guerrier.
Accorre sotto la rossa bandiera
La7 Sol tutta la folla dei lavorator
Non ha pennacchi e galloni dorati rimbomba il passo dell'immensa schiera
Mi7 La7 sopra la tomba di un mondo che muor.
ma sul berretto scolpiti e nel cor
Re Mi7 La7 Tentano invano risorgere i morti
mostra un martello e una falce incrociati tanto a che vale lottar col destin
Mi7 La7 marciano al sole più ardenti e più forti
gli emblemi del lavor le armate di Lenin
viva Lenin.
viva il lavor. È la guardia rossa...

Re Sol Re Quando alla notte la plebe riposa


È la guardia rossa nella campagna e nell'ampia città
Sol La7 Re più non la turba la tema paurosa
che marcia alla riscossa del suo vampiro che la svenerà.
Si7
e scuote dalla fossa Ché sempre veglia devota e tremenda
Mi-m La7 Re la guardia rossa alla sua libertà
la schiava umanità. la tirannia cancrenosa ed orrenda
più non trionferà
trionferà.
Giacque vilmente la plebe in catene
sotto il tallone dei ricco padron Ché la guardia rossa
dopo millenni di strazi e di pene già l'inchiodò alla fossa
l'asino alfine si cangia in leon. nell'epica riscossa
dell'umanità.

pagina 278
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La java delle bombe atomiche


di Fausto Amodei, Boris Vian
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-java-delle-bombe-atomiche

Lam presto io rimedierò".


Mio zio, che amava far da sè,
Ed ha passato molte ore
faceva bombe atomiche a rimediar l'errore
Mi7 nella sua officina,
da dilettante pranzando insieme a noi
sbobbava in un sol colpo
e senza aver studiato mai la sua zuppa di gallina.
Da come è diventato rosso
raggiunse più si capì che un osso
Lam gli era andato storto.
di un risultato rilevante. Accadde proprio un martedì
Sol che lo zio mezzo morto
Passava tutto il giorno ci gridò così:

chiuso in un laboratorio "Più io divento vecchio


Do più mi accorgo che il cervello
a fare esperimenti. scema ad ogni mese.
Rem Lam Per dir le cose come stanno,
La sera ci chiamava a sè non è più un cervello
Si7 ma una maionese.
e a noi, tutti contenti,
Mi7 Per anni cerco di aumentare
raccontava che... la portata
della bomba mia diletta,
La non mi sono reso conto
"Se per fare la bomba A che quello che conta
è solo dove la si getta!
non c'è difficoltà, Se qualcosa ancor non va,
Mi7 presto si rimedierà."
se non elementare.
I gran capi di Stato
Ed anche col detonatore per veder la bomba
gli hanno chiesto udienza in fretta,
bastan poche ore lo zio li ha ricevuti tutti
La e chiesto scusa
a farlo funzionare. se la camera era stretta.
Ma quando sono entrati
La7 lui li ha chiusi dentro,
Invece con la bomba H poi gli detto "State buoni!"
La bomba esplose così fu
c'è un problema pratico che di 'sti capoccioni
Re non ce n'eran più!
che mi tormenta:
La Lo zio, davanti al risultato,
che quella di mia produzione non perse la testa
Mi7 e fece il finto tonto.
c'ha un raggio d'azione Lo misero davanti al giudice
La perchè dell'atto
di tre metri e trenta! lui rendesse conto.
Rem Lam
E' un difetto a cui però "Signori è stata una sciagura
Mi7 Lam ma non ho paura

pagina 279
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

a dirvi chiaro e tondo e lo si condannò e poi lo si graziò.


che distruggendo 'sti bastardi,
anche se un po' tardi, Rem Lam
ho salvato il mondo!" E il paese che gradì
Mi7 La
Si fu incerti per un po', lo fece capo del governo lì per lì.

Informazioni

Canzone di Boris Vian (La java des bombes atomiques) tradotta da Fausto Amodei.

pagina 280
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La lega
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: antimilitaristi, femministi, risaia/mondine, comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-lega

La E la libertà non vien


Sebben che siamo donne, Perchè non c'è l'unione:
Mi7 Crumiri col padrone
Paura non abbiamo: Son tutti da ammazzar.

Per amor dei nostri figli, A oilì oilì oilà ...


La
Per amor dei nostri figli; Sebben che siamo donne,
Paura non abbiamo:
Sebben che siamo donne, Abbiamo delle belle buone lingue
Paura non abbiamo, E ben ci difendiamo.
Per amor dei nostri figli
In lega ci mettiamo. A oilì oilì...

La Mi7 E voialtri signoroni


A oilì oilì oilà e la lega la crescerà Che ci avete tanto orgoglio,
Abbassate la superbia
E noialtri socialisti, E aprite il portafoglio.
La
e noialtri socialisti A oilì oilì oilà e la lega la crescerà
Mi7 E noialtri socialisti,
A oilì oilì olià e la lega la crescerà e noialtri socialisti
La A oilì oilì olià e la lega la crescerà
E noialtri socialisti vogliamo la libertà . E noialtri socialisti i voroma vess pagà .

A oilì oilì olià ...

Informazioni

Nata nella valle Padana tra 1890 e 1914, entra presto nel repertorio delle mondine. L'autore è anonimo e ne
esistono diverse versioni. Questa è stata raccolta da Bermani a Novara nel 1963/64. La canzone è inserita nel film
"Novecento" di Bernardo Bertolucci.

pagina 281
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La leggenda della Neva


di Raffaele Mario Offidani
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-leggenda-della-neva

La Mi La Neva commossa
La Neva contemplava alla Sprea vaticinava
La Re che non invano "Spartaco" spirava.
della folla umile e oscura La pura salma rossa
La Si Mi ingigantì la tormenta
il pianto silenzioso e la tortura. e... "di denti di draghi fu sementa".
La Mi Oh quanto ne fu di fertile il terreno
La plebe sanguinava e non soltanto sulla Sprea e sul Reno!
La Re Ben disse il duce degli Spartachiani:
come Cristo sulla Croce "Malgrado tutto, sarà mio il domani".
La Mi Re E l'eco ripetè a tutta la Terra:
svenata dalla monarchia feroce "Fra oppressi ed oppressor
Mi non pace mai, ma guerra!".
che non paga di forche e di Siberia
La Neva altri prodigi
volle ancor della guerra la miseria... non invano prometteva.
La Mi L'incendio all'universo si estendeva.
Ma sorse alfin un Uomo di coraggio Minaccia il Po, il Tamigi
Sim Mi La il Danubio ed altre sponde.
che infranse le catene del servaggio Arrosserà del Tebro le acque bionde.
Mi Spartaco ruggirà dalla sua fossa:
e sterminò le piovre fino in fondo. ... "Eserciti di schiavi, alla riscossa!".
La O sozza tirannia, da troppo langue
Quell'uomo fu Lenin la folla prona, cui succhiasti il sangue.
Mi La O casta scellerata e maledetta,
liberator del mondo. è giunto anche per noi
il dì della vendetta!
La Neva trasportava
verso il Mar, da Pietrogrado, Là, sulla sacra Neva
il motto di Lenin "Chi è ricco è ladro" sta Lenin che ansioso osserva
ed il motto volando se la plebe latina è ancora serva.
per i mari e i continenti Compagni, su mostriamo
destò dal sonno gi schiavi dormenti. ai fratelli bolscevichi
E valicò gli Urali, il Kremlino che noi non siamo più gli schiavi antichi!
e giunse sino a Monaco e Berlino... E le campane pur suonino a festa
Qui sventolando la Bandiera Rossa per salutar la plebe che s'è desta!
"Spartaco" diè il segnal della riscossa. Noi dei tiranni il cuore ed il cervello
E cadde. Ma alla notte, sulla Sprea frantumeremo a colpi di martello.
- qual immenso falò - Si appressa il giorno del fraterno amore.
la salma risplendea. Mouor con la tirannia
il regno del terrore!

Informazioni

Sull'aria de "La leggenda del Piave". Canto che esprime le "febbrili speranze che nutriva nel 1919 il proletariato
italiano. Tali speranze (che a molti apparivano certezza) non si realizzarono: si scatenò invece la più bestiale e
crudele reazione della storia" (da "Canti Comunisti, di Spartacus Picenus).

pagina 282
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La leggenda della suora


di Fausto Amodei, Georges Brassens
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-leggenda-della-suora

Re Sol Re Mi Lam Re Sol Re Sol Fattasi monaca da un mese


l'amore giunse là per là
Sol Do Sol quando un bandito del paese
Venite voi gente curiosa venne e le disse "Eccomi qua!".
Re Re7 Sol
per una nuova storia ancor: I banditi son rubacuori
Sol Do più di certuna nobiltà
questa è la storia avventurosa Attenti che passano i tori:
Sol Do chi veste in rosso, via di qua!
di Doña Padilla del Flor.
Non era bello, questo è vero,
Re Sol era volgare, anzi che no,
La sua terra che vide i mori ma l'amore, si sa, è un mistero
Re Mi e la suora il bandito amò.
nutre cinghiali in libertà.
Lam Re Sol C'è chi concede i suoi favori
Attenti che passano i tori: a ceffi privi di beltà.
Re Sol Attenti che passano i tori:
chi veste in rosso, via di qua! chi veste in rosso, via di qua!

Ci son ragazze qui a Granada A quel bandito che, si dice,


ed a Siviglia anche ce n'è fosse legato a Belzebù
che ascoltano ogni serenata ai piedi di Santa Beatrice
quasi a cantarla fosse un re! la suora diede un rendez-vous

Quindi si intrecciano gli amori All'or che i corvi vengon fuori


di sera in tutta la città! gracchiando nell'oscurità.
Attenti che passano i tori: Attenti che passano i tori:
chi veste in rosso, via di qua! chi veste in rosso, via di qua!

Nessuna infamia e nessun dolo Or quando entrata nella chiesa


mai su Padilla trapelò la suora il bandito chiamò,
perchè in nessun occhio spagnolo al posto della voce attesa
fuoco più casto mai brillò. un grande fulmine scoppiò

Sotto gli alberi e in mezzo ai fiori Dio volle con questi bagliori
nessuno l'ebbe in potestà. colpire a morte l'empietà.
Attenti che passano i tori: Attenti che passano i tori:
chi veste in rosso, via di qua! chi veste in rosso, via di qua!

Lei prese i voti e questa fine Questa leggenda che ho narrato


destò il rimpianto pure mio, sant'Idelfonso decretò
quasi che solo alle bruttine per preservare dal peccato
fosse concesso sposar Dio. chi la sua vita a Dio votò

Furono pianti e gran dolori La raccontassero i priori


tra maschi di qualunque età. in conventi e comunità.
Attenti che passano i tori: Attenti che passano i tori:
chi veste in rosso, via di qua! chi veste in rosso, via di qua!

pagina 283
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Informazioni

Traduzione della canzone "La Légende de la Nonne" di Georges Brassens.

pagina 284
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La leggera
Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-leggera

Lam Mi7 Rem Lam


Il lunedì la testa mi vacilla Oh leggera dove vai
Lam Rem Mi7 Lam
Oi che meraviglia non voglio lavorar Io ti vengo io ti vengo a ritrovar

Rem Sol7 Do Il venerdì poi l’è un giorno di passione


Il lunedì la testa mi vacilla Io che son cattolica non voglio lavorar
Lam Rem Mi7 Lam
Oi che meraviglia non voglio lavorar Il sabato poi l’è l’ultimo giorno
Oi che bel giorno non voglio lavorar
Il martedì poi l’è un giorno seguente
Io non mi sento di andare a lavorar Arriva la domenica mi siedo sul portone
Aspetto il mio padrone che mi venga a pagar
Il mercoledì poi l’è un giorno di baruffa
Io c’ho della ciucca non voglio lavorar Padron l’è là che arriva l’è tutto arrabbiato
Brutto scellerato lèvati di qua!
Il giovedì poi l’è festa nazionale
Il governo non permette ch’io vada a lavorar Noi siam della leggera e poco ce ne importa
Vadan sull’ostia la fabbrica e il padron!

Informazioni

Testo diffuso nella zona dell'Appennino Emiliano, su un tema presente in tutto il nord Europa, e noto in tutta l'Italia
settentrionale e centrale, in diverse versioni.A proposito di questo modello di canzone, a pg 185 di Jona E.,
Liberovici S., Castelli F., Lovatto A., Le ciminiere non fanno più fumo. Canti e memorie degli operai torinesi, Donzelli
Editori, Roma, 2008, si può leggere: "questo canto pertanto può considerarsi come uno dei primi canti del
proletariato moderno non ancora costituito in gruppi organizzati: siamo cioè alla preistoria della classe operaia."
Per il significato del termine "leggera", vedi la nota a La lingera di galleria.

pagina 285
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La leva
(1969)
di Paolo Pietrangeli
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-leva

Lam Do Sol
Gira gira quella leva la tua molla che è finita.
Do7 Fa
spingi a fondo quel bottone Gira gira quella leva
Do spingi a fondo quel bottone
tu non sai quello che fai tu non sai quello che fai
Rem tu non sai quello che fai
tu non sai quello che fai te lo ordina un padrone.
Sol7 Do
te lo ordina un padrone. C'è tua moglie che ti aspetta
anche lei ha le sue esigenze
Torni a casa con la moto come odi quell'amore
hai la testa che rimbomba quell'amore fatto in fretta
riesci a odiare anche i tuoi figli poco prima di dormire.
riesci a odiare anche i tuoi figli
che ti urlan nelle orecchie. Non puoi avere più problemi
non ti è dato di pensare
Mi7 Rem devi essere efficiente
E quell'attimo di sosta non ti resta proprio niente
Sol neanche il lusso di impazzire.
che sarebbe la tua vita
Fa Do Gira gira quella leva
non ti può più appartenere spingi a fondo quel bottone
Rem tu non sai quello che fai
serve solo a caricare tu non sai quello che fai
te lo ordina un padrone.

pagina 286
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La linea rossa
di Giovanna Marini
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-linea-rossa

Do la verità.
La pace, l'amore, la
La pace, l'amore, la...
giustizia e la verità
Giustizia e verità
siamo d'accordo è proprio quello che ci va
Do7 Fa e qui si parla solo
son belle cose ma di libertà
Do ma anche questa si sa
si deve andare più in là ora fa parte della
Do7 Fa Fam prosa della canzone d'attualità
si deve andare più in là
Do La pace, l'amore, la...
la Linea Rossa
Sol7 Do Sol7 [Giustizia e verità
è sempre andata più in là. le lascerei per l'aldilà
qui parlerei piuttosto
Al posto di pace già di libertà
ci metterei ostilità ma anche questa si sa
non suona cosi bene ora fa parte della
per tutti ma prosa della canzone
suona bene per chi d'attualità.]
ogni giorno non sa
se il giorno dopo
da mangiare ce l'ha. La pace, l'amore, la
giustizia e la verità
La pace, l'amore, la... siamo d'accordo
son belle cose ma
Al posto d'amore, sì si deve andare più in là
ci metterei guerra contro chi si deve andare più in là
beve il sangue la Linea Rossa
di chi è sua proprietà è sempre andata più
è più bello, lo so la Linea Rossa
chiamarlo carità è sempre andata più
certo non fa piacere la Linea Rossa
è sempre andata più in là.

pagina 287
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La madre abbandonata in cerca del suo Achille


Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-madre-abbandonata-cerca-del-suo-achille

Sol Dimmi o contadino


Addio o forlivesi dimmi la verità
Re7 quel pann che porti indosso
ci rivedremo un dì dove tu l'hai comprà?
Sol
se arrivo andare a Roma Non voglio dir bugie
Re7 Sol voglio dire la verità
non torno più a Forlì a un generale sul campo
che noi abbiam spoglià
Scriverò una letterina
diretta alla mia mammà E lei si mise a piangere
che suo figlio Achille a piangere e sospirar
si trova in campo ammalà Povero il mio Achille
dove me l'hanno ammazzà?
Attacca i suoi cavalli
la prende anche il fucil Dimmi o contadino
e la si mette in strada sapresti voi insegnar
come un garibaldin la tomba del Cantoni
in dove la ci stà?
Quando fu a metà strada
incontra un contadin Andate un po' più avanti
era vestito di panno là c'è un alberin
di panno del più fin la tomba del Cantoni
là ci sarà vicin.

Informazioni

Reg. di C. Bermani, 1979, Sesto S. Giovanni, inf. Carmen Pelucchi.


La canzone è ispirata alla morte del maggiore Achille Cantoni, giovane volontario di Forlì, definito da Garibaldi
"figlio prediletto delle Romagne", ucciso dai francesi a Mentana.
Cantoni era con Garibaldi sin dai tempi della Repubblica romana, dove era stato ferito il 30 aprile nella battaglia
contro i Francesi, e il 3 giugno 1849, e dopo essere finito in un ospedale nemico era stato lasciato libero dopo la
caduta della Repubblica romana.
Racconta Garibaldi nel suo Cantoni il volontario, romanzo storico pubblicato nel 1870, come il giovane forlivese
fosse stato sin dall'inizio seguito dalla sua compagna Ida che aveva allora quattordici anni e che "vestita da uomo
seguiva così Cantoni alla coda della colonna".

pagina 288
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La malcontenta
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: femministi
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-malcontenta

Lam Mim Babbo mangia e beve vino


Teresina la malcontenta mamma tribola col cittino
Lam
babbo gode e mamma stenta Babbo mangia li fagioli
mamma tribola coi figlioli
Lam Mim Babbio mangia il baccalà
Babbo va all'osteria mamma tribola a tutt'andà
Lam
mamma tribola tuttavia Babbo mangia le polpette
mamma fa delle crocette
Babbo mangia l'erbe cotte Teresina la malcontenta
mamma tribola giorno e notte babbo gode e mamma stenta.

Informazioni

Conosciuta anche come "Dirindina la malcontenta".


Ninna nanna toscana raccolta da Caterina Bueno in Maremma.
Tipico esempio di sfogo femminile per una condizione faticosissima e sentita come ingiusta, ma che riesce a
trovare espressione solo nell'intimità del momento in cui si cullano e si addormentano i figli piccoli.

Brano riproposto nel disco "Canti di donne in lotta", del Canzoniere femminista-gruppo musicale del comitato per il
salario al lavoro domestico di Padova, Vedette, Zodiaco, VPA8259, 1975

pagina 289
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La manifestazione
(1972)
di Stormy Six
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: repressione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-manifestazione

Lam Fa Sol Lam in un attimo senza il tempo di pensare


Sulla strada, alla manifestazione ho vissuto ciò che più tu non vivrai.
e gridando con la forza di chi ha ragione
camminavi sotto l'ombra di una bandiera Cento strade
e gridavi: "Viva la Rivoluzione". per tornare verso casa
tanto fumo
Lam Fa ma soltanto per piangere.
Ma lontano
Sol Lam Fa Stamattina quando ho letto sul giornale
uno squillo di tromba non capivo, mi sembrava un'altra storia
Sol Lam Fa ma qualcosa era là sul marciapiede
una pietra che vola una giacca ed un fazzoletto rosso.
Sol Lam
e la strada è già vuota. Più nessuno
che ricordi la tua voce
Ho lasciato la mano di due compagni i miei occhi
ho cercato il rifugio in un portone son soltanto per piangere.

pagina 290
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La marsigliese del lavoro [L'inno dei pezzenti]


di Carlo Monticelli
Periodo: L'età dell'imperalismo (1870-1914)
Lingua: italiano
Tags: anarchici, emigrazione
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-marsigliese-del-lavoro-linno-dei-pezzenti

Re La7 Re La7 si danno in braccio a lor signor.


Noi siamo i poveri siamo i pezzenti
Re La7 Re La7 Son nostre figlie le prostitute
la sporca plebe di questa età che muoion tisiche negli ospedal
Re La7 Re La7 le disgraziate si son vendute
la schiera innumere dei sofferenti per una cena o per un grembial.
Re7 Sol La7
per cui la vita gioie non ha. Per natura tutti eguali...
Sol Re
Nel crudo inverno la nostra prole Di patria al nome talor sospinti
Sol Re contro altri popoli noi si pugnò
per lunga inedia languir vediam ma vincitori fossimo vinti
Sol La7 Re la sorte nostra mai non mutò.
solo pei ricchi risplende il sole. Tedesco o italico se v'ha padrone
La7 Re il sangue nostro vuole succhiar
Mentre essi esultano noi fame abbiam. la patria italica è un'irrisione
se ancora il basto ci fa portar.
Sol Re
Per natura tutti eguali Per natura tutti eguali...
Sol Do
vi è diritti sulla terra. Nelle officine sui monti e i piani
Sol nelle miniere sudiam sodiam
E noi faremo un'aspra guerra ma delle nostre fatiche immani
Re Sol il frutto intiero non raccogliam.
ai ladroni sfruttator. Poi fatti vecchi veniam rinchiusi
dentro un ricovero di carità
Mi- Si7 e sul berretto di noi reclusi
Non sia pace tra i mortali bollano i ricchi la lor pietà.
Mi- Si7
finchè un uom' sovr'altro imperi Per natura tutti eguali...
Do Sol
i nemici a noi più fieri Ma se sperare non è utopia
Re Sol La7 nella giustizia dell'avvenir
sono i nostri sfruttator il privilegio di tirannia
e turpe regno dovrà finir!
Le nostre lacrime, gli stenti, l'onte
le grandi ambasce sparir dovran
noi già leviamo alta la fronte
Triste spettacolo le nostre donne per salutar l'astro lontan.
per noi primizie non hanno d'amor
ancora impuberi sciolgon le gonne Per natura tutti eguali...

Informazioni

Deriva da una poesia di Carlo Ponticelli stampata nel 1881 e musicata intorno al 1895 da G. Vecchi, maestro della
banda di Gualtieri (RE).

pagina 291
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La mia barba
di Alfredo Bandelli
Periodo: Dal riflusso alla fine della guerra fredda (1980 - 1989)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-mia-barba

Re non vorrei cambiare un'ora...


Mi ricordo ancora il nostro primo bacio
La7 Mi ricordo ancora le bandiere al vento
abbracciati dietro ad un portone della nostra prima manifestazione
la tua meraviglia di sentirti donna di quel fumo denso che bruciava il naso
Re e del primo sampietrino che ho tirato
il tuo volto tutto pieno di rossore delle corse affannate delle cariche
Mi ricordo ancora quella prima volta improvvise
La7 le assemblee piene di fumo e di rancore
sulla sabbia che bruciava di passione mi cercavi con gli occhi ti sentivo nel cuore
quel sorriso strano quella strana occhiata già le nostre scelte erano decise
Re Mentre la gente discuteva attorno
quella tua innocenza pura e profanata stavamo lì per infinite ore
La Re prima di andare ad un altro incontro
Mentre la gente ci correva attorno prima di prenderci un'ora d'amore .
La7 Re
senza guardare sotto quel barcone La mia barba...
La Re
che nascondeva quel nostro incontro Mi ricordo ancora della nostra angoscia
La7 Re mi ricordo ancora la disperazione ,
che nascondeva quell' ora d'amore i braccianti ammazzati i compagni arrestati
gli operai mandati in cassa integrazione
La mia barba ha quarant 'anni Mi ricordo ancora il nostro lungo maggio
i miei occhi forse cento la passione l'illusione ed il coraggio
i miei sogni i miei vent'anni quando il giorno era breve e la notte era
La7 bruna
son passati come il vento quando ancora parlavamo con la luna
Re Quando avevamo tutto il nostro ingegno
se nascessi mille volte ed il pensiero diventava azione
Sol e credevamo in un mondo diverso
cento volte e un'altra ancora e credevamo nell' immaginazione
non vorrei cambiare un giorno
Re La7 La mia barba...

Informazioni

La melodia di questa canzone è stata adoperata dall'autore anche per Quando chiare fresche acque

pagina 292
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La mia costituzione
di Ezio Cuppone
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-mia-costituzione

La non è certo quella gente


Tu che sei nei miei pensieri a cui tu donasti un tempo una nuova dignità,
oggi ancora più di ieri, Se ti vogliono affossare
Mi7 sono qui, pronto a lottare
tu che hai dato a quest’Italia nuova vita e sei la mia Costituzione e tu vivrai.
dignità;
chiara e onesta come il sole Ben ricordo quel momento
mi proteggi da chi vuole quando tutto il parlamento
La ha sancito la tua nascita e la tua paternità
asservirmi ai voleri di una falsa libertà. Si era ancora un po’ divisi
Tu che sei sempre presente ma coscienti e ben decisi
con il cuore e con la mente di dar vita ad una Patria nell’armonica unità
La7 Oggi hai quasi 70 anni
Re ma un diamante anche a cent’anni
sei la strada più sicura per l’Italia che ha un valore inestimabile che sempre durerà
verrà Se ti vogliono affossare
Se ti vogliono affossare sono qui, pronto a lottare
La sei la mia Costituzione e tu vivrai.
sono qui, pronto a lottare
Mi7 La Resistenza è già presente,
sei la mia Costituzione e tu vivrai. la ritrovi tra la gente
che lavora e sopravvive ad un’iniqua società
Resistenza ti ha creata, dove mafia e corruzione
la montagna ti ha allevata han governi e protezione
ed un popolo ribelle ti ha portata giù in che ci han dato qualunquismo e razzismo e
città povertà
Hai parlato il suo linguaggio Ma hanno fatto male i conti;
con la forza ed il coraggio partigiani sempre pronti
di chi ha scelto di morire per amor di a ridare a quest’Italia una nuova dignità.
libertà. Hanno fatto male i conti
Se qualcuno oggi ti offende siam decisi, siamo pronti
E nessuno ci potrà fermare mai.

pagina 293
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La mia morosa cara


Periodo: La prima guerra mondiale (1914-1918)
Lingua: lombardo
Tags: antimilitaristi, lavoro/capitale, filanda
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-mia-morosa-cara

La col scossarín bagnàa


La mia morosa cara
Mi Col scossarín bagnato
la fa la filandera la se frega giù li occhi
La Mi noialtri giovanotti
la vègn a cà la sera ci tocca fà 'l soldàa.
La
col scossarín bagnàa Piuttost che fà 'l soldato
Mi fò l'assassin di strada
col scossarín bagnàa la prima cannonada
La mi ha ferito il cuor.

Informazioni

Canzone di filanda, raccolta in bergamasca, sul pianto delle ragazze per la morte dei giovani andati in guerra.

pagina 294
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La morte del padre Ugo Bassi


Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: italiano
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-morte-del-padre-ugo-bassi

Mim Di un sangue innocente


1. Eccomi giunto a nozze vendetta tremenda
Mi Lam dal cielo discenda
il viver mio è cessato sul crudo uccisor.
Si7
sol per amar l'Italia Mentre a te men vengo
Mim lascio le patrie mura
io venni a condannato. già pronta e preparata
è la mia sepoltura.
Lam Mim
Il mio sangue è innocente Italia mia regina
Lam Mim di me non ti scordare
vendetta tremenda possa l'esempio mio
Si7 Mim il tuo destin cambiare.
dal cielo discende
Lam Si7 Mim Di un sangue innocente...
dal crudo uccisor.
Il piombo mi farà privo
Maria di San Luca mi farà cadere a terra
vergine mia tu sei resterò al suolo estinto
l'angel custode dalla nazione sgherra.
angeli e santi miei.
Ma prima di morire
Il mio sangue è innocente... io lascio una scrittura
e chiunque vorrà leggere
Sia maledetta l'Austria saprà la mia sventura.
da un fulmine di guerra
da un fulmine di guerra Di un sangue innocente...
dal cielo e dalla terra.
La lascio per memoria
Il mio sangue è innocente... ai giovanotti accorti
perché contro l'Austria
E prima di morire sian soldati forti.
vo' fare una scrittura
chi la saprà ben leggere Alcun sulla mia tomba
saprà la mia sventura. a piangere non venga
piuttosto che di piangere
Il mio sangue è innocente la patria vendicare.

Poi si mise in ginocchio Siete bravi soldati


e salutò Maria all'ora del cimento
che venga a dar conforto benché io sia morto
a questa anima mia. pur dormirò contento.

Il mio sangue è innocente... Di un sangue innocente...

2. Eccomi giunto a morte Addio Italia mia


il viver mio è cessato fratelli parenti amici
che per amar l'Italia restate pure in pace
io venni condannato, sarete un dì felici.

Lo so devo morire Chi fu la mia sventura


ecco che giunto è il giorno e la mia triste sorte?
o morte vien non temo Furon quattro giudei
il tuo gran soggiorno. cagion della mia morte.

pagina 295
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

Di un sangue innocente... e cadde morto in terra.

Maledetta sia l'Austria Di un sangue innocente...


non possa vincer guerra
maledetti gli uccisori Ora siamo alla fine
maledetti in cielo e in terra. di questa bella istoria
venitela a pigliare
Morir muoio contento tenetela per memoria.
perché men volo al cielo
muoio per predicare Vi prego tutti quanti
di Cristo il suo vangelo. tenerla conservata
sperando che l'Italia
Di un sangue innocente... sia presto liberata.

Ecco la morte appresso Di un sangue innocente...


del ciel s'apre la via
ma prima di spirare 3. Venite buona gente
vo' salutar Maria. venite ad ascoltare
la storia di Ugo Bassi
O Vergine santissima vi voglio raccontare.
madre mia tu sei
Angelo Custode venite E prima di morire
Angeli e Santi miei. voglio chiamar Maria
che venga a dar conforto
Di un sangue innocente... a questa anima mia.

E si gittò in ginocchio Ma prima di morire


e poi chiamò Maria voglio fare una scrittura
venite a dar conforto e chi la saprà leggere
a quest'anima mia. saprà la mia sventura.

E come il piombo ardente Saprà la mia sventura


il suo bel cuore afferra e la mia triste sorte
invocò Gesù e Maria furono quattro preti
cagion della mia morte.

Informazioni

1) Reg. di Rudy Assuntino, 1966, Medicina, Bologna, inf. un gruppo di contadine locali, melodia di "Tutte le feste al
tempio" dal Rigoletto di G. Verdi; 2) testo dal foglio volante "La morte del padre Ugo Bassi frate di Garibaldi fucilato
dagli austriaci in Bologna il 15 giugno 1849", Firenze, Stamperia Salani, 1873; 3) racc. da Gianni Rodari e pubbl. in
"Gli stornelli di Gelsomina e Vandea", L'Unità, 19 luglio 1949.

Su Ugo Bassi

pagina 296
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La morte di Anita Garibaldi


di Massimo Dursi, Cantacronache
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-morte-di-anita-garibaldi

Re per i miei figli questo sorriso...»


Noi t'aspettiamo nell'alba fiorita Ma della morte sul tuo bel viso
La7 è già discesa l'ombra crudel.
camicia rossa, fiore di vita
La barca nera sulla laguna
noi t'aspettiamo nell'alba fiorita porta l'Anita come una cuna.
Re Canta nel cielo l'Ave Maria
camicia rossa, piena di vita. che l'accompagna nell'agonia.

Per i tuoi figli sola a morire È morta Anita all'Ave Maria


o sposo mio mi devi lasciare. quando la rondine scende dal cielo.
Se gli occhi miei ti voglion mirare Il Generale la bacia e piange.
tu con un bacio li chiuderai. Deve lasciarla.
Deve salvarsi,
Sale la febbre nella laguna per riportarci la libertà.
come l'allodola trema l'Anita.
Tende allo sposo la mano sfinita, E chi lo salva e dai Tedeschi,
la guarda e prega con un sospir. e tutta Italia la salverà,
e chi lo salva e dai Tedeschi
«Per il tuo cuore questo sospiro e tutta Italia la salverà.

Informazioni

Canzone composta nel 1963 per lo spettacolo "Stefano Pelloni detto il Passatore", cronache popolari di massimo
D'Ursi, allestito al teatro Stabile di Bologna. Giovanna Daffini eseguì poi questa canzone con il Nuovo Canzoniere
Italiano. Nell'acquisizione del testo la Daffini ne modificò alcuni versi. (maria rollero)

pagina 297
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La Nèbia
(1978)
di Fiorenzo Gualandris
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: lombardo
Tags: lavoro/capitale
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-nebia

Do Sol7 "...la nebbia agli irti colli, piovigginando


Drin, drin, la svèglia ai cinc ur sale..."
Do Sol7 Re7 Sol Sol7
leva sü g'ho ammo al prim turna da fà e la pareva la roba püse bèla dal mund.
Mi Lam
ciapa la biciclèta
Re7 Sol Sol7 Giosuè Carducci, al sa ciamava inscì,
che föra la nèbia la ma specia. da mistè al fea al poeta: al sciür.
Ma l'ha mai ciapà la bicicleta cun mi
La nèbia che da des ann la ma cumpagna ai l' ha mai picà dentar un ciòd in dal mür.
cancei,
la nèbia che la masara i oss ei cavei, Pröa Carducci a la matina anca ti,
la nbèbia che la ma fa vigni al magon, a ciapà la bicicleta cun mi e al Luis,
la nèbia la matina che u pression. pröa a vignì gio dal to castell,
pröa in da la nèbia ma l'è bell.
Do Sol7
E pinsà che a scöra han m'han fa imparà E pedala,pedala con tütt i mè pinsè,
Fa Do ma sun incurgiù no, da l' ura ca l'è,
una puesia che la diseva inscì: Carducci và in sü l' ostia, ti e tutt i to
Mi Lam discurs.
par dag a tra a ti ho timbrà russ!

Informazioni

Canto del repertorio del gruppo di canto sociale e popolare Polenta Violenta.

"Leggendo questa poesia famosissima del Carducci, mi è venuto spontaneo il pensiero di come era vissuta
diversamente la nebbia tra chi poetava e tra chi la viveva tutte le mattina quando all' alba pedalava verso il
lavoro" (Fiorenzo Gualandris).

Il testo è lombardo, ma nel link del canto su You Tube scorre la traduzione in italiano in sincronia col canto.

pagina 298
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La nostra società l'è la filanda


Periodo: L'Europa e il mondo tra le due guerre (1919-1938)
Lingua: lombardo
Tags: lavoro/capitale, filanda
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-nostra-societa-le-la-filanda

La La
La nostra società l'è la filanda se 'l direttor el gh'è
Mi
quaranta lazarón che me comanda La
La 'n voeur i sigari
i gh'eva l'assistenta forastiera
La la 'n voeur i soldi
la manderemo in galera Mi
la 'n voeur i sigari e de fa 'l caffè
La
Gh'el diseremo, gh'el diseremo La 'n voeur i sigari
Mi
al direttór la 'n voeur i soldi
La
che la 'sistenta la va di basso la 'n voeur i sigari e de fa 'l caffè
La La
a fare l'amór La 'n voeur i sigari

La la 'n voeur i soldi


La va di basso la va di basso Mi
Mi la 'n voeur i sigari e de fa 'l caffè
in punta di piè
ma per vedere ma per vedere Mi La
Biondina carina non sei più per me.

Informazioni

Raccolta a Cologno sul Serio da Sandra Mantovani.

pagina 299
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La pianura dei sette fratelli


(1995)
di The Gang
Periodo: Il mondo "globalizzato" (1990 - oggi)
Lingua: italiano
Tags: antifascisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-pianura-dei-sette-fratelli

Sol Re e il passo a tempo si chi sa ballare,


E terra e acqua e vento di chi per la vita
La Sim prende il suo amore e lo sa portare.
non c'era tempo per la paura,
Sol Re Sette fratelli sette
nati sotto la stella di pane e miele a chi li do'.
La Sim Non li darò alla guerra,
quella più bella della pianura all'uomo nero non li darò.
Avevano una falce
e mani grandi da contadini Nuvola, lampo e tuono
e prima di dormire non c'è perdono per quella notte
un "padre nostro" come da bambini. che gli squadristi vennero
e via li portarono coi calci e le botte.
Sol Re Avevano un saluto
Sette figlioli sette e degli abbracci quello più forte.
La Sim Avevano lo sguardo
di pane e miele a chi li dò. quello di chi va incontro alla sorte
Sol Re
Sette come le note, Sette fratelli sette,
La Sim sette ferite e sette solchi:
una canzone gli canterò. ci disse la pianura
i figli di Alcide non sono mai morti
E pioggia e neve e gelo
e fola e fuoco insieme al vino In quella pianura
e vanno via i pensieri Da Valle Re ai Campi Rossi
insieme al fumo su per il camino. noi ci passammo un giorno
Avevano un granaio e in mezzo alla nebbia
ci scoprimmo commossi.

Informazioni

Questa canzone fa riferimento alla vicenda dei 7 fratelli Cervi, trucidati dai fascisti il 28 dicembre 1943 a Reggio
Emilia.

La canzone è stata incisa anche con Modena City Ramblers in "Appunti partigiani" (2005) e interpretata dal Coro
delle Mondine di Novi, in "Il seme e la speranza" (2006)

pagina 300
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La presa di Roma
Periodo: Le rivoluzioni borghesi e il Risorgimento (fino al 1870)
Lingua: romanesco
Tags: anticlericali
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-presa-di-roma

Re C'è Nino Bixio che fa er guardiano


Alli sedici agnedero all'armi
La7 Re Era il venti settembre der mese
antiboini zanfritti e gendarmi suonava le cinque l'orologio francese
e se sentiva da Porta Pia
alli diciassette li papalini le cannonate che annaveno via
La7 Re e se sentiva un bombardamento
evvero tutti li santi abbitini che anche ar bon dio metteva spavento
Sol Re bombardamento a grossa mitraglia
alli diciotto che stava alle strette pare un campo de vera battaglia
La7 Re
diedero a tutti le sante crocette A San Pietro...
Sol Re
alli diciannove li confessorno Chi gridava Gesù e la madre pietosa
La7 Re chi scappava all'Acqua Acetosa
e tutti quanti li comunicorno dopo scappato chi ha destra e chi a manca
arzata fu la bandiera bianca
Sol Re quanno che furno a Santa Agnese
A San Pietro e ar Vaticano allegri italiani che Roma l'è presa
La7 Re quanno che entrorno a Porta Pia
C'è Nino Bixio che fa er guardiano li caccialepre scapporno via

A San Pietro e ar Vaticano A San Pietro e ar Vaticano


mo' c'è Cadorna che fa er guardiano

Informazioni

Una cronaca della breccia di Porta Pia, quando fu conquistata Roma (a parte il Vaticano...).

Molto di più! Una chiara denuncia della presenza nelle truppe pontificie di forze "irregolari" costituite anche da
briganti che avrebbero avuto varie impunità per il loro appoggio (una sorta di camorra nostrana in difesa del
potere vigente ......). La storia si ripete poichè le genti rimangono le stesse!

pagina 301
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La rabbia esplode a Reggio Calabria


(1971)
di Canzoniere delle Lame
Periodo: La contestazione e i movimenti di liberazione (1967-1979)
Lingua: italiano
Tags: comunisti/socialisti
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-rabbia-esplode-reggio-calabria

Rem che cosa importa se alla fine


Reggio la rabbia esplode, si fan scannar per niente?
Solm Rem
la miccia brucia già, Le barricate a Sbarre,
Solm Fa la gente spara già,
ma chi l'accesa sono gli stessi spara miseria, spara la fame
Do Rem ma non sa contro chi.
che vendon fame qua.
Fascisti con le bombe,
Il capoluogo serve mafiosi col potere,
alla DC e ai mafiosi i proletari solo le braccia
per ottenere ancor più potere hanno da far valere.
di quello che hanno già.
Fascisti quelle bombe
Il sindaco Battaglia vi scoppieranno in mano,
serve da copertura i comunisti alla violenza
dietro agli agrari, i proprietari hanno risposto no.
e tutta la mafia nera.
Reggio la rabbia esplode,
Non costa far promesse la gente adesso sa
alla povera gente, contro chi deve usare la rabbia
fascismo non passerà.

pagina 302
ilDeposito.org - Canti di protesta politica e sociale

La santa Caterina dei pastai


(1964)
di Gruppo padano di Piadena
Periodo: La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)
Lingua: italiano
Tags: lavoro/capitale, satirici
Indirizzo: https://www.ildeposito.org/canti/la-santa-caterina-dei-pastai

Re La7 Sé, sé…però i capannoon,


Per Santa Caterina dei pastai la fuori serie, èl palas che custa 'na mucia
Re