Sei sulla pagina 1di 6

II Sport La Provincia

Lunedì 29 novembre 2010

Lega Pro Al 30’ del primo tempo Daleno stende Bianchi in area, è calcio di rigore
Batte Zanchetta, para Russo ma il regista grigiorosso è il più veloce sulla ribattuta
Al 32’ bomba di destro di Basile. Fischi ai padroni di casa, applausi per gli ospiti

Derbydecisointreminuti
Altro1-1fraCremoePergo di Giorgio Barbieri
CHI SALE

CREMONA — Fischi per i gio-


catori della Cremonese, ap-
CHI SCENDE

plausi per quelli del Pergo. Lo


spettacolo (si fa per dire) del
derby si chiude così, avvolto
nelle prime ombre della sera
e sotto una fitta nevicata. La
parte grigiorossa mastica
amaro per un risultato (1-1)
che cercava e che non è arriva-
to, con la classifica che adesso
Vitofrancesco Miramontes si fa davvero fatica a guarda-
re. La parte gialloblù riceve
dal pareggio una boccata di
ossigeno dopo le due sconfitte
consecutive e si mantiene a di-
stanza dalla zona playout.
LE PAGELLE Il derby si è deciso in tre minu-
ti, dal 30’ al 32’ del primo tem-
di Giorgio Barbieri po. In questo piccolo spazio di
tempo hanno trovato spazio il
G. Bianchi - Acori lo manda in fallo da rigore di Daleno (già All’ultimo minuto Nizzetto supera Russo ma scivola a terra
ammonito) su Alberto Bian-
campo da titolare. Qualche volta
c’è, altre pasticcia. Il pallone visci- 5,5 chi, la battuta dal dischetto di
Zanchetta, la parata dello spe-
do non lo aiuta cialista Russo, lo scatto del re-
gista grigiorosso a deviare de-
finitivamente la palla in rete,
A. Bianchi - Si procura il cal- il calcio d’angolo per il Pergo,
cio di rigore con una bella incursio-
ne a sinistra. Difende con grinta, 6 la ribattuta corta di un difen-
sore e il tiro di destro ad infila-
sbaglia molti appoggi re Giorgio Bianchi. Tre minu-
ti in apnea, con il cuore in sus-
sulto, fra euforia e disperazio-
Favalli - Un’altra buona presta- ne. In queste sfide tutto viene
zione in fase di rilancio. Il Pergo è
più pericoloso sulla sua fascia
6 amplificato. Come la rabbia
del popolo grigiorosso, che
non vede progressi della sua
squadra ma che non tiene con-
Gervasoni - Implacabile qua- to di un terreno di gioco infa-
si sempre negli anticipi, fatica un
po’ a dosare i lanci
6,5 me per un gruppo più tecnico
che agonistico.
Giorgio Bianchi alza in calcio d’angolo un cross di Rizza
Entrambe le to? Ancora una volta la squa-
squadre hanno dra si è confermata leziosa e
Tacchinardi - Una partita di motivo di recri- troppo manovriera. Per arri-
fatica nel fango, il suo contributo è
importante
6 minare. La Cre-
monese per una
vare nell’area avversaria non
occorrono dieci passaggi, qua-
traversa scheg- si tutti in orizzontale. Cercare
giata nella ripre- il triangolo stretto in mezzo al
Cremonesi - Il difensore cen- sa da Vitofrance- fango è quasi una follia. E poi
trale è ancora una volta fra i migliori
in campo
6,5 sco, per due sal-
vataggi sulla li-
la squadra grigiorossa calcia
poco a rete, pare quasi che
nea di Ricci su ti- ogni giocatore voglia arrivare
ri di Gervasoni e in porta con la palla al piede.
Miramontes - Non entra in Cremonesi, per Il gol del Pergocrema è l’esem-
partita, fatica a trovare le giocate
su un campo tanto pesante. Sosti- 5 la mancata
espulsione del
pio di come si dovrebbe gioca-
re su un terreno tanto pesan-
tuito alla fine del primo tempo difensore Dale- te. Basile non ci ha pensato un
no (ammonito e attimo a far partire dal limite
più volte richia- dell’area di rigore un destro
Zanchetta - Un paio di buoni mato verbalmen- che non ha lasciato scampo a
lanci ma molta fatica nel costruire
gioco. E’ bravo a segnare ma sba- 6 te), per la scivo-
lata di Nizzetto quasi allo sca- di Giorgio Bianchi su Maccan trambe le squadre, anche se il La palla
Giorgio Bianchi, preferito a
Paoloni dopo l’errore di Mon-
glia prima il rigore dere dopo che il giocatore ave- in fuga solitaria. Pergo ha confermato di esse- calciata da za. Nelle stesse condizioni un
va già dribblato il portiere. Il Giocare su un campo tanto pe- re squadra più abituata alla Basile al 32’ giocatore della Cremonese
Pergo se la può prendere per sante (il mattino era coperto lotta e all’agonismo. Merito del primo avrebbe cercato di entrare in
Colacone - Si muove molto, un gol annullato a Lolaico per dai teloni) e sotto una batten- della nuova società e di un tec- area, magari dopo un doppio
lavora di sponda ma non si vede al
tiro
5,5 un fuorigioco dubbio (poi lo
stesso giocatore segnerà di
te pioggia mista a neve non è
stato facile, il fango alla fine è
nico, Maurizi, che sa che per
raggiungere la salvezza occor-
tempo si
infila alla
scambio con un compagno...
Il pareggio alla fine è un risul-
mano anzichè di testa, esulte- diventato padrone dei polpac- re sputare sangue ogni dome- destra di tato giusto. L’appuntamento
rà e si beccherà il cartellino ci dei giocatori. Ma la situazio- nica. Giorgio è il primo maggio al Voltini.
Nizzetto - Si mangia un gol nel giallo) e per l’uscita a valanga ne d’emergenza valeva per en- Alla Cremonese cosa è manca- Bianchi
finale, poteva vale la vittoria. Lotta,
ma non basta
6 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LA CHIAVE
Musetti - Brutta partita, con un LA PARTITA AI RAGGI X
paio di errori sotto rete e qualche
importante pallone perso. Poco
concreto.
5 Grigiorossi ancora leziosi 12’ Il primo tiro verso lo specchio della porta è del Pergo: lo effettua Galli,
Bianchi para

Vitofrancesco - Entra ad
inizio ripresa e dà certamente viva-
cità alla squadra. E’ fra i più attivi, 6,5 Gialloblù ordinati e attenti 15’
26’
Zanchetta lancia Musetti, che calcia fiacco fra le braccia di Russo
Colacone per Musetti, il portiere del Pergo è attento
Cremonese in vantaggio. Alberto Bianchi entra in area da
colpisce la traversa CREMONA — Pergocrema chiuso e sinistra, Daleno lo aggancia con le braccia. Calcio di rigore, che
compatto nel primo tempo per punta- 30’
batte Zanchetta. Para Russo, ma Zanchetta arriva per primo
re sulle ripartenze, più concentrato a sulla ribattuta
Coda - Combina poco in un fina- fermare Zanchetta nella ripresa.
le con parecchi assalti alla porta
gialloblù
5,5 Maurizi ha chiesto due semplici cose
alla squadra che ha fatto di tutto per 32’
Pareggio del Pergocrema. Calcio d’angolo battuto da sinistra,
respinge la difesa verso Basile al limite dell’area. Il suo destro
si infila di potenza alla destra di Bianchi
assecondarlo. E in mancanza di spazi
od occasioni nitide in attacco ha cer- 39’ Punizione di Basile parata a fatica da Bianchi
Sambugaro - Lo accolgono i cato di sfruttare i calci piazzati. Met-
fischi dei tifosi del Pergo e lui non
entra in partita
sv tendoci anche quel pizzico di malizia
che i grigiorossi non hanno. Su ogni
1’st Punizione di Zanchetta, colpo di testa di Gervasoni: blocca Russo
4’ Girata di Rizza in area, para Bianchi
punizione della Cremonese i giocato-
ri gialloblù stazionavano sempre sul Tiro di Vitofrancesco deviato da un difensore che colpisce la parte alta
Acori - Il terreno è quello che è pallone per evitare la battuta veloce 7’
Sambugaro in contrasto con Rizza della traversa
ma la squadra continua ad insiste- e in avanti, le loro azioni di disturbo
re sui passaggini e non va quasi 5,5 sono state tante. C’è chi si arrangia tre a questo la squadra di Acori appa- 17’ Doppio salvataggio sulla linea di Ricci su tiri consecutivi di Gervasoni e
Cremonesi
mai al tiro con questi mezzi che nel calcio sono re ancora abbastanza leziosa. Il tiro
più che leciti. in porta è una rarità, specialmente 29’ Cross di Rizza, Bianchi smanaccia a fatica in calcio d’angolo
La Cremonese invece sul fattore dalla distanza. Le triangolazioni so-
Arbitro - Sguizzato di Verona a psicologico punta molto poco. Già im- no frequenti, anche quando il termi- 32’ Lolaico segna di mano ed esulta. Ammonito
volte è fiscale, altre lascia correre. pegnati a rimettersi in riga con l’arri- nale finale ha la possibilità di andare
Il suo assistente Perrone non ne in- 5,5 vo di Acori, i grigiorossi non cercano al tiro si cerca l’ulteriore passaggio 40’ Ci prova Nizzetto, Russo respinge, Musetti in tap in manda a lato
dovina una mai di mettere in soggezione gli av- al compagno. Prendersi con coraggio Palla lunga per Nizzetto, che entra in area, supera il portiere e poi
versari, non c’è mai il tentativo di im- qualche responsabilità in più non fa- 48’ scivola al momento del tiro
porre una sudditanza psicologica. Ol- rebbe male.
La Provincia
Lunedì 29 novembre 2010 Sport III
CREMONESE 1
PERGOCREMA 1
Cremonese: G. Bianchi, A.
Bianchi, Favalli, Gervasoni,
Tacchinardi, Cremonesi, Mira-
montes (dal 1’st Vitofrance-
sco), Zanchetta (dal 34’st Sam-
bugaro), Colacone (dal 27’st
Coda), Nizzetto, Musetti. A di-
sposizione: Paoloni, Sales, Ste-
fani, Pradolin. All. Acori.
Pergocrema: Russo, Ghidotti,
Rizza, Ricci, Romeo, Daleno,
Lolaico, Basile, Mammetti (dal
18’st Maccan), Galli, Scotto
(dal 23’ st Rodriguez). A disposi-
zione: Ingrassia, Simeoni, Pro-
feta, Mugelli, Tobanelli. All.
Maurizi.
Arbitro: Sguizzato di Verona
(assistenti Perrone di Modena
e Gotti di Bologna).
Reti: nel pt Zanchetta al 30’, Ba-
sile al 32’.
Note: spettatori 2.800 (paganti

CHI SALE
1.124, abbonati 1.504) per un in-
casso di 15.714 euro. Ammoniti

CHI SCENDE
Miramontes per gioco falloso;
Rizza e Daleno per gioco fallo-
so, Lolaico per comportamento
antisportivo. Al 30’ pt Zanchet-
ta si è fatto parare un rigore da
Russo. Calci d’angolo 5-4 a fa-
vore della Cremonese.
La rete annullata a Lolaico, sopra Maccan e Cremonesi
Basile Daleno

A sinistra
LE PAGELLE
Zanchetta di Dario Dolci
esulta dopo
avere segnato Russo - intuisce e ribatte il rigo-
il gol re di Zanchetta, ma non basta ad
del vantaggio
grigiorosso evitare il gol. Bravo ad opporsi nel fi- 6,5
A destra nale al diagonale di Coda.
l’esultanza
dei giocatori Ghidotti - prima in mediana,
del poi sulla linea difensiva, si batte
Pergocrema
dopo il gol con caparbietà e nella ripresa sfio- 6,5
di Basile ra anche la rete.
(fotoservizio
Ib frame Rizza - affonda meno rispetto al
e Geo)
solito, ma non disdegna comunque
di farsi vedere in zona d’attacco e,
per contro, di dare copertura alla di-
6
fesa.

Ricci - ribatte col corpo una con-


clusione ravvicinata destinata in re-
I TECNICI te, salvando così il risultato. Offre 7
di testa una palla-gol a Ghidotti.

Acori: «Fischi ingenerosi Bravo nelle chiusure.

Romeo - sempre attento e ben


piazzato, ribatte colpo su colpo sen- 6,5
La squadra ha dato tutto» za andare mai in affanno.

Daleno - si fa scappare Bian-


chi e provoca il rigore. Ma non è tut- 5,5
«Unerrorenostro sullorogol, mapoiabbiamocreatomolteoccasioni» ta colpa sua.

di Ivan Ghigi «Se a questa gara aggiungia- questo. Anzi, aggiungo l’otti-
mo le 14 precedenti mi spiego ma prova di Favalli: se c’era Lolaico - parte un po’ in sordi-
CREMONA — Leo Acori co- i fischi, se sono rivolti solo a un osservatore di serie A in tri- na, poi cresce nella ripresa. Segna
me sempre la prende con il sor-
riso e alla prima domanda de-
questa gara non mi piacciono.
La squadra non li merita, sfi-
buna dovrebbe chiamare subi-
to per averlo in squadra».
un gol con la mano e un altro di pie-
de, ma in entrambi i casi glielo an-
6
ve spiegare la capacità della do chiunque a dire che i ragaz- Ha visto qualche difficoltà nullano
Cremonese di sciupare il van- zi non hanno dato tutto». di troppo?
taggio. Cremonese bene o male? «Le difficoltà le hanno tut-
«E’ durato poco in effetti, «Primo tempo ottimo, se- ti, io dico che non abbiamo Basile - realizza un gol bello e
Basile ha fatto un grande gol e condo un po’ meno perché il compromesso nulla. Solo la ga- importante, ma ciò che più conta,
lì abbiamo sbagliato noi. Dove-
va seguirlo Colacone, non ab-
campo era ridotto male. Fac-
ciamo il conto delle occasio-
ra di Como non è stata come
volevo io, ma le altre, questa
corre, lotta, recupera palloni in
quantità industriale e non li spreca
8
biamo fatto bene i movimenti. ni? Oltre al rigore ricordo compresa, sono state di gran- mai.
Mi spiace dover fare lo stesso quelle di Gervasoni, Musetti, de sacrificio. Su certi episodi
refrain». Coda e due mischie. Poi è sta- regaliamo ancora molto ma
Squadra fischiata nel fina- to bravo Giorgio Bianchi su un diamo atto al Pergocrema di Mammetti - si presta ad un la-
voro generoso, anche in copertura,
le. loro contropiede. Io ho visto aver combattuto una bella bat-
taglia». soprattutto quando mister Maurizi 6
L’allenatore Contento dell’arbitraggio? «Sambugaro gioca un po’ L’allenatore lo dirotta in fascia.
del «Non ho capito perché su più alto e offensivo, Tacchi- della
Pergocrema un fallo da rigore non ha nardi invece dà più equilibrio Cremonese
estratto il secondo giallo per al fianco di Zanchetta e un tec- Galli - orchestra la linea media-
Agenore Leo Acori na, distribuisce palloni e apre l’azio-
Maurizi Daleno».
Perché Tacchinardi al posto
nico cerca prima di tutto
l’equilibrio». ne sulle fasce. Bravo ad interpreta- 7
di Sambugaro? © RIPRODUZIONE RISERVATA re entrambe le fasi di gioco.

Scotto - prima in fascia e poi al

Maurizi: «Nella ripresa abbiamo bloccato Zanchetta» centro, sa rendersi utile alla squa-
dra.
6

E’ soddisfatto Agenore Maurizi, an-


«Sul rigore grave errore»
di minuti ho invertito le posizioni di Maurizi si rammarica per l’azione «Siamo abituati. Nonostante que-
Maccan - non conclude a rete,
ma si dà molto da fare sul fronte of-
fensivo e compie azioni di disturbo
presso i difensori avversari nel mo-
mento dell’avvio dell’azione.
6
che se non lo dà molto a vedere. Il Scotto e di Mammetti per contrasta- che ha portato al rigore e per una di- sto, le nostre prestazioni non sono
tecnico del Pergocrema ha visto la re meglio il terzino Bianchi in fa- strazione nel finale. mai mancate. Finora abbiamo gioca- Rodriguez - entra a metà ri-
sua squadra uscire dallo ‘Zini’ tra scia». «Sul rigore c’è stato un errore di to male solo una gara (a Bassano) e presa e si segnala per un paio di
mezza (il primo tempo con la Saler- buone iniziative. Reclama un rigo-
gli applausi, perchè ancora una vol-
ta la prestazione ha convinto ed è
Tatticamente, la gestione del ma-
tch da parte del trainer gialloblù è
attenzione su una rimessa laterale.
E’ già la terza volta che quest’anno nitana). In due occasioni siamo stati re per un suo cross che, a suo dire, 6
piaciuta. «Sono contento per il risul- stata ancora una volta azzeccata. ci capita. Nel minuti di recupero, penalizzati e in altre cinque non è sarebbe interrotto da un braccio di
tato. In campo c’è stato molto agoni- «Nella ripresa, con Maccan e Rodri- poi, non avremmo dovuto concede- stato facile giocare con un uomo in un difensore grigiorosso.
smo ma, nonostante le condizioni guez, siamo passati al 4-4-1-1 per po- re quell’occasione alla Cremonese. meno. Non siamo nè brocchi nè feno-
del terreno, abbiamo espresso delle ter limitare l’azione di Zanchetta. D’altronde sono cose che possono ca- meni. Lottiamo per salvarci, giocan-
buone trame di gioco. In avvio vole- E’ per questo che ho sostituito gli at- pitare quando concedi 70 anni di dif- do con rabbia e agonismo». Maurizi - presenta una squa-
vamo fare avanzare la Cremonese ferenza ai tuoi avversari». dra ben disposta in campo e bene
per poi sorprenderla alle spalle, ma
taccanti; Scotto e Mammetti aveva-
no giocato comunque una buona ga- Per la precisione, gli anni erano
Per concludere, Pierangelo Lo-
detti, supervisore dell’attività di ba- organizzata e azzecca i cambi in 7
così facendo non riuscivamo a ren- ra. Nella ripresa, la squadra è anda- 52, ma ciò non toglie nulla all’osser- se, ha rassegnato le proprie dimis- corsa.
derci pericolosi. Dopo una ventina ta in crescendo». vazione del trainer gialloblù. sioni.(d.d.)
IV Sport La Provincia
Lunedì 29 novembre 2010

I giocatori. Gialloblù esaltati dal gran gol di Basile: «Se non avessimo pareggiato subito su questo campo sarebbe stato più difficile difendersi»

Grigiorossi: «Ultime due prove buone»


Alberto Bianchi: «Meglio queste prestazioni che la vittoria con la Paganese»
di Marco Frigoli di Dario Dolci
CREMONA — Nella sfida di E ora chiamatelo pure Sasà
campanile della nostra pro- B-r-asile. Dopo quello di Gub-
vincia, tra i pali grigiorossi - a bio è il secondo gol che il media-
dire il vero un po’ a sorpresa - no gialloblù realizza con un tiro
si è issata l’ultima bandiera tanto potente quanto preciso.
della Cremonese, Giorgio «Ne devo fare altri ancora. E’
Bianchi. Il portierone di Chia- stata una rete importante —
ri chiarisce l’episodio che ha commenta il mediano del Pergo-
portato Sguizzato ad annulla- crema — perchè su questo cam-
re il gol a Lolaico nelle battu- po, se non avessimo pareggiato
te iniziali della ripresa. subito, per la Cremonese sareb-
«Il guardalinee aveva alza- be stato più facile difendersi.
to la bandierina per segnala- Così, invece, abbiamo potuto as-
re il fuorigioco, io mi sono fer- sistere ad una gara a viso aper-
mato, Lolaico ha insaccato a to, nella quale tutte e due le
gioco fermo». squadre hanno provato a vince-
Osserviamo le facce da re. Da parte nostra c’è anche un
post-derby: quelle del Pergo pizzico di rammarico, perchè ab-
accennano un sorriso, le vo- biamo avuto anche le occasioni
stre invece? «Abbiamo voglia per vincere. Nella ripresa, infat-
ti, siamo cresciuti parecchio.
di vincere e se continuiamo in Dopo due sconfitte immeritate,
questo modo potremo inanel- questo risultato ci voleva e pre-
lare risultati per arrivare nel- mia la maniera scrupolosa con
le zone alte». la quale lavoriamo. Pian piano
I fischi alla fine sono quindi ci risolleveremo. Sono orgoglio-
ingenerosi? «E’ normale e ci so di far parte di questa squa-
spiace non essere riusciti a dra».
vincere. Ma non dobbiamo Dal goleador di giornata, la
chiedere scusa a nessuno, ab- parola passa al portiere France-
biamo dato l’anima ma non sco Russo, che spiega l’episodio
siamo riusciti a portare a casa del rigore.
i tre punti. E ci è mancato an- «Da una nostra disattenzione
che un pizzico di fortuna». su rimessa laterale è nato il fal-
Sulla stessa lunghezza d’on- lo di Daleno. Conoscevo Zan-
da si sintonizza Alberto Bian- chetta e ho intuito da che parte
chi: «Sono maggiormente sod- avrebbe calciato; purtroppo ho
disfatto per queste ultime ribattuto il rigore ma non è ba-
due prestazioni più che per la Zanchetta batte il calcio di rigore, Russo para Ricci in chiusura sul grigiorosso Colacone stato. In avvio ci siamo presenta-
vittoria con la ti un po’ contrat-
Paganese. Nel ti; le ultime due
primo tempo ab- sconfitte hanno
biamo giocato e inciso. I ragazzi
nel secondo ab- giovani devono
biamo creato 2-3 imparare a gesti-
occasioni. Met- re queste situazio-
tendoci l’anima ni. Dopo il pareg-
riusciremo ad gio, però, abbia-
uscire da questa mo giocato me-
situazione. Re- glio noi. L’1 a 1 ci
sto comunque ha tolto un peso e
soddisfatto del- da lì sono usciti la
la prova della nostra forza e il
squadra, con un carattere del
solo rammari- gruppo. Vorrei ri-
co». vedere il gol an-
Quale? «L’ar- nullato a Lolaico
bitro ha commes- e il fallo di mano
so un errore cla- su cross di Rodri-
guez. A parte que-
moroso non sto, adesso ci
sventolando il aspetta il Raven-
secondo cartelli- na, in una gara
no giallo a Dale- che vale sei pun-
no quando ha ti».
commesso fallo Dai salvataggi
da rigore su di di Russo a quelli
me: ci saremmo di Luca Ricci, il
trovati in supe- passo è breve.
riorità numeri- «Ho ribattuto
ca e in vantag- col sedere una
gio». palla destinata in
I giocatori del rete; non per
Pergo hanno niente i miei com-
avuto un atteg- Alberto Bianchi con la palla fra i piedi, davanti due avversari del Pergo (Ib frame) Tacchinardi insegue Scotto (foto Geo) pagni mi dicono
giamento più che ce l’ho largo.
‘aggressivo’? «Le squadre me- I DIRIGENTI A parte le battute, abbiamo con-
no tecniche di noi devono ar- quistato un bel punto, col cuore
rangiarsi in altri modi: ma

Il presidente Bucci: «Mossa la classifica»


ma anche col gioco e contro una
non sono queste furbizie a de- grande squadra. Perdere anco-
cidere una gara». ra sarebbe stato pesante. In set-
I fischi? «Non per la presta- timana c’era un po’ di tensione,
zione ma per la situazione in infatti siamo partiti così e così
classifica».
Il gol su rigore di Andrea
Zanchetta ha regalato una gio-
ia effimera e per il centrocam-
Il direttore Turotti: «Meritavamo di più» ma dopo il rigore ci siamo sve-
gliati. Nella ripresa avremmo
meritato qualcosa in più. Dopo
la delusione per la sconfitta im-
meritata contro la Reggiana,
pista ha rappresentato una li- Manolo Bucci, presidente del
berazione dopo un periodo dif- Pergocrema, si gode il pareg- questo punto ci dà morale. Ora
ficile. «Sono stato fortunato gio conquistato dalla sua squa- è necessario tornare a vincere
perché non ho calciato bene il dra. «E’ stata una bella parti- al ‘Voltini’».
rigore, poi la palla mi è torna- ta, molto intensa, disputata Da un difensore all’altro, il
ta sui piedi ed ho insaccato. su un campo al limite della commento successivo è di Fabio
Avrebbe potuto essere deter- praticabilità e questa volta Romeo. «Da una parte siamo
minante e darmi una gioia con un arbitraggio all’altezza contenti per la prestazione of-
maggiore, ma così non mi dà della situazione. La squadra ferta, dall’altra un po’ rammari-
tanta felicità». ha offerto un’ottima prestazio- cati perchè nella ripresa abbia-
«E poi - continua il capitano ne, intensa e combattiva, con- mo avuto le occasioni per vince-
grigiorosso - non sono d’accor- tro un grande avversario. Ave- re. Siamo scesi in campo attenti
do quando parlate di una no- vo chiesto ai ragazzi di muove- e concentrati, ma forse un po’ at-
stra difficoltà nella circolazio- re la classifica e di evitare tendisti. Dopo il gol della Cre-
ne della palla. Nel secondo espulsioni e mi hanno accon- monese abbiamo disputato la
tempo abbiamo fatto un’altra tentato. Per noi era un mo- nostra solita gara, intensa e ag-
partita per le condizioni del mento delicato e devo dire gressiva. A parte la prima mez-
bravo a tutti per come hanno zora contro la Salernitana, fino-
campo e paradossalmente ab- saputo affrontarlo e superar- ra ce la siamo sempre giocata
biamo creato di più. L’atteg- lo. Abbiamo offerto un’ottima contro tutti e lo stesso abbiamo
giamento è quello giusto, an- prestazione e abbiamo prova- fatto anche contro la Cremone-
che se sembra sempre che fac- to anche a vincere la gara. Nel se».
ciamo dei disastri. Ma non è secondo tempo siamo cresciu- La chiusura nello spogliatoio
così: pensiamo solo alla Saler- ti molto. Il pareggio è giusto. gialloblù spetta a capitan Danie-
nitana che perde con il Como Ripartiamo da qui e concen- le Ghidotti.
o alla fatica incontrata da al- triamoci sul Ravenna». «All’inizio volevamo aggredi-
tre squadre. Non siamo supe- Positivo anche il commento re alto i nostri avversari, ma lo-
riori agli altri ma lottiamo per del consigliere gialloblù Este- ro erano bravi a far girare palla.
vincere». van Centofanti. Il presidente del Pergo Bucci soddisfatto Carletti, Turotti e Calcinoni in tribuna Una volta incassata la loro rete
Con Colacone, i due Bian- «Un applauso alla squadra ci siano rimessi in pista e abbia-
chi e Zanchetta si è creato per come si è battuta e per Il direttore generale della sparmiato la mia rabbia per la la vittoria. Con tutto il rispet- mo disputato un’ottima gara,
uno zoccolo duro? «In questa aver saputo rimontare lo svan- Cremonese, Sandro Turotti, sconfitta di Como. Ma stavol- to per il Pergocrema ho visto finchè il campo ce l’ha permes-
squadra ci sono gli esempi po- taggio. C’è stata un’ottima re- si rammarica. ta non me la sento di dire cose solo un tiro in porta. La Cre- so. Per una volta non abbiamo
sitivi, sta a tutti aggregarsi. azione dopo due battute d’ar- «Nelle precedenti partite negative, credo che la Cremo- monese ha fatto di più, nono- avuto espulsioni e per domeni-
Tutti hanno capito la difficol- resto e questo fa ben sperare. ho criticato gli errori clamoro- nese abbia meritato la vitto- stante nella ripresa il campo ca non ci saranno squalificati.
tà e in campo non vedo gente Ho visto una partita piacevo- si, ho sottolineato i demeriti ria. Fino all’ultimo secondo è abbia reso la vita quasi impos- Un punto a Cremona è sempre
che tira indietro la gamba o le». della Cremonese e non ho ri- stata la Cremonese a cercare sibile». un bel risultato. Ora guardiamo
che non si sacrifica». avanti con più fiducia».
La Provincia
Lunedì 29 novembre 2010 Sport V

Tiro del gialloblù Ghidotti, para Bianchi Ricci salva nel finale sulla linea di porta un tiro di Cremonesi Giorgio Bianchi si tuffa, ma la palla finisce in rete

La tribuna. Sensibile: «Partita muscolare», Aschedamini: «Un pari che va bene»

Brighenti: giovani interessanti


Quale spettatore interessato
in tribuna c’era l’ex ct dell’Un-
der 21 azzurra Sergio Brighen-
ti: «I giovani si sono comporta-
ti tutti bene, su tutti Favalli,
Cremonesi, Ricci e Romeo:
speriamo che vengano chia-
mati in categorie superiori e
che non ammuffiscano in se-
rie C. Il mio compito è spinge-
re le società a pescare in que-
sta categoria i giovani più in-
teressanti. E che la smettano
di cercare all’estero».
Al suo fianco Aldo Sensibi-
le: «Una partita molto musco-
lare, basata sulla forza e i con-
trasti. Io guardo la mentalità:
bisogna rispettare questa ca-
tegoria, calarsi in essa anche
se ci sono alte individualità.
Con un altro terreno la Cremo-
nese avrebbe fatto valere di
più i valori in campo». L’ex grigiorosso Aldo Sensibile ieri in tribuna
Alessio Pirri ha commenta-
to il derby ai microfoni di Stu-
dio 1. «Una partita bellissi-
ma, ben giocata da entrambe
le squadre che hanno costrui-
to diverse occasioni per vince-
re. Da tifoso della Cremonese
speravo nel successo dei gri-
giorossi, anche se il Pergo non
si è mai tirato indietro».
Ex di entrambe le squadre,
Luca Coti commenta così il
derby provinciale. «Alla mag-
gior qualità tecnica della Cre-
monese, il Pergocrema ha op-
posto una migliore organizza-
zione di gioco. E’ sempre un
piacere veder giocare la squa-
dra di Maurizi, che è molto
bravo anche a lavorare sulla
testa dei suoi giocatori. Devo
dire poi di aver ammirato un
Basile straordinario. Capita Fangoterapia per il centrocampista della Cremonese Luca Nizzetto Il presidente del Pergo Bucci con l’allenatore Maurizi prima della gara
raramente di vedere un gioca-
tore sempre così presente nel
vivo del gioco. Alla fine, co-
munque, credo che il pareg-
gio sia il risultato giusto».
Soddisfatto della prestazio-
ne del Pergocrema è anche il
presidente onorario Massimi-
liano Aschedamini.
«Dopo due sconfitte, la
squadra ha fornito una prova
di grande carattere. E’ stato
un derby che è partito un po’
in sordina, con scarsa attesa e
scarsa presenza di pubblico,
ma che alla fine ha divertito
chi era allo stadio. Nonostan-
te il terreno impossibile, il
Pergo se l’è giocata a viso
aperto, ha reagito allo svan-
taggio e ha cercato fino alla fi-
ne di vincere. Sono stato pia-
cevolmente sorpreso dalla
qualità del gioco espressa, ol-
tre che dal solito impegno e
agonismo. Il pareggio mi sta
bene. Vorrà dire che per en-
trare nella storia della nostra
società, mister Maurizi e i
suoi ragazzi dovranno atten-
dere il girone di ritorno».
© RIPRODUZIONE RISERVATA Il presidente onorario del Pergocrema Massimiliano Aschedamini ieri allo Zini Il difensore grigiorosso Cremonesi si dispera per la occasione fallita

Musetti sconsolato durante la partita Sconsolati i giocatori della Cremonese a fine gara Fanno invece festa i giocatori del Pergocrema
VI Sport La Provincia
Lunedì 29 novembre 2010

Pari ineccepibile, ma chissà se tutta la Cremo avesse giocato col ‘cuore’ di Tacchinardi, insomma se avesse avuto...
POLPACCI
&
NUVOLE
La Tacchicardìa
Pergo fatto su misura per la battaglia to Stefani (ma non si equivo-
di Giovanni Ratti
chi, Favalli è un indiscutibile

L
a Cremo ha vinto due mi- valore aggiunto). Il bocconci-
nuti di derby. Quelli fra no di derby che è toccato a
i gol di Zanchetta (rigo- Sambugaro ha invece legitti-
re sbagliato e rimediato) e di mato la scelta iniziale. Il più
Basile (sassata esatta e catti- uomo derby di tutti è stato,
va). Il resto lo ha pareggiato, non proprio a sorpresa, Tac-
e guarda che non le si poteva chinardi, che ha fatto un paio
chiedere di più, avendo con- di errori uno dei quali da con-
tro un Pergo che è troppe vol- sumare una matita blu, ma ha
te più squadra da derby (e an- masticato il campo per novan-
che un po’ più squadra e ba- tacinque minuti tappando e
sta), oltre a quasi tutte le va- rattoppando tagliando e ricu-
rie ed eventuali. cendo. Chissà che Cremo sa-
rebbe, se tutti giocassero col
Il derby è anche una partita cuore di Mario: chissà se un
di calcio, ma in questa frase giorno vedremo una squadra
dall’apparenza innocua nella intera con la Tacchicardìa.
sua ovvietà e invece assassina Il Pergo ha avvalorato subi-
la parola chiave è ‘anche’: per- to il facile sospetto che si trat-
chè il derby è parecchio di tasse di una squadra molto
più, tanto di più da finire per più derbivora, capace di bru-
essere qualcosa di diverso da care l’erba amara e spinosa
una partita di calcio. Il derby del derby e di digerirla. E’
lo devi prendere per il bavero una schietta squadra di serie
per il collo o dove altro ti rie- C e magari non fosse stata
sce di afferrarlo, devi fare la l’unica che si è vista in campo
faccia da derby anzi la devi ieri: ha un assetto tattico as-
avere, ti deve venire natura- sennato, e innervato dalla sa-
le, altrimenti è solo una smor- crosanta protervia di chi è af-
fia. Altrimenti è come far fare famato sul serio, non si deve
il tenente Callaghan a Danny sforzare di sembrarlo. Poteva
Acori scuote i suoi; a destra un duello fra Rizza e Tacchinardi perdere il derby, ma l’unica
de Vito. Il Pergo se l’è trovata
addosso, la faccia da derby, se volta che si è trovata a perder-
sa che non gli capitava da un che non ci sono state vistose a quello che si vede sul cam- cate (che potevano diventa- lo sul serio ha rimediato per
l’è messa e non l’ha tolta fino po’). Tre condizioni che ieri diserzioni, ci sono state poche po. Ci si stanca anche di esse- re) importanti, Musetti che
all’ultima palla. Brutti spor- direttissima, ha rischiato un
erano presenti in tutto il loro omissioni (ma una mancata co- re esigenti, con una squadra ha un navigatore che ama i vi- po’ di essere disarcionata ma
chi e cattivi diventano aggetti- splendore, e hanno aggrovi- pertura sulla trequarti è costa- che ricade nelle stesse banali- coli ciechi, Nizzetto che svie-
vi preziosi in un pomeriggio anche un po’ di fare il colpo,
gliato ancora di più il derby ta l’angolo che ha innescato il tà, abbiamo aspettato fin trop- ne sull’ultima palla-derby. l’impressione è che giocare in
del genere, diventano encomi Acori ha mandato ancora un trasferta lo agevoli, che la
solenni, anche quando non co- della Cremo. Che poteva esse- gol), tutti hanno dato lavoro po a stancarci del giochino
re vinto e anche perso, ma alla lavanderia. E insomma si grandi attese-delusioni. Chi messaggio ai naviganti spe- prossima volta che gli verrà
la acqua gelata per tutto il dendo in porta Giorgiobian- designato Sguizzato non stril-
tempo, anche quando il cam- non è del tutto un caso se è sta- è fatto quello che si poteva, se non si era ancora adeguato
chi, il quale ha bisticciato un lerà alla congiura di Palazzo,
po è così fradicio che ogni ap- to pareggiato: il Pergo ha ba- tieni conto che la Cremo sta al magari ieri si è ancora incavo- paio di volte con quella sapo-
dato a elidere la Cremo dalla derby come Murigno sta al ga- lato nel vedere Albertone che le circostanze generali
poggio è una scommessa e do- netta che usavano al posto del della giornata non l’abbiano
po un po’ le gambe diventano partita e magari su un campo lateo. Ma forse il brutto è pro- Bianchi che dopo l’invenzione pallone, ma ha salvato la gior- sfavorito. Ma in termini di
di legno, anche quando l’arbi- più giocabile avrebbe anche prio qui, che non si riesce del rigore per un po’ si diletta nata non solo sua con un’illu- mordente caratteriale fra Per-
tro non è uno che concede fra fatto male con quel contropie- nemmeno più a essere troppo nel ricamo, Miramontes che si stre uscita a zompo, specialità go e Cremo passa la differen-
il parecchio e il troppo alla de manovrato che invece ha delusi, stai a vedere che quan- ostina a giocare la partita im- della casa. Ci si permetterà di za che c’è fra Dracula e uno
malizia dei giocatori (e infatti sfoderato con sovrana parsi- to ci si aspetta da questa squa- possibile, lo chef Zanchetta essere almeno incuriositi dal- che dorme con la dentiera sul
il Pergo ha finito in undici, co- monia; della Cremo va detto dra è in fase di adeguamento che dimentica il sale nelle gio- la panchina fissa cui è abbona- comodino.

I TABELLINI DI PRIMA DIVISIONE

Il Como batte la Salernitana, due le partite non giocate


Il maltempo ferma Gubbio-Sorrento e Ravenna-Spal, stasera il posticipo tra la Reggiana e il Bassano
COMO 2 ALTO ADIGE 0 SPEZIA 1 VERONA 0 ALESSANDRIA 0
SALERNITANA 1 LUMEZZANE 0 PAGANESE 0 PAVIA 0 MONZA 0
Como: Castelli; Maggioni; Lica- Alto Adige: Zomer, Brugger, Spezia: Conti; Marchini (25'st Verona: Rafael, Cangi, Sca- Alessandria: Servili; Pucino,
ta; Conti; Ardito; Gomes (27’st Kiem, Nazari, Martin; Burato, G. Capuano ng.), Fissore, Co- Romeo; Cammaroto, Segarelli,
Morandi); Da Dalt (22’st Bardel- glia, Esposito, Maietta, Vergi-
Romano M.; Campo, El Kad- mazzi, Pedrelli; Casoli (43'st ni, Le Noci, Mancini, Selva Bonomi; Negrini (81' Cuneaz),
loni); Riva; Fortunato; Cozzoli- Boldrini), Padoin, Lollo; Van- Camillucci, Martini (61' Scappi-
no; Maah (35’st Fautario). All. douri (31' st Romano A.), Fur- (82' Torregrossa), Hallfreds-
lan; Marchi (38' st Albanese). nucchi; Cesarini (33'st Lazza- ni), Artico (Cap.), Croce. All.
Garavaglia. son (89' Anderson), Pichl- Sarri.
Salernitana: Polito; Balestri; All. Sebastiani. ro), Colombo. All. Pane. mann (78’ Garzon). All. Man-
Lumezzane: Di Gennaro, Pisa- Paganese: Gabrieli; Macrì, Monza: Westerveld; Uggè, Bu-
Legittimo; Carrus; Peccarisi; Al- dorlini. gno (84' Barjie); Oualembo,
tobello; Ragusa (41’st Litteri cane, Checcucci, Ramos B. Cuomo, Martinelli, Panini, Pavia: Facchin, Daffara, Vi-
ng); Montervino (33’st Montal- (23' pt Luciani), Zanardini; Faro- Sciannamè (15'st Siciliano) Fiuzzi, Cudini; Iacopino, Zebi,
sconti, Carotti, Preite, Blan- Ferrario, Meduri, Ricci. All. Ver-
to); Falzerano (17’st Tricarico); ni,(18' st Finazzi); Alberti, Lau- (34'st G. Esposito); Tortori, Vi-
Pestrin; Fava. All. Breda. cedomini, Casisa, Lepri (1'st chard, Tarantino (70' Del San- delli.
ria (27' st Inglese), Calliari, Bra-
Arbitro: Claudio Gavillucci di daschia; Galabinov. All. Nicola. Liccardo); Magliocco. All. E. Ca- te), Ferrini (61' Pellegrini), Fer- Arbitro: De Meo di Foggia.
Latina. puano retti (92' Caidi), Guadalupi, Tat- Note: partita iniziata alle 15.15
Arbitro: De Giudice di Latina. causa sgombero della neve dal
Reti: 17’ Carrus; 21’ Gomes; Arbitro: Giorgetti di Cesena. tini. All. Andrissi.
30’st Morandi. Note: cielo coperto e da una in- terreno di gioco e giocata sotto
cessante nevicata. Terreno al- Rete: 7'st Casoli. Arbitro: Carbone di Napoli.
Note: campo allentato. Spetta- una fitta nevicata fino al 30’ del
lentato e scivoloso, temperatu- Note: spettatori 2.563. Terreno Note: spettatori 9200 circa; an-
tori 1000 circa. Angoli 4-6. Am- secondo tempo. Ammoniti: We-
ra rigida. Spettatori: 1200 cir- pesante per la pioggia. Espulso goli 6-2 per il Verona. Ammoni- sterveld, Oualembo, Ricci,
moniti: Peccarisi, Altobello, Fa-
va, Legittimo, Gomes, Maggio- ca. Ammoniti: Checcucci e Fa- Colombo al 20'pt per gioco vio- ti: Carotti 8', Ferrini 26', Tattini Scappini. Espulsi: l'allenatore
ni, Cozzolino. Espulso Pestrin roni del Lumezzane. Al 42' è lento; Tortori al 43'pt per dop- 34' del Pavia, Garzon 95' del dell'Alessandria Maurizio Sarri
al 10’st per fallo da dietro di Coz- stato espulso, direttamente dal- pia ammonizione. Ammoniti Ce- Verona. Recupero pt 1’ st 5'. e del Monza Corrado verdelli al-
zolino, Ardito al 38’st per dop- la panchina, il secondo portiere sarini, Martinelli, Sciannamè, Giornata fredda e piovosa. l'80' per essere usciti dalla loro
pia ammonizione. Gaggiotti per proteste. Magliocco. Campo appesantito. area tecnica.
Il tecnico dell’Alessandria Sarri

LA CLASSIFICA DEI BOMBER


La partita alle 21
Una domenica senza movimenti
11 reti: Paulinho (Sorrento). Caturano (Ravenna), Alessi (Reggiana), na).
in onda su Studio1
La partita tra Cremonese e
9 reti: Cipriani (Spal). Ragusa (Salernitana), Erpen, Pignalosa Pergocrema si potrà rivedere
7 reti: Gomez (Gubbio), Ferrario (Monza). (Sorrento), Lazzaro (Spezia), Pichlmann questa sera su Studio1 che do-
5 reti: Scappini (Alessandria), Crocetti (Verona). I MARCATORI GRIGIOROSSI po lo switch off di qualche
(Bassano), Temelin (Reggiana), Le Noci 2 reti: Romano (Alto Adige), Baido, Lagrot- 4 reti: Bianchi, Musetti giorno fa trasmette ora sul ca-
(Verona). teria (Bassano); Maah, Cozzolino (Como), 2 reti: Sambugaro, Coda nale 80 del telecomando. I
4 reti: Artico (Alessandria), Campo, Mar- Coda, Sambugaro (Cremonese), Gala- 1 rete: Miramontes, Vitofrancesco, Prado- vecchi canali non sono più va-
chi (Alto Adige), Bianchi, Musetti (Cremo- no (Gubbio); Emerson, Bradaschia, Ferra- lin, Nizzetto, Zanchetta. lidi. Nel caso di mancata rice-
nese); Ferretti (Pavia), Guidetti (Reggia- ri (Lumezzane); Fiuzzi, Bugno (Monza), zione occorre provare con la
na), Fava (Salernitana), Togni (Sorrento), Tedesco, Seedorf, Tortori (Paganese); Ba- risintonizzazione del deco-
Fofana (Spal). sile, Mammetti, Lolaico, Rodriguez (Per- I MARCATORI GIALLOBLU der. La partita sarà trasmessa
3 reti: Damonte, Martini (Alessandria), Ri- gocrema), Chianese (Ravenna), Saveri- 3 reti: Simeoni. alle ore 21 con la cronaca di
va (Como), Borghese, Donnarumma (Gub- no (Reggiana); Carcuro, Litteri (Salernita- 2 reti: Basile, Mammetti, Lolaico, Rodri- Mauro Maffezzoni e il com-
bio), Calliari, Galabinov (Lumezzane), Del na), Migliorini, P. Rossi, Meloni (Spal); Ca- guez. mento tecnico di Alessio Pir-
Sante (Pavia), Simeoni (Pergocrema), soli, Cesarini (Spezia), Halfredsson (Vero- 1 rete: Ghidotti, Scotto, Ricci. Basile del Pergocrema in contrasto ri.
La Provincia
Lunedì 29 novembre 2010 Sport VII

Il colore del tifo

I tifosi del Pergocrema ieri in curva Nord allo Zini Parapioggia aperti in tutta la curva ‘Erminio Favalli’ per i 90 e passa minuti di Cremonese-Pergocrema

Lagiornata di pioggia, le protestecontro la tessera del tifoso, sisono fatti sentire i ragazzinidelleScuole Calcioin tribuna Iper

Poca la rivalità sugli spalti dello Zini


IncassoallaCroceRossadiVicenzaperidannidell’alluvione
Una giornata quasi impossibile, con pioggia, neve, vento e tem-
peratura vicina allo zero. Il grande pubblico ha disertato lo Zi-
ni nella gara forse più importante della stagione, il derby fra
Cremonese e Pergocrema. Non traggano in inganno i numeri uf-
ficiali, molti dei 1.504 abbonati non si sono presentati davanti
ai tornelli dello Zini. Da Crema non sono arrivati gli Ultras, per
protestare contro l’apertura a tutti della curva Nord, anche a
chi non dotato di tessera del tifoso. In settimana abbiamo pub-
blicato il loro documento. Comunque un centinaio di tifosi del
Pergo erano in Curva, fra questi anche qualche supporter del
Piacenza.
A sinistra il
tiro decisivo
di Basile che
vale il
pareggio del
Pergocrema
Sotto i
ragazzini delle
Scuole Calcio
nella
tribunetta Iper
dello Zini

Diverso l’atteggiamento dei ti- mo riusciti a leggere), uno dei


fosi della Cremonese. Anche i quali ricordava l’indimentica-
grigiorossi (quella senza tesse- to Giorgio Alquati, fotografo
ra del tifoso) hanno protesta- per hobby per il nostro giorna-
to per la decisione dell’Osser- le, amico di centinaia di tra-
vatorio del Ministero dell’In- sferte al seguito della Cremo-
terno, ma hanno deciso di ac- nese.
quistare il biglietto di tribuna Non sono mancati gli sfottò
e di essere vicino alla squa- fra le due tifoserie, anche se
dra. Anche per un’altra moti- decisamente in tono minore ri-
vazione: ieri l’incasso è anda- spetto al solito. A fare il mag-
to alla Croce Rossa di Vicen- gior tifo alla fine sono stati i
za, per aiutare le popolazioni ragazzini delle scuole calcio
di questa provincia ad affron- che si sono disposti nella tri-
tare la ricostruzione dopo i bunetta Iper dello stadio. Ad
danni delle esondazioni dei ogni slogan lanciato dai tifosi
fiumi. del Pergo i ragazzini hanno ri-
Il gruppo dei cremonesi (ol- sposto urlando più forte il no-
tre 150) si è spostato dalla tri- me della loro squadra.
buna verde ai parterre, da do- Stavolta, rispetto agli anni
ve ha seguito l’intera partita. passati, è andato tutto bene
Durante il primo tempo sono anche in tribuna. Nessuno ha
stati srotolati alcuni striscio- alzato al voce più del dovuto.
ni (che dalla tribuna non sia- Bene così.
Ad inizio gara
scambio di
gagliardetti
fra il capitano
del
Pergocrema
Ghidotti e
quello della
Cremonese
Zanchetta