Sei sulla pagina 1di 23

1

SESSIONE 22
22.1

- A COMPORRE IL RENDICONTO FINANZIARIO PER FLUSSI DI


LIQUIDITA’

- CHE ESISTE UNO STRUMENTO CHE FACILITA LA


COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO: IL FOGLIO DI
LAVORO “AD H”. L’UTILIZZO DEL FOGLI DI LAVORO E’ UTILE,
MA NON INDISPENSABILE IL FOGLIO DI LAVORO NON
SOSTITUISCE IL PROSPETTO DI RENDICONTO FINANZIARIO
2

22.2

Ne segue che la variazione periodale complessiva dei


fondi liquidi risulta anch'essa distinta nelle due
componenti:

- flusso di liquidità originato dalla gestione reddituale


- flusso di liquidità originato dalla gestione
patrimoniale-finanziaria.
3

22.3

Occorre comprendere:

a) quali siano le classi di valori da considerare per procedere


alla individuazione delle rettifiche da apportare al flusso
di C.C.N. prodotto dalla gestione reddituale;

b) quale sia l'ammontare delle rettifiche da apportare al


medesimo flusso;

c) quale sia il segno algebrico che si associa a ciascuna di tali


rettifiche, così da evidenziare se esse rappresentino una
fonte (genesi) oppure un impiego (assorbimento) di
liquidità.
4

22.4

+/- FLUSSO DI C.C.N.


DELLA GESTIONE REDDITUALE

+ DECREMENTO DI CREDITI CORRENTI


oppure
- INCREMENTO DI CREDITI CORRENTI

+ DECREMENTO DEL MAGAZZINO


oppure
- INCREMENTO DEL MAGAZZINO

+ DECREMENTO DEI RATEI & RISCONTI ATTIVI


oppure
- INCREMENTO DEI RATEI & RISCONTI ATTIVI

+ INCREMENTO DI DEBITI CORRENTI


oppure
- DECREMENTO DI DEBITI CORRENTI

+ INCREMENTO DEI RATEI & RISCONTI PASSIVI


oppure
- DECREMENTO DEI RATEI & RISCONTI PASSIVI

= FLUSSO DI LIQUIDITA'
DELLA GESTIONE REDDITUALE
5

22.4.a

VARIAZIONE POSITIVA dei VARIAZIONE NEGATIVA


CREDITI a BREVE (segno -) dei CREDITI a BREVE (segno
+)
Corrisponde ad un mancato
incremento dei fondi liquidi Corrisponde ad un relativo
connesso con l’incremento delle incremento dei fondi liquidi
dilazioni concesse alla clientela. connesso con la decurtazione
Dunque, nel determinare il dell’esposizione creditoria nei
flusso di liquidità della gestione confronti della clientela. Dunque,
reddituale questa variazione va nel determinare il flusso di
sottratta dal flusso di C.C.N. liquidità della gestione reddituale
prodotto dalla gestione questa variazione va aggiunta al
reddituale. Rappresenta infatti flusso di C.C.N. prodotto dalla
un IMPIEGO di liquidità. gestione reddituale. Rappresenta
infatti una FONTE di liquidità.
6

22.4.b

VARIAZIONE POSITIVA dei VARIAZIONE NEGATIVA dei


DEBITI a BREVE (segno +) DEBITI a BREVE (segno -)

Corrisponde al mancato Corrisponde ad un decremento


decremento dei fondi liquidi dei fondi liquidi connesso con
connesso con maggiori dilazioni minori dilazioni ottenute dai
ottenute da parte dei fornitori. fornitori. Dunque, per
Dunque, nel determinare il determinare il flusso di liquidità
flusso di liquidità prodotto dalla prodotto dalla gestione reddituale
gestione reddituale questa questa variazione va sottratta al
variazione deve essere aggiunta flusso di C.C.N. prodotto dalla
al flusso di C.C.N. prodotto dalla gestione reddituale. Rappresenta
gestione reddituale. Rappresenta infatti un IMPIEGO di liquidità.
infatti una FONTE di liquidità.

VARIAZIONE POSITIVA del VARIAZIONE NEGATIVA del


MAGAZZINO (segno -) MAGAZZINO (segno +)

Corrisponde al sacrificio di fondi Corrisponde al recupero di fondi


liquidi corrisposti per acquisire e liquidi reso possibile dal relativo
trasformare fattori produttivi che smobilizzo del magazzino che si
non sono stati ancora tradotti in realizza mediante le vendite.
vendite. Dunque, nel Dunque, nel determinare il flusso
determinare il flusso di liquidità di liquidità della gestione
della gestione reddituale questa reddituale questa variazione deve
variazione deve essere sottratta essere sottratta al flusso di C.C.N.
al flusso di C.C.N. della gestione della gestione reddituale.
reddituale. Rappresenta infatti Rappresenta infatti una FONTE
un IMPIEGO di liquidità. di liquidità.
7

22.5

Nella ADFC si verifica una


variazione di liquidità pari a: (400 - 120) = -280

ESSA
E’ SPIEGATA DA:

FONTI IMPIEGHI
Disinvestimenti + 900
Investimenti - 2.900
Pagamento dividendi - 20
Rimborso finanziamenti - 859

Flusso di liquidità della g.


patrimoniale-finanziaria - 2.879
8

22.5.a

STATO PATRIMONIALE ADFC S.p.A. X-1/X

ATTIVITA' Anno X-1 Anno X Differenza PASSIVITA' E NETTO Anno X-1 Anno X Differenza

Attività correnti Passività correnti


Cassa 100 60 -40 Banca Y c/c 100 110 10
Banca X c/c 300 60 -240 Debiti vs fornitori 815 1.781 966
Titoli 260 300 40 Altri debiti 175 530 355
Crediti vs clienti 400 100 -300 Ratei e risconti passivi 25 76 51
- fondo svalutazione crediti 0 -10 -10 Debiti tributari 35 209 174
Altri crediti a breve 710 190 -520
Ratei e risconti attivi 300 250 -50
Rimanenze di magazzino 80 80 0
Totale attività correnti 2.150 1.030 -1.120 Totale passività correnti 1.150 2.706 1.556

Attività immobilizzate Passività a M/L


Materiali
Chioschi 1.600 900 -700 Mutui passivi 1.500 909 -591
- fondo amm.to chioschi -1.425 -450 975 Debiti vs padre di Pierino 268 0 -268
Attrezzature di refrigerazione 900 1.500 600 Prestito obbligazionario 200 200 0
- fondo amm.to attrezz. refrigeraz. -300 -500 -200 Debiti per TFR 260 390 130
Attrezzature di ristorazione 400 800 400 Totale passività a M/L 2.228 1.499 -729
- fondo amm.to attrezz. ristoraz. -250 -300 -50
Mobili e arredi 500 1.100 600
- fondo amm.to mobili/arredi -450 -600 -150
Rete informatica 450 450 0
- fondo amm.to rete informatica -241 -290 -49
Automezzi 90 90 0
- fondo amm.to automezzi -20 -30 -10

Immateriali Patrimonio netto


Marchio 480 300 -180 Capitale sociale 400 500 100
Spese di pubblicità 0 600 600 Riserva legale 65 80 15
Altre riserve 6 6 0
Finanziarie Utile/perdita di esercizio 35 209 174
Partecipazioni 0 400 400

Totale attività immobilizzate 1.734 3.970 2.236 Totale patrimonio netto 506 795 289

Totale attivo 3.884 5.000 1.116 Totale passivo e netto 3.884 5.000 1.116
9

22.5.b

Utile netto + 209

COSTI NON INFLUENTI


TFR personale operativo + 65
TFR personale vendite + 49
TFR personale amministrativo + 16
Ammortamento beni materiali + 484
Ammortamento beni immateriali + 180

Plusvalenza da alienazione cespiti - 800

---------
Flusso di CCN della G. reddituale + 203
-----------

Disinvestimenti (1) + 100


+ plusvalenza da alienazione cespiti + 800

Investimenti (2) - 2.900


Distribuzione dividendi (3) - 20
Rimborsi debiti a medio lungo (4) - 859
---------
Flusso di CCN complessivo
della G. patrimoniale-finanziaria - 2.879
---------
10

22.6

FONTI IMPIEGHI

Flusso di CCN gestione reddituale 203

Aumento titoli 40
Riduzione crediti verso clienti 310
Riduzione altri crediti a breve 520
Riduzione ratei e risconti attivi 50
Aumento debiti verso banca Y 10
Aumento debiti verso fornitori 966
Aumento altri debiti 355
Aumento ratei e risconti passivi 51
Aumento debiti tributari 174

Totale delle variazioni 2.436 40

Flusso di Liquidità g. reddituale 2.599


11

22.7

Flusso di liquidità di
natura patrimoniale- - 2.879
finanziaria:

Flusso di liquidità di + 2.599


natura reddituale

Variazione di liquidità - 280


dell’esercizio
12

22.8

Rendiconto finanziario
per flussi di liquidità della ADFC SpA
FONTI (+) IMPIEGHI (-)

G. Reddituale 2.599 G. Patrim.le


& Finanziaria 2.879

Variazione com-
plessiva 280

TOTALE
A PAREGGIO 2.879 TOTALE IMPIEGHI 2.879
13

22.9

FOGLIO DI LAVORO "AD H"


Col. 1 Col. 2 Col.3 Col. 4 Col. 5 Col. 6 Col. 7 Col. 8
STATO PATRIMONIALE Valori all'inizio del Flusso di CCN Flusso di CCN Variazioni delle Valori alla fine
RICLASSIFICATO periodo della G. della G. patrimoniale AC e PC nel del periodo
SECONDO LIQUIDITA' ED Reddituale periodo
ESIGIBILITA'
Investimenti/disinv. Accensione/ Operazioni sui
in attività rimborso mezzi propri
immobilizzate finanziamenti
R. 1 ATTIVO CORRENTE
Cassa/Banca
Crediti a BT netti
Titoli
Magazzino
Ratei attivi
TOTALE

R. 2 PASSIVO CORRENTE
Debiti a BT
Risconti passivi
TOTALE

R. 3 CCN

R. 4 ATTIVO IMMOBILIZZATO
Immbilizzazioni materiali
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni finanziarie
TOTALE

R. 5 TOTALE ATTIVO -
PASSIVO CORRENTE

R. 6 PASSIVO A M/L

R. 7 MEZZI PROPRI

R. 8 TOTALE A PAREGGIO
14

22.9.a

• IN COLONNA (1) SONO RIPORTATE LE VOCI DELLO STATO


PATRIMONIALE RICLASSIFICATE SECONDO IL CRITERIO DELLA LIQUIDITÀ
ED ESIGIBILITÀ. SONO EVIDENZIATI L'ATTIVO CORRENTE - RIGA (1) - E IL
PASSIVO CORRENTE - RIGA (2) - E QUINDI, PER DIFFERENZA IN RIGA (3),
IL C.C.N.. IL C.C.N. È POI SOMMATO ALL'ATTIVO IMMOBILIZZATO DI
SEGUITO RIPORTATO - RIGA (4) - DANDO ORIGINE ALLA DIFFERENZA
TRA IL TOTALE ATTIVO E IL PASSIVO CORRENTE DI RIGA (5). IL
PROSPETTO SI CONCLUDE CON L'INDICAZIONE DELLE ULTIME DUE
CLASSI DI STATO PATRIMONIALE OSSIA DEL PASSIVO A MEDIO/LUNGO -
RIGA (6) - E DEI MEZZI PROPRI - RIGA (7) - E DELLA LORO SOMMA - RIGA
(8). IL FOGLIO DI LAVORO È COSTRUITO IN MODO TALE CHE I VALORI
INDICATI NELLA RIGA (5) DEBBANO PAREGGIARE SEMPRE CON I VALORI
INDICATI NELLA RIGA (8).

• IN COLONNA (2) E IN COLONNA (8) DEVONO ESSERE RIPORTATI I


VALORI ASSUNTI DALLE DIFFERENTI POSTE DI STATO PATRIMONIALE
RISPETTIVAMENTE ALL'INIZIO E ALLA FINE DEL PERIODO CONSIDERATO.
NEL CASO IN CUI IL PROSPETTO DI RENDICONTO FINANZIARIO SIA
COSTRUITO CON RIFERIMENTO ALL'ESERCIZIO TALI VALORI POTRANNO
ESSERE INDIVIDUATI ANALIZZANDO LO STATO PATRIMONIALE
DELL'ESERCIZIO IN CORSO E LO STATO PATRIMONIALE DELL'ESERCIZIO
PRECEDENTE. IN PARTICOLARE I DATI DA RIPORTARE NELLA COLONNA
(2) CORRISPONDERANNO A QUELLI INDICATI NELLO STATO
PATRIMONIALE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE.
15

22.9.b

• IN COLONNA (7) È CALCOLATA LA VARIAZIONE COMPLESSIVA SUBITA


DAL C.C.N. TRA L'INIZIO E LA FINE DELL'ESERCIZIO E SONO INDICATE
ANALITICAMENTE LE VARIAZIONI SUBITE DALLE SINGOLE POSTE CHE
COMPONGONO GLI AGGREGATI ATTIVO CORRENTE E PASSIVO
CORRENTE.

• LA VARIAZIONE SUBITA NEL PERIODO DAL C.C.N. INDIVIDUATA


NELLA COLONNA (7) VIENE SPIEGATA IN FUNZIONE DI DUE CATEGORIE
DI FLUSSI FINANZIARI:

A. IL FLUSSO DI C.C.N. DELLA GESTIONE REDDITUALE


INDIVIDUATO IN COLONNA (3);

B. IL FLUSSO DI C.C.N. DELLA GESTIONE PATRIMONIALE-


FINANZIARIA INDIVIDUATO NELLE SUE SINGOLE COMPONENTI
NELLE COLONNE (4), (5) E (6). IN PARTICOLARE:

• IN COLONNA (4) SONO INDICATE LE OPERAZIONI INFLUENTI


DI TIPO PATRIMONIALE-FINANZIARIO CHE HANNO
INTERESSATO L'AGGREGATO ATTIVO IMMOBILIZZATO;

• IN COLONNA (5) SONO INDICATE LE OPERAZIONI INFLUENTI


DI TIPO PATRIMONIALE-FINANZIARIO CHE HANNO
INTERESSATO L'AGGREGATO PASSIVO A MEDIO/LUNGO
TERMINE;

• IN COLONNA (6) SONO INDICATE LE OPERAZIONI INFLUENTI


DI TIPO PATRIMONIALE-FINANZIARIO CHE HANNO
INTERESSATO L'AGGREGATO MEZZI PROPRI.

IL PROSPETTO È COSTRUITO IN MODO TALE DA RICHIEDERE LA


QUADRATURA IN SENSO ORIZZONTALE E IN SENSO VERTICALE.
LA SOMMA DEI FLUSSI DI C.C.N. INDICATI IN COLONNA (3), (4), (5), (6)
DEVE RISULTARE ESATTAMENTE PARI ALLA VARIAZIONE DI C.C.N.
EVIDENZIATA IN COLONNA (7).
16

22.10
17

22.11

STATO PATRIMONIALE
Attività X-1 X Passività X-1 X
Impianti 57.000 66.000 Fornitori 27.000 25.200
Macchinari 18.600 18.600 Debiti tributari 4.800 6.000
Crediti vs clienti 24.000 22.200 TFR 13.200 11.400
Cassa e banche 3.600 3.600 Mutui passivi - 30.000
Magazzino 15.000 18.000 F.do svalutazione crediti 3.000 1.800
Partecipazioni 18.000 41.000 F.do amm.to impianti 31.200 12.600
F.do amm.to macchinari 9.000 10.800
Capitale sociale 30.000 50.000
Riserve 12.000 13.000
Utile di esercizio 6.000 8.600

Totale 136.200 169.400 Totale 136.200 169.400

CONTO ECONOMICO DELL'ESERCIZIO X


Costi Ricavi
Rimanenze iniziali 15.000 Vendite 148.200
Acquisti di materie prime 98.400 Rimanenze finali 18.000
Costi per servizi 10.800 Dividendi 4.800
Costo del personale 21.900 Sopravvenienze attive 3.000
TFR 900 Ripristino del valore della 5.000
partecipazione in Alfa
Ammortamento impianti 6.600
Ammortamento macchinari 1.800
Accantonamento f.do sval. crediti 600
Interessi passivi 3.600
Sopravvenienze passive 4.800
Imposte dell'esercizio 6.000
Utile dell'esecizio 8.600

Totale 179.000 Totale 179.000


18

22.12

NEL CORSO DELL’ESERCIZIO X HANNO AVUTO LUOGO, FRA GLI


ALTRI, GLI ACCADIMENTI DI SEGUITO RIPORTATI:

1. UN INCENDIO HA COMPLETAMENTE DISTRUTTO UN IMPIANTO. TALE IMPIANTO


RISULTAVA ISCRITTO IN CONTABILITÀ AL COSTO STORICO DI LIRE 30.000. E IL
RELATIVO FONDO AMMORTAMENTO AMMONTAVA AL 31.12.X A LIRE 25.200.
L’ASSICURAZIONE HA RIMBORSATO IN CONTANTI SOLAMENTE UNA PARTE DEL
VALORE CONTABILE DEL BENE PARI COMPLESSIVAMENTE A LIRE 3.000;

2. L’IMPIANTO ANDATO PERDUTO È STATO SOSTITUITO CON UNO NUOVO


ACQUISTATO AL PREZZO DI 39.000 LIRE. IL PAGAMENTO DELLO STESSO AVVERRÀ
IN DUE RATE DA PAGARSI IL 31 LUGLIO E IL 30 NOVEMBRE DELL’ANNO X;

3. E’ STATO ACCESO UN MUTUO DI LIRE 30.000. LO STESSO SARÀ RIMBORSATO IN


RATE ANNUALI DI LIRE 3.000 CIASCUNA. LA PRIMA SCADRÀ IL 30 GIUGNO
DELL’ANNO X+1;

4. LA SOCIETÀ HA EFFETTUATO UN AUMENTO DI CAPITALE ALLA PARI PER LIRE


20.000. LO STESSO È STATO EFFETTUATO:
- GRATUITAMENTE MEDIANTE IL PASSAGGIO DI RISERVE A CAPITALE PER LIRE
5.000;
- A PAGAMENTO PER LIRE 15.000.
TUTTI GLI AZIONISTI HANNO SOTTOSCRITTO E VERSATO IL VALORE NOMINALE
DELLE AZIONI ENTRO LA FINE DELL’ESERCIZIO X;

5. E’ STATO LIQUIDATO DIPENDENTE. CIÒ HA COMPORTATO LO STORNO DEL


DEBITO PER TFR PER 2.700 LIRE;

6. IN UN PRECEDENTE ESERCIZIO LA SOCIETÀ HA SVALUTATO LA PARTECIPAZIONE


NELLA PROPRIA COLLEGATA ALFA. TALE PARTECIPAZIONE È, INFATTI,
VALUTATA UTILIZZANDO IL CRITERIO DEL COSTO RETTIFICATO E IN QUEL
PERIODO SI PENSAVA CHE ESSA AVESSE SUBITO UNA PERDITA PERMANENTE DI
VALORE. DURANTE L’ESERCIZIO X I MOTIVI CHE HANNO PORTATO AD UNA TALE
CONCLUSIONE VENGONO MENO E PERTANTO È RIPRISTINATO IL COSTO
ORIGINARIO IMPUTANDO A CONTO ECONOMICO, QUALE COMPONENTE POSITIVO
DI REDDITO, LIRE 5.000;

7. E’ STATA ACQUISTATA UNA ULTERIORE QUOTA DI PARTECIPAZIONE NELLA


SOCIETÀ COLLEGATA ALFA PAGANDO IN CONTANTI LIRE 18.000.

22.13
19

UTILIZZANDO IL SEGUENTE FOGLIO DI LAVORO, SI COSTRUISCA IL


RENDICONTO FINANZIARIO PER FLUSSI DI CCN E PER FLUSSI DI
LIQUIDITÀ:

22.14
20

Utile netto 8.600


Accantonamento TFR 900
Ammortamento impianti 6.600
Ammortamento macchinari 1.800
Sopravvenienze passive su impianti 4.800
Ripristino del valore di costo della partecipazione -5.000
Flusso di CCN della gestione reddituale 17.700

PERCHE’

• ABBIAMO AGGIUNTO LA SOPRAVVENIENZA PASSIVA


• ABBIAMO SOTTRATTO IL RIPRISTINO DEL VALORE DI
COSTO DELLA PARTECIPAZIONE
21

22.15
22

22.16

CARONNI SpA
RENDICONTOFINANZIARIOPERFLUSSI DI CCN

IMPIEGHI FONTI
Investimenti 57.000 Flusso CCNG. Reddituale 17.700
Rimborso mutuo 3.000 Accensione mutuo 30.000
Liquidazione TFR 2.700 Aumento di capitale 15.000

Variazione CCN -

Totale 62.700 Totale 62.700


23

22.17

C A R O N N I SpA
R E N D IC O N T O F IN A N Z IA R IO P E R F L U S S I D I L IQ U D IT A '

U t ile n e t t o 8 .6 0 0
A ccanto nam ento T F R 900
A m m o r t a m e n t o im p ia n t i 6 .6 0 0
A m m o r t a m e n t o m a c c h in a r i 1 .8 0 0
S o p r a v v e n ie n z e p a s s iv e s u im p ia n t i 4 .8 0 0
R ip r is t in o d e l v a lo r e d i c o s t o d e lla p a r t e c ip a z io n e - 5 .0 0 0
F lu s s o d i C C N d e lla g e s t i o n e r e d d it u a le 1 7 .7 0 0

V a r ia z io n e d e i c r e d it i v e r s o c lie n t i 600
V a r ia z io n e d e l m a g a z z in o - 3 .0 0 0
V a r ia z io n e d e b it i v s fo r n it o r i - 1 .8 0 0
V a r ia z io n e d e b it i t r ib u t a r i 1 .2 0 0

F lu s s o d i c a s s a d e lla g e s t io n e r e d d i t u a le - 3 .0 0 0

I n v e s t im e n t i - 5 7 .0 0 0
A c c e n s io n e m u t u o 3 0 .0 0 0
L iq u id a z io n e T F R - 2 .7 0 0
A u m e n t o d i c a p it a le s o c ia le 1 5 .0 0 0

F lu s s o d i c a s s a c o m p le s s i v o 0