Sei sulla pagina 1di 1

Comunicato Stampa

Nessuna alibi per l’Amministrazione: Sevesoviva annulla il Convegno del 10 luglio

Il 1/7/2008, in Consiglio Comunale, l’Amministrazione ha accusato Sevesoviva di interferire con le


segrete iniziative dell’Amministrazione su Pedemontana.
Poichè Sevesoviva non aveva e non ha alcuna intenzione di intralciare i lavori
dell’Ammministrazione, abbiamo deciso di sospendere il convegno programmato per il 10 luglio
2008 e di attendere i fatti che l’Amministrazione produrrà.

All’Amministrazione rimane il dovere di comunicare, ai cittadini e al Consiglio Comunale, quali


progetti stia perseguendo e di stare sotto lo sguardo avvertito dei cittadini.

Forza Italia nel 2001 ha approvato, nel silenzio, il tracciato attuale di Pedemontana e Lega Nord
nel 2004 e 2005, nel silenzio, lo ha avallato con ben 3 delibere che chiedevano modifiche
marginali.

In questi sette anni questi due partiti non hanno fatto alcun lavoro per capire cosa fosse realmente
Pedemontana e per farlo capire alla popolazione.
Dopo 7 anni e anche su sollecitazione dei documenti filmati e pubblici di Sevesoviva queste forze
politiche si sono accorte del fallimento funzionale di questo progetto nel nostro territorio.

Sevesoviva, appena eletta, ha chiesto che il Consiglio Comunale discutesse subito e facesse
proprie le osservazioni sui problemi più importanti di Pedemontana per portarle al tavolo delle
tratttative con una posizione forte e unanime.
Ci è stato negato, dicendo che non c’era nulla da deliberare.

Come consiglieri di minoranza e senza pubblicare i contenuti del colloquio, in rispetto al lavoro
dell’Amministrazione, abbiamo incontrato i progettisti, per il diritto/dovere di accesso e dialogo con
tutte le istituzioni che ogni consigliere, anche di minoranza, ha nel suo mandato: lo avevamo già
fatto nel 2006 con Ferrovie Nord insieme a chi, a quel tempo forza di minoranza, non si era fatto
problemi di “galateo istituzionale” quando si parlava di interramento.

Gli stessi, oggi passati in maggioranza ci accusano di scavalcare una Amministrazione la cui
opera, se esiste in questo campo, è a tutt’oggi sconosciuta. Con questa scusa, in un Consiglio
Comunale forzato dalla Lega e Forza Italia a continuare oltre il tempo regolamentare, hanno posto
un veto pregiudiziale a parlare di una mozione che voleva, ancora una volta, creare una unità di
intenti. Un veto incomprensibilmente esteso anche ad una seconda mozione che ha il solo scopo
di perseguire una maggiore efficienza dei passaggi a livello.

Sui temi che scottano, dopo le promesse elettorali, si sono sentite finora solo proposte risibili.
I fatti sono che il sottopasso sud non è stato revocato ma, dicono, sospeso e Pedemontana dice
che non pagherà l’interramento.

Le nostre proposte, depositate da tempo nelle mani dei tecnici di Pedemontana, sono le stesse
che il Sindaco, durante l’incontro del 27 Maggio 2008, si era detto disponibile ad ascoltare in un
incontro pubblico promosso da Sevesoviva.

Oggi la scelta dell’Amministrazione è stata di rifiuto e di chiusura.


Aspettiamo, con pazienza: il tempo, per alcuni è tiranno per altri galantuomo.

Sevesoviva, 7 Luglio 2008