Sei sulla pagina 1di 31

SUPERSIMMETRIA

Una scoperta degli anni 70:


la Supersimmetria
•  La nascita della supersimmetria può essere fatta risalire agli anni 1970-1971
quando, indipendentemente, André Neveu (Francese) e John Schwarz
(Americano) da una parte, e Pierre Ramond (Franco-Americano) dall altra,
introducono un modello di supercorda fermionico basato su algebre che
contengono sia commutatori che anticommutatori
•  L algebra vera e propria di supersimmetria in quattro dimensioni spazio
temporali viene scoperta nel 1971 dai russi Gol fand e Likhtman, ma rimane
abbastanza sconosciuta in occidente dove viene riscoperta da Bruno Zumino
(Italo-Americano) e Julius Wess (Tedesco) che ne trovano anche (e questa é
la cosa più importante) la prima realizzazione in un modello di teoria dei
campi
•  Una realizzazione, ma non lineare, dell algebra di supersimmetria viene
trovata, negli stessi anni, anche dai russi Volkhov e Akhulov.
•  Le teorie di campo supersimmetriche quantistiche vengono sviluppate negli
anni 1974-1975, nei quali la nozione tecnica (molto utile, ma non
indispensabile) di superspazio viene introdotta da Abdus Salam e Joh
Strathdee
Nel 1976 é la volta della gravità
•  Nel 1976 Daniel Freedman (Americano), Sergio Ferrara (Italiano) e
Peter van Nieuwenhuizen (Olandese) riescono a rendere
supersimmetrica la teoria della gravità (la Relatività Generale di Einstein)
introducendo un nuovo campo di spin 3/2 che corrisponde ad
un ipotetica nuova particella denominata gravitino.
•  E nata la teoria della Supergravità
•  Per questa scoperta teorica Freedman, Ferrara e van Nieuwenhuizen
saranno insigniti della medaglia Dirac 1994
•  La teoria introdotta da Freedman, Ferrara e van Nieuwenhuizen é
riderivata in una formulazione leggermente differente anche da Stanley
Deser e Bruno Zumino qualche settimana dopo il lavoro dei primi tre
autori.
•  Negli anni 1976-1980 la teoria della Supergravità è sviluppata con
assiduità da ricercatori, italiani, olandesi, belgi, francesi, inglesi tedeschi
ed anche americani
Dal 1980 al 1984.............
•  in questo periodo si scopre che la dimensione spazio-temporale
massima in cui si può formulare la SUPERGRAVITA é D=11
•  Vi é un intensa ricerca sulla supergravità in D=11 che oggi é
nuovamente di grande attualità sotto il nuovo nome datole dal fisico
americano Edward Witten di M-theory ovvero teoria del mistero
(alternativamente delle membrane)
•  Nel biennio 1982-1984 si coltiva la speranza di ottenere l unificazione di
tutte le interazioni usando la Supergravità D=11 .
•  Si riutilizzano, in un contesto supersimmetrico, idee sviluppate 60 anni
prima da Kaluza e Klein circa l origine del campo elettromagnetico dalle
simmetrie dello spazio-tempo nelle dimensioni eccedenti le quattro visibili.
•  Questo programma di ricerca conduce ad una ricca messe di risultati
molto interessanti, ma vi sono serie difficoltà a trovare modelli realistici. Vi
sono tre problemi in particolare: 1) La costante cosmologica troppo
grande, 2) le rappresentazioni sbagliate per i fermioni, 3) la non
chiralità delle interazioni di gauge
Ottobre 1984

•  In questa data John Schwarz (americano) e Michel Green (inglese), in


seguito insigniti per questo di molti premi ed anche della medaglia Dirac,
dimostrano che la teoria supersimmetrica della corda in 10 dimensioni
spazio temporali è consistente quantisticamente perché si cancellano le
anomalie.
•  E nata TOE, the theory of everything, cioé la
supercorda. E supersimmetrica e vive in dieci
dimensioni.
•  La teoria delle corde era nata molti anni prima (nel 1968) con un lavoro
di Gabriele Veneziano (seguito da lavori dello stesso Veneziano con
Fubini e poi da molti altri). Si era sviluppata come teoria degli adroni
e non delle interazioni gravitazionali. Era stata reinterpretata
successivamente in questo senso da Scherck , Schwarz ed altri. La
corda supersimmetrica nello spazio tempo era stata ottenuta nel
1977 da F. Gliozzi (italiano), Joel Scherk (francese) e David Olive
(inglese).
Supersimmetria
La Supersimmetria e` la teoria piu` accreditata fra le estensioni del MS
La formulazione a bassa energia e` in grado di:
•  Risolvere il problema della gerarchia delle masse
•  Unificare le forze
•  Introdurre la gravita`
•  Spiega la materia oscura

Nuova simmetria

Fermion ⇔ Bosone
SUSY alla scala Λsusy :
Λ susy ≈ 1011 GeV in MSSM
Λ susy ≈ 100 − 1000 TeV in GMSB
Supersimmetria: motivazione
Viene risolto il problema della divergenza ultravioletta della massa dell’ Higgs
(problema della “naturalezza”: abnorme ‘fine-tuning’ necessario nella teoria ordinaria
per mantenere finita la massa dello scalare (Higgs), “proteggendola” dai loop
corrections:
J=1 J=1/2 J=0
+ +

Divergenze
quadratiche con Λ

• Stabilizzazione della massa dell’higgs


"m 2H = #2B $2
"m 2H = % # f $2
Le cancellazioni sono esatte se tutte le particelle sono degeneri in massa ed hanno le
stesse costanti di accoppiamento.

Massa Higgs dell’ ordine o inferiore a 1 TeV (predetto dal MS) richiede che la
! supersimmetria sia rotta su questa scala (ossia le masse delle Superparticelle si
differenzino a questa scala: |mB2–mF2| < 1 TeV2 )
Particelle Supersimmetriche
Rottura spontanea di simmetria in SUSY
I possibili modelli supersimmetrici si differenziano soprattutto per la modalita’ attraverso
la quale avviene la rottura spontanea di simmetria. Cio’ avviene attraverso interazioni
che possono essere:
- Gravity mediated: i termini di lagrangiana di ‘susy breaking’
contengono superpotenziali con il gravitone ( e.g. “mSUGRA”)

- Gauge mediated: il superpotenziale e’ costruito da campi ordinari di gauge

- altri scenari anomali/esotici: “ASMB”

La spettroscopia e il numero di parametri


risultante dipende dalla scelta del modello

9
Rottura spontanea di simmetria in
SUSY
Esempi di spettri in differenti scenari di Susy Breaking

10
“MSSM”
Termini di rottura vengono introdotti nella Langragiana del Modello SUSY:
la supersimmetria viene rotta spontaneamente da campi che interagiscono con le
particelle che conosciamo attraverso interazioni gravitazionali (mSugra) (un settore
“nascosto” alle nostre energie)
Il “Minimum Supersymmetric Standard Model” (MSSM) e’ l’ estensione minimale
del modello Standard, quella cioe’ che prevede il minimo spettro di particelle
compatibile con l’esistenza della supersimmetria e un numero ridotto di parametri

Costanti di accoppiamento U(1), SU(2), SU(3)


Accoppiamento degli Higgs con fermioni
Termine di massa per I bosoni di Higgs
Termini di massa per I bosoni di gauge (W,Z,g)
Termini di massa per gli scalari (sfermioni e Higgs carichi)
Contributo al mescolamento di sfermioni destrorsi e sinistrorsi
Contributo al potenziale dell’higgs
Nuovo numero quantico moltiplicativo:

+1 SM particles
R-parity R p=
-1 SUSY particles

Se R e’ conservata (scenario classico):

-la “lightest supersimmetric particle” (LSP) e’ stabile e neutra


-NLSP -> LSP + particelle del MS

LSP: • In MSSM : lightest neutralino χ


• In GMSB: gravitino ~
G
Una particella SUSY-LSP stabile sarebbe un perfetto candidato per giustificare la
presenza di una tale quantità di materia oscura nell’universo
• 0.03% atomi pesanti
•  0.5 % neutrini
Le misure più recenti indicano una •  4.5% barioni
composizione della materia dell’universo •  25% materia oscura
•  70% energia oscura (costante
cosmologica)
SUGRA MSSM con R-parità
• Le trasformazioni supersimmetriche trasformano uno stato bosonico in uno
stato fermionico e viceversa
Q Fermione = Bosone
Q Bosone = Fermione
• MSSM (Modello Standard Supersimmetrico Minimale)
- Conservazione di R-parità:
3( B − L ) + 2 s
• Particelle SM: R=1 R = (− 1)

• Particelle SUSY prodotte solo in coppie


• La particella SUSY più leggera è stabile
• Particelle SUSY: R=-1
• La LSP sfugge dal rivelatore
- Contenuto di particelle minimo
- Gruppo di simmetria di gauge dello SM
- 5 parametri
Settore di Higgs: dallo SM al MSSM
Nel Minimal SuperSymmetric Model vi sono due doppietti di Higgs
(e’ il minimo numero necessario per dare massa sia ai fermioni
che agli s-fermioni)

Modello Standard MSSM

•  1 doppietto di Higgs (v) •  2 doppietti di Higgs (v1 ,v2)


•  1 stato finale •  5 stati finali
H hH A H+ , H-
•  1 parametro CP-pari CP-dispari (α) carichi
MH •  2 parametri necessari
•  correzioni radiative Mh tanβ=v2/v1
divergenti •  correzioni radiative
quadraticamente finite ma dipendono da mtop, msusys At Ab
µ

14
“Constrained” MSSM
Nella versione “constrained” (CMSSM), si ipotizza che alla scala di Plank
vi sia un unico parametro di massa universale per tutti i gauigini, m1/2 ,
ed un’ unica massa universale per gli scalari, m0.

Termini di rottura soffice di SUSY: parametri univerali


M1/2 -> Mi A m0 µ tanβ

Gaugino masses Trilineare Sfermion mass Higgsino <H2>0


@ GUT scale mass
M1:M2:M3=α1:α2:α3 <H1>0

L’intero spettro di bassa energia (ossia quello osservabile sperimentalmente)


delle particelle supersimmetriche dipende da questi parametri e dalle
costanti di accoppiamento, ed e’ calcolabile in funzione di questi
parametri di input

Regioni
. 15
Strategia di ricerca a LHC
•  Se SUSY esiste alla scala elettrodebole allora dovra essere
accessibile a LHC

•  Squarks e Gluinos sono prodotti in interazioni forti


(sezioni d’urto grandi)

Decadimenti in cascata fino a LSP


⇒ combination of
Jets, Leptons, ETmiss

1. Step: Cercare deviazioni dal Modello Standard


Example: Multijet + ETmiss signature

2. Step: Stabilire la SUSY mass scale con variabili inclusive, es. Massa
effettiva

3. Step: Determinazione parametri del modello


Strategia: selezionare particolare catene di decadimento e usare la
cinematica per determinare le combinazioni di massa
“Constrained” MSSM

Le sezioni d’urto dei processi


di produzione di s-particles
(e quindi le capacita’ di
scoperta , “Physics reach”,
per una data luminosita’
integrata per una macchina
ad una certa energia) vengono
riportate nel piano
(m0, m1/2)
Produzione di particelle SUSY ai collisionatori

18
Decadimenti di particelle SUSY ai collisionatori

Corso SM, Dottorato, XX 19


ciclo
SUSY a collider e+e-

e + e - → χ + χ − → ...Coppie di chargini
e + e - → χ i0 χ 0j → ...neutralini
+ - ~~
e e →   → ... sleptoni Non è stato trovato niente fino a √s=208 GeV !

e + e - → ν~ν~ → ... sneutrini


e + e - → q~q~ → ... squark
( )
m χ10 > 50 GeV/c 2
m(χ ) > 100 GeV/c
+
1
2

m(ν~ ) > 90 GeV/c 2


Limiti di massa ~
()
m  > 80 − 90 GeV/c 2

m(q~ ) > 50 − 80 GeV/c 2


Evento Candidato

ECM=196 GeV

M(miss)=148 GeV/c2

M(hadr)=16 GeV/c2
P(μ)=8.5 GeV/c

+ - + $ 0 0
e e " # # " # # µ%qq 1 1
Squarks e Gluinos
Squarks e gluini prodotti attraverso strong processes → grande sezioni d’urto

La produzione dipende dalla massa di


squark e sgluino

~, ~
mq g~ 1 TeV 22
σ ∼ 1 pb → 104 eventi prodottti a bassa L
Decadimenti di squark e gluini
q
~
q χ02
Z
χ01
~
q

q
χ02
Z
χ01
3 possibili produzioni

Decadimenti di squark e sgluini


I decadimenti a cascata molto
complessi
La topologia principale è: energia
mancante trasversa + Jets ad alto PT
Ricerca di squark e gluini a LHC
•  Prodotti in interazioni forti sezioni d’urto grandi e paragonabili ai quelle QCD

•  Se la R-parity e’ conservata :
jets (molti da b quark e tau), leptoni isolati e non isolati, e ETmiss da e neutrini
- Almeno 2 jet acoplanari e grande Etmiss
-fino a 4 jet (gluino) ET > 100, 50, 50, 50 GeV, ETmiss > 100 GeV

•  Definizione: ( massa effettiva)


Max massa effettiva = m_squark (o m_gluino)

No-lepton ttbar+jets
Z (→νν)+jets
W+jets
QCD jets
SM All backgrounds LHC reach per masse di Squark- and
SUSY signal (SU3)
Gluino :
SUSY

1 fb-1 ⇒ M ~ 1500 GeV


10 fb-1 ⇒ M ~ 1900 GeV
100 fb-1 ⇒ M ~ 2500 GeV
example: mSUGRA
m0 = 100 GeV, m1/2 = 300 GeV TeV-scale SUSY subito accessibile!
tan β = 10, A0 = 0, µ > 0
Strategia di ricerca a LHC
Fenomenologia varia
–  gluinos/squarks decadono in
jet di alto impulso trasverso
–  Catene di decadimento
–  Emissione di jets
–  Leptoni da chargini /neutralini
–  LSP stabile e neutro: grande
energia trasversa mancante

Utilizziamo golden channel di scoperta


con segnature
“multi-Jets + n-leptons + ETmiss”

25
Fondi ai segnali di SUSY

26
SUSY

Missing ET Ricerca di squark e gluini


Eventi con un leptone + getti Eventi con getti e nessun leptone

ATLAS-CONF-2011-090 ATLAS-CONF-2011-086
Energia trasversa mancante, ETmiss

SM - W  µν: Spettro di energia trasversa mancante.


Nessun segno di deviazione da processi noti
Altri limiti di esclusione per SUSY
Se elevato mixing di squark right e left-handed ->
alta sezione d’urto per getti da quark pesanti.
b-getti, no leptoni e alta ET mancante ATLAS-CONF-2011-098

ATLAS-CONF-2011-098

Limiti di esclusione al 95% CL Limite superiore al 95% CL


nel piano delle masse sbottom-gluino sulle sezioni d’urto in pb per
masse del gluino > 200
GeV
ATLAS Searches* - 95% CL Lower Limits (Status: SUSY 2011)

MSUGRA/CMSSM : 0-lep + j’s + E T ,miss ~


q =~
-1
L =1.04 fb (2011) [Preliminary] 980 GeV g mass ATLAS
Preliminary
MSUGRA/CMSSM : 1-lep + j’s + E T ,miss -1
L =1.04 fb (2011) [Preliminary]
~
q =~
g mass
875 GeV

MSUGRA/CMSSM : multijets + E T ,miss -1


L =1.34 fb (2011) [Preliminary] 680 GeV
~ ~ ~
g mass (for m(q) = 2m(g)) ) Ldt = (0.034 - 1.34) fb -1

$0) : 0-lep + j’s + E ~ s = 7 TeV


Simpl. mod. (light &
1 T ,miss
-1
L =1.04 fb (2011) [Preliminary] 1.075 TeV q =~
g mass
$0) : 0-lep + j’s + E
Simpl. mod. (light & ~
1 T ,miss
-1
L =1.04 fb (2011) [Preliminary] 850 GeV q mass
$0) : 0-lep + j’s + E
Simpl. mod. (light & ~
1 T ,miss
-1
L =1.04 fb (2011) [Preliminary] 800 GeV g mass
$0) : 0-lep + b-jets + j’s + E ~ ~
Simpl. mod. (light & T ,miss
-1
L =0.83 fb (2011) [ATLAS-CONF-2011-098] 720 GeV g mass (for m(b) < 600 GeV)
1

Simpl. mod. (~ $0) : 1-lep + b-jets + j’s + E


g'tt& T ,miss
-1
L =1.03 fb (2011) [Preliminary] 540 GeV
~ $0
g mass (for m(&1 ) < 80 GeV)
1

$0) : 2-lep SS + E
Pheno-MSSM (light & ~
-1
q mass
SUSY

T ,miss L =35 pb (2010) [arXiv:1103.6214] 690 GeV


1

$0) : 2-lep OS
Pheno-MSSM (light & + E T ,miss ~
1 SF
-1
L =35 pb (2010) [arXiv:1103.6208] 558 GeV q mass
$± ) - m ( &
$0 )
Simpl. mod. (~ $± ) : 1-lep + j’s + E 200 GeV m(&
g' qq& $0 ~
T ,miss
-1
L =1.04 fb (2011) [Preliminary] & mass (for m(g) < 600 GeV, ~ $0 ) > 1/2)
m(g) - m(&
GMSB (GGM) + Simpl. model : % % + E -1
L =1.07 fb (2011) [Preliminary]
~
g mass (for m(bino) > 50 GeV)
T ,miss 776 GeV

136 GeV
GMSB : stable $# -1
L =37 pb (2010) [arXiv:1106.4495]
$# mass

Stable massive particles : R-hadrons -1


L =34 pb (2010) [arXiv:1103.1984] 562 GeV
~
g mass

Stable massive particles : R-hadrons ~


-1
L =34 pb (2010) [arXiv:1103.1984] 294 GeV b mass

Stable massive particles : R-hadrons ~


-1
L =34 pb (2010) [arXiv:1103.1984] 309 GeV t mass
185 GeV
Hypercolour scalar gluons : 4 jets, m ij " m kl -1
L =34 pb (2010) [Preliminary] sgluon mass (excl: msg < 100 GeV, msg " 140 ± 3 GeV)
,
RPV (! 311=0.01, ! 312=0.01) : high-mass eµ $ mass
-1
L =0.87 fb (2011) [Preliminary] 440 GeV ( #

10-1 1 10
*Only a selection of the available results leading to mass limits shown
Mass scale [TeV]
Strategia di ricerca a LHC: decadimenti in cascata
Ricostruzione di squarks e gluinos:

~
χ10
~
pp → ~g → bb p 
~ b ~
~χ 0 b g χ 20
2 ~±
~± 
~  ±
  → χ~10  ±   b
b
p

  ≥ 2 high pt b jets
  ≥ 2 high pt isolated leptons

(leptons = e,µ)
  missing Et
SM bkg: tt, Z+jet, W+jet, ZZ, WW, ZW, QCD jets

31