Sei sulla pagina 1di 276

Juri “Xeres” Orrù

Nicola “Seinen” Orrù


Sergio “Alice” Picciau
Carlo “Masamune” Rosas

R ADIX M ALORUM
ø 5 9
÷ø   jj k jk …… ‡?‡? ‡AA     334 556 
4 5 4 
a 
a a 
  78 9   \ \ ][ \][Z lm nn
 %& b c
 b hƒcb i û KL  üû `QP a` CQP Ra` CD RS TU => íî àà '(ã äã ýþ ïäã ðï   ðï  ÿ áâ ÿ )* ÷ çè
ih „ƒ ü   
 
õùú öõ   öõ  gg òñ ó òñ  ôó ë ôó ìë+,-ìë -. é jéê åk 
N @ A 
B N 
 A B N  
    
& & 
' & ' 
! 
 !   
   
 
(  
 ) (   
> d > 
? 
 > ? 
    
$ $ 
% $ % 
" 
# " : # " 
Z 
^ Z ^ 
_ ^ _ 
W 
 W  
  
ƒeh „
d ed  
K ÈÇ 
ÈÇ
   Ÿ f/0 f   
j æ jå …G
JK k F æåHL†… ‡GF I
J KJ H ˆ
L 
M 
? L M ?
‡ IH @ ˆ‡BB 1 
O O 6
0 10 Ó19Ô 7 6 
8 8 B *+ CB 2A
Ó 12 9 *ÔÓ C @ 3 2 A@ _,
-32 `
_D ,- ]`_E
D ^ ] ED 4^] 4 ab < ; a ba c> cd? > > ? ./ ./. <= :  \Z] 
  
   \[
Z  ]\[Z Y
V
X YX ; V : ;: oEF o
ƒ „ƒ ~} ¦¥ ~} ¦¥ ÂÁ à ÂÁ Äà Äà ÊÉÅÈÇ ßÊÉÅÈÇ ßàIJ ßà §Ž §¨ Ž    š™ € ©š™ ‰©Š‰ © Š‰     
ÕÖ ÙÚ Û
ØÜ× ÛÜ Ø× ƒ„ ‚“” ‚  yz Ÿ {{| ‹°¯ Œ‹ —°¯ Œ‹ ˜— ž ‘˜— •¬ž ’‘ ­–’‘ ­ £ –• ®­ ¤ £ ¤£ ¡† ¡¢ ›ˆ œ › ˆ !œ›º ¹ ·!"³º¹ ¸ ³  ±¸· ´³ µ
· ´ ² ÓQ ²± Ô
¶Q±µ¶ R
Ó URQ mÔÓ UV mn WX W _XW ` _ ]`_ ^ ] Ï^] Ð Ï q ÐÏ berq b efScST c k l k MN lk o\ [ o
p\[ op ij P O v u PO  vu Y sYZstst ½¿À ½¾ »#$ ¼ ˼» gÌË h
» Ì g GH Íhg Ñ ÍÑÒ Í
ÞÝ ÞÝ  ÆßÆ ßß ªª ««• ¬« ® 
wx w xw   qr ÎÎ

R ADIX M ALORUM
Hanno collaborato: Salvatore “Led Lucifer Toti Nexus7” Saba che ha realizzato i disegni dei Simboli delle Scuo-
le; Ocio, Cuccio, Chicco e Saetta che hanno elargito moltissimi consigli, alcuni addirittura utili, una moltitudine
di playtester, pazienti e divertiti, disseminati qua e lá per Cagliari.

A tutti, un semplice ma sentitissimo grazie.

Con infiniti affetto e nostalgia, al caro amico Francesco “Tanaka Nakatsada” Mereu.

Licenza d’uso e distribuzione di Radix Malorum


versione 1.0, aprile 2003
1. L’“uso personale” e la distribuzione totale o parziale del materiale contenuto in quest’opera (da qui in poi Radix Malo-
rum) sono consentite e gratuite per “scopi non commerciali”, fermo restando l’obbligo per il distributore e l’utilizzatore
di rispettare questa Licenza in toto e distribuire integralmente (verbatim) il testo di questa Licenza in maniera chiara e
visibile, insieme a ciascuna copia integrale o parziale di Radix Malorum.
2. Gli autori si riservano di revocare la licenza d’uso e distribuzione agli utilizzatori e ai distributori che si trovassero in
contravvenzione di almeno uno degli articoli di questa Licenza.
3. Qualunque utilizzo o distribuzione per “scopi commerciali” di Radix Malorum deve essere esplicitamente concordato
con gli autori, nelle forme che verranno di volta in volta ritenute opportune dagli autori stessi.
4. Per uso o distribuzione per “scopi commerciali” si intende qualunque situazione o condizione d’uso che può portare un
guadagno, anche indiretto, in termini economici, per l’utente o il distributore. Il rimborso spese per il supporto, la
stampa e la distribuzione non sono da considerare “guadagno” nella valutazione della “scopo commerciale”. Per uso
o distribuzione per “scopo non commerciale” si intende qualunque situazione o condizione d’uso che non rientra nello
“scopo commerciale”. Per “uso personale” si intende qualunque situazione in cui una singola persona fisica utilizza
Radix Malorum per sé, in toto o in parte, senza distribuirlo o cederlo a terzi.
5. Per “distribuzione” si intende l’atto con il quale si consente a terzi di accedere ad una copia parziale o totale di Radix
Malorum, attraverso qualsiasi mezzo. Sono esempi di distribuzione: la trasmissione radiotelevisiva; la duplicazione,
la stampa, la cessione o la condivisione di un supporto digitale o analogico contenente parti di Radix Malorum; la
pubblicazione su una rete informatica o affini di parti di Radix Malorum che ne consenta la consultazione o la copia
a piú di una singola persona. Ogni supporto analogico o digitale contenente Radix Malorum deve contenere una copia
integrale di questa Licenza.
6. Gli organizzatori di manifestazioni aperte al pubblico in cui si utilizza, si presenta o si distribuisce Radix Malorum, tra
cui tornei, fiere, meeting, ecc., sono vivamente pregati (anche se non formalmente obbligati) di contattare anticipatamente
gli autori, o i loro delegati, per informarli circa le modalità di utilizzo e distribuzione di Radix Malorum, fermi
restando i rimanenti articoli della presente Licenza.
7. Tutte le informazioni ufficiali su Radix Malorum, ivi incluse le modalità per contattare direttamente o indirettamente
gli autori di Radix Malorum e le informazioni relative alla presente Licenza e alle sue successive modifiche, sono
accessibili al sito internet ufficiale, che puó essere raggiunto via World Wide Web all’indirizzo:
http://www.radixmalorum.it
8. La distribuzione di versioni modificate di Radix Malorum dovrà essere esplicitamente concordata con gli autori.
9. Gli autori di Radix Malorum sono (in ordine alfabetico): Juri Orrù, Nicola Orrù, Sergio Picciau e Carlo Rosas.

¡ ÆÆ °°° ²² © ë ý



 ÁÀ ÁÀ »º»º ¼¼½ ¯® ÅÄ ¯® ÅÄ ¾ ¾ ¡ ¾ ´µ´ ÇÆ µ´ ÇÆ .°. ±° ̱° Ì ³² ³² ਩ 

- 
- -  ˜  š 
 ø‹
øŠ 

ù ø
‹Š‰‰ Œù ë ê 
ü 
ã â üý ’ã⠒“ &% &% úÓ Ò úÓÒ ú Ž

Í Í  
    ™˜   ›š  Ý Î Ï 
þ þ 
ÿ þ ÿ "!&%"!&%  v rqp wv rs
p w

   ÁÀ }| ÁÀ +*),*) / / » º »º ¬¬­ ¯®¯® ¦¦§ ´µ´ µ´ ±± ³³ «ª «ª 1 ¨ 
+ 0,+ ž0 žŸ  ('  (' œ  – –—ÉÈÉÈ ÊËÊ~¢ËÊ £¢ £¢ ÅÄ ÅÄ  ¿  ¿ ¶€ ¶· ¸¸¹ Ç-Ç .-†‡ .- ÌÍÌÍ ‚‚ƒ „… 
1
¤ 2 ¤ 21 
¥  ¥¤     ™ ð › ñð Ü ñð ÚÝÜ ö÷ ÚÛ øø ùˆøù ˆ  æ
 ç ê  òçæìó í óò á
ò  ì  áà  ÐÑ ôõ 
à ìí  Ö èé ×Ö ß
” ”• ×
þÿ
Þ ßÞ ÕÔ ä
þ ÿþ 
ïî åä ïî ‘ åä üã âü ’ã⠒ x{ z {z
“ xy $#"! $#"!  
   ÓÒ ûÓÒ û  ØÙ ÙØ p
t q t wvut
vwu

2
Il Libro

“La stanza era fredda e fiocamente illuminata da tre candele su un candelabro di bronzo.
La fiamma nel camino si era assopita da tempo lasciando alla brace il ruolo di protagonista.
Don Michele era così intento a copiare il vecchio testo che non si rese conto del suo respiro che
si condensava davanti alle pergamene.
La stanza era invasa da ombre che gettavano in ogni angolo un cesto di paure. Michele
ripeteva sottovoce ciò che la sua mano e la sua penna andavano vergando sul foglio. Egli
non si sarebbe mai aspettato di cadere nel baratro della dannazione. Era un servo fedele
di Ryless, del suo Pontefice e del suo Vescovo, e come suo braccio destro credeva d’essere un
protetto dal Messia.
Le ombre si condensarono dietro di lui e un vento gelido mosse le fiamme delle candele
e ravvivò i ceppi moribondi del camino. Don Michele non si ridestò dal suo lavoro mentre i
passi silenziosi prendevano forma dietro di lui. Una mano gelida si posò sulla sua spalla
sinistra. Don Michele si voltò e il suo urlo, un urlo che non emise suono, gli morì in gola. I
suoi occhi strabuzzarono mentre osservava la figura davanti a lui.
–Chi... Chi Sei?– mormorò
–Ciao, giovane Michele, ti ho spaventato?– disse la figura, una donna bellissima dai
capelli rossi avvolta da un sottile velo nero che non lasciava niente da immaginare.
–Chi sei, e cosa fai nelle mie stanze, donna?– rispose con il cuore che martellava come un
tamburo.
–Donna? Non sono donna più di quanto non lo sia tu, Michele–
–Che cosa vuoi dire?–
–Troppe domande e tutte inutili, Michele. Piuttosto chiediti cosa voglio da te e cosa posso
fare per te– continuò la donna
–Cosa vuoi da me?– chiese allora Michele, stringendo, così forte da farsi sanguinare le
mani, il pugnale: il simbolo della morte di Ryless.
–Voglio che abbandoni Ryless. Voglio la Chiesa, tutta, ai miei ordini. E voglio che tu sia
mio–
–No! Mai! La mia fede è grande, più grande di qualunque potere o demone. Esci di qui!–
–Fede??– La donna iniziò a ridere sguaiatamente, ma nessun suono usciva dalla stanza.
–Ryless avrebbe desiderato, e lo desidera ancora, un potere come il mio. È un debole,
non sa neppure ciò che accade nei suoi amati cieli, non sa neppure cosa tramano i suoi
adorati Gabriel e Lucifer, è un inetto che passa il suo tempo con Antiochio, sorseggiando
Phyluf–Herhu tra una partita a carte e una a morra.–
–Menzogne, lui è nostro padre e nostra madre; lui è la nostra guida, la salvezza che ci
illumina con la sua grazia!– si difese con forza, Don Michele; ma già vacillava sull’orlo della
disperazione.
–Già, menzogne! Michele, Ryless non ha creato nulla che io non possa creare mille volte
più bello e potente. Ti dimenticherai di lui, credimi, e noi ci ameremo presto. Mentre attendi,
mio piccolo amore, scendi nella cripta e apri il sarcofago di San Fulgenzio e togli l’elmo dalla
sua testa, poi tutto ti si aprirà davanti. Dopo potrai scegliere il tuo destino–
La donna si accostò a don Michele, ormai paralizzato, e lo baciò sulle labbra.
Le labbra di lei erano di fuoco, roventi come la lava e taglienti come rasoi, e risvegliavano
i sensi di Michele senza che egli potesse opporsi...
Michele si accasciò di colpo, come morto. Dormì, sognando demoni e partite di carte e la

3
+ g k
*+ @ @@ œœ  œ ·· ¹q¹q ¹sNs O N ON LM eef ggh 
f g f 
“ 
“ “ 
P P ij k 56 5 Ž65 Ž  ŽŒ žŸ   
4 WX ”54 •
5 ” šµ•” › . }~ H /. ’ƒ‚ “’ uƒ‚ „“’ uv „… †‡ op !  ?YZ?  01 " 8#" 98 J #" 98 32  32 [\ * 
›š ¶µ / Ò 
A A
(,- :)( M;: )( ;: ™@™ %$ @& %$ @ '&  '& ]^_ _` 667 œ  
€ r s 
t € 
N s t € N 
O N O L 
X X 
Y X Y R 
S 
D R S E D 
B C B 
J 
Z J 
K [ Z J K 
p – p 
q 
Q p q 
H Q I H 
V V 
W V W 
T 
U T l U T 
Π
 Œ  
‘  ‘ 
‰ 
F ‰ F 
G F G
µ—š ¶
– —– GH 
} úù =< úù =< >> IJ NM ÑҘab ˜ AA EEF B
œ  œ ·y
|}  x z~¸· ¹yx {
| }| z º
~ 
 
q ~  q
¹ {z r º¹tt c 
  h
b cb ck i h 
j j t \] ut ds
 cd k \ u r e d sr ‘^
_ed ’
‘v ^_ ’‘w
v   wv f f “” n m “ ”“ •p •–q p p q `a `a` no l 334 ŽŒO 
5 5 
6 5 6 Ž
Œ OP ŽŒ ‹
ˆ
Š ‹Š m ˆ l ml ¡wx ¡
µ ¶µ °¯ Ø× °¯ Ø× ôó õ ôó öõ öõ üû÷úù üû÷úù {|  ¿KLÙÀ¿ ÙÚ À¿ ÂÁ I ÂÁ ±ÌË ±² ÛÌË »Û¼» Û ¼» A A B D C
 


µ¶ ´³ÅÆ ´³ N «¬ Ñ ­­® ½âá ¾½ Éâá Ͼ½ ÊÉ ÐÏ ÃÊÉ ÇÞÐÏ Äà ßÈÄÃ ß Õ ÈÇ àß Ö Õ ÖÕ Ó¸ ÓÔ Íº Î Í º SÎÍì ë éSTåQìë ê å QR ãêé æå ç
é æ ä ƒ äã 
èƒãçè „
 ‡„ƒ Ÿ ‡ˆ Ÿ  ‰Š ‰ ‘Š‰ ’ ‘ ’‘      £  ”—¤£ ” —˜…•…† 9• 9: ž  € ž ¡Ž  ¡
¢Ž ¡¢ ›œ ‚  7¨ § ‚ 78 ¨§ ‹ ¥‹Œ¥¦¥¦ ïñò ïð íUV î ýîí ™þý š
í þ ™ yz ÿš™  ÿ ÿ
  G øø  ÜÜ ÝÝÇ ÞÝ à =>;;< ©ª © ª© ??@ £¤ 

R ADIX M ALORUM

donna dai capelli rossi che nei suoi incubi si trasformava in un terribile mostro dai denti
aguzzi e dalle grandi ali di pipistrello, rosso come il sole al tramonto.
Si ridestò ben prima delle odi del mattino, madido di sudore ed infreddolito. Si ritrovò a
pensare che tutto fosse stato un sogno, ma voltandosi nel letto trovò sul guanciale una ciocca
di capelli rossi. Si alzò e indossò la tunica e i calzoni, poi si avviò verso le cantine. Udì la
porta cigolare sinistramente ma non ci fece caso. Prese una lanterna dallo scaffale, la caricò
ed accese lo stoppino. Scese silenziosamente sino alla cripta. L’umidità era come un peso
sulle spalle e rendeva difficile la respirazione.
La luce della lanterna era fioca e non dissolveva le tenebre della tomba, ma Michele riuscì
lo stesso a raggiungere il sarcofago di granito. Posò la lanterna a terra e spinse con forza. I
suoi piedi scivolavano sulla muffa del pavimento e le sue unghie si spezzavano sul granito
mentre il suo sangue cadeva in gocce grosse come perle.
Finalmente vide il volto scheletrico di San Fulgenzio, adorno del suo elmo. Il tanfo della
morte lo investì come un cavallo in carica. Pose le sue mani sull’elmo e lo tirò con forza.
L’elmo si staccò insieme al cranio.
–Ryless, cosa ho fatto!?– bisbigliò, lasciando cadere il teschio e portandosi le mani, asciut-
te e disperate, alla testa.
–Nulla di importante, ma lo hai fatto per me.– La donna era comparsa alle sue spalle, la
luce della lanterna non riusciva ad illuminarne il volto incorniciato dal rosso crine.
–Mi hai ingannato!– Inveì Michele puntando il dito.
–Su, Su! Non essere permaloso! Avrai ciò per cui sei venuto.– La donna sorrise mostrando
i denti aguzzi. –Ti presento uno dei miei servi– indicò l’oscurità –Si chiama Arioch.–
L’ombra vomitò un essere alto come un orco, con la pelle rossa e striata, le ali di pipistrello
e il capo coronato da due corna massicce.
–Ciao, Uomo!– ghignò Arioch, mostrando una fila di robustissime zanne, bianche come
ossa spolpate. Una colonna di fiamme si sprigionò dalle sue mani. Michele riuscì appena in
tempo ad attivare l’incantesimo di protezione, toccando il suo orecchino magico. Fu avvolto
dalle fiamme, che lo abbracciarono in mille e più vortici, ma soltanto qualche lembo della
sua tunica risentì degli effetti della fiammata, restando bruciacchiato.
–Dannato demone!– imprecò con rabbia e paura.
–Guarda dietro di te, Uomo!– grugnì il mostro, –Non farmi pentire di averti risparmiato–
Michele si voltò e vide che si era aperta una crepa nel muro. Una luce biancastra filtrava,
accompagnata da una sorta di ronzio. Michele l’attraversò abbacinato.
Mentre i suoi passi rimbombavano nel corridoio, con le mani sfiorava le pareti, lisce e
fredde, di un metallo mai visto. Di tanto in tanto trovava delle strane iscrizioni, dei dipinti
con strane forme e porte di metallo che non potè aprire in nessun modo.
Camminò per un tempo che gli sembrò infinito, finché trovò il cammino sbarrato da una
gigantesca parete di metallo. Provò a spingere con tutte le sue forze fino a sentire i muscoli di
braccia e gambe intorpidirsi.
Poi urlò. –Ecco! È tutto qui ciò che doveva distruggere la mia fede?– chiese all’aria che
respirava.
–Chiedi aiuto, giovane Michele.– risuonò nella sua mente così forte da costringerlo a
tapparsi le orecchie.
–Aiuto, allora. Aiuto!– ringhiò. Una rabbia poderosa, imponente, che mai avrebbe sospet-
tato di poter manifestare, si impossessò di lui.
–Spostati, ammasso di carne urlante.– brontolò con sufficienza, spuntando dal nulla,
Arioch.
Il mostro colpì l’uomo sul petto senza ferirlo, eruttando di nuovo le sue fiamme ma ora
con tutto il suo potere. Il volto del mostro illuminato dal fuoco infernale era una maschera di
piacere, dolore e follia.
Michele avvertì nel petto un caldo opprimente e capì di essere stato risparmiato. La parete
dietro di lui si sciolse come lardo sulla brace.
Un vortice di fumo comparve ed avvolse il Demone, che urlò con odio.
Il fumo si dissipò e Michele vide che il Demone era scomparso, e che al suo posto c’era ora
Ó
un oggetto. Un pastorale. øø âââ ää Û  0
<; òó óò ì
í íì îîï áà ÷ö áà ÷ö ðÒðÒÓ ð æçæ ùø çæ ùø `â` ãâ þãâ þ åä åä õô ÚÛ EF

_ 
_ _ E Ê FE GÌ G
 +½
¼ +
,½¼»+, »  ¾¿ /
/0 Ä Ä XW XW -  - - ÀÁ
9:<;=> òó ¯® óò [ \[ b
\ a a í ì íì ÞÞß 
ÿ ÿ
áà÷ö áà ÷ö ÒñÒ ñ èز³ èé ØÙ êæêë çæ ùçæ ù `` ãþã þ å´å ÝÜ´µ ÝÜ ¶· 
c Ú C 
D C D E ËÊ BA FE ÍHÌ H 
#  $#  )*  ++ ,º5+, º 5 3 56 %3
6  
7  87  '( 
  8
% 34 &%  
1


Æ ÆÇ
 1 
2 1 2
     "! ÂÃ  /
Â!  / Ä ÅÄ ª­ TSXWQTSXW OR
VUTS VUTS Q P
O RQ PO  . .  ¢
¦ £
¨ ¤£¢ ©¨ ¤¥
¢ ©
] ^] Ðb ÐÑ IJ YZ JI ZY ÎÏ KL ÈMN ÈÉûú ûú üýü°±Ôýü ÕÔ ÕÔ
c
Ö d Ö dc @
? × ?DC ×ÖAE@?DC B A F # Í $ " ¬ ­¬ ¦ ©¨§¦
] ^ __¸¹ _ ÿÿ Ë 4 & 12 1 21 Å ª« ¨©§

4
] ™ 
\] r rr ÎÎ Ï ÎÏ éé ë£ë£ 륀¥  € € ~ ——˜ ™™š 
˜ ™ ˜ 
Å 
Å Å 
‚ ‚ ›œ  gh g Àhg À Á¿ ÀÁ¿¾ ÐÑ ÒÒ
f ‰Š Ægf Ç
g Æ ÌçÇÆ Í ` ¯° z a` ĵ´ ÅÄ §µ´ ¶ÅÄ §¨ ¶· ¸¹ ¡¢ RS EE q‹ŒHq IH bc TIH jUT kj | UT kj ed FG ed Ž \ LM
ÍÌ èç a  
s s
Z^_ l[Z ml [Z ml ËrË WV rX WV r YX P YX QP‘QP ‘’ hNhi ÎNO JÏ 
² ¤ ¥ 
¦ ² 
€ ¥ ¦ ² € 
 €  ~ 
Š Š 
‹ Š ‹ „ 
… 
v „ … w v 
t u t 
| 
Π| 
}  Œ | } 
¢ È ¢ 
£ 
ƒ ¢ £ 
z ƒ { z 
ˆ ˆ 
‰ ˆ ‰ 
† 
‡ † ž ‡ † 
¾ 
 ¾  
à  à 
» 
x » x 
y x y
çÉÌ è
È ÉÈ yz 
¯ -, on -, on pp {| € Ê“” Ê ss wwx t
Î K ÎJ é«
®¯ Ï ª KJ¬°êé 뫪 ­
® ¯® ¬ ì
° 
± 
£ ° ± £
ë ­¬ ¤ ì릦 • 
³ ³ š
” •” 8•9 › š 
œ œ ¦ Ž §¦ –¥
8 •–  Ž98 § ¤ — – ¥¤ Ð
‘—– Ä
萑 ÁÄé
¨  Á ©¨ ˜ÂÁ ˜ ÅÆ   Ÿ Å ÆŠǢÇÈ£ ¢ ¢ £ ’“ ’“’  ¡ ž eef À¾Á 
g g 
h g h À¿
¾ ‚ ÁÀ¿¾ ½
º
¼ ½¼ Ÿ º ž Ÿž Ó©ª Ó
ç èç âá 
âá
'& ( '& )( )( /.*-, D/.*-, DE­® DE ñ}~ òñ òñ ôó { ôó ãþý ãä þý íîí  îí s s t v u
:; >? @
=A< @A =< çè æå÷ø æå € ÝÞ  ßßà ï ðï û ðï üû  õüû ù öõ úöõ   úù     ê  ÿì  ÿì …ÿ  …†ƒ   ƒ„   
  8µ  9
µ ¶
8 ¹¶µ Ñ98 ¹º ÑÒ »¼ » ü» Ä à ÁÄà  Á 4ÂÁ 5 4 Õ 54 ÆÉÖÕ Æ ÉÊ·Ç·¸ kÇ Ïkl Ð Ï ±² ÐÏ ÓÀ ¿ Ó
ÔÀ¿ ÓÔ ÍÎ ´ ³ iÚ Ù ´³ ij ÚÙ ½ ×½¾×Ø×Ø "$% "# ‡ˆ  0! Ë10 Ì
! 1 Ë «¬ 2ÌË 6 267 2
CB CB y +D+ DD  ù   opmmn ÛÜ Û ÜÛ qqr ÕÖ 33

R ADIX M ALORUM

Lo raccolse e lo guardò impaurito. l’asta vibrava fra le sue mani come percorsa da una
strana energia, ed era calda, viva. Lo rigirò fra le mani e si avvide della somiglianza del suo
pastorale con quello del Vescovo.
Una luce accecante lo investì e lo distolse dalle sue impressioni sul pastorale. Come ipno-
tizzato si diresse verso la fenditura che il demone aveva aperto nella parete. Michele aveva il
braccio destro davanti a se, disteso, quasi a voler tastare la luce, sentirla. Con l’altra mano
stringeva il pastorale che continuava a muoversi e contrarsi e respirare. La luce era fredda e
quasi tagliente all’interno di quella enorme stanza.
Davanti agli occhi gli si stagliava un gigantesco, monumentale cilindro di metallo che lo
guardava con un enorme occhio rosso.
–Quanto tempo è passato!– risuonò una voce metallica, –Finalmente qualcuno con cui
parlare–
–Chi... Cosa?– balbettò Michele
–Io sono la memoria impotente di questo mondo. Io ho visto e registrato vita e morte e
ricostruzione, e poi ancora vita. Io sono il cuore che batte. Io sono...–
La voce fece una pausa.
–Solo.– Continuò la voce –Da troppo tempo ormai.–
–Ma...– Michele aveva molte domande, e tutte gli morirono in gola. Cosa era quell’essere?
Era vivo? Cosa voleva? Da quanto esisteva?
–Io so che sono tante le tue domande, e che il tuo cuore batte troppo forte. Ma io non mi
ricordo il calore di un essere vivente... Avvicinati, e se lo vorrai, ti svelerò la Verità.–
Michele si avvicinò passo dopo passo, lentamente, mentre il suo cuore sembrava non di-
stinguere più un battito dall’altro. Il dimenarsi leggero e caldo del pastorale lo rassicurava.
Sentiva il fuoco fluire dentro di sè.
–Mostramela!– gridò Michele, allargando le braccia. Dalla base dell’occhio saettarono
migliaia di tentacoli che lo avvolsero come una gabbia di rovi e lo percorsero, lo sentirono, e
gli mostrarono la Verità. La verità disperse il suo cuore. Per Sempre.
Il pastorale cadde dalla sua mano, mentre viveva ciò che era stato. Le macchine volanti.
La nascita delle razze. L’arrivo di una nave dal cielo. La rabbia della Terra.
Vide colonne di fiamme alte decine di chilometri e nubi nere come l’oblio. Sentì il dolore,
la paura, le lacrime e l’abbandono di un mondo. Urlò fino a dimenticare quanto. Riemerse
dal dolore nel suo letto, si sedette e dopo aver dissolto il torpore iniziale studiò il pastorale
fra le mani. Era vivo, non c’era dubbio.
–Arioch!– chiamò. Un vortice di fumo scaturì dall’asta, si condensò e l’Arioch apparve.
–Chiama i tuoi demoni. Che scrivano ciò che mi è stato svelato.– ordinò Michele.
Arioch rispose sprezzante: –O forse potrei strapparti la carne a poco a poco–
–Chiamali. Te lo ordino.– ribadì.
I loro sguardi si incrociarono. I rossi occhi di Arioch sprizzavano fiamme di odio e dolore,
che sfidavano la pazzia pura e semplice degli occhi azzurri di Michele. Dopo una eterna
frazione di secondo Arioch chinò il capo, si inginocchiò e ringhiò di rabbia:
–Agli ordini, Padrone!–
L’istante successivo apparve un essere orribile, una sorta di ammasso cartilagineo dotato
di otto arti peduncolati e di uno strano tentacolo. Il tentacolo si avviluppò intorno alla testa
di Michele ed iniziò a pulsare. Il Demone iniziò a gonfiarsi delle memorie del giovane, fino a
occupare tutta la stanza. Una grossa pustola, ricolma di conoscenza.
Il mostro aracnoide iniziò a scrivere, veloce come il vento, e mentre scriveva il sapere sui
fogli, il suo ventre si sgonfiava.
–Andiamo, ora, andiamo a trovare un defunto– ghignò Michele rivolgendosi all’Arioch.
–Sì, mio Signore– rispose l’Arioch, quasi soddisfatto.
Michele si diresse senza alcuna circospezione verso la stanza del suo superiore, si accostò
alla porta salutando la guardia che la presidiava. Il Vescovo di Rylex dormiva ancora.
Michele lo destò dolcemente: –Mia Eccellenza– salutò con un inchino.
–Oh, Michele. Perché mi svegli così presto?– domandò assonnato l’anziano Vescovo.
–Un funerale, Eccellenza.– Michele sfoderò un sorriso sarcastico. Il pastorale gli pulsava

ancora tra le mani. ++    P b
nm %& &%  !!"  *)  *) ## #  ,+  ,+ ’’  1 1   ('  wx

‘ 
‘ ‘ w ü xw yþ y
 ]ï
î ]
^ïîí]^ í OP ðñ aH
Gab öHG ö Š‰ Š‰ _8 7 _87 _ òó
klnmop %& áà &%  Ž ”
Ž “ “    
2 2
*)  *) $ $  äå    , , ’’ 1 1 æ æç  èé 
•  u 
v u v w ýü ts xw ÿzþ z B
U A VU ?BA [\ ?@ ]] ^ìg]^ ì g KeO gh WLKe
Lh  3
Fi E ji 56 YZ 
E QR j
XR W F
4 
c
; MN <; D
ø øù < c 
d c d
C DC :9 I I TS ôõ JI aH
ôS J Ga öHG ÷ö Üß †…Š‰ƒ†…Š‰ „
ˆ‡†… ˆ‡†… ƒ ‚
 „ƒ ‚ 87 `87 `  => >= Ô
Ø Õ
Ú ÖÕÔ ÛÚ Ö×
Ô Û
  ”  {| ‹Œ |{ Œ‹  }~ ú€ úû.- .- /0/âã0/  
•
– –• r
q
 qvu
swrqvu t s x U ÿ V W ef Q T Þ ßÞ Ø ÛÚÙØ
  ‘‘êë ‘ 22 ý Qf X cd c dc ÷ ÜÝ ÚÛÙ

5
 Ë Ï
Ž ¤ ¤¤  
  
  
 ÕÕ ×²× ³ ² ³² °± ÉÉÊ ËËÌ 
Ê Ë Ê 
÷ 
÷ ÷ 
´ ´ ÍÎ Ï ™š ™ òš™ ò óñ òóñð  
˜ »¼ ø™˜ ù
™ ø þùø ÿ ’ áâ ¬ “’ öçæ ÷ö Ùçæ è÷ö ÙÚ èé êë ÓÔ „… ww £½¾z£ {z ”• †{z œ‡† œ ® ‡† œ —– xy —– ¿À Ž ~
ÿþ  “ 7 
¥ ¥
Œ‘ žŒ ±Ÿž Œ Ÿž ý¤ý ‰ˆ ¤Š ‰ˆ ¤ ‹Š ‚ ‹Š ƒ‚Á ÃÄ š€š›  € |} 
ä Ö × 
Ø ä 
² × Ø ä ² 
³ ² ³ ° 
¼ ¼ 
½ ¼ ½ ¶ 
· 
¨ ¶ · © ¨ 
¦ § ¦ 
® 
¾ ® 
¯ ¿ ¾ ® ¯ 
Ô ú Ô 
Õ 
µ Ô Õ 
¬ µ ­ ¬ 
º º 
» º » 
¸ 
¹ ¸ Ð ¹ ¸ 
ð 
ô ð ô 
õ ô õ 
í 
ª í ª 
« ª «
ûþ 
ú ûú «¬ 
á _^ ¡  _^ ¡  ¢¢ ­® ²± 67üÅÆ ü ¥¥ ©©ª ¦
Ü| }|Þâ ÝÜ ß

àá

Ý
à áà Þ 
â 
ã 
Õ â ã Õ
 ßÞ Ö ØØ Ç 
å å Ì
Æ ÇÆ jÇÏk Í Ì 
Î Î Ø ÀÁ ÙØ È×
j ÇÈ Ï Àkj Ù Ö É È ×Ö õÂ
ÃÉÈ ö
õÚÂÃ óöõÛ
Ú ô ó ÛÚ Êôó Ê ÷ø Ò Ñ ÷ ø÷ ùÔùúÕ Ô Ô Õ ÄÅ ÄÅÄ ÒÓ Ð ——˜ òð³ó 
™ ™ 
š ™ š òñ
ð ³´ óòñð ï
ì
î ïî Ñ ì Ð ÑÐ ÛÜ 
   =<  =< YX Z YX [Z [Z a`\_^ va`\_^ vwßà vw $¯°>%$ >? %$ '& ­ '& 10  @10 @! @ ! ¥ ¥ ¦ ¨ §
lm pq r
osn rs on  *+  ²  6  "GF #" .GF 4#" /. 54 (/. ,C54 )( D-)( D : -, ED ; : ;: 8 89 2 3 2  ·32Q P N·¸JµQP O J µ¶ HON KJ L
N K Ijç IH k
MçHLM è
j ëèç kj ëì  íî í õîí ö õ óöõ ô ó fôó g f  gf øû  ø ûüéùéê ù ž   ãä  ò ñ 
òñ  ÿ æ å ›  æå ›œ ï
ïð
 
TVW TU R¹º S bSR ýcb þ
R c ý ÝÞ dþý h dhi d
ut ut « ]v] vv AA BB, CB E ¡¢ŸŸ     ££¤   ee

R ADIX M ALORUM

–A quest’ora?– domandò sbigottito il vecchio, –E di chi?–


–Il suo, Eccellenza– Il vecchio non fece in tempo a stupirsi che le mani di Michele si
levarono. Il corpo del vescovo cominciò a contrarsi in preda alle convulsioni. Il torace gli si
gonfiò, fino a lacerare la veste, la pelle, la gabbia toracica fino alla gola, soffocando i suoi
lamenti. Il corpo del vecchio esplose, rivoltandosi come un guanto. Di quello che era stato
l’arcivescovo di Rylex era rimasto un ammasso di visceri e ossa sanguinolente.
Michele richiamò il suo Arioch e gli ordinò di uccidere la guardia all’ingresso. La porta si
aprì e, mentre Michele usciva, la testa della guardia implodeva con uno schiocco sordo sotto
la stretta dell’Arioch.
–Ora sparisci– ordinò al demone. Michele tornò nelle sue stanze. Dove prima c’era il
demone gonfio di conoscenza si trovava il Libro. Sollevò il tomo fra le mani e pronunciò un
vincolo, e poi un altro, e poi un altro ancora, e poi ancora, fino quasi a crollare esausto.
–Ecco il Radix Malorum, la Radice di tutti i Mali. Lo custodirò e nessuno saprà mai la
Verità.– esclamò. Tra le nebbie della stanchezza che lo sommergevano vide apparire la donna
dai capelli rossi. Nuda, bella, provocante.
–E tu sarai mio– disse sorridendo la donna.
–Sì, mio Signore– rispose Michele perdendosi nel suo caldo abbraccio.”

8 ]] GGG II @ ‚ ”


 Ÿ XW XW RQRQ SST FE \[ FE \[ U7U78 U KLK ^] LK ^] ÄGÄ HG cHG c JI JI ZY ?@ ©ª

à 
à à © / ª© «1 «
 "
! 

 "! #$  ‚  
“ 
z y “” )zy )* ¼» ¼» ‘j i ‘ji ‘ %&

d d § 
¨ § ¨ © 0/ ¦¥ ª© 2¬1 ¬ t e f 
• • 
– • – ¸·¼»µ¸·¼» ³¶  

 
ž Ÿ¢¡ XW  XW ÁÀ¿ÂÀ¿ Å Å R Q RQ CCD FEFE ==> KLK LK HH JJ BA BA Ç ? 
Á ÆÂÁ 5Æ 56 ®­ ¾½ ®­ ¾½ 34 ¯° -±² -.`_`_ aba9ba :9 :9 \[ \[ 7V7 V M MN OOP ^Ã^ ÄÃ ÄÃ cdcd   
Ç
; È ; ÈÇ ¤
£ < £¨§ <;¥©¤£¨§ ¦ ¥ ª 0 ‡ 2 ˆ‡ s ˆ‡ qts Ž qr  ™  ™ }— ™š ‰~}—
š ~ ‰ —˜ ƒ
˜ ƒŠ › xw œ› gh ‹Œ 
w ƒ„ œ
„ Š‰ x m € nm v
+ +, n
•–
u vu lk {
• –• 
†… '|{ †… '( |{ “z y“ )zy )   
*  º¹¸· º¹¸· µ ´
³ ¶µ ´³ ji ’ji ’  op po 
 
 

6
Capitolo 1

Introduzione

1.1 Prefazione tre i giocatori hanno il compito di sviluppare le


linee guida della storia, tramite le proprie azio-
1.1.1 Cos’è un Gioco di Ruolo ni, la reciproca interazione e l’interazione con il
Master; il tutto mediante l’applicazione delle re-
Quello che avete fra le mani e che vi appresta- gole che permettono di far vivere e agire i PG, che
te a leggere è il manuale di un Gioco di Ruolo, restano comunque personaggi di fantasia.
che gli addetti ai lavori chiamano GdR. A bene-
ficio di chi non conosce il significato del termine,
forniamo una breve spiegazione. 1.1.2 Il GdR Fantasy
Il modo più semplice per descrivere il contenu-
Il gioco di ruolo ha conosciuto nella sua storia
to e lo scopo del GdR consiste nell’analizzare il
adattamenti più o meno riusciti a molteplici am-
termine stesso “Gioco di Ruolo”. In quanto gio-
bientazioni, reali o parto della fantasia di autori
co in esso è predominante l’aspetto ludico e ri-
più o meno noti, quali Tolkien, Gibson, Rice, solo
creativo con lo scopo di divertire i partecipanti; il
per citarne alcuni.
fine principale di ciascuno è quello di interpreta-
Sul mercato si trovano GdR per tutti i pala-
re una parte, un ruolo, che gli permetta di ca-
ti: Horror, Gotico, Fantascientifico, Cyberpunk,
larsi, con l’aiuto della propria fantasia, nei panni
Demenziale, Storico ecc. Tuttavia ci sentiamo di
di un personaggio, e di interpretarlo, muovendo-
affermare che il genere più diffuso è il Fantasy,
lo con l’ausilio di regole all’interno della trama
dove storia e fantasia si mischiano in una alchi-
intessuta da un altro giocatore regista.
mia elettrizzante, dove la spada si incrocia con
Questo mette in evidenza una prima distinzio-
la magia (il classico Sword & Sorcery) e in cui
ne fra i giocatori: coloro che si calano nei panni
abbondano creature fantastiche e mitologiche.
dei cosiddetti Personaggi Giocanti o PG, e colui
Il progenitore del GdR Fantasy è senza dubbio
che crea la storia, la trama all’interno del qua-
Dungeons & Dragons, che ha lanciato una moda
le i PG si muoveranno, come il regista di un’ope-
e segnato un’epoca.
ra. Il “regista” nella maggior parte dei GdR pren-
Il gioco che state per conoscere, Radix Malo-
de il nome di Master (o Arbitro, o qualcosa del
rum, appartiene a tale categoria. Esso rispec-
genere).
chia, con le dovute differenze, i capisaldi del ge-
Il GdR esalta la creatività delle persone por-
nere fantasy. Radix Malorum è, ciononostante,
tandole a sperimentare i modi di interagire più
frutto della fantasia dei suoi autori e la sua am-
adatti alle situazioni in cui il Master decide di
bientazione è totalmente originale e scaturita in-
far imbattere i PG. L’interpretazione del ruolo è
sieme alle altre regole da un duro lavoro di speri-
cardine fondamentale del GdR e non viene smi-
mentazione durato quasi nove anni, senza negare
nuita nel ruolo del Master, il quale non è il crea-
il contributo datoci dagli autori che hanno fatto
tore di una trama sterile e prestabilita come po-
nascere in noi la passione per questo genere.
trebbe essere quella di un film, ma rappresenta
tutto il mondo dei PG, comprese tutte le perso-
ne che i questi potranno incontrare durante lo 1.1.3 Le caratteristiche di Radix
svilupparsi del gioco. Malorum
In altre parole, il Master stende un canovac-
cio, una trama di cui decide i punti salienti e i Fra i punti di forza di Radix Malorum possiamo
personaggi “complementari” che egli dovrà gesti- ricordare:
re (detti Personaggi Non Giocanti o PNG), men- 3 la dettagliata ambientazione originale

7
CAPITOLO 1. INTRODUZIONE R ADIX M ALORUM

3 il sistema di miglioramento delle abilità, Ogni nazione nell’Arcipelago ha un proprio ca-


proporzionato alla complessità delle abilità lendario, ma durante la Dominazione Levante,
stesse; per facilitare i fiorenti scambi commerciali, è sta-
to adottato un calendario comune, detto Calenda-
3 il sistema di combattimento, studiato per
rio Commerciale, utilizzato in tutto il continente,
garantire un buon equilibrio tra realismo e
in cui l’anno solare è diviso in 10 mesi di 30 giorni
spettacolarità, in cui anche un solo colpo di
ciascuno.
pugnale può uccidere, in cui è prevista la pos-
I mesi sono:
sibilità per le armature di danneggiarsi e lo-
gorarsi, e per le armi di rompersi; 1. Titheea
2. Tebidow
3 infine, un sistema di creazione immedia- 3. Kalhentee
ta della magia che permette di attivare in- 4. Bahska
cantesimi personalizzati da adattare ad ogni 5. Bowdhyow
situazione. 6. Proydee
7. Skow-Thowladah
Vi sveliamo a questo punto un “segreto” che po- 8. Fryow-Sow
trebbe soddisfare le curiosità che sicuramente vi 9. Nyee
sorgeranno nella lettura: gli autori di Radix Ma- 10. Jelhow
lorum sono sardi e molto legati alla loro terra. In
Il passaggio tra le fasce climatiche non è netto,
più punti del manuale troverete riferimenti a mi-
ma graduale. È possibile comunque individuare
ti, luoghi e tradizioni della Sardegna, riferimenti
quattro fasce principali.
che sono stati ritenuti dagli autori un doveroso
Nella zona artica la temperatura è sempre
omaggio alla loro isola.
molto bassa e non piove mai, perché nevica.
Per scoprire un nuovo meraviglioso mondo, non
Nella zona fredda i mesi 1,2,9,10 sono inver-
dovrete far altro che addentrarvi nella lettura,
nali, 3,4 primaverili, 5 estivo e 6,7,8,9 autunna-
senza spaventarvi alle prime difficoltà di appli-
li. Le precipitazioni sono distribuite più o meno
cazione delle regole. E vi garantiamo che ne sarà
uniformemente su tutto l’arco dell’anno.
valsa la pena.
Nella zona temperata le stagioni sono ben de-
finite, i mesi 1,9,10 sono invernali, 2 e 3 primave-
1.2 Il Mondo di Quadrantal rili, 4,5,6 estivi e 7,8 autunnali. La stagione esti-
va è secca. l’alternarsi delle stagioni è graduale.
Il mondo in cui vi apprestate ad entrare, per Nella zona tropicale, in cui la temperatura
scoprirne misteri, meraviglie, passioni e paure, è è sempre alta, esistono soltanto due stagioni, la
stato chiamato, dai suoi abitanti originali, Qua- stagione secca, nei mesi 9,10,1,2,3 e la stagione
drantal. Il nome Quadrantal significa nell’an- delle piogge nei mesi restanti. Durante la sta-
tica lingua “dado”, infatti gli indigeni pensavano gione delle piogge piove 5 giorni su 6. Nei deser-
che esso presentasse tale forma. ti tropicali, anche durante la cosiddetta stagione
Attorno a Quadrantal orbitano due satelliti na- delle piogge, non piove praticamente mai.
turali, due lune chiamate Mohwr e Alphan. La Troverete la Mappa dell’Arcipelago, in cui so-
prima appare di colore rosso, mentre la seconda no indicate anche le zone climatiche, allegata al
di colore bianco. manuale.
L’anno solare dura 300 giorni.
1.2.1 L’Arcipelago 1.2.2 La Fauna
Il cosiddetto “mondo conosciuto”, chiamato Ar- Nella tabella a pagina 11 sono indicate le razze
cipelago, è un continente, situato interamente animali più comuni nell’Arcipelago. Una descri-
nell’emisfero settentrionale del pianeta, costitui- zione dettagliata è fornita soltanto per le specie
to da 7 grandi isole disposte in cerchio e delimi- caratteristiche. Per le altre, basta consultare un
tanti un grande specchio d’acqua chiamato Mare buon testo di zoologia.
Interno. Al centro del Mare Interno sorge una Nella tabella troverete indicati:
piccola isola detta Isola del Gran Consiglio.
Gli abitanti dell’Arcipelago ignorano quanto si la Specie o gruppo di specie a cui appartengono;
trovi nel resto del pianeta, oltre il cosiddetto Ma- CAT, i valori delle caratteristiche INT, CoNC,
re Esterno. Questo, infatti, non è da essi na- COS, AGI, FOR, OSS;
vigabile se non nelle immediate vicinanze delle
isole. ú 


  la AMM Difficoltà E del tiro Ammaestrare; W
cb   
       ùùú   ! ! ‡
‡ 
&
&    lm

† 
† † l ñ ml nó n
 Rä
Rã 

S R
äãââ åæS E D 
V 
= < VW ë=< ëì ~ ~ T- , T-, T çè
‚ ƒ‚ ‰
ƒ   
' ' j 
k j k l òñ ih ml ôoó o 7 ) ( 
X X 
Y X Y {z~x{z~ vy Ï ËÊÉ ÐÏ ËÌ
É Ð
`acbde  ÖÕ  
„ …
ˆ ˆ  
„ …„ ÷‰ ÷ø pq € qp € õö rs ïtu ïð#" #" $%$×Øû%$ üû üû
   ùù  ÿÙÚ  ÿ   ! ! ‡‡ & & Û ÛÜ  ÝÞ 
††ßà † ''
Š  Š
ý ‹ ý ‹Š g
f þ fkj þýhlgfkj i h m ò J ô KJ 6 KJ 476 PQ 45 RR Sá\RS á \ @ZD \] LA@Z
] A L Z[ F
[ FM ^ ;: _^ *+ NO ííî 1
: FG _
G ML ; 0 BC 10 9
XY
8 98 ./ >Ié?
> I éê ?> =
X YX HH VV ì ÑÑÒ
< ë=< ë Ô Ó ÔÓ }|{z }|{z x w
v yx wv -, U-, U  23 32 É
Í Ê  Í ÐÏÎÍ
ÏÐÎ
8
R ADIX M ALORUM 1.2. IL MONDO DI QUADRANTAL

la CON Difficoltà del tiro Conoscere Animali, I Fortral vivono in climi temperati, sono rico-
che può aumentare per casi particolari a di- perti di penne su tutto il corpo tranne che nel-
screzione del Master, ad es. per sottospecie la parte inferiore delle zampe, terminanti con ro-
particolarmente rare; busti artigli che migliorano la presa sui terreni
fortemente scoscesi. Il piumaggio è grigio-bruno,
Danni che gli esemplari della specie possono più scuro sul dorso.
infliggere con gli attacchi naturali (ad essi
andrà aggiunto il bonus forza).
Nortral
Esempi di animali di quella specie.
Note e Particolarità della specie. I Nortral sono una varietà di Fortral adattata-
si ai climi rigidi delle terre del nord. Differisco-
Il TOT di ogni abilità di combattimento (Ar- no dai loro cugini del Sud sia per il colore delle
tigliata, Morso, Schivata ecc.) se non indicato penne che si presenta grigio-bianco che per le lo-
diversamente nella descrizione, è uguale all’AGI. ro ali che sono leggermente più sviluppate, per-
mettendo loro di spingersi in alto nell’eventuali-
N.B. Non lasciatevi spaventare da queste tà che restino bloccati nella neve troppo soffice e
“strane sigle”! TOT e AGI indicano rispet- profonda.
tivamente TOTale di un’abilità e la caratte- Le loro zampe sono interamente coperte da piu-
ristica AGIlità. Per il momento sono nomi me e terminano con degli artigli palmati che ga-
oscuri, ma la mente vi si aprirà dopo aver rantiscono una distribuzione del peso tale da fa-
letto il capitolo ” Personaggio” a pagina 71 cilitare l’andatura su terreni innevati.

Fortral Reptis
Sono le cavalcature bipedi più diffuse. Sono dei
Sono le cavalcature volanti più diffuse. Sono
massicci uccelli rapaci corridori, incapaci di vo-
simili a piccoli pterodattili con ali membranose
lare, dotati di un grosso becco adunco usato per
ed un collo esile e allungato che li rende inadatti
attaccare.
alle battaglie.
Non essendo dotati di coda, il loro timone è co-
Fortral
stituito da un’escrescenza cartilaginea della te-
sta, il loro becco è lungo e robusto e dotato di
piccoli denti.

Krenay

Sono grosse lucertole umanoidi che possono fa-


cilmente raggiungere i due metri di altezza. Han-
no un collo tozzo e robusto; i loro arti superiori,
allungati, terminano con dei potenti artigli.
Sono organizzati e cacciano in branco, e può ca-
pitare che a volte brandiscano dei bastoni o delle
ossa come armi da botta.
La loro pelle verde è squamosa ed è un’ottima
protezione naturale.
È facile incontrarli sul “suolo” di Umbrosa; tut-
tavia sono stati avvistati anche nelle foreste di
Terranova e Norda. Inoltre si è trovata una spe-
cie a loro simile nelle isole a Sud di Loydi-Genya.
Gli Umbra li hanno soprannominati “mangia-
tori di cuori” data la predilezione che nutrono per
il cuore delle loro vittime.
I krenay temono il fuoco, ma non fuggono da-
vanti ad esso. Attaccano chiunque gli si trovi
½ ââ ÌÌÌ ÎÎ Å 
davanti, soprattutto se sono affamati.
&% ÝÜ ÝÜ ×Ö×Ö ØØÙ ËÊ áà ËÊ áà Ú¼Ú¼½ Ú ÐÑÐ ãâ ÑÐ ãâ JÌJ ÍÌ èÍÌ è ÏÎ ÏÎ ßÞ ÄÅ /0

I 
I I / ´ 0/ 1¶ 1
 §
¦ 
§¦¥ ¥  ¨© ÿ
þ ®ÿþ ® BA BA ï î ïî  ª«
#$&%(' ÝÜ ™˜ ÝÜ GFEHFE K K × Ö ×Ö ÈÈÉ ËÊËÊ ÂÂà ÐÑÐ ÑÐ ÍÍ ÏÏ ÇÆ ÇÆ M Ä  
é é - 
. - . / µ´ ,+ 0/ ·2¶ 2 ù
ø  öùø  ö÷    
¤ ¤ 
ê
ý! ü "! ìí  
ü
"

 ý
ë 

ò  óò û
° °± ó  
  
ú ûú ñð 
¬  ¬­  ÿþ ®ÿþ ¯® ”— >=BA;>=BA 9<
@?>= @?>= ; :
9 <; :9 ïî ïî   ôõ õô Œ ’ ŽŒ “’ Ž
Œ “
 
G LHG ºL º» 43 DC 43 DC ¸¹ 56 ²78 ²³åäåä æçæš›¾çæ ¿¾ ¿¾ áà áà ¼Û¼ Û Òœ ÒÓ ÔÔÕ ãIã JI¢£ JI èéèé žžŸ  ¡ 
M
À N À NM *
) Á ).- ÁÀ+/*).- , + 0 ·     
 – —–  “’‘
µ      ¯ ”• ’“‘

9
CAPITOLO 1. INTRODUZIONE R ADIX M ALORUM
Krenay Questi ragni conservano le vittime all’interno di
bozzoli.

Insetti giganti
Gli insetti giganti abitano solitamente le fore-
ste di segram di Umbrosa e Bahuney, ma si posso-
no incontrare anche nelle altre terre conosciute.
Ve ne sono di ogni tipo e possono raggiungere i
due metri di lunghezza.

Troll
I troll sono grossi umanoidi dalla pelle color
ocra, bitorzoluti, butterati e con il naso schiaccia-
to che abitano la giungla sull’altopiano di Loydi-
Genya. Sono molto stupidi ma in compenso pos-
sono raggiungere i 3 metri e mezzo di altezza. Te-
mono il fuoco e solitamente fuggono, se non sono
troppo affamati, alla sua vista. A volte brandi-
scono grosse clave ricavate da ossi o alberi. I troll
si nutrono di tutto quello che capita loro a tiro.
Tartarughe Tsyu-betch I troll sono nemici naturali dei giganti anche
se hanno poche occasioni di incontrarli; quando
Sono tartarughe marine lunghe fino a quattro accade gli scontri sono furiosi e all’ultimo sangue.
metri che vivono nel Mare Esterno e si nutrono di
pesci e calamari. Ogni 5 anni si avvicinano alla
Stelle Marine Kalareyna
terraferma per depositare le uova.
Sono rare e piuttosto ricercate visto che il loro Sono stelle marine di circa 20 cm di diametro,
guscio viene utilizzato per costruire oggetti ma- che si trovano sul fondo del Mare Esterno,
gici. I più capaci cacciatori di Tsyu-betch sono i Vengono pescate perché, essiccate, sono adatte
Chire. alla costruzione di oggetti magici. Le kalareyna
essiccate pesano da 10 a 20 grammi.
Ragni giganti

Nell’Arcipelago vivono due principali varietà di


ragni giganti.
I primi sono chiamati Marhya-Far-Hank. Sono
diffusi nelle terre Reuben. Non sono velenosi, ma
il loro morso è dolorosissimo e può trasmettere la
malattia detta “Mows Sihadura”.
Il guscio dell’addome viene utilizzato dai Reu-
ben per costruire corazze. La durezza del guscio
aumenta di pari passo con l’età del ragno. Que-
sti ragni hanno zampe molto lunghe e affusolate,
non sono pelosi e possono raggiungere due metri
di lunghezza.
I secondi, che sono chiamati Tray-Toree dagli
elfi, vivono ad Umbrosa e a Bahuney, nelle caver-
ne o fra le fronde basse degli alberi di Segram.
Hanno grossi addomi e zampe tozze e pelose e
possono raggiungere i due metri di lunghezza.
I Tray-Toree sono di colore verde scuro o mar-
rone e si mimetizzano facilmente fra le fronde,
il loro morso è molto doloroso e inietta un ve-
leno chiamato Kow-how,€  ‘alla
¥¥ porta
che ‘ paralisi.
ˆ Ê Ü
èç Ÿ   Ÿ ™
š š™ ››œ Ž ¤£ Ž ¤£ €  “”“ ¦¥ ”“ ¦¥   « « ’‘ ’‘ ¢¡ ‡ˆ ñò


ñ w òñ óy ó
 ×j
×i 

Ø ×
jihh klØ Ê É 
Û 
 Á ÛÜ qÂÁ qr   Ù² ± Ù²± Ù mn
  
 ™ š™ 
¬ ¬ ï 
ð ï ð ñ xw îí òñ zôy ô ¼ ­ ® 
Ý Ý 
Þ Ý Þ ÿýÿ ûþ U QPO VU QR
O V
åæèçéê Ÿ  \[  Ÿ 


  š ‹‹Œ


} }~ õö  öõ  {| ÷ø uùú uv¨§ ¨§ ©ª©]^ª© ‚ ‚
Ž¤£ Ž ¤£ ž ž •…_` •– …† —“—˜ ”“ ¦”“ ¦  « « ’a’ Š‰ab Š‰ cd 
 ef ¬¬
 ‡ 
ƒ  ƒ  ì
ë „ ëðï „ƒíñìëðï î í ò x Ï z ÐÏ » ÐÏ ¹¼» ÕÖ ¹º ×× Øgá×Ø g á ÅßÉ áâ ÑÆÅß
â Æ Ñ ßà Ë
à ËÒ ã À¿ äã ¯° ÓÔ 
¿ ËÌ ä
Ì ÒÑ À µ ÇÈ ¶µ ¾
s st ¶
ÝÞ
½ ¾½ ´³ Ã
Ý ÞÝ 
ÎÍ oÄÃ ÎÍ op ÄÃ ÛÂ ÁÛ qÂÁ q WZ Y ZY
r WX ÿ ÿ ý ü
û þý üû ²± Ú²± Ú  ·¸ ¸· O
S P  S VUTS
UVT
10
R ADIX M ALORUM 1.2. IL MONDO DI QUADRANTAL

A NIMALI
Specie INT CNC COS AGI FOR OSS AMM CON Danni Esempi Note
Equini 1d4 4+ 10+ 10+ 10+ 10+ 20 5 1d4 (Calcio) Pony, Asini
Piccoli 2d8 1d10 1d10 1d10 1d10
Equini 1d4 4+ 14+ 10+ 14+ 10+ 20 5 1d6 (Calcio) Muli, Cavalli,
Medi 2d8 1d8 1d10 1d8 1d10 Zebre
Equini 1d4 4+ 17+ 10+ 17+ 10+ 20 5 2d6 (Calcio) Cavallo da
Grandi 2d8 1d8 1d10 1d8 1d10 guerra, cavallo
da tiro
Cammello 1d4 4+ 17+ 10+ 17+ 10+ 20 10 2d6 (Calcio) Cammello,
2d8 1d8 1d10 1d8 1d10 dromedario
Fortral 1d4 4+ 12+ 15+ 14+ 10+ 20 5 1d8 (Becco) V. Descrizione
e Nortral 2d8 1d8 1d10 1d8 1d10
Reptis 1d4 4+ 10+ 15+ 16+ 15+ 23 15 1d6 (Becco o V. Descrizione
2d8 1d10 1d10 1d6 1d10 Artiglio)
Felini 1d6 4+ 2+ 13+ 2+ 15+ 30 5-20 1d4 (Morso o Gatti, linci
piccoli 2d8 1d8 2d8 1d8 1d10 Artiglio)
Felini 1d6 4+ 11+ 13+ 11+ 15+ 30 10-25 2d6 (Morso o Leoni, Tigri,
grandi 2d8 2d8 2d6 2d8 1d10 Artiglio) Pantere,
Leopardi ecc.
Canidi 1d6 4+ 3+ 10+ 3+ 10+ 10 5-20 1d6+ 1 (Morso) Piccoli Cani,
piccoli 2d8 1d8 1d10 1d8 1d10 Dingo, Coyote,
Volpe
Canidi 1d6 4+ 11+ 10+ 11+ 10+ 10 10-20 1d8+ 1 (Morso) Grossi cani,
grandi 2d8 1d10 1d10 1d10 1d10 lupi
Elefante 1d4 15+ 40+ 6+ 30+ 6+ 22 15 1d10 (Testata, Elefante Attacco in
1d10 2d10 1d6 2d10 1d10 in Carica), 2d8 Africano, carica: somma
(Calcio) Indiano. la FOR al
Danno; pelle 3
PP
Rinoceronte 1d4 4+ 30+ 9+ 25+ 2+ 40 20 2d8 (Corno, in Rinoceronte Attacco in
2d8 1d10 1d6 1d10 1d10 Carica) Nero, indiano carica: somma
ecc. la FOR al
Danno; pelle 5
PP
Krenay 4+ 4+ 10+ 10+ 10+ 10+ 40 25 2d6 (Artiglio), V. Descrizione Pelle 3 PP
1d8 2d8 2d6 2d6 2d6 2d6 1d6 (Morso)
Orsi 1d4 4+ 5+ 8+ 5+ 10+ 25 20 2d6 (Artiglio), Grizzly, orso
2d8 2d10 1d6 2d10 1d10 1d8 (Morso) polare, panda
Bovini 1d4 4+ 15+ 1d10 10+ 10+ 5 10 1d6 (Cornata, Buoi, Tori, Attacco in
2d8 2d6 2d6 1d10 in Carica) Yak, Bisonti carica: somma
la FOR al
Danno
Suini 1d4 4+ 8+ 2+ 8+ 10+ 15 10 1d6 (Testate, Maiali, Attacco in
2d8 3d6 1d10 2d6 1d10 in Carica), 1d6 Cinghiali carica: somma
(Morso) la FOR al
Danno
Ragni - - - 1d10 - 1d6 - 15-30 - Vedove nere Iniettano
piccoli veleno se il
TPC va a segno
Ragni - 1 1 1d10 1 1d6 - 15-30 1(Morso) Migali Iniettano
grandi veleno se il
TPC va a segno
Ragni 1 1d6 8+ 2d10 8+ 4+ 40 20-35 1d8+ 2 (Morso) V. Descrizione Iniettano
giganti 2d6 2d6 1d6 veleno se il
TPC va a
segno;
protezione 3-10
PP
Scimmie 1d6 4+ 1d6 17+ 1d6 10+ 10 15-25 1d4 (Morso) Bertucce,
piccole 2d8 1d10 1d10 lemuri
Scimmie 1d10 10+ 2+ 15+ 2+ 10+ 10 15-25 1d4 (Pugno), Scimpanzè,
medie 1d10 3d6 1d10 3d6 1d10 1d6 (Morso) Macachi,
Babbuini
Scimmie 1d10 10+ 15+ 13+ 15+ 10+ 25 15-30 1d4 (Pugno o Oranghi,
grandi 1d10 1d10 1d10 1d10 1d10 Presa) 1d8 mandrilli,
(Morso) gorilla
C hh RRR TT K  Ÿ
«ª cb cb ]\]\ ^^_ QP gf QP gf `B`BC ` VWV ih WV ih ÏRÏ SR nSR n UT UT ed JK ´µ

Î 
Î Î ´ : µ´ ¶< ¶
 š-
š, 

› š
-,++ ./›  Œ 
ž 
… „ žŸ 4…„ 45 ÇÆ ÇÆ œu t œut œ 01

o o ² 
³ ² ³ ´ ;: ±° µ´ =·< ·  p q 
    
¡   ¡ ÃÂÇÆÀÃÂÇÆ ¾Á    
 
¨©«ª­¬ cb  cb ÌËÊÍËÊ Ð Ð ] \ ]\ NNO QPQP HHI VWV WV SS UU ML ML Ò J 
Ì ÑÍÌ @Ñ @A ¹¸ ÉÈ ¹¸ ÉÈ >? º» 8¼½ 89kjkj lml!Dml ED ED gf gf BaB a X"# XY ZZ[ iÎi ÏÎ() ÏÎ nono $$% &' 
Ò
F Ó F ÓÒ ¯
® G ®³² GF°´¯®³² ± ° µ ; ’ = “’ ~ “’ |~ ˜™ |} šš ›*¤š› * ¤ ˆ¢Œ ¤¥ ”‰ˆ¢
¥ ‰ ” ¢£ Ž
£ Ž• ¦ ƒ‚ §¦ rs –— 
‚ Ž §
 •” ƒ x Š‹ yx 
6 67 y
 ¡
€ € wv †
  ¡  
‘ 2‡† ‘ 23 ‡† ž… „ž 4…„ 4   
5  ÅÄÃÂ ÅÄÃÂ À ¿
¾ ÁÀ ¿¾ ut ut   z{ {z 
   


11
CAPITOLO 1. INTRODUZIONE R ADIX M ALORUM
Specie INT CNC COS AGI FOR OSS AMM CON Danni Esempi Note
Rettili 1 1d6 1 2d10 1 5+ - 10-30 1 (Morso) Lucertole, Iniettano
piccoli 1d10 Bisce, Gechi veleno se il
ecc. TPC va a segno
Rettili 1 1d6 1d6 2d10 1d6 5+ - 10-30 1d4 (Morso) Vipere, Cobra, Iniettano
medi 1d10 Iguane veleno se il
TPC va a segno
Rettili 1 2d8 4+ 2d10 4+ 5+ - 10-30 1d8 (Presa), Varani,
grandi 3d6 3d6 1d10 2d8 (Morso) Coccodrilli,
Anaconda,
Boa,
Tartarughe
marine
Uccelli 1d4 4+ 1 20+ 1 15+ 20 5-40 - Colibrì
piccoli 2d8 1d6 1d10 passeri,
canarini ecc.
Uccelli 1d4 4+ 1d8 20+ 1d8 15+ 15 5-40 1d4 (Becco), Corvo, Falco,
medi 2d8 1d6 1d10 1d6 (Artigli) Civetta
Uccelli 1d4 4+ 3+ 14+ 3+ 15+ 20 5-40 1d8 (Becco), Aquila,
grandi 2d8 2d6 2d6 2d6 1d10 1d8+ 1 (Artigli) Condor, Gufo,
Avvoltoio
Pesci 1 1d6 - 20+ - 1d20 - 5-40 - Ghiozzi,
piccoli 1d6 Triglie, Orate
Pesci 1 1d6 1d4 20+ 1d4 1d20 - 5-40 - Dentici, Cernie
medi 1d6
Pesci 1 1d6 12+ 14+ 6+ 1d10 - 5-40 2d8+ d (Morso) Grandi squali,
grandi 2d10 2d6 3d10 Mante
Balene 2+ 4+ 60+ 2+ 40+ 10+ - 20 1d10 (Testata, Balenottere, Attacco in
1d6 2d8 4d10 1d8 4d10 1d10 in Carica) Capodogli carica: somma
la FOR al
Danno
Orca 4+ 4+ 40+ 10+ 30+ 10+ 30 25 3d10 (Morso) Orcinus Orca Attacco in
1d10 2d8 3d10 1d8 3d10 1d10 carica: somma
la FOR al
Danno
Delfino 10+ 4+ 20+ 20+ 15+ 15+ 25 20 1d10 (Testata, Delfini, Attacco in
1d10 2d8 1d10 1d6 1d10 1d10 in Carica) Narvali, carica: somma
la FOR al
Danno
Insetti - - - 2d20 - 10+ - 5-40 - Mosche, Iniettano
piccoli 1d10 zanzare, veleno se il
formiche e TPC va a segno
molte altre
Insetti 1 1 8+ 1d20 8+ 10+ - 25-40 1d10 (Attacco V. Descrizione
giganti 2d6 2d6 1d10 generico)
Troll 1d4 4+ 9+ 6+ 9+ 10+ 30 15 2d6 (Morso), V. Descrizione
2d8 2d8 1d10 2d8 1d10 possono avere
CAC o ABL
Roditori 1d4 1d6 1 10+ 1 10+ 15 10-30 1d6 (Morso) Topi, criceti,
piccoli 1d10 1d10 lemmings
Roditori 1d4 1d6 1d6 6+ 1d6 10+ 25 20-30 1d6 (Morso) Conigli, lepri,
grandi 1d10 1d10 ratti
Ovini 1d4 1d6 2+ 10+ 2+ 10+ 20 5-20 1d4 (Testata, Pecore, Capre Attacco in
piccoli 1d6 1d10 1d6 1d10 in carica) carica: somma
la FOR al
Danno
Ovini 1d4 1d8 8+ 10+ 8+ 10+ 20 5-20 1d6 (Testata o Mùvara, Attacco in
grandi 2d6 1d10 2d6 1d10 cornata, in Stambecchi, carica: somma
carica) Lama la FOR al
Danno
Tabella 1.1: Tabella Animali

 ++    P b


nm &% &%  !!"  *)  *) ## #  ,+  ,+ ’’  1 1   ('  wx

‘ 
‘ ‘ w ü xw yþ y
 ]ï
]î 

^ ]
ïîíí ðñ^ P O 
a 
H G ab öHG ö÷ Š‰ Š‰ _8 7 _87 _ òó

2 2 u 
v u v w ýü ts xw ÿzþ z B 3 4 
c c 
d c d †…Š‰ƒ†…Š‰ „ Ú ÖÕÔ ÛÚ Ö×
Ô Û
klnmpo &% áà &% ŽŽ “ “             • 
 ” ”  |{ Œ‹ |{ Œ‹  }~ ú€ úû.-.- /0/âã0/   *) *) $ $ äå   ,‘, ’‘êë ’‘ 1212 ææç èé 
•
– –• r
q
 qvu
swrqvu t s x ý U ÿ VU A VU ?BA [\ ?@ ]] ^ìg]^ ì g KeO gh WLKe
h L W ef Q
f QX i FE ji 56 YZ 
E QR j
R XW F ; MN <; D
ø øù <
cd
C DC :9 I
c dc 
I TS ôõ JI aH
TS ôJ Ga öHG ö Üß Þ ßÞ
÷ ÜÝ ˆ‡†… ˆ‡†… ƒ ‚
 „ƒ ‚ 87 `87 `  => >= Ô
Ø Õ Ø ÛÚÙØ
ÚÛÙ

12
Capitolo 2

Le Razze e le Etnie

Introduzione 3 il Fattore Istruzione (FI) proprio di ogni


classe sociale (a destra);
In questo capitolo verranno descritte le razze e
le etnie che popolano l’Arcipelago, nonché le terre 3 una breve descrizione delle Classi sociali
da loro abitate. che mostra le professioni tipiche e gli introiti
Per ogni razza ed etnia verranno indicati: mensili;

3 La geografia delle terre in cui sono stanziati 3 l’elenco delle Abilità di Classe sociale.
e le città più importanti;
3 il sistema di governo su cui poggiano le
fondamenta della vita politica;
Mini-glossario
3 le risorse su cui si basa il sistema economi- In questo capitolo troverete “sigle strane” che
co; verranno spiegate in seguito. Comunque, per far-
3 l’organizzazione militare adibita alla dife- vi un’idea, tenete conto che:
sa del territorio;
3 le pratiche religiose, i culti e le credenze in 3 per ATL si intende l’abilità di combattimento
uso presso gli abitanti; Armi da Taglio Lunghe.
3 gli insegnamenti magici a cui è possibile 3 per ABL si intende l’abilità di combattimento
accedere; Armi da Botta Lunghe.
3 le mode, la cultura e i costumi più diffusi; 3 per ATC si intende l’abilità di combattimento
3 le caratteristiche fisiche degli abitanti. Armi da Taglio Corte.
3 per ABC si intende l’abilità di combattimen-
Vengono sucessivamente indicati: to Armi da Botta Corte.
I massimi ed i minimi delle caratteristi- 3 per AIA si intende l’abilità di combattimento
che, cioè le soglie per ogni caratteristica, che non Armi In Asta.
possono essere superate, nella divisione dei Punti
3 per ADT si intende l’abilità di combattimen-
CAT (3.4 al momento della creazione, vedi pagina
to Armi da Tiro.
73)
Le Abilità di Razza con i rispettivi VAL di ba- 3 per ADL si intende l’abilità di combattimen-
se, cioè quelle capacità connaturate alla razza e to Armi da Lancio.
all’etnia considerata. 3 per AO si intende l’abilità di combattimento
Vengono poi evidenziate le Classi sociali a cui Armi Occasionali.
è possibile appartenere in una determinata Raz- 3 per CAC si intende l’abilità di combattimen-
za ed Etnia. Per ognuna delle Classi sociali sono to Corpo A Corpo.
indicati: 3 per Abilità Professionale si intende un’abilità
correlata al mestiere svolto o alla professio-
3 Le probabilità di farvi parte se si è un per- ne esercitata. Devono essere concordate con
sonaggio giocante (PG), espresse come inter- il Master in funzione della professione scelta
vallo di valori ottenuti dal lancio di 1d100; dal giocatore per il suo PG.
le probabilità indicate non rispecchiano ne- 3 per Abilità a scelta del Master, questi deve
cessariamente le proporzioni della popolazio- tener conto delle attitudini, delle inclinazioni
ne; e del Background del Personaggio.

13
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

Umani Elfi Orchi Gnomi Nani Reuben Giganti


INT 3-20 3-20 3-18 3-20 3-20 3-20 3-12
CONC 3-20 3-20 3-20 6-22 3-20 3-20 3-20
OSS 3-20 3-22 5-21 6-22 3-20 3-20 6-22
AGI 3-20 3-20 5-21 3-20 3-20 12-20 3-16
COS 5-20 3-16 9-22 3-16 9-22 6-22 15-25
FOR 3-20 3-20 9-22 3-18 3-20 6-22 15-25
BEL 3-20 12-22 2-12 3-20 3-18 1-9 3-20
CAR 3-20 3-20 3-20 6-22 3-20 3-20 3-20

Tabella 2.1: Tabella comparativa minimi e massimi per le Caratteristiche

3 per Lingua Straniera si intende una lingua I massimi (e i minimi) alle caratteristiche in
diversa dalla lingua Madre e dalla Lingua quel caso sono pari alla media dei massimi (mini-
Levante (vedi pag. 82 Abilità Lingua) mi), arrotondata per difetto, delle caratteristiche
delle razze dei genitori.
Qualora siano previste più abilità alternative
Per quanto riguarda l’estrazione sociale, si po-
(per esempio: Ventriloquio o Giocoleria o Acro-
trà scegliere quella di uno qualunque dei due ge-
bazia), è necessario optare per UNA soltanto di
nitori.
esse.
I meticci non possono procreare.
E SEMPIO 1
E SEMPIO 3
Abilità professionali tipiche del Medico possono essere:
Medicina, Pronto soccorso, Alchimia, Conoscere Piante, Brimbrim è un Mezzorco, nato da madre Umana No-
ecc. made e padre Orco Haroka. I suoi massimi saranno la
media tra i massimi degli umani e quelli degli orchi, e
così minimi.
E SEMPIO 2 Brimbrim ha vissuto fin da piccolo con i Nomadi e
la classe sociale verrà scelta fra quelle disponibili fra i
Abilità professionali di un Falegname: Carpenteria, Nomadi.
Conoscere Piante, Architettura, Ingegneria, ecc.

Mezze Razze
È possibile giocare personaggi “meticci” deriva-
íí ××diversa.
È di razza
ti dall’unione di genitori × ÙÙ Ð  %
10 çè èç á
â âá ããä ÖÕ ìë ÖÕ ìë åÇåÇÈ å ÛÜÛ îí ÜÛ îí U×U Ø× óØ× ó ÚÙ ÚÙ êé ÏÐ :;

T 
T T : ¿ ;: <Á <
 ² 

!
± ²±°° ³´ !   
$ 

$% ¹
¹º ML ML "ú ù "úù " µ¶
P QP W
Q á âá 
ô ô 8 
9 8 9 : À¿ 76 ;: Â=Á =  õ ö 
& & 
' & ' IHMLFIHML DG  ™˜— ž ™š
— ž
./1023 çè ¤£ èç 
R S
V V â ÓÓÔ
R SR ÅW ÅÆ >? NO ?> ON ÃÄ @A ½BC ½¾ðï ðï ñòñ¥¦Éòñ ÊÉ ÊÉ
ÖÕìë ÖÕ ìë ÇæÇ æ Ýͧ¨ ÝÞ ÍÎ ßÛßà ÜÛ îÜÛ î UU ØóØ ó Ú©Ú ÒÑ©ª ÒÑ «¬ 
TT­® T ôô
X Ï X
Ë Y Ë YX 5
4 Ì 498 ÌË6:5498 7 6 ; À  Â        !¯*! ¯ * ( *+ (
+   () 
)  ,  -, ÷ø  
  -
   ý  þý 
» »¼ þ
&'
  üû 
& '& 
 ·¸ $ 
 · 
$ ¹
¹ Ÿ¢ ¡ ¢¡
º Ÿ  KJIH KJIH F E
D GF ED úù #úù # ÿÿ —
› ˜  › žœ›
žœ
14
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

2.1 Gli Umani ma pianura di Maja, originata dai fiumi della rete
idrografica del Majirsus, è fertile e produttiva.
2.1.1 La Terra di Levante Le coste sono basse e ricche di porti naturali a
Sud e ad Est (se si esclude Capo Samar), alte e
scoscese in quasi tutta la costa occidentale, fatte
salve le piccole pianure che costituiscono il Pro-
spero Ovest. Importante a Est il Golfo di Thandy,
nel quale sfocia ad estuario il Majirsus.
La vegetazione naturale è costituita da boschi
di latifoglie che crescono al centro, foreste di co-
nifere sulle montagne ad Ovest e nord, e macchia
mediterranea e pinete al Sud. Le città più impor-
tanti sono: Nuova Giassa, Lorn, Tentsa, Rubia e
la capitale Dyshu.

Politica

Terra di Levante è una repubblica democrati-


ca parlamentare, la cui popolazione è costituita
in maggioranza da Levanti. L’organo più impor-
tante è il Gran Consiglio, composto da 199 mem-
bri eletti ogni 6 anni a suffragio universale tra
tutti i cittadini Levanti che abbiano compiuto 23
anni, che ha il compito di legiferare su questioni
che riguardano l’intera nazione.
Una volta insediatosi, il Gran Consiglio elegge
I Levanti sono un’etnia umana stanziata nella tra i suoi membri:
Terra di Levante.
3 il Presidente del Gran Consiglio, che di-
rige, coordina tutto il lavoro del Gran Consi-
Geografia glio rivestendo quindi la carica istituzionale
più importante;
La Terra di Levante occupa la parte meridio-
nale dell’Isola di Dyshu-Thandy; confina a nord 3 la Commissione Governativa che detiene
con la Teocrazia di Ryless ed è separata a Sud da il potere esecutivo, composta da 6 ministri
Bahuney dallo Stretto di Samar. Le origini del (tesoro, trasporti, corporazioni, esteri, dife-
nome “Terra di Levante” si perdono nella notte sa, cultura) a cui si aggiunge il Governatore,
dei tempi. capo della Commissione;
La superficie del territorio risulta ugualmente 3 la Commissione Giudiziaria di 3 membri
divisa tra pianura, collina, montagna, con pre- il cui compito è coordinare e dirigere il lavoro
valenza di monti al Nord-Ovest e di pianura a delle Corti di Giustizia (potere giudiziario) e
Sud-Est. di tutte le forze di polizia civile (la Guardia).
Le formazioni montuose più importanti sono la
Catena Muraria a nord (cima più alta: Monte Ra- Compito del Gran Consiglio è nominare i due
ma, 4412 m), che costituisce il confine naturale Condottieri dell’esercito.
con la Teocrazia di Ryless, e i monti Dolani (cima La capitale, ospitante il Consiglio e le Commis-
più alta: Altavir, 6001 metri) che percorrono tut- sioni, è la città di Dyshu.
ta la costa occidentale da nord a Sud. Rilevante Dal punto di vista amministrativo, la Terra di
la presenza, tra Dolani e Catena Muraria, dell’al- Levante è composta da 12 Zone, che godono di
topiano desertico di Jeomath, di origine vulcani- ampia autonomia legislativa, avendo propri Con-
ca, circondato da alte ed impervie montagne. sigli e Commissioni con mandato di durata varia-
I Dolani danno vita al fiume Majirsus, il fiu- bile a seconda della Zona.
me più lungo ed importante di tutto il continen- La cittadinanza Levante può essere ottenuta
te, lungo oltre 2000 km ed in gran parte navi- da chiunque risieda sul territorio da almeno 10
gabile, che sfocia nel ° ššš œœ La vastissi-
‹ mare °Interno. “ Õ
anni e dai nuovi ç genitore
nati, aventi almeno un
óò ª« «ª ¤
¥ ¥¤ ¦¦§ ™˜ ¯® ™˜ ¯® ¨Š¨Š‹ ¨ žŸž ±° Ÿž ±° š ›š ¶›š ¶ œ œ ­¬ ’“ üý

 
  ü ‚ ýü þ„ þ
 âu
t â
ãutsâã s ÔÕ vw æÍ
Ìæç |ÍÌ |   ä½ ¼ ä½¼ ä xy
ðñóòôõ ª« gf «ª   
   ¥ ¤ ¥¤ ––— 
· ·
™˜¯® ™˜ ¯® Š©Š ©  jk  ¡ ‘ ¢ž¢£ Ÿž ±Ÿž ±  ›¶› ¶ l •”lm •” no 
 ’ ú 
û ú û ü ƒ‚ ùø ýü …ÿ„ ÿ Ç
Ú Æ ÛÚ ÄÇÆ àá ÄÅ ââ ÐêÔ ìí ÜÑÐê
Ñí 
ãrìâã r ì
¸
Ëî Ê ïî º» Þß 
Ê Ö× ï
Ý× Ü Ë
¹ 
è
À ÒÓ ÁÀ É
~ ~ Á è 
é è é
È ÉÈ ¿¾ Î
zØ ÏÎ ÙØ z{ ÏÎ æÍÌæ |ÍÌ }| be    

    

 ½¼ å½¼ å  ÂÃ ÃÂ Z
^ [
` \[Z a` \]
Z a
  ˆ ˆ‰    †‡  € €³² ³² ´µ´hiŒµ´ Œ Œ

Ž  Ž  ÷
ö  öûú Žøü÷öûú ù ø ý Ú … Û Ü êë Ö Ù d ed ^ a`_^
  pq  ·· ƒ Öë Ý èé è éè } bc `a_

15
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

di cittadinanza Levante, entro i confini del terri- La Flotta riveste importanti funzioni di controllo
torio. La cittadinanza stessa può essere revoca- di tutto il mare interno, a livello internazionale.
ta se il cittadino non risiede più nel territorio da Durante l’addestramento viene insegnato l’u-
10 anni. L’immigrazione è regolamentata da un so di tutte le armi, comprese quelle tipiche degli
apposito ufficio dipendente dal Gran Consiglio. eserciti degli altri paesi, poiché molti Professio-
Le Corti di Giustizia hanno il compito di emet- nisti sono di origine straniera e tra i Mercenari
tere e far eseguire le condanne per i contravven- è facile trovare veterani in grado di svolgere il
tori al Codice Civile (il testo che raccoglie tutte ruolo di istruttore.
le leggi emesse dal Gran Consiglio) o al Codice di Il comando dell’esercito è affidato a due Con-
Zona (testo che contiene le leggi locali). È previ- dottieri, scelti ogni 6 anni dal Gran Consiglio tra
sta la pena di morte per reati gravissimi (omici- gli ufficiali di grado più alto, ciascuno dei quali
di plurimi, sequestri, alto tradimento) ma viene controlla l’operato dell’altro mediante il veto.
rarissimamente comminata. Le funzioni di ordine pubblico vengono svolte
I titoli nobiliari non danno diritto ad alcun pri- da un apposito corpo armato chiamato Guardia,
vilegio; anche se, generalmente, le famiglie nobili dipendente dalla Commissione Giudiziaria ed in-
possiedono vasti territori e sono perciò ricche. dipendente dall’esercito.
Le donne godono degli stessi diritti e hanno gli Presso la città di Thyesi si trova la principale
stessi doveri degli uomini, escluso il servizio di accademia di Arti Marziali.
leva.

Economia
Esercito e Armi L’economia Levante è basata sull’agricoltura e
sull’allevamento intensivi, sul commercio e sul-
La Terra di Levante ha un esercito composto l’artigianato. Tutta la pianura di Maja è fertile
da tre settori: Leva, Professionisti, Mercenari, e coltivabile; metà di essa è però protetta da leg-
suddiviso in 12 guarnigioni (una per zona). Cia- gi internazionali volute dal Conclave che impedi-
scuna delle guarnigioni si avvale di un organico scono di disboscare le vaste aree protette (ed in
che comprende elementi dei tre settori. alcuni casi di accedervi).
La Leva è costituita dai giovani cittadini ma- Le zone non coltivabili sono comunque utilizza-
schi abili (min. 9 in AGI, FOR, COS) che hanno te come territori di caccia, raccolta di erbe, pian-
compiuto 19 anni e vengono obbligatoriamente ri- te curative, castagne, noci, nocciole e taglio del
chiamati per prestare un anno di servizio, in cui legname (in quantità limitata e legata al mante-
è compreso un periodo di addestramento. nimento dello stato di salute dei boschi).
I Professionisti sono soldati che, dopo aver ter- Tra le colture si enumerano cereali, legumi, or-
minato il servizio di leva, giurano fedeltà al Gran taggi e alberi da frutto. I pascoli del Meridione
Consiglio e alla Popolazione e intraprendono la e delle Colline Pre-dolane forniscono cibo suffi-
carriera militare come professione, dopo aver so- ciente per grandi mandrie di bestiame (cavalli,
stenuto una prova. Solo i Professionisti possono bovini) e greggi di ovini. È diffuso anche l’alle-
aspirare ai gradi più alti del comando. Tra i Pro- vamento del fortral (grosso uccello corridore da
fessionisti spiccano i Corpi Speciali dei Guasta- sella).
tori (fanti specializzati in spionaggio e infiltra- L’artigianato è legato ai prodotti della terra e
zione) e degli Incursori specializzati in missioni in misura minore alla lavorazione dei minerali e
d’assalto. metalli importati. Famosi e fiorenti l’artigiana-
I Mercenari sono soldati, maschi o femmine, to tessile e calzaturiero, i salumifici e caseifici e
che non hanno la cittadinanza Levante, assunti in genere tutte le attività di manipolazione dei
e pagati “a giornata” quando necessario tramite generi alimentari. Sui monti Dolani, ad alta quo-
bando emesso dal Ministro della Difesa. ta, sono situate miniere di metalli preziosi, che
Le donne non vengono chiamate a prestare il non possono essere sfruttate al meglio per via del
servizio di Leva obbligatorio, ma sono ammesse clima freddo.
come volontarie, potendo, dopo un anno di adde- Le produzioni agricola e artigiana sono molto
stramento parificato alla leva, accedere al settore maggiori del consumo interno, così che gran parte
Professionisti. dei prodotti è destinata all’esportazione, soprat-
Il settore più potente dell’esercito è senza dub- tutto verso Rylex, Bahuney e Terranova. L’im-
bio la Flotta, che come tutto l’esercito della Terra portazione riguarda soprattutto materie prime di
di Levante è numeroso,N ss ]e]ben
coeso ] __ addestrato.
V ˜
origine mineraria: metalli, minerali eª carbone.
¶µ mn nm g
h hg iij \[ rq \[ rq kMkMN k aba ts ba ts Ú]Ú ^] y^] y `_ `_ po UV ¿À

Ù 
Ù Ù ¿ E À¿ ÁG Á
 ¥8
7 ¥
¦876¥¦ 6 —˜ 9: ©
©ª ? ? ÒÑ ÒÑ §€  §€ § ;<
³´¶µ·¸ mn *) nm Õ ÖÕ Ü
Ö Û Û h g hg YYZ 
z z
\[rq \[ rq MlM l cS-. cd ST eaef ba tba t ÚÚ ^y^ y `/` XW/0 XW 12 
Ý U ½ 
¾ ½ ¾ ¿ FE ¼» À¿ HÂG  Š
 ‰ ž ‡Š‰ £¤ ‡ˆ ¥¥ “­— ¯° Ÿ”“­
”° 
¦5¯¥¦ 5 ¯
{
Ž±  ²± }~ ¡¢ 
 ™š ²
 š Ÿ Ž
| 
«
ƒ •– „ƒ Œ
A AB „ « 
¬ « ¬
‹ Œ‹ ‚ ‘
=› ’‘ œ› => ’‘ ©© ? @? %( ÎÍÒÑËÎÍÒÑ ÉÌ
ÐÏÎÍ ÐÏÎÍ Ë Ê
É ÌË ÊÉ € ¨€ ¨  …† †… 
! 
#  $# 
 $
× Ø× KÜ KL ÃÄ ÓÔ Äà ÔÓ IJ ÅÆ CÇÈ CDvu vu wxw+,Oxw PO PO
Ý
Q Þ Q ÞÝ º
¹ R ¹¾½ RQ»¿º¹¾½ ¼ » À  H ž Ÿ ­® ™ œ ' (' ! $#"!
× Ø ÙÙ34 Ù zz F ™®   «¬ « ¬« @ %& #$"

16
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

Il commercio è estremamente agevolato dalla Magia


morfologia del territorio, soprattutto dalla pre-
La magia è legalizzata. Qualsiasi mago iscrit-
senza di fiumi larghi e navigabili. Fittissima an-
to al Conclave può esercitare la “libera professio-
che la rete stradale, che supera il confine set-
ne” iscrivendosi alla Corporazione dei Maghi. Le
tentrionale arrivando sino a Terranova, passando
leggi da rispettare sono le stesse imposte dal Con-
per la Teocrazia di Ryless.
clave, oltre, naturalmente, alle leggi del Codice
Così come la Flotta Navale Militare, anche la
Civile e del Codice di Zona.
Marina Mercantile gode di meritatissima fama.
I maghi vengono considerati dalla popolazione
La pesca è praticata nel mare interno. Il grande
alla stessa stregua di medici, alchimisti, ingegne-
sfruttamento avvenuto in passato ha, purtroppo,
ri e sono frequentemente ammirati e stimati. So-
impoverito i fondali costieri rendendo questa at-
vente vengono assunti dalla Guardia per risolve-
tività molto meno importante e redditizia delle
re casi particolarmente complicati o in cui sono
altre.
coinvolti altri maghi.
Le attività produttive sono organizzate dalle
È vietato l’insegnamento della Magia al di fuo-
Corporazioni, associazioni sorte per difendere
ri delle quattro Accademie dipendenti dal Con-
le categorie di lavoratori e organizzarne il lavo-
clave. Le scuole insegnate nelle Accademie sono
ro. L’iscrizione alle Corporazioni è formalmente
l’Illusionismo, l’Esistenza e la Stregoneria. L’ac-
facoltativa, ma di fatto obbligatoria, perché altri-
cademia principale si trova nella città di Seemur,
menti non si è nè protetti, nè rappresentati.
ed è retta da un Arcimago.
Ogni Corporazione, in cambio di una quota tri-
L’ingresso alle Accademie è subordinato al ver-
mestrale variabile, istituisce Casse di Soccorso e
samento di una onerosa tassa (5 Piastre), il cui
Previdenza per garantire una dignitosa soprav-
ricavato è diviso tra il Conclave, la Corporazione
vivenza ai membri che si infortunano o restano
dei Maghi, il Gran Consiglio e il Consiglio di Zo-
vittime di imprevisti. Ogni Corporazione garan-
na. Questa tassa, insieme alla pesante retta, ren-
tisce comunque la segretezza sulle informazioni
de le Accademie accessibili quasi esclusivamente
fornite dai propri iscritti.
ai ricchi (0.6 Fattore Istruzione).
Le corporazioni costituiscono degli “stati nello
La Corporazione dei Maghi mette ogni anno a
stato” paralleli, con elezioni proprie e lotte per
disposizione dei meno ricchi che dimostrano ca-
il potere al loro interno. Essere a capo di una
pacità fuori dal comune borse di studio attribuite
corporazione porta spesso ad un potere maggiore
in seguito alle segnalazioni di un membro della
di quello detenuto dal Capo del Gran Consiglio
Corporazione.
di Zona. Ad esempio, Il capo della Corporazione
dei Commercianti è una delle personalità più in
rilievo in tutto lo Stato. Moda, cultura, costumi
Per iscriversi ad una corporazione non è richie-
sta la cittadinanza, ma serve essere residenti da Le leggi della Terra di Levante consentono una
almeno tre anni. Gli interessi di alcune corpora- grande libertà di comportamento alla popolazio-
zioni spesso sconfinano nell’illegalità. ne, essendo ben bilanciate le libertà individuali
con i doveri sociali.
Non esistono vere e proprie “usanze levanti”,
Religione dato il continuo viavai di mercanti di tutti i paesi
La religione di stato, per ragioni storiche, è del Continente che introducono continui cambia-
quella Rileana. Essa viene insegnata nelle scuole menti nelle abitudini dei locali.
e professata dalla maggior parte della popolazio- Qualunque tipo di attività che riguardi adul-
ne originaria, anche se non con il rigore tipico di ti consenzienti è concesso, purché non disturbi il
Novesi e Rileani. lavoro, il riposo, il divertimento e la libertà al-
Molti altri culti di minoranza sono però diffu- trui e sia praticato in luoghi privati. È vietato lo
si e tollerati, a causa della presenza di numerose sfruttamento, di qualsiasi tipo, dei bambini.
etnie sul territorio, tanto che le religioni sono mi- Sono illegali (ma vengono praticati clandesti-
schiate fra di loro in un particolare sincretismo. namente) i giochi molto violenti ed i combatti-
La personalità religiosa più carismatica è il Ve- menti all’ultimo sangue tra uomini o umanoidi.
scovo di Tamat che, nonostante nelle gerarchie Esistono scuole elementari pubbliche che ga-
ufficiali sia un subalterno del Sommo Pontefice e rantiscono 3 anni di istruzione gratuita facolta-
del Vescovo di Rylex, nelle Terre Levanti gode di tiva ad ogni cittadino che ne faccia richiesta e
scuole professionali e università private finanzia-
 "ultimi.
maggior prestigio rispetto a questi "   66 [
te dalle Corporazioni. m
Chi possiede grossi patri-
yx 01 10 *
+ +* ,,-  54  54 .. . $%$ 76 %$ 76  !<! < #" #" 32  ‚ƒ

œ 
œ œ ‚  ƒ‚ „
„
 hú
ù h
iúùøhi ø Z[ ûü lS
Rlm SR  •” •” jC B jCB j ýþ
vwyxz{ 01 ìë 10 ˜ ™˜ Ÿ
™ ž ž + * +*  
= =
54  54 / / &ïð &'  ($() %$ 7%$ 7  !<! < #ñ# ñò  óô 
   € 
 €  ‚  ~ ƒ‚ …
… M
` L a` JML fg JK hh i÷rhi ÷ r VpZ rs bWVp
Ws  >
Qt P ut @A de 
P \] u
c] b Q
? 
n
F XY GF O
  G n 
o n o
N ON ED T T _^ ÿ UT lS
ÿ^ U Rl SR  çê ‘•”Ž‘•” Œ
“’‘ “’‘ Ž 
Œ Ž Œ CB kCB k  HI IH ß
ã à
å áàß æå áâ
ß æ
š ›š Ÿ  †‡ –— ‡† —– ˆ‰ Š‹ 98 98 :;:íî;:  
 
 ¡  ¡  }
|  |€ ~‚}|€  ~ ƒ ` a b pq \ _ é êé ã æåäã
š › œœõö œ == \q c no n on  çè åæä

17
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

moni acquisisce prestigio finanziando scienziati 3 Controllo respirazione


ed artisti, cosicché lo sviluppo della cultura è no- 3 Fare nodi
tevole. 3 Lingua levante
3 Lingua madre
La Terra di Levante è uno degli stati più evolu- 3 Navigare
ti e socialmente avanzati dell’intero continente. 3 Nuotare
La lingua ufficiale è il Levante. Questa è anche 3 Orientamento
la lingua più diffusa nei commerci e nei rapporti
interrazziali. 28-44 3 Contadini 3 FI 0.3
Coltivano campi ed allevano bestiame. Produ-
Caratteristiche fisiche cono cibo e vestiti per la loro famiglia e possono
I Levanti autoctoni sono umani, hanno un’al- guadagnare al netto delle spese di sostentamento
tezza media di 1 metro e 75/1 metro e 80, pel- da 1 a 10 scudi al mese.
le bianca, carnagione chiara, capelli castani, oc-
3 Carpenteria
chi solitamente scuri e corporatura media. Sono 3 Cavalcare bipedi
frequenti gli incroci con altre razze ed etnie 3 Conoscere animali
3 Conoscere piante
3 Lingua levante
Massimi e minimi alle Caratteristiche 3 Lingua madre
3 Resistenza alla fatica
Max Min
INT 20 3 45-74 3 Professionisti 3 FI 0.5
CONC 20 3
OSS 20 3 Praticano i più svariati mestieri e vivono di es-
AGI 20 3 si. Possono essere: artigiani, giuristi, cartogra-
COS 20 5 fi, erboristi, carpentieri, medici, maghi, guerrie-
FOR 20 3 ri, mercanti, macellai ecc. Il loro introito mensile
BEL 20 3 può variare da 5 a 30 corone al mese.
CAR 20 3 3 Abilità professionale #1
3 Abilità professionale #2
3 Abilità professionale #3
Classi sociali e abilità di classe sociale 3 Lingua levante
3 Lingua madre
3 Altre abilità a scelta del Master
01-10 3 Servi 3 FI 0.2

Vivono nella casa del loro signore, ricevono vit- 75-90 3 Benestanti 3 FI 0.6
to e alloggio ricevendo un compenso mensile va-
riabile da 1 a 3 Corone. Praticano molteplici mestieri. Possono essere
proprietari di grandi esercizi commerciali, come
3 Calcolare alberghi, gioiellerie, medi allevamenti e via di-
3 Cantare o Danzare o Suonare o Cucinare o cendo, che forniscono loro gran parte del reddito,
Abilità professionale collegata alla mansione variabile tra 15 e 300 corone al mese.
3 Cavalcare quadrupedi
3 Galateo 3 ATL o ADT
3 Lingua Madre 3 Calcolare
3 Lingua Levante 3 Cavalcare bipedi o quadrupedi
3 Muoversi in silenzio 3 Danzare
3 Galateo
3 Lingua levante
11-27 3 Pescatori 3 FI 0.3 3 Lingua madre
3 Lingua straniera
Vivono della pesca e dello sfruttamento del ma- 3 Mitologia
re e dei suoi proventi. Producono cibo per la pro- 3 Religione
pria famiglia e possono guadagnare al netto delle 3 Storia
3 Trattare
spese di sostentamento da 1 a 20 scudi al mese. 3 Valutare
3 Carpenteria
Ó
3 Conoscere animali ø ø âââ ää Û 91-100  3 Borghesi ricchi 3 FI0 0.7
<; óò óò íìíì îîï áà ÷ö áà ÷ö ðÒðÒÓ ð æçæùø çæ ùø `â` ãâ þãâ þ åä åä õô ÚÛ EF

_ 
_ _ E Ê FE GÌ G
 +½
+¼  +
,½¼», »  ¾¿ /
/0 Ä Ä XW XW -  - - ÀÁ
9:<;>= óò ¯® óò ]\[^\[ a a í ì íì ÞÞß áà áà ØØÙ æçæ çæ ãã åå ÝÜ ÝÜ c Ú  
ÿ ÿ C 
D C D E ËÊ BA FE ÍHÌ H 
#  $#  )*  ++ 3 56 %3
6 
,º5+, º 5

7  87  '( ÆÆÇ

  8
% 34 &%  
1

 1 
2 1 2
   "  "! ÂÃ  /
Â! / Ä ÅÄ ª­ TSXWQTSXW OR
VUTS VUTS Q P
O RQ PO  . .  ¢ ¨ ¤£¢ ©¨ ¤¥
¢ ©
¦ £
] b^] Ðb ÐÑ JI ZY JI ZY ÎÏ KL ÈMN ÈÉûúûú üýü°±Ôýü ÕÔ ÕÔ ÷ö ÷ö ÒñÒ ñ è²³ èé êêë ù_ù `_¸¹ `_ þÿþÿ ´´µ ¶· 
c
Ö d Ö dc @
? × ?DC ×ÖAE@?DC B A F # Í $ ¬ ­¬ ¦ ©¨§¦
Ë 4 & 12 1 21 Å ª« ¨©§

18
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

Sono imprenditori di molteplici attività ed han- 2.1.2 La Teocrazia di Ryless


no molti interessi, in cui investono il proprio ca-
pitale. Sono perlopiù banchieri, armatori, gros-
si allevatori, possessori di miniere, mercanti di
schiavi, ecc. Ricavano ogni mese da 100 a 2000
corone.

3 ADT

3 Calcolare

3 Cavalcare bipedi o quadrupedi

3 Danzare

3 Galateo

3 Lingua levante

3 Lingua madre

3 Lingua straniera

3 Mitologia
I Rileani occupano la Teocrazia di Ryless, detta
3 Religione anche Il Pontificato.
3 Storia

3 Trattare Geografia

3 Valutare La Teocrazia di Ryless si estende nella fascia


centrale nell’isola di Dyshu-Thandy. Confina a
nord con Terranova e a Sud con la Terra di le-
vante tramite la Catena Muraria che agisce da
confine naturale.
La costa Ovest è percorsa dai Monti Dolani la
cui cima più alta nel territorio della Teocrazia è
Monte Nay con i suoi 5560 metri. Il territorio
degrada poi dolcemente verso est fino a creare la
piana di Sowsathow.
Il fiume più importante è Sarhyu che segna il
confine con Terranova ed è totalmente navigabile
nel suo corso in pianura. Non trascurabile è an-
che il Ryo Mothow anch’esso navigabile che sfocia
nel Mare Interno dando vita alla Baia di Keeah
dove sorge il Porto di Madaow.
Le foreste sono prevalentemente popolate da
conifere, ma qualche bosco di latifoglie è presente
all’estremo Sud, a ridosso della catena Muraria.
La capitale è Leem-Bara, ma la città più im-
portante è Rylex, arroccata sui monti Dolani e
circondata da mura alte sino a 30 metri. Altre
città importanti sono: Y’nhoy, Casthya, Y’nhuee
e Aquileia.
– »» ¥¥¥ §§ ž à ò
þý ¶µ ¶µ °¯°¯ ±±² ¤£ º¹ ¤£ º¹ ³•³•– ³ ©ª© ¼» ª© ¼» #¥# ¦¥ Á¦¥ Á ¨§ ¨§ ¸· ž  

" 
" "   


 í€
í 

î í
€~~ ‚î à ß 
ñ 
Ø × ñò ‡Ø× ‡ˆ   ïÈ Ç ïÈÇ ï ƒ„

   
    Ž     Ò Ã Ä 
ó ó 
ô ó ô   k gfe lk gh
e l
ûüþýÿ ¶µ rq ¶µ  %
$ %$ ° ¯ °¯ ¡¡¢ ¤£¤£ ››œ ©ª© ª© ¦¦ ¨¨  Ÿ  Ÿ 
! ! ““”    ‘’  ‹ ‹Œ¾½¾½ ¿À¿st—À¿ ˜— ˜— º¹ º¹ •´• ´ «uv «¬ ­­® ¼"¼ #"{| #" ÁÂÁ wwx yz 
&  ™ '
& ™ '& 
 š  š™    Ž å æå Ñ æå ÏÒÑ ëì ÏÐ íí î}÷íî } ÷ Ûõß ÷ø çÜÛõ
ø Ü ç õö á
ö áè ù ÖÕ úù ÅÆ éê 
Õ áâ ú
â èç Ö Ë ÝÞ ÌË Ô
‰ ‰Š Ì
óô
Ó ÔÓ ÊÉ Ù
ó ôó 
äã …ÚÙ äã …† ÚÙ ñØ ×ñ ‡Ø× ‡ mp o po
ˆ mn    
   ÈÇ ðÈÇ ð  ÍÎ ÎÍ e
i f i lkji
klj

19
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

Politica pesanti quali: spadoni a due mani, asce da bat-


taglia, morning star, alabarde e picche. La terza
Nella Teocrazia di Ryless le supreme autorità divisione scudi grandi, spade e lance.
sono i vescovi, uno per ognuno dei sette vescovadi Capo dell’esercito è il comandante crociato ne-
in cui è suddiviso il territorio. ro (capitano delle guardie di Rylex) che riferisce
I vescovi avocano a sè tutto il potere, ma lo de- direttamente al Consiglio episcopale. Suoi luogo-
legano per il normale esercizio ad un governa- tenenti i comandanti crociati degli altri Vescova-
tore; questi è nominato dal vescovo fra i mem- di.
bri delle famiglie più ricche ed influenti (e che Ogni Guardia Vescovile, corpo di fanteria pe-
elargiscono più offerte al vescovado). sante, porta sopra l’armatura una tunica crociata
Il governatore amministra tutti gli affari cor- (la croce è la stilizzazione del pugnale che uccise
renti ad eccezione dell’ordine pubblico che è ge- il profeta Ryless).
stito dal corpo delle guardie vescovili che rendono I colori delle tuniche caratterizzano i Vescova-
conto direttamente al vescovo. di: Rylex nera, Madaow grigia, Leem-Bara viola,
Il governatore resta in carica per 3 anni (salvo Y’nhoy giallo, Aquileia azzurro, Casthya arancio-
revoca del vescovo) e può essere rinominato. È ne, Y’nhuee marrone. Il colore delle croci indica
facile capire perciò che il grado di servilismo ver- la gerarchia: blu: comandante, rosso: tenente,
so il Vescovo da parte delle famiglie più ricche è verde: sergente, bianco: guardia semplice.
elevatissimo.
Il governatore ha il compito di trattare con le
parti sociali (benestanti, borghesi ricchi e profes- Economia
sionisti) e raggiunto l’accordo deve presentarlo al
L’economia rileana è molto fiorente sia all’in-
Vescovo per la ratifica. Se essa non viene conces-
terno, che nei traffici con gli altri regni. Ciono-
sa, il governatore è costretto a riaprire le tratta-
nostante quasi tutta la ricchezza è incamerata
tive.
dalle Casse Episcopali (tramite i Gabellieri che
La quasi totalità del Clero è composta da mem-
riscuotono le imposte).
bri delle famiglie influenti, poiché di solito i pri-
Ogni famiglia (escluse quelle dei Borghesi Ric-
mogeniti vengono affidati alla cura dei seminari
chi, che si limitano ad offerte di solito cospicue) è
fra gli 8 e i 13 anni.
soggetta a 3 imposte: l’imposta ecclesiastica del
Il potere giuridico è amministrato per i reati
10%, l’imposta vescovile del 20% e la tassa sul
comuni dal governatore che si avvale di tre giu-
reddito del 5%. L’imposta ecclesiastica viene de-
reconsulti clericali; per i reati più gravi la giu-
stinata per il 70% al Papato e per il restante 30%
risdizione viene rimandata al Vescovo. l’ammi-
rimane nelle casse Episcopali insieme all’imposta
nistrazione periferica del vescovado è affidata ai
vescovile. La tassa sul reddito viene destinata
Capitolari, autorità a capo delle parrocchie (cioè
al governatore. Il divario di reddito fra le classi
le unità amministrative in cui è suddiviso il ter-
medio-basse e le ricche famiglie è notevole.
ritorio di ogni vescovado). I Capitolari riferiscono
La Teocrazia produce legname, miele e filati;
direttamente al Vescovo.
alleva ovini, bovini, equini, suini, fortral e nor-
tral. Sono diffuse anche la pesca fluviale, le coltu-
re di ortaggi e la fabbricazione di monili e gioielli.
Esercito e Armi La Teocrazia esporta miele e gioielli e impor-
L’esercito rileano è un esercito compatto e pe- ta metalli da cui ricavare le armature e le armi.
sante finanziato al 90% dalle Casse Episcopali e Una volta l’anno, nella città di Rylex si svolge la
al 10% dalle famiglie ricche. L’esercito è composto più importante fiera mercantile delle terre cono-
per 1/3 da chierici e per 2/3 da soldati tutti adde- sciute. In occasione di essa la città si riempie di
strati dall’etá di 15 anni fino al compimento dei commercianti provenienti da ogni parte dell’Arci-
23 anni in accademie militari religiose. Spesso la pelago.
carriera militare è l’unica via per affrancarsi da
situazioni economiche di estrema povertà. I can-
Religione
didati laici sono scelti in base a dure selezioni (e
a forti raccomandazioni). L’esercito è organizzato La religione ha un ruolo fondamentale nella vi-
in 3 divisioni: fanteria leggera, fanteria pesante ta di ogni rileano. Il rileanesimo prende il nome
e cavalleria. dal profeta Ryless considerato il Messia, il Salva-
La prima divisione impiega solitamente spade, tore che avrebbe scacciato la malvagità da tutte
~~ hhh divisione
mazze, asce e scudi.Y La seconda jj a armi £
le terre conosciute. µ
ÁÀ xy yx r
s sr ttu gf }| gf }| vXvXY v lml ~ ml ~ åhå ih „ih „ kj kj {z `a ÊË

ä 
ä ä Ê P ËÊ ÌR Ì
 °C
B °
±CBA°± A ¢£ DE ´›
š´µ J›š J ÝÜ ÝÜ ²‹ Š ²‹Š ² FG
¾¿ÁÀÂà xy 54 yx à áà ç
á æ æ s r sr dde 
… …
gf}| gf }| XwX w n^89 no ^_ plpq ml ml  åå i„i „ k:k cb:; cb <= 
è ` È 
É È É Ê QP ÇÆ ËÊ SÍR Í •
¨ ” ©¨ ’•” ®¯ ’“ °° ž¸¢ º» ªŸž¸
Ÿ» 
±@º°± @ º
†
™¼ ˜ ½¼ ˆ‰ ¬­ 
˜ ¤¥ ½
«¥ ª ™
‡ 

Ž  ¡ Ž —
L LM  ¶ 
· ¶ ·
– —– Œ œ
H¦ œ §¦ HI œ ´›š´ J›š KJ 03 ÙØÝÜÖÙØÝÜ Ô×
ÛÚÙØ ÛÚÙØ Ö Õ
Ô ×Ö ÕÔ ‹Š ³‹Š ³  ‘ ‘ (
, )
. *)( /. *+
( /
â ãâ Vç VW ÎÏ Þß ÏÎ ßÞ TU ÐÑ NÒÓ NO€ € ‚ƒ‚67Zƒ‚ [Z [Z
è
\ é \ éè Å
Ä ] ÄÉÈ ]\ÆÊÅÄÉÈ Ç Æ Ë ¨ S © ª ¸¹ ¤ § 2 32 , /.-,
â ã ää>? ä …… Q ¤¹ « ¶· ¶ ·¶ K 01 ./-

20
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

Al tempo in cui egli diffondeva la sua parola, svolgersi della vita religiosa, dei riti e delle festi-
il culto più diffuso era l’adorazione degli Dei del vità. Il calendario di questi eventi è deciso col-
Sole e delle Lune, del Mare e della Terra. I sacer- legialmente con i vescovi entro la prima decade
doti di questo culto vedevano Ryless ed il consen- dell’anno. Il Pontefice viene eletto, a vita, dai
so che riscuoteva fra la gente come una minaccia vescovi, che benché scelgano i candidati fra tut-
e decisero così di eliminarlo; ma facendolo alla ti gli abitanti, spesso fanno risultare vincitore un
luce del sole avrebbero rischiato di inimicarsi la appartenente all’alto Clero.
popolazione. Le feste principali sono Paskha, il 9 di Kallen-
Contattarono un suo seguace, Burdhus e gli of- tee che è il giorno della Morte di Ryless e Paskha-
frirono ben 15 corone per uccidere Ryless. Burd- Manha il 25 di Gehlow, il giorno della nascita di
hus si rifiutò e riuscì a sfuggire miracolosamente Ryless. Numerose festività sono poi consacrate
all’ira dei sacerdoti. Essi però non si arresero, ra- ai principali santi e si celebrano in date stabili-
pirono la moglie di Burdhus e lo costrinsero a sot- te. Festa comandata di ogni settimana è il giorno
tomettersi ai loro voleri in cambio della vita del- di Deebhona ed è obbligatorio per tutti i fedeli
la sua consorte. Fu così che una notte Burdhus partecipare alla liturgia.
si armò di un pugnale e si accostò al capezzale Ognuna delle parrocchie in cui è diviso il vesco-
di Ryless. Ryless si destò, la leggenda narra che vado, affidata all’amministrazione dei Capitolari,
Burdhus pianse e che Ryless gli disse: –So perché comprende più chiese amministrate da un Offi-
sei qui e non ho rancore. Uccidimi e trasmetti al ciante che si occupa della celebrazione dei riti e
mondo la mia parola– Burdhus conficcò la lama della lettura dei testi sacri.
nel cuore di Ryless e con le lacrime agli occhi ma- I Capitolari si riuniscono in un collegio detto
ledisse i sacerdoti. Tre giorni dopo il tempio dei Capitolo Cattedrale ogni qualvolta il Vescovo lo
sacerdoti crollò e li seppellì tutti. Burdhus diven- ritenga opportuno. Essi rappresentano il senato
ne il “Portatore di Luce”, colui che svelò al popolo religioso del vescovado con compiti consultivi in
le verità di Ryless. materia di fede.
L’assoluto capo religioso è il Sommo Pontefi- I morti vengono sepolti con appositi riti all’in-
ce che vive nella capitale Leem-Bara e decide lo terno di cimiteri.
I religiosi sono vincolati dall’obbligo di celibato.

Magia
In tutto il pontificato l’uso dell’arte magica è
severamente vietato, eccezion fatta per la scuo-
la di Esistenza, considerata l’unica magia buo-
na, per esercitare la quale è comunque necessa-
ria l’autorizzazione da parte di un vescovo. La
magia dell’Esistenza viene largamente utilizzata
per proteggere l’esercito in guerra; essa è inse-
gnata solo nei seminari.
La presenza del Conclave è fortemente osteg-
giata e di conseguenza molto scarsa; solo poche
città di frontiera vedono la presenza di un dele-
gato.
L’Anticonclave, data la sua non ufficialità, van-
ta più di una sede nel territorio, ma si guarda
bene dal fomentare disordini tramite l’uso della
magia come accade invece in altri regni.
A controllare che non venga praticata la ma-
gia è preposto il corpo degli inquisitori, costituito
da chierici nominati dal vescovo. Il corpo è pre-
sente in ogni vescovado ed è costituito 9 membri,
fra essi uno è il capo ed ha il titolo di Grande In-
quisitore. Compito degli inquisitori è reprimere
e punire severamente l’uso della magia proibita;
 AA +++ -- $ f dalla fustigazione, in x caso di in-
le pene vanno
„ƒ <; <; 6565 778 *) @? *) @? 99 9 /0/ BA 0/ BA ¨+¨ ,+ G,+ G .- .- >= #$ Ž

§ 
§ §   Ž  
 s
 s
tst  ef  w^
]wx ^]  Ÿ  Ÿ uN M uNM u

‚„ƒ†… <; ÷ö <; ¥¤£¦¤£ © © 6 5 65 ''( *)*) !!" /0/ 0/ ,, .. &% &% « #  
H H ‹ 
Œ ‹ Œ   Š‰ Ž   X
k W lk UXW qr UV ss a{e }~ mba{
b~ 
t}st  }
I
\ [ € KL op 
[ gh €
nh m \
J 
y
Q cd RQ Z
  R y 
z y z
Y ZY PO _
i `_ ji `_ w^]w ^]  òõ œ› Ÿ™œ› Ÿ —š
žœ› žœ› ™ ˜
— š™ ˜— NM vNM v  ST TS ê ð ìëê ñð ìí
ê ñ
î ë
¥ ª¦¥ ª  ’‘ ¢¡ ’‘ ¢¡  “” •– DCDC EFEøùFE   @? @? : : 1úû 12 334 B§B ¨§ ¨§ GHGH üüý þÿ 
«
 ¬  ¬« ˆ
‡ ‡Œ‹ ‰ˆ‡Œ‹ Š ‰ Ž k  l m {| g j ô õô î ñðïî
 g| n yz y zy  òó ðñï

21
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

cantesimi che non provocano danni, al rogo per le di 1 metro e 75/1 metro e 80, pelle bianca, car-
infrazioni più gravi. nagione chiara, capelli chiari, occhi solitamente
Gli inquisitori sono insieme giudici e carnefici chiari e corporatura media.
e non hanno bisogno di autorizzazioni particolari
per condannare a morte una persona. Di solito Massimi e minimi alle Caratteristiche
gli inquisitori, eccezion fatta per il Grande Inqui-
sitore, si dividono in gruppi di due e pattuglia-
no le strade, soli durante il giorno e insieme alle Max Min
guardie vescovili la notte. Sono vestiti con un sa- INT 20 3
io nero stretto in vita da una fune rossa. Le loro CONC 20 3
armi predilette sono il pugnale e la spada. OSS 20 3
AGI 20 3
COS 20 5
Moda, cultura, costumi FOR 20 3
BEL 20 3
Il pontificato non garantisce pienamente le li- CAR 20 3
bertà individuali. La libertà di espressione è tol-
lerata sinché non offenda la religione. La libertà
sessuale è limitata, di conseguenza è reato gesti-
Abilità di razza
re bordelli.
A questo riguardo le prostitute ricorrono soli- 3 Resistenza al freddo 2
tamente all’adescamento nelle taverne. Il reato
di prostituzione è punito con la fustigazione, ma
Classi sociali e abilità di Classe sociale
non è infrequente che si proceda anche alla mu-
tilazione di dita e orecchie. Il gioco d’azzardo è
proibito e punito col carcere; se al reato di gio- 01-10 3 Servi 3 FI 0.2
co d’azzardo si somma anche l’imbroglio, la pena
consta anche dell’amputazione del pollice. Vivono nella casa del signore, ricevendo vitto e
L’unico gioco d’azzardo tollerato è la scommes- alloggio insieme ad un compenso mensile varia-
sa sugli incontri di Skownha-Kownhoo, un gioco bile da 1 a 3 Corone.
che si pratica in un campo rettangolare di 40x15
dove due squadre di 6 elementi ciascuna devo- 3 Calcolare
no contendersi il cranio trattato e imbalsamato 3 Cantare o Danzare o Suonare o Cucinare o
dei criminali giustiziati, per poi infilzarlo su una abilità professionale collegata alla mansione
3 Cavalcare quadrupedi
punta metallica posta nel lato corto del campo av- 3 Galateo
versario. La partita dura quaranta minuti ed è 3 Lingua Madre
proibito l’uso della magia e delle armi da taglio. 3 Lingua Levante
Solitamente si utilizzano particolari armi da bot- 3 Muoversi in silenzio
ta lunghe che inabilitano senza causare lacera-
zioni; sono comunque ammesse armi come cate-
ne e bastoni. Il campionato ufficiale è composto 11-40 3 Contadini 3 FI 0.3
da 12 squadre e l’iscrizione costa 150 corone. La
squadra vincitrice del campionato intasca 1500 Coltivano campi ed allevano bestiame. Produ-
corone (più i soldi eventualmente scommessi). cono cibo e vestiti per la propria famiglia e pos-
Poiché per il clero è vantaggioso tenere il po- sono guadagnare al netto delle spese di sostenta-
polo nell’ignoranza, le scuole, gestite dalla chie- mento da 1 a 10 scudi al mese.
sa, hanno rette altissime (sino a 5 corone al me-
se). Le classi povere istruiscono in famiglia la 3 Carpenteria
3 Cavalcare bipedi
prole. L’insegnamento non è libero, tant’è che è
3 Conoscere animali
considerato reato tenere lezioni collettive. 3 Conoscere piante
La lingua ufficiale è il Levante. 3 Lingua levante
3 Lingua madre
3 Resistenza alla fatica
Caratteristiche fisiche

Þ
I Rileani sono umani,  íun’altezza
hanno íí ïï æ media 41-70 ) 3 Professionisti 3 FI ; 0.5
GF ýþ þý ÷
ø ø÷ ùùú ìë  ìë  ûÝûÝÞ û ñòñ  òñ  kík îí
îí
ðï ðï ÿ åæ PQ

j 
j j P Õ QP R× R
 6È
6Ç  6
7ÈÇÆ7 Æ () ÉÊ :!:; Ï! ÏÐ cb cb 8  8 8 ËÌ
f gf m
g ÷ ø÷ 
N 
O N O P ÖÕ ML QP ØS× S  
< < 
= < = _^cb\_^cb Z] ³ ¯®­ ´³ ¯°
­ ´
DEGFHI ýþ º¹ þý 
h i
l l ø ééê
h ih Ûm ÛÜ TU de UT ed ÙÚ VW ÓXY ÓÔ   »¼ß  àß àß
ìë ìë  ÝüÝ ü óã½¾ óô ãä õñõö òñ òñ  kk î

ð¿ð èç¿À èç ÁÂ 
jjÃÄ j 
n å n
á o á on K
J â JON âáLPKJON M L Q Ö . Ø /.  /.  45  66 7Å@67 Å @ $>( @A 0%$>
A % 0 >? *
? *1 B  CB  23 ÑÑÒ 
 *+ C
+ 10   &'  
<=
   "-Í#
" - ÍÎ #" !Ï! Ï ¸
< =< ,, :: Ð µµ¶
· ¸· a`_^ a`_^ \ [
Z ]\ [Z  9 9    ­
± ®  ± ´³²±
³´²
22
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

Praticano i più svariati mestieri e vivono di es- 2.1.3 Terranova


si. Possono essere: artigiani, giuristi, cartogra-
fi, erboristi, carpentieri, medici, guerrieri, sacer-
doti, macellai ecc. Il loro introito mensile può
variare da 5 a 30 corone al mese.

3 Abilità professionale #1
3 Abilità professionale #2
3 Abilità professionale #3
3 Lingua levante
3 Lingua madre
3 Altre abilità a scelta del Master

71-90 3 Benestanti 3 FI 0.6

Praticano molteplici mestieri. Hanno di solito


grandi esercizi commerciali, come alberghi, gio-
iellerie, medi allevamenti e via dicendo, che gli
forniscono gran parte del reddito, variabile tra
100 e 1000 corone al mese.

3 ATL o ADT
3 Calcolare
3 Cavalcare bipedi o quadrupedi Terranova è abitata dagli umani Novesi.
3 Danzare
3 Galateo Geografia
3 Lingua levante
3 Lingua madre Il Regno di Terranova occupa tutta la parte
3 Lingua straniera occidentale dell’isola di Norda, confinando a Est
3 Mitologia con le Terre del Nord ed a Sud-Est con Mahn-
3 Religione Hesa ed occupando inoltre la parte settentriona-
3 Storia Generale le dell’isola di Dyshu-Thandy. Le coste dell’iso-
3 Trattare la che fanno parte del Regno sono frastagliate e
3 Valutare ricche di fiordi, molti dei quali, soprattutto a Set-
tentrione, sono sovrastati da ghiacciai. Il clima è
artico nell’estremo nord, mentre a Sud la tempe-
91-100 3 Borghesi ricchi 3 FI 0.7 ratura è appena più mite. Nell’entroterra, invece,
assume caratteristiche tipicamente continentali,
Sono proprietari di molteplici attività, in cui con estati tiepide e secche e inverni gelidi e molto
investono il proprio capitale. Sono perlopiù ban- nevosi.
chieri, armatori, grossi allevatori, possessori di Il territorio è prevalentemente montuoso o col-
miniere, mercanti di schiavi, ecc. Ricavano al linare se si eccettuano le pianure costiere e flu-
mese da 200 a 2500 corone. viali del meridione; i fiumi sono brevi e hanno
pendenze medie relativamente alte, nascono soli-
3 ATL o ADT tamente da sorgenti di tipo glaciale e sfociano ad
3 Calcolare estuario. Generalmente i fiumi che sfociano nel
3 Cavalcare quadrupedi mare interno sono però più larghi e lenti, consen-
3 Danzare tendo la navigazione.
3 Lingua levante La vegetazione naturale è formata in gran par-
3 Lingua madre te da foreste di conifere, in cui predomina la ti-
3 Lingua straniera pica sagoma a forma di cono dell’imponente abe-
3 Religione te novese; nelle zone più secche e pianeggianti è
3 Storia Generale diffusa la tundra.
3 Trattare La cima più alta, facente parte del Massiccio
Valutare ¡ Æ Æ °°° ²² © centrale delë Dehrberg, al confine con leý Terre del
š 
3

 ÁÀ ÁÀ »º»º ¼¼½ ¯® ÅÄ ¯® ÅÄ ¾ ¾ ¡ ¾ ´µ´ÇÆ µ´ ÇÆ .°. ±° ̱° Ì ³² ³² ਩   ˜   ø‹
Š ø
ù‹Š‰øù ‰ êë Œ üã
âüý ’ã⠒ &% &% úÓ Ò úÓÒ ú Ž

- 
- -   âü ’ã⠓’ x{

   ÁÀ }| ÁÀ +*),*) / / » º »º ¬¬­ ¯® ¯® ¦¦§ ´µ´ µ´ ±± ³³ «ª «ª 1 ¨  
Í Í
+ 0,+ ž0 žŸ  ('  (' œ  – –—ÉÈÉÈ ÊËÊ~¢ËÊ £¢ £¢ ÅÄ ÅÄ  ¿  ¿ ¶€ ¶· ¸¸¹ Ç-Ç .-†‡ .- ÌÍÌÍ ‚‚ƒ „… 
1
¤ 2 ¤ 21 
¥

 
 ¥¤     ™˜   ›š  Ý
ð› ñð Ü ñð ÚÝÜ ö÷ ÚÛ øø æ
ç 
ùˆøù ˆ  ê  òçæìó
ò  ì à ìí 
óí ò á
Î
á à  ÐÑ ôõ  Ï 
þ
Ö èé ×Ö ß
” ”• × þ 
ÿ þ ÿ
Þ ßÞ ÕÔ ä
î åä ïî ‘ åä üã
ï z {z "!&%"!&% 
$#"! $#"!  
   ÓÒ ûÓÒ û  ØÙ ÙØ p
t q
v rqp wv rs
p w t wvut
™ þÿ þ ÿþ “ xy vwu

23
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

Nord, è il monte Kahlfahr, che raggiunge i 3520 I Signori o i loro rappresentanti amministra-
metri. no la giustizia mediante le pubbliche udienze alle
Il fiume più importante, il Nother, è lungo circa quali chiunque può essere ammesso, previa iscri-
250 km, nascendo proprio dal Massiccio del Dehr- zione ad un’apposita lista. Gli unici codici sono
berg. Altra catena montuosa di rilevante impor- quelli che stabiliscono i poteri del Re e quelli del
tanza è la Catena delle Sei Cime (Hesfahrts), al- Consiglio delle Famiglie, mentre non esistono leg-
l’estremo Nord, la cui cima più alta, il la Terza gi scritte che regolino la vita pubblica, lasciando
Montagna (Tihrfahr), è alta 2200 metri. spesso il popolo in balìa dei capricci dei signori.
Benché non godano dei diritti politici, i ricchi
borghesi vengono trattati con riguardo, visto che
dalla loro ricchezza (e dalle tasse da loro pagate)
Politica
dipende la potenza dello stato, così che i commer-
Terranova è uno stato ad organizzazione tipi- ci, le imprese e l’artigianato sono incentivati con
camente feudale, il cui territorio è diviso in tre favori, lavori pubblici (strade, ponti) e concessio-
Ducati (suddivisi a loro volta gerarchicamente in ni di terre. Chi ci rimette, in tutto questo, è ov-
Marche, Contee, Baronie) governati ciascuno da viamente la classe inferiore, costituita dai piccoli
una potente famiglia di nobili: Ducato degli Are- agricoltori, braccianti e per ultimi da servi del-
thin, Ducato degli Homer, ducato dei Van Metz. la gleba, che sono poco più che puri e semplici
animali da soma.
L’organo di governo più importante è il Consi-
glio delle Famiglie, costituito da nove rappresen- Le donne della nobiltà non hanno diritti poli-
tanti, tre per ciascuno dei Ducati, che si occupa tici e non possono trasmettere i titoli nobiliari,
di quanto riguarda la politica estera, le guerre essendo quasi sempre subalterne dei loro padri o
e l’elezione del re. All’interno di ciascun Duca- mariti. Le donne borghesi sono più emancipate,
to ogni Duca, capofamiglia, è di fatto un monar- ma agli occhi dei nobili sono esseri inferiori e ca-
ca assoluto, pur dovendo rispondere al Consiglio pricciosi, perciò non affidabili; capita perciò rara-
delle Famiglie di eventuali questioni che possano mente di vedere una donna a capo di una grossa
riguardare anche uno solo degli altri ducati. “impresa”.
La capitale, residenza del Re, è la città di Ram-
Il capo dello Stato è il Re, che viene nomina-
bleen. Le città più importanti dei tre ducati, dove
to dal Consiglio delle Famiglie e rimane in ca-
si trovano le corti dei Duchi di Arethin, Homer,
rica a vita. Il Re non ha di fatto poteri e fun-
Van Metz sono Areth, Hoss, Gottmetz, rispettiva-
ge quasi esclusivamente da ambasciatore e rap-
mente.
presentante diplomatico. Egli viene scelto tra i
più importanti esponenti di queste tre famiglie,
ma di fatto viene scelto da quella più potente e
più ricca, il cui Capofamiglia è colui che detiene Esercito e Armi
concretamente il potere. L’esercito di Terranova gode di ottima fama
Le famiglie meno importanti sono organizzate per quanto riguarda le capacità di combattimen-
gerarchicamente, facendo capo ad una delle tre to. La sua organizzazione riflette strettamente la
maggiori. Capita spesso che, durante le guerre, struttura politica dello stato. L’esercito, unitario,
alcune famiglie cambino “sfera di influenza”, spo- è diviso in tre parti, una per ciascuna delle fami-
standosi, nei limiti dovuti alla posizione geogra- glie, ognuna delle quali provvede al reclutamen-
fica, da un Ducato all’altro modificando in que- to e all’addestramento dei propri uomini, presi a
sto modo l’equilibrio politico nel Consiglio delle loro volta dagli eserciti e dai plotoni dei propri
Famiglie. sottomessi.
All’interno di ogni feudo, il Signore ha diritto Uno dei tre Capifamiglia nominato dal Consi-
di vita e di morte sui suoi sudditi, e i suoi diritti glio delle Famiglie, in caso di guerra, diviene Co-
e poteri hanno come unico limite l’obbligo di non mandante in Capo dell’esercito unificato. In ge-
creare disturbi ai feudi vicini o ai propri superio- nere viene eletto il più capace, ma molte volte i
ri. Capita quindi che, per evitare rivolte e som- giochi di potere fanno sì che venga eletto il più
mosse che potrebbero uscire dai confini, i Signori “potente”. Il Comandante in Capo può a sua vol-
preferiscano non abusare del loro potere. ta nominare un Generale di sua fiducia a cui può
Il titolo nobiliare, così come il feudo, si trasmet- rimettere il comando. Questa operazione viene
te di padre in figlio in “linea diretta” (legge sali- svolta molto di frequente, poiché non sempre i
ca). I figli cadetti vengono in genere indirizzati a Duchi sono esperti di tattica militare e quindi
d ‰‰ sss uu
carriere militari o ecclesiastiche. l non sono in® grado di guidare un grosso À esercito.
ÌË ƒ„ „ƒ }
~ ~} € rq ˆ‡ rq ˆ‡ ccd  wxw Š‰ xw Š‰ ðsð ts ts  vu vu †… kl ÕÖ

ï 
ï ï Õ [ ÖÕ ×] ×
 »N
M »
¼NML»¼ L ­® OP ¿¦
¥¿À U¦¥ U èç èç ½– • ½–• ½ QR
ÉÊÌËÍÎ ƒ„ @? „ƒ ë ìë ò
ì ñ ñ ~ } ~} oop 
 
rqˆ‡ rq ˆ‡ c‚c ‚ yiCD yz ij {w{| xw Šxw Š ðð tt  vEv nmEF nm GH 
ó k Ó 
Ô Ó Ô Õ \[ ÒÑ ÖÕ ^Ø] Ø  
³ Ÿ ´³  Ÿ ¹º ž »» ©Ã­ ÅÆ µª©Ã
ªÆ 
¼KÅ»¼ K Å
‘
¤Ç £ ÈÇ “” ·¸ 
£ ¯° È
¶° µ ¤
’ 
Á
™ «¬ š™ ¢
W WX š Á 
 Á Â
¡ ¢¡ ˜— §
S± ¨§ ²± ST ¨§ ¿¦¥¿ U¦¥ VU ;> äãèçáäãèç ßâ
æåäã æåäã á à
ß âá àß –• ¾–• ¾  ›œ œ› 3
7 4
9 543 :9 56
3 :
í îí aò ab ÙÚ éê ÚÙ êé _` ÛÜ YÝÞ YZŒ‹ Œ‹ ŽABeŽ fe fe
ó
g ô g ôó Ð
Ï h ÏÔÓ hgÑÕÐÏÔÓ Ò Ñ Ö ³ ^ ´ µ ÃÄ ¯ ² = >= 7 :987
í î ïïIJ ï  \ ¯Ä ¶ Á Á ÂÁ V ;< 9:8

24
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

La forza dell’esercito è dovuta in prevalenza al o minatori. Ogni servo della gleba è però messo
corpo dei Cavalieri di Ferro, costituita da un’élite nelle condizioni di poter avere un suo “gruzzolo”
di cavalieri in armatura di piastre che conducono personale e poter comprare a caro prezzo la sua
cavalli anch’essi dotati di armatura di piastre. libertà.
Chiunque dimostri di avere sufficiente destrez- Il piatto forte dell’economia Novese è costitui-
za o intelligenza può entrare nell’esercito, com- to dall’industria mineraria: i monti di Dehrberg
presi i servi della gleba, ma solo i nobili possono sono infatti praticamente costituiti da minerali
aspirare ai gradi più alti; mentre, essendo le ar- di ferro e giacimenti di carbone, inframmezzati
mature e le cavalcature a spese di chi le usa, solo da piccoli giacimenti di metalli preziosi. I mine-
i più ricchi possono far parte della Cavalleria di rali vengono lavorati sul posto da abili artigiani
Ferro. oppure esportati. l’abilità degli artigiani giusti-
Avere un membro della famiglia in questo cor- fica l’alto costo delle armi e delle armature de-
po è generalmente motivo di grande orgoglio e corate, esportate in tutto il Continente. I tra-
prestigio. I Cavalieri di Ferro sono investiti di- sporti avvengono per lo più per via fluviale me-
rettamente dal Re in una solenne cerimonia che diante alaggio lungo i maggiori fiumi navigabili.
avviene ogni due anni. Gran parte del mercato del carbone è costituito
I Cavalieri di Ferro che si distinguono in modo dalle esportazioni verso Loydi-Genya (terra degli
particolare durante le guerre possono essere in- Gnomi).
vestiti di un titolo nobiliare qualunque sia la loro Le maggiori miniere risiedono nel territorio de-
origine. gli Arethin giustificandone in gran parte la loro
Esistono accademie in cui i giovani cadetti im- secolare potenza. l’agricoltura e l’allevamento co-
parano le arti del comando e l’uso delle armi ti- stituiscono una buona parte degli introiti dei feu-
piche: lo Spadone a due mani, la Spada Bastar- datari. Al Sud si allevano cavalli, bovini e capre,
da, la Spada a una Mano, l’Alabarda, la Mazza al nord sono importanti l’allevamento della ren-
Ferrata, la Lancia e la Picca. na e del Nortral (grosso uccello bipede simile allo
L’esercito svolge in tempo di pace le mansioni struzzo, utilizzabile come cavalcatura). Relativa-
di ordine pubblico. Esiste inoltre un corpo specia- mente poco importanti sono la pesca delle balene
le, dipendente direttamente dal Duca di Arethin, nei mari del Nord-Ovest e del pesce azzurro nei
costituito da mercenari stranieri, sul quale vige il mari meridionali.
più rigoroso riserbo. Le donne non sono ammesse
a far parte dell’esercito.
Religione

Economia I Novesi professano rigidamente la religione


Rileana, riconoscendo il Sommo Pontefice come
Chi tiene le redini dell’economia è la classe dei capo supremo della Chiesa e il Vescovo di Rylex
borghesi, dai quali i Nobili dipendono in modo come massima autorità esecutiva. Sono diffusis-
quasi parassitario; i nobili non gestiscono infat- sime le chiese di questa religione (ogni paese ne
ti direttamente i loro possedimenti (anzi, consi- ha almeno una) e le abbazie. Le altre religioni
derano disonorevole occuparsene), ma vendono le non sono tollerate. L’appartenenza a religioni di-
concessioni al miglior offerente in cambio di una verse è usato per giustificare talvolta la discrimi-
“dote” iniziale più una percentuale variabile tra nazione di alcune categorie di persone: i mercan-
il 10% e il 60% del prodotto. I commercianti e gli ti orientali che non accettano di convertirsi, ad
artigiani invece sono costretti a pagare una tassa esempio, pagano “sottobanco” una tassa aggiun-
fissa del 30% su tutti i loro introiti. Ogni feuda- tiva ai feudatari per non essere perseguitati.
tario, inoltre, paga una “tassa” fissa annuale al Tutti i fedeli, cioè tutti i Novesi, sono tenuti
suo diretto superiore. La “cassa” del feudo e la a seguire la Cerimonia ogni Giorno Sacro (il pri-
“borsa” del feudatario coincidono. mo, l’undicesimo e il ventunesimo giorno di ogni
Alla morte del concessionario oppure allo sca- mese) e a versare un obolo, per quanto piccolo,
dere della concessione (generalmente della dura- alla Chiesa. Chi si assenta dalla Cerimonia sen-
ta di 25 anni), viene solitamente bandita un’asta. za una valida giustificazione è costretto a paga-
I concessionari possono servirsi liberamente dei re una multa, che viene divisa tra la Chiesa e il
servi della gleba come manodopera a costo zero (i feudatario, e ad una penitenza di tipo corporale.
servi fanno parte della concessione) ma possono La magia è vista con sospetto dai religiosi ma
anche pagare (poco) braccianti liberi o subaffitta- viene tollerata dalla maggior parte dei Signori,
LL 666 88 allevatori
re la concessione a ' piccoli coltivatori, / nonostanteq chi venga sorpreso a recitare
ƒ incante-
Ž FG GF @
A A@ BBC 54 KJ 54 KJ D&D&' D :;: ML ;: ML ³6³ 76 R76 R 98 98 IH ./ ˜™ ˜  ™˜ šš ~
 ~
~  pq  ‚i
h‚ƒ ih  «ª «ª €Y X €YX € 

² 
² ² – – h‚ ih  ý
ŒŽ‘ FG  GF ® ¯® µ
¯ ´ ´ A @ A@ 223
° ±° $µ $% œ ¬­ œ ­¬ "# žŸ  ¡ ON ON PQP(QP )( )(

S S
54KJ 54 KJ &E& E <, <= ,- >:>? ;: M;: M ³³ 7R7 R 99 10 10

¶ . ¶
* · * ·¶ “
’ +

— —
’—– +*”˜“’—– • ” ™˜  •” ™˜ !›› c
v b wv `cb |} `a ~~
v ! w ˆ~  ˆ l†p ˆ‰ xml†
m‰  x †‡ r f rs ‹
ys x g
T
gŠ f ‹Š VW z{  U 
„
\ no ]\ e
  ] „ 
… „ …
d ed [Z j
t kj ut  kj ‚i
u ÿ ÿ §¦«ª¤§¦«ª ¢¥
©¨§¦ ©¨§¦ ¤ £
¢ ¥¤ £¢ YX YX   ^_ _^ õ
ù ö
û ÷öõ üû ÷ø
õ ü ù üûúù
° ± ²² ² SS  r‡ y „… „ …„  ýþ ûüú

25
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

simi in pubblico possa essere arrestato e interro- Tra i divertimenti più alla moda si enumerano
gato. Tutti gli uomini e le donne liberi possono la caccia alla volpe, la caccia col falcone, la scher-
accedere a ordini monastici, mentre, per ragioni ma simulata, i balli, le rappresentazioni teatrali
economiche, la carriera ecclesiastica è riservata e musicali e le feste. Pochi Signori amano circon-
ai ceti più alti (min. 0.4 Fattore Istruzione). darsi di poeti, musici, scienziati, dando così una
I religiosi cercano in tutti i modi di preserva- piccola spinta allo sviluppo artistico-letterario e
re almeno all’apparenza l’integrità morale della intellettuale. Sono pochissimi invece i Signori
popolazione, condannando apertamente (ma non che dedicano il pomeriggio alle attività culturali
sempre) la prostituzione, l’adulterio, i rapporti e di studio. In tempo di guerra i Nobili occupano
prematrimoniali, la mancata osservanza delle re- alte cariche di comando nell’esercito, rinunciando
gole religiose. così ai divertimenti, escluse le notti “da osteria”.
I borghesi hanno generalmente meno tempo da
dedicare a se stessi, poiché sono costantemente
Magia impegnati nella gestione delle concessioni o nella
direzione delle “imprese” artigiane, ma tendono a
Terranova è l’unico Stato in cui possono essere
curare di più l’aspetto “culturale” della loro vita,
insegnate tutte e sei le Scuole, ma siccome ognu-
studiando musica, filosofia o arti magiche.
no dei Ducati ne ospita soltanto due, non facen-
ti parte dello stesso regno, questo limita di fatto A causa della presenza della Chiesa Rileana
il potere della maggior parte dei maghi di basso i rapporti tra uomini e donne sono rigidamen-
rango. te regolati da severe e restrittive norme di com-
Nel ducato degli Homer vengono insegnate le portamento, che impediscono gli incontri tra ra-
scuole di Stregoneria ed Illusionismo; nel Duca- gazzi non fidanzati, i rapporti prematrimoniali e
to degli Arethin sono insegnate Elementalismo qualunque tipo di promiscuità sessuale.
e Necromanzia; nel Ducato dei Van Metz sono Alcuni Signori usufruiscono ancora del Dirit-
insegnate Demonologia ed Esistenza. to della Prima Notte, benché questo costume sia
La principale Accademia di Magia si trova a condannato e stia ormai cadendo in disuso.
Barlina ed è retta da un Arcimago.
Le scuole dipendono direttamente dal Concla- Quasi nessuno svago è riservato alle classi più
ve, sono accessibili, per via delle alte rette, sol- disagiate (servi e braccianti).
tanto a ricchi e nobili (min. 0.5 Fattore Istru- I Novesi si vestono con pesanti panni abbastan-
zione), anche se questi ultimi considerano molto za sobri, usano moltissimo il cappello a tesa larga
più prestigiosa una carriera di tipo ecclesiastico e il mantello per uscire quando c’è freddo. I No-
o militare. Chi si iscrive ad una scuola viene im- bili esibiscono volentieri l’effigie della loro fami-
mediatamente registrato in apposite liste presso glia, sia sugli abiti che sulle cavalcature e nelle
i palazzi Ducali. loro abitazioni.
È vietato lanciare incantesimi in pubblico se
La loro cucina è molto grassa e ricca di calorie
non per “ragioni validissime” (la cui validità è va-
per via dei freddi inverni; i cibi più prelibati so-
lutata, ovviamente, dal Signore del posto), e ci
no a base di carne di animale allevato o, meglio
si preoccupa di tenere il popolino il più possibile
ancora, di cacciagione. l’arte culinaria, comun-
all’oscuro dell’esistenza della Magia.
que, non è molto elaborata. La lingua ufficiale è
il Novese.

Moda, cultura, costumi

Le attività di base sono tipiche della classe so-


ciale di appartenenza, così che essendo le classi
praticamente chiuse, sono sempre gli stessi grup-
pi di persone che svolgono gli stessi ruoli. I Nobi- Caratteristiche fisiche
li di alto rango, in tempo di pace, si preoccupano
di gestire le concessioni ai borghesi e i rappor- I Novesi sono di razza umana, generalmente
ti tra feudatari, oltre che di sbrigare le faccen- alti, robusti ed asciutti (1.80 di altezza media),
de giuridiche, ma non dedicano a queste attivi- di carnagione chiara, naso dritto e stretto, fron-
tà che la mattina, avendo così a disposizione tut- te alta e labbra sottili, occhi solitamente chiari e
to il pomeriggio e la sera per svolgere attività di capelli castani. Dato il clima, non è infrequente
svago. é  øøø úú ñ incontrare 4 persone sovrappeso. F
RQ 


   ÷ö  ÷ö  èèé  üýü  ýü  vøv ùø ùø  ûú ûú ðñ [\

u 
u u [ à \[ ]â ]
 AÓ
Ò A
BÓÒÑAB Ñ 34 ÔÕ E,
+EF Ú,+ Ú nm nm C  C C Ö×
OPRQST 
ÅÄ
q rq x
r w w    ôôõ 
 
÷ö ÷ö  èè  þîÈÉ þÿ îï üýü ýü  vv ùù  ûÊû óòÊË óò ÌÍ 
y ð Y 
Z Y Z [ áà XW \[ ã^â ^ &
9 % :9 #&% ?@ #$ AA /I3 KL ;0/I
0L 
BÐKAB Ð K

*M ) NM  => 
) 56 N
<6 ; *
 
G
 12  (
Ü ÜÝ  G 
H G H
' ('  -
Ø7 .- 87 ØÙ .- E,+E Ú,+ ÛÚ ÀÃ jinmgjinm eh
lkji lkji g f
e hg fe  D D  !" "! ¸
¼ ¹
¾ º¹¸ ¿¾ º»
¸ ¿
s ts æx æç _` op `_ po äå ab Þcd Þß  ÆÇê ëê ëê
y
ì z ì zy V
U í UZY íìW[VUZY X W \ 9 ã : ; IJ 5 8 Â ÃÂ ¼ ¿¾½¼
s t uuÎÏ u  á 5J < GH G HG Û ÀÁ ¾¿½

26
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

Massimi e minimi alle Caratteristiche 3 Carpenteria


3 Cavalcare bipedi
3 Conoscere animali
Max Min 3 Conoscere piante
INT 20 3 3 Lingua levante
CONC 20 3 3 Lingua madre
OSS 20 3 3 Resistenza alla fatica
AGI 20 3
COS 20 5 23-29 3 Pescatori 3 FI 0.3
FOR 20 3
BEL 20 3 Vivono della pesca e dello sfruttamento del ma-
CAR 20 3 re e dei suoi proventi. Producono cibo per la pro-
pria famiglia e possono guadagnare al netto delle
spese di sostentamento da 1 a 20 scudi al mese.
Abilità di razza
3 Carpenteria
3 Resistenza al freddo 8 3 Conoscere animali
3 Controllo respirazione
3 Fare nodi
Classi sociali e abilità di Classe sociale 3 Lingua levante
3 Lingua madre
3 Navigare
01-07 3 Servi della gleba 3 FI 0.1 3 Nuotare
3 Orientamento
Non vantano alcuna libertà, e devono lavorare
per tutta la vita alle dipendenze del loro padro-
ne. I figli di un servo della gleba nasceranno servi 30-55 3 Professionisti 3 FI 0.5
della gleba. I padroni più benevoli possono con-
Praticano i più svariati mestieri e vivono di es-
cedere ai servi della gleba piccole somme mensili
si. Possono essere: artigiani, giuristi, cartografi,
con cui potersi un giorno affrancare.
erboristi, carpentieri, medici, macellai ecc. Il loro
3 Cantare introito mensile può variare da 5 a 30 corone al
3 Conoscere Piante mese.
3 Lingua Madre
3 Lingua Levante 3 Abilità professionale #1
3 Resistenza alla fatica 3 Abilità professionale #2
3 Resistenza al freddo 3 Abilità professionale #3
3 Resistenza alle malattie 3 Lingua levante
3 Sollevare pesi 3 Lingua madre
3 Altre abilità a scelta del Master
08-15 3 Servi 3 FI 0.2
56-68 3 Benestanti 3 FI 0.6
Vivono nella casa del proprio signore. Ricevono
vitto e alloggio e un compenso mensile variabile Praticano molteplici mestieri. Possiedono di so-
da 1 a 3 corone. lito grandi esercizi commerciali, come alberghi,
gioiellerie, medi allevamenti e via dicendo, che gli
3 Calcolare forniscono gran parte del reddito, variabile tra 15
3 Cantare o Danzare o Suonare o Cucinare o e 300 corone al mese.
abilità professionale collegata alla mansione
3 Cavalcare quadrupedi 3 ATL o ADT
3 Galateo 3 Calcolare
3 Lingua Madre 3 Cavalcare bipedi o quadrupedi
3 Lingua Levante
3 Muoversi in silenzio 3 Danzare
3 Galateo
3 Lingua levante
16-22 3 Contadini 3 FI 0.3 3 Lingua madre
3 Lingua straniera
Producono cibo e vestiti per la propria famiglia, 3 Mitologia Religione
3 Storia Generale
coltivano i campi ed allevano bestiame. Possono 3 Trattare
guadagnare al netto delle spese di sostentamento Valutare
ÑÑ »»» ½½ ´ 3
¬
da 1 a 10 scudi al mese. ö
 ËÌ ÌË Å
Æ ÆÅ ÇÇÈ º¹ ÐÏ º¹ ÐÏ É«É«¬ É ¿À¿ ÒÑ À¿ ÒÑ 9»9 ¼» ×¼» × ¾½ ¾½ ÎÍ ³´ 

8 
8 8  £  ¥ –
• 

 
–•”” —˜ ö õ 
 
î í  îí ž 10 10 Þ Ý ÞÝ  ™š
4 54 ;
5 Å ÆÅ 
Ø Ø  
    ¤£   ¦!¥ ! è Ù Ú 




-,10*-,10 (+  }|{ ‚ }~
{ ‚
 ËÌ ˆ‡ ÌË 
6 7
: : Æ ··¸
6 76 ©; ©ª "# 23 #" 32 §¨ $% ¡&' ¡¢ÔÓ ÔÓ ÕÖÕ‰Š­ÖÕ ®­ ®­
º¹ÐÏ º¹ ÐÏ «Ê« Ê Á±‹Œ Á ±² ÿÃÄ À¿ ÒÀ¿ Ò 99 ¼×¼ × ¾¾ ¶µŽ ¶µ  
88‘’ 8 ØØ
< ³ <
¯ = ¯ =< 
 °  °¯    ¤ û¦ üû ç üû åèç  åæ  “ “  ñ õ  ýòñ 
 ò ý ÷
÷þ  ìë  ÛÜ ÿ 
ë ÷ø 
ø þý ì á óô âá ê
Ÿ Ÿ  â

 
é êé àß ï



úù ›ðï úù ›œ ðï î í îí  ƒ† … †…
ž ƒ„ /.-, /.-, * )
( +* )( ÞÝ ÞÝ   ãä äã {
 |   ‚€
‚€
27
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

69-78 3 Borghesi ricchi 3 FI 0.7 Oltre alle entrate dovute al gettito fiscale pos-
sono incamerare da 1000 a 7000 corone al mese
Sono proprietari di molteplici attività in cui in- come rendita delle proprie terre.
vestono il proprio capitale. Sono perlopiù ban-
chieri, armatori, grossi allevatori, possessori di 3 ATL
miniere, mercanti di schiavi, ecc. Ricavano al 3 ADT
mese da 100 a 2000 corone. 3 Calcolare
3 Cavalcare bipedi o quadrupedi
3 ATL o ADT 3 Danzare
3 Calcolare 3 Galateo
3 Cavalcare quadrupedi
3 Danzare 3 Lingua levante
3 Lingua levante 3 Lingua madre
3 Lingua madre 3 Lingua straniera
3 Lingua straniera 3 Mitologia
3 Religione 3 Oratoria
3 Storia Generale 3 Religione
3 Trattare 3 Storia Generale
3 Valutare 3 Valutare

79-84 3 Baroni 3 FI 0.7


97-00 3 Duchi 3 FI 0.8
Oltre alle entrate dovute al gettito fiscale pos-
sono incamerare da 200 a 1200 corone al mese Oltre alle entrate dovute al gettito fiscale pos-
come rendita. sono incamerare da 2000 a 15000 corone al mese
come rendita delle proprietà.
3 ATL
3 ADT
3 Calcolare 3 ATL
3 Cavalcare bipedi o Cavalcare quadrupedi 3 ADT
3 Danzare 3 Calcolare
3 Galateo 3 Cavalcare bipedi o Cavalcare quadrupedi
3 Lingua levante 3 Danzare
3 Lingua madre 3 Galateo
3 Lingua straniera 3 Lingua levante
3 Mitologia 3 Lingua madre
3 Oratoria
3 Religione 3 Lingua straniera
3 Storia Generale 3 Mitologia
3 Valutare 3 Oratoria
3 Religione
3 Storia Generale
85-91 3 Conti 3 FI 0.7 3 Valutare
Oltre alle entrate dovute al gettito fiscale pos-
sono incamerare da 500 a 2000 corone al mese
come rendita.

3 ATL
3 ADT
3 Calcolare
3 Cavalcare bipedi o Cavalcare quadrupedi
3 Danzare
3 Galateo
3 Lingua levante
3 Lingua madre
3 Lingua straniera
3 Mitologia
3 Oratoria
3 Religione
3 Storia Generale
3 Valutare

o ”” 3~~FI~ €0.8


92-96 3 Marchesi € w ¹ Ë
×Ö Ž Ž ˆ
‰ ‰ˆ ŠŠ‹ }| “’ }| “’ ŒnŒno Œ ‚ƒ‚ •” ƒ‚ •” û~û ~ š~ š € € ‘ vw àá

ú 
ú ú à f áà âh â
 ÆY
ÆX 

Ç Æ
YXWW Z[Ç ¹ ¸ 
Ê 
± ° ÊË `±° `a óò óò È¡   È¡  È \]
ö ÷ö ý
÷ ˆ ‰ˆ 
› › Þ 
ß Þ ß à gf ÝÜ áà iãh ã « œ  
Ì Ì 
Í Ì Í ïîóòìïîóò êí D @?> ED @A
> E
ÔÕ×ÖØÙ Ž KJ Ž 
ø ù
ü ü ‰ zz{
ø ùø lý lm äå ôõ åä õô jk æç dèé de—– —– ˜™˜LMp™˜ qp qp
}|“’ }| “’ nn  „tNO „… tu †‚†‡ ƒ‚ •ƒ‚ • ûû š š P yxPQ yx RS 
úúTU ú ››
þ v þ
r ÿ r ÿþ Û
Ú s ÚßÞ srÜàÛÚßÞ Ý Ü á g ¾ i ¿¾ ª ¿¾ ¨«ª ÄÅ ¨© ÆÆ ÇVÐÆÇ V Ð ´Î¸ ÐÑ Àµ´Î
Ñ µ À ÎÏ º
Ï ºÁ Ò ¯® ÓÒ žŸ Âà 
® º» Ó
» ÁÀ ¯ ¤ ¶· ¥¤ ­
b bc ¥
ÌÍ
¬ ­¬ £¢ ²
Ì ÍÌ 
½¼ ^³² ½¼ ^_ ³² ʱ °Ê `±° ` FI H IH
a FG ñðïî ñðïî ì ë
ê íì ëê ¡  É¡  É  ¦§ §¦ >
B ?  B EDCB
DEC
28
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

2.1.4 Le Terre del Nord Politica


La nazione è frammentata in numerosi clan
che sono spesso in guerra tra loro. Ogni clan
commercia e produce in maniera indipendente. I
capi clan si incontrano solo per le feste religiose
più importanti o nel caso di guerra contro altre
nazioni sotto la guida del Grande Sacerdote.
Il Clan è la base della società nordica. Il nucleo
del Clan è la Coorte di guerrieri costituita dalla
famiglia del capoclan e dalle famiglie dei suoi pa-
renti. Gli appartenenti a tutte le altre classi vi-
vono sotto la loro protezione e vengono pertanto
chiamati Protetti.
I figli seguono sempre la carriera del padre an-
che se è possibile chiedere al Capoclan una varia-
zione o elevazione di classe sociale in funzione dei
propri meriti.
I poteri giuridico e religioso sono detenuti dal
Druido. Il capoclan detiene il potere militare e
gestisce le risorse economiche.

Esercito e Armi
I Nordici sono umani e vivono nelle Terre del
Nord. Ogni Clan ha la sua classe di guerrieri navi-
gatori che difendono il Clan, combattono contro
i clan avversari, saccheggiano le coste e presta-
Geografia no il loro servizio come mercenari presso le altre
nazioni. I Nordici sono i più temibili guerrieri
Le Terre del Nord occupano la parte Est dell’I- sul mare interno, solo i Levanti sono loro degni
sola di Norda e confinano ad Ovest con Terranova antagonisti.
e a Sud-Ovest con Mahn-Hesa. Sulla terraferma è temuta la loro falange men-
Le coste delle Terre del Nord sono frastagliate tre sono scadenti come cavalieri e arcieri.
e ricche di fiordi, soprattutto a Nord. L’educazione militare viene impartita all’inter-
Il clima è artico nell’estremo nord, mentre a no delle famiglie fin dalla più tenera età. Duran-
Sud la temperatura è più mite, grazie all’influen- te l’addestramento viene somministrata, al fine
za benefica del Mare Interno. Nell’entroterra as- di evitarne gli effetti collaterali in seguito, una
sume caratteristiche continentali, con estati tie- droga chiamata Rajina.
pide e secche e inverni gelidi e nevosi. Al compimento del quindicesimo anno di età,
Il territorio è prevalentemente montuoso se si ovvero la maturità, i giovani guerrieri ricevono
esclude la piana Deys-Mathas. La cima più al- l’ampolla di Rajina (contenente tre dosi) che por-
ta, facente parte del Massiccio centrale del Dehr- tano sempre al collo. In battaglia, ad un comando
berg, al confine con Terranova, è il monte Kahl- del capoclan, tutti i guerrieri ne assumono una
fahr, che raggiunge i 3520 metri dose determinando in sè quella terribile sete di
I fiumi sono brevi e nascono solitamente da sor- sangue che ha fatto meritare ai Nordici l’appella-
genti di tipo glaciale e sfociano ad estuario. Il più tivo di Lupi Rabbiosi del Nord ed il rispetto delle
importante è il Kowdian, che è navigabile nel suo nazioni confinanti.
tratto inferiore. Le armi più diffuse sono: lo Spadone a due ma-
La vegetazione naturale è composta in maggio- ni, la Spada Bastarda, l’Ascia da battaglia, l’A-
ranza da foreste di conifere, in cui predomina l’a- scia bastarda, il Martello da Guerra.
bete Novese; nelle zone più secche e pianeggianti Nella Capitale si trova la principale Accademia
è diffusa la tundra. di Arti Marziali.
Le città più importanti sono Norda, che è anche
la capitale, Finnan e Garhish dove sorge il porto Economia
più importante.
2 WW AAA CC : All’interno | di ogni Clan, la gestione Ž delle ri-
š™ RQ RQ LKLK MMN @? VU @? VU O1O12 O EFE XW FE XW ¾A¾ BA ]BA ] DC DC TS 9: £¤

½ 
½ ½ £ ) ¤£ ¥+ ¥
 ‰
‰  ‰
ŠŠ  {|  Ž #ts #$ ¶µ²± ¶µ²± ‹d

t s c ‹dc ‹ 

^ ^ ¡ 
¢ ¡ ¢ £ *)  Ÿ ¤£ ,¦+ ¦ n ` _ 
  
      

—˜š™œ› RQ  RQ »º¹¼º¹ ¿ ¿ L K LK ==> @?@? 778 EFE FE BB DD <; <; Á 9 
» À¼» /À /0 ¨§ ¸· ¨§ ¸· -. ©ª '«¬ '(ZYZY [\[3\[ 43 43 VU VU 1P1 P G GH IIJ X½X ¾½ ¾½ ]^]^   
Á
5 Â 5 ÂÁ ž
 6 ¢¡ 65Ÿ£ž¢¡   Ÿ ¤ *  , ‚ m ‚ knm ‡ˆ kl ‰‰ Š“‰Š  “ w‘{ “” ƒxw‘
” x ƒ ‘’ }
’ }„ • rq –• ab …† %%& h
q }~ –
~ „ƒ r g yz hg p

o po ef u€
  
 !vu € !" vu t $

¶µ´³ ¯¶µ´³ ­°
s #ts #   ¯ ®
­ °¯ ®­ dc Œdc Œ ij ji 
   

²± ²± 
29
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

sorse (che comprendono anche le attività dei Pro- Le uniche scuole insegnate sono Necromanzia
tetti) è realizzata dai capoclan. Ogni famiglia e Demonologia. Presso la città di Finnan si trova
di guerrieri protegge specificamente determina- l’accademia retta dall’Arcimago.
te famiglie di Protetti e ha diritto al 10% dei loro
proventi. Il capoclan riceve il 5% degli introiti di
tutte le famiglie del suo clan. Moda, cultura, costumi
Il druido vive delle ricche offerte che gli ven-
I Nordici vivono in grosse abitazioni di pie-
gono elargite, si interessa personalmente dell’ac-
tra con tetti di legno e ricoperti da zolle di ter-
quisto della Rajina che viene venduta ai guerrie-
ra. Vestono con pesanti tessuti di lana. Le donne
ri.
indossano lunghe tuniche, gli uomini gonne lun-
Le pecore, le capre e gli yak vengono allevati ghe fino al ginocchio, stivali e camicie o maglioni
per ricavare pelli, lana, latte e corna. molto pesanti. Tutti utilizzano grossi mantelli di
Gli animali selvatici che sono oggetto di caccia pelliccia.
riforniscono i Nordici di pelli e pellicce pregiate. Il disegno dei tessuti indossati e il loro colore è
Le grandi foreste lasciano ben poco spazio alle tipico del Clan di provenienza ed è simbolo della
colture, ma il legno, ricavato dagli abeti novesi raggiunta maturità.
e dai larici nordici, è di ottima qualità. Verso i diciassette anni ci si sposa e le famiglie
Il settore più fiorente dell’economia è la pesca, sono solitamente molto numerose.
del pesce azzurro e della balena, al largo delle I divertimenti più comuni sono le gare di canoa,
coste del Mare Interno. la lotta contro lo yak (a mani nude o con un’arma
Le esportazioni riguardano pesce, lana, pellicce a scelta) o il Breheg-by: quattro squadre di 5 in-
e formaggi, mentre si importano cereali, ortaggi dividui all’interno di un campo quadrato di 50x50
e prodotti finiti come armi e armature. metri cercano di portare la carogna di una pecora
oltre il lato del campo appartenente alla propria
squadra. Non è valido naturalmente il ricorso ad
Religione armi e magia.
La lingua ufficiale è il nordico.
Ogni Clan ha il suo druido, rappresentante de-
gli spiriti del Clan, delle bestie che lo proteggono
e degli eroi che ne hanno fatto la storia. Il loro Caratteristiche fisiche
capo è il sommo Druido, rappresentante dell’Uno
che raccoglie in sè tutti gli spiriti, della realtà che Alti in media 1.80 m, pesano solitamente at-
si cela dietro mille apparenze. torno ai 90 kg; dato il clima rigido, non è rara
l’obesità. La carnagione, i capelli e gli occhi sono
Ogni Druido sceglie il proprio successore, soli-
chiari. Portare i baffi e i capelli lunghi è segno
tamente il figlio o un bambino adottato ed educa-
di grande virilità. Il piercing e il tatuaggio sono
to a tale scopo. Il sommo Druido decide il proprio
permessi solo ai guerrieri come segno di forza e
successore in punto di morte, solitamente un al-
di coraggio.
tro Druido. I giorni sacri corrispondono agli equi-
nozi ed ai solstizi. In questi giorni si svolgono le
cerimonie di passaggio alla maggiore età. Massimi e minimi alle Caratteristiche
I matrimoni si svolgono ogni luna piena, i fu-
nerali ogni luna nuova. In attesa di tale giorno Max Min
i cadaveri vengono sottoposti ad un trattamento INT 20 3
speciale da parte dei Druidi. CONC 20 3
OSS 20 3
AGI 20 3
Magia COS 20 5
FOR 20 3
Esistono solo 2 accademie di magia nelle Terre BEL 20 3
del Nord, una si trova a Finnan e l’altra a Hersh. CAR 20 3
A tutti coloro che sono in grado di pagare le rette
di tali accademie (2 piastre), vengono insegnate
le basi della magia. Tuttavia, grazie a borse di Abilità di razza
studio, coloro che vengono ritenuti più meritevoli
hanno accesso gratuito   
ô all’apprendimento. ü 3 Resistenza ? al freddo Q
]\   
       óóô             ûü fg

€ 
€ € f ë gf hí h
 LÞ
LÝ 

M L
ÞÝÜÜ ßàM ? > 
P 
7 6 PQ å76 åæ yx yx N' & N'& N áâ
| }| ƒ
}   
! ! d 
e d e f ìë cb gf îií i 1 # " 
R R 
S R S utyxrutyx ps É ÅÄÃ ÊÉ ÅÆ
à Ê
Z[]\^_  ÐÏ  
~ 
‚ ‚  ÿÿ
~ ~ ñƒ ñò jk z{ kj {z ïð lm éno éê  ÑÒõ öõ öõ
   óó 
ùÓÔ
ùú        Õ þýÕÖ þý ×Ø 
€€ÙÚ € !!
„ û „
÷ … ÷ …„ a
` ø `ed ø÷bfa`ed c b g ì D î ED 0 ED .10 JK ./ LL MÛVLM Û V :T> VW F;:T
W ; F TU @
U @G X 54 YX $% HI ççè +
4 @A Y
A GF 5 * <= +* 3
RS
2 32 )( 8
R SR 
8 CB ãä 98 P7
CB ã9 6P å76 å ËÎ Í ÎÍ
æ ËÌ wvut wvut r q
p sr qp '& O'& O  ,- -, Ã
Ç Ä  Ç ÊÉÈÇ
ÉÊÈ
30
R ADIX M ALORUM 2.1. GLI UMANI

Classi sociali e abilità di Classe sociale 3 Carpenteria


3 Conoscere animali
3 Controllo respirazione
01-05 3 Schiavi 3 FI 0.1 3 Fare nodi
3 Lingua levante
Non vantano alcuna libertà, devono lavorare 3 Lingua madre
per tutta la vita alle dipendenze del padrone e i 3 Navigare
loro figli nasceranno schiavi. I padroni più bene- 3 Nuotare
voli possono concedere loro piccole somme mensi- 3 Orientamento
li con cui poter, un giorno, affrancarsi.
51-70 3 Professionisti 3 FI 0.5
3 Cantare
3 Conoscere Piante Praticano i più svariati mestieri e vivono di es-
3 Lingua Madre
3 Lingua Levante si. Possono essere: artigiani, cartografi, erboristi,
3 Resistenza alla fatica carpentieri, macellai ecc. Il loro introito mensile
3 Resistenza al freddo può variare da 5 a 20 corone al mese.
3 Resistenza alle malattie
3 Sollevare pesi 3 Abilità professionale #1
3 Abilità professionale #2
3 Abilità professionale #3
06-20 3 Contadini 3 FI 0.3 3 Lingua levante
Producono cibo e vestiti per la propria famiglia, 3 Lingua madre
3 Altre abilità a scelta del Master
coltivano campi ed allevano bestiame. Possono
guadagnare al netto delle spese di sostentamento
da 1 a 10 scudi al mese. 71-86 3 Guerrieri navigatori 3 FI 0.4

3 Ammaestrare Ricevono dal clan un contributo mensile varia-


3 Carpenteria bile tra 2 e 8 corone oltre al vitto. Hanno poi di-
3 Cavalcare quadrupedi ritto a prendere parte alla spartizione del bottino
3 Conoscere animali di guerra.
3 Conoscere piante
3 Lingua levante
3 Lingua madre 3 ADT
3 Resistenza alla fatica 3 AIA
3 ATC o ABC
3 ABL
21-35 3 Cacciatori 3 FI 0.3 3 CAC
3 Maestria in un’arma
Vivono della caccia e dei suoi proventi. Produ- 3 Allarme
cono cibo e vestiti per la propria famiglia e posso- 3 Fare nodi
3 Lingua levante
no guadagnare da 2 a 7 corone al mese. 3 Lingua madre
3 Navigare
3 Allarme 3 Orientamento
3 ADT o ADL 3 Prontezza
3 ATC o ABC 3 Tattica militare
3 Conoscere animali
3 Conoscere piante
3 Fare nodi 87-90 3 Druidi 3 FI 0.7
3 Fiutare
3 Imitare Sono custodi della memoria e dei riti religiosi
3 Individuare tracce
3 Lingua levante dei clan. Vivono di ciò che viene loro offerto dal
3 Lingua madre popolo e della raccolta di erbe e dei loro prodot-
3 Muoversi in silenzio ti. Il loro introito può variare da 1 a 50 scudi al
3 Trappole mese.
3 Udire
3 Alchimia
36-50 3 Pescatori 3 FI 0.3 3 Astronomia
3 Astrologia
Vivono della pesca e dello sfruttamento del ma- 3 Cavalcare bipedi
3 Conoscere piante
re e dei suoi proventi. Producono cibo per la pro- 3 Lingua Madre
pria famiglia e possono guadagnare al netto delle Lingua Levante
· da 1ÜaÜ Æ20Æscudi
Æ ÈÈ al ¿ mese. 3
spese di sostentamento 
Medicina 
+° +
3
 Ö× ×Ö Ð
Ñ ÑÐ ÒÒÓ ÅÄ ÛÚ ÅÄ ÛÚ Ô¶Ô¶· Ô ÊËÊ ÝÜ ËÊ ÝÜ DÆD ÇÆ âÇÆ â ÉÈ ÉÈ ÙØ ¾¿ )* ) ® *)  ¡
  

 ¡ Ÿ Ÿ  ¢£ 
 ù
ø ¨ùø ¨ <; <; é è éè  ¤¥

C 
C C ' ' ø ¨ùø ©¨ Ž‘
!" Ö× “’ ×Ö ? @? F
@ E E Ñ Ð ÑÐ ÂÂÃ
A BA ´F ´µ -. => .- >= ²³ /0 ¬12 ¬­ßÞ ßÞ àáà”•¸áà ¹¸ ¹¸

ã ã
ÅÄÛÚ ÅÄ ÛÚ ¶Õ¶ Õ Ì¼–— ÌÍ ¼½ ÎÊÎÏ ËÊ ÝËÊ Ý DD ÇâÇ â É˜É ÁÀ˜™ ÁÀ š› 
G ¾ G
º H º HG $
# »

( (
#(' »º%)$#(' & % *) ¯® &% *) , ±° , 
± óò  ðóò  ðñ  ü ýü
ý 
ž ž    ÷ ö  æç åä 
ö  

 ÷ ì þÿ íì 
ª ª« í  õ
ô  õô ëê ú
¦ ûú  ¦§ ûú ù
  ‘ 87<;587<; 36
:987 :987 5 4
3 65 43 éè éè   îï ïî †
Š ‡
Œ ˆ‡† Œ ˆ‰
†  Š Œ‹Š
A B CCœ C ãã ¯  
   © Ž Œ‹

31
CAPITOLO 2. LE RAZZE E LE ETNIE R ADIX M ALORUM

3 Mitologia coste alte e scoscese. A Nord i rilievi sono coper-


3 Religione