Sei sulla pagina 1di 2

storia Letture

dellarte dopera
La Nascita di Venere (Sandro Botticelli)
Col suo stile armonioso e le sue figure piene di
rimandi simbolici al mondo antico, Sandro Bot-
autore Sandro Botticelli
ticelli (1445-1510) la figura chiave della pittura opera La Nascita di Venere
fiorentina ai tempi di Lorenzo il Magnifico, che data 1484 circa
oltre a governare Firenze con equilibrio si dedi- tecnica tempera su tela di lino
cava anche alla poesia ed era amante delle arti. dimensioni 172,5x278,5 cm
Insieme alla Primavera e alla Pallade e il Centauro, collocazione Firenze, Galleria degli Uffizi
la Nascita di Venere, dipinta con ogni probabilit
per un cugino di Lorenzo il Magnifico, lopera
che interpreta nel modo pi perfetto gli ideali di
poesia e classica eleganza della cultura e dellarte
della fine del Quattrocento.

Venere nuda, in piedi sulla conchiglia, approda Una fanciulla (forse una divinit
sulla riva dellisola di Cipro, o forse di Citera, delle Ore) abbigliata con uno splendido
sospinta dai flutti grazie al soffio dei venti Zefiro e vestito ricamato con fiordalisi, mosso dal
Aura, dolcemente abbracciati. Lapprodo della dea vento, come i suoi bellissimi capelli biondi.
della bellezza in unisola del Mar Egeo narrato da La giovane porge a Venere un mantello
Omero e da Ovidio, ma il dipinto porta ancora il di seta, anchesso ricamato con margherite
titolo errato, assegnato alla composizione nel XIX e altri fiori.
secolo, che si riferisce alla nascita di Venere che
sorge dal mare.

2011 Giunti Scuola S.r.l. - Firenze


1
storia Letture
dellarte dopera

ll linguaggio dellopera
Sulle onde del mare, raffigurate in modo sintetico e astratto, piovono
rose studiate dal vero: sono infatti le tipiche roselline di Fiesole,
che crescono selvatiche sulle colline di Firenze. A sinistra, in primo
piano, lartista ha dipinto alcune canne, che in realt appartengono
a una specie non marina ma di acqua dolce. La grande poesia della
composizione accentuata dalla classicit delle figure:non solo quella
della bellissima Venere, ma anche quelle di Zefiro e Aura a sinistra, ispi-
rate ai rilievi di una gemma antica posseduta da Lorenzo il Magnifico,
la Tazza Farnese (ora al Museo archeologico di Napoli). La tela della
Nascita di Venere stata dipinta con una tempera magra, composta di
tuorlo diluito, che le ha conferito una straordinaria trasparenza, simile
agli effetti che si ottengono con la tecnica ad affresco.

Una delle figure femminili pi celebri della storia


dellarte, la Venere di Botticelli, deriva nella posa
dalla scultura antica della Venere pudica. La statua
era nota attraverso diverse copie gi nel Medioevo,
come hai visto a pagina 154.

La Nascita di Venere dipinta su lino anzich su


una tavola di legno. Questo materiale, molto
insolito per lepoca, lo stesso usato da Botticelli
per la Pallade e il Centauro ora agli Uffizi, dipinta
attorno al 1482 per Lorenzo di Pierfrancesco
dei Medici.

2011 Giunti Scuola S.r.l. - Firenze


2