Sei sulla pagina 1di 3

CALCOLO DELLE PROBABILITA

Più precisamente probabilità discreta, si occupa di studiare sempre un numero finito di elementi che costituiscono a determinati eventi.

EVENTI CERTI, CASUALI, IMPOSSIBILI

Gli eventi vengono definiti probabili quando, dato che sono influenzati da molti fattori non rendono possibile una previsione certa del risultato, un esempio è quando sul lancio di un dado quale sia la probabilità che esca il numero 4.

Il risultato può essere solo ipotizzato in quanto a meno che il dado non sia truccato, ogni faccia ha la stessa probabilità di uscire. In questo caso parliamo di eventi casuali o aleatori.

Un evento viene definito certo quando il suo verificarsi non dipende dal caso, ma abbiamo la certezza che lipotesi effettuata sia corretta, prendendo sempre lesempio del dado e il seguente evento esce un numero maggiore di 0sappiamo con certezza che il suo verificarsi sarà del 100%.

Viceversa un evento viene definito in certo quando il suo verificarsi risulterà impossibile, in un lancio di un dado a 6 facce esce il numero 10, ovviamente lipotesi non potrà mai verificarsi.

PROBABILITA DI EVENTI CERTI, CASUALI, IMPOSSIBILI

La formula per andare a calcolare la probabilità esatta di uno di queste 3 tipologie di evento è molto semplice in quanto corrisponderà ai casi favorevoli fratto i casi totali

P(E) =

E = dato un mazzo da 40 carte, qual è la probabilità che esca una figura

P(E) =

12 3

40 =

10

1

SPAZIO CAMPIONARIO

Viene definito come spazio campionario linsieme degli possibili risultati di un evento E, viene generalmente indicato con .

In un lancio di un dado a 6 facce lo spazio campionario sarà:

= (1, 2, 3, 4, 5, 6)

EVENTI COMPATIBILI E INCOMPATIBILI

Due eventi E1 e E2 vengono definiti compatibili quando il verificarsi delluno non esclude il verificarsi dellaltro e quindi potranno avvenire contemporaneamente.

Due eventi E1 e E2 vengono definiti incompatibili quando il verificarsi delluno escluderà il verificarsi dellaltro e di conseguenza non potranno avvenire contemporaneamente.

E1 = in un mazzo di 40 carte esce una carta di denariE2 = in un mazzo di 40 carte esce una carta di coppe

In questo caso i due eventi risultano incompatibili in quanto con una sola estrazione non potrà mai uscire una carta sia di denari che di coppe.

E1 = Allestrazione di un numero dalla tombola esce un numero disparoE2 = Allestrazione di un numero dalla tombola esce il numero 15

In questo caso i due eventi sono compatibili quando con la stessa estrazione se esce il numero 15 di conseguenza sarà sicuramente anche disparo permettendo così a entrambi gli eventi di verificarsi.

CALCOLO PROBABILITA EVENTI COMPATIBILI E INCOMPATIBILI

In questo caso invece avremo due formule distinte per poter calcolare le due tipologie di evento:

INCOMPATIBILI: P(E1

COMPATIBILI: P(E1

due tipologie di evento: IN COMPATIBILI: P(E1 COMPATIBILI : P(E1 E2) = P(E1) + P(E2) E2)
due tipologie di evento: IN COMPATIBILI: P(E1 COMPATIBILI : P(E1 E2) = P(E1) + P(E2) E2)

E2) = P(E1) + P(E2)

E2) = P(E1) + P(E2) P(E1

2

due tipologie di evento: IN COMPATIBILI: P(E1 COMPATIBILI : P(E1 E2) = P(E1) + P(E2) E2)

E2)

EVENTI DIPENDENTI E INDIPENDENTI

Queste due tipologie possono verificarsi soltanto se due eventi sono compatibili tra loro, infatti:

Due eventi E1 e E2 si dicono dipendenti se il verificarsi del primo influirà sul verificarsi del secondo o viceversa

Due eventi E1 e E2 si dicono invece indipendenti quando il verificarsi di uno non influirà sul verificarsi dellaltro

CALCOLO PROBABILITAEVENTI DIPENDENTI E INDIPENDENTI

Lintersezione di due eventi indipendenti tra di loro è:

Indipendenti: P(E1

eventi indipendenti tra di loro è: I ndipendenti : P(E1 E2) = P(E1) * P(E2) Per

E2) = P(E1) * P(E2)

Per capire come effettuare la medesima operazione per eventi dipendenti dobbiamo prima introdurre la probabilità condizionata, cioè linfluenza che ha il primo evento che si va a verificare sul secondo, in questo caso la formula diventa la seguente:

Dipendenti: P(E1

va a verificare sul secondo, in questo caso la formula diventa la seguente: D ipendenti :

E2) = P(E1) * P(E2/E1)

3