Sei sulla pagina 1di 499

Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

CONCORSO
ALLIEVI AGENTI POLIZIA DI STATO
2016
Prova scritta

Manuale Gratuito
1 Volume

Il presente testo composto di voci tratte da

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 1
Il presente eBook il primo dei due volumi che la
redazione di Concorsando.it ha assemblato per
agevolare lo studio ai candidati del Concorso Allievi
Agenti Polizia di Stato 2016.
Entrambi i volumi sono stati costruiti collazionando le
voci di Wikipedia relative a quegli argomenti che la
redazione ritiene possano essere oggetto di domanda nel
corso della prova scritta.

Per non perderti luscita del secondo volume


partecipa allevento ufficiale su Facebook.
Riceverai una notifica quando sar online.

Ti consigliamo di affiancare allo studio del presente


manuale lutilizzo del Simulatore Quiz di
Concorsando.it, disponibile anche sugli store iPhone e
Android.
Per scoprire quali servizi di Concorsando.it puoi
utilizzare per esercitarti efficacemente leggi con
attenzione questo post.
Per qualsiasi tipo di delucidazione contattaci tramite la
pagina Facebook di Concorsando.it

Buono studio!
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

Indice sommario
CAPITOLO 1 ........................................................................................................... 16
Educazione civica ................................................................................................................................................ 16
1.1. Lo Stato ..................................................................................................................................................... 16
1.1.1. La nozione. ......................................................................................................................................... 16
1.1.2. Elementi costitutivi. ........................................................................................................................... 16
1.1.2.1. Sovranit. ................................................................................................................................... 16
1.1.2.2. Il popolo. .................................................................................................................................... 17
1.1.2.3. Territorio. ................................................................................................................................... 18
1.1.3. Funzioni dello Stato. .......................................................................................................................... 19
1.1.3.1. Il principio di separazione dei poteri. ......................................................................................... 20
1.1.4. Le forme di governo. .......................................................................................................................... 20
1.1.4.1. Governo parlamentare. ............................................................................................................... 21
1.1.4.2. Governo presidenziale. ............................................................................................................... 21
1.1.4.3. Governo direttoriale. .................................................................................................................. 21
1.1.5. La Costituzione in generale................................................................................................................ 21
1.1.5.1. Nozione. ..................................................................................................................................... 21
1.1.5.2. Classificazioni ............................................................................................................................ 21
1.1.5.3. Le norme costituzionali. ............................................................................................................. 22
1.1.6. La Costituzione italiana. .................................................................................................................... 22
1.1.6.1. Lelaborazione, la promulgazione e lentrata in vigore .............................................................. 22
1.1.6.2. Composizione e struttura ............................................................................................................ 22
1.1.6.3. Caratteri. ..................................................................................................................................... 23
1.1.6.4. Lattuazione................................................................................................................................ 23
1.2. Il Presidente della Repubblica ................................................................................................................... 23
1.2.1. Nozione e caratteri. ............................................................................................................................ 23
1.2.2. Eleggibilit. ........................................................................................................................................ 24
1.2.3. Incompatibilit. .................................................................................................................................. 24
1.2.4. Nomina............................................................................................................................................... 25
1.2.4.1. Organo elettivo. .......................................................................................................................... 25
1.2.4.2. Procedimento.............................................................................................................................. 25
1.2.5. Il giuramento di fedelt alla Repubblica e di osservazione della Costituzione. ................................. 26
1.2.6. Durata in carica. ................................................................................................................................. 26
1.2.7. Supplenza e impedimento. ................................................................................................................. 26
1.2.7.1. Supplenza ................................................................................................................................... 26
1.2.7.2. Impedimento .............................................................................................................................. 27
1.2.7.3. I poteri del supplente .................................................................................................................. 27
1.2.8. Cessazione. ........................................................................................................................................ 28
1.2.8.1. Ordinaria .................................................................................................................................... 28
1.2.8.2. Anticipata. .................................................................................................................................. 28
1.2.9. Gli atti presidenziali o decreti presidenziali. ...................................................................................... 29
1.2.9.1. Tipologie. ................................................................................................................................... 29
1.2.9.2. La controfirma. ........................................................................................................................... 30
1.2.10. Responsabilit. ................................................................................................................................. 30
1.2.10.1. Introduzione. ............................................................................................................................ 30
1.2.10.2. Politica. .................................................................................................................................... 30
1.2.10.3. Giuridica................................................................................................................................... 31
1.2.11. Prerogative. ...................................................................................................................................... 33
1.2.12. Poteri e attribuzioni del presidente della Repubblica. ...................................................................... 33
1.2.12.1. In relazione al potere legislativo. ............................................................................................. 33
1.2.12.2. In relazione al potere esecutivo. ............................................................................................... 36
1.2.12.3. In relazione al potere giudiziario. ............................................................................................. 38
1.3. Il Parlamento .............................................................................................................................................. 38
1.3.1. Nozione. ............................................................................................................................................. 38
1.3.1.1. Caratteristiche. ........................................................................................................................... 39
1.3.1.2. Funzioni residuali. ...................................................................................................................... 39
1.3.2. Struttura del Parlamento..................................................................................................................... 40
1.3.2.1. Il bicameralismo ......................................................................................................................... 40
1.3.2.2. Le differenze tra le due Camere. ................................................................................................ 40
1.3.3. Prerogative delle camere. ................................................................................................................... 41

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 3
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

1.3.3.1. Autonomia regolamentare. ......................................................................................................... 41


1.3.3.2. Autonomia finanziaria. ............................................................................................................... 42
1.3.3.3. Autonomia amministrativa. ........................................................................................................ 42
1.3.3.4. Linviolabilit degli edifici delle Camere. .................................................................................. 43
1.3.3.5. Tutela penale delle Camere. ....................................................................................................... 43
1.3.4. Gli organi interni delle camere. .......................................................................................................... 43
1.3.4.1. Il Presidente e lUfficio di presidenza. ....................................................................................... 43
1.3.4.2. Le giunte parlamentari. .............................................................................................................. 44
1.3.4.3. Le commissioni parlamentari. .................................................................................................... 45
1.3.4.4. I gruppi parlamentari. ................................................................................................................. 45
1.3.4.5. Le conferenze dei capigruppo. ................................................................................................... 46
1.3.5. Le camere riunite in seduta comune. .................................................................................................. 46
1.3.6. Funzionamento delle Camere. ............................................................................................................ 47
1.3.6.1. Periodi di lavoro. ........................................................................................................................ 47
1.3.6.2. Convocazione delle Camere. ...................................................................................................... 47
1.3.7. Svolgimento dei lavori. ...................................................................................................................... 48
1.3.7.1. Pubblicit e la segretezza delle sedute........................................................................................ 48
1.3.7.2. Ordine del giorno e calendario dei lavori. .................................................................................. 48
1.3.7.3. Deliberazioni. ............................................................................................................................. 49
1.3.7.4. Ammissione dei membri del Governo. ....................................................................................... 50
1.3.7.5. Votazioni. ................................................................................................................................... 50
1.3.7.6. Ostruzionismo. ........................................................................................................................... 51
1.3.8. Scioglimento e proroga delle Camere. ............................................................................................... 51
1.3.8.1. Scioglimento della camere. ........................................................................................................ 51
1.3.8.2. Prorogatio e proroga. ................................................................................................................. 52
1.3.8.3. La proroga. ................................................................................................................................. 52
1.3.9. Le elezioni politiche. .......................................................................................................................... 52
1.3.9.1. Sistemi elettorali. ........................................................................................................................ 52
1.3.9.2. I partiti politici............................................................................................................................ 53
1.3.9.3. Il diritto al voto........................................................................................................................... 54
1.3.10. Lo status di Parlamentare. ................................................................................................................ 55
1.3.10.1. Le condizioni per il conferimento dellufficio di parlamentare. ............................................... 55
1.3.10.2. La verifica dei poteri. ............................................................................................................... 56
1.3.10.3. Rapporto tra parlamentare e corpo elettorale. .......................................................................... 57
1.3.10.4. Prerogative dei parlamentari. ................................................................................................... 58
1.3.10.5. Cessazione dellufficio di parlamentare. .................................................................................. 60
1.3.11. Le leggi. ........................................................................................................................................... 61
1.3.11.1. Nozione di legge. ..................................................................................................................... 61
1.3.11.2. Leggi formali e materiali. Leggi meramente formali. .............................................................. 61
1.3.11.3. Riserve di legge ........................................................................................................................ 63
1.3.12. Il procedimento legislativo per leggi ordinarie. ............................................................................... 64
1.3.12.1. La fase di iniziativa. ................................................................................................................. 64
1.3.12.2. La fase costitutiva..................................................................................................................... 66
1.3.12.3. La fase di integrazione dellefficacia. ...................................................................................... 68
1.3.13. Il procedimento legislativo per le leggi costituzionali e di modifica della Costituzione. ................. 70
1.3.13.1. Generalit. ................................................................................................................................ 70
1.3.13.2. Leggi costituzionali e leggi di revisione costituzionale. ........................................................... 70
1.3.13.3. La procedura di revisione. ........................................................................................................ 71
1.3.13.4. Limiti assoluti alla revisione costituzionale. ............................................................................ 74
1.3.14. Gli istituti di democrazia diretta ....................................................................................................... 75
1.3.14.1. La petizione. ............................................................................................................................. 75
1.3.14.2. Il referendum popolare. ............................................................................................................ 76
1.4. Il Governo .................................................................................................................................................. 78
1.4.1. Nozione. ............................................................................................................................................. 78
1.4.1.1. Caratteri. ..................................................................................................................................... 78
1.4.1.2. Funzioni. .................................................................................................................................... 78
1.4.2. Gli organi del governo ....................................................................................................................... 79
1.4.2.1. Introduzione. .............................................................................................................................. 79
1.4.2.2. Organi necessari. ........................................................................................................................ 79
1.4.2.3. Gli organi non necessari. ............................................................................................................ 85
1.4.3. La formazione del Governo. .............................................................................................................. 87
1.4.3.1. Le consultazioni. ........................................................................................................................ 87

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 4
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

1.4.3.2. Conferimento dellincarico......................................................................................................... 87


1.4.3.3. Nomina del nuovo Presidente del Consiglio. ............................................................................. 89
1.4.3.4. Nomina dei Ministri ................................................................................................................... 89
1.4.3.5. Il giuramento. ............................................................................................................................. 89
1.4.3.6. La fiducia. .................................................................................................................................. 89
1.4.4. Crisi di Governo, sfiducia individuale, revoca e rimpasto. ................................................................ 91
1.4.4.1. Crisi di governo. ......................................................................................................................... 91
1.4.4.2. Le dimissioni del Governo. ........................................................................................................ 93
1.4.5. Gli atti aventi forza di legge. .............................................................................................................. 93
1.4.5.1. Introduzione. .............................................................................................................................. 93
1.4.5.2. I decreti legislativi o delegati. .................................................................................................... 94
1.4.5.3. I decreti legge. ............................................................................................................................ 95
1.4.6. La strttura del Governo Renzi. ........................................................................................................... 97
1.4.6.1. Ministri con portafoglio ............................................................................................................. 97
1.4.6.2. Ministri senza portafoglio .......................................................................................................... 97
1.5. La Corte Costituzionale ............................................................................................................................. 97
1.5.1. Nozione e attribuzioni. ....................................................................................................................... 97
1.5.2. Composizione. ................................................................................................................................... 98
1.5.2.1. Composizione ordinaria. ............................................................................................................ 98
1.5.2.2. Composizione per i giudizi daccusa. ......................................................................................... 99
1.5.2.3. Il presidente della Corte Costituzionale. .................................................................................... 99
1.6. La magistratura e la funzione giurisdizionale .......................................................................................... 100
1.6.1. Magistratura ..................................................................................................................................... 100
1.6.1.1. Nozione. ................................................................................................................................... 100
1.6.1.2. Lautonomia e lindipendenza della magistratura. ................................................................... 100
1.6.2. Funzione giurisdizionale. ................................................................................................................. 102
1.6.2.1. La giurisdizione ordinaria e speciale. ....................................................................................... 102
1.7. Gli organi di rilievo costituzionale .......................................................................................................... 103
1.7.1. Introduzione. .................................................................................................................................... 103
1.7.2. Il Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro (CNEL). ............................................................ 103
1.7.2.1. Natura giuridica ........................................................................................................................ 103
1.7.2.2. Composizione. .......................................................................................................................... 103
1.7.3. La Corte dei Conti. ........................................................................................................................... 104
1.7.3.1. Natura giuridica. ....................................................................................................................... 104
1.7.3.2. Struttura. ................................................................................................................................... 104
1.7.3.3. La attribuzioni .......................................................................................................................... 105
1.7.4. Il Consiglio di Stato. ........................................................................................................................ 106
1.8. I principi e le libert previste dalla Costituzione ..................................................................................... 106
1.8.1. Generalit. ........................................................................................................................................ 106
1.8.2. Principi fondamentali. ...................................................................................................................... 107
1.8.2.1. Art. 1. ....................................................................................................................................... 107
1.8.2.2. Art. 2. ....................................................................................................................................... 108
1.8.2.3. Art. 3. ....................................................................................................................................... 109
1.8.2.4. Art. 4: ....................................................................................................................................... 110
1.8.2.5. Art. 5. ....................................................................................................................................... 111
1.8.2.6. Art. 6 ........................................................................................................................................ 112
1.8.2.7. Art. 7. ....................................................................................................................................... 113
1.8.2.8. Art. 8. ....................................................................................................................................... 114
1.8.2.9. Art. 9 ........................................................................................................................................ 115
1.8.2.10. Art. 10. ................................................................................................................................... 115
1.8.2.11. Art. 11. ................................................................................................................................... 117
1.8.2.12. Art. 12. ................................................................................................................................... 118
1.8.3. Rapporti civili. ................................................................................................................................. 118
1.8.3.1. La libert personale. ................................................................................................................. 118
1.8.3.2. La libert di domicilio. ............................................................................................................. 120
1.8.3.3. La libert e la segretezza della corrispondenza. ....................................................................... 120
1.8.3.4. La libert di circolazione e soggiorno.. .................................................................................... 121
1.8.3.5. La libert di riunione. ............................................................................................................... 121
1.8.3.6. La libert di associazione. ........................................................................................................ 121
1.8.3.7. La libert di fede religiosa. ....................................................................................................... 121
1.8.3.8. La libert di pensiero e di comunicazione. ............................................................................... 122
1.8.3.9. La libert di stampa. ................................................................................................................. 122

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 5
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

1.8.3.10. Impossibilit di limitare la capacit giuridica e di imporre prestazioni se in forza di legge... 123
1.8.3.11. Principi in materia processuale e panale. ............................................................................... 124
1.8.3.12. La responsabilit degli impiegati pubblici. ............................................................................ 125
1.8.4. Rapporti etico sociali. ...................................................................................................................... 125
1.8.4.1. La famiglia. .............................................................................................................................. 125
1.8.4.2. Il diritto alla salute.................................................................................................................... 125
1.8.4.3. Listruzione scolastica. ............................................................................................................. 126
1.8.5. Rapporti economici. ......................................................................................................................... 128
1.8.5.1. La tutela costituzionale del lavoro. ........................................................................................... 128
1.8.5.2. La liberta sindacale e il diritto di sciopero. .............................................................................. 129
1.8.5.3. La libert di iniziativa economica e privata. ............................................................................ 129
1.8.5.4. La propriet. ............................................................................................................................. 130
1.8.5.5. La tutela dellartigianato. ......................................................................................................... 131
1.8.5.6. La tutela del risparmio.............................................................................................................. 131
1.8.6. Rapporti politici. .............................................................................................................................. 131
1.8.6.1. Il diritto al voto......................................................................................................................... 131
1.8.6.2. I partiti politici.......................................................................................................................... 131
1.8.6.3. La possibilit di accedere ai pubblici uffici. ............................................................................. 131
1.8.6.4. La difesa della patria ................................................................................................................ 131
1.8.6.5. La capacit contributiva. .......................................................................................................... 132
1.8.6.6. Il dovere di fedelt alla Repubblica. ......................................................................................... 132

CAPITOLO 2 ......................................................................................................... 134


Grammatica -Morfologia .................................................................................................................................. 134
2.1. Parti variabili del discorso. ...................................................................................................................... 134
2.1.1. Sostantivo......................................................................................................................................... 134
2.1.1.1. Che cos il nome e quali funzioni svolge. ............................................................................... 134
2.1.1.2. Analisi linguistica. .................................................................................................................... 134
2.1.1.3. Nomi difettivi ........................................................................................................................... 135
2.1.1.4. Nomi sovrabbondanti ............................................................................................................... 136
2.1.1.5. Nomi invariabili ....................................................................................................................... 136
2.1.1.6. Nome derivati. .......................................................................................................................... 137
2.1.1.7. Nome alterati. ........................................................................................................................... 137
2.1.1.8. Nomi composti. ........................................................................................................................ 140
2.1.2. Articoli. ............................................................................................................................................ 141
2.1.2.1. Articoli determinativi. .............................................................................................................. 141
2.1.2.2. Articoli indeterminativi ............................................................................................................ 142
2.1.2.3. Articoli partitivi ........................................................................................................................ 143
2.1.3. Laggettivo ....................................................................................................................................... 144
2.1.3.1. Classificazioni .......................................................................................................................... 144
2.1.3.2. Aggettivo qualificativi.............................................................................................................. 145
2.1.3.3. Aggettivi determinativi ............................................................................................................ 151
2.1.3.4. Genere e numero ...................................................................................................................... 154
2.1.3.5. Formazione del plurale ............................................................................................................. 155
2.1.3.6. La concordanza ........................................................................................................................ 156
2.1.3.7. Laggettivo sostantivato e con valore avverbiale ..................................................................... 157
2.1.4. Verbo ............................................................................................................................................... 157
2.1.4.1. Tempo dei verbi ....................................................................................................................... 158
2.1.4.2. Modo dei verbi ......................................................................................................................... 158
2.1.4.3. Diatesi ...................................................................................................................................... 159
2.1.4.4. Verbi ausiliari ........................................................................................................................... 160
2.1.4.5. Verbi servili .............................................................................................................................. 161
2.1.4.6. Verbi transitivi e intransitivi..................................................................................................... 162
2.1.4.7. Verbi impersonali ..................................................................................................................... 164
2.1.4.8. Verbi fraseologici ..................................................................................................................... 164
2.1.4.9. Coniugazione dei verbi............................................................................................................. 164
2.1.4.10. La prima coniugazione ........................................................................................................... 165
2.1.4.11. La seconda coniugazione........................................................................................................ 165
2.1.4.12. La terza coniugazione............................................................................................................. 166
2.1.5. Pronome ........................................................................................................................................... 166
2.1.5.1. Tipi di pronomi ........................................................................................................................ 166
2.1.5.2. Pronome personale ................................................................................................................... 167

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 6
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

2.1.5.3. Pronome possessivo ................................................................................................................. 171


2.1.5.4. Pronome dimostrativo .............................................................................................................. 172
2.1.5.5. Pronome indefinito. .................................................................................................................. 172
2.1.5.6. Pronome interrogativo ed esclamativo ..................................................................................... 173
2.1.5.7. Pronome relativo ...................................................................................................................... 174
2.2. Parti invariabili del discorso. ................................................................................................................... 176
2.2.1. Avverbio. ......................................................................................................................................... 176
2.2.1.1. Esempi ...................................................................................................................................... 176
2.2.1.2. Avverbi di modo ...................................................................................................................... 176
2.2.1.3. Altri tipi di avverbi ................................................................................................................... 176
2.2.1.4. Gradi e alterazioni degli avverbi .............................................................................................. 177
2.2.1.5. Distinguere gli avverbi dalle altre parti del discorso ................................................................ 177
2.2.2. Preposizione ..................................................................................................................................... 178
2.2.3. Congiunzione ................................................................................................................................... 179
2.2.3.1. Classificazione in base alla forma ............................................................................................ 179
2.2.3.2. Classificazione in base alla funzione ........................................................................................ 179

CAPITOLO 3 ......................................................................................................... 181


Grammatica - Sintassi ....................................................................................................................................... 181
3.1. Il soggetto. ............................................................................................................................................... 181
3.2. Proposizione. ........................................................................................................................................... 182
3.2.1. Frase semplice e frase complessa ..................................................................................................... 182
3.2.1.1. Periodo o frase complessa ........................................................................................................ 182
3.2.2. Proposizione principale .................................................................................................................... 184
3.2.2.1. Tempi ....................................................................................................................................... 184
3.2.3. Proposizione subordinata ................................................................................................................. 185
3.2.3.1. Proposizioni subordinate a seconda della funzione .................................................................. 185
3.2.3.2. Subordinazione esplicita .......................................................................................................... 185
3.2.3.3. Subordinazione implicita.......................................................................................................... 186
3.2.3.4. I gradi della subordinazione ..................................................................................................... 186
3.2.3.5. Proposizione dichiarativa ......................................................................................................... 186
3.2.3.6. Proposizione interrogativa indiretta ......................................................................................... 187
3.2.3.7. Proposizione concessiva ........................................................................................................... 188
3.2.3.8. Proposizione avversativa .......................................................................................................... 188
3.2.3.9. Proposizione relativa. ............................................................................................................... 188
3.2.3.10. Proposizione causale .............................................................................................................. 189
3.2.3.11. Proposizione temporale .......................................................................................................... 190
3.2.3.12. Proposizione finale ................................................................................................................. 191
3.2.3.13. Proposizione consecutiva ....................................................................................................... 191
3.2.3.14. Proposizione condizionale. ..................................................................................................... 192
3.2.3.15. Proposizione comparativa ...................................................................................................... 192
3.2.3.16. Proposizione modale. ............................................................................................................. 193
3.2.3.17. Proposizione oggettiva ........................................................................................................... 193
3.2.3.18. Proposizione soggettiva .......................................................................................................... 194
3.2.3.19. Proposizione limitativa ........................................................................................................... 194
3.2.3.20. Proposizione interrogativa indiretta. ...................................................................................... 195
3.2.4. Proposizione coordinata ................................................................................................................... 195
3.2.4.1. Tipologie .................................................................................................................................. 196
3.2.4.2. Coordinazione .......................................................................................................................... 197
3.2.5. Proposizione incidentale .................................................................................................................. 197
3.2.5.1. Sintassi ..................................................................................................................................... 197
3.3. Il complemento ........................................................................................................................................ 197
3.3.1. Caratteristiche dei complementi ....................................................................................................... 198
3.3.2. Complemento diretto e indiretto ...................................................................................................... 198
3.3.2.1. Complemento oggetto .............................................................................................................. 198
3.3.2.2. Complementi indiretti .............................................................................................................. 199
3.3.3. Complemento di tempo .................................................................................................................... 201
3.3.3.1. Tempo determinato .................................................................................................................. 201
3.3.3.2. Tempo continuato ..................................................................................................................... 201
3.3.4. Complementi di luogo ...................................................................................................................... 202
3.3.4.1. Complemento di stato in luogo ................................................................................................ 202
3.3.4.2. Complemento di moto a luogo ................................................................................................. 203

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 7
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

3.3.4.3. Complemento di moto da luogo ............................................................................................... 204


3.3.4.4. Complemento di moto per luogo .............................................................................................. 204
3.3.4.5. Complementi di luogo figurato ................................................................................................ 205
3.3.5. Complemento di specificazione ....................................................................................................... 205
3.3.5.1. Esempi ...................................................................................................................................... 205
3.3.5.2. Come si presenta il complemento ............................................................................................ 205
3.3.5.3. Particolarit del complemento .................................................................................................. 206
3.3.5.4. Complemento di specificazione attributiva .............................................................................. 206
3.3.6. Complemento di termine .................................................................................................................. 206
3.3.6.1. Esempi ...................................................................................................................................... 206
3.3.6.2. Come si presenta il complemento di termine ........................................................................... 207
3.3.7. Complemento di causa ..................................................................................................................... 207
3.3.7.1. Esempi ...................................................................................................................................... 207
3.3.7.2. Dalla frase semplice alla frase complessa ................................................................................ 207
3.3.8. Complemento dagente .................................................................................................................... 207
3.3.8.1. Come si presenta il complemento ............................................................................................ 208
3.3.8.2. Complemento di causa ............................................................................................................. 208
3.3.8.3. Esempi ...................................................................................................................................... 208
3.3.8.4. Dalla frase semplice alla frase complessa ................................................................................ 208
3.3.9. Complemento di modo o maniera .................................................................................................... 208
3.3.9.1. Esempi ...................................................................................................................................... 209
3.3.9.2. Come si presenta il complemento ............................................................................................ 209
3.3.9.3. Dalla frase semplice alla frase complessa ................................................................................ 209
3.3.9.4. Complemento avverbiale di modo ........................................................................................... 209
3.3.10. Complemento di mezzo o strumento.............................................................................................. 209
3.3.11. Complemento di compagnia o unione ............................................................................................ 210
3.3.11.1. Esempi .................................................................................................................................... 210
3.3.11.2. Preposizioni che introducono il complemento ....................................................................... 210
3.3.12. Complemento di causa efficiente ................................................................................................... 210
3.3.12.1. Come si presenta il complemento .......................................................................................... 211
3.3.12.2. Esempi .................................................................................................................................... 211
3.3.13. Complemento partitivo .................................................................................................................. 211
3.3.13.1. Esempi .................................................................................................................................... 211
3.3.13.2. Come si presenta il complemento .......................................................................................... 211
3.3.13.3. Partitivo e articolo indeterminativo ........................................................................................ 212
3.3.14. Complemento predicativo del soggetto .......................................................................................... 212
3.3.14.1. Esempi .................................................................................................................................... 212
3.3.14.2. Come si presenta il complemento .......................................................................................... 212
3.3.15. Complemento predicativo delloggetto .......................................................................................... 213
3.3.15.1. Esempi .................................................................................................................................... 213
3.4. Lapposizione. ......................................................................................................................................... 213
3.5. Predicato. ................................................................................................................................................. 214

CAPITOLO 4 ......................................................................................................... 215


Geografia italiana .............................................................................................................................................. 215
4.1. Introduzione ............................................................................................................................................. 215
4.1.1. Caratteri generali .............................................................................................................................. 215
4.1.1.1. Punti estremi............................................................................................................................. 216
4.1.2. Ripartizioni ...................................................................................................................................... 216
4.1.2.1. Italia continentale ..................................................................................................................... 217
4.1.2.2. Italia peninsulare ...................................................................................................................... 217
4.1.2.3. Italia insulare ............................................................................................................................ 217
4.1.3. Orografia .......................................................................................................................................... 218
4.1.3.1. Montagne ................................................................................................................................. 218
4.1.3.2. Colline ...................................................................................................................................... 218
4.1.3.3. Pianure ..................................................................................................................................... 219
4.1.4. Idrografia ......................................................................................................................................... 220
4.1.4.1. Fiumi ........................................................................................................................................ 220
4.1.4.2. Laghi ........................................................................................................................................ 220
4.1.4.3. Mari e coste .............................................................................................................................. 221
4.1.5. Geologia ........................................................................................................................................... 222
4.1.5.1. Terremoti .................................................................................................................................. 222

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 8
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

4.1.5.2. Vulcani ..................................................................................................................................... 222


4.1.5.3. Rischio idrogeologico .............................................................................................................. 222
4.2. Geografia dellAbruzzo ........................................................................................................................... 223
4.2.1. Monti................................................................................................................................................ 223
4.2.2. Colline .............................................................................................................................................. 223
4.2.3. Pianure ............................................................................................................................................. 224
4.2.4. Coste ................................................................................................................................................ 224
4.3. Geografia della Basilicata ........................................................................................................................ 224
4.4. Geografia della Calabria .......................................................................................................................... 225
4.4.1. Golfi ................................................................................................................................................. 225
4.4.2. Isole.................................................................................................................................................. 225
4.4.3. Montagne ......................................................................................................................................... 225
4.4.4. Pianure ............................................................................................................................................. 226
4.5. Geografia della Campania. ...................................................................................................................... 226
4.5.1. Subregioni ........................................................................................................................................ 227
4.5.1.1. Terra di Lavoro ........................................................................................................................ 227
4.5.1.2. Sannio....................................................................................................................................... 227
4.5.1.3. Irpinia ....................................................................................................................................... 227
4.5.1.4. Cilento ...................................................................................................................................... 227
4.5.2. Pianure ............................................................................................................................................. 228
4.5.3. Rilievi e colline ................................................................................................................................ 228
4.5.4. Coste ................................................................................................................................................ 228
4.5.5. Idrografia ......................................................................................................................................... 229
4.5.5.1. Laghi ........................................................................................................................................ 229
4.5.5.2. Fiumi ........................................................................................................................................ 229
4.6. Geografia dellEmilia Romagna .............................................................................................................. 229
4.6.1. Orografia .......................................................................................................................................... 230
4.6.2. Idrografia ......................................................................................................................................... 230
4.6.2.1. Laghi ........................................................................................................................................ 230
4.6.2.2. Coste......................................................................................................................................... 230
4.7. Geografia del Friuli Venezia Giulia ......................................................................................................... 231
4.7.1. Geomorfologia ................................................................................................................................. 231
4.7.1.1. Montagne ................................................................................................................................. 231
4.7.1.2. Colline ...................................................................................................................................... 231
4.7.1.3. Pianure centrali ......................................................................................................................... 231
4.7.1.4. Coste......................................................................................................................................... 232
4.8. Geografia del Lazio ................................................................................................................................. 232
4.8.1. Dati generali ..................................................................................................................................... 232
4.8.2. Orografia .......................................................................................................................................... 233
4.8.2.1. Rilievi montuosi ....................................................................................................................... 233
4.8.2.2. Gruppi collinari ........................................................................................................................ 235
4.8.2.3. Pianure del Lazio ...................................................................................................................... 235
4.8.2.4. Coste......................................................................................................................................... 236
4.8.2.5. Isole .......................................................................................................................................... 236
4.8.3. Idrografia ......................................................................................................................................... 237
4.8.3.1. Fiumi ........................................................................................................................................ 237
4.8.3.2. Laghi ........................................................................................................................................ 238
4.9. Geografia della Liguria ............................................................................................................................ 239
4.9.1. Dati generali ..................................................................................................................................... 239
4.9.2. Orografia .......................................................................................................................................... 239
4.9.2.1. Monti ........................................................................................................................................ 239
4.9.2.2. Passi e valichi ........................................................................................................................... 241
4.9.3. Idrografia ......................................................................................................................................... 242
4.9.3.1. Mare ......................................................................................................................................... 242
4.9.3.2. Isole .......................................................................................................................................... 243
4.9.3.3. Fiumi ........................................................................................................................................ 243
4.9.3.4. Laghi ........................................................................................................................................ 243
4.10. Geografia della Lombardia .................................................................................................................... 243
4.10.1. Dati generali ................................................................................................................................... 243
4.10.2. Orografia ........................................................................................................................................ 244
4.10.2.1. Sezioni alpine ......................................................................................................................... 245
4.10.2.2. Tratti appenninici ................................................................................................................... 246

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 9
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

4.10.3. Idrografia ....................................................................................................................................... 246


4.10.3.1. I laghi ..................................................................................................................................... 246
4.10.3.2. I fiumi ..................................................................................................................................... 247
4.11. Geografia delle Marche ......................................................................................................................... 248
4.12. Geografia del Molise ............................................................................................................................. 249
4.12.1. Orografia ........................................................................................................................................ 249
4.12.2. Fiumi .............................................................................................................................................. 250
4.12.3. Laghi .............................................................................................................................................. 250
4.12.4. Coste .............................................................................................................................................. 250
4.13. Geografia del Piemonte ......................................................................................................................... 250
4.13.1. Dati generali ................................................................................................................................... 250
4.13.2. Orografia ........................................................................................................................................ 251
4.13.2.1. Valli........................................................................................................................................ 252
4.13.3. Idrografia ....................................................................................................................................... 253
4.13.3.1. Fiumi ...................................................................................................................................... 253
4.13.3.2. Laghi ...................................................................................................................................... 254
4.14. Geografia della Puglia ........................................................................................................................... 254
4.14.1. Aspetto fisico ................................................................................................................................. 255
4.14.1.1. Pianure ................................................................................................................................... 255
4.14.1.2. Colline della Puglia ................................................................................................................ 256
4.14.1.3. Montagne................................................................................................................................ 256
4.14.2. Territori naturali ............................................................................................................................. 257
4.14.2.1. Fiumi, laghi e isole ................................................................................................................. 258
4.14.2.2. Le coste .................................................................................................................................. 259
4.15. Geografia della Sicilia ........................................................................................................................... 260
4.15.1. Vulcani ........................................................................................................................................... 261
4.15.2. Isole minori .................................................................................................................................... 261
4.15.3. Rilievi montuosi ............................................................................................................................. 262
4.15.4. Coste .............................................................................................................................................. 262
4.15.5. Fiumi e laghi .................................................................................................................................. 263
4.16. Geografia della Sardegna ....................................................................................................................... 263
4.16.1. Montagne, colline e pianure ........................................................................................................... 263
4.16.2. Fiumi e laghi .................................................................................................................................. 264
4.17. Geografia della Toscana ........................................................................................................................ 265
4.17.1. Dati generali ................................................................................................................................... 265
4.17.2. Morfologia ..................................................................................................................................... 266
4.17.3. Rilievi montuosi ............................................................................................................................. 266
4.17.4. Gruppi collinari .............................................................................................................................. 266
4.17.5. Pianure ........................................................................................................................................... 267
4.17.6. Coste .............................................................................................................................................. 268
4.17.7. Isole................................................................................................................................................ 268
4.18. Geografia del Trentino Alto Adige ........................................................................................................ 269
4.18.1. Confini ........................................................................................................................................... 270
4.18.2. Montagne ....................................................................................................................................... 270
4.18.3. Geologia ......................................................................................................................................... 270
4.18.4. Passi ............................................................................................................................................... 270
4.18.5. Valli ............................................................................................................................................... 271
4.18.6. Fiumi .............................................................................................................................................. 271
4.18.7. Laghi .............................................................................................................................................. 271
4.19. Geografia dellUmbria ........................................................................................................................... 271
4.19.1. Dati generali ................................................................................................................................... 271
4.19.2. Le dorsali montuose ....................................................................................................................... 272
4.19.3. I laghi ............................................................................................................................................. 272
4.19.4. I fiumi ............................................................................................................................................ 272
4.20. Geografia del Veneto ............................................................................................................................. 273
4.20.1. La fascia costiera: il delta del Po e le lagune ................................................................................. 273
4.20.2. La pianura veneta ........................................................................................................................... 273
4.20.3. La collina ....................................................................................................................................... 274
4.20.4. La montagna................................................................................................................................... 274
4.20.4.1. Le prealpi ............................................................................................................................... 274
4.20.4.2. Le Dolomiti dette anche belle ................................................................................................ 274
4.21. Geografia della Valle dAosta ............................................................................................................... 275

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 10
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

CAPITOLO 5 ......................................................................................................... 276


Geografia mondiale ........................................................................................................................................... 276
5.1. Elenco delle Capitali di tutti gli Stati del mondo ..................................................................................... 276
5.2. Geografia dellEuropa ............................................................................................................................. 281
5.2.1. Geomorfologia ................................................................................................................................. 281
5.2.2. Orografia .......................................................................................................................................... 281
5.2.3. Principali isole ................................................................................................................................. 282
5.2.4. Idrografia ......................................................................................................................................... 282
5.2.4.1. Laghi ........................................................................................................................................ 282
5.2.4.2. Fiumi ........................................................................................................................................ 283
5.3. Geografia dellAsia .................................................................................................................................. 285
5.3.1. Principali caratteristiche geografiche ............................................................................................... 286
5.3.2. Regioni geografiche ......................................................................................................................... 286
5.3.2.1. Asia centrale ............................................................................................................................. 287
5.3.2.2. Asia orientale ........................................................................................................................... 287
5.3.2.3. Asia settentrionale .................................................................................................................... 287
5.3.2.4. Asia meridionale ...................................................................................................................... 287
5.3.2.5. Sud-Est asiatico ........................................................................................................................ 287
5.3.2.6. Medio Oriente (Asia occidentale) ............................................................................................ 288
5.4. Geografia dellAfrica ............................................................................................................................... 288
5.4.1. Morfologia ....................................................................................................................................... 289
5.4.2. Il settentrione ................................................................................................................................... 289
5.4.2.1. Coste e isole ............................................................................................................................. 289
5.4.3. Idrografia ......................................................................................................................................... 290
5.4.4. Clima ................................................................................................................................................ 290
5.4.5. Ambienti naturali ............................................................................................................................. 291
5.4.5.1. Fauna ........................................................................................................................................ 291
5.5. Geografia dellAmerica ........................................................................................................................... 292
5.5.1. America settentrionale ..................................................................................................................... 292
5.5.1.1. Orografia .................................................................................................................................. 292
5.5.1.2. Idrografia .................................................................................................................................. 292
5.5.2. America centrale .............................................................................................................................. 293
5.5.2.1. Geomorfologia ......................................................................................................................... 293
5.5.3. America del sud ............................................................................................................................... 294

CAPITOLO 6 ......................................................................................................... 295


Letteratura italiana ........................................................................................................................................... 295
6.1. Introduzione ............................................................................................................................................. 295
6.2. Tra Duecento e Trecento.......................................................................................................................... 295
6.2.1. Dante Alighieri................................................................................................................................. 296
6.2.1.1. La Vita Nuova ...................................................................................................................... 296
6.2.1.2. Le Rime ................................................................................................................................ 296
6.2.1.3. Il Convivio ............................................................................................................................ 296
6.2.1.4. Il De vulgari eloquentia ........................................................................................................ 297
6.2.1.5. Il De Monarchia .................................................................................................................... 297
6.2.1.6. Le Epistole ............................................................................................................................ 297
6.2.1.7. Le Egloghe ............................................................................................................................ 297
6.2.1.8. La Quaestio de aqua et terra ................................................................................................ 297
6.2.1.9. La Divina Commedia ............................................................................................................ 297
6.2.2. Francesco Petrarca ........................................................................................................................... 298
6.2.2.1. La vita e le opere ...................................................................................................................... 298
6.2.3. Giovanni Boccaccio ......................................................................................................................... 300
6.2.3.1. La vita e le opere ...................................................................................................................... 301
6.3. Il Quattrocento ......................................................................................................................................... 303
6.3.1. LUmanesimo .................................................................................................................................. 304
6.3.1.1. Il ritorno al latino ..................................................................................................................... 304
6.3.1.2. La storiografia .......................................................................................................................... 304
6.3.1.3. Lepistolografia ........................................................................................................................ 305
6.3.1.4. Il pensiero filosofico................................................................................................................. 305
6.3.2. Leonardo da Vinci............................................................................................................................ 305
6.3.3. Lorenzo dei Medici il Magnifico ..................................................................................................... 305

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 11
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

6.4. Il Cinquecento .......................................................................................................................................... 305


6.4.1. La seconda met del Cinquecento .................................................................................................... 307
6.4.2. Niccol Machiavelli ......................................................................................................................... 307
6.4.2.1. Il Principe e il machiavellismo ................................................................................................ 307
6.4.3. Ludovico Ariosto ............................................................................................................................. 308
6.4.3.1. LOrlando furioso ..................................................................................................................... 308
6.5. Il Seicento ................................................................................................................................................ 309
6.5.1. Torquato Tasso................................................................................................................................. 309
6.5.1.1. Aminta ...................................................................................................................................... 309
6.5.1.2. La Gerusalemme liberata ......................................................................................................... 309
6.6. Il Settecento ............................................................................................................................................. 310
6.6.1. Let dellIlluminismo ..................................................................................................................... 310
6.6.2. Carlo Goldoni .................................................................................................................................. 311
6.6.2.1. La locandiera ........................................................................................................................... 312
6.7. LOttocento .............................................................................................................................................. 312
6.7.1. Il Romanticismo ............................................................................................................................... 312
6.7.2. Alessandro Manzoni ........................................................................................................................ 312
6.7.2.1. La questione della lingua e del romanzo storico ...................................................................... 313
6.7.2.2. La questione della tragedia italiana .......................................................................................... 313
6.7.2.3. Adelchi ..................................................................................................................................... 313
6.7.2.4. I promessi sposi ........................................................................................................................ 314
6.7.3. Ippolito Nievo .................................................................................................................................. 316
6.7.4. Giacomo Leopardi ........................................................................................................................... 316
6.7.4.1. Materialismo e pessimismo leopardiano .................................................................................. 316
6.7.4.2. Canti pisano-recanatesi ........................................................................................................... 317
6.7.4.3. Operette morali ........................................................................................................................ 317
6.7.4.4. Lo Zibaldone ......................................................................................................................... 318
6.7.4.5. Movimento degli scapigliati ..................................................................................................... 318
6.8. Tra Ottocento e Novecento ...................................................................................................................... 319
6.8.1. Il verismo ......................................................................................................................................... 319
6.8.2. Giovanni Verga ................................................................................................................................ 320
6.8.2.1. I Malavoglia ............................................................................................................................. 320
6.8.2.2. Mastro-don Gesualdo............................................................................................................... 321
6.8.3. Giosu Carducci e il neoclassicismo ................................................................................................ 321
6.8.3.1. Le Odi barbare e il pensiero carducciano ................................................................................ 321
6.8.4. Il Decadentismo ............................................................................................................................... 322
6.8.5. Giovanni Pascoli .............................................................................................................................. 322
6.8.5.1. Myricae e limpressionismo pascoliano ................................................................................... 323
6.8.6. Gabriele DAnnunzio ....................................................................................................................... 324
6.8.6.1. Il piacere e lestetismo dannunziano ........................................................................................ 324
6.8.6.2. Il trionfo della morte e il superomismo dannunziano ............................................................... 325
6.8.6.3. La poesia delle Laudi del cielo, della terra, del mare e degli eroi ........................................... 326
6.8.6.4. La figlia di Jorio: la tragedia dannunziana ............................................................................... 327
6.9. Il Novecento ............................................................................................................................................ 328
6.9.1. Il Primo Novecento .......................................................................................................................... 328
6.9.2. Luigi Pirandello ............................................................................................................................... 329
6.9.2.1. Il fu Mattia Pascal e lo sviluppo dellumorismo ...................................................................... 329
6.9.2.2. Sei personaggi in cerca dautore e Uno, nessuno e centomila: la caratterizzazione delle
maschere e dei personaggi .................................................................................................................... 330
6.9.3. Italo Svevo ....................................................................................................................................... 330
6.9.4. Il Crepuscolarismo ........................................................................................................................... 331
6.9.5. Il Futurismo ...................................................................................................................................... 332
6.9.6. Durante il Regime ............................................................................................................................ 332
6.9.7. Umberto Saba................................................................................................................................... 333
6.9.7.1. Il Canzoniere ............................................................................................................................ 333
6.9.8. Eugenio Montale .............................................................................................................................. 333
6.9.9. I Narratori ........................................................................................................................................ 334
6.9.9.1. Il Neorealismo .......................................................................................................................... 334
6.9.10. Lermetismo ................................................................................................................................... 335
6.9.11. Giuseppe Ungaretti ........................................................................................................................ 335
6.9.11.1. Lallegria ............................................................................................................................... 336
6.9.11.2. Altre poetiche ......................................................................................................................... 336

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 12
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

6.9.12. La letteratura sociale................................................................................................................... 337


6.9.12.1. La letteratura meridionalista ................................................................................................... 337
6.9.12.2. I Quaderni dal carcere ........................................................................................................... 337
6.9.13. Dopoguerra e secondo Novecento ................................................................................................. 337
6.9.14. La Poesia ........................................................................................................................................ 337
6.9.15. La letteratura: da Pavese a Fenoglio .............................................................................................. 338
6.9.16. Ignazio Silone e Fontamara ........................................................................................................... 338
6.9.17. Alberto Moravia e Gli indifferenti ................................................................................................. 339
6.9.18. Elsa Morante .................................................................................................................................. 340
6.9.18.1. Lisola di Arturo ..................................................................................................................... 340
6.9.18.2. La Storia ................................................................................................................................. 340
6.9.19. Pier Paolo Pasolini ......................................................................................................................... 340
6.9.19.1. Ragazzi di vita e i borgatari pasoliniani ................................................................................. 340
6.9.20. Italo Calvino................................................................................................................................... 341
6.9.20.1. La Trilogia dei nostri antenati ............................................................................................... 341
6.9.21. Le nuove correnti e la neo-avanguardia ......................................................................................... 342
6.10. LItalia letteraria odierna ....................................................................................................................... 343
6.11. Italiani premiati con il Premio Nobel per la letteratura.......................................................................... 343

CAPITOLO 7 ......................................................................................................... 345


Storia dItalia ..................................................................................................................................................... 345
7.1. Risorgimento ........................................................................................................................................... 345
7.1.1. I moti carbonari ................................................................................................................................ 345
7.1.2. Prima guerra dindipendenza ........................................................................................................... 345
7.1.3. Seconda guerra dindipendenza ....................................................................................................... 346
7.1.4. Spedizione dei Mille e nascita del regno dItalia ............................................................................. 346
7.1.5. Terza guerra di indipendenza ........................................................................................................... 347
7.2. Storia del Regno dItalia .......................................................................................................................... 347
7.2.1. Contesto ........................................................................................................................................... 348
7.2.2. La destra storica ............................................................................................................................... 348
7.2.3. La sinistra storica ............................................................................................................................. 349
7.2.4. Lepoca giolittiana ........................................................................................................................... 349
7.2.5. Il Fascismo ....................................................................................................................................... 350
7.2.5.1. Le origini .................................................................................................................................. 350
7.2.5.2. Nascita del fascismo ................................................................................................................. 350
7.2.5.3. Gli anni dello squadrismo ........................................................................................................ 351
7.2.5.4. Marcia su Roma e primi anni di governo ................................................................................. 351
7.2.5.5. Il fascismo diventa dittatura ..................................................................................................... 352
7.2.5.6. La crisi economica ................................................................................................................... 353
7.2.5.7. La conciliazione con la Chiesa ................................................................................................. 353
7.2.5.8. Lo sviluppo dellaeronautica .................................................................................................... 354
7.2.5.9. Gli anni del consenso ............................................................................................................... 354
7.2.5.10. La guerra civile in Spagna ...................................................................................................... 355
7.2.5.11. Lalleanza con la Germania nazista ........................................................................................ 355
7.2.5.12. Le leggi razziali ...................................................................................................................... 356
7.3. LItalia repubblicana ................................................................................................................................ 356
7.3.1. Gli anni costituenti ........................................................................................................................... 356
7.3.2. Prima repubblica .............................................................................................................................. 357
7.3.2.1. Gli anni del centrismo e della ricostruzione ............................................................................. 357
7.3.2.2. Il miracolo economico .............................................................................................................. 359
7.3.2.3. Verso la fine del centrismo ....................................................................................................... 360
7.3.3. Il varo del centro-sinistra ................................................................................................................. 360
7.3.3.1. Il sessantotto e la contestazione ................................................................................................ 362
7.3.3.2. Gli anni settanta........................................................................................................................ 364
7.3.3.3. Gli anni Ottanta ........................................................................................................................ 367
7.3.3.4. Il passaggio agli anni 90 ......................................................................................................... 370
7.3.4. Mani pulite e la stagione delle stragi mafiose .................................................................................. 371
7.3.5. La Seconda Repubblica .................................................................................................................... 372

CAPITOLO 8 ......................................................................................................... 375


Storia mondiale .................................................................................................................................................. 375

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 13
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

8.1. Prima guerra mondiale ............................................................................................................................. 375


8.1.1. Origini della guerra .......................................................................................................................... 376
8.1.1.1. La crisi di luglio ....................................................................................................................... 378
8.1.2. Cronologia del conflitto ................................................................................................................... 378
8.1.2.1. 1914.......................................................................................................................................... 378
8.1.2.2. 1915.......................................................................................................................................... 385
8.1.2.3. 1916.......................................................................................................................................... 390
8.1.2.4. 1917.......................................................................................................................................... 395
8.1.2.5. 1918.......................................................................................................................................... 401
8.1.2.6. 1919.......................................................................................................................................... 407
8.1.2.7. 1920.......................................................................................................................................... 408
8.1.3. Conseguenze .................................................................................................................................... 409
8.1.3.1. Perdite umane ........................................................................................................................... 410
8.1.3.2. Cambiamenti politici ................................................................................................................ 412
8.2. Seconda guerra mondiale ......................................................................................................................... 414
8.2.1. Il contesto storico ............................................................................................................................. 414
8.2.1.1. Germania .................................................................................................................................. 414
8.2.1.2. Italia ......................................................................................................................................... 415
8.2.1.3. Giappone .................................................................................................................................. 415
8.2.1.4. Spagna ...................................................................................................................................... 415
8.2.2. Le cause ........................................................................................................................................... 415
8.2.3. Cronologia del conflitto ................................................................................................................... 417
8.2.3.1. 1939.......................................................................................................................................... 417
8.2.3.2. 1940.......................................................................................................................................... 425
8.2.3.3. 1941.......................................................................................................................................... 441
8.2.3.4. 1942.......................................................................................................................................... 448
8.2.3.5. 1943.......................................................................................................................................... 454
8.2.3.6. 1944.......................................................................................................................................... 460
8.2.3.7. 1945.......................................................................................................................................... 467
8.3. Anni 1950 ................................................................................................................................................ 474
8.3.1. 1950 ................................................................................................................................................. 474
8.3.2. 1951 ................................................................................................................................................. 474
8.3.3. 1952 ................................................................................................................................................. 474
8.3.4. 1953 ................................................................................................................................................. 474
8.3.5. 1954 ................................................................................................................................................. 475
8.3.6. 1955 ................................................................................................................................................. 475
8.3.7. 1956 ................................................................................................................................................. 475
8.3.8. 1957 ................................................................................................................................................. 475
8.3.9. 1959 ................................................................................................................................................. 475
8.3.10. Scienza ........................................................................................................................................... 475
8.4. Anni 1960 ................................................................................................................................................ 475
8.4.1. 1960 ................................................................................................................................................. 475
8.4.2. 1961 ................................................................................................................................................. 476
8.4.3. 1962 ................................................................................................................................................. 476
8.4.4. 1963 ................................................................................................................................................. 476
8.4.5. 1964 ................................................................................................................................................. 477
8.4.6. 1965 ................................................................................................................................................. 477
8.4.7. 1966 ................................................................................................................................................. 477
8.4.8. 1967 ................................................................................................................................................. 477
8.4.9. 1968 ................................................................................................................................................. 478
8.4.10. 1969 ............................................................................................................................................... 478
8.4.11. Scienza ........................................................................................................................................... 479
8.5. Anni 1970 ................................................................................................................................................ 479
8.5.1. 1970 ................................................................................................................................................. 479
8.5.2. 1971 ................................................................................................................................................. 479
8.5.3. 1972 ................................................................................................................................................. 480
8.5.4. 1973 ................................................................................................................................................. 480
8.5.5. 1974 ................................................................................................................................................. 481
8.5.6. 1975 ................................................................................................................................................. 481
8.5.7. 1976 ................................................................................................................................................. 481
8.5.8. 1977 ................................................................................................................................................. 481
8.5.9. 1978 ................................................................................................................................................. 482

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 14
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Indice sommario

8.5.10. 1979 ............................................................................................................................................... 482


8.6. Anni 1980 ................................................................................................................................................ 482
8.6.1. 1980 ................................................................................................................................................. 482
8.6.2. 1981 ................................................................................................................................................. 483
8.6.3. 1982 ................................................................................................................................................. 483
8.6.4. 1983 ................................................................................................................................................. 484
8.6.5. 1984 ................................................................................................................................................. 484
8.6.6. 1985 ................................................................................................................................................. 484
8.6.7. 1986 ................................................................................................................................................. 485
8.6.8. 1987 ................................................................................................................................................. 485
8.6.9. 1988 ................................................................................................................................................. 485
8.6.10. 1989 ............................................................................................................................................... 486
8.7. Anni 1990 ................................................................................................................................................ 487
8.7.1. 1990 ................................................................................................................................................. 487
8.7.2. 1991 ................................................................................................................................................. 487
8.7.3. 1992 ................................................................................................................................................. 487
8.7.4. 1993 ................................................................................................................................................. 488
8.7.5. 1994 ................................................................................................................................................. 488
8.7.6. 1995 ................................................................................................................................................. 488
8.7.7. 1996 ................................................................................................................................................. 489
8.7.8. 1997 ................................................................................................................................................. 489
8.7.9. 1998 ................................................................................................................................................. 490
8.7.10. 1999 ............................................................................................................................................... 491
8.8. Anni 2000 ................................................................................................................................................ 491
8.8.1. 2000 ................................................................................................................................................. 491
8.8.2. 2001 ................................................................................................................................................. 491
8.8.3. 2002 ................................................................................................................................................. 492
8.8.4. 2003 ................................................................................................................................................. 492
8.8.5. 2004 ................................................................................................................................................. 493
8.8.6. 2005 ................................................................................................................................................. 493
8.8.7. 2006 ................................................................................................................................................. 494
8.8.8. 2007 ................................................................................................................................................. 494
8.8.9. 2008 ................................................................................................................................................. 495
8.8.10. 2009 ............................................................................................................................................... 495
8.9. Anni 2010 ................................................................................................................................................ 496
8.9.1. 2010 ................................................................................................................................................. 496
8.9.2. 2011 ................................................................................................................................................. 497
8.9.3. 2012 ................................................................................................................................................. 497
8.9.4. 2013 ................................................................................................................................................. 498
8.9.5. 2014 ................................................................................................................................................. 498
8.9.6. 2015 ................................................................................................................................................. 498
8.9.7. 2016 ................................................................................................................................................. 499

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 15
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Capitolo 1
Educazione civica

1.1. Lo Stato
1.1.1. La nozione.
Lo S t a t o pu essere definito come una comunit di individui, stabilmente insediata su un
territorio e retta da autonome regole costituenti un ordinamento giuridico1 indipendente ed
originario.
Al riguardo va operata una distinzione tra Stato - istituzione e Stato Apparato. Per
S t a t o i s t i t u z i o n e si intende il complesso dei gruppi sociali presenti nel territorio.
Per S t a t o a p p a r a t o o S t a t o o r g a n i z z a z i o n e o S t a t o g o v e r n o
(governanti) quella parte della struttura statale che esercita concretamente la sovranit per
raggiungere i fini dello Stato.
1.1.2. Elementi costitutivi.
Dalla prima definizione data di Stato ne discende che i suoi e l e m e n t i c o s t i t u t i v i
sono: il territorio, il popolo e la sovranit.
Tali elementi devono necessariamente coesistere affinch si possa parlare di Stato
nellaccezione propria del termine. Infatti non possibile considerare come Stato:
un popolo privo di territorio (si pensi alle popolazioni nomadi);
un popolo stanziato su un territorio, ma privo di autorit di governo (si pensi ai
Curdi);
un popolo stanziato su un territorio la cui sovranit rivendicata da pi soggetti
(lesempio pi recente quello della Bosnia-Erzegovina);
un popolo stanziato su un territorio e con unautorit di governo che per non
esercita concretamente alcuna sovranit in quanto essa attribuita ad uno Stato
terzo (colonie).
1.1.2.1. Sovranit.
Il termine s o v r a n i t , indica la potest di governo assoluto, esclusiva e originaria che fa
capo allo Stato e che viene esercitata sul suo territorio.
Il nostro Stato accoglie la teoria della s o v r a n i t p o p o l a r e , secondo la quale
deve essere il popolo ad operare (direttamente o indirettamente) le scelte determinanti per
lazione statale (art. 1 Cost. La sovranit appartiene al popolo).
1.1.2.1.1. Caratteri.
La sovranit dunque presenta i seguenti caratteri:

1
O r d i n a m e n t o g i u r i d i c o : complesso di norme dirette a disciplinare una collettivit organizzata di
persone sia sotto il profilo dei rapporti che a esse fanno capo, sia sotto quello attinente alla struttura
organizzativa dalle stesse adottata. Lordinamento qualificabile come giuridico quando costituito da norme
con tale carattere, cio norme vincolanti per i soggetti facenti parte della collettivit cui la norma stessa si
riferisce; lordinamento giuridico, quindi, di regola prevede anche un complesso di sanzioni destinate ad essere
applicate nei confronti dei componenti della comunit organizzata che non rispettino i principi propri
dellordinamento stesso.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 16
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

o r i g i n a r i a : nasce con lordinamento e solo con esso viene meno;


e s c l u s i v a : cio spetta solo allo Stato;
i n c o n d i z i o n a t a ; non pu cio essere limitata da enti esterni allo Stato
senza il consenso di questultimo.
1.1.2.1.2. Esterna
e interna.
Cos inteso il concetto di sovranit presenti due aspetti fondamentali:
s o v r a n i t e s t e r n a (cd. internazionale): in forza della quale lo Stato
indipendente da qualsiasi Stato esterno o organizzazione internazionale, almeno ch
tale limitazione non sia stata autorizzato da esso stesso2;
s o v r a n i t i n t e r n a : in forza della quale lo Stato esercita un potere di imperio
sui propri cittadini ed organizzazione sociali, al fine di fare rispettare le sue leggi e
di far prevalere i suoi interessi.
1.1.2.2. Il popolo.
Il p o p o l o costituito dalla pluralit degli individui che sono legati allo Stato, e quindi
fra loro, dal vincolo della cittadinanza.
Dal popolo vanno distinte la p o p o l a z i o n e , cio il complesso di tutti coloro che si
trovano in un certo momento nel territorio dello Stato, e la n a z i o n e , considerata unentit
etnico sociale caratterizzata dalla comunanza di lingua, razza, costumi e religione.
1.1.2.2.1. Lacittadinanza.
La c i t t a d i n a n z a la condizione giuridica di chi appartiene ad un determinato Stato;
pi propriamente linsieme dei diritti e dei doveri che lordinamento riconosce al cittadino.
1.1.2.2.1.1. Modi di acquisto della cittadinanza italiana.
In Italia la cittadinanza si acquista in quattro modi:
p e r n a s c i t a (il figlio di padre o madre cittadini)3;
p e r b e n e f i c i o d i l e g g e (ad esempio lo straniero nato e residente in Italia
che al compimento della maggiore et scelga la cittadinanza italiana)4;

2
Al riguardo si ricordi lart. 11 Cost. il quale afferma che: LItalia consente, in condizioni di parit con gli
altri Stati, alle limitazioni di sovranit necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le
Nazioni.
3
In particolare cittadino per nascita il figlio di padre o di madre cittadini (ius sanguinis), chi nato nel
territorio della Repubblica, se entrambi i genitori sono apolidi o ignoti, o se il figlio non segue la cittadinanza dei
genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono (ius soli); il figlio di ignoti trovato nel
territorio della Repubblica, se non venga provato il possesso di altra cittadinanza. Secondo quanto stabilito
dallart. 2 D.P.R. 572/93, il figlio, nato in Italia da genitori stranieri, non acquista la cittadinanza italiana per
nascita, qualora lordinamento del Paese di origine dei genitori preveda la trasmissione della cittadinanza al
figlio nato allestero.
4
In particolare lo straniero, del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado
sono stati cittadini italiani, pu acquistare la cittadinanza, per beneficio di legge se:
presta servizio militare o assume un pubblico impiego e dichiara preventivamente di voler acquistare
la cittadinanza stessa;
al raggiungimento della maggiore et risiede da almeno due anni in Italia e dichiara, entro un anno, di
voler acquistare la cittadinanza italiana.
Anche lo straniero, nato in Italia e che vi ha risieduto ininterrottamente, diviene cittadino se ne fa richiesta entro
un anno dal raggiungimento della maggiore et

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 17
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

p e r e s t e n s i o n e : il m a t r i m o n i o fa acquistare al coniuge, straniero o


apolide5 la cittadinanza italiana, quando questi risieda da almeno sei mesi nel
territorio dello Stato6;
p e r n a t u r a l i z z a z i o n e : la quale quando decorrono determinati presupposti
pu essere concessa con decreto p r e s i d e n z i a l e , sentito il Consiglio di Stato7
Oggi poi possibile avere la d o p p i a c i t t a d i n a n z a 8: la donna straniera che ha
sposato un cittadino italiano acquista infatti, se lo richiede, la cittadinanza del coniuge, senza
rinunciare alla propria cittadinanza di origine.
1.1.2.2.2. Cittadinanza
europea.
Con lentrata in vigore del Trattato sullunione europea del 1992, accanto alla cittadinanza
dello Stato di residenza si aggiunge anche c i t t a d i n a n z a e u r o p e a , attribuita a colore
che sono cittadini di uno Stato dellUnione europea9.
1.1.2.3. Territorio.
Il t e r r i t o r i o quella parte dello spazio terrestre entro la quale lo Stato esercita la sua
sovranit.
Il territorio i n s e n s o s t r e t t o comprende:
la t e r r a f e r m a , delimitata dai confini naturali (fiumi, montagne) o artificiali
(stabiliti da trattati o da consuetudini internazionali);
il m a r e t e r r i t o r i a l e , che comprende la fascia di mare costiero10 entro cui lo
Stato esercita la sua sovranit11;

5
A p o l i d e : persona priva di cittadinanza, che, di conseguenza, non pu rivendicare la tutela da parte di alcuno
Stato. Si apolidi per nascita, se apolidi sono i genitori; oppure lo si diventa quando si perde la propria
cittadinanza originaria senza acquisirne una nuova: quanto accade, ad esempio, ai rifugiati (vedi Rifugiato
politico; Diritto dasilo; Asilo politico). Sul piano internazionale la Convenzione di New York, stipulata nel
1954, disciplina il diritto di ogni individuo ad avere una cittadinanza. In Italia la condizione dellapolide
equiparata a quella dei cittadini in tema di diritti civili, ma a quella degli stranieri per quanto riguarda i diritti
politici. Non ammessa lestradizione dellapolide per reati politici.
6
Acquistano la cittadinanza anche il figlio riconosciuto o dichiarato che sia minore det.
7
Ad esempio il cittadino di uno stato membro dellUnione Europea che risieda da quattro anni in Italia, pu
richiede la naturalizzazione della sua cittadinanza italiana.
8
Colui che ha una doppia cittadinanza b i p o l i d e
9
I principiali diritti riconosciuti ai cittadini europei sono:
libert di circolazione e soggiorno nel territorio di ciascuno degli Stati membri dellUnione Europea
diritto di elettorato attivo e passivo alle elezioni comunali nello Stato di residenza;
diritto di elettorato attivo e passivo alle elezioni europee nello Stato di residenza;
facolt di rivolgere una petizione al Parlamento Europeo;
facolt di rivolgersi al mediatore, il quale abilitato a ricevere le denunce, di qualsiasi persona fisica o
giuridica che rispettivamente risieda o abbia sede in uno Stato membro e di qualsiasi cittadino
dellUnione, riguardanti i casi di cattiva amministrazione da parte degli organi comunitari.
la facolt di godere della tutela delle autorit diplomatiche e consolari di un altro Stato membro
dellUnione, qualora si trovi in uno Stato in cui non esiste una rappresentanza del proprio paese.
10
Ogni Stato prevede une s t e n s i o n e diversa per il proprio mare territoriale, negli ultimi anni per si
affermata una consuetudine internazionale che fissa il limite esterno del mare territoriale ad u n a m a s s i m a
d i s t a n z a d i 1 2 m i g l i a ( 1 miglia = 1, 6 Km).
11
Nellesercizio della sua sovranit sul mare costiero lo Stato costiero incontra due l i m i t i costituiti:
dal diritto di passaggio inoffensivo, in base al quale lo Stato deve permettere alle navi di altri Paesi di
attraversare le sue acque territoriali finch ci non reca pregiudizio alla pace, al buon ordine o alla
sicurezza dello Stato costiero;

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 18
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

la p i a t t a f o r m a c o n t i n e n t a l e : cio il sottosuolo marino e la zona di


mare soprastante comprensiva della z o n a e c o n o m i c a e s c l u s i v a che si
estende fino a 200 miglia dalla costa e al cui interno tutte le risorse economiche
sono di pertinenza dello Stato costiero12;
s o t t o s u o l o e s p a z i o a e r e o sovrastante la terraferma e il mare territoriale,
fino a dove esistono interessi concreti dello Stato;
Il territorio in senso lato (o f l u t t u a n t e ), invece comprende:
le navi e gli aerei mercantili in viaggio, in alto mare e sul cielo sovrastante, che
sono considerati a tutti gli affetti territorio nazionale (e quindi sono soggetti alla
sovranit di questultimo) almeno che non si trovino nelle acque territoriali di un
altro Stato;
le navi e gli aerei militari che dovunque si trovino, sono sempre considerati a tutti
gli effetti territorio nazionale.
Le convezioni internazionali disciplinano inoltre due situazioni particolari riguardo al
territorio statale:
le x t r a t e r r i t o r i a l i t : le sedi di rappresentanza diplomatica
(ambasciate13), nei confronti dello Stato ospitante godono della cosiddetta
i m m u n i t t e r r i t o r i a l e , nel senso che questultimo non pu esercitarvi
alcun atto di coercizione, se non in seguito ad un esplicito consenso dellagente
diplomatico accreditato.
lu l t r a t e r r i t o r i a l i t : la potest statale si esercita su edifici siti al di fuori
dal proprio territorio: ad esempio le sedi diplomatiche allestero.
1.1.3. Funzioni dello Stato.
Lo Stato al fine di soddisfare le necessit e gli interessi della collettivit, per delega del
popolo (titolare della sovranit), svolge direttamente attraverso propri organi (cd. Stato -
apparato) o indirettamente attraverso enti autonomi (Regioni etc.), le sue f u n z i o n i .
f u n z i o n e l e g i s l a t i v a : consiste nellemanazione delle norme necessarie
al mantenimento della compagine statale e al suo sviluppo, cio nella creazione
delle norme generali che regolano in maniera astratta la vita di tutta la collettivit;
funzione esecutiva o a m m i n i s t r a t i v a : consiste nella
realizzazione concreta dei fini istituzionali stabiliti dallordinamento da parte della
struttura esecutiva (governativa), della sua organizzazione periferica e dai soggetti
autonomi (enti pubblici) che perseguono gli stessi fini dello Stato;
funzione g i u r i s d i z i o n a l e : consiste nellattuazione e nel
mantenimento dellordinamento giuridico attraverso lapplicazione giudiziaria delle

dallobbligo per lo Stato costiero di non esercitare la propria giurisdizione penale sulle navi straniere,
per fatti puramente interni alle navi stesse, che sono di competenza dello Stato di bandiera.
12
I diritti dello Stato costiero sulla zona economica esclusiva non possono pregiudicare la libert degli altri Stati
per quanto riguarda la navigazione ed il sorvolo o comunque lutilizzo, a fini internazionalmente leciti, dellarea.
13
Per a m b a s c i a t a si intende lufficio o sede in cui vengono svolte le funzioni della missione diplomatica
accreditata da uno Stato estero.. da tener distinta dal c o n s o l a t o in cui vengono svolte funzioni di carattere
prevalente amministrativo a favore di cittadini di uno Stato residenti o dimoranti allestero.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 19
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

norme (sostanziale e processuali) ai singoli rapporti tra cittadini e tra gli stessi e lo
Stato14.
La nostra Costituzione da parte sua fa esplicito riferimento:
alla funzione legislativa: allart. 70 (riservando la stessa alle Camere) e agli artt. 76
e ss. (affidando la funzione in esame eccezionalmente al Governo);
alla funzione esecutiva o amministrativa: allart. 95 (affidando tale funzione al
Governo) e artt. 97-98 (riguardanti la Pubblica Amministrazione);
alla funzione giurisdizionale: agli artt. 102 (affidando tale funzione alla
magistratura) 101, 103 e seguenti.
1.1.3.1. Il principio di separazione dei poteri.
Tali funzioni con laffermarsi dello Stato di diritto, sono state ripartite tra i poteri
legislativo, esecutivo e giurisdizionale secondo la t e o r i a d e l l a s e p a r a z i o n e
d e i p o t e r i e n u n c i a t a d a l M o n t e s q u i e u (1689-1755).
Scopo ultimo di tale separazione quello di garantire che alloccorrenza un potere possa
arrestare laltro, evitando che uno di essi possa prevaricare e degenerare nellassolutismo o in
atteggiamenti tirannici: in pratica esso costituisce la miglior garanzia affinch sia assicurata la
libert politica dei cittadini.
1.1.3.1.1. Interferenze funzionali.
Comunque una separazione delle competenze cos netta non attuabile, in quanto non
verrebbe realizzata unesigenza fondamentale di ogni Stato che quella della coordinazione
fra i vari poteri. Si rende quindi necessario operare degli spostamenti di competenza per
assicurare un pi armonico e ordinato svolgimento delle funzioni statali, attraverso
i n t e r f e r e n z e f u n z i o n a l i dei vari poteri.
Osi nel nostro ordinamento.: I) il potere legislativo svolge sia funzioni materialmente
amministrative (nomina i dipendenti delle Camere) sia funzioni materialmente giurisdizionali,
(porre in Stato di accusa il Presidente della Repubblica); II) il potere esecutivo svolge
funzioni materialmente legislative con efficacia inferiore alle leggi formali (regolamenti) o
con efficacia uguale (decreti legge o legislativi); III) il potere giudiziario svolge funzioni
materialmente amministrative mediante provvedimenti rientranti nella c.d. volontaria
giurisdizione.
1.1.4. Le forme di governo.
La f o r m a d i g o v e r n o il modo in cui le funzioni statali, in particolare la cosiddetta
funzione di direzione politica, quella legislativa e quella amministrativa, sono distribuite fra i
supremi organi dello Stato. In base alla forma si opera un distinzione tra: governo
parlamentare, governo presidenziale e governo direttoriale.

14
Alcuni autori aggiungono poi a tali funzioni la:
f u n z i o n e c o s t i t u e n t e : mediante la quale lo Stato organizza se stesso. attraverso la
Costituzione, infatti, che lo Stato predispone i principi e le regole generali del suo funzionamento;
f u n z i o n e p o l i t i c a : che consiste nelleffettuazione delle scelte contingenti relative alo
sviluppo della comunit statale.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 20
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.1.4.1. Governo parlamentare.


Il g o v e r n o p a r l a m e n t a r e caratterizzato dal rapporto fiduciario che lega il
Parlamento al Governo, per cui questultimo deve ottenere la fiducia delle Camere per iniziare
a svolgere la sua attivit e tale fiducia deve mantenere per restare in carica. In seguito a ci al
Parlamento affidato un potere di controllo sullattivit politicoamministrativa e finanziaria
del Governo.
1.1.4.2. Governo presidenziale.
Il g o v e r n o p r e s i d e n z i a l e di cui il prototipo quello degli Stati Uniti, attua una
separazione dei poteri relativamente rigida, per cui le vari funzioni sono svolte senza
interferenze dei diversi di organi. In questo tipo di Stato non esiste nessun rapporto tra il Capo
dello Stato, che capo dellesecutivo, e le Camere, sia perch il Presidente eletto dal popolo
sia perch i segretari di Stato (ministri) sono scelti da egli stesso, e dovranno rispondere solo
di fronte a lui, e non nei confronti del Congresso (composto dalla Camere dei deputati e dal
Senato).
1.1.4.3. Governo direttoriale.
Il g o v e r n o d i r e t t o r i a l e caratterizzato da un organo collegiale, il Consiglio
federale, eletto per quattro anni dalle Camere riunite in assemblea federale, al quale affidata
la suprema autorit di governo della Confederazione. Il Presidente della Confederazione
eletto per la durata di un anno fra i membri del Consiglio.
1.1.5. La Costituzione in generale.
1.1.5.1. Nozione.
La C o s t i t u z i o n e la legge fondamentale dello Stato. Essa contiene le norme e i
principi generali relativi allorganizzazione e al funzionamento della collettivit, in un
determinato momento storico, nonch le norme riguardanti i diritti e i doveri fondamentali dei
cittadini.
1.1.5.2. Classificazioni
Si soliti distinguere la Costituzione in:
s c r i t t a o c o n s u e t u d i n a r i a a seconda che i principi e gli istituti vengano o
meno consacrati in un documento15;
r i g i d a o f l e s s i b i l e se per modificare o abrogare le disposizioni in esse
contenute sia o no necessario ricorrere a un procedimento diverso ed aggravato
rispetto a quello delle leggi ordinarie;
c o r t e o l u n g h e a seconda che si limitano a disciplinare la materia
strettamente costituzionale o anche materie diverse;
f o r m a l i quando sono racchiuse in una particolare forma giuridica;
b i l a n c i o o p r o g r a m m a se sono rivolte al presente e si propongono di dare
forma giuridica ad una realt sociale gi esistente o se promuovono anche la
trasformazione in tale realt;

15
Lesempio tipico di uno Stato con Costituzione non scritta ci dato dalla Gran Bretagna, in questo caso la
Cost. anche flessibile

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 21
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

per quanto riguarda il loro procedimento di formazione, le costituzioni si


distinguono in: o t t r i a t e o v o t a t e , si hanno le prime quando il sovrano
concede la Costituzione scritta ai suoi sudditi (es. Statuto Albertino), si hanno le
seconde quando la Costituzione espressa dal basso e viene redatta e approvata dai
rappresentanti del popolo, riuniti in assemblea costituzionale.
1.1.5.3. Le norme costituzionali.
Esistono tre t i p i d i d i s p o s i z i o n i c o s t i t u z i o n a l i :
le n o r m e i s t i t u t i v e o o r g a n i z z a t i v e sono quelle che danno le linee
generali dellordinamento statale, istituiscono i vari organi costituzionali o di
rilevanza costituzionale e ne stabiliscono la loro organizzazione riguardo alla
struttura, alle funzione, alla preposizione alla carica dei loro componenti, ecc. (es.
art. 92);
le n o r m e p r e c e t t i v e sono quelle che attribuiscono al cittadino, ed, in alcuni,
casi, anche al non cittadino, un diritto nei confronti dello Stato (es art. 51);
le n o r m e p r o g r a m m a t i c h e sono quelle che determinano i fini che lo Stato-
istituzione deve perseguire per realizzare lassetto politico-sociale prefigurato e
voluto dal Costituente (es.: art. 32).
1.1.6. La Costituzione italiana.
1.1.6.1. Lelaborazione, la promulgazione e lentrata in vigore
Il 16 marzo 1946, a liberazione avvenuta (25 aprile 1945), con un decreto legge
luogotenenziale si dispose che a decidere sulla scelta fra monarchia e repubblica sarebbe stato
chiamato, direttamente il popolo mediante referendum. Il 2 giugno 1946 si ebbero insieme il
referendum e le elezioni per la Assemblea costituente (a suffragio universale, maschile e
femminile). La maggioranza dei voti and alla repubblica.
LAssemblea costituente, entro i limiti della forma repubblicana gi scelta dal popolo
italiano, si accinse alla lunga discussione ed elaborazione della nostra Costituzione, la quale
venne p o i a p p r o v a t a d a l l a A s s e m b l e a s t e s s a i l 2 2 d i c e m b r e
1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato Enrico
De Nicola cinque giorni dopo, ed entr in vigore il 1
gennaio 1948.
1.1.6.2. Composizione e struttura
La nostra Costituzione consta di 1 3 9 articoli e 18 disposizioni
transitorie e finali.
La Costituzione italiana si compone di due parti precedute dallenunciazione dei principi
fondamentali (art. 1-12). Nella prima parte sono trattati i diritti e doveri dei cittadini (artt. 13-
54) raggruppati in quattro titoli: Rapporti civili, Rapporti etico-sociali, Rapporti economici,
Rapporti politici.
Nella seconda parte, intitolata Ordinamento della Repubblica, lattenzione del Costituente
si rivolta allorganizzazione dellapparato statale e al suo funzionamento, con la
suddivisione dellargomento in sei titoli (artt. 55-139): I) il Parlamento; II) il Presidente della

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 22
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

repubblica; III) il Governo; IV) la Magistratura V) le Regioni, le Province, i Comuni; VI)


Garanzie Costituzionali.
1.1.6.3. Caratteri.
La nostra Costituzione :
v o t a t a , perch stata adottata volontariamente e liberamente dal popolo
attraverso un apposito organo (lAssemblea costituente);
r i g i d a , cio modificabile soltanto a mezzo di leggi emanate con procedimenti
ponderati e aggravati (art. 138 Cost.);
l u n g a , perch oltre le norme sullorganizzazione statale contempla anche i
principi fondamentali dello Stato e i diritti fondamentali dei cittadini;
s c r i t t a , perch consacrata in un documento formale;
p r o g r a m m a , in quanto contiene norme programmatiche nei fini, ma precettive
nellapplicazione e interpretazione.
1.1.6.4. Lattuazione.
Alcune d i s p o s i z i o n i c o s t i t u z i o n a l i hanno trovato t a r d i v a a t t u a z i o n e o
non ne hanno ancora trovato affatto. Corte costituzionale, Consiglio superiore della
magistratura, Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro sono stati, infatti istituiti dopo
circa un decennio dallentrata in vigore della Costituzione; per non parlare delle Regioni di
diritto comune (Regioni ordinarie) sorte soltanto nel 1971.
Bench sia stata attuata, anche se non per intero, la parte organizzativa, la parte
programmatica, in cui sono contenuti i principi direttivi per il graduale rinnovamento della
comunit statale, resta ancora oggi del tutto inattuata. Tutto ci ha comportato la nascita di
una C o s t i t u z i o n e m a t e r i a l e 16 che si discosta radicalmente dalla C o s t i t u z i o n e
f o r m a l e 17.

1.2. Il Presidente della Repubblica


1.2.1. Nozione e caratteri.
Le Repubbliche hanno un organo di vertice denominato P r e s i d e n t e della
Repubblica.
Lart. 87 1 co. Cost. afferma che Il Presidente della Repubblica il capo dello Stato e
rappresenta lunit nazionale.
Esso allintero del nostro ordinamento, un o r g a n o c o s t i t u z i o n a l e 18, e come tale
la sua presenza indefettibile.

16
La C o s t i t u z i o n e m a t e r i a l e il complesso di principi e norme di comportamento effettivamente
regolanti la societ statale in un dato momento storico, in quanto conforme allideologia del gruppo politico
dominante.
17
La C o s t i t u z i o n e f o r m a l e il documento solenne contenente i principi e le norme di
organizzazione dello Stato a prescindere dalleffettiva applicazione degli stessi
18
Gli o r g a n i c o s t i t u z i o n a l i sono quelli che si trovano in una posizione di indipendenza o parit
giuridica tra loro, essi sono indefettibili, vale a dire che se un organo venisse meno provocherebbe un mutamento
dellassetto costituzionale dei poteri. Gli organi costituzionali partecipano in diverso modo alla funzione politica,
cio prendono parte allindividuazione dei fini che lo Stato chiamato a perseguire. Sono organi Costituzionali
le cui funzioni e competenze sono enunciate dalla Costituzione: I) il popolo inteso come corpo elettorale; II) il

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 23
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Il Presidente della Repubblica presenta i seguenti caratteri:


un o r g a n o m o n o c r a t i c o : in quanto lunico potere dello Stato a non
essere di tipo collegiale;
un o r g a n o s u p e r p a r t e s : cio al di fuori e al di sopra dei vari poteri dello
Stato e delle funzioni che essi rappresentano, avendo il compito di controllare ed
agevolare il funzionamento dellintero meccanismo costituzionale19;
g a r a n t e d e l l a c o s t i t u z i o n e e d a r b i t r o t r a i p a r t i t i : nel senso
che nellesercizio delle sue funzioni vigila sul funzionamento del meccanismo
costituzionale e sullosservanza delle regole che lo disciplinano, al fine di
assicurare il rispetto della Costituzione e il mantenimento di una corretto equilibrio
fra gli organi cui spetta la direzione politica dello Stato;
a p o l i t i c o : nel senso che non pu imporre al governo o al Parlamento la
propria politica personale, ma esercita tuttavia una funzione di rappresentanza di
indirizzo morale, in quanto fa sentire la sua influenza con il prestigio personale,
derivante dallautorevolezza della sua figura.
In sintesi nel nostro sistema costituzionale il Presidente della Repubblica deve essere
inteso come p o t e r e n e u t r o , apolitico ed imparziale, che esercita funzioni di garanzia e
controllo sugli organi dindirizzo politico al di sopra delle tre funzioni tradizionali e con il
fine di equilibrare il sistema senza svolgere funzioni attive di governo.
1.2.2. Eleggibilit.
A norma dellart. 84 1 co. Cost.: Pu essere eletto Presidente della Repubblica ogni
cittadino che abbia compiuto cinquanta anni det20, e goda dei diritti civili e politici21.
1.2.3. Incompatibilit.
A norma dellart. 84 2 co. Cost.: Lufficio del Presidente della Repubblica
incompatibile con qualsiasi altra carica22.
In altri termini, il Presidente della Repubblica non pu contemporaneamente ricoprire altri
incarichi, di natura pubblica o privata, n svolgere altre attivit professionali. Non pu, cio,

Presidente della Repubblica; III) la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica; IV) il Governo; V) la Corte
Costituzionale.
Gli o r g a n i a r i l e v a n z a c o s t i t u z i o n a l e o d i r i l i e v o c o s t i t u z i o n a l e , sono invece
organi che pur non partecipando alla funzione politica, n essendo essenziale alla struttura costituzionale dello
Stato, sono individuati, ma non disciplinati, dalla Costituzione che rinvia al legislatore ordinario la disciplina
della loro attivit. Essi sono: I) il C.N.E.L.; II) la Corte dei Conti; III) il Consiglio di Stato; IV) il C.S.M.; V) il
Consiglio Supremo di Difesa.
19
Va precisato che il Capo dello Stato, essendo, svincolato dai poteri tradizionali, non pu essere in alcun modo
considerato n come organo di governo n come organo della pubblica amministrazione anche se lart. 87 gli
conferisce particolari attribuzioni riferentesi alluna e allaltra funzione.
20
Let minima di cinquantanni risponde allesigenza fondamentale di attribuire la pi alta carica istituzionale
solo a chi abbia le doti di maturit, esperienza e autorevolezza necessarie per un compito cos delicato.
21
Il godimento dei diritti civili esclude dalla eleggibilit a Capo dello Stato chi sia stato interdetto o inabilitato
secondo la legge civile (ad es.: perch infermo di mente e incapace di provvedere ai propri interessi). privo dei
diritti politici chi sia stato, invece, cancellato dalle liste elettorali.
22
Inoltre, anche se manca unesplicita previsione costituzionale, prassi che il Presidente della Repubblica,
appena eletto, si dimetta anche da tutte le cariche che eventualmente ricopre allinterno di un partito politico. Ci
risponde ad un preciso principio di correttezza costituzionale e mira a rafforzare lindipendenza del Capo dello
Stato da qualunque formazione politica.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 24
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

essere parte di un rapporto di servizio, sia esso pubblico o privato, retribuito o anche soltanto
onorario.
1.2.4. Nomina.
1.2.4.1. Organo elettivo.
Secondo lart. 83 Cost., il P r e s i d e n t e d e l l a R e p u b b l i c a eletto dal Parlamento
in seduta comune23 integrato da tre delegati24 per ogni Regione eletti dal Consiglio regionale in
modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranza (la Valle lAosta ha un solo
delegato)25.
1.2.4.2. Procedimento.
Lart. 85 2 co. afferma che: T r e n t a g i o r n i p r i m a c h e s c a d a i l t e r m i n e 26,
il Presidente della Camera dei deputati convoca27 in seduta comune il Parlamento e i delegati
regionali, per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica.
Lelezione del Presidente della Repubblica ha luogo per
scrutinio s e g r e t o 28 e d a maggioranza di due terzi
d e l l a s s e m b l e a (cio a 2/3 dei componenti di entrambi i rami del Parlamento).
Tale maggioranza qualificata richiesta per le prime tre votazioni, affinch il Presidente
della Repubblica possa godere di un numero di consensi pi ampio di quello normalmente
prescritto per le maggioranze governative.
Dopo i primi tre scrutini , invece, sufficiente la
m a g g i o r a n z a a s s o l u t a (met dei componenti lAssemblea + 1), onde evitare un
ulteriore ed eccessivo prolungamento delle operazioni di voto che sminuirebbe il prestigio
delleligendo.

23
S e d u t a c o m u n e : riunione alla quale partecipano sia i membri della Camera dei deputati che quelli del
Senato della Repubblica, nei casi esplicitamente previsti dalla nostra Costituzione. Tali riunioni si svolgono alla
Camera dei deputati, utilizzandone strutture ed uffici, e sono presiedute dal Presidente della Camera.
24
D e l e g a t i p e r o g n i R e g i o n e (o regionali): membri esterni al Parlamento designati dai Consigli
regionali; integrano le Camere riunite in seduta comune per eleggere il Presidente della Repubblica. Godono
delle stesse prerogative dei parlamentari, non devono necessariamente ricoprire la carica di consiglieri regionali
e sono eletti in modo da assicurare la rappresentanza delle minoranze. Ci sta a significare che almeno uno dei
tre delegati deve essere espressione delle forze politiche di minoranza.
25
La particolare composizione del collegio elettorale integrato dai delegati regionali sta a sottolineare che il Capo
dello Stato rappresenta non solo lo Statopersona, ma anche lo Statocomunit, vale a dire la comunit politica
nazionale complessivamente considerata. La norma mira, quindi, a inserire le Regioni (in rappresentanza delle
autonomie locali) nel vivo delle dinamiche istituzionali e ad allargare la base di consenso, garantendo una pi
significativa presenza delle minoranze.
26
Il termine di trenta giorni antecedenti la scadenza del settennato dovrebbe presumibilmente consentire
lelezione del nuovo Presidente della Repubblica entro la scadenza del mandato del predecessore. Se, tuttavia, le
votazioni dovessero prolungarsi oltre i 30 giorni, si avrebbe una seconda ipotesi di prorogatio dei poteri del
Presidente uscente, pur nel silenzio della Costituzione.
27
Liniziativa di convocare il Parlamento in seduta comune e i delegati regionali assegnata al Presidente della
Camera dei deputati. Ci si spiega in quanto al presidente del Senato spetta gi il potere di supplenza, e il
costituente stato attento a mantenere un certo equilibrio tra i massimi organi dello Stato, una costante di tutta
larchitettura del sistema.
28
S c r u t i n i o s e g r e t o : procedimento di votazione che assicura lassoluta segretezza (e, di conseguenza,
lassoluta libert) della scelta dellelettore. I regolamenti parlamentari adottano lo scrutinio segreto soltanto nei
casi in cui sia in discussione un argomento che prevede un giudizio sulle persone (ad esempio, elezione e messa
in stato daccusa del Presidente della Repubblica), mentre la regola generale quella dello scrutinio palese.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 25
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.2.4.2.1. Nel
caso in cui le camere siano sciolte o manca meno di tre mesi dalla cessazione.
Inoltre lart. 85 3 co. afferma che: Se le Camere29 sono sciolte, o manca meno di tre mesi
alla loro cessazione, lelezione ha luogo entro quindici giorni dalla riunione delle Camere
nuove. Nel frattempo sono prorogati i poteri del Presidente in carica (prorogatio).
Quindi le Camere sciolte o prossime allo scioglimento (cd. C a m e r e m o r i b o n d e )
non sono abilitate a eleggere il nuovo Capo dello Stato. Si vuole, cos, evitare di affidare una
scelta politica importante, come lelezione del Presidente della Repubblica, a un organo ormai
in scadenza ed i cui membri potrebbero non essere riconfermati con le nuove elezioni.
1.2.4.2.1.1. Prorogatio
del Presidente della Repubblica
La durata in carica del Presidente della Repubblica fissata in un settennato, a decorrere
dalla data del giuramento. Tuttavia nel caso in cui si verifichi ritardo nellelezione del
successore (come nel caso previsto dellart. 85 3 co.), il Presidente della Repubblica in carica
pu vedere prorogati i suoi poteri ( p r o r o g a t i o d e l P r e s i d e n t e d e l l a
Repubblica)
1.2.5. Il giuramento di fedelt alla Repubblica e di osservazione della Costituzione.
Il Presidente della Repubblica, prima di assumere le sue funzioni, deve ai sensi dellart. 91
Cost. presentare g i u r a m e n t o d i f e d e l t a l l a R e p u b b l i c a e d i
o s s e r v a z i o n e d e l l a C o s t i t u z i o n e dinnanzi al Parlamento in seduta comune30.
In occasione del giuramento, il Presidente della Repubblica rivolge alle Camere un
messaggio, detto introduttivo o di insediamento, con il quale espone le linee che
caratterizzeranno lo stile del suo mandato: si tratta di un messaggio orale, pronunciato
direttamente dinanzi alle Camere, a differenza dei tipici messaggi presidenziali, trasmessi in
forma scritta al Parlamento.
1.2.6. Durata in carica.
Il Presidente ella Repubblica d u r a i n c a r i c a s e t t e a n n i 31, (art. 85 1 co. Cost.)
che decorrono dalla data del giuramento.
1.2.7. Supplenza e impedimento.
1.2.7.1. Supplenza
La Costituzione non prevede la carica della vicepresidenza, n la possibilit di delega
volontaria delle funzioni del Capo dello Stato ad altro organo, ma solo listituto della
supplenza , escludendo anche implicitamente la revoca del Presidente.

29
C a m e r e : sono i due rami di cui si compone il nostro Parlamento: Camera dei deputati e Senato della
Repubblica.
30
Secondo il dettato costituzionale il giuramento del Presidente della Repubblica dovrebbe essere prestato
soltanto dinanzi al Parlamento in seduta comune; comunque prassi che il Presidente della Camera inviti anche i
delegati regionali che hanno partecipato allelezione del Capo dello Stato.
31
La particolare lunghezza del mandato (superata solo da quella dei giudici costituzionali (9 anni) giustificata,
innanzitutto, dallesigenza di svincolare il Presidente della Repubblica dalla maggioranza politica che lo ha
eletto, esaltandone la posizione di imparzialit. Si ricordi, infatti che la durata ordinaria delle Camere fissata a
soli 5 anni. In secondo luogo, la permanenza in carica per sette anni renderebbe possibile lacquisizione della
maggior esperienza che la delicatezza dei compiti presidenziali impone. Infine, la durata del mandato evidenzia
le prerogative di organo moderatore che la Costituzione assegna al capo dello Stato, soprattutto allorquando si
verifichi un mutamento dei rapporti di forza tra le parti politiche.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 26
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La s u p p l e n z a consiste nellassunzione dei poteri e delle funzioni del Capo dello Stato
da parte del Presidente del Senato (art. 86 Cost. 1 co.32), nelle ipotesi in cui, a causa di un
impedimento temporaneo, il Presidente della repubblica non possa svolgere la propria attivit
1.2.7.2. Impedimento
Li m p e d i m e n t o 33 pu essere:
p e r m a n e n t e in caso di:
o infermit che si protragga in modo irreversibile;
o destituzione dalla carica, comminata dalla Corte Costituzionale nella
sentenza di condanna per alto tradimento o attentato alla Costituzione
(d e s t i t u z i o n e ) ;
o perdita di godimento dei diritti civili e politici (d e c a d e n z a ).
t e m p o r a n e o in caso di:
o sospensione della Carica disposta dalla Corte Costituzionale in pendenza
del giudizio daccusa per alto tradimento alla Costituzione;
o malattia che non importi guarigione entro breve termine, pur senza
pregiudicare la riassunzione della carica, a guarigione avvenuta;
o viaggio allestero34.
Si ricordi che limpedimento che impone la supplenza
solo quello temporaneo, in quanto limpedimento
permanente, da luogo a cessazione anticipata della carica.
1.2.7.3. I poteri del supplente
Il supplente acquista la sua carica automaticamente, cio senza bisogno di alcuno atto di
investitura e senza che debba prestare giuramento.
I p o t e r i d e l s u p p l e n t e di regola sono limitati ai soli atti di ordinaria
amministrazione, essendo poco opportuno il compimento di atti di carattere palesemente
straordinario (ad es.: scioglimento anticipato delle Camere). La norma non esclude, tuttavia,
la possibilit che il supplente assolva tutte le funzioni presidenziali senza distinzioni, ove ne
ricorra la necessit.

32
Art. 86 1 co. Cost.: Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle,
sono esercitate dal Presidente del Senato.
33
Qual lorgano competente ad accertare e dichiarare limpedimento del Capo dello Stato nel caso in cui il
Presidente non sia in grado di riconoscere il proprio impedimento? Se il Presidente non vuole o non pu
effettuare una dichiarazione spontanea, necessario individuare quale sia lorgano competente: in dottrina
stato, di volta in volta, individuato nella Corte Costituzionale, nel Governo, nel Parlamento in seduta comune,
ovvero nello stesso Presidente della Camera. Sono tutte soluzioni che, per un motivo o per un altro, lasciano
perplessi. Nellunico precedente, in occasione della grave malattia che colp il Presidente Segni (agosto 1964),
laccertamento dellimpedimento fu fatto con atto del Governo (comunicato ufficiale del Consiglio dei Ministri).
Quindi il Presidente del Senato, convocati il Presidente della Camera e il Presidente del Consiglio e verificata
con loro la sussistenza delle condizioni previste da questo articolo, assunse temporaneamente lesercizio delle
funzioni di Capo dello Stato, con la qualifica di Presidente supplente della Repubblica. Non si pervenne,
comunque, a una dichiarazione di impedimento permanente, perch nel frattempo il Presidente Segni rassegn le
dimissioni.
34
Questultimo caso, anche se in passato si verificato, appare controverso, in quanto non pu considerarsi
impedito il Presidente della Repubblica proprio quando allestero, in rappresentanza dello Stato italiano e
dunque nella pienezza delle sue funzioni. La tesi probabilmente pi corretta considera necessaria una supplenza
parziale, riconoscendo al supplente le sole funzioni non inerenti allo svolgimento della missione allestero.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 27
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La correttezza costituzionale impone, comunque, al supplente di astenersi dagli atti


destinati ad incidere sugli equilibri tra i vari organi dello Stato. Sarebbe, quindi, del tutto
inopportuno che il Presidente del Senato, nominasse senatori a vita o inviasse messaggi alle
Camere.
1.2.8. Cessazione.
1.2.8.1. Ordinaria
Il mandato presidenziale termina in via ordinaria per la scadenza del settennio. Scaduto il
mandato, il Presidente della Repubblica immediatamente rieleggibile35.
Alla cessazione della carica il Presidente della Repubblica diviene automaticamente
senatore a vita36 (salvo i casi di rinuncia: art. 59 1 co. Cost.).
1.2.8.2. Anticipata.
La c e s s a z i o n e dellufficio pu avvenire, oltre che, in via normale per la scadenza del
settennio, anche via a n t i c i p a t a a causa di:
morte;
d i m i s s i o n i 37: le dimissioni del Presidente della Repubblica hanno effetto
immediato: non esiste, infatti, un organo abilitato a riceverle e ad accettarle (e tale
non neppure il Parlamento), n ci sarebbe compatibile con la posizione di organo
super partes che propria del Capo dello Stato. Per tale motivo l a t t o d i
dimissione del Presidente della Repubblica un
atto personalissimo, e non richiede la controfirma
ministeriale, n la motivazione.
per im p e d i m e n t o p e r m a n e n t e ;
d e c a d e n z a : per il venir meno di uno dei requisiti di eleggibilit (cittadinanza,
godimento dei diritti civili e politici);
d e s t i t u z i o n e , a seguito della condanna per alto tradimento o attentato alla
costituzione, do opera della Corte Costituzionale.
In queste ipotesi, ai sensi dellart. 86 2 co., il Presidente della Camera dei Deputati indice
lelezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior
termine previsto se le Camere sono sciolte o mancano meno di tre mesi alla loro cessazione.

35
La rieleggibilit del Presidente della Repubblica (e cio la possibilit di una sua rielezione, anche immediata,
alla scadenza del settennato) si deduce dal silenzio della Costituzione, che per altri organi espressamente la vieta
(come per i giudici della Corte Costituzionale o per i membri del Consiglio Superiore della Magistratura).
Giorgio Napolitano fino ad ora lunico presidente ad essere stato rieletto alla scadenza del settennato .
36
E x P r e s i d e n t i d e l l a R e p u b b l i c a d i v e n u t i s e n a t o r i a v i t a : la loro
posizione totalmente equiparata a quella degli altri senatori, non essendovi nel testo costituzionale alcuna
disposizione che imponga obblighi o assegni particolari privilegi agli ex Presidenti. Pur non essendovi alcuna
esplicita previsione costituzionale, per anni invalsa la prassi che gli ex Presidenti della Repubblica siano
ascoltati dal Presidente in carica nel corso delle consultazioni per la formazione del Governo.
37
D i m i s s i o n i : atto libero e personale con cui il titolare di un ufficio dichiara di voler abbandonare
anticipatamente lincarico. Normalmente le dimissioni hanno effetto solo dopo laccettazione da parte
dellorgano competente e solo quando sia divenuta effettiva la sostituzione da parte del successore. Si ha,
pertanto, la cd. prorogatio dei poteri del precedente titolare, fino a sostituzione avvenuta.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 28
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.2.9. Gli atti presidenziali o decreti presidenziali.


Ogni atto emanato dal Capo dello Stato, assume la forma di d e c r e t o del
p r e s i d e n t e d e l l a R e p u b b l i c a (D.P.R.).
Lelencazione degli atti che devono essere emanati sotto forma di D.P.R., contenuta nella
Costituzione e nella legge 13/91.
1.2.9.1. Tipologie.
Gli a t t i p r e s i d e n z i a l i , possono classificarsi in:
atti formalmente presidenziali;
atti formalmente e sostanzialmente presidenziali;
atti sostanzialmente complessi.
1.2.9.1.1. Formalmentepresidenziali (o atti governativi o ministeriali).
Gli a t t i s o l o f o r m a l m e n t e p r e s i d e n z i a l i , sono gli atti il cui contenuto
stabilito dal Governo, e sui quali il Presidente apponendo la sua sottoscrizione ne effettua un
controllo di legalit o di merito (quindi la sottoscrizione non ha la funzione di rendere perfetti
tali atti).
Tale controllo ha un efficacia limitata, consentendo al Presidente, ove lo ritenga opportuno,
di arrestare il corso dei medesimi e richiedere un nuovo esame da parte dellorgano che li ha
deliberati.
Tuttavia se lorgano che li ha deliberati o che ha formulato la proposta insiste nel volere
del provvedimento, il Presidente non pu ulteriormente rifiutarsi di sottoscriverli.
Rientrano in questa prima categoria: I) decreti legge38; II) decreti legislativi39; III)
regolamenti governativi; IV) gli atti del governo che siano espressione della funzione
amministrativa (ad esempio, la nomina di alti funzionari); V) i provvedimenti relativi ai
rapporti con gli altri Stati (ratifica dei trattati internazionali); VI) gli atti di nomina dei
Ministri proposti dal Presidente del Consiglio; VII) gli atti di esercizio delliniziativa
legislativa governativa.
1.2.9.1.2. Formalmente e sostanzialmente presidenziali (o atti presidenziali).
Sono a t t i f o r m a l m e n t e e s o s t a n z i a l m e n t e p r e s i d e n z i a l i , quegli atti
che rientrano totalmente nella sfera di discrezionalit del Presidente.
Rientrano in questa seconda categoria: I) la nomina di cinque senatori a vita e di cinque
giudici della Corte costituzionale; II) la nomina di otto esperti componenti il CNEL; III) il
rinvio al Parlamento di una legge; IV) la promulgazione delle leggi; V) i messaggi inviati alle
Camere per segnalare gravi necessit comuni a fare richiamo ad esigenze avvertite in modo
diffuso nel Paese, allinfuori degli schieramenti delle parti politiche.

38
D e c r e t o l e g g e : appartiene alla categoria delle ordinanze generali, che si concretano in provvedimenti
provvisori (con forza di legge) adottati dal Governo, di sua iniziativa e sotto la sua responsabilit, in casi
straordinari di necessit e di urgenza. Tali provvedimenti diventano definitivi solo dopo la conversione in legge
effettuata dal Parlamento.
39
D e c r e t o l e g i s l a t i v o : atto con efficacia di legge formale emanato dal Governo in base ad una delega
legislativa (e nei limiti di questa) del Parlamento. La delega del Parlamento conferita con legge formale
ordinaria.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 29
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.2.9.1.3. Sostanzialmente
complessi.
Infine gli a t t i s o s t a n z i a l m e n t e c o m p l e s s i sono atti il cui contenuto
determinato sia dal Governo che dal Presidente stesso, e che impegnano la responsabilit di
entrambi allo stesso titolo.
Rientrano in questa categoria: I) la nomina del Presidente del Consiglio; II) lo scioglimento
delle Camere; III) la concessione della grazia.
1.2.9.2. La controfirma.
Condizione di validit di tutti gli atti emanati40 dal Presidente della Repubblica la
c o n t r o f i r m a apposta sugli stessi, dal Ministro proponente e anche del Presidente del
Consiglio nel caso di decreti legge o decreti legislativi (art. 89 Cost.).
1.2.9.2.1. La
funzione svolta dalla controfirma.
A secondo degli atti su cui apposta la controfirma svolge:
nel caso in cui venga apposta su a t t i g o v e r n a t i v i , la controfirma giustamente
assolve il compito di trasferire ad altri la responsabilit
( p o l i t i c a ) d e l l a t t o f i r m a t o d a l P r e s i d e n t e . Questultimo
esercita soltanto una forma di controllo di legittimit sulloperato del Governo;
nel caso in cui venga apposta su a t t i formalmente e
s o s t a n z i a l m e n t e p r e s i d e n z i a l i , la controfirma ha soltanto una
funzione di controllo sulloperato del Presidente da
p a r t e d e l G o v e r n o . In altri termini, in questa caso la posizione dei
Ministri si inverte, in quanto il loro compito non pi di collaborazione attiva alla
formazione dei medesimi, ma piuttosto (oltre che di attestazione delle autenticit
della sottoscrizione del Presidente) di controllo diretto ad accertare la
costituzionalit formale dellatto.
1.2.10. Responsabilit.
1.2.10.1. Introduzione.
Sotto il profilo costituzionale sono rilevanti due diverse forme di responsabilit:
r e s p o n s a b i l i t p o l i t i c a : ricorre quando il comportamento di chi agisce
valutabile solo secondo parametri di opportunit ed sottoponibile ad un tipo di
sanzioni che oscillano dalla rimozione o destituzione dalla carica alla sola censura
politica;
r e s p o n s a b i l i t g i u r i d i c a : ricorre quando lesercizio del potere
valutabile secondo precisi parametri normativi ed sottoponibile alle sanzioni
previste dallordinamento giuridico, e cio sanzioni penali, civili o amministrative.
Nel nostro ordinamento costituzionale il Presidente della Repubblica soggetto sia alla
responsabilit politica, sia a quella giuridica.
1.2.10.2. Politica.
Quanto alla responsabilit politica occorre distinguere due forme molto diverse fra loro:
40
Deve ritenersi pacifico, comunque, che la controfirma non richiesta per quegli atti alla cui formazione il
Presidente della Repubblica partecipa, ma che non vengono imputati a lui bens ad organi collegiali da lui
presieduti (es.: atti del Consiglio Superiore della Magistratura).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 30
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

r e s p o n s a b i l i t p o l i t i c a d i f f u s a : quella di cui il titolare di una


determinata carica politica risponde nei confronti di una generalit di persone (in
questo caso i cittadini) che non possono esercitare nei suoi confronti uno specifico
e diretto potere sanzionatorio, ma solo un generale diritto di critica;
r e s p o n s a b i l i t p o l i t i c a i s t i t u z i o n a l i z z a t a : quella che si ha
verso determinati organi dotati della titolarit di uno specifico e diretto potere
sanzionatorio nei confronti del titolare di una certa carica (rimozione, destituzione
etc.).
1.2.10.2.1. Tipo
di responsabilit politica a cui sottoposto il Presidente della Repubblica.
Si deve ritenere che il Capo dello Stato sia sottoposto alla sola responsabilit politica
diffusa41, dal momento che la Carta Costituzionale non prevede lesistenza di alcun organo cui
egli debba rendere conto del proprio comportamento politico e che possa esercitare poteri
politici sanzionatori nei suoi confronti.
La sottoposizione del Capo dello Stato a tale forma di responsabilit deriva da uno dei
principi fondamentali del nostro sistema: quello della sovranit popolare. Poich la sovranit
appartiene al popolo, solo ad esso deve sempre essere riconosciuto il diritto di poter valutare
criticamente il comportamento di chi esercita per suo conto i poteri supremi.
1.2.10.3. Giuridica.
La r e s p o n s a b i l i t g i u r i d i c a sorge nel momento in cui vi la violazione di una
precisa norma di legge appositamente sanzionata (sanzioni penali, civili e amministrative).
Mentre in relazione alla responsabilit civile e quella amministrativa, il Presidente della
Repubblica non gode di nessuna immunit, esiste un particolare regime per la responsabilit
penale.
1.2.10.3.1. Per
i reati commessi nellesercizio delle sue funzioni.
Il Capo dello Stato, nellesercizio delle sue funzioni, sottratto dalla Costituzione a tale
responsabilit, per cui non pu essere chiamato a rispondere in giudizio degli illeciti che
commette.
Egli, pertanto, gode dellimmunit penale che , tuttavia, limitata ai soli casi in cui essa
risulta strumentale allo svolgimento delle funzioni presidenziali.
Lunica eccezione allimmunit penale del Presidente deve ravvisarsi nelle ipotesi in cui si
renda colpevole dei reati di alto tradimento e di attentato alla Costituzione (art. 90 Cost.).
1.2.10.3.1.1. Alto
tradimento.
Pu considerarsi a l t o t r a d i m e n t o ogni comportamento doloso, che, offendendo la
personalit interna ed internazionale dello Stato, costituisca una violazione del dovere di
fedelt della Repubblica.
Esso presuppone una intesa con potenze straniere per pregiudicare gli interessi nazionali o,
addirittura, per sovvertire lordinamento costituzionale.

41
chiaro, come evidenziato in precedenza, che il Presidente della Repubblica risulter politicamente
responsabile solo per gli atti da lui posti in essere sia formalmente che sostanzialmente, per i quali la controfirma
svolge solo una funzione di controllo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 31
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.2.10.3.1.2. Attentato
alla Costituzione.
Mentre deve ritenersi a t t e n t a t o a l l a C o s t i t u z i o n e ogni comportamento doloso
diretto a sovvertire le istituzioni costituzionali o violare la Costituzione.
Lart. 283 c.p. definisce genericamente tale reato come: un fatto diretto a mutare la
Costituzione dello Stato o la forma di governo con mezzi non consentiti dallordinamento
costituzionale dello Stato
1.2.10.3.1.3. La
messa in stato daccusa del Capo dello Stato.
Lorgano inquirente.
il Parlamento a promuovere lazione penale contro il Presidente della Repubblica per i
reati di alto tradimento e attentato alla Costituzione, per cui ad esso riservato il potere di
compiere le indagini istruttorie a tal fine necessarie.
La legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1, ha disposto modificando lart. 12 della legge
costituzionale 11 marzo 1953, che, la deliberazione sulla messa in stato daccusa del
Presidente della Repubblica per i reati di alto tradimento e attentato alla Costituzione,
adottata dal P a r l a m e n t o i n s e d u t a c o m u n e (a maggioranza assoluta dei suoi
membri) s u r e l a z i o n e d i u n C o m i t a t o (e non pi dunque di una Commissione per
i procedimenti daccusa), formati dai componenti della Giunta del Senato e da quelli della
Camera competenti per le autorizzazione a procedere (c.d. giunta per le autorizzazioni a
procedere).
Lorgano giudicante.
Lorgano competente a giudicare laccusa mossa la C o r t e C o s t i t u z i o n a l e , la
quale potr, in pendenza del giudizio daccusa, disporre la sospensione dalla carica
presidenziale.
1.2.10.3.2. Reati compiuti al di fuori dellesercizio delle sue funzioni.
Relativamente ai reati c o m p i u t i a l d i f u o r i d e l l e s e r c i z i o d e l l e s u e
f u n z i o n i , il Capo dello Stato risponde (ed perci imputabile) al pari di qualsiasi altro
cittadino.
Tuttavia onde evitare che il capo dello Stato sia il possibile oggetto di incriminazioni
politicamente strumentalizzate, nel silenzio della Costituzione, la dottrina ritiene, che non si
possa procedere penalmente contro di lui finch resta in carica (i m p r o c e b i l i t
d e l l a z i o n e p e n a l e ).
1.2.10.3.3. In
sintesi.
Da quanto detto discende che:
per gli atti non compiuti nellesercizio delle funzioni presidenziali, la responsabilit
del Capo dello Stato identica a quella di qualunque altro cittadino. Egli sarebbe
certamente responsabile di una eventuale molestia sessuale attuata sulla segretaria
del Quirinale, anche se compiuta nel corso del settennato;
per gli atti compiuti nellesercizio delle sue funzioni, egli non assume alcuna
responsabilit giuridica, purch non si tratti dei reati previsti dalla stessa
Costituzione: ad esempio sarebbe sicuramente responsabile di attentato alla
Costituzione, nellipotesi in cui decidesse di organizzare un colpo di Stato per
instaurare una dittatura.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 32
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.2.11. Prerogative.
Per potere esercitare concretamente i suoi poteri il presidente gode delle seguenti
prerogative:
i n s i n d a c a b i l i t : il presidente della Repubblica non sindacabile e non pu
essere perseguito per i pareri e le opinioni espresse nellesercizio delle sue funzioni.
Limitatamente alla sua irresponsabilit per gli atti del governo, tale insindacabilit
tutelata dallart. 279 c.p.;
di i n d i p e n d e n z a e c o n o m i c a : assicurata mediante lassegnazione di un
a s s e g n o pari a 125.000 annui;
di una d o t a z i o n e , ossia il complesso dei beni (costituenti patrimonio
indisponibile dello Stato), destinati al mantenimento e al funzionamento
dellUfficio della Presidenza della Repubblica. La dotazione si compone di una
parte in natura (Palazzo del Quirinale, tenuta di Castelporziano e altri edifici situati
in diverse Regioni italiane) e di una parte in denaro, necessaria alla manutenzione
dei beni in precedenza indicati.
1.2.12. Poteri e attribuzioni del presidente della Repubblica.
Il Presidente della Repubblica non titolare di nessuna delle tre fondamentali funzioni
dello Stato, ma la Costruzione gli riserva la possibilit di intervenire in ciascuna di esse, oltre
che alcune competenza specifiche
1.2.12.1. In relazione al potere legislativo.
I n r e l a z i o n e a l p o t e r e l e g i s l a t i v o e alla relativa funzione, il Presidente della
Repubblica:
1.2.12.1.1.1. Indice
le elezioni delle Camere e ne fissa la prima riunione
Indice le elezioni delle Camere e ne fissa la prima riunione (art. 87 3 co. Cost.)42.
Le Camere, appena elette, devono riunirsi entro 20 giorni dalla fine delle elezioni (art. 61
Cost.). Il giorno di prima riunione, nellambito di tale termine, fissato dal Capo dello Stato,
gi nel decreto in cui convoca i comizi elettorali.
1.2.12.1.1.2. Pu
inviare messaggi alle Camere.
Pu inviare messaggi alle Camere (art. 87 2 co. Cost.).
Nozione di messaggio.
Il m e s s a g g i o un tipico atto presidenziale, il cui contenuto rispecchia gli intendimenti
personali del Capo dello Stato (c.d. p o t e r e d i e s t e r n a z i o n e ) .
Con i propri messaggi, il Presidente non pu per interferire nellazione degli altri organi
costituzionali, n entrare nel merito del programma politico del Governo.
Messaggi formali e informali
Dai m e s s a g g i f o r m a l i i n v i a t i a l l e C a m e r e (tra cui vi il messaggio
motivato), vanno distinti i m e s s a g g i i n f o r m a l i , rivolti a qualunque altro destinatario,

42
Si tratta comunque di una a t t r i b u z i o n e p r e s i d e n z i a l e m e r a m e n t e f o r m a l e : sia
convocazione dei comizi elettorali, che la determinazione della data della prima riunione delle Camere sono
deliberate dal Consiglio dei Ministri: siamo quindi di fronte ad u n a t t o g o v e r n a t i v o e , n o n
presidenziale quanto alla sostanza.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 33
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

sugli argomenti pi vari e quando il Presidente ne ravvisi lopportunit (ad es.: messaggi
televisivi rivolti alla pubblica opinione).
Il m e s s a g g i o f o r m a l e v a s e m p r e c o n t r o f i r m a t o d a l P r e s i d e n t e
d e l C o n s i g l i o , o , a l m e n o , d a u n o d e i M i n i s t r i , e tale atto ha valore di
controllo di legittimit. I messaggi informali non sono, invece, soggetti a controfirma.
1.2.12.1.1.3. Autorizza con suo decreto la presentazione alle Camere dei disegni di legge di
iniziativa governativa.
A u t o r i z z a con suo decreto l a p r e s e n t a z i o n e alle Camere d e i d i s e g n i
d i l e g g e 43 di iniziativa governativa (art. 87 4 co. Cost.).
Tale autorizzazione non atto presidenziale (cio di competenza anche sostanziale del
Presidente della Repubblica), perch lart. 71 Cost. attribuisce, in via tassativa, al governo la
titolarit delliniziativa legislativa, escludendo il concorso di altri organi nel suo esercizio:
quindi lautorizzazione presidenziale non ha carattere discrezionale e non pu essere rifiutata.
Pu solo ritenersi che i poteri del Capo dello Stato possano limitarsi alla richiesta di un
riesame da parte del Governo. Pu, invece, rifiutare lautorizzazione, per mancanza di un
elemento essenziale o quando latto abbia carattere delittuoso.
1.2.12.1.1.4. Pu
convocare ciascuna Camera i via straordinaria.
P u c o n v o c a r e 44 c i a s c u n a C a m e r a i v i a s t r a o r d i n a r i a 45 (art. 62 2 co.
Cost.)46. In tal caso si riunisce di diritto anche la Camera non convocata (art. 62 3 Cost.).
1.2.12.1.1.5. Promulga
le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.
Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti (art. 87, 5 co.
Cost.).
La promulgazione della legge
P r o m u l g a z i o n e d e l l a l e g g e : lultimo atto del procedimento legislativo prima
della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Il Presidente della Repubblica tenuto a promulgare la legge
e n t r o u n m e s e d a l l a p p r o v a z i o n e d e l l e d u e C a m e r e . Tuttavia se le
Camere, ciascuna a maggioranza assoluta dei propri componenti, ne dichiarano lurgenza, la
legge promulgata in un termine pi breve da esse stabilito.
Con latto di promulgazione, che atto di controllo, la legge diviene esecutoria. Diviene
invece obbligatoria per tutti i cittadini solo con la pubblicazione.
1.2.12.1.1.6. Pu, prima di promulgare una legge, chiedere con messaggio motivato alle
Camere una nuova deliberazione.
Tuttavia il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, qualora riscontri vizi
nellatto o un contrasto dello stesso con altre norme costituzionali47, pu48 chiedere alle

43
D i s e g n o d i l e g g e : termine tecnico con cui si individuano le proposte di derivazione governativa. La
Costituzione, tuttavia, usa lespressione in modo spesso improprio, designando con essa ogni progetto di legge,
da qualunque fonte provenga.
44
C o n v o c a z i o n e ( d e l l e C a m e r e ) : atto con il quale viene comunicato ai Parlamentari il giorno e
lora della riunione, affinch possano partecipare ai lavori.
45
La c o n v o c a z i o n e s t r a o r d i n a r i a , si attua in circostanze del tutto eccezionali, come nellipotesi di
paralisi dellattivit del Parlamento.
46
questo un atto tipicamente presidenziale, di impulso dellattivit del Parlamento.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 34
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Camere una nuova deliberazione o un riesame della legge (c.d. p o t e r e d i v e t o


s o s p e n s i v o ).
Tale rinvio deve essere accompagnato da una m e s s a g g i o m o t i v a t o 49 in cui siano
indicati motivo di merito o di legittimit costituzionale per cui il Capo dello Stato ritiene la
legge non promulgabile50 (art. 74 1 co. Cost.).
Va precisato che il Capo dello Stato non pu bloccare definitivamente lattivit delle
Camere, ma pu solo sospendere temporaneamente la promulgazione dellatto, privandolo
temporaneamente dellefficacia. Tanto vero che una volta che le Camere riapprovino senza
modifiche la legge, il Capo dello Stato non pu far altro che promulgarla.
Ci non esclude che, laddove latto manchi dei requisiti minimi per essere qualificato
legge oppure sia tale da comportare un vero e proprio attentato alla Costituzione o integri gli
estremi dellalto tradimento, reati per i quali sussiste la responsabilit penale del Presidente
della Repubblica, questultimo possa di nuovo rifiutarsi di promulgarla. In questo caso potr
sorgere un conflitto di attribuzione fra Parlamento e Presidente, risolvibile dalla Corte
Costituzionale.
Se, invece, le Camere approvano emendamenti diversi da quelli suggeriti dal Presidente
nel messaggio, egli potr di nuovo rinviare la legge alle Camere, almeno limitatamente alle
modifiche apportate.
1.2.12.1.1.7. Emanazione
degli atti normativi.
E m a n a z i o n e ( d e g l i a t t i n o r m a t i v i ) : potere analogo a quello di
promulgazione delle leggi.
Ha ad oggetto i seguenti atti di Governo: I) decreti legislativi e decreti-leggi, che, pur
essendo formalmente atti del potere esecutivo, hanno forza e valore di legge; II) regolamenti
governativi, che sono fonti secondarie di diritto.
Il Capo dello Stato emana anche altri atti amministrativi. Con L. 12 gennaio 1991, n. 13
sono stati tassativamente elencati tutti gli atti che devono emanati nella forma di decreto del
Presidente della Repubblica.
1.2.12.1.1.8. Pu
nominare cinque senatori a vita.
P u n o m i n a r e c i n q u e s e n a t o r i a v i t a (senatori di nomina presidenziale), tra
i cittadini che abbiamo illustrato la Patria di altissimi meriti nel campo sociale, scientifico,
artistico e letterario51 (art. 59 2 co. Cost.).

47
Il controllo presidenziale pu svolgersi solo per ragioni di legittimit o di opportunit costituzionale: il rinvio
delle leggi, cio, pu avvenire solo se il Capo dello Stato accerti un contrasto tra la legge e le norme contenute
nella Costituzione, oppure rinvenga nella disciplina legislativa contenuti che possono turbare lequilibrato
funzionamento delle istituzioni, a presidio del quale tale controllo posto.
48
La decisione di esercitare o meno il potere di rinvio ha, comunque, un contenuto politico e discrezionale assai
marcato, in quanto il Presidente della Repubblica deve opportunamente valutare anche i riflessi sulle istituzione
dei suoi atti. In ci si differenzia dalla Corte Costituzionale, la cui attivit sempre doverosa e riveste, pur con
tutte le sue particolarit, il carattere della giurisdizione.
49
Tale messaggio diverso da quello previsto dallart. 87 Cost., perch non concerne considerazioni generali
sulla situazione del Paese, n espressione del potere di impulso del Presidente, bens riguarda il singolo atto
rinviato, ed espressione del suo potere di controllo.
50
La sottoscrizione ministeriale richiesta anche per questatto, ha in questo caso la funzione di controllo
delloperato del Presidente.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 35
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.2.12.1.1.9. Indice
il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione
Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla
C o s t i t u z i o n e (art. 87 6 co. Cost.): quindi il referendum abrogativo e il referendum
costituzionale inserito nel procedimento previsto dallart. 138 della Cost.
1.2.12.1.1.10. Pu
sciogliere le Camere, o anche una sola di esse
Pu sciogliere le Camere52, o anche una sola di esse, sentiti i pareri obbligatori (ma non
vincolati) dei relativi presidenti53 (art. 88, 12 co. Cost.).
La natura del decreto di scioglimento.
Circa la natura del decreto di scioglimento, in dottrina non vi una posizione pacifica. Noi
tuttavia accogliamo lidea che esso sia un a t t o f o r m a l m e n t e c o m p l e s s o , la cui
responsabilit ricade sia sul Presidente che sul Governo.
Il semestre bianco
Il s e m e s t r e b i a n c o : il p e r i o d o di tempo corrispondente agli ultimi sei mesi
della carica del Presidente della Repubblica, d u r a n t e i l q u a l e l e C a m e r e n o n
p o s s o n o e s s e r e s c i o l t e (art. 88 2 co. Cost.).
Tale divieto per la dottrina deriverebbe dallintenzione di evitare che il Presidente della
Repubblica si avvalga dei poteri di scioglimento per favorire la sua rielezione (da parte delle
nuove Camere).
Lart. 88 2 co. Cost. stato modificato dalla L. Cost. n. 1/9154, in base alla quale il
Presidente della Repubblica non pu esercitare tale facolt (cio lo scioglimento delle camere)
negli ultimi sei mesi del suo mandato s a l v o c h e e s s i c o i n c i d a n o i n t u t t o o i n
p a r t e c o n g l i u l t i m i s e i m e s i d e l l a l e g i s l a t u r a 55, per consentirgli di
sciogliere le Camere ed indire regolarmente le nuove elezioni.
1.2.12.2. In relazione al potere esecutivo.
In relazione al potere e s e c u t i v o ed alla funzione amministrativa, il
Presidente della Repubblica:

51
La norma, quindi, tenderebbe ad escludere dalla nomina a senatori a vita persone che possono vantare soltanto
meriti politici, privilegiando, invece, personalit che provengono dalla societ civile: purtroppo, le scelte fatte in
passato, molto spesso, hanno privilegiato proprio i politici.
52
S c i o g l i m e n t o d e l l e C a m e r e : latto col quale si pone fine allattivit delle assemblee
rappresentative (o di una sola di esse) in vista della loro rinnovazione.
53
Il parere obbligatorio, ma non vincolante, del Presidente del ramo del Parlamento che il Capo dello Stato
intende sciogliere, realizza una sorta di garanzia del contraddittorio o del giusto procedimento, essendo contrario
ai principi democratici adottare un provvedimento sfavorevole ad un soggetto senza, quanto meno, ascoltarne le
motivazioni. Non solo: i Presidenti delle Camere sono in grado, in virt dellimportante ruolo ricoperto, di
fornire al Presidente della Repubblica tutte le indicazioni necessarie alla sua decisione.
54
Prima della modifica del 1991, il divieto di scioglimento delle Camere negli ultimi 6 mesi del mandato (c.d.
semestre bianco) non prevedeva eccezioni. Nei primi mesi del 1992 si venne, per, a creare una situazione di
stallo perch contestualmente scadeva il mandato del Presidente Cossiga e volgeva al termine la legislatura.
Poich il Presidente non poteva sciogliere le Camere (per il divieto posto dal secondo comma di questo articolo),
n queste ultime potevano eleggere un nuovo Presidente, dal momento che mancavano meno di tre mesi alla loro
cessazione, si rese indispensabile procedere ad una modifica della Costituzione, onde evitare una paralisi
istituzionale; pertanto fu introdotta la possibilit per il Presidente di sciogliere le Camere se il termine naturale
della legislatura coincide con quello del semestre bianco.
55
L e g i s l a t u r a : il periodo di durata effettiva del mandato parlamentare (5 anni) per ciascuna Camera.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 36
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

nomina il Presidente del Consiglio, e su proposta di questi, i ministri (art. 92 2 co.


Cost.), nomina altres, i commissari straordinari del Governo ed i sottosegretari di
Stato;
nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato (art. 87 7 co. Cost.)56;
controfirma gli atti ministeriali che sono emanati con suo decreto: il Capo dello
Stato esercita, in tal modo il suo potere di controllo e di garanzia costituzionale;
nomina gli esperti del CNEL: anche questa nomina, come per i funzionari dello
Stato, ha carattere meramente formale: la nomina effettiva rientra fra le attribuzione
del Governo, di cui il CNEL, organo ausiliario;
ratifica i trattati internazionali e accredita e riceve i rappresentanti diplomatici (art.
87 9 co. Cost.)57;
ha il comando delle forze armate e presiede il Consiglio supremo di difesa (art. 87
9 co. Cost.)58;
dichiara lo Stato di guerra deliberato dalle Camere (art. 87 9 Cost.);
conferisce le onorificenze59 della Repubblica (art. 87 12 co. Cost.);
pu sciogliere il Consiglio regionale e rimuovere il Presidente della Giunta (art.
126 1 co. Cost.).
1.2.12.2.1. Altre
attribuzioni di carattere amministrativo.
Vi sono poi delle attribuzioni di carattere strettamente amministrativo:
Emana il decreto di annullamento degli atti amministrativi illegittimi, su decisione del
consiglio dei Ministri. Si tratta di un potere riconosciuto esclusivamente al Governo, per cui
latto del Presidente della Repubblica solo formale;
Emana il decreto di decisione dei ricorsi straordinari amministrativi. Anche se il ricorso
comunemente detto al Capo dello Stato, secondo la dottrina prevalente, non un atto
presidenziale, bens governativo, o addirittura di competenza del Consiglio di Stato. Infatti la

56
Ad esempio, sono nominati con decreto del Capo dello Stato: il Presidente e i Consiglieri della Corte dei
Conti; il Presidente del Consiglio di Stato; i presidenti o i direttori generali di enti pubblici di importanza
nazionale etc. La nomina solo formalmente un atto presidenziale, poich la deliberazione effettiva spetta al
Governo.
57
Si tratta di due attribuzione del Capo dello Stato attinenti alla sua funzione di rappresentanza internazionale
dello Stato. Lattivit di ratifica un attivit di mero controllo costituzionale sulloperato del Governo nei
rapporti con gli Stati esteri. Pertanto sottratto al Presidente ogni potere deliberante in materia.
Va evidenziato che la Costituzione subordina, in particolari casi, la ratifica allautorizzazione del Parlamento
(art. 80 Cost.).
58
Non si tratta di un comando, che affidato agli organi tecnici (Capo di Stato maggiore generale) ma consiste
nella direzione e nel coordinamento politicoamministrativo delle attivit delle forze armate, che attribuito al
Capo dello Stato in quanto rappresentante dellunit nazionale. Gli atti compiuti dal Capo dello Stato in qualit
di Presidente del Consiglio supremo di difesa non necessitano di controfirma ministeriale (ex art. 89 Cost.).
59
O n o r i f i c e n z e : il Presidente della Repubblica ha il potere di conferire a persone ed enti distintisi in
particolari attivit, riconoscimenti quali: lOrdine al merito della Repubblica italiana, concesso a chi si distinto
nelle scienze, lettere, arti, economia e cariche pubbliche; lOrdine al merito del lavoro, conferito a non pi di
venticinque persone distintesi particolarmente nel campo del lavoro; lOrdine di Vittorio Veneto, conferito ai
combattenti della 1a guerra mondiale o guerre precedenti; lOrdine militare dItalia, conferito a militari che
abbiano compiuto atti di valore in tempo di guerra; lOrdine della stella della solidariet italiana, per i residenti
allestero.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 37
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

decisione viene adottata su proposta del Ministero competente per materia, sentito il parere
del Consiglio di Stato.
1.2.12.3. In relazione al potere giudiziario.
I n r e l a z i o n e a l p o t e r e g i u d i z i a r i o ed alla relativa funzione, il Presidente
della Repubblica:
presiede il Consiglio superiore della magistratura ed emana i decreti relativi allo
stato giuridico dei magistrati (art. 87 10 co. e 104 2 co. Cost.)60;
concede grazia61 e commuta le pene62 (art. 87 11 co. Cost.)63;
nomina cinque giudici costituzionali (art. 135 1 co. Cost.).

I PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA ITALIANA


Anni di presidenza Capo dello Stato
1946-1948 Enrico De Nicola (capo provvisorio
dello stato)
1948-1955 Luigi Einaudi
1955-1962 Giovanni Gronchi
1962-1964 Antonio Segni
1964-1971 Giuseppe Saragat
1971-1978 Giovanni Leone
1978-1985 Sandro Pertini
1985-1992 Francesco Cossiga
1992-1999 Oscar Luigi Scalfaro
1999-2006 Carlo Azeglio Ciampi
2006-20013 Giorgio Napolitano
2013 - 2015 Giorgio Napolitano
Dal 3 febbraio 2015 Sergio Mattarella

1.3. Il Parlamento
1.3.1. Nozione.
Il P a r l a m e n t o il luogo istituzionale nel quale si determinano gli indirizzi politici
dello Stato in quanto d e p o s i t a r i o d e l l a f u n z i o n e l e g i s l a t i v a 64 ed espressione
principale della volont popolare.

60
La funzione adempiuta dal Presidente in tale carica non puramente simbolica, n si risolve nelle ordinarie
attribuzione di presidente di organi collegiali (direzione del dibattito, fissazione di sedute, etc.). Egli, infatti, in
qualit di presidente del CSM tenuto a:
equilibrare le tendenze contrastanti che si verificano in senso al Consiglio stesso;
fungere da intermediario tra CSM (quale rappresentante dellordine giudiziario) e il potere esecutivo
(governo);
pu anche sciogliere il CSM, se esso si trovi nellassoluta impossibilit di funzionare.
Gli atti compiuti dal Capo dello Stato come presidente del CSM sono di competenza dellorgano collegiale e,
pertanto, non devono essere controfirmati.
61
G r a z i a : un atto di clemenza di esclusiva prerogativa del Capo dello Stato, che esclude qualunque atto di
delegazione. Si tratta di un provvedimento di carattere particolare, in quanto essenzialmente individuale e cio
a beneficio di una singola persona determinata e si distingue dallamnistia e indulto che hanno, invece, carattere
generale.
62
C o m m u t a z i o n e d e l l a p e n a : potere attribuito al Presidente della Repubblica di trasformare una
pena detentiva in altra, meno afflittiva.
63
Si noti che anche lamnistia e lindulto in passato costituivano prerogativa del Presidente della Repubblica,
mentre oggi sono di esclusiva competenza del Parlamento.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 38
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.1.1. Caratteristiche.
Il Parlamento nel sistema costituzionale italiano un organo:
c o s t i t u z i o n a l e : in quanto rientra nellorganizzazione costituzionale dello
Stato e partecipa alla sovranit, attraverso la titolarit della funzione legislativa;
c o m p l e s s o : in quanto costituito da due organi interni principali (la Camera
dei deputati e il Senato della Repubblica), operanti su un piano di piena parit
giuridica (bicameralismo perfetto);
c o l l e g i a l e : sia il Parlamento nel suo complesso, che numerosi organi interni,
sono formati da pi componenti o membri che non agiscono individualmente ma
come collegio;
r a p p r e s e n t a t i v o : perch rappresenta e rispecchia, pi degli altri organi
costituzionali, la volont del popolo inteso come corpo elettorale, da cui eletto
nella quasi totalit dei suoi membri; ci tra laltro spiega, la sua posizione di
centralit e di particolare rilevanza e prestigio nel sistema.
1.3.1.2. Funzioni residuali.
Oltre che la principale funzione legislativa (che viene esercitata collettivamente dalle due
camere ex art. 70 Cost.), al Parlamento spettano altre funzioni, in particolare:
f u n z i o n e d i i n d i r i z z o p o l i t i c o : attraverso la quale si determinano i fini
della politica nazionale e, si scelgono i mezzi per conseguirli;
f u n z i o n e d i c o n t r o l l o p o l i t i c o : esso esercita il controllo sul potere
esecutivo, cio sul governo (e sugli organi da esso dipendenti), che per poter
svolgere le sue funzioni deve godere della fiducia delle Camere;
f u n z i o n i e l e t t o r a l i (i n s e n s o l a t o ): vi rientrano le attivit di elezione
di membri di altri organi:
o elezione del Presidente della Repubblica;
o elezione di 5 giudici della Corte Costituzionale;
o elezione di 8 Componenti del Consiglio superiore della magistratura;
o scelta dei cittadini fra cui vanno sorteggiati i giudici aggregati della Corte
Costituzionale;
o elezione dei 4 componenti del garante per la protezione dei dati personali65.
f u n z i o n i m a t e r i a l m e n t e g i u r i s d i z i o n a l i o d i a c c u s a , nei casi
di messa in stato daccusa del Presidente della Repubblica, per i reati di alto
tradimento e attentato alla Costituzione. Tale funzione si avvicina pi a quella del
pubblico ministero (funzione di accusa), che non alla funzione giurisdizionale in
senso tecnico.

64
F u n z i o n e l e g i s l a t i v a : attivit volta allattuazione e allo svolgimento dei principi sanciti dalla
Costituzione mediante la produzione di atti normativi primari a cui si d il nome di leggi ordinarie.
65
Inoltre, i Presidenti delle due Camere hanno il compito di scegliere, dintesa, 2 componenti del Consiglio della
magistratura militare, estranei alla stessa magistratura militare.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 39
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

f u n z i o n i s t r u m e n t a l i a l s u o f u n z i o n a m e n t o : deliberazione del
regolamento, determinazione della posizione giuridica dei singoli parlamentari, etc.
1.3.2. Struttura del Parlamento.
Lart. 55 Cost. afferma che: Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del
Senato della Repubblica.
La nostra Costituzione dispone pertanto che il Parlamento, quale organo collegiale
direttamente rappresentativo, sia organizzato secondo il sistema bicamerale.
1.3.2.1. Il bicameralismo
Si definisce b i c a m e r a l e quellassetto organizzativo del Parlamento che demanda
lesercizio della funzione legislativa a due diverse Camere66. Al riguardo si distingue tra:
b i c a m e r a l i s m o p e r f e t t o , se ad entrambe le Camere sono attribuite
medesime competenze, poteri e funzioni per cui le stesse sono su un piano di piena
uguaglianza;
b i c a m e r a l i s m o i m p e r f e t t o , nellipotesi in cui le competenze dei due
rami del Parlamento siano diversificate.
1.3.2.1.1. Il
bicameralismo perfetto previsto dalla Costituzione Italiana.
La Costituzione italiana prevede un b i c a m e r a l i s m o p e r f e t t o , in quanto entrambe
le Camere sono elette a suffragio universale e diretto67, sono dotate degli stessi poteri e,
quindi, sono poste su un piano di completa parit.
Ci si evince dallart. 70 Cost. il quale prevede che la funzione legislativa esercitata
collettivamente dalle due Camere e dallart. 94 Cost. il quale prevede che il Governo deve
avere la fiducia delle due Camere.
1.3.2.2. Le differenze tra le due Camere.
Anche se poste su un piano di parit, le d u e Camere comunque si
differenziano per una serie di elementi:
innanzitutto richiesta unet diversa per lacquisto del diritto di elettorato attivo68
(18 anni per eleggere i deputati e 25 anni per eleggere i senatori) e del diritto di
elettorato passivo69 (25 anni per essere eletti deputati e 40 per essere eletti senatori);

66
Al bicameralismo si contrappone il m o d e l l o m o n o c a m e r a l e che concentra tutto il potere legislativo
in un solo organo: tale modello, oggi, quasi del tutto scomparso, in quanto il bicameralismo consente un pi
ponderato esercizio della funzione legislativa e una pi attenta valutazione dei provvedimenti legislativi.
67
S u f f r a g i o u n i v e r s a l e e d i r e t t o : principio in forza del quale hanno diritto di voto tutti i cittadini
della Repubblica senza distinzione alcuna (universalit) e senza alcun tipo di mediazione (direttamente). In Italia
stato introdotto soltanto nel 1945, in vista delle elezioni politiche e delle votazioni per lAssemblea Costituente
che si sarebbero tenute nel 1946: prima di allora, lesercizio del diritto di voto era limitato ai soli cittadini di
sesso maschile.
68
E l e t t o r a t o a t t i v o (che la capacit di votare): costituisce per il cittadino un d i r i t t o
s o g g e t t i v o p u b b l i c o , inquadrabile fra i d i r i t t i p o l i t i c i , e cio fra i diritti che hanno per
contenuto lesercizio di una pubblica funzione ed , ex art. 48 Cost., attribuito a tutti i cittadini senza distinzione
di sesso purch maggiorenni; tale limite di et elevato a venticinque anni per lelettorato attivo al Senato.
69
E l e t t o r a t o p a s s i v o (che consiste nella capacit di essere eletto) ed attribuito, ex art. 51 Cost., a chi
oltre ad esser privo della incapacit e della indegnit previste per lelettorato attivo, abbia anche particolari
requisiti di et, e non si trovi in condizioni di ineleggibilit o di incompatibilit.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 40
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

la Camera dei deputati composta da 630 membri (art. 56 2 co. Cost.70), il Senato
da 315 (art. 57 2 co. Cost.71), pi i senatori a vita di diritto e di nomina
presidenziale;
sono parzialmente diversi i sistemi elettorali per lelezione delle due camere:
o la Camera dei Deputati eletta a base nazionale, salvo i seggi assegnati alla
circoscrizione Estero;
o il Senato della Repubblica eletto a base regionale, salvo i seggi assegnati
alla circoscrizione Estero. A riguardi si ricordi che Nessuna regione pu
avere un numero di senatori inferiori a sette; il Molise ne ha due, la Valle
dAosta uno (art. 57 3 co. Cost.).
la Camera dei deputati interamente elettiva mentre del Senato, vi sono anche i
senatori a vita di diritto72 e i senatori a vita di nomina presidenziale73.
1.3.3. Prerogative delle camere.
Le Camere, per esercitare pienamente le loro funzioni sovrane, godono di p r e r o g a t i v e ,
che non vanno confuse con le prerogative dei singoli parlamentari.
1.3.3.1. Autonomia regolamentare.
Lart. 64 1 co. Cost afferma che: Ciascuna Camera adotta il proprio regolamento a
maggioranza assoluta dei suoi componenti.
1.3.3.1.1. I
regolamenti parlamentari.
I r e g o l a m e n t i p a r l a m e n t a r i sono un complesso di disposizioni che ogni camera
(c.d. riserva di assemblea) adotta al fine di disciplinare la propria organizzazione interna, lo
svolgimento delle sue funzioni e i rapporti con gli altri organi costituzionali.
1.3.3.1.2. Le
materie che possono essere disciplinate dai regolamenti parlamentari.
Una delle questioni pi controverse in dottrina quella delle materie che il regolamento
parlamentare pu disciplinare. La norma, infatti, si limita semplicemente ad attribuire a
ciascuna Camera il potere di adottare il proprio regolamento.
indubbio che il regolamento debba delineare e disciplinare tutte le procedure e gli organi
necessari per una efficiente organizzazione e per un buon funzionamento delle Camere.
Larticolo 72, poi, esplicitamente demanda al regolamento la disciplina del procedimento
legislativo.
Un terzo ambito riguarda i rapporti che intercorrono tra ciascuna Camera e gli altri organi
costituzionali: si pensi soltanto alla stretta connessione che si instaura tra attivit parlamentare
ed attivit del Governo (mozione di fiducia, esame dei decreti-legge, audizioni di Ministri,
etc.).
70
Lart. 56 2 co. afferma che: Il numero dei deputati di seicentotrenta dodici dei quali eletti nella
circoscrizione Estero.
71
Lart. 57 2 co. Cost. afferma che: Il numero dei senatori elettivi di trecentoquindici, sei dei quali eletti
nella circoscrizione Estero.
72
Diventano s e n a t o r i a v i t a d i d i r i t t o i Presidenti della Repubblica alla fine del mandato senza
alcuna ulteriore nomina.
73
I s e n a t o r i a v i t a d i n o m i n a p r e s i d e n z i a l e , sono invece scelti fra i cittadini che abbiamo
illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico, e letterale. Ogni Presidente pu
nominare massimo cinque senatori a vita.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 41
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.3.1.2.1. Come
fonte di diritto.
I regolamenti parlamentari sono fonti del diritto74. Tuttavia non sono dei regolamenti in
senso tecnico: sono dotati, di efficacia sostanziale, proprie delle fonti normative, ma loro
efficacia formale, non quella dei regolamenti che, nella gerarchia, delle fonti si collocano in
posizione subordinata alla legge.
I regolamenti parlamentari sono, infatti, fonti subordinate solo alla Costituzione, le cui
disposizioni eseguono ed attuano (fonti normative primarie).
In virt della riserva di regolamento parlamentare contenuta nellart. 64 Cost. sono fonti
del diritto che sfuggono ad una collocazione nella scala gerarchica. Si tratta di f o n t i
s e p a r a t e che trovano la loro legittimazione in una riserva di competenza
costituzionalmente riconosciuta a ciascuna Camera, in modo che la legge formale non pu
disciplinare la materia loro propria.
1.3.3.1.3. Insindacabilit
dei regolamenti parlamentari.
In quanto fonti normative primarie, subordinate, cio alla sola Costituzione, i regolamenti
potrebbero, in via generale essere impugnati davanti alla Corte Costituzionale proprio per
violazione di norme costituzionali.
Tuttavia, la Corte Costituzionale si mostrata di avviso contrario, sostenendo che i
regolamento non sono atti aventi forza di legge (inoltre essi non sono neanche menzionanti
nellart. 134 Cost.) e che lindipendenza delle Camere nei confronti degli altri poteri, garantita
dalla Costituzione, preclude ogni sindacato dei loro atti di autonomia normativa.
La Corte sembra, in altri termini, orientata a considerare i regolamenti parlamentari non
come fonti del diritto, ma come atti interni non sindacabili allestero (c.d. i n t e r n a
c o r p o r i s ).
1.3.3.1.4. La
violazione dei regolamenti parlamentari.
I regolamenti, per espressa previsione della Costituzione, disciplinano la formazione delle
leggi: la loro violazione dovrebbe, quindi configurare un vizio formale di legge, come tale
sindacabile dalla Corte Costituzionale ex art. 134 Cost.
Questultima per, ha espressamente affermato che i vizi formali presuppongono la
violazione di norme costituzionali, non dei regolamenti parlamentari. In altri termini le norme
dei regolamenti vanno interpretate dalle Camere, che possono anche decidere di derogarvi
mentre danno vita al testo legislativo.
1.3.3.2. Autonomia finanziaria.
Ciascuna Camera delibera il bilancio e il proprio consuntivo: le spese gravano su un fondo
speciale, che amministrato dal Ministero dellEconomia e delle Finanze e gestito
direttamente da ciascuna Camera.
1.3.3.3. Autonomia amministrativa.
Ciascuna camera provvede allorganizzazione dei propri uffici amministrativi interni
allassunzione dei propri dipendenti (funzionari, commessi, etc.) stipulando in proprio
contratti di lavoro.

74
F o n t i d e l d i r i t t o . Sono quegli atti o fatti produttivi di diritto, riconosciuti come tali dallordinamento
di cui fanno parte.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 42
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.3.3.1. Tutela
nei confronti degli atti amministrativi delle Camere.
Contro gli atti amministrativi delle Camere non ammesso ricorso agli organi di giustizia
amministrativa (T.A.R. e Consiglio di Stato): ci per tutelare lindipendenza del Parlamento
la sua autonomia.
solo possibile il ricorso allUfficio di Presidenza della Camera, senza possibilit di
appello ad organi sovraordinati, come risulta sia dal regolamento della Camera sia dal
regolamento del Senato
1.3.3.3.1.1. Lautodichia
o giurisdizione domestica
La particolare prerogativa dei due rami del Parlamento di risolvere, attraverso un
organismo giurisdizionale interno, le controversie sorte con i propri dipendenti, detta
autodichia o giurisdizione domestica.
1.3.3.4. Linviolabilit degli edifici delle Camere.
In base ad una norma consuetudinaria, non sancita nella Costituzione, vietato agli
ufficiali ed agenti della forza pubblica laccesso negli edifici delle Camere, per compiere atti
del proprio ufficio (c.d. i m m u n i t d e l l a s e d e ).
Le funzioni di polizia, allinterno degli edifici, sono svolte dal personale di ciascuna
Camera: questori, commessi e guardie di servizio, che sono esclusivamente agli ordini del
Presidente di ciascuna Camera.
1.3.3.5. Tutela penale delle Camere.
Nel nostro ordinamento penale sono punti come reati: il tentativo di impedire alle Camere
lesercizio delle loro funzioni (art. 289 cod. pen.) ed il vilipendio delle Camere (art. 290 cod.
pen.).
1.3.4. Gli organi interni delle camere.
1.3.4.1. Il Presidente e lUfficio di presidenza.
Lart. 63 1. co. afferma che: Ciascuna Camera elegge75 fra i suoi componenti il
Presidente e lUfficio di presidenza.
1.3.4.1.1. I
presidenti (della Camera e del Senato).
Ad ogni ramo del Parlamento preposto un P r e s i d e n t e , il quale organo che ne
disciplina le attivit, secondo le disposizioni dettate dai regolamenti parlamentari,
garantendone lautonomia nei confronti dellaltra Camera e degli altri poteri dello Stato.
1.3.4.1.1.1. Attribuzioni.
I Presidenti delle Camere sono titolari di:

75
Per ogni Camera l e l e z i o n e d e l s u o P r e s i d e n t e ha luogo sotto la direzione di un Presidente
provvisorio (al Senato il membro pi anziano presente alla riunione; alla Camera, invece, viene scelto il pi
anziano fra i vicepresidenti delle passate legislature rieletti) incaricato di dirigere e controllare le operazioni di
voto che hanno luogo a scrutinio segreto. Anche se le maggioranze richieste per lelezione dei Presidenti delle
due Camere sono diverse, obiettivo comune quello di assicurare che egli sia espressione non solo della
maggioranza parlamentare, ma anche delle minoranze: per questo motivo, la carica generalmente assunta da
una personalit che si pone al di sopra degli schieramenti di parte. In passato, al fine di garantire un maggior
equilibrio tra i due rami del Parlamento, era prassi assegnare la presidenza di una Camera ad un esponente della
maggioranza, e la presidenza dellaltra ad una persona indicata dallopposizione. Questa consuetudine,
indispensabile per garantire un corretto equilibrio nella direzione delle Assemblee, , purtroppo, venuta meno
con la seconda repubblica nella quale le coalizioni vincenti si sono assicurate, a colpi di maggioranza, la
leadership di entrambe le Camere.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 43
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

attribuzioni espressamente previste dalla Costituzione, come la convocazione


straordinaria delle Camere o il diritto ad essere consultati prima dello scioglimento
delle Camere;
attribuzioni conseguenti al loro ufficio, come la presidenza e la direzione delle
sedute e dei dibattiti, di nominare i componenti delle giunte parlamentari e di
esercitare i poteri disciplinari.
1.3.4.1.2. Lufficio
di presidenza.
Lu f f i c i o d i p r e s i d e n z a 76 un organo collegiale (al Senato denominato
C o n s i g l i o d i p r e s i d e n z a ) formato dal Presidente di ciascun ramo del Parlamento, da
4 vicepresidenti77, da 16 segretari78 alla Camera 8 al Senato e da 3 questori79.
S v o l g e c o m p i t i e s s e n z i a l m e n t e a m m i n i s t r a t i v i , relativi, in particolare,
alla gestione finanziaria di ciascuna Camera.
1.3.4.2. Le giunte parlamentari.
Le g i u n t e p a r l a m e n t a r i sono organi interni delle Camere, formati in proporzione
alle forze politiche presenti in Parlamento. Ad esse competono funzioni consultive ed
extralegislative. Sono attualmente operanti:
la Giunta per le autorizzazioni richieste ai sensi dellart. 68, meglio nota come
Giunta per le autorizzazioni a procedere80;
la Giunta per il regolamento81;
la Giunta per le elezioni82.

76
Lufficio di presidenza definitivo non va confuso con lUfficio provvisorio di presidenza che viene costituito
alla prima riunione delle Assemblee e dura in carica fino allinsediamento dellUfficio definitivo.
77
Che hanno il compito di coadiuvare il Presidente nellesercizio delle sue funzioni e sostituirlo nellipotesi di
assenza temporanea o impedimento. Il particolare sistema elettorale adottato mira a garantire la presenza anche
di rappresentanti dei gruppi di minoranza.
78
Che svolgono attivit di compilazione e lettura dei processi verbali delle adunanze, accertano lesistenza del
numero legale, procedono allappello, etc.
79
Che sovraintendono al cerimoniale ed ai servizi interni e svolgono attivit di polizia allinterno delle Camere.
Spetta sempre ai questori il compito di predisporre il progetto di bilancio ed il rendiconto consuntivo di ciascuna
Camera.
80
G i u n t a p e r l e a u t o r i z z a z i o n i a p r o c e d e r e : una giunta parlamentare, formata in
proporzione alle forze politiche esistenti in Parlamento, presente solo alla Camera dei deputati e composta da
ventuno deputati scelti dal Presidente della Camera. Ad essa spetta il compito di vagliare le richieste di
autorizzazione ex art. 68 Cost. (notevolmente ridotte a seguito dellapprovazione della L.Cost. 3/93). La
decisione spetta in ogni caso allAssemblea. Al Senato la funzione della giunta per le autorizzazioni a procedere
svolta dalla Giunta per le elezioni e le immunit.
81
G i u n t a p e r i l r e g o l a m e n t o : organo della Camera e del Senato composto rispettivamente da 10
deputati e 10 senatori con funzioni di esame e proposta in materia di modificazioni o aggiunte ai regolamenti
parlamentari. Inoltre, la giunta per il regolamento chiamata ad esprimere pareri su questioni di interpretazione
dei regolamenti nonch, alla Camera, sui conflitti di competenza insorti tra le commissioni permanenti.
82
G i u n t a p e r l e e l e z i o n i : Tale organo parlamentare presente sia alla Camera che al Senato (dove
assume la denominazione di g i u n t a d e l l e e l e z i o n i e d e l l e i m m u n i t ). Si compone di
ventuno deputati e ventitre senatori nominati rispettivamente dai presidenti della Camera e del Senato e assolve
la funzione di verificare la regolarit delle operazioni elettorali e di giudicare la sussistenza dei requisiti di
eleggibilit degli eletti, laddove sorgano contestazioni. Al Senato la giunta competente a vagliare anche le
richieste di autorizzazione a procedere ex art. 68 Cost.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 44
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.4.3. Le commissioni parlamentari.


Le c o m m i s s i o n i p a r l a m e n t a r i sono organi interni di ciascuna Camera, costituiti
in proporzione alle forze politiche presenti in Parlamento.
Possono essere:
s p e c i a l i (o straordinarie) se costituite occasionalmente da ciascuna Camera per
risolvere questioni di pubblico interesse (es. commissione di inchiesta83);
p e r m a n e n t i se istituite permanentemente in seno a ciascuna Camera, il cui
regolamento ne determina la competenza per materia. A t t u a l m e n t e
esistono 14 commissioni permanenti sia presso il Senato
sia presso la Camera dei deputati;
b i c a m e r a l i m i s t e : f ormate sia da senatori che deputati, possono essere
straordinarie o permanenti84.
1.3.4.3.1. Compiti
delle commissioni.
Compiti delle commissioni sono quelli di riunirsi:
in s e d e r e f e r e n t e per lesame preventivo di ogni disegno di legge presentato
alle Camere, per farne relazione allAssemblea che deve approvarli;
in s e d e d e l i b e r a n t e , nei casi previsti dai regolamenti, per procedere
allesame e allapprovazione dei progetti di legge in luogo allassemblea plenaria;
in s e d e r e d i g e n t e per la formulazione e lapprovazione degli articoli di un
progetto di legge;
in s e d e c o n s u l t i v a per esprimere dei pareri circa una determinata questione;
in s e d e p o l i t i c a per ascoltare e discutere le comunicazione del Governo.
1.3.4.4. I gruppi parlamentari.
I g r u p p i p a r l a m e n t a r i costituiscono il raccordo tra ordinamento parlamentare e
sistema partitico e, malgrado siano menzionati una sola volta dal Costituente allart. 72 Cost.,
sono le articolazioni politiche fondamentali delle istituzioni parlamentari.
Rappresentano la proiezione dei partiti politici in seno al Parlamento e consentono ai
parlamentari di partecipare ai lavori delle Camere, che ruotano soprattutto intorno ai gruppi
parlamentari.
Per la valida costituzione di un gruppo parlamentare occorrono almeno 10 Senatori 2 20
deputati (salvo deroghe autorizzate dallUfficio di presidenza).

83
C o m m i s s i o n e d i i n c h i e s t a : una commissione parlamentare nominata da ciascuna Camera e
composta in modo da rispecchiare proporzionalmente lentit dei vari gruppi parlamentari. La commissione
dinchiesta esercita il potere dinchiesta, di cui sono titolari le Camere, per approfondire aspetti relativi a
determinati settori o quando si verificano gravi episodi di interesse nazionale. Terminati i lavori, la commissione
dinchiesta presenta allAssemblea plenaria una relazione che viene discussa e votata. Possono essere istituite,
con legge, anche commissione dinchiesta bicamerali, composte cio da deputati e senatori. Nella prassi la
maggior parte delle commissione dinchiesta sono state proprio di questa natura (ad esempio, nella XIII
legislatura sono state istituite commissione dinchiesta sulla mafia, sul terrorismo, sul ciclo dei rifiuti).
84
Tali organismi si sono resi necessari sia per superare il rigido dualismo fra le due assemblee, sia per consentire
lunivoco esercizio del potere parlamentare in delicate materie (es.: Commissione per le questioni regionali, ex
art. 126 Cost.)

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 45
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Tutti i senatori ed i deputati devono dichiarare, entro due giorni (tre giorni per i senatori)
dalla prima seduta successiva alla loro elezione, a quale gruppi parlamentari intendono
iscriversi85, in quanto lelezione di un parlamentare nella lista di un partito non comporta
lautomatica iscrizione nel suo gruppi parlamentari. Qualora essi non esercitino questa loro
facolt sono iscritti dufficio nel cd. g r u p p o m i s t o 86.
1.3.4.5. Le conferenze dei capigruppo.
Le c o n f e r e n z e d e i c a p i g r u p p o sono organismi collegiali (uno per ciascuna
camera) presieduti dal Presidente dellassemblea e costituiti da tutti i Presidenti dei gruppi
parlamentari.
A tali conferenze spetta essenzialmente il compito di deliberare il programma e il
calendario dei lavori dellassemblea (alla Camera anche delle commissioni).
1.3.5. Le camere riunite in seduta comune.
Accanto alle funzioni che vengono esercitate dalle due Camere collettivamente, ma
disgiuntamente (ad esempio lapprovazione di una legge), vi sono compiti che devono
essere esercitati dai due rami del Parlamento congiuntamente, attraverso la seduta comune.
Per s e d u t a c o m u n e si intende la riunione alla quale partecipano sia i membri della
Camera dei deputati che quelli del Senato della Repubblica, nei casi esplicitamente previsti
dalla nostra Costituzione (art. 55 2 co. Cost.), ossia per:
lelezione del Presidente della Repubblica87 (art. 83 Cost.);
il giuramento del Presidente della Repubblica (art. 91 Cost.);
la messa in stato daccusa del Presidente della Repubblica per alto tradimento o per
attentato alla Costituzione (art. 90 Cost.);
lelezione di un terzo dei membri del Consiglio Superiore della Magistratura (art.
104 Cost.);
lelezione di un terzo dei giudici costituzionali (art. 135 Cost.);
la compilazione dellelenco di cittadini tra cui devono essere sorteggiati i giudici,
aggregati che devono intervenire nei giudizi di accusa contro il Presidente della
Repubblica, innanzi alla Corte costituzionale (art. 135 Cost.)88.
Tali riunioni si svolgono alla Camera dei deputati utilizzandone strutture ed uffici, e sono
presiedute dal Presidente della Camera89 (art. 63 2 co Cost.90).

85
Ora poich i parlamentari iscritti ad un partito tenderanno ad aderire tutti allo stesso gruppo, si avranno tanti
gruppi parlamentari quanti sono i partiti politici rappresentati alle Camere.
86
Il parlamentare che si dissocia dal suo gruppo parlamentari non decade dalla posizione di membro del
Parlamento, carica che conserva per tutta la legislatura. Unica sanzione che il partito pu infliggere al
dissenziente la mancata ripresentazione nelle sue liste per le successive elezioni.
87
Si ricordi che per lelezione del Presidente della Repubblica partecipano alle sedute anche i rappresentanti
delle Regioni.
88
da notare che, ad eccezione del giuramento e delle messa in stato daccusa del Presidente della Repubblica
tali sedute riguardano sempre funzioni elettive.
89
prassi, inoltre, che il Parlamento in seduta comune adotti il regolamento della Camera dei deputati, ma nulla
vieta che sia scelto quello del Senato o se ne rediga uno autonomo.
90
Questa lunica disposizione relativa al funzionamento del Parlamento riunito in seduta comune. La norma
mira ad evitare una concentrazione di cariche istituzionali in capo alla stessa persona, tenuto conto che al

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 46
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.6. Funzionamento delle Camere.


1.3.6.1. Periodi di lavoro.
1.3.6.1.1. Legislatura.
La l e g i s l a t u r a il periodo di durata effettiva del mandato parlamentare (5 anni) per
ciascuna Camera, salvo scioglimento anticipato (art. 88 Cost.), o proroga in caso di guerra
(art. 60 Cost.). La legislatura si articola in sessioni e sedute.
1.3.6.1.2. Sessione.
Attualmente, si intende per s e s s i o n e il periodo continuativo di lavoro delle Camere
compreso fra una convocazione e laggiornamento dei lavori (cio la temporanea sospensione
di essi con rinvio ad altra data).
1.3.6.1.3. Seduta.
L a s e d u t a la singole riunione delle Camere. Ciascuna sessione, nel senso prima
indicato, consiste di pi sedute. La normale attivit parlamentare, si svolge attraverso sedute
quotidiane (dal luned al venerd).
1.3.6.2. Convocazione delle Camere.
La c o n v o c a z i o n e d e l l e C a m e r e l a t t o con il quale viene comunicato ai
Parlamentari il giorno e lora della riunione, affinch possano partecipare ai lavori.
Sono previste quattro tipi di convocazione: I) convocazione iniziale; II) convocazioni di
diritto; III) convocazioni su mozione di aggiornamento; IV) convocazione straordinarie. A cui
potremmo aggiungere la convocazione parallela, la quale in realt non altro che una
convocazione straordinaria indotta.
1.3.6.2.1. La
convocazione iniziale.
La convocazione i n i z i a l e , fissata con decreto del Presidente della Repubblica, deve
tenersi non oltre il 20 giorno dallinsediamento delle nuove Camere.
1.3.6.2.2. Le
convocazioni di diritto.
Le c o n v o c a z i o n i d i d i r i t t o , sono le due convocazioni annuali, fissate per il
primo giorno non festivo dei mesi di febbraio e di ottobre.
Va precisato che le convocazioni di diritto hanno assunto un valore residuale, dal momento
che al giorno doggi i due rami del Parlamento esercitano la loro attivit senza interruzioni di
sorta91.
1.3.6.2.3. Le
convocazioni su mozione di aggiornamento.
La normale attivit parlamentare, infatti, si svolge attraverso sedute quotidiane (dal luned
al venerd).
Al termine di ciascuna seduta non necessario che il Presidente proceda ad una nuova
convocazione, essendo sufficiente un aggiornamento della stessa, che pu essere considerato
come la prosecuzione in data prossima della seduta precedente: insieme alla comunicazione di

Presidente del Senato spetta gi la supplenza del Presidente della Repubblica, e che alcune riunioni in seduta
comune riguardano proprio questultimo organo.
91
Le uniche interruzioni dellattivit parlamentare coincidono con i normali periodi di ferie: in passato era prassi
bloccare i lavori anche in coincidenza dei congressi di partito, allo scopo di consentire ai parlamentari di
parteciparvi.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 47
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

a g g i o r n a m e n t o d e l l a s e d u t a viene data anche lettura degli argomenti che


saranno trattati (c.d. ordine del giorno).
1.3.6.2.4. Convocazione
straordinaria.
La c o n v o c a z i o n e s t r a o r d i n a r i a (art. 62 2 co. Cost.), da attuarsi in circostanze
del tutto eccezionali, come nellipotesi di paralisi dellattivit del Parlamento, demandata
dalla Costituzione:
al Presidente della Repubblica;
ad un terzo dei componenti di ciascuna Camera;
al Presidente di ciascun ramo del Parlamento92.
1.3.6.2.4.1. Convocazione
parallela.
Lart. 62 3 co. afferma che: Quando si riunisce in via straordinaria una Camera,
convocata di diritto anche laltra.
La c o n v o c a z i o n e p a r a l l e l a delle due Camere, cio lobbligo di riunione di un
ramo del Parlamento quando viene convocato in via straordinaria anche laltro, trova
giustificazione nella necessit di affrontare con urgenza determinati problemi.
La convocazione straordinaria, infatti, presuppone che il motivo sia talmente grave da
rendere necessario farvi fronte attraverso ladozione di immediati provvedimenti, attivit che
pu essere svolta molto pi agevolmente se entrambe le Camere sono riunite.
1.3.7. Svolgimento dei lavori.
1.3.7.1. Pubblicit e la segretezza delle sedute.
Lart. 64 2 Cost. afferma che: Le sedute sono pubbliche; tuttavia ciascuna delle due
Camere e il Parlamento a Camere riunite possono deliberare di adunarsi in seduta segreta.
La p u b b l i c i t d e l l e s e d u t e sancita per consentire il controllo dei lavori
parlamentari da parte del popolo, e per dar conto di essi allopinione pubblica. Si realizza
consentendo laccesso al pubblico nelle tribune appositamente istituite nelle singole Camere
(previa autorizzazione), e pubblicando i resoconti parlamentari93.
Invece la possibilit di imporre la s e g r e t e z z a d e l l e s e d u t e consente al
Parlamento di affermare la propria autonomia anche nei confronti della pubblica opinione.
Grazie a ci, infatti, il Parlamento pu sottrarsi alle pressioni di forze esterne presenti in seno
alla societ civile94.
1.3.7.2. Ordine del giorno e calendario dei lavori.
Onde evitare decisioni a sorpresa stabilito, sia nel regolamento del Senato, sia in quello
della Camera, che non si pu discutere n decidere su materie che siano preventivamente
iscritte allo r d i n e d e l g i o r n o , a meno che non sia deciso dalla Camera stessa a
maggioranza qualificata.

92
Nei fatti spetta sempre a questultimo organo la convocazione formale della Camera, anche quando liniziativa
provenga dal Capo dello Stato o da un terzo dei componenti la Camera.
93
Il regolamento della Camera consente al suo Presidente di disporre anche la pubblicit dei lavori nella forma
televisiva diretta, mentre il pubblico e la stampa possono seguire lattivit delle Giunte e delle Commissioni in
separati locali attraverso impianti audiovisivi a circuito chiuso.
94
Tuttavia negli ultimi anni il ricorso alle sedute segrete stata quasi del tutto abbandonato, fatta eccezione per i
lavori della Commissione che svolgono funzioni di inchiesta.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 48
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Il c a l e n d a r i o d e i l a v o r i (cio la previsione degli ordini del giorno per un massimo


di due mesi) deve essere deliberato dai Presidenti dei gruppi la cui consistenza sia pari a 3/4
dei componenti della Camera.
In caso di mancato accordo, il programma e il calendario dei lavori sono predisposti dal
Presidente dellassemblea, tenendo conto delle direttive del Governo e inserendo nel
programma le proposte prevalenti.
Una volta deliberato, il calendario dei lavori viene stampato e distribuito a parlamentari, e
diventa impegnativo dopo la comunicazione allassemblea ed ai presidenti delle Commissioni.
Inoltre il calendario stesso viene inviato al Governo, affinch possa fare intervenire il proprio
rappresentante.
1.3.7.3. Deliberazioni.
1.3.7.3.1. Requisito
di validit della deliberazione: c.d. numero legale
Affinch ciascuna Camera possa validamente deliberare necessaria la presenza, nellaula,
della maggioranza assoluta dei suoi componenti95 (c.d. n u m e r o l e g a l e )96.
La presunzione e la verifica del numero legale
Daltra parte, in entrambe le Camere vige la p r e s u n z i o n e d e l n u m e r o l e g a l e
(si considera sempre presente in aula la met + 1 di parlamentari), che viene a cadere soltanto
quando almeno 20 deputati o 12 senatori (o lo stesso Presidente) richiedano l a v e r i f i c a
del numero legale.
Se dopo aver effettuato la verifica effettivamente non presente il numero minimo di
parlamentari richiesto, il Presidente pu sospendere la seduta per unora o rinviarla al primo
giorno non festivo successivo.
1.3.7.3.2. Quorum necessario per approvare una deliberazione: maggioranza relativa dei
presenti.
Le deliberazioni di ciascuna Camera e del Parlamento in seduta comune vengono adottate
a maggioranza dei presenti97 (cd. m a g g i o r a n z a s e m p l i c e o r e l a t i v a ), a meno che
la Costituzione non richieda una maggioranza speciale98.
1.3.7.3.2.1. Il
problema degli astenuti.
Si pone a questo punto, il problema degli a s t e n u t i , vale a dire di chi non vota n a
favore n contro.

95
M a g g i o r a n z a a s s o l u t a d e i c o m p o n e n t i : consiste nella met + 1 dei membri che
compongono ciascuna Camera: ad esempio, per la Camera dei deputati, formata da 630 membri, la maggioranza
assoluta dei componenti pari a 315 + 1.
96
Va, sottolineato che i regolamenti parlamentari considerano presenti, ai fini della determinazione di tale
maggioranza, anche gli assenti per incarico avuto dallAssemblea, i membri del Governo e (solo al Senato) i
senatori in congedo.
97
M a g g i o r a n z a d e i p r e s e n t i il numero corrispondente alla met + 1 dei membri di ciascuna
Camera che risultino presenti in aula: ad esempio, se dei 630 membri della Camera dei deputati fossero presenti
in aula solo 350 deputati, la maggioranza relativa sarebbe pari a 175 + 1.
98
La m a g g i o r a n z a s p e c i a l e : la maggioranza, superiore a quella relativa, richiesta per lapprovazione
di alcune deliberazioni parlamentari. In particolare le maggioranze speciali sono previste: per ladozione dei
regolamenti e delle relative modifiche; per la riduzione dei termini per lentrata in vigore della legge; per
ladozione di una legge costituzionale; per lelezione del Presidente della Repubblica; per la messa in stato
daccusa del Presidente della Repubblica.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 49
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Il R.C.D. dispone che ai fini della determinazione della maggioranza, sono considerati
presenti coloro che votano, quindi gli astenuti sono considerati come assenti; mentre nel
Senato ogni deliberazione presa a maggioranza dei senatori che partecipano alla votazione,
nel senso che gli astenuti sono calcolati ai fini di determinazione della maggioranza e dunque
sono considerati come presenti.
1.3.7.4. Ammissione dei membri del Governo.
Lart. 64 4 co. Cost. afferma che: I m e m b r i d e l g o v e r n o 99, a n c h e s e n o n
f a n n o p a r t e d e l l e C a m e r e 100, h a n n o d i r i t t o , e s e r i c h i e s t i
obbligo, di assistere alle sedute. Devono essere sentiti ogni
v o l t a c h e l o r i c h i e d o n o .
Lesigenza di coordinamento dellattivit di due organi (Parlamento e Governo) che, in una
democrazia parlamentare come la nostra, sono legati da un rapporto di fiducia, giustifica la
presenza di membri del Governo alle sedute delle Camere.
Per rafforzare tale dialogo, stata istituita anche la figura del M i n i s t r o p e r i
r a p p o r t i c o n i l P a r l a m e n t o , che ha il compito istituzionale di rappresentare le
istanze del Governo, e partecipare stabilmente alle sedute, svolgendo funzioni di raccordo.
1.3.7.5. Votazioni.
I regolamenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica prevedono che le
votazione nelle due assemblee siano di regola effettuate a s c r u t i n i o p a l e s e 101, tranne
per i casi in cui sia espressamente previsto il voto a s c r u t i n i o s e g r e t o 102: al di fuori di
queste ultime ipotesi, dunque la regola del voto segreto stata abrogata103.

99
Nella prassi parlamentare, i membri del Governo che possono intervenire alle sedute delle Assemblee sono il
Presidente del Consiglio, il vice-presidente del Consiglio, i singoli Ministri ed i sottosegretari.
100
La norma, incidentalmente, sancisce la compatibilit delle cariche di membro del Governo e del Parlamento
(a differenza di quanto avviene in altri Stati, ad esempio in Francia), ma consente anche che un ministro non sia
membro del Parlamento.
101
Nello s c r u t i n i o p a l e s e i voti sono espressi per: appello nominale; alzata di mano; divisione nellaula.
Possono essere anche utilizzati procedimenti elettronici.
102
Nello s c r u t i n i o s e g r e t o i voti sono espressi disponendo nelle urne una pallina bianca o una pallina
nera oppure apposita scheda.
103
Il ricorso allo scrutinio segreto , tuttavia, ancora previsto sia per la Camera sia per il Senato (e, comunque,
per tutte le deliberazioni assembleari) nei casi riguardanti i giudizi su persone, nonch, quando ne venga fatta
richiesta, per le votazioni che incidono:
sui principi e sui diritti di libert di cui agli artt. 6, da 13 a 22 e da 24 a 27 della Costituzione sia per la
Camera che per il Senato;
sui diritti della famiglia di cui agli artt. 29, 30 e 31 della Costituzione sia per la Camera sia per il
Senato;
sui diritti della persona e quelli di cui allart. 32 della Costituzione;
sulle modifiche relative al regolamento di ciascuna Camera;
sulle leggi ordinarie relative agli organi costituzionali dello Stato e agli organi delle Regioni (regola
prevista solo per la Camera);
sulle leggi elettorali (regola che vale solo per la Camera);
sulla istituzione di commissioni di inchiesta. Va ricordato che nei procedimenti in Commissione il
ricorso allo scrutinio segreto consentito solo per le votazioni riguardanti persone.
Il ricorso allo scrutinio segreto , comunque espressamente escluso per le votazioni concernenti: la legge
finanziaria; le leggi di bilancio; le deliberazioni che abbiano comunque conseguenze finanziarie.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 50
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.7.6. Ostruzionismo.
Per o s t r u z i o n i s m o t e c n i c o si intende luso esasperato, da parte dellopposizione
degli strumenti procedurali messi a disposizione dalla legge, al fine di impedire o di ritardare
che le scelte politiche della maggioranza si tramutino in leggi.
Dallo s t r u z i o n i s m o tecnico va distinto quello f i s i c o , cio quello che si manifesta
attraverso la violenza e che del tutto illecito.
Accanto allostruzionismo dellopposizione, esiste anche un o s t r u z i o n i s m o d i
m a g g i o r a n z a che consiste nella deliberata volont della maggioranza parlamentare di
non dare attuazione ai punti pi qualificati del programma di Governo.
1.3.8. Scioglimento e proroga delle Camere.
1.3.8.1. Scioglimento della camere.
L o s c i o g l i m e n t o d e l l e C a m e r e latto col quale si pone fine allattivit delle
assemblee rappresentative (o di una sola di esse) in vista della loro rinnovazione.
Le Camere possono essere sciolte, singolarmente o congiuntamente, dal Presidente della
Repubblica, sentiti i pareri obbligatori (ma non vincolati) dei relativi presidenti104.
1.3.8.1.1. I
casi in cui possono essere sciolte le Camere.
La Costituzione volutamente non indica i presupposti di esercizio del potere di
scioglimento delle Camere, per lasciare le pi ampie opportunit valutative al Presidente
rispetto al caso concreto.
Non vi dubbio, per, che presupposto fondamentale sia il deterioramento del rapporto di
fiducia intercorrente tra Governo e Parlamento.
Pertanto, il Presidente potr adottare il decreto di scioglimento:
quando sia stata approvata una mozione di sfiducia e non esistano le condizioni
politiche per la costituzione di una nuova maggioranza;
oppure quando, anche in difetto di una mozione di sfiducia, appaia palesemente
logorato il dialogo tra le forze politiche presenti in Parlamento;
o quando, infine, esistano indici sicuri di un distacco tra la volont del popolo e le
Camere, non pi adeguatamente rappresentative delle istanze del primo.
Una ulteriore ipotesi potrebbe essere linsanabile contrasto tra le due Camere, con
maggioranze tra loro diverse, eventualit non del tutto remota dal momento che la base
elettorale dei due rami del Parlamento diversa (per il Senato si vota soltanto al compimento
dei 25 anni); in tal caso il Presidente potrebbe, teoricamente, anche procedere allo
scioglimento di una sola Camera, anche se motivi di opportunit politica fino ad oggi hanno
imposto lo scioglimento di entrambi i rami del Parlamento.

104
Il parere obbligatorio, ma non vincolante, del Presidente del ramo del Parlamento che il Capo dello Stato
intende sciogliere, realizza una sorta di garanzia del contraddittorio o del giusto procedimento, essendo contrario
ai principi democratici adottare un provvedimento sfavorevole ad un soggetto senza, quanto meno, ascoltarne le
motivazioni. Non solo: i Presidenti delle Camere sono in grado, in virt dellimportante ruolo ricoperto, di
fornire al Presidente della Repubblica tutte le indicazioni necessarie alla sua decisione.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 51
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.8.2. Prorogatio
e proroga.
1.3.8.2.1. La prorogatio.
Lart. 61 2 co. Cost. della Costituzione stabilisce che Finch non siano riunite le nuove
Camere, sono prorogati i poteri delle precedenti.
La p r o r o g a t i o consente una s o p r a v v i v e n z a t e m p o r a n e a d e l l e
C a m e r e , nonostante la cessazione del loro mandato ordinario, per assicurare la continuit
di funzionamento dellorgano durante lintervallo necessario alla sostituzione del titolare di
esso.
La prorogatio, prevista dalla stessa Costituzione, opera ipso iure (a differenza della
proroga che un istituto eccezionale) e, stando al disposto del 1 co. del cit art. 61, non
dovrebbe superare i 90 giorni.
1.3.8.2.2. I
poteri delle Camere in regime di prorogatio.
Le Camere prorogate sono scadute, per cui possono compiere solo atti di ordinaria
amministrazione, in ossequio al principio generale del nostro ordinamento per cui gli organi
prorogati possono solo disbrigare gli affari correnti.
Si ricordi inoltre che esplicitamente previsto dalla Costituzione (art. 85 3 co.) che le
Camere in regime di prorogatio non possono procedere allelezione del Capo dello Stato.
1.3.8.3. La proroga.
La p r o r o g a consiste in un atto spontaneo del Parlamento che, mediante una legge105,
decide di rinviare le elezioni e di prorogare i propri poteri. La Costituzione ha decisamente
limitato tale ipotesi al solo caso di guerra106 (art. 60 Cost.).
1.3.9. Le elezioni politiche.
1.3.9.1. Sistemi
elettorali.
1.3.9.1.1. Nozione.
Per s i s t e m a e l e t t o r a l e , si intende quel complesso di regole e di procedure che
determinano le modalit con cui gli elettori esprimono il loro voto nonch il procedimento
con cui questi vengono tradotti in seggi107.
La Costituzione detta alcuni principi fondamentali sulla formazione e composizione delle
Camere, ma lascia alla legge ordinaria lintegrazione del sistema e le determinazione dei vari
momenti del procedimento elettorale.
1.3.9.1.2. Tipologia.
Al riguardo si opera una distinzione:
s i s t e m a m a g g i o r i t a r i o , in forza del quale si assegnano ai partiti che
abbiano ottenuto la maggioranza (relativa, assoluta o qualificata) tutti i seggi
attribuiti dal collegio. Tale sistema presenta innegabili vantaggi in quanto evita

105
Tale proroga pu essere disposta solo con legge, la quale, inoltre non pu essere approvata in commissione o
con procedimento abbreviato.
106
Il Costituente ha tassativamente escluso altre ipotesi di proroga per evitare un abuso di tale potere da parte
della maggioranza parlamentare che, una volta eletta, potrebbe prolungare allinfinito il proprio mandato
attraverso lapprovazione di successivi decreti di proroga, rinviando in tal modo le elezioni e sottraendosi al
giudizio degli elettori. Il rischio che il Costituente ha voluto evitare quello dellinstaurazione di una dittatura
della maggioranza.
107
S e g g i : con tale termine si intende il numero di Parlamentari eleggibile in una determinata circoscrizione.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 52
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

leccessivo frazionamento del sistema dei partiti, ed infine facilita laccesso alle
assemblee elettive di spiccate personalit. Al tempo stesso per ladozione di tale
sistema pu risultare inconveniente: infatti, esso opera un travisamento della
volont popolare sul piano nazionale, favorendo la polarizzazione fra i due partiti
maggiori e sottorappresentando i partiti minori;
con il s i s t e m a p r o p o r z i o n a l e si assegnano ai partiti un numero di seggi in
proporzione ai voti ottenuti, di modo che lassemblea eletta in questo modo finisce
col rispecchiare pi fedelmente la volont degli elettori. Per anche vero che un
sistema rigorosamente proporzionalistico, producendo un notevole frazionamento
allinterno delle assemblee elettive, rende pi difficile la formazione di efficienti e
durevoli maggioranze e perci pu generare pericoli di instabilit politica.
In estrema sintesi potremmo affermare che, mentre i sistemi proporzionali sono pi attenti
alla rappresentativit, i sistemi maggioritari curano maggiormente laspetto della
governabilit. Si tratta di esigenze in contrasto difficilmente conciliabili: le varie leggi
elettorali attuali tengono conto in maggiore misura delluna e dellaltra.
1.3.9.2. I partiti politici.
Lart. 49 Cost. afferma che: Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in
partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.
1.3.9.2.1. Nozione
I p a r t i t i p o l i t i c i sono associazioni di persone che hanno comuni ideologie ed
interessi e che, attraverso una stabile organizzazione, mirano ad esercitare una influenza sulla
determinazione dellindirizzo politico del Paese.
1.3.9.2.2. Divieti
Per consentire un corretto svolgimento della loro attivit i partiti politici sono sottoposti a
particolari divieti. Essi, infatti non possono:
assumere la forma di unassociazione segreta108, n avere una organizzazione di
carattere militare, per il divieto generale dellarticolo 18 Cost, che, memore delle
passate esperienze, ha espressamente vietato ogni forma di squadrismo o
neosquadrismo come strumento di propaganda politica
assumere simboli o contrassegni confondibili con simboli altrui o riproducenti
immagini religiose;
annoverare tra i loro iscritti (ex art. 98 Cost.): I) i militari di carriera in servizio
permanente effettivo; II) gli ufficiali ed agenti del corpo di polizia giudiziaria; III) i
magistrati; IV) i rappresentanti diplomatici e consolari allestero109.

108
La norma in esame stata chiamata in causa negli ultimi anni a proposito della Loggia massonica P2: a
differenza della Massoneria ufficiale, che non associazione segreta, in quanto ne sono noti associati, scopi e
sede, questa Loggia si attivata per coalizzare tutti gli elementi idonei ad attentare al corretto svolgimento delle
pubbliche funzioni, soprattutto inquinando la trasparenza dellattivit pubblica.
109
La ratio di tali esclusioni risiede nel fatto che queste particolari categorie di funzionari statali devono
considerarsi al s e r v i z i o e s c l u s i v o d e l l a n a z i o n e e, per la delicatezza delle loro funzioni
(contatto con le potenze straniere per i diplomatici; comando di truppe armate e quindi possibilit di golpe per
gli ufficiali di carriera, dovere di amministrare la giustizia in nome del popolo e non del partito per i
magistrati) il Costituente ha ritenuto necessario tenerli lontano da possibili interferenze dei partiti.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 53
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.9.3. Il
diritto al voto.
1.3.9.3.1. Nozione.
Il d i r i t t o d i v o t o il diritto di tutti i cittadini110 di eleggere i propri rappresentanti in
seno al Parlamento o negli altri organi rappresentativi dello Stato (Regioni, Province,
Comuni, Circoscrizioni).
1.3.9.3.2. Caratteristiche.
A norma della r t . 4 8 , C o s t . il v o t o :
c o n c e s s o a t u t t i g l i e l e t t o r i 111, ossia a norma dellart. 48 1co. Cost.
tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore et112
p e r s o n a l e , essendo esclusa la possibilit del voto per procura: lelettore deve
recarsi di persona nella sezione elettorale e segnare di proprio pugno la scheda.
Eccezioni sono ammesse soltanto per consentire lesercizio del diritto di voto agli
elettori fisicamente impediti (che possono farsi assistere in cabina elettorale da altro
elettore dello stesso Comune), per i degenti in luogo di cura e per i marittimi
imbarcati;
u g u a l e , nel senso che pari peso riconosciuto al voto di ogni elettore. Pertanto il
voto plurimo (elettori che possono votare pi volte) e il voto multiplo (elettori che
votano in pi circoscrizioni) non sono ammessi;
l i b e r o nel senso che lelettore non pu subire nessuna forma di pressione o
coazione a favore di un partito o di un candidato;
s e g r e t o , proprio per assicurare la libert, la segretezza viene assicurata dalla
predisposizione della scheda di Stato e delle cabine elettorali in cui lelettore deve
isolarsi per esprimere il suo voto. Una sola eccezione permessa, ed relativa a
coloro i quali sono del tutto impediti per motivi fisici, cio i ciechi: essi, per poter
votare, hanno bisogno di qualcuno che stia accanto a loro e che tenga loro la mano
n o n o b b l i g a t o r i o , in quando lesercizio del voto un d o v e r e c i v i c o 113
1.3.9.3.3. Limitazione
del diritto di voto
L a r t . 4 8 , 3 c o m m a , C o s t . dispone che Il diritto al voto non pu essere
limitato se non per incapacit civile114 o per effetto di sentenza penale irrevocabile115 o ne casi
di indegnit morale116 indicati dalla legge117.

110
Per consentire il diritto di voto, anche agli italiani allestero, stata istituita per ogni camera una
circoscrizione Estero (art. 48 2 co). A l l a n u o v a c i r c o s c r i z i o n e d e l l a C a m e r a s o n o
stati attribuiti 12 deputati mentre a quella del Senato 6 senatori.
111
Linsieme dei cittadini che godono dellelettorato attivo, formano il c o r p o e l e t t o r a l e . Lappartenenza
al corpo elettorale documentata dalliscrizione nelle liste elettorali, tenute presso il Comune di residenza.
112
Il requisito della maggiore et non sufficiente per lipotesi prevista dallart. 58 secondo il quale i soggetti
ammessi a votare per eleggere i membri del Senato devono aver compiuto almeno 25 anni.
113
La qualificazione del voto come dovere civico rappresenta una formula di compromesso, voluta per
appianare il contrasto tra i fautori dellobbligatoriet giuridica del voto e quelli che, ritenendolo espressione del
pi generale diritto di libert di manifestazione del pensiero, ne osteggiavano qualsiasi compressione e
sanzione. Il voto, come espressione della libera manifestazione del pensiero, infatti, pu anche non essere
esercitato (cd. libert negativa): cio un diritto di ciascun cittadino che non pu essere compresso, per cui del
tutto legittimo lastensionismo. Invero nessun cittadino pu essere costretto a recarsi alle urne, tant che la
stessa blanda sanzione (la menzione non ha votato nel certificato di buona condotta), prevista originariamente
per i non votanti, stata abrogata con il D.Lgs. 534/1993.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 54
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.10. Lo status di Parlamentare.


1.3.10.1. Le condizioni per il conferimento dellufficio di parlamentare.
Condizioni per il conferimento della carica di membro del
P a r l a m e n t o sono: I) regolarit del procedimento elettivo; II) assenza di cause di
incapacit; III) assenza di cause di ineleggibilit; IV) assenza di cause di incompatibilit.
1.3.10.1.1. Le
cause di incapacit.
Le c a u s e d i i n c a p a c i t sono quelle cause che escludono nel soggetto la titolarit
del diritto di voto (elettorato attivo) (es. minore det): chi non pu votare nelle elezioni, non
pu neppure farsi eleggere.
1.3.10.1.2. Le
cause di ineleggibilit e di incompatibilit.
Affinch un soggetto possa essere eletto deputato o senatore, occorre che non vi siano
cause di ineleggibilit e incompatibilit.
Lart. 65 1 Cost. afferma che: La legge determina i casi di ineleggibilit e di
incompatibilit con lufficio del deputato o senatore.
1.3.10.1.2.1. Ineleggibilit
Nozione.
Li n e l e g g i b i l i t designa linsieme di quegli impedimenti di natura giuridica
preesistenti allelezione, che non consentono ad un soggetto (elettore: cio titolare del diritto
di voto) di essere eletto ad una determinata carica pubblica.
Conseguenza dellesistenza di cause di ineleggibilit sono:
linvalidit dellelezione, se la causa s verificata prima dellelezione;
decadenza (eventuale) dallufficio di parlamentare, se la causa si verificata
successivamente
Ratio.
In genere lineleggibilit dovuta alla particolare carica ricoperta dal soggetto, che
potrebbe porlo in una posizione di vantaggio rispetto ad altri candidati o potrebbe comunque
determinare una pressione sulle scelte degli elettori.
Casi.
Sono ineleggibili:

114
I n c a p a c i t c i v i l e : la condizione giuridica di chi, a causa di determinate alterazioni psico-fisiche
(infermit di mente, prodigalit, sordomutismo etc.), dichiarato, con sentenza del giudice civile, totalmente
(interdizione) o parzialmente (inabilitazione) incapace di attendere ai propri interessi. L a r t . 1 1 d e l l a
legge 180/1978 ha ammesso allelettorato attivo anche gli interdetti e
gli inabilitati per infermit di mente e, pertanto, il limite
costituzionale dellincapacit civile ormai inoperante.
115
S e n t e n z a p e n a l e i r r e v o c a b i l e : irrevocabile il provvedimento del giudice penale non pi
modificabile da giudici di grado superiore, cio non pi appellabile n ricorribile per Cassazione. Perdono il
diritto di voto coloro che sono condannati a una pena che importa linterdizione perpetua dai pubblici uffici,
mentre linterdizione temporanea comporta la sospensione dal diritto di voto, per tutto il tempo della sua durata.
116
I n d e g n i t m o r a l e : questa particolare esclusione dallelettorato attivo riguarda gli imprenditori
dichiarati falliti, coloro che sono sottoposti a misure di prevenzione, a misure di sicurezza detentive (ad esempio,
lospedale psichiatrico giudiziario), alla libert vigilata o al divieto di soggiorno in uno o pi Comuni.
117
Si ricordi, che stato abrogato il primo comma della XXIII disp. Trans., in base al quale i membri e
discedenti di Casa Savoia non potevano essere elettori n ricoprire uffici pubblici o cariche elettive (l.cost.
1/2002).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 55
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

i presidenti delle Giunte provinciali, i sindaci dei Comuni con popolazione


superiore ai 20.000 abitanti, il capo e vice capo della polizia, gli ispettori generali
di pubblica sicurezza, i capi di Gabinetto dei Ministeri, i commissari del Governo, i
prefetti e i vice-prefetti, gli ufficiali superiori delle Forze armate nella
circoscrizione del loro comando territoriale;
i magistrati, esclusi quelli in servizio presso le giurisdizioni superiori, nelle
circoscrizione sottoposte totalmente o parzialmente alla giurisdizione degli uffici ai
quali si trovano assegnati o presso i quali esercitano le loro funzioni per un periodo
compreso nei sei mesi antecedenti la data di accettazione della candidatura;
i diplomatici, i consoli, i viceconsoli, gli ufficiali addetti alle ambasciate, legazioni
e consolati esteri e tutti coloro che abbiano impiego da Governi esteri;
coloro che hanno determinati rapporti di ordine economico con lo Stato118;
i giudici della Corte Costituzionale.
1.3.10.1.2.2. Lincompatibilit.
Nozione.
Li n c o m p a t i b i l i t designa quella situazione che si determina quando una medesima
persona ricopre contemporaneamente due cariche pubbliche tra loro confliggenti.
In questo caso, il soggetto deve scegliere luna o laltra carica. Lincompatibilit non
impedisce, quindi, la regolare elezione ad una carica (come accade per lineleggibilit), ma
impone solo una scelta fra la nuova e la precedente.
Casi.
Diverse cause di incompatibilit sono fissate dalla stessa Costituzione. Innanzitutto va
detto che chi copre la carica di senatore non pu coprire contemporaneamente quella di
deputato (art. 65 2 co. Cost.).
Inoltre la status di parlamentare incompatibile con lassunzione delle seguenti cariche: I)
Presidente della Repubblica; II) membro del Consiglio Superiore della Magistratura; III)
membro di Consiglio o di una Giunta regionale; IV) membro della Corte Costituzionale;
membro del CNEL; V) membro del Parlamento Europeo; VI) membro di assemblea
legislativa o di organo esecutivo, in Stati esteri119.
1.3.10.2. La verifica dei poteri.
Appena proclamato eletto, il candidato assume immediatamente la qualit di deputato o
senatore e pu esercitare le funzioni inerenti al suo ufficio.
Per assicurare per, il rispetto della legalit, la sua elezione viene sottoposta ad un
controllo, che prende il nome di v e r i f i c a d e l l e e l e z i o n i o v e r i f i c a d e i

118
Imprenditori o rappresentanti legali di societ o imprese che risultino vincolati per contratti dopere o di
somministrazioni o da concessioni o autorizzazioni amministrative; rappresentanti, amministratori e dirigenti di
societ e imprese sussidiate dallo Stato; i consulenti legali e amministrativi delle imprese di cui sopra.
119
N o n e s i s t e invece i n c o m p a t i b i l i t c o n i p u b b l i c i i m p i e g h i , tanto vero che i
pubblici impiegati eletti al Parlamento, sono posti dufficio in aspettativa per tutta la durata del mandato per, in
questo periodo non possono conseguire nessun tipo di promozione, se non per motivi di anzianit.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 56
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

p o t e r i , svolta da ciascuna Camera120 allo scopo di controllare il corretto svolgimento della


competizione elettorale che ha portato allelezione del candidato, accertando anche che a
carico degli eletti (deputati o senatori) non vi siano cause di ineleggibilit o di incompatibilit
(in tal caso si parla di g i u d i z i o s u i t i t o l i d i a m m i s s i o n e o d i c o n v a l i d a )
oppure che tali cause non sopravvengano nel corso del mandato (in questa ipotesi si tratta di
u n g i u d i z i o s u l l e c a u s e d i d e c a d e n z a )121.
Lorgano al quale spetta il compito di procedere alle verifiche dei titoli , alla Camera, la
Giunta per le elezioni e, al Senato, la Giunta delle elezioni e delle immunit
1.3.10.3. Rapporto tra parlamentare e corpo elettorale.
A norma dellart. 67 Cost. Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed
esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato
Tale norma ha inteso affermare due principi: quello della rappresentanza nazionale e quella
de divieto di mandato imperativo.
1.3.10.3.1. Il
principio della rappresentanza nazionale.
Secondo il p r i n c i p i o d e l l a r a p p r e s e n t a n z a n a z i o n a l e , il parlamentare
rappresenta il popolo nella sua unit, al di l degli interessi particolari di coloro che lo hanno
scelto. Ci non impedisce alleletto di farsi carico dei bisogni dei suoi votanti, ma esige una
valutazione che tenga conto degli interessi complessivi di tutto il Paese.
1.3.10.3.1.1. Rappresentanza
politica.
Va precisato che i parlamentari non sono rappresentanti in senso tecnico del popolo, ma
sono politicamente responsabili di fronte al popolo.
Si tratta, quindi, di un rapporto di fiducia e di responsabilit politica non inquadrabile nel
rapporto giusprivatistico della rappresentanza: infatti tali rappresentanti esercitano poteri
che non fanno capo alla figura del rappresentato, ma rientrano nella specifica e diretta sfera di
attribuzione loto spettanti a seguito dellelezione politica.
1.3.10.3.2. Il
divieto del mandato imperativo.
Secondo la nozione privatistica, il mandato il contratto col quale una parte si obbliga a
compiere uno o pi atti giuridici per conto dellaltra (art. 1703 c.c.). Il mandatario (cio colui
che ha ricevuto lincarico) tenuto ad eseguire il mandato con diligenza, a informare il
mandante (colui da cui lincarico proviene) delle circostanze sopravvenute che possano
incidere sul rapporto, e a rendergli conto del proprio operato.
Un legame cos forte non pu costituirsi fra gli elettori e leletto, il quale non deve essere
vincolato da alcuna direttiva esterna nellesercizio delle sue funzioni. Ci perch la
rappresentanza politica, per la sua ampiezza ( rappresentanza di idee, di bisogni), non pu
essere circoscritta in un cos ristretto ambito.

120
In base allart. 66 Cost., C i a s c u n a C a m e r a g i u d i c a d e i t i t o l i d i a m m i s s i o n e d e i
suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilit e di
i n c o m p a t i b i l i t .
121
Si noti, infine, che questo ampio sistema di garanzia non previsto per i Consigli regionali, ai quali non
attribuito il giudizio dei titoli di ammissione dei loro componenti n delle cause sopraggiunte di ineleggibilit e
incompatibilit (sent. C. Cost. 30-6-64, n. 66).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 57
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Ne consegue che ciascun parlamentare, nello svolgimento della sua attivit, pu agire
liberamente al di l delle promesse fatte per essere eletto, non pu essere revocato dai suoi
elettori fino alla normale scadenza del mandato, n pu essere chiamato a rispondere,
civilmente o penalmente (salvo che commetta atti illeciti), per il modo in cui ha esercitato il
proprio mandato.
La mancanza di una responsabilit giuridica del parlamentare nei confronti dei propri
elettori non esclude, per, una sua responsabilit politica, che il corpo elettorale pu far valere
solo in sede di nuove elezioni, allorquando avr la possibilit di esprimere un giudizio
sulloperato del parlamentare che si ripresenta candidato, confermandogli o negandogli (nel
caso la condotta del parlamentare non abbia risposto alle aspettative) la propria preferenza122.
1.3.10.4. Prerogative dei parlamentari.
Affinch i parlamentari possono svolgere senza interferenze, la loro funzione, gli vengono
accordati una serie di p r e r o g a t i v e
Tali prerogative sono irrinunciabili in quanto non costituiscono privilegi personali,
riconosciuti ai membri delle assemblee legislative, ma perseguono il fine di tutelare la
regolarit e lindipendenza del mandato parlamentare, in ossequio il principio del rispetto
della piena rappresentativit degli organi elettivi.
1.3.10.4.1. Insindacabilit.
Lart. 68 1 co. afferma che: I membri del Parlamento non possono essere chiamati a
rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nellesercizio delle loro funzioni123.

122
Il problema del vincolo di mandato si propone in tutta la sua complessit in relazione ai rapporti che si
instaurano tra membro del Parlamento e partito politico di appartenenza. La linea politica adottata dal partito,
infatti, si sovrappone il pi delle volte agli orientamenti personali del parlamentare, cos che questi viene ritenuto
un mero portavoce del partito in seno al Parlamento: i casi di ribellione alle direttive del partito sono puniti
con severe sanzioni disciplinari, che possono giungere fino allespulsione dal partito.
Talvolta, in passato, i partiti subordinavano linclusione di un candidato nella propria lista alla preventiva
consegna di una domanda di dimissioni con data in bianco, diretta alla Presidenza della Camera, per cautelarsi
contro eventuali dissensi del parlamentare eletto nelle loro liste (dimissioni rilasciate in bianco).
Altra tecnica adottata era quella della deposizione anticipata del mandato: i partiti esigevano che il parlamentare
si obbligasse ad abbandonare la carica in qualunque momento, su semplice loro richiesta (es. la rotazione
prevista dal partito radicale a met mandato).
Pi di recente, la questione dei rapporti fra parlamentare e partito di appartenenza si riproposta nel nostro paese
in occasione della fuoriuscita dei parlamentari della Lega Nord dalla coalizione di governo (Polo delle libert)
nella quale si erano presentati alle elezioni del 27 marzo 1994 (il famoso ribaltone).
In quelloccasione fu affermato che il meccanismo elettorale maggioritario, spingendo lelettore a votare anche il
candidato di un partito diverso dal proprio, ma pur sempre appartenente alla stessa coalizione, imporrebbe agli
eletti che volessero uscire da quella coalizione di ripresentarsi davanti agli elettori per ottenere un nuovo
mandato.
123
Un eccezione alla guarentigia dellinsindacabilit contenuta nei regolamenti della Camera e del Senato, i
quali prevedono che, quando nel corso di una discussione una deputato od una senatore sia accusato di fatti che
ledano la sua onorabilit, pu chiedere al Presidente dellAssemblea di nominare una commissione, il c.d.
g i u r d o n o r e , il quale chiamato a giudicare sul fondamento dellaccusa. Leo conclusioni della
commissioni vengono comunicate al Presidente dellAssemblea il quale pu anche emanare una sanzione
disciplinare a carico del parlamentare accusato.
Le s a n z i o n i d i s c i p l i n a r i a c a r i c o d e i p a r l a m e n t a r i consistono: I) nel richiamo
allordine nel caso in cui il parlamentare pronunci parole sconvenienti o turbi con il suo contegno la libert delle
discussioni e lordine della seduta; II) nellesclusione dallaula per il resto della seduta dopo un secondo
richiamo allordine o nei casi pi gravi; III) nella censura, con linterdizione a partecipare ai lavori parlamentari
per un determinato periodo di tempo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 58
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La norma ha il preciso scopo di evitare che il parlamentare possa sentirsi in qualche modo
condizionato nellesprimere il proprio pensiero per il timore di dover rendere conto (in sede
civile, penale o disciplinare) dellattivit svolta: tale prerogativa non ha limiti di durata dal
momento che, anche quando cessa il mandato, il parlamentare non pu comunque essere
perseguito per le opinioni espresse allepoca in cui ricopriva quella carica124.
1.3.10.4.2. Immunit
penale.
Lart. 68 2 co. Cost. stabilisce che: Senza autorizzazione della Camera125 alla quale
appartiene, nessun membro del Parlamento pu essere sottoposto a perquisizione personale o
domiciliare, n pu essere arrestato o altrimenti privato della libert personale, o mantenuto in
detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia
colto nellatto di commettere un delitto per il quale previsto larresto obbligatorio in
flagranza.
Lart. 68 3 co. Cost. inoltre afferma che: Analoga autorizzazione richiesta per
sottoporre i membri del Parlamento a intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o
comunicazioni e a sequestro di corrispondenza
Pertanto consentito
sottoporre ad indagini i parlamentari, senza la necessit di richiedere un preventiva
autorizzazione a procedere da parte della Camera di appartenenza126;
arrestare il parlamentare, quando vi una sentenza irrevocabile di condanna;
trarre in arresto il parlamentare, nel caso in cui sia colto nellatto di commettere un
reato per cui previsto larresto obbligatorio (art. 380 c.p.p.).
Non consentito dallautorit giudiziaria, senza la preventiva autorizzazione della Camera
(c.d. autorizzazione a procedere) a cui appartiene:
sottoporre, a perquisizione personale o domiciliare il parlamentare;
arrestare o comunque privare della libert personale il membro del Parlamento, ad
accessione de due casi prima citati (sentenza irrevocabile ed arresto in flagranza);

124
Linsindacabilit non si estende alle affermazioni rese dal Parlamentare in qualit di privato cittadino e non
collegabili in alcun modo al suo ufficio: se cos non fosse, la norma conferirebbe un ingiusto privilegio, ponendo
il parlamentare in una condizione di superiorit rispetto agli altri cittadini. Una delle questioni pi dibattute in
passato riguardava il luogo dellinsindacabilit: in pratica, ci si chiedeva se essa valesse soltanto per i voti e le
opinioni espresse nellaula parlamentare oppure dovesse estendersi anche allattivit politica svolta fuori dalle
consuete sedi istituzionali (comizi, congressi di partito, dibattiti televisivi, etc.). opinione prevalente in dottrina
che la tutela operi anche al di fuori delle sedi istituzionali, sebbene ci possa privilegiare il parlamentare uscente
rispetto agli altri candidati alle elezioni, che non godono di tale prerogativa.
125
La r i c h i e s t a d i a u t o r i z z a z i o n e deve essere inoltrata dal giudice al Presidente della Camera di
appartenenza del parlamentare, che la trasmette ad un apposito organo interno, la Giunta per le autorizzazioni (al
Senato denominata Giunta per le elezioni e le immunit). Dopo lesame della Giunta, la richiesta viene
sottoposta, insieme ad un parere favorevole o contrario, allAssemblea, cui spetta la decisione di concedere o
negare lautorizzazione. Le Camere, in tal caso, possono negarla solo se riscontrano che tale richiesta abbia
intenti persecutori o intimidatori nei confronti dei suoi membri.
126
Prima della riforma del 93, limmunit dei parlamentari era molto pi estesa in quanto era necessaria
lautorizzazione anche per avviare indagini a carico di un deputato o di un senatore o per arrestarlo, pur in
presenza duna condanna irrevocabile. Sullonda delle inchieste giudiziarie di Mani pulite e dei referendum
contro la partitocrazia, il Parlamento si deciso ad approvare la legge costituzionale n. 3 del 1993, che ha ridotto
lambito di applicabilit dellimmunit penale al fine di evitare il ripetersi di abusi di tale prerogativa.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 59
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

procedere ad intercettazioni delle conversazioni o comunicazioni e a sequestro della


corrispondenza.
1.3.10.4.2.1. Ratio
Scopo della disposizione di consentire al parlamentare di svolgere il suo mandato
liberamente, senza temere che lautorit amministrativa o giudiziaria possa far uso di
provvedimenti restrittivi della sua libert per condizionarne loperato (si pensi agli effetti che
potrebbe avere larresto, anche provvisorio, di alcuni membri del Parlamento in coincidenza
di una votazione per la quale si prevede uno scarto di voti molto esiguo).
La norma tutela, quindi, la funzione di cui il Parlamentare investito, e non la sua persona,
pertanto, quando si dimostri che non vi alcun intento persecutorio nel provvedimento
restrittivo della libert, non sussiste motivo per negare lautorizzazione.
1.3.10.4.3. Indennit.
Lart. 69 Cost. afferma che: I membri del Parlamento ricevono una indennit stabilita
dalla legge.
Li n d e n n i t una somma di denaro corrisposta al parlamentare per garantire che
svolga la propria funzione con decoro e indipendenza economica. Non va assimilata alla
retribuzione che, invece, rappresenta il corrispettivo della prestazione di lavoro subordinato.
Accanto allindennit, i parlamentari godono anche di una d i a r i a a titolo di rimborso
delle spese per soggiorno a Roma; tale cifra dovuta solo nellipotesi in cui tale presenza si
protragga per almeno 15 giorni al mese.
1.3.10.5. Cessazione dellufficio di parlamentare.
Lufficio del parlamentare pu cessare per le seguenti cause:
f i n e d e l l a l e g i s l a t u r a (o scioglimento anticipato delle Camere);
d i m i s s i o n i v o l o n t a r i e , le quali hanno efficacia solo nel momento in cui
siano accettate dalla Camera di appartenenza;
d e c a d e n z a viene pronunciata dalla Camera se:
o sia intervenuta unincompatibilit che comporti la decadenza automatica
(es. elezione del parlamentare alla carica del Presidente della Repubblica);
o sia venuto meno uno dei requisiti di eleggibilit;
o siano state violate norme relative alla disciplina della campagna elettorale;
o si sia verificata unincompatibilit e il parlamentare abbai optato per
unaltra carica, incompatibile con il mandato parlamentare;
o durante la campagna elettorale il candidato eletto abbia superato il limite
massimo di spesa consentito per un ammontare pari o superiore al doppio;
annullamento dellelezione;
morte127.

127
Se nel corso della legislatura il deputato o il senatore eletto in un collegio uninominale muore o si dimette, di
dovr procedere ad una nuova elezione nel collegio di appartenenza: si tratta delle c.d. e l e z i o n i
s u p p l e t i v e , che spesso rappresentano un importante indicatore del consenso di cui gode lEsecutivo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 60
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.11. Le leggi.
1.3.11.1. Nozione di legge.
Per l e g g e , in via generale, si intende un atto dello Stato che fissa regole generali ed
astratte che vincolano tutti i cittadini.
Il termine legge ricorre sia nei testi legislativi che nella stessa Costituzione:
come sinonimo di diritto (per indicare qualunque fonte normativa e qualunque
norma giuridica positiva);
per indicare talune fonti specifiche del diritto, tra cui la legge posta in essere dal
Parlamento.
1.3.11.2. Leggi formali e materiali. Leggi meramente formali.
1.3.11.2.1. Legge in senso formale.
Si definiscono l e g g i i n s e n s o s t r e t t o o f o r m a l i tutti gli atti deliberati dalle
due Camere o, comunque, da un organo cui attribuita dalla costituzione la funzione
legislativa (Consigli regionali e Consigli provinciali di Trento e Bolzano) secondo il
procedimento disciplinato dagli artt. 70 e ss. Cost., dai regolamenti parlamentari, dagli statuti
regionali e dai regolamenti dei Consigli regionali e provinciali.
In altri termini sono leggi in sento stretto: I) le leggi ordinarie emanata dal Parlamento; II)
le leggi revisione della costituzione; III) le leggi costituzionali; IV) le leggi regionali emanate
dai Consigli regionali; V) le leggi provinciali emanate dai Consigli provinciali di Trento e
Bolzano.
1.3.11.2.1.1. Legge
ordinaria.
La l e g g e o r d i n a r i a la legge deliberata dal Parlamento secondo il procedimento
disciplinato, nelle sue linee essenziali, dagli artt. 70 ss. Cost. e, pi ampiamente, dai
regolamenti parlamentari.
Il regime giuridico.
Lappartenenza al tipo legge ordinaria comporta lassoggettamento a un r e g i m e
g i u r i d i c o p e c u l i a r e , sinteticamente riassunto dallespressione forza o valore di
legge.
In particolare la legge ordinaria:
idonea a modificare o abrogare, nellambito della sua competenza, qualsivoglia
disposizione vigente, fatta eccezione per quelle di rango costituzionale;
in grado di resistere allabrogazione e alla modificazione da parte di fonti ad essa
subordinate;
pu essere soggetta al controllo di conformit alla Costituzione e alle altre
disposizioni di rango costituzionale soltanto da parte della Corte Costituzionale;
pu essere sottoposta a referendum abrogativo ex articolo 75 Cost.
1.3.11.2.2. Legge
in senso materiale.
Per l e g g e i n s e n s o m a t e r i a l e si intendono tutti gli atti a contenuto normativo,
indipendentemente dagli organi che li pongono in essere e quale che sia il procedimento della
loro formazione (gli atti aventi forza di legge del Governo rientrano in questa categoria).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 61
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.11.2.3. Leggi
meramente formali.
La dottrina ha delineato anche la figura delle l e g g i m e r a m e n t e f o r m a l i che, pur
avendo aspetto formale di legge, non hanno contenuto normativo, non sono in grado, cio, di
innovare il diritto oggettivo128.
1.3.11.2.3.1. Leggi
di indirizzo e di controllo
Tra la categoria delle leggi meramente formali, rientrano le l e g g i d i i n d i r i z z o e
d i c o n t r o l l o , mediante le quali il Parlamento esercita poteri di controllo e dindirizzo
politico.
Queste leggi sono tali solo formalmente, in quanto non contengono norme giuridiche (non
sono fonte di diritto in senso tecnico) ma si limitano ad approvare atti gi compiuti dagli
organi competenti (leggi di approvazione) oppure a costituire il presupposto di efficacia e
validit di atti non ancora compiuti da tali organi (legge di autorizzazione).
In queste leggi la funzione di indirizzo si intreccia strettamente con quella di controllo,
esercitandosi su attivit che rientrano nella competenza di altri organi, soprattutto
dellEsecutivo.
Sono leggi di indirizzo e di controllo: I) le legge di approvazione del bilancio129; II) la
legge finanziaria130; III) le leggi di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali131; IV)
la legge di amnistia e indulto132; V) la legge di deliberazione dello Stato di guerra133.

128
Per diritto oggettivo, o norma agendi, si intende il complesso di norme giuridiche che prescrivono ai soggetti
un dato comportamento, che pu essere positivo (obbligo) o negativo (divieto).
129
L e g g e d i a p p r o v a z i o n e d i b i l a n c i o : la legge con la quale il Parlamento assume le
principali decisioni di finanza pubblica, autorizzando il Governo alleffettuazione delle spese ed allacquisizione
delle entrate.
130
L e g g e f i n a n z i a r i a : Legge che, ai sensi dellart. 11 della L. 468/78 come modificato dalla L. 362/88 e
dalla L. 208/99, ha lo scopo di: disporre annualmente, in coerenza con gli obiettivi fissati dal documento di
programmazione economico-finanziaria (c.d. D.P.E.F.), il quadro di riferimento finanziario per il periodo
compreso nel bilancio pluriennale; provvedere alla regolazione annuale delle grandezze previste dalle
disposizioni legislative al fine di adeguare gli effetti finanziari agli obiettivi. La legge finanziaria non pu
contenere, inoltre, norme di delega, di carattere ordinamentale oppure organizzatorio, ma solo norme che hanno
effetti finanziari a partire dal primo anno considerato nel bilancio pluriennale. Inoltre, nel pieno rispetto dellart.
81 della Costituzione, la legge fi non pu introdurre nuove imposte, tasse e contributi n pu disporre nuove o
maggiori spese, ad eccezione di alcune limitate ipotesi. Il disegno di legge finanziaria va presentato, entro il 30
settembre, dal Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica.
131
L e g g i d i a u t o r i z z a z i o n e a r a t i f i c a r e t r a t t a t i i n t e r n a z i o n a l i : con esse le
Camere autorizzano la ratifica dei trattati di natura politica o che prevedono arbitrati o regolamenti giudiziari o
importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di leggi.
132
L e g g i d i a m n i s t i a e d i i n d u l t o : sono i provvedimenti mediante i quali il Parlamento concede
clemenza ai colpevoli di un reato, estinguendo il reato (amnistia) o condonando in tutto in parte la pena (indulto).
Lart. 79 Cost. richieda una maggioranza molto elevata (i due terzi di ciascuna Camera) per lapprovazione della
legge di amnistia e indulto. Si ricordi che amnistia e indulto non possono applicarsi ai reati commessi
successivamente alla presentazione del disegno di legge.
133
Lo s t a t o d i g u e r r a una dichiarazione complessa e delicata di indirizzo politico alla quale concorrono
tre organi costituzionali distinti, ciascuno titolare di competenze autonome: I) il Parlamento, che con atto
bicamerale in tempi rapidi delibera lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari (art. 78 1 co.
Cost.); II) il Presidente della Repubblica, che in veste di rappresentante della nazione lunico titolare del potere
di dichiarare lo stato di guerra (art. 87 9 co. Cost.); III) il Governo, che destinatario (attraverso il Consiglio
supremo di difesa), ex art. 78 Cost., di poteri extra ordinem necessari per far fronte a tale situazione. Lo stato di
guerra disposto con un atto di legge formale che non ha forza di legge (innovativa) bens funge da presupposto
per lentrata in vigore della legislazione eccezionale prevista per il tempo di guerra.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 62
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.11.3. Riserve
di legge
1.3.11.3.1. Nozione.
Si ha una r i s e r v a d i l e g g e quando una norma costituzionale riserva, appunto alla
legge ordinaria e agli atti aventi forza di legge134, la disciplina di una determinata materia,
escludendo pertanto (o ammettendo solo in parte) che essa possa essere oggetto del potere
regolamentare del Governo.
1.3.11.3.2. Tipologia.
1.3.11.3.2.1. Assoluta e relativa.
Assoluta.
Si ha r i s e r v a d i l e g g e a s s o l u t a quando una determinata materia deve essere
interamente regolata dalla legge o da atti aventi forza di legge.
Nelle materie riservate in via assoluta alla legge ordinaria o agli aventi forza di legge135,
resta pertanto escluso lesercizio del potere regolamentare del Governo, a meno che si tratti di
regolamenti di stretta esecuzione, dati i ristretti limiti entro i quali questi possono essere
emanati.
Si ricordi che nel caso in cui una materia ricoperta da riserva assoluta, sia oggetto di un
progetto di legge, questo potr essere discusso in commissione solo in sede referente.
Relativa.
Si ha r i s e r v a d i l e g g e r e l a t i v a quando si richiede soltanto che la legge detti la
disciplina di principio, sugli aspetti essenziali della materia, in modo da contenere la
successiva disciplina posta dallautorit amministrativa nei limiti dei principi enunciati dalla
legge stessa.
Tale tipo di riserva ammette dunque lintervento del potere normativo del Governo
attraverso i regolamenti autorizzati, di organizzazione, ed i c.d. regolamenti di attuazione,
dato che linteresse tutelato appare soddisfatto con la determinazione legislativa di
principio.
1.3.11.3.3. Rinforzata
e semplice.
Sia la riserva assoluta che quella relativa possono poi essere r a f f o r z a t e quando la
Costituzione non si limita a rinviare puramente e semplicemente alla legge (nel qual caso si
parla di riserva s e m p l i c e ), ma disciplina essa stessa parte della materia ponendo, in tal
modo, altrettanti limiti alla discrezionalit del legislatore136.
1.3.11.3.4. Costituzionale.
Si ha r i s e r v a d i l e g g e c o s t i t u z i o n a l e quando la costituzione espressamente
dispone che determinate materie debbano essere regolate con legge costituzionale.
Sono riservati a legge costituzionale: I) il conferimento delliniziativa legislativa per le
leggi ordinarie della Stato; II) ladozione degli Statuti delle Regioni ad autonomia speciale;

134
Va precisato cha a volte la riserva fa riferimenti esplicitamente alla sola legge ordinaria del Parlamento:
r i s e r v a d i l e g g e f o r m a l e (es. artt, 77 e 78 Cost.).
135
Sono casi di riserva di legge solo quelli previsti dagli artt. 13, 14, 15, 25, 41, 44 e 95 Cost. chiaro quindi
che la riserva assoluta di legge si applica prevalentemente nel capo penale e di quello dei diritti e delle libert
fondamentali dei cittadini.
136
Un tipico esempio di riserva rafforzata, quella contenuta nellart. 97, a norma del quale la legge deve
disciplinare lorganizzazione dei pubblici uffici in modo che siano assicurati il buon andamento e limparzialit
dellamministrazione.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 63
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

III) la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni; IV) le forme, le condizioni
e i termini dei giudizi di legittimit costituzionale, nonch le garanzie dindipendenza dei
giudici della Corte Costituzionale.
1.3.11.3.5. Esplicita
e implicita.
Infine la riserva di legge pu essere e s p l i c i t a o i m p l i c i t a 137, a seconda se si ricavi
espressamente dalla Costituzione.
1.3.12. Il procedimento legislativo per leggi ordinarie.
Ogni procedimento diretto allemanazione di un atto legislativo viene di regola distinto
nelle seguenti fasi essenziali:
fase di iniziativa;
fase deliberativa o costitutiva;
fase integrativa dellefficacia.
1.3.12.1. La fase di iniziativa.
Li n i z i a t i v a l e g i s l a t i v a si esercita con la presentazione di un p r o g e t t o d i
l e g g e ad una delle Camere indistintamente. A seguito della presentazione ogni Camera
tenuta a deliberare sul progetto di legge.
1.3.12.1.1. Titolari
del potere di iniziativa legislativa.
Titolari del potere di iniziativa legislativa (art. 71 Cost.) sono:
1.3.12.1.1.1. Il
Governo.
Liniziativa governativa la pi importante, perch il Governo lorgano che meglio di
tutti pu valutare lopportunit di porre in essere nuovi provvedimenti legislativi e perch ha
un rapporto fiduciario col Parlamento138.
Essa si esercita mediante la presentazione di d i s e g n i d i l e g g e 139 (redatti in articoli),
deliberati dal Consiglio dei Ministri e autorizzati dal Presidente della Repubblica (con decreto
controfirmato).
1.3.12.1.1.2. I
singoli parlamentari.
Ciascun membro del Parlamento, da solo o unitamente a altri parlamentari (o ciascun
gruppo parlamentare), pu presentare una p r o p o s t a d i l e g g e 140 alla Camera cui
appartiene.

137
Una riserva di legge implicita contenuta nellart. .72, IV Cost., Cost. il quale, esclude che possa essere
adottato un procedimento di formazione diverso da quello ordinario, per i disegni di legge in materia
costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare i tratta
internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi.
138
Non a caso, la stessa Costituzione a riservare al Governo liniziativa di alcune leggi, come quelle di
approvazione dei bilanci e del rendiconto consuntivo (art. 81 Cost.). alcuni autori vi includono anche le leggi di
autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali e le leggi di conversione dei decretilegge, in considerazione
del fatto che il Governo a condurre trattative internazionali a ed emanare i decretilegge.
139
Si differenziano dalle proposte e dai progetti di legge in quanto, rispetto a questi sono pi completi,
contenendo gli elementi e le informazioni necessarie. Essi, inoltre, sono in grado di indicare la copertura delle
eventuali nuove spese e rispondono in pieno allindirizzo politico di maggioranza. Per tali ragioni sono i pi
autorevoli fra tutti i progetti di legge.
140
P r o p o s t e d i l e g g e : secondo la terminologia in uso nel Parlamento, indica i progetti di legge
presentati dai singoli deputati, dal Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro, dalle Regioni e attraverso
liniziativa popolare. Con il termine disegni di legge vengono, invece, indicati i progetti di legge presentati dal
Governo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 64
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.12.1.1.3. Il
CNEL.
In forza dellart. 99 Cost. il C.N.E.L. pu proporre al Parlamento p r o p o s t e d i l e g g e
redatte in articoli ed adottati a maggioranza dei suoi membri.
La prima legge che disciplinava lorganizzazione del CNEL (L. 33/57, successivamente
abrogata) limitava il potere di iniziativa alla sola materia delleconomia e del lavoro; tale
vincolo non stato riproposto nella nuova legge (la n. 936 del 1986), per cui liniziativa
legislativa del CNEL non incontra attualmente alcuna limitazione.
1.3.12.1.1.4. Il
corpo elettorale.
La Costituzione repubblicana ha introdotto per la prima volta nellordinamento italiano
listituto delli n i z i a t i v a l e g i s l a t i v a p o p o l a r e (art. 71 2 co.).
Il popolo esercita liniziativa legislativa mediante presentazione di una p r o p o s t a d i
l e g g e 141 (redatta in articoli ed accompagnata da una relazione sulle finalit complessive
delle singole norme), proveniente (cio sottoscritto) da almeno 50.000 elettori (iscritti nelle
liste per lelezione alla Camera dei deputati), le cui firme devono essere autenticate ed
accompagnate da certificati elettorali.
1.3.12.1.1.5. I
Consigli regionali.
Lart. 121. 2 co. Cost. attribuisce ai Consiglio la facolt di fare proposte di legge alle
Camere. Si tratta di una competenza che non trova nel testo costituzionale nessuna
limitazione riguardo alle materie che possono essere oggetto di iniziativa legislativa regionale
(tranne ovviamente quelle che sono oggetto di una iniziativa riservata del governo).
1.3.12.1.1.6. I
Consiglio comunali
Il potere di iniziativa del Consigli comunali, limitato alle proposte di legge per il
mutamento delle circoscrizione provinciale e listituzione di nuove Province (art. 133
Cost.)142.
1.3.12.1.1.7. Iniziativa
vincolata o riservata.
Di regola i soggetti appena indicati sono liberi di esercitare o meno il potere di iniziativa in
qualsiasi materia, tuttavia a volte liniziativa pu essere vincolata o riservata.
Si parla di i n i z i a t i v a v i n c o l a t a quando la presentazione di una proposta di legge
alle Camere non ha carattere facoltativo ma si pone come attuazione di un obbligo (disegno di
legge del bilancio).
Si parla invece di i n i z i a t i v a r i s e r v a t a quando liniziativa legislativa in relazione
ad un determinata materia riservata ad un determinato organo (cos ad esempio, liniziativa
legislativa in materia di rapporti fra lo Stato e le confessioni acattoliche, riservata, al
Governo che lunico organo in grado di avviare e concludere le intese con le
rappresentanze di queste confessioni, intese che costituiscono la base della legge
regolatrice).

141
Tale progetto si differenzia dalla semplice p e t i z i o n e , con cui i cittadini portano a conoscenza delle
Camere situazioni ed esigenze particolari, affinch i loro membri si attivino per promuovere iniziative legislative
conformi a tali esigenze.
142
Si aggiunga infine che lo stesso art. 71 cost. contiene la previsione di un ulteriore allargamento dei soggetti a
cui liniziativa pu appartenere: una legge costituzionale, infatti, pu conferirla anche ad altri organi ed enti.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 65
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.12.1.2. Potere di ritirare il progetto e sorte dei progetti al termine della legislatura.
I soggetti che godono delliniziativa hanno anche il p o t e r e d i r i t i r a r e i l
p r o g e t t o : il ritiro deve avvenire per prima che il progetto sia stato approvato dal almeno
una delle due Camere. In caso di ritiro, ciascun membro del Parlamento pu sempre far
proprio il progetto ritritato e ripresentarlo: in tal caso per si deve iniziare un nuova
procedura.
Al t e r m i n e d e l l a l e g i s l a t u r a tutti i p r o g e t t i d i l e g g e a n c o r a
p e n d e n t i presso le Camere (qualunque sia lo stadio raggiunto dalliter legislativo)
decadono automaticamente (tranne quelli di iniziativa popolare, che sopravvivono per due
legislature). Essi qualora risultino gi approvati da almeno una Camera e vengono ripresentati
entro i primi sei mesi della nuova legislatura, beneficiano, di un procedimento accelerato.
1.3.12.2. La fase costitutiva.
Una volta che stata presentato una proposta o un disegno di legge, necessario che lo
stesso venga esaminato, eventualmente modificato e approvato da entrambe le Camere.
Va finora chiarito che l e C a m e r e d e v o n o a p p r o v a r e i l p r o g e t t o d i
l e g g e n e l m e d e s i m o t e s t o 143; ne deriva che, se una Camera apporta al progetto gi
approvato dallaltra degli emendamenti, il progetto stesso dovr ritornare alla Camera che lo
ha approvato per prima affinch anche questa approvi a sua volta i nuovi emendamenti.
E poich possono essere proposti emendamenti agli emendamenti, il progetto passer da
una Assemblea allaltra (la c.d. n a v e t t a ) sino a quanto sar raggiunto laccordo sullo stesso
testo.
Esistono diversi tipi di sistema di approvazioneformazione: I) ordinario; II) decentrato (o
per commissioni); III) misto.
Bisogna subito ribadire c h e i l p r o c e d i m e n t o d i a p p r o v a z i o n e a d o t t a t o
d a u n a C a m e r a n o n v i n c o l a a n c h e l a l t r a , cosicch, ad esempio, una
Camera pu approvare un progetto di legge secondo il procedimento ordinario e laltra
secondo il procedimento decentrato.
1.3.12.2.1. Procedimento ordinario (per commissione in sede referente).
1.3.12.2.1.1. Struttura.
Deliberazione preliminare o preparatoria.
Quando si adotta il p r o c e d i m e n t o o r d i n a r i o 144, secondo quando disposto allart.
72 1 co. Cost.145, il progetto di legge viene preliminarmente esaminato e discusso da una

143
In questo senso si dice la legge ordinaria una a t t o c o m p l e s s o u g u a l e : complesso in quanto
risulta dalla funzione della volont della Camera e del Senato: uguale in quanto la volont di entrambe le
camere hanno lo stesso valore giuridico.
144
Tale procedimento sempre obbligatorio (c.d. r i s e r v a d i a s s e m b l e a ) (art. 72 4 co. Cost.) per i
progetti di legge: I) in materia costituzionale ed elettorale (in questo caso di parla di c o m m i s s i o n i
f i l t r o ); II) di delegazione legislativa; III) di autorizzazione alla ratifica di tratta internazionali; IV) di
approvazione di bilanci e consuntivi. A queste vanno aggiunte le altre ipotesi disciplinate dai regolamenti della
Camera e del Senato. Esso sono: I) i disegni di legge di conversione dei decreti legge; II) la legge comunitaria;
III) le leggi rinviate al Presidente della Repubblica per un riesame del Parlamento. f a c o l t a t i v o per tutti
gli altri progetti di legge.
145
Lart. 72 1 co. Cost. afferma che: Ogni disegno di legge, presentato ad una Camera , secondo le norme del
suo regolamento, esaminato da una commissione e poi dalla Camera stessa, che lapprova articolo per articolo
con votazione finale.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 66
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

commissione legislativa competente nella materia alla quale il progetto si riferisce e che, in
questo caso, svolge il suo lavoro in s e d e r e f e r e n t e .
Il procedimento ordinario vede la Commissione svolgere una funzione istruttoria, che si
articola nellesame della proposta di legge, nella sua elaborazione (proposizione di articoli
aggiuntivi e di modifiche a quelli esistenti; scelta del testo migliore in caso di abbinamento di
progetti che abbiano lo stesso oggetto) e nellapprovazione del testo da sottoporre
allAssemblea (accompagnato da una relazione146 nella quale sono esposti i risultati
dellesame e gli orientamenti favorevoli o contrari allapprovazione definitiva).
Discussione in aula.
Successiva in Assemblea, si procede alla discussione in aula. Il progetto di legge
esaminato attraverso lintervento dei relatori per la maggioranza e di quelli di minoranza, del
Governo e di un deputato per ogni gruppo parlamentare.
Esame e approvazione di ogni singolo articolo
In seguito alla discussione in aula, si procede allesame e allapprovazione di ogni singolo
articolo: in questa fase, i parlamentari possono (anche singolarmente) proporre emendamenti,
ossia modifiche parziali con carattere aggiuntivo, soppressivo, sostitutivo o modificativo del
progetto di legge in discussione. Gli eventuali emendamenti ed articoli aggiuntivi presentati
sono votati separatamente
Votazione finale.
Approvati i singoli articoli (e i relativi emendamenti), si passa alla votazione finale,
necessaria per accertare che sul testo modificato (ed eventualmente stravolto) sussista la
maggioranza dellAssemblea: essa esprime la volont globale della Camera, che si aggiunge
alla volont particolare espressa su ogni articolo.
1.3.12.2.1.2. Procedimento
abbreviato.
Si aggiunga infine che il procedimento ordinario, pu assumere anche le vesta di
procedimento abbreviato, nellipotesi in cui i tempi sono ridotti della met147.
Lart. 72 2 co. Cost. dispone che i regolamenti camerali possono stabilire
p r o c e d i m e n t i a b b r e v i a t i per i progetti di legge dei quali dichiarata lurgenza.
La dichiarazione durgenza che pu essere proposta dal Governo, dai parlamentari o anche
dal Presidente della Commissione competente per lesame.
1.3.12.2.2. Procedimento
decentrato o deliberante (per commissione deliberante).
La peculiarit di questo p r o c e d i m e n t o consiste nel fatto che le commissioni
legislative non si limitano (come nel procedimento ordinario) ad esaminare il progetto di
legge ma lo approvano anche.
Per questo esso definito d e c e n t r a t o , perch, appunto, non si svolge innanzi allintera
Assemblea (in aula come si dice in gergo) bens in sede decentrata, vale a dire innanzi alla

146
La relazione che non altro che un parere della commissione sul progetto di legge obbligatoria per la
commissione (che deve presentarla) ma non vincolante per lassemblea, che pu o meno tenerne conto, a sua
discrezione.
147
Tale procedura sempre utilizzata, de esempio per la conversione dei decretilegge

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 67
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

commissione legislativa competente per materia. In questo caso, la commissione svolge i suoi
lavori in s e d e d e l i b e r a n t e 148.
La commissione procede pertanto:
allesame preliminare del progetto;
alla sua discussione, che non avviene, quindi, in assemblea;
alla votazione dei singoli articoli;
alla votazione finale e quindi allapprovazione della legge.
1.3.12.2.2.1. Lassegnazione
del progetto alla commissione in sede deliberante.
Lassegnazione del progetto alla commissione in sede deliberante proposta alla Camera
dal suo Presidente e deve essere approvata dallAssemblea; mentre al Senato decisa dal suo
Presidente, che ne da comunicazione allAssemblea149.
1.3.12.2.2.2. La
rimessione del progetto allassemblea ordinaria.
Per evitare abusi , fra laltro, riconosciuto al Governo, ad un decimo dei componenti di
ciascuna Camera o ad un quinto dei componenti la commissione il p o t e r e d i c h i e d e r e
c h e i l p r o g e t t o s i a r i m e s s o a l l a s s e m b l e a p l e n a r i a , per la sola
votazione finale, o anche per la votazione e discussione di singoli articoli.
Tale potere pu essere esercitato finch non sia intervenuta lapprovazione definitiva da
parte della commissione.
1.3.12.2.3. Il
procedimento misto (o redigente).
Il p r o c e d i m e n t o m i s t o non previsto dalla Costituzione, ma stato
successivamente introdotto dai regolamenti parlamentari e rappresenta un procedimento
intermedio fra quello ordinario e quello decentrato, in quanto comporta una suddivisione del
lavoro legislativo tra la commissione competente per materia e lAssemblea.
In tale procedimento la Commissione opera in sede redigente, nel senso che provvede alla
stesura del testo e alla discussione e votazione dello stesso e delle eventuali proposte di
emendamento; allAssemblea spetta lapprovazione, senza dichiarazioni di voto, dei singoli
articoli e lapprovazione finale con sole dichiarazioni di voto (alla Camera dei deputati) o solo
questultima votazione conclusiva (al Senato).
1.3.12.3. La fase di integrazione dellefficacia.
La legge, una volta approvata dalle Camere, perfetta, ma non ancora efficace. Per
divenire efficace (e quindi obbligatoria per i suo destinatari), deve superare la f a s e d i
integrazione dellefficacia.
Tale fase, si compone di differenti atti, diretti a controllare la legittimit della legge e il
rispetto delle norme di procedura, nonch a renderla pubblica, comunicandone il testo nelle
forme previste, a coloro che sono tenuti ad osservarla (destinatari).

148
Un procedimento che affida a commissioni ristrette lapprovazione dei progetti di legge vale a sveltire liter
legislativo. La maggior parte delle leggi approvate in tale sede sono settoriali o singolari, e non dinteresse
generale, per il fatto che tali leggi hanno maggiore probabilit di essere approvate in commissione, dove per il
ridotto numero dei componenti pi facile raggiungere un compromesso tra maggioranza ed opposizione, che in
assemblea.
149
In ogni caso il procedimento deliberante non ammesso per le leggi previste dallart. 72 4 co., per le quali
sempre richiesto il procedimento ordinario (riserva dassemblea).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 68
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.12.3.1. La
promulgazione.
La legge approvata da ambedue le Camere (che perfetta ma non ancora efficace) viene
trasmessa, a cura del Presidente della Camera che lha approvata per ultima, al Presidente
della Repubblica per la promulgazione.
Per p r o m u l g a z i o n e si intende latto conclusivo del procedimento legislativo con il
quale il Presidente della Repubblica attesta formalmente la conforme approvazione della
legge nello stesso testo da parte delle due Camere, esprime la sua volont di promulgarla e ne
dispone linserimento nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti.
1.3.12.3.1.1. Controllo di legittimit costituzionale e formale.
Il Presidente della Repubblica tuttavia, prima di effettuare la promulgazione effettua un
c o n t r o l l o d i l e g i t t i m i t c o s t i t u z i o n a l e f o r m a l e e s o s t a n z i a l e 150 (ex
art. 74 Cost.) sulle leggi approvate dal Parlamento.
Se il Presidente rileva un vizio dellatto approvato dal Parlamento pi rinviarlo alle
Camere per un riesame, motivando tale rinvio con un messaggio (c.d. m e s s a g g i o
m o t i v a t o ) e chiedendo una nuova deliberazione delle stesse.
A questo punto se le Camere riapprovino senza modifiche la legge, il Capo dello Stato non
pu far altro che promulgarla.
Ci non esclude che, laddove latto manchi dei requisiti minimi per essere qualificato
legge oppure sia tale da comportare un vero e proprio attentato alla Costituzione o integri gli
estremi dellalto tradimento, reati per i quali sussiste la responsabilit penale del Presidente
della Repubblica, questultimo possa di nuovo rifiutarsi di promulgarla. In questo caso potr
sorgere un conflitto di attribuzione fra Parlamento e Presidente, risolvibile dalla Corte
Costituzionale.
Se, invece, le Camere approvano emendamenti diversi da quelli suggeriti dal Presidente
nel messaggio, egli potr di nuovo rinviare la legge alle Camere, almeno limitatamente alle
modifiche apportate.
1.3.12.3.1.2. Termine
Il Presidente della Repubblica tenuto a promulgare la legge e n t r o u n m e s e
d a l l a p p r o v a z i o n e d e l l e d u e C a m e r e . Tuttavia se le Camere, ciascuna a
maggioranza assoluta dei propri componenti, ne dichiarano lurgenza, la legge promulgata
in un termine pi breve da esse stabilito.
1.3.12.3.2. La
pubblicazione.
Con latto di promulgazione, che atto di controllo, la legge diviene esecutoria. Diviene
invece obbligatoria per tutti i cittadini solo con la successiva pubblicazione, la quale deve
essere effettuata entro trenta giorni dalla promulgazione.
La p u b b l i c a z i o n e della legge avviene ad opera, e sotto la responsabilit, del Ministro
della giustizia (guardasigilli) e consiste, tecnicamente, nella inserzione del testo nella Raccolta
ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana e nella pubblicazione dello stesso nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana; queste operazioni sono precedute

150
Il c o n t r o l l o f o r m a l e riguarda la correttezza della procedura adottata per la formazione della legge,
mentre il c o n t r o l l o s o s t a n z i a l e deve verificare che non via sia un contrasto con il dettato della
Costituzione.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 69
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

dallapposizione da parte del ministro, del v i s t o (con il quale egli attesta la regolarit
formale del documento) e del g r a n s i g i l l o d e l l o S t a t o (che vale come
autenticazione).
Linserzione nella Raccolta disposta in funzione della certezza del diritto (giacch il testo
che entra in vigore quello in esso inserito), mentre la pubblicazione nella Gazzetta vale solo
ai fini della conoscenza e realizza, dunque, una forma di pubblicitnotizia151.
1.3.12.3.3. Entrata
in vigore.
Una volta pubblicata, la legge entra in vigore dopo il periodo della v a c a t i o l e g i s (al
fine di permetterne la conoscenza almeno in via preventiva da parte di coloro cui essa
indirizzata), che normalmente di 1 5 g i o r n i dalla sua pubblicazione; nella stessa legge,
per, possono essere stabiliti termini pi brevi o pi lunghi.
Dal momento dellentrata in vigore, la legge si presume conosciuta da tutti i destinatari, e
non possibile invocare lignoranza di essa per giustificarne linosservanza (ignorantia legis
non excusat)152.
1.3.13. Il procedimento legislativo per le leggi costituzionali e di modifica della
Costituzione.
1.3.13.1. Generalit.
La Costituzione italiana una costituzione r i g i d a : per la modifica delle disposizioni in
essa contenute necessario un procedimento speciale, detto p r o c e d i m e n t o d i
revisione costituzionale.
Tale procedimento non affidato ad un organo ad hoc, bens allo stesso Parlamento nelle
forme e nei modo previsti dallart. 138 Cost. (c.d. p r o c e d u r a a g g r a v a t a ).
1.3.13.2. Leggi costituzionali e leggi di revisione costituzionale.
Lart. 138 della Costituzione disciplina il procedimento di formazione di un peculiare tipo
di leggi, denominate appunto leggi di revisione costituzionale e leggi costituzionali153.
1.3.13.2.1. Legge
di revisione costituzionale.
La l e g g e d i r e v i s i o n e d e l l a C o s t i t u z i o n e latto normativo con il quale il
Parlamento nazionale pu modificare il testo della Costituzione, abrogare determinate norme
o declassarle ad un livello inferiore a quello costituzionale.

151
La data della legge quella del decreto di promulgazione, in numero
quella della sua inserzione nella Raccolta ufficiale.
152
Il rigore di tale principio stato notevolmente attenuato dalla Corte Costituzionale che ha dichiarato
lillegittimit costituzionale dellart. 5 cod. pen. nella parte in cui non esclude dallinescusabilit dellignoranza
della legge penale li g n o r a n z a i n e v i t a b i l e , dichiarando quindi la non punibilit di una mancata
conoscenza inevitabile di una legge penale. Pertanto se un soggetto dimostra di non aver potuto per cause esterne
alla sua volont, prendere conoscenza di una legge, non pu essere condannato per la sua violazione.
153
La differenza apparentemente netta, risulta, in realt assai sfumata, solo se si considera che la stessa
Costituzione qualifica come costituzionali leggi che assolvono anche una funzione di revisione: le leggi che
dispongono la fusione o la creazione di nuove Regioni (qualificate come leggi costituzionali) ad esempio,
modificano anche lart. 131 del testo costituzionale, che contiene lelenco delle Regioni italiane. Del resto
entrambi i tipi di legge vengono approvate con lo stesso procedimento e sono ufficialmente denominate, nella
Raccolta degli atti normativi, col nome di leggi costituzionale qualunque sia il loro contenuto.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 70
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.13.2.2. Legge
costituzionale
In via generale potremmo dire che per l e g g e c o s t i t u z i o n a l e , si intende l atto
normativo con il quale il Parlamento nazionale i n t e g r a il contenuto della Costituzione.
In particolare sono legge costituzionali
1. tutte le leggi che sono espressamente definite come tali dalla Costituzione (ad
esempio negli articoli 116154, 132 1 co.155 e 137 1 co.156);
2. ogni altra legge che il Parlamento voglia approvare col procedimento previsto
dallart. 138.
1.3.13.3. La procedura di revisione.
L a p r o c e d u r a d i r e v i s i o n e , ha in comune con quella diretta alla formazione
delle legge ordinarie la fase delliniziativa, e, con alcune modifiche di formulazione, la fase
della promulgazione e della pubblicazione e ne differisce, invece, sostanzialmente per quanto
attiene alla fase della approvazione.
Nel procedimento di formazione delle leggi costituzionali pu inoltre inserirsi la
manifestazione di volont del corpo elettorale espressa mediante referendum.
1.3.13.3.1. Fase
preparatoria o di iniziativa.
La f a s e d i i n i z i a t i v a analoga a quella delle leggi ordinarie, tuttavia non
ammessa liniziativa del CNEL.
1.3.13.3.2. Fase
costitutiva.
In questa fase pu essere adottato solo il procedimento ordinario, cos come previsto
dallart. 72 4 co., in altre termini lapprovazione dei singoli articoli nonch della legge nel
suo complesso deve sempre svolgersi in assemblea (c.d. r i s e r v a d i a s s e m b l e a ).
Per approvare le leggi di revisione costituzionale (e le altre leggi costituzionali) occorre
maggiore ponderazione sui loro contenuti per cui sono richieste, in ogni ramo del Parlamento,
due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre
mesi.
Va chiarito, che la doppia deliberazione, non avviene in maniera consecutiva vale a dire
due volte in una Camera e due volte nellaltra ma i n m a n i e r a a l t e r n a t i v a vale a
dire una prima volta nelluna e nellaltra e successivamente, trascorsi tre mesi, una seconda
volta, sempre nelluna e nellaltra.
Si ricordi inoltre che, solo nella prima deliberazione, dove ammessa la discussione e la
votazione dei singoli articoli, possibile apporre degli emendamenti. Quindi il sistema della
navette ci sar solo nella prima deliberazione. Si ricordi inoltre, che sia nella Camera e nel

154
Art. 116: Alla Sicilia, alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, al Friuli-Venezia Giulia e alla Valle dAosta
sono attribuite forme e condizioni particolari di autonomia, secondo Statuti speciali adottati con leggi
costituzionali
155
Art. 132 1 co.: Si pu con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni
esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione di abitanti, quando ne facciano richiesta
tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia
approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse
156
Art. 137 1 co.: Una legge costituzionale stabilisce le condizioni, le forme, i termini di proponibilit dei
giudizi di legittimit costituzionale, e le garanzie dindipendenza dei giudici della Corte.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 71
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Senato, la prima deliberazione approvata a maggioranza relativa (maggioranza assoluta dei


votanti sui presenti).
Nella votazione della seconda deliberazione richiesta la maggioranza assoluta dei
componenti la Camera. In questa votazione non ammessa la discussione e la votazione dei
singoli articoli, ma solo la discussione delle linee generali e la votazione finale.
1.3.13.3.3. Fase
di integrazione dellefficacia.
A questo punto possono verificarsi due ipotesi:
se, nella seconda deliberazione, la legge stata approvata da ambedue le Camere,
con una maggioranza non inferiore ai due terzi dei componenti (non dei presenti), il
Capo dello Stato provvede alla promulgazione e quindi la legge viene pubblicata
sulla Gazzetta Ufficiale e diventa legge dello Stato a tutti gli effetti;
se invece, sempre nella seconda deliberazione, la legge stata approvata, anche se
da una sola Camera, con la maggioranza assoluta il procedimento prosegue.
In questultimo caso, infatti, il progetto di legge costituzionale non si trasforma in legge.
Esso soggetto a una sorta di p u b b l i c a z i o n e a n o m a l a (cos definita perch la
pubblicazione precede la promulgazione e perch il progetto non inserito nella Raccolta
ufficiale degli atti normativi) nella Gazzetta Ufficiale, al solo scopo di dare conoscenza del
suo contenuto.
Entro sei mesi dalla pubblicazione, un quinto dei componenti di una Camera, 500.000
elettori o 5 Consigli regionali possono chiedere che la legge sia sottoposta a r e f e r e n d u m
popolare (c.d. s o s p e n s i v o o c o s t i t u z i o n a l e 157).
Qualora entro i tre mesi non sia stata presentata alcuna richiesta di referendum o, se
richiesta sia stata dichiarata illegittima, il Presidente della Repubblica promulga la legge che
poi viene ripubblicata, per leffettiva entrata in vigore.
Ove invece viene richiesto e si svolga il refrendum, la sorte della legge affidata allesito
della consultazione popolare: se favorevole158, il Presidente della Repubblica promulga la
legge che poi viene ripubblicata, se sfavorevole, invece, la legge non viene ad esistenza (e
dellesito contrario del referendum viene data notizia sulla Gazzetta Ufficiale).

157
Questo tipo di referendum ha lo scopo di consentire una verifica della rispondenza della legge alla volont del
Paese, quando la maggioranza parlamentare non si dimostrata favorevole, nella misura prevista dalla
Costituzione, alla legge stessa.
158
Rispetto al referendum abrogativo non necessario raggiungere il quorum della maggioranza degli aventi
diritto al voto. Lart. 138 Cost. prevede, infatti, che la legge di revisione costituzionale debba semplicemente
essere approvata (o bocciata) dalla maggioranza dei voti validamente espressi, a prescindere dal numero
complessivo dei votanti.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 72
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

PROCEDIMENTO LEGISLATIVO PER LE LEGGI


COSTITUZIONALI E DI MODIFICA DELLA COSTITUZIONE

Fase di iniziativa
(non prevista liniziativa del CNEL)

Fase costitutiva
(solo procedimento ordinario)

Prima approvazione
(votazione dei singoli articoli e votazione finale;
sono ammessi emendamenti)

Camera Dep. Senato

Viene approvato il medesimo testo a maggioranza


assoluta dei votanti sui presenti (maggioranza relativa)

Intervallo di tre mesi

Seconda approvazione
(solo votazione finale, non sono ammessi emendamenti)

Camera Dep. Senato

Fase di integrazione dellefficacia

La legge e stata approvata da ambedue La legge stata approvata anche se da una sola
le Camere con una maggioranza non Camera, con la sola maggioranza assoluta dei
inferiore a due terzi dei componenti votanti sui presenti
(non dei presenti)

Promulgazione e Il progetto di legge viene pubblicato sulla Gazzetta


ufficiale, al solo scopo di dare conoscenza del suo
pubblicazione
contenuto (pubblicazione anomala)

Entro tre mesi dalla pubblicazione

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 73
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Non stata presenta nessuna richiesta di Uno quinto dei componenti di una Camera,
referendum o, se richiesta e stata 500.000 elettori o 5 Consigli regionali
dichiarata illegittima chiedono che la legge sia sottoposta a
referendum sospensivo
Promulgazione

La consultazione La consultazione
Ripubblicazione per leffettiva popolare ha esito popolare ha esito
entrata in vigore della legge favorevole sfavorevole

Promulgazione La legge non viene


ad esistenza

Ripubblicazione per leffettiva


entrata in vigore della legge

Schema 1: Il procedimento legislativo per le leggi costituzionali e di modifica della costituzione.


1.3.13.4. Limiti assoluti alla revisione costituzionale.
Non tutte le disposizioni costituzionali possono essere modificate, esistono, infatti dei
l i m i t i a s s o l u t i a l l a r e v i s i o n e c o s t i t u z i o n a l e che possono essere espliciti o
impliciti.
1.3.13.4.1. Limitiespliciti.
I l i m i t i e s p l i c i t i sono quelli espressamente previsti dal testo costituzionale. Lunico
limite di questo tipo posto dallart. 139, secondo cui l a f o r m a r e p u b b l i c a n a 159
n o n p u e s s e r e o g g e t t o d i r e v i s i o n e c o s t i t u z i o n a l e 160.
1.3.13.4.2. Limiti impliciti.
Per l i m i t i i m p l i c i t i si intendono quei limiti non espressamente previsti dal testo
costituzionale ma ricavabili dai principi generali stabiliti dalla Costituzione:
Lart. 139 va letto in connessione con lart. 1, che definisce democratica la nostra
Repubblica. Non possono essere cancellati, quindi, tutti quegli istituti fondamentali di ogni
repubblica democratica e pluralista: l i b e r t p e r s o n a l e , l i b e r t d i m a n i f e s t a
del pensiero, diritto di riunione e di associazione, partiti
politici, diritto di voto.
Non possono inoltre, essere violati i d i r i t t i i n v i o l a b i l i d e l l u o m o 161 sanciti
nellart. 2, i quali devono essere inseriti tra p r i n c i p i s u p r e m i d e l l o r d i n a m e n t o

159
F o r m a r e p u b b l i c a n a : formula caratteristica di quegli ordinamenti statali in cui la carica pubblica
rappresentativa dellunit nazionale, il Capo dello Stato, ha natura elettiva e temporanea e non, come avviene
nelle monarchie, ereditaria e vitalizia.
160
La scelta a favore della repubblica fu operata direttamente dal popolo mediante il referendum istituzionale del
2 giugno 1946, ovvero prima che lAssemblea costituente si fosse insediata, per cui le stesse possibilit di scelta
dei costituenti ne furono vincolate. Lart. 139 Cost. esprime, quindi, un limite prodotto dal referendum
istituzionale.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 74
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

c o s t i t u z i o n a l e , vale a dire tra quei principi cos fondamentali da condizionare lintero


ordinamento.
Tale principi hanno una valenza superiore rispetto alle altre norme o leggi di rango
costituzionale; essi costituiscono il c.d. nucleo duro non soggetto a revisione costituzionale,
pena il venir meno dellordinamento stesso: una loro modifica equivale ad un mutamento (e
non ad una semplici revisione) di Costituzione.
1.3.14. Gli istituti di democrazia diretta
1.3.14.1. La petizione.
La p e t i z i o n e latto con il quale i cittadini portano a conoscenza delle Camere istanze
ed esigenze particolari, comuni a una pluralit di individui, affinch il Parlamento stesso vi
provveda162.
La petizione, sia essa esercitata dal singolo o da una pluralit di individui, deve
rappresentare un interesse pubblico e, pertanto, non ammissibile per rivendicare diritti
soggettivi o interessi legittimi che invece sono tutelati dallautorit giudiziaria ordinaria o
amministrativa.
Lart. 50 afferma che: Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per
chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessit.
A differenza delliniziativa legislativa popolare, il diritto di petizione pu essere azionato
pi facilmente perch:
a) non richiede particolari formalit, eccettuata lautenticazione della firma del
proponente;
b) pu essere esercitato anche da una singola persona, o da gruppi di pi persone
comunque senza limiti di numero;
c) anche se rivolta ad ottenere provvedimenti legislativi, non prevede la formulazione di
un disegno di legge vero e proprio, come invece richiesto per lesercizio delliniziativa
popolare;
d) pu avere ad oggetto tutte le materie, anche quelle che non possono essere sottoposte
a referendum abrogativo.
Tuttavia, a fronte di una maggiore flessibilit, vi da rilevare che le petizioni ricevono una
scarsa attenzione da parte delle Camere alle quali sono indirizzate, ragion per cui listituto
praticamente caduto in disuso nelle ultime legislature, ed anche in quelle precedenti non ha
prodotto apprezzabili risultati.
Esse, comunque, sono contemplate negli Statuti regionali, comunali e provinciali e nei
regolamenti dei Consigli Regionali.

161
D i r i t t i i n v i o l a b i l i d e l l u o m o : esprimono le libert e i valori fondamentali e irrinunciabili della
persona umana. Le pubbliche autorit possono solo limitarne temporaneamente lesercizio (col rispetto di precise
garanzie), ma non sopprimerli, pena il sovvertimento dellassetto costituzionale. Essi costituiscono sia una sfera
intangibile della persona che un limite invalicabile per il legislatore. Sono, inoltre, inalienabili e non possono
essere oggetto di rinuncia o perdita per mancato esercizio.
162
La petizione, accanto al diritto diniziativa legislativa e al referendum, rientra tra gli istituti di democrazia
diretta, vale a dire quegli strumenti mediante i quali il popolo esercita direttamente la sovranit.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 75
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.3.14.2. Il
referendum popolare.
1.3.14.2.1. Introduzione.
Il r e f e r e n d u m p o p o l a r e , nella sua accezione pi lata, una consultazione con cui
viene richiesto al corpo elettorale esprimere il suo parere in via diretta su una norma giuridica
gi emanata o da emanarsi.
Esso stato accolto nella nostra Costituzione come il pi importante i s t i t u t o d i
d e m o c r a z i a d i r e t t a in quanto prevede lintervento diretto del popolo nellesercizio
dellindirizzo politico senza il tramite dei suoi rappresentanti.
Il nostro ordinamento prevede diversi tipi di referendum:
c o s t i t u z i o n a l e (detto anche s o s p e n s i v o ) previsto per le leggi di revisione
della Costituzione e le altre leggi costituzionali (art. 138 Cost.);
a b r o g a t i v o , previsto per leggi ordinarie dello Stato (art. 75 Cost.) e per le leggi
regionali (art. 123 Cost. e singoli Statuti regionali);
t e r r i t o r i a l e , previsto obbligatoriamente per modificazione territoriali di
Regione, Province e Comuni (art. 132 e 133 Cost.);
c o n s u l t i v o , ammesso soltanto a livello regionale o locale163.
1.3.14.2.2. Il
referendum abrogativo di leggi statali.
1.3.14.2.2.1. Nozione.

Il r e f e r e n d u m a b r o g a t i v o 164, una consultazione avente ad oggetto un quesito


relativo al mantenimento o allabrogazione, totale o parziale, di leggi e atti ad essa equiparati.
Lart. 75 Cost. prevede che possa essere indetto referendum popolare per deliberare
labrogazione totale o parziale di una legge o di un atto avente forza di legge, quando lo
richiedono 500.000 elettori o 5 Consigli regionali.
1.3.14.2.2.2. Campo
di applicazione del referendum abrogativo.
In referendum abrogativo di leggi statali non pu avere ad oggetto:
i regolamenti e le leggi regionali, ossia fonti secondarie collocate sotto la legge, in
quanto lart. 75 fa riferimento solo alla legge dello Stato.
per espressa previsione dellart. 75 2 co.165 il referendum abrogativo non pu avere
ad oggetto: I) leggi di approvazione del bilancio; II) leggi amnistia e di indulto; III)
leggi di autorizzazione a ratificare trattati internazionali; IV) e leggi tributarie166;

163
La legge cost. n. 2/89 ha previsto una nuova figura di referendum, il r e f e r e n d u m d i i n d i r i z z o
attraverso il quale si chiedeva al copro elettorale, se fosse daccordo circa la realizzazione dellUnione europea.
Il ricorso alla legge costituzionale si reso necessario perch tale tipo di referendum non disciplinato nella
nostra Costituzione. La legge in esame non ha per introdotto, nel nostro ordinamento il referendum di indirizzo,
poich si limitata a disporre lindizione di un singolo referendum, formulando essa stessa il quesito; cosicch,
una volta svoltasi la consultazione, il referendum di indirizzo , uscito dallo scenario costituzionale e la
temporanea rottura Costituzionale si sanata. Va ribadito che lindirizzo risultante da tale tipo di referendum
non pu avere carattere vincolante.
164
A b r o g a r e significa eliminare dallordinamento giuridico una norma: in seguito allabrogazione,
lordinamento risulta modificato nella sua globalit, non fosse altro perch i rapporti gi disciplinati dalle norme
abrogate saranno diversamente regolati, mentre le altre norme riceveranno uninterpretazione che risente della
scomparsa di quelle. Per questo motivo, il referendum abrogativo pu essere considerato fonte di diritto, anche
perch il risultato favorevole viene recepito attraverso la successiva emanazione di un decreto del Presidente
della Repubblica: in tal modo, il risultato del referendum costituisce un atto normativo dello Stato, con la
conseguenza che la Corte Costituzionale pu esercitare il proprio controllo di legittimit costituzionale.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 76
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

e le leggi costituzionali e di revisione costituzionale, ci in quanto lart. 75 fa


riferimento solo alle leggi approvate secondo il procedimento ordinario (previsto
dagli art. 71 ss.) e non anche a quelle approvate secondo il procedimento rafforzato
previsto dallart. 138167.
1.3.14.2.2.3. Procedura.

Quando alla procedura, lart. 75 rinvia alla legge (ordinaria) per le modalit di attuazione168
del referendum e dispone che ad esso hanno diritto di partecipazione tutti i cittadini con i
requisiti elettorali per la Camera dei deputati169.
La proposta soggetta a referendum si intende approvata se ha partecipato alla votazione la
maggioranza degli aventi diritto e sia stata raggiunta la maggioranza dei voti validamente
espressi (non si tiene conto, perci, delle schede bianche o nulle).
1.3.14.2.2.4. Vincolo
preclusivo dellabrogazione.
Si ritiene comunemente che labrogazione costituisca un vincolo preclusivo nei confronti
del legislatore ordinario, in omaggio al principio della sovranit popolare (art. 1 Cost.). Al
parlamento sar, quindi, precluso introdurre una disciplina che ricalchi i principi ispiratori e i
contenuti essenziali della vecchia disciplina.
chiaro che tale vincolo, tuttavia, avr una durata pari ad una legislatura (tenuto conto che
in occasione delle elezioni politiche i cittadini sceglieranno i candidati che portino avanti le
loro opinioni politiche, comprese quelle espresse in sede referendaria) o comunque per un
periodo di cinque anni, durante i quali non pu essere neppure riproposta la richiesta
referendaria bocciata dal corpo elettorale.

165
Linammissibilit per i primi tre tipi di leggi dovuta alla considerazione che, essendo queste atti di indirizzo
politico, sono sottratte al potere legislativo. Per la quarta, invece, linammissibilit dovuta alla necessit di
frenare uneventuale richiesta popolare volta ad abrogare leggi contro cui facile e demagogico opporsi, perch
gravano direttamente sul patrimonio dei cittadini.
166
L e g g i t r i b u t a r i e : concernono la materia delle imposizioni dei tributi da parte dello Stato.
167
Per la Corte Costituzionale, oltre alle ipotesi menzionate in questo articolo, sono escluse dal referendum
anche quelle leggi che godono di una capacit di resistenza allabrogazione maggiore di quella di atti dello stesso
tipo, in quanto approvate con un procedimento rinforzato (si pensi alle leggi di revisione del Concordato con la
Chiesa cattolica, che presuppongono anche una intesa con questultima). Inoltre, non possono essere oggetto di
quesito referendario le leggi il cui contenuto non sia frutto di una valutazione discrezionale del legislatore, ma
rappresenti lunico modo per dare attuazione alla Costituzione (leggi a contenuto costituzionalmente vincolato,
come le disposizioni relative allaborto terapeutico, indispensabili per la tutela della vita della madre) o le leggi
collegate a quelle previste da questo articolo (ad esempio, non possibile sottoporre a referendum la legge
finanziaria in quanto ricollegabile alla normativa di bilancio). Le leggi che disciplinano il funzionamento di
organi previsti dalla Costituzione, invece, possono essere oggetto di abrogazione parziale, purch le norme
rimaste in vigore consentano allorgano di operare senza interruzioni.
168
Il procedimento referendario coinvolge due distinti organi con funzioni di controllo preventivo: lUfficio
centrale presso la Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale. Il primo deve controllare la conformit della
richiesta di referendum alla legge che lo disciplina e accertarsi di tutte le vicende riguardanti le norme legislative
soggette a votazione popolare. AllUfficio centrale, infatti, spetta verificare che il legislatore non abbia gi
abrogate le stesse (e che labrogazione sia effettiva e non solo apparente, come accade quando i principi
ispiratori e i contenuti essenziali dei singoli precetti normativi restano inalterati). La Corte Costituzionale,
invece, ha il compito di stabilire se la legge oggetto del referendum rientri fra quelle non suscettibili di essere
abrogate e, pi in generale, se la richiesta dei promotori corrisponda allistituto disciplinato dallarticolo in
esame (sia, cio, suscettibile di essere votata esprimendo una scelta netta fra labrogazione o il mantenimento
della norma).
169
La consultazione referendaria, non pu aver luogo negli anni in cui si
tengono le elezioni politiche, e deve svolgersi in una domenica
compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 77
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4. Il Governo
1.4.1. Nozione.
Il G o v e r n o lorgano istituzionale che ha il compito di tradurre, in concreti programmi
dazione, lindirizzo politico espresso dalle forze politiche di maggioranza che lo sostengono
con la fiducia170; in tal senso si dice che esso titolare della funzione esecutiva.
La struttura e lattivit del Governo sono previste e disciplinate, in modo piuttosto
essenziale, dagli artt. 92-96 Cost. Le poche disposizioni costituzionali devono essere
integrate, in particolare con le previsioni di tre provvedimenti emanati negli anni successivi,
vale a dire:
la L. 23 agosto 1988, n. 400, che per prima ha fornito una disciplina chiara e
organica della struttura e dei compiti spettanti al Governo;
il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300, con il quale si provveduto a riorganizzare la
struttura centrale e periferica dellamministrazione dello Stato;
il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 303, cha ha riordinato e ridefinito i compiti e la
struttura della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
1.4.1.1. Caratteri.
Il Governo, nel sistema costituzionale italiano, un organo:
c o s t i t u z i o n a l e : esso, infatti, rientra nellorganizzazione dello Stato e
partecipa alla funzione di direzione politica, come tale quindi indefettibile;
c o m p l e s s o : in quanto costituito al suo interno da pi organi con competenze
autonome. Alcuni di tali organi sono espressamente previsti dalla Costituzione
(organi necessari), altri, invece sono nati con la prassi e poi disciplinati da
consuetudini e leggi ordinarie (organi non necessari);
d i p a r t e : nel senso che esso esprime la volont delle forze politiche di
maggioranza che lo sostengono con la fiducia; per cui nel Governo, a differenza
che nel Parlamento, non sono presenti a nessun titolo le minoranze.
1.4.1.2. Funzioni.
Il Governo esercita funzioni:
p o l i t i c h e : in quanto partecipa alla direzione politica del Paese, nellambito
dellindirizzo indicato dalla maggioranza parlamentare;
l e g i s l a t i v e : esso, infatti, pu, emanare norme giuridiche mediante atti aventi
forza di legge ex artt. 76 e 77 Cost. (decreti legislativi e decreti legge);
e s e c u t i v e (o amministrative in senso lato): in quanto al vertice del potere
esecutivo e ai singoli Ministeri fanno capo tutti i settori amministrativi dello Stato;
d i c o n t r o l l o : tale funzione viene esercitata sullattivit di tutti gli organi
amministrativi (in senso stretto).

170
Daltra parte per governo pu intendersi anche lapparato burocratico cui compete la concreta realizzazione
di tali indirizzi (p u b b l i c a a m m i n i s t r a z i o n e ).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 78
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.2. Gli organi del governo


1.4.2.1. Introduzione.
Dal combinato disposto dellart. 92 1co. Cost.171 1 e degli art. 111 della legge 400/1998
si deduce che il nostro governo attualmente composto da:
o r g a n i n e c e s s a r i : Presidente del Consiglio, Ministri e Consiglio dei Ministri
(c.d. G o v e r n o i n s t r e t t o ). La dottrina ritiene necessari quegli organi che
devono concorrere alla regolare costituzione di qualsiasi Governo e le cui
assenza ne renderebbe la formazione privandolo di una articolazione che il
Costituente ha voluto fosse comunque presente;
o r g a n i n o n n e c e s s a r i : vicepresidenti del Consiglio; Ministri senza
portafoglio; sottosegretari di Stato; Consiglio di Gabinetto, Comitati
interministeriali; Commissari straordinari del Governo (questi organi, unitamente
agli organi necessari, costituiscono il G o v e r n o i n s e n s o l a t o ).
1.4.2.2. Organi necessari.
1.4.2.2.1.
1.4.2.2.2. Presidente del Consiglio dei Ministri.
1.4.2.2.2.1. Nozione.
Il P r e s i d e n t e d e l C o n s i g l i o d e i M i n i s t r i un organo costituzionale
monocratico nominato dal Capo dello Stato e posto al vertice del Governo.
1.4.2.2.2.2. Nomina.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri nominato con decreto del Capo dello Stato da egli
stesso controfirmato (art. 1, comma 2, L. 400/1988) e dura in carica finch il Governo
sorretto dalla fiducia del Parlamento.
Unici requisiti richiesti per la nomina a Presidente del Consiglio sono la cittadinanza
italiana e il godimento dei diritti civili e politici: non occorre invece, lappartenenza alle
Camere (art. 64, comma 4, Cost.).
1.4.2.2.2.3. Posizione
giuridica del Presidente rispetto ai Ministri.
Tra Presidente del Consiglio e Ministri non intercorre un
r a p p o r t o d i g e r a r c h i a : il primo, infatti, non pu avocare a s gli atti di competenza
di un singolo Ministro, n pu annullarli, n pu sostituirsi al Ministro o impartirgli ordini o
direttive relativi alla sua attivit172.
Una siffatta prerogativa, infatti, svuoterebbe completamente lesecutivo di quella
indispensabile indipendenza che ciascuno dei suoi componenti deve godere per assicurare una
vera collegialit al Consiglio dei ministri e un sufficiente margine di discrezionalit nella
delicata funzione di ciascun capo di dicastero.

171
Art. 92 1 co. Cost.: Il Governo della Repubblica composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che
costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.
172
Tuttavia, la legge n. 400/88 ha attribuito al Presidente la facolt di sospendere ladozione di procedimenti da
parte dei Ministri competenti in ordine a questioni politico amministrative, sottoponendoli al Consiglio dei
Ministri.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 79
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.2.2.2.4. Le
attribuzioni.
Lart. 95 1 co. Cost. afferma che: Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la
politica generale del Governo e ne responsabile. Mantiene lunit di indirizzo politico ed
amministrativo, promuovendo e coordinando lattivit dei ministri.
Le attribuzioni del Presidente del consiglio possono in particolare cos riassumersi: I)
direzione della politica generale del Governo173; II) mantenimento dellunit di indirizzo
politico e amministrativo del Governo174; III) promozione dellattivit dei Ministri175; III)
rapporti con il Presidente della Repubblica176; IV) rapporti con la Corte costituzionale, con le
istituzioni comunitarie, con le Regioni e le autonomie locali177.

173
compito preciso del Presidente redigere il programma di Governo e di fissarne le direttive. In relazione a
ci spetta a lui; a) comunicare alle Camere la composizione del Governo e ogni mutamento in essa intervenuto;
b) chiedere, la fiducia, ex art. 94 Cost., sulle dichiarazioni relative allindirizzo politico e agli impegni
programmatici e porre la questione di fiducia; c) presentare alle Camere i disegni di legge di iniziativa
governativa nonch esercitare (anche attraverso il Ministro per i rapporti con il Parlamento) le facolt attribuite
al Governo dallart. 72 Cost.; d) progettare le politiche generali e le decisioni di indirizzo politico generale; e)
coordinare le politiche di settore considerate strategiche dal programma di Governo; f) monitorare lo stato di
attuazione del programma di Governo e delle politiche settoriali; g) promuovere e coordinare le politiche di
opportunit e le azioni di Governo volte a prevenire, e rimuovere le discriminazioni.
174
Il Presidente del Consiglio dirige lattivit del Governo e cura i rapporti con lEsecutivo. Esercita funzioni di
coordinamento dellattivit normativa e amministrativa del Governo. II Presidente coordina lattivit dei Ministri
in ordine agli atti che riguardano la politica generale del Governo.
Egli riceve comunicazione preventiva dei provvedimenti che ogni Ministro intende sottoporre al Consiglio,
nonch concorda con i Ministri interessati le pubbliche dichiarazioni che intendono rendere ogni qualvolta,
eccedendo la normale responsabilit ministeriale, possano impegnare la politica generale del Governo (art. 5,
comma 2, lett. d), legge 400/1988).
Al Presidente stato inoltre attribuito dalla L. 400/1988 il potere di sospendere ladozione di atti da parte dei
Ministri competenti in ordine a questioni politiche e amministrative, al fine di sottoporli al Consiglio dei Ministri
nella riunione immediatamente successiva (art. 5, comma 2, lett. c).
II D.Lgs. 30311999 ha aggiunto allart. 5, comma 2, della L. 400/1988 una lettera c-bis) con la quale dispone che
il Presidente del Consiglio pu deferire al Consiglio dei Ministri, ai fini di una complessiva valutazione e
armonizzazione degli interessi pubblici coinvolti, la decisione di questioni sulle quali siano emerse valutazioni
contrastanti tra amministrazioni a diverso titolo competenti in ordine alla definizione di atti e provvedimenti.
175
Il Presidente del Consiglio lorgano di propulsione dellattivit del Governo in quanto, ai sensi dellart. 5,
comma 2 della L. 400/1988, pu (e, a nostro avviso, deve): I) indirizzare ai Ministri le direttive politiche e
amministrative in attuazione delle deliberazioni del Consiglio dei Ministri, nonch quelle connesse alla propria
responsabilit di direzione della politica generale del Governo (lett. a); II) adottare le direttive per assicurare
limparzialit, il buon andamento e lefficacia degli uffici pubblici, promuovendo le verifiche necessarie (lett. e);
III) promuovere lazione dei Ministri per assicurare che lattivit della aziende di Stato e degli enti pubblici si
svolga in coerenza con gli indirizzi politici e amministrativi del Governo (lett. f)
176
II Presidente del Consiglio rappresenta lorgano di collegamento costituzionale con il Capo dello Stato; egli,
pertanto, a nome del Governo (art. 89 Cost. e art. 5 L. 40011988) sottopone al Presidente della Repubblica: I) le
leggi per la promulgazione; II) i disegni di legge da presentare alle Camere a seguito di deliberazione del
Consiglio dei Ministri per la preventiva autorizzazione; III) i testi dei decreti aventi valore o forza di legge, dei
regolamenti governativi e degli altri atti indicati dalla legge per lemanazione.
Inoltre controfirma, ex art. 89, comma 2, Cost., tutti gli atti del Presidente della Repubblica aventi valore
legislativo o peri quali sia intervenuta preventiva delibera del Consiglio dei Ministri ovvero siano espressamente
indicati dalla legge (in questultimo caso, insieme al Ministro proponente).
177
Presidente del Consiglio a tal riguardo: I) esercita a nome del Governo la funzione di racconto con il
Parlamento e con gli altri organi costituzionali, con le istituzioni europee, con il sistema delle autonomie locali e
con le confessioni religiose, curandone i rapporti; II) esercita, a nome del Governo, le attribuzioni di cui alla
legge 11 marzo 1953, n. 87, promuovendo i giudizi di legittimit innanzi la Corte costituzionale e riferendo
periodicamente al Consiglio dei Ministri (con comunicazione alle Camere) sullo stato del contenzioso
costituzionale; III) promuove e coordina lazione del Governo al fine di assicurarne la coerenza e la tempestivit
nellattuazione delle politiche comunitarie; IV) promuove e coordina lazione del Governo nei rapporti di questo
con le Regioni: come tale presiede la Conferenza permanente tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome; V)
presiede la Conferenza Statocitt e autonomie locali e la Conferenza unificata.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 80
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.2.2.2.5. La
responsabilit.
Il Presidente del Consiglio sottoposto sia ad una responsabilit politica che giuridica.
Politica.
Per quanto attiene la r e s p o n s a b i l i t p o l i t i c a , lart. 95 1 co. Cost. stabilisce che
il Presidente del Consiglio dirige la politica generale del Governo e ne responsabile (verso le
Camere).
Si tratta quindi di una responsabilit politica i s t i t u z i o n a l i z z a t a (e non diffusa come
quella del Presidente della Repubblica), potendo le Camere, sanzionare il Presidente del
Consiglio revocando la fiducia al Governo.
Giuridica
Si ricordi che la r e s p o n s a b i l i t g i u r i d i c a ricorre quando lesercizio del potere
valutabile secondo precisi parametri normativi ed sottoponibile alle sanzioni previste
dallordinamento giuridico, e cio sanzioni penali, civili o amministrative.
Per quanto attiene la r e s p o n s a b i l i t c i v i l e , per violazione di diritti soggettivi, egli
obbligato al risarcimento del danno come qualsiasi cittadino secondo le norme del codice
civile (art. 2043 e ss. c.c.).
Per quanto attiene la specifica r e s p o n s a b i l i t p e n a l e bisogna operare, nella
fattispecie, una distinzione tra reati propri, e comuni.
Per r e a t i c o m u n i , sono i reati che il Presidente del Consiglio commette come privato
cittadino. In questo caso il Presidente del Consiglio non gode di nessuna prerogativa dovuta
alla sua carica (salvo ovviamente le eventuali prerogative parlamentari nel caso in cui il
Presidente sia anche parlamentare), nel senso che potr direttamente essere sottoposto al
vaglio della giurisdizione ordinaria senza una previa autorizzazione.
Discorso diverso vale per i r e a t i p r o p r i , ossia i reati che il Presidente del Consiglio
commette nellesercizio delle sue funzioni.
Al riguardo lart. 96 afferma che Il Presidente del Consiglio dei Ministri ed i Ministri,
anche se cessati dalla carica, sono sottoposti per i reati commessi nellesercizio delle loro
funzioni, alla giurisdizione ordinaria previa autorizzazione del Senato della Repubblica o
della Camera dei deputati, secondo le norme stabilite con legge costituzionale.
Lautorizzazione prevista dallart. 96 spetta alla Camera cui appartengono le persone nei
cui confronti si deve procedere. Se invece si deve procedere contro pi Ministri appartenenti a
Camere diverse, o esclusivamente nei confronti dei soggetti che non sono membri del
Parlamento, lautorizzazione spetta al Senato della Repubblica.
La sospensione dei processi nei confronti delle pi alte cariche dello Stato.
Al riguardo si ricordi che la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale:
la legge 20 giugno 2003, n. 140 (c.d. lodo M a c c a n i c o - S c h i f a n i ) , che
allart. 1 provvedeva a bloccare tutti i processi penali contro le pi alte cariche
dello Stato (e quindi anche i processi che vedevano in qualit di imputato il
Presidente del Consiglio) per tutta la durata del loro mandato;
la legge 23 luglio 2008, n. 124 (c.d. l o d o A l f a n o ), che sospendeva per lintera
durata della carica i processi penali nei confronti dei soggetti che rivestono la

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 81
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

qualit di Presidente del Consiglio dei Ministri, Presidente della Repubblica,


Presidente della camera e Presidente del Senato.
1.4.2.2.3. La
Presidenza del Consiglio dei Ministri.
La P r e s i d e n z a d e l C o n s i g l i o d e i M i n i s t r i , il complesso organizzatorio
destinato a svolgere funzioni di supporto ai compiti di impulso, indirizzo e coordinamento del
Presidente del Consiglio.
Il D.Lgs. 303/99, infatti, dispone che lorganizzazione della presidenza del Consiglio dei
Ministri si articola nel modo seguente:
S e g r e t a r i a t o g e n e r a l e che si articola in dipartimenti, e della cui attivit si
avvalgono i Ministri o Sottosegretari delegati dal Presidente del Consiglio e da lui
individuate con propri decreti;
s t r u t t u r e d i m i s s i o n e , di durata temporanea, istituite con decreto del
Presidente del Consiglio per lo svolgimento di compiti particolari, il
raggiungimento di risultati determinati e la realizzazione di specifici programmi;
u f f i c i d i d i r e t t a c o l l a b o r a z i o n e del Presidente del Consiglio, dei
Ministri senza portafoglio e dei sottosegretari alla Presidenza, individuati con
decreto del Presidente del Consiglio.
Il Presidente del Consiglio pu modellare questa struttura organizzativa in relazione alle
proprie funzioni istituzionali, stabilendo con propri decreti il tipo di articolazione che deve
avere lapparato amministrativo della presidenza del Consiglio dei Ministri.
1.4.2.2.4. Il Consiglio dei Ministri
1.4.2.2.4.1. Nozione
Il C o n s i g l i o d e i M i n i s t r i un organo costituzionale collegiale, formato da tutti i
Ministri (anche, quelli senza portafoglio), dal Presidente del Consiglio (che lo presiede), dal
vice presidente del Consiglio e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, che esercita
le funzioni di segretario senza voto deliberativo178.
1.4.2.2.4.2. Attribuzioni
Le attribuzioni del Consiglio dei Ministri sono state precisate dalla legge 400/1988 con cui
lasse Presidente-Consiglio dei Ministri ha acquistato un maggior grado di autonomia rispetto
alle figure ed ai poteri dei singoli Ministri. Esse possono cos sintetizzarsi:
Funzione di indirizzo politico e amministrativo del Paese
Il Consiglio dei Ministri determina la politica generale del Governo e, ai fini
dellattuazione di essa, lindirizzo generale dellazione amministrativa; delibera, altres, su
ogni questioni relativa allindirizzo politico fissato dal rapporto fiduciario con le Camere. Ci
infatti costituisce il logico presupposto dellopera di direzione e coordinamento politico del
presidente del Consiglio179,

178
Quando si trattano materie riguardanti le Regioni a Statuto speciale, alle sedute dei Consigli partecipano
anche i Presidenti delle Regioni interessate, ma con peso diverso. Il Presidente della Regione Sicilia ha voto
deliberativo (art. 21 Stat. Reg. Sic.; D.Lgs. 35/2004), mentre gli altri Presidenti hanno voto solo consultivo.
179
Spetta, in particolare, al Consiglio: I) approvare le dichiarazioni che saranno rese note dal Presidente del
Consiglio alle Camere allatto della presentazione del Governo dinnanzi alle stesse; II) esprimere lassenso alla
iniziativa del Presidente del Consiglio di porre la questione di fiducia dinanzi alle Camere; III) deliberare sulle
questioni di ordine pubblico e di alta amministrazione (come la nomina dei pi alti funzionari) nonch sulle

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 82
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Decisione sulla politica normativa del Governo.


Spetta al Consiglio dei Ministri deliberare: I) sui disegni di legge di iniziativa governativa
da presentare al Parlamento; II) sulle comunicazioni che il Governo intende fare alle Camere,
in ordine a proposte di legge non governative; III) sui decreti aventi valore o forza di legge
(decreti-legislativi e decreti-legge) e sui regolamenti (c.d. governativi) da emanare con
decreto del Presidente della Repubblica;
Determinazione dellatteggiamento del Governo nei rapporti con le Regioni
Sono sottoposti alla deliberazione del Consiglio dei Ministri: I) la proposta motivata al
Presidente della Repubblica di scioglimento di un Consiglio regionale ex art. 126 Cost; II) il
promovimento delle questioni di legittimit di una legge regionale innanzi alla Corte
Costituzionale
Soluzione delle divergenze e dei conflitti di attribuzione fra i Ministri
I contrasti possono presentarsi come divergenze politiche o come conflitti di competenza.
In entrambi i casi la decisione definitiva spetterebbe al Consiglio dei Ministri, ma ci non
esclude che anche il solo Presidente del Consiglio possa svolgere unazione risolutiva. Il
Presidente del Consiglio, o ciascun Ministro interessato, possono sempre chiedere lintervento
del Consiglio sulla questione180.
1.4.2.2.5. I Ministri.
1.4.2.2.5.1. Nozione.
Il M i n i s t r o un organo costituzionale dotato sia di funzioni politiche perch
(collegialmente) i ministeri collaborano allattuazione dellindirizzo politico del Governo, sia
di funzioni amministrative, in quanto a capo dei Ministeri, organi centrali complessi dello
Stato, ciascuno dei quali dirige un particolare settore della Pubblica Amministrazione.
1.4.2.2.5.2. Nomina
I Ministri sono nominati con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del
Presidente del Consiglio dei Ministri. Possono essere scelti anche fra i cittadini non
appartenenti al Parlamento (ci implicitamente previsto dallart. somma 4, Cost.). Non sono
previste incompatibilit per la carica di Ministro.
1.4.2.2.5.3. Attivit
e poteri dei Ministri.
Nellambito delle funzioni costituzionali
Nellambito delle f u n z i o n i c o s t i t u z i o n a l i dei Ministri rientrano: I) il dritto di
iniziativa legislativa (art. 71 Cost.) che si esercita mediante la presentazione al Consiglio dei
Ministri dei disegni di legge da sottoporre alle Camere; II) la controfirma degli atti del
Presidente della Repubblica che essi stessi hanno proposto e di cui si assumono la
responsabilit (politica) (art. 89 Cost.): la controfirma ha natura di atto di controllo; III) il

questioni internazionali e comunitarie in genere; IV) deliberava sugli atti concernenti i rapporti tra lo Stato e la
Chiesa cattolica (art. 7 Cost.) e tra lo Stato e le altre confessioni religiose (art. 8 Cost.);
180
inoltre richiesta la delibera del Consiglio dei Ministri per: I) provvedimenti da emanarsi in contrasto con il
parere (obbligatorio ma non vincolante) del Consiglio di Stato; II) richieste alla Corte dei Conti di registrazione o
apposizione del visto ad atti con riserva; III) annullamento straordinario, a tutela dellordinamento, degli atti
amministrativi illegittimi (art. 138 D.Lgs. 267/2000); IV) approvazione dellelenco dei nuovi Sottosegretari. V)
nomine alla presidenza di enti, istituti o aziende di carattere nazionale, di competenza dellamministrazione
statale, fatta eccezione per le nomine relative agli enti pubblici creditizi.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 83
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

dirittodovere di partecipazione alle riunioni e allattivit del Governo nel suo complesso,
attraverso le delibere del Consiglio dei Ministri.
Nellambito delle funzioni amministrative
Nellambito delle f u n z i o n i a m m i n i s t r a t i v e dei Ministri rientrano: I)
lemanazione di atti amministrativi di varia natura (atti di amministrazione attiva o di
controllo etc.); II) lemanazione di atti di alta amministrazione, cio di atti amministrativi che
costituiscono il raccordo fra la funzione politica e la funzione amministrativa; III)
lemanazione di regolamenti; IV) in genere tutte le attivit compiute per la direzione o
lorganizzazione dei rispettivi Dicasteri.
1.4.2.2.5.4. Responsabilit.
Anche i Ministri sono sottoposti sia ad una r e s p o n s a b i l i t politica che giuridica.
Politica.
La responsabilit p o l i t i c a non sorge per la violazione di una specifica norma giuridica
(anche se pu coesistere con tale violazione), ma deriva dalla mancata corrispondenza tra
lazione del Ministro e le direttive politiche del Parlamento o del Presidente del Consiglio.
Ciascun Ministro responsabile sia verso il Parlamento sia verso il Presidente del Consiglio.
La responsabilit politica pu essere
c o l l e g i a l e , per gli atti che i Ministri hanno compiuto riuniti nellorgano
collegiale Consiglio dei Ministri (art. 95, comma 2, Cost.);
i n d i v i d u a l e , per gli atti compiuti da ciascun Ministro nellesercizio del suo
ufficio (i comma 2, Cost.). In particolare
o per gli atti esclusivamente loro propri (formalmente e sostanzialmente);
o per gli atti formalmente del Capo dello Stato a cui essi hanno collaborato (e
che hanno controfirmato) (art. 89 Cost.). Ci, anche in conseguenza del
principio di irresponsabilit del Presidente della Repubblica;
o per gli atti dei loro sottoposti, che possano ricondursi comunque ad un
volont del Ministro.
Giuridica.
Per quanto attiene, la responsabilit giuridica dei Ministri, ed in particolare per quella
penale valgono le stesse regole dettare per il Presidente del Consiglio, sia per quanto riguarda
lautorizzazione che per le prerogative.
In particolare competente a giudicare i c.d. r e a t i m i n i s t e r i a l i , cio quei reati
commessi dai Ministri nellesercizio delle loro funzioni, sar il T r i b u n a l e d e i
M i n i s t r i , che un organo giurisdizionale speciale organizzato per sorteggio in ogni
Tribunale sede di distretto di Corte dAppello.
Sempre nellambito della responsabilit giuridica, si ricordi che sui i ministri incombe
anche una particolare r e s p o n s a b i l i t a m m i n i s t r a t i v a , in quanto sono responsabili
innanzi alla Corte dei Consti dei danni arrecati alla pubblica amministrazione.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 84
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.2.3. Gliorgani non necessari.


1.4.2.3.1. I vicepresidenti del Consiglio.
La carica disciplinata dalla L. 400/88 che prevede la possibilit, per il Presidente del
Consiglio dei Ministri, di proporre al Consiglio dei Ministri lattribuzione a uno o pi Ministri
delle funzioni di v i c e p r e s i d e n t e d e l C o n s i g l i o .
In tal caso, in ipotesi di assenza o impedimento temporaneo del Presidente del Consiglio
dei Ministri, la supplenza spetta al vicepresidente del Consiglio, o qualora ne siano stati
nominati pi di uno, a quello pi anziano.
Nel caso dei Governi di coalizione il vicepresidente del Consiglio viene nominato e scelto,
per motivi di equilibrio, da un partito diverso da quello cui appartiene il Presidente.
1.4.2.3.2. Ministri
senza portafoglio.
Con lespressione m i n i s t r i s e n z a p o r t a f o g l i o si indicano quei Ministri a cui
non stato attribuito un proprio dicastero, e che svolgono le funzioni, su delega del Presidente
del Consiglio dei Ministri, attingendo le risorse economiche dagli altri Ministeri.
La Costituzione non prevede questa figura particolare di Ministro che invece stata
disciplinata dalla legge n 400/88 la quale prevede che, allatto di formazione del Governo,
possono dal P.d.R. esse nominati, presso la Presidenza del Consiglio, Ministri senza
portafoglio, i quali svolgono le funzioni loro delegate dal Presidente del Consiglio sentito il
Consiglio dei Ministri. Detti ministri partecipano a pieno diritto alle deliberazioni del
Consiglio dei Ministri dei cui atti sono responsabili collegialmente al pari dei Ministri titolari
di Dicastero
1.4.2.3.3. La
figura del sottosegretario di Stato.
I S o t t o s e g r e t a r i d i S t a t o non sono contemplati dalla Costituzione, la normativa
che li prevede essendo contenuta nellart. 10 della L. 400/88. Sono semplicemente incaricati
di coadiuvare i Ministri e la loro nomina costituisce, nellattuale prassi costituzionale, il primo
atto ufficiale del nuovo Governo.
Vengono nominati dal Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del
Consiglio dei Ministri di concerto con il Ministro che il sottosegretario di Stato deve
coadiuvare, sentito il Consiglio dei Ministri. Poich sono legati al Governo181, seguono la sua
sorte e, pertanto, in caso di sfiducia sono tenuti a dimettersi insieme con i membri del
Governo stesso.
I sottosegretari di Stato collaborano col Ministro nel campo amministrativo. Possono
inoltre intervenire, quali rappresentanti del Governo, alle sedute delle Camere e delle
commissioni parlamentari, sostenere la discussione in conformit alle direttive del Governo,
rispondere alle interrogazioni e interpellanze.

181
La L. 26 marzo 2001, n. 81 ha previsto la possibilit di attribuire ai sottosegretari di Stato la qualifica di vice
Ministro. Secondo quanto disposto dallarticolo 1 della citata legge (che integra il disposto dellarticolo 10 della
L. 400/88) a non pi di dieci sottosegretari pu essere attribuito il titolo di vice ministro, se ad essi sono
conferite deleghe relative allintera area di competenza di una o pi strutture dipartimentali ovvero di pi
direzioni generali. La delega deve essere conferita dal Ministro competente e successivamente approvata dal
Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 85
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.2.3.4. Il
Consiglio di Gabinetto
Il C o n s i g l i o d i G a b i n e t t o un organo che assiste il Presidente del Consiglio dei
Ministri e il Vicepresidente nella loro attivit politica, ferme restando le attribuzioni del
Consiglio dei Ministri182.
Il C o n s i g l i o d i G a b i n e t t o risulta composto dai Ministri (7-8) designati dal
Presidente del Consiglio dei Ministri, sentito il Consiglio dei Ministri. Il Presidente pu
invitare alle sedute del C o n s i g l i o d i G a b i n e t t o anche altri Ministri in ragione della
loro competenza.
Il Consiglio di Gabinetto non ha funzioni deliberative ma solo istruttorie. La discussione
preventiva degli schemi dei disegni di legge una delle funzioni pi importanti.
1.4.2.3.5. Comitatiinterministeriali.
I c o m i t a t i i n t e r m i n i s t e r i a l i sono organi collegiali non necessari del Governo,
costituiti da pi Ministri, sorti per la necessit di soddisfare le esigenze di particolari settori
della P.A. che coinvolgono le competenze e le attivit di pi Ministri e, quindi, esigono il
coordinamento dellattivit di costoro.
Possono essere c o n s u l t i v i , se hanno lo scopo di preparare le deliberazioni del
Consiglio dei Ministri, o d e l i b e r a t i v i (ed in tal caso devono essere stabiliti per legge), se
si sostituiscono nelle deliberazioni al Consiglio.
La L. 537/93 ha dettato norme per ridurre e riordinare i comitati interministeriali al fine di
eliminare duplicazioni e sovrapposizioni di competenza e indebolire i poteri del Consiglio dei
Ministri. Sono perci stati soppressi tutti i comitati interministeriali esistenti, ad eccezione del
C.I.P.E.183, del C.I.C.R.184, del C.I.S.185 e del C.I.A.C.E. che, essendo stati istituiti con legge,
sono organi deliberanti e sono veri e propri organi di governo.
1.4.2.3.6. Comitati
di ministri.
Infine, il Presidente del Consiglio, in base alla l. n. 400 del 1988 pu disporre, con proprio
decreto listituzione di c o m i t a t i d i m i n i s t r i , con il compito di esprimere pareri su
direttive dellattivit di Governo e su problemi di rilevante importanza da sottoporre al

182
Il Consiglio di Gabinetto comunque un organo non necessario, per cui ogni Governo decide se istituirlo o
meno.
183
Il C I P E il pi importante dei comitati interministeriali oggi esistenti. costituito dal Presidente del
Consiglio, dai Ministri dellEconomia e delle Finanze, degli Affari Esteri, delle Attivit produttive, del Lavoro e
delle politiche sociali, delle Infrastrutture, delle Politiche agricole e forestali.
Quanto ai compiti, il CIPE: I) predispone gli indirizzi della programmazione della politica economica nazionale;
II) indica le linee generali per limpostazione del bilancio dello Stato; III) esamina la situazione economica
generale per adottare eventuali misure anticongiunturali; IV) promuove lammonizzazione della politica
economica nazionale con le direttive poste in essere dalla Comunit Europea
184
C I C R : Organo costituito nel 1947 con funzioni di alta vigilanza in materia di tutela del risparmio, di
esercizio del credito e in materia valutaria. Fanno parte di questo comitato il Ministro del Tesoro, del Bilancio e
della programmazione economica (che lo presiede), il Ministro dei Lavori pubblici, il Ministro dellIndustria,
commercio e artigianato, il Ministro del commercio con lestero, il Ministro per le politiche agricole, il Ministro
delle Finanze, il Ministro delle politiche comunitarie. Partecipa alle riunioni del Comitato (ma senza diritto di
voto) anche il Governatore della Banca dItalia.
185
Il C I S stato istituito con L. 801/77 ed ha lo scopo di svolgere funzioni consultive e propulsive in ordine
agli indirizzi generali e agli obiettivi fondamentali della politica di sicurezza. Il CIS opera presso la Presidenza
del Consiglio dei Ministri con la seguente composizione: Presidente del Consiglio dei Ministri, che ne presiede
le sedute, Ministro degli affari esteri, Ministro dellinterno, Ministro della giustizia, Ministro della difesa,
Ministro dellindustria, del commercio e dellartigianato, Ministro delle finanze.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 86
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Consiglio dei ministri, anche avvalendosi di esperti non appartenenti alla pubblica
amministrazione.
I comitati di ministri, che ribadiamo sono costituiti con decreto (ed in questo si
differenziano dai comitati interministeriali che sono costituti con legge): hanno tutti r i l i e v o
i n t e r n o ; sono organismi di lavoro spesso temporanei; svolgono attivit di carattere
puramente istruttorio e non hanno alcuna competenza esterna; le loro deliberazioni e le loro
responsabilit sono fatte proprie dal Consiglio dei Ministri, o dai singoli Ministri interessati.
1.4.3. La formazione del Governo.
La f o r m a z i o n e d e l G o v e r n o costituisce un procedimento, cio si articola in una
serie di atti successivi coordinati e diretti alla formazione di un atto finale (la nomina del
Governo).
Tale procedimento si inizia ogni qualvolta un Governo presenti le dimissioni e queste
vengono accolte dal Presidente della Repubblica, per cui si rende necessario nominarne uno
nuovo.
La nostra costituzione estremamente laconica al riguardo. Essa, infatti, si limita a
disporre allart. 92 2 co. che: Il Presidente della Repubblica, nomina il Presidente del
Consiglio dei Ministri e, su proposta di questultimo, i Ministri.
Le norme che presiedono al procedimento di formazione del Governo sono pertanto, in
gran parte, non scritte e costituiscono altrettanto convezioni costituzionali, sorte per
disciplinare lesercizio del potere discrezionale del Capo dello Stato
1.4.3.1. Le consultazioni.
Il procedimento inizia con le c o n s u l t a z i o n i del Capo dello Stato, volte a conoscere
gli orientamenti delle forze politiche e individuare la personalit sulla quale far convergere il
gradimento di una futura maggioranza di governo186.
Il Presidente della Repubblica gode di un ampio margine di discrezionalit
nellindividuazione delle persone da consultare, pur dovendo comunque sentire i due
Presidenti delle Camere (che egli tenuto a consultare, in base allarticolo 88, prima di
sciogliere le Camere, ipotesi che pu concretizzarsi proprio per limpossibilit di formare un
nuovo Governo) ed i gruppi parlamentari.
Le personalit consultate esprimono al Presidente il loro parare sulla situazione politica
generale con specifico riferimento alla formazione del nuovo Governo, cosicch, alla chiusura
delle consultazioni, il Presidente della Repubblica avr gli elementi di valutazione in base ai
quali proceder al conferimento dellincarico a quella personalit politica che egli ritenga
abbia le maggiori probabilit di formale il Governo.
1.4.3.2. Conferimento dellincarico.
Terminate le consultazioni, il Capo dello Stato conferisce lincarico alla persona con
maggiori possibilit di formare un Governo che sia appoggiato dalla fiducia delle Camere187.

186
In occasione di crisi extraparlamentari, poi, le consultazioni consentono al Capo dello Stato addirittura di
conoscere i motivi della crisi, non pubblicizzati in un dibattito parlamentare ma rimasti interne alla segreterie dei
partiti.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 87
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.3.2.1. Ilmandato esplorativo.


Tuttavia il conferimento dellincarico talvolta, pu essere preceduto da un c.d. m a n d a t o
e s p l o r a t i v o , che si rende necessario qualora la situazioni politica sia molto complessa
(quando, cio, i partiti non riescono a raggiungere un accordo per la formazione della
maggioranza) o le prime consultazioni non abbiano dato indicazioni significative.
Il mandato viene affidato di solito ad una alta personalit (il Presidente di una delle due
Camere), in omaggio al principio di collaborazione fra gli organi costituzionali sancito dal
primo comma dellart. 88 Cost.
In concreto il mandato esplorativo consiste in una serie di consultazioni, ristrette, questa
volta, a quelle ritenute pi essenziali, in modo da avere una visione pi completa ed
aggiornata degli orientamenti delle forze politiche.
1.4.3.2.1.1. Preincarico.
Dal mandato esplorativo si suole distinguere il c.d. p r e i n c a r i c o che si ha quando il
Presidente della Repubblica affida alla personalit politica alla quale, con ogni probabilit
(dato lesito delle consultazioni) conferir lincarico, il compito di svolgere ulteriori
consultazioni onde assumere, in questa sua posizione non ufficiale, ma gi di candidato in
pectore allufficio di Presidente del Consiglio, elementi di chiarificazione per la formazione
del nuovo Governo.
1.4.3.2.2. Attivit dellincaricato.
L i n c a r i c a t o a c c e t t a c o n r i s e r v a l i n c a r i c o e inizia (per suo conto) a
sondare le opinioni dei capi gruppo parlamentari, mettendo a punto un programma di governo
che cointeressi i partiti politici disporre a formazione la c o a l i z i o n e d i g o v e r n o ,
compendiando o mediando gli obiettivi politici di tali partiti. La colazione deve contare su di
una base parlamentare di consensi tale da assicurare che le Camere accordino o votino la
fiducia.
Completate le consultazioni, lincaricato (il quale, come detto, accetta lincarico con
riserva) comunica al Capo dello Stato i risultati del sondaggio e pu:
sciogliere la riserva accettando lincarico: in tal caso viene nominato Presidente del
Consiglio, previa accettazione definitiva da parte del Presidente della Repubblica
delle dimissione del precedente Governo
rinunciare allincarico, per la difficolt incontrate nella formazione della nuova
maggioranza. In questultimo caso il Presidente della Repubblica pu
attribuire lincarico ad altra personalit;
respingere le dimissioni presentate al Presidente del Consiglio uscente (se accolte
con riserva) e rinviarlo al Parlamento per una verifica della fiducia;
sciogliere il Parlamento, sentiti i Presidenti delle due Camere, e indire le nuove
elezioni (art. 88 Cost.).

187
Nei sistemi di tipo maggioritario, come ormai pu essere considerato il nostro, le coalizioni solitamente si
formano prima delle elezioni e i leader delle stesse appaiono i naturali destinatari dellincarico (in Italia, ad
esempio, il Presidente Scalfaro ha conferito immediatamente lincarico a Silvio Berlusconi, leader della
coalizione di centrodestra vincente alle elezioni del 94, e a Romano Prodi, capo del raggruppamento di
centrosinistra uscito vittorioso dalle elezioni del 96).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 88
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.3.3. Nomina del nuovo Presidente del Consiglio.


Se lattivit dellincaricato ha successo e questi riesce a formare un Governo che gode del
consenso di una maggioranza politica in Parlamento, il Capo dello Stato tenuto a nominarlo
Presidente del Consiglio, con decreto, dopo aver accettato definitivamente le dimissioni del
precedente Presidente (accettate con riserva).
Come tutti i decreti del Presidente, anche quello di nomina ha bisogno della controfirma
dei Ministri proponenti, ex art. 89 comma 1 Cost. In passato si discuteva in dottrina se la
firma dovesse essere apposta dal nuovo Presidente del Consiglio, oppure dal Presidente
uscente.
Oggi tale questione deve ritenersi risolta dallart. 1, L. 400/1988, che al comma 2 precisa
che il decreto di nomina del Presidente del Consiglio dei Ministri da lui controfirmato,
insieme ai decreti di accettazione delle dimissioni del precedente Governo. Con lapposizione
della controfirma, il Presidente del Consiglio non assume la responsabilit politica per latto
controfirmato, ma si limita ad attestare che la scelta del Capo dello Stato avvenuta nel
rispetto delle regole esistenti.
1.4.3.4. Nomina dei Ministri
Lincaricato, prima della propria nomina alla carica di Presidente del Consiglio, deve aver
gi compilato una lista di Ministri gradita alla maggioranza del Parlamento.
Allatto della nomina il Presidente del Consiglio presenta tale lista (che pu essere anche
successivamente variata, purch con il consenso dei gruppi) al Presidente della Repubblica, il
quale emette i decreti di nomina188.
1.4.3.5. Il giuramento.
Nominati il Presidente del Consiglio ed i ministri, il Governo formato, ma, prima di
assumere le funzioni, i membri del Governo dovranno prestare giuramento nelle mani del
Presidente della Repubblica (art. 93 Cost.189).
1.4.3.6. La fiducia.
In seguito alla nomina e al giuramento, il Governo formalmente costituito, tuttavia
affinch possa esercitare, le sue funzioni (che non sia quelle di ordinaria amministrazione190),
necessario che ottenga la fiducia delle due Camere (art. 94 1 co. Cost).

188
Pu, tuttavia, anche accadere che, allatto della nomina, lincaricato non abbia ancora pronto lo schema del
nuovo Governo: in tal caso sufficiente, per poter considerare portato a termine il suo incarico, che egli sia
sicuro di poter formare un Governo che goda dellappoggio del Parlamento.
189
La norma considera il giuramento una condizione per il legittimo esercizio delle funzioni governative, il cui
adempimento tempestivo deve essere sollecitato dal Capo dello Stato in qualit di ricevente la dichiarazione. Se
il giuramento viene rifiutato da un Ministro (ad esempio, perch insoddisfatto dalla sua collocazione allinterno
della compagine governativa), il Governo deve essere integrato nella sua composizione mediante la nomina di un
nuovo Ministro o attribuendo provvisoriamente (ad interim) il Ministero vacante ad altri Ministri o al Presidente
del Consiglio.
190
Dopo la nomina ed il giuramento dei componenti del Governo, questo si considera formato. In attesa della
fiducia, tuttavia, i suoi poteri sono limitati allordinaria amministrazione, nozione difficile da definire per
mancanza di indicazioni esplicite nella Costituzione o in leggi ordinarie. Generalmente, il Governo in attesa della
fiducia compie gli atti urgenti (emanazione di decreti-legge, presentazione di impugnative davanti alla Corte
Costituzionale) e quelli preordinati al dibattito parlamentare (nomina dei sottosegretari, preparazione del
programma governativo e delle connesse iniziative legislative).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 89
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La f i d u c i a il rapporto di natura politica, continuo e costante, che deve


necessariamente intercorrere tra il Governo ed il Parlamento, affinch il primo possa
esercitare le sue funzioni; ne consegue che ogni qualvolta viene meno la fiducia il governo
obbligato a dimettersi.
1.4.3.6.1. Lamozione di fiducia.
Al fine di ottenere la fiducia, entro dieci giorni dalla prestazione del giuramento, il
Governo, a mezzo del Presidente del Consiglio, espone ad ambedue le Camere le
d i c h i a r a z i o n e p r o g r a m m a t i c h e ; successivamente si apre la discussione su tali
dichiarazioni che si conclude con presentazione, da parte dei gruppi parlamentari di
maggioranza, di una mozione di fiducia, finalizzata appunto a concedere la f i d u c i a al
neo Governo
La m o z i o n e d i f i d u c i a quindi latto di gradimento politico con cui il
Parlamento aderisce al programma politico dellEsecutivo.
L a mozione di fiducia deve essere:
m o t i v a t a , perch con essa le Camere devono esprimere le ragioni del loro
consenso al programma politico presentato dal Governo ed impegnando, allo stesso
tempo, il Governo allo svolgimento di quel programma;
e v o t a t a p e r a p p e l l o n o m i n a l e , affinch con la pubblicit del voto, il
Paese possa conoscere lorientamento di ciascuno dei suoi rappresentati.
1.4.3.6.1.1. La
questione di fiducia.
La mozione di fiducia non va confusa con la q u e s t i o n e d i f i d u c i a 191, la quale
uno strumento concesso dai regolamenti parlamentari al Governo per verificare,
volontariamente, il rapporto di fiducia con il Parlamento.
Ponendo, su un atto (un intero disegno di legge, un singolo articolo, etc.), la questioni di
fiducia, il Governo pone, i gruppi parlamentari che lappoggiano, di fronte alla responsabilit
di provocare una crisi di governo, in quanto la mancata approvazione dellatto su cui stato
posta la questione di fiducia apre di fatto una crisi di governo (vedi in seguito).
In particolare la questione di fiducia posta dal Governo, su atti, che ritiene essenziali per
il proseguimento della sua azione politica, e sui quali, prima della loro deliberazione, non
chiaro che ci sia una solida maggioranza in Parlamento.

191
Lart. 2 della legge 400/1988 attribuisce al Presidente del Consiglio liniziativa, con lassenso del Consiglio
dei Ministri, cui spetta comunque, deliberare sulle dichiarazioni relative alle questioni di fiducia, in
considerazione dei riflessi che esse hanno sullindirizzo politico unitario delle compagine governativa.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 90
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DEL GOVERNO

Il Governo uscente
presenta le dimissioni

Il Presidente della Repubblica le


accetta con riserva

Consultazioni del Capo dello Stato

Mandato esplorativo Preincarico

Conferimento dellincarico

Lincaricato accetta con


riserva lincarico

Completate le consultazioni,
lincaricato pu

Sciogliere la riserva Rinunciare allincarico


accettando lincarico

Il Capo dello Stato


Nomina del nuovo
Presidente del Consiglio e
dei Ministri
Rinviare il Governo Attribuire
Sciogliere le
Giuramento nelle mani del uscente alle Camere lincarico ad
Camere e indire
Capo dello Stato per una verifica della altra
nuove elezioni
fiducia personalit

Entro dieci giorni dalla


decreto di nomina il
Governo deve ottenere la
fiducia dal Parlamento

Schema 2: Procedimento di formazione del Governo.


1.4.4. Crisi di Governo, sfiducia individuale, revoca e rimpasto.
1.4.4.1. Crisi di governo.
Si apre la c r i s i d i g o v e r n o quando viene meno la fiducia della maggioranza
parlamentare e il Governo non pi di fatto in grado di funzionare regolarmente (perch il
Parlamento si opporrebbe sistematicamente alle sue iniziative).
Le crisi di governo possono essere parlamentari o extraparlamentari.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 91
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.4.4.1.1. Parlamentari.
Le crisi di governo sono p a r l a m e n t a r i quando sono determinate o da una mozione di
sfiducia delle Camere (c.d. s f i d u c i a e s p r e s s a ) o dal ritiro dellappoggio al governo da
parte di uno o pi gruppi parlamentari (c.d. s f i d u c i a t a c i t a ).
1.4.4.1.1.1. Mozione
o voto di sfiducia.
La m o z i o n e d i s f i d u c i a 192 latto mediante il quale le Camere pongono fine al
rapporto di fiducia con il Governo.
Tale mozione deve essere firmata da almeno un decimo dei componenti della Camera per
assicurare il voto di una sufficiente quantit di parlamentari e non pu essere messa in
discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione, per evitare colpi di mano, cio
votazioni di sorpresa (c.d. assalti di diligenza), magari nellassenza di molti parlamentari
ignari della circostanza.
Anche la mozione di sfiducia d e v e e s s e r e m o t i v a t a , nel senso che deve contenere
lindicazione delle ragioni per cui non si ritiene pi opportuno avallare lorientamento politico
del Governo in carica.
Il Governo al quale le Camere hanno votato la sfiducia ha lobbligo giuridico di dimettersi,
se non si dimettesse, spetterebbe al Presidente della Repubblica revocarlo dalla carica per
ripristinare la legalit costituzionale.
1.4.4.1.1.2. La sfiducia individuale.
Il regolamento della Camera dei deputati e la prassi costante del Senato prevedono anche
la mozione di s f i d u c i a i n d i v i d u a l e n e i c o n f r o n t i d i u n s i n g o l o
M i n i s t r o (assoggettandola alla stessa disciplina prevista per la mozione di sfiducia del
Governo).
Tale istituto, molto discusso in dottrina, stato legittimato da una recente sentenza (la n. 7
del 1996) della Corte Costituzionale, che ne ha sottolineato la funzione di strumento idoneo a
scongiurare eventuali crisi di Governo: se non fosse ammessa la sfiducia individuale, infatti, il
comportamento del singolo Ministro che spezzi lunit dindirizzo politico del Governo
potrebbe essere sanzionato solo sfiduciando lintera compagine governativa.
Rimpasto di governo.
La sfiducia individuale, non va confusa con il r i m p a s t o d i g o v e r n o , che consiste
nella sostituzione di uno o pi ministri allinterno del Governo, perch costoro non godono
pi della fiducia del Presidente del Consiglio, o per altre cause (malattia, morte, dimissioni
etc.).
Generalmente il rimpasto non causa la crisi di governo, anzi costituisce un mezzo per
evitarla: se il rapporto fiduciario con uno o pi Ministri viene meno, il mutamente
dellelemento personale pu risultare condizione necessaria e sufficiente per mantenere in
piedi laccordo di governo e il rapporto fiduciario tra Governo e parlamento.
Quanto alla r e v o c a del singolo Ministro, essa pu essere deliberata con atto uguale e
contrario alla nomina, vale a dire con un decreto del Capo dello Stato su iniziativa del

192
importante ribadire la differenza fra m a n c a t a f i d u c i a e voto di sfiducia. Si ha la prima quando il
Governo, presentatosi alle Camere dopo la sua formazione, non ottiene la fiducia; si ha il secondo quando la
fiducia, gi concessa, revocata dalle Camere con lapprovazione della mozione di sfiducia

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 92
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Presidente del Consiglio nellesercizio dei suoi poteri dindirizzo e coordinamento della
compagine governativa, finalizzati al mantenimento dellindirizzo politico.
1.4.4.1.2. Extraparlamentari.
Si parla di c r i s i e x t r a p a r l a m e n t a r i , quando la crisi si verificano in seguito ad un
evento esterno alla dinamica parlamentare, che paralizza il funzionamento del Governo e lo
costringe delle dimissioni193.
1.4.4.2. Le dimissioni del Governo.
Le dimissioni del Governo possono essere:
o b b l i g a t o r i e , a seguito di sfiducia delle Camere e di mancata concessioni
della fiducia iniziale; il Capo dello Stato ha lobbligo di accettarle. Inoltre sono
obbligatorie a seguito di elezioni generali; in particolare una norma di correttezza
costituzionale vuole che il Governo si dimetta anche se elezioni abbiano
confermato la maggioranza al potere
d i r i t o , a seguito di elezione del nuovo Presidente della Repubblica, che
provveder a respingerle;
f a c o l t a t i v e , a seguito di mutati rapporti col Parlamento o in partiti che
lappoggiano. Il Capo dello Stato pu respingerle, invitando il Governo a
presentarsi davanti alle Camere e il Presidente del Consiglio a cercare un nuovo
accordo.
1.4.4.2.1. Il Governo dimissionario.
In ogni caso di dimissioni, di solito accettate con riserva dal Presidente della Repubblica, il
G o v e r n o d i m i s s i o n a r i o resta in carica, su invito del Capo dello Stato, sino alla
nomina del nuovo Governo, per il disbrigo degli affari di ordinaria amministrazione194 (si ha,
una p r o r o g a t i o d i f a t t o ).
1.4.5. Gli atti aventi forza di legge.
1.4.5.1. Introduzione.
La funzione legislativa, in base allarticolo 70 e nel rispetto del principio di separazione dei
poteri, attribuita al Parlamento. Esistono, tuttavia, delle circostanze che possono giustificare

193
Nella prassi tali crisi si sono verificate per i seguenti motivi: I) morte, grave malattia o dimissioni del
Presidente del Consiglio; II) decisioni della Corte costituzionale che incidono pesantemente sullindirizzo
politico del Governo; III) prese di posizione degli organi direttivi dei partiti (soprattutto in seguito alle risultanze
dei congressi, alle elezioni di nuovi segretari o a scelte di diverse linee politiche etc.) in contrasto con i contenuti
del programma governativo; IV) dissenso insorto tra Presidente della Repubblica e Governo; V) orientamenti di
stampa o di opinione pubblica o gravi manifestazioni di piazza contrari al Governo (es.: caso Tambroni); VI)
mutati atteggiamenti dei gruppi parlamentari (VIRGA indica come caso di crisi pseudo-parlamentare lipotesi
del gruppo parlamentare che prima appoggia il Governo e che, successivamente, si ritira dalla maggioranza di
governo); VII) svolgimento di nuove elezioni politiche; VIII) elezione del nuovo Presidente della Repubblica
con una maggioranza diversa da quella governativa (es.: caso Leone, che fu eletto con lappoggio determinante
dei voti delle destre, mentre era al Governo una coalizione di centro-sinistra).
194
Esso potr, dunque, compiere gli atti di esecuzione delle leggi vigenti e tutti quelli la cui proroga
comporterebbe un apprezzabile danno allo Stato: dovr astenersi, al contrario, da tutti quegli atti discrezionali
che possono essere rinviati alla gestione del successivo Governo senza apprezzabile danno.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 93
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

le m a n a z i o n e d i a t t i n o r m a t i v i d i r a n g o p r i m a r i o a n c h e d a p a r t e
d e l G o v e r n o 195.
Infatti si d il caso di materie che richiedono una specializzazione tecnica e un insieme di
conoscenze che i parlamentari non posseggono, oppure situazione che vanno a fronteggiare
con una tempestivit che unassembla come il Parlamento non in grado di assicurare.
Tale circostanze vengono disciplinate dagli artt. 76 e 77 Cost.. in base al primo lesercizio
della funzione legislativa pu essere delegato al Governo, purch ci avvenga con legge e nel
rispetto di alcune precise condizioni (decreti legislativi); in base al secondo, invece, il
Governo pu, di sua iniziativa e sotto la propria responsabilit, fronteggiare casi straordinari
di necessit e urgenza mediante provvedimenti provvisori con forza di legge, che vanno
necessariamente convertiti in legge pena la perdita della loro efficacia sin dallinizio (decreti
legge).
Tratto comune agli atti aventi forza di legge , dunque, la capacit di abrogare norme di
legge e di resistere allabrogazione da parte di fonti di rango inferiore, ad esempio
regolamenti del Governo (cd. f o r z a d i l e g g e )196.
1.4.5.2. I decreti
legislativi o delegati.
1.4.5.2.1. Nozione.
Il d e c r e t o l e g i s l a t i v o , previsto dallart. 76 Cost., un atto normativo emanato dal
Governo in base ad una delega legislativa (e nei limiti di questa) del Parlamento. La delega
del Parlamento conferita con legge formale ordinaria (cd. legge delega o delegazione).
Si badi bene che le Camere delegano al Governo non la funzione legislativa, ma soltanto
lesercizio di tale funzione. Di regola le Camere ricorrono alla delega nei casi in cui la materia
da disciplinare legislativamente sia molto complessa e richieda cognizioni eccessivamente
tecniche, per cui il Governo appare come lorgano pi qualificato a predisporre i
provvedimenti legislativi. Esempi di applicazione dei decreti legislativi sono i codici ed i testi
unici.
1.4.5.2.1.1. I
contenuti della legge delega.
A norma dellart. 76 Cost., la legge con la quale le Camere delegano al Governo197
lesercizio della funzione legislativa deve contenere: a) la determinazione dei principi e dei
criteri direttivi198 ai quali il Governo dovr attenersi nel predisporre i decreti legislativi; b)

195
Tale funzione viene detta m a t e r i a l m e n t e l e g i s l a t i v a , per mettere in evidenza che gli atti del
potere esecutivo hanno, di regola, il contenuto tipico della legge, ma non la forma.
196
Bisogna ricordare che gli atti del governo con forza di legge sono sottratti al controllo preventivo di
legittimit della Corte dei Conti.
197
La delega pu essere conferita s o l t a n t o c o n l e g g e o r d i n a r i a e s o l t a n t o a l G o v e r n o
n e l s u o c o m p l e s s o (non ad un singolo Ministro o ad organi diversi). vietata anche la sub-delegazione,
nel senso che il Governo non pu, a sua volta, incaricare altri organi a dare attuazione alla delega ricevuta. Ci
non esclude che il Governo si avvalga di istituzioni o commissioni che possano vantare una competenza
specifica di settore, per la predisposizione del decreto legislativo (ad esempio, la Banca dItalia per quanto
riguarda il settore bancario).
198
P r i n c i p i e c r i t e r i d i r e t t i v i : sono le norme fondamentali a cui il Governo deve attenersi e le
specifiche finalit da perseguire. La prassi, per, ha molto sfumato la distinzione, in quanto nelle leggi di
delegazione stilato un unico elenco di norme direttive, nellambito del quale principi e criteri si fondono e
confondono. In ogni caso, essi non devono essere cos vaghi e indeterminati da non fornire alcuna indicazione
(in tal caso si avrebbe una delega in bianco), o cos vincolanti da non lasciare alcun margine discrezionale al
Governo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 94
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

lindicazione del limite di tempo entro il quale il Governo dovr emanare i suddetti decreti199;
c) loggetto200 definito sul quale il Governo potr legiferare201.
Inoltre la l e g g e d i d e l e g a z i o n e pu contenere una parziale regolamentazione della
materia cui si riferisce la delega, nel qual caso essa assume duplice contenuto, di atto
normativo e di delega.
1.4.5.3. I decreti
legge.
1.4.5.3.1. Nozione.
I d e c r e t i l e g g e sono atti normativi adottati, dal Governo sotto la sua responsabilit202,
per far fronte a situazione imprevedibili (lart. 77 Cost., parla di necessit e di urgenza) che
impongono di intervenire a livello di normazione primaria con una disciplina che trovi
immediata applicazione.
Le norme da essi prodotte, o sono confermate, entra 60 giorni, dalla legge di conversione
(acquistando stabilit), oppure decadono definitivamente con efficacia retroattiva, cio come
se non fossero mai state emanate203.
1.4.5.3.2. Formazione.
1.4.5.3.2.1. Deliberazione
Sono deliberati dal Consigli dei Ministri204 ed emanati con decreto del Presidente della
Repubblica (D.P.R.).
1.4.5.3.2.2. Pubblicazione
I decreti legge sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale
immediatamente dopo la loro emanazione ed entrano in vigore il
giorno stesso della pubblicazione, in via provvisoria salvo
ratifica del Parlamento.
1.4.5.3.2.3. Conversione.
Lart. 77 della Costituzione sancisce che i d e c r e t i - l e g g e d e v o n o e s s e r e
presentati alle Camere, per la conversione in legge, nel giorno
stesso della loro pubblicazione; entro cinque giorni da tale data

199
Se il Governo non d attuazione alla delega ricevuta entro il termine fissato dal Parlamento (limite
temporale), decade dalla relativa potest, salvo che non sia approvata una nuova legge che fissi un diverso
termine o proroghi quello scaduto.
200
Fatte le debite eccezioni (vedi nota successiva), tutte le materie possono essere oggetto di delega legislativa:
di solito sono demandate quelle per le quali sia richiesta una notevole competenza specifica e grande precisione
lessicale (es. codici, regolamentazioni tecniche etc.) nonch una omogeneit di contenuto e di linguaggio che
pu esser assicurata meglio da una commissione di tecnici di nomina governativa.
201
In nessun caso la delega pu riguardare: la revisione delle norme costituzionali nonch lemanazione di leggi
costituzionali; gli atti attraverso i quali il Parlamento esercita il controllo politico sullattivit del Governo (ad
esempio, approvazione del bilancio dello Stato, conversione di decreti legge etc.); le leggi che regolano i rapporti
fra organi costituzionali.
202
Il Governo assume una responsabilit politica, civile e penale. Relativamente alla responsabilit politica del
Governo, la mancata conversione del decreto legge non mette in crisi il rapporto di fiducia col Parlamento, in
quanto il voto contrario di una o di entrambe le Camere non importa obbligo di dimissioni. Quanto alla
responsabilit civile, pu eventualmente chiedersi il risarcimento dei danni prodotti ovvero la restituzione delle
somme indebitamente riscosse.
203
I decreti legge, in sostanza, presentano analogie con le leggi temporanee, ma con la differenza che mentre
queste, alla scadenza del termine, perdono efficacia ex nunc, essi, con il verificarsi della condizione risolutiva
della mancata conversione, perdono efficacia ex tunc cio si considerano come mai emanati.
204
Quindi il potere di emanare un decreto legge spetta soltanto al Governo come organo collegiale (Consiglio dei
Ministri) e non anche ai singoli Ministri o ad altri organi.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 95
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

le Camere, anche se sciolte, si devono riunire per lesame del


decreto.
La conversione dei decreti in legge deve avvenire entro 60
g i o r n i 205, a d o p e r a d e l l e C a m e r e a l t r i m e n t i i d e c r e t i p e r d o n o
e f f i c a c i a e x t u n c 206.
La legge di conversione.
La l e g g e d i c o n v e r s i o n e , discussa e votata dalle Camere, pu limitarsi a far
proprie le norme contenute nel decreto-legge, oppure modificarle, sopprimerle, o aggiungerne
delle altre. Ovviamente, tali modifiche entreranno in vigore dal giorno della pubblicazione
della legge di conversione (ex nunc).
La legge di sanatoria o convalida.
Anche quando il decreto non viene convertito, il legislatore ordinario pu intervenire a
disciplinare i rapporti sorti sulla base delle sue disposizioni attraverso una apposita l e g g e
d i s a n a t o r i a o c o n v a l i d a . Tale salvezza non pu, invece, essere offerta da un
successivo decreto, in quanto a ci si oppone sia lart. 15 L. 400/1998 sia lo stesso art. 77
Cost.
1.4.5.3.2.4. Il
controllo sulla sussistenza dei casi straordinari di necessit e di urgenza.
Il c o n t r o l l o s u l l a s u s s i s t e n z a d e i c a s i s t r a o r d i n a r i d i n e c e s s i t
e u r g e n z a che giustificano luso del decreto-legge pu essere svolto da diversi organi:
dal P r e s i d e n t e d e l l a R e p u b b l i c a , in sede di emanazione del decreto: si
tratta di un intervento alquanto eccezionale, dal momento che, di solito, il Capo
dello Stato non interferisce nei rapporti fra Governo e Parlamento;
dal P a r l a m e n t o in sede di conversione: le Commissioni di merito competenti
per materia, entro il termine di 15 giorni, verificano la sussistenza dei requisiti. In
caso di esito negativo possibile che lAssemblea si esprima in senso negativo;
dalla C o r t e c o s t i t u z i o n a l e , in via successiva, cio al momento
delleventuale giudizio di legittimit.
1.4.5.3.3. I
limiti alla decretazione durgenza.
Lart. 15 della legge n. 400 del 1988 individua una serie di l i m i t i alla
decretazione durgenza.
Il decreto-legge non pu: I) conferire deleghe legislative; II) provvedere nelle materie
indicate nellarticolo 72, quarto comma Cost.; III) rinnovare le disposizioni di decreti-legge

205
R e i t e r a z i o n e d e i d e c r e t i l e g g e : Non sempre, per, le Camere sono riuscite a convertire i
decreti legge nel termine previsto, per cui il Governo ha preso a reiterare il contenuto del decreto legge decaduto,
riproducendolo in atti successivi. Tale fenomeno, in aperto contrasto con lart. 77 che espressamente qualifica i
decreti legge come provvedimenti provvisori, stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale (sent.
360/96).
206
tuttavia da tenere in conto che la disposizione costituzionale (art. 77, comma III) a norma della quale i
decretilegge perdono efficacia sin dallinizio in caso di mancata conversione, resta del tutto disapplicata
nellipotesi in cui il decreto abbia prodotto effetti irreversibili (si pensi ad un decretolegge, non convertito, che
abbia aumentato il prezzo della benzina o dei tabacchi o che abbia inciso sulla libert personale); per cui il
provvedimento perde, per questa parte, il carattere di provvisoriet ed il governo, in violazione dellart. 70 Cost.,
si sostituisce alle Camere nel creare situazioni immodificabili. Parimenti la mancata conversione non incide sui
rapporti passati in giudicato.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 96
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

dei quali sia stata negata la conversione in legge con il voto di una delle due Camere; IV)
regolare i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti; V) ripristinare
lefficacia di disposizioni dichiarate illegittime dalla Corte costituzionale per vizi non attinenti
al procedimento.
Il decreto-legge, inoltre, non pu sospendere o derogare a norme di rango costituzionale.
Altro limite, infine, alla decretazione durgenza riguarda limpossibilit per il Governo di
decretare in quelle materie (approvazione del bilancio o del suo esercizio provvisorio,
autorizzazione alla ratifica di trattati internazionali etc.) per le quali previsto il controllo
politico del Parlamento sul Governo.
1.4.6. La strttura del Governo Renzi.
1.4.6.1. Ministri con portafoglio
Affari Esteri: Federica Mogherini
Interno: Angelino Alfano
Giustizia: Andrea Orlando
Difesa: Roberta Pinotti
Economia e finanze: Pietro Carlo Padoan
Sviluppo economico: Federica Guidi
Politiche agricole, alimentari e forestali: Maurizio Martina
Ambiente, tutela del territorio e del mare: Gianluca Galletti
Infrastrutture e trasporti: Maurizio Lupi
Lavoro e politiche sociali: Giuliano Poletti
Istruzione, Universit e ricerca: Stefania Giannini
Beni, attivit culturali e turismo: Dario Franceschini
Salute: Beatrice Lorenzin
1.4.6.2. Ministri senza portafoglio
Riforme costituzionali e rapporti con il Parlamento: Maria Elena Boschi
Semplificazione per la Pubblica Amministrazione: Maria Anna Madia
Affari Regionali: Maria Carmela Lanzetta

1.5. La Corte Costituzionale


1.5.1. Nozione e attribuzioni.
La C o r t e costituzionale un organo costituzionale, collegiale ed imparziale, i cui
compiti sono fondamentalmente quattro:
giudicare sulle controversie relative alla l e g i t t i m i t c o s t i t u z i o n a l e
d e l l e l e g g i e d e g l i a t t i a v e n t i f o r z a d i l e g g e dello Stato e delle
Regioni (c.d. funzione di garanzia);
giudicare sui c o n f l i t t i d i a t t r i b u z i o n e tra i poteri dello Stato e su quelli
tra lo Stato e le Regioni, e tra le Regioni (c.d. funzione arbitrale);
giudicare sulle a c c u s e p r o m o s s e c o n t r o i l P r e s i d e n t e della
Repubblica;

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 97
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

giudicare sulla m m i s s i b i l i t delle richieste di referendum


abrogativo.
Va precisato che con le prime tre competenze la Corte costituzionale esercita funzioni
giurisdizionali207, mentre con lultima una funzione amministrativa.
1.5.2. Composizione.
Il Costituente ha previsto unarticolata ed eterogenea composizione di questo organo al
fine di costituire un c o l l e g i o s u p e r p a r t e s , svincolato cio dagli interessi dei partiti e
dagli altri organi costituzionali, per garantirne leffettiva neutralit ed imparzialit di azione.
1.5.2.1. Composizione ordinaria.
Nella sua c o m p o s i z i o n e o r d i n a r i a (ossia quando giudica sulle controversie di
legittimit costituzionale delle leggi e degli atti aventi forza di legge, sui conflitti di
attribuzione e sullammissibilit del referendum abrogativo), la Corte costituzionale si
compone di 1 5 g i u d i c i di cui :
5 eletti dalle supreme magistrature dello Stato, e in particolare:
o 3 da un collegio composto dai magistrati della Corte di
Cassazione;
o 1 da un collegio composto dai magistrati del C o n s i g l i o d i S t a t o ;
o 1 da un collegio composto dai magistrati della C o r t e d e i C o n t i ;
5 e l e t t i d a l P a r l a m e n t o r i u n i t o i n s e d u t a c o m u n e , che li
elegge con scrutinio segreto e con la maggioranza dei due terzi dei componenti nel
primo e nel secondo scrutinio e dei tre quinti negli scrutini successivi;
5 nominati direttamente dal Presidente della Repubblica,
che li nomina con un suo decreto controfirmato dal Presidente del Consiglio208.
I giudici costituzionali, quale che sia lorgano che li nomina o li elegge, devono essere
scelti, senza limiti di et, fra particolari categorie di persone, che sono competenti a farne
parte per le loro conoscenze giuridiche (art. 135, comma 2, Cost.): I) i magistrati, anche a
riposo, delle giurisdizioni superiori, ordinaria e amministrative; II) gli avvocati, con esercizio
professionale almeno ventennale; III) i professori ordinari di universit in materie giuridiche.
I g i u d i c i o r d i n a r i d e l l a C o r t e s o n o n o m i n a t i p e r n o v e a n n i 209
(decorrenti dal giuramento), e n o n p o s s o n o e s s e r e n u o v a m e n t e n o m i n a t i ;

207
La Corte costituzionale non appartiene alla magistratura ordinaria
considerata come un ordine (art. 104 Cost.) e ad essa non si riferiscono le norme costituzionali riguardanti
lordinamento giudiziario. Tuttavia, le sue funzioni sono (essenzialmente) giurisdizionali, e quindi anche
allattivit di essa svolge si deve applicare lart. 111 Cost- per cui tutti i provvedimenti della Corte, avendo nato
giurisdizionale, devono essere motivati.
208
A questo riguardo, va ricordato che i decreti di nomina dei cinque giudice costituzionali rientrano fra gli atti
che si sono definiti f o r m a l m e n t e e s o s t a n z i a l m e n t e p r e s i d e n z i a l i .
209
Alla scadenza del termine il giudice cessa dalla carica e dallesercizio delle funzioni. Una ipotesi di
prorogatio, definita speciale, per disciplinata dallart. 26 della legge 25 gennaio 1962, n. 20 (contenete
norme sui giudici di accusa), il quale dispone che I g i u d i c i o r d i n a r i e a g g r e g a t i c h e
costituiscono il collegio giudicante continuano a farne parte
s i n o a l l e s a u r i m e n t o d e l n u o v o i n c a r i c o .

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 98
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

prima di assumere le funzioni, prestano giuramento di osservanza alla costituzione nelle mani
del Presidente della Repubblica, alla presenza dei Presidenti delle due Camere.
1.5.2.2. Composizione per i giudizi daccusa.
Nei g i u d i z i d i a c c u s a c o n t r o i l P r e s i d e n t e d e l l a R e p u b b l i c a la
composizione della Corte diversa in quanto integrata da altri membri.
Ai predetti giudici costituzionali vengono affrancati, infatti, sedici membri (c.d. g i u d i c i
a g g r e g a t i ) tratti a sorte da un elenco di 45 cittadini, con i requisiti per leleggibilit a
senatore; tale e l e n c o c o m p i l a t o d a l P a r l a m e n t o i n s e d u t a
comune ogni nove anni, mediante elezione e con le stesse
modalit stabilite per la nomina dei giudici ordinari.
La presenza di giudici aggregati, scelti dalle Camere in numero superiore a quelli ordinari
della Corte, e il sorteggio degli stessi da unampia lista (sedici su quarantacinque), tende ad
accentuare il carattere politico dei giudizi di accusa.
1.5.2.3. Il presidente della Corte Costituzionale.
Un particolare posizione assume in seno alla Corte il suo P r e s i d e n t e .
1.5.2.3.1. Elezione.
Egli eletto tra i membri della Corte a m a g g i o r a n z a a s s o l u t a ; nel caso in cui
nessuno riporti la maggioranza si procede ad una nuova votazione e dopo di questa,
eventualmente, alla votazione di ballottaggio tra i candidati che hanno ottenuto il maggior
numero di voti e si proclama eletto chi abbia riportata la maggioranza. In caso di parit,
proclamato eletto il pi anziano di carica e, in mancanza, il pi anziano di et.
1.5.2.3.2. Durata in carica.
Il Presidente r i m a n e in carica per un triennio ed
r i e l e g g i b i l e , fermi restando, in ogni caso, i termini di scadenza dellufficio di giudice.
1.5.2.3.3. Poteri.
Il presidente rappresenta la Corte, al convoca, ne preside le sedute sovraintende allattivit
delle commissione ed esercita gli altri poteri che gli sono attribuiti per legge e dai
regolamenti. In particolare il Presidente:
nomina nei giudizi di legittimit un giudice per la istruzione e la relazione e
convoca entro i successivi venti giorni la Corte per la discussione;
quando lo ritenga necessario, pu con provvedimento , ridurre sino alla met i
termini dei procedimenti;
fissa con decreto il giorno delludienza e convoca la Corte; se nessuna delle parti
costituita in giudizio pu convocare la Corte in Camera di consiglio;
regola la discussione e pu determinare i punti pi importanti sui quali essa deve
svolgersi;
nella deliberazione delle ordinanze e delle sentenze vota per ultimo; in caso di
parit di voto prevale quella del Presidente.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 99
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.6. La magistratura e la funzione giurisdizionale


1.6.1. Magistratura
1.6.1.1. Nozione.
La m a g i s t r a t u r a linsieme di tutti gli organi della giustizia civile, penale,
amministrativa che, nel loro complesso, costituiscono il potere giudiziario (potere dello Stato
autonomo e indipendente, di pari dignit rispetto a quello legislativo delle Camere e quello
esecutivo o amministrativo del Governo).
Tale potere il titolare unico della f u n z i o n e g i u r i s d i z i o n a l e , cio della potest
di dare corretta, concreta e uniforme applicazione al diritto, ove questo non sia rispettato o sia
controverso tra pi soggetti.
La separazione del giudice dal legislatore e dallamministratore trova la sua ragione nella
diffidenza, ormai radicata nella cultura democratica, verso ogni concentrazione di poteri: per
garantire la libert degli individui si ritiene indispensabile che le funzioni dello Stato siano
suddivise tra diversi poteri, fra loro autonomi e indipendenti (principio della separazione dei
poteri). Il Parlamento ha il compito di creare la norma giuridica, il Governo deve dare ad essa
esecuzione mentre la Magistratura deve applicare le sanzioni previste nel caso in cui la norma
sia violata.
1.6.1.2. Lautonomia e lindipendenza della magistratura.
In base a quanto stabilito dallart. 104 Cost. la magistratura costituisce un ordine
autonomo e indipendente da ogni alto potere.
1.6.1.2.1. Il Consiglio superiore della Magistratura.
1.6.1.2.1.1. Nozione
Il costituente per rendere i giudici autonomi e indipendenti ha costituito la magistratura
ordinaria in un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere.
Per realizzare questa autonomia stato istituito il C o n s i g l i o s u p e r i o r e d e l l a
m a g i s t r a t u r a , cha ha appunto la funzione di garantire lautonomia e lindipendenza dei
giudici dagli altri poteri dello Stato, e al quale affidata lintera carriera dei magistrati.
1.6.1.2.1.2. Naturagiuridica.
Dopo accesi contrasti in dottrina, stata riconosciuta al Consiglio superiore della
Magistratura dalla Corte Costituzionale (pronuncia 379/92) la natura di o r g a n o
c o s t i t u z i o n a l e , direttamente investito di esclusive funzioni costituzionali esercitate in
via definitiva ed in posizione di assoluta indipendenza dagli altri poteri dello Stato.
1.6.1.2.1.3. Composizione.
Il C.S.M. p r e s i e d u t o d a l P r e s i d e n t e d e l l a R e p u b b l i c a che ne
garantisce, in veste di organo super partes, una conduzione equilibrata ed impedisce che il
C.S.M. adotti una politica corporativa.
Il C.S.M. composto da:
3 m e m b r i d i d i r i t t o ossia il Primo Presidente della Corte di Cassazione e il
Procuratore Generale presso la Cassazione e Presidente della Repubblica;
2 4 m e m b r i e l e t t i v i di cui 16 eletti dai magistrati nellambito degli
appartenenti alla loro categoria, e 8 eletti dal Parlamento in seduta comune (con

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 100
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

scrutinio segreto e a maggioranza dei 3/5) scelti tra professori universitari in


materie giuridiche, e tra avvocati con almeno 15 anni di esercizio forense.
Tutti i componenti durano in carica 4 anni e non sono immediatamente
rieleggibili.
1.6.1.2.1.4. Competenze.
Il Consiglio superiore della magistratura competente per:
assegnazioni di sedi e di funzioni ai magistrali con successivi mutamenti di esse;
promozioni e trasferimenti di magistrati ed ogni altro provvedimento relativo allo
stato giuridico dei magistrati;
designazione per la nomina a magistrati di Cassazione di professori o avvocati
forniti di meriti insigni;
nomina e revoca dei magistrati onorari e dei giudici laici addetti alle sezioni
specializzate dei tribunali;
pareri al Ministero della Giustizia, se richiesti, sui disegni di legge riguardanti
lordinamento giudiziario e lamministrazione della giustizia;
procedimenti disciplinari nei confronti dei magistrati.
1.6.1.2.1.5. Lamministrazione
della giustizia.
La parte della Costituzione dedicata alla magistratura esordisce con una proposizione che
riconferma il principio di sovranit popolare: La giustizia amministrata in nome del
popolo (art. 101 1 co Cost.).
Questo principio trova formale attuazione nelle disposizioni dei codici, secondo cui le
sentenze vengono pronunciate dai giudici in nome del popolo italiano. La scelta del
Costituente non stata per nel senso di uninvestitura del giudice operata direttamente dal
popolo.
Lo stretto collegamento col popolo ribadito dalla soggezione dei giudici alle leggi:
poich il popolo elegge il Parlamento, e in tale sede vengono approvate le leggi (comprese
quelle sullorganizzazione, sullattivit e sul controllo della magistratura), tale soggezione
significa che questi sono indirettamente sottoposti alla volont popolare (tradotta in legge)210.
Al riguardo si ricordi che lart. 102 3 co. afferma che La legge regola i casi e le forme
della partecipazione diretta del popolo allamministrazione della giustizia211.

210
Lamministrazione della giustizia unattivit ampia e articolata, affidata a una variet di soggetti: anzitutto il
pubblico ministero ed il giudice. Il primo deve assicurare il rispetto del diritto da parte di tutti coloro che si
trovano sul territorio nazionale (Il pubblico ministero ha lobbligo di esercitare lazione penale art. 112 Cost.);
deve quindi compiere tutte le indagini che ritiene necessarie per laccertamento di un reato (con laiuto delle
forze di polizia giudiziaria), deve dare inizio ad un processo penale portando al giudice i risultati delle indagini
compiute (cio esercitare lazione penale quando ritiene che stato commesso un reato), e partecipare ad alcuni
delicati giudizi civili (es.: divorzio) come rappresentante dello Stato in questioni private ma di importanza
sociale. Il giudice deve, invece, accertare il fatto portato alla sua conoscenza e decidere quale regola giuridica
vada applicata al caso concreto. Allamministrazione della giustizia, in senso ampio, partecipano poi tutti gli altri
soggetti che svolgono la loro attivit in coordinamento con i magistrati: cancellieri, ufficiali giudiziari, forze
dellordine, Presidenza del Tribunale, Consiglio Superiore della Magistratura, Ministero della Giustizia etc.
211
La partecipazione diretta del popolo allamministrazione della giustizia trova la sua pi puntuale applicazione
nelle Corti di Assise che giudicano i reati pi gravi. Si tratta di organi giudiziari esistenti presso i Tribunali e
presso le Corti di Appello, composti da due magistrati e da sei giudici popolari, scelti sulla base di elenchi

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 101
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.6.1.2.1.6. La
soggezione dei giudici alla legge.
Il 2 co. Cost. afferma che I giudici sono soggetti solo alla legge.
La soggezione del giudice alla legge va intesa in due sensi: anzitutto egli ha il dovere di
applicare la legge anche se non ne condivide il contenuto e gli effetti; inoltre la soggezione
soltanto alla legge significa che il giudice non deve e non pu subire condizionamenti da
parte di nessuno, singoli cittadini, altri giudici, Governo, partiti politici, gruppi economici etc.
Tutto questo ha come conseguenza la certezza che per situazioni che la legge considera uguali
lesito del giudizio sar sempre lo stesso, a prescindere dal giudice davanti al quale si celebra
il processo212.
1.6.2. Funzione giurisdizionale.
1.6.2.1. La giurisdizione ordinaria e speciale.
Lordinamento italiano ripartisce la funzione giurisdizionale fra due ordini distinti: la
giurisdizione ordinaria e giurisdizione speciale.
1.6.2.1.1. Lagiurisdizione ordinaria.
La g i u r i s d i z i o n e o r d i n a r i a esercitata per tutte le controversie da magistrati
ordinari, istituiti e regolati secondo le norme sullordinamento giudiziario e soggetti
amministrativamente al Consiglio superiore della Magistratura (art. 102 1 co. Cost.213).
La giurisdizione ordinaria si distingue in:
p e n a l e : competente per le violazioni di quelle norme che hanno, come
conseguenza, lapplicazione di una sanzione penale;
c i v i l e : competente per la tutela giurisdizionale dei diritti dei privati e si svolge su
iniziativa dei privati.
1.6.2.1.2. Lagiurisdizione speciale
Le g i u r i s d i z i o n i s p e c i a l i sono quelle che si occupano di particolari controversie,
secondo un criterio di specializzazione, richiesto dalla natura tecnica di esse.
Allinterno delle giurisdizioni speciali, si distinguono:
la g i u r i s d i z i o n e a m m i n i s t r a t i v a , competente per tutte le controversie
che insorgono tra pubbliche amministrazioni, o tra pubbliche amministrazioni e
privati, relative a rapporti di diritto amministrativo, salvo che si controverta

compilati in ogni Comune fra i cittadini che abbiano i requisiti previsti dalla legge. La scelta avviene mediante
sorteggio e lincarico non pu essere rifiutato. I magistrati e i giudici popolari costituiscono un collegio unico, a
differenza di quanto avviene nei Paesi anglosassoni, dove il magistrato dirige il processo e la giuria emette un
verdetto senza motivazione.
212
La soggezione del giudice alla legge non va comunque vista in modo troppo rigido: del resto, di fronte ad una
produzione di leggi tumultuosa e spesso confusa, il giudice si trova ad essere ancor prima garante dei diritti del
cittadino che non della mera osservanza della legge. La necessit poi di interpretare attentamente ed applicare la
legge non sempre allo stesso modo, ma tenendo presente (sia pure in minima parte) la realt alla quale essa si
riferisce, ha attribuito spesso e volentieri allattivit giurisdizionale i caratteri della politicit e della creativit. In
altri termini il giudice non la bocca della legge ma, per usare unespressione di Norberto Bobbio, un suo pi o
meno cosciente manipolatore, cio un soggetto che, sempre nel rispetto dei valori posti a base dellordinamento
(anzitutto il principio di uguaglianza sostanziale), deve tenere presente il continuo evolversi della societ, e
ricercare, nellapplicazione della legge, il nuovo e giusto equilibrio tra la legalit ed il fatto concreto portato al
suo esame.
213
La funzione giurisdizionale esercitata da magistrati ordinari istituiti e regolati dalle norme
sullordinamento giudiziario

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 102
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

sullesistenza di diritti soggettivi (in tal caso la controversia di competenza del


giudice ordinario civile, tranne nei casi di giurisdizione esclusiva). esercitata dai
Tribunali amministrativi regionali (T.A.R.) e dal Consiglio di Stato;
la g i u r i s d i z i o n e c o n t a b i l e : esercitata esclusivamente dalla Corte dei
Conti, nelle controversie concernenti il contenzioso contabile, la responsabilit
civile dei dipendenti nei confronti della pubblica amministrazione, la materia
pensionistica;
la g i u r i s d i z i o n e i n m a t e r i a d i a c q u e p u b b l i c h e : le controversie
concernenti le acque pubbliche (cd. demanio pubblico) sono attribuite alla
competenza di appositi organi giurisdizionali, i Tribunali regionali delle acque
pubbliche, e, in secondo grado, al Tribunale superiore delle acque pubbliche;
la g i u r i s d i z i o n e m i l i t a r e : esercitata dai tribunali militari, previsti
dallart. 1033 Cost. Essi svolgono giurisdizione penale limitata ai reati militari
commessi da soggetti appartenenti alle forze armate;
la g i u r i s d i z i o n e t r i b u t a r i a : affidata alle Commissioni tributarie
regionali con sede nel capoluogo di ogni Regione ed alle Commissioni tributarie
provinciali214.

1.7. Gli organi di rilievo costituzionale


1.7.1. Introduzione.
Gli o r g a n i a rilevanza costituzionale o di rilievo
c o s t i t u z i o n a l e , sono organi che pur non partecipando alla funzione politica, n essendo
essenziale alla struttura costituzionale dello Stato, sono individuati, ma non disciplinati, dalla
Costituzione che rinvia al legislatore ordinario la disciplina della loro attivit.
Essi sono: I) il C.N.E.L.; II) la Corte dei Conti; III) il Consiglio di Stato; IV) il C.S.M.; V)
il Consigli della magistratura militare VI) il Consiglio Supremo di Difesa.
1.7.2. Il Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro (CNEL).
1.7.2.1. Natura giuridica
II Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro, previsto dallars. 99 Cost.:
organo di rilievo costituzionale;
composto di esperti e rappresentanti delle categorie produttive;
organo di consulenza delle Camere e del Governo;
ha liniziativa legislativa e pu contribuire alla elaborazione della legislazione
economica e sociale.
1.7.2.2. Composizione.
Ai sensi degli artt. 2 e 5 della legge di riforma 30 dicembre 1986, n. 936, some da ultimo
modificata dalla L. 383/2000, il CNEL composto dal Presidente e da 121 membri (tra esperti

214
Ricordiamo inoltre la giurisdizione ecclesiastica: la L. 121/1985, in esecuzione dellaccordo del 1984, ha
riconosciuto alla Chiesa libert di giurisdizione in materia ecclesiastica.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 103
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

e rappresentanti delle categorie produttive, le associazioni di promozione sociale e delle


organizzazioni di volontariato). particolare:
gli esperti sono rappresentati da 12 qualificati esponenti della cultura economica,
sociale e giuridica, dei quali:
o otto nominati dal Presidente della Repubblica;
o quattro nominati dal Governo su proposta del Presidente del Consiglio dei
Ministri, previa deliberazione del Consiglio stesso;
i rappresentanti delle categorie produttive di beni e servizi nei settori pubblico e
privato sono 99 e vengono designati dalle organizzazioni sindacali di carattere
nazionale maggiormente rappresentative;
rappresentanti delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni di
volontariato sono 10 dei quali:
o cinque designati dallOsservatorio nazionale dellassociazionismo;
o cinque designati dallOsservatorio nazionale per il volontariato;
Presidente scelto al di fuori dei predetti componenti del CNEL.
1.7.3. La Corte dei Conti.
1.7.3.1. Natura giuridica.
La C o r t e d e i C o n t i un organo a rilevanza costituzionale e non un organo
costituzionale: non , cio, organo necessario e indefettibile (nel senso che la sua assenza non
determinerebbe un mutamento del regime vigente) e non partecipa alla funzione di indirizzo
politico.
La sua collocazione nel titolo III, dedicato al Governo, e nella sezione II, dedicata agli
organi ausiliari, potrebbe far pensare che la Corte sia un organo ausiliario del Governo: .
tuttavia lo stesso art. 100 ad imporre alla legge di legge di assicurarne lindipendenza di fronte
al governo.
Del resto la Corte dei conti per tradizione considerata la longa manus del Parlamento, lo
strumento principale attraverso il quale le Camere esercitano il controllo politico sulloperato
del Governo e della pubblica amministrazione. Pu, quindi, affermarsi che la Corte in un
rapporto di ausiliariet e di sostegno sia col Governo che col Parlamento, senza che ci
escluda possibili contrapposizioni, tenuto conto che essa opera in veste neutrale ed obiettiva
nellinteresse generale della comunit e a tutela della finanza pubblica.
1.7.3.2. Struttura.
Lattuale struttura della Corte si articola in:
tre sezioni giurisdizionali centrali;
una sezione centrale di controllo di legittimit su atti del Governo e delle
amministrazioni dello Stato, suddivisa in due collegi;
una sezione di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato, suddivisa
in due collegi;
una sezione autonomie, che esercita i controlli finanziari e le analisi comparative
sullandamento della gestione degli enti locali;
una sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali;

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 104
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

sezioni regionali di controllo in ogni Regione ad autonomia ordinaria.


sezioni giurisdizionali regionali e provinciali.
1.7.3.3. La attribuzioni
Fra le molteplici e complesse attribuzioni della Corte dei conti possibile procedere ad una
classificazione per tipi fondamentali distinguendo:
attribuzioni in funzione di controllo;
attribuzioni in funzione consultiva;
attribuzioni in funzione giurisdizionale.
1.7.3.3.1. Funzioni
di controllo
Ai sensi degli articoli 100 e 103 Cost. la Corte dei conti la suprema magistratura di
controllo.
In particolare La Corte dei conti esercita il controllo preventivo di legittimit sugli atti del
Governo, e anche quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato. Partecipa, nei casi
e nelle forme stabiliti dalla legge, al controllo sulla gestione finanziaria degli enti a cui lo
Stato contribuisce in via ordinaria. Riferisce direttamente alle Camere sul risultato del
riscontro eseguito.
Il controllo da essa esercitato assume natura preventiva limitatamente al riscontro di
legittimit di una serie di atti non aventi forza di legge (es.: decreti che approvano contratti
delle amministrazioni pubbliche per importi pi rilevanti; atti di programmazione comportanti
spese) il cui elenco contenuto tassativamente nellart. 3 L. 20/94.
Lattivit di controllo preventivo viene effettuata a mezzo del cd. visto di legittimit: i
provvedimenti sottoposti a controllo acquistano efficacia se il competente ufficio di controllo
non ne rimette lesame alla Sezione di controllo entro 30 giorni dal ricevimento (art. 3, L.
20/94).
La Sezione del controllo si pronuncia sulla conformit a legge entro 30 giorni dalla data di
deferimento dei provvedimenti da controllare, decorsi i quali essi acquistano efficacia.
Il controllo successivo viene esercitato sulla gestione del bilancio e del patrimonio di
pubbliche amministrazioni, riferendo annualmente al Parlamento ed ai Consigli Regionali.
1.7.3.3.2. Funzioni
consultive.
Nellesplicare le attribuzioni consultive di cui depositaria, la Corte dei conti esprime,
obbligatoriamente, parere sulle leggi che importino modifiche o integrazione alle sue
attribuzioni; sulle norme che modifichino la legge sulla contabilit di Stato.
1.7.3.3.2.1. Funzioni
giurisdizionali
Quanto alle attribuzioni giurisdizionali, la Corte giudica della responsabilit dei pubblici
dipendenti in materia contabile, che si fonda sul maneggio, di diritto e di fatto, del denaro o,
in genere, dei valori della pubblica amministrazione e amministrativa, che si fonda, invece,

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 105
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

sul danno patrimoniale dolosamente o colposamente cagionato allamministrazione. La Corte


giudica anche in materia di pensioni a carico totale o parziale dello Stato215.
1.7.4. Il Consiglio di Stato.
Il Co n s i g l i o d i S t a t o
un o r g a n o c o m p l e s s o :
di r i l i e v o c o s t i t u z i o n a l e : in quanto previsto dalla Costituzione, che
ne sancisce lindipendenza dal Governo, e conseguentemente non potrebbe essere
soppresso n privato delle sue funzioni istituzionali con legge ordinaria;
organo giurisdizionale amministrativo di secondo
g r a d o (rispetto al TAR). Oltre alla competenza giurisdizionale di secondo, il
Consiglio di Stato mantiene una competenza giurisdizionale esclusiva in alcune
materie espressamente previste dalla legge;
con funzioni consultive generali in materia
g i u r i d i c o - a m m i n i s t r a t i v a Nellesercizio delle funzioni consultive il
Consiglio di Stato esprime pareri in materia giuridico-amministrativa. I p a r e r i
del Consiglio di Stato possono essere:
o f a c o l t a t i v i : sono quei pareri che la Pubblica Amministrazione ha la
facolt (non lobbligo) di chiedere al C.d.S., se lo ritiene opportuno. Tale
pareri non sono mai vincolanti per la Pubblica Amministrazione che li
richiede;
o o b b l i g a t o r i : sono quei pareri che la P.A. deve chiedere al C.d.S., in
base a norme giuridiche, in caso determinati. In al base allart. 17, comma
25, della legge 127/1997 il parere del Consiglio di Stato richiesto in via
obbligatoria per tre categorie di atti:
1) per lemanazione degli atti normativi del Governo, dei singoli
Ministri, ai sensi dellart. 17 della legge 400/1998 (si tratti dei
regolamenti dellEsecutivo) e dei tesi unici;
2) per la decisioni dei ricorsi straordinari al Presidente della repubblica;
3) sugli schemi generali di contratti-tipo, accordi e convenzioni
predisposti da uno o pi Ministri.

1.8. I principi e le libert previste dalla Costituzione


1.8.1. Generalit.
Le Costituzioni contemporaneamente garantiscono accanto ai principi generali relativi
allorganizzazione dello Stato, anche altre norme programmatiche che disciplinano il regime
giuridico, sociale, politico ed economico dello Stato (c.d. d i c h i a r a z i o n i
c o s t i t u z i o n a l i ).

215
La giurisdizione della Corte dei conti una giurisdizione amministrativa speciale, in quanto esercitata solo
nelle materie tassativamente indicate dalla legge, ed esclusiva, perch comprende sia le questioni relative ai
diritti soggettivi che quelle riguardanti gli interessi legittimi.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 106
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La Costituzione italiana attuale fra quelle che dedicano maggiori disposizioni sulle
libert individuali e ai diritti umani: essa infatti detta al riguardo i primi 54 articoli cos
suddivisi:
nella prima parte enuncia i principi fondamentali (artt. 1-12) nella loro portata
pi ampia e generale;
nella secondo parte (artt. 13-54) ne ribadisce il contenuto in relazione agli specifici
rapporti che interessano la societ: rapporti civili (artt. 13-28), etico sociali (artt.
29-34), economici (artt. 35-47), politici (artt. 48-54).
1.8.2. Principi fondamentali.
1.8.2.1. Art. 1.
Lart. 1 primo comma della Cost. afferma che L I t a l i a u n a R e p u b b l i c a
d e m o c r a t i c a , f o n d a t a s u l l a v o r o .
Con lespressione Repubblica democratica fondata sul lavoro la Costituzione ha inteso
riconoscere e far proprio il risultato della consultazione popolare tenutasi il 2 giugno del 1946
(referendum istituzionale), con cui gli italiani avevano cancellato la forma di governo
monarchica e scelto quella repubblicana.
La Repubblica democratica riconosce ad ognuno leguale diritto di prendere parte, in
condizioni di parit con gli altri, alla vita politica e sociale. In particolare, in un regime
democratico la maggioranza ha il diritto di governare, ma ha anche il dovere di non impedire
alla minoranza di diventare, a parit di condizioni democratiche, essa stessa maggioranza (il
che consente lalternanza di forze politiche al potere).
Lart. 1 secondo comma della Cost. afferma che L a s o v r a n i t a p p a r t i e n e
al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della
C o s t i t u z i o n e .
Nei regimi democratici la sovranit appartiene al popolo. Affinch la democrazia non
degeneri in dittatura, il popolo tenuto ad esercitare la sovranit nelle forme e nei limiti
previsti dalla Costituzione, rispettando le libert e i diritti di tutti. Questa regola, sancita dal
secondo comma dellart. 1, connota il nostro ordinamento come S t a t o d i d i r i t t o , in
cui il principio della soggezione alla legge, proprio della forma di Stato liberale, si arricchisce
di un significato ulteriore: sia i cittadini che i pubblici poteri (compreso il legislatore, in
passato considerato onnipotente) sono soggetti, infatti, anche alla Costituzione
(p r i n c i p i o d i l e g a l i t c o s t i t u z i o n a l e ).
Il popolo esercita tale sovranit secondo due modelli:
quello della d e m o c r a z i a r a p p r e s e n t a t i v a , in cui il corpo elettorale,
cio la parte attiva del popolo, elegge i suoi rappresentanti ai vertici degli organi
pubblici elettivi per esercitare il potere politico;
quello della d e m o c r a z i a d i r e t t a , caratterizzato dalla partecipazione in
prima persona dei cittadini alle scelte politiche (come nelle pleis o citt-Stato
greche e, pi recentemente, nella Confederazione elvetica). Alcuni istituti di
democrazia diretta riconosciuti nel nostro ordinamento e menzionati dalla
Costituzione assolvono ad una funzione prevalentemente suppletiva, integrativa e

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 107
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

correttiva del modello rappresentativo: quello di maggior rilievo il referendum


abrogativo.
1.8.2.2. Art. 2.
Lart. 2 della Cost. afferma che: La Repubblica riconosce216 e garantisce i diritti
inviolabili delluomo217, sia come singolo sia nelle formazioni sociali218 ove si svolge la sua
personalit, e richiede ladempimento dei doveri inderogabili di solidariet219 politica,
economica e sociale.
La norma trascrive in linguaggio giuridico il p r i n c i p i o p e r s o n a l i s t a , in base al
quale al vertice dei valori riconosciuti dallordinamento giuridico si colloca la persona umana,
sia nella sua dimensione individuale che in quella sociale.
La Costituzione, cancellando ogni retaggio del passato, non considera pi lindividuo
separato dalle comunit intermedie ed organicamente inquadrato nello Stato (come affermava
il pensiero politico liberale o lideologia fascista), ma lo inserisce in un fecondo reticolo di
rapporti sociali, allinterno dei quali maturano le condizioni per lo sviluppo della sua
personalit. Ci spiega perch la Costituzione riconosca alle formazioni sociali un ruolo
essenziale nella crescita dellindividuo, proteggendole da indebite interferenze dei pubblici
poteri e rendendole destinatarie degli stessi diritti dellindividuo (p r i n c i p i o
p l u r a l i s t a ).
Lultimo comma afferma, infine, il p r i n c i p i o s o l i d a r i s t a , che impone ai
cittadini non solo di rispettare le altrui libert e diritti, ma anche e soprattutto di attuare e
difendere i valori supremi del sistema, partecipando attivamente alla vita politica, economica

216
Ricorrendo al verbo riconoscere, la Costituzione prende atto della preesistenza ed ineliminabilit dei diritti
inviolabili dei cittadini, a cui si limita ad apprestare idonea tutela. Da questa norma, inoltre, si pu dedurre la
garanzia costituzionale anche di diritti che non rientrano nel catalogo delle libert previsto dagli artt. 13 e
seguenti: si tratterebbe, cio, di una norma a fattispecie aperta, nellambito della quale troverebbero posto
anche nuovi diritti di recente elaborazione giurisprudenziale, come il diritto alla riservatezza, allidentit
personale e sessuale etc.
217
D i r i t t i i n v i o l a b i l i d e l l u o m o : esprimono le libert e i valori fondamentali e irrinunciabili
della persona umana. Le pubbliche autorit possono solo limitarne temporaneamente lesercizio (col rispetto di
precise garanzie), ma non sopprimerli, pena il sovvertimento dellassetto costituzionale. Essi costituiscono sia
una sfera intangibile della persona che un limite invalicabile per il legislatore. Sono, inoltre, inalienabili e non
possono essere oggetto di rinuncia o perdita per mancato esercizio.
218
F o r m a z i o n i s o c i a l i : aggregazioni umane nelle quali trova espressione il bisogno di socialit
dellindividuo. La concezione pi ampia vi ricomprende gli enti privati con o senza scopo di lucro, la scuola, i
partiti, i sindacati, le confessioni religiose e, in primis, la famiglia. Solo riconoscendo diversi livelli di autonomia
(familiare, sociale, sindacale, territoriale) costituzionalmente garantiti si pu tendere alleffettiva uguaglianza dei
diritti e doveri dei cittadini.
219
D o v e r i i n d e r o g a b i l i d i s o l i d a r i e t : posizioni giuridiche di obbligo a contenuto
politico, economico e sociale alle quali nessuno pu sottrarsi. Esempi sono: la difesa della Patria, lobbligo di
contribuzione alle spese pubbliche, la fedelt alla Repubblica. Ladempimento di tali doveri trasforma
lindividuo (volto al mero appagamento dei propri bisogni individuali) in membro effettivo e responsabile di una
comunit. Libert ed eguaglianza sono valori che le moderne democrazie tendono sempre ad affiancare, anche se
presentano caratteri di reciproca conflittualit: il massimo di libert, soprattutto economica, spesso coincide col
massimo di diseguaglianza. Per evitare che il prevalere delluna sullaltra disgreghi il tessuto sociale, un altro
valore prescritto dal nostro ordinamento: la s o l i d a r i e t . Tutti e tre i valori si identificano con la triade
libert, galit, fraternit proclamata dalla Rivoluzione francese. Cos, ad esempio, adempiendo al dovere di
contribuire alle spese pubbliche, possibile consentire allo Stato di procedere ad una redistribuzione del reddito
fra i cittadini per sostenere, tra laltro, alcuni interventi riequilibratori (sussidi, borse di studio, assegni familiari
etc.) a favore dei soggetti pi deboli.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 108
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

e sociale. Da tale principio scaturiscono una serie di doveri sociali a vantaggio della comunit
ai quali il singolo non pu sottrarsi.
1.8.2.3. Art.
3.
1.8.2.3.1. Principio di uguaglianza formale.
Lart. 3 1 co. della Cost. stabilendo che: Tutti i cittadini hanno pari dignit sociale e sono
eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di
opinioni politiche, di condizioni personali e sociali pone il principio della u g u a g l i a n z a
f o r m a l e dei cittadini.
Questo articolo, definito il cuore della Costituzione e la sua chiave essenziale di lettura,
afferma il principio, propugnato dalla rivoluzione francese, che la legge eguale per tutti:
pertanto non solo i governati, ma anche i governanti sono tenuti a rispettarla (c.d. S t a t o
d i d i r i t t o ).
Laffermazione al primo comma del principio di eguaglianza formale vieta, inoltre, al
legislatore di introdurre norme discriminatorie fondate su ciascuna delle sei categorie previste
e trova, inoltre, riscontro anche in altre disposizioni costituzionali: nellart. 29, che attribuisce
ai coniugi, allinterno della famiglia, pari dignit morale e giuridica; nellart. 37, per il quale
la donna lavoratrice ha gli stessi diritti delluomo lavoratore e merita, a parit di lavoro, il
medesimo trattamento retributivo; nellart. 48, che sancisce definitivamente il principio del
suffragio universale etc.
Tuttavia trattare in modo rigorosamente eguale le complesse situazioni che si presentano
nella realt giuridica e sociale potrebbe, in talune circostanze, rivelarsi sommamente ingiusto:
ad esempio, vero che uomo e donna sono uguali davanti alla legge, ma anche vero che non
pu considerarsi ingiusta una legge che favorisca la maternit, in considerazione della
diversit biologica tra i sessi e del ruolo naturale di madre che la donna chiamata ad
assumere.
Al legislatore spetta, pertanto, il difficile compito di unificare in alcuni casi, di
diversificare in altri, senza mai discriminare o concedere privilegi. Il principio deguaglianza
si trasforma, cos, in principio di ragionevolezza della legge. Questo significa che i trattamenti
discriminatori sono contrari al principio di eguaglianza solo se irragionevoli o ingiustificati.
Si ricordi , infine, che lart. 3 costituisce una delle fondamentali norme-parametro per le
dichiarazioni di incostituzionalit, in quanto molto frequentemente si invoca la illegittimit
costituzionale di una norma proprio perch viola il 1 comma dellart. 3.
1.8.2.3.2. Principio
di uguaglianza sostanziale.
Il secondo dellart. 3 della Cost. afferma che: compito della Repubblica rimuovere gli
ostacoli di ordine economico220 e sociale, che, limitando di fatto la libert e leguaglianza dei
cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione di

220
O s t a c o l i d i o r d i n e e c o n o m i c o e s o c i a l e : insieme delle situazioni di inferiorit (pi
basso reddito individuale e familiare, minor grado di istruzione, handicap fisici o psichici etc.) che degradano
lindividuo e offendono la sua dignit, attenuando anche limpulso a realizzarsi come persona. Tali ostacoli
rischiano, se non rimossi, di rappresentare una fonte di discriminazione tra i cittadini nella vita economica,
sociale e politica del Paese. Al fine di rimuovere tali ostacoli, sono riconosciuti in capo ai cittadini una serie di
diritti sociali (profondamente diversi dai diritti di libert) che presuppongono un intervento attivo dello Stato e
uno stimolo allapparato per la loro costante attuazione.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 109
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

tutti i lavoratori allorganizzazione politica, economica e sociale del Paese (p r i n c i p i o


d i u g u a g l i a n z a s o s t a n z i a l e ).
La prima parte della norma, nellaffermare il principio di eguaglianza formale, considera
lindividuo nella sua astrattezza, indipendentemente dalle condizioni materiali e sociali in cui
egli concretamente si trova.
Le diseguaglianze di fatto, determinate proprio dalla disparit di condizioni, tuttavia
esistono, e la Repubblica smentirebbe le solenni affermazioni di eguaglianza giuridica se non
si attivasse per attenuare tali differenze ed eliminare gli scarti sociali che, se diventano
troppo ampi, possono diventare desocializzanti, distruggendo nellindividuo la convinzione di
appartenere alla comunit nazionale.
Ci spiega laffermazione del principio deguaglianza sostanziale, che sancisce il
passaggio dallordinamento liberale classico (in cui la societ era organizzata sulla base della
propriet privata e dellassoluta libert economica) allo S t a t o s o c i a l e e d
i n t e r v e n t i s t a , che si impegna a creare le condizioni necessarie per consentire laccesso
di tutti a determinate utilit sociali messe a disposizione della comunit, come la salute, il
lavoro, listruzione.
1.8.2.4. Art. 4:
Lart. 4 della Cost. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e
promuove le condizioni221 che rendano effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilit e la propria scelta,
unattivit o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale222 della societ.
Questo articolo ha portata rivoluzionaria ed innovatrice: compie una scelta fondamentale di
valori in quanto afferma ed esplicita il p r i n c i p i o l a v o r i s t a (gi enunciato allart. 1),
riconoscendo a tutti i cittadini il diritto al lavoro e limpegno della Repubblica a creare le
condizioni per renderlo effettivo. In tal modo i pubblici poteri ricevono una spinta orientativa
inequivocabile: attivarsi positivamente per assicurare il lavoro a tutti.
La norma deve essere interpretata nel senso di favorire la stabilit delloccupazione
attraverso una rigorosa disciplina dellaccesso, dello svolgimento e della cessazione del
rapporto di lavoro. Ci non significa che il diritto al lavoro possa essere autonomamente
azionato in sede giudiziaria, ossia che un disoccupato possa adire il giudice invocando la
pretesa a trovare occupazione; ma consente al giudice, in caso di licenziamento illegittimo, di
reintegrare il lavoratore nel suo posto. Allo stesso modo non configurabile un diritto al
mantenimento del posto di lavoro, sebbene sia innegabile linfluenza esercitata, anche in
questo settore, dal disposto costituzionale e legislativo che tende a limitare le occasioni in cui
consentito al datore di lavoro licenziare i prestatori di lavoro.

221
Promuove le condizioni: questo limpegno concreto assunto dallo Stato-interventista che si fa carico di una
serie di obiettivi che devono improntare la sua politica (massima occupazione, politiche di sviluppo etc.).
222
Attivit o funzione che concorra al progresso materiale o
s p i r i t u a l e d e l l a s o c i e t : questa ampia espressione comprende ogni prestazione dopera
delluomo che apporta unutilit alla collettivit, qualunque ne sia la qualificazione giuridica o economica:
lavoro manuale o intellettuale, subordinato o autonomo, retribuito o volontario, pubblico o privato.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 110
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

In altri termini con lespressione il diritto al lavoro non un diritto soggettivo perfetto,
ma un invito al legislatore a favorire al massimo limpiego delle attivit lavorative garantendo
la possibilit giuridica di aver accesso ai posti disponibili quando se ne posseggono i requisiti
prefissati.
Con la previsione del lavoro come dovere , al secondo comma, la Costituzione non
costringe il cittadino a lavorare, n comprime la libert di scegliere lattivit da svolgere,
bens esprime il monito ad escludere ogni forma di parassitismo economico e sociale. Per
meritare i diritti sociali beneficiando della solidariet sociale e delle provvidenze stabilite
dallo Stato, il cittadino deve, pertanto, dimostrare di versare effettivamente in condizioni tali
da non poter sostenersi, n con i propri beni, n con il proprio lavoro.
1.8.2.5. Art. 5.
Lart. 5 della Cost, afferma che La Repubblica, una e indivisibile223, riconosce224 e
promuove le autonomie locali225; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il pi ampio
decentramento amministrativo226; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle
esigenze dellautonomia e del decentramento227.
In risposta allordinamento fascista, fortemente accentrato, la Costituzione afferma, in
subordine allintangibile principio dellunit e indivisibilit della Repubblica, il principio
autonomista, per consentire una partecipazione immediata alla vita politica dello Stato.
In particolare gli ordinamenti minori delle comunit locali si inseriscono nel pi generale
ordinamento statale come sue articolazioni: lart. 114, infatti, afferma che la Repubblica si
223
Laffermazione dellunit e dellindivisibilit della Repubblica altro non che la formalizzazione giuridica
del processo storico che ha portato alla formazione dello Stato unitario. Viene ribadita in questo articolo perch
rappresenta anche un limite alle potenzialit espansive delle autonomie locali nonch al potere di revisione del
legislatore costituzionale, che non legittimato in nessun modo ad attuare modifiche costituzionali che mettano
in pericolo lunit dello Stato.
224
Il termine riconoscere, in particolare, riferito ai Comuni e alle Province, in quanto comunit locali
preesistenti al costituirsi della Repubblica. La Costituzione, per, non si limitata soltanto a prendere atto delle
realt locali esistenti, ma ne ha promosse altre, le Regioni. Ci al fine di consentire al cittadino di partecipare pi
da vicino alla vita politica delle comunit locali. Tale esercizio si attua nelle forme e nei limiti dettagliatamente
stabiliti dal Titolo V, che gradua e diversifica lautonomia degli enti rappresentativi delle comunit locali, dando
rilievo particolare proprio alle Regioni.
225
A u t o n o m i a l o c a l e : capacit riconosciuta a ciascuna comunit residente sul territorio nazionale di
regolamentare e gestire, con proprie determinazioni, una parte di affari pubblici.
226
D e c e n t r a m e n t o a m m i n i s t r a t i v o : trasferimento di competenze e poteri decisionali dagli
organi centrali statali ad organi periferici o ad altri soggetti. Questi ultimi possono essere: I) enti pubblici,
territoriali (come Regioni, Province e Comuni) e non. In questo caso si parla di decentramento autarchico, in
quanto tali enti hanno una propria soggettivit; II) articolazioni periferiche dello Stato. In questo caso si parla di
decentramento burocratico, perch gli organi ai quali tali poteri sono demandati fanno sempre parte
dellorganizzazione statale, ma non operano a livello centrale (es. Prefetto che dipende dal Ministro
dellInterno); III) aziende autonome. In questo caso si parla di decentramento funzionale, perch vengono
costituiti appositi enti o societ per la gestione di uno specifico servizio pubblico. Rispetto allautonomia
riconosciuta alle comunit territoriali, il decentramento assolve una funzione pi limitata, ma non meno
rilevante. Uniformandosi a tale principio, lorganizzazione dello Stato viene ad articolarsi in pi centri di potere,
ciascuno dei quali gode di ampi margini di azione assumendosi le corrispondenti responsabilit.
227
Alla promozione si affianca ladeguamento della legislazione alle esigenze dellautonomia e del
decentramento. La norma diventa fonte di un vincolo specifico per il legislatore statale, che in tali materie
spesso chiamato ad intervenire. Spetta alle leggi della Repubblica, infatti, definire le competenze di Comuni e
Province, demandare alla Regione il potere di emanare norme per la loro attuazione e attribuire a Province,
Comuni o ad altri enti locali funzioni amministrative regionali. Cos, in particolare, si verificato con la L.
142/90, che ha previsto unampia autonomia statutaria e regolamentare delle Province, Comuni e Comunit
minori dettando regole precise per una adeguata realizzazione del principio autonomista.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 111
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

riparte in Regioni, Province e Comuni. Questi enti hanno, col territorio che li delimita, lo
stesso rapporto che lo Stato ha con il proprio; essi sono politicamente rappresentativi e
operano nel generale interesse delle comunit stanziate su quel territorio.
La loro autonomia ha quindi un nocciolo comune, perch lindividuazione dei fini da
perseguire e degli strumenti pi idonei per realizzarli (nel rispetto dei principi inderogabili che
reggono la nazione) non viene compiuta dallo Stato, ma dalle stesse comunit locali, talvolta
anche in contrasto con lindirizzo politico statale.
Tuttavia la natura dei poteri che gli enti locali possono esercitare diversa, come diverse
sono le fonti che li disciplinano: la Costituzione per le Regioni ordinarie, le leggi
costituzionali per le Regioni speciali, le leggi ordinarie per Comuni e Province. Con il
principio del decentramento amministrativo, invece, si tende ad una maggiore snellezza ed
efficacia dellattivit amministrativa per accorciare sempre pi le distanze tra Pubblica
amministrazione e cittadini228.
1.8.2.6. Art. 6
Lart. 6 della Cost. afferma che La Repubblica229 tutela230 con apposite norme le
minoranze linguistiche231.
Da molti secoli popolazioni di ceppo etnico e linguistico diverso da quello italiano si sono
stabilmente insediate sul nostro territorio ed oggi a pieno titolo appartengono alla Repubblica.
Numerose e consistenti minoranze linguistiche sono presenti in Italia (si pensi ai numerosi
gruppi di lingua franco provenzale in Val dAosta e tedesca in Trentino-Alto Adige, ma anche
ai greci e agli albanesi delle Regioni meridionali o ai ladini delle vallate dolomitiche).
Il regime fascista, esaltando ossessivamente i valori dellunit e della nazione (fatta
scaturire direttamente dalla civilt romana), adott una politica repressiva verso tali
minoranze (si vedano, ad esempio, le disposizioni sulla nazionalizzazione dei cognomi).

228
Al momento, da pi parti si auspica una nuova forma di regionalismo maggiormente cooperativo che superi
sia gli ingiustificati ritorni centralisti sia le inopportune e illegali tentazioni autonomistiche. Sono, pertanto,
contrari alla Costituzione i tentativi di fomentare i cittadini delle Regioni pi ricche alla secessione, soprattutto
se ci avviene solo per sottrarsi ai doveri di solidariet, non sussistendo alcuna legittima aspirazione fondata su
motivi di nazionalit.
229
La Costituzione usa il termine Repubblica e non quello di Stato perch limpegno di tutelare le
minoranze un obbligo che ricade non soltanto sugli organi dello Stato centrale, ma anche sulle comunit
territoriali in cui queste formazioni sociali sono presenti. Anche la comunit internazionale, al pari di quella
statale, tende sempre pi intensamente a tutelare le minoranze, soprattutto attraverso lo strumento dei trattati
bilaterali o multilaterali, con i quali gli Stati nel cui territorio sono presenti tali gruppi garantiscono alle
minoranze parit di diritti, libert ed autonomia. Fino alla legge n. 482 del 1999, mancava una legge quadro
nazionale che definisse standard minimi di tutela delle minoranza linguistiche, migliorabili da ciascuna Regione.
La nuova legge prevede adesso interventi mirati a tutela del patrimonio culturale e linguistico delle minoranze
storiche (albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-
provenzale, il friulano, il ladino, loccitano e il sardo) a livello di scuole, universit, uffici delle pubbliche
amministrazioni, organi collegiali degli enti territoriali, servizio pubblico radiotelevisivo. Le norme pi
favorevoli alle minoranze si applicano nelle Regioni a Statuto speciale mediante disposizioni di attuazione dei
rispettivi Statuti, mentre le Regioni ordinarie si adeguano ai principi della legge statale, ferma restando
lapplicazione delle leggi regionali vigenti pi favorevoli.
230
La norma in esame oltre a vietare, alla stregua dellart. 3, ogni discriminazione, vale a dire un trattamento
peggiorativo fondato sulla diversit di lingua, offre anche una tutela positiva, al fine di conservare il patrimonio
linguistico e culturale delle minoranze, in omaggio ai principi di pluralismo e tolleranza.
231
Minoranza linguistica: formazione sociale il cui tratto distintivo rappresentato dalluso di una lingua diversa
da quella dello Stato dappartenenza e a cui lordinamento assicura una tutela particolare.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 112
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Al contrario la Costituzione, nel rispetto dei principi e dei valori di libert ed uguaglianza
della persona umana, detta unapposita norma (che ribadisce il precetto contenuto al 1
comma dellart. 3 nella parte in cui vieta ogni discriminazione in base alla lingua) a loro tutela
esprimendo cos sia la volont di rottura con la precedente esperienza dittatoriale che
limpegno concreto, diretto e fattivo della Repubblica a favore della tutela delle minoranze
alloglotte.
1.8.2.7. Art. 7.
Lart. 7 della Cost. afferma che Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio
ordine, indipendenti e sovrani232.
I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi233. Le modificazioni dei Patti, accettate
dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale234.
La questione dei rapporti con la Chiesa cattolica ha fortemente condizionato la recente
storia dello Stato italiano. Gi il regno sabaudo-piemontese, pur proclamando formalmente e
solennemente la religione cattolica religione di Stato, si sment nei fatti attuando addirittura
una politica antiecclesiastica, ad esempio abolendo nel 1850 il privilegio degli ecclesiastici di
essere giudicati dai tribunali della Chiesa e non da quelli dello Stato.
I rapporti Stato-Chiesa, gi tesi dopo lUnit (1861), divennero insostenibili nel momento
in cui Roma, ultima roccaforte del dominio papale, fu occupata militarmente (presa di Porta
Pia del 20 settembre 1870) e annessa al Regno dItalia, segnando la fine del dominio
temporale della Chiesa.
A seguito di tale occupazione Papa Pio IX scomunic lintera classe dirigente italiana.
Il Parlamento approv nel 1871 la legge delle guarentigie, un atto unilaterale col quale il
Regno riconosceva prerogative di sovrano al Pontefice ed extraterritorialit ai palazzi
vaticani: il tentativo di rassicurare la Chiesa sulla sua libert e indipendenza, tuttavia, non
ebbe credito presso il soglio pontificio in quanto il Papa non accett mai tale legge e la

232
La Costituzione configura Stato e Chiesa come due ordinamenti sovrani, relativamente ai fini che ciascuno di
essi persegue. I rapporti fra i due ordinamenti sono regolati mediante accordi bilaterali, secondo il modello delle
relazioni internazionali fra Stati, pur riconoscendosi alla Chiesa caratteri peculiari di sovranazionalit e
universalit.
233
P a t t i L a t e r a n e n s i : accordi sottoscritti l11 febbraio 1929 nel Palazzo di San Giovanni in Laterano
da Mussolini (per lItalia) e dal Cardinale Gasparri (per la Santa Sede). Essi si articolavano in tre distinti
documenti: un Trattato, un Concordato e una Convenzione finanziaria. Il Trattato riconosceva la piena
soggettivit internazionale allo Stato della Citt del Vaticano attraverso la rinuncia, da parte dello Stato
italiano, ad una seppure minima estensione di territorio. Lart. 1 affermava il principio della religione cattolica
quale religione ufficiale dello Stato (principio successivamente superato. Il Concordato disciplinava le
condizioni della Chiesa cattolica in Italia, riconoscendo ad essa il libero esercizio del potere spirituale e della
giurisdizione in materia ecclesiastica e regolando la posizione giuridica dei vescovi e del clero, il regime del
matrimonio canonico (al quale si riconosceva automaticamente rilevanza agli effetti civili) nonch la disciplina
degli edifici di culto e degli enti ecclesiastici. La Convenzione finanziaria, infine, prevedeva un risarcimento
(mai corrisposto) al Papa per la perdita dei territori dello Stato Pontificio occupati dal Regno dItalia.
234
La norma ha costituzionalizzato il p r i n c i p i o p a t t i z i o , in base al quale lo Stato italiano si impegna
a stabilire di comune accordo con la Chiesa ogni modifica dei Patti Lateranensi. Se per tale accordo non viene
raggiunto, sar necessaria una legge costituzionale che abroghi lart. 7 per rivedere unilateralmente i Patti
(allepoca in cui fu redatta la Costituzione, la Chiesa confidava sul fatto che la presenza di un partito cattolico
forte in Parlamento avrebbe scongiurato tale possibilit, dal momento che per approvare una legge costituzionale
sono necessarie maggioranze molto ampie).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 113
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

situazione di delegittimazione della classe dirigente di fronte al mondo cattolico rimase,


pesando sul futuro del Regno.
Il regime fascista, per acquisire il consenso delle masse cattoliche, tent in ogni modo di
comporre i dissidi con la Chiesa in nome di una nuova unit spirituale nazionale. Tale intento
sfoci nella stipula dei P a t t i l a t e r a n e n s i , con i quali furono per la prima volta
regolati, su base paritaria e pattizia, i rapporti tra il Regno dItalia e la Chiesa cattolica.
La Costituzione Repubblicana, dopo accesi contrasti in sede di Assemblea Costituente, si
limit a recepire, senza alcuna modifica, i Patti lateranensi.
Nel 1984 dopo anni di sterili negoziazioni fra le parti, stato firmato un nuovo accordo che
ha introdotto rilevanti novit nei rapporti Stato-Chiesa riaffermando il principio di laicit
dello Stato e dettando altre norme per assicurare il rispetto dei principi di eguaglianza, libert
religiosa etc.
1.8.2.8. Art. 8.
Lart. 8 afferma che Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere235 davanti alla
legge.
Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i
propri statuti236, in quanto non contrastino con lordinamento giuridico italiano.
I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese237 con le relative
rappresentanze238.
Lart. 8 Cost., superando il dettato dellart. 1 dello Statuto albertino che dichiarava la
religione cattolica, apostolica romana sola religione di Stato, afferma il principio di laicit
dello Stato e di libert di religione, senza riconoscere alcuna situazione di privilegio o
mostrare alcuna ostilit verso ogni altro culto diverso da quello cattolico.
La Repubblica, ispirandosi ad un atteggiamento di neutralit nei confronti dei diversi culti,
si impegna a tutelare senza distinzioni tutte le confessioni religiose: ciononostante, ancora in
vigore nel nostro ordinamento la legge n. 1159 del 1929 sui culti ammessi, cos definiti in

235
Egualmente libere: significa che la Costituzione non ammette discriminazioni fondate sulla diversit di fede
religiosa: questo fondamentale principio viene integrato da altre disposizioni costituzionali che riconoscono a
tutti la libert di professare il proprio credo sia in forma individuale che associata.
236
Statuti: quando si riferisce alla Chiesa cattolica il Costituente usa un linguaggio mutuato dal diritto
internazionale, come sovranit e indipendenza. Ai culti acattolici, invece, lo stesso riconosce solo unautonomia
organizzativa (statutaria), la possibilit, cio, di organizzarsi senza ingerenze da parte dello Stato ma pur sempre
nellambito dellordinamento italiano.
237
I n t e s a : accordo tra un culto diverso da quello cattolico e lo Stato, su questioni che interessano luna e
laltra parte. Tali accordi, cos come i Concordati con la Chiesa cattolica, esprimono un eguale principio: la
legislazione statale in materia ecclesiastica non deve essere unilaterale, ma, almeno di regola, preventivamente
concordata con le diverse confessioni religiose.
238
Lordinamento italiano accoglie il principio pattizio, in base al quale i rapporti con le confessioni religiose
sono regolati mediante accordi tra le parti: mentre, per, per il Concordato con la Chiesa cattolica la dottrina
propensa ad orientarsi verso modelli di diritto internazionale, le intese sono considerate come convenzioni di
diritto pubblico interno. A partire dal 1984 lo Stato italiano ha cominciato a dare attuazione alla norma in esame,
stipulando lintesa con la Tavola Valdese, che ha reso inefficaci nei confronti delle Chiese da essa rappresentate
le norme della legge del 1929. Successivamente sono state concluse intese con altre confessioni religiose.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 114
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

quanto, a differenza della religione cattolica (considerata, allepoca, religione di Stato e per
questo motivo privilegiata) gli altri culti venivano soltanto tollerati dallordinamento239.
1.8.2.9. Art. 9
Lart. 9 afferma che: La Repubblica promuove240 lo sviluppo della cultura e la ricerca
scientifica e tecnica241.
Tutela il paesaggio242 e il patrimonio storico e artistico243 della Nazione.
1.8.2.10. Art. 10.
Lart. 10 primo comma della Cost244. afferma che Lordinamento giuridico italiano si
conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute245.

239
Anche la tutela penale dei culti, contenuta nel vigente codice penale (codice Rocco, risalente al 1930), risulta
differenziata: per questo motivo la Corte Costituzionale, pur avendo in pi occasioni ribadito che la Costituzione
si limita a riconoscere solo leguale libert delle confessioni, ma non unidentit di regolamento dei loro rapporti
con lo Stato, si pi volte attivata per attenuare queste differenziazioni, ad esempio dichiarando incostituzionale
lart. 724 c.p. (che puniva la bestemmia contro Divinit, Simboli e Persone venerati nella religione di Stato)
proprio nella parte in cui faceva riferimento alla sola fede cattolica (sentenza n. 440 del 1995).
240
l primo comma dellarticolo attribuisce ai soggetti pubblici (Stato, Regioni, enti pubblici, ciascuno
nellambito delle proprie competenze) il compito di promuovere lo sviluppo della cultura e della ricerca
scientifica e tecnica. La norma va coordinata con altre disposizioni costituzionali, che ne specificano il
significato e ne fissano i limiti di applicazione. La Costituzione, infatti, proclama lassoluta libert della cultura,
in tutte le forme in cui si esprime, e lautonomia delle strutture che alla promozione della stessa o alla ricerca
scientifica e tecnica si dedicano. Lintervento dei pubblici poteri non pu intaccare la libert di chi fa cultura o
ricerca, anche perch solo salvaguardando tale libert possibile indirizzare il progresso spirituale del Paese
verso la promozione delluomo, cos come richiesto dal principio personalistico che permea lintera
Costituzione. Lattivit di ricerca, daltra parte, indispensabile per rinnovare i contenuti dellinsegnamento,
favorire lelevazione professionale dei lavoratori e assicurare una sempre pi adeguata sicurezza sociale e sul
lavoro. Da questo complesso panorama normativo si pu dedurre che lintervento promozionale della
Repubblica deve sempre ricercare un equilibrio costituzionalmente compatibile con la libert della cultura e della
ricerca, evitando che queste ultime siano soggette a direttive e imposizioni del potere politico o si sviluppino del
tutto sganciate dal contesto della societ e dei suoi problemi.
241
R i c e r c a s c i e n t i f i c a e t e c n i c a : tutte le attivit che si propongono, con metodo scientifico,
lallargamento della conoscenza, lesplorazione di settori dello scibile umano per analizzarli e individuarne i
reciproci rapporti, linvenzione di nuovi sistemi per lutilizzazione delle risorse disponibili e la soddisfazione dei
bisogni umani. Cos, tra laltro, si spiega il divieto di brevettabilit dei metodi diagnostici e chirurgici perch in
contrasto con lart. 9, che vieta qualsiasi ostacolo alla promozione della ricerca scientifica.
242
P a e s a g g i o : nozione che ha subto nel tempo una evoluzione profonda. In Assemblea Costituente con
tale termine si indicavano unicamente le bellezze naturali, il panorama, la cui tutela si riduceva alla
conservazione dello scenario naturale secondo i precetti contenuti nella legislazione di tutela delle bellezze
naturali del 1939. Successivamente, per, una pi attenta riflessione dottrinale e giurisprudenziale ha individuato
nel disposto costituzionale lesigenza di tutelare il territorio cos come modellato dalla comunit umana che vi
insediata, tenuto conto che nelle moderne societ non pu parlarsi di ambiente senza presenza umana. Il
paesaggio ha assunto un significato sempre pi dinamico, identificandosi con lambiente cos come modellato
dalluomo: la Corte Costituzionale lo ritiene comprensivo di ogni elemento naturale e umano che attiene alla
forma esteriore del territorio ed esprime un valore estetico-culturale. In questottica, il secondo comma pu
essere letto unitariamente, nel senso che la Repubblica si impegna a favorire uno sviluppo complessivo del
Paese, ispirato non soltanto a criteri economici, ma anche a valori culturali. La tutela paesaggistica tende cos ad
interferire con la pianificazione urbanistica, cos come istituzionalizzata dalla legge Galasso, che obbliga le
Regioni a dotarsi di piani urbanistico-territoriali con specifica considerazione dei valori paesistici e ambientali.
Un ulteriore rafforzamento della tutela del paesaggio stato realizzato dalla legge n. 349 del 1986, che ha
riconosciuto specificamente come diritto fondamentale della persona e interesse della collettivit la salvaguardia
dellambiente, vale a dire la conservazione, la razionale gestione e il miglioramento delle condizioni naturali, la
preservazione dei patrimoni genetici terrestri e marini e la difesa di tutte le specie animali e vegetali.
243
P a t r i m o n i o s t o r i c o e a r t i s t i c o d e l l a N a z i o n e : complesso dei beni di propriet
pubblica e privata caratterizzato da una unitaria funzione culturale, di testimonianza della civilt italiana.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 115
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Il primo comma dellarticolo esprime la volont della Repubblica di aprirsi alla comunit
internazionale, impegnandosi a produrre, nel proprio ordinamento interno, disposizioni in
tutto coincidenti con le norme internazionali riconosciute dalla comunit degli Stati. Eventuali
norme interne non conformi al diritto internazionale consuetudinario non possono intaccarle,
anzi vengono giudicate invalide, se successive, o abrogate, se antecedenti246.
I seguenti commi dellart. 10 affermano che La condizione giuridica dello straniero247
regolata dalla legge in conformit delle norme e dei trattati internazionali248.
La c o n d i z i o n e g i u r i d i c a d e l l o s t r a n i e r o r e s i d e n t e i n
I t a l i a protetta dalla previsione di una riserva rafforzata di legge: il trattamento giuridico
a cui viene sottoposto pu essere fissato soltanto dalla legge (con esclusione di ogni
intervento della pubblica amministrazione volto a regolamentare la materia, se non per dare
esecuzione alla disciplina legislativa) e non pu essere meno favorevole di quanto previsto
nelle norme di diritto internazionale, sia di origine consuetudinaria che pattizia249.
Gli ultimi due commi dellarticolo in esame affermano che: Lo straniero, al quale sia
impedito nel suo paese leffettivo esercizio delle libert democratiche garantite dalla
Costituzione italiana250, ha diritto dasilo251 nel territorio della Repubblica, secondo le
condizioni stabilite dalla legge.

244
Lart. 10 costituisce una norma sulla produzione giuridica, in quanto detta le modalit per recepire nel nostro
ordinamento le norme del diritto internazionale generale (cio le consuetudini) accettate dalla comunit
internazionale.
245
N o r m e d e l d i r i t t o i n t e r n a z i o n a l e g e n e r a l m e n t e r i c o n o s c i u t e : regole
di condotta non scritte che hanno per destinatari tutti i soggetti della comunit internazionale, tali norme sono
originate da comportamenti costantemente ripetuti nel tempo e accettati dalla Comunit internazionale e non
sono contenute in specifici accordi tra Stati. Tali norme si indirizzano anche agli Stati o altri soggetti di diritto
internazionale (es.: Stati di nuova formazione) che in passato non hanno partecipato, con il loro comportamento,
alla creazione delle norme stesse.
246
In ogni caso, la Corte Costituzionale ha affermato che, qualora insorgano conflitti fra norme internazionali e
costituzionali, linterprete deve procedere alla loro armonizzazione, tenendo conto che: I) il diritto internazionale
preesistente alla Costituzione prevale su di essa, in quanto regola fattispecie, situazioni e interessi che si pongono
come speciali rispetto alle norme interne; I) il diritto internazionale successivo non pu mai intaccare i principi
fondamentali del nostro ordinamento, cio quei principi che danno forma al nostro ordinamento costituzionale e
non possono essere alterati in nessun caso (eguaglianza, rispetto della dignit delluomo, riconoscimento dei suoi
diritti inviolabili).
247
Attualmente esistono nel nostro ordinamento due categorie di stranieri: I) i cittadini dellUnione Europea, che
godono di una tutela particolarmente qualificata e tendenzialmente assimilabile a quella riconosciuta agli italiani;
II) i cittadini extracomunitari, che possono, invece, essere soggetti a restrizioni relativamente al loro diritto
dingresso, soggiorno e permanenza nel nostro territorio.
248
T r a t t a t i i n t e r n a z i o n a l i : accordi con cui due o pi soggetti di diritto internazionale
(prevalentemente Stati, ma anche organizzazioni internazionali) si assumono e riconoscono reciprocamente
obblighi o diritti. Le norme in essi contenute possono avere carattere particolare (se derivano da accordi fra
singoli Stati) oppure generale (se sono il risultato di congressi o conferenze internazionali); in ogni caso esse si
applicano soltanto agli Stati firmatari dellaccordo, a differenza delle norme generalmente riconosciute
(consuetudini) che, invece, vincolano tutti i soggetti della Comunit degli Stati.
249
Ci non esclude che il legislatore italiano possa sopravanzare il diritto internazionale nel predisporre un
trattamento pi favorevole, atteggiandosi, cos, come un modello di riferimento per tutta la comunit
internazionale.
250
L i b e r t d e m o c r a t i c h e g a r a n t i t e d a l l a C o s t i t u z i o n e i t a l i a n a : diritti e
libert riconosciuti negli ordinamenti vigenti (diritto a non essere discriminati per razza, sesso o religione, libert
di associazione, pensiero, domicilio, diritti di partecipazione politica) che, per essere naturalmente destinati a
consentire lo sviluppo della persona umana nella sua integralit, non possono non essere riconosciuti ad ogni
uomo, indipendentemente dal luogo in cui risiede. La Repubblica garantisce, quindi, allo straniero la possibilit
di esercitare in Italia quei diritti che gli sono negati nel suo Paese.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 116
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Non ammessa lestradizione252 dello straniero per reati253 politici.


Gli ultimi due commi possono essere letti come la proiezione sul piano internazionale dei
valori affermati dalla Costituzione nellambito interno. Dopo aver delineato un ordinamento
costituzionale incardinato su ideali di libert e giustizia, i Costituenti vollero affermare
luniversalit di tale modello, riconoscendo a chiunque non abbia lopportunit di vivere in
uno Stato retto dagli stessi principi, il diritto di rifugiarsi in Italia e di non essere estradato
qualora abbia commesso reati politici contro un regime illiberale254.
1.8.2.11. Art. 11.
Lart. 11 della Cost. afferma che LItalia ripudia la guerra come strumento di offesa alla
libert degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali255;
consente, in condizioni di parit con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranit necessarie ad
un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le
organizzazioni internazionali256 rivolte a tale scopo.
Questa norma sancisce il principio pacifista, che propugna il ripudio della guerra come
strumento di offesa agli altri popoli e come modo di risolvere le controversie internazionali.
Alla fine del 1945 lItalia usciva stremata da una guerra in cui era stata trascinata
dallesasperato nazionalismo fascista e della sciagurata alleanza col regime nazista.
Aspirazione comune a tutte le forze politiche rappresentate in Assemblea Costituente era,
quindi, listanza pacifista, dettata dalla volont di non ripetere i tragici errori del passato.
Per questo motivo la Costituzione stabilisce che lItalia non pu ricorrere alla guerra per
risolvere eventuali contrasti che insorgano con altri Stati sul piano politico o su quello
giuridico. A maggior ragione tale divieto sussiste qualora lo Stato italiano voglia ledere
251
D i r i t t o d a s i l o : diritto, riconosciuto allo straniero (cittadino di altro Stato o apolide), di essere
ammesso a soggiornare nel territorio dello Stato italiano, se lo Stato in cui risiede non garantisce le libert
fondamentali riconosciute dalla nostra Costituzione.
252
E s t r a d i z i o n e : istituto giuridico in base al quale lo Stato italiano consegna o chiede in consegna un
imputato o condannato che si trova, rispettivamente, in territorio italiano o estero; ci affinch venga sottoposto
a giudizio o ad esecuzione della pena nello Stato estero o in quello italiano.
253
R e a t i p o l i t i c i : crimini commessi per opporsi a regimi illiberali o per affermare un diritto di libert il
cui esercizio negato (ad esempio, propaganda antigovernativa o organizzazione di manifestazioni scioperi nei
Paesi in cui tale diritto non pu essere esercitato).
254
Linterpretazione unitaria dei due commi spinge a qualificare come r e a t i p o l i t i c i quei
comportamenti che esprimano opposizione a regimi non democratici o rappresentino lesercizio di diritti e libert
negate da quegli ordinamenti. Escludendo lestradizione per questo tipo di reati, la Costituzione tende a
restringere la potest repressiva dello Stato estero per tutelare la persona dello straniero
255
Sono escluse dal divieto le guerre difensive, cio le operazioni belliche destinate a fronteggiare aggressioni in
atto o seriamente minacciate; ci trova conferma in quella norma che qualifica sacro dovere di ogni cittadino
difendere la Patria e nelle disposizioni che regolano il procedimento per decidere e dichiarare lo stato di guerra.
Inoltre, il nostro ordinamento fa propria la norma contenuta nellart. 51 dello Statuto dellOrganizzazione delle
Nazioni Unite, che ammette, come diritto naturale degli Stati, la legittima difesa solo di fronte ad un attacco
armato o avverso aggressioni indirette, consistenti, ad esempio, in infiltrazione di armati. Nel corso degli anni,
sotto la spinta di un pacifismo generalizzato, a livello internazionale si sono formate norme generali che vietano
luso e la minaccia della forza, anche quando non raggiunga le dimensioni di un evento bellico che impegni a
lungo e integralmente le risorse umane e materiali di un Paese (si pensi alle rappresaglie implicanti solo il blocco
delle coste o bombardamenti circoscritti). Anche queste norme sono state recepite nel nostro ordinamento,
integrando e specificando il significato del disposto costituzionale.
256
O r g a n i z z a z i o n e i n t e r n a z i o n a l e : unione di Stati creata mediante accordo internazionale e
chiamata a svolgere attivit dinteresse comune ai suoi membri. Pu acquisire o meno la soggettivit di diritto
internazionale. LONU in particolare si pone come obiettivo primario il raggiungimento della pace e della
giustizia fra le Nazioni.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 117
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

lindipendenza o lintegrit territoriale di uno Stato estero o imporre con la forza un certo
ordinamento ad unaltra popolazione.
Inoltre sempre ai sensi dellart. 10 della Cost. il nostro Paese si impegna a partecipare alla
creazione di un ordinamento pi giusto, che esprima a livello internazionale quei valori che
sono gi a fondamento della Repubblica.
Per conseguire questo risultato, lo Stato italiano si dichiara disposto ad accettare
limitazioni di sovranit, vale a dire a consentire che obblighi assunti a livello internazionale
possano condizionare la sua condotta, purch tale ridimensionamento avvenga in condizioni
di parit con gli altri Stati e al fine di assicurare pace e giustizia nei rapporti fra le Nazioni257.
1.8.2.12. Art. 12.
Lart. 12 afferma che La bandiera della Repubblica il tricolore italiano: verde, bianco e
rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni258.
1.8.3. Rapporti civili.
1.8.3.1. La libert personale.
La l i b e r t p e r s o n a l e consiste, nella pretesa, giuridicamente riconosciuta a ogni
individuo, a non subire coercizioni fisiche che non rispettino le forme previste dalla
Costituzione (previsione di legge, regolare giudizio, provvedimento motivato) o comunque
ledano la sua dignit259.
Daltra canto in dottrina si sostiene, che tale libert non solo da intendersi come libert
fisica, ma anche come libert morale, cio libert non solo dalla coercizione fisica, ma anche
da ogni forme di coercizione della volont, del pensiero e, della psiche dellindividuo.
La libert personale costituisce il presupposto logico e giuridico di tutte le libert
riconosciute allindividuo della Costituzione. Il fondamento costituzionale della libert
personale dellindividuo deve ravvisarsi nellart. 13 Cost. il quale stabilisce, nel primo
comma, che:
La libert personale inviolabile.

257
La norma fu pensata e scritta per consentire ladesione dellItalia alle Nazioni Unite, che richiedeva, come
condizione di ammissione, che lo Stato si fosse dichiarato amante della pace. Al di l delle intenzioni dei
Costituenti, essa servita anche per legittimare ulteriori limitazioni di sovranit accettate dallo Stato italiano con
ladesione alle Comunit Europee (che furono istituite solo nel 1951 e nel 1957); infatti, nei trattati istitutivi di
tali organizzazioni, si proclama solennemente che gli Stati firmatari sono risoluti a rafforzare le difese della
pace e della libert. Lappartenenza alle Comunit Europee implica la soggezione immediata anche a tutte le
norme previste dai trattati (regolamenti, direttive, decisioni), riducendo in tal modo la generale competenza a
legiferare del Parlamento italiano. Inoltre, gli obblighi assunti con ladesione alle Comunit comportano anche la
disapplicazione, da parte del giudice comune, delle disposizioni nazionali in contrasto con la normativa
comunitaria.
258
Il tricolore fu utilizzato occasionalmente dai giacobini italiani per affermare la loro vicinanza ideologica alla
Rivoluzione francese, che quel simbolo aveva adottato. Il suo ingresso ufficiale nella storia italiana, come
emblema della libert repubblicana, va, per, fissato al 7 gennaio 1797, quando fu acclamato bandiera della
Repubblica Cispadana. Napoleone Bonaparte lo adott come bandiera nazionale del Regno dItalia nel 1805,
sistemandone i colori in bande verticali. Nel 1848 il tricolore sostitu lo stendardo azzurro sabaudo quale insegna
del Regno di Sardegna, con laggiunta al centro dello scudo dei Savoia. Nel 1861 fu adottato come bandiera
italiana, scelta che fu confermata anche nel 1946, eliminando, per, lo stemma sabaudo, che fu soppiantato (nel
1948) dallinsegna della Repubblica italiana.
259
Si tratta di una delle prime libert delluomo a trovare formale riconoscimento in un documento scritto, se si
considera che gi nella Magna charta libertatum del 1215 (con cui i Baroni britannici posero limiti allarbitrio del
Re) i sudditi inglesi venivano tutelati dagli arresti ingiustificati.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 118
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Non ammessa forma alcuna di detenzione260, di ispezione261 o perquisizione personale262,


n qualsiasi altra restrizione della libert personale, se non per atto motivato dallautorit
giudiziaria263 e nei soli casi e modi previsti dalla legge.
In casi eccezionali di necessit ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge, lautorit di
pubblica sicurezza264 pu adottare provvedimenti provvisori, che devono essere comunicati
entro quarantotto ore allautorit giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive
quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi di ogni effetto265.
punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di
libert.
La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva266.
Dunque limportanza e la delicatezza della tutela della libert personale assistita da tre
specifiche garanzie:
r i s e r v a d i l e g g e : solo il potere legislativo (e non altri) pu stabilire i casi e
le modalit in cui possibile limitare tale libert;
riserva di g i u r i s d i z i o n e : solo il giudice (non lautorit
amministrativa) legittimato ad emettere (o convalidare) provvedimenti limitativi
della libert;
m o t i v a z i o n e d e i p r o v v e d i m e n t i : i provvedimenti giurisdizionali
(di solito ordinanze) devono indicare in modo esauriente i motivi che hanno portato
il giudice ad adottarli.
La dettagliata articolazione della norma non lascia alcuna autonomia allautorit che ha il
potere di limitare la libert individuale. Solo il preciso e tempestivo rispetto di tali garanzie da

260
D e t e n z i o n e : privazione della libert personale che pu essere prevista sia come sanzione per la
commissione di un reato, sia come misura preventiva volta ad evitare che il presunto autore dello stesso si
sottragga alle conseguenze giuridiche dei suoi atti dandosi alla fuga o commetta altri gravi reati o alteri le prove
(art. 274 c.p.p.).
261
I s p e z i o n e p e r s o n a l e : mezzo di ricerca della prova, consistente in un esame della persona diretto
ad acquisire una prima conoscenza del fatto, accertando la presenza di tracce e di altri effetti materiali del reato
su di essa (artt. 244, 245 c.p.p.; artt. 118, 258-260 c.p.c.). eseguita, di regola, dalla polizia giudiziaria.
262
P e r q u i s i z i o n e p e r s o n a l e : un mezzo di ricerca della prova, disposto quando si ha fondato
motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del reato o cose pertinenti al reato. Di regola
eseguita dalla polizia giudiziaria (artt. 247, 249 c.p.p.).
263
A u t o r i t g i u d i z i a r i a : lautorit preposta allesercizio della funzione giurisdizionale ossia
allattuazione della legge da parte di soggetti che si comportano come terzi imparziali.
264
A u t o r i t d i p u b b l i c a s i c u r e z z a : organismi destinati a dare attuazione allordine
giuridico e a garantire lordine pubblico (polizia, carabinieri etc.); il loro operato per lo pi sottoposto alla
direzione e/o al controllo dellautorit giudiziaria, che ne pu richiedere o convalidare lintervento.
265
Quando lautorit di pubblica sicurezza ad adottare i provvedimenti restrittivi della libert personale, la
garanzia della previsione di legge si attiva subito, in quanto la necessit e lurgenza che legittimano tali
restrizioni devono essere previamente indicati dalla legge in modo preciso e non generico. Lintervento
dellautorit giudiziaria previsto, invece, in un momento successivo, al fine di accertare se realmente
sussistevano i presupposti per lemanazione di quei provvedimenti da parte dellautorit di P.S.
266
C a r c e r a z i o n e p r e v e n t i v a : una misura cautelare personale (artt. 272-315 c.p.p.), cio un
provvedimento provvisorio ed urgente adottato dallautorit giudiziaria prima di una pronuncia definitiva sulla
colpevolezza, per salvaguardare esigenze predeterminate dalla legge e per assicurare leffettivit della decisione
finale (tale provvedimento, in quanto provvisorio e strumentale, va computato al momento in cui si stabilisce
lentit della pena detentiva).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 119
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

parte delle autorit pubbliche, infatti, mette lindividuo al riparo da abusi e arbitr nei suoi
confronti.
1.8.3.2. La libert di domicilio.
Lart. 14 della Cost. afferma che Il domicilio267 inviolabile.
Non vi si possono eseguire ispezioni o perquisizioni o sequestri268, se non nei casi e modi
stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libert personale.
Gli accertamenti e le ispezioni per motivi di sanit e di incolumit pubblica o a fini
economici e fiscali sono regolati da leggi speciali.
Lart. 14 della Cost. sancisce li n v i o l a b i l i t d e l d o m i c i l i o che rappresenta
lespressione pi tipica della libert personale, in quanto si concreta nella proiezione spaziale
della persona. Tutelando il domicilio, quindi, lordinamento garantisce la persona stessa, o pi
esattamente il rapporto persona-ambiente.
1.8.3.3. La libert e la segretezza della corrispondenza.
Lart. 15 della Cost. afferma che La libert e la segretezza della corrispondenza e di ogni
altra forma di comunicazione269 sono inviolabili270.
La loro limitazione pu avvenire soltanto per atto motivato dellautorit giudiziaria con le
garanzie stabilite dalla legge.
La l i b e r t d i c o r r i s p o n d e n z a e c o m u n i c a z i o n e garantisce il
raccordo dellindividuo con i suoi simili consentendogli di far giungere ad altri in
esclusiva, senza interferenza alcuna il suo pensiero. un aspetto del diritto alla
riservatezza (che trova tutela negli artt. 13, 14, 15) contro le interferenze abusive.
Si ricordi, infine, che a tutela di tale diritto non ammessa alcuna forma urgente di
limitazione rimessa allautorit di polizia e da convalidare successivamente da parte del
giudice come nei casi della libert personale e di domicilio. Infatti la tutela accordata dalla
disposizione in esame, prevede necessariamente ed esclusivamente un atto motivato di un
giudice, su richiesta del pubblico ministero, per qualsiasi restrizione alla corrispondenza Ci
si giustifica sia per la segretezza delle intercettazioni telefoniche, postali etc. (che non
consente alcuna possibilit di difesa allintercettato) sia per il carattere interpersonale delle

267
Domicilio: nel caso specifico non si fa riferimento al domicilio cos come definito dal codice civile (ossia
come il luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi), bens si intende
qualunque luogo (abitazione, studio, roulotte, stanza dalbergo etc.) in cui la persona esplica la propria vita
privata e professionale (residenza, dimora etc.). La libert di stabilire il domicilio una delle pi importanti
espressioni della libert personale (artt. 43-47 c.c.).
268
S e q u e s t r o : consiste in un vincolo di indisponibilit sulle cose che ne sono oggetto o nel loro
spossessamento. Pu essere disposto, nella materia penale, per ottenere una prova di un reato (sequestro
probatorio: artt. 253-265 c.p.p.), o per evitare la perdita di garanzie reali per il pagamento di eventuali pene
pecuniarie, spese di giustizia etc. (sequestro conservativo: artt. 316-320 c.p.p.), o anche per interrompere
lattivit criminosa o impedire la commissione di nuovi reati (sequestro preventivo, artt. 321, 322, 323 c.p.p.).
269
O g n i a l t r a f o r m a d i c o m u n i c a z i o n e : si riferisce ad ipotesi eterogenee, quali il contatto
diretto tra due o pi persone presenti, o il contatto a mezzo informatico, telematico etc.
270
Non specificato chi il titolare del diritto inviolabile (autore o destinatario); infatti sono assicurate pari
dignit e pari tutela tanto a chi effettua la comunicazione quanto a chi la riceve. Proprio in merito al rapporto tra
autore e destinatario della comunicazione va rilevata la differenza rispetto allart. 21: in questultimo la tutela
della libert di manifestazione del pensiero non implica anche la tutela della sua segretezza, in quanto non
preso in considerazione un destinatario determinato (una o pi persone specifiche), ma limpiego di mezzi di
comunicazione di massa verso destinatari indeterminati.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 120
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

comunicazioni (che comporta anche il coinvolgimento di tutte le persone con le quali venga in
contatto, per qualsiasi motivo, chi soggetto ad intercettazioni).
1.8.3.4. La libert di circolazione e soggiorno..
Lart. 16 della Cost. afferma che: Ogni cittadino pu circolare e soggiornare liberamente
in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via
generale per motivi di sanit o di sicurezza. Nessuna restrizione pu essere determinata da
ragioni politiche.
Ogni cittadino libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli
obblighi di legge.
Va precisato che, anche se la locuzione cittadino non estende anche agli stranieri tale
diritto, si ricordi che attualmente la libert di circolazione e soggiorno riguarda tutto il
territorio degli Stati aderenti alla Comunit Europea: larticolo 48 del trattato istitutivo
afferma, infatti, che la libera circolazione delle persone comporta il diritto di spostarsi
liberamente e di rimanere sul territorio di uno Stato membro.
1.8.3.5. La libert di riunione.
Lart. 17 della Cost. afferma che I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e
senzarmi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico271, non richiesto preavviso.
Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorit, che possono vietarle
soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumit pubblica.
La l i b e r t d i r i u n i o n e , garantiti ai soli cittadini dallart. 17 della Cost., consiste
nella facolt di darsi convegno, temporaneamente e volontariamente, in un luogo determinato
ed in seguito a preventivo accordo, indipendentemente dalle ragioni per cui ci si riunisce
(politiche, ricreative, religiose, etc.).
1.8.3.6. La libert di associazione.
La l i b e r t d i a s s o c i a z i o n e sancita dallart. 18 Cost., il quale afferma che: I
cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono
vietati ai singoli dalla legge penale. Sono proibite le associazioni segrete e quelle che
perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.
La libert di associazione, al pari della libert di riunione, una libert strumentale e
indispensabile per favorire lo sviluppo della persona umana e la sua partecipazione alla vita
economica, polita e sociale del Paese (art. 2 Cost.).
La Costituzione, dopo aver garantito in linea generale la libert di associazione nellart. 18,
fa esplicito riferimento a tale libert nei campi; politico (art. 49 cost.); sindacale (art. 39
Cost.); religioso (art. 19 Cost.).
1.8.3.7. La libert di fede religiosa.
Lart. 19 afferma che: Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede
religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in
271
Va precisato che per l u o g o a p e r t o a l p u b b l i c o : un luogo privato al quale consentito (a
talune condizioni, come lessere socio o il pagare un biglietto dingresso) laccesso da parte di una serie di
persone (anche non predeterminate, come ad esempio i frequentatori di cinema, teatri, palestre etc.). Si distingue
perci dal l u o g o p u b b l i c o (in cui tutti possono accedere liberamente, come una piazza, un giardino
pubblico etc., senza particolari formalit) e dal l u o g o p r i v a t o .

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 121
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

privato o in pubblico il culto, purch non si tratti di riti contrari al buon costume272. In forza
del tale articolo il nostro uno Stato laico.
Uno S t a t o si definisce l a i c o quando riconosce la libert di religione e delle
confessioni religiose, e non esprime preferenze attribuendo ad una di esse la qualifica di
religione ufficiale di Stato. Lo S t a t o c o n f e s s i o n a l e , invece, riconosce una
religione come sola religione dello Stato e assume atteggiamenti di repressione o, al pi, di
semplice tolleranza verso gli altri culti.
Inoltre lart. 20 della Cost. afferma che Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di
culto duna associazione od istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni
legislative, n di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacit giuridica e ogni
forma di attivit.
La norma si riferisce al fenomeno religioso nella sua dimensione collettiva, riaffermando
leguaglianza dei cittadini senza discriminazioni di religione, anche quando essi operano
allinterno di strutture organizzate. La legge non pu, quindi, introdurre trattamenti
sfavorevoli o discriminatori a carico degli enti religiosi rispetto ad altre associazioni che
perseguano scopi diversi, n utilizzare lo strumento fiscale per rendere pi difficoltosi la
costituzione ed il funzionamento degli enti. Tali garanzie vengono assicurate a tutti gli enti
religiosi, cattolici e non, a tutela del principio delleguale libert di fede religiosa
1.8.3.8. La libert di pensiero e di comunicazione.
Lart. 21 1 co. Cost. afferma che Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio
pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La l i b e r t d i m a n i f e s t a r e i l p r o p r i o p e n s i e r o costituisce una
pietra angolare di ogni sistema democratico, in quanto garantire ad ognuno di esprimere le
proprie opinioni (o il proprio dissenso) e farne propaganda il presupposto imprescindibile di
ogni sistema democratico che si basi sul pluralismo ideologico. In una societ dalle grandi
strutture che gestiscono linformazione, tuttavia, il problema centrale quello di garantire
spazio, libert ed autonomia ai soggetti che fanno informazione273.
1.8.3.9. La libert di stampa.
Lart. 21 della Cost. dal secondo comma in poi afferma che: La stampa non pu essere
soggetta ad autorizzazioni o censure.

272
Come la propaganda (limitata dal divieto di arrecare vilipendio ad altri culti) anche lesercizio del culto trova
un limite, ove svolto in luogo pubblico o comunque al quale sia consentito accesso ad una pluralit di persone:
loffesa a valori di morale, decenza etc. A prescindere, poi, dal luogo di svolgimento dei riti del culto, non mai
consentita la limitazione dei diritti di libert (sono perci vietate la segregazione, la sottoposizione a sofferenze,
anche solo psicologiche, o lo svolgimento di riti macabri e/o sacrificali) per motivi religiosi.
273
La libert di pensiero riconosciuta senza ulteriori limiti che non siano quelli necessari al rispetto del buon
costume inteso come tutela del pudore sessuale, richiesto anche per la libert di propaganda religiosa ma non per
quella di insegnamento. Vige, inoltre, il limite della riservatezza e della onorabilit della persona che non
consente di violare la privacy ed garantito da norme penali che puniscono i reati di diffamazione, ingiuria,
oltraggio. Anche il sacro dovere della difesa della Patria pu giustificare limitazioni alla libert di pensiero, ad
esempio attraverso lapposizione del segreto militare su notizie riguardanti la difesa nazionale o del segreto di
Stato (L. 801/77) per la salvaguardia della Repubblica. Allo stesso modo tutelato il segreto giudiziario, per
garantire lefficace andamento della giustizia e proteggere la reputazione degli imputati prima della condanna
definitiva.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 122
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Si pu procedere a sequestro soltanto per atto motivato dellautorit giudiziaria nel caso di
delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione
delle norme che la legge stessa prescriva per lindicazione dei responsabili.
In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento
dellautorit giudiziaria, il sequestro della stampa periodica pu essere eseguito da ufficiali di
polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare
denuncia allautorit giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive,
il sequestro si intende revocato e privo dogni effetto.
La legge pu stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di
finanziamento della stampa periodica.
Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni
contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a
reprimere le violazioni.
Dunque art. 21 delle Costituzione, dal secondo comma in poi, in tema di l i b e r t d i
s t a m p a pone i seguenti principi in materia: I) esclusione di ogni autorizzazione preventiva;
esclusione di censure (che sono successive); III) limitazione del sequestro ai soli casi di reato
e sua necessaria convalida da parte dellautorit giudiziaria entro 24 ore; IV) possibilit di
controllo sui mezzi di finanziamenti della stampa; V) facolt del legislatore di adottare
controlli preventivi e mezzi repressivi contro la stampa che offenda il buon costume.
1.8.3.10. Impossibilit di limitare la capacit giuridica e di imporre prestazioni se in forza di
legge.
Lart. 22 della Cost. afferma che Nessuno pu essere privato, per motivi politici, della
capacit giuridica274, della cittadinanza, del nome.
La norma ha il preciso compito di impedire che nellordinamento repubblicano si ripetano
le odiose esperienze del regime fascista che, al fine di disfarsi dei suoi oppositori, ne calpest
anche i diritti pi elementari. La legislazione fascista, infatti, priv della cittadinanza gli
appartenenti alla comunit ebraica e i fuoriusciti che svolgevano attivit anti-fasciste. Essa,
inoltre, impose litalianizzazione dei cognomi originari a chi apparteneva alle minoranze
linguistiche.
Il Costituente ha voluto espressamente impedire che atteggiamenti o comportamenti in
contrasto con gli interessi di una collettivit retta da istituzioni democratiche possano
comunque giustificare la privazione dei fondamentali diritti di appartenenza alla comunit
politica stessa.
Lart. 23 afferma poi che: Nessuna prestazione personale o patrimoniale pu essere
imposta se non in base alla legge.
La riserva di legge contenuta in questo articolo ha il preciso scopo di evitare che a carico
dei cittadini possa essere arbitrariamente imposto (soprattutto dal potere esecutivo) un obbligo
consistente nel fare (prestazione personale) o nel dare qualcosa (prestazione patrimoniale).

274
C a p a c i t g i u r i d i c a : la idoneit di un soggetto ad essere titolare di diritti, potest, obblighi,
doveri. Si distingue dalla capacit di agire, che la idoneit a manifestare la propria volont producendo effetti
nel mondo giuridico. Costituisce un diritto intangibile delluomo e non pu in nessun modo essere esclusa o
limitata dallo Stato.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 123
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Dal momento che la libert personale o il patrimonio dei cittadini possono essere limitati
soltanto per superiori esigenze di tutta la collettivit, spetta unicamente allorgano che
rappresenta lintera nazione (il Parlamento, attraverso lo strumento legislativo), e non ad altri
(il Governo, attraverso il potere regolamentare), il potere di imporre tali sacrifici.
1.8.3.11. Principi in materia processuale e panale.
Lart. 24 afferma che Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e
interessi legittimi275.
La difesa diritto inviolabile276 in ogni stato e grado del procedimento277.
Sono assicurati ai non abbienti278, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti
ad ogni giurisdizione .
La legge determina le condizioni e i modi per la riparazione degli errori giudiziari.
Lart. 25 afferma che Nessuno pu essere distolto dal giudice naturale precostituito per
legge.
Nessuno pu essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del
fatto commesso.
Nessuno pu essere sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi previsti dalla legge.
Lart. 26 afferma poi che Lestradizione del cittadino pu essere consentita soltanto ove
sia espressamente prevista dalle convenzioni internazionali.
Non pu in alcun caso essere ammessa per reati politici.
Lart. 28 infine afferma che: La responsabilit penale personale.
Limputato non considerato colpevole sino alla condanna definitiva.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanit e devono
tendere alla rieducazione del condannato.
Non ammessa la pena di morte, se non nei casi previsti dalle leggi militari di guerra.

275
I n t e r e s s i l e g i t t i m i : consistono in posizioni di vantaggio nei confronti di una pubblica
amministrazione (verso la quale per, si noti, si pu anche avere un diritto), e sono tutelabili in giudizio solo se
sussista e debba essere tutelato un corrispondente e superiore interesse pubblico.
276
Il d i r i t t o a l l a d i f e s a espressamente definito inviolabile, in quanto rappresenta un istituto
fondamentale dellintero sistema democratico e non pu essere limitato o cancellato neppure dalle norme di
diritto internazionale consuetudinario che trovano accoglienza nel nostro ordinamento, n da leggi di revisione
costituzionale. Esso non indica soltanto la possibilit di avere nel processo lassistenza di un esperto del diritto
esercente la professione legale (difesa tecnica), ma include anche leffettiva partecipazione della parte al
processo, attraverso unadeguata informazione sulle vicende del giudizio, la possibilit di essere ascoltata tutte le
volte in cui il giudice debba prendere una decisione (o almeno in un momento immediatamente successivo,
qualora sussistano, come nei processi cautelari, valide ragioni per assicurare una tutela immediata dei diritti),
nonch il diritto a provare i fatti che vengono dedotti in giudizio.
277
S t a t o e g r a d o d e l p r o c e d i m e n t o : il grado una fase del processo che indica uno dei
possibili giudizi (primo grado, appello, cassazione etc.); lo stato un momento di un grado, o il periodo che
intercorre tra due gradi (es. listruttoria, la pendenza dellimpugnazione etc.). Questampia formula, dunque,
consente la possibilit di intervenire in tutte le parti del giudizio.
278
N o n a b b i e n t e : colui che non dispone dei mezzi per agire e difendersi. La individuazione di tale
soggetto affidata al legislatore ed ha quindi carattere mutevole, a seconda dei momenti storici e delle
valutazioni sociali e politiche prevalenti. La difesa di tali categorie di soggetti rispetta il principio di eguaglianza
sostanziale in quanto rimuove gli ostacoli di ordine economico e sociale che si frappongono alla effettiva parit
tra i destinatari della giustizia.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 124
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Gli articoli da 24 a 27 hanno carattere strumentale rispetto agli artt. 2 e 3 in quanto


contengono i principi costituzionali in materia processuale e penale e hanno il compito di
rendere effettivi ed operanti i diritti di libert ed uguaglianza precedentemente sanciti. Infatti,
solo consentendo il diritto di accesso alla giustizia a tutti (compresi gli stranieri e i non
abbienti), nonch la possibilit di difesa in ogni stato e grado del procedimento si
garantiscono concretamente i diritti inviolabili delluomo e luguaglianza.
1.8.3.12. La responsabilit degli impiegati pubblici.
Lart. 28 della Cost. afferma che I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti
pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli
atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilit civile si estende allo Stato e
agli enti pubblici.
1.8.4. Rapporti etico sociali.
1.8.4.1. La famiglia.
La Carta costituzionale garantisce ampiamente le formazioni sociali nel cui ambito la
personalit delluomo pu trovare piena esplicazione. Tali formazioni sociali costituiscono un
importante raccordo tra lo Stato ed il singolo cittadino e rappresentano una presenza
imprescindibile per un ordinamento autenticamente democratico. La principale e basilare
formazione sociale intermedia senza dubbio la famiglia, della quale trattano gli artt. 29-31
Cost.
Lart. 29 della Cost. afferma che: La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come
societ naturale fondata sul matrimonio.
Il matrimonio ordinato sulleguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti
stabiliti dalla legge a garanzia dellunit familiare.
Lart. 30 della Cost. afferma che: dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed
educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.
Nei casi di incapacit dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.
La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale,
compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima.
La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternit.
Lart. 31 della Cost. afferma che: La Repubblica agevola con misure economiche e altre
provvidenze la formazione della famiglia e ladempimento dei compiti relativi, con
particolare riguardo alle famiglie numerose.
Protegge la maternit, linfanzia e la giovent, favorendo gli istituti necessari a tale scopo.
1.8.4.2. Il diritto alla salute.
Lart. 32 della Cost. afferma che: La Repubblica tutela la salute279 come fondamentale
diritto dellindividuo e interesse della collettivit, e garantisce cure gratuite280 agli indigenti281.

279
Il diritto alla salute, in unaccezione pi ampia, va anche considerato come t u t e l a a l l a s a l u b r i t
d e l l a m b i e n t e , in quanto per prevenire linsorgenza di patologie del singolo, occorre limitare o
eliminare le cause generali dellinquinamento dellarea, dellacqua etc.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 125
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

Nessuno pu essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per


disposizione di legge282. La legge non pu in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto
della persona umana283.
Il d i r i t t o a l l a s a l u t e presenta una molteplicit di valenze. Nel suo contenuto
tradizionale, si identifica nel d i r i t t o a l r i s p e t t o d e l l i n t e g r i t f i s i c a
fatto valere nei confronti di tutti284.
1.8.4.3. Listruzione scolastica.
Ai sensi dellart. 9 della Cost., la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la
ricerca scientifica e tecnica; tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della
nazione.
Tale articolo trova la sua applicazione, per quel riguarda lo sviluppo della cultura, negli
artt. 33 e 34 cost., che disciplinano la materia delli s t r u z i o n e s c o l a s t i c a secondo
seguenti principi:
il principio della l i b e r t d i i n s e g n a m e n t o (art. 33 1 co.: Larte e la
scienza sono libere e libero ne linsegnamento285);
il principio della p r e s e n z a d i s c u o l e s t a t a l i per tutti i tipi, ordini e
gradi dellistruzione (art. 33 2 co.: La Repubblica detta le norme generali
sullistruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi)

280
Il riconoscimento del diritto affida allo Stato lobbligo di apprestare le strutture ed i presidii per il suo
soddisfacimento. Ci significa che tutti hanno diritto ad essere curati, anche se non tutti hanno diritto a cure
gratuite, riservate esclusivamente agli indigenti.
281
I n d i g e n t i : sono tutti coloro che non sono in grado di far fronte economicamente alle cure indispensabili
per la loro salute. Il termine non va, dunque, inteso necessariamente come sinonimo di poveri.
282
Gli accertamenti e i trattamenti sanitari sono di regola volontari (cos come libera la scelta del medico o del
luogo di cura). Lobbligo di assoggettarsi ad un trattamento sanitario pu essere disposto solo con legge, ed
escluso che tale potere impositivo possa essere esercitato dalle autorit amministrative (la norma prevede, infatti,
una riserva di legge). In particolare sono ammessi trattamenti sanitari obbligatori o addirittura coattivi (imposti
con la forza fisica), ma solo se necessari per la tutela della salute della collettivit e della incolumit delle altre
persone. Non mai consentito imporre un trattamento sanitario per tutelare la sola salute individuale del
soggetto, senza alcun vantaggio per linteresse collettivo. Larticolo si riferisce ad ogni intervento diagnostico o
terapeutico, di prevenzione o cura: vanno, quindi, comprese tanto le prescrizioni di vaccinazioni obbligatorie per
prevenire malattie infettive e diffusive, quanto i provvedimenti di cura e di isolamento nei confronti di soggetti
affetti da malattie contagiose.
283
In altri termini qualsiasi intervento, anche a tutela di un interesse fondamentale e collettivo, non pu
degenerare in violenza fisica sulle persone sottoposte a trattamento sanitario n comunque ledere i diritti
fondamentali dellindividuo.
284
Nella c o n c e z i o n e s o l i d a r i s t i c a della Costituzione, si pone come diritto allassistenza
sanitaria, che, per, pu esser fatto valere solo nei confronti dello Stato. Sotto questo profilo, significativa stata
la riforma sanitaria (L. 28-12-1978, n. 833) che, istituendo il servizio sanitario nazionale, ha esteso lobbligo
dello Stato di assicurare le prestazioni sanitarie e farmaceutiche non solo agli indigenti, ma anche a tutta la
popolazione (gratuitamente o semigratuitamente attraverso il pagamento dei cd. tickets). Si cos passati da un
sistema di p r e v i d e n z a s o c i a l e (nel quale i cittadini ricevono assistenza solo dopo il versamento di
contributi agli enti mutualistici di appartenenza), ad uno di sicurezza sociale garantito dal Servizio Sanitario
Nazionale.
285
La libert dinsegnamento si collega alla libert di manifestare il proprio pensiero con qualunque mezzo di
diffusione, alla libert di professare qualunque tesi o teoria si ritenga degna di accettazione, alla libert di
svolgere il proprio insegnamento secondo il metodo che appaia pi opportuno adottare. riconosciuto al docente
la libert di esercitare le sue funzioni didattiche, senza vincoli di ordine politico, religioso o ideologico. Tale
diritto trova solo un limite interno nel fatto che lattivit didattica deve esercitarsi in ogni caso nel rispetto
della libert di opinione del discente.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 126
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

il principio della l i b e r a i s t i t u z i o n e d i s c u o l e d a p a r t e d i
e n t i p r i v a t i (art. 33 3 co.: Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole
ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato286);
il principio della possibilit di p a r i f i c a z i o n e d e l l e s c u o l e s t a t a l i
a q u e l l e p r i v a t e , quanto agli effetti legali e al riconoscimento
professionale del titolo di studio (art. 33 4 co.: La legge, nel fissare i diritti e gli
obblighi delle scuole non statali che chiedono la parit, deve assicurare ad esse
piena libert e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli
alunni di scuole statali);
il principio dell a m m i s s i o n e p e r e s a m e ai vari gradi dellistruzione
scolastica e dellabilitazione professionale per esami (art. 33 5 co.: prescritto un
esame di Stato per lammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione
di essi e per labilitazione allesercizio professionale);
il p r i n c i p i o d i a u t o n o m i a , sancito dallart. 33 6 co., secondo il quale
Le istituzioni di alta cultura, universit ed accademie, hanno il diritto di darsi
ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato;
il principio del l i b e r o a c c e s s o a l l i s t r u z i o n e s c o l a s t i c a ,
senza alcuna discriminazione (art. 34 1 co.: La scuola aperta a tutti287);
il principio della o b b l i g a t o r i e t e g r a t u i t d e l l i s t r u z i o n e
d e l l o b b l i g o (art. 34 2 co.: Listruzione inferiore, impartita per almeno
otto anni, obbligatoria e gratuita);
il r i c o n o s c i m e n t o a l d i r i t t o a l l o s t u d i o a n c h e a
c o l o r o c h e s o n o p r i v i d i m e z z i , purch capaci e meritevoli (art.
34 3 co.: I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di
raggiungere i gradi pi alti degli studi288). Lart. 33 4 co. da canto suo afferma che

286
Allo Stato compete, in via generale, la predisposizione dei mezzi di istruzione, attraverso lemanazione delle
norme generali in materia. Tuttavia listruzione non riservata, quanto alla sua gestione, soltanto allo Stato, dal
momento che la Costituzione garantisce il pluralismo anche nel sistema educativo (c.d. libert
nellinsegnamento) per cui lesistenza di due tipi di scuole, statali e non statali, convergenti e non concorrenti,
una garanzia di buon funzionamento per entrambi. Va tuttavia segnalato che la libera gestione dellistruzione
non deve comportare impegni di spesa da parte dello Stato. La scuola privata deve, infatti, costituirsi e gestirsi
senza oneri per lo Stato: ci non esclude che lo Stato possa intervenire finanziando scuole o istituti in difficolt,
ovvero scuole private in luoghi in cui non esistono scuole statali.
287
Strettamente collegata alla libert dinsegnamento la libert distruzione, nel senso che al dovere statale di
istituire, su tutto il territorio nazionale, scuole di ogni ordine e grado, fa fronte un d i r i t t o
a l l i s t r u z i o n e dei cittadini da intendersi come diritto di accedere liberamente al sistema scolastico.
Listruzione, oltre ad essere un diritto, peraltro anche un dovere.
288
Nelle intenzioni del Costituente il diritto allistruzione si impone non solo come potere-dovere di ogni
cittadino di frequentare gradi dellistruzione inferiore obbligatoria e gratuita per almeno otto anni (5 anni di
scuola elementare e 3 anni di scuola media), ma anche come diritto di accedere ai gradi pi alti degli studi, anche
se privo di mezzi, ma capace e meritevole. Tale ultima aspettativa si definisce come d i r i t t o a l l o
s t u d i o e si colloca tra i diritti sociali, ovvero quei diritti che promuovono lintervento dello Stato diretto a
soddisfare le esigenze essenziali dei singoli.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 127
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle
famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso289.
1.8.5. Rapporti economici.
1.8.5.1. La tutela costituzionale del lavoro.
Lart. 35 afferma che: La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed
applicazioni.
Cura la formazione e lelevazione professionale dei lavoratori.
Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e
regolare i diritti del lavoro.
Riconosce la libert di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nellinteresse
generale, e tutela il lavoro italiano allestero
Lart. 36 afferma che: Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla
quantit e qualit del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a s e alla famiglia
unesistenza libera e dignitosa.
La durata massima della giornata lavorativa stabilita dalla legge.
Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non pu
rinunziarvi.
Lart. 37 afferma che: La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parit di lavoro, le
stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire
ladempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino
una speciale adeguata protezione.
La legge stabilisce il limite minimo di et per il lavoro salariato.
La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parit di
lavoro, il diritto alla parit di retribuzione.
Lart. 38 afferma che: Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari
per vivere ha diritto al mantenimento e allassistenza sociale.
I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro
esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidit e vecchiaia, disoccupazione
involontaria.
Gli inabili ed i minorati hanno diritto alleducazione e allavviamento professionale.
Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati
dallo Stato.
Lassistenza privata libera
Lart. 35 e lart. 37 della Costituzione, con lo stabilire il principio della t u t e l a d e l
l a v o r o in tutte le su forme ed applicazioni, e con lestendere al lavoro femminile tutti i

289
Leliminazione delle diseguaglianze economiche che impediscono di fatto laccesso ai pi alti gradi
dellistruzione, compito della Repubblica, che deve attivarsi per garantire effettivamente il diritto allo studio
con una serie di provvidenze, elargizioni ed aiuti finanziari alle famiglie degli studenti bisognosi. Poich lo Stato
non pu garantire provvidenze per tutti gli studenti, sono stati stabiliti dei criteri oggettivi (reddito, numero dei
componenti la famiglia, meriti dello studente etc.) per formare una graduatoria.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 128
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

principi dettati dalla legge in materia di lavoro, hanno voluto non solo ribadire il principio gi
affermato nellart. 1, ma soprattutto attuare la parit di diritto fra uomo e donna.
Anche lart. 38 della Costituzione, affermando i principi di previdenza e assistenza sociale
come diritti del lavoratore, ha inteso garantire nellambito del lavoro subordinato, il rispetto
delle persone umane, ponendo al sicuro il prestatore stesso da quei rischi che possono incidere
sulla capacit lavorativa e sui i bisogni del suo nucleo familiare.
Lart. 46 da parte sua afferma che Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro
e in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori
a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende.
1.8.5.2. La liberta sindacale e il diritto di sciopero.
Lart. 39 della Cost. afferma che Lorganizzazione sindacale libera.
Ai sindacati non pu essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici
locali o centrali, secondo le norme di legge.
condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento
interno a base democratica.
I sindacati registrati hanno personalit giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in
proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria
per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.
Il principale strumento di lotta sindacale volto allottenimento delle rivendicazioni dei
lavoratori costituito dallo s c i o p e r o . Lo sciopero si concreta nellastensione concertata
dal lavoro per la tutela di un interesse professionale collettiva e rappresenta una forma di
autotutela, riconosciuta e garantita dalla Costituzione., .
Tale riconoscimento del diritto di sciopero non implica, per, che il suo esercizio sia
illimitata. Infatti la stessa Costituzione stabilisce che lo sciopera si esercita nellambita delle
leggi che lo regalano (art. 40 Cost.).
La Costituzione, dunque, ha previsto una regolamentazione legislativa del diritto di
sciopero, allo scopo di evitare che un suo esercizio indiscriminata e incontrollato danneggi
lintera collettivit.
1.8.5.3. La libert di iniziativa economica e privata.
Lart. 41 della costituzione afferma che: Liniziativa economica privata290 libera291.
Non pu svolgersi in contrasto con lutilit sociale292 o in modo da recare danno alla
sicurezza, alla libert, alla dignit umana293.

290
I n i z i a t i v a e c o n o m i c a p r i v a t a : ogni attivit imprenditoriale diretta alla produzione o allo
scambio di beni e servizi (ad esempio, attivit produttive nel settore industriale, manifatturiero, assicurativo etc.)
che miri al perseguimento di qualsiasi vantaggio economico.
291
La norma sembra distinguere due diversi momenti: il momento della scelta del tipo di attivit economica da
svolgere, e il momento del concreto svolgimento dellattivit economica. Liniziativa sarebbe, quindi, libera,
mentre lattivit economica subirebbe penetranti limitazioni sia in negativo che in positivo per il raggiungimento
dei fini sociali.
292
U t i l i t s o c i a l e : finalit cui va indirizzata ogni iniziativa economica per il raggiungimento della
maggior quantit di benessere per il maggior numero di individui. Per la Costituzione, quindi, il progresso
economico non un fine ma semplicemente uno strumento per la realizzazione dei valori fondamentali della
persona.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 129
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

La legge determina i programmi294 e i controlli opportuni perch lattivit economica


pubblica295 e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.
Questo articolo viene da molti considerato come la disposizione pi infelice e
contraddittoria della Costituzione. Esso infatti tenta un impossibile compromesso tra il pieno
riconoscimento della libera iniziativa economica privata e i limiti, programmi e controlli
statali: le contraddizioni letterali fra le parti dellarticolo non fanno altro che riprodurre le
profonde differenze ideologiche presenti tra i componenti dellAssemblea Costituente che
hanno redatto la disposizione.
Ne deriva una opzione per un ibrido sistema ad economia mista, nel quale lo Stato, pur
garantendo la piena libert diniziativa agli imprenditori privati, e riconoscendo alla stessa un
ruolo fondamentale nel sistema capitalistico di produzione, non rinuncia ad affiancarsi ai
privati nella veste di imprenditore, nonch a controllare ed, eventualmente, a limitare tale
attivit.
1.8.5.4. La propriet.
Lart. 42 della Costituzione afferma che: La propriet pubblica o privata. I beni
economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati.
La propriet privata riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di
acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla
accessibile a tutti.
La propriet privata pu essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo,
espropriata per motivi di interesse generale.
La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti
dello Stato sulle eredit.
Lart. 43 della Cost. afferma poi che A fini di utilit generale la legge pu riservare
originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti
pubblici o a comunit di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che

293
La norma si riallaccia ad altri valori costituzionalmente riconosciuti: lattivit economica non pu, ad
esempio, svolgersi in modo da violare le libert civili, minare la sicurezza economica dei lavoratori o la salute
della collettivit, intaccare la dignit del lavoratore o dei fruitori della stessa attivit economica (ad esempio, i
consumatori).
294
P r o g r a m m i : strumenti attraverso i quali si realizza la funzione di indirizzo politico-economico-
finanziario. Questultima costituisce una specificazione dellindirizzo politico generale del Governo e consiste
nella determinazione delle linee fondamentali dellintervento statale in campo economico. Lintervento in questo
settore definito governo delleconomia e trae il suo fondamento costituzionale in quegli articoli che
riservano al legislatore la programmazione e il controllo delleconomia, nonch la gestione di imprese di
pubblico interesse. Lo svolgimento di tali funzioni prevede i seguenti interventi: la programmazione (esperienza,
questultima, di breve durata, nella nostra storia repubblicana), le partecipazioni statali, la manovra monetaria e
creditizia, nonch altre operazioni finanziarie (incentivi alle imprese, sgravi fiscali, contingentamenti etc.) in
stretto collegamento con gli organi della Comunit Europea.
295
Lo Stato non si limita ad esercitare un potere di indirizzo e di controllo sullattivit economica, ma spesso
opera direttamente attraverso la costituzione di imprese pubbliche o mediante il controllo di imprese private (c.d.
aziende a partecipazione statale). In questo caso si presenta come proprietario e gestore di aziende, che operano
sul mercato con le stesse modalit degli imprenditori privati, offrendo beni e servizi a coloro che sono disposti ad
acquistarli. Il fenomeno dello Stato imprenditore ha assunto dimensioni rilevanti soprattutto nel secondo
dopoguerra, tanto che fu costituito un apposito Ministero delle partecipazioni statali. Nei primi anni 90, si
invece avuta una netta inversione di tendenza, con lavvio di un vasto programma di privatizzazioni, che prevede
la progressiva vendita ai privati delle societ prima controllate e gestite dallo Stato.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 130
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed


abbiano carattere di preminente interesse generale.
Lart. 44 afferma inoltre che Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di
stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla propriet terriera privata,
fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la
bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unit produttive;
aiuta la piccola e la media propriet.
La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane
1.8.5.5. La tutela dellartigianato.
Lart. 45 afferma che La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a
carattere di mutualit e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce
lincremento con i mezzi pi idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le
finalit.
La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dellartigianato.
1.8.5.6. La tutela del risparmio.
Lart. 47 afferma che La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme;
disciplina, coordina e controlla lesercizio del credito.
Favorisce laccesso del risparmio popolare alla propriet dellabitazione, alla propriet
diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi
produttivi del Paese.
1.8.6. Rapporti politici.
1.8.6.1. Il diritto al voto.
Vedi par. 1.3.9.3.
1.8.6.2. I partiti politici.
Vedi par. 1.3.9.2.
1.8.6.3. La possibilit di accedere ai pubblici uffici.
Lart. 51: Tutti i cittadini delluno o dellaltro sesso possono accedere agli uffici pubblici
e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge.
La legge pu, per lammissione ai pubblici uffici e alle cariche elettive, parificare ai
cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.
Chi chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di disporre del tempo necessario al
loro adempimento e di conservare il suo posto di lavoro.
1.8.6.4. La difesa della patria
Lart. 52 afferma che: La difesa della Patria sacro dovere del cittadino.
Il servizio militare obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo adempimento
non pregiudica la posizione di lavoro del cittadino, n lesercizio dei diritti politici.
Lordinamento delle Forze armate si informa allo spirito democratico della Repubblica

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 131
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

1.8.6.5. La capacit contributiva.


Lart. 53 afferma che Tutti296 sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche297 in ragione
della loro capacit contributiva298.
Il sistema tributario299 informato a criteri di progressivit300.
Dunque affinch il costo delle spese pubbliche gravi equamente su tutti i cittadini,
necessario che il sistema tributario sia improntato al principio della progressivit: ci implica
che la percentuale da versare al fisco (a l i q u o t a d i m p o s t a ) sia pi bassa per coloro
che guadagnano meno e pi elevata allaumentare del reddito tassabile (cd. b a s e
i m p o n i b i l e )301.
1.8.6.6. Il dovere di fedelt alla Repubblica.
Lart. 54 della Cost. afferma che: Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla
Repubblica302 e di osservarne la Costituzione e le leggi303.

296
La disposizione si riferisce anche agli apolidi e agli stranieri che risiedono in Italia e siano proprietari di beni
o svolgano attivit lavorativa: restano esclusi i cittadini italiani che risiedono allestero e non producono alcun
reddito in Italia. Il principio non esclude che possano essere previste esenzioni o agevolazioni per particolari
soggetti (percettori di redditi minimi, imprese operanti in zone depresse, etc.).
297
S p e s e p u b b l i c h e : spese finalizzate al soddisfacimento delle necessit della comunit sociale, cui lo
Stato deve provvedere. Le spese pubbliche sono erogate dallamministrazione finanziaria dello Stato (erario)
attraverso una procedura che si articola nelle fasi dellimpegno (previsione della spesa nella legge di bilancio),
della liquidazione (determinazione del concreto ammontare della somma), dellordinazione (ordine impartito alla
Tesoreria di procedere al pagamento della somma) e del pagamento (che compete alla Tesoreria o ad altri enti
quali, ad esempio, gli uffici postali).
298
C a p a c i t c o n t r i b u t i v a : idoneit del soggetto passivo a subire lonere economico del tributo:
costituisce, pertanto, la misura della partecipazione di ciascuno (cittadino e straniero) alle spese pubbliche. La
capacit contributiva presuppone necessariamente che il contribuente abbia una fonte di reddito (lavoro
autonomo, subordinato, rendite, etc.). Essa costituisce un limite di carattere costituzionale per il legislatore, che
non pu andare oltre le possibilit effettive del contribuente.
299
S i s t e m a t r i b u t a r i o : linsieme delle norme che disciplinano lattivit di imposizione fiscale e
regolano la contribuzione da parte dei soggetti dimposta. Tale sistema, nonostante i ripetuti interventi
semplificativi, ancora penalizzato dalla frammentariet della legislazione, dalleccessivo numero di tributi e
dallalto tasso di evasione fiscale.
300
C r i t e r i o d i p r o g r e s s i v i t : principio in virt del quale la parte di reddito che il cittadino deve
versare al fisco cresce con laumento della capacit contributiva. Tale criterio risponde ad una ragione politico-
sociale legata ai principi di eguaglianza e solidariet: il sistema tributario viene organizzato in modo da far
gravare maggiormente il carico fiscale sulle quote di reddito pi elevate. Ci non esclude che alcuni tributi siano
determinati in modo fisso o proporzionale, in quanto la progressivit deve informare lintero sistema e non il
singolo tributo.
301
Il principio della progressivit applicabile solo alle imposte dirette (che colpiscono le manifestazioni
immediate della capacit contributiva, come il reddito o il patrimonio:, mentre difficilmente applicabile alle
imposte indirette (che colpiscono, invece, la manifestazione mediata della capacit di reddito, come i consumi,
gli scambi e i trasferimenti di ricchezza): chiunque compra unauto paga, infatti, il 20% di IVA, a prescindere dal
reddito personale; daltra parte sarebbe impossibile stabilire prezzi diversi dei beni di consumo a seconda del
reddito del compratore. Unico correttivo, a favore delle classi meno abbienti, di fissare per le imposte indirette
aliquote pi basse per i beni di prima necessit o destinati a fasce di consumatori meno abbienti (es.: lIVA sui
motorini inferiore rispetto alle moto di alta cilindrata).
302
F e d e l t a l l a R e p u b b l i c a : con limposizione di tale dovere lAssemblea Costituente intese
formalmente sancire lobbligo di fedelt alla forma istituzionale repubblicana che lo Stato aveva assunto a
seguito del referendum del 2-6-1946, di cui andava garantito il rispetto anche da parte dei fautori del regime
monarchico, allepoca ancora molto numerosi. Il dovere di fedelt, nel suo significato attuale, si traduce
soprattutto nel rispetto di quella parte della Costituzione, sottratta alla possibilit di revisione, in cui sono
enunciati i valori fondamentali dellordinamento democratico. Esso grava su tutti i cittadini i quali, ancorch
dissenzienti rispetto a tali valori, devono adeguarvisi nei loro comportamenti materiali.
303
Il dovere di fedelt ai principi e ai valori fondanti della Repubblica non comporta che in suo nome possano
essere posti limiti allesercizio dei diritti di libert del cittadino, soprattutto della libert di manifestazione del

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 132
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Educazione civica

I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina
ed onore304, prestando giuramento305 nei casi stabiliti dalla legge306.

proprio pensiero: nella nostra Costituzione, infatti, non riprodotta una norma analoga a quella della legge
fondamentale tedesca (art. 18), secondo la quale chi abusa della libert di espressione del pensiero, in particolare
della libert di stampa, di associazione, di insegnamento e di riunione, per combattere la libert e la democrazia,
perde questi diritti. La democrazia italiana tollera anche il dissenso ideologico pi radicale, purch non si
concretizzi in comportamenti materiali destinati a colpire le istituzioni democratiche. Ecco perch la dottrina
prevalente ritiene che il presidio penalistico del dovere di fedelt sia lart. 283 c.p., che punisce chiunque
commetta un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del governo con mezzi non consentiti
dallordinamento costituzionale dello Stato.
304
Il secondo comma imporrebbe, secondo taluni, un dovere di fedelt qualificato per coloro che esercitano
pubbliche funzioni. Lopinione prevalente , per, nel senso che il dovere di fedelt grava allo stesso modo su
tutti i cittadini; pertanto il secondo comma disciplinerebbe un distinto dovere che attiene alle modalit di
svolgimento (con disciplina ed onore) della funzione pubblica e dal quale scaturiscono obblighi specifici,
come il divieto di iscriversi ai partiti politici o limitazioni a diritti costituzionalmente riconosciuti, come
lopposizione dei segreti militari o di Stato.
305
G i u r a m e n t o : il termine indica la promessa di assumere determinati comportamenti futuri (ad esempio,
esercitare le funzioni di Presidente del Consiglio nellinteresse esclusivo della nazione). La Costituzione
espressamente prevede il giuramento del Capo dello Stato, quello del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei
singoli Ministri, quello dei giudici della Corte Costituzionale.
306
Storicamente, la previsione dellobbligo di prestare giuramento nei casi previsti dalla Costituzione o dalla
legge ordinaria, si giustifica con lintento di legare al regime repubblicano e alla sua Costituzione anche i
membri dellapparato statale fautori della monarchia. La previsione fu oggetto di vivaci polemiche che portarono
ad escludere da tale obbligo alcune categorie, come quella dei professori universitari.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 133
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Capitolo 2
Grammatica -Morfologia

2.1. Parti variabili del discorso.


2.1.1. Sostantivo.
Il s o s t a n t i v o la parte variabile del discorso che indica una persona, un luogo, una cosa
o, pi in generale, qualsiasi entit animata, inanimata o pensata.
I sostantivi sono anche detti nom i , anche se il primo termine viene preferito in ambito
linguistico per il suo significato maggiormente pregnante: significa infatti provvisto di una
propria sostanza, di una realt di cui possiamo parlare, sia essa tangibile, sotto i nostri occhi
(tavolo), sia che esista solo nella nostra mente (virt).
I nomi, insieme ai verbi sono gli elementi primari di una lingua e costituiscono il pilastro
su cui la frase si costruisce.
2.1.1.1. Che cos il nome e quali funzioni svolge.
Il nome (dal latino nomen = denominazione) o sostantivo (dal latino substantivum =
substantia = sostanza, ci che esiste) quella parte variabile del discorso che serve a
indicare persone, animali, cose, idee, concetti, stati danimo, azioni e fatti.
In una parola tutto ci che esiste nella realt o che possiamo immaginare.
I nomi svolgono due funzioni estremamente importanti:
permettono di indicare tutti gli aspetti della realt;
sono, insieme ai verbi, i pilastri su cui la frase viene costruita.
2.1.1.2. Analisi linguistica.
Analizzati in base alle loro caratteristiche semantiche, morfologiche e in base alla
formazione di nuove parole (neologismi).
2.1.1.2.1. Nomi
comuni e nomi propri
I n o m i c o m u n i indicano persone, animali, cose, luoghi, in modo generico come
appartenenti a una classe; il nome libro pu indicare uno qualsiasi dei possibili libri esistenti,
se non viene a esso aggiunto qualche maggiore elemento di identificazione:
il mio libro
il libro di matematica che ho lasciato sul tavolo
I nomi propri, invece, sono nomi o cognomi di persone, appellativi geografici, storici,
letterari, culturali e sociali; indicano non ci che generico ma ci che individuale, non la
classe ma lelemento singolo, e questa singolarit viene evidenziata tramite luso della lettera
maiuscola:
Parigi
Puglia

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 134
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.1.1.2.2. Nomi concreti e nomi astratti


I n o m i c o n c r e t i sono quei nomi che si utilizzano per indicare elementi tangibili come :
ragazza, sedia, profumo,superficie, casa, albero, ospedale...
I n o m i a s t r a t t i sono quei nomi che esprimono elementi intangibili come:
bont, bellezza, male, paura, fragore, fede, giustizia...
2.1.1.2.3. Nomi individuali e nomi collettivi
Il n o m e i n d i v i d u a l e designa unentit singola che pu essere una persona, un animale,
una cosa o un concetto, indicandola con il nome proprio o con il nome comune della classe a
cui questo appartiene.
Questa categoria comprende la maggior parte dei nomi:
Luisa, donna, lupo, tazza, virt...
Per indicare una pluralit di individui, questi nomi devono essere usati al plurale.
Il n o m e c o l l e t t i v o , invece, pur essendo al singolare designa gruppi o insiemi di persone
(folla), cose (fogliame) o animali (mandria).
Quando il nome collettivo in funzione di soggetto, il verbo di solito va al singolare; si
potrebbe considerare corretto luso del plurale nel solo caso in cui il nome collettivo sia
seguito da un complemento di specificazione:
Uno stormo di uccelli volava/volavano nel cielo.
2.1.1.2.4. Nomi numerabili e nomi non numerabili
Si dicono n u m e r a b i l i le cose che si possono contare:
un libro, dieci libri...
Si dicono n o n n u m e r a b i l i i nomi che indicano quantit indistinte di una certa sostanza
(acqua, miele...); questa quantit indistinta infatti non pu essere contata: in genere non
possiamo dire unacqua, due acque, ecc.
I nomi non numerabili richiedono, per indicare una quantit, larticolo partitivo o una
locuzione:
Maria ha chiesto del sale
Maria ha chiesto un po di sale
Spesso, sono presenti entrambe le accezioni in uno stesso nome:
Prendo del caff (non numerabile)
Prendo due caff (numerabile)
2.1.1.3. Nomi difettivi
Si dicono n o m i d i f e t t i v i quei sostantivi usati solo al singolare o solo al plurale.
Ad esempio, hanno solo la forma singolare:
nomi di mesi o festivit: aprile, maggio, Pasqua
nomi di malattie: la varicella, lAlzheimer, la peste
elementi chimici o metalli: lidrogeno, luranio, il rame
nomi di alimenti: lorzo, il latte, il grano
nomi astratti: la pazienza, la costanza, il coraggio
nomi collettivi: il fogliame, la prole
nomi di elementi unici: il sud, loccidente, lequatore

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 135
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

nomi di sensazioni fisiche: la sete, la fame, il sonno


Esempi di nomi difettivi solo plurali sono: le congratulazioni, le nozze, le ferie.
2.1.1.4. Nomi sovrabbondanti
I n o m i s o v r a b b o n d a n t i sono quelli che presentano:
due singolari e un plurale (per es.
singolari arma / arme, plurale armi; singolari nocchiero / nocchiere plurale
nocchieri; singolari scudiero / scudiere, plurale scudieri)
un singolare e due plurali (per es.
singolare braccio, plurale bracci / braccia; singolare corno, plurali corni / corna;
singolare filo , plurali fili / fila)
due singolari e due plurali (per es.
singolari orecchio / orecchia, plurali orecchi / orecchie)
La seconda categoria molto importante perch le due forme del plurale hanno spesso un
significato diverso: le due forme non sono interscambiabili in tutti i contesti.
In genere una delle due viene utilizzata maggiormente per indicare un oggetto concreto,
laltra viene prediletta per il senso figurato (per es.
i gesti / le gesta).
Quasi tutti i nomi di questo tipo derivano da sostantivi neutri della seconda declinazione
latina.
2.1.1.5. Nomi invariabili
Si dicono i n v a r i a b i l i o i n d e c l i n a b i l i i sostantivi che mantengono la stessa desinenza
sia al singolare sia al plurale (modificano soltanto larticolo che li precede).
Ecco alcuni esempi:
I nomi che terminano con la vocale accentata
Singolare Plurale
Et et
Caff caff
Citt citt
Virt virt

I nomi che terminano con la vocale i


Singolare Plurale
analisi analisi
brindisi brindisi
crisi crisi
ipotesi ipotesi
metropoli metropoli
oasi oasi
sintesi sintesi
tesi tesi

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 136
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Alcuni nomi maschili che terminano con la vocale a


Singolare Plurale
boia boia
cinema cinema
cobra cobra
gorilla gorilla
vaglia vaglia

Alcuni nomi femminili che terminano con la vocale o


Singolare Plurale
auto auto
dinamo dinamo
foto foto
radio radio

Alcuni nomi che terminano con il dittongo ie


Singolare Plurale
serie serie
specie specie

Le parole di origine straniera e i nomi che terminano con consonante


Singolare Plurale
autobus autobus
bar bar
bazar bazar
film film
gas gas
goal goal
sport sport

Alcuni nomi composti da una sola sillaba


Singolare Plurale
gru gru
Re re
Sci sci
2.1.1.6. Nome derivati.
La d e r i v a z i o n e in linguistica il processo per cui una nuova parola si forma a partire da
unaltra parola mediante un meccanismo di formazione che ne cambia il significato; il
meccanismo di derivazione pi comune laggiunta di un affisso.
Una parola ottenuta per derivazione si definisce d e r i v a t a .
2.1.1.7. Nome alterati.
Per a l t e r a z i o n e si intende, in grammatica, la formazione delle parole a partire da altre
che non vengono cambiate nei loro tratti fondamentali; cambia invece il modo in cui il
concetto viene considerato: tavolino, ragazzaccio, donnone.
Si tratta di un caso particolare di suffissazione.
Lalterazione determinata dallatteggiamento di chi parla; essa riguarda le dimensioni di
qualcosa (diminutivo, accrescitivo) oppure il giudizio affettivo che se ne d (vezzeggiativo,
peggiorativo).
Le due categorie sono strettamente correlate tra di loro.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 137
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.1.1.7.1. Diminutivo
ed accrescitivo
Il fenomeno di alterazione pi frequente sicuramente il d i m i n u t i v o .
Questo tipo di alterazione prevede luso di suffissi come -ino, -ello, -etto oppure -uccio:
bicchierino, asinello, isoletta, calduccio.
La scelta tra diversi suffissi di simile o identico significato generalmente arbitraria, per
cui a volte sono dei criteri puramente estetici a determinare quale sar il suffisso (formazioni
come vinino o tappetetto sono assai improbabili a causa delleffetto cacofonico della
ripetizione consonantica).
Del resto, limpossibilit di stabilire delle regole generali confermata dal caso che spesso,
senza logica apparente, possibile combinare tra di loro anche due suffissi (tavolinetto,
cagnolino).
A complicare le cose si aggiungono le difficolt che inesorabilmente si incontreranno nel
voler elencare i suffissi usati in italiano per il diminutivo e per lalterazione in genere.
Stilare una lista esauriente dei suffissi infatti impossibile, dato che non formano un
insieme chiuso come ad esempio le desinenze dei verbi: si tratta dunque pi di morfemi
lessicali che grammaticali.
Opposto al diminutivo la c c r e s c i t i v o , generalmente ottenunto con -one o -acchione
(ragazzone, furbacchione).
Tra questi due suffissi, quello usato generalmente il primo (mentre il secondo denota di
solito un atteggiamento ironico da parte del parlante).
Va ricordato che nei sostantivi femminili, laccrescitivo generalmente accompagnato dal
mutamento di genere (il donnone). Daltronde, laccrescitivo ed il diminutivo interagiscono in
diversi modi con il genere dei sostantivi: tra laltro si pu formare sporadicamente il
femminile usando un diminutivo (gallo-gallina), oppure il maschile usando un accrescitivo
(capra-caprone).
2.1.1.7.2. Vezzeggiativo
e peggiorativo
Le forme del diminutivo hanno spesso valore di v e z z e g g i a t i v o , dunque semplicemente
affettive e legate ad un giudizio positivo (posticino, postuccio).
Luso affettivo del diminutivo e del vezzeggiativo pu essere determinato da fattori
speciali come la dimensione interpersonale nellatto linguistico: ce la facciamo una
birrettina? .
Questa dimensione interpersonale particolarmente evidente nelluso dei diminutivi tipico
del linguaggio rivolto ai bambini: Gigi, sono le nove, andiamo a lettuccio? In italiano, luso
dei vezzeggiativi per i nomi propri d luogo ad una notevole variet di forme (vedi
ipocoristico).
Opposto al vezzeggiativo il p e g g i o r a t i v o , ottenuto in genere con i suffissi -accio ed -
astro (postaccio, giovinastro).
Si noti come il diminutivo coincide per forma con il vezzeggiativo, mentre non c la
stessa corrispondenza tra laccrescitivo ed il peggiorativo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 138
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.1.1.7.3. Lalterazione
nelle parti del discorso
Al contrario della derivazione, lalterazione esclude il cambio di categoria grammaticale di
una parte del discorso: un sostantivo rimane ad esempio un sostantivo (strada; stradina) e non
pu diventare un aggettivo (strada; stradale).
Il fenomeno riguarda principalmente i sostantivi.
Talvolta si hanno aggettivi alterati (questo caff buonino).
Lalterazione dellaggettivo pu avere suffissi speciali.
Alcuni esempi di suffissazione tipicamente aggettivale sono le parole rossiccio,
giallognolo, verduzzo, asprigno, belloccio.
Lalterazione pu inoltre riguardare lavverbio (benone, maluccio, malaccio, tarduccio,
pianino), oppure il verbo (canticchiare, saltellare, scoppiettare, parlottare, bruciacchiare,
leggiucchiare).
Saltella e balletta
comare Coletta! Saltella e balletta!
(Aldo Palazzeschi, Comare Coletta, in Poesie).
Si tratta di fenomeni riscontrabili soprattutto nellitaliano colloquiale o in contesti
particolari.
Spesso gli alterati verbali hanno il valore di aspetto iterativo (ripetizione, mancanza di
continuit).
2.1.1.7.4. Casi
apparenti e casi particolari di alterazione
Alcuni fenomeni di formazione delle parole non sono necessariamente dei casi di
alterazione.
Nel caso della parola paglietta, derivato di paglia, si intende indicare un tipo particolare di
spugna.
Si parla in questo caso di alterazione apparente.
Malgrado sia chiaro che la parola paglietta nata come neologismo a partire da paglia il
diminutivo in apparente, dato che non legato n alla componente affettiva, n alle
dimensioni di un oggetto.
Nel caso della parola melone, lanalogia con mela molto pi trasparente, ma la forma
derivata indica un concetto piuttosto diverso.
Infatti, anche se si pu parlare di accrescitivo, il significato dellalterato si specializza in
una determinata accezione.
Lo stesso riguarda sostantivi comecassetto, cassetta e sigaretta.
In tutti questi casi si parla di alterati lessicalizzati, cio di elementi lessicali a s stanti.
2.1.1.7.5. I
falsi derivati
Esiste infine la possibilit di falsi derivati: per esempio, le parole matto, mattino e mattone
derivano da lingue diverse e non hanno niente a che vedere luna con laltra.
Per questo, i falsi derivati non costituiscono un fenomeno grammaticale, ma semmai di
enigmistica.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 139
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Questa particolarit non resta tuttavia priva di risvolti linguistici: per evitare confusione,
infatti, gli alterati di matto si formeranno, se possibile, scartando i suffissi -ino ed -one ed
usando altri suffissi.
Avremo per es.: Luigi un mattacchione.
2.1.1.8. Nomi composti.
La c o m p o s i z i o n e in linguistica il processo per cui una nuova parola si genera a partire
dallunione di due o pi parole o radici.
Una parola ottenuta per composizione si definisce c o m p o s t a .
I composti possono formarsi a partire da basi diverse, cio da parole provenienti da diverse
categorie grammaticali: tuttavia, non tutte le combinazioni teoricamente possibili sono
realizzate, e non tutte sono produttive (vale a dire che i loro composti sono rari e poco usati);
in generale, comunque, si pu dire che la maggior parte di queste formano nuovi sostantivi,
tranne in alcuni casi.
Esemplifichiamo le diverse categorie (gli esempi sono tratti tutti dallitaliano):
Si creano nuovi sostantivi da:
lunione di due o pi sostantivi (ad esempio crocevia, pescecane, oto-rino-
laringo-iatra);
lunione di due verbi (come saliscendi, giravolta);
lunione di un verbo e di un sostantivo (ad esempio appendiabiti, lavastoviglie);
lunione di un verbo e di un avverbio (buttafuori, cacasotto);
lunione di un sostantivo e di un verbo al participio presente o passato
(nullafacente, terracotta);
lunione di un sostantivo e di un aggettivo (palcoscenico, gentiluomo);
lunione di un aggettivo e di un sostantivo (biancospino) questunione per,
oltre a essere poco produttiva, pu dar luogo anche a un nuovo aggettivo;
lunione di due aggettivi (pianoforte, nerazzurri);
lunione di una preposizione e di un sostantivo (esempio sottopassaggio,
oltretomba).
Si creano nuovi aggettivi da:
lunione di due aggettivi (ad esempio dolceamaro, verdeazzurro);
lunione di un aggettivo e di un sostantivo (come verde bottiglia) tale composto
forma anche nomi (vedi sopra);
lunione di un aggettivo e di un verbo (ad esempio qualsiasi, qualsivoglia).
Si creano nuovi verbi da:
lunione di un sostantivo e di un verbo (ad esempio manomettere, crocefiggere).
Si creano nuovi avverbi da:
lunione di due avverbi (ad esempio malvolentieri, sottosopra)
lunione di un aggettivo e di un nome (ad esempio tuttavia; anche tutti gli avverbi
in -mente in origine erano dei composti di questo tipo).
Si creano nuove congiunzioni da:
lunione di una congiunzione e di un avverbio (ad esempio sebbene, oppure);

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 140
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

lunione di una preposizione e di un nome (ad esempio infatti, peraltro);


lunione di diversi elementi, di cui lultimo sia che (poich, perch,
conciossiacosach).
Una parola composta pu essere anche formata da due parole che non vengono unite in un
unico lemma, ma il cui significato comunque diverso dal semplice accostamento dei due
significati delle parole semplici.
Si parla in tal caso di unit polirematiche; esse possono essere formate da:
coppie di sostantivi di cui il secondo assume valore aggettivale (notizia bomba,
ragazzo modello);
coppie di sostantivi, in origine uniti da preposizione, con caduta della stessa (treno
merci, agenzia viaggi).
2.1.2. Articoli.
Un art i col o una parola che si riferisce ad un sostantivo limitandone e specificandone il
concetto.
Nella grammatica italiana una delle parti variabili del discorso e precede il nome o il
sintagma nominale, concordandosi genere e numero.
Si distinguono generalmente in articoli determinativi, articoli indeterminativi ed articoli
partitivi.
2.1.2.1. Articoli determinativi.
maschile femminile
davanti a: pn, gn, ps, x, y, z s+cons. tutti gli altri casi tutti i casi
(s impura), vocale
singolare lo (l) il la (l)
plurale gli (gl) i (li) le (l)
Unica eccezione: il dio ha plurale gli di a causa del processo di deglutinazione.
La r t i c o l o d e t e r m i n a t i v o si usa:
quando il nome si riferisce a una cosa sola, ben precisa
con gli aggettivi e i pronomi possessivi
con nomi astratti o di significato generale, compresi i colori
con parti del corpo o vestiti
con le date, se non sono precedute dai giorni della settimana
nelle descrizioni fisiche, con il verbo avere
prima del cognome di una famiglia o di un casato
davanti a titoli di rango o professioni seguiti da un nome
davanti a nomi di persone famose (alla latina, come a dire il famoso o proprio
quello)
pu essere usato davanti ai nomi propri femminili, quando sono adoperati in registro
familiare-affettivo, ma non davanti ai nomi propri maschili
Viene invece omesso nei seguenti casi:
con gli aggettivi possessivi di fronte a nomi di parentela singolari
nelle descrizioni e nelle numerazioni
nelle apposizioni

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 141
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

davanti ai nomi di citt, tranne rarissime eccezioni: la Spezia, lAquila, il Cairo, il


Pireo, la Mecca, lAia.
Anche in questo caso larticolo segue le normali regole grammaticali, in particolare
per luso delle minuscole e della formazione di preposizioni articolate
in una serie di espressioni particolari:
nella maggioranza delle locuzioni avverbiali (in fondo, di proposito, a zonzo)
nelle espressioni che hanno valore di avverbi qualificativi (con audacia, con
intelligenza, con serenit)
con i complementi di luogo, in alcuni casi (tornare a casa, abitare in campagna,
recarsi in chiesa)
davanti a nomi che formano con il verbo una sola espressione predicativa (aver(e)
fame, sentire freddo, prendere congedo)
nelle locuzioni in cui un sostantivo integra il significato di un altro (carte da gioco,
sala da pranzo, abito da sera) e nei complementi predicativi (comportarsi da
galantuomo, parlare da esperto, fare da padre)
in alcuni espressioni di valore modale o strumentale (in pigiama, in bicicletta,
senza cappotto)
nelle frasi proverbiali (buon vino fa buon sangue, can che abbaia non morde)
nei titoli dei libri o dei capitoli (Grammatica italiana, Canto quinto) e di insegne
(Entrata, Uscita, Arrivi, Partenze, Merceria, Ristorante, Giornali...)
in alcune espressioni formate da verbo + preposizione + nome (parlare di sport,
giocare a scacchi (o agli scacchi), prendere qualcuno per matto)
per ragioni di brevit, nel linguaggio telegrafico e nella piccola pubblicit dei
giornali (partecipiamo vostra gioia, vendo appartamento zona centrale)
con la preposizione senza, larticolo indeterminativo si pu esprimere o meno
(girare senza (una) meta, offendersi senza (un) motivo apparente)
2.1.2.2. Articoli indeterminativi
Maschile femminile
davanti a: gn, pn, ps, s+cons. tutti gli altri casi tutti i casi
(s impura), x, y, z, i+vocale (i semiconsonante)
singolare Uno un una (un)
plurale -- -- --
In italiano non esiste la r t i c o l o i n d e t e r m i n a t i v o plurale, dato che in espressioni
come gli uni e gli altri ha il ruolo di pronome.
Dove si userebbe larticolo indeterminativo plurale, litaliano utilizza larticolo partitivo o
aggettivi indefiniti come alcuni o qualche (alcuni libri, qualche libro).
Larticolo indeterminativo viene usato:
con i sostantivi non numerabili
davanti a nomi di professioni o che indicano unintera categoria
con i nomi propri di persona o i cognomi che indicano unopera darte
nellespressione un po
Al maschile non si usa mai lapostrofo con larticolo indeterminativo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 142
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

La presenza di un apostrofo pu indicare il genere maschile o femminile: unutente


infatti la forma femminile, mentre un utente indica il maschile
2.1.2.3. Articoli partitivi
In grammatica, lart i col o part i t i vo utilizzato per introdurre una quantit imprecisata:
Ho trovato dei fichi a poco prezzo.
A volte passo delle giornate impossibili.
Vorrei delle mele, degli spinaci e dei pomodori.
Deve il suo nome dal fatto che indica normalmente la parte di un insieme.
usato in lingue romanze come il francese e litaliano.
Larticolo partitivo si forma, analogamente ad una preposizione articolata, con la
preposizione di accompagnata dalle varie forme dellarticolo determinativo, che variano in
questultimo a seconda del genere, del numero e del suono che le segue (per le varie forme,
vedi voce sullarticolo determinativo):
maschile femminile
del pane
della carne
singolare dello zucchero
dellacqua
dellolio
dei fichi
plurale delle arance
degli spaghetti
Si distingue in genere tra uso al singolare (molto meno frequente) e al plurale (pi
comune).
Il partitivo singolare indica una quantit non precisata di un elemento considerato non
numerabile:
Vorrei del vino fruttato
I viaggiatori presero della grappa a poco prezzo ed andarono via
Al plurale, invece, il partitivo indica una quantit indeterminata di un elemento
numerabile:
Ho visto dei bambini.
In questo caso, viene considerato come forma plurale dellarticolo indeterminativo.
Mentre gli articoli determinativi hanno una forma plurale, gli articoli indeterminativi non
ne dispongono, quindi se si devono indicare genericamente degli oggetti al plurale, si usa un
articolo partitivo oppure un aggettivo indefinito, come alcuni o qualche (alcuni libri,
qualche libro).
Alcuni sostantivi possono essere considerati tanto come numerabili (prendo dei caff)
quanto come non numerabili (prendo del caff).
Luso del partitivo stato preso di mira dai puristi fin dallOttocento.
Tuttora abbastanza diffusa la convinzione che si tratti di un prestito linguistico dalla
lingua francese, anche se stato dimostrato che il partitivo attestabile fin dal Medioevo nella
letteratura italiana di maggior prestigio.
Vero invece che se in francese il partitivo spesso insostituibile, in italiano pu essere
invece omesso.
Per esempio viene spesso sconsigliato laccostamento tra una preposizione e larticolo
partitivo (che non sempre d buoni risultati), oppure il suo uso combinato a parole astratte.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 143
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Anche la ripetizione del partitivo in lunghe enumerazioni pu risultare indesiderata a causa


della ripetizione continua delle sue varie forme.
Daltro canto, lomissione del partitivo non d sempre risultati veramente soddisfacenti
(vedi esempio):
Ho comprato delle albicocche veramente eccezionali.
Nellenunciato proposto come esempio, si desidera accompagnare il nome con un
aggettivo e creare una caratterizzazione (viene infatti caratterizzato un certo tipo di
albicocche).
Laddove non sarebbe opportuno ometterlo, il partitivo pu comunque essere almeno
sostituito da espressioni di volta in volta diverse a seconda del contesto.
2.1.3. Laggettivo
La g g e t t i v o (dal latino adiectivus, composto di ad (gettare) e aicere (presso), ossia ci
che si aggiunge) una parte del discorso.
Serve a modificare semanticamente unaltra parte del discorso (perlopi un sostantivo),
con cui si rapporta sintatticamente e, nella maggior parte dei casi, ha una concordanza
grammaticale.
Nelle lingue flessive, quasi tutti gli aggettivi sono parole variabili: sono cio dotate di
flessione nel genere e nel numero (esempi in lingua italiana: alto, alta, alti, alte) o solo nel
numero (esempi in lingua italiana: grande, grandi) e talvolta anche nel caso (se la lingua ha la
flessione dei casi) del nome corrispondente.
2.1.3.1. Classificazioni
Gli aggettivi vengono tradizionalmente divisi in due classi:
aggettivi qualificativi (forte, grande, bello, rettangolare, parco, goloso, giallo,
vecchio etc);
aggettivi determinativi o indicativi, che specificano il nome su piani diversi da quello
qualitativo e si dividono a loro volta in:
aggettivi possessivi (mia, vostre, suo etc);
aggettivi numerali (cardinali: due, trentatr etc; ordinali: primo, quarantatreesimo
etc);
aggettivi dimostrativi (questo, quello etc);
aggettivi indefiniti (alcuni, tutti, nessuna, pochi etc);
aggettivi interrogativi ed esclamativi (quale?, quanti?, quale gioia!, ma che onore!
etc).
Gli aggettivi qualificativi esprimono una specifica qualit del nome cui corrispondono:
aspetto, colore, forma, grandezza, ma anche qualit morali o intellettuali. I determinativi
rinviano piuttosto a nozioni quali quelle di appartenenza o di quantit (definita o meno) o,
ancora, hanno funzione deittica.
I qualificativi sono una lista aperta, cio indefinitamente dilatabile, secondo il principio
della produttivit delle lingue, mentre i determinativi sono una lista chiusa.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 144
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Linserimento tra gli aggettivi di alcune di queste categorie per molti versi
convenzionale, in quanto numerali, indefiniti e interrogativi hanno diverse caratteristiche
proprie che, in linguistica generale, ne fanno delle categorie distinte dallaggettivo.
Per esempio, in italiano tendono a porsi sempre prima del nome (come i determinanti).
Se preceduto da un articolo determinativo laggettivo diventa sostantivo (definito aggettivo
sostantivato), ad esempio: linconscio.
Laggettivo, in rapporto al nome, pu avere due funzioni:
attributiva quando si unisce direttamente al nome;
predicativa quando, in un predicato nominale, costituisce la parte nominale, congiunta
al soggetto dalla copula.
2.1.3.2. Aggettivo qualificativi
Gli a g g e t t i v i q u a l i f i c a t i v i indicano una qualit del nome.
Grazie ad essi il nome viene descritto con maggior precisione ed accuratezza.
senza aggettivo con aggettivo
La bimba piange spesso. La bimba piccola piange spesso.
Marco un ragazzo. Marco un ragazzo intelligente.
Ho bevuto una spremuta. Ho bevuto una spremuta freschissima.
Come si pu notare, laggiunta degli aggettivi qualificativi modifica il senso delle frasi.
A dire il vero, non sempre gli aggettivi sono necessari; sono, per, sempre importanti,
perch ci permettono di precisare il nostro pensiero, di renderlo pi efficace e di esprimere
sfumature rilevanti.
Di unauto, ad esempio, possiamo dire che bella, ma possiamo anche aggiungere che
metallizzata, scattante, rossa, nuova,comoda, sciccosa, slanciata, ecc.
Non c limite al numero degli aggettivi qualificativi, perch essi possono riguardare
qualsiasi aspetto della realt o della fantasia.
forma triangolare, sferico, rotondo, romboidale, quadrato...
tempo quotidiano, invernale, diurno, notturno, serale, pomeridiano ...
colore rosso, verde, giallognolo, grigiastro, violaceo ...
sensazioni fisiche caldo, dolce, piccante, freddo, ruvido, fragrante ...
stati danimo gioioso, felice, triste, malinconico, euforico, ansioso ...
valutazioni morali nobile, altruista, pettegolo, generoso, disonesto, maleducato ...
dimensioni lungo, largo, stretto, elevato, grande, vasto, piccolo ...
modi di essere stanco, riposato, esausto, indolenzito, rilassato ...
materia marmoreo, ligneo, bronzeo, ferroso, eburneo ...
aspetto solido, cadente, fatiscente, robusto, florido, allampanato ...
Possono funzionare da aggettivi qualificativi anche i participi dei verbi, quando sono legati
ad un nome:
Le fabbriche emettevano scarichi inquinanti.
Fa piacere passeggiare nei prati puliti.
2.1.3.2.1. Primitivi,
derivati, alterati e composti
In riferimento alla loro struttura, gli aggettivi qualificativi si possono distinguere in quattro
gruppi.
2.1.3.2.1.1. Aggettivi primitivi
Gli a g g e t t i v i p r i m i t i v i hanno una forma propria che non deriva da altre parole (utile,
alto, rosso, onesto) e sono formati soltanto dalla radice e dalla desinenza.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 145
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

radice desinenza aggettivo primitivo


util- b -e utile
2.1.3.2.1.2. Aggettivi derivati
Gli a g g e t t i v i d e r i v a t i hanno origine da altri aggettivi, nomi o verbi, con laggiunta di
un prefisso, di un suffisso o di entrambi.
prefisso radice suffisso desinenza deriva da
im- moral - -e un aggettivo
in- capac - -e un aggettivo
lun -ar -e un nome
poet -ic -o un nome
tem -ibil -e un verbo
Ced -evol -e un verbo
in- Cred -ibil -e un verbo
2.1.3.2.1.3. Aggettivi alterati
Gli a g g e t t i v i a l t e r a t i si hanno quando la forma base dellaggettivo viene alterata con i
suffissi -ello, -ino, -etto, -uccio, -astro, -one, -accio, -acchione, ecc; lalterazione pu essere
d i m i n u t i v a , v e z z e g g i a t i v a , a c c r e s c i t i v a , d i s p r e g i a t i v a e serve per esprimere delle
sfumature di qualit:
furbetto e furbino indicano un modo simpatico di essere furbi;
furbone e furbacchione indicano un modo negativo di essere furbi;
furbastro indica una furbizia condannabile.
2.1.3.2.1.4. Aggettivi composti
Gli a g g e t t i v i c o m p o s t i sono formati dallunione di due elementi che possono essere:
due aggettivi (grigio + verde = grigioverde, agro + dolce = agrodolce);
un prefissoide pi un aggettivo (auto + sufficiente = autosufficiente, psico +
attitudinale = psicoattitudinale);
un sostantivo o un prefissoide pi un suffissoide (petrolio + fero = petrolifero, franco
+ fono = francofono).
Gli aggettivi composti, anche quando sono formati da elementi accostati da un trattino
(didattico-educativo, russo-afgano, ecc.) si comportano come una parola unica e formano il
femminile e il plurale cambiando soltanto la desinenza del secondo elemento.
maschile sing. femminile sing. maschile plur. femminile plur.
sordomuto sordomuta sordomuti sordomute
fotostatico fotostatica fotostatici fotostatiche
esterofilo esterofila esterofili esterofile
si possono confondere anche con gli avverbi
2.1.3.2.2. Grado
di comparazione
Il g r a d o d i c o m p a r a z i o n e una funzione dellaggettivo attraverso la quale la
specifica qualit espressa da un aggettivo (che corrisponde al grado detto positivo o
neutro) viene modulata nel senso dellintensificazione o del confronto.
I concetti espressi dagli aggettivi qualificativi e da molti avverbi possono essere soggetti a
una gradazione per meglio esprimere una certa intensit espressiva.
Sebbene sul piano linguistico-espressivo le possibilit di intensificare una qualit sono
illimitate, la grammatica ha codificato tre tipi di gradazioni: grado positivo, in cui la qualit
espressa senza indicazione di quantit o intensit; grado comparativo, in cui la gradazione

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 146
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

intensiva messa a confronto con un altro termine di paragone o con unaltra qualit
posseduta dal soggetto; grado superlativo, in cui la gradazione intensiva espressa al suo
massimo in senso assoluto o relativo:
grado positivo Maria elegante.
Maria pi elegante di Daniela.
Daniela meno elegante di Maria.
grado comparativo
Daniela elegante quanto Maria.
Maria pi furba che intelligente
Maria elegantissima.
grado superlativo
Maria la pi elegante della classe.
2.1.3.2.2.1. Il comparativo
Il g r a d o c o m p a r a t i v o dellaggettivo serve per esprimere un confronto fra due termini,
in relazione a una qualit posseduta da entrambi o in relazione a qualit diverse da un unico
termine.
La mia amica Gli elementi messi a confronto vengono chiamati primo e secondo
termine di paragone.
Il comparativo pu essere di tre tipi:
c o m p a r a t i v o d i m a gg i o r a n z a , quando il primo termine di paragone possiede la
qualit indicata dallaggettivo in misura maggiore rispetto al secondo termine di
paragone.
Laggettivo, in questo caso, introdotto da pi, il secondo termine di paragone da di o
che:
Valentina pi alta di Luisa.
Sono pi esperto di prima.
Sono pi stanchi che affamati.
c o m p a r a t i v o d i m i n o r a n z a , quando il primo termine di paragone possiede la
qualit indicata dallaggettivo in misura minore rispetto al secondo termine di
paragone.
Laggettivo, in questo caso, introdotto da meno, il secondo termine di paragone da di
o che:
Valentina meno alta di Luisa.
Franca meno studiosa che intelligente.
c o m p a r a t i v o d i u g u a g l i a n z a , quando la qualit espressa dallaggettivo
presente in misura uguale nei due termini di paragone.
In questo caso laggettivo introdotto da tanto o cos (espressi o sottintesi), il secondo
termine di paragone indifferentemente da quanto o come:
Valentina (tanto) alta quanto Luisa.
Claudia (cos) simpatica come te.
Nei comparativi di maggioranza e di minoranza il secondo termine di paragone deve essere
introdotto da che:
quando un nome o un pronome retto da preposizione:
Sei pi interessato allo sport che allo studio;
quando si paragonano due qualit possedute dallo stesso soggetto:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 147
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

unoccasione pi unica che rara;


quando si paragonano due verbi:
Per gli egoisti pi bello ricevere che dare.
quando il secondo termine di paragone un avverbio:
Questi operai lavorano pi bene che male.
2.1.3.2.2.2. Il superlativo
Laggettivo qualificativo di grado s u p e r l a t i v o quando esprime una qualit posseduta
al massimo livello.
Il grado superlativo pu essere da due tipi: relativo o assoluto.
Il superlativo relativo esprime una qualit posseduta al massimo o al minimo grado,
stabilendo un confronto fra lunit e un gruppo di persone o cose (secondo termine di
paragone).
Il s u p e r l a t i v o r e l a t i v o si ottiene premettendo allaggettivo larticolo determinativo
assieme agli avverbi pi o meno (la pi dolce, il meno volenteroso).
Il secondo termine, che pu essere anche sottinteso, introdotto da di, tra, fra- A volte
larticolo determinativo si pu trovare separato dagli avverbi pi o meno:
Lelefante il pi grande di tutti gli animali.
Il treno meno veloce (di tutti) laccelerato.
Il s u p e r l a t i v o a s s o l u t o degli aggettivi esprime una qualit posseduta al massimo
grado dal nome cui si riferisce, senza alcun paragone con altre grandezze.
Esso si pu formare in vari modi:
aggiungendo allaggettivo di grado positivo il suffisso -issim/-o/-a/-i/-e (alto/altissimo,
stanco/stanchissimo);
premettendo allaggettivo di grado positivo avverbi come molto, assai, oltremodo,
immensamente, incredibilmente, estremamente...
(molto vivace, immensamente ricco);
premettendo allaggettivo di grado positivo i prefissi arci-, stra-,super-,iper-,ultra-
,extra-,sovra- (arcinoto, stracarico, ipersensibile);
ripetendo laggettivo di grado positivo due volte (forte forte, piano piano, svelto
svelto, zitto zitto);
rinforzando laggettivo positivo con un altro aggettivo (nuovo fiammante, pieno zeppo,
stanco morto)
unendo allaggettivo di grado positivo le locuzioni quanto mai, oltre ogni dire, come
una campana, in canna (quanto mai intelligente, amabile oltre ogni dire, sordo come
una campana, povero in canna).
2.1.3.2.2.3. Comparativi e superlativi particolari
Per alcuni aggettivi qualificativi, oltre alle normali forme di comparativo e di superlativo,
si usano anche speciali, in genere derivanti dal corrispondente latino.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 148
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Tra gli aggettivi che possiedono queste forme speciali ci sono:


Positivo Comparativo di maggioranza Superlativo relativo Superlativo assoluto
buono pi buono - migliore il pi buono - il migliore buonissimo - ottimo
cattivo pi cattivo - peggiore il pi cattivo - il peggiore cattivissimo - pessimo
grande pi grande - maggiore il pi grande - il maggiore grandissimo - massimo
piccolo pi piccolo - minore il pi piccolo - il minore piccolissimo - minimo o infimo
Casi come questo, in cui una cella del paradigma di un aggettivo contempla pi di una sola
forma flessa, danno vita al fenomeno della sovrabbondanza.
Gli aggettivi migliore, peggiore, maggiore, minore, sono gi forme di comparativo di
maggioranza, pertanto non sono mai preceduti da pi o da il pi.
Allo stesso modo, i superlativi assoluti ottimo, pessimo, massimo, minimo, non hanno
bisogno di rafforzativi.
corretto: Sei il migliore / errato: Sei il pi migliore.
corretto: La torta ottima / errato: La torta ottimissima (o molto ottima)
Alcuni aggettivi formano il superlativo assoluto con i suffissi -errimo e -entissimo, si:
Superlativo in ERRIMO
Positivo Superlativo
acre Acerrimo
celebre Celeberrimo
integro Integerrimo
misero Miserrimo
salubre Saluberrimo
Tranne misero i superlativi in -errimo si formano tutti da una radice alterata rispetto a
quella del grado positivo,.
Accanto alle forme miserrimo e saluberrimo esistono i superlativi regolari miserissimo,
salubrissimo.
Superlativo in -ENTISSIMO
Positivo Superlativo
maledico maledicentissimo
benefico beneficentissimo
munifico munificentissimo
benevolo benevolentissimo
malevolo malevolentissimo
I superlativi in -entissimo in 4 casi su 5 trovano riscontro nei normali superlativi in -issimo
degli aggettivi in -ente, del tipo nutriente - nutrientissimo (maledico - maledicente -
maledicentissimo; benefico - beneficente - beneficentissimo; munifico - munificente -
munificentissimo; benevolo - benevolente - benevolentissimo).
Disusata la forma, latineggiante, facillimo (da facile).
Ha ancora vitalit il superlativo asperrimo da aspro che si affianca ad asprissimo.
Queste forme, comunque, sono rare e usate preferibilmente per esprimere significati
astratti: Sono afflitti da una rivalit acerrima, un uomo di costumi integerrimi, in
opposizione alle forme analitiche usate per esprimere significati concreti: Questo
limone ha un sapore molto aspro.
La lingua parlata infatti preferisce, quando esistono, forme regolari o modificate con
avverbio: molto munifico, del tutto integro, molto acre, assai celebre, ecc.
Non tutti gli aggettivi possono essere alterati per formare il superlativo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 149
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Di regola solo quelli che esprimono una qualit che pu essere accresciuta o
diminuita, mentre aggettivi che hanno un significato molto preciso e circoscritto non
possono essere modificati: cristiano, pagano, colossale, divino, mortale, immortale,
triangolare, quadrato, sferico, chimico, psichico ecc.
Anche aggettivi che indicano valori elativi (immenso, eccellente, straordinario,
infinito, enorme, ecc.) non ammettono di norma grado superlativo.
Molto e meglio non sono aggettivi ma avverbi al grado comparativo.
Si dice: LItalia la migliore (non la meglio).
Provengono dal latino altri comparativi e superlativi, che mancano di grado positivo;
essi hanno finito per perdere i tratti semantici specifici del comparativo e del
superlativo e oggi li usiamo come se fossero aggettivi al grado positivo, ma sarebbe un
errore premettere loro la forma pi o il pi.
grado comparativo grado superlativo
anteriore (manca)
citeriore citimo
esteriore estremo
inferiore infimo/imo
interiore intimo
posteriore postremo/postumo
priore primo
superiore supremo/sommo
ulteriore ultimo
Superiore-supremo (sommo e inferiore-infimo sono frequentemente usati come comparativo
e superlativo rispettivamente di alto e basso:
il piano superiore (= pi alto);
una qualit al sommo (= altissimo) grado;
il livello inferiore (= pi basso);
una merce di infima (= bassissima) qualit.
Postumo si usa solo in riferimento a ci che avviene dopo la morte di qualcuno: opera
postuma, successo postumo.
Laltra forma di superlativo di basso, cio imo di scarso uso, per lo pi poetico.
Citeriore-citimo(rarissimo) (= situato al di qua) in disuso; serve solo per alcune indicazioni
riferite al mondo antico; ulteriore-ultimo(=situato al di l), pi frequentemente usato, pu
indicare anche aggiunta rispetto uninformazione data o unazione svolta: la Gallia citeriore e
ulteriore, ulteriori eserciti.
I superlativi primo e ultimo, che indicano ci che al punto iniziale o finale in senso
assoluto, hanno anche le forme primissimo e ultimissimo: di primissima scelta, le ultimissime
notizie.
Il comparativo del superlativo primo, cio priore in uso solo in linguaggio ecclesiastico:
frate priore.
Per realizzare una qualifica fortemente soggettiva o stilisticamente marcata, possono
prendere il grado: aggettivi etnici di nazionalit, regione, citt: italianissimo,
sicilianissima, torine-sissima ecc.; formule onorifiche: eccellentissimo, illustrissimo
ed eccellentissimo signor Don Carlo DAragorn (A.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 150
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Manzoni); da squisito abbiamo squisitissimo e ancora: cristianissimo, paganissimo,


guelfissimo, mortalissimo ecc.
Nel linguaggio pubblicitario o giornalistico vengono usati neologismi, creati con
laggiunta del suffisso -issimo ad alcuni nomi: partitissima, canzonissima,
campionissimo, finalissima).
2.1.3.3. Aggettivi determinativi
2.1.3.3.1. Aggettivi possessivi.
Gli a g g e t t i v i p o s s e s s i v i indicano a chi appartiene o da chi posseduto ci che
espresso dal nome cui si riferiscono.
Esempi
La mia casa grande
Suo padre operaio.
Non ho sentito la vostra mancanza.
Ne esistono sei forme, come le persone a cui qualcosa pu appartenere:
singolare plurale
maschile femminile maschile femminile
mio tuo suo nostro vostro mia tua sua nostra vostra miei tuoi suoi nostri vostri mie tue sue nostre vostre
loro loro loro loro
Risulta evidente che i possessivi variano per genere e per numero, in modo da concordare
con il nome che accompagnano; lunico invariabile loro.
Laggettivo di terza persona singolare suo (sua, suoi, sue) si usa quando il possessore uno
solo; invece, si deve usare loro, quando i possessori sono due o pi:
Paolo mi ha presentato suo (=di lui) fratello.
noto il loro (=di essi, di esse) interesse per la numismatica.
2.1.3.3.2. Aggettivi numerali
La g g e t t i v o n u m e r a l e una parte del discorso che fornisce precise informazioni su
quantit numeriche.
Spesso accompagnano nomi ed hanno, in questo caso, una funzione di aggettivi.
In realt, in molte lingue del mondo essi hanno caratteristiche che li distinguono sia dagli
aggettivi che dai sostantivi, e per questo i linguisti tendono a classificarli come una parte del
discorso a s.
Per fare un esempio, bench in italiano essi abbiano molto in comune con gli aggettivi, ne
differiscono morfologicamente perch sono invariabili (ad eccezione di uno) e
sintatticamente perch si collocano sempre prima del nome che accompagnano.
In base al tipo di informazione che danno, si distinguono in diversi gruppi.
I pi importanti sono i seguenti:
numerali c a r d i n a l i : uno, due, , cento, , mille 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9...
numerali o r d i n a l i : primo, secondo, , centesimo, millesimo
numerali m o l t i p l i c a t i v i : raddoppiare, quintuplicare, decuplicare...
numerali f r a z i o n a r i : dimezzare,raddoppiare,...
numerali d i s t r i b u t i v i : ...a due a due...,uno ciascuno,a tre per volta...
numerali c o l l e t t i v i : un paio, una decina, una dozzina...

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 151
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.1.3.3.3. Aggettivi dimostrativi


Gli a g g e t t i v i d i m o s t r a t i v i indicano la posizione di una persona o di una cosa nello
spazio, nel tempo o nel discorso, rispetto a chi parla o a chi ascolta.
Ci che viene indicato quindi riconoscibile a partire dal contesto (vedi deissi).
I dimostrativi principali sono questo, codesto e quello, variabili nel genere e nel numero.
Ho comprato queste mele.
Singolare Plurale
Maschile Femminile Maschile Femminile
questo codesto taluno quello questa codesta taluna questi codesti quei
queste codeste quelle
quell quel quella quell quegli
Vengono usati in italiano soprattutto questo e quello.
Come messo in evidenza nella tabella, quello si adatta per forma alla parola che segue,
similmente allarticolo: quello stupido, ma quellarmadio, quel bambino, quei bambini, quegli
zoo.
Differisce quindi per forma dal pronome dimostrativo corrispondente (mi piace quello, mi
piacciono quelli).
2.1.3.3.4. Aggettivi indefiniti.
La g g e t t i v o i n d e f i n i t o (ed il pronome indefinito) indicano cose e persone senza
specificarne con precisione la quantit o la qualit.
Spesso le loro forme coincidono, dato che laggettivo che accompagna il nome pu
prenderne il posto e fungere da pronome.
I seguenti aggettivi
In Italia ci sono molte citt storiche.
Questanno il ciliegio ha dato tanti frutti.
possono dunque assumer il ruolo di pronome:
Le citt storiche in Italia sono belle, ma molte sono trascurate.
Questanno il ciliegio ha dato dei buoni frutti, peccato che tanti non siano stati
raccolti.
Gli aggettivi indefiniti sono vari nei significati; essi possono indicare le seguenti cose:
ununit indefinita;
una pluralit indefinita;
ununit indefinita (al singolare);
una pluralit indefinita (al plurale);
una quantit indefinita.
Riguardo alla forma, alcuni aggettivi sono variabili, altri no.
maschile femminile
indicano
singolare plurale singolare plurale
nessun -o ciascun - - - - - - nessun -a ciascun - - - - - -
unit o ogni qualunque a ogni qualunque
indefinita qualsiasi qualsiasi
qualsivoglia qualsivoglia
pluralit alcun -o qualche alcun -i - alcun -a qualche alcun -e -
indefinita

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 152
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

unit cert -o taluno -o tal cert -i taluno -i cert -a taluno -a tal cert -e taluno -e
indefinita (al -e tal -i -e tal -i
singolare) o
pluralit
indefinita (al
plurale)
molt -o tropp -o molt -i tropp -i
molt -e tropp -e molt -a tropp -a
tant -o alquant -o tant -i alquant -
tant -e alquant - tant -a alquant -a
altrettant -o vari -o i altrettant -i
e altrettant -e altrettant -a vari -a
quantit
divers -o parecchi - var -i divers -i
var -e divers -e divers -a parecchi -
indefinita
o poc -o tutt -o altr parecch -i poch
parecch -e poch a poc -a tutt -a altr
-o cadaun -o -i tutt -i altr -i -
-e tutt -e altr -e -a cadaun -a
-
Gli aggettivi indefiniti, in genere, rifiutano larticolo; lo ammettono: poco, molto,
tanto, troppo e altro: la poca voglia, i molti difetti.
Ogni, qualche, qualunque, qualsiasi, qualsivoglia sono invariabili e sono usati solo al
singolare: Viene a trovarci ogni domenica; portaci qualche fiore; pu arrivare in qualunque
momento.
Certo, diverso e vario sono aggettivi indefiniti se posti prima del nome; dopo il nome,
invece, sono aggettivi qualificativi.
In certi (=tali - indefinito) non si sa che fare / Queste non sono notizie certe
(=sicure - qualificativo);
Ho diversi (=molti, parecchi - indefinito) programmi / Abbiamo programmi diversi
(=differenti - qualificativo);
Varie (=parecchie, molteplici - indefinito) persone seguivano il corteo / spesso di
umore vario (=mutevole - qualificativo).
Tale, usato prevalentemente come dimostrativo, viene considerato indefinito quando
significa un certo, uno tra tanti...:
Ti vuole un tale Paolo.
Altro pu assumere parecchi significati: diverso (Vorrei vivere in unaltra citt),
precedente (Laltro quadrimestre i suoi risultati sono stati migliori), seguente
(Questaltranno andremo negli U.S.A.), nuovo (Pensa di essere un altro Michelangelo), di
ripetizione (Devo tornare unaltra volta), di aggiunta (Mi occorre altro denaro); ha valore
dimostrativo quando significa quello: Dammi laltro (=quel) vestito.
Nessuno ha generalmente un significato negativo.
Quando posto prima del verbo, non richiede altra negazione: Nessun dubbio ci
attanaglia; quando invece collocato dopo il verbo, richiede sempre la negazione non e pu
essere sostituito da alcuno: Non uscita nessuna (= alcuna) persona.
Non ho nessun (= alcun) dubbio.
Molto, poco e tanto sono gli unici aggettivi (oltre ai qualificativi) che possono essere
espressi anche al grado comparativo o superlativo:
molto ha il comparativo pi e il superlativo moltissimo: Ho pi penne di te; Ho
moltissime penne;

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 153
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

poco ha il comparativo meno e il superlativo pochissimo: Ho meno forza di te; Ho


pochissima forza;
tanto ha il superlativo tantissimo: Abbiamo visto tantissime marmotte.
Ovviamente, essi non vanno mai sa soli, ma devono accompagnare un nome.
Taluno si usa per lo pi al plurale, con significato analogo ad alcuno e certo; proprio
del registro formale:
In taluni casi prevista la pena allergastolo.
2.1.3.3.5. Aggettivi interrogativi ed esclamativi
Gli a g g e t t i v i i n t e r r o g a t i v i introducono una domanda sulla qualit, la quantit o
lidentit dei nomi a cui si riferiscono.
Essi si usano sempre prima del nome e non sono mai preceduti dallarticolo.
Gli aggettivi interrogativi possono essere usati sia in domande dirette sia in domande
indirette:
Che film hai visto? (= interrogativa diretta)
Quale attore preferisci? (= interrogativa diretta)
Quante volte vai al cinema? (= interrogativa diretta)
Dimmi che lavoro intendi svolgere (= interrogativa indiretta)
Dimmi in quale citt abiti (= interrogativa indiretta)
Dimmi quanto tempo pensi di restare.
(= interrogativa indiretta)
Gli aggettivi che, quale e quanto, usati nelle interrogative sopra proposte, possono anche
introdurre unesclamazione.
In questo caso sono detti a g g e t t i v i e s c l a m a t i v i :
Che splendido panorama!
Quale meraviglia questo tramonto!
Quanti parenti sono venuti a salutarci!
Gli aggettivi interrogativi ed esclamativi, dunque, hanno forma identica; cambia soltanto la
loro funzione.
Per quanto riguarda la forma:
Aggettivo Caratteristiche Esempi
che invariabile ed equivale a quale, quanto Che colpa ho? Che rumore!
quale variabile solo nel numero (quali) e indica lidentit o la qualit del In quale citt ti piacerebbe
nome cui si riferisce vivere? Quali sorprese ci
aspettavano!
quanto (- variabile in genere e numero e riguarda la quantit del nome cui si Quanta farina serve? Quanti
a, -i, -e) riferisce caff bevi in un giorno!
2.1.3.4. Genere e numero
Laggettivo una parte variabile del discorso, in quanto, come fa il nome, cambia la
desinenza in rapporto al genere (maschile e femminile) e al numero (singolare e plurale).
Gli aggettivi variabili e declinabili si raggruppano secondo il modo in cui formano il
femminile e il plurale.
Gli a g g e t t i v i d e l l a p r i m a c l a s s e terminano al maschile singolare in -o, variano
sia nel genere sia nel numero e presentano, perci, quattro diverse desinenze:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 154
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

singolare plurale
maschile buon-o buon-i
femminile buon-a buon-e
Gli a g g e t t i v i d e l l a s e c o n d a c l a s s e hanno due sole desinenze, una per il
singolare e una per il plurale, senza distinguere tra maschile e femminile
singolare plurale
maschile - femminile vivac-e vivac-i
Esistono poi aggettivi che terminano in -a, i quali hanno una forma per il singolare e
due per il plurale:
singolare plurale
Maschile entusiast-a entusiast-i
Femminile entusiast-a entusiast-e
Appartengono a questa categoria gli aggettivi in:
-ista: pessimista, comunista...
-cida: omicida, moschicida...
-ita: ipocrita, vietnamita ...
-asta: iconoclasta...
-ota: epirota, idiota ...
C infine un gruppo di aggettivi con la desinenza invariabile, che hanno cio una sola
forma per entrambi i generi e i numeri.
A questo gruppo appartengono:
gli aggettivi in -i (pari, impari, dispari...);
gli aggettivi indicanti colori, derivati da nomi (rosa, viola, ciclamino, indaco...);
gli aggettivi usati in coppia o uniti a un nome, per indicare sfumature di colore (verde
pastello, giallo limone, rosa pallido, verde bottiglia, grigio ferro...);
gli aggettivi di origine straniera (blu, snob, zul...);
alcuni aggettivi formati da anti- pi un nome (antinebbia, antifurto, antiruggine ...);
le locuzioni avverbiali usate come aggettivi (perbene, dabbene, dappoco...).
2.1.3.5. Formazione del plurale
Per la f o r m a z i o n e d e l p l u r a l e , generalmente, gli aggettivi seguono le stesse regole
valide per i nomi, ma necessario considerare alcune particolarit.
Gli aggettivi che finiscono in -co (femm.
-ca) formano il plurale in:
-chi (femm.
-che) se sono piani: bianco/bianchi/bianche, sporco/sporchi/sporche
eccezioni: amico/amici/amiche, nemico/nemici/nemiche, greco/greci/greche;
-ci (femm.
-che) se sono sdruccioli: magico/magici/magiche, politico/politici/politiche
eccezioni: carico/carichi/cariche, dimentico/dimentichi/dimentiche.
Gli aggettivi che finiscono in -go (femm.
-ga) formano sempre il plurale in -ghi (femm.
-ghe): largo/larghi/larghe, analogo/analoghi/analoghe.
Eccezioni gli aggettivi che finiscono in -logo e -fago (femm.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 155
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

-loga e -faga), i quali hanno il plurale maschile in -gi (monaco teologo/monaci teologi;
popolo antropofago/popoli antropofagi), hanno il plurale femminile regolare in -loghe e -
faghe.
Gli aggettivi in -io (femm.
-ia) con la i accentata formano il plurale maschile in -ii: restio/restii, pio/pii; se la i non
accentata, formano il plurale maschile con una sola -i (savio/savi, proprio/propri,serio/seri); il
plurale femminile regolare in -ie: restia/restie, seria/serie.
Gli aggettivi femminili in -cia e -gia formano il plurale femminile:
in -cie e -gie quando la c e la g sono precedute da vocale (sudicia/sudicie);
in -ce e -ge quando la c e la g sono precedute da consonante (saggia/sagge)
Gli aggettivi composti formano il plurale modificando solo la desinenza finale
(paleocristiano/paleocristiani).
Bello, grande, santo e buono hanno pi forme di singolare e di plurale, che dipendono
dalla lettera iniziale del nome cui si riferiscono.
davanti a z, ps, gn, x, davanti alle altre davanti a vocale davanti al dopo il sostantivo
s preconsonantica consonanti femminile
bello bello zaino, bel cane, libro bell uomo, bella donna, cane,viso,, libro
sing. psicologo, scoglio viso bei cani, armadio, amica, stagione bello
- plur. begli zaini psicologi, libri visi belli i emporio begli belle donne
- scogli cani, i libri, i uomini armadi, amiche,
visi empori stagioni
grande grande zaino, gran o grande grande amico, gran o grande sogno,pranzo,
sing. specchio,gnu grandi sogno, pranzo, amore grandi donna, amica, fascino grande
- plur. zaini specchi, gnu fascino grandi o amici, amori storia grandi sogni, pranzi,
- gran sogni, donne, amiche, fascini grandi
pranzi, fascini storie
buono buono o buon zelo, buon padre, buon amico, buona (buon) padre, biscotto,
sing. psichiatra, scherzo biscotto, gatto umore, amica, buona gatto buono padri,
- plur. buoni scherzi buoni padri, ancoraggio zia, torta buone biscotti, gatti buoni
- biscotti, gatti buoni amici, amiche, zie,
umori, torte
ancoraggi
santo santo Stefano (solo san Giulio, sant Antioco santa Paola o ======
sing. davanti a s Francesco santi Aimo e sant Adele
- plur. presonantica) santi Saverio santi Vermondo sante Teresa e
- Stefano e Luigi Pietro e Paolo Maria
2.1.3.6. La concordanza
Un aggettivo qualificativo non pu mai essere usato da solo, deve essere sempre legato a
un sostantivo, direttamente o indirettamente, per esempio tramite un verbo.
Per questo motivo, laggettivo deve concordare in genere e numero con il nome cui si
riferisce:
gatto grigio, gatta grigia, gatti grigi, gatte grigie
ragazzo felice, ragazza felice, ragazzi felici, ragazze felici
Quando laggettivo accompagna un solo nome, lapplicazione della regola risulta semplice;
quando, invece, laggettivo si riferisce a pi sostantivi, bisogna distinguere:
con pi nomi di genere maschile --> concordanza al plurale maschile:
Marco e Andrea sono simpatici.
Ho acquistato un tavolo e due divani antichi.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 156
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

con pi nomi di genere femminile --> concordanza al plurale femminile


Francesca e Marta sono simpatiche.
un uomo di intelligenza e volont straordinarie.
con nomi di genere e numero diversi --> concordanza al plurale maschile:
Marco e Francesca sono simpatici.
Possiedo guanti e sciarpa rossi.
Mandarini e arance profumati colmavano il vassoio.
Se i nomi di genere diverso sono entrambi plurali, la concordanza pu avvenire anche col
nome pi vicino (Ho comprato maglioni e camicie nuove); siccome questa soluzione pu
generare confusione, preferibile usare laggettivo al plurale maschile (Ho comprato
maglioni e camicie nuovi).
Se laggettivo preceduto da un articolo si dice aggettivo sostantivato ad esempio: gli
antichi
2.1.3.7. Laggettivo sostantivato e con valore avverbiale
La funzione principale dellaggettivo quella di accompagnare un nome, per qualificarlo o
determinarlo meglio.
Talvolta, per, laggettivo assume la funzione del nome; ci si verifica quando viene
s o s t a n t i v a t o con larticolo:
Rispetta i coraggiosi = Rispetta gli uomini coraggiosi.
Arrivano delle straniere = Arrivano delle donne straniere.
Luso di alcuni aggettivi sostantivati cos consolidato che, in quelle parole, loriginario
valore di aggettivo non pi avvertito: il caldo, il quotidiano, il futuro, i mondiali, i poveri,
ecc...
Quando un aggettivo qualificativo anzich riferirsi a un nome, accompagna un verbo,
modificandolo o qualificandolo meglio, esso ha valore di avverbio e si definisce aggettivo
con valore avverbiale:
Cammina piano.
(in modo lento)
Lavorano duro.
(duramente)
Parlate chiaro.
(chiaramente)
Ho visto giusto.
(in modo giusto)
2.1.4. Verbo
Il verbo una parte del discorso variabile, che indica unazione che il soggetto compie o
subisce, lesistenza o uno stato del soggetto, il rapporto tra il soggetto e il nome del predicato.
Alcuni esempi in lingua italiana:
Il tacchino mangia.
(il soggetto compie unazione)
Il tacchino mangiato.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 157
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

(il soggetto subisce unazione)


Lessere , il nulla non . (esistenza del soggetto)
Paolo arrabbiato.
(rapporto tra soggetto e nome del predicato)
2.1.4.1. Tempo dei verbi
Il t e m p o v e r b a l e colloca lazione in un asse cronologico, tanto assolutamente quanto
relativamente ad un certo termine.
Nel secondo caso il tempo evidenzia tra due frasi del periodo un rapporto di
contemporaneit o di non contemporaneit.
I tempi verbali vengono indicati come semplici o composti a seconda che siano
costituiti da una forma singola o dallinsieme di verbo ausiliare e participio passato.
2.1.4.1.1. Tempi
composti
Per t e m p i c o m p o s t i si intendono le forme verbali composte da una forma coniugata di
un verbo ausiliare e dal participio passato del verbo coniugato:
io ho preso, tu eri andata, se noi fossimo rimasti, egli avrebbe detto.
Gli esempi riportati rappresentano rispettivamente il passato prossimo, il trapassato
prossimo, il congiuntivo trapassato ed il condizionale passato, tutti tempi composti formati
con essere oppure avere.
2.1.4.1.2. Tempi
semplici
I t e m p i s e m p l i c i sono invece quelli che coniugano direttamente il verbo senza uso di
ausiliare:
io prendo, tu andavi, se noi rimanessimo, egli direbbe.
Gli esempi indicano rispettivamente il presente, limperfetto, il congiuntivo imperfetto ed
il condizionale presente.
Ad un tempo semplice corrisponde uno composto.
Esempio: a Noi andremo, futuro semplice, corrisponde noi saremo andati, futuro anteriore,
quindi un tempo composto.
I tempi semplici e composti sono raggruppati nei modi della lingua italiana, che sono sette.
2.1.4.2. Modo dei verbi
Il m o d o d i u n v e r b o indica:
latteggiamento che un parlante instaura con il proprio interlocutore
latteggiamento che un parlante assume in rapporto alla propria comunicazione
2.1.4.2.1. Finiti.
I modi veri e propri sono quelli detti f i n i t i :
lindicativo presenta la realt di un fatto: tale realt pu essere provata vera o falsa.
Ha otto tempi:
Quattro semplici Quattro composti:
Chiamati cos perch non hanno bisogno di un Che invece necessitano di un
verbo ausiliare ausiliare
presente passato prossimo

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 158
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

imperfetto trapassato prossimo


passato remoto trapassato remoto
futuro semplice futuro anteriore
il congiuntivo presenta un fatto, unazione o un processo secondo le marche del
desiderio, del timore, della volont o della supposizione, senza che quindi si possa
ragionevolmente avanzare un giudizio di verit.
Ha quattro tempi:
Due semplici: Due composti:
presente passato
imperfetto trapassato
il condizionale sottolinea la presenza di un condizionamento concreto o virtuale sulla
realt di un fatto, di unazione o di un processo.
Ha due tempi: il presente, (semplice) e il passato, (composto).
limperativo rinvia al desiderio di orientare le azioni dellinterlocutore attraverso un
comando, una esortazione, una preghiera.
il modo delle richieste, degli ordini, degli inviti.
Ha solo la seconda persona (tu e voi) e un solo tempo, il presente.
Alcune grammatiche contemplano un imperativo futuro del tutto identico al futuro
semplice dellindicativo.
2.1.4.2.2. Modi
indefiniti
Questi modi non permettono di identificare la persona e il numero (fatta eccezione per il
participio, in cui si pu distinguere il singolare dal plurale).
Sono detti anche forme nominali del verbo, perch vengono spesso usati col valore di un
nome o di un aggettivo.
Infinito: la forma base del verbo.
Si usa in dipendenza da un altro verbo (es.: Sai guidare una motocicletta? ), ma si pu
usare anche come verbo principale per indicare ordini, desideri, eccetera (es.: Uscire,uscire
fuori, subito!).
Ne esistono il tempo presente (riflettere) e passato (aver riflettuto).
Participio: simile a un aggettivo e, per questo, pu indicare il numero e talvolta anche il
genere (p.
es., il participio mangiata indica un femminile singolare).
Si usa con i verbi ausiliari nella costruzione dei tempi composti.
Ha due tempi, il presente (riflettente) e il passato (riflettuto).
Gerundio: Si usa nelle subordinate per esprimere un certo tipo di rapporto con la reggente.
Ha due tempi: il presente (riflettendo) e il passato (avendo riflettuto).
2.1.4.3. Diatesi
La d i a t e s i esprime il rapporto del verbo con il soggetto o loggetto.
Essa pu essere:
a t t i v a : il soggetto compie unazione

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 159
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

p a s s i v a : il soggetto subisce lazione


r i f l e s s i v a : il soggetto compie unazione per s
m e d i a : indica una certa intensit della partecipazione del soggetto allazione
2.1.4.4. Verbi ausiliari
Un v e r b o a u s i l i a r e (dal latino auxilium, aiuto) un verbo utilizzato in combinazione ad
un altro per dare un particolare significato della forma verbale.
Questo evidente, in italiano, nella formazione di tempi composti come il passato
prossimo o il trapassato prossimo:
Ho fatto
Ero andato.
Si tratta delle forme dei verbi fare ed andare; questi vengono coniugati con lausilio dei
verbi avere (ho fatto) ed essere (ero andato).
Essenzialmente vengono considerati come ausiliari in italiano i verbi essere ed avere.
Il primo viene usato anche per la costruzione del passivo (la torta stata mangiata) e per
la formazione dei tempi composti al riflessivo (mi sono alzato).
Essere e avere non sono gli unici verbi usati come ausiliari della lingua italiana.
utilizzato anche il verbo venire al posto di essere nella forma passiva dei tempi semplici,
per esempio viene chiamato al posto di chiamato.
Il verbo andare, combinato al passivo, indica una necessit: il direttore va chiamato
equivale a il direttore deve essere chiamato.
2.1.4.4.1. Ausiliare
coi verbi servili
Qualche perplessit pu nascere nella scelta dellausiliare coi verbi servili (ma pi in
generale in tutti i casi verbi che reggano direttamente un infinito) nella composizione dei
tempi composti; in generale viene consigliato di usare lausiliare proprio del verbo retto (negli
esempi sottolineato), ma sviscerando la casistica emerge un quadro normativo decisamente
pi complesso, ma anche pi elastico di quanto non sembri:
Se il verbo retto essere, lausiliare prescritto dalle grammatiche maggiori e
dellAccademia della Crusca sempre avere: ha voluto essere (va per segnalato che alcune
grammatiche minori e scolastiche ammettono pure lausiliare essere).
Se il verbo retto un transitivo non pronominale (vedi sotto), lausiliare sempre
avere (avrebbe voluto amare) anche con la diatesi passiva (avrebbe voluto essere amato).
Se il verbo retto un intransitivo non pronominale, lausiliare quello richiesto dal
verbo retto (ho potuto parlare; sono potuto entrare), ma lausiliare essere, se non preceduto
da un pronome atono, pu essere sostituito da avere (ho potuto entrare) (in questi casi,
anticamente, lausiliareavere veniva utilizzato per porre laccento sullaspetto modale del
verbo servile; essere, invece, sul senso proprio del verbo retto; oggi tali sfumature non sono,
per, pi avvertite).
Se per il verbo pu essere usato sia come transitivo che come intransitivo con
differenze di significato, anche lievi, lausiliare sar per forza sempre avere nel primo caso,
essere nel secondo.
Nei casi precedenti, se il verbo non pronominale accompagnato da pronome atono:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 160
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

o se il pronome proclitico (anteposto al servile), lausiliare quello richiesto


dal verbo retto (lo avrebbe voluto amare; gli ho potuto parlare; ci sono potuto
entrare)
o se il pronome enclitico (unito allinfinito), quando lausiliare essere pu
essere sostituito da avere (sono potuto entrarci; ho potuto entrarci).
Quando il verbo pronominale:
o se il pronome proclitico, lausiliare sempre essere (si sarebbero potuti
amare)
o se il pronome enclitico, lausiliare sempre avere (avrebbero potuto amarsi)
2.1.4.5. Verbi servili
I v e r b i s e r v i l i ( o m o d a l i ) , funzionano normalmente come verbi ausiliari.
Come le copule i verbi servili sono una classe ristretta e piccola.
La loro caratteristica sintattica pi importante lespansione ad infinito puro, quindi la
propriet di precedere immediatamente il verbo allinfinito.
In unione con linfinito di un altro verbo modificano il loro significato.
I verbi servili sono quelli che reggono linfinito di un altro verbo, attribuendo allazione
una specifica modalit.
I verbi servili esprimono p.e.
desiderio, proposito, possibilit, permesso, capacit o necessit.
In Italiano i verbi servili classici sono dovere, potere, volere pi sapere (nel senso di
essere capace essere in grado di) e solere.
Esempi:
necessit, obbligo: Devo finire gli esercizi
possibilit: Posso venire alle 9
volont: Voglio andarmene velocemente
capacit: So camminare senza di te.
Quali siano i verbi modali di una lingua sempre questione discussa, il che si rispecchia in
italiano nella domanda se sapere sia o no un verbo modale.
2.1.4.5.1. Analisi
logica dei verbi servili
In analisi logica i verbi servili costituiscono un solo predicato verbale con il verbo
allinfinito da loro retto.
Esempi
1) Devo andare a scuola.
Analisi logica
Io: soggetto sottinteso
devo andare: predicato verbale
a scuola: complemento di moto a luogo
2) Non posso venire alle cinque.
Analisi logica
Io: soggetto sottinteso

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 161
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

non: negazione
posso venire: predicato verbale
alle cinque: complemento di tempo determinato
2.1.4.6. Verbi transitivi e intransitivi
T r a n s i t i v i t e i n t r a n s i t i v i t sono funzioni grammaticali che il verbo, nel caso
esprima unazione o uno stato del soggetto, pu assumere in determinati sistemi linguistici.
Tradizionalmente, i grammatici hanno indicato nella transitivit di un verbo la capacit di
far passare lazione dal soggetto alloggetto.
Un assunto di base pu essere la considerazione che una proposizione costruita intorno ad
un verbo transitivo pu essere rovesciata nella forma passiva:
Marco (soggetto) ha scritto (verbo transitivo in forma attiva) una lettera
(complemento diretto).
diventa
Una lettera (soggetto grammaticale) stata scritta (verbo in forma passiva) da Marco
(complemento dagente, il soggetto logico).
Questo stesso rovesciamento non possibile con i verbi intransitivi:
Il cane abbaia.
Come si vede, un verbo usato intransitivamente ha solo un argomento (il soggetto), mentre
in proposizioni che usino verbi transitivi possono presentarsene un numero maggiore:
Claudio (1) apre la porta (2) con la chiave (3).
2.1.4.6.1. Propriet
semantica
Si potrebbe a prima vista ritenere che lintransitivit o la transitivit siano propriet
immutabili di ciascun verbo, caratterizzandosi come propriet semantica.
stata anzi questa la tendenza della grammatica tradizionale, fondata spesso sulla
propensione a costruire un armamentario concettuale per la linguistica fondato sul significato.
La distinzione tra transitivit e intransitivit, pur avendo un buon valore descrittivo, poco
scientifica.
Di fatto, luna e laltra vengono rivelate in base al contesto, in particolare in base alle
caratteristiche del predicato verbale.
Nello specifico, transitivit e intransitivit di un verbo, intese tradizionalmente, sono
propriet di un verbo che attengono alla sua non disposizione a reggere un oggetto.
Lintransitivit sarebbe dunque appannaggio dei verbi che non contemplano un oggetto o
demandano il compito della reggenza delloggetto (di solito ad una preposizione).
In sostanza, le nozioni di transitivit e intransitivit si fondano sulla nozione di
complemento oggetto, inteso come persona o cosa su cui si trasferisce lazione del soggetto.
Cos abbiamo:
Mario picchia Luigi
in cui lazione del soggetto Mario si trasferisce alloggetto Luigi per il tramite del
verbo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 162
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Il trasferimento avviene senza luso di preposizioni, per cui Luigi risulta in questo caso
un complemento diretto.
Di fatto, la nozione di trasferimento dellazione, propria della connessione tra verbi
transitivi e intransitivi, da un lato, e complementi oggetto, dallaltro un concetto ingenuo,
come si comprende considerando alcuni usi:
Tutti i verbi transitivi possono essere usati in senso assoluto (o intransitivo):
o Giovanni vi scrive.
o Alfio legge.
Molti verbi intransitivi descrivono unazione che di fatto passa alloggetto (come
accade con i verbi transitivi) o che comunque risulta chiara solo in presenza di un oggetto:
o Rinuncio a questidea
o Le mie opere giovano anche a te
o Mi piace giocare a calcio.
Tali verbi sono detti transitivi indiretti: sono verbi intransitivi particolarmente bisognosi
di un oggetto su cui far passare lazione (il che avviene attraverso un complemento indiretto).
Molti verbi intransitivi possono reggere un complemento diretto, detto complemento
oggetto interno:
o Vivere la vita.
o Giocare un gioco
Il complemento risulta in questi casi strettamente collegato al verbo sul piano semantico.
I verbi intransitivi possono spesso essere usati in senso transitivo:
o Quel tipo mi abbaia un rimprovero.
o Questo stress ti invecchier il volto.
In generale, possibile che un verbo assuma un diverso significato a seconda delluso
transitivo o intransitivo:
o Quellinvestimento lo rovin.
o La slavina rovin sulla capanna.
Ancora, possibile che un verbo assuma un diverso significato a seconda che venga
costruito con un complemento diretto o indiretto:
o Stiamo cercando di assistere il sig.
o Rossi.
o Stiamo cercando di assistere alla recita che vede Marco protagonista.
Un altro tipico esempio quello del verbo credere:
o di tante belle parole Renzo non ne credette una. (credere qualcosa significa
dare qualcosa per vero)
o Credere a qualcuno significa prestare fede a qualcuno.
La propriet transitiva o intransitiva di un verbo anche legata agli usi dei secoli
passati, come nei seguenti esempi dallitaliano:
o Somiglia un Apollo quel giovine...
o il rubarono.
Ma si vedano anche le seguenti frasi:
o Giovanni ha fatto il bravo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 163
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

in cui il bravo non risulta essere un complemento oggetto tradizionalmente inteso, per
cui dovrebbe essere allo stesso titolo possibile una frase come:
o Il bravo stato fatto da Giovanni.
2.1.4.7. Verbi impersonali
I v e r b i i m p e r s o n a l i sono quei verbi che non hanno il soggetto e sono alla terza
persona ed il loro ausiliare il verbo essere.
La maggioranza di questi verbi impersonali indicano condizioni atmosferiche: nevicare,
grandinare, piovere, diluviare, albeggiare...
Ma ci sono anche altri verbi che necessitano dellausiliare essere: bisognare, necessitare...
2.1.4.8. Verbi fraseologici
I v e r b i f r a s e o l o g i c i sono quelli che, posti prima di un verbo allinfinito, ne precisano
un aspetto temporale.
Qualche esempio: cominciare a, stare per, iniziare a, mettersi a, persistere nel, continuare
a, smettere di, finire di, eccetera.
Un fraseologico particolare quello formato dal verbo stare seguito dal gerundio.
Essi uniti ad un altro verbo esprimono laspetto dellazione.
Si uniscono ad un infinito oppure ad un gerundio con cui formeranno un unico predicato
verbale.
Essi si dividono in 5 gruppi:
1) Limminenza di unazione: stare per, accingersi a, essere sul punto di, stare l l, ecc.
2) Linizio di unazione: cominciare a, mettersi a, prendere a,
3) Lo svolgimento di unazione: stare, andare e venire + gerundio
4) La durata e la continuit di unazione: continuare a, insistere a, ostinarsi a + infinito
5) La conclusione di unazione: finire di, cessare di, smettere di + infinito
2.1.4.9. Coniugazione dei verbi
Per c o n i u g a z i o n e si intende la flessione del verbo, ossia la sua variabilit di forme.
Per esempio, una forma verbale come mangio pu essere cambiata a seconda del tempo: Io
mangio; io mangiavo.
In questo caso, si tratta del presente e dellimperfetto.
In italiano, si parla anche di 1a, 2a e 3a coniugazione per indicare i verbi che allinfinito
terminano rispettivamente in -are, -ere ed -ire.
Spesso le forme coniugate delle tre coniugazioni si distinguono per ununica vocale, detta
tematica.
Nella coniugazione delle forme semplici (eccettuati il futuro semplice ed il passato
remoto), laccento tonico cade sulla radice nelle forme al singolare e nella terza plurale (loro),
mentre nelle forme in noi e voi cade sulla desinenza.
Ad esempio, per il presente indicativo del verbo amare si avr: mo, mi, ma, amimo,
amte, mano.
Durante lapprendimento della lingua, possono creare alcune difficolt alcune forme con
comportamenti devianti nel presente ed in altre forme semplici.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 164
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Il verbo abitare conserva laccento sulla penultima sillaba nelle forme in noi e voi, ma ha
una coniugazione ricca di forme sdrucciole: bito, biti, bita, abitimo, abitte, bitano.
Similmente: ddico eccetera.
2.1.4.10. La prima coniugazione
In italiano, la p r i m a c o n i u g a z i o n e verbale quella dei verbi aventi linfinito in -are,
erede della prima coniugazione latina.
la coniugazione col maggior numero di verbi e col minor numero di irregolari (soltanto
quattro di base: andare, dare, fare, stare, e i derivati), e lunica tuttora produttiva per la
formattazione dei neologismi.
Indicativo Congiuntivo Condizionale Imperativo
Passato Futuro
Presente Imperfetto Presente Imperfetto Presente
remoto semplice
Io parl-o* parl-vo parl-i parl-er parl-i* parl-ssi parl-eri -
Tu parl-i* parl-vi parl-sti parl-eri parl-i* parl-ssi parl-ersti parl-a*
Egli parl-a* parl-va parl- parl-er parl-i* parl-sse parl-erbbe parl-i*
parl- parl- parl- parl-
noi parl-avmo parl-ssimo parl-ermmo parl-imo
imo mmo ermo imo
parl- parl-
voi parl-te parl-avte parl-ite parl-ste parl-erste parl-te
ste erte
parl- parl- parl-
essi parl-vano parl-ino* parl-ssero parl-erbbero parl-ino*
ano* rono ernno
* Sulle voci rizotoniche non stato segnalato laccento poich impredicibile, potendo
cadere su qualsiasi sillaba della radice a seconda del verbo.
Infinito Participio Gerundio
Presente parl-re parl-nte parl-ndo
Passato avere parlato parl-to avendo parlato
2.1.4.11. La seconda coniugazione
In italiano, la s e c o n d a c o n i u g a z i o n e verbale quella dei verbi aventi linfinito in -ere
e -rre (per sincope delle penultima vocale), erede della seconda e terza coniugazione latina.
Contiene allincirca un migliaio di verbi a lemma nei dizionari, nonch la stragrande
maggioranza dei verbi irregolari.
Condizional Imperativ
Indicativo Congiuntivo
e o
Futuro
Present Imperfett Passato Present Imperfett
semplic Presente
e o remoto e o
e
io tem-o* tem-vo tem-i/tti tem-er tem-a* tem-ssi tem-eri -
tu tem-i* tem-vi tem-sti tem-eri tem-a* tem-ssi tem-ersti tem-i*
egl
tem-e* tem-va tem-/tte tem-er tem-a* tem-sse tem-erbbe tem-a*
i
tem- tem- tem- tem-
noi tem-evmo tem-mmo tem-ermmo tem-imo
imo ermo imo ssimo
tem-
voi tem-te tem-evte tem-ste tem-ite tem-ste tem-erste tem-te
erte
tem-
ess tem- tem- tem-
tem-vano rono/tter tem-ssero tem-erbbero tem-ano*
i ono* ernno ano*
o
* Sulle voci rizotoniche non stato segnalato laccento poich impredicibile, potendo
cadere su qualsiasi sillaba della radice a seconda del verbo.
Infinito Participio Gerundio
Presente tem-re tem-nte tem-ndo

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 165
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Passato avere temuto tem-to avendo temuto


2.1.4.12. La terza coniugazione
In italiano, la t e r z a c o n i u g a z i o n e verbale quella dei verbi aventi linfinito in -ire,
erede della quarta coniugazione latina.
Contiene allincirca un migliaio di verbi a lemma nei dizionari di cui la stragrande
maggioranza incoativi, cio verbi che formano regolarmente la coniugazione con laggiunta di
un infisso in alcune voci verbali.
Indicativo Congiuntivo Condizionale Imperativo
Presente Imperfetto Passato Futuro Presente Imperfetto Presente
remoto semplice
io serv-o* serv-vo serv-i serv-ir serv-a* serv-ssi serv-iri -
tu serv-i* serv-vi serv-sti serv-iri serv-a* serv-ssi serv-irsti serv-i*
egli serv-e* serv-va serv- serv-ir serv-a* serv-sse serv-irbbe serv-a*
noi serv- serv-ivmo serv- serv- serv- serv- serv-irmmo serv-imo
imo mmo irmo imo ssimo
voi serv-te serv-ivte serv-ste serv-irte serv-ite serv-ste serv-irste serv-te
essi serv- serv-vano serv- serv- serv- serv-ssero serv-irbbero serv-ano*
ono* rono irnno ano*
* Sulle voci rizotoniche non stato segnalato laccento poich impredicibile, potendo
cadere su qualsiasi sillaba della radice a seconda del verbo.
Infinito Participio Gerundio
Presente serv-re serv-nte serv-ndo
Passato avere servito serv-to avendo servito
2.1.5. Pronome
In linguistica e in grammatica, il p r o n o m e o sostituente (dal latino pronomen, al posto
del nome) una parte del discorso che si usa per sostituire una parte del testo precedente
(anafora) o successivo (catafora) oppure per riferirsi a un elemento del contesto in cui si
svolge il discorso (funzione deittica).
Di conseguenza per interpretare un pronome occorre fare riferimento rispettivamente al
cotesto (o contesto linguistico) o al contesto.
In tutte le lingue i pronomi esistono in un numero limitato ( cio una classe chiusa).
Il pronome pu sostituire anche altre parti del discorso; ad esempio:
un aggettivo: Ti credevo intelligente, ma non lo sei;
un sintagma o frase: Marta mi ha telefonato e questo mi ha fatto molto piacere;
un altro pronome: Invece del mio profumo ho preso il tuo, che meno speziato.
I pronomi indefiniti e interrogativi fanno da segnaposto per entit sconosciute o
imprecisate.
2.1.5.1. Tipi di pronomi
Pronome personale
Pronome possessivo
Pronome dimostrativo
Pronome indefinito
Pronome interrogativo ed esclamativo
Pronome relativo
Pronome numerale

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 166
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Possessivi, dimostrativi, indefiniti, interrogativi ed esclamativi possono funzionare anche


da aggettivi; per distinguere la funzione, si deve tener presente che gli aggettivi
accompagnano il nome, mentre i pronomi lo sostituiscono.
Questi (aggett.
dimostrativo) pennarelli scrivono meglio di quelli (pronome dimostrativo) (=quei
pennarelli);
Mio (aggett.
possessivo) padre pi giovane del tuo (pronome possessivo) (=tuo padre).
Dalla classificazione dei pronomi, generalmente vengono esclusi i numerali.
Essi, tuttavia, possono assumere il valore di pronome numerale ogni volta che
sostituiscono un nome:
Mio fratello il pi alto dei tre (=tre uomini);
Il mio banco il secondo (=secondo banco) della fila.
2.1.5.2. Pronome personale
I p r o n o m i p e r s o n a l i sono quei pronomi che rappresentano, in funzione deittica, la
persona che parla, la persona che ascolta oppure la persona, lanimale o la cosa di cui si parla,
senza specificarne o ripeterne il nome.
Io sono pronto per la partenza, tu no;
Abbiamo discusso con loro dei risultati elettorali.
2.1.5.2.1. Forme
dei pronomi personali
I pronomi personali in italiano per la funzione soggetto sono i seguenti:
io (singolare) e noi (plurale) indicano la persona che parla o il gruppo di persone al
quale appartiene chi parla (prima persona);
tu (singolare) e voi (plurale) indicano la persona o le persone a cui ci si rivolge
(seconda persona);
egli, ella, esso, essa, lui, lei (singolari) e essi, esse, loro (plurali) indicano la persona o
le persone di cui si parla (terza persona).
I pronomi personali hanno forma diversa, secondo la persona, il numero, il genere e la
funzione.
Tale funzione pu essere di soggetto o di oggetto.
I pronomi di alcune persone variano di forma a seconda che loggetto sia diretto o
indiretto.
I pronomi personali usati come complemento hanno due forme:
forma forte o tonica;
forma debole o atona.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 167
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

funzione complemento
persona funzione soggetto
forma tonica forma atona
1 singolare io me mi
2 singolare tu te ti
maschile egli, esso lui, s (stesso) lo, gli, si
3 singolare
femminile ella, essa lei, s (stessa) la, le, si
1 plurale noi noi ci
2 plurale voi voi vi
maschile essi loro, s (stessi) li, ne, si
3 plurale
femminile esse loro, s (stesse) le, ne, si
2.1.5.2.2. Pronomi personali soggetto
I p r o n o m i p e r s o n a l i s o g g e t t o indicano la persona che protagonista dellazione o
che effettua la comunicazione.
Egli ascolta la musica rock.
In italiano, a differenza di quanto accade in altre lingue, il pronome personale soggetto
spesso sottinteso essendo ridondante.
Per questa caratteristica essa una lingua che i linguisti definiscono a soggetto nullo in
contrapposizione alle lingue a soggetto obbligatorio (in inglese il fenomeno detto pro-drop,
abbreviazione di pronoun dropping).
La desinenza del verbo, infatti, gi di per s sufficiente ad indicare chi compie o subisce
lazione espressa dal verbo stesso, ragion per cui il pronome soggetto diventa superfluo:
dormo = io dormo;
mangi = tu mangi;
vede = egli vede.
Vi sono casi particolari, tuttavia, in cui il pronome deve essere espresso.
Ci avviene:
quando si vuole specificare il maschile o il femminile:
Chi stato? stato lui.
No, stata lei;
quando il verbo presenta la stessa forma per pi persone, ad esempio nel congiuntivo
presente:
Bisogna che io sappia la novit; Bisogna che tu sappia la novit;
quando si vuole dare rilievo al soggetto:
Certo che voi siete proprio una bella compagnia;
quando si vogliono contrapporre pi soggetti:
Io lavoro ed egli si diverte.
2.1.5.2.3. Pronomi personali complemento
I p r o n o m i p e r s o n a l i c o m p l e m e n t o si usano quando nella frase il pronome svolge
una funzione diversa da quella di soggetto e cio:
complemento oggetto: La (lei) vedr.
Ti (te) ascolter.
complemento di termine: Le (a lei) regaler delle rose.
Ti (a te) regalo una rosa.
gli altri complementi indiretti: Vieni con me (c.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 168
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

compagnia) a mangiare un gelato? Lavoro per lui.


Si distinguono in due forme differenziate:
1. Le f o r m e t o n i c h e o f o r t i (me, te, lui, s, noi, voi, essi, loro ...), dette cos perch
hanno un accento proprio e, quindi, assumono particolare rilievo nella frase; possono essere
usate per parecchi complementi e vengono collocate generalmente dopo il verbo:
Penso a te;
Cerco loro;
2. Le f o r m e a t o n e o d e b o l i (mi, ti, lo, gli, si, la, ci, loro ...), dette cos perch non
hanno un accento proprio e per la pronuncia si appoggiano sempre al verbo che le precede
(enclitiche) o che le segue (proclitiche):
Verr a trovarci (enclitica):
Ti dico di s (proclitica).
Le forme atone, chiamate anche p a r t i c e l l e p r o n o m i n a l i , vengono adoperate
esclusivamente per il complemento oggetto (Verr a trovarti = Verr a trovare te) o per il
complemento di termine (Ti consiglio = consiglio a te).
La scelta tra le forme forti o deboli relativa alle esigenze espressive:
se si vuole dare rilievo al pronome si usa la forma forte: Per quella partita hanno
scelto me (la forma forte me ha un valore esclusivo: chi parla sottolinea che stato preferito
ad altri);
se invece si desidera attenuarne la presenza, si usa la forma debole: Mi hanno scelto
per quella partita (con la forma debole mi la frase assume un tono puramente informativo: ci
si limita ad una constatazione).
2.1.5.2.4. Pronomi personali riflessivi
I p r o n o m i p e r s o n a l i r i f l e s s i v i indicano che lazione compiuta dal soggetto si
riflette sul soggetto stesso:
Marco si veste = Marco veste s stesso;
Leonardo pensa solo a s = Leonardo pensa solo a s stesso.
I p r o n o m i r i f l e s s i v i sono:
singolare plurale
1 persona mi ci
2 persona ti vi
3 persona si, s si, s (loro)
Le forme si e s si usano per la terza persona singolare e plurale:
Marco si lava;
I miei genitori si amano.
Al plurale la forma s sostituita da loro quando si tratta di un riflessivo reciproco,
generalmente introdotto da tra, in mezzo a, vicino a:
Gli alunni parlano tra loro durante la lezione.
Il pronome personale riflessivo s va scritto sempre con la e accentata, anche quando
seguito da stesso e medesimo.
Laccento, infatti, serve a distinguerlo dalla congiunzione se.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 169
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Tuttavia, molti scrittori hanno cominciato ad usare le forme se stesso e se medesimosenza


accento.
Per la 1 e la 2 persona singolare e plurale, invece, vengono usate le particelle pronominali
mi, ti, ci, vi:
Io mi pettino; Tu ti prepari; Noi ci vestiamo; Voi vi lavate.
Ci, vi e si, certe volte, conferiscono al verbo valore reciproco:
Ci salutiamo = Ci salutiamo a vicenda.
Alcuni verbi, detti pronominali, sono sempre accompagnati dalle particelle mi, ti, ci, vi, si
che, in questo caso, non hanno un valore riflessivo, ma costituiscono parte integrante del
verbo.
Sono verbi pronominali: arrabbiarsi, vergognarsi, pentirsi....
Stefano si pentito della sua scelta.
2.1.5.2.5. I
pronomi allocutivi di cortesia
I pronomi personali sono usati in italiano anche per indicare un registro formale con chi si
parla, anche se in contrasto col loro significato letterale.
Tali pronomi sono detti p r o n o m i a l l o c u t i v i di cortesia, e si scrivono in maiuscolo.
Il pi antico sistema, che trae origine dalla Roma imperiale, il dare del Voi.
Tale sistema, oggi meno usato che in passato, consiste appunto nel rivolgersi
allinterlocutore indicandolo con Voi piuttosto che con tu, ed accordando i verbi alla
seconda persona plurale:
Buon giorno signor Carlo, come state? - Bene e Voi?
Da notare che per una lunga parte della storia antica, Roma inclusa, non si sentito alcun
bisogno di tali registri formali, affidando ai titoli il rispetto ed il livello sociale.
Praticamente si dava del tu anche allimperatore (Tu, nostro imperatore ...).
Dopo il primo uso del Voi per limperatore, la forma si estesa come segno di rispetto.
Praticamente nessuna lingua o dialetto derivato dal latino ha fatto a meno di tali forme,
sebbene contrarie alla logica; ovviamente il fenomeno non si fermato a questo gruppo di
lingue: addirittura lintroduzione del Voida parte dei normanni in Gran Bretagna ha causato
il disuso di thou, ovvero la traduzione letterale di tu in inglese.
Un altro sistema quello di dare del Lei allinterlocutore, indifferentemente dal suo
sesso:
Buon giorno signor Carlo, come sta? - Bene e Lei?
Tale sistema sembra derivare dal 500.
Infine, si pu dare della terza persona utilizzando un titolo:
Il Signore gradisce un caff?
Dallaltro lato chi parla pu darsi del noi o (Noi).
A seconda del contesto, si distingue tra plurale di modestia (pluralis modestiae,
generalmente scritto in lettera minuscola) e plurale maiestatico (plurale maiestatis, scritto in
lettera maiuscola).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 170
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Il plurale di modestia viene spesso usato nella lingua scritta per il narratore di un racconto,
volendo limitare lindividualit di quanto scritto.
Dallaltro lato il plurale maiestatico una vera e propria dimostrazione del proprio status, e
generalmente usato da papi, sovrani o persone di potere, dato che altrimenti potrebbe essere
considerato indice di scarsa umilt.
2.1.5.3. Pronome possessivo
I p r o n o m i p o s s e s s i v i servono a precisare a chi appartengono la persona, lanimale o la
cosa indicati dal nome che sostituiscono.
Si presentano con le stesse forme degli aggettivi a cui corrispondono.
Nelluso pronominale, il pronome possessivo sempre preceduto dallarticolo
determinativo o da una preposizione articolata.
Oltre ai sei principali esistono altri due pronomi possessivi di terza persona, proprio ed
altrui:
proprio si usa solamente quando colui che possiede qualcosa il soggetto della frase
altrui invariabile, sta a significare di altri (in realt poco usato come pronome).
Sotto forma di pronomi, i possessivi vengono sempre usati con larticolo.
I pers.
Mio
sing.
II pers.
Tuo
sing.
III pers.
Suo
sing.
I pers.
Nostro
plur.
II pers.
Vostro
plur.
III pers.
Loro
plur.
III pers. Proprio
III pers. Altrui
Per chiarire la differenza tra pronome e aggettivo possessivo si veda il seguente esempio:
La mia mela verde, la sua rossa
Mentre mia in questo caso aggettivo possessivo, sua invece pronome possessivo.
2.1.5.3.1. Luso
sostantivato
In molte espressioni, il pronome possessivo pu essere usato con valore di sostantivo con
alcuni significati particolari, ad esempio:
Ognuno ha il diritto di dire la sua = Ognuno ha il diritto di esprimere la propria
opinione.
Essi sono dei nostri = Essi sono del nostro gruppo.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 171
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.1.5.4. Pronome dimostrativo


Il p r o n o m e d i m o s t r a t i v o indica una persona oppure un oggetto in riferimento al
tempo, allo spazio o al discorso, similmente allaggettivo dimostrativo.
2.1.5.4.1. Forme
I principali pronomi dimostrativi sono:
Q u e s t o , vicino a chi parla
C o d e s t o , lontano da chi parla e vicino a chi ascolta (limitato alla sola Toscana)
Q u e l l o , lontano da chi parla e da chi ascolta
Le forme flesse di questo sono quattro in funzione del numero e del genere: questo, questi,
questa, queste.
Coincidono con le forme del corrispettivo aggettivo dimostrativo.
Le forme flesse di codesto sono quattro in funzione del numero e del genere: codesto,
codesti, codesta, codeste.
Coincidono con le forme del corrispettivo aggettivo dimostrativo.
Le forme flesse di quello, invece, non coincidono con quelle dellaggettivo dimostrativo
perch non compaiono forme come quei, quegli.
Le forme sono quello, quelli, quella, quelle.
Linverno passato stato mite, ma questo molto pi freddo
Questo un attrezzo
Questa lultima volta che ti chiedo di venire
A differenza dellaggettivo dimostrativo, prende il posto del sostantivo invece di
accompagnarlo.
Fanno parte dei pronomi dimostrativi anche:
ci, stesso, medesimo, tale, costui, costei, costoro, colui, colei, coloro.
2.1.5.4.2. Uso
del pronome dimostrativo
Luso del pronome dimostrativo pu essere giustificato dalla fusione della deissi, cio di
indicare qualcosa, nel contesto, in rapporto allo spazio oppure al tempo:
Vedi questa/quella? la sorella di Giulia
Molto spesso, il pronome dimostrativo viene usato per non ripetere una parola che gi
stata pronunciata in precedenza: si parla in questo caso di funzione anaforica:
Il cioccolato che mi hai portato buono, ma a me piace di pi quello con le nocciole.
Altre volte, questo e quello introducono un elemento che deve ancora essere specificato
(catafora):
La novit questa: non posso pi partire e rester con voi.
2.1.5.5. Pronome indefinito.
Laggettivo indefinito ed il p r o n o m e i n d e f i n i t o indicano cose e persone senza
specificarne con precisione la quantit o la qualit.
Spesso le loro forme coincidono, dato che laggettivo che accompagna il nome pu
prenderne il posto e fungere da pronome.
I seguenti aggettivi
In Italia ci sono molte citt storiche.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 172
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Questanno il ciliegio ha dato tanti frutti.


possono dunque assumer il ruolo di pronome:
Le citt storiche in Italia sono belle, ma molte sono trascurate.
Questanno il ciliegio ha dato dei buoni frutti, peccato che tanti non siano stati raccolti.
Come gi detto, spesso, un indefinito pu prendere il posto del sostantivo invece di
accompagnarlo e coprire il ruolo di pronome.
Tra gli indefiniti appena esposti, questo il caso di quasi tutti gli aggettivi illustrati:
Ho visto dei ragazzi, alcuni dei quali mi hanno riconosciuto
Nessuno mi sta mai a sentire!!
Fanno eccezione soprattutto ogni, qualche, qualsiasi, qualsivoglia e qualunque, che
vengono utilizzati soltanto come aggettivi.
Esistono inoltre degli indefiniti che possono svolgere soltanto il ruolo di pronome.
La loro classificazione analoga a quella degli aggettivi:
ununit indefinita viene indicata con i pronomi qualcosa, qualcuno, chiunque,
chicchessia, checch
la loro negazione viene indicata con i pronomi alcunch, nulla, niente
2.1.5.6. Pronome interrogativo ed esclamativo
I p r o n o m i i n t e r r o ga t i v i e d e s c l a m a t i v i , come gli aggettivi interrogativi ed
esclamativi, vengono usati per formulare domande o esclamazioni.
Si tratta di pronomi quando sostituiscono il nome e di aggettivi quando lo accompagnano;
ad esempio:
Che macchina hai comprato? (= aggettivo)
Che hai mangiato oggi? (= pronome)
2.1.5.6.1. Pronomi interrogativi
I p r o n o m i i n t e r r o g a t i v i in Italiano sono:
CHI invariabile e si pu riferire a persone o ad animali:
Chi verr alla tua festa?
CHE/CHE COSA sono invariabili e si possono riferire solamente a cose:
Che fai?
Non raro nella lingua Italiana trovare da solo cosa al posto di che cosa.
QUALE flessibile in numero (plur.
qual-i) e si pu riferire sia a persone che a cose:
Quale vuoi comprare?
Quando lo si trova davanti ad oppure era diventa qual, che essendo unaltra parola non
necessita lapostrofo.
QUANTO flessibile sia in genere che in numero (quanta-i-e) e anchesso pu
riferirsi sia a persone che a cose:
Quanto hai mangiato?

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 173
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.1.5.6.2. Pronomi
esclamativi
Sono uguali a quelli interrogativi, ma vengono utilizzati per esprimere stupore, gioia, paura
o comunque per rafforzare unaffermazione:
Chi vuole venire pu farlo liberamente!
Ah! Che spavento!
Il libro su quella sedia - Ma quale!
Che noia, quanto ci vuole!
2.1.5.7. Pronome relativo
Il p r o n o m e r e l a t i v o sostituisce un componente della frase mettendo in relazione
proposizioni diverse, subordinando la frase da esso introdotta a quella che contiene la parola
sostituita (proposizione reggente).
La frase ho ascoltato Carlo che suonava un brano di Mozart costituita da due
proposizioni distinte: ho ascoltato Carlo e Carlo suonava un brano di Mozart, collegate in un
unico enunciato con la sostituzione mediante pronome relativo della parola Carlo.
I pronomi relativi possono costituire, a seconda dellutilizzo, il soggetto, il complemento
oggetto o un complemento indiretto della proposizione relativa.
Il pronome relativo serve in genere a evitare la ripetizione di un componente della frase,
detto antecedente.
Nellesempio riportato Carlo lantecedente di cui si vuole evitare la ripetizione.
I principali pronomi relativi sono i seguenti:
Che (invariabile)
Il quale (variabile secondo genere e numero: la quale, i quali, le quali)
Cui (invariabile)
A questi ultimi si affiancano i pronomi relativi doppi, detti anche pronomi relativi misti:
chi, chiunque, quanto, quanti, dovunque, ovunque.
Questi pronomi differiscono per il ruolo sintattico che possono svolgere nella proposizione
subordinata: soggetto, complemento oggetto, complementi indiretti.
2.1.5.7.1. Il
pronome relativo che
Questo pronome invariabile e assume solo il ruolo sintattico di soggetto e complemento
oggetto.
Considerando i seguenti enunciati
La donna che vende i pomodori mia amica.
La donna che vedi mia cugina.
Vedremo come il pronome che riveste nella frase subordinata del primo esempio il ruolo di
soggetto (la donna vende), mentre nel secondo esempio riveste invece il ruolo di
complemento oggetto (tu vedi la donna).
Altri esempi:
Complemento oggetto:
il gioco che ho comprato costa molto.
il libro che leggo molto interessante.
la gonna che ho comprato nuova.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 174
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Soggetto:
il ragazzo che sta parlando un mio amico.
lamico che mi ha prestato il libro mi ha telefonato per riaverlo.
Questo pronome nella lingua italiana non fa dunque distinzioni per il caso come avviene
invece in francese (qui per il soggetto oppure que per il complemento), n tiene conto di
aspetti semantici come la distinzione tra cose e persone (in inglese, per esempio, si
distinguerebbe tra which per le cose e who/whom per le persone).
2.1.5.7.2. Il
pronome relativo il quale
Pu sostituire che nel ruolo di soggetto:
Non capisco la donna la quale sta parlando.
Nel ruolo di complemento oggetto, invece, questo pronome raro.
Il vantaggio di questo pronome sta nel fatto di indicare esplicitamente genere e numero
evitando quindi casi ambigui.
Il quale pu inoltre indicare complementi indiretti se accompagnato da una preposizione:
Non capisco la donna alla quale avete regalato i libri.
Nellesempio, alla quale indica il complemento di termine.
2.1.5.7.3. Il
pronome relativo cui
Questo pronome indica complementi indiretti, generalmente combinato a una preposizione:
Non conosco la donna a cui avete regalato i libri
La cuffia uno strumento con cui si possono ascoltare dei suoni senza farli sentire agli
altri
Altri esempi:
La questione di cui ti parlo complessa
Lei lamica con cui andr a Lisbona
Nel caso il pronome regga un complemento di termine, possibile omettere la
preposizione a: cui gi di per s una forma di dativo (si tratta del dativo singolare del
pronome relativo latino qui, quae, quod) e quindi laggiunta della preposizione a pu essere
sentita come pleonastica e ridondante.
Nel primo degli esempi esposti sopra allora possibile dire anche:
Non conosco la donna cui avete regalato i libri
Se il pronome compreso tra un articolo e un sostantivo, significa del quale:
Shakespeare, la cui fama immortale
2.1.5.7.4. Pronomi
relativi doppi (o misti)
Essi possono essere ricondotti allunione di un pronome dimostrativo o indefinito con un
pronome relativo, incorporando nel loro significato sia luno che laltro:
Chi ( = colui/colei che, qualcuno che, coloro che)
Quanto (=ci che, tutto ci che, tutto quello che)
Quanti/e (=tutti/e coloro che)
Chiunque (=tutti/e quelli/e che, qualunque persona che)
Ovunque/Dovunque (=in qualunque/qualsiasi luogo in cui)
Questi pronomi non prevedono specificazione dellantecedente, dato che lo contengono.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 175
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.2. Parti invariabili del discorso.


2.2.1. Avverbio.
In grammatica, la v v e r b i o una parte invariabile del discorso che serve a modificare il
significato di quelle parole (verbi, aggettivi, altri avverbi o intere proposizioni) a cui si
affianca.
Sono considerati avverbi anche le l o c u z i o n i a v v e r b i a l i , ovvero espressioni formate da
pi parole, che hanno il significato di un avverbio (di sempre, in fondo, alla carlona, di certo,
in su, in un batter docchio, da quando, ecc.).
2.2.1.1. Esempi
Questi spaghetti sono molto buoni: molto si riferisce a buoni che un aggettivo: per
questo, la parola in questione un avverbio.
Noi sappiamo cucinare bene i maccheroni: bene si riferisce a cucinare, che un verbo:
anche in questo caso avremo quindi un avverbio.
Ben presto le lasagne si raffreddarono: ben si riferisce a presto, che un avverbio.
Un cuoco intelligente prepara intelligentemente i contorni: intelligente si riferisce a
cuoco che un sostantivo: quindi un aggettivo, mentre intelligentemente si riferisce alla
forma verbale prepara, ed dunque un avverbio.
2.2.1.2. Avverbi di modo
Gli a v v e r b i d i m o d o (qualificativi) indicano il modo in cui lazione compiuta.
Sono avverbi di questo tipo:
quelli formati aggiungendo il suffisso -mente alla forma femminile di un aggettivo
(es.: velocemente, morbidamente)
quelli formati aggiungendo il suffisso -oni alla radice di un sostantivo o di un verbo
(es.: bocconi, ciondoloni)
quelli che hanno la stessa forma di alcuni aggettivi qualificativi al maschile singolare
(es.: giusto, forte, alto)
bene, male, quasi, volentieri, come, cos, cio, soltanto, purtroppo, lento, veloce,
velocemente, piano, troppo, certo, in fretta e furia (locuzione avverbiale) ecc.
Es.
Tu mangi velocemente
2.2.1.3. Altri tipi di avverbi
Avverbi di tempo
Ancora, ora, mai, sempre, prima, dopo, ieri, oggi, domani, subito, presto, frequentemente,
spesso...
Avverbi di luogo
L, l, qui, qua, gi, su, laggi, lass, davanti, dietro, sopra, sotto, dentro, fuori, altrove,
intorno, ci, vi, ecc.
Avverbi di quantit
Poco, molto, tanto, pi, meno, parecchio, appena, abbastanza, troppo, assai, quasi, per lo
pi, piuttosto, quanto, ecc.
Avverbi di valutazione

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 176
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Purtroppo, giustamente, fortunatamente, stranamente, ecc.


Tra questi si distinguono
A v v e r b i o p i n a t i v i : che esprimono unopinione
A v v e r b i d i a f f e r m a z i o n e o d i c e r t e z z a : S, esattamente, certamente, certo,
davvero, sicuro, sicuramente, appunto, proprio, affatto, ecc..
A v v e r b i d i n e g a z i o n e : no, non, n, neppure, neanche, nemmeno,, ecc..
A v v e r b i d i d u b b i o o d u b i t a t i v i : se, forse, magari, chiss, probabilmente,
eventualmente, ecc..
Avverbi interrogativi ed esclamativi
come, dove, quando, quanto, perch, ecc.
Avverbi indicativi
proprio, ecco (eccoti, eccolo...)
Avverbi di somiglianza
come, tipo, ecc.
2.2.1.4. Gradi e alterazioni degli avverbi
Gli avverbi hanno gli stessi gradi degli aggettivi:
Positivo (velocemente)
Comparativo di minoranza (meno velocemente)
Comparativo di maggioranza (pi velocemente)
Comparativo di uguaglianza (tanto velocemente quanto)
Superlativo assoluto (velocissimamente)
Superlativo relativo (il pi velocemente (possibile))
Come gli aggettivi, anche gli avverbi, in certi casi, possono essere alterati da suffissi:
diminutivo: poco - pochino
vezzeggiativo: presto - prestuccio
accrescitivo: bene - benone
dispregiativo: male - malaccio
2.2.1.5. Distinguere gli avverbi dalle altre parti del discorso
molto facile confondere gli avverbi con le preposizioni, con gli aggettivi, con i pronomi
e con le congiunzioni.
Per distinguerli, basta seguire questi ragionamenti:
Gli aggettivi accompagnano sempre un sostantivo e concordano con quello in genere e
numero, gli avverbi no.
Quindi, nella frase Ho molta fame, la parola molta un aggettivo (perch riferita al
sostantivo fame e perch c una concordanza), mentre nella frase Ho studiato
molto,molto un avverbio (si riferisce a un verbo).
Le congiunzioni collegano sempre due elementi, mentre gli avverbi si riferiscono a
uno solo.
Nella frase Faremo come vuoi, la parola come una congiunzione perch unisce le
frasi (noi) faremo e (tu) vuoi.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 177
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

Nella frase Come buffo questo ritratto!, la parola come non collega due elementi:
infatti, un avverbio esclamativo.
Le preposizioni introducono sempre un sostantivo o un pronome (formando un
complemento linguistico) oppure una proposizione.
Per esempio, in Sopra larmadio c una scatola, la parola sopra una preposizione,
perch introduce larmadio.
Invece, in Guarda larmadio: sopra c una scatola, la parola sopra non introduce
alcun termine, pertanto un avverbio.
Le particelle ci, vi e ne possono essere o pronomi o avverbi di luogo.
Quando indicano uno stato o un moto da luogo, sono avverbi (Ci sono venti regioni
in Italia, Apr la scatola e ne usc solo polvere); negli altri casi, sono pronomi (Vi dir i
nostri propositi pi tardi, Arriv la carestia e molte persone ne morirono).
2.2.2. Preposizione
La p r e p o s i z i o n e (dal latino praeponere = porre davanti) , in grammatica, una parte
invariabile del discorso che serve a creare un legame fra parole e frasi, specificando un
rapporto reciproco e la funzione sintattica della parola, locuzione o frase che la segue.
Quando uniscono due parole allinterno di una medesima proposizione, servono a
introdurre i complementi (tranne il complemento oggetto e quelli predicativi):
Esempio: Abbiamo pensato a lungo alle tue parole.
Quando invece collegano due frasi, introducono delle proposizioni subordinate:
Esempio: Bisogna prendere il traghetto per arrivare su quellisola.
Nella lingua italiana le preposizioni sono divise in tre categorie:
P r o p r i e : di, a, da, in, con, su, per, tra, fra definite semplici o articolate, se unite
(univerbazione) a un articolo determinativo.
Per esempio: sulla, nel, degli, alle,...
Im p r o p r i e :, ovvero quelle derivate da aggettivi, avverbi, participi.
Per esempio: davanti, dopo, vicino, lungo, durante, verso, mediante, secondo, dato...
Lo c u z i o n i p r e p o s i z i o n a l i ( o p r e p o s i t i v e ) : ovvero quelle costituite da pi
parole.
Per esempio: davanti a/alla/allo/agli/ai/alle, a causa di, a proposito di,
conformemente a, per mezzo di, a guisa di, in quanto a...
L e p r e p o s i z i o n i a r t i c o l a t e d e r i v a t e d a c o n (collo, colla, cogli, colle, col,
coi) e da per (pel, pello, pella, pegli, pelle, pei) sono usate raramente nel linguaggio
moderno.
Al loro posto si usano solitamente le forme separate (con lo, con la, con gli, con le,
con il, con i; per il, per lo, per la, per gli, per le, per i).
L e p r e p o s i z i o n i a r t i c o l a t e d e r i v a t e d a d i possono essere usate come
articoli partitivi.
Per esempio: Ho comprato dello zucchero e delle arance.
una buona norma stilistica evitare, ove possibile, di far precedere gli articoli partitivi
da altre preposizioni, sostituendoli con le espressioni alcuni, un po di, e cos via.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 178
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

2.2.3. Congiunzione
In grammatica, la c o n g i u n z i o n e la parte del discorso che serve a unire tra loro due
sintagmi in una proposizione, oppure due proposizioni in un periodo.
Le congiunzioni si possono classificare in base alla loro forma o in base alla loro funzione.
2.2.3.1. Classificazione in base alla forma
In base alla forma, le congiunzioni si dividono in:
s e m p l i c i : ovvero composte da una sola parola (e, o, ma, pure...);
c o m p o s t e : se derivano dalla fusione di pi parole (affinch, oppure,
sebbene,qualsiasi...);
l o c u z i o n i c o n g i u n t i v e : se formate da gruppi di parole separate tra loro (anche se,
dal momento che...).
2.2.3.2. Classificazione in base alla funzione
In base alla funzione, si distinguono in c o o r d i n a n t i e s u b o r d i n a n t i
2.2.3.2.1. Congiunzioni
coordinanti
Collegano parole o proposizioni che si trovano sullo stesso piano logico e che sono
sintatticamente omogenee.
Esempio:
cero anchio ma non ti ho incontrato
Si distinguono in:
c o p u l a t i v e p o s i t i v e : collegano due elementi (e, anche, pure, inoltre, ancora,
perfino, altres...)
c o p u l a t i v e n e g a t i v e : (n, neanche, neppure, nemmeno)
d i s g i u n t i v e : introducono unalternativa (o, oppure, altrimenti, ovvero, ossia...).
Unaltra congiunzione disgiuntiva ossia, che pu usarsi per indicare una scelta
equipollente o una correzione.
a v v e r s a t i v e : introducono unopposizione (ma, tuttavia, per, pure, eppure, anzi, s,
nonostante, nondimeno, bens, piuttosto, invece, mentre, se non che, al contrario, per altro,
ci nonostante...).
Le congiunzioni s e anzi sono ormai di uso raro e introducono pi una coordinazione
sostitutiva che unavversativa.
c o n c l u s i v e : introducono una conclusione (dunque, perci, quindi, pertanto, allora,
per cui, cosicch, inoltre, eppure, insomma, cos...).
Esistono inoltre le congiunzioni conclusive onde e sicch che si possono trovare
spesso nelluso parlato e in quello letterario dellOttocento.
d i c h i a r a t i v e (o esplicative): introducono una spiegazione collegata a
unaffermazione che li precede (infatti, difatti, invero, cio, ossia, ovvero, vale a dire, in
effetti (effettivamente), in realt...)
c o r r e l a t i v e : si usano in coppia tra due proposizioni e mettono in corrispondenza due
elementi (e...
e, o...
o, n...
n, sia...

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 179
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica -Morfologia

sia, non solo...


ma anche, ora...
ora, tanto...
quanto, tale...
quale, cos...
come, come...
cos, sia che...
sia che...).
Gli elementi si suddividono quindi in iterati (sia ...
sia) o variabili (nonch ...
non).....
e s p l i c a t i v e : infatti, cio, ossia
2.2.3.2.2. Congiunzioni
subordinanti
Collegano due proposizioni mettendole su piani diversi.
Esempio:
Dario non parl perch aveva molta paura.
Si distinguono in:
c a u s a l i : siccome, poich, perch, in quanto che, giacch, dacch, dal momento che,
per via che, visto che, dato che...
f i n a l i : affinch, perch, acciocch...
c o n s e c u t i v e : cosicch, tanto che, in modo che, cos...che, tanto..che ...
t e m p o r a l i : quando, finch, fin quando, fintantoch, da che, da quando, dopo che,
prima che, intanto che, (non) appena, ogni qual volta, ogni volta che, ora che, mentre...
c o n c e s s i v e : anche se, anche quando, qualora, nonostante, bench, sebbene,
quantunque...
d i c h i a r a t i v e : che, come...
c o n d i z i o n a l i : se, qualora, purch, a condizione che, a patto che, laddove...
m o d a l i : come, come se, nel modo che...
a v v e r s a t i v e : mentre, quando...
e c c e t t u a t i v e e s c l u s i v e l i m i t a t i v e : tranne che, fuorch, eccetto che, salvo che,
a meno che, senza che, per quello che,...
i n t e r r o g a t i v e d i r e t t e : se, come, quando, quanto, perch...
c o m p a r a t i v e : come, cos...come, pi/meno...di come, pi/meno...di quanto,
pi/meno/meglio/peggio...di quello [che], piuttosto che...
r e l a t i v a : il quale, la quale, i quali, le quali, cui, che, chi.....

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 180
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Capitolo 3
Grammatica - Sintassi

3.1. Il soggetto.
Il s o g g e t t o di una frase in sintassi qualsiasi parte del discorso cui riferito il predicato
(che esprime unazione, un modo di essere, una condizione, una qualit): se il predicato
singolare, anche il soggetto sar singolare.
Per esempio, nella frase
Io mangio la mela.
Il pronome personale io il soggetto perch ad esso va riferita lazione espressa dal verbo
mangio.
Il soggetto ha le seguenti propriet:
presenta il caso nominativo
si accorda con il verbo
pu essere costituito da:
un sostantivo (Francesco bello), talvolta preceduto da articoli (Dei computer
furono comprati)
una proposizione, detta proposizione soggettiva (Parlare con te mi diverte)
un pronome (Io mangio)
un aggettivo (I belli sono spesso invidiati)
un participio (I licenziati manifestarono)
un infinito (Correre fa bene al cuore)
una parola invariabile (c++ un linguaggio di programmazione)
un sottinteso (Ieri sono stato a scuola), se una lingua a soggetto nullo, mentre ci
non possibile per una lingua a soggetto obbligatorio.
Il soggetto esiste in quasi tutte le frasi.
Per esempio: Bisogna rispettare quello che la grammatica dice.
Molti lascerebbero pensare che il soggetto non esista, invece analizzando la frase si scopre
che:
Bisogna rispettare diventa: Tutti devono rispettare quello che la grammatica dice.
Se la frase contiene un verbo impersonale (in realt un tipo di verbi di tipo molto ridotto),
il soggetto pu mancare.
In italiano ci tipico dei verbi che indicano fenomeni meteorologici:
Oggi nevica.
Non c nessuno che nevica la neve, un evento che succede e che per convenzione
stato descritto cos dalle popolazioni che hanno fatto evolvere le lingue precedenti la
nostra.
Il termine soggetto deriva dal latino subiectus, che significa sottoposto, dipendente,
suddito.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 181
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Nella lingua inglese subject significa anche cittadino, persona, oltre che suddito.
3.2. Proposizione.
In grammatica la p r o p o s i z i o n e lunit elementare del discorso dotata di un senso
compiuto.
Essa composta da un soggetto, un predicato e vari complementi.
Cappuccetto Rosso and nel bosco.
A dire il vero, nessuna parte della proposizione assolutamente indispensabile.
Vi possono essere proposizioni senza complementi:
Proposizioni con soggetto sottinteso:
Che occhi grandi che hai!
Proposizioni con predicato sottinteso, dette proposizioni o frasi nominali:
Cappuccetto Rosso, nella pancia del lupo!
Queste ultime (frequenti nei titoli dei quotidiani) sono le pi rare: per questo di solito si
dice che le proposizioni di un periodo sono tante quante i predicati.
3.2.1. Frase semplice e frase complessa
Una proposizione pu:
trovarsi separata dal resto del discorso da segni di interpunzione forte, ed essere
quindi autonoma e indipendente.
In questo caso viene a coincidere con la frase semplice.
Es.: La mamma chiam Cappuccetto Rosso.
costituire lasse portante di una frase complessa.
In questo caso chiamata proposizione principale
Es.: La mamma chiam Cappuccetto Rosso e le chiese di portare un cestino alla Nonna
che viveva nel bosco.
Trovarsi in un rapporto di coordinazione o subordinazione con altre proposizioni
della frase complessa.
In questo caso chiamata proposizione subordinata.
Es.: La mamma voleva che la Nonna ricevesse un cestino e cos chiam Cappuccetto
Rosso.
La subordinazione pu essere di primo, secondo, terzo grado...
a seconda che la proposizione dipenda dalla principale o da una proposizione che a sua
volta dipende dalla principale, e cos via.
3.2.1.1. Periodo o frase complessa
In grammatica il p e r i o d o ( o f r a s e c o m p l e s s a ) ununit complessa del discorso,
composta da pi frasi semplici (o proposizioni) combinate in una sola struttura di senso
compiuto.
Ogni periodo grammaticale termina con un segno di punteggiatura terminale: punto fermo
(.
), punto esclamativo ( ! ) punto interrogativo ( ? ).

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 182
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Un periodo pu essere suddiviso in proposizioni che sono pari al numero di predicati, sia
verbali che nominali, coniugati sia nei modi finiti o indefiniti.
3.2.1.1.1. Periodo
e proposizioni
Martina decise, ignorando gli avvertimenti che la madre le aveva rivolto, di seguire i
consigli dello sconosciuto e di fermarsi a comprare delle rose per la nonna.
In questa frase complessa possibile distinguere cinque proposizioni (in pratica tante
quante i predicati):
a) Martina decise
b) ignorando gli avvertimenti
c) che la madre le aveva rivolto
d) di seguire i consigli dello sconosciuto
e) e di fermarsi a comprare delle rose per la nonna
La prima di queste proposizioni in questo caso la pi importante, e viene chiamata
proposizione principale o reggente.
Essa costituisce la struttura portante del periodo: tutte le altre proposizioni dipendono da
essa (pertanto chiamate proposizioni subordinate).
La proposizione principale non necessariamente la prima.
Inoltre nel periodo a volte le proposizioni si presentano incastonate luna nellaltra ( il
caso delle proposizioni b e c, inserite nel mezzo della a, tra il soggetto (Martina) e il predicato
(decise).
Le proposizioni subordinate, chiamate anche proposizioni secondarie possono dipendere
dalla proposizione principale ( il caso di b e d, che dipendono direttamente da a) o da
unaltra proposizione subordinata.
Nel nostro esempio, la proposizione c (che la madre le aveva rivolto) non dipende dalla
principale, ma da b (ignorando gli avvertimenti).
Per questo motivo possiamo dire che b una proposizione subordinata di primo grado,
mentre c subordinata di secondo grado.
Questo tipo di collegamento gerarchico tra le proposizioni di un periodo chiamato
subordinazione o ipotassi.
Le proposizioni non sono necessariamente subordinate tra loro: esse possono anche essere
giustapposte mediante un segno dinterpunzione debole (di solito la virgola) o una
congiunzione coordinante: questo tipo di collegamento chiamato coordinazione o paratassi.
Nel nostro esempio, d ed e sono due proposizioni coordinate tra loro mediante la
congiunzione e (esse sono per anche subordinate di primo grado rispetto ad a).
Anche la proposizione principale pu avere una sua coordinata.
ci sono anche vari tipi di proposizioni coordinate cio:
copulative come e, ne, neanche, nemmeno, anche ed altre;
avversative come ma, per, tuttavia, bens ed altre;
disgiuntive come o, oppure, ovvero, ossia ed altre;
correlative come e...e, o...o, ora...ora ed altre;

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 183
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

esplicative come cio, ossia, infatti ed altre;


conclusive come dunque, per, quindi ed altre.
3.2.2. Proposizione principale
Una p r o p o s i z i o n e p r i n c i p a l e una proposizione grammaticalmente indipendente e
di significato compiuto.
Non occupa una posizione fissa nel periodo e non dipende da nessunaltra proposizione
presente nel periodo, ma regge le proposizioni subordinate e pu essere coordinata con altre
proposizioni principali (proposizioni coordinate).
Non mai introdotta da una congiunzione o locuzione del tipo dopo, che,di, tanto che,
fino, ...
Esempi (proposizione principale sottolineata):
Poich ha sete, Marta si prepara una limonata fresca.
Siccome porto lapparecchio, non posso mangiare le caramelle.
3.2.2.1. Tempi
La principali possono avere come predicato un verbo ai seguenti modi: indicativo,
congiuntivo, condizionale, imperativo ed infinito.
3.2.2.1.1. Con
lindicativo
D i c h i a r a t i v a : il tipo di frase pi comune: lenunciato ha la funzione di informare,
asserire.
detta anche proposizione i n f o r m a t i v a (o e n u n c i a t i v a ).
Si tratta dunque di una frase impiegata per comunicare un fatto (Cappuccetto Rosso
una bambina.), riferire un avvenimento (Cappuccetto Rosso and nel bosco.), oppure
esprimere un giudizio o unopinione (Il lupo cattivo).
Nelle proposizioni informative il verbo di solito al modo indicativo.
I n t e r r o g a t i v a d i r e t t a : corrisponde ad una domanda.
Pu trattarsi di una domanda introdotta da un pronome o aggettivo interrogativo (Dove
sei andato? Quante pere hai comprato?), oppure di una domanda alla quale si pu rispondere
con s o no: Ti sei riposato?
E s c l a m a t i v a : esprime un enunciato ricco di enfasi: che sfortuna abbiamo avuto!
3.2.2.1.2. Con il congiuntivo
D e s i d e r a t i v a (o ottativa): esprime un desiderio: Che tu possa guarire presto!
E s o r t a t i v a o i u s s i v a : esprime unesortazione: Si faccia sentire! spesso
caratterizzata da uso di modi come limperativo ed il congiuntivo.
C o n c e s s i v a (o suppositiva): esprime una concessione: Vengano pure...
3.2.2.1.3. Con il condizionale
P o t e n z i a l e : usata per esprimere unintenzione: Potrei cucinare larrosto...
D u b i t a t i v a : usata per esprimere unazione che dovrebbe essere compiuta: Dovrei
mettere a posto la mia stanza...
3.2.2.1.4. Con limperativo
I u s s i v a (o imperativa): esprime un ordine: Porta la scala!

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 184
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

3.2.2.1.5. Con linfinito


E s c l a m a t i v a : esprime un enunciato ricco di enfasi: Io dire questo?! Mai!
3.2.3. Proposizione subordinata
Una p r o p o s i z i o n e s u b o r d i n a t a una proposizione che dipende da unaltra
proposizione.
Non ha unautonomia sintattica (se considerata da sola), ed retta da preposizioni,
locuzioni avverbiali o congiunzioni.
Pu essere esplicita (verbo coniugato in un modo finito) o implicita (il verbo coniugato
in un modo indefinito).
Ad esempio, nella frase Il cane insegue il gatto che scappa, la proposizione subordinata
(proposizione relativa) che scappa, mentre Il cane insegue il gatto la proposizione
reggente, che in tal caso anche la proposizione principale.
Allinterno di un periodo complesso, essa ha la stessa funzione di un complemento, come
nella seguente coppia di enunciati:
Senza di te morirei
Se tu non ci fossi, morirei.
3.2.3.1. Proposizioni subordinate a seconda della funzione
A seconda della loro funzione, quindi, le proposizioni subordinate si suddividono in tre
tipi:
Complementari dirette o s o s t a n t i v e d i r e t t e , che fungono da soggetto o da
complemento oggetto rispetto alla proposizione reggente
C o m p l e m e n t a r i i n d i r e t t e o a v v e r b i a l i , che svolgono funzione analoga a
quella di un complemento indiretto o di un avverbio;
R e l a t i v e o a t t r i b u t i v e - a p p o s i t i v e o a g g e t t i v e , che hanno funzione analoga
a quella di un attributo o unapposizione rispetto ad un sostantivo
3.2.3.2. Subordinazione esplicita
Tipica della s u b o r d i n a z i o n e e s p l i c i t a la formazione di una frase secondaria
caratterizzata dalluso di un verbo coniugabile per modo, tempo e per persona.
La secondaria esplicita formata con i cosiddetti modi finiti (indicativo, condizionale,
imperativo o congiuntivo).
Grazie a questi modi, luso di un verbo coniugato secondo la persona indica direttamente
qual il soggetto.
Esempi:
Penso che abbiano linfluenza (congiuntivo; soggetto loro)
Arriver dopo che sarai partita (indicativo; soggetto tu)
chiaro che farei tutto per te (condizionale; soggetto io)
Rita dice che a casa (indicativo; soggetto ambiguo).
Il tempo che viene usato nella proposizione subordinata indica rispetto alla principale un
rapporto di contemporaneit, anteriorit o posteriorit.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 185
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

3.2.3.3. Subordinazione implicita


quella ottenuta con luso dei modi indefiniti come linfinito, il gerundio ed il participio,
non coniugabili a seconda della persona.
Pu succedere che il soggetto della principale coincida con quello della secondaria.
questo il caso dellultimo esempio riportato (Rita dice che a casa).
A questo punto, vale la pena di semplificare lenunciato nel modo che segue:
Rita dice di essere a casa
Il soggetto della subordinata non indicato, dato che linfinito non coniugabile secondo
la persona.
Comunque, esso sar recuperabile dalla principale.
Simili considerazioni riguardano gli esempi seguenti, introdotti dalla subordinata con luso
del gerundio e del participio:
Partita da Senigallia, Maria si diretta verso Ancona
Lesempio corrisponde alla costruzione con lesplicita dopo che era partita da Senigallia,
Maria si diretta verso Ancona)
Essendo in ritardo, Maria si diretta verso Ancona
(che corrisponde a ...Siccome era in ritardo, Maria si diretta verso Ancona).
Secondariamente, la subordinazione implicita possibile quando i soggetti della principale
e della subordinata non coincidono, soprattutto nel caso di costruzioni impersonali:
Leggendo, il tempo passa con facilit
In questo caso, comunque, leggendo indica il corrispondente di quando si legge, dunque un
costrutto impersonale, mentre il soggetto della principale il tempo.
Costruzioni con la subordinazione implicita di soggetti in aperto contrasto tra di loro non
sono impossibili, ma rare e talvolta stilisticamente pesanti:
Fallito il progetto di legge, il parlamento dovette ricominciare i lavori da capo.
In questultimo esempio si nota la corrispondenza con un costrutto tipico della lingua
latina, ovvero lablativo assoluto, chiamato assoluto (absolutus) in quanto privo di qualsiasi
legame grammaticale con la proposizione reggente.
Il legame solo sul piano del significato.
3.2.3.4. I gradi della subordinazione
Le proposizioni subordinate che dipendono direttamente dalla proposizione principale o da
una coordinata alla principale si definiscono di primo grado; quelle che dipendono da una
subordinata di primo grado si definiscono di secondo grado e cos via.
3.2.3.5. Proposizione dichiarativa
Le p r o p o s i z i o n i s u b o r d i n a t e d i c h i a r a t i v e , o e s p l i c a t i v e precisano il
significato di un elemento nominale contenuto nella proposizione principale, vale a dire:
1.
un pronome dimostrativo o un aggettivo dimostrativo seguito da un nome:
Penso questo: / che tu sia stato poco generoso.
Siamo intesi su questo punto: / che sarai a casa per le sette.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 186
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

2.
un nome il cui significato spesso indica timore, dubbio, opinione, certezza:
Ho la sensazione / che Mario sia scontento della sua scuola.
Mi viene il dubbio / che anche tu saresti caduto nel tranello.
Possiamo incontrare una dichiarativa in dipendenza anche da unaltra subordinata (per
esempio, una soggettiva o unoggettiva) purch si riferisca ad un elemento nominale:
Penso / sia un bene / che tu abbia preso questa decisione.
3.2.3.5.1. Forma
esplicita e forma implicita
Nella forma esplicita, la subordinata dichiarativa introdotta dalla congiunzione che ed
ha il verbo allindicativo per esprimere certezza, al congiuntivo o al condizionale per
esprimere dubbio o possibilit, come negli esempi appena visti.
Nella forma implicita, la subordinata dichiarativa presenta linfinito, introdotto (ma non
sempre) da di
Aveva la certezza / di essere preparato.
Aspira a questo: / essere sempre il primo.
3.2.3.6. Proposizione interrogativa indiretta
La s u b o r d i n a t a i n t e r r o g a t i v a i n d i r e t t a una frase subordinata che pone una
domanda e, o esprime un dubbio in forma indiretta, per esempio: dimmi quanto mi vuoi
bene.
La frase quanto mi vuoi bene linterrogativa indiretta, mentre dimmi la principale.
Inoltre la subordinata interrogativa indiretta una frase argomentale,insieme alle
dipendenti oggettive (o completive) e soggettive, perch funge da argomento al verbo.
La proposizione reggente di una interrogativa indiretta contiene elementi lessicali che
rimandano in qualche modo alla domanda:
verbi come chiedere, domandare, dire, ignorare, pensare, sapere, informarsi, ecc.,
nomi come domanda, questione, dubbio, ecc.,
aggettivi come incerto, perplesso, ecc.
3.2.3.6.1. Forma
esplicita
introdotta da interrogativi come che, quale, chi, chiunque, dove, se, come seguiti dal
verbo allindicativo, congiuntivo o condizionale
Mi ha chiesto come mi chiamo.
Voleva sapere cosa stesse facendo.
lunico caso, oltre a quello della proposizione concessiva, che vede il condizionale
seguire alla congiunzione se:
Mi chiesero se Annabella sarebbe venuta alla festa.
3.2.3.6.2. Forma
implicita
Stessi pronomi, aggettivi, avverbi, congiunzioni della esplicita, seguiti per da un verbo
allinfinito: Mi chiedo se uscire e quanto mangiare domani.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 187
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

3.2.3.7. Proposizione concessiva


La proposizione c o n c e s s i v a esprime una concessione, indica cio che una cosa, sia o
non sia vera, non ha effetto su unaltra.
Si tratta normalmente di una frase subordinata introdotta da congiunzioni comemalgrado,
nonostante, sebbene, bench.
In questi casi, la concessiva richiede luso del congiuntivo (malgrado siano tutti arrivati,
c poca gente alla festa).
lunico caso, oltre a quello della proposizione interrogativa indiretta, che vede il
condizionale seguire alla congiunzione se:
Non andr alla sua festa domani, anche se mi piacerebbe.
La congiunzione anche se richiede invece luso dellindicativo: anche se sono tutti
arrivati...
Esistono proposizioni concessive implicite, che ricorrono dunque alluso di modi infiniti
come il gerundio:
Pur ballando male, sono andata alla festa e ho conosciuto un sacco di gente
Lenunciato corrisponde dunque anche se ballo male...
Hanno valore concessivo anche gli enunciati introdotti da indefiniti come chiunque,
dovunque, comunque e simili.
Si pu parlare di frase concessiva anche nel caso della proposizione principale:
Sar pure un calciatore preparato, ma oggi apparso del tutto svogliato
3.2.3.8. Proposizione avversativa
La p r o p o s i z i o n e a v v e r s a t i v a una proposizione subordinata che indica un evento o
una situazione che si contrappone a quanto viene detto dalla proposizione reggente.
Nella forma esplicita viene espressa con un verbo al modo indicativo oppure al modo
condizionale ed introdotta dalle congiunzioni: quando, mentre, laddove, ma
Es.: Io mi fido di te, quando tu non fai che mentirmi.
Es.: Non mi hai dato retta, mentre avresti dovuto farlo.
Nella forma implicita espressa con un verbo al modo infinito ed introdotta dalle
locuzioni: invece di...., in luogo di...., oppure dalla congiunzione anzich.
Es.: Invece di esserle grato, lha insultata.
3.2.3.9. Proposizione relativa.
Una p r o p o s i z i o n e r e l a t i v a una proposizione subordinata alla principale (o
reggente); essa, in generale, introdotta da pronomi relativi (il quale, la quale, i quali, le
quali, cui, che, chi).
Anche dove pu fungere da pronome relativo.
La proposizione relativa ha una funzione simile a quella degli aggettivi: pu infatti avere
valore di attributo o apposizione:
Piero, che il figlio di Martino, un bravo ragazzo;
oppure, come un aggettivo, pu avere funzione distintiva, come nel seguente esempio:
Cerco il figlio di Martino che venuto qui ieri, non laltro.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 188
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Si distingue tra questi due casi parlando di frase relativa appositiva e frase relativa
determinativa.
Esistono delle proposizioni relative improprie, dato che indicano un desiderio o una
condizione, e che per questo vengono formate con il congiuntivo:
Andrea chiam degli artisti che dipingessero dei quadri.
La proposizione relativa non va confusa con quella consecutiva e con loggettiva, nelle
quali che funge da congiunzione e non da pronome relativo:
Era talmente triste che piangeva.
So che piangeva.
In aggiunta, le relative hanno forma esplicite qualora siano formate con un verbo
coniugato:
Il cane che abbaia, non morde.
Giovanni, la cui ragazza ti piace tanto, felicemente innamorato.
stato condannato chi ha commesso il reato.
Hanno ucciso Pablo, il quale era stato minacciato in precedenza.
Le proposizioni relative implicite vengono invece formate con lausilio del participio
(presente o passato) o dellinfinito (introdotto da a o da oppure da un pronome relativo):
Participio:
o Invitiamo alla seduta tutti i soci aventi diritto di voto (=che hanno diritto di
voto)
o Possono votare tutti i soci arrivati prima delle sedici (=che sono arrivati prima
delle sedici)
Infinito:
o Questa la maglia da cambiare (= che va cambiata)
o Sono stato il primo a notare laccaduto (= che ha notato)
o Tutti hanno bisogno di qualcuno di cui fidarsi (= del quale possano fidarsi)
o Sto cercando qualcuno (a) cui affidare il mio gatto durante le mie vacanze (= al
quale io possa affidare)
Le forme del participio andranno accordate per genere e numero al nome.
3.2.3.10. Proposizione causale
La p r o p o s i z i o n e c a u s a l e indica la causa, il motivo di quanto viene espresso nella
proposizione reggente:
Sono arrabbiata perch sei arrivato tardi.
Ha la stessa funzione del complemento di causa, che potrebbe riprodurre quanto esposto
nella seguente costruzione:
Sono arrabbiata a causa del tuo ritardo.
In quanto segue, si illustrano gli esempi pi tipici di proposizione causale.
Nel caso della subordinazione esplicita si tratta una frase subordinata introdotta da
congiunzioni come perch, siccome, poich, giacch, o da locuzioni quali dato che, dal
momento che, in quanto che, considerato che, visto che, posto che, ecc....

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 189
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Richiede in genere luso dellindicativo o, talvolta, del condizionale.


Siccome non ho soldi, non posso ancora pagarti.
Non ti chiedo di accompagnarmi perch non lo faresti.
Esistono inoltre proposizioni causali implicite, sempre subordinate che ricorrono
soprattutto con luso del gerundio:
Non avendo soldi, non posso ancora pagarti.
Anche la congiunzione per pu introdurre la proposizione casuale, combinata al verbo
allinfinito passato
Mio figlio stato denunciato per aver infranto i vetri di alcune finestre.
Anche il participio passato pu essere usato nella subordinata implicita:
Picchiato dal padrone, il cane lo ha morso.
3.2.3.11. Proposizione temporale
La p r o p o s i z i o n e t e m p o r a l e una frase che indica contemporaneit, anteriorit o
posteriorit temporale rispetto al momento indicato nella proposizione reggente:
Sono uscito quando hanno aperto le porte
Ha la stessa funzione del complemento di tempo determinato, che potrebbe riprodurre
quanto esposto nella seguente costruzione:
Sono uscito al momento dellapertura delle porte.
3.2.3.11.1. Subordinazione
esplicita
Nel caso della subordinazione esplicita si tratta una frase subordinata introdotta da
congiunzioni che variano a seconda della costellazione temporale degli eventi (anteriorit,
contemporaneit, posteriorit).
Lanteriorit temporale pu essere indicata nella frase con una serie di espressioni del tipo
innanzitutto.
In tal caso, il modo previsto nella subordinata il congiuntivo, dato che lazione viene
considerata in un momento in cui non ancora iniziata.
meglio uscire prima che chiudano le porte.
La contemporaneit pu essere indicata, ad esempio, da quando, o mentre:
meglio uscire quando tutte le porte sono aperte.
Per la posteriorit, riferita al verbo della principale rispetto al momento indicato nella
secondaria, si usano locuzioni come dopo che o simili; anche quando ha la propriet di poter
indicare questa relazione temporale in combinazione ad un tempo composto:
Non si pu uscire dopo che hanno chiuso le porte.
Non si pu uscire quando hanno chiuso le porte.
3.2.3.11.2. Subordinazione
implicita
Esistono inoltre proposizioni temporali implicite, sempre subordinate che ricorrono al
gerundio, allinfinito, al participio.
In quanto segue, si ricordano le costruzioni pi frequenti:
Il gerundio indica contemporaneit o, nella forma composta, anteriorit rispetto alla
principale:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 190
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Uscendo di casa, la donna si dirige verso lufficio postale


Essendo uscita di casa, la donna si dirige verso lufficio postale
La seconda possibilit comunque poco usata.
Sar senzaltro pi probabile che si utilizzi, per indicare posteriorit, una forma del
participio:
Uscita di casa, la donna si dirige verso lufficio postale
Linfinito pu essere usato per esprimere le diverse costellazioni temporali di
contemporaneit, posteriorit ed anteriorit:
Al momento di uscire, Luigi si sentito male
Dopo essere uscito, si sentito male
Prima di uscire, si sentito male
3.2.3.12. Proposizione finale
La p r o p o s i z i o n e f i n a l e indica il fine o lo scopo cui diretta lazione espressa nella
proposizione reggente.
La proposizione finale pu essere di due tipi: esplicita o implicita.
possibile riconoscerla ponendo la domanda allo scopo di e al fine di.
3.2.3.12.1. Finale
esplicita ed implicita
La finale esplicita introdotta da una congiunzione o da locuzioni come perch,
affinch, che, allo scopo di, al fine di, onde, acciocch, in modo che.
Ha sempre il verbo al congiuntivo presente o imperfetto.
Ritirer i tappeti pi costosi affinch i bambini non li sporchino
La donna ritir i tappeti pi costosi affinch i bambini non li sporcassero.
utile inoltre ricordare che, se nella principale e nella subordinata i soggetti sono gli
stessi, la costruzione si rende benissimo anche con a e linfinito, di norma presente:
Sono venuto qui per vederti
Luca salito a lavarsi.
In tal caso, si otterr una subordinata implicita.
3.2.3.13. Proposizione consecutiva
La p r o p o s i z i o n e s u b o r d i n a t a c o n s e c u t i v a indica la conseguenza o leffetto di
unazione indicata nella sua reggente:
Ho letto cos tanti libri che mi si incrociano gli occhi
Mi ero stancata, sicch sono andata a letto
La differenza rispetto alla proposizione finale il fatto che manca, nella consecutiva,
lelemento di volontariet espresso nella proposizione principale.
Le congiunzioni principali che la introducono sono: tanto che, sicch, cosicch.
Inoltre possono essere introdotte dallaggettivo tanto o dallavverbio cos.
Esistono proposizioni consecutive implicite: si tratta delle proposizioni in cui il verbo della
subordinata in un modo infinito; in questo caso la subordinata consecutiva viene introdotta
dalla preposizione da e il verbo allinfinito.
Esempio:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 191
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Emanava un cos forte odore da far scappare gli altri


Alle consecutive implicite si aggiungono le esplicite: sono le proposizioni in cui il verbo
della subordinata in un modo finito; in questo caso la subordinata consecutiva viene
introdotta dalla preposizione che e da verbi allindicativo, congiuntivo o condizionale come
nei primi due esempi esposti allinizio.
3.2.3.14. Proposizione condizionale.
La p r o p o s i z i o n e c o n d i z i o n a l e la frase subordinata che indica la condizione, cio
lipotesi, da cui dipende lavverarsi di ci che si afferma nella reggente: se sono ben esposti al
sole, i gerani danno pi fiori.
Se sono ben esposti al sole la condizione, mentre i gerani danno pi fiori la
conseguenza.
La proposizione condizionale pu essere esplicita o implicita.
La condizionale e s p l i c i t a quando viene introdotta dalle congiunzioni e dalle locuzioni
condizionali: se, purch, qualora, ove, a condizione che, a patto che, seppure, quando, nel
caso che, nelleventualit in cui, ecc.
I modi verbali consueti sono lindicativo e il congiuntivo, a seconda che esprima una
condizione reale o possibile:
non mi lamenterei qualora mi telefonaste
potrei anche dormire nel fienile purch la paglia sia asciutta
Lacqua bolle se raggiunge i cento gradi;
Qualora mi dovessi decidere, andr in montagna.
La condizionale i m p l i c i t a quando espressa con il gerundio presente o con il
participio passato, oppure con linfinito preceduto da a:
Trascurando (= se si trascurano) le norme di sicurezza, si corrono dei pericoli;
Trattata meglio (= se fosse trattata meglio), la gatta graffierebbe meno:
A lavorare (= se si lavora) male, non c soddisfazione.
restando immobili e in silenzio (= se si resta immobili e in silenzio) possibile
osservare le marmotte davanti alle loro tane
3.2.3.15. Proposizione comparativa
La p r o p o s i z i o n e c o m p a r a t i v a la frase subordinata che sostituisce il complemento
di paragone della proposizione principale.
Sei pi intelligente di quanto abbia/ho pensato
Sei intelligente come pensavo
Sei meno intelligente di quanto abbia/ho pensato
Pu essere retta da un comparativo di maggioranza, uguaglianza o minoranza e vi
presente normalmente un verbo allindicativo o al congiuntivo. Nel caso delluguaglianza, si
usa solo lindicativo.
Si riscontra a volte luso del non fraseologico, che non cambia il significato dellenunciato
(di quanto io non abbia pensato).
Esiste una forma implicita della comparativa, che si forma con linfinito:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 192
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Pi che dipingere, io disegno.


3.2.3.16. Proposizione modale.
La p r o p o s i z i o n e m o d a l e la frase subordinata che sostituisce il complemento di
modo della proposizione principale.
Viene di solito introdotta da locuzioni del tipo come, come se, nel modo che, nel modo in
cui e simili.
proprio come ho detto
Se ha valore ipotetico, prevede luso del congiuntivo:
Fai come se fossi a casa tua.
Esistono casi di subordinata modale implicita formata non con una congiuzione, ma grazie
al gerundio:
Sono tornata a casa pedalando in bicicletta
3.2.3.17. Proposizione oggettiva
La p r o p o s i z i o n e o g g e t t i v a la frase subordinata che sostituisce un complemento
oggetto della proposizione principale.
Ci che viene indicato sotto forma di complemento oggetto in una frase semplice, pu
infatti essere espresso con unintera frase, come accade nel prossimo esempio:
Abbiamo spiegato ancora una volta le nostre preoccupazioni
Abbiamo spiegato ancora una volta che siamo preoccupati
La coppia di enunciati mostra come il complemento oggetto (le nostre preoccupazioni)
venga sostituito dalla subordinata (che siamo preoccupati).
Pu essere allindicativo quando indica fatti reali e in altri modi quando indicano fatti non
sicuri.
In questo caso si useranno, a seconda del caso, il congiuntivo ed il condizionale secondo le
loro regole di uso:
Pensiamo che questa faccenda sia preoccupante
Pensiamo che questa faccenda potrebbe creare problemi
introdotta da verbi di vario tipo nella principale, di cui si propongono alcuni esempi:
Dico che impossibile fare cos
Vedo che stai bene
Credo che tutto stia andando per il meglio
Sono sicura che Gino arriver tra poco
Non raccontarmi che hai trovato traffico
In tutti questi casi, abbiamo incontrato dei verbi coniugati nella secondaria: si tratta della
proposizione oggettiva esplicita.
Quando il soggetto della frase principale e della frase secondaria coincidono, avremo una
subordinata oggettiva implicita, formata con luso dellinfinito.
Mi sono ricordata di finire in tempo
Credo di non essere in grado di terminare il lavoro

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 193
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

La subordinata oggettiva implicita possibile, in alcuni casi, anche quando non si ha la


concordanza di soggetti tra principale e subordinata:
Vedo scappare le galline
Sento mia sorella entrare in casa
Ti prego di ascoltare
Non potete vietarmi di dire la mia opinione
A seconda del verbo, la proposizione oggettiva implicita pu essere introdotta da di.
3.2.3.18. Proposizione soggettiva
La p r o p o s i z i o n e s o g g e t t i v a la frase subordinata che sostituisce il soggetto della
proposizione principale.
Ci che viene indicato sotto forma di soggetto in una frase semplice, pu infatti essere
espresso con unintera frase, come accade nel prossimo esempio:
Larrivo di Massimo mi preoccupa
Mi preoccupa che Massimo sia arrivato.
La coppia di enunciati mostra come il sintagma nominale costruito con il soggetto (larrivo
di Massimo) venga sostituito dalla subordinata (che Massimo sia arrivato).
Nella frase principale che regge la subordinata soggettiva, si ritrovano di solito delle
espressioni impersonali (bastare, bisognare, convenire ecc.), per la quale identificare un
soggetto pu essere problematico.
Per questo diremo che la proposizione soggettiva a ricoprirne la funzione:
Basta che tu faccia presto
Bisogna che la facciamo finita
Spesso, si ha nella principale una combinazione del verbo essere con un aggettivo o
sostantivo:
uno scandalo che nessuno dica niente
meglio che tu non dica niente.
La frase spesso dipende anche da costruzioni introdotte dal pronome impersonale si:
Si dice che la signora X abbia un amante
In tutti questi casi, abbiamo incontrato dei verbi coniugati nella secondaria: si tratta della
esplicita.
Per la subordinata soggettiva esplicita, si usa di solito il congiuntivo.
Altre volte, il verbo della soggettiva non coniugato, ma allinfinito:
meglio andare
Basta arrivare in tempo
un problema partire
In questi casi, si parla di subordinata soggettiva implicita.
3.2.3.19. Proposizione limitativa
La p r o p o s i z i o n e l i m i t a t i v a la frase subordinata che limita la validit di quanto
viene asserito nella frase principale.
Viene di solito introdotta da locuzioni del tipo Per quel che, per quanto e simili.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 194
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Per quanto io ne so, Marina a Roma


Per quanto riguarda Marina, so solo che a Roma
In queste costruzioni, non raro luso del congiuntivo, che ha funzione concessiva:
Per quel che io ne sappia, Marina a Roma
Pu essere implicita, quando si usa linfinito:
A parlare, sono bravo, ma non a scrivere
3.2.3.20. Proposizione interrogativa indiretta.
La s u b o r d i n a t a i n t e r r o g a t i v a i n d i r e t t a una frase subordinata che pone una
domanda e, o esprime un dubbio in forma indiretta, per esempio: dimmi quanto mi vuoi
bene.
La frase quanto mi vuoi bene linterrogativa indiretta, mentre dimmi la principale.
Inoltre la subordinata interrogativa indiretta una frase argomentale,insieme alle
dipendenti oggettive (o completive) e soggettive, perch funge da argomento al verbo.
La proposizione reggente di una interrogativa indiretta contiene elementi lessicali che
rimandano in qualche modo alla domanda:
verbi come chiedere, domandare, dire, ignorare, pensare, sapere, informarsi, ecc.,
nomi come domanda, questione, dubbio, ecc.,
aggettivi come incerto, perplesso, ecc.
3.2.3.20.1. Forma
esplicita
introdotta da interrogativi come che, quale, chi, chiunque, dove, se, come seguiti dal
verbo allindicativo, congiuntivo o condizionale
Mi ha chiesto come mi chiamo.
Voleva sapere cosa stesse facendo.
lunico caso, oltre a quello della proposizione concessiva, che vede il condizionale
seguire alla congiunzione se:
Mi chiesero se Annabella sarebbe venuta alla festa.
3.2.3.20.2. Forma
implicita
Stessi pronomi, aggettivi, avverbi, congiunzioni della esplicita, seguiti per da un verbo
allinfinito: Mi chiedo se uscire e quanto mangiare domani
3.2.4. Proposizione coordinata
Una p r o p o s i z i o n e c o o r d i n a t a , allinterno del periodo, una proposizione collegata
alla proposizione principale o ad una proposizione subordinata tramite una congiunzione
coordinante (e, ma, per,dunque...).
Pu avere un significato proprio o contenere uninformazione in pi che spiega la frase
principale (senza per forza dipendere da essa).
Il ruolo della coordinazione consiste dunque nel collegare le proposizioni (o frasi semplici)
allinterno di un periodo (o frase complessa).
Per esempio:
La mamma chiam Cappuccetto Rosso e le disse di portare un cestino alla nonna.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 195
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

La mamma chiam Cappuccetto Rosso la proposizione principale, mentre le disse di


portare un cestino alla nonna la proposizione coordinata (tramite congiunzione e).
3.2.4.1. Tipologie
Le proposizioni coordinate per mezzo di congiunzioni possono essere:
Copulative:
Mi ha chiamato e siamo usciti.
Non ti ho mai scritto n ti scriver.
Sono introdotte dalla congiunzione copulativa affermativa e o da quella negativa n, in
ununione analoga ad una somma.
Disgiuntive:
Scrivimi o telefonami.
Sono introdotte da congiunzioni disgiuntive come o, oppure, ossia, altrimenti, ovvero.
Queste principali indicano una serie di possibilit alternative.
Avversative:
Avevo promesso di venire, ma non ho potuto.
Ho un impegno per domani, tuttavia cercher di venire con te.
Sono introdotte da congiunzioni avversative come ma, per, tuttavia, eppure, nondimeno,
collegando due principali che esprimono due concetti contrastanti.
D i c h i a r a t i v e (o e s p l i c a t i v e ):
Hai rinunciato alla gara, cio non ti sei presentato.
Teofilo seccato con me: infatti non mi chiama da una settimana.
Sono introdotte da congiunzioni esplicative come ossia, cio, infatti, che segnalano che la
seconda spiega o precisa la prima.
Conclusive:
arrivata ultima, quindi giusto che non si vanti.
Sono introdotte da congiunzioni conclusive come dunque, perci, pertanto, quindi, che
indicano che tra la prima e la seconda proposizione c un nesso di conseguenza.
Correlative:
O parli tu, o parlo io
Non solo verr con voi, ma porter anche mio fratello.
Ho scelto te sia perch sei bella sia perch sei straricca.
Sono introdotte da congiunzioni o locuzioni correlative come n...
n, o...
o, sia...
sia, non solo...
ma anche, tanto...
quanto, chi...
chi...
Sostitutive:

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 196
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Non Tonino [principale (che esclude uninformazione)], bens Andrea [coordinata


sostitutiva]
Sono introdotte da congiunzioni come bens, invece, ma, semmai; affermano
definitivamente il concetto opposto (in modo superfluo, ma magari retoricamente enfatico)
della principale.
3.2.4.2. Coordinazione
La coordinazione pu avvenire tra proposizioni principali (Luca dorme e Marco scrive) o
tra proposizioni subordinate (Non usciamo - perch piove e fa freddo).
Inoltre pu avvenire per:
P o l i s i n d e t o (ripetizione della congiunzione):
Io parlo e lui ascolta e tu stai zitto.
A s i n d e t o (proposizioni separate da virgole, senza congiunzioni):
Io parlo, lui ascolta, tu stai zitto.
3.2.5. Proposizione incidentale
Le p r o p o s i z i o n i i n c i d e n t a l i ( o i n c i s i ) sono proposizioni che risultano accessorie
rispetto al periodo cui sono inserite.
Di solito sono poste tra due stessi segni di punteggiatura, che segni possono essere: due
virgole, due trattini o due parantesi.
Proprio da parentesi le proposizioni incidentali sono dette p a r e n t e t i c h e .
3.2.5.1. Sintassi
Dal punto di vista sintattico, e da quello grammaticale, una proposizione incidentale non
pu essere una proposizione principale, perch non del tutto indipendente da una frase..
La proposizione incidentale non ha alcun legame grammaticale o sintattico con le altre
proposizioni, tanto che si pu anche togliere senza che il significato del resto del periodo
subisca unalterazione.
Essa serve, per lo pi, per un chiarimento o per una interrogazione.
La proposizione incidentale pu svolgere svariate funzioni e pi spesso una proposizione
coordinata alla principale o alla subordinata a cui annessa.
Ad esempio:
Giorgio, bench fosse raffreddato, volle uscire di casa lo stesso.
In questo caso la proposizione incidentale svolge la funzione di proposizione concessiva,
cio svolge la funzione di una proposizione subordinata.
In casi come questo, linciso pu presentare ellissi del verbo:Giorgio, bench
raffreddato,...
3.3. Il complemento
Il c o m p l e m e n t o (dal latino complementum, da complre, riempire, completare) un
termine della grammatica tradizionale (in particolare dellanalisi sintattica).
Indica un elemento della frase (una parola o un gruppo di parole) che ha la funzione di
completare, arricchire o specificare il significato, e quindi linformazione, del predicato
verbale.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 197
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

In senso lato, la nozione di complemento comprende tutti i costituenti della frase, con
esclusione di soggetto e predicato, cio gli elementi fondamentali della frase.
Il termine stato introdotto nel XVIII secolo dai grammatici francesi Csar Chesneau
Dumarsais e Nicolas Beauze.
3.3.1. Caratteristiche dei complementi
Un complemento pu riferirsi a qualsiasi altro elemento della frase.
Il complemento dipender sintatticamente dallelemento a cui si riferisce. Di seguito,
alcuni esempi che evidenziano il legame sintattico di un complemento ad un altro elemento
della frase (il complemento in corsivo, lelemento della frase da cui esso dipende tra
parentesi quadre mentre tra parentesi tonde viene indicato il tipo di elemento):
Il cacciatore [ha ucciso] il lupo.
(predicato verbale)
[Gli occhi] del lupo sono grandi.
(soggetto)
Incontr il lupo, [terrore] dei boschi (apposizione)
La nonna abita [in una casa] nel bosco.
(un altro complemento)
3.3.2. Complemento diretto e indiretto
Tradizionalmente si distingue il complemento diretto (o complemento oggetto) dai
complementi indiretti.
3.3.2.1. Complemento oggetto
Il c o m p l e m e n t o o g g e t t o o c o m p l e m e n t o d i r e t t o , in linguistica, uno dei due
tipi di complemento nella tradizionale analisi della sintassi (laltro il complemento
indiretto).
Costituito da un sintagma nominale (la persona, lanimale o la cosa su cui ricade
direttamente lazione espressa dal verbo), di norma retto da un verbo transitivo.
Esso risponde alle domande: Chi? Che cosa?
Il complemento oggetto completa quindi il significato del predicato costituito sempre da un
verbo transitivo attivo.
Esempi:
Ottaviano sconfisse Antonio.
(chi?)
Alessia ha portato un regalo.
(che cosa?)
La definizione, in s utile, ha lo svantaggio di non distinguere il complemento oggetto dal
soggetto, che in italiano di solito viene espresso nello stesso modo.
3.3.2.1.1. Come
si presenta il complemento
Il complemento direttamente collegato al verbo, senza quindi uso di preposizioni.
Esempi:
Mia nonna ha comprato la torta.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 198
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

Mia mamma ha comprato il pane.


La nonna taglia la carne.
Abbiamo organizzato la manifestazione.
La mamma cucina le uova.
Quando il complemento oggetto introdotto da un articolo partitivo il complemento
detto complemento oggetto partitivo
Gli ospiti hanno portato delle bibite
Delle bibite equivale ad alcune bibite.
Se vi una particolare parentela etimologica tra verbo e complemento oggetto, si parla di
complemento oggetto interno:
Vivere una vita
Sognare un sogno
3.3.2.1.2. Dalla
frase semplice alla frase complessa
Oltre che con un nome, il c o m p l e m e n t o o g g e t t o pu essere espresso anche con una
proposizione, chiamata subordinata oggettiva.
Mi hanno raccontato che il lupo voleva mangiare Cappuccetto Rosso.
3.3.2.1.3. Errori
comuni
Rispondendo alle domande Chi? o Che cosa? il complemento oggetto induce spesso in
errore.
Pu essere confuso con il predicato nominale e soggetto .
Il complemento oggetto, in realt, indica la persona, lanimale o la cosa su cui ricade
direttamente lazione compiuta dal soggetto ed espressa da un verbo transitivo attivo.
Esempio:
Ho acquistato una maglietta
Su quale oggetto ricade lazione di essere acquistato? Sulla maglietta.
Claudia ha accompagnato Luisa a casa.
Su chi ricade lazione di essere accompagnato? Su Luisa.
3.3.2.2. Complementi indiretti
I complementi indiretti (cos indicati perch sono retti dal verbo con lausilio di una
preposizione, semplice o articolata) hanno invece diverse funzioni.
Le grammatiche tradizionali li classificano sulla base della funzione semantica e sintattica
superficialmente svolta, dal che derivano denominazioni di scarso rilievo teorico.
Tra i complementi cos individuati, i pi importanti sono:
il complemento di tempo: Torna domani.
il complemento di luogo: Sono a Parigi.
il complemento di specificazione: I capelli di Maria sono biondi.
il complemento di termine: Ho regalato una collana a Giorgia.
il complemento di causa: Moriva di paura.
il complemento dagente: stato acchiappato dal poliziotto.
il complemento di modo o maniera: Si volt con eleganza.

Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo;possono applicarsi condizioni ulteriori 199
Concorso Allievi Agenti Polizia di Stato 2016 Grammatica - Sintassi

il complemento di mezzo: Vengo in auto.


il complemento di compagnia: Viaggio con tuo padre.
il complemento di causa efficiente: Le foglie furono scosse dal vento.
3.3.2.2.1. Altri
complementi indiretti
A motivo di questa superficialit teorica, si verificata una sorta di proliferazione
incontrollata dei complementi individuati.
Nel tempo sono stati individuati i seguenti complementi:
complemento di aggiunzione
complemento di denominazione
complemento di differenza
complemento di distanza
complemento di distribuzione o distributivo
complemento di estensione
complemento di et
complemento di materia