Sei sulla pagina 1di 203

Le linee guida internazionali di primo

soccorso e rianimazione 2016

Per la societ nazionale di gestori dei programmi di pronto


soccorso, ai gruppi consultivi, istruttori di primo soccorso
e di primo intervento

www.ifrc.org
Salvare vite, cambiare le menti.

Federazione Internazionale della Croce


Rossa e della Mezzaluna Rossa, Ginevra
2016
Copie di tutto o parte di questo studio possono essere fatte per uso
non commerciale, fornendo con citazione della fonte La Federazione
avrebbe appreci-ate ricevere i dettagli del suo utilizzo. Le richieste di
riproduzione commerciale devono essere indirizzate alla IFRC
asecretariat@ifrc.org.
I pareri e le raccomandazioni espresse in questo studio non riflettono
necessariamente la politica ufficiale della IFRC o dei singoli
Nazionali di Croce Rossa o Mezzaluna Rossa. Le denominazioni e
le mappe utilizzate non implicano l'espressione di alcuna opinione
da parte della Federazione Internazionale o Societ Nazionali per
quanto riguarda lo status giuridico di un territorio o delle sue autorit.
Tutte le foto utilizzate in questo studio sono copyright del IFRC, se
non diversamente indicato. Foto di copertina: American Red Cross.

PO Box 303
CH-1211 Ginevra 19
Svizzera
Telefono: +41 22 730 4222
telefax: +41 22 733 0395
E-mail: secretariat@ifrc.org
Sito web: www.ifrc.org
soccorso e rianimazione linee guida internazionali primi
2016 1.303.500 05/2016 E
Seguici su:

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Le linee guida
internazionali di primo
soccorso e rianimazione
2016
Per la societ nazionale di gestori dei
programmi di pronto soccorso, ai
gruppi consultivi, istruttori di primo
soccorso e di primo intervento
migliorare la vita delle persone pi vulnerabili. Lo
facciamo con l'imparzialit di nazionalit, razza, sesso,
credo religioso, di classe e opinioni politiche.

La Federazione Internazionale della Croce Rossa e della


Mezzaluna Rossa (IFRC) la pi grande rete umanitaria
su base volontaria al mondo. Con la nostra 190 Stati
Nazionali di Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa in tutto
il mondo, siamo in ogni comunit raggiungendo 160,7
milioni di persone ogni anno attraverso i servizi a lungo
termine e programmi di sviluppo, cos come 110 milioni
di persone attraverso la risposta ai disastri e programmi di
recupero precoce. Agiamo prima, durante e dopo i disastri
e le emergenze sanitarie per soddisfare le esigenze e

sviluppo di questo decennio - ci siamo impegnati a


salvare vite e cambiare le menti.

uidati da strategia 2020 - il nostro piano collettivo di


azione per affrontare le grandi sfide umanitarie e di

La nostra forza sta nella nostra rete di volontari, la nostra


competenza su base comunitaria e la nostra indipendenza
e neutralit. Lavoriamo per migliorare gli standard
umanitari, come partner nello sviluppo, e in risposta alle
catastrofi. Noi convincere i decisori ad agire in ogni
momento gli interessi delle persone vulnerabili. Il
risultato: abilitiamo comunit sane e sicure, a ridurre le
vulnerabilit, rafforzare la resistenza e promuovere una
cultura di pace in tutto il mondo.

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida


2016

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Sommario
Ringraziamenti
Prefazione
Abbreviazioni

6
8
10

introduzione

11

A proposito di questo documento

12

Link alla strategia 2020


Da dove vengono le linee guida si inseriscono nella politica IFRC?

Definizione, tendenze e fatti e cifre


Definizione di primo soccorso
I progressi e le tendenze in pronto soccorso: la salute basato sulla comunit e primo soccorso in azione
Numero di persone ha raggiunto

Processo di sviluppare queste linee guida


Sintesi di fondamento scientifico e le linee guida
adattamento locale
Sviluppo futuro

Principi generali
la preparazione dei cittadini in caso di calamit ed emergenze quotidiane
Prevenzione
Sicurezza personale
Collegamenti con altri sanitaria
Aggiornamento e riqualificazione
popolazioni target ei loro sostenitori
Etica

educazione
introduzione
Qual efficace formazione di primo soccorso?
Fondazione per l'istruzione di primo soccorso
L'efficacia della formazione di primo soccorso sui risultati delle vittime
La motivazione del discente
L'efficacia di utilizzare diverse modalit di apprendimento
apprendimento basati su scenari e la simulazione
formazione di primo soccorso per i bambini
Misurare i risultati
Conclusioni

Approccio generale
introduzione
Valutazione
posizionamento Casualty
Chiamare aiuto, SME o ulteriore aiuto
somministrazione di farmaci

12
13

15
15
15
16

17
18
20
20

21
21
22
22
23
23
24
24

25
25
28
29
32
33
34
37
38
39
40

42
42
43
44
45
46

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Primo soccorso per condizioni mediche


reazione allergica e la seconda dose di adrenalina per anafilassi
Avvelenamento
difficolt respiratorie
Dolore al petto
Ictus
La disidratazione e disturbi gastrointestinali
Convulsioni
Febbre
Diabete e ipoglicemia trattamento
Uso dell'ossigeno
Shock e la posizione ottimale per lo shock
stato mentale alterato e non risponde
svenimenti
Groppa

Primo soccorso per le lesioni


ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo
Burns
emorragia
Amputazione
Concussione
Cervicale restrizione di movimento della colonna vertebrale
Petto e lesioni addome
lesioni delle estremit
Ferite e abrasioni
avulsion Dental
Lesioni a causa di esposizione chimica

48
48
50
54
55
57
60
63
64
66
68
69
71
72
72

74
74
79
81
84
84
87
89
90
91
93
94

problemi di salute ambientale

97

problemi di salute causati dal freddo


I problemi di salute causati da alta quota
emergenze radiazioni

97
100
101

Pronto soccorso per i danni connesse agli animali


morsi di animali
Morsi di serpente
punture di medusa
punture di insetti o punture

Annegamento e le immersioni subacquee malattia da


decompressione
processo di annegamento
lesione del rachide cervicale tra vittime annegamento
Immersioni malattia da decompressione

Rianimazione
introduzione
Arresto cardiaco
defibrillazione precoce
Rianimazione nei bambini
Ritenuta di rianimazione in caso di pre-traumatico ospedale cardiopolmonare arresto
I metodi di fornitura di ventilazione

104
104
105
107
110

113
113
118
119

122
122
122
125
125
130
131

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Psicologica di primo soccorso

135

introduzione
principi psicologici di primo soccorso
tecniche di comportamento violento de-escalation
Attacco di panico
stress estremo e disturbo da stress post-traumatico
ideazione suicidaria

135
137
138
140
141
143

Riferimenti

145

appendice

181

Appendice 1: dati dell'indagine globali sul pronto soccorso


Allegato 2: Tabella riassuntiva degli argomenti revisione

181
184

Nota: Informazioni mediche cambia continuamente e, pertanto, non deve essere considerato aggiornate, complete o esauriente.
Si consiglia di non fare affidamento sulle informazioni in queste linee guida per raccomandare un corso di trattamento-mento
per te o qualsiasi altro individuo; Cos facendo esclusivamente a proprio rischio.
Queste linee guida forniscono informazioni generali solo per scopi didattici. Essi non sono progettati per e non forniscono
consulenza medica, diagnosi professionale, opinione, trattamento o servizi. Essi non sono un sub-sostitutivi per le cure mediche
o professionale, e le informazioni non devono essere utilizzati come alternativa ad una visita, chiamata, la consultazione o la
consulenza di un medico o altro operatore sanitario. La Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa
non ritenuta responsabile per qualsiasi consiglio, ciclo di trattamento, la diagnosi o qualsiasi altra informazione, i servizi o il
prodotto si ottiene attraverso queste linee guida.

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Ringraziamenti
Il comitato direttivo della Federazione Internazionale della Croce Rossa e
Mezzaluna Rossa (IFRC) Evidence-Based Network:
David Markenson, MD
American Red Cross
Philippe Vandekerckhove, MD . .
. . . . . . . . . . . PhD, della Croce Rossa belga
Pascal Cassan, MD
IFRC globale Primo Centro di Riferimento soccorso
Il seguente squadra, oltre al comitato direttivo, ha coordinato la
Evidence-Based Network:
Jeffrey L. Pellegrino, PhD, MPH
Susanne Schunder-Tatzber, MD . . . . . . . . . . . . . .
Emmy De Buck, PhD, Centre for Evidence-Based Practice
Viv Armstrong, MD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Emily Oliver . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Andrew MacPherson, MD . . . . . . . . . . . . . . . . .
Daniel Meyran, MD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gabor Gbl, MD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

American Red Cross


Rossa austriaca
Belgian Red Cross
.
. British Red Cross
..
. British Red Cross
..
Croce Rossa Canadese
. . Croce Rossa francese
Croce Rossa ungherese
. Croce

Il seguente squadra IFRC ha partecipato al Comitato internazionale di collegamento on


Resuscitation (ILCOR) processo, che ha sviluppato la prima Consensus aiuti
su Science:
Richard Bradley, MD . . . . . . . .
American Red Cross
............
David Markenson, MD
American Red Cross
Jeffrey L. Pellegrino, PhD, MPH
American Red Cross
Linda Quan, MD
American Red Cross
Richard Rusk, MD, MPH . . . . . .
American Red Cross
............
S. Robert Seitz . . . . . . . . . . . .
American Red Cross
...........
Nici Singletary, MD . . . . . . . . .
.
American Red Cross
...........
Christina Hafner, MD . . . . . . . .
Croce
Rossa austriaca
........... .
Susanne Schunder-Tatzber, MD . .
Croce
Rossa austriaca
............ .
Emmy De Buck, PhD, Centre for Evidence-Based Practice
Belgian
Red Cross
.
Philippe Vandekerckhove, MD, PhD
Belgian Red Cross
Andrew MacPherson, MD . . . . . .
Croce Rossa Canadese
...........
Gabor Gbl, MD . . . . . . . . . . .
Croce
Rossa ungherese
...........
IFRC globale Primo Centro di Riferimento
Pascal Cassan, MD
soccorso
I seguenti rappresentanti provenienti da tutta la Mezzaluna Rossa Movimento di Croce Rossa
hanno partecipato ai lavori della Rete Evidence-Based sia come membri o collaboratori e / o in
frequentare alcune delle riunioni svolte a
preparare la scrittura di queste linee guida:
Dubl T. Martin . . . . . . . .
. Antigua e Barbuda Rossa Croce
Melisa Pasquali . . . . . . . . . . .
.
.. ....
..
..
. Argentino Croce Rossa
Cornel Binder-Kriegelstein, PhD
Croce Rossa austriaca
Christina Hafner, MD . . . . . . . .
Croce Rossa austriaca
.
..
... ..
..
..
Supriya Saha . . . . . . . . . . . .
. Bangladesh Mezzaluna Rossa
..
..
Denis Larger, MD . . . . . . . . . .
Bataillon de Marins Pompiers de Marseille
..
Vere Borra, PhD . . . . . . . . . . .
Belgian Red Cross
.
.. ....
..
..
. .
Matthieu Clarysse . . . . . . . . . .
Belgian Red Cross
.
..
... ..
..
.. .
Sylvie Libotte . . . . . . . . . . . .
Belgian Red Cross
..
..
... ..
..
. .
Axel Vande Veegaete . . . . . . . . . . . . . .
. . . .Belgian Red Cross
. . .. . . . .
... ...
Hans Van Remoortel, PhD
Belgian Red Cross
Maggi Aslet
British Red Cross
Andrew Farrar . . . . . . . . . . . .
British Red Cross
.
..
... ..
..
.. .
Piers Flavin . . . . . . . . . . . . . .
British Red Cross
.
..
... ..
..
.. .
Jane Hasler . . . . . . . . . . . . . .
British Red Cross
.
..
... ..
..
.. .

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016


David McKinney
Joe Mulligan . . . . . . . .
Tracey Taylor . . . . . . . .
Pencho Penchev . . . . . .
Charles Manirambona
Don Marentette . . . . . .

British Red Cross


Red Cross
. British Red Cross
.........
...... . .
Croce Rossa Bulgara
..........
...... .
Burundi Croce Rossa
Croce Rossa Canadese
..........
...... .
. Societ della Croce Rossa della Cina - Filiale di Hong
grazia Lo . . . . . . . . . .
Kong
Yuet Chung Axel Siu, MD . . Societ della Croce Rossa della Cina - Filiale di Hong Kong
Thompson Leung . . . . . . Societ della Croce Rossa della Cina - Filiale di Hong Kong
Croce Rossa
Kristiina Myllyrinne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
finlandese
Augustin Baulig, PhD
Croce Rossa francese
Hripsime Torossian . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Croce Rossa francese
Christoph Mller, Diploma Educazione Scientist . . . . . .
Croce Rossa tedesca
Eric Berne, MD . . . . . . . . . .
Comitato internazionale della Croce Rossa
Nana Wiedemann . . . . . . Centro di riferimento IFRC per il supporto psicosociale
La societ irlandese Croce
Niamh O'Leary
Rossa
Eun Young Park . . . . . . . . . .
. La Repubblica di Corea Nazionali di Croce Rossa
Rosabelle B. Chedid, MSc . . . .
. . .Croce Rossa Libanese
......
...
. .
. Societ della Croce Rossa del
Alick Msusa . . . . . . . . . . . .
Malawi
......
..
.
Societ della Croce Rossa del
Khin Khin Shein
Myanmar
Natasja Oving
La Croce Rossa Paesi Bassi
Cees van Romburgh
La Croce Rossa Paesi Bassi
Peter Paul Tenthof van Noorden
La Croce Rossa Paesi Bassi
Amna Khan, MD . . . . . . . . .
. Pakistan Mezzaluna Rossa
......
Jos Manuel Almeida do Couto
Croce Rossa portoghese
Ljubica Aleksic, MD . . . . . . . .
......
..
. . . La Croce Rossa della Serbia
Lars Adamsson
Croce Rossa svedese
Christoph Bosshard . . . . . . . . . . .
. . . . . . . Croce Rossa Svizzera
.........
.... . ..
Paul Bitex Okot, MPH
Societ Uganda Red Cross
Ayikanying Morris . . . . . . . .
. Societ Uganda Red Cross
......
...
Barbara Juen, PhD . . . . . . . .
Universit di Innsbruck
......
...
. .
Mohammed Al Fakeeh . . . . . .
Yemen Mezzaluna Rossa
......
..
..........

......

. .

. British

La partecipazione e / o di lavoro basate su prove di ieri e di oggi delle organizzazioni e delle


agenzie di follow-zione sono stati preziosi per lo sviluppo di queste linee guida:
Centro della Croce Rossa belga per Evidence-Based Practice (CEBaP)
European Resuscitation Council
First Aid Education Network europeo
IFRC globale di primo soccorso Centro di riferimento (GFARC)
Centro di riferimento IFRC per il supporto psicosociale
Internazionale First Aid Science Advisory Board
Comitato di collegamento internazionale on Resuscitation (ILCOR)
Consiglio scientifico consultivo della Croce Rossa Americana
Vorremmo ringraziare i seguenti colleghi per i loro sforzi instancabili esemplari e nel tradurre
le valutazioni scientifiche in esecuzione
Considerazioni di questo documento:
Emmy De Buck, PhD . .
Centre for Evidence-Based Practice, belga Croce Rossa
Emily Oliver . . . . . .
. . . . . . . . . . . . .British Red Cross
........
Salom Boucif
Croce Rossa francese
IFRC globale Primo Centro di Riferimento
Jean-Daniel Fraud . .
soccorso
........
Desideriamo anche riconoscere i pronto soccorso manager, formatori e volontari che attueranno
queste informazioni nei programmi che progettare e fornire, e le innumerevoli persone che
utilizzeranno queste informazioni e le competenze per salvare vite umane.

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida


2016

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Prefazione
Un giovane volontario tratta di un soldato ferito in una battaglia infuria intorno a loro. Un
volontario benda la testa di una giovane ragazza a seguito di un terremoto. Un gruppo di
volontari tendono ad i sopravvissuti di un crollo dell'edificio.
Primo soccorso fondamentale per la nostra identit di tutto il mondo. Per molte persone,
quando pensano della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, pensano dei nostri volontari in
prima linea delle crisi umanitarie, curare i feriti e malati, o della formazione che forniamo nelle
scuole, centri comunitari, e luoghi di lavoro .
I membri della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC)
sono alcuni dei principali fornitori di primo soccorso in tutto il mondo. Per pi di 150 anni, il
pronto soccorso stato uno dei principali servizi forniti da Croce Rossa e Mezzaluna Rossa
volontari di feriti.
Ogni anno, Croce Rossa Mezzaluna Rossa Nazionali ferroviaria nazionale oltre 15 milioni di
persone in pronto soccorso. Ci sono attualmente pi di 180.000 attivi formatori primo aiuto al
servizio delle loro comunit, rendendo pronto soccorso a disposizione di tutti.
Perch cos importante? Perch quando un disastro, senza first responder in grado di
rispondere pi rapidamente un vicino di casa o un familiare. E quando questo per-figlio sa di
primo soccorso, la crisi pu essere evitata, e la vita pu essere salvata.
Per pi di 100 anni, la Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa stato un leader mondiale nella
creazione di standard di formazione e per lo sviluppo di procedure e linee guida. Basandosi
sulla vasta esperienza che abbiamo contribuito a plasmare la comprensione del mondo di, e
l'approccio alla, pronto soccorso.
Le linee guida internazionali di primo soccorso e rianimazione 2016 sono progettati per aiutare
le Societ Nazionali espandere il loro lavoro in questo importante settore. Costruiscono sulla
nostra vasta esperienza, e disegnare su prove che sono state raccolte nel corso degli ultimi due
decenni, la prova tratto dalla letteratura esistente, programma valu-azioni, e la consulenza da
parte di esperti.

Le 2016 linee guida sono rivolte a dirigenti di primo programma di aiuti Societ Nazionali e
dei loro organi consultivi di primo soccorso. Societ Nazionali possono usare queste linee
guida per aggiornare i loro materiali di primo soccorso, l'istruzione e le competenze in accordoANCE con i pi recenti standard internazionali basati sull'evidenza. Ogni argomento all'interno
di questo documento include una introduzione e sintesi delle scoperte scientifiche, linee guida
evidence-based e le considerazioni di attuazione per le Societ Nazionali di adattarsi e di
applicare in base alle loro esigenze locali, le circostanze e la legislazione del governo. Questo
documento rappresenta il primo stadio nel tentativo IFRC ongo-zione di fornire le Societ
Nazionali con guida evidence-based per il pronto soccorso, la rianimazione e l'educazione
attraverso l'opera della nostra rete Evidence-Based.
strategia 2020 invita tutti noi a fare di pi, fare meglio e raggiungere ulteriormente. Pronto
soccorso rimane uno strumento chiave per ridurre morti e feriti, e della costruzione di comunit
pi sicure e pi resistente.

Elhadj Come
Sy
Segretario generale IFRC

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Abbreviazioni
AMS

Acute Mountain Sickness

ABCDE

Vie aeree, la respirazione, la circolazione, la disabilit, l'esposizione

AED

Defibrillatore Automatico Esterno

ET

embolia gassosa arteriosa

BVM

Bag-valve-mask

BLS

Sostegno di base alle funzioni vitali

CPR

rianimazione cardiopolmonare

CEBaP

Centro della Croce Rossa belga per Evidence-Based Practice

CPSS

Cincinnati Pre-Hospital Stroke Scale

CBHFA

salute su base comunitaria e di primo soccorso

DOI

Identificatore di oggetto digitale

DAN

Diver Alert Network

SME

servizi medici di emergenza

VELOCE

Viso, braccia, la parola e il tempo

FBAO

ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo

GCS

Glasgow Coma Score

GFARC

Globale Primo Centro di Riferimento soccorso

HACE

Alta quota edema cerebrale

HAPE

edema polmonare d'alta quota

IASC

Inter Comitato permanente dell'Agenzia

CICR

Comitato internazionale della Croce Rossa

IFRC

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

ILCOR

Comitato di collegamento internazionale sulla rianimazione

KPSS

Kurashiki pre-ospedaliero Stroke Scale

LAPSS

Los Angeles pre-ospedaliero Stroke Scale

mTBI

Minori lesioni cerebrali traumatiche

OPSS

Ontario pre-ospedaliero Stroke Scale

ORS

sali di reidratazione orale

PLR

innalzamento gamba passiva

ROSIER

Il riconoscimento di ictus al pronto soccorso

CAMPIONE

Segni e sintomi, allergie, farmaci, storia medica, ultimo pasto, evento

Il movimento

La Mezzaluna Rossa Croce Rossa

TIA

Attacco ischemico transitorio

TTM

modello transtheoretical di cambiamento di comportamento

VF

Fibrillazione ventricolare

10

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

01. introduzione

01.

introduzion
e
indietr
o al
Sommario

Pronto soccorso rimane una zona centrale della Federazione Internazionale della Croce Rossa e
della Mezzaluna Rossa (IFRC). L'IFRC un importante educatore di primo soccorso e proprovider in tutto il mondo. Quasi tutti i 190 Croce Rossa Mezzaluna Rossa Nazionali hanno
pronto soccorso come loro attivit principale, e primo soccorso, l'atto di salvare una vita, centrale ai principi fondamentali.

La IFRC ritiene che il primo soccorso un primo passo fondamentale per fornire un intervento
rapido ed efficace che pu aiutare a ridurre lesioni e sofferenze e migliorare le possibilit di
sopravvivenza. Prendendo un'azione immediata e l'applicazione di misure corrette ed
appropriate di primo soccorso fa la differenza. Avendo formazione di primo soccorso di alta
qualit, a base di evi-denza a disposizione di persone in tutto il mondo contribuisce a costruire
comunit pi sicure e pi sani per la prevenzione e la riduzione dei rischi in situazioni di
emergenza e di calamit quotidiane.

I sostenitori IFRC per il primo soccorso per essere accessibile a tutti e che almeno una persona
in ogni nucleo familiare ha accesso all'apprendimento di pronto soccorso a prescindere dal loro
status socio-economico o di altri potenziali fattori discriminatori.

11

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

02.

A proposito di
questo documento
indietr
o al
Sommario

Questo documento valuta e relazioni sulla scienza dietro di pronto soccorso e Resus-citazione.
Gli orientamenti di primo soccorso e rianimazione International (di seguito le linee guida) sono
stati prodotti con l'obiettivo principale di promuovere harmoniza-zione di pratiche di primo
soccorso tra la Mezzaluna Rossa Societ Nazionali della Croce Rossa e di fornire una vera e
propria prova-base a queste pratiche. Fa parte della qualit Assur-ANCE per garantire che il
pubblico in generale e dei volontari ricevono una formazione di primo soccorso secondo le
norme IFRC e di stabilire, a tempo debito, la certificazione IFRC internazionale di primo
soccorso.

Queste linee guida non sostituiscono i manuali di primo soccorso e materiali didattici associati,
ma servono come base per lo sviluppo e l'aggiornamento di manuali di pronto soccorso,
rianimazione programmi, applicazioni, informazioni pubbliche e materiali Educa-zionale
associati. Societ Nazionali dovrebbero adattare queste linee guida in base alle esigenze per i
loro contesti locali (cultura, la lingua, le abitudini, ecc), contesto giuridico, locale preva-lenza
di lesioni o malattie e le proprie capacit (si vedaadattamento locale). Inoltre, queste linee
guida e recensione prove servono come un ottimo riferimento per istruttori di primo soccorso, i
soccorritori e le loro agenzie.

Link alla strategia 2020


In linea con strategia 2020, Croce Rossa Mezzaluna Rossa nazionali si impegnano a fare di
pi, fare meglio e raggiungere ulteriormente. Queste linee guida forniscono le Societ
Nazionali di una base solida di fare meglio in pronto soccorso.
Con la tendenza globale verso una maggiore urbanizzazione, l'impatto negativo sulla salute in
aumento, in particolare tra le comunit pi vulnerabili. La promozione di pronto soccorso e
l'utilizzo di tecniche di prevenzione collaudate per affrontare alcune di queste sfide pu
costruire la capacit delle comunit locali e le Societ Nazionali sia in preparazione e risposta.
Questo sforzo colma la risposta iniziale dei volontari di primo soccorso e il pubblico per il
sistema sanitario formale salvare vite umane.

12

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

02. A proposito di questo documento

Da dove vengono le linee


guida si inseriscono
nella politica IFRC?
In primo aiuto deve essere consegnato utilizzando up-to-date, le linee guida evidence-based e
delle migliori pratiche. La IFRC supporta le Societ Nazionali e partecipa allo sviluppo di
tecniche armonizzate di primo soccorso in conformit con la ricerca scientifica, gli standard
internazionali, le linee guida di buone pratiche e le misure di servizi di qualit. Tutto questo
collegato con una buona politica di implementazione devel-pato attraverso un ampio processo
intergovernativo e inter-associativo consultivo istituito a livello regionale e nazionale.

Per fare questo, l'IFRC imposta alleanze con enti scientifici, esperti di salute pubblica e
specialisti pedagogiche. Le informazioni risultanti comprende tendenza e analisi della
situazione e gli ultimi sviluppi evidence-based nel campo della formazione di primo soccorso.
Queste linee guida, nonch il consenso su Science in pronto soccorso sono state sviluppate
utilizzando questo processo.

La Conferenza internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (8-10 Dicembre
2015) 32 ha approvato una risoluzione sugli aspetti giuridici di primo soccorso a:
Incoraggiare gli Stati a promuovere periodicamente aggiornata formazione di primo soccorso
in tutto il ciclo di vita dei loro cittadini, in particolare attraverso la formazione obbligatoria
per i bambini delle scuole e degli insegnanti e, alla capacit gradi consente, per i candidati
patente di guida.
Incoraggiare gli Stati ad adottare e aggiornare regolarmente linee guida ufficiali per quanto
riguarda il contenuto minimo dei programmi di formazione di primo soccorso, tenendo conto
delle norme gi in uso, tra cui le linee guida di primo soccorso e resuscita-zione IFRC
internazionali, nonch i risultati delle valutazioni d'impatto.
Incoraggiare gli Stati a prendere in considerazione tutte le misure necessarie per incoraggiare
la fornitura di primo soccorso da laici con una formazione adeguata, compresa, se approcaso, istituire la protezione dalla responsabilit per i loro sforzi in buona fede e garantire che
essi sono consapevoli di questa protezione.
Invita membri di scambiare le buone pratiche in questo settore e chiede Societ Nazionali e
la Federazione Internazionale per sostenere gli Stati interessati a valutare e, se necessario, il
rafforzamento delle loro quadri giuridici esistenti relativi al primo soccorso.

Come concordato nel risoluzione, Queste linee guida sono uno strumento di riferimento che
con-tributo per l'armonizzazione dei programmi di istruzione e di formazione di primo
soccorso in tutto il mondo e assicurare che questi sono basati sulle pi recenti prove e
informazioni.

Viene fatta una distinzione tra l'armonizzazione e la standardizzazione. L'inten-zione non


quello di avere una tecnica per ogni situazione, ma piuttosto di avere un consenso sui principi
minimi concordati sulla base di revisione critica delle prove avvalersi-grado e le informazioni
apprese dalle esperienze della Mezzaluna Rossa Croce Rossa (Movimento ). Questo per
garantire che tutti i pronto soccorso pro-prestatori praticare le tecniche di salvataggio evidencebased.

13

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Diversi parametri guidati questi sforzi di armonizzazione. I principali quelli con-SIST delle
seguenti:
La promozione e inclusione di primo soccorso basata sulle prove, rianimazione e approcci
educativi.
La necessit di diffondere ulteriormente le tecniche coerenti di primo soccorso e
rianimazione, conoscenze e pratiche.
Il focus didattico sul mantenimento delle competenze e infondere fiducia ad agire.
I continui scambi transfrontalieri a causa di:
- migrazione, che porta alla miscelazione delle popolazioni;
- turismo e viaggi d'affari, mettendo le persone in ambienti diversi;
- all'uso di Internet, in grado di supportare l'auto-apprendimento e di confronto tra le aree.
Le differenze tra le tecniche che non sono giustificate da una evidenza scientifica o
esperienze sul campo.
Il ponte necessario tra conoscenza scientifica e la sua applicazione in situazioni diverse che
diversa dalla condizione di ricerca.

14

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

03. Definizione, tendenze e fatti e cifre

03.

Definizione, tendenze e
fatti e cifre
Definizione di primo soccorso

indietr
o al
Sommario

Primo soccorso l'immediata assistenza fornita ad un malato o ferito fino all'arrivo dei
soccorsi. E 'preoccupato non solo con danni fisici o mal-ness, ma anche con altre prime cure,
incluso il supporto psico-sociale per le persone che soffrono di stress emotivo causato da
sperimentare o ne sia testimone di un evento trau-matic. interventi di primo soccorso cercano di
"preservare la vita, alleviare la sofferenza, prevenire ulteriori malattia o infortunio e
promuovere la ripresa".1

Questo documento si riferisce al provider di primo soccorso: questo dovrebbe essere intesa
come un laico con conoscenze di pronto soccorso di base e competenze.
Questo documento si riferisce anche alla persona che richiede cura, come una vittima. Societ
Nazionali dovrebbe usare il termine appropriato secondo il loro contesto locale per descrivere
la persona bisognosa di cure (il paziente, vittima etc.).

I progressi e le tendenze in pronto


soccorso: la salute basato sulla
comunit e primo soccorso in
azione
Oltre a difendere per la formazione e misure di base di primo soccorso per salvare vite umane,
l'IFRC crede fermamente che il pronto soccorso dovrebbe essere parte integrante di un
approccio di sviluppo pi ampio. Questo approccio si concentra sulla prevenzione, per costruire
comunit pi sicure e pi resistente, e sul miglioramento della capacit a lungo termine per il
miglioramento dei programmi di salute e lo sviluppo della comunit.Comunit-salute based e
strumenti di primo soccorso (CBHFA) includere una guida all'implementazione, 'guida,
volontari facilitatori strumenti manuali e comunitari che possono essere facilmente utilizzati in
campo.

Comitato internazionale di
collegamento on
Resuscitation (ILCOR) 2015

15

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Numero di persone ha raggiunto


Nel 2009, 21 Societ Nazionali in Europa formato pi di 2,3 milioni di persone. Durante lo
stesso periodo, 7 milioni di persone sono state formate nei corsi di primo soccorso certificati in
tutto il mondo.
Nel 2014, circa 15 milioni di persone sono state formate per il primo soccorso da Croce Rossa
Mezzaluna Rossa Nazionali in 116 paesi in tutto il mondo da pi di 180.000 formatori attivi di
primo soccorso (vedi appendice 1 per i dati:sondaggio globale i dati sul primo soccorso).
Ogni anno, pi di 50 Croce Rossa Mezzaluna Rossa Societ Nazionali sono attivi durante la
Giornata Mondiale di pronto soccorso che si tiene ogni anno il secondo Sabato del mese di
settembre. Pi di 20 milioni di persone sono raggiunti a livello globale ogni anno, e pi di
700.000 volontari e personale mobilitati.
La mezzaluna rossa Societ Nazionali della Croce Rossa hanno una lunga storia di comunit
Imple-Menting programmi e servizi sanitari. CBHFA un approccio implementato da 109
Croce Rossa Mezzaluna Rossa Nazionali. strumenti CBHFA sono adattate e tradotte in 46
lingue. CBHFA autorizza le comunit e volontari di essere responsabili della propria salute
mediante l'applicazione di approcci basati sulla comunit per la promozione della salute, il
cambiamento di comportamento, la prevenzione primaria, la mobilitazione sociale e cultura
della salute. Dal 2011 al 2014, la Mezzaluna Rossa Societ Nazionali di Croce Rossa
addestrate 127,703 volontari e 5.148 facilita-tori in CBHFA a livello di filiale e comunitaria,
che ha pi di 20 milioni di persone con i servizi sanitari della comunit.
In tal modo, ogni anno pi di 46 milioni di persone sono raggiungibili con Croce Rossa
Societ Nazionali mezzaluna rossa con pronto soccorso e messaggi di prevenzione sanitaria.

16

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

04. Processo di sviluppare queste linee guida

04.

Processo di sviluppare
queste linee guida
indietr
o al
Sommario

Le linee guida nazionali di primo soccorso sono stati sviluppati da Croce Rossa Mezzaluna
Rossa Societ Nazionali per pi di 100 anni. Per pi di 20 anni molti di Croce Rossa Mezzaluna
Rossa Nazionali hanno avuto processi basati su prove e pubblicato linee guida basate sulla
stessa. Nel 2011, l'IFRC ha pubblicato le sue prime linee guida evidence-based sulla base di
Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Nazionale esperienze.

Ha intrapreso il processo di sviluppo di queste linee guida nel 2013. Ci ha incluso


l'identificazione coordinatori di aree disciplinari, che determina un elenco di argomenti da
affrontare, individuando revisori prove, la catalogazione dei processi basati su prove esistenti,
revisione da parte di Societ della Croce Rossa e tenere riunioni di pianificazione. Inoltre, a
partire dal 2013, IFRC ha partecipato ad una collaborazione strategica con il Comitato
internazionale di collegamento on Resuscitation (ILCOR), in particolare il pronto soccorso
Task Force, oltre a diversi altri gruppi di lavoro, compreso il Basic Life Support (BLS).
GFARC e il belga Centro della Croce Rossa per la Evidence-Based Practice (CEBaP) hanno
collaborato con esperti di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Societ Nazionale di Croce Rossa
americana, austriaca Croce Rossa, Croce Rossa canadese, francese Croce Rossa e Croce Rossa
ungherese nel ILCOR task force.

Queste linee guida sono state sviluppate sulla base dei principi della pratica basata sulle
evidenze, rappresentati nella figura 1.

Figura 1. Approccio per lo sviluppo di una linea guida


evidence-based.
Migliore
disponibile
prova scientifica

Preferenze e
risorse disponibili
del gruppo target

Pratica
basata sulle
evidenze
L'esperienza pratica e la
competenza di esperti del
settore

In primo luogo, i migliori dati scientifici disponibili sono raccolte attraverso database di ricerca per gli studi
scientifici. Successivamente, l'esperienza pratica e la competenza di esperti provenienti dal mondo e le
preferenze e le risorse disponibili del gruppo target (i fornitori di primo soccorso e le persone che ricevono il
primo soccorso) sono integrati per formulare raccomandazioni.

17

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Dopo aver sviluppato la lista di argomenti e questioni da affrontare, il primo passo nello
sviluppo di linee guida basate su prove era quello di raccogliere le migliori prove scientifiche
risultato fattibile. Il Movimento stato un leader nel campo della scienza di primo soccorso, tra
cui processo di annegamento la rianimazione, l'educazione e la pratica. Societ Nazionali,
mentre gli esperti in rianimazione nel loro diritto, hanno tradizionalmente lavorato in
collaborazione con i consigli di rianimazione locali e loro genitori organo-zazione, ILCOR a
rianimazione cardiopolmonare (CPR), defibrillatore automatico esterno (AED) e BLS.

Oltre alla revisione evidenza primaria di argomenti, riassunti dal CEBaP, la Croce Rossa
Advisory Council Scientific American e la Rete IFRC Evidence-Based sono inclusi come base
per le raccomandazioni in queste linee guida. Infine, la task force ILCOR di primo soccorso,
che include la rappresentanza di Croce Rossa Societ Nazionali e CEBaP, ha lavorato su 22
diversi quesiti di ricerca relativi a pronto soccorso che sono integrati in queste linee guida.

Come parte del processo, la Rete Evidence-Based ha organizzato due meet-Ings iniziali, uno a
Londra (ospitato dalla Croce Rossa britannica, marzo 2014) e una a Parigi (ospitato dalla Croce
Rossa francese, ottobre 2014), con il scopo di:
(1) Avvio del processo di elaborazione degli orientamenti;
(2) La formazione dei nuovi membri della rete Evidence-Based nella metodologia basata sulle
evidenze; e
(3) Lo sviluppo di sintesi prove.
Sulla base delle fonti disponibili di prova, progetti di raccomandazione sono state formulate dai
diversi coordinatori della rete Evidence-Based argomento. si sono tenute le conferenze mensili
a riferire sui progressi compiuti. Nel mese di ottobre 2015, una riunione si tenuta a Praga con
i coordinatori dei sottogruppi (ospitati dal GFARC con la cooperazione amichevole della
Repubblica Croce Rossa) a prendere in considerazione le conclusioni prove ed esperienze
pratiche e per discutere proposte racco-mandazioni, tenendo conto del gruppo target di queste
linee guida.

Nel mese di gennaio 2016, un incontro finale di consenso si tenuto a Mechelen (ospitato dalla
Croce Rossa belga), a considerare come i diversi target di utenza nelle varie con-testi di tutto il
mondo potrebbero applicare queste linee guida. Al fine di includere una prospettiva campo e
garantire che queste linee guida sono appropriate e pertinenti per l'utente finale, tre
rappresentanti di ogni regione IFRC (Africa, America, Asia e Pacifico, Europa, Medio Oriente
e Nord Africa) hanno partecipato a questo incontro. Questo ha aggiunto valore al processo e
dimostra che queste linee guida sono radicati saldamente nel contesto di applicazione pratica.
Questo aspetto di fondamentale importanza per il movimento. Insieme con i rappre-tivi delle
diverse regioni, i punti finali di buone pratiche e considerazioni di implementazione sono state
formulate. Questa parte del processo riconosce il valore, la qualit e l'importanza del legame tra
scienza e la pratica.

Sintesi di fondamento scientifico e


le linee guida
Per ogni argomento viene fornita una sintesi di fondamento scientifico. Nella ricerca di prove:
(1) studi umani sono stati preferiti rispetto studi su animali;
(2) Gli studi sugli interventi forniti da laici (cio di primo intervento di base, laici operatori
sanitari e / o operatori sanitari di comunit) sono stati preferiti rispetto inter-convenzioni
eseguiti da professionisti del settore sanitario; e

18

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

04. Processo di sviluppare queste linee guida

(3) Sono stati esclusi gli studi sugli interventi che richiedono attrezzature o competenze
speciali.
Per passare dalla fondazione scientifica per la creazione di linee guida specifiche, la qualit
delle prove, i benefici, i danni, i rischi, le preferenze e le spese sono stati tutti presi in
considerazione. La qualit delle prove basata su limitazioni nel disegno dello studio (ben
progettato, studi prospettici controllati randomizzati iniziano con un pi elevato livello di
qualit di studi osservazionali), incoerenza tra studi e indirectness delle prove.
Tutte le linee guida sono classificati come ** (forte) o * (debole) raccomandazione o come un
buon punto di pratica. Per una forte raccomandazione, l'evidenza di benefici fortemente supera
le prove di danni. Per una raccomandazione debole evi-denza relativi alle prestazioni debole
o gli studi condotti erano su piccola scala. Non vi era o no o debole evidenza di danno che
stato superato dalla prova del beneficio o apprezzabile incertezza esistente circa l'entit di Benfici e dei rischi. La tabella 1 fornisce una panoramica dei tipi di linee guida e le implicazioni
per la pratica.
Dove sono prove chiare erano disponibili o mancanti, ma la pratica clinica o l'opinione degli
esperti disponibile, i punti di buona pratica sono state formulate sulla base del espe-za delle
Societ Nazionali di tutto il mondo.

Tabella 1. Panoramica dei tipi di linee guida e implicazioni per la pratica


Forza di guida
e termini utilizzati

Descrizione e
forza delle prove

** raccomandazione
termini: deve / dovrebbe
(O deve / non dovrebbe)

UN forte raccomandazione
Benefici superano fortemente la
Harms
Questa raccomandazione la
pi azioni appropriate

* raccomandazione
termini: pu, potrebbe
(O non raccomandato)

UN debole raccomandazione
Benefici e rischi e
oneri sono finemente bilanciato o
esiste apprezzabile incertezza
circa la grandezza dei benefici
e rischi
C' qualche incertezza
per quanto riguarda la pi appropriata
azione e diverse scelte possono
opportuno

Prudente da seguire, ma si dovrebbe


rimanere attenti alle nuove pubblicato
prova che chiarisce l'equilibrio
di beneficiare contro danni

Buon punto di pratica


termini: possono anche
contenere
formulazione attiva come ad
esempio
'Dovrebbe', 'must'.

Sulla base di buon senso, buona

Un punto di buone pratiche si basa su

pratica o (molto) di bassa qualit


prove, parere di esperti, etc.
Un importante punto di pratica per
che raggiunge gruppo di esperti
un consenso e nessuno probabile
metterla in discussione

implicazioni
Deve essere seguita a meno che una
chiara
e le motivazioni convincenti per un
approccio alternativo presente

il buon senso e il consenso,


tuttavia potrebbero essere sensibili a
contesto

19

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

adattamento locale
Quando si utilizzano queste linee guida, Societ nazionali dovrebbe prendere in considerazione
il loro specifico profilo epidemiologico, sistema di assistenza pre-ospedaliera e la legislazione
in materia di pronto soccorso. Le preoccupazioni per la salute comuni e le lesioni individuate
dal comu-nit o gruppi target specifici devono essere affrontati con particolare attenzione alle
loro credenze culturali e religiose, nonch le risorse disponibili. Questo dovrebbe essere fatto in
collaborazione con un gruppo di consulenza scientifica Societ Nazionale. Come utilizzato in
questo documento, un gruppo di consulenza scientifica pu includere scienziati, esperti medici,
ricercatori, istruttori di primo soccorso e operatori, educatori e rappresentanti delle comunit
locali. Ci pu essere realizzato attraverso partnership con altri, tra cui le Societ Nazionali.

Sviluppo futuro
IFRC si impegna non solo a costruire le competenze di primo soccorso all'interno dei gruppi
vulnerabili, ma anche per lo sviluppo di comunit pi sicure e pi sane. Si continuer a lavorare
con i partner sulle tecniche di primo soccorso e sui fattori che influenzano la disponibilit di
una di lay-persona di fornire il primo soccorso. IFRC vuole sviluppare metodi pi efficaci per
le persone a imparare il primo soccorso e per essere pi sicuri di agire, cos come utilizzare le
migliori metodologie per influenzare il cambiamento comportamentale nella prevenzione
infortuni e l'adozione di stili di vita sani. Per queste ragioni, l'istruzione stata svi-pato come
una parte importante di queste linee guida.
Inevitabilmente, queste linee guida non sono esaustivi. argomenti di primo soccorso che non
sono stati esaminati non sono stati inclusi qui. Per questa edizione, gli argomenti richiesti dalla
Societ Nazionali e altri pensavano di essere attuali e rilevanti sono stati inclusi. Societ
Nazionali dovrebbero allertare il GFARC se ci sono argomenti di cui hanno bisogno di una
prova-base per. La Rete Evidence-Based prender in considerazione queste richieste per il
lavoro futuro.

Riferimenti

20

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

05. Principi generali

05.

Principi generali
indietr
o al
Sommario

la preparazione dei cittadini in


caso di calamit ed emergenze
quotidiane
Inondazioni, incendi, tempeste, terremoti, valanghe, ondate di calore, incidenti industriali, ecc
possono ciascuna avere conseguenze disastrose sulla popolazione. Tali disastri e rischi
tecnologici spesso colpiscono un gran numero di persone (che causano lesioni o morte) e
tendono a ricevere molta attenzione nella comunit. Tuttavia, molte situazioni pericolose
colpiscono gli individui, le famiglie e le comunit su base giornaliera. Questi includono
svenimenti, ustioni, cadute, intossicazioni, annegamento, incidenti stradali, ecc che pu
accadere a casa, a scuola, nei luoghi di lavoro, negozi e su strada tra gli altri luoghi. Le
conseguenze per le persone colpite e dei loro familiari (famiglie, amici, vicini, colleghi di
lavoro, etc.) sono spesso sia fisica che psicologica; questo vero anche per i testimoni della
emergenza, le autorit locali e membri delle organizzazioni che forniscono cure ed assistenza.

Sintesi di fondamento scientifico


La maggior parte dei dati sul modo migliore per valutare e controllare la preparazione dei
cittadini per le emergenze quotidiane o rischi di catastrofe sono presentati nei rapporti o come
parere di esperti. Gli studi con popolazioni ben definite che esplorano la valutazione durante
l'allenamento rianimazione utilizzano una variet di metodi. La mancanza di coerenza nell'uso
dei metodi significa che non possibile trarre conclusioni.

Linee guida
Ci sono dati sufficienti per raccomandare formalmente metodi di allenamento o di diffusione
informazioni specifiche per i cittadini di preparazione. Tuttavia, i messaggi chiave possono
essere evidenziati per l'educazione del pubblico in generale. Innanzitutto, necessario
riconoscere che i cittadini stessi sono al cen-tre dei sistemi di prevenzione e risposta in
situazioni di emergenza. Pertanto, i cittadini devono essere attivi in questi sistemi, al fianco
di autorit e di soccorso, la cura e organizzazioni di assistenza. I cittadini possono
contribuire al loro inizialmente autoprotezione iniziando a esprimere e identificare i loro
rischi e le loro abili-cravatte per controllare tali rischi e per gestire le situazioni di
emergenza.

21

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

considerazioni di attuazione
Per contribuire a diffondere l'idea di auto-protezione, messaggi chiave per Educa-zione
pubblica per la riduzione del rischio di catastrofi devono essere integrati in tutte formazione
ufficiale del IFRC, compresa la formazione di primo soccorso e di educazione.
Per esplorare l'efficienza dei cittadini auto-protezione, sono necessari studi ben disegnati per
confrontare formazione utilizzando la simulazione o altri metodi pedagogici, in particolare
quelli per la formazione di laici. sono necessari anche studi ben progettati sulla effi-vit di
questa formazione nel ridurre l'impatto del disastro all'interno della comunit. La mezzaluna
rossa Societ Nazionali della Croce Rossa pu essere in grado di utilizzare tali studi per
esplorare l'efficacia dell'istruzione in disas-ter e preparazione alle emergenze quotidiana in tutto
il mondo.
I cittadini devono essere preparati ad auto-proteggono prima, durante e dopo situazioni di
emergenza nei seguenti modi:
Prima di un'emergenza per ottenere informazioni e identificazione dei rischi rilevanti,
l'adozione di un comportamento adeguato, l'adozione di misure preventive, e se quelle
correttive necessarie, la formazione di ottenere (ad esempio nelle tecniche di salvataggio),
sotto-standing e rispettando le istruzioni di sicurezza e di sicurezza e la partecipazione ai
programmi di gestione delle situazioni di emergenza (come ad esempio l'analisi dei rischi,
esercizi di simulazione, ecc).
Durante un'emergenza da auto-protegge dalle conseguenze immediate e ogni ulteriore
rischio o di incidente, la realizzazione di adeguate tecniche di primo soccorso, il follow-ing
istruzioni (ad esempio evacuazione), ripristinando i collegamenti sociali (per esempio la
famiglia, gli amici, i vicini, i membri della comunit locale, ecc) e il volontariato e collaborating con salvataggio, cura e assistenza e le organizzazioni.
Dopo una situazione di emergenza mediante l'ottenimento di un'assistenza adeguata (cure,
acqua, cibo, riparo, ecc), essendo psicologicamente e materialmente ripristinato compensata,
volontario-zione per le operazioni di assistenza per la comunit locale e di adattare il
comportamento e le attrezzature sulla base dell'esperienza acquisita e le lezioni apprese.

Prevenzione
Mentre queste linee guida si concentrano sulla formazione e la fornitura di primo soccorso, di
pre-ventilazione un infortunio o malattia sempre meglio che dover trattare. Ogni programma
educativo di indirizzamento di pronto soccorso dovrebbe, se del caso, sono comprensivi sia a
tasso messaggi chiave di prevenzione, condivisi con gli studenti direttamente o indirettamente a
seconda dei casi, a seconda delle loro esigenze e capacit. Ci sono molte societ nazionali con
ottimi programmi di prevenzione al di fuori di formazione di primo soccorso (ad esempio, la
sicurezza dell'acqua, prevenzione delle calamit, la sicurezza stradale e la violenza, il bullismo
e la prevenzione degli abusi).

Sicurezza personale
Quando viene fornito pronto soccorso, la sicurezza degli operatori di primo soccorso deve
sempre essere considerato. Durante la creazione di programmi educativi di primo soccorso,
comprese le informazioni pertinenti sulla sicurezza personale un imperativo. Informazioni
relative alla sicurezza personale generale e si applica a tutte le situazioni, e le risorse variano
tra le regioni. Questi principi generali offrono indicazioni e considerazioni implemen-zione che
si applicano a tutti gli interventi. Questi non sono ripetuti

22

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

05. Principi generali

entro le linee guida di questo documento al fine di mantenere l'attenzione sulle informazioni
specifiche rilevanti per ciascuna raccomandazione.
Le due aree pi importanti della sicurezza personale sono la sicurezza globale e la scena e la
prevenzione della trasmissione di malattie durante la cura.
Mentre i fornitori si stanno preparando a dare assistenza, essi dovrebbero assicurare essi non si
pongono in pericolo, quindi, potenzialmente creando perdite supplementari. fornitori di primo
soccorso dovrebbero entrare aree a rischio (cio che coinvolgono l'acqua, il fuoco, ecc), solo se
sono stati appositamente addestrati per condurre soccorso in questi ambienti. Questo perch
l'ambiente pu essere inizialmente al sicuro, ma le condizioni possono diventare pi pericolosi
o il sito pu essere solo sicuri di entrare per un breve periodo. fornitori di primo soccorso
potrebbe essere necessario rimuovere la vittima (se addestrati a farlo) ad una zona pi sicura
prima di fornire assistenza.
La seconda area di sicurezza personale la prevenzione della trasmissione di malattie, che pu
essere realizzato attraverso l'adesione alle precauzioni universali. Anche se questi possono
variare un po 'tra le Societ Nazionali, sulla base del environ-mento e sulle risorse disponibili,
dovrebbero essere standardizzati e basati sulle migliori evidenze disponibili. Quando il contatto
con sangue e fluidi corporei probabile, si raccomanda l'uso di guanti di nitrile (vinile meno
robusta e lattice pu causare una reazione allergica). L'aspetto pi importante del controllo
delle infezioni buona igiene delle mani, che consiste di frequente lavaggio delle mani e, come
minimo, prima e dopo il rendering cura. Lavare le mani con acqua e sapone. Se acqua e sapone
non sono disponibili, a base di alcool disinfettanti per le mani possono essere usati.

Collegamenti con altri sanitaria


Mentre il primo soccorso pi accessibile e fornisce la cura pi rapido per una persona che
soffre di una malattia o infortunio, solo una parte del continuum di cura. risorse mediche
variano da paese a paese, e le norme nazionali di assistenza possono variare. formazione di
primo soccorso deve affrontare quando tale cura sufficiente, quando la discussione con un
fornitore primario di cura (o l'equivalente per il ENVI-biente e Societ Nazionale) e / o quando
il trasporto immediato alle cure mediche definitiva (o l'equivalente per l'ambiente e Nazionale
necessaria Society). Questi suggerimenti possono variare per ogni regione e Societ Nazionale.

Aggiornamento e riqualificazione
Una sezione aggiornata sul fondamento scientifico ed esperienziale della formazione di primo
soccorso, progettazione del corso, valutazione dei risultati e dei principi incluso in queste
linee guida (vedieducazione). La scienza e l'esperienza dei concetti educativi continuano a
evolversi. IFRC si sforza di continuare a fornire un'istruzione efficace, rel-Evant e su misura
per tutti gli studenti.

Mentre la formazione iniziale un primo passo importante per aiutare le persone e la vita SAVing, mantenendo le competenze attuali e sulla base delle informazioni pi recenti attraverso la
riqualificazione periodica va sottolineato. La forma di aggiornamenti e riqualificazione pu
variare in base al tipo di formazione di primo soccorso acquisite, l'ambiente, le abilit apprese e
le risorse della Societ Nazionale. Il livello e il tipo di riqualificazione necessari possono
variare in base alla profondit e l'ampiezza della prima educazione aiuti forniti.

23

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

popolazioni target ei
loro sostenitori
Con tutti gli sforzi in materia di istruzione di primo soccorso, lesioni e prevenzione delle
malattie e la promozione della salute pubblica, le esigenze di target e le popolazioni vulnerabili,
inclusi quelli con problemi di accesso e le esigenze funzionali, deve essere considerato. devono
essere considerati sia come bersagli per l'istruzione e la formazione di primo soccorso e di
come i destinatari delle misure di primo soccorso I requisiti di questi segmenti della
popolazione. Come Societ Nazionali utilizzare queste linee guida per creare programmi
educativi di primo soccorso, importante per la progettazione di programmi speciali per le
persone che di solito non sono raggiungibili con la formazione. Gli esempi includono quelli
con la lingua, limitazioni socio-economici o educativi, cos come coloro che vivono con una
disabilit o qualsiasi altro valore. Esempi di come Societ Nazionali hanno superato queste
sfide sono compresi nel capitolo istruzione (vedieducazione). Inoltre, quando i corsi sono stati
progettati e realizzati, dovrebbero includere informazioni riguardanti bisogni speciali e persone
vulnerabili che si possono incontrare dal fornitore di cure. Se le risorse lo consentono, corsi che
si rivolgono specificamente queste popolazioni dovrebbero essere progettati.

Etica
L'etica dietro il primo soccorso non si trovano nelle pubblicazioni scientifiche o in studi
randomizzati e controllati. Si trovano in maggiori principi, come ad esempio i Principi
Fondamentali del Movimento: umanit, imparzialit, neutralit, indipendenza, volontariato,
unit e universalit. Nel servire questi principi, ci sforziamo di trattare le persone colpite nel
modo pi umano ed etico.

Riferimenti

24

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

06.

educazione
Questo capitolo indirizzi efficace e sostenibile studente incentrato primo soccorso e di
educazione rianimazione, sia in contesti formali e informali.

indietr
o al
Sommario

introduzione
Centrale per la resistenza delle persone e delle comunit la capacit di rispondere in modo
efficace in caso di crisi. Il Movimento vede pronto soccorso come uno dei grandi-est atti
umanitari e di formazione di primo soccorso come parte integrante della costruzione di
resilienza. Come tale, dovere del Movimento per sostenere e efficace formazione di primo
soccorso pro-vide che sia accessibile a tutti e si impegna allo studente di rispondere in ultima
analisi, ad una situazione di emergenza in modo appropriato. La spec-trum delle attivit di
educazione attraversa i domini, rappresentati nella catena di comportamenti di sopravvivenza,
vedi figura 2. Il primo dominio comprende prevenzione-zione e di preparazione. Il secondo
dominio sottolinea il riconoscimento precoce di

Figura 2. Catena di comportamenti di sopravvivenza


Primo soccorso

prevenire e
preparare

presto
riconoscimento

Se stesso
recupero

assistenza
medica
precoce

aiuto di accesso

25

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida


2016

pericoli ambientale e con la persona malata o ferita. Il terzo dominio della risposta ha due
azioni che possono prendere posto allo stesso tempo, fornendo primo soccorso e / o chiamare
aiuto, a seconda del numero di soccorritori e risorse. Ultimo nella sequenza il dominio di
recupero che pu essere fatto con o senza assistenza avanzata. Attivit didattiche per sviluppare
questi comportamenti di sopravvivenza includono campagne di sensibilizzazione, di
formazione e certificazione, e gli strumenti di just-in-time per le catastrofi e crisi. Questo
capitolo si propone di potenziare e guidare le Societ Nazionali di essere creativi e flessibili
con la loro prima formazione di aiuto per i fornitori di primo soccorso, mentre mettendo
sempre lo studente e il loro empowerment per aiutare al centro di tutte le attivit didattiche. Lo
scopo di farlo quello di soddisfare gli aspetti cruciali della efficacia didattica e di attuazione
locale.
La formula Utstein di sopravvivenza fornisce un modello per il Movimento e governare-menti
per coordinare gli sforzi che favoriscono l'assorbimento di massa di aiutare comportamenti. I
tre fattori nella formula per aumentare la sopravvivenza sono: la scienza medica, edu-cational
efficienza e implementazione locale, che servono come un quadro per costruire interventi.
Questi fattori esistono in un rapporto moltiplicativo che significa che tutti devono essere
presenti per la sopravvivenza da ottimizzare.

Figura 3. formula Utstein per la sopravvivenza2

Scienza
Medica

Processo
educativo

Trattamento
Sul posto

SOPRAVVIVENZA

Il movimento, a causa delle sue dimensioni e impatto, conduce e contribuisce a ciascun fattore
Utstein. Ogni fattore disegnato su nei paragrafi che seguono in questo capitolo, in cui viene
mostrato il fondamento scientifico di richiedere appropriate metodologie Educa-zionale e
attuazione locale a seconda delle circostanze e del contesto, al fine di essere efficace.
A partire dal 2005, i leader della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa invitati e parteci-pato
con altri esperti di primo soccorso per stabilire il consenso sugli indicatori scientifici e di
trattamento raccomandazioni per il pronto soccorso a livello internazionale, contribuendo
soddisfare il fattore di scienza medica. Questo lavoro continua fino ad oggi, con nuova enfasi
data alla efficienza di istruzione e la scienza di attuazione, su cui si basano le linee guida in
questo documento.
La IFRC funziona attraverso i confini per creare consapevolezza globale per una maggiore
formazione di primo soccorso attraverso partnership all'interno di uffici regione e centri di
riferimento. Inoltre, GFARC conduce lo sforzo di collaborazione per lo sviluppo di comcomunicazioni globali e strategie di difesa per promuovere il primo soccorso in tutto il IFRC
sulla base di up-to-date le prove. Gli attuali sforzi per armonizzare la formazione dei formatori
e sviluppare pratiche basate su prove concentrarsi sull'attuazione locale.

26

Sreide, E. Morrison, LJ,


Hillman K, Monsieurs K.
Sunde K. Zideman, D.
Eisenberg M. Sterz
F, Nadkani VM, Soar J. Nolan JP.
La formula per la sopravvivenza in
rianimazione in Rianimazione. 84:
1487-1493, 2013.

Raccomandazioni in questo capitolo sono emersi dalla revisione scientifica indipendente


domande, 2015 ILCOR revisione scientifica, e casi di studio forniti da esperti all'interno del
Movimento, con l'obiettivo di trovare prove solide a sostegno efficace formazione di primo
soccorso. A causa della natura specifica e rigore del processo un basso numero di studi sono
risultati essere sufficiente per l'inclusione.

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione
Se le prove non esisteva, ma le domande rimasto, esperti di formazione in primo soccorso in
tutto il Movimento fornito consulenza sulle buone pratiche e le teorie edu-cational e
metodologie disponibili. La figura 4 illustra il processo utilizzato per la creazione orientamenti
educativi.

Figura 4. Processo per la creazione di linee guida educative

Descrivi la formazione di primo soccorso e le teorie associate

Di cui la scienza dietro effettiva istruzione: teorie educative di


strategie di apprendimento efficaci per guidare il cambiamento
di comportamento

Fornire raccomandazioni basate su rivista


scientifica per l'efficacia educativa

condividere storie da
Mezzaluna Rossa Croce Rossa
Societ Nazionali per
esemplificare
ogni argomento in un contesto

idee regalo per


misurare l'efficacia
di istruzione di primo
soccorso

Alcuni messaggi chiave che sono intrinseche alla buona educazione sono emerse da questo
processo. Questi messaggi non sono sempre espliciti all'interno della scienza, bens riflettono
una constatazione generale che allineato alla teoria scientifica e l'esperienza di esperti del
settore. Per rendere questo pi esplicito, aneddoti ed esempi di Societ Nazionali sono
presentati in questo capitolo, a beneficio dei dirigenti di primo soccorso, come si progettano i
programmi educativi. Questi aneddoti sono state prese da un certo numero di societ nazionali
in base a programmi diversi.

I messaggi chiave per coloro che si preparano formazione di primo


soccorso
O Creare contesti rilevantiper gli studenti a voler impegnarsi con e fare uso di esperienze di vita
come lingua stranieraper supportare contenuti.
Garantire attivitcoinvolgere ilallievoei modi che possono pi facilmente apprendere,
consentendo lastudente di dimostrare conoscenze, abilit, o comportamenti acquisite.
modalit di apprendimento pi Tailor(Come la tecnologia, giochi, giochi di ruolo, ecc) per
sviluppare Knowl-edge, abilit e comportamenti per aumentare studente accessibilit e la
conservazione della conoscenza.
Limitare il contenuto di ci che necessarie e pertinenti per lo studente - e vari contenuti in
basealle loro esigenze.
O Sviluppare facilitatori e pullmancon la conoscenza in pronto soccorso che rilevante per lo
studente.
Lasciare che il discenteil tempo per riflettere ed esplorarela propria attitudine ad aiutare in
circostanze diverse.

Identificare esiti studente (come le competenze, le conoscenze e la fiducia) e modi di


misurazioneformazione efficace (come l'utilizzo di sondaggi).

27

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016


Questo capitolo:
Descrive l'istruzione di primo soccorso e le teorie connesse.
Imposta la scienza dietro l'istruzione efficace: il contesto che descrive ci che intendiamo
per formazione efficace primo soccorso, attingendo educativi Theo-rie di strategie di
apprendimento efficaci per guidare il cambiamento del comportamento.
Fornisce raccomandazioni basate su rivista scientifica per l'efficacia educativa.
Azioni esperienze Societ Nazionali di esemplificare ogni argomento nel contesto.
Presenta idee per misurare l'efficacia della formazione di primo soccorso.

Qual efficace
formazione di primo
soccorso?
Il Movimento il principale fornitore di formazione di primo soccorso al mondo, sia in termini
di educazione del pubblico e consentendo volontari formati per rispondere e in situazioni di
emergenza in modo organizzato. Fornire le sfide educative pi efficaci per le Societ Nazionali
di creare interventi che aumentano dello studente conoscenze, le competenze, la fiducia e la
loro volont di applicare le competenze di primo soccorso. Questi elementi hanno il potenziale
per influenzare il cambiamento di comportamento. Gli interventi possono assumere molte
forme, tra cui campagne di sensibilizzazione, corsi formali, e la formazione just-in-time.
interventi di primo soccorso cercano di "preservare la vita, alleviare la sofferenza, prevenire le
malattie pelliccia-ther o lesioni, e promuovere la ripresa".3Mentre i volontari addestrati sono
attesi e in attesa di rispondere, lo scopo di educare il pubblico quello di sviluppare le loro
conoscenze, capacit e la volont e la fiducia di rispondere in caso di emergenza. Dovrebbe
pertanto essere lo scopo di tutto prima educazione aiuto, non importa chi sono gli studenti, per
dotarli di:
Riconoscere, valutare e dare priorit la necessit di primo soccorso.
Fornire assistenza utilizzando le competenze del caso, vale a dire le conoscenze di primo
soccorso, abilit e comportamenti.
Riconoscere i limiti e cercare la cura supplementare quando necessario.
L'efficacia della formazione uno studente riceve pertanto fondamentale per l'efficacia
della loro risposta.
basi didattiche per le competenze di primo soccorso comprendono:
Conoscenza: la consapevolezza dei segni e dei sintomi della persona malata o ferita, rischia
di s e degli altri dall'ambiente, e trattamenti di primo soccorso evidence-based.
Abilit: adeguate risposte psicomotori per infortunio indirizzo o malattia, come l'apertura di
una via aerea o l'applicazione di una pressione diretta sul sanguinamento.
comportamenti: serie di risposte a una situazione di emergenza che indicano una
consapevolezza di
la situazione e la volont di agire, tra cui:
-- il riconoscimento precoce per identificare situazioni di emergenza e di valutazione dei
rischi;
-- guadagnando un ulteriore aiuto, se necessario, e di fornire cure appropriate utilizzando
conoscenze e abilit;
-- l'accesso a un ulteriore aiuto partecipando al sistema di emergenza
risposta al meglio delle loro capacit;
-- sostenere la ripresa.
3

28

Consenso
per
la
scienza, ILCOR 2015.

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione
Queste competenze possono essere sviluppate in modo indipendente. Tuttavia, spesso
sviluppano-ing questi insieme pu essere utile. Essi possono anche contribuire ad aiutare lo
studente a formare un atteggiamento positivo e fiducioso nei confronti applicare le loro abilit
in una vera e propria emergenza. Vedere la figura 2 per l'illustrazione dei comportamenti di
sopravvivenza.

Fondazione per l'istruzione di primo soccorso


Tre componenti devono essere indirizzate a tutti i livelli di istruzione di primo soccorso di
sfruttare conoscenze e abilit di sviluppo:
Un componente cognitiva o il cervello a base che riconosce un individuo o la storia di
apprendimento del com-comunit e costruisce da quel punto.
Un componente apprendimento sociale che identifica le barriere e sfrutta relazioni navi di
ispirare e sostenere una corretta azione di emergenza.
Un componente ambientale che aiuta le persone identificare e utilizzare le risorse per aiutare
(ad esempio, le leggi, AED, sistema di spedizione di emergenza).

Tabella 2. Sintesi delle teorie principali


Concept

Theory

Bystander effect
and reluctance
to help

People are less likely to help someone they do not know, or cannot identify with; they are more
likely to help those they can empathize with and those they feel compassion for. Studies also
show the bystander effect as a major barrier to helping, where the reasons for doing so can be
broadly categorized as either diffusion of responsibility (there are so many people around, someone else is bound to help) or the need to behave in a socially acceptable way (i.e. if others are
not helping, it must be inappropriate to do so). It has been proven that those made aware of the
bystander effect are more likely to act. But there is also evidence that awareness of such issues
may not be sufficient: sometimes people need to deliberate and discuss an issue to be able to
determine how and if they should alter their own behaviour.

Understanding
an individuals
emergency
response
behaviour

Fishbein and Yzers integrative model of behaviour prediction: Individuals, who are aware of an
impending emergency or in the midst of one, will vary by demographic characteristics, culture,
previous attitude towards an emergency, and exposure to other variables (e.g. media). First aid
education must take these components into consideration to be relevant for short- and long-term
behaviour change.

Developing
a framework
to support
behavioural
change

The transtheoretical model of behaviour change (TTM) provides a framework for first aid education by organizing activity in terms of stages for supporting behaviour change. An assessment
of the learners before the design of an intervention helps inform obtainable goals in context
to evidence-based first aid practices. TTM stages include pre-contemplation, contemplation,
preparation, action, and maintenance for the adoption of behaviour. Issues of cost, reading ability, technology access, job requirements, etc. fall into consideration and motivation for moving
through the stages of TTM.

Feedback and
reflection

Hattie in visible learning advocates for learning to be at the forefront of teaching. Preparation
for teaching appropriately, identifying learning goals, measuring achievement and collaboration
between teacher and learner are key themes, each depending on adaptability and flexibility by
the teacher to move at the pace of the learner and increase the level of challenge appropriately.
Feedback and reflection allow for an effective understanding of what has been achieved by the
learning experience.

Embedded in the integrative model of behaviour prediction are the theory of reasoned action
and the theory of planned behaviour, where determinants of behaviour include attitude, subjective norms, and perceived control. For a general population as an audience, interventions must
account for no or limited experience with providing first aid or being in emergencies. Perceived
control figures into self-confidence and self-efficacy beliefs that factor in first aid behaviours.
Self-confidence is a general term that can influence self-efficacy, which is self-appraisal of
accomplishing a particular competency, which factors into intention and behaviour.

29

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Una gamma di teorie e modelli ora esiste intorno comportamenti e il modo di influenzarli a
fornire assistenza ai programmi di formazione di primo soccorso in via di sviluppo. Anche se
non parte del processo di revisione formale, le teorie fondamentali sono riassunti nella tabella
2 per supportare le metodologie alla base dell'educazione efficace.

Chi lo studente?
Anche se quasi tutti possono fornire il primo soccorso per s o per altri, le caratteristiche
discente aiuteranno l'educatore (tra cui allenatore, sviluppatore di contenuti, ecc) per
personalizzare l'esperienza per raggiungere gli obiettivi dello studente. Caratteristiche possono
includere i tipi di situazione in cui uno studente dovrebbe rispondere (a casa, in un luogo
pubblico, a scuola o al lavoro), la demografia (et e sesso), o l'accesso alle risorse. Inoltre,
alcuni studenti potrebbero essere influenzati da un obbligo di avere una formazione per il
lavoro, la scuola, o un lavoro. Le Societ Nazionali possono gi stratificare formazione di
primo soccorso da:
Lay (bambini compresi) pubblici - Informalmente formati attraverso la salute pubblica camcampagne, media o comunit o di auto-apprendimento just-in-time.
Lay pubblica con certificato - Completare un curriculum riconosciuto all'interno di un campo
di applicazione pratica (pu anche includere volontari di primo soccorso o educatori).
risponditore professionale - Completa un curriculum riconosciuto all'interno di un campo di
applicazione pratica e ha il dovere legale di rispondere (pu includere anche i volontari di
primo soccorso o educatori).
Tali programmi di formazione in via di sviluppo dovrebbero sentirsi il potere di pensare in
generale il modo migliore per influenzare l'apprendimento a qualsiasi livello. Per esempio,
come gli studenti rispondono alla tecnologia, come disposto vengono quando si inizia un corso,
ci che le norme culturali devono essere considerati, o quello che potrebbe essere la capacit
degli studenti di impegnarsi con materiali o altri discenti?

recensione prove e raccomandazioni


Come una vittima tariffe in un'emergenza medica fornisce la forza di evi-denza sul modo
migliore per sostenere l'istruzione di primo soccorso. progettisti Istruzione Implementazione
linee guida evidence-based, come qui presentati, per rafforzare il pronto soccorso Knowl-edge,
abilit e comportamenti per servire al meglio le esigenze di una persona malata o ferita. risultati
scolastici dello studente forniscono un'altra fonte di prova da considerare nella progettazione di
interventi di educazione di primo soccorso e curriculum. Questa recensione prove per
l'istruzione ha tentato di identificare incrementi di competenze di primo soccorso (conoscenze,
abilit e comportamenti) e la volont di aiutare come risultati dell'istruzione pronto soccorso
rispetto a quelli che non ricevono il primo soccorso Educa-zione o di un altro gruppo di
controllo. La letteratura valutato l'effetto di diverse variabili indipendenti:
apprendimento motivazioni
modalit discente (utilizzando diversi formati di apprendimento, come ad esempio in linea,
faccia a faccia, ecc)
tecniche basate su scenari
Utilizzando il processo di revisione prove descritta in A proposito di questo documento, 2.909
articoli sono stati identificati come potenzialmente rilevanti per i risultati del primo soccorso e
di educazione rianimazione tra il 1968 e il 2015. Il rigore del processo di revisione evi-denza,
come applicato ai risultati dell'apprendimento, ha rivelato in generale un organo insufficiente di
prove a sostegno di una forte raccomandazioni. studi piccoli e poco potenti limitano la
generalizzabilit e la fiducia per creare standard quando interpretati da solo. Per rafforzare la
fiducia e generale-izability, IFRC utilizzato esperti che lavorano in tutto il mondo insieme con
l'esperienza Societ Nazionali per sviluppare queste linee guida.

30

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

La limitata evidence-base rappresenta anche una sfida intrinseca di lavorare attraverso le


preferenze individuali di apprendimento e caratteristiche culturali. Societ Nazionali possono
fare uso di prove e l'esperienza che supporta diverse modalit di apprendimento, o miscele di
approccio, al fine di garantire il risultato pi effi-tiva per ogni studente. metodologie didattiche
sono anche continuamente in via di sviluppo, cos come la tecnologia per sostenere questi
sviluppi. Il Movimento nel suo complesso sembra di modernizzare la sua consegna educativo,
allineando modelli pedagogici con le pi recenti prove scientifiche e le migliori pratiche, per
soddisfare le esigenze degli individui e delle comunit.
l'integrazione del movimento con le comunit locali e leader nazionali posi-zioni Societ
Nazionali per imparare e portare nella formazione di primo soccorso. In tempi di conflitto e di
altre situazioni di violenza del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) fornisce un
supporto di primo soccorso, tra cui l'istruzione, alle popolazioni e volontari della Croce Rossa e
Mezzaluna Rossa, cos come gli altri che possono essere presenti sulla scena delle emergenze (
portatori di armi, i manifestanti, gruppi religiosi e personale sanitario tra gli altri). L'obiettivo
generale del Movimento per quanto riguarda l'istruzione di primo soccorso che durante le
emergenze, feriti e persone acutamente malati beneficiano di primo soccorso umano,
imparziale ed efficace fornito in modo sicuro da responder sicuri e qualificati che sono ispirati
da valori Humani-taria e principi.
Ad esempio, i tempi, le risorse locali, e le circostanze uniche che il CICR si ritrova a lavorare
in quando serve popolazioni locali in crisi e prepar-zione per la crisi, sfida un'implementazione
completa e ideale di ogni linea guida evidence-based. Queste linee guida supportano lo
sviluppo clinico ed educativo per le Societ Nazionali per preparare la popolazione per
rispondere alle esigenze dei malati e dei feriti. Sulla base di questi principi il rispetto per le
pratiche locali e espe-rienza, che pu essere una risorsa importante in tempi di crisi, e non
dovrebbe essere compromesso da opzioni non implementabili. Imparare da e la condivisione di
queste esperienze contribuir a future linee guida di primo soccorso.
In un ambiente di guerra o di altre situazioni di violenza, gli interventi standard di primo
soccorso non sono sempre pronto soccorso fattibile o standard non sempre disponibile.
Tuttavia, le pratiche locali, tenendo conto delle caratteristiche delle persone e le loro
circostanze, svolgono un ruolo importante in tale contesto. Per alcune di queste pratiche, in cui
le prove disponibile stato inserito nella relativa sezione.
La ricerca e la valutazione di questi meccanismi di coping locali e le risorse dovrebbero essere
perseguiti per stabilire prova certa della loro efficacia. Questo impor-tant, soprattutto in
quanto possono anche essere un forte fattore che influenza per una sicurezza durevole e
l'empowerment delle persone di intervenire durante le emergenze, cos come espressione dei
valori umanitari e dei principi di un supporto di primo soccorso della Croce Rossa e Mezzaluna
Rossa.
Mettendo l'accento sui risultati degli allievi aiuta i progettisti curriculum, politici e finanziatori
decidere come progettare in modo pi appropriato un intervento. I risultati dovrebbero
idealmente essere misurabili e misurati. Questi risultati possono includere la volont di aiutare,
applicando pressione sul emorragia esterna, o il raffreddamento un'ustione con acqua. Fino ad
oggi, la maggior parte di misura si presenta sotto forma di acquisizione di conoscenze e la
dimostrazione di abilit limitata. Come movimento, vi la possibilit di studiare il primo
soccorso efficacia didattica e condividere i risultati sia internamente che con i partner e
governi. formazione di primo soccorso deve essere efficiente e redditizio. Anche in questo
caso, le singole Societ Nazionali hanno la possibilit di misurare l'efficienza dei programmi di
primo soccorso

31

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

(tempi, costi, risorse) per il proprio beneficio e per condividere i risultati. Questa sezione mette
insieme la scienza e usa esempi reali per illustrare le considerazioni Imple-mentale.

L'efficacia della formazione di


primo soccorso sui risultati delle
vittime
Come base per questa sezione, la domanda: "Fa che riceve il primo soccorso da un individuo
addestrato contro gli individui non allenati migliorare i risultati?", Si avvicin agli inizi del
riesame sia per i processi IFRC e ILCOR. Anche se la questione di base, a causa di
considerazioni etiche non sperimentalmente studiato e studi in vivo sono difficili da gestire
dal punto di vista logistico e la validit.

Sintesi di fondamento scientifico


2015 ILCOR consenso sugli indicatori scientifici e di trattamento Raccomandazioni e
recensioni precedenti dalla Croce Rossa Mezzaluna Rossa Nazionali individuati tassi di
sopravvivenza aumentato e ora ridotto a risoluzione dei sintomi per malati o feriti dopo
formazione di primo soccorso. Gli studi inclusi formale curriculum di primo soccorso e le
campagne di salute pubblica. 2015 le linee guida dello stato L'American Heart Association e
American Red Cross, "educazione di primo soccorso pu essere realizzato attraverso una
variet di mezzi, compresi i corsi on-line, le classi e le campagne di salute pubblica.
formazione di primo soccorso pu aumentare il tasso di sopravvivenza, ridurre le lesioni Severlit e risolvere i sintomi su uno spettro di approcci, tra cui campagne di salute pubblica, si
concentrata temi di salute o corsi che si traducono in certificazione ".4
Recensioni di compressione solo CPR formazione, per i cui commenti effettuata con
Rianimazione, Non solo affrontare la tecnica, ma principi educativi. Dal punto di vista
dell'istruzione, le prove per sostenere l'insegnamento compressione solo CPR misto.
Due studi osservazionali documentato la sopravvivenza alla dimissione ospedaliera per gli
adulti che ricevono spettatore CPR (prove molto-bassa qualit) che dimostrano alcuna
differenza nella sopravvivenza senza danni neurologici di quelli trattati con CPR tradizionale
rispetto a compressione solo CPR, in una comunit-alta di risorse. In un singolo studio di
volont di eseguire CPR partecipanti di compressione di sola formazione non erano
significativamente differenti da partecipanti alla formazione CPR convenzionali. Mentre c'era
la convinzione che la compressione di solo pu avere risultati equivalenti a CPR tradizionale e
maggiore utilizzo da terzi laici, l'evidenza non supporta questa premessa. Anche se non
supportata da prove come primario tech-nique, questo suggerisce alternative a educatori
all'interno di alcune impostazioni.

Linee guida
Societ Nazionali dovrebbero usare misure di esiti vittime di sviluppare programmi educativi
pi efficaci e di advocacy. (**)
fornitori di primo soccorso che sono in grado o non vogliono fornire RCP convenzionale, nel
trattamento di un adulto o un bambino vittima in arresto cardiaco dovrebbe usare compressione-only CPR. (**)
4

32

Circolazione. 132: S574S589, 2015. doi: 10,1161


/
CIR.0000000000000269,
pagina 575

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

La motivazione del discente


Al fine di aumentare il numero di studenti di primo soccorso, logico cercare di par-panti con
il desiderio di imparare. Se uno studente decide di avviare una esperienza di apprendimento
(come ad esempio un nuovo genitore o care giver) o l'obbligo di imparare (come ad esempio
per la formazione sul posto di lavoro) potrebbero influenzare il suo impegno per
l'apprendimento e quindi anche la disponibilit ad assorbire ci che si appreso. Quindi, le
Societ Nazionali potrebbe guardare motivazione dello studente per stimolare sia la loro
pubblicizzazione e l'efficacia della loro educazione. Capire l'impatto di apprendimento automotivato aiuta a progettare interventi educativi efficaci.

Sintesi di fondamento scientifico


stato trovato solo uno studio comparativo che ha misurato direttamente l'impatto di automotivazione. Nella formazione CPR, laici che sono stati motivati ad apprendere il contenuto a
causa delle preoccupazioni per la salute della famiglia sono stati confrontati con quelli richiesti
dal datore di lavoro per imparare. I risultati hanno mostrato una maggiore soddisfazione con il
corso e superiore intenzione di eseguire, se necessario, tra gli studenti motivati. In un altro
studio, Lim et al. ha dimostrato che la formazione di primo soccorso su misura per una
specifica attivit o rilevanza per lo studente stato efficace per aumentare la disponibilit ad
aiutare, ma questo studio non ha avuto un gruppo di confronto. ILCOR identificato risultati
simili.

Orientamento
Anche se la prova molto debole, che fa pensare che l'apprendimento autodeterminata preso
in un contesto rilevante potrebbe migliorare gli esiti educativi per lo studente. (*)

Messaggi chiave
O Creare contesti rilevantiper tutti gli studenti a voler impegnarsi con e fare uso di esperienze di vita
acontenuto di supporto.
Garantire attivitcoinvolgere ilallievoe i modi in cui essi possono molto probabilmente applicare le
loro competenze.

Limitare la quantit di contenuto a ci che contenuti e variano - necessarie e pertinenti per lo


studentein base alle loro esigenze.

Esempi dalla Societ Nazionali sull'uso motivazione del discente a


migliorare l'efficacia
sviluppo del corso Learner guidato in Svezia
La Croce Rossa svedese ha modificato un corso di primo soccorso per potenziare gli immigrati e le
comunit di supporto inte-grazione. Il progetto si concentrato sulle grandi citt in cui vi l'esclusione e la
segregazione e team di progetto utilizzati per facilitare focus group e distribuire le indagini dei residenti per
capire le migliori metodologie educative. Il risultato stato un intervento di formazione di primo soccorso
che si basa su un approccio partecipativo in cui tutte le attivit sono studiate e sviluppate attraverso il
coinvolgimento degli studenti. Un aspetto fondamentale del progetto quello di aspirare ad attirare tutti i
partecipanti di fare volontariato per la Croce Rossa, e attraverso Empower-ment, li incoraggia a diventare
leader della comunit in futuro.

33

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Una famiglia si concentrato approccio in Germania


La Croce Rossa tedesca ha adattato corsi speciali di primo soccorso per genitori, nonni e tutti gli altri che
vogliono essere pronti per le emergenze in cui i bambini sono coinvolti. Parte della messa a fuoco la
prevenzione di emer-genze e gli incidenti con i bambini: dove sono luoghi critici a casa? Come posso fare
il mio ambiente sicuro? Inoltre, il piano di studi del corso fornisce abbastanza tempo per lo scambio di
domande, rienze-ze, le migliori pratiche, ecc tra i partecipanti.
Ove possibile, gli studenti con questo specifico motivazione sono separati da coloro che sono diretti ad
imparare il primo soccorso dal datore di lavoro. I formatori hanno identificato un migliore apprendimento
da quelli motivati dalla loro circum-posizione, anche se non ci sono dati azienda ancora disponibile.
Che cosa influenza la vostra motivazione a imparare il primo soccorso, una risposta britannico
La Croce Rossa britannica ha intrapreso alcune ricerche di mercato per capire se le circostanze delle
persone INFLU-fluenzati loro motivazione a imparare il primo soccorso. La domanda posta ai membri
casuali del pubblico era: Il vostro circostanza personale influenzano la motivazione per imparare il primo
soccorso? Le percentuali inferiori a riflettere come le persone valutato la loro circostanza ad avere
influenza sul loro interesse per imparare il primo soccorso:
Sixty-tre per cento con i bambini sotto i cinque anni di et
Ventisette per cento che si occupano di altri adulti
Diciannove per cento che pratica sport
Ventisette per cento che interagiscono con il pubblico al lavoro

L'efficacia di utilizzare
diverse modalit di
apprendimento
Le organizzazioni che offrono formazione di primo soccorso standardizzare molti programmi,
materiali per la formazione INCLUD-ing, gli orari per la formazione e la pedagogia, al fine di
creare esperienze comuni ed essere in grado di rivendicare i risultati comuni. Gli istruttori
devono essere conformi con il presupposto che questo assicura standard comuni di consegna.
Tuttavia, l'auto-apprendimento (in cui lo studente sceglie cosa e quando vengono a sapere
tramite programmi web-based) sta diventando sempre pi diffuso, e in grado di offrire le
Societ Nazionali la possibilit di raggiungere diversi obiettivi strategici, come raggiungere il
maggior numero possibile di persone con base messaggi o destinate a gruppi specifici di
popolazione, come i genitori di bambini piccoli. auto-apprendimento apre anche nuove
opportunit nel mercato, consentendo alle aziende di offrire diverse opzioni di apprendimento e
la distribuzione di Educa-zione in modi che le persone possono essere pi disposti a investire.
Come le opportunit di auto-apprendimento diventa sempre pi prevalente con l'aumento della
tecnologia, e la disponibilit o la volont degli studenti di frequentare i corsi faccia a faccia
ridotta, importante mettere in discussione la rilevanza di standardizzazione dei corsi.
Identificare i punti di forza e di debolezza delle modalit di apprendimento aiuta le Societ
Nazionali compiere scelte informate.

Sintesi di fondamento scientifico


Confrontando i risultati di istruttore ha portato faccia a faccia imparare a studi autoapprendimento (ad esempio web-based, giochi o video di istruzione), solo sei dei 34 studi
identificati inizialmente focalizzati sulle competenze e acquisire conoscenze, e nessuno
misurata fiducia. Differenza nei risultati tra gli studi stato anche osservato. In Sarac, risultati
pi poveri sono stati mostrati in istruzioni web-based, con sede

34

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

mini-manichini utilizzati per lo sviluppo di auto-skill di competenze CPR. In un altro studio,


Lippman, Livingston, e Craike, testato un corso di due giorni faccia a faccia contro la teoria
auto-diretto on-line di un giorno con un giorno di faccia a faccia di apprendimento. I risultati
hanno mostrato migliori punteggi BLS per la coorte faccia a faccia, ma nessun significativo
differiscono-za tra i due gruppi di competenze di primo soccorso. Charlier usato gioco con
lezioni tradizionali, ed i risultati sostenuto un approccio combinato, con le lezioni accrescere la
conoscenza, ma i giochi che supportano studente impegnarsi-mento e divertimento. Tre
ulteriori studi hanno mostrato alcuna differenza tra faccia a faccia e di apprendimento on-line.

Uno studio che ha esaminato le opinioni degli studenti della scuola secondaria ha mostrato che
dove hanno trovato il corso pi interessante e valutato il corso come di qualit superiore, erano
pi probabilit di avere raggiunto un maggiore livello di conoscenze su determinati argomenti
(ad esempio il riconoscimento di arresto cardiaco).
Per quanto riguarda la fiducia, Oliver, Cooper e McKinney ha esaminato diverse attivit EDUcational all'interno di un corso di faccia a faccia, in particolare con l'intento di accrescere la
fiducia studente. I risultati hanno mostrato che l'auto-efficacia e la volont strino potrebbero
essere aumentati durante il test contro un corso standard, incorporando le attivit non clinici
all'interno di un corso, come la discussione di gruppo dell'effetto spettatore, e di aiutare le
qualit comportamentali.

In aggiunta a questa evidenza, le linee guida ILCOR riflettono i risultati di questa recensione.
Le linee guida stabiliscono che "La formazione deve essere adattata alle esigenze dei diversi
tipi di studenti e una variet di diversi metodi di insegnamento deve essere utilizzato per
garantire acquisizione e il mantenimento di conoscenze e competenze di rianimazione.
programmi di auto-istruzione con le mani sincrona o asincrona su pratiche (ad esempio, video,
DVD, formazione online, computer dare un feedback durante l'allenamento) sembra essere una
valida alternativa ai corsi di istruttore per i laici e operatori sanitari l'apprendimento delle
competenze BLS ".

Orientamento
E 'ragionevole che le Societ Nazionali identificare le caratteristiche studente e risultati
curriculum per sviluppare strumenti didattici vari e misti e le modalit per sostenere i risultati
discente. (*)

Messaggi chiave
misurare i risultati previsti (conoscenze, abilit, comportamenti)modalit di tutta necessario
pergiustificare gli investimenti nella creazione di interventi.
diversificare le modalit di apprendimento(Come la tecnologia, giochi, giochi di ruolo, ecc) o
l'istruzione crescentestrumenti per l'impegno fornisce scelta per lo studente o educatore per
sviluppare conoscenze, abilit e comportamenti.
Assicurarele modalit e le loro attivitcoinvolgere ilallievo.
O Sviluppare facilitatori e pullmancon competenze e risorse nella formazione di primo soccorso per
far fronteesigenze studente.

35

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Esempi dalla Societ Nazionali per l'uso di diverse modalit di apprendimento


Un nuovo approccio all'apprendimento: Croce Rossa tedesca
La Croce Rossa tedesca ha rivisto il suo corso di primo soccorso per un laico da 16 moduli di apprendimento
fino a nove. La quantit di informazioni mediche data allo studente stata ridotta in seguito a una revisione dei
contenuti in termini di rilevanza e capacit di trattenere.
Una serie di giochi di ruolo e stazioni di apprendimento sono stati aggiunti per aiutare i partecipanti imparano in
modo efficace di utilizzare le loro conoscenze esistenti nel far fronte alle emergenze e incidenti, permettendo
istruttori di agire pi come facilita-tori, piuttosto che esperti o docenti. Nuovi filmati brevi su incidenti rischi a
casa, sul posto di lavoro e nel tempo libero stimolato discussioni cooperative problematiche e soluzioni in piccoli
gruppi, in cui gli studenti praticano il lavoro di squadra. Le nuove schede di apprendimento grafica moderni sono
stati creati per aiutare i non tedeschi di lingua par-panti di accedere alle informazioni critiche. Le prime
valutazioni del programma pilota indicano risultati complessivamente positivi con valutazioni critiche solo
proveniente da un piccolo gruppo di istruttori che favoriscono il modello tradizionale di apprendimento medico e
formatore centrato.
L'approccio studente-led: British Red Cross
L'introduzione di tutti i giorni di primo soccorso dalla Croce Rossa britannica nel 2012 ha permesso agli studenti
di scegliere le competenze di primo soccorso, che sono stati pi rilevanti per loro piuttosto che seguire un
programma standardizzato. Questo ha permesso pi tempo per gli studenti di praticare le abilit che hanno
pensato che avrebbe utilizzato pi. Pre e post-test di tutti gli studenti hanno mostrato un significativo aumento
della fiducia da parte degli studenti che hanno seguito questo approccio flessibile rispetto a studenti seguendo
un approccio di primo soccorso amministrare standardizzato.
L'uso della narrazione: Canadian Red Cross
La Croce Rossa canadese ha fatto un uso efficace del racconto nei loro corsi con le donne Inuit in cui libri e
corsi istruttore erano meno efficaci. Adattandosi alla cultura locale e con tecniche familiari agli studenti aiutato la
Croce Rossa canadese di impegnarsi e di essere impegnata da studenti. Per esempio, un par-parteci- era
presente quando ci fu una valanga e molte persone sono morte. La donna ha raccontato la storia di come ha
cercato di salvare un bambino. L'allenatore stato in grado di utilizzare questa storia e adattare il suo
insegnamento della CPR in modo da riflettere l'emozione e il trauma che la donna aveva sentito nella situazione.
Questo potente strumento impegna lo studente e facilitatore per costruire reciprocamente fiducia, mentre
l'apprendimento delle competenze e le conoscenze per migliorare la salute.
blended learning, usando on-line e corsi faccia a faccia: Croce Rossa Svizzera
La Croce Rossa Svizzera ha implementato un corso di primo soccorso misto concetto di apprendimento. La
parte teorica e la conoscenza del corso pu essere appreso in linea. Successivamente in classe, gli studenti
imparare e praticare tutte le abilit di primo soccorso con casi reali in un ambiente di apprendimento favorevole
per sviluppare comportamenti appro-ate. Essi ricevono un feedback immediato da altri studenti, invece di
approccio giusto o sbagliato da istruttori.
I risultati di questo approccio sono:
gli studenti pi motivati a imparare e praticare il primo soccorso.
la partecipazione di qualit superiore in pratica la dimostrazione
di abilit. Maggiore fiducia discente in conoscenze e
competenze.
L'uso del telefono app nei corsi: Argentina Croce Rossa
L'argentino Croce Rossa inserito smartphone app di primo soccorso in ogni Corso di primo soccorso e inco-et
agli studenti di condividere l'applicazione con i loro familiari e amici. Uno studente ha riferito come aveva

dimostrato il figlio l'applicazione, e aveva poi utilizzato solo una settimana pi tardi per aiutare il padre che
soffriva di una situazione di emergenza dia-diabetica. Ricord quello che aveva imparato, e quindi
controllare l'applicazione quando accaduto l'emergenza.

36

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

Durata del corso: Una delle domande pi frequenti da parte dei governi e designer quello che il
miglior periodo di tempo per un corso di primo soccorso? Nessuna prova rivolge direttamente a questa
domanda a causa della variabilit nelle preferenze studente, capacit, esperienze, luoghi, contenuti e
competenze di istruttore che influenzano gli esiti studente. Le esigenze individuali del gruppo studente
o studente detter il contenuto del corso e, quindi, il tempo. pedagogia supporta un curriculum che
tiene conto delle esigenze del discente e gli esiti che hanno bisogno di essere dimostrata. Ad esempio,
capire quanto tempo lo studente disposto a spendere di apprendimento dovrebbe informare le
strategie e la quantit di contenuti che possono essere affrontate.
Societ Nazionali che sviluppano programmi per il pubblico unici sono incoraggiati a misurare i risultati
di apprendimento e le modalit che variano al fine di accertare le modalit e la tempistica pi efficienti.
Ritenzione e riqualificazione: Allo stesso modo, a causa della variabilit dei risultati, gli studenti, e il
contenuto non studi hanno permesso di generalizzare la quantit di competenze di primo soccorso
mantenuti o quando riqualificare.
Disponibilit ad aiutare tende ad aumentare immediatamente dopo l'istruzione e inizia a diminuire con il
passare del tempo. Rinfreschi, compresi gli strumenti basati sul web o telefono app, offrono modi per
mantenere la conoscenza e la volont di aiutare. Per la formazione di rianimazione, ad alta frequenza,
la formazione a basso dosaggio (cio il video ricordo ogni due settimane) ha dimostrato un aumento di
volont di eseguire CPR.

apprendimento basati su
scenari e la simulazione
approcci basati su scenari e di apprendimento di simulazione sono ampiamente utilizzati
indipen-dentemente in molte situazioni di apprendimento di pronto soccorso a causa di un
approccio pratico e possibilit di osservare i risultati di apprendimento. Combinato, c' un
assump-zione che l'immissione di studenti in uno scenario realistico con stimolo simulato
associata (come il sangue, fumo, dispositivi, ecc) durante la loro esperienza sosterr un
apprendimento pi profondo e la comprensione di un concetto. Per questa recensione,
l'apprendimento basati su scenari e la simulazione stata definita come l'introduzione di un
dispositivo di simulazione o modifica nelle metodologie per includere simulato sce-nario con
gli studenti che utilizzano giochi di ruolo e moulage.

Sintesi di fondamento scientifico


Due studi focalizzati sullo sviluppo della gestione delle emergenze Behav-iours di studenti di
medicina. Wyatt, Archer e Fallows focalizzata sull'uso del manichino alta fedelt, che stato
apprezzato dagli studenti. Vincent identi-cato un aumento della fiducia nei discenti che "i
pazienti li un efficace primo risponditore considererebbero". 5 Entrambi gli studi erano
descrittivi e non confrontare i risultati.

Orientamento
Societ Nazionali possono beneficiare dalla combinazione di apprendimento apprendimento
e simulazione di scenario-based per soccorritori professionisti che hanno bisogno di
dimostrare proficiencies competenza. (*)

Vincent, DS, Burgess, L.,


Berg, BW, Connolly,
KK insegnamento di massa
Casualty Triage abilit usando
iterativi Multimanikin simulazioni
in Prehospital cure
d'emergenza. Volume 13: 241246, pagina 244, 2009.

37

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Messaggi chiave
O Creare scenari rilevantiper gli studenti a voler impegnarsi con e fare uso di vita studente rienzeze per supportare contenuti.
Identificare ed esplorare le barriere degli studenti ad aiutare pu essere utile per infondere fiducia e
sviluppareaiutando le strategie da utilizzare in futuro.
Prima di pianificare le attivit, di esplorare con gli studenti i tipi di barriere che si sentono potrebbero
impedire loroda fare un passo avanti per aiutare in caso di emergenza. Considerare modi per
abbattere queste barriere. Per esempio:
Includere ruolo strutturata
gioca Simulazione uso
vittima
interventi di pratica in spazi difficili come all'interno di una vettura, invece di una classe.

Esempi dalla Societ Nazionali sull'uso di apprendimento basati su scenari e la


simulazione
Wilderness e pronto soccorso a distanza: American Red Cross
Quando aiutare le persone a prepararsi per le emergenze in cui essi sono soli o aiuto in ritardo, una
risposta sistematica consente alle persone di gestire situazioni pericolose. Il deserto e il programma
Remote costruisce le capacit di un discente attraverso scenari che utilizzano giochi di ruolo e moulage.
Scenari durano da dieci a 15 minuti, permettendo il set completo di competenze di primo soccorso da
praticare. La chiave nel fornire la oppor-tunit di riflettere sull'esperienza emotivamente e praticamente,
seguita da un'altra possibilit di migliorare. Lo stress dall'esperienza d docenti e studenti il feedback per
l'integrazione di conoscenze, abilit e comportamenti.
La capacit e la volont: British Red Cross
La Croce Rossa britannico ha introdotto nuove attivit alla loro formazione skill-based, che sono stati
progettati per aumentare la fiducia studente. Una di queste attivit, il diritto Tu non sei solo aiuta lo
studente a comprendere la catena della sopravvivenza e il loro ruolo all'interno di esso. L'esercizio utilizza
una foto di una scena dell'incidente. Lo studente pone lei o se stesso (utilizzando una foto, o il loro nome,
o semplicemente una etichetta che si dice) al centro. Il gruppo di studenti poi parlare insieme su ci che
accade quando la persona al centro richiede Medi-Cal servizi di emergenza (EMS), e insieme il gruppo
impara diventano parte integrante di una rete di persone e collaboratori che lavoreranno insieme per
salvare il vittima.

formazione di primo soccorso per i


bambini
contano i bambini per una parte significativa della popolazione che possono beneficiare di
formazione di primo soccorso. Le loro abilit e le opportunit di apprendere interventi di
emergenza o comportamenti sani, direttamente o indirettamente abbracciano varie discipline e
formati didattici. Comprendere la loro capacit di sviluppare il primo soccorso com-petenze
pu aiutare le Societ Nazionali preparare programmi efficaci dentro e fuori la scuola.

Sintesi di fondamento scientifico


Il belga della Croce Rossa CEBaP recentemente analizzato 5.822 articoli per identificare ci
che di primo soccorso competenze potrebbero essere sviluppati in bambini in et scolare in
base al loro livello di grado. Conclusioni generali non erano esplicite a causa della variabilit

38

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

dei dati. Attraverso un gruppo di esperti multidisciplinare di educatori primari e secondari,


professionisti prima educazione aiuto, medico e psicologo infantile, il consenso stato
raggiunto nello sviluppo di adeguate competenze di primo soccorso ad ogni livello di grado. Le
matrici in questo articolo servono come strumenti per il programma giustificazione e design di
livello di grado.

Orientamento
Societ Nazionali dovrebbero cercare di creare programmi educativi per i bambini, in base
alla loro cognitiva, sociale, e le abilit comportamentali, come descritto dal percorso
formativo fornito dal CEBaP. (**)

Misurare i risultati
E 'evidente da l'elevato volume di ricerca di recensioni, questo capitolo che vi una scarsit di
dati che misurano i risultati per l'istruzione efficace di pronto soccorso a livello globale.

Orientamento
Societ nazionali sono invitati a trovare il modo per testare l'efficacia della loro formazione
di primo soccorso, sia misurando la variazione di auto-efficacia di tutti gli studenti pre- postapprendimento, o effettuando studi empirici in aree in cui si allenano per misurare la salute
gli esiti delle comunit. (Punto di buone prassi)

Messaggio chiave
Identificare esiti studente (come le competenze, le conoscenze e la fiducia) e modi di misurazione
efficaceistruzione (come l'utilizzo di sondaggi).

Esempi dalla Societ Nazionali sui risultati di misura


valutazione coerenti: British Red Cross
Di seguito riportato un caso di studio del Regno Unito per illustrare il processo in atto per ottenere una
valutazione coerente di formazione di primo soccorso. Esso misura i risultati studente e soprattutto quanto sia
efficace l'educatore stato.
La Croce Rossa britannica utilizza studente di autovalutazione per misurare la volont e la fiducia per dare il
primo soccorso, prima e dopo l'apprendimento su una scala di dieci punti. Questo si basa sulla guida di Bandura
intorno costrutto-zione e di sviluppo scale di efficacia. Tali scale di autovalutazione sono stati con successo e
ampiamente utilizzati nel settore sanitario per la valutazione e la gestione del dolore.
Gli studenti sono invitati a votare la loro volont e la fiducia su una scala da zero a dieci, prima e dopo
l'apprendimento. Questo d una misura di base e la fine della fiducia e la volont. linea di base di una lingua
straniera su come si sentono fornisce un'indicazione del loro potenziale di apprendimento che l'educazione deve
soddisfare. Noi chiamiamo questo potenziale di cambiamento. Quanto siamo in grado di aiutare gli studenti a
raggiungere pu dirci quanto efficace siamo stati in achiev-ing i nostri risultati scolastici.
La quantit percentuale di potenziale di un discente soddisfatte attraverso l'apprendimento pu essere utilizzato
come indicatore dell'efficacia della formazione fornita ad aiutare lo studente a raggiungere i risultati.

39

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Assumere uno studente iniziata alle due e si concluso alle otto. Il potenziale era 80 per cento (due su
dieci). Il cambiamento stato il 60 per cento del fondo scala (sei su dieci). Lo studente salito a sei punti.
Ci significa che l'educazione stata del 75 per cento efficace (60/80 = 75).
Queste metriche possono essere utilizzati per esaminare l'andamento della educatore. L'utilizzo della linea
di base e di cambiamento distribu-zioni, possibile costruire un quadro degli effetti sulla fiducia e la
volont degli studenti che raggiungono attraverso l'educazione fornita. metriche media di efficacia
possono essere corretti la deviazione relativa standard dalle distribuzioni di cambiamento, dando uno
strumento operativo praticabile per sostenere lo sviluppo.
La valutazione sulla base di Kirkpatrick: tedesco Croce Rossa e la Croce Rossa Svizzera
La Croce Rossa tedesca e la Croce Rossa Svizzera basano la loro valutazione di corsi di primo soccorso
sul modello di Kirkpatrick. L'idea principale del modello che ci sono quattro livelli di valutazione:
1. Reazione: Fare i partecipanti accettano la formazione? Come fanno a votarla?
2. Learning: Fare i partecipanti acquisiscono conoscenze e competenze nella formazione? (L'abilit)
3. Comportamento: L'addestramento ha un effetto sul comportamento dei partecipanti? (La volont)
4. Risultati: C' un effetto misurabile nell'ambiente, la societ o la comunit in cui vivono i partecipanti?
Purtroppo, la valutazione di formazioni di primo soccorso rimane molto sul primo livello. In collaborazione
con due universit, la Croce Rossa tedesca ha progettato due studi, che hanno lo scopo di acquisire
conoscenze nel secondo livello: l'apprendimento.
La prima domanda : "Fate partecipanti a corsi di primo soccorso hanno pi conoscenza dopo il corso?"
La Croce Rossa tedesca ha progettato un questionario on-line e incoraggia i partecipanti a rispondere
direttamente dopo il corso. Vogliono sapere se la conoscenza acquisita duraturo. Pertanto, chiedono i
parteci-pantaloni di nuovo dopo tre e sei mesi per compilare il questionario.
La seconda domanda : "Fare partecipanti a corsi di primo soccorso hanno pi competenze dopo il corso"
Per rispondere a questa domanda, la Croce Rossa tedesca ha progettato un piccolo strumento di
valutazione, che consiste in un ques-nario e un caso di studio introdotto al all'inizio del corso. Questi due
elementi sono ripetuti immediatamente dopo il corso, per confrontare i risultati.

Conclusioni
Sono necessarie ulteriori ricerche per fornire una prova-base pi forte per i migliori modi per
migliorare l'efficacia della formazione di primo soccorso. Societ Nazionali sono fortemente
incoraggiati a misurare l'efficacia dei loro programmi di formazione di primo soccorso
utilizzando alcuni dei suggerimenti forniti in questo capitolo. Come educatori di primo
soccorso, l'obiettivo primario quello di modificare il comportamento dei soccorritori per
incontrare il primo obiettivo dell'aiuto, ad esempio a limitare i danni di calore e il dolore di una
scottatura. Per fare questo, gli educatori devono capire il contesto e le risorse locali, lotta per le
pratiche pi supportati dalla scienza. La scelta di un intervento educativo, o in ultima analisi
l'intervento clinico, si basa sul processo critico think-ing dagli attori locali (le comunit e gli
operatori ei loro leader e autorit) sulla base di parametri essenziali, come l'una lunga duratalit e manutenibilit, l'accessibilit , l'accessibilit, la sicurezza e l'efficienza delle soluzioni.
Nuova valutazione del miglior trattamento dovrebbe essere fatto seguendo gli insegnamenti
tratti da situazioni di emergenza incontrate, l'evoluzione del contesto, e la formazione
opportunamente adattate.

Nonostante la mancanza di prove scientifiche, Societ Nazionali hanno escogitato strategie


ingegnose e altamente efficaci sia per rendere l'istruzione di primo soccorso pi attraente per
gli studenti e che lo rende migliore. Queste strategie possono essere ricondotte alle teorie
educative che sono elencati in questa sezione. IFRC sollecita Societ Nazionali di prendere in
considerazione i messaggi chiave di cui qui e di utilizzare

40

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

06. educazione

questi programmi di formazione di primo soccorso quando in via di sviluppo. Per le Societ
Nazionali che hanno bisogno di identificare razionale o prove per promuovere l'istruzione di
primo soccorso in tutta una popolazione, il rapporto della FICRLegge e pronto soccorso:
promozione e la protezione di vitaazione di risparmio un importante risorsa disponibile per
l'uso. Esso documenta l'impatto del Buon Samaritano leggi, e formazione di primo soccorso
presso la scuola, per l'ottenimento di autista-licenza, e sul posto di lavoro, citando le esperienze
nazionali che forniscono esempi da utilizzare all'interno sforzi di advocacy.

Messaggi chiave per coloro che si preparano formazione di primo


soccorso:
O Creare contesti rilevantiper gli studenti a voler impegnarsi con e fare uso di esperienze di vita
come lingua stranieraper supportare contenuti.
Garantire attivitcoinvolgere ilallievoei modi che possono pi facilmente apprendere,
consentendo lastudente di dimostrare conoscenze, abilit, o comportamenti acquisite.
modalit di apprendimento pi Tailor(Come la tecnologia, giochi, giochi di ruolo, ecc) per
sviluppare il know-sporgenza, abilit e comportamenti per aumentare apprende l'accessibilit e la
conservazione della conoscenza.
Limitare il contenuto di ci che necessarie e pertinenti per lo studente - e vari contenuti in
basealle loro esigenze.
O Sviluppare facilitatori e pullmancon la conoscenza in pronto soccorso che rilevante per lo
studente.
Lasciare che il discenteil tempo per riflettere ed esplorarela propria attitudine ad aiutare in
circostanze diverse.

Identificare esiti studente (come le competenze, le conoscenze e la fiducia) e modi di


misurazioneformazione efficace (come l'utilizzo di sondaggi).

Riferimenti

41

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

07.

Approccio generale
introduzione

indietr
o al
Sommario

Alcuni elementi sono comuni quando la cura per qualsiasi sinistro. Anche se ci sono prove di
supporto per l'utilizzo di questi elementi in pronto soccorso, queste linee guida non affrontano
specificamente questo. Durante la creazione di programmi educativi, importante osservare
quanto segue quando cura per qualsiasi sinistro. Sebbene gli elementi di risposta sono spesso
realizzate nella sequenza descritta di seguito, in realt, compiti possono verificarsi
contemporaneamente. Ad esempio, la prevalenza di telefoni Cellu-lar consente l'attivazione a
mano libera di SME mentre si inizia la cura.

I passi di seguito devono essere osservate quando si avvicina un incidente:


1. Valutazione
un. sondaggio scena: studio primario - la sicurezza, la protezione personale,
meccanismo di incidente
b. sondaggio Casualty: vie respiratorie, la respirazione, la circolazione, la disabilit,
l'esposizione (ABCDE)
Se necessario, avviare interventi salva-vita immediati: aprire le vie aeree, respirazione supporto, dare CPR e controllare il sanguinamento grave.
2. Posizionamento del ferito
3. richiesta di aiuto, SME o ulteriore aiuto se non gi fatto durante la valutazione
primaria
a. Chiamata prima - per chiedere aiuto
b. Fast Call - servizio di emergenza, una volta che stata fatta la valutazione
4. sondaggio secondario: (ABC) DE; infine effettuare un'ulteriore valutazione
utilizzando semplici domande o sistemi pi sofisticati come CAMPIONE
(Vedi sotto) storia e segni vitali, a seconda del livello di formazione del fornitore di
primo soccorso.
5. Altre primo soccorso, come la situazione richiede.

considerazioni di attuazione
A seconda delle impostazioni e il livello dei partecipanti non tutti i passi devono essere
affrontate in un corso di formazione di primo soccorso. Gli educatori devono affrontare le
esigenze e le capacit degli studenti per garantire che strate-gie efficaci e rilevanti possono
essere sviluppati a seconda delle circostanze.

42

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

07. Approccio generale

Valutazione
Per tutte le cure di emergenza particolare il pronto soccorso, i fornitori dovrebbero prima
indagine la scena per valutare di:

Sicurezza
fornitori di primo soccorso devono essere consapevoli della loro sicurezza personale e prendere
le precauzioni universali che possono variare in base circostanze specifiche. I rischi possono
provenire da:
L'ambiente
In alcuni casi, i dintorni non pu essere sicuro a causa di: cavi elettrici, incendi, rischio di
esplosione, merci pericolose o la vittima pu essere in una posizione non sicura, come ad
esempio nella zona di acqua o ghiaccio. Particolare attenzione deve essere rivolta alla spazi
chiusi o confinati, come ci potrebbe essere una possibilit di mancanza di ossi-gen e / o
emissione di gas tossici o la limitata possibilit di fuggire, se necessario. Prendendo questo in
considerazione, il primo fornitore di aiuto deve decidere se lui o lei:
- dovrebbe andare avanti o aspettare per le squadre di soccorso tecnico (ad esempio vigili del
fuoco, lo SME, salvataggio in miniera)
- dovrebbe entrare solo con l'assistenza o accompagnamento delle squadre di soccorso
tecnico - dovrebbe entrare solo per un breve tempo per spostare il sinistro (preferibilmente
con assistenza tecnica) in un luogo sicuro al fine di fornire assistenza pi efficace
- sente che sicuro per la vittima di rimanere nella loro posizione attuale.
la vittima
- La vittima pu essere aggressivo a causa di alcol o droghe.
- Ci potrebbe essere il rischio di infezione dovuta al contatto con fluidi corporei: questo un
minaccia comune (vediPrincipi generali).

Meccanismi per valutare infortunio o malattia


Questo informativo per il soccorritore di capire che cosa gli infortuni ci si potrebbe aspettare.
Questo si pu applicare non solo a traumi, ma anche ad altri eventi acuti (ad esempio lesioni
possono essere molto diverso se una persona sviene sul letto contro se cadono su un pavimento
di pietra).
Tutte le vittime devono essere accuratamente valutati per assicurare che tutte le esigenze di
primo soccorso sono identificati. Per una valutazione sia efficace, utile seguire un approccio
stand-ard che facile da ricordare e che segue le priorit di identificazione e il trattamento.
Questo permette:
- Dare priorit alle esigenze curando il problema pi sensibili al fattore tempo primo; e
- Fornire assistenza una volta che i bisogni sono chiaramente identificati.
Il mnemonico comune ABCDE:
A: via aerea
B: Respirazione
C: Circolazione: verificare eventuali emorragie esterne
D: Disabilit: stato mentale e del sistema nervoso periferico
E: Esporre la vittima per l'ulteriore valutazione e trattamento

43

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

In caso di problemi durante l'indagine ABCD identificato in aggiunta a cure immediate


richiesta, SME dovrebbe essere attivata. Quando le risorse e le situazioni per-mit, valutare
ulteriormente la vittima prendendo la sua storia e l'esecuzione di un esame fisico dettagliata
testa ai piedi. Eventuali ulteriori problemi individuati devono essere trattati.

Ci sono sintomi tipici individuati nella valutazione iniziale che permette il primo fornitore di
aiuti a dare la priorit le probabili cause di una situazione di emergenza. Gestire la situazione
come identificato dal mnemonico benefico per la vittima. In addi-zione, tutte le vittime
dovrebbero essere valutati per lo shock e le sue cause (vediShock).

considerazioni di attuazione
ABCDE ampiamente usato come un mnemonico Topo Generale. Dopo l'uso, opportuno
sottolineare che AB e C possono implicare azioni immediate prima pro-procedi- alla lettera
successiva. Ad esempio, se le vie aeree non brevetto, necessaria apertura immediata per
valutare B, come nessuna respirazione pu essere previsto attraverso un vie aeree ostruite
(vedereRianimazione). D ed E possono essere valutati solo se AB e C sono accettabili, alla
fine, dopo gli interventi adeguati. Mentre ABCDE un mnemonico popo-lare, sulla base della
lingua locale, approcci alternativi per monitorare la priorit di valutazione e di gestione
possono essere necessari.
Durante l'istruzione o di formazione, spiegazioni dovrebbero essere adattati al pubblico e / o il
livello di primo soccorso richiesto. Ad esempio, in un caso sospetto di arresto cardiaco, la
valutazione di C pu essere eliminato come studenti laici viene insegnato a cercare segni di
circolazione per valutare per arresto cardiaco. Se non c' la normale respirazione si pu
presumere che la vittima in arresto cardiaco (vediRianimazione).
Se le risorse lo permettono, lungo il percorso ABCDE, una breve storia medica pu anche
essere presa. Tuttavia, se le risorse non consentono, la storia dovrebbe fol-basso ABCDE. In
una formazione avanzata, i partecipanti possono essere insegnate schemi e mnemonica
aggiuntivi, come esempio, che aiuta a ricordare altri elementi impor-tant:
S: Segni e sintomi A:
Allergie
M: medicazione
P: Passato storia medica
L: Ultimo pasto
E: Evento
Questo ed altri mnemonico esiste e pu essere insegnata a seconda del livello di studente.

posizionamento
Sintesi di fondamento scientifico
Una revisione formale evidenza scientifica stata effettuata per questo argomento, tuttavia
nessuna prova stata trovata pubblicato in materia di trasformare una vittima da prona
(anteriore) alla posizione supina (schiena). Le seguenti linee guida si basano quindi su parere di
esperti.

44

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

07. Approccio generale

Linee guida
fornitore di primo soccorso dovrebbe avvicinarsi alla vittima dal lato del suo volto. In questo
modo, l'incidente non costretto a spostare la sua testa. (Good Practice Point)
Un incidente che non risponde deve essere rapidamente valutata per la respirazione. Se la
respirazione normale non rapidamente identificato nella posizione trovata, posizionare la
vittima, con delicatezza, in posizione supina. Se la persona sta respirando normalmente, lui o
lei deve essere posto in posizione di recupero lato mentire. (Good Practice Point)
Se l'infortunato in stato di gravidanza, il lato sinistro disteso posizione di recupero
preferito. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
In alcune circostanze, la vittima deve rimanere nella posizione in cui si trovano, fino all'arrivo
dei soccorsi.
In altre situazioni, la posizione della vittima pu avere bisogno di essere cambiato. Questo pu
essere perch la vittima deve essere spostato lontano dal pericolo o dal momento che il primo
fornitore di aiuto ha bisogno di chiedere aiuto aggiuntivo, al fine di ottenere attrezzature o per
meglio valutare e / o trattare la vittima. Si devono osservare le seguenti regole generali:
Se l'area non sicura per il provider di primo soccorso o per la vittima, lui o lei dovrebbe
essere spostato in un luogo pi sicuro, se possibile (vediAssessment, Sicurezza e Ambiente).
Se la persona a faccia non risponde (posizione prona) verso il basso e, il primo fornitore di
aiuto deve girare la faccia vittima alto (posizione supina) per controllare la respirazione
(vediRianimazione).
Se la vittima non risponde e respirare normalmente, ma potrebbe avere una lesione spi-nal,
preferibile non spostare lui o lei.
Se la vittima feriti non risponde e non ha difficolt a respirare a causa del sanguinamento,
abbondanti secrezioni o vomito, o se siete soli e devono lasciare per ottenere aiuto, la vittima
deve essere posto al loro fianco con il loro vie respiratorie aperte (posizione di recupero).
Se la vittima cosciente e respira a fatica, la posizione migliore per la respirazione efficace
quello di ospitare lui o lei in posizione verticale o leggermente inclinato in avanti.

Chiamare aiuto, SME o ulteriore


aiuto
Mentre il primo soccorso di vitale importanza, solo un aspetto della continuit di cura. Tutti
prima educazione aiuto dovrebbe includere:
Come chiamare per ulteriori informazioni. In alcuni paesi possibile chiamare un numero
locale-dissuadere-minato pre (s), mentre in altri casi si avvicina ad ottenere un ulteriore aiuto
pu essere meno standardizzata. Nei paesi europei stato introdotto un numero di emergenza
112 comuni. Negli Stati Uniti e in Canada il numero da chiamare il 911. Altri paesi hanno
numeri diversi. La richiesta di ulteriore aiuto pu comprendere - oltre a EMS - vigili del
fuoco, polizia, altri servizi medici, centro antiveleni, ecc
Chiamare per ulteriori informazioni o rendere la cura prima? In certe situazioni, il
primo soccorso pu non essere necessaria o non pu essere necessario immediatamente, ma
piuttosto in contatto con il fornitore di assistenza sanitaria di routine di una vittima pu
essere giustificata. Se la condizione mandati di ulteriore aiuto, la decisione se fornire
assistenza prima o aiuto somma-mon primo pu variare in base alla Societ Nazionale,
l'ambiente, il livello di

45

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

formazione di primo soccorso e la condizione specifica da trattare. Tuttavia, con l'aumento


dell'uso di telefoni cellulari, potrebbe non essere necessario decidere su un aiuto sommamoning primo da quando il primo fornitore di aiuto pu mettere il telefono cellulare sul
diffusore mentre l'assistenza resa.
- Se il primo fornitore di aiuto solo con una vittima che ha arresto circolatorio, il primo
principio chiamata deve essere seguito (vedi CPR- Essere consapevoli dei Dif-renze tra un
adulto o un / arresto infantile bambino). Altrimenti rivolgersi veloce consigliato, il che
significa che la chiamata deve essere iniziato al pi presto possibile quando l'emergenza
riconosciuta. In molti casi, possibile avviare una chiamata di emergenza, e posizionare il
telefono in modalit viva voce, consentendo il primo fornitore di aiuto per parlare con i
servizi di emergenza e di fornire assistenza per la vittima allo stesso tempo.
- Se ci sono pi vittime sulla scena (multipla incidente vittima), pu essere opportuno
chiamare SME in un primo momento solo per informarli di una situazione poten-zialmente
critico, e per ripetere la chiamata dopo avere informazioni pi dettagliate.

somministrazione di farmaci
In generale, un laico, o anche un fornitore qualificato di pronto soccorso, non autorizzato a
prescrivere o dare farmaci. In alcuni paesi, queste restrizioni legali si stanno evolvendo. A
seconda del campo di applicazione pratica, il pubblico per i programmi, la supervisione
medica, e l'estensione e la profondit del programma educativo offerto bersaglio, la
somministrazione di farmaci pu essere opportuno e utilizzato in situazioni selettive di primo
soccorso.

In alcuni paesi, ci possono essere farmaci specifici e / o condizioni per le quali consentito un
laico per amministrare i farmaci (ad esempio, un auto-iniettore epinefrina o naloxone). Diversi
paesi hanno regole diverse per quanto riguarda ci che i farmaci un fornitore di primo soccorso
possono amministrare con o senza ricetta una di physi-cian. Ad esempio, in alcuni paesi
qualsiasi fornitore di primo soccorso pu dare l'aspirina, mentre in altri vietato. Pertanto,
fondamentale che queste regole siano verificati in base al contesto locale per garantire il
rispetto della legge prima di intraprendere qualsiasi attivit.

I seguenti sono esempi in cui un fornitore di primo soccorso pu amministrare medica-zione.


Ci dipende dal paese, i regolamenti, protocolli medici locali, il contesto e le responsabilit e la
capacit dell'individuo Societ Nazionale:
La situazione ben definita (ad esempio malattia da decompressione da un subacqueo,
dolore toracico acuto, asma, ecc), la necessit che il farmaco tempo sensibile e il primo
fornitore di aiuto ha la conoscenza e l'esperienza per:
- riconoscere la situazione
- comprendere le controindicazioni alla ei pericoli di somministrazione di un farmaco CERtain
- amministrare il farmaco esattamente come prescritto.
La vittima soffre di una riacutizzazione di una nota condizione cronica (ad esempio allergie o
asma) e un medico ha prescritto un certo farmaco per la condizione. Se il farmaco
disponibile, e la vittima vorrebbe (o si suppone) per amministrarlo, ci possono essere casi in
cui il primo fornitore di aiuto pu aiutare con questo.

46

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

07. Approccio generale

fornitori di primo soccorso nelle seguenti circostanze possono tipicamente ammini-ter farmaco:
Aiuta la vittima per amministrare i suoi farmaci prescritti per: - dolore al
torace sospetta origine cardiaca: l'aspirina, nitroglicerina
- asma bronchiale: broncodilatatore reazione anafilattica: epinefrina
Per i fornitori appositamente addestrati di primo soccorso, di somministrare alcuni farmaci
sulla sua discrezione, se i regolamenti locali lo consentono (comprese le situazioni di cui
sopra):
- malattia da decompressione, per i subacquei: ossigeno sovradosaggio narcotico: naloxone
L'ossigeno mentre considerato un farmaco, in molte aree differenti segue REG-ulations e pu
essere amministrato da un fornitore di primo soccorso. Se le normative locali lo permettono, i
fornitori di primo soccorso possono essere addestrati nell'uso di ossigeno e permesso di
amministrare per le condizioni in cui vi noto o presunto ipossia (vedereUso dell'ossigeno).

Questo elenco non completo e universale; esso pu variare in base regolamentazione locale.

47

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

08.

Primo soccorso per


condizioni mediche
reazione allergica e la seconda
dose di adrenalina per anafilassi

indietr
o al
Sommario

introduzione
Le allergie sono relativamente comuni, ma una situazione di emergenza possono sorgere in una
piccola percentuale di persone, quando sviluppano una reazione anaphylac-tic pericolo di vita.
Una reazione anafilattica si distingue da una reazione allergica di routine per la presenza di
segni di pericolo di vita, quali:
difficolt a respirare (respiro corto, respiro affannoso, gonfiore delle vie aeree)
sintomi circolatori (caduta della pressione sanguigna, collasso, shock)
Questi segni in pericolo la vita di solito si sviluppano in parallelo a reazioni allergiche:
segni cutanei (orticaria, gonfiore, compreso il viso)
sintomi gastrointestinali che sono pi comuni in cui l'ingestione di un sub-posizione a cui la
persona ha una allergia (crampi, diarrea)
Reazioni anafilattiche possono drammaticamente portare alla morte. In una reazione
anafilattica, epinefrina (somministrato per via intramuscolare, utilizzando un auto-iniettore)
pu essere salvavita. L'uso inappropriato di un auto-iniettore (in un caso di diagnosi errata,
percorso errato di somministrazione, somministrazione endovenosa involontaria, o la
somministrazione di una dose eccessiva di epinefrina) pu provocare REAC-zioni avverse.
Linee guida in questa sezione vengono aggiornati da prove rivisto nel 2011.

Sintesi di fondamento scientifico


Molte persone con una storia di anafilassi portano un salvavita di adrenalina auto-iniettore. Gli
studi hanno dimostrato con una formazione adeguata, i genitori possono usare correttamente un
autoiniettore per amministrare epinefrina per il loro bambino. Purtroppo, troppo spesso n
l'interessato n i membri della famiglia sanno come utilizzare un auto-iniettore correttamente.

Sapere quando utilizzare un auto-iniettore dipende dalla capacit di riconoscere e valutare i


segni e sintomi di anafilassi. Prove da sette studi dimostra che difficile farlo, anche per
fornitori di servizi sanitari. Ma uno studio ha dimostrato che i genitori dei bambini che hanno
avuto reazioni multiple anaphylac-tic in grado di riconoscere i segni ed i sintomi in modo pi
accurato, che porta a l'uso di un autoiniettore, ma la formazione e l'esperienza sono necessari.

48

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Prove da una piccola, revisione retrospettiva, un paziente studio sondaggio ed esperto di


opinione suggeriscono che alcuni pazienti che soffrono di una anafilattico reazione-zione
possono richiedere una seconda dose di adrenalina, se la prima dose non efficace
nell'alleviare i sintomi. A sostegno di questa, uno studio retrospettivo ha dimostrato che le
reazioni anafilattiche sono bifasica 20 per cento del tempo, con una media di dieci ore tra
l'insorgenza dei sintomi. Ci sono stati anche quattro studi che hanno documentato le reazioni
avverse, tra morti, a causa di misdiag-gnosi di una reazione anafilattica, percorso inadeguato di
somministrazione, o la somministrazione di una dose eccessiva di adrenalina.

Riferimenti

Linee guida
fornitori di primo soccorso non dovrebbero essere tenuti a riconoscere i segni ei Simp-tom di
anafilassi, senza formazione e di esperienza. (**)
fornitori di primo soccorso devono essere addestrati e con esperienza nel riconoscere i segni
ed i sintomi di anafilassi. (**)
L'adrenalina dovrebbe essere usato per via intramuscolare per il trattamento di anafilassi.
(**) A meno che il medico prescrizione diverso, per adulti e bambini sopra 30kg peso
corporeo, epinefrina raccomandato in una dose di 0,3 mg per via intramuscolare. Per i
bambini tra i 15 kg ed il peso corporeo 30 kg, si raccomanda una dose di adrenalina di 0,15
mg.
L'utilizzo di un epinefrina autoiniettore per una persona con sintomi di anaphy-laxis, per i
quali non prescritto, pu essere considerato con una formazione adeguata. (*)
Per una persona con sintomi di anafilassi e trattati da, ma non ha risposto a epinefrina, e
l'arrivo di SME non previsto entro cinque-dieci minuti, una seconda dose pu essere presa
in considerazione. (*)
fornitori di primo soccorso devono chiamare SME quando anafilassi o grave allergica
reazione-zione si sospetti o riconosciuti in una persona. (Good Practice Point)
L'adrenalina deve essere somministrato solo quando i sintomi di anafilassi sono pre-inviato.
(Good Practice Point)
fornitori di primo soccorso dovrebbero avere familiarit con l'epinefrina autoiniettore in
modo che possano aiutare qualcuno avere una reazione anafilattica auto-amministrare il
epinefrina. (Good Practice Point)
fornitori di primo soccorso possono essere autorizzati a utilizzare un auto-iniettore, se la
vittima non in grado di farlo, a condizione che un medico ha prescritto il farmaco e
consentito dalla legge locale. (Good Practice Point)
Per difficolt respiratorie e Shock vedere le sezioni rilevanti.

considerazioni di attuazione
L'uso di adrenalina per anafilassi dipende da leggi locali, i regolamenti e le procedure,
compresa la protezione di responsabilit. Societ Nazionali possono avere bisogno di variare le
loro metodologie per l'attuazione secondo le didattiche opportu-nit nel contesto nazionale.

Per quanto riguarda l'uso di un autoiniettore, i seguenti punti devono essere presi in
considerazione:
Ci sono diversi tipi di auto-iniettori, per esempio:
- Alcuni hanno un ago per l'iniezione alla fine (solo bisogno di togliere il tappo pro-allala,
attaccare l'ago attraverso la pelle nel muscolo e premere lo stantuffo).

49

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

- In altri l'ago non visibile: Dopo la rimozione del tappo di protezione della punta del
dispositivo deve essere posizionato contro la pelle e il dispositivo deve essere premuto
verso il basso; permettendo l'ago di passare attraverso la punta e la pelle nel muscolo.
L'utente deve tenere premuto per circa dieci secondi il dispositivo per consentire l'intera
dose da somministrare.
Il solito posto per l'iniezione il centro del lato esterno della coscia.
L'iniezione pu passare attraverso i vestiti, se la reazione anafilattica molto seri-unit
organizzative, e gli abiti non sono di spessore.
Non utilizzare l'auto-iniettore se la medicina interna torbida o scolorita, o se ha superato la
data di scadenza.
Per lo smaltimento del autoiniettore seguire le regole usuali per i farmaci e dispos-in grado di
dispositivi medici.
fornitori di primo soccorso non addestrati a utilizzare un auto-iniettore potrebbero non essere in
grado di imparare rapidamente come usarlo correttamente. Non ci pu essere il tempo di
leggere le istru-zioni per l'uso.

Effetti collaterali usuali epinefrina (alcuni di questi possono essere la conseguenza della
reazione anafilattica troppo):
pi veloce (martellante) battito cardiaco a volte irregolare
mal di testa lancinante
eccitazione, ansia, o paura
debolezza o instabilit
vertigini
pallore
nausea e vomito
sudorazione

Avvelenamento
introduzione
Un gran numero di sostanze tossiche si trovano a casa e sul posto di lavoro. Avvelenamento
con monossido di carbonio e biossido di carbonio pu anche verificarsi in un ambiente cupole
tic e lavoro. E 'importante capire la natura tossica delle sostanze chimiche per l'ambiente e le
procedure equipaggiare-mento e di emergenza di protezione adeguate in caso di esposizione
tossica. Pi di frequente, l'esposizione avviene attraverso l'inalazione o ingestione di materiale
tossico, anche se alcuni agenti possono essere assorbiti attraverso la pelle pure. La maggior
parte dei paesi hanno un centro antiveleni (o istituto equivalente), che serve come una risorsa
eccellente per la consulenza sul trattamento di ingestione di, o l'esposizione a, un veleno potenziale. importante informare il centro di controllo di veleno della natura e del tempo di
esposizione e il nome del prodotto o sostanza tossica.

Sintesi di fondamento scientifico


Questo tema stato esaminato dal consenso su Science nel 2010 e il CEBaP rivalutata la
letteratura disponibile per questa edizione delle linee guida. Monossido di carbonio e anidride
carbonica intossicazione stata n scientificamente valutati nel consenso su Science nel 2010,
n nel 2015. Il Regno Unito Autorit la sanit pubblica e il centro canadese ha fornito ulteriori
fonti di informazioni fornite in questa pubblicazione per la salute e sicurezza sul lavoro.

50

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Contatto esterno
irrigazione dell'acqua
Irrigazione della pelle e degli occhi dopo l'esposizione ad agenti caustici pu ridurre la gravit
dei danni ai tessuti ed stato un pilastro del trattamento di primo soccorso. Prove da molteplici
studi che hanno esaminato l'esposizione alcali e acido di entrambi gli occhi e la pelle ha
mostrato che i risultati sono stati migliorati quando l'irrigazione l'acqua stata rapidamente
somministrato in trattamento di primo soccorso. In una serie di casi non casuale di immediato
(primo soccorso) rispetto ritardato (operatore sanitario) irrigazione pelle, l'incidenza di ustioni a
tutto spessore era pi bassa e la durata della degenza ospedaliera stata ridotta del 50 per cento
con irrigazione immediata e copiosa di Chemi pelle ustioni -Cal. Evidenza basata su studi
animali supporta anche irrigazione acqua per ridurre l'esposizione della pelle e degli occhi
all'acido. In uno studio su topi con ustioni cutanee acidi, acqua di irrigazione all'interno di un
minuto di bruciare impedito qualsiasi calo di pH tessutale, mentre l'irrigazione ritardo ha
permesso una sempre pi significativa diminuzione del pH tissutale.

contatto interno
Lato sinistro disteso
E 'stato dimostrato che la posizione di decubito sinistra ha comportato una riduzione
statisticamente sig-significativa di paracetamolo assorbimento (misura di svuotamento
gastrico), rispetto al decubito destro in uno studio controllato randomizzato in cui stato
simulato un sovradosaggio acuto (ingestione di 80 mg / kg paracetamolo in forma di compresse
pediatrici 160mg).
Diluizione con latte o acqua
Non ci sono studi sull'uomo sugli effetti del trattamento di esposizione caustica orale con la
terapia di diluizione. Cinque studi su animali dimostrano beneficio istologico di animali
rappresentativi del tessuto dell 'esofago, quando il diluente stato somministrato dopo
l'esposizione a un acido o alcali. Uno studio in vitro chimica dimostrato alcun beneficio
dall'aggiunta di grandi volumi di diluente o una base forte o un acido forte.
Sciroppo di ipecacuana
Gli studi che esaminano gli esiti clinicamente rilevanti trovato alcun vantaggio per lo sciroppo
di admin-istering di ipecacuana per una sospetta vittima di avvelenamento. Ulteriori studi
hanno dimostrato gli effetti negativi, come vomito intrattabile e amministrazione carbone attivo
in ritardo, quando stato dato lo sciroppo di ipecacuana. Uno studio non clinico, ma
epidemiologica ha dimostrato che la somministrazione di sciroppo di ipecacuana non
associata ad una diminuzione dell'uso delle risorse sanitarie. Sciroppo di ipecacuana non pi
raccomandato per qualsiasi ingestione tossici.
Carbone attivo
Ci sono prove limitate a favore della somministrazione di primo soccorso di attivazione charcarbone (carbone medica) ingestione dopo l'avvelenamento: stato dimostrato che il carbone
attivo ha determinato una riduzione statisticamente significativa della vitalit di droga, comspetto a nessun carbone attivo.
La prova di qualit molto bassa ha dimostrato che il carbone attivo ha determinato un aumento
statisticamente significativo complicazioni quali vomito, rispetto a nessun carbone attivo.

Monossido di carbonio
Il monossido di carbonio un non-irritante, incolore e un gas inodore e pu essere molto
difficile da rilevare. un gas infiammabile e pu reagire violentemente

51

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

con altre sostanze e le fonti di energia, che potrebbe anche causare Explo-sioni. frequenti fonti
di monossido di carbonio sono i motori a combustione di gas, incendi, forni e stufe, soprattutto
in spazi poco ventilati. Il monossido di carbonio si lega ai globuli rossi pi forte di ossigeno
pu, in tal modo Reduc-zione la quantit di ossigeno che pu essere trasportato dal sangue di
raggiungere organi importanti come il cuore e il cervello.
I sintomi tipici di avvelenamento da monossido di carbonio sono mal di testa, nausea, vomiting, debolezza muscolare (soprattutto agli arti inferiori), perdita di coscienza e convulsioni. A
differenza di altre condizioni che diminuiscono ossigeno nel sangue persona avvelenato da
monossido di carbonio quasi mai pallido o blu (cianotica). La colorazione della pelle sar
spesso rosa brillante o rosso arrossato.

Diossido di carbonio
L'anidride carbonica un gas incolore, insapore, gas inodore che presente nell'atmosfera
terrestre. non infiammabile e non tossico. Viene prodotta naturalmente da tutti gli organismi
viventi e rimosso dal corpo in aria espirata. Viene costantemente prodotto e rimosso
dall'ambiente da oceani e piante in un processo noto come il ciclo del carbonio. Le attivit
umane come burn-ing carbone, petrolio e gas al piombo produzione di anidride carbonica; da
qui si pu entrare nell'ambiente da emissioni delle fabbriche o centrali elettriche che bruciano
combustibili fossili. veicoli a motore e la combustione di petrolio e gas nelle case per il
riscaldamento producono anidride carbonica ed un importante contributo al riscaldamento
globale.
Grandi quantit di anidride carbonica sono prodotte durante il processo di fermentazione in
cantine, silos o pozzi neri, specialmente se non sono adeguatamente ventilati. pi pesante
dell'aria e inonda cantina o spazi ristretti e pu diluire la concentrazione di ossigeno nell'aria
sotto del livello necessario per sostenere la vita.
Basse concentrazioni di anidride carbonica causa aumento della frequenza respiratoria e mal di
testa. In alte concentrazioni, pu causare asfissia - quindi non davvero una intossicazione
classica, ma la gente pu morire a causa della mancanza di ossigeno nell'atmosfera riempito
anidride carbonica. I sintomi possono includere perdita di mobilit o coscienza, vertigini,
sonnolenza e nausea. Inoltre, il contatto della pelle con congelato anidride carbonica (ghiaccio
secco) pu causare congelamento.

Riferimenti

Linee guida
Per tutti l'avvelenamento
- Nel dare il primo soccorso ad una vittima, la prima priorit la sicurezza del pronto
soccorso fornitore, il che significa che qualsiasi contatto diretto con i gas, fluidi o qualsiasi
altro materiale eventualmente contenente veleni deve essere evitato. (Good Practice Point)
- Se sono presenti le condizioni di pericolo di vita, chiamare EMS per un ulteriore aiuto.
(Buona pratica Punto)
- Se esistono condizioni di pericolo di danni, chiamare il centro antiveleni per guida. (Good
Practice Point)
Per l'avvelenamento da ingestione
- Il carbone attivo dovrebbe essere usata come misura di primo soccorso solo se diretto da il
centro di controllo di veleno o agenzia equivalente. (**)
- Ipecac must sciroppo NON essere utilizzato da un laico come trattamento di primo
soccorso in casi di intossicazione acuta. (**)

52

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

- Per le vittime che hanno ingerito una sostanza caustica, la somministrazione di un diluente
da un fornitore di primo soccorso non generalmente raccomandato. (*), Ma in aree
remote, dove ulteriori cure in ritardo e quando consigliato di farlo da un centro
antiveleni, SME o equivalente locale, dando un diluente (latte o acqua) pu essere
opportuno. (*)
- La vittima dovrebbe preferibilmente essere posato sul suo lato sinistro. (*)
Per l'avvelenamento da gas
- avvertimento di infiammabilit: Nei locali che sono potenzialmente pieni di carbonio
l'esposizione di monossido di tutte le fonti di calore quali fiamme libere, apparecchiature
elettri-cal, prodotti chimici ossidanti e il fumo dei prodotti del tabacco dovrebbe essere
evitato. (Good Practice Point)
- Spostare la vittima fuori della zona con il gas immediatamente, ma solo se questo pu
essere fatto senza mettere in pericolo il primo fornitore di aiuti (Good Practice Point).
Nella maggior parte dei casi il salvataggio deve essere effettuata da un servizio di soccorso
professionale.
- Solo i fornitori qualificati di primo soccorso devono somministrare ossigeno alle vittime
della monossido di carbonio e biossido di carbonio avvelenamento. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Per l'esposizione a una sostanza tossica, l'azione preferito quello di chiamare e seguire le
istruzioni del centro di controllo di veleno o SME se queste risorse sono dispo-bile. La
decisione su quale entit da chiamare basata su o meno la vittima mostra sintomi di pericolo
di vita. Se i sintomi potenzialmente letali sono presenti, il primo fornitore di aiuto deve
chiamare SME poich la loro assistenza sar richiesto per gestire i sintomi. Per tutte le altre
situazioni, il centro di controllo di veleno la miglior prima risorsa.
In generale, il primo passo di fermare o limitare ulteriormente effetto del veleno stop-ping
esposizione continuata.
In caso di inalazione di un gas tossico, la vittima deve essere rimosso dalla zona, ma questo
dovrebbe essere fatto solo se la sicurezza del primo fornitore aiuto pu essere mantenuta.
In caso di contatto esterno o interno con un materiale tossico:
- prodotti chimici secchi o polveri devono essere rimosse prima che la vittima viene
sciacquato - superficie corporea deve essere risciacquato, il (caustica) tossina deve essere
diluito
- veleno nello stomaco o nell'intestino pu essere rimosso o legato (solitamente usando gli
operatori sanitari).
Dispositivi di protezione individuale (ad esempio guanti e occhiali) deve essere indossato
durante la rimozione delle tossine.
Bocca-a-bocca rianimazione dovrebbe essere evitato in presenza di tossine, come il cianuro,
acido solfidrico, corrosivi o organofosfati. Preferenza quella di utilizzare il dispositivo
sacchetto-valvola-maschera (BVM) da parte di coloro che sono addestrati a farlo.
Le Societ Nazionali necessario determinare se l'educazione sulla fornitura di ventilazione
assistita dovrebbe includere l'uso di un dispositivo di barriera e / o l'uso di un rianimatore
BVM. Questa decisione dovrebbe essere basato sul livello del fornitore in formazione, risorse,
direzione medica, gli standard di controllo delle infezioni, gli approcci dei servizi di emergenza
locali, ingresso della salute pubblica e CIR-circo- nazionale (ossia etici considerazioni, usi,
costumi locali, ecc ).

fornitori di primo soccorso e studenti sanitari spesso si mescolano l'identificazione di


intossicazione da monossido di carbonio e biossido di carbonio. Quindi, gli sforzi specifici
devono essere fatte per aiutare lo studente a capire la differenza.

53

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

In primo luogo l'educazione aiuti che copre l'argomento di avvelenamento devono includere
l'invito agli studenti che un tecnico qualificato e registrato dovrebbe regolarmente servire tutti
gli apparecchi di cottura e di riscaldamento che utilizzano combustibili fossili (come il gas,
petrolio e carbone).
Gli studenti devono essere messi al i benefici di rilevatori di monossido di carbonio e impianto
di allarme anidride carbonica.

difficolt respiratorie
Difficolt di respirazione pu essere un sintomo soggettivo o pu essere accompagnato da un
molto alto (pi di 20 al minuto negli adulti e negli adolescenti; pi di 30 nei bambini, 40 nei
neonati e 60 nei neonati) o molto basso (meno di 10 al minuto negli adulti e negli adolescenti;
meno di 15 nei bambini, nei neonati 25 e 40 nei neonati) tasso di respirazione, e / o sforzi
visibili e / o respirazione rumorosa. Tra le molte cause di difficolt respiratorie i pi importanti
sono l'ostruzione delle vie aeree superiori (vediRianimazione), Lesioni al torace, insufficienza
cardiaca, malattia cronica polmonare ostruttiva, bronchite, (bronchiale) asma, Groppa (bambini
e neonati) e bronchiolite (bambini e neonati).

Asma
introduzione
L'incidenza di asma acuta grave (e la morte come conseguenza di esso) in aumento,
soprattutto tra le popolazioni urbane e nei paesi industrializzati. Molte persone con asma sono
state prescritte e farmaci in grado di auto-somministrarsi Bron-chodilator. farmaci
broncodilatatori per via inalatoria sono al sicuro con pochi effetti indesiderati. Secondo alcuni
studi, albuterol e salbutamolo trattamento-mento non cambia in modo significativo la frequenza
cardiaca, la pressione sanguigna e siero di potassio. Solo uno studio ha dimostrato un
cambiamento statisticamente significativo della frequenza cardiaca con diversi regimi di
trattamento di salbutamolo e salbutamolo. Queste linee guida sono state aggiornate per
riflettere nuove prove.

Sintesi di fondamento scientifico


La posizione del paziente pu alleviare la dispnea (difficolt o respiro affannoso, senso di
mancanza di respiro, senso di oppressione al petto e la sensazione di Suffo-cazione). La
maggior parte dei pazienti dispnea (compresi quelli aventi attacco acuto di asma) preferiscono
essere in un montante, e non una posizione supina. Uno studio ha mostrato prove limitate che
favorisce una posizione seduta proteso in avanti. E 'stato dimostrato che essere seduti
sporgendosi in avanti portato ad un aumento statisticamente significativo del numero di
pazienti con dispnea sollevato percepita, rispetto a piedi.
I broncodilatatori migliorano la respirazione del flusso funzione e di picco e riducono disagio
Respir-Atory. Ci sono molti studi d'uso broncodilatatore; uno studio randomizzato, in doppio
cieco ha mostrato che i broncodilatatori funzione delle vie aeree migliorate in modo
significativo. Un altro studio nei bambini ha dimostrato che la somministrazione precoce di
broncodilatatori nel contesto di emergenza riduce la gravit di attacco e la conseguente
necessit di ricovero. Inoltre, gli studi hanno dimostrato che quelli formati con un livello di
base in grado di riconoscere in modo efficace un attacco acuto di asma e amministrare
salbutamolo per i pazienti acuti di asma. Il miglioramento del picco di flusso espiratorio
dimostra l'efficacia del trattamento albuterol per asma bronchiale in ambiente pre-ospedaliero.

Riferimenti
54

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Linee guida
Le persone con difficolt di respirazione possono essere spostati in una posizione di comfort,
con l'allentamento di qualsiasi abbigliamento restrittivo. (*)
fornitori di primo soccorso possono aiutare la persona a stare seduti piegato in avanti. (Good
Practice Point)
E 'ragionevole che i fornitori di primo soccorso hanno familiarit con i dispositivi di
broncodilatatore inalatorie comunemente usati per aiutare una persona ad utilizzare questi
dispositivi se lui o lei sperimenta difficolt respiratorie. (Good Practice Point)
Un fornitore di primo soccorso portando un inalatore broncodilatatore e specificamente
addestrati ad usarlo possono amministrare broncodilatatore sulla sua discrezione, se le
normative locali lo permettono. (*)
Un fornitore di primo soccorso pu aiutare una vittima di amministrare il proprio bronchoditore inalatore se le normative locali lo permettono e hanno ricevuto la formazione specifica
per farlo. (*)
Se la persona non ha broncodilatatore o il broncodilatatore non efficace, o la persona sta
vivendo gravi difficolt respiratorie (cambiamento dello stato mentale, scarsa perfusione,
respirazione lenta, il primo fornitore di aiuto deve attivare EMS e continuare ad osservare e
aiutare l'individuo fino a quando aiuto arriva. (Good Practice Point)
In alcuni casi, un soccorritore specificamente addestrato pu dare supplementare ossi-gen per
la persona che ha difficolt respiratorie. (Good Practice Point)
Vedere Uso dell'ossigeno

considerazioni di attuazione
L'uso di un broncodilatatore o inalatore per l'asma dipende da leggi locali, rego-re- e processi,
comprese la protezione di responsabilit. Societ Nazionali possono avere bisogno di variare le
loro metodologie per l'attuazione secondo le opportunit Educa-zionale nel contesto nazionale.
La somministrazione di broncodilatatori o l'uso di inalatori da parte dei fornitori di primo
soccorso richiede una formazione e competenze specifiche in broncocostrizione ricono-zione,
inalatore predosato o l'uso del nebulizzatore (a seconda del metodo utilizzato) e la disponibilit
di attrezzature.

Dolore al petto
introduzione
Il dolore toracico pu essere un sintomo di una serie di condizioni (cuore, polmone, della
parete toracica, etc.). Per i fornitori di primo soccorso, una delle considerazioni pi importanti
da prendere in considerazione l'attacco cardiaco (infarto miocardico). Il fumo, la pressione
alta, il diabete e il sovrappeso sono fattori di rischio che possono provocare un attacco di cuore.
Solitamente, infarto miocardico causato da aterosclerosi acuta complicata da trombosi
(coagulo di sangue) nei vasi cardiaci. trattamento antitrombotico auspicabile appena
possibile. Complicazioni di un attacco di cuore includono mancanza di respiro, shock e arresto
cardiaco. L'arresto cardiaco pu seguire un attacco di cuore e pu essere causato a causa di una
serie di motivi, tra cui disturbi del ritmo, ventricolare senza polso principalmente tachicardiacardias o fibrillazione ventricolare (FV). CPR immediata utilizzando AED fornisce le migliori
possibilit di sopravvivenza. Linee guida in questa sezione vengono aggiornati da prove rivisto
nel 2011.

55

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Sintesi di fondamento scientifico


Per la prevenzione della mortalit e migliorare la prognosi a lungo termine, il trattamento
antithrom-botic con aspirina deve essere somministrato appena possibile. fornitori di primo
soccorso possono svolgere questo compito.
Prove da due grandi studi randomizzati dimostra chiaramente che admin-ministrazione di
aspirina entro le prime 24 ore dall'insorgenza del dolore toracico nei pazienti con sindromi
coronariche acute riduce la mortalit. Prove da un registro RETROSPEC-tiva mostra
un'associazione tra la somministrazione pre-ospedaliera precoce di aspirina e la mortalit
abbassato nei pazienti con infarto miocardico acuto. Uno studio retrospettivo dimostra che la
somministrazione pre-ospedaliero di aspirina sicuro; questo studio non solo ha suggerito che
pre-ospedaliero aspirina potrebbe facilitare la riperfusione precoce, ma anche il valore di
amministrare aspirina precoce durante infarto miocardico acuto.
Non ci sono studi che hanno valutato la sicurezza e l'efficacia di avere pronto soccorso proprestatori o un laico amministrare aspirina per le persone con dolore toracico. Ma si potrebbe
estrapolare da studi con EMT-base la cui capacit di diagnosticare l'eziologia del dolore
toracico non sarebbe diverso da quello di un fornitore di primo soccorso. Sulla base di questa
estrapolazione ed esperto di opinione, questa pratica sembra essere sicuro ed efficace.

Riferimenti

Linee guida
Un dolore toracico persona che sperimenta deve essere assistito con l'assunzione di aspirina
loro pre-descritto. (**)
Se la persona che sperimenta dolore al torace, che si ritiene essere di origine cardiaca, non ha
preso un'aspirina, il primo fornitore di aiuto lui o lei dovrebbe dare una singola dose orale di
masticabile 150-300mg o aspirina solubile e di istruirli a masticare, mentre in attesa di
assistenza professionale per arrivare, a meno che non vi una con-controindicazione, come
ad esempio un disturbo allergico o sanguinamento. (**)
Il primo fornitore di aiuto pu aiutare la persona che sperimenta dolore al petto per entrare in
una posizione comoda (di solito semi-seduta basata su protocolli locali) e chiedergli di
astenersi da attivit fisica. (*)
Un fornitore di primo soccorso pu somministrare ossigeno ad una persona ipossico vivendo
dolore toracico se lui addestrato e se l'ossigeno disponibile. L'utilizzo di ossigeno non
deve ritardare altre azioni. (*) VediUso dell'ossigeno
Il primo fornitore di aiuto dovrebbe chiamare per EMS non appena un attacco di cuore suspected. (Good Practice Point)
Il primo fornitore di aiuto dovrebbe assistere la persona con la somministrazione della sua
nitrato prescritto. (Good Practice Point)
Se addestrato, fornitore di primo soccorso pu somministrare un nitrato alla persona dolore al
torace espe-encing. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
I segnali di pericolo di un attacco di cuore possono comprendere i seguenti: 6
6

56

http: //www.heart.
org / HEARTORG /
Condizioni / HeartAttack /
WarningSignsofaHeartAttack /
Attenzione-Segni-di-un-CuoreAttack_UCM_002039_Article. jsp #
.VtF50ZMrLow

fastidio al torace
La maggior parte dei attacchi di cuore coinvolgono disagio nel centro del petto che dura pi di
pochi minuti o che va e ritorna. Si pu sentire come piccolo men a pra-agio pressione,
spremitura, pienezza, bruciore o dolore.

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Il disagio in altre zone del corpo superiore


I sintomi possono includere dolore o disagio in una o entrambe le braccia, la schiena, al collo,
alla mandibola o allo stomaco.
Fiato corto
Pu essere con o senza fastidio al torace.
Altri segni possibili
Questi includono pallore, scoppiare in un sudore freddo, nausea o sensazione di testa vuota.
Alcuni attacchi di cuore sono improvvisi e intensi, ma molti iniziano lentamente con lieve
dolore o disagio. Spesso, le persone colpite non sono sicuri di ci che sbagliato e attendere
troppo a lungo prima di ottenere aiuto. Anche se un fornitore di primo soccorso non sicuro
che sia un attacco di cuore, lui o lei non deve aspettare pi di cinque minuti prima di chiamare
il numero di risposta di emergenza per richiedere un trattamento rapido e il trasporto al pronto
soccorso. Accesso rapido alle cure per un attacco di cuore diminuisce di cuore danni muscolari
e migliora le possibilit di sopravvivenza e la funzione dopo l'attacco. squadre e sistemi EMS
sono organizzati per far rivivere qualcuno il cui cuore si fermato.
Mentre stato raccomandato tradizionalmente masticabile bambino aspirina, in alcuni casi,
possono essere utilizzati non enterica aspirina rivestito o qualsiasi forma di aspirina. Il punto
importante da sottolineare in materiale educativo che la vittima deve masticare il aspirina. In
questo modo, qualsiasi forma di aspirina sar assorbito ed entra in vigore in un breve lasso di
tempo.
La somministrazione di aspirina, nitrati e di ossigeno da parte dei fornitori di primo soccorso
per il dolore toracico dipende legge locale, i regolamenti e le procedure, compresa la protezione
di responsabilit. Societ Nazionali possono avere bisogno di variare le metodologie utilizzate
per Imple-mentazione secondo le opportunit di istruzione nel contesto nazionale.
(vederesomministrazione di farmaci).

Ictus
introduzione
L'ictus un disturbo acuto della circolazione cerebrale (comunemente, la circolazione ridotta,
meno di frequente, sanguinamento), essendo la seconda causa di morte nelle persone di et
superiore ai 60, e la seconda causa di disabilit (perdita di visione, la parola o parziale o
completa paralisi).

ammissione presto ad un centro ictus migliora notevolmente la prognosi per il casu-Alty,


evidenziando la necessit per i fornitori di primo soccorso e il pubblico laico di essere in grado
di riconoscere rapidamente sintomi di ictus e attivare lo SME o iniziare il trasporto ad un centro
ictus. L'obiettivo per l'infortunato a ricevere il trattamento definitivo in tempo per beneficiare
di nuove terapie. Nella maggior parte dei casi, questo significa ricevere trombolitica
(dissoluzione di un coagulo) trattamento entro tre a cinque ore dalla comparsa dei sintomi di
ictus. Nei casi causati da sanguinamento, di tanto in tanto un intervento surgi-Cal di
beneficio. Mentre l'obiettivo quello di fornire un trattamento entro tre ore, il pi presto
possibile la regola. Ci sono nuove procedure Disp-in grado in pochi centri di ictus, come la
rimozione di coaguli meccanica che pu essere efficace anche negli ultimi tre ore. Linee guida
in questa sezione vengono aggiornati da prove rivisto nel 2011.

57

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Sintesi di fondamento scientifico


Un metodo preciso, conciso e rapidamente implementabile per valutare indivi-als che
manifestano segni e sintomi simil-ictus voluta ed stato tentato attraverso l'uso di vari
strumenti di valutazione corsa a partire dalla met degli anni 1980. Nel valutare gli strumenti di
performance corsa disponibili, due domande specifiche sono state affrontate:
lo strumento di screening veloci (viso, braccia, discorso e ora) uno strumento di
valutazione corsa utile per i fornitori di primo soccorso?
Qual lo strumento pi efficace valutazione dell'ictus attualmente disponibile per i fornitori
di primo soccorso?
Per affrontare la questione, se ci fosse uno strumento di valutazione ictus che potrebbe essere
utilizzato da un fornitore di primo soccorso, la Scientific Advisory Council American Red
Cross si concentrato su scale di ictus che utilizzavano convalidato e gli elementi affidabili tra
cui la Stroke Scale Cincinnati pre-ospedaliera (CPSS) , il Los Angeles pre-ospedaliero Stroke
Scale (LAPSS) e FAST.
Un abbreviato a tre punto Out-of-Hospital National Institute of Health Stroke Scale stato
sviluppato dal National Institute of Health 15-item strumento di diag-dia- ictus. Il modello
utilizzato paralisi, differenza braccio del viso e disartria presentato come il 100 per cento
sensibili nel predire ictus potenzialmente ammissibili all'intervento con il 92 per cento
specificit. A causa della disartria e afasia di essere confusa, un singolo elemento stato creato
e identificato come discorso anormale. La presentazione di una anomalia con paralisi facciale o
il braccio motore e com-combinati con il discorso anormale presentato una bilancia con
sensibilit 100 per cento e 88 per cento di specificit. La scala ha individuato il potenziale per
l'uso da parte di altri personale medico e il pubblico in generale per assistere con il
riconoscimento di un ictus. Il National Institute of Health Stroke Scale identificato e fornito
reliabil-lit e la validit per 15 singoli elementi di valutazione funzionale. Uno strumento di
identificazione rapida della corsa che ha combinato il CSPR e LAPSS in FAST stato creato
nel 2003, modificando la valutazione del linguaggio e cancellato la valutazione glicemia. La
valutazione primaria studiato per essere somministrato a persone sedute per rilevare unilaterale
debolezza motoria e debolezza facciale incluso, braccio debolezza e disturbi del linguaggio.
Un altro studio del 2005 ha cercato di determinare la capacit degli individui di identificare i
deficit e con precisione riferiscono gli esiti di un investigatore. Utilizzando le voci tempi di
debolezza del viso, braccio debolezza ed il discorso deficit ritratte da ictus in possesso sintomi
irrisolti, i partecipanti correttamente somministrati direzioni CPSS in una media di 94 secondi 96 per cento, 99 per cento e 98 per cento rispettivamente. C'era una capacit complessiva di
adulti per amministrare correttamente il CSPR essere il 98 per cento. Facciale debolezza
specificit stata del 74 per cento, con una sensibilit del 94 per cento. la sensibilit del
braccio debolezza stata del 92 per cento e una specificit 72 per cento. Discorso deficit
specificit e sensibilit erano entrambi 96 per cento. I risultati hanno concluso la capacit di
accelerare pre-ospedaliero triage dei sintomi di ictus da laici non addestrati in modo
tempestivo.

In sintesi, gli studi hanno dimostrato che la formazione di operatori di primo soccorso di
utilizzare sistemi colpo di valutazione consentono loro di riconoscere ictus in precedenza, per
cui l'intervallo tra l'insorgenza dell'ictus e arrivo in ospedale fornire definitiva trattamentomento diminuita e il risultato migliorato. Secondo questi studi, senza una formazione per
l'utilizzo del sistema di valutazione ictus, 76,4 per cento dei laici possono REC-ognize segni e
sintomi di ictus. Tuttavia, dopo tale formazione, 94,4 per cento sono in grado di riconoscere
l'ictus, in modo affidabile pi di tre mesi dopo la formazione.

Riferimenti
58

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Linee guida
Utilizzando un sistema di valutazione dell'ictus da parte dei fornitori di primo soccorso
fortemente consigliato. (**)
Per una persona che mostra segni di ictus e / o vivendo sintomi di ictus, i fornitori di primo
soccorso deve:
- chiamare SME il pi presto possibile. (Good Practice Point)
- aiutare la persona in una posizione comoda (sulla base di protocolli locali), chiedere lui o
lei ad astenersi da attivit fisica, e regolarmente controllare consapevole-ness e la
respirazione. (*)
- se la persona non risponde ma respira normalmente, il primo fornitore di aiuti lui o lei pu
mettere in posizione di recupero, o pu mantenere brevetto vie di inclinazione della testa sollevamento del mento manovra. (*)
L'utilizzo di FAST appropriata per il primo fornitore di aiuti e pubblico in generale. (Good
Practice Point)

considerazioni di attuazione
In termini di primo soccorso, le azioni pi importanti sono:
Riconoscere l'avvertimento e / o primi segni di ictus.
Nota il loro tempo di insorgenza.
Chiamare immediatamente il EMS per aiuto di un esperto.
La possibilit o la probabilit di ictus possono essere riconosciute facilmente individuando le
seguenti segnali di pericolo:
improvviso intorpidimento o debolezza del viso, braccio o una gamba, in particolare su un
lato del corpo: la probabilit di ictus fortemente supportata se la persona, quando viene
chiesto di:
- mostrare i denti, l'angolo della bocca caduto
- alzare entrambe le braccia con i palmi rivolti verso l'alto, mentre gli occhi sono chiusi, un
braccio andato alla deriva o caduto
la confusione improvvisa, difficolt a parlare ea comprendere: la probabilit di ictus
fortemente sostenuto se la persona, quando viene chiesto di:
- ripetere una semplice frase, la parola non chiara o impastata, o le parole non lo fanno
venire facilmente
difficolt improvvisa nel vedere con uno o entrambi gli occhi.
difficolt improvvisa nel camminare, sperimentando vertigini, perdita di equilibrio o di
coordinazione.
Improvviso, forte mal di testa senza causa nota.
Sequestro di una persona non-epilettico.
sistemi di valutazione ictus semplici (ad es CSPR o veloce) sono facili da usare e conattualmente hanno alta sensibilit di riconoscere ictus. La specificit pu essere aumentato se il
primo fornitore di aiuti in grado di misurare la glicemia (per escludere hypoglycae-mia) e
utilizza un avanzato sistema di valutazione dell'ictus (ad esempio LAPSS, Ontario preospedaliero Stroke Scale (OPSS), Riconoscimento della corsa al pronto soccorso (ROSIER),
Kurashiki pre-ospedaliero Stroke Scale (KPSS)).

sintomi simil-ictus che sono mite e temporaneo possono indicare un attacco ischemico
transitorio (TIA), che un avvertimento o mini-ictus che si traduce in nessun ultimo-ing lesioni
cerebrali. La breve durata dei sintomi e la mancanza di lesioni cerebrali permanenti sono le
principali differenze tra TIA e ictus. Tuttavia, riconoscendo la possibilit di un TIA
importante perch permette precoce tratta-mento per ridurre il rischio di un grave ictus.

Vedere Incoscienza eConvulsioni, Che pu essere complicazioni di ictus.

59

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

La disidratazione e disturbi
gastrointestinali
introduzione
La disidratazione pu essere una conseguenza di una vasta gamma di disturbi di salute (vomito
e diarrea, stress da calore, febbre, ecc) o l'attivit fisica intensa e duro lavoro fisico, in
particolare in ambienti caldi e umidi o freddi environ-menti con attivit faticose e / o a causa di
indossare abiti eccessivi. Questi non solo portare ad una significativa perdita di acqua sotto
forma di sudore e la perdita di altri fluidi corporei, ma anche una perdita di elettroliti che sono
essenziali per molte funzioni normali del corpo fisiologiche. Le conseguenze per il corpo pu
variare da crampi alle alternanze in funzione mentale, scossa che pu essere vita-threating e
anche portare alla morte se non trattata, specialmente nei bambini piccoli e gli anziani.

Altri sintomi comuni di disturbi gastrointestinali possono includere dolore addominale, nausea
e / o vomito, diarrea e, a volte febbre.

Sintesi di fondamento scientifico


Questo argomento stato rivisto nel 2010, e per il 2015 equivalente, la task force del consenso
su Science ha condotto una vasta ricerca bibliografica che ha portato a un numero molto
maggiore di studi inclusi nella quale sono stati esaminati vari Bever-et rispetto con l'acqua. Il
CEBaP rivalutato alcuni aspetti.
Nella revisione 2015 ILCOR First Aid-sistematica di 12 studi prove dimostrano che
l'ingestione di cinque per cento di otto per soluzioni carboidrati-elettroliti centesimo facilitare
la reidratazione dopo la disidratazione indotta da esercizio fisico e sono Gener-alleato ben
tollerato. In assenza di shock, confusione, o l'incapacit di deglutire, ragionevole per i
fornitori di primo soccorso per assistere o incoraggiare gli individui con la disidratazione exerzionale per reidratare per via orale con bevande carboidrati-elettroliti. Altre bevande come,
acqua di cocco, latte, t al limone e t cinese con la caffeina, sono stati trovati anche a
promuovere la reidratazione dopo la disidratazione esercizio-Associ-ated, ma non possono
essere cos facilmente disponibili. Se queste bevande alternative non sono disponibili, l'acqua
potabile pu essere utilizzato, o alternato con bevande carboidrati-elettroliti commerciali.

Il merito scientifico generale di molti articoli nella letteratura relativa a exer-CISE o


disidratazione ambientale-indotta generalmente debole. Ma ci sono studi sul metodo e il
trattamento di disidratazione gastrointestinali a base di ben segnalati. La maggior parte degli
studi ha avuto un piccolo numero di partecipanti, in genere da sei a otto uomini adulti. Un
modello di esercizio in un ambiente con elevata tem-temperatura in genere si traduce in
disidratazione, con un livello target di meno del due per cento. Questo livello di disidratazione
tipicamente inferiore al livello che rende una persona particolare sintomatica. Due studi
hanno dimostrato che le strategie orali di rianimazione con fluidi sono efficaci quanto
endovenosa per le persone con la disidratazione. In un modello di lieve esercizio e
disidratazione indotta da calore, dieci studi hanno dimostrato che le soluzioni di carboidrati o
elettroliti sono pi efficaci di acqua nel ripristino del volume intravascolare dopo sperimentale,
disidratazione indotta dall'esercizio. Uno studio ha suggerito che un 12,5 per cento soluzione
carbo-idrato contenente glucosio e fruttosio determinato un mandata del fluido pi rapido
rispetto alle soluzioni contenenti solo il glucosio. Uno studio ha dimostrato che

60

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

soluzioni di glucosio ipertoniche potrebbero essere pi efficace nel mantenere lo status Hydrazione dopo la sudorazione. Un altro studio indica che il contenuto di sodio pi importante del
contenuto totale osmotico per aumentare il volume del plasma a riposo. In un altro studio,
stato osservato che il latte pi efficace di acqua per la sostituzione del fluido nei singoli
disidratato. Il volume di liquido somministrato deve superare il volume di perdita di sudore
stimato o altre perdite del 150 per cento. Una recente monografia dell'Organizzazione
Mondiale della Sanit su stati terapia di reidratazione orale, "La disidratazione da diarrea pu
essere prevenuta dando liquidi extra a casa, o pu essere trattata in modo semplice, efficace ed
economico in tutte le et e in tutti, ma i casi pi gravi, dando pazienti per bocca una soluzione
elettrolitica di glucosio adeguata chiamato sali di reidratazione orale (ORS) soluzione ". 7 La
letteratura ha anche mostrato differenze nella composizione tra le soluzioni elettrolitiche sport
in commercio gi pronte e soluzioni Rehydra-zione orale.

Ci sono prove limitate che attesti che almeno tre dei seguenti segni clinici sono predittivi per la
diagnosi di disidratazione dovuta alla diarrea acuta (migliore sensibilit combinazione e
specificit): diminuita elasticit della pelle, poveri oltre-ogni apparenza, senza lacrime,
respirazioni anomali (profonda e rapida), secchezza delle mucose, gli occhi infossati, anormale
polso radiale (debole e impalpabili).

Riferimenti

Linee guida
Nei casi di disidratazione, i fornitori di primo soccorso devono reidratare la persona che
utilizza ORS. (**)
In entrambi i casi un ORS preparati in commercio o un pacchetto di sale pre-preparati per la
reidratazione orale, che conforme alle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della
Sanit per le soluzioni ORS devono essere utilizzati per la reidratazione. (**)
fornitori di primo soccorso potrebbero usare tre per cento a otto per cento bevande
carboidrati-elettroliti per la disidratazione sforzo legate. (*)
Se tre per cento a otto per cento bevande carboidrati-elettroliti non sono disponibili o non
tollerato, bevande alternative per la reidratazione comprensivi di acqua, il 12 per cento
soluzione di carboidrati-elettroliti, acqua di cocco, due per il latte cento, il t, il t di
carboidrati-elettroliti, o bevande contenenti caffeina t. (*)
In mancanza di soluzioni pre-preparati, una soluzione casalinga pu essere utilizzato per la
disidratazione. (Good Practice Point)
Se i sintomi di disturbi gastrointestinali compaiono improvvisamente, sono gravi o sono
accompagnati da disidratazione (o quest'ultimo appare da sola), di emergenza trattamentomento dovrebbe essere cercato. Anche i casi lievi di disturbi gastrointestinali possono
richiedere una visita medica, anche se il bisogno non necessariamente urgente. (Good
Practice Point)

considerazioni di attuazione
I tipi di fluidi disponibili per la reidratazione orale, variano da paese a Cone-provare. Pertanto,
importante per i materiali educativi per riflettere le soluzioni preparate localmente disponibili
e come ottenere una soluzione in assenza di quelli pre-preparati. i liquidi per la reidratazione
orale sono generalmente utilizzati per gestire la disidratazione diarrea e differiscono da
bevande sportive, che sono progettati principalmente per la perdita di sudore durante
l'esercizio.
Per prevenire la disidratazione:
Dare consigli per prevenire la disidratazione, ad esempio, non esporre la testa e il corpo a
calore eccessivo, soprattutto se non utilizzata per il clima caldo (ad esempio, un turista

http://www.who.int/maternal_
child_adolescent / documenti
/ fch_cah_06_1 / it /

8
61

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

un paese con temperature moderate in vacanza ai tropici).


Indossare un cappello (bambini soprattutto piccoli e neonati).
Indossare indumenti fresco che permette la circolazione dell'aria.
Bere abbastanza acqua durante il giorno; aumentare la normale aspirazione del liquido da
almeno uno a due litri per adulti.
Evitare di ampie attivit sportive intorno a mezzogiorno e mezzogiorno.
Proteggere la pelle con creme solari ad alta protezione.
Dare il corpo il tempo di adattarsi all'ambiente, soprattutto per le persone non utilizzati per
un clima caldo e umido.
Questo dovrebbe essere inclusa nel curriculum informazioni di sintomi di dehy-dration e
disturbi gastrointestinali - specialmente nelle regioni in cui la diarrea un problema di salute
pubblica comune. Inoltre sottolineano che mentre la disidratazione comune a caldo, le
persone che vivono in ambienti freddi possono anche soffrono a causa di attivit faticose e del
lavoro o indossare abiti eccessivi.
I sintomi di disidratazione includono:
la pelle pallida e secca
secchezza della bocca e lingua
debolezza
ritardata ricarica capillare
il cambiamento dello stato mentale (come la disidratazione diventa pi grave)
I sintomi di disturbi gastrointestinali comprendono:
nausea o vomito
diarrea
dolore addominale
segni di disidratazione
febbre
Se i sintomi compaiono all'improvviso, sono gravi o sono accompagnati con dehy-dration (o,
nel caso di disidratazione solo), dovrebbe essere cercato un trattamento di emergenza. Anche i
casi lievi di disturbi gastrointestinali possono richiedere una visita medica, anche se il bisogno
non necessariamente urgente.
Passi da seguire quando si prepara ORS confezionati per gestire la disidratazione:
Lavare le mani con acqua e sapone.
Seguire le indicazioni di preparazione sulla confezione ORS.
Mettere un litro di acqua potabile in una pentola pulita.
Vuoto pacchetto di ORS in acqua e mescolare.
In assenza di pacchetti pre-preparati, una soluzione casalinga pu essere effettuato utilizzando
(esistono anche altre alternative):
mezzo cucchiaino di sale
sei cucchiaini di zucchero
un litro di acqua
Vedere Shock

62

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Convulsioni
introduzione
Quando infortunio, malattia, febbre, l'avvelenamento o infezione sconvolge le normali funzioni
elet-ponenti del cervello, l'attivit elettrica del cervello pu diventare irregolare. Questa
irregolarit pu causare una perdita di controllo del corpo, contrazioni muscolari, perdita di
coscienza e / o lo sguardo fisso. Questo noto come un sequestro. convulsioni croniche sono
chiamati epilessia, che viene di solito trattato con il farmaco. Alcuni bambini e neonati hanno
convulsioni che sono causati da un improvviso aumento della tem-peratura. Linee guida in
questa sezione vengono aggiornati sulla base di prove rivisto nel 2011.

Sintesi di fondamento scientifico


Nessuna prova stata trovata riguardante una postura specifica o mettere oggetti in bocca di
qualcuno con crisi epilettiche.

Linee guida
fornitori di primo soccorso possono mettere una persona sperimentando un sequestro sul
pavimento per evitare che lui o lei siano feriti. (Good Practice Point)
Una volta che il sequestro si concluso, i fornitori di primo soccorso dovrebbero valutare le
vie respiratorie e la respirazione e il trattamento di conseguenza. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
In precedenza sintomi:
La persona pu sperimentare la sensazione insolita o sentimento (come un'allucinazione
visiva o olfattiva) chiamato aura.
Nel valutare la persona che sperimenta un sequestro, cercare:
contrazioni improvvisa, incontrollabile, muscolari ritmica (cio, convulsioni)
diminuzione del livello di reattivit
irregolari o (temporaneamente) senza respiro
sbavando
rotolamento verso l'alto degli occhi
corpo rigido
la perdita di controllo della vescica o dell'intestino
mordere la lingua o all'interno della guancia
fissando off
Per fornire assistenza:
Rassicurare la persona che si sta per aiutare.
Durante il sequestro:
- rimuovere gli oggetti nelle vicinanze che potrebbero causare lesioni;
- proteggere la testa della persona mettendo un asciugamano o vestiti sottili piegati sotto.
Non limitare le vie respiratorie, mentre farlo;
- non tenere o trattenere la persona;
- non collocare nulla tra i denti della persona o mettere qualsiasi cosa in suo o la bocca. La
persona non ingoiare la propria lingua.
Quando la crisi finita, essere sicuri che le vie aeree del soggetto aperto, e controllare la
respirazione e lesioni.
Comfort e stare con la persona fino a quando lui o lei pienamente cosciente.

10
63

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Alcune persone hanno attacchi epilettici spesso pur essendo sul farmaco. Di conseguenza essi
non possono andare in ospedale dal momento che per loro un sequestro normale che si
verifica con frequenza regolare. Se non siete sicuri di consueto piano di cura della persona,
chiamare lo SME.
Chiamate EMS (numero nazionale o il numero di emergenza locale) immediatamente se:
Un sequestro dura pi di cinque minuti o si ripete.
La persona non riprenda conoscenza dopo cinque-dieci minuti.
La persona ha il diabete o ferito.
La persona che non ha mai avuto un attacco prima.
Qualsiasi condizione di pericolo di vita stato trovato.
Visita medica necessaria se la persona ha un disturbo sequestro noto, ma la SEI-Zure un
tipo diverso o si sta verificando pi frequentemente.

Febbre
introduzione
Quando la temperatura corporea supera i 38 C o 100,4 F, una persona ha la febbre. Il primo
fornitore di aiuto pu intervenire per far scendere la temperatura della persona che soffre di
febbre per aumentare il proprio comfort. Tuttavia, i fornitori di primo soccorso devono anche
essere attenti a possibili cause della temperatura elevata e fare riferimento alla persona di un
operatore sanitario in situazioni evidenziati di seguito. Questo sec-zione nuovo e si basa sui
risultati di prove rivisto nel 2015.

Sintesi della fondazione scientifica


Le prove scientifiche da una revisione sistematica mostra che il paracetamolo aiuta ad alleviare
la febbre dopo due ore di prenderlo in confronto ai metodi fisici o placebo. Questo effetto non
ancora stato consultato un'ora dopo l'assunzione di paracetamolo, rispetto ai metodi fisici per
ridurre la febbre. Non vi alcuna differenza di eventi avversi quando si confrontano con il
paracetamolo meth ODS fisici o placebo. La prova di qualit moderata a causa di
imprecisioni.
Due studi randomizzati e controllati hanno dimostrato che tiepida spugnature di acqua ha
determinato una diminuzione statisticamente significativa della febbre da due ore dopo
l'interven-zione, rispetto al placebo. Tuttavia, una differenza significativa ad un'ora non poteva
essere dimostrata, n vi stata una differenza significativa nel Discom-fort, utilizzando acqua
tiepida rispetto al placebo. Una differenza tra spugnature di acqua tiepida e paracetamolo non
poteva essere dimostrata.

Uno studio randomizzato ha mostrato che spugnature acqua fredda determinato una riduzione
statisticamente significativa di temperatura dopo 30 minuti rispetto al paraceta-mol, ma questo
non stato osservato di nuovo. Al contrario, i risultati hanno dimostrato che il paracetamolo
riduce sensibilmente il temperatura dopo 90 a 120 minuti. Inoltre, prove indicano che
spugnature acqua fredda comportato un aumento statisticamente significativo di disagio,
rispetto al paracetamolo. La prova di bassa qualit a causa del rischio di bias e l'imprecisione.

Una revisione sistematica ha dimostrato che la combinazione di spugnature con acqua tiepida
risultati par-acetamol in una diminuzione statisticamente significativa, quando misurata a una e
due ore dopo gli interventi combinati, rispetto all'assunzione del solo paracetamolo. Tuttavia,
tiepida spugnatura acqua combinata con paracetamolo porta ad un aumento di eventi avversi,
rispetto al solo paracetamolo. Per di pi,

11
64

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

alcool o ghiaccio d'acqua in combinazione con il paracetamolo ha aumentato il numero di chilbam- con un punteggio di comfort. La prova di bassa qualit a causa del rischio di bias e
l'imprecisione.
Nessuna prova stata trovata per sostenere o confutare l'acqua potabile come un trattamento
per la febbre.

Riferimenti

Linee guida
Se la persona soffre di febbre, paracetamolo o acetaminofene dovrebbe essere dato a lui o lei.
(**)
Il paracetamolo o acetaminofene possono essere combinati con spugnature con acqua tiepida
(da 29 C a 33 C) finch non causa la persona per ottenere sconvolto o per avviare brividi.
(**)
Non utilizzare acqua fredda per spugnature come questo si traduce in pi disagio. (**)
Non usare acqua fredda per spugna come questo pu avere la reazione opposta, cio
riscaldare il corpo pi. (Good Practice Point)
Il neonato, bambino o adulto dovrebbero essere indirizzati a un operatore sanitario nel pi
breve tempo possibile, se la (buona pratica Point):
- infante meno di due mesi di et ha la febbre
- bambini fino ai due anni di et ha la febbre superiore a 39 C o 102,5 F - persona
di oltre 65 anni
- persona che soffre di febbre ha il cancro, indebolimento del sistema immunitario, falce
malattia delle cellule, i farmaci che colpiscono il sistema immunitario
- febbre non diminuisce
- la febbre accompagnata da un rash
- febbre accompagnato da tosse persistente - febbre
accompagnato da dolori addominali
La persona che richiede cure immediate, nei casi di: febbre con il cambiamento dello stato mentale
- febbre con difficolt respiratorie - febbre
con mal di testa o torcicollo - febbre con
forti dolori addominali - febbre con
eventuali segni di shock
Le persone con febbre dovrebbe riposare e bere liquidi per sostituire la perdita di liquidi a
causa della sudorazione. (Good Practice Point)
Le persone con febbre si consiglia un abbigliamento leggero e uno dovrebbe evitare di
coprire con coperte o rivestimenti eccessivi. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Nel dare paracetamolo per i bambini una dose di 8 mg a 15 mg per chilogrammo
raccomandato ogni quattro ore (con un massimo di 100 mg per chilogrammo al giorno), o 10
mg a 15 mg per chilogrammo di paracetamolo ogni quattro ore (con un massimo singola dose
di 650mg) .
Non necessario per mantenere la persona che soffre di febbre caldo in pi, anche se lui o lei
pu sentire freddo. Non lui o lei Non sciacquare con acqua fredda come questo ha l'effetto
opposto. I vasi sanguigni della pelle si restringono e il corpo non sar in grado di emanare il
calore. Brivido pu essere causato da acqua fredda, e risultati pi calore prodotta.
Le persone con la febbre, e segni supplementari, problemi di salute o sintomi possono sia
bisogno di cure mediche immediate o essere visto da un operatore sanitario. Il

12
65

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

linee guida di cui sopra comprendono i segni aggiuntivi, i sintomi e le condizioni mediche di
guardare fuori per.
In alcune aree (ad esempio, in cui la malaria prevalente), le persone con la febbre dovrebbero
essere inviati ad un operatore sanitario, anche se la febbre non accompagnato da altri sintomi.
Questo dovrebbe essere specificato durante la formazione in base al contesto.
L'attuazione di tali linee guida per l'uso di paracetamolo o acetami-nophen per la febbre
dipende da leggi locali, i regolamenti e le procedure, compresa la protezione di responsabilit.
Societ Nazionali potrebbe essere necessario adattare le loro metodologie per
l'implementazione in base alle opportunit di istruzione nel contesto nazionale.

Diabete e ipoglicemia
trattamento
introduzione
Il diabete pu danneggiare i vasi sanguigni. Una persona con diabete pu soffrire di
complicazioni gravi comeAttacco di cuore o Ictus. Per quelle (sia dia-betics o non diabetici)
che soffrono di alterazioni estreme del livello di zucchero nel sangue - iperglicemia o
ipoglicemia - in grado di affrontare gravi conseguenze. Altre condizioni, specialmente nei
bambini, pu portare a basso livello di zucchero nel sangue, che pu essere pericolosa per la
vita e portare a complicazioni immediate, come il sequestro o incoscienza.

Sintesi di fondamento scientifico


Nel 2015 Consensus su Science, questo argomento stato esaminato e prove stata chiesta per
il quale le forme nella dieta di zucchero rispetto a dose standard (15g a 20g) di glucosio
compresse devono essere utilizzate per fornire primo soccorso a una persona che soffre di
ipoglicemia. Quattro studi sono stati identificati, che ha confrontato zollette di zucchero,
saccarosio, fruttosio, succo d'arancia, jellybeans, Mentos e latte. La maggior parte di questi
studi ha dato un basso livello di evidenza.
Inoltre, il Scientific Advisory Council Croce Rossa americana ha preso in esame anche
l'argomento. Questa revisione ha trovato numerosi studi che hanno confrontato le varie forme
di zucchero ingerito e in quantit variabili per determinare quali forme funzionano meglio per
normalizzare i livelli di glucosio nel sangue, senza causare rimbalzo iper-glicemia, o che
richiedono una seconda dose di zucchero. Questi studi hanno portato allo sviluppo di linee
guida e raccomandazioni per il trattamento di ipo-glicemia. Per gli adulti, 15g per 20 g di
zucchero o di carboidrati necessaria per aumentare i livelli di glucosio nel sangue nei
diabetici con ipoglicemia. zollette di zucchero sono il trattamento preferito per l'ipoglicemia in
cui il paziente sveglio, in grado di rispondere e deglutire. Molti diabetici portano zollette di
zucchero con loro e sono disponibili in commercio in compresse 4G, quindi quattro o cinque
compresse dovrebbero bastare. forme meno efficaci ma accettabili di zucchero comprendono
sciolti glucosio (liquido), gel di glucosio (ingerito), succo d'arancia (12 once), cubetti di
zucchero o zucchero da tavola granulare (quattro cucchiaini), e miele (quattro cucchiaini). Ci
sono prove che i cibi o liquidi ad alto contenuto di fruttosio (come il succo di frutta o frutta
secca) o contenenti gelatina o grasso non pu essere efficace nell'aumentare i livelli di zucchero
nel sangue come il glucosio o

13

66

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

saccarosio. assorbimento buccale di glucosio - che , il glucosio collocato all'interno della


guancia o sotto la lingua e non ingoiato - limitato e non raccomandato. Per i bambini, si
raccomanda 15g di zucchero. Ancora una volta, tavolette di glucosio sono il trattamento
preferito, ma recenti studi dimostrano che 15g di caramelle contenente saccarosio sono un
trattamento efficace in aggiunta alle alternative sopra elencate.
C' un ritardo di dieci per 15 minuti tra l'ingestione di zucchero per ipoglicemia e il ritorno dei
livelli di glucosio nel sangue e il miglioramento dei sintomi. Se i sintomi persistono 15 minuti
dopo l'ingestione di zucchero per ipoglicemia, la dose di zucchero pu essere ripetuta.

Nessuna prova stata trovata sugli effetti dell'utilizzo di compresse di glucosio su entrambi i
rischi di complicazione e durante la durata del ricovero ospedaliero.

Riferimenti

Linee guida
fornitori di primo soccorso devono utilizzare 15g per 20g zollette di zucchero per il
trattamento di ipoglicemia sympto-matic in individui coscienti. (**)
fornitori di primo soccorso devono utilizzare 15g per 20g zollette di zucchero per il
trattamento di ipoglicemia sympto-matic nei bambini coscienti e neonati. (**)
Il glucosio pu essere ripetuto se i sintomi persistono dopo 15 minuti. (**)
Se zollette di zucchero non sono disponibili, le varie forme di zuccheri alimentari come
birilli, Mentos, zollette di zucchero, caramelle e succo d'arancia pu essere usato per trattare
l'ipoglicemia sintomatica nei soggetti coscienti. (*)
Se incerto se i sintomi si riferiscono alla ipoglicemia o iper-glicemia, ragionevole per il
trattamento di ipoglicemia. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Il curriculum del corso di primo soccorso dovrebbe concentrarsi sul fatto che hypergly-caemia
pu evolvere gradualmente e pu essere asintomatica per un periodo di ore o addirittura giorni.
L'ipoglicemia solitamente improvviso e con sintomi Typi-cal (che appaiono di frequente in
questa sequenza) pericolosa per la vita:
la fame, mal di testa
agitazione, tremore
comportamento psicotico (ubriachezza spesso simile)
perdita di conoscenza
convulsioni (eventualmente)
Riconoscendo la possibilit di ipoglicemia pi importante perch la persona richiede un
trattamento rapido. Il cervello ha bisogno di zucchero per sopravvivere, e se priva di
zucchero, pu portare a convulsioni e danni cerebrali. Se possibile mantenere la persona
cosciente e lui o lei pu mangiare e bere, auto-trattamento (ingestione di cibo o bevande
contenenti zucchero) possibile, magari con l'assistenza di un fornitore di primo soccorso. Se
la persona diventa molto dis-perturbata o incosciente, e mangiare o bere diventa pericoloso a
causa della possibilit di aspirazione, chiamando il numero di pronto intervento per i servizi di
emergenza immediata di vitale importanza. Un punto chiave da tenere a mente che il
trattamento di ipoglicemia raramente peggiorare l'iperglicemia e pu prevenire o trattare le
condizioni di pericolo di vita. Se non siete sicuri se la persona soffre di iperglicemia o
ipoglicemia, il trattamento per l'ipoglicemia. zucchero supplementare per un evento di
iperglicemia improbabile da causare danni, ma giusto per trattare l'ipoglicemia pu avere
gravi conseguenze a lungo termine. Vedi anchestato mentale alterato e incoscienza,
Convulsioni e Ictus.

14

67

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Uso dell'ossigeno
introduzione
Dare ossigeno per una persona con una malattia acuta o infortunio generalmente accettato e
praticato, anche se non ci sono prove per la sua utilit generale. Mentre riconosciuto che nella
maggior parte delle situazioni normali livelli di ossigeno sono desiderati, non tutte le
emergenze portano ad ipossia (una condizione pericolosa in cui il corpo, o parti di esso, sono
privi di ossigeno). Inoltre, l'ossigeno supplementare pu portare a livello di ossigeno sovrafisiologica nel sangue, che secondo alcune genealogici i, per determinate condizioni, ha
dimostrato un danno a causa di lesioni del tessuto aggiuntivo (ad esempio rianimazione
neonatale, infarto del miocardio, ictus alcuni stati, etc. ). inalazione di ossigeno non
considerato come un elemento di routine di primo soccorso, ma in circostanze CER-tain pu
essere amministrata da un soccorritore appositamente addestrato. La prova di questo argomento
stato rivisto nel 2015.

Sintesi di fondamento scientifico


Nessuna prova stata trovata a favore o contro la somministrazione di routine di ossigeno
elastica-mentare da parte dei fornitori di primo soccorso. Tuttavia, dando ossigeno per il
sollievo dalla malattia da decompressione supportata da prove.
supplemento di ossigeno con conseguente iperossiemia (SpO2 oltre il 94 per cento) nei pazienti
con STEMI (STEMI un termine medico scorciatoia per ST-infarto miocardico con
sopraslivellamento) sembra aumentare danno miocardico e le dimensioni infarto del miocardio.
Tuttavia, ipossiemia anche associata a esiti peggiori. Misurazione della saturazione di
ossigeno richiede un pulsossimetro transcutanea, e la formazione speciale necessario per
utilizzare questo dispositivo.

Per l'assistenza domiciliare dei pazienti con cancro avanzato, ossigeno amministra-zione ha
portato alcun beneficio per i pazienti normossiche ma alleviato i sintomi di dispnea e pazienti
ipossiemici.
Dopo l'esposizione al monossido di carbonio, pu essere utile somministrare ossigeno, appena
possibile, fino assistenza medica di emergenza disponibile.

Riferimenti

Linee guida
L'uso di ossigeno supplementare deve essere limitato a primi soccorritori con la formazione
spe-cifica in somministrazione di ossigeno. (**)
Dare ossigeno supplementare da un soccorritore appositamente addestrato ragione-in grado
per il primo soccorso a subacquei affetti da malattia da decompressione. (*)
Dare ossigeno supplementare da un operatore appositamente addestrato primo soccorso per i
pazienti con cancro avanzato avere dispnea e / o ipossiemia pu essere ragionevole. (*)
Dare ossigeno supplementare da un soccorritore specificamente addestrato potrebbe essere
utile nel pi breve tempo possibile per i pazienti che respirano spontaneamente dopo autobonic monossido di esposizione fino a cure mediche di emergenza disponibile. (*)
Quando viene dato l'ossigeno, l'ideale per cono supplementazione di ossigeno per
mantenere SpO2 poco pi del 94 per cento (al livello del mare) se il risponditore di primo
soccorso stato addestrato in pulsossimetria transcutanea. (*)

15

68

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

considerazioni di attuazione
L'attuazione di tali linee guida dipende dalle leggi locali, i regolamenti e le procedure,
compresa la protezione di responsabilit. Societ Nazionali possono avere bisogno di variare le
loro metodologie per l'attuazione secondo le didattiche opportu-nit nel contesto nazionale. Si
deve inoltre essere somministrato a manutenzione delle attrezzature, lo stoccaggio e la cura di
bombole di gas compressi e locali prova ed il controllo Regula-tory. auspicabile quello di
formare operatori di primo soccorso durante corsi speciali su come usare l'ossigeno, se la loro
attivit e le attrezzature potenziale rilevante.

Shock e la posizione
ottimale per lo shock
introduzione
Shock un termine generico usato per descrivere una mancanza di sangue raggiungere i
principali organi e tessuti, privandoli di ossigeno. Ecco i pi comuni tipi di shock ipovolemico
-, cardiogeno, distributiva (pi comunemente a causa di sepsi o anafilassi) e ostruttive vengono
affrontati. Le cause sono ampie e comprendono la perdita di sangue, lesioni, infarto cardiaco,
anafilassi, ostruzione dei grandi vasi sanguigni e le tossine. Chi soffre di shock possono
lamentare sensazione di debolezza, stanchezza, vertigini, e / o possono essere alterati (eccitato,
depresso o UNIRE-indifferente che) dello stato mentale. fornitori di primo soccorso possono
anche osservare fresca, umida, pallido o cenere pelle, rapida frequenza cardiaca e la
respirazione.
Dove cause specifiche di shock sono identificati nella valutazione iniziale, il primo fornitore di
aiuti dovrebbe concentrarsi sulla gestione di tali cause (in particolare l'arresto del
sanguinamento) e sostenere la circolazione. Ci sono molte presentazioni di shock in cui il
pronto soccorso non sar sufficiente per gestire la causa, e il pi alto livello di cura probabile
che sia richiesto. Per supportare la circolazione, posizionamento del paziente pu essere un
compito importante per il provider di primo soccorso.
La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015 e le linee guida sono state aggiornate.

Sintesi di fondamento scientifico


Una revisione formale evidenza scientifica stata effettuata per la posizione di shock nel 2015.
Il resto di questo argomento di importanza nella formazione di primo soccorso e le linee
guida fol-se- offerto basato sulle opinioni di esperti.
Anche se la prova debole, esiste il potenziale beneficio clinico di miglioramento dei
parametri vitali e la funzione cardiaca, ponendo gli individui con scosse nella supina (sdraiato
sulla schiena) posizione, piuttosto che spostarli in una posizione alterna-tiva.
L'uso di sollevamento delle gambe passiva (PLR) pu fornire un ulteriore ma transitoria
miglioramento della circolazione per quelli senza evidenza di trauma. Il significato clinico di
questo miglioramento transitorio incerto. Il grado ottimale di elevazione non stata
determinata, con studi di PLR comprese tra 30 e 60 di elevazione. Nessuno studio tuttavia,
ha riportato effetti negativi dovuti al PLR. Queste raccomandazioni pongono un valore
maggiore del potenziale, ma incerta, beneficio clinico di miglioramento segni vitali e cardiaco

16

69

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016


funzione, posizionando una persona in stato di shock in posizione supina (con o-out PLR), il
rischio di movimento.
Altro posizionamento dipende dalle ulteriori segni vitali e di primo soccorso proce-dure che
possono essere necessari.

Riferimenti

Linee guida
Per una persona che subiscono o rischiano di urto, la temperatura corporea deve essere
mantenuta per prevenire la perdita di calore. (**)
fornitori di primo soccorso dovrebbero porre la persona in stato di shock in posizione supina
(sdraiato sulla schiena) posizione. (**)
fornitori di primo soccorso devono posizionare la persona che non risponde e respirare
normalmente sul suo lato, garantendo nel contempo che il suo vie aeree aperta (posizione di
recupero). (**)
fornitori di primo soccorso possono sollevare le gambe della persona non feriti 30 gradi a 60
gradi (PLR) se lo fa o sentire meglio; puo migliorare i segni vitali per pochi minuti. (*)
fornitori di primo soccorso dovrebbero attivare SME se la persona sembra essere minacciato
da urti o presenta segni e sintomi di shock. (Good Practice Point)
Per le persone in stato di shock causati dalla nota infarto cardiaco, il posizionamento diverso
(come posizione supina con lieve aumento della parte superiore del corpo) dovrebbe essere
con-consideravo. (Good Practice Point)
Se la persona sta avendo difficolt respiratorie e non tollera di essere in posizione supina, i
fornitori di primo soccorso possono aiutare la persona ad entrare in una posizione di essere
pi tollerabile o comodo per lui o lei (di solito semi-sitter o seduto posi-zione sporgendosi in
avanti). (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Quando l'insegnamento di primo soccorso, importante sottolineare che il maggiore prima
dell'intervento a livello di aiuto quello di valutare la reattivit, e controllare la respirazione
normale. Per le persone che non rispondono e non respira normalmente, iniziare la RCP. Se
questo non il caso, la persona sospettato di essere in stato di shock richiede il corretto
posizionamento, controllo del sanguinamento, e protezione da raffreddamento.
Mentre la posizione supina elencato nelle linee guida, di solito non in grado Toler-per
coloro visualizzazione difficolt respiratorie. In questo caso, i fornitori di primo soccorso
dovrebbero aiutare la persona ad entrare in una posizione di essere pi tollerabile o comodo per
lui o lei (di solito semi-posizione seduta o sporgendosi in avanti seduta). Dovrebbe diventare
respirazione anormale con un cambiamento a livello di coscienza, la persona dovrebbe essere
valutato di conseguenza, e, se necessario, la rianimazione deve essere iniziato con la persona in
posizione supina.
Ulteriori interventi in genere richiedono conoscenze mediche, competenze ed equipaggiaremento come richiesto. Vi un trattamento efficace limitata a livello di primo soccorso.
Un'eccezione importante dare epinefrina in shock anafilattico.

17

0
Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

stato mentale alterato e


non risponde
introduzione
Una persona priva di sensi non risponde a verbale e / o stimoli fisici. Il primo fornitore di aiuti
ha bisogno di agire in modo efficace per stabilire la causa e se la persona la respirazione, al
fine di decidere la migliore linea d'azione. La prova di questo argomento stato rivisto nel
2015 e le linee guida sono state aggiornate di conseguenza.

Sintesi di fondamento scientifico


Una revisione della letteratura su come affrontare i pazienti incoscienti non mostra di alta
qualit studi prospettici apparenti direttamente guardando questa domanda. La scienza per
quanto riguarda le varie cause pi comuni di livello alterato di coscienza ci informa su alcune
chiavi per l'approccio. Il primo fornitore di aiuto deve concentrarsi sulla ricerca di cause
gestibili, attivando lo SME o il trasporto al pi alto livello di cura, e il posizionamento del
paziente per la sicurezza.

Riferimenti

Linee guida
Se la persona incosciente, i fornitori di primo soccorso dovrebbero inizialmente garantire
una via aerea pat-ent e determinare se la respirazione normale presente. (**)
fornitori di primo soccorso dovrebbe iniziare la RCP se necessario. Essere consapevoli del
fatto che a volte una persona in arresto cardiaco pu inizialmente presentare una breve
attivit di sequestro-like. (**)
Prendere in considerazione altre cause come l'avvelenamento, emergenza diabetica,
hypoglycae-mia, trauma cranico ecc (*)
fornitore di primo soccorso dovrebbe mettere la persona in posizione stabile e chiamare per
EMS. (*)

considerazioni di attuazione
Una persona pu ottenere incoscienza improvvisamente (ad esempio a seguito di arresto
cardiaco, ictus, ipoglicemia, tossine, trauma cranico, l'elettrocuzione) o gradualmente (ad
esempio a seguito di intossicazione, avvelenamento o progressiva hyperglycae-mia). stato
mentale alterato pu precedere di incoscienza, e il primo fornitore di aiuto pu essere in grado
di intervenire prima, quando si identifica il livello alterato di coscienza.
Quando la persona incosciente, il suo vie respiratorie pu essere ostruita. L'aria senso deve
essere aperto e la perviet delle vie aeree mantenuto posizionando la persona in posizione semiprona (recupero) (vediShock).

18

71

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

svenimenti
introduzione
Lo svenimento descritto come una perdita di coscienza transitoria, causata da una caduta
nella fornitura di sangue al cervello intero, in cui la coscienza si sta rapidamente recuperato.
Poich questo un evento relativamente comune nei luoghi pubblici, l'istruzione di primo
soccorso spesso si occupa di questo argomento. Questo argomento nuovo e le linee guida
sono state sviluppate per coprire questo soggetto.

Sintesi di fondamento scientifico


Una revisione prova stata effettuata. Non ci sono studi specifici individuati in materia di
gestione di primo soccorso per svenimento.

Riferimenti

Linee guida
Se la persona sta respirando normalmente, ma continua a non rispondere, mantenere la
perviet delle vie aeree, considerando testa tilt - sollevamento del mento, o posizione di
recupero. (**)
Se non vi anormale o non respira, la rianimazione deve essere iniziato imme-diatamente.
(**)
Una persona che non risponde deve essere rapidamente valutata la respirazione / segni di
circolazione e perfusione (se addestrati a fare questa valutazione). (Good Practice Point)
Se la persona a faccia in gi e non risponde (posizione prona), il soccorritore deve girare la
sua faccia in su (posizione supina) per controllare la respirazione. (Good Practice Point)
(VedereRianimazione).
Il primo fornitore di aiuto deve attivare EMS per una persona che perde la coscienza-ness
come cause possono variare da non grave ad essere pericolosa per la vita. (Good Practice
Point)
fornitori di primo soccorso dovrebbero prendere in considerazione che ogni persona che
perde conoscenza potrebbe avere zucchero nel sangue, ictus, convulsioni o altre condizioni
gravi. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Ci sono alcune cause di livello alterato di coscienza che pu essere identificato dal fornitore di
primo soccorso, e trattati di conseguenza (VediDiabete e hypogly-caemia, Ictus, Concussione,
Avvelenamento). Mentre si riconosce che si tratta di com-mon per svenire, per impostazione
predefinita avviso SME sempre.

Groppa
introduzione
Groppa una condizione respiratoria, di solito innescato da un'infezione virale acuta delle vie
aeree superiori. Le cause di infezione gonfiore della gola e delle vie aeree superiori che
interferisce con la normale respirazione e produce un tipico corteccia-ing tosse, stridore (cigolii
rumore) e raucedine. I sintomi spesso peggiorano durante la notte. Questo argomento nuovo e
la prova ha informato lo sviluppo delle linee guida.

19
72

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

08. Primo soccorso per condizioni mediche

Sintesi della fondazione scientifica


aria umidificata un noto trattamento di auto-cura per i bambini con groppa. Prove da una
revisione sistematica e uno studio randomizzato controllato in bambini con croup dimostrato
che l'aria umidificata non diminuisce in modo significativo la frequenza cardiaca, frequenza
respiratoria, il punteggio groppa e ricovero ospedaliero o di aumentare la saturazione di
ossigeno. Questa prova di bassa qualit a causa del rischio di bias e l'imprecisione.

Nessuna prova stata trovata in una posizione specifica per i bambini con groppa.

Riferimenti

Linee guida
Il bambino pu trovarsi in qualsiasi posizione che comodo per lui o lei e ide-alleato
consente una facile respirazione. (Good Practice Point)
Se c' una mancanza significativa di respiro, SME dovrebbe essere attivato, altri-saggio il
bambino dovrebbe essere presa per un operatore sanitario o medico. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Tradizionalmente, aria umidificata o vapore usato per curare i bambini con groppa. Tuttavia,
nessuna prova stata trovata per questo intervento. Inoltre, l'uso di vapore pu causare ustioni
accidentali.

20

73

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

09.

Primo soccorso per le


lesioni
21

ostruzione delle vie aeree da corpo


estraneo
indietr
o al
Sommario

introduzione
corpo estraneo ostruzione delle vie aeree (FBAO) una delle emergenze pi comuni della vitaminaccia-zare le cose visibili e possono essere trattati con un laico. Ci sono prove a
disposizione per le varie tecniche che un fornitore di primo soccorso pu utilizzare per trattare
la persona, a seconda della loro et, dimensione e la coscienza. Nuove prove stato recensito
nel 2015 su questo argomento.

Sintesi di fondamento scientifico


Ostruzione delle vie aeree da un corpo estraneo, sia organici (ad esempio noci e carote) o
inorganico (ad esempio, un magnete) una causa comune di emergenza respiratoria specialmente nei bambini piccoli ed associata con un alto tasso di disagio delle vie aeree e di
complicanze croniche. Morbilit associata con ostruzione da corpo estraneo sottolinea
l'importanza delle misure di prevenzione e di primo soccorso.
I 2010 ILCOR recensione precisato che i pochi studi disponibili affrontati solo quale metodo di
rimozione di FBAO deve essere utilizzato prima per una persona cosciente. Pi di una tecnica
pu essere necessario per alleviare l'ostruzione e gli studi mostrano un aumento di successo
quando si spostano in un'altra tecnica. Tuttavia, ci sono stati segnalati gravi complicanze intraaddominale o toracica associ-ati dall'uso delle spinte addominali anche quando somministrato
correttamente, come ad esempio: lesioni traumatiche vascolari, fratture costali, rotture di organi
addominali, rottura della membrana. Altre lesioni riportate di vascolari strut-ture consistevano
aortica spostamento stent, la rottura della valvola aortica, insufficienza aortica acuta, e
trombosi aortica acuta sia in un aneurismatica dell'aorta e non aneurismatica.
Per una persona priva di sensi, le linee guida ILCOR 2010 suggerisce dando CPR per generare
elevate pressioni delle vie aeree, invece di spinta addominale per FBAO solido REMOV-ing.
L'uso dello sweep dito per alleviare FBAO negli adulti inconsce e bambini di et superiore ad
un anno pu essere efficace, ma pu potenzialmente causare danni per l'individuo e il primo
fornitore di aiuti.
Dal momento che la linee guida internazionali di primo soccorso e rianimazione 2011, non
sono stati pubblicati importanti studi clinici riguardanti il metodo di eliminazione dei FBAO.
Solo alcuni casi clinici, uno studio su animali, una revisione e uno studio osservazionale
retrospettivo sono stati trovati.

22

74
Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

Quattro case report descrivono complicazioni dopo sub-diaframmatica manovra di spinta: un


emoperitoneo fatale a causa di una lacerazione ilare della milza, una perforazione gastrica in un
paziente con cancro del rinofaringe, una rottura dia-diaframmatica pediatrica e una vasta
enfisema cervico-mediastinica causata da un corpo estraneo tagliente.

Uno studio su animali delle vie aeree rispetto e le pressioni generate da intrapleurali
addominale, toracica anteriore, e spinte laterali del torace. petto laterale spinge pro-dotto pi
grandi pressioni, seguita da compressioni addominali, e poi spinte toracica anteriore e
all'autopsia. Nessuno degli animali ha ricevuto danno d'organo. Ulteriori ricerche, soprattutto
negli esseri umani necessaria prima di considerare qualsiasi cambiamento nelle linee guida.

Una meta-analisi di articoli pubblicati su corpi estranei nelle vie aeree fornisce una stima della
distribuzione delle lesioni causate da corpo estraneo nei bambini in base a sesso, et, tipo di
corpo estraneo, sede dell'ostruzione, presentazione clinica, diagnostica o procedure terapeutiche
e le complicazioni nel corso di un periodo di 30 anni dal 1978 al 2008. Cento e settantaquattro
articoli sono inclusi nell'analisi. FBAO pi comunemente si verifica nei bambini piccoli (20 per
cento dei bambini che sono di et compresa tra zero ei tre anni). corpo estraneo organico, in
particolare noci, sono i pi documentati e la proporzione pi grande pool stato registrato per i
magneti. sintomi non specifici o una completa assenza di sintomi non sono insoliti,
giustificando la diagnosi sbagliate o in ritardo. complicanze acute e croniche sembrano
verificarsi in quasi il 15 per cento dei pazienti. Il risultato di questo studio testimonia la
rilevante morbilit asso-sociata con l'inalazione di corpo estraneo nei bambini, sottolineando
l'importanza di misure preventive e di primo soccorso.

Nel 2014, uno studio ha determinato l'esito della FBAO di 138 persone che non rispondono o
inconsapevoli in base alle azioni iniziali prese prima dell'arrivo di SME. Questo studio
dimostra che gli astanti somministrati compressioni toraciche solo per un quarto delle persone
che vivono soffocamento e che la compressione del torace essenziale per il miglioramento dei
risultati di una persona che non risponde o inconscia.
Nel 2015, la Croce Rossa Scientific Advisory Council americano ha completato una revisione
del trattamento di FBAO. Cinque studi suggeriscono che compressioni addominali sono
efficaci. Il lavoro pi degno di nota tra questi stato l'articolo di Soroudi et al. Essi hanno
recensito la contea di San Diego (California) del database pre-ospedaliera per tutti gli adulti
trattati nella cornice out-of-ospedale con una via aerea ostruzione-zione. Essi hanno identificato
513 casi. Tra le varie tecniche utilizzate per alleviare l'ostruzione delle vie aeree, la spinta
manovra sub-diaframmatica stata usata pi comunemente. Il tasso di successo della spinta
manovra sotto-diaframmatica stato 86,5 per cento. Giorno et al. pubblicato uno studio con
dettagli poco chiari che supporta il sub-diaframmatica spinta manovra come superiore per
eseguire colpi. Questo uomo-uscript bundle diverse manovre di ricerca insieme. In quattro
volontari sani, la spinta manovra sotto-diaframmatica prodotto pi pressione delle vie aeree di
colpi alla schiena. La pressione durato per un significativamente pi lungo inter-val. Tre studi
supportano i benefici di spinte al petto per le vie aeree ostruite. Langhelle et al. dimostrato che
in uno studio crossover con 12 cadaveri, SIG-significativamente pi elevate pressioni delle vie
aeree sono stati consegnati con le compressioni toraciche rispetto alle spinte addominali. Nel
1976, Guildner e colleghi hanno condotto uno studio con sei sani, volontari anestetizzati. Essi
hanno dimostrato che spinte al torace producono pi la pressione e il flusso d'aria di
compressioni addominali. C' anche un caso di spinte torace rimozione con successo una
ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo in cui compressioni addominali avevano fallito.
Due studi supportano l'uso di colpi alla schiena per le vie aeree ostruite. Ruben e Macnaughton
segnalate su

23

75

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

studio con pazienti in attesa di chirurgia elettiva. Essi hanno dimostrato che spinte sternale e
colpi alla schiena provocato pressioni delle vie aeree abbastanza simili, ma che queste pressioni
sono stati superiori alla spinta manoeu-VRE sub-diaframmatica. Gordon et al. ha condotto uno
studio su dieci cani, quattro babbuini e sei gli esseri umani. Essi hanno scoperto che la
pressione delle vie aeree stato pi alto con colpi alla schiena, mentre il flusso d'aria stato pi
alto con compressioni addominali o al torace.

Riferimenti

Linee guida
spinte torace, schiena colpi o compressioni addominali sono ugualmente efficaci per alleviare
FBAO negli adulti coscienti e nei bambini di et superiore a un anno. (**)
Negli adulti e nei bambini di et superiore a un anno di et, il soggetto incosciente e
dovrebbe ricevere le compressioni toraciche per la liquidazione del corpo estraneo. (**)
infanti Inconscio fino a un anno di et dovrebbero ricevere o una combinazione di colpi alla
schiena seguita da compressione del torace, o compressioni toraciche solo per la liquidazione
di FBAO. (**)
Combinazione di colpi alla schiena seguita da compressione del torace pu essere utilizzato
per la liquidazione dei FBAO nei neonati cosciente fino a un anno di et. (*)
La spazzata dito potrebbe essere utilizzato in adulti e bambini inconsapevoli pi vecchi di un
anno con un vie aeree ostruite se il materiale solido visibile nelle vie aeree. (*)
Ci sono prove sufficienti per un diverso approccio di trattamento per un adulto obeso o
donna incinta con FBAO. (*)
Nel caso di una persona cosciente, i primi fornitori di aiuto devono essere in grado di RECognize segni di ostruzione delle vie respiratorie completa (la persona non in grado di
parlare, ha un colpo di tosse indebolimento, sta lottando o incapace di respirare) e segno di
una lieve ostruzione (la persona in grado di parlare, tosse e respirare). (*)
La persona con una ostruzione delle vie aeree mite dovrebbe rimanere sotto osservazione
continua fino a quando lui o lei migliora da una grave ostruzione delle vie aeree pu
sviluppare. (Good Practice Point)
Anche se le lesioni sono stati segnalati con la spinta addominale, non vi sono prove
sufficienti per stabilire se spinte al petto, colpi alla schiena o compressioni addominali
devono essere utilizzati prima negli adulti coscienti e nei bambini di et superiore a un anno
di et. (Good Practice Point)
Queste tecniche dovrebbero essere applicate in rapida sequenza fino a quando l'ostruzione
sollevato; pi di una tecnica pu essere necessaria negli adulti coscienti e nei bambini di et
superiore a un anno di et. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
I segni di soffocamento includono:
tosse, o con forza o debolmente
stringendo la gola con una o entrambe le mani
incapacit a tossire, parlare, piangere o respirare
facendo rumori acuti mentre l'inalazione o respirazione rumorosa
panico
il colore della pelle bluastra
perdita di coscienza se il blocco non viene rimosso.
importante notare che, mentre questi sono segni di soffocamento, pronto soccorso pro-prio
non dovrebbe interferire meno che le vie aeree sono completamente ostruita, perch
meccanismo del corpo per eliminare l'ostruzione pu essere pi efficace di altre tecniche.

24

76
Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni


Una persona il cui vie aeree completamente bloccato non si pu tossire, parlare o
respirare.
A volte, la persona pu tossire debolmente o fare rumori acuti, che indica lui o lei non sempre
abbastanza aria per rimanere in vita. fornitori di primo soccorso devono agire in una sola volta.
Se un passante disponibile, avere lui o la sua richiesta di SME, mentre comincia a dare
assistenza.
FBAO una causa rara ma potenzialmente curabile di morte accidentale. Spesso, vi
l'opportunit di intervento precoce, mentre la persona con-interessato ancora reattivo. La
causa pi comune di soffocamento negli adulti di ostruzione delle vie aeree causata dal cibo.
Nei neonati e nei bambini, hanno riportato casi di soffocamento si verificano mentre si mangia
o con beni non alimentari, quali monete o piccoli giocattoli. E 'importante chiedere alla persona
cosciente se lui o lei sta soffocando.
In tutti i casi, il riconoscimento di ostruzione delle vie aeree la chiave per il successo outvenire. E 'importante non confondere questa emergenza con svenimento, attacco di cuore,
convulsioni, reazioni allergiche anafilattiche o altre condizioni che possono causare improvvisi
distress respiratorio, cianosi o perdita di coscienza. I corpi estranei possono causare sia lieve o
grave ostruzione delle vie aeree.
FBAO di solito si verifica mentre la persona sta mangiando o bevendo. Le persone a maggior
rischio di FBAO includono quelli con livelli ridotti coscienti, di droga e / o alcool
intossicazione, compromissione neurologica che colpisce deglutizione e tosse riflessi (ad
esempio ictus, morbo di Parkinson, paralisi cerebrale, demenza), malattie respiratorie, cattiva
dentizione e l'et avanzata.

Per adulti e bambini di et superiore a un anno


Se l'individuo mostra segni di lieve ostruzione delle vie respiratorie:
Incoraggiare continua tosse, ma non fare niente altro. trattamento aggressivo, con colpi alla
schiena, compressioni addominali e compressione del torace, pu causare complicazioni
potenzialmente gravi e potrebbe peggiorare la ostruzione delle vie aeree. Una persona con lieve
ostruzione delle vie aeree deve rimanere sotto osservazione continua fino a quando lui o lei
migliora da una grave ostruzione delle vie aeree in grado di sviluppare.
Se la persona mostra segni di ostruzione delle vie aeree completo ed consapevole:
Attivare EMS. Applicare fino a cinque colpi dietro come segue:
1. Stand di lato e leggermente dietro la persona;
2. Sostenere il petto con una mano e appoggiare bene la persona in avanti in modo che quando
l'oggetto ostruzione sloggiato, si esce dalla bocca, piuttosto che pi in basso le vie
respiratorie;
3. Dare fino a cinque colpi secchi tra le scapole con il tallone dell'altra mano; e
4. Verificare se ogni colpo indietro ha sollevato l'ostruzione delle vie aeree. L'obiettivo
quello di alleviare l'ostruzione con un colpo o uno schiaffo, non dare necessariamente tutti
e cinque.
Se cinque colpi alla schiena non riescono ad alleviare l'ostruzione delle vie aeree, dare fino a
cinque compressioni addominali come segue:
1. Basamento dietro la persona e mettere entrambe le braccia attorno alla parte superiore
dell'addome;
2. Appoggiare la persona in avanti;
3. Stringere il pugno e posizionarlo tra l'ombelico e la base delle costole (ombelico e
xiphisternum);
4. Afferrare questa mano con l'altra mano e tirare bruscamente verso l'interno e verso l'alto;
5. Ripetere fino a cinque volte; e

25
77

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

6. Se l'ostruzione ancora al suo posto, continuare alternando cinque colpi alla schiena con
cinque compressioni addominali.
Se in qualsiasi momento, la persona diventa o trovato privo di sensi:
1. Sostenere la persona, mentre con cura lui o lei abbassando a terra;
2. Se lo SME non sono arrivati o stato chiamato, loro chiamare immediatamente; e
3. Iniziare CPR nella parte compressione della sequenza.
La spazzata dito:
Evitare l'uso di una spazzata dito cieco. Rimuovere manualmente materiale solido nelle vie
aeree solo se pu essere visto.
Per gli adulti obesi e le donne in gravidanza:
1. spinte torace devono essere utilizzati per gli adulti obesi se il primo fornitore di aiuti in
grado di circondare la persona del ventre;
2. Se il soffocamento persona nelle ultime fasi della gravidanza, il primo fornitore di aiuti
dovrebbe usare petto spinge invece di spinte addominali; e
3. spinte torace sono simili a compressioni toraciche, ma pi nitida e consegnato ad un ritmo
pi lento.

Per i bambini fino a un anno di et


Se il bambino mostra segni di lieve ostruzione delle vie respiratorie:
Continuare a guardare il bambino, ma non fare niente altro. il trattamento aggressivo con colpi
alla schiena e la compressione del torace pu causare complicazioni potenzialmente gravi e
potrebbe peggiorare la ostruzione delle vie aeree.
Se il bambino mostra segni di ostruzione delle vie aeree completo ed consapevole:
Attivare EMS. Applicare fino a cinque colpi dietro come segue:
1. Appoggiare il volto infantile gi lungo il braccio con la testa pi bassa del corpo. Sostenere
il bambino in un testa in gi, posizione prona, per consentire gravit per aiutare la
rimozione del corpo estraneo;
2. Un fornitore di primo soccorso seduto o in ginocchio dovrebbe essere in grado di sostenere
il bambino in modo sicuro attraverso il suo grembo;
3. Supporto testa del bambino posizionando il pollice di una mano con l'angolo della
mandibola, e uno o due dita della stessa mano nello stesso punto sull'altro lato della
mandibola. Non comprimere i tessuti molli sotto il mento;
4. Dare fino a cinque colpi secchi tra le scapole, con il tallone dell'altra mano; e
5. Verificare se ogni colpo indietro ha sollevato l'ostruzione delle vie aeree. L'obiettivo
quello di alleviare l'ostruzione con un colpo o schiaffo, non dare necessariamente tutti e
cinque i colpi.
Se cinque colpi alla schiena non riescono ad alleviare l'ostruzione delle vie aeree, dare fino a
cinque colpi al petto come segue:
1. Girare il bambino in una testa verso il basso, posizione supina. Ci si ottiene con sicurezza
posizionando il braccio libero lungo la schiena del bambino e circonda la parte posteriore
della testa con la mano. Sostenere il bambino lungo il braccio, che si trova in basso (o
attraverso) la coscia;
2. Trova i punti di riferimento, due dita al di sotto della linea del capezzolo;
3. Dare spinte torace (comprimere circa un terzo della profondit del torace). Queste sono
simili a compressioni toraciche, ma pi nitide e consegnati a un ritmo pi lento;
4. Ripetere fino a cinque volte; e

26

78

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

5. Se l'ostruzione non ancora sollevato, continuare alternando cinque colpi alla schiena con
cinque colpi al petto.
Se il bambino diventa incosciente o si trova privo di sensi:
1. Sostenere il bambino, mentre con cura lui o lei abbassando ad una superficie solida;
2. Se lo SME non sono arrivati o stato chiamato, subito chiamarli;
3. Aprire le vie aeree;
4. Dare due a cinque ventilazioni di soccorso. Durante i primi tentativi di ventilazioni di
soccorso, se un soffio non rende l'espansione del torace, riposizionare la testa prima di fare
il tentativo successivo; e
5. Iniziare CPR nella parte compressione della sequenza.
La spazzata dito:
In generale, spazza dito non sono usati nei neonati. Materiale solido nelle vie aeree pu essere
rimosso manualmente solo se pu essere visto.
Aftercare e rinvio per la visita medica:
Dopo il successo del trattamento per FBAO, materiale estraneo pu comunque rimanere nel
tratto respiratorio superiore o inferiore e causare complicazioni in seguito. I neonati con una
tosse persistente, difficolt di deglutizione o la sensazione di un oggetto essere ancora bloccato
in gola dovrebbero essere sottoposte ad un esame medico. Un altro motivo per la visita medica
la possibilit di gravi lesioni interne derivanti da compressioni addominali o lesioni alle vie
aeree dall'oggetto che stato depositato e rimosso.

Ustioni
introduzione
raffreddamento immediato delle ustioni (chimico, elettrico, ecc) con acqua di rubinetto fredda
un rimedio comune ed supportato da diversi studi. Dopo imme-ate di raffreddamento,
bruciare le ferite possono essere trattati con medicazioni.

Sintesi di fondamento scientifico


Le prove pubblicato per il metodo ottimale, la durata e la temperatura di raffreddamento stata
valutata da consenso su Science nel 2015. Il CEBaP recensione prove riguardanti le sostanze
che devono essere utilizzati.
Una diminuzione di dolore quando ustioni sono stati attivamente raffreddati non poteva essere
dimostrata in uno studio randomizzato e controllato con 24 pazienti e uno studio osservazionale
con 48 pazienti. Tuttavia, un aumento statisticamente significativo di profondit ridotta delle
ustioni stato dimostrato in due studi osservazionali, con 45 e 695 pazienti, rispettivamente. In
altri due studi (uno studio controllato randomizzato e uno studio osservazionale), un effetto
significativo sulla profondit della scottatura non stato dimostrato. Inoltre, una diminuzione
statisticamente significativa nella durata della degenza ospedaliera e la percentuale di ustioni
che necessitano di ricovero ospedaliero stato dimostrato in due studi osser-osservazionali con
244 e 125 pazienti. In un terzo studio osservazionale, stato possibile dimostrare alcuna
riduzione del bisogno di cure mediche avanzate dopo scottature. In un quarto studio
osservazionale con i pazienti, nessun beneficio stato dimostrato nel ridurre il tempo di
riepitelizzazione per i pazienti che hanno ricevuto 20 minuti o pi di raffreddamento rispetto a
quelli che non hanno.

27

79

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

prove di qualit molto bassa da un unico studio osservazionale ha mostrato alcun beneficio nel
ridurre i tempi di riepitelizzazione per i pazienti che hanno ricevuto 20 minuti o pi di
raffreddamento rispetto a quelli che non hanno.
In sintesi, la prova disponibile per il raffreddamento immediato delle ustioni per alleviare il
dolore, ridurre l'edema, tassi di infezione, e la profondit di ustioni. Inoltre, il raffreddamento
immediato delle ustioni pu diminuire il numero di pazienti che necessitano di ricovero
ospedaliero.
Tuttavia, non vi alcuna raccomandazione sostenuta scientificamente per la temperatura di
raffreddamento specifico, il metodo di raffreddamento (ad esempio cuscinetti di gel, sonde
fredde o acqua) o la durata di raffreddamento. L'uso del ghiaccio per il trattamento di ustioni,
non utile e pu causare danni ai tessuti.
Ci sono prove limitate da uno studio sperimentale a favore del mantenimento di una vescica
intatta in quanto potrebbe diminuire la probabilit di infezione.
Una revisione sistematica di quattro studi di intervento sul trattamento di ustioni con aloe vera
(Maenthaisong et al. 2007) e una revisione sistematica di nove studi di intervento su Miele per
le ustioni (Jull et al. 2008) hanno rivelato che questi prodotti possono ridurre i tempi di
guarigione.

Riferimenti

Linee guida
Burns devono essere raffreddati con acqua fredda appena possibile per almeno dieci minuti.
(**)
Come l'acqua pulita disponibile in molte aree del mondo, deve essere utilizzato l'acqua del
rubinetto pulita. (Good Practice Point)
Ghiaccio e acqua ghiacciata non deve essere applicato a bruciare le ferite. (Good Practice
Point)
Dopo raffreddamento, si raccomanda che bruciano le ferite devono essere vestiti con una
medicazione sterile dipendenti dalle politiche trattamento ustione locali. (Buona Prac-Tice
Point)
In caso di ustioni minori che non sar visto da un medico di salute profes-sionale, miele o
aloe vera pu essere applicato alla ferita. (*)
NO rimedi devono essere applicati prima che un medico ha esaminato le ferite. (Punto di
buone prassi)
Si deve prestare attenzione durante il raffreddamento di grandi ustioni o ustioni nei neonati e
nei bambini piccoli in modo da non indurre ipotermia. (Good Practice Point)
Un fornitore di primo soccorso NON dovrebbe scoppiare la bolla (s). (*)

considerazioni di attuazione
Il principale messaggio educativo quello di raffreddare l'ustione. Se l'acqua fredda non
risultato fattibile, altri metodi disponibili a livello locale di raffreddamento devono essere
applicati solo se non isolare la bruciatura. Sono necessarie ulteriori ricerche sull'applicazione di
sostanze di raffreddamento disponibili localmente e condimenti. Per le ustioni consistenti
dovrebbe essere cercato consiglio Medi-Cal.

28

80

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

emorragia
introduzione
Controllo di sanguinamento un nucleo di abilit di primo soccorso. Ci sono prove a sostegno
di vari interventi di primo soccorso che possono essere utilizzati in diverse circostanze per
controllare l'emorragia. Lo scopo del provider primo soccorso di fermare l'emorragia pi
rapidamente possibile. Linee guida sono state aggiornate in risposta a nuove prove recensito da
ILCOR nel 2015 e il Consiglio consultivo scientifico Croce Rossa Americana.

Sintesi di fondamento scientifico


La pressione diretta
Nel 2010, il consenso sulla scienza si concentrato sul controllo del sanguinamento riguardozione la questione della efficacia di pressione diretta come misura per controllare l'emorragia.

Anche se il sanguinamento un comune di emergenza di pronto soccorso e il controllo di emeorrhage possono essere salvavita, solo due studi hanno riportato l'efficacia di pressione diretta a
controllare l'emorragia nelle impostazioni ospedaliero pre-ospedaliero o campo. In entrambi gli
studi la pressione stata applicata da personale medico qualificato. Una serie di casi ha
descritto una tecnica di controllo dell'emorragia da para-medici addestrati. controllo
dell'emorragia stato ottenuto avvolgendo un bendaggio adesivo elastico applicato
direttamente su una collezione di 4 garze 4 pollici posti sulla superficie della ferita. Il rotolo
era avvolto attorno alla superficie del corpo sopra il sito di spurgo-zione fino a quando
l'emorragia in corso cessato. La pressione efficace smesso di sanguinare in tutti i casi senza
complicazioni. In una seconda serie di casi da un ospedale da campo, l'efficacia della pressione
diretta applicata dai fornitori qualificati con un bendaggio elastico per il controllo
dell'emorragia in 50 vittime successive di amputazioni Trau-matic stato confrontato con
l'efficacia di lacci emostatici utilizzato per 18 vittime precedenti con amputazioni traumatiche
da esplosioni di mine. sanguinamento Meno in corso, i tassi di sopravvivenza pi elevati, e pi
alto di ammissione haemoglo-bin sono stati osservati nel 50 vittime, in cui il sanguinamento
stato controllato con pressione diretta contro le 18 vittime precedenti, in cui il sanguinamento
stato con-un microcontroller con un laccio emostatico.
Quattro studi per esperienza cateterismo cardiaco e un documento studio su animali che la
pressione diretta un metodo efficace e sicuro di controllare l'emorragia.

Quattro revisioni sistematiche hanno confrontato i dispositivi di chiusura vascolare con


compressione manuale in caso di sanguinamento. Questi studi non hanno potuto dare prova di
una differenza sta-statisticamente significativa del rischio di inguine ematomi, inguine
sanguinamento, femorale pseudo-aneurisma, ischemia degli arti inferiori e / o stenosi arteriosa,
trasfusione di sangue, complicanze arteriose, la necessit di chirurgia vascolare e la
complicazione totale tasso. Tuttavia, una revisione sistematica ha trovato una diminuzione del
rischio di infezione inguine e un aumento del tempo di emostasi con manuale di compressionesione, rispetto ai dispositivi di chiusura vascolare. In questi studi a personale medico
qualificato applicata la pressione.

Ghiaccio, elevazione, la pressione sui punti di pressione prossimali


Nel 2015, il consenso sulla scienza ha studiato se l'applicazione di ghiaccio, Eleva-zione di
estremit e / o applicazione di pressione su punti di pressione prossimali, rispetto alla sola
pressione diretta, ha cambiato la mortalit generale, l'emostasi, sanguinamento maggiore,
complicazioni, e la lunghezza ospedale di rimanere.

29
81

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

prove di qualit molto bassa da uno studio randomizzato e controllato stato identificato-cato
che mostra un beneficio con la terapia freddo rispetto alla compressione. Uno studio mostra un
beneficio nella riduzione della formazione di un ematoma femorale in pazienti di intervento
coronarico pubblicare percui-tanea che ricevono impacco freddo (vasocostrizione) rispetto ai
sacchetti di sabbia (compressione).
prove di qualit molto bassa da uno studio randomizzato e controllato mostra un ben-EFIT in
condimenti per compressione a freddo rispetto ai non-freddo medicazioni di compressione in
chirurgia ortopedica. Infine, uno studio randomizzato controllato di prove di qualit molto
bassa ha mostrato una riduzione delle complicanze con una terapia a freddo com-confrontato
alla compressione.
Tornelli
applicazione del laccio stato recensione nel consenso su Science del 2010 e grazie alla
discussione ancora controversa di potenziali benefici e / o danni, soprattutto nell'uso di lacci da
parte dei fornitori di primo soccorso per controllare l'emorragia, stato nuovamente rivisto nel
2015. E 'stato indagato se tra adulti e bambini con arti esterna sanguinamento l'applicazione di
un laccio emostatico a fronte di non applicare un laccio emostatico, fa cambiare l'emostasi, la
mortalit generale, i segni vitali, il recupero degli arti funzionale, le complicanze, perdita di
sangue, l'incidenza di arresto cardiaco.
Uno studio controllato umano (prove di bassa qualit) stato trovato iscriversi 70 pazienti ha
evidenziato un beneficio dove l'83 per cento di coloro che hanno avuto un laccio emostatico
applicata raggiungere l'emostasi rispetto al 61 per cento di coloro che non hanno avuto quella
applicata. C'era la prova di qualit molto bassa da sei serie caso umano, di iscriversi per un
totale di 750 pazienti, dimostrando che il 74,7 per cento delle vittime che hanno avuto un laccio
emostatico applicato emostasi raggiunto.
prove di bassa qualit da tre studi umani con un gruppo di confronto di iscriversi 1.768 pazienti
ha mostrato alcuna differenza, in cui il 12 per cento dei pazienti che hanno avuto un laccio
emostatico applicata morto rispetto al nove per cento dei pazienti che non hanno avuto uno
applicate. Inoltre, la prova di qualit molto bassa da una serie di casi umani di iscriversi 903
pazienti ha evidenziato un beneficio, ove applicato mor dieci per cento delle vittime che hanno
avuto un laccio emostatico.
Infine, uno studio sugli esseri umani (la prova di bassa qualit) con un gruppo di confronto di
iscriversi 165 pazienti ha mostrato beneficio per laccio applicazione, dove il 6 per cento dei
pazienti che hanno avuto un laccio emostatico applicata ha avuto complicazioni rispetto al 9
per cento, che non ha avuto quella applicata avuto complicazioni. prove di qualit molto bassa
da quattro studi caso della serie umani che si iscrivono 846 pazienti documentato che le
complicanze da tornelli si verificato nel 4,3 per cento delle vittime. Un bias potrebbe essere
considerato come questi studi sono stati effettuati prevalentemente in guerra o in un ambiente
di guerra-like.

agenti emostatici
Nel consenso su Science del 2015, stato indagato se in pazienti con grave esterna
sanguinamento l'applicazione di medicazioni emostatiche attualit Plus primo standard di aiuto,
rispetto alla sola prima standard di aiuto, cambia la mortalit generale, i segni vitali, l'emostasi,
le complicanze, perdita di sangue, sanguinamento maggiore, incidenza di arresto cardiaco.

prove di qualit molto bassa da una serie di casi umani ha dimostrato che il 7,7 per cento delle
vittime con medicazioni emostatiche morto (non c'era gruppo Compari-figlio). Inoltre, la prova
di qualit molto bassa stato trovato in sette studi su animali che dimostrano che il 29,1 per
cento delle vittime che hanno ricevuto le medicazioni emo-statica morto, rispetto al 65,8 per
cento di coloro che non hanno ricevuto

30
82

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

medicazioni emostatiche. Quattro serie di casi umani (prova molto bassa qualit) con 130
pazienti trattati con medicazioni emostatiche ha mostrato che l'emostasi si verificato nel 90,8
per cento dei partecipanti. prove di qualit molto bassa da tre studi su animali hanno dimostrato
che l'emostasi si verificato nel 74,2 per cento degli animali trattati con medicazioni
emostatiche evidenze di qualit molto bassa da uno studio serie di casi umani ha dimostrato che
il 73 per cento dei partecipanti ha raggiunto l'emostasi in meno di tre minuti, quando una
medicazione emostatica era applicato.

Riferimenti

Linee guida
fornitori di primo soccorso devono controllare l'emorragia esterna applicando diretti pressicuro. (**)
L'uso di punti di pressione e di elevazione non raccomandato. (*)
Quando la pressione diretta non riesce a controllare l'emorragia arto esterno in pericolo la
vita o non possibile (ad esempio, le lesioni multiple, ferite inaccessibili, pi casu-alties),
tornelli potrebbero essere considerate in circostanze particolari (come ad esempio il disastro,
le condizioni di guerra simile, sedi remote o nei casi in cui i fornitori di formazione specifica
di primo soccorso stanno fornendo cure). (*)
terapia del freddo localizzato con o senza pressione pu essere utile nel emo-stasi di
sanguinamento chiuso alle estremit. (*) Si consiglia cautela quando si applica questa
raccomandazione ai bambini a causa di un potenziale di ipotermia.
L'applicazione out-of-ospedale di un emostatico topico per controllare l'emorragia non
controllata con tecniche standard e, in situazioni in cui non si potrebbero applicare poteva
essere considerato con una formazione adeguata tecniche standard in pericolo la vita. (*)

considerazioni di attuazione
Prima di tutto, l'istruzione di primo soccorso dovrebbe concentrarsi sulla pressione diretta come
il modo principale per controllare il sanguinamento.
Tornelli avevano gi caduti in disuso nei programmi di aiuto prime pubblici in molte regioni a
causa di una limitata evidenza dei suoi benefici in uso da laico primo provider di aiuto e la
percezione del rischio di danni. seguenti eventi recenti militare e in una certa esperienza civili
misura terrorismo hanno dimostrato i timori di danni possono essere ingiustificato e ci possono
essere vantaggi nell'uso di lacci emostatici.
La decisione di includere l'uso di lacci emostatici in primo corso curriculum aiuto dei laici
'deve essere basata sulla situazione del sistema sanitario locale, special-mente la disponibilit di
un sistema di assistenza di emergenza ben sviluppato.
Pu essere ragionevole per includere solo un complemento emostatico (laccio emostatico o
agente emostatico) nel programma di una Societ Nazionale in base alla disponibilit.
L'inclusione di agenti emostatici topici nel curriculum dovrebbe essere basata sulla
disponibilit di queste sostanze e la questione se i laici sono legalmente autorizzati a usarli.

Se lacci emostatici e / o agenti emostatici topici sono compresi nel pronto soccorso educazione, formazione nelle tecniche di applicazione e corretta valutazione del sanguinamento
grave sono obbligatori. Gli studenti devono essere consapevoli che queste tecniche devono
essere applicate solo in situazioni di vita minaccioso in cui non potrebbe essere applicata una
pressione diretta.

Vedere Shock

31
83

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Amputazione
introduzione
Amputazione la rimozione di un arto, o una parte dell'arto. In parziale amputa-zione, la parte
del corpo rimane parzialmente attaccato al corpo. Amputazione non sempre porta alla perdita
della parte del corpo amputata. Un adeguato primo soccorso migliora le possibilit di recupero.
La prova stata rivista per questo nuovo argomento nel 2015.

Sintesi della fondazione scientifica


Nessuna prova stata trovata per sostenere mantenendo la parte del corpo amputata sul
ghiaccio.
Il congelamento della parte danni amputate IT.

Linee guida
In caso di completa amputazione:
Se la parte del corpo completamente amputata, si raccomanda che la parte avvolto in una
compressa sterile o fasciatura. fornitori di primo soccorso dovrebbero mettere la parte del
corpo in un sacchetto di plastica a tenuta d'acqua pulita e sigillare con fermezza. Un secondo
sacchetto contenente acqua e ghiaccio pu essere utilizzato: mettere il sacchetto con la parte
del corpo nel sacchetto di ghiaccio o acqua e assicurarsi che non vi alcun contatto diretto
tra la parte del corpo e il ghiaccio. (Good Practice Point)
Assicurarsi che la persona in questione prende la parte del corpo amputata con lui o lei in
ospedale. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
In caso di amputazione, la priorit dovrebbe essere quella di fermare l'emorragia
(vediemorragia).
importante non danneggiare ulteriormente la parte del corpo amputata.
Sebbene studi sono stati identificati che mostra l'effetto di mantenere la parte del corpo su
ghiaccio, questo pu essere fatto per mantenere la parte del corpo. Per evitare danni ai tessuti
dal contatto diretto con il ghiaccio, la parte del corpo deve essere avvolto in un sacchetto di
plastica prima di metterlo in un sacchetto con acqua e ghiaccio.
kit per la cura amputazione contenenti materiale e le istruzioni per memorizzare correttamente
e trasporto amputata parti del corpo sono disponibili sul mercato.

Concussione
introduzione
Le lesioni alla testa possono variare da essere gravi e causare la perdita di coscienza e delle vie
aeree controllo per breve perdita di coscienza. In altri casi, una persona suf-frire da un trauma
cranico pu rimanere cosciente. Le lesioni alla testa senza perdita di coscienza sono comuni
negli adulti e nei bambini. A causa della complessa-lit di sintomi e segni, i fornitori di primo
soccorso possono trovare difficile identificare una commozione cerebrale. Questo pu portare a
un ritardo nel sinistro ricevere una corretta gestione concus-sione e consulenza postcommozione cerebrale e il trattamento. La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015,
prima con il consenso sulla scienza e, successivamente, dalla Croce Rossa Scientific Advisory
Council americano. Le linee guida sono state aggiornate sulla base dei risultati di questa
revisione.

32

84

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

Sintesi di fondamento scientifico


Nel 2015, l'evidenza pubblicata per questo tema stata valutata da il consenso sulla scienza.
Tuttavia c'era solo uno studio di pre-ospedaliera che ha utilizzato il punteggio del motore
semplificato rispetto alla Glasgow Coma Score (GCS) al grado commozione cerebrale,
mostrando alcuna differenza tra i due punteggi per la diagnosi di trauma cranico.
Per quanto riguarda la possibilit di distinguere tra trauma cranico con e senza sbattimento
(lesione cerebrale), uno studio osservazionale di qualit molto bassa era identi-ficato con
19,408 pazienti in un registro traumi utilizzando un'analisi secondaria di rescoring GCS preospedaliero che mostra differenze significative tra un semplice punteggio motore derivato
rispetto al punteggio GCS di determinare lesioni cerebrali.
Per i risultati critici di variazione in tempo per il riconoscimento del paziente deterioramento,
per le importanti risultati di sopravvivenza a 30 giorni con buon esito neuro-logica, e la
probabilit di un esito sfavorevole neurologico stata trovata alcuna prova.

Tuttavia, dato che questi strumenti richiedono una valutazione in due fasi, prima della gara e
post-commozione cerebrale, questa valutazione non pu essere raccomandato per i fornitori di
primo soccorso laico.

Il consiglio scientifico consultivo della Croce Rossa americana sottolinea che i fornitori di
primo soccorso devono riconoscere che non esistono due minori lesioni cerebrali traumatiche,
noto come commozioni cerebrali (mTBI) sono identici in entrambi la causa o la presentazione.
Il grado di segni e sintomi derivanti dal trauma fisico pu essere molto diverso e difficile da
visualizzare da un fornitore di primo soccorso seconda una variet di fattori. La diagnosi di un
mTBI dovrebbe coinvolgere la valutazione di una serie di domini tra cui, ma non solo, della
persona sintomi, segni, il comportamento, l'equilibrio e la coordinazione, dormendo modelli, la
cognizione e abilit ana-lytical e risposta a uno sforzo fisico, con ogni valutazione strumento di
aggiunta di ulteriori informazioni riguardanti lo stato della persona ferita valutando
autonomamente diversi aspetti del funzionamento cerebrale. Tuttavia, mentre gli strumenti di
valutazione, come neuropsicologici, neurocognitive, l'equilibrio e la sperimentazione di
coordinamento sono comunemente usati e di fornire il maggior numero di misure oggettive per
quanto riguarda le funzioni cognitive di una persona e di recupero dopo un infortunio
concussive, variazioni individuali nei punteggi dei test e la necessit di marche valutazione di
base difficile per i fornitori di primo soccorso per amministrare questi strumenti e interpretare i
risultati.
Per aiutare a riconoscere una commozione cerebrale, i fornitori di primo soccorso dovrebbero
cercare due segni. In primo luogo, la persona che sostenere un mTBI di solito sperimenta un
urto forte, colpo o scossa alla testa o al corpo che si traduce in un rapido movimento della testa
e del cervello. In secondo luogo, i fornitori di primo soccorso dovrebbero cercare qualsiasi
cambiamento nei modelli fisici, cognitivi, emotivi o di sonno della persona. Fare riferimento
alla tabella 3 per i segni e sintomi. Si noti che questi segnali possono o non possono essere
visualizzati imme-diatamente, e che alcune persone non riconoscono o ammettere che stanno
avendo problemi, in particolare gli atleti nel mezzo di una partita.

Una commozione cerebrale pu essere sottile e difficile da diagnosticare. Ogni vittima che ha
subito un trauma alla testa, e sperimenta uno qualsiasi dei segni o sintomi evidenziati nella
tabella che segue deve essere rimosso dall'attivit e di cui un operatore sanitario qualificato,
con esperienza nella valutazione e nella gestione di commozione cerebrale.

33

85

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Tabella 3: Segni e sintomi di una commozione cerebrale


Fisico

Coscienza

Affettivo

Dormire

Mal di testa

il pensiero di difficolt

Irritabilit

Sonnolenza

Nausea o vomito

Nebbioso

Tristezza

Dormire di pi / meno

Equilibrio

difficolt di concentrazione

Ansia

disturbi del sonno

Vertigini

lavorazione Diminuzione

emozioni intensificate

visione doppia o offuscata

difficolt a ricordare

Nervosismo

La sensibilit alla luce o rumore eventi difficolt a ricordare


Tinnitus

Sensazione di lenta

Fatica
Si sente bene
Perdita di conoscenza

Riferimenti

Linee guida
Qualsiasi incidente che sospettato di avere traumi subiti (urto forte, colpo o scossa alla testa
o al corpo che si traduce in un rapido movimento della testa e del cervello), insieme a
qualsiasi dei segnali elencati nella tabella di cui sopra devono essere pre-consumata per
hanno sostenuto mTBI o scuotimento. (**)
Qualsiasi persona che ha sostenuto mTBI o scuotimento deve essere rimosso dall'attivit (per
altre attivit ricreative esempio sport o) e di cui un operatore sanitario qualificato, con
esperienza nella valutazione e nella gestione di commozione cerebrale. (**)
Se la persona ha alterazione dello stato mentale tra cui essere inconscia, cambiare in vie
aeree o la respirazione, convulsioni, cambiamento nella visione, deficit nevralgici qualsiasi
parte del corpo o sanguinamento dal naso, orecchie o la bocca, lo SME devono essere
attivati. (Good Practice Point)
Se un incidente con una sospetta commozione cerebrale ha avuto un concus-sione
valutazione strumento di valutazione sport iniziali (SCAT3), gli operatori sanitari possono
utilizzare questa valutazione per il riconoscimento dello sbattimento durante ulteriori cure.
(Punto di buone prassi)
Vedere stato mentale alterato e non risponde eFerite e abrasioni

considerazioni di attuazione
Anche se nessuno strumento evidence-based pu essere fornito per l'uso in pronto soccorso, il
curriculum di un corso di primo soccorso deve comprendere le cause e sintomi di lesioni alla
testa. Se una Societ Nazionale sviluppa programmi specifici per coloro che sono coinvolti
nello sport devono consultare gli esperti locali in commozione cerebrale per determinare se i
primi fornitori di soccorso dovrebbero essere insegnati strumenti di screening specifici.

34

86

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

Cervicale restrizione di movimento


della colonna vertebrale
introduzione
In caso di lesione spinale cervicale stato comune per le squadre mediche di emergenza da
applicare collari cervicali al collo e laici la persona su un lungo back-bordo per immobilizzare
la colonna vertebrale con l'intenzione di limitare il movimento della colonna vertebrale e per
evitare ulteriori lesioni. Ci sono poche prove per sostenere o confutare questa Prac-Tice ed
difficile per i fornitori di primo soccorso per lo screening per le vittime del caso o di applicarlo
bene senza effetti negativi. Nuove prove rivisto nel 2015 stato utilizzato per sostenere le linee
guida qui presentate.

Sintesi di fondamento scientifico


Nel consenso su Science del 2015, tutte le prove disponibili focalizzata sull'uso di collari
cervicali e / o sacchetti di sabbia rilevanti per incidenti con lesioni della colonna cervicale
contundenti Trau-matic. In uno studio non randomizzato con 5.138 vittime incidente di moto,
un vantaggio significativo sul danno neurologico, quando l'applicazione di un collare cervicale
non poteva essere dimostrata. In uno studio non randomizzato con 18 bambini con ferite alla
testa e 13 studi non randomizzati aggiuntivi, tutti i cadaveri tra cui o volontari sani, una
statisticamente significativa diminuzione stata osservata movimento della colonna vertebrale
cervicale quando si utilizza collari cervicali. Tuttavia, in quattro studi con i pazienti stato
trovato un aumento statisticamente significativo pres-sicuro pi alto intracranici, mentre in due
studi questo risultato non potrebbe essere dimostrata. Nessun effetto sul volume corrente e il
comfort stato trovato in due studi supplementari.
In caso di applicazione di collari morbidi, tre studi con volontari sani o cadav-tori hanno
mostrato una diminuzione statisticamente significativa del movimento della colonna vertebrale
cervicale con l'applicazione di collari morbidi. Lo stesso stato trovato in uno studio non
randomizzato guardando l'effetto di sacchi di sabbia con nastro adesivo.
Per quanto riguarda l'immobilizzazione spinale con un tabellone e cinghie o un dispositivo
equiv-valente le recensioni pi recenti sono stati il Consenso 2010 sulla scienza dal Advisory
Board di primo soccorso e la revisione della Croce Rossa Comitato consultivo Scientific
American aggiornato nel 2015. Essi hanno scoperto che ci sono non pubblicato studi che
supportano o rifiutare il beneficio del midollo immobi-lizzazione di tabelloni o cinghie da
fornitori di primo soccorso. Uno studio retrospettivo, non randomizzato e probabilmente
sottodimensionato del midollo immobiliza-zione da parte di tecnici medici di emergenza che
utilizzano i dispositivi di immobilizzazione non ha dimostrato alcun beneficio neurologico
rispetto al non l'immobilizzazione spinale. Due studi retrospettivi hanno esaminato i dati dalla
prima dell'era della routine di immobilizzazione spi-nale e confrontati loro al periodo dopo
l'introduzione della routine di immobilizzazione spinale e determinato che lesione spinale
secondaria si verificato in tre per cento al 25 per cento dei pazienti che soffrono una lesione
spinale. Una revisione della letteratura pubblicata stima che 0,03 per cento al 0,16 per cento dei
pazienti pu essere aiutato da restrizione spinale. La conclusione trovato da questo 2010
recensione sia stata vi sono prove sufficienti a favore o contro spinale immobiliza-zione.
ragionevole consigliare restrizione di movimento della colonna vertebrale, nelle persone con
fattori di rischio per lesioni del rachide cervicale.
La revisione scientifica Croce Rossa Scientific Advisory Council americano aggiornato nel
2015 ha rilevato che per una pratica cos comune e iconico in pre-ospedaliera medi-cine e
primo soccorso permane una mancanza di rigorose prove scientifiche riconducibili a preospedale fornitori di assistenza per quanto riguarda la cervicale colonna vertebrale protezione.
L'andamento delle prove negli ultimi due recensioni :

35

87

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

1. Continua domande sulla necessit e l'efficacia delle moderne tecniche di colonna vertebrale
immo-bilization con evidenza di bassa qualit sulle questioni sull'efficacia della rigida
contro collari morbidi per evitare ulteriori lesioni e / o limitare il movimento della colonna
vertebrale; e
2. prove di bassa qualit che collari cervicali possono aumentare la pressione intracranica e
peggiorare alcune lesioni della colonna cervicale. Non c' lavoro per i fornitori, ma gli studi
di primo soccorso laici sui fornitori di EMS esistono. Non vi alcun utile lavoro scientifico
su blocchi di testa come strumento di immobilizzazione.

Riferimenti

Linee guida
fornitori di primo soccorso pu sospettare una lesione spinale, se una persona ferita viene
visualizzato uno dei seguenti fattori di rischio: (*)
- oltre i 65 anni di et
- conducente, passeggero o pedone, in un veicolo a motore, ciclo motorizzato, o incidente in
bicicletta
- cadere da una altezza superiore a piedi formicolio alle estremit
- dolore o dolorabilit al collo o alla schiena
- deficit sensoriali o debolezza muscolare che coinvolge le torso o superiori estremit - non
pienamente avviso o intossicato
- altre lesioni dolorose, in particolare della testa e del collo - i
bambini con evidenza di testa o del collo traumi
Per i fornitori di primo soccorso laico non raccomandato l'applicazione di routine di collari
cervicali (*).
fornitori di primo soccorso non dovrebbero cinghia testa o al collo. (*)
In caso di sospetta lesione cervicale si raccomanda di sostenere manualmente la testa in
posizione limitare il movimento angolare fino assistenza sanitaria sperimentato disponibile.
(Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Cervicale restrizione di movimento della colonna vertebrale definita come la riduzione o
limitazione del movimento della colonna vertebrale cervicale, utilizzando un collare cervicale o
sacchetti di sabbia con nastro com-combinato a lungo tabellone. Altre definizioni possono
essere applicate in alcuni paesi o da altre organizzazioni.

Dal momento che una scorretta applicazione di un collare cervicale potrebbe comportare
ulteriori lesioni e la prova disponibile sugli eventi avversi (per esempio aumento della
pressione intracranica) quando l'applicazione di un tale collare, si deciso di non raccomandare
l'applicazione di routine di un collare cervicale da un fornitore di laici di primo soccorso.
Inoltre, nella comu-nit di SME, non vi stata recente prova del danno dall'applicazione non
necessario di un lungo tabellone. La corretta applicazione richiederebbe la formazione, la
pratica regolare e la capacit del fornitore di primo soccorso a distinguere tra alto e basso
rischio individui.

36

88

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

Petto e lesioni addome


introduzione
Il coinvolgimento di un fornitore di primo soccorso in gravi lesioni traumatiche dell'addome o
del torace non una situazione molto comune, ma dovrebbe essere in grado di riconoscere
petto aperto e le lesioni della ferita addominale come una lesione potenzialmente pericolosa per
la vita e fornire corretto primo soccorso. Una nuova recensione stata intrapresa per questo
argomento dal ILCOR e le prove si riflette nelle linee guida qui presentate.

Sintesi di fondamento scientifico


Per la prima volta, la letteratura sulla questione del pronto soccorso per le ferite al torace aperto
stato lavorato nel 2015 dal consenso sulla scienza.
Uno studio su animali-based (prove molto bassa qualit) ha evidenziato un beneficio per la
questione della saturazione di ossigeno respiratoria, volume corrente e segni vitali utilizzando
un dispositivo non-occlusiva. Nessuna prova stata trovata nel risultato critica della
sopravvivenza, cardiaca e arresti respiratori.
CEBaP cercato prove scientifiche sulla gestione delle ferite addominali e non ha trovato alcuna
prova sulle questioni di riposizionamento Exter-zionali ernia organi interni, applicando una
pressione sulla ferita o quale posizione vittima dovrebbe essere messo in.

Riferimenti

Linee guida
Per le ferite a torace aperto, i fornitori di primo soccorso possono lasciare la ferita libera
senza applicare una medicazione. (*)
Se una medicazione necessaria, medicazioni occlusive non possono essere usati (cio, uno
che non sigillare la ferita). (*)
Per le lesioni torace e addome, i fornitori di primo soccorso devono gestire shock e porre la
persona in una posizione comoda. (Good Practice Point)
Per le ferite addominali aperte, i fornitori di primo soccorso pu mettere una garza sterile
sulla ferita. (Good Practice Point)
fornitori di primo soccorso non dovrebbero spingere indietro visceri (organi interni). (Good
Practice Point)
fornitori di primo soccorso dovrebbero stabilizzarsi oggetti Impaled. (Good Practice Point)
Se c' una significativa emorragia esterna, pressione diretta sulla ferita petto con una mano e
/ o una medicazione deve essere applicato. Bisogna fare attenzione che non diventi occlusiva.
(Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
La letteratura pubblicata indica l'importanza di una corretta gestione di una ferita torace aperto.
In primo luogo l'educazione aiuto su questo argomento dovrebbe sottolineare l'impor-tanza di
non utilizzare bendaggio occlusivo per prevenire lo sviluppo di un potenziale complicanza
pericolosa per la vita di un pneumotorace iperteso.
In precedenza, il trattamento standard per una ferita al torace succhiare era da mettere una
occlusiva tre lati spogliatoio sul petto. Tuttavia, se la ferita sigillata, sangue pu coagulare e
sigillare la ferita e permettere all'aria di accumularsi nel petto, che pu portare a pneumotorace
tensione.

37

89

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

lesioni delle estremit


introduzione
Anche se le lesioni agli arti non sempre pericolosi per la vita hanno il potenziale per la perdita
dell'arto. Inoltre, le fratture degli arti sono spesso dolorose e non ci possono essere associate
sanguinamento. Tale sanguinamento pu essere interna al sito di frattura, o Exter-nal nel caso
di fratture aperte; se ossa di grandi dimensioni sono coinvolti, come ad esempio il femore, il
sanguinamento associato pu essere pericolosa per la vita. A seconda della posizione
dell'estremit e la natura della lesione, ci possono essere anche sfide per spostare la persona
ferita. Gli obiettivi di primo soccorso di fratture degli arti sono di preservare l'estremit, per
limitare il dolore e sanguinamento e di cercare ulteriore assistenza medica. CEBaP recensione
la prova di questo argomento nel 2015.

Sintesi di fondamento scientifico


CEBaP indagato varie domande e non riusciva a trovare alcuna prova su Ben-fici di
applicazione di una fionda, stecche o elevazione per gli arti rotti o slogate.
Alcune prove stata trovata sulla questione se la compressione rispetto a nessuna
compressione efficace per migliorare i risultati di salute per i ceppi o distorsioni. Ci sono
prove limitate a favore di nessuna compressione. stato dimostrato che nessuna compressione
determinato una riduzione statisticamente significativa di edema e dolore (necessit di
analgesici), rispetto alla compressione.
Ci sono prove limitate a favore di ghiaccio o di raffreddamento. E 'stato dimostrato che il
ghiaccio o il raffreddamento ha comportato una riduzione statisticamente significativa nel
recupero dopo sette giorni e il dolore dopo il trattamento, rispetto a nessun ghiaccio e
raffreddamento. Tuttavia, un aumento significativo sta-statisticamente di gonfiore dei tessuti
molli e la capacit di sopportare il peso, usando terapia fredda rispetto alla terapia fittizia, non
poteva essere dimostrata.
In caso di utilizzo di una combinazione di ghiaccio e compressione, una diminuzione
statisticamente significativa del dolore in riposo, mentre si cammina e durante l'esecuzione,
capacit funzionale e la durata del periodo di convalescenza re-funzionali, rispetto a nessun
trattamento, non poteva essere dimostrata.
Nel 2015, il consenso sul focus principale di Science stato sulla questione se riallineamento di
una frattura ossea angolata prima splinting rispetto al immobilizzazione come si trova sarebbe
alleviare lesioni neurologiche, lesioni vascolari, stecca-ing, il dolore, e il tempo di trasporto
medico. Gli studi sono stati identificati per la revisione completa, ma tutti sono stati esclusi in
quanto non soddisfano completamente i criteri per inclu-sione ed stato trovato alcuna prova.
Nessuna prova stata trovata a favore o contro il riallineamento delle fratture delle ossa lunghe
angolati come una procedura di primo soccorso, in termini di lesioni neurologiche o vascolari,
il dolore, o il tempo di esiti di trasporto medico. N alcuna prova stata trovata a favore o
contro l'applicazione di una fionda, l'immobilizzazione con o senza una stecca come una
procedura di primo soccorso tra le persone con un arto rotto o slogato rispetto a nessuna
applicazione di una fionda, l'immobilizzazione, stecca in cambio di fun-zionale recupero, il
dolore, le complicanze e tempi di risoluzione dei sintomi.

38

90

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

Linee guida
Un fornitore di primo soccorso potrebbe raffreddare un pregiudizio comune e dei tessuti
molli slogata. (*)
fornitori di primo soccorso dovrebbero presumere che l'eventuale pregiudizio ad una
estremit potrebbe includere un potenziale frattura ossea e manualmente stabilizzare la
lesione estremit in posizione trovata. (Good Practice Point)
Ci sono informazioni sufficienti per formulare raccomandazioni per raddrizzare-ing una
frattura angolata. Per le situazioni remoti, ambienti deserto o circostanze particolari con una
estremit fredda e pallida questo pu essere considerato da un fornitore qualificato di pronto
soccorso. (Good Practice Point)
Ghiaccio o il raffreddamento non dovrebbe essere applicata per pi di 20 minuti. (Buona
Prac-Tice Point)
fornitori di primo soccorso dovrebbero valutare per emorragia in tutte le fratture e trattare per
shock frattura che coinvolge ossa lunghe, in particolare femore, a causa della possibilit di
significative emorragia interna. (Good Practice Point)
Sulla base di formazione e di circostanza, i fornitori possono avere bisogno di spostare un
arto ferito o di una persona. In tali situazioni, i fornitori dovrebbero proteggere i feriti figlio
per-. Questo include immobilizzazione in modo da limitare il dolore, riduce la possibilit di
ulteriori lesioni, e facilita il trasporto e sicura. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Mentre le prove non fornisce una raccomandazione trattamento chiaro per un fornitore di primo
soccorso prendersi cura di un paziente con una frattura gravemente angolata, si consiglia di
entrare in contatto con esperti ortopedici regionali e di soccorso Organiza-zioni per la creazione
di linee guida per l'uso locale - in particolare in aree remote o montuose con i servizi di
soccorso in montagna.
Ci sono informazioni sufficienti per formulare raccomandazioni su ottimale fre-frequenza,
durata e frequenza iniziale di crioterapia dopo una lesione acuta. Molti libri di testo non sono
coerenti nelle loro raccomandazioni relative alla durata, frequenza e durata del trattamento di
ghiaccio, ma la comprensione del significato del cambiamento di fase importante.
Vedere Ferite e abrasioni

Ferite e abrasioni
introduzione
Una delle lesioni pi comuni riscontrati dai fornitori di primo soccorso, specialmente in un
ambiente familiare, ferite e abrasioni. fornitori di primo soccorso possono spesso prendersi
cura di questi a casa, senza bisogno di un trattamento di emergenza. Semplici trattamenti
evidence-based possono essere utilizzati. E 'anche importante per il primo fornitore di aiuti a
riconoscere quando esiste una condizione di grave o necessaria la valutazione da un operatore
sanitario pro-provider. La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015 e le linee guida
sono state aggiornate di conseguenza.

39

91

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Sintesi di fondamento scientifico


Nel Consensus 2010 in Science, questo argomento stato rivisto e nuove prove stato
aggiunto da recensioni condotte da CEBaP.
irrigazione della ferita spesso usato in ambiente pre-ospedaliero e ospedale per pulire le
ferite. C' una forte evidenza da studi umani e animali che feriscono l'irrigazione usando pulita,
acqua corrente almeno efficace quanto l'irrigazione delle ferite con soluzione salina normale e
pu essere meglio. In una meta-analisi condotta da Cochrane, un piccolo studio randomizzato
umana e un caso umano di serie, l'irrigazione con acqua corrente era pi efficace IRRI-gazione
con soluzione salina nel migliorare la guarigione delle ferite e abbassando i tassi di infezione.
In uno studio umano piccolo-randomizzato, irrigazione con acqua di rubinetto ha determinato
un tasso di infezione della ferita equivalente a quella osservata dopo l'irrigazione con soluzione
fisiologica. Anche se molti di questi studi sono stati condotti in ambienti sanitari, acqua
corrente in genere facilmente disponibili ai fornitori di primo soccorso nella cornice out-ofhospital. Prove da sette studi clinici, una meta-analisi di semplici lacerazioni traumatiche nel
reparto di emergenza, e sei studi sugli animali hanno dimostrato che l'irrigazione benefico.
Una riduzione statisticamente significativa di infezione, con acqua di rubinetto rispetto alla
soluzione fisiologica, non poteva essere demone-strata. In un piccolo studio aggiuntivo,
soluzioni di irrigazione a temperatura corpo erano meglio tollerato rispetto alle soluzioni
fredde.
Inoltre, questi studi hanno dimostrato che l'acqua del rubinetto era uguale ad altre soluzioni di
irrigazione in termini di insorgenza di infezioni. Uno studio clinico demone-strare alcun
beneficio da acqua e sapone applicato ad una ferita aperta. Inoltre, diversi studi e un
esperimento cellule isolate dimostrato possibile tossicit per le cellule quando esposto
direttamente all'acqua e sapone. Questa applicazione potrebbe avere per il sapone utilizzato
direttamente su una ferita aperta. letteratura significativa supporta anche il vantaggio di acqua e
sapone per diminuire pelle conta batterica quando applicato alle ferite chiuse. Due studi
prospettici controllati randomizzati hanno confrontato l'efficacia di triple pomata antibiotica
con quello del singolo pomata antibiotica o nessuna pomata in condizioni paragonabili a quelli
osservati nelle situazioni di primo soccorso. In uno studio su volontari umani in cui unguento
stato applicato a vesciche chimici intradermiche inoculati con Staphylococcus aureus, blister
con-contaminata trattati con tripla pomata antibiotica guarito significativamente pi veloce e
con un tasso di infezione inferiore rispetto vesciche trattati sia con singola pomata antibiotica o
nessuna pomata. Sia unguenti triple e singole antibiotici erano superiori a nessun trattamento
nel promuovere la guarigione delle vesciche contaminati.
Molti di questi studi sono stati complicato dalla prima pulizia con soluzioni antisettiche che
possono aver prevenuto i risultati ottenuti per pomata antibiotica, ma che pu anche sostenere il
valore delle soluzioni antisettiche. In uno studio di 59 chil-bam- in una campagna Centro
diurno, applicazione di triple pomata antibiotica per aree di traumi minori della pelle (ad
esempio punture di zanzara e abrasioni) portato a tassi pi bassi di piodermite streptococco
(un'infezione della pelle) rispetto a bambini che hanno ricevuto applicazioni di pomata placebo
(15 per cento contro 47 per cento). pomata antibiotica pu eliminare stafilococchi coagulasinegativi sottostante la superficie della pelle, ma il suo impatto sulla contaminazione della ferita
e la guarigione non pu essere extrap-olated da questi studi.

I risultati di tre studi condotti sull'uomo e due animali hanno dimostrato significativamente pi
breve tempo di guarigione di abrasioni trattati con qualsiasi medicazione occlusiva o topica
antibi-otic che con alcun condimento o antibiotico topico. Mentre chiedersi se lo stesso sarebbe
vero di lesioni effettive, ci sono stati studi esaminati delle ferite chirurgicamente creati che
anche sostenuto l'uso di agenti topici. Due di questi

40
92

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

studi hanno dimostrato che triplo antibiotico era meglio esito di no misto-mento in materia di
cicatrici e pigmento modifiche. Tuttavia, ce l'ha a mettere in discussione se i risultati simili si
otterrebbero con ferite effettive contro le ferite chirurgicamente creati in condizioni sterili.

Riferimenti

Linee guida
ferite superficiali e abrasioni dovrebbero essere irrigati con acqua pulita, pref-bilmente
l'acqua del rubinetto a causa del beneficio di pressione. (**)
fornitori di primo soccorso possono verificare pomata antibiotica per abrasioni della pelle e
ferite per promuovere la guarigione pi veloce con meno rischi di infezione. (*)
fornitori di primo soccorso possono applicare un bendaggio occlusivo per ferite e abrasioni,
con o senza pomata antibiotica. (*)
L'uso di triple pomata antibiotica pu essere preferibile double- o singolo agente unguento o
crema antibiotica. (*)
Se antibiotico non utilizzato, antisettico potrebbe essere utilizzato. (*)
Ci sono alcune prove che gli approcci tradizionali, tra cui l'applicazione di miele, sono utili e
possono essere utilizzati su ferite da parte dei fornitori di primo soccorso. (*)
Le persone con ferite che si sviluppano arrossamento, calore o diventano dolorose o con
ferite in cui la persona sviluppa febbre dovrebbe cercare di valutazione da un operatore
sanitario. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
L'attuazione di tali linee guida per l'uso di attualit pomata antibiotica dipende da leggi locali, i
regolamenti e le procedure, compresa la protezione di responsabilit. Societ Nazionali
possono avere bisogno di variare le loro metodologie per l'implementazione in base alle
opportunit di istruzione nel contesto nazionale. Alternative a una medicazione occlusiva
dovrebbero essere discusse in programmi di formazione.

Avulsione dentale
introduzione
lesioni dentali, in particolare nei bambini, sono problemi comuni riscontrati dai fornitori di
primo soccorso. C' domanda per quanto riguarda reimpianto e la formazione necessarie. In
assenza di reimpianto qual il metodo migliore per l'archiviazione? Questo argomento stato
rivisto nel 2015 da ILCOR e le nuove linee guida sviluppate.

Sintesi di fondamento scientifico


Sono stati identificati solo tre studi che studiano l'effetto di denti avulsi in una soluzione di
archiviazione specifico. Inoltre, 11 studi con denti estratti dell'inchiesta-gated vitalit cellulare
come marker surrogato per la sopravvivenza dei denti dopo aver piazzato l'intero dente in un
supporto di memorizzazione specifica. In nessuno degli studi risultati, come il tasso di
infezione, dolore e malfunzionamenti sono state affrontate.

In cinque studi prove stato trovato in favore di bianco d'uovo, ricetral, acqua di cocco,
propoli, tampone fosfato, o una soluzione salina bilanciata di Hank rispetto al latte, quando
guardando la vitalit cellulare dopo 15 minuti per tre ore di immersione nella soluzione. In uno
studio stato trovato prove a favore

41
93

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

di latte rispetto alla soluzione salina quando guardando vitalit cellulare dopo 45 minuti di
immersione.
La prova di qualit molto bassa a causa del rischio di bias, obliquit e l'imprecisione.

Riferimenti

Linee guida
NON consigliato per i fornitori di primo soccorso di re-impianto di un dente avulso. (Good
Practice Point)
Il dente avulso deve essere tenuta alla corona, non la radice. (Good Practice Point)
Non cercare di pulire il dente avulso dal momento che questo potrebbe danneggiare i tessuti
vitali rimanenti sul dente. (Good Practice Point)
Il dente avulso pu essere posta in soluzione salina bilanciata di Hank. Se non risultato
fattibile il dente pu essere posto (in ordine di preferenza) nella propoli, albume d'uovo,
acqua di cocco, ricetral, latte intero, soluzione fisiologica o tampone fosfato salino. (*)
La persona interessata deve essere indirizzato ad un dentista il pi presto possibile. (Good
Practice Point)

considerazioni di attuazione
Re-impianto di un dente avulso una procedura difficile per il primo soccorso pro-prestatori
che non sono addestrati per questo. Pertanto, importante che un fornitore di primo soccorso
porta la persona interessata e il dente avulso ad un dentista.
Sulla base delle prove da sola, non possibile decidere quale soluzione migliore. Tuttavia,
sulla base delle prove valutato, la disponibilit e la fattibilit, solu-zioni elencate nelle linee
guida di cui sopra potrebbero essere utilizzati per lo stoccaggio temporaneo di un dente avulso.
Alcune di queste soluzioni potrebbero non essere disponibili in alcuni Gazzi-cerca o sulla scena
dell'incidente, e, quindi, la scelta della soluzione di archiviazione pu essere fatta in base alla
disponibilit.
L'attuazione di queste linee guida l'uso di queste soluzioni per avulsione dentaria dipende da
leggi locali, i regolamenti e le procedure, compresa la protezione di responsabilit. Societ
Nazionali possono avere bisogno di variare le metodologie utilizzate per Imple-mentazione
secondo le opportunit di istruzione nel contesto nazionale.
Nota: La corona di un dente l'area coperta in smalto sopra il collo del dente. La radice si
trova sotto il collo del dente (il bit sotto la gengiva).

Lesioni a causa di esposizione


chimica
introduzione
Nell'industria e in sostanze chimiche casa potrebbe causare ustioni e fornitori di primo soccorso
dovrebbero essere in grado di fornire la necessaria cura e proteggere se stessi. esistono prove
per il trattamento in forma di irrigazione, ma anche i servizi di emergenza deve essere
contattato con urgenza. La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015 e le linee guida
sono state conseguentemente aggiornato.

42

94

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

09. Primo soccorso per le lesioni

Sintesi di fondamento scientifico


Per il 2015, il ILCOR pronto soccorso Task Force ha esaminato quali soluzioni potrebbero
essere confrontato con l'acqua per la gestione di lesioni oculari da sostanze chimiche o altre
sostanze. Questo uso di acqua come un comparatore fatto la ricerca della letteratura
estremamente difficile, e non prove comparative umani sono stati identificati. Cos, gli studi
sugli animali sono stati successivamente introdotti nella strategia di ricerca, e uno studio su
animali comparativo incontrato i criteri di inclusione.

Altre aree di esposizione della pelle ad agenti caustici non sono stati esaminati in 2015
Consenso sulla scienza, quindi, le informazioni a partire dal 2010 dato.
Saline contro l'acqua per l'irrigazione degli occhi
Per i risultati critica del livello di pH, studiata come massima pH della camera anteriore dopo
l'applicazione alcali (NaOH) per la cornea, una qualit molto bassa vivo animale studio
osservazionale utilizzando gli occhi di 16 conigli stato identificato. Questo documento mostra
un aumento statisticamente significativo massima pH superiore quando irrigat-re con 0.5L o
1.5L del 0,9 per cento rispetto al normale soluzione fisiologica 0,5 l di acqua di rubinetto.
contatto cutaneo
Prove da molteplici studi che hanno esaminato l'esposizione alcali e acido della pelle ha
mostrato che i risultati sono stati migliorati quando l'irrigazione l'acqua stata rapidamente
somministrato in trattamento di primo soccorso. In una serie di casi non casuale di (pronto
soccorso) imme-ate rispetto a quello ritardato (operatore sanitario) irrigazione pelle, l'incidenza
di ustioni a tutto spessore era pi bassa e la durata della degenza ospedaliera stata ridotta del
50 per cento con irrigazione immediata e copiosa di ustioni chimiche della pelle. prove Animal
supporta anche l'acqua di irrigazione per ridurre l'esposizione della pelle ad acido. In uno studio
su topi con ustioni cutanee acidi, acqua di irrigazione all'interno di un minuto di bruciare
impedito qualsiasi calo di pH tessutale, mentre l'irrigazione ritardo ha permesso una sempre pi
significativa diminuzione del pH tissutale.
contatto interno
Non ci sono studi sull'uomo sugli effetti del trattamento di esposizione caustica orale con la
terapia di diluizione. Cinque studi su animali dimostrano beneficio istologico al rappresentante
del tessuto ani-mal dell'esofago, quando il diluente stato somministrato dopo l'esposizione a
un acido o alcali. Uno studio in vitro chimica dimostrato alcun beneficio dall'aggiunta di grandi
volumi di diluente o una base forte o un acido forte.

Linee guida
In caso di esposizione chimica, servizi di emergenza o di controllo di veleno cen-tre
dovrebbero essere contattati al pi presto possibile. (Good Practice Point)
L'occhio pu essere irrigata con abbondante acqua pulita, preferibilmente utilizzando una
bottiglia di collirio, posto di lavaggio oculare o doccia. (*)
fornitori di primo soccorso possono uso continuo, grandi volumi di acqua pulita per irrigazione di lesioni chimiche in cui si verificato l'esposizione chimica ad altre parti del
corpo. (*)

considerazioni di attuazione
In materia di istruzione di primo soccorso, opportuno sottolineare agli studenti che i fornitori
di primo soccorso devono proteggere se stessi, quando irrigare pelle o degli occhi. Essi
dovrebbero usare i guanti e fare in modo che la sostanza diluita non li danneggia.

43

95

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Mentre l'irrigazione di un prendersi cura degli occhi che l'altro occhio non influenzata dalla
sostanza diluita, la pressione non troppo alto e il primo fornitore di aiuto dovrebbe apre con
cura i coperchi. Anche mentre annaffiature qualsiasi parte della formazione corpo dovrebbe
essere fornite come irrigazione senza esporre altre zone del corpo.
La gente addestrati ad utilizzare le soluzioni antidoto specifico potrebbe usare questi su
consiglio del centro antiveleni locale.

44

96

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

10. problemi di salute ambientale

10.

problemi di cause
ambientali
45

indietr
o al
Sommario

L'ambiente pu avere un impatto drammatico sulla salute e la vita, in particolare i giovani, gli
anziani e le persone con malattie croniche. formazione di primo soccorso deve guidare gli
studenti su come affrontare i fattori ambientali e deve includere considerazioni locali e gli
adattamenti che possono essere necessari per sedi remote e situazioni selvagge.

problemi di salute causati dal


freddo
L'esposizione del corpo a freddo pu provocare il danno diretto ai tessuti, come congelamento,
o pu portare a ipotermia generale.

Congelamento
introduzione
Frostbite si verifica di rado, ma pu avere gravi conseguenze. danni locali viene fattopelle e
altro tessuti a causa di freddo estremo. Parti del corpo pi lontano dalcuore e quelli con grandi
aree esposte sono pi probabilit di ottenere gelo-morsi. Con l'avvicinarsi della temperatura
ambiente0 C (32F), vasi sanguigni sulla superficie della pelle iniziare costrizione. La stessa
risposta pu anche derivare da esposizione a venti forti. Questa costrizione dei vasi aiuta a
preservare la temperatura corporea. In condizioni estreme di freddo, o quando il corpo esposto
a freddo TEM-temperature per lunghi periodi, questa strategia di protezione pu ridurre il
flusso sanguigno in alcune aree del corpo a livelli pericolosamente bassi. Le prove dimostrano i
benefici di rewarming, ma anche i pericoli di ricongelamento. La prova di questo argomento
stato rivisto nel 2015 e le linee guida sono state conseguentemente aggiornato.

Sintesi di fondamento scientifico


Nel 2010, questo argomento stato studiato e analizzato dal consenso sulla scienza e CEBaP
effettuata una valutazione in particolare sulla ipotermia e sanguinamento. Una revisione
scientifica ha dimostrato che la rapida rewarming con bagni di acqua tra 37 C e 42 C (98.6F
e 107.6F) per 20 a 30 minuti esito migliorata. modelli animali multiple e diverse serie di casi in
cui il risultato ha mostrato riduzione della perdita di tessuto sostenuto questa. Da segnalare,
studi modelli di dispositivi di calore-generat-Ing chimici per mano e il riscaldamento del piede
generate temperature molto al di sopra di questa gamma (69C a 74 C; 156F a 165F). Infine,
due serie caso indicato cautela per quanto riguarda il pericolo di rigelo del tessuto, una volta
riscaldato.

97

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Diversi studi in cui stata data una delle due applicazioni antinfiammatoria topica o terapia
farmacologica gen-rale non ha trovato una chiara evidenza di beneficio del trattamento.
In 12 studi osservazionali su pazienti con sanguinamento grave o trauma stato dimostrato che
l'ipotermia un fattore di rischio per la mortalit, perdita di sangue e complicazioni come
shock, coma, sindrome da disfunzione d'organo multipla, sindrome da distress respiratorio,
polmonite, insufficienza respiratoria, infiammatoria sistemica sindrome da risposta, la sepsi, le
infezioni e arresto cardiaco (prove qualit molto bassa).

Riferimenti

Linee guida
Chi soffre di gravi emorragie o traumi importanti devono essere tenuti al caldo. (**)
Nel fornire il primo soccorso a una persona che sperimenta congelamento, il riscaldamento
delle parti del corpo congelato deve essere eseguita solo se non vi alcun rischio di
ricongelamento. (*)
Rewarming dovrebbe essere raggiunto immergendo la parte colpita in acqua tra i 37 C
(temperatura corporea) e 40 C (104 F 98.6F e) per 20 a 30 minuti. (Good Practice Point)
Per gravi congelamenti, rewarming dovrebbe essere realizzato entro 24 ore. (Good Practice
Point)
scalda chimici non devono essere posizionati direttamente sul tessuto congelato dal momento
che questi possono raggiungere temperature che si traducono in ustioni e superare le
temperature mirati. (Good Practice Point)
Dopo rewarming, gli sforzi possono essere fatti per proteggere le parti congelate da
ricongelamento e trasportare rapidamente la persona per ulteriori cure. (Buona Prac-Tice
Point)
parti del corpo che possono essere vestite con garza sterile o garza posto tra le cifre fino a
quando la persona interessata pu raggiungere cure mediche. (Good Practice Point)
L'uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei per il trattamento di congelamento,
nell'ambito del primo soccorso non raccomandato basa su potenziali effetti collaterali di
questi farmaci (ad esempio allergie, gastrica sanguinamento ulcera). (*)

considerazioni di attuazione
Dal momento che frostbites sono frequenti anche nelle regioni alpine e fornitori di primo
soccorso hanno bisogno di sapere che cosa cercare, foto di congelamento devono essere
utilizzati per scopi didattici.

Ipotermia
introduzione
Ipotermia pu verificarsi se l'intero corpo esposto al freddo ed definita come una condizione
in cui temperatura interna scende sotto quella richiesta per nor-mal metabolismo e le funzioni
del corpo, vale a dire 35 C (95F). Prove disponibile per supportare diverse tecniche di
riscaldamento a seconda dello stato della persona. La prova di questo argomento stato rivisto
nel 2015 e le linee guida sono state aggiornate di conseguenza.

98

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

10. problemi di salute ambientale

Sintesi di fondamento scientifico


Uno studio ha sostenuto l'uso di riscaldamento attivo utilizzando una coperta di riscaldamento a
non rabbrividire pazienti ipotermici rispetto all'utilizzo di una lamina metallica. Uno studio ha
sostenuto l'uso di dispositivi di riscaldamento attivo oltre rewarming passivo non brividi
pazienti ipotermici. Tuttavia, in un altro studio, non c'era molta differenza nel tasso di
rewarming in pazienti con lieve ipotermia se una coperta o uno dei due dispositivi attivi sono
stati usati.

Linee guida
Una persona che sperimenta l'ipotermia, che reattivo e brividi Vigor-neamente dovrebbe
essere rewarmed passivamente con una coperta di poliestere-riempita. (**)
Per una persona che soffre di ipotermia, che non trema, attiva warm-zione deve essere
avviato, con una coperta di riscaldamento, se disponibile. (**)
Per rewarming passiva, se una coperta in poliestere pieno non disponibile e il per-figlio
reattivo e brividi, altre opzioni possono essere utilizzate, compresa qualsiasi coperta asciutta,
abbigliamento caldo e asciutto o foglio o bolla d'aria strato riflettente o metallico. (*)
Per riscaldamento attivo, se una coperta di riscaldamento non disponibile e la persona non
trema, altre opzioni possono essere utilizzate, tra cui una bottiglia di acqua calda, pastiglie di
calore-zione o pietre calde adiacenti alle aree principali del corpo. Non applicare
direttamente sulla pelle per evitare di bruciare la persona. (*)
Per tutti i casi di ipotermia, EMS dovrebbe essere attivato e del ferito aria modo, la
respirazione e la circolazione dovrebbe essere valutata. (Good Practice Point)
In tutti i casi, la persona interessata deve essere trattato con delicatezza, rimosso dallo stress
freddo e che la sua vita indumenti bagnati rimosso. (Good Practice Point)
Si deve quindi essere presa per isolare la persona e fornire un vapore bar-rier se possibile per
minimizzare la perdita di calore conduttivo o convezione ed evaporazione, rispettivamente.
(Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
formazione di primo soccorso deve includere le seguenti informazioni:
comportamento sicuro in montagna e durante la partecipazione in inverno e / o sport d'acqua
per prevenire l'ipotermia e congelamento.
Sicurezza nelle zone di valanghe per ridurre il rischio di subire una valanga per
familiarizzare gli studenti con i segnali di allarme locali e comportamenti sicuri (per esempio
non rischiare di andare sulle piste da sci chiusi).
Come chiamare per il supporto di emergenza in montagna.
Promemoria che l'ipotermia pu anche verificarsi in temperature calde a causa di attivit, i
vestiti bagnati, ecc
Se il corpo esposto al freddo, ipotermia pu provocare, in cui la temperatura corporea scende
sotto quella richiesta per il normale metabolismo e funzioni del corpo, definite come 35 C (95
F). Se esposti al freddo e meccanismi interni del corpo in grado di ricostituire il calore
perso, la temperatura interna scende. Come la temperatura corporea diminuisce, si verificano
sintomi caratteristici come ad esempiotremante, Tachicardia e tachypea, Che sono tutte le
risposte fisiologiche per conservare il calore. confusione mentale pu anche essere presente.
Pi tardi, una mancanza di coordinamento diventa evidente, come i movimenti diventano lenta
e faticosa e sono accom-gnate da un ritmo d'inciampo e confusione mite. La persona diventa
pallido, le labbra, orecchie, mani e dei piedi, eventualmente, diventando blu. Nelle fasi
successive, amne-SIA pu iniziare a comparire, nonch l'incapacit di utilizzare le mani. La
pelle esposta diventa blu e gonfio, coordinazione muscolare diventa molto scarsa, camminare
diventa quasi impossibile, e la persona che manifesta un comportamento incoerente o
irrazionale, tra cuiterminale scavando o anche un stupore.

99

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

I problemi di salute
causati da alta quota
introduzione
Anche se non comunemente pensato come un pericolo, ad alta quota pu porre problemi di
salute. Se le persone, in particolare quelli con medici pre-condizioni, vanno ad una alta quota
rapidamente (ad esempio quando si utilizza funivie per raggiungere le vette delle alte Mouncontiene), possono sviluppare montagna acuto o mal di montagna. I sintomi possono anche
svilupparsi in alpinisti ed abilitati quando raggiungono quote molto elevate, ad esempio nella
regione di Himalaya. Concomitante sforzo fisico o condizioni mediche croniche aumenta il
pericolo di montagna acuto o mal di montagna. Una revisione stata effettuata la prova di
questo argomento e, di conseguenza le nuove linee guida sviluppate.
La malattia termine altitudine collettiva comprende mal acuto di montagna (AMS), edema
polmonare d'alta quota (HAPE) e alta quota edema cerebrale (HACE). Queste condizioni
rappresentano l'effetto patologico di alta quota causato da esposizione acuta bassa pressione
parziale di ossigeno in quota.
malattie altitudine verificarsi quando le persone ad alta quota non hanno abbastanza ossigeno
nel sangue (ipossia), perch la pressione barometrica troppo bassa. Con l'aumento della
quota, l'aria diventa pi sottile e meno ossigeno viene inalato con ogni respiro. La malattia pi
comune altitudine mal di montagna acuto. Essa si verifica comunemente in una persona che
ha recentemente raggiunto una quota di circa 6.500 piedi a 8.000 piedi (circa 1.980 metri a
2.440 metri). Se i segni ed i sintomi di mal di montagna acuto appaiono a quote pi basse,
possono essere il risultato di altre condizioni, come la disidratazione o malattia di calore. Se
non trattata, mal di montagna acuto pu progredire a condizioni pi gravi, come HACE o
HAPE. HACE causata dal fluido accumulo nel tessuto cerebrale. Se non trattata, pu portare
alla morte. HAPE causato da fluidi si accumulano nei polmoni. Quando troppo fluido si
accumula nei polmoni, una persona non pu respirare correttamente, e questo pu portare alla
morte.
Nella maggior parte dei casi di mal di montagna, i sintomi sono lievi e possono includere i
seguenti:
capogiri o sensazione di testa vuota, affaticamento, mal di testa
nausea o vomito
polso rapido, una maggiore brevit della frequenza cardiaca di breaththat peggiora la
stanchezza
Nei casi pi gravi di malattia altitudine, fluido raccoglie nei polmoni (edema polmonare) e
provoca estrema mancanza di respiro. pu verificarsi anche Cervello gonfiore (edema
cerebrale). Questo pu causare confusione, coma e se non trattata, la morte. I sintomi
generalmente associati alla malattia pi grave altitudine sono i seguenti:

100

colorazione bluastra della pelle (cianosi)


senso di costrizione toracica o congestione
tosse e tosse con sangue
confusione
diminuzione della coscienza o ritiro dalla interazione sociale
non pu camminare in linea retta o in costante

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

10. problemi di salute ambientale

Sintesi di fondamento scientifico


CEBaP, in collaborazione con una task force internazionale della Croce Rossa ha valutato la
letteratura disponibile.
Uno studio di bassa qualit potrebbe essere trovato in cui una limitata evidenza a favore di
scendere a 2.250 metri potrebbe essere segnalato e uno studio di bassa qualit descrive il
miglioramento AMS con l'uso di ossigeno 3L / minuto per dieci minuti.

Riferimenti

Linee guida
Vittime di AMS, HACE e HAPE dovrebbero interrompere immediatamente salita e / o
discesa. (**)
Per i fornitori di primo soccorso addestrati nel suo uso, l'ossigeno pu essere somministrato a
persone che vivono AMS, HACE e HAPE. (*)
Continuando salita con sintomi non raccomandato. (Good Practice Point)
fornitori di primo soccorso possono aiutare le persone con il loro farmaco prescritto per il
mal di montagna, come ad esempio acetazolamide o desametasone, in base a istruzioni
riportate in etichetta. (Good Practice Point)
Appositamente addestrati fornitori di primo soccorso, dove le leggi e regolamenti locali
permettono, pu dare alle persone che soffrono di altitudine farmaci malattie come
acetazolamide o desametasone, basati su protocollo locale. (Good Practice Point)
fornitori di primo soccorso dovrebbero tenere persone che soffrono di mal di montagna di
ottenere freddo o surriscaldato. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Se questo argomento incluso nel contatto curriculum dovrebbe essere fatto con esperti medici
locali e le unit di soccorso alpino o organizzazioni alpine di allinearsi sulle linee guida locali.

L'ossigeno viene considerata come una droga in alcuni paesi e la cura deve essere presa per
seguire le procedure di legge locali. Se giuridicamente possibile, la cura deve essere data a
una formazione adeguata di utilizzo di ossigeno. Inoltre, la legge ei regolamenti locali devono
essere seguite per quanto riguarda ad aiutare i pazienti con i farmaci prescritti.

emergenze radiazioni
introduzione
Emergenza radioattiva viene dichiarato quando c', o percepito come un pericolo a causa di
esposizione a radiazioni da una fonte. Come sorgenti di radiazioni sono utilizzati in vari campi,
tra cui l'industria, la medicina e la ricerca, le emergenze radiologiche possono verificarsi
ovunque e comprendono:
Non controllati (abbandonati, persi, rubati o trovato) fonti pericolose
L'uso improprio di fonti industriali e medicali pericolose (ad esempio quelli utilizzati in
radiografia)
l'esposizione della popolazione e la contaminazione da origini sconosciute
minacce dannose o atti
emergenze di trasporto.

101

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Materiale radioattivo potrebbe, se non sotto controllo, dare origine ad un'esposizione sufficiente per causare gravi effetti sulla salute deterministici che possono variare da acuta
insufficienza cronica, soprattutto se gestito da un membro del pubblico che non a conoscenza
del pericolo. L'esposizione alle radiazioni pu portare a uno contaminazione Exter-nale o
interni o gli effetti dell'esposizione alle radiazioni ionizzanti o entrambi.

Le risposte alle emergenze radiologiche e chimiche sono molto simili. In entrambi i casi, i
nostri sensi (ad esempio, odore o la vista) potrebbero non essere in grado di rilevare i livelli
pericolosi di materiale.

Le sorgenti sigillate possono causare un rischio solo irradiazione (cio, il processo di


esposizione alle radiazioni). fonti non sigillate possono causare un rischio di irradiazione ed
esterna e / o contaminazione interna tramite dispersione di elementi radioattivi.

Pertanto, la risposta iniziale spesso effettuato sulla base di indica-zioni secondarie dei pericoli
come etichette, segni o cartelli che indicano la presenza di un materiale pericoloso, la comparsa
di sintomi medici in indi-viduals o letture a vista da strumenti specializzati.

Sintesi di fondamento scientifico


La revisione della letteratura non ha trovato prove per quanto riguarda emergenza radiazioni.
Le raccomandazioni sono basate su opinioni di esperti.

Riferimenti

Linee guida
Evitare di toccare presunti elementi radioattivi. (Good Practice Point)
Mantenere la distanza e non avvicinarsi elementi radioattivi sospetta o scene di incidenti.
(Good Practice Point)
Rimuovere il ferito scena il pi velocemente possibile. (Good Practice Point)
Evitare il fumo a meno di 100 metri di un incendio o di esplosione che coinvolge una
sorgente radioattiva potenzialmente pericolosa. (Good Practice Point)
Tenere le mani lontane dalla bocca e non fumare, mangiare o bere fino a quando le mani e il
viso vengono lavate (per evitare l'ingestione accidentale). (Good Practice Point)
L'esposizione a sorgenti sigillate non richiede decontaminazione. Per limitare l'esposizione,
stare lontano o collocare uno scudo appropriato (grembiule di piombo, per esempio) tra la
sorgente e le persone esposte. (Good Practice Point)
Le forze speciali addestrate dovrebbero prendersi cura del processo di decontaminazione, ma
le persone potenzialmente contaminati devono essere istruiti per rimuovere qualsiasi tessutoing stessi in attesa di tali squadre, che possono essere di beneficio. (Good Practice Point)
medici specialisti devono esaminare tutte le persone che potrebbero essere esposti a
radioattivit nel pi breve tempo possibile. (Good Practice Point)

102

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

10. problemi di salute ambientale

considerazioni di attuazione
Societ Nazionali dovranno determinare se essi comprendono questo tema nella loro
formazione di primo soccorso. Questa decisione dovrebbe essere basato sul livello del fornitore
di primo soccorso in formazione, risorse, direzione medica, gli approcci dei servizi di
emergenza locali, ingresso della salute pubblica e le circostanze nazionali (cio etici
considerazioni, usi, costumi locali, etc.).

In ogni caso tutti i partecipanti devono essere familiarizzati come parte dell'unit sostanza
pericolosa per riconoscere il simbolo della radioattivit ed essere consapevoli di emer-genze
con un potenziale pericolo radioattivo.

103

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

11.

Pronto soccorso per i


danni connesse agli
animali
Gli animali possono causare pi danni alla salute e corsi di primo soccorso dovrebbero
considerare questo argomento in base agli aspetti epidemiologici del territorio. Ad esempio,
necessario formazione su zecche e encefalite da zecche e la borreliosi solo se queste malattie
hanno un impatto reale locale. Tuttavia, perch ci sono molti miti su morsi di serpente, che
insegnano il corretto trattamento di primo soccorso potrebbe essere utile per evitare interventi
di primo soccorso potenzialmente dannosi e inutili, anche se non serpenti pericolosi sono
comuni nella zona.

indietr
o al
Sommario

morsi di animali
introduzione
La gestione di morsi di animali comprende la prevenzione, il trattamento delle ferite locale e
considerazione l'introduzione di agenti infettivi nella ferita (ad esempio, Clostridium tetani, il
batterio che provoca il tetano, e Staphylococcus aureus, che responsabile per la maggior parte
delle infezioni della pelle). La prova scarsa, ma lavare la ferita e rinvio a ulteriori cure
mediche pu essere utile.

Sintesi di fondamento scientifico


Nel consenso della Scienza del 2010, questo tema stato lavorato e irrigazione delle ferite da
morso stato sostenuto da studi su animali per la prevenzione della rabbia e da uno studio sugli
esseri umani per la prevenzione di infezioni batteriche. L'acqua del rubinetto, soluzione salina e
soluzioni acqua e sapone sono stati tra i irriganti che hanno mostrato benefici, anche se non
confronti diretti sono stati effettuati tra questi interven-zioni. Nonostante le molteplici
raccomandazioni in letteratura e nella pratica clinica comune, nessuna prova stata trovata per
l'uso iodopovidone a morsi. Inoltre, letteratura recensione nella sezione precedente
perferiteanche sup-porti avvolte irrigazione per prevenire l'infezione. Questi studi sono
abbastanza vecchio e purtroppo non quelli pi recenti stato trovato.

Riferimenti

Linee guida
ferite da morso umane e animali devono essere abbondantemente irrigati per ridurre al
minimo il rischio di infezioni batteriche e la rabbia. (*)
Sanguinamento da un morso di animali devono essere trattati secondo le linee guida per
emorragia gestione. (Good Practice Point)

104

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

11. Pronto soccorso per i danni connesse agli animali

La persona deve essere preso per ulteriori cure mediche al pi presto di un intervento
chirurgico, la vaccinazione, o la terapia farmacologica a seconda delle necessit. (Good
Practice Point)
Le persone che soffrono di morsi di animali che sviluppano calore, arrossamento o dolore
intorno alla zona del morso a partire dal momento del morso fino a ben dopo la guarigione
devono immediatamente consultare il medico. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Un elemento essenziale della gestione degli animali morso la profilassi contro la rabbia. La
necessit della profilassi dipende l'animale in questione e locale preva-lenza della rabbia in
diverse popolazioni animali. materiali didattici dovrebbero riflettere discussioni con le autorit
sanitarie locali per quanto riguarda la necessit di una profilassi antirabbica.

Morsi di serpente
introduzione
In molti paesi, morsi di serpenti velenosi sono un grave problema di salute. Inoltre, molte
persone sono estremamente paura dei serpenti e snakebites. Anche nei paesi in cui si trovano
solo serpenti innocui, le persone spesso prendere dal panico dopo morsi di serpente e possono
eventualmente fornire misure di primo soccorso che possono essere dannosi piuttosto che
benefico. La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015 e linee guida sono state
conseguentemente aggiornato.

Sintesi di fondamento scientifico


Nel 2011, Network IFRC Evidence-Based ha lavorato su questo argomento e CEBaP rivalutata
la letteratura disponibile.
Aspirazione
La maggior parte dei dati hanno dimostrato che l'aspirazione sia fornisce alcun beneficio o
possono essere un danno-Ful. In passato, si riteneva che l'aspirazione rimuove il veleno, studi
hanno dimostrato che non vero; al massimo e in un solo studio, un volume significativo
stato rimosso (0,04 per cento). Entrambe le serie di casi e studi su animali hanno mostrato una
mancanza di beneficio, e uno studio su animali ulteriore dimostrato che nei casi in cui stata
effettuata l'aspirazione, l'animale mor pi rapidamente. In uno studio osser-osservazionali
umana, nessun beneficio di aspirazione per morsi di serpente stato notato. Ulteriori studi che
utilizzano i dispositivi hanno dimostrato sia la prova visiva di danni ai tessuti o la pos-sibilit di
danneggiamento.

Riferimenti
La compressione o pressione di immobilizzazione
L'uso di compressione (applicazione di un bendaggio elastico, chiamato anche
l'immobilizzazione di pressione) assistito da immobilizzazione di un arto con morsi di serpente
stato comunemente insegnato per prevenire la diffusione sistemica o ulteriore diffusione
sistemica di veleno.

Questo approccio di compressione e immobilizzazione supportata da due studi su animali.


Uno di questi studi ha mostrato il beneficio di un bendaggio di compressione di circa 55mmHg
pressione. Un modello animale ha dimostrato che la compressione ridotto flusso linfatico e la
diffusione del veleno. Inoltre,

105

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

non vi erano prove limitate da due studi sperimentali per dimostrare una diminuzione
significativa di diffusione veleno finto con bendaggio elastico e stecca. D'altra parte, si
limitata evidenza da quattro sperimentali genealogici i in favore dell'uso di pad ferma e
bendaggio non elastico. Uno studio sperimentale ha anche mostrato una limitata evidenza per
sostenere nessun movimento dell'arto (immobilizzazione con bendaggio elastico e stecca), con
diminuzione del transito di veleno finto.
Oltre alle prove relative dell'efficacia di compressione, la prova disponibile sulla fattibilit
della applicazione di un bendaggio elastico da laici. In due studi randomizzati controllati stato
dimostrato che la formazione ha provocato un aumento statisticamente significativo di
applicazione benda con campo di pressione Opti-Mal, rispetto all'utilizzo di istruzioni solo
scritte. Tuttavia, in un terzo studio non randomizzato stato dimostrato che i volontari, senza la
formazione adeguata non sono riusciti a un aumento statisticamente significativo di
applicazione benda cor-rect pi alto o al raggiungimento di pressione corretta, rispetto ai
volontari medici.

Riferimenti
Elevazione
Non ci sono studi controllati in entrambe le persone o animali che valutano l'Prac-tice di
elevazione dell'arto dopo envenomation serpente. L'unica prova che potrebbe essere
identificato era studi retrospettivi senza un controllo che hanno consultato la pagina di cura
sup-portive dopo un morso di serpente, ognuno dei quali ha utilizzato tecniche diverse, ma ha
fatto includere elevazione. Tutti gli studi hanno trovato che le vittime hanno fatto bene con la
semplice terapia di supporto (anzich antivenin), ma nessuno specificamente guardato solo
eleva-zione o rispetto ad altri interventi.

Riferimenti
applicazione a freddo
C' un animale studio sperimentale per confrontare l'applicazione e controllo del freddo. Essa
non ha dimostrato alcuna significativit statistica in termini di tasso di mortalit e il punteggio
lesioni dei tessuti.

Riferimenti
applicazione del laccio
Ci sono tre studi osservazionali che non presentavano alcuna diminuzione significativa del
numero di morte, edema locale, insufficienza respiratoria acuta, insufficienza renale acuta,
envenoming, necrosi e la disabilit. In uno studio, ha mostrato che l'impiego di laccio
emostatico potrebbe risultare in un aumento statisticamente significativo della dura-zione di
permanenza in ospedale.

Riferimenti
irrigazione della ferita
Manca uno studio pubblicato sull'uso di irrigazione ferita per gestire una ferita morso di
serpente.

106

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

11. Pronto soccorso per i danni connesse agli animali

Linee guida
Aspirazione non deve essere applicato a envenomation serpente, perch inef-tiva e pu
essere dannoso. (**)
Laccio emostatico non deve essere applicato a envenomation serpente perch non efficace
e pu causare prolungata ospedalizzazione. (**)
Le lesioni delle estremit possono essere conservati ancora il pi possibile o essere immobilizzati applicando bendaggio non elastico. (*)
Specialmente fornitori qualificati possono utilizzare la compressione per situazioni
particolari, quali sedi remote e ambienti deserto. (*)
La vittima dovrebbe limitare l'attivit fisica. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
In precedenti linee guida di primo soccorso, la compressione o l'immobilizzazione di pressione
stato raccomandato come una routine di trattamento di primo soccorso per i morsi di serpente,
che era basato su effetti positivi si trovano in studi su animali e studi di veleno finto. Tuttavia,
in queste linee guida, la prova descritto sulla fattibilit di laici applicazione di un bendaggio
di compressione. Sulla base di questa evidenza addi-zionale che mostra che i laici non possono
applicare correttamente una fasciatura di compressione, e la preoccupazione che l'applicazione
sbagliata potrebbe portare a movimenti inutili dell'arto e ulteriore diffusione del veleno, la
pressione immobiliza-zione non raccomandato.
Per quanto riguarda la formazione di pronto soccorso, gli educatori devono contattare CEN-tres
biologici locali per consigli sui tipi di serpenti che vivono nella zona, tra cui la loro capacit di
veleno. A causa del fatto che molte persone hanno una conoscenza molto poco serpenti e il loro
potenziale rischio sarebbe opportuno utilizzare le immagini dei serpenti pi comuni nella
regione durante il corso di formazione.
Il seguente consiglio dovrebbe essere seguito nelle regioni in cui si trovano i serpenti velenosi:
Contattare il centro biologica locale per scoprire dove e come ottenere antivenin per vittime
di morsi di serpente velenoso e che tipo di trattamento specifico necessario.
Nella prima formazione di aiuto, includere informazioni su come raggiungere questi centri e /
o hotline se le persone disponibili e dove possono ottenere ulteriori informazioni e consigli.

punture di medusa
introduzione
Medusa (cnidari) Si trovano in tutti gli oceani e mare. Nonostante la maggior parte essendo
innocuo, alcune specie possono causare reazioni locali e sistemiche anche. Il contatto con le
meduse pu causare punture dolorose e reazioni allergiche. Questo prob-blema comune a
molte spiagge in tutto il mondo, dove coloro che partecipano a sport acquatici vengono a
contatto con le meduse. Nella maggior parte dei casi, solo minore, prurito reazioni (che
appaiono spesso simili a ustioni) sono causati, ma specie molto pericolo-unit organizzative,
come ad esempio, la guerra man-of-portoghese (Physalia physalis), Cassetta di gelatina
(Carybdea alata), Ortica mare (Chrysaora quinquecirrha) Si trovano in alcune parti del mondo.
Envenomation (pungente) di meduse, idroidi e coralli urticanti Sting-zione sono causate dalla
scarica simultanea di molte migliaia di capsule urticanti microscopici chiamati nematocisti.
Ogni nematocisti contiene una piccola dose di veleno, e il contatto con una persona, spara nella
pelle.

107

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

La reazione iniziale a una puntura di medusa in genere comporta arrossamento, prurito,


intorpidimento e formicolio in cui la persona stata morsa, cos come pustole o eruzioni
cutanee che formano nel modello di esposizione tentacolo. Gli effetti sistemici possono
verificarsi, con conseguente dolore muscolare, vomito, sudorazione, agitazione, ipertensione,
torace e dolori addominali. La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015 e linee guida
sono state conseguentemente aggiornato.

Sintesi di fondamento scientifico


Nel 2010, questo tema stata valutata da il consenso sulla scienza. La Croce Rossa Scientific
Advisory Council americano ha inoltre esaminato questo argomento e CEBaP, in
collaborazione con un internazionale della Croce Rossa della task force rivalutato letteratura
risultato fattibile.
agente topico
In generale agenti topici sono stati valutati per prevenire un ulteriore scarico nemato-cisti e per
ridurre il dolore da punture di medusa acuti. Le prove hanno dimostrato che alcuni agenti
topici, in particolare aceto in due studi su animali e bicarbonato di sodio liquami in un altro
studio, prevenire o ridurre ulteriormente lo scarico nemato-cisti.

Aceto (ingrediente attivo sulle quattro a sei per cento di acido acetico) in acqua ha anche
dimostrato di essere un inibitore nematocyst efficace per la medusa scatola e le specie
Irukandji, che possono essere letali. Se l'avvelenamento pensato per essere a causa del
moscone (Physalia), L'aceto pu essere utile.
Punture della maggior parte delle meduse che si trovano lungo costa del Mare del Nord
d'Europa non rispondono realmente aceto. Una revisione sistematica si tenuta nel 2012
guardato vari trattamenti per avvelenamento da meduse e organismi connessi in Nord America
e Hawaii. Questa recensione ha prodotto 19 articoli primarie pertinenti e dimostra la risposta
variabile al trattamento, spesso con risultati contrastanti a seconda delle specie studiate. La
revisione suggerisce che l'aceto pu provocare esacerbazione del dolore o di scarico
nematocisti nella maggior parte delle specie. Ulteriori genealogici ies hanno dimostrato che per
bluebottle meduse (Physalia utriculus), Aceto innesca un'ulteriore avvelenamento da
nematocisti.
Ci sono prove limitate da uno studio sperimentale, mostrando n a favore n contro l'uso di
acqua salata per sciacquare una puntura di medusa. Una riduzione statisticamente signifi-cant
del dolore, utilizzando acqua salata rispetto all'acqua, pungiglione soccorso fresca o tenderiser
carne di Adolph, non poteva essere dimostrata.
La prova di bassa qualit e dei risultati di questo studio sono imprecisi a causa delle
dimensioni del campione limitato e / o grande variabilit dei risultati.
studi bassa prove suggeriscono che metanolo o etanolo, ammoniaca e acido acetico possono
aumentare i sintomi della sensazione di dolore. lidocaina topica (quattro per cento) pu aiutare
con sollievo dai sintomi e il dolore che dura pi di un paio di giorni pu essere trattata con
steroidi topici.
immersione in acqua calda o fredda
Una revisione sistematica di studi di trattamento suggerisce che acqua o calore impacchi caldi
comunemente diminuiscono i sintomi di avvelenamento, prevalentemente la percezione per-di
dolore. Il vantaggio di acqua calda per ridurre il dolore dopo una puntura di medusa sostenuto
da quattro studi. E 'stato dimostrato che l'acqua calda o un impacco caldo ha provocato una
diminuzione statisticamente significativa del dolore, rispetto al IcePack, aceto o papaina
batticarne. Tuttavia, una differenza nel dolore cessazione non poteva essere dimostrata.

108

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

11. Pronto soccorso per i danni connesse agli animali

Il vantaggio di acqua fredda stato dimostrato da un solo studio, ma due studi ha riportato
alcun sollievo significativo di dolore a causa di freddo.
immobilizzazione di pressione
Prove supporta evitando l'uso di pressione, che stato dimostrato in due studi animali per
provocare ulteriore rilascio di veleno, anche se tutte le nemato-cisti sono stati rimossi.

Riferimenti

Linee guida
L'applicazione topica di acqua di mare, il bicarbonato, aceto o di calore pu essere applicato
per la disattivazione nematocisti. acqua dolce pu causare ulteriore avvelenamento. La scelta
del farmaco deve essere individualizzata per l'area geografica e SPE-Cies di meduse: (**)

- Per la maggior parte delle meduse, rimuovere i tentacoli e sciacquare in acqua di mare.
acqua dolce pu causare ulteriore avvelenamento;
- Per le specie di meduse, mare ortica e malva stinger, applicare cottura pasta soda; - Per
scatola di punture di medusa douse in aceto per 30 secondi; e
- Se meduse positivamente identificato come moscone o Physalia utriculus, fare NON uso
aceto, come si innesca ulteriormente avvelenamento.
L'immersione in acqua calda deve continuare fino a quando il dolore risolto o almeno per
20 a 30 minuti. (**)
bende pressione non devono essere utilizzati per il trattamento di punture di medusa. (**)
L'applicazione topica di, solfato di alluminio, batticarne o l'acqua non deve essere utilizzato
per il sollievo del dolore. (**)
Dopo il trattamento per rimuovere e / o disattivare nematocisti, acqua calda immer-sione
potrebbe essere utilizzato per ridurre il dolore. (*)
Eventuali tentacoli aderenti potranno essere ritirati fuori con le dita o pu essere grattata via
con un oggetto piatto, come ad esempio una carta di credito. Il soccorritore deve indossare
una corretta Protec-zione. L'area di Stung deve essere sciacquato bene con acqua di mare per
rimuovere cellule urticanti che possono essere visti. (Good Practice Point)
Fermare la persona da sfregamento zona pungiglione. (Good Practice Point)
Per le zone con le meduse letali, i fornitori di primo soccorso devono convocare
immediatamente SME, e valutare e trattare delle vie aeree, la respirazione e la circolazione,
fornendo altre terapie. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Nello sviluppo di formazione di primo soccorso su questo argomento, il contatto dovrebbe
essere fatto con istituti marini locali e le associazioni di salvataggio in acqua per concentrarsi
sul pi comune e / o meduse pi pericoloso nella regione. Prima azione di aiuto solo per queste
specie dovrebbero essere inclusi nel programma di studi.
Se questo argomento incluso nella formazione di primo soccorso gli studenti devono essere
informati circa le meduse nella loro regione e sui metodi di prevenzione, come prendersi cura
di una specifica segnaletica o indossare tute protettive. Per scopi didattici, consigliabile per
ottenere le foto del meduse che popolano le acque e le informazioni di base di bio-logico, ad
esempio, dove le meduse si trovano nella regione e foto da punture di medusa.
Se le organizzazioni acquatici locali raccomandano l'applicazione di prodotti farmaceutici
(come unguenti steroidi, gel lidocaina etc.) assicurano che l'uso di questi in conformit con la
legislazione del paese ..

109

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

punture di insetti o punture


introduzione
Alcuni insetti non sono di per s nocivo, ma funzionano come vettori di malattie di
trasmissione-ting come la malaria o encefalite da zecche. Inoltre ogni puntura di un insetto pu
causare una ferita che possono poi essere infettati. Alcune punture di insetti possono anche
causare una reazione allergica anche in persone che sono state in precedenza morso. Lo scopo
del provider primo soccorso di rimuovere la puntura o un insetto dalla persona, mentre
causando meno danni alla insetto possibile al fine di evitare l'ulteriore diffusione del veleno. La
prova rivisto nel 2015 ha informato lo sviluppo di linee guida aggiornate per questo argomento.

Sintesi di fondamento scientifico


CEBaP ha condotto una revisione formale prove scientifiche su questo argomento.
Ci sono prove limitate a favore di tirare con una pinza rispetto a rota-zione con una pinza per
rimuovere un segno di spunta. E 'stato dimostrato in uno studio che tirando la zecca con una
pinza portato ad una diminuzione statisticamente significativa delle zecche con apparato
boccale danneggiate, rispetto a rotazione con una pinza. In uno studio pi piccolo stato
dimostrato che tira non ha comportato una diminuzione statisticamente significativa di apparato
boccale tick danneggiate, rispetto a rotazione. La prova molto bassa qual-lit e risultati di
questi studi sono imprecisi a causa delle dimensioni limitate del campione e la grande
variabilit dei risultati.
Ci sono prove limitate a favore di rotazione con un gancio con dispositivo di scorrimento
rimozione della zecca (commerciale O'Tom Tick). E 'stato dimostrato in uno studio controllato
non randomizzato che a rotazione con un gancio con dispositivo di rimozione slittamento ha
provocato una diminuzione statisticamente significativa di apparato boccale tick danneggiate, il
tempo di rimuovere le zecche, la facilit con cui viene afferrato segno di spunta, la forza
necessaria per estrarre tick rispetto a tirare con una pinza chirurgica, o tirare con pro-tick
rimedio o la rotazione con la penna-pinzette. In un secondo studio controllato non
randomizzato stato dimostrato che la rotazione con un gancio con dispositivo di rimozione di
scorrimento (spuntare twister) ha comportato una diminuzione statis-camente significativo di
apparato boccale tick danneggiate, rispetto alla torsione con un laccio o tirando con una pinza.
Nessuna differenza statisticamente significativa potrebbe essere dimostrata quando si
confrontano il twister spunta con la penna-pinzette o una scheda (tickpic). Tuttavia, una
diminuzione statisticamente significativa del fallimento per rimuovere il segno di spunta,
ruotando con un gancio con dispositivo di slittamento rispetto a tirare con una pinza chirurgica,
tirando con pro-tick rimedio o la rotazione con la penna-pinzette, non poteva essere dimostrata.
La prova di qualit molto bassa ed i risultati di questi studi sono imprecisi a causa della
mancanza di dati.
Una riduzione statisticamente significativa di apparato boccale danneggiati e incrementi di
distacco da s non poteva essere dimostrata quando le zecche sono stati rimossi dopo il
trattamento chimico con la benzina, alcool denaturato, vaselina, il 70 per cento di alcol
isopropilico, o una partita di cucina calda. Per quanto riguarda l'utilizzo di chiodo pol-ish, ci
sono prove contrastanti da due studi sperimentali. In un piccolo studio, una diminuzione
statisticamente significativa di apparato boccale danneggiati non poteva essere dimostrata
quando le zecche sono stati rimossi meccanicamente, dopo chimica trattamento-mento con
smalto. In un altro studio, stato dimostrato che l'uso di smalto ha determinato una
diminuzione statisticamente significativa di apparato boccale tick danneggiati dopo la
rimozione meccanica rispetto a nessun trattamento chimico con smalto. Le prove contrastanti
potrebbe essere causato da diverse specie di zecche utilizzati in

110

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

11. Pronto soccorso per i danni connesse agli animali

i documenti inclusi. La prova di qualit molto bassa ed i risultati di questi studi sono
imprecisi a causa della mancanza di dati.
La maggior parte delle persone che vengono punto da un'ape sviluppano una, marchio
infiammato sollevato conosciuto come un benessere. Vi limitata evidenza a favore di una
rapida rimozione di una puntura d'ape. In uno studio controllato randomizzato, stato mostrato
un aumento statisticamente significativo della zona benessere con il tempo di rimozione. La
prova di bassa qualit e dei risultati di questo studio sono imprecisi a causa di un campione
limitato.
Nessuna prova stata trovata sull'uso di aspirazione, aceto o applicare ghiaccio per puntura di
insetto o morso.

Riferimenti

Linee guida
L'utilizzo di benzina, petrolio, e altri solventi organici per soffocare le zecche, cos come
bruciare il segno di spunta con una partita deve essere evitato. (**)
In caso di una puntura d'ape, la puntura deve essere rimosso il pi presto possibile. (**)
Per rimuovere un segno di spunta, afferrare la zecca il pi vicino alla pelle il pi possibile
con un bel pinza o pinzette e tirarlo via, ma con fermezza, dalla pelle. (*)
In caso di un dispositivo di rimozione della zecca commerciale, come ad esempio un gancio
con dispositivo di scorrimento disponibile, la zecca pu essere rimosso con il dispositivo di
rimozione secondo le istruzioni del produttore. (*)
L'area morso deve essere accuratamente disinfettata con alcol o un'altra soluzione antisettica
della pelle. I primi soccorritori dovrebbero evitare di spremere il segno di spunta durante la
rimozione dal momento che questo pu iniettare materiale infetto nella pelle. (Buona PracTice Point)
Se un rash, il calore o il dolore si sviluppa intorno alla zona morso o la puntura porta a
febbre, la persona dovrebbe consultare un medico nel caso in cui gli antibiotici o vaccini
sono necessari. (Good Practice Point)
Il primo fornitore di aiuto deve riconoscere i segni di una reazione allergica o segni di
anafilassi e trattare. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Primi fornitori di soccorso dovrebbe allinearsi con i loro centri medici locali per scoprire quali
malattie insetti legati sono comuni nella regione e quali misure preventive sono localmente
praticati come ad esempio:
uso di repellenti
uso di zanzariere
indossare maniche lunghe e pantaloni lunghi, soprattutto all'alba, quando questi insetti sono
attivi.
I primi educatori soccorso dovrebbero chiedere consiglio al personale medico locale su come
prevenire le malattie insetti morso legate, per esempio, la vaccinazione per encefalite da zecche
e farmaci per la prevenzione della malaria.
I primi educatori soccorso dovrebbero usare le immagini di insetti che si trovano comunemente
nella zona e problemi di salute associati questi possono causare, ad esempio, borreliosi, per
aiutare gli studenti con l'identificazione.
Ulteriori informazioni sulle malattie trasmesse da zecche pu essere utile in materiale didattico.
In Europa e Nord America, diverse specie di zecche Ixodes sono vettori per le infezioni
trasmesse da zecche. Una infezione importante borreliosi di Lyme, o

111

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

La malattia di Lyme che causata dal batterio borrelia burgdorferi. Tipico sintomotom
includere febbre, mal di testa, stanchezza e una eruzione cutanea caratteristica chiamata eritema
migrante. Se non trattata, l'infezione pu diffondersi per le articolazioni, il cuore e il sistema
nervoso. La maggior parte dei casi di malattia di Lyme pu esseretrattati con successo con
antibiotici.
passi per prevenire La malattia di Lyme includono l'utilizzo di repellenti per insetti, rimuovere
le zecche prontamente, paesaggio e difesa integrata.
Le zecche che trasmettono la malattia di Lyme possono trasmettere altre malattie trasmesse da
zecche, tra cui l'encefalite da zecche.
Vedere Ferite e abrasioni

112

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

12. Annegamento e le immersioni subacquee malattia da decompressione

12.

Annegamento e le
immersioni subacquee
malattia da decompressione
processo di annegamento

indietr
o al
Sommario

introduzione
L'annegamento la terza causa di morte in tutto il mondo lesioni involontarie, pari a quasi
400.000 decessi ogni anno.8
fornitori di primo soccorso devono essere informati in questo settore. Annegamento, il processo di vivere insufficienza respiratoria da sommersione / immersione in liquido, solitamente
acqua.
risultati che annegano sono classificati come la morte, morbilit o no morbilit. Il processo di
annegamento il continuo che inizia quando vie aeree della persona si trova sotto una
superficie di liquido, momento in cui la persona tenta volontariamente trattenere il respiro.
Questo pu essere seguito da persona involontariamente consentono-zione liquido nelle vie
aeree. Se non c' salvataggio e / o rovescio di questa cascata, si verifica l'errore ipossia aumenta
e multi-sistema.
Nei paesi ad alto reddito la cura per una persona salvata da sommersione spesso comporta un
approccio multiagency, con diverse organizzazioni diverse indipen-dentemente responsabili per
le diverse fasi di cura della persona, dal soccorso acquatico iniziale riabilitativa cura.
La prova di questo argomento stato rivisto nel 2015 e le linee guida sono stati conse-guenza
aggiornato.

Sintesi di fondamento scientifico

Rapporto Globale sulla


annegamento. Evitare che
un killer leader, OMS 2014.

gestione delle vie aeree


Per quanto riguarda la gestione delle vie aeree, la letteratura sostiene che l'apertura delle vie
aeree per permettere all'ossigeno di raggiungere un certo funzionale tessuto polmonare e
minimiz-zione aspirazione ostruzione delle vie aeree una sfida significativa nel processo di
annegamento rianimazione e che la ventilazione deve iniziare il pi presto possibile. Sia i dati
di outcome e opinioni di esperti supportano il concetto che ci sono aspetti unici di stabilire e
mantenere una delle vie aeree superiori durante l'annegamento

113

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

processo di rianimazione, e che presto la respirazione artificiale, anche in acqua rianimazione


sicuro, efficace e fattibile per i soccorritori addestrati in ambienti open-acqua. Si estrapolato
che anche questo sarebbe un fattore positivo per annegare-Ing esiti processo di rianimazione in
impostazioni del pool.

Riferimenti
Aspirazione
L'efficacia di aspirazione maggiore in caso di immersione non stato ben studiato e non vi
consenso sul fatto che la rianimazione dovrebbe iniziare prima di tentare di rimuovere i liquidi
dalla vie respiratorie oi polmoni. La sequenza di eventi che si verifica seguenti aspirazione
dell'acqua nei polmoni un processo fisiopatologico complesso. L'aspirazione di acqua
comprende laringospasmo, spostamenti di liquidi attraverso la membrana alveolare polmonare,
la distruzione di tensioattivo, atelettasia, shunt intrapolmonare, e la formazione di edema
polmonare. Qualsiasi tentativo di rimuovere l'acqua dalle vie aeree inutile e ritarder CPR. La
correzione di ipossiemia di una persona, pu provocare il vomito, e pu causare lesioni
viscerali o vascolari. Inoltre, l'aspirazione orofaringea raramente rimuovere tutto ci, ma i
liquidi orofaringe. Infine, vi un consenso generale che poco, se del caso, il liquido pu essere
espulso dai polmoni da drenaggio tecnologia-niche, tra cui aspirazione, compressioni
addominali, o drenaggio posturale; questo perch dopo pochi minuti di sommersione, l'acqua
viene assorbita nella circolazione. Detto questo, in alcuni blocchi di materia pazienti, vomito o
particolato le vie aeree, rendendo difficile rianimazione. In questi casi, anche se le tecniche
variano, il vomito o detriti devono essere rimossi se interferisce con gestione delle vie aeree.

Riferimenti
rianimazione processo di annegamento
Nel processo di annegamento, la rianimazione con compressioni addominali superiore pu
creare un rischio di precipitare rigurgito gastroesofageo e la successiva aspirazione e pu
ritardare e complicare l'inizio di CPR efficace. Un tentativo di rimuovere l'acqua dalle vie aeree
utilizzando spinte addominali inutile e potenzialmente pericoloso. Studi hanno dimostrato che
non vi alcuna necessit di eliminare airways dall'acqua aspirata. Solo la maggioranza delle
persone annegati aspirare una piccola quantit di acqua e viene rapidamente assorbito nella
circolazione centrale. Pertanto, non agisce come un ostacolo nella trachea. Quindi, le procedure
per corpo estraneo ostruzione delle vie aeree devono essere utilizzati solo se le vie aeree
completamente ostruita con un oggetto solido. Vedereostruzione delle vie aeree da corpo
estraneo
Per quanto riguarda il posizionamento, prove sostiene porre la persona come vicino a una vera
posizione laterale possibile, con la testa dipendente per permettere il drenaggio dei fluidi. La
posizione dovrebbe essere stabile, senza pressione sul petto in modo che la persona pu essere
ruotato sul lato e restituito al indietro facilmente e sicuro.
La letteratura mostra che la respirazione artificiale in acque poco profonde sicuro e effi-tivo
di fornire da un unico fornitore di aiuti, addestrato primo dotato di un dispositivo di
galleggiamento e aumenta la probabilit di una persona di sopravvivenza.
meccanismi fisiologici prove e sostengono che durante il processo di rianimazione annegarezione della vittima richiede livelli fisiologici di ossigeno; Tuttavia, nessuno studio di ricerca
sostengono la necessit di ossigeno supplementare in rianimazione processo di annegamento
per raggiungere i livelli di ossigeno normali. Ci sono studi pubblicati che dimostrano che l'uso
di aria espirata (16 per cento di ossigeno) o camera d'aria (21 per cento di ossigeno) per la
rianimazione raggiunge fisiologicamente normale

114

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

12. Annegamento e le immersioni subacquee malattia da decompressione

i livelli di ossigeno nel sangue nel sinistro. Questi studi, tuttavia, affrontati molti tipi di casi di
rianimazione e nessuno che erano esclusivamente di vittime del processo di annegamento.
Inoltre, gli studi che utilizzano ossigeno supplementare in Resusci-zione hanno dimostrato che
le vittime a raggiungere i livelli di ossigeno nel sangue sovra-fisiologica. Questi ed altri studi
hanno dimostrato che questi livelli di ossigeno nel sangue sovra-fisiologiche sono associate pi
poveri esiti neurologici. Considerando che tali studi di ricerca hanno fatto vedere un esito
dannoso con l'uso di ossigeno supplementare in rianimazione, hanno usato o ossigeno
prolungata amministra-zione o vittime di processo non annegamento studiate. Nonostante la
mancanza di evidenze della ricerca, alcuni esperti hanno scritto che in annegare casi relativi
maggiore concentrazione di ossigeno pu essere richiesta rispetto al 16 per cento al 21 per
cento di solito dato durante la respirazione artificiale o quando si utilizza il rianimatore BVM
senza ossigeno supplementare. La letteratura sulla rianimazione e congetture razionale sostiene
che i bisogni prioritari nel processo di annegamento resuscita-zione stanno stabilendo una via
aerea e di fornire la ventilazione. Inoltre, altri studi di rianimazione e di sostegno congettura
razionale che l'ossigeno fisiologica possono essere ottenuti sia con aria espirata attraverso un
approccio maschera a bocca o via aria ambiente utilizzando un approccio BVM-a-bocca.
Tuttavia, ci sono esperti OPIN ioni sostegno della necessit bagnini di fornire ossigeno
supplementare in rianimazione processo annegamento.

Nel 2015, ILCOR recensione l'evidenza di fattori prognostici che predicono fuori entra in
relazione agli incidenti di annegamento quali la durata di sommersione, l'et della persona
interessata, salinit dell'acqua, e la temperatura dell'acqua rispetto senza fattori.
Per l'et, la salinit e la temperatura dell'acqua ci sono di bassa qualit o le prove
contraddittorie per l'esito favorevole della critica esiti neurologici e la sopravvivenza.
Per la durata della sommersione, la letteratura ha identificato:
Per gli intervalli di immersione brevi (meno di cinque o sei minuti) una moderata evidenzaqual-lit per l'esito favorevole della critica esito neurologico e una bassa qualit delle prove
per l'esito critica di sopravvivenza. Tutti gli studi hanno notato gli esiti neurologici peggiori a
quelli con durate di immersione superiore a cinque minuti. Tutti gli studi hanno notato le
probabilit di sopravvivenza peggiori tra le persone con prolungato rispetto a brevi periodi di
immersione.
Per gli intervalli di immersione intermedi (meno di dieci minuti) esiste una moderata
evidenza di qualit per i risultati critici del favorevole esito neurologico e bassa qualit di
evidenza esiste per l'esito critica di sopravvivenza. Tutti gli studi hanno notato peggiore
outcome neurologico nei pazienti con prolungate durate submer-sione rispetto a durate di
immersione intermedie.
Per gli intervalli di immersione prolungata (meno di 15 a 25 minuti) esiste bassa qualit evidenza per l'esito favorevole della critica esiti neurologici da tre studi osservazionali, ed esiste
la prova di qualit molto bassa per l'esito critica della sopravvivenza da un singolo studio.
Sommersione di meno di 20 o 25 minuti associato con un migliore outcome neurologico
rispetto durata l'immersione pi lunga per adulti e bambini ipotermia. I casi con un intervallo
di sub-d'immersione di meno di 15 minuti ha avuto un tasso di sopravvivenza globale pi
elevato.

2015 ILCOR recensione escluso segnalazioni di casi eccezionali e rare che identificano buoni
risultati dopo l'immersione prolungata in acqua ghiacciata.

Riferimenti

115

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Linee guida
capacit di gestione delle vie aeree devono essere inclusi nella formazione di primo soccorso
per il salvataggio processo di annegamento e rianimazione. (**)
Annegamento processo di rianimazione deve includere la gestione delle vie aeree superiori e
la respirazione artificiale presto come una priorit. (**)
In acqua rianimazione composto da vie aeree e la gestione di ventilazione dovrebbe essere
fatto nei seguenti casi: acque poco profonde, un fornitore di primo soccorso addestrato con
un aiuto di galleggiamento in acqua calma profonda o due o fornitori pi allenati di primo
soccorso. (**)
Routine aspirazione orofaringea non dovrebbe essere fatto in rianimazione pro-cesso
annegamento. (**)
In caso di sommersione, metodi di aspirazione e manuali devono essere utilizzati quando le
vie aeree bloccato da vomito o detriti che impedisce la ventilazione. (**)
Se richiesta la rianimazione e non possono essere efficacemente fornita in acqua, la vittima
deve essere rimosso dall'acqua e riprese grazie fast-est mezzi disponibili. (**)
Se vie aeree efficace e la ventilazione non possono essere forniti in acqua, anche un incidente
con possibili lesioni del midollo cervicale deve essere rapidamente rimosso dall'acqua. (**)
Durata immersione deve essere utilizzato come indicatore prognostico quando si prendono
decisioni in materia di ricerca e soccorso di gestione o le operazioni di risorse. (**)
Nel caso in cui la vittima in arresto cardiaco, respiro pu essere data prima di compressioni. (*)
Per una vittima inconsapevole o il recupero, o mentre lui o lei il trasporto, lui o lei dovrebbe
essere il pi vicino in una vera e propria posizione laterale il pi possibile, con la testa
dipendente per consentire il drenaggio dei liquidi libera. Ogni pressione sul torace che
ostacola la respirazione dovrebbe essere evitato. (*)
L'ossigeno supplementare per la rianimazione processo di annegamento pu essere utilizzato,
ma in questo modo non deve mai ritardare la rianimazione, tra cui apertura delle vie aeree e
fornendo la ventilazione e compressioni, se necessario. (*)
In acqua rianimazione composto da vie aeree e la gestione di ventilazione non dovrebbe
essere tentata in acque profonde da un unico fornitore di primo soccorso senza il supporto di
galleggiamento. In questo caso, la priorit dovrebbe essere salvato alla costa. (Good Practice
Point)
Compressioni non devono essere eseguite in acqua. (Good Practice Point)
Compressioni possono essere eseguite sulla strada per puntellare se la persona pu essere
collocato su un oggetto solido, come una tavola di salvataggio. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
salvataggio in acqua
In primo fornitore di aiuti e gli astanti l'azione essenziale se assistere a una persona che sta
annegando.

Se possibile, il primo fornitore di aiuti dovrebbe tentare di salvare la persona che sta
annegando, senza entrare in acqua. Parlando con la persona, raggiungendo con un aiuto per il
salvataggio (ad es bastone o abbigliamento), o gettare una corda o di aiuto al salvataggio
galleggiante pu essere effi-tiva se l'individuo vicino alla terraferma.
fornitori di primo soccorso dovrebbero entrare in acqua solo se indispensabile e che hanno la
formazione necessaria, se si pu utilizzare un dispositivo mobile o in barca o se non sono soli
ed sicuro (in caso di annegamento dei bambini, per esempio).
Non immergersi a capofitto in acqua quando si tenta un salvataggio. Si pu perdere nei UAL
contatto con la persona di essere salvato e correre il rischio di una lesione spinale.

116

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

12. Annegamento e le immersioni subacquee malattia da decompressione

squadre addestrate o di soccorso professionale delle societ nazionali della Croce Rossa e
Mezzaluna Rossa dovrebbe utilizzare attrezzature speciali per assistere con ricerca e soccorso.
Dove la res-cue richiede tempo, le squadre spesso cercano una guida sulla probabilit di
sopravvivenza. Durata immersione di meno di dieci minuti associata una probabilit molto
alta di esito favorevole; Durata immersione pi di 25 minuti associato con una bassa
probabilit di risultati favorevoli.
Immersione in acqua ghiacciata pu prolungare la finestra di sopravvivenza e di giustificare
estesi attivit di ricerca e soccorso.
In-acqua rianimazione
Se la persona in acqua, specificamente addestrato fornitori di primo soccorso non possono inprendere la ventilazione in acqua prima di passare l'individuo alla terraferma o Salvataggio
Nave se lui o lei equipaggiato e addestrato a farlo. In acqua ventilazione ha un alto tasso di
sopravvivenza, ma la decisione tra ventilazione o portare la persona a riva pi rapidamente
possibile senza ventilazione dipende da molti fattori, quali la risposta dell'individuo di
ventilazione, condizioni del mare, dis-tanza alla costa , il supporto per gli equipaggi e la
disponibilit di battello di emergenza o in elicottero.
Se un battello di emergenza o in elicottero arriva sulla scena, un fornitore di formazione
specifica di pronto soccorso dovrebbe continuare la ventilazione in acqua mentre il supporto
arriva a prendere in consegna la ventilazione. Questa opzione sembra offrire un tasso di
sopravvivenza pi alto.
Cancellazione dal acqua
Se la persona in arresto cardiaco, lui o lei deve essere prontamente rimosso dall'acqua e CPR
dovrebbe essere iniziato il pi presto possibile.
In altri casi (una persona che non in arresto cardiaco), addestrato o squadre di soccorso
professionali devono rimuovere la persona in posizione orizzontale durante e dopo il recupero
dall'acqua. precauzioni spinali mentre eliminando la persona dall'acqua, ad esempio limitando
il collo flessione ed estensione, non sono necessari a meno che non ci sia una storia di
immersioni in acque poco profonde, o segni di lesioni gravi in acqua e non impedisce il
trattamento di condizioni di pericolo di vita .
Rianimazione una volta recuperata da acqua
Per i laici ei fornitori di base di primo soccorso, La sequenza adulta routine rianimazione
pu essere utilizzato anche per coloro che sono stati annegamento e non respira normalmente
dopo sono venuti fuori dall'acqua.
fornitori di primo soccorso che sono addestrati nel trattamento di vittime di annegamento
(ad esempio bagnini) come squadra di soccorso professionale delle societ nazionali della
Croce Rossa e Mezzaluna Rossa o sentirsi a proprio agio alterare la sequenza di routine, i
seguenti Modi-fiche alla sequenza di rianimazione adulto dovrebbero essere.
Dopo aver riconosciuto la vittima in arresto cardiaco:
1. Dare due a cinque ventilazioni di soccorso efficaci iniziali prima di iniziare le compressioni
toraciche;
2. Se non gi fatto, attivare lo SME ma se da solo (unico soccorritore), eseguire la RCP per
circa un minuto prima di cercare aiuto;
3. Continuare a dare CPR da un adulto o un bambino;
4. Quando un DAE disponibile, asciugare il petto della persona prima di fissare le pastiglie
AED e fornire gli shock secondo il DAE; e
5. Dare ad alto flusso di ossigeno (da dieci a 15 litri al minuto) quando possibile con la
BVM durante la RCP e attraverso una maschera di ossigeno con la borsa serbatoio dopo il
ritorno della circolazione spontanea.

117

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

compressioni
Alcuni studi sulla compressione in acqua hanno mostrato che compressioni non possono essere
efficacemente effettuata in acqua. Il primo fornitore di aiuto deve usare la ventilazione in acqua
solo se la persona non pu respirare normalmente.
Fluido nei polmoni e rigurgito del contenuto dello stomaco
La rianimazione deve iniziare immediatamente a meno fluidi ostruiscono le vie respiratorie. Il
primo fornitore di aiuto deve continuare respiro salvataggio o la ventilazione fino a quando la
squadra di soccorso arriva sulla scena. Durante l'allenamento, importante ribadire che i liquidi
non possono essere rimossi dai polmoni e tenta di farlo sar solo ritardare cure salva-vita.
Se la vittima ha rigurgito del contenuto dello stomaco, girare la persona imme-diatamente dalla
loro parte, rimuovere il materiale rigurgitato il pi possibile, mettere la vittima sulla schiena e
continuare la rianimazione. solo se le vie aeree completamente ostruita che necessario
trattare il FBAO.
Posizionamento
Se la persona in arresto cardiaco, essi devono essere posizionati sulla schiena di ogni forma
di rianimazione.
Se la persona non risponde e ha respirazione normale, essi dovrebbero essere in posizione
laterale, se possibile, con la testa dipendente per consentire il drenaggio dei liquidi.
Se necessario per trasformare la persona, il primo fornitore di aiuto deve essere a
conoscenza di possibili lesioni del midollo cervicale.
Ossigeno
Normalmente, il primo fornitore di aiuto fornisce la rianimazione, senza supplemento di ossigen perch un dispositivo di consegna di ossigeno non disponibile.
Se l'ossigeno disponibile, anche se l'ipossia non presente nelle prime fasi del processo di
annegamento, specificamente addestrato i fornitori di primo soccorso 'pu fornire ossigeno
secondo le linee guida all'uso ossigeno supplementare. VedereUso dell'ossigeno.

lesione del rachide cervicale


tra vittime annegamento
introduzione
Il riconoscimento del potenziale lesione spinale cervicale tra vittime annegamento fornito qui
come prova estrapolato, con limitazioni. Dal 2010, la prova rimane invariato. VedereCervicale
restrizione di movimento della colonna vertebrale.

Sintesi di fondamento scientifico


La maggior parte delle prove estrapolato da tutte le lesioni spinali, non solo quelli legati alla
annegamento. Il verificarsi di lesioni spinali in attivit acquatiche basso. Inoltre, il parere di
consenso quello di consigliare restrizione di movimento della colonna vertebrale e
immobilizzazione per le vittime sommersione selezionati: quelli che hanno una storia di alto
impatto o di attivit ad alto rischio (ad esempio, immersioni, sci nautico, aggressione, l'uso di
un veicolo a motore sulla posizione o sulla spiaggia da moderata a grave pause a terra) e gli
individui con segni clinici di lesioni o evidenti deficit neurologico. Mentre

118

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

12. Annegamento e le immersioni subacquee malattia da decompressione

questa era l'opinione di consenso nel 2010, c' ancora una limitata evidenza per applicarsi alla
creazione acquatico. Si deve anche tener conto del:
fornitori di primo soccorso di rischio devono affrontare durante l'esecuzione di
immobilizzazione in un ambiente incontrollato-controllato.
movimento unstudied ma probabilmente della colonna vertebrale durante l'applicazione di
immobilizzazione.
La letteratura delle scarse prestazioni delle applicazioni di immobilizzazione spinale dai
fornitori di EMS.
Recenti evidenze di danno per il paziente da immobilizzazione spinale.
Movimento nella comunit pre-ospedaliero da immobilizzazione spinale.
Sulla base di queste considerazioni e mancanza di prove, sarebbe opportuno che i sistemi di
scegliere di non effettuare l'immobilizzazione spinale in acqua, ma piuttosto rimuovere la
persona da acqua in modo assiale. Fuori cura dell'acqua dovrebbe essere fornito seguendo le
linee guida di immobilizzazione spinale. E 'anche noto che si pu usare un lungo tabellone
come strumento estricazione per l'immobilizzazione spinale.

Riferimenti

Linee guida
Se vie aeree efficace e la ventilazione non possono essere forniti in acqua, anche la persona
con eventuale lesione spinale cervicale deve essere rapidamente rimosso dall'acqua. (**)
limitazione del movimento della colonna vertebrale e immobilizzazione durante il trasporto
deve essere utilizzato solo per una persona le cui lesioni sono stati sostenuti tramite un alto
impatto o di attivit ad alto rischio (ad esempio, immersioni, sci nautico, surf, e di essere
sulle spiagge da moderata a grave pause a terra) o che avere segni di inaffidabilit (compresi
intossicazione) o lesioni. (*)
Se la persona a rischio di lesione spinale cervicale, i fornitori di primo soccorso dovrebbe
fornire sostegno manuale della testa durante la valutazione iniziale, a condizione che tale
limitazione non impedisce che istituisce un perviet delle vie aeree ed efficace Venti-mento.
(Good Practice Point)

Immersioni malattia da
decompressione
introduzione
Immersioni diventato uno sport molto popolare negli ultimi venti anni, in molte parti del
mondo. Come con la maggior parte delle attivit sportive, immersioni pu causare problemi di
salute. N il consenso della Scienza ha su questo argomento nel corso del 2010 n stato
scientificamente valutato nel 2015. La Alert Network Diver (DAN), una rete medica specifica
che fare con problemi di immersione legate ha fornito le informazioni presentate in queste linee
guida.

Sintesi di fondamento scientifico


Un ampio studio retrospettivo caso ha dimostrato che i subacquei vivendo lesioni
decompressione-pressione richiedono meno di decompressione e hanno una maggiore
probabilit di recupero completo se il primo soccorso include ossigeno normobarico.

119

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Linee guida
In caso di malattia da decompressione (vedi sotto), i fornitori di primo soccorso dovrebbero
Admin-stro di ossigeno (se disponibile), che possono ridurre i sintomi in modo sostanziale.
(**)
fornitori di primo soccorso dovrebbero chiamare SME immediatamente e indicare la
probabilit di malattia da decompressione in modo che il trasporto della persona in una
camera di decompressione pu essere organizzato nel pi breve tempo possibile, in quanto
l'unico trattamento reale ricompressione in questa camera. (**)
La subacquea una circostanza particolare per il quale l'ossigeno durante la rianimazione
pu essere utile. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
fornitori di primo soccorso dovrebbero avere informazioni sulle risorse locali per le immersioni
emer-genze e l'accesso alla terapia iperbarica, se indicato. DAN raggiungibile 365 giorni
all'anno, 24 ore al giorno, al numero + 1-919-684-9111 (si tratta di un servizio di assistenza
internazionale). DAN fornisce assistenza alla gestione di subacquei infortunati, aiutare a
decidere se necessaria la ricompressione, forniscono la posizione della struttura
ricompressione appro-ate pi vicino e aiutare ad organizzare il trasporto del paziente.
malattia da decompressione
Risultati decompressione malattia da una riduzione della pressione ambiente surarrotondamento un corpo. Esso comprende due condizioni: la malattia da decompressione e
l'embolia gassosa arteriosa (AGE). malattia da decompressione pensato al risultato dalle bolle
che crescono nel tessuto e che causano danni locali, mentre i risultati et da bolle di entrare in
circolazione, viaggiando attraverso le arterie e danni ai tessuti caus-zione a distanza, bloccando
il flusso di sangue ai piccoli vasi.
Il principale fattore di rischio per la malattia da decompressione una riduzione pres-certo
ambiente, ma anche altri fattori di rischio includono profonde o lunghe immersioni, acqua
fredda, dura esercizio in profondit e risalite rapide.
Disturbo da decompressione
Malattia da decompressione il risultato della decompressione inadeguata dopo expo-sicuri di
un aumento della pressione. Durante l'immersione, i tessuti del corpo assorbono l'azoto gas
respirabile in proporzione alla pressione circostante. Finch il subacqueo rimane a pressione, il
gas non presenta alcun problema. Ma se la pressione viene ridotta troppo rapidamente, l'azoto
viene dalla soluzione e forma bolle nei tessuti e sangue. Questo si verifica comunemente come
conseguenza di violare o avvicinarsi troppo strettamente i limiti del tavolo di immersione, ma
pu verificarsi anche quando linee guida accettate sono state seguite.
Segni e sintomi compaiono solitamente 15 minuti a 12 ore dopo l'affioramento, ma nei casi pi
gravi, i sintomi possono comparire prima di emersione o immediatamente dopo l'alto. I sintomi
sono i seguenti:
stanchezza insolita
prurito della pelle
dolore alle articolazioni e / o ai muscoli delle braccia, gambe o busto
capogiri, vertigini, ronzii alle orecchie
intorpidimento, formicolio, paralisi
fiato corto
embolia gassosa arteriosa
Se un superfici scuba diver senza espirare, l'aria intrappolata nei polmoni si espande in salita
possono rompersi tessuto polmonare (denominata barotrauma polmonare), che rilascia bolle di
gas nella circolazione arteriosa. Le bolle sono distribuiti

120

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

12. Annegamento e le immersioni subacquee malattia da decompressione

durante i tessuti del corpo in proporzione al flusso sanguigno. Dato che il cervello riceve la pi
alta percentuale del flusso di sangue, il principale organo di destinazione in cui bolle
presentata in piccole arterie possono interferire con la circolazione. Sintomi di AGE sono i
seguenti:
vertigini
dolore al petto
disorientamento
schiuma sanguinante dalla bocca o dal naso
paralisi o debolezza
convulsioni

incoscienza
L'ossigeno raccomandato dalla maggior parte delle associazioni di immersione in tutto il
mondo come misura di primo soccorso in caso di malattia da decompressione. La legge in
alcuni paesi rende obbligatorio per le operazioni di immersione professionale per mantenere
l'apporto di ossigeno (ad esempio div-ing istituti di formazione, operazioni subacquee
professionali) - cos la probabilit di ossigeno essendo disponibile elevata a siti di
immersione. Pertanto, i fornitori di primo soccorso dovrebbero attivamente chiedere per essa.
Contattando i fornitori di formazione immersioni locali e / o decompressione servizi cham-ber,
gli studenti di primo soccorso devono essere informati circa la disciplina degli aiuti prime
nazionali per la malattia da decompressione, comprese le procedure locali per l'assistenza.
Societ Nazionali possono anche contattare GFARC per salvataggio in acqua e programmi di
formazione di primo soccorso pre-venzione annegamento.

121

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

13.

Rianimazione
introduzione

indietr
o al
Sommario

Le raccomandazioni in questa sezione si basano su prove raccolte ed esaminate dal ILCOR e il


consenso risultante su Scienza e trattamento per BLS e l'uso di un DAE, recensioni condotte
dalla Croce Rossa scientifico consultivo del Consiglio americano, CEBaP e gli orientamenti
IFRC 2011. Il documento ILCOR prodotta nel 2015 comprende raccomandazioni per il
trattamento di adulti e bambini. ILCOR recensione 23 argomenti che portano a 32
raccomandazioni per il trattamento in materia di accesso precoce e la prevenzione arresto
cardiaco, RCP precoce di alta qualit e di defibrillazione precoce.

Arresto cardiaco
La revisione prove indicano che la sopravvivenza dopo un arresto cardiaco si basa su:
pronto riconoscimento dell'arresto cardiaco
accesso anticipato per aiutare
precoce RCP di alta qualit
defibrillazione precoce
Le linee guida sottolineano l'importanza delle interazioni tra il:
dispatcher di emergenza medica
passante che fornisce CPR
implementazione di un DAE
tempestivo riconoscimento di arresto cardiaco
Riconoscimento di incoscienza con anormale o senza respirazione essenziale per il
riconoscimento di arresto cardiaco. In uno studio, respiri agonico sono stati riportati nel 30 per
cento dei casi di arresto cardiaco. In dieci studi respiri agonico erano uomini-zionato come un
fattore con un impatto negativo sul riconoscimento arresto cardiaco.
accesso anticipato per aiutare
Il primo contatto con l'EMS di solito tramite una chiamata di emergenza. Il riconoscimento
tempestivo dell'arresto cardiaco fondamentale per garantire la:
corretto invio di una risposta priorit
fornitura di istruzioni CPR telefoniche
attivazione di un fornitore di primo soccorso con un DAE
In uno studio osservazionale, i casi di arresto cardiaco che sono stati mancati al triage
telefonico iniziale hanno avuto esiti molto peggiori (cinque per cento rispetto sopravvivenza

122

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

13. Rianimazione

con 14 per cento). La maggior parte dei centri di spedizione utilizzare protocolli con script con
domande per identificare la persona che incosciente e non respira o non respira normalmente.
Quattro prima-dopo gli studi hanno dimostrato che l'introduzione di protocolli di script
potrebbe aiutare il riconoscimento di arresto cardiaco. Uno studio ha riportato un aumento del
riconoscimento arresto cardiaco mentre tre hanno riportato un aumento dei tassi di telefono
assistiti RCP dopo l'introduzione di protocolli di script.

All'inizio RCP di alta qualit


La volont di astanti a fare CPR rimane bassa nella maggior parte delle comunit. Istruzioni per
telefono CPR assistita Dispatcher hanno dimostrato di migliorare la disponibilit del astanti a
fare CPR. Alcuni studi hanno valutato il beneficio di sopravvivenza di spedizione assistito
istruzioni CPR e rispetto sys-tems in cui tali istruzioni possono essere offerti ai sistemi in cui
non sono mai o raramente offerti. Altri studi hanno confrontato CPR tradizionale al petto compressione, solo le istruzioni RCP fornite per telefono. Molti studi sono stati fatti nel tentativo di
rispondere alla domanda intorno al petto CPR compressione solo ver-sus CPR pieno per l'uso
dispatcher. Gli studi hanno fornito prove di bassa qualit, ma la raccomandazione ILCOR che
gli spedizionieri forniscono petto compressione solo istruzioni ai chiamanti per gli adulti con
sospetto arresto cardiaco con prove disponibili in modo coerente a favore.
CPR di partenza
Ci sono solo studi manichino sulla necessit o meno di iniziare la RCP con le compressioni
toraciche o ventilazioni, ma la prova di bassa qualit. Pertanto la raccomandazione di iniziare
RCP con compressioni toraciche effettuata sulla base dell'uso di protocolli dispatcher e anche
l'elevato valore immesso sul tempo di iniziare CPR.
Petto compressione solo contro CPR convenzionale
Si riconosce che spettatore CPR un elemento chiave nella catena di sur-vivenza dopo l'arresto
cardiaco. Una grande revisione sistematica di 79 studi che hanno coinvolto 142,740 pazienti ha
confermato che astanti CPR migliora la sopravvivenza dal 3,9 per cento al 16,1 per cento.
Anche se la compressione solo ha portato alla peggio neurologici out-venire diversi studi di
sopravvivenza con favorevole esito neurologico a 12 mesi, 30 giorni e la dimissione
dall'ospedale tutti hanno fornito evidenze di qualit molto bassa intorno alla differenza tra
compressione unica e CPR convenzionale.
Uno studio osservazionale di qualit leale e suggerisce che per tutti gli arresti cardiaci nei
neonati e nei bambini, CPR di serie migliora in modo significativo la sopravvivenza prima
dell'arrivo hos-pital. Compressione-only CPR porta ad una tendenza alla sopravvivenza
migliorata un mese dopo la dimissione ospedaliera e porta ad una neurologi-cal stato
significativamente migliorato un mese dopo la dimissione ospedaliera.
Le compressioni toraciche dovrebbe essere data a chiunque in arresto cardiaco. Un'altra
raccomandazione principale che i fornitori di primo soccorso dovrebbero fornire ventilazioni
di soccorso soprattutto nei neonati e nei bambini a meno che non sono in grado o non vogliono
farlo.
CPR prima dell'uso dell'AED
Diversi studi di sopravvivenza con favorevole esito neurologico ad un anno e l'ospedale di
scarico hanno mostrato alcun beneficio da un breve periodo di RCP prima della defibrillazione.
Gli studi hanno identificato prove bassa qualit ma suggerisce che non vi alcun beneficio per
un periodo di RCP di 90 a 180 secondi prima defibrillazione rispetto defibrillazione immediata
con CPR viene eseguita mentre l'apparecchiatura AED viene preparata e fissata alla persona.

123

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

posizione della mano durante la compressione


Non ci sono studi che riportano i risultati critici del favorevole neurologi-cal risultati, la
sopravvivenza o il ritorno della circolazione spontanea. Per l'importante risultato di endpoint
fisiologici tre studi molto bassa qualit sono identi-cato. Uno studio crossover rianimazione
prolungato arresto cardiaco non traumatica negli adulti e uno in arresto cardiaco per bambini
osservato che alcuni criteri qual-lit delle compressioni sono migliorate quando vengono
eseguite nel terzo inferiore dello sterno rispetto al centro del petto . Un terzo studio incrociato
osservata alcuna differenza fra le due posizioni. Quindi non vi alcun cambiamento proposto
la raccomandazione corrente compressioni toraciche vengono eseguite sul centro del petto, cio
la parte inferiore dello sterno.
rapporto di compressione del torace
Ci sono diversi studi osservazionali che rappresentano un gran numero di Casu-alties, ma tutti
sono stati declassati a causa del rischio di bias ed i risultati sono stati molto mista. Non vi
quindi alcuna nuova prova che avrebbe cambiato le attuali linee guida sul rapporto di
compressione di 100 a 120 al minuto.
profondit di compressione del torace
Uno studio osservazionale suggerisce che una profondit di compressione di pi di sei
centimetri in un adulto associato ad un aumento del tasso di infortuni rispetto a profondit di
compressione di 5cm a 6 centimetri. Questo studio ha incluso 170 di 353 pazienti e lesioni sono
stati segnalati nel 63 per cento con la profondit di compressione di pi di sei centimetri e il 31
per cento con una profondit di compressione di meno di 6 centimetri. Ulteriori lesioni sono
stati riportati nel 28 per cento, 27 per cento e 49 per cento, con una profondit di compressione
inferiore a 5cm, 5cm a 6 centimetri e pi di 6 cm. La raccomandazione quindi che le
compressioni toraciche deve essere fatto per una profondit di circa 5cm e una profondit di
compressione superiore a 6 centimetri dovrebbero essere evitati.
rinculo parete toracica
Tre studi osservazionali hanno riportato una pressione coronarica ridotta con il rinculo petto
incompleta. Due di questi studi erano su animali e il terzo sui bambini anestetizzati non in
arresto cardiaco. Uno studio ha analizzato l'effetto di appoggiarsi facendo forza sul petto
corrispondente al dieci per cento e 20 per cento del peso corporeo. Ci ha comportato una
riduzione proporzionale coronarica pressione per-fusione. Nei modelli suina appoggiati sul
petto ridotto la pressione di perfusione coronarica in un modo dipendente dalla dose.
La raccomandazione che i fornitori di primo soccorso dovrebbero evitare appoggiata al petto
tra le compressioni toraciche per consentire il pieno petto muro rinculo.
Rapporto di compressione e ventilazione
Non vi alcuna nuova prova che porterebbe ad una variazione del 30: rapporto 2.
Minimizzare le pause di compressioni toraciche
Alcune linee guida CPR indicano che la durata delle pause per la ventilazione non deve
superare i cinque secondi. Tuttavia, inflazioni forti per conformarsi alla presente comportano
un rischio di insufflazioni gastrici e non pu essere possibile per la ventilazione bocca a bocca.
La prova di bassa qualit e non coerente, ma tre studi Observa-nale tra cui 3.327 pazienti
hanno mostrato un risultato migliore con pi brevi pre-shock e post-shock pause. Il
suggerimento ILCOR quindi che inter-ruzione delle compressioni toraciche per la consegna
di due respiri dovrebbe essere meno di dieci secondi e che il totale pre-shock e le pause postshock deve essere il pi breve possibile.

124

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

13. Rianimazione

Danno da CPR consegnato a una persona che non in arresto cardiaco


Molti fornitori di primo soccorso sono preoccupati che la consegna delle compressioni
toraciche a una persona non in arresto cardiaco potrebbe portare a gravi complicazioni e sono
quindi riluttanti ad avviare la RCP. Ci sono quattro studi osservazionali involv-ing 762 pazienti
che non erano in arresto cardiaco. Tre degli studi esaminati i dati medici e uno inclusi followup telefonico. I dati di 345 pazienti hanno trovato un'incidenza di fratture ossee del 1,7 per
cento, il dolore nella zona di compressione del torace del 8,7 per cento e nessuna lesione
viscerale. Il quarto studio basata sulle osservazioni dei vigili del fuoco alla scena e non
c'erano lesioni riportate in 417 pazienti. Si pu pertanto concludere che esiste un valore
superiore al vantaggio di sopravvivenza di CPR iniziato da laici per le persone in arresto
cardiaco contro il basso rischio di lesioni per chi non in arresto cardiaco.

defibrillazione precoce
Il concetto di defibrillazione precoce ben consolidata nel migliorare il risultato da arresto
cardiaco e non vi alcuna nuova prova che va contro questo principio.

La revisione ILCOR affrontato con l'utilizzo di sistemi di accesso pubblico e identificato 15


studi rilevanti (uno studio randomizzato controllato e 14 studi osservazionali) che coprono gli
anni dal 2002 al 2013. Per l'esito fondamentale di sopravvivenza ad un anno con favorevole
esito neurologico, uno studio osservazionale involv-ing 1.394 pazienti ha mostrato un
miglioramento dei risultati con l'accesso del pubblico defibrillazione. Per l'esito fondamentale
della sopravvivenza a 30 giorni con favorevole esito neurologico, tre studi osservazionali che
coinvolgono 4.581 pazienti hanno mostrato un miglioramento della sopravvivenza. Altri studi
hanno avuto lo stesso risultato in modo nonostante le prove di bassa qualit la conclusione
che i sistemi di defibrillazione di accesso pubblico dovrebbero essere at-mentato quando
possibile per le persone con arresto cardiaco extraospedaliero.

Questo documento riconosce che in tutta la Mezzaluna Rossa Societ Nazionali di Croce Rossa
sistemi di accesso pubblico non sono possibili o possono essere in una fase dif-ferenti di
sviluppo, ma il principio di defibrillazione precoce rimane come un obiettivo per chiunque in
arresto cardiaco.

Rianimazione nei bambini


arresto cardiaco da asfissia pi comune nei bambini e non ci sono nuove prove per indicare
che ci dovrebbe essere un cambiamento per l'attuale protocollo di respiri iniziali prima
compressioni toraciche. Uno studio osservazionale del fair qual-lit suggerisce che per tutti gli
arresti cardiaci nei neonati e nei bambini, CPR di serie migliora in modo significativo la
sopravvivenza prima dell'arrivo in ospedale. Mentre vi un solo studio basato sulla
fisiopatologia di arresto cardiaco nei bambini e neonati, consigliabile che i fornitori di primo
soccorso dovrebbero fornire ventilazioni di soccorso e al torace com-pressioni sia per i neonati
e bambini. Se i fornitori di primo soccorso non possono fornire respiri dovrebbero almeno
eseguire le compressioni toraciche. La questione della profondit di com-pressione stata
affrontata per la quale non vi era solo la prova di bassa qualit. Quindi, si raccomanda che per i
neonati che i primi provider aiuto dovrebbero premere il petto di almeno un terzo della
profondit del torace o circa 4 cm al. Per i bambini, i primi provider aiuto dovrebbero premere
il petto da almeno un terzo della sua profondit o circa 5cm.

125

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Mentre VF meno comune tra i bambini, come molti come un quarto di paediat-ric out-ofospedale arresti sono da VF con un numero simile da arresto cardiaco in ospedale. importante
sottolineare che, fino al 14 per cento dei casi di VF nei bambini si verificher in quelle di meno
di un anno di et. importante sottolineare che la sopravvivenza e la sopravvivenza con buon
esito neurologico sono significativamente migliori quando VF il ritmo pre-che rappresenrispetto al asistolia. Mentre ci fanno esistere adattatori specifici AED pediatrica, ci sono stati
anche diversi studi che hanno dimostrato che anche adulti AED pu identificare correttamente
VF e tachicardia ventricolare nei neonati e nei bambini. La dose di energia ottimale per la
defibrillazione in neonati e bambini, sia dal punto di vista efficacia e la sicurezza non noto.
La raccomandazione di lunga data di defibrillare a due a quattro joule per chilogrammo si
basa su uno studio retrospettivo su 27 bambini. I dati disponibili limitati suggeriscono che le
dosi ad alta energia possono essere efficaci utilizzati nei neonati e nei bambini. Dati i risultati
tristi di (trattamento o ritardato) non trattati di VF, shock-ing con dosi ad alta energia
accettabile. Bifasica di energia probabili risultati in meno danno miocardico, sulla base di dati
molto limitati e nessun dato nei neonati.

Linee guida
Tutti gli spedizionieri devono essere addestrati a riconoscere l'arresto cardiaco al telefono.
(**)
Tutti i dispatcher dovrebbero prendere in considerazione una persona descritta come
inconscia con anormale o non respira per essere in arresto cardiaco durante una chiamata.
(**)
Tutti gli spedizionieri devono fornire istruzioni RCP ai chiamanti che riferiscono una persona
in arresto cardiaco sospetto. (**)
In situazioni in cui un fornitore di primo soccorso sta eseguendo CPR e il follow-ing
istruzioni telefoniche da un dispatcher nel trattamento di un adulto, compressione solo CPR
dovrebbe essere usato. Nei bambini e neonati dovrebbe essere pieno CPR. (**)
I primi fornitori di aiuti che non sono disposti o in grado di fornire RCP convenzionale,
quando si trattano un adulto in arresto cardiaco dovrebbero utilizzare la compressione solo
CPR. (**)
Per i fornitori formalmente qualificati di primo soccorso (e gli operatori sanitari) trattare-ING
un adulto, dovrebbero essere forniti con compressioni respiri. (**)
CPR per adulti dovrebbe essere iniziato con le compressioni toraciche nel pi breve tempo
possibile. (**)
compressioni toraciche devono essere eseguite sul centro del petto, cio la parte inferiore
dello sterno. (**)
rapporto di compressione dovrebbe essere da 100 a 120 al minuto. (**)
Per un adulto, profondit di compressione toracica dovrebbe essere circa 5cm, ma non pi di
6 centimetri. (**)
fornitori di primo soccorso non dovrebbero appoggiarsi al petto tra le compressioni modo
che il petto permesso di rinculo completamente. (**)
Interruzione delle compressioni toraciche per dare respiri dovrebbero essere meno di dieci
secondi e pause pre- e post-shock deve essere il pi breve possibile. (**)
Per una persona in arresto cardiaco un AED deve essere utilizzato e il pi presto possibile.
(**)
Il primo fornitore di aiuto deve sempre chiedere se un AED disponibile. (**)
Quando un DAE disponibile il primo fornitore di aiuto deve sempre fare CPR durante
l'attesa per l'AED sia disponibile e pronto per l'uso. (**)
Uno standard AED deve essere utilizzato per adulti e bambini di et compresa tra otto anni in
su. (**)
Per i neonati ei bambini fino a otto anni di et, un DAE pediatrico deve essere usato. Se non
disponibile, un DAE standard dovrebbe essere utilizzato con i rilievi pediatrici. Se questo
non disponibile, un DAE standard dovrebbe essere usato. (**)

126

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

13. Rianimazione

Per i neonati, i bambini e le vittime di annegamento il metodo preferito di CPR


compressioni con respiri. (**)
Per i neonati e bambini in arresto cardiaco in trattamento con disposti non addestrato o
persone in grado di fare CPR convenzionale, compressione solo CPR dovrebbe essere usato.
(**)
fornitori di primo soccorso possono utilizzare un rapporto di compressione-ventilazione di
30: 2 in arresto cardiaco per gli adulti e per bambini e neonati con un fornitore. (*)
fornitori di primo soccorso possono utilizzare un rapporto di compressione-ventilazione di
15: 2 in arresto cardiaco per bambini e neonati con due provider. (*)
Per i neonati ei bambini il posizionamento antero-posteriore del pad AED pu essere
preferito. (*)
Per i neonati, i bambini e, in casi annegamento respiri devono essere somministrati prima
compressioni. (**) Due o cinque respiri possono essere date. (*)

considerazioni di attuazione
L'attuazione delle linee guida per la rianimazione e l'uso del DAE dipende dalla
regolamentazione locale tra cui Societ Nazionale influenza sulla regolazione, protezione di
responsabilit, la capacit della Societ Nazionale e il livello di istruzione e competenza dei
fornitori di primo soccorso nel contesto nazionale.
Per quanto riguarda contesto CPR, le seguenti definizioni vengono utilizzate in queste linee
guida:
Un adulto una persona che pi vecchio l'et in cui si verifica la pubert.
Un bambino definito come pi di un anno di et fino alla pubert.
Un bambino definito come meno di un anno di et.
Si noti che per l'uso di un AED, un bambino definita come sette anni di et e pi giovani.
La valutazione del sinistro
1. Assicurarsi che tutte le persone coinvolte nell'incidente sicuro; e
2. Verificare la presenza di una risposta agitando delicatamente le spalle e parlare ad alta voce
e di chiedere chiaramente una domanda del tipo: Stai bene? Se la vittima un bambino
tocca la spalla. Se la vittima un bambino toccare la pianta del piede.
Se la vittima risponde:
1. Lasciare la vittima in posizione trovata purch non ci sono ulteriori pericoli;
2. Prova per determinare il problema;
3. Chiamate aiuto di emergenza in caso di necessit; e
4. Rivalutare i segni vitali regolarmente fino all'arrivo dei soccorsi o la vittima recupera.
Se la vittima non risponde:
1. Controllare la respirazione;
2. Shout aiuto se si da soli;
3. Se necessario, girare la vittima sul retro e aprire le vie aeree;
4. Mettere una mano sulla fronte e inclinare leggermente la testa all'indietro. Come si esegue
questa operazione, la bocca aperta cadr;
5. Posizionare l'altra mano sul punto del mento del ferito e sollevare il mento;
6. Mantenere la perviet delle vie aeree, guardare, ascoltare e sentire per la respirazione
normale per non pi di dieci secondi;
7. Cercare torace e / o movimento addominale;
8. Ascoltare per i suoni del respiro;
9. Sentire per aria sulla guancia; e
10. Per i soccorritori professionali un assegno di impulso simultaneo pu essere fatto.

127

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Nota: Nei primi minuti dopo l'arresto cardiaco di una persona pu essere a malapena respirare
o prendere rantoli rumorosi infrequenti. Questo il respiro agonico e non deve essere confuso
con la normale respirazione. Se non vi alcun dubbio sul fatto che o non respira normale
assumere non lo . Analogamente per i soccorritori professionali se incerta relativi alla
presenza di un impulso assumere non presente.
Se l'infortunato respira normalmente:
1. Ma non risponde e ha una buona circolazione dell'aria e si respira spontaneamente, e si
sospetta che il lui o lei potrebbe avere una lesione spinale, preferisca, in grado di non
spostare la persona;
2. Inviare o andare per aiuto; chiamare EMS; e
3. Rivalutare i segni vitali regolarmente fino all'arrivo dei soccorsi o la vittima recupera.
Se la vittima non respira normalmente:
1. Appena possibile chiedere un aiuto per chiamare il EMS e portare un DAE se inutilmentegrado. Se sei da solo effettua la chiamata da soli;
2. Iniziare le compressioni toraciche senza ritardo (tranne che in bambini, neonati e casi di
annegamento, cominciare con due a cinque respiri); e
3. Utilizzare un DAE il pi presto possibile quando disponibile.
Esecuzione di compressioni toraciche:
1. Inginocchiatevi dalla vittima all'altezza del petto;
2. Posizionare il palmo di una mano sul centro del petto. Questa sar la parte inferiore dello
sterno;
3. Posizionare il palmo dell'altra mano sulla parte superiore della prima parte. Assicurarsi che
nessun pres-sicuri viene applicata sulle costole, l'addome o la punta pi bassa dello sterno;
4. Sporgersi il sinistro e con dritto stampa braccia verso il basso in senso verticale sul petto.
Spingere a deprimere il petto di circa 5cm;
5. Rilasciare la pressione senza prendere le mani dal petto. Lasciare che il petto di tornare fino
completamente (rinculo) prima di fare la compressione successiva; e
6. Comprimere il torace ad una velocit compresa tra 100 a 120 compressioni al minuto-ute. Il
tempo impiegato per la compressione e rilascio dovrebbe essere lo stesso.
Nota: Per i bambini e neonati la tecnica simile, tranne che nei bambini una sola mano viene
utilizzato per eseguire le compressioni toraciche e nei bambini con due dita sia con il pollice
che circondano (migliore tecnica ma convalidato solo per due per-figli) o due dita nel centro
del petto. La profondit di compressione un terzo della profondit del torace per bambini e
neonati.
La combinazione di compressioni toraciche con ventilazioni di soccorso
Per i fornitori di primo soccorso il metodo di scelta per CPR una combinazione di
compressioni toraciche e ventilazioni di soccorso con un rapporto di 30 compressioni per due
respiri.
1. Dopo 30 compressioni aprire le vie aeree con inclinazione della testa e sollevamento del
mento;
2. Stringere la parte molle del naso della vittima (pi facilmente utilizzando la mano dalla
fronte);
3. Lasciare che la bocca di aprire, pur mantenendo sollevamento del mento;
4. Fate un bel respiro e posizionare le labbra attorno alla bocca della vittima assicurandosi di
avere una buona tenuta;
5. Soffiare nella bocca della vittima e guardare il sorgere del torace;
6. Se la cassa non aumenta, potrebbe essere necessario regolare la posizione della testa;
7. Il mantenimento di inclinazione della testa e sollevamento del mento prendere la bocca
dalla bocca del casu-Alty e guardare la caduta del torace. Se il petto sale e scende che una
efficace ventilazione di soccorso;
8. Ogni respiro deve prendere un secondo;
9. Dare un secondo respiro;

128

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

13. Rianimazione

10. Non tentare pi di due respiri ogni volta prima di tornare a compressioni toraciche;
11. Senza indugio ritorno a fare 30 compressioni toraciche;
12. Continuare il ciclo di 30 compressioni toraciche seguite da due respiri fino a quando SME
soccorsi o la vittima mostra segni di recupero, come tosse, aprendo gli occhi, parlare o
muoversi volutamente e comincia a respirare normalmente; e
13. Se pi di un fornitore di primo soccorso presente si dovrebbe cambiare su ogni uno o due
minuti, al fine di prevenire l'affaticamento. Assicurarsi che il petto compres-sioni non
vengono interrotti durante il passaggio. Per i neonati ei bambini quando due provider sono
presenti un rapporto di 15: 2 pu essere utilizzata.
CPR quando un DAE disponibile
1. Rendere l'AED pronto il pi presto possibile;
2. Se pi di un fornitore di primo soccorso presente continuare con CPR fino a quando
l'AED pronto. Gli elettrodi vengono applicati al torace della vittima e l'AED pronto ad
analizzare il ritmo cardiaco;
3. Posizionare gli elettrodi come indicato. Non importa se gli elettrodi sono invertiti. Se
questo accade non rimuovere loro come questa perdita di tempo e gli elettrodi non pu
attaccare al petto correttamente quando riattaccato;
4. Assicurarsi che nessuno tocchi la vittima mentre il DAE sta analizzando;
5. Se uno shock indicato in modo che nessuno tocca la vittima;
6. Premere il pulsante per dare una scossa (Se il DAE completamente automatizzato dar
automaticamente la scossa);
7. Continuare a seguire la voce o istruzioni visive come indicato dalla macchina;
8. Se nessuna scossa indicato riprendere immediatamente la RCP;
9. Seguire la voce o istruzioni visive come indicato dalla macchina; e
10. Continuare la CPR fino all'arrivo dei soccorsi di emergenza arriva o la persona che mostra
segni di ripresa, come parlare, tosse, movimento volutamente o aprire gli occhi e comincia
a respirare normalmente.
Nota: Se non c' AED disponibile CPR deve essere continuato fino all'arrivo dei soccorsi di
emergenza arriva e prende il sopravvento o la vittima mostra segni di ripresa, come tosse,
parlare, muoversi volutamente, aprendo gli occhi e comincia a respirare normalmente.
uso AED per bambini e neonati
I protocolli sono lo stesso come sopra, ma per i bambini fino a sette anni deve essere usato un
DAE paedi-atric. Se non disponibile, un DAE standard dovrebbe essere utilizzato con i rilievi
pediatrici. Se nessuna di queste disponibile uno standard AED con elettrodi per adulti pu
essere utilizzato.
compressione del torace solo CPR
1. Se il primo fornitore di aiuti non disposto o in grado di dare ventilazioni di soccorso
danno compressioni toraciche solo;
2. Questi dovrebbero essere continuo ad una velocit compresa tra 100 a 120 compressioni al
minuto; e
3. Continuare compressioni fino all'arrivo dei soccorsi di emergenza arriva o la vittima mostra
segni di ripresa.
gestione Dispatcher di arresto cardiaco
Il dispatcher di emergenza medica fornisce un ruolo fondamentale nei primi anni uomo-ge- di
arresto cardiaco attraverso il pronto riconoscimento di un arresto cardiaco, la fornitura di
istruzioni CPR telefoniche e invio dei Medi-Cal servizi di emergenza con un AED.

129

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

importante che il dispatcher riconosce arresto cardiaco appena possibile.


1. L'utilizzo di protocolli script utile nell'affermare che una vittima che incosciente e non
respira normalmente deve essere considerato in arresto auto-diac;
2. formazione supplementare intorno al riconoscimento del respiro agonico in grado di
migliorare il riconoscimento;
3. Gli spedizionieri devono fornire istruzioni RCP per un adulto in arresto cardiaco; e
4. Gli spedizionieri devono fornire le istruzioni per entrambe le ventilazioni di soccorso e
com-pressioni se la vittima un bambino o un neonato.
CPR per i bambini, i neonati e nei casi di annegamento
In questi gruppi arresto cardiaco molto pi probabile che sia asfittica quindi Advis-in grado
di dare due a cinque respiri iniziali prima di iniziare le compressioni toraciche.
1. Prendere un respiro normale, fare un sigillo attorno alla bocca della persona e soffiare
costantemente fino sorge il torace;
2. Il mantenimento di inclinazione della testa e il mento ascensore prendere la bocca via e
consentire al petto a cadere;
3. Si tratta di un efficace respiro di soccorso e dovrebbe prendere un secondo;
4. Iniziare le compressioni toraciche e continuare in un rapporto di 30 compressioni a due
ventilazioni di soccorso;
5. Se solo e nessun metodo di contattare contemporaneamente SME (come ad esempio il
cellulare) fare CPR per un minuto prima di chiamare per aiuto di emergenza;
6. Continuare fino a quando aiuto di emergenza arriva o la vittima mostra segni di RECOVery; e
7. Quando due fornitori di primo soccorso sono presenti un rapporto di 15: pu essere
utilizzato 2. Cambiare ognuno di due minuti per evitare l'affaticamento. Assicurarsi che le
compressioni toraciche non vengono interrotti durante il passaggio.
Nota: Se il soccorritore non vuole o non pu dare ventilazioni di soccorso dovrebbe essere
fatto petto com-pressione-only CPR. Inoltre, mentre per cause cardiache meno probabile, se
in un neonato o un bambino un arresto improvviso testimoniato, questo pi probabile
cardiaca e deve essere trattato come un arresto cardiaco adulto.

Ritenuta di rianimazione
nei casi di trauma pre-ospedaliero
cardiopolmonare arresto
introduzione
Infortunio una delle principali cause di morte in tutto il mondo e pre-arresto cardiaco
extraospedaliero traumatico conferisce una prognosi infausta. Al fine di preservare la dignit,
con-servire risorse umane e finanziarie, nonch ridurre al minimo i rischi per gli operatori
sanitari le prestazioni di rianimazione devono essere valutati contro i rischi ei costi di tentativi
di rianimazione.

E 'possibile identificare coloro in cui non vi alcuna possibilit realistica di sopravvivenza e


quando i tentativi di rianimazione sarebbe inutile e doloroso per rela-tive, amici e personale
sanitario e quando il tempo e le risorse sarebbe sprecato intraprendere tali tentativi. Questo un
argomento nuovo e linee guida si basano sulla revisione prove condotte nel 2015.

130

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

13. Rianimazione

Sintesi di fondamento scientifico


Gran parte dei dati sui predittori di sopravvivenza viene acquisita dalla ricerca in emergenza
toracotomia in ospedale. Diversi studi hanno dimostrato un tasso di sopravvivenza cento in
meno di uno per nelle persone con traumi gravi e di chi sur-vive quasi la met sono
conseguente deficit neurologico. Stratton et al. esaminato 497 casi di trauma penetrante di cui
quattro sopravvissero (0,8 per cento), di cui uno in uno stato neurologico devastato. Shimazu et
al. ha studiato 267 casi di schietto e un trauma penetrante di cui sette sono sopravvissuti nel
lungo termine con solo quattro di tornare al loro livello pre-infortunio della funzione
neurologica.

Riferimenti

Linee guida
gli sforzi di rianimazione possono essere riportati a incidenti con lesioni Incompat-bile con la
vita come la decapitazione o hemicorporectomy. (*)
gli sforzi di rianimazione possono essere riportati a incidenti con lesioni Incom-patibili con
la vita, con evidenza di significativo lasso di tempo da arresto cardiaco tra cui ipostasi
dipendente (pozza di sangue nei vasi sanguigni congestionati della parte a carico del corpo)
rigor mortis e la decomposizione. (*)
gli sforzi di rianimazione possono essere trattenuti in caso di incenerimento quando ustioni a
tutto spessore sono associati con carbonizzazione per oltre il 95 per cento della superficie
corporea. (*)
Queste linee guida non affrontano i bambini, le persone con fattori di complicazione come
l'ipotermia e per coloro che una causa medica il probabile motivo dell'arresto cardiaco.
(Good Practice Point)
Linee guida specifiche possono essere in atto in diversi paesi, come il testamento biologico,
direttive anticipate ed altre specifiche direzioni intorno tentativi resuscita-zione e ogni
singola Societ Nazionale ha la responsabilit di avere familiarit con propri protocolli
nazionali. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
La decisione di trattenere la rianimazione nell'ambiente out-of-ospedale difficile, ma ci sono
un certo numero di situazioni in cui altamente improbabile che una persona sopravviver. Ci
sono prove sufficienti per indicare ci che queste condizioni sono e raccomandare il rifiuto di
rianimazione. In tutti gli altri casi di arresto cardiaco tentativi di rianimazione deve essere
avviato.

I metodi di fornitura di ventilazione


introduzione
Oltre a fornire la ventilazione stata minimizzata in alcuni rianimazione pro-procedure, come
CPR compressione solo, rimane un'abilit importante e parte della sequenza di cura per
professionisti e laici fornitori che stanno rianimare i neonati, bambini e alcune vittime adulte.
Linee guida su questo argomento rimangono invariati rispetto a quelli emessi nel 2011.

Sintesi di fondamento scientifico


Questo argomento stato rivisto come parte delle linee guida IFRC 2011 e dalla Croce Rossa
Scientific Advisory Council americano.

131

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Il primo studio del metodo bocca a maschera ha trovato che la tecnica ha permesso una
ventilazione efficace da consegnare ai pazienti post-operatorio nove adulti. Gli operatori
potrebbero facilmente mantenere i livelli ematici accettabili di ossigeno e anidride carbonica
nei pazienti senza provare stanchezza, mancanza di respiro o diz-ziness. Gli autori suggerito
che la tecnica ha diversi vantaggi e potrebbe essere utile in situazioni di emergenza.
Una revisione della letteratura disponibile confrontando bocca a maschera e BVM-ven
tilazione rivela che ci sono molte domande senza risposta per quanto riguarda queste tecniche
potenzialmente salvavita. Ad esempio, il rischio reale di infezione mentre utilizzando uno di
questi metodi sconosciuta. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma ancora, alcune conclusioni
si possono trarre.
Il metodo di respirazione bocca a maschera pu essere efficace nel fornire adeguati volumi
correnti, anche se con pi elevate pressioni di picco delle vie respiratorie e aumento del rischio
di ventilazione eccessiva e insufflazione gastrica di utilizzo BVM due soccorritore. Questa
tecnica pu anche essere pi faticoso per il primo provider aiuti per eseguire.
Bocca-a-maschera di ventilazione pu essere pi facile da imparare e da eseguire rispetto alla
tecnica BVM un soccorritore. Quando necessario un unico fornitore di primo soccorso per
eseguire sia la ventilazione e compressioni durante uno-soccorritore CPR, la tecnica di
respirazione bocca a maschera pi semplice e veloce, e si traduce in interruzioni pi brevi di
compressioni toraciche.
La maggior parte delle marche di maschere rianimazione sono disponibili in un formato
standard per adulti. Questa dimensione particolarmente inefficace quando viene utilizzato sui
bambini. dispositivi BVM sono disponibili nelle versioni per adulti e pediatrici, con una
gamma completa di formati maschera.
One-soccorritore ventilazione BVM una competenza complessa che pi difficile da
imparare e per-modulo. Per utilizzare questa tecnica, il primo provider aiuto deve prima
selezionare la maschera e sacchetto dimensione adeguata. Utilizzando un lato, il primo provider
aiuti deve aprire vie aeree della persona e formare una tenuta adeguata tra la maschera e il viso.
Poi, con l'altra mano, il primo fornitore aiuto deve fornire il volume corrente NEC necescomprimendo il sacchetto con una mano, osservando la vittima per visibile espansione toracica.
Molti fornitori di primo soccorso hanno difficolt a svolgere-ing questa abilit, in particolare
sugli adulti. Design Mask e variazioni nella tecnica influenzano i risultati.
Il metodo a due soccorritori della ventilazione BVM pu facilitare facendo una tenuta adeguata
e la consegna del volume corrente necessaria, con meno picchi delle vie aeree pres-sicuro e
minor rischio di ventilazione eccessiva e insufflazione gastrica rispetto alla tecnica bocca-amaschera. Permette anche pi alte concentrazioni di supplemen-Tal ossigeno e facilita il
trasporto del sinistro. Pu essere un'abilit pi facile da imparare ed eseguire rispetto alla
tecnica un soccorritore.
Il primo studio del metodo bocca a maschera (Elam et al. 1954) hanno trovato che la tecnica ha
permesso una ventilazione efficace da consegnare a nove pazienti adulti post-operatorie. Nel
1974, Safar ha valutato l'modificato Laerdal Pocket Mask . Mentre limitata in dimensioni e
portata, lo studio ha dimostrato che era possibile utilizzare il nuovo dispositivo per fornire
ossigeno supplementare durante la ventilazione di un adulto. Harrison et al. (1982) hanno
condotto un confronto diretto di bocca a maschera e ventilazione BVM utilizzando un
manichino adulto di dimensioni collegato ad uno spirometro. Con il metodo bocca a maschera,
i soggetti consegnati ventilazione con volumi correnti superiore a 1.000 ml. Con la tecnica
BVM un soccorritore, i volumi correnti erano fra 495ml e 509ml. In uno studio simile nel
1983, Elling e Politis utilizzato un manichino di registrazione per adulti di dimensioni per
testare la capacit di emergenza medica

132

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

13. Rianimazione

ai tecnici di utilizzare i due metodi. I risultati hanno mostrato che tutti i soggetti erano in grado
di erogare un volume corrente superiore a 800ml quando si utilizza la tecnica bocca a
maschera. Pi del 50 per cento dei soggetti non riuscito a raggiungere questo volume corrente
quando si utilizza la loro scelta di BVM. Hess e Baran (1985) hanno condotto un altro studio
manichino adulto dimensioni della bocca a maschera e un soccorritore BVM che non solo ha
confrontato i due metodi, ma anche esaminato la tecnica BVM due soccorritore pure. I soggetti
sono stati gli studenti in un programma di terapia respiratoria e terapisti nella pratica. Lo studio
ha mostrato che due-soccorritore BVM e la bocca-a-maschera di ventilazione consegnati
volumi ventilatorie analoghi, anche se meno che in studi precedenti. One-soccorritore BVM
media circa met del volume delle altre tecniche. interessante notare che il livello di soggetto
di esperienza ha fatto alcuna differenza significativa nella loro capacit di fornire ventilazioni
adeguate. Lawerence e Sivaneswaran (1985) hanno studiato una gamma di personale sanitario
per misurare la loro capacit di ventilare manichini adulti di dimensioni sia con la maschera di
respirazione bocca a tecniche e BVM un soccorritore. Prima di effettuare il test di abilit, che
hanno esaminato i soggetti e hanno trovato la riluttanza significativo di utilizzare la
respirazione bocca a bocca di ventilazione, che varia a seconda delle circostanze. Quando data
la possibilit di effettuare la ventilazione bocca a maschera utilizzando una maschera di
rianimazione con un filtro antibatterico, il 100 per cento dei soggetti ha indicato la volont di
utilizzare tale metodo. I ricercatori hanno scoperto che, come negli studi precedenti, bocca a
maschera di ventilazione prodotta adeguati volumi correnti. Utilizzando la tecnica BVM un
soccorritore, un unico soggetto stato in grado di fornire il volume di destinazione di 800ml. I
risultati di questo studio hanno indotto l'istituzione di interrompere l'uso della BVM in pazienti
fino a quando un avanzato delle vie aeree stata posta.

Johannigman et al. (1991) hanno condotto uno studio utilizzando un manichino adulto
dimensioni con compliance polmonare regolabile. pressione di picco delle vie aeree, volume
corrente, e il volume di insufflazione gastrica sono stati tutti registrati. I paramedici ventilati
manichino utilizzando i, bocca-a-mask, e le tecniche di BVM un soccorritore bocca-a-bocca.
Con osservanza normale, i soggetti sono stati in grado di ventilare con successo con tutti i
metodi. Alcuni insufflazione gastrica si verificato sia con la respirazione bocca a bocca e
bocca a maschera di ventilazione, ma non con la BVM. Come conformit stato diminuito,
volumi correnti sceso e insufflazione gastrica sono aumentate per tutti i meth ODS. Bocca-abocca ventilazioni prodotte costantemente i pi alti picchi di pressione delle vie aeree, volumi
correnti e insufflazione gastrica, e BVM il pi basso. In definitiva, quando la conformit era al
suo livello pi basso, i fornitori di primo soccorso sono stati in grado di fornire adeguati volumi
correnti con la BVM. Terndrup e Warner (1992) rispetto bocca-a-bocca, bocca-a-maschera, e
un soccorritore BVM Ven-tilazione, utilizzando sia adulti e dimensioni pediatriche di BVM,
quando eseguita da tecnici di base medici di emergenza su manichini infantili dimensioni. Essi
hanno scoperto che ogni metodo ha prodotto una ventilazione adeguata. Tuttavia, entrambi
adulti e pae-diatric BVMS sono stati associati con eccessiva pressione delle vie respiratorie di
picco. Un altro studio manichino adulto dimensioni stata condotta da Thomas et al. (1992)
per confrontare tre metodi di ventilazione BVM. il primo soccorso alternate tra la tecnica
standard di un soccorritore, dove la borsa spremuto con una mano, ed una variazione palmo
aperto dove la borsa stata compressa tra loro mano e la coscia o il tronco. Il metodo palmo
aperto prodotta aumentato volumi correnti, che erano significativamente pi grande per i
fornitori di primo soccorso con le mani piccole. La tecnica BVM due soccorritore, con un
fornitore di primo soccorso apertura delle vie aeree e di tenuta della maschera con entrambe le
mani, e il secondo fornitore di primo soccorso squeez-zione la borsa con due mani, stata
quindi eseguita. La tecnica a due soccorritore prodotto molto maggiori volumi correnti, in
alcuni casi due volte superiore, sia come tecnica one-soccorritore.

Hackman et al. (1995) a confronto con una o due soccorritore tecniche di BVM Ven-tilazione
su manichini adulti di dimensioni durante la RCP amministrati da vigili del fuoco prima

133

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

responder. Essi hanno scoperto che quando due operatori di primo soccorso gestito BVM e un
terzo di compressione del torace eseguita, ventilazione era sempre di qualit superiore. Hanno
anche osservato che lo sforzo complessivo CPR sembrava essere superiore. I primi fornitori di
aiuti mantenuti migliore posizione della mano, e compressioni di maggiore profondit Delivderate. Questi risultati suggeriscono che la tecnica hanno chiamato tre soccorritore CPR pu
essere pi efficiente e dovrebbe essere considerato quando il personale sono disponibili
sufficienti. Nel 2005, Davidovic et al. ha condotto uno studio che ha confrontato la ventilazione
BVM uno o due soccorritori su manichini infantili-size e misura di bambino. I soggetti
provenivano da una variet di campi di assistenza sanitaria. Nel complesso, la tecnica a due
soccorritore ha determinato maggiori pressioni delle vie aeree e volumi correnti pi grandi
rispetto al metodo one-soccorritore. Questo studio sostenuto Previ-UO risultati e ha fornito dati
specifici per la popolazione pediatrica.

Riferimenti

Linee guida
Un unico fornitore di primo soccorso che svolgono ventilazioni devono utilizzare la tecnica
di respirazione bocca a maschera piuttosto che la tecnica BVM. (**)
Diversi operatori di pronto soccorso con almeno due disponibili per la fornitura di ventimento dovrebbe utilizzare la tecnica BVM due persone se adeguatamente addestrato ed
esperto in questo metodo. (**)

considerazioni di attuazione
Societ Nazionali hanno bisogno di determinare, sulla base dei primi fornitori di soccorso si
allenano, sia per affrontare solo i dispositivi di barriera o di includere anche l'uso BVM.
Inoltre, alcune Societ Nazionali possono scegliere di consentire nei loro materiali alla
fornitura di ventilazione senza un dispositivo di barriera sulla base di credenze e pratiche locali,
ma questo non sarebbe coerente con le pratiche di controllo delle infezioni in corso.

134

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

14. Psicologica di primo soccorso

14.

Psicologica di primo
soccorso
introduzione
sostegno psicosociale, come definito dal Centro di Riferimento IFRC per Psicosociale sostegno,
si riferisce alle azioni che affrontano sia i bisogni psicologici e sociali degli individui, delle
famiglie e delle comunit, dopo gli eventi critici e mirano a migliorare la resilienza degli
individui affetti, di gruppo e di comunit. Questa definizione corrisponde alle linee guida
Interagency Commissione permanente (IASC) sulla salute mentale e psicosociale supporto in
emergenza ed ampiamente accettata. Le linee guida IASC prevedono che in caso di
emergenza, le persone sono colpite in modi diversi e richiedono diversi tipi di supporto. Una
chiave per l'organizzazione della salute mentale e sostegno psicosociale quello di sviluppare
un sistema stratificato di supporti complementari che soddisfa le esigenze dei diversi gruppi;
questi strati includono servizi di base e la sicurezza, la comunit e la famiglia sup-porto, il
supporto non specializzato focalizzato e servizi specializzati.
Gli aspetti pi fondamentali di interventi psicosociali di questo approccio multi-livello sono
integrati nella fornitura dei servizi di base e di sicurezza. Un approccio psico-sociale fa s che
questi servizi sono forniti in un modo rispetto-ful e socialmente adeguato. Questi interventi
possono comprendere sostenendo che i servizi di base sono messe in atto da attori responsabili,
documentando il loro impatto sulla salute mentale e benessere psicosociale e influenzare gli
attori umanitari di consegnare loro in modo tale da promuovere la salute mentale e benessere
psicosociale. A livello di comunit o famiglia interven-zioni psico-sociali mirano a promuovere
il sostegno sociale ristabilendo legami familiari e le reti di sostegno sociale. volontari addestrati
possono anche fornire il primo soccorso psicologico e implementare le attivit che sostengono
la resistenza intrinseca dei gruppi colpiti. Psicologica di primo soccorso, come descritto nella
Psychological First Aid Campo Operations Guide (2006) un esempio di questo aspetto di base
di sostegno psicosociale. Un numero minore di persone potrebbero richiedere il supporto
focalizzata su problemi o questioni specifiche. L'Organizzazione Mondiale della Sanit ha
pubblicato la pi recente approccio pronto soccorso psicologico nel 2011. 9

indietr
o al
Sommario

Gli interventi psicosociali possono assumere la forma di singoli interventi, famiglia o gruppo e
devono essere eseguite da personale qualificato e controllati. Nei casi in cui gli interventi pi
mirati sono i disturbi di salute mentale insufficienti o gravi sono sospettati importante
organizzare per il rinvio a professionisti della salute mentale. La prova stata rivista nel 2015 e
le linee guida sono state aggiornate per questo argomento.

Organizzazione Mondiale
della Sanit, Guerra Trauma
Foundation e World Vision
International e psicologica di
primo soccorso: guida per i
lavoratori sul campo, l'OMS.

135

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Sintesi di fondamento scientifico


Sono stati identificati cinque linee guida esistenti e tre revisioni sistematiche; tutti pubblicati tra
il 2007 e il 2015, specificamente incentrato sull'intervento di fornire primo soccorso
psicologico le prime ore o giorni a seguito di un disas-ter. Tuttavia, non esistono studi
controllati sono stati trovati su questo argomento.
In assenza di prove, non vi tuttavia una forte definizione di sostegno psico-sociale e dei suoi
obiettivi di fondo. L'obiettivo primario la valorizzazione del RESIL-ience e benessere
psicosociale fornendo supporto psicosociale strutturato che possono attenuare contro lo
sviluppo di reazioni psicologiche negative. interventi di sostegno psico-sociale in emergenza
situa-zioni che forniscono supporto informativo, pratico ed emotivo, come primo aiuto
psicologico, sono altamente raccomandati da vari esperti e linee-guida (vedilinee guida NICE
2005, linee guida IASC 2009 e linee guida TENDE 2009). Data la base di conoscenze limitate,
si deciso di sviluppare linee guida attraverso il raggiungimento di un consenso dell'opinione
degli esperti. Le raccomandazioni pro-pongono che ogni zona ha un multi-agenzia psicosociale
gruppo di pianificazione cura e che le risposte di fornire supporto generale, l'accesso al
sostegno sociale, fisico e psico-logico e che specifici interventi di salute mentale sono forniti
solo se indicato da una valutazione globale.
La Guida Psychological First Aid Field Operations (2006) rilasciato dal Centro Nazionale
National Child traumatico da Stress rete e per stress post-traumatico dichiara che psicologico
primo soccorso un intervento accettabile che pu essere fornito da volontari addestrati, senza
formazione professionale della salute mentale per le persone che hanno vissuto un evento
traumatico. Il psicologica di primo soccorso: Guida Field Operations (2006) e il disastro servizi
della Croce Rossa Americana corso intitolato Psychological First Aid (DSCLS206A), destinati
per i volontari che rispondono ai disastri offrire un forte sostegno per la credibilit di questa
inter-intervento. Molti gruppi di esperti internazionali e nazionali, tra cui IASC e del Progetto
Sfera, hanno raccomandato psicologico di primo soccorso. Psicologica di primo soccorso
un'alternativa al debriefing psicologico. Nel 2009, linee guida GAP Gruppo di Sviluppo
dell'Organizzazione Mondiale della Sanit ha valutato le prove per il primo soccorso
psicologico e debriefing psicologico. Essi hanno concluso che il primo soccorso psychological, piuttosto che debriefing psicologico, dovrebbe essere proposto a persone in grave
difficolt dopo essere stato recentemente esposto a un evento traumatico.

Orientamento
I principi fondamentali di sostegno psico-sociale dovrebbe essere incluso in tutta la
formazione di primo soccorso. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Sostegno psicosociale nonch psicologico di pronto soccorso devono essere condotte in
collaborazione con i servizi di emergenza e la fornitura di competenze di primo soccorso.
Supporto o supervisione possono essere supervisionate da professionisti della salute mentale e
di esperti a sostegno psicosociale. E 'anche importante per determinare il tipo di intervento
appropriato e necessari e per identificare quale supporto psico provider pi adatto per il
compito seconda delle risorse disponibili. Infine, importante includere informazioni sia per le
vittime e fornitori di primo soccorso.

136

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

14. Psicologica di primo soccorso

principi psicologici di primo


soccorso
Le misure per migliorare la resilienza e benessere psicosociale dopo un evento traumatico sono
stati esplorati da diversi professionisti del settore sanitario. Primo soccorso pro-prestatori
devono utilizzare le seguenti strategie di intervento per una persona che ha vissuto un evento
traumatico. Formazione in psicologico di pronto soccorso o di altri interventi di sostegno
psicosociale simili fornir la piattaforma per la loro applicazione.

Sicurezza e protezione: Garantire la sicurezza e migliorare la sicurezza immediata e ongoing e offrire comfort fisico ed emotivo. Consentire alla persona di un periodo di riposo e di
fornire l'opportunit di discutere i sentimenti e le esperienze, se lui o lei vuole. Se la persona
che parla di pensieri, sentimenti o emozioni in relazione al caso volontariamente, ascoltare in
una tranquilla modo non giudicante.
Valutazione dei bisogni: Fornire supporto pratico ed emotivo per la persona interessata in
base alle esigenze (ad esempio un riparo, assistenza finanziaria, rete sociale, assistenza
medica e legale).
Stabilizzazione: In alcuni casi, la persona pu avere uno stato iniziale di stordimento, in cui
il suo campo di coscienza ristretto e attenzione ristretto, con una perdita della capacit di
comprendere stimoli (sintomi di disturbo acuto da stress, ossia le risposte immediate e brevi
ad un tratto di stress intenso). persone emotivamente travolto calma e Oriente. Dare le
opportunit persona colpita a lui o lei distanza dall'evento traumatico. Dare ai bambini
l'opportunit di giocare.
Informazioni: Fornire informazioni utili relative all'evento tra cui lo stato e il luogo delle
persone scomparse, le risorse della comunit, e dove la persona pu chiedere aiuto in caso di
problemi emotivi o di umore sviluppare in futuro, a seconda dei casi. Fornire psico-educativo
supporta il processo di guarigione: Spiegare normali reazioni a situazioni anomale, per
aiutare a preparare la persona per le reazioni che possono venire nei prossimi giorni e
settimane e come far fronte meglio in modo sano.
Connetti a supporto sociale e ai servizi che collaborano: Il sostegno sociale e peer stato
trovato per essere utile e dovrebbe essere facilitato come dovrebbe ricerca di aiuto. Aiutare a
stabilire il contatto con persone di supporto sociale primarie o altre fonti di sostegno, come i
membri della famiglia o amici. Legame con i servizi disponibili al momento o in futuro.
Empowerment e speranza: Aiutare la persona a essere attivi e prendere le proprie decisioni
per quanto possibile. Supporto nella pianificazione piccoli passi nel prossimo futuro.

Facilitare riti culturalmente appropriati: Rituali di lutto e di commiato hanno una


funzione importante nella promozione della resilienza a livello individuale che a livello
culturale e sociale.
Nozioni di base di interviste
Atteggiamento: ascolto attivo
tecniche di interrogatorio: ripetere, fare domande, etc.

137

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Il filo rosso per il primo intervento di aiuto:


Il modello BASIS pu essere utilizzato per mantenere una migliore visione d'insieme del corso
della conversazione:
B: a cominciare, presentarti e le attivit, chiarire tempistica e segretezza.
A: riconoscere: riconoscere l'evento e le sensazioni che garantiscono.
S: Struttura: garantire la sicurezza e la struttura durante la conversazione anche per quanto
riguarda i sentimenti.
I: Informazioni: offrire informazioni sulle prossime ore e giorni e le reazioni su comuni a
stress estremo che pu comprendere l'ansia, la paura, le immagini intru-sive, disturbi del
sonno, ecc E 'molto importante comunicare che si possono verificare queste reazioni, ma che
non tutti ottiene loro.
S: i social network: assicurarsi di reti di sicurezza (familiari, amici, etc.), pensate in cui gli
specialisti psicosociali.
E 'importante ricordare che la salute mentale dei fornitori di primo soccorso altrettanto
importante come l'offerta psicosociale di primo soccorso e possono essere sotto la supervisione
e accompagnato, se necessario.

tecniche di
comportamento violento
de-escalation
introduzione
fornitori di primo soccorso volte possibile incontrare una persona a rischio di comportamenti
violenti.

Sintesi di fondamento scientifico


Non ci sono dati da studi controllati randomizzati che valutano gli effetti e l'utilit di deescalation tecniche come misure a breve termine nella prevenzione di comportamenti violenti.
La prova per l'efficacia delle tecniche di de-escalation in materia di comportamenti violenti
deriva da casi clinici, serie di casi, coorti e pareri di esperti e di consenso.
Tuttavia, nessuna prova stata ancora trovata contro l'utilit delle tecniche di de-ESCA-Lating
nella prevenzione della violenza o che queste tecniche causerebbe alcun danno ad una persona
a rischio di comportamenti violenti.

Riferimenti

Linee guida
fornitori di primo soccorso dovrebbero avere competenze di base nella gestione di una
persona a rischio di comportamenti vio-prestato fino aiuto da un professionista sanitario
disponibile. (Good Practice Point)
valutazione approfondita e completa per il rischio violento e per la possibil-lit di una
malattia mentale di fondo per rischi violenta dovrebbe essere condotta da un operatore
sanitario qualificato. (Good Practice Point)
Se una persona considerata a rischio di impegnarsi in violenza, i fornitori qualificati di
primo soccorso possono adottare tecniche di de-escalation come misura a breve termine nel
prevenire un comportamento violento. (Good Practice Point)

138

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

14. Psicologica di primo soccorso

considerazioni di attuazione
rischio violento valutata sulla base dei fattori di rischio per la violenza e sulla natura del l'atto
violento se la valutazione viene effettuata dopo l'atto. I fattori di rischio per la violenza sono i
seguenti:

et (rischio pi elevato se meno di 30 anni)


sesso (rischio pi elevato se maschio)
rapporto instabile
occupazione instabile
la storia di comportamenti impulsivi e ripetuti problemi con l'autorit
precedente storia di violenza
presenza di disturbi di personalit (ad esempio il tipo antisociale, di tipo impulsivo)
presenza di altri disturbi mentali (ad esempio la schizofrenia con psicotici Simp-tom collegati
alla violenza, gelosia morbosa)
storia di problemi di infanzia (per esempio problemi comportamentali e di comportamento)
presenza di alcol e abuso di sostanze
presenza di lesioni cerebrali
presenza di dolore
mancanza di sostegno sociale

La natura delle circostanze e, dopo un atto violento che suggeriscono un rischio pi elevato
sono:

mancanza di provocazione per l'atto violento


bizzarro atto violento
mancanza di rimorso e rimpianto
continuando importante negazione
minacce di ripetere la violenza
atteggiamenti negativi nei confronti trattamento se sono identificati malattie fisiche o mentali
provocazione o precipitante il rischio di reiterazione (se provocazione a favore o precipitante
del l'atto violento identificato)
la presenza di alcool o abuso di sostanze
difficolt sociali e la mancanza di sostegno sociale
Se una persona considerata a rischio di impegnarsi in comportamenti violenti, impedisconoing una delle principali preoccupazioni.
De-escalation definito come un graduale risoluzione di una situazione potenzialmente
violenta e aggressiva o attraverso l'uso di espressioni verbali e fisiche di empatia, alleanza e
impostazione del limite non conflittuale basate sul rispetto. Si tratta di disinnescare,
negoziazione e risoluzione dei conflitti, con l'obiettivo finale di riconoscere i segni di
imminente violenza in modo da evitare che prima che accada. fornitori di primo soccorso
possono utilizzare le seguenti tecniche di de-escalation nell'approccio-zione di una persona a
rischio di impegnarsi in comportamenti violenti:
Adottare un atteggiamento calmo e sincero; mostrare genuina preoccupazione.
Attenzione la propria sicurezza e quella di altre persone sulla scena. Fare attenzione alla
possibilit che la persona pu avere un'arma; se necessario, Evacuo-ate altre persone in un
luogo sicuro.
Tenere a distanza di sicurezza dalla persona a rischio di violenza.
Basamento ad un angolo adatto alla persona (ad esempio 45 ).
Mantenere una postura aperta (ad esempio, le mani a fianco e palmi rivolti verso l'esterno).
Evitare di toccare la persona a rischio di violenza.
Monitor per i segni di violenza (ad esempio osservare per l'espressione del volto e la
postura).
Parlare con la persona a rischio di violenza con una calma e tono rassicurante e in un modo
non conflittuale non provocatorio (ad es annuire con la testa per dimostrare che si sta
ascoltando, usare frasi a tempo indeterminato).

139

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Adottare dichiarazioni empatici, come, "Capisco che si stanno avendo un momento difficile e
vorrei capire che cosa ti rende cos arrabbiato", ma cercare di mantenere una posizione di
fatto e non si ottiene troppo emotivo o parlare troppo di emozioni.
Incoraggiare la persona a parlare le sue ragioni per essere arrabbiato o AGI-Tated (messa a
fuoco sulla situazione e il suo problema, non sulla sua intenzione di agire).
Mantenere il contatto con la persona e lui o lei a parlare continuare fino a che non ha il
tempo di calmarsi.
Ascoltare la persona in modo non giudicante.
Essere assertivi e dire alla persona con decisione e empaticamente che lui o lei non sar
permesso di danneggiare se stesso o gli altri. Se del caso, pro-vide rinforzi positivi e
suggerire modi diversi comportamenti violenti per risolvere le difficolt o problemi.
Chiedi sul supporto sociale della persona e delle risorse.
Chiedere aiuto presto, soprattutto se la persona appare emotivo e non pu essere calmata (ad
esempio, chiamare la squadra di crisi, un'ambulanza o la polizia).
Invia la persona in ospedale per ulteriori valutazione e gestione, se necessario.

Attacco di panico
introduzione
Un attacco di panico un episodio distinto di ansia in cui una persona sviluppa la paura e
l'apprensione e l'ansia raggiunge il suo picco entro dieci a 15 min-sce. Durante l'attacco di
panico, la persona pu avere pi sintomi somatici quali palpitazioni, mancanza di respiro con
iperventilazione, petto Discom-fort, sudorazione profusa, vertigini e sensazione di testa vuota e
nausea, con la paura di morire, paura di perdere il controllo e la paura di svenimento. Un
incidente o un evento traumatico possono precipitare un attacco di panico. E 'importante per i
fornitori di primo soccorso per sapere come gestire una persona con un attacco di panico.

Sintesi di fondamento scientifico


Una revisione formale evidenza scientifica non stata condotta su questo tema, ma
importante nella formazione di primo soccorso, e le seguenti linee guida si basano sul parere di
esperti.

Orientamento
Una persona che sperimenta un attacco di panico dovrebbe essere valutata e trattata da un
operatore sanitario mentale. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Per un fornitore di primo soccorso pu essere difficile da riconoscere o distinguere tra i sintomi
pi comuni di maggiore ansia e che di disturbo di panico in situazioni di emer genza-. Tuttavia,
i fornitori qualificati di primo soccorso possono utilizzare i seguenti approcci per assistere una
persona sospettata di avere un attacco di panico:
Essere consapevoli del fatto che la presentazione di fastidio al torace e mancanza di respiro
pu essere causato da problemi fisici, come un attacco di cuore o asma; In caso di dubbio, di
inviare la persona in un ospedale per la gestione.
Parlate con la persona in modo calmo e senza fretta. Parla lentamente con chiari, frasi brevi.

140

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

14. Psicologica di primo soccorso

Chiedere alla persona se lui o lei sa se i loro sintomi sono causati da un attacco di panico.
Incoraggiare la persona a respirare attraverso il naso e fuori attraverso la bocca lentamente.
Rassicurare la persona che la sua ansia e disagio somatica diminuir progressivamente e che
la condizione non pericolosa per la vita.
Spiegare alla persona che i sintomi somatici sono causati da ansia e che spariranno dopo che
lui o lei si calma. Tuttavia, se lui o lei interpreta che i sintomi somatici sono originari da
problemi fisici gravi, la sua ansia aumenter, che sar ulteriormente aumentare l'intensit dei
sintomi somatici risultanti in un circolo vizioso (vedi figura 5).

Figura 5: Il circolo vizioso in attacco di panico10

Ansia

sintomi
somatici

Disinterpretazione

Ansia

stress estremo e disturbo da


stress post-traumatico
introduzione
Grandi eventi al di fuori della gamma di esperienze di tutti i giorni che coinvolge l'esperienza
della seria minaccia, reale o immaginaria, accompagnate da sentimenti di impotenza, orrore o
terrore pu causare stress estremo o traumatica.
Reazioni comuni a uno stress estremo possono includere l'ansia e la paura; una vigilanza
costante e che accompagnano le risposte spaventati; scarsa concentrazione e mem-ria;
immaginario invadente e intrusioni sensoriali; disturbi del sonno, tra cui incubi; sentimenti di
colpa, tristezza e rabbia; intorpidimento emotivo e

10 IFRC. Le linee guida


internazionali di primo
soccorso e ressuscitation,
2011.

141

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

diminuito interesse cos come sia evasione mentale e comportamentale. Queste reazioni
possono essere accompagnati da sintomi fisici come le tensioni muscolari e tremori o
agitazione; dolori e dolori; nausea, vomito o Diar-rhoea, disturbi del ciclo o perdita di interesse
per il sesso mestruale.
importante tenere presente che queste reazioni ei sintomi sono una normale risposta a un
evento anomalo. Questo messaggio dovrebbe essere trasmesso alle persone colpite, come le
reazioni possono essere interpretati come segni di cattiva salute mentale o dis-turbance. Di
solito le persone sono resistenti e queste reazioni svanire a poco a poco fino a scomparire. La
resilienza pu essere promosso, fornendo diverse forme di sostegno psico-sociale, tra cui il
primo aiuto psicologico. Tuttavia, per alcune persone queste reazioni possono essere
particolarmente potente o persistere per un periodo di tempo pi lungo o peggiorare. In questi
casi importante intervenire in quanto ci potrebbe portare a gravi problemi di salute mentale
che richiedono un aiuto professionale.

disturbo da stress post-traumatico una risposta patologica protratta ad un evento trau-matic, in


alcuni casi questo pu essere ritardata. In generale, disturbo da stress post-traumatico non un
disturbo molto comune (tassi di prevalenza sono piuttosto bassi). Oggi, al centro di psicotraumatologia pi sulla resilienza e meno sui disturbi.

I sintomi principali del disturbo da stress post-traumatico sono simili alle reazioni acute di
stress estremo, ma sono protratte, includono quanto segue:
ipervigilanza (ad esempio persistente ansia, irritabilit, insonnia, difficolt di concentrazione)
intrusioni (ad esempio intenso immaginario invadente, odori o suoni (sensoriali Intru-sioni),
ricorrenti sogni spiacevoli)
evitamento (ad esempio la difficolt nel ricordare eventi stressanti a volont, evitamento di
promemoria degli eventi, il distacco, l'incapacit di provare emozioni (intorpidimento),
interesse per le attivit diminuito)
Testimoniando eventi traumatici, i fornitori di primo soccorso sono anche a rischio di
sviluppare reazioni di stress e disordine da stress post-traumatico. E 'importante per i fornitori
di primo soccorso da sapere su questo e chiedere aiuto in caso di necessit.

Riferimenti

Orientamento
fornitori di primo soccorso non sono tenuti a fare una diagnosi di disturbo da stress posttraumatico. Tuttavia, in caso di reazioni di stress particolarmente potenti o persistenti o
sintomi, i fornitori di primo soccorso devono cercare l'aiuto di professionisti del settore
sanitario, tra cui uno psicologo clinico o psichiatra. (Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
Anche se il disturbo da stress post-traumatico non molto comune, alcune persone possono
avere un rischio maggiore di sviluppare dopo un evento traumatico. I fattori di rischio per il
disturbo da stress post-traumatico sono i seguenti:
storia di esposizione a traumi precedente (s)
minaccia vita soggettiva (la persona crede che stavano per morire)
mancanza di sostegno sociale positivo
storia di disturbi psichiatrici
un forte senso di una perdita di controllo
vicinanza all'evento
elevato grado di dissociazione durante un trauma

142

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

14. Psicologica di primo soccorso

alto grado di eccitazione psicofisiologica subito dopo il trauma


perdita di risorse

ideazione suicidaria
introduzione
Non raro per i fornitori di primo soccorso di incontrare una persona che esprime ideazione
suicidaria. Certamente, un professionista sanitario qualificato dovrebbe condurre una
valutazione approfondita e completa del rischio di suicidio. Indipendentemente da ci, importante per i fornitori di primo soccorso di avere competenze di base nella gestione di una
persona con rischio di suicidio fino a quando l'aiuto di un professionista sanitario disponibile.

Sintesi di fondamento scientifico


La convinzione che chiedendo di pensieri suicidi direttamente in grado di indurre un tentativo
di suicidio stato descritto come un mito dai commentatori. Non ci sono studi che sostengono
che chiedendo il pensiero del suicidio o l'inclinazione aumenta il rischio di suicidio. Al
contrario, uno studio randomizzato controllato ha dimostrato che chiedendo di ideazione
suicidaria non aumenta il rischio di suicidio. perizie sostengono la convinzione che chiedendo
di pensieri suicidi in generale sar n aumenter disagio della persona, n precipitare un
tentativo di suicidio. Quando stato chiesto in modo appropriato, la persona si sente pi
compreso e curato.

Riferimenti

Linee guida
Se una persona considerata avere ideazione suicidaria, addestrato pronto soccorso proprestatori lui o lei dovrebbero chiedere direttamente sui pensieri suicidi. Richiesta Info
pensieri suicidi NON precipitare un tentativo di suicidio. Invece, la persona si sentir in cura,
se l'indagine viene eseguita in modo appropriato. (Good Practice Point)
Se una persona considerata avere ideazione suicidaria, un fornitore di salute mentale
addestrato dovrebbe lui o lei valutare immediatamente o SME dovrebbe essere attivato.
(Good Practice Point)

considerazioni di attuazione
La profondit e il livello di valutazione e necessit di intervento di basarsi sul livello di
formazione e di sostegno del fornitore di primo soccorso. Questo pu variare tra i paesi differenti e programmi educativi di primo soccorso.
il rischio di suicidio valutata sulla base dei fattori di rischio e le circostanze del tentativo di
suicidio se la persona sopravvive dopo un tentativo del genere. I fattori di rischio per il suicidio
sono i seguenti:

presenza di depressione
presenza di psicosi
il sesso (il rapporto rischio del maschio: femmina 2: 1)
l'et (il pi vecchio di et, maggiore il rischio)
singolo / separato / divorziato / vedovo
presenza di alcool o abuso di sostanze
precedente storia di tentativi di suicidio

143

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

presenza di un piano suicida


mancanza di sostegno sociale
presenza di malattie croniche (ad esempio, il dolore cronico)
Circostanze di un tentativo di suicidio non riuscito che indicano un rischio pi elevato:
pianificazione in anticipo
precauzioni per evitare la scoperta
Nessun tentativo di ottenere aiuto in seguito
atti finali (ad esempio, scrivere una nota di suicidio o di fare testamento, trasferendo
il risparmio sul conto uno stretto parente, chiedere a qualcuno di aiutare a prendersi
cura dei bambini piccoli)
Metodo pericoloso (ad esempio una dose letale di farmaci stato utilizzato; l'uso di
un metodo violenta).
percezione della persona della letalit del metodo utilizzato dovrebbe essere
considerato.
Vedere Avvelenamento
fornitori di primo soccorso possono utilizzare i seguenti approcci per una persona con
ideazione suicidaria:
Parla in un modo calmo e senza fretta.
Esprimere empatia.
Essere consapevoli della propria sicurezza e quella di altre persone nella zona (una
per ogni-figlio con ideazione suicidaria possono avere elementi come oggetti
appuntiti destinati a danneggiare se stesso o se stessa).
Incoraggiare la persona a parlare i suoi pensieri di suicidio e piani, ed i problemi che
portano al suicidio come un modo di far fronte, tra cui ambivalenza tra la volont di
vivere e la volont di morire, se ancora presente.
Ascoltare in modo non giudicante.
Chiedi sul supporto sociale della persona e delle risorse.
Incoraggiare la persona a cercare un aiuto professionale.
Assicurarsi che la persona suicida non lasciato solo; chiedere parenti o amici della
persona a lui o lei accompagnarlo in ospedale, altra struttura medica o avvisare
SME.
Se la persona appare emotivo e non pu essere calmato, evocare aiuto (ad
esempio, chiamare la squadra di crisi, ambulanza, o la polizia).
Un operatore sanitario qualificato deve condurre una approfondita e comprehenvalutazione del rischio di suicidio per sive e per la possibilit di una malattia mentale di
fondo che pu portare alla stessa.

144

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

15. Riferimenti

15.

Riferimenti
indietr
o al
Sommario

Dal momento che i riferimenti per questo documento sono a centinaia, sono state raggruppate
in sezioni. Le citazioni di riferimento sono state numerate in questi gruppi e sono elencati sotto
le rubriche che corrispondono ai capitoli o sezioni del testo principale.

Principi generali

147

educazione

147

reazione allergica e la seconda dose di adrenalina per anafilassi

148

Avvelenamento

149

difficolt respiratorie

149

Dolore al petto

149

Ictus

149

La disidratazione e disturbi gastrointestinali

150

Febbre

151

Diabete e ipoglicemia trattamento

151

Uso dell'ossigeno

152

Shock e la posizione ottimale per lo shock

153

stato mentale alterato e non risponde

153

svenimenti

153

Groppa

154

ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo

154

Burns

157

emorragia

157

Concussione

158

Cervicale restrizione di movimento della colonna vertebrale

161

Petto e lesioni addome

164

Ferite e abrasioni

165

avulsion Dental

165

Congelamento

166

I problemi di salute causati da alta quota

167

emergenze radiazioni

167

morsi di animali

167

Aspirazione

167

La compressione o pressione di immobilizzazione

167

145

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

Elevazione

168

applicazione a freddo

168

applicazione del laccio

168

punture di medusa

169

punture di insetti

170

Annegamento e le immersioni malattia da decompressione

171

gestione delle vie aeree

171

Aspirazione

172

rianimazione processo di annegamento

173

lesione del rachide cervicale

175

Arresto cardiaco

176

Ritenuta di rianimazione in caso di traumatico pre-ospedaliero


arresto cardiopolmonare

176

Metodi di fornire ventilazioni

177

principi psicologici di primo soccorso

178

stress estremo e disturbo da stress post-traumatico

179

ideazione suicidaria

179

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

General principles
1.
2.
3.

American Red Cross Scientific Advisory Council. Hand Hygiene Scientific Review.
October 2010.
h t t p s : / / w w w . y u m p u . c o m / n o / d o c u m e n t / v i e w / 1 1 6 1 0 1 7 8 / arcsac-advisory-hand-hygiene-for-general-public
http://www.instructorscorner.org/media/resources/SAC/SAC%20Advisory%20Hand%20Hygiene%20for%20General%20Public%20Approved%20
for%20Posting%20%2010_1_10.pdf

Education
4.

5.
6.

7.
8.

Flint Jr. LS, Billi JE, Kelly K, Mandel L, Newell L and Stapleton ER. Education in adult
basic life support training programs in Annals of Emergency Medi-cine, 22(2 II): 468
474, 1993.
Sreide E, Morrison L, Hillman K, et al. The formula for survival in resusci-tation in
Resuscitation. 84(11): 14871493, 2013.
Singletary EM, Charlton NP, Epstein JL, et al. Part 15: First aid: 2015 Ameri-can Heart
Association and American Red Cross Guidelines update for First Aid. Circulation. 132
(18 suppl 2): S574S589, 2015.
Hewstone M, Rubin M and Willis H. Intergroup bias. Annual Review Psychol-ogy. 575,
2002.
Levine M, Prosser A, Evans D and Reicher S. Identity and emergency intervention: How
social group membership and inclusiveness of group boundaries shape helping behavior
in Personality and Social Psychology Bulletin. (4): 443, 2005.

9.

Lamm C, Decety J and Batson C.D. The neural substrate of human empa-thy: Effects of
perspective-taking and cognitive appraisal. J Cogn Neurosci. 19(1): 4258, 2007.

10.

Darley JM, Latane B. Bystander intervention in emergencies: Diffusion of responsibility


in Personality and Social Psychology Bulletin. 8(4): 377383, 1968.
Beaman AL, Barnes PJ, Klentz B and McQuirk B. Increasing helping rates through
information dissemination: Teaching pays in Personality and Social Psychology Bulletin.
4(3): 406, 1978.
John P, Cotterill S, Moseley A, et al. Nudge, nudge, think, think: Experi-menting with
ways to change civic behaviour. Bloomsbury Academic, 2011.

11.

12.

13.
14.

15.
16.

17.
18.

19.
20.

Fishbein M and Yzer MC. Using theory to design effective health behavior interventions
in Communication Theory. 13(2): 1641832003.
Ajzen I and Madden TJ. Prediction of goal-directed behavior: Attitudes, intentions, and
perceived behavioral control in Journal of Experimental Social Psychology. 22(5): 453
474, 1986.
Ajzen I. The theory of planned behavior. Organizational Behavior and Human Decision
Processes. 50:179211, 1991.
Prochaska JO and DiClemente CC. Stages and processes of self-change of smoking:
Toward an integrative model of change in Journal of Consulting and Clinical
Psychology. 51(3):390-395, 1983.
Hattie J. Visible learning: A synthesis of over 800 meta-analyses relating to achievement.
London, England: Routledge, 2009.
De Buck E, Van Remoortel H, Dieltjens T, et al. Evidence-based educational pathway
for the integration of first aid training in school curricula in Resuscitation. 94(0): 822,
2015.
Kato S, Suzuki M and Hori S. Impact of the motive of participants on train-ing effect of
CPR in Circulation. 126 (21), 2012.
Lim SL, Lian T, Tan PT, Chan YH and Leong B. Public cardiopulmo-nary resuscitation
(CPR) training are all lay providers the same? in Circulation. 128(22) 2013.

4.

147

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

21.

Sarac L and Ok A. The effects of different instructional methods on stu-dents


acquisition and retention of CPR skills in Resuscitation. 81:555561, 2010.

22.

Lippmann J, Livingston P and Craike MJ. Comparison of two modes of delivery of first
aid training including basic life support in Health Education Journal. 70(2): 131140,
2011.
Charlier N. Game-based assessment of first aid and resuscitation skills in Resuscitation.
82(4):442446, 2011.
Chung CH, Siu AYC, Po LLK, Lam CY, Wong PCY. Comparing the effective-ness of
video self-instruction versus traditional classroom instruction targeted at
cardiopulmonary resuscitation skills for laypersons: A pro-spective randomised
controlled trial in Hong Kong Medical Journal. 16(3): 165170, 2010.

23.
24.

25.

Platz E, Goldflam K, Mennicke M, Parisini E, Christ M and Hohenstein C. Comparison


of web-versus classroom-based basic ultrasonographic and EFAST training in 2
European hospitals in Annals of Emergency Medicine. 56(6): 660667, 2010.

26.

Meischke H, Diehr P, Phelps R, Damon S and Rea T. Psychologic effects of automated


external defibrillator training: A randomized trial. Heart Lung. 40(6): 502510, 2011.

27.

Goniewicz M, Chemperek E, Nowicki G, Wac-Gorczynska M, Zielonka K and


Goniewicz K. First aid education in the opinion of secondary school students in Central
European Journal of Medicine. 7(6): 761768, 2012.
Oliver E, Cooper J and McKinney D. Can first aid training encourage indi-viduals
propensity to act in an emergency situation? A pilot study in
Emergency Medicine Journal. 31:518520, 2013.
Wyatt A, Archer F and Fallows B. Use of simulators in teaching and learn-ing:
Paramedics evaluation of a patient simulator in Journal of Emergency Primary Health
Care. 5(2), 2007.
Vincent DS, Burgess L, Berg BW and Connolly KK. Teaching mass casualty triage skills
using iterative multimanikin simulations in Pre-hospital Emer-gency Care. 13(2): 241
246, 2009.
Bandura A. Guide for creating self-efficacy scales. In: Information Age Pub-lishing;
307337l, 2006.
Kirpatrick DL. Evaluating training programs. San Francisco, CA: Tata McGraw-Hill
Education, 1975.
De Buck E, Van Remoortel H, Dieltjens T, Verstraeten H, Clarysse M, Moens O,
Vandekerckhove P. Evidence-based educational pathway for the inte-gration of first aid
training in school curricula in Resuscitation 94. 822, 2015. Available at:
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/ S0300957215002531

28.

29.

30.

31.
32.
33.

Allergic reaction and second dose of epinephrine for anaphylaxis


34.

35.

36.

37.

34.
148

Zideman DA, De Buck Emmy DJ and Singletary Eunice M. European Resus-citation


Council Guidelines for Resuscitation 2015 Section 9. First aid in Resuscitation 95. 278
287, 2015.
Tsuang A, Menon N, Setia N, Geyman L and Nowak-Wegrzyn AH. Multi-ple
epinephrine doses in food-induced anaphylaxis in children in Journal of Allergy and
Clinical Immunology. 131(2): ab90, 2013.
Inoue N and Vamamoto A. Clinical evaluation of pediatric anaphylaxis and the necessity
for multiple doses of epinephrine in Asia Pacific Allergy. 3:106114, 2013.
Noimark l, Wales J, Du Toit G, Pastacaldi C, Haddad D, Gardner J, Hyer W, Vance G,
Townshend C, Alfaham M, Arkwright PD, Rao R, Kapoor S, Sum-merfield A, Warner
JO and Roberts G. The use of adrenaline autoinjectors

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

by children and teenagers in Clinical and Experimental Allergy. 42: 284292, 2012.

Poisoning
38.

39.
40.

41.

42.

43.
44.
45.

Vance MV, Selden BS and Clark RF. Optimal patient position for transport and initial
management of toxic ingestions in Annals of Emergency Medicine, 21(3): 243246,
1992.
Kivist KT and Neuvonen PJ. Effect of activated charcoal on the absorption of
amiodarone in Human and Experimental Toxicology. 10(5): 327329, 1991.
Merigian KS and Blaho KE. Single-dose oral activated charcoal in the treat-ment of the
self-poisoned patient: a prospective, randomized, controlled trial in American Journal of
Therapeutics. 9(4): 301308, 2002.
Olkkola KT. Effect of charcoal-drug ratio on antidotal efficacy of oral activated charcoal
in man in British Journal of Clinical Pharmacology. 19(6): 767773, 1985.
Markenson D, Ferguson JD, Chameides L, et al. Part 17: First aid: 2010 American Heart
Association and American Red Cross Guidelines for First Aid. Circulation. 122:S934
46, 2010.
https://www.gov.uk/government/collections/carbon-monoxide-co
https://w w w.gov.uk/gover nment /publications/carbon- dioxide-properties-and-incidentmanagement
http://www.ccohs.ca/oshanswers/chemicals/chem_profiles/carbon_mon-oxide.html

Breathing difficulties
46.

ONeill S and McCarthy DS. Postural relief of dyspnoea in severe chronic airflow
limitation: relationship to respiratory muscle strength. Thorax. 38(8): 595600, August
1983.

Chest pain
47.

48.

Nikolaou NI and Arntz H-R, Bellou: European Resuscitation Council Guidelines for
Resuscitation 2015,Section 8. Initial management of acute coronary syndromes in
Resuscitation. 95, 264277, 2015.
Zideman DA, De Buck Emmy DJ and Singletary Eunice M. et al: European
Resuscitation Council Guidelines for Resuscitation 2015, Section 9. First aid in
Resuscitation. 95, 278287, 2015.

Stroke
49.

50.

51.

52.

Singletary EM, Zideman D, De Buck E, Chang WT, Jensen J, Swain J, Woodin J,


Blanchard I, Herrington R, Pellegrino J, Hood N, Lojero L, Markenson D and Jun Yang
HJ. Part 9: First aid: 2015 International Consensus on Car-diopulmonary Resuscitation
and Emergency Cardiovascular Care Science With Treatment Recommendations in
Circulation. In press, 2015.
Iguchi Y, Kimura K, Watanabe M, Shibazaki K and Aoki J. Utility of the Kurashiki
Prehospital Stroke Scale for hyperacute stroke. Cerebrovascular Diseases. 31:5156,
2011.
OBrien W, Crimmins D, Donaldson W, Risti R, Clarke TA, Whyte S and Sturm J.
FASTER (Face, Arm, Speech, Time, Emergency Response): expe-rience of Central
Coast Stroke Services implementation of a pre-hospital notification system for expedient
management of acute stroke in Journal of Clinical Neuroscience. 19:241245, 2012.
Chen S, Sun H, Lei Y, Gao D, Wang Y, Wang Y, Zhou Y, Wang A, Wang W and Zhao
X. Validation of the Los Angeles pre-hospital stroke screen (LAPSS) in a Chinese urban
emergency medical service population. PLoS One. 8:e70742, 2013.

46.

149

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

53.

De Luca A, Giorgi Rossi P and Villa GF. Stroke group Italian Society pre hos-pital
emergency S. The use of Cincinnati Prehospital Stroke Scale during telephone dispatch
interview increases the accuracy in identifying stroke and transient ischemic attack
symptoms. BMC Health Services Research. 13:513, 2013.

54.

Fothergill RT, Williams J, Edwards MJ, Russell IT and Gompertz P. Does use of the
recognition of stroke in the emergency room stroke assessment tool enhance stroke
recognition by ambulance clinicians? in Stroke. 44:3007 3012, 2013.

55.

Studnek JR, Asimos A, Dodds J and Swanson D. Assessing the validity of the Cincinnati
prehospital stroke scale and the medic prehospital assess-ment for code stroke in an
urban emergency medical services agency in Prehospital Emergency Care. 17:348353,
2013.
Whiteley WN, Wardlaw JM, Dennis MS and Sandercock PA. Clinical scores for the
identification of stroke and transient ischaemic attack in the emergency department: a
cross-sectional study in Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry. 82:1006
1010, 2011.
Yock-Corrales A, Babl FE, Mosley IT and Mackay MT. Can the FAST and ROSIER
adult stroke recognition tools be applied to confirmed childhood arterial ischemic stroke?
In BMC Pediatrics. 11:93, 2011.
Bray JE, Martin J, Cooper G, Barger B, Bernard S and Bladin C. Paramedic
Identification of Stroke: Community Validation of the Melbourne Ambu-lance Stroke
Screen in Cerebrovascular Diseases. 20:2833, 2005.
Ferris A, Robertson R, Fabunmi R and Mosca L. American Heart Asso-ciation and
American Stroke Association National Survey of Stroke Risk Awareness Among
Women. Circulation. 111:13211326, 2005.
Greenlund KJ, Neff LJ, Zheng Z, Keenan NL, Giles WH, Ayala CA, Croft JB and
Mensah GA. Low public recognition of major stroke symptoms. Ameri-can Journal of
Preventive Medicine, Volume 25:4; 31531, 2003
Handschu R, Reitmayer M, Raschick M, Erbjuth F, Neundorfer B and Babjar E. First
Aid in Acute Stroke in Journal of Neurology 253:13421346, 2006.

56.

57.

58.

59.

60.

61.

62.

Harbison J, Hossain O, Jenkinson D, Davis J, Louw SJ and Ford GA. Diag-nostic


Accuracy of Stroke Referrals from Primary Care, Emergency Room Physicians, and
Ambulance Staff Using the Face Arm Speech Test. in Stroke. Volume 34:7176, 2003.

63.

Herlitz J, WireklintSundstrom B, Bang A, Berglund A, Sevensson L and Blomstrand C.


Early identification and delay to treatment in myocardial infarction and stroke:
differences and similarities. Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and
Emergency Medicine; Volume 18:48, 2010.
Hurwitz AS, Brice JH, Overby BA and Everson KR. Directed Use of the Cin-cinnati
Prehospital Stroke Scale by Laypersons in Prehospital Emergency Care 9:292296,
2005.
Liferidge AT, Brice JH, Overby BA and Everson KR. Ability of laypersons to use the
Cincinnati Prehospital Stroke Scale (CPSS) in Prehospital Emergency Care, 8:384387,
2004.

64.

65.

Dehydration and gastrointestinal distress


66.

67.

47.
150

Chang CQ, Chen YB, Chen ZM and Zhang LT. Effects of a carbohydrate-electrolyte
beverage on blood viscosity after dehydration in healthy adults in Chinese Medical
Journal. 123:32203225, 2010.
Kalman DS, Feldman S, Krieger DR and Bloomer RJ. Comparison of coconut water and
a carbohydrate-electrolyte sport drink on measures of hydra-tion and physical
performance in exercise-trained men in Journal of the International Society of Sports
Nutrition. 9:1, 2012.

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

68.

69.

70.

Ismail I, Singh R and Sirisinghe RG. Rehydration with sodium-enriched coconut water
after exercise-induced dehydration in The Southeast Asian Journal of Tropical Medicine
and Public Health. 38:769785, 2007.
Wong SH. and Chen Y. Effect of a carbohydrate-electrolyte beverage, lemon tea, or
water on rehydration during short-term recovery from exer-cise. International Journal of
Sport Nutrition and Exercise Metabolism. 21:300310, 2011.
Singletary EM, Zideman D, De Buck E, Chang WT, Jensen J, Swain J, Woodin J,
Blanchard I, Herrington R, Pellegrino J, Hood N, Lojero L, Markenson D and Jun Yang
HJ. Part 9: First aid: 2015 International Consensus on Car-diopulmonary Resuscitation
and Emergency Cardiovascular Care Science With Treatment Recommendations in
Circulation. In press, 2015.

Fever
71.
72.
73.
74.
75.

Meremikwu M and Oyo-Ita A. Paracetamol for treating fever in children in


Cochrane Database Systematic Reviews. CD003676, 2002.
Steele RW, Tanaka PT, Lara RP, et al. Evaluation of sponging and of oral antipyretic
therapy to reduce fever in Journal of Pediatrics. 77:824829, 1970.
Hunter J. Study of antipyretic therapy in current use in Archives of Disease in Childhood.
48:313315, 1973.
Meremikwu M and Oyo-Ita A. Physical methods for treating fever in chil-dren in
Cochrane Database Systematic Reviews. CD004264, 2003.
Aluka TM, Gyuse AN, Udonwa NE, et al. Comparison of cold water spong-ing and
acetaminophen in control of Fever among children attending a tertiary hospital in South
Nigeria in Journal of Family Medicine and Primary Care. 2:153158, 2013.

Diabetes and hypoglycaemia treatment


76.

77.

78.

79.
80.
81.

Brodows RG, Williams C and Amatruda JM. Treatment of insulin reactions in diabetics
in The Journal of the American Medical Association. 28;252(24):3378 81.
PMID:6389915, December 1984.
Chlup R, Zapletalova J, Peterson K, Poljakova I, Lenhartova E, Tancred A, Perera R and
Smital J. Impact of buccal glucose spray, liquid sugars and dex-trose tablets on the
evolution of plasma glucose concentration in healthy persons in Biomedical Papers
journal of Palack University, Faculty of Medicine and Dentistry, Olomouc, Czech
Republic. 153(3): 2059, September 2009.
Clarke W, Jones T, Rewers A, Dunger D and Klingensmith G.J. Assessment and
management of hypoglycemia in children and adolescents with dia-betes. ISPAD
Clinical Practice Consensus Guidelines 20062007. Pediatric Diabetes. 9: 165174.
PMID:18416698, 2008.
DCCT Research Group. Hypoglycemia in the Diabetes and Complications Trial.
Diabetes. 46:271286, 1997.
Daneman D. Treating hypoglycemia in children with diabetes: A simple game of
skittles? (editorial). Pediatric Diabetes. 11:149151, 2010.
Daneman D, Frank M, Perlman K, Tamm J and Ehrlich R. Severe hypoglyce-mia in
children with insulin-dependent diabetes mellitus: frequency and predisposing factors in
Journal of Pediatrics. 115(5 Pt 1): 6815, November 1989.

82.

Danne T, Mortensen H.B., Hougaard P, Lynggaard H, Aanstoot H-J, Charelli F,


Daneman D, et al. Persistent center differences over 3 years in glycemic control and
hypoglycemia in a study of 3,805 children and adolescents with type 1 diabetes from the
Hvidore Study Group in Diabetes Care. 24:1342 1347, 2001.

83.

Delahanty LM and Halford BN. The role of diet behaviors in achieving improved
glycemia control in intensively treated patients in the Diabetes

48.
151

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

Control and Complications Trial in Diabetes Care. 16: 14531458. (LOE 2C), 1993.
84.

85.

86.

87.

88.

Gagliardi M, Neighbors M, Spears C, Byrd S, and Snarr J. Emergencies in the school


setting: are public school teachers adequately trained to respond? in Prehospital and
Disaster Medicine. 9(4): 2225, 1994 October to December.
Hemmingsen Bianca, Lund Sren S, Gluud Christian, Vaag Allan, Almdal Thomas,
Hemmingsen Christina and Wetterslev Jrn. Targeting intensive glycaemic control
versus targeting conventional glycaemic control for type 2 diabetes mellitus in Cochrane
Database of Systematic Reviews: Reviews 2011 Issue 6 John Wiley and Sons, Ltd
Chichester, UK, 2011.
Husband AC, Crawford S, McCoy LA and Pacaud D. The effectiveness of glucose,
sucrose, and fructose in treating hypoglycemia in children with type 1 diabetes. Pediatric
Diabetes. 2010 May; 11(3): 1548. Electronically published on 3 August 2009.
McTavish L and Wiltshire E. Effective treatment of hypoglycemia in children with type
1 diabetes: a randomized controlled clinical trial in Pediatric Diabetes. 2011 June; 12(4
Pt 2): 3817. Digital object identifier (doi): 10.1111/j.13995448.2010.00725.x. Epub
2011 Mar 28.
Slama G, Traynard PY, Desplanque N, Pudar H, Dhunputh I, Letanoux M, Bornet FR
and Tchobroutsky G. The search for an optimized treatment of hypoglycemia.
Carbohydrates in tablets, solution, or gel for the correction of insulin reactions in
Archives of Internal Medicine. 150(3): 58993. PMID: 2310277, March 1990.

89.

Strote J, Simons R and Eisenberg M. Emergency medical technician treat-ment of


hypoglycemia without transport in American Journal of Emergency Medicine. Vol. 26,
Issue 3, Pages 291295, DOI: 10.1016/j.ajem.2007.05.030, March 2008.

90.

Tasker AP, Gibson L, Franklin V, Gregor P and Greene S. What is the fre-quency of
symptomatic mild hypoglycemia in type 1 diabetes in the young? Assessment by novel
mobile phone technology and computer-based inter-viewing in Pediatric Diabetes, 8:
1520. doi: 10.1111/j.1399-5448.2006.00220, 2007.

91.

Wiethop BV and Cryer PE. Alanine and terbutaline in treatment of hypo-glycemia in


IDDM in Diabetes Care. 16(8): 11316. PMID: 8375243, August 1993.

92.

Brodows RG, Williams C and Amatruda J.M. Treatment of insulin reactions in diabetics
in The Journal of the American Medical Association. 252:33783381, 1984.

93.

Husband AC, Crawford S, McCoy L.A. and Pacaud D. The effectiveness of glucose,
sucrose, and fructose in treating hypoglycemia in children with type 1 diabetes in
Pediatric Diabetes. 11:154158, 2010.
McTavish L and Wiltshire E. Effective treatment of hypoglycemia in chil-dren with type
1 diabetes: a randomized controlled clinical trial in Pediatric Diabetes. 12:381387,
2011.
Slama G, Traynard PY, Desplanque N, Pudar H, Dhunputh I, Letanoux M, Bornet FR,
Tchobroutsky G. The search for an optimized treatment of hypoglycemia. Carbohydrates
in tablets, solutin, or gel for the correction of insulin reactions. Archives of internal
medicine. 150:589593, 1990.

94.

95.

Use of oxygen
96.

49.
152

Singletary EM, Zideman D, De Buck E, Chang WT, Jensen J, Swain J, Woodin J,


Blanchard I, Herrington R, Pellegrino J, Hood N, Lojero L, Markenson D and Jun Yang
HJ. Part 9: First aid: 2015 International Consensus on Car-diopulmonary Resuscitation
and Emergency Cardiovascular Care Science With Treatment Recommendations in
Circulation. In press, 2015.

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

97.

98.

99.

Longphre JM, Denoble PJ, Moon RE, Vann RD and Freiberger JJ. First aid normobaric
oxygen for the treatment of recreational diving injuries in
Hyperbaric Medical Society. 34:4349, 2007.
Uronis HE, Currow DC, McCrory DC, Samsa GP and Abernethy AP. Oxygen for relief
of dyspnoea in mildly- or non-hypoxaemic patients with cancer: a systematic review and
meta-analysis. Br J Cancer. 98:294299, 2008.
Bruera E, de Stoutz N, Velasco-Leiva A, Schoeller T and Hanson J. Effects of oxygen on
dyspnoea in hypoxaemic terminal-cancer patients in Lancet. 342:1314, 1993.

100. Booth S, Kelly MJ, Cox NP, Adams L and Guz A. Does oxygen help dyspnea in patients
with cancer? in American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. 153:1515
1518, 1996.
101. Stub D, Smith K, Bernard S, Nehme Z, Stephensone M, Bray JE, Cameron P, Barger B,
Ellims AH, Tayloe AJ, Meredith IT and Kaye DM. on behalf of the AVOID
Investigators. Air Versus Oxygen in STSegement Elevation Myocar-dial Infarction in
Circulation. 22 May 2015.

Shock and optimal position for shock


102. Perkins GD, Handley AJ, Koster KW, et al. European Resuscitation Council guide- lines
for resuscitation 2015 Section 2 adult basic life support and automated external
defibrillation in Resuscitation. 95:8198, 2015.
103. Zideman D, De Buck E, Singletary EM et al. European Resuscitation Coun-cil
Guidelines for Resuscitation 2015 Section 9. First Aid Resuscitation 95, 278287, 2015.
104. Zideman D, Singletary EM, De Buck E, et al. Part 9: First aid: 2015 inter-national
consensus on cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiovascular care science
with treatment recommendations in Resuscita-tion. 95:e22965, 2015.

Unresponsive and altered mental status


105. Perkins GD, Handley AJ, Koster KW, et al. European Resuscitation Coun-cil guidelines
for resuscitation 2015 Section 2 adult basic life support and automated external
defibrillation in Resuscitation. 95:8198, 2015.
106. Zideman D, De Buck E, Singletary EM et al. European Resuscitation Coun-cil
Guidelines for Resuscitation 2015 Section 9. First Aid Resuscitation. 95, 278287, 2015.
107. Zideman D, Singletary EM, De Buck E, et al. Part 9: First aid: 2015 inter-national
consensus on cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiovascular care science
with treatment recommendations in Resuscita-tion. 95:e22965, 2015.

Fainting
108. International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies. Interna-tional first aid
and resuscitation guidelines. Geneva, 2011.
109. Perkins GD Handley AJ, Koster KW, et al. European Resuscitation Coun-cil guidelines
for resuscitation 2015 Section 2 adult basic life support and automated external
defibrillation in Resuscitation. 95:8198, 2015.
110. Zideman D, De Buck E, Singletary EM et al. European Resuscitation Coun-cil
Guidelines for Resuscitation 2015 Section 9. First Aid Resuscitation. 95, 278287, 2015.
111. Zideman D, Singletary EM, De Buck E, et al. Part 9: First aid: 2015 inter-national
consensus on cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiovascular care science
with treatment recommendations in Resuscita-tion. 95:e22965, 2015.

50.
153

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

Croup
112. Moore M and Little P. Humidified air inhalation for treating croup in
Cochrane Database of Systematic Reviews. Issue 3. Art. No.: CD002870, 2006.
113. Scolnik D, Coates AL, Stephens D, Da Silva Z, Lavine E and Schuh S. Con-trolled
delivery of high vs low humidity vs mist therapy for croup in emergency departments. A
randomized controlled trial. JAMA. 295(11): 127480, 2006.

Foreign body airway obstruction


114. Foltran F, Ballali S, Passali FM, et al. Foreign bodies in the airways: a meta-analysis of
published papers in International Journal of Pediatric Otorhinolaryngology. 76 Suppl
1:S129, 2012.
115. Pfleger A and Eber E. Management of acute severe upper airway obstruc-tion in children
in Paediatr Respir Rev. 14(2):707, 2013.
116. Chillag S, Krieg J and Bhargava R. The Heimlich maneuver: breaking down the
complications in South Med J. 103(2):14750, 2010.
117. Agia GA and Hurst DJ. Pneumomediastinum following the Heimlich maneuver in
JACEP 8(11):4735, 1979.
118. Desai SC, Chute DJ, Desai BC and Koloski ER. Traumatic dissection and rup-ture of the
abdominal aorta as a complication of the Heimlich maneuver in J Vasc Surg.
48(5):13257, 2008.
119. Otero Palleiro MM, Barbagelata Lpez C, Fernndez Pretel MC and Salgado Fernndez
J. Hepatic rupture after Heimlich maneuver in Ann Emerg Med. 49(6):8256, 2007.
120. Chapman JH. Menapace FJ and Howell RR. Ruptured aortic valve cusp: a complication
of the Heimlich maneuver in Ann Emerg Med. 12(7):4468, 1983.
121. Haynes DE, Haynes BE and Yong YV. Esophageal rupture complicating Heimlich
maneuver in Am J Emerg Med. 2(6):5079, 1984.
122. Kirshner RL and Green RM. Acute thrombosis of abdominal aortic aneu-rysm
subsequent to Heimlich maneuver: a case report. YMVA. 2(4):5946, 1985.
123. Mack L, Forbes TL and Harris KA. Acute aortic thrombosis following incor-rect
application of the Heimlich maneuver in Ann Vasc Surg. 16(1):1303, 2002.
124. Martin TJ, Bobba RK, Metzger R, et al. Acute abdominal aortic thrombosis as a
complication of the Heimlich maneuver in J Am Geriatr Soc. 55(7):1146 7, 2007.
125. Roehm EF, Twiest MW and Williams RC. Abdominal aortic thrombosis in association
with an attempted Heimlich maneuver in JAMA. 249(9):11867, 1983.
126. Valero V. Mesenteric laceration complicating a Heimlich maneuver in Ann Emerg Med.
15(1):1056, 1986.
127. Wolf DA. Heimlich trauma: a violent maneuver in Am J Forensic Med Pathol. 22(1):65
7, 2001.
128. Liao W-H, Chen C-S, Liu P-F, Lee W-H and Lee I-L. Heimlich maneuver to relieve
choking caused by a duodenal subepithelial tumor that was resected by endoscopic
mucosal resection. Endoscopy;44 Suppl 2 UCTN:E2401, 2012.
129. Wong SC and Tariq SM. Cardiac Arrest Following Foreign-Body Aspiration in Respir
Care. 56(4):5279, 2011.
130. Chao C-M, Lai C-C and Tan C-K. Gastric perforation after Heimlich maneu-ver in Am J
Med. 125(6):e78, 2012.
131. Matharoo G, Kalia A, Phatak T and Bhattacharyya N. Diaphragmatic rup-ture with
gastric volvulus after Heimlich maneuver in Eur J Pediatr Surg. 23(6):5024, 2013.

51.
154

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

132. Bouayed S, Sandu K, Teiga P.S. and Hallak B. Thoracocervicofacial Emphy-sema after
Heimlichs Maneuvre in Case Rep Otolaryngol. 2015:427320, 2015.
133. Langhelle A, Sunde K, Wik L and Steen PA. Airway pressure with chest compressions
versus Heimlich manoeuvre in recently dead adults with complete airway obstruction in
Resuscitation. 44(2):1058, 2000.
134. Kinoshita K, Azuhata T, Kawano D and Kawahara Y. Relationships between pre-hospital
characteristics and outcome in victims of foreign body airway obstruction during meals
in Resuscitation. 88:637, 2015.
135. Agia GA and Hurst DJ. Pneumomediastinum following the Heimlich maneuver in
JACEP. 8(11):473475, November 1979.
136. Ayerdi J, Gupta SK, Sampson LN and Deshmukh N. Acute abdominal aor-tic thrombosis
following the Heimlich maneuver in Cardiovascular surgery. 10(2): 154156, April
2002.
137. Bintz M and Cogbill TH. Gastric rupture after the Heimlich maneuver in The Journal of
Trauma. 40(1): 159160, January 1996.
138. Brauner D.J. The Heimlich maneuver: procedure of choice? in J Am Geriatr Soc.
35(1):78, January 1987.
139. Cecchetto G, Viel G, Cecchetto A, Kusstatscher S and Montisci M. Fatal splenic rupture
following Heimlich maneuver: case report and litera-ture review in The American
Journal of Forensic Medicine and Pathology. 32(2): 169171, 2011.
140. Chao CM, Lai CC and Tan CK. Gastric perforation after Heimlich maneuver in The
American Journal of Medicine. 125(6): e78, 2012.
141. Chapman J.H., Menapace F.J. and Howell R.R. Ruptured aortic valve cusp: a
complication of the Heimlich maneuver in Annals of Emergency Medicine. 12(7): 446
448, July 1983.
142. Chillag S, Krieg J and Bhargava R. The Heimlich Maneuver: Breaking Down the
Complications in Southern Medical Journal. 103(2): 147150, 2010.
143. Cowan M, Bardole J and Dlesk A. Perforated stomach following the Heim-lich
maneuver. In The American Journal of Emergency Medicine. 5(2): 121122, March
1987.
144. Croom DW. Rupture of stomach after attempted Heimlich maneuver in The Journal of
the American Medical Association. 250(19):26022603, 18 November 1983.
145. Day RL, Crelin ES and DuBois AB. Choking: the Heimlich abdominal thrust vs back
blows: an approach to measurement of inertial and aerodynamic forces in Pediatrics.
70(1): 113119, July 1982.
146. Desai SC, Chute DJ, Desai BC and Koloski ER. Traumatic dissection and rup-ture of the
abdominal aorta as a complication of the Heimlich maneuver in Journal of Vascular
Surgery. 48(5): 13251327, November 2008.
147. Drinka P. Broken ribs following CPR or the Heimlich maneuver in the
Journal of the American Medical Directors Association. 10(4): 283284, May 2009.
148. Dupre MW, Silva E and Brotman S. Traumatic rupture of the stomach sec-ondary to
Heimlich maneuver in The American Journal of Emergency Medicine. 11(6): 611612,
November 1993.
149. Fearing NM and Harrison PB. Complications of the Heimlich maneuver: case report and
literature review in The Journal of Trauma. 53(5): 978979, November 2002.
150. Feldman T, Mallon S.M., Bolooki H, Trohman R.G., Guzman P and Myerburg R.J. Fatal
acute aortic regurgitation in a person performing the Heimlich maneuver in N Engl J
Med. 315(25): 1613, 18 December 1986.
151. Gallardo A, Rosado R, Ramirez D, Medina P, Mezquita S and Sanchez J. Rup-ture of the
lesser gastric curvature after a Heimlich maneuver in Surgical Endoscopy. 17(9): 1495,
September 2003.

52.
155

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

152. Gordon AS, Belton MK and Ridolpho PF. Emergency management of foreign body
obstruction. In: Safar P, Elam JO, eds. Advances in cardiopulmonary resuscitation. New
York: Springer-Verlag; 3950, 1997
153. Guildner CW, Williams D and Subitch T. Airway obstructed by foreign material: the
Heimlich maneuver in JACEP. 5(9): 6757, September 1976.
154. Haynes DE, Haynes BE and Yong YV. Esophageal rupture complicating Heimlich
maneuver in The American Journal of Emergency Medicine. 2(6): 507509, November
1984.
155. Heimlich HJ. Pop goes the caf coronary in Emergency Medicine. 6(6): 154155, June
1974.
156. Heimlich HJ. A life-saving maneuver to prevent food-choking. The Journal of the
American Medical Association. 234(4): 398401, October 27 1975.
157. Heimlich HJ, Hoffmann KA and Canestri FR. Food-choking and drowning deaths
prevented by external subdiaphragmatic compression. Physiologi-cal basis in Ann Thorac
Surg. 20(2): 188195, August 1975.
158. Kirshner RL and Green RM. Acute thrombosis of abdominal aortic aneu-rysm
subsequent to Heimlich maneuver: a case report in Journal of Vascular Surgery. 2(4):
594596, July 1985.
159. Langhelle A, Sunde K, Wik L and Steen PA. Airway pressure with chest compressions
versus Heimlich manoeuvre in recently dead adults with complete airway obstruction in
Resuscitation. 44(2):1058, April 2000.
160. Lin PH, Bush RL and Lumsden AB. Proximal aortic stent-graft displacement with type I
endoleak due to Heimlich maneuver in Journal of Vascular Sur-gery. 38(2): 380382,
August 2003.
161. Mack L, Forbes TL and Harris KA. Acute aortic thrombosis following incor-rect
application of the Heimlich maneuver in Annals of Vascular Surgery. 16(1): 130133,
January 2002.
162. Majumdar A and Sedman PC. Gastric rupture secondary to successful Heimlich
manoeuvre in Postgraduate Medical Journal. 1998; 74(876):609610, 1 October 1998.
163. Martin TJ, Bobba RK, Metzger R, et al. Acute abdominal aortic thrombo-sis as a
complication of the Heimlich maneuver in J Am Geriatr Soc. 55(7): 11461147, July
2007.
164. Meredith MJ and Liebowitz R. Rupture of the esophagus caused by the Heimlich
maneuver in Annals of Emergency Medicine. 15(1): 106107, January 1986.
165. Passik CS, Ackermann DM, Piehler JM and Edwards WD. Traumatic rup-ture of
Ionescu-Shiley aortic valve after the Heimlich maneuver in Archives of Pathology and
Laboratory Medicine. 111(5): 469470, May 1987.
166. Razaboni RM, Brathwaite CE and Dwyer WA Jr. Ruptured jejunum follow-ing Heimlich
maneuver in The Journal of Emergency Medicine. 1986;4(2):9598.
167. Redding J.S. The choking controversy: critique of evidence on the Heimlich maneuver in
Crit Care Med. 7(10): 475479, October 1979.
168. Roehm EF, Twiest MW and Williams RC Jr. Abdominal aortic thrombosis in association
with an attempted Heimlich maneuver in The Journal of the American Medical
Association. 249(9): 11861187, March 4 1983.
169. Ruben H. and Macnaughton FI. The treatment of food-choking in Practi-tioner.
221(1325): 725729, November 1978.
170. Sanuki T, Sugioka S, Son H, Kishimoto N and Kotani J. Comparison of two methods for
abdominal thrust: a manikin study in Resuscitation. 80(4): 499 500, April 2009.
171. Skulberg A. Chest compression an alternative to the Heimlich manoeu-ver? in
Resuscitation. 24(1): 91, AugustSeptember 1992.
172. Soroudi A, Shipp HE, Stepanski BM, et al. Adult foreign body airway obstruction in the
prehospital setting in Prehosp Emerg Care. 11(1): 2529, JanuaryMarch 2007.

53.
156

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

173. Tung PH, Law S, Chu KM, Law WL and Wong J. Gastric rupture after Heimlich
maneuver and cardiopulmonary resuscitation in Hepato-gastroen-terology. 48(37): 109
111, JanuaryFebruary 2001.
174. Ujjin V, Ratanasit S and Nagendran T. Diaphragmatic hernia as a com-plication of the
Heimlich maneuver in International Surgery. 69(2): 175176, AprilJune 1984.
175. Valero V. Mesenteric laceration complicating a Heimlich maneuver in Annals of
Emergency Medicine. 15(1): 105106, January 1986.
176. Van der Ham AC and Lange JF. Traumatic rupture of the stomach after Heimlich
maneuver in The Journal of Emergency Medicine. 8(6): 713715, NovemberDecember
1990.
177. Visintine RE and Baick CH. Ruptured stomach after Heimlich maneuver in
The Journal of the American Medical Association. 234(4): 415, 27 October 1975.
178. Wolf DA. Heimlich trauma: a violent maneuver in The American Journal of Forensic
Medicine and Pathology. 22(1): 6567, March 2001.

Burns
179. Cuttle L, Kravchuk O, Wallis B and Kimble RM. An audit of first-aid treat-ment of
pediatric burns patients and their clinical outcome in J Burn Care Res. 30:10281034.
doi: 10.1097/BCR.0b013e3181bfb7d1, 2009.
180. Nguyen NL, Gun RT, Sparnon AL and Ryan P. The importance of immediate cooling a
case series of childhood burns in Vietnam in Burns. 28: 1736, 2002.
181. Skinner AM, Brown TL, Peat BG and Muller MJ. Reduced hospitalisation of burns
patients following a multi-media campaign that increased adequacy of first aid treatment
in Burns. 30: 825, 2004.
182. Sunder S and Bharat R. Industrial burns in Jamshedpur, India: epidemiol-ogy, prevention
and first aid in Burns. 24:444447, 1998.
183. Yava A, Koyuncu A, Tosun N and Kilic S. Effectiveness of local cold applica-tion on
skin burns and pain after transthroacic cardioversion in Emerg Med J. 29:544-9, 2012.
184. Wasiak J, Cleland H, Campbell F and Spinks A. Dressings for superficial and partial
thickness burns in Cochrane Database Syst Rev. 28, 2013.
185. Werner MU, Lassen B, Pedersen JL and Kehlet H. Local cooling does not prevent
hyperalgesia following burn injury in humans. Pain. 98:297303, 2002.
186. Swain AH, Azadian BS, Wakeley CJ and Shakespeare PG. Management of blisters in
minor burns. Br Med J (Clin Res Ed). 295(6591): 181, 1987.
187. Maenthaisong R, Chaiyakunapruk N, Niruntraporn S and Kongkaew C. The efficacy of
aloe vera used for burn wound healing: a systematic review in Burns. 33(6): 7138,
2007.
188. Jull AB, Rodgers A and Walker N. Honey as a topical treatment for wounds in Cochrane
Database Syst Rev. (4), 2008.

Bleeding
189. Evaluation of techniques for treating the bleeding wound, Sody Abby Naimera,b, Neville
Anatb, Gush Katif, Injury in Int. J. Care Injured. 35, 974-979, 2004.
190. American Red Cross Scientific Advisory Council, Question Response, Prior-itization of
First Aid Response to Severe Bleeding, 2013.
191. Arthurs Z, Cuadrado D, Beekley A, Grathwohl K, Perkins J, Rush R and Sebesta J. The
impact of hypothermia on trauma care at the 31st combat support hospital in Am J Surg.
191:610614, 2006.
192. Beilman GJ, Blondet JJ, Nelson TR, Nathens AB, Moore FA, Rhee P, Puyana JC, Moore
EE and Cohn SM. Early hypothermia in severely injured trauma

54.
157

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

patients is a significant risk factor for multiple organ dysfunction syn-drome but not
mortality in Ann Surg. 249:845850, 2009.
193. Bukur M, Hadjibashi AA, Ley EJ, Malinoski D, Singer M, Barmparas G, Mar-gulies D
and Salim A. Impact of prehospital hypothermia on transfusion requirements and
outcomes in J Trauma Acute Care Surg. 73(5): 1195-1201, 2012.
194. Ireland S, Endacott R, Cameron P, Fitzgerald M and Paul E. The incidence and
significance of accidental hypothermia in major trauma A prospec-tive observational
study in Resuscitation. 82:300306, 2011.
195. Martin RS, Kilgo PD, Miller PR, Hoth J, Meredith JW and Chang MC. Injury-associated
hypothermia: an analysis of the 2004 National Trauma Data Bank. Shock. 24(2):114
118, 2005.
196. Seekamp A, Ziegler M, Van Griensven M, Grotz M and Regel G. The role of
hypothermia in trauma patients in Eur J Emerg Med. 2:28-32, 1995
197. Shafi S, Elliott AC and Gentilello L. Is hypothermia simply marker of shock and injury
severity or an independent risk factor for mortality in trauma patients? Analysis of a large
National Trauma Registry in J Trauma. 56:1081-1085, 2005.
198. Sundberg J, Estrada C, Jenkins C, Ray J and Abramo T. Hypothermia is asso-ciated with
poor outcome in pediatric trauma patients in Am J Emerg Med. 29:10191022, 2011.
199. Thompson HJ, Kirkness CJ, and Mitchell PH. Hypothermia and rapid rewarming is
associated with worse outcome following traumatic brain injury in J Trauma Nurs.
17(4):173177, 2010.
200. Waibel BH, Durham CA, Newell MA, Schlitzkus LL, Sagraves SG and Rotondo MF.
Impact of hypothermia in the rural, pediatric trauma patient in Pediatr Crit Care Med.
11(2):199204, 2010.
201. Wang HE, Callaway CW, Peitzman AB. Admission hypothermia and out-come after
major trauma in Crit Care Med. 33:12961301, 2005.
202. Biancari F, DAndrea V, Di MC, Savino G, Tiozzo V and Catania A. Meta-analysis of
randomized trials on the efficacy of vascular closure devices after diagnostic
angiography and angioplasty in Am Heart J. 159:518-531, 2010.
203. Das R, Ahmed K, Athanasiou T, Morgan RA and Belli AM. Arterial closure devices
versus manual compression for femoral haemostasis in interven-tional radiological
procedures: a systematic review and meta-analysis in
Cardiovasc Intervent Radiol. 34:723738, 2010.
204. Markenson D, Ferguson JD, Chameides L, et al. Part 17: First aid: 2010 American Heart
Association and American Red Cross Guidelines for First Aid. Circulation. 122:S934
46, 2010.
205. Singletary Em, Zideman D, De Buck E, Chang Wt, Jensen J, Swain J, Woodin J,
Blanchard I, Herrington R, Pellegrino J, Hood N, Lojero L, Markenson D and Jun Yang
Hj. Part 9: First Aid: 2015 International Consensus On Car-diopulmonary Resuscitation
And Emergency Cardiovascular Care Science With Treatment Recommendations.
Circulation. In Press, 2015.

Concussion
206. Berry D, MacPherson A and Markenson D. on behalf of the American Red Cross
Scientific Advisory Council. Mild Traumatic Brain Injury (Concus-sion) Scientific
Review. June 2015.
207. Guskiewicz KM, Register-Mihalik J, McCrory P, McCrea M, Johnston K, Mak-dissi M,
Dvork J, Davis G and Meeuwisse W. Evidence-based approach to revising the SCAT2:
introducing the SCAT3. Br J Sports Med. 47:28993, 2013.
208. Thompson DO, Hurtado TR, Liao MM, Byyny RL, Gravitz C and Haukoos JS.
Validation of the simplified motor score in the out-of-hospital setting for

55.
158

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

209.
210.
211.

212.
213.
214.

215.

216.

217.

218.

the prediction of outcomes after traumatic brain injury in Ann Emerg Med.
58: 41725, 2011.
Centers for Disease Control and Prevention. Traumatic brain injury, 2011. Available at:
http://www.cdc.gov/traumaticbraininjury/
DeMatteo CA, Hanna SE, Mahoney WJ, et al. My child doesnt have a brain injury, he
only has a concussion in Pediatrics. 125(2): 327334, 2010.
Grubenhoff JA, Kirkwood M, Dexiang G, Deakyne S and Wathen J. Eval-uation of the
Standardized Assessment of Concussion in a Pediatric Emergency Department in
Pediatrics. 126(4): 688695, 2010.
Rathlev NK, Medzon R, Lowery D, et al. Intracranial pathology in elders with blunt head
trauma in Acad Emerg Med. 13(3): 302307, 2006.
Ropper AH and Gorson KC. Clinical practice. Concussion. N Engl J Med. 356(2): 166
172, 2007.
Sheedy J, Harvey E, Faux S, Geffen G and Shores EA. Emergency depart-ment
assessment of mild traumatic brain injury and the prediction of postconcussive
symptoms: a 3-month prospective study in Journal of Head Trauma Rehabilitation.
24(5): 333343, 2009.
Kennedy JE, Jaffee MS, Leskin GA, Stokes JW, Leal FO and Fitzpatrick PJ.
Posttraumatic stress disorder and posttraumatic stress disorder-like symp-toms and mild
traumatic brain injury in Journal of Rehabilitation Research and Development. 44(7):
895919, 2007.
Guskiewicz KM, Bruce SL, Cantu RC, et al. National Athletic Trainers Asso-ciation
position statement: management of sport-related concussion in J Athl Train. 39(3): 280
297,
2004.
Available
at:
http://www.nata.org/sites/
default/files/MgmtOfSportRelatedConcussion.pdf
McCrory P, Meeuwisse W, Johnston K, et al. Consensus statement on con-cussion in
sport: the 3rd International Conference on Concussion in Sport held in Zurich, November
2008 in J Athl Train. 44(4): 434448, 2009.
Bell KR, Hoffman JM, Temkin NR, et al. The effect of telephone counsel-ling on
reducing post-traumatic symptoms after mild traumatic brain injury: a randomised trial in
J Neurol Neurosurg Psychiatry. 79(11): 12751281, 2008.

219. Department of Veterans Affairs and Department of Defense. VA/DOD clinical practice
guideline for management of concussion/mild traumatic brain injury. 2009. Available at:
http://www .healthquality.va.gov/mtbi/ concussion_mtbi_full_1_0.pdf
220. Snell FI and Halter MJ. A signature wound of war: mild traumatic brain injury in J
Psychosoc Nurs Ment Health Serv. 48(2): 2228, 2010.
221. Belanger HG, Uomoto JM and Vanderploeg RD. The Veterans Health Admin-istrations
(Polytrauma System of Care for mild traumatic brain injury: costs, benefits, and
controversies in J Head Trauma Rehabil. 24(1): 413, 2009.
222. Thompson JM, Scott KC and Dubinsky L. Battlefield brain: unexplained symptoms and
blast-related mild traumatic brain injury in Can Fam Physi-cian. 54(11): 15491551,
2008.
223. Ivins BJ, Crowley JS, Johnson J, Warden DL and Schwab KA. Traumatic brain injury
risk while parachuting: comparison of the personnel armor system for ground troops
helmet and the advanced combat helmet in Military Medi-cine. 173(12): 11681172,
2008.
224. Polito MZ, Thompson JW and DeFina PA. A review of the International Brain Research
Foundation novel approach to mild traumatic brain injury presented at the International
Conference on Behavioral Health and Trau-matic Brain Injury in J Am Acad Nurse
Pract. 22(9): 504509, 2010.
225. Maruta J, Lee SW, Jacobs EF and Ghajar J. A unified science of concussion in Ann N Y
Acad Sci. 1208:5866, 2010.
226. Gennarelli T. Mechanisms of brain injury in J Emerg Med. 11(suppl 1): 511, 1993.
227.

159

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

227. Beckwith JG, Chu JJ and Greenwald RM. Validation of a noninvasive sys-tem for
measuring head acceleration for use during boxing competition in J Appl Biomech. 23(3):
238244, 2007.
228. Lau B, Lovell MR, Collins MW and Pardini J. Neurocognitive and symp-tom predictors
of recovery in high school athletes in Clin J Sport Med. 19(3): 216221, 2009.
229. Petchprapai N and Winkelman C. Mild traumatic brain injury: determi-nants and
subsequent quality of life. A review of the literature in J Neurosci Nurs. 39(5): 260272,
October 2007.
230. Broglio SP and Puetz TW. The effect of sport concussion on neurocognitive function,
self-report symptoms and postural control: a meta-analysis in Sports Medicine. 38(1):
5367, 2008.
231. Valovich McLeod TC, Barr WB, McCrea M and Guskiewicz KM. Psychomet-ric and
measurement properties of concussion assessment tools in youth sports in J Athl Train.
41(4): 399408, 2006.
232. Coghlin CJ, Myles BD, Howitt SD. The ability of parents to accurately report concussion
occurrence in their Bantam-aged minor hockey league chil-dren. J Can Chiropr Assoc.
53(4):233250, 2009.
233. Centers for Disease Control and Prevention. Heads Up: Brain Injury in Your Practice.
Atlanta, GA: U.S. Department of Health and Human Services; 2007.
234. Coronado VG, Xu L, Basavaraju SV, et al. Surveillance for traumatic brain injury-related
deaths United States, 19972007. MMWR. 60(5):132, 2011.
235. Ptito A, Chen JK and Johnston KM Contributions of functional magnetic resonance
imaging (fMRI) to sport concussion evaluation in Neuro Rehab. 22(3): 217227, 2007.
236. Mosenthal AC, Livingston DH, Lavery RF, et al. The effect of age on functional
outcome in mild traumatic brain injury: 6-month report of a prospective multicenter trial
in J Trauma. 56(5): 10421048, May 2004.
237. Levin HS, Hanten G, Roberson G, et al. Prediction of cognitive sequelae based on
abnormal computed tomography findings in children following mild traumatic brain
injury in J Neurosurg Pediatr. 1(6): 461470, 2008.
238. Ruff R.M. and Jurica P. In search of a unified definition for mild traumatic brain injury.
Brain Inj. 13(12): 943952, December 1999.
239. Hettich T, Whitfield E, Kratz K and Frament C. Case report: use of the Immediate Post
Concussion Assessment and Cognitive Testing (ImPACT) to assist with return to duty
determination of special operations soldiers who sustained mild traumatic brain injury in
J Spec Oper Med. 10(4): 4855, Fall 2010.
240. American Congress on Rehabilitation Medicine. Definition of mild trau-matic brain
injury in J Head Trauma Rehabil. 1993(8): 3, 1993.
241. Holm L, Cassidy JD, Carroll LJ and Borg J. Summary of the WHO Collaborat-ing
Centre for Neurotrauma Task Force on Mild Traumatic Brain Injury in J Rehabil Med.
37(3):137141, 2005.
242. Leddy JJ, Baker JG, Kozlowski K, Bisson L and Willer B. Reliability of a Graded
Exercise Test for Assessing Recovery From Concussion in Clin J Sport Med. 21(2):89
94, 2011.
243. Broglio SP, Ferrara MS, Sopiarz K and Kelly MS. Reliable change of the Sen-sory
Organization Test in Clin J Sport Med. 18(2): 148154, 2008.
244. Brown CN. Guskiewicz KM. and Bleiberg J. Athlete characteristics and outcome scores
for computerized neuropsychological assessment: a pre-liminary analysis in J Athl Train.
42(4):515523, 2007.
245. Makdissi M, Collie A, Maruff P, et al. Computerised cognitive assessment of concussed
Australian Rules footballers in Br J Sports Med. 35(5): 354360, 2001.

228.
160

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

246. Makdissi M, McCrory P, Ugoni A, Darby D and Brukner P. A prospective study of


postconcussive outcomes after return to play in Australian foot-ball in Am J Sports Med.
37(5): 877883, 2009.
247. Pinchefsky E. Pediatr Neurol. 52(3):263269, March 2015. doi: 10.1016/j.pediatrneurol. 2014.10.013. E-publication published on 16 October 2014.
248. Terrell TR. Sports Concussion Management: part II in South Med J. 107(2): 12635,
February 2014. doi: 10.1097/SMJ.0000000000000064.
249. Terrell TR. Sports concussion management: part I in South Med J. 107(2): 11525.
February 2014 doi: 10.1097/SMJ.0000000000000063.
250. Garcia-Rodriguez JA. Office management of mild head injury in children and
adolescents in Can Fam Physician. 60(6): 52331, e294303. June 2014.
251. Karr JE. The neuropsychological outcomes of concussion: a systematic review of metaanalyses on the cognitive sequel of mild traumatic brain injury. Neuropsychology. 28(3):
32136, May 2014. doi: 10.1037/neu0000037. E-publication published on 11 November
2013.
252. Guskiewicz KM. Evidence-based approach to revising the SCAT2: introduc-ing the
SCAT3 in Br J Sports Med. 47(5): 28993, April 2013. doi: 10.1136/ bjsports-2013092225.
253. Putukian M. Onfield Assessment of concussion in the adult athlete in Br J Sports Med.
47(5): 2858, April 2013. doi: 10.1136/bjsports-2013-092158.
254. McCrory P. What is the lowest threshold to make a diagnosis of concussion? In Br J
Sports Med. 47(5): 26871, April 2013. doi: 10.1136/bjsports-2013-092247.
255. Murphy A. Concussion evaluation methods among Washington State high school
football coaches and athletic trainers. 4(6): 41926, June 2012. doi:
10.1016/j.pmrj.2012.03.013.
256. Harmon KG. American Medical Society for Sports Medicine position state-ment:
concussion in sport in Br J Sports Med. 47(1): 1526, January 2013. doi:
10.1136/bjsports-2012-091941.
257. Krol AL. Assessment of symptoms in a concussion management pro-gramme: method
influences
outcome
in
Brain
Inj.
25(1314):
13005,
2011.
doi:
10.3109/02699052.2011.624571.
258. Bay E. Mild traumatic brain injury: a midwest survey about the assess-ment and
documentation practices of emergency department nurses. in Adv Emerg Nurs J. 33(1):
7183, JanuaryMarch 2011. doi: 10.1097/ TME.0b013e318207e851.
259. Ma R. Sports-related concussion: assessment and management in J Bone Joint Surg Am.
94(17): 161827, 5 September 2012.

Cervical spinal motion restriction


260. Schimelpfenig T, Chung S, MacPherson A and Markenson D. Spinal Motion Restriction.
American Red Cross Scientific Advisory Council, June 2015.
261. American Red Cross and American Heart Association. First Aid Guidelines. October
2010.
262. Askins V and Eismont F.J. Efficacy of five cervical orthoses in restricting cervical
motion. A comparison study. Spine (Phila Pa 1976). 22:11931198, 1997.
263. Ben-Galim P, Dreiangel N, Mattox K.L., Reitman C.A., Kalantar S.B. and Hipp J.A.
Extrication collars can result in abnormal separation between vertebrae in the presence of
a
dissociative
injury
in
J
Trauma.
69:447450,
2010.
doi:
10.1097/TA.0b013e3181be785a.
264. Bednar DA. Efficacy of orthotic immobilization of the unstable subaxial cervical spine of
the elderly patient: investigation in a cadaver model in Can J Surg. 47:251256, 2004.
265. Bohlman HH. Acute fractures and dislocations of the cervical spine. An analysis of three
hundred hospitalized patients and review of the litera-ture in J Bone Joint Surg Am.
61:1119 1142, 1979.

229.
161

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

266. Burl MM. Effectiveness of cervical collars in limiting movement Physio-therapy.


77:308310, 1991.
267. Cline JR, Scheidel E and Bigsby EF. A comparison of methods of cervi-cal
immobilization used in patient extrication and transport in J Trauma. 25:649653, 1985.
268. Conrad BP, Rechtine G, Weight M, Clarke J and Horodyski M. Motion in the unstable
cervical spine during hospital bed transfers in J Trauma. 69:432-436, 2010. doi:
10.1097/TA.0b013e3181e89f58.
269. Crosby ET. Tracheal intubation in the cervical spine-injured patient in Can J Anaesth.
39:105109, 1992.
270. Davies G, Deakin C and Wilson A. The effect of a rigid collar on intracra-nial pressure.
Injury. 27:647649, 1996.
271. Del Rossi G, Heffernan TP, Horodyski M and Rechtine GR. The effectiveness of
extrication collars tested during the execution of spineboard transfer techniques. In Spine
J. 4:619623, 2014. doi: 10.1016/j. spinee.2004.06.018.
272. DiPaola MJ, DiPaola CP, Conrad BP, Horodyski M, Del Rossi G, Sawers A, Bloch D
and Rechtine GR 2nd. Cervical spine motion in manual versus Jackson table turning
methods in a cadaveric global instability model in J Spinal Disord Tech. 21:273280,
2008. doi: 10.1097/BSD.0b013e31811513a4.
273. Dodd FM, Simon E, McKeown D and Patrick MR. The effect of a cervical collar on the
tidal volume of anaesthetised adult patients in Anaesthesia. 50:961963, 1995.
274. Domeier RM, Evans RW, Swor RA, Hancock JB, Fales W, Krohmer J, Fred-eriksen SM,
and Shork MA. The reliability of prehospital clinical evaluation for potential spinal
injury is not affected by the mechanism of injury in
Prehosp Emerg Care. 3:332337, 1999.
275. Evans NR, Hooper G, Edwards R, Whatling G, Sparkes V, Holt C and Ahuja S. A 3D
motion analysis study comparing the effectiveness of cervical spine orthoses at
restricting spinal motion through physiological ranges in Eur Spine J. 22 Suppl 1:S10
S15, 2013. doi: 10.1007/s00586-012-2641-0.
276. Fisher SV, Bowar JF, Awad EA and Gullickson G Jr. Cervical orthoses effect on cervical
spine motion: roentgenographic and goniometric method of study in Arch Phys Med
Rehabil. 58:109115, 1997.
277. Gavin TM, Carandang G, Havey R, Flanagan P, Ghanayem A and Pat-wardhan AG.
Biomechanical analysis of cervical orthoses in flexion and extension: a comparison of
cervical collars and cervical thoracic orthoses in J Rehabil Res Dev. 40:527537, 2003.
278. Horodyski M, DiPaola CP, Conrad BP and Rechtine GR 2nd. Cervical col-lars are
insufficient for immobilizing an unstable cervical spine injury in J Emerg Med. 41:513
519, 2011. doi: 10.1016/j.jemermed.2011.02.001.
279. Hamilton RS and Pons PT. The efficacy and comfort of full-body vac-uum splints for
cervical-spine immobilization in J Emerg Med. 14:553559, 1996.
280. Hauswald M, Ong G, Tandberg D and Omar Z. Out-of-hospital spinal immo-bilization:
Its effect on neurologic injury in Acad Emerg Med. 5:214 219, 1998.
281. Hoffman JR, Mower WR, Wolfson AB, Todd KH and Zucker MI.. National Emergency
X-Radiography Utilization Study Group. Validity of a set of clin-ical criteria to rule out
injury to the cervical spine in patients with blunt trauma in N Engl J Med. 343:9499,
2000.
282. Hughes SJ. How effective is the Newport/Aspen collar? A prospective radi-ographic
evaluation in healthy adult volunteers in J Trauma. 45:374378, 1998.
283. Hunt K, Hallworth S and Smith M. The effects of rigid collar placement on intracranial
and cerebral perfusion pressures in Anaesthesia. 56:511513, 2001.

230.
162

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

284. Kwan I, Bunn F and Roberts IG. Spinal immobilisation for trauma patients (review). The
Cochrane Library, 2009.
285. Kolb JC, Summers RL and Galli RL. Cervical collar-induced changes in intracranial
pressure in Am J Emerg Med. 17:135137, 1999.
286. Lin HL, Lee WC, Chen CW, Lin TY, Cheng YC, Yeh YS, Lin YK and Kuo LC. Neck
collar used in treatment of victims of urban motorcycle acci-dents: over- or underprotection? in Am J Emerg Med. 29:10281033, 2011. doi: 10.1016/j.ajem.2010.06.003.
287. Mobbs RJ, Stoodley MA and Fuller J. Effect of cervical hard collar on intrac-ranial
pressure after head injury in ANZ J Surg. 72:389391, 2002.
288. Panacek EA, Mower WR, Holmes JF and Hoffman JR. Test performance of the
individual NEXUS low-risk clinical screening criteria for cervical spine injury in Ann
Emerg Med. 38:2225, 2001.
289. Pieretti-Vanmarcke R, Velmahos GC, Nance ML, Islam S, Falcone RA Jr, Wales PW,
Brown RL, Gaines BA, McKenna C, Moore FO, Goslar PW, Inaba K, Barmparas G,
Scaife ER, Metzger RR, Brockmeyer DL, Upperman JS, Estrada J, Lanning DA,
Rasmussen SK, Danielson PD, Hirsh MP, Consani HF, Stylianos S, Pineda C, Norwood
SH, Bruch SW, Drongowski R, Barraco RD, Pasquale MD, Hussain F, Hirsch EF,
McNeely PD, Fallat ME, Foley DS, Iocono JA, Bennett HM, Waxman K, Kam K,
Bakhos L, Petrovick L, Chang Y and Masiakos PT. Clinical clearance of the cervical
spine in blunt trauma patients younger than 3 years: a multi-center study of the American
Asso-ciation for the Surgery of Trauma in J Trauma. 67:543549, 2009.
290. Podolsky S, Baraff LJ, Simon RR, Hoffman JR, Larmon B and Ablon W. Effi-cacy of
cervical spine immobilization methods in J Trauma. 23:461465, 1983.
291. Raphael JH and Chotai R. Effects of the cervical collar on cerebrospinal fluid pressure in
Anaesthesia. 49:437439, 1994.
292. Richter D, Latta LL, Milne EL, Varkarakis GM, Biedermann L, Ekkernkamp A and
Ostermann PA. The stabilizing effects of different orthoses in the intact and unstable
upper cervical spine: a cadaver study in J Trauma. 50:848854, 2001.
293. Rosen PB, McSwain NE Jr, Arata M, Stahl S and Mercer D. Comparison of two new
immobilization collars in Ann Emerg Med. 21:11891195, 1992.
294. Sandler AJ, Dvorak J, Humke T, Grob D and Daniels W. The effectiveness of various
cervical orthoses. An in vivo comparison of the mechanical stability provided by several
widely used models. Spine (Phila Pa 1976). 21:16241629, 1996.
295. Stiell IG, Wells GA, Vandemheen KL, Clement CM, Lesiuk H, De Maio VJ, Laupacis
A, Schull M, McKnight RD, Verbeek R, Brison R, Cass D, Dreyer J, Eisenhauer MA,
Greenberg GH, MacPhail I, Morrison L, Reardon M and Worthington J. The Canadian
C-spine rule for radiography in alert and sta-ble trauma patients in JAMA. 286:1841
1848, 2001.
296. Stone MB, Tubridy CM and Curran R. The effect of rigid cervical collars on internal
jugular vein dimensions in Acad Emerg Med. 17:100102, 2010. doi: 10.1111/j.15532712.2009.00624.x.
297. Sundstrm T, Asbjrnsen H, Habiba S, Sunde GA and Wester K. Preshospital use of
cervical collars in trauma patients: a critical review in J Neurotrauma. 31:53140, 2014.
298. Sundheim SM, and Cruz M. The evidence for spinal immobilization: An estimate of the
magnitude of the treatment benefit in Ann Emerg Med. 48:217218, 2006; author reply
218219.
299. Tescher AN, Rindflesch AB, Youdas JW, Jacobson TM, Downer LL, Miers AG, Basford
JR, Cullinane DC, Stevens SR, Pankratz VS and Decker PA. Range-of-motion restriction
and craniofacial tissue-interface pressure

231.
163

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

from four cervical collars in J Trauma. 63:11201126, 2007. doi: 10.1097/


TA.0b013e3180487d0f.
300. Treloar DJ and Nypaver M. Angulation of the pediatric cervical spine with and without
cervical collar in Pediatr Emerg Care. 13:58, 1997.
301. Touger M, Gennis P, Nathanson N, Lowery DW, Pollack CV Jr, Hoffman JR and Mower
WR. Validity of a decision rule to reduce cervical spine radiog-raphy in elderly patients
with blunt trauma in Ann Emerg Med. 40:287293, 2002.
302. Viccellio P, Simon H, Pressman BD, Shah MN, Mower WR and Hoffman JR. A
prospective multicenter study of cervical spine injury in children in Pediatrics. 108:E20,
2001.
303. Zhang S, Wortley M, Clowers K and Krusenklaus JH. Evaluation of efficacy and 3D
kinematic characteristics of cervical orthoses in Clin Biomech, Bris-tol, Avon. 20:264
269, 2005. doi: 10.1016/j.clinbiomech.2004.09.015.

Chest and abdomen Injuries


304. Ayling J. An open question. Emerg Med Serv., 2004; 33:44.
305. Brooks SC, Potter BT and Rainey JB. Treatment for partial tears of the lat-eral ligament
of the ankle: a prospective trial. Br Med J 1981; 282:606-607
306. Linde F, Hvass I, Jrgensen U, Madsen F. Scand J Rehad Med. 16:177179, 1984.
307. OConnor G and Martin AJ. Acute ankle sprain: is there a best support? In Eur J Emerg
Med. 15:225230, 2011.
308. Rucinski TJ, Hooker DN, Prentice WE, Shields EW and Cot-Murray DJ. The effects of
Intermittent Compression on Edema in Postacute Ankle Sprains in JOSPT. 14(2):6569,
1991.
309. Thorsson O, Lilja B, Nilsson P and Westlin N. Immediate external compres-sion in the
management of an acute muscle injury in Scand J Med Sci Sports. 7:182190, 1997.
310. Watts BL and Armstrong B. A randomized controlled trial to determine the effectiveness
of double Tubigrip in grade 1 and 2 (mild to moderate) ankle sprains in Emerg Med J.
18:4650, 2001.
311. Basur RL, ShephardE and Mouzas GL. A cooling method in the treatment of ankle
sprains in Practioner. 216(1296):70811, 1976.
312. Bleakley CM, McDonough SM, MacAuley DC and Bjordal J. Cryotherapy for acute
ankle sprains: a randomized controlled study of two different icing protocols in Br J
Sports Med. 40(8): 7005, 2006.
313. Cot DJ, Prentice WE Jr, Hooker DN and Shields EW. Comparison of Three Treatment
Procedures for Minimizing Ankle Sprain Swelling in Phys Ther. 68:10721076, 1988.
314. Garra G, Singer AJ, Leno R, Taira BR, Gupta N, Mathaikutty B and Thode HJ. Heat or
cold packs for neck and back strain: a randomized controlled trial of efficacy in Acad
Emerg Med. 17(5): 4849, 2010.
315. Hocutt JE Jr, Jaffe R, Rylander CR and Beebe JK. Cryotherapy in ankle sprains in Am J
Sports Med. 10(5): 316319, 1982.
316. Laba E and Roestenburg M. Clinical evaluation of ice therapy for acute ankle sprain
injuries in New Zealand Journal of Physiotherapy. 17(2): 79, 1989.
317. Prins JC, Stubbe JH, van Meeteren NL, Scheffers FA and van Dongen MC. Feasibility
and preliminary effectiveness of ice therapy in patients with an acute tear in the
gastrocnemius muscle: a pilot randomized controlled trial in Clin Rehabil. 25(5): 43341,
2011.
318. Sloan JP, Hain R and Pownall R. Clinical benefits of early cold therapy in accident and
emergency following ankle sprain in Arch Emerg Med. 6(1): 16, 1989.
319. Van den Bekerom MP, Struijs PA, Blankevoort L, Welling L, van Dijk CN and
Kerkhoffs GM. What is the evidence for rest, ice, compression, and

232.
164

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

elevation in the treatment of ankle sprains in adults? in J Athl Train. 47(4): 43543,
2012.

Wounds and abrasions


320. Angeras MH, Brandberg A, Falk A and Seeman T. Comparison between sterile saline
and tap water for the cleaning of acute traumatic soft tissue wounds in European Journal
of Surgery. 158(6-7): 34750, 1992.
321. Bansal BC, Wiebe RA, Perkins SD and Abramo TJ. Tap water for irrigation of
lacerations in Am J Emerg Med. 20(5): 46972, 2002.
322. Godinez FS, Grant-Levy TR, McGuirk TD, Letterle S, Eich M and OMalley GF.
Comparison of normal saline vs tap water for irrigation of minor lacer-ations in the
emergency department in Academic Emergency Medicine. 19(5): 3967, 2002.
323. Griffiths RD, Fernandez RS and Ussia CA. Is tap water a safe alternative to normal
saline for wound irrigation in the community setting in Journal of Wound Care. 10(10):
40711, 2001.
324. Moscati RM, Mayrose J, Reardon RF, Janicke DM and Jehle DV. A multicentre
comparison of tap water versus sterile saline for wound irrigation in Aca-demic
Emergency Medicine. 14:40410, 2007.
325. Valente JH, Forti RJ, Freundlich LF, Zandieh SO and Crain EF. Wound irri-gation in
children: saline solution or tap water? in Annals of Emergency Medicine. 41:60916,
2003.

Dental avulsion
326. Ahangari Z et al. The effect of propolis as a biological storage media on periodontal
ligament cell survival in an avulsed tooth: an in vitro study. 2013.
327. Andreasen JO, Borum MK, Jacobsen HL and Andreasen FM. Replantation of 400
avulsed permanent incisors. 2. Factors related to pulpal healing. 1995.
328. Andreasen JO, Borum MK, Jacobsen HL and Andreasen FM. Replantation of 400
avulsed permanent incisors. 4. Factors related to periodontal ligament healing. 1995.
329. Caglar E, Sandalli N, Kuscu OO, Durhan MA, Pisiriciler R, Caliskan EA and Kargul B.
Viability of fibroblasts in a novel probiotic storage media. 2010.
330. Chen H and Huang B. Epigallocatechin-3-gallate: a novel storage medium for avulsed
teeth. 2012.
331. Doyle DL, Dumsha TC and Sydiskis RJ. Effect of soaking in Hanks balanced salt
solution or milk on PDL cell viability of dry stored human teeth. 1998.
332. Gopikrishna V, Thomas T and Kandaswamy D. A quantitative analysis of coconut water:
a new storage media for avulsed teeth. 2008.
333. Khademi AA, Saei S, Mohajeri MR, Mirkheshti N, Ghassami F, Torabi nN and Alavi
SA. A new storage medium for an avulsed tooth. 2008.
334. Lekic PC, Kenny DJ and Barrett EJ. The influence of storage conditions on the
clonogenic capacity of periodontal ligament cells: implications for tooth replantation.
1998.
335. Martin MP and Pileggi R. A quantitative analysis of Propolis: a promising new storage
media following avulsion. 2004.
336. Patil S, Dumsha TC and Sydiskis RJ. Determining periodontal ligament (PDL) cell
vitality from exarticulated teeth stored in saline or milk using fluorescein diacetate. 1994.
337. Pileggi R, Dumsha TC and Nor JE. Assessment of post-traumatic PDL cells viability by
a novel collagenase assay. 2002.
338. Rajendran P, Varghese NO, Varughese JM and Murugaian E. Evaluation, using extracted
human teeth, of Ricetral as a storage medium for avul-sions an in vitro study. 2011.

233.
165

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

339. Werder P. Treatment outcome of 42 replanted permanent incisors with a median followup of 2,8 years. 2011.
340. Homan CS, Maitra SR, Lane BP and Geller ER. Effective treatment of acute alkali injury
of the rat esophagus with early saline dilution therapy in Ann Emerg Med. 22(2): 178
182, 1993.
341. Homan CS, Maitra SR, Lane BP, Thode HC and Sable M. Therapeutic effects of water
and milk for acute alkali injury of the esophagus in Ann Emerg Med. 24(1): 1420, 1994
342. Homan CS, Maitra SR, Lane BP, Thode HC Jr and Davidson L. Histopatho-logic
evaluation of the therapeutic efficacy of water and milk dilution for esophageal acid
injury in Acad Emerg Med. 2(7): 587591, 1995.
343. Homan CS, Singer AJ, Thomajan C, Henry MC and Thode HC Jr. Thermal
characteristics of neutralization therapy and water dilution for strong acid ingestion: an
in-vivo canine model. Acad Emerg Med. 5(4): 286292, 1998.
344. Kompa S, Redbrake C, Hilgers C, Wustemeyer H, Schrage N and Remky A. Effect of
different irrigating solutions on aqueous humour pH changes, intraocular pressure and
histological findings after induced alkali burns in
Acta Ophthalmol Scand. 83:467470, 2005.
345. Maull KI, Osmand AP and Maull CD. Liquid caustic ingestions: an in vitro study of the
effects of buffer, neutralization, and dilution in Ann Emerg Med. 14(12): 11601162,
1985.

Frostbite
346. Arthurs Z, Cuadrado D, Beekley A, Grathwohl K, Perkins J, Rush R and
Sebesta J. The impact of hypothermia on trauma care at the 31 st combat support hospital
in Am J Surg. 191:610614, 2006.
347. Beilman GJ, Blondet JJ, Nelson TR, Nathens AB, Moore FA, Rhee P, Puyana JC, Moore
EE and Cohn SM. Early hypothermia in severely injured trauma patients is a significant
risk factor for multiple organ dysfunction syn-drome but not mortality in Ann Surg.
249:845850, 2009.
348. Bukur M, Hadjibashi AA, Ley EJ, Malinoski D, Singer M, Barmparas G, Mar-gulies D
and Salim A. Impact of prehospital hypothermia on transfusion requirements and
outcomes in J Trauma Acute Care Surg. 73(5): 11951201, 2012.
349. Ireland S, Endacott R, Cameron P, Fitzgerald M and Paul E. The incidence and
significance of accidental hypothermia in major trauma A prospec-tive observational
study in Resuscitation. 82:300306, 2011.
350. Martin RS, Kilgo PD, Miller PR, Hoth J, Meredith JW and Chang MC. Injury-associated
hypothermia: an analysis of the 2004 National Trauma Data Bank in Shock. 24(2): 114
118, 2005.
351. Seekamp A, Ziegler M, Van Griensven M, Grotz M and Regel G. The role of
hypothermia in trauma patients in Eur J Emerg Med. 2:2832, 1995.
352. Shafi S, Elliott AC and Gentilello L. Is hypothermia simply marker of shock and injury
severity or an independent risk factor for mortality in trauma patients? Analysis of a large
National Trauma Registry in J Trauma. 56:1081 1085, 2005.
353. Sundberg J, Estrada C, Jenkins C, Ray J and Abramo T. Hypothermia is asso-ciated with
poor outcome in pediatric trauma patients in Am J Emerg Med. 29:1019-1022, 2011.
354. Thompson HJ, Kirkness CJ and Mitchell PH. Hypothermia and rapid rewarming is
associated with worse outcome following traumatic brain injury in J Trauma Nurs. 17(4):
173177, 2010.
355. Waibel BH, Durham CA, Newell MA, Schlitzkus LL, Sagraves SG and Rotondo MF.
Impact of hypothermia in the rural, pediatric trauma patient in Pediatr Crit Care Med.
11(2): 199204, 2010.

234.
166

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

356. Wang HE, Callaway CW and Peitzman AB. Admission hypothermia and outcome after
major trauma in Crit Care Med. 33:12961301, 2005.
357. Markenson D, Ferguson JD, Chameides L, et al. Part 17: First aid: 2010 American Heart
Association and American Red Cross Guidelines for First Aid in Circulation. 122:S934
46, 2010.

Health problems caused by high altitude


358. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003205.htm
359. Brtsch P(1), Baumgartner RW, Waber U, Maggiorini M, Oelz O.Brtsch P, Merki B,
and Hofstetter D. Maggiorini Comparison of carbon-dioxide-enriched, oxygen-enriched,
and normal air in treatment of acute mountain sickness in Lancet. 336(8718): 7725, 29
September 1990.
360. M, Kayser B and Oelz O. Treatment of acute mountain sickness by simu-lated descent: a
randomized controlled trial in BMJ. 306:1098101, 1993.

Radiation emergencies
361. IAEA. Diagnosis and treatment of radioactive material. 1998. Available at: http://wwwpub.iaea.org/MTCD/publications/PDF/P040_scr.pdf
362. Augustin Bauling. National Advisor on Nuclear, radiologic, biologic and chemicals risks
prevention. French Red Cross.

Animal bites
363. Callaham ML. Treatment of common dog bites: infection risk factors in JACEP. 7(3):83
87, 1978.
364. Dean DJ, Baer GM and Thompson WR. Studies on the local treatment of rabies-infected
wounds. Bull World Health Organ. 28(4): 477486, 1963.
365. Kaplan MM, Cohen D, Koprowski H, Dean D and Ferrigan L. Studies on the local
treatment of wounds for the prevention of rabies. Bull World Health Organ. 26:765775,
1962.

Suction
366. Alberts MB, Shalit M and LoGalbo F. Suction for venomous snakebite: a study of mock
venom extraction in a human model in Ann Emerg Med. 43(2): 181186, 2004.
367. Bush SP, Hegewald KG, Green SM, Cardwell MD and Hayes WK. Effects of a negative
pressure venom extraction device (Extractor) on local tissue injury after artificial
rattlesnake envenomation in a porcine model in Wil-derness Environ Med. 11(3): 180
188, 2000.
368. Holstege CP and Singletary EM. Images in emergency medicine. Skin dam-age
following application of suction device for snakebite in Ann Emerg Med. 48(1): 105, 113,
2006.
369. Lawrence WT, Giannopoulos A and Hansen A. Pit viper bites: rational man-agement in
locales in which copperheads and cottonmouths predominate in Ann Plast Surg.
36(3):276285, 1996.
370. Leopold RS and Huber GS. Ineffectiveness of suction in removing snake venom from
open wounds in U S Armed Forces Med J. 11:682685, 1960.
371. Michael GC, Thacher TD and Shehu MIL. The effect of pre-hospital care for venomous
snakebite on outcome in Nigeria in Trans R Trop Med Hyg. 105:95101, 2011.

Compression or pressure immobilization


372. Anker RL, Straffon WG, Loiselle DS and Anker KM. Regarding the update of mock
venom in humans. Comparison of three first-aid treatments in Med J Aust. 1; 212-214,
1982.

167

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

373. Anker RL, Straffon WG, Loiselle DS and Anker KM. Comparison of the three first-aid
methods designed to delay uptake of mock venom in Aust Fam Phy. 12(5): 365-367,
1983.
374. Bush SP, Green SM, Laack TA, Hayes WK, Cardwell MD and Tanen DA. Pres-sure
immobilization delays mortality and increases intracompartmental pressure after artificial
intramuscular rattlesnake envenomation in a por-cine model in Ann Emerg Med. 44(6):
599604, 2004.
375. Canale E, Isbister GK and Currie BJ. Investigating the pressure bandaging for snakebite
in a simulated setting: Bandage type, training and the effect of transport in Emerg Med
Aust. 21:184190, 2009.
376. German BT, Hack JB, Brewer K and Meggs WJ. Pressure-immobilization bandages
delay toxicity in a porcine model of eastern coral snake (Micru-rus fulvius fulvius)
envenomation in Ann Emerg Med. 45(6): 603608, 2005.
377. Howarth DM, Southee AE and Whyte IM. Lymphatic flow rates and first-aid in
simulated peripheral snake or spider envenomation in Med J Aust. 161(11-12): 695700,
1994.
378. Norris RL, Ngo J, Nolan K and Hooker G. Physicians and laypeople are unable to apply
pressure immobilization properly in a simulated snakebite scenario in Wilderness
Environ Med. 16(1):1621, 2005.
379. Tun-Pe, Muang-Muang-Thwin, Myint-Myint-Than, Aye-Aye-Myint, Kyaw-Myint and
Thein Than. The efficacy of compression immobilization technique in retarding spread of
radio-labelled Russells viper venom in Rhesus monkeys and mock venom Na131 in
human volunteers in South-east Asian J Trop Med Public Health. 25(2): 349 353, 1994.
380. Simpson ID, Tanwar PD, Andrade C, Kochar DK and Norris RL. The Ebb-inghaus
retention curve: training does not increase the ability to apply pressure immobilisation in
simulated snake biteimplications for snake bite first aid in the developing world in
Trans R Soc Trop Med Hyg. 102(5): 451459, 2008.
381. Sutherland SK, Coulter AR and Harris RD. Rationalisation of first-aid meas-ures for
elapid snakebite in Lancet. 1(8109): 183185, 1979.

Elevation
382. Burch JM, Agarwal R, Mattox KL, Feliciano DV and Jordan GL Jr. The treat-ment of
crotalid envenomation without antivenin in J Trauma. 28(1): 3543, 1988.
383. Campbell BT, Corsi JM, Boneti C, Jackson RJ, Smith SD and Kokoska ER. Pediatric
snakebites: lessons learned from 114 cases in J Pediatr Surg. 43(7): 13381341, 2008.
384. Wagner CW and Golladay ES. Crotalid envenomation in children: selective conservative
management in J Pediatr Surg. 24(1): 128131, 1989.
385. Yerzingatsian KL. Snakebiterest and elevation in the management of a selected group
of patients in an urban setting in S Afr J Surg. 35(4): 188189, 1997.

Cold application
386. Cohen WR, Wetzel W and Kadish A. Local heat and cold application after eastern
cottonmouth moccasin (Agkistrodon piscvorus) envenomation in the rat: effect on tissue
injury in Toxicon. 30(11): 13831386, 1992.

Tourniquet application
387. Amaral CFS, Campolina D, Dias MB, Bueno CM and Rezende NA. Tourni-quet
ineffectiveness to reduce the severity of envenoming after Crotalus Durisus snake bite in
Belo Horizonte, Minas Gerais, Brazil in Toxion. 36(5): 805808, 1998.
386.

168

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

388. Madaki JKA, Obilom RE and Madon BM. Pattern of First-aid measures used by snakebite patients and clinical outcome at Zamko Comprehensive Health Centre, Langtang,
Plateau State in Nigerian Med Practitioner. 48(1): 1013, 2005.
389. Michael GC, Thacher TD and Shehu MIL. The effect of pre-hospital care for venomous
snakebite on outcome in Nigeria in Trans R Trop Med Hyg. 105:95101, 2011.

Jellyfish stings
390. Atkinson PR, Boyle A, Hartin D and McAuley D. Is hot water immersion an effective
treatment for marine envenomation? in Emerg Med J. 23(7): 503508, 2006.
391. Bailey PM, Little M, Jelinek GA and Wilce JA. Jellyfish envenoming syn-dromes:
unknown toxic mechanisms and unproven therapies in Med J Aust. 178(1): 3437, 2003.
392. Barnes JH. Studies on three venomous cubomedusae in Sym Zoological Soc Lond.
16:307322, 1966.
393. Boulware DR. A randomized, controlled field trial for the prevention of jellyfish stings
with topical sting inhibitor in J Travel Med. 13(3): 16671, MayJune 2006.
394. Burnett JW, Galton, GJ. Jellyfish envenomation syndromes, updated in Ann Emerg Med.
16:1000, 1987.
395. Burnett JW, Purcell JE, Learn DB and Meyers T. A protocol to investigate the blockade
of jellyfish nematocysts by topical agents in Contact Dermatitis. 40(1): 5556, 1999.
396. Burnett JW, Rubinstein H and Calton GJ. First aid for jellyfish envenoma-tion in South
Med J. 76(7): 870872, 1983.
397. Corkeron M, Pereira P and Macrokanis C. Early experience with magnesium
administration in Irukandji syndrome in Anaes Intens Care. 32:666669, 2004.
398. Corkeron MA. Magnesium infusion to treat Irukandji syndrome in Med J Aust. 178(1):
411, 2003.
399. Currie B. Clinical implications of research on the box-jellyfish Chironex fleckeri in
Toxicon. 32:13051313, 1994.
400. Fenner PJ, Williamson JA, Burnett JW, Colquhoun DM, Godfrey S, Guna-wardane K
and Murtha W. The Irukandji syndrome and acute pulmonary oedema in Med J Aust.
149:150155, 1988.
401. Fenner PJ and Hadok JC. Fatal envenomation by jellyfish causing Irukandji syndrome. In
Med J Aust. 177(7): 362363, 2002.
402. Hartwick RF, Callanan VI and Williamson JA. Disarming the box jel-lyfish. Nematocyst
inhibition in Chironex fleckeri in Med J Aust. 1:15-20, 1980.
403. http://www.ingentaconnect.com/content/els/00410101/1996/00000034/00
000002/art83658
404. http://www.springerlink.com/content/l781k525210l056l/
405. http://www.springerlink.com/content/u38706x315035702/
406. Li L, McGee RG, Isbister G and Webster AC. Interventions for the symptoms and signs
resulting from jellyfish stings in Cochrane Database of Systematic Reviews 2013. Issue
12 Art No.: CD009688, 2013.
407. Little M, Pereira P, Mulcahy R, Cullen P, Carrette T and Seymour J. Severe cardiac
failure associated with presumed jellyfish sting. Irukandji syn-drome? in Anaesth Intens
Care. 31(6): 642647, 2003.
408. Loten C, Stokes B, Worsley D, Seymour JE, Jiang S and Isbister GK. A ran-domised
controlled trial of hot water (45C) immersion versus ice packs for pain relief in
bluebottle stings in Med J Aust. 184(7): 329333, 2006.
409.
169

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

409. Mianzan HW, Fenner PJ, Cornelius PF and Ramrez FC. Vinegar as a disarm-ing agent
to prevent further discharge of the nematocysts of the stinging hydromedusa Olindias
sambaquiensis. Cutis. 68(1): 4548, 2001.
410. Nomura JT, Sato RL, Ahern RM, Snow JL, Kuwaye TT, Yamamoto LG. A randomized
paired comparison trial of cutaneous treatments for acute jel-lyfish (Carybdea alata)
stings in Am J Emerg Med. 20(7): 624626, 2002.
411. Pereira PL, Carrette T, Cullen P, Mulcahy RF, Little M and Seymour J. Pressure
immobilisation bandages in first-aid treatment of jellyfish enven-omation: current
recommendations reconsidered in Med J Aust. 173(1112): 650652, 2000.
412. Seymour J, Carrette T, Cullen P, Little M, Mulcahy RF and Pereira PL. The use of
pressure immobilization bandages in the first aid management of cubozoan envenomings
in Toxicon. 40(10): 15031505, 2002.
413. Sutherland SK and Tibballs J. Australian Animal Toxins. Melbourne: Oxford University
Press, 2001.
414. Thomas CS, Scott SA, Galanis DJ and Goto RS. Box jellyfish (Carybdea alata) in
Waikiki. The analgesic effect of sting-aid, Adolphs meat tenderizer and fresh water on
their stings: a double-blinded, randomized, placebo-con-trolled clinical trial in Hawaii
Med J. 60(8): 205207, 210, 2001.
415. Tibballs et al. Australian carybdeid jellyfish causing Irukandji syndrome in Toxicon.
59: 61725, 2012.
416. Ward et al. Evidence-based treatment of jellyfish stings in North America and Hawaii in
Annals of Emergency Med. 60(4): 399414, 2012.
417. Williamson JA, Callanan VI and Hartwick RF. Serious envenomation by the Northern
Australian box jellyfish (Chironex fleckeri) in Med J Aust.; 1:1315, 1980.
418. Williamson JA, Fenner PJ and Burnett JW (eds.). Venomous and Poisonous Marine
Animals. Sydney: Univ of NSW Press, 1993.
419. Yoshimoto CM, Yanagihara AA. Cnidarian (coelenterate) envenomations in Hawaii
improve following heat application in Trans R Soc Trop Med Hyg. 96(3):300303, 2002.
420. Australian Resuscitation Council. Guideline 8.9.6 Envenomation Jellyfish Stings
Envenomation:
Jellyfish
Stings.
Available
at:
http://www.resus.org.
au/policy/guidelines/section_8/jellyfish_stings.htm
421. Statements on Marine Envenomation |International Life Saving Fede-ration. Available at:
http://www.ilsf.org/sites/ilsf.org/files/filefield/medi-calpolicy06.pdf

Insect bites and stings


422. De Boer R and van den Bogaard AE. Removal of attached nymphs and adults of Ixodes
ricinus (Acari: Ixodidae) in J Med Entomol. 30(4): 748752, 1993.
423. Duscher GG, Peschke R and Tichy A. Mechanical tools for the removal of Ixodes ricinus
female ticks differences of instruments and pulling or twisting? Parasitol. Res.
111:15051511, 2012.
424. Needham GR. Evaluation of five popular methods for tick removal in Pedi-atrics. 75(6):
9971002, 1985.
425. Visscher PK, Vetter RS and Camazine S. Removing bee stings in Lancet.
348(9023):301302, 1996.
426. Zenner L, Devron-Gaillot E and Callait-Cardinal MP. Evaluation of four manual tickremoval devices for dogs and cats in Vet Rec. 159(16): 526529, 2006.
422.

170

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

Drowning and scuba decompression illness


Airway management
427. Dodd FM, Simon E, McKeown D and Patrick MR. The effect of a cervical collar on the
tidal volume of anesthetized adult patients in Anaesthesia. 50, 961963, 1995.
428. Fenner PJ, Harrison SL, Williamson JA and Williamson BD. Success of surf lifesaving
resuscitations in Queensland, 19731992 in The Medical Journal of Australia. 163, 580
583, 1995.
429. Golden FS, Tipton MJ and Scott RC. Immersion, near-drowning and drown-ing. In
British Journal of Anaesthesia. 79, 214225, 1997.
430. Hasan S, Avery WG, Fabian C and Sackner MA. Near-drowning in humans: A report of
36 patients. Chest, 59, 191197, 1971.
431. International Liaison Committee on Resuscitation. International Liaison Committee on
Resuscitation (ILCOR) consensus on science with treatment recommendations for
pediatric and neonatal patients: Pediatric basic and advanced life support in Pediatrics.
117, 955977, 2006.
432. International Life Saving Federation Medical Committee. Statement on in-water
resuscitation. Available at: www.ilsf.org
433. International Life Saving Federation Medical Committee. Statement on the use of
abdominal thrusts in near drowning. Available at: www.ilsf.org
434. Manolio, N and Mackie I. Drowning and near-drowning on Australian beaches patrolled
by life-savers: A 10 year study, 19731983 in The Medical Journal of Australia, 148,
165167, 170171, 1988.
435. Modell JH. Drowning in The New England Journal of Medicine. 328, 253256, 1993.
436. Orlowski JP. Drowning, near-drowning and ice-water submersion [Rev].
Pediatric Clinics of North America. 34, 7592, 1987.
437. Orlowski JP and Szpilman D. Drowning, rescue, resuscitation and reanima-tion in
Pediatric Clinics of North America. 48, 627646, 2001.
438. Quan L. Drowning issues in resuscitation in Annals of Emergency Medicine. 22, 366
369, 1993.
439. Pearn J. The management of near drowning in British Medical Journal. 291, 14471452,
1985.
440. Perkins G. In-water resuscitation: A pilot evaluation in Resuscitation. 65 (3), 321324,
2005.
441. Szpilman D. Near-drowning and drowning classification: A proposal to stratify mortality
based on the analysis of 1,831 cases in Chest. 112, 660 665, 1997.
442. Szpilman D. Proceedings of the World Congress on Drowning. Porto, Portu-gal,
September 2729, 2007.
443. Szpilman D and Handley T. Positioning the drowning victim. In J.J.L.M. Bierens (Ed.),
Handbook on drowning (pp. 336342). Berlin: Springer-Ver-lag, 2006 Available at:
https://books.google.fr/books?id=mctGYJUx8PYC
&pg=PA336&lpg=PA336&dq=Handbook+on+drowning:+prevention,+res
cue+treatment+By+Szpilman+%26+Handley&source=bl&ots=0wBJOctH
6H&sig=B2Mo_OUat3LZNlAVOR7YRhAmEog&hl=en&ei=Yey5TLjPI4K8l
QfEO3iDA&sa=X&oi=book_result&ct=result&redir_esc=y
444. Szpilman D and Soales M. In-water resuscitation: Is it worthwhile? In Resuscitation. 63,
2531, 2004.
445. Szpilman D and Wigginton Idris. American Heart Association. American Heart
Association Guidelines 2005 (Worksheets 266/7) in Circulation. (Suppl) 112, 24, 2005.
446. Watson RS, Cummings P, Quan L, Bratton S and Weiss NS. Cervical spine injuries
among submersion victims in The Journal of Trauma, 51, 658662, 2001.
447.
171

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

Suction
447. American Heart Association. American Heart Association guidelines for
cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiovascular care: Part 6: Advanced
cardiovascular life support; Section 3: Adjuncts for oxygenation, ventilation, and airway
control in Circulation 102, 195, 2000.
448. American Heart Association. American Heart Association guidelines for
cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiovascular care: Part 4. Adult basic
life support; Part 10.3. Drowning in Circulation. 112 (Suppl IV), IV-19IV-34, 2005.
449. Auerbach PS. Submersion incidents. In: Wilderness medicine. (5th ed.). Philadelphia,
PA: Mosby, 2007.
450. Australian Resuscitation Council. Adult advanced life support: Australian Resuscitation
Council guidelines 2006 in Emergency Medicine Australasia. 18 (4), 337356, 2006.
451. Bierens JJ, van der Velde EA, van Berkel M and van Zanten JJ. Submersion in the
Netherlands: Prognostic indicators and results of resuscitation in
Annals of Emergency Medicine. 19, 13901395, 1990.
452. Boggs W. Virtual autopsy: Two- and three-dimensional multidetector CT findings in
drowning with autopsy comparison in Radiology. 243, 862868, 2007.
453. Braun R. and Krishel S. Environmental emergencies. Emergency Medical Clinics of
North American. 15, 451476, 1997.
454. Cahill J.M. Drowning: The problem of nonfatal submersion and the uncon-scious patient.
The Surgical Clinics of North America. 48, 423430, 1968.
455. Carli P, Hapnes SA and Pasqualucci V. Airway management and ventilation: A
Statement for the Advanced Life Support Working Party of the European Resuscitation
Council. In Resuscitation. 24, 205210, 1992.
456. DeNicola LK, Falk JL, Swanson ME, Gayle MO and Kissoon, N. Submersion injuries in
children and adults in Critical Care Clinics. 13, 477502, 1997.
457. Harries M. Near drowning in British Medical Journal. 327, 13361338, 2003.
458. Harries M. Drowning and near drowning in British Medical Journal. 293 (2539), 122
124, 1986.
459. Ibsen LM and Koch T. Submersion and asphyxial injury in Critical Care Medi-cine. 30
(11 Suppl), S402408, 2002.
460. Kozak RJ, Ginther BE and Bean WS. Difficulties with portable suction equipment used
for prehospital advanced airway procedures in Prehospital Emergency Care. 1, 9195,
1997.
461. Manolios N. and Mackie I. Drowning and near-drowning on Australian beaches patrolled
by life-savers: A 10 year study, 19731988 in The Medical Journal of Australia. 148,
165167, 170, 1988.
462. Mills-Senn P. Water rescue sequence: The controversial role of the heim-lich maneuver,
2000. Available at: http://www.usla.org/PublicInfo/library/ Heimlich Article MillsSenn_033000
463. Minkler MA, Limmer DD, Mistovich JJ and Krost WS. Beyond the basics: Airway
management in Emergency Medical Services. 36, 6269, 2007.
464. Modell JH. Drowning in The New England Journal of Medicine. 328, 253256, 1993.
465. Modell JH and Moya F. Effects of volume of aspirated fluid during chlorin-ated fresh
water drowning in Anesthesiology. 27, 662672, 1996.
466. Orlowski JP and Szpilman D. Drowning. Rescue, resuscitation, and reani-mation.
Pediatric Clinics of North America. 48, 627646, 2001.
467. Ornato JP. The resuscitation of near drowning victims in The Journal of the American
Medical Association. 256, 7577, 1986.
468. Quan L. Drowning issues in resuscitation in Annals of Emergency Medicine. 22, 366
369, 1993.
469.
172

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

Drowning process resuscitation


469. American Red Cross. Lifeguarding instructor manual. Boston, MA: StayWell Publishers,
2001.
470. Australian Resuscitation Council. Guideline 8.7: Resuscitation of the drown-ing victim.
February
2005.
Available
at:
http://www.resus.org.au/policy/
guidelines/section_8/8_7_feb05.pdf
471. Berg RA. Role of mouth-to-mouth rescue breathing in bystander cardiopul-monary
resuscitation for asphyxial cardiac arrest in Critical Care Medicine. (Suppl 11), 28,
N193195, 2000.
472. Berg RA, Hilwig RW, Kern KB, Babar I and Ewy GA Simulated mouth-to-mouth
ventilation and chest compressions (bystander cardiopulmonary resuscitation) improves
outcome in a swine model of prehospital pediatric asphyxial cardiac arrest in Critical
Care Medicine. 27, 20482050, 1999.
473. Datta A and Tipton M. Respiratory responses to cold water immersion: neu-ral pathways,
interactions, and clinical consequences awake and asleep in
Journal of Applied Physiology. 100, 20572064, 2006.
474. Dick W, Lotz P, Milewski P and Schindewolf H. The influence of different ventilatory
patterns on oxygenation and gas exchange after near-drown-ing in Resuscitation. 7, 255
262, 1979.
475. Glauser FL and Smith WR. Pulmonary interstitial fibrosis following near-drowning and
exposure to short-term high oxygen concentrations. Chest. 68, 373375, 1975.
476. Grenfell R. Drowning management and prevention in Australian Family Phy-sician. 32,
990993, 2003.
477. Horewitz G. Emergency oxygen use by lifeguards: Making a case. Interna-tional
Medical-Rescue Conference. San Diego, CA, September 1997.
478. Idris AH. Effects of inspired gas content during respiratory arrest and cardiopulmonary
resuscitation in Critical Care Medicine. (Suppl 11), 28, N196N198, 2000.
479. Layton AJ and Modell JH. Treatment of near drowning in The Journal of the Florida
Medical Association. 79, 1992.
480. Layton AJ and Modell JH. Drowning update 2009 in Anesthesiology. 110, 13901401,
2009.
481. Levin DL. Near drowning in Critical Care Medicine. 8, 590595, 1980.
482. Mackie I. The therapeutic use of oxygen by Australian lifesavers. Interna-tional MedicalRescue Conference. San Diego, CA, September 1997.
483. Manolios, N and Mackie I. Drowning and near-drowning on Australian beaches patrolled
by life-savers: A 10-year study, 19731983 in The Medical Journal of Australia. 148,
165167, 170171, 1988.
484. Modell JH. The drowning process and lifeguard intervention. International MedicalRescue Conference. San Diego, CA, September 1997.
485. Moon RE and Long R.J. Drowning and near-drowning in Emergency Medicine
(Fremantle, WA). 14, 377386, 2002.
486. Orlosky J. Drowning, near drowning, and ice-water submersions in Pediatric Clinics of
North America. 34, 7592, 1987.
487. Podolsky ML. Action plan for near drownings in Physician and Sports Medi-cine. 9 (7),
1981
488. Redding JS and Cozine RA. Restoration of circulation after fresh water drowning in
Journal of Applied Physiology. 16, 10711074, 1961.
489. Sevitt S. Diffuse and focal oxygen pneumonitis: A preliminary report on the threshold of
pulmonary oxygen toxicity in man in Journal of Clinical Pathology. 27, 2130, 1974.
490. Van der Lely N and Vreede WB. Drowning and near-drowning in children in Nederlands
tijdschrift voor geneeskunde. 142 (42), 22942297, 1998.
491. Wolfe WG, Robinson LA, Moran JF and Lowe JE. Reversible pulmonary oxy-gen
toxicity in the primate in Annals of Surgery. 188, 530543, 1978.
492.
173

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

492. Lin C-Y, Wang Y-F, Lu T-H and Kawach I. Unintentional drowning mortality, by age
and body of water: an analysis of 60 countries in Inj Prev. 21(e1):e43 50, 2015.
493. Vanden Hoek TL, Morrison LJ, Shuster M, et al. Part 12: cardiac arrest in special
situations: 2010 American Heart Association Guidelines for Car-diopulmonary
Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care in Circulation. 122(18 Suppl
3):S82961, 2010.
494. Kyriacou DN, Arcinue EL, Peek C and Kraus JF. Effect of immediate resus-citation on
children with submersion injury in Pediatrics. 94(2 Pt 1):13742, 1994.
495. Quan L, Mack CD and Schiff MA. Association of water temperature and submersion
duration and drowning outcome in Resuscitation. 85(6):7904, 2014.
496. Frates RC. Analysis of Predictive Factors in the Assessment of Warm-Water NearDrowning in Children in Am J Dis Child. 135(11):10068, 1981.
497. Quan L, Wentz KR, Gore EJ and Copass MK. Outcome and predictors of out-come in
pediatric submersion victims receiving prehospital care in King County, Washington in
Pediatrics. 86(4):58693, 1990.
498. Niu YW, Cherng WS, Lin MT and Tsao LY. An analysis of prognostic factors for
submersion accidents in children. Zhonghua Min Guo Xiao Er Ke Yi Xue Hui Za Zhi.
33(2):818, 1992.
499. Mizuta R, Fujita H, Osamura T, Kidowaki T and Kiyosawa N. Childhood drownings and
near-drownings in Japan in Pediatrics International. 35(3):186 92, 1993.
500. Al-Mofadda SM, Nassar A and Al-Turki A. Pediatric near drowning: the experience of
King Khalid University Hospital in Annals of Saudi Medicine, 2001.
501. Anderson KC, Roy TM and Danzl DF. Submersion incidents: a review of 39 cases and
development of the submersion outcome score in Journal of Wil-derness Medicine,
2(1):2736, 1991.
502. Kruus S, Bergstrm L, Suutarinen T and Hyvnen R. The Prognosis Of Near-Drowned
Children in Acta Paediatrica. 68(4):31522, 1979.
503. Graf WD, Cummings P, Quan L and Brutocao D. Predicting Outcome in Pediatric
Submersion Victims in Ann Emerg Med. 26(3):3129, 1995.
504. Kieboom JK, Verkade HJ, Burgerhof JG, et al. Outcome after resuscitation beyond 30
minutes in drowned children with cardiac arrest and hypo-thermia: Dutch nationwide
retrospective cohort study in BMJ. 350(feb10 1):h4188, 2015.
505. Orlowski JP. Prognostic factors in pediatric cases of drowning and near-drowning in
Journal of the American College of Emergency Physicians. 8(5):1769, 1979.
506. Mosayebi Z, Movahedian AH and Mousavi GA. Drowning in children in Iran: outcomes
and prognostic factors in Med J Malaysia. 2011
507. Bierens JJLM, van der Velde EA, van Berkel M and van Zanten JJ. Submer-sion in The
Netherlands: Prognostic indicators and results of resuscitation in Ann Emerg Med.
19(12):13905, 1990.
508. Kaukinen L. Clinical course and prognostic signs in near-drowned patients in Ann Chir
Gynaecol. 73(1):349, 1984.
509. Quan L, Kinder D. Pediatric submersions: prehospital predictors of out-come in
Pediatrics. 90(6):90913, 1992.
510. Suominen PK, Korpela RE, Silfvast TGO and Olkkola KT. Does water temperature
affect outcome of nearly drowned children in Resuscitation. 35(2):1115, 1997.
511. F P, JM Q, C L, J P. Unintentional drowning by immersion. Epidemiological profile of
victims attended in 21 Spanish emergency departments in An Pediatr (Barc). 78(3):178
84, 2013.

493.
174

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

512. Venema AM, Groothoff JW and Bierens JJLM. The role of bystanders during rescue and
resuscitation of drowning victims in Resuscitation. 81(4):4349, 2010.
513. Vhtalo R, Lunetta P, Olkkola KT and Suominen PK. Drowning in children: Utstein
style reporting and outcome in Acta anaesthesiologica Scandinavica. 58(5):60410,
2014.
514. Claesson A, Lindqvist J and Herlitz J. Cardiac arrest due to drowning Changes over
time and factors of importance for survival in Resuscitation. 85(5):6448, 2014.
515. Dyson K, Morgans A, Bray J, Matthews B and Smith K. Drowning related out-ofhospital cardiac arrests: characteristics and outcomes in Resuscita-tion. 84(8):11148,
2013.
516. Bierens JJLM, van der Velde EA, van Berkel M and van Zanten JJ. Submer-sion in The
Netherlands: Prognostic indicators and results of resuscitation in Ann Emerg Med
19(12):13905, 1990.
517. Szpilman D, Webber J, Quan L, et al. Creating a drowning chain of survival in
Resuscitation. 85(9):114952, 2014.
518. Perkins GD, Travers AH, Berg RA, et al. Part 3: Adult basic life support and automated
external defibrillation: 2015 International Consensus on Car-diopulmonary Resuscitation
and Emergency Cardiovascular Care Science with Treatment Recommendations in
Resuscitation. 95:e43e69, 2015.
519. Tipton MJ and Golden FSC. A proposed decision-making guide for the search, rescue
and resuscitation of submersion (head under) victims based on expert opinion in
Resuscitation. 82(7):81924, 2011.
520. Wanscher M, Agersnap L, Ravn J, et al. Outcome of accidental hypothermia with or
without circulatory arrest in Resuscitation. 83(9):107884, 2012.
521. Szpilman D and Soares M. In-water resuscitationis it worthwhile? in Resuscitation.
63(1):2531, 2004.
522. Watson RS, Cummings P, Quan L, Bratton S and Weiss NS. Cervical Spine Injuries
among Submersion Victims in Journal of Trauma and Acute Care Sur-gery. 51(4):658,
2001.
523. March NF and Matthews RC. Feasibility study of CPR in the water in Under-sea Biomed
Res. 7(2):1418, 1980.
524. March NF and Matthews RC. New techniques in external cardiac compres-sions. Aquatic
cardiopulmonary resuscitation in JAMA. 244(11):122932, 1980.
525. Manolios N and Mackie I. Drowning and near-drowning on Australian beaches patrolled
by life-savers: a 10-year study, 19731983 in Med J Aust. 148(4):16571701, 1988.

Cervical spine injury


526. American Heart Association and American Red Cross. International con-sensus on
cardiopulmonary resuscitation and emergency cardiovascular science with treatment
recommendations: Part 10. First aid in Circulation. 3, III-115III-125, 2005.
527. Bailes JE, Petschauer M, Buskiewicz KM and Marano G. Management of cer-vical spine
injuries in athletes in Journal of Athletic Training. 42 (1), 126134, 2007.
528. Burton JH, Harmon NR, Dunn MG and Bradshaw JR. EMS provider findings and
interventions with a statewide EMS spine-assessment protocol in Pre-hospital
Emergency Care. 9, 303309, 2005.
529. Burton JH, Dunn MG, Harmon NR, Hermanson TA and Bradshaw JR. A state-wide,
prehospital emergency medical service selective patient spine immobilization protocol in
The Journal of Trauma. 61, 161167, 2006.

494.
175

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

530. Chang SKY, Tominaga GT, Wong JH, Weldon EJ and Kaan KT. Risk factors for water
sports-related cervical spine injuries in The Journal of Trauma. 60, 10411046, 2006.
531. Domeier RM, Frederiksen SM and Welch K. Prospective performance assessment of an
out-of-hospital protocol for selective spine immobiliza-tion using clinical spine clearance
criteria. Annals of Emergency Medicine. 46, 123131, 2005.
532. Hauswald M, Ong G, Tandberg D and Omar Z. Out-of-hospital spinal immo-bilization:
Its effect on neurologic injury in Academic Emergency Medicine. 5, 214219, 1998.
533. Hwang V, Shofer FS, Durbin DR and Baren JM. Prevalence of traumatic inju-ries in
drowning and near-drowning in children and adolescents in Archives of Pediatrics and
Adolescent Medicine, 157, 5053, 2003.
534. Kwan I, Bunn F and Roberts I. Spinal immobilisation of trauma patients [Rev] in
Cochrane Database System Review. 2:CD002803, 2001.
535. Watson RS, Cummings P, Quan L, Bratton S and Weiss NS. Cervical spine injuries
among submersion victims in The Journal of Trauma. 51, 658662, 2001.

Cardiac arrest
536. Travers AH, Perkins GD, Berg RA, Castren M, Considine J, Escalante R, RJ, Koster
RW, Lim SH, Nation KJ, Olasveengen TM, Sakamoto T, Sayre MR, Sierra A, Smyth
MA and Vaillancourt C on behalf of the Basic Life Sup-port Chapter Collaborators. Part
3. Adult basic life support and automated external defibrillation: 2015 International
Consensus on Cardiopulmonary Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care
Science with Treatment Recommendations in Circulation. 132 (suppl 1) S51S83, 2015
537. De Caen AR, Maconochie IK, Aickin R, Atkins DL, Biarent D, Guerguerian AM,
Kleinman ME, Kloeck DA, Meaney PA, Nadkani VM, Ng KC, Nuthall G, Ries AG,
Shimizu N, Tibballs J and Veliz Pintos R. Part 6. Paediatric basic life support and
paediatric advanced life support 2015. International Con-sensus on Cardiopulmonary
Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care Science with Treatment
Recommendations in Circulation. 132 (suppl 1) S177S203, 2015.
538. Chan and All Journal of Emergency Medicine. 44, 691697, 2013.
539. American Red Cross Scientific Advisory Council. Infant AED Scientific Review, 2014.
540. American Red Cross Scientific Advisory Council. Compression Only Scien-tific Review,
2013.
541. American Red Cross Scientific Advisory Council. Compression Before AED Scientific
Review, 2014.
542. American Red Cross Scientific Advisory Council. Compression Only CPR in Infants and
Children Scientific Review, 2013.

Withholding of resuscitation in cases of traumatic


pre-hospital cardiopulmonary arrest
543. Hopson et al. Guidelines for withholding or termination of resuscitation in pre-hospital
traumatic cardiac arrest. Joint position statement The National Association of EMS
Physicians and Clinical Practice Committee and the American College of Surgeons
Committee on Trauma in J Am Coll Surg. Volume 196: 475481, 2003.
544. Shimazu S. and Shatney C.H. Outcomes of trauma patients with no vital signs on
hospital admission in J Trauma. 23: 213216, 1983.
545. Stratton S.J., Brickett K and Crammer T. Pre-hospital pulseless unconscious penetrating
trauma victims: field assessments associated with survival in J Trauma. 45: 96100,
1998.

495.
176

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

546. Fulton R.L., Voight W.J. and Hilakos A.S. Confusion surrounding the treat-ment of
traumatic cardiac arrest in J Am Coll Surg. 181: 209214, 1985.

Methods of providing ventilation


547. American Red Cross Scientific Advisory Council Statement References
548. Ambu A/S Company website. Available at: http://www.ambu.com/About_
Ambu/History/Ambus_history.asp
549. Brenner B, Stark B and Kauffman J. The reluctance of house staff to per-form mouth-tomouth resuscitation in the inpatient setting: What are the considerations? in
Resuscitation. 28(3), 18593, 1994.
550. Brenner BE and Kauffmann J. Response to cardiac arrests in a hospital set-ting: Delays
in ventilation in Resuscitation. 31(1), 1723, 1996.
551. Cummins RO, Austin D, et al. (Ventilation skills of emergency medical technicians: A
teaching challenge for emergency medicine in Ann Emerg Med. 15(10), 118792, 1986.
552. Cydulka RK, Connor PJ, et al. Prevention of oral bacterial flora transmis-sion by using
mouth-to-mask ventilation during CPR in J Emerg Med. 9(5), 31721, 1991.
553. Davidovic L, Lacovey D and Pitetti RD. Comparison of 1- versus 2-person bag-valvemask techniques for manikin ventilation of infants and children in Ann Emerg Med.
46(1), 3742, 2005.
554. Eisenberg MS. Life in the balance: Emergency medicine and the quest to reverse sudden
death. New York, N.Y.: Oxford University Press. 567, 645, 1997.
555. Elam JO, Brown ES and Elder JD Jr. Artificial respiration by mouth-to-mask method; a
study of the respiratory gas exchange of paralyzed patients ven-tilated by operators
expired air in N Engl J Med. 250(18), 74954, 1954.
556. Elling R and Politis J. An evaluation of emergency medical technicians ability to use
manual ventilation devices in Ann Emerg Med. 12(12), 7658, 1983.
557. Greenslade GL. Single operator cardiopulmonary resuscitation in ambu-lances. Which
ventilation device? in Anaesthesia. 46(5), 3914, 1991.
558. Hackman BB, Kellermann AL, et al. Three-rescuer CPR: The method of choice for
firefighter CPR? in Ann Emerg Med. 26(1), 2530, 1995.
559. Harrison RR and Maull KI, et al. Mouth-to-mask ventilation: A superior method of
rescue breathing. Ann Emerg Med, 11(2), 746, 1982.
560. Hess D. and Baran C. Ventilatory volumes using mouth-to-mouth, mouth-to-mask, and
bag-valve-mask techniques. in Am J Emerg Med. 3(4), 2926, 1985.
561. Johannigman JA, Branson RD, et al. Techniques of emergency ventilation: A model to
evaluate tidal volume, airway pressure, and gastric insufflation in J Trauma. 31(1), 938,
1991.
562. Kitagawa KH, Nakamura NM and Yamamoto L. Retention of pediat-ric bag-mask
ventilation efficacy skill by inexperienced medical student resuscitators using standard
bag-mask ventilation masks, pocket masks, and blob masks in Am J Emerg Med. 24(2),
2236, 2006.
563. Lawrence PJ and Sivaneswaran N. Ventilation during cardiopulmonary resuscitation:
Which method? Med J Aust, 143(10), 4436, 1985.
564. www.lncurtis.com/who/history.html
565. Massawe A, Kilewo C, et al. Assessment of mouth-to-mask ventilation in resuscitation of
asphyxic newborn babies. A pilot study in Trop Med Int Health. 1(6), 86573, 1996.
566. Paal P, Falk M, et al. Comparison of mouth-to-mouth, mouth-to-mask and mouth-toface-shield ventilation by lay persons in Resuscitation. 70(1), 11723, 2006.
567.

177

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

567. Palme C, Nystrom B and Tunell R. An evaluation of the efficiency of face masks in the
resuscitation of newborn infants in Lancet, 1(8422), 20710, 1985.
568. Safar, P. (Pocket mask for emergency artificial ventilation and oxygen inha-lation in Crit
Care Med. 2(5), 2736, 1974.
569. Safar P and McMahon M. Mouth-to-airway emergency artificial respiration in J Am Med
Assoc, 166(12), 145960, 1958.
570. Stewart RD, Kaplan R, et al. Influence of mask design on bag-mask ventila-tion. Ann
Emerg Med. 14(5), 4036, 1985.
571. Thomas AN, et al. A new technique for two-hand bag valve mask ventila-tion in Brit. J
Anaesthesia. 69, 397398, 1992.
572. Thomas AN, et al. A comparison of bag mask and mouth mask ventilation in
anaesthetised patients in Resuscitation. 26, 1321, 1993.
573. Terndrup TE, Kanter RK and Cherry RA. A comparison of infant ventilation methods
performed by prehospital personnel in Ann Emerg Med, 18(6), 60711, 1989.
574. Terndrup TE and Warner DA. Infant ventilation and oxygenation by basic life support
providers: Comparison of methods in Prehosp Disaster Med. 7(1), 3540, 1992.
575. Wheatley S, Thomas AN, et al. A comparison of three methods of bag valve masks
ventilation in Resuscitation. 33(3), 20710, 1997.
576. Yildiz TS, Solak M and Toker K. The incidence and risk factors of difficult mask
ventilation in J Anesth. 19(1), 711, 2005.

Psychological first aid principles


577. Bisson JI, Brayne M, Ochberg FM. Early psychosocial intervention following traumatic
events in American Journal of Psychiatry. Vol. 164, No.7, 10161019, 2007.
578. Hobfoll SE et al. Five essential elements of immediate and mid-term mass trauma
intervention: Empirical evidence. Psychiatry: Interpersonal and Biological Processes, 70,
283315, 2007.
579. Inter-Agency Standing Committee (IASC). IASC Guidelines on Mental Health and
Psychosocial Support in Emergency Settings. Geneva: IASC, 2007.
580. NICE guidelines. National Institute for Clinical Excellence. Posttraumatic Stress disorder
(PTSD): the management of PTSD in adults and children in primary and secondary care.
London: Gaskell and the British Psychological Society, 2005.
581. Bryner M, Jacobs A, Layne C, Pynoos R, Ruzek, J, Steinberg A, Vernberg E and Watson
B. Psychological first aid, a field operations guide, National Child Traumatic Network
and National Center for PTSD, 2006.
582. Schtzwohl M, Maercker A, Manz R; In A Maercker, M Schtzwohl and Z. Solomon
(Eds.). PostTraumatic Stress Disorder: A Lifespan Developmental Perspective (pp. 201
220). Washington: Hogrefe & Huber Publishers, 1999.
583. Solomon Z, Mikulincer M and Avitzur E. Coping, locus of control, social support, and
combat-related posttraumatic stress disorder: A prospective study in Journal of
Personality and Social Psychology. 55(2), 279285, 1988.
584. World Health Organization, War Trauma Foundation and World Vision International.
Psychological first aid: Guide for field workers. WHO: Geneva, 2011.
585. Rose S, Bisson J, Churchill R, Wessely S. Psychological debriefing for pre-venting posttraumatic stress disorder (PTSD) in Cochrane Database Syst Rev. CD000560, 2002.
586. Dieltjens T, Moonens I, Van Praet K, De Buck E and Vandekerckhove P. A systematic
literature search on psychological first aid: lack of
587.
178

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

15. References

587.

588.

589.

590.

evidence to develop guidelines. PLoS One. 9(12):e114714, 12 December 2014. doi:


10.1371/journal.pone.0114714. eCollection 2014.
Bisson JI, Tavakoly B, Witteveen AB, Ajdukovic D, Jehel L et al. TENTS guide-lines:
development of post-disaster psychosocial care guidelines through a Delphi process in Br
J Psychiatry. 196: 6974, 2010.
Kelly CM, Jorm AF and Kitchener BA. Development of mental health first aid
guidelines on how a member of the public can support a person affected by a traumatic
event: a Delphi study in BMC Psychiatry. 10: 49, 2010.
Te Brake H, Duckers M, De VM, Van DD, Rooze M et al. Early psychosocial
interventions after disasters, terrorism, and other shocking events: guide-line
development in Nurs Health Sci. 11: 336343, 2009.
Vymetal S, Deistler A, Bering R, Schedlich C, Rooze M et al. European Commission
project: European Guideline for Target Group-Oriented Psy-chosocial AftercareImplementation in Prehosp Disaster Med. 26: 234236, 2011.

591. Fox JH, Burkle FM Jr., Bass J, Pia FA, Epstein JL et al. The effectiveness of
psychological first aid as a disaster intervention tool: research analysis of peer-reviewed
literature from 19902010 in Disaster Med Public Health Prep. 6: 247252, 2012.
592. Bisson JI and Lewis C. Systematic Review of Psychological First Aid. Com-missioned
by
the
World
Health
Organisation.
2009.
Available
at:
http://
mhpss.net/?get=178/1350270188-PFASystematicReviewBissonCatrin.pdf
593. Bryner M, Jacobs A, Layne C, Pynoos R, Ruzek J, Steinberg A, Vernberg E and Watson
B. Psychological first aid, a field operations guide, National Child Traumatic Network
and National Center for PTSD, 2006.
594. IFRC Reference Centre for Psychosocial Support. Community-based psycho-social
support. International Federation Reference Centre for Psychosocial Support PS Centre
Publications, 2009.

Extreme stress and post-traumatic stress disorder


595. Bisson JI, Brayne M, Ochberg FM. Early psychosocial intervention following traumatic
events in American Journal of Psychiatry. Vol. 164, No.7, 10161019, 2007.
596. Hobfoll SE et al. Five essential elements of immediate and mid-term mass trauma
intervention: Empirical evidence. Psychiatry: Interpersonal and Biological Processes, 70,
283315. 2007.
597. Inter-Agency Standing Committee (IASC). IASC Guidelines on Mental Health and
Psychosocial Support in Emergency Settings. Geneva: IASC, 2007.
598. Mollica RF, et al. Mental health in complex emergencies. The Lancet Vol. 364, 2058
2067, 2004.
599. NICE guidelines: National Institute for Clinical Excellence. Posttraumatic Stress disorder
(PTSD): the management of PTSD in adults and children in primary and secondary care.
London: Gaskell and the British Psychological Society, 2006.
600. Rose S, Bisson J, Churchill R and Wessely S. Psychological debriefing for preventing
post traumatic stress disorder (PTSD) (Review). The Cochrane Collaboration. JohnWiley
and Sons, Ltd, 2007.

Suicidal ideation
601. Austrian Red Cross, Lower Austria. Training material for the training for crisis
intervention, Tulln. 2014.
602. Binder-Krieglstein C. Prevention psychosomatic diseases of extramural nurses and
rescue service staff. Dissertation, University of Vienna, 2000.
603. Bisson JI, Brayne M, Ochberg FM Early psychosocial intervention following traumatic
events. American Journal of Psychiatry Vol. 164, No.7, 10161019, 2007.
595.

179

International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies

International first aid and resuscitation guidelines 2016

604. Hobfoll SE et al. Five essential elements of immediate and mid-term mass trauma
intervention: Empirical evidence in Psychiatry: Interpersonal and Bio-logical Processes.
70, 283315, 2007.
605. Inter-Agency Standing Committee (IASC). IASC Guidelines on Mental Health and
Psychosocial Support in Emergency Settings. Geneva: IASC, 2007.
606. Mollica RF, et al. Mental health in complex emergencies in The Lancet. Vol. 364, 2058
2067, 2004.
607. NICE guidelines: National Institute for Clinical Excellence. Posttraumatic Stress disorder
(PTSD): the management of PTSD in adults and children in primary and secondary care.
London: Gaskell and the British Psychological Society, 2005.
608. Rose S, Bisson J, Churchill R, Wessely S. Psychological debriefing for pre-venting post
traumatic stress disorder (PTSD) (Review) The Cochrane Collaboration. JohnWiley and
Sons, Ltd., 2007.
609. Sonneck G. Crisis intervention and suicide prevention. Facultas, Vienna, 2012.
610. Brayne M and Ochberg FM. Early psychosocial intervention following trau-matic events
in American Journal of Psychiatry. Vol. 164, No.7, 10161019, 2007.
611. Bryner M, Jacobs A, Layne C, Pynoos, R, Ruzek, J, Steinberg A, Vernberg E. and
Watson B. Psychological first aid, a field operations guide. National Child Traumatic
Network and National Center for PTSD, 2006.
612. Schtzwohl M, Maercker A and Manz R; In A Maercker, M Schtzwohl and Z Solomon
(Eds.). PostTraumatic Stress Disorder: A Lifespan Developmental Per-spective. (pp.
201220). Washington: Hogrefe and Huber Publishers, 1999.
613. Solomon Z, Mikulincer M, and Avitzur E. Coping, locus of control, social support, and
combat-related posttraumatic stress disorder: A prospective study in Journal of
Personality and Social Psychology. 55(2), 279285, 1988.
614. Bryner M, Jacobs A, Layne C, Pynoos R, Ruzek, J, Steinberg A, Vernberg E and Watson
B. Psychological first aid, a field operations guide. National Child Traumatic Network
and National Center for PTSD, 2006.
615. Rose S, Bisson J, Churchill R and Wessely S. Psychological debriefing for preventing
post traumatic stress disorder (PTSD) in Cochrane Database Syst Rev. CD000560, 2002.
616. Dieltjens T, Moonens I, Van Praet K, De Buck E and Vandekerckhove P. A systematic
literature search on psychological first aid: lack of evidence to develop guidelines. PLoS
One. 9(12):e114714, 12 December 2004. doi: 10.1371/journal.pone.0114714.
617. Bisson JI, Tavakoly B, Witteveen AB, Ajdukovic D, Jehel L et al. TENTS guide-lines:
development of post-disaster psychosocial care guidelines through a Delphi process in Br
J Psychiatry. 196: 6974, 2010.
618. Kelly CM, Jorm AF and Kitchener BA. Development of mental health first aid
guidelines on how a member of the public can support a person affected by a traumatic
event: a Delphi study in BMC Psychiatry. 10: 49, 2010.
619. Te Brake H, Duckers M, De VM, Van DD, Rooze M et al. Early psychosocial
interventions after disasters, terrorism, and other shocking events: guide-line
development in Nurs Health Sci. 11: 336343, 2009.
620. Vymetal S, Deistler A, Bering R, Schedlich C, Rooze M et al. European Com-mission
project: European Guideline for Target Group-Oriented Psychosocial AftercareImplementation in Prehosp Disaster Med. 26: 234236, 2011.
621. Bisson JI and Lewis C. Systematic Review of Psychological First Aid. Com-missioned
by
the
World
Health
Organisation,
2009.
Available
at:
http://
mhpss.net/?get=178/1350270188-PFASystematicReviewBissonCatrin.pdf
622. Fox JH, Burkle FM, Jr., Bass J, Pia FA, Epstein JL et al. The effectiveness of
psychological first aid as a disaster intervention tool: research analysis of peer-reviewed
literature from 19902010 in Disaster Med Public Health Prep. 6: 247252, 2012.
623.

180

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

15. Appendice

16.

appendic
e
624.

indietr
o la
tabella di
contenuto

dati dell'indagine globale sul pronto


soccorso
Nel 2015, il pronto soccorso Centro di Riferimento IFRC globale ha deciso di aggiornare i dati
sul primo soccorso tramite un questionario on-line.
I principali risultati di questa indagine sono i seguenti:
Cento e sedici Societ Nazionali hanno risposto al questionario.
Nel 2014, la Mezzaluna Rossa Societ Nazionali della Croce Rossa addestrati 13,429,399
persone in pronto soccorso in tutto il mondo.
Ci sono circa 180.000 attivi formatori di primo soccorso tra tutte le Societ Nazionali.
Nel 50 per cento e il 37 per cento dei paesi che hanno fornito una risposta al sondaggio c'
una legge che rende obbligatoria prima formazione di aiuto rispettivamente per lavoro-tori e
autisti professionali. Queste sono tra le categorie di persone per le quali il maggior numero di
paesi hanno adottato un primo soccorso obbligatoria formazione legge-mak ing. Al
contrario, solo il 16 per cento e il 20 per cento dei paesi hanno emanato una legge che rende
obbligatoria pronto soccorso di formazione a scuola o per il personale di casa di riposo.
Nel 33 per cento dei paesi c' una legge che richiede un cittadino di agire in caso di
emergenza. Tuttavia, vi una grande disparit tra tutte le regioni IFRC: che questo un
requisito nel 66 per cento dei paesi in Europa, solo il quattro per cento dei paesi dell'Asia e
del Pacifico hanno la stessa esigenza.
Nel 72 per cento dei paesi non vi alcuna protezione speciale contro le cause o procedimenti
penali per le persone che forniscono volontariamente di primo soccorso.
In solo il 38 per cento dei paesi vi una legge che fa tenere un kit di pronto soccorso in
veicoli privati obbligatoria. Tuttavia questo non obbligatoria in 93 per cento dei paesi in
Asia e nella regione del Pacifico.
L'ottantacinque per cento delle Societ Nazionali hanno optato per una lunghezza di validitlit per i loro certificati di pronto soccorso. Nel 19 per cento dei paesi a livello globale, la
durata di validit imposto dallo Stato.

Africa
Solo 14 Societ Nazionali nella regione dell'Africa hanno risposto al questionario. - In
Africa, 667 formatori di primo soccorso attivi addestrati 62.623 persone nel 2014.
- Nel 2014, Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Societ Nazionali allenati solo 0,01 per
centesimo della popolazione africana di pronto soccorso.
Nel 14 per cento della legge paesi lo rende obbligatorio per i laici ad agire in caso di
emergenza.

Nel 36
per

cento dei paesi, la legge prevede l'obbligo di tenere un kit di pronto soccorso in veicoli
privati.

181

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

primo soccorso internazionale e rianimazione linee guida 2016

In sette per cento dei paesi, vi una legge dello Stato che regola l'uso di AED.
Nessuno dei paesi hanno una legge dello stato che regola l'accesso alla defibrillazione
pubblico.
Nel 21 per cento dei paesi, il pubblico pu accedere AED.
Ventinove per cento delle Societ Nazionali addestrare il pubblico da utilizzare AED.

Americas
Ventisei Societ Nazionali nella regione delle Americhe hanno risposto al questionario.

- In America, 3.409.693 persone sono state formate; 96.672 formatori di primo soccorso
attivi; 0.83 per cento della popolazione addestrati in pronto soccorso, nel 2014.
Nel 23 per cento dei paesi, la legge prevede l'obbligo per i laici ad agire in caso di
emergenza.
Nel 70 per cento dei paesi, nel caso in cui una persona svolge il primo soccorso volontaria e
qualcosa va storto, il primo fornitore di aiuto non protetto contro una potenziale causa o
procedimento penale.
Nel 39 per cento dei paesi, la legge prevede l'obbligo di tenere un kit di pronto soccorso in
veicoli privati.
L'ottantacinque per cento delle Societ Nazionali rilasciare i certificati di pronto soccorso
con una durata fissa di validit che vanno da uno a tre anni. Nel 15 per cento dei paesi, la
durata di validit deciso da parte dello Stato.
Il sessantanove per cento delle Societ Nazionali propongono corsi di aggiornamento: 73 per
cento di organizzare sessioni faccia a faccia, quattro per cento proporre on-line ses-sioni e
otto per cento offerta mescolato corsi di apprendimento.
Nel 92 per cento dei paesi, l'uso di DAE da volontari della Croce Rossa autorizzata.

Nel 46 per cento dei paesi, il pubblico pu avere accesso a AED.


Ottantuno per cento delle Societ Nazionali addestrare il pubblico a usare AED.

Asia e il Pacifico
Ventinove Societ Nazionali (su 35) in Asia e nella regione del Pacifico hanno risposto al
questionario.
- Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Societ Nazionali allenati 5.727.429 persone in prima
aiuti.
- Ci sono 50.322 primo soccorso formatori attivi nella regione.
In quattro per cento dei paesi, obbligatorio, per legge, per un cittadino di agire in caso di
emergenza.
Nel 50 per cento dei paesi, nel caso in cui una persona svolge il primo soccorso volontaria e
qualcosa va storto, il primo fornitore di aiuto non protetto contro una potenziale causa o
procedimento penale.
Non obbligatorio, per legge, di mantenere un kit di pronto soccorso a veicoli privati in uno
dei paesi che hanno risposto al questionario.
Ninety-tre per cento delle Societ Nazionali rilasciare certificati di pronto soccorso con una
durata fissa di validit che va da uno a cinque anni. Nel 22 per cento dei paesi, la durata di
validit deciso da parte dello Stato.
Ottanta-nove per cento dei paesi organizzano corsi di aggiornamento: faccia a faccia (85 per
cento) o blended learning (11 per cento).
Nel 61 per cento dei paesi, l'uso di DAE da volontari della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa
autorizzata.
Nel 18 per cento dei paesi, vi una legge dello Stato che regola AED.

182

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa

15. Appendice

Nel 11 per cento dei paesi, vi una legge dello Stato che regola l'accesso del pubblico a un
defibrillatore.
Nel 36 per cento dei paesi, il pubblico pu avere accesso a AED.
Fifty-due per cento delle Societ Nazionali addestrare il pubblico in generale su come
utilizzare AED.

Europa
Quarantuno Societ Nazionali europee hanno risposto al questionario.
- In Europa, Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Societ Nazionali allenati 4.161.366 persone in
pronto soccorso.
- Ci sono 31.118 formatori di primo soccorso attivo in Europa.
Nel 66 per cento dei paesi, la legge prevede l'obbligo per i laici ad agire in caso di
emergenza.
Nel 58 per cento dei paesi, nel caso in cui una persona svolge il primo soccorso volontaria e
qualcosa va storto, il primo fornitore di aiuto non protetto contro una potenziale causa o
procedimento penale.
Nel 61 per cento dei paesi, la legge prevede l'obbligo di tenere un kit di pronto soccorso in
veicoli privati.
Ottantuno per cento delle Societ Nazionali rilasciare certificati di pronto soccorso con una
durata fissa di validit che va da uno a sei anni). Nel 29 per cento dei paesi, la durata di
validit stato deciso da parte dello Stato.
Per quanto riguarda i corsi di aggiornamento, 81 per cento delle Societ Nazionali offrono
questi. Settanta-tre per cento organizzare sessioni faccia a faccia; otto per cento offerta
mescolato corsi di apprendimento.
Nel 71 per cento dei paesi, l'uso di DAE da parte del personale non medico autorizzato.
Nel 68 per cento dei paesi, l'uso di DAE da volontari della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa
autorizzata.
Nel 34 per cento dei paesi, vi una legge dello Stato che regola AED.
Nel 29 per cento dei paesi, vi una legge dello Stato che regola l'accesso al defibrillatore
pubblico.
Nel 44 per cento dei paesi, il pubblico pu avere accesso a AED.
Cinquantanove per cento delle Societ Nazionali addestrare il pubblico in generale su come
utilizzare AED.

Medio Oriente e Nord Africa


Solo sei Societ Nazionali della regione Medio Oriente e Nord Africa hanno risposto al
questionario.
- Nel 2014, 68.288 persone sono state formate da 1.180 formatori di primo soccorso attivi;
0.37 per cento della popolazione addestrati in pronto soccorso.
Nel 33 per cento dei paesi, esiste una legge che rende obbligatorio per un cittadino di agire in
caso di emergenza.
Nel 50 per cento dei paesi, nel caso in cui una persona svolge il primo soccorso volontaria e
qualcosa va storto, il primo fornitore di aiuto non protetto contro una potenziale causa o
procedimento penale.
Nel 67 per cento dei paesi, la legge prevede l'obbligo di tenere un kit di pronto soccorso in
veicoli privati.
Tutte le Societ Nazionali organizzano corsi di aggiornamento faccia a faccia.
Nel 50 per cento dei paesi, l'uso di DAE da volontari della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa
autorizzata.
Nel 33 per cento dei paesi, il pubblico pu avere accesso a AED.
Ottanta-tre per cento delle Societ Nazionali addestrare il pubblico in generale su come
utilizzare AED.
183

loro

Tabella riassuntiva degli argomenti revisione

sostenitori
Internazionale

Scientifico

Etica

Red belga
Tabella
riassuntiva
di
argomenti
revisione

Nuovo
argomento

Aggiornament Aggiornamen Collegamento


o del 2011 to del 2011
commissione
(rivisto)

Consultivo

europeo

ProvaCentro Croce

Consiglio di

Rianimazione

(Non rivisto)

Basato
per Evidence

Rianimazione

l'americano

Consiglio

Rete
Based Practice

2015
Principi
generali
Autoprotezi
one da
parte dei
cittadini in
emergenze
quotidiane e
disastri

Croce Rossa

Altro

educazion
e
Qual
efficace
primo
soccorso
educazione
?
Fondazione
per il pronto
soccorso
educazione

Prevenzion
e

Sicurezza
personale

Collegamen
ti con altri
sanitaria

Aggiorname
nto e
riqualificazi
one

popolazioni
target e la

L'efficacia di
primo
soccorso
educazione
sui risultati
delle vittime
La
motivazione
del discente
L'efficacia
di utilizzo
diverse
modalit di
apprendime
nto

guidelinesresuscitationandaid

SocietiesCrescentRedandCrossRed

2016

national

ofFederationInternational

184

Consiglio di
l'americano
Croce Rossa

Rianimazione
Consiglio

Red belga
Centro Croce
per Evidence
Based Practice

formazione di primo soccorso


per i bambini

Misurare i risultati

ProvaBasato
Rete

Altro

Approccio generale
Valutazione

posizionamento Casualty

Chiamare aiuto, lo SME e


l'ulteriore
Aiuto
somministrazione di farmaci

X
X

Primo soccorso per condizioni


mediche
Reazione allergica e la
seconda
dose di
epinefrina per anafilassi

Avvelenamento

difficolt respiratorie

Dolore al petto

Ictus

Disidratazione e
gastrointestinale
angoscia
Convulsioni

X
X

Appendice

commissione
Rianimazione
2015

europeo

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna

Scenario-based e simulazione
apprendimento

Scientifico
Consultivo

Rossa 15.

Tabella riassuntiva
di argomenti revisione

Aggiornamento Aggiornament
Nuovo
del 2011
o del 2011
argomento
(rivisto)
(Non rivisto)

Internazionale
Collegamento

185

Tabella riassuntiva
di argomenti revisione

Febbre

Aggiornamento Aggiornament
Nuovo
del 2011
o del 2011
argomento
(rivisto)
(Non rivisto)

Internazionale
Collegamento

Scientifico
Consultivo

commissione
Rianimazione
2015

Consiglio di
l'americano
Croce Rossa

Diabete e ipoglicemia
trattamento

Uso dell'ossigeno

Non risponde e alterata


stato mentale

Rianimazione
Consiglio

Red belga
Centro Croce
per Evidence
Based Practice
X

Shock e la posizione ottimale


per
shock

europeo

svenimenti

Groppa

Primo soccorso per le


lesioni
ostruzione delle vie aeree da
corpo estraneo

Burns

emorragia

Amputazione
Concussione

Petto e lesioni addome

estremit feriti

il movimento della colonna


vertebrale cervicale
limitazione

ProvaBasato
Rete

Altro

Ferite e abrasioni

Tabella riassuntiva
di argomenti revisione

Nuovo
argomento

avulsion Dental
Lesioni dovute ad agenti
chimici
esposizione

Aggiornamento Aggiornament
del 2011
o del 2011
(rivisto)
(Non rivisto)

Internazionale
Collegamento

Scientifico
Consultivo

commissione
Rianimazione
2015

Consiglio di
l'americano
Croce Rossa

europeo
Rianimazione
Consiglio

Red belga
Centro Croce
per Evidence
Based Practice

Immersioni in
ProvaBasato
Rete

problemi di salute ambientale


problemi di salute causati dal
freddo
Congelamento

Ipotermia

I problemi di salute causati da


alta
altitudine
emergenze radiazioni

Primo soccorso per


animali Correlate
menomazioni
morsi di animali

Morsi di serpente

punture di medusa

punture di insetti

Annegamento e le
immersioni
malattia da
decompressione
processo di annegamento
lesione del rachide
cervicale tra
vittime annegamento

Altro

Appendice

Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna


Rossa 15.

187

guidelinesresuscitationandaid 2016

SocietiesCrescentRedandCrossRed

Rianimazione nei bambini

ofFederationInternational

defibrillazione precoce

firstInternational

Arresto cardiaco

Ritenuta di rianimazione in

casi di trauma pre-ospedaliero X


cardiopolmonare arresto
I metodi di fornitura di ventilazione

Psicologica di primo soccorso


principi psicologici di primo soccorso
tecniche di de-escalation
comportamenti violenti
Attacco di panico
stress estremo e disturbo
da stress post-traumatico

ideazione suicidaria

188

X
X

I principi fondamentali dell'Internazionale Croce


Rossa e Mezzaluna Rossa

L'umanit L'Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna


Rossa, nato da un desiderio di portare in-resistenza senza
discriminazione ai feriti sul campo di battaglia, gli sforzi, in
qualit internazionale e nazionale, per prevenire e alleviare
hu-uomo che soffre, ovunque si possono trovare . La sua
PUR-posa quello di proteggere la vita e la salute e per
garantire il rispetto per l'essere umano. Esso promuove la
comprensione reciproca, l'amicizia, la cooperazione e la
pace duratura tra tutti i popoli.

Indipendenza Il Movimento indipendente. Le Societ


Nazionali, mentre ausiliari nei servizi alla persona-Itarian
dei loro governi e soggetti alle leggi dei rispettivi paesi,
devono al-modi mantenere la propria autonomia in modo
che possano essere in grado in ogni momento di agire in
conformit con i principi della Movimento.

Imparzialit Non fa alcuna distinzione di na-nalit, razza,


credo religioso, di classe o di opinioni politiche. Si sforza di
alleviare le sofferenze delle persone, essere guidati
esclusivamente dai loro bisogni, e per dare priorit ai casi
pi urgenti di disagio.

Unit Ci pu essere solo una Croce Rossa o della


Mezzaluna Rossa in un solo paese. Essa deve essere aperta
a tutti. Essa deve portare avanti la sua azione umanitaria a
tutto il suo territorio.

Neutralit Al fine di godere della fiducia di tutti, il


Movimento non pu prendere parte alle ostilit o
impegnarsi in qualsiasi momento a controversie di natura
politica, razziale, religiosa o ideologica.

Universalit Il Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna


Rossa, in cui tutte le societ hanno pari dignit e quota pari
responsabilit a-cravatte e doveri per aiutare l'un l'altro, in
tutto il mondo.

Il volontariato un sollievo volontaria mossa-mento non


viene richiesto in alcun modo dal desiderio di guadagno.

Per ulteriori informazioni su questa pubblicazione IFRC, si


prega di contattare:
Globale Primo Centro di
Riferimento soccorso
first.aid@ifrc.org

www.ifrc.org
Salvare vite, cambiare le
menti.