Sei sulla pagina 1di 3

Un

 piccolo  uomo  cencioso  


Nella città accadono tante cose, può capitare di trovarsi davanti ad un incidente, un
incendio, un arresto. I bambini sono curiosi, ma anche impauriti ed incerti su come
reagire. Può capitare di reagire in un modo che i grandi non approvano. Bisogna
imparare anche a riconoscere i propri sentimenti e a saperne parlare.
Un piccolo uomo cencioso, ammanettato tra due carabinieri, procedeva a balzelloni, nella strada
deserta e polverosa, come in un penoso ritmo di danza, forse perché zoppo o ferito a un piede. Tra i
due personaggi in uniforme, che nella crudezza della luce estiva sembravano maschere funebri, il
piccolo uomo aveva un vivace aspetto terroso, come di un animale catturato in un fosso; egli portava
sulla schiena un fagottino dal quale usciva, in accompagnamento al suo saltellare, uno stridio simile a
quello della cicala.
Questa immagine pietosa e buffa m’apparve e venne incontro mentre mi trovavo seduto sulla soglia
di casa, col sillabario sulle ginocchia, alle prime prese con le vocali e le consonanti; e fu per me una
distrazione inaspettata che mi mosse al riso. Mi girai attorno per trovare qualcuno che condividesse
la mia sorpresa e in quello stesso momento dall’interno della casa sentii sopraggiungere il passo
pesante di mio padre.
«Guarda un po’ come é buffo» Gli dissi ridendo.
Ma mio padre mi fissò severamente, mi sollevò di peso tirandomi per un orecchio, e mi condusse
nella sua camera. Non l’avevo mai visto così malcontento di me.
«Cosa ho fatto di male?» Gli chiesi stropicciandomi l’orecchio indolorito.
«Non si ride di un detenuto, mai»
«Perché no?»
«Perché non può difendersi. E poi perché forse é innocente. E in ogni caso perché é un infelice»
Senza aggiungere altro mi lasciò solo in camera, in preda ad un turbamento di nuova specie.
(Ignazio Silone)
Analisi del significato (lavoro collettivo)

Il piccolo uomo Questa parola ci vuol far capire che i carabinieri erano grandi perché avevano un
cencioso tra i due lavoro, invece quel povero signore non aveva i soldi
carabinieri Era un uomo molto povero con i vestiti rotti ed é basso e magro
...a balzelloni Questo uomo era povero e non si poteva curare perché era ferito e non aveva soldi
ferito a un piede
Personaggi in Questo pezzetto di parola vuol farci capire che questi due personaggi come nulla
uniforme che fosse attraverso il riflettore della luce estiva come se fossero "schiattamuorti" che
nella crudezza vanno a prendere una persona quasi morta
della luce estiva Il bambino che assisteva a questa scena pensava che erano personaggi di una
sembravano recita ed i carabinieri non erano contenti di arrestare il detenuto perché é un uomo
maschere funebri come gli altri e non può essere arrestato per poco.
seduto sulla La famiglia del bambino abitava al piano terra e non era tanto ricca perché i
soglia di casa sua compiti se li faceva sui gradini vicino casa perché non aveva una casa grande con
una stanza per lui
sillabario sulle L'autore aveva sei o sette anni e andava in prima e si esercitava a leggere
ginocchia
il passo pesante di Il padre dell'autore si sentiva importante e forte tanto da fare pesante il suo passo
mio padre per far capire che é arrivata una persona importante
é un infelice Il detenuto era infelice pure quando non era arrestato perché faceva una vita dura
e quando é andato carcerato é stata ancora più dura
Questo bambino non aveva mai visto questo spettacolo si capisce perché pensava che erano

1
personaggi di una recita
Disse il padre “Non si ride di un detenuto ” Perché può essere innocente, non si può difendere e poi
perché é infelice. Vuol dire che può essere colpevole ma é infelice perché é povero e poi perché va
carcerato.
Questo racconto é stato fatto da una persona grande dal suo modo di dire le parole e poi forse
perché anche lui ha vissuto un episodio come questo e ha capito che lui non deve ridere degli altri
perché forse capita anche a lui. L'autore dopo che il padre l'aveva sgridato capiva che quella scena
non era finta ma c'era un uomo che soffriva.
Ho sentito di un signore che doveva essere arrestato perché faceva il contrabbando di sigarette,
però lui per non farsi prendere é fuggito e le guardie cercavano anche nelle case della gente ma non
lo trovarono.
Dopo due settimane lo hanno trovato addormentato e l'hanno preso e lo hanno trasferito in una città
lontana.
Io ho pietà della gente povera che va a rubare perché ha fame e non può comprarsi il cibo, invece
dei criminali di oggi che fanno un mestiere "pulito" come vendere la droga, io non ho pietà perché se
lo meritano, perché si danno importanza facendo vedere che hanno più soldi.
La gente che vive nel mio quartiere non si veste in modo 'cencioso', si veste bene perché si vuole
vantare di essere importante: non perché ha un lavoro importante ma perché fa un mestiere "pulito"
che fa guadagnare molto.
Molta gente che va a rubare é già ricca però va a rubare perché vuole diventare ancora più ricca
degli altri malviventi.