Sei sulla pagina 1di 9

Alcool

Alla fine sei stanco di questo mondo antico


Pastora o Torre Eiffel stamani i tuoi ponti
belano
Ne hai abbastanza di vivere nell'et greca e
romana
Perfino le automobili qui sembrano antiche
Nuova nuova rimasta soltanto la religione
Semplice come gli hangar di Porto Aviazione
Tu solo o Cristianesimo non sei antico in Europa
L'europeo pi moderno siete voi Papa Pio X
E tu se non entri in chiesa stamani a confessarti
perch le finestre t'osservano e ti vergogni
Leggi i volantini i cataloghi i manifesti che cantano
a voce alta
Ecco la poesia stamani e per la prosa ci sono i giornali
Ci sono le dispense da 25 centesimi piene d'avventure
poliziesche
Ritratti di grandi uomini e mille titoli diversi
Ho visto stamani una simpatica via il nome non
lo ricordo
Nuova e pulita era la tromba del sole
I dirigenti gli operai e le belle stenodattilografe
Dal luned mattina al sabato sera quattro volte
al giorno ci passano
Al mattino per tre volte la sirena vi alza il suo lamento
Una campana rabbiosa vi abbaia verso mezzod
Le scritte delle insegne e sui muri
Le targhe gli avvisi schiamazzano come pappagalli
Mi piace la grazia di questa via industriale
Qui a Parigi fra Rue Aumont- Thiville e l'Avenue
des Ternes
Eccola la giovane via e tu sei ancora un piccino nulla pi
Che la mamma veste soltanto di bianco e di blu
Sei molto devoto e col tuo pi vecchio compagno
Ren Dalize
Nulla ti attrae tanto quanto le pompe della Chiesa
Sono le nove il gas abbassato tutto blu di nascosto
uscite dal dormitorio
Pregate tutta la notte nell'oratorio
Mentre eterna e adorabile profondit ametista
Gira in perpetuo la sfavillante aureola del Crocifisso
il bel giglio che tutti noi coltiviamo
la torcia rossochiomata che il vento non spenge
il figlio bianco e vermiglio della madre dolorosa
l'albero sempre folto di tutte le preghiere
la doppia forca dell'onore e dell'eternit
la stella a sei branche
Dio che muore il venerd e risuscita la domenica
Cristo che sale in cielo meglio d'un aviatore
Del primato mondiale d'altezza lui il detentore
Pupilla Cristo dell'occhio
Ventesima pupilla dei secoli questo secolo

Ci sa fare e mutato in uccello come Ges in aria sale


I diavoli negli abissi alzano il capo a guardare
Dicono che imita Simon Mago in Giudea
Gridano se sa rubar gli spazi di ladro abbia nomea
Gli angeli intorno al bel volteggiatore volteggiano
Icaro Enoch Elia Apollonio di Tiana
Intorno al primo aeroplano aleggiano
Si scansano a tratti per lasciare il passo a tutti i
trascinati dalla Santa Eucarestia
I preti che eternamente salgono elevando l'ostia
L'aeroplano si posa infine senza richiudere le ali
Il cielo si riempie allora di milioni di rondini
Ad ali spiegate giungono i corvi i falchi i gufi
Dall' Mrica arrivano gli ibis i fenicotteri i marab
L'uccello Roc celebrato da favolisti e poeti
Si libra stringendo fra gli artigli il cranio d'Adamo
la prima testa
L'aquila piomba dall'orizzonte lanciando un grande
strido
E dall' America viene il piccolo colibr
Dalla Cina son giunti i pihi lunghi e agili
Che hanno un'ala sola e volano a coppie
Poi ecco la colomba spirito immacolato
Scortata dall'uccello lira e dal pavone occhiato
La fenice rogo che da s si genera
Per un attimo vela tutto con la sua ardente cenere
Le sirene lasciati i pericolosi stretti !
Arrivano cantando tutte e tre bellamente
E tutti aquila fenice e pihi della Cina
Fraternizzano con la volante macchina
Ora te ne vai per Parigi solo solo tra la folla
Mandrie d'autobus muggenti ti passano accanto
di corsa
L'angoscia dell'amore nella tua gola una morsa
Come se mai pi tu dovessi essere amato
In altri tempi in monastero saresti entrato
Ti vergogni se ti sorprendi a recitare una preghiera
Ti sfotti e il tuo riso crepita come il fuoco infernale
Le faville di quel riso dorano il fondo della tua vita
un quadro appeso in un buio museo
E a volte t'avvicini per meglio vederlo
Oggi te ne vai per Parigi le donne sono bagnate di sangue
Era e vorrei non ricordarmene al declino della bellezza
Circondata di fervide fiamme Nostra Signora m'ha
guardato a Chartres
n sangue del vostro Sacro Cuore m'ha inondato a Montmartre
Mi ammalano le parole di beatitudine
L'amore che mi tormenta una malattia vergognosa
E l'immagine che ti possiede ti fa sopravvivere
nell'insonnia e nello sgomento
Quest'immagine che passa non ti abbandona un momento
Ora sei in riva al Mediterraneo
Sotto i limoni tutto l'anno in fiore
Coi tuoi amici te ne vai in giro in canotto

Uno mentonasco ci sono due turbiaschi un nizzotto


Guardiamo nelle profondit i polpi con terrore
E i pesci nuotano fra le alghe immagini del Salvatore
Sei nel giardino d'una locanda nei dintorni di Praga
Ti senti tutto felice una rosa sulla tavola
E osservi invece di scrivere il tuo racconto in prosa
La cetonia che dorme nel cuor della rosa
Ti sei visto disegnato nelle agate di San Vito
Eri triste da morire ne sei rimasto atterrito
Somigli al Lazzaro sconvolto dalla luce
L'orologio del quartiere ebreo muove le lancette all'indietro
E anche tu nella tua vita vai lentamente arretrando
Salendo sul Hradcany e la sera ascoltando
Cantare nelle taverne canzoni ceche
Eccoti a Marsiglia in mezzo alle pateche
.Eccoti a Coblenza all'Hotel del Gigante
Eccoti a Roma seduto sotto un nespolo del Giappone
Eccoti ad Arnsterdam con una ragazza che trovi bella ed brutta
Deve sposarsi con uno studente di Leida
Vi si affittano camere in latino Cubicula locanda
Me ne ricordo ci passai tre giorni e altrettanti a Gouda
Eccoti a Parigi dal giudice istruttore
Sei dichiarato in arresto come un malfattore
Hai fatto dolorosi e gioiosi viaggi
Prima d'accorgerti della menzogna e dell'et
Hai sofferto d'amore a venti e a trent'anni
Son vissuto da folle e ho perso il mio tempo
Non osi pi guardarti le mani e ogni momento
io mi metterei a singhiozzare
Su te su quella che amo su tutto ci che t'ha spaventato
Con occhi pieni di lacrime guardi i poveri emigranti
Credono in Dio pregano le donne allattano fantolini
Riempiono del loro afrore l'atrio della stazione di Saint-Lazare
Confidano nella loro stella come i re magi
Sperano di guadagnar soldi in Argentina
E di tornare al paese fatta fortuna
Una famiglia si trascina un piumino rosso come voi il cuore
Quel piumino e i nostri sogni sono altrettanto irreali
Alcuni si fermano qua e vanno ad abitare
In Rue des Rosiers o in Rue des couffes in catapecchie
Li ho visti spesso di sera prendono una boccata d'aria per la strada
E di rado si spostano come i pezzi degli scacchi
Ci sono soprattutto ebrei le mogli hanno la parrucca
Se ne stanno sedute esangui in fondo alla botteguccia
Sei al banco d'un bar tra i pi malfamati
Prendi un caff da due soldi in mezzo agli sventurati
Sei di notte in un gran ristorante
Queste donne non sono cattive hanno i loro pensieri
ci nonostante
Anche la pi brutta ha fatto soffrire il suo amante
Suo padre di Jersey nelle guardie giurate
Le mani che non le avevo visto son dure e screpolate
Provo un'immensa piet per il suo ventre cucito
Umilio ora la mia bocca su una povera ragazza

dall'orrendo riso
Sei solo sta per arrivare il mattino
I bidoni del latte tintinnano nelle vie
La notte s'allontana come una bella meticcia
Ferdine la falsa o La la premurosa
E tu bevi quest' alcool che brucia come la tua vita
La tua vita che bevi come un'acquavite
Cammini verso Auteuil vuoi andare a casa a piedi
A dormire fra i tuoi feticci d'Oceania ero Guinea
Sono Cristi d'altra forma e d'altra credenza
Sono i Sottocristi delle oscure speranze

http://nonquidsedquomodo.altervista.org/italiano/programma-di-5/498-apollinairecalligrammes

COEUR COURONNE ET MIROIR


CUORE CORONA E SPECCHIO

Mon cur pareil une flamme renverse


Les rois qui meurent tour tour renaissent au cur des potes
Dans ce miroir je suis enclos vivant et vrai comme on imagine les anges et non comme
sont les reflets
Il mio cuore simile a una fiamma rovesciata
I re che muoiono volta per volta rinascono nel cuore dei poeti
In questo specchio io sono rinchiuso vivo e vero come si immaginano gli angeli e non
come sono i riflessi

IL PLEUT
PIOVE
Il pleut des voix de femmes comme si elles taient mortes mme dans le souvenir
cest vous aussi quil pleut, merveilleuses rencontres de ma vie. gouttelettes!
et ces nuages cabrs se prennent hennir tout un univers de villes auriculaires

coute sil pleut tandis que le regret et le ddain pleurent une ancienne musique
coute tomber les liens qui te retiennent en haut et en bas
Piovono voci di donne come se fossero morte anche nel ricordo
siete anche voi che piovete meravigliosi incontri della mia vita o goccioline
e quelle nuvole impennate si mettono a nitrire tutto un universo di citt auricolari
ascolta se piove mentre il rimpianto e lo sdegno piangono un vecchio motivo
ascolta cadere i legami che ti trattengono in alto e in basso

LA COLOMBE POIGNARDEE ET LE JET DEAU


LA COLOMBA PUGNALATA E IL GETTO D'ACQUA
Douces figures poignardes chres lvres fleuries
Mya Mareye
Yette et Lorie
Annie et toi Marie
O tes-vous jeunes filles
Mais prs d'un jet d'eau qui pleure et qui prie
Cette colombe s'extasie
Dolci figure pugnalate, care labbra fiorite
Mia, Mareye,
Yette, Lorie,
Annie, e tu Marie.
Dove siete, o ragazze?
Ma, vicino ad una fontana che piange e prega,
questa colomba si estasia
Tous les souvenirs de nagure
O mes amis partis en guerre
Jaillissent vers le firmament
Et vos regards en l'eau dormant
Meurent mlancoliquement
O sont-ils Braque et Max Jacob
Derain aux yeux gris comme l'aube
O sont Raynal Billy Dalize
Dont les noms se mlancolisent
Comme des pas dans une glise
O est Cremnitz qui s'engagea
Peut-tre sont-ils morts dj
De souvenirs mon me est pleine
Le jet d'eau pleure sur ma peine
Tutti i ricordi di un tempo
O miei amici partiti in guerra
zampillano verso il firmamento

E i vostri sguardi che dormono nellacqua,


muoiono malinconicamente
Dove sono Braque e Max Jacob,
Derain con i [suoi] occhi grigi come lalba
Dove sono Raynal Billy Dalize
i cui nomi si immalinconiscono
come dei passi in una chiesa
Dov Cremnitz che si arruol
Forse sono gi morti
La mia anima piena di ricordi
Il getto dacqua piange sulla mia pena
Ceux qui sont partis la guerre
au Nord se battent maintenant
Le soir tombe sanglante mer
Jardins o saignent abondamment
le laurier rose fleur guerrire
Questi che sono partiti per la guerra
al Nord si battono ora
La sera cade O insanguinato mare
Giardini dove sanguinano abbondantemente
lalloro rosa fiore guerriero.

LA CRAVATE ET LA MONTRE
LA CRAVATTA E LOROLOGIO
Douloureuse que tu portes
et qui torne o civilis ote-la
si tu veux bien respirer.
Dolorosa che tu porti
e che ti orna o civilizzato toglila
se tu vuoi respirare bene.
COMME LON SAMUSE BIEN
COME CI SI DIVERTE BENE
- Mon cur
- les yeux
la beaut de la vie passe
- lenfant
- Agla
- la main
la douleur de mourir
- Tircis
- semaine
- linfini redress par un fou de philosophe
- les Muses aux portes de ton corps
- le bel inconnu
- et le vers dantesque luisant et cadavrique

- les heures
- il mio cuore
- gli occhi
la bellezza della vita passata
- il figlio
- Agla
- la mano
il dolore di morire
- Tircis
- settimana
- linfinito raddrizzato da un pazzo filosofo
- le Muse alle porte del tuo corpo
- il bello sconosciuto
- e il verso dantesco lucente e cadaverico
- le ore
Il est 5 enfin
Et tout sera fini
Mancano cinque minuti finalmente
e tutto sar finito

TOUR EIFFEL
TORRE EIFFEL
Salut monde dont
Je suis la langue
loquente que ta
Bouche o Paris
Tire et tirera
Toujours
Aux allemands
Ciao mondo di cui
io sono la lingua
eloquente che la tua
bocca o Parigi
tira e tirer
sempre
ai tedeschi.

POEMES A LOU
VERSI PER LOU
Reconnais-toi
Cette adorable personne cest toi

Sous le grand chapeau canotier


Oeil
Nez
La bouche
Voici lovale de ta figure
Ton cou exquis
Voici enfin limparfaite image de ton buste ador vu comme travers un nuage
Un peu plus bas cest ton coeur qui bat
Riconosciti
Questa adorabile persona sei tu
Sotto il grande cappello da canottiere
Occhio
Naso
La bocca
Ecco lovale del tuo viso
Il tuo collo bellissimo
Ecco infine limmagine non completa del tuo busto adorato visto come attraverso una
nuvola
Un po pi basso il tuo cuore che batte

LA MANDOLINE LILLET ET LE BAMBOU


IL MANDOLINO IL GAROFANO E IL BAMB
batailles la terre tremble une mandoline
COMME LA BALLE A TRAVERS LE CORPS
LE SON TRAVERSE la vrit car la RAISON Cest ton Art femme.
O battaglie la terra trema come un mandolino
come il proiettile traversa il corpo
il suono attraversa la verit
poich la ragione la tua arte o donna.
Que cet illet te dise
la loi des odeurs
quon na pas encore
promulgue
et qui viendra un jour
rgner sur nos cerveaux
bien plus prcise
et plus subtile
que les sons qui nous dirigent
Je prfre ton nez
tous tes organes
mon amie
Il est le trne
de la future
SAGESSE

Che questo garofano ti dica


la legge degli odori
che non si ancora
promulgata
e che un giorno
regner sui nostri cervelli
ben pi precisa
e pi sottile
dei suoni che ci guidano
Io preferisco il tuo naso
a tutti i tuoi organi
o amica mia
il trono
della futura
saggezza
nez de la pipe les odeurs-centre
fourneau y forgent les chanes.
univers infiniment dlies qui
lient les autres raisons formelles.
O forma della pipa centro degli odori,
o fornello dove si forgiano le catene.
O universi infinitamente slegati che
legano tutte le altre ragioni formali.