Sei sulla pagina 1di 8

Emisfero destro e sinistro: come funzionano cervello e creativit

oggi vi voglio parlare di cervello e creativit.


Secondo voi, esiste un cervello creativo? E come funziona?

Per capirlo andiamo a vedere come funzionano gli emisferi cerebrali, perch
spesso la maggior parte delle immagini che usiamo per descrivere la creativit e il
lavoro creativo del cervello si rifanno alla suddivisione tra emisferi destro e
sinistro.

I due emisferi, normalmente, elaborano le informazioni in maniera indipendente e,


tuttavia, funzionano in modo complementare.

Sono specializzati, ma condividono ed integrano le informazioni, comunicando


attraverso un grande fascio di fibre nervose: il corpo calloso.
.
Ma come nascono gli studi sulla specializzazione emisferica?
Queste intuizioni nascono, come spesso accade, per caso (laddove il caso va, per, ad
agire su un terreno fertile, gi pronto a gestire le conseguenze di quello che si sta
vivendo e ad inquadrarle in una prospettiva pi ampia, su un terreno gi dissodato e
fertile dove pu germogliare).
Roger Sperry, Premio Nobel per i suoi studi sulla specializzazione emisferica,
arriva alle sue conclusioni dopo aver praticato la resezione del corpo calloso (split
brain) a pazienti affetti da gravi forme di epilessia. In questi casi, attraverso lanalisi
delle loro funzioni cognitive, si accorge che i pazienti reagiscono diversamente a
seconda dellemisfero che stanno usando.

Nellesperimento-tipo effettuato da Sperry, uninformazione scritta era proiettata su


una parte del campo visivo connesso esclusivamente con lemisfero sinistro o destro;
utilizzando questo artificio, poich i due emisferi erano separati, si poteva far
pervenire linformazione scritta soltanto allemisfero sinistro o destro. Nel primo
caso (informazione scritta che perviene soltanto allemisfero sinistro) il soggetto era
in grado di riferire ci che aveva letto, in quanto i centri del linguaggio sono
localizzati sullemisfero sinistro; nel secondo caso (informazione che perviene
soltanto allemisfero destro) il soggetto vedeva il messaggio scritto ma non era in
grado di riferire ci che aveva osservato. (Alberto Oliverio, Esplorare la mente, p.
45)
Proprio esaminando i comportamenti di chi ha i due emisferi separati, Sperry scopre
che ogni lato del cervello non solo deputato a funzioni diverse, ma altamente
specializzato ed ha anche una propria coscienza.
Andiamo a vedere nello specifico le competenze che si soliti attribuire ai due
emisferi.
Emisfero sinistro
logica
lingua, parole (parlare, leggere, scrivere)
affronta una cosa alla volta
elabora le informazioni in maniera lineare
compie operazioni in modo sequenziale
concreto, razionale
calcolo matematico
dogmi e vecchie regole
vecchie soluzioni a nuovi problemi
comunicazione logica
mette in sequenza, linearit, lista
classificazione
ragionamento
memoria verbale
dettagli
bianco e nero
spazio 2D
metodo
nota le differenze
scompone

Emisfero destro
istinto
disegno, musica, canto, arte, danza
integra diversi input contemporaneamente
percepisce e pensa in modo olistico
sede dei sogni
spirituale, sacro, mistico
interpretazione di forme e volumi
d nuove regole
nuove soluzioni a vecchi problemi
comunicazione gestuale, emozionale
visione dinsieme, schemi
percezione
sintesi
memoria visiva
globale
colori
spazio 3D
intuito
nota le somiglianze
ricompone

pone obiettivi
tempo (prima, dopo)
orecchio sx (linguaggio, particolari del
discorso)
occhio dx (vedere da vicino, mettere a
fuoco)

pi sensibile alle idee positive


focalizzazione sul presente (qui e ora)
orecchio sx (musciale, discorso in
generale)
occhio sx (vedere da lontano, spaziare)

A seconda del nostro lavoro abbiamo, inoltre, sviluppato pi un emisfero che un altro.
Chi abituato ad usare molto parole e numeri (scrittori, matematici, etc.) di
sicuro un emisfero sinistro, mentre artisti, artigiani o musicisti, abituati a lavorare
con le immagini e con lintuizione, sono emisferi destri.
.
E che succede a chi abile nel pensiero creativo?

Il creative thinker ha un metodo/processo creativo ed usa entrambi gli emisferi!!!

Nel processo creativo lemisfero sinistro si sintonizza sui fatti, raccoglie le


informazioni, le analizza.
Il destro tende a fluire attorno alle idee, fa incubare le informazioni, fa partire le
libere associazioni, sviluppa le intuizioni.

E la fase produttiva delle idee, quella creativa vera e propria.


Poi entra in scena di nuovo il sinistro, che valuta le possibili soluzioni e le
attua.

La creativit, insomma, si deve ad una collaborazione efficace ed efficiente tra i


due emisferi.

Recenti studi hanno anche scoperto, poi, che nei bambini ad alto potenziale creativo
la connettivit tra gli emisferi gioca un ruolo fondamentale. Quando risolvono

problemi matematici, i superdotati non presentano lasimmetria emisferica


classica. Durante la risoluzione dei problemi, infatti, tutti e due gli emisferi di
questi bambini risultano attivati, mentre i bambini normali presentano
unasimmetria in favore dellemisfero sinistro.

I bambini geniali, insomma, hanno gli emisferi che dialogano con maggiore
efficacia e sono entrambi coinvolti: essi riescono a produrre un quantit molto
elevata di idee o ipotesi a partire da qualsiasi stimolo proposto (dote di fluidit,
fondamentale nella creativit, ne parleremo in un prossimo post) ed alternano con
facilit le soluzioni proposte (dote di flessibilit). Queste capacit sono associate
anche ad una grande attitudine alla ricerca e alla selezione di informazioni
immagazzinate nella memoria a lungo termine, cos come a una buona capacit di
associazione e combinazione di idee. [fonte: Maud Besanon, Le chiavi della
creativit, in Mente e Cervello, N. 83, novembre 2011]

Sei bloccato in un problema?

Usa la mano non dominante!


Poich ogni emisfero connesso con la parte opposta del corpo, se sei
impantanato in un problema, prendi una matita e comincia a scribacchiare con la
mano che non usi di solito, oppure prendi, sempre con questa mano, un oggetto di
piccole dimensioni.
I movimenti muscolari inusuali, generati dalla parte non dominante del corpo,
solleciteranno impulsi elettrici e chimici nel tuo emisfero cerebrale non
dominante.
Risultato?
Nuove interconnessioni, nuove prospettive e, probabilmente, una nuova idea.
Qual il tuo emisfero dominante?
Ora vi presento un piccolo test sulla dominanza emisferica per scoprirlo:

Consiste nel leggere quello che vedete in due maniere diverse, cronometrandovi in
entrambi i casi.
Prima lettura: Leggete le parole scritte
Seconda lettura: Leggete i colori con cui sono scritte le parole.
Ci vorr meno di un minuto!
Come andata?
Esercizio 1: leggere le parole -> Testa il tuo emisfero sinistro, che ha a che fare
con il linguaggio, come abbiamo visto prima.

6-8 secondi: ECCELLENTE. Il tuo emisfero sinistro rovente.


9-10 secondi: BEL LAVORO. I tuoi insegnanti sarebbero fieri di te.
11-12 secondi: OK. Non preoccuparti Diventerai pi veloce con la
pratica.Esercizio 2: leggere i Colori -> Ed, invece, lemisfero destro si pu testare
vedendo come reagisce alla lettura del colore con cui sono scritte le parole.

6-9 secondi: FANTASTICO! Il tuo emisfero destro rovente!


10-12 secondi: ECCELLENTE. Per caso sei un artista? Bel lavoro!
13-20 secondi: HMMMM Scommetto che c lo zampino dellemisfero
sinistro
20 + errori: ANDRA MEGLIO. Fai un bel respiro e riprova.

E ecco un altro test trovato online in data 14/11/2013 e prontamente aggiunto: sei
emisfero destro o sinistro?

Ed ora qualche consiglio per stimolare lemisfero che usi di meno.

Se lemisfero dominante il sinistro, per sviluppare il destro puoi:


1. Prendere appunti usando penne e matite colorate
2. Danza spontanea
3. Giocare a frisbee
4. Prendere lezioni di canto o entrare a far parte di un coro
5. Seguire un corso per imparare a raccontare storie
6. Andare al cinema
7. Leggere romanzi
8. Trovare un modo di passare del tempo con i bambini
9. Disegnare e dipingere
10.Far volare laquilone

11.Partecipare ad uno Smarthink


.
Se lemisfero dominante il destro, per stimolare il sinistro puoi:

1.
1. Iniziare una collezione
2. 2. Tenere un registro delle entrate e delle uscite (dettagliato al centesimo)
3. 3. Tenere un diario delle attivit
4. 4. Leggere libri di storia o romanzi

5. 5. Partecipare a incontri di discussione sulla storia


6. 6. Imparare a giocare a scacchi
7. 7. Imparare una lingua straniera
8. 8. Organizzare e ordinare i conti e la corrispondenza
9. 9. Scrivere e archiviare le tue idee.
10.
E solo imparando ad usare tanto lemisfero destro che quello sinistro, che potremo
arrivare a sfruttare il nostro potenziale mentale oltre lattuale 10% e la creativit
una delle facolt che possiamo migliorare moltissimo con la pratica.

Attitudini personali ed emisfero cerebrale prevalente


Ci sono attitudini fisiche e attitudini psichiche. Qui parliamo di attitudini psichiche
quali: attenzione, memoria, percezione, apprendimento, immaginazione, logica,
intuito, praticit, sintesi, analisi...
Generalmente sono spontanee, durevoli. Ci sono per attitudini che si possono
modificare a causa dell'ambiente o tramite l'educazione; che si acquisiscono con
l'esercizio o al contrario possono scomparire; che sono latenti e si rivelano grazie ad
una occasione propizia.
Sei dominato dallemisfero destro o sinistro?
Copyright EdiTEST 2010
Il cervello umano composto da due emisferi quasi identici. Ognuna di queste met
sembra avere sviluppato funzioni specifiche e la prevalenza di uno dei due lobi ha
delle conseguenze sulle attitudini di ciascuno di noi. Le funzioni dei due emisferi
destro e sinistro possono essere riassunte come segue:
Emisfero sinistro

Emisfero destro

Analisi

Pratica

Logica

Intuizione

Pensiero cosciente

Pensiero Subcosciente

Consapevolezza esterna

Consapevolezza interiore

Metodo, regole

Creativit

Lingua scritta

Perspicacia

Abilit numeriche

Pensiero astratto e figurativo

Ragionamento

Immaginazione

Abilit scientifiche

Musica, Arte

Reattivit

Passivit

Sequenzialit

Simultaneit

Intelligenza verbale

Intelligenza pratica

Intellettualit

Sensualit

Analiticit

Sinteticit

Il test che proponiamo aiuta a definire la prevalenza di un emisfero sull'altro. Scegli


l'alternativa che ti si addice maggiormente per ognuna delle 25 domande. Rispondi di
getto senza rifletterci troppo ed al termine del questionario visualizza il tuo
punteggio.