Sei sulla pagina 1di 50

Psicosintesi Rivista dell’Istituto di Psicosintesi - Anno XXIII n°7 Aprile 2007 - Spedizione in A.P. - art. 2 comma 20/c L.

20/c L. n° 662/96 Varese


in questo numero

Riflessioni sulla libertà

Il Mandala: uso psicologico ed educativo


The Mandala: its psychological
and educational uses

Invecchiare con piacere

Giuseppe Mazzini e l’Etica del Dovere

Buddismo e psicosintesi
Buddhism and Psychosyntesis

copertina7ok.indd 3 2-05-2007 15:02:06


“An ordered rhythm in our activities
generates harmony in our being, and
harmony is a universal law of life”

“Un ritmo ordinato nelle nostre attività


genera armonia nel nostro essere, e
l’armonia è una legge universale”

copertina7ok.indd 4 2-05-2007 15:02:43


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 1

Cari soci, cari simpatizzanti


e cari lettori
ell’aprile 2004, dopo un periodo di sospensione, rinasce la rivista Psicosintesi ed

N entra nelle vostre case, nei vostri studi e nei luoghi dove si respira interesse per la
crescita personale.
Nell’ aprile 2007 la rivista prende nuove forme, non è più stampata su carta, ma
è pubblicata via internet. La scelta è dettata dal voler dare tutta l’energia dei Centri Italiani
alla ristrutturazione della casa di Firenze, ora sede dell’Istituto di Psicosintesi, del Dr. Roberto
Assagioli fondatore della Psicosintesi in modo che possa divenire funzionale e fruibile da tutti
coloro che lo desiderino.
Sappiamo che alcuni avranno disagio e difficoltà per poter reperire la copia sul sito, ma tutti ci
auguriamo che, appena superati i problemi economici, la rivista riprenda ancora la veste tipo-
grafica a cui eravamo affezionati.
La crescita implica sempre cambiamenti e anche noi della redazione non possiamo farne a meno.
Fino ad ora le copie erano nel nostro immaginario come tanti punti luminosi che si diffondevano
per il pianeta, adesso ciascuno di noi è responsabile di far entrare attraverso lo schermo del
computer la rivista nella propria vita, decidere di stamparla e di proporre il sito alle persone che
riteniamo interessate. Come si dice oggi impariamo ad ”interagire” ed ad aprire la finestra al
nuovo vento che si chiama rivista Psicosintesi.
Patrizia Bonacina

Dear associates,
sympathizers and readaers

I
n April 2004, after a period of suspension, the “Psicosintesi” magazine revives and
enters your homes, your offices and the places where the interest for personal growth is
breathed.
In April 2007 the magazine takes a new shape, it is not printed on paper any longer,
but is published on the Web. This choice is dictated by the commitment to transfer the most
part of the energies of the Italian Centers to restructuring the Florence house of Dr. Roberto
Assagioli, the founder of Psychosynthesis, and now seat of the Psychosynthesis Institute, so
that it can become functional and be enjoyed by all who wish to.
We are aware that retrieving the copy on the site could be uneasy and even difficult for some,
but we all wish that, as soon as the economic problems are overcome, the magazine will take
back the typographic dress which we are fond of.
Growth always involves changes and we too, the editorial staff, cannot avoid that. Till today,
in our imagination the copies of the magazine were like many bright points that spread out
through the planet, while now each of us is responsible for letting the magazine enter his or
her life through the computer screen, for deciding to print it and for proposing the site to the
persons that we think have an interest. As they say nowadays, let’s learn to “interact” and to
open our windows to the new wind of the “Psicosintesi” magazine.

psicosintesi n7.indd 1 2-05-2007 14:56:16


Sommario
Editoriale pag. 1 Buddismo e Il potere di scegliere
Psicosintesi Flavio Facchini pag. 33
Comprendere Presenza nella
gli altri realtà
Roberto Assagioli pag. 3 Buddihism and
Psychosyntesis
Presence inthe
Anno XXIII nuova serie n° 7 Aprile 2007 reality
Rivista dell’Istituto di Psicosintesi Francesca Cipriani Cirelli
AUTOFORMAZIONE, EDUCAZIONE, Marco Montanari pag. 22
RAPPORTI INTERPERSONALI
E SOCIALI, TERAPIA Capodanno alla
Casa del Sole di
DIRETTORE RESPONSABILE Trento
Patrizia Bonacina Mara Chinatti pag. 37
COMITATO DI REDAZIONE
Margherita Fiore, Lina Malfiore Sono il numero
Silvio Valisa
sedici ovvero
Massimo Baratelli lascia la redazione della
Il mandala: il percorso
rivista un grazie di cuore per il lavoro svolto. uso psicologico ed psicosintetico di
Un benvenuto a Silvio Valisa educativo un edificio
The Mandala: Paola Marinelli pag. 39
rivista@psicosintesi.it its psychological
via Rienza, 2 - 21100 Varese and educational
RESPONSABILE PER I TESTI IN INGLESE uses
Ketia Alexandre Renzo Rossin pag. 6
TRADUZIONE TESTI
Kylie Drew Bartolini, Patrizia Cipolla, Invecchiare con
Margherita Fiore, Alberto Gabba, Silvia Trolli
piacere Il viaggio
COMITATO SCIENTIFICO Fiorella Pasini pag. 13 The trip
Gaetano Russo, Aldo Scarpulla
Maria Borrelli Merla pag. 27
HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO
Daniela Amara, Maria Borelli Merla,
Mara Chinatti, Francesca Cipriani Cirelli, L’autoformazione
Flavio Facchini, Margherita Fiore, al Centro di
Lina Malfiore, Paola Marinelli, Marco Montanari,
Fiorella Pasini, Giuliana Pellizzoni, Psicosintesi di
Renzo Rossin, Elena Stevenato Firenze: un volo
insieme nei luoghi Finestre sul mondo
GRAFICA - STAMPA
B&B Comunicare - Mozzate - via Tarantelli, 16 dell’anima Giuliana Pellizzoni pag. 40
www.bbcomunicare.com Elena Stevenato pag. 31
Pubblicazione semestrale registrata presso il Immagini per
Tribunale di Firenze il 28 Luglio 1984 al n° 3248 Esperienza di l’anima
Ed. Istituto di Psicosintesi formazione Margherita Fiore pag. 41
Ente Morale D.P.R. 1 Agosto 1965 n° 1721 Giuseppe Mazzini e permanente a
50133 Firenze - Via San Domenico 16
Tel. (+39) 055 578026 - Fax (+39) 055 570499 l’Etica del Dovere Catania Lettera al Direttore
www.psicosintesi.it - istituto@psicosintesi.it Lina Malfiore pag. 14 Daniela Amara pag. 32 pag. 44-45

Gli articoli sono pubblicati sotto Foto di copertina/cover: Ferdinand Hodler1853-1918 “Le Lac Léman vu de Chexbres” (particolare) 1895
l’esclusiva responsabilità degli autori;
le idee sono personali e non impegnano
la Direzione della rivista “Psicosintesi”.
Per l’invio degli scritti si ricordano le seguenti impostazioni:
The opinions expressed are those File Word - tipo carattere: Arial - Dimensione carattere: 12 - stile: normale - interlinea: singola - num. pag.: max 3
of the authors and are not the
responsibility of the board of directors of
the “Psicosintesi” magazine.

psicosintesi n7.indd 2 2-05-2007 14:56:21


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 3

Riflessioni
sulla libertà
(estratto da “La precognizione”, conferenza del 10/03/1957)

Roberto Assagioli

Il problema della libertà é po- della vita psicologica. Sopra merevoli attività biologiche to di auto-conservazione,
sto, in genere, dalla filosofia al mondo psicologico vi è un possibili, per esempio i mo- andando lietamente, libe-
in modo assoluto e troppo altro mondo: il mondo etico vimenti muscolari, il fattore ramente, verso la morte del
statico, in un modo, potrem- o della coscienza morale, psicologico umano, in questo corpo fisico.
mo dire, totalitario: “la liber- della responsabilità e delle caso l’io cosciente, sceglie Pietro Micca ha fatto più
tà c’è o non c’è, siamo esseri leggi morali. La coscienza quelle utili ai suoi fini: se che il suo dovere di solda-
liberi e responsabili sempre o etica non è ancora l’istanza vuol diventare più forte fa to, anche lui sacrificando il
non lo siamo affatto”. più alta dell’essere umano, ginnastica, oppure sceglie i proprio corpo.
Quest’impostazione è troppo essa ha delle delimitazioni movimenti muscolari atti a Si vede qui in atto la diffe-
rigida, la vita non è o bianca da una parte e degli eccessi trasportare il suo corpo in un renza fra leggi etiche e leggi
o nera, è piena di sfumature, dall’altra. Vi è poi il mondo dato luogo, o quelli atti a par- spirituali.
è variegata e vi sono molte spirituale, distinto da quello lare, a scrivere e così via. Ebbene, ogni sfera di realtà
zone grigie. etico il quale è ancora stret- All’ottava seguente, alla è parzialmente libera, ri-
Fuor di metafora, tanto nel tamente umano. quarta sfera di realtà, tra spetto a quelle inferiori, ed è
mondo esterno quanto nel Il mondo spirituale include la le innumerevoli possibilità regolata da quelle superiori.
non meno reale mondo in- sfera del supercosciente, ove psicologiche, il fattore mo- Esistono, quindi, gerarchie
terno, si possono constatare ci sono funzioni e facoltà che rale sceglie e attua, o tenta di sfere di realtà, una ge-
campi, o sfere, o livelli di l’umanità ordinaria non pos- di farlo, quelle che hanno rarchia di leggi e gradi cor-
realtà ben distinti, ciascuno siede o possiede in minima una finalità specificamente rispondenti di libertà. Non
retto da un insieme di leg- parte; ma il livello più alto morale. Infine, tra tutte le esiste una libertà in astratto,
gi specifiche. Questo risulta della spiritualità è in quella possibili attività etiche, il esiste forse la libertà infini-
chiaro dai più moderni studi sfera misteriosa di realtà in fattore spirituale, lo spirito tesima dell’elettrone, esiste
della fisica e della chimica. cui l’individuo entra in comu- in noi, può scegliere quelle certamente la limitata liber-
Esaminiamo il mondo fisico- nione con la vita universale. che hanno un carattere o un tà biologica, esiste la molto
chimico; esso consta a sua Ognuna di queste sfere di fine trascendente o eroico. parziale libertà psicologica,
volta di due sfere o domini realtà include, domina e re- Socrate si sarebbe compor- esiste la libertà etica, ed
di diverse dimensioni: il gola liberamente i fenomeni tato moralmente bene se esiste la piena libertà spi-
mondo sub o intra atomico del mondo o dei mondi ad avesse approfittato dell’oc- rituale.
ed il mondo atomico mole- essa inferiore. casione di lasciare la prigio- Dobbiamo intenderci e sa-
colare, e le leggi che li reg- Ad esempio: fra le innumere- ne e continuare il suo inse- pere di quale libertà si parla,
gono sono molto diverse. Vi voli combinazioni chimiche gnamento fuori di Atene; secondo la sfera di realtà e
è poi il mondo biologico, o possibili, il fattore biologico Pietro Micca sarebbe stato gli esseri che in essa vivo-
meglio psico-biologico, sfera sceglie intelligentemente e un soldato valoroso se fosse no. La libertà suprema è
di realtà differente dalla sfe- fa operare solo quelle adatte rimasto nell’esercito a com- quella spirituale, la liber-
ra chimico-fisica, la include, e necessarie ai suoi fini; il battere, obbedendo appunto tà dell’eroe, del santo, del
ma è retta da leggi del tutto fenomeno dell’assimilazione al principio morale di fare il saggio.
diverse. dei cibi mostra questa scelta suo dovere. Invece Socrate Ora esaminiamo un fatto
Vi è poi il mondo psicologi- intelligente. ha preferito dare un esempio molto importante: tutte que-
co umano, con le varie leggi Similmente, fra le innu- eroico di vittoria sull’istin- ste scelte, regolazioni, dire-

psicosintesi n7.indd 3 2-05-2007 14:56:38


4 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

zioni, queste libertà relative, condo una legge non sono di gradi di libertà, ma tutti le leggi biologiche da parte
ma comunque maggiori che due fatti inconciliabili. secondo la legge, o meglio dell’uomo, anche fatta con
una sfera di realtà e i sogget- Un esempio ovvio è la con- nell’ambito di tutte le leggi. moventi buoni (per esem-
ti che vivono in essa hanno quista dell’aria. Gli aero- Ne è riprova negativa che pio la vita antigienica, gli
rispetto alle sfere inferiori, plani non aboliscono, non ogni usurpazione di potere, eccessi di lavoro, gli sforzi
non violano, non aboliscono vanno contro la legge di gra- ogni esigenza contrastante esagerati), produce disturbi
le leggi dei mondi sottoposti. vità, tutti i calcoli dei tecnici con le leggi di un mondo e malattie. Quando il mondo
Le inglobano e le utilizzano mirano ad utilizzare questa inferiore si traduce in con- superiore viola le leggi del
rispettandole. Questo è un legge, non a eluderla, bensì flitti, disordini, insuccessi mondo inferiore ne risultano
punto importante: la libertà ad agire in cooperazione ed e danni. disordine e reazioni.
non va contro la legge. in armonia con essa. Gli esempi, purtroppo, non Lo stesso avviene quando un
Libertà e determinazione se- Abbiamo, quindi, una serie mancano. La violazione del- moralismo troppo esigente
va contro le leggi psicologi-
Luna nuova sopra le nuvole che e biologiche.
Questi esempi spiegano un
equivoco frequente riguar-
dante il principio dell’accet-
tazione. L’accettazione non
è passività, inerzia, rasse-
gnazione, il suo vero senso
è l’accettazione volenterosa
dell’universo e delle sue leg-
gi, di tutte le leggi, e del le-
gislatore che le ha stabilite.
Ma si tratta di un’accetta-
zione attiva, di una saggia e
amorevole cooperazione con
le leggi ed il loro artefice,
di adesione e collaborazione
al suo piano e ai suoi fini.
In ciò sta appunto la nostra
vera libertà.
Ora veniamo alla parte pra-
tica di applicazione: le vie
della liberazione e i metodi
corrispondenti.
Noi ci sentiamo più liberi o
meno limitati in vari modi.
Prendiamo il livello umano e
quella che si può chiamare
la liberazione psicologica.
Essa consiste in un’adatta
esplorazione dell’inconscio,
e la conseguente liberazione
dalle sue suggestioni, nella
liberazione da errori mentali,
schemi e razionalizzazioni, e
nello sviluppo della volontà
personale.
Vi è poi la liberazione etica.
Essa consiste soprattutto
nella liberazione dall’ego-
centrismo e dall’individua-
lismo eccessivi, in un pieno

psicosintesi n7.indd 4 2-05-2007 14:56:38


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 5

riconoscimento dei legami sviluppo dell’autocoscienza radosso. Noi constatiamo modificabili fino all’ultimo
umani, della socialità e del- a livello spirituale: l’io co- nell’essere umano una ten- momento.
le sue leggi, e nell’instaura- sciente diviene sempre più denza opposta: da un lato Quanto alla conciliazione,
zione di giusti rapporti. consapevole del Sé, con il l’aspirazione profonda alla anzi sintesi, fra volontà e
All’ottava superiore c’è la loro graduale avvicinamento libertà, dall’altro la reniten- libertà, questa è stata mi-
liberazione spirituale, che e identificazione. Questo im- za di tanti elementi in noi. rabilmente espressa da
si può chiamare un allar- plica una disidentificazione L’inerzia ci porta a rifuggire Dante: quando la volontà
gamento del nostro campo dell’io cosciente dai conte- la libertà. umana si organizza con la
di coscienza fino ad inclu- nuti ordinari e ciò a sua volta Accenniamo ora al punto volontà divina, si realizza
dere il supercosciente, e implica vigilanza, tensione, che può conciliare preco- la sua più alta libertà.<
che implica il risveglio di lotta e responsabilità. gnizione e libertà. È possi-
facoltà e funzioni superio- Questo ci dà la chiave per bile che i piani degli eventi
ri. Parallelamente vi è lo spiegare uno strano pa- futuri siano predisposti, ma

psicosintesi n7.indd 5 2-05-2007 14:56:41


6 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

Il Mandala:
uso psicologico ed
educativo
The Mandala:
its psychological and
educational uses
Renzo Rossin

Le origini The origins

Il simbolo del cerchio è antichissimo, come attestano i The symbol of the circle is very ancient, as testified by the
graffiti rupestri dell’Africa, dell’Europa e del Nord America, rock-graffito in Africa, Europe and North America, where
dove compare insieme al motivo della spirale. Ma è nella it is present together with the spiral. Yet, the importance
nostra storia biologica e appartenenza cosmica che vanno that all humans, at all times, have been attributing to the
individuate le radici può profonde dell’importanza che gli mandala, meaning circle but also center, or magic circle
uomini di tutti i tempi attribuiscono al mandala, che signi- etc, is deeply rooted in our biological history and cosmic
fica cerchio ed anche centro, o cerchio magico ecc. belonging.
I nostri antenati svolgevano tutte le loro attività secondo i Our ancestors performed all their activities according to
cicli naturali, alla luce del sole di giorno o raccolti in cer- natural cycles: the sunlight during the day, or gathered at
chio di notte intorno ad un fuoco, la cui luminosità e calore night around a fire - whose light and heat evoked those
evocavano quelli del sole. In effetti, il culto del dio Sole e of the sun. Actually, the cults of the god Son and the one
quello del Fuoco (figlio e supplente del padre celeste presso of the Fire (son of and replacing the heavenly father with
gli uomini) sono generalmente congiunti. humans) are typically joined.
Il mandala fissa e stabilizza analogicamente e magicamen- In the space-time ritual ruled by man, the mandala fixates,
te, nello spazio-tempo rituale governato dall’uomo, le forze and analogically and magically stabilizes, the natural and
naturali e cosmiche governate dagli dei. cosmic forces governed by the gods.
Il motivo stabilizzante del quadrato e il ritmo quaternario The stabilizing motif of the square, together with the qua-
- forme che si combinano con quella circolare dominante ternary rhythm - shapes that combine with the dominating
- derivano a loro volta dalla rassicurante regolarità dei cicli circular one – derive in turn from the reassuring regularity of
della luce, vissuti nella specularità analogica e reciproca the light’s cycles, experienced in the analogical and mutual
uomo/sole e nei conseguenti rispecchiamenti terra/cielo, man/sun symmetry and in the subsequent correspondences
direzioni/punti cardinali, che ritroviamo congiunti nell’orien- between heaven and earth, direction and cardinal points,
tamento del rituale mandalico e nell’architettura sacra. that we can find joined in the orientation of the mandala
Lo yantra viene talvolta erroneamente confuso con il man- ritual and in sacred architecture.
The yantra is sometimes mistakenly confused with the man-

psicosintesi n7.indd 6 2-05-2007 14:56:42


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 7

dala, di cui è forse la forma più elementare e arcaica, ma dala, of which it is possibly the most archaic and elementary
presenta delle precise differenze: ha una cornice quadrata, form, although featuring clear-cut differences: the frame
con quattro proiezioni a T, è costituito solo di figure geome- is square, with four T-shape projections, it consists only of
triche e rappresenta una particolare divinità o forza cosmi- geometrical shapes and it represents a particular divinity or
ca. Il mandala invece ha una cornice circolare con o senza cosmic force. The mandala, instead, has a circular frame,
lettere sanscrite, comprende figure, luoghi, oggetti simbolici with or without Sanskrit letters, it includes figures, places,
complessi, e rappresenta l’universo fisico e psichico complex symbolical objects, and represents the physical
and psychic universe.
lI motivo tradizionale del cerchio sacro
The traditional motif of the sacred circle
Nelle tradizioni di vari popoli, i mandala potevano essere
usati nelle cerimonie di propiziazione delle forze della na- In the traditions of various peoples, the mandala could be
tura, per l’agricoltura o la caccia, e potevano avere un valore used in ceremonies propitiating natural forces, farming, or
curativo, essere di aiuto per la guerra, la pace, il raccolto e hunting, and could have a therapeutic value, be useful in
altro. Fondamentalmente, il mandala come tramite sacro è wars, peace, harvesting, and the like. In short, the mandala
un mezzo di comunicazione, di insegnamento, di meditazio- as a sacred means is a means of communication, of teaching

Mandala Yamantaka, Museo di Bogd-Khan, Mongolia

psicosintesi n7.indd 7 2-05-2007 14:56:43


8 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

ne e integrazione dell’uomo nella Natura e nel Tutto. and of integration of man in Nature and in Everything.
Il rito del mandala costituisce in Oriente un rigoroso e In the East, the rite of mandala represents a rigorous and
potente itinerario meditativo e presenta già originariamente powerful meditation itinerary, and it performs, from its very
la funzione religiosa di delimitare ritualmente uno spazio, origin, the religious function of ritually defining a space,
che viene così sacralizzato, assicurando al suo interno la that is thus made sacred, insuring the presence of the
presenza dell’energia numinosa. numinous energy within it.
In Tibet questo percorso connette il praticante al piano In Tibet this path connects the worshippers to the divine
divino, chiamato a proteggerlo da influenze nefaste e de- level, called upon to protect them from obnoxious and de-
moniache. Durante l’iniziazione, egli impara a visualizzare moniac presences. During initiation, they learn to visualize
il mandala consacrato e a ricostruirlo progressivamente the consecrated mandala and progressively reconstruct it
dentro di sé, per realizzare una teofania interiore libera- inside themselves, eventually resulting in a liberating in-
trice. (1) terior theophany. (1)

L’approccio psicologico The psychological approach

Nella struttura del mandala il centro rappresenta la sorgente In the mandala structure, the centre represents the source
della potenza del Creatore e il rito mandalico costituisce l’iti- of power of the Creator, and the mandala rite constitutes
nerario per raggiungerlo. Lungo questo percorso, gli aspetti the itinerary to reach it. Along this path, the fragmentary
frammentari dell’identità si ricompongono, raggiungendo aspects of identity are recomposed, achieving a perfect
una perfetta sintesi nell’identificazione del meditante con synthesis in the identification of the meditating person
il proprio nucleo divino, il Sé transpersonale, sorgente della with his/her divine nucleus, the transpersonal self, source
pienezza di senso e della trascendenza. of fullness of sense and of transcendence.
Nel nostro tempo, la sensazione di perdita del centro e di In our times, the sensations of loosing the center and of
smarrimento spirituale derivano da molti fattori, fra i quali spiritual loss derive from many factors, among which the
la velocità e complessità dei processi tecnico-scientifici e speed and complexity of technical, scientific, social and
socio-economici, e la difficoltà di governarli secondo criteri economic processes, and the difficulties in governing them
di sviluppo sostenibile. according to criteria of sustainable development.
Anche per molte persone a cui non manca la stabilità sociale Many people, without lacking any social or economic sta-
ed economica, cresce il bisogno di sicurezza interiore, di una bility, have a growing need of interior self-assurance, of
base d’appoggio psicologica più consistente e di trovare, “o steadier psychological support, and of finding a center of
ritrovare”, un centro di riferimento. reference – or finding it back.
C. G. Jung, cui è dovuta l’introduzione del mandala nella psi- C. G. Jung, to whom we owe the introduction of mandala
cologia occidentale, sperimentò innanzitutto su di sé l’effica- in Western psychology, first tested the effectiveness of the
cia del cerchio magico. Per lui il mandala è uno dei simboli magic circle on himself. For him, the mandala is one of
dell’integrazione dell’inconscio collettivo, rappresentando la the symbols of the collective unconsciousness, representing
monade individuale, che corrisponde alla natura microco- the individual monad that corresponds to the microco-
smica dell’anima, al Sé, il centro della personalità. smic nature of the soul, to the self, to the center of the
Dopo aver fatto riferimento all’utilizzo di questo mezzo per personality.
la meditazione profonda, Jung scrive:“ si ritiene che la con- After referring to the use of this means for deep medita-
templazione di un mandala ispiri la serenità, il sentimento tion, Jung wrote: “it is believed that the contemplation
che la vita ha ritrovato senso e ordine. Il mandala produce of a mandala inspires serenity, the sensation that life has
lo stesso effetto quando appare spontaneamente nei sogni regained meaning and order. The mandala produces the
dell’uomo moderno, che ignora queste tradizioni religiose. same effect when it spontaneously appears in the dreams
Le forme rotonde del mandala sono il simbolo in generale of modern man, who ignores these religious traditions.
dell’integrità naturale, mentre la forma quadrata rappresenta Generally speaking, the round shapes of mandala are the
la presa di coscienza di tale integrità. Nel sogno il disco symbol of natural integrity, while the squared shape repre-
quadrato e la tavola rotonda si incontrano, annunziando sents becoming aware of such integrity. In the dream, the
un’imminente presa di coscienza del centro”.(2) squared disc and the round table meet, announcing the
Altrove egli aggiunge che si potrebbe pensare a questo punto pending awareness of the center”. (2)
centrale all’interno dell’anima come a qualcosa “al quale Further on he adds that this central point inside the soul
tutto sia correlato, dal quale tutto sia ordinato, e il quale sia could be thought as something “to which everything is
al tempo stesso fonte di energia. L’energia del punto centrale correlated, by which everything is ordered, and which is at
si manifesta in una coazione pressoché irresistibile, in un the same time a source of energy. The energy of the central
impulso a divenire ciò che si è: così come ogni organismo point emerges as an almost irresistible urge, an impulse
è costretto, quali che siano le circostanze, ad assumere to become what one is: like all organisms are compelled,
la forma caratteristica della propria natura. Questo centro under all circumstances, to take the characteristic shape

psicosintesi n7.indd 8 2-05-2007 14:56:45


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 9

non è pensato né sentito come Io ma, se così si può dire, of their nature. This center is not thought nor felt as the I
come Sé”, (3) but, if we may say so, as the Self”, (3)

Jung paragona la psiche ad una sfera, il cui nucleo Jung compares the psyche to a sphere, whose nucleus
(Sé) è contemporaneamente centro e totalità (B) della sfera (Self) is at the same time the center and the whole (B) of
stessa. the sphere.
Il nucleolo bianco rappresenta l’Io, all’interno del The white nucleolus represent the I, inside the field
campo della coscienza, simboleggiata dell’ovoide A. of conscience, symbolized by the ovoid A .

Uso terapeutico Therapeutic use

Mentre il mandala tradizionale meglio conosciuto in Whilst the traditional mandala, best known in the West,
Occidente, contiene unicamente simboli della cultura exclusively contains symbols of the Indo-Buddhist spiritual
spirituale indo-buddista e segue un rituale rigorosamente culture and follows a strictly canonical ritual, the spon-
canonico, quelli spontanei creati in un ambito educativo o taneous mandalas created in educational or therapeutic
curativo, solitamente non rappresentano che le condizioni setting typically do not represent the subjective interior
interiori soggettive dei loro autori al momento dell’esecu- conditions of their author at the moment of execution, with
zione, con immagini che affiorano dal profondo in funzione images emerging from deep inside with a re-balancing fun-
riequilibratrice. ction.
L’impulso che orienta il nascituro, attraverso la ricapitola- The impulse that orientates the newborn, through philoge-
zione filogenetica, ad emergere come bambino è lo stesso netic recapitulation, to emerge as a child, is the same that
che orienta il bambino alla coscienza di sé, e che induce orientates the child to self-consciousness, and that induces
l’adulto a fermarsi e “ri-comporsi” intorno al proprio centro/ the adult to stop and “re-compose” himself around his
Sé. Questo processo di frammentazione centrifuga e rein- center/Self. This process of centrifugal fragmentation and
tegrazione centripeta è più evidente nell’attraversamento centripetal reintegration is more evident when experiencing
di una crisi che abbia intaccato la percezione di Sé e del a crisis that has affected the perception of the Self and of
senso della propria vita. the sense of one’s life.
Analizzando cicli di mandala creati da persone che abbiano Analyzing the cycles of mandala created by people who
espresso liberamente il loro sentire, si può constatare come have freely expressed themselves, one may note how they
essi rivelino le dinamiche delle vie al Sé, fungendo insieme reveal the dynamics of the ways to the Self, working both
da contenitori e specchi della tensione psichica all’indivi- as containers and mirrors of the psychic tension to identi-
duazione, alla pienezza della vita individuale, fication, to full individual life.
Il centro/Sé mandalico è infatti matrice di schemi, direzioni The mandala center/Self is indeed the template of schemes,
e significato, ed è insieme sorgente e meta del senso del- directions and meanings, and it is both source and goal of
l’identità. Perciò lavorare con queste figure geometriche può the sense of identity. Thus working with these geometrical
giovare al benessere di persone di tutte le età, dai bambini shapes can be beneficial to people of all ages, from restless
irrequieti agli anziani malinconici; mentre in ambito tera- children to the melancholic elderly; whilst in the therapeutic
peutico si è dimostrato particolarmente utile in certe forme setting it has proved especially useful is certain forms of
di nevrosi ed anche di psicosi. neurosis and of psychosis.
Lo psichiatra statunitense R. Turner che, dopo una forma- U.S. psychiatrist R. Turner who, after training at the Jung
zione all’Istituto Jung di Zurigo, ha avuto un’ulteriore forma- Institute in Zurich, further specialized in psychosynthesis,
zione in psicosintesi, segnala le controindicazioni nell’uso highlights as contraindication to the use of mandala those
del mandala in casi di eccitazione maniacale, quando dei cases of maniac excitement when already over-stimulated
soggetti già troppo sovrastimolati non potrebbero sostenere subjects could not bear the task of a challenging drawing.
anche il lavoro con un disegno impegnativo. Turner racco- Turner instead recommends working with mandalas in four

psicosintesi n7.indd 9 2-05-2007 14:56:46


10 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

manda invece il lavoro con i mandala soprattutto in quattro kinds of critical situations:
tipi di situazioni critiche: 1) Particularly severe losses;
1) Perdite particolarmente gravi; 2) Deep changes in age shifting:
2) Profondi cambiamenti dei passaggi di età; 3) Life-threatening illnesses;
3) Malattie che minacciano la vita; 4) Spiritual emergences. (4)
4) Emergenze spirituali. (4) In those situations where words are not enough to favour
Nelle situazioni in cui non bastano le parole per favorire the transformation process, the non-verbal expression of the
il processo di trasformazione, l’espressione non-verbale mandala can significantly facilitate the loosening of blocks
del mandala può facilitare sensibilmente lo scioglimento due to emotional overcharge of grief, it can soothe whilst
di blocchi dovuti al sovraccarico emozionale di un lutto, crossing that “no man’s land” where one can find no words,
può consolare durante l’attraversamento di quella “terra di gathering and reorganizing within a harmonious structure
nessuno” dove non si trovano parole, raccogliendo e rior- a complex web of emotions, urges, feelings and thoughts
ganizzando entro una strut- of the human being, faced
tura armonica un complesso with his own narrowness and
intrico di emozioni, pulsioni, mortality.
sentimenti e pensieri del- Whenever the intensity of
l’essere umano, confrontato an experience breaks the
con la propria limitatezza e consolidated boundaries of
mortalità. individual life, the mandala
Ogni volta che l’intensità di can contain and mirror the
un’esperienza rompe i con- conditions of the individual,
fini consolidati della vita and represent the beginning
individuale, il mandala può of his grounding process,
contenere e rispecchiare la i.e. an experience of re-an-
condizione in cui versa il choring and of re-orientation
soggetto e costituire l’inizio towards a higher level of in-
del suo processo di groun- tegration.
ding, un’esperienza di an- Although there is no agree-
coraggio e ri-orientamento ment among art-therapists
verso un superiore livello di on the subject, in a clinical
integrazione. setting one should rightfully
Anche se in merito non vi ask what’s the meaning of a
è accordo fra gli arte-tera- mandala, in the same way as
peuti, in un setting clinico è one looks for the meaning of
legittimo chiedersi quale sia another product of uncon-
il significato di un mandala, sciousness, i.e. the dream.
nello stesso modo in cui si But it needs to be done with
cerca il significato di un al- great respect, in order to
tro prodotto dell’inconscio, return to the author useful
quale è il sogno. Ma occorre Chiesa del Santo Sepolcro, hints for understanding one-
farlo con molto rispetto, per Torres del Rìo (Navarra), inizio XIII secolo self, and for facilitating the
restituire al suo autore degli process of change.
spunti utili per la comprensione di sé, e per agevolarne il The best way to learn how to do it consists in developing
processo di cambiamento. a personal sensitivity towards the way this process occurs
Il miglior modo per imparare a farlo, consiste nello sviluppare inside oneself: for instance, by starting to hang the manda-
una sensibilità personale per il modo in cui questo processo las drawn, so that they are easily visible and continuously
avviene dentro se stessi: per esempio, incominciando con explored. For their function of containment and of synthesis,
l’appendere i mandala realizzati, in modo che siano facil- they can also easily be used in some group seminars. (5).
mente visibili e ripetutamente esplorabili. Per la loro funzio-
ne contenitiva e sintetica, essi possono essere facilmente For personal growth and education
utilizzati anche in alcuni seminari di gruppo. (5)
The words yoga, tao, religion, evoke man’s aspiration to
Per la crescita personale e l’educazione synthesis in different ways, to the reunion of split parts,
often fragmented and conflicting, of totality. The mandala
Le parole yoga, tao, religione evocano in vario modo l’aspi- is one of the traditional tools most universally diffused for
razione dell’uomo alla sintesi, al ricongiungimento fra le this purpose.

psicosintesi n7.indd 10 2-05-2007 14:56:46


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 11

parti divise, spesso frammentate e conflittuali, della totalità. R. Assagioli did not deal with mandala, yet he’s written
Il mandala è uno degli strumenti tradizionali più universal- some crucial pages on harmonization, synthesis, and the
mente diffusi per questa finalità. techniques to obtain them. He starts from the platonic
R. Assagioli non si è occupato di mandala, ma ha scritto assumption that unity exists before the separation of par-
alcune pagine fondamentali sull’armonizzazione, la sintesi ts, which are mutually opposed but which do not contrast
e sulle tecniche per conseguirle. Egli parte dal presupposto unity. The harmonization of personality – the central task
platonico che l’unità esiste prima della separazione delle of psychosynthesis – can then be achieved through the
parti, che sono opposte tra loro ma non si contrappongono development of missing parts and their dynamic balancing
all’unità. L’armonizzazione della personalità - compito cen- with the others.
trale della psicosintesi - è conseguibile dunque attraverso lo Every harmonization process aimed at synthesis seeks a
sviluppo delle parti carenti e il loro equilibramento dinamico peak of higher harmony, like in the psychosynthetic exercise
con le altre. of the Ascent, where the peak of the mountain is homolo-
Ogni processo di armonizzazione teso alla sintesi tende ad gous to the center of the mandala – as also represented by
una vetta di superiore armonia, come nell’esercizio psicosin- a satellite image of the mountain.
tetico dell’Ascesa, in cui la cima della montagna è l’omologo Psychosynthesis, whose best known holograms – the Ovoid
del centro del mandala – figura a cui peraltro può rimandare and the Star – present some mandalic characteristics in
anche l’immagine satellitare della montagna. themselves, has various techniques sharing analogous traits:
La psicosintesi, i cui diagrammi più noti - l’Ovoide e la just think of the Blooming rose. But one can also effectively
Stella – presentano già di per sé stessi delle caratteristiche use also visualization, drawing and the creation of other
mandaliche, dispone di varie tecniche che hanno tratti ana- mandala structures, to highlight, organize and progressively
loghi: basti pensare all’esercizio della Rosa che sboccia. Ma integrate energies, trends and hidden potentials.
si possono utilizzare efficacemente anche la visualizzazione, In various critical situations, the practices with the mandala
il disegno e la creazione di altre strutture mandaliche, per can significantly facilitate the transit towards a state of
mettere in luce, organizzare e integrare progressivamente higher awareness and allow experiencing that bigger I that
energie, tendenze e potenzialità latenti. Assagioli describes as “steady, unchangeable among the
In varie situazioni critiche, le pratiche con il mandala rough waves of becoming at all other levels”. (6)
possono agevolare sensibilmente il transito verso un stato The psychophysical and spiritual need to re-center oneself
di superiore consapevolezza e permettere l’esperienza di and re-align one’s conscious strengths and goals with those
quell’Io più grande che Assagioli descrive come “stabile, of the super-conscious self is constant and cyclically more
immutabile in mezzo all’agitarsi delle onde del divenire a intense, insomuch the concept of identity - meant as a
tutti gli altri livelli”. (6) coherent set of behaviours, beliefs and values – could be
Il bisogno psicofisico e spirituale di ricentrarsi e ri-allinare redefined as “centricity”.
le proprie forze e finalità consce con quelle del Sé super- Among the games preferred by children there is nesting,
cosciente, è costante e ciclicamente più intenso, tanto che sometimes a full-fledged nesting, with which they make out
il concetto di identità - inteso come insieme coerente di roundish shapes containing them, where they feel at ease
comportamenti, credenze e valori - potrebbe essere ridefi- like in a nest. In a group, they typically have songs and
nito “centricità”. games at their disposal, such as the ball, the top, the ka-
Fra i giochi preferiti dai bambini c’é l’annidamento, talvol- leidoscope, the ring-a-ring-a-roses, and others, where more
ta una nidificazione in piena regola, con cui ricavano delle or less circular sounds, movements, and figures recur.
forme contenitive tondeggianti, dove sentirsi accolti come Furthermore, it is very interesting to notice that, to master
in un nido. In gruppo, essi dispongono tradizionalmente the graphic skills, 3-4 year old children, spontaneously draw
di canti e di giochi, come quello con la palla, la trottola, mandala shapes, that recall those of the rock graffito of the
il caleidoscopio, il girotondo e altri, in cui ricorrono suo- infancy of humanity: the lunar and solar disks, crosses, thin-
ni, movimenti e figure evidentemente o tendenzialmente legged cell-men (cephalopods), scribbles, etc. (7)
circolari. The motif of the circle drawn in the mandala evokes and
E’ molto interessante notare inoltre che, per appropriarsi symbolically fulfils an archetypical need of order and har-
delle abilità grafiche, tutti i bambini dai tre ai quattro anni, mony heavily frustrated by contemporary society, insomuch
disegnano spontaneamente delle forme mandaliche che as the psychology of well being in Europe in the last twenty
richiamano quelle dei graffiti rupestri dell’infanzia dell’uma- years has not been proposing mandala as an educational
nità: i dischi lunare e solare, croci, uomini-cellula su esili and preventative means, whilst a neuro-pedagogy of the
gambette (cefalopodi), scribilli ecc. (7) mandala is emerging that enhances the ancient magic circle
Il motivo del cerchio elaborato nei mandala e evoca ed as a link between pedagogy and neurosciences, besides as
appaga simbolicamente un bisogno archetipico di ordine a means of cerebral re-harmonization. (8)
e armonia gravemente frustrato nella società contempo- It is known that anxious, disruptive, agitated children, una-
ranea, tanto che la psicologia del benessere in Europa da ble to concentrate and to calm down, are one of the major
un ventennio propone il mandala come mezzo educativo reasons of frustrations for adults, insomuch as in the USA

psicosintesi n7.indd 11 2-05-2007 14:56:48


12 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

e preventivo, mentre si affaccia una neuro-pedagogia del eight million children are said to be on psychotropic drugs,
mandala che valorizza l’antico cerchio magico come rac- whilst in Italy some hundred thousands have been diagno-
cordo fra pedagogia e neuroscienze, oltre che come mezzo sed with psychiatric disorders.
di riarmonizzazione cerebrale. (8) An educational system that pays more attention to the
E’ noto che bambini ansiosi, agitati, dispersivi, incapaci di deep needs of human beings, and first of all committed
concentrarsi e di ritrovare la calma, costituiscono uno dei in prevention, XXX would have today innumerable and ef-
principali motivi di frustrazione per gli adulti, tanto che ne- fective working tools, among which mandala, whose use
gli Usa otto milioni di bambini assumerebbero psicofarmaci, in classroom and in the family promotes an atmosphere of
mentre in Italia alcune centinaia di miglia sarebbero stati great and pleasant commitment, by favouring concentration
diagnosticati come aventi dei problemi psichiatrici. and emotional stability. M. Smithwhite ha also noticed that
Un sistema educativo più attento a bisogni profondi del- children spontaneously make mandala drawings, when they
l’essere umano e impegnato innanzitutto nella prevenzio- get to the end of the meditation exercises she leads, and
ne, avrebbe oggi a disposizione innumerevoli ed efficaci has collected a few of them in a precious picture antho-
strumenti di lavoro, fra cui i mandala, il cui uso in classe e logy. (9)
in famiglia promuove un’atmosfera di grande e piacevole Today the market – much more sensitive than the school
impegno, favorendo la concentrazione e la stabilità emoti- to emerging new needs - makes available some mandalas
va. M. Smithwhite ha notato peraltro che i bambini fanno with a recreational/creative function, such as boxes to draw
spontaneamente dei disegni mandalici, quando giungono al and colour figures with classical, romantic, animal motifs,
termine degli esercizi di meditazione da lei condotti, e ne ha etc. Rather than an indulgence to fashion, in this case we
raccolti diversi in una preziosa antologia illustrata. (9) think it is a symptom of the deep need for re-orientation and
Il mercato - molto più sensibile della scuola all’emergere individual and collective centering of our society, starting
di nuovi bisogni – mette oggi a disposizione dei mandala from childhood.
in funzione ludico/creativa, come scatole per disegnare e Handbooks for sale – mostly aimed at personal growth – do
colorare figure con motivi classici, romantici, con animali advice to prepare a quiet environment, where to work medi-
ecc. Più che di un’indulgenza alle mode, in questo caso tatively, and have whatever needed at hand, setting asides
ci sembra si tratti di un sintomo del profondo bisogno di all aesthetic goals that might interfere with spontaneous
ri-orientamento e centratura individuale e collettiva della expression. We also suggest starting with a short relaxing
nostra società, a partire dai bambini. exercise and then choosing colours, shapes, materials and
I manuali in commercio - rivolti prevalentemente alla cre- so on to freely express oneself. At the end, hang the man-
scita personale - consigliano di predisporre un ambiente dala well visible, so that it continues ‘working’ for its author,
tranquillo, dove lavorare meditativamente e dove tutto ciò also when the latter does not understand its psychological
che occorre sia a portata di mano, mettendo in secondo meaning. <
piano quelle finalità estetiche che potrebbero pregiudicare
la spontaneità espressiva. Consigliano anche di iniziare
con un breve rilassamento e poi scegliere colori, forme,
materiali e altro con cui esprimersi nella massima libertà.
Al termine, appendere il mandala bene in vista, in modo
che continui a “lavorare” per il suo autore, anche quando
questi non ne comprenda il significato psicologico. <

BIBLIOGRAFIA
1) G. Tucci, Teoria e pratica del mandala, Ubaldini, Roma 1969
2) C. G. Jung, Simbolismo del mandala e Che cosa sono i mandala, in “Opere”, vol.nono, tomo primo:
“Gli Archetipi dell’ Inconscio collettivo”, Boringhieri, Torino 1980
3) Jung parla del mandala in una decina di altri scritti, oltre a quelli già indicati: Studi sull’alchimia;
Gli archetipi e l’inconscio collettivo;
Aion: ricerche sul simbolismo del sé; Mysterium coniunctionis ecc., in “Opere”, op. cit.
4) R. P. Turner, Sacred circles: working with mandala drawings, negli Atti del convegno “Psichosynthesis for the Next Century”
- World Conference 1996 – Ed. Psychosynthesis International, P.O. Box 279, Ojai, CA 93024
5) R. Turner conduce seminari terapeutici. Per favorire l’autocentratura attraverso il disegno libero, S. Grof consegna un
foglio bianco con un cerchio, al termine del suo intenso “Holotropic Brealhwork “
6) R. Assagioli, “Esercizio di disidentificazione e autoidentificazione”, in “Per vivere meglio”, Istituto di Psicosintesi, Firenze
7) R. Kellog, What children scribble and why, ediz. privata, San Francisco.1955
8) Marie Pré, Neuro-pédagogie et mandalas, Diffusion Marie Pré l’Hermitage-14380 StSever- Calvados( France)
9) M. Smithwhite, Children’s art through meditation, Ch Falk, Monaco di Baviera (Ediz. privata)

psicosintesi n7.indd 12 2-05-2007 14:56:48


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 13

Invecchiare
con piacere
Fiorella Pasini

Sazi di giorni, ultracentenari, quelle fondamentali alle più gli anni gli ostacoli al vivere portanti i nodi di dolore che
così lasciavano il corpo i pa- piccole. Può rendere signifi- pienamente sono quelli di ci sono rimasti dentro. Ciò
triarchi della Bibbia. cativo ogni contatto, ogni ge- sempre, ma se ne aggiungono che non ci siamo perdonati
Ecco un buon uso per la ter- sto, ogni visione, la presenza altri, specifici. duole, duole non aver accet-
za e quarta età: “saziarsi di mentale, essere nel qui e ora, Oltre alla paura della vec- tato e compreso il male che
giorni”. con attenzione indivisa. chiaia stessa, paura che ci ci è stato fatto e perché ci è
Gli antichi egizi, per esempio, Molti ostacoli rendono dif- porta immagini minacciose stato fatto.
credevano che una divinità ficile lo stato di presenza di un futuro di impotenza e Duole non saper ancora guar-
pesasse il cuore del trapas- mentale. Andando avanti con solitudine, diventano più im- dare, sorridendo davvero,
sato, a cui veniva consentito i sogni infranti, le persone
di accedere a una dimensione perdute e quelle non incon-
felice solo quando il suo cuo- trate; i progetti non realizza-
re risultava leggero quanto ti, ciò che è davvero troppo
una piuma. tardi per compiere. Sarebbe
Quando ci sentiamo “sazi di bene saper individuare cosa
giorni”, e ci pare che tutto, possiamo ancora compiere:
proprio tutto, è ed è stato “Signore fammi accettare
come doveva essere, il no- ciò che non posso cambia-
stro cuore è così leggero... re, fammi cambiare ciò che
momenti in cui il passato lo posso cambiare; e, soprat-
abbiamo lasciato andare con tutto, fammi distinguere tra
una benedizione (e, quanto i due.”
al futuro, crediamo che sarà L’adorabile, vitalissimo pro-
interessante, ben venga, ci fessore de “I martedì col
sentiamo adeguati, pensia- professore” riesce perfino a
mo che potrà accadere forse trasformare la dolorosissima
qualcosa di brutto, ma non perdita dell’autonomia in
troppo). “Past is history, futu- un’occasione per aprirsi a
re is mystery, live now”. una maggiore intimità con
Dal nostro cuore leggero, gli altri. (1)
cerchiamo di fare ciò che Egli era sempre stato solito
ancora desideriamo fare, ma pensare che ogni giorno un
in un certo modo, poiché uccellino si posasse sulla
sappiamo che saziante non sua spalla a ricordargli: “E’
è solo la quantità di stimoli, oggi il giorno? Sto facendo
ma anche, soprattutto la loro tutto quello che è necessario
qualità. fare?
La qualità è data dal come, Mi sto comportando come la
in quale stato mentale vivia- persona che voglio essere?”
mo le nostre esperienze, da Laboratorio del vasaio Il professore ricordava a se

psicosintesi n7.indd 13 2-05-2007 14:56:48


14 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

stesso di fare tutto ciò che il corpo e il suo viaggio nella tempo storico si accompagna qualità della vita di anziani
poteva fare di ciò che non vecchiaia: sapendo di essere la perdita di interesse per la e delle persone in altre età
desiderava lasciare incom- molto più del nostro corpo, vecchiaia da parte dell’an- della vita, c’é da respingere,
piuto. abbiamo meno paura delle ziano stesso, che continua a sia individualmente che so-
Di questi “fare”, molti sa- sue trasformazioni. Invece paragonarsi a età, bisogni e cialmente, l’equazione “vec-
ranno lavoro psichico. Per di lamentare la perdita di piaceri non suoi! chiaia uguale perdita delle
esempio fare la pace con il quelli che eravamo prima, Ciò non significa però trascu- forze”.
passato, affinché possiamo ri- per esempio, osserviamo con rare i nostri desideri: ci pro- “ Il problema della vecchiaia
percorrere tutti i ricordi senza meraviglia quelli che stiamo poniamo di andarcene da qui ha origine non tanto dal de-
inciampare in emozioni dolo- diventando. “sazi di giorni”. clino fisico quanto dall’in-
rose, è lavoro psichico, così Per godersi la vecchiaia, è be- La persona anziana ha già tolleranza della società nei
come lo é progettare il futu- ne disporre di risorse interio- vissuto tanto in prima perso- confronti degli anziani, dal
ro in modo luminoso, favoriti ri. Risorse che, purtroppo, un na. Studi, esperienze, lavoro suo rifiuto di avvalersi della
ora dall’età nel fare sì che la mondo orientato alla produ- e carriena, hobbies e viaggi, loro saggezza e dal tentativo
ricerca di sé diventi ritrova- zione-consumo, non si è tan- storie d’amore e di disamo- di relegarli ai margini della
mento di sé e del Sé. to impegnato a valorizzare, e re, figli cresciuti; i ricordi vita sociale.
La vecchiaia, tempo in cui a insegnarci a coltivare. aumentano, si accumulano, Ribadendo agli anziani, ap-
é naturale l’introversione e Prima di tutto, dobbiamo im- lasciando nei paesaggi inte- parentemente per spirito di
l’introspezione, ci dà l’op- parare a vedere la vecchiaia riori belle cartoline mentali o amicizia e rispetto, che essi
portunità di occuparci di ciò in maniera radicalmente di- brutte fotografie. non hanno perso il diritto di
che non può esserci tolto: la versa da quella che oggi ci Ci sgomentano i ruoli che ci godersi la vita, la società gli
saggezza e l’amore. viene imposta, che è larga- lasciano: si va in pensione, ricorda che essi non hanno
Qualsiasi cosa accada al no- mente indotta dai produttori i figli divengono autonomi, i più niente da fare per impie-
stro corpo, é il momento della che corteggiano nell’anziano matrimoni finiscono per un gare il loro tempo.” (3)
guarigione psichica. il potenziale consumatore qualche motivo, a volte pur Svalutando l’esperienza e
La malattia del corpo può – di merci, servizi, viaggi, se continuiamo a vivere in- attribuendo una grande im-
essere addirittura l’occasione snaturando le caratteristiche sieme; e i nostri genitori e portanza alla forza fisica,
per profonde guarigioni del più significative di questa parenti più anziani, a poco alla destrezza, alla capacità
cuore. Non troveremo forse età, quelle in cui la persona a poco si ammalano e ci la- di adattarsi, e all’elasticità di
ciò che volevamo (lo stesso matura può maggiormente sciano. Non siamo più “una stare al passo con idee nuove,
genere di attivitá, autonomia espandersi e realizzarsi. Nel bella donna” o l’uomo “che la società esclude automati-
ed estroversione) però tro- materialismo dominante si non deve chiedere mai”, co- camente i cittadini anziani.
veremo ciò di cui avevamo guarda con diffidenza a ciò me dice un’azzeccata pubbli- Nella vecchiaia, ciò che resta
bisogno allo scopo di far pro- che è interiore, mentale, cità. Ci sgomentano questi da creare è nientemeno che
seguire la nostra personalità quando non se ne ignora vuoti, ma ci lasciano anche noi stessi.
lungo quella via d’evoluzione addirittura l’esistenza. Ma più liberi. Su questi ruoli, Chi è questo “noi stessi”?
che la porta a coincidere con l’anziano è portato all’inte- così impermanenti, avevamo Bella domanda, no? “Chi
l’Anima. riorità. Così come in inverno poggiato la nostra fiducia. sono” è la domanda – rispo-
Nella vecchiaia, il nostro è naturale chiuderci in casa E’ il momento di far traslo- sto alla quale, avremo forse
rapporto con noi stessi può per più tempo; fantasticare, care la fiducia e la fede per risposto a tutto.
intensificarsi, per mezzo di come davanti a un caminet- poggiarle su qualcosa di più Non pretendiamo di rispon-
relazioni umane buone (o to acceso, sulla sintesi della permanente. Di permanente, dervi qui, ma se non ci chie-
esercitando comprensione, globalità della propria vita. diciamo pure. Nell’età in cui diamo adesso “chi sono io”?,
compassione e distacco in Storia vivente, prova dell’av- i grandi compiti sociali sono allora quando?
quelle meno buone), ma vicendarsi delle generazioni, ormai realizzati, cosa c’é an- Quale “Io” sarò ancora io
anche attraverso l’arte, la la preziosa persona anziana cora da creare? quando la consapevolezza
musica, le buone letture, la – old is gold – appare inutile Eppure creare é necessario, avrà lasciato questa mirabi-
preghiera, la meditazione. e obsoleta agli occhi di una perché, per dirla con il poeta lissima, misteriosa opera di
Meditazione nel senso di società narcisistica che sta Bob Dylan, “chi non é impe- un’intelligenza superiore che
“essere consapevole di quel- perdendo rapidamente il sen- gnato a nascere é impegnato è il mio corpo?
lo che c’è, qualsiasi cosa so della continuità storica, il a morire.” Scrive Assagioli:” Ciò che
sia, momento per momen- senso di appartenere a una Quali ruoli ci propone la so- noi chiamiamo ‘Io ordinario’
to”. (2) successione di generazioni cietà? L’eterno ragazzo gode- è quel tanto dell’’Io superio-
Fa parte del lavoro mentale, che affonda le sue radici nel reccio e consumista? Il pen- re’ che la coscienza di veglia
o psicologico, anche vedere passato e si proietta nel futu- sionato chiuso e inutile? sa accogliere, assimilare, at-
in una prospettiva più ampia ro. Alla perdita del senso del Per migliorare davvero la tuare in un dato momento.

psicosintesi n7.indd 14 2-05-2007 14:56:51


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 15

Esso è quindi qualcosa di noi troviamo un amore rivolto descritto da Jung, il quale, accettare e poi guarire le
contingente e di mutevole, a tante persone, un interesse dopo aver dedicato tutta la ferite che abbiamo ricevuto
una quantità variabile. E’ un per tante forme di vita, men- vita alla conoscenza di sé (e da bambini o da adolescenti.
riflesso che può divenire sem- tre il recinto consueto dove aver aiutato gli altri in questa Conservare la capacità di
pre più chiaro e vivido e che ci eravamo rinchiusi appare opera), nella tarda vecchiaia realizzazione dell’adulto e la
potrà forse anche un giorno stranamente lontano. Eppure scrive: ”ci sono tante cose sua matura generosità.
arrivare a unificarsi con la sua le percezioni si fanno più acu- che mi riempiono; le piante, La via evolutiva dell’energia,
Sorgente.” (4) te, godiamo maggiormente di gli animali, le nuvole, il gior- secondo lo Yoga Kundalini,
Invecchiare è un privilegio, ciò che abbiamo da godere, le no e la notte e l’eterno che inizia dal pieno coinvolgi-
una grande occasione, quella emozioni si fanno più dolci, è nell’uomo. Quanto più mi mento del mondo materiale
di compiere il ciclo dell’esi- intense e struggenti. Il pen- sono sentito insicuro di me (primo chakra, rivolto alla
stenza umana. Abbiamo più siero si espande in nessi stra- stesso, tanto più é cresciuto terra), poi passa al centro, o
tempo per i nostri scopi, com- tificati, che portano bagliori in me un senso di affinità con chakra delle fantasie e del-
preso lo scopo più profondo. di intuizioni improvvise. tutte le cose. Anzi, è come la sessualità. Sale al terzo
In un canto vedico, preghiera A volte scopriamo che i “no- se quel senso di alienazione, chakra, legato alla volontà di
a Shiva, il Benefico (divini- stri” desideri si compiono che per tanto tempo mi ha affermarsi (e siamo nelle vi-
tà preposta a riassorbire nel nelle vite “degli altri”. separato dal mondo, adesso cinanze dell’ombelico), e poi
divino la creazione), chiede Invecchiando si acquista una si fosse trasferito nel mio al quarto, oltre il diaframma,
che la nostra vita sia recisa grande dote: quella di allar- mondo interiore, rivelandomi legato alla capacità di guar-
proprio così come si secca il gare la propria esperienza un’insospettata estraneità a dare il mondo con un cuore
picciolo della zucca, quando all’esperienza altrui, anche me stesso”. che ama. Alla gola troviamo
il frutto è maturo. Ecco come e specialmente a quella dei Distanziandoci dalla nostra il chakra che presiede alla
siamo, da anziani: frutti che più giovani. Osserviamo par- dimensione storica persona- capacità di esprimersi e di
lavorano a raccogliere in sé tecipando con un sorriso agli le, disidentificandoci da essa, comunicare, e sulla fronte, il
il seme, la distillata quintes- amori, alle delusione, alle fa- alla fine è nel Mondo e negli chakra del seme alato, di cui
senza di decadi e decadi di tiche dei giovani, sapendo un esseri che si rivela il nostro abbiamo già detto.
esperienza. Seme scintillante po’ più di loro come le vicen- Sé, nella sua paradossale Raccolta dalle tappe passate
da far rinascere in un’altra di- de mediamente si sviluppano natura di nostro e non nostro tutta l’energia della perso-
mensione. o terminano. “Se la gioventù insieme. nalità, essa è pronta per il
Il centro di energia, il chakra sapesse, se la vecchiaia po- Ci auguriamo che la nostra grande passaggio al chakra
situato sulla fronte tra le so- tesse”: proficua per entrambi vecchiaia non sia distratta da della corona, sommità del
pracciglia, viene rappresen- è l’alleanza del giovane con questo cammino, che é fon- capo, rivolto al cielo, dove si
tato dalla medicina indiana l’anziano, il tener conto del damentale. Perché l’anziano ha l’esperienza “Io e il Padre
come un seme alato, e si dice giovane della storia di cui in quanto anziano è minac- siamo Uno”.
che raccolga l’energia degli l’anziano è portavoce. ciato, nei nostri tempi, dalla “Io e il Padre siamo Uno”,
altri centri collocati più in L’anziano sente di tramandare organizzazione sociale, che significa altresì “Io e gli Altri
basso nel corpo. Gli hindu il frutto dell’esperienza della cela profonda disorganizza- siamo Uno”. Che meraviglia!
sono soliti sottolineare questo sua vita, vede che quel seme zione. Non lo proviamo ancora? Non
punto con un piccolo punto germoglia ancora, magari nel- In Psicosintesi delle età, importa, facciamo “come
di pasta di sandalo giallo oro l’esistenza di chi lo circonda Assagioli auspica che l’an- se”, utilizziamo con fiducia
con sopra un tocco di ku- o che magari lo ha incontrato ziano continui a racchiudere la tecnica assagioliana del
mkum vermiglio. Serve per ri- anche solo per poco. in sé quanto di prezioso ha “come se”.
cordare a se stessi e agli altri Ora che sentiamo più chia- vissuto nelle altre età della Una grande via si apre all’an-
l’impegno assunto di portare ramente che il nostro corpo vita. Che del bambino possa ziano, libero ormai dai compi-
il seme alato in alto, fino al non è per sempre, siamo conservare la capacità di ti più pressanti dell’età adulta
centro posto alla sommità del meno chiusi nei confini del giocare, di esplorare e di e matura. La via del servizio
capo, quello che pone l’ener- nostro ego, quell’ego che è meravigliarsi; preservare può portare a sperimentare
gia psicofisica in contatto con sempre stato così impegnato l’entusiasmo, il senso critico la sublime affermazione di
l’intero Universo. a tener testa alle responsabi- e la voglia di nuove avventure Gesù “Io e il Padre siamo
Creando noi stessi, quando lità, a essere all’altezza dei dell’adolescente. Uno”. Servizio può essere
nel mondo fuori di noi non re- ruoli. Troppo spesso occupato Perché queste doti siano anche solo un pensiero, una
sta tanto da creare, a qualcu- a soddisfare solo i suoi biso- disponibili dovremmo preghiera di amore per tutti
no capita di fare interessanti gni, o quelli dei suoi pochi conservare in noi simpatia e i viventi.
scoperte. Si é più in contatto intimi. benevolenza per quelli che Tra il rincrescimento proprio
con se stessi, eppure in se Questo sfumarsi dei confi- siamo stati, e, soprattutto, e quello dei parenti, l’anziano
stessi non ci si trova più! In ni meraviglia. E’ molto ben adoperarci per riconoscere, ha bisogno degli altri, tanto

psicosintesi n7.indd 15 2-05-2007 14:56:52


16 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

da apparire, più che sogget- Bibliografia


to, oggetto del servizio. Ma I) Mitch Albom: I martedì col professore, Bur Milano 2000
quando il Servizio avviene, si 2) Bob Nairn: Che cos’è la meditazione, Bur Milano 2000
può distinguere tra soggetto 3) Christopher Lash: La cultura del narcisismo, Bompiani
e oggetto? 4) Roberto Assagioli: Psicosintesi e Armonia della vita,
Il Servizio avviene quando “il Astrolabio
soggetto” è libero da un ego
forte che si compiace di es-
sere quello che dà, contrap-
posto a quello che riceve,
sentito come un po’ inferiore.
Abbandonati i concetti di po-
tere e impotenza, propri del-
l’ego, chi dà? E chi riceve? Ci
sono solo anime impegnate in
uno sacro scambio di affetto
e di cura. <

Aging with Joy Call ourselves « satisfied of days » as the patriarchs of the
Bible used to say, is possible only if we have let the past
go with a blessing, if the future is still a mistery, and if we
abstract
are living in the present and what we are doing is done with
quality.
Aging may corrupt, however, our mental presence.
The fear of loneliness and of losing autonomy, the remorse
for unaccomplished projects, the anger for all the evil we
received, may painfully hinder the retrieval of ourselves and
of our Self.
On the other hand, senility may be the time for real psychic
healing, if we possess adequate resources. We can finally take
care of our interior life, after having abandoned the roles and
the social conditioning.
Wisdom and love are qualities to develop and to distribute
with plenty hands during this golden age.
Modern society, however, considers aged men, as best, as po-
tential consumers of goods, services travel, without recognizing
the most distinctive characteristics of this condition. Society
does not acknowledge the importance of historical continuity,
of interior wisdom.
When externally everything has been done, what is left to do?
Ourselves.
By creating ourselves, when in the outside world there is not
much to realize, we discover a love addressed to many people,
a new interest towards many life forms. Sometimes we discover
that “our” wishes are fulfilled in other people’s lives.
And we are now free, less constrained by the boundaries of our
Ego, which is always focused to be at the height of the different
roles we assume. This gradual disappearing of boundaries asto-
nishes ourselves, and represents a precious achievement.
Aging is a privilege, the great occasion to fulfill human exi-
stence.

psicosintesi n7.indd 16 2-05-2007 14:56:52


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 17

Giuseppe Mazzini
e l’Etica del Dovere
Lina Malfiore

Il pensiero Da queste parole estrema- di quell’organismo unico che


“Il vostro dovere è quello di migliorarvi e di per- mente attuali, che sintetizza- è appunto l’Umanità, e come
fezionare la vostra educazione morale ed etica, no il pensiero di Mazzini, de- tali siamo uniti da una comu-
rispettando le Leggi che Dio ha dato agli uomini sidero iniziare una riflessione nanza di interessi e finalità.
affinché imparino ad essere veramente liberi dai che non ha alcuna pretesa né Si parla molto oggi di inter-
fanatismi e dagli egoismi ideologici e religiosi, e di competenza storica, né di dipendenza e di etica per de-
comincino ad amarsi in nome di un’unica apparte- completezza, ma indica solo finire tutto ciò. Intendendo
nenza: l’Umanità, che ha come missione quella di il fascino che quest’uomo e la per etica l’insieme dei com-
portare la bellezza e l’armonia sulla Terra”. (1) sua opera hanno esercitato su portamenti atti ad un’azione
chi scrive. positiva nei confronti del tutto
Tutti noi l’abbiamo studiato a in cui siamo inseriti.
scuola; personalmente ricordo Si potrebbe anche dire, con
Mazzini come un personaggio altri termini, che noi siamo
poco più che noioso, da ricor- vincolati a determinate Leggi,
dare solo come uno dei prota- che sono leggi del piano fisi-
gonisti del Risorgimento, cer- co, psichico e spirituale, leggi
tamente non dei più brillanti che non possiamo ignorare né
o affascinanti. eludere, sono le leggi della vi-
Solo molti anni più tardi l’ho ta. La libertà di ognuno termi-
riscoperto e ne ho compreso il na dove inizia quella dell’al-
messaggio politico, oltre che tro, nella libertà ci dovrebbe
umano e spirituale, teso a ren- essere sempre moralità e un
dere l’Italia una Repubblica elemento di responsabilità.
unita e libera. Responsabilità e libertà vanno
Affrontando il tema dell’uni- di pari passo, non può esserci
tà, possiamo concordare con l’una senza l’altra.
Mazzini sul fatto che nessun Senza la libertà non può esi-
uomo é un’isola, ma parte di stere la scelta consapevole,
un tutto più vasto che pos- né la capacità di discernere
siamo chiamare famiglia, il bene dal male, il progresso
gruppo, nazione, Umanità. collettivo dall’egoismo indivi-
Siamo legati gli uni agli al- duale, la responsabilità dalla
tri in una rete di rapporti superficialità, la libertà vera
evidenti e meno evidenti. dalla licenza.
La “missione” dell’Umanità, Non certo per fare facili ac-
un’espressione del pensiero costamenti, ma anche la
mazziniano che noi potremmo Psicosintesi, a proposito
definire con termini moderni della libertà responsabile,
“responsabilità”, ha a che fa- afferma che ognuno ha del-
re con il fondamentale rico- le responsabilità verso se
noscimento che siamo parte stessi e verso gli altri per le

psicosintesi n7.indd 17 2-05-2007 14:56:53


18 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

influenze positive o negati- da caso a caso, ma non si risorse per tutti e così via. Nella coscienza di molti è ben
ve che può avere su di loro. può pensare che l’insieme La Psicosintesi afferma, presente l’aspirazione all’av-
Noi siamo responsabili prima stia bene se i singoli stan- inoltre, che esiste nell’uo- vento di un mondo in cui gli
di tutto verso noi stessi per no male o se vivono nell’il- mo un “a priori” di natura esseri umani godono della
il compito che abbiamo di lusione della separazione. Transpersonale, il Sé, un libertà di parola e di credo e
formarci, comprendere quale Detto con altre parole, il no- Centro permanente che è sia della libertà dal timore e dal
è il nostro posto nel mondo stro destino è profondamente personale sia collettivo, vale bisogno.
ed esprimere al meglio le legato a quello della comunità a dire che in un certo senso L’uomo tende ad attuare le 4
nostre potenzialità. Nessuno cui apparteniamo, il suo be- ogni essere umano lo con- libertà fondamentali, base per
lo può fare al posto nostro, nessere ai comportamenti che divide con ogni altro essere stabilire giusti e retti rapporti
è un preciso dovere verso noi ogni membro agisce al suo in- umano. individuali e sociali. Esse so-
stessi. Come la Psicosintesi terno, il malessere del tutto È questa la base della fratel- no: libertà dal bisogno, libertà
ci insegna, abbiamo il do- ricade su ognuno. lanza. dalla paura, libertà di parola,
vere di conoscerci, di pren- Nei confronti della natura Oggi è ben radicato nella co- libertà di culto.
derci in mano, di posseder- questo è oggi del tutto eviden- scienza della maggior parte Ai tempi di Mazzini le cose
ci, di trasformare le parti te: se si inquina in un punto degli uomini il riconoscimento non stavano in questi termini,
sofferenti o problematiche, l’inquinamento non rimane della dignità inerente a tutti i tutt’altro.
sviluppare quelle incom- confinato in quel punto, ma membri della famiglia umana Sono stati necessari un gran-
plete e immature, ridimen- si diffonde a tutte le parti che e dei loro diritti, uguali ed ina- de impegno, lotte e molta sof-
sionare quelle ipertrofiche. compongono l’insieme, anche lienabili; tale riconoscimento ferenza perché si affermasse-
Riassumendo, di autoeducarci se molto distanti dal punto costituisce il fondamento ro principi che noi oggi diamo
e migliorarci costantemente. di emissione, e tutto questo della libertà, della giustizia per scontato.
Va da sé che l’appartenenza presto o tardi si ritorcerà sul e della pace nel mondo. Ed Tornando al Nostro, possiamo
ad un gruppo qualsiasi, fami- tutto. Abbiamo, dal punto di è anche ben radicato il con- a buona ragione affermare che
liare, professionale, sportivo, vista dell’ambiente, il dovere cetto che il disconoscimento egli rappresenta uno dei per-
culturale, ricreativo, o più di consegnare alle generazioni e il disprezzo dei diritti del- sonaggi che più attivamente
vasto, come un paese, una future un pianeta che sia an- l’uomo hanno portato ad atti ha contribuito ad affermare
città, una nazione, implica cora vivibile, dove la vita cioè di barbarie che offendono la quanto sopra, ciò nonostante
dei precisi doveri, differenti sia ancora possibile, ci siano coscienza dell’umanità. rimane anche uno degli indi-

Brevi cenni storici non condividendone del tutto Mazzini constata che il primo e poi a Marsiglia. Nel marzo
i principi ideologici e le moda- periodo della Giovine Italia 1849 partecipa alla valorosa
Mazzini nasce a Genova, in lità operative, operò in Liguria “era conchiuso e conchiuso e sfortunata esperienza della
un ambiente culturalmente ed in Toscana a far opera di con una disfatta”. Repubblica Romana rifugian-
e politicamente impegnato, proselitismo, ma, per una dela- Pur prendendo atto con rea- dosi poi di nuovo a Londra.
il 22 giugno 1805 . zione, finì in carcere con molti lismo degli scarsi risultati Qui, fondato un Comitato
La sua formazione giovanile suoi compagni. nel 1830 pratici delle sue dottrine non Democratico Europeo (1850),
spazia precoce e profetica sul Dal 1831 iniziò il suo esilio demorderà comunque mai. segue attivamente, arrivando
fronte dell’intera cultura eu- - che sarebbe durato pratica- Dalla Svizzera estendendo le anche a Lugano, vari tentativi
ropea e fin dalla adolescenza mente tutta la vita – rifugian- sue idee libertarie e democra- insurrezionali in Italia, tutti
si radica in lui la visione lai- dosi prima in Svizzera, poi in tiche a tutta l’Europa fonda la senza successo . Fondando
ca e democratica della vita Francia, a Marsiglia dove defi- Giovine Germania, la Giovine il periodico “Pensiero ed
civile. nì il suo stacco definitivo dalla Polonia e infine la Giovane Azione” prende vivamente
A quindici anni é ammesso Carboneria e fondò l’associa- Europa. Costretto a rifugiarsi posizione contro la politica
all’Università e si laurea nel zione segreta “Giovine Italia”, in Inghilterra, tra grandi dif- di Cavour, Napoleone III e
1827 in Legge. Dotato di significativamente segnata ficoltà anche materiali, con- Vittorio Emanuele II .
grande ascendente sui com- dai motti “Dio e popolo” “Nel tinuerà una frenetica attività Giuseppe Mazzini muore
pagni , subirà il suo primo nome di Dio e dell’Italia…” di studio, di pubblicazione di a Pisa, il 10 marzo 1872,
arresto durante un tumulto “Pensiero e Azione” e dalla scritti, d’organizzazione e so- dove in ultimo vive sotto il
studentesco nel 1821. Del bandiera tricolore proposta dal- stegno dei movimenti patriot- falso nome di Giorgio Braun,
1826 il suo primo saggio la reggiana Giuditta Sidoli . tici e insurrezionali soprattutto forse in riferimento a quel
letterario, “Dell’amor patrio Nel 1934 , rifugiato nuova- italiani. John Brown, simbolo della
di Dante” (pubblicato poi mente in Svizzera dopo una Nel 1948 partecipò alle lotta per l’abolizione della
solo nel 1837). condanna a morte da parte “Cinque Giornate” di Milano schiavitù in America, con la
Iscritto ufficialmente alla del Regno di Sardegna e do- ma poi nell’agosto dello stesso consolazione di spegnersi in
Carboneria dal 1827, pur po l’espulsione dalla Francia, anno dovette fuggire a Lugano, patria.

psicosintesi n7.indd 18 2-05-2007 14:56:54


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 19

vidui più controversi di quel che ognuno deve vivere non non come mezzo, ma come per un breve periodo all’Inter-
periodo storico che va sotto per sé, ma per gli altri – e fine – si giunge sempre ad un nazionale, allontanandosene
il nome di Risorgimento ita- che lo scopo della loro vita tristissimo risultato”. (3) tuttavia dopo breve tempo,
liano, sicuramente uno dei non é quello di essere più o Per comprendere queste pa- poiché non condivideva l’im-
meno compresi, ma anche meno felici, ma di rendere se role, occorre cercare di imme- postazione classista e mate-
punto di riferimento costante stessi e gli altri moralmente desimarsi nella mentalità del rialista di Marx che metteva
della vita politica nazionale migliori. Bisogna convincerli periodo storico nel quale egli l’accento sui diritti individuali
per quarant’anni. che il combattere l’ingiustizia visse, dominato dall’assoluti- e sul perseguimento del be-
L’essenza delle idee di e l’errore a beneficio dei loro smo monarchico, dal liberi- nessere materiale, ignorando
Mazzini si espresse in una fratelli, é non solo un diritto, smo selvaggio, da un indivi- quei principi che erano per
serie di articoli, scritti duran- ma un dovere; dovere da non dualismo fortemente egoista lui prioritari nell’evoluzione
te l’esilio di Lugano per delle tralasciare senza colpa - dove- e dall’emergere di concezioni umana: l’etica, il dovere di
riviste inglesi. Questi articoli, re di tutta la vita”. (2) utopistiche di cambiamento migliorarsi e di chiedere edu-
dato il loro originale e profon- E, a proposito dei doveri, egli della società in senso socia- cazione alle strutture sociali,
do contenuto, furono raccolti chiarisce una volta per tutte lista. la responsabilità individuale
in volume nel 1860 sotto il che “Quando io dico che la Nei confronti del socialismo, verso la collettività ed il Bene
titolo “Doveri dell’uomo” e conoscenza dei loro diritti non Mazzini fu certo interessato Comune visto come valore
pubblicati in Inghilterra e in basta agli uomini per operare e per certi aspetti affascina- principale e assoluto verso
Svizzera. Solo nel 1903 ne fu un cambiamento importante to, dalle correnti utopistiche, cui tutti devono tendere. Per
permessa la pubblicazione in e durevole, non chiedo che con particolare riferimento Mazzini la comunità doveva
Italia. rinunziate a questi diritti; di- alle teorie di Saint-Simon (4) nascere non tanto grazie alla
Egli, in contrasto completo co soltanto che essi sono solo e Fourier (5), ma respinse in formulazione di teorie politi-
con le nuove ed emergenti una conseguenza dei doveri modo deciso ogni concezione che, quanto sulla spinta del-
teorie socialiste e collettiviste compiuti e che bisogna co- materialista che, come anche l’amore per l’umanità.
ebbe il coraggio di affermare minciare da questi per giun- il marxismo, rifiutava qualsia- La questione sociale non
che chi non compie doveri gere a quelli. E quando io dico si implicazione spiritualista, viene respinta, ma posta in
non ha diritti. che proponendo come scopo morale e religiosa, e tendeva secondo piano, dopo la solu-
”Con la teoria dei diritti pos- della vita la felicità, il benes- all’annullamento della pro- zione del problema dell’unità
siamo insorgere e rovesciare sere, gli interessi materiali, prietà privata. nazionale.
gli ostacoli, ma non possiamo corriamo il rischio di creare Legato ad una visione religiosa Per tale motivo l’ispirazio-
mettere insieme durevolmen- uomini egoisti, non voglio dire della vita e ad una concezione ne del mazzinianesimo fu
te in armonia tutti gli elementi che non dobbiate occuparve- dei rapporti sociali basati sul- prevalentemente politica ed
che compongono la Nazione. ne; dico che cercando solo gli la solidarietà, si avvicinò alla educativa, con motivi e fina-
Con la teoria della felicità e interessi materiali - proposti questione operaia aderendo lità di natura democratica e
del benessere – considerati
come le cose più importan-
ti della vita – noi potremo
La Giovine Italia Mazzini fonda nel 1831, esu- mento delle masse, accanto
solo formare uomini egoisti,
le a Marsiglia, la Federazione all’azione rivoluzionaria ed
adoratori dei beni materiali,
Italiana della Giovine Italia, eversiva.
che porteranno le vecchie
“Associazione d’uomini cre- Nel “Giuramento” il neofi-
passioni nell’ordine nuovo e
denti nella stessa fede”, nuo- ta afferma tra l’altro: “(…)
lo corromperanno dopo pochi
va e radicale alternativa alla Io… credente nella missione
mesi. Si tratta di trovare un
Carboneria. commessa da Dio all’Italia
principio superiore a queste
La Carboneria mostra, secon- (…) che il Popolo è deposi-
teorie, che possa condurre
do Mazzini, gravi limiti non tario delle forze necessarie a
gli uomini a realizzare le loro
solo per l’eccessiva segretez- creare la Nazione Italia (…)
virtù migliori; che insegni loro
za dell’organizzazione, ma giuro di promuovere con tut-
il valore del sacrificio; che li
anche del programma, così ti i mezzi di parola, di scrit-
vincoli ai loro fratelli senza
da rendere impossibile quel to, d’azione l’educazione dei
farli dipendere da un solo
coinvolgimento popolare ne- miei fratelli italiani all’inten-
capo o dalla forza della mag-
cessario per il successo rivo- to della Giovine Italia (…) e
gioranza. Questo principio é il
luzionario. di soccorrere con l’opera e
DOVERE. Bisogna convincere
Difatti, la nuova organizza- col consiglio i miei fratelli
gli uomini che essi sono figli
1) M. Milani, Mazzini, Mondadori zione persegue il coinvolgi- nell’associazione”. (1)
di un solo Dio, esecutori, qui
in terra, di una sola Legge -

psicosintesi n7.indd 19 2-05-2007 14:56:54


20 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

repubblicana, piuttosto che di cazione dell’insurrezione; l’in- personale e politica. – “l’Apostolato dei doveri” - i
natura sociale. surrezione dovrà farsi in modo In queste espressioni si colgo- popoli nella realizzazione del-
Mazzini impegnò tutto se stes- che ne risulti un principio di no due aspetti fondamentali: la loro “Missione storica”.
so e la propria vita nel perse- educazione nazionale”. (6) l’aspetto dell’ideale vissuto Mazzini rivendicava per l’Ita-
guire questi ideali; pagò le Mazzini fu, quindi, fonda- come assoluto, ma anche, lia un preciso ruolo storico:
sue idee con una vita passata mentalmente un educatore allo stesso tempo, quello del dopo aver manifestato già
quasi per intero in esilio, con che si preoccupò dell’eleva- sofferto travaglio della con- in passato il proprio primato
un’esistenza dedicata esclusi- zione morale degli uomini cretizzazione, degli inevita- con la Roma dei Cesari, per la
vamente alla causa dell’Italia e non solo dell’insurrezione bili fallimenti, del tremendo forza delle armi, e in seguito
unita e repubblicana; la sua armata. confronto con la realtà storica con la Roma dei Papi, per il
fu fondamentalmente una vi- Con la Giovine Italia nacque di quel periodo. potere dello Spirito, ora è il
ta di servizio, profondamente un partito non solo politico Per comprendere, poi, il momento per l’Italia di illu-
intessuta di religiosità nel bensì etico e spirituale, che senso del programma insur- minare nuovamente il mon-
senso più elevato. aveva il compito di educare le rezionale e i diversi tentativi do con l’avvento della terza
Egli fondò numerose associa- Roma, la Roma del Popolo. II
zioni, dalla Giovine Italia (vedi riscatto nazionale si configu-
riquadro) alla Giovine Europa, ra così come il possibile ele-
alle Associazioni operaie, che mento costitutivo del ritorno
tutte promossero la diffusione del Primato italiano, motivo
in Italia degli ideali unitari e di esempio e di guida per la
repubblicani. liberazione di tutti i popoli
Egli concepì la rivoluzione oppressi.
non tanto come rivendicazio- Da una parte Dio, innanzi tut-
ne di diritti individuali non to, in quanto incessante crea-
riconosciuti, quanto come tore, e il Popolo, inteso quale
un dovere religioso da at- attore principale del progres-
tuare in favore del popolo. so. Profonda e sincera, abbia-
Nasce, con Mazzini, un nuo- mo visto, fu senza dubbio la
vo modo di far politica: una religiosità di Mazzini, anche
cospirazione unitaria che se radicalmente diversa dalla
rompa con il passato. Il pro- comune visione trascenden-
gramma, per esempio, della te di Dio sorretta, come nel
Giovine Italia non è segreto, caso del Cristianesimo, dal-
anzi viene divulgato pubblica- la Rivelazione, al contrario,
mente, con l’esplicito inten- decisamente critica fu la sua
to di coinvolgere il popolo, la posizione nei confronti del-
cui coscienza politica viene l’azione conservatrice eserci-
formata, secondo Mazzini, tata dallo Stato Pontificio.
dall’armonico interagire di Si trattò pertanto, per lui, di
educazione ed insurrezione. eliminare dalla fede tradizio-
I primi paragrafi dell’istru- nale ogni motivo di freno al
zione generale che viene progresso storico, instaurando
data ai nuovi iscritti reci- un nuovo credo, la religione
tano: “La Giovine Italia è coscienze più che di combat- compiuti, bisogna ritornare dell’umanità, caratterizzata
la fratellanza degli italia- tere nemici e avversari. alla concezione mazziniana dalla presenza di Dio quale
ni credenti in una legge di L’interesse dei liberali di tutta della storia, espressione del- principio immanente, forza
progresso e di dovere”.(…) Italia fu enorme, il nome di l’inesauribile attività creatrice etica superiore, la cui rivela-
“La G. I. é un’associazione Mazzini diventò una bandiera. di Dio e pertanto in continuo zione è da cogliere nell’ambi-
tendente anzitutto a scopo Per comprendere appieno la “progresso”. to della storia stessa.
d’insurrezione, ma essenzial- sua complessa personalità, All’interno della storia gli in- Il Popolo non è identificabile
mente educatrice, fino a quel bisogna anche, necessaria- dividui e i popoli sono chia- tanto con le masse lavoratri-
giorno e dopo quel giorno”. mente, far riferimento alla mati, secondo Mazzini, dal ci, quanto con una definizio-
(…) “L’educazione con gli sintesi data dai due celebri comando divino a contribuire ne generica di “aggregato di
scritti, con l’esempio, con la binomi “Pensiero ed azione”e al bene dell’umanità: gli indi- tutte le classi”.
parola deve concludere sem- “Dio e Popolo”, chiave inter- vidui nella cosciente attuazio- Per Mazzini era, infatti,
pre alla necessità e alla predi- pretativa della sua vicenda ne dei propri personali doveri chiaro l’intento di ricercarne

psicosintesi n7.indd 20 2-05-2007 14:56:54


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 21

la compattezza, l’unità per dagli intrighi delle diplomazie mo, ma rimane il suo esem- 160 anni un insegnamento
evidenziarne il ruolo politico e dalle preoccupazioni delle pio di fedeltà a se stesso e ai che in tempi difficili come
contro ogni forma di dispo- classi dirigenti di mantenere propri ideali. quelli di oggi vale la pena di
tismo. l’ordine sociale. Alcuni lo hanno paragonato riprendere e fare oggetto di
Egli cercò in tutti i modi di Il suo sogno, che non vide ad un santo laico, non so se riflessione. <
impedire un processo d’uni- realizzato, era quello di uni- è corretta questa definizione
ficazione nazionale fondato ficare l’Italia e renderla una dell’uomo Mazzini, ma la sua
sulla progressiva annessione repubblica: “Prima di morire, etica, sorretta dalla coerenza
della penisola al Piemonte e devo proclamare la repubbli- della sua vita, e le sue for-
di fare del Risorgimento un ca in Italia”. (7) mule di morale sociale, costi-
movimento di popolo, lontano Non ci riuscì, come sappia- tuiscono a distanza di quasi

se two terms: morals refers the theory of happiness and


Giuseppe Mazzini to what is done “for duty”
while ethics defines what is
comfort - regarded as the
most important values of li-
done “for love”. In Mazzini’s fe - we can only form selfish
and the Ethics thought, these concepts join
at a deep internal level and,
men, worshippers of mate-
rial goods...
at the same time, in a lofty It is about finding a princi-
of Duty social dimension, never resul-
ting in an easy moralism. The
ple higher than these theo-
ries, such that can lead men
identification of love (in and to realize their best virtues,
abstract through God) as the catalyzing that can teach them the va-
element, allows Mazzini’s reli- lue of sacrifice…. This prin-
giousness to maintain an ex- ciple is DUTY. Men must
traordinary proposing strength be convinced that they are
also today. sons and daughters of one
Mazzini’s essay “The Duties God, executing, here on
of Man” represents a sort of Earth, one Law; living not
ideal synthesis of his thought. for themselves, but for the
This paper is widely spread others, and that the purpose
since 1860, but in nowadays of life is not being happier,
it is rarely or never read, es- but making themselves and
pecially among young gene- the others morally better.”
the concepts of citizenship, rations. We cannot avoid noti-
The article underlines freedom, to the roles of fa- Who does not fulfil duties has cing a similarity with
the innovative strength mily, Country, Europe and no rights, Mazzini asserts. Psychosynthesis, which
of Mazzini’s thought; a Mankind. “...With the theory of rights we teaches the duty to know,
thought that has at heart His thought is characterized can rise up against obstacles possess and transform
the construction of a civil by the importance given to and overturn them, but we ourselves in order to self-
religion, harmonizing the morals and ethics; it should cannot durably put together educate and constantly
demands of individuals, be kept in mind the particu- in harmony all the elements improve.
giving a new meaning to lar distinction between the- that make up the Nation. With

Bibliografia

1) D. e C. Mills, Il Maestro spirituale che l’Italia non ha riconosciuto, Edizioni Synthesis, pag. 9.
2) Ibidem, pag. 45.
3) Ibidem, pag. 46.
4) Claude Henri conte di Saint-Simon (1760 – 1825), filosofo e sociologo francese, precursore del socialismo utopistico,
fautore di una società che possa garantire condizioni migliori di vita ai proletari.
5) Charles Fourier (1772 – 1837) filosofo ed economista francese. Ideò un sistema sociale utopistico fondato su comunità
produttive con una retribuzione equilibrata del capitale, del lavoro e del talento.
6) G. Mazzini, Scritti politici, a cura di Franco Della Peruta, Einaudi, pag. 63 e segg.
7) A cura di M. Milani, Mazzini, Mondadori, pag. 10.

psicosintesi n7.indd 21 2-05-2007 14:56:55


22 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 PERCORSI

BUDDISMO E PSICOSINTESI

Presenza nella realtà


BUDDHISM AND PSYCHOSYNTESIS

Presence in the reality


Francesca Cipriani Cirelli
Marco Montanari

“Se, guardando nello spazio, non si vede nulla,


e se, allora, con la mente si osserva la mente,
si distrugge ogni distinzione
e si raggiunge la Buddità.

Le nubi vagano per il cielo


non han radici, non han casa;
e così sono anche i pensieri discriminanti
che attraversano la mente.
Quando si è vista la mente universale,
ogni discriminazione cessa.

Nello spazio nascono forme e colori,


ma lo spazio non è macchiato né dal bianco né
dal nero.
Dalla mente universale emerge ogni cosa,
ma essa non è macchiata né dai vizi né dalle
virtù”

(Osho Rajneesh)

Per il Buddismo esistono due mondi: il mondo della mente According to Buddhism, two worlds exist: the world of the
e il mondo della realtà. Il mondo della realtà è reale, men- mind and the world of reality. The world of the reality is real,
tre il mondo della mente non è reale. La stessa realtà ad while the world of the mind is not real. The reality herself
alcuni procura sofferenza, mentre ad altri no. La sofferenza is, for someone, cause of suffering, while for others not.
è prevalentemente soggettiva. Tanto più che la maggior Suffering is mostly subjective. In fact during most part of
parte delle volte noi soffriamo a causa dei fantasmi della the time we suffer because of the ghosts from our mind
nostra mente e non tanto per quello che accade nella realtà. and not for what is happening in the reality. For example,
Ad es., ci pre–occupiamo di quando saremo vecchi, ci al- we are worried of becoming old, we are on the alert about
lertiamo di cosa potrebbe succedere se il compagno o la what could happen if the partner went away, we distress
compagna se ne andasse, ci angosciamo per la giornata di for tomorrow, a day full of working engagements, we suffer
domani piena di impegni lavorativi, soffriamo perché quan- because when we were small we have not been loved, de-
do eravamo piccoli non siamo stati amati, voluti, accuditi sired, minded like we would have wished.
come avremmo desiderato noi. In the process that classic psycology calls “neurosis”, the
In quella che nella psicologia classica viene chiamata thoughts that cause suffering constitute nearly the totality

psicosintesi n7.indd 22 2-05-2007 14:56:56


IN SINTONIA Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 23

“nevrosi”, i pensieri che of the psychical activity. In


procurano sofferenza co- Psychosynthetic terms, we
stituiscono la quasi totalità would say that - when we
dell’attività psichica. In ter- suffer a lot – we identify (in
mini psicosintetici, diremmo protracted way) in our sub-
che quando soffriamo tanto personalities or parts that
è perché ci identifichiamo in unconsciously take the pla-
maniera protratta in nostre ce of our centrality, and we
subpersonalità o parti che live as if we were completely
inconsciamente prendono il those parts. For example:
posto della nostra centralità when someone excludes us
e noi viviamo come se fos- or he pretends one is not in
simo completamente quelle or there is not in a moment
parti. Un esempio: quando in which we need attentions,
qualcuno ci esclude o si ne- we can fall in ancient aban-
ga o non ci sta vicino in un doned personal experiences,
momento in cui ci sentiamo feeling all those sensations
bisognosi di attenzioni, pos- and emotions that make part
siamo cadere in vissuti ab- of a typical “abandoned per-
bandonici antichi, provando sonal experience”, as fear,
tutti quei sentimenti e quel- anguish, sense of empty,
le emozioni che fanno parte pity, anger, desire to die.
di un “tipico vissuto abban- When a thought crosses our
donico”, quali la paura, l’an- conscience we raise that
goscia, il senso di vuoto, la thought to truth and “we
commiserazione, la rabbia, become” that thought. Our
il desiderio di morire. I stretches to identify itself
Quando un pensiero ci at- with particular thoughts,
traversa la coscienza noi as- emotions, images, as it
sumiamo quel pensiero per would be magnetized, and
vero e “diventiamo” quel this magnet is powerful, so
pensiero. Il nostro Io tende to avoid it is necessary what
ad identificarsi con pensieri, in the Buddihism is called
emozioni, immagini partico- “straight effort” and that in
lari, ne è come calamitato Psychosynthesis correspon-
e questa calamita è poten- ds to an “act of will”. Our
tissima, per cui per sottrar- reaction to the situations is
visi occorre quello che nel conditioned from the past,
buddismo è chiamato “retto but using the director I and
sforzo” e che in psicosintesi the will we can free oursel-
corrisponde ad un “atto di ves from the conditioning.
volontà”. La nostra reazione The Buddha has been defi-
alle situazioni è condiziona- ned “not conditioned” just
ta dal passato, ma attraverso in virtue of the fact that
l’Io regista e la volontà noi escaped from the conditio-
possiamo svincolarci dal nings of the past.
condizionamento. Il Budda As expressed from the bud-
è stato definito “il non con- dhist law of cause-effect
dizionato” proprio in virtù and the psychological laws
del fatto che si è sottratto of R. Assagioli, the thou-
dai condizionamenti del ghts reproduce themselves
passato. and stretch to create images
Come indica la legge bud- and emotions corresponding
dista di causa – effetto e to them; therefore negative
le leggi psicologiche di R. thoughts put seeds for the
Assagioli, i pensieri si ripro- Meditazione tibetana increase of velenose plants.

psicosintesi n7.indd 23 2-05-2007 14:56:56


24 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 PERCORSI

ducono e tendono a creare immagini ed emozioni ad esse Biggest part of the emotions springs from an erroneous
corrispondenti; pensieri negativi mettono dunque semi per thought, which it considers permanent what in reality is
la crescita di piante velenose. La maggior parte delle emo- impermanent. Uprooting the wrong considerations, the
zioni scaturisce da un pensiero erroneo, il quale considera suffering stops. The thought that produces suffering is not
permanente ciò che in realtà è impermanente. Sradicando voluntary, so is not controlled from the volitional function of
le visioni errate, la sofferenza cessa. Il pensiero che produce the person. Nobody brings on himself intentional suffering,
sofferenza non è volontario, ovvero sia non è diretto dalla even the masochist (who, bringing on himself suffering
funzione volitiva. Nessuno si produce intenzionalmente in order to repair from the sense of guilt, exalts the I and
sofferenza, neanche il masochista (il quale nel procurarsi finds pleasure in the pain). The thought and all the func-
sofferenza per ripararsi dai sensi di colpa, esalta l’Io e tions that bring on us suffering make it in automatic and
trova piacere nel dolore). Il pensiero e tutte le funzioni unconscious way.
che ci procurano sofferenza lo fanno in modo automatico Our subpersonalities are unconscious attitudes that move
ed inconscio. us and act beyond our awareness.
Le nostre subpersonalità sono atteggiamenti inconsci che The parts that entrap us, that do not free us, manifest a ten-
ci muovono e agiscono al di là della nostra consapevolezza. sion that derives from blocks, trauma, hurts received in the
Le parti che ci ingabbiano, che non ci liberano, manifestano past and that we have recorded in the memory. Observing
una tensione che deriva da blocchi, da traumi, da ferite like a witness our thoughts and identifying them with the I
ricevute in passato e che abbiamo registrato nella memoria. (and not with the subpersonalities), remove their emotional
Osservare come un testimone i nostri pensieri e identificarsi charge and break the chain of their self-strengthening in the
con l’Io e non con le subpersonalità, toglie loro la carica memory, therefore their force of reproduction. In fact we are
emotiva e spezza la catena del loro autorafforzamento nella dominated from all that in which we identify ourselves and
memoria e quindi della loro forza di riproduzione. Noi infatti we can dominate all from that we unidentify ourselves.
siamo dominati da tutto ciò in cui ci identifichiamo e pos- According to Assagioli, this principle is the secret of our
siamo dominare tutto ciò da cui ci disidentifichiamo. slavery or our freedom.
Per Assagioli è in questo principio che sta il segreto della According to Buddhism, the observer is not the thought, but
nostra schiavitù o della nostra libertà. it is the conscience, that it is not involved in the tension
Per il Buddismo l’osservatore non è il pensiero, ma è la present in the thought. Assagioli talks about an I, a Center
coscienza, che non è coinvolta nella tensione presente nel of pure self-awareness and will, from which it is possible
pensiero. Assagioli parla di un Io, di un Centro di pura to know, to possess and to transform the suffering and to
autocoscienza e volontà, da cui è possibile conoscere, pos- manage all our functions.
sedere e trasformare la sofferenza e gestire tutte le nostre If we concentrate the attention on the thought we can ob-
funzioni. serve as it borns, it grows and it dies, as it is ìmpermanent
Se concentriamo l’attenzione sul pensiero si osserva come and as its ghosts are not real. If we move the attention from
esso nasce, cresce e muore, come esso è impermanente e the fantasies of the mind, we can turn it to the present, to
come i suoi fantasmi non sono reali. Se spostiamo l’atten- that effectively there is in the reality. Thoughts, emotions,
zione dalle fantasie della mente, possiamo rivolgerla al qui feelings are all impermanent and moody, unlike the Self
ed ora, a ciò che effettivamente c’è nella realtà. I pensieri, that is stable and permanent.
le emozioni, le sensazioni sono tutti stati impermanenti e The conscience is the natural center of the psychical ener-
mutevoli, a differenza del Sé che è stabile e permanente. gy.
La coscienza è la sede naturale dell’energia psichica. The Buddhist practice stimulates to realize five powers, of
La pratica buddista stimola a realizzare cinque poteri, di which we are already equipped, but that we do not use:
cui siamo già dotati, ma che non usiamo: - the control of the mind
- il controllo della mente - the presence in the reality
- la presenza nella realtà - the awareness of the change
- la consapevolezza del cambiamento - the no-attachment
- il non attaccamento - the universal love.
- l’amore universale. They are all aspects that, as expressed from R. Assagioli
Sono tutti aspetti che, come ha colto R. Assagioli nei suoi in its studies of the disciplines and of the oriental philo-
studi delle discipline e delle filosofie orientali, si applicano sophies, they are applied both on the personal plan and
sia sul piano personale che transpersonale e che in psicosin- on trans-personal, and that in Psychosynthesis are well
tesi vengono ben espressi sia nella mappatura della psiche, exposed both in the mapping of the psyche, through the
attraverso la stella delle funzioni e l’ovoide, dove l’Io è posto star of the functions and the ovoid, where I is placed in
al centro e le funzioni (pensiero, emozioni, sentimenti, im- the center and the functions (thoughts, emotions, feelings,
maginazione, …) sono dirette da questo Centro integrante imaginations...) are directed from this integral Center of the
della personalità sia nel processo di identificazione – disi- personality and in the process of identification - unidentifi-
dentificazione – autoidentificazione sia nel concetto di Sé, cation - selfidentification and in the concept of Self, at the

psicosintesi n7.indd 24 2-05-2007 14:56:58


IN SINTONIA Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 25

al contempo individuale ed universale. same time individual and universal.


Se prendiamo come esempio l’assunto buddista di “non If we take for example the Buddhist assumption of “no-
attaccamento” vediamo quanto esso sia similare al concetto attachment” we see how much it is to similar to the uni-
di disidentificazione. La sofferenza deriva spesso dall’attac- dentification concept. The suffering often derives from the
camento ad una situazione diversa da quella esistente. attachment to a different situation from the existing one.
Non vi è niente di fisso a cui possiamo “attaccarci”. Una There is nothing of fixed to which we can “be attached”.
domanda che viene posta frequentemente quando si parla A question that is frequently asked when we spoke about
di disidentificazione in psicosintesi o di non attaccamento unidentification in Psychosynthesis or no-attachment in
nel buddismo è la seguente: “ma allora dobbiamo imparare the Buddhism is the following: “but then we must learn
a staccarci dalle cose? Non possiamo più vivere pienamente to move away from the things? We cannot totally living the
gli eventi o le relazioni? Non dobbiamo affezionarci a niente events or the relations? We do not have to become attached
perché tanto tutto muore o perché porta sofferenza?”. to nothing because all dies or causes suffering “.
In realtà il processo è esattamente il contrario. Il Budda In reality the process is exactly the contrary. The Buddha
accetta e gode di quello che c’è, non ha aspettative (che accepts and enjoys what there is, does not have expecta-
sono anch’esse causa di sofferenza). La consapevolezza del- tions (that they are suffering cause too). The awareness
la precarietà di ogni cosa ci permette di acquisire il potere of the precariousness of every thing allows us to acquire
di non attaccamento. La consapevolezza della precarietà the power of no-attachment. The awareness of the preca-
della vita ci può fare apprezzare mille volte di più di prima riousness of the life can make us to appreciate thousand
l’unicità e la bellezza delle cose. Ogni attimo diventa unico e times more than before the oneness and the beauty of the
irripetibile. Il non attaccamento consiste nel non pretendere things. Every moment becomes only and unique. The no-
ciò che non c’è e nell’apprezzare e godere ciò che c’è. attachment consist in not expecting what there is not and
Pensiamo a tutte quelle situazioni di ipocondria, di preoc- in appreciating and to enjoy what there is.
cupazioni per il futuro, di angoscia per il passato, di timore We can think to all those situations of hypochondriasis,
della morte: anziché essere presenti a noi stessi, alla realtà worries for the future, anguish for the past, fear of the
e alla vita, ci difendiamo “andando altrove” con la mente. death: rather than being present in us, in the reality and in
Ma quando la morte arriva sarebbe meglio che ci trovasse the life, we defend ourselves “going elsewhere” with the
vivi! mind. But when the death arrive it would be better than it
Ci siamo dimenticati del tesoro che possediamo, in ciò found us alive!
consiste la nostra ignoranza. Tra noi e il Budda non c’è We forget the treasure that we own, that consists of our
nessuna differenza: la sola differenza è che noi non ce lo ignorance. Between the Buddha and there is no difference:
ricordiamo, il Budda si. Siamo uguali, ma il Budda è sveglio, only difference is that we do not remember it, the Buddha
mentre noi siamo immersi nel sonno. does. We are equal, but the Buddha is awake, while we are
Ad essere un Budda si perdono molte cose: la sofferenza, deeply asleep.
l’angoscia, l’ambizione, la gelosia, l’odio, la violenza e si To being a Buddha many things are lost: suffering, anguish,
ottiene solo ciò che c’era già: si ricorda. Sempre in termini ambition, jealousy, hate, violence and we obtain only what
psicologici possiamo considerare lo stato di buddità come already was present: we remember. Always in psychological
lo stato naturale di “non nevrosi”; la buddità è lo stato terms we can consider the state of buddhisness like the
naturale, che essendo poco diffuso, viene considerato ec- natural state of “no neurosis”; the buddhisness is the na-
cezionale. tural state, but, because of little diffused, it is considered
Sia il pazzo che il saggio riflettono la medesima realtà; la exceptional.
differenza sta negli specchi, non nella realtà. Gli alberi Both the mad and the wise reflects the same reality; the
visti dal nevrotico e dal Budda (in psicosintesi diremmo gli difference is in the mirrors, not in the reality. The trees
alberi visti quando siamo identificati in una subpersonalità seen from the neurotic and the Buddha (in Psychosynthesis
e gli alberi visti dal punto di vista dell’Io) sono gli stessi, we would say the trees seen when we are identified in a
eppure c’è una grande differenza. Se il nostro specchio è subpersonality and the trees seen from the point of view of
rotto, se è ricoperto di polvere, di strati di polvere, polvere I) are the same ones, but there is still a great difference.
antica che si è depositata in passato, il riflesso non può If our mirror is broken, if it is covered with dust, of dust
rendere giustizia alla realtà, non potrà riflettere lo stato di layers, ancient dust that has been deposited in past, the
fatto delle cose, ciò che è. reflection cannot do justice to the reality, it will not be able
Ci viene in mente un’esperienza vissuta da una nostra pa- to reflect the state of fact of the things, why it is.
ziente che la scorsa estate si trovava su una splendida isola It brings to our mind an experience lived from a patient of
africana, nel corso di un viaggio di un mese molto coin- us, who - last summer - was on a splendid African island,
volgente ed entusiasmante, sola col suo compagno. Tutto during an involved and exciting travel, only with her partner.
procedeva a meraviglia, finché un giorno arrivarono in un They had a wonderful time, until a day arrived in a village
villaggio dove anziché essere soli, furono circondati dagli where they were crowded around from the inhabitants of
abitanti del luogo, in particolare da moltissime fanciulle, the place, in particular from a lot of girls, many of them

psicosintesi n7.indd 25 2-05-2007 14:56:58


26 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 PERCORSI IN SINTONIA

molte delle quali ancora minorenni, ma già avviate alla underage, but already directed to prostitution, who tried to
prostituzione, che cercarono di sedurre il suo compagno. seduce her partner. The man was not particularly attracted
L’uomo non fu particolarmente attratto dalla loro bellezza, from their beauty, indeed he was saddened by their poor
anzi si rattristò per la loro misera condizione umana che human condition that forced them to share the beds with
le vedeva costrette ad infilarsi nei letti di vecchi stranieri old foreigners for a clean shower where to wash dresses.
in cambio di una doccia pulita dove lavarsi gli abiti. Chi fu Paradoxicalally the person who “was attracted” from these
paradossalmente “attratta” da queste ragazze fu la donna, girls was the woman, which began to start a series of thou-
la quale iniziò a dare il via ad una serie di pensieri di gelosia, ghts of jealousy, physical comparisons, imaginary betrayals,
di confronti fisici, di tradimenti immaginari, di ansie abban- abandoned anxieties that persecute her for all the rest of
doniche che la perseguitarono, a sprazzi, per tutto il resto the holiday. Also when they were in other isolated places,
della vacanza. Anche quando si trovavano in altri luoghi, with sun and beauty of the nature, where the manifestation
isolati, baciati dal sole e dalla bellezza della natura, dove of the life and the peace could indeed touch the spirit, she,
la manifestazione della vita e della pace potevano davvero sometimes, rather than sunsets and landscapes, to the hori-
toccare l’anima, lei, in certi momenti, anziché tramonti e zon of her mind saw only “perfect asses, round, hard, round
paesaggi all’orizzonte della sua mente vedeva solo “culi and more attractive than her”, all without perceiving instead
perfetti, tondi, sodi, giovani e più attraenti del suo”, il tutto how much her partner was loving her and only her.
senza riuscire a percepire nemmeno lontanamente quanto A Buddha wrote to a companion of travel not yet illumi-
il suo compagno invece stesse amando lei e solo lei. nated: “It is like if I was watching the dawn and you were
Scriveva un Budda ad un suo compagno di viaggio non by my side, with shut eyes. The sun is rising also for you,
ancora illuminato: “E’ come se io stessi guardando l’alba just like rises for me. Its colors are splendid, it is a wonder
e tu fossi al mio fianco, con gli occhi chiusi. Il sole sta that I cannot own, because it is also yours! But what can
sorgendo anche per te, proprio come sorge per me. I suoi make the Sun if you have the eyes shut? This is the only
colori sono splendidi, è una meraviglia di cui io non sono difference, do you think it is great?”. <
il proprietario, è anche tuo! Ma cosa può fare il Sole se tu
hai gli occhi chiusi? Questa è l’unica differenza, ti sembra
una gran cosa?”. <

“Il servizio è la
caratteristica peculiare
dello spirito e trasforma
la coscienza in uno
splendido diamante.
Nasce nel profondo
pozzo della vita
quotidiana e trascina gli
uomini verso la luce, a
studiare e ad incontrare
le stelle”

psicosintesi n7.indd 26 2-05-2007 14:56:58


I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 27

Il viaggio
The trip
Maria Borrelli Merla

“Penso che queste mie impressioni relative ad un I think that my impressions of a journey made in
viaggio del 1977, possano interessare la rivista 1977 would be of interest to the Psychosynthesis
dell’Istituto di Psicosintesi. Magazine.
A quell’epoca non “conoscevo” la Psicosintesi; At that time I knew nothing about psychosyn-
una traccia però, si faceva strada dentro di me. thesis, a trace however was defining itself inside
Avevo incontrato R. Assagioli in occasione della me. I had met Roberto Assagioli in occasion of
“Conferenza-lezione” inaugurale del 1973; incontro his inaugural conference “Lessons” in 1973; a
che suscitò il desiderio di aprirmi ad altre curio- meeting that had inspired in me the desire to
sità. open myself to other experiences.
A distanza di anni, mentre la penna riempiva le While the pen had quickly filled the white pages
pagine bianche, velocemente, come sotto dettatu- as though under dictation, it was only many years
ra, “solo” rileggendo ho scoperto che l’apparente later, after rereading them, did I discover that the
accavallarsi confuso dei ricordi conteneva un filo apparent confusion of my memories did contain
conduttore. a line of thought.
Il mio progetto psicosintetico, il modello ideale, del My psychosynthesis project, the ideal model,
quale mi ero resa consapevole via via nel corso di which became apparent to me during the va-
anni d’autoformazione, il servizio nella segreteria rious years of autoformation, the time spent as
del Centro di Firenze ed il lavoro con gli altri. secretary of the Florence Centre, and my work
Quindi niente di preparato, ma scoperto! with others. So nothing was prepared, but simply
Questo tengo a dire discovered ! This I wish to emphasize.

(Impressioni del viaggio nel Tassili, (abstract from impressions of a trip to the
Algeria del Sud) Tassili, an area of Southern Algeria)

“A Maria che racconti il suo viaggio” “To Maria who will tell us about her trip”—This is the dedica-
Questa la dedica di Andrea Bocconi a me che, colpita dal- tion that Andrea Bocconi wrote for me in his book “Viaggiare
la presentazione del suo libro “Viaggiare, non partire” , gli non Partire” when I happened to mention my trip to the
accennavo al mio viaggio sull’altopiano del Tassili, di tanti tablelands of the Tassili many years ago that I consider a trip
anni fa, che considero un viaggio di “spaesamento”, come of “unconfinement” as Andrea calls it.
li chiama Andrea. Why did it remain there to sediment? It comforts me a phrase
Perché è rimasto lì a sedimentare? Mi conforta una frase di of Fosco Maraini … “a trip without second thoughts doesn’t
Fosco Maraini: “un viaggio senza ripensamento non ammuc- accumulate, the japanese say, it disappears into nothing”.
chia”, così dicono i giapponesi, “svanisce nel nulla”. Allora Therefore is it right that after such a long time I try to re-
è giusto che a distanza di tempo mi accinga a rincontrare i encounter my thoughts, my emotions and the images in part
pensieri, le emozioni, le immagini sedimentate e in parte di- forgotten ? Forgetfulness is often a defence, and having
menticate? La dimenticanza è spesso una difesa e io, tornata come back to city life, I needed to dress myself correctly,
alla città avevo bisogno di indossare di nuovo i panni giusti not in the dress that I had bought in Tamanrasset which was
e non quell’abito comprato a Tamarraset, adatto al deserto. adaptable for the desert. All this I had left behind while I
Tutto questo me lo ero lasciato dietro, mentre a piedi nel was at the foot of a hot canyon with little water in my leather

psicosintesi n7.indd 27 2-05-2007 14:57:00


28 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 VIVERE LA PSICOSINTESI:

canyon infuocato, con poca acqua nel fondo della borraccia, bottle, trying to find some shade in the gorges.
cercavo un po’ d’ombra negli anfratti. My adventure began at dawn on 5 September 1977. For
L’avventura cominciò all’alba del 5 settembre 1977. La prima the first part—the crossing of the Hoggar Mt. Range and the
parte, la traversata del Massiccio dello Hoggar e il deserto sandy desert up to the oasi of Djanet—we would travel by
di sabbia fino all’oasi di Djanet l’avremmo percorsa in mac- car; the second—with the climb up the tablelands of the
china; la seconda, con la scalata dell’altopiano del Tassili, Tassili—by foot. I have in front of me a colored postcard—the
a piedi. Hoggar-Assekrem—bought in Tamanrasset: in the forepart
Ho davanti agli occhi una cartolina a colori – Lo Hoggar a small construction, yellow like the slightly red sand of the
– Assekrem, acquistata a Tamarraset: in primo piano una Hoggar; the roof made of scales of stone, a small window
piccola costruzione gialla come la sabbia un po’ rossiccia framed in white shiny wood, that strides with the context and
dello Hoggar; il tetto di scaglie di pietra, una piccola finestra, denounces a sign of civilization estraneous to the place. A
riquadrata di legno verniciato di bianco, che stona nel con- place for hermits, followers of Père de Foucauld, men and
testo e denuncia un segno di civiltà estraneo al luogo. Luogo women in monks robes. I remember very well the miniscule
di eremiti, seguaci di Père de Foucauld, uomini e donne in church, a hut in realty; entering I did not notice the presence
abiti da frati e suore. Ricordo benissimo la minuscola chie- of 2 nuns prone face down on the ground.
setta, una capanna in realtà: entrando non mi ero accorta From my travel diary: Hermitage of Père de Foucauld. Mercy
della presenza di due suore prone, col viso a terra. Dal mio and comprehension, don’t judge and you won’t be judged,
diario di viaggio: don’t condemn and you won’t be condemned, forgive and you
“..Eremo di Père de Foucauld. Misericordia e comprensione; will be forgiven. I want to come here only in a spiritual sense
non giudicate e non sarete giudicati, non condannate e non or also as a life project lowered into the daily routine?
sarete condannati, rimettete e vi sarà rimesso. Voglio venire I will begin from the lowest steps because I am low down
quassù solo in senso spirituale o anche come progetto di vita and the ascent is exhausting, free myself from my burdens
calato nella realtà quotidiana? Comincerò dai primi gradini so I can find an interior peace. The solitude and the silence
perché mi trovo molto in basso e l’ascesa è faticosa, liberarmi fascinates me but my nature opposes with all its force. The
dai miei fardelli per trovare la pace interiore. La solitudine will is outstretched towards this finality. * Ilfaut passer par
e il silenzio mi affascinano, ma la mia natura si oppone con le deserte et y sèjourner pour resevoir la grâce de Dieu. C’est
tutte le sue forze. La volontà è tesa a questo fine. * Il faut là qu’on chasse de
passer par le deserte et y séjourner pour reçevoir la grâce de soi tout ce qui n’est pas Dieu. Père de Foucauld *.(1)
Dieu. C’est là qu’on chasse de soi tout ce qui n’est pas Dieu. Hermitage, countryside of the spirit with their abysses and
Père de Foucauld*.(1) peak experiences !”
Eremo, paesaggio dell’anima con i suoi abissi e esperienza We descended rapidly and soon found ourselves in front of
delle vette!” a track in the unconfined sandy desert. Dazzling light, dry
Scendemmo rapidamente e ben presto ci trovammo davanti overwhelming heat useless to try and wet your skin with
una pista nel deserto sconfinato di sabbia. Luce abbagliante, perfumed serviettes, as soon as you pulled them out they
caldo asciutto ma opprimente: inutile cercare di inumidirsi became dry and scratched your face.
la pelle con le salviette profumate, appena estratte dalla loro “…..and if trekking is a form of unconscious pilgrimage, an
bustina diventavano dure e ci graffiavano il viso. unconfessed search for God?” (2)
“ …e se anche il trekking fosse una forma di pellegrinaggio And the inhabitants of these plains apparently deserted and
inconsapevole, una inconfessata ricerca di Dio?” (2) without life, if one excludes the continuous movement of
E gli abitanti di quelle pianure apparentemente deserte e the expanse of sand for the energy sometimes angry and
senza vita, se si esclude il continuo movimento delle distese always present in the wind? Under the sky covered by clouds
di sabbia per l’energia a volte rabbiosa e sempre presente del of various forms that run after each other, dominated by a
vento? Sotto il cielo percorso da nuvole di varie forme che dazzling light, we had seen small groups of huts, one against
si rincorrevano, dominato dalla luce abbagliante, avevamo the other, while the small amount of shade from the palms
incontrato piccoli agglomerati di capanne, addossate le une was reserved for a miserable cultivation of millet and a few
alle altre, mentre la poca ombra delle palme era riservata vegetables. The presence of wells determines and guarantees
alle misere coltivazioni, per lo più miglio e qualche verdura. life for that community. The camels that every now and again
La presenza di pozzi determinava e garantiva la vita a quelle appear on the horizon are left free to find dry grass here and
comunità. I cammelli che ogni tanto apparivano in lonta- there: these animals constitute the base of the economy for
nanza, erano lasciati liberi di trovare erba secca qua e là: that community together with the goats and sheep.
questi animali costituivano la base dell’economia per quelle But up there what would we have found? A tableland that
comunità insieme a capre e pecore. detached itself from the horizon, in pink and yellow, above
Ma lassù cosa avremmo trovato? Quell’altopiano che si sta- the intense green of the “thousand” palms of the oasi of
gliava rosa e giallo al di sopra del verde intenso delle “mil- Djanet? It appeared like a wall, insuperable, hostile, that
le” palme dell’oasi di Djanet? Appariva come una muraglia defied us with its 1000 meters in height from the base. Our
invalicabile, ostile, che ci sfidava con i suoi mille metri di imagination was sparked off by the scarse words of the guide

psicosintesi n7.indd 28 2-05-2007 14:57:00


I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 29

dislivello dalla base. La nostra immaginazione si scatenava “water equals life”. I knew but I still had not experimented
dietro le scarne parole della nuova guida: “Acqua uguale it on my own body—I would learn very shortly……but would
vita”. Lo sapevo, ma ancora non lo avevo sperimentato nel I learn only this? Certainly not, the journey would enter into
mio corpo, lo avrei imparato di lì a poco….Ma avrei imparato me at various levels; I have already mentioned the spiritual
solo questo? No certo, il viaggio entrava dentro di me a vari level speaking of a pilgrimage. The body and the emotions
livelli; ho già accennato al livello spirituale, parlando di un like unprepared soldiers, would have to sustain the shockwa-
pellegrinaggio. Il corpo e le emozioni, come soldati impre- ve of something that they were not acquainted with, that
parati, avrebbero sostenuto l’urto di qualche cosa che non they had never met and never imagined. Not only under the
conoscevano, che non avevano mai incontrato e neanche aspect of sheer survival but the adaptment to habits totally
immaginato. Non solo sotto l’aspetto del sopravvivere, ma different like forgetting for 20 days the existence of chairs
anche l’adattamento ad abitudini totalmente diverse, come and eat sitting on our heels, not knowing what to do with out
scordarsi per venti giorni dell’esistenza delle sedie e mangiare legs which appeared so clumsy. To be surprised watching the
accovacciati alla meglio, non sapendo cosa farne delle nostre stars, while in our makeshift beds with the sky as our roof,
gambe, così ingombranti. Stupirci guardando le stelle, mentre we followed the moon that signalled the hours of our awake-
nei giacigli a cielo aperto seguivamo lo spostarsi della luna, nings. What would I have found up there? Obsessing us like
che segnava le ore dei nostri risvegli. the sun that doesn’t give us rest, this question followed our
Cosa avremmo trovato lassù? Ossessionante come il sole che steps and invaded us sometimes with tranquil hopes, but
non dava requie questa domanda seguiva i nostri passi e si ri- more often with anxiety.
vestiva di speranze rasserenanti, ma più spesso inquietanti. At two in the afternoon we finished the climb and reacquired
Alle due del pomeriggio finì l’arrampicata e riacquistammo la an erect position; we were thankfully invested by a fresh
posizione eretta; fummo piacevolmente investiti da un vento wind that ran free on land that stretched as far as the eye
fresco che correva libero in una distesa a perdita d’occhio, di could see, land of a monotonous grey made of basaltic stone
uno monotonia grigia, fatta di pietre basaltiche, scheggiate e split and broken into big and small pieces, sometimes one on
spezzettate in massi grandi e piccoli, a volte uno sull’altro, a top of the other or sometimes just posed on a bed of golden
volte posati su un letto di sabbia dorata. L’artista sembrava sand. The artist appears to have amused himself by using
essersi divertito nel suo informe quadro a usare solo due only 2 colors disordinately. 2,000 meters high: but our
colori, disordinatamente. Duemila metri di altezza: ma la goal? Suddenly we saw someone that came towards us: his
meta? Improvvisamente vedemmo qualcuno che ci veniva last steps were comforted by his words “see the white tent?”
incontro: gli ultimi passi furono confortati dalle sue parole “and that big tree? That is our campsite”. I was offered tea
“Vedete laggiù la tenda bianca?” “E quel grande albero? È but I had fallen asleep as only repose counted.
il campo base”. Mi fu offerto del tè , ma ero piombata in un “The Last Ascent” (3) is a critical test of the Paradise of

Deserto del Tassili

psicosintesi n7.indd 29 2-05-2007 14:57:01


30 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 VIVERE LA PSICOSINTESI:

dormiveglia in cui il riposo solo contava. Dante. I read it under the shade of a plane tree eating
“L’ultima ascesa”(3), un testo di critica al Paradiso di Dante. cherries while I terminated my preparation for the final high
Lo leggevo all’ombra di un platano mangiando ciliege men- school exams. The exams were to begin 2nd July and June
tre terminavo la preparazione all’esame di maturità. L’esame that year was particularly hot….but what has this to do with
sarebbe cominciato il due luglio e quel giugno era particolar- my trip? In the days that followed I would understand. In
mente soffocante….. ma che c’entra ora tutto questo? Nei my own way up there I would have found my paradise and
giorni che seguirono lo avrei capito. A suo modo lassù avrei up there it would remain closed or unconfined amongst the
trovato il mio Paradiso e lassù è rimasto chiuso eppure scon- skyscrapers of dark basalt stone, golden sand, gorges painted
finato fra grattacieli di basalto scuro e sabbie dorate, anfratti, by those who had preceded us 3 or 4,000 years ago; imprin-
dipinti da chi ci aveva preceduto tre o quattromila anni fa, ting moments of their daily routine with scenes of hunting,
fissando momenti di vita quotidiana, con scene di caccia e fishing in a glorious savannah and tons and tons of water.
pesca in un rigogliosa savana e tanta, tanta acqua…… Penetrating into the freshness of the rock gorge, an open air
Penetrando nella frescura degli anfratti rocciosi, un museo museum was revealed to our eyes. Together with exclama-
all’aperto si rivelava ai nostri occhi. Alle esclamazioni di stu- tions of stupor and silences full of wonder we were invested
pore e ai silenzi pieni di meraviglia si univa un vago senso di with a vague sense of giddiness when we raised our eyes to
vertigine quando alzavo lo sguardo per cercare la fine di quei look for the end of those giants that seemed to close the sky
giganti scuri che sembravano chiudere il cielo riducendolo a reducing it to a small piece of blue space…up there.
un pezzetto di azzurro lassù…. The return.
Il ritorno. We retraced our steps in the opposite direction. It was not
Ripercorrere l’identica via nella direzione opposta . Non era possible to change anything, the track was obbligatory. I
possibile cambiare nulla, il tragitto doveva essere obbligato. cannot imagine anything so disimiliar than the two routes
Non riesco a immaginare niente di più dissimile dei due and this in a thousand different ways: two different voyages
percorsi e questo in mille sfaccettature: due viaggi diversi in different moments? Maybe yes. I had wings on my feet
nel tempo? Forse si. and I walked free and unhibited with the joy to jump and
Avevo le ali ai piedi e camminavo libera e disinvolta con la walk quickly while my legs seemed to be perfect engines.
gioia di saltare e procedere spedita, mentre le gambe mi The heat? It had penetrated into me and had become part of
sembravano motori perfetti. Il caldo? Era entrato dentro di my organism that motored along with the correct mechanism.
me e faceva parte del mio organismo che girava con gli in- And water? The taste of water we would have reflavored in
granaggi giusti. Rome: only amongst the beautiful roman pines, in the terse
E l’acqua? Il sapore dell’acqua lo avremmo ritrovato a Roma: sky of September, would that forgotten taste make me feel
solo fra i bei pini romani, nel cielo terso di settembre, quel finally at home. <
sapore dimenticato ci avrebbe fatto sentire a casa. <

Bibliografia
1) Charles de Foucauld “Opere Spirituali” Ed. Paoline
2) Andrea Bocconi “Viaggiare non partire” Ugo Guanda SpA
3) Umberto Cosmo “L’ultima ascesa” 1936, Ed. La Terza, Bari

“Il gruppo in Internet non esiste “realmente” ma esiste e vive nella mente
delle singole persone. Come rappresentazione fantastica di un Noi che non
ha luogo nè tempo ma che segue le coordinate spazio-temporali della mente
dei singoli individui che la costituiscono.”

The Internet group does not “actually” exists, but it is alive in the mind of
individual persons.
As a virtual representation of an “ourselves-entity”, which does not have any
actual place or time, but follows the space-time coordinates present in the
mind of the single individuals who compose it.

psicosintesi n7.indd 30 2-05-2007 14:57:02


I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 31

L’autoformazione al
Centro di Psicosintesi di
Firenze: un volo insieme
nei luoghi dell’anima
Elena Stevenato

Vanno spezzandosi le catene Un sentimento di amore e be- Tutti i lunedì il gruppo di auto-
che mi legano a un’esistenza nevolenza mi unisce ai miei formazione si riunisce: l’incon-
arida. Questo anche grazie compagni di corso, con i qua- tro tra noi è molto desiderato,
al ciclo di autoformazione: li ho la fortuna di condividere c’è voglia di vedersi e aiutarci
sono a metà del percorso e gioie e, qualche volta, dolori di nell’esplorazione dell’incon-
già mi dispiace che avrà un questa esperienza. Rileggendo scio. Dei luoghi in cui non ci
termine. D’altra parte, so che gli appunti delle lezioni e pra- piace sempre entrare, perché
in seguito continuerò a pren- ticando gli esercizi, percepisco guardarli significa essere a
dere parte alle iniziative in la grande ricchezza di stru- contatto con le ferite dell’ani-
programma nel futuro. menti che mi viene offerta per ma. Esperienze che bruciano,
autoanalizzarmi destrutturan- ma di cui siamo disposti a
domi e ricostruirmi allineando prenderci cura non negando-
l’Essere a una visione ampia le, ma rendendole funzionali
della vita, secondo un punto di al processo di crescita.
vista espanso rispetto all’otti- In diverse occasioni durante
ca limitata con cui valutavo in gli esercizi di visualizzazione
passato me stessa e il mondo ho provato pace, la sicurezza
circostante. L’evoluzione è “a di essere sulla via giusta, mi
spirale”, le situazioni, si no- sono spesso sentita sulla stra-
ta, si ripetono secondo una da del ritorno “verso casa”. Il
dimensione sempre più lar- Sé è la mia vera casa, sento
ga in cui includere elementi che c’è, che mi attrae a Lui.
nuovi che fertilizzano la terra In una società piena di false
del nostro agire. L’humus è certezze, il Sé, lo riconosco,
l’amore che ci mette in rela- è la mia identità profonda. Io
zione con gli altri, il motore è abito il Cosmo, il Cosmo abita
la volontà, l’energia propulsi- me. Io sono gli altri, gli altri
va che attiviamo per realizzare sono me. Allora, io non sono
uno scopo. Tutto ciò nel fer- sola.
mo proposito di non nuocere a Grazie, Assagioli. <
nessuno: è la “volontà buona”,
quella che tiene conto di quel-
la altrui nel conseguimento di
un obiettivo. 6 dicembre 2006

psicosintesi n7.indd 31 2-05-2007 14:57:02


32 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 VIVERE LA PSICOSINTESI:

Esperienza di
Formazione Permanente
a Catania
Daniela Amara

Se dovessimo raccontare L’esperienza è stata vissuta per tutti, riprendere da dove


l’esperienza della formazio- in otto incontri, uno al mese avevamo interrotto e far ri-
ne permanente (e sperimen- per otto mesi. Gli spunti li partire questa ruota che si
tale) non sapremmo proprio forniva, di volta in volta, la era fermata. Infatti, dopo la
da dove cominciare. Di certo conduttrice e noi (gruppo) formazione, per qualche tem-
sapevamo di avere tutti voglia avremmo dovuto rivedere e po tutto è andato quasi bene
di riprendere le fila di discor- rivivere nella vita quotidiana poi si cominciava a sentirsi
si importanti; di riincontrarci; tali spunti. Per nulla facile!! un po’ orfani e bisognosi di
di capire meglio e di più. E Qualcuno, tra noi, ha creato riagganciare il tutto.
se dicessimo che il tutto si è dei sottogruppi di studio per Questa possibilità si è con-
realizzato solo nei due ultimi affrontare gli argomenti e de- cretizzata e l’abbiamo vissuta
incontri, ci credereste!?! vo dire che, tra té, biscottini, nell’anno appena trascorso e
Ebbene è andata proprio così: pandoro e quant’altro, qual- saremmo felici di riprender-
e d’altra parte la psicosintesi cosa si è discusso. la, con gli opportuni miglio-
insegna: “Accade all’improv- Le difficoltà, per tutti eviden- ramenti, nella prossima sta-
viso e senza che ci si renda ti, sono state rappresentate gione.
conto”. dal lungo distacco tra un in- Gli incontri futuri potrebbe-
contro e l’altro e dagli spunti ro svolgersi nell’affrontare in
proposti, che erano di consi- gruppo, i nodi esistenziali di
stente difficoltà. In realtà ci ciascun componente che, di
era mancato anche il sentirci volta in volta, lo porge agli
gruppo; lo siamo diventati do- altri per chiarirlo a se stesso
po alcune defezioni e quando utilizzando tutti gli strumen-
abbiamo iniziato a discutere ti che gli serviranno anche
di come ci sarebbe piaciuto quando finirà la formazione
divenire gruppo di formazione permanente. Infine il gruppo
permanente. potrebbe, ove possibile, rac-
La necessità che si era evi- contare la propria esperienza
denziata nel gruppo era nell’incontro dei soci per ren-
quella di riprendere i nodi dere tangibile anche ad altri
esistenziali che in fondo la questo ulteriore percorso di
conclusione della nostra for- crescita!! <
mazione, forse, aveva lascia-
to sospesi. Era utile, quindi

psicosintesi n7.indd 32 2-05-2007 14:57:04


I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 33

Il potere
di scegliere
Flavio Facchini

Imparare ad Siamo tutti bambini che tinuare a svilupparsi; ma non conscio per emergere in spinte
integrare la vogliono crescere, diceva più sul piano della statura, ma incontrollabili che nulla hanno
Volontà Buona Tagore. su quello della coscienza. a che fare con i nostri ideali.
nella vita Ma tra il dire e il fare c’è di Ma attenzione, perchè que- Proviamo allora a capire come
quotidiana, mezzo un mare grande e ca- sto evolvere, non rientrando orientare questo mutamento,
attraverso priccioso come la volontà, più, come abbiamo detto, nei allo stesso tempo possibile,
l’esercizio e potremmo rispondere. campi del fisico, ha bisogno auspicabile, necessario.
l’uso delle Tant’è che ognuno di noi di portare a galla, dentro di La volontà è soprattutto una
essenze floreali, sperimenta età che non so- noi, spinte nuove e coerenti, qualità dicevamo, un’energia
ci permette di no solo funzione anagrafica o qualità autenticamente capaci in grado di cambiare la consa-
realizzare le fisica, ma anche emotiva, in- di padroneggiare sugli impul- pevolezza e quindi il rapporto
nostre possibilità tellettiva, spirituale, ecc. Età si istintivi che fino ad allora che ciascuno di noi ha con se
latenti. sostanzialmente plasmate dal ci hanno “solo” permesso di stesso ed il mondo. Attraverso
tempo ma anche dai diversi “sopravvivere”. Solo così la di essa possiamo innescare il
livelli della coscienza e della nostra vita può diventare un “processo del volere” (will to
consapevolezza. vero percorso di crescita, solo will), atto fondamentale ed
Così sarà capitato a tutti di così possiamo portare armo- insostituibile per muoverci
conoscere persone anagrafi- nia, gioia ed equilibrio dentro in maniera cosciente, trasfor-
camente adulte, in cui fa bel- di noi. E se vogliamo provare mando le nostre intenzioni
la mostra un fisico giovanile a capire da vicino quale di dalla fase percettiva a quella
... e un’emotività (timidez- queste qualità sta alla base realizzativa. Ma per innescare
za, paure, insicurezza, ecc.) di questi processi fortemente il processo bisogna entrare in
praticamente ferma a livelli evolutivi, non possiamo che contatto, imparare a conosce-
infantili! parlare della volontà! re questa qualità, che ha il po-
Ma perchè tirare in ballo la Non certo tentando di descri- tere di muovere tutte le altre.
volontà? Perchè quel grande verla, perchè come amava Un’opportunità che nella cul-
viaggio che è (o dovrebbe ripetere Roberto Assagioli, tura occidentale non è certo
essere) la nostra vita, non è non è descrivibile in quanto offerta su un piatto d’argento,
governato solo dalle energie è un’esperienza diretta come, che l’ambito educativo ed ac-
fisiche, dal DNA e dall’ossige- lui stesso portava ad esempio, cademico non si preoccupa di
no, dagli alimenti e dalle vita- quella del rosso o del blu, ma curare, che la società, oserei
mine, per fare dei semplici prendendone invece piena co- dire, ignora profondamente.
esempi, che plasmano il fisico scienza come di forza che ad Ed allora solo una formazione
appunto, ma anche da energie un tratto della nostra esisten- extrascolastica e la ricerca per-
psichiche alle quali, soprat- za o muta, da forte ad abile e sonale possono metterci sulla
tutto dopo la cosiddetta età buona, attraverso una catarsi giusta strada. Anche perchè,
della crescita, comunemente cosciente e dinamica, oppure riflettiamo bene, la volontà
collocata tra i 0 ed i 28 anni, rischia di assopirsi negli spazi non è molto di moda oggigior-
è possibile attingere per con- misteriosi e profondi dell’in- no, forse perchè siamo troppo

psicosintesi n7.indd 33 2-05-2007 14:57:12


34 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 VIVERE LA PSICOSINTESI:

presi a scimmiottare e consu- dine a crescere. fronte ad un fatto assoluta- piacere, perchè ci da subito la
mare modelli preconfezionati E di solito ognuno scopre, nel- mente centrale della nostra sensazione di stare meglio (e
dalle leggi del consumismo, la forma a lui più congeniale, esperienza umana, una presa non di fare uno sforzo). La vo-
o forse perchè legittima rea- il percorso più giusto per farlo, di coscienza capace di porci lontà abile, oltre a trasmetter-
zione ai principi della volontà nella stessa misura in cui, ad di fronte a noi stessi in un ci la gioia e la leggerezza del
forte, della forza di volontà per esempio leggendo questo ar- modo che non è più quello di movimento, dell’andare verso
intenderci meglio, che svilup- ticolo, si può essere invogliati prima. la giusta meta, ci permette in
pa più traumi e violenze che ad approfondirne i contenuti, Il primo passo, amici, è quello ogni momento di modellare il
soluzioni. a comprendere meglio le de- di riconoscerla, di distinguer- nostro futuro, di scegliere il
Insomma, la volontà di cui ci finizioni, a cimentarsi negli la, di capirla bene. La volontà nostro approccio al destino.
stiamo occupando va cercata, esercizi suggeriti. non è il pupazzo agli ordini Il fatto è che non siamo co-
imparata, spiegata, sviluppa- Di fatto entrare in contatto dell’inconscio descritto da struiti per il controllo del mon-
ta, allenata, perfezionata e con la volontà psicosintetica Freud, non è autoaffermazio- do che ci circonda, per muo-
rafforzata, così come avviene è un’esperienza che di solito ne, aggressione, egocentrismo, verci come arieti contro tutto
ad esempio per la pittura, la cambia radicalmente la vita. non è una polarità maschile quello che là fuori ci appare
musica, lo scrivere, e con la In primo luogo perchè essa è che forza e obbliga ad agire. nemico. Non siamo schegge
sola differenza che non serve in grado di regolare e dirigere E’ piuttosto una dama gentile impazzite che a tutti i costi de-
un’attitudine, perchè ciascuno tutte le altre energie fisiche e che ci guida fuori dall’indiffe- vono farsi largo fra le difficoltà
di noi, che ci piaccia o no, è psichiche, e poi perchè anche renza, dall’apatia, dalla noia, della vita, ma gocce, semplici
parte di una volontà universale solo parlarne ci fa percepire dall’inerzia, con uno slancio gocce che possono imparare
che rappresenta in sè l’attitu- immediatamente di essere di buono verso cui proviamo a fluire nel grande fiume che

Maurice Denis - La Principessa nella torre -1894

psicosintesi n7.indd 34 2-05-2007 14:57:13


I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 35

scorre placido verso l’oceano a galla qualcosa di suo che era sono incostante persevero). E 6) usandola continuamente
dell’Amore. sepolto e di cui percepisce im- con gli esempi si potrebbe pro- come scelta consapevole, dan-
Se diveniamo coscienti di mediatamente la qualità buo- seguire all’infinito secondo lo dogli quindi energia (attenzio-
questo alla forza di volontà na, ci mette davanti alla forte sbalorditivo, e semplice prin- ne) nel modo e nella quantità
vittoriana, che si esprime in intuizione di poter finalmente cipio di sviluppare costante- giusta (vedrete come a poco
modo rigido e duro dando or- riprendere la strada verso noi mente la virtù che gli si oppo- a poco diventa familiare) te-
dini ed imponendo proibizioni, stessi, impadronendoci della ne descritto da Edward Bach nendo presente che nulla più
è possibile sostituire la Buona facoltà di rispondere in modo nel suo Guarisci Te Stesso ed di una scarsa volontà impe-
Volontà, capace di regolare e adeguato al bisogno di soddi- i 12 Rimedi FloreaIi, tenendo disce alla nostra energia di
dirigere in maniera creativa, sfare la gerarchia dei nostri presente che è sempre neces- fluire formando invece gorghi
come un direttore d’orchestra bisogni. sario perseverare nell’esercizio e mulinelli energetici (leggi:
sa fare con i suoi musicisti. In questo percorso, tipica- ricorrendo ad un facilitatore blocco dei chakra, disagio,
Ed Assagioli, oltre a quella mente psicosintetico, che ci (così come quando si studia- malattia);
appena citata, usava una me- porta a diventare più amici di no le lingue non è pensabile 7) riequilibrandola con l’uso
tafora ancora più efficace: la parti di noi stessi, possiamo progredire studiando ogni di Essenze Floreali come Wild
forza di volontà ci pone dietro sviluppare la volontà buona tanto ma bisogna applicarsi Rose, capace di apportare alle
la macchina a spingere fatico- seguendo, ad esempio, queste regolarmente e ricorrere ad nostre cellule disarmoniche la
samente, la Buona Volontà ci direttrici: un insegnante); vibrazione positiva della de-
fa entrare nell’abitacolo e con 1) imparando a riconoscerla; 5) tenendola sempre viva ed didizione e della motivazione
il volante ci guida alla meta. 2) scoprendo che ognuno di a disposizione in archivi fa- interiore, virtù che si oppon-
Con lui non concordo invece noi possiede abbastanza vo- cilmente accessibile della gono all’apatia, alla noia ed
quando, forse per modestia, lontà per svilupparne di più e coscienza anche usando la all’indifferenza. Ed a questo
dice che la sua scoperta in che attraverso l’azione essa si tecnica delle parole evoca- proposito desidero aprire una
molti casi non è così spetta- autoalimenta; trici, in grado di mantenerci parentesi perchè i terapeuti,
colare; io credo lo sia sempre 3) trasformando ogni DEVO in vivo e presente il giusto stimo- così impegnati ad integrare la
ed eccome! Forse perché in un POSSO o in un VOGLIO; lo: (prendere alcuni foglietti e personalità umana, facciano
questa società, più tecnolo- 4) allenandola attraverso sem- scrivere “BUONA VOLONTA’” uno sforzo ad imparare ad in-
gica e meno umana, è, co- plici esercizi quotidiani (se esporli quà e là, come sullo tegrare le diverse risorse (ener-
me dicevamo, sempre meno sono timido faccio degli atti specchio del bagno, la porta gie) a disposizione (come ci ha
di moda. A chi la scopre dà di affermazione, se sono pigro d’uscita di casa, la scrivania insegnato il dott. Bach), quel-
sempre una forte emozione, faccio attività fisica, se lavoro dell’ufficio, la prima pagina le del counselling con quelle
gli scatena sorpresa, gli porta troppo mi fermo a riposare, se dell’agenda personale, ecc.); erboristiche e fitoterapiche ad

WYSE è un’Associazione senza scopo di lucro associata all’ONU come ONG.


WYSE sta cercando di realizzare un sogno di Roberto Assagioli : trovare e sostenere giovani di tutto il mondo
dotati di visione e consapevolezza e ispirati ad adoperarsi per migliorare la vita sul pianeta.
In questa prospettiva WYSE organizza in Italia un PROGRAMMA INTERNAZIONALE (Lucca) dal 22 luglio
al 2 agosto 2007 (introduttivo, età 18-32) e uno per giovani fra i 16 e i 18 anni a Caldaro (Bolzano) dal 5
all’11 agosto 2007.Entrambi i programmi sono condotti da un’équipe internazionale di formatori anch’essi
provenienti da diversi Paesi e culture e si svolgono in lingua inglese.
PER PERMETTERE LA PARTECIPAZIONE ANCHE A GIOVANI PROVENIENTI DA PAESI SVANTAGGIATI WYSE HA APERTO UN
FONDO BORSE DI STUDIO a cui tutte le persone che desiderano sostenere questa iniziativa possono contribuire inviando
la loro donazione a :Associazione WYSE ITALIA c/c n. 08/000094251 Emilbanca Filiale Bologna San Ruffillo ABI 07072
CAB 02401 CIN k o sponsorizzando un giovane partecipante.
Le donazioni sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi
Oltre ai due programmi per giovani WYSE organizza un RITIRO PER ADULTI OLTRE I 50 ANNI che avrà come tema : LAVORARE
CON LA SAGGEZZA : IL TEMPO e si svolgerà presso La Casa Marcellina sulle colline di Bologna dal 6 al 13 settembre 2007
basato sugli stessi principi del lavoro coi giovani e volto a collegare le due generazioni in un progetto di bene per il pianeta.
Anche questo programma sarà in lingua inglese e sarà condotto da una équipe internazionale.
Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a WYSE Italia
e-mail:info@wyse-italia.org Tel 0039 051 928368 o consultare i siti www.wyse-italia.org e www.wyse-ngo.org

Associazione Wyse Italia WORLD YOUTH SERVICE and ENTERPRISE Associazione di volontariato
iscr. Registro Regionale Volontariato Determ. n.107531 del 26.11.97 Via dei campi n.4 - 40050 Loiano (BO) +39-051-928368
E-mail: info@wyse-italia.org Sito web: www.wyse-italia.org

psicosintesi n7.indd 35 2-05-2007 14:57:15


36 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 VIVERE LA PSICOSINTESI:

esempio, perchè ogni indivi-


duo, pur lacerato dalle sue
moltitudini, è Uno, ed unica,
How can we succeed in tur-
seppur articolata, deve cercare
ning our will towards its pe-
di essere la cura;
culiar characters of goodness
8) semplificando i percorsi,
perchè spesso il nostro com- and wisdom?
plicare le cose è un modo dia- In order to take up this action
bolico per non farle! (e solo we have to learn to come in
essendo semplicemente noi contact with this function,
stessi – esercizio terribilmen- whose main peculiarity is to
te facile e difficile allo stesso move all the other functions
tempo - possiamo veramente together.
realizzarci). So we have to look for it ,to

Attraverso queste esperienze


The power recognize it just because
through the action it nou-
diventeremo più consapevoli
del nostro potere di scegliere
e di operare cambiamenti per
of choice rishes itself keepsit alive and
available.
We have to train ourselves I
rapportarci in modo coerente using it as a conscious choi-
col mondo. Il risultato è spesso abstract ce attending and taking care
una vita con molti meno con- of it.
flitti. E se avete letto questo Our will drives us out of un-
articolo “solo per caso” e sen- concerned and apathetic at-
tite il tema centrale, sappiate
titude.
che, come dice James Redfield
Our will gets joy and nimble-
ne La Profezia di Celestino, le
ness of movements .
coincidenze hanno il compito
Our will can give us the op-
di farci avanzare incontro al
portunity of choosing how to
nostro destino. <
approach our destiny .

WYSE is a non-profit organization associated to the U.N. as an N.G.O.


WYSE is actualizing a dream of Roberto Assagioli : to find and support young people from all over the world
who have vision and awareness and feel inspired to work towards a better world.
Within that perspective, WYSE organizes an international youth programme in Italy (Lucca) from 22nd July to
2nd August 2007 (introductory for ages 18-32) and a Programme for 16-18 years old at Caldaro (Bolzano)
from 5th to 11th of August. The programmes will be led by an international team of experienced trainers
from all over the world.
For information and applications contact WYSE ITALIA e-mail info@wyse-italia.org Tel/fax 0039 051 928368 or look up
the web site HYPERLINK http://www.wyse-ngo.org www.wyse-ngo.org
IN ORDER TO HAVE PARTICIPANTS FROM DISADVANTAGED COUNTRIES WYSE HAS SET UP A BURSARY FUND TO WHICH
ALL THOSE INTERESTED IN SUPPORTING THIS INITIATIVE ARE INVITED TO CONTRIBUTE sending their donation to
Associazione WYSE ITALIA c/c 08/000094251 Emilbanca Filiale Bologna San Ruffillo ABI 07072 CAB 02401 CIN k or
sponsoring a young participant.
Besides the two youth programmes WYSE also organizes a retreat for adults over 50 based on the same principles and aiming
to connect the elder and the younger generations . Its theme will be: WORKING WITH WISDOM : TIME and will be held
at Casa Marcellina on Bologna hillside from 6th to 13th September 2007.

Associazione Wyse Italia WORLD YOUTH SERVICE and ENTERPRISE Associazione di volontariato
iscr. Registro Regionale Volontariato Determ. n.107531 del 26.11.97 Via dei campi n.4 - 40050 Loiano (BO) +39-051-928368
E-mail: info@wyse-italia.org Sito web: www.wyse-italia.org

psicosintesi n7.indd 36 2-05-2007 14:57:16


I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 37

Capodanno
alla Casa del Sole
di Trento
Mara Chinatti

È trascorso un mese dall’espe- tutto perché abbiamo scoper- anche in coloro che hanno e di relazione che passano at-
rienza vissuta con Claudio, to che l’esperienza ci é stata delle limitazioni e delle diffi- traverso il cuore e, allo stesso
mio compagno di vita, nella molto utile, è servita alla no- coltà più accentuate di altri. tempo, la sua esigenza d’esse-
Casa del Sole di Trento, Casa stra crescita e confidiamo che Un’esperienza che ha svelato re libero di muoversi, di fare,
che offre spazio anche al “tu- possa servire anche a quella il fattore libertà nell’essere di esprimersi nel proprio spa-
rismo sociale”. di altri. umano, libertà da noi intesa zio da me considerato sacro
La scelta su dove trascorrere il Abbiamo volutamente scelto di non come “faccio quello che poiché è del tutto personale
Capodanno è stata immediata, lasciar trascorrere alcuni giorni voglio” ma “esprimo ciò che e quindi da rispettare. Carlo è
non appena ci fu prospettata prima di scrivere queste righe sono”, ed espressa tramite la un ragazzo molto dolce, sem-
tale possibilità. per non lasciarci condizionare spontanea volontà. Carlo, cir- pre sorridente. Questo ha sti-
Pur essendo liberi di entrare dalle emozioni sperimentate condato da uno stato di pace molato in noi sorpresa e gioia,
ed uscire a piacimento dalla in quel periodo, quali l’entu- e di serenità, ha trasferito la soprattutto quando ci siamo
struttura, abbiamo preferito siasmo, la calma, la serenità propria libertà prima in un accorti che quello scritto era
trascorrere tale ricorrenza in e l’armonia interiori. disegno e successivamente in indirizzato a me.
stretto contatto con operatori Il rispetto per ogni individuo, uno scritto. Probabilmente non tutti i pre-
e utenti, mangiando insieme per i suoi spazi ed esigenze Il messaggio fondamentale che senti o chi leggerà queste ri-
a loro, aiutandoli nelle varie di movimento, unitamente al vorremmo trasmettere, tramite ghe apprezzeranno le piccole
“faccende domestiche”, ma rispetto per le regole esistenti questo scritto, riguarda l’im- cose, il modo diverso con cui
soprattutto cercando di so- nella struttura, ha creato tra portanza del cambiamento nel la lettera è stata scritta, che
cializzare. noi una relazione improntata movimento di Carlo quando è suggerisce un ulteriore passo
Con naturalezza, spontaneità, prevalentemente ad una co- riuscito a manifestare azioni fatto da Carlo; il passaggio lo
semplicità, accettazione e ri- municazione armoniosa. Così differenti dai propri soliti at- notiamo nella posizione delle
spetto delle regole esistenti, ognuno, consapevole o meno, teggiamenti stereotipati. La frasi: la lettera inizia con una
è stato facile instaurare una riconoscendosi e rimanendo bellezza del cambiamento non scrittura che non appoggia
comunicazione sana, una nel proprio ruolo, ha potuto è consistita tanto in ciò che ha sulle righe per poi conclu-
relazione fraterna e amicale sollecitare la continuità del concretamente fatto, quanto dersi con frasi più lineari e
d’intesa e d’armonia con co- clima familiare esistente sen- nell’essere riuscito a manife- più facili alla lettura. Voglio
loro che in quella struttura za appropriarsi e invadere il stare il suo vissuto interiore in ricordare che lo scritto è stato
vivono o vi soggiornavano per “territorio altrui”. una forma mai espressa prima, totalmente personale, privo di
l’occasione. A testimonianza della nostra almeno in nostra presenza. suggerimenti. Chissà se fu un
Quando Mario*, l’operatore più esperienza, abbiamo voluto al- Risuona ancora in noi la sua caso?
presente durante la nostra per- legare a questo testo il disegno richiesta spontanea: “posso Se Carlo fosse stimolato ogni
manenza, ci ha chiesto se ci e lo scritto spontanei fatti da disegnare?”, e, in un altro giorno quale beneficio ne trar-
avrebbe fatto piacere scrivere Carlo, un utente, espressioni contesto, “posso scrivere?”. rebbe? Di sicuro quello spazio
un articolo sulla nostra espe- ricche di valore che hanno Seduto al mio fianco operava condiviso, e allo stesso tempo
rienza, siamo stati ben lieti di lasciato un segno profondo disinvolto senza imposizioni e vissuto individualmente, ha
accogliere la sua proposta. d’unione e di comunione, e indicazioni con un’apparente attivato serenità ad un punto
C’è sembrata una bell’idea che ci hanno ricordato la gran- ed incredibile facilità. Sento tale da provocare una nuova
poter trasmettere ad altri la dezza e le potenzialità intrin- ancora la sua delicatezza, il esperienza anche a chi ap-
nostra testimonianza, soprat- seche in ogni essere umano, suo bisogno di contatto umano parentemente sembra essere

psicosintesi n7.indd 37 2-05-2007 14:57:17


38 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

confinato nel proprio mondo. è sorta in noi in seguito alla


Tutto questo non è poco per considerazione che, durante
chi vive alla Casa del Sole, i dialoghi intrattenuti con gli
così pensiamo che sia fonda- utenti, il loro stato d’animo
mentale sentirsi e far sentire mutava quando esprimevano
gli altri a proprio agio, accolti, i propri desideri. Il tono della
accettati, protetti e soprattutto voce, l’espressione facciale,
considerati. l’atteggiamento posturale o i
Per giocare insieme, o fare gesti sono elementi che, se
altre cose in comune, era suf- visti nella loro totalità, lascia-
ficiente chiedere e la risposta no trasparire, com’è noto, un
corrispondeva alla disponi- contenuto emotivo di tristezza,
bilità del momento di coloro di gioia, d’indifferenza, d’en-
che cercavamo di coinvolge- tusiasmo e così via. Nel caso
re. Mettere in atto uno scritto specifico, quegli elementi indi-
e un disegno, come ha fatto catori ci hanno suggerito, sen-
Carlo in due circostanze di- za che noi l’avessimo espres-
verse, richiedeva input che samente chiesto, l’importanza
abbiamo involontariamente insita in ciò che veniva detto.
inviato quando abbiamo scel- Ad esempio, nel chiedere il
to di restare nell’ampio salone caffè, spesso il soggetto ma-
invece di appartarci. nifestava un tipo di emozione
Quei momenti li ricordiamo legata ad un’abitudine o ad
con sentito piacere, c’era chi una esigenza del momento,
guardava la televisione, chi mentre nel desiderio di “an-
andava e tornava dal salone, dare al mare” le emozioni ed
chi chiacchierava: tutti contri- i ricordi si associavano tra loro
Per tutti coloro i quali volessero partecipare
buivano a creare un “paesag- coinvolgendo anche noi. alla sua realizzazione, la rivista di Psicosintesi
gio movimentato”, non caotico Se nel primo caso la frase “vo- necessita di un contributo in termini di articoli,
e frenetico di disturbo, ma di glio il caffè” era una richie- racconti, biografie di personaggi famosi,
piacevole convivenza. sta quasi priva d’emozione, miti, simboli, interviste, attività dei centri e
Riferendoci alla Psicosintesi di nel secondo, l’espressione recensioni di libri, film, mostre, eventi culturali:
Assagioli, la quale com’è noto “vorrei andare al mare” solle- il tutto visto nell’ottica psicosintetica.
stimola alla riflessione chi è citava la nostra attenzione a Dal momento poi che, com’è noto, la rivista
disposto a farlo per migliorare soffermarsi più sul contenuto viene inviata anche all’estero, chiediamo la
se stesso, ma soprattutto la emotivo che su quello di pen- partecipazione di persone disponibili a tradurre
relazione con gli altri, in una siero: gesti appena accennati, gli articoli in inglese.
situazione simile a quella ri- sguardi furtivi, sorrisi fugaci, Gli articoli saranno letti e selezionati dal
portata da questo scritto, Egli espressioni profonde poiché comitato scientifico dell’istituto e non verranno
ci ricorderebbe che gli indivi- spontanee e dettate dal cuore. restituiti.
dui residenti alla Casa del Sole Attenta curiosità verso il nuo- Inoltre potrebbero essere apportate modifiche a
“hanno sì un disagio, ma non vo, lo sconosciuto, intrinseca cura del comitato di redazione.
sono il disagio”. accettazione e non fuga verso In order to be propositive, the Psicosintesi
Per concludere riportiamo una l’isolamento. magazine needs your contribute in terms
riflessione fatta ripensando al- Questo e molto altro, noi of articles or subjects to develop, such as
le varie conversazioni con gli “ospiti” di Verona abbiamo symbols, myths, tales, biographies, interviews,
utenti. Ci siamo chiesti se i condiviso alla Casa del Sole. Centres’ activities and reviews of books,
desideri del genere “mi pia- Ringraziamo tutti, anche colo- films, exhibitions, shows, actuality: all in
cerebbe andare al mare” sa- ro con i quali non c’è stata una Psychosynthesis terms.
ranno presi in considerazione comunicazione verbale. Also, being sent abroad, the Magazine needs
ed esauditi dagli operatori participation of readers willing to translate the
per migliorare la qualità della articles into English.
loro vita; e come e quanto il * I nomi delle persone Articles will be read and selected by the
loro appagamento potrà po- citate nell’articolo sono Institute’s Scientific Committee and Board of
sitivamente influire sulla loro stati sostituiti per motivi di Directors and will not be returned.
personalità. Questa riflessione riservatezza.

psicosintesi n7.indd 38 2-05-2007 14:57:17


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 39

Sono il numero sedici


ovvero il percorso psicosintetico di un edificio

Paola Marinelli

Sto a Firenze. In una bella un vecchio edificio pregno di devano, oltre a mostrare altre lontano, sono ben visibile: da
strada che sale a Fiesole, la storia, accogliente ma anche lacune della mia struttura che grigio che ero, sono diventato
via san Domenico, sono il nu- un po’ rigido nella mia strut- hanno chiamato ulteriori con- rosa. Risaltano maggiormente
mero sedici. tura. solidamenti, mi sono divertito le mie buone proporzioni, e
Mi avete chiesto notizie sulla Una volta definito il progetto – a disvelare alcuni segreti, di con la mia posizione di primo
mia avventura recente, ed ora loro, quelli della Psicosintesi, carattere più sottile ma im- di una serie di edifici affini,
che finalmente i lavori sono lo chiamano “modello ideale” portanti, perché attengono al- do’ alla strada un’impronta di
quasi conclusi e posso tirare – sono partiti i lavori. Sapevano la parte più elevata della mia vita che mi si addice profon-
un po’ il fiato sono in grado di già di dover consolidare il mio personalità. Ho mostrato i miei damente.
soddisfare la vostra richiesta. scheletro, la mia struttura por- soffitti affrescati in elegante Un pensiero mi ha attraversa-
Come sapete, tutto è comin- tante, ma mi sono divertito a stile Liberty, le mie pareti da- to ogni tanto la mente, men-
ciato da una crepa in uno dei fornire qualche sorpresina in gli intensi colori porpora, viola, tre venivo sottoposto a tutto
pavimenti, che ha allarmato corso d’opera… Sono un esse- verde, rosa, dettagli raffinati questo lavoro: … chissà co-
non poco qualche responsabile re complicato, più complicato nascosti sotto le anonime pit- sa ne penserebbe il vecchio
dell’Istituto di Psicosintesi che di quanto non appaia, e anche ture bianche più recenti. Assagioli, di tutto questo…
ospito ormai da molti anni. questo fa parte di me, non mi Questo mio aspetto, insieme …ma io sento che tan-
Temevano che il solaio crollas- lascio scoprire subito, mi di- alle proporzioni piuttosto ar- to di questa sua creatura
se, si sono rassicurati un po’ fendo come posso. …Perché, moniche dei miei spazi, e so- Psicosintesi è dentro di me,
solo quando un qualificato voi non fate così? prattutto insieme alle qualità che tanto sono intriso della
ingegnere è arrivato – fin da E allora sono arrivate putrelle, di cui sono impregnato dopo sua aspirazione alla capacità
Napoli! – a dare un’occhiata travi, cemento espansivo… ora tutti questi anni di ospitalità di trasformazione della co-
competente e ha decretato che sono ben corroborato, posso a coscienze orientate verso la scienza umana, che in fondo
non c’era niente di preoccu- sopportare i pesi più gravosi crescita e la sintesi, tutto ciò non si è trattato altro che di
pante, che ero soltanto come che la vita di questo Istituto li ha ispirati. proseguire l’opera del mae-
“una vecchia signora invec- mi donerà. Non mi hanno solo risanato e stro, di dare coerenza ai miei
chiata, che non si era mai Le mie fondamenta sono state consolidato, mi hanno anche spazi rispetto alla Psicosintesi
curata molto”. In altre parole, risanate, ora posseggo un bel rispettato ed hanno esaltato i stessa.
avevo bisogno di un bel re- vespaio areato sotto i pavimen- miei caratteri: se tutti gli im- Ora che la pace è riconqui-
stauro. ti del piano terra, ora posso pianti ora sono nuovi e funzio- stata, però, spero che venga
E così hanno cominciato a respirare pienamente, espan- no meglio, la mia atmosfera è nuovamente turbata da nuove
punzecchiarmi di qua e di là, dermi in tutto il mio volume. rimasta la stessa, ho recupera- attività umane, da ricerca di
facendo sondaggi nelle pare- E infatti, grazie a questo i miei to un po’ di colore all’interno conoscenza, di possesso, di
ti, nei solai, scoprendo quan- abitanti hanno subito occupa- e all’esterno, sono uno spazio trasformazione della coscien-
to ero strano, sorprendente, e to con le loro attività gli spazi più unitario ma continuo ad za. I miei spazi sono fatti per
dovendo ridimensionare i loro disponibili, e mi usano inte- essere “una vecchia dama di questo.
desideri di creare saloni enor- ramente. E’ un piacere poter fine ottocento”, ma ben cu- In via san Domenico, a
mi, di farmi diventare qualcosa funzionare a pieno regime… rata. Firenze. Sono il numero se-
di diverso da quello che sono, Man mano che i lavori proce- Ora, quando mi vedete da dici e attendo.

I Soci e i Simpatizzanti sono invitati Sabato 9 giugno dalle ore 11 all’inaugurazione


della sede rinnovata dell’Istituto di Psicosintesi di Firenze

psicosintesi n7.indd 39 2-05-2007 14:57:21


40 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

Leggere è spalancare
finestre sul mondo.
Contemplare
mondi interiori ed
Finestre
sul mondo
esplorare continenti
incontaminati.
Leggere è dipanare
quelle trame che chi
scrive ha intessuto.
Leggere è dialogare
con tutte le voci del
Giuliana Pellizzoni
mondo.
Leggiamo insieme.

INCAMMINARSI... Rolando Toro, Biodanza


Red, 2000

A fronte della fortuna che la Biodanza sta conoscendo il questi ultimi anni in Italia come in tutto il
mondo, è piuttosto difficile trovare testi che ne spieghino le ragioni e gli obiettivi.
Questo testo di Rolando Toro, psicologo cileno che ne ha eleborato le linee portanti si pone pertanto
come insostituibile per la conoscenza di questa tecnica psicocorporea che si basa sulla spontanea
manifestazione delle emozioni attraverso il corpo, il movimento e la danza.
Il testo presenta il modello teorico della Biodanza cui si accompagnano anche indicazioni più pratiche:
gli esercizi di Biodanza, che vengono effettuati in gruppo, tendono a ricomporre quelle fratture tra
mente e corpo di cui spesso facciamo dolorosamente le spese e ci accompagnano in un percorso di
crescita personale e di gruppo in cui l’augurio è «buona Vita!».

...CONOSCERE... Giulio Cesare Come smettere di farsi le seghe mentali


Giacobbe, e godersi la vita Ponte alle Grazie, 2003
Il titolo diretto e immediato di questo libro, scritto su sollecitazione degli studenti dell’autore, lascia il
posto fin dalle prime pagine ad un testo chiaro, incisivo, completo, anche scherzoso. L’autore intende
insegnarci a distinguere tra «seghe mentali» benefiche e malefiche, ce ne descrive le modalità di
«utilizzo» e ci mette di fronte al perché ci ostiniamo a generare ed alimentare seghe mentali, pur
sapendo che ci fanno star male. Alla fine verrà anche suggerito come rivolgere consapevolmente la
propria attenzione a ciò che si sta facendo, come vivere nel presente, come diventare partecipe della
realtà: perché quando siamo realmente presenti a noi stessi, quando il turbinio impazzito di pensieri
si acquieta e siamo nel silenzio interiore, allora, d’incanto, smettiamo di farci seghe mentali.

...PARTIRE... Anna Maria Finotti, Il canto degli alberi:


per una lettura simbolica Ancona, 2005
All’apertura del primo capitolo l’autore avverte il lettore che: «... lo scopo di questo libro non
mira soltanto a invogliare a camminare di più, ma a scoprire, strada facendo, l’invisibile nelle
cose incontrate.»
Così, mentre ci rendiamo conto, camminando, che la strada è perfetta metafora della vita,
durante il nostro camminare sorgono domande che si intrecciano con risposte, si decifrano mappe prima
insondabili, si dubita, si pensa, ci si meraviglia, instancabilmente si cerca.
E soprattutto si fanno incontri, reali e virtuali, scanditi dal ritmo pensoso di questa «meditazione mediterranea» che,
«senza fretta, senza mete e senza sfide», ci pone innanzi l’infinità dell’andare e a fianco inaspettati, e forse per questo
ancor più vicini, compagni di viaggio.

psicosintesi n7.indd 40 2-05-2007 14:57:23


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 41

Immagini per l’anima


I film evocano vissuti,
coinvolgono e lasciano tracce dentro di noi..

Tema delle proposte: “viaggiare è esistere”

Margherita Fiore

Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano


regia di François Dupeyron
interpreti: Omar Sharif, Pierre Boulanger, Isabelle Adjani – Francia 2003
Nella Parigi degli anni ‘50 un viaggio meraviglioso oltre il tempo e lo spazio. Ibrahim ha un piccolo emporio nel quartiere ebraico.
Momo, 12 anni, è un suo cliente abituale. Fra i due si instaura presto un rapporto di profonda amicizia ed il confronto delle
loro generazioni, culture e religioni diventa insegnamento e apprendimento per entrambi. Tratto dall’omonimo racconto di Eric-
Emmanuel Schmitt, il film ci propone tanti bei dialoghi - spesso illuminanti - ed una situazione curiosa e non banale. E’ quasi un
peccato che il film sia ambientato negli anni ‘50, perché la storia è attualissima. Se avete una qualunque forma di pregiudizio
politico, religioso o razziale, questa pellicola finirà per rinforzare la vostra posizione. In ogni altro caso, “Monsieur Ibrahim e i fiori
del Corano” saprà emozionarvi con una storia intensa narrata e recitata benissimo. Il rapporto tra i due protagonisti è raccontato
con delicatezza e brio e la differente visione del mondo che loro hanno traspare non solo dal contrasto delle loro religioni ma dal diverso atteg-
giamento che tengono nei confronti degli altri. Il film diventa così un lungo viaggio iniziatico alla scoperta delle cose che davvero contano nella vita.
Un film piacevole e divertente, conquista per la sua freschezza e la leggiadria con la quale viene raccontata una storia edificante e limpida.

I diari della motocicletta


regia di Walter Salles
interpreti: Gael García Bernal, Rodrigo De la Serna, Mía Maestro - Argentina, Cile, Perù, U.S.A. 2004
Basato sui diari scritti da Alberto Granado e da Ernesto Guevara, il film diretto da Walter Salles ci rimanda l’immagine
di due ragazzi che, ignari del loro futuro, si avventurano carichi di aspettative in un viaggio che li cambierà per sempre.
Quando comincia I diari della motocicletta, Alberto ha 29 anni e vive a Cordoba, in Argentina. Lavora in un ospedale
locale ed è in qualche modo a disagio con il modo in cui i pazienti vengono curati lì dentro. Ernesto ha 23 anni quando
lasciano Buenos Aires nel gennaio 1952. Studente di medicina, viene da una famiglia di classe medio-alta, ma la sua
curiosità e i suoi interessi vanno al di là dei limiti della sua classe. Il loro viaggio durerà otto mesi, sarà ricco di traversie
ed imprevisti, ma anche pregno di esperienze che contribuiranno a formare le loro idee e la loro personalità. Un viaggio
che inizia come un’avventura, ma che ben presto si trasforma nella scoperta di una realtà sociale e politica che all’epoca
la maggior parte dei latinoamericani ignorava. I diari della motocicletta è uno straordinario film sulla crescita, la storia
di due giovani uomini che trovano il loro posto nel mondo. Può essere visto come un rito di passaggio, un viaggio attraverso un continente che
definirà totalmente, sia sul piano emotivo che su quello politico, chi diventeranno questi due giovani uomini. Questo è un film sulle scelte emotive
e politiche che dobbiamo fare nella vita. E’ anche un film sull’amicizia, sulla solidarietà. E infine è un film sul trovare il proprio posto nel mondo,
un mondo per il quale valga la pena di lottare.

La marcia dei pinquini


Regia: Luc Jacquet – U.S.A. Francia 2005
Nell’oceano, il pinguino imperatore assomiglia più ad un delfino che ad un uccello. Sulla terra ferma si tra-
sforma in un camminatore maldestro alla mercé del minimo ostacolo. Quale ragione o quale destino spinge
dunque questo buffo uccello a lasciare l’acqua ghiacciata nella quale si muove con tanta grazia? Una sola,
primordiale ed essenziale: la sopravvivenza della propria specie. Ma nell’Antartico i luoghi eleggibili sono
rari poiché d’inverno il mare ghiaccia. Da una parte c’è il nord (il mare ghiacciato, l’oceano e il suo cibo),
dall’altra c’è il sud (la banchisa, deserta ma stabile). Tra i due, c’è l’imperatore che cammina. Che cammina
d’inverno attraverso centinaia di chilometri di pericoli. Che cammina senza posa tra il cibo e il suo piccolo
che ha fame… La Marcia dei Pinguini racconta quest’epopea.
Una lotta in cui l’elemento determinante perché a vincere sia la vita - e non l’inverno, spietato avversario – è l’amore.
E’ proprio costruito come un film sentimentale: la prassi riproduttiva del pinguino ha infatti un’incredibile presa emotiva. Maschi e
femmine si uniscono nel canto, e formano delle coppie fisse che stringono un patto d’amore che è l’unica speranza di sopravvivenza
per i piccoli a -40°. Un film da vedere, non solo per gli amanti della natura, ma per chi considera la vita un miracolo e il modo di
affrontarla un viaggio senza fine.

psicosintesi n7.indd 41 2-05-2007 14:57:26


42 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

psicosintesi n7.indd 42 2-05-2007 14:57:33


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 43

Istituto di Psicosintesi

psicosintesi n7.indd 43 2-05-2007 14:57:36


44 Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007

Lettera al Direttore Letter to Director

t
Cari amici della cosintesi.i Dear friends of
rivista@psi
Psicosintesi, Psychosynthesis,

quando, dopo una lunga pausa, when I had in hand the first issue
ho finalmente potuto avere in of the new Psicosintesi Magazine
mano una copia after a rather long pause I felt
della nuova Rivista della happy and greatful indeed.
Psicosintesi, ho provato una gran- I was delighted to be recon-
de gioia. Mi ha nected to the Institute, the sour-
fatto piacere essere di nuovo colle- ce of knowledge and studies of
gata all’ Istituto fonte di conoscen- psychosynthesis.
za e di studi psicosintetici. After having missed the chance to thank the former
Ho perso l’ occasione di ringraziare il precedente director, Gaetano Russo, when he said goodby in
direttore Gaetano Russo, quando lascio’ la direzione October 2001, there was a strong, real wish to wri-
nell’ottobre 2001. ting immediately to thank the new director, the edi-
In seguito ho avuto un grande desiderio di scrivere torial team and all those who have made possible the
immediatamente per ringraziare il nuovo Direttore, lo revival of the Magazine.
staff editoriale e tutti coloro che hanno reso possibile
la rinascita della Rivista. Now, a couple of day ago, I received the second and
most interesting, inspiring number of Psicosintesi
Ora, qualche giorno fa, ho ricevuto il secondo, ancor and, at this 3rd attempt and finally successful act of
piu’ interessante e illuminato numero della Rivista. will, I take the opportunity to express my thanks for
Cosi’, giunta al mio terzo e finalmente riuscito the commitment of all those who - be it in the past
tentativo di Atto di Volonta’, colgo l’occasione per or now- contributed or contribute, by lending their
esprimere i miei complimenti e ringraziamenti per engagement, work and time, to this important and
l’impegno a tutti coloro che nel passato e nel pre- most welcome medium of information and meeting
sente contribuirono e contribuiscono, offrendo il loro place for people interested in psychosynthesis all
supporto, tempo e lavoro a questo importante e ben- over the world.
venuto mezzo di informazione e luogo di
incontro per persone interessate alla Psicosintesi in
tutto il mondo.

Con molti auguri di cuore per la rinata Rivista, With heartily and best wishes for the reborn
magazine!

Katharina Machler
Sennhuttenstr.,14
CH-8903 Birmensdorf

psicosintesi n7.indd 44 2-05-2007 14:57:38


Psicosintesi < n. 7 Aprile 2007 45

Lettera al Direttore Letter to Director

t
Cara direttrice, cosintesi.i Dear Director,
rivista@psi
complimenti a lei e al comitato All my compliments to you and
di redazione per la pubblicazione your editorial staff for your brin-
dell’ultimo numero della rivista: ging out the last number of the
gioiosa la copertina (così come Review: a joyful cover ( as it could
potrebbe essere la vita e, insieme, be life itself inside with the path
il cammino della Psicosintesi), in- of Psychosynthesis ) , interesting
teressanti e vari gli articoli, utili le and various articles ,useful re-
recensioni di libri e film. views of books and pictures.
Dopo le lodi le critiche, o meglio After the praise here is my criti-
l’espressione di un disagio che cism. I mean the expression of my
sempre mi coglie durante la lettura della rivista: inizio always feeling in trouble while
con entusiasmo, primo…secondo articolo…a fatica il I’m reading your Review: I use to start in an enthusia-
terzo e poi mi fermo…”Che noia! Niente di nuovo sotto stic mood, the first, the second article … at the third
il sole!” e mi chiedo (maligno è il desiderio): “Ma cosa I go on in a difficult way … and then I stop: “How
vuoi, cosa speri di trovarci?” e la risposta è immediata: boring!” “Nothing new under the sun” and I ask myself
il dubbio, la difficoltà della ricerca, l’oscurità dei fini, (nasty desire!):” but what do you really want, what do
il fallimento della volontà, della mia piccola terrestre you hope to find inside the review?”
umana volontà. The answer comes immediate:” the doubt, the difficul-
Vorrei ritrovare la mia vita quotidiana: i rapporti difficili ties and the obstacles in the pursuit, the darkness of
con i colleghi di lavoro, le incomprensioni con mio ma- purposes ,the failure of the will ,of my small terrestrial
rito, i litigi sempre più violenti con mio figlio, la soffe- human Will.
renza dell’esistenza e la confusione del vivere. I would like to find, as if in some alternative TV news, a
Vorrei ritrovare,come in un telegiornale alternativo, different point of view about all what happens through
una visione diversa di tutto ciò che accade nel mondo: the world. “Do not allow ourselves to talk politics” it is
“Non parliamo di politica” si dice al centro: la politica a common speech at the Centre: politics divides, politi-
divide, la politica esaspera gli animi e favorisce i con- cs increases irritation and nourishes conflicts .
flitti, peccato che questi conflitti e questa esaspera- I regret I’m obliged to suffer each single day these
zione io li viva ogni giorno in ufficio, nella corsia di un struggles with exasperation in my office ,in the hospi-
ospedale, nella scuola dei miei figli. tal, as well as in my sons’ school.
Mi permetta il termine edulcorata, una rivista edulcora- I dare the mention the following noun: sweetened, this
ta come certi film americani, certe pubblicazioni catto- is a sweetened review as same American pictures are,
liche, certi romanzi rosa: il trionfo dei buoni some catholic issues, some kinds of love romances:
sentimenti! the triumph of good sentiments!
Certo, il problema è mio: faccio così fatica a provare Yes ,I’m talking about a problem of mine: it’s so hard
buoni sentimenti, è più facile per me provare il dubbio, for me to feel good sentiments, I hardly prefer to con-
la domanda lacerante: dov’è il senso, c’è un senso? tact my doubt, the tearing question: where can I find
Cosa vorrei, dunque? Una rivista un poco più “cattiva” the meaning, if there is a meaning? So ,what do I
dove la Verità trovi un suo degno avversario e la Partita want? I would like to receive a little more “nasty” re-
sia sempre aperta. view where Truth can find a worthy opposing item and
the Game can be always open.
Un abbraccio All my love.

Marisa Giamberini

psicosintesi n7.indd 45 2-05-2007 14:57:40


psicosintesi n7.indd 46 2-05-2007 14:57:42
ISTITUTO DI PSICOSINTESI
(Ente Morale, D.P.R. n. 1721/1965)
Via San Domenico, 16 - 50133 Firenze
www.psicosintesi.it e-mail:istituto@psicosintesi.it

CENTRO DI ANCONA Via Palestro n. 46 - 60124 ANCONA


direttore Giuliana D’Ambrosio tel/fax 071 200813 - e-mail: ancona@psicosintesi.it

CENTRO DI BARI Via Amoruso n. 17 - 70124 BARI


direttore Patrizio Chicco tel 080 75266 338 3279538 - e-mail: bari@psicosintesi.it

CENTRO DI BOLOGNA Via del Rondone n. 3 - 40123 BOLOGNA


direttore Francesca Cipriani Cirelli tel/fax 051 521656 - e-mail: bologna@psicosintesi.it

CENTRO DI BOLZANO Via Portici n. 70 - 39100 BOLZANO


direttore Ulderico Micocci tel/fax 0471 972241 - e-mail: bolzano@psicosintesi.it

CENTRO DI CATANIA Via Morosoli n. 10/A - 95124 CATANIA


direttore Aldo Scarpulla tel/fax 095 7159220 - e-mail: catania@psicosintesi.it

CENTRO DI FIRENZE Via San Domenico n. 16 - 50133 FIRENZE


direttore Elena Morbidelli tel/fax 055 574667 - e-mail: firenze@psicosintesi.it

CENTRO DI GROSSETO Strada Ginori n. 25 - 58100 GROSSETO


direttore Maria Letizia Zecca tel/fax 0564 22898 - e-mail: grosseto@psicosintesi.it

CENTRO DI MILANO, Via Eustachi n. 45 - 20129 MILANO


direttore Vincenzo Liguori tel/fax 02 29532454 - e-mail: milano@psicosintesi.it

CENTRO DI NAPOLI Via Cilea n. 102 - 80127 NAPOLI


direttore Mariella Vulcano tel/fax 081 5606567 - e-mail: napoli@psicosintesi.it

CENTRO DI PADOVA Via Scardeone n. 24 - 35128 PADOVA


direttore Cinzia Ghidini tel/fax 049 8071611 - e-mail: padova@psicosintesi.it

CENTRO DI PALERMO Via Sardegna n. 76 - 90144 PALERMO


direttore Gaetano Russo tel/fax 091 525777 - e-mail: palermo@psicosintesi.it

CENTRO DI ROMA Via B. Buozzi n. 17/19, pal. A2, int. 4 - 00197 ROMA
direttore Lucilla Porro tel/fax 06 80692272 - e-mail: roma@psicosintesi.it

CENTRO DI TERNI via F. Parrabbi n. 15 - 05100 TERNI


direttore Daniele De Paolis tel/fax 0744 431910 - e-mail: terni@psicosintesi.it

CENTRO DI VARESE Via Rienza n. 2 - 21100 VARESE


direttore Luce Ramorino tel/fax 0332 333211 - e-mail: varese@psicosintesi.it

ISTITUTO DI PSICOSINTESI - QUOTA ASSOCIATIVA ANNO 2007 € 50,00

Elenco dei centri al 01 Gennaio 2007

copertina7ok.indd 5 2-05-2007 15:02:50


copertina7ok.indd 2 2-05-2007 15:01:54