Sei sulla pagina 1di 37

Alluminio e sue leghe

Propriet dellalluminio puro

Basso peso specifico


Elevata conducibilit eletrica
Buona resistenza alla corrosione
Scarse caratteristiche meccaniche
Lalligazione dellalluminio ne provoca una
diminuzione della conducibilit elettrica e della
resistenza alla corrosione, ma aumenta le
caratteristiche meccaniche
Impieghi dellalluminio puro: solo di tipo elettrico

Effetto degli alliganti sulla


conducibilit elettrica dellAl

Effetto della temperatura sulle


caratteristiche meccaniche
dellalluminio ricotto ed incrudito

Principali elementi leganti


dellalluminio

Rame
Manganese
Magnesio
Nichel
Silicio
Zinco

Effetto degli elementi leganti sul


peso specifico dellalluminio

Rame
Il rame forma con lalluminio una lega con
parziale solubilit allo stato solido che pu
dar luogo alla precipitazioni di seconde fasi
coerenti o incoerenti (invecchiamento
naturale o artificiale)

Effetto della concentrazione di rame sulle


caratteristiche meccaniche dellalluminio per
diversi trattamenti termici

R: campioni ricotti, t: campioni temprati e provati subito (entro 1h)


t1: campioni temprati e lasciati invecchiare naturalmente (4-5 giorni)
t2: campioni temprati lasciati invecchiare naturalmente e poi invecchiati
artificialmente)

In ogni condizione di trattamento termico il


rame aumenta sia R che Rp, oltre il 6% tali
valori rimangono costanti
Con linvecchiamento artificiale della lega con
6% di Cu si raggiungono valori di R ed Rp
paragonabili ad un acciaio dolce (440 e
270MPa)
Laggiunta di Cu allAl ne aumenta il peso
specifico, ne riduce il coefficiente di dilatazione
termica, la conducibilit termica ed elettrica, ne
peggiora nettamente la resistenza alla corrosione
Linvecchiamento artificiale diminuisce
nettamente la resistenza alla corrosione

Manganese
La solubilit del Mn nella fase
dell1.82% a 658C e diminuisce al
diminuire della temperatura
Non precipita fasi intermedie per cui non d
luogo a leghe indurenti per precipitazione (a
differenza del rame)
Non peggiora di molto la resistenza alla
corrosione

Magnesio
Laggiunta di magnesio abbassa il peso specifico
dellalluminio secondo la formula:
Peso specifico lega= 2.70 0.014%Mg
aumenta il coefficiente di dilatazione termica
Abbassa la conducibilit elettrica e termica della
lega
Le caratteristiche meccaniche dipendono dal
trattamento termico: per greggi di fusione si hanno
R ed Rp minimi, i valori massimi di R ed Rp si
ottengono per leghe con il 6-8% di Mg lavorate
plasticamente e successivamente trattate
termicamente

Caratteristiche meccaniche delle


leghe Al-Mg dopo lavorazione
plastica e trattamento termico

Silicio
Leffetto principale del silicio sulle leghe di Al il
miglioramento nella fabbricazione dei getti
Migliora la fluidit
Diminuisce la contrazione di volume associata alla
solidificazione
Elimina la fragilit a caldo
Inoltre: abbassa il peso specifico, il coefficiente di
dilatazione termica, ma diminuisce la conducibilit
termica
La resistenza alla corrosione atmosferica migliore
rispetto a quella delle leghe Al-Cu, ma inferiore alle
leghe Al-Mg

Nichel
Aumenta le caratteristiche meccaniche, in
particolare ad alta temperatura
Non varia sensibilmente la conducibilit
elettrica
Diminuisce il coefficiente di dilatazione
termica
Peggiora la resistenza alla corrosione

Zinco
il pi efficace tra gli elementi di lega
nellaumentare la resistenza meccanica
Tuttavia le leghe Al-Zn hanno una pessima
resistenza alla corrosione

Nomenclatura UNI delle leghe di alluminio


Il raggruppamento delle leghe dellalluminio viene fatto per tipo
secondo lelemento predominante (es. Al-Cu, Al-Si, Al-Mg, AlMn,)
Le sigle si formano facendo seguire ad un lettera che indica:

P: leghe da lavorazione plastica


G: leghe da fonderia primaria
SG: leghe da fonderia secondaria
GD: leghe da pressofusione

Il simbolo dellelemento (o una lettera convenzionale) e la


percentuale media dellelemento preponderante
Es: P-Al Cu o P-AC (lega alluminio/rame da deformazione
plastica con % di rame.
Se la lega unificata non occorrono altri simboli, se esiste
possibilit di incertezza va indicato anche un altro simbolo

Sistema di designazione
unificata delle leghe di alluminio
Lalluminio e le sue leghe sono contraddistinti
in base alla loro composizione chimica, con
numeri di 4 cifre:
1 cifra: famiglia di appartenenza
2 cifra: eventuali varianti alla composizione di
base
3 e 4 cifra: contraddistinguono la composizione
di leghe originali

Leghe di alluminio
1000 Alluminio nei vari titoli di purezza commerciale
(per questa sola famiglia la 2 a, 3a e 4a cifra contraddistinguono il titolo di purezza).
Es. 1100 99.0%, 1050 99.5% 1070 99.7 %)

2000 Leghe Al-Cu


3000 Leghe Al-Mn
4000 Leghe Al-Si
5000
6000
7000
8000

Leghe Al-Mg
Leghe Al-Mg-Si
Leghe Zn
Leghe con altri elementi

9000 Serie non usuale

Stato di fornitura
Lo stato di fornitura segue, sia per le leghe da
deformazione plastica che per getti, la designazione
chimica, separata da un trattino
Consiste in una lettera indicante lo stato metallurgico,
seguita (con la sola eccezione del materiale allo stato
grezzo o ricotto) da una o pi cifre
F: grezzo di laminazione. Definisce il materiale uscente
dal ciclo di produzione, le propriet meccaniche non
vengono garantite
O: ricotto, cristallizzato. Definisce la qualit pi dolce
dei prodotti semilavorati

H: Incrudito. Definisce i materiali le cui propriet


meccaniche sono state aumentate per
deformazione plastica a freddo. sempre seguita
da due o pi cifre
H1 leghe incrudite: la cifra successiva ad 1 indica il
grado di deformazione plastica a freddo

9 extra-incrudimento
8 massimo incrudimento
6 tre quarti di incrudimento
4 semi-incrudimento
2 un quarto di incrudimento

Spesso aggiunta unaltra cifra per indicare il grado di


controllo della lavorazione o per identificare una
combinazione di altre propriet

H2 leghe incrudite e parzialmente ricotte. Si applica


ai materiali di massimo incrudimento, portati poi al
livello voluto di propriet meccaniche con un
trattamento termico di parziale ricristallizzazione. Il
grado residuo di incrudimento indicato con la
stessa cifra da 1 a 9 vista prima
H3 incrudite e stabilizzate. Si applica solo alle leghe
Al-Mg deformate e successivamente riscaldate a
bassa T per stabilizzare le propriet. Il grado di
incrudimento dopo la stabilizzazione indicato con
una o pi cifre.

W: temprato e invecchiato naturalmente. Si


applica alle leghe che invecchiano a T
ambiente, dopo tempra di solubilizzazione.
Viene completata con il periodo di
invecchiamento Es. 2024-W(1h)
T: trattato termicamente. Si applica ai
materiali trattati termicamente, incruditi o
meno. seguita da una cifra che va da 1 a 10
ed eventualmente da altre cifre riferite a
variazioni introdotte nelle condizioni di
trattamento

Riassunto delle sigle degli stati


metallurgici delle leghe di alluminio

Leghe da fonderia

Impiegate principalmente per:


Getti in sabbia
Getti in conchiglia
Getti pressofusi (5-140MPa)

Leghe da deformazione plastica


possibile ottenere elevate resistenze meccaniche per
affinamento, omogeneizzazione del grano ed
incrudimento per:
Laminazione
Forgiatura
Estrusione

Stadi di preparazione dei semilavorati:


Colaggio del lingotto
Lavorazione plastica a caldo (seguita eventualmente da una a
freddo) del lingotto fino alla formatura del pezzo
Trattamento termico

Leghe non trattabili termicamente


Queste leghe sono rinforzate solo per
deformazione plastica a freddo:
1100
3003, 3004
4043,
5005, 5052, 5056, 5083, 5056

Leghe trattabili termicamente


Principali trattamenti termici:

Ricottura
Distensione
Solubilizzazione
Indurimento per precipitazione o
invecchiamento

Ricottura
Viene eseguita per lo pi sulle leghe
incrudite
Si riscalda a 350C e si raffredda a T
ambiente
La struttura incrudita ricristallizza in nuovi
grani privi di sforzi interni e si ottiene una
struttura dolce e duttile

Distensione
Raccomandata per i giunti saldati di grande
sezione
Riscaldamento a 230 per 4 h seguito da un
raffreddamento in aria o in acqua

Principali leghe di alluminio

Lavorazioni meccaniche
LAl e le sue leghe sono caratterizzate da una
favorevole attitudine alle lavorazioni
meccaniche per asportazione di truciolo
Hanno eccellente lavorabilit:
Leghe da deformazione plastica della serie 2xxx
Leghe da fonderia Al-si e Al-Si-Cu con Si< 10%

Minore lavorabilit hanno:


Alluminio commerciale
Leghe da deformazione plastica della serie 3xxx e
5xxx

Saldatura delle leghe di alluminio


Lalluminio e le sue leghe sono saldabili in
diversa misura a seconda della
composizione chimica e delle peculiarit
fisico-meccaniche
Problemi di saldatura:
Formazione di film di ossido Al2O 3 con alto
punto di fusione
Ritiro durante la solidificazione (cricche
durante la saldatura)

Metodi di saldatura applicabili


Saldatura a resistenza:
Tutte le leghe di Al ad eccezione di alcune 2xxx e 7xxx e di
qualche lega da fonderia

Saldatura ad arco sotto gas inerte:

Serie 1xxx (Al commerciale)


3xxx (Al-Mn)
5xxx (Al-Mg)
6xxx (Al-Mg-Si)
7xxx senza Cu (Al-Zn-Mg)

Giunzione per brasatura:


Indicato per serie 1xxx e le leghe 3003 e 3004
Sconsigliato per le leghe ad elevata resistenza es. 7075 (AlZn-Mg-Cu) e 2024 (Al-Cu-Mg)

Trattamenti superficiali/1
Trattamenti di preparazione delle superfici:

Sgrassatura
Decapaggio
Lucidatura chimica
Lucidatura elettrolitica

Trattamenti meccanici:

Pallinatura
Smerigliatura
Lucidatura
Barillatura
Sabbiatura
Spazzolatura

Trattamenti superficiali/2
Trattamenti chimici ed elettrolitici:
passivazione chimica
Anodizzazione
Rivestimenti galvanici

Trattamenti fisici:

Verniciatura
Metallizzazione a spruzzo
Metallizzazione sotto vuoto
Metallizzazione per immersione

Passivazione chimica
Vi si ricorre quando lambiente non
eccessivamente aggressivo
Ha costi bassi rispetto allanodizzazione
Pu essere usata come base per verniciature
Si esegue:
Bagni alcalini (cromato o bicromato di K e bicarbonato
di sodio) per impieghi elettronici
Bagni acidi (a base di cromati) per impieghi aeronautici

Anodizzazione
Crescita elettrochimica del film di passivit dellAl
Si esegue in bagni di:
Acido solforico
Acido cromico
Acido ossalico

Permette di ottenere film spessi fino a 10 - 20 m


Si impiega per resistere alla corrosione atmosferica

Verniciatura
Si impone per:
Ambienti particolarmente aggressivi (acqua di
mare per gli scafi delle imbarcazioni)
Contenitori alimentari per alimenti con pH < 6
Per rapporti tra diametro e altezza del contenitore >
2/3

Non presenta particolari difficolt


Pu essere preceduta da un trattamento
superficiale