Sei sulla pagina 1di 2

NOTE SULLA DECISIONE DI DEDICARSI AL LAVORO

Rifletti bene prima di decidere di lavorare su te stesso. Il fine e di cambiare te stesso, lo scopo preciso cioe e di
divenire cosciente e di sviluppare un legame permanente con i centri superiori. Questo lavoro non ammette alcun
compromesso e richiede una dose notevole di autodisciplina e disposizione ad obbedire a tutte le regole e in
particolare a istruzioni dirette. Rifletti bene: sei veramente pronto e disposto ad obbedire, e ne comprendi appieno la
necessita? Tornare indietro non e ammesso. Se prima sei d'accordo e poi torni indietro, perderai tutto cio che hai
acquistato fino ad vallora e di piu, perche in realta tutto cio che hai guadagnato si risolvera in te in qualcosa di
sbagliato. Una cosa, questa, alla quale non v'e rimedio. La comprensione della necessitia di obbedire alle regole e
alle istruzioni dirette deve trovare fondamento nella convinzione della tua meccanicita e impotenza. Se questa
convinzione non e forte quanta basta, farai meglio ad aspettare ed occuparti di un lavoro ordinario: studio del
sistema, lavoro di gruppo, etc etc
Se compi questo lavoro con sincerita e se ricordi tutte le regole, questo ti portera alla comprensione del tuo stato e
dei tuoi bisogni. Ma non devi rimandare troppo a lungo. Se vuoi arrivare al lavoro vero, devi affrettarti. Devi
convincerti che l'opportunita che ti si offre oggi potrebbe non capitarti piu. Esitando e aspettando troppo, puoi
perdere ogni altra tua occasione. Se decidi di lavorare e accetti tutto cio che il lavoro comporta, devi imparare a
pensare velocemente. Se ti si offre un incarico, devi rispondere subito che lo accetti. Se esiti, o prendi tempo nella
risposta, I'offerta dell'incarico ti sara ritirata e non ti verra rinnovata. Ti si potra dare del tempo, prima di fare
effettivamente cio che ti e stato detto di fare, ma l'incarico lo devi accettare subito. Un tentativo di ragionarci su, un
atteggiamento ironico, dubbioso o negativo, di paura, o mancanza di fiducia, sono tutte attitudini che renderanno
I'incarico da subito impossibile. Se avverti un dubbio sull'incarico che ti si offre, pensa alla tua meccanicita, pensa
alla tua negativita, alla tua auto-volonta; ma pensa velocemente. Contro i tuoi lati deboli non puoi far nulla da te.
Gli incarichi che ti si offrono hanno lo scopo di aiutarti. Se esiti o li rifiuti, e l'aiuto che tu rifiuti. Questo lo devi
avere ben chiaro. La convinzione della tua impotenza e del tuo sonno profondo non ti deve abbandonare mai. E una
convinzione che puoi rafforzare ricordandoti sempre della tua nullita, della tua meschinita, meccanicita e di tutte le
tue possibile debolezze. Non hai proprio niente di cui essere fiero. Non hai niente su cui basare il tuo giudizio. Se sei
sincero con te stesso, puoi comprendere tutti gli errori che hai commesso quando hai cercato di fare da te. Non puoi
ne pensare ne sentire in maniera giusta, ma hai bisogno di un aiuto continuo e puoi averlo. Ma per questo devi
pagare, almeno non discutendo. II lavoro che ti attende e gigantesco, se vuoi trasformarti in un essere diverso.
Come puoi sperare di ottenere qualcosa se esiti e discuti ai primi passi, o non comprendi perfino la necessita di un
aiuto, o ti mostri esitante e negativo? Se vuoi lavorare sul serio, devi venire a capo di molte cose in te stesso.
Non puoi portarti dietro i tuoi pregiudizi, le tue idee fisse, le tue identificazioni o animosita personali. Ma cerca di
capire, al tempo stesso, che l'elemento personale non sempre e sbagliato. L'elemento personale puo essere perfino di
aiuto nel lavoro, ma esso puo anche essere molto pericoloso se non si distingue chiaramente nella lotta con
l'identificazione, nella convinzione della tua meccanicita e dalla tua debolezza. Cerca di capire la necessita di un
soffrire deliberato e di uno sforzo cosciente. Sono queste le due sole cose che possono cambiarti e portarti al
conseguimento del tuo scopo. Un soffrire deliberato non significa una sofferenza necessaria inflitta a te da te stesso.
Significa giusto atteggiamento verso il soffrire. La sofferenza puo essere il risultato dei tuoi sentimenti, pensieri ed
azioni connessi con il tuo incarico; puo giungere spontaneamente, come conseguenza dei tuoi errori personali o
come conseguenza di azioni, atteggiamenti o sentimenti di altre persone. Ma quello che importa e il tuo
atteggiamento verso quel soffrire, che diventa deliberato se non ti ribelli ad esso, se non cerchi di evitarlo, se non
accusi nessuno, se lo accetti come una parte necessaria del tuo lavoro attuale, e come un mezzo per conseguire il tuo
scopo. Sforzo cosciente e lo sforzo basato sulla comprensione; comprensione della sua necessita, prima di tutto, e
comprensione dei motivi che lo rendono necessario. II motivo principale dello sforzo cosciente e il tuo bisogno di
abbattere i muri della meccanicita, dell'autovolonta e della mancanza del ricordo di se che costituisce la tua vita
presente. Per meglio capire la necessita di accettare senza esitazione i compiti che ti sono dati, la necessita di un
deliberato soffrire e di uno sforzo cosciente, pensa alle considerazioni che ti hanno indotto al lavoro, pensa alla prima
convinzione della tua meccanicita e alla prima convinzione di non sapere niente. All'inizio hai capito questo, ed hai
chiesto aiuto, ma ora sei incerto, e dubiti se devi fare veramente come ti viene detto. Cerchi di trovare vie d'uscita, di
persistere nel tuo modo di giudicare e nel tuo modo di vedere. Hai capito fin da subito, che il tuo modo di giudicate e
il tuo modo di vedere sono falsi e deboli, ma ora cerchi di attenerti di nuovo ad essi, non li vuoi abbandonare.
Ebbene, puoi attenertici benissimo, ma devi capire che ti atterrai a tutto cio che in te vi e di falso e inconsistente.
Non sono possibili mezze figure. Devi deciderti. Vuoi lavorare sinceramente o no?