Sei sulla pagina 1di 19

Universit degli Studi di Roma 'La Sapienza' - Facolt di Lettere e Filosofia

Corso di Laurea in Teorie e pratiche dell'antropologia - a.a. 2004/2005


Documento pubblicato sul sito del Dipartimento di Studi glottoantropologici e Discipline musicali il 7/10/2004 -
<http://rmcisadu.let.uniroma1.it/glotto/index.html>
Medicine alternative: il senso del male nella postmodernit
Fabio Dei
(da I fogli di Oriss, 5, 1996, pp. 29-56)
Tra modernit e tradizione.
E' palese la fortuna che le medicine cosiddette alternative o complementari stanno riscuotendo
negli ultimi anni in Italia, come in molti altri Paesi occidentali. Esse interessano un pubblico sempre
pi ampio e differenziato, ed occupano ormai una fetta consistente dei servizi sanitari e del relativo
mercato. Parallelamente, si diffondono in modo assai ampio certe concezioni culturali che fanno
loro da sfondo - in particolare, una visione "olistica" della salute che contrasta fortemente con
l'ideologia e con le pratiche ortodosse (o biomediche, per usare il termine ormai invalso tra gli
antropologi; v. Hahn-Kleinman 1983) .
Di per s, le medicine alternative non rappresentano certo una novit culturale di questa fine-
secolo: anzi, spesso hanno alle spalle tradizioni lunghe e consolidate. Tuttavia, sta gradualmente e
profondamente mutando il loro rapporto con la medicina ufficiale. Senza dubbio, quest'ultima
conserva nel sentire comune una indiscussa priorit e un grado altissimo di prestigio; ma le altre
pratiche terapeutiche le si affiancano in modi del tutto nuovi, non pi residuali e sotterranei, e per
mezzo di nuove forme e canali di legittimazione. Fino a non molto tempo fa, tutto quanto si
collocasse al di fuori dell'ortodossia biomedica appariva come un coacervo di pratiche di
retroguardia, costrette a difendere i propri limitati spazi dall'incalzante avanzata del progresso
scientifico. Oggi semmai il sistema ufficiale a doversi difendere, di fronte ad opzioni alternative
che ne mettono efficacemente in risalto i punti deboli e che si presentano a loro volta come
rappresentanti del "progresso".
Inoltre, ed ci che pi interessa, vi sono vari gradi di intreccio e compenetrazione tra pratiche
alternative ed ufficiali: non solo perch assai comune, per il paziente, servirsi di entrambi i tipi di
risorsa terapeutica, ma anche perch i terapeuti stessi ricercano spesso forme di integrazione. Ad
esempio, se vero che da un lato la teoria biomedica sembra non concedere alcuna legittimazione
alle terapie alternative (v. p.es. Stalker-Glymour 1994), dall'altro esse cominciano invece a
guadagnarsi un certo spazio e un sia pur implicito riconoscimento nella pratica concreta di molti
medici.
Questa situazione apre all'antropologia medica nuovi terreni di ricerca empirica e nuovi problemi
teoretici. In particolare, a me sembra che l'ingresso sulla scena delle medicine alternative metta in
crisi una certa tendenza della disciplina a lavorare sulla base di impliciti (o espliciti) presupposti
dualistici: vale a dire, la tendenza a interpretare la diversit dei saperi e delle pratiche mediche in
2
termini di opposizione fra tradizione e modernit, arretratezza e progresso, magia e scienza,
efficacia simbolica ed efficacia reale.
Ho cercato di chiarire questo punto di vista in un lavoro di ricerca su operatori e fruitori di
medicine alternative, condotto di recente in un'area della Toscana. In quella sede, le pratiche
alternative mi sono apparse come terreno intermedio tra i due ambiti su cui da sempre si
concentrata l'attenzione della sociologia e dell'antropologia medica: il grande sistema,
apparentemente compatto, della medicina ufficiale, e l'insieme frastagliato delle terapie tradizionali,
folkloriche o "primitive". Il primo, studiato da una letteratura prevalentemente sociologica, con la
tendenza ad assumere il sapere biomedico come risorsa pi che come oggetto (esso si giustifica
semplicemente in quanto "vero", e non problematizzato come sistema culturale); il secondo,
ricondotto ai grandi temi antropologici del rituale, del simbolismo, del "pensiero selvaggio", e
studiato alla luce del presupposto della sua illusoriet (com' possibile che siano socialmente
sostenute credenze palesemente false e pratiche tanto inefficaci?).
Ora, le medicine alternative non rappresentano soltanto un terzo polo, ma sembrano gettare un
ponte fra i primi due. Esse confinano da un lato con la biomedicina pi ortodossa, sul piano pratico
(si pensi alla "rispettabilit" scientifica di discipline quali l'omeopatia o l'agopuntura, che hanno
fatto il loro ingresso permanente persino nelle strutture sanitarie pubbliche) come su quello
epistemico (soprattutto attraverso la nozione-chiave di psicosomatica); mentre dall'altro lato, per la
grande importanza attribuita alle relazioni simboliche, confinano con l'approccio "magico" della
tradizione popolare. Ci troviamo dunque di fronte a un continuum di saperi e di pratiche, al cui
interno non facile discernere chiari confini epistemici; in questo continuum, gli attori sociali si
posizionano in una grande variet di modi, con scelte che fino a ieri sarebbero apparse incoerenti e
bizzarramente sincretiche.
In altre parole, la diversit culturale in campo medico non pi polarizzata sui due grandi estremi
della scienza e della tradizione, della ragione e della superstizione - o, per dirla in altri termini, di
una cultura dominante e di una cultura subalterna. Non siamo pi di fronte - come ancora
sembrava, ad esempio, ai tempi di Ernesto De Martino - alla secca alternativa tra totale adesione
alla razionalit scientifica, da un lato, e "miseria culturale" dall'altro. Piuttosto, abbiamo una grande
variet di risorse interpretative e terapeutiche, sostenute da fonti diverse di autorit e tutt'altro che
mutuamente esclusive. A queste risorse gli attori attingono, compiendo scelte e negoziando
soluzioni secondo criteri che non sono tanto di coerenza epistemologica quanto di razionalit
pratica.
Certo, non intendo sostenere con ci l'idea di un libero mercato dei saperi medici, che si
presenterebbe di fronte a individui astratti e astorici, privi di condizionamenti sociali e culturali. Le
scelte terapeutiche risentono naturalmente dell'identit sociale di chi le compie: tuttavia, ad esser
rilevante non solo l'appartenenza di classe, come nel modello dei dislivelli gerarchici di cultura,
ma una molteplicit di altri fattori quali l'et, il sesso, l'appartenenza geografica, il livello di
istruzione, l'orientamento ideologico e altro ancora (cfr. Douglas 1994: 204). Gli operatori sui quali
ho condotto la mia ricerca non possono essere assegnati con chiarezza al campo n della cultura
"egemonica" n di quella "subalterna". Si trovano in essi elementi che sembrano autenticamente
3
folklorici o subalterni (la credenza nel malocchio, poniamo), che coesistono con elementi
autenticamente egemonici (come ad esempio una cultura medica acquisita attraverso canali
ortodossi di formazione). In mezzo, un magma culturale sincretico e inautentico, difficile da
comprendere attraverso i vecchi concetti dicotomici e "progressisti".

Per tutti questi motivi, le medicine alternative non rappresentano solo una vistosa emergenza
empirica per un'antropologia del mondo contemporaneo; oltre a ci, esse pongono un cruciale
problema teoretico, spingendoci a rivedere le classiche concezioni del rapporto tra razionalit
scientifica e razionalit (o irrazionalit) magica, tra efficacia pragmatica e simbolica. Nelle brevi
note che seguono, non potr sviluppare a fondo questa linea argomentativa, che presupporrebbe una
accurata discussione della storia degli studi e delle principali controversie teoriche dell'antropologia
medica. Mi limiter invece a un tentativo di caratterizzazione descrittiva delle medicine alternative,
concludendo con alcune considerazioni sulle ragioni che spingono sia i terapeuti che i pazienti a
indirizzarsi verso di esse.
2. Che cosa sono le medicine alternative?
"Alternative" solo una tra le numerose denominazioni delle pratiche terapeutiche non-ufficiali.
Si parla talvolta di medicine "parallele" o "complementari", a sottolineare la possibile coesistenza
con l'approccio ufficiale; "olistiche", per la loro tendenza ad operare sull'essere umano inteso come
unit inscindibile di corpo, mente e spirito; "naturali", per il loro rifiuto di far ricorso a farmaci
sintetizzati chimicamente, e pi in generale per l'importanza attribuita a uno stile di vita vicino
appunto alla natura; "dolci", per il loro approccio non aggressivo; o ancora, "non ortodosse", in
riferimento alla loro marginalit istituzionale. L'uso del plurale qui d'obbligo, poich si ha a che
fare con un insieme di pratiche e saperi di origine e natura diversissima, che molto difficile
ricondurre ad una qualche unit.
Alcuni esempi. Secondo uno studio condotto in numerosi Paesi europei nella seconda met degli
anni '70 (Sermeus 1987; v. anche Sharma 1992), le medicine alternative pi diffuse sono
l'omeopatia, l'agopuntura, la chiropratica e altre tecniche manipolatorie e di massaggio,
l'erboristeria, la riflessologia, la naturopatia, la pranoterapia o guarigione spirituale. Un sondaggio
italiano del 1988 (Losi 1990) cita fra le terapie pi praticate l'agopuntura, lo yoga e lo shiatsu, la
dietologia, il training autogeno, l'iridologia, la pranoterapia; sempre per l'Italia, una ricerca
promossa dalla Commissione affari sociali della Camera dei Deputati individua in medicina
tradizionale cinese, omeopatia, fitoterapia, pranoterapia, chiropratica e altre tecniche manuali le
terapie alternative pi diffuse (Crocella 1991: 3 sgg.). Ma vi una tendenza alla proliferazione delle
scuole e delle discipline. Chi si pone oggi sul mercato delle medicine alternative, si trova di fronte
centinaia di proposte assolutamente eterogenee, ciascuna con proprie specificit anche se con
confini non sempre netti.
A sfogliare ad esempio le riviste del settore, come Riza psicosomatica o Olis, e a frequentare
mostre e rassegne annuali come la bolognese "Sana" o la fiorentina "Il giardino di Gaia", ci
4
imbattiamo in un'offerta caleidoscopica, in cui non sempre facile orientarsi. Non solo tutte queste
proposte sono molto diverse l'una dall'altra, ma non sembrano neppure avere un nucleo in comune -
se non la loro eccentricit rispetto alla medicina ufficiale o, rispetto a quella tradizionale, l'assenza
(di norma, ma non sempre) di esplicite componenti magico-religiose. Abbiamo a che fare con
pratiche di manipolazione corporea che confinano e si intrecciano inestricabilmente con la
fisioterapia ufficiale (p.es.chiropratica); con discipline di origine orientale, che presuppongono una
concezione della fisiologia umana e dei processi patologici per lo pi inconciliabile con quella
biomedica (agopuntura, shiatsu); con tradizioni eccentriche e minoritarie della medicina occidentale
(omeopatia, naturopatia); con saperi empirici prossimi alla tradizione folklorica (erboristeria); con
forme di guarigione che si fondano sul possesso di facolt paranormali e possono facilmente
sconfinare nell'occultismo e nell'esoterismo (pranoterapia, reiki).
Vi sono alcuni tentativi di organizzare questa molteplicit di pratiche in classi, sulla base dei
principi metodologici che le sottendono. N.Losi (1990: 69), autore di uno studio sociologico sulle
medicine alternative a Milano nella seconda met degli anni '80, propone ad esempio la seguente
tipologia:
- "terapie sistemiche", caratterizzate da un approccio all'individuo come microcosmo percorso da
relazioni di corrispondenza (agopuntura, iridologia, riflessologia etc.);
- "terapie di manipolazione corporea", dove il rapporto terapeutico si configura come intervento
diretto del terapeuta sul corpo del paziente, dunque come comunicazione corporea con forte
implicazione sul piano emotivo e psicosomatico (chiropratica, shiatsu, massoterapia, metodo
Mezieres etc.);
- "terapie con uso del corpo", focalizzate su un attivo uso del proprio corpo da parte del paziente
(training autogeno, yoga, ginnastiche dolci, rilassamento, psicomotricit, integrazione posturale
etc.)
- "terapie con uso di sostanze" - sostanze naturali, occorre specificare, assunte in vari modi dal
paziente (omeopatia, erboristeria, aromaterapia, mesaterapia, dietologia);
- "terapie con uso di energie", dove cio la guarigione prodotta da un'energia che si sprigiona
direttamente dal corpo del terapeuta o da apparecchiature tecnologiche (pranoterapia, terapie
magnetiche, elettroterapia);
- infine, "terapie di tipo psicologico-psicoterapeutico", volte cio alla cura di disturbi propriamente
psicologici e relazionali (bioenergetica, ipnosi, meditazione, biofeedback, psicodinamica,
cromoterapia).
Ma qualunque demarcazione classificatoria si adotti, i confini tra le classi non sono mai chiari, e
si presentano numerosissimi casi limite. Il punto che tutte le forme citate, insieme a molte altre,
costituiscono come si detto una sorta di continuum. Le estremit del continuum hanno assai poco
in comune, ma gli elementi che lo compongono sono legati l'uno all'altro come gli anelli di una
catena. Tra di essi vi dunque, per usare una celebre nozione di Wittgenstein, una certa somiglianza
di famiglia, con tratti che ricorrono con frequenza anche se non in modo sistematico. Non un caso
che gli utenti o i cultori delle medicine alternative abbiano la tendenza a praticare o almeno a
interessarsi di pi di una disciplina contemporaneamente. Ci suggerisce l'esistenza di cospicui
5
punti di contatto, o meglio ancora di ampie concezioni culturali che percorrono trasversalmente la
gamma delle medicine alternative. Possiamo tentare di identificarne alcune, senza per questo aver la
pretesa di esaurire la straordinaria ricchezza e complessit di questo universo culturale.
6
3. Cinque tratti caratterizzanti.
Proporrei, senza alcuna pretesa di sistematicit, di individuare cinque principali tratti
caratterizzanti, che non sono comuni a tutte le pratiche in questione, tanto da costituirne una sorta di
essenza, ma che si trovano largamente diffusi nell'universo medico alternativo.
a) A p p r o c c i o n a t u r a l e.
Il primo di questi tratti l'approccio naturale alla cura degli stati patologici - da cui deriva, come
si detto, l'etichetta di medicine "naturali". E' diffusa in molte di esse, in modo pi o meno
esplicito, una polemica contro l'uso eccessivo da parte della medicina ufficiale di farmaci
sintetizzati artificialmente. Non che di tali farmaci si contesti l'efficacia contro determinate malattie.
Ci che si fa notare che i farmaci chimici, e in particolare gli antibiotici, vero punto di forza della
medicina ufficiale, hanno una forza eccessivamente dirompente, che implica effetti collaterali molto
pericolosi. Essi magari risolvono un problema, ma al tempo stesso ne creano altri anche pi gravi,
sconvolgendo l'equilibrio dell'intero organismo. Usare gli antibiotici contro certe malattie, come si
esprime uno dei miei intervistati, "come sparare ad una mosca con un cannone" - metafora bellica
che torna spesso nei modi di rappresentare i farmaci allopatici e la loro somministrazione
indiscriminata da parte dei medici ufficiali. A questo approccio aggressivo della medicina ufficiale
si tenta allora di rispondere con terapie "dolci", e con l'uso di farmaci esclusivamente naturali, vale
a dire non sintetizzati. Pi che intervenire drasticamente sulla parte del corpo malata, essi
dovrebbero svolgere un'azione riequilibratrice dell'intero organismo, favorendo le sue intrinseche
capacit di reazione alla malattia.
Questa polemica contro l'artificioso e l'innaturale si estende comunque molto al di l dell'ambito
strettamente terapeutico, fino a investire l'intero modo di vita della civilt occidentale moderna e
urbana, orientata com' verso il consumismo, l'esasperato efficientismo, l'abbandono della natura e
la distruzione dell'ambiente. In ci, le medicine alternative manifestano una forte attenzione alla
dimensione preventiva e sociale della salute. Il loro discorso si affianca perfettamente a quello dei
moderni movimenti ambientalisti ed ecologisti. L'inquinamento ambientale ha un diretto
corrispettivo nell'inquinamento del corpo umano, provocato non solo dal respirare aria o
dall'ingerire cibi impuri, ma anche da ritmi di vita stressanti, da abitudini alimentari sbagliate, da
carenze affettive nei rapporti interpersonali, e cos via. Questo allontanamento da uno stile di
esistenza "naturale" visto come la causa principale dell'insorgenza di tutta una serie di patologie
che caratterizzano la modernit, in primo luogo quelle psicosomatiche. Da qui il diffuso richiamo,
per dirla con un ossimoro, a "culture pi naturali": tanto che le civilt "primitive" o quelle rurali
tradizionali vengono spesso assunte a modello di un rapporto pi autentico tra uomo e ambiente. Vi
qui una saldatura tra le medicine alternative e i movimenti controculturali degli anni '60, con le
loro venature di utopica avanguardia da un lato, di nostalgico romanticismo dall'altro. E'
interessante ad esempio il fatto che in entrambi i casi vi sia la tendenza alla costituzione di piccole
e autosufficienti comunit rurali, come mezzi privilegiati per recuperare un rapporto pi "autentico"
tra uomo e natura (v. Leger 1983); e che si arrivi talora persino a un rifiuto dello stesso concetto di
"civilt", in nome di una poetica e politica del "rinselvatichimento" (Hardin 1994).
7
Il nesso che unisce l'aspirazione a un modo di vita naturale con le pretese di efficacia delle
terapie alternative la profonda fiducia nella vis medicatrix naturae, nella spontanea tendenza
dell'organismo verso uno stato di salute. La gran parte delle medicine alternative considera la cura
non come introduzione di un elemento estraneo all'organismo che debella la malattia, ma come un
aiuto dato all'organismo per innescare un processo che resta sempre e comunque di autoguarigione.
Lasciato nelle sue condizioni naturali, il corpo non pu che star bene, che essere in piena salute.
Sono le interferenze causate dalla "civilt" che rompono questo equilibrio, non solo causando le
malattie ma anche ostacolando la capacit del corpo di restaurare da solo il proprio equilibrio
omeostatico. Vale la pena di notare come queste opposizioni "strutturali" tra il naturale e
l'artificiale, il biologico e il tecnologico, l'autentico e il contraffatto, il puro e l'impuro, e il loro
collegamento con l'opposizione sano-malato, rappresentino un tema emergente dell'immaginario
contemporaneo (v. Coward 1989). Un tema che non sostituisce ma entra in peculiare tensione con
l'opposto orientamento, di pi antica origine e ancor oggi largamente diffuso, che assegna invece un
alto valore all'allontanamento dalla natura. Intorno a questa tensione, per cos dire, si giocano oggi
alcuni dei nostri dilemmi morali, e le nostre ricerche di "equilibrio" nello stile di vita (v. Douglas
1994).
b) A p p r o c c i o o l i s t i c o
Un'altra delle critiche pi diffuse alla medicina ufficiale quella di adottare un atteggiamento
spersonalizzante e parcellizzato nei confronti del paziente. Essa non prende in considerazione la
persona nella sua unit psicofisica, ma la smonta nelle sue componenti meccaniche e si concentra su
di esse singolarmente. Inoltre, cura i sintomi delle malattie e non le loro cause profonde, che spesso
non sono individuabili attraverso un approccio puramente meccanicistico. Ci porta i medici
ufficiali ad una pratica terapeutica in cui il momento del rapporto umano con il paziente
decisamente insoddisfacente: la personalit del paziente vista pi come un possibile ostacolo alla
cura del corpo che come un elemento che occorre tirare in ballo nel processo di guarigione.
Al contrario, le medicine alternative insistono su una concezione dell'uomo come unit
inscindibile di corpo, mente e spirito. Il loro principio che il tutto maggiore della somma delle
sue parti - e che, dall'altro lato, ogni parte contiene il tutto (Pietroni 1988: 51). Dal loro punto di
vista una malattia, per quanto localizzata, sempre espressione di un disagio o di uno squilibrio che
investe l'intero organismo. Anzi, la malattia un "messaggio" che il corpo invia alla coscienza, per
segnalare un problema complessivo dell'individuo - di solito, un problema di stress, nozione cui le
medicine alternative attribuiscono gran parte dei mali della modernit. La malattia sarebbe cio
guidata dalla stessa logica che la psicanalisi riconosce nei sintomi nevrotici: il suo significato non si
esaurisce nelle manifestazioni somatiche localizzate, che rappresentano solo la punta emergente
dell'iceberg, per cos dire. Per questo, sia la diagnosi che la terapia non possono fare a meno di
riferirsi alla persona intesa come un tutto. Non comprendendo questo, la medicina ufficiale non
coglie i reali problemi dell'individuo, e propone soluzioni nel migliore dei casi parziali e
8
temporanee, se non addirittura controproducenti. Se infatti la malattia un messaggio d'allarme,
soffocarne i sintomi non serve a nulla, contribuisce anzi a nascondere la vera natura del disagio. E'
questo il motivo per cui in molte terapie alternative, prima fra tutte l'omeopatia, l'inizio della cura
coincide con un momentaneo acuirsi dei sintomi; anzi, proprio questo acuirsi segnala il successo
della cura stessa, il fatto che essa ha colto nel segno.
L'approccio olistico, almeno in linea di principio, richiede che si stabilisca un rapporto pi stretto
e approfondito tra terapeuta e paziente - soprattutto, un rapporto non oggettivato ma dialogante.
Questo rapporto si caratterizza per la maggiore quantit di tempo dedicata al paziente; per un
approccio fortemente individualizzato ai suoi problemi, tale da implicare un approfondito dialogo
su numerosi aspetti della sua vita (si pensi alla classica intervista omeopatica, che indaga la storia
personale e familiare, lo stile di vita quotidiana, i gusti personali e cos via); per la presenza di
contatto fisico, come in tutte le tecniche di massaggio; per il coinvolgimento nella terapia delle
emozioni (come nell'aromaterapia, la terapia dei fiori di Bach o il rebirthing). Sia nella letteratura
che nelle mie interviste, i medici ufficiali sono criticati per non concedere abbastanza tempo al
paziente, soprattutto per non parlare con lui; e si fa notare che nella maggior parte delle interazioni
terapeutiche il paziente ha bisogno pi di un rapporto umano e di un appoggio morale che non di
medicine. Questo punto ammesso dagli stessi medici di base, i quali sottolineano ad esempio il
tema della fiducia personale come determinante nel rapporto con il paziente, e a loro volta
rivendicano per s (spesso in contrapposizione agli specialisti) l'aspirazione ad un approccio
olistico: lamentando, tuttavia, di non avere abbastanza tempo a disposizione per adempiere a questa
funzione, non da ultimo perch soffocati da compiti meramente burocratici.
c) A p p r o c c i o i n d i v i d u a n t e.
Oltre ad essere un tutto inscindibile di soma, psiche e spirito, ogni essere umano anche una
entit unica e irripetibile. Questo un punto di grande importanza metodologica, poich mette in
discussione le principali strategie di validazione scientifica usate dalla medicina ufficiale. Queste
strategie sono infatti principalmente di tipo statistico e probabilistico, e si riferiscono quindi ad una
nozione astratta di "paziente medio", che si assume applicabile almeno in parte ad ogni singolo
paziente concreto. L'approccio alternativo insiste invece sul fatto che un sapere statisticamente
fondato non di nessuna utilit clinica, dal momento che non vi mai alcuna garanzia che il
singolo paziente che il medico si trova di fronte in una determinata occasione presenti le stesse
caratteristiche della media. Per la verit, queste obiezioni non sono nuove. Argomenti pi o meno
analoghi erano stati avanzati dagli oppositori dei metodi probabilistici, fin dal loro primo apparire
nel '700 (v. Trohler 1988). Oggi si tende a rafforzarli attraverso il riferimento (spesso assai
superficiale, peraltro) alla fisica post-newtoniana, p.es ai principi di relativit e di indeterminazione
(McCormack 1991). Ci crea forti difficolt di comunicazione nei dibattiti tra medici ed operatori
alternativi. I primi, infatti, per quanto aperti a un confronto imparziale con le terapie alternative,
considerano la verifica scientifica su basi statistiche come l'unico possibile e serio terreno d'intesa; i
secondi, pur non sottraendosi a prove di questo tipo, non le considerano decisive, e sottolineano
come esse siano gi compromesse con la metafisica materialista e con altri presupposti culturali che
9
l'approccio alternativo rifiuta. Per loro, in particolare, il processo terapeutico risponde di per s ad
una logica individuante, e non in linea di principio riproducibile - requisito necessario invece per
una verifica scientifica. Inoltre, quest'ultima richiede ipotesi di partenza formulate nei termini di
nessi lineari causa-effetto - richiede dunque un linguaggio deterministico, che pu condurre a
fraintendere seriamente la natura dei fenomeni della salute e della malattia.
Se ogni caso diverso da ogni altro, non sembra possibile per le terapie alternative accedere a un
qualche criterio oggettivo e pubblicamente controllabile di validazione. Soprattutto, per definizione,
esclusa sia la conferma sia la falsificazione sperimentale; e in questo senso, se volessimo attenerci
alla definizione popperiana, le medicine alternative non potrebbero esser considerate scientifiche
proprio in virt del loro statuto. Non a caso, i loro difensori puntano il dito contro la concezione
popperiana della scienza, e contro il pi diffuso metodo di controllo sperimentale usato dalla
medicina, il "doppio cieco", che ne sarebbe espressione tipica. Si consideri ad esempio il seguente
passo:
...Poich viviamo in un universo partecipativo [nel senso di Heisenberg]; poich la
nozione di conoscenza oggettiva difficile da sostenere (specialmente in riferimento ad
esseri umani); poich la maggior parte di noi riconosce che la penicillina somministrata
con amore funziona meglio della penicillina somministrata in fretta e furia; poich la
guarigione implica qualcosa di pi che non il semplice trattamento - difficile
giustificare questo approccio da scatola cinese [il falsificazionismo popperiano e il
"doppio cieco" che su di esso si basa] allo studio e alla comparazione delle diverse
forme di terapia. Non che le verit rivelate da questi studi siano scorrette. Il punto
che essi offrono solo una parte della verit. Di fronte a un modello cos complesso, non
possiamo usare i metodi classici dell'indagine scientifica che separano il terapeuta, la
terapia e il paziente, che cercano di controllare le variabili e che campionano i soggetti.
E' come se, per studiare il comportamento dei pesci, insistessimo nel tirarli fuori
dall'acqua (Pietroni 1988:54)
Tutto ci rappresenta non solo un problema nei rapporti con la medicina ufficiale, ma anche una
forte difficolt interna per le terapie alternative. Viene infatti a mancare un riferimento oggettivo, o
almeno ragionevolmente condivisibile, da usare come standard di professionalit - al fine di
distinguere gli operatori seri dagli imbroglioni e dai ciarlatani, e di assicurare cos dignit
istituzionale alle rispettive discipline. Ed proprio questo il problema principale che le medicine
alternative si trovano oggi di fronte, nel tentativo di accrescere la loro legittimit sociale e culturale.
Ci crea fra l'altro tensioni interne al "fronte" olistico. Ad esempio, alcuni operatori hanno
atteggiamenti molto rigidi - paradossalmente, ancora pi rigidi di quelli della medicina ufficiale -
verso le discipline alternative troppo sbilanciate sul versante del paranormale o troppo vicine alla
tradizione magica popolare; molti di essi, pur poggiando il loro discorso sull'opposizione alla
visione del mondo scientifica, cercano per legittimazione proprio nell'adesione a un linguaggio di
tipo scientifico. In casi come questi, si teme che la compromissione con l'universo magico-religioso
tradizionale possa delegittimare le pratiche alternative. Ma spesso queste ultime compiono invece
un consapevole sforzo per ricomprendere al proprio interno il lessico della magia, utilizzando a tal
10
fine, fra l'altro, risorse concettuali tipicamente antropologiche. Cos, non raro incontrare nella
pubblicistica alternativa riferimenti alle culture mediche "primitive" e "popolari" - sciamanismo,
concezioni simboliche della malattia, rituali terapeutici etc. -assunte come esempi di un pi
autentico rapporto tra uomo e natura. Il sapere medico tradizionale prefigurerebbe la concezione
olistica e psicosomatica, intuendo l'importanza della dimensione emotiva e di quella sociale degli
stati di salute-malattia.
Si pu osservare, per inciso, che in questo modo le medicine alternative tentano di coinvolgere
direttamente l'antropologia nel proprio discorso, in funzione di alleata o di "perito di parte" nella
polemica contro le concezioni ufficiali. Il che pone all'antropologia problemi etici ed epistemologici
non facili da dipanare. Da un lato, quest'alleanza pare quasi d'obbligo: per comprendere la
razionalit della medicina tradizionale, infatti, l'antropologia ha dovuto sviluppare gi per suo conto
una forte polemica contro il determinismo biomedico, e a favore di concezioni culturali della salute,
della malattia e della terapia. La saldatura con le argomentazioni del movimento alternativo sembra
dunque perfettamente naturale. Tuttavia, dall'altro lato, l'antropologia come disciplina scientifica
legata a valori e modelli conoscitivi (e forse anche a una visione del mondo, a una metafisica di
sfondo) molto pi prossimi a quelli del discorso medico ufficiale che non a quelli del discorso
alternativo. Da qui, ad esempio, un certo qual imbarazzo che si prova a veder trattati temi
prettamente antropologici, come lo sciamanismo, dalla pubblicistica alternativa (con titoli quali,
p.es., "Dottor sciamano. Tutti i segreti per guarire con le medicine magiche"; Marafante et al.
1991); o l'imbarazzo che si prova di fronte a un mago televisivo che fa uso dei "potentissimi riti
magici degli aborigeni australiani", appresi, come viene spiegato, durante una "lunga permanenza
sul campo". Come spesso accade, l'antropologo preso tra due fuochi, e ha qualche difficolt a
capire dove sta il "S" e dove l' "Altro".
d) R u o l o a t t i v o e r e s p o n s a b i l i t d e l p a z i e n t e.
Una ulteriore importante caratteristica che accomuna molte terapie alternative la tendenza ad
attribuire al paziente un ruolo molto pi attivo e responsabile nel processo di guarigione di quanto
faccia la pratica ufficiale. La stessa nozione di "paziente" messa in discussione, o perlomeno usata
tra virgolette, in polemica con l'atteggiamento ortodosso che - si dice - sembra considerare
l'individuo malato semplicemente come oggetto passivo del trattamento medico e farmacologico.
Per i medici ufficiali, l'individuo non ha alcuna particolare responsabilit nel processo di
guarigione: deve solo "collaborare". Di norma, il paziente che collabora quello che non oppone
resistenza alla terapia: ma l'azione e la responsabilit terapeutica stanno tutte dalla parte
dell'operatore, che si prende completamente in carico il "suo" paziente. Al massimo, si richiede a
quest'ultimo una generica "volont di guarire".
Al contrario, molte medicine alternative tendono a responsabilizzare al massimo il "paziente",
esaltandone il ruolo attivo nel processo di guarigione. Come gi si detto, esse fanno spesso appello
alla ippocratica vis medicatrix naturae, intesa come capacit naturale di auto-guarigione che gli
uomini gi possiedono, e che compito della terapia attivare o potenziare. Protagonista della cura
sempre e soltanto l'individuo malato stesso: il medico deve risvegliare le sue energie interiori, pi
11
che introdurre agenti esterni in grado di attaccare la malattia intesa come qualcosa di esterno. Di
pi:
molte medicine alternative sembrano attribuire al paziente non solo l'attiva responsabilit di guarire,
ma anche, in linea di principio, la responsabilit di essersi ammalato. In altre parole, dal loro punto
di vista l'insorgenza dei processi patologici quasi sempre conseguenza di uno squilibrio
energetico, che a sua volta discende da un fondamentale disordine morale e\o sociale nella vita di
una persona. La malattia non mai qualcosa di casuale, una intrusione dall'esterno, imprevedibile e
priva di senso rispetto all'ordine morale in cui viviamo. Ci si ammala perch non si dedica
abbastanza attenzione al nostro corpo, alla nostra alimentazione, ai nostri bisogni vitali; perch i
ritmi stressanti della vita quotidiana innescano in noi dinamiche auto-distruttive, rispetto alle quali,
come si visto, la malattia si presenta come un vero e proprio grido d'allarme. Ci importante
perch reintroduce un idioma morale nel discorso sulla salute e sulla malattia. Esse hanno a che fare
con scelte che gli uomini compiono verso il bene o verso il male; la malattia si configura come
manifestazione del peccato, di un modo di vita sbagliato, la guarigione come processo di salvezza
che riporta sulla retta via. E' per questo che l'adesione a discipline alternative assume spesso
connotazioni quasi iniziatiche, talvolta persino religiose. R.Coward (1989: 88), autrice di un
fortunato studio sull'ideologia della "salute globale", coglie assai bene questo punto:
Se la salute una questione di globalit, chiaro che il corpo sano esprime una
moralit, un'attitudine. E in un ambiente come questo un corpo malato, un corpo
trascurato, chiaramente il segno di qualcosa di sbagliato sul piano mentale o spirituale
[...] Questo un mondo in cui le intenzioni individuali, la forza di volont e l'impegno a
condurre uno stile di vita corretto ed armonioso sono visibilmente ricompensate con la
buona salute; laddove le attitudini sbagliate...hanno le loro punizioni. E' un mondo di
eroi e di vittime.
In questa situazione, commenta Coward, il corpo malato diviene segno della rottura di un ordine
morale. L'insorgere e soprattutto il perdurare della malattia dimostra che l'individuo non in una
condizione di armonia ed equilibrio, che dunque conduce uno stile di vita sbagliato, dominato da
forze "negative". Questa rottura consiste nella violazione delle "leggi della natura",
nell'allontanamento dall'essenza naturale dell'uomo. Sono abbastanza trasparenti le implicazioni
religiose di questo tipo di argomentazione. Coward ritiene di scorgervi, pi precisamente, una forte
vena di puritanesimo:
In questi resoconti di una vita squilibrata e del processo di guarigione vi sono
esattamente gli stessi elementi della "salvezza dell'anima" cos cara al Cristianesimo.
Vi qui una versione del peccatore la cui vita dev'esser salvata, ed salvata attraverso
la radicale crisi spirituale del volgersi a Dio o al Cristo. Molte delle terapie alternative
implicano l'abbandono di precedenti modi di vita (dieta, repressione sessuale, abitudini
corporee), e spesso il processo di guarigione comporta una qualche versione di una crisi
spirituale [...] Il risultato di questa crisi, di questo cambiamento di vita e di attitudini la
persona globale. E' la persona divenuta "pura", che conduce una dieta integrale, il cui
approccio alla vita "globale". Solo che invece dello spirito puro, che entra nel regno
dei cieli, abbiamo qui il corpo puro (Ibid.: 90)
12
Questo legame tra discorso medico e discorso morale, tra l'ambito della salute e della malattia e
quello del bene e del male naturalmente molto antico e diffuso, e caratterizza praticamente tutte le
medicine tradizionali. Proprio a questo legame si era opposto l'approccio scientifico e
materialistico, che aspirava alla completa neutralit morale del discorso medico - neutralit estesa
ben oltre l'ambito del somatico, fino a comprendere, attraverso il concetto di malattia mentale, la
sfera comportamentale e quella affettiva. Le medicine alternative compiono una ulteriore virata
rispetto a questo approccio, per cos dire, anti-antropomorfico della modernit, per reintrodurre il
linguaggio morale fin dentro la materialit del corpo.
e) E n e r g i a.
Infine, molte medicine alternative condividono comuni presupposti metafisici, che stanno alla
base di una "visione del mondo" assai diversa da quella scientifica e materialistica. In particolare,
condividono una concezione della fisiologia umana di tipo energetico, basata, sia pure con molte
variazioni, sul modello tradizionale cinese. L'"essenza", per cos dire, degli esseri umani non la
materialit chimico-fisica del loro corpo, ma una energia vitale (il chi della medicina cinese) che lo
percorre, e che rappresenta l'interfaccia tra la dimensione propriamente somatica e quella psichica.
E' dalle condizioni di questa energia, vale a dire dal suo "equilibrio" o dal suo "squilibrio", che
dipendono gli stati di salute e malattia; ed dunque principalmente su di essa che la terapia deve
agire.
La pranoterapia la disciplina che mette in gioco in modo pi immediato la nozione di energia -
dal momento che si configura come un passaggio diretto di energia dall'operatore al paziente. Ma
anche altre discipline, che pure prevedono una qualche forma di mediazione - farmacologica,
manipolativa, di stimolazione etc. - presuppongono nondimeno una concezione energetica. Come
si esprime un naturopata, in una delle mie interviste:
Perch se noi parliamo esclusivamente in termini di materia, allora non riusciremo a
capire niente della medicina omeopatica, e non riusciremo a capire niente nemmeno
dell'agopuntura, ad esempio, della medicina orientale, cinese [...] La materia per il
medico cinese una concentrazione di energia. Al momento della nascita c' una
concentrazione di energia, al momento della morte una...distruzione, no una distruzione
no, una...il contrario di concentrazione, dispersione, s, una dispersione di energia.
Quindi il medico occidentale, che in pratica ha fondato la sua medicina sulla dissezione
dei cadaveri, cio ha studiato la materia, la materia morta , capito? Qui si tratta di
andare invece dentro a un processo che un processo che esiste non dentro a un uomo
morto, ma a un uomo vivo. Quindi va preso in considerazione da un punto di vista
energetico...
In sintesi, poche sono le medicine alternative che non pongono in gioco la dinamica energetica -
si tratti di scambio di energie tra operatore e paziente (come nella pranoterapia), di assunzione di
stimolazioni energetiche da elementi naturali (omeopatia, erboristeria, gemmoterapia), di
riassestamento dei "campi energetici" interni (agopuntura, yoga e shiatsu), o di assorbimento di una
positiva "energia universale" (reiki, guarigione spirituale). Occorre osservare che nel discorso
13
olistico "energia" uno di quei concetti assiomatici su cui tutti gli altri concetti si fondano, e che
proprio per questo non risultano empiricamente fondati. Funziona dunque come una nozione
metafisica - vale a dire, non dimostrabile n falsificabile in termini empirici, n analizzabile in pi
elementari componenti concettuali. La possibilit di identificarla empiricamente attraverso gli
strumenti della fisica delle particelle subatomiche (v. Capra 1984: 282sgg.) non influisce sul modo
in cui usata, e rappresenta solo una possibile legittimazione supplementare.
Nella pranoterapia, ad esempio, "energia" in sostanza un concetto empiricamente vuoto, attorno
al quale si aggregano per le descrizioni empiriche dei processi terapeutici. E' un assunto che fonda
la possibilit di un discorso oggettivante sulla fenomenologia pranoterapeutica, di una descrizione
della pranoterapia come fatto-nel-mondo. Ma l'energia non di per s descrivibile, non
direttamente soggetta alla percezione sensibile. Per usare il linguaggio di un celebre articolo di
Robin Horton (1966), essa una nozione tipicamente teoretica: non appartiene al mondo del senso
comune, ma organizza i dati del senso comune secondo connessioni e rapporti causali non
immediatamente percepibili. Tali sono, secondo Horton, nozioni scientifiche come "atomo" o
"onde" e nozioni religiose come "dio", "spirito" etc. - costruite, in entrambi i casi, attraverso
analogie con il mondo del senso comune (p.es., dell'atomo si riesce a parlare solo attraverso
analogie con i sistemi planetari, e quando tentiamo di rappresentare Dio non riusciamo a sfuggire a
proiezioni antropomorfiche). Attorno all' "energia" si consolida dunque un linguaggio fortemente
metaforico, tratto prevalentemente dal campo semantico della trasmissione dei fluidi - come gi era
accaduto con la nozione freudiana di libido, col magnetismo di Mesmer e con altri antenati della
moderna bioenergia (v. Elkana 1989, Gallini 1983). Si codifica inoltre un'ampia gamma di segni -
fenomeni attraverso i quali l'ordine invisibile dell'energia penetra e si manifesta visibilmente nel
mondo del senso comune.
Nel discorso olistico e alternativo la concezione energetica presentata come pi "sottile" e
"raffinata" di quella anatomico-meccanicistica, in grado di cogliere un ordine pi profondo della
realt. Una concezione "d'avanguardia", dunque, che tuttavia reintroduce forti elementi di pre-(o
anti-) modernit. Nel celebre studio sulla nascita della clinica, M.Foucault riconosce il nucleo della
medicina moderna, come si sviluppa a partire dal XVIII secolo, nell'apertura di un nuovo spazio di
visibilit empirica del corpo:
Le forme della razionalit medica s'immergono nel meraviglioso spessore della
percezione, offrendo come primo volto della verit la grana delle cose, il loro colore, le
loro macchie, la loro durezza, la loro aderenza. Lo spazio dell'esperienza sembra
identificarsi al dominio dello sguardo attento, della vigilanza empirica aperta
all'evidenza dei soli contenuti visibili [...] Il nuovo spirito medico [...] non altro che
una riorganizzazione sintattica della malattia in cui i limiti del visibile e dell'invisibile
seguono un nuovo disegno (Foucault 1968: 6-7, 221)
Ci che Foucault descrive l'apertura del corpo alla percezione, il suo divenire oggetto di un
discorso empiricamente fondato, in contrapposizione alle forme precedenti del sapere medico. In
queste ultime, infatti, la rappresentazione del corpo era affidata prevalentemente a nozioni teoriche,
che traevano senso non tanto dalla corrispondenza osservativa, quanto dall'inserimento in grandi
14
sistemi speculativi. La medicina moderna ci cala in un mondo di costante visibilit, cominciando a
parlare del corpo come di una cosa in un mondo di cose, laddove il discorso precedente sembrava
parlare un visionario "linguaggio dei fantasmi", come Foucault si esprime (Ibid.:4). Questa
episteme, che ha dominato gli ultimi due secoli ed in cui siamo ancora oggi immersi, sta dando
qualche segno di cedimento. Potremmo chiederci se le medicine alternative non stiano
promuovendo, alla fine del XX secolo, una rivoluzione epistemica analoga a quella descritta da
Foucault per l'et classica. Certo, non stiamo assistendo oggi a un mutamento di paradigma o a una
rivoluzione scientifica in senso kuhniano. Tuttavia, nel senso comune se non nella comunit
scientifica, il paradigma empirista e meccanicista comincia ad incrinarsi in alcuni punti, a lasciare
alcune falle aperte. Quel che interessante che in queste falle sembra reintrodursi un linguaggio
dell'invisibilit - o, per dirla nei termini di Foucault, sembrano ridefinirsi i limiti del visibile e
dell'invisibile.
Ci avviene in parte per motivi interni allo stesso sviluppo della medicina moderna - ad esempio,
con i progressi della microbiologia, che basa la sua descrizione del corpo su entit invisibili e su
nozioni comprensibili solo in termini teorici. Ma avviene anche per l'impulso delle medicine
alternative, che puntano esplicitamente a riaffermare un premoderno "linguaggio dei fantasmi",
fatto di nozioni teoriche o esplicitamente metaforiche, legate a grandi sistemi speculativi, a grandi
concezioni del mondo filosofiche, etiche o religiose. Solo in questo modo sembra possibile superare
i limiti dell'orizzonte di visibilit del meccanicismo, svincolarsi dall'opaco spessore dell'anatomia ed
attingere una pi profonda realt psicosomatica. Il concetto di energia, cardine di questo nuovo
ordine, si presenta dunque fin dall'inizio come "carico di senso". Questo senso - gi lo si
accennato - comprende una dimensione etica. Nel discorso alternativo, l'energia tende a connotarsi
semanticamente secondo una netta polarit bene-male: per cui ad un'energia equilibrata se ne
contrappone una squilibrata, o pi semplicemente ad una positiva se ne contrappone una negativa.
Queste polarit corrispondono a quella tra salute e malattia. Il corpo malato, che la medicina
moderna aveva tendenzialmente depurato da ogni connotazione morale, torna - come gi si
osservato - ad essere campo di battaglia tra i valori del bene e quelli del male.

4. Le ragioni delle medicine alternative.
Abbiamo visto come sia difficile tracciare una netta demarcazione tra le medicine alternative e
quelle che abbiamo definito ufficiali e tradizionali. I confini sul versante della scienza e su quello
della magia sono sempre incerti e mobili. Ogni terapeuta alternativo deve contrattarli volta per
volta, nel tentativo di mantenere un proprio delicato equilibrio epistemico. Il suo atteggiamento nei
confronti della biomedicina ambiguo: se non pu accettarne mai totalmente l'autorit, mira per a
partecipare del grande prestigio sociale e culturale che essa possiede. Nei confronti delle pratiche
magiche e rituali, egli prende le distanze sempre per motivi di prestigio, ma anche interessato a
recuperare alcuni elementi centrali del loro approccio, quali l'importanza delle relazioni simboliche,
il nesso tra malattia e qualit delle relazioni sociali, l'interdipendenza corpo-mente.
15
Certo, nell'ampio spettro delle discipline alternative, alcune tendono a collocarsi pi decisamente
sul versante "scientifico": il caso - per citare le pi diffuse - dell'omeopatia o dell'agopuntura,
normalmente praticate da medici laureati e all'interno di strutture pubbliche o private di medicina
ufficiale, dunque assai autorevoli e supportate da un ampio corpus di elaborazione teoretica.
All'altra estremit si collocano discipline che confinano direttamente con l'occultismo, con la
parapsicologia o con i rituali folklorici - cartomanzia, guarigione spirituale, pranoterapia.
Quest'ultima, per la verit, rappresenta di per s un universo straordinariamente variegato. Vi sono
pranoterapeuti che collaborano con medici ed operano persino negli ospedali; pranoterapeuti si
definiscono molti dei maghi (o "operatori dell'occulto", come preferiscono dire) che proliferano
nelle citt e sulle televisioni locali; pranoterapeuti, infine, sono una molteplicit di figure non
professionali che mal si distinguono da quelle dei guaritori della tradizione popolare.
La mia ricerca si concentrata in particolare su quest'ultimo tipo di figure, sospese a met, per
cos dire, tra un contesto ideologico folklorico e uno di avanguardia controculturale, tra la
stregoneria e il "Tao della fisica", tra la pre- e la post-modernit. Ci che differenzia questi
pranoterapeuti dalle classiche figure del guaritore e del mago che i loro poteri non creano attorno
a loro dei ruoli particolari, non li trasformano in personalit sociali separate, misteriose e terribili.
Sono persone comunissime, solo che ogni tanto, e qualche volta per mestiere, impongono le mani.
Secondo la logica del dualismo magia-scienza e tradizione-modernit, o si sta nel solido mondo del
senso comune, o si sta in quello fascinoso ma malsicuro dell'occulto. O si superstiziosi o non lo si
; o si ha la "presenza" labile, o la si ha ben stabile; o siamo bricoleur, o ingegneri. Non vi sono vie
di mezzo. Ma i pranoterapeuti che ho conosciuto non sembrano rispondere pi a quella logica. Il
possesso di un potere misterioso sembra riguardare solo alcuni aspetti della loro personalit, e non li
spinge a impegnarsi nel sostenere particolari dottrine metafisiche o visioni del mondo alternative.
Vi anzi da parte loro (a differenza, poniamo, dei maghi siciliani cos ben descritti da Elsa Guggino
1978, 1993) il desiderio di "normalizzare" la propria pratica, di ricomprenderla nell'innocuo mondo
del senso comune.
E' per questo che i miei tentativi, durante le interviste, di spingerli in discussioni teoriche sui
presupposti, sulle implicazioni e sulle eventuali contraddizioni delle loro "credenze" sembravano
interessarli ben poco. Quasi mai mi sono imbattuto in adesioni militanti a ideologie globali.
L'estrema fiducia nei propri poteri si coniuga quasi sempre con una grande cautela esplicativa - di
cui ho trovato emblematica la bella espressione "E poi, che lo so?", con cui una pranoterapeuta
chiudeva un lungo ragionamento sulla natura della propria energia. Vi sono pratiche che
funzionano, anche se non supportate da una dottrina consolidata n da un ben definito corpus di
credenze. Lo stesso termine "credenza" si presta assai poco a descrivere l'atteggiamento di questi
operatori alternativi - qualora si intenda con "credenza" l'attribuzione di valori di verit ad asserti
cognitivi espressi in forma proposizionale. Si pu parlare forse di una "disposizione a credere", non
valutabile in termini di totale adesione o totale rifiuto verso una certa prospettiva (Lewis 1986: 43;
cfr. anche Good 1993: cap.1); o meglio ancora, si pu parlare di un'adesione pre-discorsiva a certe
pratiche, che sta a monte rispetto al problema della credenza e a quello della giustificazione
16
razionale, e che ha forse a che fare con quelle che Wittgenstein chiamava "reazioni primitive" (v.
Dei 1991 per un approfondimento di questo tema).
Analogo sembrato l'atteggiamento dei pazienti - tesi a orientarsi in un'ampia gamma di offerte
terapeutiche, a bilanciare i pro e i contro, i costi e i benefici di ciascuna, ma per nulla ossessionati,
per cos dire, da problemi di coerenza epistemica. Dal punto di vista di un profano, che non sia
impegnato in modo particolare verso una visione del mondo scientifica, il ricorso al sapere e al
potere di guaritori tradizionali o alternativi sembra non implicare un problema di razionalit:
almeno, non molto pi di quanto lo implichi l'affidamento all'autorit dello specialista ortodosso, i
cui rituali di guarigione sono altrettanto misteriosi. Esiste semmai una tendenza all'adesione
ideologica o politica alle medicina alternative. Vi un'ampia fascia dei loro utenti caratterizzata da
forte impegno ideologico, quasi sempre di tipo ambientalista ed anticonsumista, che si riflette in
scelte di particolari stili di vita, nelle abitudini alimentari, nel modo di vestire, nelle opzioni
culturali e cos via. Ma l'analogia con i movimenti controculturali di decenni precedenti, cui si gi
fatto cenno, vale solo fino a un certo punto. Nel nostro caso, non sembrano agire i rigidi
meccanismi di identificazione simbolica e di identit collettiva che caratterizzavano le subculture
giovanili degli anni '60 e '70. Vi ad esempio una maggiore insistenza sul privato, e soprattutto un
atteggiamento pi rilassato, per cos dire, nella contrapposizione tra Noi e gli Altri. In altre parole,
le scelte culturali in questione non sono affatto totalizzanti, e coesistono tranquillamente con altri
atteggiamenti pi conformistici e del tutto comuni. Del resto, tutto ci gi stato notato dalla
sociologia e dai cultural studies per quanto riguarda gli "stili culturali". Non esiste pi la figura
dell'"alternativo" che si caratterizza come tale in ogni aspetto della sua persona e del suo agire
sociale. Gli individui intrecciano in diversi momenti della loro esistenza quotidiana stili e scelte
culturali che possono anche apparire del tutto incoerenti.
Naturalmente, non possiamo dimenticare come dietro a tutto ci vi sia un problema di verit,
oltre che di orientamento di valori. In medicina, la scelta non tra mere ideologie, ma tra sistemi
conoscitivi che tentano di cogliere la dura oggettivit del reale, e di agire su di essa nel modo pi
efficace. Non possiamo non pensare che, in ultima istanza, vi siano limiti oggettivi al confronto tra
strategie mediche contrapposte, e che questi limiti si manifestino in "fatti" o "eventi" esperibili e
pubblicamente accertabili. In tal senso, il grande nodo del dibattito tra medicine ufficiali e
alternative sembra risiedere nella nozione di psicosomatica. La psicosomatica il vero interfaccia
tra l'universo chimico-fisico della biomedicina e quello energetico e simbolico delle terapie
tradizionali e alternative. Possiamo pensare che un chiarimento dei rapporti tra soma e sistema
nervoso centrale finir finalmente per spiegare in modo scientifico il mistero dell'efficacia
simbolica (compreso l'effetto placebo, vera e propria zona d'ombra della medicina ufficiale); o che
la bioelettronica riuscir finalmente a descrivere in un linguaggio "reale", non-simbolico, la
componente energetica degli esseri viventi. In questo modo, come suggerisce Tullio Seppilli (1989:
9), potrebbe forse realizzarsi una grande riunificazione epistemologica della medicina - scienza
umana per eccellenza, in grado di parlare in un unico linguaggio degli aspetti biologici, di quelli
psicologici e di quelli culturali della vita umana.
17
Ma in attesa di una simile rivoluzione scientifica, che reintegri il simbolismo nella sfera
dell'oggettivit, per cos dire, o il significato metaforico in quello letterale, l'antropologia non pu
permettersi di usare il "linguaggio della verit" come risorsa della propria analisi. Pi che costruire
una teoria dei rapporti corpo-mente, suo obiettivo comprendere i modi in cui i rapporti corpo-
mente sono messi in gioco all'interno di strategie di costruzione di un "senso del male", per usare
l'espressione resa nota da M.Aug e C.Herzlich (1986). Ora, ci che appare chiaro nella situazione
contemporanea che questo "senso" non si costituisce pi (se mai lo ha fatto) in modo unitario e
vincolante per tutti i membri di una societ; n si costituisce in due sfere distinte e autonome, quella
tradizionale e quella moderna, o quella "magica" e quella "scientifica" - l'una riservata ai primitivi,
al popolo, alle classi subalterne, l'altra a quelle che Mauss chiamava le "lites delle nostre societ
moderne". I confini non sono pi autoevidenti, n sul piano cognitivo n su quello sociologico. E
sarebbe quantomeno arbitrario attribuire la diversit nelle scelte a particolari "modi di pensare" o a
una presunta "labilit" della presenza.
Ci pu legittimarci a parlare di pluralismo medico? L'antropologia ha finora utilizzato questa
nozione solo o prevalentemente per le societ non occidentali, e non facile impiegarla in
un'antropologia del Noi. Siamo infatti abituati a considerare il sistema simbolico relativo alle
concezioni del corpo-salute-malattia come una potente marca di identit culturale, come elemento
forte di appartenenza, tale dunque da richiedere un alto livello di coerenza agli attori. Da questo
punto di vista, la pluralizzazione delle scelte mediche pu esser considerata come uno degli aspetti
della frammentazione dell'identit culturale in epoca "postmoderna". Le scelte di appartenenza
compiute dai singoli individui e dai gruppi non sono n permanenti n esclusive. Si pu passare
dall'adesione a un sistema simbolico all'adesione ad un altro in diversi punti del tempo e dello
spazio, senza avvertire contraddizione o incoerenza. Individui e sottogruppi sociali si creano proprie
originali configurazioni culturali, costruendo collages da un mosaico disponibile di riferimenti. In
questa situazione si intrecciano le strategie argomentative, retoriche, e in senso lato politiche volte
all'affermazione di una delle prospettive coesistenti. Queste strategie tendono a coincidere con le
"ragioni" delle scelte degli attori sociali, e sono il cemento di cui sono fatte le visioni del mondo
della contemporaneit.
R i f e r i m e n t i b i b l i o g r a f i c i.
AUG, M. - HERZLICH, C. (a cura di) 1986
Il senso del male. Antropologia, storia e sociologia della malattia, trad.it. Milano, Il Saggiatore
[ed.orig.1983]
CAPRA, F. 1984
Il punto di svolta. Scienza, societ e cultura emergente, trad.it. Milano, Feltrinelli [ed.orig.
1982]
COWARD, R. 1989
The WholeTruth. The Myth of Anternative Health, London, Faber and Faber.
18
CROCELLA, C. (a cura di) 1991
Le medicine non convenzionali. Ricerca scientifica, problemi normativi, disegni di legge,
Roma, Camera dei Deputati.
DEI, F. 1991
Usanze sinistre e profonde. Wittgenstein e la comprensione antropologica, "L'uomo", IV (1),
n.s., pp. 95-122.
DOUGLAS, M. 1994
"Come si costruisce il medico: un approccio culturale alle mode in medicina", trad.it. in Credere
e pensare, Bologna, Il Mulino, pp. 179-205.
ELKANA, Y. 1989
"Le matrici del concetto di energia nella psicoanalisi", in Antropologia della conoscenza, trad.it.
Bari, Laterza, pp. 153-83 [ed.orig. 1983]
FOUCAULT, M. 1968
Nascita della clinica, trad.it. Torino, Einaudi [ed.orig. 1963]
GALLINI, C. 1983
La sonnambula meravigliosa, Milano, Feltrinelli.

GOOD, B. 1993
Medicine, Rationality and Experience. An Anthropological Perspective, Cambridge, Cambridge
University Press
GUGGINO, E. 1978
La magia in Sicilia, Palermo, Sellerio
GUGGINO, E. 1993
Il corpo fatto di sillabe. Figure di maghi in Sicilia, Palermo, Sellerio
HAHN, R.A. - KLEINMAN, A. 1983
Biomedical Practice and anthropological Theory. Frameworks and directions, "Annual Review
of Anthropology", n.12, pp. 305-33.
HARDIN, J.W. 1994
Rinselvatichirsi, "Frontiere", vol. 5, n. 4, pp. 4-7.
HORTON, R. 1966
African traditional thought and Western science, "Africa", vol. 37, nn.1-2, pp. 50-71, 155-87.
LEGER, D. 1986
"Le comunit apocalittiche neorurali in Francia", in M.Aug, C.Herzlich (a cura di), Il senso del
male. Antropologia, storia e sociologia della malattia, trad.it. Milano, Il Saggiatore, pp. 239-60
[ed.orig. 1983]
LEWIS, G. 1986
The look of magic, "Man", n.s., vol. 21, n. 3, pp. 414-37
LOSI, N. 1990
19
Gli amici dell'acqua. Medici, pazienti e medicine alternative, Milano, Angeli
MACCORMACK, C. P. 1991
Holistic Health in a Changing Western World View, "Curare. Zeitschrift fur Eyhnomedizin und
transkulturelle Psychiatrie", n. 7, pp. 259-74
MARAFANTE, D. 1991
Dottor sciamano, "Riza scienze" (numero monografico), n. 50, settembre-ottobre.
PIETRONI, P. C. 1988
"Science and Healing", in J.Watt-C.Wood (eds.), Talking Health. Conventional and
Complementary Approaches, London, Royal Society of Medicine, pp. 49-55.
SEPPILLI, T. 1989
"Introduzione", in T. Seppilli (a cura di), Medicine e magie, Milano, Electa, pp. 7-12.
SERMEUS, G. 1987
Alternative Medicine in Europe. A quantitaiive Comparison of the Use and Knowledge of
Alternative Medicine and Patient Profiles in Nine European Countries, Bruxelles, Belgian
Consumers' Association
SHARMA, U. 1992
Complementary Medicine Today. Pratictioners and Patients, London, Routledge.
STALKER, D. - GLYMOUR, C. 1989
Examining Holistic Medicine, New York, Prometheus Books.
TROHLER, U. 1988
"The history of therapeutic evaluation: Between dogmatic certainty and empirist probability", in
J.Watt-C.Wood (eds.), Talking Health. Conventional and Complementary Approaches, London,
Royal Society of Medicine, pp. 41-47