Sei sulla pagina 1di 29

Universit di Pisa

Dipartimento di Storia delle Arti



Scuola di Specializzazione in Storia dellArte

Dott. David Rini


IL ROMANICO IN ITALIA SETTENTRIONALE ED I RAPPORTI CON LOTRALPE:
Lantica diocesi di Como

A.A. 2006-2007
Il Romanico darea comasca 2

INDICE

Il Romanico in Europa: le prerogative ......................................................................................... 7
Il Romanico in Lombardia ........................................................................................................... 8
Larea dellantica diocesi di Como .............................................................................................. 8
I monumenti .............................................................................................................................. 10
S. Abondio ............................................................................................................................. 10
S. Carpoforo .......................................................................................................................... 11
S. Fedele ............................................................................................................................... 12
S. Giacomo ............................................................................................................................ 13
Galliano di Cant, battistero ................................................................................................. 14
Galliano di Cant, S. Vincenzo .............................................................................................. 15
Gravedona, S. Maria del Tiglio ............................................................................................. 15
Gravedona, S. Vincenzo......................................................................................................... 16
Isola Comacina, S. Eufemia ................................................................................................... 16
ILLUSTRAZIONI ........................................................................................................................ 18
BIBLIOGRAFIA .......................................................................................................................... 22
NOTE ........................................................................................................................................... 26
Il Romanico darea comasca 3

INDICE DELLE ILLUSTRAZIONI

Figura 1. La regione e lantica diocesi di Como. ............................................................................. 6
Figura 2. Como, S. Abondio, facciata............................................................................................. 18
Figura 3. Como, S. Abondio, pianta. .............................................................................................. 18
Figura 4. Como, S. Carpoforo, abside. .......................................................................................... 18
Figura 5. Como, S. Carpoforo, sezione longitudinale. ................................................................... 18
Figura 6. Como, S. Carpoforo, pianta. ........................................................................................... 18
Figura 7. Como, S. Fedele, pianta. ................................................................................................. 19
Figura 8. Como, S. Fedele, sezione longitudinale. ......................................................................... 19
Figura 9. Como, S. Fedele, abside. ................................................................................................ 19
Figura 10. Como, S. Fedele, abside (veduta esterna). ..................................................................... 19
Figura 11. Como, S. Giacomo, pianta. ........................................................................................... 19
Figura 12. Como, S. Giacomo, abside. ........................................................................................... 19
Figura 13. Cant, Battistero di S. Galliano, pianta. ........................................................................ 20
Figura 14. Cant, S. Vincenzo, pianta. ........................................................................................... 20
Figura 15. Cant, S. Vincenzo, cripta. ............................................................................................ 20
Figura 16. Gravedona, S. Maria del Tiglio, pianta (piano inferiore). .............................................. 20
Figura 17. Gravedona, S. Maria del Tiglio, pianta (piano superiore). ............................................. 20
Figura 18. Gravedona, S. Maria del Tiglio, particolare. ................................................................. 21
Figura 19. Cant, S. Vincenzo, abside (veduta esterna). ................................................................. 21
Figura 20. Como, S. Fedelino, pianta. ........................................................................................... 21
Figura 21. Como, Isola Comacina, S. Eufemia, pianta. .................................................................. 21
Figura 22. Como, Isola Comacina, S. Eufemia, pianta della cripta. ................................................ 21

Il Romanico darea comasca 4
~ Introduzione

Quella che segue una breve e concisa ricerca sulle vicende del primo Romanico in Lombardia
settentrionale con specifiche relative al tema dell'architettura chiesastica darea comasca e sui suoi
rapporti con la Germania meridionale in generale e la Rezia in particolare. Per quanto si pu
immaginare, si tratta qui di descrivere e commentare i rapporti (spesso confermati attraverso le fonti
documentarie come pi comunemente dallanalisi dei monumenti) tra il settentrione centrale d'Italia
e la bassa area germanica. Zona a cavallo delle linee di comunicazione tra Roma e le grandi citt del
nord.
Questa tesi, a termine della frequenza al corso di Storia dellArte Medievale Comparata nei
paesi europei nella Scuola di Specializzazione in Storia dellArte dellUniversit di Pisa, sar basata
e si evidenzia per chiarezza come per onest sui risultati raggiuti da Mariaclotilde Magni
(ovvero quelli degli anni 1952, 1960, e quelli ripetuti del 1969)
i
, attraverso unanalisi pi enu-
merativa che sistematica del tema dellarchitettura romanica minore darea comasca. Ad
introduzione dei risultati raggiunti dalla Magni infatti, e comera necessario, si qui fatto anche
riferimento allabbondante letteratura straniera precedente e successiva reperibile e si pensi soltanto
ai diari di Street (1855)
ii
come alle grandi raccolte di Ferdnand De Dartein (1865-1882)
iii
, Arthur
Kinsley Porter (1915-1917)
iv
a quella di Nicolaus Pevsner (1945)
v
. In allegato al testo stesso sar
inoltre possibile consultare un repertorio bibliografico nel quale, in ordine alfabetico, sono elencate
tutte le pubblicazioni utilizzate per la preparazione di questo lavoro insieme ad altre eventualmente
utili al lettore e concernenti tematiche analoghe ma di interesse pi generale.
Larea comasca in particolare come quella Lombarda in generale sembrerebbero aver dato i
natali a molti artisti ed artigiani che lavorarono sia a nord che a sud delle alpi a partire dal X secolo.
Tratto che sembra anzitutto confermato dalla placca con limmagine di S. Nazaro di Hannover (oggi
al Kestner-Museum di Hannover) sulla quale si basa lattribuzione del Registrum Gregorii ad un
maestro di provenienza lombarda al lavoro presso larcivescovo di Treviri Egberto e dellimperatore
Ottone III
vi
. Squadre di muratori lombardi, analogamente a quanto fecero in et barocca,
sembrerebbero poi essere presenti in Alsazia come in Svezia, mentre un comasco avrebbe lasciato
traccia di se in Baviera nel 1133
vii
. Altri sembrerebbero per i riferimenti e le conferme
dellimportanza di questarea sia per linfluenza che ebbe verso linterno, ovvero sullItalia
settentrionale
viii
, che lesterno, il centro e lest Europa
ix
. Da queste terre infatti provengono
numerosi muratori, scultori e pittori. Adamo da Agogno inizia il Duomo di Trento mentre Giovanni
da Campione sembrerebbe essere lautore dei portali della chiesa di Santa Maria Maggiore di
Bergamo. Bonino da Campione, lautore dellarca scaligera di Cansignorio come Lorenzo degli
Spazzi da Laino in Valdintelvi ricordato tra alcune vicende per la costruzione del duomo di Como.
Nei registri delle fabbriche della Certosa di Pavia e del duomo di Milano si trovano tanti dei nomi di
campionesi e di paesi vicini. Dal villaggio di Carona, oggi in Svizzera meridionale sul lago di
Lugano (che era entro i limiti nord occidentali dellantica diocesi di Como), usciranno i Solari che
sotto il nome di Lombardo rappresentano sicuramente alcuni tra i maggiori creatori del
Rinascimento veneziano. Inoltre da Campione, sulla costa opposta del lago, partir Pietro Antonio
Solari che lavorer verso al fine del XV secolo al Kremlino di Mosca. Poco pi a sud invece
Maroggia da dove avranno origine i fratelli Rodari, noti aver lavorato al duomo di Como. Ed
proprio da Marogia che partir ancora Baldassarre Longhena che a Venezia realizzer com noto,
oltre ai palazzi Pesaro e Rezzonico, anche la chiesa di Santa Maria della Salute. Sempre sulla
medesima sponda del fiume, da Bissone a pochi chilometri a sud di Campione dItalia, i Gagini
partiranno per lavorare in Liguria, in Sicilia, in Lombardia come nel Friuli, in Francia ed in Spagna.
Da Rovio, poi Scaria in Valdintelvi, si muoveranno molti dei membri della famiglia dei Carloni,
scultori, pittori, architetti attivi in Liguria, nel Piemonte, a San Gallo, a Einsielden ed in altre chiese
svizzere. Dalla medesima plaga luganese poi, e dalla Val Mesolcina (a Nord-Ovest del Lago di
Como), partir Giovanni Maria Nasseri da Lugano impegnato preso la Cappella dei Principi a
Dresda decisiva per lintroduzione del nuovo stile rinascimentale in Sassonia. Altri spostamenti
Il Romanico darea comasca 5
vedranno artisti raggiungere la Polonia e quindi la Russia. Domenico Trezzini da Astano (tra il
Lago di Lugano e il Lago Maggiore) nel XVIII secolo architetto di fiducia di Pietro il Grande
nella creazione di Pietroburgo, architetto, tra laltro, del convento di Newski. Sempre a Mosca
ritroviamo larchitetto Giovanni Battista da Montagnola.
Ma fu sicuramente a Roma che tra il Rinascimento ed il Barocco giunsero dalle nostre
regioni molti artisti di immenso rilievo; dallarea di Lugano provengono infatti Domenico Fontana
(nato a Melide sul Lago di Lugano) come Carlo Maderno, nato a Capolago. Il medesimo Borromini
era di Bissone. Ma conferme dellimportanza dellarea nellalto Medioevo, in fine, sembrerebbero
provenire da pi recenti indagini sullarea Germanica settentrionale
x
e persino sul Ungheria
xi
.

Il Romanico darea comasca 6


Figura 1. La regione e lantica diocesi di Como
xii
.

Il Romanico darea comasca 7

Il Romanico in Europa: le prerogative

Nellarco di circa tre decenni, tra il 1060 e il 1090, lEuropa tutta vive un periodo di intensissima
attivit architettonica. Mentre lo stile Romanico diviene la grande realt spirituale del tempo, lo
sbocco per una o forse due generazioni di architetti ed artigiani, vengono infatti erette in questo
periodo numerose costruzioni chiesastiche dallovest allest dellEuropa partendo dalla Spagna
attraverso la Spagna fino alla Germania, lItalia e, a nord, lInghilterra.
Una volta segnata la strada del nuovo sentimento architettonico, arriver il tempo per una
diffusione che non potr essere che capillare: dai centri maggiori ai minori, dalle aree periferiche
alle valli fino alle zone pi impervie delle montagne; da qui le singole creazioni dellarchitettura
sembrano divenire normative, mentre nasce e si sviluppa un uso di forme e stili comune.
Ma larchitettura Romanica in generale, come forse quella Romanica Comasca in
particolare, principalmente chiesastica; rari, infatti, sono i monumenti archeologici di architettura
militare come, ancora di pi, quelli di tipo civile, sia pubblico che privato. I palazzi comunali come
quelli signorili sorgeranno pi spesso in et proto-gotica con laffermazione dei poteri comunali e
delle citt franche, ed avranno forme accademiche
xiii
lontane dal primo Romanico.
Daltro canto larchitettura delle chiese che aveva avuto la sua origine antica nelle basiliche
romane, cominciava ad acquistare un nuovo valore con una pi chiara distinzione e marcatura dei
pesi e degli spazi come lintroduzione delluso diffuso della volta. Ledificio cultuale di
conseguenza diviene un insieme pi omogeneo e modulato costituito da murature perimetrali
solidamente impostate e articolate in arcature a pieno centro gravanti su pesanti pilastri e non
soltanto colonne. La distinzione dei pesi e delle strutture corrispondenti, vedr la nascita di pilastri a
croce a supporto delle pareti come delle coperture laterali delle navate. Ai lati della chiesa si
affiancheranno quindi i contrafforti a contenere le spinte verso lesterno.
Altro elemento che si andr a diffondere variamente in tutta lEuropa sar lampio sviluppo
del presbiterio e del coro ai quali si aggiungeranno poi gli elementi trasversali dei transetti. A
partire dai modelli dellarchitettura carolingia, Aquisgrana prima fra tutte, principalmente in Francia
si svilupperanno le forme tipiche del cosiddetto coro benedettino, ovvero della struttura areale del
presbiterio dove al allabside principale se ne aggiungeranno altre a andamento radiale apparsa per
la prima volta a Cluny
xiv
o assiale
xv
. Talvolta avendo un contorno di altari e cappelle absidali il cui
accesso avviene senza bisogno di deambulatorio, come accade ad esempio a Bois, Chartres, Cluny
II, al Saint Pierre di Sone-et-Loire e a Payerne.
Il Romanico tedesco, prima con Centula (costruta da Angilberto, genero di Carlo Magno tra
il 790 e 799), St. Riquier e con Corvey e Werden poi, con la chiesa di San Michele ad Hildesheim
(1001-1003 ca.) offriva una struttura a doppio transetto con bipartita strutturazione tra labside ad
oriente ed uno identico ad occidente, il Westwerk, ovvero corpo occidentale
xvi
.
A differenza di quanto succede generalmente in Italia ed analogamente in area comasca
spesso sopravvive il tipo basilicale semplice con o senza transetto, nei grandi cantieri di tipo
monastico in area Francese si adotter oltre al coro benedettino anche il tipo delle chiese di
pellegrinaggio (ad esempio a Conques), mentre in alcuni casi si avranno soluzioni ibride come a
Saint-Benoit-sur-Loire. Sempre in territorio francese si uniranno le soluzioni della pianta a croce
latina con quella della nave unica insieme con la copertura a cupola (cfr. Souillac).
Ma le nuove soluzioni sviluppate in pianta verranno poi aggiornate negli alzati della chiesa
romanica nella quale la diffusa pratica di concludere la chiesa in materiali lapidei o in muratura, o
attraverso pi semplici arconi trasversali, forse per proteggere le costruzioni dai danni degli incendi
porter alla creazione di un nuovo e stretto legame tra il muro e larco o la volta: nasce cos un
nuovo stile architettonico basato su un modulo, la campata, ovvero lo spazio quadrangolare incluso
tra quattro piedritti e coperto spesso da una volta a crociera mentre forma coincide con funzione.
Da qui il pilastro, e non pi la colonna, il principale elemento di sostegno verticale
utilizzato ed assume un profilo a croce o a fascio e si associa ai contrafforti allesterno che reggono
Il Romanico darea comasca 8
le spinte laterali. proprio da qui che si svilupperanno variazioni come quella dellalternanza tra
campate, una nella navata centrale corrisponder a due nelle minori laterali che assumono
proporzioni dimezzate mentre i piedritti assorbiranno rispettivamente i pesi e della navata centrale e
quindi delle laterali; primo fra tutti sta qui il modello di S. Ambrogio a Milano.
Le due torri in facciata poi, comparse per la prima volta nella cattedrale di Strasburgo nel
1015, avranno un utilizzo molto ampio per tutta lEuropa, non soltanto in Germania ma in Francia
ed in Inghilterra. In area lombarda poi le torri verranno utilizzate principalmente ai fianchi del
transetto allincrocio con la navata principale.

Il Romanico in Lombardia

Ma proprio nel romanico lombardo che nasceranno e si propagheranno diversi tipi ed elementi
costruttivi come motivi decorativi; infatti dalla Lombardia, ed ovviamente intendendo unarea
molto ampia dalla moderna Emilia-Romagna alla Lombardia e parte del veneto occidentale, che si
propagheranno gli elementi decorativi delle logge, archetti, delle gallerie, delle lesene che tanto
hanno mosso ed animato prospetti, fiancate ed absidi delle costruzioni di quellarea. I rapporti pi
stretti si ebbero sicuramente tra la Lombardia e Colonia, citt nella quale, prima delle gravi
distruzioni della Seconda Guerra Mondiale, era sicuramente capitale dellarchitettura romanica
nella valle del Reno, sicuramente se paragonata con le soluzioni dellarchitettura dellalto Reno.
Lungo gli itinerari delle campagne imperiali in Italia sembrerebbe essersi svolto un continuo
scambio di idee come di artigiani e molti muratori, architetti e decoratori lombardi devono aver
viaggiato in lungo ed in largo tra il nord della penisola e larea della Germania meridionale; la
presenza di maestri di origine comasca per altro documentata in Alsazia come in Svezia mentre
ormai certa la presenza di un maestro comasco a Baviera nel 1133
xvii
.
Una analisi del patrimonio architettonico lombardo rivela da subito, forse pi di ogni altro
territorio dellEuropa del tempo, una grande variet (come forti differenze) di tendenze costruttive,
come figurative; una diversit che frutto delle vicende storiche e politiche come della specifica
collocazione geografica che lo vede in contatto con lEuropa centrale ed occidentale da un lato
come, attraverso sud est con loriente.
Larchitettura lombarda ha le sue fondamenta basate sullantica e fertile tradizione delle
maestranze comacine che utilizzarono il loro lessico tecnico e decorativo in maniera ripetuta e
continua; si pensi alle lesene, agli archetti pensili, elementi utilizzati per animare principalmente le
superfici di facciata ed abside. Da qui il primo esempio compiuto di architettura romanica in
Lombardia si avr nella basilica romanica di SantAmbrogio (X-XI secc.), edificata sullimpianto
della chiesa paleocristiana gi rimaneggiata in et altomedievale; ad esempio, labside fu
completamente rifatta mentre poi si rinnovavano le navate coprendole con volte a crociera
costolonate.
Di li in avanti molte nuove basiliche verranno erette in Lombardia: a Como, il
SantAbbondio (1063-1095)
xviii
, San Carpoforo (consacrata nel 1040 ed poi modificata)
xix
, e S.
Fedele (1115 ca.)
xx
, a Pavia la chiesa di San Michele (1004-1135), Modena, (1099 ca.), Cremona
(inizi XII) ecc.

Larea dellantica diocesi di Como

Quello che appare assolutamente necessario prima di effettuare una analisi, seppur approssimativa,
dellarchitettura comasca in generale e quindi delle strutture periferiche, tentare di ricostruire per
quanto sia possibile il periodo storico come larea geografica interessata. Anzitutto si noter che dei
monumenti da studiare ben pochi risalgono al periodo successivo al 1000 mentre si datano entro la
fine del XII secolo. Leggendo i suoi ripetuti interventi sulla Storia di Milano del Bognetti
xxi
, appare
chiara la fondamentale funzione politica oltre che posizione geografica nel periodo longobardo dei
maggiori centri prealpini dellarea centrale a fronte delle montagne. Una volta caduto ogni limite
Il Romanico darea comasca 9
geografico tra la penisola e lEuropa centrale, si crearono precise linee direttive tra il nord, la zona
di Como e la pianura lombarda a sud
xxii
. Dallarea della Rezia per passare attraverso i passi del
Bernina, del Malajola e dello Spluga si giungeva al Lago di Como e da qui, attraverso i due rami
occidentale ed orientale, con Como e Lecco per superare a ovest ivalichi del Lucumano e del
Settimio sul Lago Maggiore.
Ed appunto questa larea delle prealpi lombarde nella quale, ancora sotto la dominazione
bizantina, molti dovevano essere gli insediamenti vitali al tempo delle invasioni; si pensi a Lecco,
Castelmarte, lIsola Comacina, Como stessa e Seprio ovviamente con il gruppo di Novate e Pombia.
Questa sicuramente larea dellultimo baluardo contro i Longobardi che premevano da sud e si
ricordi che lIsola Comacina fu certamente in possesso dei bizantini dipendenti da quel Francione
arresosi soltanto nel 588 ben venti anni dopo la conquista longobarda dellItalia settentrionale
xxiii
.
Molte sono purtroppo le lacune nelle fonti per quantoriguarda le vicende della storia comasca
durante la dominazione longobarda prima e franca poi fino alla dominazione milanese degli inizi
del XII secolo, anche se preziose sono le informazioni rintracciabili nella letteratura di Cant
xxiv
,
Bagnetti
xxv
, Besta
xxvi
, Barni
xxvii
, Molteni
xxviii
e Strada
xxix
. Como, con le sue provincia e diocesi
xxx
,
appare lungo tutto il Medioevo in aperto contrasto con Milano la cui influenza si far sentire
significamene soltanto colla fine del XI secolo. I vescovi milanesi cercarono spesso di esercitare il
loro potere su numerose diocesi lombarde che per, sia per quanto riguarda Como e Pavia, antica
sede della capitale del regno, non sempre perdevano la loro autonomia. Dal canto suo Como sin dai
primi anni del VII secolo godeva di una forte indipendenza dal vescovo di Milano quando, aderendo
allo scisma dei tre Capitoli, chiedeva la consacrazione del proprio vescovo Agrippino direttamente
al patriarca Giovanni di Aquileia
xxxi
. Una indipendenza, quella di Como che era anche politica ed
economica probabilmente confermata anche dalla sua indipendente gestione dei passi e percorsi
alpini
xxxii
.
Ma le tensioni con Milano verranno sempre ad acuirsi fino a divenire rotture agli inizi del
XII secolo; una lotta questa durata decenni e vinta a scapito della citt lariana. Quando nel 1096
moriva il vescovo comasco Artico, venne regolarmente eletto come suo sostituto Guido Grimoldi
mentre da parte imperiale fu nominato Landolfo da Carcano. Da qui in avanti cominceranno attriti e
scontri che dureranno per oltre due decenni fino al 1118 quando Milano sconfigger
definitivamente Como.
I due prelati infatti rimarranno in conflitto per circa venti anni essendo il primo insediato in
citt mentre il secondo nel contado, lo stesso che i comaschi affronteranno e faranno prigioniero
nel castello di San Giorgio. Da qui si scatener la potenza milanese a fianco del vescovo
canonicamente eletto
xxxiii
.
Una volta diminuito il potere di Seprio nella seconda met dellXI secolo, le diocesi di
Milano e Como erano oramai a diretto contatto non solo religioso ma anche politico in unarea
come si notava di estrema importanza nelle comunicazioni col centro Europa. La guerra scoppi nel
1118 vedendo la vittoria di Milano su Como e la definitiva distruzione della citt lariana ceh
comincer cos a decadere ineluttabilmente e da un punto di vista politico e artistico.
Una fioritura artistica quella comasca che aveva avuto un enorme sviluppo tra il X e lXI
secolo nella diocesi e provincia della citt con la costruzione di un grandissimo numero di chiese sia
sulla terra ferma che sulle isola Comacina. Si pensi soltanto che proprio qui, in una posizione che si
penserebbe defilata, sono documentate esserci sei chiese mentre altre sette furono costruite sulla
riva del lago vicina
xxxiv
.
Larchitettura romanica darea comasca, analogamente a quella milanese, non si svilupp
allinterno di una semplice area delimitata da confini, ma, anzi, in una regione molto diffusa anche
se concentrata sulla direttrice nord sud tra Coira e Como. Quella zona che, scrivendo con le parole
del Chiesa
xxxv
, era il Lario e il Ceresio ovvero due plaghe della medesima terra, popolata dagli stessi
uomini che parlano la stessa lingua e sentono concordemente offrendo a chi li vede il medesimo
volto.
Il Romanico darea comasca 10
Ma alcune parole ancora sono da spendere a commento della letteratura esistente
sullarchitettura romanica comasca; anzitutto, la prima e fondamentale opera del vescovo
Ninguarda
xxxvi
, in visita a Como tra il 1589 e il 1593; una fonte importantissima ed estremamente
dettagliata realizzata con intelligentissime note sullo stato delle chiese dellarea alla fine del XVI
secolo
xxxvii
. Al vescovo faranno seguito anche, allla fine del secolo successivo Giovanni Battista
Giovio
xxxviii
, mentre poi allinizio del XIX secolo, il Barelli
xxxix
e il Balestra
xl
, e quindi di seguito il
Cavagna Sangiuliani
xli
, SantAmbrogio
xlii
, Giussani
xliii
, il Monnered de Villard
xliv
tutti studiosi in
vario modo influenzati dal Venturi, Toesca e dallimponente monografia del Dartein
xlv
. Di qui in
avanti, gli studi di Porter
xlvi
e poi di Verzone
xlvii
e Arslan
xlviii
, Panazza
xlix
e, anche se marginali al
nostro discorso, quelle del Ceschi
l
si concentreranno principalmente su questioni di cronologia,
mentre, in fine, alla Magni
li
si dovr una serie di interventi basati principalmente su questioni di
storia della tecnica edilizia come un gran numero di lavori tipologici.


I monumenti

S. Abondio

Ad una analisi pi ravvicinata dei monumenti romanici comaschi con particolare riferimento
allarchitettura religiosa S. Abondio (fig. 2)
lii
sicuramente quello di maggior rilievo; certamente
uno dei maggiori monumenti dello stile lombardo, la chiesa descritta dal Giovio
liii
e dal
Ninguarda
liv
e quindi analizzata ed illustrata dal Dartein
lv
. Successivamente studiata dal Boito
lvi
,
fino alla Magni
lvii
. Molto probabilmente eretta gi in et paleocristiana, esistono infatti, molte
iscrizioni datate al V secolo e ritrovate durante gli scavi di inizio secolo scorso. La chiesa fu
tradizionalmente dedicata ai principi degli apostoli ed utilizzata a lungo come cattedrale. Cant (I,
p. 54) affermava che S. Abbondio fu fondata da S. Felice quando S. Amanzio trasl delle reliquie di
Pietro e Paolo da Roma (Giovio, p. 181). Tatti ricorda la prima chiesa officiata da un capitolo di
preti menzionato in un privilegio carolingio nell803 e quindi di Ludovico il Pio nell818 (Tatti, I,
945, 946). Pi tardi (914), per, S. Abbondio non pi cattedrale a scapito di S. Eufemia
lviii
. Nello
stesso 1013, Alberico, allora vescovo di Como, stabilisce un monastero benedettino presso la
pieve
lix
; atto confermato formalmente anche da Enrico II che seguir ad elargire donazioni nel 1015,
1027 e 1063
lx
. Una cronaca forse di Filippo da Goffredo ricordava la data del 1095 per la
consacrazione; al 16 maggio dello stesso anno risale la bolla di papa Urbano emanata a Milano
lxi
; lo
stesso papa che rinominer proprio in quellanno la chiesa a S. Abondio. Al 1180 risale un altro
donativo del vescovo di Como, allora ormai insediato a S. Eufemia, mentre da documenti datati dal
1195 al 1205 si viene a sapere che gi crano state tensioni per lelezione del vescovo tra i monaci
ed il capitolo della cattedrale. Daltro canto, con due bolle di papa Innocenzo III (1205, 1208),
appare ormai chiara la dipendenza di S. Abondio direttamente dalla Santa Sede.
La chiesa fu gravemente modificata dal cardinale Tolomeo Gallio nel 1586
lxii
quando il
portico dingresso fu raso al suolo mentre nuove finestre vennero aperte e le navate con volte
mentre nuovi altari vennero ricomposti e rifatti. Proprio agli inizi del secolo successivo risale
linstallazione presso S. Abondio di un canone di agostiniani che rimase attivo fino al 1796, quando
venne definitivamente soppresso.
Nel 1863, un grande intervento di restauro fu intrapreso per consolidare ledificio che ormai
soffriva problemi statici; allinterno si rimossero paramenti murari tardi come si abbatterono le
volte. La navata laterale, lato occidentale, venne rifatta seguendo la descrizione del Ninguarda.
Questo il periodo nel quale i resti della precedente basilica furono scoperti.
La chiesa attuale costituita da una pianta a cinque navate divise da sei campate e ciascuna
terminante in una abside semicircolare; la maggiore, assiale, sviluppatesi in maniera estremamente
maggiore rispetto alle laterali (cfr. fig. 3). Ai lati dellabside principale poi si alzano due campanili
a base quadrata disposti simmetricamente. Allinterno, la chiesa sorretta da quattro elevate file di
Il Romanico darea comasca 11
pilastri cilindrici, a collegamento di arcature, e coronati da capitelli cubici e con basi attiche. La
muratura abbastanza regolare, analogamente a S. Benedetto di Lenno
lxiii
, e sicuramente uniforme
costituita com da conci squadrati e filari ordinati anche se non sempre disciplinati.
La decorazione delle pareti esterne particolarmente sviluppata e costituita da filari di
archetti pensili alternati a lesene lisce, tratto comune dellarchitettura romanica comasca e che
ritroveremo spesso di seguito, ed a colonnini. Le finestre ad ogiva cono fortemente strombate e
decorate, soprattutto nellare absidale, da ghiere a tralci e motivi fogliati. Sui campanili le finestre
sono su due livelli, trifore nellultimo. La facciata a salienti e ritmata longitudinalmente da larghe
lesene a marcatura della divisione interna come a separazione delle archeggiature pensili alla
sommit dei cornicioni.
Un tratto formale in fine degno di nota; labside costolonato (con costoloni a profilo
squadrato) ad ombrello analogamente a quanto accadeva nella medesima area in S. Eufemia
sullIsola Comacina e, in Francia settentrionale, in St-Remy of Bruyre-sur-Fre. La stessa abside
decorata da numerosi fregi dintorno ai fornici; strutture analoghe al S. Michele di Pava pi che al
S. Ambrogio di Milano.

S. Carpoforo

Come accade spesso di riscontrare a chiunque si avvicini allo studio dellarchitettura romanica
comasca, il primi dati bibliografici reperibili tornano ad essere il Ninguarda e il Giovio; qui che si
trovano le prime tracce a descrizione di S. Carpoforo (fig. 4)
lxiv
, chiesa a poche centinaia di metri a
sud dal centro urbano. A Clericetti si deve il primo contributo analitico delledificio
lxv
. Largomento
fu poi ripreso, monograficamente, dal Tatti
lxvi
. Ultimissimo contributo quello di Giuseppe Rocchi
Coopmansa de Yoldi
lxvii
.
Da quanto sembra la fondazione di S. Carpoforo risalirebbe ad una data estremamente alta:
la chiesa sarebbe stata infatti eretta sul luogo di un antico tempio pagano dedicato a Mercurio
lxviii
.
Tatti ricorda inoltre anche la data di fondazione da parte del vescovo S. Felice nel 379, mentre
allanno successivo (380 ca.) risalir la traslazione delle reliquie del santo, l poste nella cripta.
Altra la tradizione ricordata dal Giovio
lxix
. La chiesa, considerata la pi antica di Como e che fu
cattedrale, sarebbe stata specificamente realizzata sul luogo della memoria di San Carpoforo,
soldato romano sottoposto a Massimiano che, convertitosi al Cristianesimo, moriva massacrato dai
suoi stessi commilitoni nei pressi di Como. Le fonti disponibili, perduti gli originali
lxx
, ricordano il
rifacimento di S. Carpoforo sotto Liutpriando che garant privilegi alla chiesa (724 d.C.). Il legame
con Liutprando sar spesso confermato dalle fonti che insistono spesso sulla tradizione del trasporto
proprio a S. Carpoforo di alcune reliquie del santo e di suoi accoliti (Proto, Giacinto e Eugenia) da
Roma.
Giovio poi ricorda lantica dedicazione di S. Carpoforo ai Sette Ordini, a significare
dotazioni per tutti gli ordini ecclesiastici
lxxi
. Agli inizi dellXI secolo, la chiesa dipendeva da S.
Abondio mentre entro il 1040, un monastero benedettino fu insediato a S. Carpoforo
lxxii
. Secondo
Porter, e seguendo il Giovio e Barelli, la chiesa sembrerebbe in fine essere stata edificata tra il 1028,
quando Litigerio diviene vescovo di Como e il 1040, quando la chiesa sembrerebbe essere gi in
uso. Allo stesso litigerio sembrerebbe da attribuire la fondazione del convento annesso alla chiesa e
ripetutamente testimoniato come attivo tra il 1090 e 1091
lxxiii
.
Nel 1872, comincia un pesante intervento di restauro
lxxiv
. La chiesa era in quella data molto
ben conservata se paragonata con la situazione attuale; rimanevano ancora le antiche cancellate di
separazione tra navate e coro rialzato e le volte a crociera dellarea absidale da li in avanti distrutte.
In questo stesso periodo vennero anche alla luce numerose lastre datate alla tarda et
carolingia. Soltanto due anni dopo (maggio 1874) la copertura croll mentre ricominciava una
nuova e fervida attivit di restauro che comport anche la stuccatura ed intonacatura degli interni ad
obliterare i paramenti murari.
Il Romanico darea comasca 12
Attualmente la chiesa di S. Carpoforo a tre navate delle quali la centrale divisa in tre
campate con loccidentale molto pi amplia delle due rimanenti; un coro rialzato sovrastante una
cripta, unabside centrale, una absidiola meridionale, ed un campanile quadrato. I piedritti intermedi
delle navate sono stati rimossi e sostituiti durante i restauri della seconda met dellOttocento.
Le attuali navate laterali sono coperte da volte a crociera ed alternate da archi traversi
evidentemente di restauro mentre in origine la copertura doveva essere certamente in legno. Lunica
copertura a volta originale probabilmente quella alla base del campanile
lxxv
. Le pareti esterne sono
mosse da frequenti aperture ogivali disposte regolarmente allaltezza del cleristorio e molto
probabilmente anticamente schermate da materiali lapidei traslucidi. La cripta si alza ancora su alte
colonne a sostegno di una copertura a volte a crociera non originarie. La muratura visibile grezza
e sembra mantenere il suo carattere originale. Il materiale costruttivo costituito da grossi conci
non squadrati distesi su filari soltanto approssimativamente allineati.
Daltro canto, la muratura dellabside (decorato da un filare di archetti pensili allaltezza
della cornice superiore e ritmato da colonnine verticali addossate alla parete; cfr fig. 4),
estremamente fine e ben squadrata e costituita di blocchi ben sagomati e posati su filari
estremamente regolari ed alternati su due toni, uno scuro ed uno chiaro (decorazione litotomica,
ovvero alternanza di materiali scuri e chiari su filari sovrapposti).

S. Fedele

La chiesa di S. Fedele (figg. 7-9)
lxxvi
, sicuramente una delle pi rilevanti dellarea lariana, come
accade spesso fu descritta sia da Giovio che Ninguarda
lxxvii
. Entrambi autori di complete
descrizioni. Lo stesso Dartein si intrattenne molto sullo studio di S. Fedele pubblicando le prime
tavole della pianta e della sezione come di alcuni particolari decorativi mai pubblicati fino ad allora.
Il Barelli continuer questa linea interpretativa non aggiungendo molto di nuovo
lxxviii
.
La chiesa abbastanza ben conservata mentre gli interni sono purtroppo rivestiti di intonaco
dal tardo Rinascimento mentre il paramento lapideo praticamente illeggibile. La chiesa era dedicata
a S. Eufemia prima del X secolo mentre il Tatti congetturava di conseguenza che la chiesa fosse
stata fondata dallo stesso S. Abondio verso il 452 da quando il vescovo introdusse a como il culto
della santa orientale
lxxix
. Tatti stesso ricordava anche un atto del vescovo Walperto del 914 nel quale
la stessa S. Eufemia come cattedrale di Como officiata da un capitolo di preti
lxxx
. Questa medesima
importanza poi confermata dal vescovo Ninguarda che ricordava anche che la chiesa era ancora
degna di tutta considerazione anche dopo il trasferimento del titolo di cattedrale mentre in essa,
collegiata, mantenne sede un preposto e sette canoni con cura danime ed ufficiatura regolare
lxxxi
. Il
titolo della chiesa sembrerebbe probabilmente cambiare nel decimo secolo, precisamente nel 964,
quando i resti di S. Fedele vennero trasferiti da Samolaco (sullestremo lembo settentrionale del
Lago di Como) alla chiesa che da quel momento in avanti cambier nome
lxxxii
.
La chiesa sembrerebbe essere stata officiata per la prima volta nel 1032 e 1035
lxxxiii
quando
era presente anche un capitolo di preti mentre Cant
lxxxiv
e Tatti
lxxxv
rammentavano anche che i preti
della chiesa si erano anche riuniti in un canone regolare. Latto di fondazione, non datato purtroppo,
fu pubblicato sempre dal Tatti
lxxxvi
. Sempre dal Tatti veniamo a sapere che per tutto il XII secolo ed
a partire dal 1103, si ebbero continue ingerenze da parte vescovile sulla canonica di S. Fedele
terminate soltanto con lintervento del papa Pasquale II
lxxxvii
.
Cesare Cant era invece testimone del contenuto di due altri testi dove era descritta
lesistenza di un portico di fronte alla chiesa (1151)
lxxxviii
come pi tardi lo stato gravemente
precario del campanile (1270)
lxxxix
. Altre due date sono di grande rilievo: nel 1335 la chiesa ospita
temporaneamente il titolo della cattedrale quando la chiesa di S. Maria era in ricostruzione e il 1509
quando S. Fedele viene ricostruita in stile tardo rinascimentale e la facciata forata da un rosone
xc
.
Sempre dalle nostre fonti sappiamo che il piano di calpestio interno alla chiesa non corrisponde pi
a quello antico, probabilmente a mosaico, mentre il livello stato innalzato per adeguarlo a quello
del piano stradale. A conferma del rialzamento sono le colonne prive di basi perch interrate.
Il Romanico darea comasca 13
La muratura esterna, coerente con quella interna, in materiali lapidei regolarmente
squadrati e bene allineati su file ben disposte orizzontalmente analogamente allinterno. Sulla
sinistra dellingresso principale trova spazio il battistero; noto come S. Giovanni in Atrio
xci
proprio
perch annesso alla chiesa ed anticipato da un antico portico sfortunatamente distrutto. Il capitolo
della chiesa venne soppresso nel 1789
xcii
. Nel 1806 la cupola antica fu restaurata nella sua forma
attuale mentre alcuni anni pi tardi alcune cappelle laterali vennero aggiunte
xciii
. Di nuovo nel 1867
si effettuarono altri lavori di restauro che comportarono un abbassamento del livello della
pavimentazione e quindi un avvicinamento al livello originario di calpestio. Questo il periodo nel
quale una cappella costruita sul lato occidentale della chiesa fu rimossa mentre unantico ingresso l
aperto fu nuovamente reso utilizzabile. Nel 1893 le cappelle furono restaurate ed i pavimenti
abbassati. La chiesa di San Fedele consiste oggi di una nave lunga quattro campate e due navatelle
laterali. Il coro costituito da una sola campata circondata da una navata anulare; una struttura
questa del tutto analoga alla terminazione absidale composita di S. Maria in Campidoglio a Colonia
(cfr. fig. 9)
xciv
. Originariamente, escludendo alcune cappelle aggiunte in tempi moderni, il coro era
affiancato da cinque cappelle radiali a profilo semicircolare.
Se vista in pianta, la chiesa di S. Fedele appare evidentemente come uno, forse il pi
sviluppato, dei pi importanti risultati dellarchitettura romanica non solo comasca ma europea.
Attualmente la chiesa completamente voltata a differenza della situazione originaria; la navata
centrale infatti era attraversata da tre arconi, ancora esistenti al di sopra delle volte attuali, e coperta
a capriate. Le navate laterali sono attualmente coperte di volte a crociera costolonate prive di archi
trasversi. Le strutture di copertura sicuramente pi importanti e significative sono quelle dellarea
absidale dove queste furono rivestite da murature posticce in epoca tarda e quindi attualmente
ancora mantenute; gli spazi voltati sono suddivisi in compartimenti alternativamente rettangolari e
triangolari attraverso pesanti archi trasversi.
Sul lato nord della navata settentrionale si alza il campanile, che pendente. La cupola
stata rifatta completamente in stile barocco mentre limitate tracce della struttura originaria
dimposta sono ancora visibili. A conferma dei grandi lavori di rifacimento sono le finestre quasi
tutte rifatte soltanto poche mantengono ancora oggi il loro aspetto romanico. Significative le
aperture delle nicchie absidali, molto ampie, rispetto a quelle pi limitate delle gallerie.
Le murature sono estremamente regolari come i conci perfettamente squadrati e disposti su
filari regolari ed orizzontali. Tale raffinatezza nelluso dei materiali costruttivi farebbe persino
pensare allutilizzo di materiali antichi, forse romani
xcv
. La decorazione lapidea estremamente
diffusa ed elaborata; capitelli corinzi a foglie lisce decoravano le colonne a separazione delle navate
come anche capitelli cubici a profilo liscio erano alternativamente utilizzati. Particolarmente degni
di nota sono i variati capitelli delle colonnine interne ed esterne dellabside coronate
alternativamente di capitelli corinzi a foglie lisce, da strutture composite, come da capitelli zoo-
morfi (aquile e animali mostruosi sono per esempio ben visibili). Colonne come pilastri hanno basi
modanate ben sagomate.
Allesterno la decorazione architettonica molto abbondante e costituita da archetti pensili
sui lati delle navate mentre nellabside coronata da una complessa struttura praticabile con
colonne libere a sorreggere un portico ad archetti a qua volta sormontato da strutture pensili su
mensole. Una ulteriore caratteristica della decorazione scultorea della chiesa quella rappresentata
dallapertura absidale; sugli stipiti del portale, qu timpanato, sono infatti rappresentati due episodi
dellAntico Testamento: Daniele nella fossa dei Leoni e Abacuc e langelo.
Ma sicuramente per le gallerie absidali, praticabili, che S. Fedele merita ogni attenzione
anche considerando che non sembrano essere documentate strutture decorative di questo genere
entro il XII secolo. Nella stessa S. Abbondio, la struttura degli archetti pensili appare molto meno
elaborata e nessun accenno allesempio fedelino fatto.

S. Giacomo

Il Romanico darea comasca 14
La grande chiesa di S. Giacomo
xcvi
(vedi figg. 11-12) data dal Porter al 1105 ca.
xcvii
, pur essendo
uno dei pi maestosi edifici religiosi di Como, affatto conosciuta; ovviamente la chiesa compare
sia nelle descrizioni di Giovio
xcviii
e Ninguarda
xcix
(quando S. Giacomo era in restauro; ovvero negli
anni nei quali la chiesa era sottoposta ad interventi di rifacimento come di rimodellamento in stile
baroccheggiante) come anche in studi pi tardi di Clericetti
c
e Barelli ed in fine dal Rivoira
ci
; dopo
di questi almeno si ricordino i lavori storici di Rocchi
cii
e di Gini
ciii
. Ben poco si sa: la chiesa
documentata soltanto nel 1144 mentre soltanto nel 1292 si ricordava la rimozione delle campane
civ
.
E si noti anche che labside decorato da due file di archeggiature. Pensili appena al di sotto della
copertura e piene, sorrette da colonnette libere, appena ad un livello pi in basso (fig. 12).
Sempre dal citato Barelli
cv
, la chiesa fu restaurata nuovamente ed in maniera pesante nel
1657. Ad oggi, S. Giacomo consiste di una navata a tre campate con due navate minori ai lati ed un
transetto sporgente. Il coro moderno diviso in due campate e aperto su cappelle laterali ed un
abside. Il coro anticamente comunicava con le campate laterali con unarcata che fu poi chiusa ma
di cui rimangono ancora oggi delle tracce.
Linterno delledificio stato completamente coperto di intonaco barocco. Da quanto si nota
da unanalisi autoptica del monumento come leggendoli Porter sembrerebbe evidente che la chiesa
fu originariamente coperta da capriate nella navata centrale e volte a crociera nelle due minori ai
lati. Per quanto riguarda lo stato originario della copertura dellabside, ben poco si sa. La struttura
attuale, a cupola costolonata su trombe angolari soltanto del XII secolo inoltrato.
La struttura della chiesa si innalza su strutture rifatte in stile barocco e difficilmente
leggibili. I capitelli erano probabilmente cubici. Daltro canto gli unici tratti di muratura visibili
presentano una muratura regolare in pietra squadrata. Labside decorato esternamente con una
galleria molto allungata ed archi rialzati su pilastrini, e con una cornice orizzontale costituita da
nicchie cieche sormontate a loro volta da una fila di archetti pensili (cfr. fig. 12).


Galliano di Cant, battistero

Il battistero di S. Galliano di Cant, a sud est del margine dellantica diocesi di Como, (vedi fig.
13)
cvi
, fu anzitutto studiato dallAnnoni
cvii
che lo illustr per la prima volta in maniera estensiva
seguito dal Garavaglio
cviii
ed ovviamente al De Dartein
cix
e Rivoira
cx
. Porter data il battistero, mai
sconsacrato come invece capit alla chiesa di S. Vincenzo, al 1007 circa.
Ledificio consiste di una pianta rettangolare dalla quale si aprono quattro nicchie
semicircolari mentre agli angoli sono quattro pilastri liberi. Allesterno delledificio, sul lato ovest,
in portico quadrangolare. Su di un piano ammezzato, e nel sodo delle pareti, una galleria
praticabile del tutto analoga a quella di S. Fedele. La struttura coperta alla sommit da una cupola
impostata su trombe e sorretta da arconi e mascherata allesterno. Il portico dingresso anchesso
voltato a crociera.
Linterno fu rimodellato in et rinascimentale e quindi attualmente illeggibile a causa di
pesanti interventi di stuccatura e rivestimenti ad intonaco. Pare invece evidente ad unanalisi della
muratura che il portico sia un aggiunta rispetto alla struttura originaria. A conferma di questa
situazione sta il rifacimento della muratura ovest delledificio come anche degli archetti pensili a
coronamento poco sotto la linea di copertura.
La muratura del battistero analoga a quella della vicina S. Vincenzo anche se
evidentemente pi affinata (sul lato est la parete decorata ad archetti pensili su colonnine e divisi
regolarmente in serie di due a due); si veda per esempio la scansione regolare dei materiali lapidei
che sono per altro ben squadrati.

Il Romanico darea comasca 15


Galliano di Cant, S. Vincenzo

La piccola chiesa di S. Vincenzo (cfr. fig. )
cxi
, fu descritta anzitutto da Castiglione nel 1625
cxii
nel
suo lavoro sulle antichit milanesi intrattenendosi sulle reliquie di S. Adeodato li conservate. Da
quanto sembra dalle indicazioni date dal Porter, la chiesa era ancora intatta entro il 1781 dal cui
periodo non sembra essere pi documentata in piedi la navata meridionale attualmente distrutta;
sempre Porter ricordava la chiesa costruita su spoglie romane poi mai chiaramente identificate.
Sullangolo sud ovest della navata destra si alza il campanile con ancora segni del quadriportico
anticamente allingresso della chiesa. Allegranza
cxiii
ci da alcuni ulteriori dettagli sulle vicende della
chiesa. La prima monografia su S. Vincenzo, gi allora sconsacrata, di Annoni (1872)
cxiv
. La
descrizione di Annoni, affiancata anche da disegni, poi utile strumento di analisi anche perch
testimone della situazione della facciata di quel tempo ancora rinforzata da pesanti e robusti
contrafforti. Oltre allAnnoni torneranno su S. Vincenzo, Barelli in maniera forse affrettata nel suo
studio sullarchitettura romanica comasca
cxv
, poi Romussi e quindi Rivoira, Ratti e Cant
cxvi
.
La chiesa fu consacrata dal vescovo di Milano Ariberto (1018-1045) originario per altro
proprio di un villaggio presso Cant, Intimiano. Seguendo ancora il Porter si sa che S. Vincenzo fu
officiato da un collegio canonico sin dal 1398 fino al XIV secolo. Entro due secoli per la chiesa
perse il suo collegio come il titolo di pievela decadenza continu sino a quando, nel 1801, le
reliquie vennero traslate e ledificio sconsacrato. Di l a poco poi, nel 1835, il campanile fu
demolito. 1909 il momento della ricostruzione della chiesa che mia stata portata a termine fino
ad oggi. Questa fu anche loccasione nella quale la chiesa fu liberata dalle baracche dei contadini
che li si erano insediati sin dal secolo precedente; superfetazioni che per altro resero a lungo
difficile la lettura storica del monumento. In questo stesso periodo si apportarono grandi modifiche
sulla pavimentazione, scavata allora, e quindi alle finestre liberate degli interventi barocchi e rifatte
in stile.
Attualmente la chiesa consiste di una navata centrale lunga di quattro campate pi una
settentrionale, pi due absidi semicircolari, alle quali, in sequenza scalare, si deve aggiungere la
meridionale perduta, e la cripta che si sviluppa soltanto al di sotto del coro e che conseguentemente
rialza notevolmente il piano di calpestio interno al di sopra delle navate (cfr. fig. 15). Parte
dellantico cleristorio ancora visibile mentre la facciata quasi del tutto preservata.
La chiesa nel suo insieme coperta in legno mentre soltanto nella cripta le volte sono a
crociera costolonate con archi traversi assottigliati. La muratura di per se abbastanza regolare ma
realizzata con conci non squadrati con sezioni in mattoni posati su filari orizzontali. I pilastri interni
non hanno n basi n capitelli (talvolta soltanto abbozzati nelle forme di blocchi); nella cripta
invece i capitelli sono corinzi a foglie lisce.
In fine labside (cfr. A. K. Porter, tav. XCIX, fig. 2), decorato di una serie di archetti ciechi
a tutto sesto ben visibili in alto sulla linea di copertura, secondo un modulo diffuso nellarchitettura
chiesastica minore a Como come della Rezia
cxvii
, e disposti regolarmente e tratteggiati in continuit
con le lesene (fig. 16).

Gravedona, S. Maria del Tiglio

La chiesa di S. Maria del Tiglio (cfr. figg. ), a Gravedona nei pressi di Como, come accadeva spesso
per le chiese romaniche nella seconda met del 500, veniva visitata dal Ninguarda
cxviii
dal quale
sappiamo molto dello stato della chiesa in quel periodo come anche da Mella
cxix
, Barelli
cxx
, il citato
De Dartein
cxxi
e quindi Monti
cxxii
ed ovviamente il Porter (che la data al 1135 ca.)
cxxiii
e la Magni
(che invece propone una datazione al periodo tra il 1150 e il 1175)
cxxiv
.
Non sembrerebbero esserci dei dubbi sulla dipendenza di S. Maria dalla vicina chiesa di S.
Vincenzo per la quale svolgeva, analogamente a quanto ricordava ancora Ninguarda, funzione
Il Romanico darea comasca 16
battesimale. La chiesa era infatti precedentemente dedicata a S. Giovanni Battista le cui scene delle
vita sono ancora dipinte sulle pareti esterne dellabside. La chiesa di S. Maria del Tiglio su cos
chiamata dopo un episodio miracoloso avvenuto nel IX secolo e numerose volte ricordato sia nella
cronaca di Aimoino
cxxv
che negli Annales Einardi
cxxvi
e negli Annales Bertiniani
cxxvii
.
Nel 1895 la chiesa fu radicalmente restaurata mentre si rifacevano le coperture a capriate e
si depurava la struttura tutta delle superfetazioni barocche. La chiesa costituita da una pianta
quadrangolare con su tre lati absidi semicircolari che rendono una struttura trifogliata. La facciata
invece anticipata da unampia struttura turrita ancora oggi in uso come campanile della vicina S.
Vincenzo. La copertura a capriate.
Le pareti tutte, sia allinterno che allesterno sono decorate di arcate cieche su colonne
ritmate anche da una evidente decorazione litotomica (ovvero costituita da alternanza di pietre scure
e chiare su corsi di posa orizzontali per altro a Gravedona non troppo dissimile da quella del S.
Carpoforo di Como). I capitelli sono pressoch tutti cubici mentre alcuni solamente abbozzati a
foglie dacanto; talvolta sono presenti elementi zoomorfi.
Le pareti esterne sono ritmate da archetti pensili sorretti da lesene assottigliate che girarno
tuttintorno alla chiesa. Sullabside la decorazione si sdoppia: gli archetti pensili infatti si ripetono
su due file sovrapposte una allaltra.

Gravedona, S. Vincenzo

Il S. Vincenzo di Gravedona (presso Como; cfr. fig. ) fu, analogamente a quanto si pi volte
notato a tante altre chiese e battisteri dellarea comasca, descritta dal vescovo Ninguarda alla fine
del XVI secolo; una serie di note poi confermate dagli studi del Monti allegati alla sua nuova
edizione
cxxviii
. Sia Barelli che De Dartein
cxxix
hanno studiato la chiesa insieme poi al Porter
cxxx
ed
ovviamente alla Magni
cxxxi
.
Molto probabilmente la chiesa fu edificata su di una struttura precedente; forse la chiesa
ricordata dal Giovio
cxxxii
col titolo di S. Salvatore. La stessa S. Vincenzo nel 931 fu eletta al titolo di
pieve e quindi officiata da un capitolo di preti
cxxxiii
. Si ha traccia anche della data di consacrazione,
il 1072. Seguendo la citata edizione di Monti del Ninguarda, che citava un memoriale del 25
novembre 1593, si sa infatti che la chiesa fu chiesa parrocchiale e che in essa erano conservati
numerosi salteri manoscritti, di cui uno datato al 1250 mentre altri persino pi antichi: la cerimonia
invece ebbe luogo la prima domenica di settembre del 1072. Lo stesso Monti ricordava nello stesso
luogo un canone nel quale nel 1164 erano citati larciprete e il collegio canonico.
Nel 1593 ledificio fu visitato dal vescovo Ninguarda
cxxxiv
che ricorda la collegiata in grave
stato, in rovina, a tre navate con corrispondenti absidi; proprio qui che si hanno le prime menzioni
della cripta (con altare dedicato a S. Antonio), che ragione del rialzamento dellarea presbiteriale,
allora ancora conservata ed interrata.
Nel 1660 la chiesa minacci gravi segni di staticit a causa delle infiltrazioni delle acque del
lago che causarono labbattimento delle navate laterali. proprio in questo periodo che il
pavimento fu rialzato e ledificio trasformato in una chiesa a navata unica abbattendo il cleristorio
ed innalzando le pareti delle precedenti navate laterali. Un nuovo coro fu poi eretto.
Successivamente quindi nuove cappelle vennero edificate e la sagrestia costruita ex novo. Dal Tatti
sappiamo che labside venne ricostruito insieme con la facciata e latrio
cxxxv
. La chiesa veniva
nuovamente scavata (1875) e restaurata (1889) come ricorda uniscrizione nellatrio
cxxxvi
.

Isola Comacina, S. Eufemia

S. Eufemia allIsola (nel lembo nord ovest del Lago di Como; cfr. figg. 18, 19), oggi purtroppo in
rovina, sicuramente una tra le chiese romaniche comasche pi studiate; si sono soffermati
sullanalisi della chiesa il Bagnetti
cxxxvii
, il Monti
cxxxviii
, Monneret
cxxxix
, in maniera monografica e
Il Romanico darea comasca 17
quindi Porter
cxl
, la Magni
cxli
. La sola elencazione dei contributi sullargomento sarebbe un lavoro
qui impossibile.
Come ricordava Porter, esistono molti numerosi documenti raramente pubblicati sulla chiesa
sia allAmbrosiana
cxlii
che a Brera
cxliii
mai pubblicati. La stessa S. Eufemia era pubblicata ed
illustrata nella Grande Illustrazione
cxliv
. Descrizioni quelle estremamente utili perch descrittive di
una situazione oggi purtroppo differente. SullIsola Comacina, forse gi nel luogo della chiesa di S.
Eufemia, fu sepolto Agrippino, vescovo di Como che visse probabilmente agli inizi del VII secolo.
E forse dopo la distruzione dellisola avvenuta nel 1169, trasportato sulla terraferma presso la
chiesa gemella di S. Eufemia.
Delle antiche origini dellinsediamento di S. Eufemia si ha poi conferma da un manoscritto
citato dal Porter
cxlv
. Un atto di donazione alla chiesa datato 1054 nel quale si rammentava le abituali
visite di S. Abondio allIsola dove il vescovo comasco trovava riposo. Al suo tempo per altro S.
Abondio fece portare diverse reliquie. Le medesime fonti sulla donazione del 1054 (pubblicate dal
de Villard)
cxlvi
, nelle quali si evidenziava tra laltro la sua povert, sono copiate nella carta di
fondazione della canonica, purtroppo non datata, promulgata da Litigerio, vescovo di Como. Qui si
legge che la chiesa era anche pieve dellIsola come servita ancora da un gruppo di religiosi riuniti in
un capitolo. Proprio a nord delle rovine della chiesa sta ancora un piccolo oratorio barocco dedicato
a S. Giovanni e tradizionalmente detto costruito sulle rovine di un analogo edificio precedente. Le
relazioni tra la chiesa di S. Eufemia e S. Giovanni molto difficile da spiegare. Le due strutture
erano anticamente connesse con un portico e sembrerebbero appartenere ad un complesso
difficilmente databile ma appartenente agli ultimi decenni prima della fondazione della chiesa di S.
Eufemia quando questa era chiesa pievana e non sede capitolare e quindi la chiesa di S. Giovanni,
com facile immaginare, utilizzata con scopi battesimali.
Il Romanico darea comasca 18

ILLUSTRAZIONI


Figura 2. Como, S. Abondio, facciata.


Figura 3. Como, S. Abondio, pianta.


Figura 4. Como, S. Carpoforo, abside.

Figura 5. Como, S. Carpoforo, sezione longitudinale.

Figura 6. Como, S. Carpoforo, pianta.
Il Romanico darea comasca 19

Figura 7. Como, S. Fedele, pianta.

Figura 8. Como, S. Fedele, sezione longitudinale.

Figura 9. Como, S. Fedele, abside.


Figura 10. Como, S. Fedele, abside (veduta esterna).

Figura 11. Como, S. Giacomo, pianta.


Figura 12. Como, S. Giacomo, abside.

Il Romanico darea comasca 20

Figura 13. Cant, Battistero di S. Galliano, pianta.

Figura 14. Cant, S. Vincenzo, pianta.

Figura 15. Cant, S. Vincenzo, cripta.

Figura 16. Gravedona, S. Maria del Tiglio, pianta
(piano inferiore).

Figura 17. Gravedona, S. Maria del Tiglio, pianta
(piano superiore).
Il Romanico darea comasca 21

Figura 18. Gravedona, S. Maria del Tiglio, particolare.

Figura 19. Cant, S. Vincenzo, abside (veduta esterna).


Figura 20. Como, S. Fedelino, pianta.

Figura 21. Como, Isola Comacina, S. Eufemia, pianta.

Figura 22. Como, Isola Comacina, S. Eufemia, pianta
della cripta.



Il Romanico darea comasca 22

BIBLIOGRAFIA

La seguente bibliografia raccoglie i testi utilizzati come fonti nella realizzazione di questa
ricerca, qui elencati in ordine alfabetico. La messe di contributi esistenti, farebbe tendere verso la
scelta, condivisibile, di raggrupparli, subito dopo le fonti pi generali, per argomenti. Quello che si
fatto qui stato raccogliere e trascrivere ordinatamente la maggior parte della letteratura esistente
sul tema dellarchitettura romanica lombarda in generale e romanica comasca in particolare ed
evitando eccessivi formalismi.
Nellintento invece di facilitare chi legge, si scelto di evidenziare tra parentesi quadre, ed
ovunque questo sia stato possibile, le pagine relative agli argomenti trattati. In questa maniera sar
eventualmente possibile ripercorrere le linee critiche fin qui seguite. Sempre al lettore spetter
valutarli ed utilizzarli ad hoc.

Abbate, F., a cura di, Il Romanico in Germania e in Italia, Epoche
dellArchitettura, 1, Milano, 1966.
Adam, E., Pre-Romanico e Romanico, Milano, 1973.
Allegranza, G., Spiegazione e riflessioni del P. Giuseppe Allegranza
sopra alcuni sacri monumenti antichi di Milano, Milano, 1757.
Angri, G., et. al, Como, Guida alla Storia, allarte, allattualit,
Como, 1981.
Ansaldi, R., Reflects diconographie orientale dans une abside
lombarde, in Actes du VIe Congrs International des Etudes
Byzantines, Parigi, 1948, II, 1951, pp. 7-14.
Antonioli, G., et al., Visita pastorale alla diocesi, Filippo Archinti
vescovo di Como (1595-1621), Como, 1995.
Argan, G.C., LArchitettura protocristiana, preromanica e romanica,
Firenze, 1936.
Arslan, W., LArchitettura dal 568 al Mille, in Storia di Milano, II,
Milano, 1954.
ID, Larchitettura romanica milanese, in Storia di Milano, II,
Milano, 1954.
Autenrieth, H.P., Architettura e colore in S. Abbondio: note
preliminari, in Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, Ufficio
Centrale per i Beni Archivistici, S. Abbondio: lo spazio e il tempo,
Como, 1984, pp. 251-261.
Autenrieth, H.,P., Aspetti della policromia romanica in Lombardia e
a Pavia, in Annali di storia pavese, 14-15, 1987, pp. 15-34; ill. pp.
181-190, [pp. 17-18].
Azzi, G., Vita col Duomo, Albese, 1971.
Bagnetti, G., e Martora, C., Labbazia benedettina di Civate, Lecco,
1957.
Balbiani, A., I maestri Comacini in Europa con particolare riguardo
allarchitettura romanica comasca. Conferenza tenuta per il
Comitato di Roma della Societ Dante Alighieri nella Sala di Palazzo
Farnese, Roma A. MDMLXII, Como, 1962.
Balestra, S., Lapidi antiche scoperte nella basilica di S. Carpoforo e
nei dintorni, in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc.
4.
Balzaretti, L., et al., Sant'Abondio: basilica romanica di Como,
Milano, 1966.
Bandmann, G., Zur Bedentung der romanischen Apsis, in Wallraf-
Richartz Jahrbuch. XV, 1953, pp. 28-46.
Barelli, V., Memorie storiche intorno alla insigne chiesa
prepositurale di S. Fedele in Como, Como, 1858.
Barelli, V., Il San Carpoforo, in Rivista archeologica della
provincia di Como, fasc. 2.
Barelli, V., Santa Maria del Tiglio in Gravedona, in Rivista
archeologica della provincia di Como, fasc. 3.
Barelli, V., La basilica di S. Abbondio nei sobborghi di Como, in
Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 30.
Barelli, V., La chiesa di S. Giacomo a Como, in Rivista
archeologica della provincia di Como, fasc. 20.
Barelli, V., Chiesa di S. Protasio nei sobborghi di Como, creduta del
IV secolo, Milano, 1884.
Barelli, V., I monumenti comaschi, Como, 1899.
Barelli, V., Importanza artistica ed archeologica della provincia di
Como, in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 78.
Barni, G. L., Milano verso legemonia, in Fondazione Treccani degli
Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, III, Milano.
Bartoli Langeli, A., Rigon, A., a cura di, I registri vescovili
dellItalia settentrionale, secoli X11-15, Atti del convegno di studi,
Monselice, 24-25 novembre, 2000, Roma, 2003.
Bascap, G., Le vie di pellegrinaggio attraverso le Alpi centrali e la
pianura lombarda, in Zeitschrift fr schweizerische Archologie
und Kunstgeschichte, Gennaio-Dicembre, 1936.
Belloni, L.M., Isola comacina, Campagna di scavi Ottobre Febbraio
1959, in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 140.
Belloni Zecchinelli, M., Paleocristiano e romanico in Como: la
basilica di San Fedele gi Sant'Eufemia, in I beni culturali, XI,
2003, n. 2, pp. 52-60.
Bertelli, G., Note sugli stucchi della cripta di San Pietro al Monte a
Civate, in Bollettino dArte, VI, 64, 1979, 3, pp. 69-78.
Besta, E., Le valli dellAdda e della Mera nel corso dei secoli, Pisa,
1940.
Besta, E., Milano sotto gli imperatori carolingi in Fondazione
Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II,
Milano, 1954.
Besta, E., Dalla fine dellunit carolingia alla conquista di Ottone I,
in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di
Milano, II, 1954.
Besta, E., Let ottoniana, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la
Storia di Milano, Storia di Milano, II, Milano, 1954.
Besta, E., Storia della Valtellina e della Valchiavenna, Milano, 1955.
Bettini, S., Origini e forme dellarchitettura lombarda. Dispense
dellanno accademico, 1955-1956, Padova, 1955.
Binding G., Lhr, B., Kleine Klner Baugeschichte, Kln, 1976.
Binding, G., Abside, ad voc., in AA., VV., Enciclopedia dellArte
Medievale, Roma, 1991, I, pp. 75-82.
Birchler, U., Zur karolingischen Architektur und Malerei in Mnster-
Mstair, in AA. VV., Arte dellAlto Medioevo nella regione alpina,
Losanna 1954.
Block, P., Schnitzler, H., Die ottonische Klner Malershule, 2 voll.,
Dsseldorf, 1967-1970.
Bognetti, G., S. Maria foris portas di Castelseprio e la gloria
religiosa dei Longobardi, in Giovanni Treccani degli Alfieri, et al., S.
Maria di Castelseprio, Milano, 1948.
Bognetti, G., Milano Longobarda, in Fondazione Treccani degli
Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II, Milano, 1954.
Bognetti, G., Milano dopo la conquista franca, in Fondazione
Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II,
1954.
Bognetti, G., Marcora, C., Labbazia benedettina di Civate, Lecco,
1957, cfr. ristampa, Civate, Casa del Cieco "Mons. Edoardo Gilardi",
1985.
Birchler, L., Pelichet, E., Schmid, A., a cura di, Fruhmittelalterliche
Kunst in den Alpenlandern, Atti del III congresso internazionale per
lo studio dellaltomedioevo, 9-14 settembre, 1951, Losanna, 1954.
Bognetti, .G.P., Martora, C., Labbazia benedettina di Civate, Civate,
1957 (1985).
Boito, C., La chiesa di S. Abondio e la Basilica di sotto, Milano,
1868.
Il Romanico darea comasca 23
Brhier, L., Lorigine des chevets chapelles rayonnantes et la
liturgie, in La vie et les arts liturgiques, Parigi, 1921.
Brunetta, G., a cura di, Atlante delle diocesi dItalia, Novara, 1996.
Buzzetti, P., Il millenario tempietto di S. Fedelino sul lago di
Mezzola, in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 51.
Bozzetti, P., Le memorie di S. Fedele, martire comense, Monza,
1906.
Buzzetti, P., Documenti della Rezia chiavennasca anteriori al XIV
secolo, Como, 1903.
Buzzetti, P., Le chiese nel territorio dei comuni di Chiavenna Mese
- Prata, in G. Scarmellini, Raccolta di studi storici sulla
Valchiavenna, Chiavenna, Centro di Studi storici valchiavennaschi,
Chiavenna, 1964, III, pp. 17 e sgg.
Caldarulo, M., Affreschi romanici comaschi, in Storia dellArte,
1985, 55, pp. 219-225.
Cadura, G., Le diocesi in Italia dai tempi apostolici ai giorni nostri,
Caltanisetta, 1992.
Cant, C., Storia della citt e della dicesi di Como, Firenze, 1856.
Cesare Cant, et. al., Grande illustrazione del Lombardo-Veneto,
ossia storia delle citt, dei borghi, comuni, castelli, ecc., Milano,
1857.
Cantu, C., et al., Como e sua provincia, Milano, 1859.
Caramel, L., I complessi di Agliate e di Civate, in Storia di Monza e
della Brianza, IV, 2, Larte dallet romana al Rinascimento, Milano,
1984, pp. 9-41.
Caprioli, A., Rimordi, A., Vaccaro, L., a cura di, Diocesi di Como,
Brescia, 1986.
Cattaneo, E., La vita dei chierici e la liturgia, in Biblioteca
dellUniversit cattolica del Sacro Cuore. Miscellanea del Centro di
Studi Medievali, La vita comune del clero nei secoli XI e XII; Atti
della settimana di studio: Mendola, settembre 1959, Milano, 1962, I,
pp. 241-273.
ID, Rapporti fra il Romanico in Lombardia e le correnti liturgico-
devozionali nei secoli XI e XII, in Il Romanico, Atti del Seminario
di studi, Vienna, 1973, a cura di P. Sanpaolesi, Milano, 1975, pp.
47-75.
ID, La liturgia nella riforma gregoriana, in Chiesa e Riforma della
spiritualit del sec. XI, Convegno (VI) dellAccademia Tudertina,
Todi, 1968, pp. 185 e sgg.
Cavagna Sangiuliani, A., Il tempietto di S. Fedelino, Pavia, 1902.
Chierici, G., Larchitettura di S. Maria di Castelseprio, in Giovanni
Treccani degli Alfieri, et al., Santa Maria di Castelseprio, Milano,
1948.
Ciao, P., Como passato e presente, Como, 1983.
Claphan, Alfred William, Romanesque architecture in Western
Europe, 1936, 1959.
Clemen, P., Die Kunstdenkmler der Stadt Kln. Der Dom zu Kln
(Die Kunstdenkmler der Rheinprovinz), Dsseldorf, 1937.
Clericetti, C., Ricerche sullarchitettura religiosa in Lombardia dal
secolo V allXI, in Il Politecnico, 14, 1862, pp. 141-192.
ID C., Ricerche sullarchitettura religiosa in Lombardia dal secolo V
allXI, Milano, 1862.
Colombo, S., Nota su unabside romanica con nicchie a fornice nel
varesotto, in Sibrium, VIII, 1964-66, pp. 123-130.
Colzio, V., Architettura bizantina e romanica, Milano, 1939.
Conant, K., J., Carolingian and Romanesque Architecture, 800 to
1200 [], Harmondsworth [], 1959.
Convegno di Storia della Chiesa in Italia, 2; 1961, Vescovi e diocesi
in Italia nel Medioevo (secoli IX-XIII), Atti del convegno di Storia
della Chiesa in Italia, Roma, 5-9 settembre, 1961, Padova, 1964.
Corroyer, E., LArchitecture romane, Paris, 1887.
Crollanza, G.B., Storia del contado di Chiavenna, Chiavenna, 1898.
Curti, N., e Muller, I., St. Agatha bei Disentis, in Zeitschift fr
schweizerishe Archologie und Kunstgeschichte, 1941, pp. 41-49.
Danielou, J., Bibbia e Liturgia, Milano, 1958.
De Capitani DArzago, A., Architettura dei secoli IV e V in Alta
Italia, Milano, 1944.
De Dartein, F., tude sur larchitecture lombarde et sur les origines
de larchitecture romano-byzantine, Parigi, 1865-82 (Como,
ristampa, 1963).
De Francovch, G., La corrente comasca nella scultura romanica
europea, in Rivista del Regio Istituto di Archeologia e Storia
dellArte, Roma, V, fasc. III.
De Francovich, G., La corrente comasca nella scultura romanica
europea, II, in Rivista del Regio Istituto di Archeologia e Storia
dellArte, Roma, anno VI, 1935-1936, fasc. I-II.
De Francovich, G., Arte carolingia e ottoniana in Lombardia, in
Rmisches Jahrbuch fr Kunstgeschichte, Lipsia, 6, 1942-1944,
pp. 113-255.
Dehio, G., Geshichte der deutsche Kunst, Berlino-Lipsia, 1919-26.
Dimitrokallis, G., Osservazioni sullarchitettura di S. Satiro a
Milano e sullorigine delle chiese tetraconche altomedievali, in
Archivio storico lombardo, s. IX, 95, 1969, pp. 127-140.
Eckstein, H., Die Romanische Architektur, der Stil und seine
Formen, Du mont Dokumente, Wisenshaft, Schauberg, 1975.
Finocchi, A., Architettura romanica nel territorio di Varese, Milano,
1966.
Focillon, Art dOcident,
Frankl, P., Die Frhmittelalteriche und romanische Baukunst,
Postdam, 1926.
Frankl, P., Baukunst des Mitterlaletrs: die frhmittelalterliche und
romanische Baukunst, Wildpark-Postdam, 1926, [pp. 122-123].
Frigerio, F., I monumenti comaschi, in Rivista archeologica della
provincia di Como, fasc. 85.
Gandolfo, F., ad. voc., Lombardia, 9-12, in AA. VV., Enciclopedia
dellArte Medievale, Roma 1996, VII, pp. 772-785.
Gantner, J., Histoire de lart en Suisse, Basilea, 1941.
Gatti, V., Restauro e scoperta a S. Pietro al Monte di Civate, in
Arte Cristiana, Milano, 64, 1976, pp. 145-152.
ID, Il ciborio di S. Pietro al Monte. Basilica di S. Pietro al monte
sopra Civate, Bergamo, 1977.
Genicot, Luc Fr., LArchitecture romane, Cologne, Revue des
archologues et historiens dart de Louvain, II, (1969), pp. 112-114.
Gianoncelli, M., Como e il suo territorio. Le vicende degli
ordinamenti territoriali comaschi dallepoca romana agli albori
dellet moderna, Como, 1982.
Giese, L., sub vocem, Apsis, Apside, in Reallexicon zur Deutshen
Kunstgeshichte, Stuttgart, I, coll. 858-881.
Gini, P., SantAbbondio, SantAbbondio, La basilica romanica di
Como, Milano, 1966.
Gini, P., Bernasconi, O., et al., Duomo di Como, Milano, 1972.
Giussani, A., I restauri della basilica di S. Abbondio in Como,
Como, 1936.
Gilaldoni, V., Il Romanico, Milano, 1963, [pp. 161-163].
Gilardoni, V., Il Romanico (Arte e monumenti della Lombardia
prealpina, 5), Bellinzona, 1967.
Gini, P., Quattro lustri di Storia e Arte nel San Fedele di Como,
Como, 1981.
Giovio, G.B., Como e il Lario, Como, 1795.
Giusti, G.P., Chiese e vescovi di Como, Como, 1980.
Grabar, A., Martyrium, Recherches sur le culte des reliques et lart
Chrtien antique, College de France, Parigi, 1946.
Grazioli, P., De praeclaris Mediolani aedificiis [], Milano, 1735.
Guida di Como, 1960.
Guida di Como 1966-1967, completamente aggiornata, Como, 1966.
Guldan, E., Die Ttigkeit der Maestri Comacini in Italien und in
Europa, in Arte Lombarda, 5, 1960, pp. 27-45.
Grtter, Die romanischen Kirchen am Thunersee, in Anzeiger fr
Shweizerische Altertumskunde, 1932.
Guidobaldi, A.G., Il problema delle due absidi contrapposte del San
Pietro a Civate, in Commentari, 29, 1978, pp. 22-31.
Haupt, A., Die aelteste Kunst, insbesondere die Bukunst der
Germanen, Berlin, 1923.
Heitz, Carol, De la liturgie carolingienne, au drame liturgique
mdival: rpercussions sur larchitecture religieuse du haut Moyen
ge e de lpoque romane, in Bollettino del Centro Internazionale
di Studi di Architettura Andrea Palladio, XVI (1974), pp. 73-92.
Holtzinger, H., Die altchristliche architectur in systematischer
Darstellung, Stoccarda, 1889.
Hubert, J., Leglise Saint-Michel-de-Cuxa et loccidentation des
glises au Moyen Age, in Journal of the Society of Architectural
Historians, XXI, 4, 1962.
Istituto Geografico De Agostini, Atlante delle diocesi dItalia,
Novara, 1996.
Kautsch, R., Die romanische Dome am Rhein, Liepzig, 1922.
Krautheimer, R., Lombardische Hallenkirchen im XII Jahrundert, in
Jarbuch fr Kunstwissenschaft, Lipsia, 6, 28, pp. 176-191.
Krombholtz, R., Kln: St. Maria Lyskirchen, (Staadtspuren.
Denkmler in Kln, 18), Kln, 1992.
Kubach, H.E., Verbeek, A., Die vorromanische und romanische
Baukunst in Mitteleurope-Literaturbericht, 1938 bis 1950, in
Zeitschrift fur Kunstgeschichte, 14 (1951), pp. 124-148.
Il Romanico darea comasca 24
Kubach, H.E., Die vorromanische und romanische baukunst in
Mittel Europe, Literaturbericht 1950-1954, mit Nachtrgen fur die
Jahre 1938-1950, in Zeitschrift fr Kunstgeshichte, 18 (1955), pp.
157-198.
Kubach, H.E., Architettura romanica, Milano, 1972, rist. 1996, 2001.
Hellenkemper, H., Architektur als Beitrag zur Gechichte der Colonia
Claudia Agrippinensium, in Aufstieg und Niedergang der rmischen
Welt, II, 4, Berlin-New York, 1975, pp. 783-824.
Hellenkemper, H., ad. voc., Colonia, Archeologia e Architettura, in
AA., VV., Enciclopedia dellArte Medievale, V, Roma 1994, pp.
163-171.
Ktautheimer, T. H., Die figurale Plastik der Ostlombardei von 1100
bis 1178, in Marburger Jahrbuch fr Kunstwissenschaft, Lipsia,
Kunstgeschitliches Seminar der Universitt Marburg, Marburg, 4,
1928, pp. 213-307.
Holtzinger, H., Die altchristliche architectur in systematischer
Darstellung, Stoccarda, 1889, [pp. 72-82].
Hubert, J., LArt pre-roman, Parigi, 1938.
Hubert, J., Lglise Saint-Michel-de-Cuxa et loccidentation des
glises au Moyen Age, in Journal of the Society of Architectural
Historians, XXI, 4, 1962, pp. 163-170.
Kautsch, R., Die romanische Dome am Rhein, Lipsia, 1922.
Kautzsch, R., Oberitalien und der Mittelrhein im 12 Jahrhundert, in
LItalia e larte straniera, Atti del X Congresso Internazionale di
Storia dellArte in Roma, Roma, 1922, pp. 123-130.
Kautzch, R., Der romaniche Keirchenbau im Elass, Friburg i. Br.
1944.
Kier, H., a cura di, Kln: die romanischen Kirchen im Bild, Kier, U.,
Krings, (Stadtspuren. Denkmler in Kln, 3), Kln, 1984.
Krautheimer, R., Lombardische Hallenkirchen in XII Jahrhundert, in
Jahrbuch fr Kunstwissenshaft, 1928, pp. 176-191.
Krautheimer, R., Architettura paleocristiana e bizantina, Torino,
1986.
Kubach, E., H., Bloch, P., Forme e immagini dopo il Mille (Il
Marcopolo, seconda serie), Milano, 1966.
Kubach, H., E., A. Verbeek, Romaniche Baukunst an Rhein und
Katalog der vorromanischen und romanischen Denkmler, I, Berlin,
1976, pp. 496-629.
Lavizzari, P.A., Storia della Valtellina, Capo Lago, 1838.
Lefvre-Pontalis, E., Les plans des glises romanes bndictines, in
Bulletin monumental, LXXVI, 1912, pp. 439-485.
Lehmann, E., Der frhe deutsche Kirchenbau, Berlin 1949.
Lodovici, Serio, Senso dellArchitettura Romanica, Primato, 1942.
Longoni, G., Memorie storiche della Chiesa e Abbazia di S. Pietro al
Monte, Milano, 1850.
Magistretti, M., S. Pietro al monte di Civate, Archivio Storico
Lombardo, II.
Magni, M. C., S. Maria del Tiglio in Gravedona, in Rivista
archeologica dell'antica provincia e diocesi di Como, 1952, n. 133,
pp. 29-36.
Magni, M. C., Architettura romanica comasca, Milano-Ceschina,
Milano-Varese, 1960.
Magni, M. C., Il S. Pietro di Gemonio nella tradizione architettonica
medioevale del Varesotto, in Commentari, XV, 1964, p. 29 e sgg.
Magni, M.C., Sopravvivenze Carolinge e Ottoniane nellarchitettura
romanica dellarco alpino centrale, in Arte Lombarda, XIV
(1969), Primo Semestre, pp. 35-44 e Secondo Semestre, pp. 77-87.
Magni, M., Cryptes du haut Moyen Age en Italie: problmes de
typologie du IX jusquau dbut du Xie sicle, in Caiers
Archologiques. Fin de lAntiquit et Moyen Age, Parigi, 28, 1979,
pp. 41-85.
Marosi, E., Esztergom e gli influssi del romanico lombardo in
Ungheria, in Romanico, Atti del seminario di Studi diretto da Pietro
Sanpaolesi, Villa Monastero di Varenna, 8-16 settembre, 1973, pp.
262-276.
Mella, E.A., Il battistero di S. Maria del Tiglio in Gravedona,
Torino, 1872.
Merzario, G., I maestri comacini, Milano, 1893.
Miglio, G., Gini, P., Larius, La citt ed il lago di Como nelle
descrizioni e nelle immagini dallantichit classica allet
romantica, Como, 1959.
Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, Ufficio Centrale per i
Beni Archivistici, S. Abbondio: lo spazio e il tempo: tradizione
storica e recupero architettonico, Como, 1984.
Monneret De Villard, U., I monumenti del lago di Como, Milano,
1912.
Monneret De Villard, U., LIsola Comacina, in Rivista
Archeologica dellantica Diocesi di Como, 1914, pp. 107-111.
Monneret De Villard, U., Note di archeologia lombarda, in
Archivio Storico lombardo, 41, 1914, pp. 1-70.
Monti, M., Storia di Como, Como, 1829.
Monti, M., Como nellinvasione dei barbari, Como, 1909.
Monti, S., Per le fonti della storia dellarte nella provincia e
nellantica diocesi di Como, Como, 1922.
Monti, S., Di alcune iscrizioni in S. Abondio di Como, Como, 1904.
Monti, S., Storia ed arte nella provincia ed antica diocesi di Como,
Como, 1902.
Monti, S., Como, Como, s. d.
Moretti, Luigi, Trasfigurazioni di strutture murarie, in Spazio, a.
II, 4, 1951, pp. 5-16.
Ninguarda F.F., La Valtellina negli atti della visita pastorale
diocesana di Feliciano Ninguarda annotati e pubblicati dal sac.
Santo Monti nel 1892, nuova ed. con testo italiano a cura di Lino
Varischetti e Nando Cecini, Sondrio, 1963.
Nordenfalk, C., A traveling Milanese Artist in France at the
Beginning of the XI Century, in Arte del primo Millennio, Atti del II
Convegno per lo studio dellarte dellAlto Medioevo, Pavia, 1950, a
cura di E. Arslan, Torino, 1953, pp. 374-380.
Nordenfalk, C., Milano e larte ottoniana: problemi di fondo sinora
poco osservati, in Carlo Bertelli, La citt del vescovo dai carolingi al
Barbarossa, Milano, 1988, pp. 102-123.
Oursel, R., Larchitettura romanica, Milano, 1986.
Panazza, G., L'arte medioevale nel territorio bresciano, Bergamo,
1942.
Panazza, G., LArte Romanica, in Giovanni Treccani degli Alfieri,
Storia di Brescia, Brescia, 1963, I, pp. 711-771.
Perkins, J. B. W., The Italian Element in late roman and early
Medieval Architecture. Annual Italian Lecture of the British
Academy, 1947, Londra, British Academy, 1947, VIII.
Peroni, A., Per la tipologia architettonica dellet carolingia
nellarea lombarda, in Roma e let carolingia, Atti delle Giornate
di studio, Roma, 1976, Roma, 1976, pp. 87-101.
Perrone, Il tempietto di San Fedelino, in Arte e Storia, 1903.
Perrnoud, R. e M., Davyd, M.M., Sources et clefs de lart roman,
Parigi, 1973.
Pevsner, N., Storia dellArchitettura Europea, Milano, 1966 [pp. 67-
135], (cfr. anche la versione inglese; N., Pevsner, European
Architecture, New York, 1945).
Piacentini, M., Nota sulle chiese a due navate, in Palladio, 5, 1941,
pp. 34-38.
Pifferi, E., et al., Le basiliche di Como, Como, 1987.
Poeschel, A., Die Kunstdenkmler des Kantons Graubnden,
Basilea, 1943.
Porter, A. K., Lombard Architecture, New Haven, 1917, ristampa
New York, 1967, [pp. 55-59; Appendix I, Development of the Apse].
Puig y Cadafalchi, J., Le premier art roman, Parigi, 1928.
Puig y Cadafalchi, J., La geografia y els origens del primer art
romanic, Barcellona, 1930, [pp. 112-114].
Quacquarelli, A., Logdoade patristica e suoi riflessi nella liturgia e
nei monumenti, in Rivista di Archeologia cristiana, 49, 1973, pp.
211-269.
Quacquarelli, A., Logdoade patristica e suoi riflessi nella liturgia e
nei monumenti, Bari, 1973.
Quadrio, F., Dissertazioni critico storiche intorno alla Rezia di qua
delle Alpi, Milano, 1755.
Rahn, J.R., I monumenti artistici del Medio Evo nel Canton Ticino,
Bellinzona, 1894, Lugano, 1976.
Rahtgens, H., Die Kirche St. Maria im Kapitol zu Kln, Dsseldorf,
1913.
Reau, L., Cologne, Paris, 1908.
Reggiori, F., Tre chiese lombarde o prelombarde, Milano-Roma,
1925.
Rey, R., Lart roman et ses origines, Parigi, 1945.
Ricci, C., Larchitettura romanica in Italia, Parigi, 1925.
Rivoira, G.T., Le origini dellarchitettura romanica lombarda e delle
sue principali derivazioni nei paesi doltralpe, Roma 1901-1907.
Rivoira, G.T., Le origini dellarchitettura lombarda, Milano, 1908
(2 ed. riveduta ed ampliata).
Roboti, P., LArchitettura romanica nel Monferrato, Tesi di Laurea,
Universit di Pavia, 1966-67.
Rocchi, G., Como e la Basilica di S. Fedele nella storia del Medio
Evo, Milano, 1973.
Il Romanico darea comasca 25
Rocchi, G., Nuovi orientamenti sulla basilica di San Carpoforo e
sullAlto Medioevo comasco, in Arte Lombarda, 149, 2007, pp. 10-
32.
Romanini, A.M., Les premires votes sexapartites en Italie, in
Bulletin Monumental. Publi sous les auspices de la Socit
franaise darchologie pour la conservation des monuments
historiques, Parigi, 113, 1955, pp. 173-191.
Rovelli, G., Storia di Como, Milano, 1789.
Rovelli, G., Storia di Como descritta dal Marchese Giuseppe Rovelli,
patrizio comasco, e divisa in tre parti, V voll., nuova ed., Como,
1992.
Rusconi, F., La signoria di Como, I principi, 1959.
Schfke, W., Die romanischen Kirchen Klns, Kln, 1991.
Salice, T., Ebbe la Valtellina un suo vescovo?, in Il pellegrino,
mensile cattolico della provincia di Sondrio, marzo, 1955, p. 4.
Salmi, M., Maestri comacini e maestri Lombardi, in Palladio, 3,
1939, pp. 49-62.
Salvini, R., Il Duomo di Modena e il romanico del Modenese,
Modena, 1967.
SantAmbrogio, Diego, Gli atti di fondazione di 3 priorati
cluniacensi della diocesi di Como, in Rivista archeologica
comasca, 1906, fasc. 51.
SantAmbrogio, D., Le due pi vetuste chiese di sicura data di
origine cluniacense, in Politecnico, 1906.
SantAmbrogio, D., Genesi e natura dei priorati cluniacensi in
Lombardia, in Osservatore Cattolico, 1908.
SantAmbrogio, D., Lantico priorato cluniacense di Vertemate, in
Osservattore Cattolico, 1909.
Savio, F., Gli antichi vescovi dItalia, La Lombardia, I, Firenze,
1913.
Savi, E., ad. voc., Architettura di Et Salica, in AA., VV.,
Enciclopedia dellArte Medievale, V, Roma 1994, pp. 171-179.
Scaramellini, G., La chiesa romanica di San Lorenzo in Chiavenna,
in Archivio Storico Lombardo, XCV, 1969, pp. 141-146.
Sediari, M., La chiesa di S. Ursula a Colonia. Ipotesi ricostruttive
delle fasi pi antiche (IV-X secolo), Klner Jahrbuch fr Vor und
Frhgeshichte, 23, 1990, pp. 431-448.
Societ Archeologica Comense, a cura di, Como nellantichit,
Conversazioni sulle vicende di Como in et preromana e romana,
Como, 1977.
Societ Archeologica Comense, a cura di, Como nellAntichit, ed.
rinnovata ed aggiornata, Como, 1987.
Steinmann-Brodtbeck, S., Herkunst und Verbreitung des
Dreiapsisdenchores, in Zeitschrift fr Schweizerische Archologie
und Kunstgeschichte, Zrich, 1 (1939), pp. 65-95.
Stewart, Cecil, Early Christian, Byzantine and Romanesque
architecture, London, 1954, VIII.
Strada, P., Como, ad voc., in AA., VV., Enciclopedia dellArte
Medievale, V, Roma, 1994, pp. 235-243.
Stracke, G., Kln: St. Aposteln, (Stadtspuren. Denmler in Kln, 19),
Kln, 1992.
Strzygowski, J., Der Dom su Aachen un seine Enstellung; eine
Protest, Lipsia, 1904.
Tatti, P.L., Degli Annali sacri della citt di Como, Como, 1863.
Tatti, P.L., Sanctuarium seu Martyrologium sanctae Nouocomensis
ecclesiae opus ad augendam Dei, & sanctorum ipsius gloriam
fedelissime elaboratum tum ex m.s. codicibus, tum ex probatis
auctoribus summa sedulitate Primi Aloysij de Tattis
Nouocomensis, Como, 1875.
Tatti, P.L., La basilica di S. Carpoforo presso Como: memoria
delling. Arch. Luigi Tatti, Milano, 1879.
Tea, E., Lombardia, ad voc., in Mercati, A., et al., Dizionario
Ecclesiastico, II, Torino, 1955, pp. 715-716.
Timmers, J.J.M., Influssi Lombardi sulle chiese di Maastricht e di
Rolduc, in Il Romanico, Atti del seminario di Studi diretto da Pietro
Sanpaolesi, Villa Monastero di Varenna, 8-16 settembre, 1973, pp.
249-254.
Toesca, P., La pittura e la miniatura nella Lombardia, Milano, 1912.
Toesca, P., Monumenti dell'antica Abbazia di S. Pietro al Monte di
Civate: architetture, stucchi, affreschi riprodotti in 100 tavole
fotografiche, Firenze, 1947.
Toesca, P., Il Medioevo, Torino, 1965, [I, pp. 497-680].
Toltoti, F., Tre basiliche paleocristiane dedicate agli Apostoli in Alta
Italia, in Miscellanea Giulio Belvederi, Citt del Vaticano, 1954,
pp. 369-385.
Toman, R., Larte del Romanico, Kln, 1999, [pp. 24-25].
Tosco, C., Architetti e committenti nel Romanico Lombardo, con
presentazione di Enrico Castelnuovo, Roma, 1997.
Venini, E., Bellano, Muggiasca, Alta Valsassina e Val Varrone,
Minima Lariana, 9, Como, 1967.
Verzone, P., Nuove ricerche sullorigine della basilica lombarda a
volte, in Cronache darte, Luglio-agosto, 1928.
Verzone, P., Larchitettura romanica nel Novarese, Novara, 1932.
Verzone, P., Larchitettura religiosa dellalto Medio Evo nellItalia
settentrionale, Milano, 1942.
Wagner-Rieger, R., Premier art roman, Festshrift fr Wolfang
Krnig, Dsseldorf, 1971, [pp. 27-36].
Weigert, H., Die Kaiserdome am Mitterrheim, s.l., 1933.
Wolff, A., Chronologie der ersten Bauzeit des Klner Domes, 1248-
1277, Klner Domblatt. Jahrbuch des Zentral Dombauvereins, 28-
29, Kln, 1968, pp. 7-230.
Zanesco, G., Lorenzon, C., Santa Maria del Tiglio a Gravedona
presso Como, in LArchitettura, ottobre, 1958.
Zastrow, O., Scultura carolingia e romanica nel Comasco.
Inventario territoriale, Como, 1978 (1982).
Zastrow, O., Affreschi romanici comaschi nella provincia di Como,
Lecco, 1984.

Il Romanico darea comasca 26

NOTE


i
Mariaclotilde Magni, S. Maria del Tiglio in Gravedona, in Rivista archeologica dell'antica provincia e diocesi di Como, 1952, n. 133, pp. 29-36,
1960, ID, Architettura romanica comasca, Milano-Ceschina, Milano-Varese, 1960; ID, Sopravvivenze Carolinge e Ottoniane nellarchitettura
romanica dellarco alpino centrale, in Arte Lombarda, XIV (1969), Primo Semestre, pp. 35-44 e Secondo Semestre, pp. 77-87.
ii
Gorge Edmund Street, Brick and Marble in the Middle Ages. Notes of a tour in the North of Italy, Londra, 1855, 3 ed, 1885.
iii
Fernand De Dartein, Etude sur larchitecture lombarde et sur les origines de larchitecture romano-byzantine, Parigi, 1865-82 (Como, ristampa,
1963).
iv
Arthur Kinsley Porter, Medieval Architecture: Its origins and development with lists of monuments and bibliographies, New York, 1909, I, pp. 199-
239; ID, Lombard Architecture, New Haven, 1917, [da questo contributo di si traggono le linee prncipali del nostro sudio, eccetto gli studi della
Magni (1960), Porter ha analizzato estensivamente molti dei monumenti qui discussi ed appartenenenti al gruppo dellarchitettura romanica comasca.
Como, SantAbondio, pp. 301-312; San Caropoforo, pp. 313-322; San Fedele, pp. 322-335; San Giacomo, 335-338; San Pietro di Civate, S.
Benedetto, 388-389; S. Pietro, pp. 389-404; Galliano di Cant, Battistero, pp. 437-439; San Vincenzo, pp. 439-445; Gravedona, Santa Maria del
Tiglio, pp. 450-458; San Vincenzo, pp. 453-455; Isola Comacina, S. Eufemia, pp. 456-461; SS. Faustino e Giovita, p. 462; Lago di Mezzola, San
Fedelino, pp. 477-481; Lenno, Battistero, pp. 481-482; S. Stefano, pp. 482-485].
v
Nicolas, Pevsner, European Architecture, New York, 1945; cfr. trad. it., ID, Storia dellArchitettura Europea, Milano, 1966.
vi
Carl Nordenfalk, Milano e larte ottoniana: problemi di fondo sinora poco osservati, in Carlo Bertelli, La citt del vescovo dai carolingi al
Barbarossa, Milano, 1988, pp. 102-123.
vii
A maestri lombardi sembrerebbe da attribuire la nascita e lo sviluppo della decorazione ad archetti pensili tanto diffusa in questo periodo proprio in
alta Lombardia come in Germania meridionale; motivi per altro particolarmente importanti nella decorazione degli absidi connessi per altro da lunghe
lesene spesso ad intervalli regolari; cfr. Nicolaus Pevsner, European Architecture, New York, 1945, pp. 69-70.
viii
Cfr. ad esempio, G. Teresio Rivoira, Le origini della architettura lombarda e delle sue principali derivazioni nei paesi dOltralpe, Milano, 1908; in
particolare si veda il quinto capitolo, Larchitettura prelombarda dalla conquista di Carlo Magno allapparizione dello stile lombardo, e il
completamento di questo stile, pp. 193-310, ed il settimo, Larchitettura lombardo-renana, pp. 695-758.
ix
Antonio Balbiani, I maestri comacini in Europa con particolare riguardo allarchitettura romanica comasca, conferenza tenuta per il Comitato di
Roma della Societ Dante Alighieri nella Sala di Palazzo Firenze, Roma, 1960; Ernst Guldan, Die Ttigkeit der Maestri Comacini in Italien und in
Europa, in Arte Lombarda, 5, 1960, pp. 27-45.
x
Joseph J. M. Timmers, Influssi Lombardi sulle chiese di Maastricht e di Rolduc, in Il Romanico, Atti del seminario di Studi diretto da Pietro
Sanpaolesi, Villa Monastero di Varenna, 8-16 settembre, 1973, pp. 249-254.
xi
Ern Marosi, Esztergom e gli influssi del romanico lombardo in Ungheria, ibidem, pp. 262-276.
xii
Si notino qui evidenziate le principali vie di comunicazione tra Nord e Sud e quindi tra Coira e, ad Ovest, Bellinzona, Ponte Tresa, Seprio e Milano,
mentre ad Est, sempre a partire da Coira a Chiavenna, Gravedona, Como e Milano, (da Mariaclotilde Magni, Architettura Romanica Comasca,
Milano, 1960).
xiii
Virgilio Gilardoni, Il Romanico, Milano, 1963, pp. 85-86.
xiv
Cfr. ad esempio, Henri Focillon, Art dOccident: Le Moyen age romane et gothique, Parigi, 1955, pp. 18, 3, 36; ma anche Nikolaus Pevsner,
European Architecture, New York, 1945, pp. 67-135; Rolf Toman, Larte del Romanico, Kln, 1999, pp. 24-25; le ragioni per lo sviluppo delle aree
absidali risalirebbero nella sviluppata adorazione dei santi come dallaltro lato la diffusione del compito di celebrare messa quotidianamente. Di
conseguenza, per far si che le messe potessero svolgersi senza troppo indugio, la soluzione fu quella di creare nella terminazione orientale, ovvero
quella riservata al clero, nuove cappelle vicine allabside centrale. Per gli architetti del protoromantico francese questa stessa esigenza pratica divenne
una spinta estetica feconda di risultati che port ad una articolazione assolutamente nuova ed unitariamente concepita dello spazio. Si scelse quindi di
circondare labside centrale con un ambulacro al quale accostarono una corona di cappelle semicircolari disposte in maniera radiale. Daltro canto si
scelse talvolta di allungare la terminazione delle navate laterali oltre il transetto in piccole absidi laterali con altezza analoga a quella della centrale.
Altra soluzione fu quella del presbiterio a gradoni, ovvero larea absidale frutto dellaccostamento al muro orientale del transetto di alcune absidi
scalari come accadeva a Tours, Saint-Martin, Cluny III (1088) e San Severio, a Landes.
xv
Lefvre-Pontalis, E., Les plans des glises romanes bndictines, in Bulletin monumental, LXXVI, 1912, pp. 439-4; L., Brhier, Lorigine des
chevets chapelles rayonnantes et la liturgie, in La vie et les arts liturgiques, Parigi, 1921; Carol Heitz, De la liturgie carolingienne, au drame
liturgique mdival: rpercussions sur larchitecture religieuse du haut Moyen ge e de lpoque romane, in Bollettino del Centro Internazionale di
Studi di Architettura Andrea Palladio, XVI (1974), pp. 73-92.
xvi
Francesco Abbate, (riduzione a cura di), Il Romanico in Germania e in Italia, Fratelli Fabbri Editori, Milano 1966; passim; cfr. per esempio anche
Ernst Adam, Il Medioevo,ed. it., Milano, 1973, pp. 9 e sgg.
xvii
Nikolaus Pevsner, European Architecture, New York, 1945, pp. 69-70; si deve notare per anche lintelligente approfondimento di F. Gandolfo,
Lombardia IX-XII, ad voc., in AA. VV., Enciclopedia dellArte Medievale, Roma 1996, VII, pp. 772-785.
xviii
Fernard De Dartein, tude sur lArchitecture lombarde et sur le origines de larchitecture romano-bizantine, Parigi, 1865-1882, Como, 1963, pp.
312-327; Arthur Kingley Porter, Lombard Architecture, New Haven, 1917, ristampa New York, 1967, pp. 301-312; Mariaclotilde Magni,
Architettura romanica comasca, Milano, 1960, pp. 77-88.
xix
Fernard De Dartein, op. cit., pp. 328-336; Arthur Kingley Porter, op. cit., pp. 313-322; Mariaclotilde Magni, op. cit., pp. 36-43.
xx
Fernard De Dartein, op. cit., pp. 345-363; Arthur Kingley Porter, op. cit., pp. 322-335; Mariaclotilde Magni, op. cit., pp. 101-117.
xxi
Gian Piero Bognetti, Milano Longobarda, in Storia di Milano, II, Milano, 1954; ID, Milano dopo la conquista franca, in Storia di Milano, II,
Milano, 1954.
xxii
Giacomo C. Bascap, Le vie di pellegrinaggio attraverso le Alpi centrali e la pianura lombarda, in Zeitschrift fr schweizerische Archologie
und Kunstgeschichte, Gennaio-Dicembre, 1936. La piccola diocesi di Como dovr, quasi per ragioni di sopravvivenza, intrattenere rapporti con
quella di Coira posta al punto di passaggio obbligatorio di alcune delle pi importanti vie di comunicazione tra la pianura padana ed il meridione
dellEuropa germanica. Padrona dei passi dello Spluga, di Malora e del Bernina, la citt di Como costituiva cos lunico attraversamento a nord della
citt e diocesi di Milano; cfr. anche Mariaclotilde Magni, Architettura romanica comasca, Milano, 1960, pp. 14-15.
xxiii
Cfr. Pauli Diaconi Historia Langobardorum, a cura di Erbesto Pontieri, Napoli, 1943, III, 27; la presenza bizantina nellarea del Lario
confermata oltre che dalla letteratura anche da resti monumentali, cfr. anche Cesare Cant, Storia della citt e della dicesi di Como, Firenze, 1856, I,
p. 81.
xxiv
Cesare Cant, Storia della citt e della dicesi di Como, Firenze, 1856, I, p. 81.
xxv
Gian Piero Bognetti, Milano Longobarda, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II, Milano, 1954; ID,
Milano dopo la conquista franca, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II, 1954.
xxvi
Enrico Besta, Milano sotto gli imperatori carolingi, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II, Milano,
1954; ID, Dalla fine dellunit carolingia alla conquista di Ottone I, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II,
Milano, 1954; ID, Let ottoniana, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, II, Milano, 1954.
Il Romanico darea comasca 27

xxvii
Gianluigi Barni, Dal governo del vescovo a quello dei cittadini, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, III,
Milano, 1954; ID, Milano verso legemonia, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, III, Milano, 1954.
xxviii
Mariaclotilde Magni, Architettura romanica comasca, Milano, 1960, pp. 11-19.
xxix
Paolo Strada, Como, ad voc., in Istituto dellEnciclopedia Italiana, Enciclopedia dellArte Medievale, V, Roma, 1994, pp. 235-243.
xxx
Cesare Cant, Storia della citt e della dicesi di Como, Firenze, 1856.
xxxi
Ugo Monneret De Villard, Lisola Comacina, in Rivista Archeologica dellantica Diocesi di Como, 1914, pp. 107-111.
xxxii
Cfr. Enrico Besta, op. cit., (1940), p. 90 e ID, op. cit., (1954), p. 489; la presenza di vescovi di origine comasca a Pavia presso la sede regale pi
volte confermata per via documentaria. Si pensi soltanto al vescovo di Como Liutprando chiamato alla reggenza della regia cancelleria di Pavia dopo
lelezione di Lodovico di Provenza a re dItalia e poi beneficiario dei diritti su Lugano, Bellinzona e Chiavenna (cfr. Codex Diplomaticus
Longobardiae, n. 388). Questa la medesima posizione favorevole nella quale Como, col vescovo Azione per ripetuta disposizione e di Ugo e Lotario
II, confermata essere beneficiaria dei redditi di pedaggio sulle chiuse di Chiavenna (cfr. Codex Diplomaticus Longobardiae, n. 550). Un ruolo di
primo piano quello di Como che confermato anche da altre fonti: in epoca pi tarda infatti Pietro vescovo di Como arcicancelliere di Ottone III nel
992 mentre Arduino, di li a poco dalla sua elezione, gli riconfermava i suoi diritti su Bellinzona, Mesocco e Chiavenna; cfr. Enrico Besta, op. cit. ,
1954, p. 489.
xxxiii
Si notino le premesse allo scoppio della guerra tra Como e Milano; cfr. Gian Luigi Barni, Milano verso legemonia, in Fondazione Treccani degli
Alfieri per la Storia di Milano, Storia di Milano, 1954, III, pp. 325-326.
xxxiv
Maria Clotilde Magni, op. cit., p. 17.
xxxv
Cfr. Francesco Chiesa, cit. in Antonio Balbiani, op. cit., p. 6.
xxxvi
F. Feliciano, Ninguarda, Atti della visita pastorale diocesana di F. Feliciano Ninguarda, vescovo di Como, Como, 1898; cfr. anche Nuova ed. con
testo italiano a cura di Lino Varischetti e Nando Cecini, Sondrio, 1963.
xxxvii
Oltre al Ninguarda, si deve per ricordare unaltra fonte; il resoconto delle visite pastorali del vescovo Filippo Archinti, recentemente
ripubblicato; cfr. Antonioli, G., et al., Visita pastorale alla diocesi, Filippo Archinti vescovo di Como (1595-1621), Como, 1995. si tenga anche
presente lepistolario di Boldoni, Sigismondo Boldoni, Sigismundi Boldoni Mediolanensis Epistolarium liber Joannis Boldoni fratres opera ecc.,
Milano, 1651.
xxxviii
Giovani Battista Giovio, Como e il Lario, Como, 1795.
xxxix
Sicuramente Vincenzo Barelli, al quale si devono soprattutto monografie, fu il principale autore di studi sullarchitettura romanica comasca della
seconda met dell800; cfr. ad esempio, Vincenzo Barelli, Memorie storiche intorno alla insigne chiesa prepositurale di S. Fedele in Como, Como,
1858; ID, Il S. Carpoforo, in Rivista archeologica della provincia di Como, 1872, fasc. 2; ID, S. Maria del Tiglio in Gravedona, in Rivista
archeologica della provincia di Como, 1873, fasc. 3; ID, Diploma originale in parte inedito del 1013, in Rivista archeologica della provincia di
Como, 1874, fasc. 5; ID, Altre chiese nelle tre pievi, inRivista archeologica della provincia di Como, 1874, fasc. 5; ID, Notizie archeologiche
riferibili a Como e alla sua provincia, in Rivista archeologica della provincia di Como, 1875, fasc. 7-8; ID, Recenti ispezioni e scoperte, in Rivista
archeologica della provincia di Como, 1876, fasc. 9-10; ID, La basilica di S. Abondio nei sobborghi di Como, in Rivista archeologica della
provincia di Como, 1887, fasc. 30; ID, La chiesa di S. Giacomo a Como, in Rivista archeologica della provincia di Como,, 1887, fasc. 20; ID, I
monumenti comaschi, Como, 1899; ID, Importanza artistica ed archeologica della provincia di Como, in Rivista archeologica della provincia di
Como, 1918, fasc. 78.
xl
Balestra, S., Lapidi antiche scoperte nella basilica di S. Carpoforo e nei dintorni, in Rivista archeologica della provincia di Como, 1873, fasc. 4.
xli
Antonio Lavagna Sangiuliani, Il tempietto di S. Fedelino, Pavia, 1902; ID, La chiesa e il chiostro di Piona, in Rivista archeologica della provincia
di Como, 1905, fasc. 50.
xlii
Diego SantAmbrogio, Il priorato cluniacense di Piona sul Lago di Como, in Monitore Tecnico, Luglio, 1904; ID, Il chiostro di Piona sul Lago
di Como, in Politecnico, 1905; ID, La Badia di S. Giovanni Battista, in Archivio Storico Lombardo, V, 1905; ID, Il chiostro ed il reliquiario di
San Nicola in Piona, in Politecnico, 1905; ID, Le due pi vetuste chiese di sicura data di origine cluniacense, in Politecnico, 1906; ID, I restauri
di Piona sul lago di Como, in Arte e Storia, giugno, 1906; ID, Della chiesa di S. Maria e S. Nicol di Piona, in Lega Lombarda, giugno, 1907;
ID, Genesi e natura dei priorati cluniacensi in Lombardia, in Osservatore Cattolico, 1908; ID, Lantico priorato cluniacense di Vertemate, in
Osservatore Cattolico, 1909.
xliii
Antonio Giussani, Il priorato di S. Nicol di Piona dopo i restauri, in Rivista archeologica della provincia di Como, 1908, fasc. 56; ID, Il
priorato di S. Pietro di Vallate in Cosio Valtellina, in Rivista archeologica della provincia di Como, 1916, fasc. 75; ID, La basilica di San Giorgio
in Borgovico di Como, Como, 1932; ID, I restauri della basilica di S. Abondio di Como, Como, 1936; cfr. ristampa ed aggiornamento in Alberto
Rovi, Antonio Giussani e Marziano Bernardi, Como, 2004, pp. 7 e sgg.
xliv
Ugo Monneret de Villard, I monumenti del lago di Como, Milano, 1912; ID, LIsola Comacina, in Rivista archeologica della provincia di Como,
1914, fasc. 70-71; ID, Note di archeologia lombarda, in Archivio Storico Lombardo, V, XLI, parte I, Milano, 1914.
xlv
Fernand de Dartein, tude sur larchitecture lombarde et sur les origines de larchitecture romano-byzantine, Parigi, 1865-1882; cfr. nuova ed.,
Como, 1963.
xlvi
Arthur Kinsley Porter, Lombard Architecture, New Haven, 1909-1917, ristampa New York, 1967.
xlvii
Paolo Verzone, Nuove ricerche sullorigine della basilica lombarda a volte, in Cronache dArte, Luglio-agosto, 1928; ID, Architettura
romanica nel novarese, Novara, 1935; ID, Architettura romanica nel Vercellese, Vercelli, 1935; ID, La pieve di Velezzo, in Atti della Societ
Piemontese di Archeologia e Belle Arti, XVI, Torino, 1936; ID, Lorigine della volta lombarda a nervatura, in Atti del IV Convegno Nazionale di
Storia dellarchitettura, Milano, 1939; ID, Larchitettura religiosa dellalto Medio evo nellItalia Settentrionale, Milano, 1942; ID, Larte
preromanica in Liguria, Torino, 1945.
xlviii
Edoardo Arslan, L' architettura romanica Veronese, Verona, 1939; ID, Larchitettura dal 568 al Mille, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la
Storia di Milano, Storia di Milano, II, Milano, 1954; ID, Larchitettura romanica milanese, in Fondazione Treccani degli Alfieri per la Storia di
Milano, Storia di Milano, III, Milano, 1954.
xlix
Gaetano Panazza, Larte medioevale nel territorio bresciano, Bergamo, 1942; ID, Campanili romanici di Pavia, in Arte Lombarda, 1956, II; ID,
LArte Romanica, in Giovanni Treccani degli Alfieri, Storia di Brescia, Brescia, 1963, I, pp. 711-771.
l
Carlo Ceschi, Architettura romanica Genovese, Milano, 1954.
li
Mariaclotilde Magni, S. Maria del Tiglio in Gravedona, in Rivista archeologica dell'antica provincia e diocesi di Como, 1952, n. 133, pp. 29-36;
ID, Alcuni affreschi medioevali in chiese del Lago di Como, Milano, 1954; ID, Architettura romanica comasca, Milano, 1960; ID, Sopravvivenze
carolinge e ottoniane nell'architettura romanica dell'arco alpino centrale, in Arte lombarda, 14, 1969, pp. 35-44; ID, Le torri campanarie
romaniche del Canton Ticino, in Commentari, 17, 1966, pp. 266-281; ID, Sopravvivenze carolinge e ottoniane nell'architettura romanica dell'arco
alpino centrale, in Arte lombarda, 14, 1969 No. 2, pp. 77-87.
lii
F. De Dartein, op. cit., pp. 312-327 (tavv. LXXV, LXXVI, LXXVII, LXXVIII, LXXIX, LXXX); A. K. Porter, op. cit., pp. 301-312 (tav. LVIII,
figg. 2, 4; tav. LIX, figg. 1, 2, 4); M. Magni, op. cit., pp. 77-88 (tavv. XXI-XXV, figg. 86-96).
liii
Presso la chiesa Giovio ricordava anche i resti dellantico palazzo vescovile; Giovanni Battista Giovio, Como e il Lario, Milano, 1795, pp. 213 e
sgg.
liv
La chiesa di S. Abondio era poi testimone di una tradizione secondo la quale verso il 940 la chiesa antica fu sede di un collegio canonico e
beneficiario di privilegi concessi da Ugo e Lotario re dItalia, cfr. Ninguarda, p. 83.
Il Romanico darea comasca 28

lv
Fernand De Dartein, tude sur larchitecture lombarde et sur les origines de larchitecture romano-byzantine, Parigi, 1865-82 (Como, ristampa,
1963), pp. 312-327, tavv. LXXV-LXXIX.
lvi
Camillo Boito, La chiesa di S. Abondio e la Basilica di sotto, Milano, 1868.
lvii
Mariaclotilde Magni, Architettura romanica Comasca, Milano, 1960, pp. 77-88.
lviii
Attraverso una fonte sul vescovo di Como Walperto del 914, S. Abondio sappiamo non essere descritta come cattedrale a favore di S. Eufemia,
oggi S. Fidelio; cfr. Tatti, II, p. 323.
lix
Gli atti di fondazione, uno in copia, sono pubblicati da Tatti (II, p. 828) e Barelli, cfr. Barelli, V., La basilica di S. Abbondio nei sobborghi di Como,
in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 30.
lx
Cfr. Luigi Tatti, op. cit., II, pp. 833, 837, 857.
lxi
Cfr. A. K. Porter, op. cit., p. 304, Pietro Grazioli, De praeclaris Mediolani aedificiis [], Milano, 1735, p. 238.
lxii
A. K. Porter, op. cit., pp. 306-307.
lxiii
A. K. Porter, op. cit., p. 312.
lxiv
F. De Dartein, op. cit., pp. 328-336 (tav. LXXXI); A. K. Porter, op. cit., pp. 313-322 (Tav. LX, figg. 1, 2, 3, 4, 5); M. Magni, op. cit., pp. 36-43
(figg. 24-24; 147-148).
lxv
Celeste Clericetti, Ricerche sullarchitettura religiosa in Lombardia dal secolo V allXI, in Il Politecnico, 14, 1862, pp. 141-192; ID, Ricerche
sullarchitettura religiosa in Lombardia dal secolo V allXI, Milano, 1862.
lxvi
Luigi Tatti, La basilica di S. Carpoforo presso Como: memoria delling. Arch. Luigi Tatti, Milano, 1879.
lxvii
Giuseppe Rocchi Coopmansa Yoldi, Nuovi orientamenti sulla basilica di San Carpoforo e sullAlto Medioevo comasco, in Arte Lombarda, 149,
2007, pp. 10-32.
lxviii
Luigi Primo Tatti, De gli annali sacri della citt di Como Raccolti, e descritti dal p.d. Primo Luigi Tatti, Como, 1663-1735.
lxix
Giovio, G.B., Como e il Lario, Como, 1795, p. 217.
lxx
Luigi Tatti, op. cit., I, pp. 740, 743, 744, 944.
lxxi
Giovan B. Giovio, op. cit., p. 217.
lxxii
Luigi Tatti, op. cit., II, p. 170.
lxxiii
Bonomi, Dip. Sti. Ben., Brera MS. AE, XV, 23, f.45, 116; nel 1511 i monaci benedettini vennero rimpiazzati da eremiti dellorine geronimiano.
Da qui in avanti la chiesa viene abbassata al titolo di priorato; cfr. Ninguarda, op. cit., p. 164.
lxxiv
A. K., Porter, op. cit., p. 318.
lxxv
A. K. Porter, op. cit., p. 320.
lxxvi
F. De Dartein, op. cit., pp. 345-363 (tavv. LXXXII, LXXXIII, LXXXIV, LXXXV); la chiesa di S. Fedele viene datata dal Porter al periodo
appena precedente lo scoppio della tragica guerra tra Como e Milano (1118-1127) in un periodo di grande prosperit per la citt lariana; A. K. Porter,
op. cit., pp. 322-335 (tavv. LXI; LXII; LIII; figg. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9; tav. LXIV, figg. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7); M. Magni, op. cit., pp. 101-117 (tavv. VII,
VIII, figg. 110-115, 117, 119).
lxxvii
Giovan B. Giovio, op. cit, pp. 212-213; F. Ninguarda, op. cit., pp. 20 e sgg.
lxxviii
Vincenzo Barelli, I monumenti comaschi, Como, 1899.
lxxix
P. Luigi Tatti, op. cit., I, pp. 433-434.
lxxx
P. Luigi Tatti, op. cit., II, p. 790.
lxxxi
P. Luigi Tatti, op. cit., p. 20 e sgg.
lxxxii
P. Luigi Tatti, Martyrologium, p. 13; Ninguarda, p. 20 e sgg.; Giovani Battista Giovio, op. cit. , p. 213.
lxxxiii
Piero Buzzetti, Il millenario tempietto di S. Fedelino sul lago di Mezzola, in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 51, p. 229.
lxxxiv
Cesare Cant, Storia della citt e della dicesi di Como, Firenze, 1856
lxxxv
P. Luigi Tatti, op. cit., I, p. 189.
lxxxvi
P. Luigi Tatti, op. cit., II, p. 856.
lxxxvii
P. Luigi Tatti, op. cit., II, p. 866.
lxxxviii
Cesare Cant, op. cit., I, p. 72.
lxxxix
Cesare Cant, op. cit., I, p. 72.
xc
Santo Monti, Per le fonti della storia dellarte nella provincia e nellantica diocesi di Como, Como, 1922, p. 84.
xci
La chiesa non sembrerebbe essere menzionata prima del 1228; cfr. Luigi Tatti, op. cit. , II, p. 596.
xcii
Pietro Bozzetti, Le memorie di S. Fedele, martire comense, Monza, 1906, p. 229.
xciii
Giuseppe Rocchi, Como e la Basilica di S. Fedele nella storia del Medio Evo, Milano, 1973, pp. 21, 29-31.
xciv
Cfr. Antonio Balbiani, I maestri comacini in Europa con particolare riferimento allarchitettura romanica comasca, Roma, 1962, p. 18.
xcv
A. K. Porter, op. cit. , p. 332.
xcvi
F. De Dartein, op. cit., pp. 339-344; A. K. Porter, op. cit., pp. 335-338 (tav. LXIV, fig. 8); M Magni, op. cit., pp. 95-100 (tavv. XXVIII-XXX,
figg. 104-107).
xcvii
A. K. Porter, op. cit., p. 338.
xcviii
Giovanni Battista Giovio, op. cit. , p. 212.
xcix
F. F. Ninguarda, op. cit., I, pp. 27 e sgg.
c
Carlo Clericetti, Ricerche sullarchitettura religiosa in Lombardia dal secolo V allXI, in Il Politecnico, 14, 1862, pp. 141-192.
ci
Teresio G. Rivoira., Le origini dellarchitettura romanica lombarda e delle sue principali derivazioni nei paesi doltralpe, Roma 1901-1907, pp.
296 e sgg.
cii
Giuseppe Rocchi, Como e la Basilica di S. Fedele nella storia del Medio Evo, Milano, 1973.
ciii
Pietro Gini, Quattro lustre di storia e arte nel San Fedele di Como, 1961-1981, Como, 1981.
civ
Luigi Tatti, op. cit., II, p. 771.
cv
Citato in A. K. Porter, op. cit., p. 336.
cvi
A. K. Porter, op. cit., pp. 437-439 (tavv. LXXXXV, LXXXXVI, fig. 1); si veda anche Giulio R. Ansaldi, Gli affreschi della basilica di S. Vincenzo
a Galliano, prefazione di Gabriel Millet, I restauri e lorganismo architettonico della basilica di Ambrogio Annoni, Milano, 1949.
cvii
Cfr. A. K. Porter, op. cit., p. 437.
cviii
A. K. Porter, op. cit., pp. 437.
cix
F. F. De Dartein, op. cit., p. 408.
cx
Teresio G. Rivoira, op. cit., p. 233.
cxi
A. K. Porter, op. cit., pp. 439-445 (tavv. LXXXXVI, figg. 2, 3; IIIC, IIC, IC. fig. 1, 2).
cxii
Sembrerebbe infatti da Castiglione che appunto S. Aadeodato, discepolo di S. Simpliciano, battezzato da S. Ambrogio morendo amIlano fu prima
sepolto a S. Vincenzo al Prato per poi essere trasportato a Galliano da Ariperto; Giovanni A. Castiglione, Mediolanenses Antiquitates, Milano, 1625;
cfr. anche A. K. Porter, op. cit., p. 438.
Il Romanico darea comasca 29

cxiii
Esistevano infatti ancora alla fine del 700 alcuni antichi epitaffi det paloecritiana ritrovati in S. Vincenzo come concludeva con alcuni utili
dettagli sulla visita pastorale del cardinale Cesare Monti del 1640; Giuseppe Allegranza, Spiegazione e riflessioni del P. Giuseppe Allegranza sopra
alcuni sacri monumenti antichi di Milano, Milano, 1757.
cxiv
Ad Annoni si deve la descrizione di S. Vincenzo prima dei gravi danni subiti alla fine del secolo come unattenta analisi di struttre oggi poco
leggibili perch interrate; gi in questo periodo la chiesa aveva la navata meridionale completamente distrutta mentre sembra confermare lesistenza
di un portico di connessione tra il battistero e la stessa chiesa; Cfr. A. K. Porter, op. cit., p. 440.
cxv
Vincenzo Barelli, I monumenti Comaschi, Como, 1899.
cxvi
Cesare Cant, et. al., Grande illustrazione del Lombardo-Veneto, ossia storia delle citt, dei borghi, comuni, castelli, ecc., Milano, 1857, III, p.
1031 e sgg., ; cfr.anche A. K. Porte, op. cit., p. 441.
cxvii
Cfr. gli articoli della M. Magni, Magni, M.C., Sopravvivenze Carolinge e Ottoniane nellarchitettura romanica dellarco alpino centrale, in Arte
Lombarda, XIV (1969), Primo Semestre, pp. 35-44 e Secondo Semestre, pp. 77-87.
cxviii
F. F. Ninguarda, op. cit., II, p. 159.
cxix
Edoardo Arboreo Mella, Il battistero di S. Maria del Tiglio in Gravedona, Torino, 1872.
cxx
Vincenzo Barelli, Santa Maria del Tiglio in Gravedona, in Rivista archeologica della provincia di Como, fasc. 3.
cxxi
F. De Dartein, op. cit., pp. 374-375 (tavv. LXXXVII7-LXXXIX, e fig. p. 372).
cxxii
Maurizio Monti, La chiesa di S. Maria del Tiglio a Gravedona, in Rivista Archeologica della Provincia di Como, Novembre, 1877.
cxxiii
A. K. Porter, op. cit., pp. 450-458 (tav. C, figg. 1, 2, 3).
cxxiv
M. Magni, op. cit., pp. 131-139 (figg. 144-145).
cxxv
Aimoni, De gestis Francorum, Lib. IIII, Cap. CXI, ed du Breul, p. 252.
cxxvi
M.G.H., Script. Rer. Mer. et Carl., I, p. 211.
cxxvii
Bertiniani, Annales Regum Francorum, ed. Duchesse, Historia Francorum Scriptores, Lutetiae Parisorum, Sebastiani Cramoisy, 1641, III, p.
181.
cxxviii
F. F. Ninguarda, op. cit., II, p. 154 e sgg.
cxxix
F. De Dartein, op. cit, pp. 364 e sgg.
cxxx
. K. Porter, op. cit., pp. 458-455 (tav. C, figg. 4, 5, 6, 7).
cxxxi
; M. Magni, op. cit., pp. 67-70 (figg. 69-70).
cxxxii
Il Giovio ricorda persino il periodo antico della costruzione della chiesa di S. Salvatore, ovvero gli anni 565-568; Cfr. Giovanni Battista Giovio,
op. cit., p. 184.
cxxxiii
Luigi Tatti, op. cit., II, p. 793.
cxxxiv
F. F. Ninguarda, op. cit., II, p. 154.
cxxxv
Luigi Tatti, op. cit., I, p. 512.
cxxxvi
Cfr. A. K. Porter, op. cit., p. 455 (e note 9, 10).
cxxxvii
Cfr. A. K. Porter, op. cit. , p. 456.
cxxxviii
Cfr. A. K. Porter, op. cit. , p. 456.
cxxxix
Cfr. A. K. Porter, op. cit. , p. 456.
cxl
A. K. Porter, op. cit., pp. 456-461.
cxli
M. Magni, op. cit., pp. 43-47 (tavv. IX-X; figg. 36-42).
cxlii
(Biblioteca Ambrosiana, MS. D. S., IV).
cxliii
(Biblioteca di Brera, A.E., XV, 33-35).
cxliv
Cfr. Grande Illustrazione, op. cit., III, 1156.
cxlv
A. K. Porter, op. cit., pp. 457-458.
cxlvi
Monneret de Villard, , p. 221.